COMUNE DI NURAMINIS. Provincia di Cagliari. REGOLAMENTO COMUNALE : Azioni di contrasto alle povertà

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "COMUNE DI NURAMINIS. Provincia di Cagliari. REGOLAMENTO COMUNALE : Azioni di contrasto alle povertà"

Transcript

1 COMUNE DI NURAMINIS Provincia di Cagliari REGOLAMENTO COMUNALE : Azioni di contrasto alle povertà Approvato con atto deliberativo del Consiglio Comunale n 47 del Modificato con atto deliberativo del Consiglio Comunale n. 39 del Il Sindaco Il Segretario Comunale

2 ***** PREMESSA Con il presente regolamento l Amministrazione Comunale intende disciplinare gli interventi di contrasto alle povertà, promossi dalla Regione Autonoma della Sardegna (RAS) per arginare la grave crisi economica e sociale, di seguito indicate: 1) concessione di sussidi a favore di persone e nuclei familiari in condizioni di accertata povertà. 2) concessione di contributi per l abbattimento dei costi abitativi e dei servizi essenziali a favore di persone e nuclei familiari con reddito pari o inferiore alla soglia di povertà calcolata con il metodo ISEE; 3) concessione di sussidi per lo svolgimento del Servizio Civico Comunale; ***** 2

3 Art. 1-1 LINEA D INTERVENTO: Concessione di sussidi economici a favore di persone e nuclei familiari in condizioni di accertata povertà. Oggetto e tipologia di attività L intervento in questione prevede l erogazione di un sussidio fino ad un importo e una durata massima fissati annualmente dalla RAS, a favore di persone e nuclei familiari in grave condizione di deprivazione economica duratura o temporale che non possono accedere all inserimento lavorativo di cui alla linea 3 Servizio Civico. Si precisa che : o potrà presentare domanda un solo componente per nucleo familiare; o nel caso in cui tra l ultima dichiarazione dei redditi ed il momento di presentazione della domanda siano intervenute variazioni significative nella composizione del nucleo familiare oppure nella situazione reddituale o patrimoniale, l interessato dovrà presentare idonea documentazione o una dichiarazione sostitutiva di certificazione delle suddette variazioni; o il sussidio economico di cui alla presente linea non è cumulabile con il sussidio di cui alla Linea d Intervento n 3; Destinatari e requisiti Possono accedere all intervento in questione coloro che alla data di scadenza del bando posseggono i seguenti requisiti: a) residenza e domicilio nel Comune di Nuraminis da almeno due anni; b) età non inferiore ad anni 18; c) condizione di grave deprivazione economica; d) indicatore della Situazione Economica Equivalente (ISEE d.lgs. 31 Marzo 1998 n 109) non superiore al limite massimo fissato annualmente dalla Ras riferito all ultima annualità di riferimento al momento della presentazione della domanda, comprensivo dei redditi esenti IRPEF(quelli non contemplati nel D.lgs. 31 Marzo 1998 n 109) ; e) impedimenti psico-fisici al lavoro e/o onerosi compiti di cura familiare, comprovati da appositi certificati rilasciati dall organo preposto per legge a tale valutazione e al rilascio di idonea documentazione e/o verificabili dall Ufficio dei Servizi Sociali; 3

4 Modalità e Termini di presentazione della domanda Tutti coloro che possiedono i requisiti sopra riportati e che intendono accedere a tale Intervento dovranno presentare domanda su apposito modulo, reperibile sul sito internet comunale o presso l Ufficio Servizi Sociali, entro e non oltre il termine indicato nel relativo bando; La domanda dovrà essere corredata dalla seguente documentazione: a) Copia del documento d identità del richiedente; b) Certificazione I.S.E.E. anno in corso, riferita ai redditi percepiti nell anno precedente, rilasciata da un soggetto autorizzato di cui al DLgs 109/98; c) Dichiarazione sostitutiva di certificazione espressa ai sensi del D.P.R. 28 Dicembre 2000 n 445 attestante, ove si percepissero, i redditi esenti IRPEF intesi quali: assegni di maternità e assegni per il nucleo familiare con almeno tre figli minori L.448/98; indennità di accompagnamento; contributi integrativi al pagamento dei canoni di locazione; contributi di integrazione al reddito (L.R. 20/97 ecc.) contributi per povertà estreme per la passata annualità; premi in agricoltura e compensazioni al reddito; borse di studio; Pensione di guerra ecc.; Rendite Inail; Tutti quei redditi non contemplati nel DLgs 109/98; d) Eventuale certificazione attestante l invalidità civile; Criteri per l assegnazione dei punteggi e formazione della graduatoria L Amministrazione Comunale erogherà le risorse disponibili per questa linea in relazione alla graduatoria elaborata sulla base dei punteggi ottenuti da ciascun richiedente secondo i criteri di seguito riportati: 1. Composizione del nucleo familiare: Composizione nucleo familiare richiedente Persone Sole 2 Nuclei familiari 3 Nucleo monogenitoriale * 4 Minori a carico 1 punto per ogni minore Presenza di invalidi riconosciuti dal 45% al 74% 1 punto per ogni invalido Presenza di invalidi riconosciuti dal 75% al 100% 2 punti per ogni invalido *N. B. Per la definizione di nucleo monogenitoriale si fa riferimento alla Circolare n 8/03 emanata dalla Direzione Generale dell INPS, nella quale si considera la situazione di genitore solo come quella che ricorre nei seguenti casi: a) morte dell altro genitore; 4

5 b) abbandono del figlio; c) affidamento esclusivo del figlio ad un solo genitore; d) non riconoscimento del figlio da parte dell altro genitore; Pertanto, nei casi diversi da quelli sopra elencati, per esempio nel caso di affidamento condiviso, il nucleo familiare dovrà essere integrato con l altro genitore, salvo che lo stesso abbia costituito un nuovo nucleo genitoriale. Inoltre sarà considerato anche l assegno di mantenimento per i figli per la determinazione del reddito del nucleo familiare del richiedente; 2. Reddito: Il limite reddituale ISEE per poter accedere ai sussidi economici sarà quello fissato annualmente dalla RAS. La Giunta Municipale annualmente, con apposito atto deliberativo recepirà le direttive regionali e fisserà i punteggi da attribuire alle relative fasce di reddito nonché gli importi dei contributi da erogare sempre in base al punteggio e alle risorse economiche annualmente disponibili. 3. Condizione Abitativa: Abitazione di proprietà, usufrutto, comodato gratuito 0 Condizione abitativa Locazione con agevolazioni 1 Abitazione di proprietà con mutuo 2 Locazione 3 4. Adeguatezza dell alloggio: Adeguatezza dell alloggio Alloggio adeguato 0 Alloggio con spazi insufficienti 1 Alloggio inadeguato (fatiscente, malsano, improprio, etc.) 2 5. Età del richiedente: Età posseduta dal richiedente per l accesso al servizio 1 fascia dai 65 in su n 2,5 2 fascia dai 46 ai 64 anni n 2 3 fascia dai 36 ai 45 anni n 1,5 4 fascia dai 26 ai 35 anni n 1 5 fascia dai 18 ai 25 anni n 0,5 6. Anzianità di disoccupazione: Anni di disoccupazione 1 fascia dai 5 anni in su n 2 2 fascia dai 4 ai 5 anni n 1,5 3 fascia dai 2 ai 5 anni n 1 4 meno di 2 anni n 0,5 5

6 7. Varie: Proprietà di beni non di prima necessità: Autoveicoli immatricolati da meno di tre anni: Presenza di autoveicolo di valore superiore ad ,01 Presenza di autoveicolo di valore compreso tra ,01 e ,00 Presenza di autoveicolo di valore compreso tra ,01 e ,00 Presenza di autoveicolo di valore compreso tra ,01 e ,00-4 punti per autoveicolo -3,5 punti per autoveicolo -2,5 punti per autoveicolo - 2 punti per autoveicolo Telefonini cellulari, pc, TV lcd hd, climatizzatori, PAy TV ecc. acquistati da meno di tre anni: Valore d acquisto da.200,00 ad. 500,00-0,50 punti per oggetto Valore d acquisto da.500,01 ad ,00-1,00 punto per oggetto Valore d acquisto da.1.000,01 ad ,00-1,50 punti per oggetto Valore d acquisto da.1.500,01 in su - 3,00 punti per oggetto 8. A parità di condizioni e di punteggio si riserva la priorità alle famiglie nelle quali sono presenti anche persone con disabilità o anziani non autosufficienti. Qualora vi sia ancora parità di punteggio si prenderà in considerazione la data di presentazione della domanda. ***** ART. 2-2 LINEA D INTERVENTO Concessione di contributi per l abbattimento dei costi dei servizi essenziali Oggetto e tipologia di attività Questa linea d intervento prevede la concessione di contributi per importi e periodi stabiliti annualmente dalla RAS, quale aiuto per far fronte all abbattimento dei costi dei servizi essenziali, a favore di persone e nuclei familiari con reddito pari o inferiore alla soglia di povertà calcolata secondo il metodo dell Indice della Situazione Economica Equivalente (ISEE), purché tali costi non vengano già finanziati da altri Enti Pubblici che perseguono le medesime finalità (per esempio L.431/1998 fondo nazionale per il sostegno all accesso alle abitazioni in locazione). Tale intervento è rivolto prevalentemente a nuclei familiari con 4 o più figli di età sino ai 25 anni; 6

