COMUNE DI NURAMINIS. Provincia di Cagliari. REGOLAMENTO COMUNALE : Azioni di contrasto alle povertà

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "COMUNE DI NURAMINIS. Provincia di Cagliari. REGOLAMENTO COMUNALE : Azioni di contrasto alle povertà"

Transcript

1 COMUNE DI NURAMINIS Provincia di Cagliari REGOLAMENTO COMUNALE : Azioni di contrasto alle povertà Approvato con atto deliberativo del Consiglio Comunale n 47 del Modificato con atto deliberativo del Consiglio Comunale n. 39 del Il Sindaco Il Segretario Comunale

2 ***** PREMESSA Con il presente regolamento l Amministrazione Comunale intende disciplinare gli interventi di contrasto alle povertà, promossi dalla Regione Autonoma della Sardegna (RAS) per arginare la grave crisi economica e sociale, di seguito indicate: 1) concessione di sussidi a favore di persone e nuclei familiari in condizioni di accertata povertà. 2) concessione di contributi per l abbattimento dei costi abitativi e dei servizi essenziali a favore di persone e nuclei familiari con reddito pari o inferiore alla soglia di povertà calcolata con il metodo ISEE; 3) concessione di sussidi per lo svolgimento del Servizio Civico Comunale; ***** 2

3 Art. 1-1 LINEA D INTERVENTO: Concessione di sussidi economici a favore di persone e nuclei familiari in condizioni di accertata povertà. Oggetto e tipologia di attività L intervento in questione prevede l erogazione di un sussidio fino ad un importo e una durata massima fissati annualmente dalla RAS, a favore di persone e nuclei familiari in grave condizione di deprivazione economica duratura o temporale che non possono accedere all inserimento lavorativo di cui alla linea 3 Servizio Civico. Si precisa che : o potrà presentare domanda un solo componente per nucleo familiare; o nel caso in cui tra l ultima dichiarazione dei redditi ed il momento di presentazione della domanda siano intervenute variazioni significative nella composizione del nucleo familiare oppure nella situazione reddituale o patrimoniale, l interessato dovrà presentare idonea documentazione o una dichiarazione sostitutiva di certificazione delle suddette variazioni; o il sussidio economico di cui alla presente linea non è cumulabile con il sussidio di cui alla Linea d Intervento n 3; Destinatari e requisiti Possono accedere all intervento in questione coloro che alla data di scadenza del bando posseggono i seguenti requisiti: a) residenza e domicilio nel Comune di Nuraminis da almeno due anni; b) età non inferiore ad anni 18; c) condizione di grave deprivazione economica; d) indicatore della Situazione Economica Equivalente (ISEE d.lgs. 31 Marzo 1998 n 109) non superiore al limite massimo fissato annualmente dalla Ras riferito all ultima annualità di riferimento al momento della presentazione della domanda, comprensivo dei redditi esenti IRPEF(quelli non contemplati nel D.lgs. 31 Marzo 1998 n 109) ; e) impedimenti psico-fisici al lavoro e/o onerosi compiti di cura familiare, comprovati da appositi certificati rilasciati dall organo preposto per legge a tale valutazione e al rilascio di idonea documentazione e/o verificabili dall Ufficio dei Servizi Sociali; 3

4 Modalità e Termini di presentazione della domanda Tutti coloro che possiedono i requisiti sopra riportati e che intendono accedere a tale Intervento dovranno presentare domanda su apposito modulo, reperibile sul sito internet comunale o presso l Ufficio Servizi Sociali, entro e non oltre il termine indicato nel relativo bando; La domanda dovrà essere corredata dalla seguente documentazione: a) Copia del documento d identità del richiedente; b) Certificazione I.S.E.E. anno in corso, riferita ai redditi percepiti nell anno precedente, rilasciata da un soggetto autorizzato di cui al DLgs 109/98; c) Dichiarazione sostitutiva di certificazione espressa ai sensi del D.P.R. 28 Dicembre 2000 n 445 attestante, ove si percepissero, i redditi esenti IRPEF intesi quali: assegni di maternità e assegni per il nucleo familiare con almeno tre figli minori L.448/98; indennità di accompagnamento; contributi integrativi al pagamento dei canoni di locazione; contributi di integrazione al reddito (L.R. 20/97 ecc.) contributi per povertà estreme per la passata annualità; premi in agricoltura e compensazioni al reddito; borse di studio; Pensione di guerra ecc.; Rendite Inail; Tutti quei redditi non contemplati nel DLgs 109/98; d) Eventuale certificazione attestante l invalidità civile; Criteri per l assegnazione dei punteggi e formazione della graduatoria L Amministrazione Comunale erogherà le risorse disponibili per questa linea in relazione alla graduatoria elaborata sulla base dei punteggi ottenuti da ciascun richiedente secondo i criteri di seguito riportati: 1. Composizione del nucleo familiare: Composizione nucleo familiare richiedente Persone Sole 2 Nuclei familiari 3 Nucleo monogenitoriale * 4 Minori a carico 1 punto per ogni minore Presenza di invalidi riconosciuti dal 45% al 74% 1 punto per ogni invalido Presenza di invalidi riconosciuti dal 75% al 100% 2 punti per ogni invalido *N. B. Per la definizione di nucleo monogenitoriale si fa riferimento alla Circolare n 8/03 emanata dalla Direzione Generale dell INPS, nella quale si considera la situazione di genitore solo come quella che ricorre nei seguenti casi: a) morte dell altro genitore; 4

5 b) abbandono del figlio; c) affidamento esclusivo del figlio ad un solo genitore; d) non riconoscimento del figlio da parte dell altro genitore; Pertanto, nei casi diversi da quelli sopra elencati, per esempio nel caso di affidamento condiviso, il nucleo familiare dovrà essere integrato con l altro genitore, salvo che lo stesso abbia costituito un nuovo nucleo genitoriale. Inoltre sarà considerato anche l assegno di mantenimento per i figli per la determinazione del reddito del nucleo familiare del richiedente; 2. Reddito: Il limite reddituale ISEE per poter accedere ai sussidi economici sarà quello fissato annualmente dalla RAS. La Giunta Municipale annualmente, con apposito atto deliberativo recepirà le direttive regionali e fisserà i punteggi da attribuire alle relative fasce di reddito nonché gli importi dei contributi da erogare sempre in base al punteggio e alle risorse economiche annualmente disponibili. 3. Condizione Abitativa: Abitazione di proprietà, usufrutto, comodato gratuito 0 Condizione abitativa Locazione con agevolazioni 1 Abitazione di proprietà con mutuo 2 Locazione 3 4. Adeguatezza dell alloggio: Adeguatezza dell alloggio Alloggio adeguato 0 Alloggio con spazi insufficienti 1 Alloggio inadeguato (fatiscente, malsano, improprio, etc.) 2 5. Età del richiedente: Età posseduta dal richiedente per l accesso al servizio 1 fascia dai 65 in su n 2,5 2 fascia dai 46 ai 64 anni n 2 3 fascia dai 36 ai 45 anni n 1,5 4 fascia dai 26 ai 35 anni n 1 5 fascia dai 18 ai 25 anni n 0,5 6. Anzianità di disoccupazione: Anni di disoccupazione 1 fascia dai 5 anni in su n 2 2 fascia dai 4 ai 5 anni n 1,5 3 fascia dai 2 ai 5 anni n 1 4 meno di 2 anni n 0,5 5

6 7. Varie: Proprietà di beni non di prima necessità: Autoveicoli immatricolati da meno di tre anni: Presenza di autoveicolo di valore superiore ad ,01 Presenza di autoveicolo di valore compreso tra ,01 e ,00 Presenza di autoveicolo di valore compreso tra ,01 e ,00 Presenza di autoveicolo di valore compreso tra ,01 e ,00-4 punti per autoveicolo -3,5 punti per autoveicolo -2,5 punti per autoveicolo - 2 punti per autoveicolo Telefonini cellulari, pc, TV lcd hd, climatizzatori, PAy TV ecc. acquistati da meno di tre anni: Valore d acquisto da.200,00 ad. 500,00-0,50 punti per oggetto Valore d acquisto da.500,01 ad ,00-1,00 punto per oggetto Valore d acquisto da.1.000,01 ad ,00-1,50 punti per oggetto Valore d acquisto da.1.500,01 in su - 3,00 punti per oggetto 8. A parità di condizioni e di punteggio si riserva la priorità alle famiglie nelle quali sono presenti anche persone con disabilità o anziani non autosufficienti. Qualora vi sia ancora parità di punteggio si prenderà in considerazione la data di presentazione della domanda. ***** ART. 2-2 LINEA D INTERVENTO Concessione di contributi per l abbattimento dei costi dei servizi essenziali Oggetto e tipologia di attività Questa linea d intervento prevede la concessione di contributi per importi e periodi stabiliti annualmente dalla RAS, quale aiuto per far fronte all abbattimento dei costi dei servizi essenziali, a favore di persone e nuclei familiari con reddito pari o inferiore alla soglia di povertà calcolata secondo il metodo dell Indice della Situazione Economica Equivalente (ISEE), purché tali costi non vengano già finanziati da altri Enti Pubblici che perseguono le medesime finalità (per esempio L.431/1998 fondo nazionale per il sostegno all accesso alle abitazioni in locazione). Tale intervento è rivolto prevalentemente a nuclei familiari con 4 o più figli di età sino ai 25 anni; 6

