UNITÀ CAMPIONE. quaderno per le vacanze di italiano, storia e geografia. Edizioni del Quadrifoglio. Maria Rita Petrella

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "UNITÀ CAMPIONE. quaderno per le vacanze di italiano, storia e geografia. Edizioni del Quadrifoglio. Maria Rita Petrella"

Transcript

1 Maria Rita Petrella quaderno per le vacanze di italiano, storia e geografia per la Scuola secondaria di primo grado UNITÀ CAMPIONE Edizioni del Quadrifoglio

2 settimana Ciao, mi riconosci? Sono la civetta! Un piccolo rapace notturno utile all agricoltura. Infatti mi nutro di insetti, pipistrelli e piccoli roditori Un tempo servivo anche come richiamo per le allodole. Secondo alcuni, però, porto sfortuna perché il mio verso è un po triste... E pensare che ero l uccello sacro alla dea Atena, anzi ero addirittura il simbolo di Atene! LA SUPREMA CIVETTONA 3

3 Italiano Che cos è il mito? Il mito è un racconto fantastico che narra le origini, le vicende, la storia di un gruppo sociale; prima di essere scritto, il mito è stato raccontato a voce. Il racconto mitologico generalmente tenta di dare una spiegazione all origine del mondo, ai fenomeni della natura e alle leggi della vita: la nascita, la crescita, la morte. La principale caratteristica del mito è la presenza delle figure divine, che compiono azioni eccezionali. La nascita degli dei nel mito greco Nella notte dei tempi esisteva uno spazio infinito, buio e vuoto: il Caos. In queste tenebre apparvero alcune divinità: Gea, la Terra, ed Eros, l Amore. Gea creò Urano, il Cielo, e insieme formarono la prima coppia divina e dominarono l universo. I due sposi ebbero molti figli: i Titani, enormi creature destinate ad aiutarli nel governo dell universo; i Ciclopi, grandi come i Titani ma meno intelligenti e dotati di un solo occhio in mezzo alla fronte; infine, i Centimani, mostri con cento braccia e cinquanta teste. Ciclopi e Centimani erano potenti e violenti; così Urano cominciò a essere spaventato dalla forza dei propri figli. Li fece prigionieri e li sprofondò nelle viscere della terra. Questo gesto suscitò però l ira di Gea, che amava tutti i suoi figli, e destò preoccupazione nei Titani che temevano di fare la stessa fine. Così i Titani si accordarono con la madre per eliminare Urano. Gea consegnò a Crono, il più giovane dei Titani, l arma per attaccare il padre. Crono uccise Urano, che precipitò dal cielo mentre dal sangue delle sue ferite nascevano i Giganti, enormi mostri con le gambe di serpente, le Erinni, gli spiriti della vendetta, e infine, da una goccia di sangue piovuta nel mare, Afrodite, la dea della bellezza e dell amore. Crono salì così sul trono celeste e durante il suo regno nacquero molti altri dei. Tuttavia egli non si sentiva sicuro perché pensava che, così come lui aveva spodestato il padre, avrebbe potuto fare lo stesso anche uno dei suoi figli. Quindi decise di uccidere tutti i figli che sarebbero nati dalla sua unione con Rea, la sorella divenuta sua moglie, ingoiandoli via via che nascevano. Così avvenne per i primi cinque figli, ma, alla nascita del sesto, la madre si ribellò e volle salvarlo. Prese un masso, lo avvolse nelle fasce per Zeus 4

4 settimana farlo sembrare un neonato e lo presentò a Crono, che lo divorò senza sospetti. In questo modo il figlio fu salvo: era Zeus. Una volta divenuto grande, Zeus costrinse il padre a ridare alla luce i fratelli che aveva divorato. Zeus voleva conquistare il trono celeste e per ottenerlo combatté molte guerre con gli altri dei. Egli stabilì la sua sede sul monte Olimpo, affidò al fratello Poseidone il governo del mare e ad Ade il dominio sotterraneo delle regioni infernali, mentre mantenne sotto il suo diretto comando il cielo e l autorità suprema su tutto. Zeus sposò Era e con lei formò la terza coppia divina, mantenendo il controllo sul cielo e l autorità suprema su tutto. Era 1. L albero genealogico è generalmente uno schema ad albero che mostra l elenco completo degli antenati e serve a illustrare i rapporti familiari tra gli individui. Ricostruisci le coppie degli dei e la loro discendenza aiutandoti con i nomi che trovi già inseriti. Gea Amore Ciclopi 5

5 ITALIANO 2. Ora, osservando l esempio, prova tu a disegnare l albero genealogico della tua famiglia; inserisci anche i parenti che frequenti poco perché magari vivono lontano. Se vuoi, puoi includere anche gli animali! 3. Ti sarà certamente capitato di sentire un espressione molto diffusa: Sei un mito!. Sai che cosa significa? Tu consideri qualcuno un mito? Perché? Prova a raccontarlo con le tue parole. 6

6 Grammatica settimana Il nome Il nome (o sostantivo) è la parte variabile del discorso che serve a designare le persone, gli animali, le cose, i fatti, i luoghi, le azioni, le idee e i sentimenti, cioè tutto ciò che esiste nella realtà o che possiamo immaginare o pensare. In base al significato il nome può essere: comune: quando indica una persona, un animale o una cosa in modo generico, come elemento di una medesima categoria: bambino, tavolo, cane; proprio: quando indica una particolare persona, un animale o una cosa distinguendola, appunto con un nome che le è proprio, dalle altre della stessa categoria: Carlo, Po, Vesuvio. I nomi comuni possono essere: concreti: quando indicano esseri o cose reali che possiamo percepire attraverso i cinque sensi: gatto, lampada, profumo; astratti: quando indicano idee, concetti o sentimenti che non si percepiscono attraverso i cinque sensi: saggezza, virtù, gioia. I nomi comuni concreti a loro volta si dividono in: individuali: quando indicano una sola persona, un solo animale o una sola cosa: giocatore, cavallo, nave; collettivi: quando indicano un insieme di persone, animali o cose della stessa specie: squadra, mandria, flotta. 1. Indica con una crocetta a quale categoria appartengono i nomi presenti in tabella. a. barca b. malinconia c. stormo d. bicicletta e. Luisa f. Liegi g. allegria h. coniglio i. mandria l. scolaresca m. Reno Nome comune Nome proprio Nome concreto Nome astratto Nome collettivo 7

7 ITALIANO 2. Scrivi i nomi astratti corrispondenti ai seguenti nomi concreti. a. amico... b. femmina... c. padre... d. nemico... e. eroe... f. madre Per ciascuno dei seguenti nomi, scrivi il nome collettivo che ne indica l insieme. a. musicisti... b. pini... c. militari... d. pecore... e. api... f. isole... In base alla struttura, cioè al modo in cui è formato, il nome poi può essere: primitivo, se non deriva da alcuna altra parola ed è formato solo dalla radice e dalla desinenza: latte, casa, fiore; derivato, se si forma con l aggiunta di prefissi e suffissi a una parola primitiva: latteria, caseggiato, fioriera; alterato, se attraverso alcuni suffissi altera in senso quantitativo o qualitativo il significato originario della parola da cui deriva. Gli alterati sono i seguenti: diminutivi (casina, casetta), vezzeggiativi (casuccia), accrescitivi (casona), dispregiativi (casaccia); composto, se è formato dall unione di più parole, pianoforte (avverbio + avverbio), alzabandiera (verbo + nome), cassaforte (nome + aggettivo). 4. Indica con una crocetta la struttura dei seguenti nomi. a. libreria b. quadretto c. alzabandiera d. anello e. colletto f. tazzina g. portacenere h. scarponi i. cappellaccio l. testimone m. unghiata Nome primitivo Nome derivato Nome alterato Nome composto 5. Scrivi i nomi primitivi da cui derivano i seguenti nomi derivati. a. fiumana... b. caffettiera... c. negoziante... d. nottambulo... e. dentista... f. calzolaio Per ciascuna delle seguenti espressioni, scrivi il nome alterato corrispondente. 8 a. casa brutta e sporca... b. cane piccolo e carino... c. piede grande... d. voce potente e forte... e. uomo piccolo... f. negozio piccolo ma accogliente...

8 settimana In base al genere i nomi possono essere maschili (libro, pane, lupo) o femminili (mano, matita, torta). Se maschile e femminile hanno la stessa forma, come civetta o nipote, il nome si definisce di genere comune e in questo caso gli articoli e gli aggettivi consentono di capire se il nome è usato al maschile o al femminile. Quando maschile e femminile si distinguono per la variazione della desinenza o per l aggiunta di un suffisso, il nome si definisce mobile, come in zio/zia o professore/professoressa. Quando invece maschile e femminile hanno forme completamente diverse, il nome si definisce indipendente, come in padre/madre. 7. Trasforma i nomi maschili in nomi femminili e viceversa. a. cuoco... b. psicologa... c. senatore... d. marito... e. gallo... f. attrice... g. sorella... h. nipote... In base al numero i nomi possono essere singolari (penna, zaino) o plurali (penne, zaini). Nella maggior parte dei nomi, il plurale si forma in base alla desinenza del singolare (anche se vi sono numerose particolarità o eccezioni) e in tal caso sono detti nomi variabili: desinenza in -a: formano il plurale in -e se femminili (statua/statue), in -i se maschili (poeta-poeti); desinenza in -o: in genere formano il plurale in -i (libro/libri), ma alcuni nomi di genere maschile in -o diventano al plurale di genere femminile con desinenza in -a (uovo/uova); desinenza in -e: formano il plurale in -i (madre/madri). Alcuni nomi però formano il plurale in modo diverso. Vediamoli. I nomi invariabili hanno la stessa forma al singolare e al plurale: la/le città, il/i bar, il re/i re. I nomi difettivi mancano del singolare o del plurale: forbici, nozze, burro. I nomi sovrabbondanti hanno due forme di plurale, una maschile e l altra femminile, a volte con significati diversi: il muro/i muri/le mura. Il plurale dei nomi composti si forma in modo diverso a seconda delle parti che compongono il nome: se c è un avverbio il nome rimane invariato (il/i dopobarba); in altri casi invece può variare la desinenza di uno o di entrambi i componenti. 8. Volgi al plurale i seguenti nomi. Se necessario, puoi aiutarti con un dizionario. a. bue... b. oasi... c. arma... d. pescespada... e. parroco... f. palco... g. ronzio... h. tempio Scegli la forma plurale corretta tra le due proposte. a. Fai attenzione a non intrecciare i fili / le fila del ricamo. b. Dobbiamo rinnovare i passaporto / i passaporti. c. Al mio cane piace molto rosicchiare le ossa / gli ossi. d. Ho i labbri / le labbra screpolate. e. Il mascara serve per truccare i cigli / le ciglia. f. Un problema per l Italia sono i cervelli / le cervella in fuga. 9

