Le IMPRESE INDUSTRIALI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Le IMPRESE INDUSTRIALI"

Transcript

1 Le IMPRESE INDUSTRIALI Economia Aziendale 5 I.T.C.G. Saraceno Morbegno Laboratorio di Ec. Aziendale 5 B Prog. Mercurio Prof. Pellegrini Claudio

2 ASPETTI GENERALI E STRATEGIE DELLE IMPRESE INDUSTRIALI LA CLASSIFICAZIONE DELLE AZIENDE INDUSTRIALI LA LOCALIZZAZIONE DELLE AZIENDE INDUSTRIALI L ORGANIZZAZIONE LE STRUTTURE ORGANIZZATIVE LA STRUTTURA GERARCHICA I VANTAGGI DELLA STRUTTURA GERARCHICA GLI SVANTAGGI DELLA STRUTTURA GERARCHICA LA STRUTTURA FUNZIONALE I VANTAGGI E GLI SVANTAGGI DELLA STRUTTURA FUNZIONALE LA STRUTTURA GERARCHICO-FUNZIONALE (LINE & STAFF) GLI ORGANI DI LINE & STAFF LA STRUTTURA GERARCHICO-FUNZIONALE (PER LINEA DI PRODOTTO) LA STRUTTURA MULTIDIVISIONALE LA STRUTTURA MULTIDIVISIONALE: CARATTERI LA STRUTTURA MULTIDIVISIONALE: VANTAGGI E SVANTAGGI LA STRUTTURA A MATRICE LA STRUTTURA A MATRICE: CARATTERI, VANTAGGI E SVANTAGGI LE AREE FUNZIONALI LE AREE CARATTERISTICHE LE AREE INTEGRATIVE E DI INFORMAZIONE E CONTROLLO

3 LA CLASSIFICAZIONE DELLE AZIENDE INDUSTRIALI ramo di attività dimensioni (piccole, medie, grandi) Classificazione delle aziende industriali in relazione a forma giuridica (aziende individuali, società) aspetti tecnico-organizzativi della produzione (a flusso continuo, discontinua o su commessa o su progetto, in serie, a lotti, affiancata o parallela) varietà dei prodotti ottenuti (monoprodotto, multiprodotto o a produzione multipla)

4 LA LOCALIZZAZIONE DELLE AZIENDE INDUSTRIALI fattori di localizzazione vicinanza ai mercati di acquisizione delle materie prime possibilità di reperire agevolmente altri fattori produttivi (manodopera, energia elettrica, ecc.) vicinanza ai mercati di vendita dei prodotti presenza di determinate infrastrutture vicinanza alle imprese costruttrici di impianti e macchinari e ai loro centri di assistenza lontananza dai centri abitati possibilità di disporre di ampi spazi calcoli di convenienza economica contrapposizione tra i ricavi realizzabili in una determinata localizzazione e i costi aziendali connessi

5 L ORGANIZZAZIONE GLI ORGANI DELL AZIENDA ORGANO VOLITIVO (imprenditore, assemblea dei soci) ORGANO DIRETTIVO (amministratori, direttori) ORGANO ESECUTIVO (impiegati operai) - fissa gli obiettivi generali - sceglie le strategie - traduce in direttive le scelte dell organo volitivo - esegue materialmente le operazioni aziendali

6 LE STRUTTURE ORGANIZZATIVE STRUTTURA ORGANIZZATIVA GERARCHICA FUNZIONALE MISTA prevede che ogni membro dell organizzazione riceva direttive da un solo superiore realizza il frazionamento della funzione direttiva e consente scambi di informazioni più articolati unisce i vantaggi della struttura gerarchica e di quella funzionale

7 LA STRUTTURA GERARCHICA ALTA DI PRODUZIONE COMMERCIALE DEL PERSONALE AMMINISTRAZIONE E FINANZA RICERCA E SVILUPPO REPARTO A REPARTO B REPARTO C UFFICIO MARKETING UFFICIO VENDITE UFFICIO AMM.NE DEL PERSONALE UFFICIO RAPPORTI SINDACALI UFFICIO FORMAZIONE AMM.NE E CONTABILITA' UFFICIO FINANZA UFFICIO RICERCHE UFFICIO SVILUPPO E INNOVAZIONI

8 I VANTAGGI DELLA STRUTTURA GERARCHICA VANTAGGI UNITARIETÀ DI COMANDO CHIARA DEFINIZIONE DEI COMPITI E DELLE RESPONSABILITÀ MANTENIMENTO DELLA DISCIPLINA FACILITÀ DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI

9 GLI SVANTAGGI DELLA STRUTTURA GERARCHICA SVANTAGGI NON SI ADATTA ALLE GRANDI IMPRESE DIFFICOLTÀ DI ADEGUAMENTO DELLA STRUTTURA ECCESSIVA BUROCRATIZZAZIONE DECISIONI LENTE

10 LA STRUTTURA FUNZIONALE ALTA MARKETING DI PRODUZIONE APPROVVIGIONAMENTI RICERCA E SVILUPPO ORGANIZZAZIONE E GESTIONE DEL PERSONALE FINANZA SISTEMA INFORMATIVO PIANIFICAZIONE PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO AREE FUNZIONALI CARATTERISTICHE AREE FUNZIONALI INTEGRATIVE AREE FUNZIONALI DI INFORMAZIONE E CONTROLLO

11 I VANTAGGI E GLI SVANTAGGI DELLA STRUTTURA FUNZIONALE SPECIALIZZAZIONE DEL LAVORO VANTAGGI CONTINUO INTERSCAMBIO DI INFORMAZIONI SVANTAGGI CONFLITTI DI AUTORITÀ PROBLEMI DI COORDINAMENTO TRA I VARI ORGANI

12 LA STRUTTURA GERARCHICO-FUNZIONALE (LINE & STAFF) ALTA STAFF GENERALE DI PRODUZIONE DI MARKETING E COMMERCIALE DEL PERSONALE AMMINISTRAZIONE E FINANZA RICERCA E SVILUPPO STAFF INFERIORE STAFF INFERIORE STAFF INFERIORE STAFF INFERIORE STAFF INFERIORE STABILIMENTO A STABILIMENTO B UFFICIO MARKETING UFFICIO VENDITE ADDESTRAMENTO FORMAZIONE UFFICIO RAPPORTI SINDACALI ACQUISIZIONE RISORSE FINANZIARIE

13 GLI ORGANI DI LINE & STAFF ORGANI DI LINE ATTIVITÀ DI ATTIVITÀ DI ESECUZIONE ORGANI DI STAFF ATTIVITÀ DI CONSULENZA ATTIVITÀ DI ASSISTENZA

