REGOLAMENTO INTERMEDIARI DISPOSIZIONI IN MATERIA DI FINANZA ETICA O SOCIALMENTE RESPONSABILE (ART. 117-TER DEL TUF) ESITO DELLE CONSULTAZIONI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "REGOLAMENTO INTERMEDIARI DISPOSIZIONI IN MATERIA DI FINANZA ETICA O SOCIALMENTE RESPONSABILE (ART. 117-TER DEL TUF) ESITO DELLE CONSULTAZIONI"

Transcript

1 REGOLAMENTO INTERMEDIARI DISPOSIZIONI IN MATERIA DI FINANZA ETICA O SOCIALMENTE RESPONSABILE (ART. 117-TER DEL TUF) ESITO DELLE CONSULTAZIONI 1 giugno 2007 Il 7 febbraio 2007 la Consob ha diffuso un documento di consultazione relativo ad alcune norme del Regolamento Intermediari, adottato con delibera n /1998 (di seguito "RI"), attuative dell art. 117-ter del TUF, introdotto dalla legge n. 262/2005, in materia di finanza etica. In sede di consultazione è stato proposto di introdurre nel libro III, Parte II del RI un nuovo titolo II-bis, dedicato alle norme in materia di finanza etica e composto dagli artt. 55-bis e 55-ter. In relazione al documento di consultazione sono pervenute osservazioni da: ABI Associazione Bancaria Italiana; ANIA Associazione Nazionale fra le Imprese Assicuratrici; ASSOGESTIONI Associazione del Risparmio Gestito; Banca Popolare Etica soc. coop.; Forum per la Finanza Sostenibile; Italian CFA Society. Nella trattazione che segue si dà conto di tali osservazioni e delle conseguenti determinazioni assunte dalla Commissione. Il documento riproduce il testo delle norme rese note per la consultazione, le osservazioni pervenute, le considerazioni svolte in proposito e il nuovo testo adottato. OSSERVAZIONI GENERALI * * * Un partecipante alla consultazione ha proposto di menzionare nell ambito della regolamentazione gli istituti di credito eticamente orientati, ritenenedo questi come elementi fondamentali nell ottica di una regolamentazione che non consideri solo i prodotti emessi ma anche, e soprattutto, chi li emette. In questo ambito, occorrerebbe considerare come caratteristica essenziale l operatività esclusiva con prodotti improntati alla nominatività del rapporto, come garanzia ulteriore di una corretta e completa informazione del pubblico. Inoltre, occorrerebbe ritenere essenziale per l appartenenza alla categoria etica la completa trasparenza relativamente ai percettori dei finanziamenti bancari. CONSIDERAZIONI Le predette osservazioni, seppur condivisibili nel merito, non possono essere accolte. Infatti, alla proposta di comprendere, nella regolamentazione in commento, le banche quali enti creditizi osta la norma primaria la quale è incentrata, considerandone l ambito applicativo oggettivo, su prodotti 1

2 e servizi qualificati come etici o socialmente responsabili e, da un punto di vista soggettivo, sui soggetti abilitati (comprendenti le banche in quanto operatori del mercato mobiliare) e le imprese di assicurazione. NUOVO TITOLO PROPOSTO PER LA CONSULTAZIONE LIBRO III PRESTAZIONE DEI SERVIZI DI INVESTIMENTO E DEL SERVIZIO DI GESTIONE COLLETTIVA PARTE II DISCIPLINA DELLA PRESTAZIONE DEI SERVIZI DI INVESTIMENTO E ACCESSORI E DEL SERVIZIO DI GESTIONE COLLETTIVA DEL RISPARMIO TITOLO II-BIS DISPOSIZIONI IN MATERIA DI FINANZA ETICA OSSERVAZIONI Alcuni osservatori propongono una diversa titolazione della nuova parte che si intende inserire nel Regolamento Intermediari in attuazione dell art. 117-ter, sostituendo la locuzione finanza etica con quella di finanza socialmente responsabile. Tali proposte sono connesse alla non oggettività del concetto di etica ed ai possibili, diversi significati allo stesso concetto attribuibili. In ragione di ciò, si registra il prevalente utilizzo, nel contesto italiano e internazionale, dell acronimo Socially Responsible Investment - SRI e Investimento socialmente responsabile. Analogamente, all interno degli articoli 55-bis e 55-ter dovrebbe essere utilizzata la sola dizione socialmente responsabili con riferimento ai prodotti e servizi per i quali vengono posti gli obblighi informativi e di rendicontazione proposti in consultazione. CONSIDERAZIONI Pur considerando la prevalente diffusione, tra gli operatori del settore, delle locuzioni finanza socialmente responsabile e Socially Responsible Investment - SRI si ritiene che l osservazione non possa essere integralmente accolta né per la titolazione, né con riferimento alla lettera degli articoli 55-bis e 55-ter, di seguito commentati. E ciò in quanto la formulazione della norma primaria, riferendosi ai prodotti e servizi qualificati come etici o socialmente responsabili, contiene esplicitamente il riferimento alle due qualificazioni in virtù delle quali la normazione secondaria deve trovare applicazione. In sostanza, l art. 117-ter del TUF non presuppone ulteriori precisazioni a carattere definitorio, volte a limitare od ampliare l ambito applicativo oggettivo della disciplina regolamentare. Si rileva, inoltre, che sono già presenti sul mercato prodotti del risparmio gestito qualificati come etici le cui politiche di investimento sono ispirate a criteri di Socially Responsible Investment. Ciò posto, in accoglimento parziale della proposta, è stata adottata la seguente titolazione della nuova parte del RI dedicata alle norme attuative dell art. 117-ter del TUF: TITOLO II-BIS - DISPOSIZIONI IN MATERIA DI FINANZA ETICA O SOCIALMENTE RESPONSABILE *** 2

3 TESTO PROPOSTO PER LA CONSULTAZIONE Art. 55-bis (Obblighi informativi) 1. Nel prospetto informativo redatto secondo gli schemi di cui all Allegato 1B del Regolamento n del 14 maggio 1999, nella nota informativa prevista dall articolo 185 del decreto legislativo n. 209 del 7 settembre 2005 e nei contratti di cui all articolo 30 del presente regolamento, relativi a prodotti e servizi qualificati come etici o socialmente responsabili, i soggetti abilitati e le imprese di assicurazione forniscono le seguenti informazioni: a) gli obiettivi e le caratteristiche in relazione ai quali il prodotto o servizio è qualificato come etico o socialmente responsabile; b) i criteri generali in base ai quali vengono definite le strategie di investimento e vengono disposte le operazioni; c) le politiche e gli obiettivi perseguiti nell esercizio dei diritti di voto connessi agli strumenti finanziari detenuti in portafoglio; d) l eventuale destinazione per iniziative di carattere sociale di proventi generati dai prodotti offerti e dai servizi prestati; e) le eventuali procedure adottate per assicurare il perseguimento degli obiettivi di cui alla lettera a), compresa la presenza di organi specializzati istituiti all interno dei soggetti abilitati e delle imprese di assicurazione e le relative funzioni; f) l adesione a codici di autoregolamentazione, promossi da soggetti specializzati. 2. Una sintetica illustrazione delle informazioni di cui al comma 1 deve essere resa disponibile nel sito internet, ove presente, dei soggetti abilitati e delle imprese di assicurazione. OSSERVAZIONI Una prima osservazione propone una formulazione alternativa della rubrica dell art. 55-bis, con l aggiunta della parola ulteriori riferita agli obblighi informativi di cui alla norma in commento, in relazione alla presenza di regole che si applicano a tutti i prodotti e servizi a prescindere dalla loro qualificazione etica o socialmente responsabile. Altro osservatore propone di eliminare, dal comma 1 della norma in commento, le parole nella nota informativa prevista dall articolo 185 del decreto legislativo n. 209 del 7 settembre 2005 ed aggiungere la qualificazione finanziari ai prodotti etici (o socialmente responsabili), ritenendo che il riferimento ai prodotti emessi dalle imprese di assicurazione di cui all art. 117-ter del TUF debba essere limitato ai soli prodotti finanziari-assicurativi definiti dall art. 1, comma 1, lett. w-bis, del TUF (che richiama espressamente i contratti dei rami vita III e V di cui al Codice unico delle assicurazioni). In sostanza, anche in tema di finanza etica si ritiene debba essere considerato l ambito delle nuove potestà regolamentari della CONSOB in tema di offerta e distribuzione dei suddetti prodotti, sancite dagli interventi sul TUF operati dalla legge 262/2005 e dal successivo d. lgs. 303/

