Guida: Gruppi generatori statici di energia in B.T. (UPS) - seconda parte -

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Guida: Gruppi generatori statici di energia in B.T. (UPS) - seconda parte -"

Transcript

1 Guida: Gruppi generatori statici di energia in B.T. (UPS) - seconda parte - Pubblicato il: 19/07/2004 Aggiornato al: 26/07/2004 di Gianluigi Saveri La protezione contro i contatti indiretti per un guasto a valle dell UPS è piuttosto complessa e dovrebbe essere opportunamente coordinata per garantire la necessaria continuità di servizio. 1. Protezione da contatti indiretti nelle diverse condizioni di funzionamento La protezione contro i contatti indiretti per un guasto a valle dell UPS è piuttosto complessa e dovrebbe essere opportunamente coordinata per garantire la necessaria continuità di servizio. In relazione al tipo di sistema elettrico (TN, TT, IT) le protezioni da adottare possono essere diverse per cui è necessario innanzitutto stabilire, in considerazione del sistema di alimentazione primario, a quale sistema elettrico ci si può ricondurre nelle varie condizioni di funzionamento. In base alla condizione del neutro, che può essere isolato (fig. 7.1) o passante (fig. 7.2), si possono individuare due tipi fondamentali di UPS per i quali occorre, con riferimento alle condizioni di funzionamento sopra descritte, fare alcune distinzioni. Fig.7.1: UPS con neutro isolato dalla rete Fig.7.2: UPS con neutro passante 1

2 2. Gestione neutro e terra in condizioni di funzionamento di UPS con neutro passante Quanto di seguito indicato potrà essere applicato sia ai sistemi TT (fig. 7.3) sia ai sistemi TN (fig. 7.4) purché l'ups sia protetto almeno con un dispositivo differenziale installato a monte. Come sappiamo nei sistemi TN gli interruttori differenziali non sono indispensabili e possono essere sostituiti da dispositivi di protezione contro le sovracorrenti. In questo caso però è necessario verificare che i dispositivi di protezione intervengano nei tempi stabiliti dalla Norma CEI 64-8 per un guasto a terra. Le utenze possono essere alimentate dall UPS: direttamente dalla rete o tramite inverter; dalla batteria indipendentemente dalla rete (in isola). Fig.7.3: UPS con neutro passante inserito in un sistema TT Quando le utenze sono alimentate in isola il neutro può essere presente o interrotto è, in quest ultimo caso, il sistema a valle dell UPS si traduce in un IT. Nei sistemi IT il primo guasto verso terra deve essere rilevato mediante un dispositivo di controllo dell isolamento mentre per il secondo guasto verso terra, che deve essere interrotto, è riconosciuto l uso di un dispositivo contro le sovracorrenti o di un dispositivo differenziale (nei sistemi IT deve essere soddisfatta la condizione : R E xid minore o uguale a 50 e in caso di primo guasto verso terra non è richiesta l interruzione automatica del circuito vista l esiguità della corrente Id che viene limitata dall alta impedenza verso terra del sistema). Fig.7.4: UPS con neutro passante inserito in un sistema TN La presenza dell UPS rende però problematico l utilizzo di un dispositivo contro le sovracorrenti essendo la corrente di secondo guasto fortemente limitata dall impedenza dell UPS stesso perciò gli unici dispositivi che in pratica possono essere impiegati sono gli interruttori differenziali. Questi provvedimenti dovrebbero essere adottati per tutti i sistemi IT ma il sistema in questione può alimentare le utenze solo per un tempo limitato che dipende dall autonomia delle batterie e i circuiti sono poco estesi. Si può configurare quindi il caso di un sistema IT temporaneo che, vista la breve durata di funzionamento e la bassa probabilità che si manifesti un primo guasto a terra, non giustifica l impiego di un dispositivo di controllo dell isolamento. Le masse sono collegate a terra (il collegamento a terra si rende necessario nel funzionamento con alimentazione dalla rete) ed è soddisfatta la condizione R E Id minore o uguale a 50 perché, essendo limitata l estensione dei circuiti, la corrente capacitiva di primo guasto a terra è molto piccola. 2

3 In ogni caso il primo guasto a terra non è pericoloso ed è basso anche il rischio che si manifesti, per il breve tempo di funzionamento, un secondo guasto a terra. In ogni caso un doppio guasto a terra determina un cortocircuito che provoca entro pochi decimi di secondo lo scollegamento dell inverter. In questo breve periodo di tempo non dovrebbero esserci pericoli per la persona che tocca entrambi gli apparecchi soggetti a guasto perché la caduta di tensione sui conduttori di protezione è limitata dal basso valore della corrente di cortocircuito. Se l UPS che alimenta i circuiti privilegiati è di tipo on-line (con l UPS in funzionamento off-line l alimentazione dei carichi privilegiati avviene direttamente attraverso la linea e solo in caso di interruzione l UPS commuta l alimentazione ma se il neutro è passante valgono le stesse considerazioni) a neutro passante si possono presentare i seguenti modi di funzionamento: Funzionamento normale alimentazione tramite inverter - Il carico è alimentato tramite l inverter con il neutro in uscita collegato elettricamente con il neutro della rete a monte. In seguito ad un guasto a massa sul carico o a monte dell'ups interviene il dispositivo di protezione contro i contatti indiretti. Con le protezioni a monte intervenute e il neutro interrotto ci si ritrova in una condizione di funzionamento in emergenza, le utenze sono alimentate in isola dalla batteria e il sistema diventa un IT. Alimentazione diretta dalla rete attraverso il commutatore statico Si tratta di un funzionamento temporaneo dovuto ad un guasto sull inverter o ad un sovraccarico prolungato. Interviene l interruttore statico e l alimentazione è ottenuta direttamente dalla rete. Il neutro non è interrotto, gli utilizzatori a valle dell UPS hanno le masse collegate a terra e il dispositivo di protezione installato a monte garantisce la protezione contro i contatti indiretti. Anche in questo caso con le protezioni a monte intervenute ci si ritrova nella condizione di funzionamento in emergenza, le utenze sono alimentate dalla batteria e il sistema diventa un IT. Funzionamento in emergenza per mancanza di alimentazione sul primario del trasformatore di proprietà dell ente distributore, ma con neutro ininterrotto sul secondario dello stesso - Le utenze sono alimentate in isola dalla batteria, il neutro non è interrotto e le masse sono collegate all impianto di terra perciò il sistema di distribuzione, TT o TN, non cambia. Se a causa di un guasto interviene il dispositivo di protezione posto a monte e il neutro viene interrotto il sistema si traduce in un IT temporaneo. Funzionamento in emergenza per intervento delle protezioni poste a monte o per apertura manuale dell interruttore generale con interruzione dei conduttori di fase e del neutro - Le utenze sono alimentate in isola dalla batteria. Il neutro viene interrotto ed il sistema si traduce in un IT temporaneo. 3

4 3. Gestione neutro e terra in condizioni di funzionamento con neutro isolato Nei sistemi a neutro passante, che sono i sistemi più diffusi, le correnti di guasto ad UPS funzionante possono chiudersi sulla terra di cabina facendo intervenire, come si è visto, i dispositivi di protezione posti a monte; anche quando manca la rete a causa di un interruzione sulla media tensione (per segnalarne l intervento e permettere all utente di rendersi conto dell accaduto e riarmare l interruttore differenziale prima del ritorno dell alimentazione in rete, li si potrebbe dotare di un contatto che azioni un allarme ottico-acustico). Per evitare questo inconveniente, nei casi in cui sia richiesta una particolare continuità nel servizio, si potrebbero impiegare UPS a neutro isolato adottando i seguenti accorgimenti: Sistema originario di alimentazione TT e sistema TN sull UPS (fig 7.5) Si ottiene un sistema TN locale sull UPS cavallottando il neutro con il PE. In caso di guasto si provoca un cortocircuito che si richiude sull UPS senza interessare il dispersore locale. L interruttore a monte non può intervenire per guasti che avvengono a valle dell UPS che deve quindi possedere un suo interruttore in grado di interrompere il guasto verso terra. Le caratteristiche d intervento di tale interruttore devono essere coordinate rispetto all anello di guasto che si richiude sull UPS. Sistema originario di alimentazione TN e sistema TN sull UPS (fig. 7.6) Analogamente a quanto indicato nel caso precedente occorre un cavallotto tra neutro e PE sull uscita dell UPS. Il comportamento di un guasto verso terra e le relative protezioni da adottare sono identiche al caso precedentemente descritto. Fig.7.5: Anello di guasto in UPS con neutro isolato inserito in un sistema TT e con sistema TN in uscita Fig.7.6: Anello di guasto in un UPS con neutro isolato inserito in un sistema TN e con sistema TN in uscita 4