9 ITALIANO L articolo L articolo è la parte variabile del discorso che si premette al nome, con il quale concorda in genere e in numero, e ha la funzione di inserirlo nella frase. Esistono tre tipi di articoli: determinativi, si premettono al nome per segnalare che esso indica una persona, un animale o una cosa ben precisata; essi sono: il, lo, la per il singolare; i, gli, le per il plurale. indeterminativi, introducono un nome lasciandolo generico e indeterminato; essi sono: un, uno, una; partitivi, indicano una parte indeterminata di un tutto, essi sono: del, dello, della al singolare e dei, degli, delle al plurale. Gli articoli partitivi dei, degli, delle formano il plurale degli articoli indeterminativi che ne sono privi. L articolo serve anche a far acquisire la funzione di nome a qualsiasi parte del discorso. Leggere è un verbo, ma nella frase Il leggere può essere piacevole, assume la funzione di nome e sta a significare la lettura. 10. Inserisci l articolo determinativo o indeterminativo che ritieni più opportuno. a. Mi ha dato... sua parola che sarebbe venuta. b.... ananas è un frutto esotico. c. Decidi... buona volta cosa vuoi fare. d. Ho acquistato... abito da sera. e. Abbiamo prenotato... biglietti per... concerto di sabato. f. A Venezia si tiene... importante festival del cinema. 11. Nelle seguenti frasi sottolinea l, la, lo, gli e le solo quando hanno funzione di articolo. a. Le ho detto che la cena è servita. b. Non gli abbiamo mai nascosto la verità. c. La velocità alla partenza la portò in vantaggio. d. L autobus non l ha aspettato. e. Lo spettacolo l ha divertita. f. Gli amici gli hanno raccontato il finale del libro. g. La zia di Carla era molto amica di Lia, ma poi non l ha più voluta vedere. 12. Per ogni frase, sostituisci l espressione tra parentesi con un articolo partitivo. a. Vorrei acquistare (un po di)... farina di mais: dove posso trovarla? b. Ho invitato (alcune)... amiche per cena: non ti dispiace, vero? c. C è (una parte di)... verità nelle tue parole, ma il discorso è molto più complesso. d. Sono rimasti (alcuni)... biglietti per il concerto: venite? e. Se aggiungessi (un po di)... cannella questa ricetta diventerebbe molto più buona. f. Marta ha preparato (un po di)... biscotti squisiti. g. Quest anno ho visto (alcuni)... film particolarmente avvincenti. 10

10 settimana Ortografia L ortografia è l insieme delle regole che servono per scrivere correttamente le parole. Ci sono alcuni errori che si commettono frequentemente nella lingua scritta; per evitare di sbagliare è utile esercitarsi negli argomenti che costituiscono le più frequenti difficoltà ortografiche. Ricorda comunque che in caso di dubbio è sempre utile consultare un dizionario. I suoni ge/gie, ce/cie, sce/scie Il plurale dei nomi e degli aggettivi in gia e cia: è ge e ce se la g o la c sono precedute da una consonante: freccia/frecce; è gie e cie se la g o la c sono precedute da una vocale: camicia/camicie. Tranne che nelle parole scienza e coscienza (e derivati), uscière e scìe (pl. di scìa), si usa sempre sce (palcoscenico, scena, nascente). Attenzione! In qualche caso il significato di due parole cambia profondamente solo per una vocale: pensa a cieco = non vedente e ceco = relativo alla Cecoslovacchia. 13. Sottolinea la forma corretta tra le due proposte. a. Le bombe intelligenti / intelligienti non possono evitare gli errori umani. b. Le pioggie / piogge primaverili sono talvolta molto violente. c. Laura non è sempre cosciente / coscente di quello che fa. d. Il mio fratellino mi saluta sempre con un bacetto sulle guancie / guance. e. Per il mio compleanno ho prenotato la torta in pasticcieria / pasticceria. f. La speculazione edilizia ha rovinato molte spiagge / spiaggie italiane. g. È necessario curare la propria igene / igiene personale. h. Secondo la mitologia i Ciclopi erano discendenti / disciendenti di Gea e Urano. 14. Risolvi il cruciverba: se risponderai esattamente alle definizioni, nella colonna verticale rossa leggerai il nome di un animale Definizioni 1. È un sentimento simile alla felicità. 2. Indica la riunione di un gruppo di persone per discutere varie questioni; può essere anche di classe. 3. È uno dei cinque sensi. 4. In aritmetica indica la cifra ottenuta da una somma. 5. È l organo del corpo umano che serve per sentire. 11

11 Ripassiamo Storia Come si misura il tempo? Per collocare gli eventi nel tempo è importante capire il sistema di numerazione degli anni, il modo in cui sono indicati i secoli e riconoscere e utilizzare l ordine cronologico degli eventi. Nel mondo occidentale in cui viviamo, la datazione ha sempre preso come punto di riferimento la nascita di Gesù Cristo, considerata convenzionalmente l anno 0 della storia. In base a questo criterio gli anni che precedono questa data sono seguiti dalla scritta a.c., cioè avanti Cristo, e quelli successivi dalla scritta d.c., cioè dopo Cristo. Ma attenzione: per indicare i secoli dopo Cristo si verifica una specie di spostamento in avanti, infatti gli eventi accaduti in anni che cominciano con 1 appartengono al II secolo, quelli accaduti in anni che cominciano con 2 appartengono al III secolo e così via. Nei secoli che precedono la nascita di Cristo si procede esattamente al contrario: infatti gli anni che vanno dal 300 al 201, ad esempio, corrispondono al III secolo. 1. Qui sotto trovi una linea del tempo, cioè quello strumento grafico che utilizzano gli storici per organizzare gli eventi nel modo in cui si sono svolti. Prova a completarla inserendo i secoli e le date mancanti. NASCITA DI CRISTO V sec. a.c. IV sec. a.c.... II sec. a.c. I sec. II sec.... d.c. d.c.... IV sec. d.c. V sec. d.c. da 500 a 401 a.c da 300 a 201 a.c da 100 a 1 a.c. da 1 a 99 d.c da 200 a 299 d.c da 400 a 499 d.c. 2. Gli storici hanno organizzato gli eventi della storia in grandi periodi, che costituiscono le età della storia. Per ricostruirli scrivi sotto ciascun periodo storico la corrispondente datazione scegliendola tra quelle proposte. dal 3500 a.c. circa al 476 dal 1815 a oggi dal 1492 al 1815 da 2,5 milioni di anni fa al 3500 a.c. circa dal 476 al 1492 Preistoria Età antica Medioevo Età moderna Età contemporanea

12 settimana Lo storico e il lavoro sulle fonti Gli storici sono studiosi che si occupano di ricostruire la storia non solo dei personaggi importanti ma di intere civiltà, popolazioni e Stati. Per compiere il loro lavoro, gli storici utilizzano le fonti, cioè documenti di vario tipo che possono confermare le loro ipotesi o indirizzare le loro ricerche in modo da accertare, anche se con approssimazione, la verità dei fatti. Come abbiamo anticipato le fonti possono appartenere a diverse tipologie: fonti scritte: documenti e testi storici. fonti materiali: oggetti di varia natura. fonti visive o iconografiche: fotografie, dipinti, monumenti e opere d arte. fonti orali: testimonianze e racconti di chi ha vissuto certi eventi, ma anche discorsi pubblici di personaggi celebri. 3. Ora prova tu a riconoscere le fonti. Associa a ogni fonte la categoria a cui appartiene, riportando la lettera corretta nella casella bianca accanto a ogni immagine. a. fonte scritta b. fonte iconografica c. fonte materiale d. fonte orale

13 STORIA La civiltà dell Antica Grecia La polis La civiltà greca si sviluppò nel territorio dell attuale Grecia e delle sue isole, ma anche sulle coste dell Asia Minore, dell Italia Meridionale e della Sicilia, a partire dal 2500 a.c. Fu proprio nel Sud della penisola che i Greci fondarono numerose e prospere colonie, che presero appunto il nome di Magna Grecia. Verso la fine del IX secolo a.c., quando la Grecia stava vivendo un periodo di rinascita culturale e politica, nacquero e si svilupparono le poleis, le città-stato. La polis era una piccola comunità che si governava autonomamente tramite la Il Partenone sull acropoli di Atene. partecipazione di tutti i cittadini. Essa aveva una struttura urbanistica ben definita: la parte alta, su cui sorgeva il tempio, era detta acropoli, e la parte bassa, cioè la piazza in cui si tenevano le assemblee, era detta agorà. 4. Che cosa significa il termine greco polis? Che cos erano le poleis e quando si svilupparono? Da quali parti era costituita la polis?... I giochi olimpici Nella civiltà greca le attività sportive erano considerate molto importanti per la formazione dei cittadini. In ogni polis, infatti, esistevano ginnasi, cioè palestre in cui i cittadini potevano esercitarsi quotidianamente. Erano quindi molto diffusi i giochi, cioè gare sportive in onore delle divinità che contribuivano a consolidare l identità culturale del cittadino. I giochi si tenevano in molte città greche, ma i più famosi erano quelli di Olimpia, da cui deriva appunto il termine Olimpiadi. Le prime Olimpiadi si tennero nell estate del 776 a.c. e poi con cadenza quadriennale, come avviene ancora oggi. 14 Atleti impegnati nella gara della corsa raffigurati su un vaso greco del V sec. a.c.

