Il clima degli ultimi 50 anni in Veneto

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Il clima degli ultimi 50 anni in Veneto"

Transcript

1 Abano Terme, Aprile 2007 Il clima degli ultimi 50 anni in Veneto Adriano Barbi, Alessandro Chiaudani, Irene Delillo ARPAV Centro Meteorologico di Teolo Sabato 28 Aprile 2007 In collaborazione con l Università di Padova: Dipartimento Di Agronomia Ambientale e Produzioni Vegetali

2 1.Considerazioni generali sul clima del Veneto Zona influenzata da: azione mitigatrice del mare effetto orografico catena alpina continentalità area centroeuropea REGIONE ALPINA Peculiarità Regione alpina (clima alpino) Pianura padana (clima continentale) Litorale adriatico e Lago di Garda (clima più mite) PIANURA PADANA LITORALE ADRIATICO

3 2.I grandi centri d azione che influenzano il clima del Veneto 1. Anticiclone delle Azzorre 2. Anticiclone Russo-Siberiano 3. Ciclone d Islanda 1. Anticiclone delle Azzorre I venti dominanti vengono a cessare e si stabiliscono venti locali (brezze). A Le precipitazioni sono soprattutto di origine termoconvettiva (temporali e grandine). D estate l anticiclone si estende e la regione entra nella zona delle alte pressioni. N.B Negli ultimi anni frequente anche la presenza di promontori dal Nord Africa

4 2.I grandi centri d azione che influenzano il clima del Veneto 1. Anticiclone delle Azzorre 2. Anticiclone Russo-Siberiano 3. Ciclone d Islanda 2. Anticiclone Russo-Siberiano A Tempo stabile, in prevalenza soleggiato ma freddo. Forte raffreddamento notturno con possibile formazione di nebbia in pianura. Mancanza di precipitazioni D inverno l anticiclone delle Azzorre si sposta più a sud e sulla Russia/Siberia si viene formando un forte anticiclone termico. N.B Negli ultimi anni Anticiclone R-S meno esteso

5 2.I grandi centri d azione che influenzano il clima del Veneto 1. Anticiclone delle Azzorre 2. Anticiclone Russo-Siberiano 3. Ciclone d Islanda 3. Ciclone d Islanda Presenza di correnti occidentali e in particolare sud/occidentali B Le perturbazioni atlantiche non trovano alcun impedimento a invadere la regione Piogge abbondanti (specie in autunno). In primavera e in autunno l anticiclone delle Azzorre non è ancora ben sviluppato, o sta regredendo e manca l anticiclone russo/siberiano.

6 3.Caratteristiche termopluviometriche 1. Precipitazioni totali 2. Temperature medie Precipitazioni mensili (media ) Auronzo (864 m s.l.m.) mm gen feb mar apr mag giu lug ago set ott nov dic Precipitazioni mensili (media ) Recoaro (445 m s.l.m.) mm gen feb mar apr mag giu lug ago set ott nov dic Precipitazioni mensili (media ) Rovigo (7 m s.l.m.) mm 50 0 gen feb mar apr mag giu lug ago set ott nov dic

7 3.Caratteristiche termopluviometriche 1. Precipitazioni totali 2. Temperature medie Temperatura media annuale Media (116 stazioni) Temperature minime e massime medie mensili (media ) Auronzo (864 m s.l.m.) C gen feb mar apr mag giu lug ago set ott nov dic Temperature minime e massime medie mensili (media ) Bovolone (24 m s.l.m.) C gen feb mar apr mag giu lug ago set ott nov dic ARPAV Centro Meteorologico di Teolo

8 4.Andamento degli ultimi 50 anni 1. Precipitazioni 2. Temperature Dati di 49 stazioni dal 1956 al 2004 (fonte principale Ex Servizio Idrografico) PRECIPITAZIONI ANNUE IN VENETO Scarti rispetto alla media media di 49 stazioni mm Tendenza lievemente negativa Prevalenza di scarti negativi dagli anni 80 Anni più piovosi: 1960(A-I),1959(P-A),2002(E-A) Anni meno piovosi:1983(e-a), 2003(P-E),1993(P-E)

9 4.Andamento degli ultimi 50 anni 1. Precipitazioni 2. Temperature Analisi Breakpoint: ci sono periodi significativamente diversi? Breakpoint precipitazioni annue media periodo media periodo media periodo mm media periodo Confidenza 50% Strucchange library R Software

10 4.Andamento degli ultimi 50 anni 1. Precipitazioni 2. Temperature La circolazione atmosferica prevalente nei diversi periodi individuati: Carte di geopotenziale medio a 1000 hpa Fonte: NOAA

11 4.Andamento degli ultimi 50 anni 1. Precipitazioni 2. Temperature Andamento precipitazioni invernali PRECIPITAZIONI INVERNALI IN VENETO Scarti rispetto alla media media di 49 stazioni mm Tendenza lievemente negativa, più evidente rispetto alle altre stagioni Prevalenza di scarti negativi da metà degli anni 80 Inverni più bagnati : 1978,1977,1960 Inverni più secchi : 1992,1975, 2000

12 4.Andamento degli ultimi 50 anni 1. Precipitazioni 2. Temperature Analisi Breakpoint: ci sono periodi significativamente diversi? Breakpoint precipitazioni invernali media periodo media periodo mm media periodo

13 Oscillazione Nord Atlantica (Indice NAO ): differenza delle anomalie di pressione tra le medie e le alte latitudini nell Oceano Atlantico NAO POSITIVO la pressione risulta essere più bassa rispetto alla media alle alte latitudini e più alta alle medie latitudini : le perturbazioni tendono a colpire maggiormente l Europa centro-settentrionale. NAO NEGATIVO la pressione risulta essere più bassa rispetto alla media alle medie latitudini e più alta alle latitudini alte: le perturbazioni tendono a colpire maggiormente l Europa centro-meridionale (Mediterraneo)

14 4.Andamento degli ultimi 50 anni 1. Precipitazioni 2. Temperature Andamento indice NAO (Oscillazione Nord Atlantica) Fonte: NOAA NAO INDEX NAO INDEX INVERNO Breakpoint In Veneto alta correlazione (r= -0.50, p<5%) tra Indice NAO e Precipitazioni Invernali

15 4.Andamento degli ultimi 50 anni 1. Precipitazioni 2. Temperature Dati di 9 stazioni dal 1956 al 2004 (fonte principale Ex Servizio Idrografico) MEDIE ANNUE DI TEMPERTURA TEMPERATURE MASSIMA MINIME IN VENETO Scarti rispetto alla media C anno Tendenza positiva Scarti sempre positivi dai primi anni 90 Tmax annue più alte:2003(e-p), 2000(P-E),1997(I-P) Tmin annue più basse:1956(a), 1965(A)

