L approccio al Concorso per Sedi Farmaceutiche dalla Preparazione all Esposizione

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "L approccio al Concorso per Sedi Farmaceutiche dalla Preparazione all Esposizione"

Transcript

1 L approccio al Concorso per Sedi Farmaceutiche dalla Preparazione all Esposizione

2 Legislazione Farmaceutica ed Autorizzazioni in Farmacia

3 4

4 PER PROVVEDERE AI BISOGNI DELL'ASSISTENZA FARMACEUTICA NELLE STAZIONI DI CURA, IL PREFETTO, SENTITO IL CONSIGLIO PROVINCIALE DI SANITÀ,, PUÒ AUTORIZZARE L'APERTURA, NELLE STAZIONI STESSE, DI FARMACIE SUCCURSALI, LIMITATAMENTE A UN PERIODO DELL'ANNO CHE VIENE DETERMINATO NEL DECRETO DI AUTORIZZAZIONE. Dati certificati dagli Enti Provinciali del Turismo E una sede farmaceutica la cui apertura può essere autorizzata limitatamente a un periodo dell anno che viene determinato nel decreto di autorizzazione per provvedere ai bisogni dell assistenza farmaceutica nella stazioni turistiche o di cura dove si verifichino sostanziali variazioni del numero della popolazione. Farmacia succursale REGIO DECRETO 27 LUGLIO 1934, n ART. 116

5 Farmacia succursale Art. 120, R.D Il farmacista titolare deve preporre all effettiva direzione della f. succursale un farmacista iscritto all albo albo professionale. La farmacia succursale, anche se funzionante per periodi limitati dell anno, è a tutti gli effetti una farmacia, per cui deve essere diretta in i modo continuativo secondo gli orari di esercizio e i turni

6 1744

7 Dispensario farmaceutico Il dispensario farmaceutico è una struttura, non una farmacia,, destinata alla distribuzione dei medicinali di uso comune e di pronto soccorso già confezionati. Il dispensario può essere attivato in Comuni, frazioni o centri abitati con popolazione non superiore a abitanti (L. 362/91 art. 6). La gestione viene affidata alla responsabilità del titolare di una farmacia privata o pubblica della zona, con preferenza del titolare della farmacia più vicina.

8 2638

9 14

10 Profili di incompatibiltà LA PARTECIPAZIONE AD UNA SOCIETÀ CHE GESTISCE UNA FARMACIA E LA TITOLARITÀ STESSA DI UNA FARMACIA SONO INCOMPATIBILI: Con la posizione di titolare, gestore provvisorio, direttore o collaboratore c di altra farmacia Con qualsiasi attività espletata nel settore della produzione, distribuzione, intermediazione e informazione scientifica del farmaco Con qualsiasi rapporto di lavoro pubblico e privato

11 2648

12 2434

13 2474

14 494

15 504

16 La responsabilità del farmacista consegue ad un comportamento posto in essere nell esercizio esercizio della professione, in relazione a un rapporto o ad una norma attinenti il servizio farmaceutico e/o l assistenza l farmaceutica. I reati che il farmacista può commettere sono di tipo penale, civile, amministrativo e disciplinare. Hanno la qualifica di Pubblico Ufficiale (art. 357 Cod. Pen.) coloro che rappresentano la Pubblica Amministrazione Farmacisti ASL; RESPONSABILITA DEL FARMACISTA Presidente dell Ordine; Membri Commissioni Ispettiva delle farmacie. Hanno la qualifica di Incaricato di Pubblico Servizio (art. 358 Cod. Pen.) coloro che in nome e per conto dell ASL erogano l assistenza l farmaceutica: direttore e collaboratore di farmacia ospedaliera, direttore e collaboratore di farmacia comunale, titolare o direttore o gestore provvisorio di farmacia privata, gestore di dispensario Ha la qualifica di Privato che esercita servizio di pubblica necessit essità (art.359 Cod. Pen.) Il collaboratore di farmacia privata

17 214 L apertura della farmacia prima dell ispezione preventiva è un reato penale e amministrativo e comporta la decadenza dall autorizzazione autorizzazione all esercizio della farmacia

18 2444

19 1754

20 2458

21 LICENZA UTIF (Ufficio Tecnico ed Imposte Fabbricazione) Art.14 dell'allegato A al D.L. 26/04/1945, n GLI ZUCCHERI NON SONO PIU SOGGETTI AD IMPOSTA DI FABBRICAZIONE!!! 2. LA LICENZA UTIF SERVE SOLO ED ESCLUSIVAMENTE PER LA DETENZIONE ED IL COMMERCIO DI ALCOLI DIVERSI DALL ETANOLO!!! Es. Metanolo, Propanolo, Butanolo, etc

22 244

23 284

24 294

25 324 Ossigeno terapeutico Dal 1 gennaio 2010 (DM 29 febbraio 2008) Dunque AIC FARMACO

26 334

27 354

28 NORME DI ESECUZIONE DELLA LEGGE 11 GIUGNO 1971, N. 426 SULLA DISCIPLINA DEL COMMERCIO. (Abrogata dal Decreto Legislativo 31 Marzo 1998, n. 114) L autorizzazione all esercizio della farmacia comporta per il farmacista la possibilità di detenere per la vendita e dispensare prodotti farmaceutici o specialità medicinali, ivi compresi altri prodotti affini, presidi medico chirurgici ed articoli sanitari:

29 LEGGE 11 GIUGNO 1971, N. 426 SULLA DISCIPLINA DEL COMMERCIO. (Abrogata dal Decreto Legislativo 31 Marzo 1998, n. 114)

30 E POSSIBILE DETENERE E DISPENSARE Medicinali costituiti da vaccini e sieri LEGGE 11 GIUGNO 1971, N. 426 SULLA DISCIPLINA DEL COMMERCIO. (Abrogata dal Decreto Legislativo 31 Marzo 1998, n. 114) OCCORRE UNA SPECIFICA AUTORIZZAZIONE RILASCIATA DALLA ASL SOLAMENTE PER DETENERE IN FARMACIA IL VACCINO anti-poliomelitico ORALE TIPO SABIN DA CONSERVARE CONGELATO

31 E POSSIBILE DETENERE E DISPENSARE Specialità medicinali (comprese quelle utilizzabili esclusivamente dallo specialista, per le quali è vietata la vendita al pubblico) Mepivacaina (CARBOCAINA F.le 3%) Medicinale ad esclusivo uso del medico odontoiatra LEGGE 11 GIUGNO 1971, N. 426 SULLA DISCIPLINA DEL COMMERCIO. (Abrogata dal Decreto Legislativo 31 Marzo 1998, n. 114) Lidocaina (XYLOCAINA SPRAY) Medicinale ad esclusivo uso del medico odontoiatra Tossina Botulinica (VISTABEX) Medicinale ad esclusivo uso della categoria medica

32 1624

33 2548

34 2224

35 2528

36 2468

37 2568

38 2508

39 2488

40 1634

41 1224

42 2098

43 LEGGE 8 MARZO 1968, N. 221 PROVVIDENZE A FAVORE DEI FARMACISTI RURALI 1. Le farmacie sono classificate in due categorie: a) farmacie urbane, situate in comuni o centri abitati con popolazione superiore a abitanti; b) farmacie rurali ubicate in comuni, frazioni o centri abitati con popolazione non superiore a abitanti.

44 IL NUMERO DI SEDI È STABILITO IN: 1 ogni 5000 abitanti fino a residenti nel Comune; 1 ogni 4000 abitanti nei Comuni con popolazione superiore ai LE FARMACIE RURALI POSSONO A LORO VOLTA DISTINGUERSI IN: ordinarie, se situate in centri con più di 3000 abitanti sussidiate, se la popolazione residente non supera questo limite. Il sussidio è stabilito dalla legge nazionale ed integrato dalla legge regionale.

45 Ma il sussidio a chi spetta?? E a quanto ammonta??

46 LEGGE 8 MARZO 1968, N. 221 PROVVIDENZE A FAVORE DEI FARMACISTI RURALI 2. Ai titolari delle farmacie rurali, ubicate in località con popolazione inferiore a abitanti, l'indennità di residenza prevista dall'art. 115 del testo unico delle leggi sanitarie approvate con regio decreto 27 luglio 1934, n. 1265, 1 è fissata in relazione alla popolazione nella misura che segue: lire annue per popolazione fino a abitanti; 438,98 lire annue per popolazione da abitanti; 335,67 lire annue per popolazione da a abitanti. 258,22 3. L'indennità di residenza di cui all'articolo precedente spetta al farmacista direttore responsabile che sostituisca il titolare nei casi consentiti, nonché al farmacista che abbia la gestione provvisoria dell'esercizio a termini dell'art. 129 del testo unico delle leggi sanitarie approvato con regio decreto o 27 luglio 1934, n. 1265, nella misura fissata per il titolare.