4 Un'altra proposta riguarda l integrazione della formulazione del comma 1, lett. a), inserendo il riferimento all ordine di priorità degli obiettivi che caratterizzano i prodotti o servizi qualificati come etici o socialmente responsabili. Due partecipanti alla consultazione propongono di integrare la formulazione del comma 1, lett. b), facendo espresso riferimento ai criteri di screening caratterizzanti i processi decisionali relativi ai prodotti etici. In particolare, si propone la seguente formulazione: I criteri generali di selezione degli strumenti finanziari investibili in virtù degli obiettivi di investimento socialmente responsabili. Ritengono, infatti, i due osservatori che tale intervento consente, da un lato, maggiore aderenza alle indicazioni contenute negli schemi di prospetto degli OICR (previsti in Allegato 1B al Regolamento Emittenti) che richiedono di specificare gli eventuali elementi caratterizzanti il processo di selezione degli strumenti finanziari in cui è investito il patrimonio; dall altro, di rappresentare meglio il fenomeno per il quale le strategie di investimento generalmente operano su un sottoinsieme di strumenti finanziari selezionati in virtù dei criteri di screening adottati. Un osservatore, ricollegandosi a quanto già osservato in relazione all ambito operativo dell art. 117-ter del TUF, propone di specificare che la lett. c) del comma 1 va riferita agli strumenti finanziari detenuti in portafoglio e riferibili a prodotti finanziari qualificati come etici (o socialmente responsabili), visto che per gli ulteriori prodotti delle imprese di assicurazione detta regola non risulterebbe applicabile. Due osservatori propongono di integrare la formulazione del comma 1, lett. c), inserendo un riferimento al carattere eventuale delle iniziative c.d. di azionariato attivo e ciò in ragione dell autonomia decisionale dei gestori etici su tale materia. Tre partecipanti alla consultazione propongono di integrare la formulazione dell art. 55-bis, comma 1, lett. d), inserendo, dopo le parole di carattere sociale anche le parole o ambientale. Tali richieste sono giustificate dalla considerazione che il concetto di sviluppo sostenibile, cui nella grande maggioranza dei casi le esperienze di finanza socialmente responsabile si ispirano, fa riferimento all equilibrio tra le dimensioni economica, ambientale e sociale nella quali gli operatori economici si trovano ad operare. Un osservatore propone di integrare la formulazione dell art. 55-bis, comma 1, lett. d), inserendo l obbligo di indicare la dimensione quantitativa dei proventi, generati dai prodotti e dai servizi qualificati come etici (o socialmente responsabili), destinati ad iniziative di carattere sociale. Lo stesso osservatore propone anche di integrare la formulazione dell art. 55-bis, comma 1, lett. f), inserendo, tra le informazioni richieste, anche la sintesi delle previsione dell eventuale codice di autoregolamentazione adottato e - nell ipotesi di adesione parziale - dell indicazione delle ragioni della mancata adesione. Infine, un partecipante alla consultazione propone, relativamente ai fondi comuni di investimento, di considerare essenziale la certificazione del portafoglio di investimenti da parte di organismi terzi riconosciuti a livello internazionale come advisor etici. CONSIDERAZIONI La segnalata opportunità di qualificare come ulteriori gli obblighi informativi posti dalla norma in esame è da ritenere fondata. Infatti, gli specifici obblighi informativi cui sono tenuti i soggetti 4

5 abilitati e le imprese di assicurazione che offrono prodotti o prestano servizi qualificati come etici o socialmente responsabili sono aggiuntivi rispetto a quelli già previsti nella regolamentazione vigente, con riferimento sia all informativa precontrattuale che a quella in corso di contratto. Tuttavia, si ritiene preferibile introdurre, al comma 1, una specifica dicitura finalizzata ad evidenziare la natura speciale delle regole in questione e di non modificare la rubrica dell articolo proposto. Con riferimento alla segnalata necessità di delimitare l ambito applicativo della norma in parola ai soli prodotti finanziari emessi dalle imprese di assicurazione (di cui all art. 1, comma 1, lett. w- bis, del TUF), si precisa preliminarmente che il riferimento all art. 185 del Codice delle assicurazioni private - presente nella formulazione proposta per la consultazione - era connesso alla lettera dell art. 117-ter del TUF che cita unicamente i prodotti senza alcuna connotazione, nonché alla circostanza che i contratti assicurativi di ramo I potrebbero, in ipotesi, essere caratterizzati da gestioni interne separate le cui politiche di investimento siano ispirate a criteri di SRI. Tuttavia, si ritiene l osservazione condivisibile atteso il collocamento della norma in questione nel Titolo III della Parte IV del TUF, dedicato agli emittenti strumenti finanziari e l esplicito riferimento alla finanza etica nella rubrica della norma del TUF. In ragione di ciò, sono state eliminate dal comma 1 della norma in esame le parole nella nota informativa prevista dall articolo 185 del decreto legislativo n. 209 del 7 settembre Relativamente alla richiesta di indicare, alla lett. a) del comma 1, l ordine di priorità degli obiettivi che caratterizzano i prodotti o servizi qualificati come etici o socialmente responsabili, si ritiene che tale precisazione non sia necessaria considerata l opportunità di non vincolare gli operatori in ordine a tale precisazione. Riguardo alla proposta finalizzata a maggiormente evidenziare i criteri di screening che caratterizzano i processi decisionali di investimento dei prodotti di finanza etica, si ritiene condivisibile la formulazione alternativa della lett. b) del medesimo comma 1, ferma restando la necessità di riferirsi alla lett. a) della stessa norma, che individua gli obiettivi e le caratteristiche generali del prodotto o servizio sottesi alla qualificazione di etico (o socialmente responsabile). In considerazione dell intervento sul comma 1 sopra illustrato, con il quale è stato precisato l ambito applicativo della norma in commento, la richiesta di specificare - alla lett. c) il carattere finanziario dei portafogli di investimenti non si ritiene necessaria. Con riferimento alla medesima lettera, si ritiene invece condivisibile la proposta di specificare il carattere eventuale delle iniziative di azionariato attivo. In ragione di ciò è stata integrata la formulazione proposta per la consultazione con la parola eventualmente riferita al perseguimento, da parte dei gestori, di particolari politiche e obiettivi nell esercizio dei diritti di voto connessi agli strumenti finanziari detenuti in portafoglio. La richiesta di integrare la lett. d) con il riferimento al possibile carattere ambientale delle iniziative cui possono essere destinati proventi relativi ai prodotti/servizi etici è stata positivamente valutata. È stata ritenuta, altresì, condivisibile la richiesta di integrare la medesima lett. d) con il riferimento alla dimensione quantitativa dei proventi destinati alle iniziative sociali o ambientali. Pertanto, è stata conformata in tal senso la formulazione proposta per la consultazione. 5

6 La proposta di inserire - alla lett. f) - una previsione circa l obbligo di fornire una sintesi del codice di autoregolamentazione eventualmente sottoscritto è stata ritenuta non necessaria attesa l opportunità di lasciare all autonomia dei soggetti abilitati e delle imprese di assicurazione siffatta informativa. Si consideri, inoltre, che tale obbligo è generalmente (auto)regolato dalle disposizioni in tema di pubblicità contenute negli stessi codici. Allo stesso modo, si ritiene non coerente con la natura della norma in commento e, pertanto, non condivisibile la richiesta di indicare, nella medesima lett. f), le ragioni dell adesione solo parziale (così come della mancata adesione) ad un codice di autoregolamentazione. Relativamente alla proposta di considerare come essenziale la certificazione dell universo investibile da parte di advisor etici internazionalmente riconosciuti, non si ritiene di poter accogliere il suggerimento, in quanto la delega regolamentare contenuta nell art. 117-ter autorizza la Consob a individuare specifici obblighi di informazione e di rendicontazione per i prodotti e servizi qualificati come etici o socialmente responsabili, ma non consente di determinare in alcun modo le caratteristiche che un prodotto debba possedere per essere qualificato come tale. *** Ciò posto, è stata adottata la seguente versione dell art. 55-bis, nella quale sono evidenziate, in grassetto, le parti integrate/modificate rispetto alla versione proposta per la consultazione e, in carattere barrato, quelle eliminate: NUOVO TESTO Art. 55-bis (Obblighi informativi) 1. Fermo restando quanto previsto dalla normativa vigente, Nnel prospetto informativo redatto secondo gli schemi di cui all Allegato 1B del Regolamento n del 14 maggio 1999, nella nota informativa prevista dall articolo 185 del decreto legislativo n. 209 del 7 settembre 2005 e nei contratti di cui all articolo 30 del presente regolamento, relativi a prodotti e servizi qualificati come etici o socialmente responsabili, i soggetti abilitati e le imprese di assicurazione forniscono le seguenti informazioni: a) gli obiettivi e le caratteristiche in relazione ai quali il prodotto o servizio è qualificato come etico o socialmente responsabile; b) i criteri generali di selezione degli strumenti finanziari in virtù degli obiettivi e delle caratteristiche di cui alla lettera a) in base ai quali vengono definite le strategie di investimento e vengono disposte le operazioni; c) le politiche e gli obiettivi eventualmente perseguiti nell esercizio dei diritti di voto connessi agli strumenti finanziari detenuti in portafoglio; d) l eventuale destinazione per iniziative di carattere sociale o ambientale di proventi generati dai prodotti offerti e dai servizi prestati e la relativa misura; e) le eventuali procedure adottate per assicurare il perseguimento degli obiettivi di cui alla lettera a), compresa la presenza di organi specializzati istituiti all interno dei soggetti abilitati e delle imprese di assicurazione e le relative funzioni; f) l adesione a codici di autoregolamentazione, promossi da soggetti specializzati. 2. Una sintetica illustrazione delle informazioni di cui al comma 1 deve essere resa disponibile nel sito internet, ove presente, dei soggetti abilitati e delle imprese di assicurazione. 6

