FATTO E SVOLGIMENTO DEL PROCESSO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "FATTO E SVOLGIMENTO DEL PROCESSO"

Transcript

1 FATTO E SVOLGIMENTO DEL PROCESSO 1. G. M. veniva giudicato, a seguito di emissione di decreto di giudizio immediato, con rito abbreviato dal gip del tribunale di Milano in relazione ai reati di pornografia minorile aggravata in quanto commessa in danno di minore degli anni quattordici, sostituzione di persona, induzione di minori, anche infraquattordicenni, al compimento di atti sessuali mediante inganno, corruzione di minorenne, inosservanza di pene accessorie con l aggravante del nesso teleologico, fatti così descritti nei seguenti capi di accusa: 1) Artt. 81 cpv, 600 ter c. 1, 600 sexies c. 1 e 2, 494 cp perché, con più azioni esecutive del medesimo disegno criminoso, induceva un numero imprecisato di minori degli anni diciotto, tra le quali C. L., A. E., G. P.A.S., R. R. ed altre, a partecipare ad esibizioni pornografiche ed in particolare, fingendosi un ragazzo sedicenne e contattando le ragazze su social networks (Facebook e Netlog) o avendone ottenuto le utenze telefoniche cellulari in qualità di allenatore sportivo, convinceva le giovani interlocutrici, dopo averle blandite e persuase ad intraprendere con lui una relazioni sentimentale virtuale ossia condotta mediante contatti telefonici e via chat, a denudarsi, a toccare i propri organi sessuali e a masturbarsi davanti alla web-cam, così da poter assistere egli stesso alla esibizione, inducendole anche ad inviargli materiale video e fotografico ritraente le predette esibizioni. In Trezzano sul Naviglio (MI), quantomeno dal 18 gennaio 2012 in permanenza 2) Artt. 81 cpv, 609 bis c. 2, 609 ter, 609 quater cp perché, con più azioni esecutive del medesimo disegno criminoso, traendo in inganno le persone offese per essersi sostituito ad altra persona ed in particolare creando dei profili su social networks (Facebook e Netlog) fingendosi un ragazzo di 16 anni, tra cui un profilo a nome [omissis] con nickname [omissis] (indirizzo [omissis]), inviando messaggi sms ed intrattenendo conversazioni telefoniche e via chat a contenuto esplicitamente sessuale con interlocutrici minorenni, anche infraquattordicenni, tra le quali C. L. (nata il [omissis]), A. E., G. P.A.S., R. R. ed altre, induceva le stesse a compiere atti sessuali, consistiti nel toccare i propri organi sessuali e masturbarsi durante le predette conversazioni. In Trezzano sul Naviglio (MI), quantomeno dal 18 gennaio 2012 in permanenza 3) Art. 81 cpv, 609 quinquies cp perché, con più azioni esecutive del medesimo disegno criminoso, con le modalità di cui al capo che precede, si masturbava in collegamento web-cam con minori di anni quattordici, al fine di farle assistere. Via Serbelloni, MILANO (MI) Editore Luca Santa Maria Direttore Responsabile Francesco Viganò Diritto Penale Contemporaneo

2 In Trezzano sul Naviglio (MI), quantomeno dal 18 gennaio 2012 in permanenza 4) Art. 81 cpv, 61 c. 2, 389 cp perché, con più azioni esecutive del medesimo disegno criminoso, avendo il M. riportato condanna definitiva per reati a sfondo sessuale con pena accessoria ex art. 600 septies cp dell interdizione perpetua da qualunque incarico nelle scuole di ogni ordine e grado, nonché da ogni ufficio o servizio in istituzioni o strutture pubbliche private frequentate prevalentemente da minori, trasgrediva ai divieti previsti prestando la propria collaborazione in qualità di allenatore di squadre di pallavolo femminile minorili (under 12, under 16, over 16). Con l aggravante di aver commesso il fatto per eseguire i reati di cui ai capi precedenti. In Trezzano sul Naviglio (MI), quantomeno dal 18 gennaio 2012 in permanenza Nel giudizio si costituivano parti civili C. L., nata il , in persona degli esercenti la potestà e, in proprio, i genitori S. S. e C. C. e l imputato rendeva spontanee dichiarazioni. All esito delle discussioni e conclusioni delle parti il gip emetteva ordinanza ex art. 441 c. 5 cpp con cui disponeva perizia informatica. In particolare il gip richiedeva al perito nominato, dr. L. C., di effettuare le seguenti attività: 1) verificare il contenuto degli account utilizzati dall'imputato per intrattenere comunicazioni e conversazioni via Internet con le persone offese ovvero, più in generale, con ragazze minorenni, ricostruendosi in tal modo la rete delle sue conoscenze o amicizie con loro e gli indirizzi utilizzati per le comunicazioni, con accesso a report di invio di file-immagine ed eventualmente a banche dati custodite on-line; 2) procedere ad un'analisi forense dei cellulari in sequestro con specifico riferimento ai collegamenti per accedere ai social network, atteso che nei progressivi 367 e 4038 l'imputato afferma o dimostra di utilizzare il cellulare per entrare su netto, con la ricostruzione della decodifica dei collegamenti attraverso gli apparecchi in sequestro; 3) poiché nella c.n.r. gli operanti sostengono che nei medesimi apparecchi sono presenti immagini e video con eliminati i volti dei personaggi onde impedirne l'identificazione o comunque l'intendimento dell'età, senza che la consulenza tecnica del P.M. ne faccia menzione, completare l'analisi con la visione e la segnalazione di tali immagini e video. Il giudice motivava l iniziativa istruttoria evidenziando di non poter decidere allo stato degli atti in quanto, alla luce del tenore letterale delle contestazioni mosse nei capi 1) e 3), sorgeva la necessità di disporre gli approfondimenti indicati in modo specifico nei quesiti sottoposti al perito. 2

3 Nella motivazione il gip evidenziava la necessità di reperire informazioni quanto più complete possibile circa tutti i messaggi, le conversazioni, le fotografie, i video e comunque i contenuti transitati attraverso detti account nonché circa la catalogazione dei contatti ad essi collegati e, da ultimo, le date di creazione ed eventualmente di chiusura degli account stessi, con esplicitazione dei motivi. Riteneva che l'indagine dovesse estendersi agli account ed indirizzi di posta elettronica comunque in uso all'imputato eventualmente individuati in conseguenza del progredire delle decodifiche e man mano che la collaborazione dei siti Internet interessati lo consentissero. La difesa si opponeva alla acquisizione di flussi di comunicazione in quanto riteneva fosse riconducibile alla disciplina dell art. 266 bis cpp, facendo riserva di ogni questione di inutilizzabilità. Il giudice di prime cure osservava che al perito era stato conferito mandato di ricostruire indirizzi di posta elettronica, profili, archivi e banche dati informatiche nella loro consistenza e nel loro sviluppo storico, con la conseguenza che l incarico doveva ritenersi meramente documentativo. I file e le eventuali stampe che il perito avrebbe acquisito sarebbero dunque stati inseriti nel fascicolo alla luce della loro valenza documentale. Per consentire al perito di rispondere compiutamente ai quesiti posti, si era successivamente resa necessaria una attività svolta con rogatoria negli Stati Uniti d America, al fine di ottenere copia del materiale informatico ancora allocato nei server dei social network su cui l imputato aveva l abitudine di intrattenersi con le ragazzine. In particolare il giudice aveva avviato l iniziativa rogatoriale sulla scorta dei rilievi di un primo elaborato peritale, depositato il La difesa, all'udienza del 4 marzo 2013, riproponeva l'eccezione di inutilizzabilità della documentazione in tal modo acquisita. La rogatoria aveva esito positivo in quanto la richiesta collaborazione, attivata tramite il Ministero della Giustizia e la Autorità giudiziaria statunitense, investita attraverso il magistrato di collegamento e gli organi di rappresentanza a R., portava alla consegna presso l'ambasciata, tramite l F.B.I, di CD sui quali erano stati copiati tutti i file reperiti nelle caselle di posta elettronica e nei profili dei social network presenti sui server all'estero, CD che venivano infine consegnati al perito per la decodifica. Il gip pertanto, ritenuta la natura documentale di tutto il materiale acquisito per via rogatoriale, non ha ritenuto applicabile la disciplina di cui all art. 266 bis cpp, ritenendo viceversa che si verta in ipotesi di cui all art. 234 cpp. In particolare il giudice rileva che i file acquisiti non erano in transito al momento del loro ingresso nel procedimento penale. Essi - si legge a pag. 25 e seg. della sentenza - non sono altro che la copia del report delle chat, cui si aggiunge la copia delle caselle di posta elettronica utilizzate dall imputato I file acquisiti sono documenti perché, in definitiva, riproducono il contenuto del materiale presente, al momento delle operazioni negli spazi di memoria utilizzati sui server dall imputato, connesso ad Internet dall Italia, ma fruitore di un servizio di giacenza delle 3

