REGIONE AUTONOMA SARDEGNA

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "REGIONE AUTONOMA SARDEGNA"

Transcript

1 REGIONE AUTONOMA SARDEGNA COMUNI DI: PAULILATINO ABBASANTA AIDOMAGGIORE NORBELLO E TRESNURAGHES ACCORDO DI PROGRAMMA TRA i Comuni di PAULILATINO, ABBASANTA, AIDOMAGGIORE, NORBELLO E TRESNURAGHES finalizzato alla realizzazione di un piano integrato di interventi di sviluppo per la valorizzazione del patrimonio culturale, storico, architettonico, archeologico e turistico intercomunale denominato Le Chiese sulle vie dei viandanti. L anno duemilanove, il giorno del mese di, in Paulilatino tra 1) il Comune di Paulilatino, con sede legale in Paulilatino, Viale della Libertà n. 33 in persona del Dr. Domenico Gallus, nato a Paulilatino, il 28/12/1963, il quale dichiara di intervenire ed agire nel presente atto, non in proprio ma esclusivamente nella sua veste di Sindaco pro tempore del Comune di Paulilatino, C.F ; 2) il Comune di Abbasanta, con sede legale in Abbasanta, via Garibaldi n. 144, in persona del Dr. Stefano Sanna, nato a Abbasanta, il 27/07/1970, il quale dichiara di intervenire ed agire nel presente atto, non in proprio ma esclusivamente nella sua veste di Sindaco pro tempore del Comune di Abbasanta, C.F ; 3) il Comune di Aidomaggiore, con sede legale in Aidomaggiore, Piazza Parrocchia n. 6, in persona del Dr. Ing. Mariano Salaris, nato ad Aidomaggiore il , il quale dichiara di intervenire ed agire nel presente atto, non in 1

2 proprio ma esclusivamente nella sua veste di Sindaco pro tempore del Comune di Aidomaggiore, C.F. ; 4) il Comune di Norbello, con sede in Norbello, Piazza Municipio, n. 1, in persona del Dr. Mario Carta, nato a Bortigali, il 29/05/1937, il quale dichiara di intervenire ed agire nel presente atto, non in proprio ma esclusivamente nella sua veste di Commissario Straordinario del Comune di Norbello, C.F ; 5) il Comune di Tresnuraghes, con sede legale in Tresnuraghes, Largo Sebastiano Moretti n. 30, in persona del Dr. Antonio Cinellu, nato a, il, il quale dichiara di intervenire ed agire nel presente atto, non in proprio ma esclusivamente nella sua veste di Sindaco pro tempore del Comune di Tresnuraghes, C.F ; PREMESSO CHE Il D. Lgs. n. 267/2000 e l art. 15, della L. 7/8/1990, n. 241 e ss.mm.ii, prevedono la conclusione di accordi di programma per la definizione e l attuazione di opere e di interventi o di programmi di intervento che richiedono per la loro completa realizzazione, l azione integrata e coordinata di Comuni e di altri soggetti pubblici interessati; i Comuni firmatari vedono un forte interesse di sviluppo attorno ai beni architettonici ed archeologici, testimonianza di insediamento di popolazioni che vivevano in particolari condizioni ambientali, che si intende ricordare attraverso la rivitalizzazione di percorsi turistici; la modulazione del POR , seguendo i principi Comunitari individuati nel Quadro Comunitario di Sostegno, privilegia progetti integrati che interessino più misure o più territori omogenei;

3 - nell aiuto dell Unione Europea sono privilegiati progetti di valorizzazione della cultura e del territorio sotto forma di paternariato tra i paesi membri; i Comuni firmatari, attraverso i propri Sindaci, hanno concordato di intraprendere un azione comune rivolta allo studio e valorizzazione delle rispettive Comunità con particolare attenzione ai percorsi storico-religiosi, quindi con un progetto di recupero e valorizzazione delle strutture architettoniche, edilizie, dei beni storici e monumentali attraverso: a) La creazione di un itinerario che valorizzi il patrimonio degli Enti partecipanti; b) La salvaguardia e valorizzazione culturale, economica e sociale del proprio territorio e delle entità esistenti nello stesso; c) La creazione di un collegamento alternativo dei territori dell intercomune; d) Il risanamento e valorizzazione di ambiti territoriali, siti archeologici di particolare pregio storico culturale; e) La stesura di progetti che valorizzino lo scambio e soprattutto la promozione storico monumentale; detto accordo venga concordato nel presupposto che un azione congiunta tra i Comuni sottoscrittori consenta una più ampia visibilità dell intervento; l azione comune consenta di creare un itinerario turistico culturale, che, attraversando le realtà urbane territoriali metta in risalto le peculiarità storiche ed ambientali dei relativi siti tracciando nel loro collegamento un itinerario omogeneo in linea con le politiche Comunitarie e con le direttive contenute nel POR ; si ritiene opportuna un azione di sensibilizzazione ed intervento nei confronti delle rispettive Comunità locali da portare all attenzione dei propri consigli 3

4 comunali al fine di favorire e promuovere le necessarie attività di salvaguardia dei rispettivi patrimoni; si ritiene opportuno che le attività da attuarsi da parte di ciascun Comune, nel rispetto della propria autonomia amministrativa vengano confrontate in un quadro di interventi concordato tra i Comuni sottoscrittori; venga attivata la promozione di azioni comuni, volte a sollecitare la definizione di programmi di interventi organici e coordinati da parte delle istituzioni preposte al finanziamento delle attività, comunque, riguardanti la valorizzazione dei suddetti territori; TUTTO CIO PREMESSO Si conviene e si stipula quanto segue: Art. 1 - OGGETTO Il Presente Accordo di Programma è sottoscritto dalle Parti ai sensi del D. Lgs. n 267/2000, allo scopo di promuovere nei territorio interessati, secondo le competenze dei soggetti firmatari, programmi ed iniziative unitarie e organiche quale risposta alle esigenze di conservazione, valorizzazione del patrimonio storico e ambientale dei Comuni sottoscrittori. La premessa, di cui sopra, costituisce parte integrante del presente Accordo Art. 2 - ACCORDO TRA I COMUNI Tra i Comuni di Paulilatino, Abbasanta, Aidomaggiore, Norbello e Tresnuraghes, come sopra rappresentati, è costituita un associazione finalizzata, ai sensi della L.R. n. 14/2006, al perseguimento della tutela, della valorizzazione e della fruizione del patrimonio culturale materiale ed immateriale della Sardegna, in quanto fattore di crescita civile, sociale ed economica e significativa componente della civiltà e dell identità del popolo Sardo, nonché 4

5 della sua specialità nel contesto delle culture Regionali Europee e del Mediterraneo. L ambito territoriale, per lo svolgimento in forma associata dei servizi di livello intercomunale, è individuato nei territori dei Comuni di Paulilatino, Abbasanta, Aidomaggiore, Norbello e Tresnuraghes. Il suddetto territorio si presta come ambito ottimale, per il restauro in forma associata, con finalità precipua di valorizzazione del territorio e beni mobili ed immobili, di cui è particolarmente ricco. I Comuni intendono proporre e richiedere il finanziamento nell ambito del seguente Programma Culturale comune: Le Chiese sulle vie dei viandanti, ricomprendendo, all interno di esso, i seguenti interventi: Paulilatino: Restauro Chiesa San Sebastiano (XVI sec.) Abbasanta: Restauro Chiesa di Santa Maria (XIII sec.) Norbello: Restauro Chiesetta di S.Maria della Mercede di origine templare (XII sec.) Aidomaggiore: Restauro Chiesa di San Gavino (XVI sec.) Tresnuraghes: Restauro Chiesa di S.Antonio di origine templare (XII sec.) Art. 3 - OBIETTIVI Con la sottoscrizione del presente atto, le Parti concludono un accordo di programma, ai sensi e per gli effetti del D. Lgs. n 267/2000, art. 34, nonché della L.R. 20 settembre 2006, n,14, art. 4, lettere f) e art. 21, lett. c), recante assegnazione contributi agli Enti Locali per interventi di restauro dei beni culturali, volto a: a) Realizzazione di un programma integrato di interventi finalizzati alla conservazione e valorizzazione storica, architettonica, archeologica delle strutture ricadenti nei territori dei Comuni aderenti; b) Realizzazione di interventi di riqualificazione ambientale e paesaggistica con particolare riguardo alle aree già riconosciute di maggiore pregio;

