Agevolazioni in UNICO 2014 per gli autotrasportatori conto terzi

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Agevolazioni in UNICO 2014 per gli autotrasportatori conto terzi"

Transcript

1 Circolare Monografica 9 giugno 2014 n DICHIARAZIONI Agevolazioni in UNICO 2014 per gli autotrasportatori conto terzi Le istruzioni per le imprese di Armando Urbano Nel modello di dichiarazione dei redditi 2014 possono essere inserite le agevolazioni fiscali di cui hanno fruito i contribuenti che operano nel settore degli autotrasporti conto terzi nel corso del Si tratta di deduzioni e crediti d imposta essenzialmente legati al recupero forfettario delle spese sostenute per le trasferte, ovvero per le accise pagate sul gasolio utilizzato per l autotrazione, o infine del rimborso di parte del contributo SSN pagato sull assicurazione RC degli autoveicoli. Le altre tipologie di credito accolte nel quadro RU del modello UNICO invece, sono perlopiù il risultato di una legislazione rinveniente dagli anni precedenti, attenta agli impatti ambientali del trasporto su strada, che ha supportato gli operatori nel sostenimento del costo di rinnovamento in senso più ecologico del comparto. Riferimenti Normativi D.P.R. 22 dicembre 1986, n. 917; D.L. 6 luglio 2012, n. 95 D.L. 24 gennaio 2012, n. 1, art. 61, comma 1; Agenzia delle Dogane, nota RU del 26 marzo 2013 ; Agenzia delle Dogane, nota RU del 26 giugno 2013 ; Agenzia delle Dogane, nota RU del 27 settembre 2013 ; Agenzia delle Dogane, nota RU del 31 dicembre PREMESSA Il comparto autotrasporti e logistica, al pari del restante tessuto imprenditoriale del nostro Paese, ha evidenziato, soprattutto negli ultimi anni, crescenti difficoltà legate all avanzamento della crisi economica. Crisi che ha impattato pienamente su questo settore, il quale recepisce, probabilmente in maniera più veloce rispetto agli altri, tutti i fattori negativi, o di contrazione, del processo di produzione e consumo della ricchezza. A questa oggettiva condizione, si aggiunge la constatazione che in Italia, i costi di esercizio per chilometro dell impresa di autotrasporto per conto di terzi sono tra i più alti d Europa. Ad incidere maggiormente sul costo del trasporto, oltre ai fattori di ordine burocratico, infrastrutturale e al costo del lavoro, sono le spese per la copertura assicurativa degli automezzi e per l acquisto del gasolio. Muovendo soprattutto da queste consapevolezze, nel corso degli anni, sono state predisposte dal legislatore un insieme di misure, nella duplice forma delle deduzioni dal reddito imponibile e dei crediti d imposta, volte a sostenere il comparto e aiutarlo a superare il dumping con la concorrenza internazionale. Il presente approfondimento si pone l obiettivo di sistematizzare tali forme incentivanti e le modalità attraverso cui queste transitano nella dichiarazione fiscale dei redditi di questa particolare categoria di contribuenti. DEDUZIONI FORFETTARIE DAL REDDITO IMPONIBILE DEGLI AUTOTRASPORTATORI Una prima forma di sostegno al reddito degli autotrasportatori è rappresentata da un sistema di deduzioni fiscali. Trattasi cioè di ipotesi tassativamente individuate dal legislatore, che legittimano una variazione in diminuzione del reddito civilistico dei contribuenti che operano in questo settore e che quindi, determinano una contrazione della corrispondente base imponibile, ovvero del carico fiscale. È opportuno delineare un approfondimento delle singole fattispecie: spese per le trasferte effettuate dal personale dipendente; spese per le trasferte compiute personalmente dall imprenditore; imprese c.d. minori che esercitano attività di autotrasporto

2 DEDUZIONE FORFETTARIA DELLE SPESE DI TRASFERTA DEL PERSONALE DIPENDENTE Tra le agevolazioni riconosciute agli autotrasportatori di merci, a prescindere dalla veste giuridica da questi adottata (imprese individuali, società di persone, società di capitali ovvero enti non commerciali), rientra una deduzione a forfait delle spese sostenute per le trasferte dei propri dipendenti effettuate fuori dal territorio comunale. Trattasi di una variazione in diminuzione del reddito prevista dal legislatore del D.P.R. 22 dicembre 1986, n. 917 (TUIR), all art. 95, comma 4, in ambito IRES e poi richiamato espressamente ai fini IRPEF dall art. 55 del TUIR, con cui si attribuisce alla tipologia dei contribuenti in esame, la possibilità di dedurre dal proprio reddito d impresa un importo forfettario dei costi non documentati sostenuti dai dipendenti, per ciascun giorno di missione, pari a: Euro 59,65 per le trasferte oltre i confini comunali ove è localizzata la sede dell azienda; Euro 95,80 per le trasferte all estero, al netto delle spese di viaggio e trasporto. Dunque, agli autotrasportatori di merci in c/terzi, in alternativa alla deduzione analitica delle spese sopportate dal relativo personale dipendente per le trasferte al di fuori del territorio comunale, il legislatore tributario riconosce la deduzione dei menzionati importi onnicomprensivi e giornalieri. Materialmente, la variazione in diminuzione del reddito avviene nel mod. UNICO come segue: nel quadro RF (rigo RF55, codice 3), per le imprese che operano in regime di contabilità analitica; nel quadro RG (rigo RG16), per le imprese che adottano il regime di contabilità semplificata. Attenzione Ai sensi della Legge 21 novembre 2000, n. 342, art. 62, qualora l impresa sia una società cooperativa autorizzata al trasporto delle merci che non beneficia in dichiarazione dei redditi della deduzione né dell importo forfettario in esame, né della deduzione analitica delle spese sostenute, sarà possibile procedere con la deduzione dell importo delle suddette trasferte in sede di determinazione del reddito di ciascun socio. Esempio Un impresa di autotrasporto ha alle proprie dipendenze due autisti che hanno effettuato nel corso del 2013 una serie di trasferte per cui si è tenuta un apposita contabilità e, come riepilogate nella tabella che segue: DIPENDENTE N GG IN TRASF. COMUNALI N GG IN TRASF. NAZIONALI N GG IN TRASF. INTERNAZ. Tizio Caio TOTALE Poiché per le trasferte in ambito comunale non è previsto alcun rimborso forfettario delle spese, l importo della deduzione spettante andrà calcolato come segue: deduzione per le trasferte nazionali: 63 x 59,65 = 3.757,95 deduzione per le trasferte internazionali: 174 x 95,80 = ,20 Totale deduzione spettante ,15 La somma degli importi rappresenta il totale della deduzione cui ha diritto l autotrasportatore per l anno 2013, che è pari ad ,15. In dichiarazione dei redditi, ipotizzando che l impresa sia in contabilità analitica, si compilerà il Quadro RF nel seguente modo: DEDUZIONE DELLE SPESE SOSTENUTE PER I TRASPORTI EFFETTUATI PERSONALMENTE DALL'IMPRENDITORE Le imprese di autotrasporto di merci per conto terzi godono altresì di un agevolazione fiscale per i trasporti effettuati personalmente dall imprenditore (art. 66, comma 5, primo periodo, del TUIR). L agevolazione è riservata alle imprese in contabilità semplificata o in contabilità ordinaria per opzione, mentre sono escluse da questa tipologia di beneficio fiscale le imprese in contabilità ordinaria per obbligo. Il beneficio in esame consiste in una deduzione forfettaria per le spese non documentate di un importo specifico, che nel corso - 2 -

3 degli anni ha subito delle modificazioni in relazione ai fondi disponibili e stanziati per tale scopo, e all adeguamento ISTAT. Per il 2012, un Comunicato stampa dell Agenzia delle Entrate (Comunicato dell 8 maggio 2013) ha confermato gli importi del periodo d imposta precedente, ossia: 19,60 per i trasporti personalmente effettuati dall'imprenditore all'interno del Comune in cui ha sede l'impresa (l AdE parla precisamente di un importo pari al 35% di quello spettante per gli stessi trasporti nell'ambito della Regione o delle Regioni confinanti); 56,00 per i trasporti all'interno della Regione e delle Regioni confinanti; 92,00 per i trasporti effettuati oltre questo ambito. Benché le istruzioni ministeriali ai modelli di dichiarazione dei redditi 2014 confermino il riconoscimento di questa agevolazione, al momento della stesura del presente approfondimento, non è ancora intervenuto alcun comunicato dell Agenzia delle Entrate che ne abbia specificato gli importi. Si sottolinea che la deduzione spetta una sola volta per ogni giorno di effettuazione del trasporto, indipendentemente dal numero dei viaggi effettuati. Per fruire dell agevolazione inoltre, il contribuente dovrà approntare, conservare e sottoscrivere, un prospetto contenente: gli elementi identificativi dei viaggi, quali la data e la durata del trasporto, il nome del cliente e la destinazione; gli estremi del documento di trasporto delle merci, delle fatture o delle lettere di vettura di cui dovrà conservarne copia per il quinquennio successivo a quello di presentazione della dichiarazione dei redditi (termine per l accertamento fiscale). Esempio Il Sig. Mario Rossi, titolare dell impresa individuale di autotrasporti SUSTRADA, con sede in Bari, via D. Alighieri n. 141, compie personalmente durante l anno 2013 una serie di trasporti, come elencati e registrati nella tabella che segue: DATA DEL TRASPORTO DATI DEL CLIENTE LUOGO DI DESTINAZIONE DURATA DEL TRASPORTO N DDT E DATA DATA/ORA Partenza DATA/ORA Arrivo Importo deduzione* 01/03/2013 Ditta Bianchi MILANO - via Veneto 01/03 h /03 h /2013 del 01/3/13 92,00 15/05/2013 Ditta Neri FOGGIA - via Garibaldi 15/05 h /05 H / ,00 12/09/2013 Ditta Blue BARI Via Capruzzi 12/09 h /09 h / ,60 23/10/2013 Ditta Ocra BOLZANO Via Stazione 23/10 h /10 h / ,00 * Si segnala che, a mero titolo esemplificativo, si sono considerati gli importi delle deduzioni validi per l anno d imposta 2012, non essendo ancora disponibili quelli per il 2013, come più sopra evidenziato. L importo complessivo della deduzione è pari ad 351,60 ( 92, , , ,00). In dichiarazione dei Redditi, ipotizzando che l impresa sia in regime di contabilità semplificata, si provvederà a dedurre gli importi nel modo che segue: DEDUZIONE PER LE "IMPRESE MINORI" Alle imprese cosiddette minori ai sensi dell art. 66 D.P.R. 917/1986 (ossia alle imprese ammesse al regime di contabilità semplificata secondo quanto previsto dall art.18 del D.P.R. 600/1973), che siano altresì autorizzate all autotrasporto di merci conto terzi, la legge tributaria (comma 5, secondo periodo, dell art. 66 del Tuir) riconosce il diritto ad una deduzione forfettaria, su base annua, pari ad Euro 154,94 per ciascun autoveicolo o motoveicolo utilizzato nell attività d impresa, con una massa complessiva a pieno carico non superiore a kg. Questa deduzione è cumulabile alle altre più sopra esposte (deduzione forfettaria delle spese di trasferta del personale dipendente e deduzione delle spese sostenute per i trasporti effettuati personalmente dall imprenditore) e spetta sui veicoli effettivamente posseduti, indipendentemente dal titolo di possesso, ovvero anche se posseduti con un titolo diverso da quello di proprietà. È opportuno conservare gli atti copia del libretto di circolazione del mezzo, il certificato di proprietà o se non si è proprietari del mezzo il titolo di possesso ( es. contratto di comodato d uso gratuito registrato oltre il libretto di circolazione). L esposizione in dichiarazione dei Redditi degli importi forfettari di cui si discute sarà la seguente: UNICO PF Quadro RG, rigo RG22, colonna 4 e 7 UNICO SP e ENC Quadro RG, rigo RG22 colonna 4 e 7-3 -

