Trattamenti delle acque di scarico per piccole comunità Pretrattamento di acque reflue domestiche: FOSSE SETTICHE O FOSSE IMHOFF?

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Trattamenti delle acque di scarico per piccole comunità Pretrattamento di acque reflue domestiche: FOSSE SETTICHE O FOSSE IMHOFF?"

Transcript

1 Seminario tecnico Monitoraggio degli scarichi civili non in pubblica fognatura: Protocollo di intesa per la realizzazione di trattamenti individuali di depurazione delle acque reflue domestiche Trattamenti delle acque di scarico per piccole comunità Pretrattamento di acque reflue domestiche: FOSSE SETTICHE O FOSSE IMHOFF? Ing. Paola Verlicchi, Prof. Luigi Masotti Dipartimento di Ingegneria-UNIFE Ferrara Ferrara, 7 aprile 2014

2 Alcuni dati aggiornati In Italia: 8057 COMUNI (dati Istat 2013) di cui circa 5700 (= 70 %) con meno di 5000 abitanti in questi 6000 comuni risiede il 17 % della popolazione complessiva In Emilia-Romagna: 340 COMUNI (censimento 2011) /index.cfm?menu=590 di cui circa 149 (= 44 %) con meno di 5000 abitanti in questi 149 comuni risiede il 9 % della popolazione complessiva Ferrara: 26 COMUNI (censimento 2011) (sito Provincia) di cui circa 12 (= 46 %) con meno di 5000 abitanti in questi 12 comuni risiede il 12 % della popolazione complessiva 2

3 Altri dati In Italia, ci sono circa impianti di trattamento con una potenzialità complessiva di 78 milioni di abitanti equivalenti 2% ( AE) ( AE) 7.3% 1.7% (> AE) 20% ( AE) 69% (<2 000 AE) 3

4 Altri dati Secondo i dati ISTAT l 87% della popolazione residente a Ferrara è servita da impianti di depurazione (la % varia fra il 24 e il 100 % nelle province italiane). 4

5 Possibili piccole Utenze 5

6 Depurazione delle acque per piccole comunità Qualche ab2000 ab(5000 ab) La depurazione delle acque delle piccole comunità deve rispondere a situazioni e necessità particolari: -Elevate variazioni di carico idraulico e organicodurante il giorno, la settimana e l anno; -Processi di trattamento semplici e di facile gestione; Ridotte necessità di manutenzione; -Minimi problemi di impatto ambientalederivanti da odori, rumori e aerosol 6

7 I problemi principali: Variazioni di carico organico e idraulico durante il giorno 7

8 Il Decreto legislativo 152/ Gli scarichi di acque reflue urbane che confluiscono nelle reti fognarie, provenienti da agglomerati con meno di abitanti equivalenti e recapitanti in acque dolci e di transizione e gli scarichi provenienti da agglomerati con meno di abitanti equivalenti, recapitanti in acque marino costiere, sono sottoposti ad un trattamento appropriato, in conformità con le indicazioni dell Allegato 5 Allegato 5 D. Lgs.: Limiti di emissione degli scarichi idrici, Par.1 Scarichi in corpi d acqua superficiali 1.1 Acque reflue urbane Gli scarichi provenienti da impianti di trattamento di acque reflue urbane di cui all articolo 31 comma 2 devono conformarsi, secondo le cadenze temporali indicate al medesimo articolo, ai valori-limite definiti dalle Regioni in funzione degli obiettivi di qualità e, nelle more della suddetta disciplina, alle leggi regionali vigenti alla data di entrata in vigore del presente Decreto. 8

9 Possibili sistemi di trattamento Subdispersione Subirrigazione Filtrazione lenta intermittente Fitodepurazione verticale Fitodepurazione a flusso subsuperficiale orizzontale Evapotraspirazione Stagni (facoltativi, anaerobico,aerobico, aerato) Filtro percolatore a basso carico Dischi biologici Filtro biologico aerato Percolatore sommerso aerato MBBR Fanghi attivi ad aerazione prolungata MBR Filtrazione rapida Naturali Impiantistici 9

10 A) fossa pluricompartimentata con anche ulteriore trattamento di filtrazione finale quale elemento di predepurazione spinta filtrazione intermittente dispersione sotto la superficie del terreno fitodepurazione subsuperficiale Settori di applicazione delle fosse settiche B) fossa monocamerale o bicamerale quale elemento "trappola" di materiale grossolano e di sedimentazione depurazione secondaria a fanghi attivi, a filtri percolatori e derivati (bicamerale nel secondo caso) C) fossa monocamerale quale elemento "trappola" di materiale grossolano e di sedimentazione D) fossa monocamerale quale elemento "trappola" di materiale grossolano e di sedimentazione immissione in fognatura in pressione immissione in fognature cittadine ancora prive di depuratore centrale o con sezione e pendenza insufficiente 10

11 Dimensionamenti adeguati fino a 50 AE 1 2 m 3 /AE fra 50 e 500 AE 0,7 1,5 m 3 /AE oltre i 500 abitanti 0,3 0,7 m 3 /AE Nel caso in cui la fossa settica sia l unico trattamento prima dell immissione in un corpo idrico superficiale, volumi unitari di 3 4m 3 /AE 11

12 Tecniche di depurazione naturale Le tecniche naturali o morbide (soft): depurazione su ampi spazi, autodepurazione, materiali di costruzione terra e ghiaia, piante quale elemento di ausilio per la depurazione, processi di depurazione prevalentemente fisici e naturali fonti energetiche naturali (radiazione solare, vento ) Adatte per le piccole comunità, per le loro caratteristiche; viste con particolare favore dalla legislazione vigente: D. Lgs. 152/2006 All. 5, Parte 3, Indicazioni Generali: Per tutti gli insediamenti con popolazione equivalente compresa tra 50 e AE, si ritiene auspicabile il ricorso a tecnologie di depurazione naturale quali il lagunaggio o la fitodepurazione, o tecnologie come i filtri percolatori o impianti ad ossidazione totale. 12

13 Filtro lento intermittente copertura con terra o con ghiaia (facilmente asportabile) PIANTA sistema di distribuzione dei liquami tratto verticale per pulizia e aerazione tessuto elemento di protezione non tessuto quota terreno esistente sabbia 60 cm effluente finale vasca o rivestimento in PVC pietrame pulito di drenaggio ghiaia di drenaggio tubazione di drenaggio D = 100 mm 13

14 Sistema di subirrigazione fossa settica trincea di subdispersione batteri /100 ml 40 cm streptococchi fecali coliformi fecali coliformi totali BATTERI TOTALI X 10 6 profondità liquido zona colmatata suolo naturale 14

15 Fitodepurazione Sistemi ibridi e a cascata fossa settica pompa con filtro sistema di distribuzione copertura con terreno Sistema ibrido costituito da: filtro intermittente verticale (nitrificazione) sistema di fitodepurazione a flusso subsuperficiale orizzontale (denitrificazione per via endogena) effluente fitodepurazione subsuperficiale orizzontale particolare tubo di distribuzione filtro intermittente verticale (cumulo assorbente) 1,80-2,50 VISTA ASSONOMETRICA 0,8-1,00 SEZIONE 3 variabile elemento 1 elemento 2 elemento PIANTA Sistema di 3 letti di fitodepurazione verticale in serie, così disposti per seguire con il minimo di movimenti di terra la naturale pendenza del terreno vasca in fase di posa Letto di fitodepurazione prefabbricato costituito da elementi modulari 15

16 Tecniche di depurazione impiantistica Con le tecniche impiantistiche o dure (hard) depurazione in spazi ridotti, elevate concentrazioni di batteri ed altri microrganismi, impiego continuo di reagenti chimici Indispensabili per i grandi impianti di depurazione, possono essere adottate anche nelle piccole comunità, laddove ci sia indisponibilità di aree per applicare sistemi di tipo naturale. 16

