SICUREZZA NEI CANTIERI EDILI SI DEVE E SI PUÒ!

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "SICUREZZA NEI CANTIERI EDILI SI DEVE E SI PUÒ!"

Transcript

1 SICUREZZA NEI CANTIERI EDILI SI DEVE E SI PUÒ! Strumenti operativi per la prevenzione e la protezione dai rischi Reggio Emilia Gli adempimenti documentali per la corretta gestione degli appalti in conformità all art. art. 7 del D.Lgs. 626/94, dopo le modifiche introdotte dalla Legge n. 123/2007 Susanna Zapparoli 1

2 INDICE 1. Breve introduzione 2. Art.7 D. Lgs 626/1994 Contratto d appalto o contratto d opera 3. Il datore di lavoro committente? 4. I documenti obbligatori 5. Proposta operativa e confronto PSC, POS e art.7 6. Esempi di applicazione della legge 7. Conclusioni 2

3 Breve introduzione Legge n. 123 /2007 e La proposta di A.SE. 3

4 INDICE 1. Breve introduzione 2. Art.7 D. Lgs 626/1994 Contratto d appalto o contratto d operad 3. Il datore di lavoro committente? 4. I documenti obbligatori 5. Proposta operativa e confronto PSC, POS e art.7 6. Esempi di applicazione della legge 7. Conclusioni 4

5 2 Art. 7 D. Lgs.. 626/94 CONTRATTO D APPALTO O CONTRATTO D OPERA L art. 7 del D.Lgs 626/1994 e s.m.i. tratta del sistema di gestione della sicurezza che ogni datore di lavoro deve adottare in caso di affidamento di lavori, ad imprese appaltatrici o a lavoratori autonomi. I lavori affidati possono essere realizzati all interno dell azienda, o di una singola unità produttiva della stessa, nonchè nell ambito dell intero ciclo produttivo dell azienda medesima. 5

6 2 Art. 7 D. Lgs.. 626/94 CONTRATTO D D APPALTO O CONTRATTO D D OPERA * Modalità di applicazione * L applicazione dell art. 7 del D.Lgs indipendente da: 626/94 e s.m.i. è tipo di attività affidata all esterno (pulizie, mensa, giardinaggio, opere edili, manutenzione impianti, ecc.) durata dell attività (anche un ora) luogo di svolgimento dell attività (ufficio, piazzale, locali produzione, cantiere, ecc.) presenza di personale dell azienda affidataria nelle stesse aree di lavoro delle imprese esecutrici e dei lavoratori autonomi applicabilità di altre normative specifiche in materia (es. D. Lgs 494/96 per il settore delle costruzioni edili) 6

7 2 Art. 7 D. Lgs.. 626/94 CONTRATTO D D APPALTO O CONTRATTO D D OPERA * Gli obblighi del datore di lavoro committente * Verificare l idoneità tecnico professionale alle imprese o lavoratori autonomi affidatari Informare dettagliatamente le Imprese o L.A. sui rischi specifici presenti nei luoghi di lavoro e sulle misure di prevenzione, di protezione e di emergenza adottate (art.7 comma 1) Cooperare con le Imprese o L.A. all attuazione delle misure di sicurezza necessarie alla gestione dei rischi specifici Coordinare gli interventi di prevenzione e protezione dai rischi cui sono esposti i lavoratori, informandosi reciprocamente anche allo scopo di eliminare i rischi dovuti alle interferenze tra i lavori delle diverse imprese coinvolte nell esecuzione dell opera complessiva. 7

8 2 Art. 7 D. Lgs.. 626/94 CONTRATTO D D APPALTO O CONTRATTO D D OPERA * Gli obblighi del datore di lavoro committente * Il datore di lavoro committente promuove la cooperazione ed il coordinamento, elaborando un unico documento di valutazione dei rischi che indichi le misure adottate per eliminare le interferenze. Tale documento è allegato al contratto di appalto o d opera. Il documento di VdR elaborato dal DdL committente non prende in considerazione i rischi specifici propri dell attività delle imprese appaltatrici o dei singoli lavoratori autonomi. Obbligo introdotto dalla Legge 123/2007 e vigente dal

9 2 Art. 7 D. Lgs.. 626/94 CONTRATTO D D APPALTO O CONTRATTO D D OPERA * Gli obblighi del datore di lavoro committente * Nei contratti di somministrazione, di appalto e subappalto, di cui agli articoli 1559, 1655 e 1656 del codice civile, deve specificamente far indicare i costi relativi alla sicurezza del lavoro. Obbligo introdotto dalla Legge 123/2007 e vigente dal

10 INDICE 1. Breve introduzione 2. Art.7 D. Lgs 626/1994 Contratto d appalto o contratto d opera 3. Il datore di lavoro committente? 4. I documenti obbligatori 5. Proposta operativa e confronto PSC, POS e art.7 6. Esempi di applicazione della normativa 7. Conclusioni 10

11 3 Chi è il datore di lavoro committente? Nell applicazione dell art. 7 al settore delle costruzioni edili il datore di lavoro committente può essere: Il committente nel caso di affidamento di lavori da svolgersi all interno di un azienda, di una sua unità produttiva o all interno del suo ciclo produttivo Il datore di lavoro dell impresa affidataria (impresa appaltatrice) quando siamo in presenza di un cantiere e questo diventa il luogo di lavoro dell azienda; ma il DdL diventa Committente nel momento in cui l impresa affidataria subappalta i lavori. 11

12 1. Breve introduzione 2. Art.7 D. Lgs 626/1994 Contratto d appalto o contratto d opera 3. Il datore di lavoro committente? 4. I documenti obbligatori 5. Proposta operativa e confronto PSC, POS e art.7 6. Esempi di applicazione della normativa 7. Conclusioni INDICE 12

13 4 I documenti obbligatori * L informativa sui rischi specifici esistenti* L informativa, di cui al comma 1 lett. b) dell art.7 dovrà contenere: l individuazione delle aree di lavoro; le situazioni di rischio di carattere ambientale: presenza di impianti, sottoservizi, portata di pavimenti,solai, coperture, materiali infiammabili le situazioni di rischio derivanti dalle attività del committente: quelle che potenzialmente possono avere effetti sui lavoratori degli affidatari 13

14 4 I documenti obbligatori * L informativa sui rischi specifici esistenti* misure di prevenzione e protezione adottate dal committente in relazione ai rischi evidenziati: le misure possono essere di diverso tipo ed essere già in dotazione sul luogo di lavoro o da realizzare o approntare da parte dell affidatario su indicazione del committente. misure per la gestione delle emergenze che si possono presentare a causa dell attività del committente o del contesto ambientale 14

15 4 I documenti obbligatori * il documento unico di valutazione dei rischi * Il documento unico da allegare al contratto, UNICO per tutte le imprese ed i lavoratori autonomi interessati, di cui al comma 3 dell art. 7, deve contenere: l indicazione delle attività lavorative interferenti, le modalità di realizzazione e la tempistica : saranno comprensive di quelle che verranno realizzate dagli affidatari e da quelle svolte dai lavoratori del committente l individuazione dei rischi di interferenza le misure di prevenzione e protezione, che il committente ritiene necessario adottare con l indicazione di chi dovrà realizzarle le modalità di promozione della cooperazione e del coordinamento nell attuazione delle misure previste 15

16 4 I documenti obbligatori * i costi per la sicurezza * I costi relativi alla sicurezza sul lavoro, devono essere indicati all interno del contratto di somministrazione, di appalto e subappalto, il comma 3 ter dell art. 7, non indica le modalità ed i riferimenti per la loro individuazione. Si ritiene che i costi della sicurezza siano solo quelli riferiti alla predisposizione delle misure di prevenzione e protezione di cui il committente richiede l attuazione all affidatario evidenziate all interno dell informativa dei rischi e nel documento unico. Sono esclusi i costi per la sicurezza necessari alla prevenzione e protezione dei rischi specifici propri dell Impresa appaltatrice o dei L.A. Essendo costi per la realizzazione di attività correttamente individuate, potranno essere valutati analiticamente. 16

17 1. Breve introduzione 2. Art.7 D. Lgs 626/1994 Contratto d appalto o contratto d opera 3. Il datore di lavoro committente? 4. I documenti obbligatori 5. Proposta operativa e confronto PSC, POS e art Esempi di applicazione della normativa 7. Conclusioni INDICE 17