7 I servizi per i quali si può chiedere il contributo sono: Canone di locazione; Energia elettrica; Acqua potabile per uso domestico; Smaltimento rifiuti solidi urbani; Riscaldamento; Gas da cucina; Azioni di contrasto alle povertà Anno Servizi ed interventi educativi quali: nidi di infanzia, servizi primavera, servizi educativi in contesto domiciliare, babysitter per i quali non risulti che l interessato sia già stato ammesso a usufruire di altri contributi pubblici; Destinatari e requisiti Possono accedere all intervento in questione coloro che alla data di scadenza del bando posseggano i seguenti requisiti: 1. residenza e domicilio nel Comune di Nuraminis da almeno due anni; 2. età non inferiore ad anni 18; 3. condizione di grave deprivazione economica. Modalità e Termini di presentazione della domanda Tutti coloro che possiedono i requisiti sopra riportati e che intendono accedere a tale Intervento dovranno presentare domanda su apposito modulo, reperibile sul sito internet comunale o presso l Ufficio Servizi Sociali, entro e non oltre il termine indicato nel relativo bando; La domanda dovrà essere corredata dalla seguente documentazione: a) Copia del documento d identità del richiedente; b) Certificazione I.S.E.E. anno in corso, riferita ai redditi percepiti nell anno precedente, rilasciata da un soggetto autorizzato di cui al DLgs 109/98; c) Dichiarazione sostitutiva di certificazione espressa ai sensi del D.P.R. 28 Dicembre 2000 n 445 attestante i costi sostenuti per le spese ammesse al contributo e le relative pezze giustificative come ricevute, fatture, bollette ecc.; 7

8 Criteri per l assegnazione dei punteggi e formazione della graduatoria L Amministrazione Comunale erogherà le risorse disponibili per questa linea in relazione alla graduatoria elaborata sulla base dei punteggi ottenuti da ciascun richiedente secondo i criteri di seguito riportati: 1. Composizione del nucleo familiare : 1 Nuclei familiari con 4 o più minori a carico (1 punto per ogni minore oltre il 4 ) 7 2 Nuclei monogenitoriali con figli minori a carico (1 punto per ogni minore oltre il 1 ) 6 3 Nuclei familiari con 6 o più componenti (1 punto per ogni componente oltre il 6 ) 5 4 Nuclei familiari con 1 minore a carico (da 1 a 3 figli, 1 punto per ogni minore oltre il 1 ) 4 5 Persone che vivono sole 4 1 punto per 6 Presenza di invalidi riconosciuti dal 45% al 74% ogni invalido 2 punti per 7 Presenza di invalidi riconosciuti dal 75% al 100% ogni invalido N. B. Per la definizione di nucleo monogenitoriale si fa riferimento alla Circolare n 8/03 emanata dalla Direzione Generale dell INPS, nella quale si considera la situazione di genitore solo come quella che ricorre nei seguenti casi: a) morte dell altro genitore; b) abbandono del figlio; c) affidamento esclusivo del figlio ad un solo genitore; d) non riconoscimento del figlio da parte dell altro genitore; Pertanto, nei casi diversi da quelli sopra elencati, per esempio nel caso di affidamento condiviso, il nucleo familiare dovrà essere integrato con l altro genitore, salvo che lo stesso abbia costituito un nuovo nucleo genitoriale. Inoltre sarà considerato anche l assegno di mantenimento per i figli per la determinazione del reddito del nucleo familiare del richiedente; 2. Reddito:Tabella Istat soglie di povertà indicate dalla Delibera G. R. 14/21 del 06/04/2010. Ampiezza della famiglia coefficienti Soglia di povertà Soglia povertà Soglia di Povertà mensile definita annuale (soglia ISEE dall ISTAT mensile x 12) 1 componente 0, , , ,00 2 componenti 1, , , ,00 3 componenti 1, , , ,00 4 componenti 1, , , ,00 5 componenti 1, , , ,00 6 componenti 2, , , ,00 7 o più componenti. 2, , , ,00 *N.B. Tale tabella di reddito viene aggiornata annualmente dall Istat. 8

9 3. Capacità effettiva di spesa del richiedente: Azioni di contrasto alle povertà Anno a) Canone di locazione: (prendendo quale base il contributo massimo erogabile secondo la legge 431/98) Costo canone di locazione % del costo Punteggio attribuito. 258,16 mensile (rif.l.n 431/98) 21,51%.1.200:100=258.16:X 2 b) Energia Elettrica: verrà attribuito un punteggio secondo la seguente tabella: Numerosità della famiglia Consumo medio effettivo (Terna: consumi medi di energia elettrica in Italia per Regione) Punteggio attribuito 1 componenti. 40,00 a bimestre 4 2 componenti. 75,00 a bimestre 5 3 componenti. 113,00 a bimestre 6 4 componenti. 150,00 a bimestre 7 5 componenti. 188,00 a bimestre 8 6 componenti. 225,00 a bimestre 9 7 o più componenti. 262,00 a bimestre 10 c) Acqua potabile per uso domestico verrà attribuito un punteggio secondo la seguente tabella: Numerosità della famiglia Spesa annuale per servizio idrico (Istat: consumo medio Punteggio attribuito pro-capite MC 68, in Italia per Regione) a tariffa uso domestico residente. 1 componenti. 52,97 annui 4 2 componenti. 128,92 annui 5 3 componenti. 235,18 annui 6 4 componenti. 385,30 annui 7 5 componenti. 563,52 annui 8 6 componenti. 735,32 annui 9 7 o più componenti. 919,99 annui 10 d) Gas da cucina: Numerosità della famiglia Costo per gas cucina (. 32,00/ a bombola x 12 mesi) Punteggio attribuito 1 componenti 1. 32,00 ( n 2 bombole) 2 componenti 3 componenti 2. 64,00 ( n 4 bombole) 4 componenti 5 componenti. 96,00 (n 6 bombole ) 3 6 componenti 7 o più componenti. 128,00 (n 8 bombole) 4 9

10 e) Smaltimento rifiuti solidi urbani: Mq abitazione di residenza Costo annuo Punteggio attribuito Mq ,00 1 Mq ,55 2 Mq ,00 3 Mq ,85 4 Mq ,50 5 Mq ,80 6 Mq ,75 7 f) Servizi educativi: a chi utilizza un servizio di babysitter verrà assegnato un punteggio pari a A parità di condizioni e di punteggio si riserva la priorità alle famiglie con 4 o più figli a carico e nei quali sono presenti anche persone con disabilità o anziani non autosufficienti. Qualora vi sia ancora parità di punteggio si prenderà in considerazione la data di presentazione della domanda. ***** ART. 3-3 LINEA D INTERVENTO: Concessione sussidi per lo svolgimento del servizio civico comunale Oggetto e tipologia di attività Questa linea di intervento prevede, in alternativa alla concessione dei sussidi economici (di cui alla linea di intervento 1), l agevolazione all inserimento lavorativo, attraverso assunzione a tempo determinato in cooperative di tipo B o assunzione diretta da parte del Comune. E rivolta prioritariamente a coloro che, abili al lavoro, siano privi di occupazione o che abbiano perso il lavoro e siano privi di coperture assicurative. Possono rientrare anche coloro che appartengano a categorie svantaggiate ex detenuti o ex tossicodipendenti purché non diversamente assistiti. Destinatari e requisiti Possono accedere a questa linea le persone (una per ogni nucleo familiare) che alla data di scadenza del bando posseggano i seguenti requisiti: 1. residenza e domicilio nel Comune di Nuraminis da almeno due anni; 10

11 2. età non inferiore ad anni 18; Azioni di contrasto alle povertà Anno abilità al lavoro con riferimento alle mansioni attribuite/attribuibili; 4. condizione di disoccupazione al momento della presentazione della domanda; 5. assenza di coperture assicurative o di qualsiasi forma di tutela da parte di altri enti pubblici; 6. condizione di grave deprivazione economica; 7. indicatore della Situazione Economica Equivalente (ISEE d.lgs. 31 Marzo 1998 n 109) non superiore al limite massimo fissato dalla RAS annualmente e riferito all ultima annualità di riferimento al momento della presentazione della domanda, comprensivo dei redditi esenti IRPEF(quelli non contemplati nel.lgs. 31 Marzo 1998 n 109) ; Si precisa che : o nel caso in cui tra l ultima dichiarazione dei redditi ed il momento di presentazione della domanda siano intervenute variazioni significative nella composizione del nucleo familiare oppure nella situazione reddituale o patrimoniale, l interessato dovrà presentare idonea documentazione sostitutiva di certificazione delle suddette variazioni; o una dichiarazione o il sussidio economico di cui alla presente linea non è cumulabile con il sussidio di cui alla Linea d Intervento n 1. Modalità e Termini di presentazione della domanda Tutti coloro che possiedono i requisiti sopra riportati e che intendono accedere a tale Intervento dovranno presentare domanda su apposito modulo, reperibile sul sito internet comunale o presso l Ufficio Servizi Sociali, entro e non oltre il termine indicato nel relativo bando; La domanda dovrà essere corredata dalla seguente documentazione: a) Copia del documento d identità del richiedente; b) Certificazione I.S.E.E. anno in corso, riferita ai redditi percepiti nell anno precedente, rilasciata da un soggetto autorizzato di cui al DLgs 109/98; c) Dichiarazione sostitutiva di certificazione espressa ai sensi del D.P.R. 28 Dicembre 2000 n 445 attestante, ove si percepissero, i redditi esenti IRPEF intesi quali: assegni di maternità e assegni per il nucleo familiare con almeno tre figli minori L.448/98; indennità di accompagnamento; contributi integrativi al pagamento dei canoni di locazione; contributi di integrazione al reddito (L.R. 20/97 ecc.) contributi per povertà estreme per la passata annualità; premi in agricoltura e compensazioni al reddito; borse di studio; Pensione di guerra ecc.; Rendite Inail; 11