4 Esempio Un impresa di autotrasporti possiede un parco mezzi che utilizza nella propria attività d impresa, in cui conta n 3 mezzi aventi massa a pieno carico inferiore a 3,5 t e un solo mezzo con una massa di 7,5 t. Nel corso del 2013, i veicoli sono stati tutti adibiti al trasporto di merci per conto terzi. Il contribuente pertanto, potrà fruire della detrazione di 154,94 sui tre veicoli di massa inferiore a 3,5 t e non anche sul quarto veicolo. Per cui, l importo della detrazione è pari ad 464,82, ( 154,94 x 3) da cui deriva la seguente esposizione in Unico 2014: SPECIFICI CREDITI D'IMPOSTA PER GLI AUTOTRASPORTATORI Nel corso degli anni il legislatore ha individuato una serie di ipotesi, perlopiù connesse a costi di acquisto e di gestione, che legittimano l insorgere di un credito nei confronti dell Erario per le imprese del settore degli autotrasporti, indipendentemente dalla forma giuridica da esse scelta. Tali crediti trovano collocazione nel quadro RU del modello Unico, a cui è riservata la Sezione I per l indicazione del codice identificativo e dei relativi dati, ad eccezione del credito d imposta c.d. Caro Petrolio che invece, è accolto nella Sezione II. Quale regola generale, si rammenta che a decorrere dal 2008 (art. 1, commi da 53 a 57, della legge n. 244 del 2007) esiste un limite annuo massimo di Euro ,00 per i crediti d imposta da indicare in dichiarazione dei redditi. Le eventuali eccedenze andranno riportate negli anni successivi, anche oltre il termine stabilito dalle leggi istitutive del singolo credito, che resta comunque compensabile per l intero importo residuo a partire dal terzo anno successivo a quello in cui si genera l eccedenza. Tale limite tuttavia, a far data dal 1 gennaio 2014, è stato elevato (art. 9, comma 2, del D.L. 35/2013) ad Euro ,00. Si segnala infine, che esistono talune tipologie di credito d imposta per cui il legislatore ha stabilito una deroga circa l applicazione del limite appena esposto: tra questi il credito per il recupero di parte delle accise sul gasolio per autrotrazione, al cui specifico approfondimento si rimanda alle pagine successive. Le principali categorie di crediti d imposta stanziati a favore del comparto dell autotrasporto sono rappresentate da: Recupero del contributo al SSN su RC auto Recupero delle accise sul gasolio per autotrazione Acquisto e rottamazione di autocarri Acquisto di autovetture o autocarri ad alimentazione ecologica Acquisto di autocarri alimentati a gas metano Recupero della tassa automobilistica 2008, 2009 e 2010 Mezzi pesanti degli autotrasportatori Imprese di autotrasporto merci RECUPERO DEL CONTRIBUTO AL S.S.N. SU RC AUTO (COD. CREDITO 38 NEL RIGO RU1) Risale alla Legge 266/2005, articolo 1, comma 103, il primo intervento del legislatore per il recupero di una parte del contributo versato al Servizio Sanitario Nazionale (S.S.N.) sui premi di assicurazione per la responsabilità civile per danni derivanti dalla circolazione di taluni particolari veicoli a motore. Tale misura di sostegno agli autotrasportatori è poi stata regolarmente prorogata di anno in anno: Legge 296/2006, art. 1, comma 396; Legge 244/2007, art.1, comma 169 ; Legge 203/2008, art. 2, comma 3; e da ultimo il D.M. 13 marzo 2013, n. 92 recante la ripartizione delle risorse destinate al settore dell autotrasporto di merci dall art. 23, co. 1, del D.L. 95/2012, il quale ha rifinanziato per il periodo d imposta 2013 il recupero delle somme pagate nel Nello specifico, si tratta di recuperare, attraverso il meccanismo della compensazione con il modello F24 (art. 17, D. Lgs. 241/1997) e fino a concorrenza della somma pagata per il contributo SSN sui premi RC sino al limite di Euro 300,00 per ciascun veicolo, le somme (o parte di esse) pagate nel periodo d imposta 2012 a titolo di contributo al S.S.N. sui premi RC per i danni causati dai veicoli a motore in possesso delle seguenti caratteristiche: adibiti al trasporto di merci; aventi una massa complessiva a pieno carico non inferiore a 11,5 tonnellate; omologati ai sensi del Decreto del Ministero dell Ambiente 23 marzo 1992 (G.U. n. 77 del 1 aprile 1992). In dichiarazione dei redditi pertanto, andrà indicato: il codice identificativo del credito d imposta n. 38 (rigo RU1, colonna 1; si rammenta che tale codice è indicato in corrispondenza del riquadro destinato alla descrizione di ciascun codice credito, ma che tuttavia non è un dato che va trasmesso all Agenzia delle Entrate); l ammontare del credito spettante per il periodo d imposta 2012 (rigo RU5, colonna 3); l importo del credito utilizzato in compensazione con il mod. F24 (codice tributo 6793) nell anno 2013 (rigo RU6)

5 Esempio Un impresa di autotrasporti possiede nel 2012 due veicoli con una massa a pieno carico superiore alle 11,5 t, adibiti all attività di trasporto merci, per cui ha versato i seguenti contributi al SSN sui relativi premi RC: 1 veicolo: contributo SSN pari a 200,00; 2 veicolo contributo SSN pari a 400,00. Poiché il credito utilizzabile in compensazione per ciascun veicolo è pari ad 300,00, l importo che il contribuente potrà usare in compensazione sarà pari ad 500,00 ( ). Considerando che nel corso del 2013, il dichiarante ha compensato in F24 il suo credito per Euro 400,00, risulterà un credito non ancora utilizzato di 100,00. Da cui, l esposizione in UNICO 2014: RECUPERO DELLE ACCISE SUL GASOLIO PER AUTOTRAZIONE, C.D. "CARO PETROLIO" (COD. CREDITO 23 NEL RIGO RU1) Come noto, tra le principali voci di costo del viaggio che l autotrasportatore deve sostenere, rientra a pieno titolo il costo del carburante, e quindi i relativi e consistenti rincari di cui è stato oggetto, in particolar modo negli ultimi tre lustri in particolar modo. Non a caso, la prima vera presa di coscienza della problematica da parte del legislatore si registra all inizio del 2000, quando si riconosce a favore degli esercenti alcune attività di autotrasporto un credito d imposta in riferimento ai consumi di gasolio, per il recupero di parte dell accisa pagata su tali consumi frazionati. Dal D.L. 26 settembre 2000, n. 265, art. 1 (convertito con modificazioni dalla Llegge n. 343 del 2000) si sono succedute una serie di manovre in tal senso da parte del legislatore che ha regolarmente rifinanziato l agevolazione di che trattasi, rendendola pressoché una misura strutturale di sostegno al settore di autotrasporti. Ad oggi, destinatari del beneficio sono: gli esercenti l attività di autotrasporto merci con veicoli di massa massima complessiva pari o superiore a 7,5 tonnellate; gli enti pubblici e le imprese pubbliche locali esercenti l attività di trasporto di cui al Decreto Legislativo 19 novembre 1997, n. 422, e relative leggi regionali di attuazione; le imprese esercenti autoservizi di competenza statale, regionale e locale di cui alla Legge 28 settembre 1939, n. 1822, al regolamento (CEE) n. 684/92 del Consiglio, del 16 marzo 1992, e successive modificazioni, e al citato decreto legislativo n. 422 del 1997; gli enti pubblici e le imprese esercenti trasporti a fune in servizio pubblico per trasporto di persone. Il rimborso del credito in questione può aver luogo o con la richiesta di restituzione in denaro ai sensi del D.P.R. 9 giugno 2000, n. 277 o, viceversa, tramite compensazione mediante modello F24 (codice tributo 6740). Per godere del recupero dell accisa sul gasolio, i soggetti che ne hanno diritto, devono presentare un apposita dichiarazione telematica agli uffici dell Agenzia delle Dogane territorialmente competenti, i cui termini sono stati ridefiniti dall art. 61, comma 1, del D.L. 24 gennaio 2012, n. 1, convertito con modificazioni dalla Legge 24 marzo 2012, n. 27 (come modificato dall art. 3 del D. L. 2 marzo 2012, n. 16 nel testo integrato dalla legge di conversione 26 aprile 2012, n. 44). Il citato intervento normativo infatti, ha stabilito che l istanza debba riferirsi a periodi trimestrali e non più annuali come avveniva in precedenza (ossia: gennaio-marzo, aprile-giugno, luglio-settembre, ottobre-dicembre) e la stessa debba essere presentata all Agenzia delle Dogane entro il mese successivo alla scadenza di ciascun trimestre solare. La norma menzionata inoltre, benché da un lato abbia anticipato il termine di presentazione della dichiarazione, dall altro ha dilatato il periodo entro cui è possibile utilizzare il credito in compensazione in F24 fino al 31 dicembre dell anno solare successivo a quello in cui il credito è sorto; fermo restando per il contribuente, la possibilità di richiedere il rimborso di eventuali eccedenze non ancora compensare in tale data entro il semestre solare successivo al periodo di utilizzo in compensazione. Per la determinazione dei litri di gasolio consumati è necessario il riferimento alla fattura di acquisto del prodotto, che di fatto è il documento legittimante la determinazione del quantum di consumi da ammettere all agevolazione. Non a caso, è proprio la consegna del gasolio il passaggio in cui l onere dell accisa viene inglobato nel prezzo di vendita e quindi è in questo momento che si manifesta il presupposto per godere del beneficio di sgravio dal relativo peso economico. Pertanto, nella compilazione dell istanza specifica all Agenzia delle Dogane da parte dei soggetti interessati, devono intendersi per litri consumati proprio quelli indicati in fattura

