Indagini diagnostiche sul costruito storico: problematiche e prospettive

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Indagini diagnostiche sul costruito storico: problematiche e prospettive"

Transcript

1 Seconda Università degli Studi di Napoli Dipartimento di Architettura e Disegno Industriale «L. Vanvitelli» Corso di Caratteri costruttivi dell edilizia storica A.A. 2012/2013 Prof. arch. Francesco Miraglia Indagini diagnostiche sul costruito storico: problematiche e prospettive

2 CLASSIFICAZIONE DELLE PROVE DISTRUTTIVE L oggetto della prova subisce gravi danni NON DISTRUTTIVE Il campione non viene alterato SEMI-DISTRUTTIVE Monitoraggio Prove di collaudo

3 Schema dei metodi non distruttivi Metodi Meccanici * Metodi Acustici Metodi Elettromagnetici Metodi Chimici * Metodi Elettrochimici * Prove semi-distruttive

4 Metodi Meccanici Sclerometro Pull-Out Sonda di Windsor utilizzati per la determinazione della Resistenza del Materiale Martinetti Piatti E la prova che permette di avere informazioni sui valori di resistenza e sullo stato di sollecitazione locale della struttura portante.

5 Metodi Meccanici Sclerometro Pull-Out Sonda di Windsor Dati rilevabili: Resistenza del Materiale La misura della resistenza avviene interpolando i dati con curve di correlazione e sebbene, queste indagini siano normalizzate, richiedono talvolta fasi di taratura in laboratorio con prelievo di campioni in situ

6 SCLEROMETRO Norme: ASTM C805 - UNI 9189, DIN 1048 BS NF P UNE ISO-DIN 845 EN Attraverso la misura dell indice di rimbalzo di una massa, spinta da una molla calibrata si valuta la resistenza superficiale del materiale. Oggetto dell indagine: calcestruzzo, malte, materiali refrattari, pavimentazioni aereoportuali, rocce Disponibili vari modelli per i diversi materiali Taratura dello strumento: indispensabile

7 PULL-OUT Norme: ASTM C900 - BS 1881 Part 207 UNI 9536 Oggetto dell indagine: calcestruzzo La resistenza del materiale avviene attraverso la misura della forza necessaria ad un martinetto idraulico per estrarre un tassello in acciaio inserito nel calcestruzzo Si deve porre attenzione che il tassello utilizzato sia identico,nella geometria e per la qualità dell acciaio a quello utilizzato nella fase di sperimentazione per costruire le curve di correlazione

8 PULL-OUT Composizione Attrezzatura

9 SONDA DI WINDSOR Norma: ASTM C BS 1881 Oggetto dell indagine: calcestruzzo La valutazione delle caratteristiche meccaniche avviene mediante la misura dell indice di penetrazione L La prova non è superficiale ed interessa sia il legante che l aggregato del calcestruzzo esaminato I risultati sono fortemente influenzati dalla durezza degli aggregati

10 Attrezzatura Sonda Windsor per l esecuzione delle prove di penetrazione su calcestruzzo Versione digitale 2000 Pistola Lettore digitale Sonde-proiettili

11 Prelievo di carote o campioni Norme : UNI BS 1881 /120 - ASTM C 42-84a Sondina elettrica Carotiere diam. 100mm Questa metodologia non è, giustamente, inserita nelle Prove N.D. ma è il necessario complemento a diverse tecniche d indagini ed è uno dei sistemi più usati nella valutazione della resistenza del calcestruzzo e delle murature.

12 PROVA CON MARTINETTI PIATTI PROVA MARTINETTO SINGOLO Oggetto dell indagine: Strutture in muratura Dati rilevabili: Misura dello stato tensionale locale Risultati producibili: Valutazione dello stato tensionale attraverso la misura dello sforzo necessario al riequilibrio deformativo; verifica sperimentale delle reali condizioni statiche della struttura oggetto dell'indagine; misure di stress in sito (nei rivestimenti di gallerie, nelle pile e travi dei ponti ).

13 Tecnica applicativa: Coppie di punti di riferimento vengono applicate sulla superficie, della muratura in oggetto a cavallo del taglio che si andrà a realizzarsi; lettura micrometrica iniziale, esecuzione del taglio; misura delle deformazioni dovute al rilascio delle tensioni. Inserimento del martinetto piatto e ripristino delle condizioni iniziali.

14 Gli strumenti : Attrezzatura Sega dalle caratteristiche (forma, durezza della lama, potenza) adeguate al materiale costituente la muratura Compressore per l azionamento della macchina operatrice (Sega per il taglio) Coppie di basi (dischetti) di misura (almeno 3) Deformometro removibile di precisione 1 o 2 Martinetti Pompa idraulica per l applicazione della pressione

15 Il tipo di martinetto da utilizzare nella prova è funzione del tipo di muratura. Nel caso di strutture in laterizio è sufficiente un martinetto standard rettangolare di 400 x 200 mm. Quando invece si ha a che fare con murature costituite da blocchi molto irregolari e disomogenei è necessario, al fine di ottenere dei risultati significativi, incrementare la profondità del taglio per assoggettare alla prova un maggior volume. A tale scopo si adopera una particolare troncatrice idraulica a trasmissione eccentrica e martinetti semiovali che consentono di indagare un sufficiente volume di materiale in rapporto alle dimensioni dei blocchi costituenti la muratura.

16 In dettaglio la procedura è così articolata : si applicano sulla superficie della muratura delle coppie di punti di riferimento e vengono misurate, mediante deformometro di precisione, le distanze tra tali punti. La disposizione ottimale delle basi di misura è illustrata in figura L Base di misura 200 mm L/4 L/4 Martinetto

17 viene eseguito un taglio perpendicolare alla superficie della muratura che provoca un rilascio delle tensioni con conseguente parziale chiusura del taglio stesso funzione della tensione agente alla quota di prova si inserisce il martinetto piatto nell apertura creata con il taglio

18 viene azionata la pompa idraulica che mette in pressione il liquido di misura nel martinetto; tale pressione viene misurata da un manometro di precisione in dotazione alla pompa

19 l applicazione a gradini della pressione nel martinetto provoca la graduale riapertura della fessura fino all annullamento della deformazione conseguente al rilascio tensionale andranno annotati, considerando opportuni intervalli, le coppie di valori pressione deformazione.

20 Pressioni misurate e tensioni di sollecitazione Vengono letti sul manometro ed annotati su apposite schede, i valori di pressione del circuito idraulico pompa martinetti. Da tali valori di pressione p si risale allo stato di sollecitazione agente mediante la relazione = p K m K a ove Km e Ka sono due coefficienti. In particolare: K a = A j / A c rappresenta il rapporto tra l area del martinetto (Aj) e l area della superficie di taglio (Ac). Ovviamente Ka < 1. Km rappresenta un coefficiente (<1) che permette di tenere conto della rigidezza del martinetto. Tale coefficiente dipende dalle dimensioni e dalla forma del martinetto e viene determinato mediante apposite prove di taratura in laboratorio. Ogni martinetto è normalmente accompagnato da un apposito certificato di taratura in cui viene chiaramente indicato il valore di Km.

21 PROVA CON MARTINETTI PIATTI PROVA A DOPPIO MARTINETTO Oggetto dell indagine: Strutture in muratura Dati rilevabili: Determinazione delle caratteristiche di deformabilità e resistenza della muratura. Il modulo di deformabilità è calcolato per intervalli di pressione, secondo la legge di Hooke, considerando la deformazione unitaria desumibile dalle misure micrometriche lette in sito. La prova puo' fornire anche una stima della resistenza a compressione della muratura, potendo avvicinarsi al limite di rottura con l'aumento progressivo del carico. Risultati producibili: Estrapolazione di parametri meccanici (,, ) Graficizzazione dei dati rilevati

22 Tecnica applicativa: Esecuzione di due tagli orizzontali paralleli nella muratura da analizzare, preferibilmente previa rimozione di eventuali strati di intonaco o rivestimento; il "concio" cosi' isolato e' sottoposto a cicli modulati di pressione monoassiale normale al piano dei tagli, il carico è fornito da due martinetti inseriti nei tagli; le misure di deformazione sono rese possibili tramite basi di misura verticali e orizzontali, fissate sulla faccia libera del concio murario.