4 informazioni fornito dalle società gestrici dei server nel territorio degli Stati Uniti d America.. Quindi l'analisi dei profili dei social network consentiva di individuare le caselle di posta elettronica, poiché le società che gestiscono i social network medesimi esigono dall'utente la dichiarazione di disponibilità di una casella di posta elettronica al fine di fornirgli quanto meno le credenziali di accesso allo spazio virtuale, cui però corrisponde uno spazio reale, onde collocare i contenuti delle chat-session. Nel corso dei chiarimenti sollecitati dal giudice il perito aveva precisato che il gestore aggiorna periodicamente lo spazio di memoria messo a disposizione di ciascun utente in modo da consentire un flusso di dati senza necessità di un loro inutile immagazzinamento. Così il gestore attribuisce dello spazio disco, quindi della memoria, che l'utente utilizza in un dato momento. Ad esempio se si hanno 1000 immagini, si utilizza una quantità di memoria idonea; se si possiedono 10 immagini, se ne utilizza una parte inferiore. Se avendo 1000 immagini l'utente ne cancella 900, automaticamente quello spazio viene riallocato ad altri utenti e viene soprascritto cosicché non è più possibile recuperare i dati, mentre in un personal computer sono ancora recuperabili perché il materiale rimane nei file temporanei o nei file log delle chat. I CD trasmessi dall F.B.I. pertanto completavano e superavano il materiale esaminato dal perito in esecuzione della prima parte dell'incarico, ove era stato esaminato il materiale probatorio offerto dal P.M.. Il giudice si diffonde quindi nel motivare che quanto contenuto nei predetti CD e oggetto della analisi completa da parte del perito esula del tutto dalla disciplina delle intercettazioni telematiche per la ragione che i CD recano impressa nient'altro che la copia di file allocati sui server di appoggio dei social network viepiù, non già nella loro consistenza originaria ma nella loro consistenza, per così dire, residua. I CD e, oltre, i file che vi sono impressi non sono altro che documenti ai sensi del primo comma dell'articolo 234 cpp. I file rappresentano una combinazione di codici magnetici che esiste in quanto allocata su un supporto idoneo alla sovrascrittura, ossia alla loro conservazione nella loro fisica materialità di espressione di acceso e spento nel linguaggio binario tipico dei computer. Essi si saldano con i CD medesimi perché sono intellegibili attraverso il supporto che li memorizza e, in siffatto modo di esistere, sostanziano la rappresentazione di fatti, persone o cose di cui discorre la disposizione citata. Rappresentano fatti, persone o cose perché detti fatti, persone o cose, che si sono verificati o animati nella realtà, necessariamente passata, non si verificano e neppure si animano nei file impressi sui CD, i quali contengono l'esito delle ridette verificazioni od animazioni, che perciò rappresentano, nel contesto di una serialità suscettibile di riproduzione, laddove la verificazione e l'animazione, naturalisticamente intesi, sono irripetibili. Rappresentano "fatti, persone o cose". Rappresentano "fatti": primieramente il fatto in sé dell'intrattenimento dell'imputato con le minorenni adescate e poi i fatti secondari dei contenuti erotici delle loro conversazioni, delle avance dell'imputato, delle risposte delle minorenni, della 4

5 trasmissione di immagini e di video da parte dell'imputato alle minorenni e da parte delle minorenni all'imputato mediante l'invio di file-immagine preconfezionati o mediante il contemporaneo avvio di sessioni in web-cam. Rappresentano "persone": le "persone" a venire in rilievo sono ovviamente quelle dell'imputato e delle minorenni; ma, recuperata l'etimologia della parola "persona", mentre le persone delle minorenni sono autentiche, come la più parte delle volte si può apprezzare dai loro avatar e dai contenuti consoni delle loro battute nelle conversazioni, la persona dell'imputato è falsa. L'imputato si è costruito il doppio di sé; si è costruito quell'identità di [omissis] che utilizza come suo alter ego per adescare, con l'inganno, le fanciulle ed indurle a credere di corrispondere i desideri di un coetaneo nel gioco di una relazione a un tempo sentimentale ed erotica. Tutto ciò si può dire con matematica - anzi informatica - certezza perché gli avatar associati agli account in uso all'imputato non riproducono l'effigie dell'imputato e neppure descrivono attività, modi d'essere e sembianze dell'imputato. In tal senso i file rappresentano le "persone": raffigurano, nel senso letterale del termine, attraverso gli avatar, l'imputato e le fanciulle, descrivendoli, nel senso questa volta figurato del termine, attraverso le loro parole ed i loro gesti, nell'atto della loro interazione. Ed infine i file rappresentano "cose". Il nodo è complesso ma non per questo non districabile. Anche quelle "cose" che i file avrebbero potuto rappresentare nella materialità della tecnica, ma, solo sul piano giust'appunto della materialità della tecnica, non rappresentano, sono anzitutto i file-immagine ed i file-video che l'imputato e le fanciulle si scambiavano.. 1 Il gip respingeva anche la ulteriore eccezione proposta dalla difesa, relativa alla inutilizzabilità del materiale acquisito con la rogatoria in quanto l'attività sarebbe stata condotta in violazione della disciplina che governa l'acquisizione e il sequestro della corrispondenza. Premesso che l'attività si era svolta nel pieno contraddittorio con le parti, il gip osserva che l'acquisizione dei CD provenienti dall'america rispetta l'articolo 254 bis cpp a proposito del sequestro di dati informatici con la procedura di estrazione della copia, in termini di compatibilità con la disciplina locale, che coniuga l'estrazione della copia con l'accesso al materiale ad esito dell'esecuzione dell order of exhibition, di esclusiva competenza dell'autorità giudiziaria dello Stato del luogo ove i server sono allocati, la quale valuta, primieramente, la sussistenza del requisito della probable cause e, poi, dispone il modo e i tempi dell'accesso; non sfuggirà che il perito, pur non essendovi tenuto, ha utilizzato l'accortezza persino di applicare, nuovamente in via analogica, il disposto del secondo comma dell'articolo 254 cpp, chiedendo ed ottenendo la presenza di personale dell'arma dei Carabinieri nella sede dell'ambasciata degli Stati Uniti d'america a R. nel momento, voluto dalle Autorità statunitensi, della determinazione della consistenza del materiale consegnato per il tramite dell F.B.I, tuttavia senza accesso al contenuto dei CD, con conseguente riapposizione di sigilli, aperti solo all'udienza al cospetto del giudice e dinanzi alle 1 V. pag della sentenza 5

6 parti, nel quale contesto, sotto gli occhi di tutti, si è verificata la natura del linguaggio dei file impressi sui CD medesimi. 2 Osserva quindi il giudice che il materiale fornito dagli Stati Uniti d'america e i profili sui social network nonché gli indirizzi di posta elettronica alla luce del primo comma dell'articolo 254 cpp erano sequestrabili in vista della regola che coniuga la disposizione procedimentale del secondo comma dell'articolo 253 cpp con la previsione di confisca obbligatoria del secondo comma dell'articolo 240 cp. Infatti non vi è ombra di dubbio che l'imputato li utilizzasse per il compimento della sua illecita attività. Poco senso avrebbe però avuto sequestrarli e poi confiscarli, come del resto reso patente dall'opzione infine eletta dallo stesso legislatore nell'intervento novellistico ex articolo 254 bis cpp in sede di ratifica ed esecuzione della Convenzione del Consiglio d'europa sulla criminalità informatica fatta a Budapest il 23 novembre 2001: le società gestrice mettono a disposizione degli utenti una memoria variabile a seconda dell'utilizzo, nel senso che, in caso di ridotto e, in prospettiva, di mancato utilizzo, lo spazio si riduce automaticamente in favore di altri utenti. Preminente la funzione probatoria del materiale, la copia dello stesso, la quale è informaticamente un originale, poiché ciascun file allocato sui CD è in sé e per sé identico, quanto a sequenze di bit, a quello allocato sui server, variando solo le estensioni necessarie al salvataggio e, quindi, i metadati, non solo fa prova dei contenuti alla stregua, come detto, di un documento Ma, acquisendo altresì la qualifica di corpo del reato, va soggetto ex art. 235 cpp alla medesima disciplina del sequestro ai sensi, non a caso, del secondo comma dell'articolo 253 cpp con la variante che l'acquisizione, da chiunque il documento sia formato o detenuto, tiene luogo del sequestro: né d'altronde, rispetto al sequestro di documenti, il vincolo di realità si realizza in altro modo che con l'acquisizione. Ferme tutte le considerazioni che precedono, nel caso che ne occupa, la disciplina del sequestro, sebbene formalmente sostanzialmente ossequiata, neppure sarebbe applicabile, posto che il materiale infine trasmesso dall'fbi, ben lungi dall'afferire ad un'attività in sé acquisitiva, costituisce la base di dati necessaria al perito per rispondere, nell'osservanza dei principi di completezza e verità, ai quesiti sottopostigli. Tant'è che, proprio in seguito alla rogatoria, il perito potuto svolgere il suo incarico. 3. Così superate le eccezioni preliminari proposte dalla difesa, il gip, con sentenza del 20 marzo 2013, depositata il 18 aprile 2013, dichiarava G. M. colpevole di tutti i reati ascrittigli, esclusa la aggravante di cui all art. 600 sexies c. 2 cp contestata al capo 1; riconosciuta la continuazione tra tutti i reati, ritenuto più grave il reato di cui al capo 1 e applicata la riduzione per il rito, lo condannava alla pena di anni 11 e mesi 4 di reclusione ed euro di multa, oltre al pagamento delle spese processali e di quelle di mantenimento durante la custodia cautelare in carcere; applicava all imputato la pena accessoria della interdizione perpetua dai pubblici uffici e della interdizione legale durante l esecuzione della pena; applicava le pene accessorie di 2 Pag. 28 della sentenza 3 Pag. 29 e 30 della sentenza 6