5 4. UPS con neutro passante: soluzioni per la protezione contro contatti indiretti La protezione contro i contatti indiretti prevede per il sistema TT l impiego di dispositivi differenziali che vanno bene anche nei sistemi TN ma che, come abbiamo detto, è possibile sostituire con dispositivi magnetotermici (anche se non è sempre facile ottenere il coordinamento necessario a far intervenire il dispositivo nei tempi stabiliti dalla norma). Di seguito, per semplificare lo studio del problema, si presume l impiego di dispositivi differenziali sia per i sistemi TT sia per i sistemi TN e, anche se le soluzioni al problema possono essere applicate indifferentemente ad ambedue i sistemi, si propongono per maggior chiarezza gli schemi relativi ad ogni tipo di sistema. UPS in funzionamento on-line Nelle figure 7.7 e 7.8 un guasto a terra su un apparecchio, determina l'intervento del solo dispositivo di protezione sul circuito guasto, selettivo rispetto a quello installato a monte, mentre gli altri circuiti continuano a funzionare regolarmente. L UPS che continua ad essere alimentato attraverso la rete alimenta in modo regolare e per un tempo indefinito i carichi. Se il guasto avviene a monte dell UPS si determina invece l intervento del dispositivo a monte e i carichi vengono alimentati in isola tramite un sistema IT temporaneo. Fig. 7.7: Sistema TT - In caso di guasto, se il dispositivo differenziale a monte è selettivo rispetto ai dispositivi a valle, interviene il solo interruttore differenziale interessato dal guasto mentre gli altri dispositivi mantengono l alimentazione alle altre utenze 5 Fig. 7.8: Sistema TN - In caso di guasto, se il dispositivo differenziale a monte è selettivo rispetto ai dispositivi a valle, interviene il solo interruttore differenziale interessato dal guasto mentre gli altri dispositivi mantengono l alimentazione alle altre utenze.

6 Nelle figure 7.9 e 7.10 gli interruttori differenziali a monte sono due, uno sulla linea di alimentazione principale uno sulla linea di alimentazione dell interruttore statico inserito a monte del dispositivo di protezione principale. In caso di guasto a terra interviene il solo interruttore installato sull interruttore statico mentre le utenze continuano ad essere alimentate in modo regolare. Il sistema però si è trasformato in un IT temporaneo perché il neutro è stato interrotto a causa dell apertura del circuito ad opera dell interruttore sul commutatore statico. La continuità di servizio è garantita ma non si può più usufruire del vantaggio fornito dall interruttore statico nel caso si manifestasse, nel periodo di tempo in cui si ha l interruzione della linea dell interruttore statico, un sovraccarico o un cortocircuito. Un guasto a monte dell UPS può determinare l intervento delle protezioni e l alimentazione in isola dei carichi tramite un sistema IT temporaneo. Fig. 7.9: Sistema TT - In caso di guasto interviene il solo interruttore differenziale inserito sulla linea dell interruttore statico ma i carichi continuano ad essere alimentati. Il guasto permane ma non è pericoloso perché il neutro è interrotto ed il sistema è diventato un IT temporaneo. Fig. 7.10: Sistema TN - In caso di guasto interviene il solo interruttore differenziale inserito sulla linea dell interruttore statico ma i carichi continuano ad essere alimentati. Il guasto permane ma non è pericoloso perché il neutro è interrotto ed il sistema è diventato un IT temporaneo. Nella figure 7.11 e 7.12 la protezione contro i contatti indiretti è ottenuta mediante un solo interruttore differenziale a monte. 6

7 A causa di un guasto a terra a monte o a valle dell UPS interviene il dispositivo differenziale ed il carico viene alimentato in isola per un tempo che dipende dall autonomia delle batterie. Il sistema diventa un IT temporaneo perché il neutro è interrotto a causa dell apertura dell interruttore sulla linea di alimentazione principale. Fig. 7.11: Sistema TT - In caso di guasto interviene l interruttore differenziale inserito sulla linea di alimentazione dell UPS. I carichi continuano ad essere alimentati per un tempo che dipende dall autonomia delle batterie. Il guasto permane ma non è pericoloso perché il neutro è interrotto ed il sistema è diventato un IT temporaneo. Fig. 7.12: Sistema TN - In caso di guasto interviene il dispositivo differenziale inserito sulla linea di alimentazione dell UPS. I carichi continuano ad essere alimentati per un tempo che dipende dall autonomia delle batterie. Il guasto permane ma non è pericoloso perché il neutro è interrotto ed il sistema è diventato un IT Fig. 7.13: Sistema TT - Un guasto a terra a valle dell UPS è rilevato dal dispositivo di protezione anche quando manca l alimentazione a causa di un interruzione sulla media tensione purché non sia interrotto il circuito sulla bassa tensione. 7

8 L UPS potrebbe funzionare in isola anche per mancanza di alimentazione dovuta ad una interruzione in media tensione ma con il neutro ininterrotto perché il circuito di bassa tensione è chiuso. In questo caso il sistema originario, TT o TN, si mantiene e un guasto a terra su di un apparecchio a valle dell UPS può essere ancora rilevato dal dispositivo di protezione inserito a monte dell UPS. Ad interruttore intervenuto il sistema, essendosi a questo punto interrotto il neutro, si trasforma in IT temporaneo e gli utilizzatori vengono alimentati in isola per il tempo di autonomia della batteria (fig. 7.13). UPS con funzionamento off-line Se i carichi sono alimentati direttamente dalla rete con l UPS con funzionamento off-line l interruttore differenziale inserito a monte interviene comunque per un guasto a terra a valle dell UPS (fig e 7.15). Fig. 7.15: Sistema TN Un guasto sul carico a valle dell UPS in funzionamento off-line determina l intervento del dispositivo differenziale installato a monte Fig. 7.14: Sistema TT Un guasto sul carico a valle dell UPS in funzionamento off-line determina l intervento del dispositivo differenziale installato a monte 8

9 5. UPS con neutro isolato: soluzioni per la protezione da contatti indiretti Se il neutro proveniente dalla rete è isolato mediante un trasformatore fondamentalmente occorre distinguere fra due casi: Il trasformatore non è di isolamento oppure i circuiti sono molto estesi. Il sistema in uscita può essere indifferentemente ricondotto ad un TT,TN o IT. Il sistema IT è consigliabile per garantire una certa continuità del servizio e deve essere dotato di un controllore dell isolamento perché non può essere considerato un IT temporaneo; Il trasformatore è di isolamento e i circuiti sono poco estesi. Può essere applicato il metodo di protezione per separazione elettrica con le masse interconnesse fra loro ma non a terra. 9

10 6. UPS senza trasformatore interno: soluzioni per protezione da contatti indiretti I piccoli UPS generalmente sono sprovvisti di trasformatore interno. Se si manifesta un guasto a terra intervengono i dispositivi di protezione dell impianto di alimentazione. In caso di funzionamento in emergenza l UPS alimenta le utenze in isola con un sistema che temporaneamente agisce come un IT. I circuiti sono poco estesi e quindi la corrente capacitiva di primo guasto a terra I d è molto piccola e la nota condizione R E non superiore a 50/I d è facilmente soddisfatta. Il breve tempo di funzionamento consente anche di omettere il dispositivo di controllo dell isolamento che invece è normalmente necessario nei sistemi di tipo IT. 10

