L ORGANIZZAZIONE AZIENDALE

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "L ORGANIZZAZIONE AZIENDALE"

Transcript

1 L ORGANIZZAZIONE AZIENDALE CONCETTO: L ORGANIZZAZIONE SI PONE COME OBIETTIVO LO STUDIO DELLE COMPOSIZIONI PIU CONVENIENTI DELLE FORZE PERSONALI, MATERIALI E IMMATERIALI OPERANTI NEL SISTEMA AZIENDALE. CONSIDERAZIONI GENERALI: L ORGANIZZAZIONE COME SUBSISTEMA DEL SISTEMA AZIENDALE 1- SI DEVE PARLARE DI SISTEMA ORGANIZZATIVO OSSIA COME SUBSISTEMA DEL COMPLESSO SISTEMA AZIENDALE (CHE COMPRENDE ANCHE LA GESTIONE E LA RILEVAZIONE) 2- L ORGANIZZAZIONE DEVE ESSERE SEMPRE COORDINATA CON LA GESTIONE E LA RILEVAZIONE (O CONTROLLO). NON VI E UN AREA CHE PRECEDA O DOMINI LE ALTRE, VI E CONTINUA INTERDIPENDENZA, PROPRIO PERCHE PARTI DELL AMMINISTRAZIONE ECONOMICA. ORGANIZZAZIONE GESTIONE RILEVAZIONE IN PARTICOLARE: - L ORGANIZZAZIONE INDICA QUALI CORRELAZIONI DI FORZE ECONOMICHE DEVONO OPERARE IN AZIENDA MENTRE LA GESTIONE INDICA COME LE FORZE ECONOMICHE DEVONO OPERARE. - - LA RILEVAZIONE A SUA VOLTA CON I SUOI STRUMENTI DI CONTROLLO GUIDA LE STRATEGIE E LE TATTICHE E QUINDI INFLUENZA L ORGANIZZAZIONE E LA GESTIONE E NE E CONDIZIONATA. 1

2 L ORGANIZZAZIONE NEI DIVERSI MOMENTI DELLA VITA AZIENDALE IL PROBLEMA ORGANIZZATIVO NON SI PONE SOLO NEL MOMENTO DI CREAZIONE DELL AZIENDA MA E SEMPRE PRESENTE DURANTE LA VITA DELLA STESSA. SI PARLERA PROPRIAMENTE DI : - PROBLEMA ORGANIZZATIVO NEL MOMENTO DELL ISTITUZIONE: RIGUARDA LA COMPARAZIONE TRA POSSIBILI LOCALIZZAZIONI E LA LORO CONVENIENZA ECONOMICA. RIGUARDA QUINDI : - L UBICAZIONE DEI VARI CENTRI DI LAVORO AZIENDALE - LA DETERMINAZIONE DEI LOCALI ASSEGNATI AI VARI CENTRI - IL GRADO DI RAMIFICAZIONE DELL ORGANIZZAZIONE - L ORGANICO DA RECLUTARE - CAPACITA PERSONALE DA RICHIEDERE AGLI ADDETTI - LA DETERMINAZIONE DELLA QUALITA DEGLI IMPIANTI, MACCHINARI ETC. IN SENSO AMPIO RIGUARDA OLTRE ALLA LOCALIZZAZIONE, IL CAPITALE DA INVESTIRE (NELLA SUE DIVERSE FORME), LA FORMA LEGALE E LE POLITICHE DI CONCENTRAZIONE. - PROBLEMA ORGANIZZATIVO NELL AZIENDA IN FUNZIONAMENTO (RIGUARDA AD ESEMPIO I PROBLEMI DI LOCALIZZAZIONE-DIVISIONE DURANTE LA VITA DELL AZIENDA, L ORGANIZZAZIONE DEGLI INVESTIMENTI NELLE DIVERSE CONDIZIONI DI FUNZIONAMENTO, LA DIMENSIONE AZIENDALE). LA REVISIONE DELL ORGANIZZAZIONE E UN MOMENTO FONDAMENTALE NELLA VITA DELL AZIENDA. I CONCETTI DI STABILITA E FLESSIBILITA ORGANIZZATIVA IN TEMA DI ORGANIZZAZIONE E OPPORTUNO DEFINIRE DUE CONCETTI: - STABILITA ORGANIZZATIVA: FA RIFERIMENTO AL FATTO CHE L AZIENDA SIA IN GRADO DI ADATTARSI RAPIDAMENTE A PERDITE DI PERSONALE SENZA DANNEGGIARE L EFFICIENZA ECONOMICA ESISTENTE - FLESSIBILITA ORGANIZZATIVA: INDICA LA CAPACITA DELL AZIENDA DI ADATTARSI A CAMBIAMENTI TEMPORANEI NELLA SITUAZIONE AZIENDALE SENZA PERDITE DI EFFICIENZA ( ES. MUTAMENTI NELLA DOMANDA, VARIAZIONI CARICO DI LAVORO ETC. ) 2

3 LE FUNZIONI AZIENDALI FUNZIONE= GRUPPO DI ATTIVITA COLLEGATE ED INTERDIPENDENTI IN MANIERA LOGICA (AZIONI DEGLI ORGANI CHE SONO TRA LORO COORDINATE E SONO DIFFERENZIATE IN COORDINAZIONI DI GRADO MINORE) UFFICIO (REPARTO) = SETTORE DI LAVORO DOVE DETERMINATE PERSONE SVOLGONO DETERMINATE FUNZIONI SERVIZIO = INSIEME DI PIU UFFICI L ORGANIZZAZIONE TIENE CONTO DI QUESTI ELEMENTI: 1- AZIONE PERSONALE NEL LAVORO AZIENDALE 2- GRUPPI LOGICI DI AZIONI PERSONALI CHE COSTITUISCONO LE FUNZIONI AZIENDALI 3- DEFINIZIONE DEL RAPPORTO TRA IL QUADRO DELLE DIFFERENZIATE FUNZIONI AZIENDALI E LE PERSONE CHE DEVONO SVOLGERLE 4- COSTITUZIONE DI UFFICI/REPARTI E LORO AGGREGAZIONE IN SERVIZI 5- DETERMINAZIONE DEI RAPPORTI TRA UFFICI E SERVIZI PER IL COORDINAMENTO TOTALE DI AZIONI, FUNZIONI, UFFICIE E SERVIZI IN RELAZIONE AGLI OBIETTIVI AZIENDALI QUESTI ASPETTI SI TRADUCONO NELLA DEFINIZIONE DI UN ORGANIGRAMMA 3

4 ORGANIGRAMMA RIGUARDA LA DETERMINAZIONE DEGLI UFFICI, DEI LORO COMPITI, DELLE RESPONSABILITA DEI FUNZIONARI E IMPIEGATI PREPOSTI, DEL COORDINAMENTO TRA UFFICI E PERSONE CHE VI OPERANO E DELL ITER CHE LE PRATICHE DEVONO SEGUIRE ALL INTERNO DELL AZIENDA. CONSIDERANDO IN PARTICOLARE LE RELAZIONI TRA I SOGGETTI OPERANTI NEI VARI REPARTI/UFFICI E SERVIZI, SI POSSONO DELINEARE TRE ORGANOGRAMMI CHE ESPLICITANO I RAPPORTI ALL INTERNO DELLA STRUTTURA AZIENDALE TIPI DI ORGANOGRAMMI: 1- ORDINAMENTO LINEARE 2- ORDINAMENTO FUNZIONALE 3- ORDINAMENTO LINEARE CON REPARTI CONSULTIVI 4