7 *** ARTICOLO PROPOSTO PER LA CONSULTAZIONE Art. 55-ter (Obblighi di rendicontazione) 1. Nella rendicontazione periodica agli investitori, i soggetti abilitati e le imprese di assicurazione che offrono prodotti e prestano servizi qualificati come etici o socialmente responsabili, forniscono: a) l illustrazione dell attività di gestione in relazione alle strategie definite ed alle operazioni disposte sulla base dei criteri di cui all articolo 55-bis, comma 1, lettera b; b) le informazioni in merito all esercizio dei diritti di voto connessi agli strumenti finanziari detenuti in portafoglio; c) le informazioni circa l eventuale destinazione per iniziative di carattere sociale di proventi generati dai prodotti offerti e dai servizi prestati. 2. Le informazioni di cui al comma 1 devono essere fornite, in forma sintetica, anche attraverso le eventuali comunicazioni periodiche inviate agli investitori nonché rese disponibili, ove presente, nel sito internet dei soggetti abilitati e delle imprese di assicurazione. OSSERVAZIONI Un osservatore, coerentemente con quanto già proposto per l art. 55-bis, propone una formulazione alternativa della rubrica dell art. 55-ter, con l aggiunta della parola ulteriori riferita agli obblighi di rendicontazione contenuti nella norma. Con riferimento al comma 1, propone altresì di specificare che i gestori di portafogli individuali, tenuti ad inviare la rendicontazione con cadenza trimestrale, debbano fornire l informativa di cui alla norma in commento in occasione dell invio di uno dei quattro rendiconti previsti annualmente (presumibilmente quello al 31 dicembre), sì da riferire tale informativa ad un periodo di tempo significativo. Un partecipante alla consultazione propone di dare maggiore evidenza al criterio oggettivo posto alla base della norma in parola, specificando, nel comma 1, che gli obblighi di rendicontazione si riferiscono ai soli portafogli degli specifici prodotti etici o socialmente responsabili. Due osservatori, in coerenza con quanto già proposto per l art. 55-bis, propongono di integrare la formulazione del comma 1, lett. a), facendo espresso riferimento ai criteri di screening tipici dei processi decisionali dei prodotti etici. In particolare, suggeriscono la seguente formulazione: L illustrazione dell attività gestoria in relazione ai criteri generali di selezione degli investimenti, definiti ai sensi dell articolo 55-bis, comma 1, lettera b), del presente Regolamento. Altro soggetto partecipante alla consultazione, coerentemente con quanto proposto per l art. 55- bis, suggerisce di specificare che l ambito applicativo del comma 1, lett. b), va riferito agli strumenti finanziari detenuti in portafoglio e riferibili a prodotti finanziari qualificati come etici (o socialmente responsabili). Due osservatori propongono, in coerenza con quanto da essi stessi suggerito per l art. 55-bis, di integrare la formulazione del comma 1, lett. b), inserendo un riferimento al carattere eventuale delle iniziative c.d. di azionariato attivo. 7

8 Tre osservatori, coerentemente con quanto già proposto per l art. 55-bis, propongono di integrare la formulazione del comma 1, lett. c), inserendo, dopo le parole di carattere sociale anche le parole o ambientale. Un partecipante alla consultazione propone di integrare la formulazione dell art. 55-ter con una previsione ulteriore in tema di performance dei prodotti etici o socialmente responsabili. In particolare, si richiede di inserire il riferimento alla (eventuale) adesione a principi internazionalmente condivisi per la presentazione delle performance. Tale richiesta è fondata sulla ritenuta opportunità che i soggetti abilitati e le imprese di assicurazione forniscano una rendicontazione in linea con le migliori pratiche registrate sui mercati internazionali. Altro contributo propone di integrare il comma 2, specificando che le informazioni della rendicontazione periodica siano fornite - in forma sintetica - almeno una volta l anno, anche attraverso le eventuali informazioni periodiche. Si ritiene, infatti, che tale formulazione sia meno generica di quella proposta in consultazione e consenta, al contempo, agli intermediari di scegliere il momento in cui fornire le informazioni in parola. CONSIDERAZIONI In relazione alle medesime considerazioni svolte in ordine al testo dell art. 55-bis, cui si fa rinvio, sono stati modificati: - il comma 1, con l inserimento della specifica dicitura finalizzata ad evidenziare la natura speciale delle regole in questione; - il comma 1, lett. a), con la formulazione volta a dare maggiore evidenza ai criteri di screening che caratterizzano i processi decisionali di investimento dei prodotti di finanza etica; - il comma 1, lett. b), con la specificazione del carattere eventuale delle iniziative di azionariato attivo; - il comma 1, lett. c), con l inserimento del possibile carattere ambientale delle iniziative cui possono essere destinati proventi relativi ai prodotti/servizi etici e della relativa dimensione quantitativa. Analogamente, in considerazione delle modifiche apportate al comma 1 dell art. 55-bis, la richiesta di specificare - alla lett. b) - il carattere finanziario dei portafogli di investimenti non si ritiene accoglibile, in quanto la modifica non risulta necessaria. La proposta di specificare, per la rendicontazione del servizio di gestione individuale, che le informazioni previste dalla norma in commento siano fornite una volta l anno si ritiene condivisibile attesa la rilevata opportunità di riferire le informazioni richieste dall articolo in esame ad un periodo di tempo significativo. Pertanto, è apparso opportuno specificare, al comma 1, che l obbligo posto dalla norma in esso contenuta deve essere adempiuto almeno nell ultima rendicontazione dell anno e con riferimento ai dodici mesi precedenti, con ciò facendo salva l eventuale maggior frequenza di trasmissione della medesima informativa che gli intermediari o le imprese di assicurazione intendono assicurare alla propria clientela. La proposta finalizzata ad evidenziare che gli obblighi di rendicontazione siano riferiti ai soli portafogli degli specifici prodotti etici o socialmente responsabili si ritiene condivisibile. In 8

9 ragione di ciò, si è provveduto a riformulare la lettera del comma 1 precisando maggiormente l ambito applicativo della norma in esso contenuta. La richiesta di inserire un riferimento alla (eventuale) adesione a principi internazionalmente condivisi per la presentazione delle performance, la cui ratio appare pienamente condivisibile, si ritiene non coerente con la portata della norma in esame. Una previsione in tal senso dovrebbe, infatti, essere riferita ad ogni tipologia di rendicontazione, quale che sia la fonte normativa che la prescrive, e non limitatamente alle informazioni ulteriori richieste in virtù della particolare qualificazione dei prodotti e servizi in questione. Infine, pur in assenza di specifiche osservazioni sul punto, è stato riformulato il comma 2 eliminando il riferimento alle eventuali comunicazioni periodiche inviate agli investitori. Infatti, è stato ritenuto opportuno non dettare alcuna prescrizione in merito all informativa resa su base volontaria, onde evitare obblighi supplementari per i soli operatori che utilizzano tale veicolo di comunicazione con la propria clientela. *** Ciò posto, è stata adottata la seguente versione dell art. 55-ter, nella quale sono evidenziate, in grassetto, le parti integrate/modificate rispetto alla versione proposta per la consultazione e, in carattere barrato, quelle eliminate. NUOVO TESTO Art. 55-ter (Obblighi di rendicontazione) 1. Fermo restando quanto previsto dalla normativa vigente, Nella almeno nell ultima rendicontazione periodica agli investitori dell anno relativa a, i soggetti abilitati e le imprese di assicurazione che offrono prodotti e prestano servizi qualificati come etici o socialmente responsabili, i soggetti abilitati e le imprese di assicurazione forniscono con riferimento ai dodici mesi precedenti: a) l illustrazione dell attività di gestione in relazione alle strategie definite ed alle operazioni disposte sulla base dei criteri di cui all ai criteri generali di selezione degli strumenti finanziari individuati ai sensi dell articolo 55-bis, comma 1, lettera b; b) le informazioni in merito all eventuale esercizio dei diritti di voto connessi agli strumenti finanziari detenuti in portafoglio; c) le informazioni circa l eventuale destinazione per iniziative di carattere sociale o ambientale di proventi generati dai prodotti offerti e dai servizi prestati e la relativa misura. 2. Le informazioni di cui al comma 1, devono essere fornite, in forma sintetica, anche attraverso le eventuali comunicazioni periodiche inviate agli investitori nonché sono rese disponibili, in forma sintetica ove presente, nel sito internet dei soggetti abilitati e delle imprese di assicurazione. 9

10 ESITO DELLE CONSULTAZIONI Nuovo testo del Titolo II-bis e degli artt. 55-bis e 55-ter, contenenti la disciplina attuativa adottata ai sensi dell art. 117-ter del TUF. LIBRO III PRESTAZIONE DEI SERVIZI DI INVESTIMENTO E DEL SERVIZIO DI GESTIONE COLLETTIVA PARTE II - DISCIPLINA DELLA PRESTAZIONE DEI SERVIZI DI INVESTIMENTO E ACCESSORI E DEL SERVIZIO DI GESTIONE COLLETTIVA DEL RISPARMIO TITOLO II-BIS - DISPOSIZIONI IN MATERIA DI FINANZA ETICA O SOCIALMENTE RESPONSABILE Art. 55-bis (Obblighi informativi) 1. Fermo restando quanto previsto dalla normativa vigente, nel prospetto informativo redatto secondo gli schemi di cui all Allegato 1B del Regolamento n del 14 maggio 1999 e nei contratti di cui all articolo 30 del presente regolamento, relativi a prodotti e servizi qualificati come etici o socialmente responsabili, i soggetti abilitati e le imprese di assicurazione forniscono le seguenti informazioni: a) gli obiettivi e le caratteristiche in relazione ai quali il prodotto o servizio è qualificato come etico o socialmente responsabile; b) i criteri generali di selezione degli strumenti finanziari in virtù degli obiettivi e delle caratteristiche di cui alla lettera a); c) le politiche e gli obiettivi eventualmente perseguiti nell esercizio dei diritti di voto connessi agli strumenti finanziari detenuti in portafoglio; d) l eventuale destinazione per iniziative di carattere sociale o ambientale di proventi generati dai prodotti offerti e dai servizi prestati e la relativa misura; e) le eventuali procedure adottate per assicurare il perseguimento degli obiettivi di cui alla lettera a), compresa la presenza di organi specializzati istituiti all interno dei soggetti abilitati e delle imprese di assicurazione e le relative funzioni; f) l adesione a codici di autoregolamentazione, promossi da soggetti specializzati. 2. Una sintetica illustrazione delle informazioni di cui al comma 1 deve essere resa disponibile nel sito internet dei soggetti abilitati e delle imprese di assicurazione. 10

