conoscerli di più e sceglierli meglio

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "conoscerli di più e sceglierli meglio"

Transcript

1 LA GUIDA DEL CONSUMATORE i prodotti cosmetici conoscerli di più e sceglierli meglio Testi di Laura Galli TEST noi consumatori anno XVII numero febbraio 2005 Direttore: Paolo Landi - Direttore Responsabile: Francesco Guzzardi - Comitato di Redazione: Paolo Landi, Angelo Motta, Fabio Picciolini - Progetto grafico, impaginazione e illustrazioni: Claudia Galli - Amministrazione: Adiconsum, Via G. M. Lancisi 25, Roma - Registrazione Tribunale di Roma n. 350 del Spedizione in abbonamento postale DL 353/2003 (conv. in L 46/2004) art.1, comma 2, DCB Roma - Stampa: Editall s.r.l.,via R. Gabrielli di Montevecchio 2, Roma - Finito di stampare nel mese di Febbraio 2005 Associato all Unione Italiana Stampa Periodica

2

3 Sommario INTRODUZIONE...5 CAPITOLO CONOSCERE I COSMETICI Cosa è un cosmetico? - Perché un cosmetico è diverso da un farmaco? - Le diverse famiglie di cosmetici - Dati di mercato e tendenze: cosa compriamo? - La legislazione comunitaria e nazionale sui cosmetici CAPITOLO EFFICACIA, RISCHI PER LA SALUTE E CLAIM PUBBLICITARI La pelle, i capelli e i denti: il bisogno di igiene e protezione - L'idratazione - La protezione solare - Il trattamento dei problemi della pelle e delle imperfezioni - Pulire e sbiancare i denti - La depilazione - La colorazione dei capelli - I prodotti dimagranti - Effetti allergizzanti dei cosmetici - Ingredienti pericolosi - I prodotti spray - I prodotti che fanno miracoli - La durata e la conservazione dei prodotti CAPITOLO SCEGLIERE I PRODOTTI LEGGENDO LE ETICHETTE Trasparenza, correttezza e informazione dei consumatori - Marchi di qualità e fiducia, menzione di test clinici - I test sugli animali - Le informazioni obbligatorie per legge in etichetta - Qualità dei prodotti: come riconoscerla? - Denunciare la pubblicità ingannevole e la non conformità di un prodotto - Conclusioni e raccomandazioni 10 DOMANDE SUI COSMETICI...35

4

5 Introduzione I cosmetici sono da sempre prodotti di largo consumo, ma negli ultimi due decenni l'ampliamento della varietà di prodotti e la crescente attenzione dei consumatori hanno portato articoli un tempo "di nicchia" e soprattutto nuove tipologie di cosmetici, a quote di mercato a dir poco impressionanti. Principali responsabili del boom dei cosmetici sono i prodotti cosiddetti "di bellezza" sia maschili che femminili; a torto o a ragione sono ritenuti oggi indispensabili per combattere i piccoli difetti estetici e gli inestetismi dell'invecchiamento e del sovrappeso: profumi, creme, lozioni e unguenti, coloranti e modellanti, abbronzanti e depilanti, antirughe ed anticellulite, sbiancanti per denti, deodoranti, gocce effetto lifting e ogni sorta di rimedio per ogni più piccolo problema, per ogni possibile capriccio estetico. Indubbiamente, l'edonismo diffuso della nostra società ha la sua importanza nel determinare la fortuna del business dei cosmetici, ma non dimentichiamo che gran parte di esso si regge su falsi bisogni, su promesse mendaci e soprattutto sulla scarsa informazione dei consumatori. Nessun produttore di cosmetici si è mai visto costretto ad affrontare un giudizio in tribunale per aver promesso (ben sapendo di non poter mantenere), di cancellare le rughe o far ricrescere i capelli, di far perdere centimetri al giro vita o donare un nuovo sorriso splendente. Questo probabilmente perché ci siamo rassegnati alla bugia e continuiamo a sperare che almeno un poco del beneficio promesso si possa conseguire al punto di vederlo talvolta anche quando non c'è. L'utilità dei prodotti cosmetici è grande per l'igiene e la cura della persona, aspetti fondamentali dell'accettabilità sociale nel nostro tempo: è invece tutta da dimostrare quando si pretende di ottenere importanti effetti curativi o miglioramenti dell'aspetto che soltanto la medicina o la chirurgia estetica potrebbero perseguire, ammesso che questo sia davvero "cost-effective" per il consumatore (più spesso la consumatrice) sotto il profilo psicologico, salutistico ed economico. Questa Guida nasce con l'intento di chiarire ai lettori gli effetti positivi e negativi, ma anche i limiti, dell'uso dei prodotti cosmetici più comuni, spiegando in termini semplici le disposizioni di legge che ne disciplinano la produzione e commercializzazione, nonché offrendo consigli pratici per la scelta e il corretto impiego dei prodotti, che sono fattori essenziali per la tutela della salute e delle "tasche" dei consumatori. 5

6

7 Conoscere i cosmetici

8 Cos è un cosmetico? 8 Conoscere i cosmetici I cosmetici sono sostanze e preparazioni (diverse dai medicamenti) destinati ad essere applicati sull'epidermide, sul sistema pilifero o sui capelli, sulle unghie, sulle labbra, sui denti o sulle mucose della bocca, allo scopo esclusivo o prevalente di pulire, profumare, proteggere o modificare l'aspetto estetico o correggere gli odori. Questa definizione è ampia e comprende una vastissima gamma di prodotti, profondamente diversi fra loro. Quello che, comunque, contraddistingue sempre un cosmetico è: l'azione superficiale, l'uso ed il dosaggio libero da prescrizione medica, un rapporto rischio-beneficio pari a zero (ovvero l'assenza di gravi controindicazioni). La nostra pelle assolve a diverse funzioni: Funzione barriera Funzione protettiva Funzione immunologica Funzione secretiva Funzione termoregolativa Funzione sensitiva Funzione di assorbimento Le prime due funzioni hanno il compito di difendere l'organismo dalla perdita di liquidi e dall'aggressione degli agenti esterni (sia meccanici che chimici). Un cosmetico non può e non deve agire in profondità, interferendo con le funzioni fisiologiche dei tessuti e degli apparati, ma deve limitarsi ad interagire con gli strati superiori dell'epidermide altrimenti sarebbe un farmaco, con tutte le conseguenze del caso. Perché un cosmetico è diverso da un farmaco? Il prodotto medicinale (o farmaco) è una sostanza o combinazione di sostanze alle quali si attribuiscono capacità di cura o prevenzione delle malattie umane

9 o animali, che sono somministrate allo scopo di effettuare una diagnosi medica o di ripristinare, correggere o modificare le funzioni fisiologiche dell organismo. Il farmaco richiede spesso prescrizione medica, prevede somministrazione controllata e dosaggi precisi, condizioni di uso e limitazioni alla somministrazione contemporanea di altre sostanze che possano avere interazioni (altri farmaci, alcool, alcuni alimenti). La differenza tra un medicinale ad uso dermatologico ed un prodotto cosmetico è rilevante: il primo cura e previene malattie ed alterazioni sostanziali, il secondo si limita a proteggere, idratare, detergere la cute, senza agire in profondità.vi sono anche prodotti che si posizionano al confine tra una categoria e l altra, per i quali il produttore decide, in base a valutazioni di mercato, se commercializzare come farmaci, ottenendo la necessaria autorizzazione, o come cosmetici: è il caso ad esempio dei prodotti per il trattamento della forfora. Conoscere i cosmetici 9 Le diverse famiglie di cosmetici Per ogni funzione e utilizzo, la ricerca scientifica e l'industria cosmetica hanno dato vita ad una famiglia di prodotti: prodotti per il viso e per il corpo prodotti per i capelli prodotti per l'igiene della bocca prodotti detergenti

10 profumi e deodoranti prodotti per il trucco (make-up) prodotti specifici per bambini 10 Conoscere i cosmetici All'interno di ognuno di questi gruppi vi sono comunque prodotti che per caratteristiche e composizione somigliano a prodotti di altre famiglie, ad esempio: uno shampoo ed un bagno schiuma, un detergente per il bagnetto dei neonati. In alcuni casi la distinzione è data da fattori non legati alla funzione o alla composizione, ma ad esigenze di marketing, che tende a differenziare i prodotti per raggiungere i consumatori più esigenti con la pretesa (e suggestivamente efficace) specificità. La distinzione, poi, passa anche attraverso la differenziazione dei canali di vendita e conseguentemente del prezzo: i prodotti venduti in farmacia hanno solitamente prezzo medio-alto e reputazione di migliore qualità, essendone l'immagine legata alla ricerca farmacologica e scientifica; i prodotti venduti nelle erboristerie hanno invece come prima caratteristica la naturalità, ovvero le pretese di tollerabilità e qualità legate alla presenza di erbe ed estratti naturali; i prodotti venduti nella grande distribuzione, invece, raggiungono un vastissimo pubblico generalmente meno esigente ed elitario, grazie al prezzo contenuto. Dati di mercato e tendenze: cosa compriamo? Il fatturato totale del settore dei cosmetici in Italia è in aumento, nonostante la generale crisi economica: 7.598,33 milioni di Euro nel 2003, con un incremento del 3,8% sull'anno precedente. Circa il 26% del totale (con tendenza alla cre-