6 Tuttavia, il legislatore fiscale (D.P.R , n. 633, art. 21) ammette che la fattura venga rilasciata entro il giorno 15 del mese successivo a quello della consegna, per le cessioni di beni supportate da documenti da cui risultino i soggetti contraenti. Per cui, in aderenza a tale disciplina, il Decreto del direttore generale del Dipartimento delle entrate del Ministero delle finanze, di concerto con il capo del Dipartimento dei trasporti terrestri del Ministero dei trasporti e della navigazione, 24 giugno 1999, richiamato nell art.5 del D.P.R. n. 277/2000, ha previsto specifiche disposizioni in materia di fatturazione degli acquisti di gasolio effettuati dagli esercenti l attività di autotrasporto di cose per conto terzi. In particolare all art.1, comma 3, viene ammessa la possibilità di una fatturazione differita sulla base di bolle di consegna o documenti analoghi emessi dal gestore dell impianto dove devono essere riportate, tra l altro, la data, i dati identificativi dell acquirente nonché la qualità e quantità del prodotto rifornito ed il corrispettivo pagato. Di conseguenza, le bolle di consegna o i documenti equipollenti sopra richiamati finiscono per assurgere alla stessa funzione della fattura in tema di determinazione dei litri consumati al momento di effettuazione della fornitura, essendo comunque desumibile in via immediata dalle indicazioni contenute in tali documenti. Gli importi del beneficio sono trimestralmente resi noti dall Agenzia delle Dogane attraverso delle Note. Per l anno 2013, gli importi sono stati confermati per ciascun periodo e definiti nella misura di Euro 214,18609 per mille litri di prodotto, in relazione ai consumi effettuati in ciascun trimestre (Nota RU del , Nota RU del 25 giugno 2013, Nota RU del 27 settembre 2013, Nota RU del 30 dicembre 2013 ). In dichiarazione dei redditi mod. UNICO 2014, alla tipologia di credito d imposta in esame è riservata la Sezione II che si compone di due colonne: nella colonna 1: figurano i dati dell importo residuo del credito d imposta riconosciuto nell anno 2012; nella colonna 2: vanno inseriti i dati del credito d imposta riconosciuto per l anno In particolare si andranno ad inserire gli importi come segue: nel rigo RU21, colonna 1, l ammontare del credito residuo risultante dal rigo RU28, colonna 2, della precedente dichiarazione Mod. UNICO 2013; nel rigo RU22, colonna 2, l ammontare del credito d imposta eventualmente ricevuto (i soci che detengono una partecipazione in una o più società di persone ovvero in uno degli altri soggetti di cui all art. 5 del TUIR e i beneficiari di Trust trasparenti e Trust misti devono indicare nella presente colonna l importo del credito ricevuto, che deve essere altresì riportato nella sezione VI-A); nel rigo RU23, colonna 2, l ammontare del credito concesso nell anno 2013 con riferimento ai consumi effettuati nel quarto trimestre del 2012 e nei primi tre trimestri del 2013; nel rigo RU24, colonna 1, l ammontare del credito di cui al rigo RU21 utilizzato in compensazione nell anno 2013; nel rigo RU24, colonna 2, l ammontare del credito di cui ai righi RU22 e RU23 utilizzato in compensazione nell anno 2013; nel rigo RU25, colonne 1 e 2, l ammontare del credito di cui al rigo RU24 della medesima colonna eventualmente versato, a seguito di ravvedimento, nel periodo d imposta cui si riferisce la presente dichiarazione e fino alla data di presentazione della medesima, al netto dei relativi interessi e sanzioni; nel rigo RU27, colonna 1, l ammontare del credito chiesto a rimborso entro il 30 giugno 2014; nel rigo RU28, colonna 2, l ammontare del credito residuo che sarà utilizzabile in compensazione entro il 31 dicembre 2014, dato dalla differenza tra la somma degli importi indicati nei righi RU22, RU23 e RU25 e l importo del rigo RU24 della medesima colonna. Attenzione A partire dal credito d imposta riferito ai consumi effettuati dal 2012, per questa tipologia di agevolazione fiscale non si applica il limite previsto dal legislatore per l utilizzo dei crediti indicati in dichiarazione. Esempio Una società di autotrasporti, nel corso del 2012 e del 2013, ha presentato all Agenzia delle Dogane, regolarmente e nei termini previsti, l istanza per fruire del rimborso di parte delle accise pagate sul gasolio utilizzato per i viaggi eseguiti nell esercizio dell attività d impresa. Gli importi riconosciuti a credito per il 2013, sulla base dei litri di carburante indicati nelle singole dichiarazioni, sono i seguenti: IV TRIMESTRE 2012 I TRIMESTRE 2013 II TRIMESTRE 2013 III TRIMESTRE , , , ,00 Dell importo totale del credito d imposta per il 2013 di ,00, ne è stata utilizzata in compensazione nell anno solo una parte, pari ad 7.500,00, oltre alla quota residua dell anno 2012 di 3.000,00. In virtù delle compensazioni effettuate residua un credito di 6.000,00 Per cui, l operazione in UNICO 2014 sarà la seguente: ACQUISTO E ROTTAMAZIONE DI AUTOCARRI (COD. CREDITO 43 NEL RIGO RU1) - 6 -

7 Il credito d imposta per l acquisto e la rottamazione di autocarri, identificato con il codice 43, ha una natura residuale, nel senso che trattasi di una fattispecie istituita con la Legge 296/2006, art. 1, comma 227, che trova accoglienza in UNICO 2014 per la sola parte di cui non si sia eventualmente ancora fruito nei periodi precedenti. Tale credito aveva lo scopo di favorire il rinnovo del parco autocarri in circolazione, tramite la sostituzione attuata con la demolizione o la rottamazione dei veicoli c.d. euro 0 o euro 1, con veicoli nuovi a minore impatto ambientale, di peso complessivo non superiore a 3,5 tonnellate e immatricolati come euro 4 o euro 5. L agevolazione, pari a Euro 2.000,00 per ciascun nuovo veicolo, attribuita nei limiti della normativa comunitaria in materia di aiuti de minimis (di cui al regolamento CE n. 69/2001 della Commissione del 212 gennaio 2001), spettava per l acquisto effettuato con un contratto stipulato dal 3 ottobre 2006 fino al 31 dicembre 2007, di veicoli con le citate caratteristiche, da immatricolare entro il 31 marzo In pratica, il contributo era anticipato all acquirente dal venditore, il quale otteneva il rimborso direttamente dall impresa costruttrice o importatrice, che a sua volta, procede con il recupero di tali importi a credito attraverso il meccanismo della compensazione (codice tributo 6796). Per chiarezza, si sottolinea che destinatari dell apposita sezione del mod. UNICO sono solo le imprese costruttrici o importatrici dei veicoli a minore impatto ambientale, che procedono con la compilazione della dichiarazione solo qualora abbiano un credito residuo rinveniente dalle vendite esaminate, non ancora utilizzato in compensazione nei periodi d imposta precedenti. Della Sezione, si possono compilare esclusivamente i righi (oltre al rigo RU1, colonna 1) RU2, RU3, RU6, RU8, RU9 e RU12. Si propone di seguito un esempio volto a chiarire l esposizione della tipologia di credito in esame in dichiarazione dei redditi. Esempio Nel 2007, un impresa costruttrice di veicoli per autotrasporto ha rimborsato ai suoi clienti Euro ,00 per le vendite di 120 mezzi di tipo euro 4 o euro 5 e peso complessivo non superiore a 3,5 tonnellate. Nei successivi periodi d imposta, la società ha utilizzato il credito in compensazione per Euro ,00, di cui nel corso del Pertanto, consegue l esistenza di un importo residuo di 2.000,00 che la società potrà continuare ad utilizzare in compensazione nel corso del Il modello UNICO 2014 pertanto, si dovrà compilare nel seguente modo: ACQUISTO E ROTTAMAZIONE DI AUTOCARRI 2008 (COD. CREDITO 60 NEL RIGO RU1) Un credito d imposta simile a quello analizzato nel paragrafo precedente, ma di più ampia portata circa la fattispecie legittimante, è stato previsto anche per il Il D.L. 31 dicembre 2007, n. 248, articolo 29, comma 4, ha riconosciuto un contributo per la sostituzione, tramite demolizione, di: autoveicoli; autocarri; autoveicoli per trasporti specifici; autoveicoli per uso speciale; autocaravan; (ossia veicoli di cui all art. 54, co. 1, lett. c), d), e), f), g) ed m), D.Lgs. 285/1992), con una massa complessiva fino a 3,5 tonnellate e di categoria euro 0 o euro 1, immatricolati prima dell , con veicoli nuovi della stessa tipologia ma euro 4. Condizione per fruire dell agevolazione era la stipula del contratto nell anno 2008 (dal 1 gennaio al 31 dicembre) e l immatricolazione del nuovo veicolo non oltre il 31 marzo La misura del contributo, per il cui godi mento era necessario il rispetto delle regole comunitarie in materia di aiuti de minimis (di cui al regolamento CE n. 69/2001 della Commissione del 212 gennaio 2001), era di: Euro 1.500,00, per i veicoli di massa fino a 3 tonnellate; Euro 2.500,00, per i veicoli di massa compresa tra 3 e 3,5 tonnellate. Come per il contributo riconosciuto nei periodi 2006/2007, l importo dell agevolazione era anticipato all acquirente del veicolo dal suo venditore, il quale ne otteneva il rimborso dall impresa costruttrice o importatrice del veicolo nuovo. Quest ultima poi, recupera l importo anticipato tramite la compensazione in F24 (codice tributo 6803), e quindi provvede alla compilazione dell UNICO 2014 solo in caso di importi residui non ancora - 7 -