7 I servizi per i quali si può chiedere il contributo sono: Canone di locazione; Energia elettrica; Acqua potabile per uso domestico; Smaltimento rifiuti solidi urbani; Riscaldamento; Gas da cucina; Azioni di contrasto alle povertà Anno Servizi ed interventi educativi quali: nidi di infanzia, servizi primavera, servizi educativi in contesto domiciliare, babysitter per i quali non risulti che l interessato sia già stato ammesso a usufruire di altri contributi pubblici; Destinatari e requisiti Possono accedere all intervento in questione coloro che alla data di scadenza del bando posseggano i seguenti requisiti: 1. residenza e domicilio nel Comune di Nuraminis da almeno due anni; 2. età non inferiore ad anni 18; 3. condizione di grave deprivazione economica. Modalità e Termini di presentazione della domanda Tutti coloro che possiedono i requisiti sopra riportati e che intendono accedere a tale Intervento dovranno presentare domanda su apposito modulo, reperibile sul sito internet comunale o presso l Ufficio Servizi Sociali, entro e non oltre il termine indicato nel relativo bando; La domanda dovrà essere corredata dalla seguente documentazione: a) Copia del documento d identità del richiedente; b) Certificazione I.S.E.E. anno in corso, riferita ai redditi percepiti nell anno precedente, rilasciata da un soggetto autorizzato di cui al DLgs 109/98; c) Dichiarazione sostitutiva di certificazione espressa ai sensi del D.P.R. 28 Dicembre 2000 n 445 attestante i costi sostenuti per le spese ammesse al contributo e le relative pezze giustificative come ricevute, fatture, bollette ecc.; 7

8 Criteri per l assegnazione dei punteggi e formazione della graduatoria L Amministrazione Comunale erogherà le risorse disponibili per questa linea in relazione alla graduatoria elaborata sulla base dei punteggi ottenuti da ciascun richiedente secondo i criteri di seguito riportati: 1. Composizione del nucleo familiare : 1 Nuclei familiari con 4 o più minori a carico (1 punto per ogni minore oltre il 4 ) 7 2 Nuclei monogenitoriali con figli minori a carico (1 punto per ogni minore oltre il 1 ) 6 3 Nuclei familiari con 6 o più componenti (1 punto per ogni componente oltre il 6 ) 5 4 Nuclei familiari con 1 minore a carico (da 1 a 3 figli, 1 punto per ogni minore oltre il 1 ) 4 5 Persone che vivono sole 4 1 punto per 6 Presenza di invalidi riconosciuti dal 45% al 74% ogni invalido 2 punti per 7 Presenza di invalidi riconosciuti dal 75% al 100% ogni invalido N. B. Per la definizione di nucleo monogenitoriale si fa riferimento alla Circolare n 8/03 emanata dalla Direzione Generale dell INPS, nella quale si considera la situazione di genitore solo come quella che ricorre nei seguenti casi: a) morte dell altro genitore; b) abbandono del figlio; c) affidamento esclusivo del figlio ad un solo genitore; d) non riconoscimento del figlio da parte dell altro genitore; Pertanto, nei casi diversi da quelli sopra elencati, per esempio nel caso di affidamento condiviso, il nucleo familiare dovrà essere integrato con l altro genitore, salvo che lo stesso abbia costituito un nuovo nucleo genitoriale. Inoltre sarà considerato anche l assegno di mantenimento per i figli per la determinazione del reddito del nucleo familiare del richiedente; 2. Reddito:Tabella Istat soglie di povertà indicate dalla Delibera G. R. 14/21 del 06/04/2010. Ampiezza della famiglia coefficienti Soglia di povertà Soglia povertà Soglia di Povertà mensile definita annuale (soglia ISEE dall ISTAT mensile x 12) 1 componente 0, , , ,00 2 componenti 1, , , ,00 3 componenti 1, , , ,00 4 componenti 1, , , ,00 5 componenti 1, , , ,00 6 componenti 2, , , ,00 7 o più componenti. 2, , , ,00 *N.B. Tale tabella di reddito viene aggiornata annualmente dall Istat. 8

9 3. Capacità effettiva di spesa del richiedente: Azioni di contrasto alle povertà Anno a) Canone di locazione: (prendendo quale base il contributo massimo erogabile secondo la legge 431/98) Costo canone di locazione % del costo Punteggio attribuito. 258,16 mensile (rif.l.n 431/98) 21,51%.1.200:100=258.16:X 2 b) Energia Elettrica: verrà attribuito un punteggio secondo la seguente tabella: Numerosità della famiglia Consumo medio effettivo (Terna: consumi medi di energia elettrica in Italia per Regione) Punteggio attribuito 1 componenti. 40,00 a bimestre 4 2 componenti. 75,00 a bimestre 5 3 componenti. 113,00 a bimestre 6 4 componenti. 150,00 a bimestre 7 5 componenti. 188,00 a bimestre 8 6 componenti. 225,00 a bimestre 9 7 o più componenti. 262,00 a bimestre 10 c) Acqua potabile per uso domestico verrà attribuito un punteggio secondo la seguente tabella: Numerosità della famiglia Spesa annuale per servizio idrico (Istat: consumo medio Punteggio attribuito pro-capite MC 68, in Italia per Regione) a tariffa uso domestico residente. 1 componenti. 52,97 annui 4 2 componenti. 128,92 annui 5 3 componenti. 235,18 annui 6 4 componenti. 385,30 annui 7 5 componenti. 563,52 annui 8 6 componenti. 735,32 annui 9 7 o più componenti. 919,99 annui 10 d) Gas da cucina: Numerosità della famiglia Costo per gas cucina (. 32,00/ a bombola x 12 mesi) Punteggio attribuito 1 componenti 1. 32,00 ( n 2 bombole) 2 componenti 3 componenti 2. 64,00 ( n 4 bombole) 4 componenti 5 componenti. 96,00 (n 6 bombole ) 3 6 componenti 7 o più componenti. 128,00 (n 8 bombole) 4 9

10 e) Smaltimento rifiuti solidi urbani: Mq abitazione di residenza Costo annuo Punteggio attribuito Mq ,00 1 Mq ,55 2 Mq ,00 3 Mq ,85 4 Mq ,50 5 Mq ,80 6 Mq ,75 7 f) Servizi educativi: a chi utilizza un servizio di babysitter verrà assegnato un punteggio pari a A parità di condizioni e di punteggio si riserva la priorità alle famiglie con 4 o più figli a carico e nei quali sono presenti anche persone con disabilità o anziani non autosufficienti. Qualora vi sia ancora parità di punteggio si prenderà in considerazione la data di presentazione della domanda. ***** ART. 3-3 LINEA D INTERVENTO: Concessione sussidi per lo svolgimento del servizio civico comunale Oggetto e tipologia di attività Questa linea di intervento prevede, in alternativa alla concessione dei sussidi economici (di cui alla linea di intervento 1), l agevolazione all inserimento lavorativo, attraverso assunzione a tempo determinato in cooperative di tipo B o assunzione diretta da parte del Comune. E rivolta prioritariamente a coloro che, abili al lavoro, siano privi di occupazione o che abbiano perso il lavoro e siano privi di coperture assicurative. Possono rientrare anche coloro che appartengano a categorie svantaggiate ex detenuti o ex tossicodipendenti purché non diversamente assistiti. Destinatari e requisiti Possono accedere a questa linea le persone (una per ogni nucleo familiare) che alla data di scadenza del bando posseggano i seguenti requisiti: 1. residenza e domicilio nel Comune di Nuraminis da almeno due anni; 10

11 2. età non inferiore ad anni 18; Azioni di contrasto alle povertà Anno abilità al lavoro con riferimento alle mansioni attribuite/attribuibili; 4. condizione di disoccupazione al momento della presentazione della domanda; 5. assenza di coperture assicurative o di qualsiasi forma di tutela da parte di altri enti pubblici; 6. condizione di grave deprivazione economica; 7. indicatore della Situazione Economica Equivalente (ISEE d.lgs. 31 Marzo 1998 n 109) non superiore al limite massimo fissato dalla RAS annualmente e riferito all ultima annualità di riferimento al momento della presentazione della domanda, comprensivo dei redditi esenti IRPEF(quelli non contemplati nel.lgs. 31 Marzo 1998 n 109) ; Si precisa che : o nel caso in cui tra l ultima dichiarazione dei redditi ed il momento di presentazione della domanda siano intervenute variazioni significative nella composizione del nucleo familiare oppure nella situazione reddituale o patrimoniale, l interessato dovrà presentare idonea documentazione sostitutiva di certificazione delle suddette variazioni; o una dichiarazione o il sussidio economico di cui alla presente linea non è cumulabile con il sussidio di cui alla Linea d Intervento n 1. Modalità e Termini di presentazione della domanda Tutti coloro che possiedono i requisiti sopra riportati e che intendono accedere a tale Intervento dovranno presentare domanda su apposito modulo, reperibile sul sito internet comunale o presso l Ufficio Servizi Sociali, entro e non oltre il termine indicato nel relativo bando; La domanda dovrà essere corredata dalla seguente documentazione: a) Copia del documento d identità del richiedente; b) Certificazione I.S.E.E. anno in corso, riferita ai redditi percepiti nell anno precedente, rilasciata da un soggetto autorizzato di cui al DLgs 109/98; c) Dichiarazione sostitutiva di certificazione espressa ai sensi del D.P.R. 28 Dicembre 2000 n 445 attestante, ove si percepissero, i redditi esenti IRPEF intesi quali: assegni di maternità e assegni per il nucleo familiare con almeno tre figli minori L.448/98; indennità di accompagnamento; contributi integrativi al pagamento dei canoni di locazione; contributi di integrazione al reddito (L.R. 20/97 ecc.) contributi per povertà estreme per la passata annualità; premi in agricoltura e compensazioni al reddito; borse di studio; Pensione di guerra ecc.; Rendite Inail; 11