11 scita netta) viene venduto attraverso la grande distribuzione organizzata (supermercati, ipermercati, grandi magazzini), mentre una quota un poco superiore, circa il 30%, rimane appannaggio delle profumerie e negozi specializzati. Appena il 13% del fatturato dei cosmetici spetta alle farmacie, che però a causa del prezzo medio più elevato probabilmente come numero di prodotti (e di consumatori), hanno una quota significativamente inferiore. In generale, i consumatori mostrano di acquistare agevolmente nella GDO i prodotti detergenti (saponi, bagno schiuma e shampoo, dentifrici ecc.), rispetto ai quali le esigenze qualitative sono meno percepite, mentre hanno una netta preferenza per i prodotti di prezzo medio-alto e per i canali di vendita specialistici come le farmacie e le profumerie, quando si tratta di prodotti ai quali chiedono "prestazioni" elevate, come gli anticellulite, gli antirughe, i prodotti per la ricrescita dei capelli e per sbiancare i denti. I soggetti con problemi di sensibilità e allergie quasi sempre si rivolgono a farmacie ed erboristerie, confidando in una presunta migliore qualità dei prodotti, che però in base alla nostra analisi delle etichette non è risultata evidente. Conoscere i cosmetici 11 La legislazione comunitaria e nazionale sui cosmetici L'ampiezza del mercato dei prodotti cosmetici e l'interessamento della totalità dei consumatori hanno destato l'attenzione del legislatore comunitario, spinto anche dalle esigenze di regolazione uniforme del mercato a tutela della concorrenza e degli operatori economici. La normativa ha innanzitutto regolamentato la produzione, elencando le sostanze vietate come ingredienti perché ritenute dannose per la salute, nonché i tempi per la graduale eliminazio-

12 12 Conoscere i cosmetici ne di quelle sospette. Le diverse Direttive UE in materia di etichettatura dei cosmetici (la prima, la 76/768/CE ha subito numerose modifiche, di cui cinque soltanto nel 2004) ed i provvedimenti di recepimento a livello nazionale, hanno indicato esplicitamente le informazioni obbligatorie da dare al consumatore attraverso l'etichetta: nome o ragione sociale del produttore (o del responsabile dell'immissione in commercio), contenuto nominale (quantità), data di scadenza (per prodotti con durata inferiore a trenta mesi), precauzioni di impiego (se ve ne sono), lotto di fabbricazione, funzione del prodotto (se non evidente), elenco degli ingredienti, paese di produzione, periodo di conservazione del prodotto dopo l apertura per prodotti con durata superiore a 30 mesi (da marzo 2005). La nostra indagine, che ha interessato circa 50 prodotti per ciascuno dei 4 paesi interessati (Italia, Francia, Spagna e Grecia), ha rilevato una generale rispondenza dei prodotti ai requisiti di legge, ma anche purtroppo una sostanziale disattenzione alle esigenze informative di base dei consumatori cui la legge voleva venire incontro: quasi mai si trovano precauzioni e dosaggi d'uso, modalità di conservazione, indicazione di ingredienti potenzialmente allergenici, mentre quasi sempre si trovano claim ingannevoli sulle caratteristiche e proprietà "terapeutiche", riferimenti a non meglio specificate prove di laboratorio su tollerabilità ed efficacia. Infine, le informazioni rilevanti per la salute e per la sicurezza d'uso sono sempre molto meno evidenti e leggibili delle informazioni di tipo commerciale e pubblicitario.

13 Efficacia, rischi per la salute e claim pubblicitari

14 14 Efficacia, rischi per la salute e claim pubblicitari La pelle, i capelli e i denti: il bisogno di igiene e protezione L'igiene è una fondamentale forma di prevenzione delle malattie, delle affezioni cutanee e delle irritazioni. E' necessario asportare, detergendo senza aggredire eccessivamente, tutto ciò che rimane depositato su queste parti (polvere, cellule morte, sebo, residui del materiale con cui entrano in contatto) e che altrimenti crea l'habitat ideale alla proliferazione dei microorganismi nocivi (batteri, funghi ecc.). Naturalmente l'igiene e la cura estetica sono esigenze diverse: a volte i prodotti che hanno funzione estetica sono al contrario prodotti che "sporcano" (si pensi al trucco o al gel fissatore per capelli) e che vanno frequentemente asportati. Alcune volte la disidratazione o la secchezza della pelle dovute al freddo o all'uso di prodotti chimici aggressivi come i detersivi, devono essere combattute con l'aiuto di cosmetici con funzione idratante: una protezione semplice quanto efficacemente svolta dalla maggior parte dei prodotti in commercio, senza particolari esigenze qualitative. Lo stesso potrebbe dirsi del dentifricio: la pulizia dei denti è fondamentale, soprattutto quella che avviene meccanicamente con l'uso dello spazzolino, ma non vi è prova che un dentifricio piuttosto che un altro possa avere un ruolo determinante nella prevenzione della carie (anche se il fluoro può essere utile nei dentifrici dei bambini). Suggeriamo sempre di riflettere, se possibile con l'aiuto di un medico o di un farmacista, sulle reali esigenze che abbiamo di protezione della pelle, dei capelli e dei denti, oltre al normale bisogno di igiene, prima di ricercare in un prodotto specifico delle proprietà particolari: spesso la qualità del risultato dipende soprattutto dall'attenzione e frequenza della pulizia che si effettua. Persone con pelli sensibili o problemi di allergia potranno valutare l'opportunità di utilizzare prodotti "speciali", ma è bene non lasciarsi suggestionare dai claim pubblicitari e imparare a riconoscere le sostanze che ci provocano effetti indesiderati.

15 L idratazione Mantenere la pelle idratata è molto importante per conservarne la naturale elasticità e morbidezza, preservando l'integrità del delicato film idrolipidico, che la protegge dall'aggressione degli agenti esterni (freddo e vento, aria condizionata o secca ecc.). Una crema idratante è utile sia sulla pelle del viso che sulla pelle del corpo e delle mani: ricordiamo che la composizione e le caratteristiche delle creme destinate a questi diversi usi sono davvero molto differenti. Le creme per le mani sono spesso ricche di glicerina, sostanza che "cattura" efficacemente le molecole di acqua (dunque è un buon idratante) ma che, a volte, presenta qualche effetto indesiderato: in caso di secchezza dell'aria, invece di trattenere l'acqua dell'ambiente circostante la glicerina sottrae acqua alla pelle, con effetti opposti a quelli sperati! Le creme per il viso sono spesso di formulazione più complessa, basata sull'interazione di diversi principi attivi idratanti, associati a ingredienti anti-invecchiamento. Si ricordi però che il vero "segreto" di una bella pelle è la frequente e delicata pulizia associata all'uso di una crema idratante, senza particolari pretese di effetti antirughe o lifting, ma soprattutto la protezione dai raggi solari che la danneggiano irreparabilmente. Le differenze di qualità tra un buon prodotto di medio prezzo e un prodotto di prezzo elevato spesso non sono più che il miglioramento della consistenza e spalmabilità, il profumo o la confezione! Efficacia, rischi per la salute e claim pubblicitari 15 La protezione solare L'azione dei raggi solari (recentemente più aggressiva a causa del deterioramento dello strato di ozono atmosferico) è dannosa per la pelle: la prolungata e frequente esposizione ne causa il precoce invecchiamento, macchie, eritemi ed espone al rischio di tumore della pelle. Le carnagioni chiare hanno meno difese naturali e sono più esposte alle scottature. Proteggersi efficacemente significa innanzitutto limitare l'esposizione, realizzarla in modo dolce e graduale, nelle ore meno calde della giornata, lontano da superfici riflettenti (acqua, neve ecc.) e sempre con l'ausilio di un buon prodotto protettivo applicato abbondantemente e frequentemente. Le numerosissime creme solari in commercio generalmente sono dirette a proteggere sia dai raggi UVA (responsabili di danni a collagene ed elastina, ovvero dell'invecchiamento

