I beni pubblici. Università degli Studi Roma Tre DIRITTO AMMINISTRATIVO. Cattedra del prof. GIANFRANCO D ALESSIO -

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "I beni pubblici. Università degli Studi Roma Tre DIRITTO AMMINISTRATIVO. Cattedra del prof. GIANFRANCO D ALESSIO -"

Transcript

1 Università degli Studi Roma Tre DIRITTO AMMINISTRATIVO Cattedra del prof. GIANFRANCO D ALESSIO - I beni pubblici Prof. ssa Francesca DI LASCIO SOMMARIO: 1. BENI ED INTERESSI PUBBLICI; 2.LE FONTI COSTITUZIONALI; 3. LE FONTI COMUNITARIE; 4. LE CARATTERISTICHE GENERALI DEI BENI PUBBLICI ALLA LUCE DEI PRINCIPI COSTITUZIONALI E COMUNITARI; 5. IL CONCETTO DI PROPRIETÀ PUBBLICA; 6. LE CLASSIFICAZIONI APPLICABILI AI BENI PUBBLICI; 7. I BENI DEL DEMANIO; 8. I BENI DEL PATRIMONIO INDISPONIBILE; 9. L USO DEI BENI PUBBLICI; 10. LA PRIVATIZZAZIONE DEI BENI PUBBLICI 1. BENI ED INTERESSI PUBBLICI Il tratto saliente dei beni pubblici consiste nella loro attitudine a fornire utilità giuridicamente rilevanti: si tratta, infatti, di beni pertinenti ad uno o più interessi pubblici. In particolare possono verificarsi le seguenti ipotesi: 1. l interesse che attiene al bene è meramente strumentale rispetto alla sua attitudine nel servire all esercizio di una funzione pubblica o di un servizio. In questo caso i beni sono considerati mezzi per l amministrazione. Esempio: beni del demanio militare, automezzi del trasporto pubblico, denaro; 2. il bene realizza immediatamente un interesse della collettività. Esempio: musei, strade e autostrade, lido del mare. Ciò giustifica la limitazione di alcune facoltà insite nei diritti dominicali spettanti ai privati, come lo jus aedificandi sul suolo pubblico. Riguardo al primo caso, si può aggiungere che lo svolgimento dei compiti dell amministrazione implica, in generale, l utilizzo di risorse umane, finanziarie e strumentali. Tra queste possono essere inclusi i beni necessari all esercizio delle funzioni istituzionali e, all interno di questa categoria, rivestono una particolare importanza i beni pubblici. 1

2 Si tratta di beni appartenenti agli enti pubblici che dal nostro ordinamento sono qualificati in una categoria autonoma da cui discende la sottoposizione dei medesimi ad una specifica disciplina, che ne condiziona l uso, la circolazione e la tutela. È bene tenere presente, tuttavia, che i beni pubblici sono solo una parte di tutti i beni che le amministrazioni hanno a disposizione. Ve ne sono altri, infatti, che, in larga misura, rimangono sottoposti alla disciplina ordinaria sulla proprietà privata: si fa qui riferimento al patrimonio disponibile degli enti pubblici, che va distinto dal patrimonio indisponibile, riconducibile ai beni pubblici ed alla relativa disciplina speciale (su cui vedi infra il par. 8). Il patrimonio disponibile è, a sua volta, suddiviso nel patrimonio mobiliare e nel patrimonio fondiario ed edilizio. A questa categoria va anche ricondotto il denaro che le amministrazioni impiegano per le proprie spese. I beni patrimoniali disponibili possono essere oggetto di: 1. contratti attivi, da cui deriva un entrata per l amministrazione (ad es. contratto di alienazione o vendita); 2. contratti passivi, da cui deriva una spesa per l amministrazione (ad es. contratto di acquisto). 2. LE FONTI COSTITUZIONALI I beni pubblici appartengono alle amministrazioni a titolo di proprietà pubblica (su tale concetto vedi anche il par. 5). Il fondamento costituzionale di tale nozione può essere rintracciato in tre disposizioni distinte ma tra loro strettamente collegate sotto il profilo sostanziale: a. l art. 42 della Costituzione secondo cui: La proprietà è pubblica o privata. I beni economici appartengono allo Stato, ad enti o a privati. La proprietà privata è riconosciuta e garantita dalla legge, che ne determina i modi di acquisto, di godimento e i limiti allo scopo di assicurarne la funzione sociale e di renderla accessibile a tutti. La proprietà privata può essere, nei casi previsti dalla legge, e salvo indennizzo, espropriata per motivi d interesse generale. La legge stabilisce le norme ed i limiti della successione legittima e testamentaria e i diritti dello Stato sulle eredità ; b. l art. 43 della Costituzione, per il quale: A fini di utilità generale la legge può riservare originariamente o trasferire, mediante espropriazione e salvo indennizzo, allo Stato, ad enti pubblici o a comunità di lavoratori o di utenti determinate imprese o categorie di imprese, che si riferiscano a servizi pubblici essenziali o a fonti di energia o a situazioni di monopolio ed abbiano carattere di preminente interesse generale ; c. l art. 119, c. 6, laddove stabilisce che I Comuni, le Province, le Città metropolitane e le Regioni hanno un proprio patrimonio, attribuito secondo i principi generali determinati dalla legge dello Stato. 2

3 3. LE FONTI COMUNITARIE Il Trattato di Roma non incide sugli assetti proprietari degli Stati membri. Ai sensi dell art. 295, infatti, il regime di proprietà esistente è impregiudicato. Il diritto comunitario non contiene, quindi, un disfavore per la proprietà pubblica in generale, quanto piuttosto pone l accento sulla necessità che le risorse esistenti siano utilizzate in modo efficiente, così da contribuire allo sviluppo economico dell Unione: a questi principi vanno ricondotte le liberalizzazioni inerenti gli scambi di merci ed i movimenti di capitali di cui agli artt. 28 e 56 del suddetto Trattato. Si tratta di obblighi generali gravanti su tutti gli Stati membri nonché sulle imprese ivi operanti. Ulteriore principio che indirettamente richiede un uso efficiente della proprietà pubblica è quello desumibile dal generale obbligo di riduzione del debito pubblico di cui all art. 104 del Trattato, che nel nostro Paese ha portato ad una forte attenzione per il rapporto tra beni pubblici e finanza, specialmente in relazione alle potenzialità insite nei meccanismi di dismissione del patrimonio mobiliare ed immobiliare. 4. LE CARATTERISTICHE GENERALI DEI BENI PUBBLICI ALLA LUCE DEI PRINCIPI COSTITUZIONALI E COMUNITARI Dall interpretazione dei principi richiamati è possibile ravvisare alcune caratteristiche applicabili a tutti i beni pubblici: a. la legittimazione generale dei pubblici poteri ad acquisire diritti dominicali sui beni, in specie quelli c.d. produttivi ex art. 42 Cost.; b. la possibilità dei pubblici poteri di stabilire limitazioni all appropriazione dei beni da parte dei privati, attraverso l apposizione di una c.d. riserva; c. l esistenza di un regime giuridico pubblicistico distinto rispetto a quello proprio della proprietà privata. Inoltre, i principi di buon andamento e imparzialità di cui all art. 97 della Costituzione comportano una serie di obblighi per l amministrazione nel momento in cui la stessa deve deliberare la destinazione d uso dei propri beni. A seconda dell uso prescelto per un tale bene, infatti, viene in rilievo un diverso statuto proprietario. Ad esempio, vi sono beni destinati al servizio della collettività, che forniscono utilità indivisibili e che per questo sono inclusi tra i beni demaniali. Nel caso del demanio militare, però, alla limitazione nell uso si aggiunge quella dei soggetti ad esso legittimati (sono ammessi solo i militari). Nei beni a fruizione collettiva, invece, sono ammesse solo limitazioni temporanee nell uso, spesso dettate da ragioni di tutela (come nel caso degli immobili storici). Infine, vi sono beni privati il cui uso sottende rilevanti interessi collettivi e che, per questo, sono sottoposti a parziali limitazioni nel loro uso in 3

4 godimento esclusivo al proprietario. È il caso di una strada privata che sia l unica via o la più agevole per raggiungere il lido del mare o un lago (sugli usi vedi infra il par. 9). 5. IL CONCETTO DI PROPRIETÀ PUBBLICA Il concetto di proprietà pubblica può essere utilizzato per descrivere: 1. il titolo di appartenenza all ente dei beni pubblici; 2. la legittimità costituzionale del regime speciale cui gli stessi sono sottoposti. Inoltre, se si assume che i beni pubblici sono proprietà dell amministrazione si può anche spiegare: 1. l appartenenza dei proventi (frutti) derivanti dal bene all ente che ne è titolare; 2. il fatto che se il bene perde il carattere pubblico resta comunque nella proprietà dell ente. Si parla in proposito di principio dell elasticità della proprietà, al quale sono assoggettati i beni pubblici demaniali e quelli patrimoniali indisponibili (su cui infra il par. 7 e il par. 8). In generale, per comprendere l essenza della proprietà pubblica può essere utile ricordare che l ordinamento sancisce l appartenenza di alcuni beni pubblici alle amministrazioni: - perché li ritiene idonei a soddisfare gli interessi cui le medesime amministrazioni sono deputate; - perché stabilisce che alcuni beni delle amministrazioni possano essere destinati in modo stabile a fini pubblici poiché inerenti a funzioni pubbliche. La fonte che legittima la titolarità della proprietà pubblica è la legge. In tal senso, taluni beni appartengono allo Stato o alla regione ex lege come avviene per: 1. il demanio naturale (marittimo e idrico); 2. il patrimonio indisponibile (miniere); 3. i beni di interesse artistico, storico o archeologico esistenti o ritrovati nel sottosuolo, i relitti marittimi e i aeromobili. La titolarità dei beni, però, può anche derivare: - da fatti acquisitivi (acquisto del bene mediante occupazione o successione in mancanza di eredi); - da atti di diritto comune (contratti, donazioni); - da fatti basati sul diritto internazionale (confisca); - da fatti basati sul diritto pubblico interno (successione tra enti); - da atti pubblicistici che comportano l imposizione di diritti reali su beni di altri soggetti (espropriazione per pubblica utilità). 4

