Stagione Sportiva 2016/2017. Tornei Provinciali BresciaOggi. Juniores - Allievi Giovanissimi Esordienti Pulcini Regolamenti

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Stagione Sportiva 2016/2017. Tornei Provinciali BresciaOggi. Juniores - Allievi Giovanissimi Esordienti Pulcini Regolamenti"

Transcript

1 Federazione Italiana Giuoco Calcio Delegazione Provinciale di Brescia Via Bazoli, 6 (Centro San Filippo) BRESCIA Tel Fax Fax Giudice Sportivo Sito Internet: E.Mail: Stagione Sportiva 2016/2017 Tornei Provinciali BresciaOggi Juniores - Allievi Giovanissimi Esordienti Pulcini Regolamenti BRESCIA, 2 settembre 2016

2 REGOLAMENTO CATEGORIA JUNIORES ART. 1 ORGANIZZAZIONE La Società Unitas Coccaglio indice ed organizza per la categoria Juniores un Torneo a carattere provinciale denominato Trofeo Bresciaoggi, che si disputerà durante la stagione calcistica ART. 2 CATEGORIA DI PARTECIPAZIONE E LIMITI DI ETA Il Torneo è riservato ai calciatori appartenenti alla categoria Juniores, regolarmente tesserati F.I.G.C. con la propria società perla stagione in corso nati dal fino al compimento anagrafico del 15 anno di età. E consentito impiegare fino ad un massimo di TRE fuori quota nati dal 01/01/1997 per le squadre partecipanti ai campionati Juniores Regionali A e B e QUATTRO fuori quota nati dal 01/01/1996 per le squadre partecipanti al campionato Juniores Provinciale. ART. 3 PRESTITI Non è consentito il ricorso a prestiti. ART. 4 ELENCHI GIOCATORI Nella distinta da presentare all arbitro prima della gara saranno indicati fino ad un massimo di 18 giocatori. ART. 5 SOSTITUZIONI Sono consentite n. 7 sostituzioni, indipendentemente dal ruolo, in qualsiasi momento della gara. ART. 6 SOCIETA PARTECIPANTI Al torneo prenderanno parte le società meglio indicate nell allegato elenco, distinte per girone.

3 ART. 7 FORMULA DEL TORNEO La formula prevista dal Torneo è la seguente: Le squadrepartecipanti si incontreranno tra di loro secondo la formula dei gironi composti datre o quattro squadre (Fase eliminatoria). In caso di parità al termine dei tempi regolamentari, per stabilire la vincente dello scontro diretto, saranno effettuati i calci di rigore, con le modalità stabilite dalla regola 7 del Regolamento del gioco del calcio (rigori dei quali si terrà conto solo in caso di parità di punti tra le squadre al termine del girone i rigori non contano in caso di differenza reti). Nel caso in cui, per qualsiasi motivo non vengano eseguiti i calci di rigore, per determinare la vincente dello scontro diretto si provvederà al sorteggio tra le due squadre che verrà effettuato presso gli uffici della Delegazione; pertanto la non esecuzione dei calci di rigore al termine dell incontro non darà luogo alla ripetizione della gara. Le 32 squadre che passeranno il turno (le prime di ogni girone della fase eliminatoria e le migliori seconde) si incontreranno, previo sorteggio, che sarà effettuato ad ogni turno, con incontri di sola andata (Sedicesimi, Ottavi, Quarti, Semifinali e finale). PIAZZAMENTO DELLE MIGLIORI SECONDE CLASSIFICATE Dato che alcuni gironi hanno una squadra in più rispetto ad altri (4), le partite contro le squadre classificatesi al 4 posto dei gironi non sono valide per il conteggio dei punti per le migliori seconde. In caso di parità al termine dei tempi regolamentari, per stabilire la vincente dello scontro diretto, saranno effettuati i calci di rigore, con le modalità stabilite dalla regola 7 del Regolamento del gioco del calcio (no supplementari). Giocherà in casa la Società appartenente al campionato provinciale o, nel caso di incontro tra due Società appartenenti allo stesso tipo di campionato (provinciale o regionale), in casa della Società prima estratta, o,per motivilogistici, in casa della Società dotata di campo con impianto di illuminazione.

4 ART. 8 CLASSIFICHE Le classifiche dei gironi saranno redatte in base ai seguenti criteri: - 3 punti per la vittoria; - 1 punti in caso di parità; - 0 punti in caso di sconfitta. In caso di parità di punteggio fra tre o più squadre al termine del girone, per determinare l ordine di classifica si terrà conto nell ordine: - esito dell incontro diretto compreso i calci di rigore; - dei punti conseguiti negli incontri diretti; a parità di punti, della differenza tra le reti segnate e quelle subite negli stessi incontri; - del maggior numero di reti segnate in tutti gli incontri del girone; - del minor numero di reti subite in tutti gli incontri del girone; - del sorteggio. In caso di parità di punteggio fra due squadre valgono i criteri in ordine elencati: - esito dell incontro diretto compreso i calci di rigore ART. 9 TEMPI DI GARA Le gare si svolgeranno in due tempi della durata di 45 min. ciascuno Le partite si giocano 11 > 11 su campo omologato. In caso di sospensione della gara, qualora il G.S. dovesse decretarne la ripetizione, verranno giocati solo gli effettivi minuti di gioco mancanti. ART. 10 CALCI DI RIGORE (PREVISTI NELLA FASE ELIMINATORIA E NEI SEDICESIMI, OTTAVI, QUARTI, SEMIFINALI E FINALE) In caso di parità al termine dei due tempi regolamentari si procederà all esecuzione dei calci di rigore con le modalità stabilite dalla regola 7 delle regole di gioco e delle decisioni ufficiali.nel caso in cui, per qualsiasi motivo non vengano eseguiti i calci di rigore, per determinare la vincente dello scontro diretto si provvederà al sorteggio tra le due squadre che verrà effettuato presso gli uffici della Delegazione; pertanto la non esecuzione dei calci di rigore al termine dell incontro non darà luogo alla ripetizione della gara.

5 ART. 11 Non previsti. TEMPI SUPPLEMENTARI ART. 12 ARBITRI Le gare del Torneo saranno dirette da arbitri F.I.G.C./A.I.A. ART. 13 DISCIPLINA DEL TORNEO La disciplina del Torneo viene affidata al Giudice Sportivo titolare o supplente della Delegazione di Brescia. Rinuncia a gare Nel caso in cui una Società rinunci per qualsiasi motivo alla disputa di una gara saranno applicate nei suoi confronti le sanzioni di cui all'art. 17 del Codice di Giustizia Sportiva (gara persa per punto di penalità). Inoltre la stessa Società verrà esclusa dal proseguimento della manifestazione ed a suo carico saranno applicate adeguate sanzioni pecuniarie. Esecuzione delle sanzioni I provvedimenti disciplinari adottati dagli Organi di Giustizia Sportiva competenti, relativi alle gare del Torneo, che comportino la sanzione della squalifica per una o più giornate nei confronti dei calciatori, devono essere scontati solo ed esclusivamente nell ambito delle gare interessanti la manifestazione stessa. Nell ipotesi di squalifica a tempo, la sanzione inflitta dovrà essere scontata, per il periodo di incidenza, nell ambito dell attività ufficiale della Società con la quale risulta essere tesserato il calciatore. ART. 14 AUTOMATISMO DELLE SANZIONI E previsto l automatismo delle sanzioni con le seguenti modalità: il giocatore espulso durante una gara ed Il giocatore che nel corso del Torneo incorre nella seconda ammonizione sarà squalificato per una gara non potrà partecipare alla gara successiva, salvo maggiori sanzioni inflitte dal Giudice Sportivo; su declaratoria del Giudice Sportivo.

6 ART. 15 RECLAMI La disciplina della competizione è demandata agli Organi Disciplinari della Delegazione di Brescia. Considerato che la manifestazione è caratterizzata da articolazioni che prevedono uno svolgimento rapido, ai fini della disciplina sportiva si applicano le disposizioni generali del Codice di Giustizia Sportiva e non quelle previste per le attività che si svolgono in ambito regionale di cui agli articoli 44, 45, e 46 del medesimo Codice. Ciò premesso, dovranno essere osservate le seguenti modalità e procedure: - le decisioni di carattere tecnico, adottate dal Giudice Sportivo della Delegazione Provinciale di Brescia in relazione al risultato delle gare, sono inappellabili; - i provvedimenti disciplinari sono appellabili in secondo ed ultimo grado dinanzi alla Commissione Disciplinare Territoriale del C.R.L.; - le tasse reclamo sono fissate in Euro 100,00 per i reclami proposti al Giudice Sportivo e in Euro 170,00 per quelli proposti alla Commissione Disciplinare; - gli eventuali reclami, anche quelli relativi alla posizione irregolare dei calciatori che hanno preso parte a gare, debbono essere preannunciati, telegraficamente o a mezzo telefax, entro le ore 12 del giorno successivo alla gara e le relative motivazioni debbono essere inviate, a mezzo telefax, entro lo stesso termine al Giudice Sportivo della Delegazione Provinciale di Brescia e contestualmente alla Società controparte. Eventuali controdeduzioni della Società controparte dovranno pervenire, con lo stesso mezzo, entro le ore dello stesso giorno al Giudice Sportivo della Delegazione Provinciale di Brescia che decide, nel merito, in prima e definitiva istanza. Gli eventuali reclami avverso i provvedimenti adottati dal Giudice Sportivo della Delegazione Provinciale di Brescia (esclusi quelli di carattere tecnico) devono pervenire alla Commissione Disciplinare Territoriale del C.R.L., a mezzo telefax, entro e non oltre le ore del giorno successivo alla data di pubblicazione del Comunicato Ufficiale contenente i provvedimenti che si intendono impugnare. Limitatamente alla gara di finale, gli eventuali reclami dovranno essere preannunciati per iscritto all'arbitro entro il termine di 30 minuti successivi alla conclusione della gara e le motivazioni rimesse al Giudice Sportivo della Delegazione Provinciale di Brescia entro un'ora dal termine delle gare stesse;

7 ART. 16 ASSICURAZIONI E responsabilità di ogni società partecipante assicurare ai propri giocatori la copertura assicurativa. L organizzazione del torneo è responsabile della regolarità della copertura assicurativa. ART. 17 NORME GENERALI Per quanto non previsto dal presente Regolamento, valgono le disposizioni dei Regolamenti Federali in quanto compatibili.

8 CALCIO BASSA BRESCIANA REGOLAMENTO CATEGORIA ALLIEVI ART. 1 ORGANIZZAZIONE La Società Calcio Bassa Bresciana indice ed organizza per la categoria Allieviun Torneo a carattere provinciale denominato Trofeo Bresciaoggi, che si disputerà durante la stagione calcistica ART. 2 CATEGORIA DI PARTECIPAZIONE E LIMITI DI ETA Il Torneo è riservato ai calciatori appartenenti alla categoria Allievi, regolarmente tesserati F.I.G.C. con la propria società per la stagione in corso nati nel 2000 e2001 fino al compimento anagrafico del 14 anno di età. ART. 3 PRESTITI Non è consentito il ricorso a prestiti. ART. 4 ELENCHI GIOCATORI Nella distinta da presentare all arbitro prima della gara saranno indicati fino ad un massimo di 18 giocatori. ART. 5 SOSTITUZIONI Sono consentite n. 7 sostituzioni, indipendentemente dal ruolo, in qualsiasi momento della gara. ART. 6 SOCIETA PARTECIPANTI Al torneo prenderanno parte le società meglio indicate nell allegato elenco, distinte per girone. ART. 7 FORMULA DEL TORNEO La formula prevista dal Torneo è la seguente: Le squadre partecipanti si incontreranno tra di loro secondo la formula dei gironi composti da tre o quattro squadre (Fase eliminatoria).

9 CALCIO BASSA BRESCIANA In caso di parità al termine dei tempi regolamentari, per stabilire la vincente dello scontro diretto, saranno effettuati i calci di rigore, con le modalità stabilite dalla regola 7 del Regolamento del gioco del calcio (rigori dei quali si terrà conto solo in caso di parità di punti tra le squadre al termine del girone i rigori non contano in caso di differenza reti). Nel caso in cui, per qualsiasi motivo non vengano eseguiti i calci di rigore, per determinare la vincente dello scontro diretto si provvederà al sorteggio tra le due squadre che verrà effettuato presso gli uffici della Delegazione; pertanto la non esecuzione dei calci di rigore al termine dell incontro non darà luogo alla ripetizione della gara. Le 32 squadre che passeranno il turno (le prime di ogni girone della fase eliminatoria e le migliori seconde) si incontreranno, previo sorteggio, che sarà effettuato ad ogni turno, con incontri di sola andata (Sedicesimi, Ottavi, Quarti, Semifinali e finale). PIAZZAMENTO DELLE MIGLIORI SECONDE CLASSIFICATE Dato che alcuni gironi hanno una squadra in più rispetto ad altri (4), le partite contro le squadre classificatesi al 4 posto dei gironi non sono valide per il conteggio dei punti per le migliori seconde. In caso di parità al termine dei tempi regolamentari, per stabilire la vincente dello scontro diretto, saranno effettuati i calci di rigore, con le modalità stabilite dalla regola 7 del Regolamento del gioco del calcio (no supplementari). Giocherà in casa la Società appartenete al campionato provinciale o, nel caso di incontro tra due Società appartenenti allo stesso tipo di campionato (provinciale o regionale), in casa della Società prima estratta, o, per motivi logistici, in casa della Società dotata di campo con impianto di illuminazione..

