CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO"

Transcript

1 ISTITUZIONE dei Servizi Educativi, Scolastici e per le Famiglie GARA A PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO PER LE SCUOLE PRIMARIE E SECONDARIE DI I GRADO DEL COMUNE DI FERRARA ANNI SCOLASTICI 2012/ / /2015 CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO CIG: F4C CPV: INDICE Art. 1 - CONTESTO E OBIETTIVI Art. 2 - OGGETTO DEL SERVIZIO Art. 3 MODALITA' DI SVOLGIMENTO DEL SERVIZIO Art. 4 - VARIAZIONE DEI PERCORSI Art. 5 - CARATTERISTICHE DEGLI SCUOLABUS Art. 6 - OBBLIGHI DELL'APPALTATORE Art. 7 - PERSONALE AUTISTA Art. 8 - CONDIZIONI DELLA PRESTAZIONE DEI SERVIZI Art. 9 - OBBLIGHI A CARICO DELL'ISTITUZIONE DEI SERVIZI EDUCATIVI SCOLASTICI E PER LE FAMIGLIE Art DURATA DEL CONTRATTO RINNOVO - PROROGA Art PAGAMENTI Art OBBLIGHI DI TRACCIABILITA Art IMPORTO DELL'APPALTO Art D.U.V.R.I. Art. 15 REVISIONE DEI PREZZI Art MODALITA DI CALCOLO DEI PERCORSI Art POSSESSO DEI REQUISTI MINIMI DI CAPACITA ECONOMICO-FINANZIARIA E TECNICO-PROFESSIONALE Art SOPRALLUOGO TECNICO Art PROCEDURA DI AGGIUDICAZIONE Art. 20 ESECUZIONE ANTICIPATA DELLA PRESTAZIONE IN PENDENZA DI STIPULAZIONE DEL CONTRATTO Art DEPOSITO CAUZIONALE DEFINITIVO Art. 22 SPESE ED ONERI FISCALI Via Calcagnini Ferrara tel fax Codice fiscale:

2 Art COPERTURA ASSICURATIVA Art OBBLIGHI DERIVANTI DAL RAPPORTO DI LAVORO Art RESPONSABILITÀ Art RAPPORTI CONTRATTUALI DIRETTORE DELL ESECUZIONE RESPONSABILE DEL SERVIZIO PER CONTO DELL APPALTATORE Art AVVIO DELL ESECUZIONE DEL CONTRATTO Art VARIANTI Art SOSPENSIONE E RIPRESA DELL ESECUZIONE DEL CONTRATTO Art VERIFICA DI CONFORMITA Art CERTIFICATO DI ULTIMAZIONE DELLE PRESTAZIONI Art PENALITA' Art. 33 RISOLUZIONE DEL CONTRATTO Art SUBAPPALTO Art DIVIETO DI CESSIONE DEL CONTRATTO; CESSIONE DEL CREDITO Art FALLIMENTO DELL APPALTATORE O MORTE DEL TITOLARE Art OBBLIGHI DI RISERVATEZZA Art. 38 FORO COMPETENTE Art POLITICA AMBIENTALE DEL COMUNE DI FERRARA Art NORME DI RINVIO 2

3 Art. 1 - CONTESTO E OBIETTIVI Il presente Capitolato disciplina il contratto tra l Istituzione dei Servizi Educativi, Scolastici e per le Famiglie del Comune di Ferrara (nel seguito, per brevità, l Istituzione ) e l impresa, ovvero il diverso soggetto di cui all art. 34, comma 1, del D.Lgs. 163/2006 e s.m.i., risultato aggiudicatario della procedura di gara (nel seguito, per brevità, l Appaltatore o Ditta Appaltatrice ), avente ad oggetto l affidamento a terzi del servizio di trasporto scolastico. Art. 2 - OGGETTO DEL SERVIZIO L'appalto ha per oggetto il trasporto a favore della popolazione scolastica della scuola primaria e secondaria di primo grado avente diritto, per le zone non servite da altri mezzi di servizio pubblico, nel rispetto del Regolamento di accesso e fruizione del servizio di trasporto scolastico approvato dall Amministrazione Comunale, secondo il calendario scolastico approvato dalla Regione Emilia Romagna ed applicato dalle Istituzioni scolastiche. Il servizio di trasporto svolto nell orario scolastico comprende anche il servizio di trasporto per le palestre per le scuole non dotate di tale struttura e per quelle che eccezionalmente e per un periodo limitato devono utilizzare una palestra diversa dalla propria, a seguito di decisione dell Amministrazione. Art. 3 - MODALITA' DI SVOLGIMENTO DEL SERVIZIO Il servizio viene appaltato in base alle disposizioni legislative e regolamentari vigenti in materia con specifico riferimento alle seguenti fonti: D.M. 20 dicembre 1991, n. 448 Regolamento di attuazione della direttiva del Consiglio delle Comunità europee n. 438 del 21 giugno 1989 che modifica la direttiva del Consiglio n. 562 del 12 novembre 1974 riguardante l'accesso alla professione di trasportatore di viaggiatori su strada nel settore dei trasporti nazionali ed internazionali": D.Lgs n. 395 "Attuazione della direttiva 98176/CE del 1 ottobre 1998 del Consiglio dell'unione europea, modificativa della direttiva 96/26/CE del 29 aprile 1996 riguardante l'accesso alla professione di trasportatore su strada di merci e di viaggiatori, nonché il riconoscimento reciproco di diplomi, certificati e altri titoli allo scopo di favorire l'esercizio della libertà di stabilimento di detti trasportatori nel settore dei trasporti nazionali ed internazionali; L. 218/03. Legge 11 agosto 2003, n. 218, Disciplina dell'attività di trasporto di viaggiatori effettuato mediante noleggio di autobus con conducente ; D.Lgs. 30 aprile 1992, n. 285 Nuovo Codice della Strada ; D.M. 31/01/1997 "Nuove disposizioni in materia di trasporto scolastico"; Legge regionale Emilia-Romagna 2 ottobre 1998, n. 30, Disciplina generale del trasporto pubblico regionale e locale ; Regolamento regionale per l esercizio dell attività di noleggio di autobus con conducente (articolo 26 quater, lettera d), LR 30/98) del 28 dicembre 2009, n. 3. Regione Emilia-Romagna. La Ditta Appaltatrice è tenuta ad osservare la normativa vigente di settore, compresi i provvedimenti adottati in data successiva all'affidamento del servizio. I servizi oggetto del presente capitolato sono considerati di pubblica utilità e non possono essere interrotti o sospesi se non per comprovate cause di forza maggiore. I suddetti servizi sono altresì da considerarsi servizi pubblici essenziali, ai sensi dell'art. 1 della legge , n. 146 "Norme dell'esercizio del diritto di sciopero nei servizi pubblici essenziali" e successive modifiche ed integrazioni, pertanto, la Ditta Appaltatrice deve 3

4 rispettare quanto previsto dalla normativa di legge in materia di sciopero. Il servizio di trasporto scolastico è da considerarsi ad ogni effetto "servizio pubblico ; pertanto la Ditta Appaltatrice è tenuta al rispetto dei principi contenuti nel D.P.C.M. 27/01/1994, "Principi sull'erogazione dei servizi pubblici". Si precisa, inoltre, che nei servizi ricompresi nel presente appalto non sono inclusi i servizi di trasporto disabili. E possibile comunque il trasporto di studenti disabili che non necessitino di mezzi e modalità di trasporto speciali; in questi casi, qualora se ne ravvisi la necessità, si dovrà consentire l accesso al mezzo di trasporto dell accompagnatore. I competenti uffici dell Amministrazione Comunale annualmente raccolgono le richieste di trasporto scolastico e individuano i criteri per l erogazione del servizio. Gli elenchi dei richiedenti, gli itinerari, le fermate, i punti di raccolta, gli orari, nonché l elenco dei plessi scolastici che dovranno essere serviti saranno trasmessi annualmente in formato elettronico (formato excel) alla Ditta Appaltatrice almeno 15 (quindici) giorni prima dell inizio del servizio, salvo cause di forza maggiore. I dati del "Piano del Trasporto scolastico - Anno scolastico " per il trasporto casa/scuola e palestre, allegati al presente capitolato, hanno valore del tutto indicativo e sono suscettibili di essere modificati secondo il "Piano dei Trasporti" definito di anno in anno, ma costituiscono necessario punto di riferimento per le ditte concorrenti all'appalto. Ulteriori elementi essenziali inerenti le modalità del servizio sono le seguenti: periodo di espletamento: intero anno scolastico indicativamente da metà settembre a metà giugno, in osservanza del calendario scolastico delle istituzioni scolastiche; l'erogazione del servizio deve essere garantito per ogni giorno della settimana dal lunedì al sabato compresi, negli orari e nei turni dettagliati nel Piano di Trasporto; caratteristiche del servizio: trasporto da casa a scuola e viceversa degli utenti, su punti di raccolta fissati nel Piano di Trasporto da definirsi all'avvio di ciascun anno scolastico; gli orari definiti nel Piano di Trasporto sono da intendersi suscettibili di modifiche in virtù delle variazioni dei percorsi, di utenza e di orari scolastici; Il numero di mezzi da utilizzare per l espletamento del servizio di trasporto ordinario in virtù delle iscrizioni pervenute e dei percorsi previsti per l a.s. 2011/2012 è di 21 scuolabus, con una percorrenza annua presunta di circa chilometri articolati in 21 percorsi per il servizio casa-scuola e ritorno; il numero di servizi di trasporto per le palestre e per attività integrative scolastiche (andata e ritorno) annui è di circa 200, per un totale di circa 3000 chilometri. Le attività integrative scolastiche ricomprendono tutte le uscite occasionali e saltuarie per attività scolastiche, ricreative, educative e sportive, durante il periodo di svolgimento delle attività didattiche. La Ditta appaltatrice dovrà mettere a disposizione, per l espletamento del servizio, veicoli idonei alle caratteristiche degli itinerari fissati ed in numero sufficiente al numero di utenti. Sulla base dei dati indicati nell allegato Piano del Trasporto scolastico, riferiti all a.s. 2011/2012, indicativi e pertanto non impegnativi per l Istituzione, il numero e la capienza minima dei mezzi richiesti per far fronte alle tipologie di trasporto scolastico del presente capitolato, nonché agli itinerari sono: n. 6 scuolabus da 18 posti totali n. 4 scuolabus da 28 posti totali n. 4 scuolabus da 32 posti totali n. 3 scuolabus da 39 posti totali n. 4 scuolabus da 55 posti totali n. 1 scuolabus da 44 posti totali come veicolo di riserva totale n. 22 scuolabus 4

5 La Ditta appaltatrice deve comunque garantire un parco scuolabus tale da espletare correttamente l esecuzione del servizio, compreso la creazione di eventuali nuovi percorsi non previsti nell allegato Piano di Trasporto. L Istituzione, al momento della stesura annuale degli itinerari, indicherà anche la capienza degli scuolabus richiesti in base a: numero degli alunni da trasportare per ogni percorso individuato; condizioni stradali, viabilità e sicurezza del percorso. La Ditta appaltatrice dovrà, inoltre, garantire la disponibilità di automezzi funzionanti, aventi caratteristiche simili a quelli utilizzati, in sostituzione di quelli in uso, nel caso di eventuali guasti meccanici o incidenti. Nel caso in cui all inizio di un servizio giornaliero non sia possibile utilizzare i mezzi autorizzati (ad. es. per guasto improvviso) la Ditta appaltatrice dovrà darne immediata comunicazione via fax all Istituzione ed impiegare mezzi idonei sostitutivi con le medesime caratteristiche di quelli autorizzati al fine di garantire lo svolgimento del servizio. La Ditta Appaltatrice dovrà garantire il servizio di rientro tempestivo degli alunni nel caso si verificassero cause di forza maggiore non oggettivamente prevedibili, quali rottura di caldaie o qualsiasi altro evento che renda indispensabile l allontanamento degli alunni dal plesso scolastico frequentato, previa comunicazione anche telefonica da parte dell Istituzione. La Ditta appaltatrice è tenuta a garantire sempre e comunque il servizio, secondo le modalità previste nel presente capitolato e per tutta la durata dell appalto, con ogni onere e spesa a proprio carico. Art. 4 - VARIAZIONE DEI PERCORSI I percorsi possono subire modifiche per giustificati motivi dell'utenza, attraverso la definizione (o soppressione) di ulteriori punti di raccolta o mediante accorpamento o scorporo di tratti di percorso. L Istituzione comunica le variazioni resesi necessarie alla Ditta Appaltatrice, la quale è tenuta ad adeguarsi entro un congruo periodo di tempo, e comunque non oltre 5 giorni lavorativi dalla comunicazione. Art. 5 - CARATTERISTICHE DEGLI SCUOLABUS Gli scuolabus utilizzati devono possedere tutti i requisiti richiesti dalla normativa comunitaria e nazionale. In particolare: rispondere ai requisiti dettati dal Decreto 31 Gennaio 1997 Nuove disposizioni in materia di trasporto scolastico e dalla successiva circolare nr. 23 del 11 Marzo 1997 del Ministero dei Trasporti e della Navigazione, e corrispondere alle caratteristiche costruttive di cui al D.M. 18 Aprile 1977 (Caratteristiche costruttive degli autobus) e s.m.i, con particolare riguardo ai D.M e D.M ; rispettare le norme dal decreto del Ministero dei Trasporti 22 ottobre 2010; possedere i requisiti di idoneità alla circolazione e omologazione di cui all'art. 75 del Codice della Strada (D.Lgs n. 285/92), essere regolarmente immatricolati, a norma dell'art. 93 del medesimo Codice. presso la motorizzazione civile e circolare muniti di carta di circolazione, nonché dei documenti previsti dall'art, 180 del Codice; essere coperti da polizza assicurativa RC relativa ai veicoli; essere dotati di cronotachigrafo e apertura a distanza degli sportelli; devono avere colorazione gialla e avere esposto ben visibile nella facciata anteriore il NUMERO del percorso assegnato, nonché la dicitura " COMUNE DI FERRARA 5

