Nota in caso di Integrazioni-Modifiche Data: pag. modificate Firma Data: pag. modificate Firma

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Nota in caso di Integrazioni-Modifiche Data: pag. modificate Firma Data: pag. modificate Firma"

Transcript

1 Lavori di: PIANO DI SICUREZZA E COORDINAMENTO Art. 100 Decreto Legislativo 9 Aprile, n 81, allegato XV successive modifiche ed integrazioni. Attuazione dell articolo 1 della legge 3 agosto 2007 n.123, in materia di tutela della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro. COSTRUZIONE DI LINEE ELETTRICHE A MEDIA TENSIONE IN CAVO INTERRATO NEI QUARTIERI VALLETTE E LUCENTO A TORINO Costruzione e posa di linee in Media Tensione a 22 kv in cavo interrato nei quartieri VALLETTE e LUCENTO, denominata Cambio tensione MT Vallette Lucento. Compreso tra le vie cittadine: Via delle Primule e C.so Grosseto, da P.za Rebaudengo sino a Via Botticelli C.S. STURA, e tra Strada Lanzo e C.so Potenza fino a C.so Regina Margherita precisamente dalla Cabina n 8381 e da qui sino a P.za Cirene compreso Strada Pianezza fino a Via delle Primule, come meglio specificato nelle planimetrie allegate al presente PSC. Piano di Sicurezza e Coordinamento - Data di redazione: 23/04/2011 Coordinatore per la progettazione Giancarlo Per Ind Ing Boesso via T. Masaccio 24 Torino Adeguamenti in relazione all evoluzione dei lavori e alle modifiche intervenute, a cura del Coordinatore (CSP). Giancarlo Boesso 1 Redazione Pagine Totali 161 Nota in caso di Integrazioni-Modifiche Data: pag. modificate Firma Data: pag. modificate Firma Data: / / allegati modificati Firma Data: / / allegati modificati Firma Data: / / pag./allegati aggiunti Firma Data: / / pag./allegati aggiunti Firma

2 Indice Generale dei Titoli trattati > Premessa > Definizioni > Misure generali di tutela > Metodologia di valutazione adottata > Criteri seguiti > Campo di applicazione del piano di sicurezza e di coordinamento > Relazione tecnica > Indicazioni operative > Elementi del PSC e prescrizioni correlate alla complessità dell opera > Rischi di contesto operativo > Modalità da seguire per la recinzione di cantiere, accessi, segnalazioni > Protezione o misure di sicurezza contro i possibili rischi provenienti dall ambiente esterno/interno > Servizi igienico-assistenziali > Accertamenti Sanitari > Protezioni e misure di sicurezza connesse alla presenza nell area di cantiere di linee aeree e condutture sotterranee > Viabilità principale del cantiere > Impianti di alimentazione e reti principali di elettricità, acqua, gas ed energia di qualsiasi tipo > Impianti di terra e di protezione contro le scariche atmosferiche > Misure generali di protezione contro il rischio di seppellimento da adottare negli scavi > Modalità di esecuzione degli scavi a sezione obbligata < al 1,50 mt > Misure generali da adottare contro il rischio di annegamento > Misure generali di protezione da adottare contro il rischio di caduta dall alto > Misure di sicurezza contro possibili rischi di incendio o esplosione connessi con lavorazioni e materiali pericolosi utilizzati in cantiere > Disposizione per dare attuazione alla consultazione dei rappresentanti per la sicurezza > Disposizioni per l attuazione di quanto previsto dall art.92, comma 1, lettera c, del D.Lgs. 9 Aprile 2008 n. 81 e successive modifiche ed integrazioni. > Valutazione delle spese prevedibili per l attuazione dei singoli elementi del piano > Misure generali di protezione da adottare contro gli sbalzi eccessivi di temperatura > Movimentazione con mezzi di sollevamento > Piani Operativi dell impresa POS > Documenti relativi alla sicurezza da conservare in cantiere > Elenco, non esaustivo, delle attrezzature di lavoro impiegabili per l esecuzione dell opera > Programma cronologico dei lavori (Allegato 1) > Schede di valutazione dei rischi (Allegato 2) > Scheda di individuazione dei fattori di rischio (Allegato 3) > Prescrizioni di coordinamento (Allegati 4-5) > Fascicolo (Allegato 6) > Prescrizioni concernenti i rapporti tra AEMD e le Imprese Appaltatrici per l esecuzione di attività lavorative fuori tensione su impianti elettrici di bassa, media e alta tensione in esercizio e/o in prossimità degli stessi (Allegato 7) > Valutazione dei costi della sicurezza (Allegato 8) > Prevenzione del rischio elettrico > Modulistica

3 Premessa Il presente Piano di sicurezza e di coordinamento (PSC) è stato redatto secondo il dettato dell art. 100 D.Lgs. n. 81 del 9 Aprile 2008 ed in particolare all Allegato XV allo stesso Decreto. Il testo è stato modificato ed integrato con l entrata in vigore del D.Lgs 3 Agosto 2009 n 106. Il Piano contiene le misure formulate avendo presente il complesso delle attività del cantiere che concernono nell individuazione, l analisi, la valutazione dei rischi e le conseguenti procedure, gli apprestamenti e le attrezzature atti a garantire, per tutta la durata dei lavori, il rispetto delle norme per la prevenzione degli infortuni e la tutela della salute dei lavoratori nonché la stima dei relativi costi che non sono soggetti a ribasso nelle offerte delle imprese esecutrici. In particolare il piano contiene le disposizioni relative al coordinamento delle imprese e l indicazione delle procedure e degli apprestamenti destinati a garantire la sicurezza e la salute dei lavoratori, le misure di prevenzione da adottare in ragione delle situazioni di presenza simultanea o successiva di varie imprese e di lavoratori autonomi, le modalità di utilizzo della viabilità e delle aree di deposito del cantiere e all occorrenza le modalità di utilizzo di impianti comuni /infrastrutture, mezzi logistici e di protezione collettiva. Le prescrizioni contenute nel presente PSC, da applicare durante la realizzazione dell opera, non dovranno in alcun modo essere interpretate come limitative alle scelte organizzative dell imprenditore che esegue i lavori, rientrando l organizzazione del cantiere nella sfera delle competenze che la vigente normativa pone in capo all imprenditore stesso (art cc) e che questi si assume con la sottoscrizione del contratto di appalto, a fronte di un corrispettivo in denaro (art cc). Tali prescrizioni o procedure non sollevano l impresa esecutrice dei lavori dagli obblighi imposti dalla normativa vigente. Il presente PSC dovrà quindi essere riesaminato, in conformità a quanto disposto dall articolo 100 comma 5, del D.Lgs. n. 81 del 9 Aprile 2008 e successive modifiche ed integrazioni, con le eventuali proposte di integrazioni al PSC in ragione delle valutazioni e scelte tecniche che l impresa affidataria dovrà effettuare nel caso ritenga di poter meglio garantire la sicurezza e la salute dei lavoratori dipendenti durante le singole fasi di lavorazione. Le misure di prevenzione e di protezione e i D.P.I. da adottare, al presente specifico cantiere, per la prevenzione dei rischi specifici delle singole lavorazioni saranno individuate, a cura del Datore di lavoro di ciascuna delle imprese esecutrici, nei Piani Operativi di Sicurezza (POS) che costituiscono piani complementari di dettaglio dei quali, a cura del CSE (Coordinatore Esecuzione Lavori), dovrà essere assicurata la coerenza con il presente piano. L appaltatore, ai sensi dell art.101 comma 2, prima dell'inizio dei lavori l'impresa affidataria trasmette il piano di sicurezza alle imprese esecutrici e ai lavoratori autonomi, inoltre (comma 3), prima dell'inizio dei rispettivi lavori ciascuna impresa esecutrice trasmette il proprio piano operativo di sicurezza all impresa affidataria, la quale, previa verifica della congruenza rispetto al proprio, lo trasmette al coordinatore per l esecuzione. I lavori hanno inizio dopo l esito positivo delle suddette verifiche che sono effettuate tempestivamente e comunque non oltre 15 giorni dall avvenuta ricezione. Il presente PSC sarà rivisto in occasione di significative modifiche organizzative, progettuali, varianti in corso d opera e ogni qual volta se ne ravviserà la necessità. E responsabilità del Datore di Lavoro (DdL) dell impresa esecutrice dei lavori assicurare che i propri dipendenti e quelli posti sotto la sua direzione o coordinamento o controllo, compreso il personale delle ditte che per qualsiasi motivo si trovino nel cantiere, siano formati ed informati in materia di sicurezza e salute sul lavoro. In particolare il DdL predetto dovrà assicurare ai propri dipendenti la formazione e l informazione con particolare riferimento al proprio posto di lavoro e alle proprie mansioni ed in particolare sui rischi relativi alle attività da espletare per la realizzazione dell opera oggetto del presente PSC. Copia del PSC deve essere tenuta in cantiere.

4 Conformità del PSC Il presente Piano di Sicurezza e Coordinamento (PSC), previsto dall art. 100 del D.Lgs. 81/08 e successive modifiche ed integrazioni è stato redatto nel rispetto della normativa vigente e rispetta i contenuti minimi indicati dal D.Lgs. 81/08 ed in particolare dall Allegato XV allo stesso Decreto. Definizioni Come indicato all art. 89, comma 1, del D.Lgs. 81/08, si intende per: Cantiere temporaneo o mobile: qualunque luogo in cui si effettuano lavori edili o di ingegneria civile il cui elenco è riportato nell Allegato X del D.Lgs. 81/08. Committente: il soggetto per conto del quale l'intera opera viene realizzata, indipendentemente da eventuali frazionamenti della sua realizzazione. Nel caso di appalto di opera pubblica, il committente è il soggetto titolare del potere decisionale e di spesa relativo alla gestione dell'appalto. Responsabile dei Lavori:soggetto che può essere incaricato dal committente per svolgere i compiti ad esso attribuiti dal presente decreto; nel campo di applicazione del decreto legislativo 12 aprile 2006, n. 163, e successive modificazioni, il responsabile dei lavori è il responsabile del procedimento. Lavoratore autonomo: persona fisica la cui attività professionale contribuisce alla realizzazione dell'opera senza vincolo di subordinazione. Coordinatore in materia di Sicurezza e di Salute durante la Progettazione dell opera: soggetto incaricato, dal committente o dal responsabile dei lavori, dell'esecuzione dei compiti di cui all'articolo 91, nel seguito indicato Coordinatore per la progettazione. Coordinatore in materia di Sicurezza e di Salute durante la Realizzazione dell'opera: soggetto incaricato, dal committente o dal responsabile dei lavori, dell'esecuzione dei compiti di cui all'articolo 92, che non può essere il datore di lavoro delle imprese esecutrici o un suo dipendente o il responsabile del servizio di prevenzione e protezione (RSPP) da lui designato, nel seguito indicato Coordinatore per l esecuzione dei lavori. Persona esperta (PES) Persona con istruzione, conoscenza ed esperienza rilevanti tali da consentirle di analizzare i rischi e di evitare i pericoli che l elettricità può creare. Persona avvertita (PAV) Persona adeguatamente avvisata da persone esperte per metterla in grado di evitare i pericoli che l elettricità può creare. Persona preposta alla conduzione dell impianto elettrico (Responsabile dell'impianto -RI) Persona designata alla più alta responsabilità della conduzione dell impianto elettrico. All occorrenza, parte di tali compiti può essere delegata ad altri. Persona preposta alla conduzione dell attività lavorativa (Preposto ai lavori - PL) Persona designata alla più alta responsabilità della conduzione del lavoro. All occorrenza, parte di tali compiti può essere delegata ad altri. Rappresentante dei lavoratori per la sicurezza: Persona, ovvero persone, elette o designate per rappresentare i lavoratori per quanto concerne gli aspetti della salute e sicurezza durante il lavoro. Lavoratore autonomo: Persona fisica la cui attività professionale concorre alla realizzazione dell opera senza vincolo di subordinazione. Uomini-giorno: entità presunta del cantiere, rappresentata dalla somma delle giornate lavorative prestate dai lavoratori, anche autonomi, previsti per la realizzazione dell'opera. Piano Operativo di Sicurezza: il documento che il datore di lavoro dell'impresa esecutrice redige, in riferimento al singolo cantiere interessato, ai sensi dell'articolo 17 comma 1, lettera a) del D.Lgs. n. 81 del 9 Aprile 2008, i cui contenuti minimi sono riportati nell Allegato XV dello stesso decreto, nel seguito indicato con POS. Impresa affidataria: impresa titolare del contratto di appalto con il committente che, nell esecuzione dell opera appaltata, può avvalersi di imprese subappaltatrici o di lavoratori autonomi. Idoneità tecnico-professionale: possesso di capacità organizzative, nonché disponibilità di forza lavoro, di macchine e di attrezzature, in riferimento alla realizzazione dell opera.

