L.P. N. 6/99 LEGGE PROVINCIALE SUGLI INCENTIVI ALLE IMPRESE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "L.P. N. 6/99 LEGGE PROVINCIALE SUGLI INCENTIVI ALLE IMPRESE"

Transcript

1 PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO APIAE L.P. N. 6/99 LEGGE PROVINCIALE SUGLI INCENTIVI ALLE IMPRESE AIUTI PER INVESTIMENTI FISSI AIUTI PER INVESTIMENTI DI PROTEZIONE AMBIENTALE FONDO DI ROTAZIONE NUOVA IMPRENDITORIALITA FEMMINILE E GIOVANILE AIUTI ALLE IMPRESE PER SERVIZI DI CONSULENZA AIUTI PER L INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE IMPRESE Trento, 10 aprile Francesco Marchi -

2 AIUTI PER INVESTIMENTI FISSI FONTI NORMATIVE: ART. 3 LP 6/99: CRITERI E MODALITA PER L APPLICAZIONE DELLA LEGGE ART. 3 LP 6/99: POSSONO ESSERE AGEVOLATI GLI INVESTIMENTI FISSI RELATIVI A TERRENI, FABBRICATI, IMPIANTI, MACCHINARI, ATTREZZATURE, BREVETTI E INFRASTRUTTURE 2

3 AIUTI PER INVESTIMENTI FISSI CRITERI E MODALITA PER L APPLICAZIONE DELLA LEGGE: 1. CAMPO DI APPLICAZIONE 2. SOGGETTI BENEFICIARI 3. INIZIATIVE PRIORITARIE 4. SPESE AMMISSIBILI 5. INCENTIVI 6. OBBLIGHI, VIGILANZA 7. PROCEDURE 8. DOCUMENTAZIONE 3

4 AIUTI PER INVESTIMENTI FISSI NUOVI INDIRIZZI PER GLI AIUTI PREVISTI DALL ART. 3 PARI VALORE TRA I SETTORI ECONOMICI (ARTIGIANATO, INDUSTRIA, COMMERCIO, COOPERAZIONE, TURISMO): IN PRECEDENZA SPECIFICHE NORMATIVE NUOVA IMPRENDITORIALITÀ QUALITA DELL IMPRESA, PRODUTTIVITA, INNOVAZIONE RIFORMA CRITERI INVESTIMENTI FISSI: DELIBERAZIONE DELLA G.P. N DEL 7 SETTEMBRE

5 AIUTI PER INVESTIMENTI FISSI ELEMENTI PRINCIPALI DELLA RIFORMA DEL 2012: NUOVE PRIORITÀ DI ACCESSO: filtro di accesso alle agevolazioni RIDEFINIZIONE DELLE MISURE DI INTERVENTO: misura base significativa PACCHETTO INTEGRATO: contributo c/cap. + contr. interessi mutuo NUOVI REQUISITI DI ACCESSO: regolarità, congruità fiscale e territorialità LIMITI ALLE SPESE AMMISSIBILI: esclusione aiuto su acquisto immobili 5

6 AIUTI PER INVESTIMENTI FISSI 1. CAMPO DI APPLICAZIONE RIFERIMENTO ALLE NORME DI CARATTERE GENERALE: BENEFICIARI, REQUISITI, NON PRIORITA, PROCEDURE, COMITATO, CONCESSIONE, DISPOSIZIONI ANTISPECULATIVE, OBBLIGHI, REVOCHE, TRASFERIMENTO AGEVOLAZIONI, CONTROLLO, DEROGHE ESCLUSIONI: - IMPIANTI A FUNE E PISTE DA SCI - TERME 6

7 AIUTI PER INVESTIMENTI FISSI 2. SOGGETTI BENEFICIARI RIFERIMENTO ALLE NORME DI CARATTERE GENERALE BENEFICIARI: IMPRESE, CONSORZI DI IMPRESE, ENTI E ASSOCIAZIONI CHE: A) SVOLGONO ATTIVITA DI IMPRESA ISCRIZIONE AL REGISTRO IMPRESE TENUTO DALLA CCIAA B) NON HANNO IN CORSO PROCEDURE CONCORSUALI 7

8 AIUTI PER INVESTIMENTI FISSI 2. SOGGETTI BENEFICIARI IMPRESE DEI SETTORI : - INDUSTRIA - COMMERCIO - ARTIGIANATO - TURISMO - COOPERAZIONE INDUSTRIA, COMMERCIO E TURISMO SONO SETTORI INDIVIDUATI ATTRAVERSO I CODICI DI ATTIVITA ATECO

9 AIUTI PER INVESTIMENTI FISSI 2. SOGGETTI BENEFICIARI CLASSIFICAZIONE ATECO 2007 SEZIONE CODICI DESCRIZIONE SETTORE 01.6 Attività di supporto all agricoltura e attività successive alla raccolta INDUSTRIA A AGRICOLTURA, SILVICOLTURA E PESCA limitatamente ai codici: 02 Silvicoltura ed utilizzo di aree forestali INDUSTRIA B ESTRAZIONE DI MINERALI DA CAVE MINIERE TUTTI I CODICI INDUSTRIA C ATTIVITÀ MANIFATTURIERE TUTTI I CODICI INDUSTRIA Raccolta e depurazione delle acque di scarico INDUSTRIA 38 Attività di raccolta, trattamento e smaltimento dei rifiuti; recupero dei materiali INDUSTRIA E FORNITURA DI ACQUA; RETI FOGNARIE, ATTIVITÀ DI GESTIONE DEI RIFIUTI E RISANAMENTO limitatamente ai codici: Attività di risanamento e altri servizi di gestione dei rifiuti INDUSTRIA F COSTRUZIONI TUTTI I CODICI (escluso sviluppo di progetti immobiliari) INDUSTRIA TUTTI I CODICI (esclusi: Manutenzione e riparazione di autoveicoli; Manutenzione e riparazione di motocicli e ciclomotori; Commercio al dettaglio di medicinali in esercizi specializzati) COMMERCIO Manutenzione e riparazione di autoveicoli INDUSTRIA G COMMERCIO ALL INGROSSO E AL DETTAGLIO; 9

10 AIUTI PER INVESTIMENTI FISSI 3. INIZIATIVE PRIORITARIE LE PRIORITA COSTITUISCONO L ATTUAZIONE DELLE POLITICA ECONOMICA (INDUSTRIALE) DELLA PAT: 10

11 AIUTI PER INVESTIMENTI FISSI 3. INIZIATIVE PRIORITARIE 1.A ATTIVITA SOSTITUTIVE 1.B SUBENTRO (AZIENDA/CESSIONE QUOTE) 2.A NUOVE INIZIATIVE (AUTONOMIA, NO SOCI ALTRE IMPRESE, NO EDILIZIA E TRASPORTI) 2.B NUOVE UNITA LOCALI 2.C RICONVERSIONI DI ATTIVITA 11

12 AIUTI PER INVESTIMENTI FISSI 3. INIZIATIVE PRIORITARIE 3.A AVVIO DI CONSORZI 3.B COSTITUZIONE DI RETI DI IMPRESE (L. N. 33/2009) contratti che consentono alle imprese di mettere in comune delle attività e delle risorse, allo scopo di migliorare il funzionamento di quelle attività, nell ottica di rafforzare la competitività 6.A CRESCITA DIMENSIONALE: investimenti mobiliari significativi per l impresa richiedente - continua - 12

13 AIUTI PER INVESTIMENTI FISSI 3. INIZIATIVE PRIORITARIE 6.A CRESCITA DIMENSIONALE la significatività si misura rispetto alla media delle immobilizzazioni tecniche nette (IMT) degli ultimi tre bilanci INVESTIMENTO MINIMO PARI A: 100% IMT FINO A EURO (MIN EURO) 75% IMT FINO A EURO (MIN EURO) 50% IMT FINO A EURO (MIN EURO) 30% IMT FINO A EURO (MIN EURO) Investimento mobilare pari a euro è sempre significativo 13

14 AIUTI PER INVESTIMENTI FISSI 3. INIZIATIVE PRIORITARIE 4.A RISTRUTTURAZIONI IMMOBILIARI MIN EURO ( fino al 30.6) E SOSTITUZIONE ARREDI, ATTREZZ. PER ALLOGGIO E RISTORAZIONE (compresi beni mobili da collocare in immobili ristrutturati) 4.B SOSTITUZIONE VEICOLI EURO 1 E 2 CON EURO 6 4.C INVESTIMENTI PER PRODUZIONE ALIMENTI SENZA GLUTINE 4.D IMMOBILI PER ATTIVITA FORMATIVA 4.E ACCOGLIENZA CLIENTELA NELL IMPRESA (SHOW ROOM ) 4.F SERVIZI DI PROSSIMITA AZIENDALE 4.G AUTOVEICOLI PER TAXI E AUTONOLEGGIO 4.H MIGLIORAMENTO CONDIZIONI DI LAVORO (SOLO PORFIDO) 14

15 AIUTI PER INVESTIMENTI FISSI 3. INIZIATIVE PRIORITARIE QUALITA /INNOVAZIONE 5.A INNOVAZIONE AZIENDALE: INVESTIMENTI CON FORTE POTENZIALE DI CRESCITA 5.B INNOVAZIONE AZIENDALE IMPRESE FINO A 10 ADDETTI E SPESA MIN EURO CHE RAGGIUNGANO ALMENO DUE OBITTIVI TRA: a) RICAVI + 30% b) + 1 ADDETTO c) MIGLIORAMENTO STANDARD ENERGETICI, AMBIENT. O SICUREZZA d) ACQUISIZIONE NUOVI MERCATI e) ATTREZZATURE NON GIA PRESENTI A LIBRO CESPITI 15

16 AIUTI PER INVESTIMENTI FISSI 4. SPESE AMMISSIBILI INVESTIMENTI IMMOBILIARI: costruzione, ampliamento, ristrutturazione edifici di proprietà o in leasing (non basta più la disponibilità) acquisto edifici: solamente nel caso di. attività sostitutiva o subentro (max 200% degli altri invest.) immobile dismesso da almeno 3 anni acquisto da TS INVESTIMENTI MOBILIARI: - mobili, arredi, macchinari, attrezzature, autoveicoli, impianti, brevetti (valore >= 1000 euro o insieme omogeneo su stessa fattura, non usato) 16

17 AIUTI PER INVESTIMENTI FISSI 5. INCENTIVI = MISURE DI INTERVENTO (nei limiti dei regimi di aiuto consentiti da CE) LIVELLO BASE PER LE INIZIATIVE PRIORITARIE (piccole o «d.m.»): 15% +.MAGGIORAZIONI (eventuale «d.m.») A. Nuova imprenditorialità femminile/giovanile... B. Nuove imprese. C. Cooperative/imprese sociali.. D. Altre imprese.. 1) Produttività(2%) 2) Validità economico/sociale (3%) 3) Addizionalità(2%) 4) Qualitàe innovazione (fino all 8%) (es. 5% per filiera corta)..+15% = 30%..+13% = 28%...+10% = 25%...fino a +8% = max23% 17

