PRONTUARIO DELLE LEGGI ED AGEVOLAZIONI FINANZIARIE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PRONTUARIO DELLE LEGGI ED AGEVOLAZIONI FINANZIARIE"

Transcript

1 A SERVIZIO DELL IMPRESA PRONTUARIO DELLE LEGGI ED AGEVOLAZIONI FINANZIARIE Alba c/o Associazione Commercianti Albesi - P.za San Paolo n. 3 tel. 0173/ fax 0173/ Bra c/o Associazione Braidese Commercianti P.za Giolitti n. 8 tel. 0172/ fax 0172/

2 SCHEDA FINANZIAMENTI AGEVOLATI ASCOM FIDI LANGHE E ROERO SOGGETTI AMMESSI Tutte le imprese iscritte alla Camera di Commercio Industria Artigianato Agricoltura INTERVENTI AMMESSI acquisizione di azienda acquisto di immobili e ristrutturazione locali acquisto attrezzature, arredamento acquisto di autoveicoli, omologati sia trasporto cose che persone acquisto di scorte di magazzino mancanza momentanea di cassa e/o disponibilità finanziaria. TIPOLOGIA DEL FINANZIAMENTO Importo massimo finanziabile: ,00 ( ,00 per le imprese turistiche) Durata: minimo 12 mesi massimo 180 mesi (15 anni) CONTRIBUTI PREVISTI In riferimento agli investimenti previsti è possibile ottenere queste agevolazioni: Contributo in conto capitale da parte della CCIAA di Cuneo; Rimborso fino al 60% degli interessi ai sensi della L.R. 28/99 per le imprese commerciali; Rimborso fino al 50% degli interessi ai sensi della L.R. 1/2009 per le imprese artigianali. BANCHE CONVENZIONATE Banca Regionale Europea S.p.A. Banca di Credito Cooperativo di Alba Langhe e Roero Cassa di Risparmio di Bra S.p.A. Banca di Credito Cooperativo di Cherasco Banco di Credito P. Azzoaglio S.p.A. Unicredit Banca S.p.A. Intesa Sanpaolo S.p.A. Banca Sella S.p.A. Banca C.R. Asti S.p.A. Banca del Piemonte S.p.A. Banca Alpi Marittime Credito Cooperativo di Carrù Banca Popolare di Milano Credito Cooperativo di Bene Vagienna REV. 05 DEL 16/09/2013

3 SCHEDA FINANZIAMENTI ASCOM FIDI CON RIMBORSO IN CONTO CAPITALE CCIAA CUNEO SOGGETTI AMMESSI Tutte le imprese che operano nel settore del commercio (ingrosso, dettaglio ed ambulante), del turismo e dei servizi con sede nella provincia di Cuneo. Le imprese possono essere costituite in tutte le forme (ditta individuale, società di persone, società di capitale e società cooperative) INTERVENTI AGEVOLATI Programmi di investimento di importo non superiore a ,00 che comportino: Introduzione di nuovi prodotti, servizi o processi produttivi Miglioramento dei prodotti, servizi o dei processi produttivi esistenti Certificazione di qualità del prodotto/servizio, del processo e del sistema aziendale Incremento dell occupazione Incremento aziendale in termini di produttività e/o qualità dei servizi offerti SPESE AMMISSIBILI ristrutturazione e ampliamento locali acquisto immobili acquisto di attrezzature acquisto di arredamento acquisto di autoveicoli acquisto di macchinari avviamento spese per l istituzione di nuove imprese Spese escluse: acquisto di scorte di magazzino. CONTRIBUTI PREVISTI La misura dell agevolazione è pari al contributo del 5%, se neo imprese 8%), del valore degli investimenti strutturali sostenuti e finanziati. Il periodo di competenza delle spese va dal 01/01/2015 al 28/02/2016. SCADENZA Il bando ha durata annuale, l ammissibilità delle domande è subordinata alla disponibilità del contributo. REV. 02 DEL 30/03/2015

4 SCHEDA FIDO ASCOM FIDI LANGHE E ROERO SOGGETTI AMMESSI Tutte le imprese iscritte alla Camera di Commercio Industria Artigianato Agricoltura INTERVENTI AMMESSI acquisto di scorte di magazzino mancanza momentanea di cassa e/o disponibilità finanziaria investimenti a breve termine TIPOLOGIA DEL FIDO Importo massimo concedibile: ,00 Durata: 1 anno, rinnovabile a scadenza BANCHE CONVENZIONATE Banca Regionale Europea S.p.A. Banca di Credito Cooperativo di Alba Langhe e Roero Cassa di Risparmio di Bra S.p.A. Banca di Credito Cooperativo di Cherasco Banco di Credito P. Azzoaglio S.p.A. Unicredit Banca S.p.A. Intesa Sanpaolo S.p.A. Banca Sella S.p.A. Banca C.R. Asti S.p.A. Banca Alpi Marittime Credito Cooperativo di Carrù Credito Cooperativo di Bene Vagienna REV. 02 DEL 16/09/2013

5 SCHEDA L.R. 34/2008 AUTOIMPIEGO E CREAZIONE D IMPRESA SOGGETTI AMMESSI a) Soggetti inoccupati e disoccupati in cerca di occupazione; b) Soggetti sottoposti a misure restrittive della libertà personale; c) Soggetti occupati con contratti di lavoro che prevedono prestazioni discontinue, con orario e reddito ridotto; d) Soggetti occupati a rischio di disoccupazione; e) Soggetti che intendono intraprendere un attività di autoimpiego. I soggetti devono essere residenti o domiciliati in Piemonte alla data di presentazione della domanda. INTERVENTI AGEVOLATI 1) Finanziamento a tasso agevolato di importo complessivo non inferiore a ,00 (IVA esclusa) e tetto massimo ,00 per ambito prioritario, ,00 per ambito non prioritario, riguarda: a) realizzazione di investimenti in macchinari, attrezzature, arredi, automezzi; b) attivazione e adeguamento dei locali e degli impianti tecnici necessari per l esercizio dell attività. 2)Contributo forfettario in c/esercizio di 3.000,00 per il titolare e per ciascuno dei soci della neo impresa appartenenti alle categorie, fino a un massimo di 3 soci; contributo forfettario di 1000,00 per titolari/soci giovani/donne, appartenenti alle categorie fino a un massimo di tre soci. AD OGGI I FONDI SONO ESAURITI Si può richiedere anche una garanzia a copertura dell 80% della quota di finanziamento erogata con fondi bancari; la garanzia è a costo zero ed il Fondo opera come garanzia sostitutiva. Il limite di intervento è pari ad Euro ,00 per le imprese. Il fondo di garanzia non è utilizzabile dalle società a responsabilità limitata semplificata. Le domande per le due tipologie di agevolazione possono essere presentate contestualmente o separatamente. SPESE AMMISSIBILI Sono ammissibili di finanziamento le spese per i seguenti investimenti produttivi: a) acquisto di macchinari e/o automezzi connessi e strumentali all attività; b) opere murarie, impianti elettrici, idraulici, ristrutturazioni in genere, impianti tecnici nonché spese di progettazione; c) acquisto di arredi strumentali; d) acquisto di attrezzature e/o apparecchiature informatiche e relativi programmi applicativi; e) spese per la realizzazione del logo e/o del sito fino ad un tetto massimo di spesa di Euro 3.000,00, IVA esclusa. Sono ritenuti ammissibili i beni usati se le spese sono sostenute e regolarmente fatturate. Non sono ritenuti ammissibili i beni acquisiti o da acquisire in leasing, gli investimenti autofatturati e l avviamento commerciale. Le spese per investimenti devono essere sostenute e fatturate a decorrere dalla data di costituzione dell impresa (dalla data di attribuzione della Partita IVA per le imprese individuali) e pagati non oltre 24 mesi dalla data di erogazione del finanziamento a tasso agevolato. TERMINI DELLA DOMANDA E REQUISITI DELLE IMPRESE La domanda deve essere presentata entro 24 mesi dalla data di costituzione (per le imprese individuali dalla data di iscrizione al Registro imprese) alla Provincia competente per territorio in relazione alla sede legale dell impresa. Le imprese richiedenti devono avere sede legale, amministrativa ed operativa in Piemonte. Nelle società di persone almeno il 60 % dei soci e del capitale deve appartenere ad almeno una delle categorie previste. Nelle società di capitale almeno il 60 % dei soci e l 80% del capitale deve appartenere ad almeno una delle categorie previste. Vengono considerati prioritari gli interventi a sostegno degli investimenti per le domande presentate da soggetti beneficiari a conduzione o a prevalente partecipazione femminile. Ambito prioritario di intervento: 60% fondi regionali a tasso 0; 40% fondi bancari a tasso convenzionato. Importo massimo finanziabile ,00. Ambito non prioritario 50% fondi regionali a tasso 0; 50% fondi bancari a tasso convenzionato. Importo massimo finanziabile ,00. PIANO DI RIENTRO Il finanziamento avrà durata massima di 72 mesi senza preammortamento con rate trimestrali posticipate con scadenza marzo, giugno, settembre e dicembre. REV. 03 DEL 31/03/2015