16 1. Indice agroclimatico di Thorthwaite f(p,etp) Periodo ( )

17 TEMPERATURA Dati di 9 stazioni dal 1956 al 2004 (fonte principale Ex Servizio Idrografico) PRECIPITAZIONI Dati di 49 stazioni dal 1956 al 2004 (fonte principale Ex Servizio Idrografico)

18 2.Precipitazioni, Evapotraspirazione e Bilancio idroclimatico nel periodo

19 3. Precipitazioni Il clima degli ultimi 50 anni in Veneto ANOMALIA PRECIPITAZIONE ANNUA 49 stazioni mm

20 4. Evapotraspirazione ANOMALIA EVAPOTRASPIRAZIONE POTENZIALE ANNUA 9 stazioni mm

21 Analisi di discontinuità dell Evapotraspirazione estiva mm

22 5. Bilancio Idroclimatico ANOMALIA DEL BILANCIO IDROCLIMATICO ANNUO 9 stazioni mm

23 Analisi di discontinuità del B.I. Il clima degli ultimi 50 anni in Veneto

24 PERIODO PERIODO

25 Giorni con Temperature massime assolute >=34 C 6 giorni anno Il clima degli ultimi 50 anni in Veneto 1990 n giorni

26 Analisi di discontinuità N giorni Tmax assolute>=34 C giorni

27 7. Giorni con Temp. minime assolute <=-2 C (marzo-aprile) Il clima degli ultimi 50 anni in Veneto giorni n giorni anno 1993

28 Analisi di discontinuità N giorni Tmin assolute <=-2 C (marzo-aprile) Il clima degli ultimi 50 anni in Veneto

29 PROXY DATA: FENOLOGIA Merlot

30 CONEGLIANO Circa il 50% dei vitigni è Merlot

31 8. Fioritura del Merlot a Conegliano Periodo (fonte: Istituto Sperimentale per la Viticoltura di Conegliano) giugno: fioritura media merlot gg merlot Lineare (merlot) Media Mobile su 5 per. (merlot)

32 Analisi di discontinuità Fioritura del Merlot a Conegliano 12 giugno DATA 8 giugno 4 giugno

33 9. Temperature massime assolute Il clima degli ultimi 50 anni in Veneto anno 1991 C

34 Analisi di discontinuità temperature massime assolute C

35 10. Giorno di maturazione Mais (classe 600; semina 1 aprile) Il clima degli ultimi 50 anni in Veneto 30 AGOSTO: Data media maturazione mais

36 Analisi di discontinuità giorno maturazione mais Il clima degli ultimi 50 anni in Veneto

37 11.Andamento degli ultimi 50 anni PROXY DATA: PRATICHE IRRIGUE AGRICOLTORI IRRIWEB VENETO Internet ed SMS 200 aziende iscritte contatti Colture più irrigate: 1) Mais 2) Vite

38 12.Andamento degli ultimi 50 anni PROXY DATA

MODENA E IL SUO CLIMA

MODENA E IL SUO CLIMA Comune di Modena - SERVIZIO STATISTICA: note divulgative Pagina 1 di 2 MODENA E IL SUO CLIMA Modena, pur non essendo estranea al fenomeno del riscaldamento generalizzato, continua ad essere caratterizzata

Dettagli

Le precipitazioni sul Veneto - Valori stagionali

Le precipitazioni sul Veneto - Valori stagionali Le precipitazioni sul Veneto - Valori stagionali Adriano Barbi, Federica Checchetto, Irene Delillo, Francesco Rech Servizio Meteorologico Teolo (PD) ARPAV, Dipartimento Regionale Sicurezza del Territorio

Dettagli

Il CLIMA del Friuli-Venezia Giulia

Il CLIMA del Friuli-Venezia Giulia Il CLIMA del Friuli-Venezia Giulia Estratto: B) SUDDIVISIONE CLIMATICA DEL FRIULI-VENEZIA GIULIA pag.2 C) VALORI MEDI pag. Livio Stefanuto OSMER Osservatorio Meteorologico Regionale ARPA Friuli-Venezia

Dettagli

UN ANNO DI MONITORAGGIO CLIMATICO A PERUGIA IN 100 ANNI DI CONFRONTO

UN ANNO DI MONITORAGGIO CLIMATICO A PERUGIA IN 100 ANNI DI CONFRONTO Con il patrocinio di energia UN ANNO DI MONITORAGGIO CLIMATICO A PERUGIA IN 100 ANNI DI CONFRONTO Dopo un anno di monitoraggio climatico nella città di Perugia, effettuato grazie alla rete meteo installata

Dettagli

ANALISI DEL PEGGIORAMENTO AVVENUTO SUL VENETO DAL 7 AL 10 SETTEMBRE 2010 A cura di Alessandro Buoso Una pubblicazione di SERENISSIMAMETEO.

ANALISI DEL PEGGIORAMENTO AVVENUTO SUL VENETO DAL 7 AL 10 SETTEMBRE 2010 A cura di Alessandro Buoso Una pubblicazione di SERENISSIMAMETEO. AVVENUTO SUL VENETO DAL 7 AL 10 SETTEMBRE 2010 A cura di Alessandro Buoso Una pubblicazione di SERENISSIMAMETEO.EU Tra le giornate di martedì 7 e venerdì 10 Settembre 2010, il Veneto è stato interessato

Dettagli

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni.

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. 8 regioni settentrionali: il Piemonte (Torino), la Val d Aosta (Aosta),

Dettagli

Che tempo fa? Unità 1. Pioggia, freddo e vento: al Nord è maltempo. Tromba d aria in Valtellina

Che tempo fa? Unità 1. Pioggia, freddo e vento: al Nord è maltempo. Tromba d aria in Valtellina Unità 1 Che tempo fa? Com è il tempo oggi? Sei un tipo meteoropatico? Quanto influisce il tempo sul tuo umore? Come ti senti in una giornata luminosa e soleggiata? E in una giornata umida e piovosa? Pioggia,

Dettagli

Convegno ARPAER-OGER-Provincia Piacenza CAMBIAMENTO CLIMATICO, ACQUE E DISSESTO IDROGEOLOGICO. GEOFLUID, Piacenza - 1 ottobre 2014

Convegno ARPAER-OGER-Provincia Piacenza CAMBIAMENTO CLIMATICO, ACQUE E DISSESTO IDROGEOLOGICO. GEOFLUID, Piacenza - 1 ottobre 2014 CAMBIAMENTO CLIMATICO, ACQUE E DISSESTO IDROGEOLOGICO Il cambiamento climatico ed il suo impatto ambientale-territoriale su risorsa idrica e rischio Idrogeologico Carlo Cacciamani Direttore Arpa, Servizio

