Gatesport Muggiano. Le nostre debolezze

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Gatesport Muggiano. Le nostre debolezze"

Transcript

1 MUGGIANO & DINTORNI ANNO XV - NUMERO 9 Settembre internet: Le nostre debolezze La Redazione Questo numero del nostro giornale è caratterizzato da due notizie importanti per il territorio. Una purtroppo sicuramente non bella, legata sfortunatamente a situazioni di disagio, miseria, povertà, ma anche arroganza, presunzione e mancanza di scrupoli. Il riferimento è evidente al furto di gasolio dall oleodotto ENI, dove gente senza attenzioni, con nessun attaccamento per il nostro territorio, il luogo in cui viviamo e soprattutto il nostro futuro, ha creato un danno enorme, non quantificabile. L inquinamento da idrocarburi sembrava una notizia lontana nei luoghi e poi, in un attimo, ce la siamo ritrovato in casa. E, forse, andata male ai soliti ignoti, anche se il dubbio che il furto sia stato perpetrato per mesi ha una certa consistenza, ma è andata male soprattutto a noi visto che nonostante le rassicurazioni degli Enti Locali ad oltre 15 giorni dalla scoperta della perdita di gasolio abbiamo ancora potuto vedere i pesci del fontanile Mezzabarba nuotare sotto una pellicola di olio combustibile, leggerissimo velo di veleni e morte, problema che tornerà alla ribalta soprattutto tra qualche settimana quando la portata dell acqua nei fontanili fisiologicamente diminuirà. Cosa insegna questa vicenda? Che purtroppo manca una vera cultura del nostro mondo, fatto d equilibri a volte minimi che con un nulla si possono sballare e con loro noi stessi. Non possiamo credere che tutti gli uomini siano solo opportunisti o persone disinteressate ma, se è vero che non possiamo impedire un furto di qualche morto di fame, è mandatario fare qualcosa prima... Perchè dobbiamo aspettare il danno grave per un sistema di controllo che impedisca o quantomeno limiti i danni? L altra notizia è lo stanziamento del Cipe (Comitato Interministeriale Prezzi), quasi in sordina, avvenuto ad inizio agosto di ben 118 milioni di eur, per la nuova autostrada per Malpensa. Non è facile affermare se questa notizia sia buona o meno, sicuramente bisogna stare attenti soprattutto per il rischio che il tutto si riveli un opera inutile, megalomane e non voluta. Soldi che certamente non basteranno, quindi serviranno altri stanziamenti, ed un nuovo fiume di denaro pubblico sarà diretto come un buldozer nel nostro territorio a spianare campagne, parchi, territorio, quando magari con un operazione più da bisturi si poteva fare meglio. E forse demagogia scrivere ancora una volta che di territorio ne abbiamo uno solo ma, alla luce di queste vicende, ancora una volta è importante quantomeno parlarne. VISITA AL CANTIERE DEL NUOVO CENTRO SPORTIVO DI MUGGIANO Gatesport Lo sport riparte dalla periferia e Gatesport sarà proprio il nome del nuovo Centro Sportivo. Quattro piscine per ogni tipo di esigenza, uno spazio innovativo di 2000 mq senza alcuna barriera architettonica, 700 mq di palestre interamente dedicati a chiunque voglia mettere alla prova se stesso e il suo potenziale, due campi di calcio a 11 giocatori, naturale e sintetico, spazi dedicati a ristorante e bar, sono questi i numeri che caratterizzeranno il Centro Sportivo di, progettato dell architetto Luciano Messina, in avanzata fase di realizzazione. I nostri due inviati hanno visitato il cantiere. R.B. Delpero M. Rossetti Èun pomeriggio di fine luglio, uno di quelli particolarmente infuocati, quando oltrepassiamo il cancello del cantiere dove proseguono i lavori per il nuovissimo complesso sportivo del G.S.. Maurizio Baroni come tutti gli architetti tarda un po ad arrivare e così ci addentriamo sino a metà dell area, mentre si sentono rumori di lavori in corso nella parte dedicata al calcio. È strano come in un attimo possano ritornare alla mente visioni di quasi mezzo secolo addietro, quando noi diciottenni di siamo caparbiamente riusciti ad ottenere dal Comune di Milano quest area. Un campo con un semplice recinto ed un cancello e nulla più, ma uno spazio nostro. I rumori dei trapani degli operai come d incanto si annullano lasciando spazio al vociare di una dozzina di noi che, a turno, saliamo su una precaria impalcatura a picchiare con tutta la nostra forza un tubo di ferro che (con qualche imprecazione e qualche preghiera) doveva raggiungere l aves, per aver acqua fresca per dissetare noi ed anche l erbetta appena rasata con il BCS degli amici agricoltori. Vi lascio immaginare i dolorosi calli sulle mani che quel pesante martinetto di legno ha lasciato. Un esperto trombé seguiva i lavori con attenzione, soprattutto per non farci delle ferite peggiori. La corrente elettrica non c era e lo spogliatoio era costituito da una baracca di legno e, quindi, se d inverno veniva buio prima della fine della partita erano guai. Ma erano problemi superabili come tutti gli altri. 35 I primi tempi il posto in squadra si guadagnava, ad esempio, tirando la rete di recinzione che separava il rettangolo di gioco dal pubblico presente sempre numeroso. Oppure correndo, finché il fiato lo permetteva, per le strade illuminate dai lampioni. Che bello sarebbe un inaugurazione del nuovissimo Centro con una partitella/passerella con i ragazzi di allora, o almeno quelli che sono rimasti, con indosso ancora una volta quella casacca alla quale erano fermamente attaccati e per la quale hanno tutti, chi più chi meno, dato molto di più che a Festa Patronale non soltanto la voglia di giocare Ma ecco che, con l arrivo di Maurizio, i ricordi ancora vivi nei miei occhi svaniscono per lasciare spazio all intervista programmata per fare il punto della situazione a più di un anno dall inizio di questo mirabile progetto. Senza perdere tempo siamo già nel fabbricato che ospiterà le piscine. Maurizio invita a giocare con un pizzico d immaginazione seguendo le sue indicazioni perché ci sono sì i muri perimetrali, le vasche di cemento ed una parte di tetto, ma ancora molto è da fare. della Madonna del Rosario Città di Cesano Boscone ENERGIA PER LA VITA I progetti già pubblicati ci aiutano Ecco questa è l entrata principale. Immaginate di vedere una hall del Centro Sportivo dove ci sarà una Reception con i suoi uffici. Contro quella parete e fino alla scala ci saranno l infermeria, i servizi, un piccolo corner commerciale, il bar. Da questa pilastrata in poi sono tutti servizi/spogliatoi collegati alle piscine. Di fronte l ascensore e la scala che portano alla palestra del primo piano. Una vetrata permetterà di vedere le piscine. Un comodo passaggio darà facoltà di accedere alle piscine. La prima è per attività motorie, ginnastica dolce per gli anziani. Una seconda vetrata farà da insonorizzante perché, com è noto, i bambini e gli anziani fanno sempre un gran casino. Si può dire casino? Sì, sì È l espressione che dà più l idea Ecco! Questa è la seconda piscina di dimensioni ridotte per bambini, gestanti, eccetera. È il cosiddetto avviamento al nuoto. Quest altra, invece, è la piscina ludica. In pratica è quella per la libera attività. Ha un entrata a zero, che va giù come una spiaggia, e permette ai disabili di andare direttamente in acqua con la sedia a rotelle, in modo del tutto autonomo. Le carrozzine in dotazione sono in acciaio ed il soggetto la lascia non appena il livello dell acqua cresce nella giusta misura. È una piscina ludica anche perché ci saranno dei soffioni per la cervicale, dei lettini massaggianti dentro l acqua. Un sog- (CONTINUA A PAGINA 10)

2 2 Settembre 2015 Lettere alla Redazione La Regina di Milano Spettabile Redazione, vorrei informare i lettori che anche Milano ha avuto una Regina. Illustre sconosciuta nelle parcellizzazioni Marianna Carolina Pia di Savoia storiche italiane, l ho fatta rivivere dopo ricerche negli archivi polverosi di Cagliari, Torino e Milano scoprendo con pochi argomenti, che anche Milano ebbe una Regina. Fu solo per pochi anni. Quando nacque, all ombra dell impero Austro-Ungarico: l austriaco Regno Lombardo-Veneto. Marianna Carolina Pia di Savoia, Principessa di Piemonte, fu Regina quando divenne la sposa dell Austriaco Ferdinando I Imperatore. In gioventù, durante il soggiorno coatto in Sardegna con il Padre Vittorio Emanuele I di Savoia, voluto da Napoleone, visse di stenti e in estrema povertà. Nonostante il disagio della corte reale, il carattere socievole della Principessa fu superiore alla tristezza del momento. Gli abitanti la ricordano quando trascorreva i suoi giorni in modo campestre, tra ovili e pecorelle, lavorando nell agricoltura, insieme con i pastori sardi. Fu benvoluta per la sua bontà, religiosità e dinamica serenità, che la portò ad essere soprannominata dal popolo, la Principessa Scoiattolo. Con la morte di Napoleone la famiglia Reale fece ritorno a Torino, nel Regno di Sardegna. Al suo insediamento nel palazzo reale di Torino la folla piangente piemontese e sarda la invocava come futura regina del Regno. Tralasciando il tempo politico ed economico, per riferire di quello sentimentale, dirò che l avvento del Precettore Bernardino Pio Picchi, di Siena, fece sbocciare quell amore segreto durato una vita. La vita milanese di Marianna Carolina Pia di Savoia, in occasione della sua nomina a Regina, fu ricca di episodi di bontà e di saggezza. Con abiti semplici, interveniva, segretamente confusa tra le centinaia di lavandaie sul naviglio per dare aiuti e dividere con loro i problemi. Dall incoronazione nel Duomo di Milano al battesimo dell Arco della Pace. Non fu felice della situazione matrimoniale per l assente amore coniugale di Ferdinando I ma con la segreta approvazione del Re suo padre, Vittorio Emanuele I di Savoia Re di Sardegna, ritrovò la felicità con il precettore Bernardino Pio Picchi, diventando la nobildonna benefattrice, eroica e patriottica d Italia. Alvaro Picchi Milano - Energia sana e legalità per l Europa Igreci sono 11 milioni. La Magna Grecia di secoli fa comprendeva Sicilia e altre regioni del nostro sud attuale. Ho visto i dati della popolazione: Sicilia 5 milioni; Campania 5,8 milioni; Calabria 2 milioni. Totale 12,8 milioni. In Grecia, leggo, salvo abbia capito male: troppi dipendenti pubblici che vanno in pensione troppo presto; pensioni baby per tutti; industrie di Stato che non rendono; armatori esentasse; demagogia politica, ecc. Ho il sospetto che i fratelli popoli europei conoscano bene la situazione non tanto delle statistiche finanziarie, ma del modo di gestire le popolazioni sia greche che del nostro sud e... fanno due più due. Se avessero mollato sulla Grecia poi sarebbe stata la volta di altre regioni dell area mediterranea. Non se ne parla sui giornali italiani, forse perché c è il nord che bilancia nelle statistiche finanziarie che Europa e giornali propinano ogni giorno alla nausea, e perché ai giornali e ai politici sta bene il modello, ora fuori realtà della Cassa del Mezzogiorno o le lagne equivalenti di oggi: Che cambi tutto purché nulla cambi (il Principe di Salina non c è solo in Sicilia ). Qualche amico rassegnato mi dice che non si può cambiare nulla perché il mondo politico di oggi non cambia da quello di ieri. Sarebbe meglio per noi andare con decisione dei politici sulla nostra Magna Grecia del Sud per togliere i bubboni: gli assistiti di Stato (i forestali per dire il primo), l evasione IRPEF e altre imposte a livelli imbarazzanti, l evasione delle imposte locali IMU, TARI, TASI, il lavoro nero in agricoltura con i caporali e gli extracomunitari come per i pomodori, la non registrazione degli affitti, il catasto non fatto e che nessuno vuol fare per non perdere voti, le tasse automobilistiche che non pagano e il canone RAI in quanti lo pagano?, le speculazioni verso le assicurazioni auto con i falsi incidenti, gli ospedali gestiti da incapaci che perdono e poi vogliono i rimborsi di Stato. Forse non si sono ancora resi conto che nel mondo d oggi per tutti in Europa non c è più spazio per l assistenzialismo e lo Stato ha le mammelle secche anche per loro; e penso sia ora di liberare le energie sane di molti del sud con la legalità come hanno fatto in Spagna e come fanno quasi tutti in Europa. Senza isteria e senza violenza, ma con determinazione e legalità: non vedo altra via per restare in Europa. Franco Torti Auguri a Il Brigantino Decimo anniversario di attività del bar-pizzeria Il Brigantino a Quinto Romano, il più ameno quartiere di Milano. Lo segnala l associazione Quinto... che Legge. Due grandi vetrine si affacciano nel piccolo parco che si trova davanti ad un condominio atipico, perché ha la forma di un ferro di cavallo (detto anche il Colosseo). All interno, oltre il caratteristico banco-pizze dalla forma di un antico veliero da pirata, un treno Il 2 luglio 2015 è mancata Elisa Mencaglia nata il lasciando un vuoto incolmabile nei cuori del marito Luigi, di mamma Antonella, papà Renato e delle nonne Enrica e Rosa. Giungano ai familiari il più sentito cordoglio della Redazione e dei lettori de Il Rile. merci si muove sopra un binario che attraversa sia il bar che la pizzeria. Il pensiero di un affezionata cliente: È una bella mattinata di maggio, sto entrando nel bar Brigantino di Quinto Romano e... il mio cuore si rallegra. Ci sono Susanna e Francesco ad accogliermi con la loro gentilezza e disponibilità, osservo il banco dove si fanno le pizze; è proprio bello; ha la forgia di un veliero. La mia fantasia vola salpando mari luccicanti e incontrando porti brulicanti di persone variopinte. Susanna e Francesco, con il loro locale, hanno ingentilito l anima ambigua del nostro quartiere di periferia. Ci sentiamo bene. Grazie Susanna e Francesco e auguri per il 10 compleanno del Brigantino. Una vostra affezionata cliente Maria Assunta Fratelli. Anno XV Numero 9 Settembre 2015 Copie Aut. Tribunale Milano N. 766 dell Editore: Associazione Culturale Il Rile Redazione: Largo Don Saturnino Villa, Milano Tel Fax Presidente: Marco Rossetti - Vice-Presidente: Renato Bortolo Delpero - Direttore Resp.le: Andrea Ferrari - Responsabile Pubblicità: Nadia Isola - Redazione: Guido Torti, Andrea Rossi, Moreno Frigerio Davide La Monaca Sergio Bulgaro ed Elio Signorini (in memoria) Disegno in prima pagina: Roberta Canepa Impaginazione: Renato Bortolo Delpero Correttore bozze: Angelo Ferrari Stampa: Tipografia Landoni - Milano - Via Martinetti, 15 Distribuzione: Guido Torti, Andrea Rossi Hanno collaborato a questo numero: G. Castronovo, L. Malchiodi, R. Pignataro, S. Borgatti, A. Porrati, R. Radaelli, Il Multiverso, C. Resta, M. Baroni, D. Acconci. Chiuso in redazione il 20/08/2015 La prossima data per inviarci gli articoli è il 20/09/2015 Il Rile pubblicherà, nei limiti di spazio disponibile, tutti gli articoli firmati fatti pervenire in tempo utile. Eventuali invii postali sono da indirizzare a Guido Torti, via Lucera n Milano. COME SOSTENERCI Consegna del mensile garantita a domicilio: contributo annuale di 10,00 euro, mediante bonifico intestato a: Associazione Il Rile - Largo Don Saturnino Villa n Milano - Banca Prossima - Filiale n Agenzia - via A. Mosca, Milano - IBAN IT61 J oppure contattare la Redazione al cell dalle ore 20 alle ore 21. Il Rile si può trovare ogni mese gratuitamente presso: : Macelleria Rossetti, Panificio, Parrocchia Santa Marcellina, Cafè K2, Associazione Amici del Quadrato, Merceria Il Borgo, Cooperativa, Scuola Elementare, Parrucchiere Millennium, G.S. Calcio, Banca Intesa, Lago dei Cigni, Centro Dentistico Polispecialistico, Parafarmacia, Panta Rei. - Quartiere degli Olmi: Panificio Senna, Edicola Olmi, Banca Intesa, Farmacia Olmi, Farmacia Comunale, Arci Olmi, Parrucchiere Euro Fashion, Bar Betulle, Elettro Olmi, AICS Olmi, Panettiere via Betulle, Scuola Elementare e Media, Simon's Bar. - Quarto Cagnino: Associazione Mondo Donna, El Prestinee de Quart. - Quinto Romano: Azienda Agricola Verga, Edicola, Parrocchia Madonna Divina Provvidenza, Biblioteca Quintochelegge. - Baggio: Comando Vigili Zona 7, Consiglio di Zona (piazza Stovani), Consiglio di Zona (Sede), Croce Verde Baggio, Edicola via Rismondo, Biblioteca di Baggio, Centro Culturale Ronchi, Centro Polispecialistico 33, Cava Aurora, Parrocchia Sant Anselmo, Avis, Aido, Panificio di via Gianella, Libreria Lineadiconfine, Ottica Montesano, Edicola di via delle Forze Armate 346, Sindacato Pensionati, Poliambulatorio di via Masaniello, A 4 Zampe. - Cusago: Cartolibreria Forni, Viridea, Ristorante Il Magione, Agenzia Girovaga, Biblioteca, Centro Prelievi, Mercatino Antiquariato, Bar Ravelli, Tabaccaio, Salumificio Mericco, Circolino Monzoro. - Cornaredo: Officina Citroen Magistrelli. - Settimo Milanese: Biblioteca Comunale Settimo, Matmar Graphic, L Albero della Frutta, Garden Ravelli di Seguro. - Trenno: Cascina Campi - Trezzano sul Naviglio: Comune, Centro Socio Culturale. - Cesano Boscone: Cinema Cristallo, Caf ACAI, Zini, Edicola via Libertà, Farmacia dott. Camera, Centro Culturale Villa Marazzi, Ottica Crepaldi, Benzinaio via Pasubio, Studio Medico Dentaltre, Lavanderia Arte e Sapone, Edicola di via Garibaldi, Spighe d'oro (Circolo Anziani), Le Grotte di Sale. - Cisliano: Stilcasa, Benzinaio Tamoil. - Magenta: Libreria Il Segnalibro. Gli articoli e le note firmate esprimono l'opinione dell'autore, non necessariamente quella della Redazione. L'invio di immagini e testi implica l'autorizzazione dell'autore alla pubblicazione. In nessun caso verranno presi in considerazione testi anonimi. La Redazione non risponde di indicazioni errate nelle locandine che pubblicizzano (gratuitamente) eventi di qualunque genere. Nello scorso mese di luglio è mancato il nostro carissimo amico Stefano Golfrè abitante di ma da tempo trasferitosi in Olanda. Ci uniamo in un caloroso abbraccio al dolore della moglie Anita e dei figli Roberto e Alessandra. Gli amici di.