5 Come indicato nell Allegato XV del D.Lgs. 81/08, si intende per: Scelte progettuali ed organizzative: insieme di scelte effettuate in fase di progettazione dal progettista dell'opera in collaborazione con il coordinatore per la progettazione, al fine di garantire l'eliminazione o la riduzione al minimo dei rischi di lavoro. Le scelte progettuali sono effettuate nel campo delle tecniche costruttive, dei materiali da impiegare e delle tecnologie da adottare; le scelte organizzative sono effettuate nel campo della pianificazione temporale e spaziale dei lavori. Procedure: le modalità e le sequenze stabilite per eseguire un determinato lavoro od operazione. Apprestamenti: le opere provvisionali necessarie ai fini della tutela della salute e della sicurezza dei lavoratori in cantiere. Attrezzatura di lavoro: qualsiasi macchina, apparecchio, utensile o impianto destinato ad essere usato durante il lavoro; Misure preventive e protettive: gli apprestamenti, le attrezzature, le infrastrutture, i mezzi e servizi di protezione collettiva, atti a prevenire il manifestarsi di situazioni di pericolo, a proteggere i lavoratori da rischio di infortunio ed a tutelare la loro salute; Prescrizioni operative: le indicazioni particolari di carattere temporale, comportamentale, organizzativo, tecnico e procedurale, da rispettare durante le fasi critiche del processo di costruzione, in relazione alla complessità dell'opera da realizzare; Cronoprogramma dei lavori: programma dei lavori in cui sono indicate, in base alla complessità dell'opera, le lavorazioni, le fasi e le sottofasi di lavoro, la loro sequenza temporale e la loro durata. PSC: il piano di sicurezza e di coordinamento di cui all'articolo 100. PSS: il piano di sicurezza sostitutivo del piano di sicurezza e di coordinamento, di cui all'articolo 131, comma 2, lettera b) del D.Lgs. 163/2006 e successive modifiche. POS: il piano operativo di sicurezza di cui all'articolo 89, lettera h, e all'articolo 131, comma 2, lettera c), del D.Lgs. 163/2006 e successive modifiche. Costi della sicurezza: i costi indicati all'articolo 100, nonché gli oneri indicati all'articolo 131 del D.Lgs. 163/2006 e successive modifiche. Si intende, inoltre, per: Pericolo: proprietà o qualità intrinseca di un determinato fattore avente il potenziale di causare danni; Rischio: probabilità di raggiungimento del livello potenziale di danno nelle condizioni di impiego o di esposizione ad un determinato fattore o agente oppure alla loro combinazione; Il rischio (R) è funzione della magnitudo (M) del danno provocato e della probabilità (P) o frequenza del verificarsi del danno. Valutazione dei rischi: Procedimento di valutazione dei rischi per la sicurezza e la salute dei lavoratori nell espletamento delle loro mansioni, derivante dalle circostanze del verificarsi di un pericolo sul cantiere di lavoro. Agente: L agente chimico, fisico o biologico presente durante il lavoro e potenzialmente dannoso per la salute. Misure generali di tutela Come indicato nell articolo 95 del D.Lgs. 81/08, durante l'esecuzione dell'opera, i datori di lavoro delle Imprese esecutrici dovranno osservare le misure generali di tutela di cui all'articolo 15 dello stesso D.Lgs. 81/08 e dovranno curare, ciascuno per la parte di competenza, in particolare:. il mantenimento del cantiere in condizioni ordinate e di soddisfacente salubrità; la scelta dell'ubicazione di posti di lavoro tenendo conto delle condizioni di accesso a tali posti, definendo le vie o le zone di spostamento o di circolazione; le condizioni di movimentazione dei vari materiali; la manutenzione, il controllo prima dell'entrata in servizio e il controllo periodico degli impianti e dei dispositivi al fine di eliminare i difetti che possono pregiudicare la sicurezza e la salute dei lavoratori; la delimitazione e l'allestimento delle zone di stoccaggio e di deposito dei vari materiali, in particolare quando si tratta di materie e di sostanze pericolose; l'adeguamento, in funzione dell'evoluzione del cantiere, della durata effettiva da attribuire

6 Frequenza LIEVE MODESTA GRAVE GRAVISSIMA ai vari tipi di lavoro o fasi di lavoro; la cooperazione tra datori di lavoro e lavoratori autonomi; le interazioni con le attività che avvengono sul luogo, all'interno o in prossimità del cantiere. 1 MOLTO BASSO 2 BASSO 3 MEDIO 4 ALTO Magnitudo Improbabile Possibile Probabile Molto Probabile La metodologia adottata nella Valutazione dei Rischi ha tenuto conto del contenuto specifico del D.Lgs 81/08 e successive modifiche ed integrazioni. La valutazione dei rischi ha avuto ad oggetto l individuazione di tutti i pericoli esistenti negli ambienti e nei luoghi in cui operano gli addetti al Cantiere. In particolare è stata valutata la Probabilità di ogni rischio analizzato (con gradualità:improbabile, possibile, probabile, molto probabile) e la sua Magnitudo (con gradualità: lieve, modesta, grave, gravissima. Dalla combinazione dei due fattori si è ricavata l Entità del rischio (nel seguito denominato semplicemente RISCHIO), con gradualità:

7 Gli orientamenti considerati si sono basati sui seguenti aspetti: Studio del Cantiere di lavoro (requisiti degli ambienti di lavoro, vie di accesso, sicurezza delle attrezzature, microclima, illuminazione, rumore, agenti fisici e nocivi); Identificazione delle attività eseguite in Cantiere (per valutare i rischi derivanti dalle singole fasi); Conoscenza delle modalità di esecuzione del lavoro (in modo da controllare il rispetto delle procedure e se queste comportano altri rischi, ivi compresi i rischi determinati da interferenze tra due o più lavorazioni singole); Le osservazioni compiute vengono confrontate con criteri stabiliti al fine di garantire la sicurezza e la Salute in base a: norme legali Nazionali ed Internazionali; norme di buona tecnica; norme ed orientamenti pubblicati; normativa interna ad AEMD. Criteri seguiti La pianificazione dei lavori, riportata nell allegato GANTT, report inviato dall impresa giornalmente o comunque ogni qualvolta vi è una modifica nelle lavorazioni o nell indirizzo del cantiere, segue il criterio di riferimento delle metodologie organizzative e lavorative attuate in ambito AEMD. Sulla base di tale programma l individuazione, l analisi e la valutazione dei rischi, per il campo di attività in esame, sarà effettuata considerando le specifiche fasi realizzate individuate dal Capitolato Speciale d Appalto dei lavori della distribuzione. Per ciascuna fase si è proceduto secondo il seguente schema logico: Individuazione ed analisi dei pericoli L individuazione dei pericoli è stata effettuata sulla base delle conoscenze e dell esperienza specifiche dell attività nonché della normativa di sicurezza vigente. Tale scelta è supportata dalla comprovata validità delle metodologie lavorative adottate in azienda e dimostrata, tra l altro, da un ridotto numero di infortuni verificatesi nello specifico campo di attività, il cui numero, su scala nazionale, risulta essere contenuto, anche in rapporto a quello di altri settori dell industria italiana. Valutazione dei rischi La valutazione dei rischi è stata effettuata prendendo in considerazione i seguenti elementi: - dimensione e disposizione del cantiere - movimento di persone e mezzi - ubicazione dei depositi e servizi - condizioni ambientali - organizzazione e metodologie di lavoro L attività di scavo e la conseguente posa dei cavi MT occupa parti di territorio urbano dove insistono, oltre alle civili abitazioni ed i locali di commercio e terziario, anche la viabilità urbana. I cavidotti vengono, di norma, interrati lungo l asse viario interessando direttamente la circolazione veicolare e pedonale. L attività di rifacimento/montaggio cabine, interessa locali interrati o fuori terra. Nel caso di cabine nuove, normalmente il montaggio elettromeccanico viene realizzato in anticipo rispetto

8 alla posa dei cavi, nel caso di rifacimento di cabine esistenti, già in esercizio, il metodo adottato deve essere programmato, valutato e pianificato (nel POS dell impresa) anche in funzione delle esigenze della rete e deve essere oggetto di attenta pianificazione con la compilazione dei documenti previsti.. Tuttavia trattasi di lavoro fuori tensione. Misure di prevenzione e protezione Per ogni singola situazione pericolosa, in ragione dei rischi associati, sono state individuate e proposte le misure di prevenzione e protezione. Sono state tra l altro individuate situazioni che potranno determinare la presenza simultanea o successiva nel cantiere delle varie imprese, ovvero dei lavoratori autonomi, nonché la presenza del Committente e/o dei suoi rappresentanti e le relative misure di prevenzione derivanti da tali situazioni, sono state indicate le condizioni che richiedono la necessità di prevedere l utilizzazione di infrastrutture, mezzi logistici e di protezione collettiva comuni. Le misure di prevenzione e protezione dei rischi che vengono proposte sono state individuate adottando, ove non è stato possibile individuare soluzioni che determinassero l eliminazione del rischio stesso, le soluzioni tecniche ritenute più idonee allo scopo e prevedendo l adozione di provvedimenti atti a contenerlo. Le misure anzidette, come riportato in premessa, dovranno essere valutate dall impresa esecutrice per la formulazione di proposte e l adozione delle specifiche scelte che la stessa impresa, sulla base della propria esperienza ed al fine di poter meglio garantire la sicurezza e la salute nel cantiere, dovrà comunque autonomamente individuare. Campo di applicazione del Piano di Sicurezza e Coordinamento Il presente piano si riferisce al campo di attività operativa relativo alla "Manutenzione ordinaria e straordinaria degli impianti di distribuzione dell energia elettrica in media e bassa tensione di AEMD S.p.A. nel Comune di Torino e zone limitrofe, denominato lotto Ovest. Le attività in oggetto hanno come matrice l allacciamento alla rete di distribuzione di nuovi clienti e/o il rifacimento, la manutenzione ordinaria delle linee esistenti a MT e/o BT. Ubicazione del cantiere: Descrizione del contesto Prevalentemente cittadino misto: Viarie e secondarie: Viarie con intensa presenza di traffico veicolare; Aree con presenza pedonale residenziale; Aree miste Industriali-Commerciali-Terziario; Aree verdi; Interventi su facciate di edifici Civili-Storici-Pubblici; Cabine elettriche MT/BT Denominazione dei lavori: Riferimento Capitolato speciale di appalto

