Cosa cambia: cultura della sicurezza pianificazione e programmazione regionale faunistico-venatoria nuovi organismi informativi e consultivi

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Cosa cambia: cultura della sicurezza pianificazione e programmazione regionale faunistico-venatoria nuovi organismi informativi e consultivi"

Transcript

1 1

2 Cosa cambia: cultura della sicurezza pianificazione e programmazione regionale faunistico-venatoria nuovi organismi informativi e consultivi governance regionale istituti faunistici e faunistico-venatori gestione degli ungulati controllo della fauna selvatica deroghe vigilanza venatoria 2

3 Art. 1 bis: Cultura della sicurezza La Regione Toscana promuove mediante attività di informazione, assistenza, consulenza, formazione, la cultura della sicurezza nei confronti di quelle attività che prevedono l uso delle armi ed altri mezzi nell esercizio venatorio. Art. 29 comma 7 lettera e): l esame per l abilitazione all esercizio venatorio deve riguardare anche norme di comportamento in sicurezza nell esercizio venatorio Art. 4 bis del calendario venatorio: Sicurezza nell esercizio venatorio Tutti i cacciatori partecipanti alle battute di caccia al cinghiale devono indossare indumenti ad alta visibilità ed avere idonea formazione sulle regole di comportamento in sicurezza nell esercizio venatorio. 3

4 Si passa dal concetto fissato dalla legge 157/92 di pianificazione e programmazione indiretta (coordinamento piani provinciali) ad un concetto pianificazione e programmazione diretta da parte della Regione. I piani provinciali sono un articolazione territoriale del piano regionale e cronologicamente successivi allo stesso. 4

5 Tutto il territorio regionale è soggetto a pianificazione faunistico venatoria La pianificazione è finalizzata alla conservazione delle diverse specie e a garantire il mantenimento delle densità ottimali necessarie per la coesistenza con le altre specie e con le attività dell uomo presenti sul territorio La province realizzano la pianificazione faunistico-venatoria mediante la destinazione differenziata del territorio di competenza nel rispetto della normativa vigente 5

6 La programmazione faunistico venatoria regionale rientra nel Piano Agricolo Regionale PAR (l.r. 1/2006) Il PAR garantisce alla Regione Toscana un ruolo centrale nella programmazione con la possibilità di indicare obiettivi specifici di medio e lungo periodo, criteri e modalità gestionali per il territorio a caccia programmata e per il territorio destinato alla tutela della fauna Tutte le risorse derivanti dalle tasse di concessione regionale sono finalizzate alla gestione della legge e vengono fissate le percentuali da destinare ai vari interventi Le province provvedono alla programmazione faunistica nel rispetto dalla legge, degli atti di pianificazione territoriale e ambientale vigenti e del PAR. In caso di mancata approvazione del PFVP è previsto l esercizio del potere sostitutivo 6

7 Art. 10 OSSERVATORIO PER LA FAUNA E L ATTIVITÀ VENATORIA Art. 10 bis COMMISSIONE CONSULTIVA REGIONALE 7

8 AMBITI TERRITORIALI DI CACCIA (ATC) Individuati dalle Province nel Piano Faunistico venatorio provinciale Definite precisamente le attività e le forme di finanziamento La provincia esercita poteri di vigilanza e controllo sulle attività, può impartire specifiche direttive e esercitare potere sostitutivo in caso di mancato svolgimento delle proprie attività Coordinamento degli ATC Accesso agli ambiti nel rispetto dell indice di densità venatoria e delle regole stabilite nella legge e nel regolamento 8

9 Per istituire o modificare i confini di Oasi di protezione, Zone di ripopolamento e cattura e Zone di rispetto venatorio è prevista affissione all albo pretorio della deliberazione provinciale e notifica alle sole aziende agricole Specifica regolamentazione delle Zone di Rispetto venatorio (art. 17 bis) Controllo in tutti i periodi dell anno delle specie ungulate, predatrici e concorrenti Nel regolamento regionale dovranno essere individuate corrette forme di gestione finalizzate al raggiungimento degli obiettivi propri di ogni istituto 9

10 AZIENDE FAUNISTICO VENATORIE Istituzione senza parere ISPRA Le specie ungulate non possono essere specie di indirizzo Controllo delle specie ungulate, predatrici o concorrenti 10

11 AZIENDE AGRITURISTICO VENATORIE Istituzione senza parere ISPRA Riduzione di superficie minima per la loro costituzione da 200 a 100 ettari Controllo delle specie ungulate, predatrici o concorrenti 11

12 AREE PER L ADDESTRAMENTO, L ALLENAMENTO E LE GARE DEI CANI Ridotta a 15 ettari la superficie in cui e possibile fare addestramento con sparo in periodo di caccia chiusa. Eccezione per aree all interno delle Aziende agrituristico venatorie Possibilità di utilizzare anche l anatra germanata come specie d allevamento con cui è possibile effettuare addestramento con sparo Nelle aziende agrituristiche venatorie è prevista la possibilità di utilizzare anche lepre e cinghiale 12

13 LA GESTIONE FAUNISTICO VENATORIA DEGLI UNGULATI: interessa l intero territorio regionale (anche quello sottoposto a protezione o vincolo persegue gli obiettivi indicati nel PFVP è finalizzata al mantenimento delle densità sostenibili (le province determinano le densità sostenibili entro 90 giorni dall approvazione della legge) 13

14 Maggiore autonomia gestionale per le province (metodi ecologici e, in caso di inefficacia, piani di abbattimento) Coordinamento delle operazione da parte della Polizia provinciale Abilitazione automatica per cacciatori di cinghiale e cacciatori di selezione, relativamente al controllo delle specie di riferimento, purché iscritti ai registri provinciali Abilitazione semplificata per controllo di storno, tortora orientale dal collare e piccione di città Piani di controllo del piccione di città per la tutela delle produzioni agricole 14

15 PROCEDURE PIÙ PUNTUALI E RISPONDENTI AL DETTATO DELLA DIRETTIVA PER LE AUTORIZZAZIONI DEL PRELIEVO IN DEROGA 15

16 La complessità delle norme in materia faunistico venatoria ha reso necessaria un adeguata preparazione dei soggetti incaricati al controllo le GAV di cui alla legge regionale 7/98 per svolgere servizio sulla caccia devono essere in possesso dell attestato previsto dall art. 52 della L. 3/94 le guardie ecologiche e zoofile riconosciute da leggi regionali possono svolgere servizio di vigilanza solo se inserite dell ambito della vigilanza volontaria 16

17 Art Divieti Anche nelle sagre e manifestazioni a carattere gastronomico è possibile commercializzare fauna selvatica morta proveniente da abbattimenti venatori e in controllo nel rispetto della normativa sanitaria Art Divieti speciali di caccia Eliminato il divieto di caccia a distanza inferiore a 300 metri dalle aree innevate Art Cattura e gestione dei richiami vivi e appostamenti Gli appostamenti fissi possono essere realizzati e mantenuti per la durata dell autorizzazione senza bisogno di concessione edilizia 17

