Il Motore elettrico nella società di massa

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Il Motore elettrico nella società di massa"

Transcript

1 Liceo Scientifico Tecnologico L. da Vinci, Lanciano Anno Scolastico 2009/2010 Il Motore elettrico nella società di massa Alunno: Priori Mario Classe: V Lst-A Docenti referenti: - Prof. Quintino d Annibale - Prof. Arturo Ventrella - Prof. Marco Nicastro - Prof. ssa Giuseppina Palazzoli - Prof. ssa Rosamaria Di Loreto - Prof. Rocco Piccone

2 Sommario FISICA... 2 MOTORE ELETTRICO A CORRENTE CONTINUA... 3 MATEMATICA... 6 ENERGIA IMMAGAZZINATA IN UN CAMPO MAGNETICO... 6 CHIMICA... 7 REGOLA DI MARKOVNIKOV... 7 INGLESE:... 8 THOMAS ELIOT... 8 STORIA... 9 LA SOCIETA DI MASSA... 9 ITALIANO GIOVANNI PASCOLI INFORMATICA E SISTEMI TRASDUTTORI DI TEMPERATURA /14

3 FISICA MOTORE ELETTRICO A CORRENTE CONTINUA Parlando dei motori elettrici a corrente continua possiamo dire che un primo prototipo fu inventato da Faraday nella prima metà del 1800, usando un cavo elettrico fissato verticalmente ed immerso nel mercurio, nel piatto vi era anche un magnete, quando la corrente elettrica veniva fatta scorrere nel cavo esso girava attorno al magnete. Al giorno d oggi i motori a corrente continua sono del tutto diversi da quello inventato da Faraday: sono formati da un guscio esterno magnetico, al suo interno vi è un albero dove sono fissati due avvolgimenti di spire in cui scorre corrente continua, alle due estremità dell albero vi è un commutatore che inverte il senso della corrente ad ogni mezzo giro compiuto. Quindi passiamo alla descrizione delle principali fasi di un motore a corrente continua: In questa immagine è illustrato il momento in cui la corrente scorre nelle spire, quindi secondo la legge di Lorenz sulla spira si creerà una coppia di forze dovuta al passaggio di corrente in un campo magnetico, questa forza fa ruotare le spire finché non si allineano con il campo magnetico. 3/14

4 Quindi nella seconda fase l albero continua il suo moto per arrivare all allineamento. Nella terza fase avviene l allineamento delle spire con il campo magnetico, quindi teoricamente il motore si dovrebbe fermare, però i cavi sono collegati, tramite delle spazzole, ad un commutatore che in questa fase, come in quella opposta, inverte il senso della corrente nelle spire, quindi per la regola delle tre dita, le spire dovranno allinearsi al campo e il moto continua. Affrontando teoricamente il meccanismo che fa funzionare un motore a corrente continua, si deve introdurre il concetto di momento torcente su una spira percorsa da corrente, infatti se noi abbiamo una spira quadrata percorsa da una quantità di corrente immersa in un campo magnetico, si andrà a formare su di essa, secondo la regola di Lorenz, una coppia di forze, nel nostro caso F e F, che saranno concordi ad esercitare un momento sulla spira, che la fanno ruotare attorno al suo asse centrale, finché la spira non si allineerà con il campo magnetico, questo movimento prende il nome di momento torcente. 4/14

5 Nello schema riportato sotto si vede come le forze per ogni lato sono disposte secondo la regola della mano sinistra, le forze giacenti lungo i lati più corti non sono menzionate perché si annullano a vicenda, solo quelle lungo i lati lunghi contribuiscono alla rotazione, quindi andiamo a definire il momento torcente, che ha la stessa definizione di momento meccanico, quindi forza per spostamento, come primo passaggio andiamo a definire la forza: Nel nostro caso le forze che generano momento sono quelle applicate sul lato a (schema), è il loro braccio rispetto all asse è la metà del lato b, quindi: Facendo le dovute somme si avrà: Volendo generalizzare questa relazione per un numero N di spire, avremo: In questa relazione N rappresenta il numero di spire, a il lato lungo che va ha formare la forza (come in figura), b il braccio. 5/14

6 MATEMATICA ENERGIA IMMAGAZZINATA IN UN CAMPO MAGNETICO Dei campi magnetici abbiamo già parlato in fisica, e come essi fanno funzionare un motore elettrico a corrente continua, ma essi sono in grado anche di immagazzinare energia che adesso andremo a vedere dal punto di vista matematico. Ipotizzando di avere un solenoide di induttanza L collegato ad un generatore di f.e.m., quindi si genera nel circuito una f.e.m. autoindotta: Questa è legata alla f.e.m. del generatore e alla resistenza del circuito, facendo anche riferimento alla legge delle maglie, dalla seguente relazione: Dove di/dt è la rapidità con cui varia l intensità di corrente. Se nel circuito fluisce la carica elementare dq=idt, l energia fornita dal generatore nel circuito sarà: L ultimo termine di questa relazione rappresenta l energia che disperde sottoforma di calore nella resistenza, mentre il termine Li di rappresenta l energia che si accumula nel campo magnetico concatenato con il solenoide. Quindi se l intensità di corrente varia da 0 a i, l energia accumulata nel campo è: Che corrisponde proprio alla relazione fisica che regola l energia magnetica immagazzinata in un campo magnetico. 6/14

7 CHIMICA REGOLA DI MARKOVNIKOV Vladimir Markovnikov era un chimico russo, noto per la regola che porta il suo nome. Facendo qualche accenno sulla vita, lui frequentò l università come uno studente di legge, ma presto rimase affascinato dalle lezioni di chimica nella stessa università. Dopo la laurea in chimica si trasferì due anni in Germania per i primi sbocchi lavorativi, per poi tornare in Russia dove iniziò il dottorato, proprio in questo periodo tenne le sue prime lezioni come professore straordinario, e cominciò a lavorare sugli effetti di orientazione nelle reazione di addizione elettrofila che lo portarono a formulare nel 1869 quella che è conosciuta dai chimici di tutto il mondo come regola di Markovnikov. In chimica la regola di Markovnikov è una regola che indica l orientamento preferenziale delle carica in una reazione di addizione elettrofila, affermando che l idrogeno si lega al carbonio più idrogenato del doppio legame. Ed ha la seguente definizione: Quando un alchene di struttura asimmetrica si combina con un acido alogenidrico, l'idrogeno si attacca al carbonio del doppio legame che è legato al maggior numero di atomi di idrogeno, mentre l'alogeno si lega al carbonio del doppio legame più povero di idrogeno Questo perché quando un atomo di idrogeno si lega con uno dei due atomi di carbonio, legati tramite doppio legame, si forma un carbocatione. Un carbocatione è tanto più stabile quando più la carica sarà delocalizzata su altri atomi, quest ultimo passaggio si realizza grazie ad uno spostamento parziale degli elettroni dei legami σ C-H e C-C verso l atomo di carbonio positivo, se il carbocatione è circondato da atomi di carbonio sarà più facile disperdere la carica. Quindi si può affermare che nelle reazioni di addizione elettrofila è favorita la formazione di carbocationi terziari rispetto ai secondari e secondari piuttosto che primari, come già detto per far si che la carica si delocalizzi meglio. Reazioni che seguono l'orientamento inverso, ovvero in cui l'idrogeno va a legarsi all'atomo di carbonio meno idrogenato, vengono dette "anti-markovnikov". 7/14