6 SCHEDA L. R. 28/99 Programma degli interventi per l accesso al credito delle micro imprese commerciali BENEFICIARI Micro imprese commerciali iscritte al Registro delle Imprese ed aventi sede operativa in Piemonte, operanti nei seguenti settori: - Commercio al dettaglio; - Somministrazione al pubblico di alimenti e bevande; - Rivendita di giornali e riviste; - Commercio al dettaglio e commercio all ingrosso svolti congiuntamente, e dettaglio svolto in via principale; - Agenti e rappresentanti di commercio. INTERVENTI AGEVOLATI Sono ammessi i progetti di investimento di importo ammissibile non inferiore a ,00, IVA esclusa, finalizzati al conseguimento di almeno uno dei seguenti obiettivi: (a) Innovazione gestionale e tecnologica; (b) Introduzione di un sistema di qualità certificabile; (c) Formazione ed aggiornamento professionale (d) Costituzione di nuove imprese o apertura di nuovi punti di vendita; (e) Acquisto e/o ristrutturazione locali sede dell attività o rinnovo attrezzature e impianti. (f) riqualificazione e potenziamento dei sistemi e degli apparati di sicurezza (g) Esecuzione di opere atte ad eliminare le barriere architettoniche e/o all adeguamento di dei servizi igienici per portatori di handicap Sono inoltre ammessi a finanziamento, per un importo non inferiore a ,00 IVA esclusa, i programmi di investimento finalizzati ad uno o più dei seguenti obiettivi: 1. Acquisto di autonegozi e automezzi per trasporto di cose da parte di commercianti su aree pubbliche; 2. Esecuzione di opere atte ad eliminare le barriere architettoniche da parte di attività di commercio al dettaglio; 3. Esecuzione di opere atte ad eliminare le barriere architettoniche e adeguamento servizi igienici da parte di attività di somministrazione al pubblico di alimenti e bevande; 4. Riqualificazione e potenziamento dei sistemi e degli apparati di sicurezza da parte dei soggetti beneficiari; rientrano in tale ambito gli investimenti finalizzati a : (a) Installazione di collegamenti telefonici, telematici e informatici strettamente finalizzati al collegamento degli impianti di sicurezza con centrali di vigilanza (b) Installazione di sistemi di videosorveglianza o di videoproiezione, nel rispetto della Legge sulla privacy (c) Installazione di sistemi telematici antirapina integrati, conformi a quelli previsti da protocolli d intesa con il Ministero dell Interno (d) Installazione di sistemi antifurto, antirapina o antintrusione ad alta tecnologia (e) Installazione di sistemi di allarme con individuazione satellitare collegati con le centrali di vigilanza (f) Dotazione di casseforti o armadi blindati (g) Installazione di cristalli antisfondamento (h) Installazione di inferriate, serrande e porte di sicurezza (i) Adozione di sistemi di pagamento elettronici (POS e carte di credito) (j) Installazione di dispositivi aggiuntivi di illuminazione notturna, connessi all impiego di protezioni esterne di sicurezza che consentono la vista dell interno. SPESE AMMISSIBILI Sono considerate ammissibili le spese fatturate successivamente alla data di presentazione della domanda e, nel caso di nuove imprese, anche quelle sostenute entro i 6 mesi precedenti, che si sostanziano in: (a) Acquisto di apparecchiature informatiche e dei relativi programmi applicativi; (nuova fabbricazione) (b) Spese di consulenza per l adozione di sistemi di qualità certificabile; (c) Formazione imprenditoriale e del personale dipendente, limitatamente ai corsi esterni e fornita da soggetti qualificati; (d) Acquisto di macchinari, attrezzature, impianti, arredi; (nuova fabbricazione) (e) Acquisto di autonegozi e automezzi per trasporto di cose di nuova immatricolazione; (nuova fabbricazione) (f) Opere murarie, impianti elettrici, idraulici e ristrutturazioni murarie in genere, necessarie e funzionali al progetto, comprese realizzazione di aree di parcheggio pertinenziali, ad esclusivo beneficio dell impresa richiedente; (g) Acquisto di immobili strumentali, compresi i magazzini. Ammissibilità non superiore al 50% de valore degli immobili, ad eccezione dell acquisto effettuato da parte di imprenditori commerciali che siano già conduttori dell immobile stesso, per i quali è prevista la finanziabilità dell intero importo. Per i soli Agenti e rappresentanti di commercio, sono considerate ammissibili le spese per importo non inferiore a ,00 IVA escl. per: a) acquisto automezzo fino a importo massimo di ,00 IVA escl.; b) acquisto apparecchiature informatiche e programmi applicativi; c) acquisto arredi per unità locali operative dichiarate alla C.C.I.A.A. quale ufficio. Non sono ammissibili: i beni acquisiti o da acquisire in leasing, gli investimenti finalizzati all acquisto di azienda per subingresso, spese sostenute per acquisto di marchio in franchising, i beni usati, campionari e beni destinati all esposizione, merci destinate alla vendita. CONTRIBUTI PREVISTI Finanziamento fino al 100% della spesa, di durata massima di 60 mesi, con le seguenti caratteristiche: programmi prioritari :- 60% a tasso zero - 40% a tasso convenzionato tra banca e Finpiemonte; programmi non prioritari: - 50% a tasso zero - 50% a tasso convenzionato tra banca e Finpiemonte PRIORITA' a) Per attività di commercio al dettaglio e rivendita giornali e riviste Costituzione di nuove imprese commerciali da parte di donne o di soggetti al di sotto dei 35 anni; Incremento dell occupazione; localizzazione sede interessata all investimento presso uno dei Comuni Minori. b) per imprese operanti nel settore della somministrazione, gli interventi di esercizi con il Marchio di Qualità regionale. c) interventi il cui progetto preveda: abbattimento barriere architettoniche e/o adeguamento servizi igienici ai portatori di handicap per una spesa ammessa di almeno il 10% sull intero progetto di investimento ammissibile; riqualificazione e potenziamento dei sistemi e degli apparati di sicurezza. per una spesa ammessa di almeno il 10% sull intero progetto di investimento ammissibile. Le domande sono sottoposte ad una preventiva valutazione della banca e del confidi, che dovranno consegnare la loro delibera positiva al richiedente, che potrà poi presentare la domanda a Finpiemonte. REV. 01 DEL 06/04/10

7 SCHEDA L.R. 1/2009 (EX L.R. 21/97) ARTIGIANATO FINALITÀ L obiettivo della misura è quello di sostenere investimenti mirati allo sviluppo e alla qualificazione delle piccole e medie imprese artigiane. BENEFICIARI Piccole e medie imprese artigiane: iscritte al Registro delle imprese e all'albo provinciale delle imprese artigiane (o che ottengano l iscrizione all Albo provinciale entro 12 mesi dalla data di presentazione della domanda); attive alla data di presentazione della domanda (possono essere ammesse anche le imprese di nuova costituzione inattive, se gli investimenti per cui si richiede l agevolazione siano finalizzati all avvio dell attività); con unità locale nel territorio della Regione Piemonte; finanziariamente sane e con solide prospettive. INIZIATIVE AMMISSIBILI Investimenti di importo minimo ,00, finalizzati al raggiungimento di almeno uno dei seguenti obiettivi: avviamento di nuove imprese artigiane; introduzione di nuovi prodotti/servizi o processi produttivi; miglioramento sostanziale dei prodotti/servizi o dei processi esistenti; miglioramento della compatibilità ambientale dell impresa; introduzione di un sistema di qualità certificabile; promozione e sviluppo dell impresa sui mercati locali, nazionali e internazionali; ricerca e sviluppo. AMBITI PRIORITARI Vengono considerati prioritari gli interventi relativi a: incremento occupazionale; imprese di nuova costituzione; imprese che, in possesso dei requisiti per beneficiare delle agevolazioni previste dalla Sezione Emergenze, presentano domanda a valere sulla Sezione Artigianato del Fondo Regionale; imprese che hanno ottenuto il riconoscimento dell "Eccellenza artigiana" ai sensi della L.R. 21/1997 e s.m.i., capo VI. SPESE AMMISSIBILI Spese sostenute dopo la presentazione della domanda o nei sei mesi precedenti nel caso di nuove imprese (ma non prima della data di costituzione o di attribuzione della partita IVA): formazione del personale dipendente (massimo 20% delle spese ammissibili); acquisto di macchinari, impianti tecnici, automezzi allestiti con attrezzature specifiche (per questa tipologia, sono ammissibili anche i beni usati, se corredati di una perizia tecnica che ne attesti il valore di mercato); acquisto di autoveicoli nuovi specifici per l'attività aziendale; acquisto di arredi strumentali; acquisto di attrezzature e/o apparecchiature informatiche e relativi programmi applicativi; acquisizione di servizi reali (consulenze, promozione, pubblicità ); opere murarie, impianti elettrici, idraulici, ristrutturazioni, spese di progettazione (massimo 35% delle spese ammissibili); spese per l avviamento commerciale dell'attività (massimo 35% delle spese ammissibili); solo per le iniziative di ricerca e sviluppo, costi del personale dipendente (massimo 15% spese ammissibili e comunque non più di ) e costi per materiali minuti e prototipi (massimo ,00); commissioni di garanzia del confidi (massimo 1.000,00), documentate da un preventivo rilasciato dal confidi scelto. Sono ammissibili i beni usati se: inseriti in atto di cessione d'azienda; acquistati da altra impresa, dietro presentazione di perizia tecnica; acquistati dal produttore, dal concessionario o da un rivenditore di settore. PROGRAMMI DI INVESTIMENTO: Prioritari 70% con fondi regionali a tasso zero (fino ad un massimo di ,00); 30% con fondi bancari al tasso convenzionato tra Banca e Finpiemonte + spread fissato dalla convenzione tra Finpiemonte e le banche. Non prioritari: 50 % con fondi regionali a tasso zero (fino ad un massimo di ,00); 50 % con fondi bancari al tasso convenzionato tra Banca e Finpiemonte + spread fissato dalla convenzione tra Finpiemonte e le banche. Durata del Finanziamento: 60 mesi, con rimborsi trimestrali. Le domande sono sottoposte ad una preventiva valutazione della banca e del confidi, che dovranno consegnare la loro delibera positiva al richiedente, che potrà poi presentare la domanda a Finpiemonte. REV. 00 DEL 25/03/10

8 L.R. 23/04 COOPERAZIONE FINALITA' Obiettivo della misura è promuovere la creazione di nuove cooperative, promuovere e sostenere programmi di investimento di cooperative a mutualità prevalente e di favorirne l incremento della capitalizzazione. BENEFICIARI Possono presentare domanda le Cooperative a mutualità prevalente e loro consorzi con sede legale ed operatività prevalente in Piemonte. PROGETTI AMMISSIBILI Sono considerati ammissibili: investimenti produttivi; investimenti in immobili, adeguamento locali e attivazione impianti tecnici; aumenti di capitale finalizzati alla realizzazione di programmi di investimento; consulenze specialistiche, programmi di formazione e spese di avviamento. PRIORITA interventi a sostegno di cooperative di nuova costituzione; interventi a sostegno di investimenti che portino a un aumento dell occupazione o che trasformino i contratti di apprendistato o di durata temporanea di soggetti già a loro legati; interventi a sostegno di cooperative che hanno usufruito dei percorsi integrati per la creazione d impresa forniti dagli sportelli provinciali, misura prevista dal POR , Obiettivo 2; interventi a sostegno di imprese costituite da trasformazione di altro tipo di società in cooperative o da fusione tra cooperative; interventi a sostegno di cooperative appartenenti alla categoria edilizia di abitazione, che alla data di presentazione della domanda abbiano realizzato o stiano realizzando alloggi sociali; cooperative iscritte alla sezione A e B dell albo regionale, previsto dalla l.r. 18/94; cooperative costituite in ATI o ATS per la realizzazione di un progetto comune; interventi a sostegno di cooperative operanti nei comuni montani e appartenenti alla categoria del consumo. SPESE AMMISSIBILI A FINANZIAMENTO acquisto di macchinari e automezzi; adeguamento o attivazione di impianti, ristrutturazioni, spese di progettazione; acquisto di arredi strumentali; acquisto di attrezzature informatiche e software applicativi; acquisto o costruzione di immobili; incremento del capitale sociale finalizzato alla realizzazione di investimenti. SPESE AMMISSIBILI A CONTRIBUTO Per le cooperative di nuova costituzione spese relative all avviamento dell attività; eventuali canoni di affitto per immobili destinati alle attività aziendali; spese di assistenza tecnica e gestionale. Per tutte le cooperative: introduzione e sviluppo di sistemi di gestione per la qualità; creazione di reti commerciali; certificazioni di prodotto e di controllo della produzione; introduzione e consolidamento di sistemi di rendicontazione sociale; costi per formazione professionale e manageriale dei soci; incremento del capitale sociale finalizzato alla realizzazione di investimenti. NATURA DELL'AGEVOLAZIONE 1. Finanziamenti agevolati importo compreso tra ,00 ed ,00; la copertura delle spese è pari al 100%; 50% (70% per gli ambiti prioritari) a tasso zero con fondi regionali; 50% (30% per gli ambiti prioritari) tasso convenzionato con fondi bancari; restituzione: 6, 10 o 15 anni. 2. Contributi a fondo perduto importo compreso tra 4.000,00 ed ,00 ( ,00 per gli aumenti di capitale); copertura delle spese pari al 40% delle spese ammissibili. 3. Garanzie La garanzia è gratuita sull 80% del finanziamento (solo per i finanziamenti da restituire in 6 anni). REV. 00 DEL 17/11/2010