17 Necessità di gestione specializzata Nel campo delle piccole Comunità in genere si cerca di adottare soluzioni impiantistiche e dettagli tali da consentire la massima semplicità operativa. Per questi tipi d impianti, una gestione professionale e specializzata diventa comunque assolutamente essenziale e indispensabile. Se non sono garantiti i periodici controlli e gli interventi appropriati, impianti a tecnologia relativamente complessa, sono destinati ineluttabilmente al rapido degrado e al totale decadimento delle loro prestazioni. 17

18 I PRETRATTAMENTI 18

19 Fosse settiche «fosse Mourras», dal nome dell'inventore Jean Louis Mourrasde Vesoul, apparvero in Francia nel negli anni 1860, e furono applicate per la prima volta negli USA nel 1876, ove furono brevettate nel

20 Fosse settiche Schema di fossa settica unifamiliare a una camera (doc. OMS) Sistema eccezionale per semplicità operativa in quanto compendia le funzioni di grigliatura, dissabbiamentoe disoleaturacon oneri di gestione trascurabili eccettuato il periodico uso dell autoespurgo 20

21 Schema di fossa settica a due camere 21

22 Schema di fossa settica a tre camere Schema di fossa settica a tre camere Si tratta di un reattore a tre comparti in serie molto efficace, che provoca una solubilizzazione per via aerobica delle sostanze organiche corpuscolate presenti nei liquami, facilmente assorbibili dal terreno 22

23 Svantaggi delle fosse settiche L unico aspetto negativo delle fosse settiche risiede nella setticità dell effluente finale che comporta rischi di maleodorazioni se l immissione avviene in fognatura cittadina o in un corso d acqua...con i limiti del caso 23

24 APPLICAZIONI: come trattamento autonomo ventilazione secondaria ventilazione colonna di scarico ventilazione fossa settica sifoni alla fognatura stradale fognatura stradale FOSSA SETTICA immissione in fognatura municipale immissione in corso d acqua ( o fosso in alternativa a un fosso o a un corso d acqua 24

25 APPLICAZIONI: come pre-trattamento A monte di sistema di subdispersione( subirrigazione ) FOSSA TRICAMERALE A monte di sistema di fitodepurazione subsuperficiale FOSSA TRICAMERALE 25

26 APPLICAZIONI: come pre-trattamento A monte di impianto ad aerazione prolungata FOSSA MONOCAMERALE 26

27 Fosse Imhoff inventate e brevettate nel

28 Schema PIANTA B SEZIONE C-C A A arrivo liquame grezzo (grigliato) SEZIONE A-A B deflettori uscita liquame sedimentato comparto di sedimentazione sviluppo di biogas SEZIONE B-B crosta comparto di digestione fessura di comunicazione fango digerito C tubazioni di raccolta fango digerito C 28

29 DETTAGLI COSTRUTTIVI 10 cm 10 cm cm 10 cm 10 cm cm livello massimo del fango Impianto di epurazione della Città di Monaco di Baviera, costituito interamente di fosse Imhoff,

30 Considerazioni Per un funzionamento corretto occorrono: A) elevate profondità B) strette tolleranze nella comunicazione fra comparto anaerobico e comparto aerobico C) pretrattamenti piuttosto spinti (almeno una grigliatura fine) Non sono adatte per piccole comunità 30

31 Per quanto concerne gli impianti per meno di 50 abitanti è raccomandabile di utilizzare unicamente le fosse settiche. 31

32 FOSSE SETTICHE-IMHOFF 32

33 Confronto rimozioni percentuali Parametro Fossa settica Fossa Imhoff BOD 5, COD SS sedimentabili SS totali Virus Batteri

34 34

35 Considerazioni Altamente negativa: la presenza di un solo stadio di trattamento l ampia commistione dei liquami con i fanghi del comparto inferiore la presenza di vari setti di separazione oggetto di rapidi intasamenti UNICO aspetto positivodelle fosse settiche-imhoff: l uscita di un effluente meno settico di quello delle fosse Imhoff, comunque non certo aerobico... 35

36 Normativa Deliberazione 4 febbraio 1977 del Comitato dei Ministri per la Tutela delle Acque dall Inquinamento (CITAI) 36

37 3. VASCHE SETTICHE DITIPO TRADIZIONALE Non accettabili per nuove installazioni; i parametri che seguono si riportano per una valutazione delle installazioni esistenti 37

38 PARERE DEL PROF. LUCA BONOMO 38

39 REGIONE EMILIA ROMAGNA DELIBERA DI GIUNTA REGIONALE n Direttiva concernente indirizzi per l'applicazione del D.Lgs.11 maggio 1999, n. 152 come modificato dal D.Lgs.18 agosto 2000, n. 258 recante disposizioni in materia di tutela delle acque dall'inquinamento. Pubblicata nel B.U. Emilia-Romagna 24 giugno 2003, n. 88. C < 50 Quelli già indicati all'allegato 5 della delibera del Comitato dei Ministri per la tutela delle acque dall'inquinamento del 4 febbraio < C < 200 Trattamento mediante vasche settiche di tipo Imhoffrealizzate e gestite nel rispetto delle specifiche norme tecniche di cui all'allegato 5 della delibera del Comitato dei Ministri per la tutela delle acque dall'inquinamento del 4 febbraio

40 REGIONE TOSCANA DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE 22 ottobre 2013, n. 59/R Modifiche al regolamento emanato con decreto del Presidente della Giunta regionale 8 settembre 2008, n. 46/R (Regolamento di attuazione della legge regionale 31 maggio 2006, n. 20 Norme per la tutela delle acque dall inquinamento ) 40

41 REGIONE PUGLIA REGOLAMENTO REGIONALE Disciplina degli scarichi di acque reflue domestiche o assimilate alle domestiche di insediamenti di consistenza inferiore ai A.E., ad esclusione degli scarichi già regolamentati dal S.I.I.[D.Lgs.n.152/2006, art comma 3] 41

42 REGIONE LOMBARDIA 42

Impianti di depurazione delle acque reflue: Cicli di trattamento appropriati e criteri di dimensionamento. Dr. Ing. Luigi Petta ENVIS Srl

Impianti di depurazione delle acque reflue: Cicli di trattamento appropriati e criteri di dimensionamento. Dr. Ing. Luigi Petta ENVIS Srl Impianti di depurazione delle acque reflue: Cicli di trattamento appropriati e criteri di dimensionamento Dr. Ing. Luigi Petta ENVIS Srl Via Fanin,, 48 40127 Bologna Tel. 051 4200324 luigi.petta petta@envis.itit

Dettagli

Iridra Srl fitodepurazione e gestione sostenibile delle acque via la Marmora 51, 50121 Firenze Tel. 055470729 Fax 055475593 www.iridra.