11 7. Correnti di dispersione Gruppi generatori statici di energia in B.T. (UPS) seconda parte Gli UPS, a causa della presenza di filtri verso terra, possono manifestare una elevata corrente di dispersione. Relativamente al tipo di collegamento alla rete di alimentazione tali apparecchiature si dividono in due gruppi, tipo A se dotate di spina di tipo domestico o similare, tipo B se dotate di spina di tipo industriale o se collegate direttamente alla rete. Gli apparecchi appartenenti al tipo A presentano correnti di dispersione a terra inferiore a 3,5 ma mentre quelli appartenenti al tipo B possono avere correnti di dispersione superiori a 3,5 ma. Per questi apparecchi è determinante, ai fini della sicurezza, il collegamento a terra dell apparecchio perché in mancanza di tale collegamento la persona può essere attraversata da una corrente pericolosa anche in assenza di un guasto verso terra. Per questo motivo gli apparecchi di tipo B devono riportare, in prossimità del collegamento alla rete di alimentazione IN c.a., un etichetta con stampigliate parole simili alle seguenti: ATTENZIONE ELEVATA CORRENTE DI DISPERSIONE - COLLEGAMENTO A TERRA INDISPENSABILE PRIMA DI COLLEGARSI ALL ALIMENTAZIONE. La corrente efficace sul conduttore di protezione non deve comunque essere superiore al 5% della corrente di ingresso per fase, in condizioni di funzionamento normale (se il carico è sbilanciato, per questo calcolo si deve usare la più elevata delle tre correnti di fase), e se supera i 10 ma devono essere approntate adatte misure di sicurezza come prescritto dalle norme CEI 64-8/7 e 74-2: sorveglianza dell efficienza del conduttore di protezione alimentazione mediante trasformatore con avvolgimenti separati conduttore di protezione ad elevata affidabilità: o se il conduttore di protezione non fa parte del cavo di alimentazione deve possedere una sezione non inferiore a 10 mm 2 oppure devono essere impiegati due conduttori in parallelo con sezione non inferiore a 4 mm 2 ; o se il conduttore di protezione fa parte del cavo di alimentazione e la somma delle sezioni dei conduttori di fase, di neutro e di protezione è uguale o maggiore di 10 mm 2, il conduttore di protezione deve avere una sezione non inferiore a 2,5 mm 2. 11

12 8. Considerazioni sull uso degli interruttori differenziali Gruppi generatori statici di energia in B.T. (UPS) seconda parte Gli UPS sono dotati di filtri di ingresso con correnti di dispersione che devono essere compatibili con la corrente nominale I dn dell interruttore differenziale, altrimenti la I dn deve essere scelta di valore più elevato. L interruttore differenziale dovrà essere scelto di tipo B che è in grado di rilevare tutte le possibili correnti di guasto verso terra compresi i guasti interni all UPS. Nel caso che nessun tipo di interruttore differenziale fosse sensibile alle correnti con componenti continue che possono essere fornite dagli UPS devono essere presi opportuni provvedimenti alternativi come ad esempio interruzione dei guasti a terra mediante interruttori magnetotermici, doppio isolamento o separazione elettrica ove possibile. Quando nessuno dei provvedimenti appena indicati fosse realizzabile e quando il dispositivo di protezione non fosse in grado di intervenire nei tempi previsti (ad esempio quando si utilizza un interruttore magnetotermico), si devono realizzare i collegamenti equipotenziali supplementari che devono interessare tutte le masse e le masse estranee simultaneamente accessibili che sono alimentate dall UPS. In ogni caso la massima corrente di guasto a terra possibile non deve generare fra le masse e le masse estranee accessibili tensioni superiori a 50 V. 12

13 9. Tensioni residue dovute alla presenza di condensatori Gruppi generatori statici di energia in B.T. (UPS) seconda parte La carica elettrica immagazzinata nei condensatori presenti nell UPS non deve essere di pericolo per le persone. Per questo i condensatori con capacità maggiore di 0,1 microfarad devono essere dotati di resistenze di scarica con una costante di tempo inferiore a 1 s per gli UPS di tipo A e 10 s per quelli di tipo B. 13

Luoghi conduttori ristretti

Luoghi conduttori ristretti Pubblicato il: 09/07/2004 Aggiornato al: 09/07/2004 di Gianluigi Saveri Un luogo conduttore ristretto si presenta delimitato da superfici metalliche o comunque conduttrici in buon collegamento elettrico

Dettagli

Interruttore differenziale e protezione contro i contatti elettrici nel sistema

Interruttore differenziale e protezione contro i contatti elettrici nel sistema Interruttore differenziale e protezione contro i contatti elettrici nel sistema Pubblicato il: 04/07/2005 Aggiornato al: 04/07/2005 di Gianlugi Saveri La pericolosità della corrente elettrica che attraversa

Dettagli

Protezione dai contatti indiretti negli impianti di illuminazione esterna

Protezione dai contatti indiretti negli impianti di illuminazione esterna Protezione dai contatti indiretti negli impianti di illuminazione esterna Pubblicato il: 08/01/2007 Aggiornato al: 08/01/2007 di Gianluigi Saveri 1. Sistema TT Il sistema TT è il sistema di distribuzione

Dettagli

Terre separate in casa

Terre separate in casa Terre separate in casa Pubblicato il: 11/12/2006 Aggiornato al: 11/12/2006 di Gianluigi Saveri 1. Generalità Per quanto possibile è bene evitare di "separare le terre in casa". E' per questo motivo che

Dettagli

I circuiti PELV per l'alimentazione dei circuiti di comando delle macchine (1/3)

I circuiti PELV per l'alimentazione dei circuiti di comando delle macchine (1/3) I circuiti PELV per l'alimentazione dei circuiti di comando delle macchine (1/3) La Norma 44-5, all'articolo 9.1.4, richiede per i circuiti di comando che un polo del circuito di alimentazione sia permanentemente

Dettagli

L impianto di terra. 8.1 Elementi costitutivi l impianto di terra

L impianto di terra. 8.1 Elementi costitutivi l impianto di terra L impianto di terra è finalizzato al collegamento alla stessa terra di tutte le parti metalliche conduttrici e accessibili dell impianto elettrico (collegamento o messa a terra di protezione). La messa

Dettagli

Tipi di sistemi di distribuzione Nelle definizioni che seguono i codici usati hanno i seguenti significati.

Tipi di sistemi di distribuzione Nelle definizioni che seguono i codici usati hanno i seguenti significati. Protezione Fasi-Neutro Generalità In un circuito, l interruttore automatico magnetotermico deve essere capace di stabilire, portare ed interrompere sia le correnti in condizioni normali, che le correnti

Dettagli

Criteri di taratura della protezione degli impianti

Criteri di taratura della protezione degli impianti Criteri di taratura della protezione degli impianti La rete di distribuzione di Deval è dotata di dispositivi per la protezione contro i guasti che possono presentarsi sulla rete. L obiettivo di dette

Dettagli

Protezione Fasi-Neutro

Protezione Fasi-Neutro Protezione Fasi-Neutro Generalità In un circuito, l interruttore automatico magnetotermico deve essere capace di stabilire, portare ed interrompere sia le correnti in condizioni normali, che le correnti

Dettagli

Tutte le linee elettriche, realizzate con cavi unipolari, verranno posate all interno di apposite tubazioni in PVC incassate nella muratura.

