JÓZSEF NAGY IL RUOLO DELLA FILOSOFIA NELL OPERA DI PETRARCA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "JÓZSEF NAGY IL RUOLO DELLA FILOSOFIA NELL OPERA DI PETRARCA"

Transcript

1 JÓZSEF NAGY IL RUOLO DELLA FILOSOFIA NELL OPERA DI PETRARCA Nel presente lavoro cercherò di analizzare alcuni aspetti del pensiero di Petrarca che sono relazionati alla filosofia. Giacchè non sono uno specialista di Petrarca, le mie riflessioni formulate per accentuare le connessioni filosofiche di alcuni testi in latino di Petrarca si baseranno innanzitutto sulla ricostruzione parziale degli studi e delle interpretazioni di Ugo Dotti e di Marco Ariani, in più di quelli effettuati da Giovanni Gentile e da Hans Nachod. 1. Alcuni luoghi testuali petrarcheschi con riferimenti filosofici A mio parere nel pensiero di Petrarca la filosofia diversamente dal caso di Dante non è un elemento essenziale, dunque importante, innanzitutto in relazione alla conversione in un senso particolare. 1 Nel volume The Renaissance Philosophy of Man (pubblicato nel 1948) troviamo una selezione di frammenti di lettere petrarchesche latine con rilevanti riferimenti filosofici; di queste tratterò brevemente due: quella su L ascensione al Ventoso e quella su L ignoranza mia e di tanti altri (inoltre citerò pure altri luoghi testuali petrarcheschi importanti dal punto di vista filosofico). Nella sua Introduzione ai testi sopramenzionati Hans Nachod accentua tra l altro che Petrarca non ha mai preteso di essere più di un ammiratore e propagatore degli insegnamenti morali che ha ritrovato nei lavori dei filosofi antichi, particolarmente in quelli dei pensatori latini, che popolarizzavano la filosofia greca nei secoli anteriori a e in quelli immediatamente susseguenti all inizio dell era cristiana (Nachod 1956: 23). Nonostante la filosofia scolastica l avesse influenzato profondamente, Petrarca sentiva forte avversione nei confronti dell averroismo. È ben noto che Petrarca non ha approfondito i suoi studi in greco, di modo che le sue nozioni sulla filosofia antica erano 1 Sulla rilevanza filosofica dell opera di Dante vedi: Kelemen

2 acquisite attraverso autori latini, specialmente Seneca e Cicerone, Lattanzio e Agostino. Possedeva la Metafisica e l Etica Nicomachea di Aristotele in traduzioni latine del Duecento, ossia in una versione latina che lui disprezzava (e contenenti pure numerose misinterpretazioni ): ciò è una delle ragioni per cui non conosceva in modo approfondito Aristotele (cfr. Nachod 1956: 26-27). Questo comunque non gli impediva di criticare in modo retorico (specialmente in alcune lettere) gli ammiratori ciechi di Aristotele e di Averroe, di diventare cioè in modo simile a Coluccio Salutati antiaristotelico (cfr. Nachod 1956: 31). Si deve aggiungere però che Petrarca in un luogo distingue Aristotele dagli aristoteliani: questi ultimi (secondo Petrarca) spesso abusano del nome del maestro e fanno uso in modo irresponsabile della dialettica. Come scrive Petrarca, i dialettici proteggono la loro setta con lo splendore del nome d Aristotele; dicono infatti che egli soleva disputare alla loro maniera. In realtà è sempre una buona scusa quella d essersi tenuti sulle orme dei grandi maestri [ ] ma costoro si ingannano. Aristotele [ ], uomo d ingegno vivacissimo, scriveva o discorreva [ ] delle questioni più complesse. [ ] Ma costoro perché si allontanano tanto dal loro maestro? [ ] Niente di più dissimile da un così grande filosofo di persone che non scrivono nulla, capiscono poco [ ]. Come non ridere delle loro conclusioncelle con le quali questi bei letterati seccano sé e gli altri, in cui consumano tutta la vita, come uomini che, inetti a qualsiasi cosa, sono particolarmente dannosi proprio nel loro lavoro? (Petrarca 1970a: ) Nella Senile scritta a padre L. Marsili, Petrarca utilizza delle formulazioni ancora più radicali nei confronti di Averroé e dei suoi seguaci. E perchè mai non ti fugga dalla memoria ciò che io bramo da te, lascia che qui sull ultimo te lo rammenti. Non appena ti verrà fatto di giungere al segno cui miri [ ], scrivi un trattato contro quel rabbioso cane ch è Averroe, il quale agitato da infernale furore [ ] oltraggia e lacera il santo nome di Cristo e la cattolica fede (Petrarca 1870: 425, corsivi miei, J.N.). 95

3 Come si legge pure in un altra Senile, indirizzata a Boccaccio: Ma quale scusa potran meritare gli uomini letterati che non potendo ignorare le cose antiche, vivon pur ciechi tra le tenebre de medesimi errori? Mi viene, amico, la bile, e tutto mi sento rimescolare per ira il sangue, quando parlo di cotestoro, che a giorni nostri si veggono venir fuora in parvenza di dialettici, [ ] branco di nere formiche vomitate da putrefatto tronco di vecchia quercia, [che] devastano i campi di ogni più eletta dottrina. Platone, Aristotele, Socrate, Pitagora, ad essi, son uomini degni di sprezzo e di derisione. (Petrarca 1869: 279) È peculiare che Petrarca criticava duramente Dante per lo stile del suo latino mentre non lo criticava affatto per la sua adesione ad una certa interpretazione dell averroismo: come è noto, Dante nella Monarchia esplicitamente condivideva la posizione di radici averroistiche dell unità dell intelletto, come anche la tesi secondo la quale le capacità potenziali umane possono attualizzarsi esclusivamente nel contesto sociale. È un fatto notorio che Petrarca possedeva un codice contente sedici dialoghi platonici in greco (e disponeva anche di altre opere platoniche in traduzione latina) ragione per cui non leggeva direttamente neanche Platone. Quindi (come giustamente osserva Nachod) l influenza filosofica più importante per Petrarca era l opera di Agostino, che lui conosceva profondamente: apprezzava innanzittutto le sue Confessioni; Petrarca nei suoi Dialoghi sul disprezzo del mondo imitava perfettamente lo stile agostiniano (cfr. Nachod 1956: 27). Secondo Nachod per Petrarca (considerato anche per questo da molti studiosi il primo umanista e il primo pensatore moderno) la filosofia in base all insegnamento di Cicerone significava essenzialmente una disciplina pratica, che insegna l arte di vivere bene e felici (l ars bene beateque vivendi); non ha aspirato a più di essere un filosofo morale che insegna tale arte: infatti è stato riconosciuto come philosophus moralis in un documento ufficiale veneto, quando ha donato la sua biblioteca alla Repubblica di Venezia (cfr. Nachod 1956:24). E si conosce bene quel luogo comune, ormai forse discutibile, secondo il quale in Petrarca si 96

4 annuncia la costante del successivo pensiero umanistico, il tentativo di conciliare Agostino, Cicerone, Platone, il tentativo cioè di tenere uniti pensiero cristiano, humanae litterae latine e filosofia classica greca. Vediamo dunque un brano della Lettera a Dionigi da Borgo San Sepolcro, intitolato anche L ascensione al Ventoso (da Le Familiari), in cui troviamo in seguito ad un esplicita allusione una citazione da Agostino. Mentre ammiravo questo spettacolo in ogni suo aspetto ed ora pensavo a cose terrene ed ora, invece, come avevo fatto con il corpo, levavo più in alto l anima, credetti giusto dare uno sguardo alle Confessioni di Agostino, dono del tuo affetto, libro che in memoria dell autore e di chi me l ha donato io porto sempre con me: libretto di piccola mole ma d infinita dolcezza. Lo apro per leggere quello che mi cadesse sott occhio: quale pagina poteva capitarmi che non fosse pia e devota? Era il decimo libro. Mio fratello [Gherardo], che attendeva per mia bocca di udire una parola di Agostino, era attentissimo. Lo chiamo con Dio a testimonio che dove dapprima gettai lo sguardo, vi lessi: E vanno gli uomini a contemplare le cime dei monti, i vasti flutti del mare, le ampie correnti dei fiumi, l immensità dell oceano, il corso degli astri, e trascurano se stessi 2 (Petrarca 1970b: ) 3 Sembra ovvio che l ascesa sul monte rappresenti innanzittutto in un determinato senso, con connessione morale l allegorìa della conversione. Infatti, secondo il commento di Nachod nel caso in questione Petrarca è riuscito a mescolare eccellentemente il senso letterale con quello allegorico. In ogni frase del suo racconto su quello che gli è accaduto in quel giorno fatale del 26 aprile 1336 registra pure le fasi della lunga lotta della sua coscienza che alla fine l ha portato a un certo tipo di conversione ed elevazione, ad uno stato mentale più elevato (Nachod 1956: 28). 2 Agostino, Confessioni, X Come ci rivela Nachod, il destinatario della lettera, Francesco Dionigi de Roberti da Borgo San Sepolcro, professore di teologia all Università di Parigi e in seguito vescovo del Regno di Napoli, era colui che aveva condotto Petrarca ad Agostino (cfr. Nachod 1956: 28). 97