10 CALCIO BASSA BRESCIANA ART. 8 CLASSIFICHE Le classifiche dei gironi saranno redatte in base ai seguenti criteri: - 3 punti per la vittoria; - 1 punti in caso di parità; - 0 punti in caso di sconfitta. In caso di parità di punteggio fra tre o più squadre al termine del girone, per determinare l ordine di classifica si terrà conto nell ordine: - esito dell incontro diretto compreso i calci di rigore; - dei punti conseguiti negli incontri diretti; a parità di punti, della differenza tra le reti segnate e quelle subite negli stessi incontri; - del maggior numero di reti segnate in tutti gli incontri del girone; - del minor numero di reti subite in tutti gli incontri del girone; - del sorteggio. In caso di parità di punteggio fra due squadre valgono i criteri in ordine elencati: - esito dell incontro diretto compreso i calci di rigore; ART. 9 TEMPI DI GARA Le gare si svolgeranno in due tempi della durata di 40 min. ciascuno Le partite si giocano 11 > 11 su campo omologato In caso di sospensione della gara, qualora il G.S. dovesse decretarne la ripetizione, verranno giocati solo gli effettivi minuti di gioco mancanti. ART. 10 CALCI DI RIGORE (PREVISTI NELLA FASE ELIMINATORIA E NEI SEDICESIMI, OTTAVI, QUARTI, SEMIFINALI E FINALE) In caso di parità al termine dei due tempi regolamentari si procederà all esecuzione dei calci di rigore con le modalità stabilite dalla regola 7 delle regole di gioco e delle decisioni ufficiali. Nel caso in cui, per qualsiasi motivo non vengano eseguiti i calci di rigore, per determinare la vincente dello scontro diretto si provvederà al sorteggio tra le due squadre che verrà effettuato presso gli uffici della Delegazione; pertanto la non esecuzione dei calci di rigore al termine dell incontro non darà luogo alla ripetizione della gara.

11 CALCIO BASSA BRESCIANA ART. 11 Non previsti TEMPI SUPPLEMENTARI ART. 12 ARBITRI Le gare del Torneo saranno dirette da arbitri F.I.G.C./A.I.A. ART. 13 DISCIPLINA DEL TORNEO La disciplina del Torneo viene affidata al Giudice Sportivo titolare o supplente della delegazione di Brescia Rinuncia a gare Nel caso in cui una Società rinunci per qualsiasi motivo alla disputa di una gara saranno applicate nei suoi confronti le sanzioni di cui all'art. 17 del Codice di Giustizia Sportiva (gara persa per 0-3 e 1 punto di penalità). Inoltre la stessa Società verrà esclusa dal proseguimento della manifestazione ed a suo carico saranno applicate adeguate sanzioni pecuniarie. Esecuzione delle sanzioni I provvedimenti disciplinari adottati dagli Organi di Giustizia Sportiva competenti, relativi alle gare del Torneo, che comportino la sanzione della squalifica per una o più giornate nei confronti dei calciatori, devono essere scontati solo ed esclusivamente nell ambito delle gare interessanti la manifestazione stessa. Nell ipotesi di squalifica a tempo, la sanzione inflitta dovrà essere scontata, per il periodo di incidenza, nell ambito dell attività ufficiale della Società con la quale risulta essere tesserato il calciatore. ART. 14 AUTOMATISMO DELLE SANZIONI E previsto l automatismo delle sanzioni con le seguenti modalità: il giocatore espulso durante una gara ed Il giocatore che nel corso del Torneo incorre nella seconda ammonizione sarà squalificato per una gara non potrà partecipare alla gara successiva, salvo maggiori sanzioni inflitte dal Giudice Sportivo; su declaratoria del Giudice Sportivo. ART. 15 RECLAMI La disciplina della competizione è demandata agli Organi Disciplinari della Delegazione di Brescia. Considerato che la manifestazione è caratterizzata da articolazioni che prevedono uno svolgimento rapido, ai fini della disciplina sportiva si applicano le disposizioni generali del Codice di Giustizia Sportiva e non quelle previste per le attività che si svolgono in ambito regionale di cui agli articoli 44, 45, e 46 del medesimo Codice. Ciò premesso, dovranno essere osservate le seguenti modalità e procedure:

12 - le decisioni di carattere tecnico, adottate dal Giudice Sportivo della Delegazione Provinciale di Brescia in relazione al risultato delle gare, sono inappellabili; - i provvedimenti disciplinari sono appellabili in secondo ed ultimo grado dinanzi alla Commissione Disciplinare Territoriale del C.R.L.; - le tasse reclamo sono fissate in Euro 100,00 per i reclami proposti al Giudice Sportivo e in Euro 170,00 per quelli proposti alla Commissione Disciplinare; - gli eventuali reclami, anche quelli relativi alla posizione irregolare dei calciatori che hanno preso parte a gare, debbono essere preannunciati, telegraficamente o a mezzo telefax, entro le ore 12 del giorno successivo alla gara e le relative motivazioni debbono essere inviate, a mezzo telefax, entro lo stesso termine al Giudice Sportivo della Delegazione Provinciale di Brescia e contestualmente alla Società controparte. Eventuali controdeduzioni della Società controparte dovranno pervenire, con lo stesso mezzo, entro le ore dello stesso giorno al Giudice Sportivo della Delegazione Provinciale di Brescia che decide, nel merito, in prima e definitiva istanza. Gli eventuali reclami avverso i provvedimenti adottati dal Giudice Sportivo della Delegazione Provinciale di Brescia (esclusi quelli di carattere tecnico) devono pervenire alla Commissione Disciplinare Territoriale del C.R.L., a mezzo telefax, entro e non oltre le ore del giorno successivo alla data di pubblicazione del Comunicato Ufficiale contenente i provvedimenti che si intendono impugnare. Limitatamente alla gara di finale, gli eventuali reclami dovranno essere preannunciati per iscritto all'arbitro entro il termine di 30 minuti successivi alla conclusione della gara e le motivazioni rimesse al Giudice Sportivo della Delegazione Provinciale di Brescia entro un'ora dal termine delle gare stesse; ART. 16 ASSICURAZIONI E responsabilità di ogni società partecipante assicurare ai propri giocatori la copertura assicurativa. L organizzazione del torneo è responsabile della regolarità della copertura assicurativa. ART. 17 NORME GENERALI Per quanto non previsto dal presente Regolamento, valgono le disposizioni dei Regolamenti Federali in quanto compatibili e quelle riportate sul Comunicato Ufficiale n. 1 del Settore Giovanile e Scolastico relativo alla stagione sportiva in corso. CALCIO BASSA BRESCIANA

13 AC ORATORIO LOGRATO REGOLAMENTO CATEGORIA GIOVANISSIMI ART. 1 ORGANIZZAZIONE La Società Oratorio Lograto indice ed organizza per la categoria Giovanissimi un Torneo a carattere provinciale denominato Trofeo BresciaOggi, che si disputerà durante la stagione calcistica ART. 2 CATEGORIA DI PARTECIPAZIONE E LIMITI DI ETA Il Torneo è riservato ai calciatori appartenenti alla categoria Giovanissimi, regolarmente tesserati F.I.G.C. con la propria società per la stagione in corso nati nel 2002 e nel 2003fino al compimento anagrafico del 12 anno di età. ART. 3 PRESTITI Non è consentito il ricorso a prestiti. ART. 4 ELENCHI GIOCATORI Nella distinta da presentare all arbitro prima della gara saranno indicati fino ad un massimo di 18 giocatori. ART. 5 SOSTITUZIONI Sono consentite n. 7 sostituzioni, indipendentemente dal ruolo, in qualsiasi momento della gara. ART. 6 SOCIETA PARTECIPANTI Al torneo prenderanno parte le società meglio indicate nell allegato elenco, distinte per girone.

14 AC ORATORIO LOGRATO ART. 7 FORMULA DEL TORNEO La formula prevista dal Torneo è la seguente: Le squadre partecipanti si incontreranno tra di loro secondo la formula dei gironi composti da tre o quattro squadre (Fase eliminatoria). In caso di parità al termine dei tempi regolamentari, per stabilire la vincente dello scontro diretto, saranno effettuati i calci di rigore, con le modalità stabilite dalla regola 7 del Regolamento del gioco del calcio (rigori dei quali si terrà conto solo in caso di parità di punti tra le squadre al termine del girone i rigori non contano in caso di differenza reti). Nel caso in cui, per qualsiasi motivo non vengano eseguiti i calci di rigore, per determinare la vincente dello scontro diretto si provvederà al sorteggio tra le due squadre che verrà effettuato presso gli uffici della Delegazione; pertanto la non esecuzione dei calci di rigore al termine dell incontro non darà luogo alla ripetizione della gara. Le 32 squadre che passeranno il turno (le prime di ogni girone della fase eliminatoria e le migliori seconde) si incontreranno, previo sorteggio, che sarà effettuato ad ogni turno, con incontri di sola andata (Sedicesimi, Ottavi, Quarti, Semifinali e finale). PIAZZAMENTO DELLE MIGLIORI SECONDE CLASSIFICATE Dato che alcuni gironi hanno una squadra in più rispetto ad altri (4), le partite contro le squadre classificatesi al 4 posto dei gironi non sono valide per il conteggio dei punti per le migliori seconde. In caso di parità al termine dei tempi regolamentari, per stabilire la vincente dello scontro diretto, saranno effettuati i calci di rigore, con le modalità stabilite dalla regola 7 del Regolamento del gioco del calcio (no supplementari). Giocherà in casa la Società appartenete al campionato provinciale o, nel caso di incontro tra due Società appartenenti allo stesso tipo di campionato (provinciale o regionale), in casa della Società prima estratta, o, per motivi logistici, in casa della Società dotata di campo con impianto di illuminazione..

15 AC ORATORIO LOGRATO ART. 8 CLASSIFICHE Le classifiche dei gironi saranno redatte in base ai seguenti criteri: - 3 punti per la vittoria; - 1 punti in caso di parità; - 0 punti in caso di sconfitta. In caso di parità di punteggio fra tre o più squadre al termine del girone, per determinare l ordine di classifica si terrà conto nell ordine: - esito dell incontro diretto compreso i calci di rigore; - dei punti conseguiti negli incontri diretti; a parità di punti, della differenza tra le reti segnate e quelle subite negli stessi incontri; - del maggior numero di reti segnate in tutti gli incontri del girone; - del minor numero di reti subite in tutti gli incontri del girone; - del sorteggio. In caso di parità di punteggio fra due squadre valgono i criteri in ordine elencati: - esito dell incontro diretto compreso i calci di rigore; ART. 9 TEMPI DI GARA Le gare si svolgeranno in due tempi della durata di 35 min. ciascuno Le partite si giocano 11 > 11 su campo omologato In caso di sospensione della gara, qualora il G.S. dovesse decretarne la ripetizione, verranno giocati solo gli effettivi minuti di gioco mancanti. ART. 10 CALCI DI RIGORE (PREVISTI NELLA FASE ELIMINATORIA E NEI SEDICESIMI, OTTAVI, QUARTI, SEMIFINALI E FINALE) In caso di parità al termine dei due tempi regolamentari si procederà all esecuzione dei calci di rigore con le modalità stabilite dalla regola 7 delle regole di gioco e delle decisioni ufficiali. Nel caso in cui, per qualsiasi motivo non vengano eseguiti i calci di rigore, per determinare la vincente dello scontro diretto si provvederà al sorteggio tra le due squadre che verrà effettuato presso gli uffici della Delegazione; pertanto la non esecuzione dei calci di rigore al termine dell incontro non darà luogo alla ripetizione della gara.

