UNITÀ CAMPIONE. quaderno per le vacanze di italiano, storia e geografia. Edizioni del Quadrifoglio. Maria Rita Petrella

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "UNITÀ CAMPIONE. quaderno per le vacanze di italiano, storia e geografia. Edizioni del Quadrifoglio. Maria Rita Petrella"

Transcript

1 Maria Rita Petrella quaderno per le vacanze di italiano, storia e geografia per la Scuola secondaria di primo grado UNITÀ CAMPIONE Edizioni del Quadrifoglio

2 settimana Ciao, mi riconosci? Sono la civetta! Un piccolo rapace notturno utile all agricoltura. Infatti mi nutro di insetti, pipistrelli e piccoli roditori Un tempo servivo anche come richiamo per le allodole. Secondo alcuni, però, porto sfortuna perché il mio verso è un po triste... E pensare che ero l uccello sacro alla dea Atena, anzi ero addirittura il simbolo di Atene! LA SUPREMA CIVETTONA 3

3 Italiano Che cos è il mito? Il mito è un racconto fantastico che narra le origini, le vicende, la storia di un gruppo sociale; prima di essere scritto, il mito è stato raccontato a voce. Il racconto mitologico generalmente tenta di dare una spiegazione all origine del mondo, ai fenomeni della natura e alle leggi della vita: la nascita, la crescita, la morte. La principale caratteristica del mito è la presenza delle figure divine, che compiono azioni eccezionali. La nascita degli dei nel mito greco Nella notte dei tempi esisteva uno spazio infinito, buio e vuoto: il Caos. In queste tenebre apparvero alcune divinità: Gea, la Terra, ed Eros, l Amore. Gea creò Urano, il Cielo, e insieme formarono la prima coppia divina e dominarono l universo. I due sposi ebbero molti figli: i Titani, enormi creature destinate ad aiutarli nel governo dell universo; i Ciclopi, grandi come i Titani ma meno intelligenti e dotati di un solo occhio in mezzo alla fronte; infine, i Centimani, mostri con cento braccia e cinquanta teste. Ciclopi e Centimani erano potenti e violenti; così Urano cominciò a essere spaventato dalla forza dei propri figli. Li fece prigionieri e li sprofondò nelle viscere della terra. Questo gesto suscitò però l ira di Gea, che amava tutti i suoi figli, e destò preoccupazione nei Titani che temevano di fare la stessa fine. Così i Titani si accordarono con la madre per eliminare Urano. Gea consegnò a Crono, il più giovane dei Titani, l arma per attaccare il padre. Crono uccise Urano, che precipitò dal cielo mentre dal sangue delle sue ferite nascevano i Giganti, enormi mostri con le gambe di serpente, le Erinni, gli spiriti della vendetta, e infine, da una goccia di sangue piovuta nel mare, Afrodite, la dea della bellezza e dell amore. Crono salì così sul trono celeste e durante il suo regno nacquero molti altri dei. Tuttavia egli non si sentiva sicuro perché pensava che, così come lui aveva spodestato il padre, avrebbe potuto fare lo stesso anche uno dei suoi figli. Quindi decise di uccidere tutti i figli che sarebbero nati dalla sua unione con Rea, la sorella divenuta sua moglie, ingoiandoli via via che nascevano. Così avvenne per i primi cinque figli, ma, alla nascita del sesto, la madre si ribellò e volle salvarlo. Prese un masso, lo avvolse nelle fasce per Zeus 4

4 settimana farlo sembrare un neonato e lo presentò a Crono, che lo divorò senza sospetti. In questo modo il figlio fu salvo: era Zeus. Una volta divenuto grande, Zeus costrinse il padre a ridare alla luce i fratelli che aveva divorato. Zeus voleva conquistare il trono celeste e per ottenerlo combatté molte guerre con gli altri dei. Egli stabilì la sua sede sul monte Olimpo, affidò al fratello Poseidone il governo del mare e ad Ade il dominio sotterraneo delle regioni infernali, mentre mantenne sotto il suo diretto comando il cielo e l autorità suprema su tutto. Zeus sposò Era e con lei formò la terza coppia divina, mantenendo il controllo sul cielo e l autorità suprema su tutto. Era 1. L albero genealogico è generalmente uno schema ad albero che mostra l elenco completo degli antenati e serve a illustrare i rapporti familiari tra gli individui. Ricostruisci le coppie degli dei e la loro discendenza aiutandoti con i nomi che trovi già inseriti. Gea Amore Ciclopi 5

5 ITALIANO 2. Ora, osservando l esempio, prova tu a disegnare l albero genealogico della tua famiglia; inserisci anche i parenti che frequenti poco perché magari vivono lontano. Se vuoi, puoi includere anche gli animali! 3. Ti sarà certamente capitato di sentire un espressione molto diffusa: Sei un mito!. Sai che cosa significa? Tu consideri qualcuno un mito? Perché? Prova a raccontarlo con le tue parole. 6

6 Grammatica settimana Il nome Il nome (o sostantivo) è la parte variabile del discorso che serve a designare le persone, gli animali, le cose, i fatti, i luoghi, le azioni, le idee e i sentimenti, cioè tutto ciò che esiste nella realtà o che possiamo immaginare o pensare. In base al significato il nome può essere: comune: quando indica una persona, un animale o una cosa in modo generico, come elemento di una medesima categoria: bambino, tavolo, cane; proprio: quando indica una particolare persona, un animale o una cosa distinguendola, appunto con un nome che le è proprio, dalle altre della stessa categoria: Carlo, Po, Vesuvio. I nomi comuni possono essere: concreti: quando indicano esseri o cose reali che possiamo percepire attraverso i cinque sensi: gatto, lampada, profumo; astratti: quando indicano idee, concetti o sentimenti che non si percepiscono attraverso i cinque sensi: saggezza, virtù, gioia. I nomi comuni concreti a loro volta si dividono in: individuali: quando indicano una sola persona, un solo animale o una sola cosa: giocatore, cavallo, nave; collettivi: quando indicano un insieme di persone, animali o cose della stessa specie: squadra, mandria, flotta. 1. Indica con una crocetta a quale categoria appartengono i nomi presenti in tabella. a. barca b. malinconia c. stormo d. bicicletta e. Luisa f. Liegi g. allegria h. coniglio i. mandria l. scolaresca m. Reno Nome comune Nome proprio Nome concreto Nome astratto Nome collettivo 7

7 ITALIANO 2. Scrivi i nomi astratti corrispondenti ai seguenti nomi concreti. a. amico... b. femmina... c. padre... d. nemico... e. eroe... f. madre Per ciascuno dei seguenti nomi, scrivi il nome collettivo che ne indica l insieme. a. musicisti... b. pini... c. militari... d. pecore... e. api... f. isole... In base alla struttura, cioè al modo in cui è formato, il nome poi può essere: primitivo, se non deriva da alcuna altra parola ed è formato solo dalla radice e dalla desinenza: latte, casa, fiore; derivato, se si forma con l aggiunta di prefissi e suffissi a una parola primitiva: latteria, caseggiato, fioriera; alterato, se attraverso alcuni suffissi altera in senso quantitativo o qualitativo il significato originario della parola da cui deriva. Gli alterati sono i seguenti: diminutivi (casina, casetta), vezzeggiativi (casuccia), accrescitivi (casona), dispregiativi (casaccia); composto, se è formato dall unione di più parole, pianoforte (avverbio + avverbio), alzabandiera (verbo + nome), cassaforte (nome + aggettivo). 4. Indica con una crocetta la struttura dei seguenti nomi. a. libreria b. quadretto c. alzabandiera d. anello e. colletto f. tazzina g. portacenere h. scarponi i. cappellaccio l. testimone m. unghiata Nome primitivo Nome derivato Nome alterato Nome composto 5. Scrivi i nomi primitivi da cui derivano i seguenti nomi derivati. a. fiumana... b. caffettiera... c. negoziante... d. nottambulo... e. dentista... f. calzolaio Per ciascuna delle seguenti espressioni, scrivi il nome alterato corrispondente. 8 a. casa brutta e sporca... b. cane piccolo e carino... c. piede grande... d. voce potente e forte... e. uomo piccolo... f. negozio piccolo ma accogliente...

