Il Motore elettrico nella società di massa

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Il Motore elettrico nella società di massa"

Transcript

1 Liceo Scientifico Tecnologico L. da Vinci, Lanciano Anno Scolastico 2009/2010 Il Motore elettrico nella società di massa Alunno: Priori Mario Classe: V Lst-A Docenti referenti: - Prof. Quintino d Annibale - Prof. Arturo Ventrella - Prof. Marco Nicastro - Prof. ssa Giuseppina Palazzoli - Prof. ssa Rosamaria Di Loreto - Prof. Rocco Piccone

2 Sommario FISICA... 2 MOTORE ELETTRICO A CORRENTE CONTINUA... 3 MATEMATICA... 6 ENERGIA IMMAGAZZINATA IN UN CAMPO MAGNETICO... 6 CHIMICA... 7 REGOLA DI MARKOVNIKOV... 7 INGLESE:... 8 THOMAS ELIOT... 8 STORIA... 9 LA SOCIETA DI MASSA... 9 ITALIANO GIOVANNI PASCOLI INFORMATICA E SISTEMI TRASDUTTORI DI TEMPERATURA /14

3 FISICA MOTORE ELETTRICO A CORRENTE CONTINUA Parlando dei motori elettrici a corrente continua possiamo dire che un primo prototipo fu inventato da Faraday nella prima metà del 1800, usando un cavo elettrico fissato verticalmente ed immerso nel mercurio, nel piatto vi era anche un magnete, quando la corrente elettrica veniva fatta scorrere nel cavo esso girava attorno al magnete. Al giorno d oggi i motori a corrente continua sono del tutto diversi da quello inventato da Faraday: sono formati da un guscio esterno magnetico, al suo interno vi è un albero dove sono fissati due avvolgimenti di spire in cui scorre corrente continua, alle due estremità dell albero vi è un commutatore che inverte il senso della corrente ad ogni mezzo giro compiuto. Quindi passiamo alla descrizione delle principali fasi di un motore a corrente continua: In questa immagine è illustrato il momento in cui la corrente scorre nelle spire, quindi secondo la legge di Lorenz sulla spira si creerà una coppia di forze dovuta al passaggio di corrente in un campo magnetico, questa forza fa ruotare le spire finché non si allineano con il campo magnetico. 3/14

4 Quindi nella seconda fase l albero continua il suo moto per arrivare all allineamento. Nella terza fase avviene l allineamento delle spire con il campo magnetico, quindi teoricamente il motore si dovrebbe fermare, però i cavi sono collegati, tramite delle spazzole, ad un commutatore che in questa fase, come in quella opposta, inverte il senso della corrente nelle spire, quindi per la regola delle tre dita, le spire dovranno allinearsi al campo e il moto continua. Affrontando teoricamente il meccanismo che fa funzionare un motore a corrente continua, si deve introdurre il concetto di momento torcente su una spira percorsa da corrente, infatti se noi abbiamo una spira quadrata percorsa da una quantità di corrente immersa in un campo magnetico, si andrà a formare su di essa, secondo la regola di Lorenz, una coppia di forze, nel nostro caso F e F, che saranno concordi ad esercitare un momento sulla spira, che la fanno ruotare attorno al suo asse centrale, finché la spira non si allineerà con il campo magnetico, questo movimento prende il nome di momento torcente. 4/14

5 Nello schema riportato sotto si vede come le forze per ogni lato sono disposte secondo la regola della mano sinistra, le forze giacenti lungo i lati più corti non sono menzionate perché si annullano a vicenda, solo quelle lungo i lati lunghi contribuiscono alla rotazione, quindi andiamo a definire il momento torcente, che ha la stessa definizione di momento meccanico, quindi forza per spostamento, come primo passaggio andiamo a definire la forza: Nel nostro caso le forze che generano momento sono quelle applicate sul lato a (schema), è il loro braccio rispetto all asse è la metà del lato b, quindi: Facendo le dovute somme si avrà: Volendo generalizzare questa relazione per un numero N di spire, avremo: In questa relazione N rappresenta il numero di spire, a il lato lungo che va ha formare la forza (come in figura), b il braccio. 5/14

6 MATEMATICA ENERGIA IMMAGAZZINATA IN UN CAMPO MAGNETICO Dei campi magnetici abbiamo già parlato in fisica, e come essi fanno funzionare un motore elettrico a corrente continua, ma essi sono in grado anche di immagazzinare energia che adesso andremo a vedere dal punto di vista matematico. Ipotizzando di avere un solenoide di induttanza L collegato ad un generatore di f.e.m., quindi si genera nel circuito una f.e.m. autoindotta: Questa è legata alla f.e.m. del generatore e alla resistenza del circuito, facendo anche riferimento alla legge delle maglie, dalla seguente relazione: Dove di/dt è la rapidità con cui varia l intensità di corrente. Se nel circuito fluisce la carica elementare dq=idt, l energia fornita dal generatore nel circuito sarà: L ultimo termine di questa relazione rappresenta l energia che disperde sottoforma di calore nella resistenza, mentre il termine Li di rappresenta l energia che si accumula nel campo magnetico concatenato con il solenoide. Quindi se l intensità di corrente varia da 0 a i, l energia accumulata nel campo è: Che corrisponde proprio alla relazione fisica che regola l energia magnetica immagazzinata in un campo magnetico. 6/14

7 CHIMICA REGOLA DI MARKOVNIKOV Vladimir Markovnikov era un chimico russo, noto per la regola che porta il suo nome. Facendo qualche accenno sulla vita, lui frequentò l università come uno studente di legge, ma presto rimase affascinato dalle lezioni di chimica nella stessa università. Dopo la laurea in chimica si trasferì due anni in Germania per i primi sbocchi lavorativi, per poi tornare in Russia dove iniziò il dottorato, proprio in questo periodo tenne le sue prime lezioni come professore straordinario, e cominciò a lavorare sugli effetti di orientazione nelle reazione di addizione elettrofila che lo portarono a formulare nel 1869 quella che è conosciuta dai chimici di tutto il mondo come regola di Markovnikov. In chimica la regola di Markovnikov è una regola che indica l orientamento preferenziale delle carica in una reazione di addizione elettrofila, affermando che l idrogeno si lega al carbonio più idrogenato del doppio legame. Ed ha la seguente definizione: Quando un alchene di struttura asimmetrica si combina con un acido alogenidrico, l'idrogeno si attacca al carbonio del doppio legame che è legato al maggior numero di atomi di idrogeno, mentre l'alogeno si lega al carbonio del doppio legame più povero di idrogeno Questo perché quando un atomo di idrogeno si lega con uno dei due atomi di carbonio, legati tramite doppio legame, si forma un carbocatione. Un carbocatione è tanto più stabile quando più la carica sarà delocalizzata su altri atomi, quest ultimo passaggio si realizza grazie ad uno spostamento parziale degli elettroni dei legami σ C-H e C-C verso l atomo di carbonio positivo, se il carbocatione è circondato da atomi di carbonio sarà più facile disperdere la carica. Quindi si può affermare che nelle reazioni di addizione elettrofila è favorita la formazione di carbocationi terziari rispetto ai secondari e secondari piuttosto che primari, come già detto per far si che la carica si delocalizzi meglio. Reazioni che seguono l'orientamento inverso, ovvero in cui l'idrogeno va a legarsi all'atomo di carbonio meno idrogenato, vengono dette "anti-markovnikov". 7/14

