IL CONSIGLIO COMUNALE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "IL CONSIGLIO COMUNALE"

Transcript

1 CC 25 del Oggetto: Bilancio di previsione per l esercizio 2013 Relazione previsionale e programmatica per il triennio Bilancio pluriennale per il triennio Esame ed approvazione. IL CONSIGLIO COMUNALE Visto l art. 162, comma 1, del D.Lgs. 267/2000, a norma del quale gli enti locali deliberano annualmente il bilancio di previsione finanziario redatto in termini di competenza, per l'anno successivo, osservando i princìpi di unità, annualità, universalità ed integrità, veridicità, pareggio finanziario e pubblicità ; Visto l art. 171, comma 1, del D.Lgs. 267/2000, il quale dispone che gli enti locali allegano al bilancio annuale di previsione un bilancio pluriennale di competenza, di durata pari a quello della Regione di appartenenza e comunque non inferiore a tre anni, con osservanza dei princìpi del bilancio di cui all'articolo 162, escluso il principio dell'annualità ; Visto l art. 170, comma 1, del D.Lgs. 267/2000, ai sensi del quale gli enti locali allegano al bilancio annuale di previsione una relazione previsionale e programmatica che copra un periodo pari a quello del bilancio pluriennale ; Visto l art. 172, comma 1, del D.Lgs. 267/2000, per il quale al bilancio di previsione sono allegati i seguenti documenti: a) il rendiconto deliberato del penultimo esercizio antecedente quello cui si riferisce il bilancio di previsione [ ]; b) le risultanze dei rendiconti o conti consolidati delle unioni di comuni, aziende speciali, consorzi, istituzioni, società di capitali costituite per l'esercizio di servizi pubblici, relativi al penultimo esercizio antecedente quello cui il bilancio si riferisce; c) la deliberazione, da adottarsi annualmente prima dell'approvazione del bilancio, con la quale i comuni verificano la quantità e qualità di aree e fabbricati da destinarsi alla residenza, alle attività produttive e terziarie - ai sensi delle leggi 18 aprile 1962, n. 167, 22 ottobre 1971, n. 865, e 5 agosto 1978, n. 457, - che potranno essere ceduti in proprietà od in diritto di superficie; con la stessa deliberazione i comuni stabiliscono il prezzo di cessione per ciascun tipo di area o di fabbricato; d) il programma triennale dei lavori pubblici di cui alla legge 11 febbraio 1994, n. 109; e) le deliberazioni con le quali sono determinati, per l'esercizio successivo, le tariffe, le aliquote d'imposta e le eventuali maggiori detrazioni, le variazioni dei limiti di reddito per i tributi locali e per i servizi locali, nonché, per i servizi a domanda individuale, i tassi di copertura in percentuale del costo di gestione dei servizi stessi; f) la tabella relativa ai parametri di riscontro della situazione di deficitarietà strutturale prevista dalle disposizioni vigenti in materia. Visto il D.P.R. 31 gennaio 1996, n. 194, recante il regolamento di approvazione dei modelli di cui all art. 160, comma 1, del D.Lgs. 267/2000; Visto il comma 1 dell art. 151 del d.lgs. 267 del , prevede che gli enti locali deliberino entro il 31 dicembre il bilancio di previsione per l anno successivo, osservando i principi di unità, annualità, universalità ed integrità, veridicità, pareggio finanziario e pubblicità; Visto il Decreto Milleproroghe che, ha disposto il rinvio al 30/06/2012 del termine per la deliberazione del bilancio di previsione degli enti locali; Visto il DL n. 35/2013 che ha differito il termine per l approvazione del bilancio di previsione al 30/09/2013;

2 Visto altresì il D.L. 102/2013 che differisce ulteriormente il termine per l approvazione del bilancio di previsione al 30/11/2013; Visto il Decreto Ministeriale 9 dicembre 2010, con il quale il Ministero dell Interno ha disposto la riduzione dei trasferimenti erariali a ciascun comune con popolazione superiore a abitanti; Il D.Lgs. 118/2011 e s.m.i. che detta disposizioni in materia di armonizzazione dei sistemi contabili di prossima attuazione, indica nuovi principi contabili cui ci si dovrà attendere quando si passerà al nuovo tipo di contabilità; Visto che, l entrata in vigore del Decreto Legge 6 Dicembre 2011, convertito in Legge 22 Dicembre 2011, n. 214, ha anticipato, con decorrenza dallo 01/01/2012, l istituzione della nuova I.M.U. Imposta Municipale Sperimentale sostituendo contestualmente l I.C.I. (Imposta Comunale sugli Immobili); Visto l articolo 1 comma 380 lett. a) e lett. f) della Legge 228/2012, che dispone, per l anno 2013, una diversa destinazione del gettito IMU 2013 in riferimento a talune tipologie di immobili rispetto al precedente anno di imposta 2012; Visto il D.L. 102 del 31 agosto 2013 che: - all art. 1 abroga, per l anno 2013 la prima rata dell IMU relativamente alle abitazioni principali e relative pertinenze, alle unità immobiliari appartenenti alle cooperative edilizie a proprietà indivisa, agli alloggi regolarmente assegnati dagli istituti autonomi per le case popolari, ai terreni e fabbricati rurali di cui all art. 13 commi 4, 5 e 8 del D.L. 201/2011; - all art. 3 prevede rimborsi ai comuni per il minor gettito IMU derivante dall applicazione degli artt. 1 e 2 - all art. 5 interviene nella normativa relativa all applicazione della TARES, per l anno 2013 Visto il D. L. 95/2012 Spending Review ed in particolare l articolo 16 che ha dettato disposizioni in materia di riduzioni, per l anno 2013, da apportare al Fondo Sperimentale di Riequilibrio; Visto il D.P.R. 3 agosto 1998, n. 326 recante il regolamento di approvazione del modello di relazione previsionale e programmatica di cui all art. 160, comma 2, del D.Lgs. 267/2000; Visto l art. 174, comma 1, del D.Lgs. 267/2000, a norma del quale lo schema di bilancio annuale di previsione, la relazione previsionale e programmatica e lo schema di bilancio pluriennale sono predisposti dall'organo esecutivo e da questo presentati all'organo consiliare unitamente agli allegati ed alla relazione dell'organo di revisione ; Vista la deliberazione della Giunta Comunale n. 75 del con la quale sono stati predisposti gli schemi del bilancio di previsione annuale per l anno 2012, della Relazione previsionale e programmatica e del Bilancio pluriennale di competenza 2012/2014, nonché lo schema definitivo del programma triennale dei lavori pubblici 2012/2014 e dell elenco annuale dei lavori pubblici per l anno 2012; Atteso che l Amministratore Comunale, alla luce delle sopra esposte disposizioni afferenti la finanza locale, intende procedere nell iter di approvazione dei documenti di programmazione finanziaria del triennio 2013/2015; Visto il D.L.138/2011; Vista la nota prot.804 del 07/03/2012 dell ufficio ragioneria; Visto altresì l art. 9 comma 3 del ddl collegato alla manovra finanziaria 2009 riguardante disposizioni per lo sviluppo economico, la semplificazione, la competitività, la stabilizzazione della finanza pubblica e la perequazione tributaria che prevede per i Comuni fino a 5000 abitanti l esenzione dall obbligo di redigere: La relazione previsionale e programmatica