14 settimana Alle Olimpiadi partecipavano gli abitanti di tutta la Grecia e le città sospendevano le guerre e i combattimenti per consentire lo svolgimento regolare dei giochi. I vincitori diventavano veri e propri eroi, portati in trionfo e immortalati in statue e poemi. 7. Indica con una crocetta se le seguenti affermazioni sono vere o false. a. I primi giochi olimpici si tennero nel 776 d.c. b. I giochi erano gare sportive in onore dei cittadini illustri. c. I vincitori erano considerati eroi. d. Olimpia fu l unica città sede dei giochi olimpici. Il teatro Vero Falso Il Teatro greco di Epidauro, risalente al IV secolo a.c. Un altro elemento importante nella civiltà greca fu il teatro. Per i cittadini greci andare a teatro rappresentava non solo un momento di svago, ma anche un momento di formazione culturale e civile, perché assistevano alla messa in scena di tradizioni, miti, drammi e conflitti che li facevano riflettere sulla propria storia e sulla vicenda umana in generale. Tra il V e il IV secolo a.c. vennero scritte commedie e tragedie che influirono moltissimo sulla cultura occidentale, come ad esempio il mito di Prometeo che ruba il fuoco agli dei per donarlo agli uomini. I teatri greci erano quasi sempre strutture all aperto con gradinate disposte a semicerchio. 8. Perché il teatro era importante per i Greci? Ti è capitato di visitare qualche teatro greco? Dove si trova? Com è fatto? Conosci un mito greco? Prova a raccontarlo brevemente

15 STORIA Il mondo romano L efficienza delle strade Per mantenere il controllo e governare il loro grande Impero, i Romani dedicarono particolare cura e attenzione allo studio e alla progettazione architettonica e di infrastrutture che permettevano di collegare i vasti e lontani territori che lo costituivano. Per questo si distinsero, oltre che nel sistema giuridico, nelle tecniche di costruzione e nelle grandi opere di ingegneria, di cui ci hanno lasciato importanti testimonianze che sopravvivono ancora oggi. Una strada romana a Pompei. In particolare i Romani furono abili nel costruire le strade, necessarie per garantire gli approvvigionamenti e le comunicazioni tra Roma e i suoi domini. Le strade principali prendevano il nome dal console che le aveva fatte costruire e in questo caso erano dette appunto consolari, come la via Appia o la Aurelia; altre prendevano il nome dalla funzione per la quale erano state costruite, come la via Salaria che serviva per il trasporto del sale dal mare Adriatico a Roma; altre ancora, invece, dalle città alle quali conducevano, come la via Ardeatina che portava da Roma ad Ardea. Le strade romane erano molto solide e resistenti perché formate da materiali diversi disposti a strati, da cui deriva appunto il nome strada. 11. Indica con una crocetta se le seguenti affermazioni sono vere o false. a. La civiltà romana si è distinta soprattutto nelle tecniche di costruzione e nelle opere di ingegneria. b. Le strade servivano ai Romani per gestire approvvigionamenti e comunicare con i territori dell Impero. c. Le strade prendevano sempre il nome dal console che le aveva fatte costruire. d. La via Salaria fu costruita per trasportare il sale dal Tirreno a Roma. Vero Falso Gli spettacoli dei gladiatori I Romani amavano i giochi circensi, cioè gare organizzate per divertire o per celebrare funerali oppure, ancora, per punire i condannati. I combattimenti avvenivano tra gladiatori armati, tra gladiatori e belve feroci oppure tra elefanti e belve. I giochi si tenevano negli anfiteatri, cioè arene dotate di gradinate. L anfiteatro più famoso e più grande è il Colosseo: esso fu fatto costruire a Roma durante la dinastia Flavia ed era in grado di contenere fino a spettatori. 16 Il Colosseo, costruito nel I secolo d.c.

16 settimana 12. Indica le tre ragioni per cui venivano organizzati i giochi circensi Indica con una crocetta se le seguenti affermazioni sono vere o false. a. I giochi circensi erano gare sportive. b. I combattimenti avvenivano soltanto tra gladiatori. c. I combattimenti avvenivano negli anfiteatri. d. Il Colosseo non poteva contenere più di spettatori. 14. Osserva l immagine e rispondi alle domande. Vero Falso a. Chi sono i personaggi che vedi? Come sono vestiti? Quali armi portano? b. Secondo te, dove si svolge la scena? Rifletti su quanto hai letto nel testo e sull immagine che hai osservato c. Che cosa indicano le scritte che si intravedono nell immagine? In che lingua sono?... d. In quale tipologia di fonti rientra questo documento?... 17

17 Ripassiamo Geografia Clima e ambienti naturali in Europa Le zone climatiche In ogni zona terrestre il clima determina le caratteristiche della vegetazione e della fauna, dell ambiente, delle attività produttive e degli stili di vita. Vediamo ora quali climi troviamo in Europa: scopriremo una straordinaria varietà di paesaggi naturali e di abitanti che li popolano. L Europa si trova nella fascia climatica temperata, tranne che nel territorio più a nord della Scandinavia che tocca il Circolo Polare Artico. Tuttavia offre una grande varietà di climi sia per la sua estensione sia per la morfologia molto diversificata del suo territorio. Si possono distinguere: il clima nordico e alpino: il clima nordico si ha nelle terre russe e scandinave intorno al Circolo Polare Artico ed è caratterizzato da inverni freddi e lunghi ed estati brevi e fresche; il terreno resta gelato per la maggior parte dell anno e le precipitazioni sono molto scarse; il clima alpino riguarda Pirenei, Alpi, Carpazi e Caucaso e si contraddistingue per inverni rigidi e nevosi ed estati fresche e piovose; il clima atlantico: si presenta nelle regioni che si affacciano sull Oceano Atlantico e sul Mare del Nord, è caratterizzato da un elevata piovosità, dovuta all influenza delle correnti occidentali dell Atlantico, e ha un escursione termica annuale molto limitata (tra i 10 e i 12 C); il clima ocea- 18

18 settimana nico è temperato dalle acque calde della Corrente del Golfo, perciò presenta inverni miti ed estati fresche; il clima continentale: si ha in tutte le pianure continentali distanti dai mari, dalla Francia alla Russia, ed è caratterizzato da escursioni termiche annuali molto elevate, da inverni molto freddi ed estati calde; le precipitazioni sono meno frequenti rispetto al clima oceanico, ma a seconda della latitudine le caratteristiche climatiche subiscono significative variazioni; il clima mediterraneo: si ha nelle regioni che si affacciano sul Mar Mediterraneo ed è contraddistinto da inverni miti e moderatamente piovosi ed estati calde e secche. Le regioni dell Europa centrale sono caratterizzate da un clima di transizione, così definito perché, andando verso oriente, passa gradatamente dalle caratteristiche del clima atlantico a quelle del clima continentale. 1. Completa le frasi sulle zone climatiche scegliendo fra i termini proposti. a. Il clima mediterraneo è caratterizzato da inverni rigidi / miti e da estati calde e umide / secche. b. Il clima atlantico è caratterizzato da inverni non molto freddi / rigidi e da precipitazioni scarse / abbondanti. c. Il clima atlantico presenta inverni miti dovuti all influsso delle correnti occidentali / della Corrente del Golfo. d. Il clima continentale è caratterizzato da un escursione termica annuale limitata / ampia e da inverni rigidi / miti. e. Il clima nordico è caratterizzato da un estate breve e fresca / breve e secca e da precipitazioni molto scarse / abbondanti. f. Il clima alpino è caratterizzato da estati fresche e umide / secche. Gli ambienti e la fauna delle zone climatiche europee Alla varietà dei climi europei corrisponde un analoga varietà di ambienti: nelle regioni a clima nordico, dato il freddo intenso, il terreno gelato e le scarse precipitazioni, la flora tipica è la tundra, costituita da muschi e licheni, mentre le piante ad alto fusto si sviluppano con difficoltà; sono le zone in cui i lapponi allevano le renne, che si nutrono di questo tipo di vegetazione; le regioni subartiche sono abitate da ermellini, orsi bianchi e dalla volpe artica; l ambiente atlantico è stato molto plasmato dalla presenza dell uomo, che ha sostituito le foreste con vaste coltivazioni e allevamenti; le pianure e i pendii di queste zone sono caratterizzati dalla brughiera, una distesa di prati e arbusti che copre soprattutto le coste; l ambiente continentale cambia molto man mano che si procede da nord a sud; a nord si trova la taiga, con i boschi di conifere (abeti, pini e larici), mentre a sud sono presenti anche boschi di latifoglie che si mescolano a quelli di conifere; le zone del Mar Caspio e del Mar Nero sono caratterizzate dalla steppa nera, estensioni di terreno erbaceo molto fertili e coltivate a cereali; meno fertile invece la steppa bianca, che si trova intorno al Mar Caspio e al bacino del fiume Volga; l ambiente mediterraneo è dominato dalla macchia mediterranea, un vegetazione costituita da arbusti (come l oleandro, il mirto e il ginepro) e dovuta alla siccità estiva e al vento; gli alberi che compongono questo paesaggio sono sempreverdi, come il leccio, il sughero, il cipresso e il pino marittimo; tra le coltivazioni più diffuse ci sono la vite, l ulivo e gli agrumi; tra gli animali che popolano la zona ci sono il lupo, l orso, la volpe, la lepre, il riccio e il cinghiale. 19