12 Tutti quei redditi non contemplati nel DLgs 109/98; Criteri per l assegnazione dei punteggi e formazione della graduatoria. 1. Composizione del nucleo familiare : Composizione nucleo familiare richiedente Persone Sole 2 Nuclei familiari 3 Nucleo monogenitoriale * 4 Minori a carico 1 punto per ogni minore Presenza di invalidi riconosciuti dal 45% al 74% 1 punto per ogni invalido Presenza di invalidi riconosciuti dal 75% al 100% 2 punti per ogni invalido *N. B. - Per la definizione di nucleo monogenitoriale si fa riferimento alla Circolare n 8/03 emanata dalla Direzione Generale dell INPS, nella quale si considera la situazione di genitore solo come quella che ricorre nei seguenti casi: a) morte dell altro genitore; b) abbandono del figlio; c) affidamento esclusivo del figlio ad un solo genitore; d) non riconoscimento del figlio da parte dell altro genitore; Pertanto, nei casi diversi da quelli sopra elencati, per esempio nel caso di affidamento condiviso, il nucleo familiare dovrà essere integrato con l altro genitore, salvo che lo stesso abbia costituito un nuovo nucleo genitoriale. Inoltre sarà considerato anche l assegno di mantenimento per i figli per la determinazione del reddito del nucleo familiare del richiedente; 2. Reddito: Il limite reddituale ISEE per poter accedere alla Linea 3 (inserimento lavorativo) sarà quello fissato annualmente dalla RAS. La Giunta Municipale annualmente, con apposito atto deliberativo recepirà le direttive regionali e fisserà i punteggi da attribuire alle relative fasce di reddito nonché gli importi dei contributi da erogare sempre in base al punteggio e alle risorse economiche annualmente disponibili. 3. Condizione Abitativa: Abitazione di proprietà, usufrutto, comodato gratuito 0 Condizione abitativa Locazione con agevolazioni 1 Abitazione di proprietà con mutuo 2 Locazione 3 4. Adeguatezza dell alloggio: 12

13 Adeguatezza dell alloggio Alloggio adeguato 0 Alloggio con spazi insufficienti 1 Alloggio inadeguato (fatiscente, malsano, improprio, etc.) 2 5. Età del richiedente: Età posseduta dal richiedente per l accesso al servizio 1 fascia dai 65 in su n 2,5 2 fascia dai 46 ai 64 anni n 2 3 fascia dai 36 ai 45 anni n 1,5 4 fascia dai 26 ai 35 anni n 1 5 fascia dai 18 ai 25 anni n 0,5 6. Anzianità di disoccupazione: Anni di disoccupazione 1 fascia d ai 5 anni in su n 2 2 fascia d ai 4 ai 5 anni n 1,5 3 fascia d ai 2 ai 5 anni n 1 4 meno di 2 anni n 0,5 7. Varie: Proprietà di beni non di prima necessità: Autoveicoli immatricolati da meno di tre anni: Presenza di autoveicolo di valore superiore ad ,01 Presenza di autoveicolo di valore compreso tra ,01 e ,00 Presenza di autoveicolo di valore compreso tra ,01 e ,00 Presenza di autoveicolo di valore compreso tra ,01 e ,00 Telefonini cellulari, pc, TV lcd hd, climatizzatori, PAy TV ecc acquistati da meno di tre anni: Valore d acquisto da.200,00 ad. 500,00 Valore d acquisto da.500,01 ad ,00 Valore d acquisto da.1.000,01 ad ,00 Valore d acquisto da.1.500,01 in su Rifiuto senza giustificato motivo di inserimento nel programma Povertà Estreme nelle precedenti annualità. Rifiuto senza giustificato motivo di inserimento lavorativo e/o cantiere comunale e/o occupazionale occasionale, precedente al programma Povertà Estreme nelle precedenti annualità. Valutazione negativa dei precedenti inserimenti in Progetti del servizio Sociale - 4 punti per autoveicolo -3,5 punti per autoveicolo -2,5 punti per autoveicolo - 2 punti per autoveicolo - 0,50 punti per oggetto - 1,00 punto per oggetto - 1,50 punti per oggetto - 3,00 punti per oggetto - 2 punti - 2 punti - 2 punti 8. A parità di condizioni e di punteggio si riserva la priorità alle famiglie nei quali sono presenti anche persone con disabilità o anziani non autosufficienti. Qualora vi sia ancora parità di punteggio si prenderà in considerazione la data di presentazione della domanda. Tipologia delle attività da svolgere 13

14 I cittadini ammessi al Servizio Civico Comunale, sono chiamati a svolgere le seguenti attività: servizio di custodia, vigilanza e manutenzione, pulizia, apertura e chiusura di strutture pubbliche (palestre, mostre, biblioteche, servizi per l infanzia e per i giovani, scuole ecc.). manutenzione del verde pubblico, sia esso esistente all interno di strutture pubbliche sia all esterno. accompagnamento scuolabus. assistenza a persone disabili o anziani, sia all interno dei domicili privati sia all interno della struttura residenziale comunale. pulizia edifici comunali. pulizia del paese. supporto mensa scolastica. centralinista telefonico o usciere presso il Comune. accompagnamento di disabili o anziani: ospiti presso la Struttura Residenziale Comunale; che vivono nei propri domicili che debbono recarsi presso uffici pubblici per il disbrigo di pratiche amministrative o presso policlinici per visite mediche - riabilitative, nelle quali non sia richiesto un esperto (assistente domiciliare o infermiere) anziani autosufficienti che necessitano solo di un relativo sostegno nel viaggio per recarsi presso detti uffici. divulgazione pubblicitaria dei servizi attivati dall Ente e manutenzione delle bacheche pubbliche. l Amministrazione Comunale può individuare, nell interesse della cittadinanza, altri settori di intervento in base alle esigenze che potranno verificarsi nel corso dell espletamento dei servizi. Natura del rapporto, tipologia assunzione e compenso. La collaborazione dell utente nello svolgimento di attività di competenza del Comune è volontaria,, viene ribadito dalla Legge Regionale n 20/2005 Norme in materia di promozione dell occupazione sicurezza e qualità del lavoro. Disciplina dei servizi e delle politiche per il lavoro, ed in specifico all art. 35 viene asserito che i cittadini, destinatari di interventi di sostegno economico, ai sensi dell articolo 32 ex Legge Regionale n 4/88 erogato dalla Pubbliche Amministrazioni, potranno essere inseriti nell espletamento di attività (di pertinenza dell Amministrazione), prestata volontariamente e non costituisce rapporto di lavoro. tutti gli incarichi che il Comune affiderà ai soggetti richiedenti non serviranno a coprire carenze d organico, in quanto trattasi di attività rese esclusivamente a favore della collettività al fine di favorire l integrazione delle persone impiegandole nel tessuto sociale di appartenenza e per sostenere in prevalenza soggetti esclusi (per età ecc) dal mercato del lavoro o che lo hanno perso. la durata temporale delle assunzioni è fissata annualmente dalla G.M. in conseguenza agli stanziamenti regionali o Comunali (qualora l Amministrazione integri con fondi propri l azione d intervento regionale). 14

15 ai sensi della delibera Regionale n 14/21 del 06/04/2010, che lascia al Comune di competenza la tipologia di o assunzione per lo svolgimento del Servizio Civico Comunale dei cittadini ammessi potrà avvenire tramite le seguenti opzioni: cooperativa di tipo B che li dovrà assumere per il periodo e secondo il progetto che verrà stilato dal servizio sociale a cui la cooperativa dovrà attenersi. Assunzione da parte del Comune tramite contratto Co. Co. PRO.. Il compenso onnicomprensivo da liquidarsi soggetti inseriti nel Servizio Civico Comunale, verrà calcolato in base ai servizi ed alle ore effettivamente svolte con un corrispettivo orario max di stabilito annualmente in base alla normativa vigente in materia di lavoro ed agli indirizzi della Ras.. 8,00 oppure verrà A favore degli utenti inseriti nel Servizio Civico Comunale l Amministrazione nel caso di assunzione diretta con contratto CO. CO. PRO. provvederà a stipulare apposita polizza assicurativa (tramite assicurazione privata) per la responsabilità civile nei confronti dei terzi, contro gli infortuni che dovessero subire durante lo svolgimento dell attività, alla denuncia unificata e alla copertura INAIL. L orario massimo di servizio giornaliero e settimanale dovrà essere determinato n base all attività da svolgere e in conformità alla delibera reg. n 14/21 del 06/04/2010 dovrà essere limitato e flessibile adeguato alle esigenze, alle potenzialità, alla progettualità personale del cittadino ammesso. ***** PERDITA DEL DIRITTO. Il Servizio Sociale comunicherà agli aventi diritto, l ammissione al Servizio Civico e qualora i soggetti ammessi non si presentino entro tre giorni dall avvenuta comunicazione, saranno considerati rinunciatari a tutti gli effetti e perderanno il diritto al sussidio in questione. Saranno considerati rinunciatari coloro che si assenteranno senza giustificato motivo per più di 3 giorni lavorativi o che si allontaneranno dallo svolgimento dell attività senza effettuare tutte le ore previste (nel caso di servizio civico comunale). RINUNCIA. I cittadini inseriti nel Servizio Civico Comunale possono in qualsiasi momento recedere dall impegno delle attività in essere dandone comunicazione scritta, con preavviso di almeno sette giorni salvo gravi motivi non prevedibili. ************** 15