Tutte le linee elettriche, realizzate con cavi unipolari, verranno posate all interno di apposite tubazioni in PVC incassate nella muratura. PREMESSA La presente relazione tecnica è relativa alla realizzazione degli impianti elettrici a servizio di una sala polifunzionale denominata ex lavatoio e di un locale destinato ad attività socio-ricreative,

Dettagli

Riferimenti. Le principali Norme considerate sono:

Riferimenti. Le principali Norme considerate sono: Sommario Sommario... 1 Riferimenti... 2 Forniture... 3 Condutture... 4 Compatibilità e coordinamento... 4 Modalità di esecuzione... 5 Impianto di terra... 6 Riferimenti Le principali Norme considerate

Dettagli

PROTEZIONE DAI CONTATTI INDIRETTI: METODI DI PROTEZIONE PASSIVA

PROTEZIONE DAI CONTATTI INDIRETTI: METODI DI PROTEZIONE PASSIVA PROTEZIONE DAI CONTATTI INDIRETTI: METODI DI PROTEZIONE PASSIVA Appunti a cura dell Ing. Emanuela Pazzola Tutore del corso di Elettrotecnica per meccanici, chimici e biomedici A.A. 2005/2006 Facoltà d

Dettagli

Necessità di progetto: SI, secondo guida CEI 0-2, se classificato come ambiente ad uso medico o se di superficie superiore a 400 m 2

Necessità di progetto: SI, secondo guida CEI 0-2, se classificato come ambiente ad uso medico o se di superficie superiore a 400 m 2 Norme di riferimento: Norma CEI 64-8 Impianti elettrici utilizzatori a tensione nominale non superiore a 1000 V in corrente alternata e a 1500 V in corrente continua Norma CEI 64-8 /7 Sezione 710 Ambienti

Dettagli

Norma CEI : Impianti elettrici utilizzatori a tensione nominale non superiore a 1000 V in corrente alternata e a 1500 V in corrente continua

Norma CEI : Impianti elettrici utilizzatori a tensione nominale non superiore a 1000 V in corrente alternata e a 1500 V in corrente continua Norma CEI 64-8 2012: Impianti elettrici utilizzatori a tensione nominale non superiore a 1000 V in corrente alternata e a 1500 V in corrente continua Norma CEI 64-8 Edizione 2012 Impianti elettrici utilizzatori

Dettagli

L impianto in esame sarà alimentato mediante n. 1 fornitura di energia elettrica in bassa tensione 230 V.

L impianto in esame sarà alimentato mediante n. 1 fornitura di energia elettrica in bassa tensione 230 V. PREMESSA La presente relazione tecnica è relativa alla realizzazione dell impianto di pubblica illuminazione a servizio del PARCO DI MADONNA DEL COLLE di Stroncone (TR). DESCRIZIONE DELL IMPIANTO L impianto

Dettagli

L INTERRUTTORE DIFFERENZIALE

L INTERRUTTORE DIFFERENZIALE L INTERRUTTORE DIFFERENZIALE 1 INTERRUTTORE DIFFERENZIALE L'interruttore tt differenziale, i chiamato comunemente salvavita, è un dispositivo capace di interrompere (aprire) un circuito in caso di contatti

Dettagli

POLITECNICO DI TORINO Esame di Stato per l abilitazione all esercizio della professione di Ingegnere Ingegneria Gestionale Vecchio Ordinamento

POLITECNICO DI TORINO Esame di Stato per l abilitazione all esercizio della professione di Ingegnere Ingegneria Gestionale Vecchio Ordinamento POLITECNICO DI TORINO Esame di Stato per l abilitazione all esercizio della professione di Ingegnere Ingegneria Gestionale Vecchio Ordinamento I Sessione 2010 Tema n. 2 In uno stabilimento industriale

Dettagli

Gli interventi impiantistici, come si evince dagli allegati progetti grafici, consistono in quanto segue

Gli interventi impiantistici, come si evince dagli allegati progetti grafici, consistono in quanto segue Pagina 1 di 5 PREMESSA Il presente progetto prevede la realizzazione di un Centro Comunale per la Raccolta Differenziata di Rifiuti Urbani ed Assimilati (cd CCR). La struttura in oggetto sarà ubicata nel

Dettagli

ebook I regimi anomali di funzionamento degli UPS Seguici su:

ebook I regimi anomali di funzionamento degli UPS Seguici su: ebook I regimi anomali di funzionamento degli UPS Seguici su: Introduzione Questo documento ha lo scopo di fornire una guida per il corretto dimensionamento dei dispositivi di protezione, quando un sistema

Dettagli

Procedure di Verifica

Procedure di Verifica Pagina 1 di 11 Procedure di Verifica Analisi ed esame della Documentazione La disponibilità della Documentazione rientra nei mezzi che il datore di lavoro è tenuto a mettere a disposizione, insieme con

Dettagli

eqs IMPIANTO DI TERRA

eqs IMPIANTO DI TERRA IMPIANTO DI TERRA DA = dispersore intenzionale DN = dispersore di fatto CT = conduttore di terra EQP = conduttore equipotenziale principale EQS = conduttore equipotenziale supplementare PE = conduttore

Dettagli

Interruttore differenziale

Interruttore differenziale Interruttore differenziale Dispositivo meccanico destinato a connettere e a disconnettere un circuito all alimentazione, m ediante operazione manuale, e ad aprire il circuito auto m atica m ente quando

Dettagli

cavo quadripolare a quattro anime (tre conduttori di fase + conduttore di protezione)

cavo quadripolare a quattro anime (tre conduttori di fase + conduttore di protezione) Conduttori Le linee di distribuzione interne all'appartamento sono realizzate con cavi che alimentano le prese e i circuiti per l'illuminazione. conduttore costituito da più fili materiale isolante intorno

Dettagli

PROGETTO RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA IMPIANTO DI ILLUMINAZIONE PUBBLICA

PROGETTO RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA IMPIANTO DI ILLUMINAZIONE PUBBLICA PROGETTO RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA IMPIANTO DI ILLUMINAZIONE PUBBLICA Donnas : 15/12/2015 Relazione Tecnica di Progetto Impianto Elettrico Illuminazione Pubblica Progetto di riqualificazione energetica

Dettagli

Terasaki Italia Srl via Campania, Segrate (MI) Tel Fax

Terasaki Italia Srl via Campania, Segrate (MI) Tel Fax Sovracorrenti Generalità E trattato l impiego degli interruttori magnetotermici modulari (MCBs: Miniature Circuit Breakers) nell edilizia residenziale, intendendo per edifici residenziali quelli che contengono

Dettagli

Progetto in inchiesta pubblica PROGETTO C ; V1

Progetto in inchiesta pubblica PROGETTO C ; V1 N O R M A I T A L I A N A C E I 1 Data Scadenza Inchiesta C. 1113 08-03-2013 Data Pubblicazione 2013-. Classificazione 64-8; V1 Titolo Impianti elettrici utilizzatori a tensione nominale non superiore

Dettagli

TECNOLOGIA, DISEGNO E PROGETTAZIONE STRUMENTI DI MISURA

TECNOLOGIA, DISEGNO E PROGETTAZIONE STRUMENTI DI MISURA TECNOLOGIA, DISEGNO E PROGETTAZIONE STRUMENTI DI MISURA CLASSIFICAZIONE DEGLI STRUMENTI TIPO DI IMPIEGO Strumenti da quadro Strumenti da laboratorio Strumenti portatili. PRINCIPIO DI FUNZIONAMENTO Elettronici

Dettagli

CITTÀ di FABRIANO PROVINCIA DI ANCONA

CITTÀ di FABRIANO PROVINCIA DI ANCONA CITTÀ di FABRIANO PROVINCIA DI ANCONA Settore Assetto e Tutela del Territorio Oggetto: Sistemazione e restauro dei Giardini del Poio e realizzazione della nuova struttura di collegamento tra il Palazzo

Dettagli

Dipartimento di Sanità Pubblica - Servizio Prevenzione e Sicurezza Ambienti di Lavoro ATTREZZATURE E APPARECCHI UTILIZZATORI

Dipartimento di Sanità Pubblica - Servizio Prevenzione e Sicurezza Ambienti di Lavoro ATTREZZATURE E APPARECCHI UTILIZZATORI ATTREZZATURE E APPARECCHI UTILIZZATORI 1 2 3 4 5 PROTEZIONE con impianto di terra (Rif. CEI 64-8/4) 1) IMPIANTO DI MESSA A TERRA. Collegamento di tutte le masse metalliche ad un proprio, e unico, impianto

Dettagli

MISURA DELLA RESISTENZA DI TERRA

MISURA DELLA RESISTENZA DI TERRA MISURA DELLA RESISTENZA DI TERRA RIFERIMENTI NORMATIVI E LEGISLATIVI La misura della resistenza di terra è regolamentata dalla NORMA CEI 11-1 Impianti MT D.P.R. 22 ottobre 2001, n. 462 Regolamento per