16 16 Efficacia, rischi per la salute e claim pubblicitari precoce) che dai raggi UVB (responsabili di scottature ed eritemi): il Sun Protection Factor (SPF) si riferisce alla capacità di difendere dalle scottature causate dagli UVB (ad un SPF elevato normalmente è associata una protezione anti-uva PPD o IPD ugualmente elevata, che spesso però non viene però indicata). Con un SPF 10 si "dovrebbe" resistere circa 10 volte più a lungo all'esposizione che senza alcuna protezione: ad esempio 100 minuti invece di 10 con un SPF 10. Il risultato dell'applicazione di un solare è estremamente soggettivo e vincolato alle condizioni ambientali che abbiamo già ricordato. In realtà non esiste, se non nei messaggi ingannevoli della pubblicità, un vero "schermo totale": chi soffre di eritemi ed altre patologie che sconsigliano l'esposizione solare dovrebbe tenerne conto. I bambini piccoli devono essere protetti con indumenti e tenuti all ombra nelle ore più calde: il filtro non basta. Fattori critici dei prodotti solari sono: buon assorbimento UVA-UVB (SPF min.15) buona stabilità alla luce buona stabilità chimica resistenza all acqua buona solubilità negli ingredienti cosmetici associati ridotto assorbimento cutaneo assenza di effetti tossici e irritativi Spesso purtroppo i filtri solari sono meno efficaci del dovuto, meno stabili, soggetti a rapido deterioramento (es. l'esposizione al calore ne depaupera irrimediabilmente le proprietà). Il trattamento dei problemi della pelle e delle imperfezioni Spesso ci affidiamo (erroneamente) ad un prodotto cosmetico per risolvere problemi che la natura stessa del cosmetico non consente di affrontare, perché sono problemi che soltanto un farmaco ad uso dermatologico dovrebbe casomai trattare.verifichiamo con l'aiuto di un medico dermato-

17 logo il giusto tipo di intervento e ricordiamo che i cosmetici che vantano proprietà terapeutiche ingannano il consumatore. Le macchie della pelle, la couperose, le rughe profonde, le smagliature, le borse sotto gli occhi e le occhiaie sono tutti problemi che nessun cosmetico potrà risolvere. Un piccolo aiuto potrà certamente darlo, se si tratta di problemi degenerativi da invecchiamento, assicurando una migliore idratazione superficiale e una (forse) migliore elasticità. Più verosimile che serva a "coprire" questi difetti, con un vero effetto make-up. Altra cosa se la secchezza o altra anomalia della pelle è data da una micosi o dalle manifestazioni cutanee di altre patologie sistemiche, come allergie, intossicazioni ecc: ci vuole un medico, in questo caso, non una crema. Parleremo più avanti delle promesse miracolistiche e delle pretese di "azione profonda" delle creme snellenti e anticellulite, dei sieri "effetto lifting" per gli occhi e degli stick che promettono di aumentare il volume delle labbra, ecc: una pelle più idratata (per appena qualche ora, ricordiamolo!) e un certo effetto ottico sono tutto. Pulire e sbiancare i denti Efficacia, rischi per la salute e claim pubblicitari 17 Il desiderio di migliorare l estetica del sorriso c è da sempre. Premesso, come è a tutti noto, che la costante e accurata igiene orale è la prima prevenzione della carie dentale e delle patologie irritative della bocca (infiammazioni gengivali, denti sensibili), osserviamo da anni come il proliferare di dentifrici e colluttori con presunte proprietà antiplacca e anticarie abbia fatto breccia nel mercato, grazie alla promessa di efficace prevenzione dovuta a questo o quell ingrediente magico. Una buona spazzolata dopo ogni pasto, non fumare, usare un collutorio disinfettante per combattere la presenza di batteri quando si ravvisano sintomi di irritazione, sono regole di base: questo o quel dentifricio poco importa ma, attenzione ai prodotti troppo abrasivi che attaccano lo smalto e all abuso di disinfettanti che mina le difese immunitarie della bocca ed espone al rischio di micosi. La presenza di marchi di qualità come approvato associazione medici dentisti e simi-

18 18 Efficacia, rischi per la salute e claim pubblicitari li ha dal nostro punto di vista, considerando che non sono risultate reperibili informazioni sul reale contenuto di controlli e garanzie previsti dal disciplinare di rilascio del marchio, solo un effetto di pubblicità ingannevole. Gli sbiancanti contenuti nei comuni dentifrici sono piuttosto blandi, mentre i prodotti specifici più efficaci, per lo sbiancamento in effetti aggrediscono lo smalto e devono essere usati con molta cautela, per periodi brevi e non ripetuti, circostanza niente affatto chiara sulle etichette alla voce precauzioni d uso. I prodotti con elevato tasso di perossido di idrogeno devono essere usati solo dopo aver consultato un dentista: oltre lo 0,1% non si tratta più di un semplice cosmetico! A volte il contenuto di questo ingrediente si aggira sul 3-6%, ma la percentuale non è indicata in etichetta. La depilazione I rimedi usati per l eliminazione dei peli superflui sono stati tradizionalmente in prevalenza meccanici: estirpazione e taglio, con i noti effetti collaterali del dolore per il primo e della ricrescita più vigorosa per il secondo. Negli ultimi decenni l industria cosmetica ha immesso sul mercato prodotti di uso meno traumatico con azione chimica sul pelo: alcuni di essi ammorbidiscono e corrodono il pelo per consentirne l asportazione indolore con una semplice spatola. La tollerabilità di questi prodotti, più aggressivi ad esempio di un prodotto emolliente da barba, non è priva di dubbio, così come non è chiaro il meccanismo chimico attraverso il quale l azione di deterioramento dovrebbe interessare il pelo ma salvaguardare l epidermide. Poiché l insorgenza di una reazione allergica può verificarsi in qualsiasi momento, anche con prodotti che si usano abitualmente, è bene sempre

19 effettuare un test su una piccola porzione di pelle almeno 48 ore prima dell uso. Per le cerette a caldo c è da dire che sono assolutamente controindicate per i soggetti con fragilità capillare, avvertenza che non compare generalmente sull etichetta. Nessuna crema depilatoria può prevenire o ritardare la ricrescita dei peli. La colorazione dei capelli Superati quasi del tutto i rimedi tradizionali come l applicazione di henné o la decolorazione con perossido di idrogeno, la colorazione casalinga ha preso piede con successo. Economica e generalmente efficace, essa presenta però alcuni rischi, di cui non sempre le consumatrici sono consapevoli: macchie sulla pelle che generalmente, vanno via con un paio di giorni, mano a mano che si lava la pelle e sui sanitari del bagno a parte, i rischi per la salute ci sono: le sostanze coloranti sono spesso allergeniche, anche per soggetti generalmente poco esposti al rischio allergico, e di alcune si è scoperto nel tempo un potenziale effetto cancerogeno che le ha fatte escludere dagli ingredienti ammessi, senza però rassicurare sull innocuità di tutte le altre. E bene sempre effettuare la prova di sensibilità sull incavo del braccio, con il solo prodotto colorante e non con la crema bianca da miscelare. Il contenuto di acqua ossigenata e ammoniaca, associato ad altre sostanze chimiche, produce vapori che non è certamente salutare inalare. Diffidate sempre delle rassicurazioni sul contenuto naturale del prodotto (di naturale non c è niente) e delle garanzie di incolumità dei capelli: tutti i prodotti coloranti (con variazioni che dipendono solo dalla tipologia di colorazione, permanente o temporanea) sono aggressivi e disseccano in modo permanente il capello, aggredendone la struttura per renderla ricettiva del colore. La morbidezza del risultato finale dipende solo dal balsamo in crema che viene utilizzato dopo la colorazione, il cui deposito, soltanto fino al prossimo lavaggio, renderà soffici al tatto i capelli.a proposito: non esistono prodotti ristrutturanti del capello, delle doppie punte ecc, ma solo prodotti che lo rivestono temporaneamente di un film o depositano grasso. Efficacia, rischi per la salute e claim pubblicitari 19

20 I prodotti dimagranti 20 Efficacia, rischi per la salute e claim pubblicitari Per venire incontro alla crescente domanda di ausili per il dimagrimento e la lotta alla cellulite, l'industria cosmetica ha prodotto una vastissima gamma di creme, gel, lozioni, fanghi ed altri rimedi destinati ad agire attraverso l'assorbimento cutaneo. Come abbiamo già precisato, l'azione di un cosmetico è necessariamente (e obbligatoriamente per legge) superficiale, non può interagire con i processi fisiologici e avere effetti sistemici sull'organismo. Si tratta, dunque, per lo più, di prodotti che hanno azione umettante, rendono cioè più liscio e compatto esternamente il derma, senza però intaccare i depositi adiposi e la ritenzione idrica sottostante, negli strati profondi. Alcune componenti hanno blande proprietà di miglioramento della circolazione superficiale o altri marginali effetti coadiuvanti, ma in realtà l'azione di massaggio esercitata per farli assorbire è la principale origine dei (comunque non sorprendenti) risultati osservabili: in questo senso i gel a rapido assorbimento sono anche meno efficaci, perché richiedono meno massaggio. Alcuni prodotti attualmente in commercio hanno migliori effetti per via di ingredienti o principi attivi vegetali, il cui effetto farmacologico, al di là del fatto di essere improprio per un cosmetico, espone comunque a rischi per la salute e controindicazioni, pericolo di abusi e sovradosaggi, effetti collaterali ecc. In ogni caso l efficacia è modesta e non supera un certo limite, a prescindere dalla durata del trattamento, due cm di circonferenza cosce, ad esempio, ottenibile solo la prima volta e solo in alcuni soggetti: insistere oltre non serve ed espone a dei rischi. Effetti allergizzanti dei cosmetici Il problema delle allergie è diffuso e sentito in modo crescente nelle società evolute, in parte per la maggiore sensibilità della medicina attuale a queste tematiche, in parte per l incremento della sua incidenza sulla popolazione,