3 Settembre Giuseppe Castronovo gcastronovo.blogspot.it (dai dibattiti svolti al Circolo della Concordia) Romano: amici non so se avete notato anche voi. Totò: che cosa? Romano: come il Governo greco, guidato da Alexis Tsipras, abbia faticato non poco a trovare alleati, tra i Paesi europei, disposti ad appoggiare le sue richieste per rinegoziare il debito pubblico e allentare i piani di austerity che risultano non più sostenibili dal popolo greco. Franco: in effetti, anche a causa dell enorme debito sovrano della Grecia, che oramai ha superato i 300 miliardi di euro, il gioco si sta facendo troppo pericoloso per tutti e alla fine si corre il rischio che nessuno ne esca vincitore. Romano: in verità il problema che volevo sottoporre alla nostra riflessione parte da una constatazione finora non adeguatamente evidenziata dalla stampa. Alessio: quale? Romano: oramai risulta chiaro come Germania, unitamente all Olanda, alla Danimarca, alla Finlandia formino un gruppo caratterizzato da un comune atteggiamento di freddezza, per non dire di aperta ostilità, verso i Paesi con un elevato debito sovrano come la Grecia, l Italia, la Spagna, il Portogallo. Giacomo: caro Romano, nel condividere la tua osservazione ritengo che la stessa non sia stata ancora attentamente esaminata così come invece meriterebbe. In effetti, tra i Paesi nordici da te citati si sta diffondendo sempre più un pericoloso atteggiamento di diffidenza e progressiva chiusura nei confronti delle richieste di aiuto da parte dei Paesi Caso Grecia Milano: record raccolta differenziata ncora una volta la nostra città si distingue per le A buone pratiche in materia di raccolta differenziata. Sono diversi anni ormai che Milano, sempre più attenta all ambiente, è in cima alle classifiche italiane ed europee su questa tematica e i dati diffusi da Ecolamp ne sono un ulteriore conferma, ha dichiarato l assessore alla Mobilità e Ambiente Pierfrancesco Maran, commentando la classifica stilata il 19 agosto dal Consorzio Ecolamp. Una rilevazione che ci rende dunque orgogliosi, ma che non stupisce, vista l attenzione che i milanesi pongono sulla raccolta dei rifiuti. Secondo il rapporto del Consorzio, che si occupa della raccolta e del riciclo delle apparecchiature di illuminazione giunte a fine vita, nei primi sei mesi del 2015 a Milano, prima in Italia, sono stati raccolti chili di lampadine esauste. A seguire, si trovano Roma con chili e Torino con chili. mediterranei con elevati debiti sovrani che per loro risultano sempre più difficile da onorare. Prof. Vezio chiediamo il suo aiuto per esaminare insieme a lei il problema evidenziato dall amico Romano. Vezio: amici miei oggi nell Europa di Schengen finalmente quasi senza frontiere, e dove si tende a mandare in soffitta una volta per tutte le ultime frontiere ancora esistenti, purtroppo sta venendo su una nuova frontiera, molto più pericolosa di quelle che eravamo abituati a vedere. Luigi: prof a che tipo di frontiere si riferisce? Vezio: si tratta di frontiere che poggiano le loro fondamenta non sul cemento, ma su profondi sentimenti etico religiosi. Frontiere che poggiano su fattori, direi, più spirituali che materiali, ovvero psicologici più che monetari. Romano: ci può spiegare meglio? Vezio: i giornali, finora, ci hanno abituato ad affrontare il tema del confronto tra Paesi mediterranei e Paesi nordici prevalentemente, se non esclusivamente, in termini finanziari. Non sarà sfuggito a nessuno di voi come i termini più ricorrenti nel dibattito siano P.I.L., spread, debito, fiscal compact, rapporto debito/p.i.l e via dicendo. Giacomo: è vero. Vezio: è un impostazione, questa fin qui seguita, alquanto limitativa che impedisce di comprendere appieno la vera essenza del problema. Innanzi tutto, come fin qui è stato ben evidenziato, ai Paesi mediterranei si oppone la Germania e con essa una serie di Stati nordici accomunati dal fattore religioso: il Protestantesimo. Il fenomeno religioso si sta, in effetti, sempre più affermando quale elemento più di divisione che di coesione all interno della Comunità Europea, creando di fatto due blocchi nei quali la Germania è di fatto simbolo e guida dei Paesi nordici, mentre la Grecia a causa della grave crisi che sta attraversando è diventata il simbolo dei Paesi mediterranei. Questi ultimi costituiscono una realtà economico/sociale caratterizzata dal fatto di avere tutti quanti Rovine della civiltà greca un elevato debito pubblico, mentre i primi hanno un debito pubblico molto più contenuto. Non solo! Sottopongo alla vostra attenzione quest ulteriore riflessione: quelli mediterranei sono Paesi a religione prevalentemente cattolica, mentre quelli nordici sono Paesi a religione prevalentemente protestante. Totò: non posso non constatare come molto raramente l analisi sia stata svolta in questi termini. Mi scusi prof. per l interruzione. Giacomo: prof. prosegua pure. Vezio: per comprendere appieno il problema dei rapporti tra i Paesi del Nord e quelli del Sud Europa, Inoltre, solo nei mesi di aprile, maggio e giugno, Milano ha superato il 53% di raccolta differenziata, con un recupero di tonnellate di materiali: il 42,8% di indifferenziata (in calo rispetto al 2014, quando nello stesso periodo era stata il 46,1%), il 20,3% di umido (lo scorso anno, nello stesso periodo, era il 16,7%), il 12,2% di carta e cartone, il 9,9% di vetro e il 6,5% di plastica e lattine. Cercasi volontari Essere anziani, a Milano, a volte, è molto difficile. Migliorare la qualità della loro vita è, per fortuna, possibile. Seneca, associazione di volontariato ONLUS, cerca nuovi volontari per ampliare la propria attività mirata a migliorare, in tutti i modi possibili, la qualità di vita degli anziani fragili milanesi al proprio domicilio. L Associazione Seneca sostiene annualmente oltre 200 anziani con altrettanti volontari dedicati alla relazione d aiuto. Negli ultimi anni le richieste di aiuto da parte di persone sole e sofferenti è aumentata considerevolmente. Nel 2014 i volontari hanno offerto ore di presenza amicale e di conforto. Sono inoltre state offerte a titolo gratuito oltre ore di assistenza domiciliare ad anziani fragili con operatori socio-sanitari. Seneca ha bisogno di altri volontari per i quali è La situazione della Grecia, con i rapporti che legano lo stato ellenico a Germania, BCE e Fondo Monetario a causa dei debiti e delle politiche di austerità richieste dall Europa, ha infiammato l estate. Diverse le opinioni sull argomento, molti ritenevano il Governo ellenico, poi dimessosi a fine agosto, troppo debole per avviare le riforme, ma se il vero tallone d Achille dell Europa fosse anche etico/religioso? È l idea nata dai discorsi al Circolo della Concordia. al fenomeno religioso va necessariamente associato anche quello linguistico. Dovete sapere, a tal proposito, che nella lingua tedesca troviamo il termine schuld che è correntemente tradotto con il termine debito. Ma il problema è alquanto più complicato di quanto si possa pensare. Dovete, infatti, sapere... Giacomo: che cosa? Vezio: la lingua tedesca include nel termine schuld, oltre al già ricordato debito, anche altri termini d uso abbastanza comune tra noi italiani. Tra questi ricordiamo colpa, misfatto, delitto, obbligo morale. Non si tratta, amici miei, di semplice differenze semantiche, ma di termini che stanno a testimoniare le profonde differenze etico/culturali che intercorrono tra Cattolici e Protestanti. E poiché nella lingua tedesca le parole debito e colpa sono sinonimi, chi non riesce a onorare un debito è un colpevole, ossia una persona moralmente obbligata verso il creditore. Secondo questa chiave di lettura quello che lega creditore e debitore, da rapporto squisitamente monetario diventa anche rapporto etico/morale. A sostegno della tesi della sinonimia tra debito e colpa possiamo richiamare la preghiera del Padre nostro, nella versione ufficiale della Chiesa Cattolica, che viene recitata anche nelle funzioni religiose. Ebbene, trattasi del testo dell Apostolo Matteo che dice così: Padre nostro che sei nei cieli sia santificato il tuo nome. dacci oggi il nostro pane quotidiano e rimetti a noi i nostri debiti come noi li rimettiamo ai nostri debitori. Sinonimia ancor più evidente nel testo del Vangelo di San Luca dove leggiamo: Padre, sia santificato il tuo nome,...perdonaci i nostri peccati, perché anche noi perdoniamo ad ogni nostro debitore. Non vi sarà sfuggito come per San Luca il debito è di per sé un peccato e viceversa il peccato è un debito. Anche per la lingua tedesca c è piena simmetria tra i due termini debito e colpa nel senso che poiché il debito è associato alla colpa, anche la colpa va associata al debito. Altrimenti detto, per la lingua tedesca, il debito è di per sé una colpa e viceversa. Ora se il debito è l amaro frutto avvelenato di un peccato, diventa più comprensibile la diffidenza dei Paesi del nord Europa verso i Paesi mediterranei che si saranno macchiati di un peccato che sta alla base del loro debito che, per essere così elevato, da fisiologico è diventato patologico. Concetti, questi, che fan parte del DNA della Cancelliera tedesca Merkel, figlia di un Pastore protestante. Se questo è il quadro di riferimento, sarebbe auspicabile che al tavolo delle trattative che si svolgono in sede europea, accanto all economista e al giurista sedessero anche lo storico, il sociologo, il filosofo e l esegeta di testi biblici, ognuno con l apporto della sua specifica competenza. Solo così potremo avere la migliore soluzione del problema e garantire un futuro più sereno alla nostra Europa. previsto un corso iniziale di formazione sul tema della relazione d aiuto. L argomento viene trattato da professionisti del settore. Il corso per i nuovi volontari si terrà nelle seguenti date: sabato 17, 24 ottobre; 7, 14 novembre Dalle ore 9 alle ore 12 presso la sede di piazza Napoli, 2. Sono inoltre previste riunioni periodiche di formazione permanente di confronto esperienziale. Si richiede la presenza, possibilmente settimanale, in orari e zone da concordare per presenza amicale domiciliare o per attività di socializzazione di gruppo in sedi previste in varie zone della città. Per info: tel ; Quinto... che legge: programma d Autunno L associazione di Quinto Romano informa del programma autunnale. Mercoledì 23 settembre inizierà il corso di inglese per tutte le età. Ogni mercoledì dalle 18,15 alle 19,15 con Anna Bonalumi. Per quest anno sono previsti anche dei mini corsi di conversation class con insegnanti madrelingua. Il ricavato del corso (composto di 10 incontri) sarà devoluto totalmente all Associazione. Giovedì 24 settembre, giovedì 1 ottobre e giovedì 22 ottobre proseguiranno le visite guidate alla scoperta della Milano nascosta. Per informazioni e iscrizioni rivolgersi presso la segreteria di Quinto... che legge via Ferrieri, 12 Milano

4 4 Settembre 2015 Dichiarazione di volontà sulla donazione Laura Malchiodi Responsabile della comunicazione AIDO Gruppo Comunale Trezzano sul Naviglio Segue dal sito Aido.it: Firmata la Circolare Interministeriale diramata il 29 luglio contenente le indicazioni per attivare il servizio di registrazione della dichiarazione di volontà in materia di donazione di organi e tessuti al momento del rilascio o rinnovo della carta d identità. Il testo della Circolare firmata dal direttore generale della prevenzione sanitaria del Ministero della Salute, dott. Raniero Guerra, e dal direttore centrale del Ministero dell Interno, prefetto Cinzia Torraco fornisce ai Comuni italiani le modalità organizzative, tecniche e informatiche per rendere operativo il servizio di manifestazione della volontà sulla donazione di organi e tessuti presso gli Uffici Anagrafe. La Circolare, indirizzata alle Prefetture e agli Assessorati alla Salute delle Regioni, costituisce l ultimo atto del recente percorso normativo che ha individuato gli Uffici Anagrafe quali punti di raccolta e registrazione della dichiarazione di volontà sulla donazione di organi e tessuti. Con la diffusione di quest atto s intende uniformare su tutto il territorio nazionale le procedure operative necessarie all avvio del servizio, comprese le fasi d interconnessione tra il sistema informatico dell Anagrafe e il Sistema Informativo Trapianti (SIT), il database del Centro Nazionale Trapianti che raccoglie tutte le espressioni di volontà rese dai cittadini maggiorenni. Anche noi insieme al Comune di Trezzano, siamo quasi pronti per cominciare il tutto. L espressione di volontà di donare gli organi è un opportunità, una scelta personale, civile e non un obbligo. Il cittadino maggiorenne deve espressamente chiedere se vuole che sia anche riportata la scritta sulla quarta facciata del documento, assenso alla donazione degli organi/tessuti o diniego alla donazione organi/tessuti. Si compila un semplice modulo in duplice copia (una per il cittadino), i cui dati saranno trasmessi immediatamente al SIT (sistema informativo trapianti) insieme ai dati anagrafici per una veloce consultazione da parte dei centri regionali trapianti. La carta d identità sarà rilasciata nuovamente solo in caso di furto, smarrimento o deterioramento. La scelta può essere modificata in qualsiasi momento della vita, compilando di nuovo il modulo in Comune durante il rinnovo del documento o in qualsiasi momento presso le ASL di competenza. Sono già attivi diversi Comuni italiani, ma puntiamo ad allargare il servizio il più possibile. Poter avere più vie di raccolta non può che migliorare i tempi di attesa degli oltre nove mila malati in attesa di un trapianto. Il periodo estivo, grazie alle notti bianche organizzate dal Comune, si è concluso con un bel raccolto di nuovi consensi alla donazione e qualche promessa di tipizzazione ADMO che abbiamo organizzato per il 19 settembre a Cesano Boscone durante la festa patronale, e per il 26 settembre in piazza Beccaria a Milano per la giornata nazionale ADMO Ehi tu, hai midollo?. Il 19 settembre ci vedrà presenti anche all inaugurazione pomeridiana dell autunno trezzanese sul Naviglio e il 27 settembre in Piazza San Lorenzo, per la giornata delle associazioni. Ricco d appuntamenti anche quest anno, l autunno trezzanese, propone, tra le altre cose, le trezzaniadi, gare di quartiere per adulti e bambini, per vivere insieme i vecchi giochi di una volta. Il 3 e 4 ottobre invece saremo impegnati nelle due giornate nazionali d informazione AIDO, con la vendita della pianta Anthurium (offerta di 13 euro). Ci potrete trovare il 3 dalle ore 16 in Piazza San Lorenzo insieme agli eventi dell autunno trezzanese e il 4 per tutto il giorno sempre in Piazza San Lorenzo. Le piante le potete anche ordinare via mail. Saremo presenti anche a Corbetta. Passate a trovarci al gazebo e visitate il nostro sito: per sapere dove saremo e per aiutarci a informare! Ruggero Pignataro ADMO Cesano Boscone Carissima Redazione, sono passate le vacanze e chi più chi meno ha avuto modo di rilassarsi al mare o nel luogo di villeggiatura preferito. Ora che siamo tutti, o quasi, rientrati, rieccoci pronti per un nuovo anno che ci vedrà come sempre pronti a far capire l importanza della donazione di Midollo Osseo. Son molti gli argomenti da trattare ma voglio partire da questi post-it che vedete nella foto e dalle lacrime. Lo so! Vi starete chiedendo cosa hanno in comune le due cose, ma sono certo che lo capirete da soli in fondo all articolo. I post-it sono il frutto di una fantastica serata passata con persone che ogni giorno nelle corsie degli ospedali fanno di tutto, e sottolineo di tutto, per cambiare il clima di stanze abitate da piccoli ospiti che sono stati colpiti da leucemie o altre malattie. In questa serata ognuno dei presenti ha scritto su un post-it il motivo per il quale si sente speciale e vi assicuro che le motivazioni non erano affatto scontate. Insomma è stato un bel momento di condivisione fra i volontari di due associazioni, che in maniera diversa cercano di migliorare la vita alle persone che sono venute in contatto con la sofferenza. ADMO e VIP (Viviamo In Positivo) Milano continueranno a percorrere questa strada e lo faranno sicuramente il 26 settembre in Piazza Beccaria a Milano per la giornata Ehi, tu! Hai midollo?. Sarà un intera giornata dedicata alla sensibilizzazione e al reclutamento di nuovi potenziali donatori. Io, fossi in te, non perderei quest occasione. Lo spirito di questa giornata è a dir poco unico. Prima di passare al resto ringraziamo ancora ASCO Associazione Commercianti Cesano Boscone per averci dato modo di esser presenti durante la fantastica e affollatissima Notte Blu svolta a Giugno. È stato bello esserci insieme agli amici di AIDO e Avis Cesano Boscone uniti per diffondere la cultura della donazione. Un giorno mi arriva questo messaggio: Ho letto il post e volevo chiederti informazioni sulla donazione di midollo osseo. Così ti ho conosciuto ed esattamente dopo 24 ore eri al Centro Donatori con un entusiasmo infinito e la voglia di fare qualcosa di unico ed il tuo sorriso a 32 denti parlava da solo. Qualche giorno dopo mi chiami e mi dici che il centro donatori ti ha contattato per dirti che non è possibile diventare donatore di midollo osseo a causa di una situazione clinica relativa al passato. Passa un po di tempo, ti risento e mi dici che vorresti diventare donatore di sangue. Alla prima occasione utile siamo andati insieme a donare. Arrivati all ospedale le strade si sono divise. Io ho fatto la mia, colloquio con il medico che stabilisce l idoneità alla donazione, e tu il tuo. Ero nella saletta in attesa di esser chiamato per il prelievo quando ti ho visto arrivare con gli occhi carichi di lacrime. Senza chiederti nulla ho subito capito quale fosse il problema e non ho potuto fare altro che abbracciarti. So che dopo questo secondo episodio, ti sei autodefinito inutile. Ecco! Hai visto dov è finita la tua storia? È finita fra le pagine di un giornale! E sai perché? Perché tu possa essere d esempio per chi ci legge, potrebbe donare ma semplicemente non è interessato. La tua voglia di far qualcosa per il prossimo ha superato tutto, ha superato anche la consapevolezza che le risposte che avresti ricevuto avrebbero rischiato di farti sentire inutile. E allora io, in quel cartellone pieno di post-it, ti chiederei di aggiungere anche il tuo e se poi vuoi un suggerimento sul motivo per cui ti senti speciale... rileggi l articolo e la risposta l avrai. Nel frattempo ti ringrazio per l insegnamento. Prossimi appuntamenti: Festa Patronale di Cesano Boscone: come l anno scorso, chiederemo il permesso per poter mettere il nostro banchetto in modo da accogliere chiunque passerà e avrà voglia di chiedere informazioni relative alla donazione di Midollo Osseo. Ehi, tu! Hai midollo? Come dicevo all inizio dell articolo, insieme a tutti i volontari di ADMO Milano, il saremo in P.za Beccaria ore 9-21 dove sarà possibile iscriversi al Registro Italiano dei Donatori di Midollo Osseo. Ti aspettiamo. Visita il sito e ogni mese troverai anche...online

5 Settembre La Redazione Una Fata al servizio dei più deboli Aiutare e sostenere l infanzia in situazione di difficoltà e disagio; accogliere i minori allontanati dalle famiglie dal Tribunale per violenze ed abusi; accompagnare i bimbi da situazioni di grave disagio verso l affido, l adozione o il rientro a casa; progetti d affido con selezione, formazione e sostegno alle famiglie affidatarie; quindici anni d attività, con oltre 130 minori protetti ed aiutati. Sono questi gli obbiettivi ed i numeri di Fata Onlus, un associazione che opera a Cesano Boscone dal Abbiamo incontrato Giovanna Vanelli, responsabile organizzazione, comunicazione e raccolta fondi, per saperne di più su quest importante realtà del nostro territorio, ma sconosciuta a molti. Nadia Isola Marco Rossetti Avolte non ci pensiamo, anzi la maggior parte di noi ha certamente per la testa mille altre cose, in questo periodo di stagnazione del lavoro e dell economia, ma come si affronta il grave disagio sociale di minori maltrattati o oggetto di violenze, quando nella vita le cose vanno tutte nel peggiore dei modi e ci sono dei bimbi coinvolti in vicende più grandi di loro? Ancora oggi, purtroppo è la verità, non tutti i bambini sono rispettati, curati e protetti. I maltrattamenti e gli abusi verso i nostri bambini sono inaccettabili e mettono a rischio la società di domani. Il degrado e la violenza generano altro degrado e altra violenza, in una spirale senza fine. Separazioni, violenze familiari, perdite del lavoro, problemi economici, alcool e droga, sono moltissime le situazioni in cui una famiglia può trovarsi ed esplodere. Se si è adulti, magari, in un modo o nell altro si riescono ad affrontare le circostanze, ma se in questo vortice ci sono dei piccoli, spesso i Servizi Sociali sono costretti ad intervenire o il Tribunale deve allontanare i minori, è molto più frequente di quanto si possa immaginare, ed i bimbi si trovano in una burrasca ancora più grande, con il bene più importante che hanno la famiglia in pezzi. È così che è nata l associazione Fata (acronimo di Famiglie Temporanea Accoglienza), una onlus che si occupa proprio di aiutare e sostenere i minori in questa fase della vita. È stata fondata nel 1999, su iniziativa di Isabella Baldan, oggi presidente di Fata, a Cesano Boscone da un gruppo di famiglie che hanno fatto della loro esperienza diretta in tema d affido una cultura da promuovere (la cultura dell accoglienza) e una specializzazione da mettere al servizio di bambini e adolescenti in difficoltà. Abbiamo incontrato Giovanna Vanelli, responsabile organizzazione, comunicazione e raccolta fondi di Fata, per meglio conoscere questa realtà. Giovanna Vanelli ci spiega: I nostri ospiti vengono assegnati dal Tribunale, a seguito di allontanamento per maltrattamenti, violenze o disagio e dai Servizi Sociali dei Comuni del territorio a fronte di gravi situazioni familiari che possono portare marginalità e devianze. Hanno quasi tutti delle storie tristi e dolorose alle spalle e necessitano di un clima familiare. Quindi voi fornite una nuova casa ai piccoli? Esatto, è tra le nostre attività. Abbiamo in particolare una comunità educativa per dieci minori da 0 a 11 anni; una seconda comunità per dieci minori dai 10 ai 14 anni; una terza comunità per nove ragazze dai 15 ai 18 anni ed un alloggio per tre ragazze da 18 a 21 anni. Inoltre possiamo fornire un semiconvitto per 15 minori da 6 a 16 anni. I ragazzi sono sempre seguiti da educatori e vivono nella nostra struttura, vanno a scuola e cerchiamo di fornire loro quella serenità familiare che, loro malgrado, hanno perso. È un impegno gravoso, quanti siete? Certo! È un grande impegno e le problematiche sono maggiori nei ragazzi in età adolescente. Siamo una trentina di persone che lavorano a tempo pieno, la maggior parte educatori che coprono le intere 24 ore per assistere gli ospiti, più la struttura organizzativa che è retta per la maggior parte da volontari. Senza di loro, con diversi pensionati che ci donano qualche ora della giornata, non ce la potremmo fare: si occupano della logistica, banco alimentare, servizi generali, lavanderia e tutto quanto serve per far funzionare la nostra impegnativa struttura. Non neghiamo che lo scopo del nostro incontro è proprio quello di far conoscere questa realtà che, in zona, non è molto nota. Giovanna Vanelli, prima di lavorare in Fata ha svolto funzioni di educatrice, è molto schietta e sincera nelle cose che dice, lo s intuisce subito non appena gli occhi s incrociano. L aspetto comunicazione per noi è importante prosegue Giovanna e le risorse che disponiamo sono sempre esigue. Come funziona il finanziamento di questa realtà? L associazione, abbiamo dimenticato di dirlo, è apartitica, aconfessionale senza fini di lucro e si sostiene attraverso i contributi derivanti dall attività d accoglienza, ma soprattutto grazie al sostegno di generosi donatori privati. Gli Enti locali, i Comuni, nel momento in cui un minore è allontanato dalla famiglia, per legge devono prendere in carico il minore e sostenerlo, in questo caso con una retta presso di noi. Ma potete ben immaginare che in tempi di spending review, i fondi a disposizione dei Comuni sono sempre più esigui e, in ogni caso, non bastano a coprire le nostre spese. Formalmente noi siamo come un azienda soggetta a tutti gli obblighi di legge. Poi abbiamo le donazioni di privati e aziende, soprattutto merci ed alimentari, che tuttavia sempre più sentono la crisi. Mi sento di affermare che la crisi economica proprio ora si Da destra: Giovanna Vanelli con una delle volontarie dell associazione stia riversando anche nel settore no profit. L edificio in cui ci troviamo (a Cesano Boscone ndr) è frutto di una concessione gratuita per vent anni di un privato e grazie all intervento di alcune fondazioni (tra le quali Banca Nazionale del Lavoro e Milan calcio ndr), siamo riusciti a ristrutturarlo, convertendolo da palazzina con annessa piccola fabbrica in piccoli appartamenti adibiti a comunità educative. Dobbiamo poi gestirla tutti i giorni. Potete ben immaginare cosa significa vestire e dar da mangiare a circa 40 tra bimbi e ragazzi. Il messaggio che si vuole offrire a bambini e ragazzi è quello che esiste un luogo sereno e protetto dove, grazie alla presenza di personale specializzato, è possibile vedere soddisfatti i propri bisogni materiali con la possibilità di affrontare e superare i traumi subìti, per meglio avvicinarsi alla vita adulta. In determinati casi, stabiliti dal Tribunale, i bambini hanno la possibilità di rivedere la loro famiglia d origine in un luogo protetto e con il tempo riescono ad avere un reinserimento nel proprio o in altro nucleo famigliare. Crediamo che in Fata, per quanto abbiamo potuto vedere, ci siano tutti i presupposti per una buona riuscita, hanno solo bisogno anche di un po del nostro aiuto. Accanto all attività d accoglienza, Fata è inoltre da sempre impegnata nell organizzazione d iniziative di carattere socio-culturale che vanno dalla formazione dei volontari alla sensibilizzazione verso svariate tematiche riguardanti l infanzia e l adolescenza in situazione di difficoltà e disagio. Per informazioni, soprattutto offerte d aiuto in materiali (quali prodotti alimentari a lunga scadenza, abbigliamento, giocattoli, materiale scolastico e prodotti per la pulizia della casa e personale) oppure attività di volontariato (attività ludiche e ricreative, manutenzioni varie, attività d ufficio o servizi per bambini e ragazzi) è possibile prendere contatto direttamente con l associazione ai seguenti indirizzi: e oppure telefonando al numero Ringraziamo in anteprima chi potrà dare una mano per aiutare quest associazione. Il Comune di Cusago acquisterà il Castello Interessanti novità per il Castello di Cusago, grazie all intraprendenza del sindaco Daniela Pallazzoli, s intravede uno spiraglio di luce per la sorte del maniero. Nel libro di Simona Borgatti Castelli fratelli - Un curioso tentativo di salvataggio uscito nel 2011, due dei protagonisti Sforzotto e Gevanello, si appellavano proprio al sindaco su tacco 12 e al borgomastro vestito d arancione (Daniela Pallazzoli e Giuliano Pisapia) per salvare il maniero dal crollo del suo cervello (il tetto). Che la favola possa diventare realtà? Lo abbiamo chiesto proprio al sindaco di Cusago Daniela Pallazzoli. Simona Borgatti Le voci e i progetti che si sono rincorsi sul Castello di Cusago dal 2003 ad oggi sono stati tanti. I più clamorosi sono stati la mancata vendita alla Kreiamo di Cesano Boscone (2009) e alla Finscott di Vincenzo Scotti (2012). Per questo il sindaco, quando ha iniziato a pensare al piano di salvezza del Castello Visconteo, seguendo il vecchio proverbio Non dire gatto finché non ce l hai nel sacco voleva essere cauta nel divulgare la notizia e aspettare; poi, complice involontario la firma del Corriere della Sera Sergio Rizzo, è uscita allo scoperto. Il giornalista, lo scorso maggio, l aveva, infatti, intervistata per la rubrica video del Corriere on line Cose dell altro mondo che si occupa dei monumenti italiani abbandonati. Si sa che una parola tira l altra ed è uscito il progetto, cosa che Rizzo, da bravo giornalista, non si è lasciato sfuggire. Poi replica a luglio a Expo, presso Casa Corriere. Infine la visita del vicepresidente di Regione Lombardia, Fabrizio Cecchetti, che con un mini comunicato ha mostrato interesse per il bene, ha prodotto qualche articolo sulla stampa. Infine per rimanere sul pezzo, come si suol dire, ecco che nel giorno della nostra intervista al sindaco sono arrivati anche quelli del Tg1. Insomma, dopo il famoso articolo di Gian Antonio Stella, Cusaghino è sempre più alla ribalta. Conosciamo allora meglio il progetto di salvezza. Nel 2011, durante il primo mandato, lei aveva dichiarato: Noi non possiamo fare niente. Le casse del Comune non sono assolutamente in grado di farsi carico dell acquisto e del restauro. E di questi tempi di magra mi pare difficile che se ne occupino lo Stato o la Regione. L unica speranza è che possa passare l idea di coinvolgere i privati e far rivivere il Castello realizzando ad esempio una Università del gusto. Un centro congressi. Una foresteria d eccellenza a tre chilometri dall Expo Sono passati quattro anni: cosa è cambiato da allora? Il castello si è degradato, è al punto di non ritorno e quindi è destinato al crollo totale. La situazione delle casse comunali è peggiorata, ma c è più esperienza da parte mia e più coraggio a risolvere il problema. Uso foresteria a tre chilometri da EXPO : all epoca stava già pensando alla proposta fatta poi ad Angelo Paris (direttore pianificazione e acquisti, e general manager constructions di EXPO) e mai considerata? A Paris (finito indagato n.d.r.), avevo proposto di usare il castello per le delegazioni internazionali quando c era il progetto alberghiero e quindi le due cose potevano funzionare. Ora, cosa prevede il progetto? Due fasi: Il Ministero dei Beni Culturali ha dato il benestare per comprare il bene immobile e con dei consulenti stiamo costruendo il percorso più corretto per arrivare all acquisto della proprietà per il 51% con un milione di euro e per questo dobbiamo fare un mutuo, la cifra verrà impiegata per rifare il tetto. Il progetto relativo al tetto deve ottenere il benestare della Sovrintendenza e sarà curato dall attuale proprietà. Dopo di che ci sarà la nascita della Fondazione di partecipazione, che recupererà tutto l immobile per un ipotesi di spesa che si aggira sui 10 milioni. E che si occuperà dei contenuti. Nell ideazione del progetto ha considerato qualche altro esempio di recupero virtuoso? Sì, il castello di Padernello che si trova nel Bresciano. Loro hanno fatto la stessa operazione e costituito la Fondazione Nymphe. Li ho trovati su internet, contattati, ho visitato e mi hanno raccontato. L ho trovato un esempio virtuoso che ha avuto la fortuna di essere stato concretizzato nove anni fa, quando i tempi erano migliori. Il castello è nel cuore di tutti, cusaghesi e non: ha trovato l appoggio da parte delle opposizioni? L operazione è stata approvata nel Consiglio del 3 giugno e inserita nel bilancio di previsione. Dal verbale che possiamo vedere, risultano aver votato contro Gasparro, Reina e Invernizzi. Pillai (presidente di Nateo Ruins che ha in comodato d uso il castello n.d.r.) si è astenuta. Claudio Artioli, il sovrintendente lombardo che in passato ha conosciuto la situazione, è andato in pensione a luglio: essendo il bene vincolato e questo vincolo dalla proprietà è sempre stato considerato un impedimento a molte iniziative di recupero ha già preso contatti col nuovo sovrintendente? No, ma in primavera abbiamo avuto il benestare dai Beni Culturali. Con Rappo e soci tutto bene? Assolutamente. A breve firmeremo la lettera. I soci sono tutti d accordo. Si muove anche la Regione Regione Lombardia da anni è informata della situazione, ma la visita a luglio del vicepresidente Fabrizio Cecchetti, potrebbe dare un assist al progetto comunale. Cecchetti ha effettuato un sopralluogo al maniero per verificare lo stato di degrado e conoscere nei dettagli il progetto. Questo dice Cecchetti è un gioiello straordinario costruito nel XIV secolo, è stata la residenza di Ludovico il Moro, racconta insomma la storia della nostra terra. Dobbiamo dunque fare di tutto per salvarlo. E la straordinaria idea del sindaco di Cusago di acquisirne la proprietà pubblica con il 51% per poi farne una Fondazione, che sarà poi incaricata di ristrutturarlo e farlo rivivere con manifestazioni ad hoc, non deve cadere nel vuoto. Si tratta conclude Cecchetti - di un patrimonio della Lombardia che, se riqualificato e valorizzato a dovere, porterà benefici e ricchezza a tutto il territorio. La Regione azzarda Pallazzoli - potrebbe autorizzarci a spendere quel milione utilizzando il Patto Incentivato Orizzontale. Sentirò il vicepresidente a metà settembre, come promesso quando ha visitato il castello, per sapere quali potrebbero essere i margini di Regione Lombardia per aiutarci.

