Svolgimento del processo e motivi della decisione

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Svolgimento del processo e motivi della decisione"

Transcript

1 Cassazione Sezione seconda penale sentenza 20 settembre 9 novembre 2007, n Presidente Rizzo Relatore Tavassi Pm Passacantando c onforme Ricorrente Pubblico Ministero presso il Tribunale della Libertà di Bari Svolgimento del processo e motivi della decisione Con decreto del Gip del Tribunale di Bari, in data 19/06/06, veniva disposto il sequestro preventivo a fini di confisca, a norma degli artt. 321 c. 2 cod. proc. pen. e 322 ter cod. pen., della somma di ,00, individuata come prezzo del reato, ed il sequestro per equivalente ex art. 322 ter cod. pen. della somma di ,00, individuata come profitto del reato, nei confronti degli indagati Fitto Raffaele ed Angelucci Giampaolo, in solido tra loro, nonché il sequestro, ai sensi dell'art. 19 D. Lgs. n. 231/01, delle stesse somme nei confronti delle quattro società facenti capo al Gruppo Tosinvest, considerate nella disponibilità dell'angelucci, in solido tra loro e per ciascuno, in quanto possibili responsabili del reato commesso dalle persone fisiche indicate. A seguito di detto provvedimento le quattro società e l'angelucci chiedevano alla Banca di Roma l'apertura di un conto corrente vincolato a favore dell'erario dello Stato, con saldo di ,00 a favore della finanziaria Tosinvest s.p.a., per l'ipotesi di "...eventuale confisca disposta ex art. 322 ter cod. pen. in danno di Giampaolo Angelucci, e/o ex art. 19 D. Lgs. 231/2001 in danno della finanziaria Tosinvest s.p.a, del Consorzio San Raffaele, della Tosinvest Sanità s.p.a. e della Fondazione San Raffaele in riferimento al proc. pen /01 RGNR 5598/03". In base a detta garanzia, i difensori avanzavano in data e richiesta di revoca del sequestro preventivo disposto il sui beni immobili, quote societarie, autoveicoli e conti correnti bancari di proprietà sia dell'angelucci che delle società, precisando nella seconda istanza che la "somma di è riferibile al sequestro preventivo nei confronti del dott. Angelucci, mentre l'ulteriore somma di ,00 nei confronti delle persone giuridiche si riferisce al provvedimento di sequestro operato ai sensi dell'art. 19 D. Lgs. 231/2001."

2 Il PM inquirente, con provvedimento del , disponeva, da un lato, la sostituzione dell'oggetto dei beni delle persone giuridiche, ordinando alla PG di porre sotto sequestro il conto corrente sopraindicato; dall'altro, disponeva il dissequestro di tutti i beni sequestrati alle persone giuridiche, ordinando la trasmissione degli atti al GIP, con richiesta di conferma del provvedimento di sequestro per l'angelucci. Con successivo provvedimento in data , il GIP ordinava il dissequestro di tutti i beni, assumendo che la somma del conto corrente sarebbe stata sostanzialmente posta in sostituzione dei beni sequestrati alle persone giuridiche, respingeva la richiesta del PM e revocava il sequestro dei beni personali dell'angelucci. Analoga istanza di revoca rispetto a quella dell'angelucci formulavano i difensori di Fitto Raffaele in data , deducendo la sopravvenuta carenza del quadro indiziario ed il venir meno del periculum in mora per l'avvenuta messa a disposizione di una somma equivalente al prezzo ed al profitto del reato in esame, da parte del coindagato e delle società del gruppo ad esso riconducibili. In data il GIP revocava anche il sequestro dei beni facenti capo a Fitto Raffaele. Contro tale provvedimento proponeva appello il PM presso la Procura della Repubblica del Tribunale di Bari. Il Tribunale di Bari, in composizione collegiale in sede di riesame, con ordinanza in data (depositata il ), rigettava l'appello del PM, e per l'effetto, confermava l'ordinanza di revoca del sequestro dei beni personali di Fitto Raffaele emessa dal GIP. In data 14/04/07, il Procuratore della Repubblica presso il Tribunale di Bari proponeva ricorso. Questi deduceva, come unico motivo di gravame, la violazione degli artt. 322 ter cod. pen. e 321 c. 2 cod. proc. pen. per non avere il Tribunale ritenuto sostanzialmente confiscabile l'intera entità del prezzo o profitto accertato per ciascun concorrente al reato. Per il ricorrente, il Tribunale, pur astrattamente aderendo alla tesi della Corte di Cassazione, aveva ridotto la somma sequestrata assumendo che, nel momento in cui si era operato il sequestro nei confronti di tutti i concorrenti, non si sarebbe potuta sequestrare l'intera somma a ciascun concorrente. Ai sensi dell'ultimo comma dell'art. 322 ter cod. pen. il giudice, con la sentenza di condanna, determina le somme di denaro o individua i beni assoggettati a confisca, in quanto costituiscono il profitto o il

3 prezzo del reato, ovvero in quanto di valore corrispondente al profitto o al prezzo del reato. Precisava il ricorrente che secondo la giurisprudenza, in applicazione della teoria monistica cui si ispira la disciplina del concorso di persone nel reato, la confisca per equivalente può essere disposta nei confronti di ciascuno dei concorrenti anche per l'intera entità del prezzo o del profitto del reato. Essa è da considerarsi una forma di prelievo pubblico a compensazione di prelievi illeciti ed ha carattere sanzionatorio nei confronti di tutti i concorrenti al reato. Continuava il PM ricorrente sottolineando che il Tribunale nella parte motiva non aveva affrontato l'ipotesi della morte di uno dei due concorrenti che avrebbe comportato, quindi, la mancanza di garanzia per la sanzione della confisca. Concludeva pertanto, il ricorrente per l'annullamento della sentenza con ogni conseguenza di legge. Questa Corte rileva che la posizione del soggetto qui ricorrente, Fitto Raffaele, deve essere distinta da quella degli altri soggetti sottoposti a sequestro (Angelucci Gianpaolo e le quattro società del gruppo Tosinvest, anch'esse sottoposte alla misura a norma dell'art. 19 del D.Lgs. n. 231/01). Ed infatti nei suoi confronti la cautela è stata disposta nella forma del sequestro preventivo del prezzo della supposta corruzione per la somma di ,00, come indicato ai capi 3 e 4 della rubrica, come emerge dagli atti e come riconosciuto dallo stesso difensore a pag. 3 dell'istanza. Si tratta quindi del sequestro finalizzato alla confisca di cui alla prima ipotesi dell'art. 322 ter cod. pen. ("per uno dei delitti previsti dagli artt. da 314 a è sempre ordinata la confisca dei beni che ne costituiscono il profitto o il prezzo"). Ora il problema della pluralità degli indagati concorrenti e della possibilità di disporre il sequestro preventivo nei confronti di ciascuno di essi si pone con riferimento al sequestro per equivalente. La giurisprudenza di questa Corte si è infatti espressa nel senso della legittimità dell'estensione del sequestro per ciascuno degli indagati concorrenti laddove si tratti di sequestro funzionale alla successiva confisca per equivalente (sent. n del 6/07-15/09/2006 sez. 2, ric. Carere, rv : «Qualora, mancando la possibilità di sottoporre a confisca - e, quindi, a preventivo sequestro - i beni che costituiscono il profitto o il prezzo di taluno dei reati cui si riferisce l'art. 322 ter cod. pen., si prospetti la

