Relazione. sull attività svolta nell anno

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Relazione. sull attività svolta nell anno"

Transcript

1 Consorzio dei Comuni della Provincia di Bolzano Società Cooperativa Via Canonico Michael Gamper Bolzano Relazione sull attività svolta nell anno 2008 tel fax

2 RELAZIONE SULL ATTIVITÀ NELL ANNO 2008 Indice I. L ATTIVITÀ NELL ANNO 2008: I PUNTI PRINCIPALI FINANZIAMENTO DEI COMUNI Assegnazioni definitive per l anno Assegnazioni per il Contributi perequativi Contributi per l ammortamento dei mutui Mutui Cassa depositi e prestiti e Fondo regionale di rotazione Patto di stabilità provinciale Risparmi nel settore del personale CONSIGLIO DEI COMUNI Disegni di legge Regolamento d attuazione CONTRATTAZIONE COLLETTIVA Contratto collettivo intercompartimentale per il personale senza incarico dirigenziale Accordo di comparto per il personale dirigenziale GRUPPI DI LAVORO Gruppo di lavoro servizio revisione Gruppo di lavoro servizi per l infanzia RIFORMA DELLA FINANZA LOCALE PROPOSTE PER IL PROGRAMMA DI COALIZIONE CONTRIBUTO SUL COSTO DI COSTRUZIONE

3 8. ULTERIORI INIZIATIVE Partecipazione dei Comuni alle concessioni delle centrali idroelettriche Dislocazione dei ripetitori per la telefonia mobile ed elettrosmog Uso di locali e impianti per attività extrascolastiche Addizionale comunale all imposta sui redditi Piani delle zone di pericolo Attività amministrative nell ambito della profilassi vaccinale Pubbliche relazioni Infopoint per l abbattimento delle barriere architettoniche Associazione Licht für Senioren Partecipazione alla visita del Papa a Bressanone COLLOQUI CON MEMBRI DELLA GIUNTA PROVINCIALE DIVERSI INCONTRI CONTATTI CON ALTRI CONSORZI DI COMUNI COMMISSIONI, COMITATI E GRUPPI DI LAVORO...42 II. SERVIZI CONSULENZA Informazioni e sostegno delle attività Protocollo informatico e gestione documentale informatizzata Introduzione di servizi e-government DIRITTO DEL LAVORO ED ELABORAZIONE CENTRALIZZATA STIPENDI SCUOLA AMMINISTRATIVA

4 16. ELABORAZIONE DATI Attività del reparto EDP Ulteriori iniziative Comitato di contatto EDP e gruppi di lavoro Informatica Alto Adige Spa III. NOTIZIARIO INTERNO a) Immobile per la sede del Consorzio dei Comuni b) Organi del Consorzio dei Comuni c) Consiglio dei Comuni d) Comitato per gli accordi di finanza locale e) Organi del Consorzio per il bacino imbrifero dell Adige f) Portatori di Anelli e Distintivi d onore

5 I. L ATTIVITÀ NELL ANNO 2008: I PUNTI PRINCIPALI 5

6 1. FINANZIAMENTO DEI COMUNI 1.1 Assegnazioni definitive per l anno 2008 Nel 2008 per il finanziamento dei Comuni sono stati assegnati a livello di bilancio della Provincia complessivamente ,00 euro. A differenza degli altri anni la Provincia di Bolzano nell'anno 2008 non ha approvato una legge di assestamento del bilancio di previsione e pertanto l'importo complessivo non ha subito variazioni. Nell anno 2008 le assegnazioni per la gestione in comune di servizi sono state sfruttate dai comuni in misura nettamente superiore rispetto agli anni precedenti e cioè per l'importo di circa ,00 euro; quindi per ,00 euro in più rispetto all'anno precedente. Con un accordo aggiuntivo è poi stata definita la disciplina di dettaglio per il fondo rotazione investimenti, introdotto nel frattempo mediante legge provinciale, e ripartito l'importo complessivo di ,00 previsto dall'accordo sulla finanza locale del 7 gennaio 2008 nel seguente modo: edilizia scolastica secondo l'approvato programma principale scuole materne altre opere pubbliche finanziabili ,00 Euro ,00 Euro ,00 Euro Il summenzionato accordo aggiuntivo per il fondo di rotazione per investimenti ha introdotto la seguente disciplina: Sono finanziabili le spese di investimento per le quali finora è stata prevista l'assunzione dal cosiddetto mutuo ordinario. In ogni caso non sono finanziabili le spese di investimento per le quali l'accordo sulla finanza locale del 7 gennaio 2008, in caso di assunzione di mutuo, prevede la concessione di contributi per l'ammortamento. La Giunta provinciale, su richiesta del Comune e previo parere positivo di un gruppo di lavoro composto da due funzionari della Ripartizione provinciale Enti locali e da due funzionari del Consorzio dei Comuni, decide in ordine alla concessione del finanziamento. Eccezione fatta per l'edilizia scolastica le richieste di finanziamento sono trattate secondo l'ordine cronologico della loro presentazione. Il finanziamento viene concesso nei limiti delle risorse disponibili previo accertamento della sussistenza dei presupposti generali e speciali. Presupposti speciali condizionanti la concessione sono, fra l'altro, che il comune per l'opera finanziabile disponga di un progetto esecutivo e che il regolamento per la determinazione del contributo sul costo di costruzione, approvato da tale Comune, preveda un'aliquota del contributo sul costo di costruzione non inferiore all'1 (un) percento sulla volumetria di tutte le 6

7 categorie e su tutti i casi non esonerati per legge o in base al regolamento tipo del Consorzio dei Comuni (vedasi comunicazione n. 95/07). Per quanto concerne la misura del finanziamento è stato previsto che importi superiori a ,00 euro possono essere ripartiti in anni 3. I finanziamenti concessi devono essere rimborsati al fondo di rotazione per investimenti in anni 20 mediante pagamento di 20 rate fisse e costanti nella misura seguente: edilizia scolastica secondo l'approvato programma principale scuole materne altre opere pubbliche finanziabili quota annua pari all 1,5% dell'importo concesso dal fondo di rotazione quota annua pari al 4,5% dell'importo concesso dal fondo di rotazione quota annua pari al 5% dell'importo concesso dal fondo di rotazione Sottoscrizione dell accordo aggiuntivo riguardo il fondo di rotazione, d.s.a d.: Josef Krapf, dott. Benedikt Galler, Arnold Schuler, dott. Luis Durnwalder, dott. Bruno Senoner, dott. Giovanni Polonioli L'erogazione avviene nella misura del 70% del finanziamento concesso sulla base della presentazione della denuncia di inizio lavori, il rimanente nei limiti delle spese sostenute e documentate previa presentazione del certificato di collaudo ovvero della dichiarazione del direttore dei lavori circa la regolare esecuzione dei lavori. Il certificato di collaudo ovvero la menzionata dichiarazione del direttore dei lavori deve essere presentato entro 4 anni dalla concessione del finanziamento. Se ciò non avviene ovvero non vengono documentate le spese per l'importo già erogato pari al 70%, l'importo erogato al netto delle spese sostenute e documentate, oltre agli interessi legali, deve essere restituito. Qualora il finanziamento non sia stato erogato per intero, l'importo che il Comune è obbligato a restituire viene ridotto e 7

8 rideterminato per la durata residua in funzione della spesa sostenuta e documentata dal Comune tenendo conto dei rimborsi effettuati. Il rimborso ha inizio dall'anno successivo a quello della concessione del finanziamento e gli importi scadono il trenta giugno di ogni anno. In virtù di un'apposita modifica legislativa ancora da approvare i Comuni per rimborsare gli importi potranno utilizzare i mezzi che vengono loro assegnati ai sensi delle disposizioni della legge provinciale 11 giugno 1975, n. 27. Nell'anno 2008 ai Comuni dell'alto Adige la Giunta provinciale ha concesso finanziamenti dal fondo di rotazione per circa ,00 euro. Inoltre con il suddetto accordo aggiuntivo sono stati modificati i plafonds creditizi, previsti per l'anno 2008, come segue: mutui agevolati case di riposo, centri di degenza e alloggi per anziani tutte le altre opere finanziabili aumento per ,00 euro a complessive ,00 euro riduzione per ,00 euro a complessive ,00 euro Per la ripartizione dell'importo pari a euro ,00, stanziato dal bilancio di previsione provinciale 2008 per la gestione delle scuole materne, con l'accordo aggiuntivo sono stati confermati i criteri di riparto dell'anno precedente. Perciò la metà dell'importo è stata assegnata in ragione del numero dei bambini assistiti e l'altra metà, invece in ragione del numero delle sezioni. Ai comuni spettavano quindi euro 2.072,00 per ciascuna sezione ed euro 99,00 per ciascun bambino assistito. 1.2 Assegnazioni per il 2009 Il relativo accordo per l'anno 2009 è stato sottoscritto in data 12 dicembre Il metodo di calcolo in vigore fino al 2007 e cioè il collegamento della finanza locale al bilancio di previsione della Provincia in termini percentuali, è stato abbandonato. Infine è stato pattuito che l'importo assegnato nel 2008 per il finanziamento dei Comuni pari a euro ,00 venga aumentato del 3% causa maggiori oneri per spese del personale e che, per gli obiettivi del patto di stabilità, l'importo così aumentato venga ridotto dello 0,6%. Per l'anno 2009 l'importo complessivo per il finanziamento dei Comuni in virtù di tale calcolo è pari a ,00 euro. 8

