Prove di esame per candidati con esigenze particolari

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Prove di esame per candidati con esigenze particolari"

Transcript

1 Prove di esame per candidati con esigenze particolari 1

2 1. Richiesta di prove d esame speciali Si considerano prove d esame speciali quelle destinate a tutti i candidati che, per motivi di varia natura, non possono svolgere le prove atte al conseguimento dei Diplomas de Español como Lengua Extranjera secondo le condizioni riportate nelle istruzioni sullo svolgimento delle stesse, nonché nella Guida per il conseguimento dei Diplomas de Español como Lengua Extranjera. Si distinguono due casi generici: I candidati che per motivi di disalibità temporanea o permanente abbiano difficoltà di accesso alle prove potranno richiedere all Instituto Cervantes, tramite il centro d esame presso il quale hanno effettuato l iscrizione, la possibilità di poter usufruire di condizioni speciali nello svolgimento degli esami. Suddetta richiesta dovrà essere rivolta anzitutto al Responsabile del Centro d esame, il quale potrà a sua volta chiedere al candidato di presentare un certificato medico al momento dell iscrizione. I candidati che si trovino confinati in centri religiosi, penitenziari o sanitari potranno effettuare l iscrizione tramite terze persone. Il Centro d esame che riceverà la richiesta deciderà, in base alle proprie risorse, sulla possibilità di inviare due esaminatori al sito dove si trova il candidato per lo svolgimento della prova di Espressione orale; per lo svolgimento delle prove scritte è richiesta la presenza di un solo esaminatore. Il Responsabile del Centro d esame dovrà accertarsi che il locale messo a disposizione dalle autorità religiose, penitenziarie o ospedaliere rispetti i requisiti minimi di sicurezza e idoneità per il corretto svolgimento delle prove. Le richieste verranno accettate in base alla tempestività con cui queste vengono inviate e alla disponibilità di risorse nei Centri d esame. Le condizioni speciali di svolgimento delle prove generalmente comportano l isolamento dei candidati dal resto del gruppo e la nomina di esaminatori ausiliari il cui compito è quello di guidare, tutelare e verificare il corretto svolgimento di ogni prova. I casi di candidati confinati presuppongono lo spostamento degli esaminatori. In allegato alla fine del presente documento figura un modello di richiesta che dovrà essere convalidato in primo luogo dal Responsabile del Centro d esame dove avviene l iscrizione e inviato successivamente all Instituto Cervantes almeno 30 giorni prima dalla data di esame. Nei paragrafi successivi verranno affrontati i casi di disabilità contemplati e le indicazioni delle disposizioni speciali di cui possono beneficiare i candidati. 2. Candidati con disabilità visive 2

3 I problemi di percezione visiva possono essere di varia entità. L Instituto Cervantes può fornire versioni ingrandite delle prove o in formato braille, secondo le necessità di ciascun candidato. In alcuni casi sarà possibile adattare anche i formati di alcune prove, se previsto dalle stesse. Tutti i candidati con disabilità visive potranno avvalersi del supporto di un esaminatore ausiliare. Disposizioni speciali: a) Tempo addizionale. I candidati potranno richiedere: - Fino a un terzo in più del tempo per leggere e rispondere alle domande d esame, se svolgono le prove con l uso di una penna, tramite l impiego di ausili ottici, ingrandimenti o il supporto di un esaminatore ausiliare. - Fino a un 50% in più del tempo per leggere e rispondere alle domande d esame, se svolgono le prove con il sistema braille. - Nel caso in cui si utilizzino lamine grafiche adattate per lo svolgimento della prova, il tempo potrà essere raddoppiato rispetto a quello stabilito. b) Lettura dei plichi di esame: - I candidati, qualora lo volessero, potranno utilizzare le proprie lenti speciali di ingrandimento o lenti a mano per la lettura delle domande di esame. - L Instituto Cervantes può fornire copie dei plichi di esame ingranditi fino al doppio delle dimensioni normali (sempre in formato DIN A4). - L Instituto Cervantes può fornire copie dei plichi di esame in formato braille integrale (contratto o non contratto). - I candidati, qualora lo volessero, potranno avvalersi dell ausilio di un assistente per tutta la durata della prova, che leggerà i testi e le relative domande. c) Elaborazione delle risposte d esame: - I candidati, qualora lo volessero, potranno avvalersi dell ausilio di un assistente per tutta la durata della prova, che aiuterà loro a completare i fogli con le risposte (Prova 1, 3 e 4). Nel caso della seconda prova (Espressione scritta) i candidati dovranno dettare all assistente il testo che costituirà la loro risposta, sillabando ciascuna parola e specificando la punteggiatura e l accentazione considerate pertinenti. L assistente, ove necessario, potrà rileggere a voce alta alcuni frammenti o l intero testo su richiesta del candidato. - I candidati potranno utilizzare il proprio supporto di decodificazione in Braille per scrivere le risposte, nonché la propria carta. - I candidati potranno utilizzare la propria macchina da scrivere o elaboratore di testi per scrivere le risposte. Nell elaboratore di testi utilizzato dovrà essere disattivata la funzione di controllo ortografico e di ricerca dei sinonimi. L assistente si farà carico degli archivi elettronici generati, si occuperà della loro stampa e consegna al Presidente della relativa Commissione di Esame. 3

4 I candidati che utilizzino i propri mezzi per rispondere alle domande dovranno scrivere le risposte in fogli nuovi non contrassegnati, apportando in cima le seguenti informazioni: - Nome e cognome/i - Numero di iscrizione - Data della prova - Diploma (Iniziale/ Intermedio/ Avanzato) - Numero della prova (P1, P2, P3 o P4) Successivamente procederanno alla trascrizione delle risposte alle domande formulate nel plico di esame in rigoroso ordine numerico e sequenziale. d) Prove di comprensione auditiva. Il materiale di ascolto dei candidati con disabilità visive sarà lo stesso degli altri esaminandi. Tuttavia, l assistente potrà avere una riproduzione del nastro o del cd al fine di permettere al candidato la presa di note o la lettura delle domande formulate. e) Prove di espressione orale. Dal momento che il materiale utilizzato dai candidati per la prova di espressione orale consiste in stimoli visivi atti a generare una interazione linguistica, i candidati con capacità visive ridotte potranno richiedere esempi di lamine o fotografie ingrandite il doppio delle dimensioni normali. I candidati in grado di leggere la scrittura braille possono disporre di descrizioni in castigliano del materiale grafico utilizzato. Gli esaminatori dispongono di norme specifiche per la gestione di tale prova allegate al documento Manuale per gli esaminatori DELE. 3. Candidati con disabilità uditive I problemi di percezione uditiva possono essere di varia entità. I centri di esame, in base alle proprie risorse, potranno disporre di aule separate per permettere a suddetti candidati di sostenere gli esami e fornire auricolari per lo svolgimento delle prove di comprensione auditiva, oppure designare un assistente per la lettura del labiale. Disposizioni speciali: a) Prove di comprensione auditiva Il candidato con deficit uditivo parziale potrà richiedere la gestione di tale prova separatamente rispetto agli altri esaminandi, nonché l utilizzo di auricolari e controllo di volume dell apparecchio di riproduzione. In questi casi la durata e il formato della prova saranno identici a quelli degli altri esaminandi e il candidato potrà avvalersi della presenza di un assistente che verificherà il corretto svolgimento della prova. Il candidato con deficit uditivo totale potrà richiedere la gestione della prova di comprensione auditiva da un assistente, che leggerà la trascrizione dei testi proposti con la sufficiente lentezza e vocalizzazione distinguibile per facilitare 4

