PROCEDURA PER L ACCESSO, LA CONSULTAZIONE E LA RIPRODUZIONE DI COPIE DI DOCUMENTAZIONE STORICA

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PROCEDURA PER L ACCESSO, LA CONSULTAZIONE E LA RIPRODUZIONE DI COPIE DI DOCUMENTAZIONE STORICA"

Transcript

1 PROCEDURA PER L ACCESSO, LA CONSULTAZIONE E LA RIPRODUZIONE DI COPIE DI DOCUMENTAZIONE STORICA 0 Indice: 1. Scopo e campo di applicazione 2. Descrizione delle attività 3. Allegati 4. Riferimenti normativi/deliberazioni aziendali Preparato data: Settembre 2013 S.S. Gestione Documentale Verificato data: 12/09/2013 Responsabile USS Gestione Documentale Approvato data: 19/09/2013 Approvato data: 19/09/2013 Responsabile USC Coordinamento delle Attività Amministrative di Presidio Direttore Amministrativo d Azienda Pag. 1 di 7 Dr.ssa Maria Antonietta Celso Sig.ra Cristina Ariboni Dr.ssa Veronica Bruno Dr. Guido Meregalli Dr.ssa Loredana Luzzi

2 1. Scopo e campo di applicazione La presente procedura nasce con la duplice finalità sia di unificare i principi, gli strumenti e le modalità di accesso, consultazione e riproduzione di copie di documentazione storica dell A.O. G. Salvini sia di illustrarne le modalità operative ed i criteri aziendali stabiliti. La presente procedura, quindi, disciplina l accesso, la consultazione dei documenti conservati presso l Azienda, nonché la riproduzione del materiale, nel rispetto della vigente normativa nazionale sulla tutela, conservazione e valorizzazione dei beni culturali di cui al d.lgs. 22 gennaio 2004, n. 42 e successive modificazioni in tema di archivi. Si precisa che gli archivi e i singoli documenti delle pubbliche amministrazioni, in quanto soggetti, ai sensi del d.lgs. n. 42/2004, al regime di demanio pubblico sono inalienabili. L Amministrazione provvede alla loro tutela nei modi e nelle forme previsti dalla legge. Il presente documento è destinato sia al personale interno referente degli Archivi Storici che a persone esterne interessate a qualsiasi titolo alla consultazione e rilascio di copia della documentazione storica. 2. Descrizione delle attività 2.1. MOVIMENTAZIONE DELLA DOCUMENTAZIONE STORICA DAGLI ARCHIVI DELLA A.O. GUIDO SALVINI La movimentazione della documentazione storica dagli archivi della A.O. G. Salvini avviene per effettuarne la copiatura al fine di rilascio di copia e/o per consultazione. La movimentazione avviene a seguito della presentazione di formale e specifica istanza alla secondo le modalità di seguito specificate RILASCIO COPIA DOCUMENTAZIONE STORICA Le procedure di rilascio di copia della documentazione storica deve rispettare i contenuti del relativi regolamenti aziendali. La per il tramite dei referenti degli Archivi Storici della A.O.Guido Salvini rilascia copia della documentazione storica di interesse. La riproduzione di materiale archivistico può essere autorizzata a fini personali, di Pag. 2 di 7

3 studio, scientifici, culturali e commerciali, secondo quanto disposto dagli articoli 108 e 109 del d.lgs. n. 42/2004 e successive modifiche. Al fine del rilascio di documentazione di interesse storico, il richiedente dovrà compilare l apposita modulistica pubblicata nella sezione Amministrazione trasparente Attività e Procedimenti Tipologie di Procedimento sul sito internet della A.O. G. Salvini. La riproduzione fotostatica dei documenti è svolta dal personale interno all Amministrazione e il rilascio delle copie richieste avviene previo pagamento della copia, secondo le modalità di seguito indicate: le spese di fotoriproduzione ammontano a 15,00 (spese di segreteria) a cui sommare 0.10 per ogni foglio in formato A4 e 0.20 per formati diversi; le suddette spese devono essere pagate presso lo sportello bancario della Banca Popolare di Milano presente nell'atrio centrale; la copia richiesta potrà essere ritirata presso lo stesso Ufficio o ricevuta a casa per posta pagamento in contrassegno. Il modulo di richiesta dovrà pervenire alla S.S. Gestione documentale che provvederà alla protocollazione ed al successivo inoltro dell istanza alla Soprintendenza Archivistica per la Lombardia per le autorizzazioni necessarie. Successivamente al parere della Soprintendenza Archivistica per la Lombardia la suddetta Struttura Semplice di Gestione documentale, provvederà, o meno, al rilascio della documentazione storica di interesse come segue: Fotocopiatura di tutta la documentazione storica disponibile. Effettuata la copiatura tutti i fogli vengono numerati progressivamente a mano e viene apposto un timbro con la denominazione dell Azienda. Sul retro dell ultimo foglio viene apposto l apposito timbro per l autentica sul quale va riportata la data di fotocopiatura ed il numero complessivo di fogli. Nell ultima pagina del frontespizio, nell apposito spazio, viene indicato: il nome del richiedente della copia; la data di fotocopiatura; il numero di protocollo della richiesta; il numero di pagine della fotocopia. Le copie della documentazione storica saranno autenticate dal Dirigente preposto che apporrà la firma sul timbro posto nell ultima pagina della copia e nell apposito spazio o timbro apposto nell ultima pagina del frontespizio. Pag. 3 di 7

4 Le copie firmate vengono poste in buste, chiuse da un apposito sigillo, e rese disponibili per la consegna all utente. Si precisa che le riproduzioni dei documenti, in qualsiasi formato acquisiti, non possono essere duplicate e ulteriormente riprodotte, ovvero utilizzate per scopi diversi da quelli dichiarati al momento della domanda, senza preventiva autorizzazione. A tal fine, nella richiesta di riproduzione di materiale archivistico strettamente a scopo personale o di studio, il richiedente dovrà sottoscrivere un impegno relativo alla non divulgazione, diffusione, pubblicazione e concessione delle copie ottenute. 2.3 CONSULTAZIONE Relativamente alla consultazione della documentazione storica si procederà, come indicato al punto 2.2, a formulare apposita istanza e ad attendere autorizzazione da parte della Soprintendenza Archivistica. La consultazione dei documenti conservati avviene in apposite sale della Direzione aziendale e sotto la sorveglianza del personale addetto. Le modalità di consultazione dei documenti sono stabilite dalla presente procedura e da quanto disposto dalla vigente normativa in materia, con particolare riferimento al d.lgs. n. 42/2004. Durante la consultazione dei documenti è vietato: usare stilografiche o altre penne a inchiostro; scrivere o prendere appunti appoggiando fogli o quaderni sopra i documenti; apporre segni o numerazioni sulle carte; fumare; l uso dei telefoni cellulari; introdurre in sala cibi e bevande. In ogni caso, l utente deve rispettare il silenzio in sala e deve maneggiare il materiale con ogni cautela. L utente è responsabile dell eventuale deterioramento del materiale documentario avuto in consultazione. In caso di contestata negligenza o danneggiamento del materiale documentario, l utente può essere allontanato dalla sala di consultazione e privato dei diritti di consultazione e di accesso all Archivio storico per il tempo che l Amministrazione riterrà di stabilire, con contestuale comunicazione alla Soprintendenza archivistica per la Lombardia. In tali casi, l utente dovrà rifondere il danno sulla base delle fatture prodotte dall Amministrazione a seguito dei lavori di restauro resisi necessari. Chiunque si renda colpevole di sottrazione o di guasti volontari verrà denunciato Pag. 4 di 7