4 necessità di dar luogo alla confisca "per equivalente" ed il reato per il quale tale misura è prevista sia addebitato a più persone, è legittimo che il sequestro preventivo sia esteso per ciascuna di esse fino a coprire l'intero importo del profitto o del prezzo del medesimo reato, trovando ciò giustificazione, peraltro, non nell'ipotetica assimilabilità della confisca ad una sanzione penale ma nella scelta legittimamente operata dal legislatore nel senso della configurabilità di una "responsabilità per l'intero" in capo a ciascuno dei singoli concorrenti nel reato»; conf. sent del 16/01-1/4/2004, sez. V, ric. Napolitano ed al., rv ), ancorché si debba registrare il difforme avviso di cui alla sentenza n del 23/06-25/07/2006, sez. VI, P.M. in proc. Maniglia, rv , che ha ritenuto che «in caso di pluralità di indagati quali concorrenti in un medesimo reato compreso tra quelli per i quali, ai sensi dell'art. 322 ter cod. proc. pen., può disporsi la confisca "per equivalente" di beni per un importo corrispondente al prezzo o al profitto del reato, il sequestro preventivo funzionale alla futura adozione di detta misura non può eccedere, per ciascuno dei concorrenti, la misura della quota di prezzo o profitto a lui attribuibile». Questo Collegio non ritiene, tuttavia, di dover prendere posizione in merito a questo punto, controverso anche nel presente procedimento fra i giudici di diverso grado che si sono occupati della vicenda processuale, posto che nei confronti dell'on. Fitto il sequestro è stato disposto a carico della somma trovata sul conto corrente che a lui faceva capo, quale supposto prezzo del reato di corruzione ipotizzato. Si assume, infatti, che per il capo di imputazione A) la somma versata per il mercimonio della funzione pubblica sarebbe confluita sul conto corrente del gruppo politico dell'on. Fitto "La Puglia prima di tutto", acceso presso la Banca San Paolo-Banco di Napoli di Maglie al n. 1000/870, somma che rappresenterebbe, quindi, il prezzo del reato e come tale confiscabile obbligatoriamente a norma dell'art. 240 cod. pen. Si tratta, quindi, di un sequestro diretto sul bene che obbligatoriamente (laddove fosse confermata l'ipotesi accusatoria) dovrà essere oggetto di confisca. Il prezzo o profitto del reato, considerato il carattere sanzionatorio della sua confisca, non è suscettibile di essere sostituito dal tantundem offerto da un soggetto terzo o da un soggetto coobbligato, posto che, ove si pensi di aver identificato a mani dell'indagato esattamente gli

5 importi che sono serviti alla consumazione del reato (o che ne rappresentano il profitto), si deve pensare che detti importi, nei confronti del medesimo soggetto, debbano essere sottoposti alla misura cautelare, per evitarne la dispersione in vista della futura confisca obbligatoria. In un simile caso, infatti, l'indicato carattere sanzionatorio impedisce che il supposto autore del reato possa in alcun modo avvantaggiarsi o comunque beneficiare del pretium sceleris, approfittando del fatto che altri abbia offerto una somma equivalente. Nel caso di specie è, peraltro, da rilevare che la somma vincolata a favore dell'erario dello Stato sul c/c n /31 della Banca di Roma abbia come espressa finalità la "eventuale confisca disposta ex art. 322 ter c.p. in danno di Giampaolo Angelucci e/o ex art. 19 D.Lgs n. 231 in danno della Finanziaria Tosinvest s.p.a.; del Consorzio San Raffaele; della Tosinvest Sanità s.p.a. e della Fondazione San Raffaele in riferimento al procedimento penale 10388/01 RGNR-5598/03 R.G.G.I.P. La posizione di Fitto Raffaele non è, quindi, contemplata quale beneficiario della garanzia offerta dalle società e dall'angelucci e ciò vale a confermare l'impossibilità che il sequestro diretto nei confronti del conto corrente che allo stesso faceva capo possa essere "sostituito" dal sequestro per equivalente disposto a carico delle società e dell'angelucci. Il provvedimento impugnato deve, pertanto, essere annullato, disponendo il rinvio degli atti al Tribunale di Bari. PQM La Corte annulla il provvedimento impugnato con rinvio al Tribunale di Bari.

Giustizia & Sentenze Il commento alle principali sentenze

Giustizia & Sentenze Il commento alle principali sentenze Giustizia & Sentenze Il commento alle principali sentenze N. 70 31.10.2013 Frode fiscale. Sequestro della casa coniugale La casa coniugale è sequestrabile anche se è stata assegnata alla moglie dell indagato

Dettagli

CORTE DI CASSAZIONE Sentenza 09 settembre 2013, n. 36894

CORTE DI CASSAZIONE Sentenza 09 settembre 2013, n. 36894 CORTE DI CASSAZIONE Sentenza 09 settembre 2013, n. 36894 Ritenuto in fatto 1. Con decreto dì sequestro preventivo finalizzato alla confisca per equivalente del 26 ottobre 2012, il GIP presso il Tribunale

Dettagli

Corte di Cassazione - copia non ufficiale

Corte di Cassazione - copia non ufficiale Penale Sent. Sez. 3 Num. 23484 Anno 2014 Presidente: FIALE ALDO Relatore: DI NICOLA VITO Data Udienza: 07/03/2014 SENTENZA sul ricorso proposto da Petroni Domenico, nata a Canosa di Puglia il 09/09/1971

Dettagli

PARTE I. Capitolo I IL PATROCINIO A SPESE DELLO STATO PER I NON ABBIENTI NEL PROCESSO PENALE TRA PASSATO E PRESENTE

PARTE I. Capitolo I IL PATROCINIO A SPESE DELLO STATO PER I NON ABBIENTI NEL PROCESSO PENALE TRA PASSATO E PRESENTE INDICE pag. Prefazione.... XV PARTE I Capitolo I IL PATROCINIO A SPESE DELLO STATO PER I NON ABBIENTI NEL PROCESSO PENALE TRA PASSATO E PRESENTE 1.1. La garanzia costituzionale del diritto di difesa in

Dettagli

Cassazione Civile, sez. VI, sent. n. 14887 01-07-2014 (Ordinanza emessa in applicazione dell'art. 380 bis c.p.c.)