5 la lettura del labiale. Su richiesta del candidato, l assistente potrà dare una lettura addizionale a ciascun testo rispetto al numero di ascolti di cui dispone il resto dei candidati. b) Prove di espressione orale I candidati potranno disporre di tempo addizionale (fino a un 33% in più rispetto al resto dei candidati). In tal modo la formulazione delle domande con voce alta e chiara o la ripetizione delle stesse sarà resa più semplice. Non è ammesso l uso del linguaggio dei segni per le persone sordomute. Se la disabilità uditiva è totale e le disposizioni speciali sopraccitate non sono ritenute sufficienti, per esempio nel caso in cui il candidato non sappia leggere il labiale, lo stesso potrà richiedere di essere esonerato da una delle prove d esame, della comprensione auditiva o della espressione orale. In tal caso, se il candidato supera il resto delle prove d esame, nel retro della certificazione del diploma che gli verrà inviato si farà presente quanto segue: Il titolare del presente diploma è stato esonerato dallo svolgimento dell esame in tutte le sue parti. Per maggiori informazioni sul rendimento nelle prove per il conseguimento del presente diploma, rivolgersi a: Instituto Cervantes; Dirección Académica; C/Alcalá, 49, E-28014, madrid, España. 4. Candidati con disabilità motoria Le difficoltà motorie di cui possono essere affetti i candidati, siano essere permanenti o temporanee, possono avere varia natura. La maggior parte dei centri di esame riconosciuti dall Instituto Cervantes dispone di accessi speciali per disabili (rampe, ascensori o aule di esame al pian terreno). Se le difficoltà motorie riguardano gli arti superiori, impendendo in tal modo la scrittura, i candidati potranno avvalersi delle seguenti disposizioni speciali: a) Tempo addizionale. I candidati potranno richiedere fino a un terzo in più del tempo per la lettura delle domande d esame e chiedere a un assistente, se necessario, che completi le relative risposte. b) Elaborazione delle risposte d esame: - I candidati, qualora lo volessero, potranno avvalersi dell ausilio di un assistente per tutta la durata della prova, che aiuterà loro a completare i fogli con le risposte (Prove 1, 3 e 4). - Nel caso della seconda prova (Espressione scritta) i candidati dovranno dettare all assistente il testo che costituirà la loro risposta, sillabando ciascuna parola e specificando la punteggiatura e l accentazione considerate pertinenti. L assistente, ove necessario, potrà rileggere a voce alta alcuni frammenti o l intero testo su richiesta del candidato. 5

6 - I candidati con disabilità motorie delle dita o delle mani potranno utilizzare la propria macchina da scrivere o elaboratore di testi per la stesura delle risposte. Nell elaboratore di testi utilizzato dovrà essere disattivata la funzione di controllo ortografico e di ricerca dei sinonimi. L assistente si farà carico degli archivi elettronici generati, si occuperà della loro stampa e consegna al Presidente della relativa Commissione di Esame. 5. Candidati con difficoltà di apprendimento I candidati con specifiche difficoltà di apprendimento, come la dislessia, possono fare richiesta delle seguenti disposizioni speciali: a) Tempo addizionale. I candidati potranno richiedere fino a un terzo in più del tempo per la lettura e la risposta alle domande di esame. b) Elaborazione delle risposte di esame: - I candidati, qualora lo volessero, potranno avvalersi dell ausilio di un assistente per tutta la durata della prova, che aiuterà loro a completare i fogli con le risposte (Prove 1, 3 e 4). Le risposte della seconda prova (Espressione scritta), dovranno essere scritte dal candidato stesso. - L assistente non leggerà nessuna delle domande ai candidati. - I candidati potranno utilizzare la propria macchina da scrivere o elaboratore di testi per la stesura delle risposte. Nell elaboratore di testi utilizzato dovrà essere disattivata la funzione di controllo ortografico e di ricerca dei sinonimi. L assistente si farà carico degli archivi elettronici generati, si occuperà della loro stampa e consegna al Presidente della relativa Commissione di Esame. c) Valutazione speciale della prova di Espressione scritta. I candidati potranno richiedere che la seconda prova (Espressione scritta) sia valutata separatamente da correttori che non prendano in considerazione errori di tipo ortografico ma che valutino specificatamente la capacità del candidato di uso della lingua e la riuscita del compito o dei compiti richiesti. In tal caso, se il candidato supera il resto delle prove d esame, nel retro della certificazione del diploma che gli verrà inviato si farà presente quanto segue: Il titolare del presente diploma è rimasto esonerato dallo svolgimento dell esame in tutte le sue parti. Per maggiori informazioni sul rendimento nelle prove per il conseguimento del presente diploma, rivolgersi a: Instituto Cervantes; Dirección Académica; C/Alcalá, 49, E-28014, madrid, España. 6. Condizioni generali per i candidati che si avvalgono delle disposizioni speciali a) Tutte le prove svolte sotto le disposizioni speciali sopraccitate saranno valutate con gli stessi criteri di tutti gli altri candidati, a eccezione della valutazione speciale della prova di espressione scritta menzionata nel paragrafo 5c. 6

7 b) I certificati medici o di altra natura allegati alla richiesta di esame in condizioni speciali dovranno essere firmati da medici debitamente autorizzati dalla normativa locale per accreditare la condizione di disabilità del candidato. c) L Instituto Cervantes non ammetterà trasferimenti di richieste di esami in condizioni speciali se non con il nullaosta del Responsabile del centro di esame tramite cui vengono inviate. d) Conformemente a quanto stabilito dalla Ley Orgánica spagnola 15/1999, del 13 dicembre, sulla Protezione dei Dati a Carattere Personale, si informano i candidati che i propri dati saranno registrati in un database a uso esclusivo dell Instituto Cervantes, e che potranno esercitare i diritti di accesso, rettifica, cancellazione e opposizione. 7. Ulteriori informazioni Per maggiori informazioni sulla disponibilità di questo tipo di esami speciali rivolgersi al Centro di esame dove si desidera effettuare l iscrizione, ai centri dell Instituto Cervantes e ai suoi uffici centrali: Dpto. De certificación Lingüística Dirección Académica C/ Alcalá, 49 E Madrid (España) Tel.: Fax: Il presente documento è stato approvato con delibera del Direttore dell Instituto Cervantes del 29 marzo