7 cui all art. 600 septies e nonies cp; ordinava la confisca e distruzione di quanto in sequestro; condannava l imputato a risarcire il danno alle costituite parti civili rimettendo le parti avanti al giudice civile per la liquidazione e condannando l imputato al pagamento di una provvisionale pari ad euro a favore della minore e 500 a favore del padre e 500 a favore della madre, condannando altresì l imputato a rifondere alle parti civili le spese processuali liquidate in euro oltre oneri e riservando il deposito delle motivazioni nel termine di giorni 30, con sospensione del decorso dei termini di custodia e con riserva al deposito della motivazione di trasmissione alla Procura della Repubblica degli atti i ordine alla emersione di fatti costituenti reato suscettibile di procedibilità di ufficio. Nella determinazione della pena, illecito riteneva più grave il reato di cui al capo 1, fissando la pena base in anni nove di reclusione ed euro di multa, pena aumentata di anni tre ed euro per la aggravante, con ulteriori aumenti di anni uno per la continuazione interna, anni tre per il capo due, mesi sei per il capo tre mesi sei per il capo quattro, con indicazione della pena finale in anni 17 di reclusione ed euro di multa, pena ridotta di un terzo per il rito. Nel motivare la affermazione di responsabilità in relazione a tutte le ipotesi criminose descritte nei capi di accusa, il gip riporta anzitutto l'esito delle indagini, confermate e ampliate (solo dal punto di vista quantitativo, come si vedrà, ovvero con riferimento al numero di ragazzine coinvolte, e non già qualitativo) dal contenuto della relazione peritale disposta d'ufficio e in particolare dalla analisi dell esito della attività rogatoriale. I fatti vengono riassunti nella c.n.r. dei Carabinieri, Stazione di [omissis], del La P.G. riferisce che tale S. G. chiedeva un incontro per avere un consiglio sul comportamento da tenere con l imputato, allenatore della squadra di pallavolo femminile di [omissis] (che accoglie ragazze a partire dai sedici anni). S. informava i militari di aver appreso da alcune giocatrici che G. M. era stato allontanato a settembre-ottobre del 2011 dalla squadra femminile di pallavolo di [omissis] (under 12), che egli allenava in concomitanza con quella di [omissis], poiché un genitore aveva segnalato sue attenzioni nei confronti della figlia. Era noto al S. che M. era stato arrestato in passato per fatti di pedofilia. Per questi motivi S. aveva sospeso dalla attività l imputato, fissando un incontro chiarificatore il 16 gennaio, incontro al quale avrebbero partecipato gli stessi militari. Alle del 16 gennaio 2011 gli operanti, in abiti civili, si recavano alla palestra comunale in [omissis]. Nella immediatezza M. dichiarava di essere a conoscenza dei precedenti a suo carico e consapevole della violazione dell art. 389 cp ed assumeva pertanto la veste di indagato in relazione a tale ipotesi di reato. In quella occasione l imputato rendeva spontanee dichiarazioni e si procedeva al sequestro di tre telefoni cellulari in suo possesso. Emergeva che a M., a seguito di condanna, era stata applicata la pena accessoria della interdizione perpetua da incarichi di ogni ordine e grado in uffici, servizi, istituzioni o 7

8 strutture, pubbliche o private, frequentate da minori. L imputato ammetteva di aver ricoperto, contravvenendo al divieto, l incarico di allenatore di squadre di pallavolo: in particolare nel periodo tra novembre 2010 e giugno 2011 la squadra femminile di pallavolo [omissis] (under 16); tra settembre e ottobre 2011 la squadra femminile [omissis] (under 12); tra settembre 2011 e dicembre 2011 la squadra femminile [omissis], il cui responsabile aveva allertato le Forza dell'ordine. L'imputato inoltre riferiva agli operanti di avere un falso profilo su Facebook, con nickname [omissis], collegato alla posta elettronica [omissis], ove si presentava come un ragazzo di 16 anni con la finalità di chattare con ragazze di giovane età. Ammetteva di intrattenere corrispondenza telefonica con ragazzine, confermando che all'interno dei tre telefoni cellulari sequestrati (aventi numeri [omissis]; [omissis] e [omissis]) vi erano fotografie di ragazze di età compresa fra i 13 e i 17 anni e che alcune di loro erano immortalate in atteggiamenti erotici. Affermava che tutte le ragazze erano state conosciute su Facebook. Alla CNR erano allegati accertamenti tecnici che attestavano l'esistenza di fotografie di ragazze minorenni nude o seminude in atteggiamenti erotici consistenti in esibizioni o atti di auto-palpeggiamento delle parti intime; la presenza di filmati pornografici con i volti delle persone coinvolte nascosti per eludere l'età; la permanenza di corrispondenza con numerose ragazze via SMS, con messaggi espliciti nei contenuti erotici e diretti a incontri con finalità sessuali. L'analisi della copia di backup dei tre telefoni cellulari (poi restituiti all'imputato) era contenuta nella Relazione di analisi tecnica informatica della Squadra reati informatici presso la Procura della Repubblica. I video registrati sulla micro-sd del Samsung C 3050 sono copie di quelli, più numerosi, registrati sulla micro SD del Nokia 5800, questi ultimi peraltro conservati anche nella memoria del Samsung (come poi accertato dalla perizia). I video possono essere aperti dai CD agli atti con l'impiego dell'apposito programma VLC Media Player. Il video denominato l viene in particolare evidenziato dal perito nella relazione dell'8 marzo 2013 alle pagine 96 e 97: ritrae una ragazzina, dodicenne o tredicenne, che pratica un rapporto orale sul membro eretto di un uomo, immagine sfuggita al tecnico nella relazione di accertamento predisposto su incarico del P.M. Altri video registrati sulla micro S-D del Nokia 5800 raffigurano ragazze minorenni che si prestano a pratiche sessuali; il gip evidenzia in particolare il contenuto dei video denominati [omissis] ; [omissis], dove una giovane è ripresa mentre pratica contemporaneamente rapporti orali sui falli di due soggetti adulti, e [omissis]. Altri video pornografici sono relativi solo ad adulti e altri attengono alle attività sportive dell'imputato, molto abile nel pattinaggio su strada, e altri relativi all'attività della pallavolo. Per quanto riguarda le fotografie, il gip richiama quelle riprodotte alle pagine 10 e 11 della relazione tecnica informatica (allegato 8/2), rinvenute nel Samsung C

9 Vi sono ragazzine che si auto ritraggono in reggiseno o slip o a seno nudo, in pose ammiccanti, con la macchina fotografica rivolta direttamente a sé o, indirettamente, attraverso lo specchio, talvolta con la mano sulle parti intime. Le fotografie contenute nella micro SD del Nokia 5800 (pag. 27 e 28 della relazione) sono del pari esplicite. Alcune fotografie risultano inviate all'imputato dalle ragazzine dietro sue esplicite richieste in tal senso, allorché fingeva di essere il sedicenne S., nel contesto della messa in scena di una relazione sentimentale virtuale, come attestato anche dal tenore degli SMS riportati a pagina della sentenza 4. Il 17 gennaio 2012 G. S. rendeva sommarie informazioni nel corso delle quali specificava che l'imputato stava regolarmente frequentando, autorizzato dalla federazione italiana di pallavolo, un corso per diventare allenatore e che la palestra ospitava più squadre di pallavolo con frequentazione di bambini a partire dai cinque anni e di adulti. Riferiva che S. D.T., padre di una ragazzina che frequentava la palestra, C. di 13 anni, aveva saputo dalla figlia che l'imputato, sebbene non allenasse la ragazzina, alcuni giorni prima l'aveva raggiunta all'oratorio [omissis] e aveva chiesto, con successo, di incontrarla. La figlia, peraltro, si era infastidita e quindi, preoccupata e imbarazzata, era rientrata all'oratorio. Emergeva che nei giorni seguenti era stato presentato un esposto da A. R., madre di N., undicenne, in quanto l'imputato, nella sua qualità di allenatore della squadra, aveva la disponibilità del numero cellulare della figlia e la contattava con messaggi ambigui. In accordo con il P.M., in data 21 gennaio 2012 venivano restituiti all'imputato i tre telefoni cellulari, previo backup degli apparati, poiché gli inquirenti prevedevano che M. potesse riutilizzarli. Veniva così autorizzata una attività di intercettazione telefonica delle tre utenze sopraindicate. Veniva monitorato anche il numero di rete fissa [omissis] intestato e in uso alla madre dell'imputato, identificata in B. E.G. Dalla intercettazione di quest'ultima utenza emergevano una serie di indicazioni utili, tra cui la identificazione di una quarta utenza in possesso all'imputato ma intestata alla madre. Nel corso di conversazioni con la madre, l'imputato esternava la sua forte preoccupazione di poter venire nuovamente arrestato. In una conversazione la madre parlava con l'amica G. e le raccontava le vicissitudini del figlio. L'amica le diceva di aver reperito su Facebook un profilo di tale G. che, spacciandosi per un ragazzino, contattava le minorenni usando il nickname di [omissis] o [omissis]. La donna diceva di essere sicura che questo profilo appartenesse all'imputato perché vi erano pubblicate foto di allenamenti e partite di pallavolo, aggiungendo che egli era in contatto con una ragazzina di 12 anni di nome 4 Amore rimanda mex Amore ho dt una snz reg? Si amore dai manda Amore prometti ke farai il geloso smp e ke dirai ke sn tua? Giuro amore mio SONO GELOSO SEMPRE E TE SEI MIA Si amore xro skrivi sui kommenti dll foto ke sn tua e quello ke vuoi ti prg amore ok amore si Ora manda la foto qui Amore che figa che sei. Mmm ora la figa Amore la figa stasera xche ora nn mi va tnt dimostrami ke 6 geloso Amore se mandi foto a qualcuno ti prendo e ti picchio con la frusta e poi ti scopo Mmm amore stasera fai un video? Anche io lo faccio Amore nn lo so fare cmq ci provo Amore ti amo hai altre foto anche nuda? Amore no amore? A dopo ti amo e VOGLIO e fai VIDEO Ok amore vado a pallavolo ma stasera con te VOGLIO ECCITARMI GODERE E FARTI GODERE OK? Ti mando video sega e foto del mio cazzo duro Stasera dp le ok okok amore mio a stasera. 9