6 c) Realizzazione di interventi di ristrutturazione, adeguamento e restauro di opere di arte di particolare pregio architettonico, artistico e storico; d) Creazione di itinerari turistico-culturali di particolare pregio; e) Attivazione di tutti gli strumenti necessari a divulgare, promuovere e far conoscere la storia, la cultura, le tradizioni dei Comuni interessati finalizzati anche alla creazione, ordinamento e fruizione di alcuni siti di interesse storico, artistico archeologico e naturalistico; Art. 4 ENTE CAPOFILA - I Comuni di Abbasanta, Aidomaggiore, Norbello e Tresnuraghes, delegano il Comune di Paulilatino, in qualità di capofila e lo abilitano a presentare domanda di finanziamento alla Regione Autonoma della Sardegna - Assessorato P.I. BB.CC., Informazione, Spettacolo e Sport, entro il termine ultimo del 09/10/2009, per conto e nell interesse della costituenda associazione. Il Comune capofila dovrà curare il coordinamento della redazione dei progetti intercomunali. Esso opererà per sé, nonché, in nome e per conto degli altri Enti locali aderenti. E responsabile del coordinamento e della gestione dell istanza di finanziamento; si impegna ad informare tutti gli Enti aderenti su ogni utile notizia, direttamente inerente la proposta di finanziamento, in modo tempestivo, efficiente ed efficace, anche con i mezzi informatici. La sede dell Ente capofila è individuata presso i locali istituzionali del Comune di Paulilatino, siti in Viale della Libertà - n. 33, Paulilatino (Prov. Oristano) Art. 5 - GESTIONE DELLA SPESA Ogni Comune parteciperà alla predisposizione della documentazione necessaria, da allegare all istanza di finanziamento, con proprio personale o incaricando consulenti esterni all uopo designati. L eventuale spesa è posta a totale carico 6

7 dell Ente, nel rispetto dei vincoli imposti nella direttiva approvata con Del. G.R. n. 29/4, del I Comuni si impegnano, nel caso gli interventi vengano finanziati, a rispettare le disposizioni contenute nel decreto di delega Art. 6 - DURATA Il presente accordo ha validità per tutto il periodo di attuazione del programma e termina con la completa esecuzione degli interventi indicati all art. 2. Ogni variazione del presente atto dovrà essere sottoscritta da tutte le parti contraenti del presente Accordo Art. 7 - ADEMPIMENTI E RESPONSABILITA Gli Enti interessati provvederanno alla formale ratifica dell accordo, ai sensi del D. Lgs. 267/2000 e ad iscrivere nel proprio bilancio la quota di coofinanziamento prevista a proprio carico dal quadro finanziario di Programma. Il Comune di Paulilatino, in qualità di Comune delegato, non è responsabile e declina qualsiasi responsabilità in merito ad atti e/o procedure che possano portare al mancato finanziamento del progetto generale. I Comuni associandi s impegano a trasmettere la documentazione necessaria da allegare all istanza di finanziamento secondo le direttive impartite con deliberazione G.R. N. 29/4 del Art. 8 - NORME E ATTI RICHIAMATI Per quanto non espressamente previsto nel presente accordo, si rinvia ai documenti del bando, allegati norme Comunitarie, Nazionali, Regionali e le norme del Codice Civile, per quanto e ove applicabili. I Comuni aderenti, con la sottoscrizione del presente atto, attestano di conoscere integralmente il contenuto del bando per la partecipazione e di accettarlo integralmente Per l' Amministrazione Comunale di Paulilatino (capofila) 2. Per l' Amministrazione Comunale di Abbasanta (associata) 7

8 3. Per l' Amministrazione Comunale di Aidomaggiore (associata) 4. Per L'Amministrazione Comunale di Norbello (associata) 5. Per L'Amministrazione Comunale di Tresnuraghes (associata) 8

COMUNE DI SERDIANA. Approvazione convenzione

COMUNE DI SERDIANA. Approvazione convenzione Approvazione convenzione Approvazione convenzione, per la costituzione del partenariato tra i Comuni di Maracalagonis, Muravera, Serdiana e Villasimius (capofila Serdiana), per il finanziamento di un progetto

Dettagli

CITTA DI AVELLINO. (e loghi di tutti i comuni partecipanti) PROTOCOLLO D INTESA

CITTA DI AVELLINO. (e loghi di tutti i comuni partecipanti) PROTOCOLLO D INTESA PROTOCOLLO D INTESA PREMESSO CHE: - gli enti convenuti per la sottoscrizione del presente Protocollo, nel riconoscere il ruolo strategico del turismo per lo sviluppo economico e occupazionale del territorio

Dettagli

IMMAGINE. L anno duemilaquattordici addì. del mese di febbraio, in esecuzione della deliberazione della Giunta Comunale n. del..

IMMAGINE. L anno duemilaquattordici addì. del mese di febbraio, in esecuzione della deliberazione della Giunta Comunale n. del.. CONVENZIONE PER L ACCOGLIENZA A FINI EDUCATIVI E CULTURALI SUL TERRITORIO COMUNALE DA PARTE DEI VOLONTARI dell ARCHEOCLUB D ITALIA SEDE DI MONDOLFO PER L ATTUAZIONE DEL PROGETTO COMUNALE ECOMUSEO DI MONDOLFO

Dettagli

Protocollo d'intesa tra. II Ministero per i beni e le attività culturali e La Regione Toscana

Protocollo d'intesa tra. II Ministero per i beni e le attività culturali e La Regione Toscana Protocollo d'intesa tra II Ministero per i beni e le attività culturali e La Regione Toscana Visti: gli articoli 5, 9, 117 e 118 della Costituzione; il decreto legislativo 20 ottobre 1998, n. 368 recante

Dettagli

CITTÀ DI GALATINA PROV. DI LECCE. Copia Deliberazione della Giunta Comunale N. 126 / 2014

CITTÀ DI GALATINA PROV. DI LECCE. Copia Deliberazione della Giunta Comunale N. 126 / 2014 CITTÀ DI GALATINA PROV. DI LECCE Copia Deliberazione della Giunta Comunale N. 126 / 2014 OGGETTO: ADEONE ALLA ASSOCIAZIONE BORGHI AUTENTICI D ITALIA. L anno duemilaquattordici il giorno tre del mese di

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA TRA M.I.U.R.

PROTOCOLLO D INTESA TRA M.I.U.R. PROTOCOLLO D INTESA TRA M.I.U.R. Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca e ItaliaNostra onlus Associazione nazionale per la tutela del patrimonio storico, artistico e naturale VISTO

Dettagli

ACCORDO di PARTENARIATO tra i COMUNI di BERGAMO, CALUSCO D'ADDA, MADONE e SOTTO IL MONTE GIOVANNI XXIII con l ADESIONE di TURISMO

ACCORDO di PARTENARIATO tra i COMUNI di BERGAMO, CALUSCO D'ADDA, MADONE e SOTTO IL MONTE GIOVANNI XXIII con l ADESIONE di TURISMO ACCORDO di PARTENARIATO tra i COMUNI di BERGAMO, CALUSCO D'ADDA, MADONE e SOTTO IL MONTE GIOVANNI XXIII con l ADESIONE di TURISMO BERGAMO e PROMOISOLA per la RICHIESTA di CONTRIBUTO a FONDAZIONE CARIPLO

Dettagli

Allegato B) alla Deliberazione di Giunta Comunale n. 14 del 20.03.2013.