Dettagli

Scopi e funzione dell'impianto di terra. DIFFERENZIALE DI POTENZIALE. DISPERSIONE CORRENTI ANOMALE NEL SUOLO a 50 Hz (guasti) fulmine

Scopi e funzione dell'impianto di terra. DIFFERENZIALE DI POTENZIALE. DISPERSIONE CORRENTI ANOMALE NEL SUOLO a 50 Hz (guasti) fulmine 1 Scopi e funzione dell'impianto di terra. IMPIANTO DI TERRA DISPERSIONE CORRENTI ANOMALE NEL SUOLO a 50 Hz (guasti) fulmine DIFFERENZIALE DI POTENZIALE tra le masse ed il suolo tra due punti del suolo

Dettagli

Sistemi a bassissima tensione SELV-PELV-FELV (Scheda)

Sistemi a bassissima tensione SELV-PELV-FELV (Scheda) SISTEMI A BASSISSIMA TENSIONE: SELV PELV FELV Sistema di alimentazione: I sistemi elettrici a bassissima tensione che presentano una tensione nominale e una tensione nominale verso terra non superiore

Dettagli

LE SORGENTI DI RISCHIO ELETTRICO

LE SORGENTI DI RISCHIO ELETTRICO LE SORGENTI DI RISCHIO ELETTRICO Premessa Si potrebbe credere che la realizzazione a regola d arte di un impianto elettrico sia sufficiente a tutelarsi da tutti i rischi di natura elettrica presenti in

Dettagli

Tecnologia delle protezioni Modalità di verifica strumentale

Tecnologia delle protezioni Modalità di verifica strumentale VENETO Mestre, 13 novembre 2004 Tecnologia delle protezioni Modalità di verifica strumentale Giacomo Stefani ABB 04-04 Agenda 1 2 3 4 CLASSIFICAZIONE DEI DISPOSITIVI CONCETTI GENERALI TIPOLOGIE DI SELETTIVITA

Dettagli

Impianti Elettrici Definizioni

Impianti Elettrici Definizioni FACOLTÁ DI INGEGNERIA UNIVERSITÁ DEGLI STUDI DI ROMA TOR VERGATA Impianti Elettrici Definizioni Prof. Roberto Mugavero tel/fax 06-72597320 e-mail mugavero@ing.uniroma2.it LA NORMATIVA VIGENTE NORMA CEI

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE Rev 0.1

CORSO DI FORMAZIONE Rev 0.1 CORSO DI FORMAZIONE Rev 0.1 MATERIALE DIDATTICO: PRIMA PARTE VERIFICHE IMPIANTI ELETTRICI S.r.l. Centro Direzionale Terraglio 1 Via Don Tosatto n.35 30174 Mestre (VE) P.IVA e Cod.Fisc.03929800278 Tel.

Dettagli

ELIA TARTAGLIA LA SICUREZZA ELETTRICA IN AMBIENTE FERROVIARIO

ELIA TARTAGLIA LA SICUREZZA ELETTRICA IN AMBIENTE FERROVIARIO ELIA TARTAGLIA LA SICUREZZA ELETTRICA IN AMBIENTE FERROVIARIO 2 INDICE GENERALE Argomento Prefazione 9 PARTE PRIMA 17 CAPITOLO 1 19 LA SICUREZZA ELETTRICA E LA MESSA A TERRA 1.1 Premessa 19 1.2 Misure

Dettagli

Competenze di ambito Prerequisiti Abilità / Capacità Conoscenze Livelli di competenza

Competenze di ambito Prerequisiti Abilità / Capacità Conoscenze Livelli di competenza Docente: LASEN SERGIO Classe: 4AP Materia: Tecnologie e Tecniche di Installazione e di Manutenzione di Apparati e Impianti Civili e Industriali MODULO 1 UTILIZZAZIONE DELL ENERGIA ELETTRICA Saper effettuare

Dettagli

PROGETTO IMPIANTO ELETTRICO RELAZIONE TECNICA DI PROTEZIONE CONTRO LE SOVRATENSIONI

PROGETTO IMPIANTO ELETTRICO RELAZIONE TECNICA DI PROTEZIONE CONTRO LE SOVRATENSIONI COMUNE DI LENOLA (PROVINCIA DI LATINA) AREA TECNICA - URBANISTICA - SERVIZIO LL. PP. PROGETTO ESECUTIVO PROGETTO PER L'INNALZAMENTO DEL LIVELLO DI SICUREZZA E LA RIQUALIFICAZIONE DELL'EDIFICIO SCOLASTICO

Dettagli

La sicurezza degli impianti elettrici e dei dispositivi medici nelle strutture sanitarie

La sicurezza degli impianti elettrici e dei dispositivi medici nelle strutture sanitarie Dipartimento Tecnologie di Sicurezza La sicurezza degli impianti elettrici e dei dispositivi medici nelle strutture sanitarie La sicurezza elettrica in ospedale Obb Osservatorio Salute Lavoro Dipartimento

Dettagli

Interruttori differenziali di Tipo B+

Interruttori differenziali di Tipo B+ Interruttori differenziali di Tipo B+ BETA Apparecchi Modulari, Fusibili BT, Quadretti e Centralini Nel settore industriale, del terziario e in quello medicale, è sempre più frequente l impiego di utilizzatori

Dettagli

APPUNTI DEL CORSO DI SISTEMI IMPIANTISTICI E SICUREZZA INTRODUZIONE AGLI IMPIANTI ELETTRICI: PERICOLOSITA DELLA CORRENTE ELETTRICA

APPUNTI DEL CORSO DI SISTEMI IMPIANTISTICI E SICUREZZA INTRODUZIONE AGLI IMPIANTI ELETTRICI: PERICOLOSITA DELLA CORRENTE ELETTRICA APPUNTI DEL CORSO DI SISTEMI IMPIANTISTICI E SICUREZZA INTRODUZIONE AGLI IMPIANTI ELETTRICI: PERICOLOSITA DELLA CORRENTE ELETTRICA Misure di protezione contro i contatti diretti Protezione totale Isolamento

Dettagli

Luoghi conduttori ristretti

Luoghi conduttori ristretti Luoghi conduttori ristretti Ferrara 09/04/2013 Tecnico della Prevenzione Dott. Loreano Veronesi UOPSAL AUSL Ferrara LUOGHI CONDUTTORI RISTRETTI Un Luogo è da ritenersi conduttore ristretto, quando: E'

Dettagli

CENNI DI IMPIANTI ELETTRICI

CENNI DI IMPIANTI ELETTRICI ELETTROTECNICA Laurea Ing. Aerospaziale - 1 livello CENNI DI IMPIANTI ELETTRICI Prof. M.S. Sarto CENTRALI DI PRODUZIONE DELL ENERGIA ELETTRICA IDROELETTRICHE TERMOELETTRICHE TERMONUCLEARI GEOTERMOELETTRICHE

Dettagli

Informazione tecnica. 3. Scelta degli apparecchi di manovra e protezione delle batterie di condensatori

Informazione tecnica. 3. Scelta degli apparecchi di manovra e protezione delle batterie di condensatori Informazione tecnica 3. Scelta degli apparecchi di manovra e protezione delle batterie di condensatori Contenuti 3.1 Rifasamento 3.2 Batterie di condensatori 3.3 Condizioni di impiego 3.4 Scelta delle

Dettagli

Apparecchi e impianti di illuminazione

Apparecchi e impianti di illuminazione Apparecchi e impianti di illuminazione Pubblicato il: 04/06/2007 Aggiornato al: 04/06/2007 di Gianluigi Saveri 1. Generalità Nella nuova Norma 64-8 è stata inserita una nuova sezione, la 559, con prescrizioni

Dettagli

Modulo 2. Locali uso medico

Modulo 2. Locali uso medico Modulo 2 Locali uso medico Locali uso medico Norma CEI 64-8/7 V2 Impianti elettrici utilizzatori a tensione nominale non superiore a 1000V in c.a. e 1500 V in c.c. Parte 7: Ambienti ed applicazioni particolari