8 compensati, indicando gli utilizzi effettuati nel periodo di competenza di detta dichiarazione (2013). Della Sezione I, si possono compilare esclusivamente i righi (oltre al rigo RU1, colonna 1) RU2, RU3, RU6, RU8, RU9 e RU12. ACQUISTO DI AUTOVETTURE O AUTOCARRI AD ALIMENTAZIONE "ECOLOGICA" (COD. CREDITO 44 NEL RIGO RU1) Questa tipologia di credito d imposta rientra nelle misure di incentivazione previste dal legislatore della Legge finanziaria 2007 (Legge 296/2006, art. 1, comma 228), rivolte direttamente agli autotrasportatori per l acquisto di autovetture e autocarri nuovi c.d. ecologici, ma con lo scopo precipuo di ridurre l impatto ambientale dovuto alla circolazione degli stessi. L entità del contributo era pari a Euro 1.500,00 per ciascun veicolo, incrementato di ulteriori Euro 500,00, nel caso in cui il veicolo stesso immettesse in atmosfera quantità di CO2 inferiori a 120 grammi per chilometro. Per usufruire del beneficio, oltre ad essere richiesto il rispetto delle regole comunitarie in materia di aiuti de minimis (di cui al regolamento CE n. 69/2001 della Commissione del 212 gennaio 2001), era necessario che l atto di compravendita fosse concluso nel periodo che andava dal 3 ottobre 2006 al 31 dicembre 2009, e i nuovi veicoli fossero immatricolati entro il 31 marzo Perché si potesse usufruire dello sconto d imposta inoltre, era fondamentale che i veicoli acquistati possedessero, alternativamente, una delle seguenti modalità di alimentazione: alimentazione esclusiva o doppia del motore con gas metano oppure GPL; alimentazione elettrica ovvero ad idrogeno. Anche in questa ipotesi, l importo dell agevolazione era anticipato all acquirente del veicolo dal venditore, il quale poi provvedeva ad ottenerne il rimborso dall impresa costruttrice o importatrice del veicolo nuovo. Quest ultima quindi procede con il recupero dell importo anticipato tramite la compensazione in F24 (codice tributo 6797), e provvede alla compilazione dell UNICO 2014 solo in caso di esistenza di importi residui, indicando gli utilizzi effettuati nel corso del Della Sezione I, si possono compilare esclusivamente i righi (oltre al rigo RU1, colonna 1) RU2, RU3, RU6, RU8, RU9 e RU12. ACQUISTO DI AUTOCARRI ALIMENTATI A GAS METANO 2009 (COD. CREDITO 72 NEL RIGO RU1) Una misura ulteriore di sostegno combinato all ambiente e al settore degli autotrasporti è stata prevista dal D.L. 10 febbraio 2009, n. 5, art. 1, comma 4 (convertito con modificazioni dalla Legge 33/2009), per l acquisto di autocarri alimentati a gas metano. Il citato intervento normativo ha stabilito nella misura di Euro 4.000,00 l entità dell incentivo per l acquisto di veicoli di cui all art. 54, co. 1, lett. d), D. Lgs. 285/1992, di massa fino alle 3,5 tonnellate e di categoria euro 4 o euro 5, nuovi di fabbrica ed omologati dal costruttore per la circolazione mediante alimentazione, esclusiva o doppia, del motore con gas metano. Per accedere a tale beneficio, l acquisto dei nuovi veicoli doveva avvenire con un contratto stipulato nel periodo che andava dal 7 febbraio 2009 al 31 dicembre 2009, e purché i veicoli fossero immatricolati entro il 31 marzo Altra condizione di ammissione al credito d imposta era il rispetto della normativa comunitaria in materia di aiuti de minimis (di cui al regolamento CE n. 69/2001 della Commissione del 212 gennaio 2001). L impresa costruttrice o importatrice che, a cascata, ha rimborsato dell importo del beneficio l acquirente, provvede al recupero dello stesso tramite il meccanismo di compensazione in F24 (codice tributo 6815), e quindi provvede alla compilazione dell UNICO 2014 in caso di importi residui, indicando gli utilizzi effettuati di detto credito nell arco del Nella Sezione si può procedere con la sola compilazione dei righi (oltre al rigo RU1, colonna 1) RU2, RU3, RU6, RU8, RU9 e RU12. Attenzione le ultime quattro tipologie di crediti ( Acquisto e rottamazione di autocarri - Acquisto e rottamazione di autocarri Acquisto di autovetture o autocarri ad alimentazione ecologica - Acquisto di autocarri alimentati a gas metano 2009 ) NON sono prensenti nel mod. unico ENC. RECUPERO DELLA TASSA AUTOMOBILISTICA 2008, 2009, 2010 ( COD. CREDITO 63,74,77 NEL RIGO RU1) Nella gamma di previsioni fiscali agevolative individuate nel corso degli anni per sostenere il comparto dell autotrasporto rientra il recupero di parte della tassa automobilistica, previsto per gli anni 2008, 2009 e L articolo 83-bis, comma 26, del Decreto-Legge 25 giugno 2008, n. 112, convertito con modificazioni dalla legge 6 agosto 2008, n. 133, ha previsto un credito d imposta per le imprese autorizzate all autotrasporto di merci per un importo corrispondente a una quota parte della tassa automobilistica pagata nel corso dell anno del decreto, per ciascun veicolo posseduto e utilizzato nell attività d impresa, con una massa complessiva di almeno 7,5 tonnellate. È poi intervenuto il Provvedimento dell Agenzia delle Entrate n /2008 a stabilire la misura dell incentivo, diversificata a seconda della massa complessiva del veicolo, ossia: per i veicoli da 7,5 tonnellate a 11,5 tonnellate, il credito d imposta è stato stabilito nella misura del 35% dell importo pagato nel 2008 per ciascun veicolo; per i veicoli oltre le 11,5 tonnellate, il credito d imposta è stato stabilito nella misura del 70%. Condizione per fruire del credito d imposta indicato era il rispetto del Regolamento (CE) n. 1998/2006 della Commissione del 15 dicembre 2006, relativo all applicazione degli articoli 87 e 88 del trattato agli aiuti d importanza minore (de minimis) e del limite complessivo di Euro ,00, per il settore del trasporto su strada, ivi previsto per gli aiuti di importanza minore a favore della medesima impresa nell arco di tre esercizi - 8 -

9 finanziari. Il credito maturato nel periodo andava quindi indicato nella dichiarazione dei redditi relativa all anno, nonchè nelle dichiarazioni dei periodi seguenti per gli importi utilizzati in compensazione (codice tributo 6908) nei vari esercizi, fino ad esaurimento del credito stesso. Per cui ad oggi, il codice credito 63 è inserito esclusivamente in presenza di un credito residuo maturato nel 2008 ma non completamente compensato in F24, compilando in Unico 2014 i righi RU2, RU3, RU6, RU8 e RU12. Un discorso agevolativo speculare a quello appena analizzato per il 2008 è stato successivamente ripreso dal legislatore (art. 15, co. 8-septies, D.L. 78/2009) per il 2009 e il In quella occasione tuttavia, sono state innalzate le percentuali di recupero della tassa automobilistica pagata dagli autotrasportatori nella misura del 38,5% e 70% (Provvedimento dell Agenzia delle Entrate n /2009 e Provvedimento dell Agenzia delle Entrate n /2010) in relazione alla massa dei veicoli (tra i 7,5 e le 11,5 t nel primo caso, oltre le 11,5 t nel secondo). Inoltre, perchè i destinatari del bonus fruissero del credito, erano tenuti a presentare all Agenzia delle Entrate apposita dichiarazione sostitutiva di atto di notorietà. I crediti erano utilizzabili in compensazione nel mod. F24 con i codici tributo 6819 e 6829, rispettivamente per l anno 2009 e 2010, e trovano esposizione per l eventuale residuo in Unico con i codici credito 74 (2009) e 77 (2010). Infine, anche per queste ipotesi di credito d imposta residuo, sono compilabili in dichiarazione dei redditi i righi RU2, RU3, RU6, RU8 e RU12. MEZZI PESANTI DEGLI AUTOTRASPORTATORI (COD. CREDITO 75 NEL RIGO RU1) Tra le misure congiunte di miglioramento ambientale e sostegno all autotrasporto previste dal legislatore durante la prima decade del nuovo millennio, rientra il contributo riconosciuto per l acquisizione di mezzi pesanti di ultima generazione. Il D.P.R. 273/2007 ha istituito infatti, un incentivo pari ad Euro 3.400,00 per le piccole e medie imprese di autotrasporto ed Euro 2.550,00 per le altre (importi maggiorati del 10 per cento per le imprese situate nelle aree in via di sviluppo, rientranti fra quelle di cui all'articolo 87, paragrafo 3, lettera a), del Trattato istitutivo della Comunità europea) qualora effettuassero acquisti, anche mediante locazione finanziaria, di autoveicoli adibiti al trasporto di merci di massa complessiva pari o superiore a 11,5 tonnellate, appartenenti alla categoria Euro 5 o superiori, durante biennio Circa la definizione delle modalità di fruizione del contributo in esame, è poi intervenuto il D.L. 1 luglio 2009, n. 78, convertito con modificazioni dalla L. 3 agosto 2009, n. 102, che all art. 17, commi 35-undecies e 35-duodecies che ha disposto la duplice facoltà di utilizzare gli importi a credito tramite compensazione in mod. F24 (codice tributo 6822) o, alternativamente, tramite espressa dichiarazione di volontà a fruire del contributo diretto. Dunque, nel quadro RU, con il codice credito n. 75 si andranno ad indicare gli eventuali importi del beneficio fiscale per cui si sia optato per la compensazione, ma per i quali la stessa non si è ancora esaurita nel corso dei precedenti periodi d imposta. Nella Sezione si può procedere con la sola compilazione dei righi (oltre al rigo RU1, colonna 1) RU2, RU3, RU6, RU8 e RU12. IMPRESE DI AUTOTRASPORTO MERCI EX ART. 12 D.L. 81/2007 E D.P.R. 227/2007 (COD. CREDITO 51 NEL RIGO RU1) L articolo 2, comma 2, del regolamento di cui al D.P.R. 27 settembre 2007, n. 227, ha stanziato un credito per le imprese di autotrasporti merci, fruibile mediante credito d imposta ai sensi dell articolo 12, del Decreto Legge 2 luglio 2007, n. 81. Nel dettaglio, il legislatore nel 2007 ha previsto un fondo per il sostegno alle imprese di autotrasporti, demandando la qualificazione e quantificazione delle misure attuative del sostegno stesso ad un successivo regolamento operativo. Il D.P.R. 227/2007 anzi richiamato pertanto, ha individuato una serie di iniziative finanziabili, ossia: investimenti in impianti tecnologici, informatici e telematici, con particolare riguardo alla tracciabilità dei percorsi ed all'organizzazione aziendale; investimenti in aree attrezzate ed in infrastrutture, atte a favorire la sosta dei veicoli pesanti e la custodia delle merci, nonché le pause di riposo dei conducenti in condizioni di sicurezza ed ambientalmente favorevoli; interventi volti a realizzare l'utilizzo di modalità di trasporto alternative al trasporto stradale e l'ottimizzazione della catena logistica; investimenti per l'acquisto di attrezzature e dispositivi atti a migliorare la sicurezza e l'impatto ambientale del trasporto stradale; interventi a favore dello smaltimento dei rifiuti prodotti dal trasporto stradale di merci; iniziative per la formazione del personale; e per ognuna di esse ha definito una percentuale specifica di destinazione del fondo. Al pari delle altre tipologie di crediti d imposta sin qui analizzati, anche il presente credito era scomputabile attraverso il meccanismo della compensazione in F24, codice tributo 6810; di conseguenza può trovare eventuale esposizione in UNICO 2014 per la sola parte non ancora compensata nei periodi d imposta precedenti, attraverso la compilazione dei righi (oltre al rigo RU1, colonna 1) RU2, RU3, RU6, RU8 e RU12 della Sezione. Prospetto riepilogativo della Categoria di agevolazioni DEDUZIONI TIPOLOGIE DI DEDUZIONI TIPOLOGIA AGEVOL. IMPORTO RIGO COD. CRED

10 Per le trasferte dei dipendenti 56,95 se nazionali oltre il Comune 95,80 se all estero RF55 oppure RG16 3 Per i trasporti effettuati personalmente dall imprenditore 19,60 se nel Comune 56,00 se all interno della Regione o di quelle confinanti 92,00 se oltre il predetto confine RG22 / Per le imprese c.d. minori 154,94 per veicolo RG22 / Prospetto riepilogativo della Categoria di agevolazioni CREDITI D IMPOSTA TIPOLOGIE DI CREDITI D IMPOSTA TIPOLOGIA AGEVOL. IMPORTO COD. TRIBUTO IN F24 COD. CRED. RIGO Recupero contributo SSN su RC Auto Fino a 300 per veicolo RU1 - RU5 - RU6 Caro petrolio 214,18609 per mille litri di prodotto RU21 - RU22 - RU23 - RU24 - RU25 - RU27 - RU28 Acquisto e rottamazione di autocarri RU1 - RU2 - RU3 - RU6 - RU8 - RU9 - RU12 Acquisto e rottamazione di autocarri / (a seconda della massa del veicolo) RU1 - RU2 - RU3 - RU6 - RU8 - RU9 - RU12 Acquisto di veicoli ecologici / RU1 - RU2 - RU3 - RU6 - RU8 - RU9 -RU12 Acquisto di veicoli alimentati a Gas metano RU1 - RU2 - RU3 - RU6 - RU8 - RU9 -RU12 Recupero della tassa automobilistica Anno % - 70% (a seconda della massa del veicolo) RU1 - RU2 - RU3 - RU6 - RU8 - RU12 Anno ,5% - 77% (a seconda della massa del veicolo) Anno ,5% - 77% (a seconda della massa del veicolo)