8 INGLESE: THOMAS ELIOT Eliot is the best known and influential personality of poetic Modernism and one of the greatest English poets of the century. His first volume of verse, Prufrock and other observations, appeared in His most important composition is The Waste Land, the poem was edited and reduced to grater intensity by Ezra Pound, to whom it is dedicated, and come out in1922. Others of his compositions were: Ash Wednesday, Murder in the Cathedral, Four Quartets. Thomas Eliot had by this time become internationally acclaimed, and in 1948 he was awarded the Nobel Prize for literature. He is worth to remembered as poet and dramatist by the critics. Eliot left several assays, which greatly contributed to define the modern age and the role of culture. An American by birth and a cosmopolitan by vocation and education. He acknowledged a special debt to Dante, he considered a model for his own poetry. If Dante was to him the Poet par excellence, Eliot also acknowledged other influences: the Metaphysical poets, the Symbolism and Baudelaire. The Waste Land is a typical example of Modernism. Based on various legends, it portrays modern London as a sterile, west land, and expresses the depression and cynicism of the post war period. The poem is built around several symbols, the most important of which are drought and flood, representing death and rebirth. The main difficulty for the reader is to understand its meaning: there seems to be no beginning and no end; thoughts appear unfinished; there are abrupt shifts; the characters are not clearly defined and the events cannot be located at a particular place; the past merges with the present. The name of Thomas S. Eliot is often associated with that of the Italian poet Eugenio Montale. They know and admired each other s works, and shared a sense of solitude and uneasiness in the modern world, that they perceived as sterile and often hostile. Montale adopted the use of objective correlative, that he found very congenial to his own poetry and became typical of large part of his output. The following poem presents life as barren, unpleasant, waste land; here we find a very famous objective correlative, the wall covered with pieces of broken glass, which produces the emotion of frustration, desolation, of feeling alone in a hostile reality. 8/14

9 STORIA LA SOCIETA DI MASSA Sicuramente il clima storico in cui Faraday faceva i suoi primi esperimenti sul motore elettrico, era volto ad un progresso in tutti gli ambiti, specialmente in quello tecnologico, infatti ci troviamo nel periodo dei primi sviluppi della società di massa. Parlando di questo passaggio storico introduciamo in primo luogo il significato del termine massa, che sta ad indicare un aggregato omogeneo in cui i singoli tendono a scomparire rispetto al gruppo. In primo piano in questa società vi è un grande sviluppo delle relazioni sociali, infatti con il grande sviluppo degli agglomerati urbani vi è una maggiore frequenza di incontro tra la popolazione, però, questi rapporti assumono un carattere anonimo e impersonale, specie nelle grandi istituzioni statali; inoltre in questo periodo viene introdotta una vera e propria economia di mercato. Grande caratteristica di questo periodo storico fu l industrializzazione, infatti, i paesi più industrializzati conobbero dalla fine dell 800 alla prima guerra mondiale un intensa espansione in questo campo. In questo periodo il numero di operai nelle aziende era pressoché raddoppiato, quindi vi fu un vero è proprio ampliamento del mercato su scala mondiale, per consentire questo vi fu l introduzione, per prima dalla Ford, della catena di montaggio, quindi la produzione in serie che consentiva una rete commerciale molto più allargata, grazie ad una produzione sempre maggiore, si riaprirono le vendite a domicilio, con forme di pagamento agevolato. Su questi processi vi furono anche dei veri e propri studi, tra cui quello di Taylor, che pubblicò un libro che si basava sullo studio sistematico del lavoro in fabbrica, con rivelazioni di tempi standard, regole e ritmi. In questo grande clima di benessere, e questi nuovi incarichi in ambito lavorativo, si formarono anche dei nuovi ceti sociali, che venivano divisi in base alla manodopera generica, i lavoratori qualificati, il lavoro autonomo e il lavoro dipendente. Sicuramente una buona posizione in questi ceti era ricoperta dai cosiddetti colletti bianchi, che erano chiamati così perché erano vestiti sempre in camicia, essendo degli impiegati, assolvendo ad incarichi istituzionali. In questa società volta alla modernità, non vi potevano essere delle differenze d istruzione, infatti, in questo periodo si fece capire alla popolazione che l istruzione non era un privilegio delle alte classi sociali, ma, era aperta a tutti, e con ciò si portarono anche nuovi posti di lavoro; quindi l istruzione fu resa obbligatoria fino alla quinta elementare, e furono migliorate le scuole medie e superiori; con ciò vi fu una rilevante diminuzione del tasso di analfabetismo. Forse una conseguenza di questo fu un aumento radicale delle vendite dei giornali e dei quotidiani, quindi le case editrici furono costrette ad aumentare le tirature e vi fu l introduzione delle agenzie di stampa. In questo contesto storico non fu dimenticata la parte militare, infatti, fu introdotto il servizio militare di leve con delle ferme variabili; questo servizio fu incentivato anche dal fatto che con l introduzione della ferrovia gli eserciti 9/14

10 potevano spostarsi su territori ampi in poco tempo, quindi così si formarono i moderni eserciti di massa. In questo clima di modernizzazione vi era anche un bisogno di affermazione della democrazia, infatti, il voto era aperto a tutto il popolo maschile solo in Francia, Germania e Svizzera, e un altro grande frutto di questa società fu di aprire il voto a tutta la popolazione maschile maggiorenne, indipendentemente dalle classi di appartenenza, quindi andarono nascendo i primi partiti di massa, fra cui il partito socialdemocratico tedesco, per il controllo dei diritti dei lavoratori aumento il numero di associazioni e di sindacati che si trovavano all interno delle aziende stesse. Alla vista di tutto ciò il popolo femminile volle anch esso rivendicare i suoi diritti, come quello elettorale, e quello dell accesso agli studi universitari, questa protesta ebbe il suo apice in Gran Bretagna, dove vi era la protesta delle suffragette, rivendicando il diritto di suffragio, questi movimenti furono lunghi e decisi anche con marce sul parlamento; però questi movimenti furono abbandonati e cessarono nel silenzio. Molto più fortunati furono gli operai, infatti, furono assicurati contro gli infortuni, fu istituita una pensione di vecchiaia e sussidi per disoccupati. Si cerco anche di diminuire le ore di lavoro ad un numero ragionevole e il diritto ad almeno ad un riposo settimanale, inoltre, furono introdotte delle imposte dirette, sul reddito, e diminuite quelle indirette, che gravano sui consumi e sulle attività economiche. 10/14

11 ITALIANO GIOVANNI PASCOLI Giovanni Pascoli nacque a San Mauro di Romagna nel 1855, dai sette ai quattordici anni studiò in un collegio ad Urbino, che dovette lasciare per la morte del padre, ucciso da sconosciuti mentre tornava a casa. Dopo molti lutti in famiglia si iscrisse alla facoltà di lettere dell università di Bologna. Aderì anche ad iniziative socialiste, ma dopo un attentato al re Umberto I fu arrestato e decise che la sua carriera politica sarebbe finita lì. Dopo questo episodio si laureò ed insegno prima latino e greco in alcuni licei, poi lettere alle università di Messina e Pisa, finché non ottenne la cattedra a Bologna lasciatagli dal Carducci. Morì a Bologna nel Per quanto riguarda il suo pensiero Pascoli ebbe una concezione dolorosa della vita, sulla quale influirono due fatti principali: la tragedia familiare e la crisi del positivismo. La tragedia familiare colpì il poeta il 10 agosto 1867, quando gli fu ucciso il padre. Alla morte del padre seguì, quella della madre, della sorella maggiore, Margherita, e dei fratelli Luigi e Giacomo. Questi elementi lasciarono in lui quell impressione del nido familiare distrutto, quindi da ricostruire faticosamente. Infatti, uno dei testi di punta del Pascoli è il X Agosto, che è un poema dedicato alla morte del padre Ruggero, ucciso mentre tornava a casa da una fiera; nella mente del poeta, allora dodicenne, è rimasta per sempre impressa la crudeltà, anche a trent anni di distanza. L altro elemento che influenzo il pensiero di Pascoli, fu la crisi del positivismo, che si verificò verso la fine dell Ottocento e travolse i suoi miti più celebrati: la scienza liberatrice e il progresso. Il Pascoli, nonostante fosse inizialmente un seguace delle dottrine positivistiche, non solo riconosce l impotenza della scienza di fronte ai problemi umani e sociali, ma l accusa anche di aver reso più infelice l uomo, distruggendo in lui la fede di Dio e l immortalità dell anima, che era stata per secoli il suo conforto. Da questa constatazione fu tratto a formulare una teoria etico sociale, di origine sentimentale, improntata ad un umanitarismo generico, contenuta nella prefazione della raccolta Myricae, che fu così chiamata non solo per indicare l argomento prevalentemente campestre, ma anche per indicare la sua inferiorità nei confronti del maestro Carducci, infatti, le myricae erano delle piante non pregiate. Quindi il Pascoli vuole dire che il male e il dolore sono un prodotto degli uomini e non della natura, il Pascoli esorta a bandire, nei loro rapporti, l egoismo, la violenza, la guerra, ad unirsi e ad amarsi come fratelli nell ambito della famiglia, della nazione, dell umanità. Questa condizione è rappresentata dalla poesia dei due fanciullini, che dopo essersi picchiati vengono messi a letto, nel buio e per paura si abbracciano. La poetica di Pascoli è legata alla sua concezione del mistero come realtà che ci avvolge, ad esplorare questo mistero si sono rivelate impotenti sia la filosofia che la scienza; ma dove hanno fallito il filosofo e lo scienziato, può riuscire il poeta, infatti, Pascoli fa appello al fanciullino che è dentro di se e dentro di tutti noi, egli solo può 11/14