9 In riferimento alle quote pro-capite per il 2009 il Presidente della Provincia Luis Durnwalder ha acconsentito il loro aumento. L accordo riguardante il 2009 prevede quindi le seguenti assegnazioni: Le quote pro capite dei Comuni nell anno 2009 sono pari a quelle dell'anno 2008 aumentate dell'importo fisso di 10 euro ed ammontano: per i Comuni fino a abitanti per i Comuni da a abitanti per i Comuni con più di abitanti 465,00 euro 505,00 euro 615,00 euro Ai sensi dell art. 43 della LP. n. 19/2001 al Comune di Bolzano viene erogato l importo di ,00 euro per le funzioni amministrative che esso esercita per la soppressa Comunità comprensoriale. È stato confermato inoltre l abbinamento tra assegnazioni pro capite e copertura di alcuni servizi. Per l esercizio 2009 è stata confermata la quota di copertura del 90% riguardo ai servizi di approvvigionamento idrico, acque reflue ed asporto dei rifiuti, fermo restando che in caso di non raggiungimento della quota di copertura l anno successivo saranno apportati tagli ai trasferimenti pro capite. Per le Comunità comprensoriali sono stati confermati l'importo fisso ammontante a ,00 euro e la quota pro capite pari a euro 4,60 entrambi destinati alla copertura delle spese correnti. Per gli investimenti vengono stanziati complessivamente ,00 euro, di cui ,00 euro riguardano la legge n. 27 e ,00 euro che sono utilizzati per finanziamenti riguardanti la costruzione di piste ciclabili intercomunali. Il procedimento di assegnazione dei mezzi finanziari per la costruzione di piste ciclabili intercomunali nella misura del 60%, stanziati nel bilancio provinciale, e nella misura del 40%, stanziati nel fondo per la finanza locale, è rimasto inalterato. Per il fondo di rotazione per investimenti, istituito nel 2008 mediante legge provinciale, sono stati messi a disposizione complessivamente ,00 euro, di cui ,00 euro sono a carico del fondo della finanza locale e ,00 euro sono messi a disposizione dalla Provincia di Bolzano. La disciplina, adottata nel 2008 con l'accordo aggiuntivo anzidetto riguardante il fondo rotazione per investimenti è stata confermata per la gran parte eccetto le seguenti modifiche, integrazioni e precisazioni: 9

10 Le opere finanziabili sono state estese alle opere (acquedotti, canalizzazioni, case di riposo, centri di degenza ed alloggi per anziani) per le quali nell'anno 2008 erano previsti contributi per l'ammortamento di mutui. Le risorse messe a disposizione sono utilizzate nel seguente modo: per edilizia scolastica secondo l'approvato programma principale per scuole materne per acquedotti, canalizzazioni, case di riposo, centri di degenza ed alloggi per anziani Per altre opere pubbliche finanziabili ,00 euro ,00 euro ,00 euro ,00 euro Contemporaneamente i contributi per l'ammortamento di nuovi mutui sono stati aboliti ponendo cosí fine al processo di riforma volta al contenimento dell'indebitamento. Per quanto concerne le quote di rimborso in caso di finanziamenti concessi dal fondo di rotazione per acquedotti, canalizzazioni, case di riposo, centri di degenza ed alloggi per anziani sono state riprese sostanzialmente le disposizioni dell'abrogata disciplina sui contributi per l'ammortamento dei cosiddetti mutui agevolati, comprese le disposizioni attinenti alle modalità di calcolo ed alle limitazioni. I finanziamenti concessi devono essere rimborsati al fondo di rotazione per investimenti in 20 anni mediante pagamento di 20 rate fisse e costanti nella misura seguente: edilizia scolastica secondo l'approvato programma principale scuole materne acquedotti, canalizzazioni, case di riposo, centri di degenza ed alloggi per anziani altre opere pubbliche finanziabili quota annua pari al 2,5% dell'importo concesso dal fondo di rotazione quota annua pari al 4% dell'importo concesso dal fondo di rotazione quota annua pari al 2,5% dell'importo concesso dal fondo di rotazione quota annua pari al 5% dell'importo concesso dal fondo di rotazione Rispetto all'anno 2008, come previsto dall'accordo aggiuntivo per il 2008, la quota di rimborso per l'edilizia scolastica è stata quindi aumentata di un punto percentuale fissandola al 2,5% e quella per le scuole materne ridotta di mezzo punto percentuale fissandola al 4%. I presupposti condizionanti la concessione del finanziamento sono stati modificati nel senso che si prescinde dal progetto esecutivo approvato dal Comune qualora il Comune disponga 10

11 di un progetto definitivo e dia esecuzione ad un appalto concorso ovvero prescriva all'impresa aggiudicataria la predisposizione di alcuni elaborati. Per quanto concerne l'erogazione dei finanziamenti nell'anno 2009, a differenza dell'anno 2008, non viene più erogato indistintamente il 70% del finanziamento concesso sulla base della denuncia di inizio lavori, ma il 70% viene erogato solamente per finanziamenti fino a ,00 euro. Per gli altri finanziamenti sulla base di tale denuncia viene erogato solamente il 50% del finanziamento concesso; un'ulteriore quota pari al 25% viene erogata in virtù di una dichiarazione del Sindaco dalla quale emerge che il Comune abbia già utilizzato l'intero importo erogato per l'opera finanziata. In ordine al rimborso degli importi è stato precisato che in virtù di un'apposita modifica legislativa ancora da approvare solo per finanziamenti di scuole o scuole materne i Comuni, per rimborsare gli importi, possono utilizzare i mezzi che vengono loro assegnati ai sensi delle disposizioni della legge n. 27. Per la gestione e la manutenzione delle piste ciclabili intercomunali sono stati messi a disposizione complessivamente ,00 euro; la disciplina dell'anno scorso è stata confermata. A titolo di compensazione per l ICIAP abolita (imposta comunale imprese arti e professioni) sarà ripartito tra i Comuni, in rapporto alle entrate ICIAP del 1997, l importo di ,00 euro costituente una quota dell IRAP (imposta regionale sulle attività produttive). Il gruppo di lavoro (d.s.a d.: Toni Schuster, dott. Benedikt Galler, dott. Siegfried Rainer, dott. Martin Steinmann) esamina le domande dei Comuni per contributi del fondo di rotazione. 11

12 1.3 Contributi perequativi Tale fondo, come nell'anno scorso, è stato dotato con euro ,00, di cui una parte per assegnazioni per lo svolgimento di servizi in forma coordinata tra comuni in virtù di convenzioni e la parte rimanente per assegnazioni perequative e finanziamenti speciali. La disciplina dell'anno precedente relativa alle assegnazioni perequative è stata confermata. Come nell'anno scorso in ordine ai finanziamenti speciali sono stati elencati i beneficiari con affianco i rispettivi importi massimi. Inoltre è stata confermata la disciplina secondo la quale nell'anno 2009 possono essere richiesti finanziamenti speciali straordinari da parte dei comuni con meno di abitanti a condizione che nell'anno precedente abbiano effettuato delle spese non superiori ai costi medi calcolati. È stata confermata, altresì, la disposizione secondo la quale il Comune viene escluso dai finanziamenti speciali straordinari qualora non abbia approvato il regolamento relativo alla determinazione del contributo sul costo di costruzione ovvero qualora l'aliquota del contributo sul costo di costruzione sia inferiore all'1 (un) percento sulla volumetria di tutte le categorie e su tutti i casi non esonerati per legge o in base al regolamento tipo del Consorzio dei Comuni. La disciplina relativa alle assegnazioni per lo svolgimento di servizi in forma coordinata è stata confermata. 1.4 Contributi per l ammortamento dei mutui L importo di ,00 euro è destinato nel 2009 all ammortamento di mutui che i Comuni hanno ottenuto alla Cassa depositi e prestiti, al fondo di rotazione regionale o presso altri istituti di credito. Per i mutui assunti nell'anno 2009 dalla finanza locale non vengono concessi contributi per l'ammortamento. Rispetto all'anno scorso la dotazione di tale fondo è stata ridotta per l'importo di circa ,00 euro, rispetto all'anno 2007 addirittura per l'importo di ,00 euro. Tale riduzione è conforme alla tendenza che si registra da due anni. Essa è riconducibile alla riforma della disciplina relativa ai contributi per l'ammortamento dei mutui iniziata nell'anno 2007 e l'abrogazione di tali contributi per i cosiddetti mutui ordinari nell'anno Nei prossimi anni per l'avvenuta abrogazione di tali contributi per i cosiddetti mutui agevolati detta tendenza dovrebbe notevolmente accentuarsi. 12

13 1.5 Mutui presso la Cassa depositi e prestiti ed il Fondo regionale di rotazione Nel 2008, i Comuni dell Alto Adige hanno ottenuto mutui ammontanti a complessivamente più di ,00 euro, quindi ca ,00 euro meno del 2007, presso la Cassa depositi e prestiti e presso il Fondo regionale di rotazione. Con i mutui si è continuata a finanziare prevalentemente la costruzione di acquedotti e di fognature. Si è ricorso ai mutui anche per realizzare strutture sociali, campi sportivi e strutture per il tempo libero. 1.6 Patto di stabilità provinciale Per l'anno 2009 è stata confermata l'impostazione di fondo di prendere in considerazione la differenza (saldi) tra le entrate e le spese e il periodo di riferimento è stato esteso al periodo Costituisce invero una novità che le differenze tra entrate e spese da un anno all'altro in linea di principio devono migliorarsi, in modo che i Comuni dell'alto Adige raggiungano per il periodo un risparmio annuale di almeno 5,8 mio euro. Per quanto concerne le sanzioni è stata confermata la seguente disciplina dell'anno scorso: qualora la differenza annua (saldo) tra entrate e spese nei Comuni con più di abitanti diminuisca di una quota superiore alla quota di inflazione stabilita dall'astat ovvero, nei Comuni fino a abitanti, di una quota superiore al 4%, vengono trattenute per l'anno 2010 la terza e la quarta rata della quota pro-capite finché non venga presentato un piano di risanamento idoneo a raggiungere il rispetto dei criteri. Nuova è invece la norma secondo la quale nell'ambito del periodo quinquennale sono ammessi degli scostamenti, purché il saldo complessivo sia raggiunto. Qualora venga rispettato il saldo per il periodo triennale si prescinde dall'applicazione delle sanzioni sopraccitate. Con l'introduzione di tali modifiche sono stati ampliati gli spazi di autonomia dei Comuni ed al contempo è stato garantito il raggiungimento degli obiettivi del patto di stabilità. Inoltre è stato confermato che in caso di trasferimento di nuove competenze ovvero di nuovi oneri finanziari ai comuni, l'assegnazione dei relativi mezzi finanziari e la disciplina del patto di stabilità devono essere ridefiniti. 13