23 Metodo elettromagnetico Principio di funzionamento dei Pacometri

24 Localizzazione delle barre d armatura, profondità e diametro nel calcestruzzo e nelle murature Localizzazione di elementi metallici nelle strutture murarie

25 INDAGINE TERMOGRAFICA ALL INFRAROSSO Oggetto dell indagine: Superfici interne ed esterne intonacate o rivestite, edifici riscaldati, facciate e coperture Dati rilevabili: Rilievo architettonico: caratterizzazione dei materiali componenti la muratura, con distinzione tra lapidei e laterizi; rilievo di tamponamenti, canne fumarie, tracce d'impianti tecnologici; presenza subsuperficiale di elementi in legno, metallo, cemento armato. Aspetti patologici: lesioni strutturali risarcite, lesioni subsuperficiali, intrusione di umidità con possibile individuazione della fonte, decoesioni di intonaci o rivestimenti, ponti termici, inclusioni con materiali non originali, punti di probabile condensa. Aspetti morfologici: caratterizzazione delle strutture di supporto, individuazione di presenze subsuperficiali e rilievo critico; possibilità di controllo pre- e post-intervento (collaudo). Caratterizzazione: valutazione comparativa isolamento di elementi costruttivi; temperature superficiali; individuazione tracce condutture.

26 Tecnica applicativa: Utilizzo di strumentazione termovisiva speciale all'infrarosso per la visualizzazione distributiva delle temperature superficiali, in presenza di sollecitazione termica dell'oggetto (eseguibile per convezione forzata con bruciatori portatili a reostato o irraggiamento sia artificiale che solare o sfruttando il gradiente termico spontaneo tra giorno e notte) Strumento : Camere digitali all infrarosso e relativa analisi computerizzata delle immagini.

27 Il funzionamento: Tutti gli oggetti, eccetto quelli con superficie allo zero assoluto (-273,15 C), emettono radiazioni infrarosse. La Termografia è quella tecnica che, utilizzando la radiazione proveniente da un oggetto, permette di costruire un immagine relativa alla distribuzione delle temperature superficiali dell oggetto stesso. L occhio umano è un ottimo rivelatore di immagini nel campo dell emissività solare (0, m) ma è totalmente cieco al di fuori. Le camere dell infrarosso catturano le radiazioni provenienti dall oggetto e le trasformano in immagini (è come estendere la capacità percettiva umana riuscendo a visualizzare il colore proveniente da un corpo). Le camere digitali all infrarosso leggono tramite un elemento sensibile (IRCCD=infrared detector), simile a quello delle camere nel visibile (CCD), il flusso di energia emesso dalla superficie del corpo sotto esame, sotto forma di onde elettomagnetiche, e lo elaborano trasformandolo in immagine.

28 Risultati producibili: Elaborazione computerizzata di immagini IR con software applicativi e mappature critico-difettologiche; bilancio energetico

29

30 Metodi Acustici Dati rilevabili: Calcestruzzo Murature Omogeneità del materiale, caratteristiche meccaniche Stato di consistenza dei pannelli murari Prove ultrasoniche Strutture Modi di vibrare: caratteristiche strutturali Prove soniche Tomografia * Prove dinamiche *

31 Si definiscono: Periodo T (in secondi s) tempo impiegato per un ciclo completo di espansione e contrazione della sorgente, o di pressione e depressione nel mezzo. Parametri generali per la definizione di un fenomeno ondulatorio Frequenza f (in Hertz Hz) numeri di cicli, ossia di oscillazioni complete, al secondo Lunghezza d onda (in metri m) distanza fra due successivi fronti d onda (o comunque fra 2 loro punti in ugual fase) nella direzione di propagazione della vibrazione Velocità di propagazione V (in m/s) velocità con un fronte d onda di vibrazione si propaga nel mezzo nella direzione di propagazione Intensità di vibrazione I quantità di energia che passa in un secondo attraverso l area unitaria. Poiché in acustica, e nelle misure di vibrazione in genere, non si eseguono normalmente misure assolute, ma misure relative, ossia si fanno rapporti fra ampiezze A di vibrazione, o fra intensità I, si è trovato più comodo esprimere tali rapporti in decibel (db)

32 NATURA DEI SUONI E DEGLI ULTRASUONI I suoni e gli ultrasuoni sono onde meccaniche che si propagano nei materiali. I metodi si differenziano a seconda delle frequenze impiegate. Necessitano per la loro propagazione di un supporto materiale al quale trasmettere la vibrazione. Gli ultrasuoni si propagano nell aria, acciaio, calcestruzzo, legno, acqua, plastica, ceramica, etc. ma non nel vuoto. In questo si differenziano nettamente dalle onde elettromagnetiche come i raggi x, la luce, etc. che trovano nel vuoto il mezzo ideale per la loro propagazione. Le onde ultrasonore possono essere di tipo longitudinale, trasversale, di Rayleigh,. La lunghezza d onda ha diretta influenza sulla sensibilità di controllo intesa come minima dimensione di difetto rilevabile.

33 PRINCIPIO DEL METODO SONICO Il principio consiste nell invio di un impulso d onde nel materiale e valutare attraverso la comparazione dei tempi di ritardo (o velocità) e dell attenuazione difetti e caratteristiche meccaniche

34 PROPAGAZIONE DELLE ONDE NEI MATERIALI: Velocità Le onde ultrasonoro si propagano nei materiali con velocità diverse a seconda del materiale e del tipo d onda (longitudinale, trasversale, etc.) La densità del materiale e le sue caratteristiche elastiche E determinano il valore della velocità dell onda in transito. Attenuazione Le onde ultrasonore generate dai trasduttori si propagano nei materiali subendo un assorbimento dovuto principalmente ai seguenti fattori: -Diffusione delle onde nella struttura del pezzo -Geometria del fascio ultrasonoro -Conversione dell energia in calore -Distanza dal trasduttore

35 Nel campo lontano dal trasduttore l attenuazione della pressione acustica che non include gli effetti geometrici segue una legge esponenziale Riflessione Differenza del valore dell impedenza acustica dei due mezzi In corrispondenza delle interfacce il fenomeno della riflessione segue in termini geometrici le leggi dell ottica ed in termini di energia riflessa, le leggi dell acustica.

36 INDAGINE SONICA Oggetto dell indagine: Strutture murarie Dati rilevabili: Caratterizzazione della muratura in termini di elasticità e grado di compattezza relativa (consistenza) in base alla velocità sonica rilevata; valutazione del grado di omogeneità dei materiali indagati; collaudo di opere di consolidamento con misure pre- e post-intervento.

37 Schema apparecchiatura per indagini soniche Unità di acquisizione segnale Sensore Ingresso trigger Martello Strumentato Ingresso impulsi Filtraggio? Amplificazione

38 Strumento Apparecchiatura per rilievi sonici Sonic System L'attrezzatura è composta dai seguenti elementi: Unità elettronica di acquisizione e controllo della misura - Punzone metallico strumentato con sensore piezoceramico per la battuta - Sensore sonico piezoresistivo per il rilievo dell'onda trasmessa - Martelli con massa da 0,500 e 2000 gr. Lo strumento può anche essere collegato ad una comune stampante o ad una stampante dedicata per la restituzione su carta dei risultati. È previsto il collegamento a PC tramite RS232 e tramite un software dedicato si possono rielaborare ed archiviare i risultati acquisiti.

39 Strumento Rivelatore ultrasonoro portatile Può impiegare sonde con una frequenza compresa fra 20 e 200 khz, per cui è idoneo ad effettuare misure nei vari campi dell ingegneria civile, tra i quali: -caratterizzazione sonica dei provini -controlli su strutture composite -carotaggio sonico -verifiche di spessori

40 Le misure soniche di velocità, normalmente espresse in metri al secondo, possono essere svolte secondo tre diverse procedure: diretta o per trasparenza; di superficie; radiale; R E R E R E A B C

41 INDAGINE ENDOSCOPICA E VIDEOENDOSCOPICA Oggetto dell indagine: Strutture (murature, volte, solai, travi lignee, ecc.) Dati rilevabili: Caratteristiche fisiche, morfologiche, compositive e del degrado all'interno della struttura indagata - Rilievo geometrico monodimensionale Risultati producibili: Descrizione stratigrafica centimetrica - Graficizzazione della superficie del percorso endoscopico - Fotografie endoscopiche - Videoregistrazione in VCR - VHS

42 Tecnica applicativa: Realizzazione di un foro di diametro mm con aspirazione e lavaggio dello stesso e successiva ispezione interna visiva tramite la sonda ottica; l'analisi è riportata su apposite schede insieme alla documentazione fotografica (cassetta documentale filmata VCR) ottenuta mediante speciale adattatore ottico e macchina fotografica (adattatore ottico per telecamera, con eventuale commento vocale)

43 Endoscopi - Videoendoscopi endoscopi rigidi o boroscopi endoscopi flessibili videoendoscopi o sonde televisive Se la fonte di illuminazione (lampada alogena) è posta all'estremità dell'obiettivo, vengono classificati come endoscopi a luce calda; se invece utilizzano fibre ottiche per la trasmissione dell illuminazione alla punta dell endoscopio, vengono definiti a luce fredda.