16 AC ORATORIO LOGRATO ART. 11 Non previsti TEMPI SUPPLEMENTARI ART. 12 ARBITRI Le gare del Torneo saranno dirette da arbitri F.I.G.C./A.I.A. ART. 13 DISCIPLINA DEL TORNEO La disciplina del Torneo viene affidata al Giudice Sportivo titolare o supplente della delegazione di Brescia Rinuncia a gare Nel caso in cui una Società rinunci per qualsiasi motivo alla disputa di una gara saranno applicate nei suoi confronti le sanzioni di cui all'art. 17 del Codice di Giustizia Sportiva (gara persa per 0-3 e 1 punto di penalità). Inoltre la stessa Società verrà esclusa dal proseguimento della manifestazione ed a suo carico saranno applicate adeguate sanzioni pecuniarie. Esecuzione delle sanzioni I provvedimenti disciplinari adottati dagli Organi di Giustizia Sportiva competenti, relativi alle gare del Torneo, che comportino la sanzione della squalifica per una o più giornate nei confronti dei calciatori, devono essere scontati solo ed esclusivamente nell ambito delle gare interessanti la manifestazione stessa. Nell ipotesi di squalifica a tempo, la sanzione inflitta dovrà essere scontata, per il periodo di incidenza, nell ambito dell attività ufficiale della Società con la quale risulta essere tesserato il calciatore. ART. 14 AUTOMATISMO DELLE SANZIONI E previsto l automatismo delle sanzioni con le seguenti modalità: il giocatore espulso durante una gara ed Il giocatore che nel corso del Torneo incorre nella seconda ammonizione sarà squalificato per una gara non potrà partecipare alla gara successiva, salvo maggiori sanzioni inflitte dal Giudice Sportivo; su declaratoria del Giudice Sportivo. ART. 15 RECLAMI La disciplina della competizione è demandata agli Organi Disciplinari della Delegazione di Brescia. Considerato che la manifestazione è caratterizzata da articolazioni che prevedono uno svolgimento rapido, ai fini della disciplina sportiva si applicano le disposizioni generali del Codice di Giustizia Sportiva e non quelle previste per le attività che si svolgono in ambito regionale di cui agli articoli 44, 45, e 46 del medesimo Codice.

17 Ciò premesso, dovranno essere osservate le seguenti modalità e procedure: - le decisioni di carattere tecnico, adottate dal Giudice Sportivo della Delegazione Provinciale di Brescia in relazione al risultato delle gare, sono inappellabili; - i provvedimenti disciplinari sono appellabili in secondo ed ultimo grado dinanzi alla Commissione Disciplinare Territoriale del C.R.L.; - le tasse reclamo sono fissate in Euro 100,00 per i reclami proposti al Giudice Sportivo e in Euro 170,00 per quelli proposti alla Commissione Disciplinare; - gli eventuali reclami, anche quelli relativi alla posizione irregolare dei calciatori che hanno preso parte a gare, debbono essere preannunciati, telegraficamente o a mezzo telefax, entro le ore 12 del giorno successivo alla gara e le relative motivazioni debbono essere inviate, a mezzo telefax, entro lo stesso termine al Giudice Sportivo della Delegazione Provinciale di Brescia e contestualmente alla Società controparte. Eventuali controdeduzioni della Società controparte dovranno pervenire, con lo stesso mezzo, entro le ore dello stesso giorno al Giudice Sportivo della Delegazione Provinciale di Brescia che decide, nel merito, in prima e definitiva istanza. Gli eventuali reclami avverso i provvedimenti adottati dal Giudice Sportivo della Delegazione Provinciale di Brescia (esclusi quelli di carattere tecnico) devono pervenire alla Commissione Disciplinare Territoriale del C.R.L., a mezzo telefax, entro e non oltre le ore del giorno successivo alla data di pubblicazione del Comunicato Ufficiale contenente i provvedimenti che si intendono impugnare. Limitatamente alla gara di finale, gli eventuali reclami dovranno essere preannunciati per iscritto all'arbitro entro il termine di 30 minuti successivi alla conclusione della gara e le motivazioni rimesse al Giudice Sportivo della Delegazione Provinciale di Brescia entro un'ora dal termine delle gare stesse; ART. 16 ASSICURAZIONI E responsabilità di ogni società partecipante assicurare ai propri giocatori la copertura assicurativa. L organizzazione del torneo è responsabile della regolarità della copertura assicurativa. ART. 17 NORME GENERALI Per quanto non previsto dal presente Regolamento, valgono le disposizioni dei Regolamenti Federali in quanto compatibili e quelle riportate sul Comunicato Ufficiale n. 1 del Settore Giovanile e Scolastico relativo alla stagione sportiva in corso. AC ORATORIO LOGRATO

18 AC ORATORIO LOGRATO TORNEO FAIR PLAY CATEGORIA ESORDIENTI 11v11 ART. 1 : ORGANIZZAZIONE La Società Oratorio Lograto organizza per gli Esordienti a 11 il Torneo Provinciale, denominato: TORNEO FAIR PLAY BRESCIAOGGI MEMORIAL CESARE PRANDELLI, che si disputerà dal mese di Settembre 2016, come meglio nel calendario delle gare. ART. 2 : CATEGORIA DI PARTECIPAZIONE E LIMITI DI ETA Il torneo è riservato a calciatori della categoria Esordienti regolarmente tesserati per la F.I.G.C. con la propria società per la stagione in corso. Nati dal 1/1/2004 al 31/12/2004. E concessa la possibilità di utilizzare n 5 calciatori appartenenti alla fascia d età immediatamente inferiore, ovvero nati dal al Le società appartenenti alle Leghe Professionistiche possono partecipare al torneo utilizzando solo giocatori nati dal al Nel caso una squadra non rispettasse le regole di età sopra citate, subirà la sconfitta a tavolino per 0-3. ART. 3 : PRESTITI Non sono consentiti prestiti. ART. 4 : ELENCHI GIOCATORI Le società partecipanti dovranno predisporre la distinta da presentare all arbitro prima della gara nella quale saranno indicati da un minimo di 16 giocatori fino ad un massimo di 18 giocatori. Tenuto conto delle finalità della manifestazione, si auspica che l elenco sia sempre completo. Il mancato rispetto del numero minimo comporta la perdita dell incontro. ART. 5 : SOSTITUZIONI Le sostituzioni saranno effettuate nel pieno rispetto delle norme di cui al C.U. n. 1 S.G.S. Roma. Tutti i calciatori in distinta dovranno giocare almeno un tempo; pertanto al termine del primo tempo dovranno essere effettuate obbligatoriamente tutte le sostituzioni ed i nuovi entrati non potranno più essere sostituiti fino al termine della gara, tranne che per validi motivi di salute. Il mancato rispetto comporta la perdita dell incontro. ART. 6 : SOCIETA PARTECIPANTI Al torneo prenderanno parte le società meglio indicate nell allegato elenco, distinte per girone. ART. 7 : FORMULA DEL TORNEO Il torneo si svolgerà con le seguenti modalità: 1 Turno squadre divise in gironi da 4 o 3 squadre ciascuno (passano il turno la prima classificata di ogni girone e le migliori seconde fino al raggiungimento di 32 squadre). 2 Turno 32 squadre divise in otto gironi (passano il turno le prime classificate di ogni gir.). 3 Turno 8 squadre divise in due gironi (passano il turno la prime due classificate di ogni gir.). Finale (fase unica a 4 squadre).

19 ART. 8 : CLASSIFICA Le classifiche dei gironi saranno redatte in base ai seguenti criteri: 3 punti per la vittoria, 1 punto per il pareggio, 0 punti per la sconfitta. In caso di parità al termine dei tempi regolamentari, per stabilire la vincente dello scontro diretto, saranno effettuati i calci di rigore, con le modalità stabilite dalla regola 7 del Regolamento del gioco del calcio (no supplementari). Nel caso in cui, per qualsiasi motivo non vengano eseguiti i calci di rigore, per determinare la vincente dello scontro diretto si provvederà al sorteggio tra le due squadre che verrà effettuato presso gli uffici della Delegazione. In caso di parità di punteggio valgono i criteri in ordine elencati: esito degli incontri diretti (compresi i calci di rigore) differenza reti negli incontri diretti fra le squadre a parità di punti (esclusi i calci di rigore) differenza reti sul totale degli incontri disputati nel girone (esclusi i calci di rigore) maggior numero di reti segnate sul totale degli incontri disputati nel girone (esclusi i calci di rigore) sorteggio. CRITERI PER STABILIRE LE MIGLIORI SECONDE CLASSIFICATE: MAGGIOR NUMERO DI PUNTI MIGLIOR DIFFERENZA RETI MAGGIOR NUMERO DI RETI SEGNATE SORTEGGIO N.B.: le squadre classificatesi a pari punti al primo posto sono considerate migliori seconde PIAZZAMENTO DELLE MIGLIORI SECONDE CLASSIFICATE Dato che alcuni gironi hanno una squadra in più rispetto ad altri (4), le partite contro le squadre classificatesi al 4 posto dei gironi non sono valide per il conteggio dei punti per le migliori seconde. ART. 9 : TEMPI DI GARA Le gare si svolgeranno in due (2) tempi della durata di 25 minuti ciascuno. Le partite si giocano 11>11 su campo omologato e porte regolamentari ed utilizzo di palloni n 4. ART. 10 : ARBITRI Le partite saranno arbitrate da tecnici o dirigenti regolarmente tesserati alla F.I.G.C. messi a disposizione dalla squadra ospitante. I rapporti di gara con allegate distinte dei giocatori, devono essere trasmesse alla Delegazione Provinciale di Brescia (Fax ) il giorno stesso della gara.

20 ART. 11 : OBBLIGO D INVIO REFERTI GARA All invio dei referti gara è tenuta la squadra ospitante, questo deve avvenire, visto il carattere a svolgimento rapido della manifestazione, il giorno stesso della gara, qualora il referto non giungesse alla Delegazione sarà dichiarata vincente la squadra ospite. ART. 12 : DISCIPLINA DEL TORNEO La disciplina del torneo viene affidata al Giudice Sportivo titolare o supplente della Delegazione Provinciale di Brescia. ART. 13 : AUTOMATISMO DELLE SANZIONI L art. 41 comma 2, del Codice di Giustizia Sportiva non prevede l automatismo delle sanzioni per i calciatori espulsi della categoria Esordienti che pertanto dovranno soggiacere ai provvedimenti del Giudice Sportivo. ART. 14 : NORME GENERALI Per quanto non previsto dal presente REGOLAMENTO, valgono le disposizioni dei regolamenti federali in quanto compatibili, e quelle riportate sul Comunicato Ufficiale n. 1 del Settore Giovanile e Scolastico relativo alla stagione in corso.

21 AC ORATORIO LOGRATO TORNEO FAIR PLAY CATEGORIA ESORDIENTI 9v9 MISTI ART. 1 : ORGANIZZAZIONE La Società Oratorio Lograto organizza per gli Esordienti a 9 misti il Torneo Provinciale, denominato: TORNEO FAIR PLAY BRESCIAOGGI MEMORIAL CESARE PRANDELLI, che si disputerà dal mese di Settembre 2016, come meglio nel calendario delle gare. ART. 2 : CATEGORIA DI PARTECIPAZIONE E LIMITI DI ETA Il torneo è riservato a calciatori della categoria Esordienti regolarmente tesserati per la F.I.G.C. con la propria società per la stagione in corso. Nati dal 1/1/2004 al 31/12/2005. Possono partecipare coloro che abbiano compiuto il decimo anno di età nel corso dell anno in cui ha inizio la stagione sportiva (ovvero nati nel 2006, dopo il compimento del 10 anno di età). Alle partite devono prendere parte sempre (cioè essere in campo) almeno 4 giocatori di 11 anni. Le società appartenenti alle Leghe Professionistiche possono partecipare al torneo utilizzando solo giocatori nati dal al Nel caso una squadra non rispettasse le regole di età sopra citate, subirà la sconfitta a tavolino per 0-3. ART. 3 : PRESTITI Non sono consentiti prestiti. ART. 4 : ELENCHI GIOCATORI Le società partecipanti dovranno predisporre la distinta da presentare all arbitro prima della gara nella quale saranno indicati da un minimo di 14 giocatori fino ad un massimo di 18 giocatori. Tenuto conto delle finalità della manifestazione, si auspica che l elenco sia sempre completo. Il mancato rispetto del numero minimo comporta la perdita dell incontro. ART. 5 : SOSTITUZIONI Le sostituzioni saranno effettuate nel pieno rispetto delle norme di cui al C.U. n. 1 S.G.S. Roma. Tutti i calciatori in distinta dovranno giocare almeno un tempo; pertanto al termine del primo tempo dovranno essere effettuate obbligatoriamente tutte le sostituzioni ed i nuovi entrati non potranno più essere sostituiti fino al termine della gara, tranne che per validi motivi di salute. Il mancato rispetto comporta la perdita dell incontro. ART. 6 SOCIETA PARTECIPANTI Al torneo prenderanno parte le società meglio indicate nell allegato elenco, distinte per girone. ART. 7 : FORMULA DEL TORNEO Il torneo si svolgerà con le seguenti modalità: 1 Turno squadre divise in gironi da 4 o 3 squadre ciascuno (passano il turno la prima e la seconda classificata di ogni girone). 2 Turno 8 squadre divise in due gironi (passano il turno la prima e la seconda classificata di ogni girone). Finale (fase unica a 4 squadre).