5 all autorità giudiziaria nonché escluso temporaneamente o, in relazione alla gravità, perpetuamente dall Archivio storico, con apposito provvedimento. Le norme che regolano l accesso alla consultazione devono essere rispettate anche dagli utenti che facciano ricerca per scopi personali, non riconducibili a motivi di studio o a fini amministrativi. Per motivi di comprovata necessità o per inosservanza delle norme stabilite dal presente procedura, il Responsabile dell Archivio storico può negare, sospendere o revocare l autorizzazione alla consultazione. Gli utenti che fruiscono del servizio di consultazione per tesi, studi, progetti, pubblicazioni o eventi sono tenuti a citare le fonti utilizzate e a consegnare, all Archivio storico, copia degli elaborati prodotti, anche in formato digitale o altra forma. Tali copie depositate presso l Archivio storico, salvo il caso delle pubblicazioni, sono consultabili solo previo consenso dell autore. 3. Allegati argomento note conservazione Allegato 1 Richiesta copia di Disponibile sul sito internet ILLIMITATO documentazione storica aziendale Allegato 2 Richiesta consultazione Disponibile sul sito internet ILLIMITATO aziendale 4. Riferimenti normativi/deliberazioni aziendali Le disposizioni della presente procedura abrogano e/o sostituiscono le previgenti disposizioni interne in materia di accesso agli archivi storici. Per quanto non precisato nella presente procedure si rinvia alla normativa vigente in materia di Archivi storici e loro consultazione con particolare riferimento al d.l.gs. n. 42/2004 e successive modificazioni, recante codice dei beni culturali e al d.lgs. n.196/2003 e successive modifiche, recante codice in materia di protezione dei dati personali. La presente procedura entra in vigore il giorno stesso della sua emanazione. Pag. 5 di 7

6 Alla S.S. GESTIONE DOCUMENTALE DATA. Il sottoscritto.. nato a...il..... residente in..tel... chiede il consultare la documentazione relativa a: per la seguente motivazione: FIRMA I dati contenuti in questo documento sono strumentali all attività sanitaria e amministrativa, sono utilizzati per compiere specifici obblighi previsti da normative, avranno trattamento in conformità a quanto prescrive la legge sul trattamento dei dati personali e le disposizioni attuative della medesima legge. (D.Lgs 196/2003) Pag. 6 di 7

7 Alla S.S. GESTIONE DOCUMENTALE DATA. Il sottoscritto.. nato a...il..... residente in..tel... chiede il rilascio di copia della documentazione relativa a: FIRMA ALLEGARE COPIA DEL CERTIFICATO D IDENTITA DEL RICHIEDENTE N.B. La consegna di quanto sopra richiesto sarà effettuata solo dietro presentazione di regolare documento d identità. In caso di delega sono tassativamente richiesti il documento d identità del richiedente e del titolare della certificazione. PERSONA DELEGATA AL RITIRO DELLA DOCUMENTAZIONE SPEDIZIONE DELLA DOCUMENTAZIONE AL SEGUENTE INDIRIZZO.... RISERVATO ALL UFFICIO COMPETENTE Pagamento effettuato il..bolla N... Ritiro avvenuto il... Ritirante. I dati contenuti in questo documento sono strumentali all attività sanitaria e amministrativa, sono utilizzati per compiere specifici obblighi previsti da normative, avranno trattamento in conformità a quanto prescrive la legge sul trattamento dei dati personali e le disposizioni attuative della medesima legge. (D.Lgs 196/2003) Pag. 7 di 7

COMUNE DI GALLIATE Provincia di Novara REGOLAMENTO DI ACCESSO AGLI ARCHIVI COMUNALI

COMUNE DI GALLIATE Provincia di Novara REGOLAMENTO DI ACCESSO AGLI ARCHIVI COMUNALI COMUNE DI GALLIATE Provincia di Novara REGOLAMENTO DI ACCESSO AGLI ARCHIVI COMUNALI Approvato con deliberazione G.C. n. 45 del 27/11/2008 esecutiva il 10/01/2009 Depositato in Segreteria Generale con avviso

Dettagli

REGOLAMENTO DELL ARCHIVIO STORICO COMUNALE

REGOLAMENTO DELL ARCHIVIO STORICO COMUNALE REGOLAMENTO COMUNALE n. 34 REGOLAMENTO DELL ARCHIVIO STORICO COMUNALE Allegato B alla deliberazione del Consiglio Comunale nr 33 del 6 maggio 2002. 1. GENERALITA' Art. 1 Il presente regolamento disciplina

Dettagli

Regolamento dell Archivio storico Emanato con D.R. n. 1175 del 2011

Regolamento dell Archivio storico Emanato con D.R. n. 1175 del 2011 Regolamento dell Archivio storico Emanato con D.R. n. 1175 del 2011 RIPARTIZIONE I AFFARI GENERALI Settore Archivio storico Responsabile Arch. Carla Onesti Regolamento dell Archivio Storico TITOLO I Disposizioni

Dettagli

ARCHIVIO STORICO FONDO GNECCHI RUSCONE GAVAZZI

ARCHIVIO STORICO FONDO GNECCHI RUSCONE GAVAZZI COMUNI DI VERDERIO INFERIORE E VERDERIO SUPERIORE PROVINCIA DI LECCO ARCHIVIO STORICO FONDO GNECCHI RUSCONE GAVAZZI REGOLAMENTO PER LA CONSULTAZIONE DEI DOCUMENTI PRESSO LA BIBLIOTECA INTERCOMUNALE (Approvato

Dettagli

COMUNE DI SERRAVALLE PISTOIESE Provincia di Pistoia REGOLAMENTO DELL ARCHIVIO DEL COMUNE DI SERRAVALLE PISTOIESE

COMUNE DI SERRAVALLE PISTOIESE Provincia di Pistoia REGOLAMENTO DELL ARCHIVIO DEL COMUNE DI SERRAVALLE PISTOIESE COMUNE DI SERRAVALLE PISTOIESE Provincia di Pistoia REGOLAMENTO DELL ARCHIVIO DEL COMUNE DI SERRAVALLE PISTOIESE approvato con Deliberazione C. C. n 56 del 29-10-2013 Articolo 1. Impianto del Regolamento

Dettagli

COMUNE DI SANTA TERESA GALLURA PROVINCIA DI OLBIA-TEMPIO SETTORE CULTURA ISTRUZIONE SPORT

COMUNE DI SANTA TERESA GALLURA PROVINCIA DI OLBIA-TEMPIO SETTORE CULTURA ISTRUZIONE SPORT COMUNE DI SANTA TERESA GALLURA PROVINCIA DI OLBIA-TEMPIO SETTORE CULTURA ISTRUZIONE SPORT REGOLAMENTO DI GESTIONE E FUNZIONAMENTO ARCHIVIO STORICO COMUNALE - Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale

Dettagli

REGOLAMENTO BIBLIOTECA

REGOLAMENTO BIBLIOTECA REGOLAMENTO BIBLIOTECA di INGEGNERIA Art. 1) Art.2) Art. 3) Art. 4) Art. 5) Art. 6) Art. 7) Art. 8) La Biblioteca di Ingegneria mette a disposizione dell utenza un organica raccolta di periodici, libri

Dettagli

Regolamento Archivio Biblioteca Quadriennale di Roma

Regolamento Archivio Biblioteca Quadriennale di Roma Regolamento Archivio Biblioteca Quadriennale di Roma 1. Ambiti e finalità 2. Condizioni di accesso 3. Servizi per il pubblico 4. Fondi archivistici 4.1 Consultazione 4.2 Riproduzione e pubblicazione di

Dettagli

REGOLAMENTO DEI SERVIZI DELLA BIBLIOTECA DI SCIENZE DELLA STORIA E DELLA DOCUMENTAZIONE STORICA SALE DI LETTURA

REGOLAMENTO DEI SERVIZI DELLA BIBLIOTECA DI SCIENZE DELLA STORIA E DELLA DOCUMENTAZIONE STORICA SALE DI LETTURA REGOLAMENTO DEI SERVIZI DELLA BIBLIOTECA DI SCIENZE DELLA STORIA E DELLA DOCUMENTAZIONE STORICA SALE DI LETTURA La Biblioteca è dotata di due sale per lo studio e la consultazione per complessivi 100 posti.

