Corso di Studio in Lingue e Culture Straniere Classe: L11

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Corso di Studio in Lingue e Culture Straniere Classe: L11"

Transcript

1 Area di Lettere e Filosofia Corso di Studio in Lingue e Culture Straniere Classe: L11 Guida per gli studenti iscritti al III anno nel (immatricolati nell A.A ) 1

2 CORSO DI LAUREA IN LINGUE E CULTURE STRANIERE Classe L11 Il CdS in Lingue e culture straniere permette di acquisire: a) conoscenza avanzata di due lingue straniere tra quelle il cui insegnamento è attivato presso il CdS. La competenza relativa alle due lingue comprenderà le quattro abilità scritto-orali attive e passive. L approfondimento di discipline quali le linguistiche, la teoria e pratica della traduzione e lo studio in eventuali altri settori specifici a scelta dello studente consentiranno di fondare su solide basi le conoscenze acquisite; b) conoscenze e competenze adeguate riguardanti la lettura, la traduzione e l analisi critica di testi in lingua straniera; la produzione scritta di buon livello; l argomentazione orale. Tali competenze saranno ulteriormente sviluppate anche con l ausilio di strumenti informatici e materiali multimediali, nonché di laboratori specifici; c) autonomia di giudizio che sarà sviluppata, con particolare attenzione alle dinamiche transculturali, attraverso la riflessione approfondita sulle letterature e culture relative alle due lingue straniere prescelte, e attraverso il perfezionamento delle conoscenze nel campo della lingua e letteratura italiana, con l obiettivo di affinare la capacità di raccogliere e interpretare dati negli ambiti culturali prescelti, in funzione della produzione di testi scritti; d) abilità comunicative di buon livello, che consentano di relazionarsi con interlocutori specialisti e non specialisti, al fine di trasmettere informazioni, esprimere idee, porre o risolvere problemi e offrire soluzioni; e) capacità di apprendimento autonome, che consentano di intraprendere eventuali studi successivi (Master di primo livello e Laurea magistrale). Gli sbocchi occupazionali e/o professionali previsti direttamente per i laureati nel corso di Laurea in Lingue e Culture Straniere sono: - servizi culturali presso istituti di cultura, istituti di ricerca, organismi locali, nazionali e internazionali quali rappresentanze consolari e diplomatiche; - collaborazioni di carattere culturale a attività nel settore delle relazioni con l estero; - editoria; - imprese e attività commerciali nel settore delle relazioni con l estero; - turismo culturale; - intermediazione culturale in ambito europeo ed extra-europeo; - attività di traduzione in settori pubblici e privati o free-lance (in particolare per i laureati del curriculum Lingue e Traduzione Interculturale) - insegnamento in strutture private. I laureati del Corso di Laurea in Lingue e Culture Straniere avranno la possibilità di accedere ad una Laurea Magistrale, secondo le disposizioni dei regolamenti ministeriali e delle singole facoltà, o ad un Master di primo livello secondo le normative dell Ateneo che lo organizza. Le attività obbligatorie del corso di Laurea sono finalizzate alla preparazione per l accesso a Lauree Magistrali nella classe LM-37 (Lingue e letterature moderne europee e americane). Le attività a libera scelta possono permettere allo studente di migliorare la sua preparazione per l accesso a questa Laurea, o di prepararsi per l accesso a Lauree Magistrali di altre classi. 2

3 Il corso prepara alla professione di: - Revisori di testi ( ) - Insegnanti di lingue ( ) - Corrispondenti in lingue estere e professioni assimilate ( ) - Organizzatori di fiere, esposizioni ed eventi culturali ( ) - Annunciatori della radio e della televisione ( ) - Presentatori di performance artistiche e ricreative ( ) Struttura e articolazione del percorso formativo Il CdS è strutturato in due curricula, di cui si presentano qui di seguito i rispettivi obiettivi formativi. Il curriculum in Lingue e culture moderne e contemporanee (LCMC) conferisce una solida formazione nelle lingue, letterature e culture straniere, orientata in particolare al raggiungimento di un avanzata competenza nello studio critico delle civiltà moderne nelle loro diverse espressioni in area europea e americana, con gli strumenti e le metodologie dell analisi letteraria e storica. Il curriculum consente di raggiungere i risultati previsti grazie al numero elevato di crediti da conseguire nei settori letterario, filologico, culturale e linguistico. Il curriculum in Lingue e traduzione interculturale (LTI) conferisce una solida formazione nelle lingue, letterature e culture straniere, orientata in particolare al raggiungimento di un avanzata competenza nelle lingue dell area europea e americana e nello studio dei fenomeni transculturali con gli strumenti e le metodologie dell analisi linguistica e filologica e della traduzione. Il curriculum consente di raggiungere i risultati previsti grazie al numero elevato di crediti da conseguire nei settori delle lingue e traduzioni, delle linguistiche e filologie, delle letterature. Il CdS non prevede propedeuticità tra i vari insegnamenti all interno dello stesso anno di corso. Le propedeuticità si hanno, però, per la successione delle annualità nel medesimo insegnamento, sia per quanto riguarda le lingue sia per quanto riguarda le letterature (una seconda o una terza annualità non può essere sostenuta prima della precedente). Per quanto riguarda gli insegnamenti linguistici, l esame di lingua del settore scientificodisciplinare Lingua e traduzione, relativamente ad ogni annualità, è costituito da una parte teorica (lezioni frontali svolte dai docenti titolari dell insegnamento) e da una parte pratica (svolta con gli esperti linguistici e comprendente attività che mirano a sviluppare le quattro abilità di comprensione e produzione, scritta e orale, ai vari livelli) che si integrano vicendevolmente. L attività svolta con gli esperti madrelingua ha, per entrambi i curricula, durata annuale, e si conclude con una prova di verifica delle competenze e l acquisizione, previo superamento della prova stessa, del livello previsto per le varie annualità (B1, B2, C1). Il superamento di detta prova è propedeutico alla definizione finale dell esame e non dà diritto all acquisizione di CFU autonomi. 3

4 Insegnamenti obbligatori Lo studente dovrà scegliere la Filologia attinente a una delle due lingue triennali scelte. La scelta delle due letterature è legata alla scelta delle due lingue triennali. Gli studenti che hanno indicato come lingua lo spagnolo possono scegliere l insegnamento di Lingua e letterature ispanoamericane in alternativa all insegnamento di Letteratura spagnola. Gli studenti che hanno indicato come lingua l inglese possono scegliere l insegnamento di Lingue e letterature angloamericane in alternativa all insegnamento di Letteratura inglese. Una volta effettuata la scelta, gli studenti dovranno portarla avanti negli anni successivi al primo (e nell eventuale percorso di laurea magistrale), salvo accordi presi tra i settori scientifico disciplinari coinvolti e indicati nei programmi di corso. CFU e ore di didattica frontale Come previsto all articolo 15 del Regolamento di Facoltà, ad ogni CFU corrispondono 6 ore di didattica frontale (lezione docente), eventualmente integrate da esercitazioni o ulteriori attività didattiche. Attività formative A scelta e Altre Lo studente può conseguire i CFU A scelta nell ambito di tutti gli insegnamenti offerti nell Ateneo nelle lauree triennali, fermo restando che non può ripetere un insegnamento per il quale abbia già acquisito crediti corrispondenti a identici obiettivi formativi. Lo studente può conseguire i 12 CFU A scelta previsti scegliendo 2 insegnamenti da 6 o più CFU ciascuno, oppure un unico insegnamento da 12 CFU. Gli studenti del curriculum LCMC non possono conseguire i CFU a scelta sostenendo ulteriori esami nella prima e seconda letteratura, in aggiunta a quelli obbligatori. L eventuale scelta di una terza letteratura o di una terza lingua - dovrà avvenire tra le offerte del CdS di appartenenza, anche se i CFU offerti dovessero risultare superiori a 6 o 12. Solo qualora il CdS di appartenenza non offra l opzione della letteratura o della lingua scelta dallo studente sarà possibile utilizzare l offerta di un altro CdS. Gli studenti del curriculum LTI non possono conseguire i CFU a scelta sostenendo ulteriori esami nella prima e seconda lingua, in aggiunta a quelli obbligatori. L eventuale scelta di una terza lingua o di una terza letteratura - dovrà avvenire tra le offerte del CdS di appartenenza, anche se i CFU offerti dovessero risultare superiori a 6 o 12. Solo qualora il CdS di appartenenza non offra l opzione della lingua o della letteratura scelta dallo studente sarà possibile utilizzare l offerta di un altro CdS. Nell ambito delle attività Altre, lo studente potrà conseguire i relativi CFU scegliendo fra le eventuali opzioni proposte nel suo curriculum. Numero complessivo di esami e idoneità Nel computo del numero delle prove, ai fini del rispetto del numero massimo di prove stabilito dalle normative ministeriali, vengono considerate tutte le prove relative ad attività formative di base, caratterizzanti, affini, integrative e a libera scelta dello studente. 4

