Settimanale della Diocesi di Senigallia - Giovedì 10 luglio N. 26

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Settimanale della Diocesi di Senigallia - Giovedì 10 luglio 2014-1.00 N. 26"

Transcript

1 Vitavissuta a cura di Giancarlo Giuliani Ho visto la mostra La grazia e la luce, allestita nei locali del Palazzo del Duca e nella Pinacoteca diocesana, in episcopio a Senigallia. Ho ancora negli occhi i colori celestiali del Perugino, il volto assorto della Vergine Maria e la grazia tenera del Bambino. Anche il contorno della pittura marchigiana del XV e XVI secolo ci danno un idea di quanta bellezza ci è stata lasciata in dono e che abbiamo il dovere e l opportunità di conoscere, ammirare e trasmettere. Una visita la merita, e visto che siamo lì approfittiamo per vedere anche le Lacrime di smalto esposte nella Rocca Roveresca. Poste Italiane S.p.A. - Spedizione in abbonamento postale - D.L. 353/2003 (conv. in L 27/02/2004 n 46) art. 1, comma 1, CN / AN - EDITORE: "Fondazione Gabbiano" Senigallia Editoriale Prima i bambini Settimanale della Diocesi di Senigallia - Giovedì N. 26 Forse, da queste parti, non ci siamo resi conto di quanto lo scandalo della pedofilia nella Chiesa cattolica abbia letteralmente disastrato alcune chiese, specialmente nel Nord Europa e negli Stati Uniti. Me ne sono reso conto quando, in un viaggio ecumenico in Gran Bretagna, avevo in mano la macchina fotografica, ero in una scuola primaria in una parrocchia anglicana e il mio accompagnatore inglese mi aveva suggerito di metterla da parte, visto che sono un prete cattolico. L'associazione era quasi immediata: un sacerdote tra i bambini poteva essere pericoloso. Ci sono rimasto molto male e da lì ho compreso tutta la portata di questo dramma per tante, troppe comunità. La condanna di Papa Francesco contro i preti pedofili e i peccati di omissione, pronunciata nell omelia della messa a Santa Marta e l'incontro con alcune vittime di questi abusi ha interpellato molti di noi impegnati nelle scuole d'infanzia o più in generale con i ragazzi. I gesti e le parole di papa Francesco sono quanto mai necessari, doverosi, per niente esagerati. Bisogno aprire gli occhi e fare i conti con la realtà. Biancamaria Girardi, presidente della Fism, ricorda che le scuole Fism hanno come punto di partenza il bambino al centro, inteso come rispetto assoluto nei suoi confronti, facendo tutto il possibile affinché cresca con la consapevolezza che ci sono degli adulti che vogliono il suo bene e lo aiutano a crescere secondo la visione cristiana della vita. Per Stefano Di Battista, direttore di Anspi Oratori e circoli, il Pontificato di Papa Francesco che guarda alla misericordia trova in questi aspetti la sua massima espressione. Vedo in ciò un filo conduttore con quello che sarà il Sinodo sulla famiglia, cioè la capacità di accogliere e di parlare, senza nascondere quelle che sono le situazioni di male o di malessere. Per don Fortunato Di Noto, presidente di Meter, le parole del papa confermano che è iniziata una rivoluzione, forse la più efficace e forte in tutta la storia della Chiesa. Ci vuole tanto coraggio, tanta libertà dal compromesso, tanto amore per l'umanità nel riconoscere queste terribili situazioni anche all'interno della Chiesa. Fare i conti con il male, ovunque si trovi, è la sfida impegnativa per ogni essere umano. Gesualdo Purziani Fiducia Risale il gradimento degli Italiani per la Chiesa I sondaggi devono sempre essere presi con beneficio d inventario. Eppure sui dati Ipsos, diffusi da Ballarò, sulla fiducia nelle istituzioni è utile soffermarsi. Indicano infatti quello che è stato definito un exploit per la Chiesa cattolica, che, nell arco di poco più di un anno, passa dal 54 al 71%. E ritrova così il suo tradizionale secondo posto, dopo le forze dell ordine, che a loro volta salgono dall 81 all 83%. Seguono a congrua distanza l Unione europea e la magistratura, tra il 59 e il 57%. Per carità di patria non parliamo del risultato di partiti e banche, in coda all apprezzamento degli italiani, con il 22%. Exploit prevedibile, osservano i ricercatori, quello della Chiesa cattolica, rinvigorita dalla presenza di Papa Francesco, vero e proprio catalizzatore di entusiasmi. Certamente. Ma non si tratta solo di un effetto mediatico, quanto della conferma di una presenza. Il dato di confronto, quello di poco più di un anno fa, era infatti l effetto di una serie di elementi, non ultima la pedofilia, che, rimbalzando in particolare degli Stati Uniti, sembravano condannare l istituzione ecclesiale attraverso una sorta di effetto domino. Ma immediatamente sono seguiti i fatti: nel merito sono arrivate a piena esecuzione le decisioni prese dallo stesso Benedetto XVI e rinvigorite da Francesco, che hanno portato proprio in questi giorni alla riduzione allo stato laicale di un vescovo: vicende lontane dell Italia, che tuttavia contano nel villaggio globale. Più ampiamente Francesco ha testimoniato, con le parole e soprattutto con le opere, la realtà di una Chiesa vicina a tutti, in particolare a coloro che soffrono. E in tanti, oggi, per un verso o per l altro ci troviamo in questa condizione. È l idea di una misericordia attiva, che non si limita a rassicurare e rasserenare, a lenire le ferite, a consolare, ma stimola concretamente ad attivare processi di cambiamento e di conversione. Per questo il grande consenso al pontificato di Francesco non è un fenomeno mediatico o un elemento di verticalizzazione, come si legge qua e là, ma, in forme perfettamente intellegibili al sistema mediatico, finisce con l interpellare nel profondo, tutti e ciascuno. La gente che affluisce dal Papa, si sente invitata a camminare, una delle parole chiave di Francesco. E questo in Italia, un paese dove il Papa è spontaneamente amato e seguito, è un riferimento naturale e immediato, ha rapidamente riattivato un processo, un percorso, una memoria buona di Chiesa di popolo, che ha riportato anche i dati dei sondaggi ai valori più tradizionali. Avere fiducia nella Chiesa cattolica infatti non significa confidare in un organizzazione o seguire un grande leader carismatico e trascinatore, quanto cogliere percorsi di vita buona. Dunque i dati pure positivi non possono rappresentare che uno stimolo: molto, molto c è da fare, un processo di riarticolazione di fronte al nuovo, come il Papa stesso non si stanca di ripetere. Francesco Bonini in questo numero 8-9 La Grazia e la Luce Quadri che sanno sorprendere 2-3 Itinerari vicini Ripe di Trecastelli 4 Un altro... super Mario Alhajie, giovane del Gambia

2 2 due passi in collina ITINERARI Trecastelli - Ripe Nel 'paese dei mestieri' un breve percorso tra arte sacra e musei Ogni settimana La Voce Misena propone una gita che parte da una bella chiesa della nostra diocesi. Iniziando da dove si è celebrata la festa del Signore. Nel primo dei tre castelli Questa Domenica proponiamo una gita impegnativa Ripe di Trecastelli, il Paese dei Mestieri, dove convivono realtà artigiane altrove scomparse, che ancora oggi costituiscono un potenziale creativo alla base dell economia del paese. Numerosi artigiani sono disponibili a ricevere turisti e visitatori nei propri luoghi di lavoro per coinvolgerli personalmente nelle arti di cui sono maestri. Punto di sintesi delle attività del paese è la piazza Leopardi. Il palazzo comunale e la sua torre si ergono sulla piazza dominandola da un colle che si presenta impervio e ripido sui quattro lati, ed è raggiungibile solo attraverso un ponte da un lato, o dal lato opposto, tramite una ripida scalinata ricavata sopprimendo il puntone nord delle mura di cinta. Sulla punta dell antica torre campanaria si trova la Ventola in ferro che riporta la data del 1141 ed è il primo riferimento di Ripe come comunità civile. Accanto ad essa si trova l immagine di San Pellegrino, patrono di Ripe. Proprio in piazza Leopardi si trova la chiesa parrocchiale di S.Pellegrino vescovo e martire, costruita nel 1783 su progetto del pievano Borbiconi. A destra della chiesa si eleva il campanile rivestito da muro con mattoni faccia a vista. Sopra la cella campanaria di fine disegno, si alza la cuspide in muratura realizzata nel L'interno rappresenta il momento di passaggio dal barocco del '700 al più essenziale stile neoclassico. La navata centrale è affiancata da due laterali che si aprono con archi a tutto sesto sostenuti da colonne doriche. Il parroco don Paolo Campolucci vi presiederà la celebrazione della messa alle La Chiesa è sorta sull antica antica Chiesa di Santa Maria del Ponte che era presso l antico ponte levatoio di accesso al castello che ora è costruito in muratura. L attuale Chiesa di San pellegrino venne costruita demolendo altre quattro chiese. I quattro altari laterali nella chiesa parrocchiale di San Pellegrino ricordano tre delle chiese demolite. La Chiesa di S. Maria con il quadro della Madonna del Rosario nel secondo altare a sinistra contornata da 15 storie; la Chiesa del SS. Sacramento nel secondo altare a destra; la Chiesa di San Rocco con il quadro della Madonna del Carmine con San Rocco e San Sebastiano del 1476 nel primo altare a destra. Il quarto altare a sinistra e quello di San Giovanni Battista che si venerava nell antica chiesa di San Pellegrino detta delle colonne, in questo altare attualmente si venera l immagine della Madonna del Soccorso. Nell abside si può ammirare una grande tela raffigurante San pellegrino, in toga rossa. Sopra l'ingresso si trova la cantoria che ospita un pregiato organo Callido del Muovendosi un poco, ma senza abbandonare piazza Leopardi si arriva al Museo Nori De Nobili, che rappresenta il punto di partenza per la riscoperta critica della pittrice marchigiana, a lungo, ingiustamente, dimenticata nel panorama artistico contemporaneo. E allestito presso il Villino Romualdo nel centro di Ripe e conta circa settanta dipinti. Attraversa il percorso artistico e il vissuto della pittrice, dagli anni della formazione giovanile e della prima maturità artistica, fino all evoluzione della seconda fase della sua vita. E un importante spazio culturale e artistico inaugurato il 7 ottobre 2012, che si trova all interno di un edificio della seconda metà dell ottocento, che fino al 1946 fu residenza privata dell allora Sindaco Nazareno Sceral, il quale lo dedicò a suo figlio Romualdo, per poi lasciarlo in dono alla comunità affinché venisse utilizzato per scopi sociali e culturali. Il Museo è anche sede dell archivio storico della pittrice, che conta oltre millequattrocento opere, ed è anche Centro Studi sulla Donna nelle Arti Visive Contemporanee. Vi si svolgono numerose attività: dai laboratori didattici per ragazzi e bambini di diverse età, ad eventi culturali legati al mondo di Nori De Nobili e alle arti in generale, ampiamente concepite nelle diverse declinazioni di musica, poesia, pittura e fotografia. pagine a cura di Mario Maria Molinari