5 Nel De sui ipsius et multorum ignorantia (dalle Invective), che quasi un secolo più tardi probabilmente ha ispirato Cusano nella stesura del proprio capolavoro, il De docta ignorantia, troviamo tra l altro un interessante allusione ad Aristotele: Tu sai, o Signore, innanzi al quale viene ogni mio desiderio e ogni mio sospiro, che alla cultura, dato che l ho usata con sobrietà, non ho chiesto altro che di diventare buono. Non perché avessi fiducia che, al di fuori di te solo, tale potesse rendere la cultura o chicchesia, sebbene lo promettano Aristotile e molti altri; ma perché stimavo che attraverso la cultura, sotto la guida di te non d altri, la strada verso il mio scopo sarebbe stata più onesta, più sicura, e al tempo stesso più divertente (Petrarca 1955b: 717). Poi Petrarca continua la sua riflessione sulla distinzione tra la fede cristiana e il presunto sapere filosofico come segue. E non ti chiedo soltanto il «nome di bontà» [ ], ma la reale sostanza, in modo da essere buono, da amarti, da meritare l amor tuo (perché nessuno contraccambia chi lo ama, come tu), da pensare a te, da esserti ossequiente, da sperare in te, da parlare di te. [ ] e uno di questi tapini che credono in te è molto più felice di Platone, di Aristotile, di Varrone, di Cicerone, che con tutta la loro cultura non arrivarono a conoscerti (Petrarca 1955b: ). La dura critica di Petrarca nei confronti di Aristotele è manifesta in diverse altre occasioni, quando per esempio afferma che Aristotele sia stato assolutamente incapace di comprendere due cose: fede e immortalità ragione per cui non ha potuto in assoluto raggiungere la beatitudine (cfr. Petrarca 1955b: ). Petrarca suggerisce a coloro che vogliono comprendere l inadequatezza della filosofia e allo stesso tempo comprendere il carattere appropriato della fede cristiana (dal punto di vista della beatitudine) di leggere il libro tredicesimo del De trinitate di Agostino (cfr. Petrarca 1955b: ). 98

6 Un altro luogo molto interessante e rilevante è quello in cui Petrarca formula la domanda retorica: qual è il più grande filosofo, Platone o Aristotele? Come afferma Petrarca, bisogna evitare di dare una risposta frettolosa, a tale domanda (cfr. Petrarca 1955b: 755). Secondo Petrarca I lodatori di Platone sono più grandi, quelli di Aristotele più numerosi; ambedue peraltro meritano di essere lodati da personaggi elevati e da molti, anzi da tutti. Quando si tratta dell uomo e della natura, l uno e l altro giunsero infatti là dove si può arrivare con l intelligenza e l applicazione terrena. Platone e i platonici sono arrivati più in alto per quel che riguarda le cose divine [ ] e di questo non c è lettore devoto delle opere dei cristiani, e particolarmente di Agostino, che possa dubitarne (Petrarca 1955b: 755), infatti i greci (contemporanei di Petrarca) considerano a Platone divino e ad Aristotele demoniaco. L attribuzione di supremazia ad Aristotele nell epoca della scolastica secondo Petrarca è riconducibile innanzittutto al rispetto della scolastica nei confronti di Averroe, che commentando le opere di Aristotele, semplicemente le considerava sue proprie (cfr. Petrarca 1955b: ). Petrarca accentua il proprio apprezzamento nei confronti di Cicerone, che (analogamente al caso di Platone, secondo Agostino) avrebbe potuto diventare un cristiano, se avesse potuto conoscere il cristianesimo (cfr. Petrarca 1955b: 761). Al caso dal punto di vista di Petrarca straordinario di Cicerone (e in questo caso di Catone) si può trovare un allusione pure nella previamente citata Senile scritta a L. Marsili: Come dunque presso Marco Tullio [Cicerone] diceva Catone io dico a te: segui la tua natura qual se fosse ella Dio [ ], segui Dio stesso della natura e di tutte le cose Signore sovrano, che non dal cielo soltanto, ma da quella croce ove coronato di spine e tutto nudo volle morire per noi (Petrarca 1870: 423). Il parallelo Socrate Cicerone Agostino appare particolarmente accentuato nel seguente brano: 99

7 Se [ ] brami conoscere breve e sicura la via, che alla virtù e alla santità ti conduca, segui il precetto di Socrate: «Fa di esser tale quale tu brami che altri stimi». Avvi di molti che pessimi essendo vorrebbero esser tenuti ottimi, quasi che come altrui, così potessero ingannare sè medesimi e Dio. E l una e l altra via fu da molti battuta: ma in ambedue predarissimo esempio a te si porge il tuo Agostino, che [ ] i vizi e gli errori di cui fu macchiata la prima parte della sua vita, estirpò e corresse nella seconda. Ai vizi dette bando l esercizio della virtù; gli errori furono di sua mano distrutti con un dottissimo libro; per modo che non vi è strada cui seguire si possa con maggior sicurezza che la sua vita e la sua dottrina (Petrarca 1870: ). 2. Elementi filosofici in Petrarca: l interpretazione di Gentile Nel suo saggio sulla filosofia di Petrarca Gentile, tra l altro, fa allusione alle analogie e alle differenze sussistenti tra Dante e Petrarca, quando con riferimento a quest ultimo scrive: [N]on si cerchi nella sua poesia [ ] quello che ci dà la Divina Commedia. Qui, nel poema divino, c è Dio e il mondo che Dio governa [ ]. Nelle Rime invece c è un uomo [ ] coltissimo e pur vivente in un suo mondo elementare [ ] in cui ogni uomo naturalmente si trova, la natura; e nella natura che gli [ ] riempie il cuore, egli col suo sentimento proteso verso di lei, e segnatamente verso quell essere che nel massimo ardore del suo sentire egli vede come l essere che [ ] personifica tutta la natura: la donna [ ] del suo cuore (Gentile 1934:9). Inoltre, nonostante pure Petrarca fosse stato interessato nei problemi politici contemporanei, secondo Gentile quest interesse non ha la stessa intensità che nel caso di Dante: la sua passione non si riversa, come quella dell Alighieri, fuori dell individuo, sulla società, sulle sue leggi, che sono dottrine e istituzioni, forze politiche e religiose [ ]. E perciò il Pertarca non cerca l azione e la lotta: la lotta anche per raggiungere Dio, che, essendo Dio non dell uomo singolo nel suo segreto, ma di tutti nella Chiesa, dev essere raggiunto da chi a lui aspiri sinceramente (Gentile 1934:5). Gentile cerca di chiarire il modo in cui Petrarca si relaziona ad Agostino, nel modo seguente: 100

8 [L] accento del dialogo petrarchesco con Sant Agostino non è quello che egli, lettore del De civitate Dei, si fa insegnare contro la città terrena e ripetere contro la vanità d ogni cosa mondana, a cominciare dalla natura dell uomo [ ]. L accento è [ ] nelle parole con cui il primo [Francesco] risponde al rimprovero che il secondo [Agostino] gli muove, di desiderare piú del dovere la gloria degli uomini e l immortalità del nome. (Gentile 1934:7) Gentile cerca di affrontare pure il problema della relazione di Petrarca con la filosofia in senso generico, affermando che Petrarca si può dire non abbia una sua filosofia; cioè non abbia un sistema di idee in cui trovino la loro soluzione problemi intorno ai quali ogni filosofo che metodicamente rifletta su questo mondo a cui s intreccia la sua esistenza si travaglia. In lui né un etica, né un estetica; né una filosofia della natura, né propriamente una filosofia della storia; né un concetto logicamente dedotto dell uomo, né un concetto di Dio. Ma in lui è una conversione totale del pensiero su se stesso, e quindi una radicale esigenza filosofica [ ]. Non c è la filosofia, ma c è il problema della filosofia (Gentile 1934: 13, corsivi miei, J.N.). Gentile condivide inoltre l opinione largamente diffusa (ma ai giorni nostri discussa), secondo la quale Petrarca fosse stato il più importante precursore della concezione antropologica dell Umanesimo: col Petrarca incomincia questo ideale dell uomo quasi Dio che Ficino e Pico un secolo piú tardi teorizzeranno (Gentile 1934:20). In certa misura si percepisce l attivismo immanente nell attualismo di Gentile, quando afferma (interpretando Petrarca) che secondo la concezione petrarchesca ogni sapere od agire è dell uomo, e questo è il principio da cui perciò fa d uopo iniziare il cammino. [ ] In tal senso, il Petrarca è cristiano; cioè in quanto per lui il mondo è il mondo dello spirito, quale all uomo si rivela soltanto se egli ne cerca il principio in se stesso [ ]. L uomo insomma è l artefice, non lo spettatore del mondo (Gentile 1934: 18). 101