19 GEOGRAFIA 2. Associa le immagini alle didascalie inserendo le lettere nelle caselle corrispondenti. a. Uno scorcio della sconfinata steppa della Mongolia. b. Pini marittimi e cespugli in un tratto di costa mediterranea. c. Una distesa di erica e arbusti bassi in un paesaggio di brughiera. d. Paesaggio tipico della taiga caratterizzato da boschi di conifere Scrivi sotto l immagine di ogni animale l ambiente naturale a cui appartiene. ambiente mediterraneo ambiente continentale ambiente alpino ambiente nordico

20 Cerca il testo completo in libreria oppure acquistalo su libreriarizzoli.it I contenuti di otto Indice: in tutto 1

21 Scopri tutte le novità B.I.T. su RcsEducation.it Edizioni del Quadrifoglio

IL CLIMA IN EUROPA PRINCIPALI TIPI DI CLIMA CHE SI INCONTRANO IN EUROPA. ATLANTICO ALPINO MEDITERRANEO CONTINENTALE U N I T A N 1 1

IL CLIMA IN EUROPA PRINCIPALI TIPI DI CLIMA CHE SI INCONTRANO IN EUROPA. ATLANTICO ALPINO MEDITERRANEO CONTINENTALE U N I T A N 1 1 U N I T A N 1 1 IL CLIMA IN EUROPA PRINCIPALI TIPI DI CLIMA CHE SI INCONTRANO IN EUROPA. ATLANTICO ALPINO MEDITERRANEO CONTINENTALE Libro di geografia classe 1 - Scuola secondaria di primo grado Pagina

Dettagli

La religione degli antichi greci

La religione degli antichi greci Unità di apprendimento semplificata Per alunni con difficoltà di apprendimento, per alunni non italofoni, per il ripasso e il recupero A cura di Emma Mapelli La religione degli antichi 1 Osserva gli schemi.

Dettagli

I PAESAGGI NATURALI DELLA FASCIA TROPICALE

I PAESAGGI NATURALI DELLA FASCIA TROPICALE 1 I PAESAGGI NATURALI DELLA FASCIA TROPICALE Nella fascia tropicale ci sono tre paesaggi: la foresta pluviale, la savana, il deserto. ZONA VICINO ALL EQUATORE FORESTA PLUVIALE Clima: le temperature sono

Dettagli

IMPARO A... ...collocare nel tempo

IMPARO A... ...collocare nel tempo AVVIAMENTO ALLO STUDIO DELLA STORIA 17 AVVIAMENTO ALLO STUDIO DELLA STORIA 1 IMPARO A......collocare nel tempo ordine cronologico Immagina che il tuo album di fotografie sia caduto a terra e che le foto

Dettagli

Il Clima. Le zone climatiche e gli ambienti naturali terrestri. Istituto Comprensivo di Buddusò - Scuola Primaria - Ins. Dore

Il Clima. Le zone climatiche e gli ambienti naturali terrestri. Istituto Comprensivo di Buddusò - Scuola Primaria - Ins. Dore Il Clima Le zone climatiche e gli ambienti naturali terrestri Istituto Comprensivo di Buddusò - Scuola Primaria - Ins. Dore Tempo e clima sono termini che vengono spesso confusi ma in realtà sono ben distinti.

Dettagli

La macchia mediterranea. Creato da Francesco e Samuele.

La macchia mediterranea. Creato da Francesco e Samuele. La macchia mediterranea Creato da Francesco e Samuele. La macchia mediterranea La macchia mediterranea si chiama così perché é formata da vegetazione che ama i terreni asciutti, il sole, molta luce, un

Dettagli

La civiltà greca. Mondadori Education

La civiltà greca. Mondadori Education La civiltà greca I Greci, discendenti dei Micenei e dei Dori, vivevano in un territorio montuoso con pochi spazi coltivabili; fondarono città-stato indipendenti, le poleis, spesso in lotta tra loro. Le

Dettagli

Mythos: dei ed eroi nelle sculture antiche della Galleria degli Uffizi

Mythos: dei ed eroi nelle sculture antiche della Galleria degli Uffizi Ministero per i Beni e le Attività Culturali Soprintendenza Speciale per il Patrimonio Storico Artistico ed Etnoantropologico e per il Polo Museale della città di Firenze SEZIONE DIDATTICA 2011 Schede

Dettagli

NASCE UN NUOVO POPOLO: I GRECI

NASCE UN NUOVO POPOLO: I GRECI NASCE UN NUOVO POPOLO: I GRECI Intorno al 1200 a.c. nuovi popoli arrivano in Grecia. Questi popoli partono dal Nord dell'asia e dal Nord dell'europa. Queste persone diventano i nuovi padroni del territorio.

Dettagli

STORIE DI DEI, DI UOMINI E DI EROI

STORIE DI DEI, DI UOMINI E DI EROI Scuola Primaria - Classi 3 A & 3 B a.s. 2012-2013 Scuola in galleria, Galleria Nazionale, Parma 14 Febbraio 2013 STORIE DI DEI, DI UOMINI E DI EROI CHI SONO GLI DEI? CHE COSA HANNO DI DIVERSO DAGLI UOMINI?

Dettagli

Argomento: L Odissea Destinatari: studenti con una competenza linguistica B2 Classi: 1^ Istituto Tecnico Tecnologico e Liceo delle Scienze Applicate

Argomento: L Odissea Destinatari: studenti con una competenza linguistica B2 Classi: 1^ Istituto Tecnico Tecnologico e Liceo delle Scienze Applicate Argomento: L Odissea Destinatari: studenti con una competenza linguistica B2 Classi: 1^ Istituto Tecnico Tecnologico e Liceo delle Scienze Applicate Il contenuto è la semplificazione di un libro di testo

Dettagli

VERIFICA Climi e biomi I/1 I/2 I/3. Vero o Falso? Vero o Falso? Indica tra quelli elencati quali sono gli elementi che determinano il clima.

VERIFICA Climi e biomi I/1 I/2 I/3. Vero o Falso? Vero o Falso? Indica tra quelli elencati quali sono gli elementi che determinano il clima. ERIICA Climi e biomi Cognome Nome Classe Data I/1 ero o also? Il clima della fascia mediterranea è caratterizzato da estati calde e siccitose La regione della vite corrisponde all incirca alla fascia climatica

Dettagli

La religione dei Greci. Classe 5 E Boragine Valerio Massimo Anno scolastico 2014/2015

La religione dei Greci. Classe 5 E Boragine Valerio Massimo Anno scolastico 2014/2015 La religione dei Greci Classe 5 E Boragine Valerio Massimo Anno scolastico 2014/2015 La nascita della civiltà greca Noi quest anno abbiamo studiato la nascita della Grecia, la vita quotidiana dei Greci,

Dettagli

LA REPUBBLICA ROMANA (un ripasso della storia prima di Augusto)

LA REPUBBLICA ROMANA (un ripasso della storia prima di Augusto) LA REPUBBLICA ROMANA (un ripasso della storia prima di Augusto) La Repubblica è una forma di governo. La Repubblica è un modo per governare uno Stato. Nella Repubblica romana c era un Senato e c erano

Dettagli

Erickson. Le carte geografiche, il tempo e il clima, il paesaggio italiano. Scuola primaria. Carlo Scataglini. Collana diretta da Dario Ianes

Erickson. Le carte geografiche, il tempo e il clima, il paesaggio italiano. Scuola primaria. Carlo Scataglini. Collana diretta da Dario Ianes Strumenti per la didattica, l educazione, la riabilitazione, il recupero e il sostegno Collana diretta da Dario Ianes Carlo Scataglini GEOGRAFIA facile per la classe quarta Le carte geografiche, il tempo

Dettagli

UNITA N 8 parte seconda I BIOMI

UNITA N 8 parte seconda I BIOMI UNITA N 8 parte seconda I BIOMI LA TAIGA E LA TUNDRA Al di sopra dei 50-60 gradi di latitudine si estendono gli ambienti freddi e glaciali, caratterizzati da temperature particolarmente basse. Il sole,

Dettagli

Le idee, i ricordi dei ragazzi sul paesaggio e le loro categorizzazioni

Le idee, i ricordi dei ragazzi sul paesaggio e le loro categorizzazioni Le idee, i ricordi dei ragazzi sul paesaggio e le loro categorizzazioni Le risposte dei ragazzi, alcune delle quali riportate sotto, hanno messo in evidenza la grande diversità individuale nel concetto

Dettagli

GLI AMBIENTI L Antartide L Antartide è un continente, sepolto sotto una calotta di ghiaccio Dai suoi bordi si staccano degli iceberg Dalla calotta di ghiaccio emergono cime di montagne fra cui un grande

Dettagli

COMPITI PER LE VACANZE ESTIVE (ITALIANO) classe 1^B

COMPITI PER LE VACANZE ESTIVE (ITALIANO) classe 1^B 08/06/2015 COMPITI PER LE VACANZE ESTIVE (ITALIANO) classe 1^B - Grammatica: svolgi tutti gli esercizi da p. 3 a p. 19 (tranne l es. 6 p. 19) + leggi p. 24-25 (ripasso del verbo) e svolgi gli es. da 1

Dettagli

ADE CERCA MOGLIE. Completa. Rispondi

ADE CERCA MOGLIE. Completa. Rispondi IL DIO ADE Il dio Ade è fratello del dio Zeus. Ade è il re dei morti. Per gli antichi greci, dopo la morte, gli uomini vanno negli Inferi. Gli Inferi sono un luogo buio e triste che si trova sotto terra.

