Premessa. 4) contratti per prestazioni professionali ex art e seg. del Codice Civile;

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Premessa. 4) contratti per prestazioni professionali ex art. 2222 e seg. del Codice Civile;"

Transcript

1 Regolamento per l'assunzione di personale a tempo determinato e per l attivazione di collaborazioni coordinate e continuative e di prestazioni professionali nell ambito del Progetto coordinato Catania - Lecce (approvato dal CdA con delibera n. 203 del e dal Senato con delibera n. 117 del ) (modificato all art. 16, comma 3 dal CdA con delibera n. 256 del e dal Senato con delibera n. 209 del ) (modificato dal C.d.A. con delibera n. 336 del e dal Senato Accademico con delibera n. 266 del ) (modificato dal C.d.A. con delibera n. 126 del ) Premessa Il presente regolamento si applica, per le finalità organizzative del Progetto Coordinato Catania - Lecce o per altri progetti o programmi nazionali e comunitari, alle seguenti tipologie di rapporti lavorativi, nel rispetto delle normative vigenti e delle disposizioni, anche in materia di autonomia universitaria, previste dalla legge 127/97 e seguenti: 1) assunzioni a tempo determinato; 2) rapporti di collaborazione professionale coordinata e continuativa; 3) prestazioni professionali di personale docente interno; 4) contratti per prestazioni professionali ex art e seg. del Codice Civile; Per quanto riguarda l Amministrazione centrale i compiti del responsabile del progetto o del programma di ricerca sono assegnati al Direttore Amministrativo e quelli dei responsabili delle singole iniziative ai Direttori di Area. Per le strutture diverse dell Amministrazione Centrale i compiti dei responsabile delle stesse strutture comprendono sia quelli assegnati al responsabile del progetto o del programma, che quelli assegnati ai responsabili delle singole iniziative, nei casi in cui l esclusiva competenza dei responsabili delle citate strutture non renda inutili i compiti assegnati ai responsabili delle singole iniziative. CAPO I Assunzioni a tempo determinato Art. 1. Definizione È definito a tempo determinato, l assunzione di personale il cui rapporto di lavoro, subordinato, prevede esplicitamente, nel contratto individuale, la scadenza del termine. Art. 2. Tipologie di assunzioni a tempo determinato L Università degli Studi di Lecce può effettuare assunzioni di personale a tempo determinato per le seguenti qualifiche: A) qualifiche non superiori alla VI, ai sensi dell art. 19 comma 1 punto c del CCNL - Università;

2 B) qualifiche non inferiori alla VII per l assunzione di personale tecnico fornito di laurea, ai sensi dell art. 19 comma 6 del CCNL - Università; Le assunzioni di cui al punto A) del presente articolo sono effettuabili per le seguenti esigenze: a) per particolari punte di attività; b) per esigenze straordinarie; c) per attività connesse allo svolgimento di progetti finalizzati, di cui alla Legge 9/3/89 n. 88 e al D.P.C.M. 17/3/89 n , quando alle stesse non sia possibile far fronte con il personale in servizio. Le assunzioni di cui al punto B) del presente articolo sono effettuabili per le seguenti esigenze: a) per lo svolgimento di programmi di ricerca o la realizzazione di progetti complessi non gravanti sui fondi ordinari del bilancio dell Università di Lecce; b) per l attivazione di infrastrutture tecniche complesse. L assunzione a tempo determinato può avvenire a tempo pieno, ovvero, per le figure per le quali è consentito, anche a tempo parziale, ai sensi dell art.18 del CCNL Università. Le graduatorie finali dei concorsi pubblici per esami e per titoli ed esami e, in subordine, le graduatorie finali delle prove selettive di cui all art. 19 del CCNL 21/5/1996, entro 24 mesi dall approvazione, possono essere utilizzate dall Amministrazione quali risultati di prova selettiva per l accensione di rapporti a tempo determinato secondo quanto previsto dallo stesso art. 19. L approvazione della graduatoria utilizzata deve essere avvenuta in data non anteriore a 24 mesi rispetto alla data di utilizzo della graduatoria stessa per le assunzioni del Progetto di cui trattasi. Art. 3. Modalità per le richieste di assunzione di personale a tempo determinato. Le richieste per l assunzione di personale a tempo determinato, a tempo pieno o a tempo parziale, devono essere avanzate al Responsabile del progetto o del programma di ricerca da parte dei Responsabili delle singole iniziative. Il Responsabile del progetto provvederà all attivazione delle procedure concorsuali richieste. Per esigenze generali di progetto dette procedure possono essere attivate autonomamente dal Responsabile dello stesso. Il richiedente deve indicare la tipologia del posto da mettere a concorso e gli argomenti che saranno oggetto delle prove. 1 Art. 1 DPCM 127/89 Costituzione di rapporti di lavoro a tempo determinato nel pubblico impiego In attuazione di quanto previsto dall art. 7, comma 6 della Legge 554/88, le amministrazioni civili dello Stato, anche ad ordinamento autonomo, e le altre amministrazioni ed enti pubblici istituzionali e territoriali costituiscono, con provvedimenti previsti dai rispettivi ordinamenti e secondo le modalità stabilite con il presente decreto, rapporti a tempo determinato, pieno o parziale, per qualifiche non superiori alla settima di durata non superiore ad un anno, prorogabile per eccezionali esigenze a due anni.