18 AIUTI PER INVESTIMENTI FISSI 5. INCENTIVI = MISURE DI INTERVENTO (nei limiti dei regimi di aiuto consentiti da CE) LE MAGGIORAZIONI RELATIVE A QUALITA E INNOVAZIONE (FINO A +8%): FILIERE (legno, pietra, pane) AGGREGAZIONI RETE FILIERA CORTA INCREMENTO OCCUPAZIONALE (+3) STABILIZZAZIONE N. 3 RAPPORTI DI LAVORO EDILIZIA SOSTENIBILE. 18

19 AIUTI PER INVESTIMENTI FISSI I LIMITI EUROPEI PER GLI AIUTI ALLE IMPRESE REGIME DE MINIMIS (AIUTI DI IMPORTANZA MINORE): max euro di contributo in 3 anni REGIME DI ESENZIONE (Reg. CE N.800/2008): max 20% per piccola impresa max 10% per media impresa MICROIMPRESA (per spese fino ad euro ): impresa con meno di 10 addetti del settore alberghiero, attività sportive e somministrazione 19

20 AIUTI PER INVESTIMENTI FISSI 6. OBBLIGHI OBBLIGHI DI DESTINAZIONE DEI BENI AGEVOLATI OBBLIGO CONTINUAZIONE ATTIVITA OBBLIGHI ECONOMICO-FINANZIARI: 20% DEL CAPITALE INVESTITO PRESUMIBILE AL TERMINE DELL INVESTIMENTO, DA RAGGIUNGERE E MANTENERE PER 3 ANNI + CAPITALE INVESTITO (INCLUSO RESIDUO LEASING) + INVESTIMENTO PROGRAMMMATO = CAPITALE INVESTITO PRESUMIBILE 20

21 AIUTI PER INVESTIMENTI FISSI 6. OBBLIGHI OBBLIGHI OCCUPAZIONALI IN RELAZIONE A SPECIFICHE MAGGIORAZIONI IN PROCEDURA NEGOZIALE 21

22 AIUTI PER INVESTIMENTI FISSI 7. PROCEDURE AUTOMATICA per spese fino ad euro , sostenute (max 18 mesi anteriori, SOLO DE MINIMIS) o da sostenere; soltanto investimenti mobiliari; verifica congruità fiscale (scarso effetto incentivante) - erogazione: contributo in unica soluzione - VALUTATIVA per spese fino ad euro ; semplificata fino ad euro erogazione: contributo in 10 rate annuali - NEGOZIALE per spese superiori ad euro pacchetto integrato - 22

23 AIUTI PER INVESTIMENTI FISSI PACCHETTO INTEGRATO AGEVOLAZIONI Aiuto c/capitale su metà invest. Mutuo o leasing agevolato su metà investimento (5% a titolo riduzione interessi) Garanzia Confidi INIZIATIVE Sempre in procedura negoziale Su richiesta, in alternativa ai vincoli di patrimonializzazione (20%), in procedura valutativa 23

24 AIUTI PER INVESTIMENTI FISSI PARTICOLARI REQUISITI DI ACCESSO BANCABILITÀ: mutuo o leasing concesso per almeno 50% dell investimento (procedura valutativa, investimento > euro) FISCALITÀ regolarità: dichiarazione imposte pagate anno precedente territorialità: pagamento imposte sul territorio (proc. negoziale) congruità: contributo non maggiore imposte pagate nel triennio (procedura automatica) 24

25 AIUTI PER INVESTIMENTI FISSI 8. DOCUMENTAZIONE MODELLO DI DOMANDA DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DELL ATTO DI NOTORIETA RELAZIONE TECNICO-ECONOMICO-FINANZIARIA DOCUMENTAZIONE TECNICA INVESTIMENTI PREVISTI (può essere presentata successivamente, entro 3 mesi +1) DOCUMENTAZIONE PER EROGAZIONE DEL CONTRIBUTO: Fatture pagate (fino a euro: quietanza; oltre: bonifico o mezzi tracciabili) Documentazione tecnica e libro cespiti per invest. immobiliari 25

26 AIUTI PER INVESTIMENTI FISSI FINE INVESTIMENTI FISSI. GRAZIE PER L ATTENZIONE, 26

27 AIUTI PER INVESTIMENTI DI PROTEZIONE AMBIENTALE INTERVENTI DI PROMOZIONE DI MISURE DI PROTEZIONE AMBIENTALE (ART. 4 DELLA LP 6/99) 1.INVESTIMENTI FACOLTATIVI 2.RISPARMIO ENERGETICO 3.COGENERAZIONE AD ALTO RENDIMENTO 4.ENERGIA DA FONTI RINNOVABILI 27

28 AIUTI PER INVESTIMENTI DI PROTEZIONE AMBIENTALE 1. INVESTIMENTI FACOLTATIVI (SETTORE INDUSTRIA E ARTIGIANATO) Reg. CE n. 800/2008, articolo 18 Aiuti agli investimenti che consentono alle imprese di andare oltre le norme comunitarie in materia di tutela ambientale o di innalzare il livello di tutela ambientale in assenza di norme comunitarie 28

29 AIUTI PER INVESTIMENTI DI PROTEZIONE AMBIENTALE 1. INVESTIMENTI FACOLTATIVI costi ammissibili = sovraccosti d'investimento necessari a raggiungere un livello di tutela ambientale superiore a quello contemplato dalle norme comunitarie applicabili, senza tenere conto dei vantaggi e costi operativi SOVRACCOSTO ( ) Δ = INVESTIMENTO AMBIENTALE INVESTIMENTO STANDARD (o di riferimento/controfattuale) 29

30 AIUTI PER INVESTIMENTI DI PROTEZIONE AMBIENTALE il costo dell'investimento direttamente connesso alla tutela ambientale viene stabilito facendo riferimento alla situazione controfattuale a) se il costo dell'investimento a favore della tutela ambientale è facilmente individuabile all'interno del costo complessivo dell'investimento, il costo ammissibile corrisponde a tale costo connesso con la tutela dell'ambiente b) in tutti gli altri casi, i sovraccosti di investimento sono calcolati rapportando l investimento alla situazione controfattuale in assenza di aiuti di Stato. Lo scenario controfattuale deve basarsi su un investimento paragonabile dal punto di vista tecnico che comporti un livello inferiore di protezione ambientale (corrispondente a quello previsto dalle eventuali norme comunitarie obbligatorie, ove esistenti) e che sarebbe verosimilmente realizzato in assenza di aiuti («investimento di riferimento»). Per investimento paragonabile dal punto di vista tecnico si intende un investimento che presenti la stessa capacità produttiva e tutte le altre caratteristiche tecniche (eccetto quelle direttamente connesse all investimento supplementare per la tutela ambientale). Inoltre, dal punto di vista commerciale, tale investimento di riferimento deve essere un alternativa credibile all investimento in esame 30

31 AIUTI PER INVESTIMENTI DI PROTEZIONE AMBIENTALE 1. INVESTIMENTI FACOLTATIVI MISURE DI INTERVENTO: DAL 35% AL 55% DEL SOVRACCOSTO ( ) (Δ = INVESTIMENTO AMBIENTALE INVESTIMENTO STANDARD) 31

32 AIUTI PER INVESTIMENTI DI PROTEZIONE AMBIENTALE 2. RISPARMIO ENERGETICO Reg. CE n. 800/2008, articolo 21 Gli aiuti agli investimenti per la tutela dell'ambiente che consentono risparmi energetici da parte delle imprese sono compatibili con il mercato comune ai sensi dell'articolo 87, paragrafo 3, del trattato 32

33 AIUTI PER INVESTIMENTI DI PROTEZIONE AMBIENTALE 2. RISPARMIO ENERGETICO L'intensità di aiuto non supera il 20 % dei costi ammissibili. L'intensitàdi aiuto può essere tuttavia aumentata di 20 punti percentuali per gli aiuti concessi alle piccole imprese e di 10 punti percentuali per gli aiuti concessi alle medie imprese. I costi ammissibili vengono calcolati come previsto all'articolo18, paragrafi 6 e 7 e senza prendere in considerazione i vantaggi e i costi operativi 33

34 AIUTI PER INVESTIMENTI DI PROTEZIONE AMBIENTALE 3. COGENERAZIONE AD ALTO RENDIMENTO Reg. CE n. 800/2008, articolo 22 Gli aiuti agli investimenti per la tutela dell'ambiente sono compatibili con il mercato comune ai sensi dell'articolo 87, paragrafo 3, del trattato e sono esenti dall'obbligo di notifica di cui all'articolo 88, paragrafo 3, del trattato, purché siano soddisfatte le condizioni di cui ai paragrafi 2, 3 e 4 del presente articolo. I costi ammissibili corrispondono ai sovraccosti d investimento necessari a realizzare un impianto di cogenerazione ad alto rendimento rispetto all investimento di riferimento. 34

35 AIUTI PER INVESTIMENTI DI PROTEZIONE AMBIENTALE 3. COGENERAZIONE AD ALTO RENDIMENTO MISURE DI INTERVENTO: DAL 45% AL 65% DEL SOVRACCOSTO ( ) (Δ = INVESTIMENTO AMBIENTALE INVESTIMENTO STANDARD) 35

36 AIUTI PER INVESTIMENTI DI PROTEZIONE AMBIENTALE 4. ENERGIA DA FONTI RINNOVABILI Reg. CE n. 800/2008, articolo 23 Gli aiuti agli investimenti per la tutela dell'ambiente volti a promuovere la produzione di energia da fonti rinnovabili sono compatibili con il mercato comune ai sensi dell'articolo 87, paragrafo 3, del trattato e sono esenti dall'obbligo di notifica di cui all'articolo 88, paragrafo 3, del trattato, purché siano soddisfatte le condizioni di cui ai paragrafi 2, 3 e 4 del presente articolo. I costi ammissibili corrispondono ai sovraccosti sostenuti dal beneficiario rispetto ai costi connessi ad una centrale elettrica tradizionale o ad un sistema di riscaldamento tradizionale di pari capacità in termini di produzione effettiva di energia 36

37 AIUTI PER INVESTIMENTI DI PROTEZIONE AMBIENTALE 4. ENERGIA DA FONTI RINNOVABILI MISURE DI INTERVENTO: DAL 45% AL 65% DEL SOVRACCOSTO ( ) (Δ = INVESTIMENTO AMBIENTALE INVESTIMENTO STANDARD) 37

38 AIUTI PER INVESTIMENTI DI PROTEZIONE AMBIENTALE INVESTIMENTI AGEVOLABILI (LP 20/2012 E RELATIVI CRITERI): A. Reti energetiche; B. Edifici sostenibili e a basso consumo C. Caldaie a biomassa; D. Collettori solari; E. Coibentazioni termiche; F. Caldaie a condensazione; G. Pompe di calore; H. Cogenerazione ad alto rendimento; I. Impianti eolici J. Impianti idroelettrici Da collocare in: 2. RISPARMIO ENERGETICO 3. COGENERAZIONE AD ALTO RENDIMENTO 4. ENERGIA DA FONTI RINNOVABILI 38