8 settimana In base al genere i nomi possono essere maschili (libro, pane, lupo) o femminili (mano, matita, torta). Se maschile e femminile hanno la stessa forma, come civetta o nipote, il nome si definisce di genere comune e in questo caso gli articoli e gli aggettivi consentono di capire se il nome è usato al maschile o al femminile. Quando maschile e femminile si distinguono per la variazione della desinenza o per l aggiunta di un suffisso, il nome si definisce mobile, come in zio/zia o professore/professoressa. Quando invece maschile e femminile hanno forme completamente diverse, il nome si definisce indipendente, come in padre/madre. 7. Trasforma i nomi maschili in nomi femminili e viceversa. a. cuoco... b. psicologa... c. senatore... d. marito... e. gallo... f. attrice... g. sorella... h. nipote... In base al numero i nomi possono essere singolari (penna, zaino) o plurali (penne, zaini). Nella maggior parte dei nomi, il plurale si forma in base alla desinenza del singolare (anche se vi sono numerose particolarità o eccezioni) e in tal caso sono detti nomi variabili: desinenza in -a: formano il plurale in -e se femminili (statua/statue), in -i se maschili (poeta-poeti); desinenza in -o: in genere formano il plurale in -i (libro/libri), ma alcuni nomi di genere maschile in -o diventano al plurale di genere femminile con desinenza in -a (uovo/uova); desinenza in -e: formano il plurale in -i (madre/madri). Alcuni nomi però formano il plurale in modo diverso. Vediamoli. I nomi invariabili hanno la stessa forma al singolare e al plurale: la/le città, il/i bar, il re/i re. I nomi difettivi mancano del singolare o del plurale: forbici, nozze, burro. I nomi sovrabbondanti hanno due forme di plurale, una maschile e l altra femminile, a volte con significati diversi: il muro/i muri/le mura. Il plurale dei nomi composti si forma in modo diverso a seconda delle parti che compongono il nome: se c è un avverbio il nome rimane invariato (il/i dopobarba); in altri casi invece può variare la desinenza di uno o di entrambi i componenti. 8. Volgi al plurale i seguenti nomi. Se necessario, puoi aiutarti con un dizionario. a. bue... b. oasi... c. arma... d. pescespada... e. parroco... f. palco... g. ronzio... h. tempio Scegli la forma plurale corretta tra le due proposte. a. Fai attenzione a non intrecciare i fili / le fila del ricamo. b. Dobbiamo rinnovare i passaporto / i passaporti. c. Al mio cane piace molto rosicchiare le ossa / gli ossi. d. Ho i labbri / le labbra screpolate. e. Il mascara serve per truccare i cigli / le ciglia. f. Un problema per l Italia sono i cervelli / le cervella in fuga. 9

9 ITALIANO L articolo L articolo è la parte variabile del discorso che si premette al nome, con il quale concorda in genere e in numero, e ha la funzione di inserirlo nella frase. Esistono tre tipi di articoli: determinativi, si premettono al nome per segnalare che esso indica una persona, un animale o una cosa ben precisata; essi sono: il, lo, la per il singolare; i, gli, le per il plurale. indeterminativi, introducono un nome lasciandolo generico e indeterminato; essi sono: un, uno, una; partitivi, indicano una parte indeterminata di un tutto, essi sono: del, dello, della al singolare e dei, degli, delle al plurale. Gli articoli partitivi dei, degli, delle formano il plurale degli articoli indeterminativi che ne sono privi. L articolo serve anche a far acquisire la funzione di nome a qualsiasi parte del discorso. Leggere è un verbo, ma nella frase Il leggere può essere piacevole, assume la funzione di nome e sta a significare la lettura. 10. Inserisci l articolo determinativo o indeterminativo che ritieni più opportuno. a. Mi ha dato... sua parola che sarebbe venuta. b.... ananas è un frutto esotico. c. Decidi... buona volta cosa vuoi fare. d. Ho acquistato... abito da sera. e. Abbiamo prenotato... biglietti per... concerto di sabato. f. A Venezia si tiene... importante festival del cinema. 11. Nelle seguenti frasi sottolinea l, la, lo, gli e le solo quando hanno funzione di articolo. a. Le ho detto che la cena è servita. b. Non gli abbiamo mai nascosto la verità. c. La velocità alla partenza la portò in vantaggio. d. L autobus non l ha aspettato. e. Lo spettacolo l ha divertita. f. Gli amici gli hanno raccontato il finale del libro. g. La zia di Carla era molto amica di Lia, ma poi non l ha più voluta vedere. 12. Per ogni frase, sostituisci l espressione tra parentesi con un articolo partitivo. a. Vorrei acquistare (un po di)... farina di mais: dove posso trovarla? b. Ho invitato (alcune)... amiche per cena: non ti dispiace, vero? c. C è (una parte di)... verità nelle tue parole, ma il discorso è molto più complesso. d. Sono rimasti (alcuni)... biglietti per il concerto: venite? e. Se aggiungessi (un po di)... cannella questa ricetta diventerebbe molto più buona. f. Marta ha preparato (un po di)... biscotti squisiti. g. Quest anno ho visto (alcuni)... film particolarmente avvincenti. 10

10 settimana Ortografia L ortografia è l insieme delle regole che servono per scrivere correttamente le parole. Ci sono alcuni errori che si commettono frequentemente nella lingua scritta; per evitare di sbagliare è utile esercitarsi negli argomenti che costituiscono le più frequenti difficoltà ortografiche. Ricorda comunque che in caso di dubbio è sempre utile consultare un dizionario. I suoni ge/gie, ce/cie, sce/scie Il plurale dei nomi e degli aggettivi in gia e cia: è ge e ce se la g o la c sono precedute da una consonante: freccia/frecce; è gie e cie se la g o la c sono precedute da una vocale: camicia/camicie. Tranne che nelle parole scienza e coscienza (e derivati), uscière e scìe (pl. di scìa), si usa sempre sce (palcoscenico, scena, nascente). Attenzione! In qualche caso il significato di due parole cambia profondamente solo per una vocale: pensa a cieco = non vedente e ceco = relativo alla Cecoslovacchia. 13. Sottolinea la forma corretta tra le due proposte. a. Le bombe intelligenti / intelligienti non possono evitare gli errori umani. b. Le pioggie / piogge primaverili sono talvolta molto violente. c. Laura non è sempre cosciente / coscente di quello che fa. d. Il mio fratellino mi saluta sempre con un bacetto sulle guancie / guance. e. Per il mio compleanno ho prenotato la torta in pasticcieria / pasticceria. f. La speculazione edilizia ha rovinato molte spiagge / spiaggie italiane. g. È necessario curare la propria igene / igiene personale. h. Secondo la mitologia i Ciclopi erano discendenti / disciendenti di Gea e Urano. 14. Risolvi il cruciverba: se risponderai esattamente alle definizioni, nella colonna verticale rossa leggerai il nome di un animale Definizioni 1. È un sentimento simile alla felicità. 2. Indica la riunione di un gruppo di persone per discutere varie questioni; può essere anche di classe. 3. È uno dei cinque sensi. 4. In aritmetica indica la cifra ottenuta da una somma. 5. È l organo del corpo umano che serve per sentire. 11

11 Ripassiamo Storia Come si misura il tempo? Per collocare gli eventi nel tempo è importante capire il sistema di numerazione degli anni, il modo in cui sono indicati i secoli e riconoscere e utilizzare l ordine cronologico degli eventi. Nel mondo occidentale in cui viviamo, la datazione ha sempre preso come punto di riferimento la nascita di Gesù Cristo, considerata convenzionalmente l anno 0 della storia. In base a questo criterio gli anni che precedono questa data sono seguiti dalla scritta a.c., cioè avanti Cristo, e quelli successivi dalla scritta d.c., cioè dopo Cristo. Ma attenzione: per indicare i secoli dopo Cristo si verifica una specie di spostamento in avanti, infatti gli eventi accaduti in anni che cominciano con 1 appartengono al II secolo, quelli accaduti in anni che cominciano con 2 appartengono al III secolo e così via. Nei secoli che precedono la nascita di Cristo si procede esattamente al contrario: infatti gli anni che vanno dal 300 al 201, ad esempio, corrispondono al III secolo. 1. Qui sotto trovi una linea del tempo, cioè quello strumento grafico che utilizzano gli storici per organizzare gli eventi nel modo in cui si sono svolti. Prova a completarla inserendo i secoli e le date mancanti. NASCITA DI CRISTO V sec. a.c. IV sec. a.c.... II sec. a.c. I sec. II sec.... d.c. d.c.... IV sec. d.c. V sec. d.c. da 500 a 401 a.c da 300 a 201 a.c da 100 a 1 a.c. da 1 a 99 d.c da 200 a 299 d.c da 400 a 499 d.c. 2. Gli storici hanno organizzato gli eventi della storia in grandi periodi, che costituiscono le età della storia. Per ricostruirli scrivi sotto ciascun periodo storico la corrispondente datazione scegliendola tra quelle proposte. dal 3500 a.c. circa al 476 dal 1815 a oggi dal 1492 al 1815 da 2,5 milioni di anni fa al 3500 a.c. circa dal 476 al 1492 Preistoria Età antica Medioevo Età moderna Età contemporanea