3 Deve inoltre dichiarare la necessità dell assunzione nonché l impossibilità di far fronte alle esigenze sopravvenute con personale in servizio nella struttura universitaria. Per le esigenze della Struttura di gestione del progetto o programma di ricerca, le richieste di assunzione di personale a tempo determinato sono definite direttamente dal Responsabile di progetto. Il contratto sarà stipulato dal Rettore, in seguito a Decreto che sarà comunicato al Consiglio di Amministrazione Art. 4. Modalità di accesso L assunzione 2 ha luogo, per concorso pubblico, mediante prove selettive per: a) titoli ed esami. Per l individuazione dei candidati da ammettere alle prove selettive, l Amministrazione formerà un apposita graduatoria sulla base della valutazione dei titoli presentati dai candidati. I titoli saranno valutati sulla base dei punteggi previsti nel bando. Sarà previsto un punteggio complessivo massimo pari a 100. Le categorie di titoli ammissibili per la valutazione sono: - votazione riportata nel conseguimento del titolo di studio richiesto max 30 punti ; - precedenti rapporti di pubblico impiego, anche a tempo determinato, purché si siano conclusi senza demerito e si siano instaurati in seguito a Bando di concorso pubblicato, anche per avviso, nella G.U. max 30 punti; - titoli tecnici, scientifici e professionali max 30 punti - altri rapporti di impiego pubblico o privato max 10 punti Sarà ammesso alle prove selettive un numero di candidati, individuati secondo l'ordine della graduatoria formata ai sensi dei commi precedenti, pari al decuplo del numero degli incarichi da attribuire con rapporto di lavoro a tempo determinato. La prova selettiva d esame consisterà in: 1) una prova scritta a contenuto teorico/pratico su argomenti indicati nel bando di concorso; 2) una prova orale sugli stessi argomenti della prova scritta. Sia la prova scritta che la prova orale saranno valutate in centesimi. Le prove si intenderanno superate se in ciascuna di esse è stata riportata una votazione non inferiore a 70/100. I candidati che non abbiano superato la prova scritta non saranno ammessi alla prova orale. 2 Articolo 1 del D.P.R. 487/94.