5 Alla luce della rilevata pluralità degli statuti proprietari dei beni pubblici (in base alla quale gli enti pubblici possono acquisire ed esercitare diritti di proprietà e altri diritti reali al pari dei privati su taluni beni), si può affermare che talvolta il bene è pubblico solo in senso soggettivo, in ragione cioè dell appartenenza. In altri casi, invece, i beni sono assoggettati ad un regime giuridico speciale, come avviene per quelli in uso collettivo. In particolare, i beni naturali (lido del mare, spiaggia, etc.) e i beni artificiali (porti, etc.) sono inclusi nel demanio statale ai sensi dell art. 822, co. 1, c.c.) e, dunque: 1. sono dichiarati inalienabili e non possono formare oggetto di diritti in favore di terzi, se non nei modi e limiti stabiliti dalle leggi che li riguardano (v. art. 823, co. 1, c.c.), 2. sono sottoposti ad uno speciale regime di tutela poiché, oltre ai mezzi ordinari di difesa della proprietà, l amministrazione che ne ha la titolarità può avvalersi di potestà speciali (v. art. 823, co. 2, c.c.), può ordinare la cessazione di condotte suscettibili di recare danno ai propri beni. 6. LE CLASSIFICAZIONI APPLICABILI AI BENI PUBBLICI È possibile classificare i beni pubblici in diverso modo. Una prima ipotesi è quella dell individuazione di alcune categorie nelle quali si pone in ordine decrescente il grado di ampiezza dell uso ammesso per ciascun bene. Così facendo, possiamo parlare di: 1. res comune omnium (il mare, l aria, l etere, etc.) 2. beni a fruizione collettiva (il lido del mare, le strade, etc.); 3. beni destinati all uso da parte delle pubbliche amministrazioni (beni della difesa nazionale); 4. beni privati delle pubbliche amministrazioni (patrimonio immobiliare); 5. beni privati sottoposti a vincoli pubblici (culturali, paesaggistici, etc.) Vi è poi la tradizionale distinzione derivante dall analisi delle fonti codicistiche che regolano i beni pubblici. In questo caso, la disciplina applicabile è contenuta, in via principale, negli artt. 822 e seguenti del Codice civile. Codice civile Libro 3, Titolo I, Capo II (estratto) Art. 822 Demanio pubblico Appartengono allo Stato e fanno parte del demanio pubblico il lido del mare, la spiaggia, le rade e i porti; i fiumi, i torrenti, i laghi e le altre acque definite pubbliche dalle leggi in materia (Cod. Nav. 28, 692); le opere destinate alla difesa nazionale. Fanno parimenti parte del demanio pubblico, se appartengono allo Stato, le strade, le autostrade e le strade ferrate; gli aerodromi (Cod. Nav. 692 a); gli acquedotti; gli immobili riconosciuti d'interesse storico, archeologico e artistico a norma delle leggi in materia; le raccolte dei musei, delle pinacoteche, degli archivi, delle biblioteche; e infine gli altri beni che sono dalla legge assoggettati al regime proprio del demanio pubblico. 5

6 Art. 823 Condizione giuridica del demanio pubblico I beni che fanno parte del demanio pubblico sono inalienabili e non possono formare oggetto di diritti a favore di terzi, se non nei modi e nei limiti stabiliti dalle leggi che li riguardano (Cod. Nav. 30 e seguenti, 694 e seguenti). Spetta all'autorità amministrativa la tutela dei beni che fanno parte del demanio pubblico. Essa ha facoltà sia di procedere in via amministrativa, sia di valersi dei mezzi ordinari a difesa della proprietà (948 e seguenti) e del possesso (1168 e seguenti) regolati dal presente codice. Art. 824 Beni delle province e dei comuni soggetti al regime dei beni demaniali I beni della specie di quelli indicati dal secondo comma dell'art. 822, se appartengono alle province o ai comuni, sono soggetti al regime del demanio pubblico. Allo stesso regime sono soggetti i cimiteri e i mercati comunali. Art. 825 Diritti demaniali su beni altrui Sono parimenti soggetti al regime del demanio pubblico i diritti reali che spettano allo Stato, alle province e ai comuni su beni appartenenti ad altri soggetti, quando i diritti stessi sono costituiti per l'utilità di alcuno dei beni indicati dagli articoli precedenti o per il conseguimento di fini di pubblico interesse corrispondenti a quelli a cui servono i beni medesimi. Art. 826 Patrimonio dello Stato, delle province e dei comuni I beni appartenenti allo Stato, alle province e ai comuni, i quali non siano della specie di quelli indicati dagli articoli precedenti, costituiscono il patrimonio dello Stato o, rispettivamente, delle province e dei comuni. Fanno parte del patrimonio indisponibile dello Stato le foreste che a norma delle leggi in materia costituiscono il demanio forestale dello Stato, le miniere, le cave e torbiere quando la disponibilità ne è sottratta al proprietario del fondo, le cose d'interesse storico, archeologico, paletnologico, paleontologico e artistico, da chiunque e in qualunque modo ritrovate nel sottosuolo, i beni costituenti la dotazione della presidenza della Repubblica (Cost. 843), le caserme, gli armamenti, gli aeromobili militari (Cod. Nav. 745) e le navi da guerra. Fanno parte del patrimonio indisponibile dello Stato o, rispettivamente, delle province e dei comuni, secondo la loro appartenenza, gli edifici destinati a sede di uffici pubblici, con i loro arredi, e gli altri beni destinati a pubblico servizio 1. 1 Gli artt. 1, 2 e 3 della legge n. 968/1977 riportano quanto segue: Art. 1 - La fauna selvatica italiana costituisce patrimonio indisponibile dello Stato ed è tutelata nell'interesse della comunità nazionale. Art. 2 - Fanno parte della fauna selvatica, oggetto della tutela della presente legge, i mammiferi e gli uccelli dei quali esistono popolazioni viventi, stabilmente o temporaneamente, in stato di naturale libertà, nel territorio nazionale. Sono particolarmente Art. 3 - In conformità di quanto previsto dai precedenti artt. 1 e 2 è vietata, in tutto il territorio nazionale, ogni forma di uccellagione. È altresì vietata la cattura di uccelli con mezzi e per fini diversi da quelli previsti dai successivi articoli della presente legge. 6

7 Art. 827 Beni immobili vacanti I beni immobili che non sono in proprietà di alcuno spettano al patrimonio dello Stato. Art. 828 Condizione giuridica dei beni patrimoniali I beni che costituiscono il patrimonio dello Stato, delle province e dei comuni sono soggetti alle regole particolari che li concernono e, in quanto non è diversamente disposto, alle regole del presente codice. I beni che fanno parte del patrimonio indisponibile non possono essere sottratti alla loro destinazione, se non nei modi stabiliti dalle leggi che li riguardano. Art. 829 Passaggio di beni dal demanio al patrimonio Il passaggio dei beni dal demanio pubblico al patrimonio dello Stato deve essere dichiarato dall'autorità amministrativa. Dell'atto deve essere dato annunzio nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica. Per quanto riguarda i beni delle province e dei comuni, il provvedimento che dichiara il passaggio al patrimonio dev essere pubblicato nei modi stabiliti per i regolamenti comunali e provinciali. Art. 830 Beni degli enti pubblici non territoriali I beni appartenenti agli enti pubblici non territoriali sono soggetti alle regole del presente codice, salve le disposizioni delle leggi speciali. Ai beni di tali enti che sono destinati a un pubblico servizio si applica la disposizione del secondo comma dell'art I BENI DEL DEMANIO Dalle predette disposizioni si desume che: a. i beni demaniali comprendono 1. i beni demaniali necessari, costituiti: - dal demanio marittimo ovvero il lido del mare, le spiagge, i porti, le lagune, le foci dei fiumi (art. 822 c.c. e art. 28 codice della navigazione 2 ); - dal demanio idrico ovvero i fiumi, i torrenti, i laghi, i ghiacciai e le altre acque pubbliche ivi comprese le acque sorgenti (sono invece ricondotte al regime delle miniere le acque minerali e termali) (v. anche art. 117 Cost. e competenza regionale sui porti lacuali e di navigazione interna nonché scissione tra titolarità del bene e gestione del medesimo nel servizio idrico integrato ex legge n. 36/1994, legge c.d. Galli, e decreto legislativo n. 112/1998); 2 Fanno parte del demanio marittimo: a. il lido, la spiaggia, i porti, le rade; b. le lagune, le foci dei fiumi che sboccano in mare, i bacini di acqua salsa o salmastra che almeno durante una parte dell'anno comunicano liberamente col mare; c. i canali utilizzabili ad uso pubblico marittimo. 7