21 probabilmente riconducibile a cause ambientali (inquinamento, alimenti non sani e contaminazione chimica, uso di farmaci). I componenti di prodotti cosmetici che hanno un potenziale effetto allergizzante sono numerosi. Alcuni, già noti per questa caratteristica, sono stati eliminati dalle sostanze il cui uso è ammesso, altri sono tuttora impiegati nella produzione, perché non ancora individuati come fattori di rischio o perché la loro azione si realizza su una percentuale limitata di soggetti. Molti prodotti riportano la dicitura "ipoallergenico", (nessun prodotto può essere ritenuto del tutto "anallergico"), il cui significato è che su una modesta popolazione di soggetti gli ingredienti e miscele impiegati non sono risultati comuni allergeni: la Direttiva 93/35/CE ha reso obbligatorie le prove di laboratorio sui prodotti. Il problema principale del consumatore allergico è che, anche quando sia ben informato sulle sostanze da evitare, ha spesso grande difficoltà a riconoscerle nella lista degli ingredienti, stilata in etichetta con la nomenclatura INCI (International Nomenclature Cosmetic Ingredients), poco comprensibile ai non addetti ai lavori: abbreviazioni, sigle e numeri dicono poco ai "profani". Peraltro, la legge consente ai produttori di omettere l'indicazione di un ingrediente per motivi di segretezza della formula. Chi ci assicura che proprio tale ingrediente non sia per noi nocivo? A partire da marzo 2005 alcuni noti allergeni devono obbligatoriamente essere indicati in etichetta come tali. Efficacia, rischi per la salute e claim pubblicitari 21 Ingredienti pericolosi Vi sono stati negli anni casi di ingredienti, largamente utilizzati nell'industria cosmetica, la cui tossicità è risultata evidente con molto ritardo e grave rischio per la salute dei consumatori. La Commissione Europea, in conformità con le indicazioni dell'oms e con le risultanze di ricerche scientifiche e mediche, ha elencato le sostanze "proibite". Per alcune di esse è stato previsto un periodo di moratoria, per consentire ai produttori di esaurire le scorte esistenti. Nondimeno, diverse sostanze "sospette" sono attualmente oggetto di osservazione

22 22 Efficacia, rischi per la salute e claim pubblicitari e studio, ma continuano ad essere impiegate. Il principio di precauzione non è infatti rigorosamente e coerentemente applicato in questo settore. A volte si è assistito alla diffusione via Internet di notizie sulla presunta cancerogenicità di un ingrediente, alle quali però non sono seguiti dati scientifici: è bene sempre, in caso di dubbio, consultare fonti ufficiali e siti istituzionali, preferendo semmai prodotti che non contengono le sostanze sospette. Le associazioni dei consumatori vorrebbero, tuttavia, maggiori garanzie di controllo e un puntuale monitoraggio scientifico degli effetti indesiderati associati all'uso di cosmetici, una pronta e vasta divulgazione dei risultati e il coinvolgimento della rappresentanza dei consumatori e dei medici nelle decisioni in materia. I prodotti spray Il problema dei gas propellenti dei prodotti in confezione spray ha indotto in tempi recenti alla loro riformulazione: oggi sono usati propellenti non dannosi per l'ozono o tecniche di spruzzo senza gas. E' importante sapere che l'inalazione pressoché quotidiana di questi prodotti lascia intuire potenziali conseguenze sulla salute: che si tratti di una lacca per capelli (con il suo film plastico che si deposita) o di un deodorante, con o senza contenuto alcolico, ricordiamo che quelle sostanze non sono nate per essere ingerite né inalate, dunque la loro tossicità non è testata se non per contatto epidermico. Evitiamo dunque di inalare tutti i giorni con disinvoltura i prodotti che vaporizziamo ad uso cosmetico. Una normale precauzione (sempre presente in etichetta, con poche eccezioni per le schiume), è evitare l'espo-

La natura restituisce...cio che il tempo sottrae

La natura restituisce...cio che il tempo sottrae Benessere olistico del viso 100% natura sulla pelle 100% trattamento olistico 100% benessere del viso La natura restituisce......cio che il tempo sottrae BiO-REVITAL il Benessere Olistico del Viso La Natura

Dettagli

Scheda Dati di Sicurezza

Scheda Dati di Sicurezza Scheda Dati di Sicurezza Pagina n. 1 / 5 1. Identificazione della sostanza / del preparato e della Società 1.1 Identificazione della sostanza o del preparato Codice: 190683 Denominazione 1.2 Uso della

Dettagli

LO SBIANCAMENTO DEI DENTI (DENTAL BLEACHING)

LO SBIANCAMENTO DEI DENTI (DENTAL BLEACHING) LO SBIANCAMENTO DEI DENTI (DENTAL BLEACHING) Cosa bisogna sapere prima di decidere di fare lo sbiancamento dei denti? In inglese viene definito:dental bleaching 1. L'igiene orale correttamente eseguita

Dettagli

INFLUENZA. Che cos è

INFLUENZA. Che cos è INFLUENZA Che cos è L influenza è una malattia infettiva provocata da virus del genere Othomixovirus che colpiscono le vie aeree come naso, gola e polmoni. I soggetti colpiti nel nostro Paese vanno dai

Dettagli

TERMOMETRO DIGITALE MODELLO TE01B MANUALE D USO. Leggere attentamente le istruzioni prima dell utilizzo o conservarle per consultazioni future.

TERMOMETRO DIGITALE MODELLO TE01B MANUALE D USO. Leggere attentamente le istruzioni prima dell utilizzo o conservarle per consultazioni future. TERMOMETRO DIGITALE MODELLO TE01B MANUALE D USO Leggere attentamente le istruzioni prima dell utilizzo o conservarle per consultazioni future. ATTENZIONE: Utilizzare il prodotto solo per l uso al quale

Dettagli

Prevenzione dell allergia ad inalanti

Prevenzione dell allergia ad inalanti Prevenzione dell allergia ad inalanti La patologia allergica respiratoria è molto frequente nella popolazione generale: la sua prevalenza si aggira in media intorno al 10-15%. Inoltre, negli ultimi 20

Dettagli

Zuccheri. Zuccheri, dolci e bevande. zuccherate: nei giusti limiti

Zuccheri. Zuccheri, dolci e bevande. zuccherate: nei giusti limiti 4. Zuccheri Zuccheri, dolci e bevande zuccherate: nei giusti limiti 4. Zuccheri, dolci e bevande zuccherate: nei giusti limiti 36 1. ZUCCHERI E SAPORE DOLCE Tutti gli zuccheri sono fonti di energia e non

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza Ai sensi del Regolamento CE 1907/2006 REACH Stampato il 01/06/08 Denominazione commerciale: EFFE 91 ACC-U-SOL ml.

Scheda di dati di sicurezza Ai sensi del Regolamento CE 1907/2006 REACH Stampato il 01/06/08 Denominazione commerciale: EFFE 91 ACC-U-SOL ml. Pagina: 1/ 6 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA Articolo numero: art.04920 Utilizzazione della Sostanza / del Preparato: Rivelatore fughe gas Produttore/fornitore: FIMI

Dettagli

IL BENESSERE DELLE GAMBE

IL BENESSERE DELLE GAMBE IL BENESSERE DELLE GAMBE Se la circolazione venosa non funziona come dovrebbe, il normale ritorno del sangue dalle zone periferiche del corpo al cuore risulta difficoltoso. Il flusso sanguigno infatti,

Dettagli

DIRITTI DEI CONSUMATORI

DIRITTI DEI CONSUMATORI DIRITTI DEI CONSUMATORI 1. Quali sono i diritti dei consumatori stabiliti dal Codice del Consumo 2. Qual è la portata della disposizione? 3. Qual è l origine dell elencazione? 4. In che cosa consiste il

Dettagli

Etichettatura degli alimenti

Etichettatura degli alimenti Ministero della Salute Direzione generale per l igiene e la sicurezza degli alimenti e la nutrizione Etichettatura degli alimenti Cosa dobbiamo sapere La scelta di alimenti e bevande condiziona la nostra

Dettagli

Introduzione. Alessandro Centi

Introduzione. Alessandro Centi Introduzione La PEDIATRICA SPECIALIST nasce nel 2012 e si avvale dell esperienza e del know-how formulativo di Pediatrica, consolidata azienda del settore parafarmaceutico da sempre orientata ai bisogni

Dettagli

COME VINCERE IL CALDO

COME VINCERE IL CALDO Centro Nazionale per la Prevenzione e il Controllo delle Malattie ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO Raccomandazioni per il personale che assiste gli anziani a casa ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO

Dettagli

«DOVE SI TROVANO I BATTERI?»

