MODALITA E PRESCRIZIONI PER IL RECUPERO DEGLI UNGULATI FERITI.

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "MODALITA E PRESCRIZIONI PER IL RECUPERO DEGLI UNGULATI FERITI."

Transcript

1 Provincia di Ravenna Settore Agricoltura Caccia e pesca MODALITA E PRESCRIZIONI PER IL RECUPERO DEGLI UNGULATI FERITI.

2 Art 1 Recupero degli ungulati feriti 1. Il recupero degli ungulati feriti, in azione di caccia o per altre cause, è consentito esclusivamente con l ausilio di cani da traccia appositamente abilitati. 2. Possono procedere al recupero di ungulati feriti i conduttori di cani da traccia abilitati a norma dell art. 6 comma 2 del Regolamento regionale 6 aprile 1995 n Presso la Provincia è costituito l albo dei conduttori di cani da traccia al quale i cacciatori abilitati possono chiedere di essere iscritti per poter esercitare l attività di recupero. Detto Albo è aggiornato annualmente sulla base delle richieste e degli interventi prestati. 4. I recuperi, da svolgersi con l uso di un solo cane e con le armi di cui all art. 13 della legge 11 febbraio 1992 n. 157 possono essere effettuati anche fuori dagli orari previsti per la caccia e nelle giornale di silenzio venatorio su tutto il territorio provinciale. 5. Il servizio di recupero viene attivato direttamente dal cacciatore di selezione o dal caposquadra per le cacce collettive quando il ferimento è da imputarsi a fatti di caccia. 6. Il servizio di recupero può inoltre essere attivato dalla Provincia, dal Comitato di gestione dell ATC e dalla Commissione Tecnica di gestione degli ungulati, ogni qual volta occorra. 7. Negli ambiti protetti la ricerca degli ungulati feriti viene compiuta dai conduttori di cani da traccia, iscritti all Albo provinciale e autorizzati dalla Provincia, con l ausilio al massimo di due fucili. 8. Nelle Aziende venatorie la ricerca degli ungulati feriti viene compiuta dai conduttori dei cani da traccia iscritti all albo provinciale e autorizzati dal Concessionario dell azienda venatoria stessa. 9. Quando il ferimento è da imputarsi a fatti di caccia il capo recuperato è di proprietà del cacciatore che lo ha ferito, quando il ferimento è da imputarsi ad altre cause, il capo recuperato appartiene alla Provincia.

3 Art. 2 Caccia di selezione agli ungulati 1. Al momento dell accertato ferimento il cacciatore è tenuto al recupero del capo ferito attivando, all occorrenza, il servizio di recupero. 2. Il cacciatore accertato il ferimento, provvede alla localizzazione dell Anschuss e all individuazione di eventuali segni di ferimento, quindi è tenuto ad ufficializzare il ferimento stesso e ad attivare tempestivamente il servizio di recupero, collaborando con il conduttore del cane da traccia per il recupero del capo. 3. Il conduttore del cane da traccia, una volta attivato, assume la diretta e totale responsabilità dell intervento. 4. Durante l attività di recupero il conduttore del cane da traccia può farsi assistere da altro cacciatore di selezione munito dei necessari strumenti di comunicazione e trasporto, le cui generalità vengono indicate nella scheda di recupero. 5. Il conduttore del cane da traccia, a sua discrezione, può avvalersi dell ulteriore aiuto del cacciatore di selezione che ha procurato il ferimento; questi deve attenersi alle indicazioni impartitegli dal conduttore stesso. 6. Il conduttore del cane da traccia segnala alla provincia l inizio dell intervento mediante: a) comunicazione alla provincia mediante gli uffici dell U.O. caccia e pesca della sede di Ravenna, o presso la sede distaccata di Faenza, degli estremi della zona ove si appresta ad operare e del selecontrollore che lo ha richiesto; b) deposito nella cassette metallica dell apposito tagliando di controllo figlia, con le generalità e licenza di caccia del conduttore del cane da traccia, del coadiutore, nonché indicazione del selecontrollore che ha richiesto l intervento e della zona ed area interessata da cui prende avvio l intervento c) indicazione della decisione di farsi coadiuvare dal selecontrollore che ha richiesto l intervento. 7. Terminato il recupero il conduttore del cane da traccia consegna il capo recuperato al cacciatore che lo ha ferito, cui spetta di diritto, per i necessari adempimenti di legge. 8. Al termine dell intervento il conduttore del cane da caccia deposita il tagliando di controllo madre, con sopra indicato se il capo è stato recuperato, la località in questione ed eventuali colpi sparati, presenta inoltre alla commissione tecnica di gestione degli ungulati, o per suo tramite, alla Provincia la scheda di recupero debitamente compilata.

4 Art. 3 Caccia al cinghiale in battuta o braccata. 1. Al termine di ogni battuta o braccata il caposquadra è tenuto ad organizzare la ricerca degli animali feriti, avvalendosi, se necessario, anche dei soggetti di cui alla lett. f) del comma 1 dell art. 6 del Regolamento regionale 6 aprile 1995 n Qualora il recupero si protragga oltre il normale orario della giornata venatoria o nelle giornate di silenzio venatorio, possono procedere al recupero solamente i conduttori di cani da traccia appositamente abilitati dalla Provincia ed iscritti nell albo provinciale coadiuvati da idoneo cane da traccia, regolarmente riconosciuto. 3. Quando il caposquadra responsabile della battuta o braccata richiede l intervento del conduttore del cane da traccia, lo annota sulla scheda giornaliera di caccia in squadra. 4. Il conduttore del cane da traccia, quando si attiva per il recupero, segnala alla Provincia, mediante comunicazione agli uffici dell Unità Operativa Caccia e Pesca presso la sede in Ravenna, o la sede distaccata di Faenza, la località, il numero della zona di caccia in cui si appresta ad operare e la squadra che lo richiede. 5. Durante l attività di recupero il conduttore del cane da traccia può farsi assistere da non più di cinque cacciatori iscritti alla squadra organizzata, muniti dei necessari strumenti di comunicazione e trasporto, le cui generalità vengono indicate nella scheda di recupero. 6. La presenza alle operazioni di recupero del cacciatore che ha ferito il capo è obbligatoria. 7. Terminato il recupero il conduttore consegna il capo recuperato alla squadra per i necessari adempimento e presenta alla Commissione tecnica di gestione degli ungulati, e per suo tramite, alla Provincia la scheda riassuntiva dell intervento, debitamente compilata.

5 Art. 4 Addestramento dei cani da traccia su traccia naturale. 1. I possessori di cani da tracci, abilitati o meno, possono addestrare il cane alle attività di recupero anche durante le azioni di caccia agli ungulati. 2. L addestramento è consentito solo nell attività di ricerca del selvatico ferito o sul capo correttamente abbattuto. 3. Prima dell abbattimento o comunque dello sparo, il cane deve essere messo in condizione di non abbandonare il cacciatore. 4. Durante il percorso per raggiungere l appostamento di tiro o la posta il cane deve essere tenuto al guinzaglio. 5. E comunque vietata qualunque forma di caccia agli ungulati alla seguita o alla cerca con l ausilio del cane ad esclusione della girata e della braccata al cinghiale.