Dettagli

Biblioteca S. Marco Ospedale S.S. Giovanni e Paolo - Venezia REGOLAMENTO. Visita della Biblioteca

Biblioteca S. Marco Ospedale S.S. Giovanni e Paolo - Venezia REGOLAMENTO. Visita della Biblioteca Biblioteca S. Marco Ospedale S.S. Giovanni e Paolo - Venezia REGOLAMENTO La Biblioteca S. Marco presso l Ospedale S.S. Giovanni e Paolo di Venezia è una biblioteca medico-scientifica aperta al pubblico.

Dettagli

Comune di Albinea REGOLAMENTO DELL ARCHIVIO STORICO COMUNALE. Approvato con deliberazione del C.C. del 03/06/2013 TITOLO 1. Principi fondamentali

Comune di Albinea REGOLAMENTO DELL ARCHIVIO STORICO COMUNALE. Approvato con deliberazione del C.C. del 03/06/2013 TITOLO 1. Principi fondamentali Comune di Albinea REGOLAMENTO DELL ARCHIVIO STORICO COMUNALE Approvato con deliberazione del C.C. del 03/06/2013 TITOLO 1 Principi fondamentali Articolo 1 Generalità L Amministrazione comunale di Albinea

Dettagli

DISCIPLINA DEL SERVIZIO DI ARCHIVIO STORICO E DI DEPOSITO

DISCIPLINA DEL SERVIZIO DI ARCHIVIO STORICO E DI DEPOSITO DISCIPLINA DEL SERVIZIO DI ARCHIVIO STORICO E DI DEPOSITO INDICE Capo I Principi generali Art. 1 Oggetto della disciplina Art. 2 Finalità del servizio Art. 3 Attribuzioni del servizio Art. 4 Articolazione

Dettagli

REGOLAMENTO PER ACCESSO, DUPLICAZIONE E CONCESSIONE IN USO DEI MATERIALI FOTOGRAFICI DELL ARCHIVIO SARACCHI

REGOLAMENTO PER ACCESSO, DUPLICAZIONE E CONCESSIONE IN USO DEI MATERIALI FOTOGRAFICI DELL ARCHIVIO SARACCHI CITTÀ DI CORBETTA REGOLAMENTO PER ACCESSO, DUPLICAZIONE E CONCESSIONE IN USO DEI MATERIALI FOTOGRAFICI DELL ARCHIVIO SARACCHI Approvato con deliberazione di Giunta Comunale numero 141 del 09.11.2011 Regolamento

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CONSULTAZIONE DEGLI ARCHIVI

REGOLAMENTO PER LA CONSULTAZIONE DEGLI ARCHIVI REGOLAMENTO PER LA CONSULTAZIONE DEGLI ARCHIVI Capo I Condizioni di consultabilità dei documenti Articolo 1 La consultazione degli archivi di APICE è subordinata alla compilazione da parte dello studioso

Dettagli

BOZZA DI REGOLAMENTO DELL ARCHIVIO

BOZZA DI REGOLAMENTO DELL ARCHIVIO BOZZA DI REGOLAMENTO DELL ARCHIVIO ACCESSO E ORARI Art. 1 L Archivio Pareyson è aperto al pubblico, con accesso gratuito, su appuntamento. All Archivio sono ammessi i membri del Centro Studi Filosofico-religiosi

Dettagli

DISPOSIZIONI PER LA CONSULTAZIONE E RIPRODUZIONE DEI FONDI LIBRARI ANTICHI E SPECIALI, ARCHIVISTICI E DOCUMENTARI

DISPOSIZIONI PER LA CONSULTAZIONE E RIPRODUZIONE DEI FONDI LIBRARI ANTICHI E SPECIALI, ARCHIVISTICI E DOCUMENTARI DISPOSIZIONI PER LA CONSULTAZIONE E RIPRODUZIONE DEI FONDI LIBRARI ANTICHI E SPECIALI, ARCHIVISTICI E DOCUMENTARI 1. AMBITO DI APPLICAZIONE Le presenti disposizioni si applicano alla consultazione e riproduzione

Dettagli

Testi regolamentari dell istituzione G. Minguzzi

Testi regolamentari dell istituzione G. Minguzzi Testi regolamentari dell istituzione G. Minguzzi REGOLAMENTO DEL SERVIZIO BIBLIOTECARIO INTEGRATO DELLE BIBLIOTECHE C. GENTILI DELL ISTITUTO DI PSICHIATRIA, P. OTTONELLO DELL UNIVERSITÀ DI BOLOGNA E G.

Dettagli

AZIENDA PUBBLICA DI SERVIZI ALLA PERSONA SOLIDARIETA - MONS. D. CADORE. Allegato allo schema di convenzione per la gestione del

AZIENDA PUBBLICA DI SERVIZI ALLA PERSONA SOLIDARIETA - MONS. D. CADORE. Allegato allo schema di convenzione per la gestione del AZIENDA PUBBLICA DI SERVIZI ALLA PERSONA SOLIDARIETA - MONS. D. CADORE ALLEGATO A) ALLA DELIBERAZIONE C.D.A N. 10 IN DATA 15.04.2016 Allegato allo schema di convenzione per la gestione del Servizio di

Dettagli

FORNITURA DI GAS NATURALE DISCIPLINARE

FORNITURA DI GAS NATURALE DISCIPLINARE FORNITURA DI GAS NATURALE DISCIPLINARE Agosto 2015 A. PREMESSA Il presente appalto ha per oggetto la fornitura di beni affidati da soggetto rientrante nell ambito dei settori speciali, di importo inferiore

Dettagli

COMUNE DI LAZZATE Provincia di Monza e Brianza

COMUNE DI LAZZATE Provincia di Monza e Brianza COMUNE DI LAZZATE Provincia di Monza e Brianza Regolamento per la concessione in uso di beni mobili comunali Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n 23 del 21.05.2003 Integrato con deliberazione

Dettagli

BANDO DI CONCORSO DI IDEE PER LA CREAZIONE DEL LOGO DELLA CONSULTA DEL DECENTRAMENTO

BANDO DI CONCORSO DI IDEE PER LA CREAZIONE DEL LOGO DELLA CONSULTA DEL DECENTRAMENTO BANDO DI CONCORSO DI IDEE PER LA CREAZIONE DEL LOGO DELLA CONSULTA DEL DECENTRAMENTO Premessa L Ordine degli Architetti Pianificatori Paesaggisti e Conservatori di Roma e Provincia al fine di promuovere

Dettagli

REGOLAMENTO SALA VENDITE

REGOLAMENTO SALA VENDITE C.R.A.L. Azienda Ospedaliera Niguarda Ca Granda Tel. 02.6444.2327 - Fax 02.6444.4876 E-mail Segreteria: info@cralniguarda.com Sito: www.cralniguarda.com REGOLAMENTO SALA VENDITE INGRESSO AUTOVETTURE È

Dettagli

REGOLAMENTO DELL ARCHIVIO STORICO

REGOLAMENTO DELL ARCHIVIO STORICO REGOLAMENTO DELL ARCHIVIO STORICO STAZIONE ZOOLOGICA ANTON DOHRN DI NAPOLI (Approvato con delibera del Consiglio di Amministrazione N. 9 del 10/06/2011) Indice TITOLO I: PRINCIPI GENERALI...3 Capo I OGGETTO