18 5 Proposta Operativa e confronto PSC POS art.7 * per le Costruzioni Edili * La predisposizione e la gestione della documentazione prevista dall art. 7 del D.Lgs 626/94 e s.m.i. deve tener conto che potremmo trovarci ad operare all interno di cantieri temporanei o mobili e quindi nel campo di applicazione del D.Lgs 494/96 e s.m.i. Questo comporta l obbligo di realizzazione e di gestione di altri documenti che possono agire sullo stesso piano di quelli dell art. 7, in particolare: il Piano di Sicurezza e Coordinamento PSC; il Piano Operativo di Sicurezza POS 18

19 5 Proposta Operativa e confronto PSC POS art.7 * Il Piano di Sicurezza e Coordinamento (PSC) * Il PSC è realizzato per i cantieri con obbligo di nomina del CSP. i contenuti minimi sono elencati nell art.12 del D.Lgs 494/96 e dagli artt. 2, 3, 4 e 7 del DPR 222/2003. Il PSC, tra gli altri, deve contenere: La gestione dei rischi derivanti dal contesto ambientale La gestione dei rischi derivanti dalla presenza di impianti La gestione delle interferenze tra le attività lavorative Gli aspetti di organizzazione della cooperazione e del coordinamento tra le imprese e i lavoratori autonomi La stima dei costi per la sicurezza 19

20 5 Proposta Operativa e raffronto PSC POS art.7 * Il PSC e documenti articolo 7 un 1 raffronto * Aspetti analizzati dai documenti art.7 Informazione (7 comma 1 lett. b)) Doc. Unico (7 comma 3) Costi sicurezza (7 comma 3 ter) Individuazione aree di lavoro Contesto ambientale Presenza impianti Attività preesistenti e/o concomitanti Gestione delle emergenze specifiche Indicazione attività interferenti e tempistica Gestione attività interferenti Indicazioni cooperazione e coordinamento Costi misure di sicurezza PSC 20

21 5 Proposta Operativa e confronto PSC POS art.7 * Il Piano Operativo di Sicurezza * Documento che il datore di lavoro dell impresa esecutrice redige, in riferimento al singolo cantiere interessato, ai sensi dell art. 4 del D.Lgs, n 626/94 e successive modifiche. Art. 2 c1 lett. f ter D.Lgs 494/96 Il POS deve essere complementare e di dettaglio al Piano di Sicurezza e Coordinamento (quando quest ultimo è presente). Art. 5 c1 lett. b D.Lgs 494/96 Deve essere realizzato conformemente all art. 6 del DPR 222/2003. Il DPR 222 non richiede contenuti simili a quelli previsti dall art. 7 del D.Lgs 626/94 per il POS 21

22 Proposta Operativa e confronto 5 PSC POS art.7 * PSC, POS e art. 7 D.Lgs 494/96 * Art. 9 D.Lgs 494/1996 Obblighi dei datori di lavoro [...] 2. L accettazione da parte di ciascun datore di lavoro delle imprese esecutrici del PSC di cui all art.12 e la redazione del POS costituiscono, limitatamente al singolo cantiere interessato, adempimento alle disposizioni di cui all art. 4 commi 1, 2, 7 e all art. 7 comma 1, lett. b)* del 626/1994. * Documento di informazione sui rischi specifici e... 22

23 1. Breve introduzione 2. Art.7 D. Lgs 626/1994 Contratto d appalto o contratto d opera 3. Il datore di lavoro committente? 4. I documenti obbligatori 5. Proposta operativa e confronto PSC, POS e art Esempi di applicazione della normativa 7. Conclusioni INDICE 23

24 Esempi di applicazione della normativa 6 1 Esempio committente principale: azienda cantiere: interno all azienda o all unità produttiva nomina coordinatori: si presenza subappalto: si Documenti richiesti per legge Informativa Doc. Unico Costi Sic. PSC POS Azienda committente Impresa affidataria Subappalt. Art. 9 comma 2 D.Lgs 494/96 24

25 6 LA PROPOSTA DI A.S.E 1. L informativa e il PSC sono i soli documenti da fornire agli affidatari. Il documento unico è parte del PSC, i costi indicati in contratto sono quelli desunti dal PSC. 2. La trasmissione del PSC dall affidatario al subappaltatore assolve l obbligo del documento unico. I costi da inserire nel contratto di subappalto sono desunti dal PSC. Documenti da predisporre Informativa Doc. Unico Costi Sic. PSC POS Azienda committente Impresa affidataria Da PSC Da PSC Subappalt. 25

26 6 Esempi di applicazione della normativa 2 Esempio committente principale: azienda cantiere: esterno all azienda o all unità produttiva nomina coordinatori: si presenza subappalto: si Documenti richiesti per legge Informativa Doc. Unico Costi Sic. PSC POS Azienda committente Impresa affidataria Subappalt. Art. 9 comma 2 D.Lgs 494/96 26

27 LA PROPOSTA DI A.S.E 6 1. La trasmissione del PSC dall affidatario al subappaltatore assolve l obbligo del documento unico. I costi da inserire nel contratto di subappalto sono desunti dal PSC. Documenti da predisporre Informativa Doc. Unico Costi Sic. PSC POS Azienda committente Impresa affidataria Da PSC Subappalt. 27

28 6 Esempi di applicazione della normativa 3 Esempio committente principale: azienda cantiere: interno all azienda o all unità produttiva nomina coordinatori: no presenza subappalto: si Documenti richiesti per legge Informativa Doc. Unico Costi Sic. PSC POS Azienda committente Impresa affidataria Subappalt. 28

29 6 LA PROPOSTA DI A.S.E 1. Il committente predispone tutti i documenti previsti. 2. L impresa redige il POS secondo il modello predisposto da ASE e lo trasmette al subappaltatore. Questo modello contiene già le indicazioni previste dall art I costi per la sicurezza sono desunti dai costi indicati dal committente Documenti da predisporre Informativa Doc. Unico Costi Sic. PSC POS Azienda committente Impresa affidataria Da costi comm. Subappalt. 29

30 6 Esempi di applicazione della normativa Azienda committente 4 Esempio committente principale: azienda cantiere: esterno all azienda o all unità produttiva nomina coordinatori: no presenza subappalto: si Documenti richiesti per legge Informativa Doc. Unico Costi Sic. PSC POS Impresa affidataria Subappalt. 30

31 6 LA PROPOSTA DI A.S.E 1. L impresa redige il POS secondo il modello predisposto da ASE e lo trasmette al subappaltatore. Questo modello contiene già le indicazioni previste dall art I costi per la sicurezza sono da valutare in relazione alle situazioni di rischio specifico e di interferenza da prevenire. Azienda committente Documenti da predisporre Informativa Doc. Unico Costi Sic. PSC POS Impresa affidataria Da valutare Subappalt. 31

32 6 Esempi di applicazione della normativa 5 Esempio committente principale: privato cantiere: qualsiasi nomina coordinatori: si presenza subappalto: si Documenti richiesti per legge Informativa Doc. Unico Costi Sic. PSC POS Committente Impresa affidataria Subappalt. Art. 9 comma 2 D.Lgs 494/96 32

33 6 LA PROPOSTA DI A.S.E 1. La trasmissione del PSC dall affidatario al subappaltatore assolve l obbligo del documento unico. I costi da inserire nel contratto di subappalto sono desunti dal PSC. Documenti da predisporre Informativa Doc. Unico Costi Sic. PSC POS Azienda committente Impresa affidataria Subappalt. Da PSC 33

34 6 Esempi di applicazione della normativa 6 Esempio committente principale: privato cantiere: qualsiasi nomina coordinatori: no presenza subappalto: si Documenti richiesti per legge Informativa Doc. Unico Costi Sic. PSC POS Committente Impresa affidataria Subappalt. 34

35 6 LA PROPOSTA DI A.S.E 1. L impresa redige il POS secondo il modello predisposto da ASE e lo trasmette al subappaltatore. Questo modello contiene già le indicazioni previste dall art I costi per la sicurezza sono da valutare in relazione alle situazioni di rischio specifico e di interferenza da prevenire. Documenti da predisporre Informativa Doc. Unico Costi Sic. PSC POS Committente Impresa affidataria Da valutare Subappalt. 35

36 1. Breve introduzione 2. Art.7 D. Lgs 626/1994 Contratto d appalto o contratto d opera 3. Il datore di lavoro committente? 4. I documenti obbligatori 5. Proposta operativa e confronto PSC, POS e art Esempi di applicazione della normativa 7. Conclusioni INDICE 36