5 Ciascuna attività di base, caratterizzante, affine o integrativa e a libera scelta dello studente si conclude con un esame con voto in trentesimi. Curriculum Lingue e Culture Moderne e Contemporanee: Esami: (in base all accorpamento o al non accorpamento dei 12 CFU A scelta) Idoneità: 2 Curriculum Lingue e Traduzione Interculturale Esami: (in base all accorpamento o al non accorpamento dei 12 CFU A scelta, indipendentemente dal fatto che i CFU a scelta siano ripartiti su due annualità nel percorso formativo) Idoneità: 2 All inizio di ogni anno accademico il CdS, in conformità con quanto indicato dal Consiglio di Facoltà, pubblica il calendario recante l indicazione dei periodi destinati allo svolgimento delle attività didattiche e di quelli destinati allo svolgimento delle prove d esame; è esclusa la sovrapposizione tra attività didattiche e prove d esame. L organizzazione delle attività didattiche frontali deve garantire di norma - la possibilità di frequenza a tutte le attività formative - offerte dal Cds - previste in ciascun anno di corso. Il calendario degli esami di profitto assicura che le date di esame degli insegnamenti offerti dal CdS e dello stesso anno di corso non si sovrappongano. Per ogni percorso di insegnamento sono previsti esami in ciascuna delle sessioni. Le prove d esame si svolgono in tre sessioni (invernale, estiva, autunnale) i cui periodi vengono decisi dal Consiglio di Facoltà secondo le procedure previste dal Regolamento dei CdS e della Facoltà. Tipologia delle prove d esame La verifica del profitto si potrà svolgere secondo modalità differenziate e con prove scritte e/o orali in base alla tipologia didattica utilizzata nella realizzazione del modulo. In ogni caso, alla verifica del profitto provvederà una commissione composta da almeno due membri, tra i quali il docente titolare del modulo. L esito dell esame, espresso in trentesimi, viene attestato dal verbale, che deve comunque essere firmato dal presidente della commissione, dal secondo membro, e dallo studente esaminato. Con tale adempimento si sancisce il risultato ed il regolare svolgimento dell esame. 5

6 ARTICOLAZIONE DEL PERCORSO FORMATIVO Curriculum: Lingue e Culture Moderne e Contemporanee I ANNO ATTIVITA' FORMATIVE AMBITO DISCIPLINARE SSD INSEGNAMENTO CFU CFU AMBITO N. PROVE BASE Linguistica, semiotica e didattica delle lingue Letteratura italiana e letterature comparate Lingue e traduzioni L-LIN/01 L-FIL- LET/10 L-FIL- LET/14 L-LIN/04 L-LIN/07 L-LIN/09 L-LIN/12 L-LIN/14 L-LIN/21 Linguistica generale Letteratura italiana per LCS Teorie della letteratura francese I spagnola I portoghese e brasiliana I inglese I tedesca I russa I (9+9) 2 CARATTERIZZANTI L-LIN/03 L-LIN/05 Letteratura francese I Letteratura spagnola I 36 Letterature straniere L-LIN/06 L-LIN/08 L-LIN/10 Lingua e letterature ispanoamericane I Letterature portoghese e brasiliana I Letteratura inglese I 18 (9+9) 2 L-LIN/11 Lingue e letterature angloamericane I L-LIN/13 Letteratura tedesca I L-LIN/21 Letteratura russa I A scelta dello studente (art.10, comma 5, lettera a) TOTALE 60 6

7 Curriculum: Lingue e Culture Moderne e Contemporanee II ANNO ATTIVITA' FORMATIVE BASE CARATTERIZZANTI AMBITO DISCIPLINARE Linguistica,semiotica e didattica delle lingue Lingue e traduzioni Letterature straniere Discipline filologiche (Filologie attinente a una delle due lingue) SSD INSEGNAMENTO CFU L-LIN/01 L-FIL- LET/12 Linguistica generale Sociolinguistica 6 Linguistica italiana contemporanea per LCS M-STO/01 Storia medievale M-STO/02 Storia moderna (primo modulo) M-STO/04 SPS/05 SPS/05 L-LIN/04 L-LIN/07 L-LIN/09 L-LIN/12 L-LIN/14 L-LIN/21 L-LIN/03 L-LIN/05 L-LIN/06 L-LIN/08 L-LIN/10 L-LIN/11 L-LIN/13 Discipline storiche, geografiche e socioantropologiche L-LIN/21 L-FIL- LET/09 L-FIL- LET/15 L-LIN/21 Storia contemporanea Storia e istituzioni nordamericane Storia dell'america Latina (primo modulo) francese II LCMC spagnola II LCMC portoghese e brasiliana II LCMC inglese II LCMC tedesca II LCMC russa II LCMC Letteratura francese II LCMC Letteratura spagnola II LCMC Lingua e letterature ispanoamericane II LCMC Letterature portoghese e brasiliana II LCMC Letteratura inglese II LCMC Lingue e letterature angloamericane II LCMC Letteratura tedesca II LCMC Letteratura russa II LCMC Filologia e linguistica romanza Filologia germanica Filologia slava CFU AMBI TO 12 N. PROV E (9+9) 24 (12+12) TOTALE

8 Curriculum: Lingue e Culture Moderne e Contemporanee III ANNO ATTIVITA' FORMATIVE AMBITO DISCIPLINARE SSD INSEGNAMENTO CFU CFU AMBITO N. PROVE CARTATTERIZZA NTI Letterature straniere L-LIN/03 L-LIN/05 L-LIN/06 L-LIN/08 L-LIN/10 Letteratura francese III LCMC Letteratura spagnola III LCMC Lingua e letterature ispanoamericane III LCMC Letterature portoghese e brasiliana III LCMC Letteratura inglese III LCMC 24 (12+12) 24 2 L-LIN/11 Lingue e letterature angloamericane III LCMC L-LIN/13 Letteratura tedesca III LCMC L-LIN/21 Letteratura russa III LCMC AFFINI E INTEGRATIVE Lingue e traduzioni L-LIN/04 L-LIN/07 L-LIN/09 L-LIN/12 L-LIN/14 L-LIN/21 Lingua e Traduzione lingua francese III LCMC spagnola III LCMC portoghese e brasiliana III LCMC inglese III LCMC tedesca III LCMC russa III LCMC 18 (9+9) 18 2 Ulteriori attività formative Tirocinio Laboratorio redazione testi 6 Per la prova finale e la lingua straniera (art.10, comma 5, lettera c) 6 1 TOTALE 60 8

9 Curriculum: Lingue e Traduzione Interculturale I ANNO ATTIVITA' FORMATIVE BASE CARATTERIZZANTI AMBITO DISCIPLINARE Linguistica, semiotica e didattica delle lingue Letteratura italiana e letterature comparate Lingue e traduzioni Letterature straniere SSD INSEGNAMENTO CFU L-FIL- LET/12 L-LIN/01 L-FIL- LET/10 Linguistica italiana contemporanea per LCS Linguistica generale Letteratura italiana per LCS CFU N. AMBITO PROVE 24 4 M-STO/01 Storia medievale M-STO/02 Storia moderna (primo modulo) M-STO/04 Storia contemporanea SPS/05 Storia e istituzioni nordamericane 6 SPS/05 Storia dell'america Latina (primo modulo) L-LIN/04 francese I L-LIN/07 spagnola I L-LIN/09 portoghese e brasiliana I 18 (9+9) 2 L-LIN/12 inglese I L-LIN/14 tedesca I L-LIN/21 russa I L-LIN/03 Letteratura francese I 36 L-LIN/05 Letteratura spagnola I L-LIN/06 Lingua e letterature ispanoamericane I L-LIN/08 Letterature portoghese e brasiliana I 18 (9+9) 2 L-LIN/10 Letteratura inglese I L-LIN/11 Lingue e letterature angloamericane I L-LIN/13 Letteratura tedesca I L-LIN/21 Letteratura russa I TOTALE 60 9

10 Curriculum: Lingue e Traduzione Interculturale II ANNO ATTIVITA' FORMATIVE AMBITO DISCIPLINARE SSD INSEGNAMENTO CFU CFU AMBITO N. PROVE CARATTERIZZANTI Discipline filologiche (Filologie attinente a una delle due lingue) Lingue e traduzioni L-FIL- LET/09 L-FIL- LET/15 L-LIN/21 L-LIN/04 L-LIN/07 L-LIN/09 L-LIN/12 L-LIN/14 L-LIN/21 Filologia e linguistica romanza Filologia germanica Filologia slava francese II LTI spagnola II LTI portoghese e brasiliana II LTI inglese II LTI tedesca II LTI russa II LTI (12+12) 24 2 L-LIN/03 Letteratura francese II LTI AFFINI E INTEGRATIVE Letterature straniere L-LIN/05 L-LIN/06 L-LIN/08 L-LIN/10 L-LIN/11 Letteratura spagnola II LTI Lingua e letterature ispanoamericane II LTI Letterature portoghese e brasiliana II LTI Letteratura inglese II LTI Lingue e letterature angloamericane II LTI 18 (9+9) 18 2 L-LIN/13 Letteratura tedesca II LTI A scelta dello studente (art.10, comma 5, lettera a) L-LIN/21 Letteratura russa II LTI Altre Ulteriori attività formative Tirocinio TOTALE 60 10