14 1.7 Risparmi nel settore del personale Con l'accordo sulla finanza locale per il 2009 è stata confermata gran parte della disciplina dell'anno precedente. Tale disciplina fa perno da un lato sull'organico in data e dall'altro lato sul rapporto dipendenti/abitanti ai sensi dell'art. 7 della LP n. 6/1994. Nell'accordo è stato stabilito quanto segue: I Comuni che risultano al di sotto del rapporto dipendenti/popolazione del 10% e più possono assumere personale fino al raggiungimento del rapporto. I Comuni che risultano al di sotto del rapporto dipendenti/popolazione di meno del 10% e non lo superano del 10% possono mantenere la situazione del personale. I Comuni che superano il rapporto dipendenti/popolazione per più del 10% sono tenuti a risparmiare ogni anno almeno le unità di personale previste per l'ente come obiettivo di risparmio per l anno Il risparmio dei posti può essere conseguito attraverso la non copertura e la cancellazione di posti resisi vacanti o, per non più la metà dei posti, attraverso la cancellazione dalla pianta organica di posti non coperti ivi previsti. Costituisce invece una novità la previsione che il patto di stabilità lascia impregiudicata la possibilità di effettuare delle assunzioni in riferimento a: personale appartenente alle categorie protette; personale in caso di assunzione o istituzione di nuovi servizi; personale da metter a disposizione di altre pubbliche amministrazioni in base a disposizioni di legge. 14

15 2. CONSIGLIO DEI COMUNI Nel corso del 2008, il Consiglio dei Comuni ha espresso il proprio parere in merito a 17 disegni di legge e a 31 bozze di regolamento di esecuzione. 2.1 Disegni di legge I Comuni non hanno avuto obiezioni in merito al disegno di legge "Disposizioni sulla bonifica". La commissione legislativa ha accolto la proposta del Consiglio dei Comuni di convocare nel comitato tecnico-amministrativo per la bonifica anche un membro nominato dal Consiglio dei Comuni. La nuova legge sulla tutela dell'ambiente fa confluire in un'unica legge le leggi provinciali varate negli anni '70 in materia di protezione della flora alpina, protezione della fauna e protezione di minerali e fossili. Di interesse per i Comuni sono le disposizioni e soprattutto le misure di tutela per le zone "Natura 2000". Il Consiglio dei Comuni ha espresso parere favorevole al disegno di legge. La legge omnibus per il 2008 (v. relazione sull'attività del 2007, pagina 15) prima di essere approvata dal Consiglio provinciale, è stata trattata una seconda volta dalla commissione legislativa. Non si è riusciti a bloccare l'introduzione delle seguenti disposizioni: l'abolizione dell'annotazione tavolare dell'indivisibilità dei compendi immobiliari indivisibili ai sensi della legge urbanistica provinciale, le direttive della Giunta provinciale per i canoni di concessione edilizia e l'esenzione della Provincia dall'obbligo di partecipare alla manutenzione delle piste ciclabili sovracomunali. Si è invece riusciti a impedire l'inserimento nella legge omnibus della sanatoria per la volumetria sotterranea non concessa e l'abolizione della disposizione secondo cui le opere sotto la soglia UE possono essere suddivise in lotti o lavorazioni previsti in base al sistema di classificazione SOA. Su proposta del Consiglio dei Comuni è stato istituito il fondo di rotazione per il finanziamento degli investimenti dei Comuni e nella legge sulla trasparenza è stato introdotto l'obbligo di comunicare i motivi di impedimento, prima che l'amministrazione respinga definitivamente una richiesta. Sempre nell'ambito della legge omnibus sono state modificate anche le disposizioni sull'acqua potabile contenute nella legge provinciale sulle acque (LP n. 8/2002). Le modifiche sono state discusse preliminarmente in un gruppo di lavoro nel quale era rappresentato anche il Consorzio dei Comuni. La tariffa per il servizio idropotabile in futuro sarà composta da una quota base per allacciamento ed un importo basato sul consumo. È 15

16 stata abolita la disposizione che prevedeva l'applicazione di una tariffa unitaria a livello comunale. È previsto inoltre l'obbligo per i gestori del servizio idropotabile di stipulare una convenzione con il Comune, pena l'eventuale esproprio degli impianti. Con la nuova regolamentazione delle attività agrituristiche ai Comuni sono state attribuite nuove competenze. Si tratta in particolare del ricevimento delle notifiche, della tenuta del relativo elenco comunale, della vigilanza sul rispetto delle norme e dell'applicazione di sanzioni amministrative. Non è stata accolta la richiesta del Consiglio dei Comuni di attribuire ai Comuni le risorse economiche adeguate ai relativi maggiori oneri amministrativi. Contestualmente è stato ampliato l'ambito delle attività che ora comprende, per esempio, la somministrazione di cibi e bevande nell'ambito di un servizio catering. Su proposta del Consiglio dei Comuni è stata cancellata l'attività di campeggio agrituristico. Nella legge sull'ordinamento della scuola dell infanzia e del primo ciclo di istruzione è stata introdotta la disposizione secondo cui, seguendo standard pedagogici di qualità, la Giunta provinciale promuove l istituzione di sezioni-ponte nelle scuole dell infanzia riservate ai bambini di età compresa tra i 24 e i 36 mesi. Questa novità non corrisponde alle richieste avanzate dal Consiglio dei Comuni di introdurre nelle scuole dell'infanzia l'assistenza a bambini di età compresa tra i sei mesi e i tre anni, ammesso che le scuole abbiano la necessaria capacità ricettiva. Le bozze per le leggi elettorali sono risultate molto brevi, in quanto una legge più ampia non avrebbe avuto la possibilità di essere approvata. Il Consigliere Andreas Pöder con il suo disegno di legge ha soltanto previsto la sostituzione, nella Legge provinciale n. 4/2003, dell'anno "2003" con l'anno "2008". Il disegno di legge presentato dalla SVP prevedeva inoltre la compilazione di una dichiarazione ad hoc di appartenenza linguistica per chi non avesse compilato la dichiarazione in occasione del censimento della popolazione. Il Consiglio dei Comuni nel suo parere ha rinnovato la richiesta di introdurre la compatibilità tra la carica di Sindaco, Assessore comunale, membro del Consiglio comunale, Presidente della Comunità comprensoriale nonché membro della Giunta comprensoriale e del Consiglio comprensoriale con la carica di Consigliere provinciale. Il disegno per la legge sulle pari opportunità e la promozione delle donne dell'alto Adige, presentato dalla Consigliera provinciale dott.ssa Julia Unterberger, prevede che gli organi collegiali nominati dalla Giunta provinciale devono avere complessivamente un rapporto equilibrato tra i sessi. Nei Comuni, questo disegno di legge riguarda soltanto la composizione della commissione edilizia comunale, della commissione locale per le finanze e del Consiglio 16

17 dei Comuni stesso. È previsto che in questi tre organi devono essere presenti sia uomini che donne, pena la nullità degli atti giuridici. Dopo un'approfondita discussione, il Consiglio dei Comuni, partendo dal presupposto che in futuro ci saranno sempre più consigliere comunali e sindache donne, ha dato parere positivo in merito a questo disegno di legge. Il Consiglio dei Comuni ha altresì espresso parere positivo sui disegni di legge riguardanti l'introduzione dell avvocatura per bambini e giovani, presentati dall'assessora provinciale dott.ssa Sabine Kasslatter Mur e dal Consigliere provinciale Andreas Pöder. In merito alla legge sull edilizia abitativa agevolata, il Consiglio dei Comuni ha presentato proposte riguardanti i seguenti punti: Immigrati: la proposta prevedeva che la percentuale degli immigrati negli edifici IPES non superi il 10 percento. Per assicurare l integrazione degli immigrati anche nei Comuni di piccole e medie dimensioni il Consiglio dei Comuni ha proposto che negli edifici con meno di dieci abitazioni una di esse possa essere assegnata ad immigrati. Canone di locazione minimo: si è proposto di introdurre, come nella legislazione nazionale, un canone di locazione minimo anche per gli alloggi comunali, in modo da coprire le spese di amministrazione e manutenzione degli edifici. Assegnazione di aree destinate all edilizia abitativa agevolata: secondo la propria situazione specifica, i Comuni devono avere la facoltà di emanare un'ordinanza per riconoscere, nell assegnazione delle aree agevolate, un punteggio maggiore o minore per la residenza nel Comune. Recupero di edifici di proprietà comunale: si è proposto che ai Comuni venga concesso un contributo pari al 70 percento delle spese riconosciute quando ristrutturano alloggi di proprietà comunale. A tali alloggi i Comuni dovrebbero poi applicare il canone di locazione sociale. Locazione al canone provinciale: gli alloggi di proprietà comunale realizzati senza contributi provinciali dovrebbero poter essere locati con l'applicazione del canone provinciale, fatta salva la possibilità per l inquilino di richiedere l eventuale sussidio casa in funzione della propria situazione economica. Contributi in caso di assegnazione del patrimonio edilizio esistente: per incentivare il recupero della cubatura esistente alla stessa stregua delle nuove costruzioni, il Consiglio dei Comuni ha proposto che il contributo del 50 percento a fondo perduto venga concesso agli assegnatari anche per il recupero di terreni edificati già di proprietà dei Comuni. 17