44 La Tecnica Georadar I sistemi georadar sono strumenti di indagine non invasiva. Attraverso l'utilizzo delle onde elettromagnetiche questi sistemi sono in grado di esaminare i materiali indagati senza interferire nelle loro caratteristiche fisiche, meccaniche e chimiche.

45 Il georadar, nell applicazione alla introspezione del suolo, è, in generale, una tecnica che consente di rivelare in modo non distruttivo e non invasivo la presenza e la posizione di oggetti sepolti utilizzando il fenomeno della riflessione delle onde elettromagnetiche. La tecnologia è basata sullo stesso principio dei sistemi radar convenzionali, ma con alcune differenze significative:

46 PRINCIPIO DI FUNZIONAMENTO Il radar trasmette un piccolo impulso di onda EM mediante l antenna L energia riflessa dalla discontinuità è catturata e ricevuta dall antenna. La profondità e la risoluzione sono relative alla frequenza dell antenna, alla potenza trasmessa e alle proprietà dielettriche del terreno.

47 Tempo di ritardo PRINCIPIO DI FUNZIONAMENTO Antenna Posizione dell antenna

48 Il funzionamento del georadar si basa sulla capacità dello strumento di emettere segnali a radiofrequenza (compresi tipicamente nel range 100 MHz - 1Ghz) e di registrare quindi ogni eco reirradiata dagli oggetti presenti nel sottosuolo, caratterizzati da dimensioni sufficienti e da proprietà elettromagnetiche diverse rispetto a quelle di ciò che li circonda.

49 Componenti del radar Unità centrale Georadar Data Logger Antenne Software di elaborazione

50 Unità centrale Antenne Data Logger

51 In generale, un mezzo omogeneo è definito da un punto di vista elettrico, da una coppia di valori: costante dielettrica relativa ( r) conduttività ( ) Nella propagazione delle onde elettromagnetiche nel suolo si evidenziano i seguenti aspetti: - riflessione - attenuazione - portata - velocità di propagazione

52 Le Antenne La scelta dell antenna è la fase fondamentale di un indagine georadar e si effettua considerando gli elementi fondamentali del rilievo: Le antenne possono operare in tre modi principali: - disposizione monostatica; - disposizione bistatica; - disposizione cross-polare.

53 Disposizione delle antenne

54 Con la disposizione monostatica, trasmettitore (TX) e ricevitore (RX) sono assemblati in un unica struttura, permettendo di ottenere informazioni in tutta l area indagata e di determinare la profondità di bersagli. Tale disposizione è consigliata per ottenere informazioni superficiali quali servizi e reperti archeologici con antenne a frequenza medio-alta ( MHz). Con la disposizione bistatica, trasmettitore (TX) e ricevitore (RX) sono separati e messi ad una certa distanza l uno dall altro. Il vantaggio consiste in una risposta più dettagliata nelle zone più profonde, mentre lo svantaggio consiste nell assenza di risposta in una porzione di terreno d funzione della distanza reciproca dei due componenti. Tale disposizione è consigliata per ottenere informazioni da zone profonde ed è generalmente impiegata con antenne a frequenza medio-bassa ( MHz) e finalità geologiche.

55 La scelta della frequenza dell antenna è inversamente proporzionale alla profondità d investigazione

56 Perciò la scelta della frequenza è frutto di un compromesso tra le seguenti esigenze: basse frequenze sono desiderabili per una maggiore penetrazione alte frequenze sono desiderabili perché consentono di ottenere una migliore risoluzione, e quindi una migliore qualità dell immagine radar; inoltre ad alte frequenze corrispondono antenne più piccole, quindi più leggere e maneggevoli.

57 In generale le antenne a bassa frequenza ( MHz) sono indicate per indagini profonde, poiché possiedono un alta capacità di penetrazione ed una bassa risoluzione. In particolare queste antenne vengono impiegate per la ricerca di: orizzonti stratigrafici; falde; cavità; zone di fratturazione.

58 Antenne a media frequenza ( MHz) per ricerche superficiali: resti archeologici; sottoservizi. Antenne ad alta frequenze ( MHz) per indagini di elevato dettaglio, quali: stato dei manufatti; resti archeologici.

59 ARRAY DI 4 ANTENNE ( MHz) 600MHz 200MHz 1600MHz ARRAY DI 8 ANTENNE ( MHz) MHz

60 Configurazioni Configurazione Tradizionale ARRAY di antenne

61 Risultati Radiogrammi Durante la scansione vengono collezionate una serie di riflessioni da punti adiacenti (tipicamente uno ogni 2 o 3 cm), le quali costituiscono l immagine della sezione radar; in presenza di un oggetto sepolto (p.e. un tubo) si ottiene un immagine radar con una caratteristica forma iperbolica (vedi Fig.). Anomalia

62 Esempio di sezione radar multipla

63 Archeologia * indagini per la scoperta di nuovi siti archeologici * identificazione di strutture archeologiche * indagini per la delimitazione delle aree archeologiche * identificazione di manufatti archeologici

64 Beni Culturali * Verifica degli spessori degli intonaci * Verifica di distacchi di affreschi * Verifica di distacchi di coperture facciate * Indagini non distruttive su pareti * Indagini su pavimenti

65 RICERCA SOTTOSERVIZI: esempio applicativo

66 Interfaccia cad

67 LA RICERCA ARCHEOLOGICA IL SISTEMA RADAR OTTIMIZZATO PER L ARCHEOLOGIA GLI OBIETTIVI GPS opzionale - Detezione strutture sepolte - Mappatura a grande scala delle aree a vocazione archeologica - Supporto alle attività di scavo - Individuazione e mappatura di cavità

68 ARCHEOLOGIA: esempio applicativo

69 MAPPA RADAR

70 Missione nel Deserto del Negev (Israele) Scopo: Ricerca di cavità

71 BENI CULTURALI: esempi applicativi Nell ambito dei Beni Culturali altrettanto numerose sono le applicazioni della tecnologia RIS, come tecnica non invasiva. Tra queste, a scopo illustrativo, si riportano i risultati ottenuti nelle indagini radar svolte su: Statue delle Cariatidi site presso Villa Adriana Affresco della chiesetta di Mocali presso l abitato di Sellano (PG) Le volte della navata centrale della Basilica di S. Francesco in Assisi.

72 La verificare la giacitura, l estensione e l andamento delle fratture interne. La statua delle Cariatidi La sezione radar rilevata

73 Gli affreschi della chiesa di Mocali (sellano Perugia) Scopo: Valutazione dello scollamento della superficie di un affresco presente al suo interno.

74 Basilica di S. Francesco (Assisi) La valutazione delle fratturazioni e le degradazioni presenti sulle volte La facciata della Basilica di Assisi La volta della Basilica di Assisi

75 Esempio di sezioni radar relative alla volta

76 In essa è chiaramente visibile l andamento della struttura muraria (contrafforte) retrostante la parete, nonché la presenza di una porta di accesso murata e solo visibile dall interno della parete.

77 INDAGINI NEL CAMPO AMBIENTALE Detezione e Monitoraggio delle contaminazioni della falda

78 AMBIENTE: LE DISCARICHE GLI OBIETTIVI - ricerca di fusti metallici - rilievo della profondità della superficie impermeabilizzante - siti industriali - siti contaminati - monitoraggio di eventuali perdite - analisi profonda mediante tecniche - borehole e cross-hole

79 Chiesa di S. Gennaro Minori Finalità dell intervento Il fine dell indagine è investigare il sottosuolo dei locali della chiesa per individuare anomalie dovute a cavità antropiche entro il volume significativo delle opere di fondazione.