8 - dal demanio militare ovvero le opere destinate alla difesa nazionale, che sono demanio artificiale perché non preesistente in natura ma creato dall uomo, e di quelle destinate al servizio delle comunicazioni militari. I beni demaniali necessari appartengono sempre allo Stato, salve le eccezioni ricordate del demanio regionale e, inoltre, il demanio necessario è costituito da beni immobili caratterizzati da scarsa deperibilità a differenza di altri beni pubblici. 2. i beni demaniali accidentali ovvero strade, autostrade, aerodromi, acquedotti, gli immobili riconosciuti d'interesse storico, archeologico e artistico a norma delle leggi in materia, le raccolte dei musei, delle pinacoteche, degli archivi, delle biblioteche (v. art. 822 co. 2, c.c.). Sino al 1985 erano parte del demanio accidentale le strade ferrate ora sdemanializzate e affidate alle ferrovie dello Stato. Non sono, inoltre, demanio stradale le strade vicinali (private gravate da servitù di pubblico transito, le cui spese di manutenzione cadono sugli utenti o sul comune) e le strade militari di uso pubblico ossia su cui le autorità consentono il pubblico transito. Infine, ai sensi dell art. 53 del decreto legislativo n. 42/2004 (c.d. Codice dei beni culturali e del paesaggio) si può parlare di demanio culturale 3. Il carattere comune dei beni demaniali accidentali e necessari è che appartengono ad enti territoriali (Stato, regioni, province, comuni) poiché sono preordinati a soddisfare interessi imputati ad una collettività stanziata sul territorio e rappresentata dagli enti territoriali. Le principali differenze tra i beni demaniali accidentali e necessari sono, invece, che: - i primi posso appartenere a chiunque (esistono strade private, mercati e cimiteri comunali, acquedotti di enti pubblici non territoriali) ma acquisiscono detta qualifica se appartengono ad un ente territoriale; i primi appartengono solo a Stato e regioni; - i primi non sono costituiti solo da beni immobili ma possono anche consistere in universalità di mobili (le raccolte dei musei e le pinacoteche). Ulteriore distinzione è tra beni demaniali: a. naturali (il lido del mare) e artificiali (gli acquedotti); b. preesistenti rispetto alle determinazioni dell amministrazione (demanio marittimo) o destinati ad una funzione pubblica (demanio militare); c. riservati allo Stato o alla regione, che possono esserne i soli titolari, oppure appartenenti anche a privati o altri soggetti pubblici. 3 D. lgs. n. 42/ Art. 53. Beni del demanio culturale: 1. I beni culturali appartenenti allo Stato, alle regioni e agli altri enti pubblici territoriali che rientrino nelle tipologie indicate all art. 822 del codice civile costituiscono il demanio culturale. 2. I beni del demanio culturale non possono essere alienati, né formare oggetto di diritti a favore di terzi, se non nei limiti e con le modalità previsti dal presente codice. 8

9 È un dato comune, tuttavia, l assoggettamento indistinto di tutti i beni demaniali alle regole di cui all art. 823 del Codice civile secondo il quale detti beni sono incommerciabili ovvero sono inalienabili (non possono essere venduti), né possono formare oggetto di diritti in favore di terzi diversi dai loro enti pubblici proprietari. Solamente la legge, con limiti e modi definiti, può porre un eccezione a questo principio generale. Un primo corollario derivante dalla disposizione richiamata è che i beni del demanio necessario non possono essere trasferiti ad enti diversi dallo Stato e le regioni, unici verso cui è ammessa la relativa titolarità, a differenza degli altri beni del demanio per i quali può aversi il passaggio ad ente territoriale di livello diverso a condizione che: 1. non siano legati in modo indissolubile all ente di appartenenza originario (es. la piazza di un comune); 2. permanga, a seguito del trasferimento, la loro destinazione pubblica. Un secondo corollario attiene alla potestà di autotutela dell amministrazione proprietaria dei beni pubblici, in base alla quale questa è legittimata ad avvalersi degli ordinari rimedi giurisdizionali che l ordinamento prevede a tutela della proprietà ma può anche procedere ad una tutela diretta dei propri beni attraverso l irrogazione di sanzioni amministrative e l esercizio di poteri di polizia demaniale (es. rimozioni autoritative). In merito, si ritiene tuttavia che la formulazione generica di cui all art. 823 del Codice civile non permetta di individuare un generale potere di autotutela e che, dunque, è necessario che questo sia di volta in volta attribuito da una norma specifica. Riguardo all acquisto ed alla cessazione del regime demaniale di un bene: 1. i beni del demanio naturale sono tali per il solo fatto di possedere i requisiti previsti dalla legge; 2. i beni del demanio artificiale sono demaniali quando sono realizzati con destinazione pubblica e se di proprietà di un ente territoriale (anche se per alcuni, come le strade, è necessaria un espressa previsione di legge che evidenzi la destinazione pubblica ed il suo permanere). A fini dichiarativi, la legge può prevedere che i beni siano classificati ed inclusi in elenchi nominativi. La cessazione della demanialità, invece, si ha quando si verifica: 1. la cessazione del bene; 2. la perdita dei requisiti di demanialità (ad esempio, nel demanio naturale); 3. il termine, espresso o tacito, della destinazione pubblica (ad esempio, nel demanio militare) che avviene ex lege (c.d. sdemanializzazione). 9

10 8. I BENI DEL PATRIMONIO INDISPONIBILE I beni del patrimonio indisponibile, che sono elencati dagli art. 826, co. 2, e 3, e dell art. 830, co. 2, del Codice civile sono beni degli enti pubblici non territoriali destinati ad un pubblico servizio. Si tratta, quindi, di beni, mobili e immobili, che possono appartenere a qualsiasi ente pubblico. All interno della descritta categoria, questi beni hanno caratteri diversi: - alcuni sono riservati ad enti pubblici e nessun altro soggetto dell ordinamento può acquistarli (ad esempio, le miniere e le acque minerali e termali); - alcuni sono patrimonio indisponibile solo poiché appartengono ad uno specifico ente pubblico (ad esempio, le foreste regionali); - alcuni sono patrimonio indisponibile in conseguenza della loro destinazione alla soddisfazione di una finalità pubblica (ad esempio, i beni in dotazione del Presidente della Repubblica o arredi degli uffici). Inoltre: - le cave e torbiere nonché le acque minerali e termali sono state trasferite al patrimonio regionale. Possono essere sfruttate, previa concessione, da privati ma l ente proprietario ha facoltà di revocare detta facoltà in caso di mancato o insufficiente sfruttamento; - le miniere sono riservate allo Stato, ma le relative funzioni amministrative sono condivise da Stato e regioni sussistendo anche profili legati alla materia dell energia. Quanto allo sfruttamento, le regole sono simili a quelle richiamate per le cave e torbiere; - le cose mobili d interesse storico, archeologico, paletnologico, paleontologico e artistico sono patrimonio indisponibile fatta eccezione per il fatto che siano costituite in raccolte di musei, pinacoteche, archivi e biblioteche, ipotesi nella quale sono beni del demanio accidentale. I beni del patrimonio indisponibile non possono essere sottratti alla loro destinazione se non con previsione normativa ma, a differenza dei beni del demanio, non sono incommerciabili in modo assoluto. La vendita, però, deve rispettare il vincolo di destinazione pubblica (ad esempio, il passaggio di edificio destinato a pubblico servizio da un ente all altro). L acquisto e la perdita dei caratteri di bene pubblico per il patrimonio indisponibile avviene secondo le modalità già descritte per i beni del demanio. 9. L USO DEI BENI PUBBLICI L ordinamento generale, oltre a fissare regole in tema di tutela e circolazione dei beni pubblici, si occupa del relativo godimento e uso. In tal senso, si osserva che vi sono beni per cui è consentito: 10

11 1. un uso diretto e riservato al proprietario pubblico, con sanzioni per l uso altrui (ad esempio, il demanio militare o gli uffici pubblici); 2. un uso promiscuo (ad esempio, le strade militari su cui avviene il pubblico transito); 3. un uso generale ovvero quelli per cui emerge una funzione a servizio della collettività (ad esempio, il demanio idrico o beni di interesse storico). L uso generale può essere subordinato al rilascio di una somma (ad esempio, il pedaggio nelle autostrade) o di un autorizzazione (ad esempio, lo scarico nelle acque pubbliche); 4. un uso particolare poiché il bene è posto a disposizione di singoli soggetti privati (ad esempio, riserve di pesca o concessione di beni pubblici come gli stabilimenti balneari). Il ruolo dell amministrazione muta a seconda dei casi considerati: 1. nell uso diretto, è di tutela, conservazione e, appunto, utilizzo diretto; 2. nell uso generale e particolare è di regolazione e organizzazione nell uso da parte di terzi. Per i beni a fruizione collettiva dei quali si ammette l uso generale, si pone il problema di scegliere l uso più adatto o di contemperare più usi, come nel caso di un privato che non sia interessato all uso ordinario del bene bensì ad un suo uso parziale a fini imprenditoriali (ad esempio, l installazione di infrastrutture per l erogazione dei servizi pubblici). I modi attraverso cui si cerca di ottenere la coesistenza tra l uso collettivo di un certo bene pubblico e la sua utilizzazione economica sono, da un lato, il controllo pubblico delle tariffe a livelli socialmente accettabili e, dall altro, il mantenimento di più alternative per l utente, che deve sempre avere a disposizione un alternativa non onerosa o quantomeno scarsamente onerosa nell uso del bene. Esempio: l uso ordinario del lido del mare, bene incluso nel demanio marittimo, è consentito in via normale all universalità di coloro che ne hanno interesse. Ciò non esclude usi frazionati o individuali del medesimo bene, a condizione che non ne ledano il godimento collettivo. È quello che avviene con la concessione del demanio marittimo per finalità turistico ricreativa (v. l esercizio di stabilimenti balneari). In altre occasioni, sono ammessi anche usi eccezionali che, invece, escludono quello ordinario collettivo (v. installazione di una fabbrica sulla spiaggia). È, pertanto, importante la modalità con cui l amministrazione competente in ordine all uso del bene pondera le richieste in merito pervenute, valutando gli interessi (collettivi o individuali) ad quelle sottesi. Si pone, in tal senso, il problema della scelta del concessionario, sia in caso di più concorrenti, sia quando questa sia condizionata da un errata valutazione iniziale circa la destinazione d uso del bene. 11