11 Mezzi pesanti autotrasportatori / 4250 (a seconda della dimensione dell azienda e della sua localizzazione geografica) RU1 - RU2 - RU3 - RU6 - RU8 - RU12 Imprese ex art. 12 D.L. 81/2007 e D.P.R. 227/2007 Importi differenziati a seconda della tipologia di iniziativa RU1 - RU2 - RU3 - RU6 - RU8 - RU

Autotrasportatori: importi e modalità di rimborso del caro gasolio

Autotrasportatori: importi e modalità di rimborso del caro gasolio CIRCOLARE A.F. N. 13 del 31 gennaio 2012 Ai gentili clienti Loro sedi Autotrasportatori: importi e modalità di rimborso del caro gasolio Gentile cliente con la presente intendiamo informarla che con un

Dettagli

Circolare N.47 del 29 Marzo 2012. Riconfermati i bonus a favore degli autotrasportatori

Circolare N.47 del 29 Marzo 2012. Riconfermati i bonus a favore degli autotrasportatori Circolare N.47 del 29 Marzo 2012 Riconfermati i bonus a favore degli autotrasportatori Riconfermati i bonus a favore degli autotrasportatori Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che

Dettagli

La deduzione spetta una sola volta per ogni giorno di effettuazione del trasporto, indipendentemente dal numero di viaggi.

La deduzione spetta una sola volta per ogni giorno di effettuazione del trasporto, indipendentemente dal numero di viaggi. AGEVOLAZIONI SETTORE AUTOTRASPORTO IMPOSTE SUI REDDITI Deduzione forfettarie (Art. 66 comma 5 TUIR) Alle imprese autorizzate all autotrasporto di merci per conto terzi spetta una deduzione forfettaria

Dettagli

1 DEDUZIONI FORFETARIE PER GLI AUTOTRASPORTATORI PER IL 2010

1 DEDUZIONI FORFETARIE PER GLI AUTOTRASPORTATORI PER IL 2010 Pesaro, lì 24 giugno 2011 A TUTTI I CLIENTI ESTERNI LORO SEDI CIRCOLARE n. 10/2011 1 Deduzioni forfetarie per gli autotrasportatori per il 2010; 2 Autotrasportatori ed il credito contributivo al SSN versato

Dettagli

Benefici gasolio ad uso autotrazione quarto trimestre 2013: presentazione della dichiarazione entro il 31.01.2014

Benefici gasolio ad uso autotrazione quarto trimestre 2013: presentazione della dichiarazione entro il 31.01.2014 CIRCOLARE A.F. N. 6 del 15 Gennaio 2014 Ai gentili clienti Loro sedi Benefici gasolio ad uso autotrazione quarto trimestre 2013: presentazione della dichiarazione entro il 31.01.2014 (Nota Agenzia delle

Dettagli

Circolare N.11 del 18 Gennaio 2013

Circolare N.11 del 18 Gennaio 2013 Circolare N.11 del 18 Gennaio 2013 Benefici fiscali sul gasolio per autotrazione per il quarto trimestre 2012. Appuntamento al 31 Gennaio 2013 Benefici fiscali sul gasolio per autotrazione per il quarto

Dettagli

Autotrasporti: confermate le agevolazioni per il 2014

Autotrasporti: confermate le agevolazioni per il 2014 Numero 110/2014 Pagina 1 di 6 Autotrasporti: confermate le agevolazioni per il 2014 Numero : 110/2014 Gruppo : AGEVOLAZIONI Oggetto : AGEVOLAZIONI IMPRESE DI AUTOTRASPORTO DI MERCI Norme e prassi : ART.

Dettagli

Anno 2013 N. RF093. La Nuova Redazione Fiscale

Anno 2013 N. RF093. La Nuova Redazione Fiscale Anno 2013 N. RF093 ODCEC VASTO La Nuova Redazione Fiscale www.redazionefiscale.it Pag. 1 / 8 OGGETTO AUTOTRASPORTATORI - AGEVOLAZIONI PROROGATE ANCHE PER IL 2013 RIFERIMENTI COMUNICATO STAMPA AG. ENTRATE

Dettagli

Roma, 24 marzo 2015. Alle Direzioni regionali ed interregionali delle dogane. Alla Direzione interprovinciale delle dogane di Bolzano e Trento

Roma, 24 marzo 2015. Alle Direzioni regionali ed interregionali delle dogane. Alla Direzione interprovinciale delle dogane di Bolzano e Trento Roma, 24 marzo 2015 Alle Direzioni regionali ed interregionali delle dogane Prot.: RU 37062 Rif.: Allegati: Alla Direzione interprovinciale delle dogane di Bolzano e Trento Agli Uffici delle Dogane Agli

Dettagli

News per i Clienti dello studio

News per i Clienti dello studio News per i Clienti dello studio Ai gentili clienti Loro sedi Credito d imposta gasolio per autotrazione: come compilare il modello F24 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che l Agenzia

Dettagli

Deducibilità dei canoni di leasing

Deducibilità dei canoni di leasing Circolare Monografica 11 giugno 2014 n. 1989 DICHIARAZIONI Deducibilità dei canoni di leasing Modifiche normative e gestione in UNICO 2014 di Marianna Annicchiarico, Giuseppe Mercurio La Legge 27 dicembre

Dettagli

Come di consueto l Agenzia delle Dogane, con la nota in parola, ha comunicato le

Come di consueto l Agenzia delle Dogane, con la nota in parola, ha comunicato le 1 Comitato Regionale dell Emilia Romagna Prot.n. 30/DS/fc UFFICIO FISCALE Bologna, 7 Aprile 2014 Ai Resp.li Territoriali Comparto Trasporto Merci ------------------------------ll.ss. OGGETTO: BENEFICI

Dettagli

RISOLUZIONE N. 113/E. Roma, 27 ottobre 2010. Direzione Centrale Normativa

RISOLUZIONE N. 113/E. Roma, 27 ottobre 2010. Direzione Centrale Normativa RISOLUZIONE N. 113/E Roma, 27 ottobre 2010 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Incentivi per il rinnovo del parco circolante e per l acquisto di veicoli ecologici mediante riconoscimento di crediti di

Dettagli

Periodico informativo n. 148/2015

Periodico informativo n. 148/2015 Periodico informativo n. 148/2015 Bonus gasolio: invio richiesta entro il 31.10 Gentile Cliente, con la stesura del presente documento intendiamo informarla che la dichiarazione per ottenere il recupero

Dettagli

Decreto Legge 248 / 2007 (Milleproroghe) Proroga Incentivi Rottamazione 2008

Decreto Legge 248 / 2007 (Milleproroghe) Proroga Incentivi Rottamazione 2008 Roma, 10 gennaio 2008 Decreto Legge 248 / 2007 (Milleproroghe) - Proroga Incentivi Rottamazione 2008 Introduzione Nel Consiglio dei Ministri del 28 dicembre scorso, è stato approvato il cosiddetto Milleproroghe

Dettagli

Roma, 30.09.2014. Alle Direzioni regionali ed interregionali delle dogane. Alla Direzione interprovinciale delle dogane di Bolzano e Trento

Roma, 30.09.2014. Alle Direzioni regionali ed interregionali delle dogane. Alla Direzione interprovinciale delle dogane di Bolzano e Trento Roma, 30.09.2014 Protocollo: RU 106795 Rif.: Allegati: Alle Direzioni regionali ed interregionali delle dogane Alla Direzione interprovinciale delle dogane di Bolzano e Trento Agli Uffici delle Dogane

Dettagli

News per i Clienti dello studio

News per i Clienti dello studio News per i Clienti dello studio N. 118 del 16 settembre 2014 Ai gentili clienti Loro sedi Autotrasporto merci: attivati gli incentivi per il rinnovo del parco circolante (Decreto 03.07.2014 del Ministero

Dettagli

Auto elettriche e ibride: arrivano gli incentivi statali per i veicoli meno inquinanti

Auto elettriche e ibride: arrivano gli incentivi statali per i veicoli meno inquinanti Ai gentili clienti Loro sedi Auto elettriche e ibride: arrivano gli incentivi statali per i veicoli meno inquinanti Premessa Per effetto di un emendamento introdotto con la legge di conversione del Decreto

Dettagli

QUESITI - Programma merci Serie MDN- Elementi di diritto tributario - Nazionale

QUESITI - Programma merci Serie MDN- Elementi di diritto tributario - Nazionale QUESITI - Programma merci Serie MDN- Elementi di diritto tributario - Nazionale MDN001 L'indennizzo di usura per la circolazione dei mezzi d'opera è quantificato A in proporzione alla portata utile F B

Dettagli

Circolare N.123 del 7 Settembre 2012

Circolare N.123 del 7 Settembre 2012 Circolare N.123 del 7 Settembre 2012 Auto elettriche e ibride. Arrivano gli incentivi statali per i veicoli meno inquinanti Auto elettriche e ibride: arrivano gli incentivi statali per i veicoli meno inquinanti

Dettagli

Ministero delle Attività Produttive

Ministero delle Attività Produttive Ministero delle Attività Produttive Decreto ministeriale 2 luglio 2003 n.183 : Regolamento concernente modifiche al decreto Ministeriale 17 luglio 1998, N 256, recante l attuazione dell articolo 1, comma

Dettagli

Auto elettriche e ibride: nuovi incentivi statali per il 2013

Auto elettriche e ibride: nuovi incentivi statali per il 2013 CIRCOLARE A.F. N. 8 del 15 Gennaio 2013 Ai gentili clienti Loro sedi Auto elettriche e ibride: nuovi incentivi statali per il 2013 Premessa Per effetto di un emendamento introdotto con la legge di conversione

Dettagli

Roma, 26 novembre 2012

Roma, 26 novembre 2012 CIRCOLARE N. 45/E Roma, 26 novembre 2012 Direzione Centrale Servizi ai contribuenti OGGETTO: Sisma maggio 2012 Finanziamento per il pagamento di tributi, contributi previdenziali e premi assicurativi obbligatori

Dettagli

RISOLUZIONE N.100/E QUESITO

RISOLUZIONE N.100/E QUESITO RISOLUZIONE N.100/E Roma, 19 ottobre 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Interpello ai sensi dell articolo 11 della legge n. 212 del 2000 Articolo 1, commi 280-283, della legge 27 dicembre 2006,

Dettagli

Quotidiano d'informazione giuridica - n.1849 del 06.08.2007 - Direttore Alessandro Buralli - Note legali - Pubblicità - Aiuto

Quotidiano d'informazione giuridica - n.1849 del 06.08.2007 - Direttore Alessandro Buralli - Note legali - Pubblicità - Aiuto Pagina 1 di 7 Quotidiano d'informazione giuridica - n.1849 del 06.08.2007 - Direttore Alessandro Buralli - Note legali - Pubblicità - Aiuto Manovra finanziaria 2007: le disposizioni fiscali per le auto