18 Linee guida per la fornitura di piccoli quantitativi di carni di selvaggina selvatica direttamente dal cacciatore al consumatore finale o ai laboratori annessi agli esercizi di commercio al dettaglio o di somministrazione a livello locale che forniscono direttamente al consumatore, ai sensi dell art. 10, punto 2, lettera c) del D.P.G.R. N.40R del 1 agosto 2006 SELVAGGINA CEDIBILE: specie indicate all articolo 43 della l.r. 3/1994 FORNITURA DIRETTA A LIVELLO LOCALE: nel territorio della provincia in cui insiste la zona di caccia o nel territorio delle province contermini PICCOLA QUANTITA DI SELVAGGINA ABBATTUTA IN CACCIA: 1 capo/anno/cacciatore di selvaggina di grossa taglia 50 capi/anno/cacciatore di piccola selvaggina ONERI PER IL CACCIATORE: compilare un autocertificazione finalizzata alla tracciabilità delle carni e controllo trichine per cinghiali 18

19 Art. 3 - Modalità e forme di caccia Le province nell ambito del calendario venatorio provinciale possono decidere che la caccia alla beccaccia avvenga esclusivamente in forma vagante e con l ausilio del cane da ferma o da cerca. Art. 4 bis - Sicurezza nell esercizio venatorio Obbligatori indumenti ad alta visibilità e corsi di formazione Art. 5 - Allenamento ed addestramento dei cani L allenamento e l addestramento cani viene consentito ai soli iscritti dell ATC 19

20 Art. 6 - Tesserino venatorio Obbligo di segnare oltre la selvaggina stanziale anche la beccaccia subito dopo l abbattimento Art. 6 bis - Tesserino provinciale per la caccia di selezione a cervidi e bovidi Con il tesserino provinciale per la caccia di selezione a cervidi e bovidi sono state di fatto aumentate le giornate a disposizione dei cacciatori per completare i piani di abbattimento Art. 7 - Periodi di caccia e specie cacciabili Ampliamento della stagione venatoria per la caccia al cinghiale dalla terza domenica di settembre al 31 di gennaio anche in caso di terreno coperto da neve secondo le modalità stabilite nel regolamento regionale. La Provincia definisce periodi, zone e giornate di caccia 20

21

REGIONE TOSCANA CALENDARIO VENATORIO REGIONALE STAGIONE VENATORIA (L.R.T. N 20/2002) Capo I. Art. 1 Stagione venatoria e giornate di caccia

REGIONE TOSCANA CALENDARIO VENATORIO REGIONALE STAGIONE VENATORIA (L.R.T. N 20/2002) Capo I. Art. 1 Stagione venatoria e giornate di caccia REGIONE TOSCANA CALENDARIO VENATORIO REGIONALE (L.R.T. N 20/2002) Capo I STAGIONE VENATORIA Art. 1 Stagione venatoria e giornate di caccia 1. La stagione venatoria ha inizio la terza domenica di settembre

Dettagli

Relazione illustrativa

Relazione illustrativa Allegato B Relazione illustrativa Il riordino istituzionale, con il quale la Regione ha riassunto a livello centrale tutte le funzioni amministrative in materia di caccia, prima attribuite alle province,

Dettagli

REGIONE TOSCANA. LEGGE REGIONALE 10 giugno 2002, n Bollettino Ufficiale della Regione Toscana - n. 13

REGIONE TOSCANA. LEGGE REGIONALE 10 giugno 2002, n Bollettino Ufficiale della Regione Toscana - n. 13 REGIONE TOSCANA LEGGE REGIONALE 10 giugno 2002, n. 20 19.6.2002 Bollettino Ufficiale della Regione Toscana - n. 13 Modificata con L.R. n. 45 del 20 dicembre 2002 Avviso di rettifica B.U. 5 luglio 2002,

Dettagli

Decreto Presidenziale

Decreto Presidenziale Istituzione dei Comuni per il governo dell area vasta Scuole, Strade e Sistemi di trasporto, Territorio e Ambiente Gestione associata di servizi e assistenza ai Comuni SERV POLITICHE RURALI Decreto Presidenziale

Dettagli

PROVINCIA DI MASSA-CARRARA SETTORE AGRICOLTURA E FORESTE SERVIZIO CACCIA E PESCA

PROVINCIA DI MASSA-CARRARA SETTORE AGRICOLTURA E FORESTE SERVIZIO CACCIA E PESCA Dec. di Medaglia d oro al V.M. PROVINCIA DI MASSA-CARRARA SETTORE AGRICOLTURA E FORESTE SERVIZIO CACCIA E PESCA DPGR n 13/R del 25/02/2004 modificato ex DPGR n 48/r del 29/07/2005 ed art. 28 comma 3 lett.

Dettagli

Determinazione n. 2671 del 05/10/2015

Determinazione n. 2671 del 05/10/2015 PROVINCIA DI GROSSETO FRONTESPIZIO Determinazione n. 2671 del 05/10/2015 IP N 2882/2015 OGGETTO: Disposizioni relativamente al regolamento regionale di attuazione della LRT 3/1994 artt. 88 comma 1, 90

Dettagli

51 - legge re alla legge regionale 10 giugno 2002, n. 20 Calendario

51 - legge re alla legge regionale 10 giugno 2002, n. 20 Calendario domenica di settembre e 1 febbraio - 15 marzo il prelievo è consentito per cinque giorni la settimana escluso il martedì e il venerdì.. della Regione. E fatto obbligo a chiunque spetti di osservarla e

Dettagli

AMBITO TERRITORIALE CACCIA LA SPEZIA SETTEMBRE 2014

AMBITO TERRITORIALE CACCIA LA SPEZIA SETTEMBRE 2014 AMBITO TERRITORIALE CACCIA LA SPEZIA SETTEMBRE 2014 In adempimento alla L.R. 29/94 art. 22 c. 2 si procede alla presentazione del programma annuale degli interventi per l attività faunistica dell Ambito

Dettagli

CAPO I CALENDARIO VENATORIO REGIONALE PER LA STAGIONE 2013/2014

CAPO I CALENDARIO VENATORIO REGIONALE PER LA STAGIONE 2013/2014 CALENDARIO VENATORIO REGIONALE PER LA STAGIONE 2013/2014. ARTICOLO 34, COMMA 4, LEGGE REGIONALE 1 LUGLIO 1994, N. 29 (NORME REGIONALI PER LA PROTEZIONE DELLA FAUNA OMEOTERMA E PER IL PRELIEVO VENATORIO)

Dettagli

DECRETO DEL DIRIGENTE DELLA P.F. CACCIA E PESCA NELLE ACQUE INTERNE ##numero_data##

DECRETO DEL DIRIGENTE DELLA P.F. CACCIA E PESCA NELLE ACQUE INTERNE ##numero_data## DECRETO DEL DIRIGENTE DELLA P.F. CACCIA E PESCA NELLE ACQUE INTERNE ##numero_data## Oggetto: Modalità di restituzione all attività venatoria delle ZRC e dei CPURFS nel territorio dell ATC PS 2. VISTO il

Dettagli

CALENDARIO VENATORIO REGIONALE PER LA STAGIONE 2002/2003

CALENDARIO VENATORIO REGIONALE PER LA STAGIONE 2002/2003 ALLEGATO 1 ALLEGATO A CALENDARIO VENATORIO REGIONALE PER LA STAGIONE 2002/2003 Articolo 1. (Caccia programmata). 1. Ai fini della razionale gestione delle risorse faunistiche sull intero territorio della