12 esplorare questo mistero, grazie a uno spirito ingenuo e spontaneo, che possono possedere solo i fanciulli, riesce a cogliere gli aspetti nascosti delle cose. Questa poetica viene esplicata nello scritto intitolato Il fanciullino,pubblicato nella rivista fiorentina Il Marzocco. Egli per questa poetica prende spunto da un passo del Fedone di Platone, in cui i discepoli del filosofo, pur convinti dell immortalità dell anima, in loro è sempre presente un fanciullino che era il simbolo delle superstizioni, dei terrori della morte e dell oltretomba, da cui siamo turbati da fanciulli ad adulti. Questo fanciullino è in tutti gli uomini, i quali perciò sono tutti più o meno poeti, ma nella maggior parte di essi, distratti e presi dalle loro attività pratiche, il fanciullino tace; in altri, invece, più sensibili e sognanti, cioè veri e propri poeti, il fanciullino fa sentire continuamente la sua voce di stupore davanti alla bellezza della natura e al fascino del mistero. Con questo concetto del fanciullo poeta la tendenza a pargoleggiare guasta tante poesie di Pascoli, e ha portato la condanna della cosiddetta poesia applicata. In realtà il fanciullino che si racchiude in lui tende insistentemente e inesorabilmente a ricreare situazioni ed evocazioni di un mondo intimo ormai perduto per sempre. Altre opere molto importanti di Pascoli furono: Canti di Castelvecchio, che fu dedicato alla madre e Gelsomino Notturno, che rappresenta uno dei risultati più complessi della poesia di Pascoli; esso ricostruisce la magica notte di due sposi attraverso la descrizione di una serie di sensazioni e di emozioni legate fra loro da una trama di corrispondenze. 12/14

13 INFORMATICA E SISTEMI TRASDUTTORI DI TEMPERATURA Prima di parlare dei trasduttori di temperatura, è giusto fare una panoramica generale sui trasduttori, essi possono essere divisi, inizialmente, in due grandi gruppi: - Trasduttori attivi: sono quelli che trasformano una grandezza fisica direttamente in un segnale elettrico, come le termocoppie; - Trasduttori passivi: sono quelli che trasformano una variazione di una grandezza fisica in un parametro elettrico, questi necessitano di un sistema di alimentazione. Un altra seconda classificazione tra i trasduttori è fatta in base al tipo di segnale di uscita che emettono, quindi: - Trasduttori con segnale di uscita analogico; - Trasduttori con segnale di uscita digitale. TRASDUTTORI DI TAMPERATURA Tra i trasduttori i dispositivi più conosciuti sono quelli di temperatura, essi a loro volta possono essere divisi in più tipologie: - A variazione di resistenza; - Termocoppie. TRASDUTTORI DI TEMPERATURA A VARIAZIONE DI RESISTENZA Questi tipi di trasduttori per il loro funzionamento sfruttano la proprietà fisica per la quale la resistenza elettrica varia con il variare della temperatura, secondo la relazione: Nel caso questi trasduttori siano costituiti da metalli, prendono il nome di RTD e appaiono abbastanza simili a un filo, il metallo più utilizzato e che garantisce più precisione è il platino, ma con un costo elevato. Gli RTD sono caratterizzati da un coefficiente di temperatura positivo, quindi un aumento resistenza all aumentare della temperatura, limitata sensibilità e discreta linearità. Per realizzare trasduttori di temperatura a variazione di resistenza, non occorrono forzatamente dei conduttori, ma è possibile farlo anche con dei semiconduttori, che prendono il nome di termistori, che possono presentare coefficienti di temperatura sia positivi (PTC) che negativi (NTC). Il loro vantaggio è che presentano una sensibilità molto più elevata degli RTD, a scapito, però, della linearità, molto inferiore rispetto degli RTD. I PTC che presentano coefficiente di temperatura positivo sono realizzati in titanato di bario sinterizzato. 13/14

14 Gli NTC che presentano coefficiente di temperatura negativo sono realizzati in cobalto, manganese rame e ferro. Per garantire un giusto funzionamento, gli NTC e i PTC o vengono usti per piccoli intervalli di temperatura, oppure vengono affiancati con dei sistemi di linearizzazione. TERMOCOPPIE Le termocoppie rappresentano un tipico esempio di trasduttore attivo, producono, infatti, una grandezza elettrica in base alla temperatura da misurare. La generazione del segnale dalle termocoppie dipende dall effetto termoelettrico, che ha la seguente definizione: In un circuito chiuso realizzato da due conduttori di diversa natura, connessi tra loro in modo da formare due giunzioni che vengono sottoposte a differenti temperature, si genera che cresce di intensità all aumentare dello scarto termico fra le due giunzioni Se noi scaldiamo un giunto, l altro rimarrà a temperatura iniziale, in base alla differenza di temperatura fra i due giunti, sarà la f.e.m. generata. I due punti di contatto vengono denominati giunto caldo e giunto freddo, ed il primo è sottoposto alla temperatura da misurare. Quindi se il circuito viene aperto tra i due terminali è possibile rilevare una f.e.m., strettamente legata alla differenza di temperatura fra i due giunti. La f.e.m. che si andrà a generare dipende esclusivamente dai materiali che vanno a costituire la termocoppia, infatti, variandoli si può abbassare la f.e.m. ed incrementare la temperatura e viceversa. Per rendere la differenza di temperatura sempre efficiente, nei circuiti integrati delle termocoppie vi è un dispositivo che rileva la temperatura ambiente, che assume il giunto freddo. Inoltre, le forze elettromotrici che si genereranno si aggirano sull ordine del millesimo di volt, quindi occorrono degli amplificatori. Mario Priori 14/14

LABORATORIO DI FISICA. Elettromagnetismo

LABORATORIO DI FISICA. Elettromagnetismo MINISTERO DELL ISTRUZIONE,UNIVERSITA E RICERCA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE L. DA Vinci Via G. Rosato, 5-66034 L a n c i a n o (Ch) Tel. 087242556 Fax 0872702934 E-mail: chtf0200l@istruzione.it

Dettagli

LA CORRENTE ELETTRICA Prof. Erasmo Modica erasmo@galois.it

LA CORRENTE ELETTRICA Prof. Erasmo Modica erasmo@galois.it LA CORRENTE ELETTRICA Prof. Erasmo Modica erasmo@galois.it L INTENSITÀ DELLA CORRENTE ELETTRICA Consideriamo una lampadina inserita in un circuito elettrico costituito da fili metallici ed un interruttore.