4 La graduatoria di merito, il cui punteggio sarà espresso in centesimi, sarà formulata sulla base della media dei punteggi riportati nella valutazione dei titoli, nella prova scritta e nella prova orale. b) Selezione, mediante lo svolgimento di tests e una prova orale, per l accertamento della professionalità richiesta dal profilo professionale di qualifica o categoria, avvalendosi anche di sistemi automatizzati. Il concorso si baserà su due prove. La prima prova consisterà nello svolgimento di un test inteso ad accertare il possesso del grado di professionalità necessario per il raggiungimento degli obiettivi prefissati, mediante la soluzione, in tempi predeterminati, di n. 50 quiz a risposta multipla. A ciascuna risposta esatta saranno assegnati 2 punti. Sarà ammesso alla prova orale un numero di candidati, individuati secondo l'ordine della graduatoria formata sulla base dei punteggi riportati nei tests, pari al decuplo del numero degli incarichi da attribuire con rapporto di lavoro a tempo determinato. La seconda prova sarà orale e verterà sugli argomenti indicati nel bando. La prova orale sarà valutata in centesimi e si intenderà superata se il candidato avrà riportato una votazione non inferiore a 70/100. La graduatoria di merito, il cui punteggio sarà espresso in centesimi, sarà formulata sulla base della media dei punteggi riportati nei tests di ammissione e nella prova orale. Art. 5. Commissione giudicatrice La Commissione giudicatrice nominata dal Rettore sarà così composta: 1) il Responsabile dell iniziativa del progetto che ha avanzato la richiesta di assunzione; 2) il secondo Responsabile di iniziativa, ove previsto. Qualora non sia previsto, un Docente o un Funzionario di livello non inferiore all ottavo, esperti del settore; 3) un Docente o un Funzionario di livello non inferiore all ottavo, esperti del settore; 4) un Dipendente dell Amministrazione anche a tempo determinato di livello non inferiore al sesto con funzioni di Segretario. In ogni caso i membri della Commissione giudicatrice non devono essere componenti del S.A. e del C.d.A., non devono ricoprire cariche politiche o essere rappresentanti sindacali designati dalle Confederazioni ed OO.SS. o dalle associazioni professionali. Se l assunzione a tempo determinato riguarda le esigenze della Struttura di gestione del progetto o programma di ricerca, il membro di cui al p. 1) è sostituito dal Responsabile di progetto per le assunzioni dell area tecnico - scientifica e dal Responsabile amministrativo per le assunzioni dell area amministrativo - contabile.

5 Art. 6. Bando di concorso 3 La pubblicazione delle selezioni per l assunzione avverrà tramite bando di concorso pubblico, l avviso del quale sarà pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana, salvo norme o regolamenti diversi modificativi della normativa vigente. Il bando di concorso deve contenere: 1) la tipologia del posto messo a concorso; 2) la tipologia di selezione e le modalità; 3) il titolo di studio richiesto per l ammissione al concorso; 4) il termine e le modalità di presentazione delle domande; 5) le modalità di avviso sulla data e la sede delle prove selettive e dei tests; 6) le categorie di titoli valutabili ai fini della selezione ed il punteggio massimo attribuibile per ciascuna categoria ( limitatamente al concorso per titoli ed esami ); 7) gli argomenti oggetto delle prove; 8) i requisiti soggettivi generali e particolari richiesti per l ammissione all impiego; 9) le modalità di ammissione alle prove scritte ed orali e la votazione minima necessaria al superamento di tali prove; 10) i titoli che danno luogo a precedenza o a preferenze, in caso di parità di punteggio, di cui all art. 5 del D.P.R. n. 487/94, così come modificato dal D.P.R. n. 693 del 30 ottobre )Termini e modalità di presentazione degli stessi. A parità di merito e di titoli la preferenza è determinata: - dal numero di figli a carico, indipendentemente che il candidato sia coniugato o meno; - dalla minore età; Il bando di concorso deve, altresì, contenere, la citazione della Legge 10/4/91 n. 125 che garantisce pari opportunità tra uomini e donne per l accesso al lavoro come anche previsto dall art. 61 del Decreto Legislativo 3/2/93 n. 29, così come modificato dall art. 29 del Decreto Legislativo 23/12/1993 n Art. 7. Gestione della selezione Le procedure di selezione sono, di norma, gestite dalle strutture dell Amministrazione centrale. Resta salva la possibilità di affidare la gestione dei tests a società specializzate. Art. 8. Durata Per le assunzioni a tempo determinato, di cui all art. 2 punto A) è prevista una durata massima pari a sei mesi, non rinnovabili, tranne che per quelle connesse allo svolgimento di progetti finalizzati, di 3 Artt. 3-4 del D.P.R. 487/94.