Allegato B) alla Deliberazione di Giunta Comunale n. 14 del 20.03.2013. Allegato B) alla Deliberazione di Giunta Comunale n. 14 del 20.03.2013. PROGRAMMA INTEGRATO PER LA RIQUALIFICAZIONE DELLE ATTIVITÀ COMMERCIALI DEI CENTRI STORICI E URBANI DEI COMUNI INTERESSATI DALLA LUNGA

Dettagli

Giunta Regionale della Campania 94 22/11/2012 11 0 - -

Giunta Regionale della Campania 94 22/11/2012 11 0 - - Giunta Regionale della Campania DECRETO DIRIGENZIALE AREA GENERALE DI COORDINAMENTO A.G.C. 11 Sviluppo Attività Settore Primario COORDINATORE Dr. Massaro Francesco DIRIGENTE SETTORE DECRETO N DEL A.G.C.

Dettagli

DELIBERA DEL COMMISSARIO PER LA GESTIONE PROVVISORIA N.486 DEL 23/7/2015

DELIBERA DEL COMMISSARIO PER LA GESTIONE PROVVISORIA N.486 DEL 23/7/2015 azienda regionale pro s edilitzia abitativa DELIBERA DEL COMMISSARIO PER LA GESTIONE PROVVISORIA N.486 DEL 23/7/2015 Oggetto: DELIBERAZIONE G.R. N 21/9 DEL 06/05/2015 INTERVENTO DI ACQUISTO E RECUPERO

Dettagli

Giunta Regionale della Campania. Decreto

Giunta Regionale della Campania. Decreto Decreto Area Generale di Coordinamento: A.G.C. 11 Sviluppo Attività Settore Primario N 11 Del A.G.C. Settore Servizio 12/03/2013 11 0 0 Oggetto: PSR Campania 2007/2013 - Progetti Integrati Rurali per le

Dettagli

Azione 4. Piano d Azione per la riduzione dei rifiuti nella Grande Distribuzione Organizzata

Azione 4. Piano d Azione per la riduzione dei rifiuti nella Grande Distribuzione Organizzata Azione 4 Piano d Azione per la riduzione dei rifiuti nella Grande Distribuzione Organizzata Protocollo d intesa (Memorandum of Understanding) Comune di Reggio Emilia LIFE10 ENV/IT/307 NO.WA No Waste PROTOCOLLO

Dettagli

CITTA' DI MATERA SETTORE: SETTORE OPERE PUBBLICHE

CITTA' DI MATERA SETTORE: SETTORE OPERE PUBBLICHE N PAP-02144-2016 Si attesta che il presente atto è stato affisso all'albo Pretorio on-line dal 23/05/2016 al 07/06/2016 L'incaricato della pubblicazione ANNUNZIATA A. ROMANELLI CITTA' DI MATERA SETTORE:

Dettagli

Alla presenza del Presidente della Regione Puglia, dott. Raffaele Fitto, viene sottoscritto il seguente : Protocollo d Intesa

Alla presenza del Presidente della Regione Puglia, dott. Raffaele Fitto, viene sottoscritto il seguente : Protocollo d Intesa Alla presenza del Presidente della Regione Puglia, dott. Raffaele Fitto, viene sottoscritto il seguente : Protocollo d Intesa Tra le Scuole Medie Statali Carducci di Bari e Galateo di Lecce. Il Comune

Dettagli

LA REGIONE SICILIANA ASSESSORATO DEI BENI CULTURALI E DELL IDENTITA SICILIANA (di seguito Assessorato)

LA REGIONE SICILIANA ASSESSORATO DEI BENI CULTURALI E DELL IDENTITA SICILIANA (di seguito Assessorato) PROTOCOLLO D INTESA PER LA INDIVIDUAZIONE DI AZIONI COMUNI VOLTE A MIGLIORARE LA VALORIZZAZIONE DEL PATRIMONIO CULTURALE DELLE CITTA D ARTE DELLA SICILIA TRA LA REGIONE SICILIANA ASSESSORATO DEI BENI CULTURALI

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA MUNICIPALE

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA MUNICIPALE COMUNE DI TONARA PROVINCIA DI NUORO Viale della Regione, n. 8 - Tel. 0784/63823 - Fax 0784/63246 ********************************************************************************************************

Dettagli

Servizio Edilizia Pubblica

Servizio Edilizia Pubblica Servizio Edilizia Pubblica SCHEMA ACCORDO DI PROGRAMMA PER LA REALIZZAZIONE DEGLI INTERVENTI DI CUI ALL ARTICOLO 1, COMMA 1, LETT. B) ED E) DEL PIANO NAZIONALE DI EDILIZIA ABITATIVA ALLEGATO AL D.P.C.M.

Dettagli

Regione Calabria Assessorato alle Attività Produttive Dipartimento 5 Settore 1 - Servizio 3. Avviso

Regione Calabria Assessorato alle Attività Produttive Dipartimento 5 Settore 1 - Servizio 3. Avviso Regione Calabria Assessorato alle Attività Produttive Dipartimento 5 Settore 1 - Servizio 3 Avviso Interventi a favore dei Comuni finalizzati allo sviluppo del sistema dei SUAP nella Regione Calabria Indagine

Dettagli

COMUNE DI TRESNURAGHES

COMUNE DI TRESNURAGHES COMUNE DI TRESNURAGHES Provincia di Oristano DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE Numero 24 del 29.04.2015 Prot 2.039 del 29/04/2015 COPIA Oggetto: Programma di Sviluppo Rurale per la Sardegna 2007/2013.

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA PER LA DIFFUSIONE E VALORIZZAZIONE DEGLI ORTI URBANI DENOMINATO SINTETICAMENTE PROGETTO NAZIONALE ORTI URBANI.

PROTOCOLLO D INTESA PER LA DIFFUSIONE E VALORIZZAZIONE DEGLI ORTI URBANI DENOMINATO SINTETICAMENTE PROGETTO NAZIONALE ORTI URBANI. PROTOCOLLO D INTESA PER LA DIFFUSIONE E VALORIZZAZIONE DEGLI ORTI URBANI DENOMINATO SINTETICAMENTE PROGETTO NAZIONALE ORTI URBANI Tra il Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali, nella

Dettagli

ll sottoscritto Tel. SEGNALA di dare inizio alla realizzazione del seguente intervento:

ll sottoscritto Tel. SEGNALA di dare inizio alla realizzazione del seguente intervento: Mittente: Via Al Sig. Sindaco del Comune di Colfelice Viale della Repubblica 03030 COLFELICE (FR) Segnalazione Certificata di Inizio Attività -S.C.I.A.- ai sensi degli artt. 22 e 23 del D.P.R. n. 380/01

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA per la tutela, lo sviluppo e la valorizzazione della Villa e della Tenuta Medicea di Cafaggiolo e dell area circostante.

PROTOCOLLO D INTESA per la tutela, lo sviluppo e la valorizzazione della Villa e della Tenuta Medicea di Cafaggiolo e dell area circostante. PROTOCOLLO D INTESA per la tutela, lo sviluppo e la valorizzazione della Villa e della Tenuta Medicea di Cafaggiolo e dell area circostante tra Regione Toscana Provincia di Firenze Comune di Barberino

Dettagli

COMUNE DI TONARA. Provincia di Nuoro SCUOLA CIVICA DI MUSICA DELLA MONTAGNA. dei COMUNI di: FONNI DESULO OROTELLI ORGOSOLO OLIENA - TONARA

COMUNE DI TONARA. Provincia di Nuoro SCUOLA CIVICA DI MUSICA DELLA MONTAGNA. dei COMUNI di: FONNI DESULO OROTELLI ORGOSOLO OLIENA - TONARA COMUNE DI TONARA Provincia di Nuoro SCUOLA CIVICA DI MUSICA DELLA MONTAGNA dei COMUNI di: FONNI DESULO OROTELLI ORGOSOLO OLIENA - TONARA Schema di Convenzione della SCUOLA CIVICA DI MUSICA DELLA MONTAGNA

Dettagli

ACCORDO DI PROGRAMMA PER LO SVILUPPO DELLA BANDA LARGA e ULTRA LARGA NEL TERRITORIO DELLA REGIONE CAMPANIA

ACCORDO DI PROGRAMMA PER LO SVILUPPO DELLA BANDA LARGA e ULTRA LARGA NEL TERRITORIO DELLA REGIONE CAMPANIA Regione Campania ACCORDO DI PROGRAMMA PER LO SVILUPPO DELLA BANDA LARGA e ULTRA LARGA NEL TERRITORIO DELLA REGIONE CAMPANIA TRA LA REGIONE CAMPANIA E IL MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO VISTO l art.