3 Il bilancio pluriennale Il programma triennale dei lavori pubblici Che sarano sostituiti con gli adempimenti individuati nel regolamento, in attesa di emanazione, con il quale saranno, inoltre, previsti nuovi modelli e schemi contabili semplificati per la redazione del bilancio di previsione, del conto consuntivo e del conto del patrimonio; Premesso: - che trattasi di un bilancio che si muove sulle linee guida già fissate negli anni precedenti: - che in data 03/12/2012 prot. dal 3792 al 3801 i consiglieri/assessori comunali hanno espressamente rinunciato al gettone di presenza per la partecipazione alle sedute del Consiglio Comunale e della Giunta Comunale - che in data 5 agosto 2013 con nota prot. 2622, è stata notificata a tutti i consiglieri comunali copia della seguente documentazione: Relazione della Giunta Comunale al Bilancio di Previsione 2013 Bilancio di Previsione 2013 parte entrata e parte spesa P.e.g. triennio parte entrata e parte spesa Quadro degli equilibri di bilancio Spese d investimento triennio (all interno della relazione) Servizi a domanda individuale Dimostrazione rispetto del patto di stabilità Richiamate le deliberazioni di Giunta Comunale n.: - 81 del Determinazione della copertura dei costi dei servizi a domanda individuale anno 2013; - 80 del 17/07/2013 Destinazione quota delle sanzioni amministrative per violazioni al codice della strada; - 91 del 10/12/2012 Esame ed approvazione modificazioni al Piano Triennale delle opere pubbliche ; - 52 del 29/05/2013 Approvazione elenco dei beni non strumentali all esercizio delle funzioni istituzionali anno 2013 ; Preso atto che il Comune di Villachiara dall anno 2010 fa parte dell Unione dei Comuni BBo con sede in Orzinuovi (delibera cc 25 del 08/06/2010); Visto l allegato D previsione delle spese massime di personale dell unione anno 2013 alla delibera di approvazione del Bilancio di previsione dell Unione bbo, atto n. 9 del 31/05/2013; Il Sindaco, Bertoletti Elvio, illustra brevemente le linee guida del bilancio di Previsione per l esercizio finanziario 2011, ed il Bilancio Pluriennale 2013/2015 e da lettura della Relazione previsionale e programmatica, approvata con deliberazione della Giunta Comunale n. 75 del ; Udita la relazione dell assessore Paolo Zanoni qui di seguito riportata: E paradossale che a poco più di tre mesi dalla fine dell anno, in un periodo in cui normalmente se ne verificano gli equilibri, il Consiglio comunale sia riunito per discutere ed approvare il bilancio di previsione per il Non era mai accaduto, salvo, se non erro, durante la Grande Guerra, quando diversi consiglieri erano impegnati al fronte ed i bilanci vennero rinviati a dopo la fine del conflitto. Malgrado il ritardo eccezionale, si può dire che importanti poste in entrata si siano dovute scrivere sulla sabbia, rimanendo fortemente incerto il loro puntuale accertamento. Mi riferisco in particolare all IMU, l imposta principale sulla quale i comuni fondano la copertura delle spese correnti,

4 accaparratasi in parte rilevante dallo Stato per non alzare ulteriormente l imponente montagna del debito pubblico. Un esproprio in piena regola che, se non cesserà, provocherà presto il dissesto delle finanze comunali. Se infatti sono stati appostati in entrata euro di IMU, pari alla somma incassata nel 2012, il comune di Villachiara ne ha riscosso con la prima rata meno di Quella a cui assistiamo è la tangibile conseguenza della soppressione dell IMU sulle prime case e sui terreni agricoli pretesa dal Popolo della Libertà sotto il ricatto della decadenza del governo Letta. La vicenda dell IMU sull abitazione principale e sui terreni agricoli è esemplare di come la demagogia politica abbia giocato spregiudicatamente sulla pelle degli Enti locali. Peraltro la sua abolizione reca in sé la palese iniquità di favorire i ceti più abbienti che dispongono di residenze di livello medio e alto, con limitato beneficio per le famiglie normali che costituiscono la stragrande maggioranza del corpo sociale nazionale. Il governo ha promesso ai comuni di restituire il maltolto, non si sa come, quando e in quale misura, mentre le casse municipali languono, facendo temere l apertura di buchi o voragini nei bilanci. Tra l altro il grazioso regalo di due miliardi di euro concesso ai soggetti benestanti, pare precludere la possibilità di scongiurare l aumento dell aliquota IVA maggiore destinato a scattare il prossimo primo ottobre. Esso andrebbe a colpire indistintamente tutti i cittadini deprimendo ulteriormente i consumi interni e quindi i livelli produttivi ed occupazionali. Le nefaste prospettive per le finanze municipali sono rese ancora più negative dall incertezza sui trasferimenti dal Fondo statale di solidarietà, di cui non sono stati ancora comunicati gli importi, procedendo finora con l accredito di acconti. Si naviga dunque a vista tra le nebbie verso la fine dell anno, accompagnati dal preoccupante sospetto di ritrovarci alla meta con un disavanzo oggi non quantificabile e che l esiguo tempo disponibile non permetterebbe di fronteggiare efficacemente. Questo nonostante la prudenza e l oculatezza usate finora nella gestione della spesa. La verità, ormai acclarata, è che, a partire dall ultimo governo Berlusconi, le autonomie locali hanno dovuto e dovranno ancora pagare più del dovuto le stringenti condizioni da esso sottoscritte con l Unione Europea per contenere il deficit annuo del bilancio statale entro il 3% e per il graduale rientro dal gigantesco debito pubblico accumulato. In tale ottica va vista l estensione, a partire dal primo gennaio 2013, dei vincoli del Patto di Stabilità interno ai comuni compresi tra i ed i abitanti. Per quest anno l onere di cui si devono caricare i comuni lombardi, tra tagli e obiettivi, ammonta a 1,8 miliardi di euro, il che si traduce per Villachiara in euro. Una cifra spropositata, parzialmente attenuata dal Patto di Stabilità territoriale approvato dalla regione dietro le pressioni esercitate dall ANCI per euro. Tale somma permetterà il pagamento di alcune manutenzioni e di realizzare le asfaltature stradali più urgenti. Non di meno i vincoli imposti stanno facendo sentire tutta la loro negatività. In pratica il comune può spendere solo quanto incassa, mentre nei tempi correnti di crisi estenuante che viviamo, le entrate si sono ridotte al lumicino mettendo in discussione il mantenimento dei servizi erogati alla cittadinanza che sono l essenza e la ragion d essere dei piccoli comuni. Oltre all assurdo Patto di Stabilità, il comune di Villachiara deve scontare i tagli imposti dalla cosiddetta Spending Review per circa euro. Ricordo che il decreto legge 95 del 2012 varato dal governo Monti, ha tolto ai comuni 500 milioni in quell anno e ne chiede 2,25 nel 2013, 2,5 nel 2014 e 2,6 a partire dal La legge 135 che la istituisce, prevede tra l altro dal primo gennaio 2014 l obbligo per i piccoli municipi della gestione in forma associata di nove funzioni fondamentali attraverso l Unione dei comuni, nel nostro caso l Unione dei Comuni Lombarda Bassa Bresciana Occidentale, costituita da pochi anni da 9 Enti locali del circondario di Orzinuovi. La gravità della situazione che impedisce ai piccoli comuni di operare normalmente ha indotto le loro associazioni a premere sul governo per ottenere un ammorbidimento dei provvedimenti vigenti e l abolizione del Patto di Stabilità cui devono sottostare. Si fa affidamento per questo sulla prossima Legge di Stabilità che il governo deve varare nel mese di ottobre. Purtroppo su tutto incombe una crisi economica epocale che non lascia molti spazi alla speranza e che sta mettendo a dura prova la resistenza di tante famiglie. Dopo decenni di progressi la società italiana sta conoscendo un periodo di recessione e di impoverimento diffuso. Ogni giorno emergono nuove povertà che evocano i registri dei poveri di triste memoria, quando solo la sotto