11 Art. 55-ter (Obblighi di rendicontazione) 1. Fermo restando quanto previsto dalla normativa vigente, almeno nell ultima rendicontazione dell anno relativa a prodotti e servizi qualificati come etici o socialmente responsabili, i soggetti abilitati e le imprese di assicurazione forniscono con riferimento ai dodici mesi precedenti: a) l illustrazione dell attività di gestione in relazione ai criteri generali di selezione degli strumenti finanziari individuati ai sensi dell articolo 55-bis, comma 1, lettera b; b) le informazioni in merito all eventuale esercizio dei diritti di voto connessi agli strumenti finanziari detenuti in portafoglio; c) le informazioni circa l eventuale destinazione per iniziative di carattere sociale o ambientale di proventi generati dai prodotti offerti e dai servizi prestati e la relativa misura. 2. Le informazioni di cui al comma 1 sono rese disponibili, in forma sintetica, nel sito internet dei soggetti abilitati e delle imprese di assicurazione

POLICY SINTETICA ADOTTATA DA BANCA LEONARDO S.P.A

POLICY SINTETICA ADOTTATA DA BANCA LEONARDO S.P.A POLICY SINTETICA ADOTTATA DA BANCA LEONARDO S.P.A. PER L INDIVIDUAZIONE E LA GESTIONE DEI CONFLITTI DI INTERESSE NELLA PRESTAZIONE DEI SERVIZI E DELLE ATTIVITA DI INVESTIMENTO E DEI SERVIZI ACCESSORI 1.

Dettagli

OSSERVAZIONI SUL DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE CONSOB AVVIO DEL LIVELLO 3 SUL NUOVO REGOLAMENTO INTERMEDIARI CONFRONTO CON IL MERCATO

OSSERVAZIONI SUL DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE CONSOB AVVIO DEL LIVELLO 3 SUL NUOVO REGOLAMENTO INTERMEDIARI CONFRONTO CON IL MERCATO Roma, 30 gennaio 2008 OSSERVAZIONI SUL DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE CONSOB AVVIO DEL LIVELLO 3 SUL NUOVO REGOLAMENTO INTERMEDIARI CONFRONTO CON IL MERCATO L ANIA ha esaminato i contenuti della documentazione

Dettagli

Documento sulla politica di gestione dei conflitti di interesse e informativa ai clienti sui conflitti di interesse non eliminabili

Documento sulla politica di gestione dei conflitti di interesse e informativa ai clienti sui conflitti di interesse non eliminabili BANCA POPOLARE DEL LAZIO Soc. Coop. per azioni Sede sociale e Direzione Generale Via Martiri delle Fosse Ardeatine, 9 00049 VELLETRI (Roma) Iscr. Registro Imprese di Roma al n. 04781291002 Iscritta al

Dettagli

Vigilanza bancaria e finanziaria

Vigilanza bancaria e finanziaria Vigilanza bancaria e finanziaria DISPOSIZIONI DI VIGILANZA IN MATERIA DI POTERI DI DIREZIONE E COORDINAMENTO DELLA CAPOGRUPPO DI UN GRUPPO BANCARIO NEI CONFRONTI DELLE SOCIETÀ DI GESTIONE DEL RISPARMIO

Dettagli

REVISIONE DELLA DISCIPLINA SECONDARIA IN MATERIA DI GESTIONE COLLETTIVA DEL RISPARMIO

REVISIONE DELLA DISCIPLINA SECONDARIA IN MATERIA DI GESTIONE COLLETTIVA DEL RISPARMIO Vigilanza bancaria e finanziaria REVISIONE DELLA DISCIPLINA SECONDARIA IN MATERIA DI GESTIONE COLLETTIVA DEL RISPARMIO MODIFICHE AL REGOLAMENTO SULLA GESTIONE COLLETTIVA DEL RISPARMIO IN MATERIA DI APPROVAZIONE

Dettagli

1 Macerata, 14 novembre 2014 IL FINANZIAMENTO DELLE PMI ALTERNATIVO AL CREDITO BANCARIO

1 Macerata, 14 novembre 2014 IL FINANZIAMENTO DELLE PMI ALTERNATIVO AL CREDITO BANCARIO 1 Macerata, 14 novembre IL FINANZIAMENTO DELLE PMI ALTERNATIVO AL CREDITO BANCARIO 2 Macerata, 14 novembre LE INIZIATIVE A LIVELLO EUROPEO: EUVECA, EUSEF Il 17 aprile 2013 sono stati pubblicati: (i) il

Dettagli

POLITICA DI CLASSIFICAZIONE DELLA CLIENTELA

POLITICA DI CLASSIFICAZIONE DELLA CLIENTELA POLITICA DI CLASSIFICAZIONE DELLA CLIENTELA 1. Obiettivo del Documento... 2 2. Criteri per la classificazione della clientela... 2 2.1 Controparti qualificate... 2 2.2. Clientela professionale... 3 2.3

Dettagli

Procedimenti per l adozione di atti di regolazione

Procedimenti per l adozione di atti di regolazione Procedimenti per l adozione di atti di regolazione Risposta alla consultazione Consob sul progetto di regolamento di attuazione dell articolo 23 della legge n. 262/2005 1. Introduzione La Consob ha sottoposto

Dettagli

COMUNICAZIONE AI PARTECIPANTI AL FONDO COMUNE D INVESTIMENTO MOBILIARE APERTO ARMONIZZATO DENOMINATO BANCOPOSTA OBBLIGAZIONARIO FEBBRAIO 2014

COMUNICAZIONE AI PARTECIPANTI AL FONDO COMUNE D INVESTIMENTO MOBILIARE APERTO ARMONIZZATO DENOMINATO BANCOPOSTA OBBLIGAZIONARIO FEBBRAIO 2014 COMUNICAZIONE AI PARTECIPANTI AL FONDO COMUNE D INVESTIMENTO MOBILIARE APERTO ARMONIZZATO DENOMINATO BANCOPOSTA OBBLIGAZIONARIO FEBBRAIO 2014 LA SOSTITUZIONE DELLA SOCIETÀ GESTORE A partire dal 3 giugno

Dettagli

(i) richieda l iscrizione nell elenco speciale istituito dall Emittente alla data t0;

(i) richieda l iscrizione nell elenco speciale istituito dall Emittente alla data t0; Comunicazione n. 0080574 del 15-10-2015 inviata alla società ( ) e allo studio legale ( ) OGGETTO: ( società ) - Quesito in merito all applicazione della disciplina dell offerta pubblica di acquisto obbligatoria

Dettagli

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa CIRCOLARE N. 15/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 maggio 2013 OGGETTO: Imposta di bollo applicabile agli estratti di conto corrente, ai rendiconti dei libretti di risparmio ed alle comunicazioni

Dettagli

Documento dell ABI, in risposta al documento di consultazione del MEF su

Documento dell ABI, in risposta al documento di consultazione del MEF su Documento dell ABI, in risposta al documento di consultazione del MEF su Consultazione pubblica relativa allo schema recante recepimento della direttiva 2009/110/CE e, concernente l avvio, l esercizio

Dettagli

Avvertenza: il presente Regolamento è in attesa di pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana.

Avvertenza: il presente Regolamento è in attesa di pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana. Avvertenza: il presente Regolamento è in attesa di pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana. Regolamento recante la disciplina dell adozione degli atti di natura normativa o di

Dettagli

NOTA. Interpretazione delle principali questioni connesse all emanazione del Decreto del Ministero del Tesoro, 30 giugno 1997, n. 322.

NOTA. Interpretazione delle principali questioni connesse all emanazione del Decreto del Ministero del Tesoro, 30 giugno 1997, n. 322. NOTA Interpretazione delle principali questioni connesse all emanazione del Decreto del Ministero del Tesoro, 30 giugno 1997, n. 322. Con nostra circolare Serie Tecnica n. 146 del 22 dicembre 1997 è stato

Dettagli

Avv. Sergio Maria Battaglia. Docente AIRA Associazione Italiana Responsabili Antiriciclaggio Roma, 28 marzo 2009

Avv. Sergio Maria Battaglia. Docente AIRA Associazione Italiana Responsabili Antiriciclaggio Roma, 28 marzo 2009 Avv. Sergio Maria Battaglia Docente AIRA Associazione Italiana Responsabili Antiriciclaggio Roma, 28 marzo 2009 IL CONTRATTO DI INVESTIMENTO: principi e regole di comportamento nelle trattative La disciplina

Dettagli

R E L A Z I O N E. Premessa

R E L A Z I O N E. Premessa DECRETO LEGISLATIVO RECANTE RECEPIMENTO DELLE RACCOMANDAZIONI DELLA COMMISSIONE EUROPEA 2004/913/CE E 2009/385/CE IN MATERIA DI REMUNERAZIONE DEGLI AMMINISTRATORI DELLE SOCIETA QUOTATE. R E L A Z I O N