22 ART. 8 : CLASSIFICA Le classifiche dei gironi saranno redatte in base ai seguenti criteri: 3 punti per la vittoria, 1 punto per il pareggio, 0 punti per la sconfitta. In caso di parità al termine dei tempi regolamentari, per stabilire la vincente dello scontro diretto, saranno effettuati i calci di rigore, con le modalità stabilite dalla regola 7 del Regolamento del gioco del calcio (no supplementari). Nel caso in cui, per qualsiasi motivo non vengano eseguiti i calci di rigore, per determinare la vincente dello scontro diretto si provvederà al sorteggio tra le due squadre che verrà effettuato presso gli uffici della Delegazione. In caso di parità di punteggio valgono i criteri in ordine elencati: esito degli incontri diretti (compresi i calci di rigore) differenza reti negli incontri diretti fra le squadre a parità di punti (esclusi i calci di rigore) differenza reti sul totale degli incontri disputati nel girone (esclusi i calci di rigore) maggior numero di reti segnate sul totale degli incontri disputati nel girone (esclusi i calci di rigore) sorteggio. ART. 9 : TEMPI DI GARA Le gare si svolgeranno in due (2) tempi della durata di 25 minuti ciascuno. Le partite si giocano 9>9 su campo omologato e porte regolamentari ed utilizzo di palloni n 4. ART. 10 : ARBITRI Le partite saranno arbitrate da tecnici o dirigenti regolarmente tesserati alla F.I.G.C. messi a disposizione dalla squadra ospitante. I rapporti di gara con allegate distinte dei giocatori, devono essere trasmesse alla Delegazione Provinciale di Brescia (Fax ) il giorno stesso della gara. ART. 11 : OBBLIGO D INVIO REFERTI GARA All invio dei referti gara è tenuta la squadra ospitante, questo deve avvenire, visto il carattere a svolgimento rapido della manifestazione, il giorno stesso della gara, qualora il referto non giungesse alla Delegazione sarà dichiarata vincente la squadra ospite. ART. 12 : DISCIPLINA DEL TORNEO La disciplina del torneo viene affidata al Giudice Sportivo titolare o supplente della Delegazione Provinciale di Brescia. ART. 13 : AUTOMATISMO DELLE SANZIONI L art. 41 comma 2, del Codice di Giustizia Sportiva non prevede l automatismo delle sanzioni per i calciatori espulsi della categoria Esordienti che pertanto dovranno soggiacere ai provvedimenti del Giudice Sportivo. ART. 14 : NORME GENERALI Per quanto non previsto dal presente REGOLAMENTO, valgono le disposizioni dei regolamenti federali in quanto compatibili, e quelle riportate sul Comunicato Ufficiale n. 1 del Settore Giovanile e Scolastico relativo alla stagione in corso.

23 TORNEO PULCINI 2 ANNO (10 ANNI) A 7 ORGANIZZAZIONE La Società Oratorio Lograto organizza per ipulcini 2 anno il Torneo Provinciale, denominato: TORNEO BRESCIAOGGI MEMORIAL FAUSTO BUFFOLI, che si disputerà dal mese di Settembre 2016, come meglio nel calendario delle gare. CATEGORIA DI PARTECIPAZIONE E LIMITI DI ETA' Il torneo è riservato ai calciatori appartenenti alla categoria PULCINI 2 Anno regolarmente tesserati nati dal 01/01/2006 fino al 31/12/2006. Nel caso una squadra non rispettasse le regole di età sopra citate, subirà la sconfitta a tavolino per 0-3. Le società appartenenti alle Leghe Professionistiche possono partecipare al torneo utilizzando solo giocatori nati dal al PRESTITI Non sono consentiti prestiti. ELENCHI GIOCATORI Le società partecipanti dovranno predisporre la distinta da presentare all arbitro prima della gara nella quale saranno indicati da un minimo di 12 giocatori fino ad un massimo di 14 giocatori. Tenuto conto delle finalità della manifestazione, si auspica che l elenco sia sempre completo. Il mancato rispetto del numero minimo comporta la perdita dell incontro. SOSTITUZIONI Le sostituzioni saranno effettuate nel pieno rispetto delle norme di cui al C.U. nº 1 del S.G.S. di Roma: tutti i calciatori in distinta dovranno giocare almeno un tempo; pertanto al termine del primo tempo dovranno essere effettuate obbligatoriamente tutte le sostituzioni ed i nuovi entrati non potranno più essere sostituiti fino al termine del secondo tempo tranne che per validi motivi di salute. FORMULA DEL TORNEO La prima fase del torneo si svolgerà con la formula del sistema dei gironi a punteggio all italiana (con gare di sola andata); (passano il turno la prima e la seconda classificata di ogni girone). 2 Turno 16 squadre divise in 4 gironi (passano il turno le prime classificate di ogni gir.). Finale (fase unica a 4 squadre). CLASSIFICHE

24 Le classifiche saranno redatte in base ai seguenti criteri: 3 punti per la vittoria; 1 punto per il pareggio; 0 punti per la sconfitta. In caso di parità di punteggio valgono i criteri in ordine elencati: esito degli incontri diretti; differenza reti sul totale degli incontri disputati; maggior numero di reti segnate sul totale degli incontri disputati; sorteggio. PIAZZAMENTO DELLE MIGLIORI SECONDE CLASSIFICATE Dato che alcuni gironi hanno una squadra in più rispetto ad altri (5), le partite contro le squadre classificatesi al 5 posto dei gironi non sono valide per il conteggio dei punti per le migliori seconde. TEMPI DI GARA Le gare si svolgeranno in due tempi della durata di 20 minuti ciascuno 7 contro 7, su campo di dimensioni ridotte, e utilizzo di palloni del nº 4. ARBITRI Le gare saranno arbitrate da Tecnici o Dirigenti regolarmente tesserati dalla F.I.G.C.. In ogni caso i rapporti di gara con allegate le distinte dei giocatori saranno trasmesse a mezzo fax allo alla Delegazione di Brescia entro 3 giorni dalla disputa dell incontro per la necessaria visione del Giudice Sportivo. I REFERTI GARA SONO QUELLI PREVISTI DAL COM 1 DEL S.G.S. Alcune norme applicative del regolamento 1. Falli laterali: I falli laterali andranno battuti tutti con le mani, fatti ripetere ed assegnati all'altra squadra se non battuti correttamente (il passaggio può essere intercettato); Rinvii del portiere: Se il pallone viene rimesso in gioco dopo che la palla è terminata sul fondo, il rinvio può essere fatto con le mani o con i piedi ma in qualsiasi caso il pallone non deve superare la metà campo, altrimenti deve essere ripetuta dal portiere stesso; Se il pallone viene giocato con le mani o con i piedi ad un compagno (sempre e comunque il pallone deve uscire dall'area), il portiere non può più prendere il pallone con le mani ma dovrà usare esclusivamente i piedi; Retropassaggio al portiere:

25 Non è ammesso al portiere di prendere il pallone con le mani se viene effettuato un retropassaggio al portiere (è ammesso il caso in cui il pallone venga toccato dal compagno con la testa o con la coscia); Fuorigioco: Non è previsto il fuorigioco; Porte: Le porte devono avere la misura di 4 x 2 mt; Pallone: Il pallone usato deve essere della misura convenzionale n.4 di cuoio o gomma doppio strato; Campo: Le misure del campo devono essere convenzionalmente di 60 x 40 mt (dovranno essere comunque segnati 2 campi in modo che vengano disputate 2 gare in contemporanea la lunghezza del campo a 7 dovrà corrispondere alla larghezza del campo a 11 su cui si disputano le gare in contemporanea). Deve essere segnata l'area di porta di 8 x 16 mt (anche solo i vertici con un cinesino)

26 TORNEO PULCINI MISTI (9-10 ANNI) A 7 ORGANIZZAZIONE La Società Oratorio Lograto organizza per ipulcini MISTI il Torneo Provinciale, denominato: TORNEO BRESCIAOGGI che si disputerà dal mese di Settembre 2016, come meglio nel calendario delle gare. CATEGORIA DI PARTECIPAZIONE E LIMITI DI ETA' Il torneo è riservato ai calciatori appartenenti alla categoria PULCINI MISTI regolarmente tesserati nati dal 01/01/2006 fino al 31/12/2007. Possono partecipare all attività della categoria Pulcini coloro che abbiano compiuto l ottavo anno di età (ovvero nati nel 2008, dopo il compimento dell 8 anno di età), purché venga effettuata la sottoscrizione del tesseramento Pulcini per la stessa Società per la quale il giovane è assicurato con la Carta Assicurativa della FIGC. Alle partite devono prendere parte sempre almeno tre giocatori di 9 anni. Nel caso una squadra non rispettasse le regole di età sopra citate, subirà la sconfitta a tavolino per 0-3. Le società appartenenti alle Leghe Professionistiche possono partecipare al torneo utilizzando solo giocatori nati dal al PRESTITI Non sono consentiti prestiti. ELENCHI GIOCATORI Le società partecipanti dovranno predisporre la distinta da presentare all arbitro prima della gara nella quale saranno indicati da un minimo di 12 giocatori fino ad un massimo di 14 giocatori. Tenuto conto delle finalità della manifestazione, si auspica che l elenco sia sempre completo. Il mancato rispetto del numero minimo comporta la perdita dell incontro. SOSTITUZIONI Le sostituzioni saranno effettuate nel pieno rispetto delle norme di cui al C.U. nº 1 del S.G.S. di Roma: tutti i calciatori in distinta dovranno giocare almeno un tempo; pertanto al termine del primo tempo dovranno essere effettuate obbligatoriamente tutte le sostituzioni ed i nuovi entrati non potranno più essere sostituiti fino al termine del secondo tempo tranne che per validi motivi di salute. FORMULA DEL TORNEO La prima fase del torneo si svolgerà con la formula del sistema dei gironi a punteggio all italiana (con gare di sola andata); (passano il turno la prima e la seconda classificata di ogni girone). 2 Turno 8 squadre divise in 2 gironi (passano il turno la prima e la seconda classificata di ogni girone). Finale (fase unica a 4 squadre).

27 CLASSIFICHE Le classifiche saranno redatte in base ai seguenti criteri: 3 punti per la vittoria; 1 punto per il pareggio; 0 punti per la sconfitta. In caso di parità di punteggio valgono i criteri in ordine elencati: esito degli incontri diretti; differenza reti sul totale degli incontri disputati; maggior numero di reti segnate sul totale degli incontri disputati; sorteggio. PIAZZAMENTO DELLE MIGLIORI SECONDE CLASSIFICATE Dato che alcuni gironi hanno una squadra in più rispetto ad altri (6/7), le partite contro le squadre classificatesi al 6/7 posto dei gironi non sono valide per il conteggio dei punti per le migliori seconde. TEMPI DI GARA Le gare si svolgeranno in due tempi della durata di 20 minuti ciascuno 7 contro 7, su campo di dimensioni ridotte, e utilizzo di palloni del nº 4. ARBITRI Le gare saranno arbitrate da Tecnici o Dirigenti regolarmente tesserati dalla F.I.G.C. In ogni caso i rapporti di gara con allegate le distinte dei giocatori saranno trasmesse a mezzo fax allo alla Delegazione di Brescia entro 3 giorni dalla disputa dell incontro per la necessaria visione del Giudice Sportivo. I REFERTI GARA SONO QUELLI PREVISTI DAL COM 1 DEL S.G.S. Alcune norme applicative del regolamento 2. Falli laterali: I falli laterali andranno battuti tutti con le mani, fatti ripetere ed assegnati all'altra squadra se non battuti correttamente (il passaggio può essere intercettato); Rinvii del portiere:

28 Se il pallone viene rimesso in gioco dopo che la palla è terminata sul fondo, il rinvio può essere fatto con le mani o con i piedi ma in qualsiasi caso il pallone non deve superare la metà campo, altrimenti deve essere ripetuta dal portiere stesso; Se il pallone viene giocato con le mani o con i piedi ad un compagno (sempre e comunque il pallone deve uscire dall'area), il portiere non può più prendere il pallone con le mani ma dovrà usare esclusivamente i piedi; Retropassaggio al portiere: Non è ammesso al portiere di prendere il pallone con le mani se viene effettuato un retropassaggio al portiere (è ammesso il caso in cui il pallone venga toccato dal compagno con la testa o con la coscia); Fuorigioco: Non è previsto il fuorigioco; Porte: Le porte devono avere la misura di 4 x 2 mt; Pallone: Il pallone usato deve essere della misura convenzionale n.4 di cuoio o gomma doppio strato; Campo: Le misure del campo devono essere convenzionalmente di 60 x 40 mt (dovranno essere comunque segnati 2 campi in modo che vengano disputate 2 gare in contemporanea la lunghezza del campo a 7 dovrà corrispondere alla larghezza del campo a 11 su cui si disputano le gare in contemporanea). Deve essere segnata l'area di porta di 8 x 16 mt (anche solo i vertici con un cinesino)

29

FEDERAZIONE ITALIANA GIUOCO CALCIO Settore Giovanile e Scolastico. Regolamenti per Tornei a carattere Regionale Provinciale e Locale

FEDERAZIONE ITALIANA GIUOCO CALCIO Settore Giovanile e Scolastico. Regolamenti per Tornei a carattere Regionale Provinciale e Locale FEDERAZIONE ITALIANA GIUOCO CALCIO Settore Giovanile e Scolastico Regolamenti per Tornei a carattere Regionale Provinciale e Locale Stagione Sportiva 2013/2014 (da redigere su carta intestata della Società

Dettagli

24 EDIZIONE TROFEO SANTA GIULIA DAL 6 AL 29 MAGGIO 2015 REGOLAMENTI CATEGORIE. REGOLAMENTO : CATEGORIA ALLIEVI 1998/1999 a 11 (undici)...