6 6 Settembre 2015 Linterno: Agorà per la notte delle Perseidi Il Multiverso Associazione Culturale Grande serata mercoledì 12 agosto, nell ormai consueto incontro della notte delle Perseidi, quest anno spostato nel Prato del Falò del Parco delle Cave, per via dei lavori di restauro della Cascina Linterno da parte del Comune e del Politecnico di Milano. L iniziativa, promossa dall Associazione Amici Cascina Linterno in collaborazione con l Associazione Culturale Il Multiverso, ha trasformato per qualche ora l area prescelta in una piccola agorà, in occasione della settima edizione di in cascina con il naso all insù, quarta dedicata all affascinante fenomeno delle Stelle Cadenti. Ma non solo stelle. Quest anno, infatti, è stata rievocata la figura della grande scienziata e filosofa ellenistica Ipazia di Alessandria a 1600 anni dalla scomparsa, in un accattivante parallelo tra i grandi centri culturali dell antichità, aperti (nel periodo ellenistico) a tutta la polis senza preclusione, e le cascine della città di Milano nel ruolo sempre più importante di centri di Agri-Cultura, di confronto d idee e di stimolo ad un identità collettiva, di aggregazione, di accoglienza, di collegamento diretto tra memoria e futuro, come rimarcato anche da Gianni Bianchi. Sicuramente un ottimo segnale in tal senso è il successo della quarantina d iniziative organizzate solo quest anno dagli Amici della Linterno. La seconda parte della serata è stata dedicata alla costellazione L astrofisico Igor Proverbio delle Perseidi e all illustrazione del cielo estivo attraverso la suggestione della narrazione, dei suoni e d incredibili immagini astronomiche, in una rassegna d oggetti celesti che sono stati al centro della cronaca proprio quest anno, come Plutone vista dalla sonda New Horizons o gli esopianeti simili alla Terra scoperti dalla Kepler, tutti oggetti fortuitamente presenti proprio nei cieli notturni. Il pubblico che ha affollato il Prato del Falò (almeno 200 persone) in una fitta distesa di plaid e sdraio, ha resistito fino oltre la mezzanotte, conferma sicuramente del crescente interesse per l inusitato connubio tra l astronomia ed il mondo rurale. Il cielo della serata è stato clemente nonostante una lieve foschia che riverberava ancora troppo le luci della città, ma che tuttavia ha concesso, di tanto in tanto, urla di gioiosa esultanza collettiva all avvistamento delle scie luminose. Cieli sereni a tutti! Il prato del Falò di Cascina Linterno gremito di persone Osteopatia: Principi e applicazioni in Casa di Cura Ambrosiana Nonostante qualche anno d esperienza, faccio ancora molta fatica a spiegare ai miei pazienti, agli interessati e a volte anche agli addetti ai lavori il significato del termine osteopatia. Spesso molte persone si avvicinano a quest attività medica senza nemmeno essersi informate. Vorrei quindi provare a fare un po di chiarezza sull argomento. Sono fisioterapista da vent anni, pratico l osteopatia da sette e, da circa due anni, questa disciplina è stata introdotta, con ottimi risultati, anche presso la Casa di Cura Ambrosiana di Cesano Boscone, come servizio ambulatoriale. L osteopatia, nata alla fine del 1800 dall intuizione di un medico americano, il dott. Andrew Taylor Still, è una metodica manuale complementare alla medicina tradizionale ed alternativa all utilizzo di medicinali. La profonda conoscenza dell anatomia, della biomeccanica, della fisiologia del corpo umano e di tutte le interazioni dei sistemi che lo compongono, permettono all osteopata di concentrarsi sui principi fondamentali che comandano il suo lavoro: il movimento, l omeostasi e l equilibrio. Tutte queste conoscenze e questi principi fondano la convinzione che il corpo umano, unico ed indivisibile, sia in grado di autoregolarsi ed autoguarirsi. Dove c è vita ci deve essere movimento; ogni cellula, tessuto, organo, per poter vivere, necessita di movimento e, se questo si altera o addirittura cessa, tutto il corpo ne risentirà. L osteopata, perciò, ricercherà qualsiasi alterazione di movimento delle strutture intese come sostegni, come impalcature che mantengono in posizione statica, ma anche dinamica, tutte le componenti del corpo umano e, una volta fatto questo, cercherà di ripristinare tale movimento. E struttura un osso, un articolazione, un muscolo, ma lo è anche un legamento che sostiene un organo interno, come il fegato, il rene, lo stomaco o una membrana interna alla scatola cranica che scorre fino alla punta dell osso sacro; lo è una fascia di tessuto connettivo che avvolge e sostiene l intestino e che, movendosi bene, permette all organo di esprimere appieno il suo compito. E struttura la scatola cranica con tutte le sue suture che, seppur saldate, permettono un minimo movimento, detto respiratorio, al cranio. L osteopata interverrà manualmente per ridare movimento e quindi, omeostasi, equilibrio, vitalità e per stimolare l autoguarigione di una articolazione, di un muscolo, ma anche di un viscere o di una fascia interna o superficiale del nostro corpo. Lavorando sulle nostre strutture l osteopata sarà anche in grado di liberare quei vincoli che trattengono un nervo, un arteria, una vena o ancora un vaso linfatico e che comandano, nutrono o drenano un organo o una ghiandola, ridando loro la giusta funzionalità e vitalità che avevano perso. L organo liberato si esprimerà positivamente sulla struttura alla quale è sospeso e, come una cascata di eventi, tutto il corpo ne rimarrà influenzato. La struttura, dunque, governa la funzione ma anche viceversa: è una continua e costante interazione. Il nostro corpo è continuamente influenzato dall ambiente in cui viviamo: traumi fisici, posture, stress, stimoli intensi, ma anche alimentazione, disagi sociali, traumi psicologici colpiscono a volte come sassolini a volte come meteore ; l osteopata dovrà valutare sempre e come intervenire su un corpo mai uguale, in continuo cambiamento. In osteopatia s interviene su persone di tutte le età, dal neonato all anziano, dalla donna in gravidanza all atleta. Si curano i mal di schiena, i problemi discali (es. ernie e protrusioni), le alterazioni posturali di varia natura (le scoliosi, l ipercifosi e l ipolordosi), il dolore cervicale e il torcicollo, le sequele da colpo di frusta, le sciatalgie o pseudo-sciatalgie, i dolori muscolari in ogni regione, i mal di testa e le cefalee muscolotensive, le tendiniti, i dolori alla spalla, al gomito, al polso, all anca, al ginocchio o alla caviglia, i dolori da artrosi e da rigidità articolare di vario genere, le distorsioni e altri traumi, le sequele post-parto, i disturbi temporo-mandibolari e masticatori, ma anche i dolori addominali intestinali e mestruali di origine tensiva e molto altro. Le principali controindicazioni all osteopatia sono le affezioni che comportano un ipermobilità (le lussazioni articolari e la gravi artriti) ed un aumento metabolico patologico (i tumori in generale). In Casa di Cura Ambrosiana, oltre alla fisioterapia classica ed osteopatia, mi occupo anche di Rieducazione Posturale Globale la quale, utilizzando una serie di posture in evoluzione, quindi dinamiche, è in grado di far accettare, in modo permanente, al sistema nervoso centrale il giusto posizionamento del corpo nello spazio. Eseguo inoltre sedute addestrative per l autotrattamento a domicilio delle principali affezioni muscolo-scheletriche e viscerali sia traumatiche che post-operatorie. Ogni seduta, della durata di circa 45 minuti, comprende un mix di competenze e tecniche, applicate alle caratteristiche di ciascun paziente, senza l utilizzo di farmaci. Andrea Porrati Fisioterapista e Osteopata Casa di Cura Ambrosiana - P.zza Mons. Moneta, prenotazioni per contatti diretti (dalle ore 8.00 alle 13.00)

7 Settembre 2015 Cari concittadini, i giornali di zona come quello che avete fra le mani sono un esempio dell attenzione e della passione per la nostra città e per i nostri quartieri. In questi anni è stato anche grazie alle vostre lettere, segnalazioni e articoli pubblicati dai giornali locali che l Amministrazione ha potuto prendere decisioni importanti. So che tanti di voi hanno idee da proporre, consigli che potrebbero generare nuove opportunità e risolvere problemi: dove collocare un area giochi, come migliorare uno spazio o quale luogo potrebbe diventare un centro vitale per il quartiere. Per dare possibilità a tutti di scegliere le soluzioni più efficaci stiamo sperimentando una nuova modalità di lavoro già utilizzata in molte città del mondo: il Bilancio Partecipativo. Nato in Brasile a Porto Alegre agli inizi degli anni 2000, continua ad essere attuato con successo in città importanti come per esempio recentemente a Parigi. Il Comune di Milano affida direttamente a voi la possibilità di decidere come destinare una parte delle risorse del bilancio attraverso un percorso partecipato. Per questo importante progetto mettiamo a disposizione una cifra rilevante: 9 milioni di euro, un milione per ogni zona. A luglio sono partiti i primi incontri di presentazione e a settembre ci aspetta un ricco calendario di incontri diffusi in tutta la città. Attraverso questi appuntamenti, sarà possibile conoscere meglio il funzionamento del Bilancio del Comune di Milano, confrontarsi sui bisogni dei quartieri insieme alla propria comunità, proporre soluzioni ed elaborarle con i tecnici del Comune. Infine, in seguito ad una votazione, i progetti scelti dai cittadini verranno inseriti nel Piano di investimenti dell Amministrazione che sarà così impegnata a svilupparli già dall anno prossimo. Vi invito a prendere parte agli incontri e a seguire il Bilancio Partecipativo. Oltre a portare benefici nei nostri quartieri e rendere sempre più bella e vivibile la nostra città, sono convinto che questo percorso rafforzerà ancor di più la tradizione civica e democratica di cui Milano è orgogliosa. Giuliano Pisapia 7 Conto Partecipo Scelgo Bi ilancio partecipativo de el Comune di Milano Ci sono 9 milioni di e uro per migliorare il luogo in cui abiti, la avori o studi. Partecipa agli incontri dedicati al Bilan ncio partecipativo, hai 25 possibilità: scegli l incontro più comodo per te e iscriviti sul sito Cogli l occasione, decidi i come rendere Milano più bella e vivibile. Per maggiori informazioni: ilanciopartecipativomilano.it p tel. 02/ / ( ) comunemilano.bilanciopartecipa ativo bilanciopartmi

8 8 Settembre 2015 Stanziati i fondi per la superstrada Passo avanti, quasi in sordina, durante l estate per la superstrada verso Malpensa. La novità, che incoraggia il fronte del SI alla strada, è che il 6 agosto il CIPE l organo preposto allo stanziamento di fondi per le grandi opere ha assegnato 118 milioni di euro per il tratto da Magenta a Vigevano della superstrada. Questi soldi non sono sufficienti per completare l opera, mancano altri 102 milioni, ma bastano per riaprire il dibattito a livello politico e non solo. Simona Borgatti edrai che lo diranno durante il mese d agosto, V quando tutti sono in vacanza e l attenzione è più bassa. La tipica frase populista (termine molto di moda in quest estate 2015) che si dice quando si aspetta una notizia nefasta, è stata di parola anche questa volta. Infatti, nella seduta dello scorso 6 agosto il CIPE ha dato parere favorevole a diversi interventi 2015 di ANAS, incluso il progetto autostradale per Malpensa tecnicamente denominato lavori di collegamento tra la SS11 Padana Superiore a Magenta e la Tangenziale Ovest di Milano Variante di Abbiategrasso e adeguamento in sede del tratto Abbiategrasso-Vigevano della SS 494 fino al ponte del fiume Ticino Primo stralcio da Magenta a Vigevano per un importo di 118 milioni di euro. Alla luce di ciò si prosegue quindi in modo incalzante tanto più che gli ottimisti del SI alla strada prevedono i cantieri già per la fine dell anno: perché i 102 milioni mancanti potranno essere garantiti dallo Stato attraverso il Mutuo Malpensa. Improbabile commenta Domenico Finiguerra, ex sindaco di Cassinetta e ora all opposizione ad Abbiategrasso. L accordo di programma ANAS-Ministero delle infrastrutture deve essere registrato presso la Corte dei Conti, un annetto circa, poi il CIPE dovrà dare l approvazione definitiva, infine si dovrà produrre il progetto esecutivo e indire le gare per gli appalti. E ovviamente c è di mezzo l opposizione. Gli scenari sono due: il primo è che il CIPE approvi il progetto ANAS oppure che non lo approvi portando all interruzione dell iter. Il resto è marginale. La legge obiettivo, che calpesta i sindaci, è chiara, a meno che non ci sia un cambio: l infrastruttura deve essere un autostrada e il tracciato non deve essere modificato. Se lo stralcio, anziché gravare verso Milano, gravasse su Malpensa, verrebbero a mancare i soldi (Mutuo Malpensa accantonato dalla fine degli anni Novanta) per la costruzione di tutta l infrastruttura. Francesco Prina, ex sindaco di Corbetta e componente alla Camera della XIII Commissione dell Agricoltura, getta acqua sul fuoco: Con l approvazione del CIPE non è automaticamente approvato anche il progetto stralcio Vigevano- Malpensa. Se quindi da un lato le ruspe non sono proprio dietro l angolo, dall altro l infrastruttura, che cementificherà e asfalterà un territorio di pregio tra Parco del Ticino e Parco Agricolo Sud, viene ritenuta strategica per la mobilità locale: da Regione Lombardia fanno, infatti, sapere che i sindaci la vogliono, quindi. E pazienza se poi da Abbiategrasso o da Albairate per andare a Milano ci si metterà ancora in coda sulla Vigevanese o sulla SP114. E pazienza se per togliere il traffico interno dai paesi (per interessi o per motivi politici) anche i sindaci del SI (Vigevano, Ozzero, Abbiategrasso, Robecco, Magenta) sono disposti a far buon viso a cattivo gioco, sperando in qualche modifica, su un progetto definitivo che comunque ha scontentato tutti. E per questo attendono con ansia gli esiti del tavolo di lavoro, convocato per il prossimo 11 settembre dal ministro alle Infrastrutture Delrio con ANAS perché, come ribadito più volte da Prina, Non possiamo più permettere che i nostri centri abitati siano attraversati dall attuale e insostenibile traffico. I sindaci dei paesi del NO (Albairate e Cassinetta supportati da Cisliano, Cusago e da tutti quelli sui quali pende la TOEM), favorevoli ad una riqualificazione dell esistente soprattutto per andare a Milano, al rientro dalle ferie, pensano di muoversi sentendo gli altri sindaci e il Parco del Ticino per pareri Finiguerra vs Prina urbanistici e legali. I comitati ambientalisti e le associazioni agricole, che hanno sempre fatto fronte comune contro il progetto ANAS in sinergia con i sindaci di Cassinetta e Albairate, faranno invece pervenire ancora una volta le loro osservazioni avviando dei ricorsi oltre a fare pressing sugli onorevoli Prina e Cova. Secondo Finiguerra i ricorsi vanno presentati perché possono aprire una crepa. Il più inviperito sulla questione è Domenico Finiguerra, che dai social lancia strali puntando il dito contro l onorevole PD Francesco Prina, ex sindaco di Corbetta e, insieme all onorevole Paolo Cova, grande conoscitore del territorio. Queste le parole di Finiguerra: L onorevole Francesco Prina, ex sindaco di Corbetta, che veniva alle manifestazioni No-Tangenziale ci raccomandava di stare sereni perché lui e il suo partito sanno bene come tutelare l ambiente e il Parco del Ticino. E quando avrebbero intenzione di iniziare a farlo? Forse quando occorrerà scegliere le piante per le mitigazioni? Forse quando occorrerà decidere di che colore mettere le barriere fonoassorbenti? Forse quando i giochi (appalti e tutto il resto) daranno fatti e l onorevole Prina verrà a dirci che lui aveva fatto tutto il possibile? Forse quando inizierà la prossima campagna elettorale? Il fatto che il progetto sia stato approvato è una chiara espressione di volontà politica, e va a smentire le parole al vento degli onorevoli Prina, Cova e di tutto il PD. Ormai era chiaro già da anni quali fossero le loro intenzioni, vogliono portare a termine il progetto, ma nascondono la mano. E rincara: Dal Pd non mi aspettavo nulla di diverso, mi ha sorpreso invece il comportamento di Prina che ha partecipato alle nostre manifestazioni e non ha avuto di meglio da dirmi che di stare sereno. Prina, ovviamente, ha replicato: Forse qualcuno sta cercando di percorrere la via del Grillo Parlante per entrare in Parlamento?. Pronto il commento di Finiguerra: Se avessi voluto entrare in Parlamento mi sarei dovuto accucciare alle posizioni del partito e dire sì Domenico Finiguerra alla strada. Francesco Prina Sant Apollinare: un mese di scavi archeologici Particolare della Chiesa Vecchia di Sant Apollinare Sotto la supervisione del professor Furio Sacchi, docente di Archeologia classica dell Università Cattolica di Milano, dal 6 al 31 luglio, 29 studenti dell ateneo, divisi in due turni di due settimane, hanno condotto una campagna archeologica estiva nel millenario complesso monumentale di Sant Apollinare a Baggio, più noto come Chiesa Vecchia. Dovendo intervenire sul pavimento della chiesa per il riscaldamento spiega il professore Furio Sacchi contattato dal Comitato dell organo di Baggio è stata colta l occasione per un indagine archeologica, collegata con iniziative didattiche per gli studenti. È il primo intervento archeologico dopo la ricostruzione dell edificio nella seconda metà dell Ottocento. Le operazioni di scavo, effettuate in tre diversi punti del pavimento della chiesa, hanno portato alla scoperta d interessanti resti d origine romana, diverse tombe d epoca basso medioevale, insieme con oggetti funebri, resti lapidei e monete. La ricerca è stata promossa da alcune storiche associazioni del territorio, in accordo con la Parrocchia, grazie ad un finanziamento regionale con il via libera della Soprintendenza archeologica lombarda. In occasione della prossima Sagra di Baggio, la terza domenica d ottobre, saranno resi pubblici i risultati delle ricerche. P e r l a t u a p u b b l i c i t à s u t e l e f o n a a l e un nostro i n c a r i c a t o vi contatterà CERCO vecchia bici da corsa anni 30, 40, 50. Prezzo da concordare. cell