Iridra Srl fitodepurazione e gestione sostenibile delle acque via la Marmora 51, 50121 Firenze Tel. 055470729 Fax 055475593 www.iridra. Fitodepurazione per frazioni e comunità isolate Iridra Srl fitodepurazione e gestione sostenibile delle acque via la Marmora 51, 50121 Firenze Tel. 055470729 Fax 055475593 www.iridra.com Frazioni e comunità

Dettagli

Trattamento e smaltimento reflui in corpo recettore NORMALE - agglomerati urbani, massimo 200 AE - assimilati domestico, domestico fino a 100 AE

Trattamento e smaltimento reflui in corpo recettore NORMALE - agglomerati urbani, massimo 200 AE - assimilati domestico, domestico fino a 100 AE Scheda 1 Trattamento e smaltimento reflui in corpo recettore NORMALE - agglomerati urbani, massimo 200 AE - assimilati domestico, domestico fino a 100 AE A B C 4 D 1 - degrassatore - sedimentatore 2 -

Dettagli

Sostenibilità nell uso della risorsa idrica in ambito domestico e residenziale

Sostenibilità nell uso della risorsa idrica in ambito domestico e residenziale Sostenibilità nell uso della risorsa idrica in ambito domestico e residenziale Venerdì 18 giugno 2010 Ordine degli Ingegneri di Siracusa Via Arsenale, 41/44 D SIRACUSA Il corretto smaltimento delle acque

Dettagli

*********************************

********************************* FILTRO PERCOLATORE AEROBICO (FPAL N 9000 NR) USCITA BASSA SCARICO SU SUOLO/SUBIRRIGAZIONE ********************************* RELAZIONE, SCHEDA TECNICA E MANUALE D USO E MANUTENZIONE Voce di Capitolato Fornitura

Dettagli

Tra$amento delle acque di scarico Aspe5 tecnici e norma6vi della regione Emilia Romagna. Relatore: Geol. Fabio Bussetti

Tra$amento delle acque di scarico Aspe5 tecnici e norma6vi della regione Emilia Romagna. Relatore: Geol. Fabio Bussetti Tra$amento delle acque di scarico Aspe5 tecnici e norma6vi della regione Emilia Romagna Relatore: Geol. Fabio Bussetti Riferimen6 Norma6vi Testo Unico 152/06 Delibera 1053/03 della Regione Emilia-Romagna

Dettagli

N Impianto Specifiche Tecniche

N Impianto Specifiche Tecniche N Impianto Specifiche Tecniche 1 DEGRASSATORE Il volume interno utile espresso in metri cubi risulta individuato dal prodotto del numero degli abitanti equivalenti moltiplicato per il fattore 0,07, Volume

Dettagli

IMPIANTI PREFABBRICATI PER LA DEPURAZIONE DELLE ACQUE

IMPIANTI PREFABBRICATI PER LA DEPURAZIONE DELLE ACQUE IMPIANTI PREFABBRICATI PER LA DEPURAZIONE DELLE ACQUE FA125 IMPIANTO BIOLOGICO A FANGHI ATTIVI DELLA POTENZIALITA DI 125 ABITANTI EQUIVALENTI (rev. 111202) Introduzione alla tecnologia impiantistica La

Dettagli

SETTORE ATTIVITA INTERFUNZIONALI SERVIZIO AMBIENTE SEMINARIO TECNICO

SETTORE ATTIVITA INTERFUNZIONALI SERVIZIO AMBIENTE SEMINARIO TECNICO SETTORE ATTIVITA INTERFUNZIONALI SERVIZIO AMBIENTE SEMINARIO TECNICO PROTOCOLLO D INTESA PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI IMPIANTI DI TRATTAMENTO PER LA DEPURAZIONE DELLE ACQUE REFLUE DOMESTICHE

Dettagli

La progettazione del locale igienico

La progettazione del locale igienico Gli impianti idrico sanitari Prof. Simone Secchi Prof. Gianfranco Cellai Corso di Fisica Tecnica Ambientale e Impianti Tecnici La progettazione del locale igienico 1 Ingombro degli apparecchi sanitari

Dettagli

SISTEMI INNOVATIVI NEI TRATTAMENTI DI FITODEPURAZIONE DELLE ACQUE DI SCARICO DI PICCOLE COMUNITÀ

SISTEMI INNOVATIVI NEI TRATTAMENTI DI FITODEPURAZIONE DELLE ACQUE DI SCARICO DI PICCOLE COMUNITÀ Seminario DEPURAZIONE DEI REFLUI URBANI: OTTIMIZZAZIONE DELLA GESTIONE, TRATTAMENTI TERZIARI E NATURALI SISTEMI INNOVATIVI NEI TRATTAMENTI DI FITODEPURAZIONE DELLE ACQUE DI SCARICO DI PICCOLE COMUNITÀ

Dettagli

FITODEPURAZIONE: Autore: ing. Riccardo Bandello. www.alternativasostenibile.it. Ing. Riccardo Bandello 25/07/2010 www.alternativasostenibile.

FITODEPURAZIONE: Autore: ing. Riccardo Bandello. www.alternativasostenibile.it. Ing. Riccardo Bandello 25/07/2010 www.alternativasostenibile. FITODEPURAZIONE: criteri di dimensionamento, progettazione, caratteristiche costruttive, messa in esercizio, accorgimenti, definizioni, riferimenti normativi ed iter autorizzativo Autore: ing. Riccardo

Dettagli

Riferimenti Normativi

Riferimenti Normativi Riferimenti Normativi Testo Unico 152/06 Delibera 1053/03 della Regione Emilia-Romagna Delibera 285/05 della Regione Emilia-Romagna Delibera 1860/06 della Regione Emilia-Romagna Testo Unico 152/06 Art.100

Dettagli

COMUNE DI BUTTAPIETRA Provincia di Verona

COMUNE DI BUTTAPIETRA Provincia di Verona COMUNE DI BUTTAPIETRA Provincia di Verona Area Tecnica Settore Edilizia Pubblica/ Ecologia LINEE GUIDA RELATIVE AGLI SCARICHI DI ACQUE REFLUE DOMESTICHE IN CORPO RICETTORE DIVERSO DALLA FOGNATURA (SUOLO,

Dettagli

IMPIANTI PREFABBRICATI PER LA DEPURAZIONE DELLE ACQUE

IMPIANTI PREFABBRICATI PER LA DEPURAZIONE DELLE ACQUE IMPIANTI PREFABBRICATI PER LA DEPURAZIONE DELLE ACQUE Serie DEPUR-DOMO IMPIANTI BIOLOGICI A FANGHI ATTIVI DA 5 A 20 ABITANTI EQUIVALENTI (rev. 01 del 18/02/2011) La serie DEPUR-DOMO Gli impianti prefabbricati

Dettagli

LINEE GUIDA ACQUE REFLUE DOMESTICHE

LINEE GUIDA ACQUE REFLUE DOMESTICHE LINEE GUIDA ACQUE REFLUE DOMESTICHE Al fine di dimensionare correttamente i sistemi di trattamento dei reflui, occorre determinare innanzitutto il numero di abitanti equivalenti (a.e.), che per convenzione

Dettagli

FITODEPURAZIONE tra ARTE, ORTI E GIARDINI

FITODEPURAZIONE tra ARTE, ORTI E GIARDINI FITODEPURAZIONE tra ARTE, ORTI E GIARDINI ArchiSos Studio di Architettura Sostenibile di Arch. Antonio Tamburini www.archisos.it I sistemi di fitodepurazione sono degli ecosistemi artificiali in cui il

Dettagli

COMUNE DI FERRARA SERVIZIO AMBIENTE

COMUNE DI FERRARA SERVIZIO AMBIENTE COMUNE DI FERRARA SERVIZIO AMBIENTE SCARICHI DELLE ACQUE REFLUE DOMESTICHE FUORI DALLA PUBBLICA FOGNATURA: NORMATIVA - SISTEMI DI DEPURAZIONE - ATTIVITA DEL COMUNE DI FERRARA RELATORE: Ing. Alessio Stabellini

Dettagli

CENSIMENTO DELLE ACQUE PER USO CIVILE 2013 (dati 2012)

CENSIMENTO DELLE ACQUE PER USO CIVILE 2013 (dati 2012) CENSIMENTO DELLE ACQUE PER USO CIVILE 0 (dati 0) SEZIONE A - DATI IDENTIFICATIVI DELL ENTE GESTORE (Controllare ed eventualmente modificare i dati identificativi del Gestore). DATI IDENTIFICATIVI DELL

Dettagli

Trattamento delle acque reflue civili e industriali Piacenza 16 maggio 2013

Trattamento delle acque reflue civili e industriali Piacenza 16 maggio 2013 Trattamento delle acque reflue civili e industriali Piacenza 16 maggio 2013 La depurazione delle acque reflue urbane in Emilia- Romagna Dott. Francesco Tornatore Direzione Generale Ambiente, Difesa del

