Recuperi, rimborsi e abbuoni

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Recuperi, rimborsi e abbuoni"

Transcript

1 Recuperi, rimborsi e abbuoni Ing. Donato Rosa

2 Rimborsi Il rimborso in materia tributaria, rappresenta una applicazione dei principi civilistici della ripetizione dell indebito (art c.c.). L imposta pagata in più o non dovuta, rappresenta una prestazione senza causa. Pertanto i presupposti per ottenere la ripetizione sono - l avvenuto pagamento - la mancanza di causa. Il rimborso delle accise deve essere espressamente richiesto. L Avvocatura (parere 48003/08 del ) non ha escluso che in dati settori (energia elettrica), in futuro, la presentazione della dichiarazione possa considerarsi come richiesta tacita di rimborso, contenendo già tutti gli elementi per l accertamento.

3 Rimborsi L'accisa è rimborsata: - serisulta indebitamente pagata; - su richiesta dell'operatore nell'esercizio dell'attività economica da lui svolta, per prodotti assoggettati ad accisa trasferiti in un altro Stato membro o esportati. Il rimborso compete anche: nel caso in cui vengano autorizzate miscelazioni dalle quali si ottiene un prodotto per il quale è dovuta l'accisa di ammontare inferiore a quella pagata sui singoli componenti; quando i prodotti assoggettati ad accisa sono impiegati in usi agevolati (energetici Tabella A, alcoli esenti); quando l alcole e le bevande alcoliche sono ritirati dal commercio perché divenuti non idonei al consumo umano; quando un prodotto assoggettato ad accisa viene reintrodotto in un deposito fiscale (tranne che per i prodotti soggetti ad accise non armonizzate - oli lubrificanti, bitumi).

4 Rimborsi Somme non superiori a euro 30 non vengono rimborsate. (Tale limite non vale in caso di accertate ripetute violazioni degli obblighi di versamento (Art. 3, comma 10 D.L. 2 marzo 2012, n. 16) Termini: quando la norma di previsione del beneficio fiscale concede l agevolazione a tutti i soggetti che si trovano nelle particolari condizioni previste dalla normativa sostanziale senza preclusioni temporali né problemi di copertura finanziaria che risulta assicurata all atto dell adozione della norma medesima deve escludersi che i termini sono perentori in tutte le ipotesi in cui la legge non li definisce espressamente o implicitamente tali ovvero quando dal loro mancato rispetto non derivano sanzioni specifiche. in mancanza di una precisa qualificazione della natura del termine, deve farsi riferimento al termine generale di decadenza biennale per le richieste di rimborso relative ad accise indebitamente pagate. (Risoluzione n. 6/D, prot del 27 novembre 2002)

5 Rimborsi L'istanza di rimborso deve essere presentata, a pena di decadenza, entro due anni dalla data in cui sono state effettuate le operazioni. Tale termine è elevato a 3 anni qualora il rimborso consegua dall individuazione, in un altro Paese comunitario, della località dove è stata commessa un irregolarità nella circolazione intracomunitaria di prodotti soggetti ad accisa Se al termine di un procedimento giurisdizionale il soggetto obbligato al pagamento dell'accisa è condannato alla restituzione a terzi di somme indebitamente percepite a titolo di rivalsa dell'accisa, il rimborso è richiesto dal predetto soggetto obbligato, a pena di decadenza, entro novanta giorni dal passaggio in giudicato della sentenza che impone la restituzione delle somme. Sulle somme da rimborsare sono dovuti gli interessi nella misura prevista dall'art. 3, co. 4, del T.U.A., a decorrere dalla data di presentazione della relativa istanza (tasso per il pagamento differito dei diritti doganali attuale = 0,213%).

6 Abbuoni per cali L'abbuono è concesso nei limiti dei cali tecnicamente ammissibili (cali di lavorazione, cali naturali e tecnici, cali di trasporto)- DM 13 gennaio 2000, n.55; D.M , n. 383; Articolo 862 DAC (Reg. CEE n. 2454/92) art. 308 TULD (DPR 43/73). L abbuono dell accisa relativa ai cali non è automatico ma esso può essere accordato, solo a determinate condizioni : su richiesta dell operatore interessato, anche una tantum (per cali naturali e tecnici), a condizione che i cali accertati non superino i limiti massimi stabiliti dalla normativa vigente; per i cali naturali e tecnici, che le perdite siano imputabili a cause inerenti unicamente alla natura stessa dei prodotti. L abbuono dell accisa può essere riconosciuto anche per misure di cali superiori a quelle ammissibili, purché siano provate e rispecchino quanto sopradetto (per cali naturali e tecnici), oppure risultino da appositi esperimenti o lavorazioni controllate (cali di lavorazione).

7 Abbuoni per perdite e distruzioni L'abbuono è concesso quando vi è stata perdita irrimediabile o distruzione totale di prodotti che si trovano in regime sospensivo, e il soggetto obbligato provi, in un modo ritenuto soddisfacente dall'amministrazione finanziaria, che la perdita o la distruzione dei prodotti è avvenuta per caso fortuito o per forza maggiore. Si ha distruzione totale o perdita irrimediabile quando la merce risulta inutilizzabile come prodotto sottoposto ad accisa Il furto non è equiparato al caso fortuito e alla forza maggiore. Anche se rilevante ai fini del non assoggettamento all imposta sul valore aggiunto perché non costituente una cessione di beni a titolo oneroso - a norma dell art. 2 della VI Direttiva del Consiglio 77/388/CEE del 17 maggio 1977 il furto non ha alcuna rilevanza nel caso di prodotti in sospensione dei diritti di accisa, dove il fatto generatore dell imposta è già avvenuto e dove l obbligazione, già certa, diviene liquida ed esigibile allorquando il prodotto, anche se contro la volontà del depositario, sia stato dal suo deposito immesso in consumo. La perdita della soggettiva disponibilità del prodotto, non ostacolando l immissione in consumo, non comporta variazioni di carattere oggettivo della situazione da cui nasce l obbligazione tributaria

8 Distruzione volontaria di beni Comunicazione ai competenti Uffici delle Entrate/Dogane/ Comandi della Guardia di Finanza, almeno cinque giorni prima del verificarsi dell evento Redazione di apposito verbale compilato da funzionari dell A.F. / militari GdF o notai che hanno presenziato alle operazioni (o dichiarazione sostitutiva di atto notorio, se l ammontare dei beni distrutti o trasformati non è superiore a 5.164,57). Nel verbale devono risultare tutti gli elementi distintivi dei beni distrutti o trasformati. Obbligo di compilazione del documento di trasporto ex DPR 472/96, progressivamente numerato, quando si provveda alla movimentazione dei beni che si ottengono dalla distruzione o dalla trasformazione. Se disattese tali procedure, contestabile al contribuente la presunzione di cessione di beni, in violazione all art. 21 del DPR 633/72, sanzionato dall art. 6, comma 1 del Dlgs 471/97 recupero dell imposta dovuta nelle forme dell avviso di rettifica o di accertamento induttivo ex art. 54, comma 2 e 55 DPR 633/72 qualora ne ricorrano i rispettivi presupposti.

9 Rettifiche inventariali La movimentazione dei prodotti assoggettati ad accisa è tenuta sul registro di c/s solo a quantità, mentre per i prodotti soggetti ad accisa è tenuta normalmente sia a quantità che a valore durante tutto l esercizio. In qualsiasi momento è possibile accertare l esistenza di cali o eccedenze, che vengono trattati distintamente a seconda che i prodotti siano soggetti o assoggettati ad accisa.

10 Rettifiche inventariali Differenze inventariali Cali entro i limiti consentiti Cali oltre i limiti consentiti Prodotti soggetti (depositi fiscali) Viene riconosciuto l abbuono; la rimanenza effettiva viene riportata a nuovo Presunzione di cessione; pagamento dell accisa afferente la differenza rispetto ai cali ammessi o la totalità dell ammanco a seconda che tale diff. sia < o > del 2% oltre il calo consentito; multa da 2 a 10 volte accisa; se >10% non meno di 7.746, anche reclusione. Prodotti assoggettati (depositi liberi) Vengono dedotti dalla rimanenza contabile e il risultato viene riportato a nuovo Irregolare tenuta della contabilità; sanzione da 500 a 3000.

11 Differenze inventariali Eccedenze entro i limiti consentiti Eccedenze oltre i limiti consentiti Rettifiche inventariali Prodotti soggetti (depositi fiscali) Vengono riprese in carico; la rimanenza effettiva viene riportata a nuovo Presunzione di acquisto; la rimanenza effettiva viene riportata a nuovo, previo pagamento dell accisa afferente la differenza rispetto alle eccedenze ammesse; multa da 2 a 10 volte accisa, non meno di 7746, anche reclusione. Prodotti assoggettati (depositi liberi) Vengono sommate alla rimanenza contabile e il risultato viene riportato a nuovo Presunzione di acquisto; la rimanenza effettiva viene riportata a nuovo previo pagamento dell accisa afferente la differenza rispetto alle eccedenze ammesse o la totalità dell eccedenza a seconda che tale diff. sia < o > del 1% della q.tà estratta; sanzione o Tolleranze ammesse: 5 distributori; 1% olio combustibile.