BANDO PUBBLICO PER LA PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE DI AMMISSIONE AL PROGRAMMA PER LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI DI CONTRASTO ALLE POVERTA ESTREME

BANDO PUBBLICO PER LA PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE DI AMMISSIONE AL PROGRAMMA PER LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI DI CONTRASTO ALLE POVERTA ESTREME Prot. n. 946 Del /3/4 BANDO PUBBLICO PER LA PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE DI AMMISSIONE AL PROGRAMMA PER LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI DI CONTRASTO ALLE POVERTA ESTREME ANNUALITA 3 Il Responsabile del Servizio

Dettagli

COMUNE DI DOMUS DE MARIA (Provincia di Cagliari) REGOLAMENTO COMUNALE

COMUNE DI DOMUS DE MARIA (Provincia di Cagliari) REGOLAMENTO COMUNALE COMUNE DI DOMUS DE MARIA (Provincia di Cagliari) REGOLAMENTO COMUNALE SERVIZIO CIVICO COMUNALE LINEE D INTERVENTO 1 2 3 PROGRAMMA REGIONALE DI AZIONI DI CONTRASTO ALLA POVERTA ***************************

Dettagli

AZIONI DI CONTRASTO ALLA POVERTA ANNO 2011

AZIONI DI CONTRASTO ALLA POVERTA ANNO 2011 ALLEGATO N. 2 ALLA DELIBERAZIONE N. DEL AZIONI DI CONTRASTO ALLA POVERTA ANNO 2011 PREMESSA Con il presente programma, parte essenziale del più complessivo programma di interventi a favore delle politiche

Dettagli

AZIONI DI CONTRASTO ALLA POVERTA ANNO 2012

AZIONI DI CONTRASTO ALLA POVERTA ANNO 2012 Allegato n. 2 alla Delib.G.R. n. 19/4 del 8.5.2012 AZIONI DI CONTRASTO ALLA POVERTA ANNO 2012 PREMESSA Con il presente programma, parte essenziale del più complessivo programma di interventi a favore delle

Dettagli

COMUNE DI SENEGHE PROVINCIA DI ORISTANO. AREA SERVIZI ALLA PERSONA Servizio sociale

COMUNE DI SENEGHE PROVINCIA DI ORISTANO. AREA SERVIZI ALLA PERSONA Servizio sociale COMUNE DI SENEGHE PROVINCIA DI ORISTANO AREA SERVIZI ALLA PERSONA Servizio sociale REGOLAMENTO COMUNALE PER LA REALIZZAZIONE DEGLI INTERVENTI DI CONTRASTO DELLE POVERTA ESTREME Linee di intervento --3.

Dettagli

COMUNE DI PULA Provincia di Cagliari

COMUNE DI PULA Provincia di Cagliari COMUNE DI PULA Provincia di Cagliari BANDO DI SELEZIONE CRITERI PER LA PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE DI AMMISSIONE AL PROGRAMMA PER LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI DI CONTRASTO DELLE POVERTA ANNUALITA 2013.

Dettagli

COMUNE DI CAPOTERRA AVVISO PUBBLICO

COMUNE DI CAPOTERRA AVVISO PUBBLICO COMUNE DI CAPOTERRA Provincia di Cagliari 6 Settore Servizi Sociali AVVISO PUBBLICO approvato con Determinazione del Responsabile del Settore n 467 del 06/06/2013 PER LA PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE DI

Dettagli

Gli interventi di contrasto delle povertà in Sardegna

Gli interventi di contrasto delle povertà in Sardegna Gli interventi di contrasto delle povertà in Sardegna Premessa La Regione Sardegna approva il 1 programma di contrasto delle povertà, in forma sperimentale, nell anno 2007 prevedendo 2 linee d intervento

Dettagli

COMUNE DI BUDONI Provincia di Olbia Tempio

COMUNE DI BUDONI Provincia di Olbia Tempio PROT. 1542 BANDO PER L ATTIVAZIONE Provincia di Olbia DEL Tempio PROGRAMMA AZIONI DI CONTRASTO ALLA POVERTA - ANNO 2014. LA RESPONSABILE DEL SETTORE CULTURA, PUBBLICA ISTRUZIONE, SPORT, SPETTACOLO, POLITICHE

Dettagli

COMUNE DI SARROCH Provincia di Cagliari

COMUNE DI SARROCH Provincia di Cagliari COMUNE DI SARROCH Provincia di Cagliari IL RESPONSABILE DEL SETTORE SERVIZI SOCIALI In attuazione delle disposizioni della deliberazione della Giunta Comunale n. 49 del 06 agosto 2014, con la quale sono

Dettagli

AZIONI DI CONTRASTO ALLA POVERTA PROGRAMMA 2012 - ANNUALITA 2013

AZIONI DI CONTRASTO ALLA POVERTA PROGRAMMA 2012 - ANNUALITA 2013 AVVISO PUBBLICO AZIONI DI CONTRASTO ALLA POVERTA PROGRAMMA 2012 - ANNUALITA 2013 IL RESPONSABILE DEL in attuazione della deliberazione della Giunta Regionale n.19/04 dell 08/05/2012 e delle linee guida

Dettagli

BANDO LINEA D INTERVENTO 3)

BANDO LINEA D INTERVENTO 3) COMUNI DI VALLEDORIA E VIDDALBA Comune di Valledoria C.so Europa 07039 (SS) Tel. 079 582565 Provincia di Sassari Servizio Associato Socio - Culturale Comune di Viddalba Via G.M. Angioy, 5 07030 (SS) Tel.

Dettagli

REGOLAMENTO SERVIZIO CIVICO ART. 1 SCOPO DEL SERVIZIO ART. 2 DESTINATARI DEL SERVIZIO

REGOLAMENTO SERVIZIO CIVICO ART. 1 SCOPO DEL SERVIZIO ART. 2 DESTINATARI DEL SERVIZIO REGOLAMENTO SERVIZIO CIVICO ART. 1 SCOPO DEL SERVIZIO Il Servizio Civico disciplinato dal presente Regolamento ha come scopo il reinserimento sociale, mediante assegnazione di un impegno lavorativo ai

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI E PRESTAZIONI IN CAMPO SOCIALE

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI E PRESTAZIONI IN CAMPO SOCIALE COMUNE DI PATU Provincia di Lecce - Regolamento Comunale REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI E PRESTAZIONI IN CAMPO SOCIALE Approvato con Deliberazione del Consiglio Comunale n. 2 del 12/03/2014

Dettagli

LINEA D INTERVENTO 1 SOSTEGNO ECONOMICO E PROGETTI PERSONALIZZATI DI AIUTO

LINEA D INTERVENTO 1 SOSTEGNO ECONOMICO E PROGETTI PERSONALIZZATI DI AIUTO COMUNE DI ZEDDIANI Provincia di Oristano Via Roma, 103 - CAP 09070 AVVISO PUBBLICO LINEA D INTERVENTO 1 SOSTEGNO ECONOMICO E PROGETTI PERSONALIZZATI DI AIUTO IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO VISTE: la deliberazione

Dettagli

Comune di Sinnai Provincia di Cagliari

Comune di Sinnai Provincia di Cagliari Comune di Sinnai Provincia di Cagliari Scheda di Auto - Valutazione del Bisogno Assistenziale in relazione alle Azioni di Contrasto alle povertà Anno 2012 (DELIBERA G.R. N 19/4 DEL 08.05.2012) DA COMPILARE

Dettagli

AVVISO PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ECONOMICI ORDINARI ANNO 2015

AVVISO PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ECONOMICI ORDINARI ANNO 2015 All. A AVVISO PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ECONOMICI ORDINARI ANNO 2015 IL RESPONSABILE AREA SERVIZI ALLA PERSONA In attuazione della deliberazione di Giunta Comunale n. 6 del 15/07/2015 e della determinazione

Dettagli

ARTICOLO 1 OGGETTI E RIFERIMENTI ARTICOLO 2 DESTINATARI ARTICOLO 3 AMBITO DI APPLICAZIONE

ARTICOLO 1 OGGETTI E RIFERIMENTI ARTICOLO 2 DESTINATARI ARTICOLO 3 AMBITO DI APPLICAZIONE I.S.E.E. Comune di Caselette ARTICOLO 1 OGGETTI E RIFERIMENTI Il presente regolamento è finalizzato all individuazione delle condizioni economiche richieste per l accesso alle prestazioni comunali agevolate,

Dettagli

COMUNE DI MONZAMBANO Provincia di Mantova

COMUNE DI MONZAMBANO Provincia di Mantova COMUNE DI MONZAMBANO Provincia di Mantova Piazza Vittorio Emanuele 46040 Monzambano tel. 0376800502 fax 0376809348 REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ECONOMICI AI FINI SOCIO-ASSISTENZIALI

Dettagli

COMUNE DI PORRETTA TERME (Provincia di Bologna)

COMUNE DI PORRETTA TERME (Provincia di Bologna) 1 COMUNE DI PORRETTA TERME (Provincia di Bologna) REGOLAMENTO CONCERNENTE I CRITERI DI ACCESSO AGLI INTERVENTI ASSISTENZIALI DI NATURA ECONOMICA A FAVORE DI PERSONE IN SITUAZIONE DI INDIGENZA Approvato