5 ORDINAMENTO LINEARE CARATTERISTICHE: - SI BASA SU UN CRITERIO GERARCHICO - OGNI UFFICIO RICEVE ORDINI DA UN SOLO UFFICIO SUPERIORE - I POTERI E QUINDI LE RESPONSABILITA DECRESCONO DALL ALTO AL BASSO DELL ORGANIGRAMMA. VANTAGGI: - SEMPLICITA DELLE RELAZIONE E CHIAREZZA DEGLI ORDINI SVANTAGGI: - ACCENTRAMENTO DEI POTERI E QUINDI SCARSA VALORIZZAIONE DEI COLLABORATORI DI GRADO MENO ELEVATO 5

6 ORDINAMENTO FUNZIONALE CARATTERISTICHE: - SI BASA SU UN CRITERIO DI DIFFERENZIAZIONE E SPECIALIZZAZIONE DELLE FUNZIONI - OGNI UFFICIO SUBORDINATO PUO RICEVERE ORDINI DA VARI UFFICI SUPERIORI - NECESSITA DI ATTITUDINE AL COORDINAMENTO. VANTAGGI: - L ARTICOLAZIONE RISPETTA DIRETTAMENTE LA COORDINAZIONE TRA FUNZIONI AZIENDALI SVANTAGGI: - RISCHIO DI CONFUSO ARRIVO DI INDICAZIONI CONTRASTANTI, DA RISOLVERE CON IL MASSIMO AFFIATAMENTO AI LIVELLI SUPERIORI NELL OPERA DIRETTIVA. 6

7 ORDINAMENTO LINEARE CON REPARTI CONSULTIVI CARATTERISTICHE: - IL CRITERIO PREVALENTE E QUELLO GERARCHICO - AD OGNI LIVELLO SONO PRESENTI SPECIALISTI CHE STUDIANO I PROBLEMI E CONSIGLIANO GLI ORGANI DIRETTIVI - SONO QUINDI PRESENTI ORGANI DI LINE (CON FUNZIONI OPERATIVE) E ORGANI DI STAFF (CON FUNZIONI CONSULTIVE) - A VOLTE SONO CREATI VERI E PROPRI COMITATI DIREZIONALI, DI DIREZIONI SIA OPERATIVE CHE CONSULTIVE CHE SI RIUNISOCNO PERIODICAMENTE. IN QUESTO CASO SI PARLA DI STRUTTURA LINE, STAFF E COMITATI. VANTAGGI: - I CONTROLLI NON VENGONO ACCENTRATI, MA DECENTRATI AD OGNI LIVELLO - I CENTRI DI STUDIO SONO STRUMENTI DI CONTROLLO TEMPESTIVO SVANTAGGI: - NON HA SVANTAGGI IN SE SALVO QUELLI LEGATI AI COSTI DI REALIZZAZIONE staff staff 7

8 LE STRUTTURE ORGANIZZATIVE LA CLASSIFICAZIONE DEGLI ORGANIGRAMMI SOPRA ESPOSTA E CHE SI BASA SUL CONCETTO DI ORDINAMENTO, INTESO COME INSIEME DI RELAZIONI CHE SI INSTARUANO TRA LE PERSONE NELL AZIENDA PUO ESSERE AFFIANCATA DA UN ALTRA CLASSIFICAZIONE CHE FA RIFERIMENTO ALLA STRUTTURA ORGANIZZATIVA CON PARTICOLARE ATTENZIONE ALLA DISTRIBUZIONE DELLE FUNZIONI AMMINISTRATIVE ALL INTERNO DELL IMPRESA. ATTENZIONE LE DUE CLASSIFICAZIONI SI COMPLETANO E NON SONO IN CONTRAPPOSIZIONE TRA LORO POICHE FANNO SEMPLICEMENTE RIFERIMENTO A DUE ASPETTI DELLA MEDESIMA REALTA : L ORGANIZZAZIONE DEL FATTORE UMANO IN AZIENDA. LE FUNZIONI AZIENDALI POSSONO ESSERE DELINEATE SECONDO VARI CRITERI DISTINTIVI. UNA POSSIBILE CLASSIFICAZIONE PORTA A DISTINGUERE IN: - FUNZIONI IMPRENDITORIALI STRATEGICHE: CONCORRONO A DEFINIRE LE STRATEGIE DELL AZIENDA (SCELTE FONDAMENTALI DEGLI OBIETTIVI E DEI MEZZI DI REALIZZAZIONE DEGLI OBIETTIVI E POLITICHE AZIENDALI). - FUNZIONI IMPRENDITORIALI TATTICHE: SI TRATTA DI FUNZIONI IMPRENDITORIALI CHE COMPORTANO DECISIONI CON LE CONNESSE RESPONSABILITA, PUR NELL AMBITO DEGLI INDIRIZZI STRATEGICI DEFINITI A LIVELLO DI ALTA DIREZIONE. - FUNZIONI ESECUTIVE: REALIZZAZIONE OPERATIVA DELLE DECISIONI PRESE NELL AMBITO DELLE ALTRE DUE FUNZIONI COME SI E DETTO LE STRUTTURE ORGANIZZATIVE POSSONO ESSERE DISTINTE IN RIFERIMENTO ALLA REDISTRIBUZIONE DELLE VARIE FUNZIONI AMMINISTRATIVE SOPRA DELINEATE TRA I VARI UFFICI/SERVIZI. IN PARTICOLARE SI INDIVIDUANO LE SEGUENTI STRUTTURE: 1- STRUTTURA MONOCENTRICA 2- STRUTTURA DECENTRATA FUNZIONALE 3- STRUTTURA DECENTRATA A SEZIONI DIVISE E DIPARTIMENTI AUTONOMI 8

9 STRUTTURA MONOCENTRICA QUESTA STRUTTURA SI CARATTERIZZA PER IL FATTO CHE L INIZIATIVA ECONOMICA (APPORTO DI CAPITALI, RESPONSABILITA VERSO I TERZI, POTERE DECISIONALE) SONO ACCENTRATI IN UNA O POCHE PERSONE FISICHE. INDIVISIBILITA DELLE FUNZIONI AMMINISTRATIVE, DATA LA SEMPLICITA DELLA STRUTTURA SI ADATTA AD AZIENDE PICCOLE (ES. IMPRESA INDIVIDUALE) CON UNA CLIENTELA DEFINITA E UNA GAMMA RISTRETTA DI PRODOTTI IN QUESTA STRUTTURA NON SI HA DECENTRAMENTO DI FUNZIONI CHE RESTANO ACCENTRATE NELLE MANI DELL IMPRENDITORE. SI PUO INVECE AVERE UNA DELEGA DELLE FUNZIONI ESECUTIVE MA LE DECISIONI IMPRENDITORIALI SONO IN CAPO ALL IMPRENDITORE. 9

10 STRUTTURA DECENTRATA FUNZIONALE QUESTA STRUTTURA E TIPICA DEI SISTEMI PRODUTTIVI AD INTEGRAZIONE VERTICALE, CON UN VENTAGLIO DI PRODOTTI PIUTTOSTO LIMITATO. L AUMENTO DELLA COMPLESSITA DELLA GESTIONE PORTA AD UNA STRUTTURA ORGANIZZATIVA IN CUI LE FUNZIONI IMPRENDITORIALI RESTANO IN CAPO ALL ALTA DIREZIONE, MENTRE LE FUNZIONI ESECUTIVE VENDONO DECENTRATE AI LIVELLI PIU BASSI DELLA STRUTTURA AZIENDALE. UN ESEMPIO DI STRUTTURA E RIPORTATO DI SEGUITO. Fonte: Antonio Amaduzzi, Economia Aziendale. Concetti e applicazioni. Cacucci editore,