Dettagli

CENTRO PO DI TRAMONTANA. nei settori orticolo e floricolo

CENTRO PO DI TRAMONTANA. nei settori orticolo e floricolo CENTRO PO DI TRAMONTANA RISULTATI SPERIMENTALI 2014 nei settori orticolo e floricolo 23 SPERIMENTAZIONE E ORIENTAMENTI Per la ventitreesima stagione consecutiva Veneto Agricoltura presenta i risultati

Dettagli

IL CLIMA DEL FRIULI VENEZIA GIULIA

IL CLIMA DEL FRIULI VENEZIA GIULIA IL CLIMA DEL FRIULI VENEZIA GIULIA a cura di Il clima del Friuli Venezia Giulia Il clima viene definito come l'insieme delle condizioni atmosferiche medie (temperatura, umidità, pressione, venti...) e

Dettagli

Endivie 2013-2014. Qualità e innovazione Tante novità, da condividere

Endivie 2013-2014. Qualità e innovazione Tante novità, da condividere Endivie 2013-2014 Qualità e innovazione Tante novità, da condividere Tutto il meglio dell endivia Negli ultimi anni Rijk Zwaan ha realizzato un importante programma di ricerca dedicato all endivia. Si

Dettagli

IL TEMPO METEOROLOGICO

IL TEMPO METEOROLOGICO VOLUME 1 CAPITOLO 4 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE IL TEMPO METEOROLOGICO 1. Parole per capire A. Conosci già queste parole? Scrivi il loro significato o fai un disegno: tempo... Sole... luce... caldo...

Dettagli

OSSERVATORIO SUL PRECARIATO gennaio-marzo 2015

OSSERVATORIO SUL PRECARIATO gennaio-marzo 2015 OSSERVATORIO SUL PRECARIATO gennaio-marzo 2015 RAPPORTI DI LAVORO ATTIVATI (1) NEI MESI GENNAIO-MARZO DEGLI ANNI 2013, 2014 E 2015 A. NUOVI RAPPORTI DI LAVORO A1. Assunzioni a tempo indeterminato gen-mar

Dettagli

FONDO MUTUALISTICO ALTRI SEMINATIVI

FONDO MUTUALISTICO ALTRI SEMINATIVI PREMESSA Si assiste sempre più spesso ad andamenti meteorologici imprevedibili e come tali differenti dall ordinario: periodi particolarmente asciutti alternati ad altri particolarmente piovosi. Allo stesso

Dettagli

Fabbricazione di altri prodotti della lavorazione di minerali non metalliferi (Ateco 23)

Fabbricazione di altri prodotti della lavorazione di minerali non metalliferi (Ateco 23) Fabbricazione di altri prodotti della lavorazione di minerali non metalliferi (Ateco 23) Indicatori congiunturali di settore e previsioni Business Analysis Aprile 2015 Indicatori congiunturali Indice della

Dettagli

Il cambiamento climatico degli ultimi 50 anni

Il cambiamento climatico degli ultimi 50 anni Il cambiamento climatico degli ultimi 50 anni Ho voluto scrivere su questo argomento poiché in base ai dati in nostro possesso si può ben vedere come il clima sia cambiato negli ultimi 50 anni ma resta

Dettagli

RAPPORTO MENSILE SUL SISTEMA ELETTRICO CONSUNTIVO DICEMBRE 2014

RAPPORTO MENSILE SUL SISTEMA ELETTRICO CONSUNTIVO DICEMBRE 2014 RAPPORTO MENSILE SUL SISTEMA ELETTRICO CONSUNTIVO DICEMBRE 2014 1 Rapporto Mensile sul Sistema Elettrico Consuntivo dicembre 2014 Considerazioni di sintesi 1. Il bilancio energetico Richiesta di energia

Dettagli

Ufficio studi IL LAVORO NEL TURISMO

Ufficio studi IL LAVORO NEL TURISMO Ufficio studi I dati più recenti indicano in oltre 1,4 milioni il numero degli occupati nelle imprese del turismo. Il 68% sono dipendenti. Per conto dell EBNT (Ente Bilaterale Nazionale del Turismo) Fipe,

Dettagli

III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano

III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano (Fabio Musmeci, Angelo Correnti - ENEA) Il lago di Bracciano è un importante elemento del comprensorio della Tuscia Romana che non può non

Dettagli

CHE COS È IL CLIMA? Gli elementi del clima. Scopro le parole. 1 Voyager 4, pagina 159

CHE COS È IL CLIMA? Gli elementi del clima. Scopro le parole. 1 Voyager 4, pagina 159 CHE COS È IL CLIMA? L atmosfera: è l aria che circonda la Terra. Ti è capitato di vedere in televisione o su un giornale le previsioni del tempo? La persona che parla spiega che cosa succede nell aria

Dettagli

Meteo Varese Moti verticali dell aria

Meteo Varese Moti verticali dell aria Movimento verticale dell aria Le masse d aria si spostano prevalentemente lungo direzioni orizzontali a seguito delle variazioni della pressione atmosferica. I movimenti più importanti sono però quelli

Dettagli

In Olanda serricoltori come broker di borsa

In Olanda serricoltori come broker di borsa ORTICOLTURA In Olanda serricoltori come broker di borsa Le importazioni a basso prezzo di energia dalla Germania hanno reso poco redditizia la vendita alla rete, i coltivatori monitorano le quotazioni

Dettagli

Alle nostre latitudini la domanda di

Alle nostre latitudini la domanda di minergie Protezioni solari con lamelle, in parte fisse, e gronde Benessere ter edifici ed effi Nella società contemporanea trascorriamo la maggior parte del nostro tempo in spazi confinati, in particolare

Dettagli

n 9 di mercoledì 10/06/2015 Sommario settimana dal 10/06/2015 al 16/06/2015 Riassunto

n 9 di mercoledì 10/06/2015 Sommario settimana dal 10/06/2015 al 16/06/2015 Riassunto Fattori comprensoriali comuni Fonti di approvvigionamento idriche Sommario settimana dal 10/06/2015 al 16/06/2015 Riassunto Fiume PO portata presso località Pontelagoscuro - Fiume PO livello presso opera

Dettagli

n 6 di mercoledì 20/05/2015 Sommario settimana dal 20/05/2015 al 26/05/2015 Riassunto

n 6 di mercoledì 20/05/2015 Sommario settimana dal 20/05/2015 al 26/05/2015 Riassunto Fattori comprensoriali comuni Fonti di approvvigionamento idriche Sommario settimana dal 20/05/2015 al 26/05/2015 Riassunto Fiume PO portata presso località Pontelagoscuro - Fiume PO livello presso opera