8 INGLESE: THOMAS ELIOT Eliot is the best known and influential personality of poetic Modernism and one of the greatest English poets of the century. His first volume of verse, Prufrock and other observations, appeared in His most important composition is The Waste Land, the poem was edited and reduced to grater intensity by Ezra Pound, to whom it is dedicated, and come out in1922. Others of his compositions were: Ash Wednesday, Murder in the Cathedral, Four Quartets. Thomas Eliot had by this time become internationally acclaimed, and in 1948 he was awarded the Nobel Prize for literature. He is worth to remembered as poet and dramatist by the critics. Eliot left several assays, which greatly contributed to define the modern age and the role of culture. An American by birth and a cosmopolitan by vocation and education. He acknowledged a special debt to Dante, he considered a model for his own poetry. If Dante was to him the Poet par excellence, Eliot also acknowledged other influences: the Metaphysical poets, the Symbolism and Baudelaire. The Waste Land is a typical example of Modernism. Based on various legends, it portrays modern London as a sterile, west land, and expresses the depression and cynicism of the post war period. The poem is built around several symbols, the most important of which are drought and flood, representing death and rebirth. The main difficulty for the reader is to understand its meaning: there seems to be no beginning and no end; thoughts appear unfinished; there are abrupt shifts; the characters are not clearly defined and the events cannot be located at a particular place; the past merges with the present. The name of Thomas S. Eliot is often associated with that of the Italian poet Eugenio Montale. They know and admired each other s works, and shared a sense of solitude and uneasiness in the modern world, that they perceived as sterile and often hostile. Montale adopted the use of objective correlative, that he found very congenial to his own poetry and became typical of large part of his output. The following poem presents life as barren, unpleasant, waste land; here we find a very famous objective correlative, the wall covered with pieces of broken glass, which produces the emotion of frustration, desolation, of feeling alone in a hostile reality. 8/14

9 STORIA LA SOCIETA DI MASSA Sicuramente il clima storico in cui Faraday faceva i suoi primi esperimenti sul motore elettrico, era volto ad un progresso in tutti gli ambiti, specialmente in quello tecnologico, infatti ci troviamo nel periodo dei primi sviluppi della società di massa. Parlando di questo passaggio storico introduciamo in primo luogo il significato del termine massa, che sta ad indicare un aggregato omogeneo in cui i singoli tendono a scomparire rispetto al gruppo. In primo piano in questa società vi è un grande sviluppo delle relazioni sociali, infatti con il grande sviluppo degli agglomerati urbani vi è una maggiore frequenza di incontro tra la popolazione, però, questi rapporti assumono un carattere anonimo e impersonale, specie nelle grandi istituzioni statali; inoltre in questo periodo viene introdotta una vera e propria economia di mercato. Grande caratteristica di questo periodo storico fu l industrializzazione, infatti, i paesi più industrializzati conobbero dalla fine dell 800 alla prima guerra mondiale un intensa espansione in questo campo. In questo periodo il numero di operai nelle aziende era pressoché raddoppiato, quindi vi fu un vero è proprio ampliamento del mercato su scala mondiale, per consentire questo vi fu l introduzione, per prima dalla Ford, della catena di montaggio, quindi la produzione in serie che consentiva una rete commerciale molto più allargata, grazie ad una produzione sempre maggiore, si riaprirono le vendite a domicilio, con forme di pagamento agevolato. Su questi processi vi furono anche dei veri e propri studi, tra cui quello di Taylor, che pubblicò un libro che si basava sullo studio sistematico del lavoro in fabbrica, con rivelazioni di tempi standard, regole e ritmi. In questo grande clima di benessere, e questi nuovi incarichi in ambito lavorativo, si formarono anche dei nuovi ceti sociali, che venivano divisi in base alla manodopera generica, i lavoratori qualificati, il lavoro autonomo e il lavoro dipendente. Sicuramente una buona posizione in questi ceti era ricoperta dai cosiddetti colletti bianchi, che erano chiamati così perché erano vestiti sempre in camicia, essendo degli impiegati, assolvendo ad incarichi istituzionali. In questa società volta alla modernità, non vi potevano essere delle differenze d istruzione, infatti, in questo periodo si fece capire alla popolazione che l istruzione non era un privilegio delle alte classi sociali, ma, era aperta a tutti, e con ciò si portarono anche nuovi posti di lavoro; quindi l istruzione fu resa obbligatoria fino alla quinta elementare, e furono migliorate le scuole medie e superiori; con ciò vi fu una rilevante diminuzione del tasso di analfabetismo. Forse una conseguenza di questo fu un aumento radicale delle vendite dei giornali e dei quotidiani, quindi le case editrici furono costrette ad aumentare le tirature e vi fu l introduzione delle agenzie di stampa. In questo contesto storico non fu dimenticata la parte militare, infatti, fu introdotto il servizio militare di leve con delle ferme variabili; questo servizio fu incentivato anche dal fatto che con l introduzione della ferrovia gli eserciti 9/14

10 potevano spostarsi su territori ampi in poco tempo, quindi così si formarono i moderni eserciti di massa. In questo clima di modernizzazione vi era anche un bisogno di affermazione della democrazia, infatti, il voto era aperto a tutto il popolo maschile solo in Francia, Germania e Svizzera, e un altro grande frutto di questa società fu di aprire il voto a tutta la popolazione maschile maggiorenne, indipendentemente dalle classi di appartenenza, quindi andarono nascendo i primi partiti di massa, fra cui il partito socialdemocratico tedesco, per il controllo dei diritti dei lavoratori aumento il numero di associazioni e di sindacati che si trovavano all interno delle aziende stesse. Alla vista di tutto ciò il popolo femminile volle anch esso rivendicare i suoi diritti, come quello elettorale, e quello dell accesso agli studi universitari, questa protesta ebbe il suo apice in Gran Bretagna, dove vi era la protesta delle suffragette, rivendicando il diritto di suffragio, questi movimenti furono lunghi e decisi anche con marce sul parlamento; però questi movimenti furono abbandonati e cessarono nel silenzio. Molto più fortunati furono gli operai, infatti, furono assicurati contro gli infortuni, fu istituita una pensione di vecchiaia e sussidi per disoccupati. Si cerco anche di diminuire le ore di lavoro ad un numero ragionevole e il diritto ad almeno ad un riposo settimanale, inoltre, furono introdotte delle imposte dirette, sul reddito, e diminuite quelle indirette, che gravano sui consumi e sulle attività economiche. 10/14