11 SI OSSERVI COME LA STRUTTURA PRESENTATA PRESENTA UN ORDINAMENTO DEL TIPO LINE AND STAFF. TUTTAVIA, CIO CHE RILEVA IN QUESTA CLASSIFICAZIONE E LA DISTRIBUZIONE DELLE FUNZIONI (IMPRENDITORIALI, INTESE COME VOLITIVE ED ESECUTIVE) ALL INTERNO DELL ORGANIGRAMMA. AD ESSA PUO SOVRAPPORSI POI UN ORDINAMENTO DI VARIO TIPO (SIA LINEARE CHE FUNZIONALE). 11

12 STRUTTURA DECENTRATA CON SEZIONI O DIPARTIMENTI OPERATIVI AUTONOMI QUESTA STRUTTURA E TIPICA DELLE AZIENDE DI DIMENSIONE MEDIO-GRANDE CON DEI PRODOTTI DIVERSIFICATI PER LINEA DI PRODOTTO, IN MODO CHE L ATTIVITA COMPLESSIVA POSSA ESSERE DISTINTA IN SEZIONI O DIPARTIMENTI. L AUMENTO DELLA COMPLESSITA DELLA GESTIONE PORTA AD UNA STRUTTURA ORGANIZZATIVA IN CUI LE FUNZIONI IMPRENDITORIALI DI TIPO STRATEGICO RESTANO IN CAPO ALL ALTA DIREZIONE, MENTRE ALLE SEZIONI O DIPARTIMENTI VENGONO TRASFERITE SIA LE FUNZIONI ESECUTIVE (COME AVVIENE NELLA STRUTTURA DECENTRATA FUNZIONALE) SIA LE FUNZIONI IMPRENDITORIALI DI TIPO TATTICO. UN ESEMPIO DI STRUTTURA E RIPORTATO DI SEGUITO. Fonte: Antonio Amaduzzi, Economia Aziendale. Concetti e applicazioni. Cacucci editore,

13 IN SINTESI COMPARANDO LE TRE DIVERSE STRUTTURE ANALIZZATE ABBIAMO: STRUTTURA MONOCENTRICA STRUTTURA DECENTRATA FUNZIONALE STRUTTURA A SEZIONI O DIPARTIMENTI AUTONOMI FUNZIONI IMPRENDITORIALI DI TIPO STRATEGICO ACCENTRATE ACCENTRATE ACCENTRATE FUNZIONI IMPRENDITORIALI DI TIPO TATTICO ACCENTRATE ACCENTRATE DECENTRATE FUNZIONI ESECUTIVE SI HA SOLO DELEGA DECENTRATE DECENTRATE 13

ISTITUZIONI DI ECONOMIA AZIENDALE

ISTITUZIONI DI ECONOMIA AZIENDALE ISTITUZIONI DI ECONOMIA AZIENDALE 1 a) L organizzazione: concetti generali b) La struttura organizzativa c) I principali modelli di struttura organizzativa a) La struttura plurifunzionale b) La struttura

Dettagli

L organizzazione aziendale

L organizzazione aziendale Università degli studi di Teramo Facoltà di Agraria Lezioni di Economia e gestione delle imprese vitivinicole aziendale Emilio Chiodo Anno Accademico 2014-2015 Le operazioni aziendali Il sistema delle

Dettagli

Le IMPRESE INDUSTRIALI

Le IMPRESE INDUSTRIALI Le IMPRESE INDUSTRIALI Economia Aziendale 5 I.T.C.G. Saraceno Morbegno Laboratorio di Ec. Aziendale 5 B Prog. Mercurio Prof. Pellegrini Claudio ASPETTI GENERALI E STRATEGIE DELLE IMPRESE INDUSTRIALI LA

Dettagli

Corso di Economia e Gestione delle Imprese

Corso di Economia e Gestione delle Imprese Lezione 7 (rif. (rif. cap.. 6 Sciarelli) Corso di Economia e Gestione delle Imprese elena.cedrola@unimc.it a.a. 2009-2010 2010 Prof. Elena Cedrola http://docenti.unimc.it/docenti/elena-cedrola Contenuti

Dettagli

ORGANIZZAZIONE PERSONALE

ORGANIZZAZIONE PERSONALE ORGANIZZAZIONE PERSONALE L ORGANIZZAZIONE è un sistema coordinato di persone che si prefigge di raggiungere un più razionale impiego del lavoro umano in relazione agli obiettivi aziendali. IL PERSONALE

Dettagli

Lezione 1 Organizzazione, organi e relazioni

Lezione 1 Organizzazione, organi e relazioni Lezione 1 Organizzazione, organi e relazioni Economia e Organizzazione Aziendale Modulo 4 - L organizzazione aziendale Unità didattica 1 Concetti base dell organizzazione Antonio Dallara Concetto di organizzazione

Dettagli

Il Piano di comunicazione

Il Piano di comunicazione Il Piano di comunicazione 23 lezione 11 novembre 2011 Cosa è un piano di comunicazione Il piano di comunicazione è uno strumento utilizzato da un organizzazione per programmare le proprie azioni di comunicazione

Dettagli

Indice. pagina 2 di 10

Indice. pagina 2 di 10 LEZIONE PROGETTAZIONE ORGANIZZATIVA DOTT.SSA ROSAMARIA D AMORE Indice PROGETTAZIONE ORGANIZZATIVA---------------------------------------------------------------------------------------- 3 LA STRUTTURA

Dettagli

Organizzazione aziendale e sistemi informativi. Prof. Luca Gnan

Organizzazione aziendale e sistemi informativi. Prof. Luca Gnan Organizzazione aziendale e sistemi informativi Prof. Luca Gnan Agenda Una definizione Divisione del lavoro e coordinamento Le regole nella progettazione Gli ambiti della progettazione organizzativa Modelli

Dettagli

WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA DI APPROFONDIMENTO PIANIFICAZIONE DEL PERSONALE E STRUTTURE AZIENDALI A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA

WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA DI APPROFONDIMENTO PIANIFICAZIONE DEL PERSONALE E STRUTTURE AZIENDALI A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA DI APPROFONDIMENTO PIANIFICAZIONE DEL PERSONALE E STRUTTURE AZIENDALI A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA 1 SOMMARIO PREMESSA... 3 COS È UN OBIETTIVO... 3 IL CONTROLLO DI GESTIONE...

Dettagli

CAPITOLO 3. Elementi fondamentali della struttura organizzativa

CAPITOLO 3. Elementi fondamentali della struttura organizzativa CAPITOLO 3 Elementi fondamentali della struttura organizzativa Agenda La struttura organizzativa Le esigenze informative Tipologia di strutture Struttura funzionale Struttura divisionale Struttura per

Dettagli

Lezione 1 Impresa e scelte strategiche

Lezione 1 Impresa e scelte strategiche Lezione 1 Impresa e scelte strategiche Economia e Organizzazione Aziendale Modulo 3 - La strategia aziendale Unità didattica 1 - Strategia: contenuti, oggetti, finalità Antonio Dallara Caratteristiche

Dettagli

Economia e gestione delle imprese. Argomenti IL CICLO DI DIREZIONE AZIENDALE. Prof. Arturo Capasso

Economia e gestione delle imprese. Argomenti IL CICLO DI DIREZIONE AZIENDALE. Prof. Arturo Capasso Economia e gestione delle imprese Prof. Arturo Capasso 1 Argomenti Il ciclo direzionale La funzione organizzativa Struttura organizzativa Scelte di organizzazione Progettazione dell organizzazione Modelli

Dettagli

Corso di Programmazione e Controllo SEDE DI FANO

Corso di Programmazione e Controllo SEDE DI FANO Corso di Programmazione e Controllo SEDE DI FANO Docente: Selena Aureli LEZIONE 2 1 L organo amministrativo o controller L are amministrativa è l area in cui si colloca l organo o ente oggi denominato

Dettagli

Lezione 3. La macro struttura organizzativa: la struttura funzionale e le sue modifiche; la struttura divisionale; la struttura a matrice.