6 cui alla Legge 9/3/89 n. 88 e al D.P.C.M. 17/3/89 n. 127, per le quali è prevista una durata di un anno, prorogabile, per eccezionali esigenze, a due anni. Il contratto di assunzione a tempo determinato, di cui all art. 2 punto B), non potrà in alcun caso essere rinnovato o prorogato per un periodo superiore a cinque anni complessivi per la stessa persona. Art. 9. Conclusione del rapporto Il rapporto di lavoro si risolve automaticamente, senza diritto al preavviso, alla scadenza del termine indicato nel contratto. Il completamento della realizzazione del programma o l interruzione dello stesso per cause esterne all Amministrazione universitaria, comportano, a tutti gli effetti, la risoluzione del rapporto di lavoro, previo un termine di preavviso al dipendente, stabilito in 45 giorni. Il termine di preavviso è stabilito in 45 giorni nei casi in cui, alla scadenza del termine indicato nel contratto, manchi un numero di giorni pari o superiore a 45. Art. 10. Trattamento economico e normativo Al personale assunto a tempo determinato si applica il trattamento economico e normativo previsto dal CCNL - Università per il personale assunto a tempo indeterminato, compatibilmente con la durata del contratto a termine ai sensi dell art. 19 comma 11 del CCNL Università. Art. 11. Finanziamento della spesa La spesa per il personale a tempo determinato, di cui all art. 2 punto B), lett. a dovrà essere a carico dei finanziamenti dei programmi o progetti, escludendosi il ricorso alla dotazione ordinaria, e non potrà superare il 50% del finanziamento del progetto o programma di ricerca per le cui necessità l assunzione è stata effettuata. Quanto sopra si applica, in caso di attivazione di infrastrutture tecniche complesse, solo se detta attivazione è collegata in maniera esclusiva allo svolgimento di programmi di ricerca o alla realizzazione di progetti complessi non gravanti sui fondi ordinari del bilancio dell Università. Se detto collegamento è solo parziale, l articolo 11 si applica nella percentuale corrispondente. CAPO II Rapporti di collaborazione coordinata e continuativa Art. 12. Definizione Si definisce rapporto di collaborazione coordinata e continuativa, il rapporto di collaborazione sistematica e non occasionale, che si concretizza in una prestazione d opera continuativa e coordinata, prevalentemente personale, ma non a carattere subordinato, ai sensi dell art. 409 del C.p.c.. Art. 13. Norme generali Il rapporto di collaborazione coordinata e continuativa prevede:

7 1) il versamento periodico di un compenso prestabilito; 2) il coordinamento funzionale dell attività lavorativa con l organizzazione dell Università degli Studi di Lecce; 3) il perseguimento delle finalità della medesima; 4) l assenza, in capo al lavoratore, di una struttura imprenditoriale e di rischio economico. Art. 14. Campo d applicazione Il rapporto di collaborazione coordinata e continuativa si rende necessario per esigenze cui l Università degli Studi di Lecce non può far fronte con personale in servizio. L Università degli Studi di Lecce può conferire incarichi individuali ad esperti di provata competenza, determinando preventivamente durata, luogo, oggetto e compenso della collaborazione, come previsto dall art. 7 comma 6 del Decreto Legislativo 29/93. La spesa per le prestazioni previste al comma 2 del presente articolo non deve in alcun modo gravare sul finanziamento ordinario dell Ateneo ma esclusivamente sul finanziamento del progetto. Quanto sopra si applica solo nei casi di progetti finanziati con risorse diverse dal finanziamento ordinario dell Ateneo. Art. 15. Modalità di individuazione dei collaboratori Le richieste per la stipula di contratti di collaborazione coordinata e continuativa devono essere avanzate al Responsabile del Progetto o del Programma di ricerca da parte dei Responsabili delle singole iniziative nelle quali eventualmente si articola il progetto. Il Responsabile del progetto provvederà all attivazione delle procedure amministrative richieste. Per esigenze generali di progetto il Responsabile dello stesso può autonomamente attivare le procedure per la stipula degli incarichi. Il richiedente deve indicare: 1) i contenuti della collaborazione da svolgere e l impegno temporale complessivo richiesto; 2) il profilo professionale richiesto; 3) le caratteristiche curriculari richieste; 4) la durata del contratto; 5) la proposta di compenso complessivo lordo. Il richiedente deve, inoltre, dichiarare la necessità e l impossibilità di far fronte alle esigenze sopravvenute con personale in servizio presso la struttura universitaria. Per le esigenze della struttura di gestione del progetto o programma di ricerca, i contratti di collaborazione sono definiti direttamente dal Responsabile di progetto. Art. 16. Modalità di accesso alle collaborazioni