9 Campo di applicazione del Piano di Sicurezza e Coordinamento Il presente piano si riferisce al campo di attività operativa relativo alla costruzione di linee in media tensione in cavo interrato mediante la posa di cavi elettrici denominati ad elica visibile di tipo ARE4H5EX 12/20kV di sezione 3x1x185 mmq per la fornitura di energia elettrica. Montaggio di cabine nuove o in esercizio (con la metodologia dei lavori fuori tensione) con il relativo ribaltamento. Denominazione dei lavori: Lotto a) Costruzione di linea a Media Tensione in cavo interrato ad elica visibile tipo ARE4H5EX 12/20kV 3x1x185 mmq, per un totale di circa m. Lotto b) Costruzione di linea a media tensione in cavo interrato ad elica visibile tipo ARE4H5EX 12/20kV 3x1x185 mmq, per un totale di circa m. Montaggio cabine (circa 123 cabine MT/BT) Nel Comune di Torino Inizio presunto dei lavori: Settembre 2011 Fine presunta dei lavori: Dicembre 2013 Durata presunta del cantiere: 800 giorni solari Entità presunta del cantiere: 5382 uomini-giorno Ammontare presunto dei lavori: ,00 Stima dei costi della sicurezza: ,00 pari a circa 1.52 % su un importo Committente: AEMD Indirizzo: Str. Pianezza, 272/a - Torino nella persona di: ing. Roberto FALLINI Responsabile dei lavori: ing. Gianluca RIU Coordinatore per la progettazione (CSP) : Giancarlo BOESSO BSSGCR57M08L219X Coordinatore per l esecuzione dei lavori (CSE): Giancarlo BOESSO BSSGCR57M08L219X Denominazione impresa affidataria: Impresa: ******************** Organi di vigilanza territorialmente competenti per il cantiere: AZIENDA REGIONALE A.S.L. 1, S.Pre.S.A.L. Via Alassio, n. 36/E Torino Direzione Provinciale del Lavoro: Servizio Ispezioni Lavoro, Via Dell Arcivescovado 9 - Torino Relazione tecnica Il lavoro consiste nella realizzazione di: Costruzione di cavidotti comprendente circa m di scavo in trincea e la relativa posa di circa m di cavi per la Media Tensione di tipo ARE4H5EX 12/20kV di sez. 3x(1x185) mmq Al ed il relativo confezionamento degli accessori. Montaggio circa 70 cabine di Media tensione dotate di trasformatore per la Bassa tensione denominata cabine MT/BT. Sostituzione di circa 100 Trasformatori. Al fine di agevolare la gestione delle problematiche relative alla sicurezza, l intero lavoro è stato suddiviso in due lotti: il lotto denominato lotto a verrà eseguito negli anni 2011 e 2012, mentre il lotto denominato lotto b negli anni 2012 e 2013.

10 Il cavo sarà posato in polifora realizzata mediante scavo per canalizzazione a cielo aperto. Lo scavo avrà una profondità media variabile da 1,00 a m 1,40 circa, in relazione al tipo di polifora realizzato, ed interesserà le vie indicate nella precedente tabella, salvo casi di modifica di percorso imposto dagli enti proprietari della strada. Di norma alla base dello scavo sarà realizzata una polifora costituita da n 2 tubi in pvc (a seconda delle esigenze, nonché previsioni future si potranno avere dei tratti in cui vengono posati fino 4 tubi + altrettanti 4 sovrapposti), diametro 140 mm, affiancati e/o sovrapposti (1+1) ed adeguatamente distanziati, secondo le indicazioni, indicative, contenute nella precedente tabella. PRESCRIZIONE DEL CSP Nel caso vi siano lavori di scavo in terreno bagnato ed argilloso, di scarsa consistenza a più di mt. 1,50 di profondità, gli operai intenti alla posa in opera, non possono essere all interno dello scavo stesso. Analisi particolareggiate Dai sopralluoghi effettuati prima della progettazione dell opera e l analisi del percorso dove è prevista la costruzione dell elettrodo, sono emerse alcune aree con evidenti particolarità, di cui si allegano fotografie e indicazioni, non esaustive, da approfondire in corso d opera con il coordinamento dei Preposti Capo Cantieri.. (Strada del Bramafame) La costruzione dell elettrodotto in Strada del Bramafame, sebbene non presenta particolari difficoltà, tuttavia necessitnoa alcune informazioni inerente la sicurezza del personale. Per eseguire lo scavo sotto Strada Aeroporto l impresa esecutrice deve avvalersi di movieri o impianto semaforico al fine di parzializzare il traffico su una sola corsia di marcia, detto tratto di strada è interessato da traffico particolarmente pesante diretto presso le cave e/o presso le aziende che insistono nel territorio. Dalla foto aerea, si evince la presenza di un piccolo lago, che sebbene recintato, richiede porre la massima attenzione al fine di evitare qualsiasi rischio di caduta nelle acque con conseguente possibilità di annegamento. In nessun caso ci si deve avvicinare al bordo del lago, è fatto assoluto divieto porre materiali in prossimità del bordo del lago (deposito materiali).

11 L area interessata, in particolare lungo la sponda dello specchio d acqua è particolarmente utilizzata per lo scarico abusivo di materiali di varia natura. A tal fine è necessario, prima delle attività di scavo, che l impresa esecutrice si accerti, anche tramite campionamenti, che non vi sia l eventuale possibilità di qualsivoglia rischio biologico proveniente dallo scarico abusivo, Oltre a delimitare la zona di interesse con almeno nastro rosso di segnalazione. Lo scavo con la conseguente posa del cavo lungo l asse viario di Via Reiss-Romoli presenta l attraversamento di due ponti, come si può vedere dalla foto aerea, il primo provenendo da corso Vercelli, è sulla ferrovia, mentre il secondo sul raccordo Autostradale. La posa del cavo lungo i due ponti deve essere eseguita utilizzando i cunicoli messi a disposizione dall ente strade, previo accordi, come da schema illustrativo allegato in allegato. Ogni eventuale modifica a tale procedura operativa deve essere oggetto di azione di coordinamento a cura del CSE con conseguente aggiornamento del presente PSC. (Via Reiss-Romoli attraversamento raccordo autostradale e ferrovia) Schema illustrativo del ponte sulla ferrovia

12 Cunicolo a SEZ A - SEZ A - Cunicolo b Ferrovia Ferrovia A A A Ferrovia A A Lo porzione di scavo da eseguirsi sull asse viario di C.so Regina Margherita, ovvero dalla cabina n di inventario 8381, sino allo svincolo di Corso Pietro Cossa, interessa una arteria denominata ad scorrimento, dove il limite di velocità è consentito sino a 70 km/h. A tal fine per eseguire i lavori su detto tratto di strada è necessario prevedere una cantierizzazione secondo quando previsto cal codice della strada, prendendo spunto dalle tavole in allegato.

13 (P.za Cirene C.so Regina) In ogni caso, prima della realizzazione delle opere (cavidotto, posa del cavo), l impresa esecutrice deve elaborare apposito POS inerente il lavoro in oggetto, valutando le condizioni imminenti alla realizzazione dell opera nonché prendendo accordi con l ente proprietario della strada. Detto POS sarà parte integrante del presente PSC e costituirà opera di coordinamento e pianificazione. Indicazioni operative I lavori di scavo per canalizzazioni saranno effettuati per tratte successive; ciascuna tratta sarà della lunghezza massima di circa 50 metri, o comunque compatibili con le disposizioni fornite dalla città e/o dall Ente proprietario della strada. L apertura al transito del tratto di strada interessato dai lavori sarà effettuato a valle del ripristino provvisorio dell eventuale manto stradale manomesso. Di norma, al termine di ogni giornata lavorativa, gli scavi dovranno essere interamente colmati e, compatibilmente con le disposizioni comunali, al termine di ogni settimana dovrà essere effettuato il ripristino provvisorio del manto stradale. Prima della posa dei cavi dovranno essere realizzate buche lungo il tracciato per la realizzazione dei giunti di continuità sul cavo. Eventuali buche o tratti di scavo che per eccezionali e giustificati motivi saranno lasciati aperti, dovranno essere opportunamente delimitate e segnalate anche con lampade a batteria. L avanzamento dei lavori potrà avvenire su più lotti contemporaneamente, con adeguato impiego di risorse. L esecuzione dei giunti di continuità, sarà effettuata a cura Impresa. Al fine di limitare le situazioni

14 comportanti rischio elettrico, fatti salvi i rischi derivanti dalla presenza di cavi elettrici nelle vicinanze o da eventuali tensioni trasferite, tutti i giunti di continuità sull intera tratta di cavo dovranno essere effettuati prima dell esecuzione delle terminazioni alle estremità. Eventuali interventi a carico del personale AEMD, che per motivi contingenti si rendessero necessari, dovranno essere oggetto delle azioni di coordinamento previste dal presente Piano della Sicurezza. La costruzione delle terminazioni dei cavi nelle singole cabine sarà effettuata a cura del personale AEMD. Le fasi di lavoro, suddivise per singoli Lotti, sono riportate nei Piani Cronologici allegati. Le attività per la costruzione della linea sono raggruppate secondo tre tipologie di lavoro diverse e più precisamente: edili, elettromeccaniche, controllo e verifica. Lavori edili Esecuzione sondaggi; Esecuzione scavi per canalizzazione e buche per intercettazione tubazioni ed esecuzione giunti; Costruzione polifora: - posa tubi pvc in scavo - esecuzione spingitubo posa tubi/canalette in cunicolo predisposto; Reinterro e ripristino pavimentazione. Lavori elettromeccanici Posa cavo; Esecuzione giunti. Montaggio cabine Verifica/collaudo del nuovo impianto prima della messa in servizio Controllo qualitativo e quantitativo; Prova d isolamento dell impianto e messa in servizio (a cura personale AEMD). Seguono richiami alle relative planimetrie - Lotto A realizzazione prevista negli anni

15 Lotto B realizzazione prevista negli anni Planimetria generale Organi di vigilanza territorialmente competenti per il cantiere: AZIENDA REGIONALE A.S.L. 1, S.Pre.S.A.L. Via Alassio, n. 36/E Torino Direzione Provinciale del Lavoro: Servizio Ispezioni Lavoro, Via Dell Arcivescovado 9 - Torino

