Regolamento per la caccia di selezione al cinghiale nell'atc Arezzo

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Regolamento per la caccia di selezione al cinghiale nell'atc Arezzo"

Transcript

1 Regolamento per la caccia di selezione al cinghiale nell'atc Arezzo 1- L'ATC Arezzo, laddove i Distretti di caccia di selezione ai Cervidi e Bovidi costituiti e operanti alla data del 15 giugno 2016 ricadano anche parzialmente nelle aree non vocate alla specie cinghiale risultanti dal PFVP di Arezzo 2012/2015, conferma tali distretti di caccia aggiungendo la specie Cinghiale cacciabile in selezione e annettendo porzioni di territorio non vocato per la caccia al cinghiale organizzate in aree di gestione (sottozone) al territorio dei Distretti di caccia di selezione ai Cervidi e Bovidi (L. R. T. 9 febbraio 2016 n. 10, e DGRT n. 546 del 07/06/16 (Piano di Gestione o Calendario Venatorio della specie cinghiale). 2- Nelle rimanenti aree non vocate vengono individuati ulteriori quattro distretti, suddivisi anch'essi in aree di gestione (sottozone) per la specie cinghiale. 3- Ogni cacciatore abilitato al prelievo selettivo del cinghiale, in fase di prima attuazione, può iscriversi in un solo distretto ricompreso nel subambito di Residenza Venatoria I Proprietari o Conduttori, in sede di prima applicazione, sono iscritti di diritto nei distretti dove sono ricompresi i loro terreni di proprietà e/o conduzione, purché iscritti al relativo Subambito e siano in possesso dell' abilitazione al prelievo selettivo valido per il territorio della Regione Toscana I cacciatori, in sede di prima applicazione, che risultano iscritti nei distretti per la selezione ai cervidi e bovidi che ricadono anche parzialmente nell'area non vocata per il cinghiale, non dovranno efettuare nessuna iscrizione in quanto automaticamente iscritti d ufcio a tale distretto anche per il prelievo selettivo del cinghiale I cacciatori iscritti ad un distretto capriolo possono chiedere il cambio della sottozona verso una area di gestione per la specie cinghiale solo dopo aver completato gli abbattimenti relativi al periodo della specie capriolo. Tutti i cacciatori iscritti ai distretti Cervidi che hanno terminato l'abbattimento dei capi assegnati, disgiunti per ogni periodo di caccia, potranno spostarsi nelle sottozone non vocate al Cinghiale, utilizzando la teleprenotazione Nel caso di un cacciatore già iscritto ad un distretto capriolo nel quale non siano presenti aree non vocate per il cinghiale questo può chiedere di essere iscritto ad altro distretto per il solo prelievo selettivo del cinghiale con

2 i criteri di priorità di seguito riportati 3.6- Nel caso che un cacciatore già iscritto ad un distretto di capriolo nel quale siano presenti aree non vocate per la caccia al cinghiale intenda rinunciare a tale distretto ai fni del prelievo selettivo del cinghiale, potrà chiedere l'iscrizione soltanto ad uno dei nuovi quattro distretti denominati Val di Chiana 1, Val di Chiana 2, Val di Chiana 3 e Tevere con i criteri di priorità di seguito riportati; in tale caso per la caccia al capriolo nel suo distretto non potrà usare le sottozone che sono in area non vocata al cinghiale; 3.7- I cacciatori che non sono iscritti ad un distretto di capriolo potranno essere iscritti ad uno qualsiasi dei distretti per il prelievo selettivo del cinghiale. con i criteri di priorità di seguito riportati 3.8- I cacciatori, in sede di prima applicazione, iscritti ad una squadra del cinghiale il cui territorio ricade in tutto o in parte entro un distretto non dovranno efettuare nessuna iscrizione in quanto automaticamente iscritti d ufcio a tale distretto anche per il prelievo selettivo del cinghiale. Nel caso che il territorio ricada su più distretti verranno iscritti a quello territorialmente prevalente Nel caso che un cacciatore iscritto ad una squadra di caccia al cinghiale che ricade tutto o in parte entro un distretto intenda rinunciare a tale distretto ai fni del prelievo selettivo del cinghiale, potrà chiedere l'iscrizione soltanto ad uno dei nuovi quattro distretti denominati Val di Chiana 1, Val di Chiana 2, Val di Chiana 3, Tevere. 4- in caso di richieste superiori ai posti disponibili nei singoli distretti, verrà stilata una graduatoria che tenga conto delle seguenti priorità: a) residenza anagrafca nel distretto -punti 4 b) residenza anagrafca parzialmente nel distretto- punti 3 c) residenza anagrafca nel subambito- punti 2 d) residenza anagrafca nell'atc arezzo-punti 1 5- Le iscrizioni ai distretti iniziano il 01agosto 2016 e terminano il 15 agosto A partire dall'anno 2017 le iscrizioni ai distretti possono essere fatte tutti i primi 15 giorni del mese e l'inserimento nel distretto prescelto avverrà entro il mese successivo; un cacciatore iscritto in un distretto potrà chiedere l'iscrizione ad un'altro distretto dopo che abbia partecipato alla gestione per almeno due anni.

3 6- L ATC Arezzo può nominare un Responsabile per ogni Distretto di caccia di selezione agli Ungulati, per la sola caccia di selezione al cinghiale, in aggiunta al Responsabile per la caccia di selezione a Cervidi e Bovidi. 7- Ogni cacciatore, al fne di consentire una adeguata rotazione, tele prenota un uscita di caccia, la tele-prenotazione potrà iniziare nei due giorni antecedenti l'uscita di caccia. Per consentire al proprietario o conduttore la precedenza nei terreni di sua proprietà, ricompresi nel distretto in cui sarà iscritto, la Teleprenotazione potrà essere fatta nei quattro giorni antecedenti l'uscita di caccia. La priorità al conduttore del fondo verrà riconosciuta purché siano in possesso di un titolo valido. Rimangono esclusi i contratti di comodato a titolo gratuito. (l'applicazione integrale di tale punto avverrà dopo l'individuazione dei codici dei proprietari o conduttori) In via transitoria la tele prenotazione per tutti i cacciatori potrà essere fatta nei due giorni antecedenti l'uscita di caccia. Il periodo utile per la tele prenotazione termina immediatamente prima dell uscita di caccia. 8- Nei Distretti esistenti e in quelli di nuova costituzione dovrà essere garantito il prelievo a scalare come previsto dall art. 4 comma 1 della L.R.T. 10/2016; in quelli esistenti la specie cinghiale risulterà abbattibile anche durante le normali uscite di caccia al capriolo, daino e cervo. 9- Ogni selecontrollore praticante dovrà avere con se durante le uscite di caccia, nelle aree non vocate, un numero di tre fascette da poter apporre ai cinghiali abbattuti e le relative schede per la registrazione dei capi. Le fascette potranno essere gestite dal Presidente (se nominato) e dal Responsabile nella maniera più idonea ed efcace a raggiungere gli obiettivi del Piano. 10- L ATC consegnerà ai Distretti il piano di abbattimento del Cinghiale e le fascette identifcative da apporre all orecchio sinistro dei capi abbattuti in numero corrispondente al piano di abbattimento o comunque sufciente a garantire il prelievo a scalare.