8 MODELLO DI RICHIESTA DI ESAME IN CONDIZIONI SPECIALI 1. DATI DEL CANDIDATO: Nome/i Cognome/i Numero d iscrizione 2. MOTIVI E DISPOSIZIONI SPECIALI RICHIESTE: Confino Luogo: Indirizzo postale: Telefono: Disabilità Natura Cerificato medico Visiva Uditiva Motoria Apprendimento Disposizioni speciali richieste: Permanente Temporanea Sì No 3. NULLAOSTA DEL CENTRO DI ESAME: Centro di esame: Responsabile del centro di esame: Vista la richiesta inoltrata dal suddetto candidato, informo che questo centro di esame dispone delle risorse necessarie per soddisfare debitamente la domanda. Si allega copia del certificato medico presentato dal candidato. Firma del Responsabile lì, SPAZIO RISERVATO AI SERVIZI CENTRALI DELL INSTITUTO CERVANTES Registro di entrata: Data: Numero: Iniziali: Responso: Accolta Respinta Azione: * Osservazioni: 8

9 NB: Inviare tramite fax a: Instituto Cervantes Fax: C/ Alcalá, 49 E Madrid (España) 9

Italia 2010. www.cervantes.es. 20121 via Dante, 12 tel. 02.72023450 fax 02.72023829 cenmil@cervantes.es http://milan.cervantes.es

Italia 2010. www.cervantes.es. 20121 via Dante, 12 tel. 02.72023450 fax 02.72023829 cenmil@cervantes.es http://milan.cervantes.es studioeikon.com I t a l i a Embajada de España en Italia MILANO 20121 via Dante, 12 tel. 02.72023450 fax 02.72023829 cenmil@cervantes.es http://milan.cervantes.es ROMA 00198 via di Villa Albani, 16 tel.

Dettagli

milano 20121 via Dante, 12 tel. 02.72023450 fax 02.72023829 delemil@cervantes.es http://milan.cervantes.es roma

milano 20121 via Dante, 12 tel. 02.72023450 fax 02.72023829 delemil@cervantes.es http://milan.cervantes.es roma studioeikon.com I t a l i a Embajada de España en Italia milano 20121 via Dante, 12 tel. 02.72023450 fax 02.72023829 delemil@cervantes.es http://milan.cervantes.es roma 00198 via di Villa Albani, 16 tel.

Dettagli

Italia 2012. www.cervantes.es. 20121 via Dante, 12 tel. 02.72023450 fax 02.72023829 cenmil@cervantes.es www.milan.cervantes.es

Italia 2012. www.cervantes.es. 20121 via Dante, 12 tel. 02.72023450 fax 02.72023829 cenmil@cervantes.es www.milan.cervantes.es studioeikon.com I t a l i a Embajada de España en Italia MILANO 20121 via Dante, 12 tel. 02.72023450 fax 02.72023829 cenmil@cervantes.es www.milan.cervantes.es ROMA 00198 via di Villa Albani, 16 tel. 06.8537361

Dettagli

DELE 2014 nel Leonardo da Vinci Certificazione di lingua spagnola

DELE 2014 nel Leonardo da Vinci Certificazione di lingua spagnola DELE 2014 nel Leonardo da Vinci Certificazione di lingua spagnola Il DELE (Diploma de Español como Lengua Extranjera) è il titolo ufficiale che attesta il grado di competenza e dominio della lingua spagnola.

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO MARINO CENTRO

ISTITUTO COMPRENSIVO MARINO CENTRO ISTITUTO COMPRENSIVO MARINO CENTRO Criteri per le prove scritte degli esami finali secondaria I per alunni con DSA e BES anno scolastico 2014-2015 A CURA DELLA COMMISSIONE DSA Norme generali Esame finale

Dettagli

I disturbi specifici di apprendimento

I disturbi specifici di apprendimento I disturbi specifici di apprendimento Strumenti metodologico-didattici compensativi ic 01 borgo milano SETTEMBRE 2010 ROBERTO GRISON da: G.Stella La diagnosi è basata sul criterio della discrepanza fra

Dettagli

DISLESSIA A SCUOLA PROPOSTE DIDATTICHE. A cura di Alessandra CHIARETTA Referente DSA di Pietra Ligure per la dislessia

DISLESSIA A SCUOLA PROPOSTE DIDATTICHE. A cura di Alessandra CHIARETTA Referente DSA di Pietra Ligure per la dislessia DISLESSIA A SCUOLA PROPOSTE DIDATTICHE A cura di Alessandra CHIARETTA Referente DSA di Pietra Ligure per la dislessia estratto da Il disturbo nella scuola primaria di Iozzino pg. 1 PROPOSTE DIDATTICHE

Dettagli

ABILITA. Memoria. Abilità linguistiche. Decifrazione. Classificare e ordinare. Comprensione. Analisi. Anticipazione. Progettazione.

ABILITA. Memoria. Abilità linguistiche. Decifrazione. Classificare e ordinare. Comprensione. Analisi. Anticipazione. Progettazione. MONOENNIO LINGUA ITALIANA ASCOLTO-COMPRENSIONE-COMUNICAZIONE OBIETTIVI SPECIFICI DI Comunicare oralmente: concordanze, tratti prosodici, la frase e le sue funzioni in contesti comunicativi. Organizzare

Dettagli

LINEE GUIDA PER IL DIRITTO ALLO STUDIO DEGLI STUDENTI CON D.S.A. (L.170/2010)

LINEE GUIDA PER IL DIRITTO ALLO STUDIO DEGLI STUDENTI CON D.S.A. (L.170/2010) LINEE GUIDA PER IL DIRITTO ALLO STUDIO DEGLI STUDENTI CON D.S.A. (L.170/2010) ANALISI DI ALCUNI PUNTI SALIENTI: Testo delle linee guida E comunque preliminarmente opportuno osservare che la Legge 170/2010

Dettagli

LINGUA SPAGNOLA (LIVELLO AVANZATO B2)

LINGUA SPAGNOLA (LIVELLO AVANZATO B2) Dettaglio corso ID: Titolo corso: Tipologia corso: Costo totale del corso a persona (EURO): Organismo di formazione: Caratteristiche del percorso formativo LINGUA SPAGNOLA (LIVELLO AVANZATO B2) Corsi di

Dettagli

Anno Scolastico.. Stesura (data).. Aggiornamento (data)...