Dettagli

Inizia presentazione

Inizia presentazione Inizia presentazione Che si misura in ampère può essere generata In simboli A da pile dal movimento di spire conduttrici all interno di campi magnetici come per esempio nelle dinamo e negli alternatori

Dettagli

GRANDEZZE ELETTRICHE E COMPONENTI

GRANDEZZE ELETTRICHE E COMPONENTI Capitolo3:Layout 1 17-10-2012 15:33 Pagina 73 CAPITOLO 3 GRANDEZZE ELETTRICHE E COMPONENTI OBIETTIVI Conoscere le grandezze fisiche necessarie alla trattazione dei circuiti elettrici Comprendere la necessità

Dettagli

Il Corso di Fisica per Scienze Biologiche

Il Corso di Fisica per Scienze Biologiche Il Corso di Fisica per Scienze Biologiche Ø Prof. Attilio Santocchia Ø Ufficio presso il Dipartimento di Fisica (Quinto Piano) Tel. 075-585 2708 Ø E-mail: attilio.santocchia@pg.infn.it Ø Web: http://www.fisica.unipg.it/~attilio.santocchia

Dettagli

Corrente elettrica. Esempio LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA. Cos è la corrente elettrica? Definizione di intensità di corrente elettrica

Corrente elettrica. Esempio LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA. Cos è la corrente elettrica? Definizione di intensità di corrente elettrica Corrente elettrica LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA Cos è la corrente elettrica? La corrente elettrica è un flusso di elettroni che si spostano dentro un conduttore dal polo negativo verso il polo positivo

Dettagli

Induzione magnetica. Corrente indotta. Corrente indotta. Esempio. Definizione di flusso magnetico INDUZIONE MAGNETICA E ONDE ELETTROMAGNETICHE

Induzione magnetica. Corrente indotta. Corrente indotta. Esempio. Definizione di flusso magnetico INDUZIONE MAGNETICA E ONDE ELETTROMAGNETICHE Induzione magnetica INDUZIONE MAGNETICA E ONDE ELETTROMAGNETICHE Che cos è l induzione magnetica? Si parla di induzione magnetica quando si misura una intensità di corrente diversa da zero che attraversa

Dettagli

Macchina sincrona (alternatore)

Macchina sincrona (alternatore) Macchina sincrona (alternatore) Principio di funzionamento Le macchine sincrone si dividono in: macchina sincrona isotropa, se è realizzata la simmetria del flusso; macchina sincrona anisotropa, quanto

Dettagli

CORRENTE ELETTRICA. La grandezza fisica che descrive la corrente elettrica è l intensità di corrente.

CORRENTE ELETTRICA. La grandezza fisica che descrive la corrente elettrica è l intensità di corrente. CORRENTE ELETTRICA Si definisce CORRENTE ELETTRICA un moto ordinato di cariche elettriche. Il moto ordinato è distinto dal moto termico, che è invece disordinato, ed è sovrapposto a questo. Il moto ordinato

Dettagli

MODELLIZZAZIONE, CONTROLLO E MISURA DI UN MOTORE A CORRENTE CONTINUA

MODELLIZZAZIONE, CONTROLLO E MISURA DI UN MOTORE A CORRENTE CONTINUA MODELLIZZAZIONE, CONTROLLO E MISURA DI UN MOTORE A CORRENTE CONTINUA ANDREA USAI Dipartimento di Informatica e Sistemistica Antonio Ruberti Andrea Usai (D.I.S. Antonio Ruberti ) Laboratorio di Automatica

Dettagli

Codici Numerici. Modifica dell'informazione. Rappresentazione dei numeri.

Codici Numerici. Modifica dell'informazione. Rappresentazione dei numeri. Codici Numerici. Modifica dell'informazione. Rappresentazione dei numeri. A partire da questa lezione, ci occuperemo di come si riescono a codificare con sequenze binarie, quindi con sequenze di 0 e 1,

Dettagli

Flusso del campo magnetico

Flusso del campo magnetico Lezione 19 Flusso del campo magnetico Il flusso magnetico o flusso di B attraverso una superficie aperta delimitata da un contorno chiuso e dato da Se il contorno chiuso e un circuito, il flusso in questione

Dettagli

Lezione 16. Motori elettrici: introduzione

Lezione 16. Motori elettrici: introduzione Lezione 16. Motori elettrici: introduzione 1 0. Premessa Un azionamento è un sistema che trasforma potenza elettrica in potenza meccanica in modo controllato. Esso è costituito, nella sua forma usuale,

Dettagli

Gli alimentatori stabilizzati: cenni alle problematiche relative alla trasmissione di

Gli alimentatori stabilizzati: cenni alle problematiche relative alla trasmissione di Gli alimentatori stabilizzati: cenni alle problematiche relative alla trasmissione di energia elettrica Abbiamo già accennato nella dispensa sugli alimentatori stabilizzati che la necessità del loro utilizzo

Dettagli

La rivoluzione industriale

La rivoluzione industriale La rivoluzione industriale 1760 1830 Il termine Rivoluzione industriale viene applicato agli eccezionali mutamenti intervenuti nell industria e, in senso lato, nell economia e nella società inglese, tra

Dettagli

6 Cenni sulla dinamica dei motori in corrente continua

6 Cenni sulla dinamica dei motori in corrente continua 6 Cenni sulla dinamica dei motori in corrente continua L insieme di equazioni riportato di seguito, costituisce un modello matematico per il motore in corrente continua (CC) che può essere rappresentato

Dettagli

Induzione e.m. generazione di corrente dovuta al moto relativo del magnete rispetto alla spira. un campo magnetico variabile genera una corrente

Induzione e.m. generazione di corrente dovuta al moto relativo del magnete rispetto alla spira. un campo magnetico variabile genera una corrente Induzione e.m. generazione di corrente dovuta al moto relativo del magnete rispetto alla spira un campo magnetico variabile genera una corrente INDUZIONE ELETTROMAGNETICA - ESPERIENZA 1 magnete N S µ-amperometro

Dettagli

Fondamenti di macchine elettriche Corso SSIS 2006/07

Fondamenti di macchine elettriche Corso SSIS 2006/07 9.13 Caratteristica meccanica del motore asincrono trifase Essa è un grafico cartesiano che rappresenta l andamento della coppia C sviluppata dal motore in funzione della sua velocità n. La coppia è legata

Dettagli

Due cariche positive si respingono, due cariche negative si respingono, una carica positiva e una negativa si attraggono.

Due cariche positive si respingono, due cariche negative si respingono, una carica positiva e una negativa si attraggono. 2012 11 08 pagina 1 Carica elettrica Esistono cariche elettriche di due tipi: positiva e negativa. Due cariche positive si respingono, due cariche negative si respingono, una carica positiva e una negativa

Dettagli

- semplicità delle macchine generatrici (alternatori) - possibilità di utilizzare semplicemente i trasformatori

- semplicità delle macchine generatrici (alternatori) - possibilità di utilizzare semplicemente i trasformatori ITCG CATTANEO CON LICEO DALL AGLIO - via M. di Canossa - Castelnovo ne Monti (RE) SEZIONE I.T.I. Le Correnti Alternate Come vedremo è piuttosto semplice produrre tensioni, e di conseguenza correnti, che

Dettagli

Mozione presentata al Collegio dei Docenti dell istituto Albert di Lanzo

Mozione presentata al Collegio dei Docenti dell istituto Albert di Lanzo Lettera aperta ai colleghi dell Istituto Albert, al Preside, al Direttore scolastico regionale, alla Ministra della Pubblica Istruzione, Al mondo sindacale e politico, ai giornali. Mozione presentata al

Dettagli

E possibile classificazione i trasduttori in base a diversi criteri, ad esempio: Criterio Trasduttori Caratteristiche

E possibile classificazione i trasduttori in base a diversi criteri, ad esempio: Criterio Trasduttori Caratteristiche PREMESSA In questa lezione verranno illustrate la classificazione delle diverse tipologie di trasduttori utilizzati nei sistemi di controllo industriali ed i loro parametri caratteristici. CLASSIFICAZIONE

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO G. LEOPARDI A.S. 2010-2011 FENOMENI MAGNETICI FONDAMENTALI

LICEO SCIENTIFICO G. LEOPARDI A.S. 2010-2011 FENOMENI MAGNETICI FONDAMENTALI LICEO SCIENTIFICO G. LEOPARDI A.S. 2010-2011 FENOMENI MAGNETICI FONDAMENTALI Prof. Euro Sampaolesi IL CAMPO MAGNETICO TERRESTRE Le linee del magnete-terra escono dal Polo geomagnetico Nord ed entrano nel