14 LA STRUTTURA GERARCHICO-FUNZIONALE (PER LINEA DI PRODOTTO) ALTA DI PRODUZIONE DI MARKETING E COMMERCIALE DEL PERSONALE AMMINISTRAZIONE E FINANZA RICERCA E SVILUPPO PRODUCT MANAGER LINEA A PRODUCT MANAGER LINEA B PUBBLICITÀ RICERCHE DI MERCATO VENDITE DISTRIBUZIONE RICERCHE DI MERCATO PUBBLICITÀ VENDITE DISTRIBUZIONE

15 LA STRUTTURA MULTIDIVISIONALE ALTA DI PRODUZIONE DI MARKETING E COMMERCIALE DEL PERSONALE AMMINISTRAZIONE E FINANZA RICERCA E SVILUPPO DIVISIONE A DIVISIONE B DIVISIONE C DIVISIONE D PRODUZIONE MARKETING PERSONALE AMMINISTRAZIONE E FINANZA RICERCA E SVILUPPO

16 LA STRUTTURA MULTIDIVISIONALE: CARATTERI SUDDIVISIONE DELLE COMPETENZE PER PRODOTTO, MERCATO O AREA GEOGRAFICA CARATTERI SCOMPOSIZIONE DELL ATTIVITÀ ALL INTERNO DELLE SINGOLE DIVISIONI SECONDO I CRITERI DELLA STRUTTURA FUNZIONALE

17 LA STRUTTURA MULTIDIVISIONALE: VANTAGGI E SVANTAGGI VANTAGGI I COMPITI DI COORDINAMENTO VENGONO ACCENTRATI NEL RESPONSABILE DI DIVISIONE L AZIENDA SI ADATTA PIÙ FACILMENTE ALLE ESIGENZE MUTEVOLI DEI CONSUMATORI RISCHI DI COMPETIZIONE E CONFLITTI CON LE ALTRE DIVISIONI SVANTAGGI AUMENTO DEI COSTI DIREZIONALI DOVUTO AL MOLTIPLICARSI DEI CENTRI DIRETTIVI (produzione, vendita)

18 LA STRUTTURA A MATRICE ALTA DI PRODUZIONE DI MARKETING E COMMERCIALE DEL PERSONALE AMMINISTRAZIONE E FINANZA RICERCA E SVILUPPO PROGETTO A Responsabili per funzione Responsabili per progetto PROGETTO B Responsabili per funzione Responsabili per progetto PROGETTO C Responsabili per funzione Responsabili per progetto....

19 LA STRUTTURA A MATRICE: CARATTERI, VANTAGGI E SVANTAGGI CARATTERI I RESPONSABILI PER FUNZIONE SI OCCUPANO DI TUTTI I PROGETTI IN RELAZIONE ALLE LORO SPECIFICHE COMPETENZE I RESPONSABILI PER PROGETTO COORDINANO TUTTE LE ATTIVITÀ NECESSARIE PER REALIZZARE IL PROGETTO LORO ASSEGNATO VANTAGGI VIENE ASSICURATO UN EFFICACE COORDINAMENTO TRA LE DIVERSE ATTIVITÀ SVANTAGGI RISCHI DI CONFLITTI TRA I RESPONSABILI DI FUNZIONE E QUELLI DI PROGETTO

20 LE AREE FUNZIONALI AREE FUNZIONALI AREE CARATTERISTICHE AREE INTEGRATIVE AREE DI INFORMAZIONE E CONTROLLO - marketing - produzione - approvvigionamenti - ricerca e sviluppo - organizzazione e gestione del personale - finanza - sistema informativo - pianificazione, programmazione e controllo

21 LE AREE CARATTERISTICHE FUNZIONE MARKETING Ha come obiettivo l individuazione e lo sviluppo delle relazioni tra impresa e ambiente socio-economico esterno (es. mercati di sbocco) FUNZIONE PRODUZIONE Ha il compito di trasformare i fattori produttivi acquisiti al fine di ottenere prodotti idonei a soddisfare le richieste provenienti dai consumatori finali o da altre unità produttive FUNZIONE APPROVVIGIONAMENTO Deve consentire la tempestiva acquisizione di materie prime e sussidiarie, di parti componenti e di materiali di consumo, necessari allo svolgimento dell attività produttiva FUNZIONE RICERCA E SVILUPPO È finalizzata alla produzione di nuove conoscenze tecnologiche che consentano di fronteggiare l evoluzione ambientale e di ottenere vantaggi competitivi

22 LE AREE INTEGRATIVE, DI INFORMAZIONE E DI CONTROLLO AREE INTEGRATIVE Costituiscono un supporto alle aree operative, in quanto forniscono risorse e offrono soluzioni AREE DI INFORMAZIONE Aree di informazione: sono preposte alla raccolta, selezione, aggregazione ed elaborazione dei dati AREE DI CONTROLLO Aree di pianificazione e controllo: si occupano di programmare la gestione futura, di misurare il grado di raggiungimento degli obiettivi prefissati

ISTITUZIONI DI ECONOMIA AZIENDALE

ISTITUZIONI DI ECONOMIA AZIENDALE ISTITUZIONI DI ECONOMIA AZIENDALE 1 a) L organizzazione: concetti generali b) La struttura organizzativa c) I principali modelli di struttura organizzativa a) La struttura plurifunzionale b) La struttura

Dettagli

L ORGANIZZAZIONE AZIENDALE

L ORGANIZZAZIONE AZIENDALE L ORGANIZZAZIONE AZIENDALE CONCETTO: L ORGANIZZAZIONE SI PONE COME OBIETTIVO LO STUDIO DELLE COMPOSIZIONI PIU CONVENIENTI DELLE FORZE PERSONALI, MATERIALI E IMMATERIALI OPERANTI NEL SISTEMA AZIENDALE.

Dettagli

Economia e gestione delle imprese. Argomenti IL CICLO DI DIREZIONE AZIENDALE. Prof. Arturo Capasso

Economia e gestione delle imprese. Argomenti IL CICLO DI DIREZIONE AZIENDALE. Prof. Arturo Capasso Economia e gestione delle imprese Prof. Arturo Capasso 1 Argomenti Il ciclo direzionale La funzione organizzativa Struttura organizzativa Scelte di organizzazione Progettazione dell organizzazione Modelli

Dettagli

L organizzazione aziendale

L organizzazione aziendale Università degli studi di Teramo Facoltà di Agraria Lezioni di Economia e gestione delle imprese vitivinicole aziendale Emilio Chiodo Anno Accademico 2014-2015 Le operazioni aziendali Il sistema delle

Dettagli

Parte Prima Le imprese industriali: aspetti strutturali, gestionali e contabili

Parte Prima Le imprese industriali: aspetti strutturali, gestionali e contabili Parte Prima Le imprese industriali: aspetti strutturali, gestionali e contabili 1. Le caratteristiche organizzative e gestionali delle imprese industriali 1) Definizione e classificazione delle imprese