Anno Scolastico.. Stesura (data).. Aggiornamento (data)... PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO Anno Scolastico.. Stesura (data).. Aggiornamento (data)... Indirizzo di studio.. Classe.. Sezione. Referente DSA Coordinatore di classe. Pag.1 di 16 1. DATI RELATIVI ALL

Dettagli

disposizioni in favore dei soggetti con disturbi specifici di apprendimento

disposizioni in favore dei soggetti con disturbi specifici di apprendimento Esame abbinato p.l. 82/9^- 153/9^ disposizioni in favore dei soggetti con disturbi specifici di apprendimento RELATORE: NAZZARENO SALERNO Il Dirigente F.TO ANTONIO CORTELLARO Il Presidente F.TO Nazzareno

Dettagli

Il Piano Didattico Personalizzato

Il Piano Didattico Personalizzato Il Piano Didattico Personalizzato Dott. Valentina Riboni Tecnico Formatore AID Dalle linee guida, punto 6 Chi fa che cosa FAMIGLIA SCUOLA Questa sinergia di intenti deve sfociare in un PATTO EDUCATIVO-FORMATIVO

Dettagli

Destinatari. C.M. n. 54 Prot. AOODGOS n. 5761. Roma, 26 maggio 2008

Destinatari. C.M. n. 54 Prot. AOODGOS n. 5761. Roma, 26 maggio 2008 Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento per l Istruzione Direzione Generale per gli Ordinamenti del Sistema Nazionale di Istruzione e per l Autonomia Scolastica Ufficio

Dettagli

Disturbi Specifici di Apprendimento

Disturbi Specifici di Apprendimento Disturbi Specifici di Apprendimento Pennabilli - 28 Aprile 2014 Enrico Savelli Il Disturbo Specifico di Apprendimento della Letto-Scrittura Alla fine del primo anno scolastico, in quasi ogni classe, almeno

Dettagli

Dislessia e altri Disturbi dell Apprendimento. Proposte didattiche per la scuola primaria e la scuola secondaria di primo grado

Dislessia e altri Disturbi dell Apprendimento. Proposte didattiche per la scuola primaria e la scuola secondaria di primo grado ASSOCIAZIONE ITALIANA DISLESSIA Sezione di Parma Dislessia e altri Disturbi dell Apprendimento. Proposte didattiche per la scuola primaria e la scuola secondaria di primo grado San Secondo (PR) 23 novembre

Dettagli

MANUALE DEI DSA (DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO)

MANUALE DEI DSA (DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO) MANUALE DEI DSA (DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO) 1. PREMESSA Il Manuale non è esaustivo di ciò che è necessario sapere sul trattamento didattico dei Disturbi Specifici di Apprendimento (DSA), ma raccoglie

Dettagli

DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Premessa La nostra Scuola accoglie tutti gli alunni. Gli alunni con DSA (Disturbi Specifici di Apprendimento) presentano alcuni specifici disturbi delle abilità dell

Dettagli

La valutazione degli allievi con certificazione nella scuola secondaria: aspetti normativi di un iter pedagogico e didattico

La valutazione degli allievi con certificazione nella scuola secondaria: aspetti normativi di un iter pedagogico e didattico LA VALUTAZIONE DEGLI ALLIEVI CON CERTIFICAZIONE NELLA SCUOLA SECONDARIA prof.ssa Lupo Loredana Le disposizioni normative concernenti la valutazione degli allievi con certificazione nella scuola secondaria

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA - MORI

SCUOLA PRIMARIA - MORI ISTITUTO COMPRENSIVO DI MORI Via Giovanni XXIII, n. 64-38065 MORI Cod. Fisc. 94024510227 - Tel. 0464-918669 Fax 0464-911029 www.icmori.it e-mail: segr.ic.mori@scuole.provincia.tn.it REPUBBLICA ITALIANA

Dettagli

IL PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO

IL PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO IL PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO Non c è peggiore ingiustizia del dare cose uguali a persone che uguali non sono. Don Lorenzo Milani PREMESSA Definizione dei D.S.A. In ambito italiano si usa il termine

Dettagli

INGLESE FRANCESE TEDESCO SPAGNOLO RUSSO PORTOGHESE CINESE

INGLESE FRANCESE TEDESCO SPAGNOLO RUSSO PORTOGHESE CINESE COMUNE DI MASSA COMUNICARE ASSOCIAZIONE APUANA LINGUE STRANIERE INGLESE FRANCESE TEDESCO SPAGNOLO RUSSO PORTOGHESE CINESE LABORATORIO LINGUISTICO COMUNALE ANNO SCOLASTICO 2009/2010 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE

Dettagli

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA DISLESSIA E DSA

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA DISLESSIA E DSA ISTITUTO TECNICO STATALE COMMERCIALE, GEOMETRI e TURISMO ENRICO FERMI CENTRO TERRITORIALE PERMANENTE n. 9 per l istruzione e la formazione degli adulti Via Pitagora n 42 98051 BARCELLONA P.G. (ME) Tel.

Dettagli

DSA I DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

DSA I DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO DSA I DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO COME INTERVENIRE ALLA LUCE DELLA LEGGE 170/2010 A CURA DEL PROF. Benedetto di Biasio A.S. 2011/2012 LA DISLESSIA è un disturbo strumentale di lettura. Ad esso

Dettagli

IL PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO

IL PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO Ufficio Scolastico Provinciale di Modena Ufficio Area Sostegno alla Persona IL PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO Non c è peggiore ingiustizia del dare cose uguali a persone che uguali non sono. Don Lorenzo

Dettagli

DISTURBO SPECIFICO DI APPRENDIMENTO

DISTURBO SPECIFICO DI APPRENDIMENTO DISTURBO SPECIFICO DI APPRENDIMENTO Prof. Antonio Congedo GUIDA PER I DOCENTI A.S. 2012/13 1 INDICAZIONI OPERATIVE PER LA PREDISPOSIZIONE DEL PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO NEL D.S.A. (Prof. Antonio Congedo

Dettagli

Documentazione che il Consiglio di classe deve preparare per la Commissione d esame

Documentazione che il Consiglio di classe deve preparare per la Commissione d esame Agli insegnanti delle classi con allievi dislessici e/o diversamente abili GUIDA AGLI ESAMI DI STATO PER GLI ALLIEVI DIVERSAMENTE ABILI Con suggerimenti e fase operativa Le finalità dell esame di Stato

Dettagli

INTRODUZIONE AI DISTURBI DELL APPRENDIMENTO

INTRODUZIONE AI DISTURBI DELL APPRENDIMENTO INTRODUZIONE AI DISTURBI DELL APPRENDIMENTO Chiara Cantiani Psicologa Dottore di ricerca in Psicologia chiara.cantiani@bp.lnf.it chiara.cantiani@lanostrafamiglia.it IRCCS «E. Medea» Associazione La Nostra

Dettagli

Istituto Comprensivo Passoscuro-Fregene

Istituto Comprensivo Passoscuro-Fregene Istituto Comprensivo Passoscuro-Fregene SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO PER GLI ALUNNI CON CERTIFICAZIONE DI DSA Alunno:.. Classe:.. Plesso:... Referente DSA...coord. di

Dettagli

Strategie didattiche per gli studenti dislessici in tutti i gradi di scuola tratto dal sito AID -Sezione di Roma

Strategie didattiche per gli studenti dislessici in tutti i gradi di scuola tratto dal sito AID -Sezione di Roma Strategie didattiche per gli studenti dislessici in tutti i gradi di scuola tratto dal sito AID -Sezione di Roma (testo tradotto da Accommodating students with dyslexia in all classroom settings International

Dettagli

disposizioni in favore dei soggetti con disturbi specifici di apprendimento

disposizioni in favore dei soggetti con disturbi specifici di apprendimento Esame abbinato disposizioni in favore dei soggetti con disturbi specifici di apprendimento RELATORE: NAZZARENO SALERNO IL DIRIGENTE Piero Modafferi IL PRESIDENTE Nazzareno Salerno Art. 1 (Obiettivi e definizioni)

Dettagli

MODELLO DI CERTIFICAZIONE PER DISTURBI SPECIFICI DELL APPRENDIMENTO (ai fini dell applicazione della legge 8 ottobre 2010, n 170)

MODELLO DI CERTIFICAZIONE PER DISTURBI SPECIFICI DELL APPRENDIMENTO (ai fini dell applicazione della legge 8 ottobre 2010, n 170) MODELLO DI CERTIFICAZIONE PER DISTURBI SPECIFICI DELL APPRENDIMENTO (ai fini dell applicazione della legge 8 ottobre 2010, n 170) Anno scolastico:.. Cognome e Nome dello studente Data e luogo di nascita:...