Dettagli

Misure di protezione Protezione contro la scossa elettrica

Misure di protezione Protezione contro la scossa elettrica 7.05.4 Misure di protezione 7.05.4 Misure di protezione 7.05.4.1 Protezione contro la scossa elettrica 7.05.4.1.1 Interruzione automatica dell' alimentazione.1 Generalità ( 4.1.1.1) nei circuiti di corrente,

Dettagli

La protezione contro i contatti indiretti negli impianti dell utente secondo la nuova norma CEI 11-1. 1. L impianto di terra

La protezione contro i contatti indiretti negli impianti dell utente secondo la nuova norma CEI 11-1. 1. L impianto di terra La protezione contro i contatti indiretti negli impianti dell utente secondo la nuova norma CEI 11-1 di Gianluigi Saveri 1. L impianto di terra L impianto di terra costituisce un mezzo che permette alla

Dettagli

CRITERI DI SCELTA DELLE PROTEZIONI DIFFERENZIALI

CRITERI DI SCELTA DELLE PROTEZIONI DIFFERENZIALI CRITERI DI SCELTA DELLE PROTEZIONI DIFFERENZIALI Angelo Baggini*, Franco Bua** Comitato Elettrotecnico Italiano * Università degli Studi di Bergamo, angelo.baggini@unibg.it ** ECD Engineering Consulting

Dettagli

PROTEZIONE DEI CAVI DALLE SOVRACORRENTI

PROTEZIONE DEI CAVI DALLE SOVRACORRENTI PROTEZIONE DEI CAVI DALLE SOVRACORRENTI AL FINE DI EVITARE ECCESSIVI RISCALDAMENTI DEI CAVI GLI STESSI DEVONO ESSERE PROTETTI DALLE SOVRACORRENTI CORRENTI DI SOVRACCARICO SOVRACORRENTI CORRENTI DI CORTOCIRCUITO

Dettagli

Siemens S.p.A. 2012. Controllori dell isolamento

Siemens S.p.A. 2012. Controllori dell isolamento Siemens S.p.. 01 Controllori dell isolamento Per reti isolate in corrente alternata e continua 5TT 47. I dispositivi per il controllo dell isolamento devono essere installati negli impianti industriali

Dettagli

Impianti fotovoltaici (Norme di Installazione)

Impianti fotovoltaici (Norme di Installazione) Norme di installazione (le indicazioni proposte riguardano gli impianti fotovoltaici connessi in rete, ma molte di queste possono essere estese anche agli impianti autonomi) Protezione contro i contatti

Dettagli

Soluzioni per cabine MT-BT

Soluzioni per cabine MT-BT Fusarc-CF (DIN standard) Ø5 Ø Ø L Tabella dei riferimenti e delle caratteristiche tecniche fusibili Fusarc CF Referenza Tensione di Tensione Taglia corrente max. corrente min. resistenza a Potenza L Ø

Dettagli

Informazione tecnica Interruttore automatico

Informazione tecnica Interruttore automatico Informazione tecnica Interruttore automatico 1 Introduzione La scelta dell interruttore automatico corretto dipende da diversi fattori, alcuni dei quali, specialmente nel settore fotovoltaico, hanno un

Dettagli

Manuale impianto fotovoltaico

Manuale impianto fotovoltaico Manuale impianto fotovoltaico USO E MANUTENZIONE DELL IMPIANTO FOTOVOLTAICO 1 Generalità Oggetto del presente documento è la descrizione delle modalità di gestione e manutenzione dell impianto fotovoltaico.

Dettagli

REGIONE PIEMONTE COMUNE DI ALBA PERMESSO DI COSTRUIRE IN DEROGA IN BASE ALLA LEGGE DEL N.106 ES.M.I.

REGIONE PIEMONTE COMUNE DI ALBA PERMESSO DI COSTRUIRE IN DEROGA IN BASE ALLA LEGGE DEL N.106 ES.M.I. REGIONE PIEMONTE COMUNE DI ALBA PERMESSO DI COSTRUIRE IN DEROGA IN BASE ALLA LEGGE DEL 12 07 2011 N.106 ES.M.I. RECUPERO DI COMPARTO INDUSTRIALE DISMESSO OGGETTO: PROGETTO IMPIANTO ELETTRICO RELAZIONE

Dettagli

Apparecchi a LED: Illuminazione da esterno e sovratensioni. APIL - Milano, ing. Matteo Raimondi Responsabile laboratorio illuminazione IMQ

Apparecchi a LED: Illuminazione da esterno e sovratensioni. APIL - Milano, ing. Matteo Raimondi Responsabile laboratorio illuminazione IMQ Apparecchi a LED: Illuminazione da esterno e sovratensioni. APIL - Milano, 25-02-2016 ing. Matteo Raimondi Responsabile laboratorio illuminazione IMQ Criticità della tecnologia LED Grandi superfici metalliche

Dettagli

E+S. 4.1.1 Misura di protezione: interruzione automatica dell'alimentazione. Fig. 4.1.1.3.1.2.1 Collegamento equipotenziale di protezione.

E+S. 4.1.1 Misura di protezione: interruzione automatica dell'alimentazione. Fig. 4.1.1.3.1.2.1 Collegamento equipotenziale di protezione. Fig. 4.1.1.3.1.2.1 Collegamento equipotenziale di protezione Legenda 1 Linea di allacciamento 2 Conduttore di protezione per il collegamento alla sbarra principale di terra (conduttore di terra) 2.1 Dispersore

Dettagli

TECNOLOGIA, DISEGNO E PROGETTAZIONE ESAME A VISTA IMPIANTO ELETTRICO

TECNOLOGIA, DISEGNO E PROGETTAZIONE ESAME A VISTA IMPIANTO ELETTRICO TECNOLOGIA, DISEGNO E PROGETTAZIONE ESAME A VISTA IMPIANTO ELETTRICO Impossibile visualizzare l'immagine. ESAME A VISTA L'esame a vista è propedeutico alle prove e può essere di due tipi: Esame a vista

Dettagli

Angelo Baggini*, Franco Bua** CT CEI 14 e 64 - Università degli Studi di Bergamo Facoltà di Ingegneria

Angelo Baggini*, Franco Bua** CT CEI 14 e 64 - Università degli Studi di Bergamo Facoltà di Ingegneria Ultime novità per gli impianti elettrici secondo la nuova Norma CEI 64-8, Angelo Baggini*, Franco Bua** anche alla luce del nuovo Decreto 37/2008 Angelo Baggini* * angelo.baggini@unibg.it - Università

Dettagli

Filtro attivo per la compensazione delle armoniche

Filtro attivo per la compensazione delle armoniche SEI SISTEMI S.R.L. Via Calamelli, 40-40026 IMOLA - BO Tel. 0542 640245 - Fax 0542 641018 E - mail: siei@sieisistemi.it Filtro attivo per la compensazione delle armoniche (SAF Shunt Active Filter) SEI SISTEMI

Dettagli

COMUNE DI : CASTRI DI LECCE Provincia di Lecce TAV. 9 D. (Determinazione Prot. Settore N 61 del 26-11-2010)

COMUNE DI : CASTRI DI LECCE Provincia di Lecce TAV. 9 D. (Determinazione Prot. Settore N 61 del 26-11-2010) COMUNE DI : CASTRI DI LECCE Provincia di Lecce Regione Puglia - Asse IV Leader PSR 2007-2013 - Misura 313 Incentivazione di Attività Turistiche Azione 2 Creazione di centri di informazione e di accoglienza

Dettagli

NORMA 64-8/7 INTRODUZIONE

NORMA 64-8/7 INTRODUZIONE 1 INTRODUZIONE Agli impianti elettrici nei locali ad uso medico non è più applicabile la norma CEI 64-4 ma bensì la sezione 710 della norma CEI 64-8/7:2003-05. La nuova norma è una evoluzione della precedente

Dettagli

Pericolosità della Corrente Elettrica

Pericolosità della Corrente Elettrica Pericolosità della Corrente Elettrica Individuare sistemi per la protezione dai pericoli della corrente elettrica presuppone la conoscenza di tale pericolosità, ossia gli effetti della corrente elettrica

Dettagli

Direttiva. Concetti per l'alimentazione elettrica di impianti di antenne su tralicci dell'alta tensione. ESTI n. 243 Versione 0514 i.