11 ITALIANO GIOVANNI PASCOLI Giovanni Pascoli nacque a San Mauro di Romagna nel 1855, dai sette ai quattordici anni studiò in un collegio ad Urbino, che dovette lasciare per la morte del padre, ucciso da sconosciuti mentre tornava a casa. Dopo molti lutti in famiglia si iscrisse alla facoltà di lettere dell università di Bologna. Aderì anche ad iniziative socialiste, ma dopo un attentato al re Umberto I fu arrestato e decise che la sua carriera politica sarebbe finita lì. Dopo questo episodio si laureò ed insegno prima latino e greco in alcuni licei, poi lettere alle università di Messina e Pisa, finché non ottenne la cattedra a Bologna lasciatagli dal Carducci. Morì a Bologna nel Per quanto riguarda il suo pensiero Pascoli ebbe una concezione dolorosa della vita, sulla quale influirono due fatti principali: la tragedia familiare e la crisi del positivismo. La tragedia familiare colpì il poeta il 10 agosto 1867, quando gli fu ucciso il padre. Alla morte del padre seguì, quella della madre, della sorella maggiore, Margherita, e dei fratelli Luigi e Giacomo. Questi elementi lasciarono in lui quell impressione del nido familiare distrutto, quindi da ricostruire faticosamente. Infatti, uno dei testi di punta del Pascoli è il X Agosto, che è un poema dedicato alla morte del padre Ruggero, ucciso mentre tornava a casa da una fiera; nella mente del poeta, allora dodicenne, è rimasta per sempre impressa la crudeltà, anche a trent anni di distanza. L altro elemento che influenzo il pensiero di Pascoli, fu la crisi del positivismo, che si verificò verso la fine dell Ottocento e travolse i suoi miti più celebrati: la scienza liberatrice e il progresso. Il Pascoli, nonostante fosse inizialmente un seguace delle dottrine positivistiche, non solo riconosce l impotenza della scienza di fronte ai problemi umani e sociali, ma l accusa anche di aver reso più infelice l uomo, distruggendo in lui la fede di Dio e l immortalità dell anima, che era stata per secoli il suo conforto. Da questa constatazione fu tratto a formulare una teoria etico sociale, di origine sentimentale, improntata ad un umanitarismo generico, contenuta nella prefazione della raccolta Myricae, che fu così chiamata non solo per indicare l argomento prevalentemente campestre, ma anche per indicare la sua inferiorità nei confronti del maestro Carducci, infatti, le myricae erano delle piante non pregiate. Quindi il Pascoli vuole dire che il male e il dolore sono un prodotto degli uomini e non della natura, il Pascoli esorta a bandire, nei loro rapporti, l egoismo, la violenza, la guerra, ad unirsi e ad amarsi come fratelli nell ambito della famiglia, della nazione, dell umanità. Questa condizione è rappresentata dalla poesia dei due fanciullini, che dopo essersi picchiati vengono messi a letto, nel buio e per paura si abbracciano. La poetica di Pascoli è legata alla sua concezione del mistero come realtà che ci avvolge, ad esplorare questo mistero si sono rivelate impotenti sia la filosofia che la scienza; ma dove hanno fallito il filosofo e lo scienziato, può riuscire il poeta, infatti, Pascoli fa appello al fanciullino che è dentro di se e dentro di tutti noi, egli solo può 11/14

12 esplorare questo mistero, grazie a uno spirito ingenuo e spontaneo, che possono possedere solo i fanciulli, riesce a cogliere gli aspetti nascosti delle cose. Questa poetica viene esplicata nello scritto intitolato Il fanciullino,pubblicato nella rivista fiorentina Il Marzocco. Egli per questa poetica prende spunto da un passo del Fedone di Platone, in cui i discepoli del filosofo, pur convinti dell immortalità dell anima, in loro è sempre presente un fanciullino che era il simbolo delle superstizioni, dei terrori della morte e dell oltretomba, da cui siamo turbati da fanciulli ad adulti. Questo fanciullino è in tutti gli uomini, i quali perciò sono tutti più o meno poeti, ma nella maggior parte di essi, distratti e presi dalle loro attività pratiche, il fanciullino tace; in altri, invece, più sensibili e sognanti, cioè veri e propri poeti, il fanciullino fa sentire continuamente la sua voce di stupore davanti alla bellezza della natura e al fascino del mistero. Con questo concetto del fanciullo poeta la tendenza a pargoleggiare guasta tante poesie di Pascoli, e ha portato la condanna della cosiddetta poesia applicata. In realtà il fanciullino che si racchiude in lui tende insistentemente e inesorabilmente a ricreare situazioni ed evocazioni di un mondo intimo ormai perduto per sempre. Altre opere molto importanti di Pascoli furono: Canti di Castelvecchio, che fu dedicato alla madre e Gelsomino Notturno, che rappresenta uno dei risultati più complessi della poesia di Pascoli; esso ricostruisce la magica notte di due sposi attraverso la descrizione di una serie di sensazioni e di emozioni legate fra loro da una trama di corrispondenze. 12/14

13 INFORMATICA E SISTEMI TRASDUTTORI DI TEMPERATURA Prima di parlare dei trasduttori di temperatura, è giusto fare una panoramica generale sui trasduttori, essi possono essere divisi, inizialmente, in due grandi gruppi: - Trasduttori attivi: sono quelli che trasformano una grandezza fisica direttamente in un segnale elettrico, come le termocoppie; - Trasduttori passivi: sono quelli che trasformano una variazione di una grandezza fisica in un parametro elettrico, questi necessitano di un sistema di alimentazione. Un altra seconda classificazione tra i trasduttori è fatta in base al tipo di segnale di uscita che emettono, quindi: - Trasduttori con segnale di uscita analogico; - Trasduttori con segnale di uscita digitale. TRASDUTTORI DI TAMPERATURA Tra i trasduttori i dispositivi più conosciuti sono quelli di temperatura, essi a loro volta possono essere divisi in più tipologie: - A variazione di resistenza; - Termocoppie. TRASDUTTORI DI TEMPERATURA A VARIAZIONE DI RESISTENZA Questi tipi di trasduttori per il loro funzionamento sfruttano la proprietà fisica per la quale la resistenza elettrica varia con il variare della temperatura, secondo la relazione: Nel caso questi trasduttori siano costituiti da metalli, prendono il nome di RTD e appaiono abbastanza simili a un filo, il metallo più utilizzato e che garantisce più precisione è il platino, ma con un costo elevato. Gli RTD sono caratterizzati da un coefficiente di temperatura positivo, quindi un aumento resistenza all aumentare della temperatura, limitata sensibilità e discreta linearità. Per realizzare trasduttori di temperatura a variazione di resistenza, non occorrono forzatamente dei conduttori, ma è possibile farlo anche con dei semiconduttori, che prendono il nome di termistori, che possono presentare coefficienti di temperatura sia positivi (PTC) che negativi (NTC). Il loro vantaggio è che presentano una sensibilità molto più elevata degli RTD, a scapito, però, della linearità, molto inferiore rispetto degli RTD. I PTC che presentano coefficiente di temperatura positivo sono realizzati in titanato di bario sinterizzato. 13/14