9 REV. 01DEL 08/03/11

10 SCHEDA L.R. N. 12 del 18/05/2004 FONDO DI GARANZIA PER L ACCESSO AL CREDITO A FAVORE DELL IMPRENDITORIA FEMMINILE E GIOVANILE SOGGETTI AMMESSI Imprese a prevalente partecipazione femminile: imprese individuali: il titolare deve essere una donna; società di persone e cooperative: almeno il 60% dei soci devono essere donne; società di capitali: almeno il 2/3 delle quote di capitale devono essere detenute da donne e l organo di amministrazione deve essere composto da donne per almeno i 2/3. Imprese a prevalente partecipazione giovanile: imprese individuali: il titolare deve essere un giovane di età tra i 18 e 35 anni; società di persone e cooperative: almeno il 60% dei soci devono essere giovani di età tra i 18 e 35 anni; società di capitali: almeno il 2/3 delle quote di capitale devono essere detenute da giovani di età tra i 18 e 35 anni e l organo di amministrazione deve essere composto da giovani di età tra i 18 e 35 anni per almeno i 2/3. Le imprese devono essere finanziariamente sane e con solide prospettive. INTERVENTI AGEVOLATI L agevolazione consiste nella concessione di un finanziamento bancario a tasso fisso (Eurirs + spread da convenzione tra banca e Finpiemonte), erogato da un istituto di credito convenzionato con Finpiemonte, garantito all 80% dal Fondo di garanzia a costo zero. Gli importi dovranno essere non inferiori a 5.000,00 e non superiori a ,00 IVA esclusa. SPESE AMMISSIBILI acquisto di hardware e software acquisto di macchinari, attrezzature, impianti, arredi acquisto di autonegozi e automezzi per trasporto di cose inerenti l attività aziendale (escl. acquisto veicoli per trasporto merci su strada da parte di soggetti beneficiari che effettuano trasporto merci su strada per conto terzi). opere murarie, impianti elettrici, idraulici, ristrutturazioni murarie in genere, necessarie e funzionali al progetto spese in conto gestione relative a: - materie prime - semilavorati - prodotti finiti (merci destinate alla rivendita) - spese per locazione (locali e azienda) - spese per formazione e qualificazione del personale - spese per prestazioni di servizi (servizi tecnici professionali, tenuta contabilità,etc.) spese generali supplementari (utenze, cancelleria, etc.) nel limite del 10% della spesa complessiva ritenuta ammissibile PIANO DI RIENTRO Il piano di rientro del finanziamento prevede una durata massima di 48 mesi rate trimestrali per finanziamenti di importo fino a euro ,00, e nel termine massimo di 72 mesi per i finanziamenti di importo superiore a ,00 fino a ,00. REV. 01DEL 08/03/11

11 SCHEDA PROGRAMMA DEGLI INTERVENTI PER L ACCESSO AL CREDITO DELLE MICRO IMPRESE COMMERCIALI E DELLE IMPRESE ARTIGIANE SEZIONE EMERGENZE L.R. 28/99 E L.R. 1/2009 BENEFICIARI Micro imprese commerciali iscritte al Registro delle Imprese ed aventi sede operativa in Piemonte, operanti nei seguenti settori: - Commercio al dettaglio; - Somministrazione al pubblico di alimenti e bevande; - Rivendita di giornali e riviste; - Commercio al dettaglio e commercio all ingrosso svolti congiuntamente; - Agenti e rappresentanti di commercio; - Farmacie. Le imprese artigiane aventi sede operativa nella Regione Piemonte, regolarmente iscritte all albo delle imprese artigiane. AMBITI TERRITORIALI DI INTERVENTO L esercizio dei beneficiari, come sopra definiti, deve essere localizzato in un area disagiata a causa di importanti opere di riqualificazione urbana e viaria, che compromettono la normale accessibilità per un periodo superiore a sei mesi e per i quali l amministrazione comunale abbia presentato agli Assessorati Regionali competenti apposito piano di intervento. Il piano di intervento deve essere approvato con apposito provvedimento della Giunta Comunale e deve individuare le aree interessate dai lavori e sostenere che i cantieri localizzati sulle suddette aree abbiano avuto inizio almeno sei mesi prima dalla data di approvazione del piano stesso. OGGETTO DELLE AGEVOLAZIONI E SPESE AMMISSIBILI Il prestito è concedibile A) per le imprese commerciali - per l acquisto di scorte nella misura massima dell 85% e per spese non documentabili contabilmente per il restante 15%; B) per le imprese artigiane - per l acquisto di scorte nella misura massima del 75% e per spese non documentabili contabilmente per il restante 25%. Le spese per l acquisto di scorte sono ammissibili se effettuate nei sei mesi antecedenti o successivamente la data di inizio dei lavori di cantierazione viaria, asseverata con il provvedimento dell amministrazione comunale che approva il piano degli interventi e devono essere concluse entro dodici mesi dalla data di erogazione del finanziamento. MODALITA DEI FINANZIAMENTI Le spese sopra specificate sono finanziate al 100% dell investimento complessivo ritenuto ammissibile, tramite prestito agevolato attraverso gli Istituti di Credito convenzionati con Finpiemonte, nelle seguenti modalità: - 60% del prestito con fondi regionali da restituire a tasso zero; - 40% con contestuale finanziamento bancario alle condizioni previste tra l istituto bancario erogante e Finpiemonte. L importo massimo del prestito non può superare ,00 e l importo minimo concedibile è di ,00 La durata dell ammortamento non può superare i 60 mesi ed è previsto un preammortamento massimo di 12 mesi. Nel caso in cui l esercizio del beneficiario sia localizzato in un area disagiata, nella quale i cantieri ne compromettono la normale accessibilità per un periodo superiore a due anni e per i quali il Comune abbia presentato apposito piano di intervento è prevista una ulteriore agevolazione che prevede: - 45% del prestito con fondi regionali da restituire a tasso zero; - 15% a titolo di contributo a fondo perduto provenienti da fondi regionali; - 40% con contestuale finanziamento bancario alle condizioni previste tra l istituto bancario erogante e Finpiemonte. GARANZIA Le operazioni di finanziamento ai sensi del presente programma devono essere assistite da garanzia fidejussoria di cooperativa o consorzio di garanzia fidi operante in Piemonte. REV. 00 DEL 06/06/11

12 LEGGE REGIONALE 30/2009 ART. 33 FONDO DI GARANZIA PER IL MICROCREDITO BENEFICIARI Imprese di nuova costituzione Imprese di nuova costituzione in forma giuridica di società di persone, società cooperative di produzione lavoro, incluse le società cooperative sociali, e ditte individuali operanti nei settori ammessi dal Regolamento n. 1998/2006 ( De minimis ). Le imprese devono essere interamente formate da soggetti non bancabili e devono presentare domanda di agevolazione entro 12 mesi dalla data di costituzione (per le ditte individuali dalla data di iscrizione al Registro imprese). Titolari di Partiva IVA Soggetti non bancabili titolari di Partita Iva nella fase di avvio della attività, che abbiano sede operativa fissa in Piemonte. Le domande devono essere presentate entro 12 mesi dall attribuzione della Partita Iva. SPESE AMMISSIBILI Spese sostenute dalla data di costituzione dell impresa o di attribuzione della Partita IVA fino a 24 mesi dall erogazione del finanziamento. Imprese di nuova costituzione spese in conto gestione; acquisto di brevetti, realizzazione di sistemi di qualità, certificazioni di qualità, ricerca e sviluppo; opere murarie e ristrutturazioni; impianti, macchinari e attrezzature, software, arredi funzionali; investimenti per la sicurezza; spese di intermediazione con gli operatori immobiliari per la nuova collocazione dell impresa; mezzi di trasporto, limitatamente ai casi in cui risultino indispensabili per l attività. Titolari di Partiva IVA spese in conto gestione relative a locazione immobili, formazione e aggiornamento, servizi; attrezzature e arredi da ufficio. Sono ritenuti ammissibili anche i beni usati. Non sono ritenute ammissibili i beni acquisiti o da acquisire mediante contratto di locazione finanziaria e le spese sostenute per l utilizzo di un marchio in franchising. Sono escluse le spese di gestione relative al personale nonché i rimborsi ai soci e le spese autofatturate. I corsi di formazione professionale devono essere forniti da operatori accreditati per l erogazione di attività di formazione professionale dalla Direzione regionale competente o da Enti qualificati e non devono essere stati finanziati con altre agevolazioni pubbliche. NATURA DELL AGEVOLAZIONE Garanzia sull 80% di un finanziamento agevolato di importo compreso tra i 3.000,00 e ,00, erogato da una banca convenzionata con Finpiemonte. Durata del finanziamento: 48 mesi (di cui 6 di preammortamento) per importi fino ad un massimo di ,00; 72 mesi (di cui 12 di preammortamento) per importi fino ad un massimo di ,00. Il rimborso avviene mediante rate mensili. REV. 00 DEL 28/10/2010