Lezione 3. La macro struttura organizzativa: la struttura funzionale e le sue modifiche; la struttura divisionale; la struttura a matrice. Lezione 3 La macro struttura organizzativa: la struttura funzionale e le sue modifiche; la struttura divisionale; la struttura a matrice. 1 LA STRUTTURA FUNZIONALE ALTA DIREZIONE Organizzazione Sistemi

Dettagli

IL PROCESSO DI VALUTAZIONE DI UN SITO PRODUTTIVO: IL CASO ABBOTT DOPO L ACQUISIZIONE DI KNOLL

IL PROCESSO DI VALUTAZIONE DI UN SITO PRODUTTIVO: IL CASO ABBOTT DOPO L ACQUISIZIONE DI KNOLL IL PROCESSO DI VALUTAZIONE DI UN SITO PRODUTTIVO: IL CASO ABBOTT DOPO L ACQUISIZIONE DI KNOLL Prof. 1Corso: Supply chain management Docente: 1 Considerazioni di sintesi L azienda si posiziona tra le prime

Dettagli

Capitolo 15 LE SCELTE DI ORGANIZZAZIONE. G. Airoldi, G. Brunetti, V. Coda Corso di economia aziendale Il Mulino, 2005

Capitolo 15 LE SCELTE DI ORGANIZZAZIONE. G. Airoldi, G. Brunetti, V. Coda Corso di economia aziendale Il Mulino, 2005 Capitolo 15 LE SCELTE DI ORGANIZZAZIONE G. Airoldi, G. Brunetti, V. Coda Corso di economia aziendale Il Mulino, 2005 1 L ASSETTO ORGANIZZATIVO, IL COMPORTAMENTO ORGANIZZATIVO In organizzazione il centro

Dettagli

Organizzare e gestire la forza vendita sul territorio Come dimensionare e gestire la forza vendita sul territorio

Organizzare e gestire la forza vendita sul territorio Come dimensionare e gestire la forza vendita sul territorio Organizzare e gestire la forza vendita sul territorio Come dimensionare e gestire la forza vendita sul territorio Ciclo convegni sulla cultura del marketing Vicenza, COM 2004 Organizzazione: AISM Delegazione

Dettagli

ORGANIZZAZIONE IN SENSO AMPIO

ORGANIZZAZIONE IN SENSO AMPIO ORGANIZZAZIONE IN SENSO AMPIO ESPRIME LA PREDISPOSIZIONE E LA RIUNIONE DI CONDIZIONI E FATTORI AVENTI UNA FUNZIONE STRUMENTALE DUREVOLE PER LA VITA DELL AZIENDA IN SENSO STRETTO RIGUARDA I CRITERI DI:

Dettagli

Gestione e organizzazione aziendale le strutture organizzative: modelli

Gestione e organizzazione aziendale le strutture organizzative: modelli Gestione e organizzazione aziendale le strutture organizzative: modelli 4 Facoltà di Economia Sede di Treviglio Giancarlo Traini Maggio 2012 il programma N data giorno ora tema capitolo 1 Introduzione

Dettagli

L azienda e le funzioni aziendali

L azienda e le funzioni aziendali UDA 5 TEMA 3 L operatore impresa L azienda e le funzioni aziendali a cura di Lidia Sorrentino Il concetto di azienda. Per soddisfare i propri bisogni, fin dall antichità l uomo si è associato con altre

Dettagli

Corso di Programmazione e Controllo SEDE DI FANO

Corso di Programmazione e Controllo SEDE DI FANO Corso di Programmazione e Controllo SEDE DI FANO Docente: Selena Aureli LEZIONE 3 1 Dalla funzione al contenuto dell attività direzionale Dopo la II WW (anni 50), molti autori cercano di approfondire in

Dettagli

L ISVAP (Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni private e di interesse collettivo)

L ISVAP (Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni private e di interesse collettivo) REGOLAMENTO N. 39 DEL 9 GIUGNO 2011 REGOLAMENTO RELATIVO ALLE POLITICHE DI REMUNERAZIONE NELLE IMPRESE DI ASSICURAZIONE L ISVAP (Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni private e di interesse collettivo)

Dettagli

GUIDA DI APPROFONDIMENTO IL BUDGET

GUIDA DI APPROFONDIMENTO IL BUDGET WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA DI APPROFONDIMENTO IL BUDGET A CUR A DEL B IC S AR DEGNA S P A 1 SOMMARIO LA NOZIONE E LA FUNZIONE DEL BUDGET... 3 LE CARATTERISTICHE DEL BUDGET... 3 IL PROCESSO DI FORMULAZIONE

Dettagli

APPROFONDIMENTO ORGANIZZAZIONE

APPROFONDIMENTO ORGANIZZAZIONE APPROFONDIMENTO ORGANIZZAZIONE Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto Approfondimento Posizione e ruolo nell organizzazione: le cinque parti dell organizzazione ORGANISMO BILATERALE

Dettagli

Il sistema aziendale

Il sistema aziendale INDICE Punto 1 Punto 2 Punto 3 PUNTO 4 4) Nozioni di organizzazione aziendale e di diritto tributario L organizzazione e la direzione del personale L autorità formale (gerarchica, funzionale, del grado);

Dettagli

COME GESTIRE LA NUOVA IMPRESA: FORNIRE CONOSCENZE, METODI E SISTEMI DI DI LAVORO SULLE AREE DELLA GESTIONE AZIENDALE

COME GESTIRE LA NUOVA IMPRESA: FORNIRE CONOSCENZE, METODI E SISTEMI DI DI LAVORO SULLE AREE DELLA GESTIONE AZIENDALE COME GESTIRE LA NUOVA IMPRESA: FORNIRE CONOSCENZE, METODI E SISTEMI DI DI LAVORO SULLE AREE DELLA GESTIONE AZIENDALE PROF. VALTER CANTINO 1 L AZIENDA Soggetto unitario composto di più elementi diversi

Dettagli

IL VANTAGGIO COMPETITIVO NEI SETTORI MATURI

IL VANTAGGIO COMPETITIVO NEI SETTORI MATURI IL VANTAGGIO COMPETITIVO NEI SETTORI MATURI Cap. XII di R. Grant A cura di: Paola Bisaccioni INDICE Maturità e peculiarità dei settori maturi I fattori critici di successo L implementazione strategica

Dettagli

Documento non definitivo

Documento non definitivo STUDIO DI SETTORE VK17U ATTIVITÀ 74.90.91 ATTIVITÀ TECNICHE SVOLTE DA PERITI INDUSTRIALI Luglio 2010 Documento non definitivo PREMESSA L evoluzione dello Studio di Settore UK17U Attività tecniche svolte

Dettagli

CAPO 2. Principi e Strumenti di. Organizzazione e Gestione

CAPO 2. Principi e Strumenti di. Organizzazione e Gestione CAPO 2 Principi e Strumenti di Organizzazione e Gestione 27 capo 2 Principi e Strumenti di Organizzazione e Gestione 28 I Principi di Organizzazione titolo IV I Principi di Organizzazione Art. 18 - Principi