14 Gli NTC che presentano coefficiente di temperatura negativo sono realizzati in cobalto, manganese rame e ferro. Per garantire un giusto funzionamento, gli NTC e i PTC o vengono usti per piccoli intervalli di temperatura, oppure vengono affiancati con dei sistemi di linearizzazione. TERMOCOPPIE Le termocoppie rappresentano un tipico esempio di trasduttore attivo, producono, infatti, una grandezza elettrica in base alla temperatura da misurare. La generazione del segnale dalle termocoppie dipende dall effetto termoelettrico, che ha la seguente definizione: In un circuito chiuso realizzato da due conduttori di diversa natura, connessi tra loro in modo da formare due giunzioni che vengono sottoposte a differenti temperature, si genera che cresce di intensità all aumentare dello scarto termico fra le due giunzioni Se noi scaldiamo un giunto, l altro rimarrà a temperatura iniziale, in base alla differenza di temperatura fra i due giunti, sarà la f.e.m. generata. I due punti di contatto vengono denominati giunto caldo e giunto freddo, ed il primo è sottoposto alla temperatura da misurare. Quindi se il circuito viene aperto tra i due terminali è possibile rilevare una f.e.m., strettamente legata alla differenza di temperatura fra i due giunti. La f.e.m. che si andrà a generare dipende esclusivamente dai materiali che vanno a costituire la termocoppia, infatti, variandoli si può abbassare la f.e.m. ed incrementare la temperatura e viceversa. Per rendere la differenza di temperatura sempre efficiente, nei circuiti integrati delle termocoppie vi è un dispositivo che rileva la temperatura ambiente, che assume il giunto freddo. Inoltre, le forze elettromotrici che si genereranno si aggirano sull ordine del millesimo di volt, quindi occorrono degli amplificatori. Mario Priori 14/14

Inizia presentazione

Inizia presentazione Inizia presentazione Che si misura in ampère può essere generata In simboli A da pile dal movimento di spire conduttrici all interno di campi magnetici come per esempio nelle dinamo e negli alternatori

Dettagli

MODELLIZZAZIONE, CONTROLLO E MISURA DI UN MOTORE A CORRENTE CONTINUA

MODELLIZZAZIONE, CONTROLLO E MISURA DI UN MOTORE A CORRENTE CONTINUA MODELLIZZAZIONE, CONTROLLO E MISURA DI UN MOTORE A CORRENTE CONTINUA ANDREA USAI Dipartimento di Informatica e Sistemistica Antonio Ruberti Andrea Usai (D.I.S. Antonio Ruberti ) Laboratorio di Automatica

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO G. LEOPARDI A.S. 2010-2011 FENOMENI MAGNETICI FONDAMENTALI

LICEO SCIENTIFICO G. LEOPARDI A.S. 2010-2011 FENOMENI MAGNETICI FONDAMENTALI LICEO SCIENTIFICO G. LEOPARDI A.S. 2010-2011 FENOMENI MAGNETICI FONDAMENTALI Prof. Euro Sampaolesi IL CAMPO MAGNETICO TERRESTRE Le linee del magnete-terra escono dal Polo geomagnetico Nord ed entrano nel

Dettagli

LA CORRENTE ELETTRICA Prof. Erasmo Modica erasmo@galois.it

LA CORRENTE ELETTRICA Prof. Erasmo Modica erasmo@galois.it LA CORRENTE ELETTRICA Prof. Erasmo Modica erasmo@galois.it L INTENSITÀ DELLA CORRENTE ELETTRICA Consideriamo una lampadina inserita in un circuito elettrico costituito da fili metallici ed un interruttore.

Dettagli

Unità 12. La corrente elettrica

Unità 12. La corrente elettrica Unità 12 La corrente elettrica L elettricità risiede nell atomo Modello dell atomo: al centro c è il nucleo formato da protoni e neutroni ben legati tra di loro; in orbita intorno al nucleo si trovano

Dettagli

FONDAMENTI TEORICI DEL MOTORE IN CORRENTE CONTINUA AD ECCITAZIONE INDIPENDENTE. a cura di G. SIMONELLI

FONDAMENTI TEORICI DEL MOTORE IN CORRENTE CONTINUA AD ECCITAZIONE INDIPENDENTE. a cura di G. SIMONELLI FONDAMENTI TEORICI DEL MOTORE IN CORRENTE CONTINUA AD ECCITAZIONE INDIPENDENTE a cura di G. SIMONELLI Nel motore a corrente continua si distinguono un sistema di eccitazione o sistema induttore che è fisicamente

Dettagli

Il motore a corrente continua, chiamato così perché per. funzionare deve essere alimentato con tensione e corrente

Il motore a corrente continua, chiamato così perché per. funzionare deve essere alimentato con tensione e corrente 1.1 Il motore a corrente continua Il motore a corrente continua, chiamato così perché per funzionare deve essere alimentato con tensione e corrente costante, è costituito, come gli altri motori da due

Dettagli

Motori Elettrici. Principi fisici. Legge di Lenz: se in un circuito elettrico il flusso concatenato varia nel tempo si genera una tensione

Motori Elettrici. Principi fisici. Legge di Lenz: se in un circuito elettrico il flusso concatenato varia nel tempo si genera una tensione Motori Elettrici Principi fisici Legge di Lenz: se in un circuito elettrico il flusso concatenato varia nel tempo si genera una tensione Legge di Biot-Savart: un conduttore percorso da corrente di intensità

Dettagli

L=F x s lavoro motore massimo

L=F x s lavoro motore massimo 1 IL LAVORO Nel linguaggio scientifico la parola lavoro indica una grandezza fisica ben determinata. Un uomo che sposta un libro da uno scaffale basso ad uno più alto è un fenomeno in cui c è una forza

Dettagli

CAPITOLO I CORRENTE ELETTRICA. Copyright ISHTAR - Ottobre 2003 1

CAPITOLO I CORRENTE ELETTRICA. Copyright ISHTAR - Ottobre 2003 1 CAPITOLO I CORRENTE ELETTRICA Copyright ISHTAR - Ottobre 2003 1 INDICE CORRENTE ELETTRICA...3 INTENSITÀ DI CORRENTE...4 Carica elettrica...4 LE CORRENTI CONTINUE O STAZIONARIE...5 CARICA ELETTRICA ELEMENTARE...6

Dettagli

1 LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA

1 LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA 1 LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA Un conduttore ideale all equilibrio elettrostatico ha un campo elettrico nullo al suo interno. Cosa succede se viene generato un campo elettrico diverso da zero al suo

Dettagli

Storia dei generatori di tensione e della corrente elettrica

Storia dei generatori di tensione e della corrente elettrica Storia dei generatori di tensione e della corrente elettrica Prof. Daniele Ippolito Liceo Scientifico Amedeo di Savoia di Pistoia 1778 Alessandro Volta, in analogia al potenziale gravitazionale definito

Dettagli

La corrente elettrica La resistenza elettrica La seconda legge di Ohm Resistività e temperatura L effetto termico della corrente

La corrente elettrica La resistenza elettrica La seconda legge di Ohm Resistività e temperatura L effetto termico della corrente Unità G16 - La corrente elettrica continua La corrente elettrica La resistenza elettrica La seconda legge di Ohm Resistività e temperatura L effetto termico della corrente 1 Lezione 1 - La corrente elettrica

Dettagli

Allegato IV simulazione della Terza Prova, TIP. B+C. del 27/05/2015

Allegato IV simulazione della Terza Prova, TIP. B+C. del 27/05/2015 Allegato IV simulazione della Terza Prova, TIP. B+C del 27/05/2015 Istituto d Istruzione Superiore Liceo Classico Statale G. Garibaldi Via Roma, 164 87012 Castrovillari ( CS ) Tel. e fax 0981.209049 Anno

Dettagli

Istituto Superiore Vincenzo Cardarelli Istituto Tecnico per Geometri Liceo Artistico A.S. 2014 2015