13 L.R. 34/2008 ALLEGATO C SERVIZI DI ACCOMPAGNAMENTO ED ASSISTENZA TECNICA FINALIZZATI AL TRASFERIMENTO D IMPRESA EXTRA FAMIGLIA FINALITA' La misura si propone di favorire ed agevolare il trasferimento di impresa al di fuori della famiglia, promovendo un sistema integrato di servizi di accompagnamento ed assistenza tecnica specialistici in grado di garantire lo sviluppo e la continuità di imprese destinate alla chiusura per mancanza di eredi naturali interessati. SOGGETTI AMMESSI Possono usufruire dei benefici della presente misura le imprese individuali, le società di persone e le società di capitali nella cui composizione siano presenti soggetti appartenenti ad almeno una delle categorie sottoelencate: a) Soggetti inoccupati e disoccupati in cerca di occupazione; b) Soggetti sottoposti a misure restrittive della libertà personale; c) Soggetti occupati con contratti di lavoro che prevedono prestazioni discontinue, con orario e reddito ridotto; d) Soggetti occupati a rischio di disoccupazione; e) Soggetti che intendono intraprendere un attività di autoimpiego. I soggetti devono essere residenti o domiciliati in Piemonte alla data di presentazione della domanda. Nel caso di società di persone, almeno il 60 per cento dei soci e del capitale deve appartenere ad una o più delle categorie sopra citate. Nel caso di società di capitali, almeno il 60 per cento dei soci deve appartenere ad almeno una delle categorie sopra citate ed almeno l'80 per cento del capitale deve essere sottoscritto da soci nelle medesime condizioni. INTERVENTI AGEVOLATI Contributo a fondo perduto concesso nella misura del 40% della spesa riconosciuta ammissibile (Iva esclusa), importo minimo di 1.000,00 a fronte di una spesa ammissibile minima di 2.500,00 e importo massimo di ,00 a fronte di una spesa ammissibile massima di ,00. Per i soggetti beneficiari previsti negli ambiti prioritari di intervento, il contributo viene concesso nella misura del 50% della spesa riconosciuta ammissibile e precisamente, importo minimo di Euro 1.000,00 a fronte di una spesa ammissibile minima di euro 2.000,00 e importo massimo di Euro ,00 a fronte di una spesa ammissibile massima di Euro ,00. Vengono considerati prioritari : gli interventi a favore delle imprese formate da donne. A tal fine, nell ipotesi di società di persone le donne devono costituire almeno il 60% dei soci e nell ipotesi di società di capitali i due terzi delle quote di capitale devono essere detenute da donne e l organo di amministrazione deve essere composto per almeno i due terzi da donne; gli interventi a favore delle imprese formate da imprenditori dove il salto generazionale rispetto agli imprenditori cedenti è di almeno 20 anni. SPESE AMMISSIBILI promozione e sensibilizzazione sul tema del trasferimento d impresa a favore degli imprenditori cedenti e degli imprenditori subentranti; accoglienza ed informazioni preliminari; consulenza economico/patrimoniale per la valutazione dell impresa che si rileva e determinazione dell avviamento; consulenza societaria per l individuazione della forma giuridica più idonea; consulenza organizzativa per la pianificazione delle fasi di avvicendamento anche nel caso di trasferimento graduale quando l acquirente richiede, per un periodo più o meno lungo, una garanzia di affiancamento da parte dell imprenditore uscente; consulenza tecnica per il trasferimento delle conoscenze e del capitale relazionale da parte del cedente; consulenza finanziaria per il reperimento delle fonti di finanziamento; supporto al rafforzamento delle competenze rivolto agli imprenditori acquirenti e per aiutare il subentrante ad affrontare l impresa con maggiori strumenti manageriali, comprensivo della gestione delle risorse umane; assistenza e consulenza per l attivazione ed eventuali azioni di rilancio; assistenza e consulenza per il riposizionamento (analisi costi/benefici- finanziamenti-marketing- consolidamento dei debiti); consulenza legale e contabile per il trasferimento dell impresa; affiancamento da parte dell imprenditore cedente nei confronti dell imprenditore acquirente fino alla fine del processo di trasferimento d impresa; altre forme di servizio individuate dai soggetti destinatari dell avviso e pertinenti all obiettivo del medesimo. Le spese devono essere sostenute e fatturate a decorrere dalla data di costituzione della società (dalla data di attribuzione della Partita IVA per le imprese individuali) e non oltre 12 mesi dalla data di acquisto di proprietà dell azienda. REV. 00 DEL 04/11/11

14 INIZIATIVA AIUTIAMO LE IMPRESE FINANZIAMENTI A SOSTEGNO DELLE IMPRESE ASSOCIATE BENEFICIARI Imprese associate iscritte in Camera di Commercio Industria Artigianato Agricoltura. FINALITÀ DELL INTERVENTO Sostenere finanziariamente le imprese mediante concessione di liquidità a condizioni particolarmente favorevoli. INTERVENTI AMMESSI Esigenza di liquidità destinata in particolare a: Spese correnti di gestione (debiti vs/fornitori, affitti, utenze, spese per prestazioni di servizi, contributi a dipendenti, ecc.) Pagamento di imposte, tasse, cartelle esattoriali. Il finanziamento non può essere utilizzato per chiudere posizioni debitorie della banca erogatrice del finanziamento, e non è applicabile a imprese in fase di costituzione. TIPOLOGIA DEL FINANZIAMENTO Importo massimo finanziabile: ,00 Durata massima 5 anni Garanzia pari all 80% del finanziamento Tasso d interesse Euribor 3 mesi + 2,30% spread, costi pratica agevolati BANCHE CONVENZIONATE Banca Regionale Europea S.p.A. Banca di Credito Cooperativo di Alba Langhe e Roero Cassa di Risparmio di Bra S.p.A. Banca di Credito Cooperativo di Cherasco; Banco di Credito P. Azzoaglio S.p.A. REV. 00 DEL 07/06/12

15 SCHEDA FINANZIAMENTI APRIAMO IL CREDITO ALLE IMPRESE SOGGETTI AMMESSI Tutte le imprese iscritte alla Camera di Commercio Industria Artigianato Agricoltura INTERVENTI AMMESSI acquisizione di azienda acquisto di immobili e ristrutturazione locali acquisto attrezzature, arredamento acquisto di autoveicoli acquisto di scorte di magazzino (solo se in presenza di investimenti) TIPOLOGIA DEL FINANZIAMENTO Importo finanziabile da 5.000,00 a ,00 Durata massima 60 mesi AGEVOLAZIONI PREVISTE Sugli investimenti è possibile ottenere il contributo in conto capitale da parte della CCIAA di Cuneo; Tasso d interesse pari all Euribor 3 mesi + spread da 2,95% a 3,30% BANCHE CONVENZIONATE Banca Regionale Europea S.p.A. Banca di Credito Cooperativo di Alba Langhe e Roero Cassa di Risparmio di Bra S.p.A. Banca di Credito Cooperativo di Cherasco Rev. 0 del 21/02/2013

16 INIZIATIVA SOSTEGNO E SVILUPPO IMPRESE FINANZIAMENTI CON GARANZIA A FAVORE DELLE IMPRESE ASSOCIATE SOGGETTI AMMESSI Tutte le imprese iscritte alla Camera di Commercio Industria Artigianato Agricoltura INTERVENTI AMMESSI acquisto di scorte di magazzino mancanza momentanea di cassa e/o disponibilità finanziaria spese correnti di gestione (debiti vs/fornitori, utenze, spese per prestazioni di servizi, contributi a dipendenti, ecc.) pagamento di imposte, tasse, cartelle esattoriali TIPOLOGIA DEL FINANZIAMENTO Importo massimo finanziabile: ,00 Durata massima 5 anni AGEVOLAZIONI PREVISTE Garanzia concedibile fino all 80% del finanziamento Tasso d interesse Euribor 3 mesi + 2,30% spread Costi commissione garanzia agevolata BANCHE CONVENZIONATE Banca Regionale Europea S.p.A. Banca di Credito Cooperativo di Alba Langhe e Roero Cassa di Risparmio di Bra S.p.A. Banca di Credito Cooperativo di Cherasco Rev. 0 del 01/10/2014

Programmi di investimento di almeno 15.000 finalizzati ad uno dei seguenti obiettivi:

Programmi di investimento di almeno 15.000 finalizzati ad uno dei seguenti obiettivi: L.R. 28/99 COMMERCIO Piccole imprese commerciali esercenti attività di vendita al dettaglio in sede fissa o ambulante, somministrazione al pubblico di alimenti o bevande, rivendita giornali e riviste,

Dettagli

SCHEDA TECNICA DI MISURA 1. L.R. 34/08 Art. 42, commi 1, 4, 5 e 6 MISURE A FAVORE DELL AUTOIMPIEGO E DELLA CREAZIONE D IMPRESA

SCHEDA TECNICA DI MISURA 1. L.R. 34/08 Art. 42, commi 1, 4, 5 e 6 MISURE A FAVORE DELL AUTOIMPIEGO E DELLA CREAZIONE D IMPRESA SCHEDA TECNICA DI MISURA 1 NELL AMBITO DELLA CONVENZIONE QUADRO PER LA GESTIONE DI FINANZIAMENTI AGEVOLATI CON I FONDI DI ROTAZIONE e DELLA CONVENZIONE QUADRO PER LA GESTIONE DEI FONDI DI GARANZIA E LA

Dettagli

Programma degli interventi per l'accesso al credito delle micro imprese commerciali 1 (L.R. 28/99 art. 18 comma 1 lett. b) e s.m.i. - L.R.

Programma degli interventi per l'accesso al credito delle micro imprese commerciali 1 (L.R. 28/99 art. 18 comma 1 lett. b) e s.m.i. - L.R. Programma degli interventi per l'accesso al credito delle micro imprese commerciali 1 (L.R. 28/99 art. 18 comma 1 lett. b) e s.m.i. - L.R.1/09) 1. Definizione beneficiari e ambiti territoriali di intervento

Dettagli

STRUMENTI FINANZIARI A SOSTEGNO DELLE NUOVE IMPRESE NATE DAI SERVIZI FORNITI DAGLI SPORTELLI PROVINCIALI PER LA CREAZIONE D IMPRESA

STRUMENTI FINANZIARI A SOSTEGNO DELLE NUOVE IMPRESE NATE DAI SERVIZI FORNITI DAGLI SPORTELLI PROVINCIALI PER LA CREAZIONE D IMPRESA ALLEGATO A STRUMENTI FINANZIARI A SOSTEGNO DELLE NUOVE IMPRESE NATE DAI SERVIZI FORNITI DAGLI SPORTELLI PROVINCIALI PER LA CREAZIONE D IMPRESA 1. BENEFICIARI Possono presentare domanda per le agevolazioni

Dettagli

Schede informative delle agevolazioni

Schede informative delle agevolazioni I Schede informative delle agevolazioni Gennaio 2012 I Indice Agevolazioni attive Attività produttive POR FESR Attività I.1.3 Innovazione dei processi produttivi (PMI) pag. 1 POR FESR Attività I.1.3 Innovazione

Dettagli

I SERVIZI ALLE IMPRESE: ACCESSO AL CREDITO. Luisa Silvestro ufficio crediti agevolati. Camera di commercio di Cuneo

I SERVIZI ALLE IMPRESE: ACCESSO AL CREDITO. Luisa Silvestro ufficio crediti agevolati. Camera di commercio di Cuneo I SERVIZI ALLE IMPRESE: ACCESSO AL CREDITO Luisa Silvestro ufficio crediti agevolati Camera di commercio di Cuneo La riforma delle Camere di commercio Il D. Lgs. 23/2010 modifica la L. 580/1993 Le camere

Dettagli

INTERVENTI PER LA NASCITA E LO SVILUPPO DI CREAZIONE D IMPRESA

INTERVENTI PER LA NASCITA E LO SVILUPPO DI CREAZIONE D IMPRESA ALLEGATO B INTERVENTI PER LA NASCITA E LO SVILUPPO DI CREAZIONE D IMPRESA 1. BENEFICIARI Possono presentare domanda per le agevolazioni previste dal presente allegato le imprese individuali, le società

Dettagli

FONDO DI GARANZIA PER IL MICROCREDITO MODALITA E PROCEDURE PER LA CONCESSIONE DI GARANZIE A FAVORE DI IMPRESE DI NUOVA COSTITUZIONE

FONDO DI GARANZIA PER IL MICROCREDITO MODALITA E PROCEDURE PER LA CONCESSIONE DI GARANZIE A FAVORE DI IMPRESE DI NUOVA COSTITUZIONE ALLEGATO A FONDO DI GARANZIA PER IL MICROCREDITO MODALITA E PROCEDURE PER LA CONCESSIONE DI GARANZIE A FAVORE DI IMPRESE DI NUOVA COSTITUZIONE 1. FINALITA` E OBIETTIVI L iniziativa prevede l utilizzo del

Dettagli

Camera di commercio di Cuneo: servizi e opportunita di accesso al credito. Alba, 22 novembre 2013 - Luisa Silvestro Camera di commercio di Cuneo