3 due passi in collina 3 Nori, donna del Novecento Eleonora De Nobili nasce a Pesaro il 17 dicembre 1902 da Carlo De Nobili, Ufficiale di Artiglieria e Luisa Augusti, imparentata con i Castracane, eredi del Cardinale Antonelli. Assieme alla famiglia aveva trascorso parte dell infanzia in un clima di tranquillità a Brugnetto di Ripe, nella bellissima casa nota come Villa Centofinestre, costruita dallo stesso Cardinale Antonelli nel Nel 1917, con la madre, la sorella Bice e il fratello Alberto, si era trasferita a Fano per continuare gli studi ginnasiali, iniziati a Viareggio. A Fano prese anche lezioni del pittore Giusto Cespi dimostrando attitudini particolari per il disegno e per il pianoforte. Nel 1920 aveva seguito a Roma il padre, per affinare gli studi delle lingue e del disegno nel collegio inglese Stella Viae. Nel 1924 era approdata a Firenze con tutta la famiglia, trovando un clima adeguato alle sue aspirazioni artistiche. Aveva frequentato lo studio del macchiaiolo Ludovico Tommasi, seguace di Silvestro Lega. Si era avvicinata ai fondatori del movimento del Novecento e al gruppo di Strapaese, rappresentato da Ottone Rosai e Mino Maccari. Un critico d arte fiorentino, Aniceto Del Massa, l'aiutò a partecipare nel 1930 alla IV Mostra Regionale Toscana. Con lui ebbe un rapporto contrastato, che fece emergere le sue fragilità, dopo aver frequentato il mondo intellettuale dell'epoca, subendone anche i pregiudizi sessisti del momento. Un improvviso e forzato distacco da questo ambiente l aveva così provata da farle accusare i primi sintomi di una malattia nervosa, conducendola per la prima volta nella clinica Villa Rosa a Bologna. Per capire come fosse difficile per una donna muoversi nella società di allora è forse bene ricordare quanti giudizi e pregiudizi circolassero liberamente nei confronti delle figure femminili, tanto che Alfredo Panzini, da grande studioso lessicografo, del suo tempo, quasi da cronista, nel notissimo Dizionario Moderno, edito da Hoepli, nel 1905, raccolse una vastissima e significativa messe di neologismi scientifici, giornalistici e di costume e spiega la voce Isterismo come la intendevano i suoi contemporanei: l isterismo è più frequente nella donna che nell uomo, come dice la stessa etimologia. Col nome di isterismo si vogliono chiamare volgarmente quelle disuguaglianze di umore, quelle anomalie, quei pervertimenti, che talvolta sono frequenti nelle donne e sembrano inerenti la conformazione fisiologica. Nell intuito del popolo l isterismo è infatti Mal di donna. Poco più sopra nel Dizionario Moderno alla voce Isterico si legge: vale popolarmente riferito a donna come ninfomane. Oggi queste definizioni nella loro grossolanità suscitano scandalo e incredulità, ma all inizio del 900, erano abituali. Nel 1933 dopo la morte del fratello Alberto e il peggiorare delle condizioni di salute della madre, a cui era particolarmente legata, Nori De Nobili aumentò il suo distacco dalla vita e dalla società. Completamente chiusa e rifugiata nella sua arte, aveva continuato a dipingere con assidua quotidianità, passando da una clinica all altra. In questa seconda e ultima parte della sua vita, vissuta in solitudine, si dedicò completamente all'arte poetica e pittorica, scrivendo l'autobiografia in versi e realizzando oltre mille opere pittoriche in stile espressionista, in particolare autoritratti, denunciando l'ipocrisia del periodo storico da lei vissuto, sino al ricovero a Villa Igea di Modena, dove, a causa di un tumore morì il 2 giugno del 1968, all'età di 66 anni. Le sue opere di forte impatto visivo, rappresentano il suo straordinario, tormentato percorso di donna e pittrice, di un esistenza testimoniata con femminile fierezza, che ha conosciuto profondamente le correnti artistiche del 900, elaborando uno stile personale unico, intenso e fortemente espressivo. Nori De Nobili scompagina la pittura del suo tempo celebrando il panico per esorcizzare le nostre paure e tutta la sua opera è un tentativo di esistere, trasformandola, spostandola alla sua arte. Raccontandosi come prigioniera della follia e di un male inarrestabile, Nori De Nobili, si definiva, nei quaderni delle sue poesie, pallida fronte sotto scura chioma,/ occhi incavati in espression febbrile,/ torbido sguardo contro il mondo vile,/ tragica donna, che non fu mai doma.