6 SERVIZIO SCUOLABUS, mentre sul retro la dicitura ATTENZIONE SALITA E DISCESA BAMBINI, o analoga segnaletica; devono essere in regola con le revisioni, generali ed annuali, previste dall'art. 80 del D.Lgs n. 285/92, come da ultimo stabilito dal D.M. n. 408/98; devono essere rispondenti a caratteristiche minime di emissione Euro 3; nel caso di rinnovo del servizio, a decorrere dall anno scolastico 2015/2016, per l esercizio del servizio di trasporto affidato, possono essere utilizzati esclusivamente scuolabus immatricolati dopo l e di classe ambientale Euro 4 o migliore; non devono essere stati immatricolati in data anteriore al 1 gennaio Art. 6 - OBBLIGHI DELL'APPALTATORE L'appaltatore si obbliga a collaborare costantemente con l Istituzione al fine di perseguire gli obiettivi di efficienza, efficacia ed economicità prescritti dalla legge ed eseguire il servizio di cui al presente Capitolato essendo responsabile dell'adempimento delle condizioni del contratto e della perfetta riuscita del servizio. L'impresa non potrà sospendere a nessun titolo il servizio, neppure parzialmente, salvo esplicita autorizzazione da parte dell Istituzione. La Ditta Appaltatrice si obbliga a: comunicare il nominativo (corredato di numero telefonico e di fax e orari di reperibilità) di un suo tecnico, Responsabile nei confronti dell Istituzione per l'espletamento del servizio Scuolabus; collaborare costantemente con l Istituzione al fine di perseguire gli obiettivi di efficienza, efficacia ed economicità prescritti dalla legge; garantire che il personale impiegato alla guida dei mezzi, mantenga un contegno riguardoso e corretto durante l'espletamento del servizio e provvedere all'immediata sostituzione del personale che risulti inidoneo allo svolgimento del servizio stesso. Detto personale non deve essere incorso in condanne penali e non deve avere carichi pendenti; avvalersi di personale caratterizzato da condizioni psicofisiche adeguate al servizio richiesto garantendone l adeguatezza anche in merito a non assunzione di alcol e al non uso di sostanze psicotrope durante lo svolgimento del servizio; avvalersi di personale autista che abbia buona conoscenza della lingua italiana; fornire un tesserino di riconoscimento a tutti gli operatori. Il personale impiegato dovrà sempre essere reperibile durante il servizio tramite cellulare, comunque nel rispetto delle norme del Codice della Strada in relazione all uso di tali dispositivi durante la guida; rispettare il tragitto e gli orari d'arrivo e ritiro dalla scuola. Qualora la scuola, per motivi didattici o ricreativi fosse impossibilitata al rispetto dei consueti orari di funzionamento, il trasportatore deve comunque garantire l'arrivo e ritiro dalla/alla scuola negli orari che verranno comunicati allo stesso; garantire il trasporto anche in occasione di maltempo, neve od altre cause o circostanze, fatto salvo il caso di chiusura della scuola; non effettuare il servizio verso quella scuola in caso di chiusura, per qualunque evenienza, del plesso scolastico; dare comunicazione in caso di sciopero del personale di guida o dei propri aventi causa all Istituzione con almeno 10 giorni di preavviso, al fine di informare le famiglie interessate, fatto salvo ogni più puntuale adempimento derivante dall'eventuale applicazione della L.146/90 e successive modificazioni o integrazioni; fornire, in caso di sciopero del personale delle Scuole, il servizio nelle sedi 6

7 scolastiche salvo esplicita comunicazione diversa da parte dell Istituzione, comunicazione che sarà fornita alla Ditta Appaltatrice almeno 24 ore prima; erogare, in caso di sospensione o revoca dello sciopero, il servizio normalmente; scegliere gli autisti sulla base di adeguate attitudini relazionali; utilizzare lo stesso personale conducente per tutto l anno scolastico per ciascuno dei percorsi predisposti, salvo cause di forza maggiore (malattie, ferie, dimissioni ecc.) al fine di favorire buone relazioni con i fruitori; effettuare i percorsi stabiliti nel Piano di Trasporto approvato dall'istituzione dei Servizi Educativi, Scolastici e per le Famiglie. Non sono ammesse percorrenze estranee agli itinerari approvati dall Istituzione dei Servizi Educativi, Scolastici e per le Famiglie, se non a seguito di espressa autorizzazione, oppure per cause di forza maggiore che dovranno essere immediatamente comunicate all Istituzione. Ugualmente, non sono consentite soste e fermate al di fuori dei punti di raccolta durante lo svolgimento del percorso per effettuare rifornimenti di carburanti, operazioni di manutenzione ordinaria o straordinaria e quant'altro comporti immotivato ritardo nello svolgimento del servizio; non possono salire sul mezzo altre persone se non espressamente autorizzate; farsi carico di costi derivanti da percorrenze estranee agli itinerari definiti dall Istituzione, effettuate per qualunque tipo di manutenzione ed intervento sugli automezzi; assicurare la costante efficienza degli automezzi impiegati per il servizio, con particolare riferimento alle misure di sicurezza e non impiegare veicoli che ammettono il trasporto di passeggeri in piedi; tenere perfettamente puliti gli automezzi almeno con cadenza settimanale, comunque ogni qualvolta si renda necessario per rendere il servizio alle migliori condizioni possibili; garantire la continuità del servizio di trasporto servendosi di mezzi e risorse che riterrà più opportune quali, ad esempio, la disponibilità di ulteriori mezzi sostitutivi; trasportare gli alunni sotto la propria responsabilità dal luogo di partenza a quello di arrivo, curandosi di garantirne la salita e la discesa dal mezzo nel più scrupoloso rispetto delle norme di sicurezza. E' tenuto a rispondere, oltre che del ritardo nell'adempimento o nell'esecuzione del trasporto, di qualsiasi sinistro che colpisca persone e cose; fornire all Istituzione, di volta in volta, immediata comunicazione di tutti gli incidenti in cui è incorsa durante l'espletamento del servizio appaltato, come: sinistri, collisioni ed altro, qualunque importanza essi rivestano ed anche quando nessun danno si sia verificato; comunicare tempestivamente all Istituzione qualsiasi interruzione, sospensione o variazione di servizio che dovesse verificarsi per cause di forza maggiore; garantire la sostituzione immediata degli operatori assenti a qualsiasi titolo; provvedere alla sostituzione immediata dei propri operatori che dovessero risultare, a giudizio concorde delle parti, inidonei allo svolgimento delle prestazioni oggetto del presente atto. L autista, oltre alle normali responsabilità e attenzione circa la guida del veicolo che gli è stato affidato, anche per garantire la massima sicurezza del trasporto: o non può anticipare l'orario di consegna e presa dei bambini alle famiglie, rispetto a quello del piano di trasporto; deve inoltre garantire agli utenti il raggiungimento della scuola di destinazione almeno 5 (cinque) minuti prima dell inizio delle lezioni, analogamente l automezzo che raccoglie gli alunni/e all uscita dalla scuola, deve giungere al punto di raccolta prefissato almeno cinque minuti prima del termine delle lezioni. Gli orari relativi all attività delle singole scuole saranno 7

8 forniti dal servizio Istruzione prima dell inizio dell anno scolastico. o ha la responsabilità di riferire alla Ditta Appaltatrice eventuali problemi affinché la stessa possa concordare, con l Istituzione dei Servizi Educativi, Scolastici e per le Famiglie e con gli organi scolastici competenti, l'atteggiamento da tenere nei confronti degli utenti e delle famiglie e gli strumenti da usare per comunicare con gli stessi. L impresa aggiudicataria è tenuta a presentare, prima dell assunzione del servizio, la seguente documentazione afferente i propri mezzi e dipendenti: - copia della carta di circolazione degli scuolabus; - elenco nominativo del personale impiegato nel servizio; - copia dei contratti di lavoro del personale impiegato per le attività oggetto dell appalto; - copia delle patenti di guida e del certificato di abilitazione professionale alla guida di autobus; - copia delle polizze assicurative. Art. 7 PERSONALE AUTISTA La Ditta Appaltatrice si avvale di personale qualificato idoneo allo svolgimento del servizio di cui al presente Capitolato, nel pieno rispetto della normativa sui contratti di lavoro dell area di appartenenza e della normativa di sicurezza dei lavoratori. La Ditta Appaltatrice è pertanto responsabile, a norma delle vigenti disposizioni, dei requisiti tecnico professionali e delle condizioni di idoneità del proprio personale al servizio prestato. Il personale addetto alla guida deve essere in possesso dei seguenti requisiti: - patente di guida della categoria adeguata al mezzo necessario per l effettuazione del servizio; - certificato di abilitazione professionale alla guida di autobus. La Ditta Appaltatrice del servizio trasporto scolastico è tenuta a fornire la sua prestazione ad una categoria particolare di utenti (alunni e studenti) ed assume un obbligo specifico di vigilanza sui minori trasportati, con conseguente necessità di avvalersi di mezzi e personale adeguati a tale specifica responsabilità. Il personale impiegato dovrà, pertanto, essere adeguatamente formato. Detto personale dovrà usare speciale prudenza nella condotta di guida e nelle fasi di salita degli alunni sull'autobus e della loro discesa assicurando che tali operazioni si svolgano senza pericoli per l'incolumità degli utenti. Il conducente risponde di tutte le situazioni pericolose per l'incolumità personale dei minori trasportati che egli stesso abbia determinato con una condotta colposa durante le fasi del trasporto, ivi comprese le attività preparatorie ed accessorie quali ad esempio salita e discesa dall'autobus. La vigilanza sugli utenti deve essere esercitata dal momento iniziale dell affidamento (luogo in cui si effettua la fermata) sino a quando alla stessa si sostituisce quella del personale della scuola nel momento in cui i minori varcano i cancelli della scuola, o dei genitori o delegati alla fermata per il ritorno a casa. Il conducente non può lasciare i minori davanti alle scuole ove i cancelli non risultino ancora aperti, o comunque non abbia verificato la presenza del personale della scuola, contravvenendo al loro obbligo di vigilanza. Tale obbligo termina laddove si sia verificata la presa in carico da parte del personale della scuola, sotto il coordinamento del Dirigente scolastico, e, cioè, esattamente nel momento in cui i minori, varcando il cancello e/o portone d ingresso, entrano nella scuola aperta. Inoltre, il conducente deve esercitare la vigilanza sino a quando non intervenga quella dei genitori o di un delegato al momento della discesa nel percorso di ritorno. 8

9 In caso di assenza dei genitori o dei loro delegati alla fermata, l'alunno dovrà essere trattenuto sullo scuolabus e opportunamente sorvegliato, senza che ciò comporti un interruzione del servizio e la Ditta Appaltatrice dovrà avvisare dell'accaduto direttamente e tempestivamente la Polizia Municipale e l Istituzione. Art. 8 - CONDIZIONI DELLA PRESTAZIONE DEI SERVIZI Sono a carico della Ditta Appaltatrice, intendendosi remunerati con il corrispettivo contrattuale, tutti gli oneri e i rischi relativi alla prestazione dei servizi oggetto dell'appalto, nonché ogni attività e fornitura che si rendesse necessaria per I"espletamento degli stessi o, comunque, opportuna per un corretto e completo adempimento delle obbligazioni previste, incluse quindi le attività preliminari all'avvio del servizio. La Ditta Appaltatrice si obbliga ad eseguire tutte le prestazioni a perfetta regola d arte, nel rispetto delle norme vigenti, anche in materia di sicurezza e secondo le condizioni, le modalità, i termini e le prescrizioni contenute nel Capitolato e nei suoi allegati. La Ditta Appaltatrice si obbliga ad osservare, nell'esecuzione delle prestazioni contrattuali, tutte le norme e le prescrizioni tecniche e di sicurezza e di protezione dei lavoratori vigenti. Gli eventuali maggiori oneri derivanti dalla necessità di osservare le norme e le prescrizioni di cui sopra, anche se entrate in vigore successivamente alla stipula del contratto, resteranno ad esclusivo carico della Ditta Appaltatrice, intendendosi in ogni caso remunerati con il corrispettivo contrattuale di cui oltre, e la Ditta Appaltatrice non potrà, pertanto, avanzare pretesa di compensi a tal titolo, nei confronti dell' Istituzione dei Servizi Educativi, Scolastici e per le Famiglie, assumendosene ogni relativa alea. La Ditta Appaltatrice si impegna espressamente a manlevare e tenere indenne l'istituzione dei Servizi Educativi, Scolastici e per le Famiglie da tutte le conseguenze derivanti dalla eventuale inosservanza delle norme e prescrizioni tecniche, di sicurezza, di igiene e sanitarie vigenti. La Ditta Appaltatrice si obbliga a consentire all'istituzione dei Servizi Educativi, Scolastici e per le Famiglie di procedere, in qualsiasi momento e anche senza preavviso, alle verifiche della piena e corretta esecuzione delle prestazioni oggetto dell'appalto, nonché a prestare la propria collaborazione per consentire lo svolgimento di tali verifiche. La Ditta Appaltatrice si obbliga, infine, a rispettare tutte le indicazioni relative all'esecuzione contrattuale che dovessero essere date dall'istituzione dei Servizi Educativi, Scolastici e per le Famiglie. La Ditta Appaltatrice si obbliga, inoltre, a dare immediata comunicazione all Istituzione dei Servizi Educativi, Scolastici e per le Famiglie di ogni circostanza che abbia influenza sull'esecuzione delle attività di cui al presente capitolato. Art. 9 - OBBLIGHI A CARICO DELL'ISTITUZIONE DEI SERVIZI EDUCATIVI SCOLASTICI E PER LE FAMIGLIE L'Istituzione dei Servizi Educativi, Scolastici e per le Famiglie, si impegna in merito alla predisposizione dei percorsi e alla definizione dei punti di raccolta, si assume l'onere di avvisare la Ditta Appaltatrice in merito a sospensioni del servizio per qualsiasi motivo imprevedibile (chiusura scuole per avversità atmosferiche, altro) non appena a conoscenza. Si impegna altresì a dare tempestiva comunicazione in merito a variazioni di percorso a seguito di ordinanze predisposte dall Ufficio Mobilità e Traffico. Art DURATA DEL CONTRATTO RINNOVO - PROROGA Il contratto relativo al presente appalto ha durata di tre anni scolastici (2012/ / /2015) e decorre dalla data di attivazione del servizio oggetto dell appalto, 9