39 FONDO DI ROTAZIONE ART. 34 TER 1 DELLA LEGGE PROVINCIALE N. 6/99 DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA PROVINCIALE N DEL 11 OTTOBRE

40 FONDO DI ROTAZIONE OBIETTIVO: FACILITARE LE CONDIZIONI DI ACCESSO AL CREDITO CONSISTENZA: 40 MILIONI DI EURO PAT + 40 MILIONI BANCHE BENEFICIARI: IMPRESE SETTORI INDUSTRIA, ARTIGIANATO, COMMERCIO, TURISMO, COOPERAZIONE (NO FILTRO CODICI ATECO), ESCLUSE BANCHE, ASSICURAZIONI, IMPRESE IN DIFFICOLTA 40

41 FONDO DI ROTAZIONE ACCEDONO AL FONDO DI ROTAZIONE INVESTIMENTI IN: ACQUISTO TERRENI ED EDIFICI COSTRUZIONE AMPIAMENTO, RISTRUTTURAZONE EDIFICI MACCHINARI, IMPIANTI PROD., ARREDI, MEZZI D OPERA, VEICOLI (ESCLUSI TRASP. COSE C/TERZI) INVESTIMENTI PER RISPARMIO ENERGETICO E FONTI RINNOVABILI BREVETTI E DIRITTI UTILIZZO TECNOLOGIE KNOW HOW, RISULTATI RICERCHE, CONSULENZE, STUDI, RICERCHE DI MERCATO FORMAZIONE, SOFTWARE PROVE, COLLAUDI, ANALISI PARTECIPAZIONE A FIERE, MANIFESTAZIONI INTERNAZIONALI, MISSIONI ALL ESTERO ACQUISTO DI AZIENDA QUOTA FORFETTARIA PER INCREMENTO OPERATIVITA AZIENDALE (MAX 30%) 41

42 FONDO DI ROTAZIONE =.. = MUTUO PER COPERTURA SPESE INDICATE, COSTITUITO DA PROVVISTA FINANZIARIA PARITARIA PAT-BANCA (50-50) IMPORTO MUTUO: 70% SPESA AMMESSA (MUTUO MIN. EURO , MAX ) DURATA MUTUO: 5-15 ANNI (MAX PREAMMORT. 2 ANNI) RIMBORSO: RATE SEMESTRALI TASSO: FISSO O VARIABILE CON MAGGIORAZIONE DETERMINATA DALLA BANCA IN RELAZIONE A DURATA E TIPO PROVVISTA PAT 42

43 FONDO DI ROTAZIONE INTERVENTO AGEVOLATO DEL FONDO: PROVVISTA PAT CON REMUNERAZIONE: 0,00% TASSO MUTUO PER L IMPRESA: EURIBOR 6 MESI + MAGGIORAZIONE MAX (*): 2,00% (5 ANNI), 2,50% (10 ANNI), 2,75% (15 ANNI) RIDUZIONE PER GARANZIA CONFIDI: - 0,25% ESEMPIO: MUTUO 10 ANNI, TASSO VAR. TASSO (EURIBOR 6M): +0,43% MAGGIORAZIONE MAX: +2,50% MERITO DI CREDITO: +0,00% RIDUZIONE GARANZIA CONFIDI: -0,25% TASSO MASSIMO: =2,68% (*) PER MERITO DI CREDITO LA MAGGIORAZIONE POTRA AUMENTARE DI: 0,50% (5 ANNI), 1,00% (10 ANNI), 1,25% (15 ANNI) 43

44 FONDO DI ROTAZIONE INTERVENTO ORDINARIO DEL FONDO: PROVVISTA PAT CON REMUNERAZIONE: 1,00% (5 ANNI), 1,50% (10 ANNI), 1,80% (15 ANNI) TASSO MUTUO PER L IMPRESA: EURIBOR 6 MESI + MAGGIORAZIONE MAX (*): 2,50% (5 ANNI), 3,25% (10 ANNI), 3,65% (15 ANNI) RIDUZIONE PER GARANZIA CONFIDI: - 0,25% ESEMPIO: MUTUO 10 ANNI, TASSO VAR. TASSO (EURIBOR 6M): +0,43% MAGGIORAZIONE MAX: +3,25% MERITO DI CREDITO: +0,00% RIDUZIONE GARANZIA CONFIDI: -0,25% TASSO MASSIMO: =3,43% (*) PER MERITO DI CREDITO LA MAGGIORAZIONE POTRA AUMENTARE DI: 0,50% (5 ANNI), 1,00% (10 ANNI), 1,25% (15 ANNI) 44

45 FONDO DI ROTAZIONE AIUTO: c èsolamente nel caso del Fondo agevolato, ed èin regime de minimis (regime esenzione Reg. 800 solo in casi particolari) CALCOLO ELEMENTO DI AIUTO: Agevolazione tasso (quota PAT a tasso 0%): differenza tra rata atasso 0,00% e rata a tasso 1,00% -1,50% -1,80% (valore attuale) Agevolazione garanzia confidi: metodo nazionale approvato dalla CE con decisione n. 4505/2010 e dalla GP con deliberaz. N. 2350/2010 CUMULABILITA CON ALTRI AIUTI: si, nei limiti della disciplina comunitaria sugli aiuti alle imprese PROCEDURA: Valutativa. Confidi approva accesso (max 60gg), poi banca concede finanziamento (max 60gg) 45

46 FONDO DI ROTAZIONE FINE (FONDO DI ROTAZIONE) 46

47 NUOVA IMPRENDITORIALITA FEMMINILE E GIOVANILE ART. 24 QUATER DELLA LP 6/99: AIUTI PER I COSTI DI AVVIO e ACQUISIZIONE DI SERVIZI 47

48 NUOVA IMPRENDITORIALITA FEMMINILE E GIOVANILE SOGGETTI BENEFICIARI SONO IMPRESE: A) COSTITUITE O RILEVATE DA NON PIU DI 24 MESI COSTITUZIONE PER: - IMPRESE INDIVIDUALI = DATA COMUNICAZIONE UNICA AL REGISTRO IMPRESE PRESSO CCIAA - SOC. DI PERSONE (SNC, SAS): DATA ATTO (NOTARILE) COSTITUZIONE - SOC. DI CAPITALI (SRL, SPA): DATA ISCR. REGISTRO IMPRESE CCIAA B) CON PARTECIPAZIONE FEMMINILE E/O GIOVANILE (<35 ANNI) 48

49 NUOVA IMPRENDITORIALITA FEMMINILE E GIOVANILE SOGGETTI BENEFICIARI SONO IMPRESE: A) COSTITUITE O RILEVATE DA NON PIU DI 24 MESI. B) CON PARTECIPAZIONE FEMMINILE E/O GIOVANILE (<35 ANNI) PARTECIPAZIONE = PROPRIETA (ALMENO 51% NELLE SOCIETA ) E MAGGIORANZA ORGANI DI AMMINISTRAZIONE AMMINISTRAZIONE - IMPRESE INDIVIDUALI = TITOLARE (NO INSTITORI) - SOC. DI PERSONE (SNC, SAS): SOCI LEGALI RAPPRESENTANTI - SOC. DI CAPITALI (SRL, SPA): AMMINISTRATORI (UNICO O CDA) 49

50 NUOVA IMPRENDITORIALITA FEMMINILE E GIOVANILE SOGGETTI BENEFICIARI SONO IMPRESE: A) COSTITUITE O RILEVATE DA NON PIU DI 24 MESI B) CON PARTECIPAZIONE FEMMINILE E/O GIOVANILE (<35 ANNI) ESCLUSIONI: Il trasferimento di quote tra persone legate da parentela (1 ) e coniugio non rientra nel rilevamento Unica impresa beneficiaria per medesime persone Escluso affitto d azienda Escluse imprese non autonome Esclusi conferimenti e rilevamenti di imprese già partecipate dai medesimi soggetti (donne e giovani) nei 2 anni precedenti 50

51 NUOVA IMPRENDITORIALITA FEMMINILE E GIOVANILE ART. 24 QUATER DELLA LP 6/99: AIUTI PER I COSTI DI AVVIO e ACQUISIZIONE DI SERVIZI a) COSTI DI AVVIO = SOSTENUTI NEI PRIMI 5 ANNI: Spese legali, amministrative, e consulenza relative alla costituzione (max euro) Interessi bancari (su max di finanziamenti) Utenze energia, riscaldamento, acqua Affitto attrezzature (da imprese che commerciano) Contributi previdenziali figli e familiari e congedo parentale (max euro) 51

52 NUOVA IMPRENDITORIALITA FEMMINILE E GIOVANILE ART. 24 QUATER DELLA LP 6/99: AIUTI PER I COSTI DI AVVIO e ACQUISIZIONE DI SERVIZI a) COSTI DI AVVIO = SOSTENUTI NEI PRIMI 5 ANNI: MISURE DI INTERVENTO: De minimis 50% dei costi dei primi 5 anni (se impresa giovanile+femminile) altrimenti: dal 40% (1 e 2 anno) al 25, 20 e 15% (3, 4 e 5 anno) (50, 30, 25 e 20% se in comuni con meno di 1000 ab.) In alternativa, solo impresa femminile, regolamento di esenzione 15% dei costi dei primi 5 anni, dopo la domanda 52

53 NUOVA IMPRENDITORIALITA FEMMINILE E GIOVANILE ART. 24 QUATER DELLA LP 6/99: AIUTI PER I COSTI DI AVVIO e ACQUISIZIONE DI SERVIZI b) ACQUISIZIONE DI SERVIZI (da sostenere entro l anno successivo a conc.): Prima assistenza (valutazione azienda) Sviluppo piano strategico (per avvio, subentro attività di famiglia o progetti innovativi): es. studio progettazione pubblicità, mkt operativo (4P) esclusi costi spazi pubblicitari Analisi gestione eco-finanziaria Formazione preimprenditoriale Tutoraggio fase avvio (max euro) MISURE DI INTERVENTO: 50% della spesa ammessa (de minimis se anteriore alla domanda) 53

54 NUOVA IMPRENDITORIALITA FEMMINILE E GIOVANILE DOMANDE DA PRESENTARE AI CONFIDI Spesa minima: euro CONCESSIONE: entro 60gg dalla domanda EROGAZIONE: A SALDO FINALE (anticipo 50% con garanzia Confidi o fideiussione bancaria) 54

55 NUOVA IMPRENDITORIALITA FEMMINILE E GIOVANILE COMPILAZIONE MODULO DOMANDA Fine 55

56 AIUTI ALLE IMPRESE PER SERVIZI DI CONSULENZA ART. 24 QUINQIUES DELLA LP 6/99: (EX LP 17/93) 56

57 AIUTI ALLE IMPRESE PER SERVIZI DI CONSULENZA SOGGETTI BENEFICIARI PICCOLE E MEDIE IMPRESE DI CUI ALLA TAB. DEI CRITERI GENERALI 57