4 4 senigallia notizie dal monc' in piazza Ricordiamo ai nostri lettori che possono inviarci, per posta o personalmente recandosi nei nostri uffici (anche il sabato dalle 9 alle 11), quanto vogliono farci sapere perché possa essere inserito in questa rubrica. Domenica 6 luglio la Chiesa ha ricordato la santa corinaldese Maria Goretti. Nella cattedrale di Senigallia (forse non tutti lo sanno) alla destra dell altare c è proprio un altare a lei dedicato, con una scultura che la raffigura. Sostiamoci quando ci rechiamo in Duomo e rivolgiamole una preghiera, specialmente per i nostri giovani. In questo periodo, in cui le persone che lavorano sono in ferie, un abbonata ci ha chiesto di rammentare che è sempre aperta, 24 ore su 24, la Chiesa delle Benedettine in via dell Angelo n. 6, dove è esposto il SS.Sacramento e ognuno può pregare silenziosamente, ammirando anche le disposizioni floreali che le suore predispongono così bene. Dal 5 del corrente mese è stato aperto anche il parcheggio di via Podesti alle Saline, di fronte al pattinodromo, che può ospitare un centinaio di auto. Il Sindaco Mangialardi ha spiegato che quel parcheggio rappresenta un importante risposta per il lungomare di levante. Se l ex Sacelit Italcementi è stata in grado di offrire soluzioni per il lungomare di ponente e per il primo tratto di quello di levante, il parcheggio delle Saline rappresenta invece una risposta importante per il lungomare Alighieri e Da Vinci; oltretutto è proprio di fronte ad un sottopasso. Con l apertura di questo ulteriore spazio, sono quasi un migliaio i parcheggi tra il lungomare ed il centro storico in grado di servire entrambi i quartieri, trafficati nei mesi estivi. E stata emanata un ordinanza comunale che prevede dal primo di questo mese e per tutta l estate l isola pedonale sull intero tratto del lungomare Marconi e sul lungomare Alighieri, dal piazzale della Libertà a via Dalmazia, con la possibilità di chiudere al traffico, come già accaduto sabato scorso, anche l ingresso della Statale. Le esigenze effettive verranno valutate ogni sera e solo in presenza di numerosi pedoni. Gli albergatori chiedono di ridurre le corse dei bus mattutini per aumentare quelle serali. La richiesta è all esame dei competenti uffici comunali Controlli della velocità Per regolare la velocità, oltre agli autovelox, arriveranno presto nella nostra città anche i Velo Ok. Il limite dei 50 chilometri orari c è sempre, ma senza un deterrente non tutti lo rispettano. I 6 contenitori verranno posti ai due lati delle carreggiate interessate, non uno di fronte all altro, ma collocati in modo che l incentivo a rallentare sia maggiore in corrispondenza delle abitazioni più numerose o di obiettivi sensibili. Le colonnine verranno collocate lungo la strada Corinaldesi, all interno dell abitato del Brugnetto sulla corsia in direzione Corinaldo, immediatamente dopo il cartello di centro abitato del Brugnetto, in prossimità della prima casa del Borgo Castello e nella corsia in direzione Senigallia, in prossimità dell intersezione stradale con la strada che conduce a Bettolelle. Sull Arceviese, alle Bettolelle, nella corsia in direzione di Senigallia, un contenitore sarà in corrispondenza dell attraversamento del Fosso del Filetto e l altro nella corsia in direzione di Arcevia. Nel centro abitato del Vallone i due contenitori verrano collocati ai lati della carreggiata nelle due direzioni, a circa 50 metri prima dell entrata della scuola locale. Laura Amaranto presidente Lions Alla presenza del Governatore del Distretto 108A, dei soci e di numerosi ospiti, la sera del 28 giugno nella consueta serata della Charter alla sua 42^ celebrazione si è svolto il tradizionale passaggio delle consegne per la presidenza. L Avv. Laura Amaranto è il nuovo presidente del Lions Club di Senigallia per l anno sociale Questo in sintesi il suo intervento: Cari amici, care amiche lions e non lions, vi ringrazio per essere qui, e il mio ringraziamento si adentistretti I pensieri del dopo Che brutta storia in una stagione pesante, troppo pesante per la nostra città. Un alluvione devastante, tante morti giovani ed infine e poi l'omicidio - suicidio di Borgo Passera, la scorsa settimana. Ha ragione il commentatore Franco Giannini che sulle pagine online di Senigallianotizie scrive: " In una località come Senigallia, ritieni che fatti come quello accaduto, non possano mai avvenire. Salire alla ribalta della cronaca nera per un fatto di sangue, non lo penseresti mai. (...) Ma quello che è avvenuto a Senigallia mi ha, colpito maggiormente, proprio perché avvenuto in una sonnacchiosa cittadina, improvvisamente, all ora di cena con la famiglia riunita e perché magari se non si conoscevano direttamente i personaggi coinvolti, magari conoscevi qualche amico di costoro che ti racconta che si c era stata qualche parola, come spesso avviene tra vicinati, ma il problema era un altro. Si racconta che l omicida aveva qualche estende anche a coloro che non hanno potuto - ma solo fisicamente - essere con noi. La vostra presenza è la testimonianza che il Lions è una realtà viva e significativa della nostra città. Essere qui stasera, così numerosi, è un grande incoraggiamento per tutto il club: per chi ha assunto e assumerà delle cariche durante questo anno sociale, per chi darà il suo prezioso contributo quale socio alle iniziative che verranno messe in campo e per chi, pur non lions, condividerà e supporterà le iniziative che verranno proposte". Trebbiatura solidale Anche quest'anno l'associazione "I Compagni di Jeneba onlus" parteciperà - dal 10 al 13 luglio alla Rievocazione storica della Trebbiatura di Castellaro- Senigallia. Un'importante occasione di incontro e di scambio in cui la nostra associazione proporrà agli amici interessati oggetti prodotti in Sierra Leone e da artisti italiani. L'Associazione "I Compagni di Jeneba onlus" opera in Sierra Leone dal 2004 con progetti di sostegno scolastico, alimentare e sanitario a studenti sierraleonesi delle scuole di Goderich e con progetti di intercultura in 120 classi italiane. Oltre al supporto didattico, alimentare, sanitario e strutturale fornito costantemente alle scuole sierraleonesi, le famiglie e le scuole italiane sostengono stabilmente 109 sierraleoncini dai 3 agli 8 anni, che frequentano la scuola dell'infanzia di Aunty Regina, parte integrante della nostra associazione Jeneba's Mates CBO Healtcare and Education, riconosciuta dal Governo Sierraleonese con la quale realizziamo i progetti africani. I proventi derivanti dalla vendita degli oggetti alla festa della Trebbiatura di Castellaro saranno destinati all'emergenza sanitaria che sta colpendo i bambini e le famiglie delle nostre scuole. Lucia Mazzoli problema caratteriale, si parla disturbi, di isolamento, di emarginazione e della presenza dei Servizi Sociali che si occupavano di lui. Ed ora che cosa si farà. Semplicemente nulla!. Come del resto sempre in questi casi. Alle amministrazioni, in casi simili, il compito di far osservare un minuto di silenzio nelle cerimonie pubbliche, intanto la giustizia seguirà il suo corso come è giusto che sia, i familiari tra due giorni resteranno soli con il loro dolore, come continueranno a restare sole le persone con questa tipologia di malattia, come resteranno soli tutti coloro che nelle loro attività quotidiane avranno la sfortuna di trovarsi impreparati, di fronte a queste situazioni, come continueranno a trovarsi soli coloro che li devono seguire nei loro percorsi curativi e che quale arma hanno il Tso, con la speranza che arrivino sempre in tempo per attuarlo e chiudere la falla prima che sia troppo tardi, come forse nel caso menzionato". Il Caterraduno si è chiuso con Libera La legalità possibile Sabato 28 giugno scorso è stata davvero una giornata straordinaria per Senigallia con la degna conclusione del Caterraduno: al mattino, significativo incontro - in una piazza Roma gremita fino all inverosimile da cittadini e turisti sotto un sole cocente - dedicato all Associazione Libera con i coraggiosi discorsi del presidente don Luigi Ciotti e del procuratore reggino antimafia Federico Cafiero sull importanza imprescindibile della legalità, intervistati brillantemente sul palco dagli arguti conduttori Filippo Solibello e Massimo Cirri nonché da una talentuosa ventitreenne laureanda con una tesi sulle mafie che strozzano il nostro paese. Particolarmente interessanti perché hanno toccato direttamente le coscienze sensibili degli spettatori presenti le considerazioni di Don Ciotti, peraltro condivise in pieno dal procuratore Cafiero e calorosamente applaudite da tutto il pubblico: Prima delle leggi ci vuole la responsabilità, l uso consapevole della nostra libertà. Fenomeni come l abusivismo, il traffico dei rifiuti tossici, il saccheggio delle risorse naturali, le filiere illegali dell agricoltura e dell allevamento ha ribadito con toni forti ed aspri il presidente di Libera feriscono ed uccidono le persone in modo più lento e subdolo delle armi. Ci si ammala per i veleni che inquinano la terra, l acqua e dunque anche i cibi. Si muore nei palazzi costruiti mischiando sabbia al cemento o a causa di incendi dolosi. Insomma, la mafia è più vicina di quanto si possa pensare. Sollecitato poi dalle domande dei due conduttori di Caterpillar e della promettente intervistatrice, il procuratore Cafiero ha ribadito con parole nette ed efficaci la necessità ed il dovere morale della lotta alla mafia e l impegno di tutti a non mollare contro la corruzione ed i soprusi di potenti e malavitosi per cercare di far crescere nelle istituzioni, nella società, nelle famiglie e tra i giovani soprattutto i valori della legalità e della giustizia sociale. Nella seconda parte della giornata della legalità, dalle 17 fino alle 20,30 circa si è svolta, sempre nella piazza stracolma, la consueta asta benefica a favore delle attività sociali di Libera con protagonisti ancora don Ciotti ed il procuratore Cafiero nelle vesti di battitori d asta. In tempi di crisi economica, nonostante tutto, è prevalsa la generosità degli spettatori partecipanti visto il successo finale dell asta con una somma complessiva raccolta di oltre euro. Terminata tra gli applausi l asta, sono seguìti i ringraziamenti del sindaco Maurizio Mangialardi ai due illustri ospiti per la partecipazione e la loro preziosa testimonianza di cittadini esemplari al servizio del paese e della collettività nonché a Cirri, a Solibello, allo staff dei collaboratori del CaterRaduno ed al patrocinio ed alle scelte mirate di Rai 2 che da tanti anni apprezzano e gratificano Senigallia di questa splendida rassegna popolare. Don Ciotti ha chiuso ufficialmente l evento ringraziando di cuore tutti con queste splendide ed incoraggianti parole: La strada in Italia è ancora in salita, ma auguro a tutti di lavorare con impegno e convinzione per ridare ad ognuno la speranza di una vita migliore e più equa. In Italia, purtroppo, ci sono 9 milioni di persone relativamente povere, 5 milioni in povertà assoluta, 2 milioni di bambini poveri. Non vogliamo dimenticare che ben 6 milioni sono analfabeti ed in Europa siamo il primo paese per abbandono e dispersione scolastica. Molti sono i precari, parecchi in questi ultimi anni di crisi hanno perso il lavoro, quindi la dignità e la libertà sancite dalla Costituzione. In questa giornata di festa ma anche di riflessione, avendo discusso stamattina di mafie, illegalità e corruzione, abbiamo parlato pure di speranza, la speranza legata soprattutto a coloro che ci devono dare le coordinate per raddrizzare la rotta e le sorti del paese. Da questa piazza ancora una volta si alza il grido perché il primo cambiamento da fare è rivolto alla Politica, alle Istituzioni, ma soprattutto a noi. Bisogna capire che solo unendo le forze degli onesti si potranno raggiungere responsabilità e giustizia sociale. Auguro a tutti veramente il coraggio di avere il coraggio!". Vincenzo Prediletto