Dettagli

ORGANIZZAZIONE AZIENDALE. Le forme divisionali e i gruppi di imprese

ORGANIZZAZIONE AZIENDALE. Le forme divisionali e i gruppi di imprese ORGANIZZAZIONE AZIENDALE Le forme divisionali e i gruppi di imprese Prof. Armando Urbano - A.A. 2011-2012 Contenuti del capitolo Le caratteristiche di base della forma divisionale Interazioni, interdipendenze

Dettagli

ORGANIZZAZIONE PERSONALE

ORGANIZZAZIONE PERSONALE ORGANIZZAZIONE PERSONALE L ORGANIZZAZIONE è un sistema coordinato di persone che si prefigge di raggiungere un più razionale impiego del lavoro umano in relazione agli obiettivi aziendali. IL PERSONALE

Dettagli

Cap.1 - L impresa come sistema

Cap.1 - L impresa come sistema Cap.1 - L impresa come sistema Indice: L impresa come sistema dinamico L impresa come sistema complesso e gerarchico La progettazione del sistema impresa Modelli organizzativi per la gestione Proprietà

Dettagli

Corso di Programmazione e Controllo SEDE DI FANO

Corso di Programmazione e Controllo SEDE DI FANO Corso di Programmazione e Controllo SEDE DI FANO Docente: Selena Aureli LEZIONE 2 1 L organo amministrativo o controller L are amministrativa è l area in cui si colloca l organo o ente oggi denominato

Dettagli

Organizzazione aziendale

Organizzazione aziendale Organizzazione aziendale prof. Barbara Scozzi bscozzi@poliba.it Cos è una organizzazione? Insieme di individui Esistenza obiettivo comune Divisione del lavoro/coordinamento 1 Una organizzazione e... Sistema

Dettagli

Le funzioni aziendali. Prof. Federico Alvino

Le funzioni aziendali. Prof. Federico Alvino Le funzioni aziendali Prof. Federico Alvino Lezione VI: obiettivi cosa sono le funzioni aziendali? come si possono rappresentare le funzioni aziendali? a che serve identificare le funzioni aziendali? 2

Dettagli

Introduzione Azienda ed organizzazione

Introduzione Azienda ed organizzazione Introduzione Azienda ed organizzazione 1 L AZIENDA E IL SUO AMBIENTE AZIENDA: sistema aperto che instaura rapporti di input e output con l ambiente esterno, sociale e naturale Condizioni fondamentali per

Dettagli

OBIETTIVO. Economia Aziendale Prof. Giovanni Ossola. Studiare il sistema impresa. Studiare i sub-sistemi del sistema impresa

OBIETTIVO. Economia Aziendale Prof. Giovanni Ossola. Studiare il sistema impresa. Studiare i sub-sistemi del sistema impresa Economia Aziendale Prof. Giovanni Ossola OBIETTIVO Studiare il sistema impresa Studiare i sub-sistemi del sistema impresa Studiare le relazioni tra i sub-sistemi Studiare le relazioni tra impresa e ambiente/mercato

Dettagli

Corso di Economia e Gestione delle Imprese

Corso di Economia e Gestione delle Imprese Lezione 7 (rif. (rif. cap.. 6 Sciarelli) Corso di Economia e Gestione delle Imprese elena.cedrola@unimc.it a.a. 2009-2010 2010 Prof. Elena Cedrola http://docenti.unimc.it/docenti/elena-cedrola Contenuti

Dettagli

5 L AZIENDA DI PRODUZIONE. 14 ottobre 2005 Ragioneria Generale e Applicata 1

5 L AZIENDA DI PRODUZIONE. 14 ottobre 2005 Ragioneria Generale e Applicata 1 5 L AZIENDA DI PRODUZIONE 14 ottobre 2005 Ragioneria Generale e Applicata 1 Due principali tipologie di aziende Tutte le aziende esercitano attività di acquisizione, produzione ed uso dei beni economici

Dettagli

Lezione 1 Organizzazione, organi e relazioni

Lezione 1 Organizzazione, organi e relazioni Lezione 1 Organizzazione, organi e relazioni Economia e Organizzazione Aziendale Modulo 4 - L organizzazione aziendale Unità didattica 1 Concetti base dell organizzazione Antonio Dallara Concetto di organizzazione

Dettagli

ORGANIZZAZIONE IN SENSO AMPIO

ORGANIZZAZIONE IN SENSO AMPIO ORGANIZZAZIONE IN SENSO AMPIO ESPRIME LA PREDISPOSIZIONE E LA RIUNIONE DI CONDIZIONI E FATTORI AVENTI UNA FUNZIONE STRUMENTALE DUREVOLE PER LA VITA DELL AZIENDA IN SENSO STRETTO RIGUARDA I CRITERI DI:

Dettagli

con noi IN AZIENDA F. Fortuna A. Montanaro Economia aziendale per il primo biennio Aggiornamenti aggiuntivi all edizione 2010

con noi IN AZIENDA F. Fortuna A. Montanaro Economia aziendale per il primo biennio Aggiornamenti aggiuntivi all edizione 2010 F. Fortuna A. Montanaro con noi IN AZIENDA Economia aziendale per il primo biennio Aggiornamenti aggiuntivi all edizione 2010 volume 1 ISBN 978-88-00-20900-7 volume 2 ISBN 978-88-00-20901-4 tituti tecnici

Dettagli

L ORGANIZZAZIONE E LE STRUTTURE ORGANIZZATIVE

L ORGANIZZAZIONE E LE STRUTTURE ORGANIZZATIVE ORGANI E FUNZIONI L ORGANIZZAZIONE E LE STRUTTURE ORGANIZZATIVE ll sistema degli organi aziendali tramite i quali si svolge l amministrazione l forma la struttura organizzativa aziendale. Le attività svolte

Dettagli

Lezione 3. La macro struttura organizzativa: la struttura funzionale e le sue modifiche; la struttura divisionale; la struttura a matrice.

Lezione 3. La macro struttura organizzativa: la struttura funzionale e le sue modifiche; la struttura divisionale; la struttura a matrice. Lezione 3 La macro struttura organizzativa: la struttura funzionale e le sue modifiche; la struttura divisionale; la struttura a matrice. 1 LA STRUTTURA FUNZIONALE ALTA DIREZIONE Organizzazione Sistemi

Dettagli

L azienda e le funzioni aziendali

L azienda e le funzioni aziendali UDA 5 TEMA 3 L operatore impresa L azienda e le funzioni aziendali a cura di Lidia Sorrentino Il concetto di azienda. Per soddisfare i propri bisogni, fin dall antichità l uomo si è associato con altre

Dettagli

Simulazione di seconda prova scritta

Simulazione di seconda prova scritta Simulazione di seconda prova scritta Economia aziendale di Luisa Menabeni Pianificazione, programmazione aziendale e controllo di gestione; nuove formule strategiche, controllo strategico, calcolo dei