11 Curriculum: Lingue e Traduzione Interculturale III ANNO ATTIVITA' FORMATIVE AMBITO DISCIPLINARE SSD INSEGNAMENTO CFU CFU AMBITO N. PROVE CARATTERIZZANTI Lingue e traduzioni Letterature straniere L-LIN/04 L-LIN/07 L-LIN/09 L-LIN/12 L-LIN/14 L-LIN/21 L-LIN/03 L-LIN/05 L-LIN/06 L-LIN/08 L-LIN/10 L-LIN/11 L-LIN/13 L-LIN/21 Lingua e Traduzione lingua francese III LTI Lingua e traduzione lingua spagnola III LTI Lingua e traduzione lingua portoghese e brasiliana III LTI Lingua e traduzione lingua inglese III LTI Lingua e traduzione lingua tedesca III LTI Lingua e traduzione lingua russa III LTI Letteratura francese III LTI Letteratura spagnola III LTI Lingua e letterature ispanoamericane III LTI Letterature portoghese e brasiliana III LTI Letteratura inglese III LTI Lingue e letterature angloamericane III LTI Letteratura tedesca III LTI Letteratura russa III LTI 24 (12+12) (9+9) 2 2 A scelta dello studente (art.10, comma 5, lettera a) Altre Ulteriori attività formative Laboratorio redazione testi Per la prova finale e la lingua straniera (art.10, comma 5, lettera c) TOTALE 60 11

12 PROGRAMMI DEL TERZO ANNO Lingue e Culture Moderne e Contemporanee (LCMC) LINGUA E TRADUZIONE-LINGUA FRANCESE - S.S.D.: L-LIN/04 Docente: Luca Pietromarchi Insegnamento: Lingua e traduzione lingua francese III LCMC CFU: 9 Codice attività: Teoria della traduzione e Storia della lingua francese Il corso si divide in due parti. La prima toccherà i seguenti argomenti: la traduzione cibliste, la traduzione sourcière, la teoria della traduzione secondo Antoine Berman. La seconda parte del corso è invece dedicata a tracciare la storia della genesi e della formazione della lingua francese, con un percorso che va dal medioevo al Seicento, al fine di mettere in evidenza le diverse genesi dell italiano e del francese, elemento imprescindibile per una consapevole pratica traduttiva dal francese all italiano. : A. Berman, La traduction et la lettre, Paris, Seuil, 1999, pp ; P. Ricoeur, Sur la traduction, Paris, Bayard, 2004, pp. 7-69; Teorie contemporanee della traduzione (a cura di S. Nergaard), Milano, Bompiani, 1995 (i capitoli che verranno indicati durante le lezioni); Nadeau-Barlow, Le Français, quelle histoire!, Paris, Livre de poche, 2006, pp ; G.L. Beccaria, Mia lingua italiana, Torino, Einaudi, Misure per studenti stranieri Gli studenti stranieri potranno chiedere una bibliografia sostitutiva interamente in francese. Note Il corso verrà svolto in francese. 12

13 LINGUA E TRADUZIONE-LINGUA SPAGNOLA - S.S.D.: L-LIN/07 Docente: Simone Trecca Insegnamento: Lingua e traduzione lingua spagnola III LCMC CFU: 9 Codice attività: Il corso si articola in due moduli: - Cenni di storia della lingua spagnola - Lo spagnolo oggi: registri, stili, varietà (le parti in programma saranno indicate dal docente): - F. Liberatori, L. Garzillo, El español de los orígenes al siglo XXI, Kappa; - M. Carrera Díaz, Grammatica spagnola, Laterza; - altri saggi teorici o critici di riferimento saranno forniti dal docente Misure per studenti stranieri Gli studenti stranieri potranno svolgere l intero esame in spagnolo. Note Si consiglia agli studenti di prenotare in libreria i libri indicati alla voce Testi (nelle edizioni consigliate) prima dell inizio del corso, in modo da poterli avere a disposizione per seguire le lezioni. Agli studenti non frequentanti è fatto obbligo di prendere contatto con il docente almeno due mesi prima della data in cui prevedono di sostenere l esame. Tutti gli studenti sono invitati a controllare il sito del docente (http://lingueletteratureculturestraniere.uniroma3.it/docente/strecca), dove troveranno notizie aggiornate relative alle lezioni e ai programmi d esame, e ad eventuali materiali didattici di supporto. 13

14 LINGUA E TRADUZIONE - LINGUE PORTOGHESE E BRASILIANA - S.S.D.: L- LIN/09 Docente: Massimo Pinna Insegnamento: Lingua e traduzione lingue portoghese e brasiliana III LCMC CFU: 9 Codice attività: O objetivo principal do curso é desenvolver as habilidades dos alunos, sobretudo a compreensão, mas também a produção - nos dois casos, escritas e orais -, fazendo com que as competências, conhecimentos teóricos e capacidade de usar a LBR, sejam cada vez mais completas. O espírito do curso é baseado no pressuposto que os encontros entre os alunos e o docente se atuem num laboratório vivo de experimentação - o espaço-tempo das aulas - com a participação de todos. A proposta é de, a partir das letras de MPB (Música Popular Brasileira), fazer uma análise linguística e cultural o quanto mais ampla possível, para aprender, de um lado, os aspectos contrastivos entre a LPT (Língua Portuguesa) e LBR (Língua Brasileira), assimilar a fonética, aproveitar o léxico, sobretudo no que concerne as palavras indígenas, africanas, etc., e do outro, se enveredar pela cultura viva brasileira, tentando ressaltar todos os aspectos peculiares do Brasil, dos mais populares até os mais cultos. Vale a pena lembrar que a riqueza da produção de textos de MPB permitirá abranger um campo vasto, tanto do ponto de vista puramente linguístico como semântico. De forma geral, será feita uma introdução sobre a MPB e seus protagonistas. Material didático 1) Umberto Eco, Dire (quasi) la stessa cosa, Introdução (qualquer edição); 2) Umberto Eco, Il pendolo di Foucault, do capítulo 23 ao 34, (qualquer edição); 3) Massimo Pinna, Traduttori traditori (xerox) 4) Textos de MPB Os textos estão à disposição dos alunos na loja Copyando, na pasta relativa à disciplina. Mais material didático e indicações bibliográficas serão informados durante as aulas Textos sugeridos Ataliba Teixeira de Castilho, Nova gramática do português brasileiro, editora Contexto, 2010 (collocazione LLS/56 F 0234) Prestito escluso Celso Cunha, Luis F. Lindley Cintra, Breve gramática do português contemporâneo, Sá da Costa, Lisboa, (Sala Joris Coppetti LLS/ARM. 92 a - IIIb F 1) Prestito escluso 14

15 Dicionários: Aurélio Buarque de Holanda Ferreira, Novo dicionário Aurélio da língua portuguesa, Positivo, Curitiba, (LLS/X PORT A 12) Solo consultazione LINGUA E TRADUZIONE LINGUA INGLESE S.S.D. - L-LIN/12 Docente: Barbara Antonucci Insegnamento: Lingua e traduzione lingua inglese III LCMC CFU: 9 Codice attività: Gli obiettivi del modulo sono quelli di fornire allo studente gli strumenti critici e analitici necessari a una corretta lettura e interpretazione del testo letterario affinando, in tal modo, anche le proprie competenze traduttive attraverso l esercizio su testi postcoloniali e/o testi che presentano delle varietà linguistiche specifiche (i cosiddetti englishes). Dal punto di vista teorico, durante il corso verranno approfonditi concetti chiave affrontati nell anno precedente riflettendo in maniera più approfondita sui concetti di domestication e foreignization (applicati alla traduzione letteraria) e verranno introdotti alcuni concetti di base legati alle teorie sulla letteratura postcoloniale. Dal punto di vista più strettamente linguistico, il corso rivolgerà un attenzione particolare al tema della variazione diatopica come atto di affermazione della propria alterità. P. Faini, Tradurre. Manuale teorico e pratico, Carocci, Roma, Altro materiale didattico sarà disponibile, in forma di dispensa, nella copisteria vicino l università. Misure per studenti stranieri È richiesta un ottima conoscenza della lingua italiana. Note Il programma dettagliato di tutti gli argomenti affrontati verrà pubblicato sul sito internet del docente. 15