6 Art. 5 Addestramento dei cani da traccia su traccia artificiale 1. I conduttori di cani da traccia possono procedere, dopo averne data comunicazione all Unità Operativa Caccia e pesca, all addestramento dei cani, abilitati o meno, su traccia artificiale durante l intero anno solare. 2. In periodo di divieto generale dell attività venatoria, con esclusione del periodo di addestramento cani, il cane da traccia non ancora abilitato, suscettibile di disturbo alla selvaggina, è mantenuto al guinzaglio e lavora esclusivamente alla lunga. 3. Tale esercitazione non deve interferire con alcuna altra attività di carattere venatorio o sociale organizzato in concomitanza. 4. La comunicazione, a firma del conduttore abilitato interessato, viene recapitata all Unità Operativa Caccia e Pesca con almeno una settimana di anticipo sulla data di preparazione della traccia artificiale e deve contenere: località e descrizione del percorso riportato su adeguata cartografia; il tipo di segnali che identificano l inizio, il percorso e la fine della traccia; il giorno di preparazione il giorno in cui viene lavorata la traccia stessa.

REGOLAMENTO PER IL RECUPERO DEGLI UNGULATI FERITI

REGOLAMENTO PER IL RECUPERO DEGLI UNGULATI FERITI REGOLAMENTO PER IL RECUPERO DEGLI UNGULATI FERITI ART. 1 Principi generali 1. L Ambito Territoriale di Caccia Perugia 2 con il presente Regolamento istituisce il servizio di recupero degli ungulati feriti

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL RECUPERO DEGLI UNGULATI FERITI

REGOLAMENTO PER IL RECUPERO DEGLI UNGULATI FERITI REGOLAMENTO PER IL RECUPERO DEGLI UNGULATI FERITI ART. 1 Principi generali 1. L Ambito Territoriale di Caccia Perugia 2 con il presente Regolamento istituisce il servizio di recupero degli ungulati feriti

Dettagli

REGIONE TOSCANA CALENDARIO VENATORIO REGIONALE STAGIONE VENATORIA (L.R.T. N 20/2002) Capo I. Art. 1 Stagione venatoria e giornate di caccia

REGIONE TOSCANA CALENDARIO VENATORIO REGIONALE STAGIONE VENATORIA (L.R.T. N 20/2002) Capo I. Art. 1 Stagione venatoria e giornate di caccia REGIONE TOSCANA CALENDARIO VENATORIO REGIONALE (L.R.T. N 20/2002) Capo I STAGIONE VENATORIA Art. 1 Stagione venatoria e giornate di caccia 1. La stagione venatoria ha inizio la terza domenica di settembre

Dettagli

REGOLAMENTO PER L'ORGANIZZAZIONE E IL COORDINAMENTO DEL SERVIZIO DI RECUPERO DEGLI UNGULATI FERITI IN PROVINCIA DI BOLOGNA

REGOLAMENTO PER L'ORGANIZZAZIONE E IL COORDINAMENTO DEL SERVIZIO DI RECUPERO DEGLI UNGULATI FERITI IN PROVINCIA DI BOLOGNA Pagina 1 di 7 REGOLAMENTO PER L'ORGANIZZAZIONE E IL COORDINAMENTO DEL SERVIZIO DI RECUPERO DEGLI UNGULATI FERITI IN PROVINCIA DI BOLOGNA 1 Pagina 2 di 7 PROVINCIA DI BOLOGNA REGOLAMENTO PER L'ORGANIZZAZIONE

Dettagli

AMBITO TERRITORIALE DI CACCIA A

AMBITO TERRITORIALE DI CACCIA A AMBITO TERRITORIALE DI CACCIA A DELLA PROVINCIA DI MATERA Ufficio del Presidente e sede legale Via Cappelluti n. 35-75100 Matera Matera 30/11/2017 Prot. n. 67/17 CACCIA ALLA SPECIE VOLPE (Vulpes vulpes)

Dettagli

PROVINCIA DI PESCARA SETTORE IV - POLITICHE AMBIENTALI, ENERGETICHE E GENIO CIVILE

PROVINCIA DI PESCARA SETTORE IV - POLITICHE AMBIENTALI, ENERGETICHE E GENIO CIVILE Determina 2013-0003213 del 19/12/2013 Pagina 1 di 5 PROVINCIA DI PESCARA SETTORE IV - POLITICHE AMBIENTALI, ENERGETICHE E GENIO CIVILE Oggetto: Regolamentazione dell'utilizzo del cane da seguita nel periodo

Dettagli

Provincia di Benevento Regolamento Provinciale per la Gestione Faunistico Venatoria del Cinghiale - BOZZA -

Provincia di Benevento Regolamento Provinciale per la Gestione Faunistico Venatoria del Cinghiale - BOZZA - Provincia di Benevento Regolamento Provinciale per la Gestione Faunistico Venatoria del Cinghiale - BOZZA - Titolo I - Parte generale Art. 1 - Finalità Il presente regolamento disciplina la gestione faunistica

Dettagli

A.T.C. TO1 ZONA EPOREDIESE DISCIPLINA DEL PRELIEVO SULLA SPECIE CINGHIALE ZONA B A CACCIA REGOLAMENTATA

A.T.C. TO1 ZONA EPOREDIESE DISCIPLINA DEL PRELIEVO SULLA SPECIE CINGHIALE ZONA B A CACCIA REGOLAMENTATA A.T.C. TO1 ZONA EPOREDIESE DISCIPLINA DEL PRELIEVO SULLA SPECIE CINGHIALE ZONA B A CACCIA REGOLAMENTATA FINALITA 1. Razionalizzare il prelievo e ottimizzare gli abbattimenti; 2. Porre in atto una efficace

Dettagli

PROVINCIA DI GROSSETO

PROVINCIA DI GROSSETO Disciplinare inerente le modalità tecniche per l allenamento e l utilizzo dei cani da traccia ed il recupero dei capi feriti Regolamento Provinciale per la gestione faunistica e venatoria dei Cervidi e

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ORGANIZZAZIONE E IL COORDINAMENTO DEL SERVIZIO DI RECUPERO DEGLI UNGULATI FERITI IN PROVINCIA DI BOLOGNA

REGOLAMENTO PER L ORGANIZZAZIONE E IL COORDINAMENTO DEL SERVIZIO DI RECUPERO DEGLI UNGULATI FERITI IN PROVINCIA DI BOLOGNA REGOLAMENTO PER L ORGANIZZAZIONE E IL COORDINAMENTO DEL SERVIZIO DI RECUPERO DEGLI UNGULATI FERITI IN PROVINCIA DI BOLOGNA Il testo del presente Regolamento è stato approvato con deliberazione del Consiglio

Dettagli

AMBITO TERRITORIALE DI CACCIA AL1 VAL CERRINA - CASALESE. REGOLAMENTO PER LA CACCIA AL CINGHIALE Stagione venatoria 2014/2015

AMBITO TERRITORIALE DI CACCIA AL1 VAL CERRINA - CASALESE. REGOLAMENTO PER LA CACCIA AL CINGHIALE Stagione venatoria 2014/2015 AMBITO TERRITORIALE DI CACCIA AL1 VAL CERRINA - CASALESE REGOLAMENTO PER LA CACCIA AL CINGHIALE Stagione venatoria 2014/2015 1) CACCIA DI SELEZIONE AL CINGHIALE 1.1) Organizzazione del territorio La caccia

Dettagli

Domanda di costituzione gruppo di girata per la caccia al cinghiale

Domanda di costituzione gruppo di girata per la caccia al cinghiale PRODURRE IN BOLLO Spett.le Servizio Agricoltura Spazio Rurale Flora e Fauna Provincia di Forlì-Cesena Piazza Morgagni 2-47100 Forlì (FC) La domanda di costituzione della squadra deve essere inoltrata al

Dettagli

Comprensorio alpino n. 2

Comprensorio alpino n. 2 Comprensorio alpino n. 2 Arsiero, Laghi, Lastebasse, Pedemonte, Posina, Tonezza, Valdastico Facoltà assentite per la stagione 2014 2015 Caccia specialistica (Punto 2 calendario venatorio Z.A.). In tutte

Dettagli

REPUBBLICA DI SAN MARINO

REPUBBLICA DI SAN MARINO REPUBBLICA DI SAN MARINO DECRETO DELEGATO 6 agosto 2012 n.116 Noi Capitani Reggenti la Serenissima Repubblica di San Marino Visto l articolo 6, comma 1, lettera f), del Decreto Delegato 5 agosto 2011 n.129;

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA PROVINCIA DI VERONA

IL PRESIDENTE DELLA PROVINCIA DI VERONA IL PRESIDENTE DELLA PROVINCIA DI VERONA Vista la legge 11 febbraio 1992, n. 157, ed in particolare gli articoli 9 e 18 in ordine, rispettivamente, alle competenze della Provincia di materia di prelievo

Dettagli

Il soggetto organizzatore consegna a ciascun partecipante il materiale adeguato alla preparazione per sostenere la prova d esame.