12 settimana Lo storico e il lavoro sulle fonti Gli storici sono studiosi che si occupano di ricostruire la storia non solo dei personaggi importanti ma di intere civiltà, popolazioni e Stati. Per compiere il loro lavoro, gli storici utilizzano le fonti, cioè documenti di vario tipo che possono confermare le loro ipotesi o indirizzare le loro ricerche in modo da accertare, anche se con approssimazione, la verità dei fatti. Come abbiamo anticipato le fonti possono appartenere a diverse tipologie: fonti scritte: documenti e testi storici. fonti materiali: oggetti di varia natura. fonti visive o iconografiche: fotografie, dipinti, monumenti e opere d arte. fonti orali: testimonianze e racconti di chi ha vissuto certi eventi, ma anche discorsi pubblici di personaggi celebri. 3. Ora prova tu a riconoscere le fonti. Associa a ogni fonte la categoria a cui appartiene, riportando la lettera corretta nella casella bianca accanto a ogni immagine. a. fonte scritta b. fonte iconografica c. fonte materiale d. fonte orale

13 STORIA La civiltà dell Antica Grecia La polis La civiltà greca si sviluppò nel territorio dell attuale Grecia e delle sue isole, ma anche sulle coste dell Asia Minore, dell Italia Meridionale e della Sicilia, a partire dal 2500 a.c. Fu proprio nel Sud della penisola che i Greci fondarono numerose e prospere colonie, che presero appunto il nome di Magna Grecia. Verso la fine del IX secolo a.c., quando la Grecia stava vivendo un periodo di rinascita culturale e politica, nacquero e si svilupparono le poleis, le città-stato. La polis era una piccola comunità che si governava autonomamente tramite la Il Partenone sull acropoli di Atene. partecipazione di tutti i cittadini. Essa aveva una struttura urbanistica ben definita: la parte alta, su cui sorgeva il tempio, era detta acropoli, e la parte bassa, cioè la piazza in cui si tenevano le assemblee, era detta agorà. 4. Che cosa significa il termine greco polis? Che cos erano le poleis e quando si svilupparono? Da quali parti era costituita la polis?... I giochi olimpici Nella civiltà greca le attività sportive erano considerate molto importanti per la formazione dei cittadini. In ogni polis, infatti, esistevano ginnasi, cioè palestre in cui i cittadini potevano esercitarsi quotidianamente. Erano quindi molto diffusi i giochi, cioè gare sportive in onore delle divinità che contribuivano a consolidare l identità culturale del cittadino. I giochi si tenevano in molte città greche, ma i più famosi erano quelli di Olimpia, da cui deriva appunto il termine Olimpiadi. Le prime Olimpiadi si tennero nell estate del 776 a.c. e poi con cadenza quadriennale, come avviene ancora oggi. 14 Atleti impegnati nella gara della corsa raffigurati su un vaso greco del V sec. a.c.

14 settimana Alle Olimpiadi partecipavano gli abitanti di tutta la Grecia e le città sospendevano le guerre e i combattimenti per consentire lo svolgimento regolare dei giochi. I vincitori diventavano veri e propri eroi, portati in trionfo e immortalati in statue e poemi. 7. Indica con una crocetta se le seguenti affermazioni sono vere o false. a. I primi giochi olimpici si tennero nel 776 d.c. b. I giochi erano gare sportive in onore dei cittadini illustri. c. I vincitori erano considerati eroi. d. Olimpia fu l unica città sede dei giochi olimpici. Il teatro Vero Falso Il Teatro greco di Epidauro, risalente al IV secolo a.c. Un altro elemento importante nella civiltà greca fu il teatro. Per i cittadini greci andare a teatro rappresentava non solo un momento di svago, ma anche un momento di formazione culturale e civile, perché assistevano alla messa in scena di tradizioni, miti, drammi e conflitti che li facevano riflettere sulla propria storia e sulla vicenda umana in generale. Tra il V e il IV secolo a.c. vennero scritte commedie e tragedie che influirono moltissimo sulla cultura occidentale, come ad esempio il mito di Prometeo che ruba il fuoco agli dei per donarlo agli uomini. I teatri greci erano quasi sempre strutture all aperto con gradinate disposte a semicerchio. 8. Perché il teatro era importante per i Greci? Ti è capitato di visitare qualche teatro greco? Dove si trova? Com è fatto? Conosci un mito greco? Prova a raccontarlo brevemente

15 STORIA Il mondo romano L efficienza delle strade Per mantenere il controllo e governare il loro grande Impero, i Romani dedicarono particolare cura e attenzione allo studio e alla progettazione architettonica e di infrastrutture che permettevano di collegare i vasti e lontani territori che lo costituivano. Per questo si distinsero, oltre che nel sistema giuridico, nelle tecniche di costruzione e nelle grandi opere di ingegneria, di cui ci hanno lasciato importanti testimonianze che sopravvivono ancora oggi. Una strada romana a Pompei. In particolare i Romani furono abili nel costruire le strade, necessarie per garantire gli approvvigionamenti e le comunicazioni tra Roma e i suoi domini. Le strade principali prendevano il nome dal console che le aveva fatte costruire e in questo caso erano dette appunto consolari, come la via Appia o la Aurelia; altre prendevano il nome dalla funzione per la quale erano state costruite, come la via Salaria che serviva per il trasporto del sale dal mare Adriatico a Roma; altre ancora, invece, dalle città alle quali conducevano, come la via Ardeatina che portava da Roma ad Ardea. Le strade romane erano molto solide e resistenti perché formate da materiali diversi disposti a strati, da cui deriva appunto il nome strada. 11. Indica con una crocetta se le seguenti affermazioni sono vere o false. a. La civiltà romana si è distinta soprattutto nelle tecniche di costruzione e nelle opere di ingegneria. b. Le strade servivano ai Romani per gestire approvvigionamenti e comunicare con i territori dell Impero. c. Le strade prendevano sempre il nome dal console che le aveva fatte costruire. d. La via Salaria fu costruita per trasportare il sale dal Tirreno a Roma. Vero Falso Gli spettacoli dei gladiatori I Romani amavano i giochi circensi, cioè gare organizzate per divertire o per celebrare funerali oppure, ancora, per punire i condannati. I combattimenti avvenivano tra gladiatori armati, tra gladiatori e belve feroci oppure tra elefanti e belve. I giochi si tenevano negli anfiteatri, cioè arene dotate di gradinate. L anfiteatro più famoso e più grande è il Colosseo: esso fu fatto costruire a Roma durante la dinastia Flavia ed era in grado di contenere fino a spettatori. 16 Il Colosseo, costruito nel I secolo d.c.