Dettagli

La Gestione della Produzione

La Gestione della Produzione La Gestione della Produzione E il processo decisionale attraverso il quale sono organizzate le risorse produttive al fine di conseguire determinati obiettivi. Si estrinseca temporalmente attraverso tre

Dettagli

tale processo di creazione e distribuzione del valore viene misurato dai PREZZI DI MERCATO

tale processo di creazione e distribuzione del valore viene misurato dai PREZZI DI MERCATO L IMPRESA: è la cellula vitale del sistema economico opera NEL e PER il mercato, coinvolgendo un consistente numero di soggetti, con i quali intrattiene relazioni ha la funzione di GENERARE e DISTRIBUIRE

Dettagli

Gestione e organizzazione aziendale le strutture organizzative: modelli

Gestione e organizzazione aziendale le strutture organizzative: modelli Gestione e organizzazione aziendale le strutture organizzative: modelli 4 Facoltà di Economia Sede di Treviglio Giancarlo Traini Maggio 2012 il programma N data giorno ora tema capitolo 1 Introduzione

Dettagli

Corso di Analisi e Contabilità dei Costi

Corso di Analisi e Contabilità dei Costi Corso di Analisi e Contabilità dei Costi 4_Il calcolo del costo di prodotto e la contabilità per centri di costo Il costo unitario di prodotto Conoscere il COSTO UNITARIO DI PRODOTTO è importante per:

Dettagli

Organizzare e gestire la forza vendita sul territorio Come dimensionare e gestire la forza vendita sul territorio

Organizzare e gestire la forza vendita sul territorio Come dimensionare e gestire la forza vendita sul territorio Organizzare e gestire la forza vendita sul territorio Come dimensionare e gestire la forza vendita sul territorio Ciclo convegni sulla cultura del marketing Vicenza, COM 2004 Organizzazione: AISM Delegazione

Dettagli

ECONOMIA E GESTIONE DELLE IMPRESE. ECONOMIA E GESTIONE DELLE IMPRESE Università LUMSA - A.A. 2013-2014

ECONOMIA E GESTIONE DELLE IMPRESE. ECONOMIA E GESTIONE DELLE IMPRESE Università LUMSA - A.A. 2013-2014 ECONOMIA E GESTIONE DELLE IMPRESE Università LUMSA - A.A. 2013-2014 Contenuti: - Capitolo 8 - Capitolo 9 - Capitolo 10 - Capitolo 11 - Capitolo 12 IL CICLO DI DIREZIONE AZIENDALE PROGRAMMAZIONE (atti di

Dettagli

ORGANIZZAZIONE AZIENDALE. Le forme gerarchico-funzionali e la loro evoluzione

ORGANIZZAZIONE AZIENDALE. Le forme gerarchico-funzionali e la loro evoluzione ORGANIZZAZIONE AZIENDALE Le forme gerarchico-funzionali e la loro evoluzione Prof. Armando Urbano - A.A. 2011-2012 PASSAGGIO DA FORMA SEMPLICE A FORMA GERARCHICO-FUNZIONALE La forma semplice è caratterizzata

Dettagli

Tecniche Di Project Management. Le Architetture Organizzative di progetto

Tecniche Di Project Management. Le Architetture Organizzative di progetto Tecniche Di Project Management Le Architetture Organizzative di progetto 1 La struttura organizzativa E la configurazione degli organi aziendali e degli insiemi di compiti e di responsabilità loro assegnati

Dettagli

Henri FAYOL (1841-1925)

Henri FAYOL (1841-1925) Henri FAYOL (1841-1925) La Teoria della Direzione Amministrativa (TDA) Henri Fayol, il fondatore Ingegnere di formazione, lavora in un impresa mineraria di cui diverra il direttore generale Fayol si propone

Dettagli

Economia e gestione delle Imprese internazionali. Ing. J.Malacarne Facoltà di Lingue e Letterature Straniere Università di Bologna - 2009

Economia e gestione delle Imprese internazionali. Ing. J.Malacarne Facoltà di Lingue e Letterature Straniere Università di Bologna - 2009 Economia e gestione delle Imprese internazionali Ing. J.Malacarne Facoltà di Lingue e Letterature Straniere Università di Bologna - 2009 1 Contenuti del Corso 1. L internazionalizzazione delle Imprese:

Dettagli

Dalla strategia organizzativa alla pianificazione del personale

Dalla strategia organizzativa alla pianificazione del personale Dalla strategia organizzativa alla pianificazione del Corso di dott. Cristiano Ghiringhelli Anno Accademico -14 1 Dalla strategia alla prestazione organizzativa, attraverso la GRU Prassi di Analisi delle

Dettagli

Lezione 3. La struttura divisionale; la struttura a matrice e la struttura orizzontale

Lezione 3. La struttura divisionale; la struttura a matrice e la struttura orizzontale Lezione 3 La struttura divisionale; la struttura a matrice e la struttura orizzontale 1 LA STRUTTURA FUNZIONALE ALTA DIREZIONE Organizzazione Sistemi informativi Comunicazione Programmazione e controllo

Dettagli

Università degli Studi di Macerata Economia e Gestione delle Imprese. L impresa. Il sistema impresa

Università degli Studi di Macerata Economia e Gestione delle Imprese. L impresa. Il sistema impresa Università degli Studi di Macerata Economia e Gestione delle Imprese L impresa Il sistema impresa L impresa come sistema Le principali funzioni aziendali I principali processi aziendali La catena del valore

Dettagli

Capitolo 15 LE SCELTE DI ORGANIZZAZIONE. G. Airoldi, G. Brunetti, V. Coda Corso di economia aziendale Il Mulino, 2005

Capitolo 15 LE SCELTE DI ORGANIZZAZIONE. G. Airoldi, G. Brunetti, V. Coda Corso di economia aziendale Il Mulino, 2005 Capitolo 15 LE SCELTE DI ORGANIZZAZIONE G. Airoldi, G. Brunetti, V. Coda Corso di economia aziendale Il Mulino, 2005 1 L ASSETTO ORGANIZZATIVO, IL COMPORTAMENTO ORGANIZZATIVO In organizzazione il centro

Dettagli

ECONOMIA E ORGANIZZAZIONE AZIENDALE

ECONOMIA E ORGANIZZAZIONE AZIENDALE Corso di Laurea in Ingegneria Aerospaziale ECONOMIA E ORGANIZZAZIONE AZIENDALE Organizzazione Agenda Una definizione di Organizzazione Microstruttura Organizzativa Ruoli, mansioni, compiti Specializzazione

Dettagli

Le soluzioni gestionali Microsoft Dynamics

Le soluzioni gestionali Microsoft Dynamics Le soluzioni gestionali Microsoft Dynamics Le soluzioni gestionali Microsoft Dynamics La suite Microsoft Dynamics comprende soluzioni integrate, flessibili e semplici da utilizzare per automatizzare i