Il soggetto organizzatore consegna a ciascun partecipante il materiale adeguato alla preparazione per sostenere la prova d esame. ALLEGATO B DISPOSIZIONI MINIME RELATIVE AI CORSI DI ABILITAZIONE AL CENSIMENTO E AL PRELIEVO SELETTIVO DEGLI UNGULATI, ALLA CACCIA AL CINGHIALE IN FORMA COLLETTIVA E A CAPOSQUADRA PER LA CACCIA COLLETTIVA

Dettagli

AVVISO PUBBLICO CORSO DI FORMAZIONE PER CONDUTTORI DI CANE LIMIERE IN GIRATA E OPERATORI DI GIRATA Destinatari del corso

AVVISO PUBBLICO CORSO DI FORMAZIONE PER CONDUTTORI DI CANE LIMIERE IN GIRATA E OPERATORI DI GIRATA Destinatari del corso ATCFR1 L A.T.C.FR/1 intende effettuare il corso di cui al seguente AVVISO che, stante la ristrettezza dei tempi, viene pubblicato in data odierna e fatta salva l autorizzazione da parte della Regione Lazio.

Dettagli

Disciplinare inerente le modalità tecniche per l allenamento e l utilizzo dei cani da traccia ed il recupero dei capi feriti

Disciplinare inerente le modalità tecniche per l allenamento e l utilizzo dei cani da traccia ed il recupero dei capi feriti Disciplinare inerente le modalità tecniche per l allenamento e l utilizzo dei cani da traccia ed il recupero dei capi feriti Regolamento Provinciale per la gestione faunistica e venatoria dei Cervidi e

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ORGANIZZAZIONE E IL COORDINAMENTO DEL SERVIZIO PROVINCIALE DI RECUPERO DEGLI UNGULATI FERITI IN PROVINCIA DI VARESE

REGOLAMENTO PER L ORGANIZZAZIONE E IL COORDINAMENTO DEL SERVIZIO PROVINCIALE DI RECUPERO DEGLI UNGULATI FERITI IN PROVINCIA DI VARESE REGOLAMENTO PER L ORGANIZZAZIONE E IL COORDINAMENTO DEL SERVIZIO PROVINCIALE DI RECUPERO DEGLI UNGULATI FERITI IN PROVINCIA DI VARESE APPROVATO CON DELIBERA DI CONSIGLIO PROVINCIALE N. 50 DEL 23 ottobre

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL RECUPERO DELLA FAUNA SELVATICA FERITA Approvato con Deliberazione Consiliare n. 17 dd ART.

REGOLAMENTO PER IL RECUPERO DELLA FAUNA SELVATICA FERITA Approvato con Deliberazione Consiliare n. 17 dd ART. REGOLAMENTO PER IL RECUPERO DELLA FAUNA SELVATICA FERITA Approvato con Deliberazione Consiliare n. 17 dd. 30.03.2015 ART. 1 GENERALITÀ Il presente regolamento disciplina, nel rispetto della normativa vigente

Dettagli

Caccia al cinghiale Art. 1

Caccia al cinghiale Art. 1 Testo Decreto Delegato Caccia al cinghiale 2016-2017 Art. 1 1. La caccia al cinghiale è esercitata esclusivamente in forma collettiva utilizzando il metodo della braccata, fatto salvo quanto previsto al

Dettagli

CAPO I CALENDARIO VENATORIO REGIONALE PER LA STAGIONE 2016/2017. Articolo 1 (Caccia programmata)

CAPO I CALENDARIO VENATORIO REGIONALE PER LA STAGIONE 2016/2017. Articolo 1 (Caccia programmata) CAPO I CALENDARIO VENATORIO REGIONALE PER LA STAGIONE 2016/2017 Articolo 1 (Caccia programmata) 1. Ai fini della razionale gestione delle risorse faunistiche sull intero territorio della Liguria si applica

Dettagli

Schema di Regolamento Regionale Regolamento per la caccia al cinghiale in forma collettiva

Schema di Regolamento Regionale Regolamento per la caccia al cinghiale in forma collettiva Schema di Regolamento Regionale Regolamento per la caccia al cinghiale in forma collettiva Articolo 1 Caccia al cinghiale in forma collettiva 1. La caccia al cinghiale in forma collettiva può essere esercitata

Dettagli

CHIEDE per l annualità 2016/2017

CHIEDE per l annualità 2016/2017 L.R. 0/00 - Regolamento per la gestione faunistico - venatoria degli ungulati n /0 e s.m.i. RICHIESTA DI ISCRIZIONE/CONFERMA REGISTRO SQUADRA COLLETTIVA (BRACCATA O GIRATA) E DI ASSEGNAZIONE/CONFERMA ZONA

Dettagli

CALENDARIO VENATORIO REGIONALE PER LA STAGIONE 2002/2003

CALENDARIO VENATORIO REGIONALE PER LA STAGIONE 2002/2003 ALLEGATO 1 ALLEGATO A CALENDARIO VENATORIO REGIONALE PER LA STAGIONE 2002/2003 Articolo 1. (Caccia programmata). 1. Ai fini della razionale gestione delle risorse faunistiche sull intero territorio della

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE:

IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE: 16 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - 130 suppl. del 16-11-2017 REGOLAMENTO REGIONALE 15 novembre 2017, n. 21 Regolamento per la caccia al cinghiale in forma collettiva IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA

Dettagli

REGIONE TOSCANA. LEGGE REGIONALE 10 giugno 2002, n Bollettino Ufficiale della Regione Toscana - n. 13

REGIONE TOSCANA. LEGGE REGIONALE 10 giugno 2002, n Bollettino Ufficiale della Regione Toscana - n. 13 REGIONE TOSCANA LEGGE REGIONALE 10 giugno 2002, n. 20 19.6.2002 Bollettino Ufficiale della Regione Toscana - n. 13 Modificata con L.R. n. 45 del 20 dicembre 2002 Avviso di rettifica B.U. 5 luglio 2002,

Dettagli

PROVINCIA DI ROMA. Regolamento della caccia al cinghiale

PROVINCIA DI ROMA. Regolamento della caccia al cinghiale PROVINCIA DI ROMA Regolamento della caccia al cinghiale Adottato con deliberazione del Consiglio Provinciale n. 41 del 13/09/2010 1 REGOLAMENTO DELLA CACCIA AL CINGHIALE NELLA PROVINCIA DI ROMA Art. 34

Dettagli

AMBITI TERRITORIALI DI CACCIA. Approvato dal Consiglio Direttivo dell A.T.C.MO2 nella seduta del Con validità a partire dal

AMBITI TERRITORIALI DI CACCIA. Approvato dal Consiglio Direttivo dell A.T.C.MO2 nella seduta del Con validità a partire dal REGOLAMENTO CACCIA DI SELEZIONE CAPRIOLO DAINO Approvato dal Consiglio Direttivo dell A.T.C.MO2 nella seduta del 12.02.2013 Con validità a partire dal 14.02.2013 1 Art. 1 Obiettivi e finalità Il presente