16 LINGUA E TRADUZIONE-LINGUA RUSSA S.S.D. - L-LIN/21 Docente: Valentina Benigni Insegnamento: Lingua e traduzione lingua russa III LCMC CFU: 9 Codice attività: Il lessico della lingua russa: la formazione delle parole (derivati e composti). Introduzione alla fraseologia: collocazioni ed espressioni idiomatiche. Note di grammatica storica. Selezione di argomenti grammaticali di particolare complessità (participi e gerundi) 1) F. Fici Giusti, L. Gebert, S.Signorini, La lingua russa, La Nuova Italia Scientifica, Roma 1991 (pp ); 2) L. Kasatkin, L. Krysin, V. Zhivov, Il russo, a cura di N. Marcialis e A. Parenti; La Nuova Italia Editrice, Firenze 1995 (parti scelte); Ulteriore materiale didattico verrà fornito durante le lezioni. Misure per studenti stranieri Per gli studenti russofoni è prevista la lettura di: N.S. Valgina, Sovremennyj russkij jazyk: Sintaksis, Vysšaja škola, Moskva in sostituzione del testo (3) del precedente elenco. Note Si consiglia una frequenza assidua e una partecipazione attiva alle lezioni. Gli studenti non frequentanti sono invitati a mettersi in contatto col docente. LINGUA E TRADUZIONE LINGUA TEDESCA S.S.D.- L-LIN/14 Docente: Giovanni Sampaolo Insegnamento: Lingua e traduzione lingua tedesca III LCMC CFU: 9 Codice attività: Il modulo, affiancato dalle esercitazioni del lettorato per il raggiungimento dei livelli linguistici B2 avanzato/c1, introduce alla linguistica testuale facendone per un approccio alla traduzione metodologicamente fondato. Lezioni teoriche si alterneranno a esercitazioni di traduzione letteraria verso l italiano in cui si affronteranno diverse varietà testuali. Sarà ulteriormente approfondita la Diskurslinguistik ispirata a M. Foucault e 16

17 applicata alla lingua letteraria tedesca tra il Settecento e il primo Ottocento attraverso l analisi di una gamma di esempi rappresentativi di diversi generi testuali. M. Foschi Albert, Il profilo stilistico del testo, Plus Pisa University Press, Pisa 2009; Dispensa Linguistica testuale e traduzione ; Dispensa Discorsi e media del Settecento. La letteratura francese del XIX secolo LETTERATURA FRANCESE - S.S.D.: L-LIN/03 Docente: Luigi Magno Insegnamento: Letteratura Francese III LCMC CFU: 12 (6 CFU Magno + 6 CFU Donatelli) Codice attività: Parte generale: - Bertini et alii, Beaubourg. Auteurs, textes, genres de la littérature française. Le XIX siècle, Einaudi scuola, (qualsiasi edizione recente). - Luca Pietromarchi (a cura di), La poesia francese , Roma-Bari, Laterza, 2012, pp Testi: - Flaubert, Madame Bovary (qualsiasi edizione integrale in francese); - Baudelaire, I Fiori del Male e tutte le poesie, a cura di Massimo Colesanti, Roma, Newton Compton, (qualsiasi edizione recente). - Rimbaud, Œuvres complètes, présentation par Jean-Luc Steinmetz, Paris, Flammarion, Due romanzi a scelta tra i seguenti (qualsiasi edizione integrale in francese): Balzac, Le Père Goriot. Stendhal, Le Rouge et le noir. Zola, Germinal. Testi critici: - Travail de Flaubert, Paris, Seuil, Jean Starobinski, La mélancolie au miroir, Paris, Julliard, Georges Poulet, La poésie éclatée, Paris, PUF, Ulteriori indicazioni saranno fornite dai docenti durante il corso. Gli studenti non frequentanti integreranno il programma con le seguenti letture: - Anna Maria Scaiola (a cura di), Il romanzo francese dell Ottocento, Laterza,

18 - Massimo Blanco, Leggere Baudelaire, Roma, Carocci, Luca Pietromarchi, Commento, in Charles Baudelaire, I Fiori del male, Venezia, Marsilio, 2008, pp Laurent Zimmermann, Rimbaud ou la dispersion, Nantes, Editions Cécile Defaut, Note Le comunicazioni via al docente vanno ridotte allo stretto indispensabile: per domande, colloqui e comunicazioni, si invita ad avvalersi del ricevimento studenti. LETTERATURA SPAGNOLA- S.S.D.: L-LIN/05 Docente: Giuseppe Grilli Insegnamento: Letteratura spagnola III LCMC CFU: 12 Codice attività: Il corso si propone di introdurre gli studenti alla cultura e alla letteratura spagnole del Novecento e dei primi anni Duemila, attraverso una lettura critica dei testi indicati. 1) TESTI: Juan Ramón Jiménez, Diario de un poeta recién casado (qualsiasi edizione spagnola) Rafael Alberti, Retornos de lo vivo lejano (qualsiasi edizione spagnola) Federico García Lorca, Poeta en Nueva York (qualsiasi edizione spagnola) Eugeni d Ors, Sijé, Barcelona, ed. Planeta Carles Riba, Elegías de Bierville, ed. Visor Pío Baroja, El laberinto de las sirenas, ed. Tusquets Ramón Gómez de la Serna, La mujer de ámbar (qualsiasi edizione spagnola) Max Aub, San Juan, ed. Renacimiento Camilo José Cela, Viaje a la Alcarria (qualsiasi edizione spagnola) Ángel Vázquez Molina, La vida perra de Juanita Narboni (qualsiasi edizione spagnola) Manuel Vázquez Montalbán, Galíndez (qualsiasi edizione spagnola) Juan Marsé, El embrujo de Shangai (qualsiasi edizione spagnola) 2) CRITICA E METODOLOGIA: Josep Maria Castellet, La hora del lector, ed. Península Pere Gimferrer, I rari, ed. Aracne; Mario Praz, Penisola pentagonale, ed. EDT. Note Si consiglia agli studenti di prenotare in libreria i libri indicati alla voce Testi (nelle edizioni consigliate) prima dell inizio del corso, in modo da poterli avere a disposizione per seguire le lezioni. 18

19 Agli studenti non frequentanti è fatto obbligo di prendere contatto con i docenti almeno due mesi prima della data in cui prevedono di sostenere l esame. Tutti gli studenti sono invitati a controllare il sito del docente LINGUA E LETTERATURE ISPANOAMERICANE - S.S.D.: L-LIN/06 Docente: Camilla Cattarulla + Docente da definire (sarà reso noto nel II semestre) Insegnamento: Lingua e letterature ispanoamericane III LCMC CFU: 12 Codice attività: La contrapposizione civiltà/barbarie è alla base del canone delle letterature ispanoamericane ed è strettamente legata alla definizione dell identità nazionale. Il modulo ne esplorerà le ragioni ideologiche e culturali nell ambito della letteratura ottocentesca e novecentesca con particolare attenzione alle frontiere culturali. C. Aira, Un episodio en la vida del pintor viajero, Barcelona, Era, 2000; J. M. Arguedas, Festa di sangue, Torino, Einaudi, 1988; J. L. Borges, Historia del guerrero y la cautiva, in El Aleph, Madrid, Alianza, 2004; E. Echeverría, El matadero/il Mattatoio, Roma, Portaparole, 2010 oppure L. Lugones, Racconti fatali, Roma, Nova Delphi Libri, D. F. Sarmiento, Facundo, Madrid, Cátedra, 1999 (capp. I-II); E. Perassi, L. Scarabelli (a cura di), Itinerari di cultura ispanoamericana, Novara, UTET-De Agostini, 2011 (capp. 5, 9, 11, 21). Note Gli studenti non frequentanti dovranno prendere contatto con i docenti all inizio delle lezioni. 19

20 LETTERATURE PORTOGHESE E BRASILIANA - S.S.D.: L-LIN/08 Docente: Giorgio de Marchis Insegnamento: Letterature portoghese e brasiliana III LCMC CFU: 12 Codice attività: Il corso è articolato in tre moduli. Il primo sarà un introduzione alla storia della letteratura portoghese e brasiliana del XIX e del XX secolo. Il secondo modulo si concentrerà sulla letteratura angolana. Infine, il terzo modulo sarà incentrato su Mário de Sá-Carneiro e il Modernismo portoghese. Modulo A (3 cfu) G. Lanciani (a cura di), Il Novecento in Portogallo, Roma, Universitalia, 2014; V. Tocco, Breve storia della letteratura portoghese, Roma Carocci, 2011 (XIX secolo). Modulo B (6 cfu) Modulo B1 - A poesia de Agostinho Neto (3 cfu) A. Neto, Trilogia poética: Sagrada Esperança, Renúncia Impossível e Amanhecer. Luanda, UEA, A. BARRADAS, Uma vida sem tréguas (1922/1979), Lisboa, edição do autor, M. E. NETO e I. NETO, Agostinho Neto e a libertação de Angola ( ) Arquivos da PIDE-DGS. Volume I ( ), Lisboa, FAAN, Modulo B.2 - A literatura angolana contemporânea (3 cfu) C. ERVEDOSA, Roteiro da literatura angolana, Luanda, P. LARANJEIRA, Literaturas africanas de expressão portuguesa, Coimbra, Universidade Aberta, A. QUINO, António (org.). Balada dos homens que sonham, Lisboa, Clube do Autor, 2012 (tr. it. La Ballata dei sognatori, Roma, La Nuova Frontiera, 2014) F. SOARES, Notícia da Literatura angolana, Lisboa, Casa da moeda, Modulo C (3 cfu) F. Cabral Martins, O Modernismo em Mário de Sá-Carneiro, Lisboa, Estampa, 1997; M. de Sá-Carneiro, Correspondência com Fernando Pessoa, Lisboa, Relógio d Água, 2003 M. de Sá-Carneiro, Obra completa, Rio de Janeiro, Nova Aguilar, 1995 (Princípio e Céu em Fogo); Note Indicazioni bibliografiche e ulteriori materiali didattici saranno forniti agli studenti nel corso delle lezioni. 20