Dettagli

I sistemi di controllo di gestione. Nicola Castellano

I sistemi di controllo di gestione. Nicola Castellano I sistemi di controllo di gestione Nicola Castellano 1 Controllo di gestione e contabilità analitica Sommario: Controllo di gestione Definizione Il sistema di controllo Struttura organizzativa Processo

Dettagli

INDICE. p. 3 AZIENDA. p. 4. FORMAZIONE - Formazione Finanziata - Formazione Obbligatoria - Formazione Continua. p. 6 RICERCA E SELEZIONE DEL PERSONALE

INDICE. p. 3 AZIENDA. p. 4. FORMAZIONE - Formazione Finanziata - Formazione Obbligatoria - Formazione Continua. p. 6 RICERCA E SELEZIONE DEL PERSONALE Indice INDICE AZIENDA FORMAZIONE - Formazione Finanziata - Formazione Obbligatoria - Formazione Continua RICERCA E SELEZIONE DEL PERSONALE CONSULENZA - Risorse Umane - Sviluppo Organizzativo - Commerciale

Dettagli

I sistemi di controllo di gestione. Nicola Castellano

I sistemi di controllo di gestione. Nicola Castellano I sistemi di controllo di gestione Nicola Castellano 1 Controllo di gestione e contabilità analitica Sommario: Controllo di gestione Definizione Il sistema di controllo Struttura organizzativa Processo

Dettagli

Aggregazioni aziendali: possibili tipologie. Antonella Paolini 11 aprile 2012

Aggregazioni aziendali: possibili tipologie. Antonella Paolini 11 aprile 2012 Aggregazioni aziendali: possibili tipologie Antonella Paolini 11 aprile 2012 1. Aspetti definitori I n d i 2. Le ragioni, le modalità, i vantaggi e gli svantaggi delle aggregazioni tra aziende 3. Una classificazione

Dettagli

Indice. pagina 2 di 10

Indice. pagina 2 di 10 LEZIONE PROGETTAZIONE ORGANIZZATIVA DOTT.SSA ROSAMARIA D AMORE Indice PROGETTAZIONE ORGANIZZATIVA---------------------------------------------------------------------------------------- 3 LA STRUTTURA

Dettagli

QUESTIONARIO PER LE IMPRESE DEL CONSORZIO INDUSTRIALE CAPITOLI DEL QUESTIONARIO

QUESTIONARIO PER LE IMPRESE DEL CONSORZIO INDUSTRIALE CAPITOLI DEL QUESTIONARIO QUESTIONARIO PER LE IMPRESE DEL CONSORZIO INDUSTRIALE CAPITOLI DEL QUESTIONARIO 1. Caratteristiche dell impresa 2. Addetti e Fatturato 3. L impresa e il Territorio 4. L impresa e il Consorzio 1 -QUESTIONARIO

Dettagli

RIASSUNTI ECONOMIA Finalità dei sistemi contabili: conveniente sistemi contabili

RIASSUNTI ECONOMIA Finalità dei sistemi contabili: conveniente sistemi contabili RIASSUNTI ECONOMIA Finalità dei sistemi contabili: per operare in modo efficiente le aziende hanno bisogno di conoscere se l utilizzo delle risorse che stanno impiegando nelle diverse attività è economicamente

Dettagli

La contabilità gestionale: full costing e direct costing

La contabilità gestionale: full costing e direct costing La contabilità gestionale: full costing e direct costing Impostazione tradizionale: la contabilità gestionale a costi diretti A seconda del metodo con cui si calcola il costo di un oggetto, ossia del tipo

Dettagli

Corso di alta formazione per imprenditori e manager del settore edile in gestione aziendale

Corso di alta formazione per imprenditori e manager del settore edile in gestione aziendale Corso di alta formazione per imprenditori e manager del settore edile in gestione aziendale Il corso è progettato e strutturato per offrire la possibilità di aggiornare le competenze dell imprenditore

Dettagli

1. STRUTTURA, CLASSIFICAZIONI E CONFIGURAZIONI DEI COSTI

1. STRUTTURA, CLASSIFICAZIONI E CONFIGURAZIONI DEI COSTI INTRODUZIONE 1. La visione d impresa e il ruolo del management...17 2. Il management imprenditoriale e l imprenditore manager...19 3. Il management: gestione delle risorse, leadership e stile di direzione...21

Dettagli

tale processo di creazione e distribuzione del valore viene misurato dai PREZZI DI MERCATO

tale processo di creazione e distribuzione del valore viene misurato dai PREZZI DI MERCATO L IMPRESA: è la cellula vitale del sistema economico opera NEL e PER il mercato, coinvolgendo un consistente numero di soggetti, con i quali intrattiene relazioni ha la funzione di GENERARE e DISTRIBUIRE

Dettagli

Unione Giovani Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili di Catania

Unione Giovani Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili di Catania Dalla pianificazione dell investimento all avvio dell attività imprenditoriale INVENTALAVORO JOB 2011 Catania, Le Ciminiere 14, 15, 16 dicembre 2011 LA PIANIFICAZIONE DELL INVESTIMENTO La creazione di

Dettagli

Allegato A ABILITÀ: UNITA DIDATTICA B: Le analisi di bilancio per indici e per flussi

Allegato A ABILITÀ: UNITA DIDATTICA B: Le analisi di bilancio per indici e per flussi PROGRAMMAZIONE COMUNE DEL DIPARTIMENTO DI ECONOMIA AZIENDALE INDIRIZZO: CLASSE: DISCIPLINA: COMUNE 5 AFM ECONOMIA AZIENDALE COMPETENZE: Riconoscere e interpretare i macrofenomeni economici che influenzano

Dettagli

INNOVAZIONE GESTIONALE IN SANITA

INNOVAZIONE GESTIONALE IN SANITA Agenzia Regionale Socio Sanitaria del Veneto INNOVAZIONE GESTIONALE IN SANITA Riorganizzazione dei processi tecnico amministrativi in materia di acquisti e logistica Avv. Stefano Danieli, dirigente Area

Dettagli

Business plan. (schema di riferimento ) DENOMINAZIONE IMPRESA:

Business plan. (schema di riferimento ) DENOMINAZIONE IMPRESA: Business plan (schema di riferimento ) DENOMINAZIONE IMPRESA: 1 Dati progettuali di sintesi Nome impresa Indirizzo (sede legale) Forma giuridica Data di costituzione Numero soci Capitale sociale Attività

Dettagli

Dall'idea all'impresa. Dott.ssa Zifaro Maria 1

Dall'idea all'impresa. Dott.ssa Zifaro Maria 1 Dall'idea all'impresa BUSINESS PLAN Dott.ssa Zifaro Maria 1 Glossario dei principali termini economici e finanziari Ammortamento Saldo Attività Passività Bilancio d'esercizio Break-even point Profitto

Dettagli

Il sistema informativo aziendale

Il sistema informativo aziendale Il sistema informativo aziendale insieme delle attività connesse alla raccolta, analisi e rappresentazione delle informazioni interne ed esterne all'azienda dati indispensabili per poter valutare lo stato

Dettagli

Facoltà di Economia-sede di Forlì Corso di Economia Aziendale (CLEA) Introduzione allo studio dell Economia aziendale. Prof.