Dettagli

Ufficio Stampa COMUNICATO STAMPA

Ufficio Stampa COMUNICATO STAMPA Ufficio Stampa COMUNICATO STAMPA Estratti di conto corrente, rendiconti dei libretti di risparmio e comunicazioni dei prodotti finanziari Dalle Entrate nuovi chiarimenti sull applicazione dell imposta

Dettagli

IL MINISTRO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE IL MINISTRO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI

IL MINISTRO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE IL MINISTRO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI Schema di regolamento ministeriale di attuazione dell articolo 6, comma 5-bis, del decreto legislativo 5 dicembre 2005, n. 252, recante norme sui criteri e i limiti di investimento delle risorse dei fondi

Dettagli

II.11 LA BANCA D ITALIA

II.11 LA BANCA D ITALIA Provvedimento del 24 marzo 2010. Regolamento recante la disciplina dell adozione degli atti di natura normativa o di contenuto generale della Banca d Italia nell esercizio delle funzioni di vigilanza bancaria

Dettagli

Risposta dell Associazione Bancaria Italiana al documento di consultazione CONSOB

Risposta dell Associazione Bancaria Italiana al documento di consultazione CONSOB Risposta dell Associazione Bancaria Italiana al documento di consultazione CONSOB Comunicazione in materia di informazione da fornire al pubblico in relazione alle indennità e benefici riconosciuti ad

Dettagli

RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL BANCO POPOLARE SOCIETA COOPERATIVA

RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL BANCO POPOLARE SOCIETA COOPERATIVA RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL BANCO POPOLARE SOCIETA COOPERATIVA SULLA PROPOSTA DI ACQUISTO E DISPOSIZIONE DI AZIONI PROPRIE CON FINALITA DI SOSTEGNO DELLA LIQUIDITA DEL TITOLO

Dettagli

RISOLUZIONE N. 16/E QUESITO

RISOLUZIONE N. 16/E QUESITO RISOLUZIONE N. 16/E Direzione Centrale Normativa Roma, 16 febbraio 2015 OGGETTO: Consulenza giuridica - Individuazione del soggetto tenuto all applicazione delle ritenute ed imposte sostitutive sui redditi

Dettagli

SINTESI DELLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE della Bcc di Flumeri soc. coop.

SINTESI DELLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE della Bcc di Flumeri soc. coop. SINTESI DELLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE della Bcc di Flumeri soc. coop. Revisione del 15/02/11 a seguito circolare ICCREA 62/2010 (Execution Policy di Iccrea Banca aggiornamento della Strategia di trasmissione

Dettagli

Via mail: : dt.direzione4.ufficio3@tesoro.it. Roma, 29 aprile 2011

Via mail: : dt.direzione4.ufficio3@tesoro.it. Roma, 29 aprile 2011 Spett. Ministero dell Economia e delle Finanze Dipartimento del Tesoro Direzione IV - Sistema Bancario e Finanziario Affari Legali Via XX Settembre, 97 00187 Roma Via mail: : dt.direzione4.ufficio3@tesoro.it

Dettagli

Comunicazione DIN/0019719 del 13-3-2014. inviata alla società

Comunicazione DIN/0019719 del 13-3-2014. inviata alla società Comunicazione DIN/0019719 del 13-3-2014 inviata alla società OGGETTO: Richiesta di chiarimenti in merito alle attività esercitabili da parte di una SIM autorizzata a svolgere esclusivamente il servizio

Dettagli

Relazione sulla remunerazione ai sensi dell art. 123-ter del D.Lgs. 58/1998; delibere inerenti e conseguenti.

Relazione sulla remunerazione ai sensi dell art. 123-ter del D.Lgs. 58/1998; delibere inerenti e conseguenti. RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI GRUPPO MUTUIONLINE S.P.A. SULLE PROPOSTE ALL'ORDINE DEL GIORNO DELL ASSEMBLEA ORDINARIA CONVOCATA IN PRIMA CONVOCAZIONE PER IL 23 APRILE 2013

Dettagli

LA COMMISSIONE NAZIONALE PER LE SOCIETA' E LA BORSA

LA COMMISSIONE NAZIONALE PER LE SOCIETA' E LA BORSA Delibera Consob 19 dicembre 2014 n. 19084 Modifiche al regolamento di attuazione del d.lgs. 24 febbraio 1998, n. 58, concernente la disciplina degli emittenti adottato con delibera del 14 maggio 1999 n.

Dettagli

POLICY CONFLITTI D INTERESSE

POLICY CONFLITTI D INTERESSE POLICY CONFLITTI D INTERESSE Documento per la clientela 13/01/2014 INDICE 1. PREMESSA 3 1.1 Definizioni 4 2. OBIETTIVI 5 3. ANALISI E VALUTAZIONI: IDENTIFICAZIONE DELLE SITUAZIONI DI POTENZIALE CONFLITTO

Dettagli

1. Ambito di applicazione. pag. 1. 2. Qualificazione delle informazioni privilegiate. pag. 1. 3. Soggetti tenuti al rispetto della procedura. pag.

1. Ambito di applicazione. pag. 1. 2. Qualificazione delle informazioni privilegiate. pag. 1. 3. Soggetti tenuti al rispetto della procedura. pag. PROCEDURA IN I MATERIA DII MONITORAGGIO,, CIRCOLAZIONE INTERNA I E COMUNICAZIONE AL PUBBLICO DELLE INFORMAZII IONII PRIVILEGI IATE PREVISTE DALL ART.. 181 DEL DECRETO LEGISLATIVO 24 FEBBRAIO 1998 N.. 58

Dettagli

Codice di Comportamento dei dipendenti dell Università degli Studi di Milano

Codice di Comportamento dei dipendenti dell Università degli Studi di Milano Codice di Comportamento dei dipendenti dell Università degli Studi di Milano Relazione illustrativa Premessa Il presente documento intende brevemente illustrare i riferimenti normativi, il procedimento

Dettagli

INFORMATIVA SINTETICA SULLA POLITICA SEGUITA DALLA BANCA IN MATERIA DI CONFLITTI DI INTERESSE

INFORMATIVA SINTETICA SULLA POLITICA SEGUITA DALLA BANCA IN MATERIA DI CONFLITTI DI INTERESSE INFORMATIVA SINTETICA SULLA POLITICA SEGUITA DALLA BANCA IN MATERIA DI CONFLITTI DI INTERESSE 1. PREMESSA Il presente documento ha lo scopo di descrivere sinteticamente la politica che il Gruppo bancario

Dettagli

Con riguardo alla predetta assemblea, [ società A ] ha promosso una sollecitazione di deleghe di voto nei confronti dei propri azionisti.

Con riguardo alla predetta assemblea, [ società A ] ha promosso una sollecitazione di deleghe di voto nei confronti dei propri azionisti. Comunicazione n. DCG/12002448 del 12-1-2012 Inviata alla società... Oggetto: Richiesta di parere in merito all applicabilità dell esenzione da obbligo di offerta pubblica di acquisto di cui agli artt.

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA GESTIONE SEPARATA Crédit Agricole Vita

REGOLAMENTO DELLA GESTIONE SEPARATA Crédit Agricole Vita REGOLAMENTO DELLA GESTIONE SEPARATA Crédit Agricole Vita 1. Denominazione Viene attuata una speciale forma di gestione degli investimenti, distinta dagli altri attivi detenuti dall impresa di assicurazione,

Dettagli

La privatizzazione della Borsa e il nuovo quadro normativo

La privatizzazione della Borsa e il nuovo quadro normativo La Privatizzazione della Borsa e il nuovo Quadro normativo Il processo di riorganizzazione e sviluppo dei mercati finanziari avviato con la legge 1/1991 - relativa alla disciplina dell attività di intermediazione

Dettagli

ISVAP Istituto per la Vigilanza sulle Assicurazioni Private e di Interesse Collettivo. Via del Quirinale, 21 00187 Roma. Roma, 15 giugno 2012

ISVAP Istituto per la Vigilanza sulle Assicurazioni Private e di Interesse Collettivo. Via del Quirinale, 21 00187 Roma. Roma, 15 giugno 2012 ISVAP Istituto per la Vigilanza sulle Assicurazioni Private e di Interesse Collettivo Via del Quirinale, 21 00187 Roma Roma, 15 giugno 2012 Commenti dell associazione Chief Risk Officer Forum Italia (CROFI)

Dettagli

LA STRATEGIA PER L ESERCIZIO DEI DIRITTI INERENTI AGLI STRUMENTI FINANZIARI DEGLI OICR GESTITI LINEE GUIDA

LA STRATEGIA PER L ESERCIZIO DEI DIRITTI INERENTI AGLI STRUMENTI FINANZIARI DEGLI OICR GESTITI LINEE GUIDA LA STRATEGIA PER L ESERCIZIO DEI DIRITTI INERENTI AGLI STRUMENTI FINANZIARI DEGLI OICR GESTITI LINEE GUIDA AVVERTENZE Le presenti Linee Guida rappresentano uno strumento di ausilio e supporto per l adempimento

Dettagli

Attuazione della direttiva MiFID (2004/39/CE)

Attuazione della direttiva MiFID (2004/39/CE) Attuazione della direttiva MiFID (2004/39/CE) Aspetti essenziali La MiFID è una direttiva di armonizzazione massima che disciplina gli intermediari e i mercati finanziari Intermediari Si introduce un nuovo

Dettagli

STRATEGIA SINTETICA. Versione n. 4 del 24/05/2011

STRATEGIA SINTETICA. Versione n. 4 del 24/05/2011 STRATEGIA SINTETICA Versione n. 4 del 24/05/2011 Revisione del 24/05/2011 a seguito circolare ICCREA 62/2010 (Execution Policy di Iccrea Banca aggiornamento della Strategia di esecuzione e trasmissione