18 Vista l'imminente fine del periodo di legislazione, il tempo non è stato sufficiente per varare tutta la legge di riforma. Nella proposta di legge comprendente soltanto pochi articoli non c'è stato spazio per gli articoli di interesse per i Comuni. 2.2 Regolamento d attuazione Il Consiglio ha dato parere positivo alle direttive e al regolamento di attuazione per i piani delle zone di pericolo ai sensi dell'art. 22 della legge urbanistica provinciale. Ha tuttavia chiesto una proroga del termine per l'approvazione, in quanto ritiene impensabile che tutti i Comuni altoatesini siano in grado di approvare i relativi piani entro tre anni. La legge omnibus per il 2008 ha previsto che la Giunta provinciale emani delle direttive per i contributi relativi alle concessioni edilizie. È stato innanzitutto chiarito che, fino all'emanazione di tali direttive, rimarranno vigenti i regolamenti comunali per le suddette concessioni (contributo sul costo di costruzione e per gli oneri di urbanizzazione). Il Consiglio dei Comuni ha espresso parere negativo sulle bozze delle direttive provinciali, con la motivazione che non si tratta di direttive, bensì di esoneri dal pagamento degli oneri di urbanizzazione. Era previsto ad esempio l'esonero per la volumetria sotterranea di costruzioni industriali e l'esonero dal pagamento degli oneri di urbanizzazione sia primaria che secondaria per gli edifici delle attività agricole. Alla fine del 2008, le direttive non erano ancora state emanate. La proposta per le direttive sulla determinazione della dimensione ammissibile dei fabbricati rurali appartenenti ad un'azienda agricola (art. 107, comma 1 LP n. 13/1997) è stata giudicata troppo complicata e dettagliata. Il Consiglio dei Comuni ha pertanto suggerito che le decisioni in merito siano prese dalla commissione edilizia comunale, dopo un'eventuale consultazione con l'ispettorato agrario. Le direttive non sono ancora state emanate. I criteri per la ripartizione dei costi per l'urbanizzazione primaria delle zone per insediamenti produttivi prevedono che una parte dei costi sia sostenuta dal Comune. Il Consiglio dei Comuni nel suo parere ha chiesto che questo non comporti un onere finanziario per i Comuni, ma che i costi sostenuti dagli stessi siano interamente coperti da un contributo provinciale. La nuova versione delle linee guida dell edilizia scolastica tiene conto dei cambiamenti imposti all edilizia scolastica dalle varie riforme succedutesi negli ultimi anni e introduce 18

Relazione. sull attività svolta nell anno

Relazione. sull attività svolta nell anno Consorzio dei Comuni della Provincia di Bolzano Società Cooperativa Via Canonico Michael Gamper 10 39100 Bolzano Relazione sull attività svolta nell anno 2009 1 RELAZIONE SULL ATTIVITÀ NELL ANNO 2009 Indice

Dettagli

I. L attivitá nell anno 2014: i punti principali. Relazione sull attivitá svolta nell anno

I. L attivitá nell anno 2014: i punti principali. Relazione sull attivitá svolta nell anno Relazione sull attivitá svolta nell anno 2014 1 Indice I. L attivitá nell anno 2014: i punti principali 1. Finanziamento dei Comuni 1.1 Accordo sulla finanza locale definitivo per l anno 2014 1.2 Accordo

Dettagli

Relazione. sull'attività svolta nell'anno. Consorzio dei Comuni della Provincia di Bolzano Cooperativa a r.l. Via del Macello 4 39100 Bolzano

Relazione. sull'attività svolta nell'anno. Consorzio dei Comuni della Provincia di Bolzano Cooperativa a r.l. Via del Macello 4 39100 Bolzano Consorzio dei Comuni della Provincia di Bolzano Cooperativa a r.l. Via del Macello 4 39100 Bolzano Relazione sull'attività svolta nell'anno 2004 tel.+390471304655 fax+390471304625 sgv@gvcc.net - www.gvcc.net

Dettagli

CONSORZIO DEI COMUNI DELLA PROVINCIA DI TRENTO

CONSORZIO DEI COMUNI DELLA PROVINCIA DI TRENTO CONSORZIO DEI COMUNI DELLA PROVINCIA DI TRENTO COMPRESI NEL BACINO IMBRIFERO MONTANO DELL'ADIGE REGOLAMENTO PER L'IMPIEGO E L'EROGAZIONE DEL SOVRACANONE approvato con Delibera dell Assemblea Generale n.

Dettagli

REGIONE MARCHE GIUNTA REGIONALE

REGIONE MARCHE GIUNTA REGIONALE DELIBERAZIONE DELLA 25/09/2002 1712 2 OGGETTO: Legge n. 338/2000 L.R. n. 38/1996. Indirizzi agli sulle modalità di finanziamento dei progetti per la realizzazione di nuovi alloggi per studenti universitari

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 33 DEL 24-04-1980 REGIONE PUGLIA

LEGGE REGIONALE N. 33 DEL 24-04-1980 REGIONE PUGLIA Legge 1980033 Pagina 1 di 9 LEGGE REGIONALE N. 33 DEL 24-04-1980 REGIONE PUGLIA

Dettagli

VISTI i piani di erogazione e degli interventi predisposti dalle singole regioni allegati al presente decreto;

VISTI i piani di erogazione e degli interventi predisposti dalle singole regioni allegati al presente decreto; VISTO il decreto-legge 12 settembre 2013, n. 104, convertito, con modificazioni, dalla legge 8 novembre 2013, n. 128, recante misure urgenti in materia di istruzione, università e ricerca (di seguito,

Dettagli

LEGGE REGIONALE 5 dicembre 1977, n. 95

LEGGE REGIONALE 5 dicembre 1977, n. 95 LEGGE REGIONALE 5 dicembre 1977, n. 95 Interventi in favore delle cooperative edilizie. N.d.R. I requisiti per l'accesso alle agevolazioni sono stati individuati con Decr. Ass. Cooperazione 7 ottobre 2005.

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 10 DEL 9-03-1995 REGIONE VENETO. Norme per il riordinamento degli enti di edilizia residenziale pubblica

LEGGE REGIONALE N. 10 DEL 9-03-1995 REGIONE VENETO. Norme per il riordinamento degli enti di edilizia residenziale pubblica Legge 1995010 Pagina 1 di 11 LEGGE REGIONALE N. 10 DEL 9-03-1995 REGIONE VENETO Norme per il riordinamento degli enti di edilizia residenziale pubblica Fonte: BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE VENETO

Dettagli

RELAZIONE SULL ATTIVITÀ NELL ANNO 2005

RELAZIONE SULL ATTIVITÀ NELL ANNO 2005 RELAZIONE SULL ATTIVITÀ NELL ANNO 2005 INDICE I. L ATTIVITÁ NELL ANNO 2005: I PUNTI CENTRALI 1. FINANZIAMENTO DEI COMUNI Pagina 2 a) Assegnazioni definitive per l anno 2005 Pagina 2 b) Assegnazioni per

Dettagli

SIENA SINTESI MANOVRA MONTI INDICE

SIENA SINTESI MANOVRA MONTI INDICE SIENA SINTESI MANOVRA MONTI INDICE 1. MONETA ELETTRONICA PER LE PENSIONI 2. LIBRETTI DI DEPOSITO AL PORTATORE BANCARI O POSTALI 3. I.S.E.E. 4. DETRAZIONI RISTRUTTURAZIONI ED INTERVENTI PER RIQUALIFICAZIONE

Dettagli

5. Gestione delle Spese

5. Gestione delle Spese 5. Gestione delle Spese La spesa è ordinata gradualmente in titoli, funzioni, servizi e interventi, in relazione, rispettivamente, ai principali aggregati economici, alle funzioni degli enti, ai singoli

Dettagli

Regione Puglia: Legge regionale 22/05/1985 N. 34 Bollettino Ufficiale Regionale N. 72 del 04/06/1985 Interventi a favore dell'agriturismo.