12 A riguardo, l amministrazione opera con l adozione di un provvedimento amministrativo di natura accrescitiva, denominato concessione amministrativa. La ratio delle concessioni nella costruzione del rapporto tra amministrazione proprietaria e privato concessionario risiede proprio nel fatto che la prima può essere proprietaria di un bene, un attività (servizio), un opera e che, quindi, può conferire al secondo la facoltà di esercitare, entro certi limiti e per un periodo di tempo predeterminato, attività imprenditoriali su detti beni, attività (servizi), opere. Da ciò deriva che l attività privata non è possibile in assenza del titolo concessorio, che rappresenta l abilitazione del concessionario a fronte di taluni speciali poteri verso il bene pubblico concesso. 10. LA PRIVATIZZAZIONE DEI BENI PUBBLICI In alcuni periodi storici, i beni pubblici sono stati utilizzati come strumento di carattere finanziario, particolarmente per il risanamento del debito pubblico. I beni pubblici cioè sono utilizzati non soltanto per soddisfare interessi della collettività bensì per produrre entrate. In particolare, sono individuate tre modalità di privatizzazione dei beni pubblici: 1. sottoscrizione di fondi immobiliari da parte del Ministero dell Economia e delle Finanze, con apporto di beni immobili e diritti reali su immobili appartenenti al patrimonio dello Stato, e gestione dei fondi da parte di società cui spetta procedere all offerta al pubblico delle quote derivate dall istituzione del predetto fondo; 2. i beni immobili non conferiti nei fondi immobiliari individuati dal Ministero dell Economia possono essere alienati; 3. i beni possono essere cartolarizzati ovvero il Ministero dell Economia può costituire o promuovere la costituzione di società (cd. Scip società di cartolizzazione degli immobili pubblici) cui trasferire a titolo oneroso beni immobili mediante decreto ministeriale. Il compito delle predette società è di realizzare operazioni di cartolarizzazione dei proventi ottenuti dalla dismissione del patrimonio immobiliare statale o di altri enti pubblici, attraverso emissione di titoli o assunzione di finanziamenti. Nel momento della loro costituzione, le società corrispondono allo Stato un prezzo iniziale rispetto al valore dell immobile, riservandosi di versare la differenza del pattuito ad operazione completata. In altre parole, alle società sono ceduti gli immobili col solo fine di rivenderli; per ogni immobile pagano all ente che gli ha concessi un prezzo iniziale e ottengono un finanziamento, con prestiti obbligazionari o emissione di titoli; i finanziatori versano una somma iniziale e ricevono il prezzo maggiorato da interessi man mano che gli immobili sono venduti; lo Stato incassa la differenza tra la somma restituita al finanziatore e il prezzo di vendita effettivo dell immobile. Gli immobili oggetto di cartolarizzazione diventano proprietà privata a tutti gli effetti. 12

PATRIMONIO DELL'UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI CATANIA

PATRIMONIO DELL'UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI CATANIA IMMOBILI PROPRI TIPOLOGIA: IMMOBILI PROPRI REGIME GIURIDICO: BENI PATRIMONIALI DISPONIBILI SPECIFICA: TERRENI EDIFICABILI REGIME GIURIDICO: BENI PATRIMONIALI DISPONIBILI SPECIFICA: TERRENI AGRICOLI REGIME

Dettagli

Articolo 7. (Patrimonio dello Stato S.p.a.) Articolo 8. (Società per il finanziamento delle infrastrutture)

Articolo 7. (Patrimonio dello Stato S.p.a.) Articolo 8. (Società per il finanziamento delle infrastrutture) SENATO DELLA REPUBBLICA XIV LEGISLATURA N. 1425 DISEGNO DI LEGGE presentato dal Presidente del Consiglio dei ministri (BERLUSCONI) e dal Ministro dell economia e delle finanze (TREMONTI) di concerto col

Dettagli

Pianificazione urbanistica La rendita fondiaria

Pianificazione urbanistica La rendita fondiaria Università di Pisa Facoltà di Ingegneria AA 2015/2016 CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA EDILE-ARCHITETTURA Luisa Santini TECNICA URBANISTICA I Pianificazione urbanistica La rendita fondiaria LA PROPRIETÀ PRIVATA

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEGLI INVENTARI DEI BENI COMUNALI

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEGLI INVENTARI DEI BENI COMUNALI REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEGLI INVENTARI DEI BENI COMUNALI APPROVATO CON DELIBERAZIONE CONSILIARE NR.41 DELL 11 LUGLIO 2008 INDICE TITOLO I NORME GENERALI Articolo 1 Finalità del Regolamento TITOLO

Dettagli

REGOLAMENTO UTILIZZAZIONE BENI IMMOBILI TERRENI E FABBRICATI DI PROPRIETA COMUNALE

REGOLAMENTO UTILIZZAZIONE BENI IMMOBILI TERRENI E FABBRICATI DI PROPRIETA COMUNALE COMUNE DI BARI REGOLAMENTO UTILIZZAZIONE BENI IMMOBILI TERRENI E FABBRICATI DI PROPRIETA COMUNALE - 1 - Articolo 1 Finalità ed ambito di applicazione Il presente regolamento disciplina l uso dei beni immobili

Dettagli

CITTA DI VIGEVANO. Regolamento per l assegnazione di beni immobili di proprietà del Comune di Vigevano

CITTA DI VIGEVANO. Regolamento per l assegnazione di beni immobili di proprietà del Comune di Vigevano CITTA DI VIGEVANO Regolamento per l assegnazione di beni immobili di proprietà del Comune di Vigevano Approvato con Deliberazione di C.C. n. 9 dell11/02/2010 Regolamento per l assegnazione di beni immobili

Dettagli

Appunti di Economia L impresa nell ordinamento giuridico italiano impresa attività di impresa stagionale

Appunti di Economia L impresa nell ordinamento giuridico italiano impresa attività di impresa stagionale Appunti di Economia L impresa nell ordinamento giuridico italiano L impresa...1 L azienda...2 Avviamento...2 Trasferimento di azienda...3 Usufrutto e affitto di azienda...3 Classificazione dell attività

Dettagli

Allegato 2 FUNZIONI DELLA PROVINCIA FUNZIONI PROPRIE

Allegato 2 FUNZIONI DELLA PROVINCIA FUNZIONI PROPRIE Allegato 2 FUNZIONI DELLA PROVINCIA FUNZIONI PROPRIE In base all art. 19 del TUEL approvato con D. Lgs. 267 del 18 agosto 2000 spettano alla provincia le funzioni amministrative di interesse provinciale

Dettagli

CIRCOLARE N.39/E. Roma, 19 ottobre 2005. Roma, 15 aprile 2008

CIRCOLARE N.39/E. Roma, 19 ottobre 2005. Roma, 15 aprile 2008 Roma, 19 ottobre 2005 CIRCOLARE N.39/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 15 aprile 2008 OGGETTO: Estromissione degli immobili strumentali dall impresa individuale articolo 1, comma 37, della

Dettagli

Federalismo demaniale

Federalismo demaniale Federalismo demaniale Le novità per le Regioni e gli enti locali Guida alla lettura del d. lgs. 28 maggio 2010, n.85 relativo l Attribuzione a Comuni, Province, Città metropolitane e Regioni di un proprio

Dettagli

Comune di Jelsi. Linee guida per il finanziamento dei programmi di attività: TITOLO I - FI ALITA ED AMBITI DI APPLICAZIO E

Comune di Jelsi. Linee guida per il finanziamento dei programmi di attività: TITOLO I - FI ALITA ED AMBITI DI APPLICAZIO E Comune di Jelsi Linee guida per il finanziamento dei programmi di attività: TITOLO I - FI ALITA ED AMBITI DI APPLICAZIO E Articolo 1 Oggetto Il Comune, nell esercizio dei suoi poteri di autonomia, determina

Dettagli

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 15.3.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 8. disciplina della relativa attività); EMANA

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 15.3.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 8. disciplina della relativa attività); EMANA SEZIONE I 15.3.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 8 Vista la deliberazione della Giunta regionale n. 128 del 27 febbraio 2006 che approva il regolamento sulle organizzazioni di volontariato

Dettagli

TIPI DI SOCIETÀ PREVISTI DAL CODICE

TIPI DI SOCIETÀ PREVISTI DAL CODICE N O E S Le società Ripassare ed esercitarsi TIPI DI SOCIETÀ PREVISTI DAL CODICE Società di persone Società di capitali Società semplice Società in accomandita semplice Società cooperativa Società di mutua

Dettagli

COMUNE DI GUARDIALFIERA Provincia di Campobasso REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI CANONI DI OCCUPAZIONE DI SPAZI ED AREE PUBBLICHE

COMUNE DI GUARDIALFIERA Provincia di Campobasso REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI CANONI DI OCCUPAZIONE DI SPAZI ED AREE PUBBLICHE COMUNE DI GUARDIALFIERA Provincia di Campobasso REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI CANONI DI OCCUPAZIONE DI SPAZI ED AREE PUBBLICHE TITOLO PRIMO AMBITO DI APPLICAZIONE DEL REGOLAMENTO Articolo 1 Oggetto

Dettagli

CIRCOLARE N. 20/E. Roma, 11 maggio 2015

CIRCOLARE N. 20/E. Roma, 11 maggio 2015 CIRCOLARE N. 20/E Direzione Centrale Normativa Roma, 11 maggio 2015 OGGETTO: Trattamento agli effetti dell IVA dei contributi pubblici relativi alle politiche attive del lavoro e alla formazione professionale

Dettagli

OGGETTO: Risposte a quesiti in merito all articolo 8 DL 13 maggio 2011, n. 70 - Titoli di risparmio per l economia meridionale.