Camera di commercio di Cuneo: servizi e opportunita di accesso al credito. Alba, 22 novembre 2013 - Luisa Silvestro Camera di commercio di Cuneo Camera di commercio di Cuneo: servizi e opportunita di accesso al credito La riforma delle Camere di commercio Il D. Lgs. 23/2010 modifica la L. 580/1993 L art. 2 della nuova legge 580/1993 riconosce nuove

Dettagli

FONDO ROTATIVO DEL COMMERCIO L.R. 28/99

FONDO ROTATIVO DEL COMMERCIO L.R. 28/99 BENEFICIARI FONDO ROTATIVO DEL COMMERCIO L.R. 28/99 Le piccole imprese commerciali iscritte al Registro Imprese ed aventi sede operativa nel territorio della Regione Piemonte, esercenti attività di: vendita

Dettagli

FONDO DI GARANZIA PER L ACCESSO AL CREDITO A FAVORE DELL IMPRENDITORIA FEMMINILE E GIOVANILE INDICE

FONDO DI GARANZIA PER L ACCESSO AL CREDITO A FAVORE DELL IMPRENDITORIA FEMMINILE E GIOVANILE INDICE F.A.Q. art. 8 della L.R. 12/2004, come sostituito dall art. 33 della l.r. 30/2009 FONDO DI GARANZIA PER L ACCESSO AL CREDITO A FAVORE DELL IMPRENDITORIA FEMMINILE E GIOVANILE INDICE 1. Modalità di presentazione

Dettagli

FONDO DI GARANZIA PER L ACCESSO AL CREDITO A FAVORE DELL IMPRENDITORIA FEMMINILE E GIOVANILE INDICE

FONDO DI GARANZIA PER L ACCESSO AL CREDITO A FAVORE DELL IMPRENDITORIA FEMMINILE E GIOVANILE INDICE F.A.Q. art. 8 della L.R. 12/2004, come sostituito dall art. 33 della l.r. 30/2009 FONDO DI GARANZIA PER L ACCESSO AL CREDITO A FAVORE DELL IMPRENDITORIA FEMMINILE E GIOVANILE INDICE 1. Modalità di presentazione

Dettagli

Strumenti finanziari agevolati a sostegno delle PMI. Bergamo, Ottobre 2014

Strumenti finanziari agevolati a sostegno delle PMI. Bergamo, Ottobre 2014 Strumenti finanziari agevolati a sostegno delle PMI Bergamo, Ottobre 2014 Agenda Interventi Nazionali Interventi Regione Lombardia Interventi Regione Piemonte Interventi Regione Puglia 2 Agenda Interventi

Dettagli

INTERVENTI PER LA NASCITA E LO SVILUPPO DEL LAVORO AUTONOMO

INTERVENTI PER LA NASCITA E LO SVILUPPO DEL LAVORO AUTONOMO F.A.Q. ART. 42 L.R. 34/2008 e s.m.i. D..G..R.. n.. 25 7442 dell 15..04..2014 Allllegato C INTERVENTI PER LA NASCITA E LO SVILUPPO DEL LAVORO AUTONOMO I titolari di Partita IVA destinatari degli interventi

Dettagli

INTERVENTI PER LA NASCITA E LO SVILUPPO DEL LAVORO AUTONOMO

INTERVENTI PER LA NASCITA E LO SVILUPPO DEL LAVORO AUTONOMO ALLEGATO C INTERVENTI PER LA NASCITA E LO SVILUPPO DEL LAVORO AUTONOMO 1. BENEFICIARI Possono presentare domanda di agevolazione i soggetti, di cui all articolo 29 della l.r. 34/2008 e s.m.i., che abbiano

Dettagli

STRUMENTI FINANZIARI A SOSTEGNO DELLE NUOVE IMPRESE NATE DAI SERVIZI FORNITI DAGLI SPORTELLI PROVINCIALI PER LA CREAZIONE D IMPRESA

STRUMENTI FINANZIARI A SOSTEGNO DELLE NUOVE IMPRESE NATE DAI SERVIZI FORNITI DAGLI SPORTELLI PROVINCIALI PER LA CREAZIONE D IMPRESA F.A.Q. ART. 42 L.R. 34/2008 e s.m.i. D..G..R.. n.. 25 7442 dell 15..04..2014 Allllegato A STRUMENTI FINANZIARI A SOSTEGNO DELLE NUOVE IMPRESE NATE DAI SERVIZI FORNITI DAGLI SPORTELLI PROVINCIALI PER LA

Dettagli

L. R. 23/04 COOPERATIVE Finanziamento agevolato investimenti

L. R. 23/04 COOPERATIVE Finanziamento agevolato investimenti Finanziamento agevolato investimenti Beneficiari: società cooperative a mutualità prevalente ed i loro consorzi che hanno sede nel territorio della Regione Piemonte, con esclusione delle cooperative edilizie

Dettagli

C.R.I.A.S. Le richieste possono essere presentate direttamente presso le sedi C.R.I.A.S. oppure presso le banche convenzionate con quest'ultima.

C.R.I.A.S. Le richieste possono essere presentate direttamente presso le sedi C.R.I.A.S. oppure presso le banche convenzionate con quest'ultima. C.R.I.A.S. Credito di esercizio Le richieste possono essere presentate direttamente presso le sedi C.R.I.A.S. oppure presso le banche convenzionate con quest'ultima. Finanziamento destinato a sopperire

Dettagli

BANDI MINISTERIALI. Finprogetti

BANDI MINISTERIALI. Finprogetti MARZO 2015 NEWS - RIAPERTURA CALL SERVIZI E STUDI DI FATTIBILITA 2014 (domande dal 23 marzo al 30 aprile 2015) - BANDO INAIL 2014: procedure on line dal 3 marzo al 7 maggio 2015 - SMART & START: domande

Dettagli

FACSIMILE. Alla FINPIEMONTE S.p.A. Gruppo Tecnico di Valutazione Galleria San Federico, 54 10121 TORINO. Il/La Sottoscritto/a. Codice fiscale.

FACSIMILE. Alla FINPIEMONTE S.p.A. Gruppo Tecnico di Valutazione Galleria San Federico, 54 10121 TORINO. Il/La Sottoscritto/a. Codice fiscale. LR 1/2009, art. 7- DGR n. 63-13339 del 15/02/2010 Fondo per la qualificazione e lo sviluppo delle piccole imprese sezione artigianato Modulo di domanda per i finanziamenti (da inoltrare on-line previa

Dettagli

CITTA DI COLLEGNO Provincia di Torino SETTORE AMMINISTRAZIONE SERVIZIO ATTIVITÀ ECONOMICHE

CITTA DI COLLEGNO Provincia di Torino SETTORE AMMINISTRAZIONE SERVIZIO ATTIVITÀ ECONOMICHE CITTA DI COLLEGNO Provincia di Torino SETTORE AMMINISTRAZIONE SERVIZIO ATTIVITÀ ECONOMICHE BANDO PUBBLICO PER L ATTRIBUZIONE DI CONTRIBUTI PER START UP E SOSTEGNO ALLE IMPRESE DEL TERZIARIO COMMERCIALE

Dettagli

I FINANZIAMENTI AGEVOLATI PER LE PMI VENETE

I FINANZIAMENTI AGEVOLATI PER LE PMI VENETE I FINANZIAMENTI AGEVOLATI PER LE PMI VENETE A cura di Leopoldo Noventa 1 Che cosa sono? I finanziamenti agevolati per le piccole e medie imprese operanti nella Regione Veneto sono finanziamenti erogati

Dettagli

REGOLAMENTO PER LE INIZIATIVE DI CREDITO AGEVOLATO PROMOSSE DALL ENTE CAMERALE A FAVORE DELLE IMPRESE COMMERCIALI, ARTIGIANE E INDUSTRIALI

REGOLAMENTO PER LE INIZIATIVE DI CREDITO AGEVOLATO PROMOSSE DALL ENTE CAMERALE A FAVORE DELLE IMPRESE COMMERCIALI, ARTIGIANE E INDUSTRIALI Allegato A) D.G. n. 154 del 4/12/2014 REGOLAMENTO PER LE INIZIATIVE DI CREDITO AGEVOLATO PROMOSSE DALL ENTE CAMERALE A FAVORE DELLE IMPRESE COMMERCIALI, ARTIGIANE E INDUSTRIALI ART. 1 - Finalità La Camera

Dettagli

REGOLAMENTO PER LE INIZIATIVE DI CREDITO AGEVOLATO PROMOSSE DALL ENTE CAMERALE A FAVORE DELLE IMPRESE COMMERCIALI, ARTIGIANE E INDUSTRIALI

REGOLAMENTO PER LE INIZIATIVE DI CREDITO AGEVOLATO PROMOSSE DALL ENTE CAMERALE A FAVORE DELLE IMPRESE COMMERCIALI, ARTIGIANE E INDUSTRIALI Allegato A) Deliberazione Giunta n. 95 del 19/07/2012 REGOLAMENTO PER LE INIZIATIVE DI CREDITO AGEVOLATO PROMOSSE DALL ENTE CAMERALE A FAVORE DELLE IMPRESE COMMERCIALI, ARTIGIANE E INDUSTRIALI ART. 1 Finalità

Dettagli

VENETO SVILUPPO NUOVO FONDO UNICO

VENETO SVILUPPO NUOVO FONDO UNICO CIRCOLARE NR. 5/FEBBRAIO 2014 VENETO SVILUPPO NUOVO FONDO UNICO Egregi Signori, Vi informiamo che con D.G.R. n. 2216 del 03.12.2013 (pubblicata nel BUR n.113 del 24/12/2013) la Regione Veneto ha approvato

Dettagli

BANDI MINISTERIALI. Finprogetti

BANDI MINISTERIALI. Finprogetti NOVEMBRE 2015 NEWS - REGIONE PIEMONTE: ASSE I COMPETITIVITA DELLE IMPRESE Misura 1.9 Supporto a progetti di investimento e sviluppo delle grandi imprese presenti sul territorio piemontese Strumento Midcap

Dettagli

D I S C I P L I N A R E

D I S C I P L I N A R E D I S C I P L I N A R E per la concessione di contributi in abbattimento del tasso di interesse, a fondo perduto e in abbattimento dei costi di commissione alle piccole/medie imprese, operanti in provincia

Dettagli

BANDI MINISTERIALI. Finprogetti

BANDI MINISTERIALI. Finprogetti APRILE 2015 NEWS - RIAPERTURA CALL SERVIZI E STUDI DI FATTIBILITA 2014 (domande dal 23 marzo al 30 aprile 2015) - BANDI CAMERALI PROVINCIA DI CUNEO BANDI MINISTERIALI ISI INAIL 2014 (simulazione per l

Dettagli

C i r c o l a r e d e l 1 7 s e t t e m b r e 2 0 1 4 P a g. 1 di 10. Il Fondo Unico di Veneto Sviluppo per le PMI

C i r c o l a r e d e l 1 7 s e t t e m b r e 2 0 1 4 P a g. 1 di 10. Il Fondo Unico di Veneto Sviluppo per le PMI C i r c o l a r e d e l 1 7 s e t t e m b r e 2 0 1 4 P a g. 1 di 10 Circolare Numero 31/2014 Oggetto Il Fondo Unico di Veneto Sviluppo per le PMI Sommario La Regione Veneto ha semplificato e razionalizzato