9 Settembre La Redazione Marco Rossetti Il territorio di, all interno del Parco Agricolo Sud Milano, è attraversato da un oleodotto dell ENI che collega la raffineria di Sannazzaro de Burgundi, nel pavese, con un deposito di Rho-Pero, dove sono stoccati alcuni prodotti derivanti dalla raffinazione del petrolio. Una 70ina di chilometri di tubo, sconosciuto ai più, che in questi ultimi tempi pare siano diventati un vero e proprio distributore a cielo aperto per bande specializzate. Sì, diciamocela tutta, non è pensiero comune considerare di forare in aperta campagna una condotta da 12 pollici, montare una saracinesca, collegare un tubo e spillare gasolio. E la prima volta che la cosa succede nelle nostre campagne ma, a detta degli stessi tecnici intervenuti, è ormai una prassi più diffusa di quanto si possa credere. Forse anche per questo il Dispositivo Emergenza Oleodotti dell ENI è intervenuta in modo rapido e deciso, meno di un ora dopo la segnalazione della fuoriuscita di gasolio nelle campagne di Assiano. Ma andiamo con ordine... La condotta danneggiata Tutto ha inizio nel tardo pomeriggio del 14 agosto, una pattuglia della Polizia Locale di Trezzano sul Naviglio si accorge che le acque del fontanile Mezzabarba, che attraversa il Parco del Centenario, sono coperte da idrocarburi oleosi. Scatta la ricerca. Gli agenti della Polizia Locale di Trezzano sono venuti da me racconta Emanuele Penatti uno degli abitanti di Cascina Gaggia, lambita dal fontanile segnalando l inquinamento. Eravamo convinti che ci fosse qualche bidone o un camion avesse versato sostanze oleose nel fontanile. Così ci siamo diretti nelle campagne alla ricerca del punto zero. Nessuno immaginava che ci potesse essere un problema all oleodotto. Andiamo sulla via Cusago e vediamo una campagna di mais allagata dal gasolio, una trentina di centimetri sopra il terreno, l idrocarburo sorgeva dalla terra e si riversava nel fontanile Mezzabarba nel punto che precede l innesto con il fontanile Testa Quadra. Immediata la chiamata al numero delle emergenze ENI e in poche ore Ladri di gasolio Il fontanile Mezzabarba in sicurezza Il secondo sbarramento uomini e mezzi invadono l area. Due escavatori cingolati, uno per lato del fontanile, creano la strada alle autobotti, sembra una guerra, Marines alla conquista del nostro territorio... non esistono fossi o coltivazioni, le macchine creano strade dove c è la campagna, le rigogliose file di mais sono impotenti davanti all avanzata, scavano buche enormi per dar modo alle autocisterne di aspirare il gasolio misto all acqua. Arrivano i generatori, l area è illuminata, la notte diventa il giorno. Da Augusta (in Sicilia) parte un volo con gli uomini del pronto intervento antinquinamento. Scopriremo poi che una delle aziende intervenute è la Castalia, lo stesso consorzio che ha lavorato attorno al relitto della Concordia, al Giglio. Gli uomini, passati dall acqua del mare a quella del fontanile Mezzabarba, sono armati di potenti aspiratori che prelevano lo strato superficiale dell acqua, l impegno è identico e la sfida gravosa. Vengono posizionate altre barriere galleggianti lungo diversi tratti del fontanile, ne abbiamo contate almeno otto, proprio in un periodo in cui la portata d acqua è massima. Un forte odore di idrocarburi aleggia nella zona. A Ferragosto arriva anche il comandante della Polizia Locale di Milano, Tullio Mastrangelo, che convoca immediatamente una riunione sul posto con gli agricoltori per capire bene l acqua dove va e come fare per le ordinanze sul divieto d uso della stessa. La situazione è seria, si cerca di gestire l emergenza e tutti lo stanno facendo al meglio è un osservazione oggettiva ma il timore che la falda sia stata raggiunta dall idrocarburo è molto forte. Le condizioni del fontanile, tre giorni dopo l inizio di tutto (lunedì 17 agosto), appaiono in quello che sono: dopo ben 5 sbarramenti-barriere con aspiratori, all entrata del Parco del Centenario chiuso per inquinamento sono ancora visibili vaste macchie di gasolio sull acqua. Sembra l arcobaleno, con colori vivaci, ma sono veleni per l ecosistema flora e fauna. Lo stesso gasolio finisce a Buccinasco, oltre il Naviglio, nel cavo Belgioioso che prosegue a Lacchiarella. Per di più a Cascina Gaggia non esiste acqua potabile e l approvvigionamento idrico degli abitanti è ancora con pozzi privati dalla falda. Una situazione ancora più a rischio. L avreste mai detto che a Milano esiste ancora qualcuno senza acqua potabile? I tecnici dell ENI sul luogo, a denti stretti, ammettono: E un furto. Qualcuno nottetempo, non sappiamo quando, ha scavato nella campagna, trovato la condotta, forato ed applicato una cravatta con tanto di valvola collegata ad un altro tubo interrato dove facevano il pieno. Poi qualcosa è andato male e la fuoriuscita di gasolio è stata inarrestabile. Difficile immaginare che si tratti di un colpo improvvisato: per bucare un oleodotto in pressione e aspirare carburante servono conoscenze tecniche ben precise: proprio da questo partiranno le indagini, ma resta il fatto che è una situazione abbastanza diffusa: a Lacchiarella, Cisliano, Giussago, Vigevano, Bareggio, solo per citarne alcuni, altri colpi del genere. Falda non inquinata A fronte della riunione di aggiornamento sulla messa in sicurezza dell area interessata dallo sversamento di gasolio dall oleodotto ENI, il 16 agosto scorso, i Comuni di Milano, Trezzano sul Naviglio e Cusago hanno emesso un comunicato stampa congiunto. L Il recupero del gasolio a falda non è stata inquinata e non ci sono problemi per le acque di uso civile. È questo l esito principale della riunione che si è tenuta a Trezzano sul Naviglio tra il Comune di Milano (presente l assessore alla Sicurezza e Polizia locale Marco Granelli), i Sindaci dei Comuni di Trezzano sul Naviglio, Cusago, Buccinasco, Cesano Boscone, il servizio idrocarburi della Città metropolitana, Arpa, Asl, Vigili del fuoco, Carabinieri, Polizie locali, Protezione civile ed Eni. Già il 15 agosto si era svolto un primo incontro, tra gli enti sopra citati, per monitorare la situazione ed organizzare le successive fasi Serve un sistema di controllo Dopo l incidente, immediata l azione di cittadini e comitati. In particolare il Comitato Tutela Territorio e Fontanili di Milano, ha inviato all assessore Marco Granelli del Comune di Milano, delega alla Sicurezza e Coesione Sociale, Polizia Locale, Protezione Civile, Volontariato, un accorato appello affinché il Comune di Milano diventi promotore nei confronti di ENI della posa sull oleodotto di un sistema di controllo idoneo (già presente su altri oleodotti in Italia). Pronta la risposta dell assessorato. entile Assessore, dopo quanto avvenuto a G e ora a Vernate, appare chiaro che i danni causati da furti alla condotta ENI, sono scoperti per caso e spesso solo dopo che si sono verificati gravi danni ambientali. Per quanto sopra, a nome del Comitato Tutela Territorio e Fontanili di Milano, Le chiedo di verificare con i responsabili ENI la possibilità di installare urgentemente almeno sulla conduttura transitante nel Parco Sud, il sistema di Emergenza ambientale nelle campagne muggianesi a Ferragosto. Una grave perdita di gasolio, a seguito di un furto nell oleodotto ENI Sannazzaro-Rho, ha messo in serio pericolo l ecosistema del territorio e di due fontanili. Riunione d emergenza tra sindaci di Trezzano, Cusago e Milano domenica 16 agosto, ordinanze sul divieto d utilizzo delle acque per irrigazione, Parco del Centenario a Trezzano chiuso per inquinamento, decine di autobotti impegnate nella rimozione degli idrocarburi, tecnici ENI, ARPA, ASL, Vigili del Fuoco, Forze dell Ordine, insomma un ferragosto molto movimentato. La cronaca di uno dei testimoni. Tre giorni dopo stessa scena a Vernate, sullo stesso oleodotto, sempre un agricoltore ad accorgersi della fuoriuscita. Il tutto è stato immediatamente sequestrato, l amaro in bocca è tanto. Bisognava fare in fretta Non possiamo sapere quanto abbiano prelevato lasciano trapelare gli stessi tecnici potrebbero anche essere mesi che spillavano gasolio, la sfortuna è che questa volta la perdita non è stata localizzata, ma essendo vicino ad un fontanile si è diffusa. Già... così i danni all ecosistema sono diventati ingenti. Si parla di qualche mese per le operazioni di bonifica, ma si rischia che le conseguenze nell area rimangano per anni. Sistemi di controllo? Pare che in quest oleodotto non ci siano. Abbiamo squadre che monitorano le condutture, controlli aerei, le forze dell ordine ci danno una mano, e Il primo sbarramento possiamo controllare la pressione interna spiegano all ENI. Ma è troppo poco aggiungiamo noi, visto quello che è successo, tanto che poi precisano che è allo studio un sistema vibroacustico che dovrebbe segnalare il momento in cui le condutture vengono forate, prima quindi che fuoriescano i prodotti petroliferi ed invadano il territorio. Al momento di entrare in stampa, l area coinvolta era pari a circa metri quadri di campagna, seguirà una fase di caratterizzazione in cui si capirà a che punto è arrivato l inquinamento, per poi procedere alla bonifica. Inutile parlare di raccolto, ovviamente, in queste campagne per anni, sarà anche previsto uno sbancamento della terra intrisa di gasolio con sostituzione. Quanti guai per dei ladri senza scrupoli. d intervento. L incontro odierno, convocato per avere un aggiornamento da Eni in merito alla messa in sicurezza dell area interessata dallo sversamento di idrocarburi, a seguito di un tentato furto all oleodotto, ha dato dunque un esito positivo. Già dalla sera del 14 agosto, infatti, sono in corso le operazioni (ritenute corrette e monitorate costantemente da Arpa e Asl come enti preposti) per la raccolta delle iridescenze di gasolio, dopo che sono state posate le barriere assorbenti nelle rogge coinvolte a sud nei comuni di Trezzano sul Naviglio, Cusago e Buccinasco. Grazie alle barriere è stato possibile bloccare la divulgazione degli idrocarburi nelle rogge e nella falda. Una volta terminata la raccolta sarà fatta la caratterizzazione dell area e la bonifica. Nel frattempo, i Comuni di Milano, Trezzano sul Naviglio e Cusago hanno emesso ordinanze cautelative per vietare l utilizzo dell acqua delle rogge interessate per l irrigazione e l abbeveramento di animali. Le ordinanze saranno valide per alcuni giorni, fino alla conclusione della fase di messa in sicurezza. allarme VPMS ormai collaudato in tutta Italia. Se tale sistema fosse stato installato, si sarebbero potuti evitati gravi danni ambientali nel Parco Sud. SapendoLa fortemente impegnato su tale problema, Le invio Cordiali Saluti. Francesco De Carli a ringrazio per la segnalazione. La informo che L circa due mesi fa in sede di Comitato provinciale Ordine e Sicurezza Pubblica presieduto dal Prefetto abbiamo, su segnalazione del Ministero dell Interno, affrontato l argomento e incontrato alcuni tecnici e dirigenti delle società proprio per verificare fattibilità e promozione di questi sistemi. Nell incontro il Prefetto ha chiesto alle società segnalazioni dai loro tecnici circa le infrastrutture più a rischio per concordare attività di sorveglianza a carico degli enti gestori e di prevenzione a cura delle Forze dell Ordine. Il tema, in accordo con il Prefetto è stato riproposto per il Comitato di inizio settembre, il primo dopo ferragosto. Marco Granelli Assessore Comune di Milano Sicurezza e Coesione Sociale, Polizia Locale, Protezione Civile, Volontariato

10 10 Settembre 2015 (SEGUE DALLA PRIMA PAGINA) getto, ad esempio, che ha fatto palestra può venire giù e buttarsi dentro. Poi c è l ultima, la semi-olimpionica lunga 25 metri a otto corsie. Vasca che chiude lo spazio piscine. Oltre il muro c è una striscia di verde perimetrale. Avremo tecnologia innovativa limitando al massimo l utilizzo del cloro nelle vasche con un sistema filtrante che eviterà fastidi e congiuntiviti. L architetto Maurizio Baroni Domanda da incompetenti... visto che manca il tetto sono all aperto? No! Le piscine sono tutte al chiuso con grandi vetrate verso la campagna. Stiamo terminando la posa delle travi del tetto. È in acciaio, posizionato con la gru esterna e imbullonato. L azienda che sta realizzando i lavori, Ecoenergy, merita un plauso per l impegno e la disponibilità che ci sta mettendo in questo lavoro. L altra metà, invece, è tradizionale. Ecco questo è il piano terra. Dopo aver salito la scala, che sarà affiancata dall ascensore, ci troviamo al primo piano che mostra le colonne portanti senza, però, alcun muro Questo è il primo piano adibito a palestra. Soltanto palestra con spogliatoi, servizi e tutti i macchinari necessari. Lì l architetto indica un angolo e chiede di aumentare la nostra immaginazione poiché non c è proprio nulla oltre al pavimento sarà riservato uno spazio a centro di medicina per lo sport con medico, fisioterapista, con due aule di 100 metri/quadri circa per i corsi di step, aerobica e quant altro. Avremo pavimenti elastici ed autopulenti per aumentare al massimo l igiene e ridurre i rischi di problemi muscolari. Ora io e Marco dobbiamo superare noi stessi per l ultima parte Sopra la parte centrale della palestra continua Maurizio con un perimetro ridotto rispetto agli altri due piani, troverà posto un ristorante con una terrazza che girerà tutt intorno. Pannelli fotovoltaici completeranno lo spazio rimanente. La scala che vedete, sul lato opposto all altra, permetterà, assieme ad un altro ascensore, di accedere al ristorante in modo indipendente dalle palestre e con orari diversi. La gestione dell impianto è di competenza della nostra società sportiva che dovrà ovviamente assumere personale qualificato. Il ristorante intendiamo darlo in gestione a terzi. La visione dall alto Mentre siamo sul tetto del settore piscine/palestre/ristorante approfittiamo per uno sguardo ai campi ed alla struttura destinata al calcio, con Maurizio che continua nel suo ruolo di Cicerone... Il primo campo davanti a noi, non ancora ultimato, è quello ad undici in sintetico, mentre il campo più in là, sempre a undici (100x60), ma è in erba naturale e sarà usufruibile per l inizio del campionato di terza categoria a settembre con i relativi spogliatoi. Il cantiere sarà sicuramente chiuso per quella data, ma non nego che ci potranno essere piccoli lavoretti di finitura ancora in atto. Una corsia di passaggio permetterà di accedere alla zona calcio, anche ad eventuali mezzi di soccorso e servizio, mentre le auto resteranno rigorosamente nel parcheggio fuori. Da vicino è molto meglio Come in precedenza ci apprestiamo subito, mentre Maurizio è occupato al telefono e ci avviciniamo alla parte dedicata al calcio, con la Nikon semi-professionale a Panoramica del settore calcio con il campo in erba già pronto L architetto e il muratore-per-caso (M. Rossetti) all interno di uno degli spogliatoi scattare quante più immagini possiamo per poter aiutare la lettura di queste pagine. Le gradinate, ad esempio, che non si vedono da fuori nascondono il corridoio che conduce agli spogliatoi e sono coperte da un tetto che salta subito all occhio per i tiranti che lo sostengono. Ancora una volta viene spontaneo voltarsi a cercare la baracca dove ne abbiamo preso di freddo d inverno Questa è la parte calcio che sarà accessibile a settembre. Come vedete l erba del campo naturale è pronta. Le gradinate coperte possono ospitare circa duecento spettatori comodamente seduti. Poi c è tutto il parterre per i disabili. Il tutto a regole Coni che sono le più restrittive per quanto riguarda spazi e camminamenti. Quindi, quando c è la partita, arriva il pubblico e si accomoda in tribuna. Lo spazio per l ingresso degli atleti e della terna arbitrale è chiuso. In questo frangente interviene Marco che di questo sport ne capisce poco chiedendo ironicamente se questo è lo spazio in cui il pubblico tira sassi o monete o uova o pomodori secondo la stagione alle squadre No! Beh speriamo di no! aggiunge Maurizio Se proprio proprio è necessario tirare qualcosa accettiamo banconote, di piccolo taglio, oppure salami e cotechini Ma passiamo agli spogliatoi con questo che fa da modello per tutti con la sala spogliatoio, le docce, i due bagni più quello per disabili. Di seguito c è il suo gemello speculare per la squadra avversaria. A seguire altri due gemelli dei primi per l altro campo. In caso di bisogno, come ad esempio per i tornei dei ragazzini, ce ne sono altri quattro un po più piccoli per fare in modo da non dover attendere alla fine d ogni partita. Ci sono, poi, due spogliatoi per gli arbitri. A seguire una cucinetta per preparare il the. A tutto questo fa seguito una zona uffici, una sala riunioni per gli istruttori ed infine un salottino con alcune macchinette da caffè, bibite, patatine eccetera ed un paio di tavolini. Ah, dimenticavo il magazzino posto sotto le tribune ed una sala medica con accesso sul passaggio retrostante per eventuali ambulanze. Iter burocratico ed economico Lo spazio della hall Il tetto che ospiterà le palestre ed il ristorante A questo punto crediamo di avere le idee più chiare, indubbiamente la visita è molto interessante per capire l impostazione del progetto. Ma quali sono state le difficoltà per giungere fino qui. Credo che le maggiori difficoltà che abbiamo dovuto affrontare siano sostanzialmente due. La prima è stato il cambio della Giunta municipale quando ci siamo trovati di fronte ad un vero e proprio muro. Superate le incomprensioni iniziali, dovute più che altro al fatto che il progetto originale era stato deciso con la Giunta Moratti in periodo pre elettorale, ci siamo seduti intorno ad un tavolo e abbiamo studiato le opportune varianti, richieste dalla Giunta attuale. In effetti, con il senno del poi, il progetto iniziale era forse un po troppo faraonico, ma erano altri tempi e non c era la crisi. La quadra in ogni caso l abbiamo trovata, evitando di occupare aree del Parco Agricolo Sud, con una soluzione rispettosa dei difficili tempi che corrono e di tutte le parti in causa. Il Consiglio di Zona 7, in maniera trasversale, finalmente superando i soliti discorsi di orticelli politici, e soprattutto Lorenzo Zacchetti, tramite la Commissione Sport, hanno notevolmente contribuito alla buona riuscita del progetto. Il Parco è stato salvaguardato, la Spa prevista all interno della piscina cancellata, il tutto all interno del perimetro originale. Abbiamo sostanzialmente ripensato il Centro Sportivo insieme parlando la stessa lingua. Alla fine i risultati sono giunti. La seconda difficoltà è stata la chiusura per un anno dei campi, che ha costretto le squadre di calcio a chiedere ospitalità ad altre società sportive della zona e, si sa, quando non si è in casa propria a volte è difficile. Aspetto finanziario Se lo chiedono in molti, Maurizio. Molto semplice. Come GS abbiamo aperto un mutuo presso il Credito Sportivo, che ha finanziato i lavori, per un importo totale di circa La prima vasca nel settore piscine La vasca grande (25 m. - 8 corsie) 6 milioni di euro, con una fidejussione da parte del Comune di Milano per un impianto altamente innovativo. L accordo prevede tre anni prima di iniziare con le rate, che ci accompagneranno fino al 2030, che è la durata massima della concessione dell area da parte del Comune di Milano. Il calcio funzionerà sostanzialmente come ora, con 16 squadre, mentre le piscine e la palestra avranno tariffe ed abbonamenti a costi comunali che permetteranno di incrementare il fatturato. Ovviamente il GS ha dovuto trasformarsi, da associazione sportiva dilettantistica basata sul volontariato, in vera società sportiva (è diventato una s.r.l. ndr) con dipendenti, professionisti, tecnici che accompagneranno gli utenti nelle palestre e piscine. Il ristorante sul tetto, se troveremo un gestore, contribuirà poi a recuperare sulle spese generali. Conclusioni Notevole e, soprattutto, una bella struttura innovativa pensata bene, che ovviamente non avrà come bacino d utenza solo, ma funzionerà come polo sportivo anche per i Comuni attorno. Maurizio quando i primi tuffi? I lavori procedono molto bene, credo che per la fine dell anno ci potremmo essere con una bella inaugurazione. Al massimo entro i primi del nuovo anno. Il calcio invece, come già detto, all inizio dei campionati saremo operativi. Un ringraziamento a Maurizio Baroni per la disponibilità. Le tribune coperte e i numerosi spogliatoi