4 10.1- La teleprenotazione costituisce sistema sostitutivo rispetto al tesserino provvisorio per i cacciatori che efettuano il prelievo selettivo del cinghiale, mentre i selecontrollori del capriolo continueranno ad utilizzare il sistema cartaceo per la registrazione delle uscite e degli abbattimenti In via provvisoria si intende una uscita un periodo di tempo compreso da un ora prima dell alba fno ad un ora dopo il tramonto,indipendentemente dalla presenza continuativa del cacciatore sul luogo di caccia La chiusura automatica dell uscita è prevista per le ore 23, In caso di ferimento dovrà essere avvisato, obbligatoriamente, il Recuperatore abilitato già in elenco ai distretti cervidi; 11) In ogni area di gestione e in ogni (sottozona) di cui al punto 1 potrà accedere con la teleprenotazione un solo cacciatore abilitato al prelievo selettivo del cinghiale. Considerando il limite minimo di 30 ettari di area non vocata all interno della sotto zona esistente per il capriolo limite al disotto del quale non si potrà aggiungere nessun cacciatore abilitato al prelievo selettivo del cinghiale oltre al titolare della sottozona per la caccia al capriolo, indipendentemente che questo sia abilitato anche per il prelievo selettivo del cinghiale Fanno eccezione le nel caso di sottozone già esistenti per il capriolo con una superfcie non vocata per il cinghiale superiore a 150 ettari dove potranno accedere due cacciatori abilitati al prelievo selettivo del cinghiale oltre al titolare della sottozona per la caccia al capriolo, indipendentemente che questo sia abilitato anche per il prelievo selettivo del cinghiale Nelle sottozone adibite anche alla caccia di selezione ai cervidi, il/i selecontrollore/i al cinghiale parteciperanno in aggiunta al selecontrollore assegnatario della sottozona con il quale dovranno accordarsi per la scelta dei punti di sparo. In caso di non accordo il Responsabile di distretto, unitamente al Responsabile per il prelievo selettivo al cinghiale (se nominato) dovranno individuare il punto di sparo per il cinghiale. 12- Ai fni del raggiungimento del Piano di Prelievo, con specifco atto, il Comitato potrà ammettere ulteriori cacciatori abilitati dalla Regione Toscana anche se provenienti da altri ATC o da altre Regioni. L'ammissione potrà essere fatta a seguito di specifca richiesta e, qualora non siano in possesso del Codice Regionale l'atc provvederà alla formalizzazione. Per la prenotazione valgono i principi dettati al precedente punto I cacciatori abilitati al prelievo selettivo del cinghiale al momento del ritiro del materiale necessario (bolli inamovibili, scheda di abbattimento, tesserino provvisorio), dovranno sottoscrivere la dichiarazione di assunzione di

5 responsabilità (Modello 14). 14-Chiunque viola il presente Regolamento subirà una sospensione dalla caccia di selezione fno a un anno con conseguente chiusura della teleprenotazione e revoca dei contrassegni. 15- Per quanto non previsto, valgono le disposizioni vigenti. Regolamento modifcato con delibera Comitato del 11/08/2016

Ambito Territoriale di Caccia Pistoia 16 CACCIA DI SELEZIONE AGLI UNGULATI SISTEMA DI TELEPRENOTAZIONE ARTEMIDE

Ambito Territoriale di Caccia Pistoia 16 CACCIA DI SELEZIONE AGLI UNGULATI SISTEMA DI TELEPRENOTAZIONE ARTEMIDE Ambito Territoriale di Caccia Pistoia 16 CACCIA DI SELEZIONE AGLI UNGULATI SISTEMA DI TELEPRENOTAZIONE ARTEMIDE A partire dalla stagione venatoria 2012-2013 la comunicazione delle uscite di caccia verrà

Dettagli

Disposizioni per la caccia al cinghiale UDGNC ATC Pistoia stagione venatoria Periodo 1 ottobre - 31 dicembre 2016

Disposizioni per la caccia al cinghiale UDGNC ATC Pistoia stagione venatoria Periodo 1 ottobre - 31 dicembre 2016 Allegato Delibera 79 del 30. 09.2016 Disposizioni per la caccia al cinghiale UDGNC ATC Pistoia stagione venatoria 2016-2017 - Periodo 1 ottobre - 31 dicembre 2016 1. Premessa L'approvazione della L.R.

Dettagli

Ambito Territoriale di Caccia Pistoia 16 CACCIA DI SELEZIONE AGLI UNGULATI SISTEMA DI TELEPRENOTAZIONE ARTEMIDE

Ambito Territoriale di Caccia Pistoia 16 CACCIA DI SELEZIONE AGLI UNGULATI SISTEMA DI TELEPRENOTAZIONE ARTEMIDE Ambito Territoriale di Caccia Pistoia 16 CACCIA DI SELEZIONE AGLI UNGULATI SISTEMA DI TELEPRENOTAZIONE ARTEMIDE A partire dalla stagione venatoria 2012-2013 la comunicazione delle uscite di caccia verrà

Dettagli

REGOLAMENTO INTERNO PER LO SVOLGIMENTO DELL ATTIVITA VENATORIA DELLA CACCIA AL CINGHIALE E DELLA ISCRIZIONE DELLE SQUADRE CINGHIALISTE. Art.

REGOLAMENTO INTERNO PER LO SVOLGIMENTO DELL ATTIVITA VENATORIA DELLA CACCIA AL CINGHIALE E DELLA ISCRIZIONE DELLE SQUADRE CINGHIALISTE. Art. REGOLAMENTO INTERNO PER LO SVOLGIMENTO DELL ATTIVITA VENATORIA DELLA CACCIA AL CINGHIALE E DELLA ISCRIZIONE DELLE SQUADRE CINGHIALISTE. Art. 1 Consistenza della Specie Il Comitato di Gestione dell ATC

Dettagli

CINGHIALE PIANO DI GESTIONE E CALENDARIO VENATORIO NELLE AREE NON VOCATE DELLA REGIONE TOSCANA

CINGHIALE PIANO DI GESTIONE E CALENDARIO VENATORIO NELLE AREE NON VOCATE DELLA REGIONE TOSCANA CINGHIALE PIANO DI GESTIONE E CALENDARIO VENATORIO NELLE AREE NON VOCATE DELLA REGIONE TOSCANA PERIODO 2016-2018 1) Introduzione La Legge Obiettivo Ungulati della Regione Toscana, oltre a porre le basi

Dettagli

COMITATO DI GESTIONE AMBITO TERRITORIALE DI CACCIA N PISTOIA PROT. N. 308/15 DELIBERA N APRILE 2015

COMITATO DI GESTIONE AMBITO TERRITORIALE DI CACCIA N PISTOIA PROT. N. 308/15 DELIBERA N APRILE 2015 COMITATO DI GESTIONE AMBITO TERRITORIALE DI CACCIA N. 16 - PISTOIA PROT. N. 308/15 DELIBERA N. 40 16 APRILE 2015 OGGETTO: QUOTE DI ACCESSO ALLA CACCIA AL CINGHIALE IN BATTUTA, ALLA CACCIA DI SELEZIONE

Dettagli

1) Caccia al cinghiale in area non vocata

1) Caccia al cinghiale in area non vocata Piano per la caccia di selezione al cinghiale nelle aree non vocate alla specie della Provincia di Firenze In attuazione del Piano Faunistico Venatorio Provinciale 2012-2015 1) Caccia al cinghiale in area

Dettagli

DISCIPLINARE PER LA CACCIA DI SELEZIONE AL CINGHIALE E PER LE PROCEDURE DI ABILITAZIONE

DISCIPLINARE PER LA CACCIA DI SELEZIONE AL CINGHIALE E PER LE PROCEDURE DI ABILITAZIONE DISCIPLINARE PER LA CACCIA DI SELEZIONE AL CINGHIALE E PER LE PROCEDURE DI ABILITAZIONE (Approvato con Deliberazione G.P. n. del ) A cura del Servizio Risorse Faunistiche DISCIPLINARE PER LA CACCIA DI

Dettagli

AMBITI TERRITORIALI DI CACCIA. Approvato dal Consiglio Direttivo dell A.T.C.MO2 nella seduta del Con validità a partire dal

AMBITI TERRITORIALI DI CACCIA. Approvato dal Consiglio Direttivo dell A.T.C.MO2 nella seduta del Con validità a partire dal REGOLAMENTO CACCIA DI SELEZIONE CAPRIOLO DAINO Approvato dal Consiglio Direttivo dell A.T.C.MO2 nella seduta del 12.02.2013 Con validità a partire dal 14.02.2013 1 Art. 1 Obiettivi e finalità Il presente

Dettagli

Regolamento per il prelievo venatorio degli ungulati nell ATC Pistoia 16 TITOLO I PARTE GENERALE

Regolamento per il prelievo venatorio degli ungulati nell ATC Pistoia 16 TITOLO I PARTE GENERALE Delibera del Commissario dell ATC 16 Pistoia n. 46 del 05 giugno 2014 Regolamento per il prelievo venatorio degli ungulati nell ATC Pistoia 16 TITOLO I PARTE GENERALE Art 1. Finalità 1. Il presente regolamento