16 Relazione tecnica Le interferenze di maggiore attenzione sono riconducibili a traffico veicolare ed al transito pedonale, nonché alla sovrapposizione di attività durante il rifacimento delle cabine. Altre interferenze possibili, sono legati alla sovrapposizione con altri cantieri con la sovrapposizione tra attività e personale di AEMD o con quelle del cliente laddove sono previste opere all interno di cantieri di terzi. In ogni caso, prima della realizzazione delle opere (cavidotto, posa del cavo, montaggio cabine), l impresa esecutrice deve elaborare apposito POS inerente il lavoro in oggetto, valutando le condizioni imminenti alla realizzazione dell opera. Laddove i lavori si svolgono all interno di cantieri di terzi, è necessario, che l impresa esecutrice elabori specifico POS per il cantiere in questione. Detto POS aggiornerà il presente PSC e ne sarà parte integrante, costituirà opera di coordinamento e pianificazione da parte del CSE. L impresa ha l obbligo di partecipare alle riunioni di coordinamento tenute dai vari CSE. Indicazioni operative I lavori di scavo per canalizzazioni, saranno condotti per singola tratta della lunghezza massima di circa 25 metri, o comunque compatibili con le disposizioni fornite dalla città e/o dall Ente proprietario della strada. L apertura al transito del tratto di strada interessato dai lavori sarà effettuato a valle del ripristino provvisorio dell eventuale manto stradale manomesso. Di norma, al termine di ogni giornata lavorativa, gli scavi dovranno essere interamente colmati e, compatibilmente con le disposizioni comunali, al termine di ogni settimana dovrà essere effettuato il ripristino provvisorio del manto stradale. Eventuali buche o tratti di scavo che per eccezionali e giustificati motivi saranno lasciati aperti, dovranno essere opportunamente delimitate e segnalate con appositiva cartellonistica e lampade a batteria. Le attività per la costruzione degli impianti sono raggruppate secondo tre tipologie di lavoro diverse e più precisamente: edili, elettromeccaniche, controllo e verifica. Lavori edili Esecuzione sondaggi; Esecuzione scavi per canalizzazione e buche per intercettazione tubazioni ed esecuzione giunti; Costruzione polifora: - posa tubi pvc in scavo posa tubi/canalette in cunicolo predisposto; Reinterro e ripristino pavimentazione. Lavori elettromeccanici Posa cavo; Esecuzione giunti. Montaggio cabine Verifica/collaudo del nuovo impianto prima della messa in servizio Controllo qualitativo e quantitativo; Prova d isolamento dell impianto e messa in servizio (a cura personale AEMD).

17 Elementi del PSC e Prescrizioni correlate alla tipologia dei lavori La realizzazione dei lavori sarà effettuata secondo un programma stabilito dalla Direzione Lavori, nel quale sono state evidenziate le attività significative. Le specifiche prescrizioni organizzative, le procedure operative da seguire ed i relativi apprestamenti per la sicurezza sono illustrati nelle specifiche schede di valutazione dei rischi, a fronte delle fasi lavorative che li richiedono. Programma lavori La tipologia di lavoro, di tipo itinerante, implica un continuo spostamento del cantiere. Al fine di informare costantemente il Coordinatore in fase di esecuzione sia sull indirizzo esatto del cantiere sia sulle lavorazioni previste nell arco della giornata, è fatto obbligo all impresa affidataria (questa ha anche il compito di coordinare tutte le imprese esecutrici) di compilare e trasmette il modulo denominato Gantt, pianificazione lavori (in allegato al presente PSC), con congruo anticipo, al CSE (sarà cura del CSE fornire recapiti quali indirizzo , fax, telefono reperibile). La trasmissione del documento e la relativa acquisizione è da considerarsi azione di coordinamento. Gli eventuali interventi su guasto, pertanto non programmati, devono essere comunicati al CSE, anche utilizzando tecniche quali SMS, al fine di inviare le informazioni tempestivamente. L indirizzo esatto del cantiere, e le lavorazioni che devono essere eseguite, programmate e/o a seguito guasto danno, aggiornano il presente PSC. Le comunicazioni di prassi sono richieste entro il giorno precedente le attività trasmettendone i contenuti al CSE all indirizzo di posta elettronica e/o al numero di reperibilità cantieri Rischi di contesto operativo Cabine elettriche MT/BT Il presente PSC prevede, oltre ai lavori di scavo e posa cavi, anche il montaggio elettromeccanico delle cabine elettriche MT/BT, premesso che detta attività è eseguita fuori tensione, tuttavia è necessario attenersi scrupolosamente alle norme CEI ed in particolare alla norma CEI 11-27, nonché al documento, interno ad AEMD inerente la Prevenzione del rischio elettrico denominato PRE, ed alla Nota tecnica, denominata allegato 7. Documenti allengati che sono parte integrante del presente PSC. Le imprese, ha l obbligo di far partecipare il suo personale ad uno corso di formazione sulle procedure interne di AEMD, con particolare riferimento alla PRE ed all illustrazione degli allegati e alle procedure interne ad AEMD. Indicazioni aggiuntive Nelle cabine elettriche di AEMD, sono presenti organi di manovra anche telecomandati, è pertanto possibile che quando il personale dell impresa esecutrice si trovi al suo interno avvengano delle aperture o delle chiusure intempestive o automatiche. Sul pavimento delle cabine possono essere presenti dei cavi elettrici MT e/o BT in tensione, protetti contro i contatti accidentali dalla guaina esterna (armatura). Detti cavi non devono assolutamente essere maneggiati e/o spostati. Durante lo smontaggio o il montaggio delle apparecchiature elettriche, per scavalcare i cavi, l impresa esecutrice deve prevedere e disporre opportune attrezzature al fine di evitare di calpestare e danneggiare i cavi stessi e di salvaguardare l incolumità del personale.

18 Prima di iniziare l attività lavorativa, il Preposto ai lavori dell impresa esecutrice, dovrà prendere visionare il locale cabina, nel suo complesso (compreso il vano botola di accesso, l eventuale profondità di questa rispetto all estradosso e l area circostante la botola, al fine di predisporre opportunamente le attrezzature per caricare e scaricare agevolmente le apparecchiature), verificare le eventuali parti attive presenti in cabine che rimangono dove la messa fuori tensione della cabina, verificare l area in cui dovrà operare, redigere il Piano d intervento PI (allegato della PRE), ed inoltrarne una copia al CSE, il quale, in funzione dei rischi individuati (anche tramite sopralluogo), provvederà ad impartire specifiche indicazioni aggiuntive ed aggiorna il presente PSC. Durante l esecuzione dei lavori il Preposto dell impresa esecutrice ha l obbligo, laddove sussistano situazioni anomali o di non evidente pericolo, di informare tutto il personale a lui sottoposto. I ripari, predisposti da AEMD, atti a segregare eventuali parti attive, NON DEVONO ESSERE RIMOSSI IN NESSN CASO. Prima della realizzazione dell opera (montaggio cabine), l impresa esecutrice deve elaborare apposito POS inerente il lavoro da eseguire, valutando le condizioni imminenti alla realizzazione dei lavori. Detto POS aggiornerà il presente PSC, il quale sarà parte integrante dello stesso; costituirà opera di coordinamento e pianificazione da parte del CSE. Per la messa fuori servizio degli impianti, l impresa deve prendere accordi con il personale di AEMD secondo il programma lavori. + Modalità da seguire per la recinzione del cantiere, gli accessi e le segnalazioni (allegato XV punto lettera a) La natura dell opera da realizzare comporta l allestimento di cantieri itineranti in relazione all avanzamento dei lavori. L area occupata dal cantiere dovrà essere di dimensioni ragionevolmente contenute e realizzata in ottemperanza alle disposizioni contenute nei regolamenti comunali. Le indicazioni relative sono riportate nelle schede allegate che sono parte integrante del presente PSC. La segnalazione del cantiere stradale deve essere realizzata in ottemperanza al Codice della Strada, nonché alle prescrizioni contenute nel Disciplinare Tecnico - D.M. 10 Luglio La segnalazione del cantiere deve in genere prevedere: - la segnaletica di avvicinamento: costituita in genere da segnale di lavori in corso con eventuale pannello integrativo, segnali di riduzione delle corsie, segnali di divieto di sorpasso e limitazione della velocità, segnali di inizio e tipologia di cantiere, eventuali ulteriori segnali di pericolo che si rendessero necessari; - la segnaletica di posizione: costituita in genere da raccordi obliqui realizzati con barriere, coni, delineatori flessibili, integrati con segnali di obbligo, in relazione alla categoria della strada ed alla durata dei lavori; - la segnaletica di fine cantiere: realizzata da uno o più segnali di fine prescrizione, che riportino le condizioni alla situazione preesistente.

19 A titolo di Riferimento si riporta, nel seguito, la disposizione della segnaletica stradale con i principali schemi (segnaletica di posizione), non esaustiva, per i lavori di scavo e posa cavo su viarie. Esempio di segnalazione di testata di cantiere per lavori di scavo sulla sede stradale, per cantieri di durata inferiore a 7 gg. 12 m 12 m 12 m 12 m 36 m 36 m 36 m

20

LEZIONE 10 CANTIERI TEMPORANEI E MOBILI Decreto Legislativo n. 81 del 9 aprile 2008

LEZIONE 10 CANTIERI TEMPORANEI E MOBILI Decreto Legislativo n. 81 del 9 aprile 2008 LEZIONE 10 CANTIERI TEMPORANEI E MOBILI Decreto Legislativo n. 81 del 9 aprile 2008 ARGOMENTI DEL CORSO DEFINIZIONI; OBBLIGHI E RESPONSABILITÀ DEL COMMITTENTE O DEL RESPONSABILE DEI LAVORI; LA NOTIFICA

Dettagli

Allegato 15 Contenuti minimi dei piani di sicurezza nei cantieri temporanei o mobili

Allegato 15 Contenuti minimi dei piani di sicurezza nei cantieri temporanei o mobili Allegato 15 Contenuti minimi dei piani di sicurezza nei cantieri temporanei o mobili 1. DISPOSIZIONI GENERALI 1.1. - Definizioni e termini di efficacia 1.1.1. Ai fini del presente allegato si intendono

Dettagli

PREVENZIONE E SICUREZZA SUL LAVORO NEI CANTIERI TEMPORANEI O MOBILI PRESCRIZIONI LEGISLATIVE

PREVENZIONE E SICUREZZA SUL LAVORO NEI CANTIERI TEMPORANEI O MOBILI PRESCRIZIONI LEGISLATIVE PREVENZIONE E SICUREZZA SUL LAVORO NEI CANTIERI TEMPORANEI O MOBILI PRESCRIZIONI LEGISLATIVE IL DATORE DI LAVORO OBBLIGHI FONDAMENTALI DEL DATORE DI LAVORO: effettuare la valutazione dei rischi, redigere

Dettagli

PREVENZIONE E SICUREZZA SUL LAVORO NEI CANTIERI TEMPORANEI O MOBILI PRESCRIZIONI LEGISLATIVE

PREVENZIONE E SICUREZZA SUL LAVORO NEI CANTIERI TEMPORANEI O MOBILI PRESCRIZIONI LEGISLATIVE PREVENZIONE E SICUREZZA SUL LAVORO NEI CANTIERI TEMPORANEI O MOBILI PRESCRIZIONI LEGISLATIVE IL DATORE DI LAVORO OBBLIGHI FONDAMENTALI DEL DATORE DI LAVORO: effettuare la valutazione dei rischi, redigere