«DOVE SI TROVANO I BATTERI?» 1 a STRATEGIA EVITARE LA CONTAMINAZIONE conoscere «DOVE SI TROVANO I BATTERI?» I batteri si trovano ovunque nell ambiente (aria, acqua, suolo ed esseri viventi): Sono presenti sulle materie prime, ad es.

Dettagli

acqua Bevi ogni giorno in abbondanza

acqua Bevi ogni giorno in abbondanza 5. acqua Bevi ogni giorno in abbondanza 5. Bevi ogni giorno acqua in abbondanza Nell organismo umano l acqua rappresenta un costituente essenziale per il mantenimento della vita, ed è anche quello presente

Dettagli

L'IMPORTANZA DELL'ACQUA

L'IMPORTANZA DELL'ACQUA L'IMPORTANZA DELL'ACQUA L'acqua è il principale costituente del nostro corpo. Alla nascita il 90% del nostro peso è composto di acqua: nell'adulto è circa il 75% e nelle persone anziane circa il 50%; quindi

Dettagli

PROTOCOLLO DI BIOSICUREZZA. Sperma Scarti Morti Disinfezioni Personale Aghi e strumentario Derattizzazione

PROTOCOLLO DI BIOSICUREZZA. Sperma Scarti Morti Disinfezioni Personale Aghi e strumentario Derattizzazione PROTOCOLLO DI BIOSICUREZZA Sperma Scarti Morti Disinfezioni Personale Aghi e strumentario Derattizzazione Disinfezione Il ricorso a disinfettanti e disinfestanti, se unito ad altre misure tese a minimizzare

Dettagli

SCHEDA DI SICUREZZA ECO-TRAP DATA DI COMPILAZIONE: MAGGIO 2006 PAGINA: 1 DI 5 IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA

SCHEDA DI SICUREZZA ECO-TRAP DATA DI COMPILAZIONE: MAGGIO 2006 PAGINA: 1 DI 5 IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA SCHEDA DI SICUREZZA ECO-TRAP DATA DI COMPILAZIONE: MAGGIO 2006 PAGINA: 1 DI 5 1 Nome commerciale IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA ECO-TRAP Utilizzazione della sostanza

Dettagli

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI 1 Questo schema di cura impiega i seguenti farmaci: vincristina, doxorubicina (adriamicina) o epidoxorubicina, cortisone. Le informazioni contenute in questo modello

Dettagli

Definizione di Dispositivo Medico

Definizione di Dispositivo Medico Definizione di Dispositivo Medico Vs Cosmetico Vs prodotto farmaceutico Vs Biocida Vs DPI Definizione di dispositivo medico Qualsiasi strumento,apparecchio, impianto, sostanza od altro prodotto, utilizzato

Dettagli

L ALIMENTAZIONE ANTINFIAMMATORIA PER IL PODISTA. Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa

L ALIMENTAZIONE ANTINFIAMMATORIA PER IL PODISTA. Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa L ALIMENTAZIONE ANTINFIAMMATORIA PER IL PODISTA Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa L atleta moderno ha bisogno di un maggior numero di adattamenti metabolici all esercizio fisico.

Dettagli

UNIVERSITÀ DI BOLOGNA

UNIVERSITÀ DI BOLOGNA ALMA MATER STUDIORUM UNIVERSITÀ DI BOLOGNA LA VALUTAZIONE DELLA SICUREZZA DEL PRODOTTO COSMETICO FINITO Andrea Tarozzi Dipartimento di Farmacologia - Facoltà di Farmacia Seminario PER FARE DELLA BELLEZZA

Dettagli

Master La pulizia sostenibile come opportunità FORUM PA Roma, 17-20 maggio 2010. L attività di ASSOCASA per una detergenza sostenibile

Master La pulizia sostenibile come opportunità FORUM PA Roma, 17-20 maggio 2010. L attività di ASSOCASA per una detergenza sostenibile Master La pulizia sostenibile come opportunità FORUM PA Roma, 17-20 maggio 2010 L attività di ASSOCASA per una detergenza sostenibile A cura di ASSOCASA Assocasa Associazione Nazionale Detergenti e Specialità

Dettagli

RIGENERANTI. AGLI ENZIMI Trattamento efficace di rinnovamento cellulare, stimola il ricambio epidermico e rende la pelle luminosa ed elastica.

RIGENERANTI. AGLI ENZIMI Trattamento efficace di rinnovamento cellulare, stimola il ricambio epidermico e rende la pelle luminosa ed elastica. TRATTAMENTI VISO RIGENERANTI ESFOLIANTE attamento indicato per ottenere una pelle liscia, luminosa e elastica, previene o attenua gli inestetismi più comuni e diffusi. Rimuove le cellule morte, leviga

Dettagli

GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO

GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO Comune di CORI (Lt) Assessorato all RACCOLTA DIFFERENZIATA PORTA A PORTA GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO pagina 1 SOMMARIO Premessa... 3 1 Principi generali: Cos è il Compostaggio... 4 2 Cosa mettere nella

Dettagli

Scheda di sicurezza FULCRON CASA RIMUOVI MUFFA ML500

Scheda di sicurezza FULCRON CASA RIMUOVI MUFFA ML500 Scheda di sicurezza del 4/12/2009, revisione 2 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETÀ/IMPRESA Nome commerciale: Codice commerciale: 2544 Tipo di prodotto ed impiego: Agente antimuffa

Dettagli

Corretto utilizzo delle soluzioni concentrate di Potassio cloruro. ed altre soluzioni contenenti Potassio

Corretto utilizzo delle soluzioni concentrate di Potassio cloruro. ed altre soluzioni contenenti Potassio cloruro cloruro Data Revisione Redazione Approvazione Autorizzazione N archiviazione 00/00/2010 e Risk management Produzione Qualità e Risk management Direttore Sanitario 1 cloruro INDICE: 1. Premessa

Dettagli

Istituto Superiore di Sanità Centro Nazionale Sostanze Chimiche

Istituto Superiore di Sanità Centro Nazionale Sostanze Chimiche REGOLAMENTO (CE) N. 1272/2008 Consigli di prudenza Consigli di prudenza di carattere generale P101 P102 P103 In caso di consultazione di un medico, tenere a disposizione il contenitore o l etichetta del

Dettagli

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA Che cos è la degenerazione maculare? La degenerazione maculare è una malattia che interessa la regione centrale della retina (macula), deputata alla visione distinta necessaria per la lettura, la guida

Dettagli

Foglio1. 5-7.00 Piega 10,00. Masch.x lavaggio/sh.speciale

Foglio1. 5-7.00 Piega 10,00. Masch.x lavaggio/sh.speciale LISTINO PREZZI Servizio Singolo Pettinata 5-7.00 Piega Taglio Masch.x lavaggio/sh.speciale 2,00 Fiala ai minerali x lavaggio 5,00 Fiala x caduta 5,00 Cachet Masch.con elastina Masch.con cheratina Pagina

Dettagli

Le profilassi del lattante: la vitamina D, la vitamina K e la carie?

Le profilassi del lattante: la vitamina D, la vitamina K e la carie? L allattamento al seno esclusivo è il nutrimento ideale per il bambino, sufficiente per garantire un adeguata crescita per i primi 6 mesi; il latte materno è unanimemente considerato il gold standard in

Dettagli

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott.

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott. C. I. D. I. M. U. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI Resp. Dott. Antonio Vercelli OSTEOPOROSI *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* *Cos è l osteoporosi?* L osteoporosi

Dettagli

Effetti dell incendio sull uomo

Effetti dell incendio sull uomo Effetti dell incendio sull uomo ANOSSIA (a causa della riduzione del tasso di ossigeno nell aria) AZIONE TOSSICA DEI FUMI RIDUZIONE DELLA VISIBILITÀ AZIONE TERMICA Essi sono determinati dai prodotti della

Dettagli

CIMSA SUD CHIMICA INDUSTRIALE MERIDIONALE SRL SCHEDA DI SICUREZZA PROCESS OIL Conforme al regolamento CE n 1907/2006 del 18.12.

CIMSA SUD CHIMICA INDUSTRIALE MERIDIONALE SRL SCHEDA DI SICUREZZA PROCESS OIL Conforme al regolamento CE n 1907/2006 del 18.12. 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/MISCELA E DELL IMPRESA 1.1 Identificazione della sostanza o preparato -Tipologia Reach : Miscela -Nome commerciale : PROCESS OIL 32-46-68 1.2 Utilizzo : Olio per usi generali

Dettagli

Il vapor saturo e la sua pressione

Il vapor saturo e la sua pressione Il vapor saturo e la sua pressione Evaporazione = fuga di molecole veloci dalla superficie di un liquido Alla temperatura T, energia cinetica di traslazione media 3/2 K B T Le molecole più veloci sfuggono

Dettagli

Cos'è esattamente la gelatina

Cos'è esattamente la gelatina Cos'è esattamente la gelatina LA GELATINA È PURA E NATURALE La gelatina attualmente in commercio viene prodotta in moderni stabilimenti operanti in conformità ai più rigorosi standard di igiene e sicurezza.