Dettagli

L osservatorio faunistico della Regione Emilia-Romagna

L osservatorio faunistico della Regione Emilia-Romagna Bologna. Martedì 4 maggio 2010 L osservatorio faunistico della Regione Emilia-Romagna L.R. n.8 15 febbraio 1994 Art.2 comma 4 La Regione promuove, in collaborazione con i competenti Servizi delle Province,

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA PROVINCIA DI VERONA

IL PRESIDENTE DELLA PROVINCIA DI VERONA IL PRESIDENTE DELLA PROVINCIA DI VERONA Vista la legge 11 febbraio 1992, n. 157, ed in particolare gli articoli 9 e 18 in ordine, rispettivamente, alle competenze della Provincia di materia di prelievo

Dettagli

CONSULTAZIONE PRELIMINARE PIANO FAUNISTICO VENATORIO REGIONALE E VAS

CONSULTAZIONE PRELIMINARE PIANO FAUNISTICO VENATORIO REGIONALE E VAS CONSULTAZIONE PRELIMINARE PIANO FAUNISTICO VENATORIO REGIONALE E VAS - Bologna, 11 ottobre 2016 Laura Cianfanelli laura.cianfanelli@gmail.com IL TERRITORIO AREE PROTETTE SITI RETE NATURA 2000 AMBITI TERRITORIALI

Dettagli

CAPO I. CALENDARIO VENATORIO PER LE STAGIONI VENATORIE 2008/2009, 2009/2010 e 2010/2011. Articolo 1 (Caccia programmata)

CAPO I. CALENDARIO VENATORIO PER LE STAGIONI VENATORIE 2008/2009, 2009/2010 e 2010/2011. Articolo 1 (Caccia programmata) LEGGE REGIONALE 6 GIUGNO 2008 N. 12 Calendario venatorio regionale triennale e modifiche alla legge regionale 1 luglio 1994, n. 29 (norme regionali per la protezione della fauna omeoterma e per il prelievo

Dettagli

CAPO I CALENDARIO VENATORIO REGIONALE PER LA STAGIONE 2014/2015. Articolo 1 (Caccia programmata)

CAPO I CALENDARIO VENATORIO REGIONALE PER LA STAGIONE 2014/2015. Articolo 1 (Caccia programmata) Anno XLV - N. 16 BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LIGURIA Parte II 16.04.2014 - pag. 32 CAPO I CALENDARIO VENATORIO REGIONALE PER LA STAGIONE 2014/2015 Articolo 1 (Caccia programmata) 1. Ai fini della

Dettagli

Provincia di Benevento Regolamento Provinciale per la Gestione Faunistico Venatoria del Cinghiale - BOZZA -

Provincia di Benevento Regolamento Provinciale per la Gestione Faunistico Venatoria del Cinghiale - BOZZA - Provincia di Benevento Regolamento Provinciale per la Gestione Faunistico Venatoria del Cinghiale - BOZZA - Titolo I - Parte generale Art. 1 - Finalità Il presente regolamento disciplina la gestione faunistica

Dettagli

1) Caccia al cinghiale in area non vocata

1) Caccia al cinghiale in area non vocata Piano per la caccia di selezione al cinghiale nelle aree non vocate alla specie della Provincia di Firenze In attuazione del Piano Faunistico Venatorio Provinciale 2012-2015 1) Caccia al cinghiale in area

Dettagli

CAPO I CALENDARIO VENATORIO REGIONALE PER LA STAGIONE 2016/2017. Articolo 1 (Caccia programmata)

CAPO I CALENDARIO VENATORIO REGIONALE PER LA STAGIONE 2016/2017. Articolo 1 (Caccia programmata) CAPO I CALENDARIO VENATORIO REGIONALE PER LA STAGIONE 2016/2017 Articolo 1 (Caccia programmata) 1. Ai fini della razionale gestione delle risorse faunistiche sull intero territorio della Liguria si applica

Dettagli

PROVINCIA DI SIENA Area POLITICHE DELL AMBIENTE SERVIZIO RISORSE FAUNISTICHE E RISERVE NATURALI

PROVINCIA DI SIENA Area POLITICHE DELL AMBIENTE SERVIZIO RISORSE FAUNISTICHE E RISERVE NATURALI PROVINCIA DI SIENA Area POLITICHE DELL AMBIENTE SERVIZIO RISORSE FAUNISTICHE E RISERVE NATURALI REGOLAMENTO PROVINCIALE PER LA GESTIONE FAUNISTICA E VENATORIA DI CERVIDI E BOVIDI TITOLO I PRINCIPI GENERALI

Dettagli

LA GESTIONE DI UN ATC TOSCANO ALLA LUCE DELLA RIFORMA DELLA LEGISLAZIONE REGIONALE SULLA CACCIA

LA GESTIONE DI UN ATC TOSCANO ALLA LUCE DELLA RIFORMA DELLA LEGISLAZIONE REGIONALE SULLA CACCIA LA GESTIONE DI UN ATC TOSCANO ALLA LUCE DELLA RIFORMA DELLA LEGISLAZIONE REGIONALE SULLA CACCIA A.T.C. 18 Siena 2 Francesco Pianigiani Presidente ATC 18 Dott. Federico Morimando Direttore Tecnico ATC 18

Dettagli

CONSIGLIO REGIONALE DELLA LIGURIA

CONSIGLIO REGIONALE DELLA LIGURIA CONSIGLIO REGIONALE DELLA LIGURIA PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA DEI CONSIGLIERI REGIONALI: Franco ORSI Francesco BRUZZONE Gabriele SALDO Franco ROCCA Matteo MARCENARO Giovanni MACCHIAVELLO Alessio SASO

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA PROVINCIA DI VERONA

IL PRESIDENTE DELLA PROVINCIA DI VERONA IL PRESIDENTE DELLA PROVINCIA DI VERONA Vista la legge 11 febbraio 1992, n. 157, ed in particolare gli articoli 9 e 18 in ordine, rispettivamente, alle competenze della Provincia di materia di prelievo

Dettagli

REGIONE LIGURIA - Giunta Regionale Dipartimento agricoltura, turismo, formazione e lavoro Politiche della montagna e della fauna selvatica - Settore

REGIONE LIGURIA - Giunta Regionale Dipartimento agricoltura, turismo, formazione e lavoro Politiche della montagna e della fauna selvatica - Settore CAPO I CALENDARIO VENATORIO REGIONALE PER LA STAGIONE 2017/2018 Articolo 1 (Caccia programmata) 1. Ai fini della razionale gestione delle risorse faunistiche sull intero territorio della Liguria si applica

Dettagli

ATTIVITA VENATORIA STAGIONE 2017/2018 NELL A.T.C. AL 4

ATTIVITA VENATORIA STAGIONE 2017/2018 NELL A.T.C. AL 4 ATTIVITA VENATORIA STAGIONE 2017/2018 NELL A.T.C. AL 4 SPECIE CACCIABILI APERTURA CHIUSURA TORTORA CORNACCHIA NERA, CORNACCHIA GRIGIA, GAZZA, GHIANDAIA PREAPERTURA DA APPOSTAMENTO TEMPORANEO IL 2 3-6 SETTEMBRE

Dettagli

PROVINCIA DI PISA. Cinghiale. Premessa

PROVINCIA DI PISA. Cinghiale. Premessa PROVINCIA DI PISA Documento sulle linee applicative del Protocollo Tecnico tra la Provincia di Pisa e l'istituto Nazionale per la Fauna Selvatica relativamente ad alcune specifiche azioni di controllo

Dettagli

REGOLAMENTO PROVINCIALE PER LA COSTITUZIONE E GESTIONE DELLE ZONE ADDESTRAMENTO CANI E GARE CINOFILE N. 37/99 e s.m.i.