Dettagli

Biblioteca di Area Scientifica Carta dei Servizi

Biblioteca di Area Scientifica Carta dei Servizi Biblioteca di Area Scientifica Carta dei Servizi NORME GENERALI La carta dei servizi definisce tutti i servizi che la Biblioteca si impegna ad erogare, le loro modalità d uso, le forme di controllo e le

Dettagli

Fondo Pensione Dipendenti Gruppo ENEL

Fondo Pensione Dipendenti Gruppo ENEL REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DELLE ANTICIPAZIONI DI CUI ALL ART. 27 DELLO STATUTO DEL FOPEN 1. BENEFICIARI Come previsto dal D.Lgs 124/93 e successive modifiche hanno titolo a richiedere l anticipazione

Dettagli

COMUNE DI PALAZZUOLO SUL SENIO Provincia di FIRENZE

COMUNE DI PALAZZUOLO SUL SENIO Provincia di FIRENZE REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE IN USO DI SALE E LOCALI APPROVATO DAL CONSIGLIO COMUNALE CON DELIBERAZIONE N. 38 DEL 29 LUGLIO 2002 \\Srv2\Ufficio\REGOLAMENTI E CONVENZIONI\regolamenti per sito\reg. USO

Dettagli

Destinatari e requisiti

Destinatari e requisiti ALL. 1 COMUNE DI CASTEL BOLOGNESE PROVINCIA DI RAVENNA BANDO PER L ACCESSO, L ASSEGNAZIONE E L EROGAZIONE DEI CONTRIBUTI DESTINATI PER LA TRASFORMAZIONE A GAS METANO E GPL DEGLI AUTOVEICOLI PRIVATI (contributi

Dettagli

Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare

Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Prot. n. 02/ALBO/CN 11 SETTEMBRE 2013 Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare ALBO NAZIONALE GESTORI AMBIENTALI Deliberazione 11 settembre 2013 Regolamento per la gestione telematica

Dettagli

REGOLAMENTO PER L USO DELLA SALA RIUNIONI DENOMINATA CINEMA TIRRENO SITA NELLA FRAZIONE DI BORGO CARIGE PER SCOPI DIVERSI.

REGOLAMENTO PER L USO DELLA SALA RIUNIONI DENOMINATA CINEMA TIRRENO SITA NELLA FRAZIONE DI BORGO CARIGE PER SCOPI DIVERSI. REGOLAMENTO PER L USO DELLA SALA RIUNIONI DENOMINATA CINEMA TIRRENO SITA NELLA FRAZIONE DI BORGO CARIGE PER SCOPI DIVERSI. ARTICOLO 1 1. Il Comune di Capalbio ha a disposizione una sala denominata Cinema

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA ISTITUZIONE E LA GESTIONE DELL ALBO PRETORIO INFORMATICO

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA ISTITUZIONE E LA GESTIONE DELL ALBO PRETORIO INFORMATICO Comune di VALSINNI Provincia di MATERA REGOLAMENTO COMUNALE PER LA ISTITUZIONE E LA GESTIONE DELL ALBO PRETORIO INFORMATICO S O M M A R I O Art. D E S C R I Z I O N E Art. D E S C R I Z I O N E 1 2 3 4

Dettagli

Settore Sviluppo e Cultura REGOLAMENTO DELL ARCHIVIO STORICO COMUNALE

Settore Sviluppo e Cultura REGOLAMENTO DELL ARCHIVIO STORICO COMUNALE Settore Sviluppo e Cultura REGOLAMENTO DELL ARCHIVIO STORICO COMUNALE Allegato alla Deliberazione C.C. n. 26 del 28-07-2014 INDICE PREMESSA DESCRIZIONE DELL ARCHIVIO... 3 TITOLO I PRINCIPI FONDAMENTALI...

Dettagli

Ufficio Affari Generali e Istituzionali. Decreto n. 647Anno 2015. Prot. n. 82680 IL RETTORE

Ufficio Affari Generali e Istituzionali. Decreto n. 647Anno 2015. Prot. n. 82680 IL RETTORE Pubblicato sull'albo Ufficiale (n. 3930) dal 18 giugno 2015 al 3 luglio 2015 Staff di Direzione Ufficio Affari Generali e Istituzionali Ufficio Affari Generali e Istituzionali Decreto n. 647Anno 2015 Prot.

Dettagli

Al direttore del Distretto Sanitario n.ro.. A.S.L.. sede p.c. Al Direttore generale dell Azienda USL

Al direttore del Distretto Sanitario n.ro.. A.S.L.. sede p.c. Al Direttore generale dell Azienda USL n. protocollo Al direttore del Distretto Sanitario n.ro.. A.S.L.. sede p.c. Al Direttore generale dell Azienda USL OGGETTO: RICHIESTA DI AUTORIZZAZIONE PER L EROGAZIONE DI PRESTAZIONI PER LA PROCREAZIONE

Dettagli

DISCIPLINARE PER IL DEPOSITO DI LISTINI, TARIFFARI, OFFERTE E PREVENTIVI E PER IL RILASCIO DI VISTI DI CONFORMITA PER IL MERCATO NAZIONALE

DISCIPLINARE PER IL DEPOSITO DI LISTINI, TARIFFARI, OFFERTE E PREVENTIVI E PER IL RILASCIO DI VISTI DI CONFORMITA PER IL MERCATO NAZIONALE DISCIPLINARE PER IL DEPOSITO DI LISTINI, TARIFFARI, OFFERTE E PREVENTIVI E PER IL RILASCIO DI VISTI DI CONFORMITA PER IL MERCATO NAZIONALE (approvato con deliberazione di Giunta n. 148 del 15/11/2011)

Dettagli

Per una migliore conservazione del patrimonio documentario, considerato dalla legge bene demaniale, si chiede l attiva collaborazione degli utenti.

Per una migliore conservazione del patrimonio documentario, considerato dalla legge bene demaniale, si chiede l attiva collaborazione degli utenti. Regolamento Regolamento della sala di studio e della sala mediateca Per una migliore conservazione del patrimonio documentario, considerato dalla legge bene demaniale, si chiede l attiva collaborazione

Dettagli

REGOLAMENTO NORME RELATIVE AL FUNZIONAMENTO, ALLA CONSULTAZIONE ED AL PRESTITO DELLE PUBBLICAZIONI

REGOLAMENTO NORME RELATIVE AL FUNZIONAMENTO, ALLA CONSULTAZIONE ED AL PRESTITO DELLE PUBBLICAZIONI REGOLAMENTO NORME RELATIVE AL FUNZIONAMENTO, ALLA CONSULTAZIONE ED AL PRESTITO DELLE PUBBLICAZIONI Art. 1 Finalità La Biblioteca del Ministero dello Sviluppo Economico-Commercio Internazionale, denominata

Dettagli

REGOLAMENTO ALBO PRETORIO INFORMATICO DI LAZIOSANITA AGENZIA DI SANITA PUBBLICA DELLA REGIONE LAZIO

REGOLAMENTO ALBO PRETORIO INFORMATICO DI LAZIOSANITA AGENZIA DI SANITA PUBBLICA DELLA REGIONE LAZIO REGOLAMENTO ALBO PRETORIO INFORMATICO DI LAZIOSANITA AGENZIA DI SANITA PUBBLICA DELLA REGIONE LAZIO (Adottato con DEC. n. 470/2010 - Modificato ed integrato con DEC. n. 24/2011) INDICE Art. n. 1 Oggetto