Istituto Superiore Vincenzo Cardarelli Istituto Tecnico per Geometri Liceo Artistico A.S. 2014 2015 Istituto Superiore Vincenzo Cardarelli Istituto Tecnico per Geometri Liceo Artistico A.S. 2014 2015 Piano di lavoro annuale Materia : Fisica Classi Quinte Blocchi tematici Competenze Traguardi formativi

Dettagli

DALLA TEORIA ALLA PRATICA

DALLA TEORIA ALLA PRATICA DALLA TEORIA ALLA PRATICA Comunicare a distanza: il telefono a filo La prima esperienza di telecomunicazione (dal greco tele = distante) si realizza con due piccoli contenitori di plastica, cartone o metallo,

Dettagli

Circuiti Elettrici. Schema riassuntivo. Assumendo positive le correnti uscenti da un nodo e negative quelle entranti si formula l importante

Circuiti Elettrici. Schema riassuntivo. Assumendo positive le correnti uscenti da un nodo e negative quelle entranti si formula l importante Circuiti Elettrici Schema riassuntivo Leggi fondamentali dei circuiti elettrici lineari Assumendo positive le correnti uscenti da un nodo e negative quelle entranti si formula l importante La conseguenza

Dettagli

Castello di San Donato in Perano Matrimoni nel Chianti Weddings in Chianti

Castello di San Donato in Perano Matrimoni nel Chianti Weddings in Chianti Castello di San Donato in Perano Matrimoni nel Chianti Weddings in Chianti Sede di Rappresentanza: Castello di San Donato in Perano 53013 Gaiole in Chianti (Si) Tel. 0577-744121 Fax 0577-745024 www.castellosandonato.it

Dettagli

Strumenti Elettronici Analogici/Numerici

Strumenti Elettronici Analogici/Numerici Facoltà di Ingegneria Università degli Studi di Firenze Dipartimento di Elettronica e Telecomunicazioni Strumenti Elettronici Analogici/Numerici Ing. Andrea Zanobini Dipartimento di Elettronica e Telecomunicazioni

Dettagli

Correnti e circuiti a corrente continua. La corrente elettrica

Correnti e circuiti a corrente continua. La corrente elettrica Correnti e circuiti a corrente continua La corrente elettrica Corrente elettrica: carica che fluisce attraverso la sezione di un conduttore in una unità di tempo Q t Q lim t 0 t ntensità di corrente media

Dettagli

Organizzazione scientifica del lavoro

Organizzazione scientifica del lavoro Organizzazione scientifica del lavoro 1 Organizzazione scientifica del lavoro Organizzazione scientifica del lavoro è la teoria fondata da Frederick WindsdowTaylor (1865-1915) ingegnere minerario americano

Dettagli

Gli attuatori. Breve rassegna di alcuni modelli o dispositivi di attuatori nel processo di controllo

Gli attuatori. Breve rassegna di alcuni modelli o dispositivi di attuatori nel processo di controllo Gli attuatori Breve rassegna di alcuni modelli o dispositivi di attuatori nel processo di controllo ATTUATORI Definizione: in una catena di controllo automatico l attuatore è il dispositivo che riceve

Dettagli

La corrente elettrica

La corrente elettrica PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE Fondo Sociale Europeo "Competenze per lo Sviluppo" Obiettivo C-Azione C1: Dall esperienza alla legge: la Fisica in Laboratorio La corrente elettrica Sommario 1) Corrente elettrica

Dettagli

Programmazione Modulare

Programmazione Modulare Indirizzo: BIENNIO Programmazione Modulare Disciplina: FISICA Classe: 2 a D Ore settimanali previste: (2 ore Teoria 1 ora Laboratorio) Prerequisiti per l'accesso alla PARTE D: Effetti delle forze. Scomposizione

Dettagli

ISTITUTI PROFESSIONALI

ISTITUTI PROFESSIONALI ISTITUTI PROFESSIONALI Settore Industria e Artigianato Indirizzo Manutenzione e assistenza tecnica Nell indirizzo Manutenzione e assistenza tecnica sono confluiti gli indirizzi del previgente ordinamento

Dettagli

Statiche se la trasformazione dell energia avviene senza organi in movimento (es. Trasformatori.)

Statiche se la trasformazione dell energia avviene senza organi in movimento (es. Trasformatori.) Macchine elettriche parte Macchine elettriche Generalità Definizioni Molto spesso le forme di energia in natura non sono direttamente utilizzabili, ma occorre fare delle conversioni. Un qualunque sistema

Dettagli

SUPERCONDUTTIVITÀ. A cura di: Andrea Sosso I.N.RI.M. (IEN)

SUPERCONDUTTIVITÀ. A cura di: Andrea Sosso I.N.RI.M. (IEN) SUPERCONDUTTIVITÀ A cura di: Andrea Sosso I.N.RI.M. (IEN) Il fenomeno della superconduttività è stato osservato per la prima volta nel 1911 dal fisico olandese Heike Kamerlingh Onnes dell'università de

Dettagli

Guida alla scelta di motori a corrente continua

Guida alla scelta di motori a corrente continua Motori Motori in in corrente corrente continua continua 5 Guida alla scelta di motori a corrente continua Riddutore Coppia massima (Nm)! Tipo di riduttore!,5, 8 8 8 Potenza utile (W) Motore diretto (Nm)

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO 2006 Indirizzo Scientifico Tecnologico Progetto Brocca

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO 2006 Indirizzo Scientifico Tecnologico Progetto Brocca ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO 2006 Indirizzo Scientifico Tecnologico Progetto Brocca Trascrizione del testo e redazione delle soluzioni di Paolo Cavallo. La prova Il candidato svolga una relazione

Dettagli

L ENERGIA DAGLI ELETTRONI. La struttura dell atomo

L ENERGIA DAGLI ELETTRONI. La struttura dell atomo L ENERGIA DAGLI ELETTRONI La struttura dell atomo Ogni materia è formata da particelle elementari dette atomi. Gli atomi sono formati da una parte centrale, il nucleo (composto da due tipi di particelle,

Dettagli

Numero tatuato sull avambraccio.

Numero tatuato sull avambraccio. Vita nei lager La vita nei campi di concentramento era insostenibile e durissima, un inferno. Le persone deportate nei lager erano sottoposte a condizioni proibitive fin dall arrivo. Appena scesi dai convogli

Dettagli

Circuiti Elettrici. Elementi di circuito: resistori, generatori di differenza di potenziale

Circuiti Elettrici. Elementi di circuito: resistori, generatori di differenza di potenziale Circuiti Elettrici Corrente elettrica Legge di Ohm Elementi di circuito: resistori, generatori di differenza di potenziale Leggi di Kirchhoff Elementi di circuito: voltmetri, amperometri, condensatori

Dettagli

ALLEGATO al verbale della riunione del 3 Settembre 2010, del Dipartimento di Elettrotecnica e Automazione.