11 Settembre Cesano: braccio di ferro Aler-Comune Estate movimentata al Quartiere Tessera di Cesano Boscone. Prima la riduzione unilaterale dei giorni di pulizia da parte dell Aler nei mesi estivi (luglio, agosto e settembre), poi la minaccia di non avviare le caldaie all inizio della stagione invernale per morosità degli inquilini. Nuova politica di recupero crediti? L Amministrazione comunale cesanese al fianco degli inquilini. Gli eventi di luglio nella nostra sintesi. La Redazione Aler dimezza le pulizie per morosità Se fosse carnevale si potrebbe pensare ad uno scherzo. Se fosse il primo aprile, al tradizionale pesce. Invece la comunicazione è ufficiale: Aler ha deciso di affiggere sui portoni degli stabili del quartiere Tessera un avviso agli inquilini. Poche righe, con le quali l Azienda Lombarda per l Edilizia Residenziale informa che nei mesi di luglio, agosto e settembre 2015, le prestazioni riguardanti i servizi di pulizia scale e pulizia spazi esterni saranno effettuate con cadenza quindicinale anziché settimanale. Perché? Sarebbero due le motivazioni della scelta: pausa estiva e in attesa dell avvio delle misure di recupero della morosità. Una decisione che il sindaco di Cesano Boscone Simone Negri ritiene inaccettabile. Ha così scritto una lettera al presidente dell Azienda regionale, Gian Valerio Lombardi, nella quale evidenzia che già oggi riceve quotidianamente segnalazioni di scarsa igiene in alcuni edifici del quartiere. Con il dimezzamento del servizio, la situazione non potrebbe che peggiorare. Non solo. Le motivazioni, precisa il primo cittadino, sono inaccettabili. Risulta assolutamente intollerabile e lesivo della mia comunità tutta scrive Simone Negri a Gian Valerio Lombardi il vergognoso legame tra questa riduzione degli interventi e l elevato tasso di morosità d alcuni inquilini. E prosegue: Non deve esistere alcun legame tra la salubrità, il decoro e l igiene degli ambienti, che sono un diritto basilare della convivenza nei paesi civili, e il pagamento dell affitto. Infatti, precisa il primo cittadino di Cesano Boscone: Non tutti gli inquilini sono morosi. Molti di loro da decenni pagano puntualmente quanto dovuto all Aler e non possono subire gli effetti di decisioni scaturite alla luce di un rapporto problematico con altri residenti. Inoltre, proprio oggi non possiamo assimilare il nucleo moroso ad un evasore: ogni giorno mi confronto con persone in estrema difficoltà economica e in grande imbarazzo nel non poter sostenere il pagamento di un canone. Spesso non è una scelta. È una sofferta conseguenza. Naturalmente ci sono i furbi, che devono essere perseguiti direttamente, senza ricadute dirette sull intera collettività. Aiutare chi ha bisogno, punire i furbi, mantenere il decoro del quartiere, propone il sindaco al presidente di Aler. Garantendo una costante collaborazione, come già avviene da tempo, dell amministrazione comunale con l ufficio Aler di Rozzano. Mille famiglie senza riscaldamento? Quanto si vociferava nei giorni scorsi si è concretizzato: Aler ha inviato una comunicazione urgente nella quale informa gli inquilini che dal 15 ottobre 2015 al 15 aprile 2016 il servizio di riscaldamento verrà sospeso. Nella lettera si precisa che il provvedimento riguarderà solo i morosi che non abbiano ancora risposto ai solleciti e aderito ai piani di rientro, proposti dall Azienda regionale. Ci risulta rileva il sindaco Simone Negri che gli impianti siano centralizzati e quindi non si comprende come sarà possibile escludere i singoli appartamenti dalla rete. Questo vuol dire che, come è successo per le pulizie, rischiano di farne le spese tutti. Soprattutto le oltre 760 famiglie che pagano regolarmente canoni di locazione e spese o che, in ogni caso, hanno aderito ai piani di rientro proposti da Aler. Si tratta di quasi l 80% dei residenti. Perché, secondo i dati forniti dalla stessa Aler, sarebbero circa 200 i nuclei familiari che non hanno ancora dato la loro disponibilità a restituire i debiti accumulati e a mettersi in regola con i pagamenti. Una percentuale molto al di sotto della media regionale, che è del 40%, così come reso noto dall Azienda lombarda edilizia residenziale. Ci opporremo con forza a questo nuovo affronto precisa il sindaco Negri e organizzeremo una forte mobilitazione di tutto il quartiere Tessera. D altra parte più volte il Comune ha dato la sua disponibilità a verificare le diverse situazioni, perché non si escludono casi in cui sono necessari interventi sociali mirati. Ora si attende una risposta scritta da parte di Aler che dovrà spiegare come potrà assumere un provvedimento drastico nei confronti dei morosi, senza provocare effetti negativi su chi paga regolarmente. Così com è successo per le pulizie. Non siano i cesanesi a pagare le inefficienze di Aler! Cineteatro Cristallo Conclusi le operazioni di ristrutturazione del Cineteatro Cristallo di Cesano Boscone. I lavori di riqualificazione, grazie a coloro che li hanno sostenuti con prestiti e donazioni, al momento di entrare in stampa, erano praticamente conclusi ed il Cristallo ha riaperto il 27 agosto con un rinnovato foyer ed una nuova facciata, privo di barriere architettoniche. Sistemato inoltre il parcheggio adiacente, con la posa di un pavimento in autobloccanti. Un ottimo risultato, giusto premio alla fedeltà del pubblico che lo scorso anno ha scelto il Cristallo per andare al cinema o a teatro, scongiurando l ipotesi di dover chiudere, triste destino di molte sale milanesi. Siamo pronti a ogni azione, anche forte, nei confronti di Aler, stando accanto agli abitanti del quartiere Tessera e coordinandoci anche con quegli amministratori che stanno cercando di contrastare scelte scellerate : la vicesindaco Mara Rubichi ha partecipato mercoledì 22 luglio a un assemblea pubblica proposta dal Sunia, in collaborazione con alcuni residenti del quartiere, in via Kuliscioff. Presenti una settantina di abitanti, insieme al segretario regionale Francesco Di Gregorio e ai rappresentanti dello SPI Cgil e dell Associazione comitato Tessera La decisione di Aler è inaccettabile ha evidenziato Di Gregorio perché scarica su tutti la responsabilità di gestioni che hanno sperperato danaro anche con la benedizione di Regione Lombardia. Inoltre, mentre si colpiscono gli inquilini con provvedimenti iniqui, la Regione ha in discussione la riforma del sistema pubblico che, a nostro avviso, rischia di essere smantellato colpendo ancora di più i quartieri popolari. Il sindacato prosegue Di Gregorio chiede a Regione Lombardia di essere coinvolto e ascoltato, per evidenziare quali sono le esigenze reali degli inquilini e discutere tutte le possibili soluzioni per una legge dignitosa. Il Sunia ribadisce: basta con le troppe passerelle e promesse. S investa per accrescere la vivibilità nei quartieri popolari, abbandonati a loro stessi, come nel caso di Cesano Boscone precisa il segretario regionale del sindacato inquilini Sunia, anche perché la stragrande maggioranza degli inquilini paga regolarmente canoni di locazione e spese e ha diritto ai servizi. E il sindacato si dichiara pronto a proteste coordinate tra i diversi comitati, annunciando manifestazioni eclatanti sia in loco sia sotto la sede milanese di Aler. Abbiamo cercato un dialogo con l Azienda regionale ha detto la vicesindaco Mara Rubichi evidenziando la necessità di non fare di tutta l erba un fascio. A Cesano i morosi effettivi sono circa il 20%, la metà della media regionale evidenziata da Aler stesso. Non è giusto che siano tutte le circa 920 famiglie a pagarne le spese. Riteniamo inaccettabile ha proseguito Mara Rubichi sia il provvedimento di riduzione dei giorni di pulizia, da sempre già considerate precarie, sia la minaccia di non avviare le caldaie all inizio della stagione invernale. Un aperta violazione di diritti che, Inquilini Aler in altri contesti, sarebbe sanzionata dall autorità giudiziaria. La vicesindaco sottolinea, anche in risposta al tentativo di scaricare sul Comune delle responsabilità che chiaramente non gli competono, che l Amministrazione sta portando avanti da tempo numerose iniziative con i residenti del Tessera. Tra queste, il progetto, finanziato con fondi regionali, Un mondo nel quartiere che ha chiaramente messo in evidenza quali siano le difficoltà dei residenti della zona, non certamente legate solo ai furbi, che vanno scovati e puniti, precisa Mara Rubichi. Se ce lo permetteranno prosegue la vicesindaco illustreremo il dettaglio della ricerca. Però è urgente che Aler riveda le sue scelte. Tutte le forze politiche presenti in Consiglio comunale si sono dichiarate pronte a ogni azione nei confronti dell azienda regionale, stando accanto agli abitanti del quartiere e coordinandosi con quegli amministratori che tenteranno di contrastare le scellerate scelte di Aler sui propri territori. Il Nuovo Cineteatro Cristallo lineadiconfine Libri Mostre e Incontri Artigianato Abbigliamento Etnico Via Ceriani 20 - Baggio (Milano) Telefono LIBRI ANCHE SU ORDINAZIONE

12 12 Settembre 2015 Cesano: il nuovo Parco della pace Sabato 4 luglio, si è tenuta l inaugurazione ufficiale della nuova area verde completata alla fine dell anno scorso in fondo a via Pasubio, che la Giunta Negri e l Amministrazione comunale hanno deciso di intitolare Parco della pace nella consapevolezza che nella vita di tutti i giorni debba essere la pace e non il conflitto a caratterizzare le relazioni. Il Parco della pace occupa un area di circa 20 mila metri quadrati, in precedenza di proprietà dell Istituto Sacra Famiglia, impreziosita dalla presenza di ventidue specie diverse di arbusti e di alberi. Il disegno del parco, progettato dall agronomo Carlo Gabriele Callari, ha tratto ispirazione da un progetto del paesaggista danese Carl Theodor Sorensen, risalente agli anni 50. Il disegno è caratterizzato da una grande semplicità, versatilità degli spazi e presenza di percorsi fruibili, anche ciclabili, per i cittadini. In particolare, all interno del parco, è stato realizzato un percorso pedonale che lega l area nord con l area sud. È presente, inoltre, un area cani di circa 800 metri quadrati. Il Parco della pace sorge sul territorio di Cesano Boscone, all altezza di via Pasubio da una parte e le vie San Francesco, Cottolengo e Madre Teresa di Calcutta dall altra. Verso Milano, confina con via degli Ippocastani. Adiacente al quartiere degli Olmi, il progetto del Parco della pace è nato in concomitanza di un altra iniziativa: l abbattimento di un muro di cemento, avvenuta nel 2014, che ha diviso per anni le vie cesanesi San Francesco e Cottolengo da Milano. L abbattimento del muro, dal punto di vista fisico, ha sensibilmente avvicinato le due realtà confinanti, rappresentando un ulteriore passo verso la Città metropolitana di Milano, nata proprio per condividere le eccellenze del territorio e per valorizzare le bellezze paesaggistiche. Dal punto di vista simbolico, invece, il crollo del muro e l inaugurazione del parco vogliono lanciare un messaggio importante: in un periodo storico colmo di conflittualità, oggi più che mai si sente bisogno di pace, anche attraverso la fruizione di una semplice area verde. Boom del Riso Milano N O T I Z I E F L A S H Piace il riso coltivato all ombra della Madonnina. A soli quattro mesi dall accordo sperimentale siglato tra il Distretto Agricolo Milanese e la grande distribuzione per vendere il riso prodotto dalle aziende agricole cittadine direttamente sugli scaffali dei supermercati, la prima fornitura di 500 quintali inizialmente prevista per un intero anno è stata esaurita. Risaie e palazzoni Il Comune continuerà ad impegnarsi per la promozione dell agricoltura milanese, che sempre più si dimostra una fondamentale occasione di sviluppo e di tutela del territorio urbano sottolinea l assessore all Urbanistica e all Agricoltura, Alessandro Balducci. Ad aprile, nell ambito della politica di valorizzazione del territorio rurale urbano e della produzione agricola locale avviata dall amministrazione di Palazzo Marino, il Comune ha promosso la sottoscrizione di un intesa tra il consorzio Dam e il gruppo Esselunga per la commercializzazione del riso di Milano nelle tre varietà Arborio, Carnaroli e Sant Andrea poi estesa anche alle zucchine con fiore e ai fiori di zucca nei principali punti vendita della città e delle province di Milano, Monza e Brianza, e Pavia. Un progetto nato per la promozione dell agricoltura cittadina, all insegna della filiera corta e dei consumi a chilometro zero, si sta rivelando anche un successo di mercato. E Milano si conferma una metropoli rurale a tutti gli effetti afferma il presidente del Consorzio Dam, Andrea Falappi. Con le sue 65 cascine distribuite sul territorio comunale, infatti, Milano è la seconda città agricola italiana. Un patrimonio di eccezionale rilevanza, sia sul fronte delle attività (sono oltre gli ettari di terra coltivata, dei quali circa 630 quelli coltivati a riso), sia sul fronte del paesaggio, con terreni preservati dall espansione immobiliare e con strutture cascinali storiche, preziosa testimonianza delle radici rurali del capoluogo lombardo, che l Amministrazione sta lavorando per tutelare e valorizzare. Milano: verifiche amianto in piazza d Armi Il Polo Club Milano utilizza Piazza d Armi per la propria attività grazie ad una autorizzazione temporanea rilasciata dal Ministero della Difesa, un tempo proprietario dell area, che gli ha consentito di svolgere sul posto gli eventi sportivi organizzati con cadenza semestrale. Attualmente la proprietà è di Invimit Sgr, la società di gestione del risparmio del Ministero dell Economia e delle Finanze cui spetterà in futuro la valorizzazione dell area, in attuazione del Protocollo d Intesa tra Ministero della Difesa, Comune e Agenzia del Demanio siglato un anno fa e che sarà integrato proprio per l arrivo di Invimit Sgr entro il prossimo ottobre. Secondo l Intesa, le aree delle ex caserme milanesi Piazza d Armi, Magazzini di Baggio e Mameli saranno riqualificate e restituite alla città con la destinazione a verde e servizi di almeno il 50% delle rispettive superfici. Una precondizione prevista dal Piano di Governo del Territorio approvato nel 2012 per tutte le aree di trasformazione urbana, per coniugare sviluppo e salvaguardia del territorio. Non esiste alcuna possibilità di valorizzazione, però, senza una preventiva analisi della qualità dei terreni. Tanto più che su Piazza d Armi, in passato luogo di esercitazioni militari, è stata riscontrata la presenza di amianto. I lavori di carotaggio della cui necessità il Polo Club Milano era stato informato fin dalla firma del Protocollo nell agosto 2014 dureranno solo alcuni mesi e non escludono, in caso di assenza di contaminazione, che Invimit Sgr possa in seguito prorogare l autorizzazione temporanea all utilizzo per finalità sportive. La verifica dei terreni e l eventuale bonifica rappresentano un passaggio fondamentale per la tutela della qualità urbana e della salute dei cittadini, nonché un elemento essenziale della riqualificazione complessiva dell area, che negli anni scorsi è stata oggetto anche d occupazioni abusive. Milano: i nomi dei bimbi nati nel 2015 Classifica dei nomi più diffusi e più rari Tra tradizione e mitologia: si possono sintetizzare così le scelte dei neo genitori milanesi che, nel dare i nomi ai propri bimbi nati nel 2015, si sono sbizzarriti parecchio. Giulia e Sofia, Alessandro e Leonardo sono i più gettonati, mentre Argo, Ascanio, Calliope, Artemide sono alcuni dei più originali, ispirati alla cultura classica secondo i dati forniti dall Anagrafe del Comune di Milano. Quest anno nella top ten dei nomi delle bimbe compaiono Giulia (71), Sofia (69), Alice (54), Martina (46), Bianca (45), Beatrice (44), Vittoria e Sara a pari merito (43) al settimo posto; a seguire Matilde e Anna (38), poi Greta, Chiara e Arianna (36), mentre Emma e Camilla (34) occupano la decima posizione. Per i maschietti i nomi più gettonati sono Alessandro e Leonardo (93), Lorenzo (87), Tommaso (83), Francesco (72), Riccardo (59), Andrea (57), Edoardo e Matteo (55), Pietro e Gabriele (54), Mattia e Federico (51), Davide (47) che chiude la classifica dei primi 10 posti. Tra i nomi più rari scelti dai genitori, molti sono legati al mondo della mitologia: piacciono Ettore (12), Enea (11), Achille (10), ma compaiono anche Argo, Prometeo, Remo, Amos, Ascanio, Ares ed Eros; tra le bimbe Teti, Calliope, Athena, Artemide, Cassandra, Dea, Dafne, Selene, Penelope, Clelia, Clizia. Ad accompagnare il fiocco azzurro ci sono anche riferimenti classici alla tradizione toscana, come Neri, Duccio, Lapo, Fosco e, ovviamente, Dante. E ancora, tra i nomi meno diffusi, Romeo, Gioele, Leone, Aron, Olmo, Lupo, Tony (ed Entony), Kevin, Anis, Stanislav. Da evidenziare, per l originalità, Blu, Falcone, Kennedy, Kimi e Alonso. Non mancano due maschietti con nomi da imperatore: Dario V e Aurelio III. Per le piccine alcuni dei nomi più rari rimandano a tempi lontani, come Camelia, Dorotea, Dalia, Clarissa, Aida, Adelia, Angelica, altri ispirano immediata simpatia nella loro singolarità, come Mirtilla e Brio, altri ancora sono particolarmente romantici, come Aurora, Luna, Sole, Alba Azzurra, Amelia Musica, Chiarastella, Chloe, Jolie. Negli ultimi mesi sono spuntati anche Sefora, Zara e persino la variante Chanelle di Chanel. Altre curiosità: Vittoria è stato molto utilizzato nel 2015 per le femminucce (43), ma l omologo maschile è decisamente meno diffuso (8); Alessandro è il nome più comune tra i maschietti, mentre solo 7 neonate sono state chiamate Alessandra. Stesso discorso per Francesco: è diffusissimo tra i piccoli milanesi, meno tra le bimbe (14). Negli ultimi mesi di quest anno, poi, sono in numero maggiore le piccine chiamate Sveva (16), Nina (16) e Zoe (7) rispetto a quelle con nomi più tradizionali, come Paola (2), Roberta (2) ed Enrica (2). Il tradizionale Maria è stato scelto per 10 bimbe, ma ben più numerosi sono i suoi abbinamenti con altri nomi: Clara Maria, Beatrice Maria, Elena Maria, Bianca Maria, Celeste Maria, Rebecca Maria, Olimpia Maria, Maria Teresa, sono solo alcune delle tante varianti. Lo stesso vale per Giuseppe, usato singolarmente per 4 bambini, ma di gran lunga preferito in coppia: Giuseppe Alessandro, Gabriele Giuseppe, Alan Giuseppe, Ascanio Giuseppe, Gregorio Giuseppe, Vincent Giuseppe, Valentino Giuseppe, Giuseppe Giulio e perfino Giuseppe Ioan: come dire, un mix tra tradizione e innovazione. Vieni a trovarci nella nostra sede della Delegazione di Baggio in Via Val d Intelvi, 15 - Milano Tel Orari di apertura: Lunedì e giovedì dalle 18,30 alle 20 Domenica dalle 10 alle 12

13 Settembre 2015 Cesano: incidenti per olio sulla carreggiata Il carico perso dal mezzo in fuga Sono complessivamente dieci i veicoli coinvolti in un susseguirsi di incidenti avvenuti il 29 luglio in via Isonzo, nel tratto tra le vie Milano e Italia a Cesano Boscone, nel sud ovest milanese. Un abbondante sversamento di una sostanza oleosa lungo la carreggiata in direzione Corsico ha provocato la caduta di un motociclista, di una persona in bici e il tamponamento tra alcune autovetture. Poco dopo mezzogiorno, a peggiorare una situazione già critica, si è aggiunto un camion, appena rubato. Il conducente, spaventato per la presenza di due pattuglie della Polizia Locale, ha sbandato, urtato alcune auto in sosta e ha fatto cadere parte del carico, alcuni rotoli di lamiera. Poi è fuggito, abbandonando il mezzo poche centinaia di metri più avanti. La Polizia Locale di Cesano Boscone è riuscita a fronteggiare la difficile situazione fornendo il supporto per la pulizia della strada, dove la sostanza oleosa occupava l intera carreggiata, probabilmente per un guasto alla pompa motore di un autocarro utilizzato per la raccolta dei rifiuti. Oltre a un intervento temporaneo con segatura, una ditta specializzata ha utilizzato dei solventi per eliminare dalla superficie ogni traccia della sostanza oleosa. La parziale chiusura della strada, con il traffico a senso alternato, ha provocato coda in entrambe le direzioni di marcia. Verso le 14, alle due pattuglie della Polizia Locale di Cesano e alle due del comando di Corsico, già presenti sul posto, se ne è aggiunta un altra, consentendo così il deflusso del traffico, e limitando il più possibile i disagi agli automobilisti. Le operazioni di sgombero del camion, per il quale è stato necessario chiedere il supporto di un ragno per il recupero dei rotoli di lamiera, sono proseguite fino al tardo pomeriggio. Milanointaxi Prove generali per il numero unico dei taxi milanesi. Dopo l avvio del coinvolgimento dei tassisti parte, infatti, anche una prima fase d apertura agli utenti attraverso la nuova app per smartphone Milanointaxi e il numero , con i quali sarà possibile prenotare il veicolo più vicino riducendo i tempi di attesa. Per partecipare alla fase di test basta inviare una mail all indirizzo L utente riceverà un link attraverso il quale scaricare in anteprima l app e potrà iniziare ad utilizzarla per organizzare i propri spostamenti in taxi. N O T I Z I E F L A S H È importante che i cittadini possano partecipare a questa fase di test ha sottolineato l assessore alla Mobilità e Ambiente Pierfrancesco Maran da un lato perché potranno iniziare ad abituarsi ad una nuova modalità di prenotazione pratica e veloce, dall altro perché ci aiuterà a capire i margini di miglioramento per il buon funzionamento dell app. Siamo certi che per settembre riusciremo a partire ufficialmente con il servizio. Sempre il 20 luglio è partita anche la fase d incontri tra il Comune di Milano e gli oltre 400 tassisti, che fino ad ora hanno aderito al servizio del numero unico, che ha l obiettivo di coinvolgere tutti i titolari di licenza. I conducenti riceveranno tutte le informazioni sull utilizzo dell applicazione, un manuale d istruzioni e un pin identificativo per avviare la registrazione e iniziare ad utilizzarla. I meccanismi dell app sono molto semplici e intuitivi, sia per gli utenti che per i conducenti. Il cliente che aprirà Milanointaxi sarà immediatamente localizzato dal nuovo software realizzato da Fastweb, che individuerà il veicolo più prossimo al posteggio taxi più vicino e invierà un segnale allo smartphone del tassista. Nel momento in cui quest ultimo darà conferma della sua disponibilità a effettuare il servizio, l utente riceverà un sms con le indicazioni sul tempo di attesa e il numero del taxi in arrivo. Oltre al numero e all app, da settembre sarà possibile prenotare il taxi anche tramite il sito internet dedicato. Cesano: spending review e riduzione IMU e l anno scorso eravamo riusciti a investire circa 200/300 mila euro per le S manutenzioni, quest anno abbiamo messo a bilancio 1 milione di euro per realizzare interventi di cui la nostra città ha bisogno : così l assessore alle Politiche finanziarie Giuseppe Ursino spiega il bilancio di previsione 2015, il primo realizzato secondo i nuovi meccanismi che stabiliscono di inserire voci di spesa solo a fronte di entrate certe. La sede del Consiglio Comunale di Cesano Abbiamo deciso evidenzia il sindaco Simone Negri di non sospendere alcun servizio, di non aumentare l imposizione fiscale, riducendo anzi alcune tariffe, e di proseguire nel rigore del controllo della spesa pubblica locale, con ulteriori margini di miglioramento individuando nuove risorse da destinare alla città. Il documento di programmazione parte da alcuni presupposti fissati dal sindaco Simone Negri e dalla sua Giunta già all indomani dell insediamento: rigore nella spesa, riduzione dell imposizione fiscale laddove possibile per agevolare le famiglie, semplificazione per i cittadini. Già l anno scorso prosegue l assessore Ursino abbiamo avviato un piano di spending review che intendiamo proseguire nel Abbiamo dimostrato concretamente che una riduzione delle spese si riflette immediatamente in benefici fiscali per i cittadini. Un esempio evidente sono la riduzione di oltre il 40% delle tariffe degli impianti sportivi e del 33% per quelle massime dei servizi di assistenza domiciliare. Nel 2015, l Amministrazione ha voluto quindi introdurre quattro novità che caratterizzano il documento di programmazione: investimenti per 1 milione di euro, invarianza delle aliquote dei tributi locali, riduzione di alcune tariffe di servizi a domanda individuale (ambito sport e sociale), semplificazione dei pagamenti per i tributi locali, una riduzione di tre punti dell IMU per locazioni a canone concordato. Abbiamo ritenuto fondamentale precisa l assessore che il cittadino venisse agevolato il più possibile e non fosse costretto a fare calcoli a volte difficili, con l alto rischio di errore. È per questo che siamo già partiti quest anno con l invio di migliaia di modelli F24 precompilati direttamente a domicilio o alle caselle di posta elettronica dei contribuenti. Per quanto riguarda invece l IMU, la riduzione a coloro che scelgono di dare appartamenti a canone concordato, secondo l accordo locale del 1999 (rivalutato al 2015) è di tre punti, passando dal 10,6 per mille al 7,6 per mille. È un segnale importante soprattutto nell ambito delle politiche per la famiglia e per la casa. Infatti, in questo modo, i proprietari potrebbero essere maggiormente incentivati a forme di locazione che rispondano più concretamente alle esigenze delle famiglie costrette ad affrontare la difficile situazione economica. Milano: approvato bilancio di previsione Il Consiglio comunale ha approvato il 15 luglio scorso, con 26 voti favorevoli, 11 contrari e nessun astenuto, il Documento Unico di Programmazione (DUP) e Bilancio di Previsione La previsione, sul 2015, è di tre miliardi e 119 milioni di euro di spesa corrente, oltre a 3 miliardi e 140 milioni in conto capitale. Il Bilancio vede una riduzione di oltre 80 milioni di trasferimenti da parte dello Stato e della Regione. I trasferimenti, infatti, che erano stati 476 milioni di euro nel 2014, scendono a 395 milioni nel Nel Bilancio 2015 entra il finanziamento del rafforzamento dei servizi per Expo per il trasporto, l igiene e il decoro urbano nonché per la cultura. Il Consiglio comunale ha dato indicazioni sull utilizzo delle risorse corrispondenti alla vendita della partecipazione in A2A, pari a 63,9 milioni di euro, per opere importanti come scuole, riqualificazione energetica nelle case popolari e ammodernamento di infrastrutture sulla mobilità. Badante di condominio 13 partita il 24 luglio scorso nello stabile di E piazzale Dateo 5 a Milano il primo progetto della badante di condominio : un modello di assistenza condivisa che può essere applicato in contesti diversi e rivolto a soggetti che non necessitano di assistenza continuativa oppure a famiglie che hanno bisogno di specifiche forme di supporto. La sperimentazione coinvolgerà 6 persone, tutte residenti nello stabile di piazzale Dateo 5, con un assistente familiare disponibile per 24 ore settimanali. Da piazzale Dateo il servizio si estenderà a tutte le 9 Zone di Milano. Il progetto della badante di condominio rientra nell ambito dello Sportello CuraMi del Comune che si occupa di mettere in contatto la domanda e l offerta di assistenti familiari e baby sitter. Nei primi sei mesi del 2015 già persone hanno dato la propria disponibilità come badanti e 646 come baby sitter, per un totale di domande. Un dato più che raddoppiato rispetto l anno scorso, quando le domande raccolte erano state nell arco dei 12 mesi del Stiamo mettendo a disposizione degli anziani e delle famiglie un elenco di persone qualificate e affidabili per costruire concretamente quella rete di cura della persona, cui oggi si aggiunge anche la nuova figura della badante di condominio ha detto l assessore alle Politiche Sociali e Cultura della Salute, Pierfrancesco Majorino. Per essere inseriti nelle banche dati comunali è necessario effettuare un colloquio per definire le proprie capacità e competenze oltre a possedere alcuni requisiti, tra cui la frequenza di appositi corsi di formazione professionali: in questo modo garantiamo la professionalità e la qualità del servizio e possiamo rispondere alle esigenze delle tante famiglie milanesi alle prese con la necessità di assistenza dei soggetti più fragili. Il servizio della badante di condominio rientra nell ambito di tutti i servizi di assistenza domiciliare garantiti dal Comune di Milano, cui vengono complessivamente impiegate risorse per circa 19 milioni di euro. In particolare, questo progetto sarà affidato nella prima fase a 14 cooperative accreditate che hanno aderito alla sperimentazione. Lo stabile di piazzale Dateo 5 è stato scelto perché è anche sede di una postazione di Custodia Sociale e di 6 alloggi protetti gestiti direttamente dall Amministrazione comunale. Nelle prossime settimane sarà avviata la sperimentazione anche in altre zone della città. In particolare: - via Scaldasole 5, in Zona 1 - via Soffredini 27, in Zona 2 - per la Zona 3 è in via di individuazione un altro stabile oltre a Dateo - via Salomone 62-64, in Zona 4 - via Neera angolo Barrili, in Zona 5 - via Teramo 31, in Zona 6 - via San Romanello 34, in Zona 7 - via Pascarella 18-20, in Zona 8 - via Ciriè 1, in Zona 9 Un gruppo di lavoro specifico si occuperà del monitoraggio della sperimentazione e valuterà le mansioni e il tempo dedicato ad ogni assistito, la qualità dell assistenza erogata, l appropriatezza dei diversi interventi e l integrazione del lavoro delle assistenti familiari nel progetto complessivo d intervento domiciliare del Comune. Saranno valutati anche la qualità percepita dagli utenti, i carichi di lavoro, l adeguatezza dell impegnativa oraria dell assistente familiare, la relazione con altre figure professionali. Aperto il 10 febbraio 2014 dal Comune di Milano, lo Sportello Badanti CuraMi è gestito in collaborazione con Pio Albergo Trivulzio e la cooperativa sociale Eureka! Allo Sportello si rivolgono sia le persone che chiedono di essere inserite nell Albo comunale delle badanti e baby sitter, sia le famiglie che cercano un supporto per l individuazione di personale specializzato, in particolare assistenti familiari per anziani con problemi di Alzheimer o demenza senile. Vi è una richiesta anche per aiuti domestici ad autosufficienti o per una generica compagnia. Il servizio offre inoltre informazioni sul contratto domestico e fornisce consulenza per la regolarizzazione contrattuale dell assistente familiare e la preparazione delle pratiche d assunzione. Le persone inserite nell Albo badanti e baby sitter sono, per la quasi totalità, donne (89%). Oltre la metà proviene dal sud America (50,3%), quindi dall Europa dell Est (27%), Asia (11%), Africa (6%) e Italia (6%). Dall apertura dello Sportello, nel febbraio 2014, al 30 giugno 2015, il totale delle domande è stato di (2.417 nel 2014 e nei primi sei mesi del 2015). Le persone contrattualizzate sono già 370 di cui 353 badanti (162 nei primi mesi del 2015 e 191 nel 2014) e 17 baby sitter e colf (di cui 6 nei primi mesi del 2015 e 11 nel 2014). Lo Sportello ha sede presso il Pio Albergo Trivulzio Padiglione 13 (ingresso da via Trivulzio 15 e da via Bezzi 10). È inoltre presente un punto informazioni presso la residenza Principessa Jolanda in via G.A. Sassi 4. Gli orari di apertura sono il lunedì dalle 8.30 alle 13 e dal martedì al venerdì dalle 8.30 alle I numeri di telefono sono e L indirizzo è Tutte le informazioni sul sito Un anziana con la badante di condominio