5 pubblicità 5

6 6 chiesa chiesa L'Europa che non crede I vescovi europei sono preoccupati per il calo di vocazioni in Europa per il contestuale calo anche di numero dei fedeli cristiani nel continente. Per questo emerge con sempre più lucida consapevolezza la necessità di un nuovo annuncio di Cristo rivolto soprattutto ai giovani. Come si può parlare di vocazione a qualcuno che non conosce Cristo? Solo dopo aver annunciato Cristo, si può proporre di seguire un cammino. Così don Michel Remery, vice-segretario generale del Consiglio delle Conferenze episcopali europee (Ccee), ha presentato il tema dell incontro dei vescovi e responsabili per la pastorale vocazione delle Conferenze episcopali e delle Congregazioni religiose a Varsavia. L essenza della secolarizzazione - spiega don Remery - altro non è che la perdita del senso dell importanza di Dio per la propria vita e la perdita della vicinanza di Dio. Per questo, il Ccee quest anno ha scelto di puntare sul tema della educazione cristocentrica. Ogni educazione in vista vocazionale - prosegue il rappresentante del Ccee - deve essere centrata su Cristo stesso. Non ha senso parlare di vocazione senza fare riferimento a Cristo. Perché non siamo noi a chiamare. È sempre Cristo che chiama. È Gesù che dice: vieni e seguimi. Sta di fatto che le statistiche sulle vocazioni alla vita sacerdotale e religiosa in Europa sono da anni e un po dappertutto in calo. Sono preoccupati i vescovi europei? Sì, lo sono - risponde don Remery -. Perché si vede a livello di numeri un calo importante. Ma non c è solo un calo nelle vocazioni. C è anche un calo grande in genere anche nel numero dei fedeli. Se vogliamo quindi favorire la vocazione dobbiamo lavorare per promuovere il messaggio della vita cristiana all Europa. L effetto-francesco su questo trend è ancora difficile da quantificare. Questi calcoli - osserva Remery - hanno bisogno di molto tempo per essere fondati. Quello che sicuramente oggi possiamo vedere è che l insistenza di Papa Francesco sulla vita di preghiera, sull amicizia personale con Gesù, sull attenzione per l altro, ha sicuramente un influsso sulle persone e sul modo di vedere la vocazione. Testimonianze dall'oratorio della Parrocchia della Pace di Senigallia Giorni estivi dal sapore diverso Quest anno la parrocchia della Pace ha celebrato in modo particolare il Sacro Cuore di Gesù: la Sua festa, infatti, ha coinciso con l ultimo giorno dell Oratorio Estivo e per l occasione gli educatori hanno voluto festeggiare invitando, non solo i bambini, ma anche le loro famiglie alla Messa ed alla cena insieme. Più di 450 persone hanno affollato il piazzale della parrocchia ma, lo sappiamo, i numeri non sono importanti, importante è come Gesù abbia parlato al cuore di ciascuno, nelle tre settimane di oratorio ed in questa fantastica conclusione, invitandolo a sperimentare sempre più in profondità il Suo amore. I giorni dell oratorio sono stati una grazia perché si è vista una comunità parrocchiale unita nell accompagnare i più piccoli, in modo allegro e divertente, all incontro con Gesù, ognuno secondo le proprie capacità ed i propri carismi: gli anziani hanno pregato e, passando, hanno rivolto qualche parola buona agli educatori; i giovani si sono impegnati nella preparazione dei giochi; alcuni di loro, con voce e strumenti, hanno animato la preghiera; i ragazzi della Casa della Gioventù hanno preparato le merende; gli adulti si sono occupati della segreteria e della cucina il giorno della festa. Ecco dunque cosa compie l amore di Dio: ci riempie di sé e ci unisce in un corpo compatto per continuare l opera di Cristo nel mondo. In altre parole ci fa Chiesa, comunità dell amore ricevuto dal cuore di Gesù e riversato sui fratelli che più lo aspettano. È bello, allora, vivere nella Chiesa e in questa Chiesa sperimentare come il Signore non ha ancora finito di stupirci: aspettiamo da Te, Gesù, altri doni in un estate ancora nel suo pieno sviluppo e,soprattutto, durante l Oratorio Estivo del prossimo anno! don Leonardo Pelonora Dai ragazzi Ci siamo trovate bene! Abbiamo conosciuto educatori speciali vicini al Signore e sempre pronti ad aiutarci. Anche se qualche mattina eravamo stanche e non volevamo venire, alla fine ci divertivamo sempre e scoprivamo cose nuove. Ania e Benedetta Sto bene con gli educatori perché sono buoni e simpatici e mi piace la preghiera perché mi aiuta a parlare a Dio. Michele Mi sono trovata benissimo all oratorio e ho fatto tante nuove amicizie: spero che possano continuare anche quando sarà finito! Neda Dagli educatori Appena finita la scuola è subito iniziato l oratorio estivo! È stata per me una bellissima esperienza piena di gioia, di sorrisi, di voglia di stare insieme, di fatica, di sudore e di preghiera. Vorrei fare tesoro di quest esperienza piena di piccoli gesti e parole da custodire nel mio cuore. Ringrazio Gesù che mi ha messo vicino molti amici ad accompagnarmi in questi giorni! Marco È il primo anno che faccio l educatore all oratorio estivo ed è stata un esperienza che mi ha arricchito sotto tanti punti di vista. Intanto la spontaneità dei bambini è disarmante: per loro sei un amico ma anche un punto di riferimento. Poi l ambiente che ho conosciuto è stato molto bello perché ho potuto fare nuove conoscenze che spero si trasformino presto in importanti amicizie. Sono sicuro di voler continuare questo cammino e continuare a frequentare il gruppo degli educatori perché credo mi possa aiutare a scoprire quali sono i valori più giusti. Puntate in alto, ne sarete felici per tutta la vita! Luca È il secondo anno che faccio l educatrice all oratorio estivo e ogni volta è per meun esperienza unica! L oratorio non è solo un luogo di incontro e di gioco ma è soprattutto un occasione per fare esperienza di Dio: la preghiera è infatti il momento cruciale, perché si ascolta la parola del Signore e la si comprende in modo semplice, attraverso canti e balli ed è proprio questo a colpire i bambini, tanto che alle volte si può sentire qualcuno di loro canticchiare delle preghiere mentre gioca. L opera di Dio si vede in tutto, infatti è Lui a portare felicità e soprattutto a mostrare amore e accoglienza verso ciascuno, soprattutto verso noi educatori che spesso rischiamo di perderlo di vista. Aurora Da chi ci ha aiutato È stato bellissimo! Ti rendi conto!? Noi abbiamo preparato la merenda per più di duecento bambini! Mi sono sentita tanto importante e ho lavorato a testa bassa e ho ricevuto tantissimo complimenti dai ragazzi dello staff! Pamela, Casa della Gioventù Servono trecento merende al giorno, buone, nutrienti, fresche, che piacciano ai bimbi e alle mamme aveva detto don Leo, allora panico? No, Divina Provvidenza! Un importante azienda dolciaria ci ha voluti aiutare prendendosi carico della merenda per alcuni giorni, poi il signor Gigi ha pensato al pane e alla pizza mentre per la frutta se n è occupato un noto rivenditore della zona, tutti entusiasti e felici di partecipare a questa gara per sfamare le bocche dei tantissimi bambini dell oratorio perché, in fondo, ognuno di noi penso conserva un ricordo felice del tempo passato in parrocchia con i compagni e iragazzi più grandi che si prendevano cura di noi. Nunzia Una mostra d'arte dedicata a San Francesco Fratello Sole : questo è l evocativo titolo della singolare mostra d arte inaugurata a Corinaldo lo scorso 29 giugno ed espressamente dedicata a san Francesco d Assisi ed al patrimonio culturale francescano. Sono state selezionate, per l occasione, all incirca sessanta opere lignee; delle peculiari incisioni su legno realizzate dall artista senigalliese Giorgio Forlani attraverso un esclusiva tecnica: la pirografia-solare. Le suddette opere raffigurano, segnatamente, alcune illustrazioni d ispirazione giottesca e varie citazioni letterarie: dalle lodi del Cantico delle Creature, ai cosiddetti fioretti del poverello d Assisi; dalle norme contenute nella Regola dei Frati Minori, sino a delle incisioni stilizzate che evidenziano i momenti cruciali della vita di san Francesco. Solitamente, sono dei tasselli in legno d ulivo, con inserti in rovere, i supporti materiali di tali rappresentazioni ed iscrizioni. Non mancano però, all interno di questa collezione, articoli lignei più complessi, ad esempio: un voluminoso libro intarsiato e dei grandi pannelli cesellati. Due diversi ambienti ospitano le opere di Forlani: la navata principale della chiesa del Suffragio e la cripta di santa Maria Goretti posta al di sotto della chiesa dell Addolorata. Entrambi gli edifici sacri sono situati a breve distanza l uno dall altro presso la centralissima piazzetta del Cassero. La mostra Fratello Sole rimarrà aperta al pubblico tutti i giorni, sino al 28 settembre, dalle ore 10 alle 12 e dalle 17 alle 19. Diego Corinaldesi

Sulle ali dello Spirito IL PADRE, I POVERI, UNA COMUNITÀ FRATERNA E MISSIONARIA

Sulle ali dello Spirito IL PADRE, I POVERI, UNA COMUNITÀ FRATERNA E MISSIONARIA Sulle ali dello Spirito IL PADRE, I POVERI, UNA COMUNITÀ FRATERNA E MISSIONARIA Orientamenti pastorali per il triennio 2016/2019 Che cosa ci chiede oggi il Signore? Che cosa chiede alla chiesa pistoiese?

Dettagli

San Giovanni Battista Cesano Boscone Sacra Famiglia C 2007-01-27

San Giovanni Battista Cesano Boscone Sacra Famiglia C 2007-01-27 MESSA VIGILIARE 18.00 In questa festa della Sacra Famiglia vorrei soffermarmi su un aspetto del brano di vangelo che abbiamo appena ascoltato. Maria e Giuseppe, insieme, cercano angosciati Gesù. Cosa può

Dettagli

Sono parole che volentieri riprendo con voi, sicuro che aiuteranno la nostra fede e la nostra vita anche per il futuro.

Sono parole che volentieri riprendo con voi, sicuro che aiuteranno la nostra fede e la nostra vita anche per il futuro. Ci ritroviamo in Cattedrale per celebrare la santa Messa di ringraziamento per il dono di Papa Benedetto XVI ed anche per pregare per la Chiesa chiamata, per la responsabilità dei cardinali, ad eleggere

Dettagli

Diocesi di Caserta Santuario di San Michele Arcangelo e Santa Maria del Monte Programma invernale del Santuario 25 Anniversario della Madonna del Monte Anno Mariano 1987-2012 novembre-aprile 2011-2012

Dettagli

ENGLISH FRANCAIS ITALIANO

ENGLISH FRANCAIS ITALIANO ENGLISH FRANCAIS ITALIANO 1 ITALIAN L idea L idea nasce in seno al segretariato del Consiglio delle Conferenze Episcopali d Europa (CCEE). All indomani dell elezione di Papa Francesco, del Papa venuto

Dettagli

PROGRAMMAZIONE GENERALE DI AZIONE CATTOLICA PARROCCHIA IMMACOLATA - ADELFIA ANNO 2013/2014

PROGRAMMAZIONE GENERALE DI AZIONE CATTOLICA PARROCCHIA IMMACOLATA - ADELFIA ANNO 2013/2014 PROGRAMMAZIONE GENERALE DI AZIONE CATTOLICA PARROCCHIA IMMACOLATA - ADELFIA ANNO 2013/2014 Introduzione unitaria: «Ecco ora il momento favorevole» (2Cor 6,2) Santi nel quotidiano Orientamenti per il triennio

Dettagli

Apparizione della Madonna (non c è data)

Apparizione della Madonna (non c è data) Apparizione della Madonna (non c è data) Si tratta di un messaggio preoccupante. Le tenebre di Satana stanno oscurando il mondo e la Chiesa. C è un riferimento a quanto la Madonna disse a Fatima. L Italia

Dettagli

Monza Ascensione del Signore Santissima Trinità d Amore

Monza Ascensione del Signore Santissima Trinità d Amore Lettera ai Sacerdoti, ai Membri dei Consigli pastorali parrocchiali, ai Membri dei Consigli per gli Affari economici, ai Membri del Consiglio pastorale decanale del Decanato di Monza Carissimi, è ancora

Dettagli

OMELIA MESSA DEL GIORNO DI NATALE 2006

OMELIA MESSA DEL GIORNO DI NATALE 2006 OMELIA MESSA DEL GIORNO DI NATALE 2006 I. Vieni Signore Gesù!. Così la chiesa ha ripetuto spesso nella preghiera di Avvento. Così la chiesa, le nostre comunità, ciascuno di noi ha predisposto il cuore

Dettagli

Come vivere senza ansia con accanto un amico di nome Gesù.