Dettagli

INGLESE FRANCESE TEDESCO SPAGNOLO RUSSO PORTOGHESE CINESE

INGLESE FRANCESE TEDESCO SPAGNOLO RUSSO PORTOGHESE CINESE COMUNE DI MASSA COMUNICARE ASSOCIAZIONE APUANA LINGUE STRANIERE INGLESE FRANCESE TEDESCO SPAGNOLO RUSSO PORTOGHESE CINESE LABORATORIO LINGUISTICO COMUNALE ANNO SCOLASTICO 2010/2011 IL COMUNE di MASSA in

Dettagli

REVISIONE-CORREZIONE. La Revisione è un momento molto importante nel processo della produzione scritta.

REVISIONE-CORREZIONE. La Revisione è un momento molto importante nel processo della produzione scritta. REVISIONE-CORREZIONE La Revisione è un momento molto importante nel processo della produzione scritta. Il termine viene dato ai ragazzi verso la quarta, ma in realtà dovrebbe essere considerata parte integrante

Dettagli

Pedagogia della differenza Prof. Francesco Bruno

Pedagogia della differenza Prof. Francesco Bruno Pedagogia della differenza Prof. Francesco Bruno È un termine generale che comprende handicap, limitazione nelle attività e restrizione nella partecipazione. Un handicap è un problema relativo ad una funzione

Dettagli

Istituto Comprensivo Roseto 1

Istituto Comprensivo Roseto 1 Istituto Comprensivo Roseto 1 Via D Annunzio - 64026 Roseto degli Abruzzi (TE) Tel. 0858990172 Fax 0858932601 Tel/Fax 0858990187 Cod. Fisc. 91043580678 sito web: www.primoroseto.gov.it email: teic842001@istruzione.it

Dettagli

STRUMENTI COMPENSATIVI E MISURE DISPENSATIVE ALUNNI DSA ISI FERMI-GIORGI

STRUMENTI COMPENSATIVI E MISURE DISPENSATIVE ALUNNI DSA ISI FERMI-GIORGI STRUMENTI COMPENSATIVI E MISURE DISPENSATIVE ALUNNI DSA ISI FERMI-GIORGI Didattica personalizzata e individualizzata * La Legge 170/2010 dispone che le istituzioni scolastiche garantiscano «l uso di una

Dettagli

Conoscere i Disturbi Specifici dell Apprendimento

Conoscere i Disturbi Specifici dell Apprendimento Mira, 27 marzo 2015 Conoscere i Disturbi Specifici dell Apprendimento Dott.ssa Barbara Longhi Psicologa Psicoterapeuta Ulss13 Servizio Età Evolutiva Cosa sono i DSA? Disturbi dello sviluppo che riguardano

Dettagli

Disposizioni d esecuzione generali per l esame finale di tirocinio (parte aziendale e parte scolastica)

Disposizioni d esecuzione generali per l esame finale di tirocinio (parte aziendale e parte scolastica) Disposizioni d esecuzione generali per l esame finale di tirocinio (parte aziendale e parte scolastica) Criteri di base Legge federale del 9 aprile 978 sulla formazione professionale (vlfpr) Ordinanza

Dettagli

IL BAMBINO CON DISABILITÀ UDITIVA NELLA SCUOLA PRIMARIA

IL BAMBINO CON DISABILITÀ UDITIVA NELLA SCUOLA PRIMARIA REGIONE DEL VENETO AZIENDA ULSS 16 PADOVA C E N T R O D I R I A B I L I T A Z I O N E U D I T I V A IL BAMBINO CON DISABILITÀ UDITIVA NELLA SCUOLA PRIMARIA A cura di Logopediste: Battisti Lucia, Rossi

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Il documento va compilato in forma digitale per poter ampliare gli spazi dello schema (ove necessario) e togliere

Dettagli

DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO gestione della «normale specialità»

DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO gestione della «normale specialità» DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO gestione della «normale specialità» PROGRAMMA Obiettivi dell incontro: Conoscenza reciproca e condivisione di obiettivi e strategie Aspetti normativi ed implicazioni

Dettagli

Istituto Comprensivo G. Marconi PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO PER ALUNNI CON BES

Istituto Comprensivo G. Marconi PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO PER ALUNNI CON BES Istituto Comprensivo G. Marconi PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO PER ALUNNI CON BES BES -Dir. Min. 27/12/2012; C.M. n. 8 del 6/03/2013 1 ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA DELL INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA

Dettagli

Piano nazionale di formazione degli insegnanti nelle Tecnologie dell Informazione e della Comunicazione

Piano nazionale di formazione degli insegnanti nelle Tecnologie dell Informazione e della Comunicazione Istituto Professionale Zenale e Buttinone" Treviglio (BG) Piano nazionale di formazione degli insegnanti nelle Tecnologie dell Informazione e della Comunicazione Modulo 7: INTEGRAZIONE DEI DISABILI E TIC

Dettagli

Scuola secondaria. Indirizzo di studio.. Referente DSA o coordinatore di classe

Scuola secondaria. Indirizzo di studio.. Referente DSA o coordinatore di classe Modello di PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO Anno Scolastico Scuola secondaria. Indirizzo di studio.. Classe.. Sezione. Referente DSA o coordinatore di classe 1. DATI RELATIVI ALL ALUNNO Cognome e nome Data

Dettagli

Gli obiettivi della scuola

Gli obiettivi della scuola L'acquisizione della scrittura: dall'ortografia alla produzione del testo scritto Valentina Gattini logopedista, psicopedagogista cell. 347.5388479 gattini_valentina@tiscali.it Gli obiettivi della scuola

Dettagli

MODELLO DI PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO. ISTITUTO COMPRENSIVO Severino Fabriani SPILAMBERTO (MO) Scuola Primaria G. Marconi Spilamberto

MODELLO DI PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO. ISTITUTO COMPRENSIVO Severino Fabriani SPILAMBERTO (MO) Scuola Primaria G. Marconi Spilamberto MODELLO DI PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO ISTITUTO COMPRENSIVO Severino Fabriani SPILAMBERTO (MO) Scuola Primaria G. Marconi Spilamberto C. Trenti S.Vito Scuola Secondaria di Primo Grado Spilamberto PIANO

Dettagli

Modalità di insegnamento dell inglese per alunni con DSA

Modalità di insegnamento dell inglese per alunni con DSA Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Lombardia Modalità di insegnamento dell inglese per alunni con DSA VIII Congresso Nazionale dell Associazione