REGOLAMENTO PROVINCIALE PER LA COSTITUZIONE E GESTIONE DELLE ZONE ADDESTRAMENTO CANI E GARE CINOFILE N. 37/99 e s.m.i. REGOLAMENTO PROVINCIALE PER LA COSTITUZIONE E GESTIONE DELLE ZONE ADDESTRAMENTO CANI E GARE CINOFILE N. 37/99 e s.m.i. ART. 1 (Finalità) 1. Il presente regolamento disciplina la costituzione e le modalità

Dettagli

CALENDARIO VENATORIO REGIONALE L.R.

CALENDARIO VENATORIO REGIONALE L.R. CALENDARIO VENATORIO REGIONALE L.R. 10 giugno 2002 n.20 (da ultimo modificata con L R.T. del 18 giugno 2012 n. 29) Capo I - STAGIONE VENATORIA Art. 01 - Stagione venatoria e giornate di caccia 1. La stagione

Dettagli

Decreto Deliberativo del Presidente IL PRESIDENTE. N. 102 del 18 Giugno 2015

Decreto Deliberativo del Presidente IL PRESIDENTE. N. 102 del 18 Giugno 2015 Decreto Deliberativo del Presidente N. 102 del 18 Giugno 2015 Oggetto: Modifiche al D.D.P. n. 91 del 29.05.2015 Caccia in selezione al cinghiale in provincia di Siena per la stagione venatoria 2015-2016

Dettagli

IL PRESIDENTE. VISTO il D.Lgs. n. 267/2000 e s.m.i., per le disposizioni non incompatibili con la legge n. 56/2014 e s.m.i.;

IL PRESIDENTE. VISTO il D.Lgs. n. 267/2000 e s.m.i., per le disposizioni non incompatibili con la legge n. 56/2014 e s.m.i.; Decreto Deliberativo del Presidente N. 130 del 4 Agosto 2015 Oggetto: L.R. 10 Giugno 2002 n. 20 e successive modificazioni e integrazioni e deliberazione della Giunta Regionale n. 377 del 30.03.2015. Determinazioni

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 20 DEL REGIONE PUGLIA

LEGGE REGIONALE N. 20 DEL REGIONE PUGLIA LEGGE REGIONALE N. 20 DEL 15-06-1994 REGIONE PUGLIA " Norme provvisorie per la protezione della fauna selvatica omeoterma e per il prelievo venatorio". Fonte: BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE PUGLIA

Dettagli

Comprensorio alpino n. 6 Bassano, Campolongo Valstagna, Conco, Lusiana e Marostica. Facoltà assentite per la stagione

Comprensorio alpino n. 6 Bassano, Campolongo Valstagna, Conco, Lusiana e Marostica. Facoltà assentite per la stagione Comprensorio alpino n. 6 Bassano, Campolongo Valstagna, Conco, Lusiana e Marostica. Facoltà assentite per la stagione 2014 2015 Addestramento cani. (Punto 1 Calendario venatorio Z.A.) Riserva di Camplongo

Dettagli

LEGGE REGIONALE 01 Giugno 2011 n. 12

LEGGE REGIONALE 01 Giugno 2011 n. 12 LEGGE REGIONALE 01 Giugno 2011 n. 12 BOLLETTINO UFFICIALE REGIONALE 01/06/2011 n. 9 LEGGE N.12 del 2011 - Calendario venatorio regionale per le stagioni 2011/2012, 2012/2013 e 2013/2014. Modifiche agli

Dettagli

Il Consiglio regionale Assemblea legislativa della Liguria ha approvato. IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA promulga CAPO I

Il Consiglio regionale Assemblea legislativa della Liguria ha approvato. IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA promulga CAPO I REGIONE LIGURIA ----------- LEGGE REGIONALE 1 GIUGNO 2011 N. 12 CALENDARIO VENATORIO REGIONALE PER LE STAGIONI 2011/2012, 2012/2013 E 2013/2014. MODIFICHE AGLI ARTICOLI 6 E 34 DELLA LEGGE REGIONALE 1 LUGLIO

Dettagli

PROVINCIA DI VICENZA

PROVINCIA DI VICENZA PROVINCIA DI VICENZA Contrà Gazzolle n. 1 36100 VICENZA C. Fisc. P. IVA 00496080243 DETERMINAZIONE N 934 DEL 30/12/2016 SETTORE SERVIZI CACCIA E PESCA OGGETTO: CONTROLLO DELLA VOLPE (VULPES VULPES) ALL'INTERNO

Dettagli

PROVINCIA DI MASSA-CARRARA

PROVINCIA DI MASSA-CARRARA PROVINCIA DI MASSA-CARRARA SETTORE/STAFF Settore Pianificazione rurale e forestale - Protezione Civile Politiche Comunitarie e Sviluppo Economico -Trasporto Pubblico Locale SIT DETERMINAZIONE n. 875 DEL

Dettagli

RACCOLTA DEGLI EMENDAMENTI D AULA DISEGNO DI LEGGE N. 179

RACCOLTA DEGLI EMENDAMENTI D AULA DISEGNO DI LEGGE N. 179 RACCOLTA DEGLI EMENDAMENTI D AULA al DISEGNO DI LEGGE N. 179

Dettagli

CALENDARIO VENATORIO REGIONALE

CALENDARIO VENATORIO REGIONALE REGIONE BASILICATA CALENDARIO VENATORIO REGIONALE 2010-2011 D.P.G.R. n. 211 del 30.07.2010 IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE DECRETA CALENDARIO VENATORIO REGIONALE 2010-2011 VISTO l art. 18 della Legge

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL RECUPERO DEGLI UNGULATI FERITI

REGOLAMENTO PER IL RECUPERO DEGLI UNGULATI FERITI REGOLAMENTO PER IL RECUPERO DEGLI UNGULATI FERITI ART. 1 Principi generali 1. L Ambito Territoriale di Caccia Perugia 2 con il presente Regolamento istituisce il servizio di recupero degli ungulati feriti

Dettagli

L esercizio venatorio nella stagione 2014/2015, è consentito con le seguenti modalità:

L esercizio venatorio nella stagione 2014/2015, è consentito con le seguenti modalità: ALLEGATO A CALENDARIO VENATORIO PER LA STAGIONE 2014/2015 L esercizio venatorio nella stagione 2014/2015, è consentito con le seguenti modalità: 1) SPECIE E PERIODI DI ATTIVITA' VENATORIA 1.1. Ai fini

Dettagli

VII Zone di allenamento e addestramento dei cani e per le prove e gare cinofile.