Come vivere senza ansia con accanto un amico di nome Gesù. PREFAZIONE Voglio sottolineare che questo libro è stato scritto su dettatura di Gesù Cristo. Come per il libro precedente, desidero con questo scritto arrivare al cuore di tante persone che nella loro

Dettagli

Città di Moroto Regione del Karamoja Stato: Uganda

Città di Moroto Regione del Karamoja Stato: Uganda Città di Moroto Regione del Karamoja Stato: Uganda "Andate e fate discepoli tutti i popoli!" Toloto kituruwosi ngitungaangakwapin daadang kgikaswomak kang Venerdì 26 luglio ha preso avvio anche a Moroto

Dettagli

vivo noi tra VERSIONE MISTA strumenti per una didattica inclusiva Scarica gratis il libro digitale con i Contenuti Digitali integrativi

vivo noi tra VERSIONE MISTA strumenti per una didattica inclusiva Scarica gratis il libro digitale con i Contenuti Digitali integrativi Gruppo Scuola Nuova Percorsi facilitati per lo sviluppo e la valutazione della competenza religiosa è vivo tra noi strumenti per una didattica inclusiva Scarica gratis il libro digitale con i Contenuti

Dettagli

ISCRIZIONE CATECHESI Cammini di educazione e formazione cristiana per bambini, ragazzi e adolescenti

ISCRIZIONE CATECHESI Cammini di educazione e formazione cristiana per bambini, ragazzi e adolescenti DOMENICA 27 SETTEMBRE Parrocchia SS. Nazario e Celso MM. - Urgnano Oratorio S. Giovanni Bosco FESTA DI INIZIO ANNO PASTORALE Ore 10.30 S. MESSA di apertura del nuovo ANNO PASTORALE In questa occasione

Dettagli

٠ Accoglienza ٠ Missione ٠ Internazionalità

٠ Accoglienza ٠ Missione ٠ Internazionalità ٠ Accoglienza ٠ Missione ٠ Internazionalità Dallo statuto leggiamo: Art. 1 L AMI è composta da laici, diaconi, presbiteri che docili all azione dello Spirito Santo intendono vivere una medesima vocazione

Dettagli

La forza del suo messaggio

La forza del suo messaggio 6 Testimone di vita santa Anche quest anno nelle varie sedi de La Nostra Famiglia, nelle Parrocchie ambrosiane e nelle comunità delle Piccole Apostole della Carità si è celebrata la memoria liturgica del

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

Accompagnare i bambini 3-6 anni attraverso la liturgia nella diversità di tempi e spazi

Accompagnare i bambini 3-6 anni attraverso la liturgia nella diversità di tempi e spazi Cammino 3-6 anni 13 gennaio 2015 Accompagnare i bambini 3-6 anni attraverso la liturgia nella diversità di tempi e spazi Premessa Prima di condividere con voi le idee che come equipe abbiamo pensato di

Dettagli

Notiziario delle Parrocchie di Mandrio,Mandriolo e S.Martino Piccolo n 94 aprile-maggio 10. tel.0522/699134 - Stampato in proprio. parole in famiglia

Notiziario delle Parrocchie di Mandrio,Mandriolo e S.Martino Piccolo n 94 aprile-maggio 10. tel.0522/699134 - Stampato in proprio. parole in famiglia La Voce della Parrocchia Notiziario delle Parrocchie di Mandrio,Mandriolo e S.Martino Piccolo n 94 aprile-maggio 10 Tariffa Associazioni Senza Fini di Lucro: Poste Italiane s.p.a. Sped. in Abb. Postale

Dettagli

SAN GIUSTO MARTIRE. Omelia. +Giampaolo Crepaldi. Arcivescovo-Vescovo di Trieste. 3 novembre 2010

SAN GIUSTO MARTIRE. Omelia. +Giampaolo Crepaldi. Arcivescovo-Vescovo di Trieste. 3 novembre 2010 SAN GIUSTO MARTIRE Omelia +Giampaolo Crepaldi Arcivescovo-Vescovo di Trieste 3 novembre 2010 Distinte Autorità civili e militari, fratelli e sorelle, bratije in sestre, 1. La Chiesa di Trieste onora e

Dettagli

MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI

MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI Silenzio e Parola: cammino di evangelizzazione Cari fratelli e sorelle, all avvicinarsi della Giornata

Dettagli

Educare in spirito di famiglia

Educare in spirito di famiglia FESTA DELLA FAMIGLIA 26 GENNAIO 2014 Educare in spirito di famiglia È bello fare festa, dire sì con entusiasmo alla vita, ringraziare e lodare Colui che ne è l autore, godere per le cose belle che ci sono

Dettagli

PREGHIERE A SAN FILIPPO SMALDONE SACERDOTE DIOCESANO FONDATORE DELLE SUORE SALESIANE DEI SACRI CUORI E APOSTOLO DEI SORDI

PREGHIERE A SAN FILIPPO SMALDONE SACERDOTE DIOCESANO FONDATORE DELLE SUORE SALESIANE DEI SACRI CUORI E APOSTOLO DEI SORDI PREGHIERE A SAN FILIPPO SMALDONE SACERDOTE DIOCESANO FONDATORE DELLE SUORE SALESIANE DEI SACRI CUORI E APOSTOLO DEI SORDI INTRODUZIONE La preghiera non è solo elevazione dell anima a Dio ma è anche relazione

Dettagli

Alle sorelle e ai fratelli della parrocchia S. Maria di Lourdes. Donaci la Pace!

Alle sorelle e ai fratelli della parrocchia S. Maria di Lourdes. Donaci la Pace! LA NOSTRA Parrocchia S.Maria di Lourdes VOCE MILANO - via Induno,12 - via Monviso 25 DICEMBRE 2OO5 Alle sorelle e ai fratelli della parrocchia S. Maria di Lourdes. Donaci la Pace! Vi lascio in pace, vi

Dettagli

laici collaborazione Chiesa

laici collaborazione Chiesa Preghiamo insieme Prendi, Signore, e ricevi tutta la mia libertà, la mia memoria, il mio intelletto, la mia volontà, tutto quello che possiedo. Tu me lo hai dato; a te, Signore, io lo ridono. Tutto è tuo:

Dettagli

IL CREATO DONO DI DIO. Dio Padre ha pensato a me come dono per gli altri

IL CREATO DONO DI DIO. Dio Padre ha pensato a me come dono per gli altri IL CREATO DONO DI DIO I bambini sono abituati a vedere gli elementi del creato come oggetti usuali in quanto facenti parte del loro universo percettivo, per questo è importante che possano scoprire il

Dettagli

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Commento al Vangelo Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione fra Luca Minuto Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Dal Vangelo secondo Matteo In quel tempo, gli undici discepoli andarono in Galilea, sul monte

Dettagli

Depressione e speranza cristiana. Convegno Dal buio alla luce Marconia 26 Maggio 2011

Depressione e speranza cristiana. Convegno Dal buio alla luce Marconia 26 Maggio 2011 Depressione e speranza cristiana Convegno Dal buio alla luce Marconia 26 Maggio 2011 Premessa Il mio punto di vista non sarà certo quello del medico, dello psicanalista, o del sociologo. (gli interventi)

Dettagli

una profonda devozione eucaristica può aver significato fuori di una dimensione di servizio. L attualità del servizio di Allucio è altrettanto forte:

una profonda devozione eucaristica può aver significato fuori di una dimensione di servizio. L attualità del servizio di Allucio è altrettanto forte: Sant Allucio 2015 «Beato l uomo che trova grande gioia nei tuoi comandamenti» perché i comandamenti del Signore sono gioia, perché il comando del Signore è amare e la gioia più grande di ogni cuore è proprio

Dettagli

QUANTE EMOZIONI GESU

QUANTE EMOZIONI GESU SCUOLA DELL INFANZIA SACRA FAMIGLIA La Spezia PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA A.S. 2014-2015 QUANTE EMOZIONI GESU Al centro di qualsiasi programmazione nella scuola dell Infanzia ci deve

Dettagli

Diocesi di Rieti. La Pastorale della Salute

Diocesi di Rieti. La Pastorale della Salute Diocesi di Rieti La Pastorale della Salute Che cos è la Pastorale della Salute? Con Pastorale si intende l azione multiforme della comunità cristiana dentro le concrete situazioni della vita. La Pastorale

Dettagli

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI (Gv 3, 17b) Ufficio Liturgico Diocesano proposta di Celebrazione Penitenziale comunitaria nel tempo della Quaresima 12 1 2 11 nella lode perenne del tuo nome

Dettagli

INSIEME CON GESÚ è il percorso IRC che vogliamo abbracciare quest anno. Il filo conduttore del percorso è il CORPO, sia perché specchio dell unità

INSIEME CON GESÚ è il percorso IRC che vogliamo abbracciare quest anno. Il filo conduttore del percorso è il CORPO, sia perché specchio dell unità Programmazione IRC 2014-2015 1 INSIEME CON GESÚ è il percorso IRC che vogliamo abbracciare quest anno. Il filo conduttore del percorso è il CORPO, sia perché specchio dell unità della Chiesa, sia perché