Dettagli

Alunni con Bisogni Educativi Speciali (BES) ed Esame di Stato di Agostino Miele

Alunni con Bisogni Educativi Speciali (BES) ed Esame di Stato di Agostino Miele Alunni con Bisogni Educativi Speciali (BES) ed Esame di Stato di Agostino Miele 1 "Un bisogno educativo speciale è qualsiasi difficoltà evolutiva, in ambito educativo ed apprenditivo, espressa in funzionamento

Dettagli

PROTOCOLLO OPERATIVO A FAVORE DI ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO (DSA)

PROTOCOLLO OPERATIVO A FAVORE DI ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO (DSA) ISTITUTO COMPRENSIVO DI TRECASALI Scuola dell Infanzia, Primaria, Secondaria I grado Piazzale Rodari, 1 43010 Trecasali (Parma) http://ictrecasali.gov.it Tel 0521/878301 Fax 0521/878504 E-mail: pric805003@istruzione.it

Dettagli

PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO

PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO Istituto Comprensivo Guglielmo Marconi Viale Rossini 87 05100 Terni Tel. 0744 275500 Fax 0744 274699 PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO ANNO SCOLASTICO 2011/12 SCUOLA: CLASSE: ALLIEVO: PREMESSA Il sistema

Dettagli

Legge regionale 11 aprile 2012, n. 10

Legge regionale 11 aprile 2012, n. 10 Legge regionale 11 aprile 2012, n. 10 Disposizioni in favore dei soggetti con disturbi specifici di apprendimento (BUR n. 7 del 16 aprile 2012, supplemento straordinario n. 1 del 18 aprile 2012) Art. 1

Dettagli

Materiale originale prodotto dal Centro Servizi Scolastici Sapere Più Milano

Materiale originale prodotto dal Centro Servizi Scolastici Sapere Più Milano DSA (Disturbi Specifici dell Apprendimento): LA LEGISLAZIONE. Premessa Le due idee principali da cui muove il seguente contributo sono il concetto di interesse superiore del minore e l importanza della

Dettagli

La Dislessia Evolutiva

La Dislessia Evolutiva La Dislessia Evolutiva Dislessia Evolutiva (DE) Disabilità specifica dell apprendimento di origine neurobiologica. Si manifesta quando un bambino non sviluppa, o sviluppa con molta difficoltà, la capacità

Dettagli

Istituto Comprensivo Tiriolo Scuola dell Infanzia Primaria Secondaria di primo grado

Istituto Comprensivo Tiriolo Scuola dell Infanzia Primaria Secondaria di primo grado Istituto Comprensivo Tiriolo Scuola dell Infanzia Primaria Secondaria di primo grado Piazza della Libertà, 14 88056 TIRIOLO (Cz) Tel. 0961.991018 Fax 0961.024807 Cod. Mecc: CZIC86500R Cod. Fisc. 80004080794

Dettagli

Piano Didattico Personalizzato (Scuola Primaria)

Piano Didattico Personalizzato (Scuola Primaria) ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE R. MAGIOTTI Via F.lli Rosselli n. 4-52025 Montevarchi (AR ) e-mail: aric834004@istruzione.it - aric834004@pec.it http://www.magiotti-mv.it/ Piano Didattico Personalizzato (Scuola

Dettagli

26/05/2015. Uno studente su 5 incontra difficoltà scolastiche, tali da richiedere l aiuto di un esperto. 25 maggio 2015. pamela@studioliberamente.

26/05/2015. Uno studente su 5 incontra difficoltà scolastiche, tali da richiedere l aiuto di un esperto. 25 maggio 2015. pamela@studioliberamente. Progetto di screening per Disturbi Specifici dell Apprendimento Tutti imparano a leggere e scrivere L apprendimento della lettura e della scrittura è un processo dato spesso per scontato In realtà richiede

Dettagli

DISTURBI SPECIFICI DELL'APPRENDIMENTO

DISTURBI SPECIFICI DELL'APPRENDIMENTO DISTURBI SPECIFICI DELL'APPRENDIMENTO R e l a t r i c e : D o t t. s s a C r i s t i n a E l e f a n t e (insegnante, pedagogista) email: elefantecristina@yahoo.it DSA definizione La principale caratteristica

Dettagli

La formazione professionale di base su due anni. con certificato federale di formazione pratica. Guida

La formazione professionale di base su due anni. con certificato federale di formazione pratica. Guida La formazione professionale di base su due anni con certificato federale di formazione pratica Guida 1 Indice Premessa alla seconda edizione 3 Introduzione 4 1 Considerazioni preliminari 7 2 Organizzazione

Dettagli

DSA INDICAZIONI METODOLOGICHE E DIDATTICHE

DSA INDICAZIONI METODOLOGICHE E DIDATTICHE DSA INDICAZIONI METODOLOGICHE E DIDATTICHE ALCUNE CONSIDERAZIONI PRELIMINARI L incidenza dei DSA nella scuola superiore - I disturbi specifici dell apprendimento non scompaiono con l ingresso alla scuola

Dettagli

PERCORSO DIDATTICO/EDUCATIVO SPECIFICO PER ALUNNI CON D. S. A.

PERCORSO DIDATTICO/EDUCATIVO SPECIFICO PER ALUNNI CON D. S. A. Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca PERCORSO DIDATTICO/EDUCATIVO SPECIFICO PER ALUNNI CON D. S. A. Anno Scolastico Nome e cognome - Classe Data e luogo di nascita Diagnosi specialistica

Dettagli

- non sa apprezzare differenze di numerosità del tipo: alcuni, pochi, molti, tutti, quel gruppo è meno numeroso dell'altro etc

- non sa apprezzare differenze di numerosità del tipo: alcuni, pochi, molti, tutti, quel gruppo è meno numeroso dell'altro etc SCHEDA TECNICA SUI DISTURBI SPECIFICI DELL' APPRENDIMENTO 1) R I C H I A M I N O R M A T I V I A) LEGGE 170 8/10/2010 B) D.M. 5669 12/7/2011 CON LE LINEE GUIDA ALLEGATE 2) D E F I N I Z I O N I E A S P

Dettagli

LA VALUTAZIONE DEGLI ALUNNI

LA VALUTAZIONE DEGLI ALUNNI LA VALUTAZIONE DEGLI ALUNNI Regolamento (D.P.R. 22 giugno 2009, n. 122) Testo in vigore dal 20.08.2009 1 Art. 1 Oggetto del regolamento Finalità e caratteri della valutazione 2. La valutazione è espressione

Dettagli

2. Diagnosi Segnalazione diagnostica alla scuola redatta da: AUSL privato Il / / dal dott. : neuropsichiatra psicologo

2. Diagnosi Segnalazione diagnostica alla scuola redatta da: AUSL privato Il / / dal dott. : neuropsichiatra psicologo Piano Didattico Personalizzato per alunni con Disturbi Specifici di Apprendimento (DSA)* Istituto Comprensivo Posatora Piano Archi Scuola Secondaria di primo grado F. Podesti 1. Dati dell alunno Anno scolastico:.../...

Dettagli

Disturbi Specifici di Apprendimento (DSA) VADEMECUM. Cosa sono i DSA e come formulare. un P.D.P. in presenza di un alunno D.S.A.