37 Conclusioni 7 1. L art. 7 del D.Lgs 626/1994 prevede obblighi documentali particolarmente efficaci per la tutela della sicurezza e della salute nello svolgimento di attività lavorative con rischi interferenziali. 2. Il D.Lgs 494/1996, quando applicabile, prevede un sistema di tutela di analogo valore 3. Una corretta ed oculata predisposizione di PSC e POS possono sostituire la redazione di alcuni documenti previsti dall art. 7 del D.Lgs 626/ Come per tutti i documenti per la sicurezza, l importante non è la presenza di un documento, ma l applicazione corretta di misure di prevenzione e protezione derivanti da un accurato lavoro di analisi e valutazione dei reali rischi 37

UNIVERSITÀ DI PISA FACOLTÀ DI INGEGNERIA. Ciclo di Seminari Sicurezza Cantieri Temporanei e Mobili

UNIVERSITÀ DI PISA FACOLTÀ DI INGEGNERIA. Ciclo di Seminari Sicurezza Cantieri Temporanei e Mobili UNIVERSITÀ DI PISA FACOLTÀ DI INGEGNERIA Presidenza della Facoltà di Ingegneria Corso di Laurea in Ingegneria Edile e delle Costruzioni Civili Ciclo di Seminari Sicurezza Cantieri Temporanei e Mobili Aggiornamento

Dettagli

D.Lgs. 81/08 TITOLO IV

D.Lgs. 81/08 TITOLO IV D.Lgs. 81/08 TITOLO IV CANTIERI TEMPORANEI O MOBILI CAPO I LE NOVITA RILEVANTI DIVO PIOLI Art. 89 C 1 c RESPONSABILE DEI LAVORI SOGGETTO CHE PUÒ ESSERE INCARICATO, DAL COMMITTENTE, DELLA PROGETTAZIONE

Dettagli

CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI

CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI Corso di laurea in Ingegneria Edile CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI Anno Accademico 2011/2012 Definire: Obbiettivi della lezione Rischi Interferenziali - DUVRI e PSC Rischi Propri - POS Conoscere gli aspetti

Dettagli

Le politiche delle Regioni per la promozione della. salute e della sicurezza nei cantieri edili: Le linee guida DPR 222/03

Le politiche delle Regioni per la promozione della. salute e della sicurezza nei cantieri edili: Le linee guida DPR 222/03 Le politiche delle Regioni per la promozione della salute e della sicurezza nei cantieri edili: Le linee guida DPR 222/03 Ing. Marco Masi Regione Toscana Settore Prevenzione e Sicurezza DPR 222/2003 :

Dettagli

Corso di aggiornamento per coordinatori della sicurezza. Corso di aggiornamento per coordinatori CEFAS Ing. Giancarlo Napoli e Dott.

Corso di aggiornamento per coordinatori della sicurezza. Corso di aggiornamento per coordinatori CEFAS Ing. Giancarlo Napoli e Dott. Corso di aggiornamento per coordinatori della sicurezza Corso di aggiornamento per coordinatori CEFAS Ing. Giancarlo Napoli e Dott. Sandro Celli Le figure del titolo IV del Dlgs 81/2008 Soggetti destinatari

Dettagli

CAPO II NORME PER LA PREVENZIONE DEGLI INFORTUNI SUL LAVORO NELLE COSTRUZIONI E NEI LAVORI IN QUOTA

CAPO II NORME PER LA PREVENZIONE DEGLI INFORTUNI SUL LAVORO NELLE COSTRUZIONI E NEI LAVORI IN QUOTA TITOLO IV CANTIERI TEMPORANEI O MOBILI DLGS 81/200 08 CAPO I MISURE PER LA SALUTE E SICUREZZA NEI CANTIERI TEMPORANEI O MOBILI CAPO II NORME PER LA PREVENZIONE DEGLI INFORTUNI SUL LAVORO NELLE COSTRUZIONI

Dettagli

D. Lgs. 9 Aprile 2008 n. 81

D. Lgs. 9 Aprile 2008 n. 81 D. Lgs. 9 Aprile 2008 n. 81 TITOLO IV CANTIERI TEMPORANEI O MOBILI QUADRO GENERALE e CAPO I DIVO PIOLI TUTELA DELLA SALUTE E DELLA SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO Attuazione art. 1 L. 123/2007 D.Lgs. 81/08

Dettagli

Normativa di riferimento

Normativa di riferimento SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE REGIONE AUTONOMA FRIULI VENEZIA GIULIA AZIENDA PER I SERVIZI SANITARI N. 3 ALTO FRIULI DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE Prevenzione e sicurezza ambienti di lavoro CADUTE DALL ALTO

Dettagli

Compiti e responsabilità dei Coordinatori

Compiti e responsabilità dei Coordinatori Seminario Tecnico sui piani di sicurezza e di coordinamento: ruolo del C.S.P. E DEL C.S.E. Pistoia, 26 ottobre 2010 Compiti e responsabilità dei Coordinatori dott. ing. Biagio Mugnieco Direzione Provinciale

Dettagli

PSC e POS Piano di Sicurezza e Coordinamento Piano Operativo di Sicurezza

PSC e POS Piano di Sicurezza e Coordinamento Piano Operativo di Sicurezza Gli appalti e il D.Lgs 81/2008 dopo il recepimento del D.Lgs 106/2009 PSC e POS Piano di Sicurezza e Coordinamento Piano Operativo di Sicurezza Francesco Burba ingegnere Campolongo Tapogliano (UD) corso

Dettagli

OBBLIGHI DOCUMENTALI da parte di COMMITTENTI IMPRESE e COORDINATORI

OBBLIGHI DOCUMENTALI da parte di COMMITTENTI IMPRESE e COORDINATORI OBBLIGHI DOCUMENTALI da parte di COMMITTENTI IMPRESE e COORDINATORI CORSO PER COORDINATORI DELLA PROGETTAZIONE E DELL ESECUZIONE NEI CANTIERI EDILI - ART. 98 D.Lgs.81/08 dott. Mauro Maranelli U.O. Prevenzione

Dettagli

CHECK-LIST PER LA VERIFICA DEI CONTENUTI MINIMI DEL POS ai sensi del D.Lgs. 81/2008 e s.m.i. - art. 89, comma 1, lettera h) e Allegato XV

CHECK-LIST PER LA VERIFICA DEI CONTENUTI MINIMI DEL POS ai sensi del D.Lgs. 81/2008 e s.m.i. - art. 89, comma 1, lettera h) e Allegato XV CHECK-LIST PER LA VERIFICA DEI CONTENUTI MINIMI DEL POS ai sensi del D.Lgs. 81/2008 e s.m.i. - art. 89, comma 1, lettera h) e Allegato XV POS dell Impresa Cantiere per la realizzazione di Lavori svolti

Dettagli

I NUOVI OBBLIGHI E LE RESPONSABILITA DEL COORDINATORE DI CANTIERE

I NUOVI OBBLIGHI E LE RESPONSABILITA DEL COORDINATORE DI CANTIERE I NUOVI OBBLIGHI E LE RESPONSABILITA DEL COORDINATORE DI CANTIERE VILLA BORROMEO Sarmeola di Rubano Padova 25 novembre 2010 Relatore: Ing. Fabio Cortesi DI COSA PARLIAMO La normativa nazionale D.Lgs. 81/08

Dettagli

DECRETO 9 settembre 2014 PIANI DI SICUREZZA SEMPLIFICATI

DECRETO 9 settembre 2014 PIANI DI SICUREZZA SEMPLIFICATI DECRETO 9 settembre 2014 PIANI DI SICUREZZA SEMPLIFICATI Forlimpopoli 29 OTTOBRE 2014 Bertozzi - Bertoni Azienda USL della Romagna Il "Decreto del Fare", Il "Decreto del Fare", ovvero il Decreto Legge

Dettagli

GESTIONE DEGLI APPALTI. Copyright Diritti riservati

GESTIONE DEGLI APPALTI. Copyright Diritti riservati GESTIONE DEGLI APPALTI Copyright Diritti riservati GESTIONE DEGLI APPALTI RIF. D. LGS. 81/08 s.m.i. Articolo 26 - Obblighi connessi ai contratti d appalto o d opera o di somministrazione Titolo IV Cantieri

Dettagli

Sogin - Linee Guida sui cantieri temporanei o mobili

Sogin - Linee Guida sui cantieri temporanei o mobili Sogin - Linee Guida sui cantieri temporanei o mobili 1. PREMESSA La disciplina dei cantieri temporanei e mobili ha trovato preciso regolamentazione nel Decreto Legislativo 9 aprile 2008, n. 81, e nel successivo