Dettagli

garantiscono completamente quanto sopra un anno su due, statisticamente.

garantiscono completamente quanto sopra un anno su due, statisticamente. Direzione Ambiente Linee guida per la verifica dei fabbisogni irrigui, la revisione delle concessioni e il calcolo dei riparti in condizioni di magra Quant4 Software di calcolo dei fabbisogni irrigui comprensoriali

Dettagli

Strutture. Strutture e Unioni. Definizione di strutture (2) Definizione di strutture (1)

Strutture. Strutture e Unioni. Definizione di strutture (2) Definizione di strutture (1) Strutture Strutture e Unioni DD cap.10 pp.379-391, 405-406 KP cap. 9 pp.361-379 Strutture Collezioni di variabili correlate (aggregati) sotto un unico nome Possono contenere variabili con diversi nomi

Dettagli

.2Modulo 2 di 4 Modifiche in atto. Gli impatti. Progetto RACES Kit didattico sul cambiamento climatico http://www.liferaces.

.2Modulo 2 di 4 Modifiche in atto. Gli impatti. Progetto RACES Kit didattico sul cambiamento climatico http://www.liferaces. .2Modulo 2 di 4 Modifiche in atto. Gli impatti Progetto RACES Kit didattico sul cambiamento climatico http://www.liferaces.eu/a_scuola 2Modifiche in atto. Gli impatti Il riscaldamento globale Evidenze

Dettagli

VALUTAZIONE QUALITA ARIA

VALUTAZIONE QUALITA ARIA COMUNE di CASTELLARANO (loc. Roteglia) Provincia di REGGIO EMILIA VALUTAZIONE QUALITA ARIA STUDIO DI RICADUTA INQUINANTI riferito all attività svolta da COTTO PETRUS S.r.l. Roteglia Castellarano (RE) Luglio

Dettagli

Note al documento: Lo Studio qui descritto è stato condotto dai seguenti professionisti: Dott. For. Alessandra Francesconi. Cod. Descrizione Rev.

Note al documento: Lo Studio qui descritto è stato condotto dai seguenti professionisti: Dott. For. Alessandra Francesconi. Cod. Descrizione Rev. Note al documento: Lo Studio qui descritto è stato condotto dai seguenti professionisti: Dott. For. Alessandra Francesconi Geom. Sara Moretti Progettazione; Elaborazioni grafiche. I INDICE INDICE... I

Dettagli

Ordinanza del DFI concernente il Premio del cinema svizzero

Ordinanza del DFI concernente il Premio del cinema svizzero Ordinanza del DFI concernente il Premio del cinema svizzero 443.116 del 30 settembre 2004 (Stato 1 ottobre 2014) Il Dipartimento federale dell interno (DFI), visti gli articoli 8 e 26 capoverso 2 della

Dettagli

Bollettino BOE DELTA DEL PO 161 del 10 giugno 2015

Bollettino BOE DELTA DEL PO 161 del 10 giugno 2015 SERVIZIO DELL'AMIENTE ollettino OE DELTA DEL PO 161 del 10 giugno 15 SITUAZIONE METEOROLOGICA GENERALE dal 18/05/15 al 24/05/15 Porto Tolle TEMPERATURE - PORTO TOLLE TEMPERATURA LUN. MAR. MER. GIOV. VEN.

Dettagli

Bollettino BOE DELTA DEL PO 166 del 15 giugno 2015

Bollettino BOE DELTA DEL PO 166 del 15 giugno 2015 SERVIZIO DELL'AMIENTE ollettino OE DELTA DEL PO 166 del 15 giugno 15 SITUAZIONE METEOROLOGICA GENERALE dal 01/06/15 al 07/06/15 Porto Tolle TEMPERATURE - PORTO TOLLE TEMPERATURA LUN. MAR. MER. GIOV. VEN.

Dettagli

Bollettino BOE DELTA DEL PO 163 del 12 giugno 2015

Bollettino BOE DELTA DEL PO 163 del 12 giugno 2015 SERVIZIO DELL'AMIENTE ollettino OE DELTA DEL PO 163 del 12 giugno 15 SITUAZIONE METEOROLOGICA GENERALE dal 25/05/15 al 31/05/15 Porto Tolle TEMPERATURE - PORTO TOLLE TEMPERATURA LUN. MAR. MER. GIOV. VEN.

Dettagli

Sintesi dei risultati ottenuti nel primo anno di sperimentazione

Sintesi dei risultati ottenuti nel primo anno di sperimentazione Sintesi dei risultati ottenuti nel primo anno di sperimentazione Linea 1 Nella linea 1 sono state impiantate due prove di confronto parcellare nei due siti sperimentali di Antria e Marciano. Il materiale

Dettagli

MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE VOLUME 1 CAPITOLO 10. Golfo di Venezia. Rimini. Mare Adriatico Corsica. Mar Tirreno.

MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE VOLUME 1 CAPITOLO 10. Golfo di Venezia. Rimini. Mare Adriatico Corsica. Mar Tirreno. ITALIA FISICA Cose da sapere VOLUME 1 CAPITOLO 10 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE A. Le idee importanti l L Italia è una penisola al centro del Mar Mediterraneo, con due grandi isole l In Europa, l

Dettagli

APPLICAZIONE MODELLISTICA PER LA VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ DELL ARIA NELL AREA DI INSEDIAMENTO DEL CENTRO AGRO ALIMENTARE TORINESE

APPLICAZIONE MODELLISTICA PER LA VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ DELL ARIA NELL AREA DI INSEDIAMENTO DEL CENTRO AGRO ALIMENTARE TORINESE APPLICAZIONE MODELLISTICA PER LA VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ DELL ARIA NELL AREA DI INSEDIAMENTO DEL CENTRO AGRO ALIMENTARE TORINESE Introduzione La porzione di territorio situata a sud-ovest dell Area Metropolitana

Dettagli

IASMA Notizie DIFESA ESTIVA DELL OLIVO

IASMA Notizie DIFESA ESTIVA DELL OLIVO IASMA Notizie OLIVICOLTURA Notiziario tecnico del Centro Trasferimento Tecnologico della Fondazione Edmund Mach - Istituto Agrario di S. Michele all Adige 24 giugno 2011 n. 2 IASMA Notizie n. 28 - Anno

Dettagli

RICOSTRUZIONE DEI TREND DI PIOVOSITA E TEMPERATURA NEGLI ULTIMI 80 ANNI IN SICILIA. PRIMI RISULTATI

RICOSTRUZIONE DEI TREND DI PIOVOSITA E TEMPERATURA NEGLI ULTIMI 80 ANNI IN SICILIA. PRIMI RISULTATI Giuseppe Basile (1), Marinella Panebianco (2) Pubblicazione in corso su: Geologia dell Ambiente Rivista della SIGEA - Roma (1) Geologo, Dirigente del Servizio Rischi Idrogeologici e Ambientali del Dipartimento