Dettagli

08-03-2015 All ombra dei campanili. L Eucaristia, cuore della Domenica

08-03-2015 All ombra dei campanili. L Eucaristia, cuore della Domenica E chiedere il dono di nuove vocazioni anche nella nostra parrocchia di PARROCCHIA S. GIOVANNI OLTRONA DI SAN MAMETTE Comunità Appiano Gentile 08-03-2015 All ombra dei campanili L Eucaristia, cuore della

Dettagli

Arcidiocesi di Pesaro. Giubileo Straordinario della Misericordia

Arcidiocesi di Pesaro. Giubileo Straordinario della Misericordia Arcidiocesi di Pesaro Giubileo Straordinario della Misericordia Vogliamo vivere questo Anno Giubilare alla luce della Parola del Signore: Misericordiosi come il Padre. Misericordia è la via che unisce

Dettagli

Sinodo Diocesano Parroco: Don Ignazio Trogu

Sinodo Diocesano Parroco: Don Ignazio Trogu Sinodo Diocesano Parroco: Don Ignazio Trogu Signore Gesù, come vuoi che sia la tua Chiesa? Chiesa intesa come una famiglia, dove ognuno deve sentirsi partecipe e vivo, ricordandosi che ognuno di noi è

Dettagli

PREGHIERE per la Corona del Discepolo a 33 grani

PREGHIERE per la Corona del Discepolo a 33 grani PREGHIERE per la Corona del Discepolo a 33 grani PREGHIERE PER LA CORONA DEL DISCEPOLO A 33 GRANI Editrice Shalom 31.05.2015 Santissima Trinità Libreria Editrice Vaticana (testi Sommi Pontefici), per gentile

Dettagli

LA FAMIGLIA VIVE LA PROVA Riflessioni tratte dalla terza catechesi di preparazione al VII incontro mondiale delle famiglie Milano 2012.

LA FAMIGLIA VIVE LA PROVA Riflessioni tratte dalla terza catechesi di preparazione al VII incontro mondiale delle famiglie Milano 2012. LA FAMIGLIA VIVE LA PROVA Riflessioni tratte dalla terza catechesi di preparazione al VII incontro mondiale delle famiglie Milano 2012. II INCONTRO DI PASTORALE FAMILIARE 23.11.2013 [13] Un angelo del

Dettagli

(Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.)

(Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.) 23 febbraio 2014 penultima dopo l Epifania h. 18.00-11.30 (Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.) Celebriamo la Messa vigiliare

Dettagli

IL BENE DEGLI ANZIANI Card. Jorge Mario Bergoglio, s.j. Arcivescovo di Buenos Aires

IL BENE DEGLI ANZIANI Card. Jorge Mario Bergoglio, s.j. Arcivescovo di Buenos Aires IL BENE DEGLI ANZIANI Card. Jorge Mario Bergoglio, s.j. Arcivescovo di Buenos Aires Il pensiero e le parole espresse che presentano i punti del Documento di Aparecida sugli anziani, è molto confortante:

Dettagli

L incontro con i cresimandi. 31 marzo, sabato pomeriggio in San Pio V.

L incontro con i cresimandi. 31 marzo, sabato pomeriggio in San Pio V. Tre giorni di festa, dal 30 marzo al 1 aprile, hanno animato la Parrocchia di San Pio V che ha vissuto intensamente la propria Missione Cittadina. Una missione che, partendo dall interno della comunità

Dettagli

l amore criminale 5 uccise vanno solo a ingrossare il numero di una statistica. E a ricordare quelle figlie ammazzate restano solo le madri e i padri.

l amore criminale 5 uccise vanno solo a ingrossare il numero di una statistica. E a ricordare quelle figlie ammazzate restano solo le madri e i padri. «La famiglia ammazza piú della mafia». Tutto è iniziato da qui, dal titolo di un articolo che commentava i dati di una ricerca. Era il 2007 e in Italia la legge sullo stalking non esisteva ancora. Secondo

Dettagli

8 Febbraio 2013 Festa di S. Giuseppina Bakhita: Incontro di Preghiera per eliminare la Tratta di Esseri Umani

8 Febbraio 2013 Festa di S. Giuseppina Bakhita: Incontro di Preghiera per eliminare la Tratta di Esseri Umani 8 Febbraio 2013 Festa di S. Giuseppina Bakhita: Incontro di Preghiera per eliminare la Tratta di Esseri Umani Introduzione: Oggi, nella festa di Santa Giuseppina Bakhita, ci uniamo in solidarietà con tutte

Dettagli

Il Convegno Regionale dei Gruppi del

Il Convegno Regionale dei Gruppi del E D I T O D A L L A C O N F R A T E R N I T A D E L S A N T I S S I M O S A C R A M E N T O DI S A N T A M A R I A IN T R A S T E V E R E I miei Gruppi di Preghiera di Roma e del Lazio A N N O V I I I

Dettagli

La Santa Sede CELEBRAZIONE EUCARISTICA A CONCLUSIONE DEL «FAMILYFEST» OMELIA DI GIOVANNI PAOLO II. Domenica, 6 giugno 1993

La Santa Sede CELEBRAZIONE EUCARISTICA A CONCLUSIONE DEL «FAMILYFEST» OMELIA DI GIOVANNI PAOLO II. Domenica, 6 giugno 1993 La Santa Sede CELEBRAZIONE EUCARISTICA A CONCLUSIONE DEL «FAMILYFEST» OMELIA DI GIOVANNI PAOLO II Domenica, 6 giugno 1993 1. Che il Signore cammini in mezzo a noi (Es 34, 9). Così prega Mosè, presentandosi

Dettagli

7ª tappa È il Signore che apre i cuori

7ª tappa È il Signore che apre i cuori Centro Missionario Diocesano Como 7 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Aprile 2009 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 7ª tappa È il Signore che apre

Dettagli

apertamente, scambiarsi idee, ragionare sui valori, allargare i propri orizzonti, raccontare la propria giornata e perché no? anche pregare tutti

apertamente, scambiarsi idee, ragionare sui valori, allargare i propri orizzonti, raccontare la propria giornata e perché no? anche pregare tutti Presentazione Diventare genitori è sicuramente un immenso dono di Dio, da accogliere con partecipazione e buona volontà. Purtroppo nessuno insegna ad una coppia di neo-genitori come educare i propri figli;

Dettagli

PROGETTO CATECHISTICO PARROCCHIALE DI PONTE NUOVO PER L INIZIAZIONE CRISTIANA

PROGETTO CATECHISTICO PARROCCHIALE DI PONTE NUOVO PER L INIZIAZIONE CRISTIANA PROGETTO CATECHISTICO PARROCCHIALE DI PONTE NUOVO PER L INIZIAZIONE CRISTIANA Che cos è l iniziazione cristiana? È l introduzione e l accompagnamento di ogni persona all incontro personale con Cristo all

Dettagli

Liturgia. Colui che scruta i segreti più intimi, conosce l anelito dello Spirito e lo raccoglie ( Rm 8,27) Fiorenza Pestelli

Liturgia. Colui che scruta i segreti più intimi, conosce l anelito dello Spirito e lo raccoglie ( Rm 8,27) Fiorenza Pestelli Liturgia Colui che scruta i segreti più intimi, conosce l anelito dello Spirito e lo raccoglie ( Rm 8,27) Fiorenza Pestelli C è un piacere nel credere e del credere insieme La fede non è solo un offerta

Dettagli

Carissimi Giovani, Ufficio di Pastorale Giovanile. ho pensato di invitarvi a fare sinodo, a camminare insieme per

Carissimi Giovani, Ufficio di Pastorale Giovanile. ho pensato di invitarvi a fare sinodo, a camminare insieme per Carissimi Giovani, ho pensato di invitarvi a fare sinodo, a camminare insieme per rivitalizzare la pastorale giovanile diocesana, confrontarvi su tali problemi, per scambiarci opinioni e suggerire rimedi,

Dettagli

DOSSIER MESE DEGLI INCONTRI

DOSSIER MESE DEGLI INCONTRI DOSSIER MESE DEGLI INCONTRI 1 Caro educatore, quest'anno, come ben sai, Il richiamo al Concilio Vaticano II ha rappresentato il filo conduttore del cammino di tutti i ragazzi, i giovani e gli adulti di

Dettagli

IN CARCERE MA LIBERI!

IN CARCERE MA LIBERI! PATRIZIO ASTORRI GENNARO CAROTENUTO TULLIO MENGON SILVANO SPAGNUOLO LORENZO ZOCCA IN CARCERE MA LIBERI! Terza edizione Chirico INDICE Presentazione del Cardinale Michele Giordano XI Lettera del cappellano

Dettagli

Mediterranea INTRODUZIONE

Mediterranea INTRODUZIONE 7 INTRODUZIONE guerrieri Palermo, anno 1076. Dopo che - per più di duecento anni - gli arabi erano stati i padroni della Sicilia, a quel tempo nell isola governavano i normanni, popolo d i guerrieri venuti

Dettagli

Io sono dono di Dio. Progetto educativo Di Religione Cattolica. Servizio Educativo San Michele Arcangelo Villanova del Ghebbo

Io sono dono di Dio. Progetto educativo Di Religione Cattolica. Servizio Educativo San Michele Arcangelo Villanova del Ghebbo Io sono dono di Dio Progetto educativo Di Religione Cattolica Servizio Educativo San Michele Arcangelo Villanova del Ghebbo Anno scolastico 2014 2015 PREMESSA L insegnamento della Religione Cattolica nella

Dettagli

ogni figlio di dio: una promessa di vita cristiana

ogni figlio di dio: una promessa di vita cristiana G.Gatti - Evangelizzare il Battesimo - 199 ogni figlio di dio: una promessa di vita cristiana UNO SGUARDO ALL AVVENIRE L amore vero guarda lontano Chi ama, guarda sempre lontano, al futuro. L amore, infatti,