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica);

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica); DIPARTIMENTO DI LINGUE, LETTERATURE E CULTURE STRANIERE Corso di laurea triennale in LINGUE E CULTURE STRANIERE Classe L 11/Classe dellee lauree in Lingue e culture moderne Guida breve per l orientamento

Dettagli

MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia

MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia Master of Arts MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia 1. Descrizione generale del programma Il conseguimento del titolo di «Master of Arts in Lingue

Dettagli

hoòigioò UNIVERSITA DEGLI STUDI DELL INSUBRIA Dipartimento di Diritto Economia e Culture - Como

hoòigioò UNIVERSITA DEGLI STUDI DELL INSUBRIA Dipartimento di Diritto Economia e Culture - Como hoòigioò UNIVERSITA DEGLI STUDI DELL INSUBRIA Dipartimento di Diritto Economia e Culture - Como Corso di Laurea in Scienze della Mediazione Interlinguistica e Interculturale Classe L-12 Mediazione Linguistica

Dettagli

MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica

MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica Master of Arts MA Lingua e Letteratura Italiane 120 crediti Programma di studi Avanzati: materia unica 1. Descrizione generale del programma Il conseguimento del titolo di «Master of Arts in Lingue e Letterature:

Dettagli

ORDINE DEGLI STUDI A.A. 2012 2013 A CURA DELLA PRESIDENZA E DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE DI FACOLTA

ORDINE DEGLI STUDI A.A. 2012 2013 A CURA DELLA PRESIDENZA E DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE DI FACOLTA ORDINE DEGLI STUDI A.A. 2012 2013 A CURA DELLA PRESIDENZA E DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE DI FACOLTA Pag 2 INDICE Parte Prima 1. MANIFESTO DEGLI STUDI PER GLI IMMATRICOLATI A.A. 2012-2013 1.1 Laurea Magistrale

Dettagli

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016

MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 MANAGEMENT DEI BENI E DELLE ATTIVITÀ CULTURALI LIVELLO II - EDIZIONE IX A.A. 2015-2016 Presentazione L'Università Ca' Foscari Venezia e l'escp Europe hanno ideato il Doppio Master universitario in Management

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA ELETTRICA Second level degree in electrical engineering ( MODIFICATO IL 29 giugno 2009) Classe 31/S Politecnico di Bari I A Facoltà

Dettagli

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI Requisiti di valutazione per un percorso di Ateneo finalizzato all accreditamento in qualità dei Corsi di Studio:

Dettagli

Note di compilazione della Scheda SUA 2014-15

Note di compilazione della Scheda SUA 2014-15 Presidio di Qualità Note di compilazione della Scheda SUA 2014-15 Introduzione Al fine di uniformare e facilitare la compilazione delle schede SUA-CdS, il Presidio ha ritenuto utile pubblicare queste note

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA. Titolo I Norme comuni

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA. Titolo I Norme comuni REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA Titolo I Norme comuni Art. 1 Oggetto e finalità del Regolamento 1. Il presente regolamento disciplina il conferimento

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

Università degli Studi di Roma Tor Vergata

Università degli Studi di Roma Tor Vergata Università degli Studi di Roma Tor Vergata DIPARTIMENTO DI ECONOMIA E FINANZA MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ECONOMIA DELLA CULTURA: POLITICHE, GOVERNO E GESTIONE modalità didattica mista presenza/distanza

Dettagli

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA

IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA IL CURRICOLO D ITALIANO COME LINGUA STARNIERA INDICE INTRODUZIONE scuola media obiettivo generale linee di fondo : mete educative e mete specifiche le abilità da sviluppare durante le sei sessioni alcune

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DI ATENEO AI SENSI DEL D.M. 270/04

REGOLAMENTO DIDATTICO DI ATENEO AI SENSI DEL D.M. 270/04 REGOLAMENTO DIDATTICO DI ATENEO AI SENSI DEL D.M. 270/04 1 Indice Art. 1 - Definizioni...4 Art. 2 - Autonomia Didattica... 5 Art. 3 - Titoli, Corsi di studio e Corsi di Alta Formazione.... 5 Art. 4 - Rilascio

Dettagli

Istituto di Alta Formazione Musicale - Conservatorio Niccolò Paganini - Genova DIPARTIMENTO DI NUOVE TECNOLOGIE E LINGUAGGI MUSICALI SCUOLA DI JAZZ

Istituto di Alta Formazione Musicale - Conservatorio Niccolò Paganini - Genova DIPARTIMENTO DI NUOVE TECNOLOGIE E LINGUAGGI MUSICALI SCUOLA DI JAZZ Istituto di Alta Formazione Musicale - Conservatorio Niccolò Paganini - Genova DIPARTIMENTO DI NUOVE TECNOLOGIE E LINGUAGGI MUSICALI SCUOLA DI JAZZ DCPL07 - CORSO DI DIPLOMA ACCADEMICO DI PRIMO LIVELLO

Dettagli

SUA CDL - CORSI GIA ATTIVI

SUA CDL - CORSI GIA ATTIVI SUA CDL - CORSI GIA ATTIVI La Scheda Unica Annuale (SUA) è lo strumento di programmazione dei Corsi di Laurea e attraverso il quale l ANVUR farà le proprie valutazioni sull accreditamento (iniziale e periodico)

Dettagli

Prove di ingresso ai corsi di Laurea Magistrale (AREA DIDATTICA E PROMOZIONE DELLA LINGUA ITALIANA) A.A. 2014-2015

Prove di ingresso ai corsi di Laurea Magistrale (AREA DIDATTICA E PROMOZIONE DELLA LINGUA ITALIANA) A.A. 2014-2015 Prove di ingresso ai corsi di Laurea Magistrale (AREA DIDATTICA E PROMOZIONE DELLA LINGUA ITALIANA) A.A. 2014-2015 Ai sensi del D.M. n. 270/2004 gli studenti che intendono iscriversi ad un corso di laurea

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

Parere in ordine all attivazione per l a.a. 2010/2011 dei corsi di studio istituiti ex DM 270/2004

Parere in ordine all attivazione per l a.a. 2010/2011 dei corsi di studio istituiti ex DM 270/2004 Parere in ordine all attivazione per l a.a. 2010/2011 dei corsi di studio istituiti ex DM 270/2004 - MAGGIO 2010 - DOC 05/10 Il NdV ha esaminato le caratteristiche dei corsi di studio istituiti sulla base

Dettagli

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master Il Rettore Decreto Rep. n 1339 Prot. n 13549 Data 29.04.2014 Titolo III Classe V UOR SOFPL VISTO lo Statuto del Politecnico di Milano; VISTO il D.M. 3.11.1999, n.509; VISTO Il D.M. 22.10.2004, n. 270;

Dettagli

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master Il Rettore Decreto Rep. n 2185 Prot. n 25890 Data 30.06.2014 Titolo III Classe V UOR SOFPL VISTO lo Statuto del Politecnico di Milano; VISTO il D.M. 3.11.1999, n.509; VISTO Il D.M. 22.10.2004, n. 270;

Dettagli

Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche

Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche Scheda Unica Annuale del Corso di Studio (SUA-CdS) Le informazioni relative agli elementi asteriscati non sono pubbliche I.a. Presentazione del Corso di Studio Denominazione del Corso di Studio Denominazione

Dettagli

«Questo matrimonio s ha da fare»

«Questo matrimonio s ha da fare» «Questo matrimonio s ha da fare» Italiano e matematica nella scuola del terzo millennio Convegno 25 giugno 2015 Teatro di Locarno e Dipartimento formazione e apprendimento Contro i luoghi comuni Simone

Dettagli

Facoltà di Scienze e Tecnologie Corso di laurea magistrale in Gestione dell ambiente naturale e delle aree protette

Facoltà di Scienze e Tecnologie Corso di laurea magistrale in Gestione dell ambiente naturale e delle aree protette Facoltà di Scienze e Tecnologie Corso di laurea magistrale in Gestione dell ambiente naturale e delle aree protette Sede: Dipartimento di Scienze Ambientali, sez. Botanica ed Ecologia - Via Pontoni, 5

Dettagli

BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO

BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO BIENNIO DI SECONDO LIVELLO IN DISCIPLINE MUSICALI MUSICA ELETTRONICA E TECNOLOGIE DEL SUONO Requisiti d'ammissione Dal Regolamento didattico del Conservatorio di Como Ex Art. 24: Ammissione ai corsi di

Dettagli

MANIFESTO DEGLI STUDI

MANIFESTO DEGLI STUDI UFFICIO ALTA FORMAZIONE ED ESAMI DI STATO MANIFESTO DEGLI STUDI MASTER DI II LIVELLO con modalità didattica multimediale, integrata e a distanza MANAGEMENT E DIRIGENZA NELLA SCUOLA (istituito ai sensi