ALLEGATO al verbale della riunione del 3 Settembre 2010, del Dipartimento di Elettrotecnica e Automazione. ALLEGATO al verbale della riunione del 3 Settembre 2010, del Dipartimento di Elettrotecnica e Automazione. COMPETENZE MINIME- INDIRIZZO : ELETTROTECNICA ED AUTOMAZIONE 1) CORSO ORDINARIO Disciplina: ELETTROTECNICA

Dettagli

U.D. 6.2 CONTROLLO DI VELOCITÀ DI UN MOTORE IN CORRENTE ALTERNATA

U.D. 6.2 CONTROLLO DI VELOCITÀ DI UN MOTORE IN CORRENTE ALTERNATA U.D. 6.2 CONTROLLO DI VELOCITÀ DI UN MOTORE IN CORRENTE ALTERNATA Mod. 6 Applicazioni dei sistemi di controllo 6.2.1 - Generalità 6.2.2 - Scelta del convertitore di frequenza (Inverter) 6.2.3 - Confronto

Dettagli

Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita

Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita 1 di Vittoria Gallina - INVALSI A conclusione dell ultimo round della indagine IALS (International Adult

Dettagli

Analogia tra il circuito elettrico e il circuito idraulico

Analogia tra il circuito elettrico e il circuito idraulico UNIVERSITÁ DEGLI STUDI DELL AQUILA Scuola di Specializzazione per la Formazione degli Insegnanti nella Scuola Secondaria Analogia tra il circuito elettrico e il circuito idraulico Prof. Umberto Buontempo

Dettagli

pianeti terrestri pianeti gioviani migliaia di asteroidi (nella fascia degli asteroidi tra Marte e Giove)

pianeti terrestri pianeti gioviani migliaia di asteroidi (nella fascia degli asteroidi tra Marte e Giove) mappa 3. Il sistema solare IL SISTEMA SOLARE il Sole Mercurio pianeti terrestri Venere Terra Marte 8 pianeti Giove Il Sistema solare 69 satelliti principali pianeti gioviani Saturno Urano Nettuno migliaia

Dettagli

Macchine rotanti. Premessa

Macchine rotanti. Premessa Macchine rotanti Premessa Sincrono, asincrono, a corrente continua, brushless sono parecchi i tipi di motori elettrici. Per ognuno teoria e formule diverse. Eppure la loro matrice fisica è comune. Unificare

Dettagli

LA CORRENTE ELETTRICA

LA CORRENTE ELETTRICA L CORRENTE ELETTRIC H P h Prima che si raggiunga l equilibrio c è un intervallo di tempo dove il livello del fluido non è uguale. Il verso del movimento del fluido va dal vaso a livello maggiore () verso

Dettagli

Esperienze con l elettricità e il magnetismo

Esperienze con l elettricità e il magnetismo Esperienze con l elettricità e il magnetismo Laboratorio di scienze Le esperienze di questo laboratorio ti permettono di acquisire maggiore familiarità con l elettricità e il magnetismo e di sperimentare

Dettagli

Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio.

Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio. Luigino Bruni Milano-Bicocca e Sophia (Firenze) Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio. Per crescere un bambino ci vuole l intero villaggio, recita un noto proverbio africano. Perché la famiglia

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

La Termodinamica ed I principi della Termodinamica

La Termodinamica ed I principi della Termodinamica La Termodinamica ed I principi della Termodinamica La termodinamica è quella branca della fisica che descrive le trasformazioni subite da un sistema (sia esso naturale o costruito dall uomo), in seguito

Dettagli

Le misure di energia elettrica

Le misure di energia elettrica Le misure di energia elettrica Ing. Marco Laracca Dipartimento di Ingegneria Elettrica e dell Informazione Università degli Studi di Cassino e del Lazio Meridionale Misure di energia elettrica La misura

Dettagli

El valor de ser padre y de ser madre -----

El valor de ser padre y de ser madre ----- El valor de ser padre y de ser madre ----- San Luis, 27 de Octubre 2012 Vengo da un continente dove esiste una vera crisi della paternità. La figura del padre non è molto precisa, la sua autorità naturale

Dettagli

PROGRAMMA SVOLTO. a.s. 2012/2013

PROGRAMMA SVOLTO. a.s. 2012/2013 Liceo Scientifico Statale LEONARDO DA VINCI Via Cavour, 6 Casalecchio di Reno (BO) - Tel. 051/591868 051/574124 - Fax 051/6130834 C. F. 92022940370 E-mail: LSLVINCI@IPERBOLE.BOLOGNA.IT PROGRAMMA SVOLTO

Dettagli

Humana comoedia. Una riflessione sulla condizione umana oggi

Humana comoedia. Una riflessione sulla condizione umana oggi Humana comoedia Una riflessione sulla condizione umana oggi Biagio Pittaro HUMANA COMOEDIA Una riflessione sulla condizione umana oggi saggio www.booksprintedizioni.it Copyright 2013 Biagio Pittaro Tutti

Dettagli

Elettronica Circuiti nel dominio del tempo

Elettronica Circuiti nel dominio del tempo Elettronica Circuiti nel dominio del tempo Valentino Liberali Dipartimento di Fisica Università degli Studi di Milano valentino.liberali@unimi.it Elettronica Circuiti nel dominio del tempo 14 aprile 211

Dettagli

Com è fatto l atomo ATOMO. UNA VOLTA si pensava che l atomo fosse indivisibile. OGGI si pensa che l atomo è costituito da tre particelle

Com è fatto l atomo ATOMO. UNA VOLTA si pensava che l atomo fosse indivisibile. OGGI si pensa che l atomo è costituito da tre particelle STRUTTURA ATOMO Com è fatto l atomo ATOMO UNA VOLTA si pensava che l atomo fosse indivisibile OGGI si pensa che l atomo è costituito da tre particelle PROTONI particelle con carica elettrica positiva e

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

Compressori serie P Dispositivi elettrici (PA-05-02-I)

Compressori serie P Dispositivi elettrici (PA-05-02-I) Compressori serie P Dispositivi elettrici (PA-05-02-I) 5. MOTORE ELETTRICO 2 Generalità 2 CONFIGURAZIONE PART-WINDING 2 CONFIGURAZIONE STELLA-TRIANGOLO 3 Isolamento del motore elettrico 5 Dispositivi di

Dettagli

I mutamenti tecnologici fra le due guerre.

I mutamenti tecnologici fra le due guerre. I mutamenti tecnologici fra le due guerre. Vediamo ora i cambiamenti tecnologici tra le due guerre. È difficile passare in rassegna tutti i più importanti cambiamenti tecnologici della seconda rivoluzione

Dettagli

Di cosa parliamo quando parliamo di quote Alisa Del Re Università di Padova

Di cosa parliamo quando parliamo di quote Alisa Del Re Università di Padova Di cosa parliamo quando parliamo di quote Alisa Del Re Università di Padova Il capo del Governo Da almeno una decina d anni mi sono convinto che il passaggio delle quote è inevitabile. Una volta cambiato

Dettagli

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA 2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA Discorso del Prefetto Angelo Tranfaglia Piazza Maggiore Bologna, 2 giugno 2013 Autorità, cittadini tutti di Bologna e della sua provincia, un cordiale saluto a tutti.

Dettagli

Un'analogia con il circuito idraulico

Un'analogia con il circuito idraulico Pompa Generatore di tensione (pila) Flusso d acqua PUNTI DI DOMANDA Differenza di potenziale Rubinetto Mulinello Lampadina Corrente elettrica 1. Che cos è l energia elettrica? E la corrente elettrica?