Dettagli

Organizzazione aziendale

Organizzazione aziendale Organizzazione aziendale prof. Barbara Scozzi bscozzi@poliba.it Cos è una organizzazione? Insieme di individui Esistenza obiettivo comune Divisione del lavoro/coordinamento 1 Una organizzazione e... Sistema

Dettagli

PROGETTAZIONE ORGANIZZATIVA TEORIE DI MINTZBERG. Roma 3 Ottobre 2014/Maggio 2015 M. Marcuccio

PROGETTAZIONE ORGANIZZATIVA TEORIE DI MINTZBERG. Roma 3 Ottobre 2014/Maggio 2015 M. Marcuccio PROGETTAZIONE ORGANIZZATIVA TEORIE DI MINTZBERG Roma 3 Ottobre 2014/Maggio 2015 M. Marcuccio Dove nasce il problema della progettazione organizzativa Man mano che le organizzazioni crescono (p.e. numero

Dettagli

Economia del turismo

Economia del turismo Economia del turismo Anno Accademico 2014/2015 Dott. Ivan Etzo Economia del Turismo - Dott. Ivan Etzo 1 SEZIONE 5 Il turismo internazionale ARGOMENTI 5.1 Gli elementi caratteristici del turismo internazionale

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SISTEMA DI BUDGET E DEL CONTROLLO DIREZIONALE

REGOLAMENTO DEL SISTEMA DI BUDGET E DEL CONTROLLO DIREZIONALE REGOLAMENTO DEL SISTEMA DI E DEL CONTROLLO DIREZIONALE INDICE 1. Inquadramento 1 2. Budget: definizione 2 3. Budget: finalità 2 4. Budget: struttura 2 4.1 Centri di tà () 2 4.1.1 Centri di Attività (CdA)

Dettagli

GUIDA DI APPROFONDIMENTO IL CONTROLLO DI GESTIONE: LA CONTABILITÁ GENERALE E

GUIDA DI APPROFONDIMENTO IL CONTROLLO DI GESTIONE: LA CONTABILITÁ GENERALE E WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA DI APPROFONDIMENTO IL CONTROLLO DI GESTIONE: LA CONTABILITÁ GENERALE E IL BILANCIO D ESERCIZIO A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA 1 SOMMARIO LE NOZIONI DI CONTABILITÀ GENERALE E BILANCIO

Dettagli

Capitolo II. GLI ISTITUTI, LE AZIENDE, LA SPECIALIZZAZIONE ECONOMICA

Capitolo II. GLI ISTITUTI, LE AZIENDE, LA SPECIALIZZAZIONE ECONOMICA Capitolo II. GLI ISTITUTI, LE AZIENDE, LA SPECIALIZZAZIONE ECONOMICA 1 LE SOCIETÀ UMANE E IL BENE COMUNE Ciascuna persona partecipa a più società umane di varia natura: famiglie, Stato, istituti pubblici

Dettagli

La Gestione Strategica delle PMI

La Gestione Strategica delle PMI La Gestione Strategica delle PMI Pavia 10 febbraio 2012 GESTIONE STRATEGICA DELLE P.M.I. 1. Definizione PMI 2. Caratteristiche Distintive 3. Punti di forza e di debolezza 4. Un modello di gestione 5. Strategia

Dettagli

La Gestione della Produzione

La Gestione della Produzione La Gestione della Produzione E il processo decisionale attraverso il quale sono organizzate le risorse produttive al fine di conseguire determinati obiettivi. Si estrinseca temporalmente attraverso tre

Dettagli

Lezione n 15 17 Maggio 2013 Alberto Balducci

Lezione n 15 17 Maggio 2013 Alberto Balducci Lezione n 15 17 Maggio 2013 Alberto Balducci Obiettivi conoscitivi Il Budget nel sistema di programmazione e controllo I documenti che compongono il budget Le finalità e gli obiettivi di budget Il processo

Dettagli

ECONOMIA E GESTIONE DELLE IMPRESE. ECONOMIA E GESTIONE DELLE IMPRESE Università LUMSA - A.A. 2013-2014

ECONOMIA E GESTIONE DELLE IMPRESE. ECONOMIA E GESTIONE DELLE IMPRESE Università LUMSA - A.A. 2013-2014 ECONOMIA E GESTIONE DELLE IMPRESE Università LUMSA - A.A. 2013-2014 Contenuti: - Capitolo 8 - Capitolo 9 - Capitolo 10 - Capitolo 11 - Capitolo 12 IL CICLO DI DIREZIONE AZIENDALE PROGRAMMAZIONE (atti di

Dettagli

Le altre forme di mercato

Le altre forme di mercato CL Medicina Veterinaria Anno Accademico 2014-15 Le altre forme di mercato 1 Critiche alla forma di mercato della concorrenza perfetta La forma di mercato della concorrenza perfetta (che è alla base di

Dettagli

Economia e gestione delle imprese

Economia e gestione delle imprese Prof. Antonio Renzi Economia e gestione delle imprese Parte sesta Governo delle imprese e assetti proprietari 1 Argomenti 1. Gli assetti proprietari 2. Proprietà e organo di governo 3. La struttura dell

Dettagli

Documento non definitivo

Documento non definitivo STUDIO DI SETTORE UK29U ATTIVITÀ 71.12.50 ATTIVITÀ DI STUDIO GEOLOGICO E DI PROSPEZIONE GEOGNOSTICA E MINERARIA ATTIVITÀ 72.19.01 RICERCA E SVILUPPO SPERIMENTALE NEL CAMPO DELLA GEOLOGIA Maggio 2011 Documento

Dettagli

Istituto Tecnico AMMINISTRAZIONE, FINANZA E MARKETING. Profilo di uscita

Istituto Tecnico AMMINISTRAZIONE, FINANZA E MARKETING. Profilo di uscita Istituto Tecnico AMMINISTRAZIONE, FINANZA E MARKETING Profilo di uscita Il Perito in Amministrazione, finanza e marketing ha competenze specifiche nel campo dei macrofenomeni economico aziendali nazionali

Dettagli

Razionalità organizzativa e struttura

Razionalità organizzativa e struttura Un organizzazione è sempre compresa in sistemi più ampi Alcune parti dell organizzazione inevitabilmente sono interdipendenti con altre organizzazioni non subordinate e fuori dalle possibilità di controllo

Dettagli

Organizzazione aziendale Lezione 12 I modelli organizzativi Cap. 7. Ing. Marco Greco m.greco@unicas.it Tel.0776.299.