10 M., tratta in inganno dall'età apparente del sedicente [omissis], il cui finto intestatario era un ragazzo nato a Milano il 16 maggio L'intercettazione della nuova utenza telefonica [omissis], intestata alla madre dell'imputato ma in uso al predetto, poneva in evidenza un graduale aumento di interesse e di coinvolgimento telefonico da parte dell'indagato verso utenze diverse da quelle della madre. Peraltro si trattava di semplici squilli telefonici che gli investigatori interpretavano solo come un avvertimento, ovvero uno squillo di saluto, ovvero un invito a collegarsi a Internet o su social network. L'ingenuità di alcune interlocutrici, tra cui una che per sentire la voce di lui lo invitava a non riattaccare la conversazione perché altrimenti non si sarebbe più collegata alla chat, consentiva di suffragare il significato degli squilli così come interpretato dagli inquirenti. Emergeva sempre più chiaramente che le minori erano coinvolte dalle attenzioni di quello che ritenevano essere un ragazzo, di nome S., classe 1995/96, nato a Milano, del tutto ignare di relazionarsi in realtà con un quasi cinquantenne. Il gip riporta quindi una parte della c.n.r. del ove i Carabinieri della Stazione di [omissis], che hanno condotto le indagini, scrivono: Tra i numerosi squilli cominciano a riproporsi anche delle comunicazioni tra il M. G. e le vittime. Ciò che appare quanto meno impressionante è la dialettica, il tono della voce, la continua circonvenzione della vittima con continui cambi di discorso per evitare loro riflessioni, il bombardamento psicologico continuo che portano pian piano le vittime ad un quasi totale assoggettamento psicologico al fantomatico S. di anni 15/16, interpretato vigliaccamente e subdolamente dal M. G. che usa questa strategia al fine di trarre in inganno le sue vittime; dall'ascolto dei dialoghi, della tonalità della voce, tra l'altro, sembra credibile che si tratti realmente di un ragazzo di 15 anni e non di un adulto di 48 anni. Ed è proprio a mezzo della dialettica, del tono di voce, del comportamento ammaliante, del linguaggio adolescenziale che utilizza per corteggiare le vittime e per raggiungere il proprio scopo che l'indagato riesce a procurarsi il materiale pornografico per masturbarsi o costringere le vittime a praticare giochi auto erotici sul Web. Dalla descrizione delle telefonate che verranno riproposte, si capisce in modo palese che le ragazze vengono invitate a pubblicare immagini che le ritraggono completamente nude, oppure a seni scoperti oppure mentre si masturbano in webcam. Quindi, da pagina 40 pagina 152 della sentenza del gip, viene trascritto il contenuto delle conversazioni telefoniche intercettate, intercorse tra l'imputato e L. C., nata il [omissis] 6 ; R. R. (di anni 16) 7 ; A. E., nata il [omissis] (e quindi quattordicenne da pochi giorni al momento della cnr, ma conosciuta dall'imputato prima del compimento del 14º anno di età) 8 ; G. P. A. S., nata il [omissis] e quindi di anni 12 9 ; T. L., nata il [omissis] e quindi infradodicenne, minore non indicata esplicitamente 5 Allegato F, conversazione telefonica progressivo 138, utenza intercettata in uso a E.G. B. 6 Pag Pag Pag Pag

Formula 79 ILL.MO SIGNOR PROCURATORE DELLA REPUBBLICA PRESSO IL TRIBUNALE DI... ILL.MO G.I.P./G.U.P. PRESSO IL TRIBUNALE DI...

Formula 79 ILL.MO SIGNOR PROCURATORE DELLA REPUBBLICA PRESSO IL TRIBUNALE DI... ILL.MO G.I.P./G.U.P. PRESSO IL TRIBUNALE DI... Formula 79 Difensore 149 FORMULA 79 VERBALE DI ASSUNZIONE DI INFORMAZIONI DA PERSONE INFORMATE SUI FATTI (artt. 327 bis e 391 bis c.p.p.) R.G. n.... ILL.MO SIGNOR PROCURATORE DELLA REPUBBLICA PRESSO IL

Dettagli

Polizia Postale e delle Comunicazioni. INDAGINI DIGITALI Camerino 2 Maggio 2011

Polizia Postale e delle Comunicazioni. INDAGINI DIGITALI Camerino 2 Maggio 2011 INDAGINI DIGITALI Camerino 2 Maggio 2011 Decreto del Ministero dell Interno 30 Marzo 1998 istituisce SERVIZIO POLIZIA POSTALE E DELLE COMUNICAZIONI Coordinamento operativo degli uffici periferici - Compartimenti;

Dettagli

Codice penale Sezione I DEI DELITTI CONTRO LA PERSONALITÀ INDIVIDUALE

Codice penale Sezione I DEI DELITTI CONTRO LA PERSONALITÀ INDIVIDUALE Codice penale Sezione I DEI DELITTI CONTRO LA PERSONALITÀ INDIVIDUALE Art. 600 Riduzione in schiavitù Chiunque riduce una persona in schiavitù, o in una condizione analoga alla schiavitù, è punito con

Dettagli

LEGGE 23 dicembre 1993 n. 547

LEGGE 23 dicembre 1993 n. 547 LEGGE 23 dicembre 1993 n. 547 Modificazioni ed integrazioni delle norme del codice penale e del codice di procedura penale in tema di criminalità informatica. La Camera dei Deputati e il Senato della Repubblica

Dettagli

Titolo I MODIFICHE AL CODICE PENALE

Titolo I MODIFICHE AL CODICE PENALE DISEGNO DI LEGGE RECANTE MODIFICHE ALLA NORMATIVA PENALE, SOSTANZIALE E PROCESSUALE, E ORDINAMENTALE PER IL RAFFORZAMENTO DELLE GARANZIE DIFENSIVE E LA DURATA RAGIONEVOLE DEI PROCESSI E PER UN MAGGIORE

Dettagli

Osservatorio sulla Corte di cassazione

Osservatorio sulla Corte di cassazione Osservatorio sulla Corte di cassazione Pedopornografia La decisione Detenzione di file a contenuto pedopornografico Detenzione di materiale incompleto, illeggibile o inutilizzabile dall utente Insussistenza

Dettagli

Incidenti stradali: le nuove disposizioni

Incidenti stradali: le nuove disposizioni INCONTRO DI STUDIO PER OPERATORI DI POLIZIA LOCALE LE NOVITA LEGISLATIVE PER LA P.M. FAENZA (RA) - 19 maggio 2006 Incidenti stradali: le nuove disposizioni LEGGE 21 febbraio 2006, n. 102 Disposizioni in

Dettagli

C O N S I G L I O D E L L O R D I N E D E G L I A V V O C A T I D I B O L O G N A

C O N S I G L I O D E L L O R D I N E D E G L I A V V O C A T I D I B O L O G N A C O N S I G L I O D E L L O R D I N E D E G L I A V V O C A T I D I B O L O G N A REGOLAMENTO PER LE DIFESE D UFFICIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI BOLOGNA approvato all adunanza del 1 luglio 2015 e integrato

Dettagli

ATTIVITA DI POLIZIA GIUDIZIARIA. ATTIVITA DI INIZIATIVA, DIRETTA O DISPOSTA, DELEGATA, ESECUTIVA. ATTIVITA DI INFORMAZIONE.

ATTIVITA DI POLIZIA GIUDIZIARIA. ATTIVITA DI INIZIATIVA, DIRETTA O DISPOSTA, DELEGATA, ESECUTIVA. ATTIVITA DI INFORMAZIONE. ATTIVITA DI POLIZIA GIUDIZIARIA. ATTIVITA DI INIZIATIVA, DIRETTA O DISPOSTA, DELEGATA, ESECUTIVA. ATTIVITA DI INFORMAZIONE. AUTORE: MAGG. GIOVANNI PARIS POLIZIA GIUDIZIARIA E AUTORITA GIUDIZIARIA PER TRATTARE

Dettagli

Carattere pedopornografico per le fotografie che ritraggono minorenni nudi a cura di Guglielmo Starace

Carattere pedopornografico per le fotografie che ritraggono minorenni nudi a cura di Guglielmo Starace Carattere pedopornografico per le fotografie che ritraggono minorenni nudi a cura di Guglielmo Starace (Cassazione, terza sezione penale, sentenza del 19 luglio 2011, depositata il 2 agosto 2011, n. 30564).

Dettagli

LEGGE 15 febbraio 1996 n. 66. NORME CONTRO LA VIOLENZA SESSUALE. (pubblicata nella Gazzetta Ufficiale del 20 febbraio 1996 n. 42 ) Art. 1.

LEGGE 15 febbraio 1996 n. 66. NORME CONTRO LA VIOLENZA SESSUALE. (pubblicata nella Gazzetta Ufficiale del 20 febbraio 1996 n. 42 ) Art. 1. LEGGE 15 febbraio 1996 n. 66 NORME CONTRO LA VIOLENZA SESSUALE. (pubblicata nella Gazzetta Ufficiale del 20 febbraio 1996 n. 42 ) Art. 1. 1. Il capo I del Titolo IX del libro secondo e gli articoli 530,

Dettagli

indipendentemente dal conseguimento di un profitto o dal verificarsi di un danno,

indipendentemente dal conseguimento di un profitto o dal verificarsi di un danno, L'indebita utilizzazione a fini di profitto della carta di credito da parte di chi non ne sia titolare integra il reato di cui alla Legge n. 143 del 1991, articolo 12, indipendentemente dal conseguimento

Dettagli

PROCEDIMENTO PENALE n. 47391/10 9716/11 R.G. GIP. rito ordinario

PROCEDIMENTO PENALE n. 47391/10 9716/11 R.G. GIP. rito ordinario [Portici 5, 2008-2010] PROCEDIMENTO PENALE n. 47391/10 9716/11 R.G. GIP rito ordinario 1. Dati identificativi del procedimento. Numeri di registro: 47391/10 R.G. N.R. 9716/11 R.G. GIP- 14175/11 R.G.Dib..