58 AIUTI ALLE IMPRESE PER SERVIZI DI CONSULENZA SERVIZI AMMISSIBILI: 1) INNOVAZIONE: - innovazione di prodotto - design di prodotto - innovazione di processo - innovazione nelle strategie, anche organizzative (es. Family Audit) 2) QUALITA - qualita totale (es. Kaizen) 3) CERTIFICAZIONI - sistemi di qualità aziendale - qualita di prodotto - compatibilità ambientale - gestione salute e sicurezza lavoro - GBC (leed), ARCA 58

59 AIUTI ALLE IMPRESE PER SERVIZI DI CONSULENZA SERVIZI AMMISSIBILI: 4) INIZIATIVE PILOTA IN CAMPO AMBIENTALE: - buone pratiche di prevenzione e riduzione rifiuti - standard operativi di maggior tutela ambientale (es. Ecoristorazione) 5) INDAGINI DI MERCATO, PIANI MKT, COMMERCIO TELEMATICO - analisi canali distributivi - analisi posizionamento aziendale - analisi prodotto - analisi segmentazione mercato - studio e progettazione campagne pubblicitarie - progettazione piani marketing operativo e strategico - progettazione siti per promozione e commercializzazione diretta 59

60 AIUTI ALLE IMPRESE PER SERVIZI DI CONSULENZA SERVIZI AMMISSIBILI: 6) TECNOLOGIE DELL'INFORMAZIONE E DELLE TELECOMUNICAZIONI: - consulenza per utilizzo open source - standard operativi di maggior tutela ambientale (es. Ecoristorazione) 7) CONTRATTI DI RETE 8) EFFICIENZA E DIAGNOSI ENERGETICA - analisi processi produttivi e preparazione contratti risparmio garantito 9) SERVIZI DI NATURA STRATEGICA - servizi di consulenza strategica (organizzazione, produzione, mercato) per percorsi di discontinuità (no fiscale, civilistico, amministrativo) 60

61 AIUTI ALLE IMPRESE PER SERVIZI DI CONSULENZA LIMITE MINIMO DI SPESA: (2.500 SE IMPRESA GIOV./FEMM.) LIMITE MASSIMO DI SPESA 1) Innovazione, 2) qualità, 3) certificazioni: Altre tipologie di servizi: ,00 PROCEDURA VALUTATIVA 61

62 AIUTI ALLE IMPRESE PER SERVIZI DI CONSULENZA MISURE DI AIUTO: TIPOLOGIA DI SERVIZIO PICCOLA IMPRESA MEDIA IMPRESA Innovazione 50% 30% Qualità 40% 30% Certificazioni 30% 20% Iniziative pilota in campo amb. 40% 30% Indagini di mercato, piani di marketing e commercio telem. 40% 30% Tecnologie dell'informazione e telecomunicazioni 40% 30% Reti d impresa 40% 30% Efficienza e diagnosi energetica 30% 30% Servizi di natura strategica 40% 30% (+ 10% se impresa giov./femm) 62

63 AIUTI ALLE IMPRESE PER SERVIZI DI CONSULENZA DOMANDE DA PRESENTARE AD ENTI DI GARANZIA DOCUMENTAZIONE: 1. DOMANDA 2. DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA 3. FOGLIO NOTIZIE 4. PREVENTIVI SPESE 5. PRESENTAZIONE CONSULENTI 63

64 AIUTI ALLE IMPRESE PER SERVIZI DI CONSULENZA FINE SERVIZI DI CONSULENZA, GRAZIE, 64

65 AIUTI PER L INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE IMPRESE PARTECIPAZIONE A FIERE AZIONI DI COMMERCIALIZZAZIONE DI SISTEMA PROGETTI IMPRENDITORIALI DI INTERNAZIONALIZZAZIONE SERVIZI DI CONSULENZA SPECIALISTICA ASSUNZIONE DI NUOVO PERSONALE GIOVANE DA INVIARE ALL ESTERO 65

66 AIUTI PER L INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE IMPRESE PARTECIPAZIONE A FIERE: BENEFICIARI piccole e medie imprese operanti sul territorio provinciale; cooperative, costituite da non meno di 10 piccole e medie imprese operanti sul territorio provinciale e aventi quale finalitàstatutaria l offerta di servizi per la commercializzazione all estero dei prodotti delle imprese associate; consorzi costituiti da non meno di 10 piccole e medie imprese operanti sul territorio provinciale e aventi quale finalitàstatutaria l offerta di servizi per la commercializzazione all estero dei prodotti delle imprese associate, con un fondo consortile o un capitale sociale non inferiore a 100 mila euro. 66

67 AIUTI PER L INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE IMPRESE PARTECIPAZIONE A FIERE: SPESE AMMISSIIBILI AFFITTO AREA affitto dell area espositiva, quota di iscrizione come espositore diretto, costo per l inserimento dell impresa nel catalogo dell evento fieristico, spese per la prenotazione delle aree espositive ALLESTIMENTO STAND progettazione, noleggio, montaggio e adattamento, allacciamenti ad energia elettrica, acqua, telefono, POS), pulizia stand, noleggio di piante, computer, attrezzature, assicurazione TRASPORTO MERCI ED ALLESTIMENTI spese dei trasportatori o di noleggio dei mezzi di trasporto con dichiarazione relativa all uso del mezzo noleggiato per il trasporto delle merci in fiera ASSISTENZA ESTERNA STAND spese per standisti o traduttori presenti nello stand 67

68 AIUTI PER L INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE IMPRESE PARTECIPAZIONE A FIERE: MISURE DI AGEVOLAZIONE IN REGIME DE MINIMIS N. PARTECIPAZIONE PARTECIPAZ. PARTECIPAZ. SINGOLA PRIMA CONGIUNTA 70% 50% SECONDA 60% 50% TERZA 50% 40% QUARTA 50% 30% QUINTA 50% 25% SUCCESSIVA 50% 68

69 Grazie per l attenzione 69

Di seguito riportiamo le pec di ogni ente.

Di seguito riportiamo le pec di ogni ente. FONDO DI ROTAZIONE E operativo il nuovo fondo di rotazione istituito con Delibera della Giunta Provinciale n. 2168 del 11/10/20013 (ex art. 34 ter 1 della Legge Provinciale 13 dicembre 1999, n. 6). Il

Dettagli

LA CASSA RURALE INCONTRA LE IMPRESE

LA CASSA RURALE INCONTRA LE IMPRESE LA CASSA RURALE INCONTRA LE IMPRESE Cavedine 13 maggio 2014 PROGRAMMA 1. Lo stato di salute delle imprese (Bilanci 2012) 2. Le proposte per i servizi di consulenza 3. Un esempio pratico 4. Gli incentivi

Dettagli

FONDO DI ROTAZIONE PER L INNOVAZIONE TECNOLOGICA POR Veneto 2007-2013

FONDO DI ROTAZIONE PER L INNOVAZIONE TECNOLOGICA POR Veneto 2007-2013 FONDO DI ROTAZIONE PER L INNOVAZIONE TECNOLOGICA POR Veneto 2007-2013 Disciplina di riferimento POR Veneto 2007-2013, parte FESR. Asse 1 Linea d intervento 1.2 Ingegneria Finanziaria Azione 1.2.3. DGR

Dettagli

VENETO SVILUPPO NUOVO FONDO UNICO

VENETO SVILUPPO NUOVO FONDO UNICO CIRCOLARE NR. 5/FEBBRAIO 2014 VENETO SVILUPPO NUOVO FONDO UNICO Egregi Signori, Vi informiamo che con D.G.R. n. 2216 del 03.12.2013 (pubblicata nel BUR n.113 del 24/12/2013) la Regione Veneto ha approvato

Dettagli

Veneto: L. R. 5/2001 Fondo di Rotazione per i finanziamenti agevolati alle piccole e medie imprese (PMI) Sezione A, Sezione B

Veneto: L. R. 5/2001 Fondo di Rotazione per i finanziamenti agevolati alle piccole e medie imprese (PMI) Sezione A, Sezione B Veneto: L. R. 5/2001 Fondo di Rotazione per i finanziamenti agevolati alle piccole e medie imprese (PMI) Sezione A, Sezione B Scadenze Fino ad esaurimento fondi. In breve La SEZIONE A del Fondo di rotazione

Dettagli

I NUOVI INCENTIVI PROVINCIALI COME LEVA PER LO SVILUPPO

I NUOVI INCENTIVI PROVINCIALI COME LEVA PER LO SVILUPPO I NUOVI INCENTIVI PROVINCIALI COME LEVA PER LO SVILUPPO Trento, sala D. Guetti - 28 novembre 2012 AGEVOLAZIONI DELLA PROVINCIA DI TRENTO PER L IMPRENDITORIA FEMMINILE E GIOVANILE info: serv.finricsvil.apiae@provincia.tn.it

Dettagli

FONDO DI ROTAZIONE E CONTRIBUTI PER INVESTIMENTI FINALIZZATI AL CONTENIMENTO DEI CONSUMI ENERGETICI POR Veneto 2007-2013

FONDO DI ROTAZIONE E CONTRIBUTI PER INVESTIMENTI FINALIZZATI AL CONTENIMENTO DEI CONSUMI ENERGETICI POR Veneto 2007-2013 FONDO DI ROTAZIONE E CONTRIBUTI PER INVESTIMENTI FINALIZZATI AL CONTENIMENTO DEI CONSUMI ENERGETICI POR Veneto 2007-2013 Disciplina di riferimento POR Veneto 2007-2013, parte FESR. Asse 2 Linea d intervento

Dettagli

NEWS BANDI D INCENTIVO N. 1/2015 (contributi a fondo perduto e finanziamenti agevolati)

NEWS BANDI D INCENTIVO N. 1/2015 (contributi a fondo perduto e finanziamenti agevolati) NEWS BANDI D INCENTIVO N. 1/2015 (contributi a fondo perduto e finanziamenti agevolati) INDICE DEI BANDI APERTI - (bandi di nuova apertura) Bando n 4: Contributi per deposito di brevetti nazionali e l

Dettagli

3 PASSI NELL IMPRESA E NEL LAVORO AUONOMO Gli elementi utili per aprire un attività imprenditoriale Rovigo, 14 maggio 2008

3 PASSI NELL IMPRESA E NEL LAVORO AUONOMO Gli elementi utili per aprire un attività imprenditoriale Rovigo, 14 maggio 2008 3 PASSI NELL IMPRESA E NEL LAVORO AUONOMO Gli elementi utili per aprire un attività imprenditoriale Rovigo, 14 maggio 2008 FINANZA AGEVOLATA Dott. Giorgio Cavallari FINANZIAMENTI AGEVOLATI AUTOIMPIEGO

Dettagli

FINANZA AGEVOLATA. Obiettivo 2 = Imprese Avviare un attività: elementi fondamentali. Dott. Giorgio Cavallari. 16 ottobre 2007

FINANZA AGEVOLATA. Obiettivo 2 = Imprese Avviare un attività: elementi fondamentali. Dott. Giorgio Cavallari. 16 ottobre 2007 Obiettivo 2 = Imprese Avviare un attività: elementi fondamentali 16 ottobre 2007 FINANZA AGEVOLATA Dott. Giorgio Cavallari FINANZIAMENTI AGEVOLATI IMPRENDITORIA FEMMINILE AUTOIMPIEGO: Lavoro autonomo;