12 Tutti quei redditi non contemplati nel DLgs 109/98; Criteri per l assegnazione dei punteggi e formazione della graduatoria. 1. Composizione del nucleo familiare : Composizione nucleo familiare richiedente Persone Sole 2 Nuclei familiari 3 Nucleo monogenitoriale * 4 Minori a carico 1 punto per ogni minore Presenza di invalidi riconosciuti dal 45% al 74% 1 punto per ogni invalido Presenza di invalidi riconosciuti dal 75% al 100% 2 punti per ogni invalido *N. B. - Per la definizione di nucleo monogenitoriale si fa riferimento alla Circolare n 8/03 emanata dalla Direzione Generale dell INPS, nella quale si considera la situazione di genitore solo come quella che ricorre nei seguenti casi: a) morte dell altro genitore; b) abbandono del figlio; c) affidamento esclusivo del figlio ad un solo genitore; d) non riconoscimento del figlio da parte dell altro genitore; Pertanto, nei casi diversi da quelli sopra elencati, per esempio nel caso di affidamento condiviso, il nucleo familiare dovrà essere integrato con l altro genitore, salvo che lo stesso abbia costituito un nuovo nucleo genitoriale. Inoltre sarà considerato anche l assegno di mantenimento per i figli per la determinazione del reddito del nucleo familiare del richiedente; 2. Reddito: Il limite reddituale ISEE per poter accedere alla Linea 3 (inserimento lavorativo) sarà quello fissato annualmente dalla RAS. La Giunta Municipale annualmente, con apposito atto deliberativo recepirà le direttive regionali e fisserà i punteggi da attribuire alle relative fasce di reddito nonché gli importi dei contributi da erogare sempre in base al punteggio e alle risorse economiche annualmente disponibili. 3. Condizione Abitativa: Abitazione di proprietà, usufrutto, comodato gratuito 0 Condizione abitativa Locazione con agevolazioni 1 Abitazione di proprietà con mutuo 2 Locazione 3 4. Adeguatezza dell alloggio: 12

13 Adeguatezza dell alloggio Alloggio adeguato 0 Alloggio con spazi insufficienti 1 Alloggio inadeguato (fatiscente, malsano, improprio, etc.) 2 5. Età del richiedente: Età posseduta dal richiedente per l accesso al servizio 1 fascia dai 65 in su n 2,5 2 fascia dai 46 ai 64 anni n 2 3 fascia dai 36 ai 45 anni n 1,5 4 fascia dai 26 ai 35 anni n 1 5 fascia dai 18 ai 25 anni n 0,5 6. Anzianità di disoccupazione: Anni di disoccupazione 1 fascia d ai 5 anni in su n 2 2 fascia d ai 4 ai 5 anni n 1,5 3 fascia d ai 2 ai 5 anni n 1 4 meno di 2 anni n 0,5 7. Varie: Proprietà di beni non di prima necessità: Autoveicoli immatricolati da meno di tre anni: Presenza di autoveicolo di valore superiore ad ,01 Presenza di autoveicolo di valore compreso tra ,01 e ,00 Presenza di autoveicolo di valore compreso tra ,01 e ,00 Presenza di autoveicolo di valore compreso tra ,01 e ,00 Telefonini cellulari, pc, TV lcd hd, climatizzatori, PAy TV ecc acquistati da meno di tre anni: Valore d acquisto da.200,00 ad. 500,00 Valore d acquisto da.500,01 ad ,00 Valore d acquisto da.1.000,01 ad ,00 Valore d acquisto da.1.500,01 in su Rifiuto senza giustificato motivo di inserimento nel programma Povertà Estreme nelle precedenti annualità. Rifiuto senza giustificato motivo di inserimento lavorativo e/o cantiere comunale e/o occupazionale occasionale, precedente al programma Povertà Estreme nelle precedenti annualità. Valutazione negativa dei precedenti inserimenti in Progetti del servizio Sociale - 4 punti per autoveicolo -3,5 punti per autoveicolo -2,5 punti per autoveicolo - 2 punti per autoveicolo - 0,50 punti per oggetto - 1,00 punto per oggetto - 1,50 punti per oggetto - 3,00 punti per oggetto - 2 punti - 2 punti - 2 punti 8. A parità di condizioni e di punteggio si riserva la priorità alle famiglie nei quali sono presenti anche persone con disabilità o anziani non autosufficienti. Qualora vi sia ancora parità di punteggio si prenderà in considerazione la data di presentazione della domanda. Tipologia delle attività da svolgere 13

14 I cittadini ammessi al Servizio Civico Comunale, sono chiamati a svolgere le seguenti attività: servizio di custodia, vigilanza e manutenzione, pulizia, apertura e chiusura di strutture pubbliche (palestre, mostre, biblioteche, servizi per l infanzia e per i giovani, scuole ecc.). manutenzione del verde pubblico, sia esso esistente all interno di strutture pubbliche sia all esterno. accompagnamento scuolabus. assistenza a persone disabili o anziani, sia all interno dei domicili privati sia all interno della struttura residenziale comunale. pulizia edifici comunali. pulizia del paese. supporto mensa scolastica. centralinista telefonico o usciere presso il Comune. accompagnamento di disabili o anziani: ospiti presso la Struttura Residenziale Comunale; che vivono nei propri domicili che debbono recarsi presso uffici pubblici per il disbrigo di pratiche amministrative o presso policlinici per visite mediche - riabilitative, nelle quali non sia richiesto un esperto (assistente domiciliare o infermiere) anziani autosufficienti che necessitano solo di un relativo sostegno nel viaggio per recarsi presso detti uffici. divulgazione pubblicitaria dei servizi attivati dall Ente e manutenzione delle bacheche pubbliche. l Amministrazione Comunale può individuare, nell interesse della cittadinanza, altri settori di intervento in base alle esigenze che potranno verificarsi nel corso dell espletamento dei servizi. Natura del rapporto, tipologia assunzione e compenso. La collaborazione dell utente nello svolgimento di attività di competenza del Comune è volontaria,, viene ribadito dalla Legge Regionale n 20/2005 Norme in materia di promozione dell occupazione sicurezza e qualità del lavoro. Disciplina dei servizi e delle politiche per il lavoro, ed in specifico all art. 35 viene asserito che i cittadini, destinatari di interventi di sostegno economico, ai sensi dell articolo 32 ex Legge Regionale n 4/88 erogato dalla Pubbliche Amministrazioni, potranno essere inseriti nell espletamento di attività (di pertinenza dell Amministrazione), prestata volontariamente e non costituisce rapporto di lavoro. tutti gli incarichi che il Comune affiderà ai soggetti richiedenti non serviranno a coprire carenze d organico, in quanto trattasi di attività rese esclusivamente a favore della collettività al fine di favorire l integrazione delle persone impiegandole nel tessuto sociale di appartenenza e per sostenere in prevalenza soggetti esclusi (per età ecc) dal mercato del lavoro o che lo hanno perso. la durata temporale delle assunzioni è fissata annualmente dalla G.M. in conseguenza agli stanziamenti regionali o Comunali (qualora l Amministrazione integri con fondi propri l azione d intervento regionale). 14

15 ai sensi della delibera Regionale n 14/21 del 06/04/2010, che lascia al Comune di competenza la tipologia di o assunzione per lo svolgimento del Servizio Civico Comunale dei cittadini ammessi potrà avvenire tramite le seguenti opzioni: cooperativa di tipo B che li dovrà assumere per il periodo e secondo il progetto che verrà stilato dal servizio sociale a cui la cooperativa dovrà attenersi. Assunzione da parte del Comune tramite contratto Co. Co. PRO.. Il compenso onnicomprensivo da liquidarsi soggetti inseriti nel Servizio Civico Comunale, verrà calcolato in base ai servizi ed alle ore effettivamente svolte con un corrispettivo orario max di stabilito annualmente in base alla normativa vigente in materia di lavoro ed agli indirizzi della Ras.. 8,00 oppure verrà A favore degli utenti inseriti nel Servizio Civico Comunale l Amministrazione nel caso di assunzione diretta con contratto CO. CO. PRO. provvederà a stipulare apposita polizza assicurativa (tramite assicurazione privata) per la responsabilità civile nei confronti dei terzi, contro gli infortuni che dovessero subire durante lo svolgimento dell attività, alla denuncia unificata e alla copertura INAIL. L orario massimo di servizio giornaliero e settimanale dovrà essere determinato n base all attività da svolgere e in conformità alla delibera reg. n 14/21 del 06/04/2010 dovrà essere limitato e flessibile adeguato alle esigenze, alle potenzialità, alla progettualità personale del cittadino ammesso. ***** PERDITA DEL DIRITTO. Il Servizio Sociale comunicherà agli aventi diritto, l ammissione al Servizio Civico e qualora i soggetti ammessi non si presentino entro tre giorni dall avvenuta comunicazione, saranno considerati rinunciatari a tutti gli effetti e perderanno il diritto al sussidio in questione. Saranno considerati rinunciatari coloro che si assenteranno senza giustificato motivo per più di 3 giorni lavorativi o che si allontaneranno dallo svolgimento dell attività senza effettuare tutte le ore previste (nel caso di servizio civico comunale). RINUNCIA. I cittadini inseriti nel Servizio Civico Comunale possono in qualsiasi momento recedere dall impegno delle attività in essere dandone comunicazione scritta, con preavviso di almeno sette giorni salvo gravi motivi non prevedibili. ************** 15

AZIONI DI CONTRASTO ALLA POVERTA ANNO 2011

AZIONI DI CONTRASTO ALLA POVERTA ANNO 2011 ALLEGATO N. 2 ALLA DELIBERAZIONE N. DEL AZIONI DI CONTRASTO ALLA POVERTA ANNO 2011 PREMESSA Con il presente programma, parte essenziale del più complessivo programma di interventi a favore delle politiche

Dettagli

AZIONI DI CONTRASTO ALLA POVERTA ANNO 2012

AZIONI DI CONTRASTO ALLA POVERTA ANNO 2012 Allegato n. 2 alla Delib.G.R. n. 19/4 del 8.5.2012 AZIONI DI CONTRASTO ALLA POVERTA ANNO 2012 PREMESSA Con il presente programma, parte essenziale del più complessivo programma di interventi a favore delle

Dettagli

U N I O N E C O M U N I D O G L I A S T R A ( O G )

U N I O N E C O M U N I D O G L I A S T R A ( O G ) U N I O N E C O M U N I D O G L I A S T R A ( O G ) COMUNE DI ELINI COMUNE DI ARZANA COMUNE DI LANUSEI COMUNE DI LOCERI COMUNE DI BARI SARDO COMUNE DI ILBONO PROGETTO SPERIMENTALE CONTRO LE POVERTÀ ESTREME

Dettagli

CRITERI PER LA REALIZZAZIONE DEGLI INTERVENTI DI CONTRASTO DELLE POVERTA

CRITERI PER LA REALIZZAZIONE DEGLI INTERVENTI DI CONTRASTO DELLE POVERTA COMUNE DI MOGORO Provincia di Oristano CRITERI PER LA REALIZZAZIONE DEGLI INTERVENTI DI CONTRASTO DELLE POVERTA Finanziamento anno 2014 1 Art. 1 Oggetto Il presente documento stabilisce i criteri per la