24 EDIZIONE TROFEO SANTA GIULIA DAL 6 AL 29 MAGGIO 2015 REGOLAMENTI CATEGORIE. REGOLAMENTO : CATEGORIA ALLIEVI 1998/1999 a 11 (undici)... U.S.O. UNITED ASD 24 EDIZIONE TROFEO SANTA GIULIA DAL 6 AL 29 MAGGIO 2015 REGOLAMENTI CATEGORIE REGOLAMENTO : CATEGORIA ALLIEVI 1998/1999 a 11 (undici)... 2 REGOLAMENTO : CATEGORIA GIOVANISSIMI 2000/2001

Dettagli

FEDERAZIONE ITALIANA GIUOCO CALCIO Settore Giovanile e Scolastico. Regolamenti per Tornei a carattere Internazionale

FEDERAZIONE ITALIANA GIUOCO CALCIO Settore Giovanile e Scolastico. Regolamenti per Tornei a carattere Internazionale FEDERAZIONE ITALIANA GIUOCO CALCIO Settore Giovanile e Scolastico Regolamenti per Tornei a carattere Internazionale Stagione Sportiva 2014/2015 (da redigere su carta intestata della Società organizzatrice)

Dettagli

ASD AQUILEIA REGOLAMENTI TORNEI GIOVANILI DI CALCIO

ASD AQUILEIA REGOLAMENTI TORNEI GIOVANILI DI CALCIO ASD AQUILEIA REGOLAMENTI TORNEI GIOVANILI DI CALCIO CITTA DI AQUILEIA 2013 REGOLAMENTO CATEGORIA ALLIEVI Art. 1 organizzazione La società ASD AQUILEIA indice ed organizza un torneo a carattere regionale

Dettagli

REGOLAMENTO DEL XX TORNEO INTERNAZIONALE DI CALCIO GIOVANILE - Assemini (CA) 18 21 Giugno 2015

REGOLAMENTO DEL XX TORNEO INTERNAZIONALE DI CALCIO GIOVANILE - Assemini (CA) 18 21 Giugno 2015 REGOLAMENTO DEL XX TORNEO INTERNAZIONALE DI CALCIO GIOVANILE - Assemini (CA) 18 21 Giugno 2015 ART.1 ORGANIZZAZIONE La ASD Gioventu Assemini Calcio con sede in Assemini (CA) C.so Europa 60, organizza un

Dettagli

REGOLAMENTO CATEGORIA GIOVANISSIMI 2 ANNO

REGOLAMENTO CATEGORIA GIOVANISSIMI 2 ANNO LE REGOLAMENTO CATEGORIA GIOVANISSIMI 2 ANNO ART.1 ORGANIZZAZIONE La società F.C. PERSICETO 85 indice e organizza un torneo a carattere regionale denominato TORNEO REGIONALE GIOVANILE MASSIMO MORISI che

Dettagli

Tornei Internazionali e Nazionali organizzati da società

Tornei Internazionali e Nazionali organizzati da società Tornei Internazionali e Nazionali organizzati da società Norme, disposizioni e chiarimenti per la corretta organizzazione dei tornei e relativa stesura dei regolamenti. 1) Organizzazione dei tornei L organizzazione

Dettagli

FEDERAZIONE ITALIANA GIUOCO CALCIO Settore Giovanile e Scolastico \ Lega Nazionale Dilettanti Emilia Romagna 2011-12

FEDERAZIONE ITALIANA GIUOCO CALCIO Settore Giovanile e Scolastico \ Lega Nazionale Dilettanti Emilia Romagna 2011-12 Allegato F FEDERAZIONE ITALIANA GIUOCO CALCIO Settore Giovanile e Scolastico \ Lega Nazionale Dilettanti Emilia Romagna 2011-12 Regolamenti per Tornei a carattere Regionale e Provinciale Attività di Base

Dettagli

ATTIVITA GIOVANILE. VIA CONTESSA CLEMENZA n. 1 88100 CATANZARO TEL.. 0961 752841/2 - FAX. 0961 752795

ATTIVITA GIOVANILE. VIA CONTESSA CLEMENZA n. 1 88100 CATANZARO TEL.. 0961 752841/2 - FAX. 0961 752795 FEDERAZIONE ITALIANA GIUOCO CALCIO - LEGA NAZIONALE DILETTANTI COMITATO REGIONALE CALABRIA ATTIVITA GIOVANILE VIA CONTESSA CLEMENZA n. 1 88100 CATANZARO TEL.. 0961 752841/2 - FAX. 0961 752795 Indirizzo

Dettagli

GUIDA AI REGOLAMENTI DEI TORNEI GIOVANILI INTERNAZIONALI E NAZIONALI ORGANIZZATI DA SOCIETA'

GUIDA AI REGOLAMENTI DEI TORNEI GIOVANILI INTERNAZIONALI E NAZIONALI ORGANIZZATI DA SOCIETA' GUIDA AI REGOLAMENTI DEI TORNEI GIOVANILI INTERNAZIONALI E NAZIONALI ORGANIZZATI DA SOCIETA' Stagione Sportiva 2005/2006 Al fine di perseguire una sempre più corretta stesura dei regolamenti per un conseguente

Dettagli

A.S.D. Montello C.A.V.

A.S.D. Montello C.A.V. A.S.D. Montello C.A.V. 31040 VOLPAGO DEL MONTELLO (TREVISO) Stadio Comunale: Volpago del Montello (TV) Via Sansovino n. 7 Colori sociali: bianco celeste Telefono e fax 0423 871496 e-mail calciomontello@libero.it

Dettagli

Tassa di approvazione Torneo : (1^squadre 100,00 Att.Ricreativa/ C5 100,00 Juniores/ Under 52,00)

Tassa di approvazione Torneo : (1^squadre 100,00 Att.Ricreativa/ C5 100,00 Juniores/ Under 52,00) Fac simile lettera di trasmissione al C.R.V. su carta intestata della Società organizzatrice, PER I SOLI TORNEI DILETTANTI (NON GIOVANILI) : Data Spett.le F.I.G.C. C.R.V. L.N.D. Ufficio Approvazione Tornei

Dettagli

ART.3 PRESTITI Non sono consentiti prestiti.

ART.3 PRESTITI Non sono consentiti prestiti. Trofeo Natale Biancorosso 2016 CATEGORIA ESORDIENTI 2004 REGOLAMENTO ART.1 ORGANIZZAZIONE La società A.S.D. U.R.S. LA CHIVASSO indice e organizza un torneo a carattere regionale denominato Natale Biancorosso

Dettagli

categoria : periodo di svolgimento : I NOMI DELLE SQUADRE PARTECIPANTI ED IL CALENDARIO DELLE GARE completo

categoria : periodo di svolgimento : I NOMI DELLE SQUADRE PARTECIPANTI ED IL CALENDARIO DELLE GARE completo Fac simile lettera di trasmissione al C.R.V. su carta intestata della Società organizzatrice, PER I SOLI TORNEI DILETTANTI (NON GIOVANILI) : Data Spett.le F.I.G.C. C.R.V. L.N.D. Ufficio Approvazione Tornei

Dettagli

FEDERAZIONE ITALIANA GIUOCO CALCIO Settore Giovanile e Scolastico GUIDA AI REGOLAMENTI DEI TORNEI GIOVANILI ORGANIZZATI DA SOCIETÀ

FEDERAZIONE ITALIANA GIUOCO CALCIO Settore Giovanile e Scolastico GUIDA AI REGOLAMENTI DEI TORNEI GIOVANILI ORGANIZZATI DA SOCIETÀ FEDERAZIONE ITALIANA GIUOCO CALCIO Settore Giovanile e Scolastico GUIDA AI REGOLAMENTI DEI TORNEI GIOVANILI ORGANIZZATI DA SOCIETÀ Stagione Sportiva 2010/2011 Al fine di perseguire una sempre più corretta

Dettagli

1 Trofeo la BEFANA a Gardaland 2014

1 Trofeo la BEFANA a Gardaland 2014 la BEFANA a Gardaland ESORDIENTI 2001 a 11 Il Torneo è riservato ai calciatori/calciatrici appartenenti alla categoria ESORDIENTI 2 ANNO, regolarmente tesserati per la F.I.G.C. per la stagione in corso

Dettagli

22 Torneo FELICE FERRANDINI Categoria Esordienti 2002 REGOLAMENTO

22 Torneo FELICE FERRANDINI Categoria Esordienti 2002 REGOLAMENTO REGOLAMENTO Art. 1 ORGANIZZAZIONE L A.C.D. Lucento indice ed organizza, sotto l egida della F.I.G.C. Settore Giovanile e Scolastico, la 22^ edizione del Torneo calcistico a carattere provinciale denominato:

Dettagli

FEDERAZIONE ITALIANA GIUOCO CALCIO Settore Giovanile e Scolastico GUIDA AI REGOLAMENTI DEI TORNEI GIOVANILI ORGANIZZATI DA SOCIETÀ

FEDERAZIONE ITALIANA GIUOCO CALCIO Settore Giovanile e Scolastico GUIDA AI REGOLAMENTI DEI TORNEI GIOVANILI ORGANIZZATI DA SOCIETÀ FEDERAZIONE ITALIANA GIUOCO CALCIO Settore Giovanile e Scolastico GUIDA AI REGOLAMENTI DEI TORNEI GIOVANILI ORGANIZZATI DA SOCIETÀ Stagione Sportiva 2010/2011 Al fine di perseguire una sempre più corretta

Dettagli

SOCIETÀ ORGANIZZATRICE:

SOCIETÀ ORGANIZZATRICE: XV TORNEO DIVERTIAMOCI INSIEME NORCIA 01_04 APRILE 2015 REGOLAMENTO CAT. ESORDIENTI 1 ANNO 2003 ART.1 ORGANIZZAZIONE L ALLEANZA SPORTIVA ITALIANA E L ASSOCIAZIONE SCUOLA GIOCO E SPORT INDICONO ED ORGANIZZANO

Dettagli

1 TROFEO PERUGIA CUP 1 TROFEO PERUGIA CUP

1 TROFEO PERUGIA CUP 1 TROFEO PERUGIA CUP 1 TROFEO PERUGIA CUP Il Comitato Regionale Umbria della F.I.G.C. indice ed organizza il 1 TROFEO PERUGIA CUP Campo Federale di Prepo R E G O L A M E N T O U F F I C I A L E STAGIONE SPORTIVA 2011/2012

Dettagli

FEDERAZIONE ITALIANA GIUOCO CALCIO Settore Giovanile e Scolastico GUIDA AI REGOLAMENTI DEI TORNEI GIOVANILI ORGANIZZATI DA SOCIETÀ

FEDERAZIONE ITALIANA GIUOCO CALCIO Settore Giovanile e Scolastico GUIDA AI REGOLAMENTI DEI TORNEI GIOVANILI ORGANIZZATI DA SOCIETÀ FEDERAZIONE ITALIANA GIUOCO CALCIO Settore Giovanile e Scolastico GUIDA AI REGOLAMENTI DEI TORNEI GIOVANILI ORGANIZZATI DA SOCIETÀ Stagione Sportiva 2015/2016 Tornei organizzati da società Norme, disposizioni

Dettagli

FEDERAZIONE ITALIANA GIUOCO CALCIO Settore Giovanile e Scolastico GUIDA AI REGOLAMENTI DEI TORNEI GIOVANILI ORGANIZZATI DA SOCIETÀ