Dettagli

BANDO DI CONCORSO DI IDEE PER LA PROGETTAZIONE DI UNO SPAZIO INCONTRI

BANDO DI CONCORSO DI IDEE PER LA PROGETTAZIONE DI UNO SPAZIO INCONTRI BANDO DI CONCORSO DI IDEE PER LA PROGETTAZIONE DI UNO SPAZIO INCONTRI Premessa L Ordine degli Architetti Pianificatori Paesaggisti e Conservatori di Roma e Provincia, al fine di promuovere forme di partecipazione

Dettagli

REGOLAMENTO PER GLI ARCHIVI STORICI soggetti alla giurisdizione dell Arcivescovo di Bologna. Titolo I PRINCIPI GENERALI E TIPOLOGIA DEGLI ARCHIVI

REGOLAMENTO PER GLI ARCHIVI STORICI soggetti alla giurisdizione dell Arcivescovo di Bologna. Titolo I PRINCIPI GENERALI E TIPOLOGIA DEGLI ARCHIVI REGOLAMENTO PER GLI ARCHIVI STORICI soggetti alla giurisdizione dell Arcivescovo di Bologna Titolo I PRINCIPI GENERALI E TIPOLOGIA DEGLI ARCHIVI ART. 1 L archivio ecclesiastico è la raccolta ordinata e

Dettagli

A.S.L. TO2 Azienda Sanitaria Locale Torino nord

A.S.L. TO2 Azienda Sanitaria Locale Torino nord A.S.L. TO2 Azienda Sanitaria Locale Torino nord riservato all A.S.L. TO 2 struttura presso cui si esercita l accesso: struttura:. SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE REGIONE PIEMONTE Azienda Sanitaria Locale

Dettagli

COMUNE DI LAJATICO REGOLAMENTO TESTAMENTO BIOLOGICO

COMUNE DI LAJATICO REGOLAMENTO TESTAMENTO BIOLOGICO COMUNE DI LAJATICO Che cos è il Testamento biologico REGOLAMENTO TESTAMENTO BIOLOGICO E una dichiarazione anticipata di volontà che consente a ciascuno, finchè si trova nel possesso delle sue facoltà mentali,

Dettagli

Su carta intestata della Pro Loco. Al sig. Prefetto della Provincia di

Su carta intestata della Pro Loco. Al sig. Prefetto della Provincia di Su carta intestata della Pro Loco Al sig. Prefetto della Provincia di Al sig. Sindaco del Comune di Via Spett.le Ministero dell Economia e delle Finanze Amministrazione dei Monopoli di Stato Ufficio Regionale

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA GESTIONE DELL ARCHIVIO STORICO

LINEE GUIDA PER LA GESTIONE DELL ARCHIVIO STORICO LINEE GUIDA PER LA GESTIONE DELL ARCHIVIO STORICO Approvate con Deliberazione di G.C. n. 155 del 24/11/2006 DEFINIZIONE 1. L'archivio storico del comune di Castel Goffredo, istituito con deliberazione

Dettagli

RICHIESTA DOCUMENTAZIONE SANITARIA ( via diretta postale - fax) ll/la sottoscritto/a.. codice fiscale... nato a... il recapito telefonico...

RICHIESTA DOCUMENTAZIONE SANITARIA ( via diretta postale - fax) ll/la sottoscritto/a.. codice fiscale... nato a... il recapito telefonico... Allegato n. 1 Spett.le RICHIESTA DOCUMENTAZIONE SANITARIA ( via diretta postale - fax) ll/la sottoscritto/a.. codice fiscale... nato a..... il recapito telefonico... C H I E D E copia AUTENTICA SEMPLICE

Dettagli

Città di Tortolì Provincia dell Ogliastra

Città di Tortolì Provincia dell Ogliastra Città di Tortolì Provincia dell Ogliastra 08048 Via G. Garibaldi n. 1 0782600700 0782623049 e mail: segreteria.personale@comuneditortoli.it Servizio Segreteria, Affari Generali e Personale Ufficio Personale

Dettagli

Iscrizione nel Registro del Testamento Biologico del Comune di Ronchi dei Legionari - modalità operative -

Iscrizione nel Registro del Testamento Biologico del Comune di Ronchi dei Legionari - modalità operative - Iscrizione nel Registro del Testamento Biologico del Comune di Ronchi dei Legionari - modalità operative - Con decorrenza dal 30 gennaio 2010 Il Comune di Ronchi dei Legionari istituisce il nuovo Registro

Dettagli

Modalità ACCESSO. L accesso alla Biblioteca è consentito, di norma:

Modalità ACCESSO. L accesso alla Biblioteca è consentito, di norma: ACCESSO L accesso alla Biblioteca è consentito, di norma: a docenti, studenti e personale tecnico-amministrativo dell Università di Tor Vergata a studenti iscritti alla Facoltà di Economia dell'università

Dettagli

Allegato 2 Fac simile per la richiesta di accesso ai documenti

Allegato 2 Fac simile per la richiesta di accesso ai documenti Allegato 2 Fac simile per la richiesta di accesso ai documenti RICHIESTA DI ACCESSO AI DOCUMENTI (Legge 7 agosto 1990, n. 241 e successive modificazioni ed integrazioni) Nome: ENEA UNITÀ Via.., n. Città..

Dettagli

PROCEDURA GESTIONE QUALITA PGQ 4.2.3

PROCEDURA GESTIONE QUALITA PGQ 4.2.3 03-10-05 Pagina 1 di 9 Copia on line controllata Questo Documento è emesso con distribuzione riservata e non può essere riprodotto senza il benestare scritto dell I.P.S.S.C.T. P. Verri MODIFICHE AL DOCUMENTO

Dettagli

AVVISO. La durata del presente bando è collegata a quella del progetto regionale, la cui scadenza è prevista per il mese di marzo 2013.

AVVISO. La durata del presente bando è collegata a quella del progetto regionale, la cui scadenza è prevista per il mese di marzo 2013. AVVISO Selezione pubblica, per titoli e colloquio, per il conferimento di incarichi professionali per il progetto Disturbi specifici dell apprendimento SEZIONE A N. 1 incarico di 574 ore a consulente psicologo

Dettagli

PROVINCIA REGIONALE DI MESSINA IX

PROVINCIA REGIONALE DI MESSINA IX PROVINCIA REGIONALE DI MESSINA IX Direzione Infrastrutture Territoriali e Datore di Lavoro Ufficio Area Metropolitana, Infrastrutture,Trasporti e Servizi di distribuzione BANDO PER L AMMISSIONE ALL ESAME

Dettagli

TRA. Il Comune di Secugnago con sede in C.F. , P. IVA, rappresentato dalla. Rag. Maria Ermelinda Mazzucchi. Responsabile dell'area Affari Generali, in

TRA. Il Comune di Secugnago con sede in C.F. , P. IVA, rappresentato dalla. Rag. Maria Ermelinda Mazzucchi. Responsabile dell'area Affari Generali, in BONUS TARIFFA SOCIALE RICHIESTA DELLA TARIFFA SOCIALE PER LA FORNITURA DI ENERGIA ELETTRICA E GAS SOSTENUTA DAI CLIENTI DOMESTICI DISAGIATI, AI SENSI DEL DECRETO INTERMINISTERIALE 28 DICEMBRE 2007 TRA

Dettagli

Provincia Regionale di Ragusa Assessorato Sviluppo Economico e Sociale BANDO

Provincia Regionale di Ragusa Assessorato Sviluppo Economico e Sociale BANDO Provincia Regionale di Ragusa Assessorato Sviluppo Economico e Sociale BANDO per l assegnazione di contributi alle piccole imprese del commercio in sede fissa operanti in provincia di Ragusa che provvedono

Dettagli

Guida operativa per la compilazione dell Atto d Impegno e per la richiesta di erogazione a titolo di anticipazione