Dettagli

approfondimento e informazione CHI È LA PERSONA SENZA DIMORA OGGI i clochard esistono ancora? Fondazione Comunità Solidale

approfondimento e informazione CHI È LA PERSONA SENZA DIMORA OGGI i clochard esistono ancora? Fondazione Comunità Solidale Fondazione Comunità Solidale approfondimento e informazione CHI È LA PERSONA SENZA DIMORA OGGI i clochard esistono ancora? chi è la persona senza dimora povertà assoluta e povertà relativa Di cosa parleremo:

Dettagli

Corona Biblica. per chiedere a Dio, per intercessione di Maria santissima, il dono della maternità e della paternità

Corona Biblica. per chiedere a Dio, per intercessione di Maria santissima, il dono della maternità e della paternità Corona Biblica per chiedere a Dio, per intercessione di Maria santissima, il dono della maternità e della paternità Imprimatur S. E. Mons. Angelo Mascheroni, Ordinario Diocesano Curia Archiepiscopalis

Dettagli

LAVORO, ENERGIA E POTENZA

LAVORO, ENERGIA E POTENZA LAVORO, ENERGIA E POTENZA Nel linguaggio comune, la parola lavoro è applicata a qualsiasi forma di attività, fisica o mentale, che sia in grado di produrre un risultato. In fisica la parola lavoro ha un

Dettagli

La Svizzera nel raffronto europeo. La situazione socioeconomica degli studenti delle scuole universitarie

La Svizzera nel raffronto europeo. La situazione socioeconomica degli studenti delle scuole universitarie La Svizzera nel raffronto europeo La situazione socioeconomica degli studenti delle scuole universitarie Neuchâtel, 2007 Il sistema universitario svizzero La Svizzera dispone di un sistema universitario

Dettagli

Gli alcool, i composti carbonilici e gli acidi carbossilici

Gli alcool, i composti carbonilici e gli acidi carbossilici Gli alcool, i composti carbonilici e gli acidi carbossilici Con questa unità didattica inizieremo a prendere in considerazione dei composti della chimica organica caratterizzati dal contenere oltre ai

Dettagli

dove Q è la carica che attraversa la sezione S del conduttore nel tempo t;

dove Q è la carica che attraversa la sezione S del conduttore nel tempo t; CAPITOLO CIRCUITI IN CORRENTE CONTINUA Definizioni Dato un conduttore filiforme ed una sua sezione normale S si definisce: Corrente elettrica i Q = (1) t dove Q è la carica che attraversa la sezione S

Dettagli

TERMODINAMICA DI UNA REAZIONE DI CELLA

TERMODINAMICA DI UNA REAZIONE DI CELLA TERMODINAMICA DI UNA REAZIONE DI CELLA INTRODUZIONE Lo scopo dell esperienza è ricavare le grandezze termodinamiche per la reazione che avviene in una cella galvanica, attraverso misure di f.e.m. effettuate

Dettagli

Sensori di Posizione, Velocità, Accelerazione

Sensori di Posizione, Velocità, Accelerazione Sensori di Posizione, Velocità, Accelerazione POSIZIONE: Sensori di posizione/velocità Potenziometro Trasformatore Lineare Differenziale (LDT) Encoder VELOCITA Dinamo tachimetrica ACCELERAZIONE Dinamo

Dettagli

Identikit del drogato da lavoro

Identikit del drogato da lavoro INTERVISTA Identikit del drogato da lavoro Chi sono i cosiddetti workaholic? quanto è diffusa questa patologia? Abbiamo cercato di scoprirlo facendo qualche domanda al dottor Cesare Guerreschi, fondatore

Dettagli

CAPITOLO 1. Motore a corrente continua ad eccitazione indipendente

CAPITOLO 1. Motore a corrente continua ad eccitazione indipendente CAPITOLO Motore a corrente continua ad eccitazione indipendente. - Struttura e principio di funzionamento Una rappresentazione schematica della struttura di un motore a corrente continua a due poli è mostrata

Dettagli

funzionamento degli accumulatori al piombo/acido.

funzionamento degli accumulatori al piombo/acido. Il triangolo dell Incendio Possibili cause d incendio: I carrelli elevatori Particolare attenzione nella individuazione delle cause di un incendio va posta ai carrelli elevatori, normalmente presenti nelle

Dettagli

Calore e temperatura. Calore e temperatura. Cos'è il calore? Il calore si chiama anche energia termica.

Calore e temperatura. Calore e temperatura. Cos'è il calore? Il calore si chiama anche energia termica. sono due cose diverse (in scienze si dice sono due grandezze diverse). 01.1 Cos'è il calore? Per spiegare cos è il calore facciamo degli esempi. Esempi: quando ci avviciniamo o tocchiamo un oggetto caldo

Dettagli

Andiamo più a fondo nella conoscenza del Sistema Solare

Andiamo più a fondo nella conoscenza del Sistema Solare Andiamo più a fondo nella conoscenza del Sistema Solare Come abbiamo visto nelle pagine precedenti il Sistema Solare è un insieme di molti corpi celesti, diversi fra loro. La sua forma complessiva è quella

Dettagli

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama Adorazione Eucaristica a cura di Don Luigi Marino Guida: C è un esperienza che rivela il potere unificante e trasformante dell amore, ed è l innamoramento, descritto in modo splendido nel Cantico dei Cantici.

Dettagli

Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis

Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis Obiettivo dell incontro - Descrivere la fase evolutiva del bambino (fase 3-6 anni). - Attivare un confronto

Dettagli

English as a Second Language

English as a Second Language 1. sviluppo della capacità di usare l inglese per comunicare 2. fornire le competenze di base richieste per gli studi successivi 3. sviluppo della consapevolezza della natura del linguaggio e dei mezzi

Dettagli

Relazione sull incontro con. Massimo Volante. Esperto del Gruppo Astrofili Di Alessandria

Relazione sull incontro con. Massimo Volante. Esperto del Gruppo Astrofili Di Alessandria Relazione sull incontro con Massimo Volante Esperto del Gruppo Astrofili Di Alessandria Il ciclo della vita di una stella (1) Protostella (2b) Nana bruna (2a) Stella (3) Gigante rossa Sono esaurite le

Dettagli

Introduzione all elettronica

Introduzione all elettronica Introduzione all elettronica L elettronica nacque agli inizi del 1900 con l invenzione del primo componente elettronico, il diodo (1904) seguito poi dal triodo (1906) i cosiddetti tubi a vuoto. Questa

Dettagli

Progetto macchina con tetto fotovoltaico

Progetto macchina con tetto fotovoltaico ITIS A.PACINOTTI Via Montaione 15 Progetto macchina con tetto fotovoltaico Classe 2 C Informatica Docente referente: Prof.ssa Leccesi Progetto: Educarsi al futuro Premessa Motivazione per la partecipazione

Dettagli

L ADOZIONE DEI LIBRI DI TESTO NELLE SCUOLE EUROPEE

L ADOZIONE DEI LIBRI DI TESTO NELLE SCUOLE EUROPEE L ADOZIONE DEI LIBRI DI TESTO NELLE SCUOLE EUROPEE I rapporti di Eurydice PREMESSA Questo breve rapporto sull adozione dei libri di testo è nato in seguito a una specifica richiesta all unità italiana

Dettagli

2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA

2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA 2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA 2.1 Principio del processo La saldatura a resistenza a pressione si fonda sulla produzione di una giunzione intima, per effetto dell energia termica e meccanica. L energia

Dettagli

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI (Gv 3, 17b) Ufficio Liturgico Diocesano proposta di Celebrazione Penitenziale comunitaria nel tempo della Quaresima 12 1 2 11 nella lode perenne del tuo nome

Dettagli

Costruire una pila in classe

Costruire una pila in classe Costruire una pila in classe Angela Turricchia, Grazia Zini e Leopoldo Benacchio Considerazioni iniziali Attualmente, numerosi giocattoli utilizzano delle pile. I bambini hanno l abitudine di acquistarle,

Dettagli

INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE

INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA DI FIRENZE Ricerca condotta dall Ufficio della Consigliera di Parità sul personale part time dell Ente (luglio dicembre 007) INDAGINE SUL PART TIME NELLA PROVINCIA

Dettagli

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI Commento Nel biennio tra le materie di base non compaiono Musica, Geografia, Storia dell Arte, Fisica, Chimica e Diritto, mentre materie come Italiano al Liceo classico, Matematica e Scienze al Liceo scientifico

Dettagli

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste.