Facoltà di Economia-sede di Forlì Corso di Economia Aziendale (CLEA) Introduzione allo studio dell Economia aziendale. Prof. Facoltà di Economia-sede di Forlì Corso di Economia Aziendale (CLEA) Introduzione allo studio dell Economia aziendale Prof. Luca Mazzara A.A. 2004/2005 Economia aziendale: aspetti introduttivi L economia

Dettagli

Il controllo dei centri di responsabilità

Il controllo dei centri di responsabilità Il controllo dei centri di responsabilità 1 I centri di responsabilità Definizione: Una particolare sub-unità organizzativa il cui soggetto titolare è responsabile dei risultati, in termini dei efficacia

Dettagli

LA REDAZIONE DEL BUSINESS PLAN I: PARTI FONDAMENTALI E CONTENUTI. Dott. Roberto Matterazzo

LA REDAZIONE DEL BUSINESS PLAN I: PARTI FONDAMENTALI E CONTENUTI. Dott. Roberto Matterazzo LA REDAZIONE DEL BUSINESS PLAN I: PARTI FONDAMENTALI E CONTENUTI Dott. Roberto Matterazzo L incontro si propone di rispondere a queste tre domande: Cosa devo concretamente scrivere in un business plan?

Dettagli

Organizzazione aziendale Lezione 12 I modelli organizzativi Cap. 7. Ing. Marco Greco m.greco@unicas.it Tel.0776.299.

Organizzazione aziendale Lezione 12 I modelli organizzativi Cap. 7. Ing. Marco Greco m.greco@unicas.it Tel.0776.299. Organizzazione aziendale Lezione 12 I modelli organizzativi Cap. 7 Ing. Marco Greco m.greco@unicas.it Tel.0776.299.3641 Stanza 1S-28 Ciclo di vita dell organizzazione Ciclo di vita dell organizzazione

Dettagli

Processi e Miglioramento IL PROCESSO AZIENDALE IL PROCESSO AZIENDALE 07/10/2013

Processi e Miglioramento IL PROCESSO AZIENDALE IL PROCESSO AZIENDALE 07/10/2013 Processi e Miglioramento - La gestione per processi - Il miglioramento - Le metodologie del miglioramento 1 L organizzazione di successo è quella vicina al cliente, cioè in grado di fornire elevate prestazioni

Dettagli

Gli immobili sono nel nostro DNA.

Gli immobili sono nel nostro DNA. Gli immobili sono nel nostro DNA. FBS Real Estate. Valutare gli immobili per rivalutarli. FBS Real Estate nasce nel 2006 a Milano, dove tuttora conserva la sede legale e direzionale. Nelle prime fasi,

Dettagli

Calcolare il costo dei prodotti

Calcolare il costo dei prodotti Calcolare il costo dei prodotti Metodi alternativi a confronto Terza Puntata www.studiobarale.it Parte 3 di 6 Full costing Full costing Prevede che tutti i costi (variabili e fissi; specifici e comuni)

Dettagli

EVOLUZIONE STUDIO DI SETTORE TG87U

EVOLUZIONE STUDIO DI SETTORE TG87U ALLEGATO 21 NOTA TECNICA E METODOLOGICA EVOLUZIONE STUDIO DI SETTORE TG87U NOTA TECNICA E METODOLOGICA CRITERI PER L EVOLUZIONE DELLO STUDIO DI SETTORE L evoluzione dello Studio di Settore ha il fine di

Dettagli

Guida al controllo di gestione nelle piccole e medie imprese

Guida al controllo di gestione nelle piccole e medie imprese j l k l d o ^ c f b S o c i e t à Laura Broccardo Guida al controllo di gestione nelle piccole e medie imprese Pianificazione e controllo nelle PMI Costruzione del budget Reporting Aziende che operano

Dettagli

Il dimensionamento della produzione e dell impianto

Il dimensionamento della produzione e dell impianto Università degli Studi di Urbino Carlo Bo Facoltà di Economia Corso di Laurea in INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE IMPRESE ECONOMIA, GESTIONE E INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE IMPRESE Prof. Fabio Musso A.A. 2007-08

Dettagli

Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento

Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento Organizzazione: teoria, progettazione e cambiamento Edizione italiana a cura di G. Soda Capitolo 6 La progettazione della struttura organizzativa: specializzazione e coordinamento Jones, Organizzazione

Dettagli

10 L EFFICIENZA. L efficienza

10 L EFFICIENZA. L efficienza 10 L EFFICIENZA Ragioneria Generale e Applicata 1 L efficienza Quali condizioni aiutano l azienda a raggiungere l equilibrio economico? L Efficienza Un impresa è efficiente quando riesce a massimizzare

Dettagli

Nell ambito dell organizzazione aziendale il problema organizzativo si pone a due livelli: 1. Livello Macro (MESO): l analisi è posta in termini di

Nell ambito dell organizzazione aziendale il problema organizzativo si pone a due livelli: 1. Livello Macro (MESO): l analisi è posta in termini di 1 Nell ambito dell organizzazione aziendale il problema organizzativo si pone a due livelli: 1. Livello Macro (MESO): l analisi è posta in termini di progettazione organizzativa, cioè la scelta dell abito

Dettagli

Organizzazione aziendale Lezione 10 - L organizzazione dell impresa Cap. 6. Ing. Marco Greco m.greco@unicas.it Tel.0776.299.3641

Organizzazione aziendale Lezione 10 - L organizzazione dell impresa Cap. 6. Ing. Marco Greco m.greco@unicas.it Tel.0776.299.3641 Organizzazione aziendale Lezione 10 - L organizzazione dell impresa Cap. 6 Ing. Marco Greco m.greco@unicas.it Tel.0776.299.3641 Le funzioni aziendali La ricerca e sviluppo Il marketing e le vendite Le

Dettagli

ANALISI DEI COSTI PER LE DECISIONI AZIENDALI IL PRODUCT COSTING (CONTABILITÀ PER CENTRI DI COSTO) Prof. Lino Cinquini. Dott.