FEDERAZIONE ITALIANA GIUOCO CALCIO Settore Giovanile e Scolastico GUIDA AI REGOLAMENTI DEI TORNEI GIOVANILI ORGANIZZATI DA SOCIETÀ FEDERAZIONE ITALIANA GIUOCO CALCIO Settore Giovanile e Scolastico GUIDA AI REGOLAMENTI DEI TORNEI GIOVANILI ORGANIZZATI DA SOCIETÀ Stagione Sportiva 2013/2014 Tornei organizzati da società Norme, disposizioni

Dettagli

FEDERAZIONE ITALIANA GIUOCO CALCIO Settore Giovanile e Scolastico GUIDA AI REGOLAMENTI DEI TORNEI GIOVANILI ORGANIZZATI DA SOCIETÀ

FEDERAZIONE ITALIANA GIUOCO CALCIO Settore Giovanile e Scolastico GUIDA AI REGOLAMENTI DEI TORNEI GIOVANILI ORGANIZZATI DA SOCIETÀ FEDERAZIONE ITALIANA GIUOCO CALCIO Settore Giovanile e Scolastico GUIDA AI REGOLAMENTI DEI TORNEI GIOVANILI ORGANIZZATI DA SOCIETÀ Stagione Sportiva 2014/2015 Tornei organizzati da società Norme, disposizioni

Dettagli

REGOLAMENTO TORNEI ESTIVI DI CALCIO a 7 a 11

REGOLAMENTO TORNEI ESTIVI DI CALCIO a 7 a 11 Piazza Toscanini 13, 41053 Pozza di Maranello (MO) 0536/948012 Web: www.acpozza.com e-mail: settoregiovanileacpozza@gmail.com L' A.C. POZZA 1982 organizza: Il Tornei di calcio a 11 SAMITALIA Il Tornei

Dettagli

ATTIVITA GIOVANILE. VIA CONTESSA CLEMENZA n. 1 88100 CATANZARO TEL.. 0961 752841/2 - FAX. 0961 752795

ATTIVITA GIOVANILE. VIA CONTESSA CLEMENZA n. 1 88100 CATANZARO TEL.. 0961 752841/2 - FAX. 0961 752795 FEDERAZIONE ITALIANA GIUOCO CALCIO - LEGA NAZIONALE DILETTANTI COMITATO REGIONALE CALABRIA ATTIVITA GIOVANILE VIA CONTESSA CLEMENZA n. 1 88100 CATANZARO TEL.. 0961 752841/2 - FAX. 0961 752795 Indirizzo

Dettagli

Stagione Sportiva 2015/2016 Comunicato Ufficiale N 1 del 03/07/2015

Stagione Sportiva 2015/2016 Comunicato Ufficiale N 1 del 03/07/2015 1 FEDERAZIONE ITALIANA GIOCO CALCIO Delegazione Provinciale di LODI Via Borgo Adda, 78 26900 Lodi Tel. 0371-420868 Fax 0371-424603 E-Mail Info: del.lodi@lnd.it E-Mail Delegato: e.ampisio@lnd.it Stagione

Dettagli

Alla conclusione del torneo saranno assegnati i seguenti premi: persone Miglior Giocatore, Miglior Portiere e Capocannoniere

Alla conclusione del torneo saranno assegnati i seguenti premi: persone Miglior Giocatore, Miglior Portiere e Capocannoniere La ROMA NORD CHAMPIONSHIP organizza la SERIE A, torneo di calcio a 5 infrasettimanale e serale; il torneo, che si svolgerà tutti gli anni, vuole caratterizzarsi per il livello tecnico e la serietà di tutti

Dettagli

REGOLAMENTO UFFICIALE

REGOLAMENTO UFFICIALE REGOLAMENTO UFFICIALE ART. 1- Durata del torneo. Il torneo avrà inizio il giorno sabato 31 MAGGIO 2014 e terminerà il giorno lunedi 02 GIUGNO 2014. L Organizzazione si riserva il diritto, per esigenze

Dettagli

Stagione Sportiva 2015/2016 Comunicato Ufficiale N 01 del 03/07/2015

Stagione Sportiva 2015/2016 Comunicato Ufficiale N 01 del 03/07/2015 Federazione Italiana Giuoco Calcio Delegazione Provinciale di COMO Via Sinigaglia n 5-22100 COMO Telefono 031-574714 - Fax 031-574781 Siti Internet: http://www.lnd.it e-mail: del.como@lnd.it http://www.figc.co.it

Dettagli

IL S.A.P. di CATANIA ORGANIZZA. con l apporto tecnico della LEGA CALCIO U.I.S.P. PROVINCIALE CATANIA. sapcatania.it IL TORNEO DI CALCIO A 7

IL S.A.P. di CATANIA ORGANIZZA. con l apporto tecnico della LEGA CALCIO U.I.S.P. PROVINCIALE CATANIA. sapcatania.it IL TORNEO DI CALCIO A 7 IL S.A.P. di CATANIA ORGANIZZA con l apporto tecnico della LEGA CALCIO U.I.S.P. PROVINCIALE CATANIA IL TORNEO DI CALCIO A 7 denominato Un goal per la memoria Edizione 2009/2010 (REGOLAMENTO) 1 REGOLAMENTO

Dettagli

LEGA CALCIO UISP BERGAMO

LEGA CALCIO UISP BERGAMO REGOLAMENTO CAMPIONATO PROVINCIALE DI CALCIO A 7 REGOLAMENTO ORGANICO ART. 1 - DOVERI DELLE SQUADRE E DEI TESSERATI a) Le squadre iscritte al Campionato Provinciale di Calcio a 7 hanno il dovere dell osservanza

Dettagli

REGOLAMENTO CAT. ESORDIENTI 1 ANNO

REGOLAMENTO CAT. ESORDIENTI 1 ANNO Via Vitellia,50 00152 Roma Matr. F.I.G.C. 932234 P.I. 04737721003 Tel. 06.5806854 Fax. 06.58179406 www.olimpiacalcio.it ugo.bassani@tiscali.it REGOLAMENTO CAT. ESORDIENTI 1 ANNO ART.1 ORGANIZZAZIONE LA

Dettagli

FEDERAZIONE ITALIANA GIUOCO CALCIO SETTORE GIOVANILE E SCOLASTICO Friuli Venezia Giulia

FEDERAZIONE ITALIANA GIUOCO CALCIO SETTORE GIOVANILE E SCOLASTICO Friuli Venezia Giulia REGOLAMENTO FESTA REGIONALE SEI BRAVO A SCUOLA DI CALCIO SAN GIORGIO DI NOGARO (UD) 17 MAGGIO 2015 Al fine di attuare la necessaria verifica dell attività svolta nelle Scuole di Calcio, il Settore Giovanile

Dettagli

CAMPIONATO NAZIONALE DI CALCIO AICS REGOLAMENTO GENERALE

CAMPIONATO NAZIONALE DI CALCIO AICS REGOLAMENTO GENERALE PREMESSA CAMPIONATO NAZIONALE DI CALCIO AICS La parte iniziale del regolamento è riferita alle norme di carattere generale inerenti l organizzazione dei Campionati di: Calcio a 5 maschile e femminile,

Dettagli

REGOLAMENTO TORNEI ESTIVI DI CALCIO a 7 a 11

REGOLAMENTO TORNEI ESTIVI DI CALCIO a 7 a 11 Piazza Toscanini 13, 41053 Pozza di Maranello (MO) 0536/948012 Web: www.acpozza.com e-mail: settoregiovanileacpozza@gmail.com L' A.C. POZZA 1982 organizza: Il Tornei di calcio a 11 SAMITALIA Il Tornei

Dettagli

JUNIOR TIM CUP 2013. Art 8 - Giustizia sportiva La Giustizia sportiva sarà amministrata dagli Organi giudicanti CSI.

JUNIOR TIM CUP 2013. Art 8 - Giustizia sportiva La Giustizia sportiva sarà amministrata dagli Organi giudicanti CSI. JUNIOR TIM CUP 2013 IL CALCIO NEGLI ORATORI REGOLAMENTO Premessa: Il Regolamento è applicato integralmente nella fase Nazionale di JUNIOR TIM CUP 2013. Per la fase territoriale, organizzata dal CSI Milano,

Dettagli

GAZZETTA CUP 2014 REGOLAMENTO

GAZZETTA CUP 2014 REGOLAMENTO GAZZETTA CUP 2014 REGOLAMENTO Norme Generali Location La competizione si svolge a Bari, Bolzano, Cagliari, Catania, Cosenza, Macerata, Milano, Napoli, Padova, Reggio Emilia, Roma e Torino. Categorie e

Dettagli

REGOLAMENTO UFFICIALE - RIONI IN GIOCO

REGOLAMENTO UFFICIALE - RIONI IN GIOCO REGOLAMENTO UFFICIALE - RIONI IN GIOCO 1. Il Torneo dei Rioni è una manifestazione sportiva nella quale si affrontano gli otto Rioni di Romagnano Sesia, denominati: La Barca, Villa Caccia, L Incastron,

Dettagli

STRUTTURAZIONE E REGOLAMENTAZIONE FASI FINALI PROVINCIALI CALCIO A 5 CALCIO A 7 MASCHILE

STRUTTURAZIONE E REGOLAMENTAZIONE FASI FINALI PROVINCIALI CALCIO A 5 CALCIO A 7 MASCHILE STRUTTURAZIONE E REGOLAMENTAZIONE FASI FINALI PROVINCIALI CALCIO A 5 CALCIO A 7 MASCHILE FASI FINALI PROVINCIALI Le Fasi Finali Provinciali c5/c7 sono parte integrante dei Campionati 2013/14 e la mancata

Dettagli

ATTIVITÀ UFFICIALE DELLA LEGA NAZIONALE DILETTANTI di COMPETENZA del COMITATO REGIONALE LOMBARDIA

ATTIVITÀ UFFICIALE DELLA LEGA NAZIONALE DILETTANTI di COMPETENZA del COMITATO REGIONALE LOMBARDIA ATTIVITÀ UFFICIALE DELLA LEGA NAZIONALE DILETTANTI di COMPETENZA del COMITATO REGIONALE LOMBARDIA La Lega Nazionale Dilettanti - in attuazione delle disposizioni di cui all'art. 49, punto 1, lett. c),

Dettagli

ISLAND FUN VILLAGE REGOLAMENTO CAMPIONATO 2013/2014

ISLAND FUN VILLAGE REGOLAMENTO CAMPIONATO 2013/2014 ISLAND FUN VILLAGE REGOLAMENTO CAMPIONATO 2013/2014 -TESSERAMENTO GIOCATORI I tesseramenti dei calciatori / dirigenti saranno ammessi fino al 31/12/2012 senza alcuna deroga. I giocatori che non avranno

Dettagli

Comunicato Ufficiale N. 65

Comunicato Ufficiale N. 65 Stagione Sportiva 2014/2015 Comunicato Ufficiale N. 65 1. Comunicazioni della F.I.G.C. 2. Comunicazioni della L.N.D. 3. Comunicazioni della Divisione Calcio a Cinque 3.1. ATTIVITA NAZIONALE STAGIONE SPORTIVA

Dettagli

REGOLAMENTO COPPA ITALIA LEGA PRO 2015/2016

REGOLAMENTO COPPA ITALIA LEGA PRO 2015/2016 NOVEMBRE 2008 COMUNICATO UFFICIALE N. 65/L DEL 5 AGOSTO 2015 LEGA ITALIANA CALCIO PROFESSIONISTICO 65/142 REGOLAMENTO COPPA ITALIA LEGA PRO 2015/2016 La Lega organizza per l'annata sportiva 2015-2016 la

Dettagli

quarta edizione 2015 Memorial Massimo Armellini - regolamento -

quarta edizione 2015 Memorial Massimo Armellini - regolamento - PARAGRAFO 1: PARTECIPANTI quarta edizione 2015 Memorial Massimo Armellini - regolamento - Il Torneo di calcio a 8 GAMING CUP è un Torneo riservato alle Società Operatrici di scommesse Eurobet, Paddy Power,

Dettagli

a cura della FIGC - Settore Giovanile e Scolastico

a cura della FIGC - Settore Giovanile e Scolastico Criteri di ammissione ai Campionati Regionali 1/16 I Comitati Regionali dovranno pubblicare sui Comunicati Ufficiali la composizione degli organici (numero dei gironi e numero squadre ammesse) ed i meccanismi

Dettagli

GAZZETTA CUP 2015 REGOLAMENTO

GAZZETTA CUP 2015 REGOLAMENTO GAZZETTA CUP 2015 REGOLAMENTO Norme Generali Location La competizione si svolge a Bari, Bolzano, Cagliari, Catania, Como, Macerata, Milano, Napoli, Padova, Reggio Emilia, Roma e Torino. Categorie e fasce

Dettagli

Comunicato Ufficiale N. 066

Comunicato Ufficiale N. 066 Stagione Sportiva 2015/2016 Comunicato Ufficiale N. 066 1. Comunicazioni della F.I.G.C. 2. Comunicazioni della L.N.D. 3. Comunicazioni della Divisione Calcio a Cinque 3.1. ATTIVITA NAZIONALE STAGIONE SPORTIVA

Dettagli

L attività delle categorie di Base ha carattere eminentemente promozionale, ludico e didattico ed è organizzata su base strettamente locale.