12 Rettifiche inventariali Le presunzioni di cessione e di acquisto, cui per le Dogane già faceva riferimento la Circolare MF n. XI-1986/493 del 22/12/1986 (1), sono regolamentate dal D.P.R. 10 novembre 1997, n. 441 e dalla Circ. MF 23/07/1998, n. 193E; le accise afferenti i cali o le eccedenze non giustificati, concorrono con il relativo costo, alla determinazione dell iva sulle presunte cessioni o acquisti, da comunicare all Agenzia delle entrate per il suo recupero.

13 Rimborso delle accise per prodotti già assoggettati Prodotti esportati o trasferiti in altro Stato membro - Procedura - prima della spedizione l'operatore presta cauzione a garanzia dell accisa da pagare nel paese comunitario di destinazione (tranne che per i prodotti sottoposti ad accise non armonizzate); - presenta dichiarazione in duplice copia all'ufficio delle Dogane competente per territorio, indicando la qualità e la quantità della partita ed allegando la documentazione comprovante l'avvenuta corresponsione dell'imposta; - l'ufficio restituisce un esemplare della dichiarazione all'operatore, che resta così autorizzato ad effettuare la spedizione, emettendo esso stesso il documento d'accompagnamento previsto per i prodotti già immessi in consumo (DAS per prodotti sottoposti ad accise armonizzate, documento commerciale per i non armonizzati). Per prodotti muniti di contrassegno di Stato prima della spedizione si procede alla distruzione, verbalizzata dall'ufficio delle Dogane, dei suddetti contrassegni

14 Rimborso delle accise relative a Prodotti esportati o trasferiti in altro Stato membro - Procedura Per ottenere il rimborso dell'accisa (armonizzata) l'operatore deve presentare all'ufficio delle Dogane l'esemplare 3 del DAS, accompagnato da un attestazione rilasciata dalle autorità fiscali del Paese membro di destinazione, confermante l'avvenuta presa in carico, a destino, dei diritti di accisa; per i prodotti assoggettati ad accisa non armonizzata, l'operatore deve riportare nella domanda di rimborso gli estremi degli elenchi riepilogativi delle cessioni e degli acquisti intracomunitari, nei quali è inclusa la partita trasferita. questa procedura si applica anche nel caso in cui il prodotto sia contenuto inaltre merci; in tale evenienza, nella dichiarazione preventiva dovranno essere indicati i quantitativi di prodotto contenuti nelle merci, alle quali, a trasferimento ultimato, dovranno riferirsi gli elenchi riepilogativi delle cessioni e degli acquisti intracomunitari.

15 Restituzione mediante accredito Accise su prodotti ad imposta assolta (D.M. 689/96) - L'operatore presenta domanda in triplice copia all'ufficio delle Dogane competente per territorio, indicando presso quale impianto intende utilizzare l accredito; - l ufficio verificata la regolarità formale della domanda e della documentazione allegata, nonché la congruità del rimborso e, se non vi sono motivi ostativi, appone sulla domanda il visto attestante il diritto al rimborso con il conteggio degli interessi decorrenti dalla data della presentazione della domanda fino a quella di evasione della medesima

16 Restituzione mediante accredito accise su prodotti ad imposta assolta (D.M. 689/96) Entro 30 giorni dalla data di ricezione, l Ufficio trasmette un esemplare della domanda all interessato, e un altro all ufficio competente sull impianto presso cui verrà utilizzato l accredito, comunicando all esercente dell impianto il nominativo del beneficiario, l entità e gli estremi dell accredito. Dopo l immissione in consumo di prodotto per l importo di accisa per il quale viene utilizzato l accredito, l esercente dell impianto pone l esemplare della domanda consegnatogli dal beneficiario, munito dell attestazione di ricevuta apposta da quest ultimo, a corredo delle proprie registrazioni fiscali. Il rimborso può essere trasferito dall avente diritto ad altro soggetto, che deve essere indicato nella domanda. N.B. l accredito è concesso per prodotti soggetti alla medesima imposizione di quelli per i quali è sorto il diritto al rimborso (stesso capitolo d entrata)

17 Altri rimborsi Reintroduzione in deposito fiscale di prodotto già immesso in consumo prima della spedizione viene data comunicazione all Ufficio delle Dogane ed è presentata domanda di rimborso dell accisa assolta; il trasferimento al deposito fiscale viene effettuato con la scorta di un e-ad emesso dal depositario autorizzato ricevente indicando che trattasi di reimmissione in deposito fiscale di prodotto già immesso in consumo, per la cui movimentazione non si rende dovuta la prestazione della garanzia. Tale procedura non è ammessa per i prodotti soggetti ad accise non armonizzate (oli lubrificanti, bitumi).

18 Rimborso delle accise sul gasolio autotrasportatori Regolamentato dal D.P.R. 09/06/2000, n. 277; il D.L. 24/01/2012, n. 1, con l intento di ridurre in maniera permanente gli oneri gravanti sugli esercenti le attività di autotrasporto derivanti dagli incrementi dell aliquota di accisa sul gasolio per autotrazione, ha reso strutturale il meccanismo che riconosce la neutralizzazione di tali aumenti. Obblighi del richiedente - sottoscrizione delle istanze da parte del titolare o del rappresentante legale o negoziale dell impresa ; - dichiarazione sostitutiva d atto notorio resa ai sensi dell art. 47 del D.P.R. 445/00. Il D.P.R. Che attesta la veridicità dei dati forniti. L Ufficio delle Dogane effettua successivamente controlli, anche a campione in tutti i casi di fondati dubbi sulla veridicità delle dichiarazioni di cui all art. 47, al fine di evitare possibili frodi, che potrebbero comportare:

19 Rimborso delle accise sul gasolio autotrasportatori impiego di prodotti su cui grava un aliquota d accisa più bassa (gasolio da riscaldamento, gasolio agevolato per l agricoltura, gasolio acquistato nella comunità europea); rimborsi non dovuti (ad es. richiesta di rimborso in contanti e concomitante compensazione con F24, compensazione in F24 con crediti inesistenti, compensazione effettuata oltre l anno solare in cui sorge il diritto al credito; uso di mezzi d opera non abilitati; uso di mezzi di massa inferiore a quella prevista (7,5 ton); richieste da parte di soggetto non proprietario ovvero non titolare di contratto di leasing o di locazione dei mezzi dichiarati; uso di fatture non regolari (emesse nei confronti di altro esercente, relative a gasolio autotrazione acquistato all estero, non riportanti le targhe dei mezzi, riguardanti rifornimenti temporalmente non riferibili al periodo agevolato interessato, ecc.).

20 Rimborso delle accise sul gasolio autotrasportatori In AIDA (Automazione Integrata Dogane Accise) è presente la banca dati di tutti i conti scalare, nei quali, dalla parte del carico sono riportati gli importi dei crediti d imposta derivanti dalle dichiarazioni presentate dagli autotrasportatori e per i quali l Ufficio ha effettuato il controllo formale; Nella parte dello scarico invece sono riportati gli importi delle compensazioni effettuate dall operatore o dei rimborsi in denaro accertati dall Ufficio

21 Rimborso delle accise sul gasolio autotrasportatori Godono dell agevolazione: Veicoli alimentati a gasolio per autotrazione con portata a pieno carico di massa massima complessiva pari o superiore a 7,5 tonnellate art. 7 della direttiva 2003/96/CE Consiglio del ; Veicoli impiegati nel trasporto regolare o occasionale di passeggeri, effettuato con un autoveicolo delle categorie M2 o M3 (direttiva 70/156/CEE del Consiglio, del

22 Rimborso delle accise sul gasolio autotrasportatori Per autoveicoli destinati a trasporti specifici quali: furgoni frigoriferi altri mezzi dotati di particolari attrezzature Betoniere è ammessa l agevolazione anche per il quantitativo di gasolio utilizzato per l azionamento di tali attrezzature

23 Rimborso delle accise sul gasolio autotrasportatori Hanno diritto al rimborso: 1) esercenti attività di autotrasporto merci in conto terzi iscritti nel relativo albo ed esercenti attività di autotrasporto merci in conto proprio muniti della relativa licenza e iscritti nell'elenco degli autotrasportatori di cose in conto proprio, con veicoli aventi massa complessiva pari o superiore a 7,5 tonnellate 2) enti pubblici e imprese pubbliche locali esercenti l attività di trasporto di cui al decreto Burlando (decreto legislativo 19 novembre 1997, n.422), e relative Leggi regionali di attuazione 3) imprese esercenti autoservizi di competenza statale, regionale e locale 4) enti pubblici e le imprese esercenti trasporti a fune in servizio pubblico per trasporto di persone

24 Rimborso delle accise sul gasolio autotrasportatori Sono esclusi quindi dal rimborso: 1) mezzi di peso inferiore a 7,5 tonnellate; 2) mezzi speciali, non autorizzati al trasporto merci (spazzatrice, beton pompa, ecc); 3) mezzi dati in noleggio senza conducente a titolo gratuito I consumi di gasolio vanno documentati esclusivamente mediante fatture di acquisto. Solo gli esercenti l attività di trasporto di persone possono comprovare i consumi di gasolio con scheda carburante. Non vanno allegate le fotocopie dei documenti di acquisto (fatture e schede). Il gasolio consumato deve essere acquistato nel territorio nazionale.