VII Zone di allenamento e addestramento dei cani e per le prove e gare cinofile. VII Zone di allenamento e addestramento dei cani e per le prove e gare cinofile. L art. 13 della L.R. 16.08.1993, n. 26, nel disciplinare la destinazione del territorio agrosilvo-pastorale, prevede che

Dettagli

PROVINCIA DI ROMA. Regolamento della caccia al cinghiale

PROVINCIA DI ROMA. Regolamento della caccia al cinghiale PROVINCIA DI ROMA Regolamento della caccia al cinghiale Adottato con deliberazione del Consiglio Provinciale n. 41 del 13/09/2010 1 REGOLAMENTO DELLA CACCIA AL CINGHIALE NELLA PROVINCIA DI ROMA Art. 34

Dettagli

R E G I O N E C A L A B R I A

R E G I O N E C A L A B R I A R E G I O N E C A L A B R I A ASSESSORATO AGRICOLTURA FORESTE FORESTAZIONE IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE VISTA la L.R. n 9/96; VISTA la L.R. n 1 del 11/01/2006 che all art. 12 comma 1 modifica la

Dettagli

PROPOSTA DI LEGGE REGIONALE Norme per il prelievo venatorio e per la protezione della fauna selvatica omeoterma. Art. 1 Finalità

PROPOSTA DI LEGGE REGIONALE Norme per il prelievo venatorio e per la protezione della fauna selvatica omeoterma. Art. 1 Finalità Gruppo Consiliare Forza Italia Consiglio regionale della Toscana Proposta di Legge n. 210 Prot. n. 10755/2.6 del 23.08.2007 PROPOSTA DI LEGGE REGIONALE Norme per il prelievo venatorio e per la protezione

Dettagli

REGIONE LIGURIA - Giunta Regionale Dipartimento agricoltura, turismo, formazione e lavoro Politiche della montagna e della fauna selvatica - Settore

REGIONE LIGURIA - Giunta Regionale Dipartimento agricoltura, turismo, formazione e lavoro Politiche della montagna e della fauna selvatica - Settore REQUISITI E MODALITA PER IL RILASCIO ED IL RINNOVO DELLE AUTORIZZAZIONI ALLA CACCIA DA APPOSTAMENTO FISSO EX ART. 29 DELLA L.R. 29/94 ISTANZE DI AUTORIZZAZIONE Le autorizzazioni alla costituzione degli

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA PROVINCIA DI VERONA

IL PRESIDENTE DELLA PROVINCIA DI VERONA IL PRESIDENTE DELLA PROVINCIA DI VERONA Vista la legge 11 febbraio 1992, n. 157, ed in particolare gli articoli 9 e 18 in ordine, rispettivamente, alle competenze della Provincia di materia di prelievo

Dettagli

10.2.2010 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N.

10.2.2010 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. domenica di settembre e 1 febbraio - 15 marzo il prelievo è consentito per cinque giorni la settimana escluso il martedì e il venerdì.. La presente legge è pubblicata sul Bollettino Ufficiale della Regione.

Dettagli

ALLEGATO A MODIFICHE AL "PIANO TRIENNALE DI CONTENIMENTO ED ERADICAZIONE DELLA NUTRIA (MYOCASTOR COYPUS) IN PROVINCIA DI MANTOVA" Gennaio 2016

ALLEGATO A MODIFICHE AL PIANO TRIENNALE DI CONTENIMENTO ED ERADICAZIONE DELLA NUTRIA (MYOCASTOR COYPUS) IN PROVINCIA DI MANTOVA Gennaio 2016 ALLEGATO A MODIFICHE AL "PIANO TRIENNALE DI CONTENIMENTO ED ERADICAZIONE DELLA NUTRIA (MYOCASTOR COYPUS) IN PROVINCIA DI MANTOVA" Gennaio 2016 1 Pagina 4 Alla fine del capitolo 1 - Premessa è aggiunto

Dettagli

Annata 2009/2010. ART.1 Stagione venatoria

Annata 2009/2010. ART.1 Stagione venatoria A L L E G A T O A ) CALENDARIO VENATORIO Annata 2009/2010 Vista la L.R. n 27 del 13.08.1998; Vista la L.R. n 12 del 29.07.2004; Visto il Decreto legge n. 7 del 31.01.2005; Visto il Piano Faunistico Venatorio

Dettagli

CALENDARIO VENATORIO DELLA CITTA METROPOLITANA DI FIRENZE

CALENDARIO VENATORIO DELLA CITTA METROPOLITANA DI FIRENZE Allegato A CALENDARIO VENATORIO 2015-2016 DELLA CITTA METROPOLITANA DI FIRENZE Integrazioni al calendario venatorio regionale per la caccia nel territorio della Città Metropolitana di Firenze nella stagione

Dettagli

CALENDARIO VENATORIO PROVINCIALE - ANNO 2011/2012

CALENDARIO VENATORIO PROVINCIALE - ANNO 2011/2012 PROVINCIA DI SAVONA SERVIZIO CONTROLLO TERRITORIALE CALENDARIO VENATORIO PROVINCIALE - ANNO 2011/2012 I L P R E S I D E N T E VISTA la legge n. 157 del 11/02/1992 e ss.mm.ii.; VISTA la legge regionale

Dettagli

VENATORIO CALENDARIO. Per la caccia da appostamento fisso. Sintesi Normativa 1. ADDESTRAMENTO E ALLENAMENTO DEI CANI ASSESSORATO ALLA CACCIA

VENATORIO CALENDARIO. Per la caccia da appostamento fisso. Sintesi Normativa 1. ADDESTRAMENTO E ALLENAMENTO DEI CANI ASSESSORATO ALLA CACCIA CALENDARIO VENATORIO 2010-2011 Per la caccia da appostamento fisso ASSESSORATO ALLA CACCIA Sintesi Normativa L esercizio della caccia nel territorio provinciale è disciplinato dalla normativa vigente ed

Dettagli

Bur n. 77 del 11/08/2017

Bur n. 77 del 11/08/2017 Bur n. 77 del 11/08/2017 (Codice interno: 351338) LEGGE REGIONALE 08 agosto 2017, n. 27 Adeguamento delle norme regionali in materia di pianificazione faunistico-venatoria: modifiche alla legge regionale

Dettagli

della Regione Toscana Bollettino Ufficiale: via F. Baracca, Firenze - Fax:

della Regione Toscana Bollettino Ufficiale: via F. Baracca, Firenze - Fax: Anno XLI Repubblica Italiana BOLLETTINO UFFICIALE della Regione Toscana Parte Prima n. 6 mercoledì, 10 febbraio 2010 Firenze Bollettino Ufficiale: via F. Baracca, 88-50127 Firenze - Fax: 055-4384620 Portineria

Dettagli

R E G I O N E C A L A B R I A

R E G I O N E C A L A B R I A R E G I O N E C A L A B R I A ASSESSORATO AGRICOLTURA FORESTE FORESTAZIONE IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE VISTA la L.R. n 9/96; VISTA la L.R. n 1 del 11/01/2006 che all art. 12 comma 1 modifica la

Dettagli

CALENDARI O VENATORI O

CALENDARI O VENATORI O A l l e g a t o A ) CALENDARI O VENATORI O Annata 2012/2013 Vista la L.R. n 27 del 13.08.1998 e s.m.i.; Vista la L.R. n 12 del 29.07.2004; Visto il Decreto legge n. 7 del 31.01.2005; Visto il Piano Faunistico

Dettagli

R E G I O N E C A L A B R I A

R E G I O N E C A L A B R I A R E G I O N E C A L A B R I A ASSESSORATO AGRICOLTURA FORESTE FORESTAZIONE IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE VISTA la L. n 157/92; VISTA la L.R. n 9/96; VISTA la L.R. n 1 del 11/01/2006 che all art.