5 categoria dei miserabili poteva essere soccorsa dalla pubblica carità. Oggi, per carenza di risorse, il comune può fare ben poco per fronteggiare una situazione in rapida involuzione. Per non impattare negativamente su uno stato delle cose assai precario, l Amministrazione comunale cerca di mantenere per quanto possibile i servizi erogati ed inalterate le tariffe ed i tributi. Vengono così confermate le aliquote IMU e l addizionale IRPEF dello 0,5%, mentre l introduzione delle nuova tassa sui rifiuti TARES non potrà eludere l addizione di 30 centesimi sull 80% della superficie calpestabile degli immobili, che il comune deve obbligatoriamente incassare e devolvere a favore dello Stato. Sul fronte degli investimenti in opere pubbliche, buio pesto. Complice la crisi nera che attanaglia il settore edile, da tempo immobile, anche i euro di proventi da concessioni messi in entrata, potrebbero risultare ottimistici. I contributi richiesti alla Regione ed alla Provincia, supportati da domande e progetti specifici a suo tempo presentati, sono invece appesi ad esili possibilità di accoglimento. L orizzonte che si profila al momento della tardiva approvazione del bilancio di previsione per l anno in corso, risulta quindi alla luce di quanto sopra espresso, piuttosto plumbeo e gravido di incognite. In sostanza l azione del comune è bloccata e, se le previsioni non si verificassero positivamente, ci troveremmo di fronte alla concreta possibilità di trovare alla fine di dicembre con un buco di bilancio. Non certo per demerito ed incapacità degli amministratori e del personale. La politica dei tagli e delle strette finanziarie reiterata negli ultimi anni da parte dei governi centrali, sta portando al pratico svuotamento ed immiserimento delle funzioni proprie degli Enti locali. Essi rischiano concretamente di non essere più in grado di assicurare ai loro cittadini i servizi essenziali e di mettere in cantiere le opere più urgenti. La tanto strombazzata riforma in senso federale dello Stato italiano, di cui le autonomie comunali dovevano essere uno dei pilastri portanti, è tramontata prima ancora di realizzarsi. Il rischio è che alla fine si risolva tutto in un cumulo di adempimenti burocratici e di carte che, gravando sulle tasche dei cittadini contribuenti, non restituisce loro un adeguato corrispettivo di servizi e di opere. Tutto ciò sta portando fatalmente all agonia dei piccoli comuni e ad un incerto destino da cui non si deve escludere la loro soppressione e fusione in entità più grandi. Visti altresì i sottoelencati allegati allo schema del bilancio di previsione per l anno 2013, presentati dall organo esecutivo a norma dell art. 174, comma 1, del D.lgs. 267/2000: deliberazione consiliare n. 10 del , esecutiva, di approvazione del Rendiconto dell esercizio finanziario 2012, penultimo esercizio antecedente quello cui si riferisce il bilancio di previsione; deliberazione Giunta Comunale n. 32 del 27/02/2013 Programma triennale delle assunzioni e fabbisogno del personale deliberazione consiliare n. 45 del , di verifica della quantità e qualità di aree e fabbricati da destinarsi alla residenza, alle attività produttive e terziarie - ai sensi delle leggi 167/62, 865/71 e 457/78, - che potranno essere ceduti in proprietà od in diritto di superficie; la tabella relativa ai parametri di riscontro della situazione di deficitarietà strutturale, allegate al Rendiconto dell E.F. 2013; deliberazione della Giunta comunale n. 80 del , con la quale si è provveduto alla individuazione delle destinazioni dei proventi delle sanzioni amministrative pecuniarie per violazioni delle norme del codice della strada per l anno 2012, a norma dell art. 208 del D.Lgs. 285/92; deliberazione della Giunta comunale n. 81 del , di determinazione delle tariffe dei servizi pubblici locali a domanda individuale e percentuali di copertura, per l anno 2013; Richiamate le proprie deliberazioni: - n. 23 del , di determinazione delle aliquote e detrazioni IMU comunale sugli immobili per l anno 2013; - n. 36 del , di determinazione dell aliquota dell addizionale comunale all IRPEF e dell aliquota per l anno 2013; - n.21 del , di determinazione della TARSU per l anno 2011;

6 - n.24 del Manovra tariffaria n. 56 del determinazione dell imposta sulla pubblicità. Conferma aliquote per l anno n. 55 del 21/12/2011 determinazione canone per l occupazione di aree e spazi pubblici 2012 ; Visto il comma 189 dell art. 1 della Legge Finanziaria per l anno 2007, che istituisce, in favore dei comuni, una compartecipazione dello 0,69 per cento al gettito dell IRPEF, a decorrere dal , con corrispondente riduzione annua costante, di pari ammontare, a decorrere dalla stessa data, del complesso dei trasferimenti erariali; Tenuto conto che il successivo comma 190 dell art. 1 della medesima Legge stabilisce che dall anno 2007 per ciascun comune è operata e consolidata una riduzione dei trasferimenti ordinari in misura proporzionale alla riduzione complessiva, di cui al comma 189, operata sul fondo ordinario ed è attribuita una quota di compartecipazione in eguale misura, tale da garantire l invarianza delle risorse; e che, in base al comma 191, a decorrere dall anno 2008 l incremento del gettito compartecipato, rispetto all'anno 2007, derivante dalla dinamica dell'imposta sul reddito delle persone fisiche, è ripartito fra i singoli comuni secondo criteri definiti con decreti ministeriali. Visto l allegato n. 22, con il quale sono stati approvati i servizi a domanda individuale e la relativa percentuale di copertura, pari al 96.15% complessiva; Dato atto che: - per l anno 2013 non si hanno aree da destinarsi alla residenza, alle attività terziari, ai sensi delle leggi n. 167 del , n. 865 del e 457 del , che potranno essere cedute in proprietà o in diritto di superficie e che con la deliberazione del Consigli comunale n. 45 del di verifica della quantità e della qualità delle aree del PEEP e PIP è stato stabilito il prezzo di cessione per ciascun tipo di area, pertanto non è stato provveduto; - il piano investimenti è conforme agli strumenti urbanistici vigenti; - questo comune ha affidato in concessione alla Cogeme spa di Rovato il servizio depurazione e fognatura con deliberazione consiliare n. 58 del e che risultano comunque di fatto adempiuti gli obblighi previsti dall art. 14, comma 1, della legge n. 36 del ; - nel bilancio sono stabiliti gli stanziamenti destinati alla corresponsione delle indennità agli amministratori e consiglieri dell ente nelle misure stabilite dal Decreto Ministeriale n. 119 del 4 aprile 2000 Allegato A, e che, tutti i consiglieri presenti hanno rinunciato in data alla corresponsione delle suddette indennità per l anno 2013; - l addizionale comunale all IRPEF è stata calcolata tenendo conto della base imponibile relativa alle dichiarazioni dei redditi delle persone fisiche presentate nell anno 2009 comunicateci dal Ministero delle finanze; - i consiglieri comunali, nella seduta odierna, hanno espressamente rinunciato ai gettoni di presenza per l anno 2014; Visto che il Bilancio così proposto chiude con le seguenti risultanze: Titolo I entrate tributarie uro ,00 Titolo I spese correnti uro ,00

7 Titolo II entrate da contributi e trasferimenti correnti dello Stato, della Regione e di altri Enti Pubblici anche in rapporto all esercizio di funzioni delegate dalla regione Titolo III entrate extratributarie Titolo IV entrate da alienazioni, da trasferimenti di capitale e da riscossioni di crediti uro ,00 uro ,00 uro ,00 Titolo II: Spese in conto capitale uro ,00 TOTALE ENTRATE FINALI uro ,00 TOTALE SPESE FINALI uro ,00 Titolo V entrate derivanti da uro ,00 Titolo III spese per uro ,00 accensione di prestiti rimborso prestiti Titolo VI entrate da servizi uro ,00 Titolo IV spese per uro ,00 per conto terzi servizi conto terzi TOTALE uro ,00 TOTALE uro ,00 Avanzo di amministrazione uro ,00 Disavanzo di 0,00 amministrazione TOTALE COMPLESSIVO ENTRATE uro ,00 TOTALE COMPLESSIVO SPESE uro ,00 Rilevato che, in forza dell art. 171 del d.lgs. 267/2000, gli stanziamenti del bilancio pluriennale hanno carattere autorizzatorio, costituendo limite per gli impegni di spesa; Considerato che: - copia degli schemi degli atti contabili suddetti è stata depositata a disposizione dei consiglieri dell ente entro i termini previsti dal Regolamento di contabilità e per i fini di cui al secondo comma dell art. 174 del d.lgs. 267/2000; - non sono stati presentati emendamenti dai consiglieri comunali; - che sono state adottate idonee iniziative per assicurare la conoscenza del bilancio e degli altri atti contabili da parte dei cittadini e la consultazione in merito agli stessi degli istituti di partecipazione popolare di cui all art. 9 del d.lgs. 267/2000, attuando i principi di pubblicità e di partecipazione; Vista la relazione con la quale da parte del revisore dei conti viene espresso parere favorevole sugli schemi del bilancio annuale di previsione, della relazione previsionale e programmatica e del bilancio pluriennale; Ritenuto che sussistono tutte le condizioni per l approvazione del bilancio annuale di previsione per l esercizio 2007 e degli altri atti contabili che dello stesso costituiscono allegati; Visti gli articoli 42 e 48 del d.lgs. 267/2000; Visto l art. 3 dell ordinanza n in data del Ministero dell interno; Visto il d.lgs n. 267; Visto lo statuto dell Ente;