OGGETTO: Risposte a quesiti in merito all articolo 8 DL 13 maggio 2011, n. 70 - Titoli di risparmio per l economia meridionale. CIRCOLARE N. 10/E Direzione Centrale Normativa Roma, 30 aprile 2013 OGGETTO: Risposte a quesiti in merito all articolo 8 DL 13 maggio 2011, n. 70 - Titoli di risparmio per l economia meridionale. Premessa

Dettagli

Si tratta di diritti che consentono varie forme di utilizzazione della res: Superficie Enfiteusi Usufrutto Uso Abitazione Servitù prediali.

Si tratta di diritti che consentono varie forme di utilizzazione della res: Superficie Enfiteusi Usufrutto Uso Abitazione Servitù prediali. DIRITTI REALI DI GODIMENTO SU COSA ALTRUI Funzione: attribuiscono ad un soggetto diverso dal proprietario della res alcune delle facoltà e/o dei poteri che tipicamente spettano al proprietario. Si tratta

Dettagli

Giornata di studio I nuovi strumenti della programmazione urbanistica, perequazioni, compensazioni e diritti edificatori Como 8 aprile 2011

Giornata di studio I nuovi strumenti della programmazione urbanistica, perequazioni, compensazioni e diritti edificatori Como 8 aprile 2011 I crediti Edilizi: il loro riconoscimento e la loro circolazione (riflessioni basate sull esperienza della L.R.Veneto 11/2004) A cura di Giovanni Rizzi Giornata di studio I nuovi strumenti della programmazione

Dettagli

TABELLA DI CORRISPONDENZA TRA POSTE PATRIMONIALI NELLA NUOVA CLASSIFICAZIONE SEC 95 E RELATIVA CODIFICA MECCANOGRAFICA

TABELLA DI CORRISPONDENZA TRA POSTE PATRIMONIALI NELLA NUOVA CLASSIFICAZIONE SEC 95 E RELATIVA CODIFICA MECCANOGRAFICA Allegato n.1 TABELLA DI CORRISPONDENZA TRA POSTE PATRIMONIALI NELLA NUOVA CLASSIFICAZIONE SEC 95 E RELATIVA CODIFICA MECCANOGRAFICA AA ATTIVITA' FINANZIARIE AA AA Oro e argento monetario e diritti speciali

Dettagli

L APPLICAZIONE DELL IVA E DELL IMPOSTA DI REGISTRO PER LE CESSIONI DI FABBRICATI

L APPLICAZIONE DELL IVA E DELL IMPOSTA DI REGISTRO PER LE CESSIONI DI FABBRICATI L APPLICAZIONE DELL IVA E DELL IMPOSTA DI REGISTRO PER LE CESSIONI DI FABBRICATI Sommario Introduzione... 2 Il principio generale di esenzione dall Iva... 2 La nozione di impresa costruttrice... 3 Fabbricati

Dettagli

COMUNE DI CREMA AREA RISORSE UMANE E STRUMENTALI POLIZIA LOCALE - TRIBUTI E COMMERCIO SERVIZIO TRIBUTI, COMMERCIO, CATASTO

COMUNE DI CREMA AREA RISORSE UMANE E STRUMENTALI POLIZIA LOCALE - TRIBUTI E COMMERCIO SERVIZIO TRIBUTI, COMMERCIO, CATASTO Allegato A) delibera di CC n. 2013/00044 del 20/06/2013 COMUNE DI CREMA AREA RISORSE UMANE E STRUMENTALI POLIZIA LOCALE - TRIBUTI E COMMERCIO SERVIZIO TRIBUTI, COMMERCIO, CATASTO REGOLAMENTO PER L AGEVOLAZIONE

Dettagli

LA DISCIPLINA DEL CONDOMINIO MINIMO

LA DISCIPLINA DEL CONDOMINIO MINIMO 107 ARGOMENTO LA DISCIPLINA DEL CONDOMINIO MINIMO 1. Traccia Tizio e Caio sono comproprietari di un edificio in località Mentana. Il primo, dopo avere di propria iniziativa provveduto ad alcune spese per

Dettagli

EREDITÀ GIACENTE artt. 528 532 c.c.

EREDITÀ GIACENTE artt. 528 532 c.c. EREDITÀ GIACENTE artt. 528 532 c.c. Sommario 1. PREMESSA... 1 2. ART. 528 NOMINA CURATORE... 1 3. ATTIVITÀ DEL CURATORE DELL EREDITÀ GIACENTE: POTERI ED OBBLIGHI... 2 4. ART. 529 OBBLIGHI DEL CURATORE...

Dettagli

LEZIONE 10 GENNAIO 2014

LEZIONE 10 GENNAIO 2014 LEZIONE 10 GENNAIO 2014 SOCIETA A RESPONSABILITA LIMITATA> Come noto, è un ente dotato di personalità giuridica che rientra nel novero delle società di capitali. La riforma ha portato un integrale revisione

Dettagli

RISOLUZIONE N. 107/E. Roma, 3 agosto 2004

RISOLUZIONE N. 107/E. Roma, 3 agosto 2004 RISOLUZIONE N. 107/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 3 agosto 2004 Oggetto: Trattamento ai fini Iva delle prestazioni di concessione in uso di vagoni ferroviari per l esecuzione di trasporti

Dettagli

Il marchio collettivo

Il marchio collettivo Il marchio collettivo Natura e definizione Il marchio collettivo è un segno distintivo che svolge principalmente la funzione di garantire particolari caratteristiche qualitative di prodotti e servizi di

Dettagli

L AUTONOMIA FINANZIARIA DELLE REGIONI E DEGLI ENTI LOCALI

L AUTONOMIA FINANZIARIA DELLE REGIONI E DEGLI ENTI LOCALI CAPITOLO I L AUTONOMIA FINANZIARIA DELLE REGIONI E DEGLI ENTI LOCALI SOMMARIO: 1. Il concetto di autonomia finanziaria. 2. Il federalismo fiscale. 2.1. Le regioni a statuto speciale. 2.2. Le regioni a

Dettagli

INFORMATIVA TRIBUTI LOCALI 2014

INFORMATIVA TRIBUTI LOCALI 2014 INFORMATIVA TRIBUTI LOCALI 2014 1) IMPOSTA UNICA COMUNALE (I.U.C.) La Legge di Stabilità 2014 n. 147 del 27 dicembre 2013 (articolo 1 commi da 639 a 731) ha istituito, a partire dal 1/01/2014, l Imposta

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA. Corte dei Conti. Sezione centrale di controllo di legittimità su atti del Governo. e delle Amministrazioni dello Stato

REPUBBLICA ITALIANA. Corte dei Conti. Sezione centrale di controllo di legittimità su atti del Governo. e delle Amministrazioni dello Stato Deliberazione n.2/2002/p REPUBBLICA ITALIANA la Corte dei Conti in Sezione centrale di controllo di legittimità su atti del Governo e delle Amministrazioni dello Stato I e II Collegio nell adunanza del

Dettagli

CIRCOLARE N. 24/E. Roma, 31 luglio 2014

CIRCOLARE N. 24/E. Roma, 31 luglio 2014 CIRCOLARE N. 24/E Direzione Centrale Normativa Roma, 31 luglio 2014 OGGETTO: Articolo 1 del decreto-legge 31 maggio 2014, n. 83 Credito di imposta per favorire le erogazioni liberali a sostegno della cultura

Dettagli

Impresa al femminile in Abruzzo

Impresa al femminile in Abruzzo Impresa al femminile in Abruzzo TESTO COORDINATO LL.RR. 143/95 -- 96/97-142/1999 Interventi per la promozione di nuove imprese ed innovazione per l imprenditoria femminile. Art. 1 Finalità 1. La Regione

Dettagli

COMUNE DI FOLLO Provincia di La Spezia INDICE

COMUNE DI FOLLO Provincia di La Spezia INDICE COMUNE DI FOLLO Provincia di La Spezia REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA CONCESSIONE DEI BENI IMMOBILI DI PROPRIETÀ DEL COMUNE DI FOLLO Approvato con Deliberazione del Consiglio comunale n 30 del 12.11.2008

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER L APPLICAZIONE DELL IMPOSTA SULLA PUBBLICITA E PER L EFFETTUAZIONE DEL SERVIZIO DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI

REGOLAMENTO COMUNALE PER L APPLICAZIONE DELL IMPOSTA SULLA PUBBLICITA E PER L EFFETTUAZIONE DEL SERVIZIO DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI COMUNE DI CASIER (Provincia di Treviso) REGOLAMENTO COMUNALE PER L APPLICAZIONE DELL IMPOSTA SULLA PUBBLICITA E PER L EFFETTUAZIONE DEL SERVIZIO DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI Approvato con deliberazione di

Dettagli

ASSOCIAZIONE ITALIANA DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI SEZIONE DI MILANO

ASSOCIAZIONE ITALIANA DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI SEZIONE DI MILANO ASSOCIAZIONE ITALIANA DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI SEZIONE DI MILANO COMMISSIONE NORME DI COMPORTAMENTO E DI COMUNE INTERPRETAZIONE IN MATERIA TRIBUTARIA NORMA DI COMPORTAMENTO N. 183 TRATTAMENTO

Dettagli

SCELTA DEL REGIME FISCALE

SCELTA DEL REGIME FISCALE SCELTA DEL REGIME FISCALE a cura di Tommaso Valleri Disclaimer La presente guida ha un valore puramente indicativo. Non sostituisce in alcun modo la consulenza di un commercialista o di analogo professionista.