Dettagli

Art. 1 Finalità. Art. 2 Durata e validità

Art. 1 Finalità. Art. 2 Durata e validità PROPOSTA DI REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DELL ATTIVITÀ VENATORIA NELLE AREE CONTIGUE (ZONE DI PRE-PARCO) DEL PARCO DEI LAGHI DI SUVIANA E DEL BRASIMONE PER LE ANNATE VENATORIE 2017/2021 Art. 1 Finalità

Dettagli

Allegato A) CALENDARI O VENATORI O

Allegato A) CALENDARI O VENATORI O Allegato A) CALENDARI O VENATORI O Annata 2015/2016 Vista la L.R. n 27 del 13.08.1998 e s.m.i.; Vista la L.R. n 12 del 29.07.2004; Visto il Decreto legge n. 7 del 31.01.2005; Visto il Piano Faunistico

Dettagli

L esercizio venatorio, nella stagione 2013/2014, è consentito con le seguenti modalità:

L esercizio venatorio, nella stagione 2013/2014, è consentito con le seguenti modalità: ALLEGATO A La Giunta regionale Vista la legge 11 febbraio 1992, n. 157 Visto l art. 11- quaterdecies della legge 2 dicembre 2005, n. 248 Visto l art. 40 della l.r. 4 maggio 2012, n. 5 Vista la D.G.R. n.

Dettagli

Art Stagione venatoria e giornate di caccia

Art Stagione venatoria e giornate di caccia Legge Regionale 10 giugno 2002, n. 20 Calendario venatorio e modifiche alla legge regionale 12 gennaio 1994, n. 3 (Recepimento della Legge 11 febbraio 1992, n. 157 "Norme per la protezione della fauna

Dettagli

CALENDARIO VENATORIO REGIONALE ( L.R.T. n. 20/2002 )

CALENDARIO VENATORIO REGIONALE ( L.R.T. n. 20/2002 ) PROVINCIA DI LUCCA Il Presidente della Giunta Provinciale VISTA LA LEGGE 11 FEBBRAIO 1992 N. 157, NORME PER LA PROTEZIONE DELLA FAUNA SELVATICA OMEOTERMA E PER IL PRELIEVO VENATORIO; VISTA LA LEGGE REGIONALE

Dettagli

Annata 2010/2011 ART.1. Stagione venatoria

Annata 2010/2011 ART.1. Stagione venatoria CALENDARIO VENATORIO Annata 2010/2011 Vista la L.R. n 27 del 13.08.1998; Vista la L.R. n 12 del 29.07.2004; Visto il Decreto legge n. 7 del 31.01.2005; Visto il Piano Faunistico Venatorio Regionale 2009/2014

Dettagli

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 37

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 37 2 29.7.2011 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 37 SEZIONE I Art. 17 - Mobilità dei cacciatori non residenti in To scana LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI Art. 18 - Sistema regionale di prenotazione

Dettagli

CALENDARIO VENATORIO

CALENDARIO VENATORIO CALENDARIO VENATORIO 2010-2011 MODIFICATO in seguito all'ordinanza TAR Calabria Sezione II, 5/11/2010, n. 774. ************************************************ R E G I O N E C A L A B R I A ASSESSORATO

Dettagli

Sintesi Normativa SETTORE AGRICOLTURA CACCIA E PESCA

Sintesi Normativa SETTORE AGRICOLTURA CACCIA E PESCA CALENDARIO 2015-2016 Per la caccia da appostamento fisso Sintesi Normativa SETTORE AGRICOLTURA CACCIA E PESCA L esercizio della caccia nel territorio provinciale è disciplinato dalla normativa vigente

Dettagli

MILANO - GIOVEDÌ, 5 AGOSTO Sommario. [5.4.0] Calendario venatorio regionale... 3 Legge regionale 2 agosto n. 18

MILANO - GIOVEDÌ, 5 AGOSTO Sommario. [5.4.0] Calendario venatorio regionale... 3 Legge regionale 2 agosto n. 18 REPUBBLICA ITALIANA BOLLETTINO UFFICIALE MILANO - GIOVEDÌ, 5 AGOSTO 2004 1º SUPPLEMENTO ORDINARIO Sommario Anno XXXIV - N. 183 - Poste Italiane - Spedizione in abb. postale - 45% - art. 2, comma 20/b -

Dettagli

REGIONE TOSCANA UFFICI REGIONALI GIUNTA REGIONALE

REGIONE TOSCANA UFFICI REGIONALI GIUNTA REGIONALE REGIONE TOSCANA UFFICI REGIONALI GIUNTA REGIONALE ESTRATTO DAL VERBALE DELLA SEDUTA DEL 27-12-2017 (punto N 35 ) Delibera N 1503 del 27-12-2017 Proponente MARCO REMASCHI DIREZIONE AGRICOLTURA E SVILUPPO

Dettagli

IL DIRIGENTE DELL AREA AMBIENTE E CONSERVAZIONE DELLA NATURA RENDE NOTO

IL DIRIGENTE DELL AREA AMBIENTE E CONSERVAZIONE DELLA NATURA RENDE NOTO IL DIRIGENTE DELL AREA AMBIENTE E CONSERVAZIONE DELLA NATURA Vista la legge 11/02/1992 n. 157 recante norme per la protezione della fauna selvatica omeoterma e per il prelievo venatorio e successive modifiche

Dettagli

3) Il giorno 4 ottobre 2007 è vietato l'esercizio venatorio in tutto il Comune di Assisi.

3) Il giorno 4 ottobre 2007 è vietato l'esercizio venatorio in tutto il Comune di Assisi. REGIONE UMBRIA CALENDARIO VENATORIO STAGIONE 2007/2008 A) SPECIE CACCIABILI E PERIODI. 1) i giorni 1 e 2 settembre 2007 è consentito il prelievo delle specie: TORTORA MERLO COLOMBACCIO GERMANO REALE MARZAIOLA

Dettagli

PROTOCOLLO OPERATIVO PER L APPLICAZIONE DEL PIANO DI CONTROLLO DEL CINGHIALE (Sus scrofa) IN PROVINCIA DI FIRENZE

PROTOCOLLO OPERATIVO PER L APPLICAZIONE DEL PIANO DI CONTROLLO DEL CINGHIALE (Sus scrofa) IN PROVINCIA DI FIRENZE (Allegato al Piano di Intervento di cui all art. 93, 3 comma Reg. Regionale 34/2002) PROTOCOLLO OPERATIVO PER L APPLICAZIONE DEL PIANO DI CONTROLLO DEL CINGHIALE (Sus scrofa) IN PROVINCIA DI FIRENZE Introduzione

Dettagli

Dott.ssa Maria Cristina Benassi Servizio Territorio Rurale, Organizzazione degli Ambiti Territoriali riali di Caccia e caccia programmata

Dott.ssa Maria Cristina Benassi Servizio Territorio Rurale, Organizzazione degli Ambiti Territoriali riali di Caccia e caccia programmata LEGGE REGIONALE N. 1/2009 Calendario venatorio regionale - LR 1/09 Legge triennale: 2009/10, 2010/11, 2011/12 TRIENNALI PIACENZA PARMA 1 Calendario venatorio regionale - LR 1/09 Rapporti tra Province e