Cassazione Civile, sez. VI, sent. n. 14887 01-07-2014 (Ordinanza emessa in applicazione dell'art. 380 bis c.p.c.) La banca, al fine di ottenere la condanna al pagamento di un saldo di rapporto di conto corrente, è onerata della produzione non solo di tutti gli estratti conto dall'inizio del rapporto ma anche della

Dettagli

indipendentemente dal conseguimento di un profitto o dal verificarsi di un danno,

indipendentemente dal conseguimento di un profitto o dal verificarsi di un danno, L'indebita utilizzazione a fini di profitto della carta di credito da parte di chi non ne sia titolare integra il reato di cui alla Legge n. 143 del 1991, articolo 12, indipendentemente dal conseguimento

Dettagli

Solo il superamento dei limiti CSR legittima il sequestro probatorio di area inquinata

Solo il superamento dei limiti CSR legittima il sequestro probatorio di area inquinata Solo il superamento dei limiti CSR legittima il sequestro probatorio di area inquinata SENTENZA DELLA CORTE DI CASSAZIONE (Terza Sezione Penale) -n. 19962 del 22 gennaio 2013 (dep. 9 maggio 2013)- Collegio

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale della Campania. (Sezione Sesta) ha pronunciato la presente

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale della Campania. (Sezione Sesta) ha pronunciato la presente N. 00346/2015 REG.PROV.COLL. N. 03852/2014 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale Amministrativo Regionale della Campania (Sezione Sesta) ha pronunciato la presente SENTENZA

Dettagli

CORTE DI CASSAZIONE PENALE Sez. III,12 dicembre 2006 (Ud. 28/09/2006), Sentenza n. 40438. pubblica udienza del 28.9.2006

CORTE DI CASSAZIONE PENALE Sez. III,12 dicembre 2006 (Ud. 28/09/2006), Sentenza n. 40438. pubblica udienza del 28.9.2006 CORTE DI CASSAZIONE PENALE Sez. III,12 dicembre 2006 (Ud. 28/09/2006), Sentenza n. 40438 SENTENZA N. 1488 REG. GENERALE n. 43848/05 pubblica udienza del 28.9.2006 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA. In nome del Popolo italiano LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE TERZA SEZIONE PENALE. - Presidente - - Consigliere -

REPUBBLICA ITALIANA. In nome del Popolo italiano LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE TERZA SEZIONE PENALE. - Presidente - - Consigliere - 19129/14 REPUBBLICA ITALIANA In nome del Popolo italiano LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE TERZA SEZIONE PENALE Composta dai Sigg.ri Magistrati Dott. Alfredo Teresi Dott.ssa Chiara Graziosi Dott. Andrea Gentili

Dettagli

UDIENZA 29.01.2009 SENTENZA N. 233. REG. GENERALE n.26389/08 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

UDIENZA 29.01.2009 SENTENZA N. 233. REG. GENERALE n.26389/08 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Integra il reato di abbandono o deposito incontrollato di rifiuti l'accumulo di "beni destinati alla rottamazione" elencati nel catalogo europeo dei rifiuti (CER) quali i veicoli e i pneumatici fuori uso,

Dettagli

Corte di Cassazione penale: modificazione sostanziale di un impianto di verniciatura industriale

Corte di Cassazione penale: modificazione sostanziale di un impianto di verniciatura industriale Corte di Cassazione penale: modificazione sostanziale di un impianto di verniciatura industriale Non è più soggetta ad autorizzazione la installazione del singolo impianto che produce emissione in atmosfera,

Dettagli

PROCEDIMENTO PENALE n. 2057/02 R.G.N.R. 4322/03 R.G. TRIB. a carico di V.S. + 1 (rito ordinario)

PROCEDIMENTO PENALE n. 2057/02 R.G.N.R. 4322/03 R.G. TRIB. a carico di V.S. + 1 (rito ordinario) Giugliano 5, 2001-02 PROCEDIMENTO PENALE n. 2057/02 R.G.N.R. 4322/03 R.G. TRIB. a carico di V.S. + 1 (rito ordinario) 1. Dati identificativi del procedimento. - Numeri di registro:2057/02 R.G.N.R. 4322/03

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE QUARTA SEZIONE PENALE

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE QUARTA SEZIONE PENALE /h (I 373 96 /14 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE QUARTA SEZIONE PENALE Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati: Dott. VINCENZO ROMIS Dott. GIACOMO FOTI Dott.

Dettagli

Trib. Napoli, VIII sez. pen., 2 dicembre 2011 Pres. ed est. Lomonte, ric. XY TRIBUNALE ORDINARIO DI NAPOLI. Ottava Sezione Penale Collegio F

Trib. Napoli, VIII sez. pen., 2 dicembre 2011 Pres. ed est. Lomonte, ric. XY TRIBUNALE ORDINARIO DI NAPOLI. Ottava Sezione Penale Collegio F Trib. Napoli, VIII sez. pen., 2 dicembre 2011 Pres. ed est. Lomonte, ric. XY TRIBUNALE ORDINARIO DI NAPOLI Ottava Sezione Penale Collegio F Il Tribunale di Napoli, composto dai sottoscritti magistrati:

Dettagli

D.LGS. 231/2001 AGGIORNAMENTO NORMATIVO E GIURISPRUDENZIALE

D.LGS. 231/2001 AGGIORNAMENTO NORMATIVO E GIURISPRUDENZIALE A cura del Dipartimento italiano Corporate D.LGS. 231/2001 AGGIORNAMENTO NORMATIVO E GIURISPRUDENZIALE Si riporta di seguito una breve rassegna dei provvedimenti maggiormente significativi in materia di

Dettagli

Separazione cointestazione del conto corrente Sentenza n. 19115/2012 commento e testo

Separazione cointestazione del conto corrente Sentenza n. 19115/2012 commento e testo Separazione cointestazione del conto corrente Sentenza n. 19115/2012 commento e testo Studio legale law.it La documentazione in possesso della banca può dimostrare il contrario Nel corso di un giudizio

Dettagli

La protezione patrimoniale del contribuente tra pianificazione lecita e sottrazione fraudolenta al pagamento di imposte

La protezione patrimoniale del contribuente tra pianificazione lecita e sottrazione fraudolenta al pagamento di imposte La protezione patrimoniale del contribuente tra pianificazione lecita e sottrazione fraudolenta al pagamento di imposte La difesa del contribuente tra esigenze di effettività e rischio di riscossione anticipata

Dettagli

Un quesito sul sequestro probatorio trasformato in sequestro preventivo per reati ambientali ed a danno degli animali

Un quesito sul sequestro probatorio trasformato in sequestro preventivo per reati ambientali ed a danno degli animali Un quesito sul sequestro probatorio trasformato in sequestro preventivo per reati ambientali ed a danno degli animali Domanda: Sono un operatore di polizia giudiziaria e noto che molti colleghi con funzioni

Dettagli

APPELLO CIVILE - APPELLABILITÀ - SENTENZE SECONDO EQUITÀ.