Dettagli

I piani di sicurezza e la stima dei costi

I piani di sicurezza e la stima dei costi I piani di sicurezza e la stima dei costi Corso sulla sicurezza nei cantieri temporanei o mobili di cui al D.Lgs. n. 81/2008 e s.m.i. PIANI Di SICUREZZA/1 Riferimenti normativi Art. 131 del D.Lgs. n. 163/2006

Dettagli

CONTENUTI MINIMI DEL PSC/16

CONTENUTI MINIMI DEL PSC/16 CONTENUTI MINIMI DEL PSC/16 IDENTIFICAZIONE E DESCRIZIONE DELL OPERA L identificazione e la descrizione dell opera è esplicitata con: a) l indirizzo del cantiere; b) la descrizione del contesto in cui

Dettagli

7.1 Introduzione. 7.2 Coordinamento tra PSC e POS

7.1 Introduzione. 7.2 Coordinamento tra PSC e POS 7 7.1 Introduzione Il Piano Operativo di Sicurezza è stato l ultimo piano introdotto dalla normativa sulla salute e sicurezza nei cantieri e sugli appalti di lavori pubblici, con lo scopo di separare le

Dettagli

PIANO DI SICUREZZA SOSTITUTIVO integrato dei contenuti del POS MODELLO SEMPLIFICATO

PIANO DI SICUREZZA SOSTITUTIVO integrato dei contenuti del POS MODELLO SEMPLIFICATO Allegato III MODELLO SEMPLIFICATO PER LA REDAZIONE DEL PSS (Le dimensioni dei campi indicati nelle tabelle a seguire sono meramente indicative in quanto dipendenti dal contenuto) PIANO DI SICUREZZA SOSTITUTIVO

Dettagli

Confronto tra il DPR 222/2003 e l All. 15 del DLgs n. 81/2008

Confronto tra il DPR 222/2003 e l All. 15 del DLgs n. 81/2008 Confronto 6/08 17-06-2008 17:21 Pagina 28 Il nuovo PSC articolo per articolo, fase per fase Massimo Caroli* Confronto tra il DPR 222/2003 e l All. 15 del DLgs n. 81/2008 Prosegue la disamina delle principali

Dettagli

2. P R O G R A M M A Z I O N E D E I L A V O R I

2. P R O G R A M M A Z I O N E D E I L A V O R I 1. A N A G R A F I C A D E L L O P E R A S O G G E T T I C O I N V O L T I G E S T I O N E D E L P S C 1.1 CARATTERISTICHE DELL OPERA 1. Le caratteristiche dell opera da eseguire sono state trattate nel

Dettagli

CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI

CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI Corso di laurea in Ingegneria Edile CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI Anno Accademico 2011/2012 Definire: Obbiettivi della lezione Rischi Interferenziali - DUVRI e PSC Rischi Propri - POS Conoscere gli aspetti

Dettagli

TITOLO IV D.LGS. 81/08 I CONTENUTI DEL PSC

TITOLO IV D.LGS. 81/08 I CONTENUTI DEL PSC TITOLO IV D.LGS. 81/08 I CONTENUTI DEL PSC L allegato XV al D. Lgs. n 81/2008 CONTENUTI DEL PSC (già DPR n 222/2003 - Regolamento sui contenuti minimi dei piani di sicurezza) Il PSC è specifico per ogni

Dettagli

PIANO di SICUREZZA e di COORDINAMENTO

PIANO di SICUREZZA e di COORDINAMENTO PIANO di SICUREZZA e di COORDINAMENTO conforme ai contenuti minimi previsti dall allegato XV del D.Lgs. 81/08 e s.m.i. COORDINATORE in fase di: O PROGETTAZIONE O ESECUZIONE INDIRIZZO CANTIERE NATURA DELL

Dettagli

3) descrizione sintetica dell opera, con particolare riferimento alle scelte progettuali, architettoniche, strutturali e tecnologiche; - - - - -

3) descrizione sintetica dell opera, con particolare riferimento alle scelte progettuali, architettoniche, strutturali e tecnologiche; - - - - - Collegio Geometri della Provincia di Brescia Commissione 494 Sicurezza dei Cantieri P.S.C. P.S.C. (o Piano di Sicurezza e di Coordinamento): specificato per ogni singolo cantiere temporaneo o mobile e

Dettagli

Capitolo Secondo. Compiti e responsabilità dei protagonisti della sicurezza

Capitolo Secondo. Compiti e responsabilità dei protagonisti della sicurezza Capitolo Secondo Compiti e responsabilità dei protagonisti della sicurezza I responsabili della sicurezza nei cantieri temporanei o mobili sono: Committente e Responsabile dei lavori (Scheda 2.1) Datore

Dettagli

LA SICUREZZA CORSO DI COSTRUZIONI EDILI. Prof. Maurizio Nicolella

LA SICUREZZA CORSO DI COSTRUZIONI EDILI. Prof. Maurizio Nicolella LA SICUREZZA NEI CANTIERI EDILI CORSO DI COSTRUZIONI EDILI Storia della sicurezza nel lavoro D.P.R. 547/55 (norme per la prevenzione degli infortuni sul lavoro) D.P.R. 303/56 (norme per l igiene del lavoro)

Dettagli

ALLEGATO XV. Contenuti minimi dei piani di sicurezza nei cantieri temporanei o mobili 1. DISPOSIZIONI GENERALI

ALLEGATO XV. Contenuti minimi dei piani di sicurezza nei cantieri temporanei o mobili 1. DISPOSIZIONI GENERALI ALLEGATO XV Contenuti minimi dei piani di sicurezza nei cantieri temporanei o mobili 1.1. - Definizioni e termini di efficacia 1. DISPOSIZIONI GENERALI 1.1.1. Ai fini del presente allegato si intendono

Dettagli

PIANO DI SICUREZZA E COORDINAMENTO MODELLO SEMPLIFICATO

PIANO DI SICUREZZA E COORDINAMENTO MODELLO SEMPLIFICATO Allegato II Modello semplificato per la redazione del PSC (Le dimensioni dei campi indicati nelle tabelle a seguire sono meramente indicative in quanto dipendenti dal contenuto) PIANO DI SICUREZZA E COORDINAMENTO

Dettagli

ALLEGATO XV CONTENUTI MINIMI DEI PIANI DI SICUREZZA NEI CANTIERI TEMPORANEI O MOBILI

ALLEGATO XV CONTENUTI MINIMI DEI PIANI DI SICUREZZA NEI CANTIERI TEMPORANEI O MOBILI ALLEGATO XV CONTENUTI MINIMI DEI PIANI DI SICUREZZA NEI CANTIERI TEMPORANEI O MOBILI 1. DISPOSIZIONI GENERALI 1.1. - Definizioni e termini di efficacia 1.1.1. Ai fini del presente allegato si intendono

Dettagli

D. LGS. 81/08 ALLEGATO XV CONTENUTI MINIMI DEI PIANI DI SICUREZZA NEI CANTIERI TEMPORANEI O MOBILI

D. LGS. 81/08 ALLEGATO XV CONTENUTI MINIMI DEI PIANI DI SICUREZZA NEI CANTIERI TEMPORANEI O MOBILI CONTENUTI MINIMI DEI PIANI DI SICUREZZA NEI CANTIERI TEMPORANEI O MOBILI 1.1. Definizioni e termini di efficacia 1.1.1. Ai fini del presente allegato si intendono per: a) scelte progettuali ed organizzative:

Dettagli

LA GESTIONE DELLA SICUREZZA NEI LAVORI IN APPALTO

LA GESTIONE DELLA SICUREZZA NEI LAVORI IN APPALTO LA GESTIONE DELLA SICUREZZA NEI LAVORI IN APPALTO art. 7, D. Lgs. 626/94 Legge delega n 123/2007 art. 26 Testo Unico 1 art.7 D.Lgs. 626/94 Il datore di lavoro, in caso di AFFIDAMENTO DEI LAVORI ALL INTERNO

Dettagli

Prof. ssa Lucia Niccacci Anno Accademico 2009/2010

Prof. ssa Lucia Niccacci Anno Accademico 2009/2010 Corso di laurea in Ingegneria Edile Prof. ssa Lucia Niccacci Anno Accademico 2009/2010 Il TITOLO IV del Testo Unico 81/08 in materia di salute e sicurezza nei luoghi di lavoro CANTIERI TEMPORANEI O MOBILI

Dettagli

PROGRAMMA MODULI ARGOMENTI DURATA ORE RESIDUE MODULO

PROGRAMMA MODULI ARGOMENTI DURATA ORE RESIDUE MODULO CORSO PER COORDINATORI PER LA SICUREZZA IN FASE DI PROGETTAZIONE E IN FASE DI ESECUZIONE DEI LAVORI (D.Lgs. 81/2008 e s.m.i. Allegato XIV) 120 ore Obbiettivi del corso: Il corso ha lo scopo di formare

Dettagli

PROCEDURA: ISTRUZIONI PER LA REDAZIONE DEL POS

PROCEDURA: ISTRUZIONI PER LA REDAZIONE DEL POS PROCEDURA: ISTRUZIONI PER LA REDAZIONE DEL POS Scopo Definire una procedura che permetta di redigere, aggiornare e verificare il POS (piano operativo di sicurezza) da parte delle imprese esecutrici presenti

Dettagli

TITOLO IV CANTIERI TEMPORANEI E MOBILI. CAPO I Misure per la salute e sicurezza nei cantieri temporanei o mobili

TITOLO IV CANTIERI TEMPORANEI E MOBILI. CAPO I Misure per la salute e sicurezza nei cantieri temporanei o mobili Art. 97 del D. Lgs n. 81/2008 Dott. Michele MONTRANO ASL TO3 SPreSAL Rivoli (TO) TITOLO IV CANTIERI TEMPORANEI E MOBILI Misure per la salute e sicurezza nei cantieri temporanei o mobili I Norme per la

Dettagli

RISCHIO ELETTRICO Come passare dalla sicurezza sulla carta alla reale sicurezza in azienda

RISCHIO ELETTRICO Come passare dalla sicurezza sulla carta alla reale sicurezza in azienda salute e sicurezza nei luoghi di lavoro RISCHIO ELETTRICO Come passare dalla sicurezza sulla carta alla reale sicurezza in azienda Relatore: Marino Zalunardo LAVORIAMO CON IL CUORE per garantire la salute

Dettagli

DOCUMENTI DI CANTIERE RIFERIMENTI LEGISLATIVI CONTENUTI

DOCUMENTI DI CANTIERE RIFERIMENTI LEGISLATIVI CONTENUTI DOCUMENTI DI CANTIERE RIFERIMENTI LEGISLATIVI CONTENUTI Corso di aggiornamento per coordinatori in fase di progettazione ed esecuzione dei lavori 06/03/2013 Dott. Lucio QUATTROCCHI D.Lgs. 9 aprile 2008,

Dettagli

Lezione 6: modulo giuridico (Allegato XIV, D.Lgs 81/08)

Lezione 6: modulo giuridico (Allegato XIV, D.Lgs 81/08) PROGRAMMA DEI CORSO RIVOLTO AI COORDINATORI PER LA SICUREZZA IN FASE PROGETTAZIONE E DI ESECUZIONE (DURATA 120 ORE) CONFORME ALL ALLEGATO XIV DEL D.LGS 81/08 Lezione 1: modulo giuridico (Allegato XIV,