Dettagli

Il D.I. 09/09/2014: i modelli semplificati per la redazione di POS, PSC, PSS e Fascicolo dell Opera

Il D.I. 09/09/2014: i modelli semplificati per la redazione di POS, PSC, PSS e Fascicolo dell Opera I MINI SEMINARI INFORMATIVI DI ASQ Il D.I. 09/09/2014: i modelli semplificati per la redazione di POS, PSC, PSS e Fascicolo dell Opera PASIAN DI PRATO, 13-15 OTTOBRE 2014 Per.Ind. Agelio Mantoani DOVE

Dettagli

D. Lgs. 81/08. Manutenzione della sicurezza e sicurezza della manutenzione

D. Lgs. 81/08. Manutenzione della sicurezza e sicurezza della manutenzione D. Lgs. 81/08 Manutenzione della sicurezza e sicurezza della manutenzione La manutenzione che comporta lavori edili o di ingegneria civile: il coordinamento attraverso il DUVRI (art. 26 D.Lgs. 81/2008)

Dettagli

LEZIONE 10 CANTIERI TEMPORANEI E MOBILI Decreto Legislativo n. 81 del 9 aprile 2008

LEZIONE 10 CANTIERI TEMPORANEI E MOBILI Decreto Legislativo n. 81 del 9 aprile 2008 LEZIONE 10 CANTIERI TEMPORANEI E MOBILI Decreto Legislativo n. 81 del 9 aprile 2008 ARGOMENTI DEL CORSO DEFINIZIONI; OBBLIGHI E RESPONSABILITÀ DEL COMMITTENTE O DEL RESPONSABILE DEI LAVORI; LA NOTIFICA

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE PER LA SICUREZZA DEL LAVORO NEI CONTRATTI D APPALTO, D OPERA O DI SOMMINISTRAZIONE

CAPITOLATO SPECIALE PER LA SICUREZZA DEL LAVORO NEI CONTRATTI D APPALTO, D OPERA O DI SOMMINISTRAZIONE ALLEGATO 6 CAPITOLATO SPECIALE PER LA SICUREZZA DEL LAVORO NEI CONTRATTI D APPALTO, D OPERA O DI SOMMINISTRAZIONE Articolo 1 Definizioni 1. Ai fini del presente Capitolato, alle seguenti espressioni sono

Dettagli

Rilevazione degli oneri sostenuti dalle imprese per adempiere agli obblighi informativi nell area Sicurezza sul lavoro Anno 2010

Rilevazione degli oneri sostenuti dalle imprese per adempiere agli obblighi informativi nell area Sicurezza sul lavoro Anno 2010 Rilevazione degli oneri sostenuti dalle imprese per adempiere agli obblighi informativi nell area Sicurezza sul lavoro Anno 2010 Questionario II - Adempimenti per cantieri temporanei o mobili CODICE DITTA

Dettagli

Quaderno della sicurezza 1 CASO : LAVORI PRIVATI SOGGETTI A DIA ESEGUITI DA 5 LAVORATORI AUTONOMI

Quaderno della sicurezza 1 CASO : LAVORI PRIVATI SOGGETTI A DIA ESEGUITI DA 5 LAVORATORI AUTONOMI ESEMPI PRATICI : LAVORI PRIVATI SOGGETTI A DIA 1 CASO : AUTONOMI Obblighi del COMMITTENTE : 1. Il Committente NON è tenuto a nominare né il CSP, né il CSE, anche se i 5 lavoratori autonomi lavorano contemporaneamente;

Dettagli

Corso di aggiornamento per coordinatori della sicurezza

Corso di aggiornamento per coordinatori della sicurezza Corso di aggiornamento per coordinatori della sicurezza TITOLO IV "Ruoli, responsabilità e sanzioni nel settore pubblico e privato Argomenti: - Principi contenuti nel «Codice degli appalti D.lgs 12 aprile

Dettagli

GESTIONE DELLE LAVORAZIONI ESTERNE

GESTIONE DELLE LAVORAZIONI ESTERNE P446.06 GESTIONE DELLE LAVORAZIONI ESTERNE Pagina 1 di 5 GESTIONE DELLE LAVORAZIONI ESTERNE INDICE 1. Scopo... 2 2. Campo di Applicazione... 2 3. Terminologia, Definizioni, Abbreviazioni... 2 4. Responsabilita...

Dettagli

PREVENZIONE E SICUREZZA SUL LAVORO NEI CANTIERI TEMPORANEI O MOBILI PRESCRIZIONI LEGISLATIVE

PREVENZIONE E SICUREZZA SUL LAVORO NEI CANTIERI TEMPORANEI O MOBILI PRESCRIZIONI LEGISLATIVE PREVENZIONE E SICUREZZA SUL LAVORO NEI CANTIERI TEMPORANEI O MOBILI PRESCRIZIONI LEGISLATIVE IL DATORE DI LAVORO OBBLIGHI FONDAMENTALI DEL DATORE DI LAVORO: effettuare la valutazione dei rischi, redigere

Dettagli

DOCUMENTI DI CANTIERE RIFERIMENTI LEGISLATIVI CONTENUTI

DOCUMENTI DI CANTIERE RIFERIMENTI LEGISLATIVI CONTENUTI DOCUMENTI DI CANTIERE RIFERIMENTI LEGISLATIVI CONTENUTI Corso di aggiornamento per coordinatori in fase di progettazione ed esecuzione dei lavori 06/03/2013 Dott. Lucio QUATTROCCHI D.Lgs. 9 aprile 2008,

Dettagli

Prof. ssa Lucia Niccacci Anno Accademico 2009/2010

Prof. ssa Lucia Niccacci Anno Accademico 2009/2010 Corso di laurea in Ingegneria Edile Prof. ssa Lucia Niccacci Anno Accademico 2009/2010 Il TITOLO IV del Testo Unico 81/08 in materia di salute e sicurezza nei luoghi di lavoro CANTIERI TEMPORANEI O MOBILI

Dettagli

Vincenzo Mainardi PIANO OPERATIVO E IDONEITÀ TECNICO PROFESSIONALE AI SENSI DEL D.LGS. 81/2008 E D.LGS. 106/2009

Vincenzo Mainardi PIANO OPERATIVO E IDONEITÀ TECNICO PROFESSIONALE AI SENSI DEL D.LGS. 81/2008 E D.LGS. 106/2009 Vincenzo Mainardi Guida al POS e ITP PIANO OPERATIVO E IDONEITÀ TECNICO PROFESSIONALE AI SENSI DEL D.LGS. 81/2008 E D.LGS. 106/2009 CD-ROM INCLUSO CON MODELLO COMPLETO E PRECOMPILATO DI POS E ITP Indice

Dettagli

SICUREZZA IN CANTIERE SECONDO IL Dlgs 81/2008

SICUREZZA IN CANTIERE SECONDO IL Dlgs 81/2008 SICUREZZA IN CANTIERE SECONDO IL Dlgs 81/2008 INDICE Chi sono il CSP e Il CSE? 2 Cos è il P.S.C. (Piano di Sicurezza e Coordinamento)? 3 Cos è il P.O.S Piano operativo di Sicurezza 5 Fascicolo dell'opera

Dettagli

2. SCOPO Gestione dei fornitori di beni e servizi; Gestione delle imprese esterne e degli appaltatori operanti per conto di Alac SpA.