16 settimana 12. Indica le tre ragioni per cui venivano organizzati i giochi circensi Indica con una crocetta se le seguenti affermazioni sono vere o false. a. I giochi circensi erano gare sportive. b. I combattimenti avvenivano soltanto tra gladiatori. c. I combattimenti avvenivano negli anfiteatri. d. Il Colosseo non poteva contenere più di spettatori. 14. Osserva l immagine e rispondi alle domande. Vero Falso a. Chi sono i personaggi che vedi? Come sono vestiti? Quali armi portano? b. Secondo te, dove si svolge la scena? Rifletti su quanto hai letto nel testo e sull immagine che hai osservato c. Che cosa indicano le scritte che si intravedono nell immagine? In che lingua sono?... d. In quale tipologia di fonti rientra questo documento?... 17

17 Ripassiamo Geografia Clima e ambienti naturali in Europa Le zone climatiche In ogni zona terrestre il clima determina le caratteristiche della vegetazione e della fauna, dell ambiente, delle attività produttive e degli stili di vita. Vediamo ora quali climi troviamo in Europa: scopriremo una straordinaria varietà di paesaggi naturali e di abitanti che li popolano. L Europa si trova nella fascia climatica temperata, tranne che nel territorio più a nord della Scandinavia che tocca il Circolo Polare Artico. Tuttavia offre una grande varietà di climi sia per la sua estensione sia per la morfologia molto diversificata del suo territorio. Si possono distinguere: il clima nordico e alpino: il clima nordico si ha nelle terre russe e scandinave intorno al Circolo Polare Artico ed è caratterizzato da inverni freddi e lunghi ed estati brevi e fresche; il terreno resta gelato per la maggior parte dell anno e le precipitazioni sono molto scarse; il clima alpino riguarda Pirenei, Alpi, Carpazi e Caucaso e si contraddistingue per inverni rigidi e nevosi ed estati fresche e piovose; il clima atlantico: si presenta nelle regioni che si affacciano sull Oceano Atlantico e sul Mare del Nord, è caratterizzato da un elevata piovosità, dovuta all influenza delle correnti occidentali dell Atlantico, e ha un escursione termica annuale molto limitata (tra i 10 e i 12 C); il clima ocea- 18

18 settimana nico è temperato dalle acque calde della Corrente del Golfo, perciò presenta inverni miti ed estati fresche; il clima continentale: si ha in tutte le pianure continentali distanti dai mari, dalla Francia alla Russia, ed è caratterizzato da escursioni termiche annuali molto elevate, da inverni molto freddi ed estati calde; le precipitazioni sono meno frequenti rispetto al clima oceanico, ma a seconda della latitudine le caratteristiche climatiche subiscono significative variazioni; il clima mediterraneo: si ha nelle regioni che si affacciano sul Mar Mediterraneo ed è contraddistinto da inverni miti e moderatamente piovosi ed estati calde e secche. Le regioni dell Europa centrale sono caratterizzate da un clima di transizione, così definito perché, andando verso oriente, passa gradatamente dalle caratteristiche del clima atlantico a quelle del clima continentale. 1. Completa le frasi sulle zone climatiche scegliendo fra i termini proposti. a. Il clima mediterraneo è caratterizzato da inverni rigidi / miti e da estati calde e umide / secche. b. Il clima atlantico è caratterizzato da inverni non molto freddi / rigidi e da precipitazioni scarse / abbondanti. c. Il clima atlantico presenta inverni miti dovuti all influsso delle correnti occidentali / della Corrente del Golfo. d. Il clima continentale è caratterizzato da un escursione termica annuale limitata / ampia e da inverni rigidi / miti. e. Il clima nordico è caratterizzato da un estate breve e fresca / breve e secca e da precipitazioni molto scarse / abbondanti. f. Il clima alpino è caratterizzato da estati fresche e umide / secche. Gli ambienti e la fauna delle zone climatiche europee Alla varietà dei climi europei corrisponde un analoga varietà di ambienti: nelle regioni a clima nordico, dato il freddo intenso, il terreno gelato e le scarse precipitazioni, la flora tipica è la tundra, costituita da muschi e licheni, mentre le piante ad alto fusto si sviluppano con difficoltà; sono le zone in cui i lapponi allevano le renne, che si nutrono di questo tipo di vegetazione; le regioni subartiche sono abitate da ermellini, orsi bianchi e dalla volpe artica; l ambiente atlantico è stato molto plasmato dalla presenza dell uomo, che ha sostituito le foreste con vaste coltivazioni e allevamenti; le pianure e i pendii di queste zone sono caratterizzati dalla brughiera, una distesa di prati e arbusti che copre soprattutto le coste; l ambiente continentale cambia molto man mano che si procede da nord a sud; a nord si trova la taiga, con i boschi di conifere (abeti, pini e larici), mentre a sud sono presenti anche boschi di latifoglie che si mescolano a quelli di conifere; le zone del Mar Caspio e del Mar Nero sono caratterizzate dalla steppa nera, estensioni di terreno erbaceo molto fertili e coltivate a cereali; meno fertile invece la steppa bianca, che si trova intorno al Mar Caspio e al bacino del fiume Volga; l ambiente mediterraneo è dominato dalla macchia mediterranea, un vegetazione costituita da arbusti (come l oleandro, il mirto e il ginepro) e dovuta alla siccità estiva e al vento; gli alberi che compongono questo paesaggio sono sempreverdi, come il leccio, il sughero, il cipresso e il pino marittimo; tra le coltivazioni più diffuse ci sono la vite, l ulivo e gli agrumi; tra gli animali che popolano la zona ci sono il lupo, l orso, la volpe, la lepre, il riccio e il cinghiale. 19

19 GEOGRAFIA 2. Associa le immagini alle didascalie inserendo le lettere nelle caselle corrispondenti. a. Uno scorcio della sconfinata steppa della Mongolia. b. Pini marittimi e cespugli in un tratto di costa mediterranea. c. Una distesa di erica e arbusti bassi in un paesaggio di brughiera. d. Paesaggio tipico della taiga caratterizzato da boschi di conifere Scrivi sotto l immagine di ogni animale l ambiente naturale a cui appartiene. ambiente mediterraneo ambiente continentale ambiente alpino ambiente nordico

20 Cerca il testo completo in libreria oppure acquistalo su libreriarizzoli.it I contenuti di otto Indice: in tutto 1

21 Scopri tutte le novità B.I.T. su RcsEducation.it Edizioni del Quadrifoglio

CHE COS È IL CLIMA? Gli elementi del clima. Scopro le parole. 1 Voyager 4, pagina 159

CHE COS È IL CLIMA? Gli elementi del clima. Scopro le parole. 1 Voyager 4, pagina 159 CHE COS È IL CLIMA? L atmosfera: è l aria che circonda la Terra. Ti è capitato di vedere in televisione o su un giornale le previsioni del tempo? La persona che parla spiega che cosa succede nell aria

Dettagli

IL TEMPO METEOROLOGICO

IL TEMPO METEOROLOGICO VOLUME 1 CAPITOLO 4 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE IL TEMPO METEOROLOGICO 1. Parole per capire A. Conosci già queste parole? Scrivi il loro significato o fai un disegno: tempo... Sole... luce... caldo...

Dettagli

Trasformazione attivo-passivo

Trasformazione attivo-passivo Trasformazione attivo-passivo E possibile trasformare una frase attiva in passiva quando: 1. il verbo è transitivo 2. il verbo è seguito dal complemento oggetto. Si procede in questo modo: 1. il soggetto

Dettagli

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni.

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. 8 regioni settentrionali: il Piemonte (Torino), la Val d Aosta (Aosta),

Dettagli

PROVA DI MATEMATICA - Scuola Primaria - Classe Quinta

PROVA DI MATEMATICA - Scuola Primaria - Classe Quinta Rilevazione degli apprendimenti PROVA DI MATEMATICA - Scuola Primaria - Classe Quinta Anno Scolastico 2011 2012 PROVA DI MATEMATICA Scuola Primaria Classe Quinta Spazio per l etichetta autoadesiva ISTRUZIONI

Dettagli

Arrivederci! 1 Test di progresso

Arrivederci! 1 Test di progresso TEST DI PROGRESSO (Unità 1 e 2) 1) Completa il mini dialogo con le forme verbali corrette. Ciao, io sono Tiziano. Ciao, io mi chiamo Patrick. (1)... italiano? No, ma (2)... italiano molto bene. (1) a)

Dettagli

IL CIELO PER GLI ANTICHI I fenomeni celesti più appariscenti e l influsso che hanno avuto sulla storia

IL CIELO PER GLI ANTICHI I fenomeni celesti più appariscenti e l influsso che hanno avuto sulla storia IL CIELO PER GLI ANTICHI I fenomeni celesti più appariscenti e l influsso che hanno avuto sulla storia Affronteremo un breve viaggio per scoprire il significato che la volta celeste aveva per i popoli

Dettagli

Livello CILS A2. Test di ascolto

Livello CILS A2. Test di ascolto Livello CILS A2 GIUGNO 2012 Test di ascolto numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi. Poi completa le frasi. Scegli una delle tre proposte di completamento. Alla fine del test di ascolto,

Dettagli

SIGNIFICATO LETTERALE E SIGNIFICATO METAFORICO. Indica per ogni coppia di frasi, quando la parola in stampato maiuscolo ha SIGNIFICATO

SIGNIFICATO LETTERALE E SIGNIFICATO METAFORICO. Indica per ogni coppia di frasi, quando la parola in stampato maiuscolo ha SIGNIFICATO SIGNIFICATO LETTERALE E SIGNIFICATO METAFORICO Indica per ogni coppia di frasi, quando la parola in stampato maiuscolo ha SIGNIFICATO LETTERALE e quando ha SIGNIFICATO METAFORICO (FIGURATO). Questa non

Dettagli

CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI

CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI La mia casa ideale è vicino al mare. Ha un salotto grande e luminoso con molte poltrone comode e un divano grande e comodo.