Dettagli

COMUNE DI ITTIRI (PROVINCIA DI SASSARI)

COMUNE DI ITTIRI (PROVINCIA DI SASSARI) ORIGINALE COMUNE DI ITTIRI (PROVINCIA DI SASSARI) SETTORE SOCIO-ASSISTENZIALE CULTURALE E SCOLASTICO DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DEL SETTORE REG. N. 41 DEL 01/02/2013 OGGETTO: AZIONI DI CONTRASTO ALLA

Dettagli

REGOLAMENTO PER L'ACCESSO DEI CITTADINI AL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI E ALLE PERSONE IN SITUAZIONE DI HANDICAP E ALLE LORO

REGOLAMENTO PER L'ACCESSO DEI CITTADINI AL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI E ALLE PERSONE IN SITUAZIONE DI HANDICAP E ALLE LORO REGOLAMENTO PER L'ACCESSO DEI CITTADINI AL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI E ALLE PERSONE IN SITUAZIONE DI HANDICAP E ALLE LORO FAMIGLIE - APPROVATO CON ATTO DI CONSIGLIO COMUNALE N. 42

Dettagli

COMUNE DI SOVIZZO Provincia di Vicenza Via Cavalieri di Vittorio Veneto, 21

COMUNE DI SOVIZZO Provincia di Vicenza Via Cavalieri di Vittorio Veneto, 21 COMUNE DI SOVIZZO Provincia di Vicenza Via Cavalieri di Vittorio Veneto, 21 Sistema di qualità certificato UNI EN ISO 9001:2008 Certificato n. 9159.SOVZ SCS 7.5.50 Rev 05 del 19/12/2012 INTERVENTI ECONOMICI

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE ANCHE INTEGRATA

REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE ANCHE INTEGRATA REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE ANCHE INTEGRATA ART. 1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO Il presente Regolamento disciplina gli interventi relativi al Servizio di Assistenza

Dettagli

REGOLAMENTO CONCERNENTE I CRITERI DI ACCESSO AGLI INTERVENTI ASSISTENZIALI DI NATURA ECONOMICA PER LE MISURE DI CONTRASTO ALLA POVERTA

REGOLAMENTO CONCERNENTE I CRITERI DI ACCESSO AGLI INTERVENTI ASSISTENZIALI DI NATURA ECONOMICA PER LE MISURE DI CONTRASTO ALLA POVERTA REGOLAMENTO CONCERNENTE I CRITERI DI ACCESSO AGLI INTERVENTI ASSISTENZIALI DI NATURA ECONOMICA PER LE MISURE DI CONTRASTO ALLA POVERTA Art. 1 Campo di intervento. Principi generali Il presente regolamento

Dettagli

Settore Socio-Educativo. Assistenza domiciliare. Fattori della qualità. Competenza Professionalità degli operatori. Indicatori di qualità

Settore Socio-Educativo. Assistenza domiciliare. Fattori della qualità. Competenza Professionalità degli operatori. Indicatori di qualità Settore Socio-Educativo Fattori della qualità Indicatori di qualità Competenza Professionalità degli operatori Grado di soddisfazione degli utenti: 70% di soddisfazione del campione esaminato. Monitoraggio

Dettagli

UTILIZZO DELL INDICATORE ISEE NELLE POLITICHE REGIONALI (dati al 2006 attualmente in fase di aggiornamento)

UTILIZZO DELL INDICATORE ISEE NELLE POLITICHE REGIONALI (dati al 2006 attualmente in fase di aggiornamento) UTILIZZO DELL INDICATORE ISEE NELLE POLITICHE REGIONALI (dati al 2006 attualmente in fase di aggiornamento) Indice OBIETTIVI E LAVORO SVOLTO... 3 L INDICATORE DELLA SITUAZIONE ECONOMICA EQUIVALENTE...

Dettagli

COMUNE DI FARA GERA D ADDA PROV. DI BERGAMO

COMUNE DI FARA GERA D ADDA PROV. DI BERGAMO COMUNE DI FARA GERA D ADDA PROV. DI BERGAMO REGOLAMENTO COMUNALE PER L INDIVIDUAZIONE DELLA SITUAZIONE ECONOMICA PER L ACCESSO ALLE PRESTAZIONI AGEVOLATE - Approvato con deliberazione consiliare n. 8 del

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI STRAORDINARI A NUCLEI FAMILIARI IN DIFFICOLTÀ ECONOMICHE CONSEGUENTI A PROBLEMATICHE LAVORATIVE

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI STRAORDINARI A NUCLEI FAMILIARI IN DIFFICOLTÀ ECONOMICHE CONSEGUENTI A PROBLEMATICHE LAVORATIVE REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI STRAORDINARI A NUCLEI FAMILIARI IN DIFFICOLTÀ ECONOMICHE CONSEGUENTI A PROBLEMATICHE LAVORATIVE Approvato con delibera di Consiglio Comunale n. 39

Dettagli

Città di Minerbio Provincia di Bologna REGOLAMENTO

Città di Minerbio Provincia di Bologna REGOLAMENTO Città di Minerbio Provincia di Bologna REGOLAMENTO DI AMBITO DISTRETTUALE PER L ACCESSO E LA COMPARTECIPAZIONE AL COSTO DELLE PRESTAZIONI SOCIALI E SOCIO SANITARIE AGEVOLATE IN APPLICAZIONE DEL DPCM 5

Dettagli

COMUNE DI NAVE Provincia di Brescia

COMUNE DI NAVE Provincia di Brescia COMUNE DI NAVE Provincia di Brescia REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DEI CRITERI UNIFICATI DI VALUTAZIONE DELLA SITUAZIONE ECONOMICA DEI CITTADINI CHE RICHIEDONO SERVIZI COMUNALI A COSTO AGEVOLATO, AI SENSI

Dettagli

I contributi economici a sostegno del reddito

I contributi economici a sostegno del reddito Corso di formazione ed aggiornamento sulla gestione dei servizi sociali con riferimento alle prestazioni agevolate I contributi economici a sostegno del reddito Rimini, 24 gennaio 2012 Le misure della

Dettagli

DOMANDA DI ASSEGNAZIONE ALLOGGIO. l sottoscritt nat a il residente a Prov. Via n.

DOMANDA DI ASSEGNAZIONE ALLOGGIO. l sottoscritt nat a il residente a Prov. Via n. Marca da da bollo bollo 14,62 DOMANDA DI ASSEGNAZIONE ALLOGGIO l sottoscritt nat a il residente a Prov. Via n. CHIEDE l assegnazione di un alloggio di Edilizia Residenziale Pubblica adeguato al proprio

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE COMUNE DI ZOGNO REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE 1 TITOLO I NORME GENERALI DEL SERVIZIO Art. 1 Campo di intervento Il Comune di Zogno, nell ambito del Servizio Assistenza, eroga le prestazioni

Dettagli

COMUNE DI GENZANO DI ROMA (Provincia di Roma) Via Italo Belardi, 81-00045 Tel. 06/ 93711 Fax. 06/ 9364816 www.comune.genzanodiroma.roma.

COMUNE DI GENZANO DI ROMA (Provincia di Roma) Via Italo Belardi, 81-00045 Tel. 06/ 93711 Fax. 06/ 9364816 www.comune.genzanodiroma.roma. COMUNE DI GENZANO DI ROMA (Provincia di Roma) Via Italo Belardi, 81-00045 Tel. 06/ 93711 Fax. 06/ 9364816 www.comune.genzanodiroma.roma.it REGOLAMENTO COMUNALE SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI,

Dettagli

DOMANDA DI ASSEGNAZIONE ALLOGGIO E.R.P. (Legge Regionale 8 agosto 2001, n.24)

DOMANDA DI ASSEGNAZIONE ALLOGGIO E.R.P. (Legge Regionale 8 agosto 2001, n.24) C.S.C.S. 85/2001 TRIS AGG. 04/11/2002 Codice ISTAT: 35040 RISERVATO ALL UFFICIO Prot n... Data.. Nucleo familiare n COMUNE DI SCANDIANO PROVINCIA DI REGGIO EMILIA Marca da bollo 14,62 DOMANDA DI ASSEGNAZIONE

Dettagli

All Ufficio di Piano Ambito Territoriale Sociale di Nardò. tramite il Segretariato Sociale- PUA del Comune di

All Ufficio di Piano Ambito Territoriale Sociale di Nardò. tramite il Segretariato Sociale- PUA del Comune di DOMANDA PER L AMMISSIONE AL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE E/O AL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE INTEGRATA IN FAVORE DI PERSONA ANZIANA NON AUTOSUFFICIENTE E PERSONE CON DISABILITA E LORO FAMIGLIE

Dettagli

COMUNE DI SONCINO REGOLAMENTO COMUNALE

COMUNE DI SONCINO REGOLAMENTO COMUNALE COMUNE DI SONCINO REGOLAMENTO COMUNALE DEFINIZIONE DEI CRITERI DI VALUTAZIONE DELLA SITUAZIONE ECONOMICA DEI SOGGETTI CHE RICHIEDONO PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE 1 ART. 1 - OGGETTO Il presente regolamento,

Dettagli

REGOLAMENTO RELATIVO ALLA PROMOZIONE E SOSTEGNO DEL SERVIZIO NIDO FA MILIARE SERVIZIO TAGESM ÜTTER

REGOLAMENTO RELATIVO ALLA PROMOZIONE E SOSTEGNO DEL SERVIZIO NIDO FA MILIARE SERVIZIO TAGESM ÜTTER COMUNE DI CARANO PROVINCIA DI TRENTO REGOLAMENTO RELATIVO ALLA PROMOZIONE E SOSTEGNO DEL SERVIZIO NIDO FA MILIARE SERVIZIO TAGESM ÜTTER Approvato con deliberazione C.C. nr. 28 dd. 29.11.2007. In vigore

Dettagli

Capo I Principi generali e definizioni

Capo I Principi generali e definizioni Approvato con Delibera di C.C. n. 8 del 29/03/2011 REGOLAMENTO COMUNALE PER SOSTEGNI ALLE FAMIGLIE CON LA CONCESSIONE DI: - BONUS BEBE CORRELATI ALLE NASCITE ED ALLE ADOZIONI DI MINORI - BONUS LIBRI A

Dettagli

Azienda Pubblica della Regione Campania per il diritto allo Studio Universitario. isee - documentazione. cosa presentare?