25 Rimborso delle accise sul gasolio autotrasportatori Allegati all istanza: 1) fotocopia di un documento di riconoscimento del soggetto che l ha sottoscritta; 2) fotocopia dei certificati di immatricolazione dei mezzi per i quali spetta il beneficio; 3) fotocopia dei contratti di leasing o di noleggio senza conducente ai sensi dell art. 84 CdS, circ. Min. 219/2003, circ. Min. 63M4/2006, per trasporti a titolo oneroso ed esclusivo (se non già presentati) 4) Se l istanza è presentata in forma cartacea o mediante supporto (USB, floppy, CD), copia della istanza, che l Ufficio delle Dogane restituirà al contribuente con apposto il timbro per ricevuta della data del giorno di presentazione. In alternativa è possibile inviare l istanza per mezzo del servizio telematico doganale E.D.I., avendo cura di richiedere all Agenzia delle Dogane l abilitazione all utilizzo del servizio telematico doganale, predisponendo il file attraverso il software che l Agenzia stessa mette a disposizione.

26 Rimborso delle accise sul gasolio autotrasportatori Modalità di rimborso e termini per l utilizzo del credito L'agevolazione può essere fruita tramite rimborso o compensazione. Se chiesto in compensazione, il credito può essere utilizzato nel modello F24, con il codice tributo 6740 indicando come anno di riferimento quello di effettivo consumo. Utilizzo: dopo l esplicito riconoscimento dell ufficio o comunque dopo il decorso di 60 giorni dal ricevimento dell'istanza da parte dell'ufficio senza che sia stato notificato un provvedimento di diniego. Per tale termine vale quanto già detto in precedenza Dall anno 2012, se il rimborso corrispondente non è inferiore a 25 (art. 1 DPR 277/2000), gli aventi diritto possono usufruire dell agevolazione facendo riferimento ai consumi relativi a ogni singolo trimestre dell anno solare, presentando la relativa domanda di rimborso entro il mese successivo al trimestre di riferimento.

27 Rimborso delle accise sul gasolio autotrasportatori L'art.3 c. 13ter del Decreto Legge n. 16/2012, convertito nella Legge n. 44 del 26/04/2012, ha eliminato la decadenza della richiesta dell'agevolazione in caso di presentazione in ritardo della stessa, pertanto è possibile presentare le dichiarazioni successivamente, sempre riferite ai trimestri solari, entro e non oltre il termine di decadenza biennale fissato a valenza generale dall'art. 14 comma 2, del Decreto legislativo n. 504/95, decorrente dal giorno in cui il rimborso stesso avrebbe potuto essere richiesto. il credito può essere utilizzato in compensazione ai sensi dell'art. 17 del D.Lgs. del 9/07/1997, n. 241, entro e non oltre il termine fissato dal D.L. n. 1/2012, e precisamente entro l anno successivo a quello in cui è sorto. Eventuali eccedenze non compensate possono essere richieste a rimborso entro il semestre solare successivo al termine del periodo di utilizzo in compensazione.

28 Rimborso delle accise sul gasolio autotrasportatori Esempi: 1) Il credito sorto con riferimento ai consumi del quarto trimestre 2013 (istanza entro ), potrà, essere utilizzato in compensazione fino al 31 dicembre Il rimborso dell eventuale eccedenza potrà essere richiesto entro il 30 giugno ) Il credito sorto con riferimento ai consumi del secondo trimestre 2013, chiesto in ritardo al massimo entro il 30 giugno 2015, potrà essere utilizzato in compensazione entro il 31 dicembre Il rimborso in denaro dell eventuale eccedenza non compensata potrà essere richiesto entro il 30 giugno 2017, presentando apposita domanda di rimborso in denaro agli uffici dell Agenzia delle Dogane territorialmente competenti, con l indicazione dei codici BIC e IBAN della propria banca per l accreditamento su conto corrente. (Agenzia delle Dogane prot RU del 31 Maggio 2012).

29 Rimborso delle accise sul gasolio autotrasportatori Importo massimo compensabile. Il comma 2 dell art. 61 del D.L. n.1/2012, a decorrere dall anno 2012, ha escluso l agevolazione del rimborso accise sul gasolio utilizzato per autotrasporto merci dal limite di euro fissato dall art. 1, comma 53 della legge , n Poiché i crediti d imposta da indicare nel quadro RU possono essere utilizzati in compensazione nel limite annuo di (salvo specifiche eccezioni, quale il credito autotrasportatori); gli stessi si cumulano con il limite generale alle compensazioni pari ad ,90 (art. 25 c. 2 DLgs.241/97 RM 9/DF/2008), consentendo di effettuare compensazioni sino a complessivi ,90 annuali; qualora in un determinato anno vengano effettuate compensazioni orizzontali per un importo pari al limite generale di ,90, i crediti da quadro RU derivanti da credito autotrasportatori possono essere utilizzati anche oltre il limite di , per importi complessivi anche superiori a ,90.

30 Rimborso delle accise sul gasolio autotrasportatori A decorrere dal 2014 il limite di crediti fiscali e contributivi che possono essere compensati nel modello F24 aumenta da ,90 (limite fissato dall art. 34, comma 1, della L. 23/12/2000, n. 388), a (art. 9 del DL , n. 35) Sanzioni Se si utilizzano in compensazione crediti inesistenti, è applicabile da parte dell Agenzia delle Entrate, la sanzione dal 100 al 200% dell importo indebitamente fruito (art. 27, DL 185/2008). Se l ammontare di crediti inesistenti è superiore ad per anno solare, è applicata solo la sanzione nella misura del 200%. E possibile sanare la violazione versando l importo del credito indebitamente utilizzato, entro il 30 giorno successivo alla data della violazione oppure entro il termine di presentazione della dichiarazione relativa all anno in cui la violazione è stata commessa, unitamente ai relativi interessi. In caso di infedele dichiarazione consegue la decadenza dai benefici ottenuti. (art. 75, D.P.R. 28/12/2000, n. 445)

31 Rimborso delle accise sul gasolio autotrasportatori Contabilizzazione dell agevolazione Contributo in c/esercizio non imponibile ai fini delle imposte dirette (scopo: neutralizzare i maggiori costi dovuti ad aumenti di accise sostenuti nell esercizio di competenza dall impresa) Principio contabile OIC n Voce A5, lett. e) S.P. CII (art c.c.) a C.E. A5 (art c.c.) Crediti per caro petrolio a Contributi in conto esercizio il contributo si intende conseguito nell esercizio in cui viene concesso, salva la sua restituzione qualora si verifichi una condizione risolutiva. Il suo effetto positivo sul risultato economico di bilancio deve essere poi sterilizzato in sede di dichiarazione dei redditi. Studio di settore VG68U trasporto merci su strada e traslochi Art. 3, comma 2 Decreto 28/03/ Il secondo correttivo prevede che, in fase di applicazione dell analisi di congruità, la variabile Costi per carburanti e lubrificanti sia utilizzata al netto dell Ammontare del credito d imposta per caro petrolio.

32 Rimborso delle accise sul gasolio autotrasportatori Contabilizzazione dell agevolazione La gestione del credito relativo all anno 2013, ad es. andrà fatta in Unico 2014 nella sezione II dedicata del quadro RU, denominata Caro petrolio, destinata al credito d imposta a favore degli autotrasportatori per il consumo di gasolio Esempio Credito per consumi 2012, compensato nel 2013; credito 3 trim chiesto a rimborso, da riportare con codice 23 nella sez. VI-A del quadro RU.

33 Rimborso delle accise sul gasolio autotrasportatori Ove il credito (di 2.863) non fosse stato chiesto a rimborso o utilizzato in F24 risulterebbe perso, in quanto: a) poteva essere utilizzato in F24 entro il 31/12/2013 indicandolo a RU24 col. 1; b) oppure può essere chiesto a rimborso entro il 30/06/2014 indicandolo nel rigo RU27. - Per tale motivo non potrebbe confluire nel rigo RU28 col. 2 per essere riportato all'anno successivo (2015). Crediti da indicare a rigo RU27 di Unico 2015 Crediti utilizzati in F24 Crediti riconosciuti dall Agenzia Dogane, o per i quali è decorso il termine del silenzio assenso

34 Dichiarazione rimborso accise gasolio autotrasportatori Agenzia Dogane prot RU del 27/09/2013 Periodo: luglio-settembre 2013 riduzione accise gasolio = 0, /litro Utilizzo credito in compensazione Termine Se istanza presentata entro il 31/10/ /12/2014 Se istanza presentata entro il termine di decadenza ex. art. 14 TUA (31/10/2015 ) 31/12/2016 Dati da inserire in dichiarazione

35 Dati dichiarazione rimborso gasolio autotrasportatori In caso di esercizio di più attività si indica quella prevalente Si indica solo la parte generale della licenza (no singoli mezzi) Si indicano (e allegano) solo i titoli non ancora in possesso della Dogana; es. nuove immatricolazioni nel trimestre )

36 Dati dichiarazione rimborso gasolio autotrasportatori Se non indicate, si intendono inizio e fine trimestre n. fatture ricevute per ogni veicolo, riportanti anche la sua targa Litri come da fattura per singolo mezzo (no consumo specifico) credito relativo ad ogni veicolo proprietà leasing locazione senza conducente Km segnati dal contakm del veicolo a fine trimestre