Dettagli

02. Nomi particolari. Nomi con plurale particolare. Gruppo in -a. Alcuni nomi in -a sono maschili e hanno il plurale in -i.

02. Nomi particolari. Nomi con plurale particolare. Gruppo in -a. Alcuni nomi in -a sono maschili e hanno il plurale in -i. Nomi con plurale particolare Gruppo in -a Alcuni nomi in -a sono maschili e hanno il plurale in -i. poeta (m) poeti problema (m) problemi programma (m) programmi I nomi in -ista sono maschili e femminili.

Dettagli

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7.

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 2 Dov è Piero Ferrari e perché non arriva E P I S O D I O 25 Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 1 Leggi più volte il testo e segna le risposte corrette. 1. Piero abita in un appartamento

Dettagli

seguente elenco, quali stranezze potrebbe avere una strega :

seguente elenco, quali stranezze potrebbe avere una strega : 1. Il titolo del racconto che leggerai è UNA STRANA STREGA, segna nel seguente elenco, quali stranezze potrebbe avere una strega : Avere il naso aquilino Si no Possedere un pentolone Si no Essere sempre

Dettagli

LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO

LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO Sono arrivata in Italia in estate perché i miei genitori lavoravano già qui. Quando ero in Cina, io e mia sorella Yang abitavamo con i nonni, perciò mamma e papà erano tranquilli.

Dettagli

IN CITTÀ UNITÁ 6. Paula non è molto contenta perché ha poche amiche e questa città le piace poco; invece le altre città italiane le piacciono molto.

IN CITTÀ UNITÁ 6. Paula non è molto contenta perché ha poche amiche e questa città le piace poco; invece le altre città italiane le piacciono molto. IN CITTÀ Paula è brasiliana ed è in Italia da poco tempo. Vive in una città del Nord. La città non è molto grande ma è molto tranquilla, perché ci sono pochi abitanti. In centro ci sono molti negozi, molti

Dettagli

TEST D INGRESSO DI ITALIANO. Cognome...Nome...Classe IV...

TEST D INGRESSO DI ITALIANO. Cognome...Nome...Classe IV... TEST D INGRESSO DI ITALIANO Cognome...Nome...Classe IV... PUNTEGGIO FINALE.../50 VOTO ORTOGRAFIA Scegli l'alternativa corretta tra quelle proposte, barrando la lettera corrispondente. (1 punto in meno

Dettagli

AL SUPERMERCATO UNITÁ 11

AL SUPERMERCATO UNITÁ 11 AL SUPERMERCATO Che cosa ci serve questa settimana? Un po di tutto; per cominciare il pane. Sì, prendiamo due chili di pane. Ci serve anche il formaggio. Sì, anche il burro. Prendiamo 3 etti di formaggio

Dettagli

La terra di Punt. Per saperne di più. Ricostruire la storia

La terra di Punt. Per saperne di più. Ricostruire la storia Ricostruire la storia La terra di Punt Tuthmosi II ebbe, come tutti gli altri faraoni, molte mogli, ma la sua preferita era Hatshepsut, da cui però ebbe soltanto figlie femmine. Alla morte di Tuthmosi

Dettagli

Ci relazioniamo dunque siamo

Ci relazioniamo dunque siamo 7_CECCHI.N 17-03-2008 10:12 Pagina 57 CONNESSIONI Ci relazioniamo dunque siamo Curiosità e trappole dell osservatore... siete voi gli insegnanti, mi insegnate voi, come fate in questa catastrofe, con il

Dettagli

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime Indice Introduzione 7 La storia delle rose: quando la mamma parte 9 Il bruco e la lumaca: quando i genitori si separano 23 La campana grande e quella piccola: quando nasce il fratellino 41 La favola del

Dettagli

El valor de ser padre y de ser madre -----

El valor de ser padre y de ser madre ----- El valor de ser padre y de ser madre ----- San Luis, 27 de Octubre 2012 Vengo da un continente dove esiste una vera crisi della paternità. La figura del padre non è molto precisa, la sua autorità naturale

Dettagli

I PRONOMI PERSONALI. Prima persona io noi Seconda persona tu voi Terza persona lui, lei (egli, ella, esso, essa) loro (essi, esse)

I PRONOMI PERSONALI. Prima persona io noi Seconda persona tu voi Terza persona lui, lei (egli, ella, esso, essa) loro (essi, esse) I PRONOMI PERSONALI PRONOMI PERSONALI SOGGETTO Prima persona io noi Seconda persona tu voi Terza persona lui, lei (egli, ella, esso, essa) loro (essi, esse) Ella, esso, essa sono forme antiquate. Esso,

Dettagli

Fiorella Mannoia - Quello che le donne non dicono

Fiorella Mannoia - Quello che le donne non dicono Fiorella Mannoia - Quello che le donne non dicono Contenuti: competenza lessicale: espressioni lessicali e metaforiche; competenza grammaticale: ripresa dei pronomi diretti e indiretti; competenza pragmatica:

Dettagli

allargarsi, andare da a Si dice anche: la pianura si estende; i confini si estendono... Scrivi tu una frase con il verbo estendersi...

allargarsi, andare da a Si dice anche: la pianura si estende; i confini si estendono... Scrivi tu una frase con il verbo estendersi... GLI APPENNINI Gli Appennini sono una catena montuosa che si estende da Nord a Sud per circa 1400 chilometri lungo la penisola italiana. Le montagne degli Appennini sono montagne meno alte di quelle delle

Dettagli

Laboratorio lettura. 8) Gli animali del carro sono: Leggi il libro Ma dov è il Carnevale?, poi esegui le consegne. Veri

Laboratorio lettura. 8) Gli animali del carro sono: Leggi il libro Ma dov è il Carnevale?, poi esegui le consegne. Veri Laboratorio lettura Leggi il libro Ma dov è il Carnevale?, poi esegui le consegne. 1) Quali anilmali sono i protagonisti della storia? 2) Che cosa fanno tutto l anno? 3) Perché decidono di scappare dal

Dettagli

Quanti nuovi suoni, colori e melodie, luce vita e gioia ad ogni creatura splende la sua mano forte e generosa, perfetto è ciò che lui fa

Quanti nuovi suoni, colori e melodie, luce vita e gioia ad ogni creatura splende la sua mano forte e generosa, perfetto è ciò che lui fa TUTTO CIO CHE FA Furon sette giorni così meravigliosi, solo una parola e ogni cosa fu tutto il creato cantava le sue lodi per la gloria lassù monti mari e cieli gioite tocca a voi il Signore è grande e

Dettagli

L UNIONE EUROPEA. L Unione europea, invece, è una grande famiglia di 27 Stati 1 europei con più di 450 milioni di abitanti

L UNIONE EUROPEA. L Unione europea, invece, è una grande famiglia di 27 Stati 1 europei con più di 450 milioni di abitanti L UNIONE EUROPEA Prima di iniziare è importante capire la differenza tra Europa e Unione europea. L Europa è uno dei cinque continenti, insieme all Africa, all America, all Asia e all Oceania. Esso si

Dettagli

LUPI DIETRO GLI ALBERI

LUPI DIETRO GLI ALBERI dai 7 anni LUPI DIETRO GLI ALBERI Roberta Grazzani Illustrazioni di Franca Trabacchi Serie Azzurra n 133 Pagine: 176 Codice: 978-88-566-2952-1 Anno di pubblicazione: 2014 L Autrice Scrittrice milanese

Dettagli

Destinatari: adulti/giovani adulti di diversa provenienza linguistica e culturale che imparano l italiano in contesto L2 o LS

Destinatari: adulti/giovani adulti di diversa provenienza linguistica e culturale che imparano l italiano in contesto L2 o LS MA IL CIELO È SEMPRE PIÙ BLU di Rino Gaetano Didattizzazione di Greta Mazzocato Univerisità Ca Foscari di Venezia Destinatari: adulti/giovani adulti di diversa provenienza linguistica e culturale che imparano

Dettagli

Bambini vecchiette signori e signore venite a giocare con tutti i colori (2 volte)

Bambini vecchiette signori e signore venite a giocare con tutti i colori (2 volte) La canzone dei colori Rosso rosso il cane che salta il fosso giallo giallo il gallo che va a cavallo blu blu la barca che va su e giù blu blu la barca che va su e giù Arancio arancio il grosso cappello

Dettagli

Giorni ideali per il taglio del legname nell anno 2015.