Dettagli

Legge 7 dicembre 2000, n. 397 "Disposizioni in materia di indagini difensive"

Legge 7 dicembre 2000, n. 397 Disposizioni in materia di indagini difensive Legge 7 dicembre 2000, n. 397 "Disposizioni in materia di indagini difensive" pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n. 2 del 3 gennaio 2001 Capo I MODIFICHE AL CODICE DI PROCEDURA PENALE Art. 1 1. All'articolo

Dettagli

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ Tra le modifiche introdotte nell agosto 2010 all art. 186, C.d.S., vi è anche l inserimento del nuovo comma 9 bis, che prevede l applicazione del lavoro

Dettagli

TRIBUNALE DI AVELLINO Sezione dei Giudici per le indagini preliminari

TRIBUNALE DI AVELLINO Sezione dei Giudici per le indagini preliminari Trib. Avellino, Sez. GIP, ud. 18 maggio 2011 Proc. pen. n. 2146/2011 R. GIP Proc. pen. n. 2851/2011 RGNR TRIBUNALE DI AVELLINO Sezione dei Giudici per le indagini preliminari ORDINANZA DI NON CONVALIDA

Dettagli

LIBRO SECONDO. Dei delitti in particolare TITOLO III. Dei delitti contro l'amministrazione della giustizia CAPO III

LIBRO SECONDO. Dei delitti in particolare TITOLO III. Dei delitti contro l'amministrazione della giustizia CAPO III LIBRO SECONDO Dei delitti in particolare TITOLO III Dei delitti contro l'amministrazione della giustizia CAPO III Della tutela arbitraria delle private ragioni Articolo 392 Esercizio arbitrario delle proprie

Dettagli

REGOLE DI COMPORTAMENTO DEL PENALISTA NELLE INVESTIGAZIONI DIFENSIVE

REGOLE DI COMPORTAMENTO DEL PENALISTA NELLE INVESTIGAZIONI DIFENSIVE REGOLE DI COMPORTAMENTO DEL PENALISTA NELLE INVESTIGAZIONI DIFENSIVE TESTO APPROVATO IL 14 LUGLIO 2001 DAL CONSIGLIO DELLE CAMERE PENALI CON LE MODIFICHE APPROVATE IL 19 GENNAIO 2007 IL CONSIGLIO DELLE

Dettagli

Ministero della Giustizia UFFICIO LEGISLATIVO SCHEMA DI DISEGNO DI LEGGE CONCERNENTE SQUADRE INVESTIGATIVE COMUNI RELAZIONE ILLUSTRATIVA

Ministero della Giustizia UFFICIO LEGISLATIVO SCHEMA DI DISEGNO DI LEGGE CONCERNENTE SQUADRE INVESTIGATIVE COMUNI RELAZIONE ILLUSTRATIVA Ministero della Giustizia UFFICIO LEGISLATIVO Prot. n. 9/4-150 AD SCHEMA DI DISEGNO DI LEGGE CONCERNENTE SQUADRE INVESTIGATIVE COMUNI RELAZIONE ILLUSTRATIVA Premessa Il disegno di legge è diretto a disciplinare

Dettagli

REGOLE DI COMPORTAMENTO DEL PENALISTA NELLE INVESTIGAZIONI DIFENSIVE

REGOLE DI COMPORTAMENTO DEL PENALISTA NELLE INVESTIGAZIONI DIFENSIVE Pubblichiamo la delibera del 19.4.2001 dell'unione DELLE CAMERE PENALI ITALIANE, con la quale è stato approvato il testo definitivo delle Regole di comportamento del penalista nelle investigazioni difensive,

Dettagli

NOTIFICA AL DIFENSORE DEL DECRETO DI CITAZIONE A GIUDIZIO VIZI RIMEDI - CONSEGUENZE

NOTIFICA AL DIFENSORE DEL DECRETO DI CITAZIONE A GIUDIZIO VIZI RIMEDI - CONSEGUENZE NOTIFICA AL DIFENSORE DEL DECRETO DI CITAZIONE A GIUDIZIO VIZI RIMEDI - CONSEGUENZE Il Caso La Procura della Repubblica notificava, ai sensi dell art. 415 bis c.p.p., l avviso di conclusione delle indagini

Dettagli

TRIBUNALE DI BRESCIA

TRIBUNALE DI BRESCIA TRIBUNALE DI BRESCIA Sezione Riesame N. 81/10 mod. 18 N. 1470/10 RGNR N. 9839/10 RG GIP A carico di G. N. F. Il Tribunale di Brescia, Sezione per il riesame dei provvedimenti restrittivi della libertà

Dettagli

Che il legislatore non nutra un particolare favore per l azione civile nel processo penale lo si

Che il legislatore non nutra un particolare favore per l azione civile nel processo penale lo si Che il legislatore non nutra un particolare favore per l azione civile nel processo penale lo si ricava, in primis, dal disposto di cui all art. 652 c.p.p. il quale prevede che la sentenza irrevocabile

Dettagli

PROCEDIMENTO PENALE N 2051/11 r.g.n.r.; n. 211/12 R.G.T.; n 122/13 R.G.Sent. (rito ordinario)

PROCEDIMENTO PENALE N 2051/11 r.g.n.r.; n. 211/12 R.G.T.; n 122/13 R.G.Sent. (rito ordinario) PROCEDIMENTO PENALE N 2051/11 r.g.n.r.; n. 211/12 R.G.T.; n 122/13 R.G.Sent. (rito ordinario) 1. Dati identificativi del procedimento penale: Numeri di registro: n. 2051/11 r.g.n.r.; n. 211/12 R.G.T.;

Dettagli

INDICE SOMMARIO. Sezione prima PROVA PENALE E GIUSTO PROCESSO (Pietro Silvestri)

INDICE SOMMARIO. Sezione prima PROVA PENALE E GIUSTO PROCESSO (Pietro Silvestri) INDICE SOMMARIO Premessa... vii Sezione prima PROVA PENALE E GIUSTO PROCESSO (Pietro Silvestri) Capitolo I DALLA RIFORMA DELL ART. 111 DELLA COSTITUZIONE ALLA LEGGE N. 63/2001 1.1. Premessa... 3 1.2. La

Dettagli

Cassazione Penale, Sez. 4, 26 aprile 2011, n. 16311 - Delega di funzione ed autonoma capacità di spesa

Cassazione Penale, Sez. 4, 26 aprile 2011, n. 16311 - Delega di funzione ed autonoma capacità di spesa 1 di 5 26/09/2011 11.11 Cassazione Penale, Sez. 4, 26 aprile 2011, n. 16311 - Delega di funzione ed autonoma capacità di spesa Giovedì 12 Maggio 2011 13:40 Cassazione Penale, Sez. 4, 26 aprile 2011, n.

Dettagli

Cassazione Penale Sez. II, 27 febbraio 2013 n. 9220 - Pres. Petti, Est. Gentile RITENUTO IN FATTO

Cassazione Penale Sez. II, 27 febbraio 2013 n. 9220 - Pres. Petti, Est. Gentile RITENUTO IN FATTO DETENZIONE PER FINI DI COMMERCIALIZZAZIONE DI SUPPORTI AUDIOVISIVI ABUSIVAMENTE RIPRODOTTI E RICETTAZIONE: LA LEX MITIOR SI APPLICA ANCHE SE SUCCESSIVAMENTE VIENE MODIFICATA IN SENSO PEGGIORATIVO Cassazione

Dettagli

Programmi scaricati da emule contenenti immagini pedopornografiche - Accesso al file solo dopo il down

Programmi scaricati da emule contenenti immagini pedopornografiche - Accesso al file solo dopo il down L'utente che voglia effettuare il download del file dal titolo "A" si rende conto, solo dopo averlo effettivamente scaricato, che esso contiene in realtà filmati pornografici o pedo. Tribunale Penale di

Dettagli

PROCURA DELLA REPUBBLICA PRESSO IL TRIBUNALE DI GENOVA

PROCURA DELLA REPUBBLICA PRESSO IL TRIBUNALE DI GENOVA PROCURA DELLA REPUBBLICA PRESSO IL TRIBUNALE DI GENOVA DALLA PARTE DELLE DONNE: TUTELA ED ASSISTENZA NEI CASI DI VIOLENZA I L Q U A D R O N O R M AT I V O I R E AT I D E L C O D I C E P E N A L E : P E

Dettagli

La figura dell informatico forense

La figura dell informatico forense Pag. 1 di 6 La figura dell informatico forense Sommario Sommario... 1 Introduzione... 1 Formazione... 1 Competenze... 2 Esperienza professionale... 2 L attività dell informatico forense... 2 Ambiti lavorativi...

Dettagli

Il furto di identità tra diritto e procedura penale. Da cosa e come difendersi.

Il furto di identità tra diritto e procedura penale. Da cosa e come difendersi. Il furto di identità tra diritto e procedura penale. Da cosa e come difendersi. Studio legale Avvocato Emiliano Vitelli A/LA - ISO 27001:2005 Vicepresidente EPCE Il reato di sostituzione di persona Art.

Dettagli

Svolgimento atto giudiziario in materia di diritto penale a cura di Ilaria Di Punzio. Possibile soluzione schematica a cura di Altalex

Svolgimento atto giudiziario in materia di diritto penale a cura di Ilaria Di Punzio. Possibile soluzione schematica a cura di Altalex Esame avvocato 2011: seconda traccia e svolgimento atto giudiziario in materia di diritto penale Caio, dipendente del comune di Beta, viene sorpreso dal Sindaco mentre, per mezzo del computer dell'ufficio,

Dettagli

ACAM Ambiente S.p.A.