Dettagli

EVOLUZIONE E LIBERALIZZAZIONE DEL TPL. Agli inizi degli anni 1980 tutti i paesi europei hanno iniziato una

EVOLUZIONE E LIBERALIZZAZIONE DEL TPL. Agli inizi degli anni 1980 tutti i paesi europei hanno iniziato una ABSTRACT: LA NUOVA POLITICA DEI TRASPORTI NAZIONALE ED EUROPEA A FRONTE DELLA CRESCENTE DOMANDA DI MOBILITA. EVOLUZIONE E LIBERALIZZAZIONE DEL TPL Agli inizi degli anni 1980 tutti i paesi europei hanno

Dettagli

La revisione della procedura di calcolo e del software CENED+

La revisione della procedura di calcolo e del software CENED+ INNOVAZIONE E RICERCA CIRCOLARE N. 174 31.07.2015 ALLE IMPRESE ASSOCIATE LORO SEDI Oggetto: Recepimento della nuova normativa nazionale in merito all efficienza energetica degli edifici e relativo Attestato

Dettagli

Albo Comunale delle Associazioni e del Volontariato: Regolamento per l istituzione e la tenuta

Albo Comunale delle Associazioni e del Volontariato: Regolamento per l istituzione e la tenuta Albo Comunale delle Associazioni e del Volontariato: Regolamento per l istituzione e la tenuta Approvato con delibera C.C. n. 61 del 17.12.2004 Art. 1 - Finalità 1. Il presente regolamento disciplina la

Dettagli

CIRCOLARE N. 28/E. OGGETTO: Imposta sulle successioni e donazioni - Vincoli di destinazione - Negozio fiduciario

CIRCOLARE N. 28/E. OGGETTO: Imposta sulle successioni e donazioni - Vincoli di destinazione - Negozio fiduciario CIRCOLARE N. 28/E Settore Fiscalità Generale e Indiretta Roma, 27 marzo 2008 OGGETTO: Imposta sulle successioni e donazioni - Vincoli di destinazione - Negozio fiduciario 2 1. Premessa 3 2. Il nuovo ambito

Dettagli

COMUNE DI NOVARA. OGGETTO: I.U.C. ANNO 2014; Aliquote e Detrazioni Imposta Municipale Propria. IL CONSIGLIO COMUNALE Su proposta della Giunta Comunale

COMUNE DI NOVARA. OGGETTO: I.U.C. ANNO 2014; Aliquote e Detrazioni Imposta Municipale Propria. IL CONSIGLIO COMUNALE Su proposta della Giunta Comunale COMUNE DI NOVARA OGGETTO: I.U.C. ANNO 2014; Aliquote e Detrazioni Imposta Municipale Propria. IL CONSIGLIO COMUNALE Su proposta della Giunta Comunale Premesso che: l art. 1 della Legge del 27 dicembre

Dettagli

Istanza di interpello. ALFA S.p.A. - Concessione di lavori pubblici. Reverse Charge. Art. 17, comma 6, lett. a), del DPR n. 633 del 1972.

Istanza di interpello. ALFA S.p.A. - Concessione di lavori pubblici. Reverse Charge. Art. 17, comma 6, lett. a), del DPR n. 633 del 1972. RISOLUZIONE N. 101/E Roma, 18 marzo 2008 Direzione Centrale Normativa e Contenzioso OGGETTO: Istanza di interpello. ALFA S.p.A. - Concessione di lavori pubblici. Reverse Charge. Art. 17, comma 6, lett.

Dettagli

Recenti evoluzioni del quadro normativo in materia di patrimonio immobiliare pubblico

Recenti evoluzioni del quadro normativo in materia di patrimonio immobiliare pubblico Recenti evoluzioni del quadro normativo in materia di patrimonio immobiliare pubblico Ottobre 2013 - Integrazione ifel Fondazione ANCI Leggi e Decreti Testi e pubblicazione a cura di IFEL Dipartimento

Dettagli

Comune di Valsavarenche. Inventario Beni Mobili ed Immobili. Regolamento

Comune di Valsavarenche. Inventario Beni Mobili ed Immobili. Regolamento Comune di Valsavarenche Inventario Beni Mobili ed Immobili Regolamento Indice Art. 1 Inventario dei Beni Mobili ed Immobili... pag. 3 Art. 2 Classificazione dei Beni... pag. 3 Art. 3 Inventario dei Beni

Dettagli

IL MUTAMENTO DELLA DESTINAZIONE D USO DEGLI IMMOBILI

IL MUTAMENTO DELLA DESTINAZIONE D USO DEGLI IMMOBILI 7 IL MUTAMENTO DELLA DESTINAZIONE D USO DEGLI IMMOBILI In questo capitolo, dopo aver ripercorso l evoluzione legislativa e giurisprudenziale della fattispecie oggetto di trattazione, si dirà del diverso

Dettagli

COMUNE DI CALANNA Provincia di Reggio Calabria

COMUNE DI CALANNA Provincia di Reggio Calabria COMUNE DI CALANNA Provincia di Reggio Calabria REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA CONCESSIONE DEI BENI IMMOBILI DI PROPRIETÀ Approvato con Deliberazione del Consiglio comunale n 21 del 28/10/2011 INDICE

Dettagli

TERRITORIO E AMBIENTE Via Ugo La Malfa, 169 90146 PALERMO. Palermo, 21 febbraio 2014

TERRITORIO E AMBIENTE Via Ugo La Malfa, 169 90146 PALERMO. Palermo, 21 febbraio 2014 Prot. n.: 49/2014 ALL'ASSESSORATO REGIONALE TERRITORIO E AMBIENTE Via Ugo La Malfa, 169 90146 PALERMO Palermo, 21 febbraio 2014 Oggetto: Applicazione in Sicilia del Decreto del Fare - Norme di semplificazione

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA LOCAZIONE E CONCESSIONE IN USO DI LOCALI ED IMMOBILI COMUNALI DEL PATRIMONIO DISPONIBILE

REGOLAMENTO PER LA LOCAZIONE E CONCESSIONE IN USO DI LOCALI ED IMMOBILI COMUNALI DEL PATRIMONIO DISPONIBILE REGOLAMENTO PER LA LOCAZIONE E CONCESSIONE IN USO DI LOCALI ED IMMOBILI COMUNALI DEL PATRIMONIO DISPONIBILE Approvato dal Consiglio Comunale nella seduta del 13 maggio 2013 - Delibera n. 35 INDICE: Articolo

Dettagli

Oggetto: Informativa n. 15 Novità legislative d immediato interesse ed applicazione.

Oggetto: Informativa n. 15 Novità legislative d immediato interesse ed applicazione. Alle ditte Clienti Loro sedi Parma, 1 settembre 2014 Oggetto: Informativa n. 15 Novità legislative d immediato interesse ed applicazione. La presente per informarvi in merito a: SABATINI BIS - Contributi

Dettagli

CIRCOLARE N. 19/E. OGGETTO: Aumento dell aliquota dell imposta sostitutiva sui finanziamenti di cui al decreto legge 12 luglio 2004, n. 168.

CIRCOLARE N. 19/E. OGGETTO: Aumento dell aliquota dell imposta sostitutiva sui finanziamenti di cui al decreto legge 12 luglio 2004, n. 168. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso CIRCOLARE N. 19/E Roma, 09 maggio 2005 OGGETTO: Aumento dell aliquota dell imposta sostitutiva sui finanziamenti di cui al decreto legge 12 luglio 2004, n. 168.

Dettagli

Capitolo III IMPOSTE IPOTECARIA E CATASTALE

Capitolo III IMPOSTE IPOTECARIA E CATASTALE 1. IMPOSTA IPOTECARIA IMPOSTE IPOTECARIA E CATASTALE Vi sono soggette le formalità di trascrizione, iscrizione, rinnovazione ed annotazione eseguite nei pubblici registri immobiliari. Per quanto riguarda

Dettagli

LOCAZIONI E CESSIONI DI IMMOBILI: TRATTAMENTO IVA E ALTRE IMPOSTE INDIRETTE

LOCAZIONI E CESSIONI DI IMMOBILI: TRATTAMENTO IVA E ALTRE IMPOSTE INDIRETTE LOCAZIONI E CESSIONI DI IMMOBILI: TRATTAMENTO IVA E ALTRE IMPOSTE INDIRETTE LOCAZIONI E CESSIONI DI IMMOBILI: TRATTAMENTO IVA E ALTRE IMPOSTE INDIRETTE L art. 35 co. 8 della L. 248/2006, nella sua versione

Dettagli

FATTISPECIE A FORMAZIONE PROGRESSIVA

FATTISPECIE A FORMAZIONE PROGRESSIVA Il Fondo patrimoniale: profili di (in)utilità? Tutela del patrimonio: disamina dei diversi strumenti a disposizione e criteri di scelta Data 02/07/2015 FATTISPECIE A FORMAZIONE PROGRESSIVA Negozio di destinazione(costituente)

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO

CODICE DI COMPORTAMENTO CODICE DI COMPORTAMENTO Per il personale coinvolto nelle attività di distribuzione e misura del gas naturale Rev. 01 del 10.06.2015 Il presente Codice di Comportamento è stato elaborato per assicurare