8 Visto il regolamento comunale di contabilità; Acquisiti in atti i pareri favorevoli di regolarità tecnica e contabile ai sensi dell art. 49 del d.lgs. 267/90; Con voti favorevoli unanimi legalmente resi; d e l i b e r a 1) di approvare il bilancio annuale di previsione per l anno 2012 le cui risultanze sono indicate nel seguente prospetto: Titolo I entrate tributarie uro ,00 Titolo I spese correnti uro ,00 Titolo II entrate da uro ,00 Titolo II: Spese in conto uro ,00 contributi e trasferimenti capitale correnti dello Stato, della Regione e di altri Enti Pubblici anche in rapporto all esercizio di funzioni delegate dalla regione Titolo III entrate uro ,00 extratributarie Titolo IV entrate da uro ,00 alienazioni, da trasferimenti di capitale e da riscossioni di crediti TOTALE ENTRATE FINALI uro ,00 TOTALE SPESE FINALI uro ,00 Titolo V entrate derivanti da uro ,00 Titolo III spese per uro ,00 accensione di prestiti rimborso prestiti Titolo VI entrate da servizi uro ,00 Titolo IV spese per uro ,00 per conto terzi servizi conto terzi TOTALE uro ,00 TOTALE uro ,00 Avanzo di amministrazione uro ,00 Disavanzo di 0,00 amministrazione TOTALE COMPLESSIVO uro ,00 TOTALE COMPLESSIVO uro ,00 ENTRATE SPESE 2) di approvare con il bilancio annuale finanziario per l esercizio 2013: - la relazione previsionale e programmatica - il bilancio pluriennale per il triennio Il CONSIGLIO COMUNALE Su proposta del Presidente Con voti favorevoli unanimi legalmente resi; DELIBERA di dichiarare il presente atto, ai sensi dell art. 134, comma 4, del D. Lgs. n. 267 del 18 Agosto 2000, immediatamente eseguibile, considerato che le aliquote verranno applicate all'anno 2012 e che occorre darne tempestiva comunicazione ai contribuenti. dicembre 2011 n. 214; Comune di Villachiara

9 Provincia di Brescia Via Matteotti, VILLACHIARA Tel. 030/ Fax. 030/ Pareri ai sensi dell art. 49 del D.LGS. 267 del Deliberazione C.C. n. 25 del 24/09/ Oggetto: Bilancio di Previsione per l esercizio 2013 Relazione previsionale e programmatica per il triennio Bilancio Pluriennale per il triennio Esame ed approvazione Io sottoscritta, Rubetti Lidia, responsabile del servizio finanziario, esprimo parere favorevole di regolarità contabile ai sensi dell art. 49 comma 1 del D.Lgs. 267 del Firma (Rubetti Lidia) Io sottoscritto, Rubetti Lidia, responsabile del servizio, esprimo parere favorevole di regolarità tecnica ai sensi dell art. 49 comma 1 del D.Lgs. 267 del Firma (Rubetti Lidia)

TRASFERIMENTI FINANZIARI AI COMUNI «IERI, OGGI E DOMANI»

TRASFERIMENTI FINANZIARI AI COMUNI «IERI, OGGI E DOMANI» TRASFERIMENTI FINANZIARI AI COMUNI «IERI, OGGI E DOMANI» Prefettura Ufficio Territoriale del Governo di Avellino a cura del dr. Pasquale Trocchia Dirigente del Ministero dell Interno Responsabile delle

Dettagli

C O M U N E DI O P E R A

C O M U N E DI O P E R A copia Codice Ente 11047 OGGETTO: APPROVAZIONE ALIQUOTE IMU ANNO 2014 VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE Adunanza Ordinaria di Prima convocazione - seduta Pubblica. L'anno duemilaquattordici

Dettagli

3. Determinazione dei servizi a domanda individuale e relativi costi di gestione

3. Determinazione dei servizi a domanda individuale e relativi costi di gestione 1. Approvazione addendum al contratto di concessione della progettazione, realizzazione e gestione di impianti fotovoltaici asserviti ad immobili di proprietà del Comune di Casapinta 2. Verifica quantità

Dettagli

LEZIONE 2 L ORDINAMENTO COMUNALE RIPORTATO NEL T.U.E.L. (D.LGS N. 267/2000 E SUCC. MODIFICHE)

LEZIONE 2 L ORDINAMENTO COMUNALE RIPORTATO NEL T.U.E.L. (D.LGS N. 267/2000 E SUCC. MODIFICHE) Scuola Superiore della Pubblica Amministrazione Locale LEZIONE 2 L ORDINAMENTO COMUNALE RIPORTATO NEL T.U.E.L. (D.LGS N. 267/2000 E SUCC. MODIFICHE) ELEMENTI DI CONTABILITA RIFERITI ALLA FASE DELLA SPESA

Dettagli

Documento su. Conferenza Stato Città Autonomie locali

Documento su. Conferenza Stato Città Autonomie locali Documento su Situazione finanziaria delle Province e valutazione sulla sostenibilità del concorso delle Province e Città metropolitane alla riduzione della spesa pubblica Analisi tecnica operata sulla

Dettagli

COMUNE DI NE Provincia di Genova

COMUNE DI NE Provincia di Genova COMUNE DI NE Provincia di Genova COPIA Deliberazione del Consiglio Comunale Adunanza del 28.04.2014 Reg. Verb. N. 5 OGGETTO: GESTIONE COMPONENTE TASI (TRIBUTO SERVIZI INDIVISIBILI) ANNO 2014. L anno duemilaquattordici

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE OGGETTO: IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA. DETERMINAZIONE ALIQUOTE ANNO 2014

VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE OGGETTO: IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA. DETERMINAZIONE ALIQUOTE ANNO 2014 COMUNE DI TAINO Provincia di Varese Prot. N. 3207 VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE Copia N. 6 del 28/04/2014 OGGETTO: IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA. DETERMINAZIONE ALIQUOTE ANNO 2014 L'anno

Dettagli

COMUNE DI MACCAGNO con PINO e VEDDASCA

COMUNE DI MACCAGNO con PINO e VEDDASCA VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE DELIBERAZIONE N 26 del 30/09/2014 OGGETTO: APPROVAZIONE ALIQUOTE E DETRAZIONI DELL'IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA (I.M.U.) - ANNO 2014 L'anno 2014, addì trenta

Dettagli

Regolamento per la disciplina del tributo per i servizi indivisibili. TASI

Regolamento per la disciplina del tributo per i servizi indivisibili. TASI Comune di Cerignola Provincia di Foggia Regolamento per la disciplina del tributo per i servizi indivisibili. TASI INDICE Art. 1 - Art. 2 - Art. 3 - Art. 4 - Art. 5 - Art. 6 - Art. 7 - Art. 8 - Art. 9

Dettagli

PROVINCIA DI TREVISO. Piazza Ercole Bottani n.4 - C.A.P. 31040 - C.F./P.I. 00529220261 UFFICIO SEGRETERIA - Tel. 0423/873400

PROVINCIA DI TREVISO. Piazza Ercole Bottani n.4 - C.A.P. 31040 - C.F./P.I. 00529220261 UFFICIO SEGRETERIA - Tel. 0423/873400 C OMUNE DI VOLPAGO DEL MONTELLO PROVINCIA DI TREVISO Piazza Ercole Bottani n.4 - C.A.P. 31040 - C.F./P.I. 00529220261 UFFICIO SEGRETERIA - Tel. 0423/873400 VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE

Dettagli

IMU: analisi dei versamenti 2012

IMU: analisi dei versamenti 2012 IMU: analisi dei versamenti 2012 1. Analisi dei versamenti complessivi I versamenti IMU totali aggiornati alle deleghe del 25 gennaio 2013 ammontano a circa 23,7 miliardi di euro, di cui 9,9 miliardi di

Dettagli

IMMOBILI. Art.1. Art.2

IMMOBILI. Art.1. Art.2 Comune di Marta Provincia di Viterbo Piazza Umberto I n.1 010100 Marta (VT) Tel. 0769187381 Fax 0761873828 Sito web www..comune.marta.vt.it REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL IMPOSTA COMUNALE SUGLI IMMOBILI