Dettagli

Ogni gruppo, partendo dalla 1a elementare fino alle Medie, presenta un segno ed il motivo del ringraziamento (vedi allegato)

Ogni gruppo, partendo dalla 1a elementare fino alle Medie, presenta un segno ed il motivo del ringraziamento (vedi allegato) Conclusione dell anno catechistico Elementari e Medie Venerdì 30 maggio 2014 FESTA DEL GRAZIE Saluto e accoglienza (don Giancarlo) Canto: Alleluia, la nostra festa Presentazione dell incontro (Roberta)

Dettagli

BOZZA DI PROGETTO LAB-ORATORIO 2.0 Chiamati per nome in un laboratorio dei talenti

BOZZA DI PROGETTO LAB-ORATORIO 2.0 Chiamati per nome in un laboratorio dei talenti BOZZA DI PROGETTO LAB-ORATORIO 2.0 Chiamati per nome in un laboratorio dei talenti #Ondemand: cosa desideriamo come oratorio? A partire da una riflessione sulla pastorale giovanile a Scandiano, iniziata

Dettagli

INTERVENTO del card. Giuseppe BETORI

INTERVENTO del card. Giuseppe BETORI Convegno Regionale FISM Toscana 2014 LE SCUOLE PARITARIE E IL MODELLO TOSCANO. LAVORI IN CORSO! Novità, impegni e progetti per un sistema scolastico realmente integrato e paritario Firenze, Convitto della

Dettagli

dalla Messa alla vita

dalla Messa alla vita dalla Messa alla vita 12 RITI DI INTRODUZIONE 8 IL SIGNORE CI INVITA ALLA SUA MENSA. Dio non si stanca mai di invitarci a far festa con Lui, e gli ospiti non si fanno aspettare, arrivano puntuali. Entriamo,

Dettagli

Nella mia Lettera ai cristiani della Chiesa di Lucca, per quest anno pastorale, chiedevo:

Nella mia Lettera ai cristiani della Chiesa di Lucca, per quest anno pastorale, chiedevo: LITURGIA DEL MANDATO PER IL SERVIZIO DI ANIMATORE DEI GRUPPI DI ASCOLTO DEL VANGELO Sabato 29 novembre 2014 (Rm 10,9-18; Mr 16,9-15) ITALO CASTELLANI Arcivescovo di Lucca Nella mia Lettera ai cristiani

Dettagli

DELEGATE DIOCESANE USMI

DELEGATE DIOCESANE USMI DELEGATE DIOCESANE USMI 24-25 GENNAIO 2015 Lo Statuto USMI definisce con la parola animatrice l identità, la fisionomia e il cuore del compito della delegata diocesana. Così recita: la delegata diocesana

Dettagli

BASILICA PAPALE DI SAN PIETRO

BASILICA PAPALE DI SAN PIETRO BASILICA PAPALE DI SAN PIETRO 20 ANNIVERSARIO EVANGELIUM VITAE 25 MARZO 2015... 1) Oggi ricordiamo il Sì di Maria alla vita, quella vita che prodigiosamente sbocciò nel suo grembo immacolato. Mentre ricordiamo

Dettagli

Maschere a Venezia CAP I

Maschere a Venezia CAP I Maschere a Venezia 7 CAP I In un pomeriggio di fine marzo Altiero Ranelli, un giovane giornalista de Il Gazzettino di Venezia, entra nell ufficio del direttore. - Ho una grande notizia. - grida contento.

Dettagli

BENEDIZIONE DELLE MAMME E DEI PAPÀ IN ATTESA

BENEDIZIONE DELLE MAMME E DEI PAPÀ IN ATTESA I A6 BENEDIZIONE DELLE MAMME E DEI PAPÀ IN ATTESA Parrocchia Domenica CANTO D INIZIO NEL TUO SILENZIO Nel tuo silenzio accolgo il mistero venuto a vivere dentro di me, sei tu che vieni, o forse è più vero

Dettagli

Scuola dell Infanzia

Scuola dell Infanzia ISTITUTO PARITARIO MARIA CONSOLATRICE Via Melchiorre Gioia, 51 20 124 MILANO Tel. 02/66.98.16.48 - Fax 02/66.98.43.64 - Cod.Fiscale: 01798650154 e-mail:primaria@consolatricemilano.it sito internet: www.consolatricemilano.it

Dettagli

Mons. Claudio Maria CELLI

Mons. Claudio Maria CELLI Mons. Claudio Maria CELLI Nella nostra storia c è quel detto famoso: tu uccidi un uomo morto, credo che dopo queste mattinate e pomeriggi così intensi è mio dovere essere il più breve possibile. Per me

Dettagli

Un nuovo anno pastorale è iniziato

Un nuovo anno pastorale è iniziato Un nuovo anno pastorale è iniziato Nella lettera pastorale consegnata alla Diocesi all inizio dell anno pastorale il nostro Vescovo Enrico ci ha indicato alcune priorità che concretizzano il tema proposto

Dettagli

Unità Pastorale Cristo Salvatore. Proposta di itinerari per l iniziazione cristiana dei fanciulli e dei ragazzi

Unità Pastorale Cristo Salvatore. Proposta di itinerari per l iniziazione cristiana dei fanciulli e dei ragazzi Unità Pastorale Cristo Salvatore Proposta di itinerari per l iniziazione cristiana dei fanciulli e dei ragazzi 2 3 Introduzione LE DIMENSIONI DELLA FORMAZIONE CRISTIANA In qualsiasi progetto base di iniziazione

Dettagli

Il Vescovo di Crema. Piazza Duomo, 27 26013 CREMA (CR) Telefono 0373/256565

Il Vescovo di Crema. Piazza Duomo, 27 26013 CREMA (CR) Telefono 0373/256565 Il Vescovo di Crema Alle Parrocchie di Palazzo Pignano, Cascina Caprio, Cascina Gandini, riunite in unità pastorale; al parroco, don Benedetto Tommaseo, al cappellano, don Ernesto Mariconti al consiglio

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA INDICATORE (CATEGORIA) DIO E L UOMO

RELIGIONE CATTOLICA INDICATORE (CATEGORIA) DIO E L UOMO TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE Il bambino osserva con meraviglia ed esplora con curiosità il mondo, come dono di Dio Creatore. RELIGIONE CATTOLICA INDICATORE (CATEGORIA) DIO E L UOMO PRIMARIA

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE ANNO SCOLASTICO 2015/ 2016

PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE ANNO SCOLASTICO 2015/ 2016 ISTITUTO COMPRENSIVO CARLO DEL PRETE DI CASSOLNOVO VIA TORNURA 1 27023 CASSOLNOVO (PAVIA) PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE ANNO SCOLASTICO 2015/ 2016 SCUOLA PRIMARIA DI CASSOLNOVO:Fossati, Gavazzi e

Dettagli

Religione Cattolica Classe 1 A.S. 2007/2008

Religione Cattolica Classe 1 A.S. 2007/2008 Religione Cattolica Classe A.S. 007/008 O.S.A. U.A. O.F. Contenuti Dio Creatore e Padre di tutti gli uomini Nuova scuola, nuovi compagni, io in crescita insieme agli altri Le bellezze della natura sono

Dettagli

PREGARE NELL ASSEMBLEA LITURGICA CON LE FAMIGLIE NELL ANNO DELLA SPERANZA

PREGARE NELL ASSEMBLEA LITURGICA CON LE FAMIGLIE NELL ANNO DELLA SPERANZA A R C I D I O C E S I D I U D I N E Ufficio Diocesano per la Pastorale della Famiglia PREGARE NELL ASSEMBLEA LITURGICA CON LE FAMIGLIE NELL ANNO DELLA SPERANZA CRISTO NOSTRA SPERANZA (1 Tm 1,1) Anno Pastorale

Dettagli

OPERA FRANCESCANA DELLA PIETÁ

OPERA FRANCESCANA DELLA PIETÁ OPERA FRANCESCANA DELLA PIETÁ Calendario Liturgico Ottobre 2013 Il mese di ottobre è dedicato alla devozione al SS. Rosario. Inoltre nelle Cappelle del Cuore Immacolato di Maria a Campi Bisenzio e della

Dettagli

GESU E UN DONO PER TUTTI

GESU E UN DONO PER TUTTI GESU E UN DONO PER TUTTI OGGI VIENE ANCHE DA TE LA CREAZIONE IN PRINCIPIO TUTTO ERA VUOTO E BUIO NON VI ERANO NE UOMINI NE ALBERI NE ANIMALI E NEMMENO CASE VI ERA SOLTANTO DIO NON SI VEDEVA NIENTE PERCHE

Dettagli

Opere di misericordia 1

Opere di misericordia 1 Percorso di riscoperta delle Opere di misericordia 1 DAR DA MANGIARE AGLI AFFAMATI INSEGNARE AGLI IGNORANTI Spunti di riflessione per un dibattito sull Opera di misericordia corporale Dar da mangiare agli

Dettagli

Questo libro è scritto da me su dettatura di Gesù Cristo. Voglio raccontare la malattia di mio marito e lo voglio fare con l aiuto di Dio.

Questo libro è scritto da me su dettatura di Gesù Cristo. Voglio raccontare la malattia di mio marito e lo voglio fare con l aiuto di Dio. Questo libro è scritto da me su dettatura di Gesù Cristo. Voglio raccontare la malattia di mio marito e lo voglio fare con l aiuto di Dio. Siccome il cancro è una malattia incurabile, Gesù vuole spiegare

Dettagli

Andrea Carlo Ferrari.

Andrea Carlo Ferrari. Per questo ammirabile esercizio di carità tutti vedevano in Lui il santo e lo dichiaravano apertamente.. Il Servo di Dio praticava le opere di misericordia sia spirituali che corporali.. Andrea Carlo Ferrari.