Dettagli

E PER LE GARE E LE PROVE CINOFILE

E PER LE GARE E LE PROVE CINOFILE DIPARTIMENTO 3 XII SETTORE AMBIENTE REGOLAMENTO PER L ALLENAMENTO E L ADDESTRAMENTO DI CANI E PER LE GARE E LE PROVE CINOFILE L. 157/92, art. 10 comma 8 lett. e) L.R. 7/95 art. 33 REGOLAMENTO PER L ALLENAMENTO

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 33 DEL REGIONE VALLE D'AOSTA

LEGGE REGIONALE N. 33 DEL REGIONE VALLE D'AOSTA LEGGE REGIONALE N. 33 DEL 2-09-1996 REGIONE VALLE D'AOSTA Modificazioni alla legge regionale 27 agosto 1994, n. 64 (Norme per la tutela e la gestione della fauna selvatica e per la disciplina dell' attività

Dettagli

Atto del Sindaco Metropolitano N. 41 del 17/06/2015

Atto del Sindaco Metropolitano N. 41 del 17/06/2015 Atto del Sindaco Metropolitano N. 41 del 17/06/2015 Classifica: 011.02.01 (6232009) Oggetto ATTUAZIONE DEL PIANO FAUNISTICO VENATORIO PROVINCIALE - APPROVAZONE DEI PIANI PER LA CACCIA DI SELEZIONE ALLE

Dettagli

NORME DI GESTIONE DELLE AREE PER L ADDESTRAMENTO, L ALLENAMENTO E LE GARE DEI CANI

NORME DI GESTIONE DELLE AREE PER L ADDESTRAMENTO, L ALLENAMENTO E LE GARE DEI CANI NORME DI GESTIONE DELLE AREE PER L ADDESTRAMENTO, L ALLENAMENTO E LE GARE DEI CANI (Approvato con DGP n. 71 del 28/04/2000) INDICE ART. 1 FINALITA pag. ART. 2 TIPOLOGIA DELLE AREE pag. ART. 3 DIMENSIONI

Dettagli

PROVINCIA DI LUCCA Il Presidente della Giunta Provinciale

PROVINCIA DI LUCCA Il Presidente della Giunta Provinciale PROVINCIA DI LUCCA Il Presidente della Giunta Provinciale VISTA LA LEGGE 11 FEBBRAIO 1992 N. 157, NORME PER LA PROTEZIONE DELLA FAUNA SELVATICA OMEOTERMA E PER IL PRELIEVO VENATORIO; VISTA LA LEGGE REGIONALE

Dettagli

DECRETO N Del 29/09/2016

DECRETO N Del 29/09/2016 DECRETO N. 9541 Del 29/09/2016 Identificativo Atto n. 5334 PRESIDENZA Oggetto AUTORIZZAZIONE AL PRELIEVO DI AVIFAUNA TIPICA ALPINA NEI COMPRENSORI ALPINI DI BRESCIA BRESCIA CA1 PONTE DI LEGNO, CA2 EDOLO,

Dettagli

Calendario Venatorio Integrativo per la Zona faunistica delle Alpi della provincia di Vicenza

Calendario Venatorio Integrativo per la Zona faunistica delle Alpi della provincia di Vicenza Calendario Venatorio Integrativo per la Zona faunistica delle Alpi della provincia di Vicenza Stagione venatoria 2015-2016 (Legge n. 157/1992; L.R. n. 50/1993) 1) ADDESTRAMENTO E ALLENAMENTO DEI CANI DA

Dettagli

della Regione Toscana Bollettino Ufficiale: piazza dell'unità Italiana, Firenze - Fax:

della Regione Toscana Bollettino Ufficiale: piazza dell'unità Italiana, Firenze - Fax: Anno XLIII Repubblica Italiana BOLLETTINO UFFICIALE della Regione Toscana Parte Prima n. 50 venerdì, 21 settembre 2012 Firenze Bollettino Ufficiale: piazza dell'unità Italiana, 1-50123 Firenze - Fax: 055-4384620

Dettagli

Indirizzi per la gestione faunistico venatoria degli ungulati in Toscana. Stagione venatoria

Indirizzi per la gestione faunistico venatoria degli ungulati in Toscana. Stagione venatoria Indirizzi per la gestione faunistico venatoria degli ungulati in Toscana Stagione venatoria 2014 2015 Allegato 11 Premessa In Toscana la presenza di specie ungulate è così diffusa e numericamente elevata

Dettagli

CINGHIALE PIANO DI GESTIONE E CALENDARIO VENATORIO NELLE AREE NON VOCATE DELLA REGIONE TOSCANA

CINGHIALE PIANO DI GESTIONE E CALENDARIO VENATORIO NELLE AREE NON VOCATE DELLA REGIONE TOSCANA CINGHIALE PIANO DI GESTIONE E CALENDARIO VENATORIO NELLE AREE NON VOCATE DELLA REGIONE TOSCANA PERIODO 2016-2018 1) Introduzione La Legge Obiettivo Ungulati della Regione Toscana, oltre a porre le basi

Dettagli

CALENDARIO VENATORIO REGIONE TOSCANA. Settore Attività Faunistico Venatorie 2017/2018

CALENDARIO VENATORIO REGIONE TOSCANA. Settore Attività Faunistico Venatorie 2017/2018 REGIONE TOSCANA Settore Attività Faunistico Venatorie 2017 2018 2017/2018 2017/2018 2017/2018 2017/2018 MASSA CARRARA - LUCCA - PISTOIA 2017 2018 ALLEGATO A) ALLA DELIBERA DI GIUNTA REGIONALE N. 711 DEL

Dettagli

OGGETTO: CALENDARIO VENATORIO INTEGRATIVO PROVINCIALE L.R. N. 26 DEL E SUCCESSIVE MODIFICHE ED INTEGRAZIONI.

OGGETTO: CALENDARIO VENATORIO INTEGRATIVO PROVINCIALE L.R. N. 26 DEL E SUCCESSIVE MODIFICHE ED INTEGRAZIONI. PROVINCIA DI VARESE integrazione CALENDARIO VENATORIO 2010-2011 DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA PROVINCIALE Prot. n. 74573/12.4.1 P.V. N. 335 OGGETTO: CALENDARIO VENATORIO INTEGRATIVO PROVINCIALE 2010-2011.