9 3. La filosofia nel pensiero di Petrarca: l interpretazione di Dotti e di Ariani Analogamente all interpretazione gentiliana, pure secondo l analisi di Dotti nel pensiero di Petrarca si può identificare l interesse per la politica, anche se in un modo del tutto diverso come si è detto che nel caso di Dante, e anche se la vita di Petrarca non fu certo quella di Socrate, che non uscì mai dalle mura di Atene. Le agitate vicende politiche di Firenze contribuirono a fare di lui un cosmopolìta, fiorentino per nascita ma cittadino del mondo per elezione (Dotti 1992: 453). Dotti nel corso della sua analisi accentua l importanza dell incontro di Petrarca con le Confessioni di Agostino, di cui si può leggere dettagliatamente in un passo del De otio religioso: è stato il già accennato Dionigi da Borgo San Sepolcro (attorno al 1333) a donare a Petrarca una copia del libro (cfr. Dotti 1992: 36). La lettura delle Confessioni agì come la mano salvatrice di Dio (Dotti 1992: 37), e come lo testimoniano tra l altro alcuni passi del De otio, del De vita solitaria e del De ignorantia Petrarca descrive come la prefigurazione della propria conversione l effetto che ha causato la lettura dell Hortensius ciceroniano in Agostino, portandolo alla conversione. Dotti accentua che per quanto si sia fatto [Petrarca] promotore degli studi agostiniani [ ], sembra più corrispondente alla realtà vedere in Petrarca il lettore simultaneo di testi sacri e profani (Dotti 1992: 40, corisivi miei, J.N.). In seguito alla conversione lo scientismo averroistico sembra [ ] indicato da Petrarca come il nemico da abbattere [ ] giacché egli intendeva l estrema e arida specializzazione tecnicistica di tale filosofia come l esatto opposto del suo sapere «universale» (Dotti 1992: 429). Inoltre, all abbandono dei grandi e santi maestri dell antichità era succeduta la miserevole infatuazione per i caposcuola moderni [ ] che Petrarca disprezzava al punto da non volerne fare il nome, ci rivela Dotti, aggiungendo che nonostante ciò tali personaggi sono facilmente identificabili: prima vengono i dialettici, che il Garin ha acutamente individuato nei logici terministi 102

10 di Oxford e nei fisici parigini; quindi gli scolastici, gli spregiatori di Virgilio e di Cicerone [ ]; infine i «nuovi teologi» (Dotti 1992: 428), cui capo appunto è Averroe. Come Dotti spiega, secondo una tradizione interpretativa, tra il Petrarca avrebbe sofferto di una profonda crisi morale e religiosa, che fosse originata già nel 1333 all incontro con Dionigi, e che avesse avuto per risultato tra l altro la stesura del Secretum (Dotti 1992: 154). É nota la condanna da parte di Agostino della tendenza dell uomo ad allontanarsi da Dio mediante l eccessivo amore per le creature; secondo l osservazione di Dotti a ciò si può aggiungere il rifiuto agostiniano per la poesia, quanto meno per le esercitazioni letterarie, quale ad esempio si trova ad apertura delle Confessioni [ ]. La condanna del creato [ ] amato in sé e non in Dio, finisce quindi per divenire condanna dei valori estetici, condanna dell arte e della poesia. Qualcosa di simile, anche al di là del Secretum, si trova talora in Petrarca quand egli mostra in alcune sue lettere di «pentirsi» degli studi profani (Dotti 1992: 461). Ariani fa riferimento agli elementi filosofici ritrovabili nei testi petrarcheschi nel corso di un analisi filologico-intertestuale molto approfondita. Secondo la sua spiegazione, all inizio del Secretum ( Non molto tempo fa ero assorto e pensavo con sgomento [ ] in che modo fossi entrato in questa vita e come ne sarei dovuto uscire ), per mezzo dell aggancio citazionale agli attacchi dei Soliloquia agostiniana e della Consolatio Philosophiae di Boezio, ambedue, a loro volta, marcati dal comune rinvio a Cicerone [ ], Petrarca ha affidato il compito di segnalare al lettore le coordinate ideologiche e culturali del dialogo, la confessio e la sua alta conformazione retorica, a correggere, in senso umanistico, la presenza di moduli e formulari medievali, la tipologia del contemptus mundi (Ariani 1999: 115). Tuttavia continua Ariani Petrarca ha sostituito se stesso, come agens, alle personificazioni (Ratio e Filosofia) dei modelli, inventando una terza dramatis persona (la Veritas) che corregge la dicotomia dialogica in una struttura triadica perfetta, giacchè lo stesso Petrarca ritiene che il numero tre sia quello più appropriato alla sfera del divino, e al tempo stesso asimmetrica, per il silenzio di Verità 103

11 giudice imparziale. In tal senso accentua Ariani, Petrarca ha profondamente innovato il codice della confessio sostituendo un agens autobiografico all io narrante delle Confessiones agostiniane e garantendosi cosí un oggettività storicizzante che lascia impregiudicati i termini dialettici del soliloquium, ma senza celarne, sotto velamina allusivi, la veridicità di testimonianza in factis (Ariani 1999: 115). Nel terzo libro del Secretum, secondo l interpretazione di Ariani, ci sono due ferite intrattabili e profondamente incise nell intimo [ ]: due catene che non consentono di meditare né sulla morte né sulla vita [ ], «amor et gloria» [ ], per Francesco sentimenti nobilissimi [ ], per Agostino la peggiore di tutte le pazzie [ ] (Ariani 1999: 119). Contro la concezione dell amore formulata da Petrarca in questo luogo del Secretum Agostino aggredisce il mito di Laura [ ], nella cui contemplazione Francesco ha smarrito la sua «nativa virtus», perché ha allontanato l animo dall amore celeste e ne ha deviato il desiderio dal Creatore alla creatura (Ariani 1999: 119). Come ci rivela Ariani, in senso generale nella concezione filosofica del poeta la riconsiderazione globale della propria esperienza ha indotto Petrarca a contrapporre, in una struttura dialetticamente chiara, due culture di fatto conflittuali: l ascetismo medievale, tradotto nei termini della «celestis doctrina Platonis», e l etica classica della virtus contrapposta a Fortuna, di fatto inconciliabili anche se costrette a convivere in un sincretismo duttile e assorbente. [ ] [I]l Secretum offre, rispetto alle altre opere coeve e succedanee, una piú forte densità filosofica scrive Ariani, che Petrarca contrassegna con certe immagini-metafore che tracciano una sorta di accidentata mappa interiore, abitata da simboli che devono a Platone, a Cicerone, a Seneca la loro funzionalità psicagogica, ossia un immaginario «terapeutico» che cura i morbi dell anima (Ariani 1999: 121). Di tutto ciò fornisce un esempio paradigmatico il seguente luogo testuale del Secretum, in cui Agostino terapeuta rivolge le seguenti parole (della curatio per raggiungere il remedium) a Petrarca: 104

12 Scaccia le puerili frivolezze; estingui gli ardori dell adolescienza; non star sempre a pensare quel che sii stato; talvolta guardati d attorno per vedere ciò che tu sia. [ ] Vergognati [ ] che non ti si muti mai l animo, mentre il corpo si muta continuamente. E questo è quanto il tempo mi permetteva di dire intorno al pudore. Del resto poiché, come piace a Cicerone, è assai sconveniente che il pudore subentri a tener le veci della ragione, imploriamo l aiuto dalla fonte prima dei rimedi, cioè dalla ragione stessa. [ ] Medita [ ] sulla nobiltà dell animo [ ]. Medita [ ] sulla fragilità e sozzura dei corpi [ ]. Medita sulla brevità della vita [ ]. Medita sulla fuga del tempo [ ]. Pensa alla morte che è certissima, all ora della morte che è dubbia, in ogni tempo e in ogni luogo imminente. (Petrarca 1955a: ) Tra i trattati ascetici e morali nel De otio religioso appaiono alcuni temi analoghi a quelli del Secretum. Come scrive Ariani, nel De otio l umana fragilitas [ ] è assediata soprattutto dalla cupiditas e dalla libido [ ], «mundi pestes» acuita dalla «curiositas pestifera» [ ], alla quale Petrarca contrappone la vanità delle apparenze [ ] e delle cose temporali, la «fluctuatio vite» [ ] minacciata dalla corruzione corporale e dal precipizio verso il nulla [ ]. Sapienza pagana e sapienza cristiana «consonant» dunque nell identificazione della voluptas corporis [ ] come quella distruttiva, continua gara con la carne [ ] che impedisce la meditatio mortis e vulnera ogni intento contemplativo. Solo l abbandono del mondo apre la via al fons vite [ ] e salva l homo angelicus dalle insidie demoniache dei sette peccati capitali, di cui la lussuria è il piú devastante (Ariani 1999: 140). Le considerazioni di Petrarca sulla fragilitas universale lo inducono a una delle sue incursioni nell ambito teologico: qui un adesione alla mistica negativa dell ineffabile che, su base agostiniana e paolina [ ], sembra avvicinarlo all apofasia neoplatonica [ ] e alla tradizione teofanica che discende dallo Pseudo Dionigi Aeropagita [ ] e giunge alla metafisica della luce contemplata dal Dante paradisiaco. 4 4 Ariani 1999:142. (Teofania: visione di Dio. Apofasia [αποϕασις]: negazione. Ariani qui evidentemente allude alla teologia negativa di Pseudo Dionigi Aeropagita, secondo la quale la definizione di Dio è necessariamente un infinita moltitudine di affermazioni negative; cfr.: Lexicon Plotinianum, Leuven Un. Press, Leuven 1980, 135.) 105