Guida operativa per la compilazione dell Atto d Impegno e per la richiesta di erogazione a titolo di anticipazione Promozione dell efficienza energetica e della produzione di energie rinnovabili (in attuazione della DGR n. 611/2008) Guida operativa per la compilazione dell Atto d Impegno e per la richiesta di erogazione

Dettagli

REGOLAMENTO DEI DIRITTI DI ACCESSO DEI CITTADINI ALLE INFORMAZIONI ED AGLI ATTI E DOCUMENTI AMMINISTRATIVI

REGOLAMENTO DEI DIRITTI DI ACCESSO DEI CITTADINI ALLE INFORMAZIONI ED AGLI ATTI E DOCUMENTI AMMINISTRATIVI REGOLAMENTO DEI DIRITTI DI ACCESSO DEI CITTADINI ALLE INFORMAZIONI ED AGLI ATTI E DOCUMENTI AMMINISTRATIVI (Approvato con deliberazione n. 105 del 30.06.1997 del Consiglio Provinciale) Art. 1 Il presente

Dettagli

RIVOLGE ISTANZA DI RILASCIO DI. prima autorizzazione: alla realizzazione; all esercizio;

RIVOLGE ISTANZA DI RILASCIO DI. prima autorizzazione: alla realizzazione; all esercizio; Marca da bollo - euro 14,62 All Assessorato alla sanità, salute e politiche sociali Via de Tillier, 30 11100 AOSTA AO OGGETTO: richiesta di rilascio o di rinnovo di autorizzazione ai sensi dell articolo

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI DELLA BIBLIOTECA DEL SEMINARIO VESCOVILE DI SAN MINIATO

CARTA DEI SERVIZI DELLA BIBLIOTECA DEL SEMINARIO VESCOVILE DI SAN MINIATO BIBLIOTECA DEL SEMINARIO VESCOVILE DIOCESI DI SAN MINIATO CARTA DEI SERVIZI DELLA BIBLIOTECA DEL SEMINARIO VESCOVILE DI SAN MINIATO ORARIO DI APERTURA La Biblioteca del Seminario Vescovile di San Miniato

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO DEI FOTOGRAFI ALLE COMPETIZIONI UFFICIALI DELLA LEGA NAZIONALE PROFESSIONISTI SERIE B PER LA STAGIONE SPORTIVA 2012/2013

REGOLAMENTO PER L ACCESSO DEI FOTOGRAFI ALLE COMPETIZIONI UFFICIALI DELLA LEGA NAZIONALE PROFESSIONISTI SERIE B PER LA STAGIONE SPORTIVA 2012/2013 REGOLAMENTO PER L ACCESSO DEI FOTOGRAFI ALLE COMPETIZIONI UFFICIALI DELLA LEGA NAZIONALE PROFESSIONISTI SERIE B PER LA STAGIONE SPORTIVA 2012/2013 1 1) Il Regolamento per l accesso dei fotografi alle competizioni

Dettagli

COMUNE DI LAZZATE Provincia di Monza e Brianza

COMUNE DI LAZZATE Provincia di Monza e Brianza COMUNE DI LAZZATE Provincia di Monza e Brianza Regolamento per la celebrazione dei matrimoni civili Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n xx del xx.xx.2014 1/9 INDICE Articolo 1 - Oggetto

Dettagli

Guida operativa per la compilazione dell Atto d Impegno e per la richiesta di erogazione a titolo di anticipazione

Guida operativa per la compilazione dell Atto d Impegno e per la richiesta di erogazione a titolo di anticipazione SETTORE E FILIERA DELLA NAUTICA (in attuazione della DGR n. 611/2008) Guida operativa per la compilazione dell Atto d Impegno e per la richiesta di erogazione a titolo di anticipazione INDICE PREMESSA...

Dettagli

ISTRUZIONI. Denuncia di inizio attività circoli privati

ISTRUZIONI. Denuncia di inizio attività circoli privati ISTRUZIONI Denuncia di inizio attività circoli privati Si utilizza questo stampato come D.I.A. per l apertura/trasferimento/subingresso di circolo privato aderente ad Ente od organizzazione nazionale,

Dettagli

Data di ri-pubblicazione bando: 25/01/2008

Data di ri-pubblicazione bando: 25/01/2008 Data di ri-pubblicazione bando: 25/01/2008 BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER L ACQUISTO DI AUTOVEICOLI A BASSO IMPATTO AMBIENTALE E PER LA CONVERSIONE DEI SISTEMI DI ALIMENTAZIONE. 1 Oggetto e

Dettagli

Indirizzo della sede / unità locale operativa Via c.a.p. Città Prov.

Indirizzo della sede / unità locale operativa Via c.a.p. Città Prov. Marca da bollo Euro 14,62 Spett.le CAMERA DI COMMERCIO DI ORISTANO SERVIZIO PROMOZIONE ECONOMICA E REGOLAZIONE DEL MERCATO BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI ALLE IMPRESE DELLA PROVINCIA DI ORISTANO

Dettagli

Modulo di Adesione Partner Servizi ARUBA PEC

Modulo di Adesione Partner Servizi ARUBA PEC Modulo di Adesione Partner Servizi ARUBA PEC La fornitura dei Servizi ARUBA PEC consiste nella vendita al Partner ai fini della rivendita a terzi del servizio di Posta Elettronica Certificata e degli altri

Dettagli

Regolamento del Sistema Bibliotecario dell Università. I. DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1

Regolamento del Sistema Bibliotecario dell Università. I. DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1 Regolamento del Sistema Bibliotecario dell Università I. DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1 1. Il Sistema bibliotecario dell Università è costituito dalle biblioteche presenti nelle sedi dell ateneo, ed è strumento

Dettagli

COMUNE DI MEZZOLOMBARDO (Provincia di Trento)

COMUNE DI MEZZOLOMBARDO (Provincia di Trento) COMUNE DI MEZZOLOMBARDO (Provincia di Trento) DISCIPLINARE PER LA TENUTA DEL REGISTRO DEI TESTAMENTI BIOLOGICI Articolo 1 Registro dei Testamenti Biologici 1. Il Comune di Mezzolombardo istituisce il Registro

Dettagli

Comune di Marigliano Provincia di Napoli

Comune di Marigliano Provincia di Napoli Comune di Marigliano Provincia di Napoli IL RESPONSABILE SETTORE III SERVIZI CIMITERIALE ALLEGATO A In esecuzione della delibera commissariale n. 48 del 05/12/2013 e della determinazione Settore III n.

Dettagli

IL PRESIDENTE. l assenza di personale interno in possesso dei requisiti richiesti o disponibile all incarico; RENDE NOTO

IL PRESIDENTE. l assenza di personale interno in possesso dei requisiti richiesti o disponibile all incarico; RENDE NOTO Prot. n. 4789/C17 Trieste, 24 novembre 2014 CIG: ZF011DE020 BANDO PER CONFERIMENTO DI INCARICO QUALE RESPONSABILE DEL SERVIZIO DI PREVENZIONE E PROTEZIONE (RSPP) AI SENSI DEL TESTO UNICO SULLA SICUREZZA

Dettagli

Consorzio Granterre Società Cooperativa Agricola Via Polonia 30/33 41100 Modena TEL. 059-31.21.62 FAX 059-45.04.41

Consorzio Granterre Società Cooperativa Agricola Via Polonia 30/33 41100 Modena TEL. 059-31.21.62 FAX 059-45.04.41 REGOLAMENTO PER LA RACCOLTA DEL PRESTITO SOCIALE Consorzio Granterre Società Cooperativa Agricola Via Polonia 30/33 41100 Modena TEL. 059-31.21.62 FAX 059-45.04.41 www.granterre.it Art. 1 Il presente Regolamento