14 14 Settembre 2015 La Redazione Il Giardino degli Abbracci Il 12 giugno 2015 presso l Azienda Ospedaliera San Carlo Borromeo di Milano, alla presenza dell assessore alla Salute e vicepresidente di Regione Lombardia Mario Mantovani, è stato inaugurato L Healing Garden: il Giardino degli Abbracci. Un innovativo percorso percettivo e sensoriale progettato per promuovere e migliorare la Salute e il Benessere delle persone che ne usufruiscono: pazienti, famigliari e persone che quotidianamente vivono l ospedale. Un progetto votato alla ricerca del benessere fisico, mentale e sociale, le tre sfere della salute indicate dall Organizzazione Mondiale della Sanità. Progetto denominato il Giardino degli Abbracci. In sintesi il Progetto prevede due aree d intervento. L orto: un percorso attivo tra le aiuole coltivabili e il frutteto; il giardino: un percorso percettivo e sensoriale creato dall alternarsi d aiuole con specifiche specie erbacee, arbustive ed arboree, che usa come stimolo i colori delle varie piante con la loro fioritura in periodi diversi dell anno. Al termine dell incontro siamo stati tutti invitati ad una visita guidata del Giardino e abbiamo potuto constatare come quella profusione di profumi e colori possa migliorare anche l umore. Il Giardino degli Abbracci è stato pensato perché possa essere utilizzato dai pazienti e dai loro familiari, dal personale che quotidianamente vive l ospedale, ma anche dai cittadini della Zona. All Associazione AMA, presente sul territorio con gruppi di Aiuto Mutuo Aiuto, e a tutte le Associazioni presenti, è stato richiesto di far parte di un Comitato di cittadini, degenti e non, affinché il Giardino degli Abbracci possa continuare ad essere curato e valorizzato a beneficio della Collettività. Carla Resta Associazione AMA - Auto Mutuo Aiuto Milano Monza Brianza Onlus Associazione AMA, insieme L ad altre Associazioni che operano nella Zona, è stata invitata all inaugurazione dell Healing Garden Il Giardino degli Abbracci presso l Ospedale San Carlo di Milano, lo scorso 12 giugno. L inaugurazione si è svolta in un clima molto partecipato e tutte le relazioni introduttive hanno suscitato un notevole interesse; sono state presentate esperienze di lavoro che utilizzavano il verde, i giardini e gli orti in vari ambiti ospedalieri per un azione sinergica nel percorso curativo. Per decisione del Direttore generale dell Ospedale San Carlo, in un ottica di ristrutturazione complessiva, si è inserito, nel piano generale del Verde, la realizzazione di un Healing Garden, termine che possiamo tradurre con giardino per la salute. Cosa s intende per Healing Garden? Uno spazio verde specificatamente progettato per promuovere e migliorare la salute e il benessere delle persone che lo fruiscono. Si può avere un esperienza di tipo passivo (guardare o stare in giardino) o un coinvolgimento attivo, svolgendo varie attività. I benefici del contatto con gli elementi della natura (sole, aria, acqua, piante, animali) sono molteplici e si legano alle sfere della salute indicate dall OMS: la salute è uno stato complessivo di benessere fisico, mentale e sociale e non solo assenza di malattia o infermità. La ricerca scientifica evidenzia sempre più come il contatto con la natura sia fondamentale per migliorare la qualità della vita e, in particolare nei luoghi di cura, possa contribuire positivamente al processo di guarigione. All intervento del dr. Biffi, direttore del Dipartimento di Salute Mentale del San Carlo, che ha illustrato la prima fase del progetto nato dalla collaborazione tra l Azienda Ospedaliera e il Dipartimento di Scienze Agrarie e Ambientali dell Università degli Studi di Milano, ha fatto seguito l intervento del prof. Giulio Senes e dei suoi studenti, che hanno illustrato nel dettaglio il L Angolo dello Speziee L Olio di Semi di Canapa Molte sono le proprietà di questo meraviglioso prodotto naturale, alimento dalle straordinarie proprietà nutrizionali, nonché eccellente supplemento dietetico nella pratica medica. Notevoli anche le proprietà antiossidanti, prezioso quindi per la pelle, perché ristabilisce il corretto equilibrio di sostanze lipidiche e cerose. Ce lo fa conoscere la nostra esperta. Dott.ssa Roberta Radaelli Bentornati a tutti, dopo le vacanze abbiamo bisogno di risanare il nostro corpo dalle abbuffate sia di sole che di delizie alimentari estive, perciò in questo articolo parleremo di un alimento straordinario ovvero l olio di canapa. Ottenuto dalla spremitura a freddo dei semi di cannabis sativa è un olio vegetale ricco di acidi grassi essenziali dalle notevoli proprietà antiossidanti, immunomodulanti e antinfiammatorie. Per le sue caratteristiche l olio di canapa è utilizzabile alla stregua di un vaccino nutrizionale, ideale per la prevenzione delle patologie invernali, grazie ai benefici portati al sistema immunitario, nonché come valido rimedio antinfiammatorio per la cura di molte affezioni ad andamento cronico-degenerativo. La qualità più importante di quest olio è indubbiamente la presenza di acidi grassi essenziali polinsaturi Omega6-Omega3 nella proporzione migliore per l essere umano: nessun altro alimento in natura è infatti in grado di garantire una proporzione 3:1, rapporto raccomandato dalle ricerche mediche e dalle più avanzate teorie nell ambito nutrizionale. È proprio questo rapporto unico ed eccezionale che lo differenzia da tutti gli altri oli utilizzati per l integrazione dietetica, in particolare l olio di lino che è anch esso ricco di omega 6 e 3, ma con la proporzione invertita. Altro pregio da non sottovalutare è la differenza con gli integratori di Omega3 a base di olio di pesce, tanto pubblicizzati ora, posta nel fatto che: gli oli di pesce sono estratti mediante processi chimici ed in più possono soffrire dell inquinamento tipico del pesce ovvero mercurio, diossina, metalli pesanti che alla lunga sono pericolosi per la salute, in più aggiungendo una nota ecologista l olio di pesce non viene più estratto solo dal famigerato merluzzo, ora si predilige il krill, che è il cibo preferenziale per molte specie di balene, pinguini etc. La sua origine vegetale lo rende consigliabile per tutti coloro che hanno un regime alimentare privo di qualsiasi carne o derivati animali, quindi indicato anche per i vegani. Nell olio di canapa sono inoltre presenti quantitativi significativi di aminoacidi, vitamine tra cui la A, E, B1, B2, PP, PP, C, fitosteroli e cannabinoidi (soprattutto CBD, Cannabidiolo) che pare abbia, secondo alcune ricerche medico -scientifiche, un importante funzione di modulazione per il sistema immunitario e cognitivo. L olio di canapa inoltre è ricco di fibre, sali minerali: calcio, potassio, magnesio ferro e fosforo; numerose e carboidrati che lo rendono un notevole integratore alimentare completo e con un alto profilo energetico. L uso è indicato in patologie quali: artrosi ed artriti, dermatiti atopiche ed affezioni cutanee in genere, ipertensione arteriosa ed altre vasculopatie, patologie prettamente femminili quali cisti ovariche, disturbi del ciclo, sindrome premestruale, disturbi cognitivi, del linguaggio e caratteriali, dolori muscolari e articolari, ipercolesterolemia e problemi della funzione epatica. È sempre inteso che non deve e non è un sostitutivo delle terapie tradizionali, ma un aiuto ad esse. L apporto quotidiano consigliato è il seguente: un cucchiaino da te al giorno in via preventiva, da uno a tre cucchiaini da tavola da distribuire nell arco della giornata per terapie d attacco o per una risposta ottimale nel caso in cui si vada a coadiuvare una cura per una patologia già presente. Va c o n s u m a t o esclusivamente a crudo e si conserva in frigo una volta aperta la bottiglia, ovviamente si può c o n s u m a r e anche per condire i vostri piatti quali insalate, zuppe, cereali, minestre, pasta etc. Ha un sapore delicato che ricorda un po la nocciola. Preciso, giusto per fugare qualsiasi dubbio, che l olio di semi di canapa contiene una parte infinitesimale di THC (meno di una parte su un milione) ovvero il principio responsabile degli effetti psicotropi della canapa sativa, ciò significa che per avere tali effetti di olio se ne dovrebbero bere almeno dieci litri. Sottolineo che è un olio di libera vendita, senza alcun effetto collaterale, anzi al momento se ne conoscono solo le sue virtù. Ricordo sempre che per qualsiasi dubbio o incertezza vi potete rivolgere al vostro medico di fiducia o farmacista che vi saprà consigliare per il meglio. Un saluto dalla vostra affezionata.

15 Settembre 2015 SPORT & DINTORNI 15 Ripartono i campionati Ci siamo, sta per iniziare la nuova stagione calcistica per il G.S.. A dire il vero, quando leggerete queste note la preparazione delle squadre di tutte le categorie, dai più piccoli ai più grandi, sarà iniziata, e alcune squadre saranno già impegnate nei tornei precampionato. La prima squadra purtroppo non è riuscita ad essere ripescata nella categoria superiore e quest anno è inserita nel girone A di terza categoria. Le avversarie con cui si contenderà la promozione sono: Accademia Settimo Atletic Rozzano Audace 1943 Fornari Sport Oratorio S. Gaetano Pol. Or. S. Luigi Corsico Real Bovisa Robur Albairate Scuolacalcio Magenta Sportpeoples Victoria MMVII Virtus Abbiatense Girone non facile, con alcune vecchie conoscenze e altre squadre rinnovate con dichiarato obbiettivo di ben figurare. Sappiamo tutti com è finita purtroppo la stagione appena conclusa, ma è arrivato il momento di voltare pagina e di concentrarsi su questa nuova avventura, con l obbiettivo di centrare i play-off anche quest anno. Sono arrivati alcuni giocatori nuovi, che vanno a ringiovanire ed a rinvigorire la già competitiva rosa. I lavori nel centro sportivo sono proseguiti senza interruzione anche nel mese d agosto per cercare di iniziare quanto prima le attività sui nuovi impianti che apriranno un nuovo capitolo per il Gruppo Sportivo e per stesso. Manca poco, pochissimo, e poi finalmente saremo di nuovo a casa nostra, e che casa! Maurizio Baroni Cascina Linterno ad Apicoltura Veca Lo scorso 23 luglio la Giunta milanese ha siglato un contratto d affitto per 15 anni a titolo gratuito con l azienda Apicoltura Veca di Mauro Veca, intervistato su queste pagine nel numero di dicembre Nuove prospettive di rivitalizzazione e d utilizzo per la cittadinanza si aprono quindi per la storica Cascina: laboratori per le scuole e attività pubbliche legate all agricoltura, con particolare attenzione al ciclo produttivo del miele. Non mancherà un punto di ristoro, nonché la vendita diretta di prodotti agricoli biologici a km zero. Palazzo Marino, con questa delibera, non esclude in nessun modo la realizzazione di un area culturale per ricordare il legame della Cascina con Francesco Petrarca. Il contratto garantirà un presidio ed una custodia stabile negli edifici e nei territori circostanti, salvaguardandoli dal degrado. L azienda di Mauro Veca si farà carico delle pulizie, del decoro degli spazi oltre che della manutenzione ordinaria. Potrà, in cambio e d accordo con il Comune, fare attività di raccolta fondi per coprire le spese. Entro fine settembre dovrebbero terminare i tetti. Anche il restauro delle facciate esterne sta proseguendo bene. Terminate le parti esterne interverranno negli spazi interni con infissi ed impianti. Se tutto va bene l intera struttura dovrebbe essere nuovamente disponibile ad ottobre/novembre. Noi dell Associazione Amici di Cascina Linterno ha dichiarato Gianni Bianchi consideriamo la Delibera di Giunta del 23 luglio molto positiva in quanto garantisce tutti gli aspetti ed i valori irrinunciabili di questo storico Luogo, sia dal punto di vista storico che agricolo, culturale, religioso, sociale e di aggregazione. In pratica riconosce in pieno il Progetto Culturale che portiamo avanti ininterrottamente dal 1994 e la dimostrazione pratica di quanto gran parte delle accuse ed invettive fossero invece basate su preconcetti e supposizioni, piuttosto che su dati reali ed incontrovertibili. Con Mauro Veca la sintonia è forte e con l unione delle forze riusciremo sicuramente ad onorare lo sforzo compiuto dalle ultime due Amministrazioni comunali per realizzare il Progetto Agri- Culturale alla base del Bando Cariplo Per un Distretto Agricolo e Culturale Milanese, dal quale provengono parte dei finanziamenti per lo studio, la progettazione e la traduzione in pratica dei lavori di consolidamento, di messa in sicurezza ed il restauro conservativo in corso d opera. La Redazione

16 16 Settembre 2015 I cereali: primi piatti per tutti i palati Riso e pasta sono la base per una sana alimentazione. Ma è necessario che non perdano le caratteristiche vitaminiche che li arricchiscono in origine. Quindi occorre prestare attenzione ai risi e alle paste che si acquistano (meglio se integrali) e preferire l abbinamento a condimenti, meglio se fermentati, in un tripudio di colori e sapori. Daniele Acconci Iprimi piatti costituiscono i punti di forza della cucina italiana. Spaghetti, maccheroni, riso, zuppe, minestre: tutti questi cibi sono presenti giornalmente sulle nostre tavole. Ma è necessario fare qualche osservazione per approfondire meglio cosa contengono e come sono prodotti, la loro tradizione di benessere, e quali ricette è meglio adottare se vogliamo un esistenza più sana. I cereali Esistono centinaia di specie differenti di cereali, quelli più coltivati sono frumento, mais, riso, orzo, farro, avena, miglio, quinoa e amaranto. I cereali sono stati per secoli l elemento base della dieta, tuttavia la maggior parte di quelli consumati nel mondo è raffinata, ossia lavorata e privata delle parti esterne, germe e crusca, lasciando solo la parte ricca di amido (detta endosperma) che è macinata per ottenere farine bianche, orzo perlato o riso bianco. La raffinazione è nata in seguito alla scoperta della macinazione, ora vengono utilizzati macchinari molto più veloci dei vecchi mulini a pietra, che lavorano maggiori quantità di grano, ma le farine inevitabilmente s impoveriscono per via del surriscaldamento che scaturisce da tale processo. È curioso che sia suggerita una dieta ricca di crusca a coloro che soffrono di stipsi, quando le farine sono impoverite da tale alimento. La crusca, infatti, viene tolta dal chicco del cereale in maniera poco comprensibile. Il riso subisce la peggiore delle raffinazioni perché, oltre ai processi di sbramatura e sbiancatura, è addirittura spazzolato (brillatura) per togliere i residui delle lavorazioni precedenti che avvengono attraverso talco e glucosio e poi lucidato con olio di semi e vaselina. In Italia non è semplice trovare riso non trattato: occorre conoscere i produttori o cercarli con pazienza. Sono però tante le aziende che sono lontane dalla grande distribuzione che tutti i giorni fanno del loro meglio per continuare a produrre con cura, rispetto e amore per la terra. Il riso È il cerale che più nutre la mente e aiuta il nostro corpo a cambiare, a trasformarsi in positivo. Ecco il motivo: la mente vive esclusivamente di zuccheri e non di zucchero come hanno voluto farci intendere. A dare vitalità e a promuovere energia non è lo zucchero, il saccarosio raffinato fatto di dolci cristalli che si usano per dolcificare the, caffè, e altre bevande, ma che in realtà la vitalità la tolgono, ma gli zuccheri che sono forniti al nostro organismo attraverso carboidrati semplici e complessi, contenuti nella frutta, nella verdura, nei cereali e nei legumi. I carboidrati complessi, inoltre, sono zuccheri a lento assorbimento e li troviamo in tutti i vegetali nella loro forma integrale: cereali in chicco, legumi e frutta oleaginosa, la maggior parte della verdura e della frutta. Il cereale più ricco di carboidrati è proprio il riso che inoltre è ricco di vitamine del gruppo B. I popoli che si nutrono maggiormente di riso non sono fisicamente imponenti, e la loro cultura dimostra una profondità spirituale e filosofica che prova che è stata nutrita più la mente che il fisico. La pasta Per quanto riguarda la pasta, il consiglio se si vuole adottare un profilo di vita sano è di utilizzare pasta integrale di grano duro, di grano khorasan, di grano saragolla, o di farro. Il kamut non è un tipo di cereale, ma un vero e proprio prodotto a marchio registrato da una società americana. Il frumento dal quale è ricavato il grano kamut è il khorasan, la cui coltivazione è essenzialmente biologica. Tuttavia anche in Italia è coltivato uno stretto parente del khorasan: il grano saragolla, presente in Lucania, nel Sannio e in Abruzzo. Ovviamente è meglio indirizzarsi verso un cereale a chilometro zero anziché uno che proviene da lontano. I condimenti fermentati Accenniamo ora ai condimenti fermentati presenti in molte ricette: miso, shoyu o tamari, agro o acidulato di umeboshi, elementi di origine giapponese dotati di proprietà terapeutiche millenarie. Il miso è una pasta composta di sola soia, o con cereali (riso o orzo) e sale marino, sottoposto a fermentazione per più di un anno. È un potente alcalinizzante del sangue, grazie alla fermentazione, e aiuta la nostra flora intestinale a fornire enzimi utili alla digestione. È ricco di proteine e ciò che più conta è che queste proteine, provenienti principalmente dalla soia utilizzata per la sua preparazione, sono demolite dagli enzimi che si sviluppano durante la fermentazione fino ai singoli costituenti: gli aminoacidi. La digestione rende le proteine estremamente assimilabili. Si consiglia di usare miso non pastorizzato e biologico. Gli orientali lo considerano uno dei segreti della buona salute e della longevità. Lo si utilizza accompagnato a un piatto di cereali. Si presenta come una pasta di colore scuro e si utilizza come un dado da brodo e nella preparazione di salse. Il suo sapore delizioso e versatile diventa rapidamente un abitudine irrinunciabile. L agro o acidulato di umeboshi è un aceto di albicocche, prodotto dalla maturazione dei frutti ancora acerbi. Il colore rossastro è dato dall utilizzo, nella lavorazione, delle foglie di shiso, una specie di basilico orientale ricco di omega-3, e tra gli antiossidanti vegetali più importanti. L agro permette di limitare l utilizzo del sale, donando note sapide e, a differenza dell aceto, non dà acidità, anzi equilibra l acido alcalino del sangue e svolge un azione che può essere considerata curativa. Lo shoyu e il tamari sono due tipi di salse che derivano dalla fermentazione della soia e rappresentano due dei condimenti più popolari della cucina orientale. Lo shoyu è ottenuto da semi gialli di soia e frumento tostato, ha un sapore più leggero; il tamari è ricavato solo da soia gialla o, al massimo, con piccole quantità di grano, ha un gusto più marcato ed è privo di glutine. Entrambe contengono numerosi fermenti che aiutano la digestione e la flora batterica intestinale, hanno un grande potere antiossidante e contengono vitamine, sali minerali e proteine vegetali. Quando si cercano condimenti, è meglio indirizzarsi verso questi prodotti piuttosto che la comune salsa di soia della grande distribuzione, che è colorata artificialmente e soprattutto non è stata fermentata. Ricetta estiva: Riso integrale saltato con seitan, zucca e cavolfiore È una ricetta che consente di ottenere un alimento in grado di conservarsi qualche giorno in frigorifero, in un contenitore di vetro e chiuso correttamente. La ricetta è veloce e soddisfa l esigenza di un piatto completo a base di un cereale integrale, una proteina naturale e verdure. In una pentola fate rosolare una tazza di zucca tagliata a dadini e una tazza di cavolfiore diviso a cimette con olio e qualche fogliolina di timo per un paio di minuti. Poi aggiungete l acqua necessaria e il seitan a dadini (circa 1-2 tazze). Continuate la cottura a fuoco moderato per 15 minuti. Quando le verdure saranno sufficientemente stufate, aggiungete lo shoyu e il riso integrale cotto. Mescolate bene e fate cuocere assieme per qualche minuto. Servite guarnendo con del prezzemolo tritato. La Redazione I GioveNott... del Castello di Cusago La Redazione IGioveNott sono una rassegna ideata nel 2013 dall Associazione di promozione sociale Banca del Tempo di Cusago in collaborazione con il Comune di Cusago Biblioteca e che ha ottenuto nelle diverse edizioni il patrocinio della Fondazione per Leggere. La rassegna si pone come obiettivo l apertura della Biblioteca di Cusago in orario serale (dalle 20.45) il II e il IV giovedì del mese per parlare, discutere e approfondire temi d interesse suggeriti e proposti dagli associati. Quest autunno avrà inizio la quinta edizione della rassegna che proporrà sei incontri dedicati al Castello di Cusago. Cercheremo di capire se è possibile una rinascita del maniero nel XXI secolo, alla fine di settembre, in apertura della V edizione, con nostro ospite e padrone di casa, il Sindaco di Cusago Daniela Pallazzoli in quello che sarà il 33 Giove- Nott, da quando la rassegna ha avuto inizio. Sappiamo che da circa un anno il Sindaco sta lavorando su uno dei temi più difficili del nostro territorio: la possibile rinascita del Castello. In questi anni I GioveNott hanno approfondito temi molto diversi tra loro, quali Letteratura, con la lettura della Divina Commedia, Salute, agricoltura con diverse Muse che si sono alternate. I GioveNott... del Castello di Cusago avranno come protagonista il maniero quattrocentesco e diversi relatori racconteranno i propri svolti in questi anni per la sua difesa, portando anche esperienze di valorizzazione di beni culturali simili. Direttore della rassegna è come sempre l architetto Mariàngeles Expòsito Peinado, presidente dell Associazione Banca del Tempo di Cusago. La partecipazione agli incontri sia da parte dei relatori che dal pubblico è a titolo gratuito. I primi appuntamenti in programma: 24 settembre 2015 Una rinascita possibile per il Castello di Cusago nel XXI secolo, con Daniela Pallazzoli Sindaco di Cusago. 8 ottobre 2015 Presentazione dei libro Castelli Fratelli, con Simona Borgatti.