13 4. Osservazioni conclusive Nell analisi di Dotti, Ariani, Nachod e Gentile inoltre in base ai testi petrarcheschi citati si rivela chiaramente che per Petrarca la filosofia è rilevante innanzitutto se contribuisce al processo della conversione in senso autentico, ossia morale. Secondo Petrarca se la filosofia (o la teologia filosofica) cade nell eccesso delle speculazioni teoriche sulla logica o sulla dialettica, perde il suo vigore: nella filosofia contemporanea Petrarca vede esattamente questa distorsione, per lui assolutamente inaccettabile. Proprio per questo, nella concezione filosofica di Petrarca Agostino risulta di essere una figura centrale, giacchè la vita e il pensiero di Agostino costituisce il paradigma della conversione. Bibliografia Ariani Dotti Gentile Kelemen Nachod 1999 M. Ariani, Petrarca, Roma 1992 U. Dotti, Vita di Petrarca, Roma Bari 1934 G. Gentile, La filosofia del Petrarca, Firenze 2002 J. Kelemen, A filozófus Dante, Budapest 1956 H. Nachod, Introduction, in AA.VV., The Renaissance Philosophy of Man (a cura di Cassirer Kristeller Randall), Chicago, pp Petrarca 1869 F. Petrarca, Lettera II. a G. Boccaccio, in Lettere senili di F. Petrarca (Vol. I., Libro V.), Firenze, pp

14 Petrarca 1870 F. Petrarca, Lettera VI al Padre L. Marsili, in Lettere senili di F. Petrarca (Vol. II., Libro XV.), Firenze, pp Petrarca 1955a F. Petrarca, Il mio segreto [Secretum], in F. Petrarca, Prose (a cura di Martellotti Ricci Carrara Bianchi), Milano Napoli, pp Petrarca 1955b F. Petrarca, L ignoranza mia e di tanti altri [Francisci Petrarce de sui ipsius et multorum ignorantia liber incipit], in F. Petrarca, Prose (a cura di Martellotti Ricci Carrara Bianchi), Milano Napoli, pp Petrarca 1970a F. Petrarca, A Tommaso da Messina. Contro i vecchi dialettici [Ad Thomam Messanensem, contra senes dialecticos], in F. Petrarca, Le Familiari (Libri I-IV.), Urbino, pp Petrarca 1970b F. Petrarca, A Dionigi da Borgo San Sepolcro dell ordine di Sant Agostino e professore della sacra pagina. Intorno alle proprie angoscie [Ad Dyonisium de Burgo Sancti Sepulcri ordinis sancti Augustini et sacre pagine professorem, de curis propriis], in F. Petrarca, Le Familiari (Libri I-IV.), Urbino, pp

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Commento al Vangelo Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione fra Luca Minuto Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Dal Vangelo secondo Matteo In quel tempo, gli undici discepoli andarono in Galilea, sul monte

Dettagli

I rapporti sociali di produzione e la coscienza

I rapporti sociali di produzione e la coscienza Lettura 6 Karl Marx - Friedrich Engels I rapporti sociali di produzione e la coscienza K. Marx, F. Engels, L ideologia tedesca, Roma, Editori Riuniti, 1972, pp. 12-14; 35-38 Tra la fine del 1845 e l autunno

Dettagli

V INCONTRO. L atto di FEDE

V INCONTRO. L atto di FEDE V INCONTRO L atto di FEDE Siamo al quinto incontro. Come per tutte le altre volte vogliamo fare un riassunto delle puntate precedenti. Per questo lavoro chiediamo l aiuto di un personaggio conosciuto a

Dettagli

SCUOLA DELLA FEDE [4] La risposta dell uomo a Dio [5.03. 2013]

SCUOLA DELLA FEDE [4] La risposta dell uomo a Dio [5.03. 2013] SCUOLA DELLA FEDE [4] La risposta dell uomo a Dio [5.03. 2013] 1. La risposta a Dio che ci parla; a Dio che intende vivere con noi; a Dio che ci fa una proposta di vita, è la fede. Questa sera cercheremo

Dettagli

============================================ II DOMENICA DOPO NATALE (ANNO C) ======================================================================

============================================ II DOMENICA DOPO NATALE (ANNO C) ====================================================================== -------------------------------------------------- LA LITURGIA DEL GIORNO 03.01.2016 Grado della Celebrazione: DOMENICA Colore liturgico: Bianco ============================================ II DOMENICA

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE DI ISTITUTO SCUOLA DELL INFANZIA - PRIMARIA - SECONDARIA RELIGIONE CATTOLICA

CURRICOLO VERTICALE DI ISTITUTO SCUOLA DELL INFANZIA - PRIMARIA - SECONDARIA RELIGIONE CATTOLICA CURRICOLO VERTICALE DI ISTITUTO SCUOLA DELL INFANZIA - PRIMARIA - SECONDARIA RELIGIONE CATTOLICA L I.R.C., come ogni altra materia curricolare, contribuisce allo sviluppo delle competenze per l apprendimento

Dettagli

San Giovanni Battista Cesano Boscone Sacra Famiglia C 2007-01-27

San Giovanni Battista Cesano Boscone Sacra Famiglia C 2007-01-27 MESSA VIGILIARE 18.00 In questa festa della Sacra Famiglia vorrei soffermarmi su un aspetto del brano di vangelo che abbiamo appena ascoltato. Maria e Giuseppe, insieme, cercano angosciati Gesù. Cosa può

Dettagli

LOCUZIONI AL MONDO. Il mistero di ogni persona (22/4/2013 24/4/2013) Testi tradotti dai messaggi originali pubblicati sul sito Locutions to the World

LOCUZIONI AL MONDO. Il mistero di ogni persona (22/4/2013 24/4/2013) Testi tradotti dai messaggi originali pubblicati sul sito Locutions to the World LOCUZIONI AL MONDO Il mistero di ogni persona (22/4/2013 24/4/2013) Testi tradotti dai messaggi originali pubblicati sul sito Locutions to the World 2 Sommario 1. La decisione della SS. Trinità al tuo

Dettagli

VI INCONTRO IL CRISTIANO ADULTO E LA COSCIENZA. chi ha raggiunto il completo sviluppo fisico e psichico (def.dizionario)

VI INCONTRO IL CRISTIANO ADULTO E LA COSCIENZA. chi ha raggiunto il completo sviluppo fisico e psichico (def.dizionario) VI INCONTRO IL CRISTIANO ADULTO E LA COSCIENZA Cerchiamo il significato delle due parole: ADULTO CRISTIANO chi ha raggiunto il completo sviluppo fisico e psichico (def.dizionario) colui che ha deciso di:

Dettagli

IL GIUSNATURALISMO CRISTIANO

IL GIUSNATURALISMO CRISTIANO IL GIUSNATURALISMO CRISTIANO PROF. FRANCESCO PETRILLO Indice 1 IL GIUSNATURALISMO CRISTIANO ---------------------------------------------------------------------------------- 3 2 IL GIUSRAZIONALISMO CRISTIANO

Dettagli

LA BIBBIA. composto da 46 libri, suddivisi in Pentateuco Storici Sapienziali Profetici 5 16 7 18

LA BIBBIA. composto da 46 libri, suddivisi in Pentateuco Storici Sapienziali Profetici 5 16 7 18 GRUPPOQUINTAELEMENTARE Scheda 02 LA La Parola di Dio scritta per gli uomini di tutti i tempi Antico Testamento composto da 46 libri, suddivisi in Pentateuco Storici Sapienziali Profetici 5 16 7 18 Nuovo

Dettagli

COMUNICARE LA FEDE OGGI Quando e come confessarmi? Riflessioni di Monsignor R. Martinelli

COMUNICARE LA FEDE OGGI Quando e come confessarmi? Riflessioni di Monsignor R. Martinelli Parrocchia S.Maria della Clemenza e S. Bernardo COMUNICARE LA FEDE OGGI Quando e come confessarmi? Riflessioni di Monsignor R. Martinelli Si consiglia una lettura graduale, riflettendo su una o due domande

Dettagli

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama Adorazione Eucaristica a cura di Don Luigi Marino Guida: C è un esperienza che rivela il potere unificante e trasformante dell amore, ed è l innamoramento, descritto in modo splendido nel Cantico dei Cantici.