10 indicata in un apposito verbale di inizio delle attività predisposto e controfirmato dalle parti, con inizio indicativo nel mese di settembre 2012 e con scadenza al 31 agosto L inizio e la fine del servizio sono determinati annualmente secondo il calendario scolastico approvato dalla Regione Emilia Romagna. L Istituzione si riserva la possibilità di rinnovo annuale fino ad un massimo di 36 mesi, previa valutazione del servizio reso e della congruità economica per l'ente, comunque a suo insindacabile giudizio. La durata complessiva dell appalto, potrà essere prorogata, agli stessi patti, prezzi e condizioni, dall Istituzione, a suo insindacabile giudizio, per garantire la continuità del servizio stesso, fino ad un massimo di quattro mesi mediante comunicazione scritta all Appaltatore entro la scadenza del termine, nelle more dell espletamento di una nuova gara di appalto. Art. 11 PAGAMENTI Il pagamento avverrà entro 30 giorni dalla data di ricevimento delle fatture che verranno emesse con cadenza mensile con mandato di pagamento a favore dell Appaltatore, una volta rilasciata la dichiarazione di regolare esecuzione del servizio. Le fatture, redatte secondo le norme fiscali in vigore saranno intestate all Istituzione dei Servizi Educativi, Scolastici e per le Famiglie (C.F ) via Calcagnini n Ferrara e riporteranno le modalità di pagamento, comprensive del codice IBAN. Ai sensi di quanto previsto dall art. 4 c. 3 del D.P.R. 207/2010, sull'importo netto progressivo delle prestazioni è operata una ritenuta dello 0,5 per cento; le ritenute saranno svincolate soltanto in sede di liquidazione finale, previa approvazione del certificato di regolare esecuzione del servizio. In caso di aggiudicazione in capo ad un Raggruppamento Temporaneo d Impresa, le fatture dovranno essere emesse dalla società mandataria. L Appaltatore non potrà pretendere interessi per l eventuale ritardo del pagamento dovuto, qualora questo dipenda dall espletamento di obblighi normativi necessari a renderlo esecutivo. Art OBBLIGHI DI TRACCIABILITA L appaltatore assume gli obblighi di tracciabilità dei flussi finanziari previsti dalla legge 13 agosto 2010 n. 136 e smi, sia nei rapporti verso l Istituzione sia nei rapporti con i subappaltatori e gli eventuali subcontraenti in genere appartenenti alla filiera delle imprese del presente contratto. L appaltatore si obbliga ad utilizzare, ai fini dei pagamenti relativi al presente contratto, sia attivi da parte dell Istituzione sia passivi verso gli Operatori della Filiera, uno o più conti correnti bancari o postali, accesi presso banche o presso Poste Italiane S.p.A., dedicati anche in via non esclusiva alle commesse pubbliche. Tale adempimento è a carico anche dei subappaltatori e dei subcontraenti della filiera delle imprese a qualsiasi titolo interessate all appalto. L appaltatore è tenuto a dichiarare gli estremi identificativi del/i conto/i corrente/i bancario/i o postale/i dedicato/i, anche in via non esclusiva, alla commessa pubblica in oggetto, nonché le generalità e il codice fiscale delle persone delegate ad operare su di essi. Tale dichiarazione, resa ai sensi del D.P.R. 445/2000 e smi, sarà rilasciata dal rappresentante legale dell appaltatore entro 7 (sette) giorni dall accensione del predetto conto o, nel caso di conti correnti già esistenti, dalla loro prima utilizzazione in operazioni finanziarie relative alla commessa pubblica. Il medesimo soggetto è obbligato a comunicare eventuali modifiche ai dati trasmessi, entro 7 (sette) giorni dal verificarsi delle stesse. Ai fini dell art.3, co.7, della L.136/2010 l appaltatore è tenuto altresì a comunicare all Istituzione gli estremi di cui sopra riferiti ai subappaltatori e agli eventuali subcontraenti. 10

11 Ferme restando le ulteriori ipotesi di risoluzione previste dal contratto, si conviene che il mancato utilizzo del bonifico bancario o postale, ovvero degli altri strumenti idonei a consentire la piena tracciabilità delle operazioni, costituisce causa di risoluzione dello stesso. Ai fini della tracciabilità dei flussi finanziari gli strumenti di pagamento dovranno riportare, in relazione a ciascuna transazione posta in essere dall Amministrazione e dagli altri soggetti di cui al precedente punto 2, il seguente codice identificativo gara (CIG): F4C. L appaltatore, tramite un legale rappresentante o soggetto munito di apposita procura, trasmetterà i contratti sottoscritti con i subappaltatori contenenti, a pena di nullità assoluta, gli obblighi di tracciabilità dei flussi finanziari di cui alla legge 136/2010 e smi. Con riferimento ai subcontratti stipulati per l esecuzione, anche non esclusiva del contratto, l appaltatore si obbliga a trasmettere all Istituzione, oltre alle informazioni di cui all art. 118, comma 11 ultimo periodo, del D.Lgs. 163/2006 e smi, anche apposita dichiarazione resa ai sensi del D.P.R. 445/2000, attestante che nel relativo subcontratto è stata inserita, a pena di nullità assoluta, un apposita clausola con la quale il subcontraente assume gli obblighi di tracciabilità dei flussi finanziari di cui alla legge 136/2010 e smi, restando inteso che l Istituzione si riserva di procedere a verifiche a campione sulla veridicità di quanto a tale riguardo dichiarato, richiedendo all uopo la produzione dei subcontratti stipulati e di adottare, all esito dell espletata verifica, ogni più opportuna determinazione, ai sensi della legge e di contratto. Art IMPORTO DELL'APPALTO L importo stimato per l appalto in oggetto per gli anni scolastici 2012/ / /2015, è pari a ,00, (duemilioniventisettemilacento/00), I.V.A. esclusa. L importo sopra espresso, che ha valore puramente indicativo e non costituisce titolo di pretesa alcuna da parte dell appaltatore, è stato determinato sulla base di un corrispettivo chilometrico di. 2,33 + I.V.A. e di una percorrenza per anno scolastico di chilometri per il servizio casa-scuola e ritorno e di chilometri per i servizi di trasporto per le palestre. Art. 14 DUVRI I costi per la sicurezza derivanti dai rischi di natura interferenziale sono pari a zero. L appaltatore eseguirà il servizio effettuando la fermata presso gli accessi delle scuole interessate dal tragitto previsto dal piano trasporto, nelle aree esterne al perimetro delimitato dalla recinzione designate a tale scopo; ciò non comporta interazione alcuna con il personale scolastico delle stesse. Non si considerano interferenze quei rischi specifici propri dell attività dell impresa appaltatrice. Allo stato attuale non si intravedono costi per l azienda appaltatrice dovuti ad attività interferenti. L appaltatore dovrà in ogni caso rispettare tutte le indicazioni, i divieti e le prescrizioni di sicurezza impartite dalle direzioni scolastiche e dal committente. Art REVISIONE DEI PREZZI La revisione prezzi non potrà operare prima del decorso del primo anno di durata contrattuale, non ha efficacia retroattiva e viene concordata a seguito di apposita istruttoria. Per il calcolo degli aggiornamenti del prezzo, qualora non siano disponibili i costi standardizzati, editi dall Osservatorio di cui all art. 7 co. 4, lett.c) e co. 5 - del d.lgs. n. 11

12 163/2006, potranno essere utilizzati gli strumenti orientativi ritenuti più idonei tra i quali rientrano gli indici ISTAT dei prezzi al consumo per le famiglie di operai ed impiegati. Art. 16 MODALITA DI CALCOLO DEI PERCORSI Per il calcolo della lunghezza dei percorsi relativi al servizio di trasporto ordinario i tragitti saranno misurati con le seguenti modalità: dal primo punto di salita degli utenti fino all ultimo plesso scolastico di destinazione degli stessi; viceversa, il ritorno sarà misurato partendo dalla prima scuola di raccolta degli studenti fino all ultimo punto di discesa degli stessi. Il calcolo del percorso a vuoto sarà dato dal tragitto più breve tra l ultimo plesso scolastico e la fermata a cui è salito il primo bambino, cioè della distanza chilometrica tra i due capolinea. Per i servizi di trasporto per le palestre, il percorso sarà calcolato in base all effettiva distanza chilometrica, rilevata dal cronotachigrafo, che separa la scuola dalle sedi delle palestre e, al ritorno, dalle palestre alle sedi delle scuole. Art POSSESSO DEI REQUISTI MINIMI DI CAPACITA ECONOMICO- FINANZIARIA E TECNICO-PROFESSIONALE I partecipanti alla gara devono essere in possesso dei seguenti requisiti minimi di partecipazione di carattere economico-finanziaria e tecnico-professionale di: 1. aver realizzato, nel triennio , un fatturato globale non inferiore all importo di euro , aver realizzato direttamente, negli anni scolastici 2008/ / /2011, servizi di trasporto scolastico ordinario e per disabili per la scuola dell infanzia e per il primo ciclo d istruzione, per Pubbliche Amministrazioni/Enti pubblici, il cui importo sia stato nel triennio scolastico di riferimento, complessivamente almeno pari ad euro ,00 al netto di IVA; tali servizi dovranno essere stati svolti in maniera consecutiva, regolarmente e con buon esito (senza che si siano verificate inadempienze gravi formalizzate con provvedimenti definitivi, anche amministrativi, aventi caratteristiche ed effetti sanzionatori), e dovranno riportare indicazione per ciascun servizio gli importi, le date e i destinatari. 3. aver effettuato presso Pubbliche Amministrazioni/Enti pubblici negli anni scolastici 2008/ / /2011 un numero di chilometri per trasporto scolastico con scuolabus non inferiore a (complessivi nel triennio). 4. aver la disponibilità di una sede operativa nel Comune di Ferrara, dotata di idonei collegamenti telefonici e telefax in funzione permanente durante il periodo e l orario di apertura dei servizi, con responsabili in grado di assumere decisioni immediate rispetto alla soluzione di problemi derivanti dal contratto, oppure l impegno vincolante ad istituirla e a renderla operativa entro il 31 agosto aver la disponibilità di una rimessa per i mezzi impiegati per il servizio, in proprietà o in locazione con contratto registrato o con altro titolo giuridico, ubicata nel comune di Ferrara o in uno dei comuni confinanti, comunque non oltre 20 km dal Palazzo Comunale, Piazza del Municipio 2, al fine di rendere più tempestivi ed efficienti eventuali interventi di emergenza, in caso di sinistro o avaria dei mezzi utilizzati per l esecuzione del servizio, oppure l impegno vincolante, in caso di aggiudicazione dell appalto, a reperirne una che dovrà essere operativa inderogabilmente entro il 31 agosto La rimessa dovrà essere in regola con quanto previsto dalla normativa vigente in materia urbanistica, di prevenzione incendi, igienico-sanitarie e di sicurezza del lavoro. 6. aver avuto nel triennio la proprietà o la disponibilità di un numero medio annuo di almeno 30 scuolabus (in leasing, usufrutto, vendita con patto di riservato dominio) di cui almeno 14 scuolabus immatricolati dopo l

13 Art SOPRALLUOGO TECNICO Ai fini della corretta formulazione dell offerta, è previsto sopralluogo tecnico. Il sopralluogo dovrà essere effettuato dal Titolare o dal Legale Rappresentante della ditta partecipante, ovvero da soggetto munito di delega del Titolare o del Legale Rappresentante, alla presenza del tecnico comunale incaricato, previa prenotazione telefonica alla segreteria del Direttore dell Istituzione al numero , dal lunedì al venerdì dalle ore 8,30 alle ore 12,30. Il sopralluogo può avvenire fino a cinque giorni antecedenti al termine fissato per la presentazione delle offerte. I concorrenti dovranno presentarsi per l effettuazione del sopralluogo presso l Istituzione dei Servizi Educativi, Scolastici e per le Famiglie del Comune di Ferrara, ubicata in via Calcagnini 5 Uffico Diritto allo Studio, osservando la massima puntualità. Art. 19 PROCEDURA DI AGGIUDICAZIONE La gara verrà aggiudicata, anche in presenza di una sola offerta formalmente valida purché ritenuta conveniente e congrua da parte dell Istituzione, mediante procedura aperta, ai sensi degli artt. 54 e 55 del Codice dei contratti e da aggiudicare mediante il criterio dell offerta economicamente più vantaggiosa ai sensi degli artt. 81, comma 1, e 83, comma 1, del Codice dei Contratti, secondo gli elementi di valutazione e le modalità di seguito indicate: Elementi di valutazione Punteggio massimo 1 Offerta tecnica 70 2 Offerta economica 30 TOTALE 100 OFFERTA TECNICA massimo 70 punti L attribuzione del punteggio tecnico avverrà in base ai seguenti criteri: CRITERI TECNICI Punti max 1 Modernità degli scuolabus: 27 2 Difesa ambientale 14 3 Equipaggiamento degli scuolabus 5 4 Aspetti migliorativi 20 5 Possesso di certificazione UNI EN ISO 9001, UNI EN ISO TOTALE 4 70 Gli scuolabus presi a riferimento per la valutazione delle caratteristiche tecniche devono essere quelli indicati nell art. 3 del presente capitolato. Il presente criterio sarà pertanto 13