8 L avviso delle selezioni per la stipula di contratti di collaborazione coordinata e continuativa sarà reso pubblico mediante affissione all Albo Ufficiale dell Università di Lecce, per un periodo di tempo non inferiore a 20 giorni. L avviso pubblico deve contenere: 1) i contenuti della collaborazione da svolgere e l impegno temporale complessivo richiesto; 2) il termine e le modalità di presentazione delle domande; 3) il profilo professionale richiesto; 4) le caratteristiche curriculari richieste; 5) la durata del contratto; 6) il compenso complessivo lordo previsto. L assegnazione del rapporto di collaborazione coordinata e continuativa avverrà mediante esame comparativo dei curricula presentati, mirante ad accertare la migliore coerenza con le caratteristiche curriculari richieste, integrato eventualmente dal colloquio. L esame dei curricula sarà effettuato da una Commissione nominata dal Rettore e composta da: 1) il Responsabile dell iniziativa del progetto che ha avanzato la richiesta di assunzione; 2) il secondo Responsabile di iniziativa, ove previsto. Qualora non sia previsto, un Docente o un Funzionario di livello non inferiore all ottavo, esperti del settore; 3) un Docente o un Funzionario di livello non inferiore all ottavo, esperti del settore; 4) un Dipendente, anche a tempo determinato, dell Università con funzioni di Segretario. In ogni caso i membri della Commissione giudicatrice non devono essere componenti del S.A. e del C.d.A., non devono ricoprire cariche politiche o essere rappresentanti sindacali designati dalle Confederazioni ed OO.SS. o dalle associazioni professionali. Se il contratto di collaborazione riguarda le esigenze della Struttura di gestione del Progetto o Programma di ricerca, il membro di cui al p.1) è sostituito dal Responsabile di progetto per le collaborazioni tecniche e dal Responsabile amministrativo per le collaborazioni amministrativo - contabili. Il rapporto di collaborazione coordinata e continuativa ha inizio alla firma del contratto. Art. 17. Durata Il rapporto di collaborazione coordinata e continuativa può avere durata variabile. Il limite minimo è di 3 mesi ed il limite massimo è stabilito in 36 mesi. La durata del contratto dovrà essere esplicitamente indicata nel contratto stesso.

9 Qualora il rapporto venga rinnovato, non potrà comunque superare il limite massimo stabilito in 36 mesi. Art. 18. Trattamento economico Il trattamento economico da corrispondere dovrà essere commisurato alla prestazione da svolgere e sarà stabilito di volta in volta dal Responsabile del progetto su proposta del Responsabile di iniziativa richiedente. Il compenso sarà vincolato al rilascio, da parte del responsabile richiedente, di una relazione sulle attività svolte dal prestatore, che dovrà essere redatta al termine del contratto, per contratti di durata inferiore a sei mesi, oppure quadrimestralmente per contratti di durata pari o superiore a sei mesi. Lo scaglionamento dei pagamenti e l importo totale da corrispondere nel periodo dovrà essere esplicitamente indicato nel contratto stesso. Il contratto sarà stipulato dal Rettore, in seguito a Decreto rettorale che sarà comunicato al C.d.A.. Art. 19. Conclusione del rapporto Il rapporto si risolve automaticamente, senza diritto al preavviso, alla scadenza del termine indicato nel contratto. Comporta a tutti gli effetti, la risoluzione del contratto, previo un termine di preavviso stabilito in 45 giorni, il completamento della realizzazione del progetto o programma di ricerca ovvero l interruzione dello stesso, per cause esterne all Amministrazione universitaria. Il termine di preavviso è stabilito in 45 giorni nei casi in cui, alla scadenza del termine indicato nel contratto, manchi un numero di giorni pari o superiore a 45. Art. 19 bis 4 Tutti gli adempimenti del Rettore, nei casi in cui la spesa è a totale carico dei fondi del Dipartimento, sono delegati al Direttore del Dipartimento. Di ogni determinazione il Direttore del Dipartimento assicura la comunicazione al Rettore per la successiva informazione al Consiglio di Amministrazione. CAPO III Prestazioni professionali di personale docente interno Art. 20. Definizione Si definiscono come prestazioni professionali di personale docente interno, secondo le tipologie contrattuali previste dall art del C.C e seguenti. e dall art. 409 del C.p.c., le opere o i servizi, anche di tipo intellettuale, verso corrispettivo, effettuate da personale docente e ricercatore di ruolo della struttura universitaria che propone l incarico. Art. 21. Ambito di applicazione 4 Articolo aggiunto con delibera del C.d.A. n. 126 del 13 marzo 2000.