APPELLO CIVILE - APPELLABILITÀ - SENTENZE SECONDO EQUITÀ. APPELLO CIVILE - APPELLABILITÀ - SENTENZE SECONDO EQUITÀ. CASS. CIV., SEZ. III, 11 GIUGNO 2012, N. 9432. Ai fini della ammissibilità dell'appello per le sentenze pronunciate dal giudice di pace secondo

Dettagli

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE DEI CONTI SEZIONE GIURISDIZIONALE PER LA REGIONE LAZIO S E N T E N Z A

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE DEI CONTI SEZIONE GIURISDIZIONALE PER LA REGIONE LAZIO S E N T E N Z A Sent. 585/2013 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE DEI CONTI SEZIONE GIURISDIZIONALE PER LA REGIONE LAZIO composta dai seguenti magistrati: Ivan DE MUSSO Andrea LUPI Pina Maria Adriana

Dettagli

Emissione di fatture false

Emissione di fatture false Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 88 24.03.2014 Emissione di fatture false Il commercialista risponde del reato assieme al cliente, se lo ha istigato Categoria: Contenzioso Sottocategoria:

Dettagli

Numero 12 /2012 Il danno morale non può essere liquidato quale quota parte del danno biologico

Numero 12 /2012 Il danno morale non può essere liquidato quale quota parte del danno biologico Numero 12 /2012 Il danno morale non può essere liquidato quale quota parte del danno biologico La Sezione Lavoro della Corte di Cassazione, con la sentenza n. 5230/2012, ha stabilito che nei giudizi risarcitori

Dettagli

723 724 725 726 727 728 729 731 732 733 734 735 735 bis 736 737 737 bis 738 739 740 741

723 724 725 726 727 728 729 731 732 733 734 735 735 bis 736 737 737 bis 738 739 740 741 Codice di Procedura Penale articoli: 723 724 725 726 727 728 729 731 732 733 734 735 735 bis 736 737 737 bis 738 739 740 741 723. Poteri del ministro di grazia e giustizia. 1. Il ministro di grazia e giustizia

Dettagli

Carte credito, vaglia postale veloce,carta

Carte credito, vaglia postale veloce,carta Carte di credito, vaglia postale veloce,carta di Pagamento,penale,pagamenti,internet,legalgeek Cassazione Feriale Penale del 15 settembre 12 dicembre 2011, n. 45946 testo Civile.it " I reati sono stati

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Lazio. (Sezione Seconda Quater)

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Lazio. (Sezione Seconda Quater) N. 03963/2015 REG.PROV.COLL. N. 02235/2011 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Lazio (Sezione Seconda Quater) ha pronunciato la presente

Dettagli

Cass. Civ., Sez. I, 02/07/2014, n. 15135 Rel. Cons. Dott. Antonio Didone

Cass. Civ., Sez. I, 02/07/2014, n. 15135 Rel. Cons. Dott. Antonio Didone Cass. Civ., Sez. I, 02/07/2014, n. 15135 Rel. Cons. Dott. Antonio Didone Le SSUU hanno ritenuto «assolutamente arbitrario» sostenere che, nel negare l'esistenza di usi normativi di capitalizzazione trimestrale

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per la Lombardia. (Sezione Quarta) ha pronunciato la presente

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per la Lombardia. (Sezione Quarta) ha pronunciato la presente N. 00695/2015 REG.PROV.COLL. N. 03212/2013 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale Amministrativo Regionale per la Lombardia (Sezione Quarta) ha pronunciato la presente SENTENZA

Dettagli

CORTE DI CASSAZIONE PENALE, SEZIONE III, SENTENZA DEL 1 LUGLIO 2013, N.

CORTE DI CASSAZIONE PENALE, SEZIONE III, SENTENZA DEL 1 LUGLIO 2013, N. CORTE DI CASSAZIONE PENALE, SEZIONE III, SENTENZA DEL 1 LUGLIO 2013, N. 28352: reati fiscali e tributari in relazione ad attività di trasporto rifiuti. «Questa Corte ha costantemente affermato, sulla scia

Dettagli

Giustizia & Sentenze Il commento alle principali sentenze

Giustizia & Sentenze Il commento alle principali sentenze Giustizia & Sentenze Il commento alle principali sentenze N. 45 26.06.2014 Commercialisti. Concorso nella frode fiscale Categoria: Professionisti Sottocategoria: Commercialisti Rischia una condanna per

Dettagli

R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato. in sede giurisdizionale (Sezione Terza) SENTENZA

R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato. in sede giurisdizionale (Sezione Terza) SENTENZA N. 04086/2014REG.PROV.COLL. N. 05358/2014 REG.RIC. R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Terza) ha pronunciato la presente

Dettagli

Titolo I MODIFICHE AL CODICE PENALE

Titolo I MODIFICHE AL CODICE PENALE DISEGNO DI LEGGE RECANTE MODIFICHE ALLA NORMATIVA PENALE, SOSTANZIALE E PROCESSUALE, E ORDINAMENTALE PER IL RAFFORZAMENTO DELLE GARANZIE DIFENSIVE E LA DURATA RAGIONEVOLE DEI PROCESSI E PER UN MAGGIORE

Dettagli

Visti il ricorso e i relativi allegati; Visto l'atto di costituzione in giudizio del Ministero dell'interno; Visti tutti gli atti della causa;

Visti il ricorso e i relativi allegati; Visto l'atto di costituzione in giudizio del Ministero dell'interno; Visti tutti gli atti della causa; N. 00247/2013 REG.PROV.COLL. N. 01214/2012 REG.RIC. R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Piemonte (Sezione Prima) ha pronunciato

Dettagli

SIMULAZIONE DEL PROCESSO PENALE DALLE INDAGINI ALLA SENTENZA DI PRIMO GRADO

SIMULAZIONE DEL PROCESSO PENALE DALLE INDAGINI ALLA SENTENZA DI PRIMO GRADO SIMULAZIONE DEL PROCESSO PENALE DALLE INDAGINI ALLA SENTENZA DI PRIMO GRADO SIMULAZIONE DEL PROCESSO PENALE: i protagonisti SIMULAZIONE DEL PROCESSO PENALE: i protagonisti e tanto altro. SIMULAZIONE DEL

Dettagli

Corte di Cassazione - copia non ufficiale

Corte di Cassazione - copia non ufficiale Penale Sent. Sez. 3 Num. 34917 Anno 2015 Presidente: FRANCO AMEDEO Relatore: RAMACCI LUCA Data Udienza: 09/07/2015 sul ricorso proposto da: SENTENZA PROCURATORE DELLA REPUBBLICA PRESSO IL TRIBUNALE DI

Dettagli

CORTE DI CASSAZIONE PENALE, SEZIONE III, SENTENZA DEL 20 LUGLIO 2015, N.

