PRONTUARIO DELLE LEGGI ED AGEVOLAZIONI FINANZIARIE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PRONTUARIO DELLE LEGGI ED AGEVOLAZIONI FINANZIARIE"

Transcript

1 A SERVIZIO DELL IMPRESA PRONTUARIO DELLE LEGGI ED AGEVOLAZIONI FINANZIARIE Alba c/o Associazione Commercianti Albesi - P.za San Paolo n. 3 tel. 0173/ fax 0173/ Bra c/o Associazione Braidese Commercianti P.za Giolitti n. 8 tel. 0172/ fax 0172/

2 SCHEDA FINANZIAMENTI AGEVOLATI ASCOM FIDI LANGHE E ROERO SOGGETTI AMMESSI Tutte le imprese iscritte alla Camera di Commercio Industria Artigianato Agricoltura INTERVENTI AMMESSI acquisizione di azienda acquisto di immobili e ristrutturazione locali acquisto attrezzature, arredamento acquisto di autoveicoli, omologati sia trasporto cose che persone acquisto di scorte di magazzino mancanza momentanea di cassa e/o disponibilità finanziaria. TIPOLOGIA DEL FINANZIAMENTO Importo massimo finanziabile: ,00 ( ,00 per le imprese turistiche) Durata: minimo 12 mesi massimo 180 mesi (15 anni) CONTRIBUTI PREVISTI In riferimento agli investimenti previsti è possibile ottenere queste agevolazioni: Contributo in conto capitale da parte della CCIAA di Cuneo; Rimborso fino al 60% degli interessi ai sensi della L.R. 28/99 per le imprese commerciali; Rimborso fino al 50% degli interessi ai sensi della L.R. 1/2009 per le imprese artigianali. BANCHE CONVENZIONATE Banca Regionale Europea S.p.A. Banca di Credito Cooperativo di Alba Langhe e Roero Cassa di Risparmio di Bra S.p.A. Banca di Credito Cooperativo di Cherasco Banco di Credito P. Azzoaglio S.p.A. Unicredit Banca S.p.A. Intesa Sanpaolo S.p.A. Banca Sella S.p.A. Banca C.R. Asti S.p.A. Banca del Piemonte S.p.A. Banca Alpi Marittime Credito Cooperativo di Carrù Banca Popolare di Milano Credito Cooperativo di Bene Vagienna REV. 05 DEL 16/09/2013

3 SCHEDA FINANZIAMENTI ASCOM FIDI CON RIMBORSO IN CONTO CAPITALE CCIAA CUNEO SOGGETTI AMMESSI Tutte le imprese che operano nel settore del commercio (ingrosso, dettaglio ed ambulante), del turismo e dei servizi con sede nella provincia di Cuneo. Le imprese possono essere costituite in tutte le forme (ditta individuale, società di persone, società di capitale e società cooperative) INTERVENTI AGEVOLATI Programmi di investimento di importo non superiore a ,00 che comportino: Introduzione di nuovi prodotti, servizi o processi produttivi Miglioramento dei prodotti, servizi o dei processi produttivi esistenti Certificazione di qualità del prodotto/servizio, del processo e del sistema aziendale Incremento dell occupazione Incremento aziendale in termini di produttività e/o qualità dei servizi offerti SPESE AMMISSIBILI ristrutturazione e ampliamento locali acquisto immobili acquisto di attrezzature acquisto di arredamento acquisto di autoveicoli acquisto di macchinari avviamento spese per l istituzione di nuove imprese Spese escluse: acquisto di scorte di magazzino. CONTRIBUTI PREVISTI La misura dell agevolazione è pari al contributo del 5%, se neo imprese 8%), del valore degli investimenti strutturali sostenuti e finanziati. Il periodo di competenza delle spese va dal 01/01/2015 al 28/02/2016. SCADENZA Il bando ha durata annuale, l ammissibilità delle domande è subordinata alla disponibilità del contributo. REV. 02 DEL 30/03/2015

4 SCHEDA FIDO ASCOM FIDI LANGHE E ROERO SOGGETTI AMMESSI Tutte le imprese iscritte alla Camera di Commercio Industria Artigianato Agricoltura INTERVENTI AMMESSI acquisto di scorte di magazzino mancanza momentanea di cassa e/o disponibilità finanziaria investimenti a breve termine TIPOLOGIA DEL FIDO Importo massimo concedibile: ,00 Durata: 1 anno, rinnovabile a scadenza BANCHE CONVENZIONATE Banca Regionale Europea S.p.A. Banca di Credito Cooperativo di Alba Langhe e Roero Cassa di Risparmio di Bra S.p.A. Banca di Credito Cooperativo di Cherasco Banco di Credito P. Azzoaglio S.p.A. Unicredit Banca S.p.A. Intesa Sanpaolo S.p.A. Banca Sella S.p.A. Banca C.R. Asti S.p.A. Banca Alpi Marittime Credito Cooperativo di Carrù Credito Cooperativo di Bene Vagienna REV. 02 DEL 16/09/2013

5 SCHEDA L.R. 34/2008 AUTOIMPIEGO E CREAZIONE D IMPRESA SOGGETTI AMMESSI a) Soggetti inoccupati e disoccupati in cerca di occupazione; b) Soggetti sottoposti a misure restrittive della libertà personale; c) Soggetti occupati con contratti di lavoro che prevedono prestazioni discontinue, con orario e reddito ridotto; d) Soggetti occupati a rischio di disoccupazione; e) Soggetti che intendono intraprendere un attività di autoimpiego. I soggetti devono essere residenti o domiciliati in Piemonte alla data di presentazione della domanda. INTERVENTI AGEVOLATI 1) Finanziamento a tasso agevolato di importo complessivo non inferiore a ,00 (IVA esclusa) e tetto massimo ,00 per ambito prioritario, ,00 per ambito non prioritario, riguarda: a) realizzazione di investimenti in macchinari, attrezzature, arredi, automezzi; b) attivazione e adeguamento dei locali e degli impianti tecnici necessari per l esercizio dell attività. 2)Contributo forfettario in c/esercizio di 3.000,00 per il titolare e per ciascuno dei soci della neo impresa appartenenti alle categorie, fino a un massimo di 3 soci; contributo forfettario di 1000,00 per titolari/soci giovani/donne, appartenenti alle categorie fino a un massimo di tre soci. AD OGGI I FONDI SONO ESAURITI Si può richiedere anche una garanzia a copertura dell 80% della quota di finanziamento erogata con fondi bancari; la garanzia è a costo zero ed il Fondo opera come garanzia sostitutiva. Il limite di intervento è pari ad Euro ,00 per le imprese. Il fondo di garanzia non è utilizzabile dalle società a responsabilità limitata semplificata. Le domande per le due tipologie di agevolazione possono essere presentate contestualmente o separatamente. SPESE AMMISSIBILI Sono ammissibili di finanziamento le spese per i seguenti investimenti produttivi: a) acquisto di macchinari e/o automezzi connessi e strumentali all attività; b) opere murarie, impianti elettrici, idraulici, ristrutturazioni in genere, impianti tecnici nonché spese di progettazione; c) acquisto di arredi strumentali; d) acquisto di attrezzature e/o apparecchiature informatiche e relativi programmi applicativi; e) spese per la realizzazione del logo e/o del sito fino ad un tetto massimo di spesa di Euro 3.000,00, IVA esclusa. Sono ritenuti ammissibili i beni usati se le spese sono sostenute e regolarmente fatturate. Non sono ritenuti ammissibili i beni acquisiti o da acquisire in leasing, gli investimenti autofatturati e l avviamento commerciale. Le spese per investimenti devono essere sostenute e fatturate a decorrere dalla data di costituzione dell impresa (dalla data di attribuzione della Partita IVA per le imprese individuali) e pagati non oltre 24 mesi dalla data di erogazione del finanziamento a tasso agevolato. TERMINI DELLA DOMANDA E REQUISITI DELLE IMPRESE La domanda deve essere presentata entro 24 mesi dalla data di costituzione (per le imprese individuali dalla data di iscrizione al Registro imprese) alla Provincia competente per territorio in relazione alla sede legale dell impresa. Le imprese richiedenti devono avere sede legale, amministrativa ed operativa in Piemonte. Nelle società di persone almeno il 60 % dei soci e del capitale deve appartenere ad almeno una delle categorie previste. Nelle società di capitale almeno il 60 % dei soci e l 80% del capitale deve appartenere ad almeno una delle categorie previste. Vengono considerati prioritari gli interventi a sostegno degli investimenti per le domande presentate da soggetti beneficiari a conduzione o a prevalente partecipazione femminile. Ambito prioritario di intervento: 60% fondi regionali a tasso 0; 40% fondi bancari a tasso convenzionato. Importo massimo finanziabile ,00. Ambito non prioritario 50% fondi regionali a tasso 0; 50% fondi bancari a tasso convenzionato. Importo massimo finanziabile ,00. PIANO DI RIENTRO Il finanziamento avrà durata massima di 72 mesi senza preammortamento con rate trimestrali posticipate con scadenza marzo, giugno, settembre e dicembre. REV. 03 DEL 31/03/2015