GESU E UN DONO PER TUTTI

GESU E UN DONO PER TUTTI GESU E UN DONO PER TUTTI OGGI VIENE ANCHE DA TE LA CREAZIONE IN PRINCIPIO TUTTO ERA VUOTO E BUIO NON VI ERANO NE UOMINI NE ALBERI NE ANIMALI E NEMMENO CASE VI ERA SOLTANTO DIO NON SI VEDEVA NIENTE PERCHE

Dettagli

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013 per Bambini dai 7 ai 10 anni DIOCESI DI FOSSANO Commissione Diocesana Pastorale Ragazzi Ehi!!

Dettagli

Maschere a Venezia CAP I

Maschere a Venezia CAP I Maschere a Venezia 7 CAP I In un pomeriggio di fine marzo Altiero Ranelli, un giovane giornalista de Il Gazzettino di Venezia, entra nell ufficio del direttore. - Ho una grande notizia. - grida contento.

Dettagli

-------------------------------------------------------------------------------------------------------

------------------------------------------------------------------------------------------------------- pelle su pelle Testo tratto dalle interviste realizzate in occasione della festa del volontariato - Casalecchio di Reno 22 aprile 2013 a cura dell associazione di promozione sociale Gruppo Elettrogeno

Dettagli

Un pensiero per la nostra Maestra Grazie Maestra Carla!

Un pensiero per la nostra Maestra Grazie Maestra Carla! Un pensiero per la nostra Maestra Grazie Maestra Carla! Quarta Primaria - Istituto Santa Teresa di Gesù - Roma a.s. 2010/2011 Con tanto affetto... un grande grazie anche da me! :-) Serena Grazie Maestra

Dettagli

QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE

QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE INTRODUZIONE AL QUESTIONARIO Questo questionario viene usato per scopi scientifici. Non ci sono risposte giuste o sbagliate. Dopo aver letto attentamente

Dettagli

La forza del suo messaggio

La forza del suo messaggio 6 Testimone di vita santa Anche quest anno nelle varie sedi de La Nostra Famiglia, nelle Parrocchie ambrosiane e nelle comunità delle Piccole Apostole della Carità si è celebrata la memoria liturgica del

Dettagli

DI CORSA FINO AL MIDOLLO. 2a edizione Torino, Parco del Valentino 13 settembre 2015

DI CORSA FINO AL MIDOLLO. 2a edizione Torino, Parco del Valentino 13 settembre 2015 DI CORSA FINO AL MIDOLLO 2a edizione Torino, Parco del Valentino 13 settembre 2015 Di corsa fino al Midollo è una corsa non competitiva organizzata da ADMO Peperoncino Running in collaborazione con ADMO

Dettagli

Obbiettivo: accompagnare i bambini verso la comprensione del senso del peccato.

Obbiettivo: accompagnare i bambini verso la comprensione del senso del peccato. Traccia Obbiettivo: accompagnare i bambini verso la comprensione del senso del peccato. Per la preghiera: impariamo il canto per la celebrazione del perdono recitiamo insieme il Confesso e l Atto di dolore

Dettagli

Mediterranea INTRODUZIONE

Mediterranea INTRODUZIONE 7 INTRODUZIONE guerrieri Palermo, anno 1076. Dopo che - per più di duecento anni - gli arabi erano stati i padroni della Sicilia, a quel tempo nell isola governavano i normanni, popolo d i guerrieri venuti

Dettagli

Test di ascolto Numero delle prove 3

Test di ascolto Numero delle prove 3 Test di ascolto Numero delle prove 3 Ascolto Prova n. 1 Ascolta il testo. Completa il testo e scrivi le parole che mancano. Alla fine del test di ascolto, DEVI SCRIVERE LE RISPOSTE NEL FOGLIO DELLE RISPOSTE.

Dettagli

Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript

Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript 2013 H I G H E R S C H O O L C E R T I F I C A T E E X A M I N A T I O N Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript Familiarisation Text SILVIO: FLAVIA: SILVIO: FLAVIA: SILVIO:

Dettagli

OMELIA MESSA DEL GIORNO DI NATALE 2006

OMELIA MESSA DEL GIORNO DI NATALE 2006 OMELIA MESSA DEL GIORNO DI NATALE 2006 I. Vieni Signore Gesù!. Così la chiesa ha ripetuto spesso nella preghiera di Avvento. Così la chiesa, le nostre comunità, ciascuno di noi ha predisposto il cuore

Dettagli

- 1 reference coded [3,14% Coverage]

<Documents\bo_min_11_M_16_ita_stu> - 1 reference coded [3,14% Coverage] - 1 reference coded [3,14% Coverage] Reference 1-3,14% Coverage quindi ti informi sulle cose che ti interessano? sì, sui blog dei miei amici ah, i tuoi amici hanno dei

Dettagli

E quindi un emorragia di cervelli

E quindi un emorragia di cervelli Intervistato: Angelo Colaiacovo, Sindaco di Aliano Soggetto: prospettive per i giovani, Parco Letterario Carlo Levi, vivibilità di Aliano Luogo e data dell intervista: Aliano, agosto 2007 Audio file: Colaiacovo_2

Dettagli

INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile

INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile INNOCENTI EVASIONI Il lavoro minorile Novembre 2011 Nel primo incontro di questo giornalino ognuno di noi ha proposto la sua definizione di lavoro minorile e ha raccontato la sua esperienza. personale.

Dettagli

..conoscere il Servizio Volontario Europeo

..conoscere il Servizio Volontario Europeo ..conoscere il Servizio Volontario Europeo 1. LʼEDITORIALE 1. LʼEDITORIALE Cari amici, il tempo dell estate è un tempo che chiede necessariamente voglia di leggerezza. Proprio di questa abbiamo bisogno

Dettagli

(Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.)

(Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.) 23 febbraio 2014 penultima dopo l Epifania h. 18.00-11.30 (Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.) Celebriamo la Messa vigiliare

Dettagli

belotti1.indd 1 10/06/11 15:35

belotti1.indd 1 10/06/11 15:35 belotti1.indd 1 10/06/11 15:35 CLAUDIO BELOTTI LA VITA COME TU LA VUOI La belotti1.indd vita come tu 2 la vuoi_testo intero.indd 3 23/05/11 10/06/11 14.02 15:35 la vita come tu la vuoi Proprietà Letteraria

Dettagli

NEMO (NEuroMuscular Omnicentre)

NEMO (NEuroMuscular Omnicentre) NEMO (NEuroMuscular Omnicentre) A MULTI-SPECIALTY CLINICAL CENTRE FOR NEUROMUSCULAR DISEASES Dott.ssa Gabriella Rossi Psicologa Milano, 28/10/2011 Fortemente voluto da UILDM e AISLA, per contrastare il

Dettagli

HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION. Italian Beginners. (Section I Listening) Transcript

HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION. Italian Beginners. (Section I Listening) Transcript 2014 HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION Italian Beginners (Section I Listening) Transcript Familiarisation Text MALE: FEMALE: MALE: FEMALE: Ciao Roberta! Da quanto tempo che non ci vediamo Dove vai?

Dettagli

Preghiere a Maria. - Santa Madre aiuta il mio compagno a trovarmi lavoro, proteggilo.

Preghiere a Maria. - Santa Madre aiuta il mio compagno a trovarmi lavoro, proteggilo. Preghiere a Maria - Santa Madre aiuta il mio compagno a trovarmi lavoro, proteggilo. - Santa Maria intercedi per noi, tu sai grazie! Cuore immacolato di Maria rifugio delle anime. - Cara Mamma aiutami

Dettagli

BOMBONIERE SOLIDALI DI FATA Nella gioia uno sguardo agli altri

BOMBONIERE SOLIDALI DI FATA Nella gioia uno sguardo agli altri BOMBONIERE SOLIDALI DI FATA Nella gioia uno sguardo agli altri FATA ONLUS nasce nel 1999 a Cesano Boscone (MI) da un gruppo di famiglie che hanno fatto della loro esperienza diretta in tema di affido una

Dettagli

a favore Un testamento dei poveri

a favore Un testamento dei poveri a favore Un testamento dei poveri Un segno concreto per tutti i poveri Un testamento, perché? Un testamento sono le ultime parole, quelle decisive di una vita, quelle che fanno la differenza, quelle che

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA ALTINO

SCUOLA PRIMARIA ALTINO SCUOLA PRIMARIA ALTINO PROGETTO CONTINUITA : MANGIA SANO E VAI LONTANO Incontro con i bambini di 5 anni delle scuole dell infanzia di Altino Durante gli incontri di continuità con la Scuola dell Infanzia

Dettagli

PROGETTI PER IL FUTURO

PROGETTI PER IL FUTURO PROGETTI PER IL FUTURO 77 LA NOSTRA ANTOLOGIA La mia vita la vivo io Oggi mi sento integrato molto bene qui perché ho perso le paure che avevo, ho cambiato molti pensieri: adesso non ho più paura di quello

Dettagli

I SEGRETI DEL LAVORO PIU RICHIESTO NEGLI ANNI DELLA CRISI

I SEGRETI DEL LAVORO PIU RICHIESTO NEGLI ANNI DELLA CRISI SPECIAL REPORT I SEGRETI DEL LAVORO PIU RICHIESTO NEGLI ANNI DELLA CRISI Come assicurarti soldi e posto di lavoro nel bel mezzo della crisi economica. www.advisortelefonica.it Complimenti! Se stai leggendo

Dettagli

Questa è la nostra vita un figlio a tutti i costi.

Questa è la nostra vita un figlio a tutti i costi. Questa è la nostra vita un figlio a tutti i costi. Una sera, dopo aver messo a letto mio figlio, stanca dopo una giornata molto impegnata, ho deciso di andare a letto presto, ma non riuscivo ad addormentarmi,

Dettagli

IL GRILLO PARLANTE. www.inmigrazione.it. Laboratorio sul Consiglio: dalle vicende del burattino di legno ai grandi temi personali.

IL GRILLO PARLANTE. www.inmigrazione.it. Laboratorio sul Consiglio: dalle vicende del burattino di legno ai grandi temi personali. IL GRILLO PARLANTE Laboratorio sul Consiglio: dalle vicende del burattino di legno ai grandi temi personali. www.inmigrazione.it collana lingua italiana l2 Pinocchio e il grillo parlante Pinocchio è una

Dettagli

cercare casa unità 8: una casa nuova lezione 15: 2. Lavora con un compagno. Secondo voi, quale casa va bene per i Carli? Perché?

cercare casa unità 8: una casa nuova lezione 15: 2. Lavora con un compagno. Secondo voi, quale casa va bene per i Carli? Perché? unità 8: una casa nuova lezione 15: cercare casa 2. Lavora con un compagno. Secondo voi, quale casa va bene per i Carli? Perché? palazzo attico 1. Guarda la fotografia e leggi la descrizione. Questa è

Dettagli

Parrocchia San Paolo Apostolo Crotone

Parrocchia San Paolo Apostolo Crotone Parrocchia San Paolo Apostolo Crotone 1 ANNO CATECHISMO 2014-2015 Alla Scoperta di Gesù SUSSIDIO SCHEDE RISCOPERTA DEL BATTESIMO 1 NOME COGNOME Le mie catechiste NOME COGNOME Telefono NOME COGNOME Telefono

Dettagli

DIOCESI DI RIETI Ufficio per la Pastorale della Salute IL DIRETTORE

DIOCESI DI RIETI Ufficio per la Pastorale della Salute IL DIRETTORE Grazie a voi ragazzi, ai vostri Professori, ai vostri Presidi che vi hanno dato il permesso di partecipare al nostro incontro. Il nostro incontro formativo di oggi ha un titolo particolare: Facebook: Dalla

Dettagli

La redazione giornalistica di Oggimedia ha l'incredibile onore e sorpresa di poter intervistare Anna Frank.

La redazione giornalistica di Oggimedia ha l'incredibile onore e sorpresa di poter intervistare Anna Frank. Anna Frank era una ragazza ebrea-tedesca, oggi divenuto simbolo dell'olocausto, ovvero dello sterminio degli Ebrei per mano della Germania nazista e dai suoi alleati ai tempi della seconda guerra mondiale.

Dettagli

RIUNIONE DI SEZIONE DEL 22/24/25/26 NOVEMBRE 2010 SCUOLA DELL INFANZIA Sacra Famiglia

RIUNIONE DI SEZIONE DEL 22/24/25/26 NOVEMBRE 2010 SCUOLA DELL INFANZIA Sacra Famiglia RIUNIONE DI SEZIONE DEL 22/24/25/26 NOVEMBRE 2010 SCUOLA DELL INFANZIA Sacra Famiglia Programmazione educativo-didattica anno scol. 2010/2011 Finalità generale della proposta educativa: Promuovere lo sviluppo:

Dettagli

HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION. Italian Beginners. ( Section I Listening) Transcript

HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION. Italian Beginners. ( Section I Listening) Transcript 2015 HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION Italian Beginners ( Section I Listening) Transcript Familiarisation Text Ciao Roberta! Da quanto tempo che non ci vediamo Dove vai? Ehh Francesco! Sono stata

Dettagli

Modulo 1 Unità 1. Santa Teresa Civitavecchia Roma Olbia. Q1. Completa le frasi con le parole della lista.

Modulo 1 Unità 1. Santa Teresa Civitavecchia Roma Olbia. Q1. Completa le frasi con le parole della lista. Andare a gonfie vele Q1. Completa le frasi con le parole della lista. Roma vele Islanda Olbia vacanza quarantenne Sardegna Sicilia In traghetto Fabio è stato in con la famiglia a Santa Teresa, che si trova

Dettagli

Sindaco BERGAGNA Stefano Passiamo al successivo punto all ordine del. giorno. Cedo un attimo la presidenza al Vice Sindaco perché devo un

Sindaco BERGAGNA Stefano Passiamo al successivo punto all ordine del. giorno. Cedo un attimo la presidenza al Vice Sindaco perché devo un 1 Sindaco BERGAGNA Stefano Passiamo al successivo punto all ordine del giorno. Cedo un attimo la presidenza al Vice Sindaco perché devo un attimo assentarmi, ma è una questione di cinque minuti. Devo uscire,

Dettagli

NOTIZIE DALL INTERNO

NOTIZIE DALL INTERNO Istituto Comprensivo Cantù2 Scuola Primaria di Fecchio Anno 7. Numero 3 Giugno 2012 SCUOLA IN...FORMA Pag. 2 NOTIZIE DALL INTERNO (CURIOSANDO NELLA SCUOLA) A CURA DI ALICE, TABATA, MATTEO CAMESASCA (QUINTA)

Dettagli

Livello CILS A1 Modulo adolescenti

Livello CILS A1 Modulo adolescenti Livello CILS A1 Modulo adolescenti MAGGIO 2012 Test di ascolto numero delle prove 3 Ascolto Prova n. 1 Ascolta il testo. Completa il testo e scrivi le parole che mancano. Alla fine del test di ascolto,

Dettagli

Tre minuti per Dio SHALOM

Tre minuti per Dio SHALOM Tre minuti per Dio SHALOM Tre minuti per Dio SHALOM Editrice Shalom - 22.05.2005 Santissima Trinità Libreria Editrice Vaticana (testi Sommi Pontefici), per gentile concessione Fondazione di Religione Santi

Dettagli

apre lavora parti parla chiude prende torno vive

apre lavora parti parla chiude prende torno vive 1. Completa con la desinenza della 1 a (io) e della 2 a (tu) persona singolare dei verbi. 1. - Cosa guard...? - Guardo un film di Fellini. 2. - Dove abiti? - Abit... a Milano. 3. - Cosa ascolt...? - Ascolto

Dettagli

La poesia per mia madre

La poesia per mia madre La poesia per mia madre Oggi scrivo una poesia per la mamma mia. Lei ha gli occhi scintillanti come dei diamanti i capelli un po chiari e un po scuri il corpo robusto come quello di un fusto le gambe snelle

Dettagli

Scuola Secondaria di I grado di Lavagno Istituto Comprensivo don Lorenzo Milani LAVAGNO - VR

Scuola Secondaria di I grado di Lavagno Istituto Comprensivo don Lorenzo Milani LAVAGNO - VR Scuola Secondaria di I grado di Lavagno Istituto Comprensivo don Lorenzo Milani LAVAGNO - VR PERSONE DA AIUTARE Ci sono persone che piangono dal dolore, li potremmo aiutare, donando pace e amore. Immagina

Dettagli

Paolo DÊAmbrosio. La finestra sul mare. una storia del Sud

Paolo DÊAmbrosio. La finestra sul mare. una storia del Sud Paolo DÊAmbrosio La finestra sul mare una storia del Sud Paolo D Ambrosio La finestra sul mare Proprietà letteraria riservata 2011 Paolo D Ambrosio Kion Editrice, Terni Prima edizione luglio 2011 ISBN

Dettagli

Dopo aver riflettuto e discusso sulla vita dei bambini che lavoravano, leggi questo brano:

Dopo aver riflettuto e discusso sulla vita dei bambini che lavoravano, leggi questo brano: Imparare a "guardare" le immagini, andando al di là delle impressioni estetiche, consente non solo di conoscere chi eravamo, ma anche di operare riflessioni e confronti con la vita attuale. Abitua inoltre

Dettagli

Test di ascolto Numero delle prove 3

Test di ascolto Numero delle prove 3 Test di ascolto Numero delle prove 3 Ascolto Prova n. 1 Ascolta il testo. Completa il testo e scrivi le parole che mancano. Alla fine del test di ascolto, DEVI SCRIVERE LE RISPOSTE NEL FOGLIO DELLE RISPOSTE.