Dettagli

DECRETO DEL DIRIGENTE DELLA P.F. CACCIA E PESCA NELLE ACQUE INTERNE ##numero_data##

DECRETO DEL DIRIGENTE DELLA P.F. CACCIA E PESCA NELLE ACQUE INTERNE ##numero_data## DECRETO DEL DIRIGENTE DELLA P.F. CACCIA E PESCA NELLE ACQUE INTERNE ##numero_data## Oggetto: Modalità di restituzione all attività venatoria delle ZRC e dei CPURFS nel territorio dell ATC PS 2. VISTO il

Dettagli

ALLEGATO 2 DISCIPLINA PROVVISORIA DEL PRELIEVO SELETTIVO DEL CINGHIALE PER LA STAGIONE

ALLEGATO 2 DISCIPLINA PROVVISORIA DEL PRELIEVO SELETTIVO DEL CINGHIALE PER LA STAGIONE ALLEGATO 2 DISCIPLINA PROVVISORIA DEL PRELIEVO SELETTIVO DEL CINGHIALE PER LA STAGIONE 2015-2016 1 PREMESSA 1.1. La presente disciplina provvisoria del prelievo selettivo del cinghiale, con validità per

Dettagli

DISPOSIZIONI PER IL PRELIEVO VENATORIO AL CINGHIALE (Sus scrofa e relativi ibridi) IN REGIONE PIEMONTE

DISPOSIZIONI PER IL PRELIEVO VENATORIO AL CINGHIALE (Sus scrofa e relativi ibridi) IN REGIONE PIEMONTE Allegato A DISPOSIZIONI PER IL PRELIEVO VENATORIO AL CINGHIALE (Sus scrofa e relativi ibridi) IN REGIONE PIEMONTE 1. METODI DI PRELIEVO E SUDDIVISIONE TERRITORIALE 1. La gestione faunistico-venatoria del

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL CONTROLLO, LA GESTIONE E IL PRELIEVO VENATORIO DEL CINGHIALE (SUS SCROPHA L. 1758)

REGOLAMENTO PER IL CONTROLLO, LA GESTIONE E IL PRELIEVO VENATORIO DEL CINGHIALE (SUS SCROPHA L. 1758) Approvato con Deliberazione Consiliare n. 26 in data 19 maggio 2014 REGOLAMENTO PER IL CONTROLLO, LA GESTIONE E IL PRELIEVO VENATORIO DEL CINGHIALE (SUS SCROPHA L. 1758) Articolo 1 Finalità Il presente

Dettagli

Allegato al REGOLAMENTO PER IL CONTROLLO DELLE POPOLAZIONI DI CINGHIALE IN PROVINCIA DELLA SPEZIA

Allegato al REGOLAMENTO PER IL CONTROLLO DELLE POPOLAZIONI DI CINGHIALE IN PROVINCIA DELLA SPEZIA Allegato A Allegato al REGOLAMENTO PER IL CONTROLLO DELLE POPOLAZIONI DI CINGHIALE IN PROVINCIA DELLA SPEZIA specificazione ex art 36 comma 2 lett. c L.R. 29/94 ART. 1 - FINALITA Il presente regolamento

Dettagli

REGIONE LIGURIA - Giunta Regionale Dipartimento agricoltura, turismo, formazione e lavoro Politiche della montagna e della fauna selvatica - Settore

REGIONE LIGURIA - Giunta Regionale Dipartimento agricoltura, turismo, formazione e lavoro Politiche della montagna e della fauna selvatica - Settore CAPO I CALENDARIO VENATORIO REGIONALE PER LA STAGIONE 2017/2018 Articolo 1 (Caccia programmata) 1. Ai fini della razionale gestione delle risorse faunistiche sull intero territorio della Liguria si applica

Dettagli

RISULTATI DEI CENSIMENTI E FORMULAZIONE DEI PIANI DI PRELIEVO DEL CINGHIALE NELLE A.F.V. DELLA COLLINA RAVENNATE. STAGIONE VENATORIA 2010/2011.

RISULTATI DEI CENSIMENTI E FORMULAZIONE DEI PIANI DI PRELIEVO DEL CINGHIALE NELLE A.F.V. DELLA COLLINA RAVENNATE. STAGIONE VENATORIA 2010/2011. RISULTATI DEI CENSIMENTI E FORMULAZIONE DEI PIANI DI PRELIEVO DEL CINGHIALE NELLE A.F.V. DELLA COLLINA RAVENNATE. STAGIONE VENATORIA 2010/2011. Le A.F.V. GALLIANA, IL POGGIOLO, MONTE BATTAGLIA, NUOVA PUROCIELO,

Dettagli

PIANO DI CONTROLLO DEL CINGHIALE ALL INTERNO DEL PARCO REGIONALE DELL ABBAZIA DI MONTEVEGLIO

PIANO DI CONTROLLO DEL CINGHIALE ALL INTERNO DEL PARCO REGIONALE DELL ABBAZIA DI MONTEVEGLIO PIANO DI CONTROLLO DEL CINGHIALE ALL INTERNO DEL PARCO REGIONALE DELL ABBAZIA DI MONTEVEGLIO 1. Finalità di pubblico interesse perseguite Il Piano di controllo del cinghiale è uno degli strumenti attraverso

Dettagli

TESTO COORDINATO DELLE NORME VIGENTI IN MATERIA DI ADDESTRAMENTO E ALLENAMENTO DEI CANI DA CACCIA E PER LE PROVE E LE GARE CINOFILE.

TESTO COORDINATO DELLE NORME VIGENTI IN MATERIA DI ADDESTRAMENTO E ALLENAMENTO DEI CANI DA CACCIA E PER LE PROVE E LE GARE CINOFILE. ALL. A PROVINCIA DELLA SPEZIA Medaglia d Oro al Valor Militare per Attività Partigiana TESTO COORDINATO DELLE NORME VIGENTI IN MATERIA DI ADDESTRAMENTO E ALLENAMENTO DEI CANI DA CACCIA E PER LE PROVE E

Dettagli

AMBITO TERRITORIALE CACCIA LA SPEZIA. Disposizioni di attuazione del Regolamento regionale per la caccia di selezione agli ungulati CAPRIOLO

AMBITO TERRITORIALE CACCIA LA SPEZIA. Disposizioni di attuazione del Regolamento regionale per la caccia di selezione agli ungulati CAPRIOLO AMBITO TERRITORIALE CACCIA LA SPEZIA Disposizioni di attuazione del Regolamento regionale per la caccia di selezione agli ungulati CAPRIOLO Art. Principi generali. Le presenti Disposizioni di attuazione

Dettagli

REGIONE PIEMONTE PROVINCIA DI CUNEO GESTIONE FAUNISTICA E VENATORIA DEL CINGHIALE

REGIONE PIEMONTE PROVINCIA DI CUNEO GESTIONE FAUNISTICA E VENATORIA DEL CINGHIALE REGIONE PIEMONTE PROVINCIA DI CUNEO P.zza Dompè,13/A 12045 FOSSANO (CN) C.F. e P.I. 92011130041 e-mail: atc_cn1@libero.it TEL. e FAX 0172/48.83.72 GESTIONE FAUNISTICA E VENATORIA DEL CINGHIALE REGOLAMENTO

Dettagli

ATC PR 4. Regolamento per la caccia al Cervo.