Dettagli

FACOLTA DI ECONOMIA CALCOLO MEDIA DI LAUREA

FACOLTA DI ECONOMIA CALCOLO MEDIA DI LAUREA LAUREE QUADRIENNALI: FACOLTA DI ECONOMIA CALCOLO MEDIA DI LAUREA o ECONOMIA E COMMERCIO media aritmetica dei voti degli esami di profitto con esclusione dei voti delle Teologie e di quelli riguardanti

Dettagli

Regolamento per il riconoscimento di Crediti Formativi Accademici nei Corsi di Diploma accademico di primo e di secondo livello

Regolamento per il riconoscimento di Crediti Formativi Accademici nei Corsi di Diploma accademico di primo e di secondo livello Istituto Superiore di Studi Musicali "P. Mascagni" - Livorno Regolamento per il riconoscimento di Crediti Formativi Accademici nei Corsi di Diploma accademico di primo e di secondo livello Via Galilei

Dettagli

Regolamento per l attribuzione dei crediti formativi altre attività

Regolamento per l attribuzione dei crediti formativi altre attività UNIVERSITA DEGLI STUDI DI GENOVA Scuola Politecnica, Dipartimento di Scienze per l Architettura Regolamento per l attribuzione dei crediti formativi altre attività Corso di Laurea TRIENNALE IN DISEGNO

Dettagli

Corso di LAUREA IN CONSULENTE DEL LAVORO E SCIENZE DEI SERVIZI GIURIDICI (CLASSE L-14)

Corso di LAUREA IN CONSULENTE DEL LAVORO E SCIENZE DEI SERVIZI GIURIDICI (CLASSE L-14) Corso di LAUREA IN CONSULENTE DEL LAVORO E SCIENZE DEI SERVIZI GIURIDICI (CLASSE L-14) Curriculum in Consulente del lavoro PIANO DI STUDIO COORTE DI RIFERIMENTO A.A. 2014-2015 I anno II anno IUS 01 - Istituzioni

Dettagli

REGOLAMENTO SUI CULTORI DELLA MATERIA

REGOLAMENTO SUI CULTORI DELLA MATERIA Articolo 1 Ambito di applicazione REGOLAMENTO SUI CULTORI DELLA MATERIA 1. Il presente Regolamento disciplina le modalità di nomina dei Cultori della materia e le loro attività. Articolo 2 Funzioni 1.

Dettagli

TABELLA B A) TITOLI DI STUDIO D ACCESSO

TABELLA B A) TITOLI DI STUDIO D ACCESSO TABELLA B TABELLA DI VALUTAZIONE DEI TITOLI PER L INCLUSIONE NELLE GRADUATORIE DI CIRCOLO E DI ISTITUTO DI III FASCIA (ivi compreso l insegnamento di strumento musicale nella scuola media), VALIDE PER

Dettagli

MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE

MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE Master di I livello in MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE In Sigla Master 74 Anno Accademico 2009/2010 (1500 ore 60 CFU) TITOLO Management nelle organizzazioni sanitarie FINALITÀ Con la locuzione

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE D.R. n.1035/2015 Università degli Studi Internazionali di Roma - UNINT In collaborazione con CONFAPI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN ESPERTI IN INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE

Dettagli

CORSO DI LAUREA IN BENI ENOGASTRONOMICI D.M. n. 270/2004

CORSO DI LAUREA IN BENI ENOGASTRONOMICI D.M. n. 270/2004 CORSO DI LAUREA IN BENI ENOGASTRONOMICI D.M. n. 270/2004 REGOLAMENTO PER LO SVOLGIMENTO DEL TIROCINIO E DELL ESAME FINALE PER IL CONSEGUIMENTO DEL TITOLO DI STUDIO Art. 1 Ambito di applicazione Il presente

Dettagli

Citazioni bibliografiche: criteri e indicazioni. di Ilaria Moroni

Citazioni bibliografiche: criteri e indicazioni. di Ilaria Moroni : criteri e indicazioni di Ilaria Moroni Ultimo aggiornamento: giugno 2010 A) Sistema classico (autore-titolo) nel corpo del testo: es. frase citata da un libro ¹ [N nota in apice] in nota a piè di pag.:

Dettagli

MASTER IN PROJECT MANAGEMENT (VII EDIZIONE) A.A. 2010-2011

MASTER IN PROJECT MANAGEMENT (VII EDIZIONE) A.A. 2010-2011 Livello: I CFU: 60 MASTER IN PROJECT MANAGEMENT (VII EDIZIONE) A.A. 2010-2011 Direttore del corso: Comitato Scientifico: Cognome Nome Qualifica SSD Università/Facoltà/ Dipartimento Roveda Alberto Ric.

Dettagli

D. Altre attività formative Stage, attività esterne, tesine (con file già formattato), idoneità, etc. ELENCO DELLE DOMANDE (versione stampabile)

D. Altre attività formative Stage, attività esterne, tesine (con file già formattato), idoneità, etc. ELENCO DELLE DOMANDE (versione stampabile) D. Altre attività formative Stage, attività esterne, tesine (con file già formattato), idoneità, etc. ELENCO DELLE DOMANDE (versione stampabile) D1. COSA SONO LE ALTRE ATTIVITÀ FORMATIVE? D2. COME SI OTTENGONO

Dettagli

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria Adriana Volpato P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria 19 Dicembre 2011 STRUMENTO didattico educativo individua gli strumenti fa emergere il vero alunno solo con DIAGNOSI consegnata si redige

Dettagli

FAQ Domande più frequenti sugli esami di Stato per la professione di Dottore commercialista e di Esperto contabile

FAQ Domande più frequenti sugli esami di Stato per la professione di Dottore commercialista e di Esperto contabile FAQ Domande più frequenti sugli esami di Stato per la professione di Dottore commercialista e di Esperto contabile Quante volte l anno si svolgono gli esami di Stato? Sono previste due sessioni d esame

Dettagli

Metodi e strategie per la redazione di una tesi di dottorato in diritto comparto

Metodi e strategie per la redazione di una tesi di dottorato in diritto comparto Metodi e strategie per la redazione di una tesi di dottorato in diritto comparto Elena Sorda Con le note del Prof. G. Rolla Premessa Questo breve scritto nasce dall idea, espressa dal Prof. Rolla, di individuare

Dettagli

Formazione Su Misura

Formazione Su Misura Formazione Su Misura Contattateci per un incontro di presentazione inviando una mail a formazione@assoservizi.it o telefonando ai nostri uffici: Servizi alle Imprese 0258370-644.605 Chi siamo Assoservizi

Dettagli

CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI

CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI La mia casa ideale è vicino al mare. Ha un salotto grande e luminoso con molte poltrone comode e un divano grande e comodo.

Dettagli

Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione

Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione Delibera n.12/2013: Requisiti e procedimento per la nomina dei

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

STRUTTURA CONTENUTI E SCADENZE SCHEDA SUA CDS. Anno Accademico 2014/2015

STRUTTURA CONTENUTI E SCADENZE SCHEDA SUA CDS. Anno Accademico 2014/2015 STRUTTURA CONTENUTI E SCADENZE SCHEDA SUA CDS Anno Accademico 2014/2015 PERCHE LA SCHEDA SUA CDS? L Obiettivo della scheda SUA-CdS non è puramente compilativo; tale strumento vuole essere una guida ad

Dettagli

Classe e ordinamento del Corso di studio (es. classe L24 ordinamento 270/04 oppure classe 15 ordinamento 509/99)

Classe e ordinamento del Corso di studio (es. classe L24 ordinamento 270/04 oppure classe 15 ordinamento 509/99) Mod. 6322/triennale Marca da bollo da 16.00 euro Domanda di laurea Valida per la prova finale dei corsi di studio di primo livello Questo modulo va consegnato alla Segreteria amministrativa del Corso a

Dettagli

(annessa quale Allegato A al Regolamento adottato con D.M. 13 giugno 2007)

(annessa quale Allegato A al Regolamento adottato con D.M. 13 giugno 2007) TABELLA 1 (annessa quale Allegato A al Regolamento adottato con D.M. 13 giugno 2007) TABELLA DI VALUTAZIONE DEI TITOLI PER L INCLUSIONE NELLE GRADUATORIE DI CIRCOLO E DI ISTITUTO DI III FASCIA (ivi compreso

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI

MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO Anno Accademico 2014 2015 X Edizione MARKETING E ORGANIZZAZIONE DEGLI EVENTI In collaborazione con Federazione Relazioni Pubbliche Italiana DIRETTORE: Prof. Gennaro Iasevoli

Dettagli

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI

INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO PROGETTO DI INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI Classi Prime - Seconde - Terze Anno scolastico 2012-2013 SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO MASTRO GIORGIO

Dettagli

Bando di concorso Master di II Livello A.A. 2015/2016

Bando di concorso Master di II Livello A.A. 2015/2016 Bando di concorso Master di II Livello A.A. 2015/2016 Art. 1 - Attivazione Master di II livello L Istituto di MANAGEMENT ha attivato presso la Scuola Superiore Sant Anna di Pisa, ai sensi dell art. 3 dello

Dettagli

ALMA MATER STUDIORUM UNIVERSITÀ DI BOLOGNA

ALMA MATER STUDIORUM UNIVERSITÀ DI BOLOGNA Bando di concorso per l ammissione al Master universitario di I livello in International Management - MIEX Sede di Bologna codice: 8367 Anno Accademico 2014-2015 Scadenza bando: 14 luglio 2014 ore 13,00

Dettagli

LA TESINA DI MATURITÀ

LA TESINA DI MATURITÀ Prof. Matteo Asti LA TESINA DI MATURITÀ INDICE 1. COS'È LA TESINA DI MATURITÀ 2. LE INDICAZIONI DI LEGGE 3. COME DEVE ESSERE LA TESINA 4. LA PRESENTAZIONE DELLA TESINA 5. GLI ARGOMENTI DELLA TESINA 6.