Dettagli

Veneto: L.R. 1/2000 Interventi per la promozione di nuove imprese e di innovazione dell imprenditoria femminile

Veneto: L.R. 1/2000 Interventi per la promozione di nuove imprese e di innovazione dell imprenditoria femminile Veneto: L.R. 1/2000 Interventi per la promozione di nuove imprese e di innovazione dell imprenditoria femminile Scadenze Data iniziale : martedì 17 ottobre 2006 scadenza ad esaurimento In breve Concessione

Dettagli

ACCADEMIA DELLA MONTAGNA del Trentino DONNE E LAVORO IN MONTAGNA

ACCADEMIA DELLA MONTAGNA del Trentino DONNE E LAVORO IN MONTAGNA ACCADEMIA DELLA MONTAGNA del Trentino DONNE E LAVORO IN MONTAGNA Dott. Mauro Demozzi APIAE Ufficio servizi alle imprese ed internazionalizzazione www.apiae.provincia.tn.it IL SISTEMA DEGLI AIUTI ALLE IMPRESE

Dettagli

CRITERI E MODALITÀ PER L APPLICAZIONE DELLA LEGGE

CRITERI E MODALITÀ PER L APPLICAZIONE DELLA LEGGE Legge provinciale 13 dicembre 1999, n. 6 legge provinciale sugli incentivi alle imprese CRITERI E MODALITÀ PER L APPLICAZIONE DELLA LEGGE "AIUTI PER INVESTIMENTI FISSI" Applicabili alle domande presentate

Dettagli

C i r c o l a r e d e l 1 7 s e t t e m b r e 2 0 1 4 P a g. 1 di 10. Il Fondo Unico di Veneto Sviluppo per le PMI

C i r c o l a r e d e l 1 7 s e t t e m b r e 2 0 1 4 P a g. 1 di 10. Il Fondo Unico di Veneto Sviluppo per le PMI C i r c o l a r e d e l 1 7 s e t t e m b r e 2 0 1 4 P a g. 1 di 10 Circolare Numero 31/2014 Oggetto Il Fondo Unico di Veneto Sviluppo per le PMI Sommario La Regione Veneto ha semplificato e razionalizzato

Dettagli

NEWS BANDI D INCENTIVO N. 2/2015 (contributi a fondo perduto e finanziamenti agevolati)

NEWS BANDI D INCENTIVO N. 2/2015 (contributi a fondo perduto e finanziamenti agevolati) NEWS BANDI D INCENTIVO N. 2/2015 (contributi a fondo perduto e finanziamenti agevolati) INDICE DEI BANDI APERTI - (bandi di nuova apertura o nuove modifiche) Bando n 4: Contributi per deposito di brevetti

Dettagli

CRITERI E MODALITÀ PER L APPLICAZIONE DELLA LEGGE

CRITERI E MODALITÀ PER L APPLICAZIONE DELLA LEGGE Legge provinciale 13 dicembre 1999, n. 6 legge provinciale sugli incentivi alle imprese CRITERI E MODALITÀ PER L APPLICAZIONE DELLA LEGGE "AIUTI PER INVESTIMENTI FISSI" Applicabili alle domande presentate

Dettagli

CONDIZIONI, CRITERI E MODALITÀ PER

CONDIZIONI, CRITERI E MODALITÀ PER Allegato parte integrante Allegato a) Legge provinciale 13 dicembre 1999, n. 6 legge provinciale sugli incentivi alle imprese Articolo 34 ter 1 CONDIZIONI, CRITERI E MODALITÀ PER L ATTUAZIONE DEI "FONDI

Dettagli

CONTRATTI DI SVILUPPO 2015/2016

CONTRATTI DI SVILUPPO 2015/2016 CONTRATTI DI SVILUPPO 2015/2016 Capitali per lo sviluppo industriale, commerciale e turistico in Italia Finanziamento agevolato e contributo a fondo perduto per grandi progetti di investimento Il Contratto

Dettagli

FONDO DI ROTAZIONE PER LA CONCESSIONE DI FINANZIAMENTI AGEVOLATI ALLE PMI ARTIGIANE Legge Regionale n. 2/2002

FONDO DI ROTAZIONE PER LA CONCESSIONE DI FINANZIAMENTI AGEVOLATI ALLE PMI ARTIGIANE Legge Regionale n. 2/2002 FONDO DI ROTAZIONE PER LA CONCESSIONE DI FINANZIAMENTI AGEVOLATI ALLE PMI ARTIGIANE Legge Regionale n. 2/2002 Disciplina di riferimento DGR n. 3985 del 16 dicembre 2008 (BUR n. 106 del 26 dicembre 2008)

Dettagli

Supplemento n. 1 al B.U. n. 40/I-II del 02/10/2012 / Beiblatt Nr. 1 zum Amtsblatt vom 02/10/2012 Nr. 40/I-II 2

Supplemento n. 1 al B.U. n. 40/I-II del 02/10/2012 / Beiblatt Nr. 1 zum Amtsblatt vom 02/10/2012 Nr. 40/I-II 2 Supplemento n. 1 al B.U. n. 40/I-II del 02/10/2012 / Beiblatt Nr. 1 zum Amtsblatt vom 02/10/2012 Nr. 40/I-II 2 81063 Deliberazioni - Parte 1 - Anno 2012 Provincia Autonoma di Trento DELIBERAZIONE DELLA

Dettagli

CRITERI E MODALITÀ PER L APPLICAZIONE DELLA LEGGE

CRITERI E MODALITÀ PER L APPLICAZIONE DELLA LEGGE Legge provinciale 13 dicembre 1999, n. 6 legge provinciale sugli incentivi alle imprese CRITERI E MODALITÀ PER L APPLICAZIONE DELLA LEGGE "AIUTI ALLA NUOVA IMPRENDITORIALITÀ FEMMINILE E GIOVANILE" DELIBERE

Dettagli

STRUMENTI AGEVOLATIVI IN FAVORE DELL IMPRENDITORIA GIOVANILE Legge Regionale n. 57/1999

STRUMENTI AGEVOLATIVI IN FAVORE DELL IMPRENDITORIA GIOVANILE Legge Regionale n. 57/1999 STRUMENTI AGEVOLATIVI IN FAVORE DELL IMPRENDITORIA GIOVANILE Legge Regionale n. 57/1999 Disciplina di riferimento DGR 3929 del 4 dicembre 2007 (BUR n. 1 del 1 gennaio 2008) DGR 2096 del 7 luglio 2009 (BUR

Dettagli

Filiali di Unifidi Piacenza Parma Reggio Emilia Modena Bologna Ferrara Forlì Cesena Ravenna Rimini Unifidi Emilia Romagna

Filiali di Unifidi Piacenza Parma Reggio Emilia Modena Bologna Ferrara Forlì Cesena Ravenna Rimini Unifidi Emilia Romagna Filiali di Unifidi Piacenza Parma Reggio Emilia Modena Bologna Ferrara Forlì Cesena Ravenna Rimini Unifidi Emilia Romagna Chi può finanziare Unifidi? Tutte le PMI imprese iscritte alla CCIAA Artigianato

Dettagli

QUESTIONARIO PER LE IMPRESE DEL CONSORZIO INDUSTRIALE CAPITOLI DEL QUESTIONARIO

QUESTIONARIO PER LE IMPRESE DEL CONSORZIO INDUSTRIALE CAPITOLI DEL QUESTIONARIO QUESTIONARIO PER LE IMPRESE DEL CONSORZIO INDUSTRIALE CAPITOLI DEL QUESTIONARIO 1. Caratteristiche dell impresa 2. Addetti e Fatturato 3. L impresa e il Territorio 4. L impresa e il Consorzio 1 -QUESTIONARIO

Dettagli

La Regione Toscana a sostegno della creazione di impresa giovanile Prato, 16 novembre 2015 NASCERE E CRESCERE, IMPRESA DA RAGAZZI

La Regione Toscana a sostegno della creazione di impresa giovanile Prato, 16 novembre 2015 NASCERE E CRESCERE, IMPRESA DA RAGAZZI La Regione Toscana a sostegno della creazione di impresa giovanile Prato, 16 novembre 2015 NASCERE E CRESCERE, IMPRESA DA RAGAZZI OBIETTIVO SPECIFICO CREAZIONE DI IMPRESA GIOVANILE SETTORE MANIFATTURIERO,

Dettagli

Perugia 30 Novembre 2012. Le Politiche industriali della Regione Umbria: nuove misure di incentivazione

Perugia 30 Novembre 2012. Le Politiche industriali della Regione Umbria: nuove misure di incentivazione Perugia 30 Novembre 2012 Le Politiche industriali della Regione Umbria: nuove misure di incentivazione Direzione Regionale Programmazione, Innovazione e Competitività dell Umbria Coordinamento Area Imprese

Dettagli

Obiettivi del bando. Beneficiari

Obiettivi del bando. Beneficiari Scadenza: 02.05.2011 Regione Emilia Romagna: modalità e criteri per la concessione di contributi finalizzati a favorire la rimozione dell amianto dagli edifici, la coibentazione degli edifici e l installazione

Dettagli

POR FESR 2007/2013 asse III, attività III.1.2

POR FESR 2007/2013 asse III, attività III.1.2 POR FESR 2007/2013 asse III, attività III.1.2 favorire e promuovere la rimozione e lo smaltimento dei manufatti contenenti cementoamianto ove presenti nei luoghi di lavoro; favorire e promuovere interventi

Dettagli

CRITERI E MODALITÀ PER L APPLICAZIONE DELLA LEGGE

CRITERI E MODALITÀ PER L APPLICAZIONE DELLA LEGGE Legge provinciale 13 dicembre 1999, n. 6 legge provinciale sugli incentivi alle imprese CRITERI E MODALITÀ PER L APPLICAZIONE DELLA LEGGE "AIUTI ALLA NUOVA IMPRENDITORIALITÀ FEMMINILE E GIOVANILE" Applicabili

Dettagli

Fondo centrale di garanzia

Fondo centrale di garanzia Fondo centrale di garanzia 1 Riferimento Legge FONDO DI GARANZIA PER LE PICCOLE E MEDIE IMPRESE LEGGE 662/96 ART. 2 COMMA 100 LETT. A); Tre forme di intervento: Garanzia Diretta, garanzia prestata dal

Dettagli

Sostegno alla creazione di start-up innovative Regione Toscana

Sostegno alla creazione di start-up innovative Regione Toscana Sostegno alla creazione di start-up innovative Regione Toscana Presentazione dell agevolazione Il presente documento illustrativo ha natura meramente descrittiva e non esaustiva dei contenuti dell avviso

Dettagli

ECO-INNOVAZIONE. Gli strumenti messi in campo dalla Regione Umbria per finanziarele imprese in materia di tutela ambientale sono 2:

ECO-INNOVAZIONE. Gli strumenti messi in campo dalla Regione Umbria per finanziarele imprese in materia di tutela ambientale sono 2: Gli strumenti messi in campo dalla Regione Umbria per finanziarele imprese in materia di tutela ambientale sono 2: Bando Aiuti alle imprese per sostituzione amianto con impianti fotovoltaici Bando Sostegno