Giorni ideali per il taglio del legname nell anno 2015. Giorni ideali per il taglio del legname nell anno 2015. Giorni favorevoli per il taglio di legname da costruzione e uso falegnameria. Gli alberi dai quali si ricava legname da costruzione e per la fabbricazione

Dettagli

Che cosa è un museo: storia, finalità, organizzazione l ecomuseo

Che cosa è un museo: storia, finalità, organizzazione l ecomuseo Che cosa è un museo: storia, finalità, organizzazione l ecomuseo La storia del museo Il Museo deriva il suo nome da quello delle Muse, personaggi della mitologia greca. Le Muse erano 9 ed erano figlie

Dettagli

Ciao!! Un cielo stellato così come lo puoi vedere con i tuoi occhi. Il cielo visto da un potente telescopio molto lontano dalle città

Ciao!! Un cielo stellato così come lo puoi vedere con i tuoi occhi. Il cielo visto da un potente telescopio molto lontano dalle città 1 Ciao!! Quando guardi il cielo ogni volta che si fa buio, se è sereno, vedi tanti piccoli punti luminosi distribuiti nel cielo notturno: le stelle. Oggi si apre l immaginario Osservatorio per guardare...

Dettagli

====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ======================================================

====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ====================================================== -------------------------------------------------- LA LITURGIA DEL GIORNO www.lachiesa.it/liturgia ====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ======================================================

Dettagli

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso LIBERI PENSIERI PER LIBERI SENTIMENTI La riflessione circa In viaggio verso l incontro come ci è stato proposto, nasce attorno alla lettura del romanzo : C è nessuno?

Dettagli

A NE T O I S AZ I C O S VE AS

A NE T O I S AZ I C O S VE AS ASSOCIAZIONE VESTA L'Associazione Culturale Vesta nasce nel 2013 dall idea di creare un laboratorio di idee destinate alla fruizione e alla valorizzazione del patrimonio storico, culturale e naturalistico

Dettagli

Percorsi di matematica per il ripasso e il recupero

Percorsi di matematica per il ripasso e il recupero Giacomo Pagina Giovanna Patri Percorsi di matematica per il ripasso e il recupero 1 per la Scuola secondaria di secondo grado UNITÀ CMPIONE Edizioni del Quadrifoglio à t i n U 1 Insiemi La teoria degli

Dettagli

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM XXVIII TEMPO ORDINARIO 11 ottobre 2009 VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM Mc 10, 17-30 [In quel tempo], mentre Gesù andava per la strada, un tale gli corse incontro

Dettagli

in evidenza 2013-2014

in evidenza 2013-2014 in evidenza 2013-2014 Liberty of the Seas, la nave più incredibile del Mediterraneo A inaugurare gli imbarchi da Napoli sarà Liberty of the Seas, una nave straordinaria in partenza per la prima volta dall

Dettagli

NOVITÀ ASSOLUTA NEL PANORAMA DEL TURISMO SCOLASTICO SICILIANO, IN COLLABORAZIONE CON LA SCUOLA DELLA GIOIA- FAVOLANDIA

NOVITÀ ASSOLUTA NEL PANORAMA DEL TURISMO SCOLASTICO SICILIANO, IN COLLABORAZIONE CON LA SCUOLA DELLA GIOIA- FAVOLANDIA Il Museo Diocesano di Catania desidera, anche quest anno, proseguire con le scuole l impegno e la ricerca educativa con particolare attenzione ai Beni Culturali, Artistici e Ambientali. L alleanza fra

Dettagli

1 Decidi come finisce la frase.

1 Decidi come finisce la frase. No mamma no A1/A2 anno di produzione: 1993 durata: 18 genere: commedia regia: Cecilia Calvi sceneggiatura: Cecilia Calvi fotografia: Franco Lecca montaggio: Valentina Migliaccio interpreti: Isa Barsizza,

Dettagli

Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE

Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE Le correnti marine sono masse d acqua che si spostano in superficie o in profondità negli oceani: sono paragonabili a enormi fiumi che scorrono lentamente (in media

Dettagli

IL RIMARIO IL RICALCO

IL RIMARIO IL RICALCO Preparare un rimario: IL RIMARIO - gli alunni, a coppie o singolarmente, scrivono su un foglio alcune parole con una determinata rima; - singolarmente, scelgono uno dei fogli preparati e compongono nonsense

Dettagli

SCHEDA PRESENTAZIONE PROGETTO

SCHEDA PRESENTAZIONE PROGETTO Rete di Treviso Integrazione Alunni Stranieri LABORATORIO SUL TRATTAMENTO DEI TESTI DISCIPLINARI SCHEDA PRESENTAZIONE PROGETTO TITOLO: IL SISTEMA SOLARE AMBITO DISCIPLINARE: SCIENZE AUTORE: GIANCARLA VOLPATO

Dettagli

PRONOMI DIRETTI (oggetto)

PRONOMI DIRETTI (oggetto) PRONOMI DIRETTI (oggetto) - mi - ti - lo - la - La - ci - vi - li - le La è la forma di cortesia. Io li incontro spesso. (gli amici). Non ti sopporta più. (te) Lo legge tutti i giorni. (il giornale). La

Dettagli

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica:

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica: Pasta per due 5 Capitolo 1 Libero Belmondo è un uomo di 35 anni. Vive a Roma. Da qualche mese Libero accende il computer tutti i giorni e controlla le e-mail. Minni è una ragazza di 28 anni. Vive a Bangkok.

Dettagli

Ciao ragazzi! - Lombardo Nosengo Ulysse

Ciao ragazzi! - Lombardo Nosengo Ulysse Unità 3 41 Il Vesuvio Ciao ragazzi! - Lombardo Nosengo Ulysse affresco - Pompei Capri Il golfo di Napoli Pompei Napoli Pompei Capri 42 L imperfetto indicativo L alternanza passato prossimo e imperfetto

Dettagli

TABELLA DEI COMPLEMENTI

TABELLA DEI COMPLEMENTI TABELLA DEI COMPLEMENTI REALIZZATA CON LA COLLABORAZIONE DELLA CLASSE II B DELLA SCUOLA SECONDARIA DALLA CHIESA E RUSSO DI BUSNAGO (MB) A. s. 2011/ 12 COMPLEMENTO DOMANDA A CUI RISPONDE ESEMPIO OGGETTO

Dettagli

Discorso diretto e indiretto

Discorso diretto e indiretto PERCORSI DIDATTICI di: Mavale Discorso diretto e indiretto scuola: Cremona area tematica: Lingua italiana pensato per: 8-11 anni scheda n : 1 OBIETTIVO DIDATTICO: Saper riconoscere ed usare il discorso

Dettagli

unità 27: aiutarsi lezione 53: mi dai una mano?

unità 27: aiutarsi lezione 53: mi dai una mano? unità 27: aiutarsi lezione 53: mi dai una mano? 1. Sofia ha appena ricevuto un e-mail con questo titolo: Se mi dai una mano, arrivo! Secondo te, di che cosa parla il messaggio? Discutine con un compagno.

Dettagli

" CI SON DUE COCCODRILLI... "

 CI SON DUE COCCODRILLI... PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA ANNO SCOLASTICO 2014-2015 " CI SON DUE COCCODRILLI... " Le attività in ordine all'insegnamento della religione cattolica, per coloro che se ne avvalgono, offrono

Dettagli

DAL MEDICO UNITÁ 9. pagina 94

DAL MEDICO UNITÁ 9. pagina 94 DAL MEDICO A: Buongiorno, dottore. B: Buongiorno. A: Sono il signor El Assani. Lei è il dottor Cannavale? B: Si, piacere. Sono il dottor Cannavale. A: Dottore, da qualche giorno non mi sento bene. B: Che

Dettagli

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Rilevazione degli apprendimenti PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Anno Scolastico 2011 2012 PROVA DI ITALIANO Scuola Primaria Classe Seconda Spazio per l etichetta autoadesiva ISTRUZIONI

Dettagli

5ª tappa L annuncio ai Giudei

5ª tappa L annuncio ai Giudei Centro Missionario Diocesano Como 5 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Febbraio 09 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 5ª tappa L annuncio ai Giudei Pagina

Dettagli

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama Adorazione Eucaristica a cura di Don Luigi Marino Guida: C è un esperienza che rivela il potere unificante e trasformante dell amore, ed è l innamoramento, descritto in modo splendido nel Cantico dei Cantici.