14 applicato ESCLUSIVAMENTE in riferimento agli automezzi di seguito indicati, e che la ditta si impegna a mettere a disposizione, qualora risulti aggiudicataria: n. 6 scuolabus da 18 posti totali n. 4 scuolabus da 28 posti totali n. 4 scuolabus da 32 posti totali n. 3 scuolabus da 39 posti totali n. 4 scuolabus da 55 posti totali n. 1 scuolabus da 44 posti totali come veicolo di riserva 1) Modernità degli scuolabus: massimo punti 27 Il criterio fa riferimento all anno di prima immatricolazione di ognuno dei veicoli che ogni soggetto concorrente è tenuto a mettere a disposizione del servizio, secondo la seguente ripartizione: Anni compresi tra : punti 1,5 per veicolo Anni compresi tra : punti 1 per veicolo Anni compresi tra : punti 0,5 per veicolo Dovrà essere inserita copia della carta di circolazione degli stessi nella Busta n.2 Offerta tecnica. 2) Difesa ambientale: massimo punti 14 Scuolabus con motore a gas (GPL o metano), con motore classificato EURO 5 / Euro 6 o ibridi - punti 1 per veicolo Dovrà essere inserita copia della carta di circolazione degli stessi nella Busta n.2 Offerta tecnica. 3) Equipaggiamento degli scuolabus impiegati nel servizio: massimo punti 5 Per ogni mezzo dotato di impianto di climatizzazione (aria calda e fredda) - punti 0,5 La dotazione di cui al punto 3) potrà essere autocertificata in fase di gara, e dovrà poi essere dimostrata in caso di aggiudicazione dell appalto. La documentazione dovrà essere inserita nella Busta n.2 Offerta tecnica. 4) Aspetti migliorativi: massimo punti 20 Aspetti migliorativi rispetto a quanto richiesto nel capitolato d appalto e/o eventuali proposte che non comportino ulteriori costi per l Istituzione, utili ad implementare la qualità del servizio, con particolare riferimento: a) al numero di automezzi nella disponibilità (proprietà e/o possesso a qualunque titolo) del concorrente, aventi le caratteristiche necessarie per l espletamento del servizio, che vengono destinati alla sostituzione dei mezzi ordinariamente impiegati nel caso di rimessaggio per interventi di riparazione/manutenzione o per far fronte alle emergenze e agli imprevisti in caso di richiesta di aumento del servizio o di variazione di tipologia 0,5 punti per ogni scuolabus in più oltre al numero richiesto per la partecipazione, avente i requisiti minimi Euro 3: max 3 punti b) alle modalità di collegamento con l Istituzione: max 6 punti in relazione al sistema proposto per la realizzazione di un efficace collegamento con l Istituzione, e per le modalità e gli strumenti proposti per la sua realizzazione; 14

15 c) alle strategie e alle modalità che si intendono adottare per favorire la continuità del servizio e la stabilità del personale impiegato (organizzazione giornaliera e settimanale del personale, il contenimento del turnover, modalità di sostituzione del personale assente): max 4 punti d) all esperienza professionale di ciascuno degli autisti che svolgeranno il servizio in modo continuativo: max 5 punti Sarà oggetto di valutazione il numero di autisti che l appaltatore intende impiegare nel servizio con esperienza di almeno 3 anni scolastici nell attività di trasporto scolastico. Oltre 15 autisti punti 5 Da 10 a 14 autisti punti 2 Fino a 9 autisti punti 0 e) al piano di formazione del personale proposto dalla ditta concorrente, avendo riguardo in particolare al monte ore annuale previsto per attività formative per ciascun autista impiegato, al contenuto e all articolazione delle attività formative e alle modalità della loro organizzazione e svolgimento: max 2 punti La descrizione del punto 4 - Aspetti migliorativi non potrà superare 2 fogli (= 4 facciate) del formato A4, carattere Arial o Times New Roman, dimensione 12, per massimo 40 righe per ogni pagina. In allegato alla relazione descrittiva di max. 4 facciate dovranno essere presentati i curricula di cui al punto d) e l elenco degli scuolabus di cui al punto a). Sarà attribuito il massimo punteggio al concorrente che avrà presentato la relazione più dettagliata ed esaustiva in merito agli aspetti sopra richiesti (Busta n.2 Offerta tecnica). Per il criterio relativo all elemento qualitativo di valutazione dell offerta punto 4) lett. b), c) ed e) ogni componente della Commissione di gara attribuirà all offerta un coefficiente discrezionale compreso tra 0 e 1. Quindi la Commissione calcolerà la media dei coefficienti attribuiti dai componenti riportando ad uno la media più alta e proporzionando a tale media massima le medie provvisorie prema calcolate; il punteggio sarà ottenuto moltiplicando la media definitiva per il corrispondente valore massimo. L elemento di valutazione di natura qualitativa di cui al suddetto punto 4) avviene attraverso il seguente giudizio attribuito dalla Commissione stessa: GRADO GIUDIZIO ATTRIBUITO DALLA COMMISSIONE Coefficiente GIUDICATRICE Ottimo 1,00 Buono 0,80 Sufficiente 0,60 Insufficiente 0,40 Gravemente insufficiente 0,20 Inesistente 0,00 5) Possesso di certificazione UNI EN ISO 9001, UNI EN ISO punti a certificazione, per un massimo complessivo di punti 4 In caso di Associazioni Temporanee di Imprese o di Consorzi il punteggio previsto per ciascuna certificazione (punti 2) verrà attribuito solo se la certificazione è posseduta da ciascun componente l ATI o il Consorzio. Le copie delle certificazioni delle quali è stato dichiarato il possesso dovranno essere accompagnate da dichiarazione di conformità all originale resa dal legale rappresentante dell impresa concorrente ed inserite nella Busta n.2 Offerta tecnica. 15

16 ********* I concorrenti saranno ammessi alla fase relativa all apertura delle offerte economiche solo qualora negli elementi di valutazione qualitativa, di cui ai suddetti punti 1), 2), 3), 4) e 5) (offerta tecnico/qualitativa) abbiano raggiunto un punteggio complessivo non inferiore a punti 30 massimi assegnabili. Il riproporzionamento del punteggio assegnato all offerta tecnica, secondo i criteri e subcriteri indicati nel presente articolo, garantirà l assegnazione dei 70 punti per l aspetto qualitativo alla ditta che avrà presentato l offerta tecnica ritenuta migliore. Offerta economica Punteggio massimo 30 Sono ammesse solo offerte al ribasso. Dovrà essere indicato il prezzo unitario/km (non la percentuale) al netto dell IVA, in cifre e in lettere, al ribasso rispetto al prezzo/km a base di gara come indicato all art. 13, e cioè Euro 2,33 (due/trentatré), a chilometro, oltre all IVA. L importo dovrà essere espresso con due decimali. I decimali mancanti dell offerta saranno considerati pari a zero. Sarà motivo di esclusione dalla gara l aver omesso completamente, cioè tanto in cifre quanto in lettere, l indicazione del prezzo unitario. In caso di discordanza tra il prezzo in cifre e in lettere, verrà considerato valido, quale importo contrattuale, quello più favorevole per l amministrazione. Qualora l offerta presenti un prezzo manifestamente e anormalmente basso, si procederà secondo quanto disposto ex artt D. Lgs. 163/2006. I punteggi verranno assegnati utilizzando la formula: PUNTEGGIO = PREZZO INFERIORE x 30 / PREZZO OFFERTO L aggiudicazione è effettuata in favore dell impresa che avrà conseguito complessivamente il punteggio più elevato, risultante dalla somma dei punti attribuiti. L Istituzione si riserva la facoltà di aggiudicare anche in presenza di una sola offerta ritenuta economicamente vantaggiosa. Art. 20 ESECUZIONE ANTICIPATA DELLA PRESTAZIONE IN PENDENZA DI STIPULAZIONE DEL CONTRATTO Nei casi previsti al comma 2 dell art. 302 il responsabile del procedimento può autorizzare l esecuzione anticipata della prestazione dando avvio all esecuzione della prestazione oggetto del contratto anche in pendenza della stipulazione del contratto, previa costituzione del deposito cauzionale definitivo di cui all articolo successivo, e dopo che l aggiudicazione sia divenuta esecutiva. Il responsabile del procedimento autorizza con proprio atto l esecuzione anticipata con apposito provvedimento nel quale vengono indicati in concreto i motivi che la giustificano. Art DEPOSITO CAUZIONALE DEFINITIVO Fatto salvo quanto previsto dall articolo precedente, l'aggiudicatario sarà tenuto a prestare, almeno 10 giorni prima della stipula del contratto, un deposito cauzionale definitivo in misura pari al 10 per cento dell'importo contrattuale IVA esclusa ovvero delle ulteriori percentuali nelle ipotesi indicate dall art.113, co. 1 del D.Lgs. 163/06. Il deposito in questione si intende a garanzia dell'adempimento di tutte le obbligazioni assunte e del 16

17 risarcimento dei danni derivanti da eventuali inadempienze, fatta comunque salva la risarcibilità del maggior danno. L'importo del deposito cauzionale sarà precisato nella lettera di comunicazione dell'aggiudicazione. La garanzia dovrà operare a prima richiesta, senza che il garante possa sollevare eccezione alcuna e con l'obbligo di versare la somma richiesta, entro il limite dell'importo garantito, entro un termine massimo di 15 giorni consecutivi dalla richiesta. A tal fine, il documento stesso dovrà prevedere espressamente la rinuncia al beneficio della preventiva escussione del debitore principale, la rinuncia all eccezione di cui all articolo comma 2 del codice civile e la sua operatività entro 15 giorni, a semplice richiesta della Stazione Appaltante. Le fideiussioni/polizze dovranno essere intestate all Istituzione dei Servizi Educativi, Scolastici e per le Famiglie del Comune di Ferrara. La garanzia dovrà avere validità temporale almeno pari alla durata del contratto e dovrà, comunque. avere efficacia fino ad apposita comunicazione liberatoria (costituita anche dalla semplice restituzione del documento di garanzia) da parte dell'amministrazione beneficiaria, con la quale verrà attestata l'assenza oppure la definizione di ogni eventuale eccezione e controversia, sorte in dipendenza dell esecuzione del contratto. La garanzia dovrà essere reintegrata entro il termine di 10 giorni lavorativi dal ricevimento della richiesta dell'amministrazione qualora, in fase di esecuzione del contratto, essa sia stata escussa parzialmente o totalmente a seguito di ritardi o altre inadempienze da parte dell'aggiudicatario. In caso di inadempimento a tale obbligo, l Amministrazione ha facoltà di dichiarare risolto di diritto il contratto. Art. 22 -SPESE ED ONERI FISCALI Dopo l'aggiudicazione l'impresa sarà invitata a presentarsi per la stipulazione del contratto nella forma dell'atto pubblico amministrativo. Tutte le spese, compresi gli oneri fiscali inerenti e conseguenti alla stipulazione contratto d'appalto nessuna eccettuata od esclusa, saranno a carico della Ditta Appaltatrice. La Ditta Appaltatrice dovrà provvedere al deposito delle spese di contratto, di bollo, diritti di rogito e di registrazione. La Ditta Appaltatrice, previa autorizzazione scritta del responsabile comunale, è tenuta comunque ad iniziare il servizio anche se, a causa di ritardi, non sarà ancora sottoscritto il contratto d'appalto. Art COPERTURA ASSICURATIVA 1. È a carico della Ditta Appaltatrice ogni e qualsiasi responsabilità civile verso terzi, ivi compresi i trasportati, per danni arrecati a persone e cose nello svolgimento del servizio in conseguenza del medesimo, anche oltre i massimali previsti nella polizza del successivo comma 3, sollevando in tal senso l Istituzione, il Comune di Ferrara, ed i funzionari preposti da ogni responsabilità civile e penale ed assumendo in proprio l eventuale lite. 2. Per le responsabilità della Ditta Appaltatrice si richiama l art del Codice Civile, precisando che si devono considerare avvenuti durante il viaggio anche i sinistri che colpiscono la persona del viaggiatore durante le operazioni preparatorie o accessorie in genere del trasporto durante le soste e le fermate. 3. A fronte delle responsabilità evidenziate ai precedenti commi 1 e 2, la Ditta Appaltatrice è tenuta a stipulare un'assicurazione per responsabilità civile verso i terzi (persone e cose), con un massimale non inferiore a ,00 per danni alle Persone e per RCO non inferiore a ,00 per sinistro con il limite di Euro ,00 per prestatore di lavoro. 17

18 4. Per ogni veicolo adibito ai servizi oggetto dell appalto, la Ditta Appaltatrice dovrà essere in possesso di polizza assicurativa verso terzi (RC auto), con massimali di ,00. Dovranno espressamente essere menzionate le seguenti clausole ed estensioni: descrizione puntuale del servizio oggetto del presente appalto; estensione della qualifica di "Assicurato" all'amministrazione comunale, suoi Amministratori e Dipendenti; estensione del novero dei "Terzi" all'amministrazione comunale, suoi Amministratori e Dipendenti; estensione ai danni imputabili a colpa grave degli Assicurati; estensione della copertura di infortunio in salita e in discesa di tutti i trasportati. 5. La Ditta Appaltatrice, dovrà fornire all Istituzione copia delle polizze assicurative contestualmente alla stipula del contratto d appalto ovvero prima dell affidamento del servizio nel caso previsto dall art.20. La Ditta Appaltatrice si impegna inoltre a comunicare preventivamente, per iscritto, eventuali variazioni per qualsiasi causa. 6. La Ditta Appaltatrice è unica responsabile in caso di eventuale inosservanza delle norme in materia di viabilità e di trasporto scolastico. 7. La sorveglianza sul rispetto del Capitolato non diminuirà in nulla la responsabilità della Ditta Appaltatrice per tutto quanto attiene lo svolgimento del servizio, responsabilità che rimarrà esclusivamente ed interamente a carico della stessa. 8. La polizza dovrà risultare in regola con il pagamento del relativo premio per!"intero periodo dell appalto: a tale proposito l'assicuratore dovrà espressamente impegnarsi a notificare all Istituzione dei Servizi Educativi, Scolastici e per le Famiglie, mediante lettera raccomandata, ogni sospensione di copertura per mancato pagamento dei premi o per inadempimento della comunicazione dei dati ai fini della regolazione annuale, entro e non oltre trenta giorni dall'inadempimento. La Ditta Appaltatrice è obbligata a reintegrare le garanzie di cui l Istituzione dei Servizi Educativi, Scolastici e per le Famiglie si sia avvalsa, durante l'esecuzione del contratto o che risultino ridotte o poste a riserva dall'assicuratore a seguito di denuncia di sinistro. In caso di mancata reintegrazione delle garanzie, l'istituzione ha facoltà di trattenere i ratei di prezzi fino alla concorrenza di un importo che, sommato all'eventuale residuo del massimale delle garanzie, ripristini l'ammontare delle garanzie medesime. Art OBBLIGHI DERIVANTI DAL RAPPORTO DI LAVORO L Appaltatore si obbliga ad ottemperare a tutti gli obblighi verso i propri dipendenti derivanti da disposizioni legislative e regolamentari vigenti in materia di lavoro, ivi comprese quelle in tema di igiene e sicurezza, previdenza e disciplina infortunistica, assumendo a proprio carico tutti gli oneri relativi. L Appaltatore si obbliga, altresì, ad applicare nei confronti dei propri dipendenti occupati nelle attività contrattuali le condizioni normative retributive non inferiori a quelle risultanti dai contratti collettivi di lavoro applicabili, alla data di stipulazione del contratto, alla categoria e nelle località di svolgimento delle attività, nonché le condizioni risultanti da successive modifiche ed integrazioni. L Appaltatore si obbliga altresì a continuare ad applicare i su indicati contratti collettivi anche dopo la loro scadenza e fino alla loro sostituzione, fatto in ogni caso salvo il trattamento di miglior favore per il dipendente. Gli obblighi relativi ai contratti collettivi nazionali di lavoro di cui ai commi precedenti vincolano l Appaltatore anche nel caso in cui questo non aderisca alle associazioni stipulanti o receda da esse, per tutto il periodo di validità del contratto. 18