Dettagli

VENETO SVILUPPO S.P.A. La finanziaria che fa crescere il Veneto

VENETO SVILUPPO S.P.A. La finanziaria che fa crescere il Veneto VENETO SVILUPPO S.P.A. La finanziaria che fa crescere il Veneto 2 Veneto Sviluppo: la Finanziaria della Regione del LA MISSION: Veneto Istituita con Legge Regionale n. 47 del 1975 FAVORIRE CRESCITA SISTEMA

Dettagli

FONDO DI ROTAZIONE PER IL POLESINE - Sezione PMI Artigiane - DGR n. 362 del 20 febbraio 2007 (ex Misura 5.2 Obiettivo 2 1997-1999)

FONDO DI ROTAZIONE PER IL POLESINE - Sezione PMI Artigiane - DGR n. 362 del 20 febbraio 2007 (ex Misura 5.2 Obiettivo 2 1997-1999) FONDO DI ROTAZIONE PER IL POLESINE - Sezione PMI Artigiane - DGR n. 362 del 20 febbraio 2007 (ex Misura 5.2 Obiettivo 2 1997-1999) Disciplina di riferimento DGR 3985 del 16 dicembre 2008 (BUR n. 106 del

Dettagli

Sezione MANIFATTURIERO GIOVANILE

Sezione MANIFATTURIERO GIOVANILE Allegato A) Scheda di dettaglio Finalità generale Obiettivo operativo Territori interessati Soggetti beneficiari CREAZIONE D'IMPRESA Sezione MANIFATTURIERO GIOVANILE Consolidare lo sviluppo economico accrescendo

Dettagli

REGIONE CALABRIA Dipartimento Attività Produttive

REGIONE CALABRIA Dipartimento Attività Produttive LEGGE 598/94 ART. 11 PACCHETTO INTEGRATO DI AGEVOLAZIONI (PIA) AGEVOLAZIONI PER: INVESTIMENTI CONSOLIDAMENTO DELLE PASSIVITA A BREVE SPESE PER GARANZIA Legge 598/94 - INVESTIMENTI TIPOLOGIA INVESTIMENTI

Dettagli

INCENTIVI ALLE IMPRESE: IL PANORAMA IN TOSCANA

INCENTIVI ALLE IMPRESE: IL PANORAMA IN TOSCANA Luglio 2004 INCENTIVI ALLE IMPRESE: IL PANORAMA IN TOSCANA Agricoltura Piano di Sviluppo Rurale: Misure 1, 9.5, 9.8, 8.1, 8.2 2 OCM Vitivinicolo.3 Credito d imposta per l Agricoltura...3 Artigianato e

Dettagli

D I S C I P L I N A R E

D I S C I P L I N A R E D I S C I P L I N A R E per la concessione di contributi in abbattimento del tasso di interesse, a fondo perduto e in abbattimento dei costi di commissione alle piccole/medie imprese, operanti in provincia

Dettagli

«CRITERI E MODALITÀ PER L APPLICAZIONE DELLA LEGGE» SETTORE COOPERAZIONE

«CRITERI E MODALITÀ PER L APPLICAZIONE DELLA LEGGE» SETTORE COOPERAZIONE AGENZIA PROVINCIALE PER L INCENTIVAZIONE DELLE ATTIVITA ECONOMICHE (A.P.I.A.E.) LEGGE PROVINCIALE 13 DICEMBRE 1999, N. 6 «Interventi della Provincia autonoma di Trento per il sostegno dell economia e della

Dettagli

Imprese artigiane, anche in forma cooperativa o consortile.

Imprese artigiane, anche in forma cooperativa o consortile. QUADRO SINOTTICO FINANZIAMENTI IMPRESE BANDI Oggetto Finanziamento Beneficiari Apertura Scadenza Stanziamento Importi finanziabili Legge n. 949/52 Bando INAIL 2014 - Contributo in c/interessi (64% del

Dettagli

FINANZIAMENTI AGEVOLATI: I FONDI DI ROTAZIONE DI VENETO SVILUPPO

FINANZIAMENTI AGEVOLATI: I FONDI DI ROTAZIONE DI VENETO SVILUPPO Attenzione: la Guida che state stampando è aggiornata al 03/06/2010. I file allegati con estensione.doc,.xls,.pdf,.rtf, etc. non verranno stampati automaticamente; per averne copia cartacea è necessario

Dettagli

FINANZIAMENTI E INCENTIVI PER LE IMPRESE DEL SETTORE TURISTICO

FINANZIAMENTI E INCENTIVI PER LE IMPRESE DEL SETTORE TURISTICO Incontro informativo su FINANZIAMENTI E INCENTIVI PER LE IMPRESE DEL SETTORE TURISTICO Sede di Nocera Frigor Srl - Via Soleto, Martano (Lecce) 8 novembre 2010 Antonio Nocera Nocera Frigor Srl Salvatore

Dettagli

Provincia autonoma di Trento Agenzia provinciale per l incentivazione delle attività economiche

Provincia autonoma di Trento Agenzia provinciale per l incentivazione delle attività economiche Provincia autonoma di Trento Agenzia provinciale per l incentivazione delle attività economiche dott. Francesco Marchi ing. Renzo Conotter ing. Luca Santelli 1) legge provinciale incentivi alle imprese

Dettagli

La Legge 181/89 per il rilancio dell area industriale di Piombino. A cura di Area Sviluppo PMI Incentivi alle imprese Invitalia

La Legge 181/89 per il rilancio dell area industriale di Piombino. A cura di Area Sviluppo PMI Incentivi alle imprese Invitalia La Legge 181/89 per il rilancio dell area industriale di Piombino A cura di Area Sviluppo PMI Incentivi alle imprese Invitalia La misura in 5 concetti chiave #1 Aiuta le imprese a crescere Investimenti

Dettagli

Aiuti agli investimenti iniziali per piccole e medie imprese

Aiuti agli investimenti iniziali per piccole e medie imprese Aiuti agli investimenti iniziali per piccole e medie imprese TERMINI DI PRESENTAZIONE La presentazione avviene mediante la procedura a sportello, fino ad esaurimento risorse. BENEFICIARI 1. Microimprese

Dettagli

ALLEGATO A FONDO DI ROTAZIONE

ALLEGATO A FONDO DI ROTAZIONE ALLEGATO A FONDO DI ROTAZIONE Criteri di Assegnazione dei Finanziamenti (Ai sensi della LEGGE REGIONALE N. 33 del 04.11.2002 artt. 101 e 103 e ai sensi del Regolamento (CE) N. 70/2001 della Comunità del

Dettagli

OPPORTUNITA LEGATE ALL EFFICIENZA ENERGETICA DEGLI EDIFICI AGEVOLAZIONI PER LE AZIENDE

OPPORTUNITA LEGATE ALL EFFICIENZA ENERGETICA DEGLI EDIFICI AGEVOLAZIONI PER LE AZIENDE SEMINARIO LE IMPRESE E L AMBIENTE Come le imprese partecipano oggi alla tutela dell ambiente? 15 Aprile 2011 OPPORTUNITA LEGATE ALL EFFICIENZA ENERGETICA DEGLI EDIFICI AGEVOLAZIONI PER LE AZIENDE Bando

Dettagli

Imprese artigiane, anche in forma cooperativa o consortile.

Imprese artigiane, anche in forma cooperativa o consortile. QUADRO SINOTTICO FINANZIAMENTI IMPRESE BANDI Oggetto Finanziamento Beneficiari Apertura Scadenza Stanziamento Importi finanziabili Legge n. 949/52 Bando INAIL 2014 - Contributo in c/interessi (64% del

Dettagli

La categoria delle microimprese, delle piccole imprese e delle medie imprese (complessivamente definita PMI) sono così definite:

La categoria delle microimprese, delle piccole imprese e delle medie imprese (complessivamente definita PMI) sono così definite: Direttive per la concessione e l erogazione delle agevolazioni alle imprese in attuazione del P.O. FESR 2007/2013, Obiettivo Operativo 5.1.3, linee di intervento 1, 2 e 5 PMI DI QUALITA PREMESSA L obiettivo

Dettagli

ALLEGATO A ELEMENTI ESSENZIALI PER L ATTUAZIONE DI PIANI, PROGRAMMI E ATTI NORMATIVI (decisione G.R. n.4/2014)

ALLEGATO A ELEMENTI ESSENZIALI PER L ATTUAZIONE DI PIANI, PROGRAMMI E ATTI NORMATIVI (decisione G.R. n.4/2014) ALLEGATO A ELEMENTI ESSENZIALI PER L ATTUAZIONE DI PIANI, PROGRAMMI E ATTI NORMATIVI (decisione G.R. n.4/2014) 1 A. DESCRIZIONE DELLE FINALITÀ DELL'INTERVENTO L intervento ha come obiettivo di agevolare

Dettagli

NEWS BANDI D INCENTIVO N. 3/2015 (contributi a fondo perduto e finanziamenti agevolati)

NEWS BANDI D INCENTIVO N. 3/2015 (contributi a fondo perduto e finanziamenti agevolati) NEWS BANDI D INCENTIVO N. 3/2015 (contributi a fondo perduto e finanziamenti agevolati) INDICE DEI BANDI APERTI - (bandi di nuova apertura o nuove modifiche) Bando n 4: Contributi per deposito di brevetti

Dettagli

Contributi, interventi, fondi e strumenti

Contributi, interventi, fondi e strumenti Contributi, interventi, fondi e strumenti Suggerimenti per ottenere agevolazioni per le Aziende dell Abruzzo, Sicilia Dopo un attenta ricerca, abbiamo individuato per le imprese la possibilità di accesso

Dettagli

FONDO DI ROTAZIONE PER IL SETTORE PRIMARIO Sez. A Imprese Agroalimentari Legge Regionale n. 40/2003

FONDO DI ROTAZIONE PER IL SETTORE PRIMARIO Sez. A Imprese Agroalimentari Legge Regionale n. 40/2003 FONDO DI ROTAZIONE PER IL SETTORE PRIMARIO Sez. A Imprese Agroalimentari Legge Regionale n. 40/2003 Disciplina di riferimento DGR 3714 del 2 dicembre 2008 (BUR n. 104 del 19 dicembre 2008) Soggetti finanziabili

Dettagli

«CRITERI E MODALITÀ PER L APPLICAZIONE DELLA LEGGE»

«CRITERI E MODALITÀ PER L APPLICAZIONE DELLA LEGGE» LEGGE PROVINCIALE 13 DICEMBRE 1999, N. 6 «Interventi della Provincia autonoma di Trento per il sostegno dell economia e della nuova imprenditorialità. Disciplina dei patti territoriali in modifica della

Dettagli

Progetto Giovanisì Avvio e consolidamento di impresa nella Regione Toscana Sezione Commercio, Turismo, attività terziarie