6 SCHEDA L. R. 28/99 Programma degli interventi per l accesso al credito delle micro imprese commerciali BENEFICIARI Micro imprese commerciali iscritte al Registro delle Imprese ed aventi sede operativa in Piemonte, operanti nei seguenti settori: - Commercio al dettaglio; - Somministrazione al pubblico di alimenti e bevande; - Rivendita di giornali e riviste; - Commercio al dettaglio e commercio all ingrosso svolti congiuntamente, e dettaglio svolto in via principale; - Agenti e rappresentanti di commercio. INTERVENTI AGEVOLATI Sono ammessi i progetti di investimento di importo ammissibile non inferiore a ,00, IVA esclusa, finalizzati al conseguimento di almeno uno dei seguenti obiettivi: (a) Innovazione gestionale e tecnologica; (b) Introduzione di un sistema di qualità certificabile; (c) Formazione ed aggiornamento professionale (d) Costituzione di nuove imprese o apertura di nuovi punti di vendita; (e) Acquisto e/o ristrutturazione locali sede dell attività o rinnovo attrezzature e impianti. (f) riqualificazione e potenziamento dei sistemi e degli apparati di sicurezza (g) Esecuzione di opere atte ad eliminare le barriere architettoniche e/o all adeguamento di dei servizi igienici per portatori di handicap Sono inoltre ammessi a finanziamento, per un importo non inferiore a ,00 IVA esclusa, i programmi di investimento finalizzati ad uno o più dei seguenti obiettivi: 1. Acquisto di autonegozi e automezzi per trasporto di cose da parte di commercianti su aree pubbliche; 2. Esecuzione di opere atte ad eliminare le barriere architettoniche da parte di attività di commercio al dettaglio; 3. Esecuzione di opere atte ad eliminare le barriere architettoniche e adeguamento servizi igienici da parte di attività di somministrazione al pubblico di alimenti e bevande; 4. Riqualificazione e potenziamento dei sistemi e degli apparati di sicurezza da parte dei soggetti beneficiari; rientrano in tale ambito gli investimenti finalizzati a : (a) Installazione di collegamenti telefonici, telematici e informatici strettamente finalizzati al collegamento degli impianti di sicurezza con centrali di vigilanza (b) Installazione di sistemi di videosorveglianza o di videoproiezione, nel rispetto della Legge sulla privacy (c) Installazione di sistemi telematici antirapina integrati, conformi a quelli previsti da protocolli d intesa con il Ministero dell Interno (d) Installazione di sistemi antifurto, antirapina o antintrusione ad alta tecnologia (e) Installazione di sistemi di allarme con individuazione satellitare collegati con le centrali di vigilanza (f) Dotazione di casseforti o armadi blindati (g) Installazione di cristalli antisfondamento (h) Installazione di inferriate, serrande e porte di sicurezza (i) Adozione di sistemi di pagamento elettronici (POS e carte di credito) (j) Installazione di dispositivi aggiuntivi di illuminazione notturna, connessi all impiego di protezioni esterne di sicurezza che consentono la vista dell interno. SPESE AMMISSIBILI Sono considerate ammissibili le spese fatturate successivamente alla data di presentazione della domanda e, nel caso di nuove imprese, anche quelle sostenute entro i 6 mesi precedenti, che si sostanziano in: (a) Acquisto di apparecchiature informatiche e dei relativi programmi applicativi; (nuova fabbricazione) (b) Spese di consulenza per l adozione di sistemi di qualità certificabile; (c) Formazione imprenditoriale e del personale dipendente, limitatamente ai corsi esterni e fornita da soggetti qualificati; (d) Acquisto di macchinari, attrezzature, impianti, arredi; (nuova fabbricazione) (e) Acquisto di autonegozi e automezzi per trasporto di cose di nuova immatricolazione; (nuova fabbricazione) (f) Opere murarie, impianti elettrici, idraulici e ristrutturazioni murarie in genere, necessarie e funzionali al progetto, comprese realizzazione di aree di parcheggio pertinenziali, ad esclusivo beneficio dell impresa richiedente; (g) Acquisto di immobili strumentali, compresi i magazzini. Ammissibilità non superiore al 50% de valore degli immobili, ad eccezione dell acquisto effettuato da parte di imprenditori commerciali che siano già conduttori dell immobile stesso, per i quali è prevista la finanziabilità dell intero importo. Per i soli Agenti e rappresentanti di commercio, sono considerate ammissibili le spese per importo non inferiore a ,00 IVA escl. per: a) acquisto automezzo fino a importo massimo di ,00 IVA escl.; b) acquisto apparecchiature informatiche e programmi applicativi; c) acquisto arredi per unità locali operative dichiarate alla C.C.I.A.A. quale ufficio. Non sono ammissibili: i beni acquisiti o da acquisire in leasing, gli investimenti finalizzati all acquisto di azienda per subingresso, spese sostenute per acquisto di marchio in franchising, i beni usati, campionari e beni destinati all esposizione, merci destinate alla vendita. CONTRIBUTI PREVISTI Finanziamento fino al 100% della spesa, di durata massima di 60 mesi, con le seguenti caratteristiche: programmi prioritari :- 60% a tasso zero - 40% a tasso convenzionato tra banca e Finpiemonte; programmi non prioritari: - 50% a tasso zero - 50% a tasso convenzionato tra banca e Finpiemonte PRIORITA' a) Per attività di commercio al dettaglio e rivendita giornali e riviste Costituzione di nuove imprese commerciali da parte di donne o di soggetti al di sotto dei 35 anni; Incremento dell occupazione; localizzazione sede interessata all investimento presso uno dei Comuni Minori. b) per imprese operanti nel settore della somministrazione, gli interventi di esercizi con il Marchio di Qualità regionale. c) interventi il cui progetto preveda: abbattimento barriere architettoniche e/o adeguamento servizi igienici ai portatori di handicap per una spesa ammessa di almeno il 10% sull intero progetto di investimento ammissibile; riqualificazione e potenziamento dei sistemi e degli apparati di sicurezza. per una spesa ammessa di almeno il 10% sull intero progetto di investimento ammissibile. Le domande sono sottoposte ad una preventiva valutazione della banca e del confidi, che dovranno consegnare la loro delibera positiva al richiedente, che potrà poi presentare la domanda a Finpiemonte. REV. 01 DEL 06/04/10

7 SCHEDA L.R. 1/2009 (EX L.R. 21/97) ARTIGIANATO FINALITÀ L obiettivo della misura è quello di sostenere investimenti mirati allo sviluppo e alla qualificazione delle piccole e medie imprese artigiane. BENEFICIARI Piccole e medie imprese artigiane: iscritte al Registro delle imprese e all'albo provinciale delle imprese artigiane (o che ottengano l iscrizione all Albo provinciale entro 12 mesi dalla data di presentazione della domanda); attive alla data di presentazione della domanda (possono essere ammesse anche le imprese di nuova costituzione inattive, se gli investimenti per cui si richiede l agevolazione siano finalizzati all avvio dell attività); con unità locale nel territorio della Regione Piemonte; finanziariamente sane e con solide prospettive. INIZIATIVE AMMISSIBILI Investimenti di importo minimo ,00, finalizzati al raggiungimento di almeno uno dei seguenti obiettivi: avviamento di nuove imprese artigiane; introduzione di nuovi prodotti/servizi o processi produttivi; miglioramento sostanziale dei prodotti/servizi o dei processi esistenti; miglioramento della compatibilità ambientale dell impresa; introduzione di un sistema di qualità certificabile; promozione e sviluppo dell impresa sui mercati locali, nazionali e internazionali; ricerca e sviluppo. AMBITI PRIORITARI Vengono considerati prioritari gli interventi relativi a: incremento occupazionale; imprese di nuova costituzione; imprese che, in possesso dei requisiti per beneficiare delle agevolazioni previste dalla Sezione Emergenze, presentano domanda a valere sulla Sezione Artigianato del Fondo Regionale; imprese che hanno ottenuto il riconoscimento dell "Eccellenza artigiana" ai sensi della L.R. 21/1997 e s.m.i., capo VI. SPESE AMMISSIBILI Spese sostenute dopo la presentazione della domanda o nei sei mesi precedenti nel caso di nuove imprese (ma non prima della data di costituzione o di attribuzione della partita IVA): formazione del personale dipendente (massimo 20% delle spese ammissibili); acquisto di macchinari, impianti tecnici, automezzi allestiti con attrezzature specifiche (per questa tipologia, sono ammissibili anche i beni usati, se corredati di una perizia tecnica che ne attesti il valore di mercato); acquisto di autoveicoli nuovi specifici per l'attività aziendale; acquisto di arredi strumentali; acquisto di attrezzature e/o apparecchiature informatiche e relativi programmi applicativi; acquisizione di servizi reali (consulenze, promozione, pubblicità ); opere murarie, impianti elettrici, idraulici, ristrutturazioni, spese di progettazione (massimo 35% delle spese ammissibili); spese per l avviamento commerciale dell'attività (massimo 35% delle spese ammissibili); solo per le iniziative di ricerca e sviluppo, costi del personale dipendente (massimo 15% spese ammissibili e comunque non più di ) e costi per materiali minuti e prototipi (massimo ,00); commissioni di garanzia del confidi (massimo 1.000,00), documentate da un preventivo rilasciato dal confidi scelto. Sono ammissibili i beni usati se: inseriti in atto di cessione d'azienda; acquistati da altra impresa, dietro presentazione di perizia tecnica; acquistati dal produttore, dal concessionario o da un rivenditore di settore. PROGRAMMI DI INVESTIMENTO: Prioritari 70% con fondi regionali a tasso zero (fino ad un massimo di ,00); 30% con fondi bancari al tasso convenzionato tra Banca e Finpiemonte + spread fissato dalla convenzione tra Finpiemonte e le banche. Non prioritari: 50 % con fondi regionali a tasso zero (fino ad un massimo di ,00); 50 % con fondi bancari al tasso convenzionato tra Banca e Finpiemonte + spread fissato dalla convenzione tra Finpiemonte e le banche. Durata del Finanziamento: 60 mesi, con rimborsi trimestrali. Le domande sono sottoposte ad una preventiva valutazione della banca e del confidi, che dovranno consegnare la loro delibera positiva al richiedente, che potrà poi presentare la domanda a Finpiemonte. REV. 00 DEL 25/03/10