Dettagli

RISOLUZIONE N. 15/E. Roma, 5 marzo 2010. Direzione Centrale Normativa

RISOLUZIONE N. 15/E. Roma, 5 marzo 2010. Direzione Centrale Normativa RISOLUZIONE N. 15/E Direzione Centrale Normativa Roma, 5 marzo 2010 OGGETTO: Interpello ai sensi dell art. 11 della legge n. 212 del 2000 incentivi all acquisto di auto ecologiche di cui all articolo 1

Dettagli

CIRCOLARE N. 24/E. Roma, 31 luglio 2014

CIRCOLARE N. 24/E. Roma, 31 luglio 2014 CIRCOLARE N. 24/E Direzione Centrale Normativa Roma, 31 luglio 2014 OGGETTO: Articolo 1 del decreto-legge 31 maggio 2014, n. 83 Credito di imposta per favorire le erogazioni liberali a sostegno della cultura

Dettagli

Circolare N.08 del 15 Gennaio 2013. Auto elettriche e ibride. Nuovi incentivi statali per il 2013

Circolare N.08 del 15 Gennaio 2013. Auto elettriche e ibride. Nuovi incentivi statali per il 2013 Circolare N.08 del 15 Gennaio 2013 Auto elettriche e ibride. Nuovi incentivi statali per il 2013 Auto elettriche e ibride: nuovi incentivi statali per il 2013 Gentile cliente, con la presente desideriamo

Dettagli

Roma, 23 settembre 2015

Roma, 23 settembre 2015 Roma, 23 settembre 2015 Alle Direzioni regionali ed interregionali delle dogane Prot.: 104552/RU Rif.: Allegati: Alla Direzione interprovinciale delle dogane di Bolzano e Trento Agli Uffici delle Dogane

Dettagli

Novità del quadro RU del modello Unico 2013. Roma, 26 marzo 2013

Novità del quadro RU del modello Unico 2013. Roma, 26 marzo 2013 Novità del quadro RU del modello Unico 2013 Roma, 26 marzo 2013 Le principali novità di quest anno Il quadro RU 2013 presenta notevoli novità riguardanti: la struttura del quadro i crediti d imposta di

Dettagli

Normative per l acquisto di beni ecologici

Normative per l acquisto di beni ecologici ITALIA Normative per l acquisto di beni ecologici I provvedimenti governativi per l acquisto di auto, moto ed elettrodomestici di classe A+ e A++. Focus sull impatto degli incentivi sulle vendite di frigoriferi

Dettagli

Decreto Legge 5/2009 (GU n. 34 del 11-2-2009 ) Misure per il rinnovo del parco circolante, l acquisto di veicoli ecologici e altre misure

Decreto Legge 5/2009 (GU n. 34 del 11-2-2009 ) Misure per il rinnovo del parco circolante, l acquisto di veicoli ecologici e altre misure Roma, 18 febbraio 2009 Decreto Legge 5/2009 (GU n. 34 del 11-2-2009 ) - Misure per il rinnovo del parco circolante, l acquisto di veicoli ecologici e altre misure Introduzione Nel Consiglio dei Ministri

Dettagli

Le agevolazioni fiscali per il risparmio energetico e le ristrutturazioni edilizie

Le agevolazioni fiscali per il risparmio energetico e le ristrutturazioni edilizie Le agevolazioni fiscali per il risparmio energetico e le ristrutturazioni edilizie Dott.ssa Elisa Salvadeo energetico e ristrutturazioni edilizie 1 La circolare ministeriale 13/E del 09.05.2013 ha fornito

Dettagli

ECO-INCENTIVI STATALI 2008 per la sostituzione o trasformazione di veicoli inquinanti e altri contributi a favore della mobilità sostenibile

ECO-INCENTIVI STATALI 2008 per la sostituzione o trasformazione di veicoli inquinanti e altri contributi a favore della mobilità sostenibile ECO-INCENTIVI STATALI 2008 per la sostituzione o trasformazione di veicoli inquinanti e altri contributi a favore della mobilità sostenibile Il decreto milleproroghe (D.L. 248/2007) varato dal Consiglio

Dettagli

Roma, 27 marzo 2014. Alle Direzioni regionali ed interregionali delle dogane. Alla Direzione interprovinciale delle dogane di Bolzano e Trento

Roma, 27 marzo 2014. Alle Direzioni regionali ed interregionali delle dogane. Alla Direzione interprovinciale delle dogane di Bolzano e Trento Roma, 27 marzo 2014 Protocollo: RU 35204 Rif.: Allegati: Alle Direzioni regionali ed interregionali delle dogane Alla Direzione interprovinciale delle dogane di Bolzano e Trento Agli Uffici delle Dogane

Dettagli

ECOINCENTIVI PER ACQUISTO VEICOLI NUOVI

ECOINCENTIVI PER ACQUISTO VEICOLI NUOVI ECOINCENTIVI PER ACQUISTO VEICOLI NUOVI IL D.L. 10 FEBBRAIO 2009 N. 5 ( PUBBLICATO NELLA G.U. N.34 DEL 11.02.2009) IN VIGORE DALL' 11 C.M., ALL'ARTICOLO 1 RECA INCENTIVI AL RINNOVO DEL PARCO CIRCOLANTE

Dettagli

Art-Bonus Credito d imposta per le erogazioni liberali a sostegno della cultura

Art-Bonus Credito d imposta per le erogazioni liberali a sostegno della cultura Art-Bonus Credito d imposta per le erogazioni liberali a sostegno della cultura 1 PREMESSA L art. 1 del DL 31.5.2014 n. 83, entrato in vigore l 1.6.2014 e convertito nella L. 29.7.2014 n. 106, ha introdotto

Dettagli

LA DEDUCIBILITÀ DELL IRAP PER IL 2012

LA DEDUCIBILITÀ DELL IRAP PER IL 2012 INFORMATIVA N. 082 26 MARZO 2013 IMPOSTE DIRETTE LA DEDUCIBILITÀ DELL IRAP PER IL Art. 6, DL n. 185/2008 Art. 2, comma 1, DL n. 201/2011 Istruzioni mod. UNICO 2013 Nel mod. UNICO 2013 le imprese / lavoratori

Dettagli

Quadro RU CREDITI DI IMPOSTA CONCESSI A FAVORE DELLE IMPRESE

Quadro RU CREDITI DI IMPOSTA CONCESSI A FAVORE DELLE IMPRESE Quadro RU CREDITI DI IMPOSTA CONCESSI A FAVORE DELLE IMPRESE ADEMPIMENTO NOVITÀ 2015 SOGGETTI INTERESSATI SCADENZA COME SI COMPILA CASI PARTICOLARI Nel Quadro RU devono essere indicati i dati relativi

Dettagli

Roma, 17 dicembre 2015. Alle Direzioni regionali ed interregionali delle dogane. Alla Direzione interprovinciale delle dogane di Bolzano e Trento

Roma, 17 dicembre 2015. Alle Direzioni regionali ed interregionali delle dogane. Alla Direzione interprovinciale delle dogane di Bolzano e Trento Roma, 17 dicembre 2015 Alle Direzioni regionali ed interregionali delle dogane Prot.: 141033/RU Rif.: Allegati: Alla Direzione interprovinciale delle dogane di Bolzano e Trento Agli Uffici delle Dogane

Dettagli

DETRAZIONE IVA SULLE AUTOVETTURE

DETRAZIONE IVA SULLE AUTOVETTURE Bassano del Grappa, 29 Gennaio 2008 CIRCOLARE AUTO AZIENDALI Presentazione L anno 2007 si caratterizza per la frequenza degli interventi che interessano il settore delle auto utilizzate nell esercizio

Dettagli

Circolare 2014 Pinerolo, 23 dicembre 2014

Circolare 2014 Pinerolo, 23 dicembre 2014 Circolare 2014 Pinerolo, 23 dicembre 2014 DL 12.9.2014 n. 133 conv. L. 11.11.2014 n. 164 (c.d. Sblocca Italia ) - Principali novità INDICE 1 Premessa... 2 2 Accordo di riduzione del canone di locazione

Dettagli

Incentivi auto GPL e metano, l'agenzia delle Entrate blocca, a concessione già avvenuta, l'utilizzo del credito d'imposta.

Incentivi auto GPL e metano, l'agenzia delle Entrate blocca, a concessione già avvenuta, l'utilizzo del credito d'imposta. Incentivi auto GPL e metano, l'agenzia delle Entrate blocca, a concessione già avvenuta, l'utilizzo del credito d'imposta. CNA Servizi alla Comunità Autoriparazione Confartigianato Autoriparazione e Consorzio

Dettagli

NOVITA LEGGE FINANZIARIA 2007

NOVITA LEGGE FINANZIARIA 2007 NOVITA LEGGE FINANZIARIA 2007 CONTRIBUTI PER LA ROTTAMAZIONE DI VEICOLI INQUINANTI SENZA ACQUISTO DI UN VEICOLO NUOVO. Rottamazione di un autoveicolo per trasporto promiscuo, immatricolato come euro 0

Dettagli

Gli adempimenti per la compilazione delle schede carburanti

Gli adempimenti per la compilazione delle schede carburanti Gli adempimenti per la compilazione delle schede carburanti La regola Per i rifornimenti di carburante effettuati presso gli impianti stradali di distribuzione, gli acquisti devono essere documentati attraverso

Dettagli

Credito d imposta per investimenti in beni strumentali nuovi

Credito d imposta per investimenti in beni strumentali nuovi Circolare 8 del 3 marzo 2015 Credito d imposta per investimenti in beni strumentali nuovi INDICE 1 Premessa... 2 2 Soggetti beneficiari del credito d imposta... 2 3 Ambito oggettivo di applicazione...

Dettagli

RISOLUZIONE N. 8 /DPF

RISOLUZIONE N. 8 /DPF RISOLUZIONE N. 8 /DPF Roma, 21 marzo 2008 MINISTERO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE DIPARTIMENTO PER LE POLITICHE FISCALI UFFICIO FEDERALISMO FISCALE Prot. n. 4991-2008/DPF/UFF OGGETTO: Art. 29 del d. l.

Dettagli

CIRCOLARE N. 25/E. OGGETTO: Risposte a quesiti posti dalla stampa specializzata

CIRCOLARE N. 25/E. OGGETTO: Risposte a quesiti posti dalla stampa specializzata CIRCOLARE N. 25/E Direzione Centrale Normativa Roma, 19 giugno 2012 OGGETTO: Risposte a quesiti posti dalla stampa specializzata 2 INDICE 1 Detrazione del 36 per cento...4 1.1 Dichiarazioni ICI e detrazione

Dettagli

Oggetto di cosa si tratta. Ambito Soggettivo soggetti beneficiari. Beni Agevolabili ambito oggettivo

Oggetto di cosa si tratta. Ambito Soggettivo soggetti beneficiari. Beni Agevolabili ambito oggettivo Agevolazioni fiscali 2016 Oggetto di cosa si tratta Un importante beneficio fiscale è stato introdotto dalla legge di Stabilità 2016 per gli acquisti di beni strumentali NUOVI effettuati nel periodo compreso

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 2397-A PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato CAPEZZONE Riforma della disciplina delle tasse automobilistiche e altre disposizioni concernenti

Dettagli

Informativa per la clientela

Informativa per la clientela Informativa per la clientela Informativa n. 12 dell 8 marzo 2013 Incentivi per l acquisto di veicoli nuovi a basse emissioni complessive - Provvedimento attuativo INDICE 1 Premessa... 3 2 Veicoli agevolabili...