Dettagli

COMUNE DI DOMUS DE MARIA (Provincia di Cagliari) REGOLAMENTO COMUNALE

COMUNE DI DOMUS DE MARIA (Provincia di Cagliari) REGOLAMENTO COMUNALE COMUNE DI DOMUS DE MARIA (Provincia di Cagliari) REGOLAMENTO COMUNALE SERVIZIO CIVICO COMUNALE LINEE D INTERVENTO 1 2 3 PROGRAMMA REGIONALE DI AZIONI DI CONTRASTO ALLA POVERTA ***************************

Dettagli

BANDO DI SELEZIONE PER LA PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE DI AMMISSIONE ALLE AZIONI DI CONTRASTO ALLA POVERTA'

BANDO DI SELEZIONE PER LA PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE DI AMMISSIONE ALLE AZIONI DI CONTRASTO ALLA POVERTA' Allegato alla Determinazione n. 7 del.0.00 COMUNE DI LACONI Provincia di Oristano Servizio Sociale BANDO DI SELEZIONE PER LA PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE DI AMMISSIONE ALLE AZIONI DI CONTRASTO ALLA POVERTA'

Dettagli

REGOLAMENTO SERVIZIO CIVICO COMUNALE

REGOLAMENTO SERVIZIO CIVICO COMUNALE COMUNE DI DOMUS DE MARIA REGOLAMENTO SERVIZIO CIVICO COMUNALE INSERIMENTO LAVORATIVO DI PERSONE IN SITUAZIONE DI SVANTAGGIO LINEA D INTERVENTO 3 PROGRAMMA REGIONALE DI AZIONI DI CONTRASTO ALLA POVERTA

Dettagli

DISCIPLINARE COMUNALE

DISCIPLINARE COMUNALE COMUNE DI GESICO GESTIONE DEL PROGRAMMA REGIONALE AZIONI DI CONTRASTO ALLA POVERTA LINEA D INTERVENTO 3 CONCESSIONE DI SUSSIDI PER LO SVOLGIMENTO DEL SERVIZIO CIVICO DISCIPLINARE COMUNALE Programma anno

Dettagli

BANDO PUBBLICO PER LA PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE DI AMMISSIONE AL PROGRAMMA PER LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI DI CONTRASTO ALLE POVERTA ESTREME

BANDO PUBBLICO PER LA PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE DI AMMISSIONE AL PROGRAMMA PER LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI DI CONTRASTO ALLE POVERTA ESTREME Prot. n. 946 Del /3/4 BANDO PUBBLICO PER LA PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE DI AMMISSIONE AL PROGRAMMA PER LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI DI CONTRASTO ALLE POVERTA ESTREME ANNUALITA 3 Il Responsabile del Servizio

Dettagli

CRITERI PER LA REALIZZAZIONE DEGLI INTERVENTI DI CONTRASTO DELLE POVERTA ESTREME

CRITERI PER LA REALIZZAZIONE DEGLI INTERVENTI DI CONTRASTO DELLE POVERTA ESTREME COMUNE DI MOGORO Provincia di Oristano CRITERI PER LA REALIZZAZIONE DEGLI INTERVENTI DI CONTRASTO DELLE POVERTA ESTREME Finanziamento anno 2011 1 Articolo 1 - Oggetto Il presente regolamento disciplina

Dettagli

Gli interventi di contrasto delle povertà in Sardegna

Gli interventi di contrasto delle povertà in Sardegna Gli interventi di contrasto delle povertà in Sardegna Premessa La Regione Sardegna approva il 1 programma di contrasto delle povertà, in forma sperimentale, nell anno 2007 prevedendo 2 linee d intervento

Dettagli

COMUNE DI SANT ANTIOCO (Provincia di Carbonia- Iglesias)

COMUNE DI SANT ANTIOCO (Provincia di Carbonia- Iglesias) COMUNE DI SANT ANTIOCO (Provincia di Carbonia- Iglesias) BANDO PUBBLICO PROGRAMMA PER LA REALIZZAZIONE DI AZIONI DI CONTRASTO DELLE POVERTA - Linea di intervento 3 - CONCESSIONE DI SUSSIDI PER LO SVOLGIMENTO

Dettagli

COMUNE GENONI PROVINCIA ORISTANO BANDO SELEZIONE

COMUNE GENONI PROVINCIA ORISTANO BANDO SELEZIONE COMUNE GENONI PROVINCIA ORISTANO BANDO SELEZIONE PER LA PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE DI AMMISSIONE AL PROGRAMMA SPERIMENTALE PER LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI DI CONTRASTO DELLE POVERTA ESTREME SERVIZI

Dettagli

COMUNE DI VILLA SANT ANTONIO

COMUNE DI VILLA SANT ANTONIO CRITERI PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGRAMMA AZIONI DI CONTRASTO DELLE POVERTÀ ANNUALITA 2013 DELIBERAZIONE G.R. N. 19/4 DEL 08.05.2012 DELIBERAZIONE G.R. N. 39/9 DEL 26.09.2013 1 Il presente documento disciplina

Dettagli

AZIONI DI CONTRASTO ALLA POVERTA PROGRAMMA 2012 - ANNUALITA 2013

AZIONI DI CONTRASTO ALLA POVERTA PROGRAMMA 2012 - ANNUALITA 2013 AVVISO PUBBLICO AZIONI DI CONTRASTO ALLA POVERTA PROGRAMMA 2012 - ANNUALITA 2013 IL RESPONSABILE DEL in attuazione della deliberazione della Giunta Regionale n.19/04 dell 08/05/2012 e delle linee guida

Dettagli

PROVINCIA DEL MEDIO CAMPIDANO REGOLAMENTO

PROVINCIA DEL MEDIO CAMPIDANO REGOLAMENTO COMUNE DI VILLACIDRO PROVINCIA DEL MEDIO CAMPIDANO REGOLAMENTO PER LA PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE DI AMMISSIONE AL PROGRAMMA PER LA REALIZZAZIONE DI AZIONI DI CONTRASTO ALLA POVERTA LINEA 2 - FINANZIAMENTO

Dettagli

COMUNE DI BARUMINI. Provincia del Medio Campidano

COMUNE DI BARUMINI. Provincia del Medio Campidano COMUNE DI BARUMINI Provincia del Medio Campidano ---------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------Viale San Francesco 5 c.a.p.

Dettagli

COMUNE DI PULA Provincia di Cagliari

COMUNE DI PULA Provincia di Cagliari COMUNE DI PULA Provincia di Cagliari BANDO DI SELEZIONE CRITERI PER LA PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE DI AMMISSIONE AL PROGRAMMA PER LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI DI CONTRASTO DELLE POVERTA ANNUALITA 2013.

Dettagli

COMUNE DI CAPOTERRA AVVISO PUBBLICO

COMUNE DI CAPOTERRA AVVISO PUBBLICO COMUNE DI CAPOTERRA Provincia di Cagliari 6 Settore Servizi Sociali AVVISO PUBBLICO approvato con Determinazione del Responsabile del Settore n 467 del 06/06/2013 PER LA PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE DI

Dettagli

COMUNE DI SEDINI Provincia di Sassari Via La Rampa,20-07035 Sedini Tel 079/589200 Fax 079/589216 C.F. 80003520907 P.

COMUNE DI SEDINI Provincia di Sassari Via La Rampa,20-07035 Sedini Tel 079/589200 Fax 079/589216 C.F. 80003520907 P. COMUNE DI SEDINI Provincia di Sassari Via La Rampa,20-07035 Sedini Tel 079/589200 Fax 079/589216 C.F. 80003520907 P.Iva 01257180909 E-mail ssociali@comune.sedini.ss.it www.comune.sedini.ss.it BANDO PER

Dettagli

C O M U N E D I P A D R I A (Provincia di Sassari) Servizio Socio Assistenziale AVVISO PUBBLICO

C O M U N E D I P A D R I A (Provincia di Sassari) Servizio Socio Assistenziale AVVISO PUBBLICO C O M U N E D I P A D R I A (Provincia di Sassari) PIAZZA DEL COMUNE PADRIA TEL. 079/807018 FAX 079/807323 - E MAIL :SOCIALE@COMUNE.PADRIA.SS.IT Servizio Socio Assistenziale AVVISO PUBBLICO BANDO: PROGRAMMA

Dettagli

COMUNE DI BALLAO PROVINCIA DI CAGLIARI. BANDO PUBBLICO PROGRAMMA DI AZIONI DI CONTRASTO ALLA POVERTÀ - ANNO 2013 D.G.R. n. 39/9 del 26/09/2013

COMUNE DI BALLAO PROVINCIA DI CAGLIARI. BANDO PUBBLICO PROGRAMMA DI AZIONI DI CONTRASTO ALLA POVERTÀ - ANNO 2013 D.G.R. n. 39/9 del 26/09/2013 COMUNE DI BALLAO PROVINCIA DI CAGLIARI BANDO PUBBLICO PROGRAMMA DI AZIONI DI CONTRASTO ALLA POVERTÀ - ANNO 2013 D.G.R. n. 39/9 del 26/09/2013 IL RESPONSABILE DEI SERVIZI SOCIALI VISTA la L.R. n. 21 del

Dettagli

LINEA D INTERVENTO 1 SOSTEGNO ECONOMICO E PROGETTI PERSONALIZZATI DI AIUTO

LINEA D INTERVENTO 1 SOSTEGNO ECONOMICO E PROGETTI PERSONALIZZATI DI AIUTO COMUNE DI ZEDDIANI Provincia di Oristano Via Roma, 103 - CAP 09070 AVVISO PUBBLICO LINEA D INTERVENTO 1 SOSTEGNO ECONOMICO E PROGETTI PERSONALIZZATI DI AIUTO IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO VISTE: la deliberazione