47 1128

48 1724

49 1694

50 1704 Quiz palesemente obsoleto

51 Oggi il concorso è REGIONALE La procedura concorsuale per il conferimento di sedi farmaceutiche disponibili per il privato esercizio è stata innovata dall'art. 48 del Decreto Legge nr.. 269, convertito con legge 24 novembre 2003, nr il conferimento di sedi farmaceutiche, sia di nuova istituzione risultanti dalla revisione biennale della Pianta Organica, che di quelle che si dovessero - per qualsiasi motivo - rendere vacanti, a decorrere dall'entrata in vigore della citata legge di conversione, non avviene più su base provinciale, a seguito di svolgimento di apposito pubblico concorso, ma, proprio per snellire le procedure e rendere più agevole l'apertura di nuove farmacie, attraverso la formazione di una graduatoria unica regionale di idonei, con validità quadriennale, cui far ricorso direttamente per tutto il periodo di validità.

52 Art. 4, comma 2, Legge n. 362/1991. SONO AMMESSI AL CONCORSO PER L ASSEGNAZIONE DI SEDI FARMACEUTICHE PER IL PRIVATO ESERCIZIO I FARMACISTI CHE ALLA DATA DI SCADENZA DEL TERMINE ULTIMO PER LA PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE NON ABBIANO COMPIUTO IL SESSANTESIMO ANNO DI ETA CORTE COSTITUZIONALE ordinanza n. 357 del 22 luglio 1999

53 Art. 12 Legge 2 Aprile 1968 n. 475 Norme concernenti il servizio farmaceutico. PER PARTECIPARE AL CONCORSO PER L ASSEGNAZIONE L DI SEDI FARMACEUTICHE PER IL PRIVATO ESERCIZIO DEVONO ESSERE TRASCORSI DIECI ANNI DALL AVVENUTO AVVENUTO TRASFERIMENTO DELLA PROPRIA FARMACIA

54 Il trasferimento della titolarità dell'esercizio di farmacia privata è consentito dopo che siano decorsi tre anni dal rilascio dell'autorizzazione da parte dell'autorità competente Nell arco temporale di una vita, si può vendere e riacquistare una farmacia solo per una volta (ovvero è consentita la titolarità di una farmacia per 2 volte nella vita!) Art. 13 L. 362/91

55 1714

56 2524

57 2514

58 1764

59 2538

60 1884

61 1874 Quiz palesemente obsoleto

62 L ATTUALE NORMATIVA (Legge n. 389 del 28 Ottobre 1999) PREVEDE CHE LA DICHIARAZIONE DI ACCETTAZIONE O DI RINUNCIA DELLA SEDE FARMACEUTICA VINTA DEBBA ESSERE FATTA: ENTRO SESSANTA GIORNI DALLA DATA DI RICEVIMENTO DELLA COMUNICAZIONE

63 INDENNITA DI AVVIAMENTO (art. 110 R.D. 1934) Il farmacista che subentri nella titolarità o nella gestione provvisoria di una sede farmaceutica, oltre a rilevare gli arredi, le provviste e le dotazioni della farmacia, è tenuto a corrispondere a chi lo ha preceduto sia esso titolare o gestore provvisorio un indennit indennità di avviamento pari a tre annualità del reddito medio imponibile prodotto dalla farmacia nell ultimo quinquennio Pertanto, l assegnatario l della farmacia deve SEMPRE: INDICARE GLI ESTREMI DEL LOCALE DIMOSTRARE L AVVENUTO L PAGAMENTO DELL INDENNIT INDENNITÀ DI AVVIAMENTO SE DOVUTA (qualora la farmacia non sia di nuova istituzione) Il mancato adempimento equivale a rinuncia. Adempiute da parte del vincitore le formalità sopra specificate, viene emesso il decreto di autorizzazione. Copia del provvedimento è trasmesso all intendenza di finanza e all ordine dei farmacisti (art.11.11,, DPR n.1275n.1275/71).

64 2464

65 2628

66 SOSTITUZIONE TEMPORANEA Il titolare é responsabile della gestione patrimoniale e della conduzione tecnico nico- professionale della farmacia. Egli ha la responsabilità del regolare esercizio e della gestione dei beni patrimoniali della farmacia. L ASL competente per territorio autorizza, a seguito di motivata domanda d del titolare, la sostituzione temporanea con altro farmacista iscritto to all'ordine professionale nella conduzione professionale della farmacia. SOSTITUZIONE DEL TITOLARE IN FARMACIA (Art.( 11, L.3L.362/91) a) Infermità (per un periodo continuativo massimo di 5 anni ogni decennio o per un periodo non continuativo di 6 anni ogni decennio) b) Gravi motivi di famiglia (per un massimo di 3 mesi in un anno) c) Gravidanza...nei.nei termini e con le condizioni di cui alle norme per la tutela della la maternità d) Adozione di minori e affidamento familiare (9 mesi) e) Servizio militare f) Chiamata a funzioni pubbliche elettive o incarichi sindacali. g) Ferie

67 1844

68 Farmacie gestite da società La società costituita per l esercizio di una farmacia privata deve essere una società di persone e non di capitali. Tale società di persone potrà essere in nome collettivo (SNC) o in accomandita semplice (SAS), semprechè i soci siano tutti farmacisti, iscritti all Albo ed in possesso dell idoneità alla titolarità. Se viene meno la pluralità di soci in una società di gestione di una farmacia, il socio superstite ha facoltà di associare nuovi colleghi nel termine perentorio di sei mesi.

69 Farmacie gestite da società E SEMPRE AMMISSIBILE UN CONTRATTO DI ASSOCIAZIONE IN PARTECIPAZIONE TRA IL TITOLARE DI UNA FARMACIA ED UN TERZO (Cassazione civile Sez.I del 20 Febbraio 1979 n. 550) L'associazione in partecipazione è uno dei contratti tipici disciplinati dalla codificazione civilistica italiana. Esso è il negozio giuridico con il quale una parte (l'associante) attribuisce ad un'altra (l'associato) il diritto ad una partecipazione agli utili della propria impresa dietro il corrispettivo di un apporto da parte dell'associato. Tale apporto, secondo la giurisprudenza prevalente, può essere di natura patrimoniale ma potrà anche consistere nell'apporto di lavoro.

70 1834

71 2234

72 2478

73 2534

74 2454

75 Gestione Provvisoria Ereditaria (GPE) La Legge 8 Novembre 1991, n. 362 (Gazz. Uff. 16 Novembre, n. 269) Norme di riordino del settore farmaceutico statuiva che: la durata massima della Gestione Provvisoria Ereditaria (GPE) è decennale qualora uno degli eredi sia di età superiore ai 20 anni e si iscriva ad una Facoltà di Farmacia. la durata massima della Gestione Provvisoria Ereditaria (GPE), qualora uno degli eredi sia di età inferiore ai 20 anni, è fino al compimento del trentesimo anno di età del sopracitato erede. la durata massima della Gestione Provvisoria Ereditaria (GPE), è di tre anni qualora nessuno degli eredi sia iscritto ad una Facoltà di Farmacia e qualora gli stessi abbiano superato il trentesimo anno di età.

76 Conseguimento della titolarità per successione dopo legge Bersani (L /2006) Erede in possesso dell idoneit idoneità: passaggio diretto della farmacia o della quota societaria. Erede non in possesso dell idoneit idoneità: DUE anni di tempo per conseguire l idoneitl idoneità o per cedere la farmacia o la quota societaria Nomina di un gestore provvisorio quale direttore della farmacia Nessun erede: : vacanza della farmacia. La legge non dispone che per l avvenire l e non ha, pertanto, effetto retroattivo. Un soggetto non può essere privato da una norma successiva delle posizioni giuridiche attive già acquisite in base alla norma precedente

77 1904

78 1914

79 2494

80 2484

81 E lo strumento tecnico-amministrativo attraverso cui viene attuata la pianificazione territoriale del servizio farmaceutico Ogni comune deve avere una pianta organica delle farmacie, la quale deve indicare: a) la popolazione del comune ed il numero delle farmacie che il Comune deve avere applicando il criterio demografico; b) le sedi farmaceutiche; Pianta Organica c) la circoscrizione (mediante dati topografici) della zona del territorio comunale entro la quale ogni farmacia deve avere sede d) il numero delle farmacie esistenti (Art.( 2, L. 475/68). La pianta organica dei singoli Comuni è stabilita con provvedimento definitivo della Regione Campania (delibera di Giunta nel 1998, oggi decreto o Dirigenziale) sentita l ASL l (parere obbligatorio) e l Ordine l dei Farmacisti

82 La pianta organica delle farmacie è un atto politico della Regione (o della Provincia Autonoma), istituito e rivisto su base comunale, che applica a il criterio demografico o in deroga quello topografico o quello urbanistico Pianta Organica Criterio demografico (gia descritto!) Il numero delle autorizzazioni è tale che ve ne sia una ogni 5000 abitanti in comuni fino a abitanti e una ogni 4000 per gli altri comuni. Chi intende trasferire una farmacia in un altro locale nell ambito della sede per la quale fu concessa l autorizzazione, deve farne domanda all autorit autorità sanitaria competente per territorio (sindaco o Organo di gestione dell ASL). Tale locale deve essere situato a una distanza dagli altri esercizi non inferiore a 200 metri. La distanza è misurata per via pedonale più breve tra soglia e soglia delle farmacie senza tenere conto del codice della strada.