8 L.R. 23/04 COOPERAZIONE FINALITA' Obiettivo della misura è promuovere la creazione di nuove cooperative, promuovere e sostenere programmi di investimento di cooperative a mutualità prevalente e di favorirne l incremento della capitalizzazione. BENEFICIARI Possono presentare domanda le Cooperative a mutualità prevalente e loro consorzi con sede legale ed operatività prevalente in Piemonte. PROGETTI AMMISSIBILI Sono considerati ammissibili: investimenti produttivi; investimenti in immobili, adeguamento locali e attivazione impianti tecnici; aumenti di capitale finalizzati alla realizzazione di programmi di investimento; consulenze specialistiche, programmi di formazione e spese di avviamento. PRIORITA interventi a sostegno di cooperative di nuova costituzione; interventi a sostegno di investimenti che portino a un aumento dell occupazione o che trasformino i contratti di apprendistato o di durata temporanea di soggetti già a loro legati; interventi a sostegno di cooperative che hanno usufruito dei percorsi integrati per la creazione d impresa forniti dagli sportelli provinciali, misura prevista dal POR , Obiettivo 2; interventi a sostegno di imprese costituite da trasformazione di altro tipo di società in cooperative o da fusione tra cooperative; interventi a sostegno di cooperative appartenenti alla categoria edilizia di abitazione, che alla data di presentazione della domanda abbiano realizzato o stiano realizzando alloggi sociali; cooperative iscritte alla sezione A e B dell albo regionale, previsto dalla l.r. 18/94; cooperative costituite in ATI o ATS per la realizzazione di un progetto comune; interventi a sostegno di cooperative operanti nei comuni montani e appartenenti alla categoria del consumo. SPESE AMMISSIBILI A FINANZIAMENTO acquisto di macchinari e automezzi; adeguamento o attivazione di impianti, ristrutturazioni, spese di progettazione; acquisto di arredi strumentali; acquisto di attrezzature informatiche e software applicativi; acquisto o costruzione di immobili; incremento del capitale sociale finalizzato alla realizzazione di investimenti. SPESE AMMISSIBILI A CONTRIBUTO Per le cooperative di nuova costituzione spese relative all avviamento dell attività; eventuali canoni di affitto per immobili destinati alle attività aziendali; spese di assistenza tecnica e gestionale. Per tutte le cooperative: introduzione e sviluppo di sistemi di gestione per la qualità; creazione di reti commerciali; certificazioni di prodotto e di controllo della produzione; introduzione e consolidamento di sistemi di rendicontazione sociale; costi per formazione professionale e manageriale dei soci; incremento del capitale sociale finalizzato alla realizzazione di investimenti. NATURA DELL'AGEVOLAZIONE 1. Finanziamenti agevolati importo compreso tra ,00 ed ,00; la copertura delle spese è pari al 100%; 50% (70% per gli ambiti prioritari) a tasso zero con fondi regionali; 50% (30% per gli ambiti prioritari) tasso convenzionato con fondi bancari; restituzione: 6, 10 o 15 anni. 2. Contributi a fondo perduto importo compreso tra 4.000,00 ed ,00 ( ,00 per gli aumenti di capitale); copertura delle spese pari al 40% delle spese ammissibili. 3. Garanzie La garanzia è gratuita sull 80% del finanziamento (solo per i finanziamenti da restituire in 6 anni). REV. 00 DEL 17/11/2010

9 REV. 01DEL 08/03/11

10 SCHEDA L.R. N. 12 del 18/05/2004 FONDO DI GARANZIA PER L ACCESSO AL CREDITO A FAVORE DELL IMPRENDITORIA FEMMINILE E GIOVANILE SOGGETTI AMMESSI Imprese a prevalente partecipazione femminile: imprese individuali: il titolare deve essere una donna; società di persone e cooperative: almeno il 60% dei soci devono essere donne; società di capitali: almeno il 2/3 delle quote di capitale devono essere detenute da donne e l organo di amministrazione deve essere composto da donne per almeno i 2/3. Imprese a prevalente partecipazione giovanile: imprese individuali: il titolare deve essere un giovane di età tra i 18 e 35 anni; società di persone e cooperative: almeno il 60% dei soci devono essere giovani di età tra i 18 e 35 anni; società di capitali: almeno il 2/3 delle quote di capitale devono essere detenute da giovani di età tra i 18 e 35 anni e l organo di amministrazione deve essere composto da giovani di età tra i 18 e 35 anni per almeno i 2/3. Le imprese devono essere finanziariamente sane e con solide prospettive. INTERVENTI AGEVOLATI L agevolazione consiste nella concessione di un finanziamento bancario a tasso fisso (Eurirs + spread da convenzione tra banca e Finpiemonte), erogato da un istituto di credito convenzionato con Finpiemonte, garantito all 80% dal Fondo di garanzia a costo zero. Gli importi dovranno essere non inferiori a 5.000,00 e non superiori a ,00 IVA esclusa. SPESE AMMISSIBILI acquisto di hardware e software acquisto di macchinari, attrezzature, impianti, arredi acquisto di autonegozi e automezzi per trasporto di cose inerenti l attività aziendale (escl. acquisto veicoli per trasporto merci su strada da parte di soggetti beneficiari che effettuano trasporto merci su strada per conto terzi). opere murarie, impianti elettrici, idraulici, ristrutturazioni murarie in genere, necessarie e funzionali al progetto spese in conto gestione relative a: - materie prime - semilavorati - prodotti finiti (merci destinate alla rivendita) - spese per locazione (locali e azienda) - spese per formazione e qualificazione del personale - spese per prestazioni di servizi (servizi tecnici professionali, tenuta contabilità,etc.) spese generali supplementari (utenze, cancelleria, etc.) nel limite del 10% della spesa complessiva ritenuta ammissibile PIANO DI RIENTRO Il piano di rientro del finanziamento prevede una durata massima di 48 mesi rate trimestrali per finanziamenti di importo fino a euro ,00, e nel termine massimo di 72 mesi per i finanziamenti di importo superiore a ,00 fino a ,00. REV. 01DEL 08/03/11

11 SCHEDA PROGRAMMA DEGLI INTERVENTI PER L ACCESSO AL CREDITO DELLE MICRO IMPRESE COMMERCIALI E DELLE IMPRESE ARTIGIANE SEZIONE EMERGENZE L.R. 28/99 E L.R. 1/2009 BENEFICIARI Micro imprese commerciali iscritte al Registro delle Imprese ed aventi sede operativa in Piemonte, operanti nei seguenti settori: - Commercio al dettaglio; - Somministrazione al pubblico di alimenti e bevande; - Rivendita di giornali e riviste; - Commercio al dettaglio e commercio all ingrosso svolti congiuntamente; - Agenti e rappresentanti di commercio; - Farmacie. Le imprese artigiane aventi sede operativa nella Regione Piemonte, regolarmente iscritte all albo delle imprese artigiane. AMBITI TERRITORIALI DI INTERVENTO L esercizio dei beneficiari, come sopra definiti, deve essere localizzato in un area disagiata a causa di importanti opere di riqualificazione urbana e viaria, che compromettono la normale accessibilità per un periodo superiore a sei mesi e per i quali l amministrazione comunale abbia presentato agli Assessorati Regionali competenti apposito piano di intervento. Il piano di intervento deve essere approvato con apposito provvedimento della Giunta Comunale e deve individuare le aree interessate dai lavori e sostenere che i cantieri localizzati sulle suddette aree abbiano avuto inizio almeno sei mesi prima dalla data di approvazione del piano stesso. OGGETTO DELLE AGEVOLAZIONI E SPESE AMMISSIBILI Il prestito è concedibile A) per le imprese commerciali - per l acquisto di scorte nella misura massima dell 85% e per spese non documentabili contabilmente per il restante 15%; B) per le imprese artigiane - per l acquisto di scorte nella misura massima del 75% e per spese non documentabili contabilmente per il restante 25%. Le spese per l acquisto di scorte sono ammissibili se effettuate nei sei mesi antecedenti o successivamente la data di inizio dei lavori di cantierazione viaria, asseverata con il provvedimento dell amministrazione comunale che approva il piano degli interventi e devono essere concluse entro dodici mesi dalla data di erogazione del finanziamento. MODALITA DEI FINANZIAMENTI Le spese sopra specificate sono finanziate al 100% dell investimento complessivo ritenuto ammissibile, tramite prestito agevolato attraverso gli Istituti di Credito convenzionati con Finpiemonte, nelle seguenti modalità: - 60% del prestito con fondi regionali da restituire a tasso zero; - 40% con contestuale finanziamento bancario alle condizioni previste tra l istituto bancario erogante e Finpiemonte. L importo massimo del prestito non può superare ,00 e l importo minimo concedibile è di ,00 La durata dell ammortamento non può superare i 60 mesi ed è previsto un preammortamento massimo di 12 mesi. Nel caso in cui l esercizio del beneficiario sia localizzato in un area disagiata, nella quale i cantieri ne compromettono la normale accessibilità per un periodo superiore a due anni e per i quali il Comune abbia presentato apposito piano di intervento è prevista una ulteriore agevolazione che prevede: - 45% del prestito con fondi regionali da restituire a tasso zero; - 15% a titolo di contributo a fondo perduto provenienti da fondi regionali; - 40% con contestuale finanziamento bancario alle condizioni previste tra l istituto bancario erogante e Finpiemonte. GARANZIA Le operazioni di finanziamento ai sensi del presente programma devono essere assistite da garanzia fidejussoria di cooperativa o consorzio di garanzia fidi operante in Piemonte. REV. 00 DEL 06/06/11

12 LEGGE REGIONALE 30/2009 ART. 33 FONDO DI GARANZIA PER IL MICROCREDITO BENEFICIARI Imprese di nuova costituzione Imprese di nuova costituzione in forma giuridica di società di persone, società cooperative di produzione lavoro, incluse le società cooperative sociali, e ditte individuali operanti nei settori ammessi dal Regolamento n. 1998/2006 ( De minimis ). Le imprese devono essere interamente formate da soggetti non bancabili e devono presentare domanda di agevolazione entro 12 mesi dalla data di costituzione (per le ditte individuali dalla data di iscrizione al Registro imprese). Titolari di Partiva IVA Soggetti non bancabili titolari di Partita Iva nella fase di avvio della attività, che abbiano sede operativa fissa in Piemonte. Le domande devono essere presentate entro 12 mesi dall attribuzione della Partita Iva. SPESE AMMISSIBILI Spese sostenute dalla data di costituzione dell impresa o di attribuzione della Partita IVA fino a 24 mesi dall erogazione del finanziamento. Imprese di nuova costituzione spese in conto gestione; acquisto di brevetti, realizzazione di sistemi di qualità, certificazioni di qualità, ricerca e sviluppo; opere murarie e ristrutturazioni; impianti, macchinari e attrezzature, software, arredi funzionali; investimenti per la sicurezza; spese di intermediazione con gli operatori immobiliari per la nuova collocazione dell impresa; mezzi di trasporto, limitatamente ai casi in cui risultino indispensabili per l attività. Titolari di Partiva IVA spese in conto gestione relative a locazione immobili, formazione e aggiornamento, servizi; attrezzature e arredi da ufficio. Sono ritenuti ammissibili anche i beni usati. Non sono ritenute ammissibili i beni acquisiti o da acquisire mediante contratto di locazione finanziaria e le spese sostenute per l utilizzo di un marchio in franchising. Sono escluse le spese di gestione relative al personale nonché i rimborsi ai soci e le spese autofatturate. I corsi di formazione professionale devono essere forniti da operatori accreditati per l erogazione di attività di formazione professionale dalla Direzione regionale competente o da Enti qualificati e non devono essere stati finanziati con altre agevolazioni pubbliche. NATURA DELL AGEVOLAZIONE Garanzia sull 80% di un finanziamento agevolato di importo compreso tra i 3.000,00 e ,00, erogato da una banca convenzionata con Finpiemonte. Durata del finanziamento: 48 mesi (di cui 6 di preammortamento) per importi fino ad un massimo di ,00; 72 mesi (di cui 12 di preammortamento) per importi fino ad un massimo di ,00. Il rimborso avviene mediante rate mensili. REV. 00 DEL 28/10/2010