Dettagli

CONSIGLIO DELLA PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO

CONSIGLIO DELLA PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO CONSIGLIO DELLA PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO XIV LEGISLATURA ANNO 2010 DISEGNO DI LEGGE 25 gennaio 2010, n. 87 Modificazioni della legge provinciale sulla caccia D'iniziativa dei consiglieri Nerio Giovanazzi

Dettagli

PROVINCIA DI CROTONE DELIBERAZIONE DI GIUNTA PROVINCIALE

PROVINCIA DI CROTONE DELIBERAZIONE DI GIUNTA PROVINCIALE A. P. DAL 24-09-2008 AL 09-10-2008 COPIA REG. GEN. N. 333 Data 17-09-2008 PRATICA N. DBGP - 423-2008 PROVINCIA DI CROTONE DELIBERAZIONE DI GIUNTA PROVINCIALE OGGETTO: ISTITUZIONE ZONA ALLENAMENTO ADDESTRAMENTO

Dettagli

PIANIFICAZIONE: OBIETTIVI GESTIONALI E AZIONI - TERRITORIO -

PIANIFICAZIONE: OBIETTIVI GESTIONALI E AZIONI - TERRITORIO - PIANIFICAZIONE: OBIETTIVI GESTIONALI E AZIONI - TERRITORIO - - Bologna, 17 febbraio 2017 Laura Cianfanelli laura.cianfanelli@gmail.com QUADRO CONOSCITIVO STATO DELL ARTE E CRITICITÀ DEFINIZIONE DI OBIETTIVI

Dettagli

2012-2013 CALENDARIO. Per la caccia da appostamento fisso. Sintesi Normativa. 1. ADDEStRAmENtO E ALLENAmENtO DEI CANI. ASSESSORAtO ALLA CACCIA

2012-2013 CALENDARIO. Per la caccia da appostamento fisso. Sintesi Normativa. 1. ADDEStRAmENtO E ALLENAmENtO DEI CANI. ASSESSORAtO ALLA CACCIA CALENDARIO venatorio 2012-2013 Per la caccia da appostamento fisso Sintesi Normativa ASSESSORAtO ALLA CACCIA L esercizio della caccia nel territorio provinciale è disciplinato dalla normativa vigente ed

Dettagli

CALENDARIO VENATORIO

CALENDARIO VENATORIO CALENDARIO VENATORIO Annata 2016/2017 Vista la L.R. n 27 del 13.08.1998 e s.m.i.; Vista la L.R. n 12 del 29.07.2004; Visto il Decreto legge n. 7 del 31.01.2005; Visto il Piano Faunistico Venatorio Regionale

Dettagli

Divieto temporaneo di caccia sul fondo denominato Bosco Manente a Favaro Veneto IL SINDACO

Divieto temporaneo di caccia sul fondo denominato Bosco Manente a Favaro Veneto IL SINDACO Venezia, 4 agosto 2017 Ordinanza n. 564 OGGETTO: Divieto temporaneo di caccia sul fondo denominato Bosco Manente a Favaro Veneto IL SINDACO Premesso che: con deliberazione di Consiglio Comunale n. 180/2003

Dettagli

DISCIPLINARE PER LA CACCIA DI SELEZIONE AL CINGHIALE E PER LE PROCEDURE DI ABILITAZIONE

DISCIPLINARE PER LA CACCIA DI SELEZIONE AL CINGHIALE E PER LE PROCEDURE DI ABILITAZIONE DISCIPLINARE PER LA CACCIA DI SELEZIONE AL CINGHIALE E PER LE PROCEDURE DI ABILITAZIONE (Approvato con Deliberazione G.P. n. del ) A cura del Servizio Risorse Faunistiche DISCIPLINARE PER LA CACCIA DI

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL RECUPERO DEGLI UNGULATI FERITI

REGOLAMENTO PER IL RECUPERO DEGLI UNGULATI FERITI REGOLAMENTO PER IL RECUPERO DEGLI UNGULATI FERITI ART. 1 Principi generali 1. L Ambito Territoriale di Caccia Perugia 2 con il presente Regolamento istituisce il servizio di recupero degli ungulati feriti

Dettagli

ALLEGATO 4.A 1. SPECIE STANZIALI: PERIODI DI CACCIA E LIMITI DI CARNIERE PER CACCIATORE CARNIERE STAGIONALE MINILEPRE

ALLEGATO 4.A 1. SPECIE STANZIALI: PERIODI DI CACCIA E LIMITI DI CARNIERE PER CACCIATORE CARNIERE STAGIONALE MINILEPRE ALLEGATO 4 DISPOSIZIONI INTEGRATIVE AL CALENDARIO VENATORIO REGIONALE 2017/2018 PER IL TERRITORIO DI COMPETENZA DELL UTR CITTA METROPOLITANA, INCLUSO NEI CONFINI AMMINISTRATIVI DELLE PROVINCE DI MILANO

Dettagli

Calendario Venatorio Integrativo per la Zona faunistica delle Alpi della provincia di Vicenza

Calendario Venatorio Integrativo per la Zona faunistica delle Alpi della provincia di Vicenza Calendario Venatorio Integrativo per la Zona faunistica delle Alpi della provincia di Vicenza Stagione venatoria 2017-2018 (Legge n. 157/1992; L.R. n. 50/1993) 1) ADDESTRAMENTO E ALLENAMENTO DEI CANI DA

Dettagli

XIX CORSO PER CACCIATORI DI SELEZIONE AGLI UNGULATI

XIX CORSO PER CACCIATORI DI SELEZIONE AGLI UNGULATI XIX CORSO PER CACCIATORI DI SELEZIONE AGLI UNGULATI Il corso intende fornire la preparazione necessaria a conseguire l abilitazione di personale addetto ai censimenti di Ungulati ed al loro prelievo selettivo,

Dettagli

OSSERVAZIONI CALENDARIO VENATORIO 2009/2010 ALLEGATO A

OSSERVAZIONI CALENDARIO VENATORIO 2009/2010 ALLEGATO A Dr Antonino La Barbera OSSERVAZIONI CALENDARIO VENATORIO 2009/2010 ALLEGATO A g) dal 1 novembre 2009 al 31 gennaio 2010 incluso: mammiferi: cinghiale (Sus scrofa). La caccia al cinghiale non è prevista

Dettagli

CALENDARIO VENATORIO REGIONE PUGLIA A n n a t a 2007/2008

CALENDARIO VENATORIO REGIONE PUGLIA A n n a t a 2007/2008 CALENDARIO VENATORIO REGIONE PUGLIA A n n a t a 2007/2008 Vista la L. R. n 27 del 13.08.1998; Vista la L. R. n 12 del 29.07.2004; Visto il Decreto legge n. 7 del 31.01.2005; Visto il Piano Faunistico Venatorio

Dettagli

AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DI SIENA U.O.O. RISORSE FAUNISTICHE

AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DI SIENA U.O.O. RISORSE FAUNISTICHE AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DI SIENA U.O.O. RISORSE FAUNISTICHE REGOLAMENTO PROVINCIALE PER LA GESTIONE DELLE AREE PER L ADDESTRAMENTO, L ALLENAMENTO E LE GARE DEI CANI APPROVATO CON DELIBERA N. 7 DEL

Dettagli

CALENDARIO VENATORIO REGIONALE ( L.R.T. n. 20/2002 )

CALENDARIO VENATORIO REGIONALE ( L.R.T. n. 20/2002 ) PROVINCIA DI LUCCA Il Presidente della Giunta Provinciale VISTA LA LEGGE 11 FEBBRAIO 1992 N. 157, NORME PER LA PROTEZIONE DELLA FAUNA SELVATICA OMEOTERMA E PER IL PRELIEVO VENATORIO; VISTA LA LEGGE REGIONALE

Dettagli

PIANO FAUNISTICO PROVINCIALE PROVINCIA DI CUNEO

PIANO FAUNISTICO PROVINCIALE PROVINCIA DI CUNEO PIANO FAUNISTICO PROVINCIALE PROVINCIA DI CUNEO REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE, IL RINNOVO, LA REVOCA E LA GESTIONE DELLE ZONE PER ALLENAMENTO, ADDESTRAMENTO E GARE PER CANI DA CACCIA Articolo 1 La Provincia,

Dettagli