83 Pianta Organica Criterio topografico Le Regioni, quando particolari esigenze dell assistenza farmaceutica in rapporto alle condizioni topografiche e di viabilità lo richiedono, possono stabilire in deroga al criterio della popolazione, sentiti l unitl unità sanitaria locale e l Ordine l dei Farmacisti, un limite di distanza per il quale la farmacia di nuova istituzione disti almeno 3000 metri dalle farmacie esistenti anche se ubicate in comuni diversi. (in questo modo si evita il verificarsi che l apertura l di nuove farmacie, che pur essendo attivate in un comune differente, di fatto sono ubicate in un ambito territoriale attiguo al comune confinante ) Tale disposizione si applica ai comuni con popolazione fino a abitanti e con limite di una farmacia per comune.

84 Pianta Organica Decentramento delle farmacie (art5 L.3L.362/91) Criterio Urbanistico Le Regioni, in sede di revisione della pianta organica delle farmacie, quando risultano intervenuti mutamenti nella distribuzione della popolazione del comune o dell area metropolitana, anche senza sostanziali variazioni del numero complessivo di abitanti, provvedono alla nuova determinazione della circoscrizione delle sedi farmaceutiche. Le Regioni possono quindi autorizzare, determinare il trasferimento della farmacia,, nell ambito del comune o dell area metropolitana, in una zona di nuovo insediamento abitativo,, tenuto conto delle esigenze dell assistenza farmaceutica determinata dallo spostamento della popolazione, rimanendo immutato il numero di farmacie in rapporto o alla popolazione Comma 1 Comma 2

85 2658

86 2678

87 2504

88 1824

89 1784

90 Farmacie Comunali Diritto di Prelazione La titolarità delle farmacie che si rendono vacanti e di quelle di nuova istituzione può essere assunta in parte dal Comune. Il titolare, in questo caso, è una persona giuridica,, cioè il Comune rappresentato dal Sindaco. La riforma Mariotti (legge n.495n.495/68) istituiva il diritto di prelazione da parte dei Comuni sul 50% delle farmacie poste a concorso perché rese si vacanti o di nuova istituzione (art. 9, legge n. 475/68). Se il numero delle farmacie risulta dispari, l unitl unità eccedente spetta al Comune.

91 1814

92 CIRCOLARE DELLA FOFI N DEL 12 FEBBRAIO 1996 INSEGNE L'insegna della farmacia deve riportare la dicitura FARMACIA accompagnata o meno dell ORDINE dalla ragione sociale,, da simboli storici e professionali. Possono essere esposte in maniera distinta indicazioni riferite all'esistenza in farmacia di particolari reparti. Le insegne a bandiera in forma di croce inserite sulla facciata e comunque sull'edificio della farmacia sono obbligatorie. CARTELLI INDICATORI ANCHE IN FORMA DI FRECCIA DIREZIONALE: Potranno contenere soltanto nome, ragione sociale della farmacia,, indirizzo, recapito telefonico, distanza, simbolo, distintivo professionale,, e saranno installati esclusivamente nell'ambito territoriale della sede farmaceutica di pertinenza prevista in Pianta Organica.

93 2928

Legge 2 aprile 1968, n. 475: Norme concernenti il servizio farmaceutico. (Pubblicata nella G.U. n. 107 del 27 aprile 1968)

Legge 2 aprile 1968, n. 475: Norme concernenti il servizio farmaceutico. (Pubblicata nella G.U. n. 107 del 27 aprile 1968) Legge 2 aprile 1968, n. 475: Norme concernenti il servizio farmaceutico. (Pubblicata nella G.U. n. 107 del 27 aprile 1968) Art. 1 L'autorizzazione ad aprire una farmacia è rilasciata con provvedimento

Dettagli

POCA Legislazione (RD 1265/34, L. 475/68, MOLTA Giurisprudenza NORMATIVA FARMACEUTICA DPR 1275/71, L. 362/91, L 326/03, L.

POCA Legislazione (RD 1265/34, L. 475/68, MOLTA Giurisprudenza NORMATIVA FARMACEUTICA DPR 1275/71, L. 362/91, L 326/03, L. NORMATIVA FARMACEUTICA POCA Legislazione (RD 1265/34, L. 475/68, DPR 1275/71, L. 362/91, L 326/03, L. 248/06 ) MOLTA Giurisprudenza (sentenze TAR, Consiglio di stato) Terza legge di Newton Ad ogni azione

Dettagli

Fonti giuridiche: L.2.4.1968 n.362 "Norme concernenti il servizio i farmaceutico" " n.475. "Norme di riordino del settore farmaceutico"

Fonti giuridiche: L.2.4.1968 n.362 Norme concernenti il servizio i farmaceutico  n.475. Norme di riordino del settore farmaceutico ORDINAMENTO DELLA FARMACIA Fonti giuridiche: L.2.4.1968 n.362 "Norme concernenti il servizio i farmaceutico" " n.475 L.8.11.1991 1991 n.362 "Norme di riordino del settore farmaceutico" L.248 /2006 (Bersani)

Dettagli

CORSO LA GESTIONE DELL IMPRESA FARMACIA OGGI. Docenti: Dott. Carlo Sardara

CORSO LA GESTIONE DELL IMPRESA FARMACIA OGGI. Docenti: Dott. Carlo Sardara CORSO LA GESTIONE DELL IMPRESA FARMACIA OGGI Docenti: Dott. Carlo Sardara LA GESTIONE DELL IMPRESA FARMACIA OGGI Quadro normativo La natura giuridica dell impresa farmacia Decreto Liberalizzazioni 24 Gennaio

Dettagli

Evoluzione storica della leglislazione italiana in materia di FARMACIE

Evoluzione storica della leglislazione italiana in materia di FARMACIE Evoluzione storica della leglislazione italiana in materia di FARMACIE RIFORMA CRISPI (1888): centralizzazione delle funzioni di vigilanza e d'autorizzazione in materia, riaffermazione del principio del

Dettagli

La titolarità della farmacia privata L aggregazione extra societaria

La titolarità della farmacia privata L aggregazione extra societaria La titolarità della farmacia privata L aggregazione extra societaria Dott. Marino Mascheroni Professore a contratto di Diritto Tributario Università di Milano Il trasferimento di azienda farmacia Requisiti

Dettagli

Regolamento del Personale del Consiglio Nazionale delle Ricerche (Decreto del Presidente del CNR del 4 maggio 2005 prot. n.

Regolamento del Personale del Consiglio Nazionale delle Ricerche (Decreto del Presidente del CNR del 4 maggio 2005 prot. n. Regolamento del Personale del Consiglio Nazionale delle Ricerche (Decreto del Presidente del CNR del 4 maggio 2005 prot. n. 0025035) SOMMARIO TITOLO I PRINCIPI GENERALI Art.1 - Finalità e ambito di applicazione

Dettagli

Sezione IX (FARMACIE) Art. 61 (Competenze del Comune)

Sezione IX (FARMACIE) Art. 61 (Competenze del Comune) Sezione IX (FARMACIE) Art. 61 (Competenze del Comune) 1. Ai sensi della L.R. Emilia Romagna 19/82 e successive modifiche, sono di competenza del Sindaco i seguenti provvedimenti autorizzativi: a) autorizzazione

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 10 DEL 27 GIUGNO 2011 DISPOSIZIONI NORMATIVE CONCERNENTI LA DISCIPLINA DELLE ATTIVITA DELLE FARMACIE DELLA REGIONE CAMPANIA

LEGGE REGIONALE N. 10 DEL 27 GIUGNO 2011 DISPOSIZIONI NORMATIVE CONCERNENTI LA DISCIPLINA DELLE ATTIVITA DELLE FARMACIE DELLA REGIONE CAMPANIA LEGGE REGIONALE N. 10 DEL 27 GIUGNO 2011 DISPOSIZIONI NORMATIVE CONCERNENTI LA DISCIPLINA DELLE ATTIVITA DELLE FARMACIE DELLA REGIONE CAMPANIA IL CONSIGLIO REGIONALE Ha approvato IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA

Dettagli

ART. 1 Oggetto del concorso

ART. 1 Oggetto del concorso Allegato parte integrante - 1 Allegato 1 BANDO DI CONCORSO PUBBLICO REGIONALE STRAORDINARIO PER TITOLI PER L ASSEGNAZIONE DELLE SEDI FARMACEUTICHE DISPONIBILI PER IL PRIVATO ESERCIZIO NELLA REGIONE EMILIA-

Dettagli

Testo unificato: proposta di legge n. 222/9^ di iniziativa del consigliere Magno, recante: modifiche ed integrazioni alla legge regionale n.