Dettagli

Istituto Figlie di Betlem classe V a.s. 2006/2007

Istituto Figlie di Betlem classe V a.s. 2006/2007 Istituto Figlie di Betlem classe V a.s. 2006/2007 Mettiamoci in gioco! Incontro con l esperta del Biolab nella nostra scuola Com è grande l Europa! Le alte e le basse pressioni atmosferiche comportano

Dettagli

IL GEOGRAFO E I SUOI AIUTANTI

IL GEOGRAFO E I SUOI AIUTANTI IL GEOGRAFO E I SUOI AIUTANTI La geografia studia le caratteristiche dell ambiente in cui viviamo, cioè la Terra. Per fare questo, il geografo deve studiare: com è fatto il territorio (per esempio se ci

Dettagli

EUROPA FISICA. 1. Parole per capire CPIA 1 FOGGIA VOLUME 3 CAPITOLO 13. Alla fine del capitolo dovrai sapere queste parole: placche o zolle...

EUROPA FISICA. 1. Parole per capire CPIA 1 FOGGIA VOLUME 3 CAPITOLO 13. Alla fine del capitolo dovrai sapere queste parole: placche o zolle... VOLUME 3 CAPITOLO 13 EUROPA FISICA CPIA 1 FOGGIA 1. Parole per capire Alla fine del capitolo dovrai sapere queste parole: placche o zolle... agenti esogeni...... fiume navigabile............... bacini

Dettagli

La famiglia. La famiglia fa notizia Collega le foto all articolo corrispondente. Donne in carriera l ora del dietrofront

La famiglia. La famiglia fa notizia Collega le foto all articolo corrispondente. Donne in carriera l ora del dietrofront La famiglia La famiglia fa notizia Collega le foto all articolo corrispondente. b. a. c. d. f. e. Nonni a scuola dai nipoti oggi lezione di Internet Nove scuole, 900 anziani, 900 ragazzi Obiettivo: creare

Dettagli

L origine del riso. Tratto da La fata della luna di F.Lazzarato Edizioni Mondadori)

L origine del riso. Tratto da La fata della luna di F.Lazzarato Edizioni Mondadori) L origine del riso 1 C erano al tempo degli dei, due giovani sposi che si volevano molto bene. La loro 2 vita era felice e facile perché la terra era così fertile che bastava allungare una 3 mano per raccogliere

Dettagli

PRIMA DI INIZIARE: CERCA LA GRECIA SU UNA CARTA GEOGRAFICA I GRECI

PRIMA DI INIZIARE: CERCA LA GRECIA SU UNA CARTA GEOGRAFICA I GRECI PRIMA DI INIZIARE: CERCA LA GRECIA SU UNA CARTA GEOGRAFICA I GRECI MOLTO TEMPO FA IN GRECIA C'ERA LA CIVILTÀ MICENEA. NEL 1200 A. C. I DORI (UN POPOLO CHE VENIVA DALL'EUROPA) INVASERO LA GRECIA. I DORI

Dettagli

NOMI IN CERCA DI AGGETTIVI...

NOMI IN CERCA DI AGGETTIVI... NOMI IN CERCA DI AGGETTIVI... Collega ogni nome all aggettivo corretto. NOMI spettacolo leone lana musica arrosto gioiello cavaliere minestra sostanza fiore ragno scolaro bambina torta AGGETTIVI bollente

Dettagli

I FATTORI CHE DETERMINANO IL CLIMA

I FATTORI CHE DETERMINANO IL CLIMA UNITA N 10 I FATTORI CHE DETERMINANO IL CLIMA Quali sono i fattori che influenzano il clima? Si chiamano fattori climatici le condizioni che producono variazioni negli elementi del clima. Molto importante

Dettagli

GLI STRUMENTI DELLA GEOGRAFIA

GLI STRUMENTI DELLA GEOGRAFIA VOLUME 1 CAPITOLO 0 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE GLI STRUMENTI DELLA GEOGRAFIA 1. Parole per capire A. Conosci già queste parole? Scrivi il loro significato o fai un disegno: Terra... territorio...

Dettagli

I MARI ITALIANI. Lavoro sul testo

I MARI ITALIANI. Lavoro sul testo I MARI ITALIANI L Italia è una penisola bagnata dal Mar Mediterraneo. Le coste della penisola italiana sono lunghe oltre 7000 chilometri e hanno caratteristiche diverse. Nei mari italiani sono presenti

Dettagli

IL TEMPO METEOROLOGICO

IL TEMPO METEOROLOGICO VOLUME 1 CAPITOLO 4 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE IL TEMPO METEOROLOGICO 1. Parole per capire A. Conosci già queste parole? Scrivi il loro significato o fai un disegno: tempo... Sole... luce... caldo...

Dettagli

G R E C I UNITA DIDATTICA FACILITATA LA CIVILTA GRECA. La Grecia è una penisola bagnata dal Mar Mediterraneo, circondata da altre isole più piccole.

G R E C I UNITA DIDATTICA FACILITATA LA CIVILTA GRECA. La Grecia è una penisola bagnata dal Mar Mediterraneo, circondata da altre isole più piccole. I G R E C I UNITA DIDATTICA FACILITATA LA CIVILTA GRECA La Grecia è una penisola bagnata dal Mar Mediterraneo, circondata da altre isole più piccole. PENISOLA: territorio bagnato tre parti dal mare ed

Dettagli

Livello CILS A2 Modulo bambini

Livello CILS A2 Modulo bambini Livello CILS A2 Modulo bambini MAGGIO 2012 Test di ascolto numero delle prove 3 Ascolto Prova n. 1 Ascolta il testo. Completa il testo e scrivi le parole che mancano. Alla fine del test di ascolto, DEVI

Dettagli

GLI ELEMENTI DEL CLIMA

GLI ELEMENTI DEL CLIMA GLI ELEMENTI DEL CLIMA Il clima è l insieme delle condizioni atmosferiche di una regione in un periodo di tempo. Gli elementi principali del clima sono: La temperatura: può essere calda o fredda. La temperatura

Dettagli

In ogni frase troverai una coppia di parole dal suono simile, fai. attenzione a come sono scritte e cancella quella sbagliata.

In ogni frase troverai una coppia di parole dal suono simile, fai. attenzione a come sono scritte e cancella quella sbagliata. CANCELLA L ERRORE In ogni frase troverai una coppia di parole dal suono simile, fai attenzione a come sono scritte e cancella quella sbagliata. - Vicino al lago/l ago cè una casetta bianca. - La mamma

Dettagli

6. La Terra. Sì, la terra è la tua casa. Ma che cos è la terra? Vediamo di scoprire qualcosa sul posto dove vivi.

6. La Terra. Sì, la terra è la tua casa. Ma che cos è la terra? Vediamo di scoprire qualcosa sul posto dove vivi. 6. La Terra Dove vivi? Dirai che questa è una domanda facile. Vivo in una casa, in una certa via, di una certa città. O forse dirai: La mia casa è in campagna. Ma dove vivi? Dove sono la tua casa, la tua

Dettagli

Gesù bambino scrive ai bambini

Gesù bambino scrive ai bambini Gesù bambino scrive ai bambini Leonardo Boff scrive a Gesù Bambino sul materialismo del Natale Il materialismo di Babbo Natale e la spiritualità di Gesù Bambino Un bel giorno, il Figlio di Dio volle sapere

Dettagli

Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A2 Bambini. Università per Stranieri di Siena.

Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A2 Bambini. Università per Stranieri di Siena. per Stranieri di Siena Centro CILS : Test di ascolto Numero delle prove 3 Ascolto - Prova n. 1 Ascolta il testo. Completa il testo e scrivi le parole che mancano. Alla fine del test di ascolto, DEVI SCRIVERE

Dettagli

SCRIVIAMO UN IPERTESTO IN HTML

SCRIVIAMO UN IPERTESTO IN HTML SCRIVIAMO UN IPERTESTO IN HTML COMPONENTI DI UN IPERTESTO: home-page (prima pagina) pagine successive STRUTTURA DI UN IPERTESTO: ad albero Home-page Pagina1 Pagina 2 Pagina 1.1 Pagina 1.2 lineare Indice

Dettagli

Il racconto per immagini

Il racconto per immagini Arte cretese Pittura vascolare: Aiace e Achille Altare di Pergamo L opera artistica pittorica o scultorea talvolta riproduce immagini che descrivono episodi tratti da storie fantastiche o da fatti realmente

Dettagli

CHIAVI DEGLI ESERCIZI

CHIAVI DEGLI ESERCIZI Lycée Blaise-Cendrars/ sr + cr Febbraio 2012 Unità 1 : 1. Completa con il verbo essere. 2. sono 3. Siamo 4. Siete 5. Sei 6. Sono CHIAVI DEGLI ESERCIZI 2. Metti le frasi dell esercizio 1 alla forma negativa.