80 Direzione scans. Long. Direzione scans. Long.

81

82 MAGLIE

83 TOMOGRAFIA

84 MAPPA RADAR

Valueconsult. Technical Advisory. Dalla gestione del rischio alla creazione di valore. Analysis and Structural investigations

Valueconsult. Technical Advisory. Dalla gestione del rischio alla creazione di valore. Analysis and Structural investigations Technical Advisory Analysis and Structural investigations Dalla gestione del rischio alla creazione di valore Analysis and Structural investigations Testing, Diagnosi, Analisi Valueconsult svolge un servizio

Dettagli

Strutture in muratura soggette ad azioni sismiche. Indagini e livelli di conoscenza (2)

Strutture in muratura soggette ad azioni sismiche. Indagini e livelli di conoscenza (2) Corso di Riabilitazione Strutturale POTENZA, a.a. 2013 2014 Strutture in muratura soggette ad azioni sismiche. Indagini e livelli di conoscenza (2) Dott. Marco VONA Scuola di Ingegneria - Università di

Dettagli

2.5.3 PROVA ULTRASONICA PROVA ULTRASONICA

2.5.3 PROVA ULTRASONICA PROVA ULTRASONICA Pag. 1 di 1 PROVA ULTRASONICA 1. Descrizione e scopo della prova. Le cosiddette prove ad ultrasuoni di "trasparenza" si eseguono nell'ambito dei controlli non distruttivi per la determinazione delle caratteristiche

Dettagli

Rientrano in questa categoria i seguenti metodi: - Pile Echo Test o Low Strain Test. - Ammettenza meccanica

Rientrano in questa categoria i seguenti metodi: - Pile Echo Test o Low Strain Test. - Ammettenza meccanica Prove dinamiche e metodi sonici per la determinazione della capacità portante e la verifica in sito dell integrità del materiale costitutivo di diaframmi in c.a. La descrizione seguente dettaglia sulle

Dettagli

2.5.3 PROVA ULTRASONICA

2.5.3 PROVA ULTRASONICA 2.5.3 PROVA ULTRASONICA Pag. 1 di 4 2.5.3 PROVA ULTRASONICA 1. Scopo La prova consente la determinazione delle caratteristiche elastico-dinamiche dei materiali costituenti l'opera in studio. Nello specifico

Dettagli

OMEGA SOLUZIONI - LISTINO NOLEGGIO

OMEGA SOLUZIONI - LISTINO NOLEGGIO TERMOIGROMETRO PROTIMETER MMS2 Campo di applicazione Misura dell' umidità in pavimenti in legno e massetti, cartongesso, blocchi di cemento e calcestruzzo, stucco, gesso, muratura e mattoni e altri materiali

Dettagli

1.5 CATALOGO DELLE PROVE DI CARATTERIZZAZIONE E DEL LORO UTILIZZO

1.5 CATALOGO DELLE PROVE DI CARATTERIZZAZIONE E DEL LORO UTILIZZO 1.5 CATALOGO DELLE PROVE DI CARATTERIZZAZIONE E DEL LORO UTILIZZO In base alle conoscenze maturate preventivamente dagli autori in oltre un decennio di ricerche e durante l esperienza svolta in Lunigiana,

Dettagli

P.Q.R.S. per il necessario supporto tecnico ai professionisti impegnati nella valutazione della sicurezza degli edifici esistenti.

P.Q.R.S. per il necessario supporto tecnico ai professionisti impegnati nella valutazione della sicurezza degli edifici esistenti. P.Q.R.S. per il necessario supporto tecnico ai professionisti impegnati nella valutazione della sicurezza degli edifici esistenti. VALUTAZIONE DELLA SICUREZZA EDIFICI ESISTENTI (Decreto Ministeriale 14/01/2008)

Dettagli

Dr.ssa Roberta Giorio. CMR SRL - Laboratorio di Analisi e Prove in Edilizia E di Diagnostica per il Restauro

Dr.ssa Roberta Giorio. CMR SRL - Laboratorio di Analisi e Prove in Edilizia E di Diagnostica per il Restauro Dr.ssa Roberta Giorio CMR SRL - Laboratorio di Analisi e Prove in Edilizia E di Diagnostica per il Restauro Laboratorio Accreditato ACCREDIA N 1035 Iscritto all Anagrafe Nazionale delle Ricerche del MIUR

Dettagli

Misura della profondità di carbonatazione

Misura della profondità di carbonatazione Controllo tecnico della qualità delle costruzioni Strutture edifici esistenti La valutazione della sicurezza e la progettazione degli interventi su edifici esistenti è caratterizzata da un grado di incertezza

Dettagli

Indagini Strutturali ANALISI E CORRELAZIONE DEI RISULTATI NELLE INDAGINI NON DISTRUTTIVE. Ponti & Viadotti SU STRUTTURE IN CEMENTO ARMATO PRECOMPRESSO

Indagini Strutturali ANALISI E CORRELAZIONE DEI RISULTATI NELLE INDAGINI NON DISTRUTTIVE. Ponti & Viadotti SU STRUTTURE IN CEMENTO ARMATO PRECOMPRESSO Una campagna di indagini di Sidercem Srl per acquisire un Livello di Conoscenza Accurata (LC3) indispensabile per l identificazione strutturale di un viadotto e per l eventuale progetto di adeguamento

Dettagli

Monitoring, Testing & Structural engineering

Monitoring, Testing & Structural engineering Monitoring, Testing & Structural engineering Indagini strutturali e prove diagnostiche Monitoraggio dinamico di edifici e infrastrutture Verifica di vulnerabilità sismica di edifici esistenti Analisi e

Dettagli

Report termografia Grand Hotel S. Pellegrino Terme (BG)

Report termografia Grand Hotel S. Pellegrino Terme (BG) Report termografia Grand Hotel S. Pellegrino Terme (BG) Metodo di indagine termografica La termografia all'infrarosso è una particolare tecnica telemetrica in grado di determinare, con notevole risoluzione

Dettagli

14. Controlli non distruttivi

14. Controlli non distruttivi 14.1. Generalità 14. Controlli non distruttivi La moderna progettazione meccanica, basata sempre più sull uso di accurati codici di calcolo e su una accurata conoscenza delle caratteristiche del materiale

Dettagli

Analisi e controllo dei pali (parte seconda)

Analisi e controllo dei pali (parte seconda) Analisi e controllo dei pali (parte seconda) Ing. C. Menta TEKNE S.R.L. Difetti riscontrabili nei pali www.ulrichengineers.com Intrusioni di fango durante il getto del cls Discontinuità lineari Cavità

Dettagli

INDAGINE TERMOGRAFICA

INDAGINE TERMOGRAFICA Pag. 1 di 6 INDAGINE TERMOGRAFICA 1. Scopo La visione Termografica di un oggetto è la riproduzione istantanea tramite grafica computerizzata (a colori o in bianco e nero) della mappa delle temperature

Dettagli

Indice. - Premessa. - Indagine termografica. - Documentazione Fotografica e IR

Indice. - Premessa. - Indagine termografica. - Documentazione Fotografica e IR Indice - Premessa - Indagine termografica - Documentazione Fotografica e IR Premessa La caratterizzazione fisico-meccanica dei materiali costituenti un manufatto è indispensabile per stabilire un appropriato

Dettagli

RELAZIONE TECNICA PERIZIA STATICA

RELAZIONE TECNICA PERIZIA STATICA ing. Riccardo Morello P.zza Vittorio Veneto, 14 10123 Torino Tel. 011/8141051-Fax 011/8158475 Spettabile Città di Torino VICE DIREZIONE GENERALE SERVIZI TECNICI, AMBIENTE EDILIZIA RESIDENZIALE PUBBLICA

Dettagli

DIAGNOSTICA DEI MATERIALI IN SITU ULTRASONIC SYSTEM CMS V.3.1 APPLICAZIONE

DIAGNOSTICA DEI MATERIALI IN SITU ULTRASONIC SYSTEM CMS V.3.1 APPLICAZIONE DIAGNOSTICA DEI MATERIALI IN SITU ULTRASONIC SYSTEM CMS V.3.1 APPLICAZIONE Le indagini ultrasoniche e soniche consentono la determinazione delle caratteristiche elastico-dinamiche dei materiali. In particolare

Dettagli

COMUNE DI TORINO. Settore Ristrutturazioni e Nuovi Edifici Municipali INDAGINE GEORDAR. Fabbricato ex INCET Via Cigna TORINO.

COMUNE DI TORINO. Settore Ristrutturazioni e Nuovi Edifici Municipali INDAGINE GEORDAR. Fabbricato ex INCET Via Cigna TORINO. COMUNE DI TORINO Settore Ristrutturazioni e Nuovi Edifici Municipali INDAGINE GEORDAR Fabbricato ex INCET Via Cigna TORINO Relazione Tecnica TECNO FUTUR SERVICE s.r.l. Bomporto (Mo), Gennaio 2008 1. Generalità

Dettagli

MAPPATURA DEL SOTTOSUOLO INDAGINI GEORADAR

MAPPATURA DEL SOTTOSUOLO INDAGINI GEORADAR I.G.R. SRL Via Adriatica n. 111/g 06135 Perugia (Italy) Ph: +39 075 7910039 Fx: +39 075 5977527 n.berardi@igrsrl.com www.igrsrl.com MAPPATURA DEL SOTTOSUOLO INDAGINI GEORADAR Dott. Geol. Nicola Berardi

Dettagli

07/12/2013. I controlli in cantiere: Le diagnosi non distruttive. Efficienza energetica degli edifici

07/12/2013. I controlli in cantiere: Le diagnosi non distruttive. Efficienza energetica degli edifici Quale autovettura? Efficienza energetica degli edifici Adatta a ogni situazione I controlli in cantiere: Le diagnosi non distruttive 100 km/litro Marco Boscolo Libero professionista Professore a contratto