ATC PR 4. Regolamento per la caccia al Cervo. ATC PR 4 Regolamento per la caccia al Cervo. Art. 1 - Il presente regolamento disciplina l accesso alla caccia di selezione, l assegnazione dei punteggi e delle penalità e la conseguente classifica valida

Dettagli

Alla cortese attenzione del Presidente dell ATC 3 Ternano-Orvietano, sig. Fontanella Leonardo

Alla cortese attenzione del Presidente dell ATC 3 Ternano-Orvietano, sig. Fontanella Leonardo Servizi e Consulenze per la Gestione Faunistica e Ambientale di Giovanni Giuliani Via B. Sforza 64, 61029 Urbino (PU) C. FISC. GLNGNN78D26L500D P.IVA 02475810418 Alla cortese attenzione del Presidente

Dettagli

REGOLAMENTO INTERNO PER LA GESTIONE FAUNISTICO-VENATORIA DEL CINGHIALE (D.G.R. n. 656 del 6/5/2008).

REGOLAMENTO INTERNO PER LA GESTIONE FAUNISTICO-VENATORIA DEL CINGHIALE (D.G.R. n. 656 del 6/5/2008). REGIONE BASILICATA AMBITO TERRITORIALE DI CACCIA B DELLA PROVINCIA DI MATERA Via G. Fortunato, 1 75018 STIGLIANO-(MT) Tel: 0835/566051 - fax :0835 /566522 - www.atcbmatera.it REGOLAMENTO INTERNO PER LA

Dettagli

CAPO I CALENDARIO VENATORIO REGIONALE PER LA STAGIONE 2013/2014

CAPO I CALENDARIO VENATORIO REGIONALE PER LA STAGIONE 2013/2014 CALENDARIO VENATORIO REGIONALE PER LA STAGIONE 2013/2014. ARTICOLO 34, COMMA 4, LEGGE REGIONALE 1 LUGLIO 1994, N. 29 (NORME REGIONALI PER LA PROTEZIONE DELLA FAUNA OMEOTERMA E PER IL PRELIEVO VENATORIO)

Dettagli

Ambito Territoriale di Caccia ASCOLI PICENO Via Salaria Inferiore, Ascoli Piceno

Ambito Territoriale di Caccia ASCOLI PICENO Via Salaria Inferiore, Ascoli Piceno Ambito Territoriale di Caccia ASCOLI PICENO Via Salaria Inferiore, 84 63100 Ascoli Piceno CORSO FORMATIVO per l abilitazione alla figura tecnica di CACCIATORE DI CINGHIALE IN FORMA COLLETTIVA (lett. e),

Dettagli

PRELIEVO SELETTIVO DEL CINGHIALE IN PROVINCIA DI BOLOGNA

PRELIEVO SELETTIVO DEL CINGHIALE IN PROVINCIA DI BOLOGNA Allegato n. 3 alla Determina Dirigenziale IP 1728 del 23 aprile 2013 PRELIEVO SELETTIVO DEL CINGHIALE IN PROVINCIA DI BOLOGNA Ai sensi dell'articolo 18 della Legge 157/92 Norme per la protezione della

Dettagli

b) Densità della specie cinghiale compatibile con le componenti faunistiche; con le attività produttive agricole e con le specie venabili.

b) Densità della specie cinghiale compatibile con le componenti faunistiche; con le attività produttive agricole e con le specie venabili. REGOLAMENTO PER IL PRELIEVO E L ESERCIZIO VENATORIO ALLA SPECIE CINGHIALE NELL A.T.C. NOVARA 2 SESIA in esecuzione alla DGR 6 maggio 2013, n. 17-5754 (approvato dal Comitato di Gestione dell ATC NO 2 del

Dettagli

(approvato con deliberazione consiliare n. 131 del )

(approvato con deliberazione consiliare n. 131 del ) IX SETTORE TUTELA DELL AMBIENTE Area Flora e Fauna REGOLAMENTO PER L ORGANIZZAZIONE E PER L ATTIVITA DI CONTROLLO DELLA FAUNA IN SOVRANNUMERO (approvato con deliberazione consiliare n. 131 del 13.12.2004)

Dettagli

ATTIVITA VENATORIA STAGIONE 2017/2018 NELL A.T.C. AL 4

ATTIVITA VENATORIA STAGIONE 2017/2018 NELL A.T.C. AL 4 ATTIVITA VENATORIA STAGIONE 2017/2018 NELL A.T.C. AL 4 SPECIE CACCIABILI APERTURA CHIUSURA TORTORA CORNACCHIA NERA, CORNACCHIA GRIGIA, GAZZA, GHIANDAIA PREAPERTURA DA APPOSTAMENTO TEMPORANEO IL 2 3-6 SETTEMBRE

Dettagli

A.T.C. SV 2 - PONENTE

A.T.C. SV 2 - PONENTE A.T.C. SV 2 - PONENTE PROCEDURE PER LA CACCIA AL CINGHIALE IN FORMA COLLETTIVA STAGIONE VENATORIA 2016/2017 PREMESSA L'A.T.C. SV 2 in applicazione a quanto disposto dal Regolamento Regionale per la Caccia

Dettagli

CITTA METROPOLITANA DI BOLOGNA

CITTA METROPOLITANA DI BOLOGNA Allegato n. 1 alla Determina Dirigenziale IP 1927/2015 PRELIEVO SELETTIVO DEL CINGHIALE NEL TERRITORIO DELLA CITTA METROPOLITANA DI BOLOGNA Ai sensi dell'articolo 18 della Legge 157/92 Norme per la protezione

Dettagli

CAPO I CALENDARIO VENATORIO REGIONALE PER LA STAGIONE 2014/2015. Articolo 1 (Caccia programmata)

CAPO I CALENDARIO VENATORIO REGIONALE PER LA STAGIONE 2014/2015. Articolo 1 (Caccia programmata) Anno XLV - N. 16 BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LIGURIA Parte II 16.04.2014 - pag. 32 CAPO I CALENDARIO VENATORIO REGIONALE PER LA STAGIONE 2014/2015 Articolo 1 (Caccia programmata) 1. Ai fini della

Dettagli

Regolamento per il recupero degli Ungulati feriti nel territorio della Provincia di Lecco

Regolamento per il recupero degli Ungulati feriti nel territorio della Provincia di Lecco PROVINCIA DI LECCO Regolamento per il recupero degli Ungulati feriti nel territorio della Provincia di Lecco Articolo 1 Oggetto del regolamento Il presente regolamento disciplina l attività di ricerca

Dettagli

CONSIGLIO REGIONALE DELLA LIGURIA

CONSIGLIO REGIONALE DELLA LIGURIA CONSIGLIO REGIONALE DELLA LIGURIA PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA DEI CONSIGLIERI REGIONALI: Franco ORSI Francesco BRUZZONE Gabriele SALDO Franco ROCCA Matteo MARCENARO Giovanni MACCHIAVELLO Alessio SASO

Dettagli

Regolamento per la caccia al cinghiale

Regolamento per la caccia al cinghiale Ambito territoriale di Caccia VV 2 Regolamento per la caccia al cinghiale Art. 1 1 Finalità Il presente regolamento, nel rispetto delle norme vigenti, disciplina e pianifica la caccia alla specie del cinghiale.

Dettagli

ATC Vastese. - stagione venatoria 2017/2018 -

ATC Vastese. - stagione venatoria 2017/2018 - ATC Vastese REGOLAMENTO D ESERCIZIO DELLA CACCIA DI SELEZIONE AL CINGHIALE - stagione venatoria 2017/2018-1. L ATC Vastese, tramite il proprio tecnico faunistico, redige annualmente il Piano di assestamento.