Direttiva. Concetti per l'alimentazione elettrica di impianti di antenne su tralicci dell'alta tensione. ESTI n. 243 Versione 0514 i. Ispettorato federale degli impianti a corrente forte ESTI ESTI n. 243 Versione 0514 i Direttiva Concetti per l'alimentazione elettrica di impianti di antenne su tralicci dell'alta tensione Autore ESTI

Dettagli

ERRATA CORRIGE NORMA CEI (fasc )

ERRATA CORRIGE NORMA CEI (fasc ) ERRATA CORRIGE NORMA CEI 64-8 2012-07 (fasc. 99998) Il presente fascicolo contiene modifiche ad alcuni articoli della Norma CEI 64-8:2012 per i quali sono state riscontrate imprecisioni o errori che ne

Dettagli

LA VERIFICA DEGLI IMPIANTI ELETTRICI UTILIZZATORI. Prof Ing. Natale Messina DIEES Università di Catania

LA VERIFICA DEGLI IMPIANTI ELETTRICI UTILIZZATORI. Prof Ing. Natale Messina DIEES Università di Catania LA VERIFICA DEGLI IMPIANTI ELETTRICI UTILIZZATORI Prof Ing. Natale Messina DIEES Università di Catania La Guida CEI 64-14, fascicolo 2930 è in vigore, in ambito nazionale, dall 1 febbraio 1997 e riguarda

Dettagli

Scuola Allievi Agenti della Polizia di Stato di Alessandria Manutenzione impianti elettrici - Capitolato Tecnico

Scuola Allievi Agenti della Polizia di Stato di Alessandria Manutenzione impianti elettrici - Capitolato Tecnico Componente Intervento Periodicità Cabine elettriche Quadri elettrici media e bassa tensione e c.c Verifica Verifica efficienza apparecchiature Pulizia Verifica funzionalità Verifica ventilatori aerazione

Dettagli

Programma svolto - Tecnologie e tecniche di installazione e manutenzione Docentte:: PERAZZOLO GIANTONIO

Programma svolto - Tecnologie e tecniche di installazione e manutenzione Docentte:: PERAZZOLO GIANTONIO ISTITUTO D ISTRUZIONE SUPERIORE "G. VERONESE - G. MARCONI" SEZIONE ASSOCIATA G. MARCONI Via T. Serafin, 15-30014 CAVARZERE (VE) Tel. 0426/51151 - Fax 0426/310911 E-mail: ipsiamarconi@ipsiamarconi.it -

Dettagli

Interruttori differenziali

Interruttori differenziali Introduzione Gli interruttori differenziali sono apparsi sul mercato negli anni 50; furono utilizzati per evitare i furti di energia, dovuti all utilizzo di correnti verso terra e solo in un secondo tempo

Dettagli

ATTREZZATURE: GRUPPI ELETTROGENI

ATTREZZATURE: GRUPPI ELETTROGENI AGENZIA REGIONALE DI PROTEZIONE CIVILE Tutela della sicurezza e della salute dei volontari della protezione civile ATTREZZATURE: GRUPPI ELETTROGENI 2 Gruppi elettrogeni Si utilizzano i gruppi elettrogeni

Dettagli

Cei La norma per i quadri ad uso domestico e similari

Cei La norma per i quadri ad uso domestico e similari Cei 23-51 - La norma per i quadri ad uso domestico e similari 1. Generalità La norma 23-51 si interessa dei quadri elettrici ad installazione fissa con corrente nominale non superiore a 125 A ed è stata

Dettagli

Protezione dai contatti indiretti senza interruzione automatica

Protezione dai contatti indiretti senza interruzione automatica Protezione dai contatti indiretti senza interruzione automatica di Gianluigi Saveri Pubblicato il 26/01/2010 Aggiornato al: 04/01/2010 1 Generalità Sono dei metodi di protezione che, si differenziano dai

Dettagli

Protezione contro i contatti indiretti nei sistemi TT 1/76

Protezione contro i contatti indiretti nei sistemi TT 1/76 Protezione contro i contatti indiretti nei sistemi 1/76 Requisiti della protezione La persona è sufficientemente lontana dal dispersore per confondere la tensione di contatto a vuoto con la tensione totale

Dettagli

I.C.T.P. - TECHNICAL OFFICE INDICE

I.C.T.P. - TECHNICAL OFFICE INDICE Enrico Fermi Building MANUTENZIONE ORDINARIA PERIODICA DELLA CABINA ELETTRICA DI TRASFORMAZIONE MT/BT E DEL QUADRO ELETTRICO BT EDIFICIO : I.C.T.P. - Centro Internazionale di Fisica Teorica Enrico Fermi

Dettagli

IMPIANTI ELETTRICI E DI ILLUMINAZIONE RELAZIONE TECNICO DESCRITTIVA

IMPIANTI ELETTRICI E DI ILLUMINAZIONE RELAZIONE TECNICO DESCRITTIVA IMPIANTI ELETTRICI E DI ILLUMINAZIONE RELAZIONE TECNICO DESCRITTIVA INDICE 1. PRINCIPI INFORMATORI... 2 1.1. OGGETTO... 2 1.2. CRITERI DI PROGETTO... 2 1.3. NORME DI RIFERIMENTO... 2 2. PRESCRIZIONI E

Dettagli

DICHIARAZIONE DI CONFORMITA CE QUADRO ELETTRICO PER BASSA TENSIONE SECONDO LE NORME CEI 17-31/1 (CEI EN )

DICHIARAZIONE DI CONFORMITA CE QUADRO ELETTRICO PER BASSA TENSIONE SECONDO LE NORME CEI 17-31/1 (CEI EN ) DICHIARAZIONE DI CONFORMITA CE QUADRO ELETTRICO PER BASSA TENSIONE SECONDO LE NORME CEI 17-31/1 (CEI EN 60439-1) COSTRUTTORE: SOCIETA COOPERATIVA DIAPASON Tel. 348.3166446 - Fax 0434.870227 Email: info@coopdiapason.com

Dettagli

Interruttori magnetotermici

Interruttori magnetotermici Curve caratteristiche di intervento secondo CEI EN 0 e DIN VDE 0 parte Caratteristiche di intervento B Caratteristiche di intervento C Caratteristiche di intervento D Curve caratteristiche di intervento

Dettagli

VERIFICA DI SICUREZZA ELETTRICA IEC CEI ANTAB Maurizio Ferri

VERIFICA DI SICUREZZA ELETTRICA IEC CEI ANTAB Maurizio Ferri VERIFICA DI SICUREZZA ELETTRICA IEC 62-353 CEI 62-148 ANTAB 06-02-2015 Maurizio Ferri OGGETTO DELLA NORMA IEC 62353 ANTAB 06-02-2015 Maurizio Ferri ANTAB 06-02-2015 Maurizio Ferri PERSONALE QUALIFICATO

Dettagli

Si deve alimentare a 380 V - 50 Hz con sistema del tipo TT, un reparto di macchine utensili per lavorazioni meccaniche.