Dettagli

DECRETO 9 settembre 2014 PIANI DI SICUREZZA SEMPLIFICATI

DECRETO 9 settembre 2014 PIANI DI SICUREZZA SEMPLIFICATI DECRETO 9 settembre 2014 PIANI DI SICUREZZA SEMPLIFICATI Forlimpopoli 29 OTTOBRE 2014 Bertozzi - Bertoni Azienda USL della Romagna Il "Decreto del Fare", Il "Decreto del Fare", ovvero il Decreto Legge

Dettagli

LA SICUREZZA DEI CANTIERI. ing. PAOLO IANNELLI- Ministero per i beni e le attività culturali

LA SICUREZZA DEI CANTIERI. ing. PAOLO IANNELLI- Ministero per i beni e le attività culturali LA SICUREZZA DEI CANTIERI ing. PAOLO IANNELLI- Ministero per i beni e le attività culturali 1 I riferimenti normativi (norme prescrittive) D.P.R. 27.04.1955 n. 547 Norme di prevenzione degli infortuni

Dettagli

Il Piano Operativo di Sicurezza POS. venerdì 23 aprile 2010. 28 giugno 2012 Alfonso Cioffi- ASSIMPREDIL ANCE POS OPERATIVO DI SICUREZZA"

Il Piano Operativo di Sicurezza POS. venerdì 23 aprile 2010. 28 giugno 2012 Alfonso Cioffi- ASSIMPREDIL ANCE POS OPERATIVO DI SICUREZZA Il Piano Oativo di Sicurezza POS Pag.1 POS OPERATIVO SICUREZZA ART. 89 D.Lgs 10609- DEFINIZIONI Comma 1, lettera h) Piano Oativo di Sicurezza: il documento che il datore di lavoro dell impresa esecutrice

Dettagli

Il valore della sicurezza nelle imprese del settore. edile

Il valore della sicurezza nelle imprese del settore. edile Confartigianato Ravenna 17 dicembre 2008 Il nuovo Testo Unico sulla Sicurezza e Salute nei luoghi di lavoro D.Lgs. 9 aprile 2008 n.81 Il valore della sicurezza nelle imprese del settore p.i Elio Mazza

Dettagli

SICUREZZA IN CANTIERE SECONDO IL Dlgs 81/2008

SICUREZZA IN CANTIERE SECONDO IL Dlgs 81/2008 SICUREZZA IN CANTIERE SECONDO IL Dlgs 81/2008 INDICE Chi sono il CSP e Il CSE? 2 Cos è il P.S.C. (Piano di Sicurezza e Coordinamento)? 3 Cos è il P.O.S Piano operativo di Sicurezza 5 Fascicolo dell'opera

Dettagli

RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL PIANO DI SICUREZZA

RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL PIANO DI SICUREZZA RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL PIANO DI SICUREZZA In riferimento alla normativa vigente in materia di sicurezza cantieri il sottoscritto ing. Pillinini Valentino, incaricato dall'amministrazione Comunale di

Dettagli

GESTIONE DEGLI APPALTI. Copyright Diritti riservati

GESTIONE DEGLI APPALTI. Copyright Diritti riservati GESTIONE DEGLI APPALTI Copyright Diritti riservati GESTIONE DEGLI APPALTI RIF. D. LGS. 81/08 s.m.i. Articolo 26 - Obblighi connessi ai contratti d appalto o d opera o di somministrazione Titolo IV Cantieri

Dettagli

ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DELLE LINEE DI INDIRIZZO PER LA REDAZIONE DEL POS

ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DELLE LINEE DI INDIRIZZO PER LA REDAZIONE DEL POS Istruzioni per la compilazione delle linee d indirizzo per la redazione del POS 1 ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DELLE LINEE DI INDIRIZZO PER LA REDAZIONE DEL POS (Documento da non allegare al POS) Il

Dettagli

1. Premessa 3. 2. Riferimenti normativi 3. 3. Contenuti del Piano di Sicurezza e Coordinamento 4. 4. Allegati del PSC 7

1. Premessa 3. 2. Riferimenti normativi 3. 3. Contenuti del Piano di Sicurezza e Coordinamento 4. 4. Allegati del PSC 7 INDICE 1. Premessa 3 2. Riferimenti normativi 3 3. Contenuti del Piano di Sicurezza e Coordinamento 4 4. Allegati del PSC 7 pagina 2 di 7 1. Premessa Il Piano di Sicurezza e Coordinamento è redatto per

Dettagli

I contenuti minimi del PSC e del POS

I contenuti minimi del PSC e del POS D.Lgs.81/08 e succ.m. e i. I contenuti minimi del PSC e del POS Agg: Gennaio 2013 arch.stefano Galati Allegato XV Definizioni a) scelte progettuali ed organizzative: insieme di scelte effettuate in fase

Dettagli

L EVOLUZIONE DELLA NORMATIVA SULLA SALUTE E SICUREZZA DEL LAVORO

L EVOLUZIONE DELLA NORMATIVA SULLA SALUTE E SICUREZZA DEL LAVORO CORSO RESPONSABILI DEI SERVIZI DI PREVENZIONE E PROTEZIONE ai sensi del D.Lgs. 81/2008 e dell Accordo tra Stato e Regioni 26 gennaio 2006 L EVOLUZIONE DELLA NORMATIVA SULLA SALUTE E SICUREZZA DEL LAVORO

Dettagli

3.1 Introduzione. 3.2 Scopo e finalità del POS

3.1 Introduzione. 3.2 Scopo e finalità del POS 3 3.1 Introduzione L introduzione del Piano Operativo di Sicurezza (POS) è avvenuta con l emanazione della L. 415/1998 che ha modificato la L. 109/1994 in materia di lavori pubblici. L articolo 31 della

Dettagli

Piano Operativo di Sicurezza

Piano Operativo di Sicurezza MODELLO DI Piano Operativo di Sicurezza POS Modello PIANO OPERATIVO DI SICUREZZA IMPRESA: INDIRIZZO CANTIERE: OPERA DA REALIZZARE: COMMITTENTE: Il presente piano costituisce la prima edizione. Il presente

Dettagli

Visto il decreto legislativo 14 agosto 1996, n. 494, e successive modificazioni;

Visto il decreto legislativo 14 agosto 1996, n. 494, e successive modificazioni; Regolamento sui contenuti minimi dei piani di sicurezza nei cantieri temporanei o mobili, in attuazione dell'articolo 31, comma 1, della legge 11 febbraio 1994, n. 109. IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA Visto

Dettagli

Corso di aggiornamento RSPP aziende edili. Lezione: Il Piano di Sicurezza Sostitutivo (P.S.S)

Corso di aggiornamento RSPP aziende edili. Lezione: Il Piano di Sicurezza Sostitutivo (P.S.S) Corso di aggiornamento RSPP aziende edili Lezione: Il Piano di Sicurezza Sostitutivo (P.S.S) In questa unità didattica descriveremo le caratteristiche del Piano di Sicurezza Sostitutivo (P.S.S.). Nello

Dettagli

Comune di Pontecagnano Faiano (Provincia di Salerno)

Comune di Pontecagnano Faiano (Provincia di Salerno) Comune di Pontecagnano Faiano (Provincia di Salerno) SERVIZIO DI MANUTENZIONE ORDINARIA E MANUTENZIONE STRAORDINARIA DEGLI IMPIANTI DI PUBBLICA ILLUMINAZIONE DEL TERRITORIO COMUNALE DOCUMENTO UNICO DI

Dettagli

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZA PER IL SERVIZIO DI ANIMAZIONE PRESSO LA LUDOTECA CITTADINA FANTASIA

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZA PER IL SERVIZIO DI ANIMAZIONE PRESSO LA LUDOTECA CITTADINA FANTASIA COMUNE DI SIENA Allegato B DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZA PER IL SERVIZIO DI ANIMAZIONE PRESSO LA LUDOTECA CITTADINA FANTASIA (ai sensi dell art. 26, comma 3 del D.lgs 81/2008)

Dettagli

Piano operativo di sicurezza.

Piano operativo di sicurezza. Piano operativo di sicurezza. Contenuti minimi, obbiettivi e obblighi di trasmissione ai sensi del D.Lgs. 81/2008 e s.m.i. Almese, 4 novembre 2009 Dott. Paolo PICCO TdP SPreSAL ASL TO3 - Rivoli (TO) D.Lgs.

Dettagli

RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL PIANO DELLA SICUREZZA...

RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL PIANO DELLA SICUREZZA... INDICE 1 RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL PIANO DELLA SICUREZZA... 2 1.1 PRIME INDICAZIONI E DISPOSIZIONE PER LA STESURA DEL PSC... 2 1.2 I CONTENUTI MINIMI DEL PIANO DI SICUREZZA E COORDINAMENTO... 2 1.3 IL

Dettagli

C.P.T. PADOVA Via Basilicata, 10 FORMAZIONE SPECIFICA PER DATORI DI LAVORO E DIRIGENTI DELLE IMPRESE AFFIDATARIE

C.P.T. PADOVA Via Basilicata, 10 FORMAZIONE SPECIFICA PER DATORI DI LAVORO E DIRIGENTI DELLE IMPRESE AFFIDATARIE C.P.T. PADOVA Via Basilicata, 10 FORMAZIONE SPECIFICA PER DATORI DI LAVORO E DIRIGENTI DELLE IMPRESE AFFIDATARIE (ai sensi del D. Lgs. 81/08 art. 97, c. 3.ter) 2 giorno - seconda parte sabato 15 maggio

Dettagli

PSC e POS Piano di Sicurezza e Coordinamento Piano Operativo di Sicurezza

PSC e POS Piano di Sicurezza e Coordinamento Piano Operativo di Sicurezza Gli appalti e il D.Lgs 81/2008 dopo il recepimento del D.Lgs 106/2009 PSC e POS Piano di Sicurezza e Coordinamento Piano Operativo di Sicurezza Francesco Burba ingegnere Campolongo Tapogliano (UD) corso

Dettagli

COORDINATORE della SICUREZZA nei CANTIERI TEMPORANEI e MOBILI

COORDINATORE della SICUREZZA nei CANTIERI TEMPORANEI e MOBILI Edificabile Global Service e Polaris Formazione organizzano a Vasto (CH) presso il Centro di Formazione Polaris via Pescara 180/A CORSO BASE e CORSO di AGGIORNAMENTO per COORDINATORE della SICUREZZA nei

Dettagli

PIANO DI SICUREZZA E COORDINAMENTO (ART. 100 e Allegato XV D.Lgs 81/2008)

PIANO DI SICUREZZA E COORDINAMENTO (ART. 100 e Allegato XV D.Lgs 81/2008) PIANO DI SICUREZZA E COORDINAMENTO (ART. 100 e Allegato XV D.Lgs 81/2008) Molteplici innovazioni sui Piani di sicurezza e coordinamento apportati dal D. Lgs. 81/2008, nella versione originaria, rispetto

Dettagli

PK - Piani di sicurezza e coordinamento

PK - Piani di sicurezza e coordinamento Elaborato Livello Tipo / S tipo ETQ-043091 E PK - Piani di sicurezza e coordinamento Sistema / Edificio / Argomento DEC - Attività Generale di Decommissioning Rev. Data 07/05/2015 Centrale / Impianto:

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE DI 120 ORE PER COORDINATORI PER LA SICUREZZA NEI CANTIERI TEMPORANEI O MOBILI MODULO METODOLOGICO ORGANIZZATIVO

CORSO DI FORMAZIONE DI 120 ORE PER COORDINATORI PER LA SICUREZZA NEI CANTIERI TEMPORANEI O MOBILI MODULO METODOLOGICO ORGANIZZATIVO CORSO DI FORMAZIONE DI 120 ORE PER COORDINATORI PER LA SICUREZZA NEI CANTIERI TEMPORANEI O MOBILI MODULO METODOLOGICO ORGANIZZATIVO Il Piano di Sicurezza e Coordinamento; il Fascicolo con le caratteristiche

Dettagli

Sicurezza nei Cantieri Edili

Sicurezza nei Cantieri Edili Sicurezza nei Cantieri Edili Rev. 1 ott. 2009 Cantieri slide 1 di 51 Cantiere e sicurezza sul lavoro Il settore delle costruzioni continua a mantenere alti indici infortunistici sia di frequenza che di

Dettagli

Seminario regionale La sicurezza nei cantieri forestali

Seminario regionale La sicurezza nei cantieri forestali Seminario regionale La sicurezza nei cantieri forestali 14 giugno 2012 - Fenestrelle (TO) ASL CN2 Alba-Bra Servizio di Prevenzione e Sicurezza Ambienti di Lavoro (S.Pre Pre.S.A.L.) TITOLO IV D.L.gs 81/08

Dettagli

Le politiche delle Regioni per la promozione della. salute e della sicurezza nei cantieri edili: Le linee guida DPR 222/03

Le politiche delle Regioni per la promozione della. salute e della sicurezza nei cantieri edili: Le linee guida DPR 222/03 Le politiche delle Regioni per la promozione della salute e della sicurezza nei cantieri edili: Le linee guida DPR 222/03 Ing. Marco Masi Regione Toscana Settore Prevenzione e Sicurezza DPR 222/2003 :

Dettagli

PRIME INDICAZIONI E DISPOSIZIONI PER LA STESURA DEI PIANI DI SICUREZZA

PRIME INDICAZIONI E DISPOSIZIONI PER LA STESURA DEI PIANI DI SICUREZZA FONDO DI SVILUPPO E COESIONE 2007-2013 "Accordo di Programma Quadro" per la definizione degli interventi di messa in sicurezza e di bonifica delle acque di falda e dei suoli nei Siti di Interesse Nazionale

Dettagli

D. LGS. 81/08 testo unico sulla sicurezza

D. LGS. 81/08 testo unico sulla sicurezza Campagna straordinaria di formazione per la diffusione della cultura della salute e della sicurezza rivolto al mondo dell impresa. Cantieri di sicurezza 52/1/3/277/2010 D. LGS. 81/08 testo unico sulla

Dettagli

COMUNE DI PASIAN DI PRATO

COMUNE DI PASIAN DI PRATO COMUNE DI PASIAN DI PRATO CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO SERVIZIO PULIZIA IMMOBILI COMUNALI ALLEGATO A D.U.V.R.I. (DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE) (art. 26, comma 3, D.Lgs. n.

Dettagli

Il coordinatore in materia di salute e sicurezza nei cantieri ai sensi del D.L.vo 494/96

Il coordinatore in materia di salute e sicurezza nei cantieri ai sensi del D.L.vo 494/96 Il coordinatore in materia di salute e sicurezza nei cantieri ai sensi del D.L.vo 494/96 Giornata di Studio 8 Giugno 2006 Ing. Sandro Vescovi INFN - LNF Il settore delle Costruzioni presenta un rischio

Dettagli

Il Piano di Sicurezza e Coordinamento PSC. Il Piano Operativo di Sicurezza POS. Il Piano Sostitutivo di Sicurezza PSS

Il Piano di Sicurezza e Coordinamento PSC. Il Piano Operativo di Sicurezza POS. Il Piano Sostitutivo di Sicurezza PSS CONTENUTI DEI PIANI DI SICUREZZA Prof. arch. Renato Laganà Piani di Sicurezza Il Piano Operativo di Sicurezza POS Il Piano Sostitutivo di Sicurezza PSS COORDINATORE PER LA PROGETTAZIONE (SOGGETTO INCARICATO

Dettagli

CANTIERI TEMPORANEI E MOBILI. COMMITTENTE Il soggetto per conto del quale l'intera opera viene realizzata

CANTIERI TEMPORANEI E MOBILI. COMMITTENTE Il soggetto per conto del quale l'intera opera viene realizzata CANTIERI TEMPORANEI E MOBILI CAPO 1 Articolo 89 - DEFINIZIONI COMMITTENTE Il soggetto per conto del quale l'intera opera viene realizzata RESPONSABILE DEI LAVORI soggetto che può essere incaricato dal

Dettagli

CANTIERI TEMPORANEI E MOBILI. TITOLO IV DEL D.Lgs. 81/08 e s.m.i. Arezzo, 06 maggio 2011

CANTIERI TEMPORANEI E MOBILI. TITOLO IV DEL D.Lgs. 81/08 e s.m.i. Arezzo, 06 maggio 2011 CANTIERI TEMPORANEI E MOBILI TITOLO IV DEL D.Lgs. 81/08 e s.m.i Arezzo, 06 maggio 2011 Dott. DAVIDDI Paolo STOLZUOLI Stefania Tecnici di Prevenzione Dipartimento della Prevenzione Azienda USL 8 - Arezzo

Dettagli

Il calcolo degli oneri della sicurezza

Il calcolo degli oneri della sicurezza Il calcolo degli oneri della sicurezza Pier Luigi GHISI 1/7 Le metodologie di calcolo errate Oggi resta ancora diffusa l abitudine dei progettisti e/o dei coordinatori, di stimare gli oneri della sicurezza

Dettagli

Il Piano di Sicurezza e Coordinamento PSC. Il Piano Operativo di Sicurezza POS. Il Piano Sostitutivo di Sicurezza PSS

Il Piano di Sicurezza e Coordinamento PSC. Il Piano Operativo di Sicurezza POS. Il Piano Sostitutivo di Sicurezza PSS CONTENUTI DEI PIANI DI SICUREZZA Prof. arch. Renato Laganà Piani di Sicurezza Il Piano Operativo di Sicurezza POS Il Piano Sostitutivo di Sicurezza PSS 1 COORDINATORE PER LA PROGETTAZIONE (SOGGETTO INCARICATO

Dettagli

SERVIZIO DI PULIZIA DELLA SEDE COMUNALE E DEGLI EDIFICI DI PERTINENZA COMUNALE

SERVIZIO DI PULIZIA DELLA SEDE COMUNALE E DEGLI EDIFICI DI PERTINENZA COMUNALE Pag. 1 SERVIZIO DI PULIZIA DELLA SEDE COMUNALE E DEGLI EDIFICI DI PERTINENZA COMUNALE DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE (art. 26, comma 3, D.Lgs. n. 81/20008) 1. PREMESSA Il presente

Dettagli

COORDINATORI PER LA PROGETTAZIONE E PER L ESECUZIONE DEI LAVORI

COORDINATORI PER LA PROGETTAZIONE E PER L ESECUZIONE DEI LAVORI Divisione Formazione Corso di formazione per COORDINATORI PER LA PROGETTAZIONE E PER L ESECUZIONE DEI LAVORI (120 ore) ai sensi del D.Lgs 81/08, art.98 Gennaio febbraio 2011 1 giornata 9.00 12.30 La legislazione

Dettagli

MODELLO DI. Piano di Sicurezza Sostitutivo

MODELLO DI. Piano di Sicurezza Sostitutivo MODELLO DI Piano di Sicurezza Sostitutivo PIANO DI SICUREZZA SOSTITUTIVO IMPRESA: INDIRIZZO CANTIERE: OPERA DA REALIZZARE: COMMITTENTE: Il presente piano costituisce la prima edizione. Il presente piano

Dettagli

Ente per i Servizi Tecnico Amministrativi Area Vasta

Ente per i Servizi Tecnico Amministrativi Area Vasta Ente per i Servizi Tecnico Amministrativi Area Vasta Il presente documento è redatto in ottemperanza dell art. 26 del D. Lgs. 81/2008 s.m.i e ne attua, in particolare, il comma 3 ter... Nei casi in cui

Dettagli

la valutazione dei rischi nelle costruzioni edili

la valutazione dei rischi nelle costruzioni edili COMITATO PARITETICO TERRITORIALE DI TORINO E PROVINCIA la valutazione dei rischi nelle costruzioni edili MODELLI PER LA REDAZIONE DEL DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI, PIANO OPERATIVO DI SICUREZZA E

Dettagli

Edilizia, urbanistica e ambiente Parte 9: Coordinamento della sicurezza in fase di esecuzione dell opera

Edilizia, urbanistica e ambiente Parte 9: Coordinamento della sicurezza in fase di esecuzione dell opera Edilizia, urbanistica e ambiente Parte 9: Coordinamento della sicurezza in fase di esecuzione dell opera Premessa Il presente documento è stato elaborato dal Gruppo di Lavoro Standard di qualità ai fini

Dettagli

SCHEDA n. 5. Le figure costitutive della sicurezza. 1. Le figure costitutive del D. Lgs. 626/ 94. Contenuti e finalità del D. Lgs. 19-9-94, n.

SCHEDA n. 5. Le figure costitutive della sicurezza. 1. Le figure costitutive del D. Lgs. 626/ 94. Contenuti e finalità del D. Lgs. 19-9-94, n. SCHEDA n. 5 Le figure costitutive della sicurezza 1. Le figure costitutive del D. Lgs. 626/ 94 Contenuti e finalità del D. Lgs. 19-9-94, n. 626/94 Il D. Lgs. del 19-9-94 n. 626 recepisce direttive comunitarie

Dettagli

IL MODELLO SEMPLIFICATO PER LA PREDISPOSIZIONE DEL PSC ED IL RUOLO DEL CSP

IL MODELLO SEMPLIFICATO PER LA PREDISPOSIZIONE DEL PSC ED IL RUOLO DEL CSP Servizio Prevenzione Sicurezza Luoghi di Lavoro Responsabile: Dott. Vito Liberati IL MODELLO SEMPLIFICATO PER LA PREDISPOSIZIONE DEL PSC ED IL RUOLO DEL CSP Teramo, 25 marzo 2015 Giovanni Di Feliciantonio

Dettagli

Le politiche delle Regioni per la promozione della salute e della sicurezza nei cantieri edili: Le linee guida DPR 222/03

Le politiche delle Regioni per la promozione della salute e della sicurezza nei cantieri edili: Le linee guida DPR 222/03 Le politiche delle Regioni per la promozione della salute e della sicurezza nei cantieri edili: Le linee guida DPR 222/03 Ing. Marco Masi Regione Toscana Settore Prevenzione e Sicurezza PREVENZIONE E SICUREZZA

Dettagli

1. Oneri stimati per la sicurezza dovuti ai rischi interferenti (ai sensi dell art. 26 comma 5 del D.Lgs. 81/08).

1. Oneri stimati per la sicurezza dovuti ai rischi interferenti (ai sensi dell art. 26 comma 5 del D.Lgs. 81/08). ALLEGATO 4 al Capitolato DISCIPLINARE SICUREZZA STAMPANTI 1. Oneri stimati per la sicurezza dovuti ai rischi interferenti (ai sensi dell art. 26 comma 5 del D.Lgs. 81/08). Oggetto: attività di noleggio