Azienda Pubblica della Regione Campania per il diritto allo Studio Universitario. isee - documentazione. cosa presentare? Azienda Pubblica della Regione Campania per il diritto allo Studio Universitario isee - documentazione cosa presentare? Documentazione da produrre per il rilascio dell ISEE Nucleo Familiare Codice fiscale

Dettagli

COMUNE SAN FIOR Ufficio Politiche Sociali

COMUNE SAN FIOR Ufficio Politiche Sociali COMUNE SAN FIOR Ufficio Politiche Sociali BANDO PUBBLICO PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI FINALIZZATI AL SOSTEGNO DELLE SPESE ABITATIVE (AFFITTO/MUTUO) 1. FINALITA DELL INTERVENTO A fronte dell attuale congiuntura

Dettagli

CRITERI PER L EROGAZIONE DEI SERVIZI DI ASSISTENZA DOMICILIARE

CRITERI PER L EROGAZIONE DEI SERVIZI DI ASSISTENZA DOMICILIARE Comune di Chioggia Settore Servizi Sociali CRITERI PER L EROGAZIONE DEI SERVIZI DI ASSISTENZA DOMICILIARE allegato C alla deliberazione G.M. n. 163 del 13.04.2001 modificato con D.G. 141 del 28-03-2003

Dettagli

Per fruire dell Assegno di Incollocamento devono essere rispettati i seguenti requisiti:

Per fruire dell Assegno di Incollocamento devono essere rispettati i seguenti requisiti: 1 2 Il Comune di Boville Ernica eroga il servizio di assistenza specialistica in favore degli alunni con disabilità frequentanti le scuole primarie e secondarie di primo grado. Tale servizio si realizza

Dettagli

Oggetto: Domanda di intervento economico di natura socio-assistenziale

Oggetto: Domanda di intervento economico di natura socio-assistenziale CITTA DI MONTECCHIO MAGGIORE - Provincia di Vicenza - 36075 via Roma, 5 CF e P. IVA 00163690241 AL SIG. SINDACO del Comune di MONTECCHIO MAGGIORE Oggetto: Domanda di intervento economico di natura socio-assistenziale

Dettagli

COMUNE DI PACECO PROVINCIA REGIONALE DI TRAPANI REGOLAMENTO COMUNALE ASSISTENZA DOMICILIARE

COMUNE DI PACECO PROVINCIA REGIONALE DI TRAPANI REGOLAMENTO COMUNALE ASSISTENZA DOMICILIARE COMUNE DI PACECO PROVINCIA REGIONALE DI TRAPANI REGOLAMENTO COMUNALE ASSISTENZA DOMICILIARE Approvato con delibera n. 16 adottata dal Commissario Straordinario nella seduta del 13.09.2007 Articolo 1 -

Dettagli

COMUNE DI SANT ILARIO D ENZA (Provincia di Reggio Emilia)

COMUNE DI SANT ILARIO D ENZA (Provincia di Reggio Emilia) COMUNE DI SANT ILARIO D ENZA (Provincia di Reggio Emilia) REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL INDICATORE DELLA SITUAZIONE ECONOMICA EQUIVALENTE (I.S.E.E.) Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale

Dettagli

INTERVENTI VARI. Come si richiede? Presentendosi personalmente o inoltrando richiesta scritta indirizzata al Sindaco.

INTERVENTI VARI. Come si richiede? Presentendosi personalmente o inoltrando richiesta scritta indirizzata al Sindaco. INTERVENTI VARI SEGRETARIATO SOCIALE Che cos è? Il segretariato è un servizio che mette la professionalità degli assistenti sociali a disposizione dei cittadini, fornendo informazioni sulle risorse sociali

Dettagli

CITTA DI QUARRATA. Premessa

CITTA DI QUARRATA. Premessa Bando per l'erogazione di contributi a sostegno di progetti individuali per persone fisiche volti allo sviluppo di attività lavorativa Anno 2013 Premessa Il Comune di Quarrata assume la presente iniziativa

Dettagli

OGGETTO: Il nuovo Isee

OGGETTO: Il nuovo Isee Informativa per la clientela di studio del 04.12.2013 Ai gentili Clienti Loro sedi OGGETTO: Il nuovo Isee Gentile Cliente, con la stesura del presente documento informativo intendiamo metterla a conoscenza

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE DEGLI INTERVENTI ASSISTENZIALI RESIDENZIALI A FAVORE DI ANZIANI E DISABILI

REGOLAMENTO COMUNALE DEGLI INTERVENTI ASSISTENZIALI RESIDENZIALI A FAVORE DI ANZIANI E DISABILI REGOLAMENTO COMUNALE DEGLI INTERVENTI ASSISTENZIALI RESIDENZIALI A FAVORE DI ANZIANI E DISABILI Adottato con deliberazione del Consiglio comunale n. 25 del 9 giugno 2003, modificato con deliberazione del

Dettagli

COMUNE DI FABRO Provincia di Terni. Regolamento Comunale

COMUNE DI FABRO Provincia di Terni. Regolamento Comunale COMUNE DI FABRO Provincia di Terni Regolamento Comunale Allegato alla deliberazione di Consiglio Comunale n. 52 del 15.10.2003 P R E M E S S A Con il presente regolamento si intende dare attuazione alle

Dettagli

CITTA DI MERCATO S. SEVERINO Provincia di Salerno

CITTA DI MERCATO S. SEVERINO Provincia di Salerno CITTA DI MERCATO S. SEVERINO Provincia di Salerno REGOLAMENTO PER L ACCESSO E L EROGAZIONEDEGLI INTERVENTI ECONOMICI DI ASSISTENZA SOCIALE INDICE CAPO I PRINCIPI GENERALI Art. 1 - Oggetto Art. 2 - Finalità

Dettagli

La riforma dell ISEE. Il nuovo ISEE:

La riforma dell ISEE. Il nuovo ISEE: Cos è l ISEE? L ISEE è un indicatore che valuta la situazione economica delle famiglie ed è utilizzato come base per: fissare soglie oltre le quali non è ammesso l accesso alle prestazioni sociali e sociosanitarie

Dettagli

ALLEGATO ALLA DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE NR. 77 DEL 29/11/2007

ALLEGATO ALLA DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE NR. 77 DEL 29/11/2007 C O M U N E DI N O R M A Piazza I Maggio, 13 04010 Tel. 0773/352808 Fax 0773/354186 www.comunedinorma.it P.I. 00125240598 SETTORE 3: POLITICHE SOCIALI E CULTURALI REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA

Dettagli

Nuovo ISEE 2015 Introduzione. Il perché e i contenuti della riforma. Le definizioni.

Nuovo ISEE 2015 Introduzione. Il perché e i contenuti della riforma. Le definizioni. Nuovo ISEE 2015 Introduzione Il perché e i contenuti della riforma. Le definizioni. ISEE CONTENUTI DELLA RIFORMA La comunicazione prende in esame: La normativa Isee attualmente in vigore e definita da

Dettagli

Azienda Pubblica della Regione Campania per il diritto allo Studio Universitario. l isee. che cos è e come si calcola

Azienda Pubblica della Regione Campania per il diritto allo Studio Universitario. l isee. che cos è e come si calcola Azienda Pubblica della Regione Campania per il diritto allo Studio Universitario l isee che cos è e come si calcola Che cos è l ISEE e come si calcola L ISEE (Indicatore della Situazione Economica Equivalente)

Dettagli

Allegato 2. Appendice

Allegato 2. Appendice Allegato 2 Appendice Le informazioni riportate di seguito sono riferite alla normativa vigente in materia di ISEE (decreto legislativo n. 109/1998 e successive modifiche). 1. Documenti necessari per ISEE

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE (I.S.E.E.)

REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE (I.S.E.E.) Comune di Longare REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE (I.S.E.E.) Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 4 del 09.02.2007 IL SEGRETARIO COMUNALE Sardone

Dettagli

COMUNE di VERUCCHIO PROVINCIA DI RIMINI REGOLAMENTO PER L ASSEGNAZIONE DEGLI ALLOGGI SOCIALI NON E.R.P.