13 L.R. 34/2008 ALLEGATO C SERVIZI DI ACCOMPAGNAMENTO ED ASSISTENZA TECNICA FINALIZZATI AL TRASFERIMENTO D IMPRESA EXTRA FAMIGLIA FINALITA' La misura si propone di favorire ed agevolare il trasferimento di impresa al di fuori della famiglia, promovendo un sistema integrato di servizi di accompagnamento ed assistenza tecnica specialistici in grado di garantire lo sviluppo e la continuità di imprese destinate alla chiusura per mancanza di eredi naturali interessati. SOGGETTI AMMESSI Possono usufruire dei benefici della presente misura le imprese individuali, le società di persone e le società di capitali nella cui composizione siano presenti soggetti appartenenti ad almeno una delle categorie sottoelencate: a) Soggetti inoccupati e disoccupati in cerca di occupazione; b) Soggetti sottoposti a misure restrittive della libertà personale; c) Soggetti occupati con contratti di lavoro che prevedono prestazioni discontinue, con orario e reddito ridotto; d) Soggetti occupati a rischio di disoccupazione; e) Soggetti che intendono intraprendere un attività di autoimpiego. I soggetti devono essere residenti o domiciliati in Piemonte alla data di presentazione della domanda. Nel caso di società di persone, almeno il 60 per cento dei soci e del capitale deve appartenere ad una o più delle categorie sopra citate. Nel caso di società di capitali, almeno il 60 per cento dei soci deve appartenere ad almeno una delle categorie sopra citate ed almeno l'80 per cento del capitale deve essere sottoscritto da soci nelle medesime condizioni. INTERVENTI AGEVOLATI Contributo a fondo perduto concesso nella misura del 40% della spesa riconosciuta ammissibile (Iva esclusa), importo minimo di 1.000,00 a fronte di una spesa ammissibile minima di 2.500,00 e importo massimo di ,00 a fronte di una spesa ammissibile massima di ,00. Per i soggetti beneficiari previsti negli ambiti prioritari di intervento, il contributo viene concesso nella misura del 50% della spesa riconosciuta ammissibile e precisamente, importo minimo di Euro 1.000,00 a fronte di una spesa ammissibile minima di euro 2.000,00 e importo massimo di Euro ,00 a fronte di una spesa ammissibile massima di Euro ,00. Vengono considerati prioritari : gli interventi a favore delle imprese formate da donne. A tal fine, nell ipotesi di società di persone le donne devono costituire almeno il 60% dei soci e nell ipotesi di società di capitali i due terzi delle quote di capitale devono essere detenute da donne e l organo di amministrazione deve essere composto per almeno i due terzi da donne; gli interventi a favore delle imprese formate da imprenditori dove il salto generazionale rispetto agli imprenditori cedenti è di almeno 20 anni. SPESE AMMISSIBILI promozione e sensibilizzazione sul tema del trasferimento d impresa a favore degli imprenditori cedenti e degli imprenditori subentranti; accoglienza ed informazioni preliminari; consulenza economico/patrimoniale per la valutazione dell impresa che si rileva e determinazione dell avviamento; consulenza societaria per l individuazione della forma giuridica più idonea; consulenza organizzativa per la pianificazione delle fasi di avvicendamento anche nel caso di trasferimento graduale quando l acquirente richiede, per un periodo più o meno lungo, una garanzia di affiancamento da parte dell imprenditore uscente; consulenza tecnica per il trasferimento delle conoscenze e del capitale relazionale da parte del cedente; consulenza finanziaria per il reperimento delle fonti di finanziamento; supporto al rafforzamento delle competenze rivolto agli imprenditori acquirenti e per aiutare il subentrante ad affrontare l impresa con maggiori strumenti manageriali, comprensivo della gestione delle risorse umane; assistenza e consulenza per l attivazione ed eventuali azioni di rilancio; assistenza e consulenza per il riposizionamento (analisi costi/benefici- finanziamenti-marketing- consolidamento dei debiti); consulenza legale e contabile per il trasferimento dell impresa; affiancamento da parte dell imprenditore cedente nei confronti dell imprenditore acquirente fino alla fine del processo di trasferimento d impresa; altre forme di servizio individuate dai soggetti destinatari dell avviso e pertinenti all obiettivo del medesimo. Le spese devono essere sostenute e fatturate a decorrere dalla data di costituzione della società (dalla data di attribuzione della Partita IVA per le imprese individuali) e non oltre 12 mesi dalla data di acquisto di proprietà dell azienda. REV. 00 DEL 04/11/11

14 INIZIATIVA AIUTIAMO LE IMPRESE FINANZIAMENTI A SOSTEGNO DELLE IMPRESE ASSOCIATE BENEFICIARI Imprese associate iscritte in Camera di Commercio Industria Artigianato Agricoltura. FINALITÀ DELL INTERVENTO Sostenere finanziariamente le imprese mediante concessione di liquidità a condizioni particolarmente favorevoli. INTERVENTI AMMESSI Esigenza di liquidità destinata in particolare a: Spese correnti di gestione (debiti vs/fornitori, affitti, utenze, spese per prestazioni di servizi, contributi a dipendenti, ecc.) Pagamento di imposte, tasse, cartelle esattoriali. Il finanziamento non può essere utilizzato per chiudere posizioni debitorie della banca erogatrice del finanziamento, e non è applicabile a imprese in fase di costituzione. TIPOLOGIA DEL FINANZIAMENTO Importo massimo finanziabile: ,00 Durata massima 5 anni Garanzia pari all 80% del finanziamento Tasso d interesse Euribor 3 mesi + 2,30% spread, costi pratica agevolati BANCHE CONVENZIONATE Banca Regionale Europea S.p.A. Banca di Credito Cooperativo di Alba Langhe e Roero Cassa di Risparmio di Bra S.p.A. Banca di Credito Cooperativo di Cherasco; Banco di Credito P. Azzoaglio S.p.A. REV. 00 DEL 07/06/12

15 SCHEDA FINANZIAMENTI APRIAMO IL CREDITO ALLE IMPRESE SOGGETTI AMMESSI Tutte le imprese iscritte alla Camera di Commercio Industria Artigianato Agricoltura INTERVENTI AMMESSI acquisizione di azienda acquisto di immobili e ristrutturazione locali acquisto attrezzature, arredamento acquisto di autoveicoli acquisto di scorte di magazzino (solo se in presenza di investimenti) TIPOLOGIA DEL FINANZIAMENTO Importo finanziabile da 5.000,00 a ,00 Durata massima 60 mesi AGEVOLAZIONI PREVISTE Sugli investimenti è possibile ottenere il contributo in conto capitale da parte della CCIAA di Cuneo; Tasso d interesse pari all Euribor 3 mesi + spread da 2,95% a 3,30% BANCHE CONVENZIONATE Banca Regionale Europea S.p.A. Banca di Credito Cooperativo di Alba Langhe e Roero Cassa di Risparmio di Bra S.p.A. Banca di Credito Cooperativo di Cherasco Rev. 0 del 21/02/2013

16 INIZIATIVA SOSTEGNO E SVILUPPO IMPRESE FINANZIAMENTI CON GARANZIA A FAVORE DELLE IMPRESE ASSOCIATE SOGGETTI AMMESSI Tutte le imprese iscritte alla Camera di Commercio Industria Artigianato Agricoltura INTERVENTI AMMESSI acquisto di scorte di magazzino mancanza momentanea di cassa e/o disponibilità finanziaria spese correnti di gestione (debiti vs/fornitori, utenze, spese per prestazioni di servizi, contributi a dipendenti, ecc.) pagamento di imposte, tasse, cartelle esattoriali TIPOLOGIA DEL FINANZIAMENTO Importo massimo finanziabile: ,00 Durata massima 5 anni AGEVOLAZIONI PREVISTE Garanzia concedibile fino all 80% del finanziamento Tasso d interesse Euribor 3 mesi + 2,30% spread Costi commissione garanzia agevolata BANCHE CONVENZIONATE Banca Regionale Europea S.p.A. Banca di Credito Cooperativo di Alba Langhe e Roero Cassa di Risparmio di Bra S.p.A. Banca di Credito Cooperativo di Cherasco Rev. 0 del 01/10/2014

DECRETO 28 maggio 2001, n.295. Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego

DECRETO 28 maggio 2001, n.295. Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego DECRETO 28 maggio 2001, n.295 Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego Capo I Art. 1 Definizioni 1. Nel presente regolamento l'espressione: a)

Dettagli

REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE

REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE INDICE Art. 1 - Oggetto e finalità del regolamento Art. 2 - Requisiti di ammissibilità al contributo Art. 3 - Tipologie di spese ammissibili

Dettagli

L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres.