Dettagli

Liponax Sol. Innovativa formulazione LIQUIDA. ad elevata biodisponibilità. Acido R (+) a-lipoico

Liponax Sol. Innovativa formulazione LIQUIDA. ad elevata biodisponibilità. Acido R (+) a-lipoico Innovativa formulazione LIQUIDA ad elevata biodisponibilità L acido a lipoico è una sostanza naturale che ricopre un ruolo chiave nel metabolismo energetico cellulare L acido a lipoico mostra un effetto

Dettagli

Altre informazioni sul papilloma virus (HPV)

Altre informazioni sul papilloma virus (HPV) Altre informazioni sul papilloma virus (HPV) Questo è un documento di approfondimento sull HPV. Prima di leggerlo guardate le informazioni di base contenute in Alcune informazioni sull esame per il papilloma

Dettagli

Tecnica ed esperienza per prestazioni elevate.

Tecnica ed esperienza per prestazioni elevate. Tecnica ed esperienza per prestazioni elevate. INDICE La presente guida contiene suggerimenti e indicazioni di carattere generale e a scopo puramente informativo. Non si deve prescindere dal leggere attentamente

Dettagli

Legionella pneumophila: impianti e punti a maggior rischio di colonizzazione e tecniche di prevenzione

Legionella pneumophila: impianti e punti a maggior rischio di colonizzazione e tecniche di prevenzione «Ispezione tecnica: l analisi degli impianti aeraulici» Legionella pneumophila: impianti e punti a maggior rischio di colonizzazione e tecniche di prevenzione Cillichemie Italiana Dott. Marco D Ambrosio

Dettagli

Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti

Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti Le necessità del nostro corpo Cibo e bevande sono i mezzi con cui il nostro organismo si procura le sostanze di cui ha bisogno per le sue attività vitali.

Dettagli

COME NASCONO I TAPPI DI SUGHERO

COME NASCONO I TAPPI DI SUGHERO IL SUGHERO CHE COS È Il sughero è un prodotto naturale che si ricava dall estrazione della corteccia della Quercus suber L, la quercia da sughero. Questa pianta è una sempreverde, longeva, che cresce nelle

Dettagli

Parts of my Pop-in... 7 8a

Parts of my Pop-in... 7 8a A C 5 B Parts of my Pop-in... 5 6 0 D 9 7 8a 8b IT IMPORTANTE! CONSERVARE LE ISTRUZIONI PER CONSULTAZIONI FUTURE Come usare i Pop-in Precauzioni d uso Non usare ammorbidenti con i vostri Pop-in. Non usare

Dettagli

REGISTRO DEI TRATTAMENTI CON PRODOTTI FITOSANITARI

REGISTRO DEI TRATTAMENTI CON PRODOTTI FITOSANITARI REGIONE VENETO REGISTRO DEI TRATTAMENTI CON PRODOTTI FITOSANITARI (DPR 23 aprile 2001 n 290 art. 42) 24 NOTE GENERALI Il registro completo dei trattamenti, è composto da: - scheda A - Dati anagrafici azienda/ente

Dettagli

l esclusivo sistema per la diluizione ed il dosaggio dei prodotti ultraconcentrati

l esclusivo sistema per la diluizione ed il dosaggio dei prodotti ultraconcentrati CATALOGO EXA l esclusivo sistema per la diluizione ed il dosaggio dei prodotti ultraconcentrati + pratico + sicuro + economico + ecologico 3 edizione Azienda Certificata ISO 9001 e ISO 14001 IL SISTEMA

Dettagli

PER SAPERNE DI PIÙ DAL CAMPO... AL MERCATO ALLA TAVOLA. Per saperne di più

PER SAPERNE DI PIÙ DAL CAMPO... AL MERCATO ALLA TAVOLA. Per saperne di più PER SAPERNE DI PIÙ DAL CAMPO... AGRICOLTURA BIOLOGICA LA FILIERA (dal campo alla tavola) AL MERCATO L ETICHETTA PRODOTTI A KM ZERO MERCATI CONTADINI, VENDITA DIRETTA, GAS ALLA TAVOLA LA PIRAMIDE ALIMENTARE

Dettagli

TALK SHOW. Una Hotel - Via Muratori Milano Giovedí, 26 Marzo 2015 IL SORRISO VIEN MANGIANDO

TALK SHOW. Una Hotel - Via Muratori Milano Giovedí, 26 Marzo 2015 IL SORRISO VIEN MANGIANDO Una Hotel - Via Muratori Milano Giovedí, 26 Marzo 2015 TALK SHOW IL SORRISO VIEN MANGIANDO D.ssa Clelia Iacoviello Consulente Nutrizionale Nutraceutico Agenda Chi sono I problemi di oggi - Fame di Testa

Dettagli

GARANZIA LEGALE DEL VENDITORE

GARANZIA LEGALE DEL VENDITORE GARANZIA LEGALE DEL VENDITORE Tutti i prodotti che compri da Apple, anche quelli non a marchio Apple, sono coperti dalla garanzia legale di due anni del venditore prevista dal Codice del Consumo (Decreto

Dettagli

Dipartimento di Prevenzione U.O.C. HACCP- RSO

Dipartimento di Prevenzione U.O.C. HACCP- RSO La presente istruzione operativa dettaglia una specifica attività/fase di un processo descritto dalla procedura Piano Interno di Intervento Emergenza Migranti. La sanificazione ambientale viene intesa

Dettagli

IL SETTORE INDUSTRIALE & ISTITUZIONALE DI ASSOCASA

IL SETTORE INDUSTRIALE & ISTITUZIONALE DI ASSOCASA IL SETTORE INDUSTRIALE & ISTITUZIONALE DI ASSOCASA Igiene, norme e sostenibilità: profilo di un settore in continua trasformazione assocasa.federchimica.it Indice 1. Introduzione al settore pag. 3 2. Le

Dettagli

Etichettatura del miele e dei prodotti dell alveare per il consumo diretto

Etichettatura del miele e dei prodotti dell alveare per il consumo diretto Etichettatura del miele e dei prodotti dell alveare per il consumo diretto Reg. CE 1234/07 Assessorato Agricoltura Centro Agrochimico Regionale G.L. Marcazzan CRA-API di Bologna M. Stefàno A.S.S.A.M. Regione

Dettagli

LUNA for MEN MANUALE UTENTE COMPLETO PREPARA IL TUO VISO PER UNA RASATURA MIGLIORE, PULISCE A FONDO E RIDUCE I SEGNI DELL INVECCHIAMENTO

LUNA for MEN MANUALE UTENTE COMPLETO PREPARA IL TUO VISO PER UNA RASATURA MIGLIORE, PULISCE A FONDO E RIDUCE I SEGNI DELL INVECCHIAMENTO LUNA for MEN MANUALE UTENTE COMPLETO PREPARA IL TUO VISO PER UNA RASATURA MIGLIORE, PULISCE A FONDO E RIDUCE I SEGNI DELL INVECCHIAMENTO Congratulazioni per aver acquistato LUNA for MEN, il dispositivo

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza ai sensi del regolamento 1907/2006/CE, Articolo 31

Scheda di dati di sicurezza ai sensi del regolamento 1907/2006/CE, Articolo 31 Pagina: 1/5 1 Identificazione della sostanza o della miscela e della società/impresa Identificatore del prodotto Usi pertinenti identificati della sostanza o miscela e usi sconsigliati Utilizzazione della

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza Ai sensi del Regolamento CE 1907/2006 REACH Stampato il 01/01/09 Denominazione commerciale: SILIFIM ROSSO ALTE TEMPERATURE

Scheda di dati di sicurezza Ai sensi del Regolamento CE 1907/2006 REACH Stampato il 01/01/09 Denominazione commerciale: SILIFIM ROSSO ALTE TEMPERATURE Pagina: 1/ 5 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA Denominazione commerciale: SILIFIM ALTE TEMPERATURE Articolo numero: art.01004/01004a Utilizzazione della Sostanza / del

Dettagli

CANTINA PRODUTTORI DI VALDOBBIADENE. REGISTRO DEI TRATTAMENTI CON PRODOTTI FITOSANITARI (DPR 23 aprile 2001 n 290 art 42) ANN0 2012

CANTINA PRODUTTORI DI VALDOBBIADENE. REGISTRO DEI TRATTAMENTI CON PRODOTTI FITOSANITARI (DPR 23 aprile 2001 n 290 art 42) ANN0 2012 CANTINA PRODUTTORI DI VALDOBBIADENE REGISTRO DEI TRATTAMENTI CON PRODOTTI FITOSANITARI (DPR 23 aprile 2001 n 290 art 42) ANN0 2012 NORME IGIENICO - SANITARIE I prodotti fitosanitari sono sostanze pericolose:

Dettagli

Ricerca, Qualità, Sicurezza e Salute

Ricerca, Qualità, Sicurezza e Salute Ricerca, Qualità, Sicurezza e Salute Chi Siamo Hygeia Lab S.r.l. nasce nel 2011 dalla passione e dal desiderio di giovani laureati di continuare la crescita e la formazione scientifica. E una Start-Up

Dettagli

Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore ARTRITI DA

Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore ARTRITI DA Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore LA GOTTA ED ALTRE ARTRITI DA CRISTALLI REGGIO EMILIA,, APRILE 2007 La Gotta ed altre Artriti da Cristalli

Dettagli

GUIDA PRATICA PER L ETICHETTATURA E PRESENTAZIONE DEGLI OLI DI OLIVA

GUIDA PRATICA PER L ETICHETTATURA E PRESENTAZIONE DEGLI OLI DI OLIVA GUIDA PRATICA PER L ETICHETTATURA E PRESENTAZIONE DEGLI OLI DI OLIVA GIUGNO 2010 Il presente Manuale è stato realizzato con il contributo tecnico-scientifico di Dintec Scrl Consorzio per l Innovazione

Dettagli

SCHEDA DI SICUREZZA DEL PRODOTTO In conformità con il D.L.65/03 e i suoi relativi emendamenti.