Dettagli

INDICE 1. Premessa 2. Le caratteristiche delle acque reflue 3. Trattamenti appropriati individuati dal DPGR 46/R 2008 4. Fosse settiche e Imhoff

INDICE 1. Premessa 2. Le caratteristiche delle acque reflue  3. Trattamenti appropriati individuati dal DPGR 46/R 2008 4. Fosse settiche e Imhoff 1 INDICE 1. Premessa pag. 3 2. Le caratteristiche delle acque reflue 4 2.1 I solidi sospesi 8 2.2 Azoto e fosforo 9 2.3 Parametri microbiologici 10 2.4 Altri parametri di inquinamento 11 3. Trattamenti

Dettagli

FILTRI PERCOLATORI PER PICCOLE UTENZE

FILTRI PERCOLATORI PER PICCOLE UTENZE FILTRI PERCOLATORI PER PICCOLE UTENZE Questa sezione descrive una serie di impianti prefabbricati progettati e realizzati per il trattamento delle acque reflue domestiche e assimilate provenienti da piccole

Dettagli

Depurazione acque reflue. Depuratori, manufatti e contenitori in polietilene

Depurazione acque reflue. Depuratori, manufatti e contenitori in polietilene Depurazione acque reflue Depuratori, manufatti e contenitori in polietilene : sistemi prefabbricati in polietilene per la depurazione delle acque reflue ISEA è stata la prima azienda in Italia a progettare

Dettagli

DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO DI ACQUE REFLUE DOMESTICHE

DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO DI ACQUE REFLUE DOMESTICHE Marca da bollo DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO DI ACQUE REFLUE DOMESTICHE (D.Lgs. 152/2006 - Delibera della Giunta Regionale Emilia Romagna n. 1053/03 - Regolamento Comunale per gli scarichi in

Dettagli

COMUNE DI CHIESINA UZZANESE Provincia di Pistoia SETTORE URBANISTICA e AMBIENTE

COMUNE DI CHIESINA UZZANESE Provincia di Pistoia SETTORE URBANISTICA e AMBIENTE DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO DI ACQUE REFLUE DOMESTICHE NON RECAPITANTI IN PUBBLICA FOGNATURA (Ai sensi della L.R. n 20/2006 e relativo Regolamento Regionale ) Registrazione di arrivo al Protocollo:

Dettagli

Impianti idrici domestici

Impianti idrici domestici Impianti idrici domestici Angelo GALLIZIO Impianti sanitari Ed. Hoepli, ottava edizione Vito Giorgio COLAIANNI Impianti tecnici dell edilizia Ed. Franco Angeli, Girolamo IPPOLITO Appunti di costruzioni

Dettagli

Corso di formazione sull utilizzo dei sistemi di fitodepurazione per il trattamento e riuso delle acque reflue

Corso di formazione sull utilizzo dei sistemi di fitodepurazione per il trattamento e riuso delle acque reflue Regione Siciliana Assessorato dei Beni Culturali e dell Identità Siciliana Dipartimento dei Beni Culturali e dell Identità Siciliana Corso di formazione sull utilizzo dei sistemi di fitodepurazione per

Dettagli

DOCUMENTAZIONE RELATIVA ALLO SCARICO DI ACQUE REFLUE DOMESTICHE NON RECAPITANTI NELLA PUBBLICA FOGNATURA

DOCUMENTAZIONE RELATIVA ALLO SCARICO DI ACQUE REFLUE DOMESTICHE NON RECAPITANTI NELLA PUBBLICA FOGNATURA SEZIONE PROVINCIALE DI BOLOGNA SERVIZIO TERRITORIALE DOCUMENTAZIONE RELATIVA ALLO SCARICO DI ACQUE REFLUE DOMESTICHE NON RECAPITANTI NELLA PUBBLICA FOGNATURA Maggio 2007 1 DOCUMENTAZIONE RELATIVA ALLO

Dettagli

ALLEGATO TECNICO RELATIVO AGLI SCARICHI DI ACQUE REFLUE DOMESTICHE FUORI PUBBLICA FOGNATURA

ALLEGATO TECNICO RELATIVO AGLI SCARICHI DI ACQUE REFLUE DOMESTICHE FUORI PUBBLICA FOGNATURA ALLEGATO TECNICO RELATIVO AGLI SCARICHI DI ACQUE REFLUE DOMESTICHE FUORI PUBBLICA FOGNATURA 1. APPROVVIGIONAMENTO IDRICO Fonte: Acquedotto Pozzo privato Estremi dell autorizzazione o della denuncia Altro

Dettagli

IMPIANTO DI FITODEPURAZIONE per "CASALE il BARONETTO" dimensionamento, progettazione, riferimenti Norm.

IMPIANTO DI FITODEPURAZIONE per CASALE il BARONETTO dimensionamento, progettazione, riferimenti Norm. Tipologia depurativa IMPIANTO DI FITODEPURAZIONE per "CASALE il BARONETTO" dimensionamento, progettazione, riferimenti Norm. La configurazione impiantistica prescelta è capace di ottenere il aggiungimento

Dettagli

Linee Guida per il trattamento di acque reflue domestiche ed assimilabili in aree non servite da pubblica fognatura

Linee Guida per il trattamento di acque reflue domestiche ed assimilabili in aree non servite da pubblica fognatura 1 COMUNE DI MONTEMURLO Provincia di Prato Linee Guida per il trattamento di acque reflue domestiche ed assimilabili in aree non servite da pubblica fognatura INDICE 1. CAMPO D'APPLICAZIONE 2. NORMATIVA

Dettagli

Linee Guida per il trattamento di acque reflue domestiche ed assimilate in aree non servite da pubblica fognatura

Linee Guida per il trattamento di acque reflue domestiche ed assimilate in aree non servite da pubblica fognatura Linee Guida per il trattamento di acque reflue domestiche ed assimilate in aree non servite da pubblica fognatura a cura di ARPAT - Dipartimento Provinciale di Firenze Febbraio 2005 INDICE 1. CAMPO D'APPLICAZIONE

Dettagli

Scheda agglomerato Caratteristiche generali dell agglomerato. Carico servito da rete fognaria (AE)

Scheda agglomerato Caratteristiche generali dell agglomerato. Carico servito da rete fognaria (AE) Scheda agglomerato Caratteristiche generali dell agglomerato Codice 1 Denominazione Carico nominale Carico servito da rete fognaria Carico trattato 2 Portata annua trattata 3 (m 3 ) Caratteristiche delle

Dettagli

FILTRI PERCOLATORI. 44 Divisione Depurazione

FILTRI PERCOLATORI. 44 Divisione Depurazione 44 Divisione Depurazione FILTRI PERCOLATORI ACCEORI DEOLIATORI TRATTAMENTI ECONDARI PINTI INDICAZIONI UB-IRRIGAZIONE VAOI PER FITODEPURAZIONE IMPIANTI DI PRIMA PIOGGIA TAZIONI DI OLLEVAMENTO POZZETTI filtri

Dettagli

COMUNE DI BASTIGLIA P.zza Repubblica, 57-41030 Bastiglia (Mo) Tel. 059/800.911 - Fax. 059/815132

COMUNE DI BASTIGLIA P.zza Repubblica, 57-41030 Bastiglia (Mo) Tel. 059/800.911 - Fax. 059/815132 COMUNE DI BASTIGLIA P.zza Repubblica, 57-41030 Bastiglia (Mo) Tel. 059/800.911 - Fax. 059/815132 Area Tecnica (tel. 059/800907) OGGETTO: Linee di definizione e caratterizzazione dei sistemi di trattamento

Dettagli

ATERSIR Sub Ambito Piacenza Piano d Ambito del Servizio Idrico Integrato PARTE A: Riferimenti normativi per gli impianti di trattamento acque reflue