Dettagli

Maggio 2014 San Vito. Laboratorio di narrazione con mamme straniere e italiane

Maggio 2014 San Vito. Laboratorio di narrazione con mamme straniere e italiane Maggio 2014 San Vito Laboratorio di narrazione con mamme straniere e italiane PRIMO INCONTRO In cerchio. Presentazione dell attività e delle regole Presentazione (sedute in cerchio). Mi chiamo.la favola/fiaba

Dettagli

LA GRECIA. -Forma di governo: Repubblica. -Capitale: Atene. -Lingua: greco. -Religione: ortodossa. -Moneta: euro

LA GRECIA. -Forma di governo: Repubblica. -Capitale: Atene. -Lingua: greco. -Religione: ortodossa. -Moneta: euro LA GRECIA -Forma di governo: Repubblica -Capitale: Atene -Lingua: greco -Religione: ortodossa -Moneta: euro La Grecia si trova nel sud dei monti Balcani. La Grecia confina a nord con l Albania, la Macedonia

Dettagli

PROGETTO SCUOLEINSIEME

PROGETTO SCUOLEINSIEME Bando Fondazione Cariplo PROMUOVERE PERCORSI DI INTEGRAZIONE INTERCULTURALE TRA SCUOLA E TERRITORIO PROGETTO SCUOLEINSIEME UNITÀ DIDATTICA SEMPLIFICATA Elaborata da: Dott.ssa Bellante Ilaria A cura di:

Dettagli

PROVA DI ITALIANO. Scuola Primaria. Classe Seconda. Rilevazione degli apprendimenti. Anno Scolastico 2008 2009. Spazio per l etichetta autoadesiva

PROVA DI ITALIANO. Scuola Primaria. Classe Seconda. Rilevazione degli apprendimenti. Anno Scolastico 2008 2009. Spazio per l etichetta autoadesiva Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca Rilevazione degli apprendimenti Anno Scolastico 2008 2009 PROVA DI ITALIANO Scuola Primaria Classe Seconda Spazio per l etichetta autoadesiva La

Dettagli

Progetto Guggenheim: Arte segni e parole. I.C. Spinea 1 Scuola Vivaldi classe seconda a.s. 2012-2013 ins. N.Paterno S. Salici

Progetto Guggenheim: Arte segni e parole. I.C. Spinea 1 Scuola Vivaldi classe seconda a.s. 2012-2013 ins. N.Paterno S. Salici Progetto Guggenheim: Arte segni e parole I.C. Spinea 1 Scuola Vivaldi classe seconda a.s. 2012-2013 ins. N.Paterno S. Salici Composizione di segni Prove di scrittura Disegnare parole e frasi Coltivare

Dettagli

Venite tutti a casa mia. Ragazzi, perché non ascoltiamo un po di musica? Quanti CD hai?

Venite tutti a casa mia. Ragazzi, perché non ascoltiamo un po di musica? Quanti CD hai? TEMPO LIBERO Venite tutti a casa mia Ragazzi, perché non ascoltiamo un po di musica? Ho molti CD di musica ska; tanti di musica punk-rock, pochi invece di altri generi. Per me la musica ska è la più divertente

Dettagli

Favola e disegni di Maria Maddalena Covassi

Favola e disegni di Maria Maddalena Covassi Favola e disegni di Maria Maddalena Covassi La grande quercia del bosco era molto vecchia. Nella corteccia del tronco e dei rami, i solchi lasciati dal tempo erano profondi. Non sapeva ancora quanto le

Dettagli

IN COMUNE UNITÁ 8. (allo sportello)

IN COMUNE UNITÁ 8. (allo sportello) IN COMUNE Sanit: Bogosò: Sanit: Bogosò: Sanit: Bogosò: Sanit: Ciao, Bogosò, come stai? Io sto bene e tu? Questi sono i miei bambini: Fortunato e Faduma. La mia bambina, invece, è a casa. Che cosa fai in

Dettagli

Breve guida per diventare un valente archeologo, con qualche domanda per vedere quanto sei bravo. Nome e cognome. Classe

Breve guida per diventare un valente archeologo, con qualche domanda per vedere quanto sei bravo. Nome e cognome. Classe Comune di Anzola dell Emilia Breve guida per diventare un valente archeologo, con qualche domanda per vedere quanto sei bravo Nome e cognome Classe Forse avete già sentito la parola archeologia, oppure

Dettagli

LA CIVILTÀ CINESE. Dove. Lavoro sul testo. La civiltà cinese è nata lungo il Fiume Giallo, che scende dalla catena dell Himalaya.

LA CIVILTÀ CINESE. Dove. Lavoro sul testo. La civiltà cinese è nata lungo il Fiume Giallo, che scende dalla catena dell Himalaya. LA CIVILTÀ CINESE Dove La civiltà cinese è nata lungo il iume Giallo, che scende dalla catena dell Himalaya. Perché si chiama iume Giallo? Giallastro: un colore giallo sporco, non brillante. Perché in

Dettagli

PORCHIPINO. Periodo attuazione: ottobre/dicembre 2007

PORCHIPINO. Periodo attuazione: ottobre/dicembre 2007 PORCHIPINO Temi: L incontro, lo stare e il partire. La narrazione della storia di Porchipino, un piccolo riccio rimasto solo nel bosco, introduce i bambini al tema dell incontro, dell accoglienza del diverso

Dettagli

RELIGIONE. In ogni città c era un dio preferito. Tutti però credevano in Baal e la moglie Astarte.

RELIGIONE. In ogni città c era un dio preferito. Tutti però credevano in Baal e la moglie Astarte. RELIGIONE I Fenici erano un popolo molto religioso: erano politeisti, cioè credevano in molti dei. Questi dei erano i fenomeni naturali: la pioggia, i tuoni, i fulmini, i fiumi, i mari, le stagioni, la

Dettagli

CHE COS È IL CLIMA? Gli elementi del clima. Scopro le parole. 1 Voyager 4, pagina 159

CHE COS È IL CLIMA? Gli elementi del clima. Scopro le parole. 1 Voyager 4, pagina 159 CHE COS È IL CLIMA? L atmosfera: è l aria che circonda la Terra. Ti è capitato di vedere in televisione o su un giornale le previsioni del tempo? La persona che parla spiega che cosa succede nell aria

Dettagli

SCHEDA PER LA VISITA IN PLANETARIO DELLA SCUOLA DELL INFANZIA

SCHEDA PER LA VISITA IN PLANETARIO DELLA SCUOLA DELL INFANZIA SCHEDA PER LA VISITA IN PLANETARIO DELLA SCUOLA DELL INFANZIA Sei in campagna, seduto su un bel prato e guardi il cielo, che cosa vedi?.le STELLE!! Guarda bene: non ti sembra che il cielo assomigli ad

Dettagli

La Domanda Perfetta Scopri Subito Chi ti Mente

La Domanda Perfetta Scopri Subito Chi ti Mente La Domanda Perfetta Scopri Subito Chi ti Mente Una tecnica di Persuasore Segreta svelata dal sito www.persuasionesvelata.com di Marcello Marchese Copyright 2010-2011 1 / 8 www.persuasionesvelata.com Sommario

Dettagli

Gli strumenti della geografia

Gli strumenti della geografia Gli strumenti della geografia La geografia studia lo spazio, cioè i tanti tipi di luoghi e di ambienti che si trovano sulla Terra. La geografia descrive lo spazio e ci spiega anche come è fatto, come vivono

Dettagli

Test di ascolto Numero delle prove 3

Test di ascolto Numero delle prove 3 Test di ascolto Numero delle prove 3 Ascolto Prova n. 1 Ascolta il testo. Completa il testo e scrivi le parole che mancano. Alla fine del test di ascolto, DEVI SCRIVERE LE RISPOSTE NEL FOGLIO DELLE RISPOSTE.

Dettagli

Api che vanno, bombi che vengono

Api che vanno, bombi che vengono Unità didattica 7 Piante e Alimentazione Api che vanno, bombi che vengono Durata 1 ora più osservazioni all aperto Materiali - schede di lavoro F24 (se possibile stampata a colori), F25 e F26 - schede

Dettagli

ESERCITAZIONE DI RIEPILOGO

ESERCITAZIONE DI RIEPILOGO ESERCITAZIONE DI RIEPILOGO SOTTOLINEA IN NERO LE VOCI VERBALI AL CONGIUNTIVO E IN ROSSO QUELLE AL CONDIZIONALE Che cosa faresti se vincessi al totocalcio? Sarebbe opportuno che prendessero una decisione

Dettagli

LIBO' L'ITALIANO ALLA RADIO

LIBO' L'ITALIANO ALLA RADIO LIBO' L'ITALIANO ALLA RADIO ESERCIZI PUNTATA N 14 Incontrare degli amici A cura di Marta Alaimo Voli Società Cooperativa 2011 1 Incontrare degli amici DIALOGO PRINCIPALE B- Ciao. A- Ehi, ciao, è tanto

Dettagli

LA PARTENZA. La valigia. 1 Con chi farai la valigia? 2 Quali vestiti prenderai con te? 3 Cosa non devi assolutamente dimenticare*?

LA PARTENZA. La valigia. 1 Con chi farai la valigia? 2 Quali vestiti prenderai con te? 3 Cosa non devi assolutamente dimenticare*? LA PARTENZA La valigia Con chi farai la valigia? Quali vestiti prenderai con te? 3 Cosa non devi assolutamente dimenticare*? 4 Completa il cruciverba per scoprire il nome di un famoso stilista italiano.

Dettagli

VOLUME 3 CAPITOLO 7 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ...

VOLUME 3 CAPITOLO 7 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ... L AFRICA VOLUME 3 CAPITOLO 7 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE 1. Parole per capire Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: deserto...... Sahara...... altopiano...... bacino......