Dettagli

TRA. Il Comune di Ravenna, rappresentato dal Sindaco Fabrizio Matteucci;

TRA. Il Comune di Ravenna, rappresentato dal Sindaco Fabrizio Matteucci; SCHEMA DI ACCORDO DI PROGRAMMA PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO DENOMINATO RECUPERO BENE CONFISCATO SITO IN VIA G. ROSSINI, 7 LIDO ADRIANO - RAVENNA, IN ATTUAZIONE DEGLI OBIETTIVI PREVISTI DALL ARTICOLO

Dettagli

ALLEGATO B. Protocollo d intesa

ALLEGATO B. Protocollo d intesa Protocollo d intesa per la determinazione del valore del canone di locazione delle stazioni radio base finalizzate all erogazione del servizio di telefonia mobile ALLEGATO B Protocollo d intesa per la

Dettagli

Relata di Pubblicazione

Relata di Pubblicazione Il Viceresidente Maria Elvira Consiglio Relata di ubblicazione La presente deliberazione è stata pubblicata all Albo rovinciale il giorno 15/05/2012 Foggia, 15/05/12 Il sottoscritto Segretario Generale,

Dettagli

COMUNE DI SENNARIOLO PROVINCIA DI ORISTANO. VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE n 44 del 25/06/2014

COMUNE DI SENNARIOLO PROVINCIA DI ORISTANO. VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE n 44 del 25/06/2014 COMUNE DI SENNARIOLO PROVINCIA DI ORISTANO VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE n 44 del 25/06/2014 OGGETTO APPROVAZIONE PROGRAMMA ESTATE SENNARIOLESE ANNO 2014 L anno DUEMILAQUATTORDICI il giorno

Dettagli

COLORI BANDO PUBBLICO DECORO URBANO DEL CENTRO STORICO. Anno 2013. Il Dirigente del Servizio Mobilità, Strade, Centro Storico e Cimiteri

COLORI BANDO PUBBLICO DECORO URBANO DEL CENTRO STORICO. Anno 2013. Il Dirigente del Servizio Mobilità, Strade, Centro Storico e Cimiteri SERVIZIO MOBILITA, STRADE, CENTRO STORICO E CIMITERI P.zza Mercatale, 31 59100 Prato Fax 0574.183.7368 www.comune.prato.it Orario di apertura al pubblico Lunedì 9.00 13.00 Giovedì 9.00-13.00 e 15.00-17.00

Dettagli

COMUNE DI SESTRI LEVANTE Provincia di GENOVA

COMUNE DI SESTRI LEVANTE Provincia di GENOVA DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 114 DEL 11 Giugno 2014 L anno duemilaquattordici, addì undici del mese di Giugno, alle ore 15:00 presso la sede municipale di Piazza Matteotti, regolarmente convocata,

Dettagli

PARTECIPAZIONE AL BANDO PUBBLICO DELLA REGIONE VENETO

PARTECIPAZIONE AL BANDO PUBBLICO DELLA REGIONE VENETO PARTECIPAZIONE AL BANDO PUBBLICO DELLA REGIONE VENETO FONDO PER LO SVILUPPO E LA COESIONE 2007-2013 ASSE 4 MOBILITA SOSTENIBILE LINEA DI INTERVENTO 4.4 PISTE CICLABILI DGRV 1724 DEL 29 SETTEMBRE 2014 PROGETTO:

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E IL TRATTAMENTO DEI RECLAMI DELLE SEGNALAZIONE E DEI SUGGERIMENTI NEL COMUNE DI ROMA

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E IL TRATTAMENTO DEI RECLAMI DELLE SEGNALAZIONE E DEI SUGGERIMENTI NEL COMUNE DI ROMA REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E IL TRATTAMENTO DEI RECLAMI DELLE SEGNALAZIONE E DEI SUGGERIMENTI NEL COMUNE DI ROMA INDICE ART. 1 - DEFINIZIONI E AMBITO DI APPLICAZIONE ART. 2 - UFFICI COMPETENTI PER LA

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico DIPARTIMENTO PER LE POLITICHE DI SVILUPPO E DI COESIONE SERVIZIO PER LE POLITICHE DEI FONDI STRUTTURALI COMUNITARI

Ministero dello Sviluppo Economico DIPARTIMENTO PER LE POLITICHE DI SVILUPPO E DI COESIONE SERVIZIO PER LE POLITICHE DEI FONDI STRUTTURALI COMUNITARI Ministero dello Sviluppo Economico DIPARTIMENTO PER LE POLITICHE DI SVILUPPO E DI COESIONE SERVIZIO PER LE POLITICHE DEI FONDI STRUTTURALI COMUNITARI PROTOCOLLO D INTESA fra il MINISTERO DELLO SVILUPPO

Dettagli

L ASSESSORE COMPETENTE PROPONE CHE LA GIUNTA COMUNALE DELIBERI

L ASSESSORE COMPETENTE PROPONE CHE LA GIUNTA COMUNALE DELIBERI Dato atto che l Associazione Culturale Teatro delle Forme ha elaborato e proposto un programma di attività culturali, con particolare riferimento all ambito teatrale, che coinvolge i territori delle Province

Dettagli

Disposizioni in materia di trattamento dei dati personali.

Disposizioni in materia di trattamento dei dati personali. Privacy - Ordinamento degli uffici e dei servizi comunali: indirizzi in materia di trattamento dei dati personali esistenti nelle banche dati del Comune. (Delibera G.C. n. 919 del 28.12.2006) Disposizioni

Dettagli

REGIONE CALABRIA. LEGGE REGIONALE n. 62 del 04 dicembre 2012. Istituzione di Ecomusei in Calabria. Art. 1 Definizione e finalità

REGIONE CALABRIA. LEGGE REGIONALE n. 62 del 04 dicembre 2012. Istituzione di Ecomusei in Calabria. Art. 1 Definizione e finalità REGIONE CALABRIA LEGGE REGIONALE n. 62 del 04 dicembre 2012 Istituzione di Ecomusei in Calabria Art. 1 Definizione e finalità 1. La Regione Calabria prevede, al fine del recupero e della valorizzazione

Dettagli

PO FESR Sicilia 2007/2013 Piano di Comunicazione

PO FESR Sicilia 2007/2013 Piano di Comunicazione REPUBBLICA ITALIANA Unione Europea Regione Siciliana PRESIDENZA DIPARTIMENTO REGIONALE DELLA PROGRAMMAZIONE Area Coordinamento, Comunicazione, Assistenza tecnica UOB I - Servizi della Comunicazione PO

Dettagli

Originale DELIBERAZIONE DELLA COMMISSIONE STRAORDINARIA

Originale DELIBERAZIONE DELLA COMMISSIONE STRAORDINARIA CITTÀ DI GIUGLIANO IN CAMPANIA Provincia di Napoli Originale DELIBERAZIONE DELLA COMMISSIONE STRAORDINARIA N. 50. Data 03/04/2014 OGGETTO: AVVISO PUBBLICO PER INTERVENTI FINALIZZATI ALLA PREDISPOSIZIONE,

Dettagli

DELIBERAZIONE N. 47/16 DEL 25.11.2014

DELIBERAZIONE N. 47/16 DEL 25.11.2014 Oggetto: PO FESR 2007/2013. Accelerazione della spesa. Avviso multilinea per la presentazione di progetti per opere pubbliche di pronta cantierabilità. L Assessore della Programmazione, Bilancio, Credito

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA TRA LA REGIONE TOSCANA, I COMUNI di LASTRA A SIGNA, SIGNA E CAMPI BISENZIO