37 Dati dichiarazione rimborso gasolio autotrasportatori

38 Dati dichiarazione rimborso gasolio autotrasportatori Si riforniscono anche veicoli non ammessi all agevolazione Licenza d esercizio Fatture relative a carburante introdotto nei serbatoi dell impianto privato di distribuzione

39 Dati dichiarazione rimborso gasolio autotrasportatori

40 Rimborso delle accise sul gasolio autotrasportatori Unitamente al modulo di dichiarazione 1 va presentata la dichiarazione ex. Artt. 47 e 48 DPR 445/2000, cui segue la ricevuta 2 di acquisizione rilasciata dall Ufficio. Alla dichiarazione vanno allegati i soli documenti non ancora in possesso dell Ufficio (copia dei certificati di immatricolazione degli autoveicoli, contratti di locazione e/o noleggio); ogni altro documento relativo alla dichiarazione (fatture, documenti di trasporto, cronotachigrafi, registri c/s, ecc), va conservato agli atti della ditta per i cinque anni successivi alla data di presentazione). Precisazioni 1. qualora non siano a conoscenza dell interessato i dati registrati dal contachilometri alla fine delle singole frazioni intermedie (ad es. in caso di variazione di aliquota di accisa durante il trimestre), essendo obbligatoria la compilazione della casella km. percorsi, si può inserire, per ciascun veicolo interessato, in ciascuno dei quadri A1, An compilati, il n , oppure i km. totalizzati a fine trimestre.

41 Rimborso delle accise sul gasolio autotrasportatori 2. Per litri consumati si devono intendere i litri riportati in fattura; pertanto l intero quantitativo riportato in fattura si intende consumato al momento della fornitura: - dal singolo automezzo se la fattura si riferisce al/i rifornimento/i di tale automezzo; - ripartito in base all effettiva percorrenza/consumo specifico storico, fra i vari mezzi che ivi si riforniscono, se la fattura si riferisce al carico di carburante nel serbatoio del distributore. 3. In caso di rifornimento con emissione di fattura differita (entro il giorno 15 del mese successivo) o se tale documento non è ancora in possesso del dichiarante: - i relativi consumi fatturati vanno imputati al trimestre di competenza, previa annotazione allegata alla dichiarazione di riservarsi di comunicare all ufficio il numero delle fatture riferite a tale trimestre solare e successivamente pervenute, prima della decorrenza del termine di presentazione della dichiarazione relativa al trimestre solare successivo.

42 Rimborso delle accise sul gasolio autotrasportatori 4. Rifornimento misto da distributore stradale e privato. Il n. di fatture da indicare per ogni autoveicolo è pari alla somma delle fatture rilasciate al singolo automezzo durante i rifornimenti stradali, più il n. di fatture relative alle partite di gasolio introdotte nell impianto privato di distribuzione nel periodo di riferimento. 5. Rifornimento solo da distributore privato. Se non sono state introdotte altre partite di prodotto nei trimestre/i successivo/i, si continuerà ad utilizzare il carburante ancora giacente nei serbatoi senza produzione di alcuna dichiarazione, essendo già stata dichiarata consumata l intera giacenza all atto dell ultimo acquisto. 6. Non è rimborsabile l accisa sul gasolio fornito da distributori privati di carburante diversi dal proprio, a meno che il soggetto utilizzatore non abbia sottoscritto un contratto di comodato per uso esclusivo o faccia parte di un medesimo consorzio, associazione di imprese o appartenga ad un medesimo gruppo tra i quali sussiste un rapporto di controllo e di collegamento secondo i criteri definiti dall'articolo 2359 del codice civile. (Art. 3 punto 5 L.R. Piemonte 31/05/2004, n. 14 e art. 40 L.R. 23/04/2007, n. 9).

43 Rimborso delle accise sul gasolio autotrasportatori 7. In caso di errori in dichiarazione riscontrati dal dichiarante, è possibile inviare nuova dichiarazione a rettifica della precedente (entro il termine di decadenza biennale decorrente dal primo giorno utile per la presentazione della dichiarazione cui fa riferimento), unitamente a nota di accompagnamento, eventualmente documentata. In caso di erroneo utilizzo di un maggior credito rispetto a quello spettante, se non ancora rilevato dall Ufficio accertatore, si rimanda a nota precedente. 8. La trasmissione telematica della dichiarazione va effettuata, dopo l autenticazione e la firma elettronica del file con estensione.dic, tramite il servizio telematico doganale - E.D.I., che in ambiente di prova verifica la presenza di errori bloccanti.

44 Rimborso delle accise sul gasolio autotrasportatori

45 Rimborso accise carburanti tassisti Gli autoservizi pubblici non di linea sono costituiti dal servizio di taxi e dal servizio di noleggio con conducente effettuati con autovettura, motocarrozzetta, natante e veicoli a trazione animale, disposti al fine di provvedere al trasporto collettivo o individuale di persone, svolgendo una particolare funzione complementare ed integrativa ai servizi pubblici di linea ferroviari, automobilistici, marittimi lacuali ed aerei. Il servizio viene effettuato, a richiesta dei trasportati o del trasportato, in modo non continuativo o periodico, su itinerari e secondo orari stabiliti di volta involta.

46 Rimborso accise carburanti tassisti Il D.M. 29 marzo 1994 e s.m.i., ha concesso l aliquota ridotta di accisa sui carburanti consumati per l azionamento delle autovetture da piazza (TAXI e NCC), compresi i motoscafi che in talune località sostituiscono le vetture da piazza e quelli lacuali adibiti al servizio pubblico da banchina per il trasporto di persone. L agevolazione fiscale viene concessa per veicoli alimentati a benzina, gasolio, metano e GPL, atti a trasportare un numero di persone non superiore a 9, attraverso un credito di imposta (rimborso di accisa) pari alla differenza tra l aliquota di accisa stabilita per i singoli carburanti e quella ridotta per gli stessi prodotti in base ai parametri stabiliti in Tabella A allegata al TUA.

47 Rimborso accise carburanti tassisti Il beneficio compete quindi: ai titolari della licenza comunale per l esercizio del servizio di taxi; agli esercenti, il servizio di noleggio con conducente nei comuni in cui non è istituito il servizio di taxi purché autorizzati allo stazionamento su aree pubbliche; ai soggetti autorizzati alla conduzione delle autovetture immatricolate per l esercizio del servizio di noleggio con conducente utilizzate per l esercizio del servizio di taxi.

48 Rimborso accise carburanti tassisti L inizio del servizio deve avvenire all interno del territorio comunale, anche se diretto verso qualunque destinazione. Lo stazionamento dei mezzi avviene all interno delle rimesse o presso i pontili di attracco per quanto riguarda i natanti.

PROCEDURALE RELATIVO ALLA CONCESSIONE DEI BENEFICI FISCALI SUL GASOLIO PER USO AUTOTRAZIONE UTILIZZATO NEL SETTORE DEL TRASPORTO * * * * *

PROCEDURALE RELATIVO ALLA CONCESSIONE DEI BENEFICI FISCALI SUL GASOLIO PER USO AUTOTRAZIONE UTILIZZATO NEL SETTORE DEL TRASPORTO * * * * * PROCEDURALE RELATIVO ALLA CONCESSIONE DEI BENEFICI FISCALI SUL GASOLIO PER USO AUTOTRAZIONE UTILIZZATO NEL SETTORE DEL TRASPORTO * * * * * Al fine di fornire un pratico vademecum sugli adempimenti necessari

Dettagli

Benefici sul gasolio utilizzato nel settore dell autotrasporto

Benefici sul gasolio utilizzato nel settore dell autotrasporto Ufficio delle Dogane di Ferrara Benefici sul gasolio utilizzato nel settore dell autotrasporto Relatore: Simona Palazzi Ferrara, 16 settembre 2014 INDICE 1. L agevolazione fiscale - Genesi ed evoluzione

Dettagli

Procedure del personale. Disciplina fiscale delle auto assegnate. ai dipendenti; Svolgimento del rapporto. Stefano Liali - Consulente del lavoro

Procedure del personale. Disciplina fiscale delle auto assegnate. ai dipendenti; Svolgimento del rapporto. Stefano Liali - Consulente del lavoro Disciplina fiscale delle auto assegnate ai dipendenti Stefano Liali - Consulente del lavoro In quale misura è prevista la deducibilità dei costi auto per i veicoli concessi in uso promiscuo ai dipendenti?