ATERSIR Sub Ambito Piacenza Piano d Ambito del Servizio Idrico Integrato PARTE A: Riferimenti normativi per gli impianti di trattamento acque reflue ALLEGATO A.7: RIFERIMENTI NORMATIVI PER GLI IMPIANTI DI TRATTAMENTO DELLE ACQUE REFLUE A.7-I D.LGS. N.152/2006 E S.M.I. SCARICHI IN CORPI D'ACQUA SUPERFICIALI DI ACQUE REFLUE URBANE Gli scarichi provenienti

Dettagli

VASCHE SETTICHE SETTICHE BICAMERALI TRICAMERALI. VASCHE SETTICHE Divisione Depurazione 33 E DISSABBIATORI DEGRASSATORI VASCHE BIOLOGICHE TIPO IMHOFF

VASCHE SETTICHE SETTICHE BICAMERALI TRICAMERALI. VASCHE SETTICHE Divisione Depurazione 33 E DISSABBIATORI DEGRASSATORI VASCHE BIOLOGICHE TIPO IMHOFF VASC SETTIC SETTIC BICAMERALI TRICAMERALI A FANGI ATTIVI VASC SETTIC VASC BIOLOGIC TIPO IMOFF VASC SETTIC Divisione Depurazione 33 Degrassatore Tricamerali 1. SETTIC 2. BICAMERALI 3. TRICAMERALI 34 Divisione

Dettagli

Marca da bollo Al Sindaco del Comune di CADELBOSCO DI SOPRA

Marca da bollo Al Sindaco del Comune di CADELBOSCO DI SOPRA DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO IP/1( insediamenti di produzione beni e servizi con scarichi derivanti ESCLUSIVAMENTE da servizi igienici, cucine e mense,non RECAPITANTI IN PUBBLICA FOGNATURA) Marca

Dettagli

14,62 ALL UNIONE DEI COMUNI CENTRO ECONOMICO DELLA BASSA FRIULANA Servizio Urbanistica, Ambiente e Territorio

14,62 ALL UNIONE DEI COMUNI CENTRO ECONOMICO DELLA BASSA FRIULANA Servizio Urbanistica, Ambiente e Territorio Spazio riservato per il protocollo Spazio riservato alla marca da bollo 14,62 ALL UNIONE DEI COMUNI CENTRO ECONOMICO DELLA BASSA FRIULANA Servizio Urbanistica, Ambiente e Territorio OGGETTO: autorizzazione

Dettagli

Spett.le. OGGETTO: D. Lgs. 152/06 e successive modifiche ed integrazioni. Rilascio/Rinnovo di autorizzazione allo scarico di acque reflue urbane.

Spett.le. OGGETTO: D. Lgs. 152/06 e successive modifiche ed integrazioni. Rilascio/Rinnovo di autorizzazione allo scarico di acque reflue urbane. PROVINCIA DI MATERA Ufficio Ambiente Servizio di vigilanza e controllo Via Ridola, 60 tel. 0835/306245-322 Marca da Bollo Spett.le PROVINCIA di Matera Ufficio Ambiente Via Ridola,60 75100 Matera OGGETTO:

Dettagli

MILANO - GIOVEDÌ, 20 APRILE 2006. Sommario. Deliberazione Giunta regionale 5 aprile 2006 - n. 8/2318

MILANO - GIOVEDÌ, 20 APRILE 2006. Sommario. Deliberazione Giunta regionale 5 aprile 2006 - n. 8/2318 REPUBBLICA ITALIANA BOLLETTINO UFFICIALE MILANO - GIOVEDÌ, 20 APRILE 2006 1º SUPPLEMENTO STRAORDINARIO Sommario Anno XXXVI - N. 83 - Poste Italiane - Spedizione in abb. postale - 45% - art. 2, comma 20/b

Dettagli

TUTELA DELLE ACQUE. Disciplina degli scarichi. delle acque reflue domestiche e di reti fognarie

TUTELA DELLE ACQUE. Disciplina degli scarichi. delle acque reflue domestiche e di reti fognarie TUTELA DELLE ACQUE Disciplina degli scarichi delle acque reflue domestiche e di reti fognarie Ing. Zaffaroni Davide Provincia di Monza e Brianza - Servizio Risorse Idriche - Corso di formazione per GEV

Dettagli

FITODEPURAZIONE. Elenco delle piante più comunemente utilizzate nella Fitodepurazione

FITODEPURAZIONE. Elenco delle piante più comunemente utilizzate nella Fitodepurazione Impianti trattamento acque reflue Lavorazione industriale vetroresina Serbatoi per alimenti o sostanze chimiche Stazioni di sollevamento liquami prefabbricate in PRFV Telefono: (091) 6731932 Fax (091)

Dettagli

Sommario. Rototec - Divisione Depurazione - Catalogo tecnico Ottobre 2010 rev. 01. Filtri percolatori. Filtri percolatori

Sommario. Rototec - Divisione Depurazione - Catalogo tecnico Ottobre 2010 rev. 01. Filtri percolatori. Filtri percolatori oario 41 Caratteristiche tecniche Il filtro percolatore è un reattore biologico all interno del quale i microrganismi, che svolgono la depurazione del refluo, si sviluppano sulla superficie di appositi

Dettagli

IMPIANTO DI SCARICO DEI REFLUI

IMPIANTO DI SCARICO DEI REFLUI TITOLO ELABORATO SISTEMAZIONE DELL AREA PARCHEGGIO E REALIZZAZIONE DI UN AREA ATTREZZATA PER LA SOSTA BREVE DI CAMPER IN LOCALITÀ CANDÀTEN - COMUNE DI SEDICO (BL) FASE PROGETTO ESECUTIVO ELABORATO PROGETTO

Dettagli

Depurazione acque reflue. Depuratori e impianti in polietilene con marchio CE

Depurazione acque reflue. Depuratori e impianti in polietilene con marchio CE Depurazione acque reflue Depuratori e impianti in polietilene con marchio CE : la soluzione di ISEA per la depurazione dei reflui conforme alla norma europea EN 12566-3 Prodotti certificati a marchio

Dettagli

DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO DI ACQUE REFLUE DOMESTICHE

DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO DI ACQUE REFLUE DOMESTICHE Marca da bollo DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO DI ACQUE REFLUE DOMESTICHE (D.Lgs. 152/99 - D.Lgs. 258/00 - Delibera RER n.1053/03 - Regolamento Comunale per il Servizio di Fognatura) AL SINDACO

Dettagli

RELAZIONE TECNICA IMPIANTO DI DEPURAZIONE ACQUE REFLUE DOMESTICHE

RELAZIONE TECNICA IMPIANTO DI DEPURAZIONE ACQUE REFLUE DOMESTICHE danielemanni architetto COMMITTENZA: DOMUS VIVENS SRL RELAZIONE TECNICA IMPIANTO DI DEPURAZIONE ACQUE REFLUE DOMESTICHE OGGETTO: PROGETTO DI RISTRUTTURAZIONE EDILIZIA E RICONVERSIONE DI ATTIVITA (D.P.R.

Dettagli

REGIONE SICILIANA. Lavori di realizzazione di una fossa imhoff a servizio del Centro Direzionale del Consorzio ASI di Enna.