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO In conformità alle Disposizioni in materia di trasparenza delle operazioni e dei servizi bancari e finanziari

FOGLIO INFORMATIVO In conformità alle Disposizioni in materia di trasparenza delle operazioni e dei servizi bancari e finanziari FOGLIO INFORMATIVO In conformità alle Disposizioni in materia di trasparenza delle operazioni e dei servizi bancari e finanziari PROGETTO FACILITO GIOVANI E INNOVAZIONE SOCIALE Finalità Gli obiettivi specifici

Dettagli

FONDO GARANZIA PER LE PMI DELLA CAMERA DI COMMERCIO DI CAGLIARI

FONDO GARANZIA PER LE PMI DELLA CAMERA DI COMMERCIO DI CAGLIARI FONDO GARANZIA PER LE PMI DELLA CAMERA DI COMMERCIO DI CAGLIARI Il Fondo di Garanzia è stato istituito dalla Camera di Commercio con apposito Regolamento, approvato con deliberazione del Consiglio camerale

Dettagli

STUDIO INTERPROFESSIONALE

STUDIO INTERPROFESSIONALE STUDIO INTERPROFESSIONALE 20149 Milano, Via Cuneo 4 21047 Saronno (VA), Vicolo del Caldo 30 * 6902 Lugano Paradiso - CH, V. San Salvatore 10 P.O. Box 461 Tel. 02.967.048.43 - Fax 02.967.048.09 www.interprofessionale.net

Dettagli

LEGGE REGIONALE 13 OTTOBRE 2004, N. 23 E SUCCESSIVE MODIFICHE ED INTEGRAZIONI

LEGGE REGIONALE 13 OTTOBRE 2004, N. 23 E SUCCESSIVE MODIFICHE ED INTEGRAZIONI MODULO B LEGGE REGIONALE 13 OTTOBRE 2004, N. 23 E SUCCESSIVE MODIFICHE ED INTEGRAZIONI DOMANDA PER INVESTIMENTI IMMOBILIARI/IMPIANTI TECNICI Punto 4 lettera a) del Programma r e gionale degli interventi

Dettagli

Veneto: L. R. 5/2001 Fondo di Rotazione per i finanziamenti agevolati alle piccole e medie imprese (PMI) Sezione A, Sezione B

Veneto: L. R. 5/2001 Fondo di Rotazione per i finanziamenti agevolati alle piccole e medie imprese (PMI) Sezione A, Sezione B Veneto: L. R. 5/2001 Fondo di Rotazione per i finanziamenti agevolati alle piccole e medie imprese (PMI) Sezione A, Sezione B Scadenze Fino ad esaurimento fondi. In breve La SEZIONE A del Fondo di rotazione

Dettagli

Schede informative delle agevolazioni

Schede informative delle agevolazioni I Schede informative delle agevolazioni Dicembre 2012 I Indice Attività produttive L.r. 34/04 Acquisizione di aziende in crisi pag. 1 L.r. 34/04 Fondo di garanzia per le grandi imprese pag. 4 L.r. 34/04

Dettagli

Alessandria Crea Impresa NEWSLETTER N. 9 Giugno 2014

Alessandria Crea Impresa NEWSLETTER N. 9 Giugno 2014 Alessandria Crea Impresa NEWSLETTER N. 9 Giugno 2014 Sportello per la creazione d impresa ed il lavoro autonomo della Provincia di Alessandria SOMMARIO Sezione 1: Il mondo delle imprese e del lavoro autonomo

Dettagli

BANDI MINISTERIALI. Finprogetti

BANDI MINISTERIALI. Finprogetti SETTEMBRE 2014 NEWS - PROGETTI DI RICERCA E SVILUPPO IN AMBITO HORIZON 2020 (domande dal 30 settembre 2014) - DISEGNI +2 (domande dal 11 novembre 2014) - L.R. 34/04 PROGRAMMA PER LE ATTIVITA PRODUTTIVE

Dettagli

IL DIRETTORE GENERALE. In esecuzione della deliberazione di Giunta Comunale n. 38 del 15/02/2010 dichiarata immediatamente NELL INTENTO

IL DIRETTORE GENERALE. In esecuzione della deliberazione di Giunta Comunale n. 38 del 15/02/2010 dichiarata immediatamente NELL INTENTO Prot. n. 2471 del 22/02/2010 BANDO ANNO 2010 PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI IN CONTO INTERESSI PER FINANZIAMENTI AGEVOLATI ALLE ATTIVITA COMMERCIALI, TURISTICHE, ARTIGIANALI E DEI SERVIZI. IL DIRETTORE

Dettagli

INIZIATIVE A SOSTEGNO DELL ACCESSO AL CREDITO DELLE PMI MILANESI EDIZIONE 2011

INIZIATIVE A SOSTEGNO DELL ACCESSO AL CREDITO DELLE PMI MILANESI EDIZIONE 2011 CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA DI MILANO Via Meravigli 9/b - 20123 MILANO http://www.mi.camcom.it INIZIATIVE A SOSTEGNO DELL ACCESSO AL CREDITO DELLE PMI MILANESI EDIZIONE 2011

Dettagli

ART. 3 - LOCALIZZAZIONE DEGLI INTERVENTI

ART. 3 - LOCALIZZAZIONE DEGLI INTERVENTI Comunità Montana del Sebino Bresciano Sale Marasino (BS) n. tel. 030/986314 Int. 1 n. fax 030/9820900 www.cmsebino.brescia.it ----- E mail info@cmsebino.brescia.it BANDO ATTIVITA COMMERCIALI (ANNO 2009)

Dettagli

(Approvato con deliberazione C.C. n. 71 del 30/11/2010) TITOLO I DISPOSIZIONI DI CARATTERE GENERALE

(Approvato con deliberazione C.C. n. 71 del 30/11/2010) TITOLO I DISPOSIZIONI DI CARATTERE GENERALE REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI, SOVVENZIONI ED ALTRI VANTAGGI ECONOMICI NELL AMBITO DELL ARTIGIANO, DELL INDUSTRIA, DEL COMMERCIO E DELL AGRICOLTURA. (Approvato con deliberazione C.C. n.

Dettagli

FONDO REGIONALE DI GARANZIA PER IL MICROCREDITO A FAVORE TITOLARI DI PARTITA IVA NELLA FASE DI AVVIO DELL ATTIVITA

FONDO REGIONALE DI GARANZIA PER IL MICROCREDITO A FAVORE TITOLARI DI PARTITA IVA NELLA FASE DI AVVIO DELL ATTIVITA F.A.Q. ART. 8 DELLA L.R. 12/2004 COME SOSTITUITO DALL ART. 33 DELLA L.R. 30/2009 FONDO REGIONALE DI GARANZIA PER IL MICROCREDITO A FAVORE TITOLARI DI PARTITA IVA NELLA FASE DI AVVIO DELL ATTIVITA ATTIVITA

Dettagli

SERVIZIO AGEVOLAZIONI E CREDITO INFORMATIVA PERIODICA N. 2/2010 AGOSTO 2010 MICHELANGELO SCORDAMAGLIA D O T T O R E C O M M E R C I A L I S T A

SERVIZIO AGEVOLAZIONI E CREDITO INFORMATIVA PERIODICA N. 2/2010 AGOSTO 2010 MICHELANGELO SCORDAMAGLIA D O T T O R E C O M M E R C I A L I S T A 10122 Torino Via Sant Agostino, 12 10024 Moncalieri (TO) Via Real Collegio, 6 Tel. +39 011 4366646/6404991 - Fax +39 011 2274327 AGOSTO 2010 Pur essendo posta la massima cura nello studio e nella redazione

Dettagli

Piano straordinario per l'occupazione.

Piano straordinario per l'occupazione. Piano straordinario per l'occupazione. Il lavoro, il futuro. MISURA IV.1 Più forti patrimonialmente Agevolazioni per il rafforzamento della struttura patrimoniale delle piccole e medie imprese mediante

Dettagli

ART. 1 FINALITA ART. 2 BENEFICIARI

ART. 1 FINALITA ART. 2 BENEFICIARI BANDO PER L ACCESSO AL FONDO DI ROTAZIONE PER LA CAPITALIZZAZIONE O LA RICAPITALIZZAZIONE DELLE IMPRESE E PER L ASSEGNAZIONE DI CONTRIBUTI IN CONTO INTERESSI PER GLI INVESTIMENTI E IL CONSOLIDAMENTO DELLE

Dettagli

La cooperazione che fa cooperazione. Il petrolio verde che fa economia. 2 ottobre 2010 Cuneo, Sala San Giovanni

La cooperazione che fa cooperazione. Il petrolio verde che fa economia. 2 ottobre 2010 Cuneo, Sala San Giovanni La cooperazione che fa cooperazione. Il petrolio verde che fa economia 2 ottobre 2010 Cuneo, Sala San Giovanni Data ultimo aggiornamento: 11 ottobre 2010 Progetto di filiera e realtà coinvolte 2 Sommario

Dettagli

FONDO DI ROTAZIONE PER L INNOVAZIONE TECNOLOGICA POR Veneto 2007-2013

FONDO DI ROTAZIONE PER L INNOVAZIONE TECNOLOGICA POR Veneto 2007-2013 FONDO DI ROTAZIONE PER L INNOVAZIONE TECNOLOGICA POR Veneto 2007-2013 Disciplina di riferimento POR Veneto 2007-2013, parte FESR. Asse 1 Linea d intervento 1.2 Ingegneria Finanziaria Azione 1.2.3. DGR

Dettagli

F.A.Q. L.R. 23/2004 INDICE Modalità di presentazione e requisiti formali delle domande di agevolazione Beneficiari ammissibili

F.A.Q. L.R. 23/2004 INDICE Modalità di presentazione e requisiti formali delle domande di agevolazione Beneficiari ammissibili F.A.Q. L.R. 23/2004 INDICE 1. Modalità di presentazione e requisiti formali delle domande di agevolazione 1.1 Come si presenta una domanda? 1.2 Quali comunicazioni saranno inviate tramite PEC (posta elettronica

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO In conformità alle Disposizioni in materia di trasparenza delle operazioni e dei servizi bancari e finanziari L.R.