Dettagli

DISCIPLINARE PER LA CACCIA DI SELEZIONE AL CINGHIALE E PER LE PROCEDURE DI ABILITAZIONE

DISCIPLINARE PER LA CACCIA DI SELEZIONE AL CINGHIALE E PER LE PROCEDURE DI ABILITAZIONE DISCIPLINARE PER LA CACCIA DI SELEZIONE AL CINGHIALE E PER LE PROCEDURE DI ABILITAZIONE (Approvato con Deliberazione G.P. n. del ) A cura del Servizio Risorse Faunistiche DISCIPLINARE PER LA CACCIA DI

Dettagli

Regolamento per la caccia al Cervo A.T.C. PR8 (rev.2017)

Regolamento per la caccia al Cervo A.T.C. PR8 (rev.2017) Regolamento per la caccia al Cervo A.T.C. PR8 (rev.2017) Art. 1 - Il presente regolamento disciplina l accesso alla caccia di selezione, l assegnazione dei punteggi e delle penalità e la conseguente classifica

Dettagli

RACCOLTA DEGLI EMENDAMENTI D AULA DISEGNO DI LEGGE N. 179

RACCOLTA DEGLI EMENDAMENTI D AULA DISEGNO DI LEGGE N. 179 RACCOLTA DEGLI EMENDAMENTI D AULA al DISEGNO DI LEGGE N. 179

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL CONTROLLO DELLE POPOLAZIONI DI CINGHIALE IN PROVINCIA DELLA SPEZIA

REGOLAMENTO PER IL CONTROLLO DELLE POPOLAZIONI DI CINGHIALE IN PROVINCIA DELLA SPEZIA REGOLAMENTO PER IL CONTROLLO DELLE POPOLAZIONI DI CINGHIALE IN PROVINCIA DELLA SPEZIA ART. 1 - FINALITA Il presente regolamento disciplina gli interventi di controllo delle popolazioni di cinghiale in

Dettagli

REGOLAMENTO ATTUATIVO PER LA GESTIONE E IL PRELIEVO DEL CINGHIALE NEL TERRITORIO DELL ATC PS2

REGOLAMENTO ATTUATIVO PER LA GESTIONE E IL PRELIEVO DEL CINGHIALE NEL TERRITORIO DELL ATC PS2 Ambito Territoriale di Caccia Pesaro 2 REGOLAMENTO ATTUATIVO PER LA GESTIONE E IL PRELIEVO DEL CINGHIALE NEL TERRITORIO DELL ATC PS2 (Reg. Reg. n. 3/12 e ss. mm. e ii.) Stagione Venatoria 2013-2014 ART.

Dettagli

L esercizio venatorio, nella stagione 2013/2014, è consentito con le seguenti modalità:

L esercizio venatorio, nella stagione 2013/2014, è consentito con le seguenti modalità: ALLEGATO A La Giunta regionale Vista la legge 11 febbraio 1992, n. 157 Visto l art. 11- quaterdecies della legge 2 dicembre 2005, n. 248 Visto l art. 40 della l.r. 4 maggio 2012, n. 5 Vista la D.G.R. n.

Dettagli

PRELIEVO SELETTIVO DEL CINGHIALE IN PROVINCIA DI BOLOGNA

PRELIEVO SELETTIVO DEL CINGHIALE IN PROVINCIA DI BOLOGNA Allegato n. 3 alla Delibera di Giunta Provinciale I.P. 2252/2009 PRELIEVO SELETTIVO DEL CINGHIALE IN PROVINCIA DI BOLOGNA Ai sensi dell'articolo 18 della Legge 157/92 Norme per la protezione della fauna

Dettagli

REGOLAMENTO PROVINCIALE PER LA COSTITUZIONE E GESTIONE DELLE ZONE ADDESTRAMENTO CANI E GARE CINOFILE N. 37/99 e s.m.i.

REGOLAMENTO PROVINCIALE PER LA COSTITUZIONE E GESTIONE DELLE ZONE ADDESTRAMENTO CANI E GARE CINOFILE N. 37/99 e s.m.i. REGOLAMENTO PROVINCIALE PER LA COSTITUZIONE E GESTIONE DELLE ZONE ADDESTRAMENTO CANI E GARE CINOFILE N. 37/99 e s.m.i. ART. 1 (Finalità) 1. Il presente regolamento disciplina la costituzione e le modalità

Dettagli

PROVINCIA DI SONDRIO

PROVINCIA DI SONDRIO PROVINCIA DI SONDRIO DELIBERAZIONE DEL PRESIDENTE DELLA PROVINCIA N. 97 Oggetto: INTEGRAZIONE AL CALENDARIO VENATORIO DELLA PROVINCIA DI SONDRIO- STAGIONE VENATORIA 2015/2016 L anno 2015 (DUEMILAQUINDICI),

Dettagli

TITOLO I Principi e disposizioni generali. Art. 1 (Finalità)

TITOLO I Principi e disposizioni generali. Art. 1 (Finalità) Regione Abruzzo Indirizzi generali per la gestione delle popolazioni di cinghiale e principi generali per la gestione delle popolazioni di cervo e capriolo TITOLO I Principi e disposizioni generali Art.

Dettagli

Comprensorio alpino n. 6 Bassano, Campolongo Valstagna, Conco, Lusiana e Marostica. Facoltà assentite per la stagione

Comprensorio alpino n. 6 Bassano, Campolongo Valstagna, Conco, Lusiana e Marostica. Facoltà assentite per la stagione Comprensorio alpino n. 6 Bassano, Campolongo Valstagna, Conco, Lusiana e Marostica. Facoltà assentite per la stagione 2014 2015 Addestramento cani. (Punto 1 Calendario venatorio Z.A.) Riserva di Camplongo

Dettagli

Cosa cambia: cultura della sicurezza pianificazione e programmazione regionale faunistico-venatoria nuovi organismi informativi e consultivi

Cosa cambia: cultura della sicurezza pianificazione e programmazione regionale faunistico-venatoria nuovi organismi informativi e consultivi 1 Cosa cambia: cultura della sicurezza pianificazione e programmazione regionale faunistico-venatoria nuovi organismi informativi e consultivi governance regionale istituti faunistici e faunistico-venatori

Dettagli

AMBITO TERRITORIALE DI CACCIA B

AMBITO TERRITORIALE DI CACCIA B REGOLAMENTO CACCIA AL CINGHIALE Approvato con verbale nr. 08/14 del 12 agosto 2014 1 REGOLAMENTO INTERNO PER LA GESTIONE FAUNISTICO-VENATORIA DEL CINGHIALE (D.G.R. n. 656 del 6/5/2008). Fatto salvo quanto

Dettagli

LEGGE CONSIGLIO REGIONALE N. 160

LEGGE CONSIGLIO REGIONALE N. 160 X LEGISLATURA ATTI: 13920 LEGGE CONSIGLIO REGIONALE N. 160 Gestione faunistico - venatoria del cinghiale e recupero degli ungulati feriti Approvata nella seduta del 11 luglio 2017 Servizio Segreteria dell

Dettagli

PROVINCIA DI GROSSETO AREA TERRITORIO AMBIENTE SOSTENIBILITA U.O.C. Caccia e Pesca. Articolo 1 Generalità

PROVINCIA DI GROSSETO AREA TERRITORIO AMBIENTE SOSTENIBILITA U.O.C. Caccia e Pesca. Articolo 1 Generalità DISCIPLINARE PER ASSEGNAZIONE DEL BREVETTO DI CONDUTTORE DI CANE LIMIERE E OPERATORE DI GIRATA Articolo 1 Generalità 1) L attività di conduttore di cane Limiere in girata può essere fatta sia in regime

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL PRELIEVO E L ESERCIZIO VENATORIO ALLA SPECIE CINGHIALE NELL ATC VC1 IN ESECUZIONE DELLA D.G.R. N DEL 06/05/2013