Testo unificato: proposta di legge n. 222/9^ di iniziativa del consigliere Magno, recante: modifiche ed integrazioni alla legge regionale n. Testo unificato: proposta di legge n. 222/9^ di iniziativa del consigliere Magno, recante: modifiche ed integrazioni alla legge regionale n. 20del 23 marzo 1984 sulla disciplina dell orario dei turni e

Dettagli

La riforma delle farmacie e le applicazioni della giurisprudenza

La riforma delle farmacie e le applicazioni della giurisprudenza La riforma delle farmacie e le applicazioni della giurisprudenza Alessandro Selmin * I primi due provvedimenti del Governo Monti finalizzati, tra l altro, alla promozione della concorrenza nelle attività

Dettagli

ORDINE DEI FARMACISTI DELLA PROVINCIA DI PAVIA

ORDINE DEI FARMACISTI DELLA PROVINCIA DI PAVIA ORDINE DEI FARMACISTI DELLA PROVINCIA DI PAVIA via Vigentina 21L - 27100 Pavia - Telefono 0382/474279 - Fax 0382/570971 - E-Mail : info@ordinefarmacistipavia.it - ordinefarmacistipv@pec.fofi.it Pavia,

Dettagli

Guida al Concorso per Farmacie novità della legge 27 /2012 Integrato legge conversione Decreto 95 del 6/7/2012

Guida al Concorso per Farmacie novità della legge 27 /2012 Integrato legge conversione Decreto 95 del 6/7/2012 Guida al Concorso per Farmacie novità della legge 27 /2012 Integrato legge conversione Decreto 95 del 6/7/2012 Aggiornamento 8 agosto 2012 Carlo Ranaudo 1 Rapporto Farmacie -Popolazione Legge 475/68 e

Dettagli

Indice 1 CENNI SULLA NORMATIVA SOPRANAZIONALE

Indice 1 CENNI SULLA NORMATIVA SOPRANAZIONALE Indice 1 CENNI SULLA NORMATIVA SOPRANAZIONALE 1-1 Istituzioni sopranazionali che orientano la politica farmaceutica nei singoli Stati 1 1-2 Disciplina degli stupefacenti promossa dall Organizzazione delle

Dettagli

2. 1. Il datore di lavoro, imprenditore o non imprenditore, deve comunicare per iscritto il licenziamento al prestatore di lavoro.

2. 1. Il datore di lavoro, imprenditore o non imprenditore, deve comunicare per iscritto il licenziamento al prestatore di lavoro. L. 15 luglio 1966, n. 604 (1). Norme sui licenziamenti individuali (2). (1) Pubblicata nella Gazz. Uff. 6 agosto 1966, n. 195. (2) Il comma 1 dell art. 1, D.Lgs. 1 dicembre 2009, n. 179, in combinato 1.

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER IL LAZIO

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER IL LAZIO Deliberazione n. 21/2015/PAR Comune di Forano (RI) REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER IL LAZIO Nella Camera di consiglio del 19 dicembre 2014 composta dai magistrati

Dettagli

La nuova disciplina dell Albo nazionale gestori ambientali

La nuova disciplina dell Albo nazionale gestori ambientali Torino, 4 febbraio 2015 La nuova disciplina dell Albo nazionale gestori ambientali Eugenio Onori Presidente dell Albo Nazionale Gestori Ambientali La nuova disciplina regolamentare dell Albo Il DM 3 giugno

Dettagli

Art. 1 (Clausola di urgenza e necessità)

Art. 1 (Clausola di urgenza e necessità) Consiglio Regionale Provvidenze sociali a favore dei malati oncologici e dei soggetti trapiantati, modifiche alle leggi regionali 20/2010, 2/2013, 23/2014, 24/2014, sostegno alimentare alle persone in

Dettagli

Segnalazione Certificata di Inizio Attività (art. 19 Legge 241/1990 e s.m.i.)

Segnalazione Certificata di Inizio Attività (art. 19 Legge 241/1990 e s.m.i.) Segnalazione Certificata di Inizio Attività (art. 19 Legge 241/1990 e s.m.i.) Agenzie di viaggio e turismo: DD.G.R. 816/2010 e 95/2011 - Variazione strutturale Agenzia di viaggi Allo Sportello Unico per

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 10 DEL 9-03-1995 REGIONE VENETO. Norme per il riordinamento degli enti di edilizia residenziale pubblica

LEGGE REGIONALE N. 10 DEL 9-03-1995 REGIONE VENETO. Norme per il riordinamento degli enti di edilizia residenziale pubblica Legge 1995010 Pagina 1 di 11 LEGGE REGIONALE N. 10 DEL 9-03-1995 REGIONE VENETO Norme per il riordinamento degli enti di edilizia residenziale pubblica Fonte: BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE VENETO

Dettagli

(2) Per l'estensione dell'applicabilità delle norme contenute nella presente legge, vedi l'art. 22, L. 23 dicembre 1998, n. 448.

(2) Per l'estensione dell'applicabilità delle norme contenute nella presente legge, vedi l'art. 22, L. 23 dicembre 1998, n. 448. L. 29 marzo 1985, n. 113 (1). Aggiornamento della disciplina del collocamento al lavoro e del rapporto di lavoro dei centralinisti non vedenti (2) (3). (1) Pubblicata nella Gazz. Uff. 5 aprile 1985, n.

Dettagli

Il Ministro per la semplificazione e la pubblica amministrazione

Il Ministro per la semplificazione e la pubblica amministrazione VISTO il decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165 e, in particolare, l articolo 30, comma 2, che demanda a un decreto del Ministro per la semplificazione e la pubblica amministrazione, previa consultazione

Dettagli

Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo

Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo ALL. 1) Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo 1. Sono eleggibili a sindaco, presidente della provincia, consigliere comunale, provinciale e circoscrizionale gli elettori di un qualsiasi

Dettagli

(4) Comma così sostituito dal comma 37 dell art. 1, L. 28 giugno 2012, n. 92.

(4) Comma così sostituito dal comma 37 dell art. 1, L. 28 giugno 2012, n. 92. L. 15 luglio 1966, n. 604 (1). Norme sui licenziamenti individuali (2). (1) Pubblicata nella Gazz. Uff. 6 agosto 1966, n. 195. (2) Il comma 1 dell art. 1, D.Lgs. 1 dicembre 2009, n. 179, in combinato disposto

Dettagli

COMUNE DI GOSALDO Provincia di BELLUNO

COMUNE DI GOSALDO Provincia di BELLUNO COMUNE DI GOSALDO Provincia di BELLUNO REGOLAMENTO PER L ASSEGNAZIONE E LA FISSAZIONE DEI CANONI DEGLI ALLOGGI DENOMINATI CASETTE DELLA CROCE ROSSA DI PROPRIETÀ DEL COMUNE E NON SOGGETTI ALLA DISCIPLINA

Dettagli

SERVIZIO MOBILITÀ BANDO DI CONCORSO PER L ASSEGNAZIONE DI N. 2 AUTORIZZAZIONI DI AUTONOLEGGIO DA RIMESSA CON CONDUCENTE

SERVIZIO MOBILITÀ BANDO DI CONCORSO PER L ASSEGNAZIONE DI N. 2 AUTORIZZAZIONI DI AUTONOLEGGIO DA RIMESSA CON CONDUCENTE CITTÀ DI PESCHIERA BORROMEO Via XXV Aprile, 1 - CAP 20068 tel. 02.51690.1 fax. 02.5530.1469 (Provincia di Milano) Codice Fiscale 80101570150 - Partita IVA 05802370154 comune.peschieraborromeo@pec.regione.lombardia.it

Dettagli

REGOLAMENTO DISCIPLINANTE LE MODALITA DI RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO AI SENSI DELL ART. 24 DELLA LEGGE 30.12.2010, n.