FOGLIO INFORMATIVO In conformità alle Disposizioni in materia di trasparenza delle operazioni e dei servizi bancari e finanziari L.R. FOGLIO INFORMATIVO In conformità alle Disposizioni in materia di trasparenza delle operazioni e dei servizi bancari e finanziari L.R. 34/04 PROGRAMMA DELLE ATTIVITA PRODUTTIVE 2011-2015 Misura 1.3 Innovazione

Dettagli

FINANZA AGEVOLATA - AGOSTO 2015. 1.1 Legge Regionale 18/99 - Interventi regionali a sostegno dell offerta turistica

FINANZA AGEVOLATA - AGOSTO 2015. 1.1 Legge Regionale 18/99 - Interventi regionali a sostegno dell offerta turistica FINANZA AGEVOLATA - AGOSTO 2015 1. BANDI ATTIVI 1.1 Legge Regionale 18/99 - Interventi regionali a sostegno dell offerta turistica FINALITA' Il bando ha l obiettivo di favorire lo sviluppo, il potenziamento

Dettagli

FINANZIAMENTI E INCENTIVI PER LE IMPRESE DEL SETTORE TURISTICO

FINANZIAMENTI E INCENTIVI PER LE IMPRESE DEL SETTORE TURISTICO Incontro informativo su FINANZIAMENTI E INCENTIVI PER LE IMPRESE DEL SETTORE TURISTICO Sede di Nocera Frigor Srl - Via Soleto, Martano (Lecce) 8 novembre 2010 Antonio Nocera Nocera Frigor Srl Salvatore

Dettagli

REGIONE LAZIO Assessorato Bilancio, Programmazione economico-finanziaria e Partecipazione

REGIONE LAZIO Assessorato Bilancio, Programmazione economico-finanziaria e Partecipazione REGIONE LAZIO Assessorato Bilancio, Programmazione economico-finanziaria e Partecipazione Avviso pubblico per la concessione di prestiti a valere sul Fondo per il Microcredito ai sensi dell articolo 1,

Dettagli

MARZO 2010 SCHEDE PRODOTTO

MARZO 2010 SCHEDE PRODOTTO Accordo tra Intesa Sanpaolo e Confesercenti per il sostegno e lo sviluppo delle imprese di commercio, turismo e servizi. MARZO 2010 SCHEDE PRODOTTO Sommario. 1. Rafforzamento patrimoniale Ricap Business

Dettagli

STRUMENTI AGEVOLATIVI IN FAVORE DELL IMPRENDITORIA GIOVANILE Legge Regionale n. 57/1999

STRUMENTI AGEVOLATIVI IN FAVORE DELL IMPRENDITORIA GIOVANILE Legge Regionale n. 57/1999 STRUMENTI AGEVOLATIVI IN FAVORE DELL IMPRENDITORIA GIOVANILE Legge Regionale n. 57/1999 Disciplina di riferimento DGR 3929 del 4 dicembre 2007 (BUR n. 1 del 1 gennaio 2008) DGR 2096 del 7 luglio 2009 (BUR

Dettagli

allegato alla Delibera n 22 del 7 febbraio 2014

allegato alla Delibera n 22 del 7 febbraio 2014 allegato alla Delibera n 22 del 7 febbraio 2014 CAMERA DI COMMERCIO DI CUNEO BANDO PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI IN CONTO CAPITALE ALLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE DELLA PROVINCIA DI CUNEO IN COLLABORAZIONE

Dettagli

DOSSIER: L IMPRENDITORIA FEMMINILE

DOSSIER: L IMPRENDITORIA FEMMINILE DOSSIER: L IMPRENDITORIA FEMMINILE Premessa Non esiste una definizione univoca di impresa femminile. Quasi sempre però vengono utilizzati i parametri previsti dalla Legge 215/92 che considera IMPRESE FEMMINILI:

Dettagli

Comune di Castenaso (Provincia di Bologna)

Comune di Castenaso (Provincia di Bologna) Comune di Castenaso (Provincia di Bologna) CONVENZIONE PER FINANZIAMENTI AGEVOLATI ALLE ATTIVITA COMMERCIALI L anno duemiladieci (2010) addì... del mese di..., con la presente scrittura privata da valere

Dettagli

Agevolazioni finanziarie pubbliche per le imprese

Agevolazioni finanziarie pubbliche per le imprese Amministrazione finanziarie finanziarie pubbliche per le imprese a cura di Carmine Supino - Studio Supino Continua la Rubrica dedicata alle AGEVOLAZIONI Finanziarie Pubbliche rivolte alle imprese. In questa

Dettagli

P.G. n. 11333 Medicina, 24/07/2013 Rif. Prot. n. 16575/2012 Tit.08 Cat. 07 Cl.01 Albo pretorio on-line

P.G. n. 11333 Medicina, 24/07/2013 Rif. Prot. n. 16575/2012 Tit.08 Cat. 07 Cl.01 Albo pretorio on-line Comune di Medicina AREA GESTIONE DEL TERRITORIO Ufficio Attività Produttive tel. 051 6979241-242-243; fax. 051 6979222 attivitaproduttive@comune.medicina.bo.it P.G. n. 11333 Medicina, 24/07/2013 Rif. Prot.

Dettagli

2 DESCRIZIONE DELL INIZIATIVA

2 DESCRIZIONE DELL INIZIATIVA PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO DISPOSIZIONI ATTUATIVE DELL INTERVENTO DI SOSTEGNO ALLO SVILUPPO DI UN IDEA IMPRENDITORIALE Deliberazione del Consiglio di Amministrazione n. 36 di data 28.05.2015 Articolo

Dettagli

DISCIPLINARE U N I C O PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI IN CONTO INTERESSI IN VIGORE DAL 13/05/2015

DISCIPLINARE U N I C O PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI IN CONTO INTERESSI IN VIGORE DAL 13/05/2015 DISCIPLINARE U N I C O PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI IN CONTO INTERESSI IN VIGORE DAL 13/05/2015 ART.1 - FINALITA', BENEFICIARI E OGGETTO DELL INTERVENTO La Camera di Commercio, Industria, Artigianato

Dettagli

Di seguito riportiamo le pec di ogni ente.

Di seguito riportiamo le pec di ogni ente. FONDO DI ROTAZIONE E operativo il nuovo fondo di rotazione istituito con Delibera della Giunta Provinciale n. 2168 del 11/10/20013 (ex art. 34 ter 1 della Legge Provinciale 13 dicembre 1999, n. 6). Il

Dettagli

CAMERA DI COMMERCIO DI CUNEO BANDO PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI IN CONTO CAPITALE ALLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE DELLA PROVINCIA DI CUNEO ANNO 2015

CAMERA DI COMMERCIO DI CUNEO BANDO PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI IN CONTO CAPITALE ALLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE DELLA PROVINCIA DI CUNEO ANNO 2015 CAMERA DI COMMERCIO DI CUNEO BANDO PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI IN CONTO CAPITALE ALLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE DELLA PROVINCIA DI CUNEO ANNO 2015 IMPORTO DEL PLAFOND ASSEGNATO AD ITALIA-COMFIDI IMPORTO

Dettagli

BANDO DIAMO CREDITO AI GIOVANI IMPRENDITORI

BANDO DIAMO CREDITO AI GIOVANI IMPRENDITORI Settore Comunicazione, Turismo, Spettacolo che Giovanili e pari opportunità BANDO DIAMO CREDITO AI GIOVANI IMPRENDITORI Scadenza 1^ fase: 30 agosto 2012 2^ fase: 30 dicembre 2012 1. Finalità e obiettivi

Dettagli

Fondo MICROCREDITO FSE

Fondo MICROCREDITO FSE Napoli 29 maggio 2012 Fondo MICROCREDITO FSE P.O. Campania FSE 2007-2013 Asse I Adattabilità Ob. Spec. c) Ob. Op. c.2 Asse II Occupabilità Ob. Spec. e) Ob. Op. e.3, e.4 Asse III Inclusione sociale Ob.

Dettagli

Provincia di Bologna Area Tecnica

Provincia di Bologna Area Tecnica Provincia di Bologna Area Tecnica Prot. 5147 OGGETTO: BANDO PER LA PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE DI CONCESSIONE DI FINANZIAMENTI AGEVOLATI ALLE ATTIVITÀ COMMERCIALI TURISTICHE ARTIGIANALI E DEI SERVIZI CON

Dettagli

AUTOIMPIEGO: decreto legislativo n. 185/2000 Titolo II MICROIMPRESA

AUTOIMPIEGO: decreto legislativo n. 185/2000 Titolo II MICROIMPRESA AUTOIMPIEGO: decreto legislativo n. 185/2000 Titolo II MICROIMPRESA La Microimpresa è una misura prevista dal Titolo II del Decreto 185/2000 pensata per chi vuole creare una piccola impresa nel settore

Dettagli

Regolamento per la concessione di contributi in conto interesse alle imprese dei settori artigianato, commercio e turismo

Regolamento per la concessione di contributi in conto interesse alle imprese dei settori artigianato, commercio e turismo Regolamento per la concessione di contributi in conto interesse alle imprese dei settori artigianato, commercio e turismo Approvato con delibera consiliare n. 49 del 23 aprile 2004 Modificato con delibera

Dettagli

INVITALIA (ex Sviluppo Italia) www.invitalia.it

INVITALIA (ex Sviluppo Italia) www.invitalia.it INVITALIA (ex Sviluppo Italia) www.invitalia.it La legge che agevola l Autoimpiego (D.L. n. 185/2000 - Titolo II) costituisce il principale strumento di sostegno alla realizzazione e all avvio di piccole

Dettagli

ALLEGATOA alla Dgr n. 3985 del 16 dicembre 2008 pag. 1/7

ALLEGATOA alla Dgr n. 3985 del 16 dicembre 2008 pag. 1/7 giunta regionale 8^ legislatura ALLEGATOA alla Dgr n. 3985 del 16 dicembre 2008 pag. 1/7 Fondo di rotazione per la concessione di finanziamenti agevolati alle imprese artigiane (art. 21 L.R. 17 gennaio

Dettagli

COSA TROVI IN QUESTA SCHEDA

COSA TROVI IN QUESTA SCHEDA Microcredito d Impresa della Regione Puglia - Microimprese operative - Scheda informativa sul nuovo strumento di ingegneria finanziaria della Regione Puglia COSA TROVI IN QUESTA SCHEDA Questa scheda contiene

Dettagli

Fondo di rotazione per la concessione di finanziamenti agevolati alle imprese artigiane (L.R. n. 2 del 17.01.2002 art. 21 )

Fondo di rotazione per la concessione di finanziamenti agevolati alle imprese artigiane (L.R. n. 2 del 17.01.2002 art. 21 ) Fondo di rotazione per la concessione di finanziamenti agevolati alle imprese artigiane (L.R. n. 2 del 17.01.2002 art. 21 ) (Aiuto di Stato conforme al Regolamento (CE) N. 69/2001 della Comunità del 12

Dettagli

Bando AgevolaCredito 2015

Bando AgevolaCredito 2015 Bando AgevolaCredito 2015 Intervento 1 Programmi di investimenti produttivi Intervento 2 Operazioni di patrimonializzazione aziendale Intervento 3 Contributo per l abbattimento del costo della garanzia

Dettagli

INVITALIA S.P.A. FRANCHISING Misure a favore dell autoimpiego

INVITALIA S.P.A. FRANCHISING Misure a favore dell autoimpiego Agevolazioni Pagina 1 di 6 INVITALIA S.P.A. FRANCHISING Misure a favore dell autoimpiego FONTI NORMATIVE D.Lgs 21/04/2000, n.185 G.U. 06/07/ 2000, n. 156 Decreto 28/05/2001, n. 295 G.U. 19/07/2001 n. 166

Dettagli

C.C.I.CA.A.DI VARESE - AGEVOLAZIONI A FAVORE DI PMI

C.C.I.CA.A.DI VARESE - AGEVOLAZIONI A FAVORE DI PMI C.C.I.CA.A.DI VARESE - AGEVOLAZIONI A FAVORE DI PMI INTERVENTI DI CREDITO AGEVOLATO PER I SETTORI ARTIGIANATO, COMMERCIO, INDUSTRIA Anno 2005 (di cui alla deliberazione della Giunta Camerale n. 14 del

Dettagli

INDICE. 1. Modalità di presentazione e requisiti formali delle domande di agevolazione

INDICE. 1. Modalità di presentazione e requisiti formali delle domande di agevolazione F.A.Q. L.R. 18/1999 INDICE 1. Modalità di presentazione e requisiti formali delle domande di agevolazione 1.1 1.2 1.3 1.4 1.5 1.6 Come si presenta una domanda? Quali modalità di spedizione sono ammesse?