2. SCOPO Gestione dei fornitori di beni e servizi; Gestione delle imprese esterne e degli appaltatori operanti per conto di Alac SpA. Acquedotto Langhe e Alpi Cuneesi SpA Sede legale in Cuneo, Corso Nizza 9 acquedotto.langhe@acquambiente.it www.acquambiente.it SGSL Procedura Acquisto beni - servizi P06 Rev 01 del 16/09/09 1. DISTRIBUZIONE

Dettagli

Via G. Garibaldi, 2-23891 Barzano (Lc) Tel 039 9272557 - Fax 039 9212955 amministrazione@gruppo-prisma.com - www.gruppo-prisma.com

Via G. Garibaldi, 2-23891 Barzano (Lc) Tel 039 9272557 - Fax 039 9212955 amministrazione@gruppo-prisma.com - www.gruppo-prisma.com G r u p p o P r i s m a T r e S. r. l. S e r v i z i d i C o n s u l e n z a p e r I m p r e s e E d i l i, S t u d i P r o f e s s i o n a l i O r g a n i z z a z i o n e G e s t i o n a l e e d O p e

Dettagli

Massa Marittima 14 Marzo 2014

Massa Marittima 14 Marzo 2014 SICUREZZA NEI CANTIERI DEI LAVORI DI MESSA IN SICUREZZA DELLE AREE EX MINERARIE DELLA PROVINCIA DI GROSSETO Massa Marittima 14 Marzo 2014 NORMATIVA DI RIFERIMENTO La normativa che regola la gestione della

Dettagli

Corso di aggiornamento RSPP aziende edili. Lezione: Il Piano di Sicurezza Sostitutivo (P.S.S)

Corso di aggiornamento RSPP aziende edili. Lezione: Il Piano di Sicurezza Sostitutivo (P.S.S) Corso di aggiornamento RSPP aziende edili Lezione: Il Piano di Sicurezza Sostitutivo (P.S.S) In questa unità didattica descriveremo le caratteristiche del Piano di Sicurezza Sostitutivo (P.S.S.). Nello

Dettagli

PREVENZIONE E SICUREZZA SUL LAVORO NEI CANTIERI TEMPORANEI O MOBILI PRESCRIZIONI LEGISLATIVE

PREVENZIONE E SICUREZZA SUL LAVORO NEI CANTIERI TEMPORANEI O MOBILI PRESCRIZIONI LEGISLATIVE PREVENZIONE E SICUREZZA SUL LAVORO NEI CANTIERI TEMPORANEI O MOBILI PRESCRIZIONI LEGISLATIVE IL DATORE DI LAVORO OBBLIGHI FONDAMENTALI DEL DATORE DI LAVORO: effettuare la valutazione dei rischi, redigere

Dettagli

Piano operativo di sicurezza.

Piano operativo di sicurezza. Piano operativo di sicurezza. Contenuti minimi, obbiettivi e obblighi di trasmissione ai sensi del D.Lgs. 81/2008 e s.m.i. Almese, 4 novembre 2009 Dott. Paolo PICCO TdP SPreSAL ASL TO3 - Rivoli (TO) D.Lgs.

Dettagli

Il nuovo quadro normativo in materia di Appalti, Cantieri e DUVRI

Il nuovo quadro normativo in materia di Appalti, Cantieri e DUVRI Il nuovo quadro normativo in materia di Appalti, Cantieri e DUVRI Alessandra Pellegrini Direzione Tecnico Scientifica 14 Ottobre 2009 T.U. SALUTE E SICUREZZA (D.LGS. 81/2008): prime analisi e commenti

Dettagli

TAVOLO SICUREZZA CANTIERI REGGIO EMILIA

TAVOLO SICUREZZA CANTIERI REGGIO EMILIA Reggio Emilia 10/2012 Il presente documento è stato predisposto e redatto dal Tavolo Sicurezza Cantieri - Reggio Emilia, di cui è promotore ANCE Reggio Emilia Collegio Costruttori Edili Ind. RE è partecipato

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE DI 120 ORE PER COORDINATORI PER LA SICUREZZA NEI CANTIERI TEMPORANEI O MOBILI MODULO METODOLOGICO ORGANIZZATIVO

CORSO DI FORMAZIONE DI 120 ORE PER COORDINATORI PER LA SICUREZZA NEI CANTIERI TEMPORANEI O MOBILI MODULO METODOLOGICO ORGANIZZATIVO CORSO DI FORMAZIONE DI 120 ORE PER COORDINATORI PER LA SICUREZZA NEI CANTIERI TEMPORANEI O MOBILI MODULO METODOLOGICO ORGANIZZATIVO Il Piano di Sicurezza e Coordinamento; il Fascicolo con le caratteristiche

Dettagli

FASE DI PROGETTAZIONE DELL OPERA

FASE DI PROGETTAZIONE DELL OPERA Premessa La presente relazione è stata elaborata in ottemperanza a quanto disposto dall art. 18, comma 1, lettera f) del DPR 554/99 (Regolamento di attuazione alla legge quadro in materia di lavori pubblici

Dettagli

6 mesi dopo il decreto del fare: bilancio, semplificazione ed attuazione

6 mesi dopo il decreto del fare: bilancio, semplificazione ed attuazione Alfonso Cioffi mercoledì, giovedì, 18 26 settembre giugno 2014 2013 6 mesi dopo il decreto del fare: bilancio, Giornata del Decreto del fare semplificazione ed attuazione DISPOSIZIONI IN MATERIA DI SALUTE

Dettagli

CANTIERI TEMPORANEI E MOBILI. TITOLO IV DEL D.Lgs. 81/08 e s.m.i. Arezzo, 06 maggio 2011

CANTIERI TEMPORANEI E MOBILI. TITOLO IV DEL D.Lgs. 81/08 e s.m.i. Arezzo, 06 maggio 2011 CANTIERI TEMPORANEI E MOBILI TITOLO IV DEL D.Lgs. 81/08 e s.m.i Arezzo, 06 maggio 2011 Dott. DAVIDDI Paolo STOLZUOLI Stefania Tecnici di Prevenzione Dipartimento della Prevenzione Azienda USL 8 - Arezzo

Dettagli

b Dichiarazione dell'organico Medio Annuo; DOMA

b Dichiarazione dell'organico Medio Annuo; DOMA DOCUMENTI NECESSARI PER LA VERIFICA DEI REQUISITI TECNICO PROFESSIONALI DELLE IMPRESE D.Lgs 81/08 s.m.i. (con particolare riferimento al D.Lgs. 106/09) Documenti che ogni singola appaltatrice o subappaltatrice

Dettagli

TESTO UNICO SULLA SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO (Dlgs 81/2008)

TESTO UNICO SULLA SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO (Dlgs 81/2008) Dipartimento di Prevenzione Azienda USL3 di Pistoia TESTO UNICO SULLA SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO (Dlgs 81/2008) Il ruolo del Ing. Massimo Selmi Pistoia, 26.10.2010 IMPRESA AFFIDATARIA Impresa titolare

Dettagli

AZIENDA U.S.L. RIMINI Unità Operativa Prevenzione e Sicurezza degli Ambienti di Lavoro

AZIENDA U.S.L. RIMINI Unità Operativa Prevenzione e Sicurezza degli Ambienti di Lavoro AZIENDA U.S.L. RIMINI Unità Operativa Prevenzione e Sicurezza degli Ambienti di Lavoro PROCEDURE DEL COORDINATORE PER LA GESTIONE DEL CANTIERE P.S.C., IMPOSTAZIONE E ORGANIZZAZIONE DEL CANTIERE: APPLICAZIONE

Dettagli

Il coordinatore in materia di salute e sicurezza nei cantieri ai sensi del D.L.vo 494/96

Il coordinatore in materia di salute e sicurezza nei cantieri ai sensi del D.L.vo 494/96 Il coordinatore in materia di salute e sicurezza nei cantieri ai sensi del D.L.vo 494/96 Giornata di Studio 8 Giugno 2006 Ing. Sandro Vescovi INFN - LNF Il settore delle Costruzioni presenta un rischio

Dettagli

IL COORDINATORE PER L ESECUZIONE

IL COORDINATORE PER L ESECUZIONE PRESENTAZIONE SINTETICA IL COORDINATORE PER L ESECUZIONE QUANDO ENTRA IN SCENA IL CSE COME SOGGETTO RESPONSABILE? La posizione di garanzia del coordinatore entra in vigore con il D. Legislativo 494 del

Dettagli

VALUTAZIONE DEI RISCHI

VALUTAZIONE DEI RISCHI Dipartimento di Prevenzione Azienda USL3 di Pistoia Il TESTO UNICO SULLA SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO (Dlgs 81/2008) Ing. Massimo Selmi Pistoia, 24.03.2010 VALUTAZIONE DEI RISCHI Data Certa Valutazione

Dettagli

LABORATORIO DI APPROFONDIMENTO COSTRUZIONI LINEE DI INDIRIZZO PER L ATTIVITA DI COORDINATORE PER LA SICUREZZA NEI CANTIERI EDILI

LABORATORIO DI APPROFONDIMENTO COSTRUZIONI LINEE DI INDIRIZZO PER L ATTIVITA DI COORDINATORE PER LA SICUREZZA NEI CANTIERI EDILI LABORATORIO DI APPROFONDIMENTO COSTRUZIONI LINEE DI INDIRIZZO PER L ATTIVITA DI COORDINATORE PER LA SICUREZZA NEI CANTIERI EDILI Allegato 1 al ddg 10602 del 15 novembre 2011 1 INDICE 1. INTRODUZIONE...