Dettagli

Altezza del sole sull orizzonte nel corso dell anno

Altezza del sole sull orizzonte nel corso dell anno Lucia Corbo e Nicola Scarpel Altezza del sole sull orizzonte nel corso dell anno 2 SD ALTEZZA DEL SOLE E LATITUDINE Per il moto di Rivoluzione che la Terra compie in un anno intorno al Sole, ad un osservatore

Dettagli

I BOLLETTINI VALANGHE AINEVA e LA SCALA DI PERICOLO

I BOLLETTINI VALANGHE AINEVA e LA SCALA DI PERICOLO CENTRO NIVO METEOROLOGICO ARPA BORMIO I BOLLETTINI VALANGHE AINEVA e LA SCALA DI PERICOLO Corso 2 A- AINEVA Guide Alpine della Lombardia Bormio 25-29 gennaio 2010 A cura di Flavio Berbenni MARCATO FORTE

Dettagli

Piranometri first & second class. Manuale utente

Piranometri first & second class. Manuale utente Piranometri first & second class Manuale utente LSI LASTEM SRL INSTUM_01389 (MW6022) Aggiornamento: 28 marzo 2014 Sommario 1 Note su questo manuale... 3 2 Caratteristiche tecniche... 3 3 Taratura... 7

Dettagli

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole-

STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- STIME VALUTAZIONI TENDENZE DEL MERCATO DEL LAVORO DI MILANO - economia territoriale in pillole- A cura del dipartimento mercato del lavoro Formazione Ricerca della Camera del Lavoro Metropolitana di Milano

Dettagli

Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE

Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE Le correnti marine sono masse d acqua che si spostano in superficie o in profondità negli oceani: sono paragonabili a enormi fiumi che scorrono lentamente (in media

Dettagli

Cos è una. pompa di calore?

Cos è una. pompa di calore? Cos è una pompa di calore? !? La pompa di calore aria/acqua La pompa di calore (PDC) aria-acqua è una macchina in grado di trasferire energia termica (calore) dall aria esterna all acqua dell impianto

Dettagli

Pietra dei solstizi di Montevila Perca (Alto Adige)

Pietra dei solstizi di Montevila Perca (Alto Adige) Dott. Huber Josef Pietra dei solstizi di Montevila Perca (Alto Adige) La pietra dei solstizi di Montevila é un blocco di granito con un volume di ca. 1,3 m³. Ha cinque fori con un diametro di ca. 3 cm

Dettagli

Le pompe di calore II

Le pompe di calore II Le pompe di calore II G.L. Morini Laboratorio di Termotecnica Dipartimento di Ingegneria Energetica, Nucleare e del Controllo Ambientale Viale Risorgimento 2, 40136 Bologna COP medio effettivo: SCOP COP

Dettagli

Giorni ideali per il taglio del legname nell anno 2015.

Giorni ideali per il taglio del legname nell anno 2015. Giorni ideali per il taglio del legname nell anno 2015. Giorni favorevoli per il taglio di legname da costruzione e uso falegnameria. Gli alberi dai quali si ricava legname da costruzione e per la fabbricazione

Dettagli

MALATTIE E TECNICHE DI CONTENIMENTO

MALATTIE E TECNICHE DI CONTENIMENTO Le prospettive del vivaismo viticolo europeo MALATTIE E TECNICHE DI CONTENIMENTO Elisa Angelini CRA VIT Centro di Ricerca per la Viticoltura Conegliano (TV) 1. Giallumi (Flavescenza dorata e Legno nero):

Dettagli

Consigli per una guida in sicurezza

Consigli per una guida in sicurezza Consigli per una guida in sicurezza cosa fare prima di mettersi in viaggio cosa fare durante il viaggio Stagione invernale 2014-2015 In caso di neve INDICE Prima di mettersi in viaggio 1 2 3 4 5 PAG 4-

Dettagli

Caratterizzazione climatologica delle Marche: campo medio della temperatura per il periodo 1950-2000

Caratterizzazione climatologica delle Marche: campo medio della temperatura per il periodo 1950-2000 Caratterizzazione climatologica delle Marche: campo medio della temperatura per il periodo 195-2 A cura di Dott.ssa Romina Spina Dott.ssa Silvia Stortini Prof. Redo Fusari Prof. Carlo Scuterini Dott. Maurizio

Dettagli

CIRCOLAZIONE NATURALE. NATURAL SOL Pacchetti solari a circolazione naturale

CIRCOLAZIONE NATURALE. NATURAL SOL Pacchetti solari a circolazione naturale CIRCOLAZIONE NATURALE NATURAL SOL Pacchetti solari a circolazione naturale 1964 2014 Immergas. Una lunga storia alle spalle, insegna a guardare in avanti. Il 5 febbraio del 1964, Immergas nasceva dal

Dettagli

AVVISO VOLONTARI AGRONOMI E FORESTALI WAA FOR EXPO

AVVISO VOLONTARI AGRONOMI E FORESTALI WAA FOR EXPO AVVISO VOLONTARI AGRONOMI E FORESTALI WAA FOR EXPO AL VIA LA CAMPAGNA AGRONOMI E FORESTALI WAA FOR EXPO 1. ESSERE UN AGRONOMO E FORESTALE WAA for EXPO2015 Il grande appuntamento dell EXPO MILANO 2015 dal

Dettagli

Presentazione ed utilizzo di VitiMeteo-Plasmopara

Presentazione ed utilizzo di VitiMeteo-Plasmopara Presentazione ed utilizzo di VitiMeteo-Plasmopara VitiMeteo-Plasmopara consente di affinare la lotta contro la peronospora, senza tralasciare gli episodi d infezioni importanti e permette di evitare dei

Dettagli

Fitopro s.r.l. - Milano. Servizio Fitosanitario Regionaledel Veneto - Bovolino di Buttapietra (VR)

Fitopro s.r.l. - Milano. Servizio Fitosanitario Regionaledel Veneto - Bovolino di Buttapietra (VR) LOTTA ANTIPERONOSPORICA SU VITE IN REGIME DI AGRICOLTURA BIOLOGICA: CONFRONTO TRA STRATEGIA A PROTEZIONE CONTINUA E STRATEGIA SUPPORTATA DAL MODELLO EPI. VENETO, BIENNIO 2007/2008 M. Buccini 1, G. Rho