REGOLAMENTO DISCIPLINANTE LE MODALITA DI RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO AI SENSI DELL ART. 24 DELLA LEGGE 30.12.2010, n. REGOLAMENTO DISCIPLINANTE LE MODALITA DI RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO AI SENSI DELL ART. 24 DELLA LEGGE 30.12.2010, n. 240 ART. 1 Finalità 1. L Università degli Studi di Teramo, nell

Dettagli

Le principali linee del nuovo regolamento dell Albo di prossima emanazione. Eugenio Onori Presidente dell Albo nazionale gestori ambientali

Le principali linee del nuovo regolamento dell Albo di prossima emanazione. Eugenio Onori Presidente dell Albo nazionale gestori ambientali Roma. 6 giugno 2014 Le principali linee del nuovo regolamento dell Albo di prossima emanazione Eugenio Onori Presidente dell Albo nazionale gestori ambientali Il nuovo regolamento, oltre ad introdurre

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA D.Lgs. 17 novembre 1997, n. 398. Modifica alla disciplina del concorso per uditore giudiziario e norme sulle scuole di specializzazione per le professioni legali, a norma dell'articolo 17, commi 113 e

Dettagli

COMUNE DI BOTTICINO PROVINCIA DI BRESCIA. 1. Approvato con delibera C.C. n. 17 del 1998 2. Modificato con delibera C.C. n.

COMUNE DI BOTTICINO PROVINCIA DI BRESCIA. 1. Approvato con delibera C.C. n. 17 del 1998 2. Modificato con delibera C.C. n. 1 COMUNE DI BOTTICINO PROVINCIA DI BRESCIA REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DELL ATTIVITA DI ESTETISTA 1. Approvato con delibera C.C. n. 17 del 1998 2. Modificato con delibera C.C. n. 69 del 22/12/1999 2 INDICE

Dettagli

Contenimento del ricorso a forme di lavoro flessibile

Contenimento del ricorso a forme di lavoro flessibile 30-1-2007 Speciale Finanziaria 2008 Legge 24 dicembre 2007, n. 244 II Pubblico impiego a cura di IGOR GIUSSANI E TOMMASO PIZZO Le disposizioni in materia di pubblico impiego contenute nella Finanziaria

Dettagli

Delega al Governo per l adozione del Codice delle disposizioni statali in materia di enti locali e norme sul funzionamento degli enti locali

Delega al Governo per l adozione del Codice delle disposizioni statali in materia di enti locali e norme sul funzionamento degli enti locali DISEGNO DI LEGGE COLLEGATO ALLA LEGGE DI STABILITÀ Delega al Governo per l adozione del Codice delle disposizioni statali in materia di enti locali e norme sul funzionamento degli enti locali Capo I Delega

Dettagli

SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI VARIAZIONE STRUTTURALE DI AGENZIA DI VIAGGI (art. 19 legge 241/1990 e s.m.i) DD.G.R. 816/2010 e 95/2011

SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI VARIAZIONE STRUTTURALE DI AGENZIA DI VIAGGI (art. 19 legge 241/1990 e s.m.i) DD.G.R. 816/2010 e 95/2011 SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI VARIAZIONE STRUTTURALE DI AGENZIA DI VIAGGI (art. 19 legge 241/1990 e s.m.i) DD.G.R. 816/2010 e 95/2011 AL SERVIZIO ATTIVITA' PRODUTTIVE DEL COMUNE DI SANT'ANASTASIA Ai sensi

Dettagli

COMUNE DI BARI SARDO PROVINCIA OGLIASTRA SERVIZIO AMMINISTRATIVO

COMUNE DI BARI SARDO PROVINCIA OGLIASTRA SERVIZIO AMMINISTRATIVO COMUNE DI BARI SARDO PROVINCIA OGLIASTRA SERVIZIO AMMINISTRATIVO DETERMINAZIONE N. 198 DEL 11.11.2013 OGGETTO: Deliberazione Giunta Comunale nr. 117 del 04.11.2013. Modifica dotazione organica e integrazione

Dettagli

De Agostini Professionale S.p.A. - FulShow - UIL P.A. PENITENZIARI

De Agostini Professionale S.p.A. - FulShow - UIL P.A. PENITENZIARI Pagina 1 di 12 269. PENSIONI CIVILI, MILITARI E DI GUERRA: PENSIONI DI GUERRA A) Disposizioni generali Epigrafe Premessa 1. Adeguamento automatico dei trattamenti pensionistici di guerra. 2. Pensioni e

Dettagli

COMUNE di DECIMOMANNU Provincia di Cagliari

COMUNE di DECIMOMANNU Provincia di Cagliari COMUNE di DECIMOMANNU Provincia di Cagliari REGOLAMENTO DELL INCUBATORE DI IMPRESE REALIZZATO NEL PIANO DEGLI INSEDIAMENTI PRODUTTIVI Approvato con Deliberazione del Consiglio Comunale n. 1 del 23 aprile

Dettagli

Imposta Unica Comunale (I.U.C.) ISTRUZIONI VERSAMENTO IN ACCONTO

Imposta Unica Comunale (I.U.C.) ISTRUZIONI VERSAMENTO IN ACCONTO COMUNE DI BAREGGIO Imposta Unica Comunale (I.U.C.) ISTRUZIONI VERSAMENTO IN ACCONTO Con la legge di Stabilità 2014 (L. 147 del 27/12/2013) è stata istituita, con decorrenza 1 gennaio 2014, la I.U.C. (Imposta

Dettagli

AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE DI TRAPANI

AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE DI TRAPANI AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE DI TRAPANI Avviso pubblico per il conferimento di incarichi con contratto di lavoro autonomo per Dirigente Medico di M.C.A.U., Ostetricia e Ginecologia, Chirurgia Generale,

Dettagli

LEGGE STABILITA 2016: ASSEGNAZIONE DI BENI A SOCI TRASFORMAZIONE IN SO- CIETA SEMPLICE ESTROMISSIONE IMMOBILE DELL IMPRENDITORE INDIVIDUALE

LEGGE STABILITA 2016: ASSEGNAZIONE DI BENI A SOCI TRASFORMAZIONE IN SO- CIETA SEMPLICE ESTROMISSIONE IMMOBILE DELL IMPRENDITORE INDIVIDUALE OGGETTO: Circolare 5.2016 Seregno, 4 marzo 2016 LEGGE STABILITA 2016: ASSEGNAZIONE DI BENI A SOCI TRASFORMAZIONE IN SO- CIETA SEMPLICE ESTROMISSIONE IMMOBILE DELL IMPRENDITORE INDIVIDUALE La legge di Stabilità

Dettagli

AZIENDA OSPEDALIERA REGIONALE SAN CARLO

AZIENDA OSPEDALIERA REGIONALE SAN CARLO Avviso pubblico per titoli e colloquio per assunzioni a tempo determinato in qualità di Dirigente Medico della disciplina di Malattie dell'apparato Respiratorio. In esecuzione della deliberazione n. 170

Dettagli

NORME CONCORSUALI REVISIONATE CON DELIBERAZIONE N. 128 DEL 31/10/2007. ALLEGATO 11 ALL ATTO AZIENDALE

NORME CONCORSUALI REVISIONATE CON DELIBERAZIONE N. 128 DEL 31/10/2007. ALLEGATO 11 ALL ATTO AZIENDALE ALLEGATO 11 ALL ATTO AZIENDALE NORME CONCORSUALI APPROVATE CON DELIBERAZIONE N. N. 155 IN DATA 16/06/2006 (MODIFICATA CON SUCCESSIVE DELIBERE N. 216 IN DATA 08.09.2006, N. 298 IN DATA 15.12.2006 E N. 304

Dettagli

OGGETTO: Segnalazione Certificata di Inizio Attività per Apertura Nuova Agenzia di Viaggi e Turismo. DD.G.R. 816/2010 e 95/2011. nat a prov.

OGGETTO: Segnalazione Certificata di Inizio Attività per Apertura Nuova Agenzia di Viaggi e Turismo. DD.G.R. 816/2010 e 95/2011. nat a prov. Allo Sportello Unico per le attività produttive del Comune di SALA CONSILINA OGGETTO: Segnalazione Certificata di Inizio Attività per Apertura Nuova Agenzia di Viaggi e Turismo. DD.G.R. 816/2010 e 95/2011.

Dettagli

PARTE PRIMA. c. a chiamata: quando all esterno della farmacia il farmacista indica il recapito telefonico dove può essere prontamente reperito.