Dettagli

UNA VITA PER LE RAGAZZE MADRI Intervista a Carolina Caspary, responsabile dell Hogar San Francisco a Posadas

UNA VITA PER LE RAGAZZE MADRI Intervista a Carolina Caspary, responsabile dell Hogar San Francisco a Posadas UNA VITA PER LE RAGAZZE MADRI Intervista a Carolina Caspary, responsabile dell Hogar San Francisco a Posadas Carolina Caspary è l assistente sociale argentina responsabile del Centro di accoglienza per

Dettagli

Sperimentazione tratta dalla tesi di Gaia Olivero dal titolo:

Sperimentazione tratta dalla tesi di Gaia Olivero dal titolo: Sperimentazione tratta dalla tesi di Gaia Olivero dal titolo: ACCESSO AI CODICI MATEMATICI NELLA SCUOLA DELL INFANZIA ATTRAVERSO UNA DIDATTICA INCLUSIVA CENTRATA SUCAMPI DI ESPERIENZA E GIOCO. Anno accademico

Dettagli

VERIFICA DI GRAMMATICA La frase: IL SOGGETTO

VERIFICA DI GRAMMATICA La frase: IL SOGGETTO La frase: IL SOGGETTO Leggi le seguenti frasi e sottolinea il soggetto: 1. Marco va a trovare la nonna. 2. Il cane ha morso il postino. 3. E caduta la bottiglia del latte. 4. Sono solito fare i compiti

Dettagli

ITALIANO: corso multimediale d'italiano Per stranieri. Percorso

ITALIANO: corso multimediale d'italiano Per stranieri. Percorso unità 7 - quattro chiacchiere con gli amici lezione 13: un tè in compagnia 64-66 lezione 14: al telefono 67-69 vita italiana 70 approfondimenti 71 unità 8 - una casa nuova lezione 15: cercare casa 72-74

Dettagli

associazione per il bambino in ospedale Amico ABIO

associazione per il bambino in ospedale Amico ABIO associazione per il bambino in ospedale numero 34 maggio 2015 Amico ABIO UDINE Periodico quadrimestrale di informazione di ABIO Udine Onlus Direttore Responsabile: Paola Del Degan Redazione: Paola Caselli,

Dettagli

"Fratello Lupo" Lettere dal carcere a cura di Fra Beppe Prioli

Fratello Lupo Lettere dal carcere a cura di Fra Beppe Prioli Fratello Lupo - 2003 n.2 "Fratello Lupo" Lettere dal carcere a cura di Fra Beppe Prioli Caro Fra Beppe, ti ringrazio della lettera che mi hai scritto, e come vedi ti do mie notizie. Io qui sto lavorando

Dettagli

cfr. Resilienza Il Pozzo dei Desideri scritto da Gabriella Ferraro Bologna, edito dalla biblioteca di VIVARIUM

cfr. Resilienza Il Pozzo dei Desideri scritto da Gabriella Ferraro Bologna, edito dalla biblioteca di VIVARIUM Associazione FA.T.A. Onlus FA.T.A. FAmiglie Temporanea Accoglienza (www.fataonlus.org) ospita e sostiene bambini e adolescenti che il Tribunale dei Minori allontana dalla famiglia per disagio. L Associazione

Dettagli

ΥΠΟΥΡΓΕΙΟ ΠΑΙΔΕΙΑΣ ΚΑΙ ΠΟΛΙΤΙΣΜΟΥ ΔΙΕΥΘΥΝΣΗ ΑΝΩΤΕΡΗΣ ΚΑΙ ΑΝΩΤΑΤΗΣ ΕΚΠΑΙΔΕΥΣΗΣ ΥΠΗΡΕΣΙΑ ΕΞΕΤΑΣΕΩΝ ΠΑΓΚΥΠΡΙΕΣ ΕΞΕΤΑΣΕΙΣ 2008

ΥΠΟΥΡΓΕΙΟ ΠΑΙΔΕΙΑΣ ΚΑΙ ΠΟΛΙΤΙΣΜΟΥ ΔΙΕΥΘΥΝΣΗ ΑΝΩΤΕΡΗΣ ΚΑΙ ΑΝΩΤΑΤΗΣ ΕΚΠΑΙΔΕΥΣΗΣ ΥΠΗΡΕΣΙΑ ΕΞΕΤΑΣΕΩΝ ΠΑΓΚΥΠΡΙΕΣ ΕΞΕΤΑΣΕΙΣ 2008 ΥΠΟΥΡΓΕΙΟ ΠΑΙΔΕΙΑΣ ΚΑΙ ΠΟΛΙΤΙΣΜΟΥ ΔΙΕΥΘΥΝΣΗ ΑΝΩΤΕΡΗΣ ΚΑΙ ΑΝΩΤΑΤΗΣ ΕΚΠΑΙΔΕΥΣΗΣ ΥΠΗΡΕΣΙΑ ΕΞΕΤΑΣΕΩΝ ΠΑΓΚΥΠΡΙΕΣ ΕΞΕΤΑΣΕΙΣ 2008 Μάθημα: Ιταλικά Ημερομηνία και ώρα εξέτασης: Σάββατο, 14 Ιουνίου 2008 11:00 13:30

Dettagli

Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013

Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013 Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013 Obiettivi: - informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara - dare alcune indicazioni pratiche - suggerire alcuni

Dettagli

Sin da quando sono molto piccoli, i bambini sperimentano il mondo attraverso le

Sin da quando sono molto piccoli, i bambini sperimentano il mondo attraverso le Indice Introduzione 7 Miagolina si presenta 11 Quella volta che Miagolina è caduta nel buco della vasca 24 Quando è nato Spigolo 44 Miagolina e le parole storte 56 Spigolo va all asilo 75 Miagolina si

Dettagli

La parola ROSARIO deriva dalla lingua latina e significa GIARDINO DI ROSE o MAZZO DI ROSE. Quando noi recitiamo il Rosario, rivolgiamo a Maria, la

La parola ROSARIO deriva dalla lingua latina e significa GIARDINO DI ROSE o MAZZO DI ROSE. Quando noi recitiamo il Rosario, rivolgiamo a Maria, la La parola ROSARIO deriva dalla lingua latina e significa GIARDINO DI ROSE o MAZZO DI ROSE. Quando noi recitiamo il Rosario, rivolgiamo a Maria, la mamma di Gesù, tante preghiere; ogni preghiera ricorda

Dettagli

Livello CILS A1. Test di ascolto

Livello CILS A1. Test di ascolto Livello CILS A1 GIUGNO 2012 Test di ascolto numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi. Poi completa le frasi. Scegli una delle tre proposte di completamento. Alla fine del test di ascolto,

Dettagli

CATEGORIA: POESIA. BERTOLLO GIORGIA Classe 2^A Scuola Media N. Dalle Laste Marostica. Social day 5 aprile 2014

CATEGORIA: POESIA. BERTOLLO GIORGIA Classe 2^A Scuola Media N. Dalle Laste Marostica. Social day 5 aprile 2014 CATEGORIA: POESIA BERTOLLO GIORGIA Classe 2^A Scuola Media N. Dalle Laste Marostica Social day 5 aprile 2014 Saluta il pony e l' asinello prendi la forca ed il rastrello corri a lavorare, è ora di guadagnare!!

Dettagli

Test di ascolto Numero delle prove 3

Test di ascolto Numero delle prove 3 Test di ascolto Numero delle prove 3 Ascolto Prova n. 1 Dettato. DEVI SCRIVERE IL TESTO NEL FOGLIO DELL ASCOLTO PROVA N.1 - DETTATO. 2 Ascolto Prova n. 2 Ascolta il testo: è un dialogo tra due ragazzi

Dettagli

ΤΠΟΤΡΓΔΙΟ ΠΑΙΓΔΙΑ ΚΑΙ ΠΟΛΙΣΙΜΟΤ ΓΙΔΤΘΤΝΗ ΜΔΗ ΔΚΠΑΙΓΔΤΗ ΚΡΑΣΙΚΑ ΙΝΣΙΣΟΤΣΑ ΔΠΙΜΟΡΦΩΗ ΣΕΛΙΚΕ ΕΝΙΑΙΕ ΓΡΑΠΣΕ ΕΞΕΣΑΕΙ ΥΟΛΙΚΗ ΥΡΟΝΙΑ 2010-2011

ΤΠΟΤΡΓΔΙΟ ΠΑΙΓΔΙΑ ΚΑΙ ΠΟΛΙΣΙΜΟΤ ΓΙΔΤΘΤΝΗ ΜΔΗ ΔΚΠΑΙΓΔΤΗ ΚΡΑΣΙΚΑ ΙΝΣΙΣΟΤΣΑ ΔΠΙΜΟΡΦΩΗ ΣΕΛΙΚΕ ΕΝΙΑΙΕ ΓΡΑΠΣΕ ΕΞΕΣΑΕΙ ΥΟΛΙΚΗ ΥΡΟΝΙΑ 2010-2011 ΤΠΟΤΡΓΔΙΟ ΠΑΙΓΔΙΑ ΚΑΙ ΠΟΛΙΣΙΜΟΤ ΓΙΔΤΘΤΝΗ ΜΔΗ ΔΚΠΑΙΓΔΤΗ ΚΡΑΣΙΚΑ ΙΝΣΙΣΟΤΣΑ ΔΠΙΜΟΡΦΩΗ ΣΕΛΙΚΕ ΕΝΙΑΙΕ ΓΡΑΠΣΕ ΕΞΕΣΑΕΙ ΥΟΛΙΚΗ ΥΡΟΝΙΑ 2010-2011 Μάθημα: Ιταλικά Δπίπεδο: 2 Γιάρκεια: 2 ώρες Ημερομηνία: 23 Μαΐοσ

Dettagli

dalla Messa alla vita

dalla Messa alla vita dalla Messa alla vita 12 RITI DI INTRODUZIONE 8 IL SIGNORE CI INVITA ALLA SUA MENSA. Dio non si stanca mai di invitarci a far festa con Lui, e gli ospiti non si fanno aspettare, arrivano puntuali. Entriamo,

Dettagli

Carissimi bambini, siamo ormai vicinissimi alle vacanze estive e questo numero lo vogliamo dedicare a Gesù e al suo dolcissimo Cuore.

Carissimi bambini, siamo ormai vicinissimi alle vacanze estive e questo numero lo vogliamo dedicare a Gesù e al suo dolcissimo Cuore. ... stanno arrivando... cosa????... le vacanze!!! Inserto N. 2 2008 Carissimi bambini, siamo ormai vicinissimi alle vacanze estive e questo numero lo vogliamo dedicare a Gesù e al suo dolcissimo Cuore.

Dettagli

Il processo di partecipazione si articola in 4 momenti

Il processo di partecipazione si articola in 4 momenti Questa che andrete a leggere è una simulazione di un bellissimo progetto realizzato a Canegrate, 12000 abitanti, nel milanese. Abbiamo sostituito date, nomi, cifre e progetti per renderlo aderente alla

Dettagli

Gesù è sempre con noi, non ci abbandonerà mai e porterà sempre gioia a tutti. Racconta come un personaggio del presepe presenterebbe il nostro lavoro

Gesù è sempre con noi, non ci abbandonerà mai e porterà sempre gioia a tutti. Racconta come un personaggio del presepe presenterebbe il nostro lavoro PRESEPE Racconta come un personaggio del presepe presenterebbe il nostro lavoro Buongiorno, io sono il fiume Giordano, un fiume molto importante perché nelle mie acque è stato battezzato Gesù. Vi racconterò

Dettagli

Istituto Maria Consolatrice

Istituto Maria Consolatrice ISTITUTO PARITARIO MARIA CONSOLATRICE Via Melchiorre Gioia, 51 20 124 MILANO Tel. 02/66.98.16.48 - Fax 02/66.98.43.64 - Cod.Fiscale: 01798650154 e-mail:direzioneprimaria@ismc.it sito internet: www.consolatricemilano.it

Dettagli

Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA.

Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA. Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA. Di tutto quello che anche quest anno abbiamo cercato di fare, dei bambini della scuola dell Infanzia che continuano a giocare

Dettagli

Esercizi pronomi indiretti

Esercizi pronomi indiretti Esercizi pronomi indiretti 1. Completate il dialogo con i pronomi dati: Bella la parita ieri, eh? Ma quale partita! Ho litigato con mia moglie e... alla fine non l ho vista! Ma che cosa ha fatto? Niente...

Dettagli

Maria ha mandato una lettera a sua madre.

Maria ha mandato una lettera a sua madre. GRAMMATICA LE PREPOSIZIONI Osservate: Carlo ha regalato un mazzo di fiori a Maria per il suo compleanno. Vivo a Roma. La lezione inizia alle 9:00. Sono ritornata a casa alle 22:00. Ho comprato una macchina

Dettagli

*** SASHA per SEMPRE ***

*** SASHA per SEMPRE *** *** SASHA per SEMPRE *** Siamo una coppia di portoghesi che abita in Italia da più di 10 anni. Abbiamo un figlio piccolo e nel 2010 abbiamo deciso di avventurarci in un progetto di solidarietà e di Amore:

Dettagli

ENGLISH FRANCAIS ITALIANO

ENGLISH FRANCAIS ITALIANO ENGLISH FRANCAIS ITALIANO 1 ITALIAN L idea L idea nasce in seno al segretariato del Consiglio delle Conferenze Episcopali d Europa (CCEE). All indomani dell elezione di Papa Francesco, del Papa venuto

Dettagli

Sono stato crocifisso!

Sono stato crocifisso! 12 febbraio 2012 penultima dopo l epifania ore 11.30 con i fidanzati Sono stato crocifisso! Sia lodato Gesù Cristo! Paolo, Paolo apostolo nelle sue lettere racconta la sua storia, la storia delle sue comunità

Dettagli

1 Consiglio. Esercizi 1 1

1 Consiglio. Esercizi 1 1 1 Consiglio Prima di andare a dormire scrivi cinque parole italiane che ti interessano. La mattina dopo, prima di alzarti, cerca di ricordarti le parole scritte la sera prima. 1 Animali Fai il cruciverba.

Dettagli

Oleggio, 11/5/2014 OMELIA. Lode! Lode! Lode! Amen! Alleluia! Gloria al Signore, sempre!

Oleggio, 11/5/2014 OMELIA. Lode! Lode! Lode! Amen! Alleluia! Gloria al Signore, sempre! 1 Oleggio, 11/5/2014 IV DOMENICA DI PASQUA - ANNO A Letture: Atti 2, 14.36-41 Salmo 23 (22) 1 Pietro 2, 20-25 Vangelo: Giovanni 10, 1-10 Il Pastore Bello NEL NOME DEL PADRE, DEL FIGLIO E DELLO SPIRITO

Dettagli

BENESSERE SUL LAVORO E QUALITA DELLE RELAZIONI Intervista a Christian Boiron. Di Enrico Cheli

BENESSERE SUL LAVORO E QUALITA DELLE RELAZIONI Intervista a Christian Boiron. Di Enrico Cheli BENESSERE SUL LAVORO E QUALITA DELLE RELAZIONI Intervista a Christian Boiron Di Enrico Cheli Cheli: Dott. Boiron, lei è presidente del gruppo Boiron, leader mondiale nel campo dell omeopatia, e da anni

Dettagli

FAMIGLIA ED EDUCAZIONE

FAMIGLIA ED EDUCAZIONE FAMIGLIA ED EDUCAZIONE Card. Carlo Caffarra Cari genitori, ho desiderato profondamente questo incontro con voi, il mio primo incontro con un gruppo di genitori nel mio servizio pastorale a Bologna. Sono

Dettagli

CLASSI QUARTE A e D S. Aleramo SPICCHIO

CLASSI QUARTE A e D S. Aleramo SPICCHIO CLASSI QUARTE A e D S. Aleramo SPICCHIO CLASSE QUARTA B G.Galilei VINCI INSEGNANTI: Melani Cinzia, Parri Donatella, Voli Monica, Anno Scolastico 2011-2012 COMPETENZE INTERESSATE: Raccogliere, organizzare

Dettagli

Scopri con noi cosa abbiamo in Comune

Scopri con noi cosa abbiamo in Comune Scopri con noi cosa abbiamo in Comune Piccoli cittadini crescono Lidia Tonelli, Scuola Primaria Calvisano INPUT: L Assessorato alla Pubblica Istruzione propone alle classi quinte un percorso di educazione

Dettagli

1. Scrivere ad amici e parenti

1. Scrivere ad amici e parenti 1. Scrivere ad amici e parenti In questo capitolo ci concentreremo sulle lettere per le persone che conosciamo. Normalmente si tratta di lettere i cui argomenti sono piuttosto vari, in quanto i nostri

Dettagli

POESIE SULLA FAMIGLIA

POESIE SULLA FAMIGLIA I S T I T U T O S. T E R E S A D I G E S Ù Scuola Primaria POESIE SULLA FAMIGLIA A CURA DEI BAMBINI DELLA QUARTA PRIMARIA a.s. 2010/2011 via Ardea, 16-00183 Roma www.stjroma.it La gratitudine va a mamma

Dettagli

Apocalittico. 1 Metapontino: la zona pianeggiante della Basilicata che si affaccia sul Mar Ionio

Apocalittico. 1 Metapontino: la zona pianeggiante della Basilicata che si affaccia sul Mar Ionio Intervistato: Angelo Cotugno, Segretario Generale della CGIL della Provincia di Matera Soggetto: Matera (sviluppo urbanistico, condizioni di vita fino agli anni 50, sua storia personale di vita nei Sassi,

Dettagli

AUGURI MAMME! FESTA DELLA MAMMA 2011 CLASSE 4C DE FILIPPO. La mia mamma

AUGURI MAMME! FESTA DELLA MAMMA 2011 CLASSE 4C DE FILIPPO. La mia mamma AUGURI MAMME! FESTA DELLA MAMMA 2011 CLASSE 4C DE FILIPPO La mia mamma La mia mamma con la giacca in mano, sempre pronta a portarmi ovunque sia, con gli occhioni color terra. Io la guardo e penso a tante

Dettagli

«Vado e tornerò da voi.»

«Vado e tornerò da voi.» sito internet: www.chiesasanbenedetto.it e-mail: info@chiesasanbenedetto.it 5 maggio 2013 Liturgia delle ore della Seconda Settimana Sesta Domenica di Pasqua/c Giornata di sensibilizzazione per l 8xmille

Dettagli

SETTIMA LEZIONE LUCIA NON LO SA

SETTIMA LEZIONE LUCIA NON LO SA SETTIMA LEZIONE LUCIA NON LO SA SETTIMA LEZIONE 72 Lucia non lo sa Claudia Claudia Come? Avete fatto conoscenza in ascensore? Non ti credo. Eppure devi credermi, perché è la verità. E quando? Un ora fa.

Dettagli

CAP I. Note. Parte prima KATE

CAP I. Note. Parte prima KATE 7 Parte prima KATE CAP I - Mi chiamo Kate Maxwell. Nell ufficio dell investigatore Antonio Esposito sono le nove e mezza di una fredda mattina d ottobre. La donna è venuta senza appuntamento. Ha circa

Dettagli

1. Completa le frasi con l imperfetto e il passato prossimo dei verbi tra parentesi.

1. Completa le frasi con l imperfetto e il passato prossimo dei verbi tra parentesi. Nome studente Data TEST DI AMMISSIONE AL LIVELLO B1.1 (Medio 1) 1. Completa le frasi con l imperfetto e il passato prossimo dei verbi tra parentesi. Es. Ieri sera non ti (noi-chiamare) abbiamo chiamato

Dettagli

Maurizio Albanese DONARE È AMARE!

Maurizio Albanese DONARE È AMARE! Donare è amare! Maurizio Albanese DONARE È AMARE! raccolta di poesie www.booksprintedizioni.it Copyright 2013 Maurizio Albanese Tutti i diritti riservati Ai miei genitori Santo e Maria L associazione Angeli

Dettagli

Non mi resta che augurarvi buona lettura, sperando di aiutarvi a diventare tanti Papà Ricchi! 1. IL RICCO NON LAVORA PER DENARO

Non mi resta che augurarvi buona lettura, sperando di aiutarvi a diventare tanti Papà Ricchi! 1. IL RICCO NON LAVORA PER DENARO Credo che nella vita sia capitato a tutti di pensare a come gestire al meglio i propri guadagni cercando di pianificare entrate ed uscite per capire se, tolti i soldi per vivere, ne rimanessero abbastanza

Dettagli

ΥΠΟΥΡΓΕΙΟ ΠΑΙΔΕΙΑΣ ΚΑΙ ΠΟΛΙΤΙΣΜΟΥ ΔΙΕΥΘΥΝΣΗ ΜΕΣΗΣ ΕΚΠΑΙΔΕΥΣΗΣ ΚΡΑΤΙΚΑ ΙΝΣΤΙΤΟΥΤΑ ΕΠΙΜΟΡΦΩΣΗΣ

ΥΠΟΥΡΓΕΙΟ ΠΑΙΔΕΙΑΣ ΚΑΙ ΠΟΛΙΤΙΣΜΟΥ ΔΙΕΥΘΥΝΣΗ ΜΕΣΗΣ ΕΚΠΑΙΔΕΥΣΗΣ ΚΡΑΤΙΚΑ ΙΝΣΤΙΤΟΥΤΑ ΕΠΙΜΟΡΦΩΣΗΣ ΥΠΟΥΡΓΕΙΟ ΠΑΙΔΕΙΑΣ ΚΑΙ ΠΟΛΙΤΙΣΜΟΥ ΔΙΕΥΘΥΝΣΗ ΜΕΣΗΣ ΕΚΠΑΙΔΕΥΣΗΣ ΚΡΑΤΙΚΑ ΙΝΣΤΙΤΟΥΤΑ ΕΠΙΜΟΡΦΩΣΗΣ ΤΕΛΙΚΕΣ ΕΝΙΑΙΕΣ ΓΡΑΠΤΕΣ ΕΞΕΤΑΣΕΙΣ ΣΧΟΛΙΚΗ ΧΡΟΝΙΑ: 2008-2009 Μάθημα: Ιταλικά Επίπεδο: 3 Διάρκεια : 2 ώρες Ημερομηνία:

Dettagli

Io sono dono di Dio. Progetto educativo Di Religione Cattolica. Servizio Educativo San Michele Arcangelo Villanova del Ghebbo

Io sono dono di Dio. Progetto educativo Di Religione Cattolica. Servizio Educativo San Michele Arcangelo Villanova del Ghebbo Io sono dono di Dio Progetto educativo Di Religione Cattolica Servizio Educativo San Michele Arcangelo Villanova del Ghebbo Anno scolastico 2014 2015 PREMESSA L insegnamento della Religione Cattolica nella

Dettagli

LUCIA GIONFRIDDO, UNA METEORA

LUCIA GIONFRIDDO, UNA METEORA LUCIA GIONFRIDDO, UNA METEORA C è una giovane speranza dell Università di Catania, Lucia Gionfriddo. C era, anzi. Perché un male incurabile l ha trascinata via in una manciata di giorni. Pensa. Era un

Dettagli

8. Credi che le materie scolastiche che ti vengono insegnate ti preparino per questo lavoro? No.

8. Credi che le materie scolastiche che ti vengono insegnate ti preparino per questo lavoro? No. Intervista 1 Studente 1 Nome: Dimitri Età: 17 anni (classe III Liceo) Luogo di residenza: città (Patrasso) 1. Quali fattori ti hanno convinto ad abbandonare la scuola? Io volevo andare a lavorare ed essere

Dettagli

Briciola e la pulce: recensioni V B scuola Quasimodo

Briciola e la pulce: recensioni V B scuola Quasimodo Briciola e la pulce: recensioni V B scuola Quasimodo Apro gli occhi e mi accorgo si essere sdraiata su un letto. [ ] La prima cosa che mi viene in mente di chiedere è come mi chiamo e quanti anni ho. È

Dettagli

Una Tecnica semplice ed efficace per ritrovare l equilibrio interiore ed eliminare tensioni e stress quotidiani...

Una Tecnica semplice ed efficace per ritrovare l equilibrio interiore ed eliminare tensioni e stress quotidiani... Una Tecnica semplice ed efficace per ritrovare l equilibrio interiore ed eliminare tensioni e stress quotidiani... Incontro Introduttivo con Sergio Peterlini insegnante di Meditazione da 38 anni per Studenti,

Dettagli

..parlattare tra genitori

..parlattare tra genitori 1. LʼEDITORIALE 1. LʼEDITORIALE..parlattare tra genitori Cari amici e care amiche, vi presentiamo una chiacchierata che abbiamo avuto il piacere di raccogliere dai genitori che partecipano a Parlattando

Dettagli

UN LASCITO A FAVORE DELL ASSOCIAZIONE

UN LASCITO A FAVORE DELL ASSOCIAZIONE ASSOCIAZIONE FABIO SASSI O N L U S DIGNITA ALLA FINE DELLA VITA UN LASCITO A FAVORE DELL ASSOCIAZIONE FABIO SASSI ABBIAMO ANCORA BISOGNO DEL VOSTRO AIUTO PER FARE DI PIÙ E SEMPRE MEGLIO Cara amica, caro

Dettagli

SPIRITO SANTO E MATRIMONIO NEL PENSIERO DI GIOVANNI PAOLO II. Don Przemyslaw Kwiatkowski

SPIRITO SANTO E MATRIMONIO NEL PENSIERO DI GIOVANNI PAOLO II. Don Przemyslaw Kwiatkowski SPIRITO SANTO E MATRIMONIO NEL PENSIERO DI GIOVANNI PAOLO II Don Przemyslaw Kwiatkowski Ciao a tutti! Siamo Alberto e Silvia di Cherasco, in Piemonte e siamo sposati da quasi 6 anni. E noi siamo Alberto

Dettagli

Come vivere senza ansia con accanto un amico di nome Gesù.

Come vivere senza ansia con accanto un amico di nome Gesù. PREFAZIONE Voglio sottolineare che questo libro è stato scritto su dettatura di Gesù Cristo. Come per il libro precedente, desidero con questo scritto arrivare al cuore di tante persone che nella loro

Dettagli

LA NEVE SOFFICE. Lorenzo Belgrano, 1 C

LA NEVE SOFFICE. Lorenzo Belgrano, 1 C LA NEVE SOFFICE La neve non si sa dov'è ma è bello se c'è. Soffice come un letto dove puoi fare un angioletto, se vai al sole la vedi brillare ma con gli occhiali gli occhi devi riparare. La neve si scioglie

Dettagli