COMUNE di VERUCCHIO PROVINCIA DI RIMINI REGOLAMENTO PER L ASSEGNAZIONE DEGLI ALLOGGI SOCIALI NON E.R.P. REGOLAMENTO PER L ASSEGNAZIONE DEGLI ALLOGGI SOCIALI NON E.R.P. Approvato con delibera C.C. n. 73 del 04/11/2011 Esecutivo dal 01/01/2012 Pagina 1 di 7 REGOLAMENTO PER L ASSEGNAZIONE DEGLI ALLOGGI SOCIALI

Dettagli

COMUNE DI CORCIANO Provincia di Perugia

COMUNE DI CORCIANO Provincia di Perugia COMUNE DI CORCIANO Provincia di Perugia REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DETERMINAZIONE DEI CRITERI E DELLE SOGLIE MASSIME I.S.E.E. PER L ACCESSO AI SERVIZI SOCIALI GESTITI IN FORMA ASSOCIATA E AL SERVIZIO

Dettagli

Azienda Pubblica di Servizi alla Persona. "San Giuseppe" di Primiero

Azienda Pubblica di Servizi alla Persona. San Giuseppe di Primiero Azienda Pubblica di Servizi alla Persona "San Giuseppe" di Primiero REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEGLI ALLOGGI PROTETTI Allegato quale parte integrante e sostanziale alla deliberazione del Consiglio di

Dettagli

PROVINCIA DI LECCE AVVISO PUBBLICO

PROVINCIA DI LECCE AVVISO PUBBLICO PROVINCIA DI LECCE SERVIZIO POLITICHE SOCIALI E DI PARITA AVVISO PUBBLICO LA PROVINCIA DI LECCE INTENDE SOSTENERE FAMIGLIE IN SITUAZIONE DI DISAGIO ECONOMICO, ANCHE TEMPORANEO, ATTRAVERSO IL FINAZIAMENTO

Dettagli

Comune di Pegognaga (Provincia di Mantova)

Comune di Pegognaga (Provincia di Mantova) ORGANIZZAZIONE SERVIZIO NIDO D INFANZIA ambarabà L ammissione e l organizzazione del servizio Nido d Infanzia sono regolate dal Regolamento comunale, approvato con atto C.C. n 41 del 27/04/2004, successivamente

Dettagli

a) diurno: a domicilio della persona non autosufficiente;

a) diurno: a domicilio della persona non autosufficiente; Regolamento sui criteri di compartecipazione al costo della spesa per le cure domiciliari, dei soggetti ultrasessantacinquenni, la cui non autosufficienza psichica o fisica sia stata accertata dall asl

Dettagli

DISCIPLINARE SOGGIORNI-VACANZA PER PERSONE CON DISABILITÀ - Anno 2015

DISCIPLINARE SOGGIORNI-VACANZA PER PERSONE CON DISABILITÀ - Anno 2015 DISCIPLINARE SOGGIORNI-VACANZA PER PERSONE CON DISABILITÀ - Anno 2015 ARTICOLO 1 - FINALITÀ E TIPOLOGIA DELL INTERVENTO Nell ambito degli interventi e dei servizi rivolti alle persone con disabilità, il

Dettagli

Comune di Valtopina. (provincia di Perugia) REGOLAMENTO

Comune di Valtopina. (provincia di Perugia) REGOLAMENTO Comune di Valtopina (provincia di Perugia) REGOLAMENTO AMBITO TERRITORIALE N.8 ASL N.3 DISTRETTO N.3 Disciplinante il Servizio di Assistenza Domiciliare (S.A.D.) e di Assistenza Domiciliare Integrata (A.D.I.)

Dettagli

C.I.S.A.P. Consorzio Intercomunale dei Servizi alla Persona Comuni di Collegno e Grugliasco

C.I.S.A.P. Consorzio Intercomunale dei Servizi alla Persona Comuni di Collegno e Grugliasco allegato alla deliberazione dell Assemblea consortile n. 13 del 18.12.2009 C.I.S.A.P. Consorzio Intercomunale dei Servizi alla Persona Comuni di Collegno e Grugliasco REGOLAMENTO SUI CRITERI PER LA COMPARTECIPAZIONE

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE 43 REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE ADOTTATO DAL CONSIGLIO COMUNALE CON DELIBERAZIONE N. 75/14031 P.G. NELLA SEDUTA DEL 26/05/1994 - MODIFICATO CON DELIBERAZIONE N. 75/I23765 P.G. NELLA

Dettagli

ORDINE DEGLI AVVOCATI DI BARI AVVISO PUBBLICO

ORDINE DEGLI AVVOCATI DI BARI AVVISO PUBBLICO ORDINE DEGLI AVVOCATI DI BARI Visto: AVVISO PUBBLICO PER LA SELEZIONE DELLE AVVOCATE E DEGLI AVVOCATI CHE USUFRUISCONO DI STRUMENTI DI FLESSIBILITA E RICHIEDONO L ACCESSO AL FONDO PER IL SOSTEGNO ALLA

Dettagli

REGOLAMENTO PER L INTEGRAZIONE DELLE RETTE DI RICOVERO DI ANZIANI E DISABILI IN STRUTTURE

REGOLAMENTO PER L INTEGRAZIONE DELLE RETTE DI RICOVERO DI ANZIANI E DISABILI IN STRUTTURE UNIONE COMUNI DEL BASSO VICENTINO _Alonte, Asigliano Veneto, Orgiano, Pojana Maggiore_ REGOLAMENTO PER L INTEGRAZIONE DELLE RETTE DI RICOVERO DI ANZIANI E DISABILI IN STRUTTURE Approvato con deliberazione

Dettagli

COMUNE DI CAMPAGNANO DI ROMA

COMUNE DI CAMPAGNANO DI ROMA COMUNE DI CAMPAGNANO DI ROMA PROVINCIA DI ROMA Tel. 06-9015601 Fax. 06-9041991 Piazza C. Leonelli n 15 C.A.P. 00063 www.comunecampagnano.it SETTORE IV - Servizi 2/3 Politiche Sociali BANDO PER L ASSEGNAZIONE,

Dettagli

COMUNE DI S.AGATA SUL SANTERNO (Provincia di Ravenna) REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI SOCIO-ASSISTENZIALI DI COMPETENZA DEI COMUNI

COMUNE DI S.AGATA SUL SANTERNO (Provincia di Ravenna) REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI SOCIO-ASSISTENZIALI DI COMPETENZA DEI COMUNI COMUNE DI S.AGATA SUL SANTERNO (Provincia di Ravenna) REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI SOCIO-ASSISTENZIALI DI COMPETENZA DEI COMUNI Approvato con delibera di Consiglio Comunale n. 11 del 30 Marzo

Dettagli

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani

Comune di Ragusa. Regolamento assistenza domiciliare agli anziani Comune di Ragusa Regolamento assistenza domiciliare agli anziani REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE AGLI ANZIANI approvato con delib. C.C. n.9 del del 24/02/84 modificato con delib. C.C.

Dettagli

PROVINCIA DI PORDENONE Largo S.Giorgio 12

PROVINCIA DI PORDENONE Largo S.Giorgio 12 PROVINCIA DI PORDENONE Largo S.Giorgio 12 2 BANDO PER L ASSEGNAZIONE DI CONTRIBUTI UNA TANTUM A SOSTEGNO DEGLI ONERI DERIVANTI DAI CONTRATTI DI MUTUO, ACCESI IN DATA ANTERIORE AL 26 FEBBRAIO 2009 E NON

Dettagli

REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL INDICATORE DELLA SITUAZIONE ECONOMICA EQUIVALENTE (I.S.E.E.) Articolo 1 Oggetto del regolamento

REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL INDICATORE DELLA SITUAZIONE ECONOMICA EQUIVALENTE (I.S.E.E.) Articolo 1 Oggetto del regolamento ALLEGATO A REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL INDICATORE DELLA SITUAZIONE ECONOMICA EQUIVALENTE (I.S.E.E.) Articolo 1 Oggetto del regolamento 1. Il presente Regolamento, adottato ai sensi del D.Lgs. 31

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE (SAD)

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE (SAD) REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE (SAD) PREMESSA Il presente regolamento del Servizio di Assistenza Domiciliare fa riferimento alle disposizioni della legislazione nazionale, regionale

Dettagli

Art. 10 Compiti del Comune

Art. 10 Compiti del Comune CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA MATERIALE DIVERSAMENTE ABILI: PERIODO DAL 15.06.2012-31.12.2012 (Assistenza domiciliare) PERIODO DAL 01.10.2012 31.12.2012 (Assistenza

Dettagli

AVVISO PUBBLICO PER L ACCESSO AL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI NON AUTOSUFFICIENTI (S.A.D.)

AVVISO PUBBLICO PER L ACCESSO AL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI NON AUTOSUFFICIENTI (S.A.D.) AVVISO PUBBLICO PER L ACCESSO AL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE ANZIANI NON AUTOSUFFICIENTI (S.A.D.) In attuazione del II Piano di intervento servizi di cura per gli anziani del Piano di Azione e Coesione,

Dettagli

CONSORZIO SOCIO ASSISTENZIALE ALBA-LANGHE-ROERO

CONSORZIO SOCIO ASSISTENZIALE ALBA-LANGHE-ROERO CONSORZIO SOCIO ASSISTENZIALE ALBA-LANGHE-ROERO REGOLAMENTO SUI CRITERI DI COMPARTECIPAZIONE DELLE PERSONE NON AUTOSUFFICIENTI E DELLE PERSONE CON HANDICAP PERMANENTE GRAVE AL PAGAMENTO DELLA RETTA POSTA

Dettagli

COMUNE DI OLTRESSENDA ALTA PROVINCIA DI BERGAMO REGOLAMENTO COMUNALE PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE (S.A.D.