19 L Appaltatore si obbliga a dimostrare, a qualsiasi richiesta dell Amministrazione, l adempimento di tutte le disposizioni relative alle assicurazioni sociali, derivanti da leggi e contratti collettivi di lavoro, che prevedano il pagamento di contributi da parte dei datori di lavoro a favore dei propri dipendenti. Ai fini di cui sopra questa Istituzione acquisirà, ex art. 16bis della L. 2/2009, il DURC attestante la posizione contributiva e previdenziale dell Appaltatore nei confronti dei propri dipendenti. Nell ipotesi di inadempimento documentato anche ad uno solo degli obblighi di cui ai commi precedenti l Istituzione, si riserva di applicare quanto previsto dagli artt. 4 e 5 del DPR. 207/2010. Fermo restando quanto sopra, in caso di gravi, ovvero, ripetute violazioni dei suddetti obblighi, l Istituzione ha facoltà, altresì, di dichiarare risolto di diritto il contratto. Art. 25 RESPONSABILITÀ La Stazione appaltante resta estranea ai rapporti giuridici verso terzi, posti in essere a qualunque titolo, anche di fatto, dalla Ditta Appaltatrice, la quale la manleva da ogni responsabilità per danni alle persone ed alle cose anche di terzi, nonché da ogni pretesa di azione al riguardo, che derivi, in qualsiasi momento e modo da quanto forma oggetto del vigente rapporto contrattuale obbligandosi ad intervenire direttamente nei relativi giudizi. Estromettendone, di conseguenza, la Stazione appaltante. La Ditta Appaltatrice risponderà direttamente dei danni alle persone ed alle cose provocati nello svolgimento del servizio, restando a suo completo ed esclusivo carico qualsiasi risarcimento, senza diritto di rivalsa o di compensi da parte della Stazione appaltante, salvo l'intervento in favore della Ditta Appaltatrice da parte della Società Assicuratrice. La Ditta Appaltatrice nell'ambito del principio generale di cooperazione, ha la responsabilità di provvedere a segnalare alla Stazione appaltante ogni problema sorto nell'espletamento del servizio, con particolare riferimento a quanto possa riuscire di ostacolo al conseguimento delle finalità e degli obiettivi generali e specifici del servizio; in tale quadro il gestore è tenuto a prestare la propria fattiva collaborazione per la rapida soluzione dei problemi segnalati. In questo caso nulla è dovuto all'impresa per gli investimenti messi in atto per l'attivazione del contratto. Art RAPPORTI CONTRATTUALI DIRETTORE DELL ESECUZIONE RESPONSABILE DEL SERVIZIO PER CONTO DELL APPALTATORE Il direttore dell esecuzione avrà il compito di monitorare il regolare andamento dell esecuzione del presente contratto ed in generale dei compiti previsti dall art. 301 del DPR 207/10. Le indicazioni tecniche per l'espletamento delle attività saranno impartite dal Direttore dell esecuzione del contratto che effettuerà e riceverà tutte le dichiarazioni e, in generale, le comunicazioni inerenti le attività tecniche del contratto in oggetto. Detto soggetto avrà il compito di predisporre, in accordo con l Appaltatore, il verbale di inizio delle attività, controllare che l'appalto sia eseguito tecnicamente secondo i tempi, le modalità ed i programmi contenuti nel contratto e nei documenti di riferimento, controllare, in accordo con i competenti uffici dell Istituzione, che tutti gli atti amministrativi e contabili inerenti alle attività siano corretti e comunque conformi a norme e consuetudini dell'istituzione. L Appaltatore dovrà fare in modo che all interno della propria organizzazione vi sia un unico centro di riferimento al quale l Istituzione possa rivolgersi per le richieste, le 19

20 informazioni, le segnalazioni di disservizi o di anomalie ed ogni altra comunicazione relativa al rapporto contrattuale. In tal senso, l Appaltatore si impegna a designare, a suo totale carico ed onere, una persona responsabile della esecuzione del contratto (Responsabile del servizio per conto dell Appaltatore), costantemente reperibile, il cui nominativo sarà indicato all'istituzione per iscritto all'atto della firma del contratto o al momento dell avvio dell esecuzione del contratto e quindi inserito nell apposito verbale di cui all articolo successivo. Il responsabile del servizio provvederà, per conto dell Appaltatore, a vigilare affinché ogni fase dell'appalto risponda a quanto stabilito dai documenti contrattuali e sarà il naturale corrispondente del Responsabile del servizio per conto dell'istituzione. Art AVVIO DELL ESECUZIONE DEL CONTRATTO Al fine di determinare l avvio dell esecuzione del contratto il direttore dell esecuzione, autorizzato dal R.U.P., redige, in conformità all art. 304 del DPR 207/2010, apposito verbale in contraddittorio con l esecutore il quale è tenuto a seguire le istruzioni e le direttive fornite dalla stazione appaltante per l avvio dell esecuzione del contratto. Art.28 VARIANTI L Amministrazione si riserva la facoltà di introdurre quelle varianti al contratto che a suo insindacabile giudizio ritiene opportune, con l osservanza delle prescrizioni ed entro i limiti stabiliti dall art.311 del D.P.R.207/2010. La stazione appaltante può introdurre variazioni al contratto nei seguenti casi: a) per esigenze derivanti da sopravvenute disposizioni legislative e regolamentari; b) per cause impreviste e imprevedibili, accertate dal responsabile del procedimento o per l intervenuta possibilità di utilizzare materiali, componenti e tecnologie non esistenti al momento in cui ha avuto inizio la procedura di selezione del contraente, che possono determinare, senza aumento di costo, significativi miglioramenti nella qualità delle prestazioni eseguite; c) per la presenza di eventi inerenti alla natura e alla specificità dei beni o dei luoghi sui quali si interviene, verificatisi nel corso di esecuzione del contratto; d) nell esclusivo interesse della stazione appaltante, le varianti, in aumento o in diminuzione, finalizzate al miglioramento o alla migliore funzionalità delle prestazioni oggetto del contratto, qualora non comportino modifiche sostanziali e siano motivate da obiettive esigenze derivanti da circostanze sopravvenute e imprevedibili al momento della stipula contrattuale; il valore di tali varianti non può essere superiore al 5% dell importo originario del contratto. Inoltre, l esecutore ha l obbligo di eseguire tutte quelle variazioni di carattere non sostanziale, non comportanti maggiori oneri per l esecutore e che siano ritenute opportune dalla stazione appaltante. Il fornitore nei casi elencati alle lettere a), b), c) di cui sopra è, pertanto, tenuto ad effettuare la prestazione sia in aumento che in diminuzione rispetto alla quantità indicata nella presente gara, nei limiti di 1/5 del valore del contratto, senza aver diritto a reclamare, per tale motivo, indennità o compensi di sorta fatta eccezione, in caso di incremento, del corrispettivo per la maggiore quantità di servizi richiesti. In questo caso il corrispettivo verrà attribuito alle medesime condizioni contrattuali pattuite per l intera fornitura. Nel caso in cui la variazione superi tale limite la stazione appaltante procede alla stipula di un atto aggiuntivo al contratto principale dopo aver acquisito il consenso dell esecutore. Ai sensi dell art.310 del D.P.R. n.207/2010, non saranno riconosciute come varianti al contratto prestazioni e attività di qualsiasi genere eseguite dall esecutore se queste non saranno disposte dal direttore dell esecuzione del contratto e preventivamente approvate 20

Periodo: 1.3.2011 28.2.2014

Periodo: 1.3.2011 28.2.2014 PROCEDURA IN ECONOMIA ex art. 125 del D. Lgs. n. 63/2006 per l affidamento del servizio di CONTROLLO INTEGRATO DELLE INFESTAZIONI ENTOMATICHE E MURINE PRESSO LE STRUTTURE UNIVERSITARIE Periodo: 1.3.2011

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA SERVIZIO DI MANUTENZIONE AREE VERDE PUBBLICO 1.1.2016 31.12.2018. CIG

REPUBBLICA ITALIANA SERVIZIO DI MANUTENZIONE AREE VERDE PUBBLICO 1.1.2016 31.12.2018. CIG REPUBBLICA ITALIANA COMUNE DI LOMAGNA (Prov. di Lecco) Contratto Rep. n. del SERVIZIO DI MANUTENZIONE AREE VERDE PUBBLICO 1.1.2016 31.12.2018. CIG 6170496661 L anno duemilaquindici addì del mese di presso

Dettagli

cüéä Çv t w atñéä SETTORE POLIZIA MUNICIPALE Tel.081 8851605 Fax 081 8852867 BANDO DI GARA D'APPALTO - PROCEDURA APERTA

cüéä Çv t w atñéä SETTORE POLIZIA MUNICIPALE Tel.081 8851605 Fax 081 8852867 BANDO DI GARA D'APPALTO - PROCEDURA APERTA VÉÅâÇx w MARIGLIANO cüéä Çv t w atñéä SETTORE POLIZIA MUNICIPALE Tel.081 8851605 Fax 081 8852867 BANDO DI GARA D'APPALTO - PROCEDURA APERTA ENTE APPALTANTE: Comune di Marigliano Corso Umberto 1-80034 Marigliano

Dettagli

Provincia di Sassari. C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20

Provincia di Sassari. C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20 C O M U N E D I M A R A Provincia di Sassari C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20 Email: protocollo@comune.mara.ss.it Pec: protocollo@pec.comune.mara.ss.it SERVIZIO AFFARI

Dettagli

1)La Fondazione Arena di Verona, con sede in Verona (Italia), Via. Roma 7/d (in seguito denominata Fondazione) telefono 045

1)La Fondazione Arena di Verona, con sede in Verona (Italia), Via. Roma 7/d (in seguito denominata Fondazione) telefono 045 BANDO DI GARA CON PROCEDURA APERTA 1)La Fondazione Arena di Verona, con sede in Verona (Italia), Via Roma 7/d (in seguito denominata Fondazione) telefono 045 8051811 fax 045 8011566 - sito internet www.arena.it

Dettagli

Area Vigilanza AVVISA

Area Vigilanza AVVISA COMUNE DI VILLASOR Provincia di Cagliari Area Vigilanza P.zza Matteotti, 1 - C.A.P. 09034 Part. IVA 00530500925 Tel 070 9648023 - Fax 070 9647331 www.comune.villasor.ca.it C.F: 82002160925 MANIFESTAZIONE

Dettagli

Prefettura - U.T.G. di Roma Bando di Gara Procedura ristretta. Determina. Sezione I: Amministrazione Aggiudicatrice: I.1) Prefettura di Roma UTG - Via

Prefettura - U.T.G. di Roma Bando di Gara Procedura ristretta. Determina. Sezione I: Amministrazione Aggiudicatrice: I.1) Prefettura di Roma UTG - Via Prefettura - U.T.G. di Roma Bando di Gara Procedura ristretta. Determina 2707/09. Sezione I: Amministrazione Aggiudicatrice: I.1) Prefettura di Roma UTG - Via IV Novembre 119/A- 00187 Roma (Italia) Punti

Dettagli

GUARDIA DI FINANZA QUARTIER GENERALE BANDO DI GARA SEZIONE I: AMMINISTRAZIONE AGGIUDICATRICE I.1)DENOMINAZIONE, INDIRIZZI E PUNTI DI CONTATTO

GUARDIA DI FINANZA QUARTIER GENERALE BANDO DI GARA SEZIONE I: AMMINISTRAZIONE AGGIUDICATRICE I.1)DENOMINAZIONE, INDIRIZZI E PUNTI DI CONTATTO GUARDIA DI FINANZA QUARTIER GENERALE BANDO DI GARA SEZIONE I: AMMINISTRAZIONE AGGIUDICATRICE I.1)DENOMINAZIONE, INDIRIZZI E PUNTI DI CONTATTO Denominazione ufficiale: Quartier Generale della Guardia di

Dettagli

MODELLO-BASE CONVENZIONE-CONTRATTO PER LA REALIZZAZIONE DELL INTERVENTO NUOVI PERCHORSI

MODELLO-BASE CONVENZIONE-CONTRATTO PER LA REALIZZAZIONE DELL INTERVENTO NUOVI PERCHORSI Assessorato alla f amiglia, all Educazione ed ai Giov ani Municipio Roma III U.O. Serv izi Sociali, Educativ i e Scolastici Allegato n. 3 al Bando d Istruttoria Pubblica per l intervento Nuovi PercHorsi

Dettagli

ama S.p.A. L AQUILA servizio acquisti e contratti Azienda della Mobilità Aquilana OGGETTO: locazione spazi pubblicitari.

ama S.p.A. L AQUILA servizio acquisti e contratti Azienda della Mobilità Aquilana OGGETTO: locazione spazi pubblicitari. servizio acquisti e contratti L Aquila 14 luglio 2014 Prot. 924 acq./dnc Spett.le Lotto CIG: Z111026FC0 OGGETTO: locazione spazi pubblicitari. Questa azienda intende locare gli spazi, utilizzabili a fini

Dettagli

DISCIPLINARE DI GARA

DISCIPLINARE DI GARA DISCIPLINARE DI GARA Oggetto: procedura aperta indetta ai sensi dell'art. 124 del D.Lgs 163/2006 e s.m.i. per l'affidamento del servizio di pulizia della sede della Fondazione E.N.P.A.I.A. di viale Beethoven,

Dettagli

Italia-Roma: Servizi di pulizia stradale 2013/S 154-268701. Bando di gara. Servizi