Disturbi Specifici di Apprendimento (DSA) VADEMECUM. Cosa sono i DSA e come formulare. un P.D.P. in presenza di un alunno D.S.A. Disturbi Specifici di Apprendimento (DSA) VADEMECUM Cosa sono i DSA e come formulare un P.D.P. in presenza di un alunno D.S.A. COSA SONO I D.S.A. (=disturbi specifici di apprendimento)? Questi disturbi

Dettagli

DSA e nuove tecnologie I parte

DSA e nuove tecnologie I parte DSA e nuove tecnologie I parte Come gli strumenti digitali possono favorire la didattica inclusiva Modulo base Parte prima 10 novembre 2014 Relatore: Francesca Rodella e Stefania Papini Per assistenza

Dettagli

(spazio per carta intestata della scuola)

(spazio per carta intestata della scuola) (spazio per carta intestata della scuola) Modello di Piano Didattico Personalizzato per alunni con Disturbi Specifici di Apprendimento (DSA)* Documento da compilare e riadattare seguendo gli esempi inseriti

Dettagli

PROCEDURA DI GESTIONE PER L INGRESSO, L ACCOGLIENZA E IL PERCORSO SCOLASTICO DI STUDENTI CON DSA

PROCEDURA DI GESTIONE PER L INGRESSO, L ACCOGLIENZA E IL PERCORSO SCOLASTICO DI STUDENTI CON DSA PROCEDURA DI GESTIONE PER L INGRESSO, L ACCOGLIENZA E IL PERCORSO SCOLASTICO DI STUDENTI CON DSA (Presentato al Collegio Docenti del, Delibera di approvazione del Collegio Docenti in data, conseguente

Dettagli

Piano Didattico Personalizzato per alunni con Disturbi Specifici di Apprendimento (DSA)

Piano Didattico Personalizzato per alunni con Disturbi Specifici di Apprendimento (DSA) Piano Didattico Personalizzato per alunni con Disturbi Specifici di Apprendimento (DSA) 1.Dati dell alunno Anno scolastico: 2014/2015 Nome e Cognome:... nato/a il.../ /... a... Residente a: in Via n..

Dettagli

NELLA SCUOLA PRIMARIA PADOVA 17 APRILE 2008. Maria Rita Cortese Psicopedagogista Insegnante Formatore AID ELEMENTI PREDITTIVI SCUOLA DELL INFANZIA

NELLA SCUOLA PRIMARIA PADOVA 17 APRILE 2008. Maria Rita Cortese Psicopedagogista Insegnante Formatore AID ELEMENTI PREDITTIVI SCUOLA DELL INFANZIA LE DIFFICOLTA NELLA SCUOLA PRIMARIA PADOVA 17 APRILE 2008 Maria Rita Cortese Psicopedagogista Insegnante Formatore AID ELEMENTI PREDITTIVI SCUOLA DELL INFANZIA Difficoltà di linguaggio Inadeguatezza nei

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SASSARI - AREA DIDATTICA - Ufficio Gestione Segreterie Studenti

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SASSARI - AREA DIDATTICA - Ufficio Gestione Segreterie Studenti UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SASSARI - AREA DIDATTICA - Ufficio Gestione Segreterie Studenti Bando per l ammissione al corso di laurea in FILOSOFIA E SCIENZE DELL EDUCAZIONE (Classe L5/L19) ANNO ACCADEMICO

Dettagli

PDP dell'alunno/a. non richiedere lettura a voce alta in pubblico se l alunno/a non vuole farlo

PDP dell'alunno/a. non richiedere lettura a voce alta in pubblico se l alunno/a non vuole farlo PDP dell'alunno/a. Attenzione: si ricorda che gli strumenti compensativi e dispensativi qui elencati vanno adottati tenendo conto delle particolari situazioni e delle esigenze del singolo alunno. L uso

Dettagli

Piano didattico personalizzato DSA

Piano didattico personalizzato DSA Piano didattico personalizzato DSA Anno Scolastico 2014/2015 Indirizzo di studio Classe Sezione Dati dello studente Cognome e nome Data e luogo di nascita Diagnosi specialistica 1 Redatta da Sintesi diagnostica

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Linee guida per lo svolgimento delle prove di ammissione ai corsi di laurea e laurea magistrale a ciclo unico di cui al D.M. 3 luglio 2015, n. 463. Presa in consegna dei materiali Il giorno della prova

Dettagli

Progetto DSA (Disturbi Specifici dell Apprendimento) e PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO

Progetto DSA (Disturbi Specifici dell Apprendimento) e PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO Ufficio Scolastico Provinciale di Modena Progetto DSA (Disturbi Specifici dell Apprendimento) e PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO Obiettivo del progetto Conoscere Sensibilizzare Formare AZIONI INDAGINE a.s.

Dettagli

Fiscal News N. 98. Altre agevolazioni per i disabili. La circolare di aggiornamento professionale 29.03.2013

Fiscal News N. 98. Altre agevolazioni per i disabili. La circolare di aggiornamento professionale 29.03.2013 Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 98 29.03.2013 Altre agevolazioni per i disabili Le altre agevolazioni fiscali previste dalla normativa per le persone con disabilità Categoria:

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO SASSOFERRATO UNITÁ DI INSEGNAMENTO APPRENDIMENTO a. s. 2013 /2014

ISTITUTO COMPRENSIVO SASSOFERRATO UNITÁ DI INSEGNAMENTO APPRENDIMENTO a. s. 2013 /2014 Articolazione dell apprendimento Dati identificativi ISTITUTO COMPRENSIVO SASSOFERRATO UNITÁ DI INSEGNAMENTO APPRENDIMENTO a. s. 2013 /2014 Titolo significativo: Esperienza di scrittura: dalle informazioni

Dettagli

PROTOCOLLO D INTERVENTO PER FAVORIRE UNA DIDATTICA INCLUSIVA PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI D APPRENDIMENTO

PROTOCOLLO D INTERVENTO PER FAVORIRE UNA DIDATTICA INCLUSIVA PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI D APPRENDIMENTO Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca ISTITUTO COMPRENSIVO ENEA TALPINO Via Famiglia Riccardi 2 24027 Nembro (Bg) Tel: 035 520709-035 4127675 / Fax: 035 520709 C.F. 95118440163 C.M.

Dettagli

Cosa s intende per dislessia e discalculia e come si manifestano nei ragazzi e negli adulti?

Cosa s intende per dislessia e discalculia e come si manifestano nei ragazzi e negli adulti? Promemoria 204 Dislessia e discalculia Questo promemoria indica come sostenere le persone soggette a difficoltà nella lettura, nell ortografia o nella matematica, durante il periodo di formazione professionale

Dettagli

I. C. I. NIEVO CAPRI. Modello di PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO Anno Scolastico

I. C. I. NIEVO CAPRI. Modello di PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO Anno Scolastico I. C. I. NIEVO CAPRI Scuola secondaria di I grado Classe Coordinatore di classe 1. DATI RELATIVI ALL ALUNNO: Modello di PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO Anno Scolastico Cognome e nome Data e luogo di nascita

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI MONTE SAN PIETRO SCUOLA PRIMARIA VIA IV NOVEMBRE N.4-40050 CALDERINO DI M.S.P. (BO) e-mail boic80700d@istruzione.