Dettagli

Pannelli Solari Termici. Parete esterna verticale. Tipologia di. inserimento. I pannelli solari termici sono inseriti sulla parete esterna verticale

Pannelli Solari Termici. Parete esterna verticale. Tipologia di. inserimento. I pannelli solari termici sono inseriti sulla parete esterna verticale Pannelli Solari Termici Parete esterna verticale I pannelli solari termici sono inseriti sulla parete esterna verticale dell edificio. Pannelli Solari Termici Parete esterna verticale e parapetti Legenda

Dettagli

7 - ORIGINE ED EVOLUZIONE DEI LAGHI

7 - ORIGINE ED EVOLUZIONE DEI LAGHI 7 - ORIGINE ED EVOLUZIONE DEI LAGHI Da un punto di vista fisico il lago è un fenomeno transitorio. È una massa d acqua raccolta in una depressione naturale della superficie terrestre; indipendentemente

Dettagli

PRODOTTO UVA DA VINO E PER TUTTI GLI ALTRI PRODOTTI,

PRODOTTO UVA DA VINO E PER TUTTI GLI ALTRI PRODOTTI, Strada dei mercati, 17 43126 Parma Tel.0521984996 Fax 0521950084 info@codiparma.it www.codiparma.it Oggetto: Campagna assicurativa 2015 Spett.le Socio, da quest anno le risorse finanziare sono reperite

Dettagli

(OLL 2) (Disposizioni speciali per determinate categorie di aziende e di lavoratori)

(OLL 2) (Disposizioni speciali per determinate categorie di aziende e di lavoratori) Ordinanza 2 concernente la legge sul lavoro (OLL 2) (Disposizioni speciali per determinate categorie di aziende e di lavoratori) 822.112 del 10 maggio 2000 (Stato 1 aprile 2015) Il Consiglio federale svizzero,

Dettagli

NOTE DI SINTESI AI DATI STATISTICI DEL MOVIMENTO TURISTICO REGISTRATO IN PROVINCIA DI BRESCIA NELL ANNO 2010 CON IL CONFRONTO 2009

NOTE DI SINTESI AI DATI STATISTICI DEL MOVIMENTO TURISTICO REGISTRATO IN PROVINCIA DI BRESCIA NELL ANNO 2010 CON IL CONFRONTO 2009 NOTE DI SINTESI AI DATI STATISTICI DEL MOVIMENTO TURISTICO REGISTRATO IN PROVINCIA DI BRESCIA NELL ANNO 2010 CON IL CONFRONTO 2009 Arrivi 2.016.536 Presenze 8.464.905 PROVINCIA IN COMPLESSO Arrivi: superata

Dettagli

IMPIANTI FOTOVOLTAICI IN CONTO ENERGIA

IMPIANTI FOTOVOLTAICI IN CONTO ENERGIA IMPIANTI FOTOVOLTAICI IN CONTO ENERGIA Un impianto solare fotovoltaico consente di trasformare l energia solare in energia elettrica. Non va confuso con un impianto solare termico, che è sostanzialmente

Dettagli

Il Postino Telematico

Il Postino Telematico 1 Il Postino Telematico Incontro con le Organizzazioni Sincali 17 NOVEMBRE 29 Vincent Nicola Santacroce Servizi Postali Gestione del Fabbisogno Informatico Descrizione del progetto 2 Il progetto postino

Dettagli

Tecniche apistiche: il controllo della sciamatura

Tecniche apistiche: il controllo della sciamatura Tecniche apistiche: il controllo della sciamatura Obiettivi: - evitare o ridurre il fenomeno della sciamatura - conservare le api nell alveare o nell apiario (sciamatura temporanea) I metodi sono diversi

Dettagli

Densità di impianto: distanza tra le piante sul filare e tra i filari (da Fregoni 1984 e Calò 1987)

Densità di impianto: distanza tra le piante sul filare e tra i filari (da Fregoni 1984 e Calò 1987) Densità di impianto: distanza tra le piante sul filare e tra i filari (da Fregoni 1984 e Calò 1987) Prima regola: oltre un certo carico produttivo per ceppo la qualità diminuisce ( ) Fittezza in relazione

Dettagli

Funghi e micotossine

Funghi e micotossine Funghi e micotossine Roberto Causin, Dipartimento TeSAF, Sezione Patologia Vegetale, Università degli Studi di Padova 1.1 Aspetti generali Si conoscono decine di generi e specie fungine (muffe) in grado

Dettagli

PRESENTAZIONE AGLI ANALISTI

PRESENTAZIONE AGLI ANALISTI PRESENTAZIONE AGLI ANALISTI Milano, 17 Marzo 2010 AGENDA 1. Il Gruppo 2. Il mercato 3. Dati economico-finanziari 4. Il titolo Pag. 2 RELATORI LUIGI LUZZATI Presidente del CDA di Centrale del Latte di Torino

Dettagli

Legge federale su l acquisto e la perdita della cittadinanza svizzera

Legge federale su l acquisto e la perdita della cittadinanza svizzera Legge federale su l acquisto e la perdita della cittadinanza svizzera (Legge sulla cittadinanza, LCit) 1 141.0 del 29 settembre 1952 (Stato 1 gennaio 2013) L Assemblea federale della Confederazione Svizzera,

Dettagli

STRUTTURA COMPLESSA 05 AREA PREVISIONE E MONITORAGGIO AMBIENTALE. Struttura Semplice 06 Sistemi elaborativi e modellistica

STRUTTURA COMPLESSA 05 AREA PREVISIONE E MONITORAGGIO AMBIENTALE. Struttura Semplice 06 Sistemi elaborativi e modellistica STRUTTURA COMPLESSA 05 AREA PREVISIONE E MONITORAGGIO AMBIENTALE Struttura Semplice 06 Sistemi elaborativi e modellistica OGGETTO: STUDIO DI CARATTERIZZAZIONE DEL BIANCO AMBIENTALE CONNESSO ALLA REALIZZAZIONE

Dettagli

SOLARE AEROVOLTAICO. R-Volt. L energia fronte-retro. www.systovi.com FABBRICATO IN FRANCIA

SOLARE AEROVOLTAICO. R-Volt. L energia fronte-retro. www.systovi.com FABBRICATO IN FRANCIA SOLARE AEROVOLTAICO L energia fronte-retro www.systovi.com FABBRICATO IN FRANCIA SISTEMA BREVETTATO IL PUNTO DI RIFERIMENTO PER IL RISPARMIO ENERGETICO E IL COMFORT TERMICO Effetto fronte-retro Recupero

Dettagli

Miscele da Sovescio Agri.Bio

Miscele da Sovescio Agri.Bio Miscele da Sovescio Agri.Bio Il sovescio è una pratica agronomica consistente nell'interramento di apposite colture allo scopo di mantenere o aumentare la fertilità del terreno. I risultati che si possono