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA INDICATORE (CATEGORIA) DIO E L UOMO

RELIGIONE CATTOLICA INDICATORE (CATEGORIA) DIO E L UOMO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE Il bambino osserva con meraviglia ed esplora con curiosità il mondo, come dono di Dio Creatore. RELIGIONE CATTOLICA INDICATORE (CATEGORIA) DIO E L UOMO PRIMARIA

Dettagli

Istituto Teologico di Assisi aggregato alla Facoltà di Sacra Teologia della Pontificia Università Lateranense. Anno accademico 2008/2009

Istituto Teologico di Assisi aggregato alla Facoltà di Sacra Teologia della Pontificia Università Lateranense. Anno accademico 2008/2009 Istituto Teologico di Assisi aggregato alla Facoltà di Sacra Teologia della Pontificia Università Lateranense Anno accademico 2008/2009 Elaborato in occasione del corso di francescanesimo: L anima francescana.

Dettagli

Come vivere senza ansia con accanto un amico di nome Gesù.

Come vivere senza ansia con accanto un amico di nome Gesù. PREFAZIONE Voglio sottolineare che questo libro è stato scritto su dettatura di Gesù Cristo. Come per il libro precedente, desidero con questo scritto arrivare al cuore di tante persone che nella loro

Dettagli

MAURICIO SILVA DAL CIELO CI GUARDA SORRIDENTE

MAURICIO SILVA DAL CIELO CI GUARDA SORRIDENTE MAURICIO SILVA DAL CIELO CI GUARDA SORRIDENTE Dalle lunghe meditazioni solitarie di fratel Carlo de Foucauld, ora beatificato dalla Chiesa, era nata l idea della Fraternità. Gesù si era fatto chiamare

Dettagli

ANNO SCOLASTI CO 2010/ 2011

ANNO SCOLASTI CO 2010/ 2011 ANNO SCOLASTI CO 2010/ 2011 ANNO SCOLASTI CO 2010/ 2011 FINALITA OBIETTIVI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO CONTENUTI Acquisire atteggiamenti di stima e sicurezza di se e degli altri Scoprire attraverso i racconti

Dettagli

La Bibbia è contro il sesso

La Bibbia è contro il sesso mito 5 La Bibbia è contro il sesso L'amore è la risposta, ma mentre aspettate la risposta, il sesso può suggerire delle ottime domande. Woody Allen Facendone un peccato il Cristianesimo ha fatto molto

Dettagli

La prima confessione di nostro figlio

La prima confessione di nostro figlio GLI INTERROGATIVI CHE ATTENDONO LA VOSTRA RISPOSTA Parrocchia San Nicolò di Bari Pistunina - Messina QUANDO MI DEVO CONFESSARE ANCORA? Quando senti in te il desiderio di migliorare la tua condotta di figlio

Dettagli

Giovedì Santo, Messa del Crisma 2015

Giovedì Santo, Messa del Crisma 2015 Giovedì Santo, Messa del Crisma 2015 Cari confratelli, cari fratelli e sorelle nel Signore, volgiamo lo sguardo alla Parola dell Apocalisse di Giovanni: Colui (Gesù) che ci ama e ci ha liberati dai nostri

Dettagli

1. RIVELATO IN GESU CRISTO

1. RIVELATO IN GESU CRISTO SCHEDA 4 (per operatori) 1. RIVELATO IN GESU CRISTO Nota introduttiva L incontro sulla figura di Gesù ha lo stesso stile narrativo del precedente. Se Dio è origine del bisogno d amore e della capacità

Dettagli

Curricolo di Religione Cattolica

Curricolo di Religione Cattolica Curricolo di Religione Cattolica Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria - L alunno riflette su Dio Creatore e Padre, sugli elementi fondamentali della vita di Gesù

Dettagli

vivo noi tra VERSIONE MISTA strumenti per una didattica inclusiva Scarica gratis il libro digitale con i Contenuti Digitali integrativi

vivo noi tra VERSIONE MISTA strumenti per una didattica inclusiva Scarica gratis il libro digitale con i Contenuti Digitali integrativi Gruppo Scuola Nuova Percorsi facilitati per lo sviluppo e la valutazione della competenza religiosa è vivo tra noi strumenti per una didattica inclusiva Scarica gratis il libro digitale con i Contenuti

Dettagli

NOTE. ARTE E CONTEMPLAZIONE 1 di Santino Cavaciuti

NOTE. ARTE E CONTEMPLAZIONE 1 di Santino Cavaciuti ARTE E CONTEMPLAZIONE 1 di Santino Cavaciuti Uno dei caratteri fondamentali dell arte è quello di essere contemplativa, distinguendosi, in tal modo, da ciò che è attivo, nel senso, quest ultimo, di prendere

Dettagli

3. Prendimi nella tua scuola, mio amatissimo maestro, perché voglio imparare tutto da te: dona grazia e forza a tal fine.

3. Prendimi nella tua scuola, mio amatissimo maestro, perché voglio imparare tutto da te: dona grazia e forza a tal fine. 1. Mio Dio, imprimi in me la tua immagine, formala in me! Se è valsa la pena per te scendere dal cielo e vivere per 33 anni tra noi per darmi un esempio di un amore così pazzo e di tanta fatica, dovrebbe

Dettagli

ogni figlio di dio: una promessa di vita cristiana

ogni figlio di dio: una promessa di vita cristiana G.Gatti - Evangelizzare il Battesimo - 199 ogni figlio di dio: una promessa di vita cristiana UNO SGUARDO ALL AVVENIRE L amore vero guarda lontano Chi ama, guarda sempre lontano, al futuro. L amore, infatti,

Dettagli

Il solo male che in questa terra possa

Il solo male che in questa terra possa Vincere la passione e fuggire le occasioni Il solo male che in questa terra possa veramente meritare questo nome è il peccato. Se potessimo vedere lo stato di un anima in peccato, sarebbe impossibile per

Dettagli

BEATA MARIA DI GESU'CROCIFISSO

BEATA MARIA DI GESU'CROCIFISSO BEATA MARIA DI GESU'CROCIFISSO PREGHIERA PER LA CANONIZZAZIONE Signore Gesù, che per riscattarci hai voluto incarnarti a Nàzaret, nascere a Betlemme e morire a Gerusalemme, degnati di ricordarti che la

Dettagli

Dal libro Per Amore solo per Amore - Introduzione

Dal libro Per Amore solo per Amore - Introduzione I poeti generalmente amano i gatti, perché i poeti non nutrono dubbi sulla loro superiorità. Marion C. Garrety che per prima leggi nel mio dolore e silenziosamente ti offri a lenirlo senza chiedere nulla

Dettagli

Curricolo verticale di Religione Cattolica

Curricolo verticale di Religione Cattolica Curricolo verticale di Religione Cattolica Classe Prima Primaria Indicatori Obiettivi di apprendimento 1. DIO E L UOMO 2. LA BIBBIA E LE ALTRE FONTI 3. IL LINGUAGGIO RELIGIOSO 1.1 Scoprire che la vita,

Dettagli

MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI

MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI Silenzio e Parola: cammino di evangelizzazione Cari fratelli e sorelle, all avvicinarsi della Giornata

Dettagli

Istituto Comprensivo Perugia 9

Istituto Comprensivo Perugia 9 Istituto Comprensivo Perugia 9 Anno scolastico 2015/2016 Programmazione delle attività educativo didattiche SCUOLA PRIMARIA Disciplina RELIGIONE CLASSE: PRIMA L'alunno: - Riflette sul significato dell

Dettagli

Programmazione annuale RELIGIONE CATTOLICA CLASSI I II III IV V

Programmazione annuale RELIGIONE CATTOLICA CLASSI I II III IV V Istituto Comprensivo G Pascoli - Gozzano Anno scolastico 2013/2014 Programmazione annuale RELIGIONE CATTOLICA CLASSI I II III IV V Obiettivi di apprendimento al termine della classe terza della scuola

Dettagli

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI (Gv 3, 17b) Ufficio Liturgico Diocesano proposta di Celebrazione Penitenziale comunitaria nel tempo della Quaresima 12 1 2 11 nella lode perenne del tuo nome

Dettagli

-------------^------------- Cfr Lc 2,10-12.16.

-------------^------------- Cfr Lc 2,10-12.16. Vi annuncio una grande gioia, che sarà di tutto il popolo: oggi, nella città di Davide, è nato per voi un salvatore, che è Cristo Signore. Questo per voi il segno: troverete un bambino avvolto in fasce,

Dettagli

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013 per Bambini dai 7 ai 10 anni DIOCESI DI FOSSANO Commissione Diocesana Pastorale Ragazzi Ehi!!

Dettagli

DIÖZESANSYNODE SINODO DIOCESANO SINODA DIOZEJANA

DIÖZESANSYNODE SINODO DIOCESANO SINODA DIOZEJANA DIÖZESANSYNODE SINODO DIOCESANO SINODA DIOZEJANA Preparazione biblica al Sinodo Diocesano Elaborata da Michele Tomasi Il sinodo diocesano è un percorso comune di tutta la comunità cristiana della diocesi.