Dettagli

Allegato alla deliberazione del Commissario dell ATC16 Pistoia n. 42 del 5 maggio 2015

Allegato alla deliberazione del Commissario dell ATC16 Pistoia n. 42 del 5 maggio 2015 Allegato alla deliberazione del Commissario dell ATC16 Pistoia n. 42 del 5 maggio 2015 Regolamento per il prelievo venatorio degli ungulati nell ATC Pistoia TITOLO I PARTE GENERALE Art 1. Finalità 1. Il

Dettagli

PROVINCIA DI GROSSETO

PROVINCIA DI GROSSETO Disciplinare inerente le modalità tecniche per l allenamento e l utilizzo dei cani da traccia ed il recupero dei capi feriti Regolamento Provinciale per la gestione faunistica e venatoria dei Cervidi e

Dettagli

Indicare con O + numero i punti di appostamento, e con X + lettera i relativi posti auto

Indicare con O + numero i punti di appostamento, e con X + lettera i relativi posti auto DISTRETTO DI CACCIA DI SELEZIONE Stagione Venatoria ATC 15-7 Area Omogenea 8 Sottozona 1 ATC 15 - maggio 2015 1 2 4 ATC 15-7 Area Omogenea 8 Sottozona 2 1 2 1 3 4 ATC 15-7 Area Omogenea 8 Sottozona 3 2

Dettagli

CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE SPECIE CAMOSCIO, CERVO E CAPRIOLO AI DETENTORI DI CARNET "A"

CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE SPECIE CAMOSCIO, CERVO E CAPRIOLO AI DETENTORI DI CARNET A CRITERI DI ASSEGNAZIONE DELLE SPECIE CAMOSCIO, CERVO E CAPRIOLO AI DETENTORI DI CARNET "A" ART. 1 (Compiti del Comitato Regionale per la Gestione Venatoria) Il Comitato Regionale per la Gestione Venatoria,

Dettagli

Atto del Sindaco Metropolitano N. 41 del 17/06/2015

Atto del Sindaco Metropolitano N. 41 del 17/06/2015 Atto del Sindaco Metropolitano N. 41 del 17/06/2015 Classifica: 011.02.01 (6232009) Oggetto ATTUAZIONE DEL PIANO FAUNISTICO VENATORIO PROVINCIALE - APPROVAZONE DEI PIANI PER LA CACCIA DI SELEZIONE ALLE

Dettagli

REGOLAMENTO PER LO SVOLGIMENTO DELLA CACCIA DI SELEZIONE AI CERVIDI

REGOLAMENTO PER LO SVOLGIMENTO DELLA CACCIA DI SELEZIONE AI CERVIDI AMBITO TERRITORIALE DI CACCIA FIRENZE N. 5 REGOLAMENTO PER LO SVOLGIMENTO DELLA CACCIA DI SELEZIONE AI CERVIDI TITOLO I. Norme Generali Art. 1- Finalità 1. Il presente regolamento disciplina la caccia

Dettagli

MODALITA E PRESCRIZIONI PER IL RECUPERO DEGLI UNGULATI FERITI.

MODALITA E PRESCRIZIONI PER IL RECUPERO DEGLI UNGULATI FERITI. Provincia di Ravenna Settore Agricoltura Caccia e pesca MODALITA E PRESCRIZIONI PER IL RECUPERO DEGLI UNGULATI FERITI. Art 1 Recupero degli ungulati feriti 1. Il recupero degli ungulati feriti, in azione

Dettagli

REGOLAMENTO ATTUATIVO PER LA GESTIONE E IL PRELIEVO DEL CINGHIALE NEL TERRITORIO DELL ATC PS2

REGOLAMENTO ATTUATIVO PER LA GESTIONE E IL PRELIEVO DEL CINGHIALE NEL TERRITORIO DELL ATC PS2 Ambito Territoriale di Caccia Pesaro 2 REGOLAMENTO ATTUATIVO PER LA GESTIONE E IL PRELIEVO DEL CINGHIALE NEL TERRITORIO DELL ATC PS2 (Reg. Reg. n. 3/12 e ss. mm. e ii.) Stagione Venatoria 2013-2014 ART.

Dettagli

Ambito Territoriale Caccia VT2

Ambito Territoriale Caccia VT2 Ambito Territoriale Caccia VT2 RICHIESTA ASSEGNAZIONE ZONE AI SENSI DEL DISCIPLINARE DELLA GESTIONE DELLA SPECIE CINGHIALE NELLA REGIONE LAZIO DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DI ATTO DI NOTORIETÀ (Art. 47 D.P.R.

Dettagli

Il cacciatore produttore primario:

Il cacciatore produttore primario: Il cacciatore produttore primario: realtà bresciana e composizione del carniere 5 ottobre 2010 a cura di Michela Giacomelli PROVINCIA DI BRESCIA PREMESSA In provincia di Brescia si effettua la caccia agli

Dettagli

BANDO PER L ISCRIZIONE AI CORSI PER IL CONSEGUIMENTO DELLE QUALIFICHE PREVISTE DAL R.R. 3/12

BANDO PER L ISCRIZIONE AI CORSI PER IL CONSEGUIMENTO DELLE QUALIFICHE PREVISTE DAL R.R. 3/12 BANDO PER L ISCRIZIONE AI CORSI PER IL CONSEGUIMENTO DELLE QUALIFICHE PREVISTE DAL R.R. 3/12 L Ambito Territoriale di Caccia PS1 ATC PS1, come previsto dall art. 2 comma 2 del R.R. 3/12 a seguito di approvazione

Dettagli

Cosa cambia: cultura della sicurezza pianificazione e programmazione regionale faunistico-venatoria nuovi organismi informativi e consultivi

Cosa cambia: cultura della sicurezza pianificazione e programmazione regionale faunistico-venatoria nuovi organismi informativi e consultivi 1 Cosa cambia: cultura della sicurezza pianificazione e programmazione regionale faunistico-venatoria nuovi organismi informativi e consultivi governance regionale istituti faunistici e faunistico-venatori

Dettagli

PROVINCIA DI FIRENZE MODALITA TECNICHE PER LA CACCIA DI SELEZIONE A CERVIDI E BOVIDI NELLA PROVINCIA DI FIRENZE. Art. 1. Finalità

PROVINCIA DI FIRENZE MODALITA TECNICHE PER LA CACCIA DI SELEZIONE A CERVIDI E BOVIDI NELLA PROVINCIA DI FIRENZE. Art. 1. Finalità PROVINCIA DI FIRENZE MODALITA TECNICHE PER LA CACCIA DI SELEZIONE A CERVIDI E BOVIDI NELLA PROVINCIA DI FIRENZE Art. 1 Finalità Il presente documento è relativo alle modalità tecniche ed operative della

Dettagli

Disciplinare inerente le modalità tecniche per l allenamento e l utilizzo dei cani da traccia ed il recupero dei capi feriti

Disciplinare inerente le modalità tecniche per l allenamento e l utilizzo dei cani da traccia ed il recupero dei capi feriti Disciplinare inerente le modalità tecniche per l allenamento e l utilizzo dei cani da traccia ed il recupero dei capi feriti Regolamento Provinciale per la gestione faunistica e venatoria dei Cervidi e

Dettagli

REGOLAMENTO ATTUATIVO PER LA GESTIONE E PRELIEVO DEGLI UNGULATI

REGOLAMENTO ATTUATIVO PER LA GESTIONE E PRELIEVO DEGLI UNGULATI A.T.C. ASCOLI PICENO REGOLAMENTO ATTUATIVO PER LA GESTIONE E PRELIEVO DEGLI UNGULATI In attuazione del R.R. n. 3 del 23 marzo 2012 e succ. mod. e int. (art. 6 comma 2 lettera e) STAGIONE VENATORIA 2016/2017