REGIONE SICILIANA. Lavori di realizzazione di una fossa imhoff a servizio del Centro Direzionale del Consorzio ASI di Enna. REGIONE SICILIANA Redatto il: 13/12/2011 Lavori di realizzazione di una fossa imhoff a servizio del Centro Direzionale del Consorzio ASI di Enna Aggiornato il: Scala: Oggetto: TAVOLA: Relazione generale

Dettagli

CHIEDE 14,62 AL COMUNE DI SAN GIORGIO DI NOGARO UFFICIO TECNICO

CHIEDE 14,62 AL COMUNE DI SAN GIORGIO DI NOGARO UFFICIO TECNICO Spazio riservato per il protocollo Spazio riservato alla marca da bollo 14,62 AL COMUNE DI SAN GIORGIO DI NOGARO UFFICIO TECNICO OGGETTO: autorizzazione allo scarico di ACQUE REFLUE DOMESTICHE in corpo

Dettagli

DIVISIONE DEPURAZIONE ACQUE

DIVISIONE DEPURAZIONE ACQUE SISTEMI PER IL TRATTAMENTO E RECUPERO DELLE ACQUE DIVISIONE DEPURAZIONE ACQUE Eco-Sistemi 11 SEPARATORE DI GRASSI - UNI EN 1825-1. Impiego: Trattamento primario delle acque grigie provenienti da civili

Dettagli

Linee Guida ARPA per il trattamento delle Acque reflue domestiche

Linee Guida ARPA per il trattamento delle Acque reflue domestiche ATTENZIONE Queste Linee guida ARPA per il trattamento delle acque reflue domestiche Seconda Edizione Gennaio 2002, a seguito dell entrata in vigore della Delibera GR n.1053/03, sono superate. L'aggiornamento

Dettagli

Direttiva in materia di gestione delle acque reflue e meteoriche urbane (bozza linee guida regione Lazio a cura del CIRF)

Direttiva in materia di gestione delle acque reflue e meteoriche urbane (bozza linee guida regione Lazio a cura del CIRF) Direttiva in materia di gestione delle acque reflue e meteoriche urbane (bozza linee guida regione Lazio a cura del CIRF) Il testo che segue fa propri criteri e approcci che derivano dai più moderni orientamenti

Dettagli

PICCOLI IMPIANTI: POTENZIAMENTO O DISMISSIONE? DUE CASI

PICCOLI IMPIANTI: POTENZIAMENTO O DISMISSIONE? DUE CASI PICCOLI IMPIANTI: POTENZIAMENTO O DISMISSIONE? DUE CASI DI STUDIO Ing. L. Falletti PICCOLI IMPIANTI DI DEPURAZIONE: UPGRADE, OTTIMIZZAZIONE GESTIONALE O DISMISSIONE? Verona, 26 Ottobre 2011 I piccoli impianti

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE DEGLI SCARICHI DI ACQUE REFLUE DOMESTICHE E ASSIMILATE IN RECAPITO DIVERSO DALLA PUBBLICA FOGNATURA

REGOLAMENTO COMUNALE DEGLI SCARICHI DI ACQUE REFLUE DOMESTICHE E ASSIMILATE IN RECAPITO DIVERSO DALLA PUBBLICA FOGNATURA REGOLAMENTO COMUNALE DEGLI SCARICHI DI ACQUE REFLUE DOMESTICHE E ASSIMILATE IN RECAPITO DIVERSO DALLA PUBBLICA FOGNATURA Art. 1 Oggetto Il presente regolamento ha per oggetto le procedure di autorizzazione

Dettagli

e conduzione degli impianti alla luce delle più recenti pubblicazioni

e conduzione degli impianti alla luce delle più recenti pubblicazioni Reggio Emilia 31 maggio 2013 Progettazione e conduzione degli impianti alla luce delle più recenti pubblicazioni Floriana Romagnolli ecologa (studio VIS) 1 Contenuti Presentazione ultime pubblicazioni

Dettagli

Impianto di trattamento acque reflue tramite fitodepurazone. Dal Decreto Legislativo:

Impianto di trattamento acque reflue tramite fitodepurazone. Dal Decreto Legislativo: Impianto di trattamento acque reflue tramite fitodepurazone La legislazione RELAZIONE TECNICA Il D.Lgs. 152/99 e successive modifiche (258/00), al paragrafo 3 dell allegato 5, relativo agli scarichi degli

Dettagli

IMPIANTO di DEPURAZIONE (Vasca Imhoff, pozzo assorbente)

IMPIANTO di DEPURAZIONE (Vasca Imhoff, pozzo assorbente) IMPIANTO di DEPURAZIONE (Vasca Imhoff, pozzo assorbente) oggetto Descrizione tecnica dell impianto di smaltimento delle acque nere tramite fossa tipo Imhoff, previo trattamento di Grigliaggio (facoltativo),

Dettagli

FOGNATURE: DEFINIZIONI, NORMATIVA DI RIFERIMENTO E ORGANIZZAZIONE

FOGNATURE: DEFINIZIONI, NORMATIVA DI RIFERIMENTO E ORGANIZZAZIONE Corso di Costruzioni idrauliche (E.A.) A.A. 2010/2011 FOGNATURE: DEFINIZIONI, NORMATIVA DI RIFERIMENTO E ORGANIZZAZIONE (Appunti tratti dalla lezione del 8/45/2011, non rivisti dal docente) Riferimenti

Dettagli

DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO DI ACQUE REFLUE DOMESTICHE NON IN RETE FOGNARIA PUBBLICA

DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO DI ACQUE REFLUE DOMESTICHE NON IN RETE FOGNARIA PUBBLICA Bollo Protocollo Al Sindaco del Comune di Russi DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO DI ACQUE REFLUE DOMESTICHE NON IN RETE FOGNARIA PUBBLICA (D.Lgs. 152/2006 - Delibera della Giunta Regionale Emilia

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II FACOLTA DI INGEGNERIA DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA IDRAULICA, GEOTECNICA ED AMBIENTALE CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA PER L AMBIENTE E IL TERRITORIO TESI DI LAUREA

Dettagli

DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO DI ACQUE REFLUE DOMESTICHE PROVENIENTI DA INSEDIAMENTI DI TIPO RESIDENZIALE CON NUMERO DI ABITANTI FINO A 50 1

DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO DI ACQUE REFLUE DOMESTICHE PROVENIENTI DA INSEDIAMENTI DI TIPO RESIDENZIALE CON NUMERO DI ABITANTI FINO A 50 1 DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO DI ACQUE REFLUE DOMESTICHE PROVENIENTI DA INSEDIAMENTI DI TIPO RESIDENZIALE CON NUMERO DI ABITANTI FINO A 50 1 Contrassegno telematico Imposta di bollo pari ad 16,00

Dettagli

Comune di Cisterna di Latina Settore Gestione Urbana Servizio Ecologia, Energia e Igiene Urbana

Comune di Cisterna di Latina Settore Gestione Urbana Servizio Ecologia, Energia e Igiene Urbana Comune di Cisterna di Latina Settore Gestione Urbana Servizio Ecologia, Energia e Igiene Urbana RELAZIONE TECNICA PER RICHIESTA DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO DELLE ACQUE REFLUE DOMESTICHE PROVENIENTI

Dettagli

SCHEDA FOGNATURA COMUNALE

SCHEDA FOGNATURA COMUNALE Catasto scarichi - Pubbliche fognature Pag. 1 CATASTO SCARICHI - PUBBLICHE FOGNATURE SCHEDA FOGNATURA COMUNALE Data compilazione: 1.GENERALITA FOGNATURA COMUNALE 1.1 : COMUNE 1.2 GESTORE DELLA FOGNATURA

Dettagli

Il riutilizzo e la valorizzazione delle acque e dei fanghi prodotti da impianti di depurazione. Roma - 14 Giugno 2013

Il riutilizzo e la valorizzazione delle acque e dei fanghi prodotti da impianti di depurazione. Roma - 14 Giugno 2013 Il riutilizzo e la valorizzazione delle acque e dei fanghi prodotti da impianti di depurazione Roma - 14 Giugno 2013 L acqua: un bene prezioso! Il 3% dell acqua del pianeta è dolce Solo il 30,5% dell acqua

Dettagli

OGGETTO: DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO E RELAZIONE TECNICO-ESECUTIVA FINALE PER IMPIANTO DI SUB-IRRIGAZIONE

OGGETTO: DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO E RELAZIONE TECNICO-ESECUTIVA FINALE PER IMPIANTO DI SUB-IRRIGAZIONE Registrazione arrivo al Protocollo Mod. Aut. Sc. SI del 14/08/2007 Comune di Altivole Settore Urbanistica - Edilizia Privata OGGETTO: DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO E RELAZIONE TECNICO-ESECUTIVA