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste. FIGLI DI DIO Cosa significa essere un figlio di Dio? E importante essere figli di Dio? Se sono figlio di Dio che differenza fa nella mia vita quotidiana? Queste sono questioni importanti ed è fondamentale

Dettagli

LABORATORIO I-A. Cenni sui circuiti elettrici in corrente continua

LABORATORIO I-A. Cenni sui circuiti elettrici in corrente continua 1 UNIVERSITÀ DIGENOVA FACOLTÀDISCIENZEM.F.N. LABORATORIO IA Cenni sui circuiti elettrici in corrente continua Anno Accademico 2001 2002 2 Capitolo 1 Richiami sui fenomeni elettrici Esperienze elementari

Dettagli

I.T.I. A. MALIGNANI UDINE CLASSI 3 e ELT MATERIA: ELETTROTECNICA PROGRAMMA PREVENTIVO

I.T.I. A. MALIGNANI UDINE CLASSI 3 e ELT MATERIA: ELETTROTECNICA PROGRAMMA PREVENTIVO CORRENTE CONTINUA: FENOMENI FISICI E PRINCIPI FONDAMENTALI - Richiami sulle unità di misura e sui sistemi di unità di misura. - Cenni sulla struttura e sulle proprietà elettriche della materia. - Le cariche

Dettagli

IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO

IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO P. F. Fumagalli, 31.10.2104 Il Dialogo è una componente essenziale dell essere umano nel mondo, in qualsiasi cultura alla quale si voglia fare riferimento: si

Dettagli

Sostituzioni sull anello aromatico

Sostituzioni sull anello aromatico Sostituzioni sull anello aromatico Criteri per stabilire l esistenza di carattere aromatico 1. Il composto deve essere ciclico, planare e deve avere una nuvola ininterrotta di elettroni π sopra e sotto

Dettagli

ANNO SCOLASTICO 2014/2015 I.I.S. ITCG L. EINAUDI SEZ.ASSOCIATA LICEO SCIENTIFICO G. BRUNO PROGRAMMA DI FISICA. CLASSE: V A Corso Ordinario

ANNO SCOLASTICO 2014/2015 I.I.S. ITCG L. EINAUDI SEZ.ASSOCIATA LICEO SCIENTIFICO G. BRUNO PROGRAMMA DI FISICA. CLASSE: V A Corso Ordinario ANNO SCOLASTICO 2014/2015 I.I.S. ITCG L. EINAUDI SEZ.ASSOCIATA LICEO SCIENTIFICO G. BRUNO PROGRAMMA DI FISICA CLASSE: V A Corso Ordinario DOCENTE: STEFANO GARIAZZO ( Paola Frau dal 6/02/2015) La corrente

Dettagli

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM XXVIII TEMPO ORDINARIO 11 ottobre 2009 VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM Mc 10, 17-30 [In quel tempo], mentre Gesù andava per la strada, un tale gli corse incontro

Dettagli

INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA

INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA PROGRAMMA EDUCATION INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA E PREVISIONI DI PENSIONAMENTO Anticipazioni per la stampa dal Rapporto 2009 sulla scuola in Italia della Fondazione Giovanni Agnelli (dicembre

Dettagli

all'italia serve una buona scuola,

all'italia serve una buona scuola, all'italia serve una buona scuola, che sviluppi nei ragazzi la curiosità per il mondo e il pensiero critico. Che stimoli la loro creatività e li incoraggi a fare cose con le proprie mani nell era digitale.

Dettagli

A Ferrara, 14 miliardi di anni fa

A Ferrara, 14 miliardi di anni fa A Ferrara, 14 miliardi di anni fa 1 L eredità di Copernico Quale è la relazione fra l uomo e l universo per ciò che riguarda: x : lo spazio t : il tempo m: la materia m t C X 2 Un viaggio nel tempo t di

Dettagli

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco Sul far della sera la famiglia si riunisce in casa per la preghiera. Ove fosse possibile si suggerisce di

Dettagli

Dall alchimia alla chimica

Dall alchimia alla chimica Dall alchimia alla chimica L alchimia (dall arabo al-kimiya = pietra filosofale; dal greco chymeia = mescolanza di liquidi) è intrisa di misticismo e di mistero. Anche se è errato considerare l alchimia

Dettagli

SVILUPPO IN SERIE DI FOURIER

SVILUPPO IN SERIE DI FOURIER SVILUPPO IN SERIE DI FOURIER Cenni Storici (Wikipedia) Jean Baptiste Joseph Fourier ( nato a Auxerre il 21 marzo 1768 e morto a Parigi il 16 maggio 1830 ) è stato un matematico e fisico, ma è conosciuto

Dettagli

Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE

Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE Le correnti marine sono masse d acqua che si spostano in superficie o in profondità negli oceani: sono paragonabili a enormi fiumi che scorrono lentamente (in media

Dettagli

Lezioni di Matematica 1 - I modulo

Lezioni di Matematica 1 - I modulo Lezioni di Matematica 1 - I modulo Luciano Battaia 16 ottobre 2008 Luciano Battaia - http://www.batmath.it Matematica 1 - I modulo. Lezione del 16/10/2008 1 / 13 L introduzione dei numeri reali si può

Dettagli

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI UMANI. Preambolo

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI UMANI. Preambolo Il 10 dicembre 1948, l'assemblea Generale delle Nazioni Unite approvò e proclamò la Dichiarazione Universale dei Diritti Umani, il cui testo completo è stampato nelle pagine seguenti. Dopo questa solenne

Dettagli

M A G N E T I C I G E N E R A L I T A'

M A G N E T I C I G E N E R A L I T A' S C H E R M I M A G N E T I C I G E N E R A L I T A' Gli schermi magnetici hanno la funzione di proteggere oggetti sensibili dall'aggressione magnetica esterna. Questi schermi possono essere suddivisi

Dettagli

FUNZIONAMENTO DI UN BJT

FUNZIONAMENTO DI UN BJT IL TRANSISTOR BJT Il transistor inventato nel 1947, dai ricercatori Bardeen e Brattain, è il componente simbolo dell elettronica. Ideato in un primo momento, come sostituto delle valvole a vuoto per amplificare

Dettagli

La corrente elettrica

La corrente elettrica Unità didattica 8 La corrente elettrica Competenze Costruire semplici circuiti elettrici e spiegare il modello di spostamento delle cariche elettriche. Definire l intensità di corrente, la resistenza e

Dettagli