PARTE PRIMA. c. a chiamata: quando all esterno della farmacia il farmacista indica il recapito telefonico dove può essere prontamente reperito. 7208 PARTE PRIMA Leggi e regolamenti regionali LEGGE REGIONALE 18 febbraio 2014, n. 5 Disciplina dei turni e degli orari del Servizio pubblico farmaceutico territoriale IL CONSIGLIO REGIONALE HA APPROVATO

Dettagli

METTERSI IN PROPRIO: FORME GIURIDICHE ED ADEMPIMENTI SCHEDE SINOTTICHE. (A cura di: Ezio Casavola)

METTERSI IN PROPRIO: FORME GIURIDICHE ED ADEMPIMENTI SCHEDE SINOTTICHE. (A cura di: Ezio Casavola) METTERSI IN PROPRIO METTERSI IN PROPRIO: FORME GIURIDICHE ED ADEMPIMENTI SCHEDE SINOTTICHE (A cura di: Ezio Casavola) L. 1 DISCIPLINA DELLE ATTIVITA COMMERCIALI FINO AL 1942: CODICE DI COMMERCIO, CHE REGOLAVA

Dettagli

COMUNE DI CAROVIGNO. Provincia di Brindisi. c.a.p. 72012 - Cod. Fisc. 81001790740 Tel. 0831.997249/997206/997240 - Fax 0831.995054

COMUNE DI CAROVIGNO. Provincia di Brindisi. c.a.p. 72012 - Cod. Fisc. 81001790740 Tel. 0831.997249/997206/997240 - Fax 0831.995054 COMUNE DI CAROVIGNO Provincia di Brindisi c.a.p. 72012 - Cod. Fisc. 81001790740 Tel. 0831.997249/997206/997240 - Fax 0831.995054 BANDO DI CONCORSO N. 3/2013 INDETTO AI SENSI DELLA LEGGE REGIONALE 20/12/1984,

Dettagli

5.3.1.1.2 Insediamento di giovani agricoltori

5.3.1.1.2 Insediamento di giovani agricoltori 5.3.1.1.2 Insediamento di giovani agricoltori Riferimenti normativi Codice di Misura Articoli 20 (a) (ii) e 22 del Reg. (CE) N 1698/2005. Art. 13 e punto 5.3.1.1.2. dell allegato II del Reg. (CE) 1974/06

Dettagli

RISOLUZIONE N. 157/E

RISOLUZIONE N. 157/E RISOLUZIONE N. 157/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 17 aprile 2008 OGGETTO: Interpello - art. 11 legge 27 luglio 2000, n. 212. Società in nome collettivo, eredi del socio - Applicazione

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DELL ATTIVITA DI ESTETISTA

REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DELL ATTIVITA DI ESTETISTA COMUNE DI ROVATO (Provincia di Brescia) REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DELL ATTIVITA DI ESTETISTA (APPROVATO CON DELIBERA C.C. N. 53 DEL 20.12.2000) CAPO I: DISPOSIZIONI GENERALI ART. 1 (Oggetto del Regolamento)

Dettagli

Testo unico delle norme regionali in materia di promozione di servizi a favore delle persone anziane ed inabili.

Testo unico delle norme regionali in materia di promozione di servizi a favore delle persone anziane ed inabili. 4.4.58 - Legge regionale 15 dicembre 1982, n. 93. Testo unico delle norme regionali in materia di promozione di servizi a favore delle persone anziane ed inabili. (B.U. 24 dicembre 1982, n. 19). Art. 1

Dettagli

COMUNE DI FRANCOLISE

COMUNE DI FRANCOLISE Casa COMUNE DI FRANCOLISE PROVINCIA DI CASERTA POLIZIA LOCALE - UFF. COMMERCIO POL. AMM.VA UFF. SUAP Uffici: Via Roma, 99 81050 S.Andrea del Pizzone (Tel. 0823 881330 Fax 0823-884023 ) ALLEGATO A BANDO

Dettagli

SELEZIONE PUBBLICA PER LA STABILIZZAZIONE DEL PERSONALE PRECARIO

SELEZIONE PUBBLICA PER LA STABILIZZAZIONE DEL PERSONALE PRECARIO Area Gestione Risorse Umane, Organizzazione SELEZIONE PUBBLICA PER LA STABILIZZAZIONE DEL PERSONALE PRECARIO (ai sensi dell art. 1, comma 558, della Legge 27 dicembre 2006, n. 296 Legge Finanziaria 2007)

Dettagli

BANDO DI CONTRIBUTI PER INTERVENTI INNOVATIVI SULLE TEMATICHE SICUREZZA SUL LAVORO, ENERGIA ED AMBIENTE

BANDO DI CONTRIBUTI PER INTERVENTI INNOVATIVI SULLE TEMATICHE SICUREZZA SUL LAVORO, ENERGIA ED AMBIENTE BANDO DI CONTRIBUTI PER INTERVENTI INNOVATIVI SULLE TEMATICHE SICUREZZA SUL LAVORO, ENERGIA ED AMBIENTE Art. 1- DESCRIZIONE E FINALITA DELL INIZIATIVA La Camera di Commercio di Avellino con il presente

Dettagli

Regione Siciliana. Presidenza. L Assessore

Regione Siciliana. Presidenza. L Assessore Regione Siciliana Presidenza L Assessore DISEGNO DI LEGGE Disciplina dell impiego presso l amministrazione regionale ART. 1 (Ordinamento del personale dell Amministrazione regionale) 1. Il personale dei

Dettagli

REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DELL ASSISTENZA

REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DELL ASSISTENZA REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DELL ASSISTENZA - Approvato con nota Ministeriale del 25 ottobre 2004 e modifiche approvate con successiva nota Ministeriale del 24 luglio 2006 - Testo integrato in vigore

Dettagli

Il Presidente del Consiglio dei Ministri

Il Presidente del Consiglio dei Ministri Il Presidente del Consiglio dei Ministri VISTA la legge 27 aprile 1982, n.186; VISTI la legge 6 dicembre 1971, n. 1034, istitutiva dei tribunali amministrativi regionali, ed il relativo regolamento di

Dettagli

IFOSI AI PRESIDENTI DEGLI ORDINI DEI FARMACISTI AI COMPONENTI IL COMITATO CENTRALE DELLA F.O.F.I. LORO SEDI

IFOSI AI PRESIDENTI DEGLI ORDINI DEI FARMACISTI AI COMPONENTI IL COMITATO CENTRALE DELLA F.O.F.I. LORO SEDI Ufficio: Protocollo: Oggetto: Roma, 27/03/2012 DIR/MRT 201200002688/A.G. L. 24 marzo 2012, n. 27 Conversione in legge, con modificazioni, del decretolegge 24 gennaio 2012, n. 1, recante disposizioni urgenti

Dettagli

Attività e sbocchi occupazionali del farmacista

Attività e sbocchi occupazionali del farmacista Attività e sbocchi occupazionali del farmacista Costituiscono sbocchi occupazionali per i farmacisti le attività connesse al possesso della laurea in Farmacia o in CTF e, ove occorra, all'abilitazione

Dettagli

NON DI LINEA (2) (3).

NON DI LINEA (2) (3). L. 15 GENNAIO 1992, N. 21 (1). (giurisprudenza di legittimità) LEGGE QUADRO PER IL TRASPORTO DI PERSONE MEDIANTE AUTOSERVIZI PUBBLICI NON DI LINEA (2) (3). (1) Pubblicata nella Gazz. Uff. 23 gennaio 1992,

Dettagli

TESTO COORDINATO DECRETO

TESTO COORDINATO DECRETO TESTO COORDINATO DECRETO 3 febbraio 1992 G.U.R.S. 7 marzo 1992, n. 13 DECRETO 2 ottobre 1997 G.U.R.S. 25 ottobre 1997, n. 59 DECRETO 19 ottobre 1999 G.U.R.S. 26 novembre 1999, n. 55 Determinazione dei

Dettagli

Legge 5 novembre 1968, n. 1115

Legge 5 novembre 1968, n. 1115 Legge 5 novembre 1968, n. 1115 Estensione, in favore dei lavoratori, degli interventi della Cassa integrazione guadagni, della gestione dell'assicurazione contro la disoccupazione e della Cassa assegni

Dettagli

COMUNE DI MONZA ASSESSORATO ATTIVITA PRODUTTIVE

COMUNE DI MONZA ASSESSORATO ATTIVITA PRODUTTIVE COMUNE DI MONZA ASSESSORATO ATTIVITA PRODUTTIVE Direzione Sviluppo Economico e Valorizzazione Asset Patrimoniali e Territoriali Servizio SUAP e Polizia Amministrativa INTERVENTI PER ATTIVITA COMMERCIALI

Dettagli

L. 30-12-1960 n. 1676 Norme per la costruzione di abitazioni per i lavoratori agricoli. Pubblicata nella Gazz. Uff. 16 gennaio 1961, n. 13.