CORTE DI CASSAZIONE PENALE, SEZIONE III, SENTENZA DEL 20 LUGLIO 2015, N. CORTE DI CASSAZIONE PENALE, SEZIONE III, SENTENZA DEL 20 LUGLIO 2015, N. 31382: trasporto di rifiuti senza osservare le prescrizioni contenute nell autorizzazione ed individuazione del luogo di consumazione

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA In nome del Popolo Italiano LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE QUINTA SEZIONE PENALE. - Presidente - - Relatore - SENTENZA

REPUBBLICA ITALIANA In nome del Popolo Italiano LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE QUINTA SEZIONE PENALE. - Presidente - - Relatore - SENTENZA 12204/14 REPUBBLICA ITALIANA In nome del Popolo Italiano LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE QUINTA SEZIONE PENALE Composta da Gennaro Marasca Antonio Bevere Paolo Oldi Antonio Settembre Luca Pistorelli - Presidente

Dettagli

Cassazione Penale, Sez. 4, 26 aprile 2011, n. 16311 - Delega di funzione ed autonoma capacità di spesa

Cassazione Penale, Sez. 4, 26 aprile 2011, n. 16311 - Delega di funzione ed autonoma capacità di spesa 1 di 5 26/09/2011 11.11 Cassazione Penale, Sez. 4, 26 aprile 2011, n. 16311 - Delega di funzione ed autonoma capacità di spesa Giovedì 12 Maggio 2011 13:40 Cassazione Penale, Sez. 4, 26 aprile 2011, n.

Dettagli

http://home.ilfisco.it/perl/fol.pl?cmd-print=doc-334187&aux-referrer=fol.pl%3fcmd-...

http://home.ilfisco.it/perl/fol.pl?cmd-print=doc-334187&aux-referrer=fol.pl%3fcmd-... Page 1 of 5 Sent. n. 16860 del 4 maggio 2010 (ud. del 17 marzo 2010) della Corte Cass. Sez. III pen. Pres. Altieri, Rel. Processo penale Iva Imposta mezzi importati - Pagamento all importazione Accordo

Dettagli

SENTENZA. Cassazione Civile Sent. n. 411 del 24-01-1990

SENTENZA. Cassazione Civile Sent. n. 411 del 24-01-1990 SENTENZA Cassazione Civile Sent. n. 411 del 24-01-1990 Svolgimento del processo Con ricorso in data 17 dicembre 1982 Sparaco Salvatore chiedeva al Pretore di Caserta (adito) in funzione di giudice del

Dettagli

Chart 1. ROLAND L'Innovazione della Tutela Legale

Chart 1. ROLAND L'Innovazione della Tutela Legale Chart 1 ROLAND L'Innovazione della Tutela Legale Chi è Chart 2 ROLAND è una Compagnia specializzata nella Tutela Legale OLTRE 1000 DIPENDENTI Sede a Colonia OLTRE 1.100.000 CLIENTI RACCOLTA PREMI DI 250.000.000,00

Dettagli

INDICE-SOMMARIO. Parte Prima EVOLUZIONE STORICA DEL PROCESSO PENALE - LE FONTI CAPITOLO I SISTEMA INQUISITORIO, ACCUSATORIO E MISTO

INDICE-SOMMARIO. Parte Prima EVOLUZIONE STORICA DEL PROCESSO PENALE - LE FONTI CAPITOLO I SISTEMA INQUISITORIO, ACCUSATORIO E MISTO INDICE-SOMMARIO Introduzione... Avvertenze e abbreviazioni... XV XIX Parte Prima EVOLUZIONE STORICA DEL PROCESSO PENALE - LE FONTI SISTEMA INQUISITORIO, ACCUSATORIO E MISTO 1.1.1. Sistemainquisitorioedaccusatorio...

Dettagli

N. 00740/2014 REG.PROV.COLL. N. 00897/2013 REG.RIC.

N. 00740/2014 REG.PROV.COLL. N. 00897/2013 REG.RIC. N. 00740/2014 REG.PROV.COLL. N. 00897/2013 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale Amministrativo Regionale per la Sardegna (Sezione Prima) ha pronunciato la presente SENTENZA

Dettagli

Anche il promotore finanziario è soggetto a fallimento Cassazione civile, sez. VI, ordinanza 18.12.2012 n 23384 commento e testo

Anche il promotore finanziario è soggetto a fallimento Cassazione civile, sez. VI, ordinanza 18.12.2012 n 23384 commento e testo Anche il promotore finanziario è soggetto a fallimento Cassazione civile, sez. VI, ordinanza 18.12.2012 n 23384 commento e testo (Leonardo Serra) Altalex.it Con l'ordinanza 18 dicembre 2012, n. 23383 la

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO TRIBUNALE DI MONZA SEZIONE PENALE

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO TRIBUNALE DI MONZA SEZIONE PENALE REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO TRIBUNALE DI MONZA SEZIONE PENALE il giudice per le indagini preliminari dr. Claudio Tranquillo, all'udienza del 24.10.2012 ha pronunciato mediante lettura

Dettagli

R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per l' Abruzzo. (Sezione Prima) SENTENZA

R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per l' Abruzzo. (Sezione Prima) SENTENZA TAR Abruzzo, Sez. I, 24.7.2014, n. 627 Materia: trasferimento R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale Amministrativo Regionale per l' Abruzzo (Sezione Prima) ha pronunciato

Dettagli

La premessa. Ischia, 23 settembre 2002

La premessa. Ischia, 23 settembre 2002 Ischia, 23 settembre 2002 Oggetto: parere sull ammissibilità del rimborso delle spese legali sostenute da ex amministratori comunali in procedimenti penali definiti con formula assolutoria. Viene chiesto

Dettagli

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO TRIBUNALE DI ROMA SEZIONE DISTACCATA DI OSTIA N. RG. 648-10 REPUBBLICA ITALIANA

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO TRIBUNALE DI ROMA SEZIONE DISTACCATA DI OSTIA N. RG. 648-10 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO TRIBUNALE DI ROMA SEZIONE DISTACCATA DI OSTIA N. RG. 648-10 REPUBBLICA ITALIANA Il Giudice dott. cons. Massimo Moriconi nella causa tra Società in persona del suo legale rappresentante

Dettagli

Cassazione penale: Sequestro preventivo di un impianto fotovoltaico in zona agricola

Cassazione penale: Sequestro preventivo di un impianto fotovoltaico in zona agricola Cassazione penale: Sequestro preventivo di un impianto fotovoltaico in zona agricola L'esecuzione in assenza o in difformità degli interventi subordinati a denuncia di inizio attività (DIA), allorché non

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per la Lombardia. (Sezione Quarta) SENTENZA

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per la Lombardia. (Sezione Quarta) SENTENZA T.A.R. Lombardia, Milano, sez. IV, 10 maggio 2013, n. 1221 Edilizia e urbanistica - Distanze legali - Costruzione distanza legale e principio di prevenzione ex artt. 873 e 875 c.c. REPUBBLICA ITALIANA

Dettagli

Circolare informativa: settore consulenza aziendale - tributaria

Circolare informativa: settore consulenza aziendale - tributaria Bosin & Maas & Stocker Wirtschaftsberatung Steuerrecht Arbeitsrecht Revisoren dottori commercialisti consulenti del lavoro revisori dr. F. J. S c h ö n w e g e r dr. M a n f r e d B o s i n dr. G o t t

Dettagli

CORTE DI CASSAZIONE PENALE, SEZIONE III, SENTENZA DEL 27 MARZO 2015, N.