Dettagli

COMUNE DI VILLASOR. Provincia di Cagliari

COMUNE DI VILLASOR. Provincia di Cagliari COMUNE DI VILLASOR Provincia di Cagliari PROGRAMMA PER LA REALIZZAZIONE DI AZIONI DI CONTRASTO ALLE POVERTA (Deliberazione G.R. 39/9 del 26.09.2013) Programma 2013 Integrazione Direttive Giunta Comunale

Dettagli

Allegato n. 2 alla deliberazione C.C. n. 04 del 27.02.2014 PROVINCIA DEL MEDIO CAMPIDANO REGOLAMENTO AZIONI DI CONTRASTO ALLA POVERTA ESTREMA LINEA 3

Allegato n. 2 alla deliberazione C.C. n. 04 del 27.02.2014 PROVINCIA DEL MEDIO CAMPIDANO REGOLAMENTO AZIONI DI CONTRASTO ALLA POVERTA ESTREMA LINEA 3 COMUNE DI VILLACIDRO PROVINCIA DEL MEDIO CAMPIDANO REGOLAMENTO AZIONI DI CONTRASTO ALLA POVERTA ESTREMA LINEA 3 1 ART. 1 - OGGETTO Il presente Regolamento ha come oggetto l istituzione, nel territorio

Dettagli

ART. 1 Finalità del regolamento ART. 2 Definizione servizio e destinatari

ART. 1 Finalità del regolamento ART. 2 Definizione servizio e destinatari Approvato con deliberazione Consiglio Comunale n. 4 del 24.02.2014 1 ART. 1 Finalità del regolamento 1. Nel rispetto dei principi e finalità degli interventi socio assistenziali ed in conformità a quanto

Dettagli

COMUNE di BUSACHI. Provincia di Oristano. Prot. n 2064 Busachi 16.04.2013

COMUNE di BUSACHI. Provincia di Oristano. Prot. n 2064 Busachi 16.04.2013 COMUNE di BUSACHI Provincia di Oristano Prot. n 2064 Busachi 6.04.203 CONDIZIONI E PROCEDURE PER ACCEDERE AL PROGRAMMA AZIONI DI CONTRASTO ALLE POVERTA ESTREME 6^ ANNUALITA BANDO DI CONCORSO LINEA DI INTERVENTO

Dettagli

COMUNE DI SENEGHE PROVINCIA DI ORISTANO. AREA SERVIZI ALLA PERSONA Servizio sociale

COMUNE DI SENEGHE PROVINCIA DI ORISTANO. AREA SERVIZI ALLA PERSONA Servizio sociale COMUNE DI SENEGHE PROVINCIA DI ORISTANO AREA SERVIZI ALLA PERSONA Servizio sociale REGOLAMENTO COMUNALE PER LA REALIZZAZIONE DEGLI INTERVENTI DI CONTRASTO DELLE POVERTA ESTREME Linee di intervento --3.

Dettagli

BANDO PUBBLICO PER IL SOSTEGNO AL REDDITO PER PERSONE E/O FAMIGLIE IN SITUAZIONE DI DIFFICOLTÀ ECONOMICHE O DISAGIO PER LA PERDITA DEL LAVORO

BANDO PUBBLICO PER IL SOSTEGNO AL REDDITO PER PERSONE E/O FAMIGLIE IN SITUAZIONE DI DIFFICOLTÀ ECONOMICHE O DISAGIO PER LA PERDITA DEL LAVORO BANDO PUBBLICO PER IL SOSTEGNO AL REDDITO PER PERSONE E/O FAMIGLIE IN SITUAZIONE DI DIFFICOLTÀ ECONOMICHE O DISAGIO PER LA PERDITA DEL LAVORO E indetto il bando di cui alla D.G.C. n. 91 del 07/11/2014

Dettagli

ARTICOLO 1 OGGETTI E RIFERIMENTI ARTICOLO 2 DESTINATARI ARTICOLO 3 AMBITO DI APPLICAZIONE

ARTICOLO 1 OGGETTI E RIFERIMENTI ARTICOLO 2 DESTINATARI ARTICOLO 3 AMBITO DI APPLICAZIONE I.S.E.E. Comune di Caselette ARTICOLO 1 OGGETTI E RIFERIMENTI Il presente regolamento è finalizzato all individuazione delle condizioni economiche richieste per l accesso alle prestazioni comunali agevolate,

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI STRAORDINARI A NUCLEI FAMILIARI IN DIFFICOLTÀ ECONOMICHE CONSEGUENTI A PROBLEMATICHE LAVORATIVE

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI STRAORDINARI A NUCLEI FAMILIARI IN DIFFICOLTÀ ECONOMICHE CONSEGUENTI A PROBLEMATICHE LAVORATIVE REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI STRAORDINARI A NUCLEI FAMILIARI IN DIFFICOLTÀ ECONOMICHE CONSEGUENTI A PROBLEMATICHE LAVORATIVE Approvato con delibera di Consiglio Comunale n. 39

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI E PRESTAZIONI IN CAMPO SOCIALE

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI E PRESTAZIONI IN CAMPO SOCIALE COMUNE DI PATU Provincia di Lecce - Regolamento Comunale REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI E PRESTAZIONI IN CAMPO SOCIALE Approvato con Deliberazione del Consiglio Comunale n. 2 del 12/03/2014

Dettagli

INTERVENTI DI CONTRASTO DELLE POVERTA ESTREME BANDO DI CONCORSO

INTERVENTI DI CONTRASTO DELLE POVERTA ESTREME BANDO DI CONCORSO COMUNE DI ORISTANO Comuni de Aristanis Settore Servizi alla Persona e Cittadinanza INTERVENTI DI CONTRASTO DELLE POVERTA ESTREME CONCESSIONE DI SUSSIDI A FAVORE DI PERSONE E NUCLEI FAMILIARI IN CONDIZIONE

Dettagli

COMUNE DI MONZAMBANO Provincia di Mantova

COMUNE DI MONZAMBANO Provincia di Mantova COMUNE DI MONZAMBANO Provincia di Mantova Piazza Vittorio Emanuele 46040 Monzambano tel. 0376800502 fax 0376809348 REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ECONOMICI AI FINI SOCIO-ASSISTENZIALI

Dettagli

COMUNE DI ITTIRI (PROVINCIA DI SASSARI)

COMUNE DI ITTIRI (PROVINCIA DI SASSARI) ORIGINALE COMUNE DI ITTIRI (PROVINCIA DI SASSARI) SETTORE SOCIO-ASSISTENZIALE CULTURALE E SCOLASTICO DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DEL SETTORE REG. N. 41 DEL 01/02/2013 OGGETTO: AZIONI DI CONTRASTO ALLA

Dettagli

COMUNE DI OGGIONO PROVINCIA DI LECCO

COMUNE DI OGGIONO PROVINCIA DI LECCO COMUNE DI OGGIONO PROVINCIA DI LECCO REGOLAMENTO PER L ASSEGNAZIONE DEI MINI ALLOGGI RISERVATI A PERSONE ANZIANE Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale In data 08.02.2007 N 7 1 I N D I C E Art.

Dettagli

Settore Socio-Educativo. Assistenza domiciliare. Fattori della qualità. Competenza Professionalità degli operatori. Indicatori di qualità

Settore Socio-Educativo. Assistenza domiciliare. Fattori della qualità. Competenza Professionalità degli operatori. Indicatori di qualità Settore Socio-Educativo Fattori della qualità Indicatori di qualità Competenza Professionalità degli operatori Grado di soddisfazione degli utenti: 70% di soddisfazione del campione esaminato. Monitoraggio

Dettagli

COMUNE DI BUDONI Provincia di Olbia Tempio

COMUNE DI BUDONI Provincia di Olbia Tempio PROT. 1542 BANDO PER L ATTIVAZIONE Provincia di Olbia DEL Tempio PROGRAMMA AZIONI DI CONTRASTO ALLA POVERTA - ANNO 2014. LA RESPONSABILE DEL SETTORE CULTURA, PUBBLICA ISTRUZIONE, SPORT, SPETTACOLO, POLITICHE

Dettagli

REGOLAMENTO per l ASSISTENZA ECONOMICA. del Comune di Capaci. (approvato con Delibera consiliare n. 52 del 30.09.2004)

REGOLAMENTO per l ASSISTENZA ECONOMICA. del Comune di Capaci. (approvato con Delibera consiliare n. 52 del 30.09.2004) REGOLAMENTO per l ASSISTENZA ECONOMICA del Comune di Capaci (approvato con Delibera consiliare n. 52 del 30.09.2004) Art. 1 OGGETTO E FINALITA DEL REGOLAMENTO Il presente Regolamento, in esecuzione della

Dettagli

COMUNE DI PULA Provincia di Cagliari. Bando Pubblico

COMUNE DI PULA Provincia di Cagliari. Bando Pubblico COMUNE DI PULA Provincia di Cagliari Bando Pubblico Criteri per la presentazione delle domande di ammissione al programma per la realizzazione di interventi di Contrasto Delle Povertà Persistenti e Transitorie.