Dettagli

NEWSLETTER FINANZIAMENTI - DICEMBRE 2013 - Piemonte

NEWSLETTER FINANZIAMENTI - DICEMBRE 2013 - Piemonte NEWSLETTER FINANZIAMENTI - DICEMBRE 2013 - Piemonte CONTRIBUTI E FINANZIAMENTI REGIONALI INCENTIVI PER I PROGRAMMI INNOVATIVI FONDO DI REINDUSTRIALIZZAZIONE CCIA CUNEO CONTRIBUTO CERTIFICAZIONE SOA CONTRIBUTI

Dettagli

MICROCREDITO D IMPRESA DELLA REGIONE PUGLIA

MICROCREDITO D IMPRESA DELLA REGIONE PUGLIA MICROCREDITO D IMPRESA DELLA REGIONE PUGLIA Bari, 27 ottobre 2014 Lorenzo Minnielli Obiettivi Il Fondo Microcredito d Impresa della Puglia è lo strumento con cui la Regione Puglia offre alle micro imprese

Dettagli

Contributi, interventi, fondi e strumenti

Contributi, interventi, fondi e strumenti Contributi, interventi, fondi e strumenti Suggerimenti per ottenere agevolazioni per le Aziende dell Abruzzo, Sicilia Dopo un attenta ricerca, abbiamo individuato per le imprese la possibilità di accesso

Dettagli

COMUNE DI FLORIDIA. Provincia di Siracusa

COMUNE DI FLORIDIA. Provincia di Siracusa COMUNE DI FLORIDIA Provincia di Siracusa REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE AI GIOVANI DI AGEVOLAZIONI IN CONTO INTERESSI PER L APERTURA DI NUOVE ATTIVITA NEL TERRITORIO DI FLORIDIA DELIBERATO DAL CONSIGLIO

Dettagli

PIANO OPERATIVO PER IL SUBENTRO ISMEA

PIANO OPERATIVO PER IL SUBENTRO ISMEA PIANO OPERATIVO PER IL SUBENTRO ISMEA Che cos'è: Il Subentro in agricolturaè uno degli incentivi in favore dell autoimprenditorialità previsti dal Titolo I del Decreto 185/2000 con funzioni attribuite

Dettagli

Sezione MANIFATTURIERO GIOVANILE

Sezione MANIFATTURIERO GIOVANILE Allegato A) Scheda di dettaglio Finalità generale Obiettivo operativo Territori interessati Soggetti beneficiari CREAZIONE D'IMPRESA Sezione MANIFATTURIERO GIOVANILE Consolidare lo sviluppo economico accrescendo

Dettagli

AGEVOLAZIONI PER IL SUBENTRO IN AGRICOLTURA DECRETO LEGISLATIVO N. 185/2000 TITOLI I CAPO III REGOLAMENTO ATTUATIVO

AGEVOLAZIONI PER IL SUBENTRO IN AGRICOLTURA DECRETO LEGISLATIVO N. 185/2000 TITOLI I CAPO III REGOLAMENTO ATTUATIVO AGEVOLAZIONI PER IL SUBENTRO IN AGRICOLTURA DECRETO LEGISLATIVO N. 185/2000 TITOLI I CAPO III REGOLAMENTO ATTUATIVO 1. OBIETTIVO DELLA MISURA Favorire la nuova imprenditorialità ed il ricambio generazionale

Dettagli

Disciplina di riferimento

Disciplina di riferimento AGEVOLAZIONI IN FAVORE DELLE PMI DEL SETTORE COMMERCIO EX LR 1/1999, DEL SETTORE SECONDARIO E TERZIARIO EX LR 5/2001 E DEL SETTORE ARTIGIANO EX LR 2/2002 Disciplina di riferimento DGR n. 2216 del 3 dicembre

Dettagli

Cooperative sociali. Un impresa sociale, la tua. Guida alle agevolazioni per le Imprese Giovani Decreto Legislativo 185/2000 Titolo I Capo IV

Cooperative sociali. Un impresa sociale, la tua. Guida alle agevolazioni per le Imprese Giovani Decreto Legislativo 185/2000 Titolo I Capo IV Cooperative sociali. Un impresa sociale, la tua. Guida alle agevolazioni per le Imprese Giovani Decreto Legislativo 185/2000 Titolo I Capo IV Le norme nazionali e comunitarie hanno la prevalenza sui contenuti

Dettagli

Disciplina di riferimento

Disciplina di riferimento AGEVOLAZIONI IN FAVORE DELLE PMI DEL SETTORE COMMERCIO EX LR 1/1999, DEL SETTORE SECONDARIO E TERZIARIO EX LR 5/2001 E DEL SETTORE ARTIGIANO EX LR 2/2002 Disciplina di riferimento DGR n. 2216 del 3 dicembre

Dettagli

Introduzione pag. 4. Autoimpiego pag. 6. Autoimprenditorialità pag. 13. Lavoro autonomo pag. 7. Microimpresa pag. 9. Imprese in franchising pag.

Introduzione pag. 4. Autoimpiego pag. 6. Autoimprenditorialità pag. 13. Lavoro autonomo pag. 7. Microimpresa pag. 9. Imprese in franchising pag. STRUMENTI PER LA CREAZIONE D IMPRESA Introduzione pag. 4 Autoimpiego pag. 6 Lavoro autonomo pag. 7 Microimpresa pag. 9 Imprese in franchising pag. 11 Autoimprenditorialità pag. 13 Nuova imprenditorialità

Dettagli

ALLEGATO1 - DISPOSIZIONI OPERATIVE PER L'OTTENIMENTO DI FINANZIAMENTI LR 18

ALLEGATO1 - DISPOSIZIONI OPERATIVE PER L'OTTENIMENTO DI FINANZIAMENTI LR 18 SETTORE SVILUPPO ECONOMICO, SOCIALE E CULTURALE Servizio Economia e Politiche Comunitarie Tel. +39 (0)437 959 216 Fax +39 (0)437 959184 email: l.ricci@provincia.belluno.it attivita.produttive@provincia.belluno.it

Dettagli

SVILUPPO DELLA NUOVA IMPRESA FEMMINILE

SVILUPPO DELLA NUOVA IMPRESA FEMMINILE SVILUPPO DELLA NUOVA IMPRESA FEMMINILE Fra le nuove linee di prodotto proposte dal Cofim per il 2003, sono ancora disponibili i finanziamenti per lo sviluppo della nuova impresa femminile: un iniziativa

Dettagli

Interventi rivolti alle imprese dei settori turismo, commercio, cultura e terziario.

Interventi rivolti alle imprese dei settori turismo, commercio, cultura e terziario. Firenze 2 ottobre 2014 Interventi rivolti alle imprese dei settori turismo, commercio, cultura e terziario. Settore Disciplina, politiche e incentivi del commercio e attività terziarie DG competitività

Dettagli

INVITALIA INCENTIVI ALLE IMPRESE LE MISURE DI AUTOIMPIEGO (D.LGS 185/2000 TIT.II)

INVITALIA INCENTIVI ALLE IMPRESE LE MISURE DI AUTOIMPIEGO (D.LGS 185/2000 TIT.II) INVITALIA INCENTIVI ALLE IMPRESE LE MISURE DI AUTOIMPIEGO (D.LGS 185/2000 TIT.II) LAVORO AUTONOMO Questa agevolazione è rivolta ai giovani che vogliono avviare un attività di lavoro autonomo in forma di

Dettagli

8. Aiuti concessi a imprese in difficoltà.

8. Aiuti concessi a imprese in difficoltà. Fondo di Rotazione BANDO PER LA CONCESSIONE DI FINANZIAMENTI AGEVOLATI A SOSTEGNO DELLE P.M.I. DELLA PROVINCIA DI FERRARA Docup Obiettivo 2 1997/1999 misura 2.1 1. premessa SIPRO Agenzia Provinciale per

Dettagli

Allegato n. 1. Manuale di Gestione della misura Autoimpiego destinata ai beneficiari del Reddito di cittadinanza

Allegato n. 1. Manuale di Gestione della misura Autoimpiego destinata ai beneficiari del Reddito di cittadinanza Allegato n. 1 Manuale di Gestione della misura Autoimpiego destinata ai beneficiari del Reddito di cittadinanza Paragrafo. 1 Definizioni Nel presente Documento, l espressione: a) «Autoimpiego» indica lo

Dettagli

Produzione di beni e servizi.

Produzione di beni e servizi. Produzione di beni e servizi. Dalla tua idea alla tua impresa. Guida alle agevolazioni per le Imprese Giovani Decreto Legislativo 185/2000 Titolo I Capo I e Capo II Le norme nazionali e comunitarie hanno

Dettagli

BANDO MICROCREDITO F.A.Q.

BANDO MICROCREDITO F.A.Q. BANDO MICROCREDITO Fondo finalizzato alla promozione e al sostegno di progetti di creazione d impresa realizzati da giovani, donne e soggetti svantaggiati LR 4/2011 art. 7 F.A.Q. INDICE 1. Modalità di

Dettagli

FINANZIARIA & MEDIAZIONE CREDITIZIA

FINANZIARIA & MEDIAZIONE CREDITIZIA Finanza Agevolata - Regione Lombardia Fondo di Rotazione per l imprenditorialità Linea di intervento n. 8 : Start up d impresa di giovani, donne e soggetti svantaggiati BENEFICIARI PMI che alla data di

Dettagli

MUTUI CHIROGRAFARI AGEVOLATI AD IMPRESE FINPIEMONTE

MUTUI CHIROGRAFARI AGEVOLATI AD IMPRESE FINPIEMONTE FOGLIO INFORMATIVO Prodotto adatto alla clientela al dettaglio MUTUI CHIROGRAFARI AGEVOLATI AD IMPRESE FINPIEMONTE INFORMAZIONI SULLA BANCA Denominazione e forma giuridica Cassa di Risparmio di Asti S.p.A.

Dettagli

OCM Vino Investimenti 2014/2015. Contributo a fondo perduto fino al 40% per supportare investimenti del settore vitivinicolo.

OCM Vino Investimenti 2014/2015. Contributo a fondo perduto fino al 40% per supportare investimenti del settore vitivinicolo. SCHEDE DESCRITTIVE AGEVOLAZIONI ED INCENTIVI OCM Vino Investimenti 2014/2015. Contributo a fondo perduto fino al 40% per supportare investimenti del settore vitivinicolo. SETTORI DI ATTIVITÀ: Agricoltura,

Dettagli

Regione Lombardia Fondo di Rotazione Per l imprenditorialità

Regione Lombardia Fondo di Rotazione Per l imprenditorialità Regione Lombardia Fondo di Rotazione Per l imprenditorialità MISURE 1. Sviluppo aziendale basato su processi di ammodernamento e ampliamento produttivo 2. Innovazione di prodotto e di processo 3. Applicazione

Dettagli