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Art. 1 - Finalità e ambito di applicazione Il presente Regolamento, emanato ai sensi della legge 9 maggio 1989, n. 168, disciplina, in armonia con i principi generali stabiliti dalla Carta Europea dei

Dettagli

Programma Erasmus+/Erasmus - Adempimenti per la mobilità studenti per studio e traineeship Bando A.A. 2015/2016

Programma Erasmus+/Erasmus - Adempimenti per la mobilità studenti per studio e traineeship Bando A.A. 2015/2016 Programma Erasmus+/Erasmus - Adempimenti per la mobilità studenti per studio e traineeship Bando A.A. 2015/2016 1. Presentazione della domanda La domanda deve essere compilata e presentata esclusivamente

Dettagli

Articolazione didattica on-line

Articolazione didattica on-line L organizzazione della didattica per lo studente L impegno di tempo che lo studente deve dedicare alle attività didattiche offerte per ogni singolo insegnamento è così ripartito: - l auto-apprendimento

Dettagli

Torino, 03 Gennaio 1963 Cod. Fisc. DLPLRA63A43L219E

Torino, 03 Gennaio 1963 Cod. Fisc. DLPLRA63A43L219E Curriculum Vitae Informazioni personali Cognome Nome DELPIANO Laura Indirizzo Via Torino n. 112 int. 2 10036 SETTIMO TORINESE Telefono 011.898.26.34 Mobile: 333.10.60.176 Fax 011.898.26.34 E-mail laura.delpiano@cespi-centrostudi.it

Dettagli

FAQ MASTER & CORSI DI PERFEZIONAMENTO

FAQ MASTER & CORSI DI PERFEZIONAMENTO FAQ MASTER & CORSI DI PERFEZIONAMENTO 1. Qual è la differenza tra Master di primo livello e Master di secondo livello? 2. Ai fini dell ammissione al Master, cosa bisogna fare se si possiede un titolo di

Dettagli

DELF DALF ESAMI 2014-2015 IL FRANCESE UNA LINGUA VICINA PER ARRIVARE LONTANO. www.testecertificazioni.it ITALIA

DELF DALF ESAMI 2014-2015 IL FRANCESE UNA LINGUA VICINA PER ARRIVARE LONTANO. www.testecertificazioni.it ITALIA DELF DALF Le certificazioni ufficii della lingua francese ESAMI 2014-2015 IL FRANCESE UNA LINGUA VICINA PER ARRIVARE LONTANO www.testecertificazioni.it IL FRANCESE UNA LINGUA VICINA PER ARRIVARE LONTANO

Dettagli

Test d ingresso per i curricula in lingua inglese Coloro che intendono iscriversi ai curricula in lingua inglese Economics of Financial and Insurance

Test d ingresso per i curricula in lingua inglese Coloro che intendono iscriversi ai curricula in lingua inglese Economics of Financial and Insurance Note e istruzioni per i test di ingresso ai Corsi di Studio del Dipartimento di Scienze Economiche, Aziendali, Matematiche e Statistiche (DEAMS) a.a. 2013/2014 Gli insegnamenti relativi ai Corsi di Laurea

Dettagli

ISTRUZIONE SUPERIORE Qualifications Framework for the European Higher Education Area

ISTRUZIONE SUPERIORE Qualifications Framework for the European Higher Education Area Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento per l università, l alta formazione artistica, musicale e coreutica e per la ricerca ISTRUZIONE SUPERIORE Qualifications Framework

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA FORMATIVE DELLA SCUOLA SUPERIORE SANT ANNA

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA FORMATIVE DELLA SCUOLA SUPERIORE SANT ANNA REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA FORMATIVE DELLA SCUOLA SUPERIORE SANT ANNA Emanato con D.R. n. 306 del 17/07/2012 Integrato con D.R. n. 65 12/02/2014. DISPOSIZIONI PRELIMINARI Articolo 1 (Oggetto) 1. Il presente

Dettagli

Catalogo dei titoli italiani in vista del Quadro dei titoli italiani - QTI

Catalogo dei titoli italiani in vista del Quadro dei titoli italiani - QTI Catalogo dei titoli italiani in vista del Quadro dei titoli italiani - QTI CIMEA di Luca Lantero Settembre 2008 1 Cicli Titoli di studio EHEA 1 2 3 Istruzione superiore universitaria Laurea Laurea Magistrale

Dettagli

ALLEGATO 2 A) TITOLI ABILITANTI DI ACCESSO ALLA GRADUATORIA

ALLEGATO 2 A) TITOLI ABILITANTI DI ACCESSO ALLA GRADUATORIA ALLEGATO 2 TABELLA DI VALUTAZIONE DEI TITOLI DELLA TERZA FASCIA DELLE GRADUATORIE AD ESAURIMENTO DEL PERSONALE DOCENTE ED EDUCATIVO DELLE SCUOLE ED ISTITUTI DI OGNI ORDINE E GRADO, APPROVATA CON D.M 27

Dettagli

Master Universitario di I livello

Master Universitario di I livello Master Universitario di I livello In Obiettivi e sbocchi professionali: Il nostro obiettivo è quello di fornire ai partecipanti, gli strumenti adatti per gestire con efficacia progetti nel settore delle

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA REGOLAMENTO 16 luglio 2014, n. 6 Regolamento per la formazione continua IL CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE nella seduta del 16 luglio 2014 visto l art. 11 della legge 31 dicembre 2012, n. 247, rubricato Formazione

Dettagli

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO

Presentazioni multimediali relative al senso del tatto DIMENSIONI LIVELLO INIZIALE LIVELLO INTERMEDIO LIVELLO AVANZATO PERCORSO DI INSEGNAMENTO/APPRENDIMENTO TIPO DI UdP: SEMPLICE (monodisciplinare) ARTICOLATO (pluridisciplinare) Progetto didattico N. 1 Titolo : Let s investigate the world with our touch! Durata: Annuale

Dettagli

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015

MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 MEA MASTER IN MANAGEMENT DELL ENERGIA E DELL AMBIENTE II LIVELLO XIII edizione A.A. 2014/2015 Il Master MEA Management dell Energia e dell Ambiente è organizzato dall Università degli Studi Guglielmo Marconi

Dettagli

Supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale n. 24 del 31 gennaio 2011 - Serie generale DELLA REPUBBLICA ITALIANA. Roma - Lunedì, 31 gennaio 2011

Supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale n. 24 del 31 gennaio 2011 - Serie generale DELLA REPUBBLICA ITALIANA. Roma - Lunedì, 31 gennaio 2011 Supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale n. 24 del 31 gennaio 2011 - Serie generale Spediz. abb. post. 45% - art. - 1, art. comma 2, comma 1 20/b Legge 27-02-2004, 23-12-1996, n. n. 46-662 Filiale

Dettagli

BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI

BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI LA FONDAZIONE ISTITUTO TECNICO SUPERIORE PER L EFFICIENZA ENERGETICA

Dettagli

Area Didattica e Servizi agli Studenti Ufficio Convenzioni, Innovazione e Qualità della Didattica. Il Rettore

Area Didattica e Servizi agli Studenti Ufficio Convenzioni, Innovazione e Qualità della Didattica. Il Rettore Area Didattica e Servizi agli Studenti Ufficio Convenzioni, Innovazione e Qualità della Didattica Il Rettore Decreto n. 122549 (1147) Anno _2012 VISTO l art. 3, comma 9, del D.M. 22 ottobre 2004, n. 270

Dettagli

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Nazionalità 23, VIA GIOVANNI PAOLO II, 23861, CESANA BRIANZA, LC ITALIANA Data di nascita 09/02/1979

Dettagli

Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa

Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa Nota dell ASLI sull insegnamento dell italiano nella scuola secondaria di secondo grado Premessa L insegnamento della lingua materna nella scuola secondaria superiore si dimostra particolarmente importante

Dettagli

Quante sono le matricole?

Quante sono le matricole? Matricole fuori corso laureati i numeri dell Universita Quante sono le matricole? Sono poco più di 307 mila i giovani che nell'anno accademico 2007/08 si sono iscritti per la prima volta all università,

Dettagli

Intervista a Gabriela Stellutti, studentessa di italiano presso la Facoltà di Lettere dell Università di São Paulo (FFLCH USP).