Dettagli

Luglio 2012. 10/07/2012 055-211342 segreteria@confservizitoscana.it 1

Luglio 2012. 10/07/2012 055-211342 segreteria@confservizitoscana.it 1 VALUTAZIONE DEL QUADRO EMISSIVO DELLE SEZIONI DI TRATTAMENTO FANGHI DEGLI IMPIANTI DI TRATTAMENTO ACQUE (IMPIANTI DI DEPURAZIONE IMPIANTI DI POTABILIZZAZIONE) (punto p. alla parte l dell all. IV alla parte

Dettagli

COMUNE DI PODENZANA. Provincia di Massa Carrara UFFICIO TECNICO. Regolamento comunale degli scarichi di acque reflue domestiche

COMUNE DI PODENZANA. Provincia di Massa Carrara UFFICIO TECNICO. Regolamento comunale degli scarichi di acque reflue domestiche COMUNE DI PODENZANA Provincia di Massa Carrara UFFICIO TECNICO Regolamento comunale degli scarichi di acque reflue domestiche In aree non servite da pubblica fognatura Approvato dal Consiglio Comunale

Dettagli

Lo scarico di acque reflue Riferimenti Normativi

Lo scarico di acque reflue Riferimenti Normativi Lo scarico di acque reflue Riferimenti Normativi Seminario FITODEPURAZIONE - Quadro normativo e nuovi strumenti di progettazione Reggio Emilia - 31/05/2013 Monica Sala - A.R.P.A. Sezione di Reggio Emilia

Dettagli

!"# $% & "( & & )"*( &,## - % ## ## ##.% %#!.% % $.% % #!/ 0) %# $/ %,! &#! +, 1#!! 1 1#134 $ "0 %% $ % #) '! %1 ' ',% ' &- % +% ) % & 2

!# $% & ( & & )*( &,## - % ## ## ##.% %#!.% % $.% % #!/ 0) %# $/ %,! &#! +, 1#!! 1 1#134 $ 0 %% $ % #) '! %1 ' ',% ' &- % +% ) % & 2 !"!##$!#% &'&(!"# $% & '"( & "( & & )"*( & +, + &) -##%##,## - % ## ## ##.% %#!.% % $.% % # '-###.# &- +- # - ## - - *+,,,-!/ 0) %# $/ % '-##,! &#! +, 1#! "1 111! " 21%11 1 1#134 $ "0 %% $ % #) '! %1 '

Dettagli

RELAZIONE TECNICA ALLEGATA ALLA DOMANDA D AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO D ACQUE DOMESTICHE D ORIGINE ABITATIVA. D.Lgs n 152 del 3 aprile 2006.

RELAZIONE TECNICA ALLEGATA ALLA DOMANDA D AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO D ACQUE DOMESTICHE D ORIGINE ABITATIVA. D.Lgs n 152 del 3 aprile 2006. RELAZIONE TECNICA ALLEGATA ALLA DOMANDA D AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO D ACQUE DOMESTICHE D ORIGINE ABITATIVA. D.Lgs n 152 del 3 aprile 2006. Immobile sito nella frazione di, via, n, Censito in Catasto

Dettagli

DEGRASSATORI E DISSABBIATORI

DEGRASSATORI E DISSABBIATORI 12 Divisione Depurazione DEGRASSATORI ACCESSORI POZZETTI DEOLIATORI TRATTAMENTI SECONDARI SPINTI INDICAZIONI SUB-IRRIGAZIONE VASSOI PER FITODEPURAZIONE IMPIANTI DI PRIMA PIOGGIA STAZIONI DI SOLLEVAMENTO

Dettagli

FOGNATURA IDEALE. Rispetto dei limiti imposti dal D. Lgs. 152/99. Impianto di depurazione. Fognatura separata. Acque nere.

FOGNATURA IDEALE. Rispetto dei limiti imposti dal D. Lgs. 152/99. Impianto di depurazione. Fognatura separata. Acque nere. FOGNATURA IDEALE Acque nere Fognatura separata Impianto di depurazione Rispetto dei limiti imposti dal D. Lgs. 152/99 Recapito cque bianche Eventuale trattamento In definitiva: FOGNATURA UNITARIA Acque

Dettagli

RELAZIONE TECNICA STAZIONE DI CAPODIMONTE IMPIANTO FOGNARIO Cod. commessa C-TAN-CAP. Pagina 1 di 9

RELAZIONE TECNICA STAZIONE DI CAPODIMONTE IMPIANTO FOGNARIO Cod. commessa C-TAN-CAP. Pagina 1 di 9 Pagina 1 di 9 IMPIANTO DI TRATAMENTO E RECAPITO PER SCARICHI DA INSEDIAMENTO CIVILE E ASSIMILABILI AI DOMESTICI MODALITA ESECUTIVE, CALCOLO, MATERIALI E MANUFATTI D ALLACCIAMENTO DELLA RETE FOGNARIA ACQUE

Dettagli

depurazioni trattamento delle acque di scarico civili e industriali

depurazioni trattamento delle acque di scarico civili e industriali Committente: Spett.le Azienda Vinicola VINI TONON S.R.L. Via Carpesica 1 Loc. Carpesica 31029 Vittorio Veneto (TV) IMPIANTO DI DEPURAZIONE PER IL TRATTAMENTO DI ACQUE REFLUE PROVENIENTI DA CANTINA DI VINIFICAZIONE

Dettagli

DEPURATORI PER I CENTRI RESIDENZIALI DI MEDIA E GRANDE POTENZIALITA

DEPURATORI PER I CENTRI RESIDENZIALI DI MEDIA E GRANDE POTENZIALITA DEPURATORI PER I CENTRI RESIDENZIALI DI MEDIA E GRANDE POTENZIALITA In questa sede presentiamo i nostri depuratori biologici a biomassa sospesa progettati specificatamente per il trattamento di acque reflue

Dettagli

SCARICHI ACQUE NERE E BIANCHE VENTILAZIONE SCARICHI PARTE 2

SCARICHI ACQUE NERE E BIANCHE VENTILAZIONE SCARICHI PARTE 2 2013-2014 SCARICHI ACQUE NERE E BIANCHE VENTILAZIONE SCARICHI PARTE 2 Scheda 1 Definizioni 1. acque reflue domestiche: Acque contaminate dall uso e solitamente scaricate da WC, docce, vasche da bagno,

Dettagli

CESARE MOSER 11-12-13 VASCHE IMHOFF. manufatti in cemento s.r.l PRINCIPIO DI FUNZIONAMENTO

CESARE MOSER 11-12-13 VASCHE IMHOFF. manufatti in cemento s.r.l PRINCIPIO DI FUNZIONAMENTO allegato scheda n VASCHE IMHOFF 11-12-13 PRINCIPIO DI FUNZIONAMENTO Le vasche Imhoff possono essere considerate come veri e propri impianti di depurazione per liquami di origine domestica caratterizzati

Dettagli

Primel AG - Via Principale - 7608 Castasegna, Bregaglia (GR) Tel: +41 76 8198688 fedele.pozzoli@bluewin.ch

Primel AG - Via Principale - 7608 Castasegna, Bregaglia (GR) Tel: +41 76 8198688 fedele.pozzoli@bluewin.ch 2015 Primel AG - Via Principale - 7608 Castasegna, Bregaglia (GR) Tel: +41 76 8198688 fedele.pozzoli@bluewin.ch Imhoff/tricamerali e depuratori biologici SBR Introduzione Gli scarichi civili, sia domestici

Dettagli

L esperienza di Milano Nosedo e il riuso irriguo delle acque depurate

L esperienza di Milano Nosedo e il riuso irriguo delle acque depurate L esperienza di Milano Nosedo e il riuso irriguo delle acque depurate Francesca Pizza Processi e Controlli analitici Vettabbia S.c.a r.l. f.pizza@vettabbia.it Workshop «L acido peracetico nella disinfezione

Dettagli

A.R.P.A. Regione Piemonte

A.R.P.A. Regione Piemonte Al Signor Sindaco del Comune di Corio Pagina 1/5 Domanda di autorizzazione allo scarico di acque reflue domestiche o ad esse assimilabili in ricettore diverso dalla pubblica fognatura (ai sensi del D.Lgs.