COMUNE DI OLTRESSENDA ALTA PROVINCIA DI BERGAMO REGOLAMENTO COMUNALE PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE (S.A.D. COMUNE DI OLTRESSENDA ALTA PROVINCIA DI BERGAMO REGOLAMENTO COMUNALE PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE (S.A.D.) Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 21 del 29.09.2005

Dettagli

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano

Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano Regolamento per gli interventi e servizi sociali del Comune di Milano approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 19 del 6 febbraio 2006 e rettificato con deliberazione del Consiglio Comunale

Dettagli

COMUNE DI CARVICO (Provincia di Bergamo)

COMUNE DI CARVICO (Provincia di Bergamo) COMUNE DI CARVICO (Provincia di Bergamo) REGOLAMENTO COMUNALE PER LA VALUTAZIONE DELLA SITUAZIONE ECONOMICA E PER L ACCESSO ALLE PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE Art. 1 Oggetto del regolamento Il presente

Dettagli

La riforma del nuovo Isee Cosa cambia per i Comuni e le per le persone con disabilità

La riforma del nuovo Isee Cosa cambia per i Comuni e le per le persone con disabilità 14 e 15 aprile 2014 La riforma del nuovo Isee Cosa cambia per i Comuni e le per le persone con disabilità Avv. Gaetano De Luca Servizio Legale Ledha Di cosa vi parlerò Alcune premesse campo di applicazione

Dettagli

LA GIUNTA COMUNALE. VISTO il D.Lgs n. 109/98. VISTO il D.P.C.M. n. 221/99. VISTO il D.Lgs n. 130/2000. VISTO il D.P.C.M. n 242/2001.

LA GIUNTA COMUNALE. VISTO il D.Lgs n. 109/98. VISTO il D.P.C.M. n. 221/99. VISTO il D.Lgs n. 130/2000. VISTO il D.P.C.M. n 242/2001. OGGETTO: MODALITA ATTUATIVE E AMBITI DI APPLICAZIONE DEI CRITERI UNIFICATI DI VALUTAZIONE DELLA SITUAZIONE ECONOMICA DEI SOGGETTI CHE RICHIEDONO PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE AI SENSI DEL D. LGS. 31 MARZO

Dettagli

OPPORTUNITA PER FAMIGLIE -BONUS ENERGIA/ GAS:

OPPORTUNITA PER FAMIGLIE -BONUS ENERGIA/ GAS: OPPORTUNITA PER FAMIGLIE -BONUS ENERGIA/ GAS: Requisiti: per i nuclei familiari residenti a Trezzo, con dichiarazione isee che non superi i 7500 euro oppure per utilizzo di apparecchiature elettromedicali.

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AI SERVIZI SOCIALI

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AI SERVIZI SOCIALI REGOLAMENTO PER L ACCESSO AI SERVIZI SOCIALI CAPO I RICHIAMI NORMATIVI Art. 1 1. Il presente documento disciplina i criteri per l accesso ai servizi erogati dal Comune di Vedano Olona, le modalità del

Dettagli

CITTA' DI TRICASE PROVINCIA DI LECCE DELIBERAZIONE ORIGINALE DEL COMMISSARIO STRAORDINARIO

CITTA' DI TRICASE PROVINCIA DI LECCE DELIBERAZIONE ORIGINALE DEL COMMISSARIO STRAORDINARIO CITTA' DI TRICASE PROVINCIA DI LECCE DELIBERAZIONE ORIGINALE DEL COMMISSARIO STRAORDINARIO Atto n. Del 52 29/09/2011 Oggetto: REGOLAMENTO COMUNALE PER EROGAZIONE SUSSIDI ECONOMICI ED ALTRE PROVVIDENZE.

Dettagli

C.I.S.A.P. Consorzio Intercomunale Servizi alla Persona Comuni di Collegno e Grugliasco

C.I.S.A.P. Consorzio Intercomunale Servizi alla Persona Comuni di Collegno e Grugliasco C.I.S.A.P. Consorzio Intercomunale Servizi alla Persona Comuni di Collegno e Grugliasco PROGETTO MINORI E LORO FAMIGLIE E PROGETTO ADULTI IN DIFFICOLTA LINEE GUIDA SULLA SPERIMENTAZIONE DI INTERVENTI DI

Dettagli

COMUNE DI VERBANIA ART.1 OGGETTO E AMBITO DI APPLICAZIONE

COMUNE DI VERBANIA ART.1 OGGETTO E AMBITO DI APPLICAZIONE COMUNE DI VERBANIA REGOLAMENTO SUI CRITERI DI COMPARTECIPAZIONE DEGLI ANZIANI NON AUTOSUFFICIENTI AL COSTO DELLA RETTA DI RICOVERO SOCIO ASSISTENZIALE NELL AMBITO DI PERCORSI ASSISTENZIALI INTEGRATI DI

Dettagli

CRITERI PER L EROGAZIONE DEI SERVIZI DI ASSISTENZA DOMICILIARE E PER L ACCOGLIENZA DI ANZIANI NON AUTOSUFFICIENTI IN CENTRO DIURNO

CRITERI PER L EROGAZIONE DEI SERVIZI DI ASSISTENZA DOMICILIARE E PER L ACCOGLIENZA DI ANZIANI NON AUTOSUFFICIENTI IN CENTRO DIURNO Comune di Padova CRITERI PER L EROGAZIONE DEI SERVIZI DI ASSISTENZA DOMICILIARE E PER L ACCOGLIENZA DI ANZIANI NON AUTOSUFFICIENTI IN CENTRO DIURNO Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n.

Dettagli

Progetto VOUCHER FRIENDLY

Progetto VOUCHER FRIENDLY Progetto VOUCHER FRIENDLY AVVISO PUBBLICO PER L ASSEGNAZIONE E L EROGAZIONE DI VOUCHER DI SERVIZIO PER LA CONCILIAZIONE TRA TEMPI DI VITA E DI LAVORO. 1. OBIETTIVI E FINALITÀ L obiettivo prioritario dell

Dettagli

Iscrizioni Asilo Nido 2011-2012

Iscrizioni Asilo Nido 2011-2012 Iscrizioni Asilo Nido 2011-2012 FOGLIO INFORMATIVO E ISTRUZIONI PER IL CALCOLO DELL ISEE Questa guida vuole agevolare la compilazione della Dichiarazione Sostitutiva Unica (DSU), la nuova dichiarazione

Dettagli

La riforma del nuovo Isee Cosa cambia per i Comuni e le persone con disabilità

La riforma del nuovo Isee Cosa cambia per i Comuni e le persone con disabilità 21 aprile 2015 Biblioteca Comunale Erba La riforma del nuovo Isee Cosa cambia per i Comuni e le persone con disabilità Analisi approfondita degli articoli più rilevanti della nuova normativa, principi

Dettagli

q casa/appartamento in affitto q alloggio ATER

q casa/appartamento in affitto q alloggio ATER Al Signor Sindaco del Comune di 31058 Susegana (TV) RICHIESTA ASSISTENZA ECONOMICA Cognome e nome coniugata nato/a a Data nascita Codice Fiscale CAP residente a Via/Piazza N cittadinanza stato civile professione

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE.

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE. REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE. Approvato con deliberazione del C.C. n. 40 del 30.6.2003 Comune di Cusano Milanino REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE. Art.1 OGGETTO

Dettagli

Documenti necessari per ISEE Per il calcolo dell ISEE è indispensabile presentarsi ai CAAF con i seguenti documenti Dati del dichiarante

Documenti necessari per ISEE Per il calcolo dell ISEE è indispensabile presentarsi ai CAAF con i seguenti documenti Dati del dichiarante APPENDICE Documenti necessari per ISEE Per il calcolo dell ISEE è indispensabile presentarsi ai CAAF con i seguenti documenti Dati del dichiarante Dati anagrafici del dichiarante Documento di identità

Dettagli

REGOLAMENTO MISURE PER L EMERGENZA ABITATIVA. Art. 1 AMBITO DI APPLICAZIONE

REGOLAMENTO MISURE PER L EMERGENZA ABITATIVA. Art. 1 AMBITO DI APPLICAZIONE REGOLAMENTO MISURE PER L EMERGENZA ABITATIVA Art. 1 AMBITO DI APPLICAZIONE Il presente regolamento intende: - riordinare in modo organico i criteri per individuare i soggetti aventi titolo a fruire dei

Dettagli

CRITERI DI COMPARTECIPAZIONE DEGLI UTENTI AI COSTI DEI SERVIZI SOCIALI

CRITERI DI COMPARTECIPAZIONE DEGLI UTENTI AI COSTI DEI SERVIZI SOCIALI CRITERI DI COMPARTECIPAZIONE DEGLI UTENTI AI COSTI DEI SERVIZI SOCIALI In conformità alla L. 328/2000 e al D. Lgs 109/1998, come modificato dal D. Lgs 130/2000, visto il D.P.C.M. 242/2001 ed i principi

Dettagli

COMUNE DI MARCON Provincia di Venezia REGOLAMENTO PER L INSERIMENTO DI ANZIANI E DISABILI PRESSO STRUTTURE PROTETTE

COMUNE DI MARCON Provincia di Venezia REGOLAMENTO PER L INSERIMENTO DI ANZIANI E DISABILI PRESSO STRUTTURE PROTETTE COMUNE DI MARCON Provincia di Venezia REGOLAMENTO PER L INSERIMENTO DI ANZIANI E DISABILI PRESSO STRUTTURE PROTETTE Approvato con delibera di Consiglio Comunale n.63 del 21.12.2010 ART. 1 OGGETTO Il presente

Dettagli