CORTE DI CASSAZIONE PENALE, SEZIONE III, SENTENZA DEL 27 MARZO 2015, N. CORTE DI CASSAZIONE PENALE, SEZIONE III, SENTENZA DEL 27 MARZO 2015, N. 13008: art. 659 c.p. (Disturbo delle occupazioni o del riposo delle persone) e responsabilità del gestore di un esercizio commerciale.

Dettagli

Autorità: Cassazione penale sez. V, 18/01/2013, n. 10201

Autorità: Cassazione penale sez. V, 18/01/2013, n. 10201 Autorità: Cassazione penale sez. V, 18/01/2013, n. 10201 LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE QUINTA PENALE Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati: Dott. MARASCA Gennaro - Presidente - Dott. BEVERE

Dettagli

Sul giudizio di equità dinanzi al giudice di Pace. Trib. Milano, sez. X civ., sentenza 6 febbraio 2014 (est. Damiano Spera)

Sul giudizio di equità dinanzi al giudice di Pace. Trib. Milano, sez. X civ., sentenza 6 febbraio 2014 (est. Damiano Spera) Sul giudizio di equità dinanzi al giudice di Pace Trib. Milano, sez. X civ., sentenza 6 febbraio 2014 (est. Damiano Spera) GIUDICE DI PACE PRONUNCIA SECONDO EQUITÀ CAUSE DI VALORE NON SUPERIORE AD EURO

Dettagli

Cassazione penale in tema di differenze fra deposito incontrollato, temporaneo, preliminare e messa in riserva

Cassazione penale in tema di differenze fra deposito incontrollato, temporaneo, preliminare e messa in riserva Cassazione penale in tema di differenze fra deposito incontrollato, temporaneo, preliminare e messa in riserva In tema di gestione dei rifiuti, quando il deposito di rifiuti non possiede i requisiti fissati

Dettagli

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ Tra le modifiche introdotte nell agosto 2010 all art. 186, C.d.S., vi è anche l inserimento del nuovo comma 9 bis, che prevede l applicazione del lavoro

Dettagli

CORTE DI CASSAZIONE PENALE, SEZIONE III, SENTENZA DELL 8 APRILE 2013, N.

CORTE DI CASSAZIONE PENALE, SEZIONE III, SENTENZA DELL 8 APRILE 2013, N. CORTE DI CASSAZIONE PENALE, SEZIONE III, SENTENZA DELL 8 APRILE 2013, N. 15988: autorizzazioni per la realizzazione di impianti fotovoltaici e loro ubicazione in zone classificate agricole. «ai sensi dell

Dettagli

Corte di Cassazione - copia non ufficiale

Corte di Cassazione - copia non ufficiale Civile Ord. Sez. 6 Num. 18573 Anno 2014 Presidente: PETITTI STEFANO Relatore: D'ASCOLA PASQUALE Data pubblicazione: 03/09/2014 ORDINANZA sul ricorso 14690-2012 proposto da: NAPOLITANO PAOLO NPLPLA78L04L259I,

Dettagli

La responsabilità amministrativa delle persone giuridiche: i Modelli Organizzativi ex D. Lgs. 231/01

La responsabilità amministrativa delle persone giuridiche: i Modelli Organizzativi ex D. Lgs. 231/01 La responsabilità amministrativa delle persone giuridiche: i Modelli Organizzativi ex D. Lgs. 231/01 Studio Legale avv. Paolo Savoldi Bergamo, Via G. Verdi 14 Oggetto del Decreto 231/01 Il Decreto 231/01

Dettagli

LA CORTE DI APPELLO DI ROMA

LA CORTE DI APPELLO DI ROMA REPUBBLICA ITALIANA C. IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE DI APPELLO DI ROMA SEZIONE SPECIALE USI CIVICI composta dai seguenti Magistrati: 1. dott.. Luigi Miraglia 2. dott.. Gaetano Antonio Bursese Presidente

Dettagli

Trib. Milano, 6.7.2011, Giud. Mannucci (imp. P.) REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO TRIBUNALE DI MILANO

Trib. Milano, 6.7.2011, Giud. Mannucci (imp. P.) REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO TRIBUNALE DI MILANO Trib. Milano, 6.7.2011, Giud. Mannucci (imp. P.) REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO TRIBUNALE DI MILANO Il processo. Con decreto di citazione diretta dell 8.9.2010, emesso a seguito di opposizione

Dettagli

SUPREMA CORTE DI CASSAZIONE SEZIONE I CIVILE. Sentenza 29 settembre - 11 novembre 2010, n. 22909. Svolgimento del processo

SUPREMA CORTE DI CASSAZIONE SEZIONE I CIVILE. Sentenza 29 settembre - 11 novembre 2010, n. 22909. Svolgimento del processo SUPREMA CORTE DI CASSAZIONE SEZIONE I CIVILE Sentenza 29 settembre - 11 novembre 2010, n. 22909 Svolgimento del processo Il Tribunale di Benevento con sentenza del 15 settembre 2004 condannava i coniugi

Dettagli

Corte di Cassazione - copia non ufficiale

Corte di Cassazione - copia non ufficiale Civile Sent. Sez. 2 Num. 8824 Anno 2015 Presidente: BUCCIANTE ETTORE Relatore: SCALISI ANTONINO Data pubblicazione: 30/04/2015 SENTENZA sul ricorso 23330-2009 proposto da: PASCUCCI EMANUELA PSCMNL58S44H501F,

Dettagli

Scritto da Ciro Tadicini Giovedì 06 Ottobre 2011 19:17 - Ultimo aggiornamento Giovedì 06 Ottobre 2011 19:29

Scritto da Ciro Tadicini Giovedì 06 Ottobre 2011 19:17 - Ultimo aggiornamento Giovedì 06 Ottobre 2011 19:29 L'attività che il Sindaco pretende di regolare è del tutto sottratta ai suoi poteri e ai suoi controlli, trattandosi di attività commerciale non assoggettata ad alcun regime autorizzatorio, nemmeno di

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE TERZA

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE TERZA ez. 3, Sentenza n. 42178 del 2009 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE TERZA Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati: Camera di consiglio Dott. LUPO Ernesto

Dettagli

Cassazione: giusta causa di licenziamento per il furto in azienda anche se c'è assoluzione nel giudizio penale sentenza 802/2013 commento e testo

Cassazione: giusta causa di licenziamento per il furto in azienda anche se c'è assoluzione nel giudizio penale sentenza 802/2013 commento e testo Cassazione: giusta causa di licenziamento per il furto in azienda anche se c'è assoluzione nel giudizio penale sentenza 802/2013 commento e testo Cataldi.it Il giudice del lavoro adito con impugnativa

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE Sez. III Penale. Composta dagli Ill.mi Sigg.