Dettagli

A.T.C. SV 2 - PONENTE

A.T.C. SV 2 - PONENTE A.T.C. SV 2 - PONENTE PROCEDURE PER LA CACCIA AL CINGHIALE IN FORMA COLLETTIVA STAGIONE VENATORIA 2016/2017 PREMESSA L'A.T.C. SV 2 in applicazione a quanto disposto dal Regolamento Regionale per la Caccia

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CACCIA DI SELEZIONE ALLA SPECIE CAPRIOLO

REGOLAMENTO PER LA CACCIA DI SELEZIONE ALLA SPECIE CAPRIOLO REGOLAMENTO PER LA CACCIA DI SELEZIONE ALLA SPECIE CAPRIOLO (Delibera del CdG n. 138 del 06.03.2014) SOMMARIO ART. 1 PRINCIPI E FINALITA ART. 2 REGOLAMENTAZIONE IN ATTUAZIONE DELLA D.G.R. N. 94-3804 DEL

Dettagli

Legge obiettivo per la gestione degli ungulati in Toscana. Modifiche alle l.r. 3/1994, 48/1994

Legge obiettivo per la gestione degli ungulati in Toscana. Modifiche alle l.r. 3/1994, 48/1994 ALLEGATO A Legge obiettivo per la gestione degli ungulati in Toscana. Modifiche alle l.r. 3/1994, 48/1994 Preambolo CAPO I Gestione degli ungulati in Toscana Art. 1 Oggetto e obiettivi del triennio Art.

Dettagli

NORME DI ACCESSO AI DISTRETTI E ALLE GRADUATORIE PER LA CACCIA DI SELEZIONE AL CERVO APPENNINICO

NORME DI ACCESSO AI DISTRETTI E ALLE GRADUATORIE PER LA CACCIA DI SELEZIONE AL CERVO APPENNINICO ATC LU 12 REVISIONE DEL 10/09/2013 NORME DI ACCESSO AI DISTRETTI E ALLE GRADUATORIE PER LA CACCIA DI SELEZIONE AL CERVO APPENNINICO -DISTRETTO CERVO LUCCA 12- Art. 1 Premessa Le presenti norme di accesso

Dettagli

Determinazione n. 2671 del 05/10/2015

Determinazione n. 2671 del 05/10/2015 PROVINCIA DI GROSSETO FRONTESPIZIO Determinazione n. 2671 del 05/10/2015 IP N 2882/2015 OGGETTO: Disposizioni relativamente al regolamento regionale di attuazione della LRT 3/1994 artt. 88 comma 1, 90

Dettagli

Decreto Deliberativo del Presidente IL PRESIDENTE. N. 102 del 18 Giugno 2015

Decreto Deliberativo del Presidente IL PRESIDENTE. N. 102 del 18 Giugno 2015 Decreto Deliberativo del Presidente N. 102 del 18 Giugno 2015 Oggetto: Modifiche al D.D.P. n. 91 del 29.05.2015 Caccia in selezione al cinghiale in provincia di Siena per la stagione venatoria 2015-2016

Dettagli

AMBITO TERRITORIALE DI CACCIA N. 1 POTENZA Via Umberto I, Rionero in Vulture Tel. 0972/ Fax: 0972/724856

AMBITO TERRITORIALE DI CACCIA N. 1 POTENZA Via Umberto I, Rionero in Vulture Tel. 0972/ Fax: 0972/724856 AMBITO TERRITORIALE DI CACCIA N. 1 POTENZA Via Umberto I, 10 85028 Rionero in Vulture Tel. 0972/724605 - Fax: 0972/724856 ===================== ANNO 2015 REGOLAMENTO PER LA GESTIONE FAUNISTICO VENATORIA

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL RECUPERO DEGLI UNGULATI FERITI

REGOLAMENTO PER IL RECUPERO DEGLI UNGULATI FERITI REGOLAMENTO PER IL RECUPERO DEGLI UNGULATI FERITI ART. 1 Principi generali 1. L Ambito Territoriale di Caccia Perugia 2 con il presente Regolamento istituisce il servizio di recupero degli ungulati feriti

Dettagli

RISULTATI DEI CENSIMENTI E FORMULAZIONE DEI PIANI DI PRELIEVO DEL CINGHIALE NELLE A.F.V. DELLA COLLINA RAVENNATE. STAGIONE VENATORIA 2010/2011.

RISULTATI DEI CENSIMENTI E FORMULAZIONE DEI PIANI DI PRELIEVO DEL CINGHIALE NELLE A.F.V. DELLA COLLINA RAVENNATE. STAGIONE VENATORIA 2010/2011. RISULTATI DEI CENSIMENTI E FORMULAZIONE DEI PIANI DI PRELIEVO DEL CINGHIALE NELLE A.F.V. DELLA COLLINA RAVENNATE. STAGIONE VENATORIA 2010/2011. Le A.F.V. GALLIANA, IL POGGIOLO, MONTE BATTAGLIA, NUOVA PUROCIELO,

Dettagli

Guida per il cacciatore

Guida per il cacciatore Guida per il cacciatore Versione ottobre 2012 Il sistema telematico campaniacaccia.it Il sistema "campaniacaccia.it" è stato realizzato e viene gestito dalla Regione Campania e contiene la banca dati delle

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL RECUPERO DEGLI UNGULATI FERITI

REGOLAMENTO PER IL RECUPERO DEGLI UNGULATI FERITI REGOLAMENTO PER IL RECUPERO DEGLI UNGULATI FERITI ART. 1 Principi generali 1. L Ambito Territoriale di Caccia Perugia 2 con il presente Regolamento istituisce il servizio di recupero degli ungulati feriti

Dettagli

Indirizzi per la gestione faunistico venatoria degli ungulati in Toscana. Stagione venatoria

Indirizzi per la gestione faunistico venatoria degli ungulati in Toscana. Stagione venatoria Indirizzi per la gestione faunistico venatoria degli ungulati in Toscana Stagione venatoria 2014 2015 Allegato 11 Premessa In Toscana la presenza di specie ungulate è così diffusa e numericamente elevata

Dettagli

A.T.C. TO1 ZONA EPOREDIESE DISCIPLINA DEL PRELIEVO SULLA SPECIE CINGHIALE ZONA B A CACCIA REGOLAMENTATA

A.T.C. TO1 ZONA EPOREDIESE DISCIPLINA DEL PRELIEVO SULLA SPECIE CINGHIALE ZONA B A CACCIA REGOLAMENTATA A.T.C. TO1 ZONA EPOREDIESE DISCIPLINA DEL PRELIEVO SULLA SPECIE CINGHIALE ZONA B A CACCIA REGOLAMENTATA FINALITA 1. Razionalizzare il prelievo e ottimizzare gli abbattimenti; 2. Porre in atto una efficace

Dettagli

REGOLAMENTO REGIONALE n Prelievo venatorio della specie cinghiale

REGOLAMENTO REGIONALE n Prelievo venatorio della specie cinghiale REGOLAMENTO REGIONALE n Prelievo venatorio della specie cinghiale Art. 1 Finalità Il presente regolamento disciplina la caccia al cinghiale al fine di regolare le presenze dei cacciatori sul territorio,

Dettagli

ANNATA VENATORIA 2016/2017 VISTO AVVISO PUBBLICO N. 1/2016

ANNATA VENATORIA 2016/2017 VISTO AVVISO PUBBLICO N. 1/2016 ANNATA VENATORIA 2016/2017 Il Comitato di Gestione dell Ambito Territoriale di Caccia CS2, al fine di garantire una corretta ed efficace gestione della caccia nel territorio dei 29 Comuni, VISTO la Legge

Dettagli

ATC LUCCA REGOLAMENTO PER LA GESTIONE FAUNISTICO VENATORIA DELLA CACCIA AL CINGHIALE IN BATTUTA

ATC LUCCA REGOLAMENTO PER LA GESTIONE FAUNISTICO VENATORIA DELLA CACCIA AL CINGHIALE IN BATTUTA ATC LUCCA REGOLAMENTO PER LA GESTIONE FAUNISTICO VENATORIA DELLA CACCIA AL CINGHIALE IN BATTUTA REGOLAMENTO PER LA GESTIONE FAUNISTICO-VENATORIA DELLA CACCIA AL CINGHIALE IN BATTUTA Art.1 FINALITA Il presente