L attività delle categorie di Base ha carattere eminentemente promozionale, ludico e didattico ed è organizzata su base strettamente locale. 1 ATTIVITÀ DI BASE 1.1 Norme regolamentari dell attività di base L attività delle categorie di Base ha carattere eminentemente promozionale, ludico e didattico ed è organizzata su base strettamente locale.

Dettagli

UISP - LEGA CALCIO COMITATO PROVINCIALE DI GROSSETO

UISP - LEGA CALCIO COMITATO PROVINCIALE DI GROSSETO UISP - LEGA CALCIO COMITATO PROVINCIALE DI GROSSETO 1 TROFEO ENZO BASTOGI dall 8 Giugno 2015 TORNEO DI CALCIO A 5 c/o CIRCOLO TENNIS ORBETELLO ASD Via Giovanni da Orbetello 2 58015 Orbetello (Gr) 0564/867539

Dettagli

REGOLAMENTO FIVE LEAGUE 2013/2014

REGOLAMENTO FIVE LEAGUE 2013/2014 REGOLAMENTO FIVE LEAGUE 2013/2014 Alla tredicesima edizione del campionato amatoriale di calcio a 5 partecipano 40 squadre che vengono suddivise per sorteggio in 4 gironi da 10 squadre che daranno vita

Dettagli

COMUNICATO UFFICIALE N. 25 DEL 2 SETTEMBRE 2015

COMUNICATO UFFICIALE N. 25 DEL 2 SETTEMBRE 2015 COMUNICATO UFFICIALE N. 25 DEL 2 SETTEMBRE 2015 REGOLAMENTO DEL CAMPIONATO PRIMAVERA TIM 2015/2016 TROFEO GIACINTO FACCHETTI 1) SOCIETA PARTECIPANTI ED ORGANICO DELLA MANIFESTAZIONE La Lega Nazionale Professionisti

Dettagli

CALCIO A 7 NORME DI PARTECIPAZIONE

CALCIO A 7 NORME DI PARTECIPAZIONE CALCIO A 7 NORME DI PARTECIPAZIONE Il Comitato Provinciale della Lega Calcio UISP di Modena, indice ed organizza per la stagione sportiva 2014/2015, l attività di Campionato per le seguenti categorie con

Dettagli

U. I. S. P. COMITATO REGIONALE VALLE D AOSTA. 2 a edizione Trofeo della Liberazione 2 Memorial Ernesto Guglielminotti

U. I. S. P. COMITATO REGIONALE VALLE D AOSTA. 2 a edizione Trofeo della Liberazione 2 Memorial Ernesto Guglielminotti A. S. D. C. G. C. CENTRO GIOVANI CALCIATORI AOSTA U. I. S. P. COMITATO REGIONALE VALLE D AOSTA A. N. P. I. 2 a edizione Trofeo della Liberazione 2 Memorial Ernesto Guglielminotti Sabato 25 aprile 2015

Dettagli

PIGIESSIADI. 30 maggio - 2 giugno 2015 REGOLAMENTO CALCIO A 5 CATEGORIA MICRO-MINI

PIGIESSIADI. 30 maggio - 2 giugno 2015 REGOLAMENTO CALCIO A 5 CATEGORIA MICRO-MINI Categorie e limiti di età. MICRO - MINI 2004/2005/2006/2007 PROPAGANDA 2002/2003 UNDER 15 2000/2001 UNDER 18 1997/1998/1999 LIBERA 1996 e prec. PIGIESSIADI 30 maggio - 2 giugno 2015 REGOLAMENTO CALCIO

Dettagli

MODALITA DI GIOCO CATEGORIE DI BASE

MODALITA DI GIOCO CATEGORIE DI BASE Allegato 1 Pag. 1 di 12 FEDERAZIONE ITALIANA GIUOCO CALCIO Settore Giovanile e Scolastico MODALITA DI GIOCO CATEGORIE DI BASE Stagione sportiva 2013/2014 Di seguito si illustrano nel dettaglio le attività

Dettagli

Regolamento Campionato Serie A 2013-2014

Regolamento Campionato Serie A 2013-2014 Regolamento Campionato Serie A 2013-2014 ART. 1 TESSERAMENTO 1. Ogni squadra al momento dell iscrizione dovrà indicare un Referente, che potrà essere anche un partecipante al Torneo, il quale curerà i

Dettagli

REGOLAMENTO 2015 / 2016

REGOLAMENTO 2015 / 2016 REGOLAMENTO 2015 / 2016 ART. 1 COMPOSIZIONE DEL CAMPIONATO Il Campionato Amatoriale è a scopo ricreativo e destinato ai soli soci maggiorenni dell A.S.D. SUMMER GAMES è composto da10 squadre, raggruppate

Dettagli

Stagione Sportiva 2015/2016 Comunicato Ufficiale N 3 del 17 luglio 2015

Stagione Sportiva 2015/2016 Comunicato Ufficiale N 3 del 17 luglio 2015 DELEGAZIONE PROVINCIALE DI MONZA Via Ugolini 11 20052 MONZA Tel. 039 2326135 Fax 039 2304666 Email: del.monza@postalnd.it Sito della Delegazione di Monza all interno del Comitato Regionale Lombardia: http://www.lnd.it

Dettagli

USOM ASD STAGIONE 2010 / 2011

USOM ASD STAGIONE 2010 / 2011 USOM ASD STAGIONE 2010 / 2011 2.4 Norme regolamentari dell attività di base Premesso che il Settore Giovanile e Scolastico verificherà costantemente il rispetto delle norme tecniche, didattiche ed organizzative

Dettagli

Regolamento Ufficiale

Regolamento Ufficiale TORNEO DELLE PARROCCHIE SAN GIOVANNI PAOLO II CALCIO A 5 VI^ EDIZIONE - 2015 Regolamento Ufficiale Il Servizio Diocesano per la Pastorale Giovanile del Vicariato di Roma, in collaborazione con l Unione

Dettagli

CHAMPIONS LEAGUE. Torneo di calcio a 7 I) REGOLAMENTO GENERALE

CHAMPIONS LEAGUE. Torneo di calcio a 7 I) REGOLAMENTO GENERALE C.U.S. FOGGIA A.S.D. Via Napoli, 109 71122 Foggia CHAMPIONS LEAGUE Torneo di calcio a 7 I) REGOLAMENTO GENERALE Articolo 1 Iscrizioni. Il Campionato Champions League 2015 è aperto a tutti (universitari

Dettagli

Comunicato Ufficiale N 31 del 27 Ottobre 2011

Comunicato Ufficiale N 31 del 27 Ottobre 2011 Stagione Sportiva 2011/2012 Comunicato Ufficiale N 31 del 27 Ottobre 2011 IL COMUNICATO UFFICIALE DELLA DIVISIONE CALCIO FEMMINILE È INTEGRALMENTE CONSULTABILE PRESSO IL SITO INTERNET DELLA DIVISIONE ALL

Dettagli

8 TORNEO SILVANO MORETTI 2015 Calendario Partite

8 TORNEO SILVANO MORETTI 2015 Calendario Partite Calendario 8 Moretti 8 TORNEO SILVANO MORETTI 2015 Calendario Partite venerdi sabato domenica venerdi sabarto mercoledi domenica CATEGORIE ELENCO ORARI 22 Maggio 23 Maggio 24 Maggio 29 maggio 30 maggio

Dettagli

Regolamento Campionato Serie A Kick Off 2014

Regolamento Campionato Serie A Kick Off 2014 Regolamento Campionato Serie A Kick Off 2014 Art.1 : Ogni gara è giocata da due squadre formate ciascuna da 5 giocatori (di cui un portiere); Art.2 : Ogni gara non può iniziare, o proseguire,se una squadra

Dettagli

REGOLAMENTO GC CUP CALCIO A 5

REGOLAMENTO GC CUP CALCIO A 5 REGOLAMENTO GC CUP CALCIO A 5 WWW.GENERAZIONECALCETTO.COM ART. 0 Principi e Obiettivi L articolo zero si chiama tale perché viene prima di tutto. Se ci fossero dubbi e/o divergenze di pensiero con quanto

Dettagli

COMUNICATO UFFICIALE N. 247 DEL 4 GIUGNO 2012. Coppa Italia 2012/2013, 2013/2014 e 2014/2015 REGOLAMENTO

COMUNICATO UFFICIALE N. 247 DEL 4 GIUGNO 2012. Coppa Italia 2012/2013, 2013/2014 e 2014/2015 REGOLAMENTO COMUNICATO UFFICIALE N. 247 DEL 4 GIUGNO 2012 Coppa Italia 2012/2013, 2013/2014 e 2014/2015 (di seguito la Competizione ) REGOLAMENTO 1) ORGANIZZAZIONE e DENOMINAZIONE DELLA COMPETIZIONE Organizzatrice

Dettagli

Comunicato Ufficiale N. 037

Comunicato Ufficiale N. 037 Stagione Sportiva 2015/2016 Comunicato Ufficiale N. 037 1. Comunicazioni della F.I.G.C. 2. Comunicazioni della L.N.D. 3. Comunicazioni della Divisione Calcio a Cinque ATTIVITA NAZIONALE STAGIONE SPORTIVA

Dettagli

Primo torneo DON BOSCO CATEGORIA ALLIEVI E GIOVANISSIMI

Primo torneo DON BOSCO CATEGORIA ALLIEVI E GIOVANISSIMI L ASD Calcio Giovanile Metropolitano e la Lega Calcio Uisp di Cagliari, organizzano la 1 edizione del Mundialito Giovanile Metropolitano, al quale parteciperà una selezione di squadre della categoria Allievi

Dettagli

REGOLAMENTO WINTER CUP 2015 2016 FINAL FOUR

REGOLAMENTO WINTER CUP 2015 2016 FINAL FOUR REGOLAMENTO WINTER CUP 2015 2016 FINAL FOUR Rappresentanza, Iscrizioni, Doveri e Obblighi. Articolo 1 Rappresentanza 1.01 Con riferimento al Comunicato Ufficiale n. 254 del 1 dicembre 2015, la Divisione

Dettagli

REGOLAMENTO LIGA SPORTUNO CALCIO A 7

REGOLAMENTO LIGA SPORTUNO CALCIO A 7 REGOLAMENTO LIGA SPORTUNO CALCIO A 7 WWW.GENERAZIONECALCETTO.COM ART. 0 Principi e Obiettivi L articolo zero si chiama tale perché viene prima di tutto. Se ci fossero dubbi e/o divergenze di pensiero con

Dettagli

NORME REGOLAMENTARI DELL ATTIVITÀ DI BASE

NORME REGOLAMENTARI DELL ATTIVITÀ DI BASE Federazione Italiana Giuoco Calcio Lega Nazionale Dilettanti DELEGAZIONE PROVINCIALE DI PADOVA 35129 PADOVA Via Savelli,86/10 c.p. 851 Tel 049/7800724 Fax 049/7800628 E-mail: padova@figc.it Stagione Sportiva

Dettagli

11 CAMPIONATO DI CALCIO A 7

11 CAMPIONATO DI CALCIO A 7 11 CAMPIONATO DI CALCIO A 7 COORDINAMENTO PROVINCIALE CALCIO A 7 OPES AREZZO INIZIO CAMPIONATO LUNEDI 12 OTTOBRE 2015. Per la stagione sportiva 2015/2016 il campionato verterà su tre fasi e segnatamente:

Dettagli

MEMORIAL Sergio Abbati

MEMORIAL Sergio Abbati 2011 MEMORIAL Sergio Abbati REGOLAMENTO: Art. 1) Ogni società potrà tesserare un massimo di 16 giocatori. Il tesseramento si chiuderà Giovedì 3 Giugno 2011. Dopo tale data non potranno essere tesserati

Dettagli

Comunicato Ufficiale N.64

Comunicato Ufficiale N.64 1. COMUNICAZIONI DELLA F.I.G.C. 2. COMUNICAZIONI DELLA L.N.D. Stagione Sportiva 2014/2015 Comunicato Ufficiale N.64 3. COMUNICAZIONI DELLA DIVISIONE CALCIO A CINQUE 3.1.1. ATTIVITA NAZIONALE STAGIONE SPORTIVA