PROTOCOLLO D INTESA TRA LA REGIONE TOSCANA, I COMUNI di LASTRA A SIGNA, SIGNA E CAMPI BISENZIO PROTOCOLLO D INTESA TRA LA REGIONE TOSCANA, I COMUNI di LASTRA A SIGNA, SIGNA E CAMPI BISENZIO PER LA DEFINIZIONE DEI TRACCIATI DEGLI INTERVENTI RELATIVI ALLA VIABILITA LOCALE INTEGRATA ALLA VIABILITA

Dettagli

Regolamento per la concessione di sovvenzioni, contributi, sussidi e ausili finanziari

Regolamento per la concessione di sovvenzioni, contributi, sussidi e ausili finanziari COMUNE DI MONTECATINI VAL DI CECINA (Provincia di Pisa) Regolamento per la concessione di sovvenzioni, contributi, sussidi e ausili finanziari (Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. del..,

Dettagli

ISTITUZIONE DELLA De.Co (Denominazione Comunale)

ISTITUZIONE DELLA De.Co (Denominazione Comunale) Allegato A COMUNE DI GUAGNANO Prov. Lecce Regolamento Comunale per LA TUTELA, LA VALORIZZAZIONE E LA PROMOZIONE DEI PRODOTTI TIPICI DI GUAGNANO ISTITUZIONE DELLA De.Co (Denominazione Comunale) Allegato

Dettagli

DELIBERAZIONE N. DEL. Direzione Regionale: POLITICHE SOCIALI, AUTONOMIE, SICUREZZA E SPORT Area: IMPRESA SOCIALE E SERVIZIO CIVILE

DELIBERAZIONE N. DEL. Direzione Regionale: POLITICHE SOCIALI, AUTONOMIE, SICUREZZA E SPORT Area: IMPRESA SOCIALE E SERVIZIO CIVILE REGIONE LAZIO DELIBERAZIONE N. DEL 6 9/04/014 GIUNTA REGIONALE PROPOSTA N. 7194 DEL 17/04/014 STRUTTURA PROPONENTE Direzione Regionale: POLITICHE SOCIALI, AUTONOMIE, SICUREZZA E SPORT Area: IMPRESA SOCIALE

Dettagli

SCHEMA DI ACCORDO DI PROGRAMMA PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO DENOMINATO AUT AUT III FESTIVAL REGIONALE CONTRO LE MAFIE.. TRA

SCHEMA DI ACCORDO DI PROGRAMMA PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO DENOMINATO AUT AUT III FESTIVAL REGIONALE CONTRO LE MAFIE.. TRA SCHEMA DI ACCORDO DI PROGRAMMA PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO DENOMINATO AUT AUT III FESTIVAL REGIONALE CONTRO LE MAFIE.. TRA La Regione Emilia Romagna, C.F. 80062590379, rappresentata dal Vicepresidente

Dettagli

TRA. Il Nuovo Circondario Imolese (BO), rappresentato dal Presidente, Daniele Manca;

TRA. Il Nuovo Circondario Imolese (BO), rappresentato dal Presidente, Daniele Manca; ACCORDO DI PROGRAMMA PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO DENOMINATO SPORTELLO ANTIRACKET/ANTIUSURA E CONTRASTO AL GIOCO D AZZARDO NEL CIRCONDARIO IMOLESE IN ATTUAZIONE DEGLI OBIETTIVI PREVISTI DALL ARTICOLO

Dettagli

Confederazione Nazionale delle Misericordie d Italia Servizio Civile REGOLAMENTO NAZIONALE SERVIZIO CIVILE

Confederazione Nazionale delle Misericordie d Italia Servizio Civile REGOLAMENTO NAZIONALE SERVIZIO CIVILE REGOLAMENTO NAZIONALE SERVIZIO CIVILE 1 Regolamento Misericordie Storia Fin dalle loro origini, nel 1244 a Firenze, praticando le Opere di Carità, le Misericordie hanno sempre attivamente operato ed operano

Dettagli

Servizio Edilizia Pubblica

Servizio Edilizia Pubblica Servizio Edilizia Pubblica SCHEMA ACCORDO DI PROGRAMMA PER LA REALIZZAZIONE DEGLI INTERVENTI DI CUI ALL ARTICOLO 1, COMMA 1 LETT. B) ED E) DEL PIANO NAZIONALE DI EDILIZIA ABITATIVA ALLEGATO AL D.P.C.M.

Dettagli

DELIBERAZIONE N. DEL. Direzione Regionale: INFRASTRUTTURE, AMBIENTE E POLITICHE ABITATIVE Area: RETI INFRASTRUTTURALI

DELIBERAZIONE N. DEL. Direzione Regionale: INFRASTRUTTURE, AMBIENTE E POLITICHE ABITATIVE Area: RETI INFRASTRUTTURALI REGIONE LAZIO DELIBERAZIONE N. DEL 409 04/08/2015 GIUNTA REGIONALE PROPOSTA N. 11006 DEL 10/07/2015 STRUTTURA PROPONENTE Direzione Regionale: INFRASTRUTTURE, AMBIENTE E POLITICHE ABITATIVE Area: RETI INFRASTRUTTURALI

Dettagli

ENBIC Ente Nazionale Bilaterale Confederale ANPIT, CIDEC, CONFAZIENDA, FEDIMPRESE E UNICA CISAL, CISAL TERZIARIO, FEDERAGENTI

ENBIC Ente Nazionale Bilaterale Confederale ANPIT, CIDEC, CONFAZIENDA, FEDIMPRESE E UNICA CISAL, CISAL TERZIARIO, FEDERAGENTI ENBIC Ente Nazionale Bilaterale Confederale ANPIT, CIDEC, CONFAZIENDA, FEDIMPRESE E UNICA CISAL, CISAL TERZIARIO, FEDERAGENTI REGOLAMENTO COMMISSIONE NAZIONALE FORMAZIONE SICUREZZA LAVORO VISTO lo Statuto

Dettagli

Consorzio S.I.R. Umbria (L.r. 31 luglio 1998, n.27)

Consorzio S.I.R. Umbria (L.r. 31 luglio 1998, n.27) CONVENZIONE TRA LA REGIONE DELL UMBRIA, LE AMMINISTRAZIONI PROVINCIALI DI PERUGIA E TERNI, I COMUNI DELL UMBRIA LE COMUNITÀ MONTANE DELL UMBRIA PREMESSO CHE: - La legge regionale 31 luglio 1998, n. 27

Dettagli

LA GIUNTA PROVINCIALE

LA GIUNTA PROVINCIALE LA GIUNTA PROVINCIALE Premesso che: con Legge n. 64 del 06/03/2001 è stato istituito il Servizio Civile Volontario Nazionale, le cui finalità contemplano: il concorso al dovere di difendere la Patria con

Dettagli

COMUNE DI VEDANO OLONA Provincia di Varese

COMUNE DI VEDANO OLONA Provincia di Varese COPIA Deliberazione n 98 in data 15/07/2010 COMUNE DI VEDANO OLONA Provincia di Varese Verbale di Deliberazione della Giunta Comunale Oggetto: Protocollo d'intesa per l'attuazione del Decreto Brunetta

Dettagli

REGIONE ABRUZZO PROTOCOLLO D INTESA TRA MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI DIREZIONE MARITTIMA REGIONALE - PESCARA

REGIONE ABRUZZO PROTOCOLLO D INTESA TRA MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI DIREZIONE MARITTIMA REGIONALE - PESCARA ALLEGATO REGIONE ABRUZZO PROTOCOLLO D INTESA TRA REGIONE ABRUZZO E MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI DIREZIONE MARITTIMA REGIONALE - PESCARA COMUNI DI PESCARA - ORTONA - VASTO - GIULIANOVA

Dettagli

COMUNE DI GORNO Provincia di Bergamo

COMUNE DI GORNO Provincia di Bergamo COMUNE DI GORNO Provincia di Bergamo REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DELL ECOMUSEO DELLE MONTAGNE E DELLE MINIERE DI GORNO Le montagne, le miniere e la gente di Gorno: cultura e tradizioni locali per