Intervista a Gabriela Stellutti, studentessa di italiano presso la Facoltà di Lettere dell Università di São Paulo (FFLCH USP). In questa lezione abbiamo ricevuto Gabriella Stellutti che ci ha parlato delle difficoltà di uno studente brasiliano che studia l italiano in Brasile. Vi consiglio di seguire l intervista senza le didascalie

Dettagli

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA

ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA ITALIANO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE AL TERMINE DELLA SCUOLA PRIMARIA L allievo partecipa a scambi comunicativi (conversazione, discussione di classe o di gruppo) con compagni e insegnanti

Dettagli

Obiettivi formativi qualificanti della classe: L-20 Scienze della comunicazione

Obiettivi formativi qualificanti della classe: L-20 Scienze della comunicazione Università Classe Nome del corso Nome inglese Lingua in cui si tiene il corso Codice interno all'ateneo del corso 61 Il corso é Libera Università di lingue e comunicazione IULM-MI L-20 - Scienze della

Dettagli

PICCOLA GUIDA ALLE OPERE DELLA SALA CONSULTAZIONE

PICCOLA GUIDA ALLE OPERE DELLA SALA CONSULTAZIONE PICCOLA GUIDA ALLE OPERE DELLA SALA CONSULTAZIONE La Sala consultazione della Biblioteca Provinciale P. Albino è organizzata secondo il principio dell accesso diretto da parte dell utenza al materiale

Dettagli

Cos è il BULATS. Quali sono i livelli del BULATS?

Cos è il BULATS. Quali sono i livelli del BULATS? Cos è il BULATS Il Business Language Testing Service (BULATS) è ideato per valutare il livello delle competenze linguistiche dei candidati che hanno necessità di utilizzare un lingua straniera (Inglese,

Dettagli

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse Le ragioni della

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CAGLIARI DIREZIONE PER LA DIDATTICA E L ORIENTAMENTO

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CAGLIARI DIREZIONE PER LA DIDATTICA E L ORIENTAMENTO D.R. n. 1000 del 16.7.2013 Master di I Livello in MANAGEMENT DEI PRODOTTI E SERVIZI DELLA COMUNICAZIONE I L R E T T O R E VISTO lo Statuto dell'università degli Studi di Cagliari, emanato con D.R. n. 339

Dettagli

RIUNIONE DEL COMITATO DIDATTICO TRANSITORIO PER LA CLASSE DI TIROCINIO FORMATIVO ATTIVO A017 VERBALE DELLA SEDUTA

RIUNIONE DEL COMITATO DIDATTICO TRANSITORIO PER LA CLASSE DI TIROCINIO FORMATIVO ATTIVO A017 VERBALE DELLA SEDUTA Dipartimento di Studi Aziendali e Giusprivatistici RIUNIONE DEL COMITATO DIDATTICO TRANSITORIO PER LA CLASSE DI FORMATIVO ATTIVO A017 VERBALE DELLA SEDUTA Il giorno 23 del mese di aprile dell anno 2013,

Dettagli

MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT

MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT edizione 2015 Foto di Benedetta Pitscheider Se il tuo futuro è lo spettacolo, il tuo presente è il Master in Performing Arts Management in collaborazione con OSMOSI

Dettagli

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI

Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 2014/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Master Universitario di II livello in PROJECT MANAGEMENT: MANAGING COMPLEXITY a.a. 201/2015 MANIFESTO DEGLI STUDI Art. 1 - Attivazione e scopo del Master 1 E' attivato per l'a.a. 201/2015 presso l'università

Dettagli

Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it

Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it Master in 2013 10a edizione 18 febbraio 2013 MANAGEMENT internazionale Villa Favorita via Zuccarini 15 60131 Ancona tel. 071 2137011 fax 071 2901017 fax 071 2900953 informa@istao.it www.istao.it Durata

Dettagli

Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA

Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA Master in Management del Turismo 9a edizione ROMA Inizio master: 26 ottobre 2015 chiusura selezioni: 01 ottobre 2015 La SESEF è una scuola di management, socia ASFOR, con 12 anni di esperienza, che svolge

Dettagli

INDICAZIONI OPERATIVE ALLE COMMISSIONI DI ESPERTI DELLA VALUTAZIONE PER L ACCREDITAMENTO PERIODICO DELLE SEDI E DEI CORSI DI STUDIO

INDICAZIONI OPERATIVE ALLE COMMISSIONI DI ESPERTI DELLA VALUTAZIONE PER L ACCREDITAMENTO PERIODICO DELLE SEDI E DEI CORSI DI STUDIO INDICAZIONI OPERATIVE ALLE COMMISSIONI DI ESPERTI DELLA VALUTAZIONE PER L ACCREDITAMENTO PERIODICO DELLE SEDI E DEI CORSI DI STUDIO 1. Attività di valutazione delle Commissioni di Esperti della Valutazione

Dettagli

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili TITOLO I - PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto e ambito di applicazione Art. 2 Principi normativi Art. 3 Finalità Art. 4 Destinatari degli interventi

Dettagli

Il master è in collaborazione con

Il master è in collaborazione con Il Master in Turismo Sostenibile e Responsabile - Imprenditorialità e Management ideato dal Centro Studi CTS, giunto alla XII edizione, in collaborazione con Scuola di Comunicazione IULM e AITR - Associazione

Dettagli

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master

DECRETA. ART. 1 Caratteristiche del Master Il Rettore Decreto Rep. n 1115 Prot. n 8165 Data 23.04.2009 Titolo III Classe V UOR Post Laurea - Master VISTO lo Statuto del Politecnico di Milano; VISTO il D.M. 3.11.1999, n.509; VISTO Il D.M. 22.10.2004,

Dettagli

REGOLAMENTO PER GLI AFFIDAMENTI E I CONTRATTI PER ESIGENZE DIDATTICHE, ANCHE INTEGRATIVE, AI SENSI DELLA LEGGE 240/2010. Art. 1 Ambito di applicazione

REGOLAMENTO PER GLI AFFIDAMENTI E I CONTRATTI PER ESIGENZE DIDATTICHE, ANCHE INTEGRATIVE, AI SENSI DELLA LEGGE 240/2010. Art. 1 Ambito di applicazione REGOLAMENTO PER GLI AFFIDAMENTI E I CONTRATTI PER ESIGENZE DIDATTICHE, ANCHE INTEGRATIVE, AI SENSI DELLA LEGGE 240/2010 Art. 1 Ambito di applicazione L Università, in applicazione del D.M. 242/98 ed ai

Dettagli

Settore Sviluppo Socio Economico e Culturale Servizio Pubblica Istruzione Tel. 079679952 Fax 079679991

Settore Sviluppo Socio Economico e Culturale Servizio Pubblica Istruzione Tel. 079679952 Fax 079679991 C 1 I V I T A S E M P L I T Settore Sviluppo Socio Economico e Culturale Servizio Pubblica Istruzione Tel. 079679952 Fax 079679991 SCUOLA CIVICA DI MUSICA DI TEMPIO PAUSANIA In collaborazione con i comuni

Dettagli

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA

LICEO CLASSICO C. CAVOUR DISCIPLINA : FISICA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ED EDUCATIVA 1. OBIETTIVI SPECIFICI DELLA DISCIPLINA PROGRAMMAZIONE PER COMPETENZE Le prime due/tre settimane sono state dedicate allo sviluppo di un modulo di allineamento per

Dettagli

Area 10. Presentazione Area N SSD = 76

Area 10. Presentazione Area N SSD = 76 N SSD = 76 N Ricercatori complessivi = 5.167 N Università = 64 N Sub-GEV = 5 1: Antichistica (10/A1 Archeologia, 10/D1 Storia Antica,10/D2 Lingua e Letteratura Greca, 10/D3 Lingua e Letteratura Latina,

Dettagli

UNIVERSITA per Stranieri Dante Alighieri Reggio di Calabria

UNIVERSITA per Stranieri Dante Alighieri Reggio di Calabria di UNIVERSITA per Stranieri Dante Alighieri Reggio di Calabria Master di I livello in Manager delle imprese sociali e delle organizzazioni non lucrative di utilità sociale Indirizzi: - Manager delle Imprese

Dettagli

Classe di abilitazione C032 Calendario e modalità di svolgimento delle prove

Classe di abilitazione C032 Calendario e modalità di svolgimento delle prove Classe di abilitazione C032 Calendario e modalità di delle prove Per lo degli esami sono previste più date in tre diversi periodi (maggio/giugno 2015, luglio 2015, gennaio 2016) con la possibilità per

Dettagli

PROGRAMMA MODULO B Didattica delle discipline CLASSI A245 A246 AREA COMUNE Data lezione Docente Numero

PROGRAMMA MODULO B Didattica delle discipline CLASSI A245 A246 AREA COMUNE Data lezione Docente Numero PROGRAMMA MODULO B Didattica delle discipline CLASSI A245 A246 AREA COMUNE Data lezione Docente Numero modulo Titolo Venerdì 14/11 Martinelli 1 Le quattro abilità linguistiche di base. I livelli di competenza

Dettagli

Ministero dell Università e della Ricerca

Ministero dell Università e della Ricerca Statuto dei diritti e dei doveri degli Studenti Universitari In attuazione dell art. 34 della Costituzione della Repubblica Italiana, che sancisce il diritto per tutti i capaci e meritevoli, anche se privi

Dettagli