Dettagli

RELAZIONE TECNICA Smaltimento reflui biologici e trattamento acque superficiali

RELAZIONE TECNICA Smaltimento reflui biologici e trattamento acque superficiali COMUNE DI BLUFI PROVINCIA DI PALERMO PIANO DI LOTTIZZAZIONE IN C.DA COMMENDA - TRE AREE ZONA T.O. DEL P.R.G. : D.2 ( area per insediamenti produttivi industriale-artigianale ) ITAL SYSTEM Spa - sede in

Dettagli

Riferimenti Normativi. D. Lgs. 152/06 (Testo Unico) Delib. Int. 04/02/1977 Leggi e Regolamenti locali D.M. 185/03 (riutilizzo acq.

Riferimenti Normativi. D. Lgs. 152/06 (Testo Unico) Delib. Int. 04/02/1977 Leggi e Regolamenti locali D.M. 185/03 (riutilizzo acq. Riferimenti Normativi - D. Lgs. 152/06 (Testo Unico) Delib. Int. 04/02/1977 Leggi e Regolamenti locali D.M. 185/03 (riutilizzo acq. reflue) Acque reflue domestiche: acque reflue provenienti da insediamenti

Dettagli

COMUNE DI CAPANNOLI Provincia di Pisa

COMUNE DI CAPANNOLI Provincia di Pisa COMUNE DI CAPANNOLI Provincia di Pisa REGOLAMENTO COMUNALE DEGLI SCARICHI DI ACQUE REFLUE DOMESTICHE ED ASSIMILABILI IN AREE NON SERVITE DA PUBBLICA FOGNATURA APPROVATO CON DELIBERAZIONE DI C.C. n. 9 del

Dettagli

COMUNE DI PALAIA Provincia di Pisa

COMUNE DI PALAIA Provincia di Pisa COMUNE DI PALAIA Provincia di Pisa REGOLAMENTO COMUNALE DEGLI SCARICHI DI ACQUE REFLUE DOMESTICHE ED ASSIMILABILI IN AREE NON SERVITE DA PUBBLICA FOGNATURA APPROVATO CON DELIBERAZIONE DI C.C. n. 44 del

Dettagli

1) Dati anagrafici richiedente autorizzazione

1) Dati anagrafici richiedente autorizzazione PROVINCIA DI PISA Documentazione tecnica ed elaborati grafici necessari al rilascio dell autorizzazione allo scarico, non in pubblica fognatura, ai sensi del Decreto Legislativo 152/06 e successive modifiche

Dettagli

per i clienti del Ciclo Idrico Integrato

per i clienti del Ciclo Idrico Integrato Soluzioni di successo Soluzioni di successo per i clienti del Ciclo Idrico Integrato Installazione del controller OSCAR per l'areazione intermittente per l adeguamento dell impianto di depurazione di Savigliano

Dettagli

NEL CASO SUSSUSTA SCARICO DI ACQUE REFLUE DOMESTICHE COMPILARE LA DOCUMENTAZIONE OBBLIGATORIA DA PAG. 4 A PAG. 7

NEL CASO SUSSUSTA SCARICO DI ACQUE REFLUE DOMESTICHE COMPILARE LA DOCUMENTAZIONE OBBLIGATORIA DA PAG. 4 A PAG. 7 ALLEGATI TECNICI NECESSARI ALL ISTANZA AUA AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO IN FALDA (acque derivanti dal lavaggio e dalla lavorazione degli inerti naturali in falda) Lo scarico in falda potrà essere esercitato

Dettagli

UPGRADING E GESTIONE DEGLI IMPIANTI DI TRATTAMENTO DELLE ACQUE DI SCARICO - ESPERIENZE NAZIONALI A CONFRONTO -

UPGRADING E GESTIONE DEGLI IMPIANTI DI TRATTAMENTO DELLE ACQUE DI SCARICO - ESPERIENZE NAZIONALI A CONFRONTO - Workshop UPGRADING E GESTIONE DEGLI IMPIANTI DI TRATTAMENTO DELLE ACQUE DI SCARICO - ESPERIENZE NAZIONALI A CONFRONTO - 16 EDIZIONE - Roma, 29-30 novembre 2012 IL PROCESSO DEMON PER IL PRETRATTAMENTO DEI

Dettagli

GENERALITÁ IMPIANTI DI DEPURAZIONE BIOLOGICA A FANGHI ATTIVI

GENERALITÁ IMPIANTI DI DEPURAZIONE BIOLOGICA A FANGHI ATTIVI GENERALITÁ Il tipo di trattamento detto a fanghi attivi che utilizza una flora batterica prevalentemente aerobica è quello più utilizzato per il trattamento dei reflui civili in quanto consente uno scarico

Dettagli

1) Dati anagrafici richiedente autorizzazione

1) Dati anagrafici richiedente autorizzazione PROVINCIA DI PISA Documentazione tecnica ed elaborati grafici necessari al rilascio dell autorizzazione allo scarico, non in pubblica fognatura, ai sensi del Decreto Legislativo 152/06 e successive modifiche

Dettagli

MODULO PER LA RICHIESTA DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO IN CORPI IDRICI SUPERFICIALI - SUL SUOLO E NEGLI STRATI SUPERFICIALI DEL SOTTOSUOLO

MODULO PER LA RICHIESTA DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO IN CORPI IDRICI SUPERFICIALI - SUL SUOLO E NEGLI STRATI SUPERFICIALI DEL SOTTOSUOLO Marca da bollo Spett.le PROVINCIA DI PAVIA Divisione Agro-Ambientale Settore Tutela Ambientale Viale Taramelli, 2 27100 PAVIA MODELLO C PRIVATI/PERSONE FICHE-DITTE CON ATTIVITA REDENZIALE MODULO PER LA

Dettagli

DEPURAZIONE. Idra gestisce tre impianti di depurazione intercomunali per una capacità totale di circa 390.000 abitanti equivalenti.

DEPURAZIONE. Idra gestisce tre impianti di depurazione intercomunali per una capacità totale di circa 390.000 abitanti equivalenti. DEPURAZIONE Idra gestisce tre impianti di depurazione intercomunali per una capacità totale di circa 390.000 abitanti equivalenti Impianti CASSANO TRUCCAZZANO VIMERCATE TRUCCAZZANO 175.000 ab eq per 45.000

Dettagli

Comune di Castelfiorentino

Comune di Castelfiorentino Regolamento comunale degli scarichi di acque reflue domestiche ed assimilate alle domestiche In aree non servite da pubblica fognatura (approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 14 del 31/03/2004)

Dettagli

MANUALE PER USO DEL PROGRAMMA DEF

MANUALE PER USO DEL PROGRAMMA DEF MANUALE PER USO DEL PROGRAMMA DEF Questo programma di calcolo per impianti di depurazione a fanghi attivi ad ossidazione totale, è stato realizzato per aiutare il tecnico a progettare velocemente impianti

Dettagli

C O M U N E D I P U T I G N A N O - Città Metropolitana di Bari - I I I A R E A - T E C N I C A SERVIZIO AMBIENTE

C O M U N E D I P U T I G N A N O - Città Metropolitana di Bari - I I I A R E A - T E C N I C A SERVIZIO AMBIENTE C O M U N E D I P U T I G N A N O - Città Metropolitana di Bari - I I I A R E A - T E C N I C A SERVIZIO AMBIENTE Marca da bollo (valore vigente) Prot. n del Al Responsabile del Servizio Ambiente DOMANDA

Dettagli