Dettagli

REGOLAMENTO RECANTE LA DISCIPLINA DELL'ADESIONE E DELLA CONTRIBUZIONE A PREVICOOPER DEI SOGGETTI FISCALMENTE A CARICO

REGOLAMENTO RECANTE LA DISCIPLINA DELL'ADESIONE E DELLA CONTRIBUZIONE A PREVICOOPER DEI SOGGETTI FISCALMENTE A CARICO PREVICOOPER Fondo Pensione Complementare Nazionale a capitalizzazione dei dipendenti delle imprese della distribuzione cooperativa REGOLAMENTO RECANTE LA DISCIPLINA DELL'ADESIONE E DELLA CONTRIBUZIONE

Dettagli

Articolo 1 (Finalità ed ambito di applicazione)

Articolo 1 (Finalità ed ambito di applicazione) Regolamento relativo alle modalità di finanziamento da parte della Provincia dei programmi di attività elaborati dagli organismi associativi tra apicoltori per promuovere la produzione di prodotti apistici

Dettagli

Regolamento dell Archivio Storico. Titolo I ISTITUZIONE E GESTIONE. Art. 1 Istituzione

Regolamento dell Archivio Storico. Titolo I ISTITUZIONE E GESTIONE. Art. 1 Istituzione Regolamento dell Archivio Storico Titolo I ISTITUZIONE E GESTIONE Art. 1 Istituzione In qualità di comodataria a seguito della convenzione stipulata nel 2010 con UniCredit S.p.A. e dei contratti di comodato

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AREA RISORSE UMANE, ORGANIZZAZIONE E INNOVAZIONE

IL DIRETTORE DELL AREA RISORSE UMANE, ORGANIZZAZIONE E INNOVAZIONE SELEZIONE PUBBLICA PER ESAMI, PER LA FORMAZIONE DI UNA GRADUATORIA PER ASSUNZIONI A TEMPO DETERMINATO DI ASSISTENTE AI SERVIZI AMMINISTRATIVI E CONTABILI CAT. C1. IL DIRETTORE DELL AREA RISORSE UMANE,

Dettagli

ALLEGATO A Modulo di richiesta di accesso formale

ALLEGATO A Modulo di richiesta di accesso formale Ipasvi Milano Lodi Monza e Brianza ALLEGATO A Modulo di richiesta di accesso formale Spett.le Collegio IPASVI di Milano - Lodi - Monza e Brianza Via Adige 20, 20135 Milano Il sottoscritto, nato a il /

Dettagli

REGOLAMENTO BIBLIOTECA AZIENDALE Deliberazione n. 268 del 05.05.2011

REGOLAMENTO BIBLIOTECA AZIENDALE Deliberazione n. 268 del 05.05.2011 REGOLAMENTO BIBLIOTECA AZIENDALE Deliberazione n. 268 del 05.05.2011 Articolo 1 Carattere e finalità La Biblioteca si propone prioritariamente di fornire strumenti utili alla ricerca, all aggiornamento

Dettagli

DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE NR. 100 DEL 19.12.2007

DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE NR. 100 DEL 19.12.2007 DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE NR. 100 DEL 19.12.2007 OGGETTO: CONVENZIONE TRA LA COMUNITÀ MONTANA ED I COMUNI ADERENTI ED ALTRI ENTI PER LA GESTIONE UNIFICATA DEL SERVIZIO DI PREVENZIONE E SICUREZZA

Dettagli

Articolo 1 (Finalità e ambito di applicazione)

Articolo 1 (Finalità e ambito di applicazione) Regolamento relativo alle modalità di finanziamento da parte della Provincia dei programmi di attività elaborati dagli organismi associativi tra apicoltori per promuovere la produzione di prodotti apistici

Dettagli

DOTE SCUOLA FAQ. Posso avere una valutazione indicativa del mio ISEE prima di fare richiesta della certificazione formale?

DOTE SCUOLA FAQ. Posso avere una valutazione indicativa del mio ISEE prima di fare richiesta della certificazione formale? DOTE SCUOLA FAQ REQUISITI E RICHIEDENTI Cosa è l'isee e come lo posso ottenere? L ISEE (Indicatore della Situazione Economica Equivalente) è uno strumento di valutazione della situazione economica che

Dettagli

INFORMAZIONI UTILI PER LE ORGANIZZAZIONI DI VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE CHE INTENDONO INOLTRARE RICHIESTA DI CONTRIBUTO AL DIPARTIMENTO DELLA

INFORMAZIONI UTILI PER LE ORGANIZZAZIONI DI VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE CHE INTENDONO INOLTRARE RICHIESTA DI CONTRIBUTO AL DIPARTIMENTO DELLA INFORMAZIONI UTILI PER LE ORGANIZZAZIONI DI VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE CHE INTENDONO INOLTRARE RICHIESTA DI CONTRIBUTO AL DIPARTIMENTO DELLA PROTEZIONE CIVILE CONTRIBUTI Il Dipartimento può concedere

Dettagli

Allegato Mod. T (compilare in stampatello) il / / scadenza il / /

Allegato Mod. T (compilare in stampatello) il / / scadenza il / / Richiesta nominativa di nulla osta per Allo Sportello Unico per familiare al seguito ai sensi l Immigrazione dell art. 29 del D.LG.VO n.286/98 di come modificato dalla legge n.189/02 sigla provincia (1)

Dettagli

REGOLAMENTO AZIENDALE

REGOLAMENTO AZIENDALE REGOLAMENTO AZIENDALE Utilizzo Sale Convegni e Riunioni Approvato con delibera N. del Articolo 1-Scopi e ambito di applicazione Il presente regolamento disciplina la concessione in uso e l utilizzazione

Dettagli

Approvato con deliberazione della Giunta Provinciale n. 254 del 23/12/2013.

Approvato con deliberazione della Giunta Provinciale n. 254 del 23/12/2013. BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER LA SOSTITUZIONE DI GENERATORI DI CALORE Approvato con deliberazione della Giunta Provinciale n. 254 del 23/12/2013. 1. FINALITÀ DELL INIZIATIVA La Provincia di

Dettagli

Direzione Centrale Prestazioni a Sostegno del Reddito Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici Direzione Centrale Organizzazione

Direzione Centrale Prestazioni a Sostegno del Reddito Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici Direzione Centrale Organizzazione Direzione Centrale Prestazioni a Sostegno del Reddito Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici Direzione Centrale Organizzazione Roma, 18/04/2012 Circolare n. 56 Ai Dirigenti centrali e periferici

Dettagli

ASP POVERI VERGOGNOSI

ASP POVERI VERGOGNOSI ASP POVERI VERGOGNOSI AVVISO PUBBLICO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICO DI CONSULENZA SPECIALISTICA IN MATERIA DI DIRITTO DELLE ASSICURAZIONI E DIRITTO AMMINISTRATIVO ai sensi del Regolamento dei lavori,

Dettagli

Il Segretario generale

Il Segretario generale Il Segretario generale Visto il Regolamento per l organizzazione ed il funzionamento degli uffici amministrativi e degli altri uffici con compiti strumentali e di supporto alle attribuzioni della Corte

Dettagli

MODULO DI RICHIESTA FOTORIPRODUZIONI PER USO PROFESSIONALE/EDITORIALE

MODULO DI RICHIESTA FOTORIPRODUZIONI PER USO PROFESSIONALE/EDITORIALE PENITENZIERIA APOSTOLICA Archivio MODULO DI RICHIESTA FOTORIPRODUZIONI PER USO PROFESSIONALE/EDITORIALE Dati del Richiedente: Cognome Nome Via CAP Città Nazione Telefono e-mail Chiede alla Direzione dell

Dettagli

a) ambulatoriale Apporre marca da bollo MODELLO 1 apertura ed esercizio di struttura sanitaria privata Al Comune di BUCINE UFFICIO ATTIVITA PRODUTTIVE

a) ambulatoriale Apporre marca da bollo MODELLO 1 apertura ed esercizio di struttura sanitaria privata Al Comune di BUCINE UFFICIO ATTIVITA PRODUTTIVE MODELLO 1 apertura ed esercizio di struttura sanitaria privata Apporre marca da bollo 14.62 Al Comune di BUCINE UFFICIO ATTIVITA PRODUTTIVE Il/la sottoscritto/a CHIEDE ai sensi della L.R. 23 febbraio 1999

Dettagli

GARA INFORMALE BANDO N. 43/2007. Precisazioni in ordine alla consegna dei plichi di offerta.