L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres. L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres. Regolamento attuativo dell articolo 9, commi da 26 a 34 della

Dettagli

Bando regionale per il sostegno di:

Bando regionale per il sostegno di: Bando regionale per il sostegno di: Programma Operativo Regionale Competitività regionale e occupazione F.E.S.R. 2007/2013 Asse 1 Innovazione e transizione produttiva Attività I.3.2 Adozione delle tecnologie

Dettagli

Chi può presentare la domanda

Chi può presentare la domanda BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PER FAVORIRE LA CRESCITA DELLE IMPRESE SUI MERCATI INTERNAZIONALI II QUADRIMESTRE 2014 AFRQ2/14 La Camera di Commercio di Frosinone, attraverso ASPIN, Azienda Speciale

Dettagli

SPORTELLO UNICO ATTIVITA PRODUTTIVE VERSIONE SPERIMENTALE

SPORTELLO UNICO ATTIVITA PRODUTTIVE VERSIONE SPERIMENTALE 1 1. Cos è la Carta della qualità dei servizi La realtà sempre più completa ed articolata delle pubbliche amministrazioni, se da un lato consente di offrire servizi diversificati alla cittadinanza, dall

Dettagli

SCHEDA OPERATIVA SOGGETTI AMMISSIBILI

SCHEDA OPERATIVA SOGGETTI AMMISSIBILI Avviso pubblico - Puglia Sviluppo - Regione Puglia in attuazione della DGR n. 1788 del 06 Agosto 2014. Pagina 1 COMMISSIONE EUROPEA REGIONE PUGLIA Area Politiche per lo Sviluppo Economico, Lavoro e Innovazione

Dettagli

più credito per la tua impresa

più credito per la tua impresa Sei un impresa che vuole acquistare nuovi macchinari, impianti o attrezzature? più credito per la tua impresa : Agevolazioni anche per i settori di pesca e agricoltura Beni strumentali, l agevolazione

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER GLI INCENTIVI ALLE IMPRESE Circolare 10 febbraio 2014, n. 4567 Termini e modalità di presentazione delle domande per la concessione e l erogazione

Dettagli

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Gruppo di Lavoro ITACA Regioni/Presidenza del Consiglio dei Ministri Aggiornamento 14 novembre 2011 Dipartimento

Dettagli

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN La nuova impresa nasce da un idea, da un intuizione: la scoperta di una nuova tecnologia, l espansione della

Dettagli

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 TABELLA B RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 1 B1) Disponibilità dei locali B1.1) Scansione del documento di disponibilità esclusiva dei locali della sede operativa per almeno tre

Dettagli

Regolamento per l assegnazione dei contributi per "edifici di culto ed altri edifici per servizi religiosi" e per "centri civici e sociali

Regolamento per l assegnazione dei contributi per edifici di culto ed altri edifici per servizi religiosi e per centri civici e sociali Regolamento per l assegnazione dei contributi per "edifici di culto ed altri edifici per servizi religiosi" e per "centri civici e sociali attrezzature culturali e sanitarie." (Deliberazioni del Consiglio

Dettagli

Sintesi modifiche apportate alle Disposizioni Attuative Specifiche della Mis. 123 - Accrescimento del valore aggiunto del settore agricolo e forestale

Sintesi modifiche apportate alle Disposizioni Attuative Specifiche della Mis. 123 - Accrescimento del valore aggiunto del settore agricolo e forestale REPUBBLICA ITALIANA Regione Siciliana ASSESSORATO REGIONALE DELLE RISORSE AGRICOLE E ALIMENTARI DIPARTIMENTO REGIONALE INTERVENTI STRUTTURALI Programma di Sviluppo Rurale Regione Sicilia 2007-2013 Reg.

Dettagli

Tabella di sintesi elaborata dagli uffici senza alcun valore normativo. COOPERATIVE SOCIALI iscritte alla sezione A dell Albo.

Tabella di sintesi elaborata dagli uffici senza alcun valore normativo. COOPERATIVE SOCIALI iscritte alla sezione A dell Albo. CAPO II INVESTIMENTI Acquisto, costruzione, ristrutturazione, ammodernamento ed ampliamento di immobili aziendali Art. 9 comma 1 200.000,00) 200.000,00) Fino al 50% 200.000,00) se LEASING: fino al 40%

Dettagli

REGIME FORFETARIO 2015

REGIME FORFETARIO 2015 OGGETTO: Circolare 4.2015 Seregno, 19 gennaio 2015 REGIME FORFETARIO 2015 La Legge di Stabilità 2015, L. 190/2014 articolo 1 commi da 54 a 89, ha introdotto a partire dal 2015 un nuovo regime forfetario

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297)

REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297) REGOLAMENTO PER L ANTICIPAZIONE DEL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO DI LAVORO (LEGGE 29 MAGGIO 1982, N. 297) 1) Beneficiari Hanno titolo a richiedere l anticipazione i lavoratori che abbiano maturato almeno

Dettagli

AL COMUNE DI PIAZZA ARMERINA Settore Attività Produttive 94015 - PIAZZA ARMERINA

AL COMUNE DI PIAZZA ARMERINA Settore Attività Produttive 94015 - PIAZZA ARMERINA AL COMUNE DI PIAZZA ARMERINA Settore Attività Produttive 94015 - PIAZZA ARMERINA ESERCIZIO DI SOMMINISTRAZIONE AL PUBBLICO DI ALIMENTI E BEVANDE TIPOLOGIA C " art. 3 c. 6 SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO

Dettagli

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale

AVVISO PER LA PRESENTAZIONE DEI PROGETTI DI INFOMOBILITÀ - ATTIVITÀ IV.4 DEL POR CREO 2007-2013. Giunta Regionale Giunta Regionale Direzione Generale delle Politiche Territoriali, Ambientali e per la Mobilità Area di Coordinamento Mobilità e Infrastrutture Settore Pianificazione del Sistema Integrato della Mobilità

Dettagli

FINANZIAMENTI IMPORT IN EURO

FINANZIAMENTI IMPORT IN EURO Data release 1/07/2014 N release 0009 Pagina 1 di 6 INFORMAZIONI SULLA BANCA Denominazione Sede legale: BANCA CARIM Cassa di Risparmio di Rimini S.p.A. P.za Ferrari 15 47921 Rimini Nr. di iscriz. Albo

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati

FOGLIO INFORMATIVO. 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati Pagina 1/8 FOGLIO INFORMATIVO 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati INFORMAZIONI SULLA BANCA CASSA DI RISPARMIO DI VOLTERRA S.p.A. Sede Legale: Piazza dei Priori, 16/18 56048 Volterra (PI) Tel.:

Dettagli

POR FESR ABRUZZO 2007 2013. BANDO ATTIVITÀ VI.1.3. a) Sostegno alla coesione sociale nell area del cratere Nuove strutture turistiche

POR FESR ABRUZZO 2007 2013. BANDO ATTIVITÀ VI.1.3. a) Sostegno alla coesione sociale nell area del cratere Nuove strutture turistiche REGIONE ABRUZZO DIREZIONE SVILUPPO DEL TURISMO, POLITICHE CULTURALI Servizio Investimenti Pubblici Politiche Turistiche POR FESR ABRUZZO 2007 2013 BANDO ATTIVITÀ VI.1.3. a) Sostegno alla coesione sociale

Dettagli

Erogazione di altri benefici

Erogazione di altri benefici N. Operazione Esecutore Note/moduli/ attrezzature connessi alla borsa di studio borsa servizi 1 Mobilità Internazionale: Il bando di concorso per la borsa di studio prevede che l Azienda conceda integrazioni

Dettagli

F.A.Q. SUL SISTEMA DI ACCREDITAMENTO PER I SERVIZI AL LAVORO REGIONE PIEMONTE

F.A.Q. SUL SISTEMA DI ACCREDITAMENTO PER I SERVIZI AL LAVORO REGIONE PIEMONTE F.A.Q. SUL SISTEMA DI ACCREDITAMENTO PER I SERVIZI AL LAVORO REGIONE PIEMONTE PRESENTAZIONE DELLA DOMANDA 1. Quale è l indirizzo web per la presentazione della domanda di accreditamento? L indirizzo della

Dettagli

BANDO PER LA CONCESSIONE DI AGEVOLAZIONI ALLE IMPRESE PER FAVORIRE LA REGISTRAZIONE DI MARCHI COMUNITARI E INTERNAZIONALI

BANDO PER LA CONCESSIONE DI AGEVOLAZIONI ALLE IMPRESE PER FAVORIRE LA REGISTRAZIONE DI MARCHI COMUNITARI E INTERNAZIONALI Dipartimento per l impresa e l internazionalizzazione Direzione Generale per la Lotta alla Contraffazione Ufficio Italiano Brevetti e Marchi BANDO PER LA CONCESSIONE DI AGEVOLAZIONI ALLE IMPRESE PER FAVORIRE

Dettagli

Il mutuo per la casa in parole semplici

Il mutuo per la casa in parole semplici LE GUIDE DELLA BANCA D ITALIA Il mutuo per la casa in parole semplici La SCELTA e i COSTI I DIRITTI del cliente I CONTATTI utili Il mutuo dalla A alla Z ISSN 2384-8871 (stampa) ISSN 2283-5989 (online)

Dettagli

Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015

Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015 IL PRESIDENTE IN QUALITA DI COMMISSARIO DELEGATO AI SENSI DELL ART. 1 COMMA 2 DEL D.L.N. 74/2012 CONVERTITO CON MODIFICAZIONI DALLA LEGGE N. 122/2012 Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015 Modalità attuative

Dettagli

Al SUAP. Denominazione società/ditta

Al SUAP. Denominazione società/ditta COMUNICAZIONE SUBINGRESSO DI COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE SU POSTEGGIO L.R. 28/2005 e s.m.i. Codice del Commercio art.74 e D.P. G.R. n. 15/R del 1 aprile 2009 Regolamento di attuazione della legge n. 28/2005

Dettagli

REGOLAMENTO Autorizzazione al funzionamento e Accreditamento delle strutture, Accreditamento Soggetti erogatori Servizi Sociali

REGOLAMENTO Autorizzazione al funzionamento e Accreditamento delle strutture, Accreditamento Soggetti erogatori Servizi Sociali AMBITO TERRITORIALE DI AGNONE AGNONE BELMONTE DEL SANNIO CAPRACOTTA CAROVILLI CASTEL DEL GIUDICE CASTELVERRINO PESCOPENNATARO PIETRABBONDANTE POGGIO SANNITA SAN PIETRO AVELLANA SANT ANGELO DEL PESCO VASTOGIRARDI