ACAM Ambiente S.p.A. ACAM Ambiente S.p.A. Modello di organizzazione e controllo ex D.Lgs. 231/2001 Delitti informatici e trattamento illecito dei dati Approvato con determinazione A.U. del 23.12.2014 1/11 Sommario 1. Ambito

Dettagli

LE ATTIVITA DI CONSULENZA TECNICA E PERIZIA IN AMBITO MEDICO-LEGALE. Consuela Cigalotti

LE ATTIVITA DI CONSULENZA TECNICA E PERIZIA IN AMBITO MEDICO-LEGALE. Consuela Cigalotti LE ATTIVITA DI CONSULENZA TECNICA E PERIZIA IN AMBITO MEDICO-LEGALE Consuela Cigalotti Possono aver luogo in momenti diversi nel complesso iter in cui si articola il procedimento penale. INDAGINI PRELIMINARI

Dettagli

MINI GUIDA NEI CASI DI MALTRATTAMENTO E ABUSO ALL INFANZIA

MINI GUIDA NEI CASI DI MALTRATTAMENTO E ABUSO ALL INFANZIA MINI GUIDA NEI CASI DI MALTRATTAMENTO E ABUSO ALL INFANZIA Gruppo Te.M.A. Territoriale Multidimensionale Abuso Il termine Abuso all Infanzia indica ogni forma di violenza fisica e psicologica ai danni

Dettagli

Pornografia minorile

Pornografia minorile Pornografia minorile (Articolo estratto dalla rivista di giurisprudenza minori n. 2-2013) TRIBUNALE DI NOLA 15 febbraio 2012 - Pres. Est. Schettino Pornografia minorile - Scaricamento di file tramite il

Dettagli

ASSOCIATO: Divisione Indagini Penali Difensive. www.pp-indaginipenali.it

ASSOCIATO: Divisione Indagini Penali Difensive. www.pp-indaginipenali.it ASSOCIATO: Divisione Indagini Penali Difensive www.pp-indaginipenali.it chi siamo P & P INVESTIGAZIONI S.r.l. è un agenzia investigativa legalmente autorizzata dalla Prefettura competente ai sensi dell

Dettagli

Articolo 44 (Obbligatorietà del deposito telematico degli atti processuali)

Articolo 44 (Obbligatorietà del deposito telematico degli atti processuali) Articolo 44 (Obbligatorietà del deposito telematico degli atti processuali) 1. Le disposizioni di cui ai commi 1, 2 e 3 dell articolo 16-bis del decreto-legge 18 ottobre 2012, n. 179, convertito, con modificazioni,

Dettagli

Cassazione: chi usa Youtube per ricattare qualcuno commette un duplice reato

Cassazione: chi usa Youtube per ricattare qualcuno commette un duplice reato Cassazione: chi usa Youtube per ricattare qualcuno commette un duplice reato Oltre alla violenza privata, in seguito alla pubblicazione del video scatta anche la violazione della privacy di Marina Crisafi

Dettagli

Cassazione Penale, sez. VI, 07 luglio 2011, n. 26746

Cassazione Penale, sez. VI, 07 luglio 2011, n. 26746 Cassazione Penale, sez. VI, 07 luglio 2011, n. 26746 SVOLGIMENTO DEL PROCESSO 1. Con decreto del 27 novembre 2008 il G.i.p. del Tribunale di Roma disponeva il sequestro preventivo delle somme giacenti

Dettagli

INTERESSE DEL MINORE ED ATTRIBUZIONE DEL COGNOME PATERNO

INTERESSE DEL MINORE ED ATTRIBUZIONE DEL COGNOME PATERNO INTERESSE DEL MINORE ED ATTRIBUZIONE DEL COGNOME PATERNO Il tribunale per i minorenni, considerato che il minore Tizietto, di sette anni, già riconosciuto dalla madre Caia, era stato successivamente riconosciuto

Dettagli

Suprema Corte di Cassazione. sezione lavoro. sentenza 24 aprile 2014, n. 9301

Suprema Corte di Cassazione. sezione lavoro. sentenza 24 aprile 2014, n. 9301 Suprema Corte di Cassazione sezione lavoro sentenza 24 aprile 2014, n. 9301 REPUBBLICA ITALIANAIN NOME DEL POPOLO ITALIANOLA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati: Dott.

Dettagli

PROCURA DELLA REPUBBLICA DI TORINO TRIBUNALE DI TORINO VADEMECUM PER L APPLICAZIONE NELLA FASE DELLE INDAGINI SOSPENSIONE CON MESSA ALLA PROVA

PROCURA DELLA REPUBBLICA DI TORINO TRIBUNALE DI TORINO VADEMECUM PER L APPLICAZIONE NELLA FASE DELLE INDAGINI SOSPENSIONE CON MESSA ALLA PROVA PROCURA DELLA REPUBBLICA DI TORINO TRIBUNALE DI TORINO VADEMECUM PER L APPLICAZIONE NELLA FASE DELLE INDAGINI SOSPENSIONE CON MESSA ALLA PROVA (Elaborato a seguito delle disposizioni contenute nella L.

Dettagli

Consiglio dell Ordine degli Avvocati di Biella. Via Marconi, 28 13900 Biella. Istanza di ammissione al Patrocinio a spese dello Stato

Consiglio dell Ordine degli Avvocati di Biella. Via Marconi, 28 13900 Biella. Istanza di ammissione al Patrocinio a spese dello Stato Depositato / Pervenuto il Ammesso il Consiglio dell Ordine degli Avvocati di Biella Via Marconi, 28 13900 Biella Istanza di ammissione al Patrocinio a spese dello Stato Il / La sottoscritt nat a prov./naz.

Dettagli

informatica 30 maggio 2011

informatica 30 maggio 2011 L informatica Forense: profili critici i della prova informatica 30 maggio 2011 volatilità modificabilità alterabilità Nuove Reti e nuovi strumenti Legge n. 48 del 2008 Ratifica della convenzione di Budapest

Dettagli

L accertamento tributario e procedimento penale

L accertamento tributario e procedimento penale L accertamento tributario e procedimento penale a cura di: Rosario Fortino Avvocato Tributarista in Cosenza fortinoepartners@libero.it Riflessione critica sulla utilizzabilità degli atti di polizia tributaria,

Dettagli

INDICE SOMMARIO. Capitolo 1 LA VIOLENZA ENDO-FAMILIARE E LO STALKING

INDICE SOMMARIO. Capitolo 1 LA VIOLENZA ENDO-FAMILIARE E LO STALKING INDICE SOMMARIO Elenco delle principali abbreviazioni... XIX Capitolo 1 LA VIOLENZA ENDO-FAMILIARE E LO STALKING 1.1. Introduzione... 1 1.2. I pregiudizi... 2 1.3. La tutela.... 4 1.4. La mancanza di una

Dettagli

Tribunale di Udine. - sezione civile -

Tribunale di Udine. - sezione civile - Tribunale di Udine - sezione civile - Verbale d udienza Successivamente oggi, 13.1.2014, alle ore 12.00, davanti al giudice istruttore dott. Andrea Zuliani, nella causa iscritta al n 2998/12 R.A.C.C.,

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DIFESA D UFFICIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI BELLUNO. 1.Funzione della difesa d ufficio

REGOLAMENTO PER LA DIFESA D UFFICIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI BELLUNO. 1.Funzione della difesa d ufficio E' la difesa garantita a ciascun imputato che non abbia provveduto a nominare un proprio difensore di fiducia o ne sia rimasto privo. E' prevista dalla legge al fine di garantire il diritto di difesa in

Dettagli

UN PASSO IN AVANTI NEL CONTRASTO ALL ABUSO SUI MINORI

UN PASSO IN AVANTI NEL CONTRASTO ALL ABUSO SUI MINORI UN PASSO IN AVANTI NEL CONTRASTO ALL ABUSO SUI MINORI LA CONVENZIONE DI LANZAROTE La Convenzione del Consiglio d Europa per la protezione dei minori contro lo sfruttamento e l abuso sessuale, fatta a Lanzarote

Dettagli

INDICE-SOMMARIO. Parte Prima EVOLUZIONE STORICA DEL PROCESSO PENALE - LE FONTI CAPITOLO I SISTEMA INQUISITORIO, ACCUSATORIO E MISTO

INDICE-SOMMARIO. Parte Prima EVOLUZIONE STORICA DEL PROCESSO PENALE - LE FONTI CAPITOLO I SISTEMA INQUISITORIO, ACCUSATORIO E MISTO INDICE-SOMMARIO Introduzione... Avvertenze e abbreviazioni... XV XIX Parte Prima EVOLUZIONE STORICA DEL PROCESSO PENALE - LE FONTI SISTEMA INQUISITORIO, ACCUSATORIO E MISTO 1.1.1. Sistemainquisitorioedaccusatorio...

Dettagli

Patente di guida: irregolarità e relative sanzioni

Patente di guida: irregolarità e relative sanzioni Patente di guida: irregolarità e relative sanzioni Errata applicazione dell articolo 126 bis al titolare di patente rilasciata da uno Stato estero All atto di rilascio della patente viene attribuito un

Dettagli

ATTI DI P.G. ISPEZIONE ART. 103 D.P.R. 9.10.1990 n. 309

ATTI DI P.G. ISPEZIONE ART. 103 D.P.R. 9.10.1990 n. 309 ISPEZIONI PERSONALI IN MATERIA DI STUPEFACENTI Norme di riferimento Art. 103 D.P.R. 309/90 Organo procedente Documentazione Garanzie di difesa Utilizzabilità Ufficiali di p.g. Delle operazioni è redatto

Dettagli

Riepilogo Vedi le risposte complete

Riepilogo Vedi le risposte complete 1 di 11 risposte Riepilogo Vedi le risposte complete 1. Quanti anni hai? 12 anni 77 16% 13 anni 75 16% 14 anni 134 28% 15 anni 150 32% 16 anni 27 6% Other 8 2% 2. Quale scuola stai frequentando? Medie

Dettagli

CAPITOLO 1. Legge 15 Dicembre 2014 n. 186

CAPITOLO 1. Legge 15 Dicembre 2014 n. 186 CAPITOLO 1 Legge 15 Dicembre 2014 n. 186 Art 3. Modifica al codice penale in materia di riciclaggio 1. All Art. 648 bis, primo comma, del codice penale, che disciplina il diritto di riciclaggio le parole

Dettagli

SVOLGIMENTO DEL PROCESSO.