Dettagli

ESTRATTO DEL REGOLAMENTO ATTUATIVO PER LA GESTIONE E IL PRELIEVO DEI CERVIDI NEL TERRITORIO DELL ATC PS1

ESTRATTO DEL REGOLAMENTO ATTUATIVO PER LA GESTIONE E IL PRELIEVO DEI CERVIDI NEL TERRITORIO DELL ATC PS1 Ambito Territoriale di Caccia Pesaro 1 ESTRATTO DEL REGOLAMENTO ATTUATIVO PER LA GESTIONE E IL PRELIEVO DEI CERVIDI NEL TERRITORIO DELL ATC PS1 (Reg. Reg. n. 3/12 e ss. mm. e ii.) gennaio 2013 TITOLO

Dettagli

COMITATO DI GESTIONE AMBITO TERRITORIALE DI CACCIA - ATC PISTOIA 16

COMITATO DI GESTIONE AMBITO TERRITORIALE DI CACCIA - ATC PISTOIA 16 MODULO DI RICHIESTA PER LA PARTECIPAZIONE AI PIANI DI PRELIEVO DEL CERVO IN QUALITA DI OSPITE Il sottoscritto nato il / / a residente a nel comune di (CAP ) via, n Codice Fiscale dichiara: di essere stato

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE FAUNISTICO-VENATORIA DEL CINGHIALE IN PROVINCIA DI AREZZO

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE FAUNISTICO-VENATORIA DEL CINGHIALE IN PROVINCIA DI AREZZO REGOLAMENTO PER LA GESTIONE FAUNISTICO-VENATORIA DEL CINGHIALE IN PROVINCIA DI AREZZO Deliberazione della Giunta Provinciale n. 624 del 2/11/2011 Art. 1 (Disposizione generale) Il presente regolamento

Dettagli

Allegato 2 LINEE GUIDA PER L ORGANIZZAZIONE E REALIZZAZIONE DEI PIANI DI PRELIEVO DEI BOVIDI E DEI CERVIDI SELVATICI NELLA REGIONE PIEMONTE

Allegato 2 LINEE GUIDA PER L ORGANIZZAZIONE E REALIZZAZIONE DEI PIANI DI PRELIEVO DEI BOVIDI E DEI CERVIDI SELVATICI NELLA REGIONE PIEMONTE Allegato 2 LINEE GUIDA PER L ORGANIZZAZIONE E REALIZZAZIONE DEI PIANI DI PRELIEVO DEI BOVIDI E DEI CERVIDI SELVATICI NELLA REGIONE PIEMONTE 2012 Linee guida per l organizzazione e realizzazione dei piani

Dettagli

PROVINCIA DI ROMA. Regolamento della caccia al cinghiale

PROVINCIA DI ROMA. Regolamento della caccia al cinghiale PROVINCIA DI ROMA Regolamento della caccia al cinghiale Adottato con deliberazione del Consiglio Provinciale n. 41 del 13/09/2010 1 REGOLAMENTO DELLA CACCIA AL CINGHIALE NELLA PROVINCIA DI ROMA Art. 34

Dettagli

REGOLAMENTO ATTUATIVO PER LA GESTIONE E IL PRELIEVO DI UNGULATI NEL TERRITORIO DELL ATC PS2. ( Reg. Reg. n. 3/12 e ss. mm. e ii.)

REGOLAMENTO ATTUATIVO PER LA GESTIONE E IL PRELIEVO DI UNGULATI NEL TERRITORIO DELL ATC PS2. ( Reg. Reg. n. 3/12 e ss. mm. e ii.) REGOLAMENTO ATTUATIVO PER LA GESTIONE E IL PRELIEVO DI UNGULATI NEL TERRITORIO DELL ATC PS2 ( Reg. Reg. n. 3/12 e ss. mm. e ii.) marzo 2013 REGOLAMENTO ATTUATIVO PER LA GESTIONE E IL PRELIEVO DI UNGULATI

Dettagli

Ambito Territoriale di Caccia - TO3 Zona Pinerolese Regolamento per la caccia di selezione alla specie capriolo Art.1 - Principi e finalità 1.

Ambito Territoriale di Caccia - TO3 Zona Pinerolese Regolamento per la caccia di selezione alla specie capriolo Art.1 - Principi e finalità 1. Ambito Territoriale di Caccia - TO3 Zona Pinerolese Regolamento per la caccia di selezione alla specie capriolo Art.1 - Principi e finalità 1. Al fine di garantire una popolazione sana e ben strutturata

Dettagli

Regolamento per la gestione ed il prelievo venatorio degli ungulati nella Provincia di Pistoia TITOLO I - PARTE GENERALE

Regolamento per la gestione ed il prelievo venatorio degli ungulati nella Provincia di Pistoia TITOLO I - PARTE GENERALE Regolamento per la gestione ed il venatorio degli ungulati nella Provincia di Pistoia TITOLO I - PARTE GENERALE Art. 1 Finalità 1. La gestione faunistico venatoria degli ungulati interessa l intero territorio

Dettagli

nato a ( ) il (comune di nascita) (prov.) (data) residente in ( ) (comune di residenza) via N (recapito telefonico) (nome della squadra)

nato a ( ) il (comune di nascita) (prov.) (data) residente in ( ) (comune di residenza) via N  (recapito telefonico) (nome della squadra) COMPILARE IN STAMPATELLO RICHIESTA ISCRIZIONE SQUADRA PER LA CACCIA AL CINGHIALE IN FORMA COLLETTIVA (DA COMPILARE A CURA DEL CAPOSQUADRA E CONSEGNARE ALL ATC ENTRO IL 20 SETTEMBRE 2016) All Ambito Territoriale

Dettagli

AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DI LIVORNO

AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DI LIVORNO ALLA DELIBERAZIONE DEL C.P. N. 162 DEL 26/07/2007) AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DI LIVORNO REGOLAMENTO PROVINCIALE PER LA GESTIONE FAUNISTICA E VENATORIA DEL CAPRIOLO. DEL DAINO. E DEL MUFLONE ART.1 Finalità

Dettagli

ATC LUCCA REGOLAMENTO PER LA GESTIONE FAUNISTICO VENATORIA DELLA CACCIA AL CINGHIALE IN BRACCATA

ATC LUCCA REGOLAMENTO PER LA GESTIONE FAUNISTICO VENATORIA DELLA CACCIA AL CINGHIALE IN BRACCATA ATC LUCCA REGOLAMENTO PER LA GESTIONE FAUNISTICO VENATORIA DELLA CACCIA AL CINGHIALE IN BRACCATA REGOLAMENTO PER LA GESTIONE FAUNISTICO-VENATORIA DELLA CACCIA AL CINGHIALE IN BRACCATA Art.1 FINALITA Il

Dettagli

Sezione I. Sezione II Modalità di svolgimento e contenuto degli esami di abilitazione di cui all articolo 29 l.r 3/1994 ALLEGATO A

Sezione I. Sezione II Modalità di svolgimento e contenuto degli esami di abilitazione di cui all articolo 29 l.r 3/1994 ALLEGATO A ALLEGATO A Sezione I Composizione, articolazione territoriale e funzionamento delle commissioni d esame per il conseguimento delle abilitazioni di cui all articolo 29, comma 2, all'articolo 28 quater,

Dettagli

REGOLAMENTO SPERIMENTALE PER LA GESTIONE DEL MUFLONE IN PROVINCIA DI LUCCA ART. 1 FINALITA

REGOLAMENTO SPERIMENTALE PER LA GESTIONE DEL MUFLONE IN PROVINCIA DI LUCCA ART. 1 FINALITA REGOLAMENTO SPERIMENTALE PER LA GESTIONE DEL MUFLONE IN PROVINCIA DI LUCCA ART. 1 FINALITA 1. La gestione faunistico venatoria della popolazione di muflone in Provincia di Lucca ha come primo scopo la

Dettagli

L esercizio venatorio nella stagione 2014/2015, è consentito con le seguenti modalità:

L esercizio venatorio nella stagione 2014/2015, è consentito con le seguenti modalità: ALLEGATO A CALENDARIO VENATORIO PER LA STAGIONE 2014/2015 L esercizio venatorio nella stagione 2014/2015, è consentito con le seguenti modalità: 1) SPECIE E PERIODI DI ATTIVITA' VENATORIA 1.1. Ai fini

Dettagli

PROTOCOLLO OPERATIVO PER L APPLICAZIONE DEL PIANO DI CONTROLLO DEL CINGHIALE (Sus scrofa) IN PROVINCIA DI FIRENZE

PROTOCOLLO OPERATIVO PER L APPLICAZIONE DEL PIANO DI CONTROLLO DEL CINGHIALE (Sus scrofa) IN PROVINCIA DI FIRENZE (Allegato al Piano di Intervento di cui all art. 93, 3 comma Reg. Regionale 34/2002) PROTOCOLLO OPERATIVO PER L APPLICAZIONE DEL PIANO DI CONTROLLO DEL CINGHIALE (Sus scrofa) IN PROVINCIA DI FIRENZE Introduzione

Dettagli

A.T.C. TO1 ZONA EPOREDIESE REGOLAMENTO PER LA GESTIONE ED IL CONTENIMENTO DELLA POPOLAZIONE DI CINGHIALE (Sus scrofa) SOMMARIO

A.T.C. TO1 ZONA EPOREDIESE REGOLAMENTO PER LA GESTIONE ED IL CONTENIMENTO DELLA POPOLAZIONE DI CINGHIALE (Sus scrofa) SOMMARIO A.T.C. TO1 ZONA EPOREDIESE REGOLAMENTO PER LA GESTIONE ED IL CONTENIMENTO DELLA POPOLAZIONE DI CINGHIALE (Sus scrofa) SOMMARIO I. PREMESSA II. III. IV. NORMATIVA DI RIFERIMENTO CORSO DI FORMAZIONE PER

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA PROVINCIA DI VERONA

IL PRESIDENTE DELLA PROVINCIA DI VERONA IL PRESIDENTE DELLA PROVINCIA DI VERONA Vista la legge 11 febbraio 1992, n. 157, ed in particolare gli articoli 9 e 18 in ordine, rispettivamente, alle competenze della Provincia di materia di prelievo

Dettagli

Ambito Territoriale di Caccia MS 13

Ambito Territoriale di Caccia MS 13 Il Comitato di Gestione dell ATC MS 13 gestisce il territorio a caccia programmata della Provincia di Massa Carrara. L ente nasce nel 1996 con l eredità di un patrimonio agro forestale che, per lo spopolamento

Dettagli

REGOLAMENTO ATTUATIVO PER LA GESTIONE E IL PRELIEVO DI UNGULATI NEL TERRITORIO DELL ATC PS1. (Reg. Reg. n. 3/12 e ss. mm. e ii.)

REGOLAMENTO ATTUATIVO PER LA GESTIONE E IL PRELIEVO DI UNGULATI NEL TERRITORIO DELL ATC PS1. (Reg. Reg. n. 3/12 e ss. mm. e ii.) REGOLAMENTO ATTUATIVO PER LA GESTIONE E IL PRELIEVO DI UNGULATI NEL TERRITORIO DELL ATC PS1 (Reg. Reg. n. 3/12 e ss. mm. e ii.) gennaio 2013 REGOLAMENTO ATTUATIVO PER LA GESTIONE E IL PRELIEVO DI UNGULATI

Dettagli

TESSERINO VENATORIO REGIONE LAZIO TESSERINO N REPUBBLICA ITALIANA

TESSERINO VENATORIO REGIONE LAZIO TESSERINO N REPUBBLICA ITALIANA La caccia è uno strumento a salvaguardia del territorio, una fonte di risorse ed un opportunità per il rispetto e la tutela dell ambiente. REPUBBLICA ITALIANA REGIONE LAZIO Il titolare di questo tesserino

Dettagli

GIUNTA PROVINCIALE PROVINCIA DI TERNI DELIB. N 118 DEL 17/09/2014 PROVINCIA DI TERNI

GIUNTA PROVINCIALE PROVINCIA DI TERNI DELIB. N 118 DEL 17/09/2014 PROVINCIA DI TERNI Tit. PROVINCIA DI TERNI IMMEDIATAMENTE ESEGUIBILE ALLEGATI N OGGETTO: Calendario venatorio 2014/2015 - Individuazione dell'esercizio venatorio alla specie cinghiale e attività di controllo sulla specie

Dettagli

4.04. caccia e tutela della fauna regolamento 3/ Gli A.T.C./C.A., in particolare:

4.04. caccia e tutela della fauna regolamento 3/ Gli A.T.C./C.A., in particolare: 4.04. caccia e tutela della fauna regolamento 3/2016 1 4.1.62 - R.R. 12 aprile 2016, n. 3 Regolamento per la caccia di selezione agli ungulati, ai sensi dell articolo 35 della legge regionale 1 luglio

Dettagli

Provincia di Prato Regolamento per la gestione faunistico venatoria degli ungulati

Provincia di Prato Regolamento per la gestione faunistico venatoria degli ungulati Provincia di Prato Regolamento per la gestione faunistico venatoria degli ungulati Allegato A alla Deliberazione del Consiglio Provinciale n. 39 del 04/07/2012. TITOLO 1 - Principi generali Art. 1 - Finalità

Dettagli

PROVINCIA DI ASTI Medaglia d oro al valor militare

PROVINCIA DI ASTI Medaglia d oro al valor militare PROVINCIA DI ASTI Medaglia d oro al valor militare VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL COMMISSARIO STRAORDINARIO nell esercizio dei poteri della Giunta Provinciale N. meccanografico DL007-3-2013 del 25/01/2013

Dettagli

AVVISO PUBBLICO CORSO DI FORMAZIONE PER CONDUTTORI DI CANE LIMIERE IN GIRATA E OPERATORI DI GIRATA Destinatari del corso

AVVISO PUBBLICO CORSO DI FORMAZIONE PER CONDUTTORI DI CANE LIMIERE IN GIRATA E OPERATORI DI GIRATA Destinatari del corso ATCFR1 L A.T.C.FR/1 intende effettuare il corso di cui al seguente AVVISO che, stante la ristrettezza dei tempi, viene pubblicato in data odierna e fatta salva l autorizzazione da parte della Regione Lazio.

Dettagli

AMBITO TERRITORIALE DI CACCIA TO 2 BASSO CANAVESE

AMBITO TERRITORIALE DI CACCIA TO 2 BASSO CANAVESE AMBITO TERRITORIALE DI CACCIA TO 2 BASSO CANAVESE REGOLAMENTO PER LA CACCIA DI SELEZIONE ALLA SPECIE CAPRIOLO Art.1. Principi e finalità Al fine di garantire una popolazione ben strutturata nel rapporto

Dettagli

Proposte di modifica e/o integrazione

Proposte di modifica e/o integrazione CAPO I Gestione degli ungulati in Toscana Art. 1 Oggetto e obiettivi del triennio La presente legge disciplina, per il triennio successivo all'entrata in vigore, la gestione straordinaria delle specie

Dettagli

CAPO I CALENDARIO VENATORIO REGIONALE PER LA STAGIONE 2016/2017. Articolo 1 (Caccia programmata)

CAPO I CALENDARIO VENATORIO REGIONALE PER LA STAGIONE 2016/2017. Articolo 1 (Caccia programmata) CAPO I CALENDARIO VENATORIO REGIONALE PER LA STAGIONE 2016/2017 Articolo 1 (Caccia programmata) 1. Ai fini della razionale gestione delle risorse faunistiche sull intero territorio della Liguria si applica

Dettagli

Risposte a quesiti frequenti sull uso del tesserino per l esercizio venatorio

Risposte a quesiti frequenti sull uso del tesserino per l esercizio venatorio Risposte a quesiti frequenti sull uso del tesserino per l esercizio venatorio 1. Come devo contrassegnare l ATC? Con una indelebile ben evidente (no pennarello) nella casella del numero corrispondente

Dettagli

Provincia di Benevento Regolamento Provinciale per la Gestione Faunistico Venatoria del Cinghiale - BOZZA -