L. 30-12-1960 n. 1676 Norme per la costruzione di abitazioni per i lavoratori agricoli. Pubblicata nella Gazz. Uff. 16 gennaio 1961, n. 13. Epigrafe 1. 2. 3. 4. 5. 6. 7. 8. 9. 10. 11. 12. 13. 14. 15. L. 30-12-1960 n. 1676 Norme per la costruzione di abitazioni per i lavoratori agricoli. Pubblicata nella Gazz. Uff. 16 gennaio 1961, n. 13. L.

Dettagli

Disciplina delle professioni sanitarie ausiliarie infermieristiche e di igiene sociale, nonché dell'arte ausiliaria di puericultrice.

Disciplina delle professioni sanitarie ausiliarie infermieristiche e di igiene sociale, nonché dell'arte ausiliaria di puericultrice. L. 19 luglio 1940, n. 1098 (1). Disciplina delle professioni sanitarie ausiliarie infermieristiche e di igiene sociale, nonché dell'arte ausiliaria di puericultrice. (1) Pubblicata nella Gazz. Uff. 14

Dettagli

Direttive e criteri di attuazione della legge regionale 13 agosto 2001, n. 12

Direttive e criteri di attuazione della legge regionale 13 agosto 2001, n. 12 ALLEGATO ALLA DELIBERAZIONE N. 36/ 20 DEL 26.7.2005 Direttive e criteri di attuazione della legge regionale 13 agosto 2001, n. 12 Art. 1 Ai fini dell applicazione delle presenti direttive e criteri di

Dettagli

MINISTERO DELLA SANITÀ. Serie generale della Gazzetta Ufficiale del 30.03.1992, n.75

MINISTERO DELLA SANITÀ. Serie generale della Gazzetta Ufficiale del 30.03.1992, n.75 MINISTERO DELLA SANITÀ DECRETO 21 ottobre 1991, n.458. Serie generale della Gazzetta Ufficiale del 30.03.1992, n.75 Regolamento di Attuazione dell art. 11 del Decreto - Legge 24 novembre 1990, n. 344,

Dettagli

Segnalazione Certificata di Inizio Attività (art. 19 Legge 241/1990 e s.m.i.)

Segnalazione Certificata di Inizio Attività (art. 19 Legge 241/1990 e s.m.i.) Segnalazione Certificata di Inizio Attività (art. 19 Legge 241/1990 e s.m.i.) Agenzie di viaggio e turismo: DD.G.R. 816/2010 e 95/2011 - Apertura nuova Agenzia di viaggi Allo Sportello Unico per le attività

Dettagli

CIRCOLARE N. 14/E. OGGETTO: Legge 30 dicembre 2010, n. 238 - Incentivi fiscali per il rientro dei lavoratori in Italia - Chiarimenti interpretativi

CIRCOLARE N. 14/E. OGGETTO: Legge 30 dicembre 2010, n. 238 - Incentivi fiscali per il rientro dei lavoratori in Italia - Chiarimenti interpretativi CIRCOLARE N. 14/E Direzione Centrale Normativa Settore Imposte sui Redditi e sulle Attività Produttive Ufficio Redditi Fondiari e di Lavoro Roma, 04 maggio 2012 Alle Direzioni regionali e provinciali Agli

Dettagli

STATUTO DELL AGENZIA TERRITORIALE DELL EMILIA-ROMAGNA PER I SERVIZI IDRICI E RIFIUTI

STATUTO DELL AGENZIA TERRITORIALE DELL EMILIA-ROMAGNA PER I SERVIZI IDRICI E RIFIUTI AGENZIA TERRITORIALE DELL EMILIA-ROMAGNA PER I SERVIZI IDRICI E RIFIUTI STATUTO DELL AGENZIA TERRITORIALE DELL EMILIA-ROMAGNA PER I SERVIZI IDRICI E RIFIUTI approvato in occasione della seduta del Consiglio

Dettagli

UFFICO SCOLASTICO REGIONALE PER L ABRUZZO L AQUILA

UFFICO SCOLASTICO REGIONALE PER L ABRUZZO L AQUILA UFFICO SCOLASTICO REGIONALE PER L ABRUZZO L AQUILA CONTRATTO COLLETTIVO REGIONALE INTEGRATIVO RELATIVO AI CRITERI PER FRUIZIONE DEI PERMESSI PER IL DIRITTO ALLO STUDIO [Art. 4 -comma 4 lett. a)- CCNL]

Dettagli

CRITERI PER IL RICONOSCIMENTO DEGLI ORGANISMI DI CONSULENZA AZIENDALE DELLA REGIONE UMBRIA

CRITERI PER IL RICONOSCIMENTO DEGLI ORGANISMI DI CONSULENZA AZIENDALE DELLA REGIONE UMBRIA ALLEGATO A CRITERI PER IL RICONOSCIMENTO DEGLI ORGANISMI DI CONSULENZA AZIENDALE DELLA REGIONE UMBRIA 1. Premessa Il Reg. (CE) n. 1782/2003 ha stabilito, in via obbligatoria, l istituzione da parte degli

Dettagli

TITOLO III) - RAPPORTO DI LAVORO CAPO I) - RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO INDETERMINATO

TITOLO III) - RAPPORTO DI LAVORO CAPO I) - RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO INDETERMINATO TITOLO III) - RAPPORTO DI LAVORO CAPO I) - RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO INDETERMINATO Articolo 43) - Modalità di assunzione all impiego Costituzione dei rapporti di lavoro a tempo indeterminato 1. Le procedure

Dettagli

Corso di preparazione all Esame di Stato

Corso di preparazione all Esame di Stato Corso di preparazione all Esame di Stato Ordine dei Farmacisti di Bologna LA DISCIPLINA DELLE ATTIVITÀ ISPETTIVE Dott. Marco Manzoli U.O.C. Assistenza Farmaceutica Territoriale e Vigilanza Dipartimento

Dettagli

P O L I T E C N I C O D I M I L A N O

P O L I T E C N I C O D I M I L A N O Rep. n. 2012 Prot. n. 24679 Data 30 aprile 2015 Titolo I Classe 3 UOR AG P O L I T E C N I C O D I M I L A N O I L R E T T O R E VISTO il D.P.R. 11.07.1980, n. 382 Riordinamento della docenza universitaria,

Dettagli

AZIENDA OSPEDALIERA REGIONALE SAN CARLO DI POTENZA

AZIENDA OSPEDALIERA REGIONALE SAN CARLO DI POTENZA Concorso pubblico per titoli ed esami per la copertura di n.1 posto di Dirigente Medico della disciplina di Ostetricia e Ginecologia ovvero della disciplina di Fisiopatologia della Riproduzione Umana presso

Dettagli

COMUNE DI MONTIGNOSO Provincia di Massa Carrara

COMUNE DI MONTIGNOSO Provincia di Massa Carrara COMUNE DI MONTIGNOSO Provincia di Massa Carrara BANDO DI CONCORSO PUBBLICO PER ESAMI, PER LA COPERTURA A TEMPO INDETERMINATO DI NR. 1 POSTO DI COLLABORATORE AMMINISTRATIVO SERVIZI DEMOGRAFICI - CATEGORIA

Dettagli

SCADENZA DEL BANDO: 28 Gennaio 2013

SCADENZA DEL BANDO: 28 Gennaio 2013 REGIONE VENETO AZIENDA "UNITA' LOCALE SOCIO-SANITARIA N. 6 VICENZA" BANDO DI CONCORSO PUBBLICO N. 208 pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n.101 del 28.12.2012 SCADENZA DEL BANDO: 28 Gennaio 2013 In esecuzione

Dettagli

N. 33454 Udine, 09.06.2014 AVVISO PUBBLICO PER ASSUNZIONE A TEMPO DETERMINATO

N. 33454 Udine, 09.06.2014 AVVISO PUBBLICO PER ASSUNZIONE A TEMPO DETERMINATO SCADENZA: 24 giugno 2014 N. 33454 Udine, 09.06.2014 AVVISO PUBBLICO PER ASSUNZIONE A TEMPO DETERMINATO In esecuzione al decreto n. 441 del 06.06.2014 in applicazione alla vigente normativa in materia,

Dettagli

DISCIPLINA DELL ASSETTO ISTITUZIONALE, ORGANIZZATIVO E GESTIONALE DEGLI IRCCS BURLO GAROFOLO DI TRIESTE E C.R.O. DI AVIANO

DISCIPLINA DELL ASSETTO ISTITUZIONALE, ORGANIZZATIVO E GESTIONALE DEGLI IRCCS BURLO GAROFOLO DI TRIESTE E C.R.O. DI AVIANO DISCIPLINA DELL ASSETTO ISTITUZIONALE, ORGANIZZATIVO E GESTIONALE DEGLI IRCCS BURLO GAROFOLO DI TRIESTE E C.R.O. DI AVIANO TITOLO I - DISPOSIZIONI GENERALI Art.1 (Oggetto) 1. La presente legge riordina

Dettagli

D.M. 1 luglio 1957. (pubbl. in Gazz. Uff. n. 175 del 15 luglio 1957).