Dettagli

ELENCO NON ESAUSTIVO DELLA DOCUMENTAZIONE DA TENERE NEL CANTIERE EDILE

ELENCO NON ESAUSTIVO DELLA DOCUMENTAZIONE DA TENERE NEL CANTIERE EDILE ELENCO NON ESAUSTIVO DELLA DOCUMENTAZIONE DA TENERE NEL CANTIERE EDILE DESCRIZIONE DOCUMENTO RIF. e NOTE COMPETENZA DOCUMENTAZIONE INERENTE LA PIANIFICAZIONE IN SICUREZZA DELL ATTIVITÀ DI CANTIERE PSC

Dettagli

Focus group Sicurezza Articoli tematici Brevi note sulle interconnessioni tra il RUP ed i soggetti di cui al Titolo IV del D.Lgs. 81/2008 e s.m.i.

Focus group Sicurezza Articoli tematici Brevi note sulle interconnessioni tra il RUP ed i soggetti di cui al Titolo IV del D.Lgs. 81/2008 e s.m.i. Come previsto dalle vigenti normative in materia di contratti pubblici: D.Lgs. 163/2006 e s.m.i. e D.P.R. 207/2010 e s.m.i., il Responsabile Unico del Procedimento è il soggetto responsabile incaricato

Dettagli

I costi della sicurezza

I costi della sicurezza Associazione dei Geometri della Provincia di Reggio Emilia I costi della sicurezza La stima dei costi della sicurezza nelle attività di cantiere: appalti pubblici e privati. 1. L evoluzione normativa dei

Dettagli

STUDIO DI ARCHITETTURA

STUDIO DI ARCHITETTURA STUDIO DI ARCHITETTURA 17 - VIA COL DI LANA - 21053 - CASTELLANZA - VARESE - TELEFONO +39 331 501622 - TELEFAX +39 331 501610 - EMAIL mcaldiroli@betanet.it P I A N O D I S I C U R E Z Z A & C O O R D I

Dettagli

ELEMENTI A CARATTERE GENERALE CANTIERE CON PIU DI 200 UOMINI/GIORNO DEFINIZIONI

ELEMENTI A CARATTERE GENERALE CANTIERE CON PIU DI 200 UOMINI/GIORNO DEFINIZIONI Premessa La presente relazione è stata elaborata in ottemperanza a quanto disposto dall art. 17,comma 1, lettera f) del DPR 207/2010 (Regolamento di attuazione alla legge quadro in materia di lavori pubblici

Dettagli

OBBLIGATORIO DAL 19 LUGLIO 2005 IL PIANO DI MONTAGGIO DEI PONTEGGI

OBBLIGATORIO DAL 19 LUGLIO 2005 IL PIANO DI MONTAGGIO DEI PONTEGGI OBBLIGATORIO DAL 19 LUGLIO 2005 IL PIANO DI MONTAGGIO DEI PONTEGGI Il 19 luglio 2005 è entrato in vigore il D.Lgs. 8 luglio 2003, n. 235, attuazione della direttiva n. 2001/45/CE relativa ai requisiti

Dettagli

QUADRO NORMATIVO DI RIFERIMENTO

QUADRO NORMATIVO DI RIFERIMENTO QUADRO NORMATIVO DI RIFERIMENTO CENNI STORICI UN SALTO DI QUALITÀ NELLA LEGISLAZIONE SULLA PREVENZIONE INFORTUNI E L IGIENE DEL LAVORO VIENE DATO DAL PROGRESSIVO CONSOLIDAMENTO DELLA COMUNITÀ EUROPEA,

Dettagli

Coordinatore della Sicurezza: facciamo un passo avanti.

Coordinatore della Sicurezza: facciamo un passo avanti. Coordinatore della Sicurezza: facciamo un passo avanti. Analisi critica e proposte per un ruolo che deve evolvere 10 maggio 2012 Perché questo seminario? Il ruolo del Coordinatore della Sicurezza (CS)

Dettagli

Procedura di Processo attività del CSE

Procedura di Processo attività del CSE Procedura di Processo attività del 1. Finalità Il presente documento indica le modalità operative per esercitare in modo efficace l attività di Coordinatore della Sicurezza per l Esecuzione dei lavori

Dettagli

RIEPILOGO DELLE PROCEDURE PREVISTE DALL ART. 101 DEL D.LGS. 81/2008 RIGUARDANTI GLI OBBLIGHI DI TRASMISSIONE

RIEPILOGO DELLE PROCEDURE PREVISTE DALL ART. 101 DEL D.LGS. 81/2008 RIGUARDANTI GLI OBBLIGHI DI TRASMISSIONE RIEPILOGO DELLE PROCEDURE PREVISTE DALL ART. 101 DEL D.LGS. 81/2008 RIGUARDANTI GLI OBBLIGHI DI TRASMISSIONE IL COMMITTENTE O IL RESPONSABILE DEI LAVORI trasmette il Piano di Sicurezza e Coordinamento

Dettagli

Edilizia, urbanistica e ambiente Parte 9: Coordinamento della sicurezza in fase di esecuzione dell opera

Edilizia, urbanistica e ambiente Parte 9: Coordinamento della sicurezza in fase di esecuzione dell opera Edilizia, urbanistica e ambiente Parte 9: Coordinamento della sicurezza in fase di esecuzione dell opera Premessa Il presente documento è stato elaborato dal Gruppo di Lavoro Standard di qualità ai fini

Dettagli

Procedura di Processo attività del CSE

Procedura di Processo attività del CSE Procedura di Processo attività del CSE 1. Finalità Procedura di Processo attività del CSE Il presente documento indica le modalità operative per esercitare in modo efficace l attività di Coordinatore per

Dettagli

Le politiche delle Regioni per la promozione della salute e della sicurezza nei cantieri edili: Le linee guida DPR 222/03

Le politiche delle Regioni per la promozione della salute e della sicurezza nei cantieri edili: Le linee guida DPR 222/03 Le politiche delle Regioni per la promozione della salute e della sicurezza nei cantieri edili: Le linee guida DPR 222/03 Ing. Marco Masi Regione Toscana Settore Prevenzione e Sicurezza PREVENZIONE E SICUREZZA

Dettagli

ELENCO NON ESAUSTIVO DELLA DOCUMENTAZIONE DA TENERE NEL CANTIERE EDILE

ELENCO NON ESAUSTIVO DELLA DOCUMENTAZIONE DA TENERE NEL CANTIERE EDILE ELENCO NON ESAUSTIVO DELLA DOCUMENTAZIONE DA TENERE NEL CANTIERE EDILE DOCUMENTAZIONE INERENTE LA PIANIFICAZIONE IN SICUREZZA DELL ATTIVITÀ DI CANTIERE PSC - Piano di sicurezza e coordinamento Art. 100

Dettagli

Il Piano Operativo di Sicurezza POS. venerdì 23 aprile 2010. 28 giugno 2012 Alfonso Cioffi- ASSIMPREDIL ANCE POS OPERATIVO DI SICUREZZA"

Il Piano Operativo di Sicurezza POS. venerdì 23 aprile 2010. 28 giugno 2012 Alfonso Cioffi- ASSIMPREDIL ANCE POS OPERATIVO DI SICUREZZA Il Piano Oativo di Sicurezza POS Pag.1 POS OPERATIVO SICUREZZA ART. 89 D.Lgs 10609- DEFINIZIONI Comma 1, lettera h) Piano Oativo di Sicurezza: il documento che il datore di lavoro dell impresa esecutrice

Dettagli

Organizzazione aziendale & valutazione dei rischi

Organizzazione aziendale & valutazione dei rischi Organizzazione aziendale & valutazione dei rischi Un po di Storia della normativa dal 1930 al 1950 Codice Penale (artt. 437-451 451-589-590) 590) Codice Civile (art. 2087) Costituzione della Repubblica

Dettagli

La progettazione della sicurezza nei cantieri temporanei e mobili nei Lavori Pubblici

La progettazione della sicurezza nei cantieri temporanei e mobili nei Lavori Pubblici La progettazione della sicurezza nei cantieri temporanei e mobili nei Lavori Pubblici BERGAMO 31.01.2007 www.gruppomercurio gruppomercurio.orgorg FASE PRELIMINARE Individuazione del Responsabile Unico