Dettagli

PRIMA LEGGE DI OHM OBIETTIVO: NOTE TEORICHE: Differenza di potenziale Generatore di tensione Corrente elettrica

PRIMA LEGGE DI OHM OBIETTIVO: NOTE TEORICHE: Differenza di potenziale Generatore di tensione Corrente elettrica Liceo Scientifico G. TARANTINO ALUNNO: Pellicciari Girolamo VG PRIMA LEGGE DI OHM OBIETTIVO: Verificare la Prima leggi di Ohm in un circuito ohmico (o resistore) cioè verificare che l intensità di corrente

Dettagli

Dal Settecento ad oggi: ecco come si è evoluto il giornalismo. Caldara, Bassini, Baracchi,Capelletti,Fava

Dal Settecento ad oggi: ecco come si è evoluto il giornalismo. Caldara, Bassini, Baracchi,Capelletti,Fava Dal Settecento ad oggi: ecco come si è evoluto il giornalismo Caldara, Bassini, Baracchi,Capelletti,Fava Affermazione nel Settecento Rischi & conseguenze Il primo giornale: The Spectator TRASFORMAZIONE

Dettagli

Le proprietà periodiche degli elementi LA LEZIONE

Le proprietà periodiche degli elementi LA LEZIONE Le proprietà periodiche degli elementi LA LEZIONE Le proprietà degli elementi mostrano delle tendenze che possono essere predette usando il sistema periodico ed essere spiegate e comprese analizzando la

Dettagli

ALICE SALOMON. Samantha & Jessica

ALICE SALOMON. Samantha & Jessica ALICE SALOMON Samantha & Jessica come assistenti sociali siamo uniti nella certezza che il mondo non potrà essere riformato, che non potrà essere liberato da tutte le sue attuali sofferenze fino a quando

Dettagli

Legge di Faraday. x x x x x x x x x x E B. x x x x x x x x x x R x x x x x x x x x x. x x x x x x x x x x. x x x x x x x x x x E B 1

Legge di Faraday. x x x x x x x x x x E B. x x x x x x x x x x R x x x x x x x x x x. x x x x x x x x x x. x x x x x x x x x x E B 1 B ds Legge di Faraday E x x x x x x x x x x E B x x x x x x x x x x R x x x x x x x x x x B 1 x x x x x x x x x x E x x x x x x x x x x E Schema Generale Elettrostatica moto di una carica q in un campo

Dettagli

Correnti e circuiti a corrente continua. La corrente elettrica

Correnti e circuiti a corrente continua. La corrente elettrica Correnti e circuiti a corrente continua La corrente elettrica Corrente elettrica: carica che fluisce attraverso la sezione di un conduttore in una unità di tempo Q t Q lim t 0 t ntensità di corrente media

Dettagli

Perché gli Angeli sono tornati? E un dato di fatto gli Angeli siano oggi tornati nel mondo, dopo almeno 500 anni di latitanza.

Perché gli Angeli sono tornati? E un dato di fatto gli Angeli siano oggi tornati nel mondo, dopo almeno 500 anni di latitanza. Perché gli Angeli sono tornati? E un dato di fatto gli Angeli siano oggi tornati nel mondo, dopo almeno 500 anni di latitanza Statistiche alla mano, si può affermare che il 60% della popolazione mondiale

Dettagli

Limature di ferro orientate secondo le linee del campo magnetico generato da una barra

Limature di ferro orientate secondo le linee del campo magnetico generato da una barra Magnetismo naturale Un magnete (o calamita) è un corpo che genera una forza su un altro magnete che può essere sia attrattiva che repulsiva. Intorno al magnete c è un campo magnetico. Il nome deriva dal

Dettagli

Forza. Forza. Esempi di forze. Caratteristiche della forza. Forze fondamentali CONCETTO DI FORZA E EQUILIBRIO, PRINCIPI DELLA DINAMICA

Forza. Forza. Esempi di forze. Caratteristiche della forza. Forze fondamentali CONCETTO DI FORZA E EQUILIBRIO, PRINCIPI DELLA DINAMICA Forza CONCETTO DI FORZA E EQUILIBRIO, PRINCIPI DELLA DINAMICA Cos è una forza? la forza è una grandezza che agisce su un corpo cambiando la sua velocità e provocando una deformazione sul corpo 2 Esempi

Dettagli

Mario Albertini. Tutti gli scritti IV. 1962-1964. a cura di Nicoletta Mosconi. Società editrice il Mulino

Mario Albertini. Tutti gli scritti IV. 1962-1964. a cura di Nicoletta Mosconi. Società editrice il Mulino Mario Albertini Tutti gli scritti IV. 1962-1964 a cura di Nicoletta Mosconi Società editrice il Mulino 822 Anno 1964 A Bernard Lesfargues Caro Bernard, Pavia, 28 novembre 1964 dato che non verrò a Lione

Dettagli

La corrente elettrica La resistenza elettrica La seconda legge di Ohm Resistività e temperatura L effetto termico della corrente

La corrente elettrica La resistenza elettrica La seconda legge di Ohm Resistività e temperatura L effetto termico della corrente Unità G16 - La corrente elettrica continua La corrente elettrica La resistenza elettrica La seconda legge di Ohm Resistività e temperatura L effetto termico della corrente 1 Lezione 1 - La corrente elettrica

Dettagli

SENSORI E TRASDUTTORI

SENSORI E TRASDUTTORI SENSORI E TRASDUTTORI Il controllo di processo moderno utilizza tecnologie sempre più sofisticate, per minimizzare i costi e contenere le dimensioni dei dispositivi utilizzati. Qualsiasi controllo di processo

Dettagli

Corrente ele)rica. Cariche in movimento e legge di Ohm

Corrente ele)rica. Cariche in movimento e legge di Ohm Corrente ele)rica Cariche in movimento e legge di Ohm Corrente ele)rica Nei metalli si possono avere elettroni che si muovono anche velocemente fra un estremo e l altro del metallo, ma la risultante istante

Dettagli

Induzione elettromagnetica

Induzione elettromagnetica Induzione elettromagnetica 1. Induzione elettromagnetica 2. Esperienze di Faraday 3. Legge di Faraday Neumann Lenz Induzione elettromagnetica (1) La rivoluzione determinata dall'utilizzo dell'energia elettrica

Dettagli

Storia dei generatori di tensione e della corrente elettrica

Storia dei generatori di tensione e della corrente elettrica Storia dei generatori di tensione e della corrente elettrica Prof. Daniele Ippolito Liceo Scientifico Amedeo di Savoia di Pistoia 1778 Alessandro Volta, in analogia al potenziale gravitazionale definito

Dettagli

70 ANNI DEI GRUPPI DI DIFESA DELLA DONNA

70 ANNI DEI GRUPPI DI DIFESA DELLA DONNA 70 ANNI DEI GRUPPI DI DIFESA DELLA DONNA A Ravenna, dal 7 al 21 novembre 2014, si è tenuta la mostra «AL TABÁCHI» per descrivere il ruolo delle donne durante la Seconda Guerra Mondiale e in particolare

Dettagli

Esempio Esame di Fisica Generale I C.d.L. ed.u. Informatica

Esempio Esame di Fisica Generale I C.d.L. ed.u. Informatica Esempio Esame di Fisica Generale I C.d.L. ed.u. Informatica Nome: N.M.: 1. 1d (giorno) contiene all incirca (a) 8640 s; (b) 9 10 4 s; (c) 86 10 2 s; (d) 1.44 10 3 s; (e) nessuno di questi valori. 2. Sono

Dettagli

1 di 3 07/06/2010 14.04

1 di 3 07/06/2010 14.04 Principi 1 http://digilander.libero.it/emmepi347/la%20pagina%20di%20elettronic... 1 di 3 07/06/2010 14.04 Community emmepi347 Profilo Blog Video Sito Foto Amici Esplora L'atomo Ogni materiale conosciuto