Dettagli

UNIVERSITÀ POLITECNICA DELLE MARCHE

UNIVERSITÀ POLITECNICA DELLE MARCHE UNIVERSITÀ POLITECNICA DELLE MARCHE Dipartimento di Ingegneria Civile, Edile e Architettura Laboratorio Ufficiale Prove Materiali e Strutture Sezione Prove su Strutture, Monitoraggi e Controlli Non Distruttivi

Dettagli

Divisione Prove su STRUTTURE DI FONDAZIONE

Divisione Prove su STRUTTURE DI FONDAZIONE Monitoring, Testing & Structural engineering Divisione Prove su STRUTTURE DI FONDAZIONE MTS Engineering S.r.l. è una società di servizi per l ingegneria specializzata nell esecuzione di prove su materiali,

Dettagli

Il Patto dei Sindaci Spunti per approfondimenti. Ponti termici e Serramenti. Novembre 2011

Il Patto dei Sindaci Spunti per approfondimenti. Ponti termici e Serramenti. Novembre 2011 Il Patto dei Sindaci Spunti per approfondimenti Ponti termici e Serramenti Novembre 2011 Cosa sono i ponti termici I Ponti Termici sono punti o zone dove il comportamento termico dell edificio è diverso

Dettagli

NORMATIVA TECNICA PER LE COSTRUZIONI

NORMATIVA TECNICA PER LE COSTRUZIONI NORMATIVA TECNICA PER LE COSTRUZIONI COSTRUZIONI ESISTENTI: LIVELLI DI CONOSCENZA E INDAGINI DIAGNOSTICHE STRUTTURALI ING. ROCCO TOLVE MATERA 05 OTTOBRE 2011 Costruzioni esistenti : livelli di conoscenza

Dettagli

Indagini termografiche

Indagini termografiche Indagini termografiche informazioni sintetiche sulle possibili applicazioni in ambito edile, impiantistico ed industriale Servizi di Termografia dbabitat srl fornisce il servizio di analisi, indagine e

Dettagli

Introduzione alla termografia

Introduzione alla termografia Introduzione alla termografia La TERMOGRAFIA IR è una tecnica diagnostica assolutamente non distruttiva che, misurando la radiazione infrarossa emessa da un corpo, è in grado di determinarne la temperatura

Dettagli

Utilizzo dei metodi termici per la diagnosi non distruttiva di materiali compositi

Utilizzo dei metodi termici per la diagnosi non distruttiva di materiali compositi Utilizzo dei metodi termici per la diagnosi non distruttiva di materiali compositi Ing. Davide Palumbo Prof. Ing. Umberto Galietti Politecnico di Bari, Dipartimento di Meccanica, Matematica e Management

Dettagli

OGRA R FIA I I N AMBI B TO ED E I D LE E E

OGRA R FIA I I N AMBI B TO ED E I D LE E E LA TERMOGRAFIA TERMOGRAFIA IN AMBITO EDILE E ARCHITETTONICO LA TERMOGRAFIA IN ABITO EDILE ED ARCHITETTONICO INDICE: LA TEORIA DELL INFRAROSSO LA TERMOGRAFIA PASSIVA LA TERMOGRAFIA ATTIVA ESEMPI DI INDAGINI

Dettagli

REQUISITI DI ISOLAMENTO TERMICO PANNELLI DI TAMPONAMENTO

REQUISITI DI ISOLAMENTO TERMICO PANNELLI DI TAMPONAMENTO REQUISITI DI ISOLAMENTO TERMICO PANNELLI DI TAMPONAMENTO 1. QUADRO NORMATIVO La scelta dei componenti di frontiera tra ambiente esterno ed interno o tra ambienti interni contigui è determinata dalla necessità

Dettagli

PROGETTO: Analisi conoscitiva. OGGETTO: Book per le indagini UMI 1 01.BK.03.01 C12002. Comune di Valtopina

PROGETTO: Analisi conoscitiva. OGGETTO: Book per le indagini UMI 1 01.BK.03.01 C12002. Comune di Valtopina COMUNE DI: Valtopina PROVINCIA DI: Perugia LAVORO: Progettazione, Direzione dei Lavori, Piano della sicurezza per l'intervento di completamento lavori di costruzione U.M.I. 1-2 del P.I.R. di Giove PROGETTO:

Dettagli

Nell ambito delle attività di

Nell ambito delle attività di Le indagini diagnostiche per il consolidamento strutturale delle sponde dei rii di PIER PAOLO ROSSI Nell ambito delle attività di manutenzione ordinaria e straordinaria del progetto integrato rii promosso

Dettagli

TERMOCAMERA ANALISI TERMOGRAFICA

TERMOCAMERA ANALISI TERMOGRAFICA TERMOCAMERA Una telecamera termografica a infrarossi (o termocamera) è uno strumento che rileva a distanza l'energia termica (infrarossa) e la converte in immagini fotografiche o video, fornendo al contempo

Dettagli

COMPLESSO xxxxxxxxxxx

COMPLESSO xxxxxxxxxxx PROVE DI CARICO SU PALI E INDAGINI SIT COMPLESSO xxxxxxxxxxx xxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxx PROVE N 131/132/133/134/135 /FI 8, 9, 10, 11 Giugno 2009 Committente: Direttore Lavori: Relatore: xxxxxxxxxxxxxxxx

Dettagli

Alessandra Marini QUALIFICAZIONE DI MATERIALI E PRODOTTI PER USO STRUTTURALE SECONDO DM 14.01.2008

Alessandra Marini QUALIFICAZIONE DI MATERIALI E PRODOTTI PER USO STRUTTURALE SECONDO DM 14.01.2008 Muratura portante Alessandra Marini Università degli Studi di Brescia QUALIFICAZIONE DI MATERIALI E PRODOTTI PER USO STRUTTURALE SECONDO DM 14.01.2008 Laboratorio Prove Materiali Dipartimento di Progettazione

Dettagli

CORSO DI FISICA TECNICA 2 AA 2013/14 ACUSTICA. Lezione n 7: Caratteristiche acustiche dei materiali: Assorbimento acustico e materiali fonoassorbenti

CORSO DI FISICA TECNICA 2 AA 2013/14 ACUSTICA. Lezione n 7: Caratteristiche acustiche dei materiali: Assorbimento acustico e materiali fonoassorbenti CORSO DI FISICA TECNICA 2 AA 2013/14 ACUSTICA Lezione n 7: Caratteristiche acustiche dei materiali: Assorbimento acustico e materiali fonoassorbenti Ing. Oreste Boccia 1 Interazione del suono con la materia

Dettagli

Pratica di Certificazione energetica e Acustica in edilizia

Pratica di Certificazione energetica e Acustica in edilizia Pratica di Certificazione energetica e Acustica in edilizia Concetti e spunti applicativi 1 Ing. Roberto Callegari Tecniche Strumentali per la Diagnosi Energetica INTRODUZIONE 2 Una adeguata conoscenza

Dettagli

Inserimento di un nuovo solaio

Inserimento di un nuovo solaio Inserimento di un nuovo solaio DIRETTIVE TECNICHE Regioni Basilicata, Calabria e Campania, sisma del 9/9/1998 [ ] Cordoli in c.a.: verificare preliminarmente la fattibilità e l'efficienza di interventi

Dettagli

I CONTROLLI NON DISTRUTTIVI ambito Civile e Industriale

I CONTROLLI NON DISTRUTTIVI ambito Civile e Industriale Catalogo offerta formativa ambito Civile e Industriale Teknoprogetti engineering Srl Chi siamo Teknoprogetti engineering è una società di ingegneria che si occupa di progettazione strutturale nei campi

Dettagli

PALI DI FONDAZIONE E PALIFICATE

PALI DI FONDAZIONE E PALIFICATE PALI DI FONDAZIONE E PALIFICATE 6. SPERIMENTAZIONE SUI PALI 1 SPERIMENTAZIONE -SCOPI - VERIFICA DELLA ESECUZIONE E DELLE PRESTAZIONI Prove di carico di collaudo Carotaggio Diagrafia sonica Metodi radiometrici

Dettagli

Piccoli oggetti Risoluzione geometrica

Piccoli oggetti Risoluzione geometrica Piccoli oggetti Risoluzione geometrica Strumenti utili per la CERTIFICAZIONE ENERGETICA La TERMOFLUSSIMETRIA SI BASA SULLA LEGGE DEL TRASFERIMENTO DI CALORE LA NORMATIVA DI RIFERIMENTO: UNI EN 9252 NOV.