Dettagli

La revisione dell accertamento doganale

La revisione dell accertamento doganale Adempimenti La revisione dell accertamento doganale di Marina Zanga L accertamento doganale delle merci L accertamento delle merci dichiarate in dogana nell ambito delle operazioni di import/ export da

Dettagli

CONTRIBUTO AGLI AUTOTRASPORTATORI PER L ACQUISTO DI VEICOLI NUOVI

CONTRIBUTO AGLI AUTOTRASPORTATORI PER L ACQUISTO DI VEICOLI NUOVI CONTRIBUTO AGLI AUTOTRASPORTATORI PER L ACQUISTO DI VEICOLI NUOVI Art. 1, comma 89, Legge n. 147/2013 DM n. 307/2014 Circolare MIT 22.9.2014, n. 18358 Modena, 07 ottobre 2014 La Finanziaria 2014 ha previsto

Dettagli

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Ai Gentili Clienti Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Con i co. da 324 a 335 dell unico articolo della L. 24.12.2012 n. 228 (Legge di Stabilità 2013), l ordinamento

Dettagli

CIRCOLARE N. 10 /D. Roma, 25 marzo 2009. Alle Direzioni Regionali dell Agenzia delle Dogane LORO SEDI. Agli Uffici delle Dogane LORO SEDI

CIRCOLARE N. 10 /D. Roma, 25 marzo 2009. Alle Direzioni Regionali dell Agenzia delle Dogane LORO SEDI. Agli Uffici delle Dogane LORO SEDI Protocollo: Rif.: Allegati: 42030/RU CIRCOLARE N. 10 /D Roma, 25 marzo 2009 Alle Direzioni Regionali dell Agenzia delle Dogane LORO SEDI Agli Uffici delle Dogane LORO SEDI e, p. c.: Agli Uffici di diretta

Dettagli

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio:

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio: FATTURAZIONE In linea generale l Iva deve essere applicata sull ammontare complessivo di tutto ciò che è dovuto al cedente o al prestatore, quale controprestazione della cessione del bene o della prestazione

Dettagli

Indice. Roma, 24 marzo 2015. Prot. 2009/ OGGETTO: Descrizione. OGGETTO: Depositi IVA CIRCOLARE N. 12/E

Indice. Roma, 24 marzo 2015. Prot. 2009/ OGGETTO: Descrizione. OGGETTO: Depositi IVA CIRCOLARE N. 12/E CIRCOLARE N. 12/E Direzione Centrale Normativa Prot. 2009/ Roma, 24 marzo 2015 OGGETTO: Descrizione OGGETTO: Depositi IVA Indice 1. Premessa... 3 2. Depositi IVA - definizione... 4 Agenzia delle Entrate

Dettagli

REGIME FORFETARIO 2015

REGIME FORFETARIO 2015 OGGETTO: Circolare 4.2015 Seregno, 19 gennaio 2015 REGIME FORFETARIO 2015 La Legge di Stabilità 2015, L. 190/2014 articolo 1 commi da 54 a 89, ha introdotto a partire dal 2015 un nuovo regime forfetario

Dettagli

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Allegato A alla delibera n. 129/15/CONS REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Articolo 1 Definizioni 1. Ai fini del presente

Dettagli

A A GUIDA ALL INTERPELLO WWW.AGENZIAENTRATE.IT

A A GUIDA ALL INTERPELLO WWW.AGENZIAENTRATE.IT L A G E N Z I A I N F O R M A A A DELLE ENTRATE AGENZIA GENZI DELLE ENTRATE Progetto grafico: FULVIO RONCHI UFFICIO RELAZIONI ESTERNE GUIDA ALL INTERPELLO COME OTTENERE DALL AGENZIA DELLE ENTRATE LA RISPOSTA

Dettagli

LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI

LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI Tratto dalla rivista IPSOA Pratica Fiscale e Professionale n. 8 del 25 febbraio 2008 A cura di Marco Peirolo Gruppo di studio Eutekne L

Dettagli

Valore in dogana e valore ai fini IVA da dichiarare sulla bolletta doganale (di Ubaldo Palma)

Valore in dogana e valore ai fini IVA da dichiarare sulla bolletta doganale (di Ubaldo Palma) Valore in dogana e valore ai fini IVA da dichiarare sulla bolletta doganale (di Ubaldo Palma) Il valore imponibile a fronte di bollette doganali è oggetto di numerose liti fiscali a causa della poca chiarezza

Dettagli

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011 CIRCOLARE N. 45/E Roma, 12 ottobre 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Aumento dell aliquota IVA ordinaria dal 20 al 21 per cento - Articolo 2, commi da 2-bis a 2-quater, decreto legge 13 agosto

Dettagli

Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011

Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011 Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011 Codice identificativo n. [numero progressivo da sistema] CONTRATTO per il riconoscimento degli incentivi per

Dettagli

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del genzia ntrate BENI CONCESSI IN GODIMENTO A SOCI O FAMILIARI E FINANZIAMENTI, CAPITALIZZAZIONI E APPORTI EFFETTUATI DAI SOCI O FAMILIARI DELL'IMPRENDITORE NEI CONFRONTI DELL'IMPRESA (ai sensi dell articolo,

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. Dispone:

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. Dispone: Prot. n. 2014/159941 Modalità operative per l inclusione nella banca dati dei soggetti passivi che effettuano operazioni intracomunitarie, di cui all art. 17 del Regolamento (UE) n. 904/2010 del Consiglio

Dettagli

Area Vigilanza AVVISA

Area Vigilanza AVVISA COMUNE DI VILLASOR Provincia di Cagliari Area Vigilanza P.zza Matteotti, 1 - C.A.P. 09034 Part. IVA 00530500925 Tel 070 9648023 - Fax 070 9647331 www.comune.villasor.ca.it C.F: 82002160925 MANIFESTAZIONE

Dettagli

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni di CONDUCENTE Cognome Nome 1 a EMISSIONE RINNOVO Per scadenza

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il presente documento ha finalità meramente illustrative della tassazione degli interessi e degli altri redditi

Dettagli

ELENCHI INTRASTAT 2014: NOVITÀ E CONFERME

ELENCHI INTRASTAT 2014: NOVITÀ E CONFERME ABSTRACT ELENCHI INTRASTAT 2014: NOVITÀ E CONFERME Con l inizio del periodo d imposta pare opportuno soffermarsi sulla disciplina degli elenchi INTRASTAT, esaminando le novità in arrivo e ripercorrendo

Dettagli

5)- COME VIENE DEFINITA LA FORMALITÀ PRESSO IL P.R.A. RELATIVA AD UN IPOTECA? A - Annotazione B - Iscrizione C Trascrizione

5)- COME VIENE DEFINITA LA FORMALITÀ PRESSO IL P.R.A. RELATIVA AD UN IPOTECA? A - Annotazione B - Iscrizione C Trascrizione 1)- PER UN VEICOLO ESPORTATO ALL'ESTERO E SUCCESSIVAMENTE REISCRITTO IN ITALIA DALLO STESSO INTESTATARIO QUALE IPT PAGA?: A - L'IPT si paga in misura proporzionale B - Non si paga IPT C - L'IPT si paga

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER I SERVIZI DI NOLEGGIO CON CONDUCENTE SVOLTI MEDIANTE AUTOVETTURA CAPO I

REGOLAMENTO COMUNALE PER I SERVIZI DI NOLEGGIO CON CONDUCENTE SVOLTI MEDIANTE AUTOVETTURA CAPO I REGOLAMENTO COMUNALE PER I SERVIZI DI NOLEGGIO CON CONDUCENTE SVOLTI MEDIANTE AUTOVETTURA CAPO I SERVIZIO DI NOLEGGIO CON CONDUCENTE SVOLTI MEDIANTE AUTOVETTURA ART.1 - DEFINIZIONE DEL SERVIZIO Sono definiti

Dettagli

MINISTERO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE

MINISTERO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE MINISTERO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE DECRETO 17 giugno 2014 Modalità di assolvimento degli obblighi fiscali relativi ai documenti informatici ed alla loro riproduzione su diversi tipi di supporto -

Dettagli

RISOLUZIONE N. 42/E QUESITO

RISOLUZIONE N. 42/E QUESITO RISOLUZIONE N. 42/E Direzione Centrale Normativa Roma, 27 aprile 2012 OGGETTO: Interpello (art. 11, legge 27 luglio 2000, n. 212) - Chiarimenti in merito alla qualificazione giuridica delle operazioni

Dettagli

L Iva all importazione non è la stessa imposta dell Iva interna di Sara Armella

L Iva all importazione non è la stessa imposta dell Iva interna di Sara Armella L Iva all importazione non è la stessa imposta dell Iva interna di Sara Armella La sentenza n. 12581 del 2010 1 della Corte di cassazione è parte di un gruppo di recenti sentenze 2, le prime a intervenire

Dettagli

D.P.R. del 30 settembre 1999, n. 361 (s.o. n. 183L alla G.U. del 19-10-1999, n. 246)

D.P.R. del 30 settembre 1999, n. 361 (s.o. n. 183L alla G.U. del 19-10-1999, n. 246) D.P.R. del 30 settembre 1999, n. 361 (s.o. n. 183L alla G.U. del 19-10-1999, n. 246) Regolamento recante norme per la riduzione del costo del gasolio da riscaldamento e del gas di petrolio liquefatto,

Dettagli

Articolo 17- ter. Operazioni effettuate nei confronti di enti pubblici IL TESTO CHE SEGUE SOSTITUISCE INTEGRALMENTE IL COMMENTO ALL ARTICOLO

Articolo 17- ter. Operazioni effettuate nei confronti di enti pubblici IL TESTO CHE SEGUE SOSTITUISCE INTEGRALMENTE IL COMMENTO ALL ARTICOLO Articolo 17- ter Operazioni effettuate nei confronti di enti pubblici IL TESTO CHE SEGUE SOSTITUISCE INTEGRALMENTE IL COMMENTO ALL ARTICOLO 1. Premessa L art. 1, comma 629 della legge 23 dicembre 2014,