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE Sez. III Penale. Composta dagli Ill.mi Sigg. Bonifica dei siti contaminati Evento potenzialmente in grado di contaminare un sito Superamento delle CSR- Cassazione, sentenza n. 16702 del 29 aprile 2011 La disciplina relativa alla bonifica dei siti

Dettagli

Il Giudice, dott. Orazio Muscato, in funzione di delegato del Presidente, nel giudizio di opposizione promosso dall Avv. Xxxxxx del Foro di Varese

Il Giudice, dott. Orazio Muscato, in funzione di delegato del Presidente, nel giudizio di opposizione promosso dall Avv. Xxxxxx del Foro di Varese T R I B U N A L E D I V A R E S E Il Giudice, dott. Orazio Muscato, in funzione di delegato del Presidente, nel giudizio di opposizione promosso dall Avv. Xxxxxx del Foro di Varese avverso il decreto di

Dettagli

Città di Ugento Provincia di Lecce

Città di Ugento Provincia di Lecce Copia Città di Ugento Provincia di Lecce DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE Settore 1 - Affari Generali e Istituzionali N. 862 Registro Generale DEL 10/07/2013 N. 436 Registro del Settore DEL 04/07/2013 Oggetto

Dettagli

Cass. Pen. 27 maggio 2014, n. 21621. Avv. Adolfo Tencati

Cass. Pen. 27 maggio 2014, n. 21621. Avv. Adolfo Tencati RIFLESSI CIVILISTICI DEL SEQUESTRO PREVENTIVO ANTIMAFIA Cass. Pen. 27 maggio 2014, n. 21621 Avv. Adolfo Tencati Il trust è illegittimo (sham) quando la segregazione patrimoniale mira a realizzare fini

Dettagli

N.6575/05 Reg. Sent. N. 3463 Reg. Gen. N. 4608 Reg. Gen. ANNO 1995

N.6575/05 Reg. Sent. N. 3463 Reg. Gen. N. 4608 Reg. Gen. ANNO 1995 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale Amministrativo Regionale della Sicilia, Sede di Palermo, Sezione Seconda, ha pronunciato la seguente SENTENZA N.6575/05 Reg. Sent. N. 3463 Reg.

Dettagli

R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per la Emilia Romagna

R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per la Emilia Romagna Pagina 1 di 5 N. 00377/2014 REG.PROV.COLL. N. 00216/2014 REG.RIC. R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale Amministrativo Regionale per la Emilia Romagna sezione staccata

Dettagli

CORTE DI CASSAZIONE - Sentenza 19 marzo 2015, n. 5516

CORTE DI CASSAZIONE - Sentenza 19 marzo 2015, n. 5516 CORTE DI CASSAZIONE - Sentenza 19 marzo 2015, n. 5516 Svolgimento del processo 1. Con sentenza del 29.6.07, la Corte d'appello di Milano, confermando la sentenza del 23.11.04 del tribunale della stessa

Dettagli

CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE PRIMA PENALE

CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE PRIMA PENALE CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE PRIMA PENALE Sentenza 16 luglio 2014, n. 31263 Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati: Dott. GIORDANO Umberto - Presidente Dott. ZAMPETTI Umberto - Consigliere Dott.

Dettagli

Tar Campania Napoli n. 1147 del 18.02.2015

Tar Campania Napoli n. 1147 del 18.02.2015 MASSIMA Obbligo di indicazione degli oneri per la sicurezza interferenziali. Offerta con ribasso di quasi 80%, offerta inattendibile. Tar Campania Napoli n. 1147 del 18.02.2015 N. 01147/2015 REG.PROV.COLL.

Dettagli

STUDIO LEGALE. www.casubrignola.it D.LGS. 231/2001 RIFLESSIONI SUI RECENTI ORIENTAMENTI DELLA GIURISPRUDENZA LIGURE E LOMBARDA AVV. FRANCESCO BRIGNOLA

STUDIO LEGALE. www.casubrignola.it D.LGS. 231/2001 RIFLESSIONI SUI RECENTI ORIENTAMENTI DELLA GIURISPRUDENZA LIGURE E LOMBARDA AVV. FRANCESCO BRIGNOLA D.LGS. 231/2001 RIFLESSIONI SUI RECENTI ORIENTAMENTI DELLA GIURISPRUDENZA LIGURE E LOMBARDA AVV. FRANCESCO BRIGNOLA Trib. Milano (GIP) - Sent. 27/02/07 e Ord. 12/03/08 Criterio di attribuzione della responsabilità

Dettagli

La correttezza dell assunto pronunciato dal Gup di Milano, viene ribadita

La correttezza dell assunto pronunciato dal Gup di Milano, viene ribadita 1 La Cassazione chiarisce le conseguenze penali della sottrazione agli obblighi di mantenimento (cd. assegno) e l'ambito di applicazione dell'art. 3 della legge n. 54/2006. Corte di Cassazione, Sezione

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE PRIMA CIVILE. sentenza

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE PRIMA CIVILE. sentenza REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE PRIMA CIVILE ha pronunciato la seguente: sentenza sul ricorso 16604/2007 proposto da: D.C. - ricorrente - BANCA -

Dettagli

Corte di Cassazione - copia non ufficiale

Corte di Cassazione - copia non ufficiale Civile Sent. Sez. 2 Num. 14697 Anno 2015 Presidente: MAZZACANE VINCENZO Relatore: PICARONI ELISA Data pubblicazione: 14/07/2015 SENTENZA sul ricorso 8534-2010 proposto da: BOTTINO ANGELA BTTNGL25A69D969F,

Dettagli

ASSEGNO AL CONIUGE SEPARATO.

ASSEGNO AL CONIUGE SEPARATO. ASSEGNO AL CONIUGE SEPARATO. CASS. CIVILE, SEZ. I, 25 NOVEMBRE 2010, N. 23968. Non può disporsi la revoca dell'assegno di mantenimento senza la prova del miglioramento del tenore di vita dell'ex moglie

Dettagli

Bruna Albertini, Paola Maria Braggion, Filippo D'Aquino,Francesca Fiecconi, Claudio Galoppi,

Bruna Albertini, Paola Maria Braggion, Filippo D'Aquino,Francesca Fiecconi, Claudio Galoppi, Oggetto: [Darc] Sentenza OMINA sul 156!! CONSIGLIO SUPERIORE DELLA MAGISTRATURA SCUOLA SUPERIORE DELLA MAGISTRATURA UFFICIO DEI REFERENTI PER LA FORMAZIONE DECENTRATA DEL DISTRETTO DI MILANO Bruna Albertini,

Dettagli

R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Lazio. (Sezione Seconda Bis) SENTENZA