10 Il presente Regolamento si applica alle prestazioni professionali, sostenute, su progetti a valere su Fondi Strutturali Comunitari (FSE, FESR, FEOGA e SFOP) o altre tipologie di fondi nazionali o internazionali, in tutti i casi in cui l Università di Lecce realizza il progetto senza ricorrere a imprese o studi esterni ma con personale docente interno, a tempo pieno o a tempo parziale. Le prestazioni professionali, di cui al comma precedente, riguardano, di norma, incarichi che richiedono specifiche competenze acquisite, anche in connessione con il campo disciplinare di competenza, e richiedono alta professionalità ed elevata responsabilità di gestione. Tali tipologie di prestazioni professionali sono individuate, di norma, nelle seguenti: 1) direzione lavori; 2) responsabilità di grandi progetti; 3) responsabilità di progetti o programmi di formazione; 4) responsabilità di iniziative inserite in progetti coordinati; 5) controllo sulla gestione tecnico scientifica di progetti nazioanli e internazionali o programmi di ricerca. La spesa per le prestazioni previste al comma 1 non devono in alcun caso gravare sul finanziamento ordinario dell Ateneo, ma esclusivamente sul finanziamento del progetto o del programma di ricerca. Quanto sopra si applica solo nei casi di progetti finanziati con risorse diverse dal finanziamento ordinario dell Ateneo. Art. 22. Individuazione dei docenti L incarico di Responsabile del Progetto viene affidato dal Senato Accademico, su proposta del Rettore. L incarico di prestazione professionale viene affidato dal S.A. su proposta del Rettore e sentito il Responsabile di Progetto, sulla base del curriculum professionale del docente e ricercatore di ruolo, in funzione delle competenze professionali acquisite e di quelle maturate nell ambito del campo disciplinare oggetto della propria attività, ed in funzione delle capacità ed esperienze gestionali. L affidamento degli incarichi di cui ai commi 1 e 2 sarà comunicato al C.A.. I compiti e le responsabilità connesse all incarico saranno, di norma, quelli previsti nei Regolamenti di progetto per la posizione per la quale l incarico stesso viene affidato e saranno specificate all atto del conferimento dell incarico. Art. 23. Durata La prestazione professionale avrà, di norma, una durata pari al tempo previsto per la realizzazione del progetto o programma di ricerca. La durata sarà, comunque, precisata nell atto di affidamento dell incarico. Art. 24. Compensi Il compenso da corrispondere dovrà essere commisurato alla prestazione da svolgere e sarà stabilito in accordo con il prestatore della collaborazione.