Dettagli

Il Progetto unisol CARATTERISTICHE TECNICHE DEL SOLAIO unisol

Il Progetto unisol CARATTERISTICHE TECNICHE DEL SOLAIO unisol Il Progetto unisol CARATTERISTICHE TECNICHE DEL SOLAIO unisol Gianfranco Righetti ASSOUNISOL, VERONA 1 - unisol : caratteristiche e prestazioni 1.1 - Caratteristiche generali Il solaio unisol è formato

Dettagli

DIAGNOSTICA STRUTTURALE E PROVE NON DISTRUTTIVE

DIAGNOSTICA STRUTTURALE E PROVE NON DISTRUTTIVE DIAGNOSTICA STRUTTURALE E PROVE NON DISTRUTTIVE - Prove di carico. - Carotaggi e microcarotaggi. - Prove di pull-out. - Prove sclerometriche. - Prove soniche. - Prove combinate (Sonreb). - Prove pacometriche.

Dettagli

PROVE ECOMETRICHE E DI AMMETTENZA MECCANICA SU PALI

PROVE ECOMETRICHE E DI AMMETTENZA MECCANICA SU PALI PROVE ECOMETRICHE E DI AMMETTENZA MECCANICA SU PALI I metodi di indagine utilizzati per lo studio delle proprietà dei pali e del sistema palo terreno rientrano nei metodi a bassa deformazione, definiti

Dettagli

Programma «Scuola e uffici Sicuri»

Programma «Scuola e uffici Sicuri» Centro Italiano di Certificazione per le prove non distruttive e per i proc. Ind. Patrocinato: CNR ENEA ISPEL RINA - UNI Associazione Italiana Prove non Distruttive Monitoraggio e Diagnostica UNI 9712

Dettagli

INTRODUZIONE INDAGINI DIAGNOSTICHE

INTRODUZIONE INDAGINI DIAGNOSTICHE INDAGINI DIAGNOSTICHE INTRODUZIONE La diagnostica riveste un ruolo fondamentale per un corretto intervento di recupero o di restauro. Il primo passo, e forse il più delicato, è quello di capire di cosa

Dettagli

Tecniche e metodologie diagnostiche non-invasive. Termografia IR. Cristiano Riminesi

Tecniche e metodologie diagnostiche non-invasive. Termografia IR. Cristiano Riminesi Tecniche e metodologie diagnostiche non-invasive Termografia IR Cristiano Riminesi Consiglio Nazionale delle Ricerche Istituto per la Conservazione e Valorizzazione dei Beni Culturali Firenze Pag. 2 di

Dettagli

ACUSTICA EDILIZIA. Obiettivo dell acustica edilizia è la difesa dai rumori sia esterni che interni mediante:

ACUSTICA EDILIZIA. Obiettivo dell acustica edilizia è la difesa dai rumori sia esterni che interni mediante: ACUSTICA EDILIZIA Obiettivo dell acustica edilizia è la difesa dai rumori sia esterni che interni mediante: a) definizione dei limiti di benessere; b) individuazione e caratterizzazione delle fonti di

Dettagli

Le strutture di FONDAZIONE

Le strutture di FONDAZIONE Le strutture di FONDAZIONE Laboratorio di Tecnologia dell Architettura Prof.ssa Paola Gallo A.A. 2012-2013 Strutture di fondazione Le fondazioni sono elementi strutturali che trasferiscono i carichi delle

Dettagli

"I REQUISITI ACUSTICI DEGLI EDIFICI" G.MOSSA S.C.S Controlli e Sistemi

I REQUISITI ACUSTICI DEGLI EDIFICI G.MOSSA S.C.S Controlli e Sistemi "I REQUISITI ACUSTICI DEGLI EDIFICI" G.MOSSA S.C.S Controlli e Sistemi 1 2 Indice Indice... 1 I REQUISITI ACUSTICI DEGLI EDIFICI... 4 INTRODUZIONE... 4 PROGETTO ACUSTICO DEGLI EDIFICI IN FUNZIONE DEL CONTROLLO

Dettagli

Operating Manual: Pull-Off DRT100. Manuale Operativo PULL - OUT DRG-100

Operating Manual: Pull-Off DRT100. Manuale Operativo PULL - OUT DRG-100 Manuale Operativo PULL - OUT DRG-100 1. Avvertenze Generali Questo manuale d uso contiene norme di sicurezza nonché le istruzioni necessarie per l utilizzo del Pull-Out DRG 100. Per trarre il massimo vantaggio

Dettagli

Esempi applicativi Progetti di miglioramento e conservazione

Esempi applicativi Progetti di miglioramento e conservazione Esempi applicativi Progetti di miglioramento e conservazione Sergio LAGOMARSINO Dipartimento di Ingegneria delle Costruzioni,dell Ambiente e del Territorio Università degli Studi di Genova sergio.lagomarsino@unige.it

Dettagli

Centro d Esame BVI Strutture Civili di Vimercate (MB)

Centro d Esame BVI Strutture Civili di Vimercate (MB) Corso di formazione ed addestramento per il personale tecnico addetto ai Controlli non distruttivi sulle Strutture Civili e sui Beni Culturali ed Architettonici nel seguente campo di applicazione: L indagine

Dettagli

Sensori, trasduttori e trasmettitori: Evoluzioni e tendenze

Sensori, trasduttori e trasmettitori: Evoluzioni e tendenze Piero G. Squizzato Sensori, trasduttori e trasmettitori: Evoluzioni e tendenze Nell automazione l elemento fondamentale è una precisa e affidabile misura delle variabili fisiche e chimiche, identificanti

Dettagli

riabilitazione delle strutture

riabilitazione delle strutture riabilitazione delle strutture Corso di laurea Magistrale in Ingegneria Civile per la Protezione dai Rischi Naturali Orientamento: Strutture e Rischio Sismico Crediti formativi: CFU 6 Docente: Gianmarco

Dettagli

LA TERMOGRAFIA. Strumenti di misura Servizi Formazione

LA TERMOGRAFIA. Strumenti di misura Servizi Formazione LA TERMOGRAFIA La termografia IR è una tecnica di indagine non distruttiva (non sussistono alterazioni in seguito alla verifica) e non invasiva (non vi è contatto tra attrezzatura e oggetto da esaminare),

Dettagli

SEMINARIO INTERNACIONAL: I controlli non distruttivi in Ingegneria Civile: casi di studio;

SEMINARIO INTERNACIONAL: I controlli non distruttivi in Ingegneria Civile: casi di studio; Via A. Foresti, 5 25127 Brescia www.aipnd.it SEMINARIO INTERNACIONAL: Diagnòstico No Destructivo en Construcciones Civiles e Hidroeléctricas I controlli non distruttivi in Ingegneria Civile: casi di studio;

Dettagli

Isopack. Approfondimento tecnico. La termografia in edilizia

Isopack. Approfondimento tecnico. La termografia in edilizia Approfondimento tecnico La termografia in edilizia 1 LA TERMOGRAFIA La termografia all infrarosso è una tecnica non invasiva e non a contatto, che fornisce la distribuzione della temperatura superficiale

Dettagli

CHI SIAMO LP ENGINEERING

CHI SIAMO LP ENGINEERING CHI SIAMO La LP ENGINEERING, nasce nel 2001 in qualità di Laboratorio d Ingegneria Qualificato, al fine di affiancare tecnici, Enti e privati, realizzando numerosi e prestigiosi lavori, sia manufatti in

Dettagli

Caratterizzazione del comportamento di resine epossidiche per il consolidamento di solai in latero-cemento

Caratterizzazione del comportamento di resine epossidiche per il consolidamento di solai in latero-cemento Dipartimento di Ingegneria Civile e Ambientale Relazione finale del contratto di consulenza Politecnico di Milano Laterlite Caratterizzazione del comportamento di resine epossidiche per il consolidamento

Dettagli

7. Pali UNITÀ. 2 Trivella di perforazione per la gettata di pali trivellati.

7. Pali UNITÀ. 2 Trivella di perforazione per la gettata di pali trivellati. 7. Pali UNITÀ I pali sono elementi strutturali utilizzati nelle opere di fondazione, nelle opere di contenimento della terra e dell acqua, negli interventi di miglioramento della stabilità dei pendii e

Dettagli

Tecniche di schermatura

Tecniche di schermatura E.M.I. Shield e Grounding: analisi applicata ai sistemi di cablaggio strutturato Tecniche di schermatura Pier Luca Montessoro pierluca.montessoro@diegm.uniud.it SCHERMI - 1 Copyright: si veda nota a pag.