R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Lazio. (Sezione Seconda Bis) SENTENZA N. 09478/2013 REG.PROV.COLL. N. 01472/2013 REG.RIC. R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Lazio (Sezione Seconda Bis) ha pronunciato

Dettagli

LYBRA ASSOCIAZIONE GIURIDICO CULTURALE

LYBRA ASSOCIAZIONE GIURIDICO CULTURALE LYBRA ASSOCIAZIONE GIURIDICO CULTURALE Cass. civ. Sez. Unite, Sent., 16-02-2015, n. 3023 2 AVVOCATO Con decisione 29.9.2011, il Consiglio dell'ordine degli Avvocati di Roma irrogò all'avv. F.S. la sanzione

Dettagli

ha pronunciato la presente

ha pronunciato la presente N. 00405/2014 REG.PROV.COLL. N. 00241/2014 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale Amministrativo Regionale per la Emilia Romagna sezione staccata di Parma (Sezione Prima)

Dettagli

AGGIORNA LA RUBRICA LEGISLAZIONE E RICERCA

AGGIORNA LA RUBRICA LEGISLAZIONE E RICERCA 1 AGGIORNA LA RUBRICA LEGISLAZIONE E RICERCA www.anvag.it Il pagamento del contributo unificato nei ricorsi avverso i provvedimenti di rigetto delle istanze di ammissione al patrocinio a spese dello Stato

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. TRIBUNALE ORDINARIO di FIRENZE. Sezione Lavoro

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. TRIBUNALE ORDINARIO di FIRENZE. Sezione Lavoro REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO TRIBUNALE ORDINARIO di FIRENZE Sezione Lavoro Il Tribunale, nella persona del Giudice dott. Marilena Rizzo ha pronunciato ex art. 429 c.p.c. la seguente

Dettagli

Cassazione Sezione lavoro sentenza 2 dicembre-10 settembre 2003, n. 13294

Cassazione Sezione lavoro sentenza 2 dicembre-10 settembre 2003, n. 13294 Cassazione Sezione lavoro sentenza 2 dicembre-10 settembre 2003, n. 13294 Presidente Senese relatore Toffoli Pm Frazzini difforme ricorrente Rossetto controricorrente Banco di Sicilia Spa Svolgimento del

Dettagli

numero 21.2011 25 maggio 2011 Personale: è punibile per truffa e rischia la reclusione il dipendente che omette di timbrare il cartellino

numero 21.2011 25 maggio 2011 Personale: è punibile per truffa e rischia la reclusione il dipendente che omette di timbrare il cartellino Page 1 of 5 numero 21.2011 25 maggio 2011 IL PUNTO Personale: è punibile per truffa e rischia la reclusione il dipendente che omette di timbrare il cartellino di Federica Caponi, SELF Servizi e Formazione

Dettagli

contro nei confronti di per l'annullamento

contro nei confronti di per l'annullamento N. 00461/2012 REG.PROV.COLL. N. 00382/2012 REG.RIC. R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Friuli Venezia Giulia (Sezione Prima) ha

Dettagli

CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE CENTRO ELETTRONICO DI DOCUMENTAZIONE

CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE CENTRO ELETTRONICO DI DOCUMENTAZIONE CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE CENTRO ELETTRONICO DI DOCUMENTAZIONE concorso esterno UTENTE : fabio.licata@g967 DATA : 05/05/14 08:48:05-1 - Annotata Sez. 6, Sentenza n. 43107 del 09/11/2011 Ud. (dep. 22/11/2011

Dettagli

BERGAMO, 6 GIUGNO 2008

BERGAMO, 6 GIUGNO 2008 CONSIGLIO SUPERIORE DELLA MAGISTRATURA Distretto di Brescia Ufficio dei referenti per la formazione decentrata BERGAMO, 6 GIUGNO 2008 dr. Paolo IELO Giudice per le Indagini Preliminari del Tribunale di

Dettagli

Cass. civ. Sez. III, Sent., 30 07 2015, n. 16181 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE TERZA CIVILE

Cass. civ. Sez. III, Sent., 30 07 2015, n. 16181 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE TERZA CIVILE Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati: Dott. VIVALDI Roberta Presidente Dott. ARMANO Uliana rel. Consigliere Dott. FRASCA Raffaele Consigliere Dott. SCARANO Luigi Alessandro Consigliere Dott. D'AMICO

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLOITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE LAVORO

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLOITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE LAVORO COMUNITA' EUROPEA - DANNI IN MATERIA CIVo E PEN. Casso civo Sez. lavoro, 03-06-2009, n. 12814 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLOITALIANO LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE LAVORO Composta dagli

Dettagli

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 Norme sui procedimenti e giudizi di accusa (Gazzetta Ufficiale 13 febbraio 1962, n. 39) Artt. 1-16 1 1 Articoli abrogati dall art. 9 della legge 10 maggio 1978, n. 170. Si

Dettagli

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE TERZA PENALE. sentenza

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE SEZIONE TERZA PENALE. sentenza Rifiuti Giurisprudenza Discariche esistenti Discariche nuove Piano di adeguamento Proroghe Applicabilità Esclusa se c è stata l approvazione del piano di adeguamento Sentenza della Corte di Cassazione

Dettagli

High Value Audit Communiti - Milano, 16 aprile 2010 Protiviti - Via Tiziano, 32 - Milano

High Value Audit Communiti - Milano, 16 aprile 2010 Protiviti - Via Tiziano, 32 - Milano Il ruolo dell Internal Audit nei processi di gestione e verifica dei Modelli organizzativi ex D. Lgs. 231/01, anche sottoposti al vaglio della Magistratura: l esperienza Impregilo High Value Audit Communiti

Dettagli

N. 07514/2014 REG.PROV.COLL. N. 12076/2013 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

N. 07514/2014 REG.PROV.COLL. N. 12076/2013 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO N. 07514/2014 REG.PROV.COLL. N. 12076/2013 REG.RIC. ha pronunciato la presente REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Lazio (Sezione Terza) SENTENZA

Dettagli

PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14

PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14 PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14 Il Tribunale di Imperia, la Procura della Repubblica sede, l Ufficio Esecuzione Penale Esterna Sede di Imperia, l Ordine degli avvocati

Dettagli

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per la Sardegna. (Sezione Prima) SENTENZA. contro. per l'annullamento

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per la Sardegna. (Sezione Prima) SENTENZA. contro. per l'annullamento N. 00720/2014 REG.PROV.COLL. N. 00202/2014 REG.RIC. R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale Amministrativo Regionale per la Sardegna (Sezione Prima) ha pronunciato

Dettagli

Corte di Cassazione - copia non ufficiale

Corte di Cassazione - copia non ufficiale Civile Sent. Sez. L Num. 19259 Anno 2013 Presidente: VIDIRI GUIDO Relatore: FILABOZZI ANTONIO Data pubblicazione: 20/08/2013 SENTENZA sul ricorso 1859-2011 proposto da: CAZZOLA CARLO CZZCRL46A14D969V,

Dettagli