11 L erogazione del compenso sarà modulato sulla base delle fasi di realizzazione del progetto o programma di ricerca ed avverrà periodicamente nel corso della durata del contratto, dietro presentazione al Rettore di una relazione sulle attività svolte e sullo stato di realizzazione del progetto o programma di ricerca. Lo scaglionamento dei pagamenti e l importo totale da corrispondere nel periodo dovrà essere esplicitamente indicato nel contratto. Art. 25. Conclusione del rapporto Il rapporto si risolve automaticamente, senza diritto al preavviso, alla scadenza del termine indicato nel contratto. Comporta a tutti gli effetti, la risoluzione del contratto e quindi la fine della prestazione, previo un termine di preavviso stabilito in 45 giorni, il completamento della realizzazione del progetto o programma di ricerca o l interruzione degli stessi per cause esterne all Amministrazione universitaria. Il termine di preavviso è stabilito in 45 giorni nei casi in cui, alla scadenza del termine indicato nel contratto, manchi un numero di giorni pari o superiore a 45. CAPO IV Contratto per Prestazioni professionali Art. 26. Definizione Con il contratto per Prestazione professionale la parte diversa dall Università assume l obbligo di compiere, verso corrispettivo, un opera o un servizio, con lavoro prevalentemente proprio e senza vincolo di subordinazione nei confronti dell Università degli Studi di Lecce, secondo quanto previsto dall art del C.C.. Rientrano tra le opere anche le prestazioni d opera intellettuale, come indicato nell art e seg. del C.C. Art. 27. Modalità di individuazione dei prestatori d opera Le richieste per la stipula di contratti per prestazioni professionali, nei casi in cui non si applichi la normativa comunitaria o statale che prevede l attivazione di procedure concorsuali, devono essere avanzate al Responsabile del progetto o del programma di ricerca da parte dei Responsabili delle singole iniziative, i quali dovranno, contestualmente, dichiarare la necessità della prestazione stessa e l impossibilità di far fronte alle esigenze sopravvenute con personale in servizio nella struttura universitaria. Il Responsabile del progetto provvederà ad attivare le procedure per l affidamento degli incarichi. Per esigenze generali di progetto il Responsabile dello stesso può autonomamente attivare le procedure di cui trattasi. Il contratto sarà stipulato dal Rettore, in seguito a Decreto che sarà comunicato al C.A.. Il richiedente deve indicare: 1) il nominativo della persona con cui stipulare il contratto;

12 2) l oggetto dettagliato della prestazione richiesta; 3) il termine entro il quale l opera o il servizio devono essere compiuti; 4) la proposta di compenso complessivo lordo; Il richiedente deve, inoltre, allegare un curriculum professionale della persona proposta per il contratto. Per le esigenze della struttura di gestione del progetto o programma di ricerca, i contratti per prestazioni professionali sono definiti direttamente dal Responsabile di progetto. La spesa per le prestazioni professionali richieste non deve in alcun modo gravare sul finanziamento ordinario dell Ateneo ma esclusivamente sul finanziamento del progetto o programma di ricerca. Quanto sopra si applica solo nei casi di progetti finanziati con risorse diverse dal finanziamento ordinario dell Ateneo. Il termine entro il quale l opera o il servizio devono essere compiuti sarà precisato nell atto di affidamento dell incarico e non potrà, comunque, di norma, essere superiore a sei mesi.. I risultati dei lavori oggetto della prestazione professionale devono essere consegnati al Responsabile di iniziativa che ne ha avanzato richiesta entro i termini contrattuali. Art. 28. Compenso Il costo della prestazione professionale, di norma, deve essere contenuto entro il limite di L , IVA compresa. Detto compenso sarà corrisposto dietro presentazione della parcella, completa della necessaria documentazione. La parcella sarà liquidata dal Responsabile di progetto, previa attestazione da parte del Responsabile di iniziativa che ha richiesto la prestazione professionale, del rispetto degli obblighi contrattuali. Gli affidatari dell incarico, qualora in possesso di partita IVA, dovranno darne comunicazione al committente. Art. 28 bis 5 Tutti gli adempimenti del Rettore, nei casi in cui la spesa è a totale carico dei fondi del Dipartimento, sono delegati al Direttore del Dipartimento. Di ogni determinazione il Direttore del Dipartimento assicura la comunicazione al Rettore per la successiva informazione al Consiglio di Amministrazione. Art. 29. Norma finale. Per tutto quanto non previsto dal presente Regolamento si fa espresso rinvio all Atto normativo a contenuto generale per Prestazioni professionali e collaborazioni scientifiche retribuite di questo Ateneo nonché al Titolo III del libro V del Codice civile ( del lavoro autonomo ). 5 Articolo aggiunto con delibera del C.d.A. n. 126 del 13 marzo 2000.