SCHEDA DI SICUREZZA DEL PRODOTTO In conformità con il D.L.65/03 e i suoi relativi emendamenti. 1. ELEMENTI IDENTIFICATIVI DELLA SOSTANZA O DEL PREPARATO E DELLA SOCIETÀ/IMPRESA PRODUTTRICE Nome commerciale : Società : Dow Corning S.A. rue Jules Bordet - Parc Industriel - Zone C B-7180 Seneffe Belgio

Dettagli

REFRASET SCHEDA DI SICUREZZA. Revisione n 02 del 21/05/2012 Sostituisce 23/05/2002

REFRASET SCHEDA DI SICUREZZA. Revisione n 02 del 21/05/2012 Sostituisce 23/05/2002 Pag. 1 di 5 REFRASET SCHEDA DI SICUREZZA Revisione n 02 del 21/05/2012 Sostituisce 23/05/2002 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO, DEL PRODOTTO E DELLA SOCIETA 1.1 Identificazione della sostanza

Dettagli

Scheda dei Dati di Sicurezza Secondo le Direttive 91/155/CEE

Scheda dei Dati di Sicurezza Secondo le Direttive 91/155/CEE 1. Identificazione della sostanza/preparato e della societá o ditta 1.1 Identificazione della sostanza o del preparato Denominazione: Mercurio II Solfato soluzione 200 g/lin acido solforico diluito 1.2

Dettagli

Protezione da Ebola. Cos è, come si previene il contagio, quale barriera scegliere

Protezione da Ebola. Cos è, come si previene il contagio, quale barriera scegliere Protezione da Ebola Cos è, come si previene il contagio, quale barriera scegliere Ed.Ottobre 2014 Il virus Ebola: la sua natura, come si diffonde, quanto è pericoloso L ebola è un virus appartenente alla

Dettagli

le MINIGUIDE di ALLATTAMENTO Sempre con te, passo dopo passo

le MINIGUIDE di ALLATTAMENTO Sempre con te, passo dopo passo 3 IN ALLATTAMENTO Sempre con te, passo dopo passo sezione 1 L ALIMENTAZIONE Latte e coccole... Il latte materno costituisce l alimento più adatto ai bisogni del neonato e non solo dal punto di vista nutrizionale:

Dettagli

"#$%&'()! "*$!$*#+#!,)!$-%#.# Guida ad un impiego sicuro dei solventi sul lavoro

#$%&'()! *$!$*#+#!,)!$-%#.# Guida ad un impiego sicuro dei solventi sul lavoro "#$%&'()! "*$!$*#+#!,)!$-%#.# Guida ad un impiego sicuro dei solventi sul lavoro "#$%&'()!"*$!$*#+#!,)!$-%#.# Cos é un solvente? Molte sostanze chimiche, usate per distruggere o diluire altre sostanze

Dettagli

Energia: come rateizzare una bolletta di conguaglio Mediaset: continua la battaglia per il recupero del credito residuo

Energia: come rateizzare una bolletta di conguaglio Mediaset: continua la battaglia per il recupero del credito residuo Coordinato da Valeria Lai Agenzia Adiconsum - anno XX - n. 23-2 maggio 2008 Stampato in proprio in maggio 2008 In questo numero: Energia: come rateizzare una bolletta di conguaglio Mediaset: continua la

Dettagli

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono?

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono? STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? Si definisce sperimentazione clinica, o studio clinico controllato, (in inglese: clinical trial), un esperimento scientifico che genera dati

Dettagli

...LEGGETE I DATI TECNICI E CAPIRETE... intonaco idrofobizzato colorato IL MASSETTO CALDO. per restauro, ristrutturazioni e nuova edilizia civile

...LEGGETE I DATI TECNICI E CAPIRETE... intonaco idrofobizzato colorato IL MASSETTO CALDO. per restauro, ristrutturazioni e nuova edilizia civile MATERIALI A BASE DI CALCE NATURALE PER IL RESTAURO E IL RISANAMENTO scheda tecnica per restauro, ristrutturazioni e nuova edilizia civile intonaco idrofobizzato colorato IL MASSETTO CALDO PRODOTTO PER

Dettagli

3. COMPOSIZIONE E INFORMAZIONE SUGLI INGREDIENTI

3. COMPOSIZIONE E INFORMAZIONE SUGLI INGREDIENTI Pag. 1 di 7 SCHEDA INFORMATIVA IN MATERIA DI SICUREZZA 1. IDENTIFICAZIONE DEL PREPARATO E DELLA SOCIETA' DENOMINAZIONE COMMERCIALE PRODOTTO: PROCESS OIL NC 100 CODICE PRODOTTO: 4S99 USO O DESCRIZIONE:

Dettagli

10.- DISINFETTANTI PIÙ COMUNI E MODALITÀ D USO

10.- DISINFETTANTI PIÙ COMUNI E MODALITÀ D USO 10.- DISINFETTANTI PIÙ COMUNI E MODALITÀ D USO 10.0.- Disinfettanti e loro caratteristiche Questa sezione descrive alcune famiglie di disinfettanti facilmente reperibili sul mercato che attualmente vengono

Dettagli

POLVERI MULTIDOSE CAPSULE

POLVERI MULTIDOSE CAPSULE PLVERI MULTIDSE MENTL PLVERE CUTANEA PREPARARE UNA A SCELTA FRA LE DUE FRMULAZINI Composizione: levomentolo o mentolo racemico g 1.0 talco g 99.0 Preparazione 20 g TALC MENT-CANFRAT Composizioe: levomentolo

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza ai sensi del regolamento 1907/2006/CE, Articolo 31

Scheda di dati di sicurezza ai sensi del regolamento 1907/2006/CE, Articolo 31 Pagina: 1/5 * 1 dentificazione della sostanza o della miscela e della società/impresa 1.1 dentificatore del prodotto 1.2 Usi pertinenti identificati della sostanza o miscela e usi sconsigliati Non sono

Dettagli

COME FAR FUNZIONARE IL CONGELATORE

COME FAR FUNZIONARE IL CONGELATORE COME FAR FUNZIONARE IL CONGELATORE In questo congelatore possono essere conservati alimenti già congelati ed essere congelati alimenti freschi. Messa in funzione del congelatore Non occorre impostare la

Dettagli

glazer union soluzioni per il rispetto delle norme HACCP nel settore alimentare

glazer union soluzioni per il rispetto delle norme HACCP nel settore alimentare CHE COS'È L'HACCP? Hazard Analysis and Critical Control Points è il sistema di analisi dei rischi e di controllo dei punti critici di contaminazione per le aziende alimentari. Al fine di garantire la completa

Dettagli

PICC e Midline. Guida per il Paziente. Unità Operativa di Anestesia

PICC e Midline. Guida per il Paziente. Unità Operativa di Anestesia PICC e Midline Guida per il Paziente Unità Operativa di Anestesia INDICE Cosa sono i cateteri PICC e Midline Pag. 3 Per quale terapia sono indicati Pag. 4 Quando posizionare un catetere PICC o Midline

Dettagli

Aquaflex Roof. Membrana elastica liquida con fibre, pronta all uso, per impermeabilizzare in continuo superfici da lasciare a vista

Aquaflex Roof. Membrana elastica liquida con fibre, pronta all uso, per impermeabilizzare in continuo superfici da lasciare a vista Membrana elastica liquida con fibre, pronta all uso, per impermeabilizzare in continuo superfici da lasciare a vista CAMPI DI APPLICAZIONE Impermeabilizzazione di: coperture piane; balconi e terrazzi;

Dettagli

Castrazione e sterilizzazione

Castrazione e sterilizzazione Centro veterinario alla Ressiga Castrazione e sterilizzazione Indicazioni, controindicazioni, effetti collaterali ed alternative Dr. Roberto Mossi, medico veterinario 2 Castrazione e sterilizzazione Castrazione

Dettagli

COS E LA PRODUZIONE INTEGRATA?