Dettagli

REGOLAMENTO N. 9 DEL 19 MAGGIO 2015

REGOLAMENTO N. 9 DEL 19 MAGGIO 2015 REGOLAMENTO N. 9 DEL 19 MAGGIO 2015 REGOLAMENTO RECANTE LA DISCIPLINA DELLA BANCA DATI ATTESTATI DI RISCHIO E DELL ATTESTAZIONE SULLO STATO DEL RISCHIO DI CUI ALL ART. 134 DEL DECRETO LEGISLATIVO 7 SETTEMBRE

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE Protocollo n. 195080/2008 Approvazione del formulario contenente i dati degli investimenti in attività di ricerca e sviluppo ammissibili al credito d imposta di cui all articolo 1, commi da 280 a 283,

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO ALL AREA PEDONALE DEL COMUNE DI COURMAYEUR

REGOLAMENTO PER L ACCESSO ALL AREA PEDONALE DEL COMUNE DI COURMAYEUR REGOLAMENTO PER L ACCESSO ALL AREA PEDONALE DEL COMUNE DI COURMAYEUR Indice degli articoli Art. 1 Definizioni...2 Art. 2 Oggetto ed ambito di applicazione...2 Art. 3 Deroghe al divieto di circolazione

Dettagli

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa PER IMPRESE/SOCIETA DOMANDA DI PARTECIPAZIONE ALL AUTORITÀ NAZIONALE ANTICORRUZIONE Via M.Minghetti 10 00187 Roma CIG 6253408B85 GARA EUROPEA A PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEI SERVIZI CONCERNENTI

Dettagli

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Accertamento Roma, 11 marzo 2011 OGGETTO : Attività di controllo in relazione al divieto di compensazione, in presenza di ruoli scaduti, di cui all articolo 31, comma

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. di concerto con il Direttore dell Agenzia delle Entrate e d intesa con l Istituto Nazionale di Statistica

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. di concerto con il Direttore dell Agenzia delle Entrate e d intesa con l Istituto Nazionale di Statistica Prot. n. 18978/RU IL DIRETTORE DELL AGENZIA di concerto con il Direttore dell Agenzia delle Entrate e d intesa con l Istituto Nazionale di Statistica VISTA la direttiva 2006/112/CE del Consiglio, del 28

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI MAGNA GRÆCIA DI CATANZARO LE NOTE DI VARIAZIONE AI FINI IVA

UNIVERSITA DEGLI STUDI MAGNA GRÆCIA DI CATANZARO LE NOTE DI VARIAZIONE AI FINI IVA UNIVERSITA DEGLI STUDI MAGNA GRÆCIA DI CATANZARO LE NOTE DI VARIAZIONE AI FINI IVA 1 NOTE DI VARIAZIONE IVA (art. 26 del DPR n. 633/1972) Obbligatorie Facoltative Si tratta delle variazioni in aumento

Dettagli

BANDO PER LA CONCESSIONE DI AGEVOLAZIONI ALLE IMPRESE PER FAVORIRE LA REGISTRAZIONE DI MARCHI COMUNITARI E INTERNAZIONALI

BANDO PER LA CONCESSIONE DI AGEVOLAZIONI ALLE IMPRESE PER FAVORIRE LA REGISTRAZIONE DI MARCHI COMUNITARI E INTERNAZIONALI Dipartimento per l impresa e l internazionalizzazione Direzione Generale per la Lotta alla Contraffazione Ufficio Italiano Brevetti e Marchi BANDO PER LA CONCESSIONE DI AGEVOLAZIONI ALLE IMPRESE PER FAVORIRE

Dettagli

News per i Clienti dello studio

News per i Clienti dello studio News per i Clienti dello studio Ai gentili clienti Loro sedi Il nuovo regime forfettario previsto dalla legge di stabilità per il 2015 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che con la

Dettagli

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA Prot. 2015/25992 Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate

Dettagli

Gestione separata INPS: gli aumenti dal 1 gennaio 2015

Gestione separata INPS: gli aumenti dal 1 gennaio 2015 Ai gentili clienti Loro sedi Gestione separata INPS: gli aumenti dal 1 gennaio 2015 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che, in assenza di provvedimenti sul punto da parte della L.

Dettagli

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA di CONDUCENTE Cognome Nome 1 a EMISSIONE RINNOVO Per scadenza

Dettagli

ALL UFFICIO DI PIANO Via Garibaldi n. 1 08048 Tortolì ( Og ) Telefono 0782 600 715 Fax 0782 600711

ALL UFFICIO DI PIANO Via Garibaldi n. 1 08048 Tortolì ( Og ) Telefono 0782 600 715 Fax 0782 600711 1 ALL UFFICIO DI PIANO Via Garibaldi n. 1 08048 Tortolì ( Og ) Telefono 0782 600 715 Fax 0782 600711 www.plusogliastra.it plusogliastra@pec.it ISTANZA DI PARTECIPAZIONE LOTTO DESCRIZIONE BARRARE IL LOTTO

Dettagli

Regolamento sulla disciplina del diritto di accesso agli atti ai sensi della legge 241/1990 e successive modifiche e integrazioni.

Regolamento sulla disciplina del diritto di accesso agli atti ai sensi della legge 241/1990 e successive modifiche e integrazioni. Regolamento sulla disciplina del diritto di accesso agli atti ai sensi della legge 241/1990 e successive modifiche e integrazioni. Il DIRETTORE DELL AGENZIA DEL DEMANIO Vista la legge 7 agosto 1990, n.

Dettagli

CIRCOLARE N. 1/E. Roma, 9 febbraio 2015

CIRCOLARE N. 1/E. Roma, 9 febbraio 2015 CIRCOLARE N. 1/E Direzione Centrale Normativa Roma, 9 febbraio 2015 OGGETTO: IVA. Ambito soggettivo di applicazione del meccanismo della scissione dei pagamenti Articolo 1, comma 629, lettera b), della

Dettagli

IMPORT EXPORT CAPIRE L IVA dall ABC alle operazioni complesse

IMPORT EXPORT CAPIRE L IVA dall ABC alle operazioni complesse CICLO DI SEMINARI febbraio/maggio 2008 IMPORT EXPORT CAPIRE L IVA dall ABC alle operazioni complesse CICLO DI SEMINARI IMPORT EXPORT CAPIRE L IVA dall ABC alle operazioni complesse 26 febbraio PRESUPPOSTI

Dettagli

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni 1 a EMISSIONE RINNOVO Per scadenza Per modifica dati SOSTITUZIONE Smarrimento Furto Malfunzionamento/Danneggiamento CARTA

Dettagli

Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti l attività di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio

Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti l attività di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti l attività di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio 1989, n. 39, in attuazione degli articoli 73 e 80 del decreto

Dettagli

Domanda di congedo straordinario per assistere il coniuge disabile in situazione di gravità

Domanda di congedo straordinario per assistere il coniuge disabile in situazione di gravità Hand 6 - COD.SR64 coniuge disabile in situazione di gravità (art. 42 comma 5 T.U. sulla maternità e paternità - decreto legislativo n. 151/2001, come modificato dalla legge n. 350/2003) Per ottenere i

Dettagli

La deduzione IRAP. DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012

La deduzione IRAP. DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012 DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012 LE DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 La quota forfetaria deducibile per ogni singolo lavoratore subordinato

Dettagli

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila Modello B) REGIONE ABRUZZO CONSIGLIO REGIONALE Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila acquisito di materiale di cancelleria per l Ufficio amministrativo

Dettagli

Uscita dal regime dei minimi

Uscita dal regime dei minimi Fiscal Adempimento La circolare di aggiornamento professionale N. 08 03.03.2014 Uscita dal regime dei minimi A cura di Devis Nucibella Categoria: Regimi speciali Sottocategoria: Contribuenti minimi Dopo

Dettagli

CIRCOLARE N. 18/E. Roma, 28 aprile 2015

CIRCOLARE N. 18/E. Roma, 28 aprile 2015 CIRCOLARE N. 18/E Direzione Centrale Normativa Roma, 28 aprile 2015 OGGETTO: Addizionale IRES per il settore energetico (c.d. Robin Hood Tax) - Articolo 81, commi 16, 17 e 18, del decreto legge 25 giugno

Dettagli

OGGETTO: Sospensione feriale: si riparte il 17 settembre

OGGETTO: Sospensione feriale: si riparte il 17 settembre Informativa per la clientela di studio N. 131 del 05.09.2012 Ai gentili Clienti Loro sedi OGGETTO: Sospensione feriale: si riparte il 17 settembre Gentile Cliente, con la stesura del presente documento

Dettagli

1. Quali sono gli estremi per l iscrizione all Albo Nazionale Gestori Ambientali?

1. Quali sono gli estremi per l iscrizione all Albo Nazionale Gestori Ambientali? Domanda: Risposta (a cura di Maurizio Santoloci): Oggi un impresa edile che trasporta in proprio i rifiuti non pericolosi con proprio mezzo al contrario di quanto accadeva nella previdente disciplina deve