Dettagli

Indovinelli Algebrici

Indovinelli Algebrici OpenLab - Università degli Studi di Firenze - Alcuni semplici problemi 1. L EURO MANCANTE Tre amici vanno a cena in un ristorante. Mangiano le stesse portate e il conto è, in tutto, 25 Euro. Ciascuno di

Dettagli

UNITÁ 4. q q q q LA FAMIGLIA DI BADU

UNITÁ 4. q q q q LA FAMIGLIA DI BADU LA FAMIGLIA DI BADU Badu è ghanese. È di Ada, una città vicino ad Accrà, nel Ghana. Ha ventiquattro anni ed è in Italia da tre mesi. Badu è in Italia da solo, la sua famiglia è rimasta in Ghana. La famiglia

Dettagli

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di 1 Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di N. e N. 2 Celebrare un anniversario non significa rievocare in modo nostalgico una avvenimento del passato, ma celebrare nella lode e nel rendimento

Dettagli

Con Rikke nei Parchi d Abruzzo di Kristiina Salmela

Con Rikke nei Parchi d Abruzzo di Kristiina Salmela di Kristiina Salmela Gole di Fara San Martino (CH) Hei! Ciao! Sono un bel TONTTU - uno gnometto mezzo finlandese mezzo abruzzese, e mi chiamo Cristian alias Rikke. Più di sei anni fa sono nato nel Paese

Dettagli

PRUEBA COMÚN PRUEBA 201

PRUEBA COMÚN PRUEBA 201 PRUEBA DE ACCESO A LA UNIVERSIDAD MAYORES DE 25 Y 45 AÑOS PRUEBA COMÚN PRUEBA 201 PRUEBA 2013ko MAIATZA MAYO 2013 L incontro con Guido Dorso Conobbi Dorso quando ero quasi un ragazzo. Ricordo che un amico

Dettagli

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1 Università per Stranieri di Siena Centro CILS Sessione: Dicembre 2012 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto - Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi e annunci. Poi completa le frasi.

Dettagli

Flame of Hope maggio 2015

Flame of Hope maggio 2015 Flame of Hope maggio 2015 Cari amici, Quand è che si apprezza maggiormente la vita e si è consapevoli di essere vivi e ne siamo grati? Quando quel dono prezioso è minacciato e poi si apprezza la vita il

Dettagli

PIANO A.S. 2015/2016

PIANO A.S. 2015/2016 Direzione Didattica Statale 1 Circolo De Amicis Acquaviva delle Fonti (BA) BAEE03600L@ISTRUZIONE.IT - BAEE03600L@PEC.ISTRUZIONE.IT www.deamicis.gov.it PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA A.S. 2015/2016 Prendete

Dettagli

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a Ci situiamo Probabilmente alla tua età inizi ad avere chiaro chi sono i tuoi amici, non sempre è facile da discernere. Però una volta chiaro,

Dettagli

IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO

IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO P. F. Fumagalli, 31.10.2104 Il Dialogo è una componente essenziale dell essere umano nel mondo, in qualsiasi cultura alla quale si voglia fare riferimento: si

Dettagli

Painting by Miranda Gray

Painting by Miranda Gray Guarire le antenate Painting by Miranda Gray Questa è una meditazione facoltativa da fare specificamente dopo la benedizione del grembo del 19 ottobre. Se quel giorno avete le mestruazioni questa meditazione

Dettagli

MODENA E IL SUO CLIMA

MODENA E IL SUO CLIMA Comune di Modena - SERVIZIO STATISTICA: note divulgative Pagina 1 di 2 MODENA E IL SUO CLIMA Modena, pur non essendo estranea al fenomeno del riscaldamento generalizzato, continua ad essere caratterizzata

Dettagli

VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ...

VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ... LA CITTÀ VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE 1. Parole per capire Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: città... città industriale... pianta della città...

Dettagli

al via 1 Percorsi guidati per le vacanze di matematica e scienze UNITÀ CAMPIONE Edizioni del Quadrifoglio Evelina De Gregori Alessandra Rotondi

al via 1 Percorsi guidati per le vacanze di matematica e scienze UNITÀ CAMPIONE Edizioni del Quadrifoglio Evelina De Gregori Alessandra Rotondi Evelina De Gregori Alessandra Rotondi al via 1 Percorsi guidati per le vacanze di matematica e scienze per la Scuola secondaria di primo grado UNITÀ CAMPIONE Edizioni del Quadrifoglio Test d'ingresso NUMERI

Dettagli

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013 Farra, 24 febbraio 2013 informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara dare alcune indicazioni pratiche suggerire alcuni percorsi Quali sono le reazioni

Dettagli

Tu ci metti i rifiuti La natura farà il resto CAMPAGNA DI PROMOZIONE DEL COMPOSTAGGIO DOMESTICO

Tu ci metti i rifiuti La natura farà il resto CAMPAGNA DI PROMOZIONE DEL COMPOSTAGGIO DOMESTICO Tu ci metti i rifiuti La natura farà il resto CAMPAGNA DI PROMOZIONE DEL COMPOSTAGGIO DOMESTICO ndice 1 Fai come fa la Natura 2 Cosa ci metti per fare la terra? 3 Come funziona il Compostaggio 4 Le cose

Dettagli

Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere!

Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere! Anna La Prova Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere! Chi sono i bambini Oppositivi e Provocatori? Sono bambini o ragazzi che sfidano l autorità, che sembrano provare piacere nel far

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO Le seguenti affermazioni descrivono alcune abitudini di studio e modi di imparare. Decidi in quale misura ogni affermazione si applica nel tuo caso: metti una

Dettagli

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO?

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? 1 Ehi, ti e mai capitato di assistere o essere coinvolto in situazioni di prepotenza?... lo sai cos e il bullismo? Prova a leggere queste pagine. Ti potranno essere utili.

Dettagli

Dov eri e cosa facevi?

Dov eri e cosa facevi? Funzioni comunicative Produzione libera 15 marzo 2012 Livello B1 Dov eri e cosa facevi? Funzioni comunicative Descrivere, attraverso l uso dell imperfetto, azioni passate in corso di svolgimento. Materiale

Dettagli

Concorso "La Fiorentina che vorrei". Chiara Portone (2^D) partecipa con questo bellissimo testo.

Concorso La Fiorentina che vorrei. Chiara Portone (2^D) partecipa con questo bellissimo testo. Concorso "La Fiorentina che vorrei". Chiara Portone (2^D) partecipa con questo bellissimo testo. Mi chiamo Chiara abito a Sesto Fiorentino e per iniziare voglio fare una premessa. Io di calcio ci capisco

Dettagli

33. Dora perdona il suo pessimo padre

33. Dora perdona il suo pessimo padre 33. Dora perdona il suo pessimo padre Central do Brasil (1998) di Walter Salles Il film racconta la storia di una donna cinica e spietata che grazie all affetto di un bambino ritrova la capacità di amare

Dettagli

UN ANNO DI MONITORAGGIO CLIMATICO A PERUGIA IN 100 ANNI DI CONFRONTO

UN ANNO DI MONITORAGGIO CLIMATICO A PERUGIA IN 100 ANNI DI CONFRONTO Con il patrocinio di energia UN ANNO DI MONITORAGGIO CLIMATICO A PERUGIA IN 100 ANNI DI CONFRONTO Dopo un anno di monitoraggio climatico nella città di Perugia, effettuato grazie alla rete meteo installata

Dettagli

Frisch. unità 1. 1 Leggi il testo

Frisch. unità 1. 1 Leggi il testo unità 1 1 Leggi il testo Frisch Frisch era un abitudinario, come lo sono del resto quasi tutte le persone della sua età. Ogni mattina nei tre giorni che passava alla villa si alzava puntualmente alle sette

Dettagli

TOUR GRECIA CLASSICA & METEORE 8 giorni / 7 notti

TOUR GRECIA CLASSICA & METEORE 8 giorni / 7 notti 2014/2015 TOUR GRECIA CLASSICA & METEORE 8 giorni / 7 notti Atene / Canale di Corinto / Epidauro / Micene / Nauplia / Olympia Arachova / Delfi / Kalambaka / Monasteri Bizantini delle Meteore / Termopili