Dettagli

Tesina di scienze. L Elettricità. Le forze elettriche

Tesina di scienze. L Elettricità. Le forze elettriche Tesina di scienze L Elettricità Le forze elettriche In natura esistono due forme di elettricità: quella negativa e quella positiva. Queste due energie si attraggono fra loro, mentre gli stessi tipi di

Dettagli

metodi di conversione, tipi di conversioni e schemi Alimentatori lineari

metodi di conversione, tipi di conversioni e schemi Alimentatori lineari Elettronica per l informatica 1 Contenuto dell unità D Conversione dell energia metodi di conversione, tipi di conversioni e schemi Alimentatori lineari componentistica e tecnologie riferimenti di tensione,

Dettagli

Il Corso di Fisica per Scienze Biologiche

Il Corso di Fisica per Scienze Biologiche Il Corso di Fisica per Scienze Biologiche Ø Prof. Attilio Santocchia Ø Ufficio presso il Dipartimento di Fisica (Quinto Piano) Tel. 075-585 2708 Ø E-mail: attilio.santocchia@pg.infn.it Ø Web: http://www.fisica.unipg.it/~attilio.santocchia

Dettagli

I.P.S.I.A. BOCCHIGLIERO

I.P.S.I.A. BOCCHIGLIERO I.P.S.I.A. di BOCCHIGLIERO a.s. 2012/2013 -classe V- Materia: Sistemi Automazione e Organizzazione della Produzione ----Trasduttori e sensori---- Alunna: Rossella Serafini prof. Ing. Zumpano Luigi TRASDUTTORI

Dettagli

Alessandro Volta e la storia della pila

Alessandro Volta e la storia della pila Alessandro Volta e la storia della pila Alessandro Volta fu uno dei più famosi fisici della storia: visse tra il Settecento e l Ottocento, inventò e perfezionò la pila elettrochimica e scoprì caratteristiche

Dettagli

Energia nelle reazioni chimiche. Lezioni d'autore di Giorgio Benedetti

Energia nelle reazioni chimiche. Lezioni d'autore di Giorgio Benedetti Energia nelle reazioni chimiche Lezioni d'autore di Giorgio Benedetti VIDEO Introduzione (I) L energia chimica è dovuta al particolare arrangiamento degli atomi nei composti chimici e le varie forme di

Dettagli

Elettronica per l'informatica 24/11/03

Elettronica per l'informatica 24/11/03 Contenuto dell unità D 1 Conversione dell energia metodi di conversione, tipi di conversioni e schemi Alimentatori lineari componentistica e tecnologie riferimenti di tensione, regolatori e filtri Alimentatori

Dettagli

11. Macchine a corrente continua. unità. 11.1 Principio di funzionamento

11. Macchine a corrente continua. unità. 11.1 Principio di funzionamento 11. Macchine a corrente continua unità 11.1 Principio di funzionamento Si consideri una spira rotante con velocità angolare costante e immersa in un campo magnetico costante come in figura 11.1. I lati

Dettagli

Capitale finanziario ed imperialismo

Capitale finanziario ed imperialismo Capitale finanziario ed imperialismo Lezione 14 1 aprile 2015 1 dalla (mia) scorsa lezione Dimensione internazionale «naturale» del modo di produzione del capitale; Tendenze fondamentali sono quelle alla

Dettagli

L esperienza di Hertz sulle onde elettromagnetiche

L esperienza di Hertz sulle onde elettromagnetiche L esperienza di Hertz sulle onde elettromagnetiche INTRODUZIONE Heinrich Hertz (1857-1894) nel 1886 riuscì per la prima volta a produrre e a rivelare le onde elettromagnetiche di cui Maxwell aveva previsto

Dettagli

SCUOLA E UNIVERSITA TUTTE LE BUGIE DELLA SINISTRA

SCUOLA E UNIVERSITA TUTTE LE BUGIE DELLA SINISTRA SCUOLA E UNIVERSITA TUTTE LE BUGIE DELLA SINISTRA TEMPO PIENO Con l introduzione del maestro unico e l eliminazione delle compresenze si libereranno più maestri per aumentare il tempo pieno Con la media

Dettagli

LA CORRENTE ELETTRICA

LA CORRENTE ELETTRICA L CORRENTE ELETTRIC H P h Prima che si raggiunga l equilibrio c è un intervallo di tempo dove il livello del fluido non è uguale. Il verso del movimento del fluido va dal vaso a livello maggiore () verso

Dettagli

V= R*I. LEGGE DI OHM Dopo aver illustrato le principali grandezze elettriche è necessario analizzare i legami che vi sono tra di loro.

V= R*I. LEGGE DI OHM Dopo aver illustrato le principali grandezze elettriche è necessario analizzare i legami che vi sono tra di loro. LEGGE DI OHM Dopo aver illustrato le principali grandezze elettriche è necessario analizzare i legami che vi sono tra di loro. PREMESSA: Anche intuitivamente dovrebbe a questo punto essere ormai chiaro

Dettagli

Istituzioni di Economia Laurea Triennale in Ingegneria Gestionale. Lezione 27 Il modello IS LM

Istituzioni di Economia Laurea Triennale in Ingegneria Gestionale. Lezione 27 Il modello IS LM UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BERGAMO Laurea Triennale in Ingegneria Gestionale Lezione 27 Il modello IS LM Prof. Gianmaria Martini La funzione di investimento In via preliminare abbiamo ipotizzato che gli

Dettagli

Trasduttori di Temperatura

Trasduttori di Temperatura Trasduttori di Temperatura Il controllo della temperatura è di fondamentale importanza in moltissimi processi industriali. Per la misura della temperatura sono disponibili diversi tipi di trasduttori,

Dettagli

CORRENTE E TENSIONE ELETTRICA LA CORRENTE ELETTRICA

CORRENTE E TENSIONE ELETTRICA LA CORRENTE ELETTRICA CORRENTE E TENSIONE ELETTRICA La conoscenza delle grandezze elettriche fondamentali (corrente e tensione) è indispensabile per definire lo stato di un circuito elettrico. LA CORRENTE ELETTRICA DEFINIZIONE:

Dettagli

I punteggi zeta e la distribuzione normale

I punteggi zeta e la distribuzione normale QUINTA UNITA I punteggi zeta e la distribuzione normale I punteggi ottenuti attraverso una misurazione risultano di difficile interpretazione se presi in stessi. Affinché acquistino significato è necessario

Dettagli

La domanda e l offerta

La domanda e l offerta Universita di Torino - Sede di Biella Corso di Economia Politica Lezione 2: La domanda e l offerta Prof.ssa Maria Laura Di Tommaso Dipartimento di Economia Cognetti de Martiis e-mail marialaura.ditommaso@unito.it

Dettagli

Il nazismo al potere. La caduta della Repubblica di Weimar e l ascesa del nazismo. Lezioni d'autore

Il nazismo al potere. La caduta della Repubblica di Weimar e l ascesa del nazismo. Lezioni d'autore Il nazismo al potere La caduta della Repubblica di Weimar e l ascesa del nazismo Lezioni d'autore Dal sito: www.biography.com La Repubblica di Weimar (1919-1933) 3 ottobre 1918: Il Reich tedesco-prussiano

Dettagli

Come ottengo la CORRENTE ELETTRICA

Come ottengo la CORRENTE ELETTRICA COS È L ELETTRICITÀ Come ottengo la CORRENTE ELETTRICA si produce con i generatori di corrente che possono essere chimici, meccanici oppure utilizzare l'energia del sole Generatori meccanici che producono

Dettagli

Crescita della produttività e delle economie

Crescita della produttività e delle economie Lezione 21 1 Crescita della produttività e delle economie Il più spettacolare effetto della sviluppo economico è stata la crescita della produttività, ossia la quantità di prodotto per unità di lavoro.