Dettagli

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO FOGLIO INFORMATIVO NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO INFORMAZIONI SULLA BANCA UNIPOL BANCA S.p.A. SEDE LEGALE

Dettagli

News per i Clienti dello studio

News per i Clienti dello studio News per i Clienti dello studio Ai gentili clienti Loro sedi Il nuovo regime forfettario previsto dalla legge di stabilità per il 2015 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che con la

Dettagli

CONTRIBUTO AGLI AUTOTRASPORTATORI PER L ACQUISTO DI VEICOLI NUOVI

CONTRIBUTO AGLI AUTOTRASPORTATORI PER L ACQUISTO DI VEICOLI NUOVI CONTRIBUTO AGLI AUTOTRASPORTATORI PER L ACQUISTO DI VEICOLI NUOVI Art. 1, comma 89, Legge n. 147/2013 DM n. 307/2014 Circolare MIT 22.9.2014, n. 18358 Modena, 07 ottobre 2014 La Finanziaria 2014 ha previsto

Dettagli

DECRETO N. 1921 Del 12/03/2015

DECRETO N. 1921 Del 12/03/2015 DECRETO N. 1921 Del 12/03/2015 Identificativo Atto n. 191 DIREZIONE GENERALE ISTRUZIONE, FORMAZIONE E LAVORO Oggetto APPROVAZIONE DELL AVVISO FORMAZIONE CONTINUA COMPETITIVITA EXPO E L'atto si compone

Dettagli

BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI

BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI Si esamina il trattamento dei benefici concessi a dipendenti, collaboratori e amministratori - collaboratori. I fringe benefits costituiscono la parte della

Dettagli

BONUS MOBILI ED ELETTRODOMESTICI

BONUS MOBILI ED ELETTRODOMESTICI BONUS MOBILI ED ELETTRODOMESTICI Gli aggiornamenti più recenti Proroga dell agevolazione al 31 dicembre 2015 I quesiti più frequenti aggiornamento aprile 2015 ACQUISTI AGEVOLATI IMPORTO DETRAIBILE MODALITA

Dettagli

AVVISO PUBBLICO BANDO 2014

AVVISO PUBBLICO BANDO 2014 ALLEGATO "A" Dipartimento politiche Abitative Direzione Interventi Alloggiativi AVVISO PUBBLICO Concessione del contributo integrativo di cui all art. 11 della legge 9 dicembre 1998, n. 431 e successive

Dettagli

Foglio informativo n. 178/003. Prestito personale Viaggia con Me.

Foglio informativo n. 178/003. Prestito personale Viaggia con Me. Informazioni sulla banca. Foglio informativo n. 178/003. Prestito personale Viaggia con Me. Intesa Sanpaolo S.p.A. Sede legale e amministrativa: Piazza San Carlo 156-10121 Torino. Tel.: 800.303.306 (Privati),

Dettagli

CONVENZIONE TRA. Associazione Bancaria Italiana, con sede in Roma, Piazza del Gesù 49, Codice fiscale n. 02088180589 (di seguito l ABI );

CONVENZIONE TRA. Associazione Bancaria Italiana, con sede in Roma, Piazza del Gesù 49, Codice fiscale n. 02088180589 (di seguito l ABI ); CONVENZIONE TRA il Ministero dello Sviluppo Economico, con sede in Roma, Via Vittorio Veneto 33, Codice fiscale n. 80230390587 (di seguito il Ministero ); E Associazione Bancaria Italiana, con sede in

Dettagli

Comune di Mentana Provincia di Roma

Comune di Mentana Provincia di Roma BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI INTEGRATIVI A SOSTEGNO DEL PAGAMENTO DEI CANONI DI LOCAZIONE ANNUALITA FINANZIARIA 2013 IL RESPONSABILE DEL SETTORE SERVIZI ALLA PERSONA - VISTO l articolo 11 della

Dettagli

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici

Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici Centro per l Impiego Carta dei servizi alle Aziende e agli Enti pubblici SOMMARIO SERVIZI ALLE AZIENDE E AGLI ENTI PUBBLICI - accoglienza; - consulenza relativa alle comunicazioni obbligatorie; - servizio

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONCESSIONE DI ASSEGNI PER IL MIGLIORAMENTO DELLECONDIZIONI DI CURA ED EDUCAZIONE DI MINORI DI ETA DA 0 A 36 MESI.

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONCESSIONE DI ASSEGNI PER IL MIGLIORAMENTO DELLECONDIZIONI DI CURA ED EDUCAZIONE DI MINORI DI ETA DA 0 A 36 MESI. COMUNE DI COLLOREDO DI MONTE ALBANO REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONCESSIONE DI ASSEGNI PER IL MIGLIORAMENTO DELLECONDIZIONI DI CURA ED EDUCAZIONE DI MINORI DI ETA DA 0 A 36 MESI. Approvato con deliberazione

Dettagli

CIRCOLARE N. 12/E. Roma, 19 febbraio 2008

CIRCOLARE N. 12/E. Roma, 19 febbraio 2008 CIRCOLARE N. 12/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 19 febbraio 2008 OGGETTO: Profili interpretativi emersi nel corso della manifestazione Telefisco 2008 del 29 Gennaio 2008 e risposte ad

Dettagli

L.R. 12/2006, art. 6, commi da 82 a 89 B.U.R. 3/1/2007, n. 1. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 12 dicembre 2006, n. 0381/Pres.

L.R. 12/2006, art. 6, commi da 82 a 89 B.U.R. 3/1/2007, n. 1. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 12 dicembre 2006, n. 0381/Pres. L.R. 12/2006, art. 6, commi da 82 a 89 B.U.R. 3/1/2007, n. 1 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 12 dicembre 2006, n. 0381/Pres. LR 12/2006, articolo 6, commi da 82 a 89. Regolamento concernente i criteri

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER LE POLITICHE DI INTERNAZIONALIZZAZIONE E LA PROMOZIONE DEGLI SCAMBI IL DIRETTORE GENERALE Visto l articolo 30 del Decreto Legge 12 settembre 2014,

Dettagli

D.G.R. n. 32-2642 del 2/4/2001

D.G.R. n. 32-2642 del 2/4/2001 ALLEGATO A D.G.R. n. 32-2642 del 2/4/2001 TESTO COORDINATO CON NORME SUCCESSIVE D.G.R. N. 47-2981 del 14/5/2001 pubblicata su B.U. n. 21 del 23.5.2001 D.G.R. N. 50-3471 del 9/7/2001 pubblicata su B.U.

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER GLI INCENTIVI ALLE IMPRESE IL DIRETTORE GENERALE Visto il decreto del Ministro dello sviluppo economico 8 marzo 2013, pubblicato nella Gazzetta

Dettagli

Il Fondo di Garanzia per le PMI L. 662/96

Il Fondo di Garanzia per le PMI L. 662/96 Il Fondo di Garanzia per le PMI L. 662/96 Incontro formativo con gli operatori del territorio Lo stato dell arte del Fondo di Garanzia per le PMI Le attività di informazione e formazione operativa per

Dettagli

FINANZIAMENTI ALTRI ESTERO

FINANZIAMENTI ALTRI ESTERO Data release 01/07/2014 N release 0009 Pagina 1 di 6 INFORMAZIONI SULLA BANCA Denominazione Sede legale: BANCA CARIM Cassa di Risparmio di Rimini S.p.A. P.za Ferrari 15 47921 Rimini Nr. di iscriz. Albo

Dettagli

Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2.

Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2. Imprese individuali e società Le aziende possono essere distinte in: 1. aziende individuali, quando il soggetto giuridico è una persona fisica; 2. aziende collettive, quando il soggetto giuridico è costituito

Dettagli

ISTRUZIONI MOD.COM1 - COMUNICAZIONE - Esercizi di commercio al dettaglio di vicinato AVVERTENZE GENERALI

ISTRUZIONI MOD.COM1 - COMUNICAZIONE - Esercizi di commercio al dettaglio di vicinato AVVERTENZE GENERALI ISTRUZIONI MOD.COM1 - COMUNICAZIONE - Esercizi di commercio al dettaglio di vicinato AVVERTENZE GENERALI SI AVVERTE CHE PER LA CORRETTA COMPILAZIONE DEL MOD.COM1, È NECESSARIA UNA PRELIMINARE ATTENTA LETTURA

Dettagli

REL. 5/2015 Italiano GUIDA ALLE DETRAZIONI E AI CONTRIBUTI

REL. 5/2015 Italiano GUIDA ALLE DETRAZIONI E AI CONTRIBUTI REL. 5/2015 Italiano GUIDA ALLE DETRAZIONI E AI CONTRIBUTI Agevolazioni all acquisto L acquisto di un montascale a poltroncina, a piattaforma e di una piattaforma elevatrice per l utilizzo in abitazioni

Dettagli

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI Allegato 1 COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI REGOLAMENTO PER LA DOTAZIONE FINANZIARIA COMUNALE PER INTERVENTI DI MANUTENZIONE ORDINARIA E DI FUNZIONAMENTO IN FAVORE DEGLI ISTITUTI DI ISTRUZIONE PRIMARIA

Dettagli

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del genzia ntrate BENI CONCESSI IN GODIMENTO A SOCI O FAMILIARI E FINANZIAMENTI, CAPITALIZZAZIONI E APPORTI EFFETTUATI DAI SOCI O FAMILIARI DELL'IMPRENDITORE NEI CONFRONTI DELL'IMPRESA (ai sensi dell articolo,

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico VISTO il Decreto Legge 12 settembre 2014, n. 133 convertito con modificazioni dalla Legge 11 novembre 2014, n. 164 recante Misure urgenti per l'apertura dei cantieri, la realizzazione delle opere pubbliche,

Dettagli

COMUNICAZIONE DI APERTURA FILIALI, SUCCURSALI E ALTRI PUNTI VENDITA DI AGENZIE DI VIAGGIO E TURISMO (Ai sensi della L.R. 30/03/1988 n. 15 e s.m.i.