Dettagli

OGGETTO: APPROVAZIONE ALIQUOTE TASI

OGGETTO: APPROVAZIONE ALIQUOTE TASI Provincia di Bologna COPIA n. 28 del 30.04.2014 OGGETTO: APPROVAZIONE ALIQUOTE TASI Il giorno 30 aprile 2014 alle ore 20.30 nella sala consiliare del Municipio, previa l'osservanza di tutte le formalità

Dettagli

L ORDINAMENTO FINANZIARIO E CONTABILE DEGLI ENTI LOCALI. Slides a cura del dott. Paolo Longoni

L ORDINAMENTO FINANZIARIO E CONTABILE DEGLI ENTI LOCALI. Slides a cura del dott. Paolo Longoni L ORDINAMENTO FINANZIARIO E CONTABILE DEGLI ENTI LOCALI 1 Slides a cura del dott. Paolo Longoni!1 PARLARE DI CONTABILITÀ NEGLI ENTI LOCALI.. Significa adottare un punto di vista diverso da quello in uso

Dettagli

IMU Come si applica l imposta municipale propria per l anno 2012

IMU Come si applica l imposta municipale propria per l anno 2012 IMU Come si applica l imposta municipale propria per l anno 2012 OGGETTO DELL IMU L IMU sostituisce l ICI e, per la componente immobiliare, l IRPEF e le relative addizionali regionali e comunali, dovute

Dettagli

Verbale di deliberazione n. 47 della Giunta Comunale

Verbale di deliberazione n. 47 della Giunta Comunale COMUNE DI DIMARO Provincia di Trento Verbale di deliberazione n. 47 della Giunta Comunale OGGETTO: A pprovazione disciplinare per il trasferimento volontario delle attività propedeutiche alla riscossione

Dettagli

Autorizzazione per l'anno 2015 all'emissione della bollettazione in acconto per il primo semestre da parte del soggetto gestore AMA

Autorizzazione per l'anno 2015 all'emissione della bollettazione in acconto per il primo semestre da parte del soggetto gestore AMA Protocollo RC n. 4480/15 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA CAPITOLINA (SEDUTA DEL 20 FEBBRAIO 2015) L anno duemilaquindici, il giorno di venerdì venti del mese di febbraio, alle ore

Dettagli

LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI

LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI Circolare N. 21 Area: TAX & LAW Periodico plurisettimanale 18 marzo 2011 LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI Con la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale del DM 10 febbraio 2011, trovano piena attuazione

Dettagli

COMUNE DI MAGLIANO IN TOSCANA PROVINCIA DI GROSSETO

COMUNE DI MAGLIANO IN TOSCANA PROVINCIA DI GROSSETO VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE ADUNANZA STRAORDINARIA DI 1 CONVOCAZIONE SEDUTA PUBBLICA N 25 DEL 14/08/2014 COPIA Oggetto: Tributo per i Servizi Indivisibili (TASI) - Aliquote per l'anno

Dettagli

COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE

COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE VISTO l art. 1, comma 639 della Legge 27 dicembre 2013, n. 147, che ha istituito, a decorrere dal 1 gennaio 2014, l imposta

Dettagli

TARSU poi TARES ed ora TARI e TASI

TARSU poi TARES ed ora TARI e TASI TARSU poi TARES ed ora TARI e TASI di Luigi Cenicola 1. Premessa. A decorrere dall anno 2014, per il servizio di raccolta dei rifiuti solidi urbani e per i servizi indivisibili comunali, si pagheranno

Dettagli

COMUNE DI MORGONGIORI. I.M.U. anno 2012

COMUNE DI MORGONGIORI. I.M.U. anno 2012 COMUNE DI MORGONGIORI PROVINCIA DI ORISTANO IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA I.M.U. anno 2012 VADEMECUM ILLUSTRATIVO Con l art. 13 del D.L. 6 dicembre 2011, n. 201, convertito in Legge 22 dicembre 2011, n. 214

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA RELATIVO ALLE MODALITA E TEMPI DI RIVERSAMENTO DEL TRIBUTO PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI AMBIENTALI (TEFA) TRA

PROTOCOLLO D INTESA RELATIVO ALLE MODALITA E TEMPI DI RIVERSAMENTO DEL TRIBUTO PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI AMBIENTALI (TEFA) TRA PROTOCOLLO D INTESA RELATIVO ALLE MODALITA E TEMPI DI RIVERSAMENTO DEL TRIBUTO PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI AMBIENTALI (TEFA) TRA L Amministrazione Città metropolitana di Roma Capitale, con sede in Roma,

Dettagli

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Accertamento Roma, 11 marzo 2011 OGGETTO : Attività di controllo in relazione al divieto di compensazione, in presenza di ruoli scaduti, di cui all articolo 31, comma

Dettagli

Processo verbale delle deliberazioni del Consiglio Comunale

Processo verbale delle deliberazioni del Consiglio Comunale COMUNE DI CESENA Processo verbale delle deliberazioni del Consiglio Comunale Seduta del 31/07/2014 - delibera n. 57 OGGETTO: TRIBUTO PER I SERVIZI INDIVISIBILI (IUC-TASI) - ALIQUOTE E ALTRE MISURE APPLICATIVE

Dettagli

ATTIVITA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE PRINCIPALI REGOLE FISCALI

ATTIVITA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE PRINCIPALI REGOLE FISCALI ATTIVITA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE PRINCIPALI REGOLE FISCALI 1. Aspetti fiscali generali Gli enti di tipo associativo, di cui fanno parte anche le associazioni sportive dilettantistiche, sono assoggettate

Dettagli

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD -

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - REGOLAMENTO DI CONTABILITÀ SOMMARIO: Capo I - Le competenze del servizio economico-finanziario Capo II - La programmazione

Dettagli

Deliberazione del Consiglio Comunale

Deliberazione del Consiglio Comunale Deliberazione del Consiglio Comunale Adunanza Ordinaria Seduta di Prima convocazione Comune di Finale Ligure Provincia di Savona Numero progressivo 56 OGGETTO Determinazione delle aliquote e detrazioni

Dettagli

D.L. 30 dicembre 2013, n. 151

D.L. 30 dicembre 2013, n. 151 D.L. 30 dicembre 2013, n. 151 Disposizioni di carattere finanziario indifferibili, finalizzate a garantire la funzionalità di enti locali, la realizzazione di misure in tema di infrastrutture, trasporti

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO IMMEDIATAMENTE ESEGUIBILE Deliberazione n. 217 del 14/11/2013 VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO CESSIONE IN PROPRIETÀ DI AREA GIÀ CONCESSA IN DIRITTO DI SUPERFICIE NELL AMBITO DEL

Dettagli

TRASFERIMENTI IMMOBILIARI: LA NUOVA TASSAZIONE IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2014

TRASFERIMENTI IMMOBILIARI: LA NUOVA TASSAZIONE IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2014 TRASFERIMENTI IMMOBILIARI: LA NUOVA TASSAZIONE IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2014 Sommario 1. Inquadramento normativo generale 2. Trasferimenti di fabbricati 3. terreni edificabili 4. terreni agricoli 5. Successioni

Dettagli

RELAZIONE AL RENDICONTO DELLA GESTIONE 2012

RELAZIONE AL RENDICONTO DELLA GESTIONE 2012 Comune di Villafranca Padovana Provincia di Padova RELAZIONE AL RENDICONTO DELLA GESTIONE 2012 a cura della Giunta Comunale art. 151, comma 6 e art. 231 D.Lgs.267/2000 Pag. 1 1. IL CONTESTO PREMESSA Il

Dettagli

ALLEGATO 4 ALTRI ENTI IN CONTABILITA' FINANZIARIA

ALLEGATO 4 ALTRI ENTI IN CONTABILITA' FINANZIARIA Prospetto di cui all'art. 8, comma 1,D.L. 66/2014 (enti in contabilità finanziaria) Bilancio di Previsione 2015 E I Entrate correnti di natura tributaria, contributiva e perequativa 0 0 E II Tributi 0

Dettagli

PROVINCIA DI BRINDISI ----------ooooo----------

PROVINCIA DI BRINDISI ----------ooooo---------- PROVINCIA DI BRINDISI ----------ooooo---------- ESTRATTO DELLE DELIBERAZIONI DEL COMMISSARIO STRAORDINARIO CON POTERI DELLA GIUNTA Atto con dichiarazione di immediata eseguibilità: art. 134, comma 4, D.Lgs.267/2000