Dettagli

AUTO: NOVITA APPLICABILI DAL 2013 IN MATERIA DI DEDUZIONE COSTI E DETRAZIONE IVA

AUTO: NOVITA APPLICABILI DAL 2013 IN MATERIA DI DEDUZIONE COSTI E DETRAZIONE IVA AUTO: NOVITA APPLICABILI DAL 2013 IN MATERIA DI DEDUZIONE COSTI E DETRAZIONE IVA a cura del Dott. Vito e in Bitonto (BA) 1. Premessa Nel corso del 2012, il Legislatore è intervenuto sulla deducibilità

Dettagli

I regimi contabili: obblighi, opzioni e revoche a cura di Daniele Fezzardi

I regimi contabili: obblighi, opzioni e revoche a cura di Daniele Fezzardi Il Punto sull Iva I regimi contabili: obblighi, opzioni e revoche a cura di Daniele Fezzardi I regimi Iva previsti dalla normativa Il sistema giuridico italiano ha previsto, per le imprese e professionisti,

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER GLI INCENTIVI ALLE IMPRESE IL DIRETTORE GENERALE Visto l'articolo 23 del decreto-legge 22 giugno 2012, n. 83, convertito, con modificazioni, dalla

Dettagli

Fiscal News N. 170. Il Quadro RS e le ZFU nel Modello Unico SC. La circolare di aggiornamento professionale 20.06.2014

Fiscal News N. 170. Il Quadro RS e le ZFU nel Modello Unico SC. La circolare di aggiornamento professionale 20.06.2014 Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 170 20.06.2014 Il Quadro RS e le ZFU nel Modello Unico SC Tra le novità ospitate dal quadro RS del Modello Unico SC vi è l agevolazione per le

Dettagli

Al Comitato di Presidenza Al Consiglio Direttivo Alla Commissione Legale Alla Commissione Sindacale Alle Associazioni Territoriali

Al Comitato di Presidenza Al Consiglio Direttivo Alla Commissione Legale Alla Commissione Sindacale Alle Associazioni Territoriali Roma, 30 settembre 2015 Al Comitato di Presidenza Al Consiglio Direttivo Alla Commissione Legale Alla Commissione Sindacale Alle Associazioni Territoriali Circolare n. 122/2015 Oggetto: Recupero accise

Dettagli

Circolare N. 79 del 27 Maggio 2015

Circolare N. 79 del 27 Maggio 2015 Circolare N. 79 del 27 Maggio 2015 Bonus prima casa: i chiarimenti sul riacquisto Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che l Agenzia delle Entrate, con la circolare n.17/e del 24.04.2015,

Dettagli

P r o d u t tive. Circolare n.

P r o d u t tive. Circolare n. Circolare n. Legge 23 agosto 2004, n. 239 - articoli 53 e 54, recanti modifiche e integrazioni ai requisiti per l accesso ai contributi in favore degli autoveicoli alimentati a GPL e metano di cui al decreto

Dettagli

IRAP E COSTO DEL LAVORO : DEDUCIBILITA DAL PERIODO D IMPOSTA 2015

IRAP E COSTO DEL LAVORO : DEDUCIBILITA DAL PERIODO D IMPOSTA 2015 IRAP E COSTO DEL LAVORO : DEDUCIBILITA DAL PERIODO D IMPOSTA 2015 La Legge 190/2014, Legge di Stabilità 2015, ha previsto significative novità per soggetti IRAP con i commi da 20 a 25 dell articolo 1.

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato CAPEZZONE

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato CAPEZZONE Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 2397 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato CAPEZZONE Riforma della disciplina delle tasse automobilistiche e altre disposizioni concernenti

Dettagli

PROCESSI DI CONCENTRAZIONE LE AGEVOLAZIONI FISCALI E GLI ADEMPIMENTI PRESSO IL REGISTRO DELLE IMPRESE

PROCESSI DI CONCENTRAZIONE LE AGEVOLAZIONI FISCALI E GLI ADEMPIMENTI PRESSO IL REGISTRO DELLE IMPRESE PROCESSI DI CONCENTRAZIONE LE AGEVOLAZIONI FISCALI E GLI ADEMPIMENTI PRESSO IL REGISTRO DELLE IMPRESE 1. Riferimenti normativi - Raccomandazione della Commissione del 6 maggio 2003, n. 2003/361/CE, relativa

Dettagli

Acconto Iva al 27 dicembre 2013

Acconto Iva al 27 dicembre 2013 Numero 237/2013 Pagina 1 di 10 Acconto Iva al 27 dicembre 2013 Numero : 237/2013 Gruppo : IVA Oggetto : ACCONTO IVA Norme e prassi : ART. 6, LEGGE N. 405/90; RISOLUZIONE AGENZIA ENTRATE N. 157/2004. Sintesi

Dettagli

QUADRO RU CREDITI D IMPOSTA CONCESSI A FAVORE DELLE IMPRESE

QUADRO RU CREDITI D IMPOSTA CONCESSI A FAVORE DELLE IMPRESE QUADRO RU CREDITI D IMPOSTA CONCESSI A FAVORE DELLE IMPRESE ASPETTI GENERALI Soggetti tenuti alla compilazione del Quadro RU Il Quadro RU deve essere compilato per l indicazione e l utilizzo dei crediti

Dettagli

CIRCOLARE N. 2/DPF MINISTERO. Prot. n. 15493-2007/DPF/UFF

CIRCOLARE N. 2/DPF MINISTERO. Prot. n. 15493-2007/DPF/UFF CIRCOLARE N. 2/DPF MINISTERO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE DIPARTIMENTO PER LE POLITICHE FISCALI UFFICIO FEDERALISMO FISCALE Prot. n. 15493-2007/DPF/UFF OGGETTO: Legge 27 dicembre 2006, n. 296. Art. 1,

Dettagli

Circolare Informativa n. 2/2013

Circolare Informativa n. 2/2013 Dr. Carmelo Grillo Dottore commercialista Revisore contabile Dr. Santi Grillo Consulente del lavoro - Dottore commercialista Revisore contabile Circolare Informativa n. 2/2013 Olivarella, 14.01.2013 Ai

Dettagli

Anno 2015 N.RF102. La Nuova Redazione Fiscale

Anno 2015 N.RF102. La Nuova Redazione Fiscale Anno 2015 N.RF102 ODCEC VASTO La Nuova Redazione Fiscale www.redazionefiscale.it Pag. 1 / 10 OGGETTO BONUS CARO GASOLIO - ISTANZA 1 TRIMESTRE 2015 RIFERIMENTI NOTE AGENZIA DOGANE N 37062 DEL 24/03/2015

Dettagli

CIRCOLARE N. 52/E. Roma,30 luglio 2008

CIRCOLARE N. 52/E. Roma,30 luglio 2008 CIRCOLARE N. 52/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma,30 luglio 2008 Oggetto: Adempimenti necessari per l immatricolazione di veicoli di provenienza comunitaria articolo 1, comma 9, del decreto

Dettagli

ACI: VADEMECUM SU ECO-INCENTIVI 2008

ACI: VADEMECUM SU ECO-INCENTIVI 2008 ACI: VADEMECUM SU ECO-INCENTIVI 2008 Il Decreto Legge n. 248/2007 pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 302 del 31 dicembre 2007 estende al 2008 le agevolazioni per l acquisto di veicoli a basso impatto

Dettagli

Il Ministro dell Economia e delle Finanze

Il Ministro dell Economia e delle Finanze Il Ministro dell Economia e delle Finanze Visto l articolo 1, comma 91, della legge 23 dicembre 2014, n. 190, il quale dispone, tra l altro, che, a decorrere dal periodo di imposta 2015, agli enti di previdenza

Dettagli

Roma, 6 dicembre 2011

Roma, 6 dicembre 2011 CIRCOLARE N.53/E Direzione Centrale Normativa Roma, 6 dicembre 2011 OGGETTO: Chiarimenti in tema di trattamento fiscale delle perdite d impresa ai sensi del decreto legge n. 98 del 6 luglio 2011, convertito

Dettagli

QUADRO RU CREDITI D IMPOSTA

QUADRO RU CREDITI D IMPOSTA QUADRO RU CREDITI D IMPOSTA ASPETTI GENERALI Devono compilare il Quadro RU i soggetti che hanno usufruito nel periodo d imposta in corso, ovvero in periodi precedenti (nel caso vi siano ancora delle eccedenze

Dettagli

LE NUOVE REGOLE (DAL 2012) PER LA DEDUCIBILITÀ DELLE SPESE DI MANUTENZIONE

LE NUOVE REGOLE (DAL 2012) PER LA DEDUCIBILITÀ DELLE SPESE DI MANUTENZIONE INFORMATIVA N. 094 09 APRILE 2013 IMPOSTE DIRETTE LE NUOVE REGOLE (DAL 2012) PER LA DEDUCIBILITÀ DELLE SPESE DI MANUTENZIONE Art. 102, comma 6, TUIR Art. 3, comma 16-quater, DL n. 16/2012 Dal 2012 ai fini

Dettagli

UTILIZZAZIONE DI AUTOCARRI PRESI IN COMODATO D USO GRATUITO SENZA CONDUCENTE di Maurizio PIRAINO *

UTILIZZAZIONE DI AUTOCARRI PRESI IN COMODATO D USO GRATUITO SENZA CONDUCENTE di Maurizio PIRAINO * UTILIZZAZIONE DI AUTOCARRI PRESI IN COMODATO D USO GRATUITO SENZA CONDUCENTE di Maurizio PIRAINO * Ai sensi dell art. 1803 del codice civile, approvato con R.D. 16 marzo 1942, n. 262, «il comodato è il

Dettagli

CIRCOLARE N. 42 /E. Roma, 09 novembre 2012

CIRCOLARE N. 42 /E. Roma, 09 novembre 2012 CIRCOLARE N. 42 /E Direzione Centrale Normativa Roma, 09 novembre 2012 OGGETTO: Documentazione delle operazioni di acquisto di carburanti per autotrazione presso impianti stradali di distribuzione effettuati

Dettagli

Roma, 30.09.2014. Alle Direzioni regionali ed interregionali delle dogane. Alla Direzione interprovinciale delle dogane di Bolzano e Trento

Roma, 30.09.2014. Alle Direzioni regionali ed interregionali delle dogane. Alla Direzione interprovinciale delle dogane di Bolzano e Trento Roma, 30.09.2014 Protocollo: RU 106795 Rif.: Allegati: Alle Direzioni regionali ed interregionali delle dogane Alla Direzione interprovinciale delle dogane di Bolzano e Trento Agli Uffici delle Dogane

Dettagli

NOTA OPERATIVA N. 9/2015. OGGETTO: IRAP e il costo del personale dipendente, le nuove agevolazioni per il 2015