Italia-Roma: Servizi di pulizia stradale 2013/S 154-268701. Bando di gara. Servizi 1/6 Avviso nel sito web TED: http://ted.europa.eu/udl?uri=ted:notice:268701-2013:text:it:html Italia-Roma: Servizi di pulizia stradale 2013/S 154-268701 Bando di gara Servizi Direttiva 2004/18/CE Sezione

Dettagli

PIEMONTE SERVIZI DI TRASLOCO E FACCHINAGGIO PRESSO LE SEDI DELL EDISU PIEMONTE CIG 0143309652 DISCIPLINARE DI GARA

PIEMONTE SERVIZI DI TRASLOCO E FACCHINAGGIO PRESSO LE SEDI DELL EDISU PIEMONTE CIG 0143309652 DISCIPLINARE DI GARA PIEMONTE SERVIZI DI TRASLOCO E FACCHINAGGIO PRESSO LE SEDI DELL EDISU PIEMONTE CIG 0143309652 DISCIPLINARE DI GARA 1 Art. 1 Premessa Il presente disciplinare costituisce, con il bando e il capitolato speciale

Dettagli

DISCIPLINARE CIG: 5153273767

DISCIPLINARE CIG: 5153273767 DISCIPLINARE GARA A PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA DEI LOCALI DOVE HANNO SEDE GLI UFFICI DELLA CASSA NAZIONALE DEL NOTARIATO CIG: 5153273767 1. NORME PER LA PARTECIPAZIONE ALLA

Dettagli

PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO DEI COMUNI DI VOLTERRA E CASTELNUOVO VAL DI CECINA A.S. 2012/2013 2013/2014

PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO DEI COMUNI DI VOLTERRA E CASTELNUOVO VAL DI CECINA A.S. 2012/2013 2013/2014 PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO DEI COMUNI DI VOLTERRA E CASTELNUOVO VAL DI CECINA A.S. 2012/2013 2013/2014 (CIG ) (CPV ) Io sottoscritto... nato a... il...... nella mia

Dettagli

ed attesta numero iscrizione del forma giuridica

ed attesta numero iscrizione del forma giuridica . (FAC-SIMILE ISTANZA DI PARTEZIPAZIONE) AL COMUNE DI PIANA DEGLI ALBANESI DIREZIONE A.E.S. LAVORI PUBBLICI E PROGETTAZIONE VIA P. TOGLIATTI, 2 90037 PIANA DEGLI ALBANESI (PA) Il sottoscritto.... nato

Dettagli

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale.

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. 9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. Art. 27 Adeguamento della legge regionale n.3/2007 alla normativa nazionale 1. Alla legge

Dettagli

Ente Appaltante: Istituto Comprensivo Statale GIOVANNI FALCONE - VIA PISA - P.ZZA GIOVANNI XXIII - 95037 - SAN GIOVANNI LA PUNTA (PROV.

Ente Appaltante: Istituto Comprensivo Statale GIOVANNI FALCONE - VIA PISA - P.ZZA GIOVANNI XXIII - 95037 - SAN GIOVANNI LA PUNTA (PROV. All. 2) al Disciplinare di gara Spett.le Istituto Comprensivo Statale GIOVANNI FALCONE Via Pisa - P.zza Giovanni XXIII 95037 - San Giovanni La Punta Oggetto: GARA PER L AFFIDAMENTO DEI LAVORI RELATIVI

Dettagli

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila Modello B) REGIONE ABRUZZO CONSIGLIO REGIONALE Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila acquisito di materiale di cancelleria per l Ufficio amministrativo

Dettagli

COMUNE DI ACQUAVIVA PLATANI Provincia Regionale di Caltanissetta

COMUNE DI ACQUAVIVA PLATANI Provincia Regionale di Caltanissetta COMUNE DI ACQUAVIVA PLATANI Provincia Regionale di Caltanissetta PIAZZA MUNICIPIO C.F.81000730853 P.IVA. 01556350856 BANDO DI GARA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TESORERIA COMUNALE (periodo dall 01/01/2011

Dettagli

Modello n. 1) Spett.le Comune di Schio Settore 04 Servizio Amministrativo di Settore Ufficio Appalti e Assicurazioni Via Pasini n. 33 36015 S C H I O

Modello n. 1) Spett.le Comune di Schio Settore 04 Servizio Amministrativo di Settore Ufficio Appalti e Assicurazioni Via Pasini n. 33 36015 S C H I O Modello n. 1) Spett.le Comune di Schio Settore 04 Servizio Amministrativo di Settore Ufficio Appalti e Assicurazioni Via Pasini n. 33 36015 S C H I O AUTODICHIARAZIONE Oggetto: Appalto n. FNN2012/0003

Dettagli

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa PER IMPRESE/SOCIETA DOMANDA DI PARTECIPAZIONE ALL AUTORITÀ NAZIONALE ANTICORRUZIONE Via M.Minghetti 10 00187 Roma CIG 6253408B85 GARA EUROPEA A PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEI SERVIZI CONCERNENTI

Dettagli

PROVINCIA DI PESARO E URBINO

PROVINCIA DI PESARO E URBINO PROVINCIA DI PESARO E URBINO Regolamento interno della Stazione Unica Appaltante Provincia di Pesaro e Urbino SUA Provincia di Pesaro e Urbino Approvato con Deliberazione di Giunta Provinciale n 116 del

Dettagli

DOMANDA DI PARTECIPAZIONE

DOMANDA DI PARTECIPAZIONE MARCA DA BOLLO DA 14,62 Per RAGGRUPPAMENTO TEMPORANEO D IMPRESA AL COMUNE DI OLGIATE MOLGORA VIA STAZIONE 20 - OLGIATE MOLGORA (LC) GARA A PROCEDURA APERTA PER L APPALTO DEL SERVIZIO DI RACCOLTA E TRASPORTO

Dettagli

Allegato sub. A alla Determinazione n. del. Rep. CONVENZIONE

Allegato sub. A alla Determinazione n. del. Rep. CONVENZIONE Allegato sub. A alla Determinazione n. del Rep. C O M U N E D I T R E B A S E L E G H E P R O V I N C I A D I P A D O V A CONVENZIONE INCARICO PER LA PROGETTAZIONE DEFINITIVA - ESECUTIVA, DIREZIONE LAVORI,

Dettagli

BANDO DI GARA D'APPALTO. Economiche - Direzione per la gestione dei procedimenti connessi alle Entrate Extra-

BANDO DI GARA D'APPALTO. Economiche - Direzione per la gestione dei procedimenti connessi alle Entrate Extra- . ROMA CAPITALE BANDO DI GARA D'APPALTO SEZIONE I) AMMINISTRAZIONE AGGIUDICATRICE. 1.1) Denominazione, indirizzi e punti di contatto: Roma Capitale - Dipartimento Risorse Economiche - Direzione per la

Dettagli

DA PARTE DI CIASCUN COMPONENTE IL RTI.

DA PARTE DI CIASCUN COMPONENTE IL RTI. MODULO PER DICHIARAZIONI REQUISITI TECNICI/ECONOMICI E DI IDONEITÀ MORALE DA COMPILARSI DA PARTE DI CIASCUN COMPONENTE IL RTI. OGGETTO: Gara per l affidamento del servizio di pulizia delle sedi del Ministero

Dettagli

PROVINCIA DI REGGIO EMILIA

PROVINCIA DI REGGIO EMILIA PROVINCIA DI REGGIO EMILIA REGOLAMENTO PER IL CONSEGUIMENTO DELL IDONEITA PROFESSIONALE PER L ESERCIZIO DELL ATTIVITA DI CONSULENZA PER LA CIRCOLAZIONE DEI MEZZI DI TRASPORTO - Approvato con deliberazione

Dettagli

ALLEGATO C FACSIMILE DICHIARAZIONE RILASCIATA ANCHE AI SENSI DEGLI ARTT. 46 E 47 DEL D.P.R. 445/2000

ALLEGATO C FACSIMILE DICHIARAZIONE RILASCIATA ANCHE AI SENSI DEGLI ARTT. 46 E 47 DEL D.P.R. 445/2000 ALLEGATO C FACSIMILE DICHIARAZIONE RILASCIATA ANCHE AI SENSI DEGLI ARTT. 46 E 47 DEL D.P.R. 445/2000 (N.B. la presente dichiarazione deve essere prodotta unitamente a copia fotostatica non autenticata

Dettagli

PROVINCIA DI CROTONE STAZIONE UNICA APPALTANTE

PROVINCIA DI CROTONE STAZIONE UNICA APPALTANTE PROVINCIA DI CROTONE STAZIONE UNICA APPALTANTE AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE DI CROTONE Prot. n. 25161 del 21/05/2012 BANDO DI GARA MEDIANTE PROCEDURA APERTA Fornitura di Prodotti Disinfestanti e Derattizzanti

Dettagli

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 SETTORE SEGRETARIO GENERALE SERVIZIO ELABORAZIONE DATI OGGETTO: 97.404,80 I.C. SERVIZIO DI ASSISTENZA TECNICA INTEGRALE E FORNITURA DI MATERIALE CONSUMABILE

Dettagli

DISCIPLINARE D INCARICO PER L ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO DI VERIFICA FINALIZZATA ALLA VALIDAZIONE DEI PROGETTI ESECUTIVI DEI NUOVI OSPEDALI TOSCANI DI

DISCIPLINARE D INCARICO PER L ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO DI VERIFICA FINALIZZATA ALLA VALIDAZIONE DEI PROGETTI ESECUTIVI DEI NUOVI OSPEDALI TOSCANI DI DISCIPLINARE D INCARICO PER L ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO DI VERIFICA FINALIZZATA ALLA VALIDAZIONE DEI PROGETTI ESECUTIVI DEI NUOVI OSPEDALI TOSCANI DI PRATO, PISTOIA, LUCCA, E DELLE APUANE, AI SENSI DELL

Dettagli

CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO

CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO AVVERTENZE PER LA REDAZIONE 1. La bozza di contratto proposta è da utilizzare come linea guida, potrà essere integrata e/o ridotta in funzione alle specifiche necessità.

Dettagli

ALL UFFICIO DI PIANO Via Garibaldi n. 1 08048 Tortolì ( Og ) Telefono 0782 600 715 Fax 0782 600711

ALL UFFICIO DI PIANO Via Garibaldi n. 1 08048 Tortolì ( Og ) Telefono 0782 600 715 Fax 0782 600711 1 ALL UFFICIO DI PIANO Via Garibaldi n. 1 08048 Tortolì ( Og ) Telefono 0782 600 715 Fax 0782 600711 www.plusogliastra.it plusogliastra@pec.it ISTANZA DI PARTECIPAZIONE LOTTO DESCRIZIONE BARRARE IL LOTTO

Dettagli

COMUNE DI CORTINA D AMPEZZO COMUN DE ANPEZO

COMUNE DI CORTINA D AMPEZZO COMUN DE ANPEZO R E G I O N E V E N E T O R E J O N V E N E T O P R O V I N C I A D I B E L L U N O P R O V I N Z I A D E B E L U N COMUNE DI CORTINA D AMPEZZO COMUN DE ANPEZO CAP 32043 Corso Italia, 33 Tel. 0436 4291

Dettagli

COMUNE DI SORAGA COMUN DE SORAGA BANDO DI CONCORSO PER LA REALIZZAZIONE DI UN OPERA D ARTE PER L ABBELLIMENTO DE LA GRAN CIASA NEL COMUNE DI SORAGA

COMUNE DI SORAGA COMUN DE SORAGA BANDO DI CONCORSO PER LA REALIZZAZIONE DI UN OPERA D ARTE PER L ABBELLIMENTO DE LA GRAN CIASA NEL COMUNE DI SORAGA BANDO DI CONCORSO PER LA REALIZZAZIONE DI UN OPERA D ARTE PER L ABBELLIMENTO DE LA GRAN CIASA NEL COMUNE DI SORAGA ai sensi dell art. 20 della L.P. 3 gennaio 1983 n.2 e s.m. e i. e del relativo Regolamento

Dettagli

IL DIRETTORE. Data 20.03.2015. Protocollo 7481-VII.1. Rep. DDIP n. 169. Settore Amministrazione e contabilità. Oggetto 1/10

IL DIRETTORE. Data 20.03.2015. Protocollo 7481-VII.1. Rep. DDIP n. 169. Settore Amministrazione e contabilità. Oggetto 1/10 Protocollo 7481-VII.1 Data 20.03.2015 Rep. DDIP n. 169 Settore Amministrazione e contabilità Responsabile Maria De Benedittis Oggetto Procedura selettiva pubblica per titoli e colloquio per la stipula

Dettagli

Allegato H SCHEMA DI CONTRATTO

Allegato H SCHEMA DI CONTRATTO Allegato H SCHEMA DI CONTRATTO AFFIDAMENTO ANNUALE DELLA GESTIONE DELLA CASA FAMIGLIA PER DISABILI ADULTI SITA IN LARGO FRATELLI LUMIERE, 36, NONCHÉ QUELLA DEL CENTRO DIURNO SE FINANZIATO DA ROMA CAPITALE

Dettagli

BANDO DI GARA PER LA VENDITA MEDIANTE ASTA PUBBLICA DEL FABBRICATO EX SEDE DELLA SCUOLA ELEMENTARE SOARZA IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO TECNICO

BANDO DI GARA PER LA VENDITA MEDIANTE ASTA PUBBLICA DEL FABBRICATO EX SEDE DELLA SCUOLA ELEMENTARE SOARZA IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO TECNICO COMUNE DI VILLANOVA SULL ARDA PROVINCIA DI PIACENZA ---------------------- Tel. 0523/837927 (n. 3 linee a ric. autom.) Codice Fiscale 00215750332 Fax 0523/837757 Partita IVA 00215750332 Prot. n 2868 BANDO

Dettagli

VIT S.R.L. CAPITOLATO SPECIALE PER L'AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DELLA STRUTTURA POLIFUNZIONALE DENOMINATA CHALET PINETA IN COMUNE DI CEVO (BS)

VIT S.R.L. CAPITOLATO SPECIALE PER L'AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DELLA STRUTTURA POLIFUNZIONALE DENOMINATA CHALET PINETA IN COMUNE DI CEVO (BS) VIT S.R.L. CAPITOLATO SPECIALE PER L'AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DELLA STRUTTURA POLIFUNZIONALE DENOMINATA CHALET PINETA IN COMUNE DI CEVO (BS) Art. 1 - Oggetto dell affidamento L oggetto dell affidamento

Dettagli

OGGETTO: RICHIESTA DI FORMULAZIONE DI MIGLIORE OFFERTA PER L ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO DI TESORERIA PER IL QUINQUENNIO 2013-2017.