Dettagli

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco Sul far della sera la famiglia si riunisce in casa per la preghiera. Ove fosse possibile si suggerisce di

Dettagli

L'Amore vince tutto! - Intervista a Claudia Koll di Mauro Harsch

L'Amore vince tutto! - Intervista a Claudia Koll di Mauro Harsch L'Amore vince tutto! - Intervista a Claudia Koll di Mauro Harsch Una delle persone più straordinarie che ho conosciuto in questi ultimi anni è sicuramente Claudia Koll. Attrice di successo, affianca attualmente

Dettagli

LA FAMIGLIA CHE EDUCA

LA FAMIGLIA CHE EDUCA LA FAMIGLIA CHE EDUCA Messaggio alle famiglie - Pasqua 2009 Diocesi di Fano Fossombrone Cagli Pergola L educazione delle virtù umane è alla base dell educazione cristiana Il senso dell autorità La famiglia

Dettagli

Adorazione Eucaristica

Adorazione Eucaristica Adorazione Eucaristica Pregare come i Santi I santi sono coloro che hanno creduto e vissuto con amore il mistero di Cristo. Essi hanno saputo vivere nel difficile nascondimento la preghiera, sottratta

Dettagli

APPARIZIONI DI NOSTRA SIGNORA DI ANGUERA (BRASILE), 1987-

APPARIZIONI DI NOSTRA SIGNORA DI ANGUERA (BRASILE), 1987- APPARIZIONI DI NOSTRA SIGNORA DI ANGUERA (BRASILE), 1987- Anguera, 05 giugno 2010 Ciò che vi ho rivelato qui non l ho mai rivelato prima in nessuna delle mie apparizioni nel mondo. Solo in questa terra

Dettagli

Indice: pag. 1 il Grembo ; pag. 3 Briciole di servizio quotidiano; pag. 4 Il Rosario per i bambini abbandonati e dimenticati.

Indice: pag. 1 il Grembo ; pag. 3 Briciole di servizio quotidiano; pag. 4 Il Rosario per i bambini abbandonati e dimenticati. Anno II Numero 4 Giugno 2007 Domenica 29 aprile 2007, durante la celebrazione eucaristica che concludeva i lavori dell incontro dei responsabili e coordinatori regionali del Movimento, è stato vissuto

Dettagli

PASTORALE DEI PELLEGRINAGGI. UFFICIO DIOCESANO PELLEGRINAGGI «In cammino per conoscere Gesù e la Chiesa nella nostra vita»

PASTORALE DEI PELLEGRINAGGI. UFFICIO DIOCESANO PELLEGRINAGGI «In cammino per conoscere Gesù e la Chiesa nella nostra vita» PASTORALE DEI PELLEGRINAGGI PASTORALE DEI PELLEGRINAGGI UFFICIO DIOCESANO PELLEGRINAGGI «In cammino per conoscere Gesù e la Chiesa nella nostra vita» IL PELLEGRINAGGIO Il pellegrinaggio metafora della

Dettagli

Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013

Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013 Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013 Obiettivi: - informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara - dare alcune indicazioni pratiche - suggerire alcuni

Dettagli

PARROCCHIA SAN BASILIO E SAN DOMENICO REGALBUTO. Per riflettere insieme sulla vita della parrocchia dal gennaio 2005 fino ad oggi

PARROCCHIA SAN BASILIO E SAN DOMENICO REGALBUTO. Per riflettere insieme sulla vita della parrocchia dal gennaio 2005 fino ad oggi PARROCCHIA SAN BASILIO E SAN DOMENICO REGALBUTO Per riflettere insieme sulla vita della parrocchia dal gennaio 2005 fino ad oggi Carissimi parrocchiani, a distanza di due anni dall elaborazione del Piano

Dettagli

Istituto Paritario S. Giuseppe Via Bazzini 10 20131 Milano Anno 21 giugno 2014

Istituto Paritario S. Giuseppe Via Bazzini 10 20131 Milano Anno 21 giugno 2014 Istituto Paritario S. Giuseppe Via Bazzini 10 20131 Milano Anno 21 giugno 2014 Al Papa il 10 maggio ho portato la mia gratitudine per i 35 anni di insegnamento all Istituto San Giuseppe Andare dal Papa

Dettagli

LA COMUNITÀ DELLE ORIGINI

LA COMUNITÀ DELLE ORIGINI UNITA PASTORALE BEATA TERESA di CALCUTTA Parrocchie di: PIEVE MODOLENA-RONCOCESI-S. PIO X-CAVAZZOLI Anno Pastorale 2013-14 Progetto Pastorale per Educarci alla vita Fraterna e di Comunione. L Unità Pastorale:

Dettagli

UNITA DI APPRENDIMENTO n 2 Natale in fiore di Petrillo Roberta (bambini di 4 anni) Anno Scolastico 2013-2014 Dal 2 al 20 dicembre 2013

UNITA DI APPRENDIMENTO n 2 Natale in fiore di Petrillo Roberta (bambini di 4 anni) Anno Scolastico 2013-2014 Dal 2 al 20 dicembre 2013 UNITA DI APPRENDIMENTO n 2 Natale in fiore di Petrillo Roberta (bambini di 4 anni) Anno Scolastico 2013-2014 Dal 2 al 20 dicembre 2013 1. TIPOLOGIA DELL UNITA APPRENDIMENTO Il Natale è una festività molto

Dettagli

COME ACCOMPAGNARE I RAGAZZI ED I GIOVANI NELL EDUCAZIONE AFFETTIVA ED AL MATRIMONIO

COME ACCOMPAGNARE I RAGAZZI ED I GIOVANI NELL EDUCAZIONE AFFETTIVA ED AL MATRIMONIO COME ACCOMPAGNARE I RAGAZZI ED I GIOVANI NELL EDUCAZIONE AFFETTIVA ED AL MATRIMONIO Premessa: Dalla ricerca La preparazione dei fidanzati al matrimonio ed alla famiglia oggi in Italia, commissionata dalla

Dettagli

cui si vorrebbero confondere le responsabilità di alcuni con il lavoro e il merito di moltissimi.

cui si vorrebbero confondere le responsabilità di alcuni con il lavoro e il merito di moltissimi. Santo Padre, ho il grande privilegio di presentarle gli ospiti che oggi affollano quest aula, venuti da ogni parte d Italia per incontrarla, ascoltarla e ricevere la Sua benedizione. Sono i volontari di

Dettagli

(Memoria dei santi e dei martiri della vita consacrata) (Fori Imperiali, Roma 19/09/15)

(Memoria dei santi e dei martiri della vita consacrata) (Fori Imperiali, Roma 19/09/15) SIATE SANTI COME IL PADRE VOSTRO è SANTO (Mt 5, 48) (Memoria dei santi e dei martiri della vita consacrata) (Fori Imperiali, Roma 19/09/15) Ci siamo riuniti nel cuore della città di Roma per fare un pellegrinaggio,

Dettagli

PAPA FRANCESCO - Nessuna paura della gioia

PAPA FRANCESCO - Nessuna paura della gioia PARROCCHIA S. BARTOLOMEO CARUGO SOGNI E REALTA Foglio di comunicazione e fraternità Ciclostilato in proprio del 4 maggio 2014 - www.parrocchiacarugo.it PAPA FRANCESCO - Nessuna paura della gioia Ci sono

Dettagli

Pro r p o ost s e past s or o a r li l per l'anno 2010/2011

Pro r p o ost s e past s or o a r li l per l'anno 2010/2011 Proposte pastorali per l'anno 2010/2011 LITURGIA A - Settimana Eucaristica: 10-17 ottobre 2010 per tutta la Comunità Pastorale: tema Eucarestia e vita. B - Celebrazioni Comunitarie alle ore 21.00: 1 settembre,

Dettagli

Nuove figure di catechista in un mondo che cambia : identità,, spiritualità, competenze,

Nuove figure di catechista in un mondo che cambia : identità,, spiritualità, competenze, Parrocchia Santi Filippo e Giacomo Capua 15 dicembre 2008 Incontro di formazione e condivisione di esperienze dell equipe equipe degli animatori di catechesi Riflessione su : Nuove figure di catechista

Dettagli

principale del gruppo è

principale del gruppo è Ufficio Diocesano di Pastorale Familiare e Vita I GRUPPI FAMIGLIA PARROCCHIALI luogo di crescita nella fede e nella spiritualità propria dello stato coniugale; momento di apertura alla vita parrocchiale

Dettagli

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013 per Bambini dai 7 ai 10 anni DIOCESI DI FOSSANO Commissione Diocesana Pastorale Ragazzi Ehi!!

Dettagli

Carta di Fondazione, Statuto e Direttorio

Carta di Fondazione, Statuto e Direttorio Carta di Fondazione, Statuto e Direttorio Associazione Comunità Papa Giovanni XXIII CARTA di FONDAZIONE Testo approvato dal Pontificio Consiglio per i Laici il 25 marzo 2004 1) Il carisma della Comunità

Dettagli

COME OTTENERE LE GRAZIE DALLA MADONNA DI MEDJUGORJE a cura di Antonio Norrito per la Nuova Devozione Popolare

COME OTTENERE LE GRAZIE DALLA MADONNA DI MEDJUGORJE a cura di Antonio Norrito per la Nuova Devozione Popolare COME OTTENERE LE GRAZIE DALLA MADONNA DI MEDJUGORJE a cura di Antonio Norrito per la Nuova Devozione Popolare Attraverso questa rassegna di messaggi in ordine cronologico si potrà scoprire il cammino di

Dettagli

apposta per te, per te sola. E arde dal desiderio di entrare nel tuo cuore Comunicati spesso, molto spesso. Ecco il solo rimedio se vuoi guarire.

apposta per te, per te sola. E arde dal desiderio di entrare nel tuo cuore Comunicati spesso, molto spesso. Ecco il solo rimedio se vuoi guarire. Diicembre 2013 Ill Verbo sii è fatto Carne Pio X era rimasto particolarmente colpito da una lettera scritta da Teresa di Lisieux alla cugina Maria Guérin il 30 maggio 1889. In essa voleva aiutare la cugina

Dettagli