Dettagli

1. GIORNO - PREGHIAMO PER I VEGGENTI

1. GIORNO - PREGHIAMO PER I VEGGENTI 1. GIORNO - PREGHIAMO PER I VEGGENTI Gesù disse ai suoi discepoli: Sono queste le parole che vi dicevo quando ero ancora con voi: bisogna che si compiano tutte le cose scritte su di me nella Legge di Mosè,

Dettagli

Parrocchia di San Sperate CORSO DI FORMAZIONE PER CATECHISTI 2012-13

Parrocchia di San Sperate CORSO DI FORMAZIONE PER CATECHISTI 2012-13 Parrocchia di San Sperate CORSO DI FORMAZIONE PER CATECHISTI 2012-13 LE FONTI DELLA CATECHESI RINNOVAMENTO DELLA CATECHESI Al capitolo VI il Documento di Base indica 4 fonti per la catechesi: 1. la SACRA

Dettagli

Carissimi amici. Bellissima Primavera a voi! N 2 Gennaio-Marzo 2012

Carissimi amici. Bellissima Primavera a voi! N 2 Gennaio-Marzo 2012 Newsletter Essena N 2 Gennaio-Marzo 2012 Carissimi amici Bellissima Primavera a voi! Siamo molto felici di ritrovarvi in occasione di questa nuova stagione che sta per fiorire fra qualche tempo e che abbiamo

Dettagli

Programmazione Didattica Scuola Primaria

Programmazione Didattica Scuola Primaria DIREZIONE DIDATTICA DI NAPOLI 5 E. MONTALE Viale della Resistenza 11K-80145 NAPOLI tel. e fax 081/5430772 Codice fiscale: 94023840633 Cod. Mecc. : NAEE005006 E-MAIL: naee005006@istruzione.it Web:www.5circolo.it

Dettagli

Oleggio, 21/12/2014. IV Domenica di Avvento - Anno B

Oleggio, 21/12/2014. IV Domenica di Avvento - Anno B 1 Letture: 2 Samuele 7, 1-5.8.12.14.16 Salmo 89 (88) Romani 16, 25-27 Vangelo: Luca 1, 26-38 Oleggio, 21/12/2014 IV Domenica di Avvento - Anno B NEL NOME DEL PADRE, DEL FIGLIO E DELLO SPIRITO SANTO. AMEN!

Dettagli

Schema del cammino GG e giovani

Schema del cammino GG e giovani Schema del cammino GG e giovani Professione di fede GIOVANISSIMI La dignità della persona umana La vocazione cristiana Una chiesa di discepoli GIOVANI Una chiesa di inviati Prima, seconda e terza superiore

Dettagli

dalla Messa alla vita

dalla Messa alla vita dalla Messa alla vita 12 RITI DI INTRODUZIONE 8 IL SIGNORE CI INVITA ALLA SUA MENSA. Dio non si stanca mai di invitarci a far festa con Lui, e gli ospiti non si fanno aspettare, arrivano puntuali. Entriamo,

Dettagli

(Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.)

(Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.) 23 febbraio 2014 penultima dopo l Epifania h. 18.00-11.30 (Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.) Celebriamo la Messa vigiliare

Dettagli

PREGHIERA DI SAN GIROLAMO

PREGHIERA DI SAN GIROLAMO SUPPLICA A SAN GIROLAMO P. Nel nome del Padre. Amen. P. Rivolgiamoci al Signore Gesù con la preghiera di san Girolamo, per ottenere la conversione del cuore, fonte di riconciliazione e di pace con Dio

Dettagli

IL SIGNORE È VICINO A CHI HA IL CUORE FERITO

IL SIGNORE È VICINO A CHI HA IL CUORE FERITO IL SIGNORE È VICINO A CHI HA IL CUORE FERITO Come mai chiedi da bere a me? Domenica 9 Novembre 2014 DIOCESI DI MILANO SERVIZIO PER LA FAMIGLIA DECANATO SAN SIRO Centro Rosetum Via Pisanello n. 1 h. 16.30

Dettagli

Parrocchia San Paolo Apostolo Crotone

Parrocchia San Paolo Apostolo Crotone Parrocchia San Paolo Apostolo Crotone 1 ANNO CATECHISMO 2014-2015 Alla Scoperta di Gesù SUSSIDIO SCHEDE RISCOPERTA DEL BATTESIMO 1 NOME COGNOME Le mie catechiste NOME COGNOME Telefono NOME COGNOME Telefono

Dettagli

Dopo-Cresima Semplicemente... una proposta

Dopo-Cresima Semplicemente... una proposta ... e t Dopo-Cresima n e em c i l p m e S una prop osta A questa semplice parola possono essere attribuiti svariati significati: ciascuno la riempie a modo suo.... naturalmente il catechismo. Ci si libera

Dettagli

DISCERNIMENTO NEL MEDIOEVO

DISCERNIMENTO NEL MEDIOEVO DISCERNIMENTO NEL MEDIOEVO San Bernardo (1090-1153) Jean Gerson (1363-1429) S. Bernardo (1090-1153) Bernardo ha formato la sua saggezza basandosi principalmente sulla Bibbia e alla scuola della Liturgia.

Dettagli

Adorazione Eucaristica

Adorazione Eucaristica Adorazione Eucaristica Pregare come i Santi I santi sono coloro che hanno creduto e vissuto con amore il mistero di Cristo. Essi hanno saputo vivere nel difficile nascondimento la preghiera, sottratta

Dettagli

QUANTE EMOZIONI GESU

QUANTE EMOZIONI GESU SCUOLA DELL INFANZIA SACRA FAMIGLIA La Spezia PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA A.S. 2014-2015 QUANTE EMOZIONI GESU Al centro di qualsiasi programmazione nella scuola dell Infanzia ci deve

Dettagli

Sulle ali dello Spirito IL PADRE, I POVERI, UNA COMUNITÀ FRATERNA E MISSIONARIA

Sulle ali dello Spirito IL PADRE, I POVERI, UNA COMUNITÀ FRATERNA E MISSIONARIA Sulle ali dello Spirito IL PADRE, I POVERI, UNA COMUNITÀ FRATERNA E MISSIONARIA Orientamenti pastorali per il triennio 2016/2019 Che cosa ci chiede oggi il Signore? Che cosa chiede alla chiesa pistoiese?

Dettagli

Scopri il piano di Dio: Pace e vita

Scopri il piano di Dio: Pace e vita Scopri il piano di : Pace e vita E intenzione di avere per noi una vita felice qui e adesso. Perché la maggior parte delle persone non conosce questa vita vera? ama la gente e ama te! Vuole che tu sperimenti

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria

RELIGIONE CATTOLICA Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria RELIGIONE CATTOLICA Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria L alunno riflette su Dio Creatore e Padre, sugli dati fondamentali della vita di Gesù e sa collegare i contenuti

Dettagli

l intervento, la ricerca che si sta progettando)

l intervento, la ricerca che si sta progettando) Definizione delle motivazioni che richiedono l attuazione del progetto (contesto e target) Il motivo è quello di lasciare a tutti un pensiero sull essere felici. Definizione chiara e coerente degli obiettivi

Dettagli

1. PREGHIERA, INVOCAZIONE. 1. Richiesta di salvezza salmo 3 8 Alzati, Iavè, salvami, mio Dio.

1. PREGHIERA, INVOCAZIONE. 1. Richiesta di salvezza salmo 3 8 Alzati, Iavè, salvami, mio Dio. I - RICHIESTA A DIO La preghiera è la relazione fondamentale dell anima che riconosce, ascolta e dialoga con Dio. Preghiera è superamento dell angoscia della propria solitudine; è liberarsi dal terrore

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA IST. COMPRENSIVO VIA MEROPE a.s 2014-15 - RELIGIONE

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA IST. COMPRENSIVO VIA MEROPE a.s 2014-15 - RELIGIONE DATTICA IST. COMPRENSIVO VIA MEROPE a.s 2014-15 - RELIGIONE Scoprire che per la religione cristiana Dio è creatore e Padre e che fin dalle origini ha voluto stabilire un alleanza con l uomo. Comunicazione

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI MORI PIANI DI STUDIO RELIGIONE CATTOLICA

ISTITUTO COMPRENSIVO DI MORI PIANI DI STUDIO RELIGIONE CATTOLICA ISTITUTO COMPRENSIVO DI MORI PIANI DI STUDIO RELIGIONE CATTOLICA Per sviluppare una competenza di area occorre in primo luogo promuovere l acquisizione delle relative conoscenze e abilità in modo che esse

Dettagli

CENACOLO DELLE MADRI. 13 Dicembre 2012 III INCONTRO DI PREGHIERA Anno liturgico 2012-2013 MARIA, LA VERGINE DELL ASCOLTO

CENACOLO DELLE MADRI. 13 Dicembre 2012 III INCONTRO DI PREGHIERA Anno liturgico 2012-2013 MARIA, LA VERGINE DELL ASCOLTO CENACOLO DELLE MADRI 13 Dicembre 2012 III INCONTRO DI PREGHIERA Anno liturgico 2012-2013 MARIA, LA VERGINE DELL ASCOLTO Dicembre è il mese del compleanno di Gesù: sembra che anche molti cristiani se lo