Dettagli

Comune di Monserrato Provincia di Cagliari Settore Urbanistica ed Edilizia Privata

Comune di Monserrato Provincia di Cagliari Settore Urbanistica ed Edilizia Privata Comune di Monserrato Provincia di Cagliari Settore Urbanistica ed Edilizia Privata DETERMINAZIONE DEL CAPO SETTORE N 61 DEL 10.12.2009 OGGETTO: Proroga contratti di collaborazione coordinata e continuativa

Dettagli

Programma Integrato Urbano PIU Europa CITTA di AVELLINO

Programma Integrato Urbano PIU Europa CITTA di AVELLINO Programma Integrato Urbano PIU Europa CITTA di AVELLINO Cabina di Regia del 26 gennaio 2009 Regolamento per l organizzazione ed il funzionamento della Cabina di Regia Città di Avellino Programma Integrato

Dettagli

Dipartimento per la programmazione e il coordinamento della politica economica (DIPE);

Dipartimento per la programmazione e il coordinamento della politica economica (DIPE); PROTOCOLLO D INTESATRA LA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI E LA REGIONE AUTONOMA FRIULI VENEZIA GIULIA PER LA PARTECIPAZIONE ALLA PROGETTAZIONE DEL SISTEMA MONITORAGGIO INVESTIMENTI PUBBLICI MIP PREMESSO

Dettagli

ADESIONE ALL UFFICIO MOBILITY MANAGER DI AREA DELLA PROVINCIA DI VENEZIA E AL COORDINAMENTO PROVINCIALE DELLE POLITICHE DI MOBILITA SOSTENIBILE TRA

ADESIONE ALL UFFICIO MOBILITY MANAGER DI AREA DELLA PROVINCIA DI VENEZIA E AL COORDINAMENTO PROVINCIALE DELLE POLITICHE DI MOBILITA SOSTENIBILE TRA ADESIONE ALL UFFICIO MOBILITY MANAGER DI AREA DELLA PROVINCIA DI VENEZIA E AL COORDINAMENTO PROVINCIALE DELLE POLITICHE DI MOBILITA SOSTENIBILE TRA La Provincia di Venezia, CF 80008840276 con sede in Venezia,

Dettagli

Comune di Signa Provincia di Firenze REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE PER LA GESTIONE IN FORMA ASSOCIATA DELL UFFICIO PENSIONI

Comune di Signa Provincia di Firenze REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE PER LA GESTIONE IN FORMA ASSOCIATA DELL UFFICIO PENSIONI Comune di Signa Provincia di Firenze REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE PER LA GESTIONE IN FORMA ASSOCIATA DELL UFFICIO PENSIONI Approvato con delibera di Giunta Comunale n. 116 del 29/07/2002 modificato con

Dettagli

Protocollo d intesa. Tra IL MINISTERO DELL INTERNO IL MINISTERO PER I BENI E LE ATTIVITA CULTURALI, IL COMUNE DI PALERMO

Protocollo d intesa. Tra IL MINISTERO DELL INTERNO IL MINISTERO PER I BENI E LE ATTIVITA CULTURALI, IL COMUNE DI PALERMO Protocollo d intesa Tra IL MINISTERO DELL INTERNO IL MINISTERO PER I BENI E LE ATTIVITA CULTURALI, e IL COMUNE DI PALERMO PER LA DEFINIZIONE DI AZIONI CONDIVISE IN FAVORE DEI BENI CULTURALI DELLA CITTA

Dettagli

TRA. La Provincia di Piacenza, rappresentata dal Vicepresidente - Assessore alla Sicurezza Maurizio Parma

TRA. La Provincia di Piacenza, rappresentata dal Vicepresidente - Assessore alla Sicurezza Maurizio Parma ACCORDO DI PROGRAMMA PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO DENOMINATO "Osservatorio Legalità e Sicurezza." IN ATTUAZIONE DEGLI OBIETTIVI PREVISTI DALL'ARTICOLO 3, LEGGE REGIONALE N. 3/2011 TRA La Regione Emilia-Romagna,

Dettagli

COMUNE DI VALLE MOSSO Provincia di Biella REGOLAMENTO

COMUNE DI VALLE MOSSO Provincia di Biella REGOLAMENTO REGOLAMENTO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE (L.R. 14/4/2003, N. 7 D.P.G.R. 18/10/2004, nn. 7R e 8R) ART. 1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO Il presente regolamento disciplina, nel rispetto dei principi fondamentali

Dettagli

CITTÀ DI REGGIO CALABRIA

CITTÀ DI REGGIO CALABRIA Prot. 95790 del 16/06/2016 CITTÀ DI REGGIO CALABRIA SETTORE CULTURA TURISMO ISTRUZIONE SPORT AVVISO PUBBLICO DI MANIFESTAZIONE DI INTERESSE FINALIZZATA ALLA STIPULA DI CONVENZIONE CON ORGANISMI FONDAZIONI,

Dettagli

D.G.R. N 319 del 24 aprile 2008

D.G.R. N 319 del 24 aprile 2008 D.G.R. N 319 del 24 aprile 2008 OGGETTO: POR FESR Lazio 2007-2013 Obiettivo Competitività regionale e Occupazione Attuazione dell Attività II.4 Valorizzazione delle strutture di fruizione delle aree protette.

Dettagli

I soggetti proponenti (capofila o partner) devono avere sede operativa nell ambito territoriale in cui è prevista l azione di progetto.

I soggetti proponenti (capofila o partner) devono avere sede operativa nell ambito territoriale in cui è prevista l azione di progetto. BANDO I PARCHI E LE AREE MARINE PROTETTE: UN PATRIMONIO UNICO DELL ITALIA Il contesto Il sistema delle Aree Naturali Protette in Italia (disciplinato dalla legge 394 del 6 dicembre 1991) rappresenta una

Dettagli

ACCORDO DI PROGRAMMA PER LO SVILUPPO DELLA BANDA ULTRA LARGA NELLE AREE RURALI DELLA PUGLIA

ACCORDO DI PROGRAMMA PER LO SVILUPPO DELLA BANDA ULTRA LARGA NELLE AREE RURALI DELLA PUGLIA Regione Puglia ACCORDO DI PROGRAMMA PER LO SVILUPPO DELLA BANDA ULTRA LARGA NELLE AREE RURALI DELLA PUGLIA TRA LA REGIONE PUGLIA E IL MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO 1 Roma, novembre 2014 2 Accordo

Dettagli

Direzione Servizi Tecnici per l'edilizia Pubblica 2015 04666/060 Servizio Edilizia per la Cultura CITTÀ DI TORINO DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE

Direzione Servizi Tecnici per l'edilizia Pubblica 2015 04666/060 Servizio Edilizia per la Cultura CITTÀ DI TORINO DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE Direzione Servizi Tecnici per l'edilizia Pubblica 2015 04666/060 Servizio Edilizia per la Cultura CITTÀ DI TORINO DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. Cronologico 147 approvata il 8 ottobre 2015 DETERMINAZIONE:

Dettagli

PRIMO SIMPOSIO DI ARTE CONTEMPORANEA E LABORATORIO CEFALU CITTA' DEGLI ARTISTI' REGOLAMENTO

PRIMO SIMPOSIO DI ARTE CONTEMPORANEA E LABORATORIO CEFALU CITTA' DEGLI ARTISTI' REGOLAMENTO COMUNE di CEFALÙ PRIMO SIMPOSIO DI ARTE CONTEMPORANEA E LABORATORIO CEFALU CITTA' DEGLI ARTISTI' DESCRIZIONE REGOLAMENTO Il Comune di Cefalù indice il primo Simposio di arte (pittura, scultura, fotografia,

Dettagli

CONTRATTO DEL LAGO DI BOLSENA. Accordo di Programmazione Negoziata PROTOCOLLO DI INTESA