Progetto Giovanisì Avvio e consolidamento di impresa nella Regione Toscana Sezione Commercio, Turismo, attività terziarie Progetto Giovanisì Avvio e consolidamento di impresa nella Regione Toscana Sezione Commercio, Turismo, attività terziarie Presentazione dell agevolazione Il presente documento illustrativo ha natura meramente

Dettagli

Regione Puglia Assessorato Sviluppo Economico POR PUGLIA 2007-2013. Regolamento generale dei regimi di aiuto in esenzione

Regione Puglia Assessorato Sviluppo Economico POR PUGLIA 2007-2013. Regolamento generale dei regimi di aiuto in esenzione Regione Puglia Assessorato Sviluppo Economico POR PUGLIA 2007-2013 Regolamento generale dei regimi di aiuto in esenzione Giugno 2008 1 Titolo I Disposizioni Generali 2 Titolo I Disposizioni Generali Regimi

Dettagli

Spese ammissibili: spese per acquisto di macchinari, attrezzature, impianti, beni strumentali, hardware, software e tecnologie digitali

Spese ammissibili: spese per acquisto di macchinari, attrezzature, impianti, beni strumentali, hardware, software e tecnologie digitali Bando/Agevolazione: Beni strumentali ("Nuova Sabatini") Obiettivo: incrementare la competitività e migliorare l accesso al credito delle micro, piccole e medie imprese, attraverso l acquisto di nuovi macchinari,

Dettagli

I FINANZIAMENTI AGEVOLATI PER LE PMI VENETE

I FINANZIAMENTI AGEVOLATI PER LE PMI VENETE I FINANZIAMENTI AGEVOLATI PER LE PMI VENETE A cura di Leopoldo Noventa 1 Che cosa sono? I finanziamenti agevolati per le piccole e medie imprese operanti nella Regione Veneto sono finanziamenti erogati

Dettagli

POR 2014 2020 ASSE I SERVIZI INNOVATIVI

POR 2014 2020 ASSE I SERVIZI INNOVATIVI POR 2014 2020 ASSE I SERVIZI INNOVATIVI REGIONE TOSCANA - INCENTIVI ALLE PMI PER L ACQUISIZIONE DI SERVIZI INNOVATIVI BENEFICIARI PMI in forma singola o associata, aventi sede o unità locale destinataria

Dettagli

PIA AIUTI AI PROGRAMMI DI INVESTIMENTO DELLE PICCOLE IMPRESE

PIA AIUTI AI PROGRAMMI DI INVESTIMENTO DELLE PICCOLE IMPRESE PIA AIUTI AI PROGRAMMI DI INVESTIMENTO DELLE PICCOLE IMPRESE ATTIVITÀ AMMISSIBILI Attività manifatturiere (sezione C Classificazione ATECO 2007) Magazzinaggio e attività di supporto ai trasporti (codice

Dettagli

Fondo di Rotazione per il Polesine PMI Turistiche

Fondo di Rotazione per il Polesine PMI Turistiche Fondo di Rotazione per il Polesine PMI Turistiche (Ex Misura 5.2 Obiettivo 2 1997-1999) DGR n. 362 del 20 febbraio 2007 LR n. 33/2002 e DGR n. 3083/2003 Aree d'intervento Sono ammissibili gli interventi

Dettagli

CRITERI E MODALITÀ PER L APPLICAZIONE DELLA LEGGE

CRITERI E MODALITÀ PER L APPLICAZIONE DELLA LEGGE Legge provinciale 13 dicembre 1999, n. 6 legge provinciale sugli incentivi alle imprese CRITERI E MODALITÀ PER L APPLICAZIONE DELLA LEGGE "AIUTI ALLE IMPRESE PER SERVIZI DI CONSULENZA" Applicabili alle

Dettagli

Legge 215 (25 febbraio 1992)

Legge 215 (25 febbraio 1992) Legge 215 (25 febbraio 1992) Soggetti beneficiari: Imprese individuali, cooperative, società di persone e società di capitali aventi: a) dimensione di piccola impresa; b) gestione prevalentemente femminile:

Dettagli

La legge 598/94. Piano di Investimento per i Settori Costruzioni, Commercio e Servizi

La legge 598/94. Piano di Investimento per i Settori Costruzioni, Commercio e Servizi La legge 598/94 La legge 598/94 è rivolta alle micro, piccole e medie imprese, costituite anche in forma di società cooperativa, comprese le imprese artigiane limitatamente al settore D Manifatturiero,

Dettagli

Modalità Attuative Fondo Prestiti Rimborsabili

Modalità Attuative Fondo Prestiti Rimborsabili OBIETTIVO COMPETITIVITÀ REGIONALE E OCCUPAZIONE PROGRAMMA OPERATIVO 2007-2013 REGIONE LIGURIA Parte Competitività COFINANZIATO DAL F.E.S.R. - FONDO EUROPEO DI SVILUPPO REGIONALE ASSE 1 INNOVAZIONE E COMPETITIVITA

Dettagli

AGEVOLAZIONI PER IL SUBENTRO IN AGRICOLTURA DECRETO LEGISLATIVO N. 185/2000 TITOLI I CAPO III REGOLAMENTO ATTUATIVO

AGEVOLAZIONI PER IL SUBENTRO IN AGRICOLTURA DECRETO LEGISLATIVO N. 185/2000 TITOLI I CAPO III REGOLAMENTO ATTUATIVO AGEVOLAZIONI PER IL SUBENTRO IN AGRICOLTURA DECRETO LEGISLATIVO N. 185/2000 TITOLI I CAPO III REGOLAMENTO ATTUATIVO 1. OBIETTIVO DELLA MISURA Favorire la nuova imprenditorialità ed il ricambio generazionale

Dettagli

Conf@reti - Confartigianato crea reti d impresa Programma ERGON Eccellenze Regionali a supporto della Governance e dell Organizzazione dei Network di

Conf@reti - Confartigianato crea reti d impresa Programma ERGON Eccellenze Regionali a supporto della Governance e dell Organizzazione dei Network di Conf@reti - Confartigianato crea reti d impresa Programma ERGON Eccellenze Regionali a supporto della Governance e dell Organizzazione dei Network di imprese - Azione 2 Progetto realizzato da: Con il contributo

Dettagli

C.C.I.CA.A.DI VARESE - AGEVOLAZIONI A FAVORE DI PMI

C.C.I.CA.A.DI VARESE - AGEVOLAZIONI A FAVORE DI PMI C.C.I.CA.A.DI VARESE - AGEVOLAZIONI A FAVORE DI PMI INTERVENTI DI CREDITO AGEVOLATO PER I SETTORI ARTIGIANATO, COMMERCIO, INDUSTRIA Anno 2005 (di cui alla deliberazione della Giunta Camerale n. 14 del

Dettagli

20/10/2015 Esaurimento fondi

20/10/2015 Esaurimento fondi QUADRO SINOTTICO FINANZIAMENTI IMPRESE BANDI Oggetto Finanziamento Beneficiari Apertura Scadenza Stanziamento Importi finanziabili Bando Microcredito FSE 2015 Finanziamento Agevolato a tasso 0 max 25.000

Dettagli

ALLEGATO A ELEMENTI ESSENZIALI PER L ATTUAZIONE DI PIANI, PROGRAMMI E ATTI NORMATIVI (decisione G.R. n.4/2014)

ALLEGATO A ELEMENTI ESSENZIALI PER L ATTUAZIONE DI PIANI, PROGRAMMI E ATTI NORMATIVI (decisione G.R. n.4/2014) ALLEGATO A ELEMENTI ESSENZIALI PER L ATTUAZIONE DI PIANI, PROGRAMMI E ATTI NORMATIVI (decisione G.R. n.4/2014) 1 A. DESCRIZIONE DELLE FINALITÀ DELL'INTERVENTO L intervento ha come obiettivo di agevolare

Dettagli

FINANZIAMENTI AGEVOLATI REGIONE LOMBARDIA

FINANZIAMENTI AGEVOLATI REGIONE LOMBARDIA FINANZIAMENTI AGEVOLATI REGIONE LOMBARDIA LINEE D INTERVENTO: 1. SVILUPPO AZIENDALE; 2. INNOVAZIONE DI PRODOTTO E DI PROCESSO; 3. APPLICAZIONE INDUSTRIALE DI RISULTATI DELLA RICERCA; 4. CRESCITA DIMENSIONALE

Dettagli

La Legge 949/52 LE SPESE AMMISSIBILI. Investimenti agevolabili in conto interessi

La Legge 949/52 LE SPESE AMMISSIBILI. Investimenti agevolabili in conto interessi La Legge 949/52 La Legge 949/52 è rivolta alle imprese artigiane (anche in forma cooperativa e consortile) ed alle c.d. microimprese, ovvero secondo la definizione del MAP per come recepita dal Regolamento

Dettagli

Collaborare Innovare Crescere. Avviso pubblico per il sostegno

Collaborare Innovare Crescere. Avviso pubblico per il sostegno 1 Collaborare Innovare Crescere Avviso pubblico per il sostegno alle aggregazioni di Impresa Obiettivi del Bando 2 Incentivare tra le imprese del Lazio la condivisione di conoscenze, la razionalizzazione

Dettagli

SOSTEGNO ALL INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE IMPRESE

SOSTEGNO ALL INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE IMPRESE SOSTEGNO ALL INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE IMPRESE Sede di Roma: Via Tagliamento, 76 00198 Roma tel 06.45428748-0645428749- 064542 fax 06.8555176 CIRCOLARE N. 2/2010 INSERIMENTO SUI MERCATI ESTERI PER LA

Dettagli

«CRITERI E MODALITÀ PER L APPLICAZIONE DELLA LEGGE»

«CRITERI E MODALITÀ PER L APPLICAZIONE DELLA LEGGE» LEGGE PROVINCIALE 13 DICEMBRE 1999, N. 6 «Interventi della Provincia autonoma di Trento per il sostegno dell economia e della nuova imprenditorialità. Disciplina dei patti territoriali in modifica della

Dettagli

CRITERI E MODALITÀ PER L APPLICAZIONE DELLA LEGGE

CRITERI E MODALITÀ PER L APPLICAZIONE DELLA LEGGE Legge provinciale 13 dicembre 1999, n. 6 legge provinciale sugli incentivi alle imprese CRITERI E MODALITÀ PER L APPLICAZIONE DELLA LEGGE "AIUTI ALLE IMPRESE PER SERVIZI DI CONSULENZA" Applicabili alle

Dettagli

8. Aiuti concessi a imprese in difficoltà.

8. Aiuti concessi a imprese in difficoltà. Fondo di Rotazione BANDO PER LA CONCESSIONE DI FINANZIAMENTI AGEVOLATI A SOSTEGNO DELLE P.M.I. DELLA PROVINCIA DI FERRARA Docup Obiettivo 2 1997/1999 misura 2.1 1. premessa SIPRO Agenzia Provinciale per

Dettagli

NEWS BANDI D INCENTIVO N. 4/2015 (contributi a fondo perduto e finanziamenti agevolati)