Dettagli

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011 CIRCOLARE N. 45/E Roma, 12 ottobre 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Aumento dell aliquota IVA ordinaria dal 20 al 21 per cento - Articolo 2, commi da 2-bis a 2-quater, decreto legge 13 agosto

Dettagli

CIRCOLARE N. 2/E. R RrRrrr. Direzione Centrale Normativa

CIRCOLARE N. 2/E. R RrRrrr. Direzione Centrale Normativa CIRCOLARE N. 2/E R RrRrrr Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Modifiche alla tassazione applicabile, ai fini dell imposta di registro, ipotecaria e catastale, agli atti di trasferimento o di costituzione

Dettagli

CIRCOLARE N. 2/DF. Ai Comuni

CIRCOLARE N. 2/DF. Ai Comuni CIRCOLARE N. 2/DF MINISTERO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE DIPARTIMENTO DELLE FINANZE Roma, 11 maggio 2010 DIREZIONE FEDERALISMO FISCALE PROT. 10968/2010 Ai Comuni Alle Regioni Friuli-Venezia Giulia e Valle

Dettagli

IMU - che cos'è. Se possiedi questi immobili, hai tempo fino al 16 giugno 2014 per pagare l acconto. Cos è l IMU Imposta municipale propria

IMU - che cos'è. Se possiedi questi immobili, hai tempo fino al 16 giugno 2014 per pagare l acconto. Cos è l IMU Imposta municipale propria IMU - che cos'è L IMU si continua a pagare sulle case di lusso (categorie A/1, A/8 e A/9), sulle seconde case e su tutti gli altri immobili (ad esempio laboratori, negozi, capannoni, box non di pertinenza

Dettagli

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF)

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF) I TRIBUTI 89 APPROFONDIMENTI IL CODICE TRIBUTO Ogni pagamento effettuato con i modelli F23 o F24 deve essere identificato in modo preciso, abbinando a ogni versamento un codice di tributo. Nella tabella

Dettagli

dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126

dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126 dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126 Disposizioni integrative e correttive del decreto legislativo 23 giugno 2011, n. 118, recante disposizioni in

Dettagli

VIA S. BOAGNO 11 17015 - CELLE LIGURE Tel. 019/99801 Fax 019/993599 info@comune.celle.sv.it www.comune.celle.sv.it

VIA S. BOAGNO 11 17015 - CELLE LIGURE Tel. 019/99801 Fax 019/993599 info@comune.celle.sv.it www.comune.celle.sv.it COMUNE DI CELLE LIGURE PROVINCIA DI SAVONA VIA S. BOAGNO 11 17015 - CELLE LIGURE Tel. 019/99801 Fax 019/993599 info@comune.celle.sv.it www.comune.celle.sv.it Ufficio Entrate Tributarie e Tariffarie A decorrere

Dettagli

Ufficio Studi CODAU. Approfondimento. L'IMU e gli Enti non Commerciali - Università. Riferimenti

Ufficio Studi CODAU. Approfondimento. L'IMU e gli Enti non Commerciali - Università. Riferimenti Ufficio Studi CODAU "Documento redatto con il CONTRIBUTO DEI COMPONENTI dell'ufficio Studi e VALIDATO dal Comitato Scientifico del Codau Approfondimento L'IMU e gli Enti non Commerciali - Università Riferimenti

Dettagli

IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO

IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO TARDIVO OD OMESSO VERSAMENTO SANZIONI - RICORSI IL RAVVEDIMENTO - COMPENSAZIONE RIMBORSI SCHEDA N. 3 Claudio Venturi Camera di Commercio Diritto Annuale

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

IL PROCESSO DI ARMONIZZAZIONE CONTABILE DEGLI ENTI TERRITORIALI EX D.LGS. 118/2011. Elementi innovativi e principali impatti

IL PROCESSO DI ARMONIZZAZIONE CONTABILE DEGLI ENTI TERRITORIALI EX D.LGS. 118/2011. Elementi innovativi e principali impatti IL PROCESSO DI ARMONIZZAZIONE CONTABILE DEGLI ENTI TERRITORIALI EX D.LGS. 118/2011 Elementi innovativi e principali impatti Agenda 1. Il modello contabile previsto dal D.lgs 118/2011 Contesto normativo

Dettagli

BILANCIO DI PREVISIONE PROSPETTO DELLE ENTRATE DI BILANCIO PER TITOLI, TIPOLOGIE E CATEGORIE PREVISIONI DI COMPETENZA

BILANCIO DI PREVISIONE PROSPETTO DELLE ENTRATE DI BILANCIO PER TITOLI, TIPOLOGIE E CATEGORIE PREVISIONI DI COMPETENZA Pag.1 ENTRATE CORRENTI DI NATURA TRIBUTARIA CONTRIBUTIVA PEREQU 1010100 Tipologia 101: Imposte, tasse e proventi assimilati 1010106 Imposta municipale propria 2.019.505,00 2.019.505,00 2.019.505,00 1010108

Dettagli

CIRCOLARE N. 37/E. Roma, 29 dicembre 2006

CIRCOLARE N. 37/E. Roma, 29 dicembre 2006 CIRCOLARE N. 37/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 29 dicembre 2006 OGGETTO: IVA Applicazione del sistema del reverse-charge nel settore dell edilizia. Articolo 1, comma 44, della legge

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 317 della Giunta Comunale

VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 317 della Giunta Comunale COMUNE DI FOLGARIA Provincia di Trento - C.A.P. 38064 Via Roma, 60 Tel. 0464/729333 - Fax 0464/729366 E-mail: info@comune.folgaria.tn.it Codice Fiscale e P. IVA 00323920223 VERBALE DI DELIBERAZIONE N.

Dettagli

DECRETO N. 1921 Del 12/03/2015

DECRETO N. 1921 Del 12/03/2015 DECRETO N. 1921 Del 12/03/2015 Identificativo Atto n. 191 DIREZIONE GENERALE ISTRUZIONE, FORMAZIONE E LAVORO Oggetto APPROVAZIONE DELL AVVISO FORMAZIONE CONTINUA COMPETITIVITA EXPO E L'atto si compone

Dettagli

CIRCOLARE N. 18/E. Roma, 28 aprile 2015

CIRCOLARE N. 18/E. Roma, 28 aprile 2015 CIRCOLARE N. 18/E Direzione Centrale Normativa Roma, 28 aprile 2015 OGGETTO: Addizionale IRES per il settore energetico (c.d. Robin Hood Tax) - Articolo 81, commi 16, 17 e 18, del decreto legge 25 giugno

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il presente documento ha finalità meramente illustrative della tassazione degli interessi e degli altri redditi

Dettagli

Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi

Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi Le principali novità in materia di tassazione dei redditi fondiari Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi

Dettagli

La deduzione IRAP. DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012

La deduzione IRAP. DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012 DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012 LE DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 La quota forfetaria deducibile per ogni singolo lavoratore subordinato

Dettagli

RIDUZIONE CONTRIBUTO ORDINARIO A SEGUITO DEL PRESUNTO MAGGIOR GETTITO ICI FABBRICATI EX-RURALI, CAT. E, B

RIDUZIONE CONTRIBUTO ORDINARIO A SEGUITO DEL PRESUNTO MAGGIOR GETTITO ICI FABBRICATI EX-RURALI, CAT. E, B RIDUZIONE CONTRIBUTO ORDINARIO A SEGUITO DEL PRESUNTO MAGGIOR GETTITO ICI FABBRICATI EX-RURALI, CAT. E, B L articolo 2 commi da 39 a 46 del D.L. 262/2006 conv. L. 286/2006 aveva previsto per gli enti locali

Dettagli

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Direzione Generale per le Politiche Attive e Passive del Lavoro Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Controlli interni e Ciclo della performance alla luce dell art.3 del D.L. 174/2012 Position Paper

Dettagli

LEGGE 27 LUGLIO, N.212. "Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente"

LEGGE 27 LUGLIO, N.212. Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente LEGGE 27 LUGLIO, N.212 "Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente" pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n. 177 del 31 luglio 2000 Art. 1. (Princìpi generali) 1. Le disposizioni della