CONTRATTO DEL LAGO DI BOLSENA. Accordo di Programmazione Negoziata PROTOCOLLO DI INTESA CONTRATTO DEL LAGO DI BOLSENA Accordo di Programmazione Negoziata PROTOCOLLO DI INTESA Protocollo d Intesa per l attuazione del Contratto del Lago di Bolsena PREMESSO CHE la Direttiva 2000/60/CE del Parlamento

Dettagli

PROTOCOLLO D INTESA TRA

PROTOCOLLO D INTESA TRA PROTOCOLLO D INTSA TRA L Agenzia Regionale del Turismo (ART) Pugliapromozione, di seguito denominata Pugliapromozione, con sede legale in Bari alla Piazza Aldo Moro 33/a, CAP 70121 (c.f. 93402500727),

Dettagli

SCHEMA di PROTOCOLLO D INTESA. fra

SCHEMA di PROTOCOLLO D INTESA. fra Regione Campania SCHEMA di PROTOCOLLO D INTESA fra L Ente Parco Nazionale del Cilento e Vallo di Diano La Provincia di Salerno Le Comunità Montane..., La Comunità Montana..., La Comunità Montana..., Ecc

Dettagli

Linee guida del Piano Programma di valorizzazione e gestione del Complesso Ex Convento di Sant Orsola.

Linee guida del Piano Programma di valorizzazione e gestione del Complesso Ex Convento di Sant Orsola. ALLEGATO 2 Linee guida del Piano Programma di valorizzazione e gestione del Complesso Ex Convento di Sant Orsola. Approvate dalla Giunta Provinciale con Deliberazione n. 22 del 18 Febbraio 2014 Palazzo

Dettagli

Modello di statuto per i musei di ente locale e di interesse locale

Modello di statuto per i musei di ente locale e di interesse locale REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA ASSESSORATO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE, BENI CULTURALI, INFORMAZIONE, SPETTACOLO E SPORT Modello di statuto per i musei di ente locale e di interesse locale Articolo 1 Istituzione...

Dettagli

Premesso che. Tutto ciò premesso

Premesso che. Tutto ciò premesso BANDO PER L ISTITUZIONE DI UN CENTRO DI SERVIZIO PER IL VOLONTARIATO NELLA PROVINCIA DI MONZA E BRIANZA AI SENSI DELL ART.15 DELLA LEGGE 11 AGOSTO 1991, N. 266 E DEL DECRETO DEL MINISTERO DEL TESORO 8

Dettagli

"LA REALIZZAZIONE DEL BIODISTRETTO DEL PARCO NAZIONALE DEL CILENTO E VALLO DI DIANO"

LA REALIZZAZIONE DEL BIODISTRETTO DEL PARCO NAZIONALE DEL CILENTO E VALLO DI DIANO A.G.C. 11 - Sviluppo Attività Settore Primario - Deliberazione n. 1491 del 25 settembre 2009 Approvazione protocollo d'intesa per "LA REALIZZAZIONE DEL BIODISTRETTO DEL PARCO NAZIONALE DEL CILENTO E VALLO

Dettagli

lo Statuto speciale per la Sardegna e le relative norme di attuazione;

lo Statuto speciale per la Sardegna e le relative norme di attuazione; Direzione generale Servizio Trasparenza e Comunicazione DETERMINAZIONE N. 5/382 del 17 Ottobre 2006 Oggetto: Appalto del servizio di progettazione e realizzazione di una campagna promozionale sulla Sardegna

Dettagli

COSTITUZIONE DI ASSOCIAZIONE TEMPORANEA DI SCOPO E MANDATO COLLETTIVO SPECIALE CON RAPPRESENTANZA. Realizzazione del Progetto:..

COSTITUZIONE DI ASSOCIAZIONE TEMPORANEA DI SCOPO E MANDATO COLLETTIVO SPECIALE CON RAPPRESENTANZA. Realizzazione del Progetto:.. COSTITUZIONE DI ASSOCIAZIONE TEMPORANEA DI SCOPO E MANDATO COLLETTIVO SPECIALE CON RAPPRESENTANZA Realizzazione del Progetto:.. Il giorno.., in, avanti a me notaio.iscritto al collegio notarile di sono

Dettagli

Istituzione del marchio De.C.O. Denominazione Comunale di Origine. Regolamento.

Istituzione del marchio De.C.O. Denominazione Comunale di Origine. Regolamento. Istituzione del marchio De.C.O. Denominazione Comunale di Origine Regolamento. Approvato con deliberazione di C.C.n. 81 del 07/11/2005 1 INDICE Art. 1 - Finalità Art. 2 Istituzione del Registro De.C.O.

Dettagli

SETTORE DISCIPLINA, POLITICHE E INCENTIVI DEL COMMERCIO E ATTIVITA' TERZIARIE NANNICINI ELISA

SETTORE DISCIPLINA, POLITICHE E INCENTIVI DEL COMMERCIO E ATTIVITA' TERZIARIE NANNICINI ELISA REGIONE TOSCANA DIREZIONE ATTIVITA' PRODUTTIVE SETTORE DISCIPLINA, POLITICHE E INCENTIVI DEL COMMERCIO E ATTIVITA' TERZIARIE Il Dirigente Responsabile: NANNICINI ELISA Decreto soggetto a controllo di regolarità

Dettagli

SCHEMA DI ACCORDO DI PROGRAMMA PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO DENOMINATO MASTER IN GESTIONE E RIUTILIZZO DI BENI E AZIENDE CONFISCATE ALLA MAFIE.

SCHEMA DI ACCORDO DI PROGRAMMA PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO DENOMINATO MASTER IN GESTIONE E RIUTILIZZO DI BENI E AZIENDE CONFISCATE ALLA MAFIE. SCHEMA DI ACCORDO DI PROGRAMMA PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO DENOMINATO MASTER IN GESTIONE E RIUTILIZZO DI BENI E AZIENDE CONFISCATE ALLA MAFIE. PIO LA TORRE - III EDIZIONE IN ATTUAZIONE DEGLI OBIETTIVI

Dettagli

In esecuzione della Determinazione Dirigenziale n.. del SI CONVIENE E SI STIPULA QUANTO SEGUE

In esecuzione della Determinazione Dirigenziale n.. del SI CONVIENE E SI STIPULA QUANTO SEGUE ALLEGATO B) all Avviso Schema di CONVENZIONE TRA COMUNE DI FORLì E ASSOCIAZIONE DI (VOLONTARIATO /PROMOZIONE SOCIALE) (nome). PER L ATTUAZIONE DEL PROGETTO CRESCERE NEL CENTRO PREMESSO - che l Amministrazione

Dettagli

Statuto del Museo d'arte contemporanea Zavattarello (Pv) approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n,30 del 10/08/2009

Statuto del Museo d'arte contemporanea Zavattarello (Pv) approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n,30 del 10/08/2009 Statuto del Zavattarello (Pv) approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n,30 del 10/08/2009 1 Art. 1 Denominazione e sede del museo Per iniziativa del Comune di Zavattarello è costituito il del

Dettagli

CONVENZIONE PER LA GESTIONE ASSOCIATA DEL SERVIZIO PERSONALE

CONVENZIONE PER LA GESTIONE ASSOCIATA DEL SERVIZIO PERSONALE CONVENZIONE PER LA GESTIONE ASSOCIATA DEL SERVIZIO PERSONALE SCHEMA CONVENZIONE PER LA GESTIONE ASSOCIATA DEL SERVIZIO PERSONALE L anno il giorno del mese di TRA Il Comune di con sede in via n., Codice

Dettagli

COMUNE DI PERUGIA PROTOCOLLO D INTESA TRA. della Regione Umbria ai sensi della L. R. Umbria n. 34 del 10 luglio 1987

COMUNE DI PERUGIA PROTOCOLLO D INTESA TRA. della Regione Umbria ai sensi della L. R. Umbria n. 34 del 10 luglio 1987 COMUNE DI PERUGIA PROTOCOLLO D INTESA TRA - COMUNE DI PERUGIA E - le seguenti Associazioni dei Consumatori e degli utenti iscritte all Albo della Regione Umbria ai sensi della L. R. Umbria n. 34 del 10

Dettagli

BANDO A TEMA RESTAURO BENI MOBILI

BANDO A TEMA RESTAURO BENI MOBILI BANDO A TEMA RESTAURO BENI MOBILI Emanato ai sensi dell art. 2 let. d) del Regolamento per il perseguimento delle finalità istituzionali ed in attuazione del Documento Programmatico Previsionale 2014.