Dettagli

COMUNE DI CAMPAGNANO DI ROMA

COMUNE DI CAMPAGNANO DI ROMA COMUNE DI CAMPAGNANO DI ROMA PROVINCIA DI ROMA Tel. 06-9015601 Fax. 06-9041991 Piazza C. Leonelli n 15 C.A.P. 00063 www.comunecampagnano.it SETTORE IV - Servizi 2/3 Politiche Sociali BANDO PER L ASSEGNAZIONE,

Dettagli

COMUNE DI PACECO PROVINCIA REGIONALE DI TRAPANI REGOLAMENTO COMUNALE ASSISTENZA DOMICILIARE

COMUNE DI PACECO PROVINCIA REGIONALE DI TRAPANI REGOLAMENTO COMUNALE ASSISTENZA DOMICILIARE COMUNE DI PACECO PROVINCIA REGIONALE DI TRAPANI REGOLAMENTO COMUNALE ASSISTENZA DOMICILIARE Approvato con delibera n. 16 adottata dal Commissario Straordinario nella seduta del 13.09.2007 Articolo 1 -

Dettagli

REGOLAMENTO PER L INTEGRAZIONE DELLE RETTE DI RICOVERO DI ANZIANI E DISABILI IN STRUTTURE

REGOLAMENTO PER L INTEGRAZIONE DELLE RETTE DI RICOVERO DI ANZIANI E DISABILI IN STRUTTURE UNIONE COMUNI DEL BASSO VICENTINO _Alonte, Asigliano Veneto, Orgiano, Pojana Maggiore_ REGOLAMENTO PER L INTEGRAZIONE DELLE RETTE DI RICOVERO DI ANZIANI E DISABILI IN STRUTTURE Approvato con deliberazione

Dettagli

COMUNE DI DECIMOMANNU

COMUNE DI DECIMOMANNU COMUNE DI DECIMOMANNU Provincia di Cagliari DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE Numero 123 del 04-10-13 COPIA Oggetto: AZIONI DI CONTRASTO ALLE POVERTÀ - ANNO 2013 - MODIFICA DELIBERAZIONE DI GIUNTA COMUNALE

Dettagli

Comune di Sassari Settore Coesione sociale e Pari Opportunità

Comune di Sassari Settore Coesione sociale e Pari Opportunità CONTRIBUTI E SOSTEGNO ECONOMICO A PERSONE IN SITUAZIONE DI POVERTA' E DISAGIO PROGRAMMA REGIONALE DI CUI ALLA DGR n. 48/7 del 02/10/2015 SCHEDA INFORMATIVA CHE COS'È Il Programma Regionale prevede un sostegno

Dettagli

AVVISO PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ECONOMICI ORDINARI ANNO 2015

AVVISO PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ECONOMICI ORDINARI ANNO 2015 All. A AVVISO PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ECONOMICI ORDINARI ANNO 2015 IL RESPONSABILE AREA SERVIZI ALLA PERSONA In attuazione della deliberazione di Giunta Comunale n. 6 del 15/07/2015 e della determinazione

Dettagli

COMUNE DI CASTELFRANCO VENETO

COMUNE DI CASTELFRANCO VENETO COMUNE DI CASTELFRANCO VENETO ********** Allegato sub A alla deliberazione C.C. n. 70 del 26 maggio 2003 REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DEGLI INTERVENTI ECONOMICI NEL CAMPO DEI SERVIZI SOCIALI Premessa

Dettagli

COMUNE DI NISCEMI RIPARTIZIONE SERVIZI SOCIALI-PUBBLICA ISTRUZIONE-TURISMO SPORT E SPETTACOLO AVVISO PUBBLICO

COMUNE DI NISCEMI RIPARTIZIONE SERVIZI SOCIALI-PUBBLICA ISTRUZIONE-TURISMO SPORT E SPETTACOLO AVVISO PUBBLICO COMUNE DI NISCEMI RIPARTIZIONE SERVIZI SOCIALI-PUBBLICA ISTRUZIONE-TURISMO SPORT E SPETTACOLO AVVISO PUBBLICO PER LA SELEZIONE BENEFICIARI SERVIZIO ASSEGNO CIVICO IN FAVORE DI CITTADINI E/O FAMIGLIE CHE

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO TRASPORTO TRAMITE TAXI SOCIALE. Art. 1 - Finalità

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO TRASPORTO TRAMITE TAXI SOCIALE. Art. 1 - Finalità REGOLAMENTO DEL SERVIZIO TRASPORTO TRAMITE TAXI SOCIALE Art. 1 - Finalità Il Comune di San Giovanni Lupatoto, in un ottica di politica sociale finalizzata al miglioramento della vita dei cittadini che

Dettagli

Regolamento per l assegnazione di finanziamenti finalizzati all acquisto della abitazione da parte di giovani cittadini residenti nei comuni della

Regolamento per l assegnazione di finanziamenti finalizzati all acquisto della abitazione da parte di giovani cittadini residenti nei comuni della Regolamento per l assegnazione di finanziamenti finalizzati all acquisto della abitazione da parte di giovani cittadini residenti nei comuni della provincia di Cremona Approvato con D.C.P. n. 165 del 17.12.2008

Dettagli

REGOLAMENTO RELATIVO ALLA PROMOZIONE E SOSTEGNO DEL SERVIZIO NIDO FA MILIARE SERVIZIO TAGESM ÜTTER

REGOLAMENTO RELATIVO ALLA PROMOZIONE E SOSTEGNO DEL SERVIZIO NIDO FA MILIARE SERVIZIO TAGESM ÜTTER COMUNE DI CARANO PROVINCIA DI TRENTO REGOLAMENTO RELATIVO ALLA PROMOZIONE E SOSTEGNO DEL SERVIZIO NIDO FA MILIARE SERVIZIO TAGESM ÜTTER Approvato con deliberazione C.C. nr. 28 dd. 29.11.2007. In vigore

Dettagli

C O M U N E di F O R M I A Provincia di Latina

C O M U N E di F O R M I A Provincia di Latina C O M U N E di F O R M I A Provincia di Latina REGOLAMENTO DELL ASSISTENZA ECONOMICA IN FAVORE DI PERSONE BISOGNOSE E A RISCHIO DI EMARGINAZIONE PREMESSA Vista la L.R.9.9.1996 n.38 Riordino, programmazione

Dettagli

Comune di Cupra Marittima Provincia di Ascoli Piceno

Comune di Cupra Marittima Provincia di Ascoli Piceno BANDO DI CONCORSO PUBBLICO PER LA CONCESSIONE DEI CONTRIBUTI FINALIZZATI A SOSTENERE L'ACCESSO ALLE ABITAZIONI IN LOCAZIONE PRIVATA, AI SENSI DELL'ARTICOLO 11 DELLA LEGGE 9 DICEMBRE 1998. N. 431. ANNO

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DELL ASSEGNO DI ASSISTENZA PER ANZIANI

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DELL ASSEGNO DI ASSISTENZA PER ANZIANI REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DELL ASSEGNO DI ASSISTENZA PER ANZIANI Art. 1 - FINALITA In accordo con gli indirizzi nazionali fissati dal Piano nazionale degli interventi e dei servizi sociali 2001-2003

Dettagli

REGOLAMENTO SERVIZIO CIVICO ART. 1 SCOPO DEL SERVIZIO ART. 2 DESTINATARI DEL SERVIZIO

REGOLAMENTO SERVIZIO CIVICO ART. 1 SCOPO DEL SERVIZIO ART. 2 DESTINATARI DEL SERVIZIO REGOLAMENTO SERVIZIO CIVICO ART. 1 SCOPO DEL SERVIZIO Il Servizio Civico disciplinato dal presente Regolamento ha come scopo il reinserimento sociale, mediante assegnazione di un impegno lavorativo ai

Dettagli

LINEE GUIDA PER L EROGAZIONE DELL ASSISTENZA ECONOMICA NEL COMUNE DI CASINA IN FAVORE DI PERSONE E FAMIGLIE ADULTE E ANZIANE ART.

LINEE GUIDA PER L EROGAZIONE DELL ASSISTENZA ECONOMICA NEL COMUNE DI CASINA IN FAVORE DI PERSONE E FAMIGLIE ADULTE E ANZIANE ART. LINEE GUIDA PER L EROGAZIONE DELL ASSISTENZA ECONOMICA NEL COMUNE DI CASINA IN FAVORE DI PERSONE E FAMIGLIE ADULTE E ANZIANE ART. 1 (OGGETTO) L Amministrazione Comunale di Casina condividendo le finalità

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA PARTECIPAZIONE AL COSTO DEI SERVIZI RIVOLTI ALLA POPOLAZIONE ANZIANA DEI COMUNI DI BRISIGHELLA, CASOLA VALSENIO E RIOLO TERME

REGOLAMENTO PER LA PARTECIPAZIONE AL COSTO DEI SERVIZI RIVOLTI ALLA POPOLAZIONE ANZIANA DEI COMUNI DI BRISIGHELLA, CASOLA VALSENIO E RIOLO TERME COMUNE DI RIOLO TERME Provincia di Ravenna REGOLAMENTO PER LA PARTECIPAZIONE AL COSTO DEI SERVIZI RIVOLTI ALLA POPOLAZIONE ANZIANA DEI COMUNI DI BRISIGHELLA, CASOLA VALSENIO E RIOLO TERME Approvato con

Dettagli

17 MARZO 2014/ 15 APRILE 2014 CRITERI PER L EROGAZIONE DI BUONI SOCIALI A FAVORE DI PERSONE CON DISABILITA GRAVE E PER ANZIANI NON AUTOSUFFICIENTI

17 MARZO 2014/ 15 APRILE 2014 CRITERI PER L EROGAZIONE DI BUONI SOCIALI A FAVORE DI PERSONE CON DISABILITA GRAVE E PER ANZIANI NON AUTOSUFFICIENTI 17 MARZO 2014/ 15 APRILE 2014 CRITERI PER L EROGAZIONE DI BUONI SOCIALI A FAVORE DI PERSONE CON DISABILITA GRAVE E PER ANZIANI NON AUTOSUFFICIENTI ART. 1 OGGETTO e FINALITA Il presente documento disciplina

Dettagli

BANDO 2014 PER L ACCESSO AI CONTRIBUTI A SOSTEGNO DELL ISTRUZIONE FINANZIATI CON FONDI REGIONALI E COMUNALI

BANDO 2014 PER L ACCESSO AI CONTRIBUTI A SOSTEGNO DELL ISTRUZIONE FINANZIATI CON FONDI REGIONALI E COMUNALI C O M U N E di A S S E M I N I Provincia di Cagliari AREA AMMINISTRAZIONE E FINANZE SERVIZIO ISTRUZIONE Ufficio Istruzione - Via Cagliari snc (ex Scuole Pintus) - tel. e fax 070\949476-070\949458 e-mail

Dettagli

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE 6 BANDO PER INTERVENTI A FAVORE DI STUDENTI DIVERSAMENTE ABILI ANNO ACCADEMICO 2014/2015. Art. 1 OGGETTO DEL CONCORSO Al fine di rimuovere gli ostacoli che impediscono agli studenti diversamente abili