Dettagli

LA SOCIETA A RESPONSABILITA LIMITATA

LA SOCIETA A RESPONSABILITA LIMITATA LA SOCIETA A RESPONSABILITA LIMITATA INTRODUZIONE 1) Generalità Limitazione della responsabilità dei soci; Cenni storici: codice del 1942 (piccola s.p.a., rinvio alle norme); riforma 2003 (soc. di persone,

Dettagli

Parere n. 116/2009 - Contributo di costruzione per realizzazione impianto fotovoltaico

Parere n. 116/2009 - Contributo di costruzione per realizzazione impianto fotovoltaico Parere n. 116/2009 - Contributo di costruzione per realizzazione impianto fotovoltaico Viene richiesto a questo Servizio un parere in ordine all esonero dal contributo di costruzione previsto per gli impianti

Dettagli

ORIENTAMENTI IN MATERIA DI CESSIONI DEI DIRITTI DI CREDITO VERSO LE FORME PENSIONISTICHE COMPLEMENTARI 1

ORIENTAMENTI IN MATERIA DI CESSIONI DEI DIRITTI DI CREDITO VERSO LE FORME PENSIONISTICHE COMPLEMENTARI 1 ORIENTAMENTI IN MATERIA DI CESSIONI DEI DIRITTI DI CREDITO VERSO LE FORME PENSIONISTICHE COMPLEMENTARI 1 Premessa In relazione alle richieste di chiarimenti pervenute in merito alle modalità applicative

Dettagli

Impianti FV oltre i 3 kw accatastabili, presentata interrogazione alla Camera

Impianti FV oltre i 3 kw accatastabili, presentata interrogazione alla Camera casaeclima.com http://www.casaeclima.com/ar_17457_rinnovabili-fotovoltaico-fotovoltaico-agenzia-delle-entrate-rendite-catastali-impianti-fvoltre-i-3-kw-accatastabili-presentata-interrogazione-alla-camera.html

Dettagli

Fiscal News N. 186. Bonus investimenti. La circolare di aggiornamento professionale 10.07.2014

Fiscal News N. 186. Bonus investimenti. La circolare di aggiornamento professionale 10.07.2014 Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 186 10.07.2014 Bonus investimenti Investimenti da effettuare nel periodo 25.06.2014 30.06.2015 Categoria: Agevolazioni Sottocategoria: Varie L

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo.

DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo. DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo. Consiglio dei Ministri: 05/04/2007 Proponenti: Esteri ART. 1 (Finalità

Dettagli

Provincia di Prato. Regolamento per la disciplina della concessione di beni immobili a terzi

Provincia di Prato. Regolamento per la disciplina della concessione di beni immobili a terzi Provincia di Prato Regolamento per la disciplina della concessione di beni immobili a terzi Testo approvato con Deliberazione C.P. n. 71 del 14/12/2011 INDICE: Art. 1 - Tipologia dei beni immobili concedibili

Dettagli

Definizione delle procedure di assegnazione e vendita dei terreni agricoli in territorio del Fucino, provenienti dalla riforma fondiaria

Definizione delle procedure di assegnazione e vendita dei terreni agricoli in territorio del Fucino, provenienti dalla riforma fondiaria Consiglio Regionale Definizione delle procedure di assegnazione e vendita dei terreni agricoli in territorio del Fucino, provenienti dalla riforma fondiaria Art. 1 (Finalità) 1. La Regione, in attuazione

Dettagli

RISOLUZIONE N. 113 /E

RISOLUZIONE N. 113 /E RISOLUZIONE N. 113 /E Direzione Centrale Normativa Roma, 29 novembre 2011 OGGETTO: Interpello - articolo 11, legge 27 luglio 2000, n. 212. Trattamento tributario dell attività di mediazione svolta ai sensi

Dettagli

Decreto Legislativo 30 marzo 1999, n. 96

Decreto Legislativo 30 marzo 1999, n. 96 Decreto Legislativo 30 marzo 1999, n. 96 "Intervento sostitutivo del Governo per la ripartizione di funzioni amministrative tra regioni ed enti locali a norma dell'articolo 4, comma 5, della legge 15 marzo

Dettagli

Decreto sblocca Italia Sintesi delle principali novità

Decreto sblocca Italia Sintesi delle principali novità Decreto sblocca Italia Sintesi delle principali novità E stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale, dopo un attesa di ben 2 settimane e tante modifiche, il Decreto Sblocca Italia, D.L. 133/2014. Dall analisi

Dettagli

Roma, 05 novembre 2008

Roma, 05 novembre 2008 RISOLUZIONE N.423/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 05 novembre 2008 OGGETTO: Interpello ai sensi dell articolo 11 della legge n. 212 del 2000 - Deduzioni dalla base imponibile IRAP di

Dettagli

APPROVATO CON DELIBERA DI C.C. N.76 DEL 28/12/01 COMUNE DI RIETI REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE ENTRATE

APPROVATO CON DELIBERA DI C.C. N.76 DEL 28/12/01 COMUNE DI RIETI REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE ENTRATE APPROVATO CON DELIBERA DI C.C. N.76 DEL 28/12/01 COMUNE DI RIETI REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE ENTRATE INDICE Art. 1 - Oggetto e finalità del regolamento Art. 2 - Definizione delle entrate Art. 3

Dettagli

RISOLUZIONE N. 76/E. OGGETTO: Consulenza giuridica - Deducibilità dell imposta di bollo nel regime del risparmio gestito

RISOLUZIONE N. 76/E. OGGETTO: Consulenza giuridica - Deducibilità dell imposta di bollo nel regime del risparmio gestito RISOLUZIONE N. 76/E Direzione Centrale Normativa Roma, 6 novembre 2013 OGGETTO: Consulenza giuridica - Deducibilità dell imposta di bollo nel regime del risparmio gestito Con la richiesta di consulenza

Dettagli

Statuto del conservatorio di musica Santa Cecilia

Statuto del conservatorio di musica Santa Cecilia Statuto del conservatorio di musica Santa Cecilia Art.1 (natura giuridica) 1.Il Conservatorio di Musica S. Cecilia è un Istituto di studi musicali ai sensi dell art. 2 della legge 21 dicembre 1999, n.

Dettagli

La giurisprudenza costituzionale nei rapporti tra Stato e Regioni

La giurisprudenza costituzionale nei rapporti tra Stato e Regioni ORDINAMENTO CIVILE La giurisprudenza costituzionale nei rapporti tra Stato e Regioni Provincia Autonoma di Bolzano Legge della Provincia autonoma di Bolzano 21 giugno 2011, n. 4, recante Misure di contenimento

Dettagli

Riordino delle Istituzioni Pubbliche di Assistenza e Beneficenza, fusione e trasformazione in Aziende Regionali di Servizi alla Persona (ARSP)

Riordino delle Istituzioni Pubbliche di Assistenza e Beneficenza, fusione e trasformazione in Aziende Regionali di Servizi alla Persona (ARSP) PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA DELLA GIUNTA REGIONALE DEL LAZIO N. 88 DEL 17 OTTOBRE 2013 Sistema Integrato degli interventi e dei servizi sociali della Regione Lazio Proposta emendativa-integrativa a

Dettagli

www.gaglione.it La compravendita di beni immobili in Italia

www.gaglione.it La compravendita di beni immobili in Italia La compravendita di beni immobili in Italia Scheda A Normativa di diritto civile 1. La vendita 2. La vendita immobiliare 3. La forma del contratto 4. La conclusione del contratto 5. Il preliminare di vendita

Dettagli

NORME REGOLAMENTARI PER LA DISCIPLINA DELLA CONCESSIONE DI BENI IMMOBILI A TERZI

NORME REGOLAMENTARI PER LA DISCIPLINA DELLA CONCESSIONE DI BENI IMMOBILI A TERZI COMUNE DI MODENA NORME REGOLAMENTARI PER LA DISCIPLINA DELLA CONCESSIONE DI BENI IMMOBILI A TERZI Approvato dal Consiglio Comunale nella seduta del 20.11.1997 - delibera n. 192 IN VIGORE DAL 27.11.1997

Dettagli

1.1. Le cose e i beni.

1.1. Le cose e i beni. I beni, i diritti sulle cose ed i rapporti di connessione 1. I beni, i diritti sulle cose ed i rapporti di connessione. 1.1. Le cose e i beni. Il terzo libro del codice civile è dedicato ai diritti reali,

Dettagli

Circolare N. 151 del 18 Novembre 2014

Circolare N. 151 del 18 Novembre 2014 Circolare N. 151 del 18 Novembre 2014 DL Sblocca Italia: le novita dopo la conversione in legge (DL n. 133/2014 convertito con legge n. 16/2014) Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla

Dettagli

Fiscal News N. 48. Risparmio energetico: immobili interessati. La circolare di aggiornamento professionale 12.02.2014

Fiscal News N. 48. Risparmio energetico: immobili interessati. La circolare di aggiornamento professionale 12.02.2014 Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 48 12.02.2014 Risparmio energetico: immobili interessati Categoria: Irpef Sottocategoria: Detrazione 55% A seguito delle modifiche apportate all

Dettagli

CIRCOLARE N. 2/DF. Ai Comuni

CIRCOLARE N. 2/DF. Ai Comuni CIRCOLARE N. 2/DF MINISTERO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE DIPARTIMENTO DELLE FINANZE Roma, 11 maggio 2010 DIREZIONE FEDERALISMO FISCALE PROT. 10968/2010 Ai Comuni Alle Regioni Friuli-Venezia Giulia e Valle

Dettagli

AVVISO PUBBLICO Concessione del diritto d uso di aree d immobili comunali da destinare alla installazione di impianti fotovoltaici