Regione Puglia: Legge regionale 22/05/1985 N. 34 Bollettino Ufficiale Regionale N. 72 del 04/06/1985 Interventi a favore dell'agriturismo. Regione Puglia: Legge regionale 22/05/1985 N. 34 Bollettino Ufficiale Regionale N. 72 del 04/06/1985 Interventi a favore dell'agriturismo. Preambolo IL CONSIGLIO REGIONALE ha approvato. IL COMMISSARIO

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 82 DEL 16-09-1982 REGIONE ABRUZZO

LEGGE REGIONALE N. 82 DEL 16-09-1982 REGIONE ABRUZZO Legge 1982082 Pagina 1 di 11 LEGGE REGIONALE N. 82 DEL 16-09-1982 REGIONE ABRUZZO Provvidenze regionali per l' edilizia abitativa: agevolazioni finanziarie a cooperative edilizie per la costruzione di

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA (REGOLAMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO COMUNALE IN DATA 30.10.2012 CON DELIBERAZIONE N. 60/121562) INDICE Art. 1 Oggetto..pag. 3 Art. 2 Abitazione

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 25 DEL 24-07-1997 REGIONE SICILIA

LEGGE REGIONALE N. 25 DEL 24-07-1997 REGIONE SICILIA Legge 1997025 Pagina 1 di 9 LEGGE REGIONALE N. 25 DEL 24-07-1997 REGIONE SICILIA Nuove norme per accelerare il raggiungimento degli scopi sociali delle cooperative edilizie e l' utilizzo delle agevolazioni

Dettagli

r) Contratto collettivo 17 settembre 2003 1)

r) Contratto collettivo 17 settembre 2003 1) LGBZ Current Ed. NORMATIVA PROVINCIALE XXIII - Uffici provinciali e personale E - Contratti collettivi p. 1/6 r) Contratto collettivo 17 settembre 2003 1) Contratto collettivo intercompartimentale per

Dettagli

L. 30-12-1960 n. 1676 Norme per la costruzione di abitazioni per i lavoratori agricoli. Pubblicata nella Gazz. Uff. 16 gennaio 1961, n. 13.

L. 30-12-1960 n. 1676 Norme per la costruzione di abitazioni per i lavoratori agricoli. Pubblicata nella Gazz. Uff. 16 gennaio 1961, n. 13. Epigrafe 1. 2. 3. 4. 5. 6. 7. 8. 9. 10. 11. 12. 13. 14. 15. L. 30-12-1960 n. 1676 Norme per la costruzione di abitazioni per i lavoratori agricoli. Pubblicata nella Gazz. Uff. 16 gennaio 1961, n. 13. L.

Dettagli

A. TITOLO REGIONE SICILIA L.R. 20 dicembre 1975, n. 79 Nuove norme per l incentivazione dell attività edilizia delle cooperative nella Regione

A. TITOLO REGIONE SICILIA L.R. 20 dicembre 1975, n. 79 Nuove norme per l incentivazione dell attività edilizia delle cooperative nella Regione A. TITOLO REGIONE SICILIA L.R. 20 dicembre 1975, n. 79 Nuove norme per l incentivazione dell attività edilizia delle cooperative nella Regione Modificata con L.R. 1 agosto 1977, n. 79 Modifiche alla legge

Dettagli

MODELLO 730 2014 NOVITA. Anna Quattrone Vitaliano Morsicato

MODELLO 730 2014 NOVITA. Anna Quattrone Vitaliano Morsicato MODELLO 730 2014 NOVITA Anna Quattrone Vitaliano Morsicato Il Modello 730/2014, approvato con Provvedimento dell Agenzia dell Entrate del 15.1.2014, potrà essere utilizzato da parte di coloro che nell'anno

Dettagli

L.R. 21 gennaio 1997, N. 7 Norme sul superamento e sulla eliminazione delle barriere architettoniche TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI

L.R. 21 gennaio 1997, N. 7 Norme sul superamento e sulla eliminazione delle barriere architettoniche TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI L.R. 21 gennaio 1997, N. 7 Norme sul superamento e sulla eliminazione delle barriere architettoniche TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1 Finalità 1. La presente legge contribuisce a realizzare la piena

Dettagli

COMUNE DI MARTELLAGO - PROVINCIA DI VENEZIA - =====================================================================

COMUNE DI MARTELLAGO - PROVINCIA DI VENEZIA - ===================================================================== Allegato A alla deliberazione di Consiglio Comunale n. 34 del 16.06.2008 COMUNE DI MARTELLAGO - PROVINCIA DI VENEZIA - ===================================================================== REGOLAMENTO

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 39 DEL 27-07-2004 - REGIONE TOSCANA - 27/07/2004, n. 39 - B.U.R. 04/08/2004, n.29 Norme a favore dei comuni montani e dei piccoli

LEGGE REGIONALE N. 39 DEL 27-07-2004 - REGIONE TOSCANA - 27/07/2004, n. 39 - B.U.R. 04/08/2004, n.29 Norme a favore dei comuni montani e dei piccoli LEGGE REGIONALE N. 39 DEL 27-07-2004 - REGIONE TOSCANA - 27/07/2004, n. 39 - B.U.R. 04/08/2004, n.29 Norme a favore dei comuni montani e dei piccoli comuni in situazione di disagio. Modifiche alla legge

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 3 DEL 1-02-1977 REGIONE PUGLIA

LEGGE REGIONALE N. 3 DEL 1-02-1977 REGIONE PUGLIA Legge 1977003 Pagina 1 di 9 LEGGE REGIONALE N. 3 DEL 1-02-1977 REGIONE PUGLIA

Dettagli

Campania. L.R. 25 agosto 1987, n. 38

Campania. L.R. 25 agosto 1987, n. 38 Campania L.R. 25 agosto 1987, n. 38 Delega alle Province di funzioni amministrative regionali - Istituzione della Consulta regionale per il turismo ed organizzazione delle funzioni regionali di promozione

Dettagli

Consuntivo 2010. Documenti allegati

Consuntivo 2010. Documenti allegati Consuntivo 2010 Consuntivo 2010 Documenti allegati Relazione dei revisori dei conti Elenco dei residui attivi e passivi distinti per anno di provenienza Conto del Bilancio Conto economico Conto Patrimoniale

Dettagli

TESTO DDL. ART. 2 1. Il FITQ provvede alle prestazioni previste dalla presente legge con le seguenti entrate:

TESTO DDL. ART. 2 1. Il FITQ provvede alle prestazioni previste dalla presente legge con le seguenti entrate: Disegno di legge concernente Riforma della disciplina in materia di prestazioni integrative del trattamento di quiescenza e norme per l erogazione del trattamento di fine rapporto. Modificazioni alla L.R.

Dettagli

Allegato 1 Avviso per l individuazione di programmi costruttivi e di recupero ad opera di cooperative edilizie.

Allegato 1 Avviso per l individuazione di programmi costruttivi e di recupero ad opera di cooperative edilizie. Allegato 1 Avviso per l individuazione di programmi costruttivi e di recupero ad opera di cooperative edilizie. 1. Premesse In attuazione del Piano Nazionale di edilizia abitativa di cui al D.P.C.M. 16

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 32 DEL 30-12-1985 REGIONE SARDEGNA. Fondo per l' edilizia abitativa.

LEGGE REGIONALE N. 32 DEL 30-12-1985 REGIONE SARDEGNA. Fondo per l' edilizia abitativa. Legge 1985032 Pagina 1 di 7 LEGGE REGIONALE N. 32 DEL 30-12-1985 REGIONE SARDEGNA Fondo per l' edilizia abitativa. Fonte: BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE SARDEGNA N. 53 del 30 dicembre 1985 Il Consiglio

Dettagli

NOTA TECNICA SUL PIANO CASA

NOTA TECNICA SUL PIANO CASA NOTA TECNICA SUL PIANO CASA L art. 11 della legge 133/08 ha inteso rilanciare un Piano Casa per realizzare un offerta di alloggi in proprietà e in locazione prima casa nelle aree di bisogno abitativo,

Dettagli

L.R. EMILIA ROMAGNA, 25 NOVEMBRE 1988, N. 47 Norme per le minoranze nomadi in Emilia Romagna

L.R. EMILIA ROMAGNA, 25 NOVEMBRE 1988, N. 47 Norme per le minoranze nomadi in Emilia Romagna L.R. EMILIA ROMAGNA, 25 NOVEMBRE 1988, N. 47 Norme per le minoranze nomadi in Emilia Romagna Articolo 1 - Finalità e principi Nel quadro dell'attività di tutela delle minoranze etniche nel proprio territorio,

Dettagli

Comune di Cattolica Provincia di Rimini

Comune di Cattolica Provincia di Rimini Comune di Cattolica Provincia di Rimini PROPOSTA DELIBERAZIONE CONSIGLIO COMUNALE N. 33 del 23/04/2013 SETTORE: SERVIZIO: DIRIGENTE RESPONSABILE: # IL CONSIGLIO COMUNALE VISTA la deliberazione del Consiglio

Dettagli

MINISTERO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE

MINISTERO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE MINISTERO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE DECRETO 23 gennaio 2015 Modalita' di attuazione della disposizione legislativa relativa a operazioni di mutuo che le regioni possono stipulare per interventi di

Dettagli

COMUNE DI CAVALESE PROVINCIA DI TRENTO

COMUNE DI CAVALESE PROVINCIA DI TRENTO ORIGINALE COMUNE DI CAVALESE PROVINCIA DI TRENTO VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 22 OGGETTO: APPROVAZIONE PROPOSTA DI BILANCIO PREVENTIVO ANNUALE 2014 E PLURIENNALE 2014-2016. L'anno

Dettagli

COMUNE DI CELLINO SAN MARCO

COMUNE DI CELLINO SAN MARCO COMUNE DI CELLINO SAN MARCO Provincia di Brindisi REGOLAMENTO COMUNALE DETERMINAZIONE DEL CONTRIBUTO RELATIVO AI PERMESSI DI COSTRUIRE E ALLE DENUNCE DI INIZIO ATTIVITA, NONCHE ALLE SANATORIE EX LEGGE

Dettagli

COMUNE DI FAEDO. Provincia di Trento VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 83 della Giunta comunale

COMUNE DI FAEDO. Provincia di Trento VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 83 della Giunta comunale COPIA COMUNE DI FAEDO Impegno n. Mandato n. CUP n. CIG n. ZB2117217A Provincia di Trento VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 83 della Giunta comunale Oggetto: Pacchetto assicurativo a tutela dell attività e del