Organizzazione aziendale Lezione 12 I modelli organizzativi Cap. 7. Ing. Marco Greco m.greco@unicas.it Tel.0776.299. Organizzazione aziendale Lezione 12 I modelli organizzativi Cap. 7 Ing. Marco Greco m.greco@unicas.it Tel.0776.299.3641 Stanza 1S-28 Ciclo di vita dell organizzazione Ciclo di vita dell organizzazione

Dettagli

LA RICLASSIFICAZIONE DEL BILANCIO PER MISSIONI E PROGRAMMI

LA RICLASSIFICAZIONE DEL BILANCIO PER MISSIONI E PROGRAMMI LA RICLASSIFICAZIONE DEL BILANCIO PER MISSIONI E PROGRAMMI LA CLASSIFICAZIONE FUNZIONALE DEL BILANCIO DELLO STATO Dott. Mauro Cernesi Scienza delle Finanze 1 Le funzioni del Bilancio pubblico Funzione

Dettagli

Introduzione Azienda ed organizzazione

Introduzione Azienda ed organizzazione Introduzione Azienda ed organizzazione 1 L AZIENDA E IL SUO AMBIENTE AZIENDA: sistema aperto che instaura rapporti di input e output con l ambiente esterno, sociale e naturale Condizioni fondamentali per

Dettagli

Il fattore lavoro. Soggetto Economico Lavoratori subordinati. natura. Prestazioni di individui operanti entro l azienda (soggetti interni)

Il fattore lavoro. Soggetto Economico Lavoratori subordinati. natura. Prestazioni di individui operanti entro l azienda (soggetti interni) Il fattore lavoro 1 natura Prestazioni di individui operanti entro l azienda (soggetti interni) Soggetto Economico Lavoratori subordinati 2 1 Classificazione in base al GRADO DI LIBERTA all interno dell

Dettagli

LE OPERAZIONI E I PROCESSI AZIENDALI. Finanziamento Investimento Produzione Vendita

LE OPERAZIONI E I PROCESSI AZIENDALI. Finanziamento Investimento Produzione Vendita LE OPERAZIONI E I PROCESSI AZIENDALI La vita delle aziende si realizza attraverso una sequenza di operazioni e processi, svolti da soggetti diversi e con modalità diverse, coordinati tra loro per il raggiungimento

Dettagli

Corso di. Organizzazione aziendale A.A. 2009-2010. Forme organizzative

Corso di. Organizzazione aziendale A.A. 2009-2010. Forme organizzative Corso di Organizzazione aziendale A.A. 2009-2010 Forme organizzative Università degli Studi del Sannio Dipartimento di Analisi dei Sistemi Economici e Sociali Facoltà di Scienze Economiche e Aziendali

Dettagli

Processi e Miglioramento IL PROCESSO AZIENDALE IL PROCESSO AZIENDALE 07/10/2013

Processi e Miglioramento IL PROCESSO AZIENDALE IL PROCESSO AZIENDALE 07/10/2013 Processi e Miglioramento - La gestione per processi - Il miglioramento - Le metodologie del miglioramento 1 L organizzazione di successo è quella vicina al cliente, cioè in grado di fornire elevate prestazioni

Dettagli

Dalla responsabilità sociale di impresa all impresa sociale. Federica Bandini

Dalla responsabilità sociale di impresa all impresa sociale. Federica Bandini Dalla responsabilità sociale di impresa all impresa sociale Federica Bandini LE FINALITA AZIENDALI L ISTITUTO L AZIENDA GLI INTERESSI CONVERGENTI SULL AZIENDA Le finalità Perché le persone si aggregano?

Dettagli

Introduzione. Articolazione della dispensa. Il sistema del controllo di gestione. Introduzione. Controllo di Gestione

Introduzione. Articolazione della dispensa. Il sistema del controllo di gestione. Introduzione. Controllo di Gestione Introduzione Perché il controllo di gestione? L azienda, come tutte le altre organizzazioni, è un sistema che è rivolto alla trasformazione di input (risorse tecniche, finanziarie e umane) in output (risultati

Dettagli

Scaletta della lezione:

Scaletta della lezione: NATURA DELLA CONTABILITA DIREZIONALE Scaletta della lezione: 1. L approccio di Anthony al controllo di gestione 2. Natura e fini delle informazioni - informazioni per l esterno - informazioni per l interno

Dettagli

Università degli Studi di Macerata Economia e Gestione delle Imprese. L impresa. Il sistema impresa

Università degli Studi di Macerata Economia e Gestione delle Imprese. L impresa. Il sistema impresa Università degli Studi di Macerata Economia e Gestione delle Imprese L impresa Il sistema impresa L impresa come sistema Le principali funzioni aziendali I principali processi aziendali La catena del valore

Dettagli

La valorizzazione della ricerca e la costituzione di imprese innovative

La valorizzazione della ricerca e la costituzione di imprese innovative La valorizzazione della ricerca e la costituzione di imprese innovative Agenda Approccio al processo innovativo Spin Off della ricerca e Start Up innovative Il Business Plan (analisi critica di un idea

Dettagli

LICEO STATALE "DOMENICO BERTI OGGETTO : PROGRAMMAZIONE DEL DIPARTIMENTO DELLE DISCIPLINE GIURIDICHE ED ECONOMICHE PER L ANNO SCOLASTICO 2015/2016

LICEO STATALE DOMENICO BERTI OGGETTO : PROGRAMMAZIONE DEL DIPARTIMENTO DELLE DISCIPLINE GIURIDICHE ED ECONOMICHE PER L ANNO SCOLASTICO 2015/2016 LICEO STATALE "DOMENICO BERTI Allegato A al verbale n. 45 OGGETTO : PROGRAMMAZIONE DEL DIPARTIMENTO DELLE DISCIPLINE GIURIDICHE ED ECONOMICHE PER L ANNO SCOLASTICO 2015/2016 CARATTERISTICH E GENERALI DELL

Dettagli

Sistemi di supporto alle decisioni

Sistemi di supporto alle decisioni Sistemi di supporto alle decisioni Introduzione I sistemi di supporto alle decisioni, DSS (decision support system), sono strumenti informatici che utilizzano dati e modelli matematici a supporto del decision

Dettagli

Evidenziare le modalità con le quali l azienda agrituristica produce valore per i clienti attraverso la gestione dei propri processi.

Evidenziare le modalità con le quali l azienda agrituristica produce valore per i clienti attraverso la gestione dei propri processi. 5. Processi Evidenziare le modalità con le quali l azienda agrituristica produce valore per i clienti attraverso la gestione dei propri processi. Il criterio vuole approfondire come l azienda agrituristica

Dettagli

Lezione 3. La struttura divisionale; la struttura a matrice e la struttura orizzontale

Lezione 3. La struttura divisionale; la struttura a matrice e la struttura orizzontale Lezione 3 La struttura divisionale; la struttura a matrice e la struttura orizzontale 1 LA STRUTTURA FUNZIONALE ALTA DIREZIONE Organizzazione Sistemi informativi Comunicazione Programmazione e controllo

Dettagli

Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento

Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento Edizione italiana a cura di G. Soda Capitolo 6 La progettazione della struttura organizzativa: specializzazione e coordinamento Jones, Organizzazione

Dettagli

PROGETTARE L ORGANIZZAZIONE

PROGETTARE L ORGANIZZAZIONE L ORGANIZZAZIONE AZIENDALE PROGETTARE L ORGANIZZAZIONE 41 1 Il ciclo di direzione aziendale Dirigere significa partecipare attivamente alla formulazione delle strategie e delle politiche di gestione. Ciò

Dettagli

Interventi. Strategie. siamo qui. Fabbisogni. Punti forza/debolezza/opportunità/minacce. Contesto generale

Interventi. Strategie. siamo qui. Fabbisogni. Punti forza/debolezza/opportunità/minacce. Contesto generale Il percorso logico Interventi Strategie siamo qui Fabbisogni Punti forza/debolezza/opportunità/minacce Contesto generale Analisi di contesto Indicatori di contesto (individuati dall UE obbligatori) Valutazione

Dettagli

LE PROPOSTE PER L INNOVAZIONE

LE PROPOSTE PER L INNOVAZIONE LE PROPOSTE PER L INNOVAZIONE Ricerca e innovazione in Italia. Le proposte della politica Italianieuropei intervista Maria Chiara Carrozza I ricercatori appartengono alla schiera dei potenziali innovatori.