D.M. 1 luglio 1957. (pubbl. in Gazz. Uff. n. 175 del 15 luglio 1957). D.M. 1 luglio 1957. Norme per la concessione delle licenze di produzione e imbottigliamento del vermouth e degli altri vini aromatizzati e per la vigilanza sulla preparazione e sul commercio dei detti

Dettagli

REGOLAMENTO SPECIALE PER LA VENDITA DEI BENI IMMOBILI

REGOLAMENTO SPECIALE PER LA VENDITA DEI BENI IMMOBILI Commissione Straordinaria di Liquidazione PROGRAMMA STRAORDINARIO DI DISMISSIONE REGOLAMENTO SPECIALE PER LA VENDITA DEI BENI IMMOBILI TITOLO I PROGRAMMA STRAORDINARIO DI DISMISSIONE Art. 1 Finalità ed

Dettagli

(2) Per il regolamento di esecuzione della presente legge vedi il D.P.R. 31 gennaio 1958, n. 136.

(2) Per il regolamento di esecuzione della presente legge vedi il D.P.R. 31 gennaio 1958, n. 136. Page 1 of 8 Leggi d'italia L. 24-12-1954 n. 1228 Ordinamento delle anagrafi della popolazione residente. Pubblicata nella Gazz. Uff. 12 gennaio 1955, n. 8. L. 24 dicembre 1954, n. 1228 (1). Ordinamento

Dettagli

Roma, 14 aprile 2015

Roma, 14 aprile 2015 CIRCOLARE N.16/E Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti Roma, 14 aprile 2015 OGGETTO: Chiarimenti in materia di imposta di bollo assolta in modo virtuale ai sensi degli articoli 15 e 15-bis del decreto

Dettagli

Relazione Dr. Felice Majori INQUADRAMENTO GIURIDICO DELLE PROFESSIONI SANITARIE

Relazione Dr. Felice Majori INQUADRAMENTO GIURIDICO DELLE PROFESSIONI SANITARIE Relazione Dr. Felice Majori INQUADRAMENTO GIURIDICO DELLE PROFESSIONI SANITARIE CHIARIMENTI PRELIMINARI L ACCORDO S/R 16.12.2012 SUI REQUISITI MINIMI, ORGANIZZATIVI, STRUTTURALI E TECNOLOGICI DELLE ATTIVITA

Dettagli

CAPO I GIOVANI COPPIE E NUBENDI

CAPO I GIOVANI COPPIE E NUBENDI CRITERI ATTUATIVI dell articolo 54 della legge provinciale n. 1 del 22 aprile 2014 concernente disposizioni attuative in materia di edilizia abitativa agevolata per gli anni 2015 2018, approvati con deliberazioni

Dettagli

DOMANDA DI ISCRIZIONE

DOMANDA DI ISCRIZIONE DOMANDA DI ISCRIZIONE Il sottoscritto/a nato/a il / / 19 a residente a in Via Codice Fiscale E-mail Tel. Cell. Documento Tipo N. Ril. Scad. CHIEDE Di essere iscritto all associazione Professionisti Associati

Dettagli

Lettere, Istr. Secondaria di II Grado. Lettere, Latino nei Licei e Istituti Magistrali. Lingua e Civiltà Straniera (Inglese)

Lettere, Istr. Secondaria di II Grado. Lettere, Latino nei Licei e Istituti Magistrali. Lingua e Civiltà Straniera (Inglese) PROVINCIA REGIONALE DI PALERMO AREA SERVIZI ALLA PERSONA ISTITUTO PROVINCIALE DI CULTURA E LINGUE VIA DON ORIONE 44 TEL. 091 54 53 07 FAX 091 36 17 25 PALERMO E- Mail: ipcl@provincia.palermo.it Bando per

Dettagli

PROVINCIA DI MILANO REGOLAMENTO PER L ASSEGNAZIONE DI AREE EDIFICABILI NELL AMBITO DI PIANI PARTICOLAREGGIATI

PROVINCIA DI MILANO REGOLAMENTO PER L ASSEGNAZIONE DI AREE EDIFICABILI NELL AMBITO DI PIANI PARTICOLAREGGIATI PROVINCIA DI MILANO REGOLAMENTO PER L ASSEGNAZIONE DI AREE EDIFICABILI NELL AMBITO DI PIANI PARTICOLAREGGIATI Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 79 del 21 dicembre 2010 Modificato con

Dettagli

Il Verbale di ispezione presso la farmacia Convenzionata

Il Verbale di ispezione presso la farmacia Convenzionata Il Verbale di ispezione presso la farmacia Convenzionata Carmen Vitali U.O.Dip. Area Farmaco e Presidi Medico Chirurgici AV1 Fano Ordine dei Farmacisti Pesaro, 21 Marzo 2013 04/04/2013 1 Servizio Farmaceutico

Dettagli

Giunta Regionale della Campania

Giunta Regionale della Campania Bollettino Ufficiale della Regione Campania n 14 del 4 marzo 2002 AZIENDA OSPEDALIERA - OSPEDALE CIVILE - Via Tescione 81100 Caserta - Concorso pubblico, per titoli ed esami, per la copertura di n. 1 posto

Dettagli

IN QUESTO NUMERO. Conferenza Stato Città: proroga bilancio al 31 maggio 2015.

IN QUESTO NUMERO. Conferenza Stato Città: proroga bilancio al 31 maggio 2015. N. 7 16 marzo 2015 Reg. Tribunale di Milano n. 51 del 1 marzo 2013 IN QUESTO NUMERO Agenzia delle Entrate: Obbligatorietà della trasmissione telematica, con modello unico informatico catastale, per la

Dettagli

CRITERI ATTUATIVI CAPO I GIOVANI COPPIE E NUBENDI

CRITERI ATTUATIVI CAPO I GIOVANI COPPIE E NUBENDI Allegato parte integrante Allegato A CRITERI ATTUATIVI dell articolo 54 della legge provinciale n. 1 del 22 aprile 2014 concernente disposizioni attuative in materia di edilizia abitativa agevolata per

Dettagli

CONCORSO PUBBLICO PER TITOLI ED ESAMI PER N. 2 POSTI DI OPERATORE SOCIO SANITARIO O.S.S. A TEMPO INDETERMINATO - FULL TIME CAT. B3

CONCORSO PUBBLICO PER TITOLI ED ESAMI PER N. 2 POSTI DI OPERATORE SOCIO SANITARIO O.S.S. A TEMPO INDETERMINATO - FULL TIME CAT. B3 Via Dante 93 28047 OLEGGIO (No) C.F. 80000490039 CONCORSO PUBBLICO PER TITOLI ED ESAMI PER N. 2 POSTI DI OPERATORE SOCIO SANITARIO O.S.S. A TEMPO INDETERMINATO - FULL TIME CAT. B3 In esecuzione alla deliberazione

Dettagli

ATTIVITA RICETTIVA SINGOLA IMPRESA

ATTIVITA RICETTIVA SINGOLA IMPRESA UNIONE EUROPEA REPUBBLICA ITALIANA ASSESSORATO TURISMO, ARTIGIANATO E COMMERCIO PO FESR 2007-2013 Competitività regionale e occupazione Asse IV Ambiente, Attrattività Naturale, Culturale e Turismo Obiettivo

Dettagli

Centro di Riferimento per l Agricoltura Biologica

Centro di Riferimento per l Agricoltura Biologica Centro di Riferimento per l Agricoltura Biologica Società Consortile a Responsabilità Limitata AVVISO N. 2/2010 - SELEZIONE PER TITOLI E COLLOQUIO FINALIZZATA ALL ASSUNZIONE DI UN ESPERTO RICERCATORE CON

Dettagli

COMUNE di N U O R O TITOLI DI STUDIO E MATERIE D ESAME PER L ACCESSO. a cura del Settore Personale

COMUNE di N U O R O TITOLI DI STUDIO E MATERIE D ESAME PER L ACCESSO. a cura del Settore Personale COMUNE di N U O R O TITOLI DI STUDIO E MATERIE D ESAME PER L ACCESSO a cura del Settore Personale Qualifica Funzionale Servizio e/o Capo Settore Gabinetto del Sindaco Dirigente Dirigenza Tutti i diplomi

Dettagli