Dettagli

Roma, 24 ottobre 2011

Roma, 24 ottobre 2011 CIRCOLARE N. 46/E Direzione Centrale Normativa Settore Imposte Indirette Ufficio Registro e altri tributi indiretti Direzione Centrale Normativa Roma, 24 ottobre 2011 OGGETTO:Imposta di bollo sulle comunicazioni

Dettagli

RISOLUZIONE N. 101/E

RISOLUZIONE N. 101/E RISOLUZIONE N. 101/E Direzione Centrale Normativa Roma, 19 novembre 2014 OGGETTO: Consulenza giuridica ai sensi dell articolo 11 della legge n. 212 del 2000 SOSTITUTO D IMPOSTA - CESSIONE QUOTE FONDI MOBILIARI

Dettagli

REGOLAMENTO EMITTENTI

REGOLAMENTO EMITTENTI REGOLAMENTO EMITTENTI ATTESTAZIONE DEL DIRIGENTE PREPOSTO ALLA REDAZIONE DEI DOCUMENTI CONTABILI SOCIETARI E DEGLI ORGANI AMMINISTRATIVI DELEGATI SUL BILANCIO D ESERCIZIO E CONSOLIDATO E SULLA RELAZIONE

Dettagli

DESCRIZIONE SINTETICA DELLA POLITICA DI GESTIONE DEI CONFLITTI DI INTERESSE DESTINATA ALLA CLIENTELA

DESCRIZIONE SINTETICA DELLA POLITICA DI GESTIONE DEI CONFLITTI DI INTERESSE DESTINATA ALLA CLIENTELA DESCRIZIONE SINTETICA DELLA POLITICA DI GESTIONE DEI CONFLITTI DI INTERESSE DESTINATA ALLA CLIENTELA Come ogni grande istituzione finanziaria, BNP Paribas Investment Partners SGR (di seguito anche la SGR

Dettagli

Assemblea ordinaria: 29 aprile 2014

Assemblea ordinaria: 29 aprile 2014 Assemblea ordinaria: 29 aprile 2014 Relazione degli Amministratori sul terzo punto all ordine del giorno Relazione degli Amministratori redatta ai sensi dell art. 73 del Regolamento Emittenti, adottato

Dettagli

[Via p.e.c.] DIVISIONE INTERMEDIARI Ufficio Vigilanza Imprese di Investimento

[Via p.e.c.] DIVISIONE INTERMEDIARI Ufficio Vigilanza Imprese di Investimento [Via p.e.c.] DIVISIONE INTERMEDIARI Ufficio Vigilanza Imprese di Investimento Procedimento: 6109/13 Destinatario: 427932 Spett.le SERVIZI EMITTENTI QUOTATI S.R.L. Via Privata Maria Teresa, 11 20123 MILANO

Dettagli

Comunicazione n. DCG/DSR/0051400 del 19-6-2014

Comunicazione n. DCG/DSR/0051400 del 19-6-2014 Comunicazione n. DCG/DSR/0051400 del 19-6-2014 Oggetto: Raccomandazioni in materia di informazioni da fornire al pubblico su indennità e/o altri benefici riconosciuti ad amministratori esecutivi e direttori

Dettagli

POSITION PAPER. aprile 2010

POSITION PAPER. aprile 2010 Risposta alla consultazione COVIP Schema di regolamento sulle procedure relative all autorizzazione all esercizio dell attività delle forme pensionistiche complementari, alle modifiche degli statuti e

Dettagli

Autorizzazione all acquisto di azioni proprie e al compimento di atti di disposizione sulle medesime.

Autorizzazione all acquisto di azioni proprie e al compimento di atti di disposizione sulle medesime. RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DI ELICA S.P.A. RELATIVA ALLA PROPOSTA DI AUTORIZZAZIONE ALL ACQUISTO E ALLA DISPOSIZIONE DI AZIONI PROPRIE RELAZIONE DEGLI AMMINISTRATORI REDATTA

Dettagli

Proposte di modifica al TUF in recepimento della Nuova Transparency. Osservazioni di Confindustria

Proposte di modifica al TUF in recepimento della Nuova Transparency. Osservazioni di Confindustria Proposte di modifica al TUF in recepimento della Nuova Transparency Osservazioni di Confindustria 27 ottobre 2015 Premessa Lo scorso Lo scorso 12 ottobre il Ministero dell economia e delle finanze (di

Dettagli

SCHEMA DI REGOLAMENTO SULLE MODALITA DI ADESIONE ALLE FORME PENSIONISTICHE COMPLEMENTARI

SCHEMA DI REGOLAMENTO SULLE MODALITA DI ADESIONE ALLE FORME PENSIONISTICHE COMPLEMENTARI SCHEMA DI REGOLAMENTO SULLE MODALITA DI ADESIONE ALLE FORME PENSIONISTICHE COMPLEMENTARI Il presente documento, recante lo schema di Regolamento sulle modalità di adesione alle forme pensionistiche complementari,

Dettagli

ESTRATTO DELLA POLITICA PER LA GESTIONE DELLE SITUAZIONI DI CONFLITTO DI INTERESSE GENERALI Investments Europe S.p.A. SGR

ESTRATTO DELLA POLITICA PER LA GESTIONE DELLE SITUAZIONI DI CONFLITTO DI INTERESSE GENERALI Investments Europe S.p.A. SGR ESTRATTO DELLA POLITICA PER LA GESTIONE DELLE SITUAZIONI DI CONFLITTO DI INTERESSE GENERALI Investments Europe S.p.A. SGR Politica per la gestione dei conflitti d interesse di GENERALI INVESTMENTS EUROPE

Dettagli

PROPOSTA DI PARERE DEL RELATORE

PROPOSTA DI PARERE DEL RELATORE Schema di decreto legislativo recante ulteriori modifiche ed integrazioni al decreto legislativo n. 141 del 2010, recante attuazione della direttiva 2008/48/CE relativa ai contratti di credito ai consumatori,

Dettagli

ANALISI TECNICO-NORMATIVA

ANALISI TECNICO-NORMATIVA ANALISI TECNICO-NORMATIVA PARTE I. ASPETTI TECNICO-NORMATIVI DI DIRITTO INTERNO 1) Obiettivi e necessità dell'intervento normativo. Coerenza con il programma di governo. La legge n. 220 dell 11 dicembre

Dettagli

PIANO DI STOCK OPTION 2015 2020, E CONSEGUENTE MODIFICA DELL ART. 5 DELLO STATUTO SOCIALE. DELIBERAZIONI INERENTI E CONSEGUENTI.

PIANO DI STOCK OPTION 2015 2020, E CONSEGUENTE MODIFICA DELL ART. 5 DELLO STATUTO SOCIALE. DELIBERAZIONI INERENTI E CONSEGUENTI. OVS S.p.A. Sede legale in Venezia Mestre, Via Terraglio, n. 17 - capitale sociale euro 227.000.000,00 i.v. Registro delle Imprese di Venezia, codice fiscale e partita IVA 04240010274 - REA n VE - 378007

Dettagli

DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE

DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE Bozza di comunicazione avente ad oggetto: Messaggi pubblicitari relativi ad offerte al pubblico e/o ammissioni alle negoziazioni su di un mercato regolamentato di prodotti finanziari

Dettagli

BANCA CARIGE Società per Azioni - Via Cassa di Risparmio,15-16123 Genova 1

BANCA CARIGE Società per Azioni - Via Cassa di Risparmio,15-16123 Genova 1 Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione al punto secondo dell ordine del giorno dell Assemblea Straordinaria dei Soci convocata per il giorno 23 aprile 2015 in unica convocazione, in merito

Dettagli

Pirelli & C. S.p.A. Relazioni all Assemblea. Acquisto e disposizione di azioni proprie. Deliberazioni inerenti e conseguenti.

Pirelli & C. S.p.A. Relazioni all Assemblea. Acquisto e disposizione di azioni proprie. Deliberazioni inerenti e conseguenti. Pirelli & C. S.p.A. Relazioni all Assemblea Acquisto e disposizione di azioni proprie. Deliberazioni inerenti e conseguenti. (Approvata dal Consiglio di Amministrazione in data 31 marzo 2015) Signori Azionisti,

Dettagli

IL SERVIZIO DI CONSULENZA FINANZIARIA. Avv. Luca Zitiello, 22 settembre 2011

IL SERVIZIO DI CONSULENZA FINANZIARIA. Avv. Luca Zitiello, 22 settembre 2011 IL SERVIZIO DI CONSULENZA FINANZIARIA Avv. Luca Zitiello, 22 settembre 2011 1 Inquadramento normativo - la Mifid La Mifid ha introdotto nuove ed importanti modifiche alla disciplina del servizio di consulenza

Dettagli

Policy su criteri e modalità di esercizio dei diritti inerenti gli strumenti finanziari di pertinenza dei patrimoni gestiti

Policy su criteri e modalità di esercizio dei diritti inerenti gli strumenti finanziari di pertinenza dei patrimoni gestiti Mediolanum Gestione Fondi S.G.R.p.A Sintesi della Policy su criteri e modalità di esercizio dei diritti inerenti gli strumenti finanziari di pertinenza dei patrimoni gestiti Edizione del giugno 2014 PREMESSA