Dettagli

COMUNE DI PALMI AREA POLITICHE DEL WELFARE

COMUNE DI PALMI AREA POLITICHE DEL WELFARE COMUNE DI PALMI AREA POLITICHE DEL WELFARE REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI ECONOMICI DI TIPO SOCIO-ASSISTENZIALE AI CITTADINI E ALLE ASSOCIAZIONI DI VOLONTARIATO ART. 1- OGGETTO DEL REGOLAMENTO

Dettagli

REGOLAMENTO DI DISCIPLINA DEGLI INTERVENTI RIVOLTI A PERSONE DISABILI

REGOLAMENTO DI DISCIPLINA DEGLI INTERVENTI RIVOLTI A PERSONE DISABILI Regolamento comunale n. 79 COMUNE di MADONE Provincia di Bergamo REGOLAMENTO DI DISCIPLINA DEGLI INTERVENTI RIVOLTI A PERSONE DISABILI Approvato con deliberazione dal Consiglio Comunale n. 14 del 26 febbraio

Dettagli

COMUNE DI SARROCH Provincia di Cagliari

COMUNE DI SARROCH Provincia di Cagliari COMUNE DI SARROCH Provincia di Cagliari IL RESPONSABILE DEL SETTORE SERVIZI SOCIALI In attuazione delle disposizioni della deliberazione della Giunta Comunale n. 49 del 06 agosto 2014, con la quale sono

Dettagli

COMUNE DI CORCIANO Provincia di Perugia

COMUNE DI CORCIANO Provincia di Perugia COMUNE DI CORCIANO Provincia di Perugia REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DETERMINAZIONE DEI CRITERI E DELLE SOGLIE MASSIME I.S.E.E. PER L ACCESSO AI SERVIZI SOCIALI GESTITI IN FORMA ASSOCIATA E AL SERVIZIO

Dettagli

PIANO STRAORDINARIO ANTICRISI

PIANO STRAORDINARIO ANTICRISI Prot.Gen.n.6829 Del 14/02/2014 PIANO STRAORDINARIO ANTICRISI BANDO PUBBLICO PER L ASSEGNAZIONE DI TITOLI SOCIALI PER IL SOSTEGNO AL REDDITO ALLE FAMIGLIE IN SITUAZIONE DI CRISI SOCIO-ECONOMICA Delibera

Dettagli

COMUNE DI CARMIGNANO P.za Giacomo Matteotti, 1 59015 CARMIGNANO (PO)

COMUNE DI CARMIGNANO P.za Giacomo Matteotti, 1 59015 CARMIGNANO (PO) COMUNE DI CARMIGNANO P.za Giacomo Matteotti, 1 59015 CARMIGNANO (PO) Tel. 055 875011 Fax 055 8750301 P.I. 00255160970 C.F. 01342090485 www.comune.carmignano.po.it REGOLAMENTO SULLE MODALITA DI COMPARTECIPAZIONE

Dettagli

INTERVENTI VARI. Come si richiede? Presentendosi personalmente o inoltrando richiesta scritta indirizzata al Sindaco.

INTERVENTI VARI. Come si richiede? Presentendosi personalmente o inoltrando richiesta scritta indirizzata al Sindaco. INTERVENTI VARI SEGRETARIATO SOCIALE Che cos è? Il segretariato è un servizio che mette la professionalità degli assistenti sociali a disposizione dei cittadini, fornendo informazioni sulle risorse sociali

Dettagli

PROTOCOLLO D INDIRIZZO PER L EROGAZIONE DEL BUONO SOCIALE

PROTOCOLLO D INDIRIZZO PER L EROGAZIONE DEL BUONO SOCIALE PROTOCOLLO D INDIRIZZO PER L EROGAZIONE DEL BUONO SOCIALE PREMESSA Il presente bando disciplina l erogazione di buoni sociali finanziati attraverso Fondo Non Autosufficienze (FNA). Il Buono Sociale si

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA PROMOZIONE E SOSTEGNO DEL SERVIZIO NIDO FAMILIARE

REGOLAMENTO PER LA PROMOZIONE E SOSTEGNO DEL SERVIZIO NIDO FAMILIARE Comune di N A G O - T O R B O L E (Provincia di Trento) REGOLAMENTO PER LA PROMOZIONE E SOSTEGNO DEL SERVIZIO NIDO FAMILIARE SERVIZIO TAGESMUTTER Approvato con deliberazione consiliare n. 24/2006 dd. 28.06.2006

Dettagli

Delibera Giunta Comunale n. 2533/2010 Determina n. 2247 del 15/09/2010

Delibera Giunta Comunale n. 2533/2010 Determina n. 2247 del 15/09/2010 BANDO PUBBLICO PER L ASSEGNAZIONE DI TITOLI SOCIALI PER IL SOSTEGNO AL REDDITO DI PERSONE E/O FAMIGLIE IN SITUAZIONE DI CRISI PER LA PERDITA DEL LAVORO Delibera Giunta Comunale n. 2533/2010 Determina n.

Dettagli

PROVINCIA DI LUCCA COMUNE DI CAMPORGIANO BANDO DI CONCORSO PUBBLICO PER IL DIRITTO ALLO STUDIO A.S. 2011/2012

PROVINCIA DI LUCCA COMUNE DI CAMPORGIANO BANDO DI CONCORSO PUBBLICO PER IL DIRITTO ALLO STUDIO A.S. 2011/2012 \ PROVINCIA DI LUCCA COMUNE DI CAMPORGIANO BANDO DI CONCORSO PUBBLICO PER IL DIRITTO ALLO STUDIO A.S. 2011/2012 Vista la L.R. 32 del 26.7.02 Testo unico della normativa della Regione Toscana in materia

Dettagli

DOMANDA DI ASSEGNAZIONE ALLOGGIO. l sottoscritt nat a il residente a Prov. Via n.

DOMANDA DI ASSEGNAZIONE ALLOGGIO. l sottoscritt nat a il residente a Prov. Via n. Marca da da bollo bollo 14,62 DOMANDA DI ASSEGNAZIONE ALLOGGIO l sottoscritt nat a il residente a Prov. Via n. CHIEDE l assegnazione di un alloggio di Edilizia Residenziale Pubblica adeguato al proprio

Dettagli

Bando pubblico per l erogazione di contributi economici per il sostegno al reddito. - 2 semestre 2016 -

Bando pubblico per l erogazione di contributi economici per il sostegno al reddito. - 2 semestre 2016 - www.comune.paderno-dugnano.mi.it settore Socioculturale segreteria.socioculturale@comune.paderno-dugnano.mi.it Bando pubblico per l erogazione di contributi economici per il sostegno al reddito PREMESSA

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DELLA COMUNITA ALLOGGIO PER ANZIANI

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DELLA COMUNITA ALLOGGIO PER ANZIANI COMUNE DI LUNANO (Provincia di Pesaro e Urbino) REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DELLA COMUNITA ALLOGGIO PER ANZIANI COMUNITA ALLOGGIO PER ANZIANI (L.R. n. 20/2012, art. 3, comma 2, lettera c) Via

Dettagli

Programma regionale per il sostegno economico a famiglie e persone in situazioni di povertà e di disagio

Programma regionale per il sostegno economico a famiglie e persone in situazioni di povertà e di disagio Allegato alla Delib.G.R. n. 48/7 del 2.10.2015 Programma regionale per il sostegno economico a famiglie e persone in situazioni di povertà e di disagio Finalità e obiettivi del programma Il programma regionale

Dettagli

REGOLAMENTO PER L INSERIMENTO LAVORATIVO DEI CITTADINI DESTINATARI DI INTERVENTI DI SOSTEGNO SOCIO - ECONOMICO

REGOLAMENTO PER L INSERIMENTO LAVORATIVO DEI CITTADINI DESTINATARI DI INTERVENTI DI SOSTEGNO SOCIO - ECONOMICO llegato a delibera di Consiglio n. 21 del 06.04.2006 pag 1di 6 COMUNE DI MSULLS Provincia di Oristano REGOLMENTO PER L INSERIMENTO LVORTIVO DEI CITTDINI DESTINTRI DI INTERVENTI DI SOSTEGNO SOCIO - ECONOMICO

Dettagli

Comune di Tavagnacco Provincia di Udine REGOLAMENTO PER LE BORSE LAVORO COMUNALI

Comune di Tavagnacco Provincia di Udine REGOLAMENTO PER LE BORSE LAVORO COMUNALI Comune di Tavagnacco Provincia di Udine REGOLAMENTO PER LE BORSE LAVORO COMUNALI ART. 1 OGGETTO E FINALITÀ Il presente Regolamento disciplina l attivazione di borse lavoro a favore di adulti a rischio

Dettagli

Comune di Azzanello Provincia di Cremona

Comune di Azzanello Provincia di Cremona Comune di Azzanello Provincia di Cremona Regolamento del servizio di assistenza domiciliare prestato dal Comune di Azzanello Approvato con deliberazione di Giunta Comunale n. 47 del 28.10.1996. INDICE

Dettagli

Assegno di cura. Descrizione. Requisiti. Documentazione da presentare. Tempi

Assegno di cura. Descrizione. Requisiti. Documentazione da presentare. Tempi Assegno di cura Contributo che sostituisce i precedenti: per persone non auto assistite a domicilio; per famiglie che assistono persone non autosufficienti con assistenti familiari; per famiglie che assistono

Dettagli

CRITERI PER LA VALUTAZIONE E IL FINANZIAMENTO DEI PIANI PERSONALIZZATI

CRITERI PER LA VALUTAZIONE E IL FINANZIAMENTO DEI PIANI PERSONALIZZATI Allegato A alla Delib.G.G.R. n. 9/15 del 12.2.2013 CRITERI PER LA VALUTAZIONE E IL FINANZIAMENTO DEI PIANI PERSONALIZZATI Per la predisposizione e valutazione dei Piani Personalizzati di sostegno relativi

Dettagli

CITTA DI VIGEVANO REGOLAMENTO PER L ACCESSO AI CONTRIBUTI SU MUTUI FINALIZZATI ALL ACQUISTO DELLA PRIMA CASA DA PARTE DI GIOVANI FAMIGLIE

CITTA DI VIGEVANO REGOLAMENTO PER L ACCESSO AI CONTRIBUTI SU MUTUI FINALIZZATI ALL ACQUISTO DELLA PRIMA CASA DA PARTE DI GIOVANI FAMIGLIE CITTA DI VIGEVANO REGOLAMENTO PER L ACCESSO AI CONTRIBUTI SU MUTUI FINALIZZATI ALL ACQUISTO DELLA PRIMA CASA DA PARTE DI GIOVANI FAMIGLIE Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale in data 19/12/2001

Dettagli

BANDO PER L ASSEGNAZIONE DELLA PRIMA DOTE PER I NUOVI NATI PER LE FAMIGLIE CON FIGLI FINO A 36 MESI.