ISTITUTO COMPRENSIVO DI MONTE SAN PIETRO SCUOLA PRIMARIA VIA IV NOVEMBRE N.4-40050 CALDERINO DI M.S.P. (BO) e-mail boic80700d@istruzione. ISTITUTO COMPRENSIVO DI MONTE SAN PIETRO SCUOLA PRIMARIA VIA IV NOVEMBRE N.4-40050 CALDERINO DI M.S.P. (BO) e-mail boic80700d@istruzione.it Piano Didattico Personalizzato per alunni con Disturbi Specifici

Dettagli

dai D.S.A. ai B.E.S. 3-10-2013

dai D.S.A. ai B.E.S. 3-10-2013 dai D.S.A. ai B.E.S. 3-10-2013 DSA - disturbi specifici dell apprendimento L apprendimento Ciascun allievo impara in maniera diversa, ognuno con un proprio stile di apprendimento. L insegnamento deve tener

Dettagli

LEGGE 8 ottobre 2010 n. 170 Nuove norme in materia di disturbi specifici di apprendimento in ambito scolastico.

LEGGE 8 ottobre 2010 n. 170 Nuove norme in materia di disturbi specifici di apprendimento in ambito scolastico. LEGGE 8 ottobre 2010 n. 170 Nuove norme in materia di disturbi specifici di apprendimento in ambito scolastico. Riconoscimento e definizione di dislessia, disgrafia, disortografia e discalculia 1. La presente

Dettagli

www.itis-isernia.gov.it email: info@itis-isernia.gov.it Alunno/a DSA Classe a. s. Docente Materia/e

www.itis-isernia.gov.it email: info@itis-isernia.gov.it Alunno/a DSA Classe a. s. Docente Materia/e Alunno/a DSA Classe a. s. Docente Materia/e ALLEGATO al PDP Difficoltà di apprendimento riscontrate dal docente Area linguistico (lettura, scrittura, comprensione) e comunicativa Area logico matematica

Dettagli

Esami di Stato 2014/15 Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per il Piemonte Corpo Ispettivo

Esami di Stato 2014/15 Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per il Piemonte Corpo Ispettivo Esami di Stato 2014/15 Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per il Piemonte Corpo Ispettivo NORMATIVA DI RIFERIMENTO Legge 425/1997 Legge 1/2007 DPR 323/98

Dettagli

COSA SONO I D.S.A.? circoscritte

COSA SONO I D.S.A.? circoscritte D.S.A. COSA SONO I D.S.A.? Si parla di D.S.A.quando un bambino mostra delle difficoltàcircoscrittenella lettura, nella scrittura o nel calcolo, in una situazione in cui lo sviluppo intellettivo ènella

Dettagli

6/C/2014 ALLEGATO D)

6/C/2014 ALLEGATO D) 6/C/2014 ALLEGATO D) SELEZIONE, PER TITOLI E COLLOQUIO, PER IL CONFERIMENTO DI UN INCARICO DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA, PER LO SVOLGIMENTO DI ATTIVITÀ DIDATTICHE RELATIVE AL CORSO DI PREPARAZIONE

Dettagli

Neuroscienze, Dislessia, Scuola

Neuroscienze, Dislessia, Scuola Neuroscienze, Dislessia, Scuola Giacomo Stella I.RI.D.E. (Università di Modena-Reggio Emilia, Università di Urbino) Neuroscienze, Dislessia, scuola Aurora, 4^ elementare La dislessia dal punto di vista

Dettagli

PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO

PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO ISTITUTO COMPRENSIVO DI ARCOLA/AMEGLIA Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di I grado Via Porcareda 19021 A R C O L A (SP) C.M. SPIC81000V - C.F. 91054370118 - Tel. 0187/987061 Fax 0187/952358

Dettagli

IL PROBLEMA DISLESSIA. Spagnoletti Maria, Stella www.studiodipsicologia.com

IL PROBLEMA DISLESSIA. Spagnoletti Maria, Stella www.studiodipsicologia.com IL PROBLEMA DISLESSIA Spagnoletti Maria, Stella www.studiodipsicologia.com LA DISLESSIA, QUESTA SCONOSCIUTA LA DISLESSIA, QUESTA SCONOSCIUTA La dislessia è una disabilità invisibile per questo i genitori

Dettagli

Ausili per i disturbi della letto-scrittura

Ausili per i disturbi della letto-scrittura Disturbi Specifici dell Apprendimento: dalle basi fisiologiche agli ausili Aula Magna Centro Affari e Convegni Arezzo 13 Dicembre 2014 Ausili per i disturbi della letto-scrittura Valentina Scali, Simona

Dettagli

Principi base per un buon CV. La struttura del Curriculum

Principi base per un buon CV. La struttura del Curriculum Principi base per un buon CV Il curriculum vitae è il resoconto della vostra vita professionale, e può essere il vostro rappresentante più fedele, a patto che sia fatto bene. Concentratevi sui punti essenziali

Dettagli

nell ambito della lettoscrittura

nell ambito della lettoscrittura Uno studente con dislessia è generalmente Una persona brillante Con difficoltà specifiche nell ambito della lettoscrittura LA LETTURA E un processo che ha come scopo la comprensione del significato di

Dettagli

SOFTWARE PER MAPPE MENTALI E CONCETTUALI: UN AIUTO NELLO STUDIO (materiali) (a cura di Giovanna Lami)

SOFTWARE PER MAPPE MENTALI E CONCETTUALI: UN AIUTO NELLO STUDIO (materiali) (a cura di Giovanna Lami) SOFTWARE PER MAPPE MENTALI E CONCETTUALI: UN AIUTO NELLO STUDIO (materiali) (a cura di Giovanna Lami) L individuazione di strumenti facilitanti l apprendimento e l autonomia nello studio è obiettivo fondamentale

Dettagli

INIZIATIVE RELATIVE ALLA DISLESSIA PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA

INIZIATIVE RELATIVE ALLA DISLESSIA PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA INIZIATIVE RELATIVE ALLA DISLESSIA PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA Premessa Compiti della scuola A livello di classe scuola dell infanzia scuola primaria scuola secondaria di primo grado Accogliere gli alunni

Dettagli

I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI: QUALI INTERVENTI? Maria Grazia Redaelli 4 novembre 2014

I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI: QUALI INTERVENTI? Maria Grazia Redaelli 4 novembre 2014 I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI: QUALI INTERVENTI? Maria Grazia Redaelli 4 novembre 2014 Nota Ministeriale 27.12.2012 Circolare Ministeriale n. 8 del 6 marzo 2013 Nota di chiarimento del 22 novembre 2013

Dettagli

PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO

PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO Scuola Primaria Plesso di A.S. Validità La scuola progetta e realizza percorsi didattici specifici per rispondere ai bisogni educativi degli allievi. NORMATIVA DI RIFERIMENTO

Dettagli