ANALISI DEI COSTI PER LE DECISIONI AZIENDALI IL PRODUCT COSTING (CONTABILITÀ PER CENTRI DI COSTO) Prof. Lino Cinquini. Dott. ANALISI DEI COSTI PER LE DECISIONI AZIENDALI IL PRODUCT COSTING (CONTABILITÀ PER CENTRI DI COSTO) Prof. Lino Cinquini l.cinquini@sssup.it Dott. Andrea Tenucci a.tenucci@sssup.it 13 marzo 2014 Palazzo dei

Dettagli

*HQHUDOLWj. FRPPHVVD, specie se si fa riferimento a commesse con queste caratteristiche: D grandi dimensioni; E lunga durata (spesso pluriennale);

*HQHUDOLWj. FRPPHVVD, specie se si fa riferimento a commesse con queste caratteristiche: D grandi dimensioni; E lunga durata (spesso pluriennale); ,/&21752//2'(//(352'8=,21, 68&200(66$('(,352*(77, *HQHUDOLWj I criteri di formazione del budget e di analisi degli scostamenti illustrati nei precedenti capitoli riguardano prevalentemente le aziende con

Dettagli

Il caso CodeInt s.r.l.

Il caso CodeInt s.r.l. L ANALISI DEI COSTI DI DISTRIBUZIONE PER LA VALUTAZIONE DELL EFFICIENZA COMMERCIALE Il caso CodeInt s.r.l. Che cos è la contabilità analitica? insieme di determinazioni economicoquantitative mediante cui

Dettagli

FORMULARIO E GUIDA PER LA PRESENTAZIONE DEI PIANI DI POTENZIAMENTO

FORMULARIO E GUIDA PER LA PRESENTAZIONE DEI PIANI DI POTENZIAMENTO ALLEGATO 3 POR SARDEGNA 2000-2006 MISURA 4.2 P.A. PER L IMPRESA: ANIMAZIONE, SERVIZI REALI, SEMPLIFICAZIONE, INFRASTRUTTURAZIONE SELETTIVA AZIONE 4.2.B SERVIZI REALI ALLE PMI PROGRAMMA SERVIZI PER IL POTENZIAMENTO

Dettagli

Indice. Presentazione Guida alla lettura 1

Indice. Presentazione Guida alla lettura 1 Indice Presentazione I Guida alla lettura 1 MODULO 1 Le imprese industriali: caratteri, contabilità, bilancio e fiscalità Unità 1 Le caratteristiche strutturali e organizzative 4 1. L attività di produzione

Dettagli

IL SITO PRODUTTIVO NELL ECONOMIA DELLA COMPLESSITA

IL SITO PRODUTTIVO NELL ECONOMIA DELLA COMPLESSITA IL SITO PRODUTTIVO NELL ECONOMIA DELLA COMPLESSITA Prof. 1Corso: Supply chain management Docente: 1 IL SITO PRODUTTIVO L economia fordista di ispirazione taylorista ad un economia post fordista ha contribuito

Dettagli

AREE INTEGRATIVE O DI SUPPORTO:

AREE INTEGRATIVE O DI SUPPORTO: AREE INTEGRATIVE O DI SUPPORTO: Le aree integrative di supporto sono costituite dalla FINANZA e dall ORGANIZZAZIONE. In primo luogo analizziamo la FINANZA che si occupa principalmente della gestione del

Dettagli

I modelli organizzativi

I modelli organizzativi Università degli Studi di Urbino Carlo Bo Facoltà di Economia Corso di Laurea in INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE IMPRESE ECONOMIA, GESTIONE E INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE IMPRESE Prof. Fabio Musso A.A. 2007-08

Dettagli

PROGETTARE L ORGANIZZAZIONE

PROGETTARE L ORGANIZZAZIONE L ORGANIZZAZIONE AZIENDALE PROGETTARE L ORGANIZZAZIONE 41 1 Il ciclo di direzione aziendale Dirigere significa partecipare attivamente alla formulazione delle strategie e delle politiche di gestione. Ciò

Dettagli

Area Marketing. Approfondimento

Area Marketing. Approfondimento Area Marketing Approfondimento STRATEGIA DI INTERNAZIONALIZZAZIONE STRATEGIA DI INTERNAZIONALIZZAZIONE CONOSCENZE La strategia di espansione internazionale rientra nelle strategie corporate di sviluppo

Dettagli

Insegnamento di Economia Aziendale I - corso B

Insegnamento di Economia Aziendale I - corso B Insegnamento di Economia Aziendale I - corso B Database delle Prove scritte parte Teoria 1. La definizione di azienda, formulata da Giannessi, è complessa in termini dinamico- strutturali in quanto risponde

Dettagli

l acquisizione e l utilizzo di risorse scarse contabilità dei costi contabilità industriale contabilità analitica economico-quantitative

l acquisizione e l utilizzo di risorse scarse contabilità dei costi contabilità industriale contabilità analitica economico-quantitative Analisi dei Costi La gestione implica l acquisizione e l utilizzo di risorse scarse, e dunque, costose. L analisi dei costi, è un momento fondamentale del sistema del controllo di gestione con l'espressione

Dettagli

1a. LA PRODUZIONE INDUSTRIALE: GENERALITA

1a. LA PRODUZIONE INDUSTRIALE: GENERALITA Tecnologie di Recupero e Riciclo dei Materiali Alberto Simboli A.a.2014/2015 1a. LA PRODUZIONE INDUSTRIALE: GENERALITA Produzione Ogni forma di acquisizione di aggregazione di impiego di determinate risorse

Dettagli

TECNICO SUPERIORE PER L AMMINISTRAZIONE ECONOMICO FINANZIARIA ED IL CONTROLLO DI GESTIONE

TECNICO SUPERIORE PER L AMMINISTRAZIONE ECONOMICO FINANZIARIA ED IL CONTROLLO DI GESTIONE ISTRUZIONE E FORMAZIONE TECNICA SUPERIORE SETTORE INDUSTRIA E ARTIGIANATO TECNICO SUPERIORE PER L AMMINISTRAZIONE ECONOMICO FINANZIARIA ED IL CONTROLLO DI GESTIONE STANDARD MINIMI DELLE COMPETENZE TECNICO

Dettagli

STUDIO DI SETTORE TG87U ATTIVITÀ 74.14.6 CONSULENZA FINANZIARIA CONSULENZA AMMINISTRATIVO GESTIONALE E PIANIFICAZIONE AZIENDALE

STUDIO DI SETTORE TG87U ATTIVITÀ 74.14.6 CONSULENZA FINANZIARIA CONSULENZA AMMINISTRATIVO GESTIONALE E PIANIFICAZIONE AZIENDALE STUDIO DI SETTORE TG87U ATTIVITÀ 74.14.1 CONSULENZA FINANZIARIA ATTIVITÀ 74.14.4 CONSULENZA AMMINISTRATIVO GESTIONALE E PIANIFICAZIONE AZIENDALE ATTIVITÀ 74.14.6 AGENZIE DI INFORMAZIONI COMMERCIALI Luglio

Dettagli

UNA RETE DI PROFESSIONISTI PER DARE AD OGNI PROBLEMA LA GIUSTA SOLUZIONE IN UN MONDO CHE CAMBIA MISSION

UNA RETE DI PROFESSIONISTI PER DARE AD OGNI PROBLEMA LA GIUSTA SOLUZIONE IN UN MONDO CHE CAMBIA MISSION PROFILO E MISSION UNA RETE DI PROFESSIONISTI PER DARE AD OGNI PROBLEMA LA GIUSTA SOLUZIONE IN UN MONDO CHE CAMBIA M.C.& Partners consulenze integrate aziendali - srl è una società di consulenza e servizi

Dettagli

Costi unitari materie dirette 30 40 Costi unitari manodopera diretta. Energia 10 20 Quantità prodotte 600 400 Prezzo unitario di vendita 120 180

Costi unitari materie dirette 30 40 Costi unitari manodopera diretta. Energia 10 20 Quantità prodotte 600 400 Prezzo unitario di vendita 120 180 SVOLGIMENTO Per ogni attività di programmazione e pianificazione strategica risulta di fondamentale importanza per l impresa il calcolo dei costi e il loro controllo, con l attivazione di un efficace sistema

Dettagli

La definizione del piano d impresa: una fase necessaria alla realizzazione della propria idea imprenditoriale. Relatore: dott.