OGGETTO: RICHIESTA DI FORMULAZIONE DI MIGLIORE OFFERTA PER L ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO DI TESORERIA PER IL QUINQUENNIO 2013-2017. Prot. n. 0000 /2013 Torrebelvicino, 07 febbraio 2013 SETTORE ECONOMICO FINANZIARIO RACCOMANDATA A.R. Spett.le OGGETTO: RICHIESTA DI FORMULAZIONE DI MIGLIORE OFFERTA PER L ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO DI TESORERIA

Dettagli

AVVISO PUBBLICO DI TRATTATIVA PRIVATA PER LA CESSIONE DELLA FARMACIA COMUNALE IN LOCALITA BUSTA

AVVISO PUBBLICO DI TRATTATIVA PRIVATA PER LA CESSIONE DELLA FARMACIA COMUNALE IN LOCALITA BUSTA AVVISO PUBBLICO DI TRATTATIVA PRIVATA PER LA CESSIONE DELLA FARMACIA COMUNALE IN LOCALITA BUSTA In esecuzione della deliberazione di Giunta Comunale n. 17 del 14.02.2011 è indetta trattativa privata per

Dettagli

AVVISO PUBBLICO RENDE NOTO

AVVISO PUBBLICO RENDE NOTO Regione Puglia COMUNE DI VICO DEL GARGANO Provincia di Foggia - Ufficio Tecnico Comunale - III SETTORE - Largo Monastero, civ.6 e-mail aimolaelio@fastwebnet.it. e-mail aimolaelio@comune.vicodelgargano.fg.it

Dettagli

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II.

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. In esecuzione della deliberazione del Direttore generale n. 765 del 30.04.2013,

Dettagli

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Allegato A alla delibera n. 129/15/CONS REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Articolo 1 Definizioni 1. Ai fini del presente

Dettagli

FONDO DI ASSISTENZA PER IL PERSONALE DELLA PUBBLICA SICUREZZA

FONDO DI ASSISTENZA PER IL PERSONALE DELLA PUBBLICA SICUREZZA GARA EUROPEA A PROCEDURA APERTA. PREORDINATA ALL AFFIDAMENTO AI SENSI DEL D. LGS. 163/06 DEI SERVIZI DI PULIZIA DEI LOCALI, DEGLI IMPIANTI SPORTIVI E DELLE ATTREZZATURE PRESSO IL CENTRO SPORTIVO DELLA

Dettagli

Contratto d appalto per servizi di facchinaggio, trasporto e trasloco per le. sedi di alcune Direzioni Regionali dell Agenzia delle Entrate (Lotto.

Contratto d appalto per servizi di facchinaggio, trasporto e trasloco per le. sedi di alcune Direzioni Regionali dell Agenzia delle Entrate (Lotto. Rep. n. Prot. n. 2009/ Contratto d appalto per servizi di facchinaggio, trasporto e trasloco per le sedi di alcune Direzioni Regionali dell Agenzia delle Entrate (Lotto.) REPUBBLICA ITALIANA Il giorno..

Dettagli

Condizioni Generali di Contratto per gli Appalti di forniture delle Società del Gruppo Ferrovie dello Stato

Condizioni Generali di Contratto per gli Appalti di forniture delle Società del Gruppo Ferrovie dello Stato Direzione Affari Legali e Societari LEGALEONLINE Documento Normativa di Gruppo Documenti correlati: Condizioni Generali di Contratto per gli Appalti di forniture delle Società del Gruppo Ferrovie dello

Dettagli

Art. 1 Oggetto del servizio

Art. 1 Oggetto del servizio CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO TRASLOCHI NEGLI ISTITUTI SCOLASTICI, NEI CENTRI SCOLASTICI, NEI CENTRI DI FORMAZIONE PROFESSIONALE E NEGLI UFFICI DI COMPETENZA PROVINCIALE

Dettagli

PUBBLICO INCANTO. TRASLOCO della BIBLIOTECA NAZIONALE Sagarriga Visconti Volpi di BARI Capitolato d oneri

PUBBLICO INCANTO. TRASLOCO della BIBLIOTECA NAZIONALE Sagarriga Visconti Volpi di BARI Capitolato d oneri Ministero per i Beni e le Attività Culturali DIPARTIMENTO PER I BENI ARCHIVISTICI E LIBRARI DIREZIONE GENERALE PER I BENI LIBRARI E GLI ISTITUTI CULTURALI PUBBLICO INCANTO TRASLOCO della BIBLIOTECA NAZIONALE

Dettagli

Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011

Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011 Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011 Codice identificativo n. [numero progressivo da sistema] CONTRATTO per il riconoscimento degli incentivi per

Dettagli

Il Consiglio. VISTO il Decreto Legislativo 12 aprile 2006, n. 163;

Il Consiglio. VISTO il Decreto Legislativo 12 aprile 2006, n. 163; Regolamento unico in materia di esercizio del potere sanzionatorio da parte dell Autorità per la vigilanza sui contratti pubblici di lavori, servizi e forniture di cui all art 8, comma 4, del D.Lgs. 12

Dettagli

REGOLAMENTO SUGLI ACCERTAMENTI DELLA IDONEITÀ/INIDONEITÀ PSICO-FISICA DEL PERSONALE DELLA ASL CAGLIARI

REGOLAMENTO SUGLI ACCERTAMENTI DELLA IDONEITÀ/INIDONEITÀ PSICO-FISICA DEL PERSONALE DELLA ASL CAGLIARI Allegato alla Deliberazione n. 1576 del 19/11/2012 REGOLAMENTO SUGLI ACCERTAMENTI DELLA IDONEITÀ/INIDONEITÀ PSICO-FISICA DEL PERSONALE DELLA ASL CAGLIARI Art. 1 OGGETTO E DESTINATARI Il presente regolamento

Dettagli

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA di CONDUCENTE Cognome Nome 1 a EMISSIONE RINNOVO Per scadenza

Dettagli

Prot. n. 536 Settore: Tecnico Rif.: AP/AP Class. 10-9-0 Arbus, 10/01/2014 F: 1_2012

Prot. n. 536 Settore: Tecnico Rif.: AP/AP Class. 10-9-0 Arbus, 10/01/2014 F: 1_2012 Prot. n. 536 Settore: Tecnico Rif.: AP/AP Class. 10-9-0 Arbus, 10/01/2014 F: 1_2012 AVVISO DI INDAGINE DI MERCATO PER L INDIVIDUAZIONE DEI PROFESSIONISTI DA INVITARE ALLA PROCEDURA NEGOZIATA PER L AFFIDAMENTO

Dettagli

REGIONE TOSCANA. AZIENDA U.S.L. N. 12 di VIAREGGIO (LU)

REGIONE TOSCANA. AZIENDA U.S.L. N. 12 di VIAREGGIO (LU) REGIONE TOSCANA AZIENDA U.S.L. N. 12 di VIAREGGIO (LU) AVVISO DI SELEZIONE PUBBLICA PER IL CONFERIMENTO DI UN INCARICO DI LAVORO AUTONOMO LIBERO PROFESSIONALE A T. D. PER L'ACQUISIZIONE DI PRESTAZIONI

Dettagli

DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DEI REQUISITI GENERALI DI CUI ALL ART. 38, C. 1 DEL D.LGS. N. 163/06

DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DEI REQUISITI GENERALI DI CUI ALL ART. 38, C. 1 DEL D.LGS. N. 163/06 PROCEDURA APERTA, AI SENSI DELL ART. 124 DEL D.LGS. 163/2006 E DELL ART. 326 DEL DPR 207/2010, PER L AFFIDAMENTO QUADRIENNALE DEL SERVIZIO DI CONSULENZA E BROKERAGGIO ASSICURATIVO. CIG: 30590339E1 DICHIARAZIONE

Dettagli

DICHIARAZIONE DI CUI ALL'ART. 14.2 DELLA LETTERA D'INVITO

DICHIARAZIONE DI CUI ALL'ART. 14.2 DELLA LETTERA D'INVITO Modello B Comune di Saluzzo Via Macallè, 9 12037 SALUZZO PROCEDURA NEGOZIATA PER L AFFIDAMENTO DELLA POLIZZA DI ASSICURAZIONE A FAVORE DEL COMUNE DI SALUZZO RELATIVA A INCENDIO E ALTRI EVENTI, FURTO E

Dettagli

CANTIERI TEMPORANEI E MOBILI. TITOLO IV DEL D.Lgs. 81/08 e s.m.i. Arezzo, 06 maggio 2011

CANTIERI TEMPORANEI E MOBILI. TITOLO IV DEL D.Lgs. 81/08 e s.m.i. Arezzo, 06 maggio 2011 CANTIERI TEMPORANEI E MOBILI TITOLO IV DEL D.Lgs. 81/08 e s.m.i Arezzo, 06 maggio 2011 Dott. DAVIDDI Paolo STOLZUOLI Stefania Tecnici di Prevenzione Dipartimento della Prevenzione Azienda USL 8 - Arezzo

Dettagli

Categoria Servizi di Pulizia ed Igiene Ambientale Regolamento Sistema di Qualificazione

Categoria Servizi di Pulizia ed Igiene Ambientale Regolamento Sistema di Qualificazione ALBO FORNITORI POSTE ITALIANE S.P.A. CATEGORIA SERVIZI DI PULIZIA ED IGIENE AMBIENTALE REGOLAMENTO DEL SISTEMA DI QUALIFICAZIONE Pagina 1 di 20 INDICE 1. DISPOSIZIONI GENERALI...3 1.1. Premessa e ambito

Dettagli

CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI

CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI Art. 1 Oggetto del capitolato Il presente appalto prevede: la

Dettagli

Del RTI costituito dalle seguenti società: 1. 2. 3. 4. 5. 6. 7.

Del RTI costituito dalle seguenti società: 1. 2. 3. 4. 5. 6. 7. MARCA DA BOLLO DA 14,62 Per RAGGRUPPAMENTO TEMPORANEO D IMPRESA DOMANDA DI PARTECIPAZIONE ALL AUTORITA PER LA VIGILANZA SUI CONTRATTI PUBBLICI DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE Via di Ripetta, 246 00186 Roma

Dettagli

PROGETTO ESECUTIVO MODICA ART SYSTEM PO FERS SICILIA 2007 2013 ASSE III OBIETTIVO OPERATIVO 3.1.3. LINEE D INTERVENTO 3.1.3.3.

PROGETTO ESECUTIVO MODICA ART SYSTEM PO FERS SICILIA 2007 2013 ASSE III OBIETTIVO OPERATIVO 3.1.3. LINEE D INTERVENTO 3.1.3.3. CAPITOLATO DI APPALTO PER LA FORNITURA DI MATERIALE INFORMATICO PER I SITI MUSEO CIVICO F.L.BELGIORNO FOYER TEATRO GARIBALDI CENTER OF CONTEMPORARY ARTS PROGETTO ESECUTIVO MODICA ART SYSTEM PO FERS SICILIA

Dettagli

MODELLO DELLA DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA

MODELLO DELLA DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA MODELLO DELLA DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA Spett.le ACSM-AGAM S.p.A. Via P. Stazzi n. 2 22100 COMO CO Oggetto: Dichiarazione sostitutiva in merito al possesso dei requisiti di ordine generale prescritti dall

Dettagli

Azienda Unità Locale Socio Sanitaria

Azienda Unità Locale Socio Sanitaria Regione del Veneto Azienda Unità Locale Socio Sanitaria OVEST VICENTINO Servizio: UOA APPROVVIGIONAMENTI Data: 29 dicembre 2010 Spett.le Ditta Prot. n.: 46520 da citare nella risposta Vs. rif.: Oggetto:

Dettagli

BUSINESS INTELLIGENCE (BI) PER L AUTORITÀ PER LA VIGILANZA SUI CONTRATTI RIF. CIG 03506093B2

BUSINESS INTELLIGENCE (BI) PER L AUTORITÀ PER LA VIGILANZA SUI CONTRATTI RIF. CIG 03506093B2 GARA EUROPEA A PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI CONSULENZA SPECIALISTICA E DEI SERVIZI DI SVILUPPO, MANUTENZIONE ED EVOLUZIONE DEI SISTEMI DI BUSINESS PROCESS MANAGEMENT (BPM) E DI BUSINESS

Dettagli

COMUNE DI GONARS COMUNE DI LINGUA E CULTURA FRIULANE COMUN DI GONÂRS COMUN DI LENGHE E CULTURE FURLANIS

COMUNE DI GONARS COMUNE DI LINGUA E CULTURA FRIULANE COMUN DI GONÂRS COMUN DI LENGHE E CULTURE FURLANIS COMUNE DI GONARS COMUNE DI LINGUA E CULTURA FRIULANE COMUN DI GONÂRS COMUN DI LENGHE E CULTURE FURLANIS UFFICIO LAVORI PUBBLICI LAVÔRS PUBLICS Tel. 0432 99 20 21 - Fax 0432 99 20 51 lavori.pubblici@com-gonars.regione.fvg.it

Dettagli

L anno, il giorno del mese di in, con la presente scrittura privata valida a tutti gli effetti di legge TRA

L anno, il giorno del mese di in, con la presente scrittura privata valida a tutti gli effetti di legge TRA Allegato n.3 Schema di contratto per il comodato d uso gratuito di n. 3 autoveicoli appositamente attrezzati per il trasporto di persone con disabilità e n. 2 autoveicoli per le attività istituzionali

Dettagli

Capitolato Tecnico. Pagina 1

Capitolato Tecnico. Pagina 1 Gara a procedura aperta per l affidamento dei servizi di facchinaggio della sede di SACE sita in Roma Piazza Poli 37/42 - CIG 5778360584 Pagina 1 1 PREMESSA 3 2 Oggetto dell Appalto 3 3 Durata dell Appalto

Dettagli

COMUNE DI CIVITAVECCHIA Provincia di Roma SERVIZIO LAVORI PUBBLICI

COMUNE DI CIVITAVECCHIA Provincia di Roma SERVIZIO LAVORI PUBBLICI COMUNE DI CIVITAVECCHIA Provincia di Roma SERVIZIO LAVORI PUBBLICI AVVISO PUBBLICO PER L USO TEMPORANEO E SUPERFICIARIO DI UN AREA PUBBLICA SITA NEL PZ9 POLIGONO DEL GENIO Vista: IL DIRIGENTE la presenza

Dettagli

AVVISO DI SELEZIONE PUBBLICA

AVVISO DI SELEZIONE PUBBLICA Viabilità Via Frà Guittone, 10 52100 Arezzo Telefono +39 0575 3354272 Fax +39 0575 3354289 E-Mail rbuffoni@provincia.arezzo.it Sito web www.provincia.arezzo.it C.F. 80000610511 P.IVA 00850580515 AVVISO

Dettagli

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO. Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO. Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431 CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431 e degli artt. 1571 e seguenti del codice civile. CON LA PRESENTE SCRITTURA PRIVATA la CAMERA

Dettagli

AVVISO PUBBLICO SPORTELLO SOCIALE PER MINORI E GIOVANI ADULTI A RISCHIO PENALE CON PROBLEMI DI TOSSICODIPENDENZA

AVVISO PUBBLICO SPORTELLO SOCIALE PER MINORI E GIOVANI ADULTI A RISCHIO PENALE CON PROBLEMI DI TOSSICODIPENDENZA AVVISO PUBBLICO E DISCIPLINARE DI GARA D APPALTO Affidamento di servizio di cui all allegato II B Art. 20 D. Lgs. 163/2006 e ss.mm.ii. Affidamento di n. 1 azione progettuale denominata Sportello sociale

Dettagli

Il sottoscritto... nato il.. a... in qualità di... dell impresa... con sede in... via. n. telefono...n. fax... indirizzo e-mail...pec...