Dettagli

COMUNE DI MARTELLAGO - PROVINCIA DI VENEZIA - =====================================================================

COMUNE DI MARTELLAGO - PROVINCIA DI VENEZIA - ===================================================================== COMUNE DI MARTELLAGO - PROVINCIA DI VENEZIA - ===================================================================== REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DELLE AREE DESTINATE AD EDILIZIA RESIDENZIALE PUBBLICA

Dettagli

Costituzione di liquiditá. Istruzioni

Costituzione di liquiditá. Istruzioni Costituzione di liquiditá Istruzioni Quadro A classificazione dell impresa Quadro B dichiarazioni ed impegni della/del richiedente Quadro C agevolazione richiesta 1. Beneficiari 2. Quando e dove si presenta

Dettagli

Azienda Speciale Centro Sicilia Sviluppo STATUTO

Azienda Speciale Centro Sicilia Sviluppo STATUTO Azienda Speciale Centro Sicilia Sviluppo STATUTO Approvato con Delibera di Giunta n.55 del 7 settembre 2011 Art. 1 Denominazione e sede È costituita, ad iniziativa della Camera di Commercio, Industria,

Dettagli

COMUNE DI ARCO PROVINCIA DI TRENTO. Regolamento per l applicazione del contributo di concessione

COMUNE DI ARCO PROVINCIA DI TRENTO. Regolamento per l applicazione del contributo di concessione COMUNE DI ARCO PROVINCIA DI TRENTO Regolamento per l applicazione del contributo di concessione Approvato con: Deliberazione del Consiglio comunale n. 64 di data 26 giugno 2002 ed entrato in vigore il

Dettagli

COMUNE DI RONCADE (Provincia di Treviso) NUOVO REGOLAMENTO PER L'ASSEGNAZIONE DELLE AREE DESTINATE AD EDILIZIA ECONOMICA E POPOLARE (P.E.E.P.

COMUNE DI RONCADE (Provincia di Treviso) NUOVO REGOLAMENTO PER L'ASSEGNAZIONE DELLE AREE DESTINATE AD EDILIZIA ECONOMICA E POPOLARE (P.E.E.P. COMUNE DI RONCADE (Provincia di Treviso) NUOVO REGOLAMENTO PER L'ASSEGNAZIONE DELLE AREE DESTINATE AD EDILIZIA ECONOMICA E POPOLARE (P.E.E.P.) Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n 3 del

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 95 DEL 5-12-1977 REGIONE SICILIA. Interventi in favore delle cooperative edilizie.

LEGGE REGIONALE N. 95 DEL 5-12-1977 REGIONE SICILIA. Interventi in favore delle cooperative edilizie. Legge 1977095 Pagina 1 di 7 LEGGE REGIONALE N. 95 DEL 5-12-1977 REGIONE SICILIA Interventi in favore delle cooperative edilizie. Fonte: BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE SICILIA N. 55 del 10 dicembre

Dettagli

Disposizioni regionali di indirizzo e di coordinamento per l applicazione e la semplificazione dei procedimenti amministrativi

Disposizioni regionali di indirizzo e di coordinamento per l applicazione e la semplificazione dei procedimenti amministrativi giunta regionale 9^ legislatura ALLEGATOA alla Dgr n. 1327 del 23 luglio 2013 pag. 1/7 Sviluppo e sostenibilità del turismo veneto Legge regionale 14 giugno 2013, n. 11 Disposizioni regionali di indirizzo

Dettagli

LEGGE PROVINCIALE N. 7 DEL 20-07-2006 REGIONE BOLZANO (Prov.)

LEGGE PROVINCIALE N. 7 DEL 20-07-2006 REGIONE BOLZANO (Prov.) LEGGE PROVINCIALE N. 7 DEL 20-07-2006 REGIONE BOLZANO (Prov.) Disposizioni in connessione con l assestamento del bilancio di previsione della Provincia Autonoma di Bolzano per l anno finanziario 2006 e

Dettagli

DL 112 del 25 giugno 2008 Convertito con modificazione dalla. L. 133 del 6 agosto 2008

DL 112 del 25 giugno 2008 Convertito con modificazione dalla. L. 133 del 6 agosto 2008 DL 112 del 25 giugno 2008 Convertito con modificazione dalla L. 133 del 6 agosto 2008 (G.U. n. 195 del 21/8/08) Capo IV Casa e infrastrutture Art. 11. Piano Casa 1. Al fine di garantire su tutto il territorio

Dettagli

LEGGE 27 DICEMBRE 2013, N. 147 DISPOSIZIONI PER LA FORMAZIONE DEL BILANCIO ANNUALE E PLURIENNALE DELLO STATO (LEGGE DI STABILITÀ 2014)

LEGGE 27 DICEMBRE 2013, N. 147 DISPOSIZIONI PER LA FORMAZIONE DEL BILANCIO ANNUALE E PLURIENNALE DELLO STATO (LEGGE DI STABILITÀ 2014) ISTITUTO PER L INNOVAZIONE E TRASPARENZA DEGLI APPALTI E LA COMPATIBILITA AMBIENTALE LEGGE 27 DICEMBRE 2013, N. 147 DISPOSIZIONI PER LA FORMAZIONE DEL BILANCIO ANNUALE E PLURIENNALE DELLO STATO (LEGGE

Dettagli

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Assessore all urbanistica e ambiente Via Jacopo Aconcio, n. 5-38100 Trento Tel. 0461 493202- Fax 0461 493203 e-mail: ass.urbambiente@provincia.tn.it Trento, 8 MAGGIO 2006 Prot.

Dettagli

Osservatorio Enti Locali Febbraio 2013

Osservatorio Enti Locali Febbraio 2013 CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI Osservatorio Enti Locali Febbraio 2013 a cura DELL ISTITUTO DI RICERCA DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI Stefano

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA VALUTAZIONE DEI DIRIGENTI o DEL PERSONALE INCARICATO DELLO SVOLGIMENTO DELLE FUNZIONI DIRIGENZIALI

REGOLAMENTO PER LA VALUTAZIONE DEI DIRIGENTI o DEL PERSONALE INCARICATO DELLO SVOLGIMENTO DELLE FUNZIONI DIRIGENZIALI REGOLAMENTO PER LA VALUTAZIONE DEI DIRIGENTI o DEL PERSONALE INCARICATO DELLO SVOLGIMENTO DELLE FUNZIONI DIRIGENZIALI Capo I Criteri e metodi per la valutazione dei Dirigenti Art.1 Criteri generali del

Dettagli

ACCESSO TELEMATICO E RIUTILIZZO DEI DATI DELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI

ACCESSO TELEMATICO E RIUTILIZZO DEI DATI DELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI Comune di Deruta, Piazza dei Consoli, n. 15, fax 075/9728639 ACCESSO TELEMATICO E RIUTILIZZO DEI DATI DELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI Sono di seguito indicati, in riferimento alle quattro aree funzionali

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 18 DEL 21-03-1984 REGIONE PIEMONTE. Legge generale in materia di opere e lavori pubblici

LEGGE REGIONALE N. 18 DEL 21-03-1984 REGIONE PIEMONTE. Legge generale in materia di opere e lavori pubblici LEGGE REGIONALE N. 18 DEL 21-03-1984 REGIONE PIEMONTE Legge generale in materia di opere e lavori pubblici Fonte: BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE PIEMONTE N. 13 del 28 marzo 1984 Il Consiglio Regionale

Dettagli

STUDIO. Monosi dott. Raffaele. Dottore Commercialista Revisore Contabile

STUDIO. Monosi dott. Raffaele. Dottore Commercialista Revisore Contabile Circolare di gennaio 14 Santa Lucia di Piave, lì 7 gennaio 14 Oggetto: : Finanziaria 2014 prima parte È stata pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale la Finanziaria 2014 (Legge 27.12.2013, n. 147) c.d. «Legge

Dettagli

BILANCIO DI PREVISIONE 2012

BILANCIO DI PREVISIONE 2012 COMUNITA MONTANA ESINO-FRASASSI Provincia di Ancona PARERE DELL ORGANO DI REVISIONE SULLA PROPOSTA DI BILANCIO DI PREVISIONE 2012 E DOCUMENTI ALLEGATI L ORGANO DI REVISIONE Rag.Floriano Flori Parere dell

Dettagli

COMUNE DI CARVICO (Provincia di Bergamo)

COMUNE DI CARVICO (Provincia di Bergamo) COMUNE DI CARVICO (Provincia di Bergamo) REGOLAMENTO COMUNALE PER LA VALUTAZIONE DELLA SITUAZIONE ECONOMICA E PER L ACCESSO ALLE PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE Art. 1 Oggetto del regolamento Il presente

Dettagli

BANDO PER LA RACCOLTA DEL FABBISOGNO DI INTERVENTI DI EDILIZA SCOLASTICA, IN ATTUAZIONE DELL ART. 10 DEL D.L. 12 SETTEMBRE 2013, N.

BANDO PER LA RACCOLTA DEL FABBISOGNO DI INTERVENTI DI EDILIZA SCOLASTICA, IN ATTUAZIONE DELL ART. 10 DEL D.L. 12 SETTEMBRE 2013, N. Allegato A alla DGR n. --- del --- BANDO PER LA RACCOLTA DEL FABBISOGNO DI INTERVENTI DI EDILIZA SCOLASTICA, IN ATTUAZIONE DELL ART. 10 DEL D.L. 12 SETTEMBRE 2013, N. 104 Indice 1. Obiettivi 2. Tipologie

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE.

REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE. REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE. Art. 1 Oggetto del regolamento. Il presente Regolamento è diretto ad individuare, in via sperimentale, per un anno, i criteri unificati

Dettagli

LEGGE REGIONALE 13 DICEMBRE 2012, N. 8

LEGGE REGIONALE 13 DICEMBRE 2012, N. 8 LEGGE REGIONALE 13 DICEMBRE 2012, N. 8 Disposizioni per la formazione del bilancio annuale 2013 e pluriennale 2013-2015 della Regione autonoma Trentino- Alto Adige (Legge finanziaria) 1 Art. 1 (Sviluppo

Dettagli

STATUTO CONSORZIO COMUNI DEL BACINO IMBRIFERO MONTANO DEL BASSO PIAVE IN PROVINCIA DI VENEZIA

STATUTO CONSORZIO COMUNI DEL BACINO IMBRIFERO MONTANO DEL BASSO PIAVE IN PROVINCIA DI VENEZIA STATUTO CONSORZIO COMUNI DEL BACINO IMBRIFERO MONTANO DEL BASSO PIAVE IN PROVINCIA DI VENEZIA APPROVATO CON DELIBERA DELL ASSEMBLEA N.3 DEL 6 MARZO 2002 STATUTO CONSORZIO COMUNI DEL BACINO IMBRIFERO MONTANO

Dettagli

Art. 41 (Immobili uso abitativo)

Art. 41 (Immobili uso abitativo) Articolo 41 (Incremento del patrimonio immobiliare destinato alla locazione di edilizia abitativa) Per incrementare il patrimonio immobiliare destinato alla locazione di edilizia abitativa, con particolare

Dettagli

soggetti in condizioni di povertà e limitato reddito, secondo il principio di universalità e di inclusione sociale.

soggetti in condizioni di povertà e limitato reddito, secondo il principio di universalità e di inclusione sociale. Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 85 del 21-06-2013 20905 votazione ed unico voto espresso per ciascun consigliere ; Segretario: funzionario del Comune. Art. 73 Pubblicità delle spese elettorali

Dettagli

Il Ministro dello Sviluppo Economico. Il Ministro dell Economia e delle Finanze. di concerto con

Il Ministro dello Sviluppo Economico. Il Ministro dell Economia e delle Finanze. di concerto con Il Ministro dello Sviluppo Economico di concerto con Il Ministro dell Economia e delle Finanze Visto l articolo 252-bis del decreto legislativo 3 aprile 2006, n. 152, come sostituito dall articolo 4, comma

Dettagli

Proposta di legge Alienazione degli immobili di ERP. Documento preliminare

Proposta di legge Alienazione degli immobili di ERP. Documento preliminare ALLEGATO A Proposta di legge Alienazione degli immobili di ERP Documento preliminare 1. Inquadramento normativo La materia dell edilizia residenziale pubblica comprende il complesso delle attività delle

Dettagli

Congedo parentale. Definizione

Congedo parentale. Definizione Congedo parentale Definizione Oltre al congedo di maternità obbligatorio, la legge riconosce alla madre lavoratrice e al padre lavoratore il diritto al congedo parentale (ex astensione facoltativa, art.

Dettagli

CIRCOLARE N. 41/E. OGGETTO: Legge 18 ottobre 2001, n. 383, recante Primi interventi per il rilancio dell economia. Risposta ai quesiti.

CIRCOLARE N. 41/E. OGGETTO: Legge 18 ottobre 2001, n. 383, recante Primi interventi per il rilancio dell economia. Risposta ai quesiti. CIRCOLARE N. 41/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 13 maggio 2002 OGGETTO: Legge 18 ottobre 2001, n. 383, recante Primi interventi per il rilancio dell economia. Risposta ai quesiti. Ad

Dettagli

Viste le seguenti norme di riferimento:

Viste le seguenti norme di riferimento: Deliberazione del commissario straordinario n. 02/2015 del 06.03.2015 OGGETTO: Parere favorevole in ordine all ipotesi di fusione dei Comuni di Bondo, Breguzzo, Lardaro e Roncone e alla conseguente istituzione

Dettagli

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Reg.delib.n. 400 Prot. n. VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA PROVINCIALE O G G E T T O: Promozione del progetto per la costituzione del Fondo di Housing Sociale Trentino

Dettagli

PUC3 COMUNE DI PARRANO. Programmi Integrati di Sviluppo Urbano PUC3

PUC3 COMUNE DI PARRANO. Programmi Integrati di Sviluppo Urbano PUC3 PUC3 COMUNE DI PARRANO Programmi Integrati di Sviluppo Urbano PUC3 Interventi per la rivitalizzazione e rifunzionalizzazione delle aree urbane e dei centri storici Riqualificazione dell insediato storico

Dettagli

LEGGE GIOVANI: Provvedimenti per l inserimento lavorativo, la disponibilità abitativa, lo sviluppo culturale, la partecipazione attiva dei giovani

LEGGE GIOVANI: Provvedimenti per l inserimento lavorativo, la disponibilità abitativa, lo sviluppo culturale, la partecipazione attiva dei giovani Consigliere provinciale MAURO MINNITI Via Perathoner, 10 39100 BOLZANO Tel. 0471-946209 www.minnitimauro.it info@minnitimauro.it DISEGNO DI LEGGE PROVINCIALE LEGGE GIOVANI: Provvedimenti per l inserimento

Dettagli

Le semplificazioni e i procedimenti introdotti. dal decreto del fare in edilizia

Le semplificazioni e i procedimenti introdotti. dal decreto del fare in edilizia SAMANTA RICCO LUCA GRASSI mercoledì, martedì, 23 18 settembre 2014 2013 Le semplificazioni e i procedimenti introdotti Giornata del Decreto del fare dal decreto del fare in edilizia DISPOSIZIONI IN MATERIA

Dettagli

Provincia Autonoma di Trento

Provincia Autonoma di Trento Provincia Autonoma di Trento COMUNE di: REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DEL CONTRIBUTO DI CONCESSIONE Legge provinciale 5 settembre 1991 n. 22 e s.m. 1 INDICE Art. 1 - Ambito di applicazione pag. 3 Art.

Dettagli

LEGGE PROVINCIALE N. 3 DEL 13-05-2011 REGIONE BOLZANO (Prov.)

LEGGE PROVINCIALE N. 3 DEL 13-05-2011 REGIONE BOLZANO (Prov.) LEGGE PROVINCIALE N. 3 DEL 13-05-2011 REGIONE BOLZANO (Prov.) Norme in materia di assistenza e beneficenza, di procedimento amministrativo, di supe-ramento o eliminazione delle barriere architettoniche,

Dettagli

IL MINISTRO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI. di concerto con IL MINISTRO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE

IL MINISTRO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI. di concerto con IL MINISTRO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI DECRETO 27 ottobre 2011 Modifica ed abrogazione del decreto 4 febbraio 2010 concernente i criteri e le modalita' di ripartizione delle disponibilita' del

Dettagli

Bollettino Ufficiale della Regione del Veneto n. 69 del 13 agosto 2013 da pag. 581 a pag. 590

Bollettino Ufficiale della Regione del Veneto n. 69 del 13 agosto 2013 da pag. 581 a pag. 590 Bollettino Ufficiale della Regione del Veneto n. 69 del 13 agosto 2013 da pag. 581 a pag. 590 DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE n. 1327 del 23 luglio 2013 Sviluppo e sostenibilità del turismo veneto.

Dettagli

Capo I disposizioni comuni. art. 1 contenuti e finalità. art. 2 struttura competente

Capo I disposizioni comuni. art. 1 contenuti e finalità. art. 2 struttura competente Regolamento per la concessione e l erogazione dei contributi per la realizzazione di alloggi o residenze per studenti universitari, ai sensi della legge regionale 23 gennaio 2007, n. 1, art. 7, comma 18

Dettagli

Circolare N. 151 del 18 Novembre 2014

Circolare N. 151 del 18 Novembre 2014 Circolare N. 151 del 18 Novembre 2014 DL Sblocca Italia: le novita dopo la conversione in legge (DL n. 133/2014 convertito con legge n. 16/2014) Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla

Dettagli

Guida alla Manovra di finanza pubblica 2009-2011 (DL n.112/2008, convertito con legge 6 agosto 2008, n. 133)

Guida alla Manovra di finanza pubblica 2009-2011 (DL n.112/2008, convertito con legge 6 agosto 2008, n. 133) Guida alla Manovra di finanza pubblica 2009-2011 (DL n.112/2008, convertito con legge 6 agosto 2008, n. 133) Disposizioni di principale interesse per la finanza regionale Segreteria Bilancio e Finanza

Dettagli

SEZIONE 6 CONSIDERAZIONI FINALI SULLA COERENZA DEI PROGRAMMI RISPETTO AI PIANI REGIONALI DI SVILUPPO, AI PIANI REGIONALI DI SETTORE, AGLI ATTI

SEZIONE 6 CONSIDERAZIONI FINALI SULLA COERENZA DEI PROGRAMMI RISPETTO AI PIANI REGIONALI DI SVILUPPO, AI PIANI REGIONALI DI SETTORE, AGLI ATTI SEZIONE 6 CONSIDERAZIONI FINALI SULLA COERENZA DEI PROGRAMMI RISPETTO AI PIANI REGIONALI DI SVILUPPO, AI PIANI REGIONALI DI SETTORE, AGLI ATTI PROGRAMMATICI DELLA REGIONE 6.1 - Valutazioni finali della

Dettagli

(1) Pubblicato nel BURA 27 ottobre 2006, n. 9 Straordinario.