COMUNICAZIONE DI APERTURA FILIALI, SUCCURSALI E ALTRI PUNTI VENDITA DI AGENZIE DI VIAGGIO E TURISMO (Ai sensi della L.R. 30/03/1988 n. 15 e s.m.i. CODICE PRATICA *CODICE FISCALE* GGMMAAAA HH:MM Mod. Comunale (Modello 1088 Versione 001 2015) Allo Sportello Unico delle Attività Produttive Comune / Comunità / Unione Identificativo SUAP: COMUNICAZIONE

Dettagli

BANDO PER LA CONCESSIONE DI AGEVOLAZIONI ALLE IMPRESE PER LA VALORIZZAZIONE DEI DISEGNI E MODELLI

BANDO PER LA CONCESSIONE DI AGEVOLAZIONI ALLE IMPRESE PER LA VALORIZZAZIONE DEI DISEGNI E MODELLI BANDO PER LA CONCESSIONE DI AGEVOLAZIONI ALLE IMPRESE PER LA VALORIZZAZIONE DEI DISEGNI E MODELLI 1. PREMESSA Il Ministero dello Sviluppo Economico (MiSE), attraverso la Direzione Generale per la Lotta

Dettagli

Provincia di Sassari. C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20

Provincia di Sassari. C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20 C O M U N E D I M A R A Provincia di Sassari C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20 Email: protocollo@comune.mara.ss.it Pec: protocollo@pec.comune.mara.ss.it SERVIZIO AFFARI

Dettagli

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE)

71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) 71 MICROCREDITO E GARANZIA PER I GIOVANI: UN BINOMIO POSSIBILE (SE SI VUOLE) di TIZIANA LANG * Finalmente è partita: dal 1 maggio i giovani italiani possono iscriversi on line al programma della Garanzia

Dettagli

Le novità del DL n. 91/2014 (cd. decreto competitività) Credito d imposta per investimenti in beni strumentali nuovi

Le novità del DL n. 91/2014 (cd. decreto competitività) Credito d imposta per investimenti in beni strumentali nuovi Le novità del DL n. 91/2014 (cd. decreto competitività) Credito d imposta per investimenti in beni strumentali nuovi Le informazioni fornite nel presente documento hanno esclusivamente scopo informativo

Dettagli

IV AVVISO PER LA SELEZIONE DI PROGETTI DA AMMETTERE AL FINANZIAMENTO DEL FONDO MICROCREDITO FSE

IV AVVISO PER LA SELEZIONE DI PROGETTI DA AMMETTERE AL FINANZIAMENTO DEL FONDO MICROCREDITO FSE IV AVVISO PER LA SELEZIONE DI PROGETTI DA AMMETTERE AL FINANZIAMENTO DEL FONDO MICROCREDITO FSE POR FSE 2007-2013 ASSE II OCCUPABILITÀ Ob. Spec. e) Attuare politiche del lavoro attive e preventive, con

Dettagli

A.R.C.E.A. Agenzia della Regione Calabria per. le Erogazioni in Agricoltura

A.R.C.E.A. Agenzia della Regione Calabria per. le Erogazioni in Agricoltura A.R.C.E.A. Agenzia della Regione Calabria per le Erogazioni in Agricoltura Regolamento per l istituzione di un elenco di operatori economici di fiducia ai sensi dell art. 125, comma 12 del D.lgs. n. 163

Dettagli

Tabelle delle aliquote contributive in vigore dal. 1 gennaio 2014

Tabelle delle aliquote contributive in vigore dal. 1 gennaio 2014 Istituto Nazionale Previdenza Sociale Direzione Centrale Entrate Tabelle delle aliquote contributive in vigore dal 1 gennaio 2014 A cura di Leonardo Pascarella Aggiornamento DICEMBRE 2014 Responsabile:

Dettagli

SCIA valida anche ai fini dell art. 86 del Testo Unico delle Leggi di Pubblica Sicurezza, approvato con R.D. 18/6/1931, n. 773.

SCIA valida anche ai fini dell art. 86 del Testo Unico delle Leggi di Pubblica Sicurezza, approvato con R.D. 18/6/1931, n. 773. Modulo di segnalazione certificata di inizio attività per la somministrazione di alimenti e bevande all' interno dei circoli privati da presentare in carta libera Spazio per apporre il timbro di protocollo

Dettagli

CIRCOLARE N. 37/E. Roma, 29 dicembre 2006

CIRCOLARE N. 37/E. Roma, 29 dicembre 2006 CIRCOLARE N. 37/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 29 dicembre 2006 OGGETTO: IVA Applicazione del sistema del reverse-charge nel settore dell edilizia. Articolo 1, comma 44, della legge

Dettagli

COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI

COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI INDICE CAPO I - NORME GENERALI ART: 1 - FINALITA ART.

Dettagli

Beni strumentali: acquisizione, utilizzo e dismissione... Celestina Rovetto

Beni strumentali: acquisizione, utilizzo e dismissione... Celestina Rovetto Svolgimento della prova di verifica n. 17 Classe 4 a IGEA, Mercurio, Brocca, Programmatori, Liceo economico, IPSC Beni strumentali: acquisizione, utilizzo e dismissione. Celestina Rovetto Obiettivi della

Dettagli

La strategia regionale per l attuazione della politica degli acquisti

La strategia regionale per l attuazione della politica degli acquisti La strategia regionale per l attuazione della politica degli acquisti pubblici ecologici Olbia, 17 maggio 2013 Gli appalti pubblici coprono una quota rilevante del PIL, tra il 15 e il 17%: quindi possono

Dettagli

ORGANO UFFICIALE DELLA FEDERAZIONE ITALIANA DELLE ASSOCIAZIONI SINDACALI NOTARILI. Consigli

ORGANO UFFICIALE DELLA FEDERAZIONE ITALIANA DELLE ASSOCIAZIONI SINDACALI NOTARILI. Consigli ORGANO UFFICIALE DELLA FEDERAZIONE ITALIANA DELLE ASSOCIAZIONI SINDACALI NOTARILI In collaborazione con Assessorato Aree Cittadine e Consigli di Zona Consigli Quanto costa comprar casa CASA: LE TASSE DA

Dettagli

PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE REGIONE VENETO 2007-2013 PROGETTI INTEGRATI DI FILIERA PIF

PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE REGIONE VENETO 2007-2013 PROGETTI INTEGRATI DI FILIERA PIF PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE REGIONE VENETO 2007-2013 PROGETTI INTEGRATI DI FILIERA PIF www.progettoverde.info - pv@ progettover de.i nfo 1 COS E IL PROGETTO INTEGRATO DI FILIERA (PIF) Il progetto integrato

Dettagli

Progetto Borse Studio/Lavoro 2014

Progetto Borse Studio/Lavoro 2014 Progetto Borse Studio/Lavoro 2014 RACCOLTA DI MANIFESTAZIONI DI INTERESSE DA PARTE DI IMPRESE ED ENTI OPERANTI SUL TERRITORIO DELLA PROVINCIA DELL AQUILA AD OSPITARE GIOVANI DESTINATARI DI BORSE DI STUDIO/LAVORO

Dettagli

L applicazione dell IVA agevolata del 10% per le opere di MANUTENZIONE ORDINARIA E MANUTENZIONE STRAORDINARIA

L applicazione dell IVA agevolata del 10% per le opere di MANUTENZIONE ORDINARIA E MANUTENZIONE STRAORDINARIA Studio Tecnico Geometri SAPINO Giuseppe e PEDERZANI Fabio Via Pollano, 26 12033 MORETTA (CN) - tel. 0172.94169 fax 172.917563 mail: gsapino@geosaped.com fpederzani@geosaped.com P.E.C.: giuseppe.sapino@geopec.it

Dettagli

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA Prot. 2015/25992 Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate

Dettagli

per la durata di seguito indicata: nel periodo dal al nella/e giornata/e:

per la durata di seguito indicata: nel periodo dal al nella/e giornata/e: Marca da bollo 14,62 AL SIGNOR SINDACO DEL COMUNE DI BERTINORO OGGETTO: Richiesta licenza di spettacolo o trattenimento pubblici di cui all art. 68/ 69 del regio decreto 18 giugno 1931, n. 773, a carattere

Dettagli

DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07

DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07 DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07 Bonus IRPEF 80 euro Nel nuovo modello 730/2015 trova spazio il bonus IRPEF 80 euro ricevuto nel 2014, essendo previsto l obbligo di

Dettagli

COMUNE DI CIVITAVECCHIA Provincia di Roma SERVIZIO LAVORI PUBBLICI

COMUNE DI CIVITAVECCHIA Provincia di Roma SERVIZIO LAVORI PUBBLICI COMUNE DI CIVITAVECCHIA Provincia di Roma SERVIZIO LAVORI PUBBLICI AVVISO PUBBLICO PER L USO TEMPORANEO E SUPERFICIARIO DI UN AREA PUBBLICA SITA NEL PZ9 POLIGONO DEL GENIO Vista: IL DIRIGENTE la presenza

Dettagli

INPDAP - Mod. PP (Piccolo Prestito) Protocollo distinta: anno... n... All' INPDAP Direzione Centrale Credito e Welfare

INPDAP - Mod. PP (Piccolo Prestito) Protocollo distinta: anno... n... All' INPDAP Direzione Centrale Credito e Welfare INPDAP - Mod. PP (Piccolo Prestito) Protocollo distinta: anno...... n... All' INPDAP Direzione Centrale Credito e Welfare Ufficio ex Enam Area Piccolo Credito Lista: settore.. n.... Largo Josemaria Escriva

Dettagli

I contributi pubblici nello IAS 20

I contributi pubblici nello IAS 20 I contributi pubblici nello IAS 20 di Paolo Moretti Il principio contabile internazionale IAS 20 fornisce le indicazioni in merito alle modalità di contabilizzazione ed informativa dei contributi pubblici,

Dettagli

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO TEMPORANEO E/O OCCASIONALE DI SPAZI E LOCALI DELL ATENEO DA PARTE DI SOGGETTI ESTERNI