Dettagli

> IL RIMBORSO PARTE VI DELLE IMPOSTE 1. COME OTTENERE I RIMBORSI 2. LE MODALITÀ DI EROGAZIONE DEI RIMBORSI

> IL RIMBORSO PARTE VI DELLE IMPOSTE 1. COME OTTENERE I RIMBORSI 2. LE MODALITÀ DI EROGAZIONE DEI RIMBORSI PARTE VI > IL RIMBORSO DELLE IMPOSTE 1. COME OTTENERE I RIMBORSI Rimborsi risultanti dal modello Unico Rimborsi eseguiti su richiesta 2. LE MODALITÀ DI EROGAZIONE DEI RIMBORSI Accredito su conto corrente

Dettagli

Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo

Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo ALL. 1) Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo 1. Sono eleggibili a sindaco, presidente della provincia, consigliere comunale, provinciale e circoscrizionale gli elettori di un qualsiasi

Dettagli

Split payment: come regolarizzare le fatture irregolari della Dott.ssa Cristina Seregni

Split payment: come regolarizzare le fatture irregolari della Dott.ssa Cristina Seregni Studio Associato Servizi Professionali Integrati Member Crowe Horwath International Split payment: come regolarizzare le fatture irregolari della Dott.ssa Cristina Seregni Abstract Le fatture emesse mediante

Dettagli

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La sezione relativa all esposizione sintetica e analitica dei dati relativi al Tfr, alle indennità equipollenti e alle altre indennità e somme,

Dettagli

Il riporto delle perdite nelle società cooperative e la deducibilità degli interessi sul prestito sociale

Il riporto delle perdite nelle società cooperative e la deducibilità degli interessi sul prestito sociale Il riporto delle perdite nelle società cooperative e la deducibilità degli interessi sul prestito sociale Sebastiano Di Diego Sebastiano Di Diego Il regime fiscale delle perdite La disciplina generale

Dettagli

CIRCOLARE N. 37/E. Roma, 29 dicembre 2006

CIRCOLARE N. 37/E. Roma, 29 dicembre 2006 CIRCOLARE N. 37/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 29 dicembre 2006 OGGETTO: IVA Applicazione del sistema del reverse-charge nel settore dell edilizia. Articolo 1, comma 44, della legge

Dettagli

COMUNICAZIONE DI APERTURA FILIALI, SUCCURSALI E ALTRI PUNTI VENDITA DI AGENZIE DI VIAGGIO E TURISMO (Ai sensi della L.R. 30/03/1988 n. 15 e s.m.i.

COMUNICAZIONE DI APERTURA FILIALI, SUCCURSALI E ALTRI PUNTI VENDITA DI AGENZIE DI VIAGGIO E TURISMO (Ai sensi della L.R. 30/03/1988 n. 15 e s.m.i. CODICE PRATICA *CODICE FISCALE* GGMMAAAA HH:MM Mod. Comunale (Modello 1088 Versione 001 2015) Allo Sportello Unico delle Attività Produttive Comune / Comunità / Unione Identificativo SUAP: COMUNICAZIONE

Dettagli

Regolamento per la disciplina del tributo per i servizi indivisibili. TASI

Regolamento per la disciplina del tributo per i servizi indivisibili. TASI Comune di Cerignola Provincia di Foggia Regolamento per la disciplina del tributo per i servizi indivisibili. TASI INDICE Art. 1 - Art. 2 - Art. 3 - Art. 4 - Art. 5 - Art. 6 - Art. 7 - Art. 8 - Art. 9

Dettagli

CIRCOLARE N. 22/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 9 giugno 2015

CIRCOLARE N. 22/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 9 giugno 2015 CIRCOLARE N. 22/E Direzione Centrale Normativa Roma, 9 giugno 2015 OGGETTO: Modifiche alla disciplina dell IRAP Legge di Stabilità 2015 2 INDICE Premessa... 3 1) Imprese operanti in concessione e a tariffa...

Dettagli

Fiscal News N. 206. Sospensione feriale dei termini processuali. La circolare di aggiornamento professionale 23.07.2013. Premessa

Fiscal News N. 206. Sospensione feriale dei termini processuali. La circolare di aggiornamento professionale 23.07.2013. Premessa Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 206 23.07.2013 Sospensione feriale dei termini processuali Categoria: Contenzioso Sottocategoria: Processo tributario Anche quest anno, come di

Dettagli

PROVINCIA DI REGGIO EMILIA

PROVINCIA DI REGGIO EMILIA PROVINCIA DI REGGIO EMILIA REGOLAMENTO PER IL CONSEGUIMENTO DELL IDONEITA PROFESSIONALE PER L ESERCIZIO DELL ATTIVITA DI CONSULENZA PER LA CIRCOLAZIONE DEI MEZZI DI TRASPORTO - Approvato con deliberazione

Dettagli

Circolare N. 2 del 8 Gennaio 2015

Circolare N. 2 del 8 Gennaio 2015 Circolare N. 2 del 8 Gennaio 2015 Credito annuale IVA 2014 al via la compensazione fino ad 5.000,00 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che dal 1 gennaio 2015, è possibile procedere

Dettagli

Le ferie del lavoratore, normativa e giurisprudenza

Le ferie del lavoratore, normativa e giurisprudenza Le ferie del lavoratore, normativa e giurisprudenza di Pietro Gremigni Consulente aziendale in Milano in breve Argomento Il mese di agosto è considerato di solito il periodo classico di utilizzazione delle

Dettagli

CIRCOLARE N. 20/E. Roma, 11 maggio 2015

CIRCOLARE N. 20/E. Roma, 11 maggio 2015 CIRCOLARE N. 20/E Direzione Centrale Normativa Roma, 11 maggio 2015 OGGETTO: Trattamento agli effetti dell IVA dei contributi pubblici relativi alle politiche attive del lavoro e alla formazione professionale

Dettagli

COMUNITA' DELLA VALLE DI CEMBRA

COMUNITA' DELLA VALLE DI CEMBRA COMUNITA' DELLA VALLE DI CEMBRA REGOLAMENTO PER LA EROGAZIONE DI CONTRIBUTI, SOVVENZIONI ED ALTRE AGEVOLAZIONI ART. 1 FINALITA 1. Con il presente Regolamento la Comunità della Valle di Cembra, nell esercizio

Dettagli

ed attesta numero iscrizione del forma giuridica

ed attesta numero iscrizione del forma giuridica . (FAC-SIMILE ISTANZA DI PARTEZIPAZIONE) AL COMUNE DI PIANA DEGLI ALBANESI DIREZIONE A.E.S. LAVORI PUBBLICI E PROGETTAZIONE VIA P. TOGLIATTI, 2 90037 PIANA DEGLI ALBANESI (PA) Il sottoscritto.... nato

Dettagli

IL DIRETTORE. Data 20.03.2015. Protocollo 7481-VII.1. Rep. DDIP n. 169. Settore Amministrazione e contabilità. Oggetto 1/10

IL DIRETTORE. Data 20.03.2015. Protocollo 7481-VII.1. Rep. DDIP n. 169. Settore Amministrazione e contabilità. Oggetto 1/10 Protocollo 7481-VII.1 Data 20.03.2015 Rep. DDIP n. 169 Settore Amministrazione e contabilità Responsabile Maria De Benedittis Oggetto Procedura selettiva pubblica per titoli e colloquio per la stipula

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI TRENTO (Approvato con delibera del Consiglio in data 12 gennaio

Dettagli

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 13 aprile 2015

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 13 aprile 2015 CIRCOLARE N. 15/E Direzione Centrale Normativa Roma, 13 aprile 2015 OGGETTO: Operazioni effettuate nei confronti di pubbliche amministrazioni: cd. scissione dei pagamenti. Articolo 1, commi 629, lettere

Dettagli

LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI

LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI Circolare N. 21 Area: TAX & LAW Periodico plurisettimanale 18 marzo 2011 LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI Con la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale del DM 10 febbraio 2011, trovano piena attuazione

Dettagli

1.1 Diritto al rimborso Il viaggiatore può chiedere il rimborso di un biglietto o abbonamento non utilizzato nei seguenti casi:

1.1 Diritto al rimborso Il viaggiatore può chiedere il rimborso di un biglietto o abbonamento non utilizzato nei seguenti casi: 8. RIMBORSI E INDENNITA 1. Rimborso 1.1 Diritto al rimborso Il viaggiatore può chiedere il rimborso di un biglietto o abbonamento non utilizzato nei seguenti casi: Per mancata effettuazione del viaggio

Dettagli

Bando regionale per il sostegno di:

Bando regionale per il sostegno di: Bando regionale per il sostegno di: Programma Operativo Regionale Competitività regionale e occupazione F.E.S.R. 2007/2013 Asse 1 Innovazione e transizione produttiva Attività I.3.2 Adozione delle tecnologie

Dettagli

Documento. 10 Novembre 2011

Documento. 10 Novembre 2011 Documento 10 Novembre 2011 Rimborso della Tassa di concessione governativa sull utilizzo dei telefoni cellulari: un quadro d insieme delle interpretazioni in essere e sulle possibili soluzioni operative

Dettagli

REGOLAMENTO SUL PROCEDIMENTO AMMINISTRATIVO E SUL DIRITTO D'ACCESSO AGLI ATTI

REGOLAMENTO SUL PROCEDIMENTO AMMINISTRATIVO E SUL DIRITTO D'ACCESSO AGLI ATTI COMUNE DI TREMEZZINA REGOLAMENTO SUL PROCEDIMENTO AMMINISTRATIVO E SUL DIRITTO D'ACCESSO AGLI ATTI Approvato con deliberazione del Commissario prefettizio assunta con i poteri di Consiglio n. 19 del 02/04/2014