Dettagli

TERMOGRAFIA E DIAGNOSTICA A SUPPORTO DELLA QUALITA IN EDILIZIA

TERMOGRAFIA E DIAGNOSTICA A SUPPORTO DELLA QUALITA IN EDILIZIA TERMOGRAFIA E DIAGNOSTICA A SUPPORTO DELLA QUALITA IN EDILIZIA Misura della trasmittanza termica in opera: determinazione mediante il termoflussimetro RELATORE: Dott. Arch. Paiola Livio ARGOMENTI TRATTATI

Dettagli

Prove di spinta con martinetti idraulici. Prove di carico su ponti e viadotti

Prove di spinta con martinetti idraulici. Prove di carico su ponti e viadotti rove Prove di carico di carico uiamo Eseguiamo prove di prove carico di su carico qualsiasi su qualsiasi struttura struttura civile o industriale, civile o industriale, su solai piani su solai e coperture,

Dettagli

Programma di addestramento raccomandato per l esame di Termografia di 2 livello secondo EN 473

Programma di addestramento raccomandato per l esame di Termografia di 2 livello secondo EN 473 Programma di addestramento raccomandato per l esame di Termografia di 2 livello secondo EN 473 Parte 1 a - Concetti di base 1.0.0 - Natura del calore 1.1.0 - misura del calore: - strumentazione - scale

Dettagli

Anas SpA. Anas SpA. Direzione Centrale Progettazione. Camera di Commercio Como. Ministero Infrastrutture e Trasporti. Direzione Centrale Progettazione

Anas SpA. Anas SpA. Direzione Centrale Progettazione. Camera di Commercio Como. Ministero Infrastrutture e Trasporti. Direzione Centrale Progettazione Anas SpA Direzione Centrale Progettazione Ministero Infrastrutture e Trasporti RegioneLombardia Provincia di Como Camera di Commercio Como Anas SpA Direzione Centrale Progettazione INDICE 1. INTRODUZIONE...

Dettagli

Consolidamento e restauro degli edifici in muratura La fase conoscitiva Indagini distruttive e non distruttive Cosenza 25.01.2013

Consolidamento e restauro degli edifici in muratura La fase conoscitiva Indagini distruttive e non distruttive Cosenza 25.01.2013 Corso sulle murature Costruzioni esistenti DM 14.01.2008 Consolidamento e restauro degli edifici in muratura La fase conoscitiva Indagini distruttive e non distruttive Cosenza 25.01.2013 Ing. Vincenzo

Dettagli

Conoscere l'arte per conservare l'arte:

Conoscere l'arte per conservare l'arte: Conoscere l'arte per conservare l'arte: Indagini diagnostiche per i Beni Culturali Le opere d'arte sono oggetti unici e irripetibili e come tali vanno trattate. Conoscerne le fenomenologie di degrado e

Dettagli

1.1 DESCRIZIONE DELLA METODOLOGIA DI PROVA CON CARICHI CONCENTRATI

1.1 DESCRIZIONE DELLA METODOLOGIA DI PROVA CON CARICHI CONCENTRATI 1 PROVE DI CARICO 1.1 DESCRIZIONE DELLA METODOLOGIA DI PROVA CON CARICHI CONCENTRATI 1.1.1 L attrezzatura Le prove di carico sono eseguite utilizzando l apparecchiatura denominata Collaudatore GS progettata

Dettagli

Grazie ai mezzi maneggevoli, si possono produrre pali inclinati in quasi ogni inclinazione e direzione.

Grazie ai mezzi maneggevoli, si possono produrre pali inclinati in quasi ogni inclinazione e direzione. Battitura di pali duttili Generalità: Grazie agli escavatori idraulici leggeri e maneggevoli, i lavori per fondazioni di pali possono essere eseguiti anche in condizioni difficili oppure quando lo spazio

Dettagli

PROGETTO: Analisi conoscitiva. OGGETTO: Book per le indagini UMI 2 01.BK.04.01 C12002. Comune di Valtopina

PROGETTO: Analisi conoscitiva. OGGETTO: Book per le indagini UMI 2 01.BK.04.01 C12002. Comune di Valtopina COMUNE DI: Valtopina PROVINCIA DI: Perugia LAVORO: Progettazione, Direzione dei Lavori, Piano della sicurezza per l'intervento di completamento lavori di costruzione U.M.I. 1-2 del P.I.R. di Giove PROGETTO:

Dettagli

La trasmittanza termica dell involucro edilizio - Introduzione. Le chiusure hanno il compito di: o Proteggere l interno dal clima esterno

La trasmittanza termica dell involucro edilizio - Introduzione. Le chiusure hanno il compito di: o Proteggere l interno dal clima esterno LA TRASMITTANZA TERMICA DI STRUTTURE OPACHE La trasmittanza termica dell involucro edilizio - Introduzione Le chiusure hanno il compito di: o Proteggere l interno dal clima esterno o Implementare le prestazioni

Dettagli

Prove per la determinazione delle caratteristiche del calcestruzzo in opera

Prove per la determinazione delle caratteristiche del calcestruzzo in opera Prove per la determinazione delle caratteristiche del calcestruzzo in opera prove dirette di resistenza su campioni prelevati dagli elementi strutturali sono considerate prove distruttive prove indirette

Dettagli

A&L Ingegneria - Diagnosi Termografiche

A&L Ingegneria - Diagnosi Termografiche A&L Ingegneria - Diagnosi Termografiche A&L Ingegneria effettua diagnosi termografiche, controlli non distruttivi e perizie con l ausilio di termocamere. Con la tecnica diagnostica della termografia si

Dettagli

Indagini Strutturali srl. www.indaginistrutturali.it. Indagini sui materiali. Indagini dinamiche. Roma Milano

Indagini Strutturali srl. www.indaginistrutturali.it. Indagini sui materiali. Indagini dinamiche. Roma Milano www.indaginistrutturali.it IndaginiStrutturalisrl opera nel settore della diagnostica di infrastrutture e manufatti di ogni tipo effettuando verifiche, controlli, monitoraggi, con particolare riguardo

Dettagli

1.0 NORMATIVE DI RIFERIMENTO 2.0 VALUTAZIONE DELLA SICUREZZA RELAZIONE INTERVENTI STRUTTURALI. 2.1 Interventi di adeguamento.

1.0 NORMATIVE DI RIFERIMENTO 2.0 VALUTAZIONE DELLA SICUREZZA RELAZIONE INTERVENTI STRUTTURALI. 2.1 Interventi di adeguamento. RELAZIONE INTERVENTI STRUTTURALI 1.0 NORMATIVE DI RIFERIMENTO L intervento di adeguamento sismico viene realizzato in conformità alle vigenti Norme tecniche, ed in particolare alle seguenti Leggi e Raccomandazioni:

Dettagli

CORSO DI TERMOGRAFIA DI LIVELLO 1 e 2 UNI EN 473

CORSO DI TERMOGRAFIA DI LIVELLO 1 e 2 UNI EN 473 CORSO DI TERMOGRAFIA DI LIVELLO 1 e 2 UNI EN 473 Luoghi e orari: Prezzi*: Start 17-09-2012 09:00 End 21-09-2012 17:00 Location Roma Spaces left 15 Base fee: 1,500.00 prezzo di esame: 350.00 prezzo del

Dettagli

RAPPORTO DI PROVA 110104 - R 0874

RAPPORTO DI PROVA 110104 - R 0874 RAPPORTO DI PROVA 110104 - R 0874 DETERMINAZIONE DEL CONTRIBUTO DI UNA VERNICE TERMICA A BASE CERAMICA SUI VALORI DI TRASMITTANZA DI PARETI INTONACATE, DELLA DITTA "ATRIA s.r.l." STABILIMENTO DI PARTANNA

Dettagli

Rinforzo di Strutture in Muratura tramite Materiali Compositi Fibrorinforzati (FRP) acuradi: ing.ernesto Grande e.grande@unicas.it

Rinforzo di Strutture in Muratura tramite Materiali Compositi Fibrorinforzati (FRP) acuradi: ing.ernesto Grande e.grande@unicas.it Università degli Studi di Cassino Progettazione Sostenibile bl di Strutture tt Rinforzo di Strutture in Muratura tramite Materiali Compositi Fibrorinforzati (FRP) acuradi: ing.ernesto Grande e.grande@unicas.it

Dettagli

La Sistral risponde alle esigenze delle amministrazioni e delle imprese sulla manutenzione delle infrastrutture.