Provincia di Benevento Regolamento Provinciale per la Gestione Faunistico Venatoria del Cinghiale - BOZZA - Provincia di Benevento Regolamento Provinciale per la Gestione Faunistico Venatoria del Cinghiale - BOZZA - Titolo I - Parte generale Art. 1 - Finalità Il presente regolamento disciplina la gestione faunistica

Dettagli

COMPRENSORIO ALPINO ALTE VALLI BIELLESI REGOLAMENTO GENERALE DELLA CACCIA STAGIONE VENATORIA 2016/2017

COMPRENSORIO ALPINO ALTE VALLI BIELLESI REGOLAMENTO GENERALE DELLA CACCIA STAGIONE VENATORIA 2016/2017 COMPRENSORIO ALPINO ALTE VALLI BIELLESI REGOLAMENTO GENERALE DELLA CACCIA STAGIONE VENATORIA 2016/2017 Art. 1 ESERCIZIO DELLA CACCIA L esercizio della caccia nel Comprensorio Alpino Alte Valli Biellesi

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL PRELIEVO E L ESERCIZIO VENATORIO ALLA SPECIE CINGHIALE NELL ATC VC1 IN ESECUZIONE DELLA D.G.R. N DEL 06/05/2013

REGOLAMENTO PER IL PRELIEVO E L ESERCIZIO VENATORIO ALLA SPECIE CINGHIALE NELL ATC VC1 IN ESECUZIONE DELLA D.G.R. N DEL 06/05/2013 AMBITO TERRITORIALE DI CACCIA A.T.C.VC1 VIA VERCELLI 44 13030 CARESANABLOT TEL./FAX 0161 58181 REGOLAMENTO PER IL PRELIEVO E L ESERCIZIO VENATORIO ALLA SPECIE CINGHIALE NELL ATC VC1 IN ESECUZIONE DELLA

Dettagli

REGOLAMENTO PROVINCIALE PER LA GESTIONE FAUNISTICO VENATORIA DEL CINGHIALE NEL TERRITORIO A CACCIA PROGRAMMATA DELL A.T.C.

REGOLAMENTO PROVINCIALE PER LA GESTIONE FAUNISTICO VENATORIA DEL CINGHIALE NEL TERRITORIO A CACCIA PROGRAMMATA DELL A.T.C. REGOLAMENTO PROVINCIALE PER LA GESTIONE FAUNISTICO VENATORIA DEL CINGHIALE NEL TERRITORIO A CACCIA PROGRAMMATA DELL A.T.C. ART. 1 FINALITÀ Il presente regolamento disciplina la gestione faunistico-venatoria

Dettagli

A.T.C. AMBITO TERRITORIALE DI CACCIA FO5

A.T.C. AMBITO TERRITORIALE DI CACCIA FO5 A.T.C. AMBITO TERRITORIALE DI CACCIA FO5 Consiglio Direttivo (Legge Regionale n.8/94 art.31 e n. 6/00) Via Balzella, 41/D Forlì tel 0543-777289 fax 0543-750517 e-mail atcfc@libero.it Approvate dal Consiglio

Dettagli

Il programma didattico dei corsi è articolato in lezioni teorico-pratiche come indicato in allegato.

Il programma didattico dei corsi è articolato in lezioni teorico-pratiche come indicato in allegato. Allegato CRITERI PER L ORGANIZZAZIONE E LA GESTIONE DEI CORSI DI ABILITAZIONE ALLA CACCIA DI SELEZIONE AGLI UNGULATI (CERVO, CAPRIOLO, CAMOSCIO, DAINO, MUFLONE) 1 - Organizzazione dei corsi I corsi per

Dettagli

PROVINCIA DI SAVONA REGOLAMENTO PROVINCIALE PER LA CACCIA AL CINGHIALE ART. 1 CACCIA A SQUADRE E ZONIZZAZIONE DEL TERRITORIO ASSEGNATO ALLE STESSE.

PROVINCIA DI SAVONA REGOLAMENTO PROVINCIALE PER LA CACCIA AL CINGHIALE ART. 1 CACCIA A SQUADRE E ZONIZZAZIONE DEL TERRITORIO ASSEGNATO ALLE STESSE. PROVINCIA DI SAVONA REGOLAMENTO PROVINCIALE PER LA CACCIA AL CINGHIALE ART. 1 CACCIA A SQUADRE E ZONIZZAZIONE DEL TERRITORIO ASSEGNATO ALLE STESSE. 1) Ai fini della caccia al cinghiale, tutto il territorio

Dettagli

REGOLAMENTO ATTUATIVO PER L AMMISSIONE ALLA GESTIONE ED AL PRELIEVO DEL CINGHIALE E DEI CERVIDI NEL TERRITORIO DELL ATC PS2

REGOLAMENTO ATTUATIVO PER L AMMISSIONE ALLA GESTIONE ED AL PRELIEVO DEL CINGHIALE E DEI CERVIDI NEL TERRITORIO DELL ATC PS2 Ambito Territoriale di Caccia Pesaro 2 REGOLAMENTO ATTUATIVO PER L AMMISSIONE ALLA GESTIONE ED AL PRELIEVO DEL CINGHIALE E DEI CERVIDI NEL TERRITORIO DELL ATC PS2 (R.R. n. 3/12 e ss. mm. e ii., art 6 comma

Dettagli

Ambito Territoriale di Caccia RN1 NORME PER LA GESTIONE FAUNISTICA DEL CAPRIOLO. Regolamento interno

Ambito Territoriale di Caccia RN1 NORME PER LA GESTIONE FAUNISTICA DEL CAPRIOLO. Regolamento interno Ambito Territoriale di Caccia RN1 NORME PER LA GESTIONE FAUNISTICA DEL CAPRIOLO Regolamento interno Ultima revisione : Marzo 2014 1 Finalità Il presente Regolamento recepisce integralmente i contenuti

Dettagli

COMPRENSORIO ALPINO CN2 Valle Varaita

COMPRENSORIO ALPINO CN2 Valle Varaita COMPRENSORIO ALPINO CN2 Valle Varaita CORSO DI ABILITAZIONE ALLA CACCIA DI SELEZIONE AGLI UNGULATI RUMINANTI - 2013 - A cura di: Giordano Omar Tecnico faunistico C.A. CN2 QUADRO NORMATIVO NAZIONALE E REGIONALE

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL RECUPERO DELLA FAUNA SELVATICA FERITA Approvato con Deliberazione Consiliare n. 17 dd ART.

REGOLAMENTO PER IL RECUPERO DELLA FAUNA SELVATICA FERITA Approvato con Deliberazione Consiliare n. 17 dd ART. REGOLAMENTO PER IL RECUPERO DELLA FAUNA SELVATICA FERITA Approvato con Deliberazione Consiliare n. 17 dd. 30.03.2015 ART. 1 GENERALITÀ Il presente regolamento disciplina, nel rispetto della normativa vigente

Dettagli

Regolamento per la gestione faunistico-venatoria dei cervidi in Provincia di Genova

Regolamento per la gestione faunistico-venatoria dei cervidi in Provincia di Genova Regolamento per la gestione faunistico-venatoria dei cervidi in Provincia di Genova Del. C.P. n. 71/145059 del 02/12/2009 Del. C.P. n. 51/122544 del 19/10/2011 Del. C.S. n. 4/13107 del 05/02/2013 Del.

Dettagli

CALENDARIO VENATORIO RELATIVO ALL INTERO TERRITORIO REGIONALE PER LA STAGIONE 2016/2017

CALENDARIO VENATORIO RELATIVO ALL INTERO TERRITORIO REGIONALE PER LA STAGIONE 2016/2017 ALLEGATO A CALENDARIO VENATORIO RELATIVO ALL INTERO TERRITORIO REGIONALE PER LA STAGIONE 2016/2017 L esercizio venatorio nella stagione 2016/2017, è consentito con le seguenti modalità: 1) SPECIE E PERIODI

Dettagli

L esercizio venatorio, nella stagione 2013/2014, è consentito con le seguenti modalità:

L esercizio venatorio, nella stagione 2013/2014, è consentito con le seguenti modalità: ALLEGATO A La Giunta regionale Vista la legge 11 febbraio 1992, n. 157 Visto l art. 11- quaterdecies della legge 2 dicembre 2005, n. 248 Visto l art. 40 della l.r. 4 maggio 2012, n. 5 Vista la D.G.R. n.