Dettagli

Tredici fotografi per un itinerario pasoliniano (e altre storie) a cura di Italo Zannier. Savignano SI FEST 2014. di Marcello Tosi

Tredici fotografi per un itinerario pasoliniano (e altre storie) a cura di Italo Zannier. Savignano SI FEST 2014. di Marcello Tosi Tredici fotografi per un itinerario pasoliniano (e altre storie) Savignano SI FEST 2014 a cura di Italo Zannier di Io sono una forza della natura.. Io sono una forza del Passato. Solo nella tradizione

Dettagli

Unità VI Gli alimenti

Unità VI Gli alimenti Unità VI Gli alimenti Contenuti - Gusti - Preferenze - Provenienza Attività AREA ANTROPOLOGICA 1. Cosa piace all Orsoroberto L Orsoroberto racconta ai bambini quali sono i cibi che lui ama e che mangia

Dettagli

Verifica - Conoscere le piante

Verifica - Conoscere le piante Collega con una linea nome, descrizione e disegno Verifica - Conoscere le piante Erbe Hanno il fusto legnoso che si ramifica vicino al terreno. Alberi Hanno il fusto legnoso e resistente che può raggiungere

Dettagli

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste.

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste. FIGLI DI DIO Cosa significa essere un figlio di Dio? E importante essere figli di Dio? Se sono figlio di Dio che differenza fa nella mia vita quotidiana? Queste sono questioni importanti ed è fondamentale

Dettagli

GLI EGIZI UNITA DIDATTICA REALIZZATA DA: MARIANNA MEME

GLI EGIZI UNITA DIDATTICA REALIZZATA DA: MARIANNA MEME GLI EGIZI UNITA DIDATTICA REALIZZATA DA: MARIANNA MEME 1 PREMESSA Questa unità didattica è stata realizzata per bambini stranieri di livello linguistico A2 che frequentano la classe IV della Scuola Primaria.

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07. Documentazione a cura di Quaglietta Marica

SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07. Documentazione a cura di Quaglietta Marica SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07 GRUPPO ANNI 3 Novembre- maggio Documentazione a cura di Quaglietta Marica Per sviluppare Pensiero creativo e divergente Per divenire

Dettagli

What Is A Kahuna? Cos'è un Kahuna? By Serge Kahili King. Traduzione a cura di Josaya http://www.josaya.com/

What Is A Kahuna? Cos'è un Kahuna? By Serge Kahili King. Traduzione a cura di Josaya http://www.josaya.com/ What Is A Kahuna? Cos'è un Kahuna? By Serge Kahili King Traduzione a cura di Josaya http://www.josaya.com/ Esistono ancora moltissimi malintesi circa cos è un kahuna hawaiano. Scrivo questo articolo per

Dettagli

UN TEMPO. Foto Tiina Itkonen. Testo Ilaria bernardini

UN TEMPO. Foto Tiina Itkonen. Testo Ilaria bernardini P O R T O L I O UN TEMPO GHIACCIATO Tra le nevi perenni della Groenlandia per ritrovare se stessi. Il racconto di una fuga verso il Nord, in un luogo pieno di luce e di spazio, dove svegliarsi ogni giorno

Dettagli

ENCICLOPEDIA DELLA FAVOLA. Fiabe di tutto il mondo per 365 giorni. Raccolte da Vladislav Stanovsky e Jan Vladislav

ENCICLOPEDIA DELLA FAVOLA. Fiabe di tutto il mondo per 365 giorni. Raccolte da Vladislav Stanovsky e Jan Vladislav Matite italiane ENCICLOPEDIA DELLA FAVOLA Fiabe di tutto il mondo per 365 giorni Raccolte da Vladislav Stanovsky e Jan Vladislav Edizione italiana a cura di Gianni Rodari Editori Riuniti I edizione in

Dettagli

Prova di ammissione dell Indirizzo Linguistico-Letterario Classe A043 1 ottobre 2007

Prova di ammissione dell Indirizzo Linguistico-Letterario Classe A043 1 ottobre 2007 Prova di ammissione dell Indirizzo Linguistico-Letterario Classe A043 1 ottobre 2007 1. La Commedia è un testo poligenere perché: 1) utilizza termini provenienti da lingue diverse 2) ha aspetti del poema,

Dettagli

ISBN-88-89285-12-5 978-88-89285-12-1

ISBN-88-89285-12-5 978-88-89285-12-1 ISBN-88-89285-12-5 978-88-89285-12-1 Comitato Italiano per l UNICEF Onlus Direzione Attivita` culturali e Comunicazione Via Palestro, 68-00185 Roma tel. 06478091 - fax 0647809270 scuola@unicef.it pubblicazioni@unicef.it

Dettagli

Il clima degli ultimi 50 anni in Veneto

Il clima degli ultimi 50 anni in Veneto Abano Terme, 27 29 Aprile 2007 Il clima degli ultimi 50 anni in Veneto Adriano Barbi, Alessandro Chiaudani, Irene Delillo ARPAV Centro Meteorologico di Teolo Sabato 28 Aprile 2007 In collaborazione con

Dettagli

Un workshop eccezionale

Un workshop eccezionale Un posto splendido Ischia, l isola bella nel Golfo di Napoli, nata da un vulcano. Al sud dell Isola si trova un albergo in mezzo alla natura, 200 m sopra il mare, in un giardino romantico con le palme,

Dettagli

La realtà non è come ci appare. carlo rovelli

La realtà non è come ci appare. carlo rovelli La realtà non è come ci appare carlo rovelli 450 a.e.v. Anassimandro cielo terra Anassimandro ridisegna la struttura del mondo Modifica il quadro concettuale in termine del quali comprendiamo i fenomeni

Dettagli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli Siamo abituati a pensare al Natale come una festa statica, di pace, tranquillità, davanti

Dettagli

OGGI LA BIANCHI PER FORTUNA NON C'E' MA L'ITALIANO LO SAI ANCHE TE PER OGNI PAROLA DICCI COS'E', E NUOVE ISTRUZIONI AVRAI PER TE.

OGGI LA BIANCHI PER FORTUNA NON C'E' MA L'ITALIANO LO SAI ANCHE TE PER OGNI PAROLA DICCI COS'E', E NUOVE ISTRUZIONI AVRAI PER TE. 1 SE UNA SORPRESA VOLETE TROVARE ATTENTAMENTE DOVETE CERCARE. VOI ALLA FINE SARETE PREMIATI CON DEI GOLOSI DOLCINI INCARTATI. SE ALLE DOMANDE RISPONDERETE E NON CADRETE IN TUTTI I TRANELLI, SE TROVERETE

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO G. Mazzini Erice - Trentapiedi

ISTITUTO COMPRENSIVO G. Mazzini Erice - Trentapiedi ISTITUTO COMPRENSIVO G. Mazzini Erice - Trentapiedi come Anno scolastico 2012-2013 Classe 2 a D 1 Istituto Comprensivo G. Mazzini Erice Trentapiedi Dirigente Scolastico: Filippo De Vincenzi Ideato e realizzato

Dettagli

I numeri che si ottengono successivamente sono 98-2 = 96 4 = 92 8 = 84 16 = 68 32 = 36 e ci si ferma perché non possibile togliere 64

I numeri che si ottengono successivamente sono 98-2 = 96 4 = 92 8 = 84 16 = 68 32 = 36 e ci si ferma perché non possibile togliere 64 Problemini e indovinelli 2 Le palline da tennis In uno scatolone ci sono dei tubi che contengono ciascuno 4 palline da tennis.approfittando di una offerta speciale puoi acquistare 4 tubi spendendo 20.

Dettagli

SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE...

SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE... SE IO FOSSI UN ALBERO E INVENTASSI UNA STORIA DAL MIO DISEGNO...TI RACCONTEREI CHE... Una volta si fece la festa degli alberi nel bosco e io e una bimba, che non lo sapevo chi era, giocavamo con gli alberi

Dettagli

Classe V A a.s. 2012/2013 Liceo Classico Vitruvio Pollione

Classe V A a.s. 2012/2013 Liceo Classico Vitruvio Pollione Classe V A a.s. 2012/2013 Liceo Classico Vitruvio Pollione Algebra Geometria Il triangolo è una figura piana chiusa, delimitata da tre rette che si incontrano in tre vertici. I triangoli possono essere

Dettagli