Dettagli

CAMPIONATO UISP 2013-14 COMITATO DI GROSSETO COMUNICATO N. 1 DEL 21 09 2014

CAMPIONATO UISP 2013-14 COMITATO DI GROSSETO COMUNICATO N. 1 DEL 21 09 2014 CAMPIONATO UISP 2013-14 COMITATO DI GROSSETO COMUNICATO N. 1 DEL 21 09 2014 UISP GROSSETO - LEGA CALCIO STAGIONE SPORTIVA 2014/2015 CAMPIONATO DI CALCIO A 5 SERIE A, SERIE B, SERIE C1, C2, GROSSETO, COPPA

Dettagli

61 Torneo VIAREGGIO CUP World Football Tournament COPPA CARNEVALE

61 Torneo VIAREGGIO CUP World Football Tournament COPPA CARNEVALE 61 Torneo VIAREGGIO CUP World Football Tournament COPPA CARNEVALE Art. 1 - Lo Sporting Club Centro Giovani Calciatori a.s.d. di Viareggio indice e organizza, con la collaborazione della F.I.G.C., con il

Dettagli

Regolamento CALCIO. Comitato di Como. D. Time-Out

Regolamento CALCIO. Comitato di Como. D. Time-Out Comitato di Como Regolamento CALCIO D. Time-Out Verrà applicato in tutte le categorie, anche in quelle che non rientrano nei Campionati Nazionali. Ogni squadra potrà richiedere una sospensione di 2 per

Dettagli

FIGC-LND COMITATO REGIONALE UMBRIA "Sei Bravo a... Scuola di Calcio" 2014-15

FIGC-LND COMITATO REGIONALE UMBRIA Sei Bravo a... Scuola di Calcio 2014-15 CRITERI GENERALI - Le squadre devono presentarsi con almeno 14 giocatori. - 14 Bambini iscritti nella lista dovranno cimentarsi nei 3 giochi previsti e nel gioco partita 7c7. - La durata di ciascuna "partita

Dettagli

REGOLAMENTO. Squadre partecipanti Al torneo saranno ammesse 9 squadre. Ogni squadra giocherà una partita a settimana per tutta la durata del torneo

REGOLAMENTO. Squadre partecipanti Al torneo saranno ammesse 9 squadre. Ogni squadra giocherà una partita a settimana per tutta la durata del torneo REGOLAMENTO Sede, date, giorni e orari Il torneo Vamos a Madrid, organizzato dall Acsi in collaborazione con Quasi Gol, si disputerà a Milano nei seguenti centri sportivi: Masseroni 1 (Via Madruzzo 3)

Dettagli

COMUNICATO UFFICIALE n. 37 del 28 maggio 2014

COMUNICATO UFFICIALE n. 37 del 28 maggio 2014 COMUNICATO UFFICIALE n. 37 del 28 maggio 2014 CAMPIONATO NAZIONALE DI SERIE A DI CALCIO A 11 (Stagione Sportiva 2013/2014) REGOLAMENTO 1. SQUADRE PARTECIPANTI ED ORGANICO DELLA MANIFESTAZIONE La Federazione

Dettagli

REGOLAMENTO FINAL EIGHT COPPA ITALIA SERIE B 2014 2015

REGOLAMENTO FINAL EIGHT COPPA ITALIA SERIE B 2014 2015 REGOLAMENTO FINAL EIGHT COPPA ITALIA SERIE B 2014 2015 I Rappresentanza, Iscrizioni, Doveri e Obblighi. Articolo 1 Rappresentanza 1.01 La Divisione Calcio a 5 organizza la Final Eight di Coppa Italia Serie

Dettagli

CENTRO SPORTIVO ITALIANO COMITATO PROVINCIALE DI PARMA

CENTRO SPORTIVO ITALIANO COMITATO PROVINCIALE DI PARMA CENTRO SPORTIVO ITALIANO COMITATO PROVINCIALE DI PARMA P.le G. Matteotti n 9 43100 Parma Tel. 0521281226 289870 Fax 0521236626 E-mail: csi@csiparma.it http: www.csiparma.it CENTRO SPORTIVO ITALIANO Comitato

Dettagli

GIRLS FUTSAL CUP 2015/2016

GIRLS FUTSAL CUP 2015/2016 Centro Sportivo Italiano Comitato di Bologna Via M.E.Lepido, 196/3-40133 Bologna. Tel. 051 6417987. Fax 051 406578. www.csibologna.it - calcio5@csibologna.it Seguici su facebook.com/csibologna GIRLS FUTSAL

Dettagli

PRINCIPI E NORME DI PARTECIPAZIONE AL TORNEO

PRINCIPI E NORME DI PARTECIPAZIONE AL TORNEO PRINCIPI E NORME DI PARTECIPAZIONE AL TORNEO 1. Potranno partecipare ai tornei solo giocatori amatoriali. Per quanto concerne gli esterni sono esclusi tutti i tesserati FIGC di qualsiasi categoria. Potranno

Dettagli

CAMPIONATO REGIONALE CALCIO A 7-2015 CAT. OPEN MASCHILE C.U. N. 5

CAMPIONATO REGIONALE CALCIO A 7-2015 CAT. OPEN MASCHILE C.U. N. 5 CAMPIONATO REGIONALE DI CALCIO A 7-2015 CAT. OPEN MASCHILE C.U. N. 5 1 R E G O L A M E N T O Art. 1 Partecipazione Alla fase regionale vengono ammesse per ciascuno dei tornei svolti nella regione la squadra

Dettagli

A.S.D. Città di Sesto Matricola FIGC N. 930007 Matricola CONI N. 95012

A.S.D. Città di Sesto Matricola FIGC N. 930007 Matricola CONI N. 95012 Sede Legale: Via General Cantore, 105/B 20099 Sesto San Giovanni Sede: Campo Sportivo Comunale Falck, Via General Cantore, 106 20099 Sesto San Giovanni Tel./Fax n. 02/2425574 Campo Sportivo Comunale Pertini,

Dettagli

REGOLAMENTO AMSTERDAM LEAGUE CALCIO A8 2014/2015

REGOLAMENTO AMSTERDAM LEAGUE CALCIO A8 2014/2015 REGOLAMENTO AMSTERDAM LEAGUE CALCIO A8 2014/2015 WWW.GENERAZIONECALCETTO.COM ART. 0 Principi e Obiettivi L articolo zero si chiama tale perché viene prima di tutto. Se ci fossero dubbi e/o divergenze di

Dettagli

FANTACALCIO 2014-15. Regolamento Ufficiale (12 squadre)

FANTACALCIO 2014-15. Regolamento Ufficiale (12 squadre) FANTACALCIO 2014-15 Regolamento Ufficiale (12 squadre) 1. SPESE D ISCRIZIONE I pagamenti al fantacalcio di quest anno saranno uguali a quello dell anno scorso con un importo totale che sarà per tutti di

Dettagli

7 TORNEO DI CALCIO A 5 REGOLAMENTO

7 TORNEO DI CALCIO A 5 REGOLAMENTO 7 TORNEO DI CALCIO A 5 REGOLAMENTO ART.1 Il CRAL UNINA DELLA CONOSCENZA dell Università di Napoli Federico II indice ed organizza, con la collaborazione tecnica dell AICS C.P. Napoli, il Torneo Amatoriale

Dettagli

CAMPIONATO NAZIONALE ALLIEVI PROFESSIONISTI SERIE A e B COMUNICATO UFFICIALE N 07 REGOLAMENTO STAGIONE SPORTIVA 2014-2015. Antonello Valentini

CAMPIONATO NAZIONALE ALLIEVI PROFESSIONISTI SERIE A e B COMUNICATO UFFICIALE N 07 REGOLAMENTO STAGIONE SPORTIVA 2014-2015. Antonello Valentini CAMPIONATO NAZIONALE ALLIEVI PROFESSIONISTI SERIE A e B COMUNICATO UFFICIALE N 07 REGOLAMENTO STAGIONE SPORTIVA 2014-2015 Antonello Valentini CAMPIONATO NAZIONALE ALLIEVI PROFESSIONISTI SERIE A e B STAGIONE

Dettagli

FEDERAZIONE ITALIANA GIUOCO CALCIO SETTORE GIOVANILE E SCOLASTICO

FEDERAZIONE ITALIANA GIUOCO CALCIO SETTORE GIOVANILE E SCOLASTICO FEDERAZIONE ITALIANA GIUOCO CALCIO SETTORE GIOVANILE E SCOLASTICO 00198 ROMA VIA PO, 36 COMUNICATO UFFICIALE n.1 STAGIONE SPORTIVA 2014/2015 INDICE PREMESSA 1. ATTIVITA di BASE 2. ATTIVITA GIOVANILE AGONISTICA

Dettagli

REGOLAMENTO TORNEO DI SPINACETO CALCIO A7

REGOLAMENTO TORNEO DI SPINACETO CALCIO A7 REGOLAMENTO TORNEO DI SPINACETO CALCIO A7 WWW.GENERAZIONECALCETTO.COM ART. 0 Principi e Obiettivi L articolo zero si chiama tale perché viene prima di tutto. Se ci fossero dubbi e/o divergenze di pensiero

Dettagli

A.S.D. ORANGEPROTON2012

A.S.D. ORANGEPROTON2012 Regolamento di riferimento nel giuoco del calcio a 5 Il team OrangeProton riconosce come regolamento ufficiale di gioco quello adottato dal comitato provinciale OPES di Ferrara, istituito a partire dalla

Dettagli

È quindi necessaria la sottoscrizione della Carta Assicurativa FIGC per la partecipazione all attività ufficiale organizzata dalla FIGC.

È quindi necessaria la sottoscrizione della Carta Assicurativa FIGC per la partecipazione all attività ufficiale organizzata dalla FIGC. Centri di Avviamento allo Sport a) Costituzione e rinnovo: modalità e scadenze I Centri CONI di Avviamento allo Sport-Calcio vengono promossi dagli organi competenti del CONI e della Federazione Italiana

Dettagli

5 TORNEO "GENITORI IN CAMPO" Edizione speciale Centenario REGOLAMENTO

5 TORNEO GENITORI IN CAMPO Edizione speciale Centenario REGOLAMENTO 5 TORNEO "GENITORI IN CAMPO" Edizione speciale Centenario REGOLAMENTO ARTICOLO 1: ORGANIZZAZIONE L'U.S.D. Vanchiglia organizza un torneo amatoriale ed amichevole di calcio a 8 denominato "5 Torneo Genitori

Dettagli

3 Torneo Daniele Ghillani

3 Torneo Daniele Ghillani A.S.D. Montanara Calcio dal 1961 ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA 3 Torneo Daniele Ghillani dal 4 al 5 giugno 2015 CATEGORIA PICCOLI AMICI- ANNO 2007 Presentazione e sorteggio del 16 marzo 2014 Con

Dettagli

Regolamento CALCIO. Comitato di Como. D. Time-Out

Regolamento CALCIO. Comitato di Como. D. Time-Out Comitato di Como Regolamento CALCIO D. Time-Out Verrà applicato in tutte le categorie, anche in quelle che non rientrano nei Campionati Nazionali. Ogni squadra potrà richiedere una sospensione di 2 per

Dettagli

CAMPIONI A MILANO. Torneo di calcio a 7 - Edizione 2015-2016. Regolamento della manifestazione

CAMPIONI A MILANO. Torneo di calcio a 7 - Edizione 2015-2016. Regolamento della manifestazione CAMPIONI A MILANO Torneo di calcio a 7 - Edizione 2015-2016 Regolamento della manifestazione Sede, date, giorni e orari Il torneo si svolgerà presso il Centro Sportivo Masseroni di Milano (via Madruzzo,

Dettagli

NORME DI RIFERIMENTO PER L ATTIVITA DEI CAMPIONATI DI CATEGORIA E PER L ATTIVITA PROMOZIONALE

NORME DI RIFERIMENTO PER L ATTIVITA DEI CAMPIONATI DI CATEGORIA E PER L ATTIVITA PROMOZIONALE CATEGORIE: PRIMI CALCI A 6 NATI 2008-2009 PICCOLI AMICI A 6 NATI 2006-2007 PULCINI A 6 NATI 2004-2005 ESORDIENTI A 7 NATI 2002-2003 ESORDIENTI A 11 NATI 2002-2003 GIOVANISSIMI A 11 NATI 2000-2001 ALLIEVI

Dettagli

19 CAMPIONATO DRIBBLING 2009-2010 REGOLAMENTO

19 CAMPIONATO DRIBBLING 2009-2010 REGOLAMENTO 19 CAMPIONATO DRIBBLING 2009-2010 REGOLAMENTO 1)IL CAMPIONATO SI SVOLGERA AL CENTRO SPORTIVO DRIBBLING IN COLLABORAZIONE CON CASA DELLO SPORT, ART E PARQUET E ENDAS. 2)OGNI SQUADRA ISCRITTA AL CAMPIONATO

Dettagli