Dettagli

CONSORZIO TUTELA DOC TULLUM

CONSORZIO TUTELA DOC TULLUM CONSORZIO TUTELA DOC TULLUM il nuovo modo di bere Abruzzo Abruzzo DOP Tullum Tullum è il riconoscimento ai produttori di Tollo, cittadina in provincia di Chieti, che vedono premiata la vocazione di un

Dettagli

Miroslav Gačić Oceano, atmosfera e cambiamenti climatici: Cosa ne sappiamo

Miroslav Gačić Oceano, atmosfera e cambiamenti climatici: Cosa ne sappiamo Miroslav Gačić Oceano, atmosfera e cambiamenti climatici: Cosa ne sappiamo EUR-OCEANS Network of Excellence Oceano, atmosfera e cambiamenti climatici: Cosa ne sappiamo? Miroslav Gačić Istituto Nazionale

Dettagli

Valutazione modellistica ricaduta al suolo delle emissioni dell impianto Rena Energia srl

Valutazione modellistica ricaduta al suolo delle emissioni dell impianto Rena Energia srl Valutazione modellistica ricaduta al suolo delle emissioni dell impianto Rena Energia srl Studio Settembre 2014 1 Pag / indice 3 / Premessa 4 / Descrizione della catena modellistica 6 / Lo scenario simulato

Dettagli

COS E CRES: CLIMA RESILIENTI

COS E CRES: CLIMA RESILIENTI COS E CRES: CLIMA RESILIENTI PROGETTO DI KYOTO CLUB VINCITORE DI UN BANDO DEL MINISTERO DELL AMBIENTE SUI PROGETTI IN MATERIA DI EDUCAZIONE AMBIENTALE E SVILUPPO SOSTENIBILE OBIETTIVI DEL PROGETTO CRES

Dettagli

MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE VOLUME 1 CAPITOLO 2 ... ... ... ... ... ...

MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE VOLUME 1 CAPITOLO 2 ... ... ... ... ... ... VOLUME 1 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE ACQUE INTERNE 1. Parole per capire A. Conosci già queste parole? Scrivi il loro significato o fai un disegno: valle... ghiacciaio... vulcano... cratere...

Dettagli

Appendice III. Criteri per l utilizzo dei metodi di valutazione diversi dalle misurazioni in siti fissi

Appendice III. Criteri per l utilizzo dei metodi di valutazione diversi dalle misurazioni in siti fissi Appendice III (articolo 5, comma 1 e art. 22 commi 5 e 7) Criteri per l utilizzo dei metodi di valutazione diversi dalle misurazioni in siti fissi 1. Tecniche di modellizzazione 1.1 Introduzione. In generale,

Dettagli

il Krill Letterio Guglielmo CNR - IFA

il Krill Letterio Guglielmo CNR - IFA il Krill Letterio Guglielmo II Krill (Euphausia superba) è il più abbondante crostaceo del mondo. Nonostante sia lungo 65 mm esso costituisce la principale fonte di alimento per una grande varietà di animali

Dettagli

FUMONISINE NEL MAIS E NEI PRODOTTI DELLA MACINAZIONE

FUMONISINE NEL MAIS E NEI PRODOTTI DELLA MACINAZIONE FUMONISINE NEL MAIS E NEI PRODOTTI DELLA MACINAZIONE OGGETTO 1. Contaminazione da Fumonisine nel mais italiano allo scopo di individuare la quota di mais che rimane al di sotto dei limiti massimi proposti;

Dettagli

COME VINCERE IL CALDO

COME VINCERE IL CALDO Centro Nazionale per la Prevenzione e il Controllo delle Malattie ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO Raccomandazioni per il personale che assiste gli anziani a casa ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO

Dettagli

Pianificazione di massima delle attività ed organizzazione delle pulizie di presidio

Pianificazione di massima delle attività ed organizzazione delle pulizie di presidio Allegato n. 2 al CT Pianificazione di massima delle attività ed organizzazione delle pulizie di presidio SERVIZIO AMBIENTALE INTEGRATO DEI COMPLESSI IMMOBILIARI DELLE GRANDI STAZIONI Allegato n. 2 al CAPITOLATO

Dettagli

Università di Roma Tor Vergata

Università di Roma Tor Vergata Università di Roma Tor Vergata Facoltà di Ingegneria Dipartimento di Ingegneria Industriale Corso di: TERMOTECNICA 1 IMPIANTI DI CLIMATIZZAZIONE Ing. G. Bovesecchi gianluigi.bovesecchi@gmail.com 06-7259-7127

Dettagli

AUTO STORICHE E INQUINAMENTO Considerazioni su energia e inquinamento nei centri urbani

AUTO STORICHE E INQUINAMENTO Considerazioni su energia e inquinamento nei centri urbani AUTO STORICHE E INQUINAMENTO Considerazioni su energia e inquinamento nei centri urbani relazione del professor Alberto Mirandola direttore del Dipartimento di Ingegneria Meccanica all Università degli

Dettagli

Le perdite d'acqua si definiscono con riferimento al deflusso superficiale (opportunamente definito) alla sezione di chiusura del bacino.

Le perdite d'acqua si definiscono con riferimento al deflusso superficiale (opportunamente definito) alla sezione di chiusura del bacino. Il bacino può essere inteso come volume di controllo che appoggia sulla superficie del suolo oppure sullo strato impermeabile sottostante agli acquiferi. I fenomeni di trasporto di acqua attraverso il

Dettagli

DISCIPLINARE DI PRODUZIONE DEI VINI A DENOMINAZIONE DI ORIGINE CONTROLLATA VENEZIA

DISCIPLINARE DI PRODUZIONE DEI VINI A DENOMINAZIONE DI ORIGINE CONTROLLATA VENEZIA DISCIPLINARE DI PRODUZIONE DEI VINI A DENOMINAZIONE DI ORIGINE CONTROLLATA VENEZIA Approvato con DM 22 dicembre 2010 G.U. 4-07.01.2011 (S. O. n. 6) Modificato con DM 30.11.2011 Pubblicato sul sito ufficiale

Dettagli

T-TOUCH II Istruzioni per l'uso

T-TOUCH II Istruzioni per l'uso T-TOUCH II Istruzioni per l'uso Ringraziamenti Ci congratuliamo con Lei per aver scelto un orologio TISSOT, una delle marche svizzere più prestigiose al mondo. Il Suo orologio T-TOUCH beneficia di tutte