Dettagli

MODIFICHE AL REGOLAMENTO N. 11768/98 IN MATERIA DI MERCATI

MODIFICHE AL REGOLAMENTO N. 11768/98 IN MATERIA DI MERCATI MODIFICHE AL REGOLAMENTO N. 11768/98 IN MATERIA DI MERCATI DOCUMENTO DI CONSULTAZIONE 27 luglio 2006 Le osservazioni al presente documento di consultazione dovranno pervenire entro il 7 agosto 2006 al

Dettagli

l eliminazione del Documento contenente i principali diritti del cliente

l eliminazione del Documento contenente i principali diritti del cliente Spett.le Banca d Italia Servizio Normativa e Politiche di Vigilanza Divisione Normativa Primaria Via Milano n. 53 00184 Roma Oggetto: Osservazioni inerenti la pubblica consultazione in materia di Trasparenza

Dettagli

Che cosa facciamo. Il Forum per la Finanza Sostenibile si occupa di:

Che cosa facciamo. Il Forum per la Finanza Sostenibile si occupa di: Chi siamo Il Forum per la Finanza Sostenibile è un Associazione senza scopo di lucro nata nel 2001. È un organizzazione multistakeholder; ne fanno parte sia operatori del mondo finanziario che soggetti

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA XVI LEGISLATURA

SENATO DELLA REPUBBLICA XVI LEGISLATURA SENATO DELLA REPUBBLICA XVI LEGISLATURA Doc. XVIII n. 57 RISOLUZIONE DELLA 6ª COMMISSIONE PERMANENTE (Finanze e tesoro) (Estensore FERRARA) approvata nella seduta del 20 ottobre 2010 SULLA PROPOSTA DI

Dettagli

Strategia di classificazione della clientela relativamente ai servizi d investimento offerti dalla Banca Nazionale del Lavoro SpA

Strategia di classificazione della clientela relativamente ai servizi d investimento offerti dalla Banca Nazionale del Lavoro SpA relativamente ai servizi d investimento offerti dalla Banca Nazionale del Lavoro SpA Classification Policy PREMESSA, FONTI NORMATIVE ED OBIETTIVO DEL DOCUMENTO... 3 1. DEFINIZIONI... 3 1.1. CLIENTI PROFESSIONALI...

Dettagli

Assemblea degli Azionisti 23 ottobre 2015(prima convocazione) ore 9.00 26 ottobre 2015 (seconda convocazione) ore 9.00

Assemblea degli Azionisti 23 ottobre 2015(prima convocazione) ore 9.00 26 ottobre 2015 (seconda convocazione) ore 9.00 Assemblea degli Azionisti 23 ottobre 2015(prima convocazione) ore 9.00 26 ottobre 2015 (seconda convocazione) ore 9.00 Relazioni degli Amministratori sui punti all Ordine del Giorno dell Assemblea Ordinaria

Dettagli

GLI ASPETTI FISCALI DEI MINI BOND E DELLE CAMBIALI FINANZIARIE

GLI ASPETTI FISCALI DEI MINI BOND E DELLE CAMBIALI FINANZIARIE Bologna, 19 giugno 2014 GLI ASPETTI FISCALI DEI MINI BOND E DELLE CAMBIALI FINANZIARIE a cura di R. Bigi Principali riferimenti normativi e di prassi Art. 32 del Decreto-legge 22 giugno 2012, n. 83 (c.d.

Dettagli

I SUPPLEMENTO AL PROSPETTO INFORMATIVO

I SUPPLEMENTO AL PROSPETTO INFORMATIVO Società cooperativa per azioni Sede sociale: Vicenza, Via Btg. Framarin n. 18 Iscritta al n. 1515 dell Albo delle Banche e dei Gruppi Bancari, codice ABI 5728.1 Capogruppo del "Gruppo Banca Popolare di

Dettagli

ASTALDI SOCIETÀ PER AZIONI RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE PARTE STRAORDINARIA AI SENSI DELL ART. 125-TER DEL D.LGS.

ASTALDI SOCIETÀ PER AZIONI RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE PARTE STRAORDINARIA AI SENSI DELL ART. 125-TER DEL D.LGS. ASTALDI SOCIETÀ PER AZIONI RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE AI SENSI DELL ART. 125-TER DEL D.LGS. 58/1998 PARTE STRAORDINARIA Signori Azionisti, il Consiglio di Amministrazione di Astaldi S.p.A.

Dettagli

EEMS ITALIA S.p.A. ASSEMBLEA ORDINARIA DEL 17 E 18 GIUGNO 2013

EEMS ITALIA S.p.A. ASSEMBLEA ORDINARIA DEL 17 E 18 GIUGNO 2013 EEMS ITALIA S.p.A. ASSEMBLEA ORDINARIA DEL 17 E 18 GIUGNO 2013 Relazione illustrativa degli Amministratori sulle proposte concernenti le materie poste all ordine del giorno ai sensi dell articolo 125 -

Dettagli

SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014)

SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014) SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014) 1. LA NORMATVA DI RIFERIMENTO. La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento europeo nel 2004

Dettagli

Documento di Sintesi Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini BANCA DELLA BERGAMASCA - CREDITO COOPERATIVO - SOCIETA COOPERATIVA

Documento di Sintesi Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini BANCA DELLA BERGAMASCA - CREDITO COOPERATIVO - SOCIETA COOPERATIVA Documento di Sintesi Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini BANCA DELLA BERGAMASCA - CREDITO COOPERATIVO - SOCIETA COOPERATIVA Delibera C.d.A. del 23 dicembre 2010 LA NORMATIVA MIFID La Markets

Dettagli

Estratto dell Informativa sulla strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini.

Estratto dell Informativa sulla strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini. Estratto dell Informativa sulla strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini. 1. Introduzione - La Direttiva 2004/39/CE (MIFID) e le relative misure di attuazione emanate dalla Commissione europea

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DELLE AGEVOLAZIONI

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DELLE AGEVOLAZIONI Il presente Regolamento definisce i criteri, le modalità e le procedure cui i soggetti abilitati ad operare con MCC S.p.A. (di seguito MCC) devono attenersi per la concessione delle agevolazioni previste

Dettagli

PRINCIPIO DI REVISIONE (SA Italia) 720B. Indice. Oggetto del presente principio di revisione (SA Italia).1-3

PRINCIPIO DI REVISIONE (SA Italia) 720B. Indice. Oggetto del presente principio di revisione (SA Italia).1-3 PRINCIPIO DI REVISIONE (SA Italia) 720B LE RESPONSABILITA DEL SOGGETTO INCARICATO DELLA REVISIONE LEGALE RELATIVAMENTE ALL ESPRESSIONE DEL GIUDIZIO SULLA COERENZA (In vigore per le revisioni contabili

Dettagli

CIRCOLARE N. 42 /E. Roma, 09 novembre 2012

CIRCOLARE N. 42 /E. Roma, 09 novembre 2012 CIRCOLARE N. 42 /E Direzione Centrale Normativa Roma, 09 novembre 2012 OGGETTO: Documentazione delle operazioni di acquisto di carburanti per autotrazione presso impianti stradali di distribuzione effettuati

Dettagli

Introduzione. Introduzione. 1. I contenuti del Codice di Autodisciplina promosso da Borsa Italiana 2. Le modifiche approvate nel marzo 2010

Introduzione. Introduzione. 1. I contenuti del Codice di Autodisciplina promosso da Borsa Italiana 2. Le modifiche approvate nel marzo 2010 Oggetto: Sintetica descrizione del contenuto del Codice di Autodisciplina, promosso da Borsa Italiana S.p.A., approvato dal Comitato per la corporate governance nel marzo 2006 e successivamente modificato

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini su strumenti finanziari

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini su strumenti finanziari Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini su strumenti finanziari AGGIORNATO CON DELIBERA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 19 DICEMBRE 2014 INDICE 1. PREMESSA... 3 2. RELAZIONI CON ALTRE

Dettagli

Osservazioni dell Associazione Bancaria Italiana sullo schema di regolamento ISVAP concernente la definizione dei contenuti minimi del contratto di

Osservazioni dell Associazione Bancaria Italiana sullo schema di regolamento ISVAP concernente la definizione dei contenuti minimi del contratto di Osservazioni dell Associazione Bancaria Italiana sullo schema di regolamento ISVAP concernente la definizione dei contenuti minimi del contratto di assicurazione sulla vita di cui all art. 28, comma 1,

Dettagli

STATUTO FeBAF Articolo 1 (Natura, soci e sede) Articolo 2 (Scopo) Articolo 3 (Competenze)

STATUTO FeBAF Articolo 1 (Natura, soci e sede) Articolo 2 (Scopo) Articolo 3 (Competenze) STATUTO FeBAF Articolo 1 (Natura, soci e sede) É costituita una Federazione tra l Associazione bancaria italiana (ABI), l Associazione nazionale fra le imprese assicuratrici (ANIA) e le Associazioni rappresentative

Dettagli

Piano degli investimenti finanziari - 2016 art.3, comma 3, del decreto legislativo 30 giugno 1994, n. 509

Piano degli investimenti finanziari - 2016 art.3, comma 3, del decreto legislativo 30 giugno 1994, n. 509 Piano degli investimenti finanziari - 2016 art.3, comma 3, del decreto legislativo 30 giugno 1994, n. 509 Piano strategico di investimento e di risk budgeting art. 4.3 e art. 7.4 del Regolamento per la

Dettagli

Borsa Italiana commenti al documento di consultazione dello schema di decreto recante attuazione della direttiva 2010/73