SVOLGIMENTO DEL PROCESSO. A000951, 1 A000951 FONDAZIONE INSIEME onlus. SENTENZA N. 6078 DEL 18/03/2006 FAMIGLIA ADOZIONE INTERNAZIONALE DA PARTE DI SINGLE LIMITI DI AMMISSIBILITÀ La Cassazione conferma il principio secondo il quale

Dettagli

Legge 5 dicembre 2005, n. 251

Legge 5 dicembre 2005, n. 251 Legge 5 dicembre 2005, n. 251 " Modifiche al codice penale e alla legge 26 luglio 1975, n. 354, in materia di attenuanti generiche, di recidiva, di giudizio di comparazione delle circostanze di reato per

Dettagli

DELIBERA n. 5/13/CONS

DELIBERA n. 5/13/CONS DELIBERA n. 5/13/CONS ORDINANZA INGIUNZIONE ALLA SOCIETA VODAFONE OMNITEL NV PER LA VIOLAZIONE DELL ARTICOLO 1, COMMA 31, DELLA LEGGE 31 LUGLIO 1997, n. 249 PER L INOTTEMPERANZA AL PROVVEDIMENTO TEMPORANEO

Dettagli

La responsabilità amministrativa degli enti si estende ai delitti in materia di trattamento dei dati personali. Novità introdotte dal D.l. n. 93/2013.

La responsabilità amministrativa degli enti si estende ai delitti in materia di trattamento dei dati personali. Novità introdotte dal D.l. n. 93/2013. La responsabilità amministrativa degli enti si estende ai delitti in materia di trattamento dei dati personali. Novità introdotte dal D.l. n. 93/2013. Il D.l. 14 agosto 2013, n. 93, entrato il vigore lo

Dettagli

Quesiti SI NO SI NO SI NO SI NO SI NO SI SI NO

Quesiti SI NO SI NO SI NO SI NO SI NO SI SI NO All. Del. Gar. N 21 del 24/5/2007 La seguente lista di controllo è tratta dall allegato alla Delibera del Garante per la protezione dei dati personali n 21, del 24/5/2007, recante misure per la semplificazione

Dettagli

INDAGINI DIFENSIVE e GIUDIZIO ABBREVIATO

INDAGINI DIFENSIVE e GIUDIZIO ABBREVIATO INDAGINI DIFENSIVE e GIUDIZIO ABBREVIATO La Corte costituzionale riaffronta il tema delle indagini difensive nel rito abbreviato. Con l ordinanza n. 245 del 2005 la Corte aveva dichiarato manifestamente

Dettagli

REATI NEI RAPPORTI CON LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE

REATI NEI RAPPORTI CON LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE ALLEGATO 2 REATI NEI RAPPORTI CON LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE 1) CORRUZIONE La corruzione consiste in un accordo tra un privato ed un pubblico ufficiale o un incaricato di pubblico servizio mediante il

Dettagli

Numeri di registro: n. 8658/04 R.G..N.R..; n. 18698/05 R.G.. GIP.

Numeri di registro: n. 8658/04 R.G..N.R..; n. 18698/05 R.G.. GIP. Procedimento penale: n. 8658/04 R.G..N.R..; n. 18698/05 R.G.. GIP. Rito ordinario 1. Dati identificativi del procedimento penale: Numeri di registro: n. 8658/04 R.G..N.R..; n. 18698/05 R.G.. GIP. Imputati:

Dettagli

La correttezza dell assunto pronunciato dal Gup di Milano, viene ribadita

La correttezza dell assunto pronunciato dal Gup di Milano, viene ribadita 1 La Cassazione chiarisce le conseguenze penali della sottrazione agli obblighi di mantenimento (cd. assegno) e l'ambito di applicazione dell'art. 3 della legge n. 54/2006. Corte di Cassazione, Sezione

Dettagli

DETERMINAZIONE OGGETTO: DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA TRA XXX E COOP

DETERMINAZIONE OGGETTO: DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA TRA XXX E COOP DETERMINAZIONE Determinazione n. 05 OGGETTO: DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA TRA XXX E COOP LA RESPONSABILE DEL SERVIZIO CORECOM VISTA la l. 249/1997, "Istituzione dell Autorità per le garanzie nelle comunicazioni

Dettagli

ESITO CONSULTAZIONE PUBBLICA RELAZIONE

ESITO CONSULTAZIONE PUBBLICA RELAZIONE ESITO CONSULTAZIONE PUBBLICA RELAZIONE 1. Premessa. In data 29 gennaio 2013 l Organismo per la gestione degli Agenti in attività finanziaria e dei Mediatori creditizi (di seguito l o l Organismo ) ha avviato

Dettagli

Corte di Appello di Genova - 27 maggio 2011 n. 545 - Pres. De Angelis - Rel. Ponassi M. A. (Avv. Bennati) - INPS (Avv. Capurso).

Corte di Appello di Genova - 27 maggio 2011 n. 545 - Pres. De Angelis - Rel. Ponassi M. A. (Avv. Bennati) - INPS (Avv. Capurso). Lavoro (rapporto di) Contratto a progetto - Mancanza del requisito della specificità del progetto - Effetto legale automatico di conversione in rapporto di lavoro subordinato. Corte di Appello di Genova

Dettagli

LA PROVA SCRITTA DEL CONCORSO DI ACCESSO IN MAGISTRATURA

LA PROVA SCRITTA DEL CONCORSO DI ACCESSO IN MAGISTRATURA La prova scritta del Concorso di accesso in Magistratura LA PROVA SCRITTA DEL CONCORSO DI ACCESSO IN MAGISTRATURA 1. Premessa. 2. La scelta delle tracce da parte della commissione. 3. La correzione delle

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO TRIBUNALE DI LODI in composizione monocratica Giudice Dr.ssa Giulia Turri alla pubblica udienza del

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO TRIBUNALE DI LODI in composizione monocratica Giudice Dr.ssa Giulia Turri alla pubblica udienza del REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO TRIBUNALE DI LODI in composizione monocratica Giudice Dr.ssa Giulia Turri alla pubblica udienza del 29.04.05 ha pronunciato la seguente: SENTENZA nei confronti

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE TERZA PENALE

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE TERZA PENALE REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE TERZA PENALE Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati: Dott. MANNINO Saverio F. Presidente Dott. AMORESANO Silvio

Dettagli

Procedimento penale n. 647/08 r.g.n.r.; n 2494/08 R.G.GIP. (Rito ordinario) Numeri di registro: n. 647/08 r.g.n.r.; n 2494/08 R.G.

Procedimento penale n. 647/08 r.g.n.r.; n 2494/08 R.G.GIP. (Rito ordinario) Numeri di registro: n. 647/08 r.g.n.r.; n 2494/08 R.G. Procedimento penale n. 647/08 r.g.n.r.; n 2494/08 R.G.GIP (Rito ordinario) 1. Dati identificativi del procedimento penale: Numeri di registro: n. 647/08 r.g.n.r.; n 2494/08 R.G.GIP Imputati: Z.S., nato

Dettagli

723 724 725 726 727 728 729 731 732 733 734 735 735 bis 736 737 737 bis 738 739 740 741

723 724 725 726 727 728 729 731 732 733 734 735 735 bis 736 737 737 bis 738 739 740 741 Codice di Procedura Penale articoli: 723 724 725 726 727 728 729 731 732 733 734 735 735 bis 736 737 737 bis 738 739 740 741 723. Poteri del ministro di grazia e giustizia. 1. Il ministro di grazia e giustizia

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE MODIFICHE ALL'ARTICOLO 55- QUATER DEL DECRETO LEGISLATIVO 30 MARZO 2001, N. 165, AI SENSI DELL'ARTICOLO 17, COMMA 1, LETTERA S), DELLA LEGGE 7 AGOSTO 2015, N. 124,

Dettagli

--www.minoriefamiglia.it -

--www.minoriefamiglia.it - &RUWHGLFDVVD]LRQHSULPDVH]LRQHFLYLOHVHQWHQ]DQGHOO 6YROJLPHQWRGHOSURFHVVR P.G. in data 27 settembre 2000, con il consenso della moglie, chiese al Tribunale per i minorenni di Roma l autorizzazione ad inserire

Dettagli

Svolgimento del processo e motivi della decisione

Svolgimento del processo e motivi della decisione Cassazione Sezione seconda penale sentenza 20 settembre 9 novembre 2007, n. 41499 Presidente Rizzo Relatore Tavassi Pm Passacantando c onforme Ricorrente Pubblico Ministero presso il Tribunale della Libertà

Dettagli

Delitti contro l attività giudiziaria

Delitti contro l attività giudiziaria Capitolo II Delitti contro l attività giudiziaria SOMMARIO: 2.1. Generalità. 2.2. Nozione di pubblico ufficiale. 2.3. Nozione di incaricato di pubblico servizio. 2.4. Nozione di esercente un servizio di

Dettagli

Il monitoraggio della rete web per i reati a sfondo sessuale e pedo-pornografico

Il monitoraggio della rete web per i reati a sfondo sessuale e pedo-pornografico Il monitoraggio della rete web per i reati a sfondo sessuale e pedo-pornografico Uno degli strumenti innovativi introdotti dalla legge n. 269/98 riguarda l attività di investigazione rivolta alla prevenzione

Dettagli

La pirateria digitale in Italia

La pirateria digitale in Italia La pirateria digitale in Italia 23% degli utilizzatori di internet usa il p2p (sei milioni), la crescita rispetto al 2007 è stata dell 1 % (fenomeno stabilizzato). La media dei brani musicali scaricati

Dettagli

LA CORTE D'APPELLO DI LECCE SEZIONE PROMISCUA

LA CORTE D'APPELLO DI LECCE SEZIONE PROMISCUA LA CORTE D'APPELLO DI LECCE SEZIONE PROMISCUA riunita in Camera di Consiglio, e composta dai seguenti magistrati : Dott. ROSA CASABUR I PRESIDENTE Dott. FAUSTA PALAZZO CONSIGLIERE Dott. MAURIZIO PETRELLI

Dettagli

Preliminari di compravendita: occultarli è reato

Preliminari di compravendita: occultarli è reato Giustizia & Sentenze Il commento alle principali sentenze N. 08 07.02.2013 Preliminari di compravendita: occultarli è reato Categoria: Contenzioso Sottocategoria: Reati tributari In tema di reati tributari,

Dettagli

Studio Legale Casella e Scudier Associazione Professionale

Studio Legale Casella e Scudier Associazione Professionale Circolare n. 4/2012 del 22 novembre 2012 I REDDITI PER ATTIVITA PROFESSIONALI TRA OBBLIGO CONTRIBUTIVO INARCASSA E RIFORMA FORNERO DELLE COLLABORAZIONI: SPUNTI DA UNA RECENTE SENTENZA L obbligo di pagamento