Dettagli

SETTORE POLITICHE FINANZIARIE BILANCIO E TRIBUTI VADEMECUM TASI

SETTORE POLITICHE FINANZIARIE BILANCIO E TRIBUTI VADEMECUM TASI SETTORE POLITICHE FINANZIARIE BILANCIO E TRIBUTI Che cos'è la TASI VADEMECUM TASI E' il tributo dovuto per la copertura dei servizi indivisibili. Il presupposto E' il possesso o la detenzione a qualsiasi

Dettagli

COMUNE DI FINALE EMILIA

COMUNE DI FINALE EMILIA COMUNE DI FINALE EMILIA PROVINCIA DI MODENA DETERMINAZIONE N. 398 DEL 17/05/2011 PROPOSTA N. 93 Centro di Responsabilità: Servizio Economato,patrimonio,servizi Informatici, Ambiente Servizio: Patrimonio

Dettagli

COMUNE di FORMIA. Provincia di Latina COPIA DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

COMUNE di FORMIA. Provincia di Latina COPIA DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE COMUNE di FORMIA Provincia di Latina COPIA DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N.77 del 17.04.2015 OGGETTO: DELIBERA G.M. 68 DEL 10.04.2015 - APPROVAZIONE PROPOSTA RENDICONTO 2014 E RELAZIONE ILLUSTRATIVA

Dettagli

OPERATIVA LA COMPENSAZIONE DEI DEBITI ERARIALI ISCRITTI A RUOLO

OPERATIVA LA COMPENSAZIONE DEI DEBITI ERARIALI ISCRITTI A RUOLO Numero circolare 3 Data 16/03/2011 Abstract: OPERATIVA LA COMPENSAZIONE DEI DEBITI ERARIALI ISCRITTI A RUOLO Entrano a regime le modalità per la compensazione delle somme iscritte a ruolo per debiti erariali,

Dettagli

Circolare N. 2 del 8 Gennaio 2015

Circolare N. 2 del 8 Gennaio 2015 Circolare N. 2 del 8 Gennaio 2015 Credito annuale IVA 2014 al via la compensazione fino ad 5.000,00 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che dal 1 gennaio 2015, è possibile procedere

Dettagli

STATUTO ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE

STATUTO ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE STATUTO L Associazione denominata CORILA - Consorzio per il coordinamento delle ricerche inerenti al sistema lagunare di Venezia, è costituita ai sensi degli artt. 14

Dettagli

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2.1 Gli effetti dell iscrizione nel Registro delle Imprese L art. 2 del d.lgs. 18 maggio 2001, n. 228 (in materia di orientamento e modernizzazione del settore

Dettagli

Dossier del Servizio Studi sull A.S. n. 1450

Dossier del Servizio Studi sull A.S. n. 1450 XVII legislatura Dossier del Servizio Studi sull A.S. n. 1450 "Conversione in legge, con modificazioni, del decretolegge 6 marzo 2014, n. 16, recante disposizioni urgenti in materia di finanza locale,

Dettagli

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio:

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio: FATTURAZIONE In linea generale l Iva deve essere applicata sull ammontare complessivo di tutto ciò che è dovuto al cedente o al prestatore, quale controprestazione della cessione del bene o della prestazione

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO COMUNE DI CISTERNA DI LATINA Medaglia d argento al Valor Civile REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 52 del 11.05.2009 a cura di : Dott. Bruno Lorello

Dettagli

CIRCOLARE N. 22/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 9 giugno 2015

CIRCOLARE N. 22/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 9 giugno 2015 CIRCOLARE N. 22/E Direzione Centrale Normativa Roma, 9 giugno 2015 OGGETTO: Modifiche alla disciplina dell IRAP Legge di Stabilità 2015 2 INDICE Premessa... 3 1) Imprese operanti in concessione e a tariffa...

Dettagli

AGENZIA TERRITORIALE DELL EMILIA-ROMAGNA

AGENZIA TERRITORIALE DELL EMILIA-ROMAGNA AGENZIA TERRITORIALE DELL EMILIA-ROMAGNA PER I SERVIZI IDRICI E RIFIUTI CAMB/2014/60 del 12 novembre 2014 CONSIGLIO D AMBITO Oggetto: Servizio Idrico Integrato - Approvazione della revisione tariffaria

Dettagli

Articolo 1 Oggetto del regolamento

Articolo 1 Oggetto del regolamento ALLEGATO A) REGOLAMENTO IN MATERIA DI IMPOSTA UNICA COMUNALE (IUC), COMPRENSIVO DELLE DISPOSIZIONI CHE DISCIPLINANO L IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA (IMU) E IL TRIBUTO SUI SERVIZI INDIVISIBILI (TASI). Articolo

Dettagli

CIRCOLARE N. 26/E. Roma, 01 giugno 2011

CIRCOLARE N. 26/E. Roma, 01 giugno 2011 CIRCOLARE N. 26/E Direzione Centrale Normativa Roma, 01 giugno 2011 Oggetto: Cedolare secca sugli affitti Articolo 3 del decreto legislativo 14 marzo 2011, n. 23 (Disposizioni in materia di federalismo

Dettagli

Comune di Grado Provincia di Gorizia

Comune di Grado Provincia di Gorizia Comune di Grado Provincia di Gorizia REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI INCENTIVI PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI LAVORI PUBBLICI, AI SENSI DELL ART.11 DELLA LEGGE REGIONALE 31 MAGGIO 2002,

Dettagli

SCHEMA DI CONVENZIONE PER VERSAMENTO INCREMENTI TARIFFARI DI CUI ALLA DELIBERA CIPE 52/2001 UTENZE INDUSTRIALI DA POZZO AUTONOMO

SCHEMA DI CONVENZIONE PER VERSAMENTO INCREMENTI TARIFFARI DI CUI ALLA DELIBERA CIPE 52/2001 UTENZE INDUSTRIALI DA POZZO AUTONOMO Allegato n. 2 alla delibera n. 11 del 12.12.05 SCHEMA DI CONVENZIONE PER VERSAMENTO INCREMENTI TARIFFARI DI CUI ALLA DELIBERA CIPE 52/2001 UTENZE INDUSTRIALI DA POZZO AUTONOMO..., con sede in.., Codice

Dettagli

News per i Clienti dello studio

News per i Clienti dello studio News per i Clienti dello studio Ai gentili clienti Loro sedi Il nuovo regime forfettario previsto dalla legge di stabilità per il 2015 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che con la

Dettagli

GUIDA DI APPROFONDIMENTO L IMPOSTA SUL REDDITO DELLE SOCIETÀ (IRES)

GUIDA DI APPROFONDIMENTO L IMPOSTA SUL REDDITO DELLE SOCIETÀ (IRES) WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA DI APPROFONDIMENTO L IMPOSTA SUL REDDITO DELLE SOCIETÀ (IRES) A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA 1 SOMMARIO INTRODUZIONE... 3 I REQUISITI... 3 I SOGGETTI PASSIVI.....4 LA PROPORZIONALITÀ

Dettagli

I.U.C. Imposta Unica Comunale

I.U.C. Imposta Unica Comunale COMUNE DI MARCON I.U.C. Imposta Unica Comunale Con la Legge n. 147/2013 (Legge di stabilità 2014) è stata istituita a decorrere dal 01/01/2014 l Imposta Unica Comunale (IUC). L imposta unica comunale (IUC)

Dettagli

9) promozione della cultura e dell'arte ; 10) tutela dei diritti civili ; 11) ricerca scientifica di particolare interesse sociale svolta

9) promozione della cultura e dell'arte ; 10) tutela dei diritti civili ; 11) ricerca scientifica di particolare interesse sociale svolta Le ONLUS Secondo le previsioni dell'art. 10 del decreto 460/97 possono assumere la qualifica di Onlus le associazioni riconosciute e non, i comitati, le fondazioni, le società cooperative e tutti gli altri

Dettagli

COMUNE DI DONORI Provincia di Cagliari

COMUNE DI DONORI Provincia di Cagliari COMUNE DI DONORI Provincia di Cagliari - 2 COPIA- VERBALE DI ADUNANZA DEL CONSIGLIO COMUNALE Sessione Ordinaria Seduta Pubblica N. 2 Del 21.01.2010 OGGETTO: DETERMINAZIONE QUANTITA E QUALITA DELLE AREE

Dettagli

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014 CIRCOLARE N. 21/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 luglio 2014 OGGETTO: Fondi di investimento alternativi. Articoli da 9 a 14 del decreto legislativo 4 marzo 2014, n. 44 emanato in attuazione della