Dettagli

Da Sua Santità Papa Tawadros Secondo Messaggio Natalizio 2013

Da Sua Santità Papa Tawadros Secondo Messaggio Natalizio 2013 Da Sua Santità Papa Tawadros Secondo Messaggio Natalizio 2013 Amati figli, mi congratulo con voi per la Festa della gloriosa Natività... Siano con voi le benedizioni del Nascituro della mangiatoia santa,

Dettagli

Basilica Parrocchiale di S. Francesco Viterbo P. Agostino Mallucci DIO AMORE SOFFERENZA E CHIARA DI ASSISI

Basilica Parrocchiale di S. Francesco Viterbo P. Agostino Mallucci DIO AMORE SOFFERENZA E CHIARA DI ASSISI Basilica Parrocchiale di S. Francesco Viterbo P. Agostino Mallucci DIO AMORE SOFFERENZA E CHIARA DI ASSISI Dio e il dolore Può Dio soffrire? Particolare risalto nell imminenza del Pasqua. Un vero problema

Dettagli

IL COUNSELING NELLE PROFESSIONI D AIUTO

IL COUNSELING NELLE PROFESSIONI D AIUTO IL COUNSELING NELLE PROFESSIONI D AIUTO Obiettivi: Conoscere le peculiarità del counseling nelle professioni d aiuto Individuare le abilità del counseling necessarie per svolgere la relazione d aiuto Analizzare

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO SASSUOLO 2 NORD Via Zanella, 7 41049 Sassuolo (Mo) PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA CLASSI 1^ 2^ 3^ 4^ 5^

ISTITUTO COMPRENSIVO SASSUOLO 2 NORD Via Zanella, 7 41049 Sassuolo (Mo) PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA CLASSI 1^ 2^ 3^ 4^ 5^ Via Zanella, 7 41049 Sassuolo (Mo) PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA CLASSI 1^ 2^ 3^ 4^ 5^ ANNO SCOLASTICO 2015/2016 www.ic2sassuolonord.gov.it CURRICOLO IRC 6 11 anni Diocesi di Reggio Emilia

Dettagli

INSIEME CON GESÚ è il percorso IRC che vogliamo abbracciare quest anno. Il filo conduttore del percorso è il CORPO, sia perché specchio dell unità

INSIEME CON GESÚ è il percorso IRC che vogliamo abbracciare quest anno. Il filo conduttore del percorso è il CORPO, sia perché specchio dell unità Programmazione IRC 2014-2015 1 INSIEME CON GESÚ è il percorso IRC che vogliamo abbracciare quest anno. Il filo conduttore del percorso è il CORPO, sia perché specchio dell unità della Chiesa, sia perché

Dettagli

L ALLEDUCATORE IN PREGHIERA. Preghiere e Celebrazioni

L ALLEDUCATORE IN PREGHIERA. Preghiere e Celebrazioni Preghiera dello sportivo (1) Signore, aiutami ad essere un vero sportivo. A vincere e restare modesto. A perdere e conservare il sorriso e la dignità. Ad accettare le decisioni dell'arbitro, giuste o ingiuste

Dettagli

M I S T E R I D E L D O L O R E

M I S T E R I D E L D O L O R E M I S T E R I D E L D O L O R E Mio Dio, dona a tutti, a tutti gli uomini, la conoscenza di te e la compassione dei tuoi dolori. Le rosaire. Textes de, Monastère de Chambarand, Roybon 2009, p. 27 1. L

Dettagli

Nella mia Lettera ai cristiani della Chiesa di Lucca, per quest anno pastorale, chiedevo:

Nella mia Lettera ai cristiani della Chiesa di Lucca, per quest anno pastorale, chiedevo: LITURGIA DEL MANDATO PER IL SERVIZIO DI ANIMATORE DEI GRUPPI DI ASCOLTO DEL VANGELO Sabato 29 novembre 2014 (Rm 10,9-18; Mr 16,9-15) ITALO CASTELLANI Arcivescovo di Lucca Nella mia Lettera ai cristiani

Dettagli

Nuove figure di catechista in un mondo che cambia : identità,, spiritualità, competenze,

Nuove figure di catechista in un mondo che cambia : identità,, spiritualità, competenze, Parrocchia Santi Filippo e Giacomo Capua 15 dicembre 2008 Incontro di formazione e condivisione di esperienze dell equipe equipe degli animatori di catechesi Riflessione su : Nuove figure di catechista

Dettagli

ASCENSIONE DEL SIGNORE LECTIO DIVINA PER LA VII DOMENICA DI PASQUA (ANNO A) «Io sono con voi» Mt 28,16-20. Di Emio Cinardo

ASCENSIONE DEL SIGNORE LECTIO DIVINA PER LA VII DOMENICA DI PASQUA (ANNO A) «Io sono con voi» Mt 28,16-20. Di Emio Cinardo ASCENSIONE DEL SIGNORE LECTIO DIVINA PER LA VII DOMENICA DI PASQUA (ANNO A) Di Emio Cinardo «Io sono con voi» Mt 28,16-20 Lettura del testo Dal Vangelo secondo Matteo (28,16-20) In quel tempo, gli undici

Dettagli

EPIFANIA DEL SIGNORE Liturgia del 5 e 6 gennaio

EPIFANIA DEL SIGNORE Liturgia del 5 e 6 gennaio EPIFANIA DEL SIGNORE Liturgia del 5 e 6 gennaio Grado della Celebrazione: Solennità' Colore liturgico: Bianco INTRODUZIONE (solo giorno 6) L Epifania è la manifestazione del Cristo nella carne dell uomo

Dettagli

Istituto Comprensivo I. Nievo di San Donà di Piave(VE) PROGRAMMAZIONE DIDATTICA -CLASSI PARALLELE- SCUOLA PRIMARIA IRC

Istituto Comprensivo I. Nievo di San Donà di Piave(VE) PROGRAMMAZIONE DIDATTICA -CLASSI PARALLELE- SCUOLA PRIMARIA IRC Istituto Comprensivo I. Nievo di San Donà di Piave(VE) PROGRAMMAZIONE DIDATTICA -CLASSI PARALLELE- SCUOLA PRIMARIA IRC A.S. 2008-2009 IRC (Insegnamento della Religione Cattolica) PREMESSA Il percorso didattico

Dettagli

Canti per i funerali. Ciclostilato in proprio Parrocchia di Castiglione Torinese

Canti per i funerali. Ciclostilato in proprio Parrocchia di Castiglione Torinese Canti per i funerali Ciclostilato in proprio Parrocchia di Castiglione Torinese SYMBOLUM 77 (84) 1. Tu sei la mia vita, altro io non ho Tu sei la mia strada, la mia verità Nella tua parola io camminerò

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE ANNO SCOLASTICO 2015/ 2016

PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE ANNO SCOLASTICO 2015/ 2016 ISTITUTO COMPRENSIVO CARLO DEL PRETE DI CASSOLNOVO VIA TORNURA 1 27023 CASSOLNOVO (PAVIA) PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE ANNO SCOLASTICO 2015/ 2016 SCUOLA PRIMARIA DI CASSOLNOVO:Fossati, Gavazzi e

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di OSPITALETTO SCUOLA PRIMARIA A. CANOSSI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE VERTICALE RELIGIONE CATTOLICA

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di OSPITALETTO SCUOLA PRIMARIA A. CANOSSI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE VERTICALE RELIGIONE CATTOLICA ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di OSPITALETTO SCUOLA PRIMARIA A. CANOSSI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE VERTICALE ANNO SCOLASTICO 2015/2016 CLASSE PRIMA L alunno riflette su Dio Creatore e Padre, sui dati fondamentali

Dettagli

VANGELO SECONDO GIOVANNI PROF. CARLO RUSCONI ANNO ACCADEMICO 2012-2013

VANGELO SECONDO GIOVANNI PROF. CARLO RUSCONI ANNO ACCADEMICO 2012-2013 VANGELO SECONDO GIOVANNI PROF. CARLO RUSCONI ANNO ACCADEMICO 2012-2013 1. VANGELO SECONDO GIOVANNI LEZIONE DEL 21-09-2012 ARGOMENTI: a. Introduzione al corso; i. Il Vangelo di Giovanni parla di che cos

Dettagli

INDICAZIONI NAZIONALI PER IL CURRICOLO 2010

INDICAZIONI NAZIONALI PER IL CURRICOLO 2010 ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE G.Galilei www.istitutocomprensivosgt.it CURRICOLO D ISTITUTO a. s. 2012 / 2013 CLASSE : 5 anni SCUOLA INFANZIA Consapevolezza ed espressione culturale / imparare a imparare.

Dettagli

NON TEMERE, SOLO ABBI FEDE FEDE È CERTEZZA DI COSE CHE SI SPERANO E DIMOSTRAZIONE DI COSE CHE NON SI VEDONO

NON TEMERE, SOLO ABBI FEDE FEDE È CERTEZZA DI COSE CHE SI SPERANO E DIMOSTRAZIONE DI COSE CHE NON SI VEDONO NON TEMERE, SOLO ABBI FEDE Cos è la fede? FEDE È CERTEZZA DI COSE CHE SI SPERANO E DIMOSTRAZIONE DI COSE CHE NON SI VEDONO EBREI 11:1 che si sperano SPERANZA: Aspettazione fiduciosa di qualcosa in cui

Dettagli

FEDE IN DIO. La Scrittura ci dice che senza la fede è impossibile piacere a Dio.