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO TEMPORANEO E/O OCCASIONALE DI SPAZI E LOCALI DELL ATENEO DA PARTE DI SOGGETTI ESTERNI REGOLAMENTO PER L UTILIZZO TEMPORANEO E/O OCCASIONALE DI SPAZI E LOCALI DELL ATENEO DA PARTE DI SOGGETTI ESTERNI (Emanato con D.R. n. 57 del 21 gennaio 2015) INDICE Pag. Art. 1 - Oggetto 2 Art. 2 - Procedura

Dettagli

FONDO DI GARANZIA - Legge 662/96 RISERVA PON RICHIESTA DI PRENOTAZIONE DELLA GARANZIA DA PARTE DEL SOGGETTO BENEFICIARIO FINALE

FONDO DI GARANZIA - Legge 662/96 RISERVA PON RICHIESTA DI PRENOTAZIONE DELLA GARANZIA DA PARTE DEL SOGGETTO BENEFICIARIO FINALE Allegato 18 Modulo prenotazione garanzia PON - Pagina 1 di 25 FONDO DI GARANZIA - Legge 662/96 RISERVA PON RICHIESTA DI PRENOTAZIONE DELLA GARANZIA DA PARTE DEL SOGGETTO BENEFICIARIO FINALE PROCEDURA DI

Dettagli

Nome e cognome/ragione sociale Sede (indirizzo) Telefono e e-mail

Nome e cognome/ragione sociale Sede (indirizzo) Telefono e e-mail INFORMAZIONI SULLA BANCA Cassa di Risparmio di Cento S.p.A. Sede Legale e Direzione generale: Via Matteotti 8/B - 44042 CENTO (FE) Tel. 051 6833111 - Fax 051 6833237 CODICE FISCALE, PARTITA IVA e Numero

Dettagli

CIO S.p.A. Ottici optometristi selezionati REGOLAMENTO DEL CLUB

CIO S.p.A. Ottici optometristi selezionati REGOLAMENTO DEL CLUB TITOLO I: IL CLUB DEI MIGLIORI NEGOZI DI OTTICA IN ITALIA. Il Club dei migliori negozi di ottica in Italia è costituito dall insieme delle imprese operanti nel campo del commercio dell ottica selezionate

Dettagli

AVVISO PUBBLICO PER L ISCRIZIONE ALL ALBO FORNITORI

AVVISO PUBBLICO PER L ISCRIZIONE ALL ALBO FORNITORI AVVISO PUBBLICO PER L ISCRIZIONE ALL ALBO FORNITORI In base alla Deliberazione del Direttore Generale n. 312 del 18 ottobre 2012 si è provveduto all istituzione e disciplina dell Albo dei Fornitori dell

Dettagli

- Altri servizi generali. QUADRO A Elementi specifici. Gestione Associata in Unione di comuni

- Altri servizi generali. QUADRO A Elementi specifici. Gestione Associata in Unione di comuni generali di amministrazione, di gestione e di controllo - Organi istituzionali, partecipazione e decentramento - Segreteria generale, Personale e Organizzazione - Gestione economica, Finanziaria, Programmazione,

Dettagli

Istituto per il Credito Sportivo

Istituto per il Credito Sportivo Istituto per il Credito Sportivo REGOLAMENTO SPAZI SPORTIVI SCOLASTICI CONTRIBUTI IN CONTO INTERESSI SUI MUTUI AGEVOLATI DELL ISTITUTO PER IL CREDITO SPORTIVO INDICE 1. Perché vengono concessi contributi

Dettagli

5 Contributo Autonoma Sistemazione

5 Contributo Autonoma Sistemazione 5 Contributo Autonoma Sistemazione CAS A valere sulle risorse finanziarie di cui all articolo 3 dell Ordinanza del Capo del Dipartimento della protezione civile (OCDPC) n. 232 del 30 marzo 2015 viene stimata

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. relativo alle operazioni di

FOGLIO INFORMATIVO. relativo alle operazioni di FOGLIO INFORMATIVO relativo alle operazioni di FINANZIAMENTI IMPORT, ANTICIPI E PREFINANZIAMENTI EXPORT, FINANZIAMENTI SENZA VINCOLO DI DESTINAZIONE (questi ultimi se non rientranti nel credito ai consumatori)

Dettagli

D.P.G.R n in data Eventi eccezionali del/dal..al (gg/mese/anno).

D.P.G.R n in data Eventi eccezionali del/dal..al (gg/mese/anno). Mod. 2 - imprese COMUNE DI... D.P.G.R n in data Eventi eccezionali del/dal..al (gg/mese/anno). MODULO PER IMPRESE Attività produttive, industriali, agricole, zootecniche, commerciali, artigianali, turistiche,

Dettagli

SUAP Piazza Municipio 3 10090 BRUINO (TO)

SUAP Piazza Municipio 3 10090 BRUINO (TO) Al Comune di BRUINO SUAP Piazza Municipio 3 10090 BRUINO (TO) OGGETTO: SCIA di subingresso nell'esercizio dell'attività di commercio su aree pubbliche ai sensi dell art. 28, comma 12, del D.Lgs. n. 114/1998

Dettagli

ANTICIPO IMPORT / EXPORT FINANZIAMENTI IN DIVISA

ANTICIPO IMPORT / EXPORT FINANZIAMENTI IN DIVISA INFORMAZIONI SULLA BANCA Banca Popolare Etica Società Cooperativa per Azioni Via Niccolò Tommaseo, 7 35131 Padova Tel. 049 8771111 Fax 049 7399799 E-mail: posta@bancaetica.it Sito Web: www.bancaetica.it

Dettagli

Allegato 3 ALTRI DOCUMENTI 1) SCHEMA DA UTILIZZARE PER REDIGERE LA DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DI ATTO NOTORIO

Allegato 3 ALTRI DOCUMENTI 1) SCHEMA DA UTILIZZARE PER REDIGERE LA DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DI ATTO NOTORIO Allegato 3 ALTRI DOCUMENTI 1) SCHEMA DA UTILIZZARE PER REDIGERE LA DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DI ATTO NOTORIO La Dichiarazione Sostitutiva di Atto Notorio, da compilarsi in caso di Offerta Segreta o Offerta

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO Apertura di credito per finanziamenti a fronte di certificati/dichiarazioni di conformità di autoveicoli

FOGLIO INFORMATIVO Apertura di credito per finanziamenti a fronte di certificati/dichiarazioni di conformità di autoveicoli FOGLIO INFORMATIVO Apertura di credito per finanziamenti a fronte di certificati/dichiarazioni di conformità di autoveicoli INFORMAZIONI SULLA BANCA Denominazione Credito Emiliano SpA Iscrizione in albi

Dettagli

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 La valutazione delle IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI Prima lezione di Alberto Bertoni 1 IMMOBILIZZAZIONI Definizione Cod. Civ. art. 2424-bis, 1 c. Le immobilizzazioni sono

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA LOCAZIONE E CONCESSIONE IN USO DI LOCALI ED IMMOBILI COMUNALI DEL PATRIMONIO DISPONIBILE

REGOLAMENTO PER LA LOCAZIONE E CONCESSIONE IN USO DI LOCALI ED IMMOBILI COMUNALI DEL PATRIMONIO DISPONIBILE REGOLAMENTO PER LA LOCAZIONE E CONCESSIONE IN USO DI LOCALI ED IMMOBILI COMUNALI DEL PATRIMONIO DISPONIBILE Approvato dal Consiglio Comunale nella seduta del 13 maggio 2013 - Delibera n. 35 INDICE: Articolo

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ELENCO DEGLI OPERATORI ECONOMICI DI FIDUCIA DELL UNIVERSITÀ TELEMATICA UNIVERSITAS MERCATORUM - EX ART.

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ELENCO DEGLI OPERATORI ECONOMICI DI FIDUCIA DELL UNIVERSITÀ TELEMATICA UNIVERSITAS MERCATORUM - EX ART. Universita Telematica UNIVERSITAS MERCATORUM REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ELENCO DEGLI OPERATORI ECONOMICI DI FIDUCIA DELL UNIVERSITÀ TELEMATICA UNIVERSITAS MERCATORUM - EX ART. 125, COMMA 12 DEL D.L.VO

Dettagli

AL COMUNE DI RACALMUTO Sportello Unico per le Attività Produttive

AL COMUNE DI RACALMUTO Sportello Unico per le Attività Produttive Bollo 14,62 AL COMUNE DI RACALMUTO Sportello Unico per le Attività Produttive ESERCIZIO DI COMMERCIO AL DETTAGLIO MEDIE STRUTTURE DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE (COM 4A - D.A. 8/5/2001) Ai sensi della L.r.

Dettagli

PICCOLI TRATTENIMENTI MUSICALI O DIFFUSIONE SONORA NEI DEHORS E NELLE AREE DI PERTINENZA PRIVATE ANNESSE AI LOCALI DI SOMMINISTRAZIONE AL PUBBLICO

PICCOLI TRATTENIMENTI MUSICALI O DIFFUSIONE SONORA NEI DEHORS E NELLE AREE DI PERTINENZA PRIVATE ANNESSE AI LOCALI DI SOMMINISTRAZIONE AL PUBBLICO Dipartimento Economia e Promozione della Città Settore Attività Produttive e Commercio U.O. Somministrazione, manifestazioni, artigianato e ricettive 40129 Bologna Piazza Liber Paradisus, 10, Torre A -

Dettagli

Giunta Regionale della Campania

Giunta Regionale della Campania Avvertenze: il testo vigente qui pubblicato è stato redatto dal Settore Legislativo dell'a.g.c. 01 della Giunta Regionale al solo fine di facilitare la lettura delle disposizioni della legge, integrata

Dettagli

Comune di Pistoia REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PATROCINI O ALTRE UTILITA' ECONOMICHE A SOGGETTI RICHIEDENTI

Comune di Pistoia REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PATROCINI O ALTRE UTILITA' ECONOMICHE A SOGGETTI RICHIEDENTI Comune di Pistoia REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PATROCINI O ALTRE UTILITA' ECONOMICHE A SOGGETTI RICHIEDENTI Approvato con Deliberazione consiliare n 94 del 21 giugno 2004 INDICE Articolo

Dettagli