Dettagli

STUDIO DI SETTORE UM21B ATTIVITÀ 46.34.20 COMMERCIO ALL INGROSSO DI BEVANDE ALCOLICHE NON ALCOLICHE

STUDIO DI SETTORE UM21B ATTIVITÀ 46.34.20 COMMERCIO ALL INGROSSO DI BEVANDE ALCOLICHE NON ALCOLICHE STUDIO DI SETTORE UM21B ATTIVITÀ 46.34.10 COMMERCIO ALL INGROSSO DI BEVANDE ALCOLICHE ATTIVITÀ 46.34.20 COMMERCIO ALL INGROSSO DI BEVANDE NON ALCOLICHE Settembre 2008 PREMESSA L evoluzione dello Studio

Dettagli

Quale futuro per le PMI di Spedizioni Internazionali del Lazio

Quale futuro per le PMI di Spedizioni Internazionali del Lazio CENTRO STUDI Logistica, Trasporto Merci e Spedizioni Progetto Confetra Lazio: Quale futuro per le PMI di Spedizioni Internazionali del Lazio Roma, maggio 2011 PROGETTO REALIZZATO CON IL CONTRIBUTO DELLA

Dettagli

persone impresa Servizi di Consulenza Direzionale Gestione delle Risorse Umane e Organizzazione di Impresa

persone impresa Servizi di Consulenza Direzionale Gestione delle Risorse Umane e Organizzazione di Impresa Servizi di Consulenza Direzionale Gestione delle Risorse Umane e Organizzazione di Impresa perché PersoneImpresa Persone e Impresa è il consulente direzionale cui imprenditori e direttori si rivolgono

Dettagli

- - - - produzioni su commesse singole - produzioni su commesse ripetitive - produzioni per il magazzino produzioni su commesse singole

- - - - produzioni su commesse singole - produzioni su commesse ripetitive - produzioni per il magazzino produzioni su commesse singole 1 SISTEMI PRODUTTIVI CLASSIFICAZIONE DEI SISTEMI PRODUTTI: - modalità di manifestazione della domanda - modalità di manifestazione dell offerta - modalità di esecuzione del prodotto modalità di manifestazione

Dettagli

Regolamento di organizzazione delle strutture amministrative dell Università degli Studi di Teramo

Regolamento di organizzazione delle strutture amministrative dell Università degli Studi di Teramo Regolamento di organizzazione delle strutture amministrative dell Università degli Studi di Teramo Articolo 1 Finalità ed obiettivi 1. Il presente regolamento definisce le linee fondamentali di organizzazione

Dettagli

RICERCA DEI SERIVIZI NELL EVOLUZIONE DELLA SUPPLY CHAIN

RICERCA DEI SERIVIZI NELL EVOLUZIONE DELLA SUPPLY CHAIN RICERCA DEI SERIVIZI NELL EVOLUZIONE DELLA SUPPLY CHAIN Le strategie adottate dalle imprese nel gestire le fasi a monte del processo produttivo sono cambiate seguendo una traiettoria ben precisa. Le tappe

Dettagli

Il soggetto economico

Il soggetto economico Il soggetto economico E la persona o il gruppo di persone (ristretta coalizione di persone) che, di fatto, detiene il supremo potere volitivo in azienda e determina gli indirizzi di fondo della gestione

Dettagli

CARTA D IDENTITÀ... 2 CHE COSA FA... 4 DOVE LAVORA... 5 CONDIZIONI DI LAVORO... 6 COMPETENZE...

CARTA D IDENTITÀ... 2 CHE COSA FA... 4 DOVE LAVORA... 5 CONDIZIONI DI LAVORO... 6 COMPETENZE... GIURISTA D IMPRESA 1. CARTA D IDENTITÀ... 2 2. CHE COSA FA... 4 3. DOVE LAVORA... 5 4. CONDIZIONI DI LAVORO... 6 5. COMPETENZE... 7 Che cosa deve essere in grado di fare... 7 Conoscenze... 8 Abilità...

Dettagli

Affianchiamo l imprenditore ed i suoi collaboratori nella gestione della complessità nella quale l azienda quotidianamente si muove

Affianchiamo l imprenditore ed i suoi collaboratori nella gestione della complessità nella quale l azienda quotidianamente si muove Dr. Mario Venturini Professionista operante in conformità alla Legge n. 4 del 14 /01/2013 Certified Management Consultant - Socio qualificato APCO-CMC n 2003/0042 Affianchiamo l imprenditore ed i suoi

Dettagli

GUIDA - Business Plan Piano d impresa a 3/5 anni

GUIDA - Business Plan Piano d impresa a 3/5 anni GUIDA - Business Plan Piano d impresa a 3/5 anni 1 Executive summary...2 2 Business idea...2 3 Analisi di mercato...2 4 Analisi dell ambiente competitivo...2 5 Strategia di marketing...3 5.1 SWOT Analysis...3

Dettagli

Lezione 1. Moneta, finanza e produzione

Lezione 1. Moneta, finanza e produzione Lezione 1. Moneta, finanza e produzione Attività patrimoniali: stock di ricchezza 1. beni materiali e immateriali che partecipano ai processi produttivi, correnti e futuri, e che prospettano un flusso

Dettagli

APPROFONDIMENTO FINANZA

APPROFONDIMENTO FINANZA APPROFONDIMENTO FINANZA Iniziativa Comunitaria Equal II Fase IT G2 CAM - 017 Futuro Remoto Approfondimento LE SCELTE DI STRUTTURA FINANZIARIA ORGANISMO BILATERALE PER LA FORMAZIONE IN CAMPANIA LE SCELTE

Dettagli

Alcune persone guardano le cose accadere. Altre fanno in modo che accadano!

Alcune persone guardano le cose accadere. Altre fanno in modo che accadano! 2013 Alcune persone guardano le cose accadere. Altre fanno in modo che accadano! Nel mondo economico dei nostri tempi, la maggior parte delle organizzazioni spende migliaia (se non milioni) di euro per

Dettagli

Documento non definitivo

Documento non definitivo STUDIO DI SETTORE VG66U ATTIVITÀ 33.12.51 RIPARAZIONE E MANUTENZIONE DI MACCHINE ED ATTREZZATURE PER UFFICIO (ESCLUSI COMPUTER, PERIFERICHE, FAX) ATTIVITÀ 58.12.02 PUBBLICAZIONE DI MAILING LIST ATTIVITÀ

Dettagli

Concetto di patrimonio

Concetto di patrimonio Concetto di patrimonio Il patrimonio o capitale si può definire, in prima approssimazione, come l insieme l dei beni a disposizione del soggetto aziendale in un determinato momento; in un accezione più

Dettagli

Amministrazione, finanza e marketing - Turismo Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Amministrazione, finanza e marketing - Turismo Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca MATERIA DIRITTO CLASSE 3 INDIRIZZO RIM DESCRIZIONE Unità di Apprendimento UdA n. 1 Titolo: STATO E ORGANIZZAZIONI INTERNAZIONALI VALUTARE FATTI E ORIENTARE I PROPRI COMPORTAMENTI IN BASE AD UN SISTEMA

Dettagli

STATISTICA ECONOMICA STATISTICA PER L ECONOMIA

STATISTICA ECONOMICA STATISTICA PER L ECONOMIA STATISTICA ECONOMICA STATISTICA PER L ECONOMIA a.a. 2009-2010 Facoltà di Economia, Università Roma Tre Archivio Statistico delle Imprese Attive (ASIA) L archivio è costituito dalle unità economiche che

Dettagli

Nell ambito dell organizzazione aziendale il problema organizzativo si pone a due livelli: 1. Livello Macro (MESO): l analisi è posta in termini di

Nell ambito dell organizzazione aziendale il problema organizzativo si pone a due livelli: 1. Livello Macro (MESO): l analisi è posta in termini di 1 Nell ambito dell organizzazione aziendale il problema organizzativo si pone a due livelli: 1. Livello Macro (MESO): l analisi è posta in termini di progettazione organizzativa, cioè la scelta dell abito

Dettagli

UNITED COLORS OF BENETTON. DOTT. FRANCESCO BARBARO

UNITED COLORS OF BENETTON. DOTT. FRANCESCO BARBARO UNITED COLORS OF BENETTON. DOTT. FRANCESCO BARBARO 1 INDICE 1/2 1. IL GRUPPO BENETTON: COMPANY OVERVIEW 2. LA STRATEGIA D AREA 2.1 IL POSIZIONAMENTO COMPETITIVO 2.2 LA CONFIGURAZIONE DELLE ATTIVITA 3.