Dettagli

Attacchi informatici: gli strumenti di tutela

Attacchi informatici: gli strumenti di tutela SOMMARIO Ipotesi di attacco informatico La procedibilità su querela o d ufficio La querela: contenuto e modalità di presentazione Cosa è la denuncia Brevi cenni sull esposto Le ipotesi di attacco informatico

Dettagli

STUDIO LEGALE AVVOCATI C. SO UMBERTO I, 61 Tel e Fax 0825/756566 E-Mail. studio@ pec.studiolegale.net. Ill.mo G.I.P. presso il TRIBUNALE DI

STUDIO LEGALE AVVOCATI C. SO UMBERTO I, 61 Tel e Fax 0825/756566 E-Mail. studio@ pec.studiolegale.net. Ill.mo G.I.P. presso il TRIBUNALE DI Ill.mo G.I.P. presso il TRIBUNALE DI OPPOSIZIONE ALLA RICHIESTA DI ARCHIVIAZIONE EX ART. 410 C.P.P. Proc. Pen. N. 21752/08 Mod. 21 c/ Antonio Il sottoscritto Avv. Francesco Ettore, quale difensore di Giuseppina,

Dettagli

Determinazione dirigenziale n. 9 del 12/11/2014. Oggetto: definizione della controversia XXX/ H3G XXX

Determinazione dirigenziale n. 9 del 12/11/2014. Oggetto: definizione della controversia XXX/ H3G XXX Determinazione dirigenziale n. 9 del 12/11/2014 Oggetto: definizione della controversia XXX/ H3G XXX IL DIRIGENTE VISTI i principi di cui al decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165 e s.m.i., Norme generali

Dettagli

. LOPRESTO DOMENICO n. Napoli 20/8/1959

. LOPRESTO DOMENICO n. Napoli 20/8/1959 FONOGRAMMA IN PARTENZA SEZIONE DEL GIUDICE PER LE INDAGINI PRELIMINARI UFFICIO 41" tel. 081/2233581- fax O8112232673 e-mail valeriano.coppola@giustizia.it - PEC valeriano.coppola@pec.it da Tribunale di

Dettagli

Tribunale di Livorno. Ufficio Giudice Indagini Preliminari. Sentenza 31 dicembre 2012, n. 38912 IL GIUDICE PER LE INDAGINI PRELIMINARI

Tribunale di Livorno. Ufficio Giudice Indagini Preliminari. Sentenza 31 dicembre 2012, n. 38912 IL GIUDICE PER LE INDAGINI PRELIMINARI Tribunale di Livorno Ufficio Giudice Indagini Preliminari Sentenza 31 dicembre 2012, n. 38912 IL GIUDICE PER LE INDAGINI PRELIMINARI Presso il Tribunale di Livorno Dr. Antonio Pirato all udienza in Camera

Dettagli

L assenza dell imputato nel processo penale, dopo la legge 28 aprile 2014, n. 67.

L assenza dell imputato nel processo penale, dopo la legge 28 aprile 2014, n. 67. L assenza dell imputato nel processo penale, dopo la legge 28 aprile 2014, n. 67. di G. MAZZI (Intervento al Corso avvocati presso Il Tribunale militare di Roma il 20 novembre 2014) 1. Considerazioni generali.

Dettagli

DICHIARAZIONE DI PARTECIPAZIONE PROCEDURA NEGOZIATA

DICHIARAZIONE DI PARTECIPAZIONE PROCEDURA NEGOZIATA DICHIARAZIONE DI PARTECIPAZIONE PROCEDURA NEGOZIATA Spettabile Ente Nazionale di Previdenza e Assistenza Veterinari Via Castelfidardo, 41 00185 Roma Appalto Lavori di manutenzione straordinaria e ristrutturazione

Dettagli

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO DISPOSITIVO CON MOTIVAZIONE CONTESTUALE SENTENZA

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO DISPOSITIVO CON MOTIVAZIONE CONTESTUALE SENTENZA R. G. n. 2206/2011 REPUBBLICA ITALIANA TRIBUNALE DI POTENZA SEZIONE LAVORO IN NOME DEL POPOLO ITALIANO DISPOSITIVO CON MOTIVAZIONE CONTESTUALE il Giudice del lavoro dr. Leonardo Pucci, pronunciando nella

Dettagli

OGGETTO ASPETTATIVA PER UN INCARICO A TEMPO DETERMINATO IN UE

OGGETTO ASPETTATIVA PER UN INCARICO A TEMPO DETERMINATO IN UE 1 OGGETTO ASPETTATIVA PER UN INCARICO A TEMPO DETERMINATO IN UE QUESITO (posto in data 29 luglio 2014) Avendo ricevuto una proposta di lavoro da un Ospedale pubblico (NHS) della Gran Bretagna ho chiesto

Dettagli

INDICE. Capitolo I COSTITUZIONE E ALTRE DISPOSIZIONI FONDAMENTALI

INDICE. Capitolo I COSTITUZIONE E ALTRE DISPOSIZIONI FONDAMENTALI INDICE Presentazione... Avvertenza... pag VII XIII Capitolo I COSTITUZIONE E ALTRE DISPOSIZIONI FONDAMENTALI 1. Costituzione della Repubblica Italiana... 3 2. Convenzione per la salvaguardia dei diritti

Dettagli

20.03.2015. REV. 2015/00 Pag. 1 di 5

20.03.2015. REV. 2015/00 Pag. 1 di 5 REV. 2015/00 Pag. 1 di 5 PROCEDURA 9 GESTIONE DELLE INDICE: 1. OBIETTIVI 2. DESTINATARI 3. PROCESSI AZIENDALI COINVOLTI 4. PROTOCOLLI DI PREVENZIONE 4.1. DOCUMENTAZIONE INTEGRATIVA 4.2. PROCEDURE DA APPLICARE

Dettagli

Art. 54 decreto legge

Art. 54 decreto legge Art. 342 c.p.c. Forma dell appello L appello si propone con citazione contenente l esposizione sommaria dei fatti ed i motivi specifici dell impugnazione nonché le indicazioni prescritte nell articolo

Dettagli

Trib. Napoli, VIII sez. pen., 2 dicembre 2011 Pres. ed est. Lomonte, ric. XY TRIBUNALE ORDINARIO DI NAPOLI. Ottava Sezione Penale Collegio F

Trib. Napoli, VIII sez. pen., 2 dicembre 2011 Pres. ed est. Lomonte, ric. XY TRIBUNALE ORDINARIO DI NAPOLI. Ottava Sezione Penale Collegio F Trib. Napoli, VIII sez. pen., 2 dicembre 2011 Pres. ed est. Lomonte, ric. XY TRIBUNALE ORDINARIO DI NAPOLI Ottava Sezione Penale Collegio F Il Tribunale di Napoli, composto dai sottoscritti magistrati:

Dettagli

PROCEDIMENTO PENALE n. 2057/02 R.G.N.R. 4322/03 R.G. TRIB. a carico di V.S. + 1 (rito ordinario)

PROCEDIMENTO PENALE n. 2057/02 R.G.N.R. 4322/03 R.G. TRIB. a carico di V.S. + 1 (rito ordinario) Giugliano 5, 2001-02 PROCEDIMENTO PENALE n. 2057/02 R.G.N.R. 4322/03 R.G. TRIB. a carico di V.S. + 1 (rito ordinario) 1. Dati identificativi del procedimento. - Numeri di registro:2057/02 R.G.N.R. 4322/03

Dettagli

commesse in danno di minore in ambito intrafamiliare. Le conseguenze sulle pene accessorie pag. 17

commesse in danno di minore in ambito intrafamiliare. Le conseguenze sulle pene accessorie pag. 17 IL PENALISTA Sommario I. GLI INTERVENTI DI DIRITTO PENALE SOSTANZIALE pag. 9 1. Le modifiche al codice penale: aggravante comune, violenza sessuale, stalking, minaccia semplice pag. 9 2. La nuova aggravante

Dettagli

Corte d'appello di Venezia Proc. N. 747/14 Sentenza del 14/4/2014 SVOLGIMENTO DEL PROCESSO E MOTIVI DELLA DECISIONE

Corte d'appello di Venezia Proc. N. 747/14 Sentenza del 14/4/2014 SVOLGIMENTO DEL PROCESSO E MOTIVI DELLA DECISIONE Corte d'appello di Venezia Proc. N. 747/14 Sentenza del 14/4/2014 SVOLGIMENTO DEL PROCESSO E MOTIVI DELLA DECISIONE 1. Il G.u.p. presso il Tribunale di Padova con sentenza del 16.1.2013, all'esito di processo

Dettagli

La connessione obiettiva di un illecito amministrativo ambientale con un reato

La connessione obiettiva di un illecito amministrativo ambientale con un reato La connessione obiettiva di un illecito amministrativo ambientale con un reato A cura della Dott.ssa Stefania Pallotta L art. 24 della legge 24 novembre 1981, n. 689 disciplina la connessione obiettiva

Dettagli

Reati informatici Corso Nuove tecnologie e diritto a.a. 2007/2008

Reati informatici Corso Nuove tecnologie e diritto a.a. 2007/2008 Reati informatici Corso Nuove tecnologie e diritto a.a. 2007/2008 Claudia Cevenini claudia.cevenini@unibo.it Elementi generali Reato = illecito penale Può essere punito con pene pecuniarie (es. multa)

Dettagli

Benefici ex lege n. 108/96 e n. 44/99: procedure Luglio 2006

Benefici ex lege n. 108/96 e n. 44/99: procedure Luglio 2006 Il Commissario Straordinario del Governo per il Coordinamento delle Iniziative Antiracket e Antiusura Benefici ex lege n. 108/96 e n. 44/99: procedure Luglio 2006 Il Commissario Straordinario del Governo

Dettagli