AVVISO PUBBLICO Concessione del diritto d uso di aree d immobili comunali da destinare alla installazione di impianti fotovoltaici SETTORE URBANISTICA AVVISO PUBBLICO Concessione del diritto d uso di aree d immobili comunali da destinare alla installazione di impianti fotovoltaici Premesso: - che è intendimento del comune di Francofonte

Dettagli

Clausole limitative della circolazione delle azioni

Clausole limitative della circolazione delle azioni Clausole limitative della circolazione delle azioni * * * Purché contenuta entro il limite di cinque anni, è legittima una clausola statutaria che preveda qualsiasi forma di limitazione alla circolazione

Dettagli

INFORMATIVA I.M.U. 2013 IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA. Novità rispetto all anno 2012

INFORMATIVA I.M.U. 2013 IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA. Novità rispetto all anno 2012 INFORMATIVA I.M.U. 2013 IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA Ai sensi dell articolo 13 del decreto legge 6 dicembre 2011, convertito dalla legge 22 dicembre 2011, n. 214, a partire dal 1.01.2012 è stata anticipata,

Dettagli

INDIRIZZI PER IL RILASCIO ED IL RINNOVO DI CONCESSIONI DI PERTINENZE IDRAULICHE DEMANIALI

INDIRIZZI PER IL RILASCIO ED IL RINNOVO DI CONCESSIONI DI PERTINENZE IDRAULICHE DEMANIALI INDIRIZZI PER IL RILASCIO ED IL RINNOVO DI CONCESSIONI DI PERTINENZE IDRAULICHE DEMANIALI Con le presenti direttive si forniscono indirizzi per il rilascio ed il rinnovo delle concessioni di pertinenze

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 2397-A PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato CAPEZZONE Riforma della disciplina delle tasse automobilistiche e altre disposizioni concernenti

Dettagli

Comunicazione dei beni in godimento a soci o familiari e dei finanziamenti o capitalizzazioni ricevuti dall impresa

Comunicazione dei beni in godimento a soci o familiari e dei finanziamenti o capitalizzazioni ricevuti dall impresa 18.2015 Ottobre Comunicazione dei beni in godimento a soci o familiari e dei finanziamenti o capitalizzazioni ricevuti dall impresa Sommario 1. PREMESSA... 2 2. SOGGETTI OBBLIGATI AD EFFETTUARE LA COMUNICAZIONE...

Dettagli

Risoluzione n. 78/E. Quesito

Risoluzione n. 78/E. Quesito Risoluzione n. 78/E Normativa e Contenzioso Direzione Centrale Roma, 31 marzo 2003 Oggetto: Determinazione della plusvalenza derivante dalla cessione di immobili acquistati per usucapione IRPEF DPR 22

Dettagli

RISOLUZIONE N. 1 DEL 14 FEBBRAIO 2012

RISOLUZIONE N. 1 DEL 14 FEBBRAIO 2012 RISOLUZIONE N. 1 DEL 14 FEBBRAIO 2012 Il Consiglio di Presidenza della Giustizia tributaria nella seduta del sentito il relatore Domenico CHINDEMI; emana la seguente risoluzione: (MODIFICA E INTEGRAZIONE

Dettagli

RISOLUZIONE N. 122/E

RISOLUZIONE N. 122/E RISOLUZIONE N. 122/E Roma, 06 maggio 2009 Direzione Centrale Normativa e Contenzioso OGGETTO: Istanza di interpello Art. 11, legge 27 luglio 2000, n. 212. IVA. Art. 4 DPR n. 633 del 1972. Assoggettabilità

Dettagli

ASSOCIAZIONI DI PROMOZIONE SOCIALE (APS): ASPETTI INTRODUTTIVI

ASSOCIAZIONI DI PROMOZIONE SOCIALE (APS): ASPETTI INTRODUTTIVI ASSOCIAZIONI DI PROMOZIONE SOCIALE (): ASPETTI INTRODUTTIVI Nel nostro Paese l associazionismo sociale è un fenomeno in continua espansione. Le Associazioni di Promozione Sociale rappresentano quei soggetti

Dettagli

RISOLUZIONE N. 194/E

RISOLUZIONE N. 194/E RISOLUZIONE N. 194/E Roma, 08 ottobre 2003 Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Oggetto: Istanza di interpello. XY S.r.l - Art. 26-bis del DPR 29 settembre 1973, n. 600- Contratto denominato notional

Dettagli

CITTÀ DI BORGARO TORINESE PROVINCIA di TORINO C.A.P. 10071

CITTÀ DI BORGARO TORINESE PROVINCIA di TORINO C.A.P. 10071 CITTÀ DI BORGARO TORINESE PROVINCIA di TORINO C.A.P. 10071 www.comune.borgaro-torinese.to.it REGOLAMENTO GENERALE PER LA DISCIPLINA DELLE ENTRATE COMUNALI INDICE Articolo D E S C R I Z I O N E 1 2 3 4

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA. Corte dei conti. Sezione centrale di controllo di legittimità su atti. del Governo e delle Amministrazioni dello Stato

REPUBBLICA ITALIANA. Corte dei conti. Sezione centrale di controllo di legittimità su atti. del Governo e delle Amministrazioni dello Stato Deliberazione n. 18/2002/P REPUBBLICA ITALIANA la Corte dei conti Sezione centrale di controllo di legittimità su atti del Governo e delle Amministrazioni dello Stato I e II Collegio nell adunanza congiunta

Dettagli

CITTA DI PINETO Provincia di Teramo Area Ragioneria e Finanza REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA I.M.U.

CITTA DI PINETO Provincia di Teramo Area Ragioneria e Finanza REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA I.M.U. CITTA DI PINETO Provincia di Teramo Area Ragioneria e Finanza REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA I.M.U. (Approvato con Deliberazione Consiliare n 15 del 14/05/2013 e successive

Dettagli

CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER IL PIEMONTE

CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER IL PIEMONTE CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER IL PIEMONTE Delibera n. 254/2013/SRCPIE/PAR La Sezione Regionale di Controllo per il Piemonte, nella camera di consiglio del 3 luglio 2013 composta dai

Dettagli

3. Gli atti di trasformazione e di 3. Identico.

3. Gli atti di trasformazione e di 3. Identico. Pag. 142-143 Decreto-legge 25 giugno 2008, n. 112, pubblicato nel supplemento ordinario n. 152/L alla Gazzetta Ufficiale n. 147 del 25 giugno 2008. Testo del decreto-legge Testo del decreto-legge comprendente

Dettagli

RISOLUZIONE N. 60/E. Roma, 16 maggio 2005. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso

RISOLUZIONE N. 60/E. Roma, 16 maggio 2005. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso RR RISOLUZIONE N. 60/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 16 maggio 2005 OGGETTO: Istanza di interpello. X S.r.l. Trasformazione di società di capitali in società di persone e deducibilità

Dettagli

Documento scaricato da www.gestione-rifiuti.it

Documento scaricato da www.gestione-rifiuti.it Regione Sicilia Legge Regionale n. 40 del 21 aprile 1995 Provvedimenti per lo smaltimento dei rifiuti solidi urbani e dei rifiuti speciali inerti. Disposizioni varie in materia urbanistica. L'Assemblea

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE. Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 2999. Norme in materia di domini collettivi

DISEGNO DI LEGGE. Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 2999. Norme in materia di domini collettivi Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 2999 DISEGNO DI LEGGE d iniziativa dei senatori DI GIOVAN PAOLO, VITA, ANDRIA, AMATI, MARITATI, Mariapia GARAVAGLIA, PERTOLDI, Paolo ROSSI, STRADIOTTO, AGOSTINI,

Dettagli

COMUNE DI CARMIGNANO DI BRENTA REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA

COMUNE DI CARMIGNANO DI BRENTA REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA COMUNE DI CARMIGNANO DI BRENTA REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA Approvato con delibera del Consiglio Comunale n. 21 del 31/07/2012 INDICE Art. 1 - Oggetto del regolamento Pag.

Dettagli

a cura del Dott. Stefano Setti

a cura del Dott. Stefano Setti TRATTAMENTO FISCALE AI FINI IVA DEGLI ENTI NON-COMMERCIALI a cura del Dott. Stefano Setti Ai sensi dell art. 4, quarto comma, del DPR n. 633/72 per gli enti non commerciali si considerano effettuate nell

Dettagli

Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego

Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego Il decreto spiega tutte le possibilità e i limiti dell'eventuale cumulo Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego (Dm Funzione pubblica 331 del 29.7.1997) da CittadinoLex del 12/9/2002

Dettagli

Allo Sportello Unico Comune / Comunità / Unione. COMUNICAZIONE INIZIO LAVORI ATTIVITA' DI EDILIZIA LIBERA Comunicazione facoltativa

Allo Sportello Unico Comune / Comunità / Unione. COMUNICAZIONE INIZIO LAVORI ATTIVITA' DI EDILIZIA LIBERA Comunicazione facoltativa CODICE PRATICA *CODICE FISCALE*GGMMAAAAHH:MM Allo Sportello Unico Comune / Comunità / Unione COMUNICAZIONE INIZIO LAVORI ATTIVITA' DI EDILIZIA LIBERA Comunicazione facoltativa Dati del titolare Cognome

Dettagli

COLLEGIO DEI PERITI AGRARI E DEI PERITI AGRARI LAUREATI DELLA PROVINCIA DI SALERNO

COLLEGIO DEI PERITI AGRARI E DEI PERITI AGRARI LAUREATI DELLA PROVINCIA DI SALERNO Prot. 795 Salerno, lì 9 Luglio 2014 A tutti gli iscritti all Albo e nell Elenco Speciale LORO SEDI OGGETTO: Circolare n 122/2014. Libera professione. Diritto Civile La Comunione legale dei beni Comunione

Dettagli