La definizione del piano d impresa: una fase necessaria alla realizzazione della propria idea imprenditoriale. Relatore: dott. La definizione del piano d impresa: una fase necessaria alla realizzazione della propria idea imprenditoriale Relatore: dott.ssa Anna Censi Innanzitutto chi sono.. Mi chiamo Anna Censi ed ho collaborato

Dettagli

Corso di. Analisi e contabilità dei costi

Corso di. Analisi e contabilità dei costi Corso di Analisi e Contabilità dei Costi I costi nelle aziende che lavorano su commessa 1. Cosa significa produrre su commessa? L azienda produce un bene (complesso) solo dopo aver ricevuto un ordine da

Dettagli

OPERAZIONI STRAORDINARIE

OPERAZIONI STRAORDINARIE IN BREVE Seges S.r.l., costituita a Trieste nel dicembre 1993, opera nel campo dei servizi reali alle imprese, ha il suo punto di forza nell accogliere al suo interno professionisti di esperienza e dedicati

Dettagli

IL CALCOLO DEL COSTO DI PRODOTTO: IL CASO BENSON IL CALCOLO DEL COSTO DI PRODOTTO IL CASO BENSON. Pagina 1

IL CALCOLO DEL COSTO DI PRODOTTO: IL CASO BENSON IL CALCOLO DEL COSTO DI PRODOTTO IL CASO BENSON. Pagina 1 IL CALCOLO DEL COSTO DI PRODOTTO IL CASO BENSON Pagina 1 BUSINESS CHALLENGE LA SOCIETÀ DI RIFERIMENTO È UNA DELLE PRINCIPALI IMPRESE INDUSTRIALE NEL SETTORE DEL PACKAGING. SISTEMA DI CONTROLLO INTERNO

Dettagli

MANIFATTURIERO LOMBARDO: RITORNO AL FUTURO

MANIFATTURIERO LOMBARDO: RITORNO AL FUTURO MANIFATTURIERO LOMBARDO: RITORNO AL FUTURO Intervento Roberto Albonetti direttore Attività Produttive Regione Lombardia Il mondo delle imprese ha subito negli ultimi anni un accelerazione impressionante:

Dettagli

Il controllo di gestione nelle aziende che operano su commessa e l informativa di bilancio sui lavori in corso

Il controllo di gestione nelle aziende che operano su commessa e l informativa di bilancio sui lavori in corso Dipartimento Impresa Ambiente & Management Mirella Zito Il controllo di gestione nelle aziende che operano su commessa e l informativa di bilancio sui lavori in corso Copyright MMIX ARACNE editrice S.r.l.

Dettagli

Corso di Programmazione e Controllo SEDE DI FANO

Corso di Programmazione e Controllo SEDE DI FANO Corso di Programmazione e Controllo SEDE DI FANO Docente: Selena Aureli LEZIONE 4 1 Le esigenze di cambiamento LA TRADIZIONALE STRUMENTAZIONE E LE METODOLOGIE DEL CONTROLLO si contraddistinguono per: Focalizzazione

Dettagli

Calcolare il costo dei prodotti

Calcolare il costo dei prodotti Calcolare il costo dei prodotti Metodi alternativi a confronto Quarta Puntata www.studiobarale.it Parte 4 di 6 Full costing a basi multiple Full costing a basi multiple Il full costing a base multiple

Dettagli

Concetto e sistema di Marketing

Concetto e sistema di Marketing Università degli Studi di Urbino Carlo Bo Facoltà di Economia Corso di Laurea in INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE IMPRESE ECONOMIA, GESTIONE E INTERNAZIONALIZZAZIONE DELLE IMPRESE Prof. Fabio Musso A.A. 2008-09

Dettagli

Scaletta della lezione:

Scaletta della lezione: NATURA DELLA CONTABILITA DIREZIONALE Scaletta della lezione: 1. L approccio di Anthony al controllo di gestione 2. Natura e fini delle informazioni - informazioni per l esterno - informazioni per l interno

Dettagli

CURRICULUM VITAE (Da compilare per ogni componente del gruppo imprenditoriale)

CURRICULUM VITAE (Da compilare per ogni componente del gruppo imprenditoriale) CURRICULUM VITAE (Da compilare per ogni componente del gruppo imprenditoriale) Dati personali Nome e cognome: Data e luogo di nascita: Residenza: Stato civile: Telefono casa: Fax: Telefono cellulare: E-mail:

Dettagli

DIEE - Dip. Ing. Elettrica ed Elettronica Università degli Studi di Cagliari. Funzione Direzionale. Economia e Gestione delle Imprese Prof.

DIEE - Dip. Ing. Elettrica ed Elettronica Università degli Studi di Cagliari. Funzione Direzionale. Economia e Gestione delle Imprese Prof. DIEE - Dip. Ing. Elettrica ed Elettronica Università degli Studi di Cagliari Funzione Direzionale Imprese Prof. Usai 1 Figura - Programmazione Organizzazione Direzione del personale Interazione tra funzioni

Dettagli

LA CASSA RURALE INCONTRA LE IMPRESE

LA CASSA RURALE INCONTRA LE IMPRESE LA CASSA RURALE INCONTRA LE IMPRESE Cavedine 13 maggio 2014 PROGRAMMA 1. Lo stato di salute delle imprese (Bilanci 2012) 2. Le proposte per i servizi di consulenza 3. Un esempio pratico 4. Gli incentivi

Dettagli

Cosa è un Sistema Informativo. Introduzione ai sistemi informativi. Tipici esempi di sistemi informativi. Cosa è un Sistema Informatico

Cosa è un Sistema Informativo. Introduzione ai sistemi informativi. Tipici esempi di sistemi informativi. Cosa è un Sistema Informatico Introduzione ai sistemi informativi Cosa è un Sistema Informativo Insieme degli strumenti, risorse e procedure che consentono la gestione delle informazioni aziendali è essenziale per il funzionamento

Dettagli