(1) Pubblicato nel BURA 27 ottobre 2006, n. 9 Straordinario. D.P.G.R. 20 ottobre 2006, n. 3/Reg. (1) Regolamento di attuazione della L.R. 6.7.2001, n. 25 concernente: Contributi per acquisto, recupero e costruzione della prima casa. Art. 1 Finalità 1. Il presente

Dettagli

LE LINEE DI RIFORMA DELLA STRUTTURA DELLA CONTRATTAZIONE IL DOCUMENTO CONDIVISO DA UIL, CISL E CONFINDUSTRIA

LE LINEE DI RIFORMA DELLA STRUTTURA DELLA CONTRATTAZIONE IL DOCUMENTO CONDIVISO DA UIL, CISL E CONFINDUSTRIA LE LINEE DI RIFORMA DELLA STRUTTURA DELLA CONTRATTAZIONE IL DOCUMENTO CONDIVISO DA UIL, CISL E CONFINDUSTRIA 1) Perché la riforma del modello contrattuale: Nell attuale scenario, il modello contrattuale

Dettagli

DOSSIER. PL n. 389/9 di iniziativa del Consigliere G. CAPUTO recante: "Fiera storica della Ronza a Campana" relatore: C.

DOSSIER. PL n. 389/9 di iniziativa del Consigliere G. CAPUTO recante: Fiera storica della Ronza a Campana relatore: C. DOSSIER PL n. 389/9 di iniziativa del Consigliere G. CAPUTO recante: "Fiera storica della Ronza a Campana" relatore: C. IMBALZANO; DATI DELL'ITER NUMERO DEL REGISTRO DEI PROVVEDIMENTI DATA DI PRESENTAZIONE

Dettagli

CASA E LAVORO: LE PRIORITÀ CONDIVISE

CASA E LAVORO: LE PRIORITÀ CONDIVISE La trasparenza nelle Istituzioni: FACCIAMO IL PUNTO SULL ATTIVITÀ DI GOVERNO Aggiornato al 28 agosto 2013 IL GOVERNO LETTA E LA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO: CASA E LAVORO: LE PRIORITÀ CONDIVISE Nelle pagine

Dettagli

Comune di Cantagallo Provincia di Prato

Comune di Cantagallo Provincia di Prato Comune di Cantagallo Provincia di Prato REGOLAMENTO COMUNALE PER I CRITERI DI RIPARTIZIONE E PER LA REGOLAMENTAZIONE DELLA PROCEDURA INERENTE I CONTRIBUTI INTROITATI DAL COMUNE A TITOLO DI ONERI DI URBANIZZAZIONE

Dettagli

I lavori da eseguire devono essere conformi all art. 8 del DM 14 giugno 1989, n.236.

I lavori da eseguire devono essere conformi all art. 8 del DM 14 giugno 1989, n.236. Tra gli interventi previsti per il superamento delle barriere architettoniche negli edifici privati, rientrano sia le installazioni di piattaforme elevatrici, sia le installazioni di impianti servoscala

Dettagli

ALLEGATO ALLA DELIBERAZIONE CONSILIARE N.

ALLEGATO ALLA DELIBERAZIONE CONSILIARE N. ALLEGATO ALLA DELIBERAZIONE CONSILIARE N. 99 d'ord. DEL 22.07.2002 REGOLAMENTO di attuazione degli interventi in materia di assistenza scolastica e diritto allo studio ex Art. 28, 1 comma L.R. 09.03.1988

Dettagli

PROPOSTA DI LEGGE REGIONALE. Norme in materia di edilizia residenziale pubblica e housing sociale. Relazione

PROPOSTA DI LEGGE REGIONALE. Norme in materia di edilizia residenziale pubblica e housing sociale. Relazione PROPOSTA DI LEGGE REGIONALE Norme in materia di edilizia residenziale pubblica e housing sociale Relazione Con la presente legge si intende procedere ad un riassetto del comparto dell edilizia residenziale,

Dettagli

REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE

REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE INDICE Art. 1 - Oggetto e finalità del regolamento Art. 2 - Requisiti di ammissibilità al contributo Art. 3 - Tipologie di spese ammissibili

Dettagli

Stabilità 2016. Tutte le novità per la casa, l edilizia e i professionisti

Stabilità 2016. Tutte le novità per la casa, l edilizia e i professionisti Stabilità 2016. Tutte le novità per la casa, l edilizia e i professionisti È stata approvata dal Senato con voto di fiducia la Legge di Stabilità 2016. Questi, in sintesi, i contenuti della norma: Ecobonus

Dettagli

ATTI DEGLI ORGANI COSTITUZIONALI DECRETI, DELIBERE E ORDINANZE MINISTERIALI

ATTI DEGLI ORGANI COSTITUZIONALI DECRETI, DELIBERE E ORDINANZE MINISTERIALI LAVORI PREPARATORI Camera dei deputati (atto n. 1923): Presentato dal Ministro degli affari esteri ( BONINO ) il 30 dicembre 2013. Assegnato alla III Commissione (Affari esteri e comunitari), in sede referente,

Dettagli

COMUNE DI NUVOLENTO Provincia di Brescia VERBALE DI DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DEL SERVIZIO FINANZIARIO. N. 27 del 11.10.2010

COMUNE DI NUVOLENTO Provincia di Brescia VERBALE DI DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DEL SERVIZIO FINANZIARIO. N. 27 del 11.10.2010 COMUNE DI NUVOLENTO Provincia di Brescia ======================================================= VERBALE DI DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DEL SERVIZIO FINANZIARIO N. 27 del 11.10.2010 OGGETTO:Determinazione

Dettagli

Legge 338/00 (Residenze Universitarie)

Legge 338/00 (Residenze Universitarie) Legge 338/00 (Residenze Universitarie) Legge 14 novembre 2000, n. 338 (in GU 23 novembre 2000, n. 274) Disposizioni in materia di alloggi e residenze per studenti universitari La Camera dei deputati ed

Dettagli

COMUNE di VIGONOVO *** Provincia di Venezia

COMUNE di VIGONOVO *** Provincia di Venezia COMUNE di VIGONOVO *** Provincia di Venezia REGOLAMENTO DI ISTITUZIONE DELL'ALBO COMUNALE DELLE LIBERE FORME ASSOCIATIVE E LA COSTITUZIONE DELLE CONSULTE Approvato con delibera di C.C. n. 17 del 12.04.2006

Dettagli

Definizione delle procedure di assegnazione e vendita dei terreni agricoli in territorio del Fucino, provenienti dalla riforma fondiaria

Definizione delle procedure di assegnazione e vendita dei terreni agricoli in territorio del Fucino, provenienti dalla riforma fondiaria Consiglio Regionale Definizione delle procedure di assegnazione e vendita dei terreni agricoli in territorio del Fucino, provenienti dalla riforma fondiaria Art. 1 (Finalità) 1. La Regione, in attuazione

Dettagli

COMUNE DI CARMIGNANO DI BRENTA REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA

COMUNE DI CARMIGNANO DI BRENTA REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA COMUNE DI CARMIGNANO DI BRENTA REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA Approvato con delibera del Consiglio Comunale n. 21 del 31/07/2012 INDICE Art. 1 - Oggetto del regolamento Pag.

Dettagli

Decreto Legge del 18 gennaio 1993, n. 9 (1)

Decreto Legge del 18 gennaio 1993, n. 9 (1) Decreto Legge del 18 gennaio 1993, n. 9 (1) Disposizioni urgenti in materia sanitaria e socio-assistenziale. (1) Pubblicato nella Gazz. Uff. 19 gennaio 1993, n. 14 e convertito in legge, con modificazioni,

Dettagli

Legge Regionale 16 agosto 2001, n. 40 Disposizioni in materia di riordino territoriale e di incentivazione delle forme associative di comuni.

Legge Regionale 16 agosto 2001, n. 40 Disposizioni in materia di riordino territoriale e di incentivazione delle forme associative di comuni. Legge Regionale 16 agosto 2001, n. 40 Disposizioni in materia di riordino territoriale e di incentivazione delle forme associative di comuni. Bollettino Ufficiale n. 27, parte prima, del 27.08.2001 Art.

Dettagli

(1) Per l'ulteriore incremento degli stipendi tabellari vedi l'art. 6 del CCNL di cui all'accordo 11 aprile 2008.

(1) Per l'ulteriore incremento degli stipendi tabellari vedi l'art. 6 del CCNL di cui all'accordo 11 aprile 2008. Acc. 9 maggio 2006 Contratto collettivo nazionale di lavoro del personale del comparto delle regioni e delle autonomie locali, per il biennio economico 2004-2005. AGGIORNATA AL 31/12/2008. Pubblicato nella

Dettagli

REGOLAMENTO SULL'ORDINAMENTO DEGLI UFFICI E DEI SERVIZI DELLA CASA DI RIPOSO DI NOVENTA PADOVANA

REGOLAMENTO SULL'ORDINAMENTO DEGLI UFFICI E DEI SERVIZI DELLA CASA DI RIPOSO DI NOVENTA PADOVANA REGOLAMENTO SULL'ORDINAMENTO DEGLI UFFICI E DEI SERVIZI DELLA CASA DI RIPOSO DI NOVENTA PADOVANA Approvato con deliberazione del Consiglio di Amministrazione n 29 del 21/08/2012. Pagina 1 di 12 TITOLO

Dettagli

Piano nazionale di edilizia abitativa

Piano nazionale di edilizia abitativa ALLEGATO Piano nazionale di edilizia abitativa Art. 1 (Linee d intervento) 1. Il piano è articolato in sei linee di intervento, di seguito indicate: a) costituzione di un sistema integrato nazionale e

Dettagli