Dettagli

ΤΠΟΤΡΓΔΙΟ ΠΑΙΓΔΙΑ ΚΑΙ ΠΟΛΙΣΙΜΟΤ ΓΙΔΤΘΤΝΗ ΜΔΗ ΔΚΠΑΙΓΔΤΗ ΚΡΑΣΙΚΑ ΙΝΣΙΣΟΤΣΑ ΔΠΙΜΟΡΦΩΗ ΣΕΛΙΚΕ ΕΝΙΑΙΕ ΓΡΑΠΣΕ ΕΞΕΣΑΕΙ ΥΟΛΙΚΗ ΥΡΟΝΙΑ 2010-2011

ΤΠΟΤΡΓΔΙΟ ΠΑΙΓΔΙΑ ΚΑΙ ΠΟΛΙΣΙΜΟΤ ΓΙΔΤΘΤΝΗ ΜΔΗ ΔΚΠΑΙΓΔΤΗ ΚΡΑΣΙΚΑ ΙΝΣΙΣΟΤΣΑ ΔΠΙΜΟΡΦΩΗ ΣΕΛΙΚΕ ΕΝΙΑΙΕ ΓΡΑΠΣΕ ΕΞΕΣΑΕΙ ΥΟΛΙΚΗ ΥΡΟΝΙΑ 2010-2011 ΤΠΟΤΡΓΔΙΟ ΠΑΙΓΔΙΑ ΚΑΙ ΠΟΛΙΣΙΜΟΤ ΓΙΔΤΘΤΝΗ ΜΔΗ ΔΚΠΑΙΓΔΤΗ ΚΡΑΣΙΚΑ ΙΝΣΙΣΟΤΣΑ ΔΠΙΜΟΡΦΩΗ ΣΕΛΙΚΕ ΕΝΙΑΙΕ ΓΡΑΠΣΕ ΕΞΕΣΑΕΙ ΥΟΛΙΚΗ ΥΡΟΝΙΑ 2010-2011 Μάθημα: Ιταλικά Δπίπεδο: 2 Γιάρκεια: 2 ώρες Ημερομηνία: 23 Μαΐοσ

Dettagli

Paolo E. Balboni GRAMMAGIOCHI per giocare con la grammatica schede fotocopiabili

Paolo E. Balboni GRAMMAGIOCHI per giocare con la grammatica schede fotocopiabili Paolo E. Balboni GRAMMAGIOCHI per giocare con la grammatica schede fotocopiabili INDICE INTRODUZIONE... 7 ALFABETO, ORTOGRAFIA GIOCO 1 Scacchiera sillabica cruciverba *... 8 GIOCO 2 Colpito! Affondato!

Dettagli

1 Consiglio. Esercizi 1 1

1 Consiglio. Esercizi 1 1 1 Consiglio Prima di andare a dormire scrivi cinque parole italiane che ti interessano. La mattina dopo, prima di alzarti, cerca di ricordarti le parole scritte la sera prima. 1 Animali Fai il cruciverba.

Dettagli

PAROLE CHE FINISCONO IN CIA E GIA. ACACIE MAGIA MAGIE VALIGIA. VALIGIE ROCCIA ROCCE (senza la i) MANCIA MANCE PIOGGIA PIOGGE SPIAGGIA SPIAGGE

PAROLE CHE FINISCONO IN CIA E GIA. ACACIE MAGIA MAGIE VALIGIA. VALIGIE ROCCIA ROCCE (senza la i) MANCIA MANCE PIOGGIA PIOGGE SPIAGGIA SPIAGGE PAROLE CHE FINISCONO IN CIA E GIA. Le parole che terminano in cia e gia si comportano in maniera speciale quando diventano plurali. Eccoti degli esempi. SINGOLARE (uno) PLURALE (tanti) CAMICIA CAMICIE

Dettagli

LA PIANTA MAGICA. Dai 7 anni

LA PIANTA MAGICA. Dai 7 anni PIANO DI L ETTURA LA PIANTA MAGICA ERMINIA DELL ORO Illustrazioni di Giulia Orecchia Serie Azzurra n 81 Pagine: 87 Codice: 978-88-384-3564-2 Anno di pubblicazione: 2006 Dai 7 anni L AUTRICE Erminia Dell

Dettagli

Unità di Apprendimento ideata da Sabrina Ercolani nell'ambito dell'attività per l'integrazione.

Unità di Apprendimento ideata da Sabrina Ercolani nell'ambito dell'attività per l'integrazione. Unità di Apprendimento ideata da Sabrina Ercolani nell'ambito dell'attività per l'integrazione. Destinatario: alunno con deficit cognitivo di grado lieve e sindrome ipercinetica da danno cerebrale lieve

Dettagli

STORIA DEGLI STATI UNITI D AMERICA (U.S.A.)

STORIA DEGLI STATI UNITI D AMERICA (U.S.A.) STORIA DEGLI STATI UNITI D AMERICA (U.S.A.) OGGI Oggi gli Stati Uniti d America (U.S.A.) comprendono 50 stati. La capitale è Washington. Oggi la città di New York, negli Stati Uniti d America, è come la

Dettagli

Mi presento 1. CIAO, MI CHIAMO 2. SONO UN RAGAZZO UNA RAGAZZA 3. HO ANNI 4. VENGO DA 5. SONO IN ITALIA DA 1 MESE 3 MESI 6 MESI 1 ANNO PIU DI UN ANNO

Mi presento 1. CIAO, MI CHIAMO 2. SONO UN RAGAZZO UNA RAGAZZA 3. HO ANNI 4. VENGO DA 5. SONO IN ITALIA DA 1 MESE 3 MESI 6 MESI 1 ANNO PIU DI UN ANNO Mi presento 1. CIAO, MI CHIAMO 2. SONO UN RAGAZZO UNA RAGAZZA 3. HO ANNI 4. VENGO DA 5. SONO IN ITALIA DA 1 MESE 3 MESI 6 MESI 1 ANNO PIU DI UN ANNO 6. ABITO A 7. QUESTA E LA MIA FAMIGLIA: 1 8. A CASA

Dettagli

ANDIAMO IN DISCOTECA

ANDIAMO IN DISCOTECA ANDIAMO IN DISCOTECA John Ciao. Nadia: Ciao, come ti chiami? John: Mi chiamo John Coker Appiah. E tu? Nadia: Mi chiamo Nadia Nannini. John: Sei italiana? Nadia: Si, sono di Pordenone e tu? John: Io sono

Dettagli

Le righe della zebra

Le righe della zebra COGNOME... CLASSE... DATA... 5 10 15 20 25 Le righe della zebra C era una zebra che si vergognava moltissimo delle sue righe nere, avrebbe preferito essere un cavallo. La zebra stava dentro una gabbia

Dettagli

LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO

LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO Sono arrivata in Italia in estate perché i miei genitori lavoravano già qui. Quando ero in Cina, io e mia sorella Yang abitavamo con i nonni, perciò mamma e papà erano tranquilli.

Dettagli

Modulo 1 Unità 1. Santa Teresa Civitavecchia Roma Olbia. Q1. Completa le frasi con le parole della lista.

Modulo 1 Unità 1. Santa Teresa Civitavecchia Roma Olbia. Q1. Completa le frasi con le parole della lista. Andare a gonfie vele Q1. Completa le frasi con le parole della lista. Roma vele Islanda Olbia vacanza quarantenne Sardegna Sicilia In traghetto Fabio è stato in con la famiglia a Santa Teresa, che si trova

Dettagli

Mediterranea INTRODUZIONE

Mediterranea INTRODUZIONE 7 INTRODUZIONE guerrieri Palermo, anno 1076. Dopo che - per più di duecento anni - gli arabi erano stati i padroni della Sicilia, a quel tempo nell isola governavano i normanni, popolo d i guerrieri venuti

Dettagli

La ritirata di Russia. Dal fiume Don a Varsavia (1942-43)

La ritirata di Russia. Dal fiume Don a Varsavia (1942-43) La ritirata di Russia. Dal fiume Don a Varsavia (1942-43) Riccardo Di Raimondo LA RITIRATA DI RUSSIA. DAL FIUME DON A VARSAVIA (1942-43) Memorie di un soldato italiano www.booksprintedizioni.it Copyright

Dettagli

IN QUESTURA UNITÁ 7. Asare: Buongiorno. È questo l ufficio per stranieri? Impiegato: Sì, è la Questura; ma l qfficio

IN QUESTURA UNITÁ 7. Asare: Buongiorno. È questo l ufficio per stranieri? Impiegato: Sì, è la Questura; ma l qfficio IN QUESTURA Asare: Buongiorno. È questo l ufficio per stranieri? Impiegato: Sì, è la Questura; ma l qfficio stranieri non è qui; che cosa deve fare? Asare: Devo fare il permesso di soggiorno. Impiegato:

Dettagli

DALLA MORFOLOGIA ALLA SINTASSI

DALLA MORFOLOGIA ALLA SINTASSI DALLA MORFOLOGIA ALLA SINTASSI MORFOLOGIA = STUDIO DELLA FORMAZIONE DELLA LINGUA. SINTASSI = STUDIO DEI RAPPORTI CHE LE PAROLE HANNO TRA LORO, DEI LORO RUOLI ALL INTERNO DELLA FRASE LA MORFOLOGIA GUARDA

Dettagli

L Impero bizantino. L Impero bizantino. 4. L Impero paga ai Germani tanto oro per far rimanere i Germani lontani dai confini delle regioni orientali.