La Sistral risponde alle esigenze delle amministrazioni e delle imprese sulla manutenzione delle infrastrutture. La Sistral risponde alle esigenze delle amministrazioni e delle imprese sulla manutenzione delle infrastrutture. In particolare vengono progettati e realizzati interventi di ingegneria strutturale quali:

Dettagli

[LESIONISTRUTTURALINEGLI EDIFICICONTEMPORANEI]

[LESIONISTRUTTURALINEGLI EDIFICICONTEMPORANEI] 2014 PROGETTARE BIOEDILE Giovanni Tona [LESIONISTRUTTURALINEGLI EDIFICICONTEMPORANEI] Analisi delle cause delle più frequenti lesioni presenti negli edifici con struttura in cemento armato, e metodi di

Dettagli

LA NUOVA NORMATIVA EUROPEA PER GLI IMPIANTI DI RISCALDAMENTO A PAVIMENTO

LA NUOVA NORMATIVA EUROPEA PER GLI IMPIANTI DI RISCALDAMENTO A PAVIMENTO LA NUOVA NORMATIVA EUROPEA PER GLI IMPIANTI DI RISCALDAMENTO A PAVIMENTO UNI UNI EN EN 1264/1-2-3-4 Presentazione a cura di: RDZ S.p.A. Configurazione della norma Configurazione della norma UNI UNI EN

Dettagli

PROVE IN SITU E MONITORAGGIO STRUTTURALE DI UN EDIFICIO IN CEMENTO ARMATO

PROVE IN SITU E MONITORAGGIO STRUTTURALE DI UN EDIFICIO IN CEMENTO ARMATO PROVE IN SITU E MONITORAGGIO STRUTTURALE DI UN EDIFICIO IN CEMENTO ARMATO R. Pucinotti, C. Siciliano Dipartimento di Meccanica e Materiali Facoltà di Ingegneria -Università degli Studi Mediterranea di

Dettagli

La determinazione della sicurezza residua di un manufatto

La determinazione della sicurezza residua di un manufatto La vulnerabilità delle infrastrutture viarie e ferroviarie Ponti & Viadotti I CONTROLLI NON DISTRUTTIVI E LA VALUTAZIONE DELLA RESISTENZA IN OPERA Donatella Pingitore* Vincenzo Venturi** La determinazione

Dettagli

LA DIAGNOSTICA NON DISTRUTTIVA PER LA VERIFICA STRUTTURALE DELLE COSTRUZIONI E LA CONOSCENZA DEL DEGRADO DEI MATERIALI: LEGGI E NORMATIVE

LA DIAGNOSTICA NON DISTRUTTIVA PER LA VERIFICA STRUTTURALE DELLE COSTRUZIONI E LA CONOSCENZA DEL DEGRADO DEI MATERIALI: LEGGI E NORMATIVE LA DIAGNOSTICA NON DISTRUTTIVA PER LA VERIFICA STRUTTURALE DELLE COSTRUZIONI E LA CONOSCENZA DEL DEGRADO DEI MATERIALI: LEGGI E NORMATIVE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, P.P.C. DELLA PROVINCIA DI BARI ORDINE

Dettagli

SPERIMENTAZIONE DEI MATERIALI E DELLE STRUTTURE IL MONITORAGGIO DELLE STRUTTURE DELL INGEGNERIA CIVILE LE PROVE DI CARICO STATICO CASI DI STUDIO

SPERIMENTAZIONE DEI MATERIALI E DELLE STRUTTURE IL MONITORAGGIO DELLE STRUTTURE DELL INGEGNERIA CIVILE LE PROVE DI CARICO STATICO CASI DI STUDIO SPERIMENTAZIONE DEI MATERIALI E DELLE STRUTTURE IL MONITORAGGIO DELLE STRUTTURE DELL INGEGNERIA CIVILE LE PROVE DI CARICO STATICO Paolo Panzeri MILANO - maggio 2007 a.a. 2006-07 Eseguite sulle strutture

Dettagli

L utilizzo della termografia come strumento diagnostico in edilizia 1 a parte

L utilizzo della termografia come strumento diagnostico in edilizia 1 a parte Roberto Ricca e-mail: r.ricca@inprotec.it L utilizzo della termografia come strumento diagnostico in edilizia 1 a parte 1 Definizione di Termografia Con il termine termografia si intende l uso di telecamere

Dettagli

RILEVAMENTO LASER SCANNER - Monitoraggio Ambientale e del Costruito

RILEVAMENTO LASER SCANNER - Monitoraggio Ambientale e del Costruito RILEVAMENTO LASER SCANNER - Monitoraggio Ambientale e del Costruito Introduzione 2 Perché usare il laser scanner: Caratteristiche della tecnologia: Tempi di stazionamento rapidi (pochi minuti); Elevata

Dettagli

Fabbricati per stabilimenti

Fabbricati per stabilimenti Impostazioni progettuali dello stabilimento Fabbricati per stabilimenti industriali Classificazione dei fabbricati e sistemi costruttivi Elementi principali dei fabbricati industriali Strutture varie Piano

Dettagli

INTERVENTI SULLE STRUTTURE IN MURATURA

INTERVENTI SULLE STRUTTURE IN MURATURA 1 - Intervento di adeguamento. 2 - Intervento di miglioramento. 3 - Riparazione o intervento locale. 8.4.1. Intervento di adeguamento. È fatto obbligo di procedere alla valutazione della sicurezza e, qualora

Dettagli

SLIMINNOVATION SLIMINNOVATION S CHEDA TECNICA 2 11 SISTEMA CON MASSETTO PER IMPIANTI CIVILI (COSTRUZIONI UMIDE) IMPIANTI CIVILI

SLIMINNOVATION SLIMINNOVATION S CHEDA TECNICA 2 11 SISTEMA CON MASSETTO PER IMPIANTI CIVILI (COSTRUZIONI UMIDE) IMPIANTI CIVILI IMPIANTI DI DI RISCALDAMENTO E E RAFFRESCAMENTO RADIANTE S CHEDA TECNICA 2 11 IMPIANTI CIVILI SLIMINNOVATION SPECIALE RISTRUTTURAZIONI SISTEMA CON MASSETTO a basso spessore PER IMPIANTI CIVILI (COSTRUZIONI

Dettagli

I Ponti Termici e la Termografia

I Ponti Termici e la Termografia Università degli studi di Cassino e del Lazio Meridionale Facoltà di Ingegneria I Ponti Termici e la Termografia Docente Prof. Marco Dell Isola Anno Accademico 2013-2014 } } Ponti Termici } Flusso monodimensionale

Dettagli

Principali tipologie di terreno

Principali tipologie di terreno Principali tipologie di terreno Terreni derivati da rocce sedimentarie (NON COESIVI): Sabbie Ghiaie Terreni derivati da rocce scistose (COESIVI): Argille Limi Terreni di derivazione organica: Torbe Terreno

Dettagli

COMUNE DI RIMINI DIREZIONE LAVORI PUBBLICI E QUALITA URBANA Via Rosaspina, 21 - Tel. 0541-704897 fax 704932 - C.F. / P. IVA.

COMUNE DI RIMINI DIREZIONE LAVORI PUBBLICI E QUALITA URBANA Via Rosaspina, 21 - Tel. 0541-704897 fax 704932 - C.F. / P. IVA. COMUNE DI RIMINI DIREZIONE LAVORI PUBBLICI E QUALITA URBANA Via Rosaspina, 21 - Tel. 0541-704897 fax 704932 - C.F. / P. IVA. 00304260409 PROGETTO ESECUTIVO Relativo a: Intervento finalizzato al Miglioramento

Dettagli

MILANO PROGETTO DI RESTAURO CONSERVATIVO

MILANO PROGETTO DI RESTAURO CONSERVATIVO DUOMO DI MILANO PROGETTO DI RESTAURO CONSERVATIVO a cura della Veneranda Fabbrica del Duomo, della Soprintendenza e con la collaborazione scientifica di EniTecnologie Il Duomo di Milano, un opera d arte

Dettagli

Funzioni di base del rilevatore di difetti universale GEKKO

Funzioni di base del rilevatore di difetti universale GEKKO GEKKO Descrizione Prodotto Rilevatore di difetti ad ultrasuoni portatile con tecnologia Phased Array, TOFD e tecniche di ispezione con Ultrasuoni convenzionali. Funzioni di base del rilevatore di difetti

Dettagli

LA MATERIA MATERIA. COMPOSIZIONE (struttura) Atomi che la compongono

LA MATERIA MATERIA. COMPOSIZIONE (struttura) Atomi che la compongono LA MATERIA 1 MATERIA PROPRIETÀ (caratteristiche) COMPOSIZIONE (struttura) FENOMENI (trasformazioni) Stati di aggregazione Solido Liquido Aeriforme Atomi che la compongono CHIMICI Dopo la trasformazione

Dettagli

L utilizzo della termografia come strumento diagnostico in edilizia 2 a parte

L utilizzo della termografia come strumento diagnostico in edilizia 2 a parte Roberto Ricca e-mail: r.ricca@inprotec.it L utilizzo della termografia come strumento diagnostico in edilizia 2 a parte 1 Utilizzo della termografia in edilizia Quando può essere effettuato il controllo

Dettagli

CHIUSURE VER VER ICALI

CHIUSURE VER VER ICALI CHIUSURE VERTICALI In generale si definisce CHIUSURA l insieme delle unità tecnologiche e degli elementi del sistema edilizio aventi funzione di separare e di conformare gli spazi interni del sistema edilizio

Dettagli