Dettagli

Il mercato del lavoro

Il mercato del lavoro Il mercato del lavoro Dati mercato del lavoro: Un confronto (2012) Italia Francia Germania OECD Tasso disoccupazione 10.7 10.3 5.5 8.0 Tasso occupazione (*) 57.6 63.9 72.8 65.1 Femminile 47.8 60 68 57.2

Dettagli

Corso di Informatica Generale (C. L. Economia e Commercio) Ing. Valerio Lacagnina Fondamenti di calcolo booleano

Corso di Informatica Generale (C. L. Economia e Commercio) Ing. Valerio Lacagnina Fondamenti di calcolo booleano Breve introduzione storica Nel 1854, il prof. Boole pubblica un trattato ormai famosissimo: Le leggi del pensiero. Obiettivo finale del trattato è di far nascere la matematica dell intelletto umano, un

Dettagli

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana 1. LA MOTIVAZIONE Imparare è una necessità umana La parola studiare spesso ha un retrogusto amaro e richiama alla memoria lunghe ore passate a ripassare i vocaboli di latino o a fare dei calcoli dei quali

Dettagli

Modellistica e controllo dei motori in corrente continua

Modellistica e controllo dei motori in corrente continua Modellistica e controllo dei motori in corrente continua Note per le lezioni del corso di Controlli Automatici A.A. 2008/09 Prof.ssa Maria Elena Valcher 1 Modellistica Un motore in corrente continua si

Dettagli

One to one nella didattica: esiti e processi

One to one nella didattica: esiti e processi One to one nella didattica: esiti e processi Ricerca presentata dal Presidente dell Indire Giovanni Biondi in occasione del Primo Forum sulla Scuola del futuro (Firenze, 23 ottobre 2015) In questi anni

Dettagli

Motori brushless. Alimentando il motore e pilotando opportunamente le correnti I in modo che siano come nella figura 2 si nota come

Motori brushless. Alimentando il motore e pilotando opportunamente le correnti I in modo che siano come nella figura 2 si nota come 49 Motori brushless 1. Generalità I motori brushless sono idealmente derivati dai motori in DC con il proposito di eliminare il collettore a lamelle e quindi le spazzole. Esistono due tipi di motore brushless:

Dettagli

Appunti redatti da Ing. Prof. Antonio Pontillo. Le termocoppie

Appunti redatti da Ing. Prof. Antonio Pontillo. Le termocoppie Le termocoppie È raro imbattersi in un processo industriale che non necessiti del controllo di una temperatura; in effetti, basta pensare che ben il 25% del mercato mondiale dei sensori riguarda sensori

Dettagli

funzionamento degli accumulatori al piombo/acido.

funzionamento degli accumulatori al piombo/acido. Il triangolo dell Incendio Possibili cause d incendio: I carrelli elevatori Particolare attenzione nella individuazione delle cause di un incendio va posta ai carrelli elevatori, normalmente presenti nelle

Dettagli

Statiche se la trasformazione dell energia avviene senza organi in movimento (es. Trasformatori.)

Statiche se la trasformazione dell energia avviene senza organi in movimento (es. Trasformatori.) Macchine elettriche parte Macchine elettriche Generalità Definizioni Molto spesso le forme di energia in natura non sono direttamente utilizzabili, ma occorre fare delle conversioni. Un qualunque sistema

Dettagli

I SISTEMI DI NUMERAZIONE

I SISTEMI DI NUMERAZIONE Istituto di Istruzione Superiore G. Curcio Ispica I SISTEMI DI NUMERAZIONE Prof. Angelo Carpenzano Dispensa di Informatica per il Liceo Scientifico opzione Scienze Applicate Sommario Sommario... I numeri...

Dettagli

Agenzia dell Unione europea per i diritti fondamentali (FRA) MEMO / 26 gennaio 2010

Agenzia dell Unione europea per i diritti fondamentali (FRA) MEMO / 26 gennaio 2010 Agenzia dell Unione europea per i diritti fondamentali (FRA) MEMO / 26 gennaio 2010 Considerare l olocausto dal punto di vista dei diritti umani: il primo studio a livello di Unione europea sull istruzione

Dettagli

L avviamento dei motori asincroni

L avviamento dei motori asincroni L avviamento dei motori asincroni Un problema rilevante è quello dell avviamento dei motori. Nei motori asincroni infatti, durante l avviamento, circolano nel motore correnti notevoli sia perché la resistenza

Dettagli

Motori Elettrici. Principi fisici. Legge di Lenz: se in un circuito elettrico il flusso concatenato varia nel tempo si genera una tensione

Motori Elettrici. Principi fisici. Legge di Lenz: se in un circuito elettrico il flusso concatenato varia nel tempo si genera una tensione Motori Elettrici Principi fisici Legge di Lenz: se in un circuito elettrico il flusso concatenato varia nel tempo si genera una tensione Legge di Biot-Savart: un conduttore percorso da corrente di intensità

Dettagli

Vengono detti attuatori i dispositivi in grado di agire sull ambiente esterno comandati da segnali elettrici.

Vengono detti attuatori i dispositivi in grado di agire sull ambiente esterno comandati da segnali elettrici. GLI ATTUATORI Vengono detti attuatori i dispositivi in grado di agire sull ambiente esterno comandati da segnali elettrici. La casistica è assai vasta ; sono comuni i semplici azionamenti magnetici (elettromagneti

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE Pag 1 di 7 PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE Disciplina a.s.2015/2016 Classe: II Sez. R INDIRIZZO: Elettronica ed Elettrotecnica Docente : Prof. Roberto Manovella Pag 2 di 7 ANALISI DELLA SITUAZIONE

Dettagli

Storia contemporanea WELFARE STATE Percorso analitico tra lo storico e il sociale

Storia contemporanea WELFARE STATE Percorso analitico tra lo storico e il sociale Facoltà di Scienze Sociali Lezioni di Storia contemporanea WELFARE STATE Percorso analitico tra lo storico e il sociale PROGRAMMA DELLE LEZIONI Prima parte Concezione del welfare state e caratteri generali;

Dettagli

Dott.ssa Caterina Gurrieri

Dott.ssa Caterina Gurrieri Dott.ssa Caterina Gurrieri Le relazioni tra caratteri Data una tabella a doppia entrata, grande importanza riveste il misurare se e in che misura le variabili in essa riportata sono in qualche modo

Dettagli

AppuntiBicoccaAppuntiBicoccaAppu ntibicoccaappuntibicoccaappuntibic occaappuntibicoccaappuntibicoccaa. ppuntibicoccaappuntibicoccaappunt

AppuntiBicoccaAppuntiBicoccaAppu ntibicoccaappuntibicoccaappuntibic occaappuntibicoccaappuntibicoccaa. ppuntibicoccaappuntibicoccaappunt AppuntiBicoccaAppuntiBicoccaAppu Psicologia del lavoro Prof. Ferrari ibicoccaappuntibicoccaappuntibicoc riassunti anno 2011-2012 caappuntibicoccaappuntibicoccaapp Autore: Stellin91 Cod: PS069 untibicoccaappuntibicoccaappuntibi

Dettagli

Il campo magnetico. 1. Fenomeni magnetici 2. Calcolo del campo magnetico 3. Forze su conduttori percorsi da corrente 4. La forza di Lorentz

Il campo magnetico. 1. Fenomeni magnetici 2. Calcolo del campo magnetico 3. Forze su conduttori percorsi da corrente 4. La forza di Lorentz Il campo magnetico 1. Fenomeni magnetici 2. Calcolo del campo magnetico 3. Forze su conduttori percorsi da corrente 4. La forza di Lorentz 1 Lezione 1 - Fenomeni magnetici I campi magnetici possono essere

Dettagli

Obiettivo Principale: Spiegare come la stessa cosa possa essere realizzata in molti modi diversi e come, a volte, ci siano modi migliori di altri.