Dettagli

CHECK-LIST PER LA VERIFICA DEI CONTENUTI MINIMI DEL POS ai sensi del D.Lgs. 81/2008 e s.m.i. - art. 89, comma 1, lettera h) e Allegato XV

CHECK-LIST PER LA VERIFICA DEI CONTENUTI MINIMI DEL POS ai sensi del D.Lgs. 81/2008 e s.m.i. - art. 89, comma 1, lettera h) e Allegato XV CHECK-LIST PER LA VERIFICA DEI CONTENUTI MINIMI DEL POS ai sensi del D.Lgs. 8/008 e s.m.i. - art. 89, comma, lettera h) e Allegato XV POS dell Impresa Cantiere per la realizzazione di Lavori svolti in

Dettagli

RICHIESTA DI SUBAPPALTO ATTIVITÀ IN TITOLO I E IN TITOLO IV

RICHIESTA DI SUBAPPALTO ATTIVITÀ IN TITOLO I E IN TITOLO IV RICHIESTA DI SUBAPPALTO ATTIVITÀ IN TITOLO I E IN TITOLO IV DOCUMENTI A CURA DELL APPALTATORE DA INOLTRARE ALL AREA ACQUISTI ALMENO 10 GIORNI PRIMA DELLA DATA PRESUNTA DI INIZIO LAVORI (DA ALLEGARE ALLA

Dettagli

2. P R O G R A M M A Z I O N E D E I L A V O R I

2. P R O G R A M M A Z I O N E D E I L A V O R I 1. A N A G R A F I C A D E L L O P E R A S O G G E T T I C O I N V O L T I G E S T I O N E D E L P S C 1.1 CARATTERISTICHE DELL OPERA 1. Le caratteristiche dell opera da eseguire sono state trattate nel

Dettagli

Il Ruolo del Committente e del RUP nella verifica ITP (Idoneità Tecnico Professionale) Articoli 89 e90. Articolo 26

Il Ruolo del Committente e del RUP nella verifica ITP (Idoneità Tecnico Professionale) Articoli 89 e90. Articolo 26 1 2 Il Ruolo del Committente e del RUP nella verifica ITP (Idoneità Tecnico Professionale) Analisi normativa Articoli 89 e90 Allegato XVII Articolo 26 Modalità di l'effettuazione della verifica Problematiche

Dettagli

COMUNE DI BAREGGIO PROVINCIA DI MILANO

COMUNE DI BAREGGIO PROVINCIA DI MILANO COMUNE DI BAREGGIO PROVINCIA DI MILANO SERVIZIO DI PULIZIA PALESTRE DELLE SCUOLE PRIMARIE E SECONDARIE, AUDITORIUM, CENTRO POLIFUNZIONALE, CENTRO ANZIANI E AULA CONSILIARE ALLEGATO AL CAPITOLATO SPECIALE

Dettagli

Entreranno in vigore nuovi obblighi

Entreranno in vigore nuovi obblighi InsiemeaPOSePSC,ilPIMUSèunostrumentodiprogrammazioneedigestionedellasicurezzaincantiere Obbligatorio dal 19 luglio 2005 il Piano di montaggio dei ponteggi di Damiano Romeo, consulente in materia di sicurezza

Dettagli

SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DELL AMMINISTRAZIONE COMUNALE DI QUARTO

SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DELL AMMINISTRAZIONE COMUNALE DI QUARTO SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DELL AMMINISTRAZIONE COMUNALE DI QUARTO DOCUMENTRO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE (ART. 26, COMMA 3, D.LGS. N. 81/2008) STAZIONE APPALTANTE: Comune di

Dettagli

PIANO di LAVORO ( D.Lgs. 277/91) ; PIANO SOSTITUTIVO di SICUREZZA( L. 109/94); PIANO OPERATIVO di SICUREZZA e PIANO di SICUREZZA e di COORDINAMENTO

PIANO di LAVORO ( D.Lgs. 277/91) ; PIANO SOSTITUTIVO di SICUREZZA( L. 109/94); PIANO OPERATIVO di SICUREZZA e PIANO di SICUREZZA e di COORDINAMENTO PIANO di LAVORO ( D.Lgs. 277/91) ; PIANO SOSTITUTIVO di SICUREZZA( L. 109/94); PIANO OPERATIVO di SICUREZZA e PIANO di SICUREZZA e di COORDINAMENTO ( D.Lgs. 494/96 e ss.mm.), nei cantieri edili. La selva

Dettagli

il Cantiere Sicuro Notiziario dell E.S.E.B. - ENTE SISTEMA EDILIZIA BRESCIA

il Cantiere Sicuro Notiziario dell E.S.E.B. - ENTE SISTEMA EDILIZIA BRESCIA il Cantiere Sicuro Notiziario dell E.S.E.B. - ENTE SISTEMA EDILIZIA BRESCIA informazioni per la sicurezza in cantiere 01 Ente Sistema Edilizia Brescia - via della Garzetta, 51-25133 Brescia ENTE SISTEMA

Dettagli

PROGETTO PRELIMINARE

PROGETTO PRELIMINARE INTERVENTI DI RIQUALIFICAZIONE E RINATURAZIONE DEL TRATTO FINALE DELLA ROGGIA CAVOLTO IN COMUNE DI MERONE Interventi per il miglioramento delle acque e degli habitat nella Valle del Lambro (Lambro vivo)

Dettagli

REGOLE DI BUONA PRASSI PER IL COORDINATORE DELLA SICUREZZA

REGOLE DI BUONA PRASSI PER IL COORDINATORE DELLA SICUREZZA REGOLE DI BUONA PRASSI PER IL COORDINATORE DELLA SICUREZZA IN RIFERIMENTO DELLA DIRETTIVA CANTIERI D.L.vo 494/96 e D.L.vo 528/99; DPR 222/03; D.L.vo 276/03 Le regole di seguito indicate rappresentano un

Dettagli

La Sicurezza nei luoghi di lavoro: - Corso di Aggiornamento per Coordinatori per la Sicurezza in fase di Progettazione e di Esecuzione dei lavori

La Sicurezza nei luoghi di lavoro: - Corso di Aggiornamento per Coordinatori per la Sicurezza in fase di Progettazione e di Esecuzione dei lavori La Sicurezza nei luoghi di lavoro: - Corso di Aggiornamento per Coordinatori per la Sicurezza in fase di Progettazione e di Esecuzione dei lavori Modulo III I documenti a cura dei Coordinatori per la Sicurezza

Dettagli

PRIME INDICAZIONI E DISPOSIZIONI PER LA STESURA DEI PIANI DI SICUREZZA E DI COORDINAMENTO

PRIME INDICAZIONI E DISPOSIZIONI PER LA STESURA DEI PIANI DI SICUREZZA E DI COORDINAMENTO PRIME INDICAZIONI E DISPOSIZIONI PER LA STESURA DEI PIANI DI SICUREZZA E DI COORDINAMENTO Premessa La presente relazione è stata elaborata in ottemperanza a quanto disposto dall art. 18, comma 1, lettera

Dettagli

GILBERTO LOFFREDO. Rimini, via Macanno, 20 p.e.: gilberto.loffredo@katamail.com

GILBERTO LOFFREDO. Rimini, via Macanno, 20 p.e.: gilberto.loffredo@katamail.com GILBERTO LOFFREDO Rimini, via Macanno, 20 p.e.: gilberto.loffredo@katamail.com Comitato Paritetico Territoriale Per la Prevenzione Infortuni l Igiene e l Ambiente di Lavoro della Provincia di Rimini 2

Dettagli

DOCUMENTAZIONI E CONTROLLI ISPETTIVI. Dott. Ing. Francesca Notartomaso

DOCUMENTAZIONI E CONTROLLI ISPETTIVI. Dott. Ing. Francesca Notartomaso DOCUMENTAZIONI E CONTROLLI ISPETTIVI Dott. Ing. Francesca Notartomaso Appalti e subappalti in edilizia: documenti e controlli ispettivi DIREZIONE PROVINCIALE DEL LAVORO (EX ISPETTORATO DEL LAVORO) COMPETENZA

Dettagli

LISTA DI CONTROLLO DEL POS

LISTA DI CONTROLLO DEL POS LISTA DI CONTROLLO DEL POS Verifica sui contenuti minimi del documento secondo quanto previsto dal punto 3.2.1. dell allegato XV del D.Lgs 81/2008 Committente : Lavori : Ubicazione Cantiere: Impresa esecutrice:

Dettagli

La gestione degli aspetti di H&S nei contratti d appalto e d opera nei processi di acquisizione di beni e servizi