Dettagli

Art. 1 (Campo di applicazione)

Art. 1 (Campo di applicazione) Allegato C) alla deliberazione n. 29 del 31.10.2014 Regolamento per la definizione dei criteri per l individuazione, il conferimento, la valutazione e la revoca degli incarichi delle posizioni organizzative

Dettagli

COMUNE DI RAVENNA GUIDA ALLA VALUTAZIONE DELLE POSIZIONI (FAMIGLIE, FATTORI, LIVELLI)

COMUNE DI RAVENNA GUIDA ALLA VALUTAZIONE DELLE POSIZIONI (FAMIGLIE, FATTORI, LIVELLI) COMUNE DI RAVENNA Il sistema di valutazione delle posizioni del personale dirigente GUIDA ALLA VALUTAZIONE DELLE POSIZIONI (FAMIGLIE, FATTORI, LIVELLI) Ravenna, Settembre 2004 SCHEMA DI SINTESI PER LA

Dettagli

Terzo settore. risorsa economica e sociale del VCO

Terzo settore. risorsa economica e sociale del VCO risorsa economica e sociale del VCO TERZO SETTORE: risorsa economica e sociale per il territorio Il censimento 2011, a 10 anni di distanza dal precedente, ci restituisce informazioni che mettono in luce

Dettagli

Economia aziendale - introduzione-

Economia aziendale - introduzione- Economia aziendale - introduzione- Economia aziendale scienza che studia le condizioni di esistenza e le manifestazioni di vita delle aziende (Zappa 1927) mira a dare norme e precetti per la razionale

Dettagli

Indice. pagina 2 di 8

Indice. pagina 2 di 8 LEZIONE SOURCING, PROCUREMENT E METODOLOGIE PER L'OTTIMIZZAZIONE DELLA CATENA DEL VALORE DOTT.SSA ROSAMARIA D AMORE Indice 1 Catena del valore e creazione del valore --------------------------------------------------------------

Dettagli

STUDIO DI SETTORE UM15A ATTIVITÀ 52.48.3 ATTIVITÀ 52.73.0 COMMERCIO AL DETTAGLIO DI OROLOGI, ARTICOLI DI GIOIELLERIA E ARGENTERIA

STUDIO DI SETTORE UM15A ATTIVITÀ 52.48.3 ATTIVITÀ 52.73.0 COMMERCIO AL DETTAGLIO DI OROLOGI, ARTICOLI DI GIOIELLERIA E ARGENTERIA STUDIO DI SETTORE UM15A ATTIVITÀ 52.48.3 COMMERCIO AL DETTAGLIO DI OROLOGI, ARTICOLI DI GIOIELLERIA E ARGENTERIA ATTIVITÀ 52.73.0 RIPARAZIONE DI OROLOGI E GIOIELLI Settembre 2007 PREMESSA L evoluzione

Dettagli

TITOLO II PROGRAMMAZIONE REGIONALE SEZIONE I OBIETTIVI E SOGGETTI DELLA PROGRAMMAZIONE

TITOLO II PROGRAMMAZIONE REGIONALE SEZIONE I OBIETTIVI E SOGGETTI DELLA PROGRAMMAZIONE LEGGE REGIONALE N. 28 DEL 16-11-2001 REGIONE PUGLIA "Riforma dell'ordinamento regionale in materia di programmazione, bilancio, contabilità regionale e controlli" (Pubblicata nel Bollettino Ufficiale n.

Dettagli

L ORGANIZZAZIONE E LE STRUTTURE ORGANIZZATIVE

L ORGANIZZAZIONE E LE STRUTTURE ORGANIZZATIVE ORGANI E FUNZIONI L ORGANIZZAZIONE E LE STRUTTURE ORGANIZZATIVE ll sistema degli organi aziendali tramite i quali si svolge l amministrazione l forma la struttura organizzativa aziendale. Le attività svolte

Dettagli

Il Marketing Strategico

Il Marketing Strategico Corso di Laurea in Viticoltura ed Enologia Marketing Vitivinicolo A.A. 2014/2015 Il Marketing Strategico Nicola Marinelli nicola.marinelli@unifi.it Cosa vuol dire strategia aziendale? Determinazione dei

Dettagli

Progetto Costa d Amalfi

Progetto Costa d Amalfi 14-7-2000T.FEDERICI Convegno di lancio Progetto Costa d Amalfi 1 Progetto Costa d Amalfi Il cambiamento organizzativo degli Enti e la progettazione di reti locali opportunità da cogliere, criticità da

Dettagli

Anno Scolastico 2013 / 2014

Anno Scolastico 2013 / 2014 VENEZIA - MESTRE PROGRAMMAZIONE PREVENTIVA MATERIA: ECONOMIA AZIENDALE DOCENTE: RAFANIELLO SALVATORE CLASSE 3 SEZ. C amministrazione finanza e marketing Anno Scolastico 2013 / 2014 MESTRE-VENEZIA 2 dicembre

Dettagli

LA GESTIONE AZIENDALE

LA GESTIONE AZIENDALE LA GESTIONE AZIENDALE GESTIONE = insieme delle operazioni che l impresa effettua, durante la sua esistenza, per realizzare gli obiettivi perseguiti dal soggetto economico. ESERCIZIO = parte di gestione

Dettagli

tale processo di creazione e distribuzione del valore viene misurato dai PREZZI DI MERCATO

tale processo di creazione e distribuzione del valore viene misurato dai PREZZI DI MERCATO L IMPRESA: è la cellula vitale del sistema economico opera NEL e PER il mercato, coinvolgendo un consistente numero di soggetti, con i quali intrattiene relazioni ha la funzione di GENERARE e DISTRIBUIRE

Dettagli

Corso di. Analisi e contabilità dei costi

Corso di. Analisi e contabilità dei costi Corso di Analisi e Contabilità dei Costi Prof. 1_I costi e il sistema di controllo Perché analizzare i costi aziendali? La CONOSCENZA DEI COSTI (formazione, composizione, comportamento) utile EFFETTUARE

Dettagli

LE LINGUE NELL UNIONE EUROPEA IL MULTILINGUISMO

LE LINGUE NELL UNIONE EUROPEA IL MULTILINGUISMO LE LINGUE NELL UNIONE EUROPEA IL MULTILINGUISMO Perché una questione linguistica per l Unione europea? Il multilinguismo è oggi inteso come la capacità di società, istituzioni, gruppi e cittadini di relazionarsi

Dettagli

Psicologia delle organizzazioni

Psicologia delle organizzazioni Università degli Studi di Torino Facoltà di Scienze Politiche Sede di Biella Psicologia delle organizzazioni LA STRUTTURA ORGANIZZATIVA 1 La struttura Struttura come configurazione formale dell organizzazione

Dettagli