Dettagli

Prime indicazioni e disposizioni per la stesura dei piani di sicurezza

Prime indicazioni e disposizioni per la stesura dei piani di sicurezza Prime indicazioni e disposizioni per la stesura dei piani di sicurezza Sommario 1. PREMESSA 3 2. DESCRIZIONE SOMMARIA DEI LAVORI 5 3. INDICAZIONI E PRESCRIZIONI DI SICUREZZA PRELIMINARI 6 4. VALUTAZIONE

Dettagli

ANALISI DELLE INTERFERENZE: IL CRONOPROGRAMMA DEI LAVORI PRESCRIZIONI PROCEDURALI ED ORGANIZZATIVE ESEMPI DI PROGETTI SPECIFICI

ANALISI DELLE INTERFERENZE: IL CRONOPROGRAMMA DEI LAVORI PRESCRIZIONI PROCEDURALI ED ORGANIZZATIVE ESEMPI DI PROGETTI SPECIFICI ANALISI DELLE INTERFERENZE: IL CRONOPROGRAMMA DEI LAVORI PRESCRIZIONI PROCEDURALI ED ORGANIZZATIVE ESEMPI DI PROGETTI SPECIFICI Decreto Legislativo 9 aprile 2008, n. 81 Attuazione dell'articolo 1 della

Dettagli

13 Sezione 13 - Stima dei costi per la sicurezza (Elementi di cui al D.Lgs. 81/2008 s.m., Allegato XV, punto 2.1.2 lett. l)

13 Sezione 13 - Stima dei costi per la sicurezza (Elementi di cui al D.Lgs. 81/2008 s.m., Allegato XV, punto 2.1.2 lett. l) 13 Sezione 13 - Stima dei costi per la sicurezza (Elementi di cui al D.Lgs. 81/2008 s.m., Allegato XV, punto 2.1.2 lett. l) La valutazione delle spese di seguito esposta è finalizzata esclusivamente alla

Dettagli

la valutazione dei rischi nelle costruzioni edili

la valutazione dei rischi nelle costruzioni edili COMITATO PARITETICO TERRITORIALE DI TORINO E PROVINCIA la valutazione dei rischi nelle costruzioni edili MODELLI PER LA REDAZIONE DEL DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI, PIANO OPERATIVO DI SICUREZZA E

Dettagli

COMUNE DI LATERINA REALIZZAZIONE DI IMPIANTO FOTOVOLTAICO ASSERVITO ALL IMMOBILE SCUOLA ELEMENTARE COMUNALE DI PROPRIETA DEL COMUNE DI LATERINA:

COMUNE DI LATERINA REALIZZAZIONE DI IMPIANTO FOTOVOLTAICO ASSERVITO ALL IMMOBILE SCUOLA ELEMENTARE COMUNALE DI PROPRIETA DEL COMUNE DI LATERINA: COMUNE DI LATERINA Via Trento, 21 52020 - LATERINA (AR) Tel. +39 0575 88011 - Fax. +39 0575 894626 e-mail: comune@comune.laterina.ar.it PEC: comune.laterina@postacert.toscana.it REALIZZAZIONE DI IMPIANTO

Dettagli

Comune di Montebelluna

Comune di Montebelluna Comune di Montebelluna ACCORDO DI PROGRAMMA ART.7 L.R. 11/2004 "PARCO DELLE IMPRESE" PROGETTISTA via ferrovia, 28-31020 San Fior -TVt. 0438.1710037 f. 0438.1710109 e-mail: info@d-recta.it - www.d-recta.it

Dettagli

3. Metodologia per la redazione del piano operativo di sicurezza

3. Metodologia per la redazione del piano operativo di sicurezza 3. Metodologia per la redazione del piano operativo di sicurezza Per agire con intelligenza l uomo ha tre strade: la prima pensando, e questa è la più nobile, la seconda imitando, e questa è la più facile,

Dettagli

ANALISI e VALUTAZIONE DEI RISCHI

ANALISI e VALUTAZIONE DEI RISCHI PIANO DI SICUREZZA E COORDINAMENTO ART.100 D.Lgs. 81/2008 e s.m. ANALISI e VALUTAZIONE DEI RISCHI ESERCITAZIONE SOMMARIO: 3. RELAZIONE IN MERITO ALL ANALISI E VALUTAZIONE DEI RISCHI.... 3 3.1. SCELTE PROGETTUALI

Dettagli

La normativa europea

La normativa europea La normativa europea Per la cantieristica occorre fare riferimento alla 92/57/CEE che ha ritenuta la necessità di una normativa specifica relativa alla sicurezza sui cantieri sulla base dei seguenti presupposti:

Dettagli

EVOLUZIONE DELLA NORMATIVA

EVOLUZIONE DELLA NORMATIVA EVOLUZIONE DELLA NORMATIVA Fattori che hanno determinato l evoluzionel 1 Recepimento delle Direttive Comunitarie con conseguente passaggio dalla normativa nazionale a quella comunitaria Le Direttive sono

Dettagli

D.Lgs. 81/08 TITOLO IV

D.Lgs. 81/08 TITOLO IV D.Lgs. 81/08 TITOLO IV CANTIERI TEMPORANEI O MOBILI CAPO I LE NOVITA RILEVANTI DIVO PIOLI Art. 89 C 1 c RESPONSABILE DEI LAVORI SOGGETTO CHE PUÒ ESSERE INCARICATO, DAL COMMITTENTE, DELLA PROGETTAZIONE

Dettagli

D.P.R. 222/03 del 03/07/03 Gazzetta Ufficiale N. 193 del 21 Agosto 2003. Capo I - DISPOSIZIONI GENERALI

D.P.R. 222/03 del 03/07/03 Gazzetta Ufficiale N. 193 del 21 Agosto 2003. Capo I - DISPOSIZIONI GENERALI Regolamento sui contenuti minimi dei piani di sicurezza nei cantieri temporanei o mobili, in attuazione dell'articolo 31, comma 1, della legge 11 febbraio 1994, n. 109. D.P.R. 222/03 del 03/07/03 Gazzetta

Dettagli

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI INTERFERENZIALI (DUVRI)

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI INTERFERENZIALI (DUVRI) DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI INTERFERENZIALI (DUVRI) Ai sensi dell art. 26 comma 3 del D.Lgs. 81/2008 e s.m. Committente Datore di lavoro committente Ditta appaltatrice Datore di lavoro della

Dettagli

NUOVO TEMPIO CREMATORIO NEL CIMITERO DI VIGO VANGADIZZA PROGETTO PRELIMINARE

NUOVO TEMPIO CREMATORIO NEL CIMITERO DI VIGO VANGADIZZA PROGETTO PRELIMINARE - PREMESSA La presente relazione è stata elaborata in ottemperanza a quanto disposto dalla vigente normativa in materia di Lavori Pubblici, nell ambito della redazione del Progetto Preliminare per la proposta

Dettagli

VERBALE PRELIMINARE DI COORDINAMENTO

VERBALE PRELIMINARE DI COORDINAMENTO 1 di 5 DATA.. Referente di Commessa RdC Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione RSPP Direttore Lavori DL Direttore Operativo DO Ispettore di Cantiere IC Assistente lavori AL Collaudatore

Dettagli

La Sicurezza nei luoghi di lavoro: - Corso di Aggiornamento per Coordinatori per la Sicurezza in fase di Progettazione e di Esecuzione dei lavori

La Sicurezza nei luoghi di lavoro: - Corso di Aggiornamento per Coordinatori per la Sicurezza in fase di Progettazione e di Esecuzione dei lavori La Sicurezza nei luoghi di lavoro: - Corso di Aggiornamento per Coordinatori per la Sicurezza in fase di Progettazione e di Esecuzione dei lavori Modulo III I documenti a cura dei Coordinatori per la Sicurezza

Dettagli

Cantieri di entità presunta inferiore a 200 uomini-giorno (*) i cui lavori non comportino rischi particolari di cui all allegato XI (**)

Cantieri di entità presunta inferiore a 200 uomini-giorno (*) i cui lavori non comportino rischi particolari di cui all allegato XI (**) Idoneità tecnico professionale ai sensi dell Allegato XVII al D. Lgs. 81/2008 e s.m.i. e documenti da consegnare al committente o al responsabile dei lavori SOGGETTI OBBLIGATI esecutrici affidatarie che

Dettagli

NOTA INFORMATIVA SUI RISCHI AMBIENTALI E INTERFERENZIALI PER IL COMPLESSO IMPIANTISTICO VIA GRIGIONI 19

NOTA INFORMATIVA SUI RISCHI AMBIENTALI E INTERFERENZIALI PER IL COMPLESSO IMPIANTISTICO VIA GRIGIONI 19 PAG. 1 DI 6 NOTA INFORMATIVA SUI RISCHI AMBIENTALI E INTERFERENZIALI PER IL COMPLESSO IMPIANTISTICO VIA GRIGIONI 19 APPENDICE A.7 RISCHI PRESENTI NELLE AREE DEL WTE DEPOSITO TEMPORANEO DI RIFIUTI PERICOLOSI

Dettagli

QUADRO NORMATIVO DI RIFERIMENTO

QUADRO NORMATIVO DI RIFERIMENTO QUADRO NORMATIVO DI RIFERIMENTO CENNI STORICI UN SALTO DI QUALITÀ NELLA LEGISLAZIONE SULLA PREVENZIONE INFORTUNI E L IGIENE DEL LAVORO VIENE DATO DAL PROGRESSIVO CONSOLIDAMENTO DELLA COMUNITÀ EUROPEA,

Dettagli

Le Specifiche sono state elaborate da CNGeGL per la definizione degli Standard di

Le Specifiche sono state elaborate da CNGeGL per la definizione degli Standard di Standard di qualità ai fini della qualificazione professionale della categoria dei geometri Specifica E08 Edilizia, urbanistica e ambiente Coordinamento della sicurezza in fase di progettazione dell opera

Dettagli

ISTRUZIONI MODELLO POS

ISTRUZIONI MODELLO POS ISTRUZIONI MODELLO POS ISTRUZIONI - COPERTINA DOCUMENTO È necessario revisionare il POS ogni qual volta siano apportate modifiche significative alla situazione lavorativa ipotizzata, soprattutto se connessa

Dettagli

TAVOLO SICUREZZA CANTIERI REGGIO EMILIA

TAVOLO SICUREZZA CANTIERI REGGIO EMILIA Reggio Emilia 10/2012 Il presente documento è stato predisposto e redatto dal Tavolo Sicurezza Cantieri - Reggio Emilia, di cui è promotore ANCE Reggio Emilia Collegio Costruttori Edili Ind. RE è partecipato

Dettagli

NOTA INFORMATIVA PER L UTENTE

NOTA INFORMATIVA PER L UTENTE DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE SERVIZIO PREVENZIONE E SICUREZZA AMBIENTI DI LAVORO Regione Lazio NOTA INFORMATIVA PER L UTENTE D.Lgs. 81/08: PRINCIPALI ADEMPIMENTI PER I COMMITTENTI DI OPERE EDILI Azienda

Dettagli