Dettagli

COMUNE DI SAN NICOLA MANFREDI Provincia di Benevento AREA TECNICO-MANUTENTIVA DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DELL AREA

COMUNE DI SAN NICOLA MANFREDI Provincia di Benevento AREA TECNICO-MANUTENTIVA DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DELL AREA COMUNE DI SAN NICOLA MANFREDI Provincia di Benevento AREA TECNICO-MANUTENTIVA DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DELL AREA N. 165 del Reg. Serv. Del 17-10-2013 N. 239 del Reg. Gen. del 17-10-2013 OGGETTO:

Dettagli

RISOLUZIONE N. 314/E QUESITO

RISOLUZIONE N. 314/E QUESITO RISOLUZIONE N. 314/E Roma, 05 novembre 2007 Direzione Centrale Normativa e Contenzioso OGGETTO: IVA. - Svolgimento in forma associata di funzioni e servizi da parte di enti locali. - Decreto del Presidente

Dettagli

STATUTO ASSOCIAZIONE AMICI DEI MUSEI D ATENEO

STATUTO ASSOCIAZIONE AMICI DEI MUSEI D ATENEO STATUTO ASSOCIAZIONE AMICI DEI MUSEI D ATENEO TITOLO I Denominazione - durata - sede - scopi ART 1. Per iniziativa dello Sma (Sistema Museale d'ateneo) e del Museo di Palazzo Poggi, è costituita l Associazione

Dettagli

PARCO ADDA NORD Trezzo sull Adda VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO DI GESTIONE

PARCO ADDA NORD Trezzo sull Adda VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO DI GESTIONE sigla numero data PARCO ADDA NORD Trezzo sull Adda C.d.G. 29 04.06.2015 Oggetto: APPROVAZIONE SCHEMA ACCORDO DI PARTE- NARIATO TRA PARCO ADDA NORD E COMUNE DI VAPRIO D ADDA PER LA REALIZZAZIONE DELL INTERVENTO

Dettagli

DELIBERA DEL COMMISSARIO PER LA GESTIONE PROVVISORIA N.472 DEL 16/6/2015

DELIBERA DEL COMMISSARIO PER LA GESTIONE PROVVISORIA N.472 DEL 16/6/2015 azienda regionale pro s edilitzia abitativa DELIBERA DEL COMMISSARIO PER LA GESTIONE PROVVISORIA N.472 DEL 16/6/2015 Oggetto: ACCORDO DI PROGRAMMA INTERVENTI DI RIQUALIFICAZIONE STRUTTURALE E SOCIALE DEL

Dettagli

Distretto Scolastico N 28 ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Luigi Settino 87047 SAN PIETRO IN GUARANO (CS)

Distretto Scolastico N 28 ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Luigi Settino 87047 SAN PIETRO IN GUARANO (CS) Distretto Scolastico N 28 ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Luigi Settino 87047 SAN PIETRO IN GUARANO (CS) Plessi e Sezioni Staccate in Castiglione Cosentino Codice Meccanografico: CSIC857002 Codice Fiscale:

Dettagli

ALBO DELLE ASSOCIAZIONI

ALBO DELLE ASSOCIAZIONI Approvato con deliberazione di CC n.15 del 10/03/2011 COMUNE DI CANTALUPA Provincia di Torino ALBO DELLE ASSOCIAZIONI REGOLAMENTO PER L ISCRIZIONE E LA TENUTA INDICE Art. 1 Materia del Regolamento Art.

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CELEBRAZIONE DEI MATRIMONI CIVILI

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CELEBRAZIONE DEI MATRIMONI CIVILI COMUNE DI GRANZE REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CELEBRAZIONE DEI MATRIMONI CIVILI ---------- approvato con Deliberazione del Consiglio comunale n. 3 del 27 marzo 2014 Indice Art. 1 Oggetto e Finalità pag.

Dettagli

ALLEGATO 3 MODALITÀ DI SELEZIONE

ALLEGATO 3 MODALITÀ DI SELEZIONE ALLEGATO 3 MODALITÀ DI SELEZIONE POR FESR Lazio 2007-2013 Obiettivo Competitività regionale e Occupazione ASSE II - Ambiente e prevenzione dei rischi Attività 4 Valorizzazione delle strutture di fruizione

Dettagli

P R O V I N C I A D I T O R I N O V E R B A L E D I D E L I B E R A Z I O N E D E L L A G I U N T A C O M U N A L E N. 41

P R O V I N C I A D I T O R I N O V E R B A L E D I D E L I B E R A Z I O N E D E L L A G I U N T A C O M U N A L E N. 41 Estratto web C O M U N E D I C A V A G N O L O P R O V I N C I A D I T O R I N O V E R B A L E D I D E L I B E R A Z I O N E D E L L A G I U N T A C O M U N A L E N. 41 OGGETTO: APPROVAZIONE CONVENZIONE

Dettagli

Comune di Castiglione del Lago (Provincia di Perugia) REGOLAMENTO PER L ALBO COMUNALE DELLE ASSOCIAZIONI ED ISTITUZIONE DELLE CONSULTE.

Comune di Castiglione del Lago (Provincia di Perugia) REGOLAMENTO PER L ALBO COMUNALE DELLE ASSOCIAZIONI ED ISTITUZIONE DELLE CONSULTE. Comune di Castiglione del Lago (Provincia di Perugia) REGOLAMENTO PER L ALBO COMUNALE DELLE ASSOCIAZIONI ED ISTITUZIONE DELLE CONSULTE. INDICE TITOLO I ALBO COMUNALE DELLE ASSOCIAZIONI art. 1 Finalità

Dettagli

DETERMINAZIONE N. 1090 DEL 5 AGO 2015 Prot. n 12339

DETERMINAZIONE N. 1090 DEL 5 AGO 2015 Prot. n 12339 Servizio Beni Culturali e Sistema Museale 11-01-03 DETERMINAZIONE N. 1090 DEL 5 AGO 2015 Prot. n 12339 Oggetto: PO FESR 2007-2013 Asse IV - Obiettivo operativo 4.2.3, Linea di Attività 4.2.3.a: interventi

Dettagli

COMUNE DI MONTESPERTOLI Provincia di Firenze DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA

COMUNE DI MONTESPERTOLI Provincia di Firenze DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNE DI MONTESPERTOLI Provincia di Firenze DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA Deliberazione n. 286 del 04/11/2009 OGGETTO: Sviluppo e qualificazione del Centro Commerciale Naturale di Montespertoli. Approvazione

Dettagli

Programma di sostegno a Enti Banditori di concorsi di Architettura BANDO

Programma di sostegno a Enti Banditori di concorsi di Architettura BANDO Programma di sostegno a Enti Banditori di concorsi di Architettura BANDO Programma di sostegno a Enti Banditori di concorsi di Architettura Indice Articolo 1 - Premessa... 2 Articolo 2 - Finalità e obiettivi

Dettagli

ALLEGATO 1 SCHEMA DI PROTOCOLLO DI INTESA PER LA COSTITUZIONE DEL PARTENARIATO TER- PREMESSO:

ALLEGATO 1 SCHEMA DI PROTOCOLLO DI INTESA PER LA COSTITUZIONE DEL PARTENARIATO TER- PREMESSO: ALLEGATO 1 SCHEMA DI PROTOCOLLO DI INTESA PER LA COSTITUZIONE DEL PARTENARIATO TER- RITORIALE DEL SISTEMA AMBIENTALE E CULTURALE DI [INSERIRE DENOMINAZIONE SAC] PREMESSO: che il Programma Operativo (PO)

Dettagli