Dettagli

RICHIESTA ATTIVAZIONE SERVIZIO FATT-PA NAMIRIAL DEL CLIENTE OPERATORE ECONOMICO

RICHIESTA ATTIVAZIONE SERVIZIO FATT-PA NAMIRIAL DEL CLIENTE OPERATORE ECONOMICO Mod. NAM FATT-PA Rev.7.0 RICHIESTA ATTIVAZIONE SERVIZIO FATT-PA NAMIRIAL DEL CLIENTE OPERATORE ECONOMICO PREMESSE La presente Richiesta di attivazione del Servizio sottoscritta dal, Operatore Economico

Dettagli

MODELLO DELLA DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA

MODELLO DELLA DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA MODELLO DELLA DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA Spett.le ACSM-AGAM S.p.A. Via P. Stazzi n. 2 22100 COMO CO Oggetto: Dichiarazione sostitutiva in merito al possesso dei requisiti di ordine generale prescritti dall

Dettagli

Guida pratica agli adempimenti

Guida pratica agli adempimenti Guida pratica agli adempimenti amministrativi delle aziende Rag. Tatiana Augelli INDICE - Iva e liquidazioni Le aliquote IVA; la detraibilità; le modalità di liquidazione ed i termini; - Termini di registrazione

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO Apertura di credito per finanziamenti a fronte di certificati/dichiarazioni di conformità di autoveicoli

FOGLIO INFORMATIVO Apertura di credito per finanziamenti a fronte di certificati/dichiarazioni di conformità di autoveicoli FOGLIO INFORMATIVO Apertura di credito per finanziamenti a fronte di certificati/dichiarazioni di conformità di autoveicoli INFORMAZIONI SULLA BANCA Denominazione Credito Emiliano SpA Iscrizione in albi

Dettagli

Legge 20-11-1982, n. 890 Notificazioni di atti a mezzo posta e di comunicazioni a mezzo posta connesse con la notificazione di atti giudiziari.

Legge 20-11-1982, n. 890 Notificazioni di atti a mezzo posta e di comunicazioni a mezzo posta connesse con la notificazione di atti giudiziari. Legge 20-11-1982, n. 890 Notificazioni di atti a mezzo posta e di comunicazioni a mezzo posta connesse con la notificazione di atti giudiziari. Preambolo La Camera dei deputati ed il Senato della Repubblica

Dettagli

Fattura elettronica: esenzioni

Fattura elettronica: esenzioni Fattura elettronica: esenzioni Con l entrata in vigore del sistema della fatturazione elettronica, istituita dall articolo 1, commi da 209 a 213 della legge 24 dicembre 2007, n. 244 e regolamentata dal

Dettagli

Regolamento per il riscatto degli anni di laurea ex art. 22 Regolamento dell Ente

Regolamento per il riscatto degli anni di laurea ex art. 22 Regolamento dell Ente E.P.A.P. Ente di Previdenza ed Assistenza Pluricategoriale Via Vicenza, 7-00185 Roma Tel: 06 69.64.51 - Fax: 06 69.64.555 E-mail: info@epap.it - Sito web: www.epap.it Codice fiscale: 97149120582 Regolamento

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. Visto l'articolo 20 della legge 15 marzo 1997, n. 59, allegato 1, numeri 94, 97 e 98, e successive modificazioni;

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. Visto l'articolo 20 della legge 15 marzo 1997, n. 59, allegato 1, numeri 94, 97 e 98, e successive modificazioni; D.P.R. 14-12-1999 n. 558 Regolamento recante norme per la semplificazione della disciplina in materia di registro delle imprese, nonché per la semplificazione dei procedimenti relativi alla denuncia di

Dettagli

OPERATIVA LA COMPENSAZIONE DEI DEBITI ERARIALI ISCRITTI A RUOLO

OPERATIVA LA COMPENSAZIONE DEI DEBITI ERARIALI ISCRITTI A RUOLO Numero circolare 3 Data 16/03/2011 Abstract: OPERATIVA LA COMPENSAZIONE DEI DEBITI ERARIALI ISCRITTI A RUOLO Entrano a regime le modalità per la compensazione delle somme iscritte a ruolo per debiti erariali,

Dettagli

CONTABILITA GENERALE

CONTABILITA GENERALE CONTABILITA GENERALE 5 SCRITTURE DI RETTIFICA SU ACQUISTI e SCRITTURE RELATIVE AL REGOLAMENTO DEI DEBITI 24 ottobre 2010 Ragioneria Generale e Applicata - Parte seconda - La contabilità generale 1 3) Rettifiche

Dettagli

REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE

REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE REGOLAMENTO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ALLE PICCOLE IMPRESE INDICE Art. 1 - Oggetto e finalità del regolamento Art. 2 - Requisiti di ammissibilità al contributo Art. 3 - Tipologie di spese ammissibili

Dettagli

ATTIVITA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE PRINCIPALI REGOLE FISCALI

ATTIVITA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE PRINCIPALI REGOLE FISCALI ATTIVITA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE PRINCIPALI REGOLE FISCALI 1. Aspetti fiscali generali Gli enti di tipo associativo, di cui fanno parte anche le associazioni sportive dilettantistiche, sono assoggettate

Dettagli

L anno, il giorno del mese di in, con la presente scrittura privata valida a tutti gli effetti di legge TRA

L anno, il giorno del mese di in, con la presente scrittura privata valida a tutti gli effetti di legge TRA Allegato n.3 Schema di contratto per il comodato d uso gratuito di n. 3 autoveicoli appositamente attrezzati per il trasporto di persone con disabilità e n. 2 autoveicoli per le attività istituzionali

Dettagli

Al Responsabile del S.U.A.P.

Al Responsabile del S.U.A.P. Marca da bollo Da inviare al Comune competente mediante lettera A/R Al Responsabile del S.U.A.P. Comune di Penna Sant Andrea (TE) M0297/83-AB OGGETTO: Domanda di rilascio nuova autorizzazione di tipo A

Dettagli

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale.

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. 9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. Art. 27 Adeguamento della legge regionale n.3/2007 alla normativa nazionale 1. Alla legge

Dettagli

l agenzia in f orma CONTRIBUENTI MINIMI : ADEMPIMENTI MINIMI il fisco facile per piccoli imprenditori e professionisti

l agenzia in f orma CONTRIBUENTI MINIMI : ADEMPIMENTI MINIMI il fisco facile per piccoli imprenditori e professionisti 1 2008 l agenzia in f orma CONTRIBUENTI MINIMI : ADEMPIMENTI MINIMI il fisco facile per piccoli imprenditori e professionisti 1 2008 l agenzia in f orma CONTRIBUENTI MINIMI : ADEMPIMENTI MINIMI il fisco

Dettagli

I RAPPORTI DI LAVORO IN AMBITO SPORTIVO DILETTANTISTICO

I RAPPORTI DI LAVORO IN AMBITO SPORTIVO DILETTANTISTICO SERVIZIO DECENTRAMENTO E ASSISTENZA AMMINISTRATIVA AI PICCOLI COMUNI SERVIZIO PROGRAMMAZIONE E GESTIONE ATTIVITA TURISTICHE E SPORTIVE www.provincia.torino.gov.it FORUM IN MATERIA DI ENTI SPORTIVI DILETTANTISTICI

Dettagli

Il sottoscritto... nato il.. a... in qualità di... dell impresa... con sede in... via. n. telefono...n. fax... indirizzo e-mail...pec...

Il sottoscritto... nato il.. a... in qualità di... dell impresa... con sede in... via. n. telefono...n. fax... indirizzo e-mail...pec... ALLEGATO A Istanza di inserimento nell Elenco operatori economici consultabile dall AGC 14 Trasporti e Viabilità Settore Demanio Marittimo Opere Marittime nelle procedure negoziate di cui all art. 125

Dettagli

DIRETTIVA 92/12/CEE DEL CONSIGLIO del 25 febbraio 1992 relativa al regime generale, alla detenzione, alla circolazione ed ai controlli dei prodotti

DIRETTIVA 92/12/CEE DEL CONSIGLIO del 25 febbraio 1992 relativa al regime generale, alla detenzione, alla circolazione ed ai controlli dei prodotti DIRETTIVA 92/12/CEE DEL CONSIGLIO del 25 febbraio 1992 relativa al regime generale, alla detenzione, alla circolazione ed ai controlli dei prodotti soggetti ad accisa IL CONSIGLIO DELLE COMUNITÀ EUROPEE,

Dettagli

DECRETO 26 ottobre 2011

DECRETO 26 ottobre 2011 DECRETO 26 ottobre 2011 Modalita' di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA, dei soggetti esercitanti l'attivita' di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio 1989, n. 39, in attuazione degli

Dettagli

Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna

Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna PREVIDENZA COMPLEMENTARE E TFR Guida al Lavoro Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna 14 Confronto di convenienza, anche fiscale,

Dettagli

Condizioni generali di fornitura

Condizioni generali di fornitura Condizioni generali di fornitura 1) Responsabilità di trasporto Resa e imballo a ns. carico. 2) Custodia dopo consegna in cantiere Dopo la posa da parte ns. del materiale / macchine in cantiere la responsabilità

Dettagli