Si deve alimentare a 380 V - 50 Hz con sistema del tipo TT, un reparto di macchine utensili per lavorazioni meccaniche. ESAMI DI STATO PER L'ABILITAZIONE ALL'ESERCIZIO DELLA LIBERA PROFESSIONE DI PERITO INDUSTRIALE SESSIONE 1994 Indirizzo: ELETTROTECNICA Seconda prova scritta Si deve alimentare a 380 V - 50 Hz con sistema

Dettagli

Formazione dei Lavoratori sulla Sicurezza sul Lavoro. il Rischio Elettrico

Formazione dei Lavoratori sulla Sicurezza sul Lavoro. il Rischio Elettrico Formazione dei Lavoratori sulla Sicurezza sul Lavoro Spegnere il Telefonino!! il Rischio Elettrico ai sensi dell art.37 del D.Lgs. 81/08 Accordo Stato Regioni del 21.12.2011 e 22.02.2012 Ente Ligure di

Dettagli

Aggiornamento Catalogo SENTRON 02/2012 1

Aggiornamento Catalogo SENTRON 02/2012 1 1 Introduzione 2 Trasformatori per campanello Caratteristiche generali Il tipico impiego dei trasformatori per campanello è l alimentazione, per brevi periodi, di dispositivi come campanelli, ronzatori,

Dettagli

INVERTER POWER-ONE AURORA ACCOPPIATI A MODULI CON ELEVATA CAPACITA VERSO TERRA: PRESCRIZIONI PER L UTILIZZO

INVERTER POWER-ONE AURORA ACCOPPIATI A MODULI CON ELEVATA CAPACITA VERSO TERRA: PRESCRIZIONI PER L UTILIZZO POWER-ONE AURORA ACCOPPIATI A MODULI CON ELEVATA CAPACITA VERSO TERRA: PRESCRIZIONI PER L UTILIZZO Oggetto del documento Gli inverter Power-One Aurora realizzati secondo architettura transformerless sono

Dettagli

Leggete attentamente le nuove prescrizioni

Leggete attentamente le nuove prescrizioni Leggete attentamente le nuove prescrizioni La Sezione 710 Locali ad uso medico della norma CEI 64-8/7 ha sostituito la norma CEI 64-4 terza edizione. Ora il CEI ha preparato anche una guida, che qui rileggiamo

Dettagli

Realizzato da: Angelo Cugno. Impianto Domestico

Realizzato da: Angelo Cugno. Impianto Domestico Realizzato da: Angelo Cugno Impianto Domestico Indice - Che cos'è un impianto elettrico - Come si realizza un impianto elettrico domestico < esempio - Messa a terra - Il Quadro Elettrico < Interruttori

Dettagli

INDICE 1 PREMESSA ED ESIGENZE IMPIANTISTICHE DEL COMMITTENTE 2 2 DESCRIZIONE GENERALE DEGLI IMPIANTI 3 3 RIFERIMENTI A NORME E LEGGI 4

INDICE 1 PREMESSA ED ESIGENZE IMPIANTISTICHE DEL COMMITTENTE 2 2 DESCRIZIONE GENERALE DEGLI IMPIANTI 3 3 RIFERIMENTI A NORME E LEGGI 4 INDICE 1 PREMESSA ED ESIGENZE IMPIANTISTICHE DEL COMMITTENTE 2 2 DESCRIZIONE GENERALE DEGLI IMPIANTI 3 3 RIFERIMENTI A NORME E LEGGI 4 4 CLASSIFICAZIONE DEGLI AMBIENTI 5 5 DESCRIZIONE DELL IMPIANTO ELETTRICO

Dettagli

LA SICUREZZA DEGLI APPARECCHI ELETTROMEDICALI: NORMATIVA DI RIFERIMENTO E MODALITA DI ESECUZIONE DELLE PROVE ELETTRICHE PREVISTE

LA SICUREZZA DEGLI APPARECCHI ELETTROMEDICALI: NORMATIVA DI RIFERIMENTO E MODALITA DI ESECUZIONE DELLE PROVE ELETTRICHE PREVISTE ARMANDO FERRAIOLI Bioingegnere LA SICUREZZA DEGLI APPARECCHI ELETTROMEDICALI: NORMATIVA DI RIFERIMENTO E MODALITA DI ESECUZIONE DELLE PROVE ELETTRICHE PREVISTE (Parte Seconda) Nella prima parte dell articolo,

Dettagli

a.a. 2014/2015 Docente: Stefano Bifaretti

a.a. 2014/2015 Docente: Stefano Bifaretti a.a. 2014/2015 Docente: Stefano Bifaretti email: bifaretti@ing.uniroma2.it Gli schemi circuitali impiegati per la realizzazione dei convertitori statici sono molteplici. Infatti, la struttura del convertitore

Dettagli

Collegamento di resistenze

Collegamento di resistenze Collegamento di resistenze Resistenze in serie Vogliamo calcolare la resistenza elettrica del circuito ottenuto collegando tra loro più resistenze in serie. Colleghiamo a una pila di forza elettromotrice

Dettagli

QUESTIONARIO PER L EQUIPAGGIAMENTO ELETTRICO DELLE MACCHINE

QUESTIONARIO PER L EQUIPAGGIAMENTO ELETTRICO DELLE MACCHINE QUESTIONARIO PER L EQUIPAGGIAMENTO ELETTRICO DELLE MACCHINE Firma del Committente_ QUESTIONARIO PER L EQUIPAGGIAMENTO ELETTRICO DELLE MACCHINE Ver.2.0 Pagina 1 di 8 1.PREMESSE Il presente questionario

Dettagli

Regole tecniche di connessione per Utenti attivi alle reti AT ed MT Norma CEI 0-16

Regole tecniche di connessione per Utenti attivi alle reti AT ed MT Norma CEI 0-16 Regole tecniche di connessione per Utenti attivi alle reti AT ed MT Norma CEI 0-16 Ing. Michele Pompei Laboratorio di Elettrotecnica Dipartimento di Ingegneria Industriale Università degli Studi di Perugia

Dettagli

STABILIZZATORE DI TENSIONE TECH4TOMORROW

STABILIZZATORE DI TENSIONE TECH4TOMORROW STABILIZZATORE DI TENSIONE TECH4TOMORROW Grazie per aver acquistato lo stabilizzatore T4T multipresa, un regolatore automatico di tensione portatile. Vi garantiamo che il prodotto da voi acquistato è di

Dettagli

Impianti elettrici nei cantieri edili. Sistemi di distribuzione. Protezione contro i contatti elettrici diretti e indiretti.

Impianti elettrici nei cantieri edili. Sistemi di distribuzione. Protezione contro i contatti elettrici diretti e indiretti. Impianti elettrici nei cantieri edili Sistemi di distribuzione Protezione contro i contatti elettrici diretti e indiretti Impianto di terra Norme CEI 64-8 Amelio Faccini - Azienda USL Ferrara 1 Scopo La

Dettagli

MANUALE DI MANUTENZIONE IMPIANTI ELETTRICI

MANUALE DI MANUTENZIONE IMPIANTI ELETTRICI MANUALE DI MANUTENZIONE IMPIANTI ELETTRICI Premessa Scopo del manuale di manutenzione è quello di fornire le indicazioni necessarie per la corretta manutenzione degli impianti. Livello minimo delle prestazioni

Dettagli

Guida CEI 32-18. di Gianfranco Ceresini

Guida CEI 32-18. di Gianfranco Ceresini Guida CEI 32-18 Pubblicato il: 02/11/2005 Aggiornato al: 02/11/2005 di Gianfranco Ceresini Nel marzo 2005, con validità a partire dal 1 maggio successivo, il CEI ha pubblicato la prima edizione della Guida

Dettagli

Corso di Elettronica di Potenza (9 CFU) ed Elettronica Industriale (6CFU) Convertitori c.a.-c.a. 2/24

Corso di Elettronica di Potenza (9 CFU) ed Elettronica Industriale (6CFU) Convertitori c.a.-c.a. 2/24 Tra i vari tipi di convertitori monostadio, i convertitori c.a.-c.a. sono quelli che presentano il minore interesse applicativo, a causa delle notevoli limitazioni per quanto concerne sia la qualità della

Dettagli

Impiantistica elettrica di base

Impiantistica elettrica di base Argomento DPR Il diritto elettrico : analisi delle principali leggi e dei decreti sugli impianti elettrici Fornire ai partecipanti informazioni aggiornate per: - interpretare correttamente Norme e Leggi,

Dettagli

Protezione contro i contatti indiretti nei sistemi TT

Protezione contro i contatti indiretti nei sistemi TT Protezione contro i contatti indiretti nei sistemi 1/76 equisiti della protezione a persona è sufficientemente lontana dal dispersore per confondere la tensione di contatto a vuoto con la tensione totale

Dettagli

Scaricatori e limitatori di sovratensione

Scaricatori e limitatori di sovratensione 5SD741 e 5SD748 Scaricatori di sovratensione di origine atmosferica Tipo 1 / 2 Caratteristiche Gli scaricatori di Tipo 1 / 2 sono dispositivi, in esecuzione compatta, che possono essere installati sia

Dettagli