NEWS BANDI D INCENTIVO N. 4/2015 (contributi a fondo perduto e finanziamenti agevolati) NEWS BANDI D INCENTIVO N. 4/2015 (contributi a fondo perduto e finanziamenti agevolati) INDICE DEI BANDI APERTI - (bandi di nuova apertura o nuove modifiche) Bando n 4: Contributi per deposito di brevetti

Dettagli

CONVEGNO GLI ATTUALI FINANZIAMENTI AGEVOLATI ALLE IMPRESE, CON PARTICOLARE RIFERIMENTO AI BREVETTI E AI MARCHI CONNESSI

CONVEGNO GLI ATTUALI FINANZIAMENTI AGEVOLATI ALLE IMPRESE, CON PARTICOLARE RIFERIMENTO AI BREVETTI E AI MARCHI CONNESSI CONVEGNO GLI ATTUALI FINANZIAMENTI AGEVOLATI ALLE IMPRESE, CON PARTICOLARE RIFERIMENTO AI BREVETTI E AI MARCHI CONNESSI Bergamo, 8 Novembre 2011 CONVEGNO FRIM LINEA D INTERVENTO N 8 START UP D IMPRESA

Dettagli

Titolo III Aiuti alle Medie Imprese e ai Consorzi di PMI per i Programmi Integrati di Investimento PIA Turismo

Titolo III Aiuti alle Medie Imprese e ai Consorzi di PMI per i Programmi Integrati di Investimento PIA Turismo Regolamento 30 Dicembre 2009 n. 36 della Regione Puglia dei Regimi di Aiuto in esenzione per le imprese turistiche Titolo III Aiuti alle Medie Imprese e ai Consorzi di PMI per i Programmi Integrati di

Dettagli

Nuovo Regime di Aiuto per le Imprese Artigiane della Regione Campania II Bando. Titolo I INVESTIMENTI PER LO SVILUPPO E L'INNOVAZIONE

Nuovo Regime di Aiuto per le Imprese Artigiane della Regione Campania II Bando. Titolo I INVESTIMENTI PER LO SVILUPPO E L'INNOVAZIONE UNIONE EUROPEA DOMANDA DI AMMISSIONE ALLE AGEVOLAZIONI Nuovo Regime di Aiuto per le Imprese Artigiane della Regione Campania II Bando Titolo I INVESTIMENTI PER LO SVILUPPO E L'INNOVAZIONE RISERVATO AL

Dettagli

Reggio Emilia, 15 ottobre 2008. Andrea Pappacena Servizio Politiche Industriali

Reggio Emilia, 15 ottobre 2008. Andrea Pappacena Servizio Politiche Industriali MODALITA E CRITERI PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI A SOSTEGNO DI PROGETTI INNOVATIVI NEL CAMPO DELLE TECNOLOGIE ENERGETICO-AMBIENTALI VOLTI AL RISPARMIO ENERGETICO E ALL UTILIZZO DELLE FONTI RINNOVABILI

Dettagli

CCIAA MILANO AGEVOLACREDITO 2013 Intervento 1 - PROGRAMMI DI INVESTIMENTO

CCIAA MILANO AGEVOLACREDITO 2013 Intervento 1 - PROGRAMMI DI INVESTIMENTO CCIAA MILANO AGEVOLACREDITO 2013 Intervento 1 - PROGRAMMI DI INVESTIMENTO BENEFICIARI PMI 1, anche artigiane, operanti in tutti i settori a cui è applicabile la disciplina de minimis 2, aventi sede legaleiscritta

Dettagli

P.O.R. F.E.S.R. 2014-2020 SOSTEGNO AGLI INVESTIMENTI PER L EFFICIENZA ENERGETICA E L UTILIZZO DELLE FONTI DI ENERGIA RINNOVABILE

P.O.R. F.E.S.R. 2014-2020 SOSTEGNO AGLI INVESTIMENTI PER L EFFICIENZA ENERGETICA E L UTILIZZO DELLE FONTI DI ENERGIA RINNOVABILE P.O.R. F.E.S.R. 2014-2020 SOSTEGNO AGLI INVESTIMENTI PER L EFFICIENZA ENERGETICA E L UTILIZZO DELLE FONTI DI ENERGIA RINNOVABILE SOGGETTI DESTINATARI Le grandi, piccole e medie imprese ubicate nella Regione

Dettagli

MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO

MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO INVESTIMENTI INNOVATIVI: FINANZIAMENTO AGEVOLATO E CONTRIBUTO A FONDO PERDUTO PER LE PICCOLE, MEDIE E GRANDI IMPRESE DELLE REGIONI CONVERGENZA BENEFICIARI Le agevolazioni,

Dettagli

FONDO DI GARANZIA - Legge 662/96 RISERVA PON OPERAZIONE DI GARANZIA DIRETTA RICHIESTA DI AMMISSIONE A CONFERMA DELLA PRENOTAZIONE

FONDO DI GARANZIA - Legge 662/96 RISERVA PON OPERAZIONE DI GARANZIA DIRETTA RICHIESTA DI AMMISSIONE A CONFERMA DELLA PRENOTAZIONE Allegato 20a Modulo conferma garanzia diretta PON - Pagina 1 di 10 FONDO DI GARANZIA - Legge 662/96 RISERVA PON OPERAZIONE DI GARANZIA DIRETTA RICHIESTA DI AMMISSIONE A CONFERMA DELLA PRENOTAZIONE Data:

Dettagli

Fondo Strutturale: Fondo Europeo di Sviluppo Regionale 2007 2013 (POR FESR 2007/2013) Programma Operativo Regionale: Regione Piemonte (POR FESR

Fondo Strutturale: Fondo Europeo di Sviluppo Regionale 2007 2013 (POR FESR 2007/2013) Programma Operativo Regionale: Regione Piemonte (POR FESR Fondo Strutturale: Fondo Europeo di Sviluppo Regionale 2007 2013 (POR FESR 2007/2013) Programma Operativo Regionale: Regione Piemonte (POR FESR 2007/2013) Obiettivo: Competitività ed Occupazione Titolo

Dettagli

Provincia Autonoma di Trento

Provincia Autonoma di Trento 56167 Deliberazioni - Parte 1 - Anno 2009 Provincia Autonoma di Trento DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA PROVINCIALE del 30 ottobre 2009, n. 2616 Legge provinciale 13 dicembre 1999, n. 6 («legge provinciale sugli

Dettagli

SCHEDA TECNICA. Concessione alle imprese artigiane di contributi in conto interessi ai sensi dell articolo 40, comma 1, lettera d) della L. r.

SCHEDA TECNICA. Concessione alle imprese artigiane di contributi in conto interessi ai sensi dell articolo 40, comma 1, lettera d) della L. r. Studio Biagi STUDIO ATTIVO IN TUTTA ITALIA Consulenza e assistenza tecnica sulle agevolazioni i finanziamenti e i programmi comunitari, nazionali, regionali e l internazionalizzazione delle imprese SCHEDA

Dettagli

Disciplina di riferimento

Disciplina di riferimento AGEVOLAZIONI IN FAVORE DELLE PMI DEL SETTORE COMMERCIO EX LR 1/1999, DEL SETTORE SECONDARIO E TERZIARIO EX LR 5/2001 E DEL SETTORE ARTIGIANO EX LR 2/2002 Disciplina di riferimento DGR n. 2216 del 3 dicembre

Dettagli

Disciplina di riferimento

Disciplina di riferimento AGEVOLAZIONI IN FAVORE DELLE PMI DEL SETTORE COMMERCIO EX LR 1/1999, DEL SETTORE SECONDARIO E TERZIARIO EX LR 5/2001 E DEL SETTORE ARTIGIANO EX LR 2/2002 Disciplina di riferimento DGR n. 2216 del 3 dicembre

Dettagli

REGIONE TOSCANA POR FESR 2007-2013

REGIONE TOSCANA POR FESR 2007-2013 Allegato A REGIONE TOSCANA POR FESR 2007-2013 STRUMENTI DI INGEGNERIA FINANZIARIA FONDO DI INGEGNERIA FINANZIARIA: FONDO UNICO ROTATIVO per PRESTITI POR CReO FESR 2007-2013 ( FURP ) Linea di intervento

Dettagli

La cooperazione che fa cooperazione. Il petrolio verde che fa economia. 2 ottobre 2010 Cuneo, Sala San Giovanni

La cooperazione che fa cooperazione. Il petrolio verde che fa economia. 2 ottobre 2010 Cuneo, Sala San Giovanni La cooperazione che fa cooperazione. Il petrolio verde che fa economia 2 ottobre 2010 Cuneo, Sala San Giovanni Data ultimo aggiornamento: 11 ottobre 2010 Progetto di filiera e realtà coinvolte 2 Sommario

Dettagli

Allegato A Moduli per la presentazione della domanda

Allegato A Moduli per la presentazione della domanda UNIONE EUROPEA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE LIGURIA OBIETTIVO COMPETITIVITÀ REGIONALE E OCCUPAZIONE PROGRAMMA OPERATIVO 2007-2013 Parte Competitività COFINANZIATO DAL F.E.S.R. - FONDO EUROPEO DI SVILUPPO

Dettagli

Riepilogo interventi finanziari a favore dell PMI

Riepilogo interventi finanziari a favore dell PMI Riepilogo interventi finanziari a favore dell PMI Possibilità 1.CREDITO ADESSO 2014 2. SABATINI BIS 3.REGIONE LOMBARDIA - FONDO FRIM 4.BANDO PER L INNOVAZIONE DEL TERZIARIO 5. LOMBARDIA CONCRETA 6. BANDO

Dettagli

COSA TROVI IN QUESTA SCHEDA

COSA TROVI IN QUESTA SCHEDA Microcredito d Impresa della Regione Puglia - Microimprese operative - Scheda informativa sul nuovo strumento di ingegneria finanziaria della Regione Puglia COSA TROVI IN QUESTA SCHEDA Questa scheda contiene

Dettagli

LINEA R&S PER AGGREGAZIONI

LINEA R&S PER AGGREGAZIONI NEWSLETTER n. 1 FEBBRAIO 2016 Pubblichiamo un estratto delle ultime notizie relative alle opportunità offerte da bandi e finanza agevolata. CHIARI SERVIZI Srl è a Vostra disposizione per fornire l idonea

Dettagli

FONDO GARANZIA PER LE PMI DELLA CAMERA DI COMMERCIO DI CAGLIARI

FONDO GARANZIA PER LE PMI DELLA CAMERA DI COMMERCIO DI CAGLIARI FONDO GARANZIA PER LE PMI DELLA CAMERA DI COMMERCIO DI CAGLIARI Il Fondo di Garanzia è stato istituito dalla Camera di Commercio con apposito Regolamento, approvato con deliberazione del Consiglio camerale

Dettagli

Rinnovabile al n. 3/2008 de L Informatore. Nell Asse 2 sono finanziati, ad esempio,

Rinnovabile al n. 3/2008 de L Informatore. Nell Asse 2 sono finanziati, ad esempio, PIEMONTE, EMILIA-ROMAGNA E LAZIO Cosa riservano i Psr alle agroenergie Nel tentativo di semplificare e chiarire la grande mole di materiale contenuto nei Psr, vengono qui prese in esame le Misure specifiche

Dettagli