REGOLAMENTO PER IL PRELIEVO E L ESERCIZIO VENATORIO ALLA SPECIE CINGHIALE NELL ATC VC1 IN ESECUZIONE DELLA D.G.R. N DEL 06/05/2013 AMBITO TERRITORIALE DI CACCIA A.T.C.VC1 VIA VERCELLI 44 13030 CARESANABLOT TEL./FAX 0161 58181 REGOLAMENTO PER IL PRELIEVO E L ESERCIZIO VENATORIO ALLA SPECIE CINGHIALE NELL ATC VC1 IN ESECUZIONE DELLA

Dettagli

Capitolo VIII ESERCIZIO DELLA CACCIA

Capitolo VIII ESERCIZIO DELLA CACCIA Capitolo VIII ESERCIZIO DELLA CACCIA La legge sulla caccia regola i vari modi di prelievo, ne fissa le norme per l esercizio, stabilisce sanzioni per chi tali norme non osserva, ma non sempre disciplina

Dettagli

L esercizio venatorio nella stagione 2014/2015, è consentito con le seguenti modalità:

L esercizio venatorio nella stagione 2014/2015, è consentito con le seguenti modalità: ALLEGATO A CALENDARIO VENATORIO PER LA STAGIONE 2014/2015 L esercizio venatorio nella stagione 2014/2015, è consentito con le seguenti modalità: 1) SPECIE E PERIODI DI ATTIVITA' VENATORIA 1.1. Ai fini

Dettagli

CAPO I. CALENDARIO VENATORIO PER LE STAGIONI VENATORIE 2008/2009, 2009/2010 e 2010/2011. Articolo 1 (Caccia programmata)

CAPO I. CALENDARIO VENATORIO PER LE STAGIONI VENATORIE 2008/2009, 2009/2010 e 2010/2011. Articolo 1 (Caccia programmata) LEGGE REGIONALE 6 GIUGNO 2008 N. 12 Calendario venatorio regionale triennale e modifiche alla legge regionale 1 luglio 1994, n. 29 (norme regionali per la protezione della fauna omeoterma e per il prelievo

Dettagli

E PER LE GARE E LE PROVE CINOFILE

E PER LE GARE E LE PROVE CINOFILE DIPARTIMENTO 3 XII SETTORE AMBIENTE REGOLAMENTO PER L ALLENAMENTO E L ADDESTRAMENTO DI CANI E PER LE GARE E LE PROVE CINOFILE L. 157/92, art. 10 comma 8 lett. e) L.R. 7/95 art. 33 REGOLAMENTO PER L ALLENAMENTO

Dettagli

PROTOCOLLO OPERATIVO PER L APPLICAZIONE DEL PIANO DI CONTROLLO DEL CINGHIALE (Sus scrofa) IN PROVINCIA DI FIRENZE

PROTOCOLLO OPERATIVO PER L APPLICAZIONE DEL PIANO DI CONTROLLO DEL CINGHIALE (Sus scrofa) IN PROVINCIA DI FIRENZE (Allegato al Piano di Intervento di cui all art. 93, 3 comma Reg. Regionale 34/2002) PROTOCOLLO OPERATIVO PER L APPLICAZIONE DEL PIANO DI CONTROLLO DEL CINGHIALE (Sus scrofa) IN PROVINCIA DI FIRENZE Introduzione

Dettagli

Regolamento per la caccia al Cinghiale in forma collettiva ed indicazioni di gestione faunistica della specie

Regolamento per la caccia al Cinghiale in forma collettiva ed indicazioni di gestione faunistica della specie Provincia di Genova Direzione Ambiente, Ambiti Naturali e Trasporti Regolamento per la caccia al Cinghiale in forma collettiva ed indicazioni di gestione faunistica della specie CAPO I Principi Generali

Dettagli

Regolamento Regionale 3/12 e ss. mm. ed ii.

Regolamento Regionale 3/12 e ss. mm. ed ii. Regolamento Regionale 3/12 e ss. mm. ed ii. Disciplina per la gestione degli ungulati nel territorio regionale, in attuazione della legge regionale 5 gennaio 1995, n. 7 (Norme per la protezione della fauna

Dettagli

PROVINCIA DI TERNI SETTORE ASSETTO DEL TERRITORIO

PROVINCIA DI TERNI SETTORE ASSETTO DEL TERRITORIO PROVINCIA DI TERNI SETTORE ASSETTO DEL TERRITORIO U.O. PROGRAMMAZIONE ITTICO-FAUNISTICA Via Plinio il Giovane, 21 05100 TERNI Tel. 0744/483.503-508 Fax 0744/483514 CIRCONDARIO DI ORVIETO Piazza Duomo,

Dettagli

NORME DI GESTIONE DELLE AREE PER L ADDESTRAMENTO, L ALLENAMENTO E LE GARE DEI CANI

NORME DI GESTIONE DELLE AREE PER L ADDESTRAMENTO, L ALLENAMENTO E LE GARE DEI CANI NORME DI GESTIONE DELLE AREE PER L ADDESTRAMENTO, L ALLENAMENTO E LE GARE DEI CANI (Approvato con DGP n. 71 del 28/04/2000) INDICE ART. 1 FINALITA pag. ART. 2 TIPOLOGIA DELLE AREE pag. ART. 3 DIMENSIONI

Dettagli

FRONTESPIZIO DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE. n / 2014 del 30/05/2014

FRONTESPIZIO DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE. n / 2014 del 30/05/2014 FRONTESPIZIO DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE n. 1134 / 2014 del 30/05/2014 Oggetto: SERVIZIO AGRICOLTURA E RISORSE NATURALI - R.R. 1/2008 - PIANI DI PRELIEVO DI SELEZIONE DEL CINGHIALE 2014/2015 - APPROVAZIONE.

Dettagli

Decreto Dirigenziale n. 23 del 17/08/2017

Decreto Dirigenziale n. 23 del 17/08/2017 Decreto Dirigenziale n. 23 del 17/08/2017 Direzione Generale 07 Direzione Generale per le Politiche Agricole, Alimentari e Forestali Oggetto dell'atto: Calendario venatorio 2017/2018 caccia al cinghiale

Dettagli

51 - legge re alla legge regionale 10 giugno 2002, n. 20 Calendario

51 - legge re alla legge regionale 10 giugno 2002, n. 20 Calendario domenica di settembre e 1 febbraio - 15 marzo il prelievo è consentito per cinque giorni la settimana escluso il martedì e il venerdì.. della Regione. E fatto obbligo a chiunque spetti di osservarla e

Dettagli

CONTENUTI DEL PERCORSO FORMATIVO SU STARNA E PERNICE ROSSA

CONTENUTI DEL PERCORSO FORMATIVO SU STARNA E PERNICE ROSSA CONTENUTI DEL PERCORSO FORMATIVO SU STARNA E PERNICE ROSSA 1. Guida sintetica alla gestione. Fornisce le riposte alle principali domande poste dai cacciatori in merito alla gestione di Starna e Pernice

Dettagli

CALENDARIO VENATORIO PROVINCIALE - ANNO 2011/2012

CALENDARIO VENATORIO PROVINCIALE - ANNO 2011/2012 PROVINCIA DI SAVONA SERVIZIO CONTROLLO TERRITORIALE CALENDARIO VENATORIO PROVINCIALE - ANNO 2011/2012 I L P R E S I D E N T E VISTA la legge n. 157 del 11/02/1992 e ss.mm.ii.; VISTA la legge regionale

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA PROVINCIA DI VERONA

IL PRESIDENTE DELLA PROVINCIA DI VERONA IL PRESIDENTE DELLA PROVINCIA DI VERONA Vista la legge 11 febbraio 1992, n. 157, ed in particolare gli articoli 9 e 18 in ordine, rispettivamente, alle competenze della Provincia di materia di prelievo