La gestione degli aspetti di H&S nei contratti d appalto e d opera nei processi di acquisizione di beni e servizi La gestione degli aspetti di H&S nei contratti d appalto e d opera nei processi di acquisizione di beni e servizi Direzione Safety, Security & Facilities Safety Department Milano, 15 dicembre 2008 Evoluzione

Dettagli

Le novità del Testo Unico in tema di sicurezza cantieri (il fascicolo di manutenzione)

Le novità del Testo Unico in tema di sicurezza cantieri (il fascicolo di manutenzione) Le novità del Testo Unico in tema di sicurezza cantieri (il fascicolo di manutenzione) Piano di manutenzione dell opera e delle sue parti Nei lavori pubblici, (D. Lgs. 163/06 e regolamento di attuazione

Dettagli

GESTIONE DEL CANTIERE E SICUREZZA DELL'AMBIENTE DI LAVORO

GESTIONE DEL CANTIERE E SICUREZZA DELL'AMBIENTE DI LAVORO GESTIONE DEL CANTIERE E SICUREZZA DELL'AMBIENTE DI LAVORO Modulo 1 bis:ruoli e responsabilità in cantiere a cura dell'ing. Laura Nucifora a.s. 2014/15 1 Personale di cantiere Figure tecniche che dirigono

Dettagli

QUANDO SERVE Cantiere con presenza anche non contemporanea di più imprese. TIPO DI DOCUMENTO Notifica preliminare Art. 99 all.

QUANDO SERVE Cantiere con presenza anche non contemporanea di più imprese. TIPO DI DOCUMENTO Notifica preliminare Art. 99 all. TIPO DI DOCUMENTO Notifica preliminare Art. 99 all. XII PSC Piano di sicurezza e coordinamento Art. 100-101 e allegato XV QUANDO SERVE Cantiere con presenza anche non contemporanea di più imprese Cantieri

Dettagli

25 febbraio 2011 Sicurezza:Circolare del Ministero del Lavoro sulla sicurezza negli appalti. Sicurezza: il quadro giuridico degli Appalti nel D.Lgs.

25 febbraio 2011 Sicurezza:Circolare del Ministero del Lavoro sulla sicurezza negli appalti. Sicurezza: il quadro giuridico degli Appalti nel D.Lgs. Novità Normativa 25 febbraio 2011 Sicurezza:Circolare del Ministero del Lavoro sulla sicurezza negli appalti Sicurezza: il quadro giuridico degli Appalti nel D.Lgs. 81/2008 e s.m.i. Il Ministero del Lavoro

Dettagli

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE Servizio di Prevenzione e Protezione Via Celso Ulpiani (ex palazzo CEDAM) 70125 BARI (Italia) Tel. +39.080.5712425-6 Fax +39.080.5712427 Università degli Studi di Bari - Aldo MORO DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE

Dettagli

IL DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI

IL DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI IL ( Ai sensi dell art. 17 comma 1 lett. a e dell art. 28 del D.Lgs. 81/2008 ) a cura di Messina D.Lgs. 81/2008 Art. 2. - Definizioni 1. Ai fini ed agli effetti delle disposizioni di cui al presente decreto

Dettagli

PIANO OPERATIVO DI SICUREZZA MODELLO SEMPLIFICATO

PIANO OPERATIVO DI SICUREZZA MODELLO SEMPLIFICATO Allegato I MODELLO SEMPLIFICATO PER LA REDAZIONE DEL POS (Le dimensioni dei campi indicati nelle tabelle a seguire sono meramente indicative in quanto dipendenti dal contenuto) PIANO OPERATIVO DI SICUREZZA

Dettagli

Campagna Condominio Sicuro

Campagna Condominio Sicuro Campagna Condominio Sicuro Il Decreto Legislativo 81/2008 applicato ai condomini Il D. Lgs. n. 81/2008 applicato ai condomini Cari Amministratori, forse non lo sapevate, ma il testo unico sulla sicurezza

Dettagli

Le Specifiche sono state elaborate da CNGeGL per la definizione degli Standard di

Le Specifiche sono state elaborate da CNGeGL per la definizione degli Standard di Standard di qualità ai fini della qualificazione professionale della categoria dei geometri Specifica E08 Edilizia, urbanistica e ambiente Coordinamento della sicurezza in fase di progettazione dell opera

Dettagli

ALLEGATO N 3 DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE (D.U.V.R.I.)

ALLEGATO N 3 DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE (D.U.V.R.I.) ALLEGATO N 3 DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI DA INTERFERENZE (D.U.V.R.I.) (ART 26 DEL D.Lgs 81/08) Data:Aprile 2014 Il Documento è composto di n 13 pagine - pag.1 di pagine 13 1. Premessa Il

Dettagli

D. Lgs. 81/08, Titolo IV, art 92, comma 1 lettera a), b), c) IL CSE E LA PIANIFICAZIONE DELLA SICUREZZA IN CANTIERE Oltre i requisiti minimi

D. Lgs. 81/08, Titolo IV, art 92, comma 1 lettera a), b), c) IL CSE E LA PIANIFICAZIONE DELLA SICUREZZA IN CANTIERE Oltre i requisiti minimi D. Lgs. 81/08, Titolo IV, art 92, comma 1 lettera a), b), c) IL CSE E LA PIANIFICAZIONE DELLA SICUREZZA IN CANTIERE Oltre i requisiti minimi IL FOGLIO TECNICO: STRUMENTO GRAFICO DI SINTESI DEL PSC Safety

Dettagli

I piani di sicurezza e la stima dei costi

I piani di sicurezza e la stima dei costi I piani di sicurezza e la stima dei costi Corso sulla sicurezza nei cantieri temporanei o mobili di cui al D.Lgs. n. 81/2008 e s.m.i. PIANI Di SICUREZZA/1 Riferimenti normativi Art. 131 del D.Lgs. n. 163/2006

Dettagli

Progetto Coordinatori della Provincia di Varese

Progetto Coordinatori della Provincia di Varese Informiamo e comunichiamo che è operativo il Progetto Coordinatori della Provincia di Varese che vede coinvolti i seguenti promotori: ASL della Provincia di Varese Dipartimento di prevenzione medico S.I.S.L.;

Dettagli

Le responsabilità del Committente Amministratore di condominio alla luce della giurisprudenza più recente

Le responsabilità del Committente Amministratore di condominio alla luce della giurisprudenza più recente Le responsabilità del Committente Amministratore di condominio alla luce della giurisprudenza più recente SEMINARIO: Sicurezza sul lavoro nel condominio leggi, obblighi, cautele, opportunità 18/09/2015

Dettagli

Il ruolo del coordinatore alla sicurezza: dubbi ed interpretazioni

Il ruolo del coordinatore alla sicurezza: dubbi ed interpretazioni "La vigilanza sulla sicurezza e salute dei lavoratori nella realizzazione delle grandi opere infrastrutturali: risultati e prospettive." Azienda Sanitaria Firenze Il ruolo del coordinatore alla sicurezza:

Dettagli

C.P.T. PADOVA Via Basilicata, 10 FORMAZIONE SPECIFICA PER DATORI DI LAVORO E DIRIGENTI DELLE IMPRESE AFFIDATARIE

C.P.T. PADOVA Via Basilicata, 10 FORMAZIONE SPECIFICA PER DATORI DI LAVORO E DIRIGENTI DELLE IMPRESE AFFIDATARIE C.P.T. PADOVA Via Basilicata, 10 FORMAZIONE SPECIFICA PER DATORI DI LAVORO E DIRIGENTI DELLE IMPRESE AFFIDATARIE (ai sensi del D. Lgs. 81/08 art. 97, c. 3.ter) 2 giorno - seconda parte sabato 15 maggio

Dettagli

Laura Rossi S.Pre.S.A.L. A.S.L. NO

Laura Rossi S.Pre.S.A.L. A.S.L. NO Laura Rossi S.Pre.S.A.L. A.S.L. NO Le norme DECRETO DEL FARE - D.L. 69/2013 - convertito con modifiche - Legge 98/2013 in vigore dal 21 agosto DECRETO LAVORO - D.L. 76/2013 - convertito con modifiche -

Dettagli

Ruolo e responsabilità del Committente

Ruolo e responsabilità del Committente www.ordingbo.it Ordine degli Ingegneri della Provincia di Bologna Ruolo e responsabilità del Guida alla sicurezza dei cantieri Coordinatore Premessa Prevenire è meglio che curare. Molti degli incidenti

Dettagli