FEDE IN DIO. La Scrittura ci dice che senza la fede è impossibile piacere a Dio. FEDE IN DIO A) CO S'E' LA FEDE? La fede si nutre della conoscenza che si acquisisce di una persona. In questa senso la fede può essere grande o piccola, debole o forte. La nostra fede dipende interamente

Dettagli

Il cristiano esiste o scompare con la preghiera Nella preghiera è custodita la ricetta della vita

Il cristiano esiste o scompare con la preghiera Nella preghiera è custodita la ricetta della vita LE FORME E LE ESPRESSIONI DELLA PREGHIERA NEL TEMPO DELLA CHIESA S. Tommaso d Aquino 8 gennaio 2002 Schema della riflessione tenuta da Nasca Michelangelo INTRODUZIONE Il cristiano che non prega più deve

Dettagli

PARROCCHIA SACRO CUORE FESTA DEL PERDONO TI STRINGEVO TRA LE BRACCIA

PARROCCHIA SACRO CUORE FESTA DEL PERDONO TI STRINGEVO TRA LE BRACCIA PARROCCHIA SACRO CUORE FESTA DEL PERDONO TI STRINGEVO TRA LE BRACCIA 2 maggio 2015 Canto iniziale Cel. Nel nome del Padre TI PORTAVO IN BRACCIO Una notte un uomo fece un sogno. Sognò che stava camminando

Dettagli

INTRODUZIONE ALLA BIOETICA

INTRODUZIONE ALLA BIOETICA INTRODUZIONE ALLA BIOETICA Nel presentare il tema introduzione alla bioetica che ho tenuto il 18 maggio scorso presso la Comunità dei Padri Camilliani di Macchia-Monte Sant Angelo, ho iniziato parlando

Dettagli

Programmazione annuale

Programmazione annuale Istituto Comprensivo Bassa Anaunia Denno AREA RELIGIONE CATTOLICA SCUOLA PRIMARIA Programmazione annuale Anno scolastico 2012/13 Docenti: SP BORGHESI PATRIZIA GRANDI MARISA LEONARDI VIOLA ZUECH GIUDITTA

Dettagli

NATALE DEL SIGNORE (ANNO C) Messa del giorno Grado della Celebrazione: Solennità Colore liturgico: Bianco

NATALE DEL SIGNORE (ANNO C) Messa del giorno Grado della Celebrazione: Solennità Colore liturgico: Bianco NATALE DEL SIGNORE (ANNO C) Messa del giorno Grado della Celebrazione: Solennità Colore liturgico: Bianco INTRODUZIONE Il tempo di Natale è un tempo di doni - un dono dice gratuità, attenzione reciproca,

Dettagli

OMELIA MESSA DEL GIORNO DI NATALE 2006

OMELIA MESSA DEL GIORNO DI NATALE 2006 OMELIA MESSA DEL GIORNO DI NATALE 2006 I. Vieni Signore Gesù!. Così la chiesa ha ripetuto spesso nella preghiera di Avvento. Così la chiesa, le nostre comunità, ciascuno di noi ha predisposto il cuore

Dettagli

apparire sufficienti per la formazione di cristiani adulti. Oggi non è più così. Non a caso il Concilio ha proposto la Lectio Divina per tutti.

apparire sufficienti per la formazione di cristiani adulti. Oggi non è più così. Non a caso il Concilio ha proposto la Lectio Divina per tutti. PRESENTAZIONE Dalla relazione svolta dal card. Carlo M. Martini a Camaldoli, luglio 2002, al convegno Cristianesimo e democrazia nel futuro dell Europa. La Bibbia divenga il libro del futuro dell Europa

Dettagli

Il libro vuole invitare i giovani che ancora cercano il loro cammino ad una conoscenza più intima e approfondita della vita di padre Mario Borzaga,

Il libro vuole invitare i giovani che ancora cercano il loro cammino ad una conoscenza più intima e approfondita della vita di padre Mario Borzaga, Saggistica Aracne Il libro vuole invitare i giovani che ancora cercano il loro cammino ad una conoscenza più intima e approfondita della vita di padre Mario Borzaga, missionario Oblato di Maria Immacolata.

Dettagli

RELIGIONE SCUOLA PRIMARIA

RELIGIONE SCUOLA PRIMARIA RELIGIONE CLASSE PRIMA SCUOLA PRIMARIA 1 - IO NELLA CLASSE 1. Presentarsi nella propria particolarità 2. Capire che ognuno ha un posto 3. Comprendere che in classe non si è soli Presentazione degli insegnanti

Dettagli

Preghiere di Benedizione e di Liberazione per. la famiglia

Preghiere di Benedizione e di Liberazione per. la famiglia Preghiere di Benedizione e di Liberazione per la famiglia Collana: La Santa Famiglia Testi: Padre Felice Traversa Editrice Shalom - 9.3.2000 Santa Francesca Romana Disegni: Padre Gianfranco Verri ISBN

Dettagli

La tua Parola, Signore, è Luce alla mia strada

La tua Parola, Signore, è Luce alla mia strada La tua Parola, Signore, è Luce alla mia strada Che cos è la Lectio divina La Lectio Divina è l esercizio ordinato dell ascolto personale della Parola. ESERCIZIO: è qualcosa di attivo e, per questo, è importante.

Dettagli

ti scrivo... padrino Ma,

ti scrivo... padrino Ma, Caro padrino ti scrivo... Se Ti I N T R O D U Z I O N E hai tra le mani questo opuscolo è perché qualcuno ti ha chiesto di fargli da madrina o da padrino... forse una coppia di amici che ti vogliono padrino

Dettagli

Sono stato crocifisso!

Sono stato crocifisso! 12 febbraio 2012 penultima dopo l epifania ore 11.30 con i fidanzati Sono stato crocifisso! Sia lodato Gesù Cristo! Paolo, Paolo apostolo nelle sue lettere racconta la sua storia, la storia delle sue comunità

Dettagli

UDA 1 Presentare, presentarsi, descrivere. FAD: PRESENTAZIONE IN PRIMA E TERZA PERSONA (h 5) IL TESTO, I TESTI

UDA 1 Presentare, presentarsi, descrivere. FAD: PRESENTAZIONE IN PRIMA E TERZA PERSONA (h 5) IL TESTO, I TESTI UDA 1 Presentare, presentarsi, descrivere FAD: PRESENTAZIONE IN PRIMA E TERZA PERSONA (h 5) PER COMINCIARE: IL TESTO, I TESTI Es, Misto (Verbale/Non verbale) Fumetto Verbale Non verbale (Visivo/Acustico)

Dettagli

www.stephankampowski.com/corsi.html

www.stephankampowski.com/corsi.html Introduzione alla teologia moral fondamentale Prof. Stephan Kampowski Email: kampowski@istitutogp2.it Ufficio: 06 698 95 539 Dopo la lezione le diapositive saranno disponibile qui: www.stephankampowski.com/corsi.html

Dettagli

RINNOVAMENTO CARISMATICO CATTOLICO

RINNOVAMENTO CARISMATICO CATTOLICO INSEGNAMENTO IL MIO CUORE CANTA LE TUE LODI a cura di Carlo Arditi, Responsabile del Servizio Musica e Canto Nel preparare questa condivisione mi sono accorto che, pur non avendolo fatto apposta, anche

Dettagli

Celebrazione ecumenica chiesa del Crocifisso, Grosseto 20 gennaio 2016

Celebrazione ecumenica chiesa del Crocifisso, Grosseto 20 gennaio 2016 Celebrazione ecumenica chiesa del Crocifisso, Grosseto 20 gennaio 2016 I. RADUNO Inno processionale Coloro che guidano la celebrazione entrano e possono portare una Bibbia, una candela e del sale Indirizzo

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA Traguardi Obiettivi di apprendimento Contenuti

RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA Traguardi Obiettivi di apprendimento Contenuti RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA Scoprire nell'ambiente i segni che richiamano ai cristiani e a tanti credenti la presenza di Dio Creatore e Padre Descrivere l'ambiente di vita di Gesù nei suoi aspetti

Dettagli

Il Credo Il Cristiano è una persona che crede che Gesù Cristo quel Gesù lì è il suo Creatore, è il suo Dio

Il Credo Il Cristiano è una persona che crede che Gesù Cristo quel Gesù lì è il suo Creatore, è il suo Dio Il Credo Il Credo Il Cristiano è una persona che crede che Gesù Cristo, nato da Maria, nato a Betlemme, vissuto a Nazareth, quel Gesù di cui parlano i vangeli di Matteo, Marco, Luca, Giovanni, quel Gesù

Dettagli

5ª tappa L annuncio ai Giudei

5ª tappa L annuncio ai Giudei Centro Missionario Diocesano Como 5 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Febbraio 09 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 5ª tappa L annuncio ai Giudei Pagina

Dettagli