Dettagli

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La sezione relativa all esposizione sintetica e analitica dei dati relativi al Tfr, alle indennità equipollenti e alle altre indennità e somme,

Dettagli

La revisione dell accertamento doganale

La revisione dell accertamento doganale Adempimenti La revisione dell accertamento doganale di Marina Zanga L accertamento doganale delle merci L accertamento delle merci dichiarate in dogana nell ambito delle operazioni di import/ export da

Dettagli

IMU Risposte alle domande più frequenti poste dai contribuenti

IMU Risposte alle domande più frequenti poste dai contribuenti IMU Risposte alle domande più frequenti poste dai contribuenti Premessa L IMU comporta un forte aumento del prelievo patrimoniale sugli immobili (pari al 233% dell ICI) gran parte del quale va a beneficio

Dettagli

GUIDA ALL APPLICAZIONE DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA (I.M.U.) ANNO 2013

GUIDA ALL APPLICAZIONE DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA (I.M.U.) ANNO 2013 COMUNE DI VIGONZA UNITA OPERATIVA TRIBUTI GUIDA ALL APPLICAZIONE DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA (I.M.U.) ANNO 2013 Il decreto legge 21 maggio 2013 n 54 ha sospeso il versamento dell'acconto IMU per alcuni

Dettagli

ANALISI DEL DISEQUILIBRIO FINANZIARIO E PIANO DI RIENTRO DI ROMA CAPITALE

ANALISI DEL DISEQUILIBRIO FINANZIARIO E PIANO DI RIENTRO DI ROMA CAPITALE ANALISI DEL DISEQUILIBRIO FINANZIARIO E PIANO DI RIENTRO DI ROMA CAPITALE 3 luglio 2014 Sommario Premessa... 5 Sintesi dei risultati e conclusioni... 6 I risultati principali... 7 Conclusioni... 10 Il

Dettagli

FUNZIONI FONDAMENTALI DEI COMUNI E MODALITA DI ESERCIZIO ASSOCIATO DI FUNZIONI E SERVIZI COMUNALI ( ART. 19 DL 95/2012)

FUNZIONI FONDAMENTALI DEI COMUNI E MODALITA DI ESERCIZIO ASSOCIATO DI FUNZIONI E SERVIZI COMUNALI ( ART. 19 DL 95/2012) FUNZIONI FONDAMENTALI DEI COMUNI E MODALITA DI ESERCIZIO ASSOCIATO DI FUNZIONI E SERVIZI COMUNALI ( ART. 19 DL 95/2012) L art.19 del DL 95/2012 convertito, con modificazioni, dalla legge 7 agosto 2012,

Dettagli

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Ai Gentili Clienti Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Con i co. da 324 a 335 dell unico articolo della L. 24.12.2012 n. 228 (Legge di Stabilità 2013), l ordinamento

Dettagli

DECRETO FINANZA LOCALE

DECRETO FINANZA LOCALE Dossier n. 37 Ufficio Documentazione e Studi 23 aprile 2014 DECRETO FINANZA LOCALE Con questo provvedimento si apportano alcune correzioni alla legge di stabilità 2014 e al TUEL (Testo Unico degli Enti

Dettagli

COMUNE DI RAGUSA REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL'IMPOSTA UNICA COMUNALE (IUC)

COMUNE DI RAGUSA REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL'IMPOSTA UNICA COMUNALE (IUC) COMUNE DI RAGUSA REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL'IMPOSTA UNICA COMUNALE (IUC) Approvato con Delibera del Consiglio Comunale n. 53 del 22/7/2014 1 Sommario Sommario... 2 CAPO I - IMPOSTA UNICA COMUNALE

Dettagli

CIRCOLARE N. 23/E. OGGETTO: Ravvedimento Articolo 13, comma 1, lettera a-bis), del decreto legislativo 18 dicembre 1997, n. 472 Chiarimenti.

CIRCOLARE N. 23/E. OGGETTO: Ravvedimento Articolo 13, comma 1, lettera a-bis), del decreto legislativo 18 dicembre 1997, n. 472 Chiarimenti. CIRCOLARE N. 23/E Direzione Centrale Normativa Roma, 9 giugno 2015 OGGETTO: Ravvedimento Articolo 13, comma 1, lettera a-bis), del decreto legislativo 18 dicembre 1997, n. 472 Chiarimenti. La legge di

Dettagli

Ufficio Tecnico REGOLAMENTO

Ufficio Tecnico REGOLAMENTO Comune di Cabras Provincia di Oristano Comuni de Crabas Provìncia de Aristanis Ufficio Tecnico S e r v i z i o l l. p p. - U r b a n i s t i c a - P a t r i m o n i o REGOLAMENTO PER LA VENDITA DA PARTE

Dettagli

IL FUNZIONARIO RESPONSABILE

IL FUNZIONARIO RESPONSABILE IL FUNZIONARIO RESPONSABILE Vista la vigente normativa in materia, applicabile all'imposta Comunale sugli Immobili e richiamata nel presente atto, AVVISA il contribuente, Coce Fiscale, residente in - (

Dettagli

Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015

Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015 IL PRESIDENTE IN QUALITA DI COMMISSARIO DELEGATO AI SENSI DELL ART. 1 COMMA 2 DEL D.L.N. 74/2012 CONVERTITO CON MODIFICAZIONI DALLA LEGGE N. 122/2012 Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015 Modalità attuative

Dettagli

COMUNE DI MONTE PORZIO Provincia di Pesaro Urbino

COMUNE DI MONTE PORZIO Provincia di Pesaro Urbino COMUNE DI MONTE PORZIO Provincia di Pesaro Urbino REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL IMPOSTA UNICA COMUNALE I.U.C. - Imposta Unica Comunale (IUC) PREMESSA L imposta Unica Comunale, di seguito denominata

Dettagli

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA Prot. 2015/25992 Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate

Dettagli

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale.

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. 9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. Art. 27 Adeguamento della legge regionale n.3/2007 alla normativa nazionale 1. Alla legge

Dettagli

INTRODUZIONE AL RAPPORTO TRA PEG E PDO

INTRODUZIONE AL RAPPORTO TRA PEG E PDO INTRODUZIONE AL RAPPORTO TRA PEG E PDO Generalmente il piano dettagliato degli obiettivi (art. 108 e 197 del Tuel) coincide con la c.d. parte descrittiva del Peg, cioè quella parte che individua gli obiettivi

Dettagli

IRAP 2015 : DETERMINAZIONE DELLA BASE IMPONIBILE PER IL 2014 E NOVITA' PER IL CORRENTE ANNO

IRAP 2015 : DETERMINAZIONE DELLA BASE IMPONIBILE PER IL 2014 E NOVITA' PER IL CORRENTE ANNO IRAP 2015 : DETERMINAZIONE DELLA BASE IMPONIBILE PER IL 2014 E NOVITA' PER IL CORRENTE ANNO a cura di Celeste Vivenzi Premessa generale Come noto la Legge finanziaria del 2008 ha profondamente modificato

Dettagli

La riforma dell ISEE. Maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia

La riforma dell ISEE. Maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia Maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia 2 La riforma dell ISEE (Indicatore della situazione economica equivalente) rappresenta un passo fondamentale per

Dettagli

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale Protocollo N. del. Deliberazione N. del ASSESSORATO SERVIZI SOCIALI Proposta N. 66 del 24/03/2015 SERVIZIO SERVIZI SOCIALI Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Dettagli

COMUNE DI CIVITAVECCHIA Provincia di Roma SERVIZIO LAVORI PUBBLICI

COMUNE DI CIVITAVECCHIA Provincia di Roma SERVIZIO LAVORI PUBBLICI COMUNE DI CIVITAVECCHIA Provincia di Roma SERVIZIO LAVORI PUBBLICI AVVISO PUBBLICO PER L USO TEMPORANEO E SUPERFICIARIO DI UN AREA PUBBLICA SITA NEL PZ9 POLIGONO DEL GENIO Vista: IL DIRIGENTE la presenza

Dettagli

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO Patrizia Clementi IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO La legge Biagi 1 ha disciplinato sotto il profilo civilistico le collaborazioni coordinate e continuative, già presenti nel nostro

Dettagli