Borsa Italiana commenti al documento di consultazione dello schema di decreto recante attuazione della direttiva 2010/73 Borsa Italiana commenti al documento di consultazione dello schema di decreto recante attuazione della direttiva 2010/73 20 Maggio 2012 Borsa Italiana, nel rispondere all invito a fornire osservazioni

Dettagli

IL CONSIGLIO DELL AGENZIA PER LE ONLUS

IL CONSIGLIO DELL AGENZIA PER LE ONLUS DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO N. 60 del 11/02/2009 Approvazione, ai sensi dell art. 3, comma 1, lett. a) del D.P.C.M. 21 marzo 2001, n. 329 dell Atto di Indirizzo di carattere generale contenente chiarimenti

Dettagli

Policy. Sulla classificazione della clientela. Compilato da : Banca Popolare Valconca Soc.Coop. per azioni La Direzione Visto

Policy. Sulla classificazione della clientela. Compilato da : Banca Popolare Valconca Soc.Coop. per azioni La Direzione Visto Policy Sulla classificazione della clientela Data ultima modifica 29/03/2016 Compilato da : Banca Popolare Valconca Soc.Coop. per azioni La Direzione Visto Approvato da : Consiglio di Amministrazione Massimo

Dettagli

1. Motivazioni per le quali è richiesta l autorizzazione al compimento di operazioni su azioni proprie

1. Motivazioni per le quali è richiesta l autorizzazione al compimento di operazioni su azioni proprie 3. Autorizzazione all acquisto e alla disposizione di azioni ordinarie proprie ai sensi del combinato disposto degli artt. 2357 e 2357-ter del codice civile e dell art. 132 del D.Lgs. 58/1998 e relative

Dettagli

Strategia di Trasmissione degli Ordini su Strumenti Finanziari. Documento di Sintesi

Strategia di Trasmissione degli Ordini su Strumenti Finanziari. Documento di Sintesi Strategia di Trasmissione degli Ordini su Strumenti Finanziari Documento di Sintesi Documento redatto ai sensi dell art. 48, comma 3, del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n.

Dettagli

1. Motivazioni per le quali è richiesta l autorizzazione all acquisto e alla disposizione di azioni proprie

1. Motivazioni per le quali è richiesta l autorizzazione all acquisto e alla disposizione di azioni proprie Relazione del Consiglio di Amministrazione all Assemblea in sede ordinaria convocata per il giorno 30 aprile 2014, in unica convocazione, in merito al punto 6) dell ordine del giorno, concernente la proposta

Dettagli

CODICE ETICO 1. PREMESSA

CODICE ETICO 1. PREMESSA 1. PREMESSA a. Le Sim di Consulenza e le Società di Consulenza Finanziaria associate ad ASCOSIM ( le società ) concordano sui principi contenuti nel presente Codice Etico ( Codice ) e si impegnano applicarne

Dettagli

1 Milano, 26 marzo 2014 FONDI COMUNI D INVESTIMENTO ALTERNATIVI E FINANZIAMENTO ALLE IMPRESE: TRA VINCOLI E OPPORTUNITA

1 Milano, 26 marzo 2014 FONDI COMUNI D INVESTIMENTO ALTERNATIVI E FINANZIAMENTO ALLE IMPRESE: TRA VINCOLI E OPPORTUNITA 1 Milano, 26 marzo 2014 FONDI COMUNI D INVESTIMENTO ALTERNATIVI E FINANZIAMENTO ALLE IMPRESE: TRA VINCOLI E OPPORTUNITA 2 Milano, 26 marzo 2014 I FONDI COMUNI D INVESTIMENTO ALTERNATIVI: I FIA ITALIANI

Dettagli

Punto 3 all Ordine del Giorno dell Assemblea Ordinaria

Punto 3 all Ordine del Giorno dell Assemblea Ordinaria Punto 3 all Ordine del Giorno dell Assemblea Ordinaria Autorizzazione all acquisto e alla disposizione di azioni proprie. Delibere inerenti e conseguenti. 863 Relazione del Consiglio di Gestione sul punto

Dettagli

Documento di sintesi della Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini della Banca del Valdarno

Documento di sintesi della Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini della Banca del Valdarno Documento di sintesi della Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini della Banca del Valdarno ********** 1 1. PRINCIPI GENERALI IN TEMA DI BEST EXECUTION Il presente documento descrive le politiche,

Dettagli

In caso di adesioni all OPSC per quantitativi di azioni superiori alle azioni oggetto dell Offerta, si farà luogo al riparto secondo il metodo

In caso di adesioni all OPSC per quantitativi di azioni superiori alle azioni oggetto dell Offerta, si farà luogo al riparto secondo il metodo Proposta di autorizzazione all acquisto di azioni ordinarie proprie, ai sensi dell art. 2357 del codice civile, dell art. 132 del D.Lgs. 58/1998 e relative disposizioni di attuazione, con la modalità di

Dettagli

IL FONDO DI CREDITO DIRETTO. Convegno di studi dell Università di Macerata Laboratorio Fausto Vicarelli per lo studio dei rapporti tra banca e impresa

IL FONDO DI CREDITO DIRETTO. Convegno di studi dell Università di Macerata Laboratorio Fausto Vicarelli per lo studio dei rapporti tra banca e impresa IL FONDO DI CREDITO DIRETTO prof. Maurizio Sciuto - Università di Macerata Convegno di studi dell Università di Macerata Laboratorio Fausto Vicarelli per lo studio dei rapporti tra banca e impresa Il finanziamento

Dettagli

Pirelli & C. S.p.A. Relazioni all Assemblea del 13 maggio 2013

Pirelli & C. S.p.A. Relazioni all Assemblea del 13 maggio 2013 Pirelli & C. S.p.A. Relazioni all Assemblea del 13 maggio 2013 Relazione illustrativa degli Amministratori sulla proposta di autorizzazione all acquisto e all alienazione di azioni proprie ai sensi dell

Dettagli

MEDIOLANUM REAL ESTATE gestito da Mediolanum Gestione Fondi SGR p.a.

MEDIOLANUM REAL ESTATE gestito da Mediolanum Gestione Fondi SGR p.a. Offerta al pubblico e ammissione alle negoziazioni di quote del fondo comune di investimento immobiliare chiuso ad accumulazione ed a distribuzione dei proventi denominato MEDIOLANUM REAL ESTATE gestito

Dettagli

BANCA CENTRALE EUROPEA

BANCA CENTRALE EUROPEA 19.6.2012 Gazzetta ufficiale dell Unione europea C 175/11 III (Atti preparatori) BANCA CENTRALE EUROPEA PARERE DELLA BANCA CENTRALE EUROPEA del 25 aprile 2012 in merito alla proposta di regolamento del

Dettagli

Aedes S.p.A. Bastioni di Porta Nuova 21 20121 Milano Tel. +39 02 62431 Fax +39 02 29002719

Aedes S.p.A. Bastioni di Porta Nuova 21 20121 Milano Tel. +39 02 62431 Fax +39 02 29002719 Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Aedes S.p.A. sulla proposta di acquisto e disposizione di azioni proprie, ai sensi e per gli effetti degli artt. 2357 e 2357-ter del Codice Civile,

Dettagli

CIRCOLARE N. 40/E. Roma, 4 agosto 2011. Direzione Centrale Normativa

CIRCOLARE N. 40/E. Roma, 4 agosto 2011. Direzione Centrale Normativa CIRCOLARE N. 40/E Direzione Centrale Normativa Roma, 4 agosto 2011 OGGETTO: Imposta di bollo sulle comunicazioni relative ai depositi di titoli Decreto legge 6 luglio 2011, n. 98 convertito con modificazioni

Dettagli

L AIR nell Agenzia Nazionale per la Sicurezza delle Ferrovie (ANSF) Le schede. Osservatorio sull Analisi d Impatto della Regolazione.

L AIR nell Agenzia Nazionale per la Sicurezza delle Ferrovie (ANSF) Le schede. Osservatorio sull Analisi d Impatto della Regolazione. Le schede Osservatorio sull Analisi d Impatto della Regolazione Eleonora Morfuni L AIR nell Agenzia Nazionale per la Sicurezza delle Ferrovie (ANSF) S 10/2012 gennaio 2012 Le schede ** Indice 1. L influsso

Dettagli

Direttiva di primo livello, 2004/39/CE, (MiFID) relativa ai mercati degli strumenti finanziari.

Direttiva di primo livello, 2004/39/CE, (MiFID) relativa ai mercati degli strumenti finanziari. Torniamo ai nostri lettori con una edizione del nostro Bollettino Informativo interamente dedicata alla nuova disciplina comunitaria che riguarda i mercati, gli strumenti finanziari ed i servizi di investimento:

Dettagli

Sommario Il perimetro delle operazioni con parti correlate

Sommario Il perimetro delle operazioni con parti correlate Sommario La Consob ha concluso l iter di approvazione della nuova disciplina sulle operazioni con parti correlate effettuate, direttamente o tramite società controllate, da società che fanno ricorso al

Dettagli

R E P U B B L I C A I T A L I A N A. Consiglio di Stato. Sezione Seconda. Adunanza di Sezione del 21 marzo 2012

R E P U B B L I C A I T A L I A N A. Consiglio di Stato. Sezione Seconda. Adunanza di Sezione del 21 marzo 2012 Numero 01820/2012 e data 16/04/2012 Spedizione R E P U B B L I C A I T A L I A N A Consiglio di Stato Sezione Seconda Adunanza di Sezione del 21 marzo 2012 NUMERO AFFARE 01083/2012 OGGETTO: Autorita' per

Dettagli