GARA INFORMALE BANDO N. 43/2007. Precisazioni in ordine alla consegna dei plichi di offerta. GARA INFORMALE BANDO N. 43/2007 Precisazioni in ordine alla consegna dei plichi di offerta. Si precisa che a partire dalla procedura di gara nr.30/2007 sono state introdotte diverse modalità di consegna

Dettagli

La gestionedella cartella sanitaria e di rischio ai sensi del dlgs 81/08. HSR Resnati spa

La gestionedella cartella sanitaria e di rischio ai sensi del dlgs 81/08. HSR Resnati spa La gestionedella cartella sanitaria e di rischio ai sensi del dlgs 81/08 HSR Resnati spa dott. Rino Donghi 29 novembre 2008 Premessa Il dlgs 81/08 del 29 aprile 08, in particolare agli artt. 25, 38 e 41,

Dettagli

Ragione Sociale: Nome e Cognome (referente): Partita Iva: Indirizzo sede legale: Città: Provincia: Cap: Telefono: Email: (registrazione):

Ragione Sociale: Nome e Cognome (referente): Partita Iva: Indirizzo sede legale: Città: Provincia: Cap: Telefono: Email: (registrazione): ID AZIENDA # Da Rispedire tramite mail / FAX: commerciale@preventivami.it Fax +39 080.9692345 oppure raccomandata A/R: Spett.le Preventivami.it GIDA Srl Via Fratelli Philips, 9 70132 Bari DATI DELL'AZIENDA:

Dettagli

Oggetto: Domanda di contributo per azioni ed iniziative in tema di politiche di immigrazione.

Oggetto: Domanda di contributo per azioni ed iniziative in tema di politiche di immigrazione. Modello di domanda Modello A (da presentare su carta intestata) MARCA DA BOLLO 1 Alla Provincia di Asti Servizio Promozione Socio-Culturale Ufficio Politiche Sociali P.zza Alfieri, 33 14100 - ASTI Oggetto:

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA RACCOLTA DEL PRESTITO SOCIALE

REGOLAMENTO PER LA RACCOLTA DEL PRESTITO SOCIALE REGOLAMENTO PER LA RACCOLTA DEL PRESTITO SOCIALE Articolo 1 - Oggetto 1.1. Il presente Regolamento disciplina la raccolta di prestiti dai soci in conformità all'articolo 7 dello statuto sociale. 1.2. Tale

Dettagli

Richiesta accesso agli atti

Richiesta accesso agli atti ISTITUTO TECNICO STATALE COMMERCIALE E PER GEOMETRI GUGLIELMO MARCONI Corso dei Martiri pennesi n 6 65017 PENNE (PESCARA) Tel.Presidenza 085.82.79.542 Segreteria e Fax 085.82.70.776 C.F.: 80005810686 -

Dettagli

1 AVVISO ANNO 2014 Acquisto beni materiali con finalità sociale ART. 1 PROMOTORE E OBIETTIVI DEL AVVISO ART. 2 TIPOLOGIA DEI PARTECIPANTI

1 AVVISO ANNO 2014 Acquisto beni materiali con finalità sociale ART. 1 PROMOTORE E OBIETTIVI DEL AVVISO ART. 2 TIPOLOGIA DEI PARTECIPANTI 1 AVVISO ANNO 2014 Acquisto beni materiali con finalità sociale ART. 1 PROMOTORE E OBIETTIVI DEL AVVISO La Fondazione della Comunità Salernitana Onlus promuove un avviso in collaborazione con il Fondo

Dettagli

CHIEDE IL RILASCIO DELLA COPIA E/O LA VISURA

CHIEDE IL RILASCIO DELLA COPIA E/O LA VISURA AL SIGNOR SINDACO DEL COMUNE DI MILANO DIREZIONE CENTRALE SVILUPPO DEL TERRITORIO SETTORE SPORTELLO UNICO PER L EDILIZIA UFFICIO CONDONO - VIA EDOLO,19-1 PIANO - STANZA 102 ORARIO DI SPORTELLO: DA LUNEDI

Dettagli

AL REGISTRO REGIONALE DELLE ASSOCIAZIONI DI SOLIDARIETÀ FAMILIARE

AL REGISTRO REGIONALE DELLE ASSOCIAZIONI DI SOLIDARIETÀ FAMILIARE DISCIPLINA RELATIVA All. D) DGR n..del.. AL REGISTRO REGIONALE DELLE ASSOCIAZIONI DI SOLIDARIETÀ FAMILIARE 1. PREMESSA In attuazione di quanto previsto dall art. 36 della l.r. 14 febbraio 2008, n. 1 che

Dettagli

MODELLO DI RICHIESTA DI: PATROCINIO COMPARTECIPAZIONE UTILIZZO DI SALE E SPAZI DELLA PROVINCIA DI PAVIA

MODELLO DI RICHIESTA DI: PATROCINIO COMPARTECIPAZIONE UTILIZZO DI SALE E SPAZI DELLA PROVINCIA DI PAVIA PROVINCIA DI PAVIA MODELLO DI RICHIESTA DI: PATROCINIO COMPARTECIPAZIONE UTILIZZO DI SALE E SPAZI DELLA PROVINCIA DI PAVIA NOTA COMPILATIVA: La richiesta deve essere sottoscritta dal Legale Rappresentante

Dettagli

REGOLAMENTO QUADRO DEI SERVIZI

REGOLAMENTO QUADRO DEI SERVIZI UNIVERSITA' DEGLI STUDI - L'AQUILA Sistema Bibliotecario di Ateneo REGOLAMENTO QUADRO DEI SERVIZI Approvato dal Consiglio per il Sistema Bibliotecario di Ateneo in data 12 dicembre 2005 REGOLAMENTO QUADRO

Dettagli

BANDO 2012 ASSEGNAZIONE CONTRIBUTI PER LA MICRORACCOLTA DI RIFIUTI CONTENENTI AMIANTO (RCA) EFFETTUATA DAL SINGOLO CITTADINO DEL COMUNE DI CAVAGNOLO

BANDO 2012 ASSEGNAZIONE CONTRIBUTI PER LA MICRORACCOLTA DI RIFIUTI CONTENENTI AMIANTO (RCA) EFFETTUATA DAL SINGOLO CITTADINO DEL COMUNE DI CAVAGNOLO BANDO 2012 ASSEGNAZIONE CONTRIBUTI PER LA MICRORACCOLTA DI RIFIUTI CONTENENTI AMIANTO (RCA) EFFETTUATA DAL SINGOLO CITTADINO DEL COMUNE DI CAVAGNOLO Il Comune di Cavagnolo intende incentivare con un contributo

Dettagli

Giunta Regionale della Campania. Bollettino Ufficiale della Regione Campania n 23 del 26 maggio 2003

Giunta Regionale della Campania. Bollettino Ufficiale della Regione Campania n 23 del 26 maggio 2003 Giunta Regionale della Campania Bollettino Ufficiale della Regione Campania n 23 del 26 maggio 2003 REGIONE CAMPANIA Giunta Regionale - Seduta del 24 aprile 2003 - Deliberazione N. 1537 - Area Generale

Dettagli