Il sottoscritto... nato il.. a... in qualità di... dell impresa... con sede in... via. n. telefono...n. fax... indirizzo e-mail...pec... ALLEGATO A Istanza di inserimento nell Elenco operatori economici consultabile dall AGC 14 Trasporti e Viabilità Settore Demanio Marittimo Opere Marittime nelle procedure negoziate di cui all art. 125

Dettagli

CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA

CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA L'Università degli Studi di Parma con sede in Parma, via Università n. 12 codice fiscale n. 00308780345 rappresentata dal

Dettagli

Per IMPRESE/SOCIETA. Presentata dalla Impresa

Per IMPRESE/SOCIETA. Presentata dalla Impresa MARCA DA BOLLO DA 14,62 Per IMPRESE/SOCIETA DOMANDA DI PARTECIPAZIONE ALL AUTORITA PER LA VIGILANZA SUI CONTRATTI PUBBLICI DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE Via di Ripetta, 246 00186 - Roma CIG 03506093B2

Dettagli

FEDERAZIONE MEDICO SPORTIVA ITALIANA Viale Tiziano n. 70-00196 Roma C.F. 97015300581 - P. IVA 06454831006

FEDERAZIONE MEDICO SPORTIVA ITALIANA Viale Tiziano n. 70-00196 Roma C.F. 97015300581 - P. IVA 06454831006 FEDERAZIONE MEDICO SPORTIVA ITALIANA Viale Tiziano n. 70-00196 Roma C.F. 97015300581 - P. IVA 06454831006 Disciplinare di gara pubblica per l affidamento dei servizi di trasporto funzionali all espletamento

Dettagli

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI)

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) COMPITI DELLE IMPRESE E DOCUMENTAZIONE CONTRATTUALE AI SENSI DI QUANTO PREVISTO DAL D.L.GS 8108 e s.m.i. TIPOLOGIA APPALTO: SERVIZIO DI PULIZIA

Dettagli

OPERE RIUNITE BUON PASTORE ISTITUZIONE PUBBLICA DI ASSISTENZA E BENEFICENZA CASTELLO N. 77 VENEZIA Tel. 0415222689-0415222353

OPERE RIUNITE BUON PASTORE ISTITUZIONE PUBBLICA DI ASSISTENZA E BENEFICENZA CASTELLO N. 77 VENEZIA Tel. 0415222689-0415222353 OPERE RIUNITE BUON PASTORE ISTITUZIONE PUBBLICA DI ASSISTENZA E BENEFICENZA CASTELLO N. 77 VENEZIA Tel. 0415222689-0415222353 BANDO DI CONCORSO PUBBLICO PER TITOLI ED ESAMI A N. 5 POSTI A TEMPO PIENO ED

Dettagli

Concessione del servizio di comunicazione elettronica certificata tra pubblica amministrazione e cittadino (CEC PAC)

Concessione del servizio di comunicazione elettronica certificata tra pubblica amministrazione e cittadino (CEC PAC) Concessione del servizio di comunicazione elettronica certificata tra pubblica amministrazione e cittadino (CEC PAC) Information Day Ministero dello sviluppo economico Salone Uval, Via Nerva, 1 Roma, 2

Dettagli

COMUNE DI CAMPORGIANO

COMUNE DI CAMPORGIANO COMUNE DI CAMPORGIANO PROVINCIA DI LUCCA Piazza Roma n. 1 Tel. 0583/618888 Fax. 0583/618433 C.F. 00398710467 E-mail : demografico@comune.camporgiano.lu.it CAPITOLATO D APPALTO AFFIDAMENTO MEDIANTE PROCEDURA

Dettagli

Decreto Part-time. Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time

Decreto Part-time. Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time Decreto Part-time Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time ARTICOLO 1 Definizioni 1.Nel rapporto di lavoro subordinato l assunzione

Dettagli

REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE

REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE INDICE Art. 1 - Oggetto e finalità del regolamento Art. 2 - Requisiti di ammissibilità al contributo Art. 3 - Tipologie di spese ammissibili

Dettagli

PROCEDURA APERTA SUDDIVISA IN 5 LOTTI PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI DIDATTICA PRESSO IL SISTEMA DEI MUSEI CIVICI DI ROMA CAPITALE

PROCEDURA APERTA SUDDIVISA IN 5 LOTTI PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI DIDATTICA PRESSO IL SISTEMA DEI MUSEI CIVICI DI ROMA CAPITALE CAPITOLATO D ONERI PROCEDURA APERTA SUDDIVISA IN 5 LOTTI PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI DIDATTICA PRESSO IL SISTEMA DEI MUSEI CIVICI DI ROMA CAPITALE 2 PREMESSA Zètema, in virtù del Contratto di Servizio

Dettagli

COMUNE DI GENZANO DI ROMA PROVINCIA DI ROMA C.A.P. 00045

COMUNE DI GENZANO DI ROMA PROVINCIA DI ROMA C.A.P. 00045 CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA, SORVEGLIANZA E PULIZIA, NELLE SCUOLE DELL INFANZIA PARITARIE COMUNALI TRUZZI E G. RODARI DI GENZANO DI ROMA ANNI SCOLASTICI 2012/2013-2013/2014-2014/2015,

Dettagli

Disciplinare di gara per l affidamento dei servizi di pulizia degli uffici e servizi annessi presso la sede di SACE S.p.A. in Roma, Piazza Poli 37/42

Disciplinare di gara per l affidamento dei servizi di pulizia degli uffici e servizi annessi presso la sede di SACE S.p.A. in Roma, Piazza Poli 37/42 Disciplinare di gara per l affidamento dei servizi di pulizia degli uffici e servizi annessi presso la sede di SACE S.p.A. in Roma, Piazza Poli 37/42 1 DISCIPLINARE DI GARA GARA EUROPEA PER L AFFIDAMENTO

Dettagli

ALLEGATO 4. Allegato 5 Schema di Contratto Pag. 1 di 24

ALLEGATO 4. Allegato 5 Schema di Contratto Pag. 1 di 24 ALLEGATO 4 SCHEMA DI CONTRATTO PER I SERVIZI DI DISINFESTAZIONE, DISINFEZIONE, DERATTIZZAZIONE, SANIFICAZIONE E CURA DEL VERDE DA EFFETTUARSI NEL TERRITORIO DEL COMUNE DI ROMA. Lotto Allegato 5 Schema

Dettagli

SCIA valida anche ai fini dell art. 86 del Testo Unico delle Leggi di Pubblica Sicurezza, approvato con R.D. 18/6/1931, n. 773.

SCIA valida anche ai fini dell art. 86 del Testo Unico delle Leggi di Pubblica Sicurezza, approvato con R.D. 18/6/1931, n. 773. Modulo di segnalazione certificata di inizio attività per la somministrazione di alimenti e bevande all' interno dei circoli privati da presentare in carta libera Spazio per apporre il timbro di protocollo

Dettagli

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto)

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) REGOLAMENTO DI ISTITUZIONE DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE Art. 1 - Area delle posizione organizzative 1. Nel rispetto dei criteri generali contenuti nelle disposizioni

Dettagli

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni di CONDUCENTE Cognome Nome 1 a EMISSIONE RINNOVO Per scadenza

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER I SERVIZI DI NOLEGGIO CON CONDUCENTE SVOLTI MEDIANTE AUTOVETTURA CAPO I

REGOLAMENTO COMUNALE PER I SERVIZI DI NOLEGGIO CON CONDUCENTE SVOLTI MEDIANTE AUTOVETTURA CAPO I REGOLAMENTO COMUNALE PER I SERVIZI DI NOLEGGIO CON CONDUCENTE SVOLTI MEDIANTE AUTOVETTURA CAPO I SERVIZIO DI NOLEGGIO CON CONDUCENTE SVOLTI MEDIANTE AUTOVETTURA ART.1 - DEFINIZIONE DEL SERVIZIO Sono definiti

Dettagli

TERMINI E CONDIZIONI DI ACQUISTO STANDARD

TERMINI E CONDIZIONI DI ACQUISTO STANDARD TERMINI E CONDIZIONI DI ACQUISTO STANDARD Le presenti condizioni generali di acquisto disciplinano il rapporto tra il Fornitore di beni, opere o servizi, descritti nelle pagine del presente Ordine e nella

Dettagli

Regione Marche ERSU di Camerino (MC)

Regione Marche ERSU di Camerino (MC) DELIBERA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DELL ERSU DI CAMERINO N. 261 DEL 29/03/2011: OGGETTO: APPROVAZIONE DEL BANDO DI SELEZIONE PER IL CONCORSO PUBBLICO PER ESAMI PER L ASSUNZIONE A TEMPO DETERMINATO

Dettagli

Il Consiglio di Istituto

Il Consiglio di Istituto Prot. n. 442/C10a del 03/02/2015 Regolamento per la Disciplina degli incarichi agli Esperti Esterni approvato con delibera n.7 del 9 ottobre 2013- verbale n.2 Visti gli artt.8 e 9 del DPR n275 del 8/3/99

Dettagli

AZIENDA OSPEDALIERA OSPEDALE NIGUARDA CA GRANDA MILANO AVVISO PUBBLICO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICO LIBERO-PROFESSIONALE SI RENDE NOTO

AZIENDA OSPEDALIERA OSPEDALE NIGUARDA CA GRANDA MILANO AVVISO PUBBLICO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICO LIBERO-PROFESSIONALE SI RENDE NOTO AZIENDA OSPEDALIERA OSPEDALE NIGUARDA CA GRANDA MILANO Atti 184/10 all. 45/8 Riapertura termini riferimento 122 INGECLI AVVISO PUBBLICO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICO LIBERO-PROFESSIONALE SI RENDE NOTO

Dettagli

LETTERA DI PRESENTAZIONE E MANIFESTAZIONE DI INTERESSE ALL ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO SOPRA ELENCATO. Il sottoscritto nato a il

LETTERA DI PRESENTAZIONE E MANIFESTAZIONE DI INTERESSE ALL ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO SOPRA ELENCATO. Il sottoscritto nato a il SCHEMA DI MANIFESTAZIONE D INTERESSE Spett.le COMUNE DI SANTA LUCIA DI PIAVE Ufficio Lavori Pubblici Piazza 28 ottobre 1918, n. 1 31025 Santa Lucia di Piave (TV) comune.santaluciadipiave.tv@pecveneto.it.

Dettagli

Comune di Lecco AVVISO DI MOBILITA VOLONTARIA FRA ENTI PUBBLICI ABILE CATEGORIA

Comune di Lecco AVVISO DI MOBILITA VOLONTARIA FRA ENTI PUBBLICI ABILE CATEGORIA Comune di Lecco Prot. n. 50286 AVVISO DI MOBILITA VOLONTARIA FRA ENTI PUBBLICI PER LA EVENTUALE COPERTURA RA A TEMPO INDETERMINATO DI UN POSTO DI FUNZIONARIO DA INQUADRARE NEL PROFILO AMMINISTRATIVO, O

Dettagli

5 Contributo Autonoma Sistemazione

5 Contributo Autonoma Sistemazione 5 Contributo Autonoma Sistemazione CAS A valere sulle risorse finanziarie di cui all articolo 3 dell Ordinanza del Capo del Dipartimento della protezione civile (OCDPC) n. 232 del 30 marzo 2015 viene stimata

Dettagli

REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L ACCESSO AGLI ATTI DELLE PROCEDURE DI AFFIDAMENTO E DI ESECUZIONE DEI CONTRATTI PUBBLICI DI FORNITURE E SERVIZI

REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L ACCESSO AGLI ATTI DELLE PROCEDURE DI AFFIDAMENTO E DI ESECUZIONE DEI CONTRATTI PUBBLICI DI FORNITURE E SERVIZI REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L ACCESSO AGLI ATTI DELLE PROCEDURE DI AFFIDAMENTO E DI ESECUZIONE DEI CONTRATTI PUBBLICI DI FORNITURE E SERVIZI ART. 1 Campo di applicazione e definizioni 1. Il presente regolamento

Dettagli

Codice Disciplinare - Roma Multiservizi SpA. Roma Multiservizi SpA CODICE DISCIPLINARE

Codice Disciplinare - Roma Multiservizi SpA. Roma Multiservizi SpA CODICE DISCIPLINARE Codice Disciplinare - Roma Multiservizi SpA Roma Multiservizi SpA CODICE DISCIPLINARE C.C.N.L. per il personale dipendente da imprese esercenti servizi di pulizia e servizi integrati / multi servizi. Ai

Dettagli