Dettagli

EVENTO ALLUVIONALE DEL 10 11 NOVEMBRE 2012 IN VENETO

EVENTO ALLUVIONALE DEL 10 11 NOVEMBRE 2012 IN VENETO EVENTO ALLUVIONALE DEL 10 11 NOVEMBRE 2012 IN VENETO POST-ANALISI SINOTTICA DELL EPISODIO E FOCUS SULL EST VERONESE di Francesco De Bon e Luca Bertolazzi www.serenissimameteo.eu INTRODUZIONE Durante i

Dettagli

EFFETTO ANTIGHIACCIO: La potenza occorrente al metro quadro per prevenire la

EFFETTO ANTIGHIACCIO: La potenza occorrente al metro quadro per prevenire la Sistema scaldante resistivo per la protezione antighiaccio ed antineve di superfici esterne Il sistema scaldante ha lo scopo di evitare la formazione di ghiaccio e l accumulo di neve su superfici esterne

Dettagli

Città di Novate Milanese

Città di Novate Milanese Città di Novate Milanese - Provincia di Milano - Cod. Fisc. P. Iva n. 02032910156 Sede municipale di V. Veneto, 18 c.a.p. 20026 Novate Milanese (MI) tel. 02/354731 fax. 02/33240000 lavpubblici@comune.novate-milanese.mi.it

Dettagli

L AUDIT ENERGETICO DEGLI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERGETICO

L AUDIT ENERGETICO DEGLI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERGETICO COMUNE DI CANZO COMUNE DI CASTELMARTE COMUNE DI EUPILIO COMUNE DI LONONE AL SERINO COMUNE DI PROSERPIO COMUNE DI PUSIANO L AUDIT ENERETICO DELI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERETICO Una politica energetica

Dettagli

Impianti di climatizzazione

Impianti di climatizzazione Corso di IPIANTI TECNICI per l EDILIZIAl Impianti di climatizzazione Prof. Paolo ZAZZINI Dipartimento INGEO Università G. D Annunzio Pescara www.lft.unich.it IPIANTI DI CLIATIZZAZIONE Impianti di climatizzazione

Dettagli

Concimare senza sprechi, con la massima efficacia, salvaguardando la natura. melo, pero, kiwi. schede colturali - volume 4

Concimare senza sprechi, con la massima efficacia, salvaguardando la natura. melo, pero, kiwi. schede colturali - volume 4 Concimare senza sprechi, con la massima efficacia, salvaguardando la natura melo, pero, kiwi schede colturali - volume 4 I prodotti che AGM fabbrica con destinazione speciale per frutteti, sono stati testati

Dettagli

ANNO, MESI, SETTIMANE E CALENDARIO

ANNO, MESI, SETTIMANE E CALENDARIO ANNO, MESI, SETTIMANE E CALENDARIO Iniziamo il percorso ricordando agli alunni le motivazioni che hanno spinto gli uomini a creare sistemi di misurazione del tempo, come fatto già per l orologio. Facciamo

Dettagli

MODELLI DI VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ DELL'ARIA IMPIANTO DISCARICA DI COLLE FAGIOLARA (COLLEFERRO)

MODELLI DI VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ DELL'ARIA IMPIANTO DISCARICA DI COLLE FAGIOLARA (COLLEFERRO) MODELLI DI VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ DELL'ARIA IMPIANTO DISCARICA DI COLLE FAGIOLARA (COLLEFERRO) 1. INQUADRAMENTO TERRITORIALE E METEOROLOGICO Colleferro è un comune di oltre 22.000 abitanti che si trova

Dettagli

Vetro e risparmio energetico Controllo solare. Bollettino tecnico

Vetro e risparmio energetico Controllo solare. Bollettino tecnico Vetro e risparmio energetico Controllo solare Bollettino tecnico Introduzione Oltre a consentire l ingresso di luce e a permettere la visione verso l esterno, le finestre lasciano entrare anche la radiazione

Dettagli

Sviluppo della metodologia comparativa costoptimal secondo Direttiva 2010/31/UE. V. Corrado, I. Ballarini, S. Paduos

Sviluppo della metodologia comparativa costoptimal secondo Direttiva 2010/31/UE. V. Corrado, I. Ballarini, S. Paduos Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l energia e lo sviluppo economico sostenibile MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO Sviluppo della metodologia comparativa costoptimal secondo Direttiva 2010/31/UE

Dettagli

allargarsi, andare da a Si dice anche: la pianura si estende; i confini si estendono... Scrivi tu una frase con il verbo estendersi...

allargarsi, andare da a Si dice anche: la pianura si estende; i confini si estendono... Scrivi tu una frase con il verbo estendersi... GLI APPENNINI Gli Appennini sono una catena montuosa che si estende da Nord a Sud per circa 1400 chilometri lungo la penisola italiana. Le montagne degli Appennini sono montagne meno alte di quelle delle

Dettagli

RILEVAZIONE DEI PREZZI DELL'ENERGIA ELETTRICA - REGIONE LOMBARDIA

RILEVAZIONE DEI PREZZI DELL'ENERGIA ELETTRICA - REGIONE LOMBARDIA RILEVAZIONE DEI PREZZI DELL'ENERGIA ELETTRICA - REGIONE LOMBARDIA Da produttore/grossista a utente non domestico - Prezzo di mercato prevalente della componente energia e della commercializzazione al dettaglio

Dettagli

SCHEDA PRESENTAZIONE PROGETTO

SCHEDA PRESENTAZIONE PROGETTO Rete di Treviso Integrazione Alunni Stranieri LABORATORIO SUL TRATTAMENTO DEI TESTI DISCIPLINARI SCHEDA PRESENTAZIONE PROGETTO TITOLO: IL SISTEMA SOLARE AMBITO DISCIPLINARE: SCIENZE AUTORE: GIANCARLA VOLPATO

Dettagli

Il progetto MED APICE ovvero valutazione e mitigazione delle emissioni inquinanti delle attività portuali: il caso di Genova

Il progetto MED APICE ovvero valutazione e mitigazione delle emissioni inquinanti delle attività portuali: il caso di Genova Il progetto MED APICE ovvero valutazione e mitigazione delle emissioni inquinanti delle attività portuali: il caso di Genova Paolo Prati Dipartimento di Fisica Università di Genova Modelli a RECETTORE

Dettagli

www.sipcamitalia.it Questo contenuto ti è offerto da: Articolo tratto da: Edizioni L Informatore Agrario

www.sipcamitalia.it Questo contenuto ti è offerto da: Articolo tratto da: Edizioni L Informatore Agrario Questo contenuto ti è offerto da: www.sipcamitalia.it Articolo tratto da: Edizioni L Informatore Agrario Tutti i diritti riservati, a norma della Legge sul Diritto d Autore e le sue successive modificazioni.

Dettagli