NOTA OPERATIVA N. 9/2015. OGGETTO: IRAP e il costo del personale dipendente, le nuove agevolazioni per il 2015 NOTA OPERATIVA N. 9/2015 OGGETTO: IRAP e il costo del personale dipendente, le nuove agevolazioni per il 2015 - Introduzione L imposta Regionale sulle Attività Produttive è una tassa che, da sempre, ha

Dettagli

SOMMARIO. Premessa...3

SOMMARIO. Premessa...3 CIRCOLARE N. 47/E Roma, 20 dicembre 2012 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Questioni interpretative in merito all applicazione dell articolo 3 del decreto legislativo 14 marzo 2011, n. 23, (c.d. cedolare

Dettagli

NUOVO SPESOMETRO e BENI IN GODIMENTO A SOCI O FAMILIARI

NUOVO SPESOMETRO e BENI IN GODIMENTO A SOCI O FAMILIARI Dott. Mario Conte Ragioniere Commercialista Dott. Dario Cervi Ragioniere Commercialista Dott. Giovanni Orso Rag. Pierluigi Martin Consulente aziendale Dott.ssa Arianna Bazzacco Dott. Oscar Sartor Dott.ssa

Dettagli

Roma, 15 marzo 2007. Prot. n. 3498-2007/DPF/UFF. All Ufficio XY. Oggetto:

Roma, 15 marzo 2007. Prot. n. 3498-2007/DPF/UFF. All Ufficio XY. Oggetto: Roma, 15 marzo 2007 MINISTERO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE Dipartimento per le Politiche Fiscali Ufficio Federalismo Fiscale Reparto IV Prot. n. 3498-2007/DPF/UFF All Ufficio XY Oggetto: Legge 27 dicembre

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE FONDO DI PREVIDENZA MARIO NEGRI FONDO PENSIONE COMPLEMENTARE A CAPITALIZZAZIONE PER I DIRIGENTI DI AZIENDE DEL TERZIARIO, DI SPEDIZIONE E TRASPORTO DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE 1. Regime fiscale della

Dettagli

Studio Dottori Commercialisti Dottori Commercialisti e Revisori Contabili

Studio Dottori Commercialisti Dottori Commercialisti e Revisori Contabili Roma, 24 gennaio 2014 Gent.li CLIENTI Loro Sedi Via mail Oggetto: Circolare n. 2/2014 principali novità fiscali 2014 1 Gentili Clienti, La legge di stabilità 2014 (L. 27.12.2013 n. 1473), in vigore dall

Dettagli

Fiscalità Edilizia. SPLIT PAYMENT: -Le regole per la compensazione o il rimborso del credito IVA-

Fiscalità Edilizia. SPLIT PAYMENT: -Le regole per la compensazione o il rimborso del credito IVA- Fiscalità Edilizia SPLIT PAYMENT: -Le regole per la compensazione o il rimborso del credito IVA- Febbraio 2015 INDICE Premessa... 3 Compensazione credito IVA... 3 Rimborsi IVA Le nuove regole dal 2015...

Dettagli

Circolare N.137 del 19 ottobre 2011. Le ultime novità in materia di detrazione del 36%

Circolare N.137 del 19 ottobre 2011. Le ultime novità in materia di detrazione del 36% Circolare N.137 del 19 ottobre 2011 Le ultime novità in materia di detrazione del 36% Le ultime novità in materia di detrazione del 36% Gentile cliente, con la presente, desideriamo informarla che l art.2,

Dettagli

FISCALITÀ DEI MEZZI DI TRASPORTO

FISCALITÀ DEI MEZZI DI TRASPORTO FISCALITÀ DEI MEZZI DI TRASPORTO SCHEMA DI SINTESI - DISCIPLINA DAL 2007 TRATTAMENTO FISCALE LIMITI DI IMPORTO VEICOLI A MOTORE ALTRI VEICOLI AMMORTAMENTO PARTICOLARITÀ PER AGENTI DI COMMERCIO DISCIPLINA

Dettagli

NOTA OPERATIVA N. 7/2012

NOTA OPERATIVA N. 7/2012 NOTA OPERATIVA N. 7/2012 OGGETTO: ristrutturazioni edilizie, detrazioni 36-50% - Introduzione I lavori di ristrutturazione edilizia consentono alle persone fisiche di beneficiare, ormai da molti anni,

Dettagli

Deducibilità auto aziendali dimezzata dal 2013

Deducibilità auto aziendali dimezzata dal 2013 Numero 43/2013 Pagina 1 di 10 Deducibilità auto aziendali dimezzata dal 2013 Numero : 43/2013 Gruppo : Oggetto : Norme e prassi : IMPOSTE DIRETTE DEDUCIBILITÀ AUTO AZIENDALI ART. 164, COMMA 1, LETT. B),

Dettagli

Procedure del personale. Disciplina fiscale delle auto assegnate. ai dipendenti; Svolgimento del rapporto. Stefano Liali - Consulente del lavoro

Procedure del personale. Disciplina fiscale delle auto assegnate. ai dipendenti; Svolgimento del rapporto. Stefano Liali - Consulente del lavoro Disciplina fiscale delle auto assegnate ai dipendenti Stefano Liali - Consulente del lavoro In quale misura è prevista la deducibilità dei costi auto per i veicoli concessi in uso promiscuo ai dipendenti?

Dettagli

221 00 COM O - VI A R OVELLI, 40 - TEL. 03 1.27. 20.13 - F AX 03 1.27. 33.84 INFORMATIVA N. 11/2015

221 00 COM O - VI A R OVELLI, 40 - TEL. 03 1.27. 20.13 - F AX 03 1.27. 33.84 INFORMATIVA N. 11/2015 Como, 3.3.2015 INFORMATIVA N. 11/2015 Credito d imposta per investimenti in beni strumentali nuovi INDICE 1 Premessa... pag. 2 2 Soggetti beneficiari del credito d imposta... pag. 2 3 Ambito oggettivo

Dettagli

CIRCOLARE N. 22/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 9 giugno 2015

CIRCOLARE N. 22/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 9 giugno 2015 CIRCOLARE N. 22/E Direzione Centrale Normativa Roma, 9 giugno 2015 OGGETTO: Modifiche alla disciplina dell IRAP Legge di Stabilità 2015 2 INDICE Premessa... 3 1) Imprese operanti in concessione e a tariffa...

Dettagli

OGGETTO: Acconto IVA per il 2015

OGGETTO: Acconto IVA per il 2015 OGGETTO: Acconto IVA per il 2015 Gentile Cliente, le ricordiamo che il versamento dell acconto IVA dovuto per l anno 2015 deve essere effettuato entro il 28.12.2015 (in quanto il 27.12.2015, scadenza naturale

Dettagli

ART. 164 DEL T.U.I.R.

ART. 164 DEL T.U.I.R. API NOTIZIE N. 16 DEL 07/09/2012 OGGETTO: LA NUOVA DEDUCIBILITÁ DEI COSTI DELLE AUTO AZIENDALI DAL 2013 Riferimenti: Legge 92/2012 Riforma del Lavoro (Legge Fornero) art. 4 commi 72 e 73. La Riforma del

Dettagli

imposte sui redditi e irap

imposte sui redditi e irap Imposte sui redditi e Irap ACCONTI d IMPOSTA di NOVEMBRE DOVUTI per l ANNO 2012 di Mario Jannaccone QUADRO NORMATIVO L art. 1, L. 23.3.1977, n. 97 [CFF ➋ 7316], ha introdotto nel nostro sistema tributario

Dettagli

RIDUZIONE DELL'ALIQUOTA DI ACCISA SUL GASOLIO PER AUTOTRAZIONE. Dichiarazione

RIDUZIONE DELL'ALIQUOTA DI ACCISA SUL GASOLIO PER AUTOTRAZIONE. Dichiarazione UFFICIO (1) RIDUZIONE DELL'ALIQUOTA DI ACCISA SUL GASOLIO PER AUTOTRAZIONE 1) D.D. RU 88789 del 9.8.2012 Legge n.228/2012, art.1, comma 487 Dichiarazione (Dichiarazione sostitutiva di atto di notorietà

Dettagli

RISOLUZIONE N. 143/E

RISOLUZIONE N. 143/E RISOLUZIONE N. 143/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 30 giugno 2003 Oggetto: Istanza di interpello - Credito d imposta investimenti aree svantaggiate - Articolo 8 della legge 23 dicembre

Dettagli

Circolare N. 62 del 27 Aprile 2016

Circolare N. 62 del 27 Aprile 2016 Circolare N. 62 del 27 Aprile 2016 Bonus acquisto strumenti musicali: al via le dichiarazioni del venditore Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che con provvedimento n. 36294 del 8

Dettagli

Via Guantai Nuovi, 25 80133 Napoli Tel. 081/5520148 Fax 081/5800322 E-mail: info@studioforlani.it

Via Guantai Nuovi, 25 80133 Napoli Tel. 081/5520148 Fax 081/5800322 E-mail: info@studioforlani.it Ultime novità fiscali Movimentazioni di c/c sospette e falsa fatturazione Sentenza Corte Cassazione 7.4.2009, n. 14933 La presenza sul c/c bancario di movimentazioni sospette, ossia non corrispondenti

Dettagli

Nuovo visto di conformità e i chiarimenti di Telefisco

Nuovo visto di conformità e i chiarimenti di Telefisco Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 69 06.03.2014 Nuovo visto di conformità e i chiarimenti di Telefisco Categoria: Versamenti Sottocategoria: In compensazione Con la novità introdotta

Dettagli

PROCEDURALE RELATIVO ALLA CONCESSIONE DEI BENEFICI FISCALI SUL GASOLIO PER USO AUTOTRAZIONE UTILIZZATO NEL SETTORE DEL TRASPORTO * * * * *

PROCEDURALE RELATIVO ALLA CONCESSIONE DEI BENEFICI FISCALI SUL GASOLIO PER USO AUTOTRAZIONE UTILIZZATO NEL SETTORE DEL TRASPORTO * * * * * PROCEDURALE RELATIVO ALLA CONCESSIONE DEI BENEFICI FISCALI SUL GASOLIO PER USO AUTOTRAZIONE UTILIZZATO NEL SETTORE DEL TRASPORTO * * * * * Al fine di fornire un pratico vademecum sugli adempimenti necessari

Dettagli

Sisma Emilia: i chiarimenti delle Entrate

Sisma Emilia: i chiarimenti delle Entrate CIRCOLARE A.F. N. 173 del 7 Dicembre 2012 Ai gentili clienti Loro sedi Sisma Emilia: i chiarimenti delle Entrate Premessa L Agenzia delle Entrate in data 22.10.2012 ha emanato il provvedimento prot. n.

Dettagli

C i r c o l a r e d e l 0 9 G e n n a i o 2 0 1 3 P a g. 1 di 5

C i r c o l a r e d e l 0 9 G e n n a i o 2 0 1 3 P a g. 1 di 5 C i r c o l a r e d e l 0 9 G e n n a i o 2 0 1 3 P a g. 1 di 5 Circolare Numero 01/2013 Oggetto LE START-UP INNOVATIVE E IL CREDITO DI IMPOSTA PER LA DISTRIBUZIONE DELLE OPERE DELL INGEGNO DIGITALI Sommario

Dettagli