BANDO PER L ASSEGNAZIONE DELLA PRIMA DOTE PER I NUOVI NATI PER LE FAMIGLIE CON FIGLI FINO A 36 MESI. 1 BANDO PER L ASSEGNAZIONE DELLA PRIMA DOTE PER I NUOVI NATI PER LE FAMIGLIE CON FIGLI FINO A 36 MESI. FINALITA La Regione Puglia ha inteso finalizzare l erogazione del contributo economico di cui al presente

Dettagli

Assessorato alle Politiche Sociali

Assessorato alle Politiche Sociali C o m u n e d i S a r r o c h Assessorato alle Politiche Sociali AL COMUNE DI SARROCH Assessorato alle Politiche Sociali 09018 Sarroch DOMANDA DI ISCRIZIONE ALLE SEZIONE SPERIMENTALE ANNO 2013/2014 Il

Dettagli

AMBITO TERRITORIALE DI BARLETTA

AMBITO TERRITORIALE DI BARLETTA CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida AMBITO TERRITORIALE DI BARLETTA SETTORE Servizi Sociali, Sanitari, Pubblica Istruzione, Sport e Tempo Libero DISCIPLINARE

Dettagli

AVVISO PUBBLICO PER L ACCESSO AI BENEFICI

AVVISO PUBBLICO PER L ACCESSO AI BENEFICI COMUNE DI Atri (Provincia di Teramo) FONDO DELLE POLITICHE PER LA FAMIGLIA Annualità 2010 INTERVENTI A FAVORE DELLE FAMIGLIE NUMEROSE IN DIFFICOLTA ECONOMICA AVVISO PUBBLICO PER L ACCESSO AI BENEFICI IL

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DELLE PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE

REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DELLE PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE Allegato A COMUNE DI FRONTONE Provincia di Pesaro e Urbino REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DELLE PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE Regolamento approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n... del

Dettagli

Capo I Principi generali e definizioni

Capo I Principi generali e definizioni Approvato con Delibera di C.C. n. 8 del 29/03/2011 REGOLAMENTO COMUNALE PER SOSTEGNI ALLE FAMIGLIE CON LA CONCESSIONE DI: - BONUS BEBE CORRELATI ALLE NASCITE ED ALLE ADOZIONI DI MINORI - BONUS LIBRI A

Dettagli

ENTITA E TIPOLOGIA DEI BONUS

ENTITA E TIPOLOGIA DEI BONUS AVVISO PER LA CONCESSIONE DEL BONUS STRAORDINARIO UNA TANTUM ALLE FAMIGLIE CON FIGLI ANNO 2011 per complessivi Euro 23.000 Il Comune con il presente Bando persegue gli obiettivi di: Promuovere la centralità

Dettagli

Comune di Capoterra Provincia di Cagliari Servizio Sociale

Comune di Capoterra Provincia di Cagliari Servizio Sociale Comune di Capoterra Provincia di Cagliari Servizio Sociale REGOLAMENTO PER IL PAGAMENTO DELL INTEGRAZIONE RETTE DI RICOVERO IN STRUTTURE RESIDENZIALI A CARATTERE SOCIO-SANITARIO (RSA E CASA PROTETTA) INDICE

Dettagli

BANDO PER L ASSEGNAZIONE DEL BUONO CASA PER LE GIOVANI COPPIE

BANDO PER L ASSEGNAZIONE DEL BUONO CASA PER LE GIOVANI COPPIE COMUNE DI CAGLIARI Assessorato delle Politiche Sociali Area dei Servizi al cittadino Servizi Socio Assistenziali ed Asili Nido BANDO PER L ASSEGNAZIONE DEL BUONO CASA PER LE GIOVANI COPPIE Ai sensi di

Dettagli

COMUNE DI LEDRO. Provincia di Trento SERVIZIO DI NIDO D INFANZIA COMUNALE

COMUNE DI LEDRO. Provincia di Trento SERVIZIO DI NIDO D INFANZIA COMUNALE . COMUNE DI LEDRO Provincia di Trento SERVIZIO DI NIDO D INFANZIA COMUNALE DISCIPLINARE recante criteri e modalità di presentazione delle domande di accesso e formazione della graduatoria Approvato con

Dettagli

Prot.13693 del 17/09/2015 ASSESSORATO AFFARI GENERALI Ufficio CASA - PATRIMONIO

Prot.13693 del 17/09/2015 ASSESSORATO AFFARI GENERALI Ufficio CASA - PATRIMONIO Prot.13693 del 17/09/2015 ASSESSORATO AFFARI GENERALI Ufficio CASA - PATRIMONIO BANDO DI CONCORSO INDETTO AI SENSI DELLA LEGGE REGIONALE 07/04/2014, N 10 PERL ASSEGNAZIONE IN LOCAZIONE SEMPLICE DEGLI ALLOGGI

Dettagli

CONCORSI PER L ASSEGNAZIONE DEI CONTRIBUTI FINANZIARI INDIVIDUALI A NN O S C OL AS TI CO 2011/2012 (Borse di studio)

CONCORSI PER L ASSEGNAZIONE DEI CONTRIBUTI FINANZIARI INDIVIDUALI A NN O S C OL AS TI CO 2011/2012 (Borse di studio) CONCORSI PER L ASSEGNAZIONE DEI CONTRIBUTI FINANZIARI INDIVIDUALI A NN O S C OL AS TI CO 2011/2012 (Borse di studio) In conformità alle disposizioni previste dal Piano di Indirizzo Generale Integrato 2006-2010

Dettagli

COMUNE DI PESCHIERA DEL GARDA Città Turistica e d Arte REGOLAMENTO PER L INSERIMENTO NEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE

COMUNE DI PESCHIERA DEL GARDA Città Turistica e d Arte REGOLAMENTO PER L INSERIMENTO NEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE COMUNE DI PESCHIERA DEL GARDA Città Turistica e d Arte REGOLAMENTO PER L INSERIMENTO NEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE Approvato con delibera C.S. n. 80 del 21/4/2004 ART. 1 - Premessa Ai sensi della

Dettagli

COMUNE DI LAZZATE Provincia di Milano

COMUNE DI LAZZATE Provincia di Milano COMUNE DI LAZZATE Provincia di Milano Regolamento per il servizio di assistenza domiciliare Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n 83 del 30.09.1997 1/6 SOMMARIO : ARTICOLO 1 - FINALITA DEL

Dettagli

Città di Albino. Provincia di Bergamo

Città di Albino. Provincia di Bergamo Città di Albino (Albì) Provincia di Bergamo REGOLAMENTO COMUNALE PER L INDIVIDUAZIONE DELLA SITUAZIONE ECONOMICA PER L ACCESSO ALLE PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE. (Legge 27 dic. 1997 n. 449 e d.lgs. 31

Dettagli

BANDO PUBBLICO PER L ASSEGNAZIONE DI CONTRIBUTI ECONOMICI A FAVORE DI FAMIGLIE IN SITUAZIONE DI DISAGIO SOCIO-ECONOMICO

BANDO PUBBLICO PER L ASSEGNAZIONE DI CONTRIBUTI ECONOMICI A FAVORE DI FAMIGLIE IN SITUAZIONE DI DISAGIO SOCIO-ECONOMICO BANDO PUBBLICO PER L ASSEGNAZIONE DI CONTRIBUTI ECONOMICI A FAVORE DI FAMIGLIE IN SITUAZIONE DI DISAGIO SOCIO-ECONOMICO PREMESSA A seguito della direttiva prot. n. 108191/10/com del 9.1.01, il Commissario

Dettagli

MODALITA DI COMPARTECIPAZIONE AL COSTO DELLE PRESTAZIONI DA PARTE DELL UTENTE PER I SERVIZI DOMICILIARI, SEMIRESIDENZIALI E RESIDENZIALI

MODALITA DI COMPARTECIPAZIONE AL COSTO DELLE PRESTAZIONI DA PARTE DELL UTENTE PER I SERVIZI DOMICILIARI, SEMIRESIDENZIALI E RESIDENZIALI MODALITA DI COMPARTECIPAZIONE AL COSTO DELLE PRESTAZIONI DA PARTE DELL UTENTE PER I SERVIZI DOMICILIARI, SEMIRESIDENZIALI E RESIDENZIALI La L.R. 41/2005 all art. 2 sancisce il carattere di universalità

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO E L EROGAZIONE DI INTERVENTI DI SOSTEGNO ECONOMICO PER SINGOLI E PER NUCLEI FAMILIARI

REGOLAMENTO PER L ACCESSO E L EROGAZIONE DI INTERVENTI DI SOSTEGNO ECONOMICO PER SINGOLI E PER NUCLEI FAMILIARI Allegato alla deliberazione di C.C. n. 35 del 29/04/2010 COMUNE DI CREVALCORE (Provincia di Bologna) REGOLAMENTO PER L ACCESSO E L EROGAZIONE DI INTERVENTI DI SOSTEGNO ECONOMICO PER SINGOLI E PER NUCLEI

Dettagli

2. Modalità, procedure e termine di presentazione della domanda

2. Modalità, procedure e termine di presentazione della domanda Bando Modalità e procedure per la presentazione delle domande di assegnazione dell ASSEGNO DI STUDIO PER ISCRIZIONE E FREQUENZA Anno scolastico 2013/2014. (L. r. n. 28 del 28/12/2007 art. 12 comma 1 a),

Dettagli