Obiettivo Principale: Spiegare come la stessa cosa possa essere realizzata in molti modi diversi e come, a volte, ci siano modi migliori di altri. 6 LEZIONE: Algoritmi Tempo della lezione: 45-60 Minuti. Tempo di preparazione: 10-25 Minuti (a seconda che tu abbia dei Tangram disponibili o debba tagliarli a mano) Obiettivo Principale: Spiegare come

Dettagli

LA SITUAZIONE ENERGETICA ITALIANA ALL INIZIO DEL XXI SECOLO DAL CONFRONTO CON IL SECOLO PASSATO ALLA CERTIFICAZIONE DEGLI EDIFICI

LA SITUAZIONE ENERGETICA ITALIANA ALL INIZIO DEL XXI SECOLO DAL CONFRONTO CON IL SECOLO PASSATO ALLA CERTIFICAZIONE DEGLI EDIFICI LA SITUAZIONE ENERGETICA ITALIANA ALL INIZIO DEL XXI SECOLO DAL CONFRONTO CON IL SECOLO PASSATO ALLA CERTIFICAZIONE DEGLI EDIFICI Giovanni Petrecca Dipartimento di Ingegneria Elettrica- Facoltà di Ingegneria

Dettagli

Economia Internazionale e Politiche Commerciali (a.a. 12/13)

Economia Internazionale e Politiche Commerciali (a.a. 12/13) Economia Internazionale e Politiche Commerciali (a.a. 12/13) Soluzione Esame (11 gennaio 2013) Prima Parte 1. (9 p.) (a) Ipotizzate che in un mondo a due paesi, Brasile e Germania, e due prodotti, farina

Dettagli

COME AVERE SUCCESSO SUL WEB?

COME AVERE SUCCESSO SUL WEB? Registro 1 COME AVERE SUCCESSO SUL WEB? Guida pratica per muovere con successo i primi passi nel web INTRODUZIONE INDEX 3 6 9 L importanza di avere un dominio e gli obiettivi di quest opera Come è cambiato

Dettagli

Forum regionale per l Educazione degli Adulti in Toscana

Forum regionale per l Educazione degli Adulti in Toscana Forum regionale per l Educazione degli Adulti in Toscana Progetto Linguaggi PASSEPARTOUT POR Toscana Ob. -Competitività regionale e occupazione FSE 007 013 Asse IV Capitale umano A.D. 174 del 30.06.010

Dettagli

di Heaveside: ricaviamo:. Associamo alle grandezze sinusoidali i corrispondenti fasori:, Adesso sostituiamo nella

di Heaveside: ricaviamo:. Associamo alle grandezze sinusoidali i corrispondenti fasori:, Adesso sostituiamo nella Equazione di Ohm nel dominio fasoriale: Legge di Ohm:. Dalla definizione di operatore di Heaveside: ricaviamo:. Associamo alle grandezze sinusoidali i corrispondenti fasori:, dove Adesso sostituiamo nella

Dettagli

RETI D IMPRESA. Un alternativa a società e consorzi per integrare e valorizzare in modo innovativo la propria individualità e le proprie competenze

RETI D IMPRESA. Un alternativa a società e consorzi per integrare e valorizzare in modo innovativo la propria individualità e le proprie competenze 110 BUSINESS & IMPRESE Maurizio Bottaro Maurizio Bottaro è family business consultant di Weissman Italia RETI D IMPRESA Un alternativa a società e consorzi per integrare e valorizzare in modo innovativo

Dettagli

IL VALORE ECONOMICO DELLA SCELTA UNIVERSITARIA Massimo Anelli e Giovanni Peri UC Davis e FRDB. 11 Dicembre 2013

IL VALORE ECONOMICO DELLA SCELTA UNIVERSITARIA Massimo Anelli e Giovanni Peri UC Davis e FRDB. 11 Dicembre 2013 IL VALORE ECONOMICO DELLA SCELTA UNIVERSITARIA Massimo Anelli e Giovanni Peri UC Davis e FRDB 11 Dicembre 2013 Laurea, Salario e Carriera Quali corsi di Laurea sono associati a migliori salari? Quali corsi

Dettagli

Mariapia Veladiano PAROlE di SCuOlA

Mariapia Veladiano PAROlE di SCuOlA Mar iap ia Veladiano parole di scuola indice Albus Silente 9 Ogni parola 13 Da dove cominciare. Integrazione 19 Da dove cominciare. Armonia 21 Tante paure 27 Paura (ancora) 33 Dell identità 35 Nomi di

Dettagli

Termologia. Introduzione Scale Termometriche Espansione termica Capacità termica e calori specifici Cambiamenti di fase e calori latenti

Termologia. Introduzione Scale Termometriche Espansione termica Capacità termica e calori specifici Cambiamenti di fase e calori latenti Termologia Introduzione Scale Termometriche Espansione termica Capacità termica e calori specifici Cambiamenti di fase e calori latenti Trasmissione del calore Legge di Wien Legge di Stefan-Boltzmann Gas

Dettagli

Cosa succede all uomo?

Cosa succede all uomo? Cosa succede all uomo? (utilizzo uomo o uomini in minuscolo, intendendo i maschietti e Uomo o Uomini intendendo il genere umano) Recentemente, mi sono trovato in discorsi dove donne lamentavano di un atteggiamento

Dettagli

Luca Zeffiro 4C Liceo Scientifico Galileo Galilei

Luca Zeffiro 4C Liceo Scientifico Galileo Galilei Luca Zeffiro 4C Il problema sulla conservazione del moto nacque con Cartesio: nei suoi «Principia philosophiae» egli affermò la conservazione della quantità di moto a partire da Dio: gli errori presenti

Dettagli

Circuiti Elettrici. Elementi di circuito: resistori, generatori di differenza di potenziale

Circuiti Elettrici. Elementi di circuito: resistori, generatori di differenza di potenziale Circuiti Elettrici Corrente elettrica Legge di Ohm Elementi di circuito: resistori, generatori di differenza di potenziale Leggi di Kirchhoff Elementi di circuito: voltmetri, amperometri, condensatori

Dettagli

Abolire la povertà, un dovere per l Europa di domani

Abolire la povertà, un dovere per l Europa di domani Abolire la povertà, un dovere per l Europa di domani 20 maggio 2014 di Anthony Barnes Atkinson (*) La Stampa 19.5.14 Il grande economista inglese Anthony Atkinson rilancia il progetto di un reddito-base

Dettagli

TRASFORMAZIONE DELL ENERGIA PRIMO PRINCIPIO DELLA TERMODINAMICA

TRASFORMAZIONE DELL ENERGIA PRIMO PRINCIPIO DELLA TERMODINAMICA TRASFORMAZIONE DELL ENERGIA PRIMO PRINCIPIO DELLA TERMODINAMICA L ENERGIA e IL LAVORO Non è facile dare una definizione semplice e precisa della parola energia, perché è un concetto molto astratto che

Dettagli

Cos è l infinito? Verso l'infinito... e oltre

Cos è l infinito? Verso l'infinito... e oltre Cos è l infinito? Infinito: che è assolutamente privo di determinazioni spaziali o temporali. l infinito è molto difficile da immaginare nel suo complesso: possiamo avere un accenno ammirando un cielo

Dettagli

Misura di e/m. Marilena Teri, Valerio Toso & Ettore Zaffaroni (gruppo Lu4)

Misura di e/m. Marilena Teri, Valerio Toso & Ettore Zaffaroni (gruppo Lu4) Misura di e/m Marilena Teri, Valerio Toso & Ettore Zaffaroni (gruppo Lu4) 1 Introduzione 1.1 Introduzione ai fenomeni in esame Un elettrone all interno di un campo elettrico risente della forza elettrica

Dettagli

MPT Capitolo 12 Redox. Le ossidoriduzioni. Obiettivo. Definizioni di ossidazione e di riduzione

MPT Capitolo 12 Redox. Le ossidoriduzioni. Obiettivo. Definizioni di ossidazione e di riduzione 1 Le ossidoriduzioni Obiettivo In questo capitolo svilupperemo i concetti fondamentali delle reazioni di ossido-riduzione. Si tratta di conoscenze fondamentali sia per la vita comune, sia, per molti di

Dettagli