COS E LA PRODUZIONE INTEGRATA? Cos è la Produzione Integrata (PI). Con questo scritto desidero fare una cronistoria sulla produzione integrata, un sistema di lotta iniziato negli anni 80, dove un ticinese nella persona del Dott. Mario

Dettagli

PYRAMIN DF 1KG. 1. Denominazione della sostanza/preparato e della società. 2. Composizione / Informazioni sugli ingredienti

PYRAMIN DF 1KG. 1. Denominazione della sostanza/preparato e della società. 2. Composizione / Informazioni sugli ingredienti Scheda dei dat Scheda dei dati di Sicurezza Pagina: 1/8 1. Denominazione della sostanza/preparato e della società PYRAMIN DF 1KG Uso: antiparassitario, erbicida Ditta: BASF Italia Spa Divisione Agro Via

Dettagli

MANUALE DI GESTIONE GOVERNO QUOTIDIANO DEGLI ANIMALI

MANUALE DI GESTIONE GOVERNO QUOTIDIANO DEGLI ANIMALI MANUALE DI GESTIONE Breve descrizione del canile (fabbricati: box, locali accessori). Modalità di approvvigionamento idrico e smaltimento reflui animali. Individuazione responsabile generale (titolare)

Dettagli

Ibiocidi sono stati soggetti in questi ultimi anni alla direttiva LA DIRETTIVA BIOCIDI

Ibiocidi sono stati soggetti in questi ultimi anni alla direttiva LA DIRETTIVA BIOCIDI Ferruccio Trifirò LA DIRETTIVA BIOCIDI PER CAPIRE GLI EFFETTI DEL REACH Con l applicazione della direttiva biocidi, diventata operativa nel 2000, c è stata una forte riduzione dei principi attivi e delle

Dettagli

Guida all applicazione (spruzzatura ad aria nebulizzata)

Guida all applicazione (spruzzatura ad aria nebulizzata) Guida all applicazione (spruzzatura ad aria nebulizzata) 1 Spruzzo convenzionale (aria nebulizzata) Una pistola a spruzzo convenzionale è uno strumento che utilizza aria compressa per atomizzare ( nebulizzare

Dettagli

I METALLI PESANTI NEL LATTE

I METALLI PESANTI NEL LATTE I METALLI PESANTI NEL LATTE di Serraino Andrea Dipartimento di Sanità Pubblica Veterinaria e Patologia Animale - Facoltà Medicina Veterinaria - Università di Bologna - Alma Mater Studiorum. I metalli sono

Dettagli

Cuscinetti SKF con Solid Oil

Cuscinetti SKF con Solid Oil Cuscinetti SKF con Solid Oil La terza alternativa per la lubrificazione The Power of Knowledge Engineering Cuscinetti SKF con Solid Oil la terza alternativa di lubrificazione Esistono tre metodi per erogare

Dettagli

CTP Tecnologie di Processo è un azienda certificata: CTP Tecnologie di Processo

CTP Tecnologie di Processo è un azienda certificata: CTP Tecnologie di Processo Fármacos de Importación Paralela CTP Tecnologie di Processo è un azienda certificata: CTP Tecnologie di Processo Schema Relazione Introduzione al concetto Normativa europea Conseguenze sul mercato Portata

Dettagli

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS)

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Che cos é? Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) La sindrome di Blau è una malattia genetica. I pazienti affetti presentano rash

Dettagli

Sicurezza nei tessili per bambini

Sicurezza nei tessili per bambini NEGOZI SPECIALIZZATI PARTE 1 Know-How per gli specialisti addetti alla vendita Sicurezza nei tessili per bambini Protezione dai raggi UVA Chiusure sicure Controllo sulle sostanze tossiche Manutenzione

Dettagli

I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità TITOLO RELAZIONE

I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità TITOLO RELAZIONE TITOLO RELAZIONE I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità A partire dal 3 gennaio 2013 è entrato in vigore il regolamento (UE)

Dettagli

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata Cari pazienti! Vi sentite spesso fiacchi, stanchi, esauriti o giù di morale? Soffrite facilmente il freddo?

Dettagli

SCHEDE DI SICUREZZA ai sensi del regolamento 1907/2006/CE, Articolo 31

SCHEDE DI SICUREZZA ai sensi del regolamento 1907/2006/CE, Articolo 31 SCHEDE DI SICUREZZA ai sensi del regolamento 1907/2006/CE, Articolo 31 SEZIONE 1: Identificazione della sostanza o della miscela e della società/impresa 1.1. Identificatore del prodotto Nome prodotto 1.3.

Dettagli

La degenerazione maculare correlata all età (DME) è una malattia della retina, nel fondo dell occhio.

La degenerazione maculare correlata all età (DME) è una malattia della retina, nel fondo dell occhio. Che cos è la Degenerazione Maculare correlata all Età (DME)? La degenerazione maculare correlata all età (DME) è una malattia della retina, nel fondo dell occhio. Essa porta a una limitazione o alla perdita

Dettagli

GUIDA PER ORIENTARE I RICHIEDENTI NELLA COMPILAZIONE DEL DOCUMENTO UNICO

GUIDA PER ORIENTARE I RICHIEDENTI NELLA COMPILAZIONE DEL DOCUMENTO UNICO GUIDA PER ORIENTARE I RICHIEDENTI NELLA COMPILAZIONE DEL DOCUMENTO UNICO Si prega di prestare particolare attenzione ai "PUNTI ESSENZIALI" Nota bene: la presente guida ha lo scopo di aiutare i richiedenti

Dettagli

ALPHA ORIENT DECORATIVI FINITURA DECORATIVA PER INTERNI CHE CONFERISCE L ASPETTO E IL TATTO DELLA SETA.

ALPHA ORIENT DECORATIVI FINITURA DECORATIVA PER INTERNI CHE CONFERISCE L ASPETTO E IL TATTO DELLA SETA. ALPHA ORIENT DECORATIVI FINITURA DECORATIVA PER INTERNI CHE CONFERISCE L ASPETTO E IL TATTO DELLA SETA. ALPHA ORIENT ALPHA ORIENT Il colore è ovunque, basta saperlo cercare. Finitura altamente decorativa

Dettagli

212312 Tween 20 QP 1. Identificazione della sostanza/preparato e della societá o ditta 1.1 Identificazione della sostanza o del preparato

212312 Tween 20 QP 1. Identificazione della sostanza/preparato e della societá o ditta 1.1 Identificazione della sostanza o del preparato 1. Identificazione della sostanza/preparato e della societá o ditta 1.1 Identificazione della sostanza o del preparato Denominazione: Tween 20 1.2 Nome della societá o ditta: PANREAC QUIMICA, S.A. E 08110

Dettagli

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta

Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta isstock Vivere bene entro i limiti del nostro pianeta 7 PAA Programma generale di azione dell Unione in materia di ambiente fino al 2020 A partire dalla metà degli anni 70 del secolo scorso, la politica

Dettagli

1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO

1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO 1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO Sono molte le definizioni di allenamento: Definizione generale: E un processo che produce nell organismo un cambiamento di stato che può essere fisico, motorio, psicologico.

Dettagli

Scheda Dati di Sicurezza

Scheda Dati di Sicurezza B G 0 1 Pagina n. 1 / 5 Scheda Dati di Sicurezza 1. Identificazione della sostanza / del preparato e della Società 1.1 Identificazione della sostanza o del preparato Codice: D1613 Denominazione BG01 Nome

Dettagli

Antibiotici. quandosì quandono. Lavarsi le mani

Antibiotici. quandosì quandono. Lavarsi le mani Antibiotici quandosì quandono Lavarsi le mani semplice ma efficace Lavarsi le mani è il modo migliore per arrestare la diffusione delle infezioni respiratorie. L 80% delle più comuni infezioni si diffonde

Dettagli

TOASTER. Istruzioni per l uso

TOASTER. Istruzioni per l uso TOASTER Istruzioni per l uso 5 4 3 1 6 DESCRIZIONE DELL APPARECCHIO 1) Manopola temporizzatore 2) Tasto Stop 3) Leva di accensione 4) Bocche di caricamento 5) Pinze per toast 6) Raccoglibriciole estraibile

Dettagli

S.C. Igiene degli alimenti di origine animale. Requisiti igienico-sanitari applicati al settore della pesca

S.C. Igiene degli alimenti di origine animale. Requisiti igienico-sanitari applicati al settore della pesca Requisiti igienico-sanitari applicati al settore della pesca La Spezia 20 ottobre 2009 Requisiti : Strutturali (Strutture ed attrezzature) Funzionali Requisiti strutturali : n Applicabili a tutte le imbarcazioni

Dettagli

Pidocchi?... non perdiamo la testa

Pidocchi?... non perdiamo la testa Pidocchi?... non perdiamo la testa INFORMAZIONI SULLA PEDICULOSI DEL CAPO Ripartizione Sanità Indice Prefazione... 01 01 INTRODUZIONE... 03 02 COME AVVIENE IL CONTAGIO?... 07 03 PREVENZIONE... 09 04 TRATTAMENTO:

Dettagli