L Impero bizantino. L Impero bizantino. 4. L Impero paga ai Germani tanto oro per far rimanere i Germani lontani dai confini delle regioni orientali. il testo: 01 L Impero romano d Oriente ha la sua capitale a Costantinopoli. Costantinopoli è una città che si trova in Turchia, l antico (vecchio) nome di Costantinopoli è Bisanzio, per questo l Impero

Dettagli

AL CENTRO COMMERCIALE

AL CENTRO COMMERCIALE AL CENTRO COMMERCIALE Ciao Michele, come va? Che cosa? Ciao Omar, anche tu sei qua? Sì, sono con Sara e Fatima: facciamo un giro per vedere e, forse, comprare qualcosa E dove sono? Voglio regalare un CD

Dettagli

La colonizzazione greca e le sue conseguenze

La colonizzazione greca e le sue conseguenze Unità di apprendimento semplificata Per alunni con difficoltà di apprendimento, per alunni non italofoni, per il ripasso e il recupero A cura di Emma Mapelli La colonizzazione greca e le sue conseguenze

Dettagli

sostantivo Sostantivi in -o e in -a Sostantivi in -e > libri > ragazzi > tavoli libro ragazzo tavolo > penne > ragazze > pizze penna ragazza pizza

sostantivo Sostantivi in -o e in -a Sostantivi in -e > libri > ragazzi > tavoli libro ragazzo tavolo > penne > ragazze > pizze penna ragazza pizza Sostantivi in -o e in -a libro ragazzo tavolo penna ragazza pizza > libri > ragazzi > tavoli > penne > ragazze > pizze Normalmente i sostantivi in -o sono maschili. Il dei sostantivi in -o è -i. Normalmente

Dettagli

1 Completate con i verbi dati. 2 Completate le frasi. 3 Completate la domanda o la risposta.

1 Completate con i verbi dati. 2 Completate le frasi. 3 Completate la domanda o la risposta. 1 Completate con i verbi dati. parlate partono preferiamo abitano pulisce lavora sono vivo aspetto 1. Stefania... tanto. 2. Io... una lettera molto importante. 3. Tu e Giacomo... bene l inglese. 4. Noi...

Dettagli

Vocabolario Scelte corrette.../20 Data...

Vocabolario Scelte corrette.../20 Data... UNITÀ Vocabolario Scelte corrette.../0 Data... Completa il dialogo con le parole: dimmi, ci vediamo, ciao, pronto, ti ringrazio..., Pronto parlo con casa Marini? Sì Marco, sono Andrea che cosa vuoi?...,

Dettagli

In questa unità inizierai a conoscere meglio la tua storia personale: comincerai, cioè, a ricostruire la tua storia da quanto eri piccolo fino

In questa unità inizierai a conoscere meglio la tua storia personale: comincerai, cioè, a ricostruire la tua storia da quanto eri piccolo fino La nostra storia La nostra storia In questa unità inizierai a conoscere meglio la tua storia personale: comincerai, cioè, a ricostruire la tua storia da quanto eri piccolo fino a oggi. Imparerai a ricostruire

Dettagli

LIBO' L'ITALIANO ALLA RADIO

LIBO' L'ITALIANO ALLA RADIO LIBO' L'ITALIANO ALLA RADIO ESERCIZI PUNTATA N 7 IL TEMPO LIBERO A cura di Marta Alaimo Voli Società Cooperativa 2011 1 IL TEMPO LIBERO DIALOGO PRINCIPALE DIALOGO PRINCIPALE A- Tatiana, ti ricordi che

Dettagli

LIBO' L'ITALIANO ALLA RADIO

LIBO' L'ITALIANO ALLA RADIO LIBO' L'ITALIANO ALLA RADIO ESERCIZI PUNTATA N. 3 LA SCUOLA CORSI DI ITALIANO PER STRANIERI A cura di Marta Alaimo Voli Società Cooperativa - 2011 DIALOGO PRINCIPALE A- Buongiorno. B- Buongiorno, sono

Dettagli

COME SI VESTIVANO NELL ANTICA ROMA?

COME SI VESTIVANO NELL ANTICA ROMA? COME SI VESTIVANO NELL ANTICA ROMA? Nell antica Roma tutti si mettevano un vestito lungo. Questo vestito si chiama tunica. Uomini e donne legavano la tunica con una cintura. Sopra la tunica le donne ricche

Dettagli

Scuola Secondaria di I grado di Lavagno Istituto Comprensivo don Lorenzo Milani LAVAGNO - VR

Scuola Secondaria di I grado di Lavagno Istituto Comprensivo don Lorenzo Milani LAVAGNO - VR Scuola Secondaria di I grado di Lavagno Istituto Comprensivo don Lorenzo Milani LAVAGNO - VR PERSONE DA AIUTARE Ci sono persone che piangono dal dolore, li potremmo aiutare, donando pace e amore. Immagina

Dettagli

(Ricostruita con l uso delle fonti) Classe 2^B

(Ricostruita con l uso delle fonti) Classe 2^B (Ricostruita con l uso delle fonti) Classe 2^B A.s. 2010/2011 1 Con un genitore o di un adulto che ti conosce bene, rivivi il momento bellissimo della tua nascita e poi, con il suo aiuto, raccogli foto,

Dettagli

In classe è arrivato da due settimane Adriatik, un ragazzo albanese. Alcuni compagni fanno con lui un giro per la città.

In classe è arrivato da due settimane Adriatik, un ragazzo albanese. Alcuni compagni fanno con lui un giro per la città. IN GIRO PER LA CITTÀ In classe è arrivato da due settimane Adriatik, un ragazzo albanese. Alcuni compagni fanno con lui un giro per la città. Allora, ragazzi, ci incontriamo oggi pomeriggio alle 3.00 in

Dettagli

ΥΠΟΥΡΓΕΙΟ ΠΑΙΔΕΙΑΣ ΚΑΙ ΠΟΛΙΤΙΣΜΟΥ ΔΙΕΥΘΥΝΣΗ ΜΕΣΗΣ ΕΚΠΑΙΔΕΥΣΗΣ ΚΡΑΤΙΚΑ ΙΝΣΤΙΤΟΥΤΑ ΕΠΙΜΟΡΦΩΣΗΣ

ΥΠΟΥΡΓΕΙΟ ΠΑΙΔΕΙΑΣ ΚΑΙ ΠΟΛΙΤΙΣΜΟΥ ΔΙΕΥΘΥΝΣΗ ΜΕΣΗΣ ΕΚΠΑΙΔΕΥΣΗΣ ΚΡΑΤΙΚΑ ΙΝΣΤΙΤΟΥΤΑ ΕΠΙΜΟΡΦΩΣΗΣ ΥΠΟΥΡΓΕΙΟ ΠΑΙΔΕΙΑΣ ΚΑΙ ΠΟΛΙΤΙΣΜΟΥ ΔΙΕΥΘΥΝΣΗ ΜΕΣΗΣ ΕΚΠΑΙΔΕΥΣΗΣ ΚΡΑΤΙΚΑ ΙΝΣΤΙΤΟΥΤΑ ΕΠΙΜΟΡΦΩΣΗΣ ΤΕΛΙΚΕΣ ΕΝΙΑΙΕΣ ΓΡΑΠΤΕΣ ΕΞΕΤΑΣΕΙΣ ΣΧΟΛΙΚΗ ΧΡΟΝΙΑ 2009-2010 Μάθημα: Ιταλικά Επίπεδο: 2 Διάρκεια: 2 ώρες Ημερομηνία:

Dettagli

Livello CILS A2. Test di ascolto

Livello CILS A2. Test di ascolto Livello CILS A2 GIUGNO 2012 Test di ascolto numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi. Poi completa le frasi. Scegli una delle tre proposte di completamento. Alla fine del test di ascolto,

Dettagli

I colori del mondo a Scuola

I colori del mondo a Scuola Progetto aree a rischio Polo Alto Polesine Gruppo Scuola Primaria I colori del mondo a Scuola Test d ingresso di lingua italiana come L2 livello A 2 Anno Scolastico 2007/2008 Premessa Il gruppo di lavoro

Dettagli

La democrazia moderna è nata in Grecia

La democrazia moderna è nata in Grecia 01 Democrazia significa potere del popolo La democrazia è un sistema politico (regole e istituzioni di uno stato) dove tutti i cittadini hanno gli stessi diritti. La democrazia ha queste caratteristiche:

Dettagli

SAMI MODIANO PER QUESTO HO VISSUTO

SAMI MODIANO PER QUESTO HO VISSUTO SAMI MODIANO PER QUESTO HO VISSUTO La mia vita ad Auschwitz-Birkenau e altri esili a cura di Marcello Pezzetti e Umberto Gentiloni Silveri Il volume è frutto della collaborazione della Provincia di Roma

Dettagli

IN CITTÀ UNITÁ 6. Paula non è molto contenta perché ha poche amiche e questa città le piace poco; invece le altre città italiane le piacciono molto.

IN CITTÀ UNITÁ 6. Paula non è molto contenta perché ha poche amiche e questa città le piace poco; invece le altre città italiane le piacciono molto. IN CITTÀ Paula è brasiliana ed è in Italia da poco tempo. Vive in una città del Nord. La città non è molto grande ma è molto tranquilla, perché ci sono pochi abitanti. In centro ci sono molti negozi, molti

Dettagli

1 Completate il cruciverba.

1 Completate il cruciverba. Esercizi 1 Completate il cruciverba. Orizzontali 1. Giulia scrive messaggini a tutti con il... 2. Che bello... gli amici! 3. Amo... lezione d italiano. 4. Il primo giorno di scuola conosco nuovi... Verticali

Dettagli

LA STORIA pagine per l insegnante Per far capire agli alunni il concetto di Storia, mostriamo loro un immagine allegorica e guidiamoli a comprenderne

LA STORIA pagine per l insegnante Per far capire agli alunni il concetto di Storia, mostriamo loro un immagine allegorica e guidiamoli a comprenderne LA STORIA pagine per l insegnante Per far capire agli alunni il concetto di Storia, mostriamo loro un immagine allegorica e guidiamoli a comprenderne la simbologia con domande stimolo: - Perché la Storia

Dettagli