Dettagli

DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE - PER BATTUTA DI CACCIA ALLA VOLPE IN SQUADRA - NEL TERRITORIO DEL C.A. CN 4 Valle Stura. CHIEDE

DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE - PER BATTUTA DI CACCIA ALLA VOLPE IN SQUADRA - NEL TERRITORIO DEL C.A. CN 4 Valle Stura. CHIEDE SCHEDA DOMANDA n. 1 AL Presidente del Comprensorio Alpino CN 4 Valle Stura Via Divisione Cuneense, 5 12014 DEMONTE DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE - PER BATTUTA DI CACCIA ALLA VOLPE IN SQUADRA - NEL TERRITORIO

Dettagli

XIX CORSO PER CACCIATORI DI SELEZIONE AGLI UNGULATI

XIX CORSO PER CACCIATORI DI SELEZIONE AGLI UNGULATI XIX CORSO PER CACCIATORI DI SELEZIONE AGLI UNGULATI Il corso intende fornire la preparazione necessaria a conseguire l abilitazione di personale addetto ai censimenti di Ungulati ed al loro prelievo selettivo,

Dettagli

Regolamento per la gestione venatoria della specie cinghiale

Regolamento per la gestione venatoria della specie cinghiale AMBITO TERRITORIALE CACCIA ATC - AT2 SUD TANARO" Via Valle S. Giovanni, 8 14049 Nizza Monferrato Asti Telefono e fax 0141-793679 E-mail: atcat2@alice.it Regolamento per la gestione venatoria della specie

Dettagli

CORSI DI PREPARAZIONE ALLA GESTIONE FAUNISTICA DI CUI ALLA L.R. N. 8/1994, ART. 16, COMMA 3 E SUCCESSIVE MODIFICHE

CORSI DI PREPARAZIONE ALLA GESTIONE FAUNISTICA DI CUI ALLA L.R. N. 8/1994, ART. 16, COMMA 3 E SUCCESSIVE MODIFICHE (Dalla DGR n. 1104/2005) CORSI DI PREPARAZIONE ALLA GESTIONE FAUNISTICA DI CUI ALLA L.R. N. 8/1994, ART. 16, COMMA 3 E SUCCESSIVE MODIFICHE I corsi vengono istituiti per il controllo delle specie maggiormente

Dettagli

nato a ( ) il (comune di nascita) (prov.) (data) residente in ( ) (comune di residenza) via N (recapito telefonico) (nome della squadra)

nato a ( ) il (comune di nascita) (prov.) (data) residente in ( ) (comune di residenza) via N  (recapito telefonico) (nome della squadra) COMPILARE IN STAMPATELLO RICHIESTA ISCRIZIONE SQUADRA PER LA CACCIA AL CINGHIALE IN FORMA COLLETTIVA (DA COMPILARE A CURA DEL CAPOSQUADRA E CONSEGNARE ALL ATC ENTRO IL 20 SETTEMBRE 2016) All Ambito Territoriale

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL PRELIEVO E L ESERCIZIO VENATORIO ALLA SPECIE CINGHIALE NELL ATC VC1 IN ESECUZIONE DELLA D.G.R. N DEL 06/05/2013

REGOLAMENTO PER IL PRELIEVO E L ESERCIZIO VENATORIO ALLA SPECIE CINGHIALE NELL ATC VC1 IN ESECUZIONE DELLA D.G.R. N DEL 06/05/2013 AMBITO TERRITORIALE DI CACCIA A.T.C.VC1 VIA VERCELLI 44 13030 CARESANABLOT TEL./FAX 0161 58181 REGOLAMENTO PER IL PRELIEVO E L ESERCIZIO VENATORIO ALLA SPECIE CINGHIALE NELL ATC VC1 IN ESECUZIONE DELLA

Dettagli

Giunta Regionale della Campania Direzione Generale per le Politiche Agricole, Alimentari e Forestali Servizio Territoriale Provinciale Benevento

Giunta Regionale della Campania Direzione Generale per le Politiche Agricole, Alimentari e Forestali Servizio Territoriale Provinciale Benevento Giunta Regionale della Campania Direzione Generale per le Politiche Agricole, Alimentari e Forestali Servizio Territoriale Provinciale Benevento (ALLEGATO A) DISCIPLINARE PER LA GESTIONE E L ESERCIZIO

Dettagli

APPOSTAMENTI. Descrizione Violazione Legge e Articoli Violati Sanzioni Sequestro (Art. 60) art. 58 lettera q. L. R.T.n. 3/94. art.

APPOSTAMENTI. Descrizione Violazione Legge e Articoli Violati Sanzioni Sequestro (Art. 60) art. 58 lettera q. L. R.T.n. 3/94. art. APPOSTAMENTI Descrizione Violazione Legge e Articoli Violati Sanzioni Sequestro (Art. 60) Competenze Utilizzare, per la costruzione di L.R.T. n.20 del L. R. T. 3/94 app. temporanei, materiale 10/6/02 art.3

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E IL PRELIEVO VENATORIO DEL CINGHIALE (SUS SCROPHA L. 1758) Articolo 1 Finalità

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E IL PRELIEVO VENATORIO DEL CINGHIALE (SUS SCROPHA L. 1758) Articolo 1 Finalità Allegato alla deliberazione del Consiglio Provinciale n. 19 R.V. in data 25.06.2012 REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E IL PRELIEVO VENATORIO DEL CINGHIALE (SUS SCROPHA L. 1758) Articolo 1 Finalità 1. Il presente

Dettagli

Parte prima - N. 9 Euro 0,41. Anno maggio 2008 N. 89 Sommario

Parte prima - N. 9 Euro 0,41. Anno maggio 2008 N. 89 Sommario Parte prima - N. 9 Euro 0,41 Anno 39 28 maggio 2008 N. 89 Sommario REGOLAMENTI REGIONALI REGOLAMENTO REGIONALE REGOLAMENTO REGIONALE 27 maggio 2008, n. 1 Regolamento per la gestione degli ungulati in Emilia-Romagna

Dettagli

Servizio Polizia Provinciale, Ufficio di Presidenza, Istruzione e Formazione, Pari Opportunità ********* DETERMINAZIONE

Servizio Polizia Provinciale, Ufficio di Presidenza, Istruzione e Formazione, Pari Opportunità ********* DETERMINAZIONE PROVINCIA DI PIACENZA Servizio Polizia Provinciale, Ufficio di Presidenza, Istruzione e Formazione, Pari Opportunità ********* DETERMINAZIONE Proposta n. SRPOLPRO 852/2016 Determ. n. 689 del 05/07/2016

Dettagli

Servizio Servizio Gabinetto del Presidente. Corpo di Polizia Provinciale. Protezione civile. Tutela faunistica ********* DETERMINAZIONE

Servizio Servizio Gabinetto del Presidente. Corpo di Polizia Provinciale. Protezione civile. Tutela faunistica ********* DETERMINAZIONE Servizio Servizio Gabinetto del Presidente. Corpo di Polizia Provinciale. Protezione civile. Tutela faunistica ********* DETERMINAZIONE Proposta n. SRPOLPRO 3188/2014 Determ. n. 2725 del 23/12/2014 Oggetto:

Dettagli

1) Caccia al cinghiale in area non vocata

1) Caccia al cinghiale in area non vocata Piano per la caccia di selezione al cinghiale nelle aree non vocate alla specie della Provincia di Firenze In attuazione del Piano Faunistico Venatorio Provinciale 2012-2015 1) Caccia al cinghiale in area

Dettagli