Dettagli

ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DEL MODELLO PER LA RICHIESTA DI TRASFERIMENTO DEI GIUDICI DI PACE

ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DEL MODELLO PER LA RICHIESTA DI TRASFERIMENTO DEI GIUDICI DI PACE ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DEL MODELLO PER LA RICHIESTA DI TRASFERIMENTO DEI GIUDICI DI PACE Il modello permette la compilazione dell'istanza di richiesta di trasferimento per Giudici di Pace. La trasmissione

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE. Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N Norme per il prelievo venatorio dei cervidi e dei bovidi con il cane da seguita

DISEGNO DI LEGGE. Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N Norme per il prelievo venatorio dei cervidi e dei bovidi con il cane da seguita Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 330 DISEGNO DI LEGGE d iniziativa dei senatori CARRARA, BIANCONI e ASCIUTTI COMUNICATO ALLA PRESIDENZA IL 5 MAGGIO 2008 Norme per il prelievo venatorio dei cervidi

Dettagli

PROVINCIA DI PISA. Cinghiale. Premessa

PROVINCIA DI PISA. Cinghiale. Premessa PROVINCIA DI PISA Documento sulle linee applicative del Protocollo Tecnico tra la Provincia di Pisa e l'istituto Nazionale per la Fauna Selvatica relativamente ad alcune specifiche azioni di controllo

Dettagli

Guida alle Graduatorie di Circolo e di Istituto

Guida alle Graduatorie di Circolo e di Istituto Guida alle Graduatorie di Circolo e di Istituto 2011-2014 Introduzione generale Il decreto ministeriale 353/2014 dà avvio alla procedura di costituzione delle Graduatorie di Circolo e di Istituto per il

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL CONTROLLO DELLA FAUNA SELVATICA IN PROVINCIA DI FIRENZE. Articolo 6 Attivazione degli interventi e sistema informativo gestionale

REGOLAMENTO PER IL CONTROLLO DELLA FAUNA SELVATICA IN PROVINCIA DI FIRENZE. Articolo 6 Attivazione degli interventi e sistema informativo gestionale REGOLAMENTO PER IL CONTROLLO DELLA FAUNA SELVATICA IN PROVINCIA DI FIRENZE Articolo 1 Finalità Articolo 2 Piani di controllo con cattura e/o abbattimento Articolo 3 Cattura Articolo 4 Tempi ed orari Articolo

Dettagli

Gestione stagioni di caccia al cinghiale

Gestione stagioni di caccia al cinghiale Gestione stagioni di caccia al cinghiale Manuale Guida capisquadra Accedere alla gestione delle battute di caccia Nuova battuta di caccia Consultare e gestire le battute La specie Cinghiale è gestita in

Dettagli

A.T.C. RN2. Ambito Territoriale di Caccia RN2 REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E IL PRELIEVO DI UNGULATI NELL ATC RN2

A.T.C. RN2. Ambito Territoriale di Caccia RN2 REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E IL PRELIEVO DI UNGULATI NELL ATC RN2 A.T.C. RN2 Ambito Territoriale di Caccia RN2 REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E IL PRELIEVO DI UNGULATI NELL ATC RN2 PROPOSTA DI MODIFICA approvata dal Consiglio dell ATC RN2 in data 19 gennaio 2017 TITOLO

Dettagli

MODALITÁ RELATIVE AL PRELIEVO SELETTIVO DEL CAPRIOLO NELLA CITTA METROPOLITANA DI BOLOGNA

MODALITÁ RELATIVE AL PRELIEVO SELETTIVO DEL CAPRIOLO NELLA CITTA METROPOLITANA DI BOLOGNA Allegato n. 4 alla Determina dirigenziale IP 2400/2015 MODALITÁ RELATIVE AL PRELIEVO SELETTIVO DEL CAPRIOLO NELLA CITTA METROPOLITANA DI BOLOGNA Ai sensi dell'articolo 18 della Legge 157/92 Norme per la

Dettagli

ANNATA VENATORIA 2014/2015 VISTO

ANNATA VENATORIA 2014/2015 VISTO ANNATA VENATORIA 2014/2015 Il Comitato di Gestione dell Ambito Territoriale di Caccia CS2, al fine di garantire una corretta ed efficace gestione della caccia nel territorio dei 29 Comuni, VISTO la Legge

Dettagli

9) AZIENDE AGRITURISTICO VENATORIE. 9.1) Analisi

9) AZIENDE AGRITURISTICO VENATORIE. 9.1) Analisi 9) AZIENDE AGRITURISTICO VENATORIE 9.1) Analisi 9.1.1) Dati generali Le Aziende Agrituristico Venatorie, istituite ai sensi dell articolo 21 della L. R. 3/94, hanno principalmente la funzione di valorizzare

Dettagli

L AMBITO TERRITORIALE DI CACCIA AN1

L AMBITO TERRITORIALE DI CACCIA AN1 Via Ramazzani, 77/79 60011 Arcevia (AN) Tel. e Fax 0731.9067 http://www.atcan1.it e-mail: info@atcan1.it AVVISO PER L ACCESSO AI CORSI PER L ABILITAZIONE DELLE FIGURE TECNICHE PREVISTE PER LA GESTIONE

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ABILITAZIONE DEL CANE DA GIRATA CON FUNZIONE DI LIMIERE

REGOLAMENTO PER L ABILITAZIONE DEL CANE DA GIRATA CON FUNZIONE DI LIMIERE REGOLAMENTO PER L ABILITAZIONE DEL CANE DA GIRATA CON FUNZIONE DI LIMIERE PREMESSA Il R.R. 3/2012, in riferimento ai requisiti del gruppo di girata, prevede all art. 7 comma 4 lett b bis): avere la disponibilità

Dettagli

COMMISSIONI MEDICO-LEGALI di cui alla Deliberazione del Direttore Generale n.266/2015 AVVISO

COMMISSIONI MEDICO-LEGALI di cui alla Deliberazione del Direttore Generale n.266/2015 AVVISO COMMISSIONI MEDICO-LEGALI di cui alla Deliberazione del Direttore Generale n.266/2015 AVVISO Si comunica agli interessati che la Commissione istituita con Deliberazione del Direttore Generale del 01/10/2015,

Dettagli

SELEZIONE AGRICOLTORI PER CONSEGNA DISSUASORI PER FAUNA SELVATICA

SELEZIONE AGRICOLTORI PER CONSEGNA DISSUASORI PER FAUNA SELVATICA SELEZIONE AGRICOLTORI PER CONSEGNA DISSUASORI PER FAUNA SELVATICA Il Comune di Anversa degli Abruzzi e la Riserva Naturale Regionale Gole del Sagittario, stanno realizzando un progetto denominato Prevenzione

Dettagli

CORSO DI ABILITAZIONE ALLA CACCIA DI SELEZIONE ALLE SPECIE CERVO, CAPRIOLO, CAMOSCIO, DAINO E MUFLONE

CORSO DI ABILITAZIONE ALLA CACCIA DI SELEZIONE ALLE SPECIE CERVO, CAPRIOLO, CAMOSCIO, DAINO E MUFLONE CORSO DI ABILITAZIONE ALLA CACCIA DI SELEZIONE ALLE SPECIE CERVO, CAPRIOLO, CAMOSCIO, DAINO E MUFLONE Come da Criteri espressi da D.G.R. 2/8/2010 n. 65-477 della Regione Piemonte, formulata in base a quanto

Dettagli

IL DIRIGENTE DELL AREA PIANIFICAZIONE E GESTIONE TERRITORIALE

IL DIRIGENTE DELL AREA PIANIFICAZIONE E GESTIONE TERRITORIALE IL DIRIGENTE DELL AREA PIANIFICAZIONE E GESTIONE TERRITORIALE Vista la legge 11/02/1992 n. 157 recante norme per la protezione della fauna selvatica omeoterma e per il prelievo venatorio e successive modifiche

Dettagli