ORDINE DEGLI AVVOCATI T A R A N T O REGOLAMENTO PER LA STIPULA DI CONTRATTI DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA

ORDINE DEGLI AVVOCATI T A R A N T O REGOLAMENTO PER LA STIPULA DI CONTRATTI DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA ORDINE DEGLI AVVOCATI T A R A N T O REGOLAMENTO PER LA STIPULA DI CONTRATTI DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA INDICE Art 1 Definizione 3 Art 2 Norme generali 3 Art 3 Campo d applicazione 3 Art

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI INCARICHI DI LAVORO AUTONOMO. Politecnico di Bari

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI INCARICHI DI LAVORO AUTONOMO. Politecnico di Bari REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI INCARICHI DI LAVORO AUTONOMO Politecnico di Bari Decreto di emanazione D.R. n. 311 del 27/07/2007 POLITECNICO DI BARI Direzione Affari Istituzionali e Legali D.R. n.311

Dettagli

2. Le procedure di reclutamento, di cui al presente articolo, dovranno garantire oltre all adeguata pubblicità della selezione, l imparzialità nello

2. Le procedure di reclutamento, di cui al presente articolo, dovranno garantire oltre all adeguata pubblicità della selezione, l imparzialità nello REGOLAMENTO PER L ASSUNZIONE DI PERSONALE TECNICO-AMMINISTRATIVO A TEMPO DETERMINATO PER LO SVOLGIMENTO DI ATTIVITÀ CONNESSE A PROGRAMMI DI RICERCA E PER L ATTIVAZIONE DI INFRASTRUTTURE TECNICHE COMPLESSE

Dettagli

REGOLAMENTO RECANTE DISPOSIZIONI SULLE MODALITÀ DI ACCESSO DALL ESTERNO AI POSTI DI PERSONALE TECNICO E AMMINISTRATIVO 22 2007, 1027) INDICE

REGOLAMENTO RECANTE DISPOSIZIONI SULLE MODALITÀ DI ACCESSO DALL ESTERNO AI POSTI DI PERSONALE TECNICO E AMMINISTRATIVO 22 2007, 1027) INDICE REGOLAMENTO RECANTE DISPOSIZIONI SULLE MODALITÀ DI ACCESSO DALL ESTERNO AI POSTI DI PERSONALE TECNICO E AMMINISTRATIVO (modificato con decreto rettorale 22 ottobre 2007, n. 1027) INDICE Articolo 1 (Criteri

Dettagli

PROFESSIONALITÀ PER L INSTAURAZIONE DI RAPPORTI DI LAVORO SUBORDINATO PRESSO L AZIENDA SPECIALE UFFICIO D AMBITO DELLA PROVINCIA DI CREMONA.

PROFESSIONALITÀ PER L INSTAURAZIONE DI RAPPORTI DI LAVORO SUBORDINATO PRESSO L AZIENDA SPECIALE UFFICIO D AMBITO DELLA PROVINCIA DI CREMONA. REGOLAMENTO DI SELEZIONE DI PROFESSIONALITÀ PER L INSTAURAZIONE DI RAPPORTI DI LAVORO SUBORDINATO PRESSO L AZIENDA SPECIALE UFFICIO D AMBITO DELLA PROVINCIA DI CREMONA. (Approvato con Delibera del Consiglio

Dettagli

REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO DI INCARICHI DI LAVORO AUTONOMO

REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO DI INCARICHI DI LAVORO AUTONOMO D.R. N. 688 DEL 10/12/2007 (sostituisce il testo emanato con D.R. n. 449 del 06/09/2007.) REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO DI INCARICHI DI LAVORO AUTONOMO CAPO I Art. 1 1. Il presente regolamento disciplina

Dettagli

(Emanato con D.R. n.1139 del 4.9.2007 Affisso all Albo dell Ateneo l 11.9.2007 prot.n.20131)

(Emanato con D.R. n.1139 del 4.9.2007 Affisso all Albo dell Ateneo l 11.9.2007 prot.n.20131) Università degli studi di Napoli L Orientale Regolamento di Ateneo per l accesso all impiego del personale amministrativo, tecnico e dirigenziale a tempo indeterminato e determinato dell Università degli

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI GENOVA DIPARTIMENTO GESTIONE E SVILUPPO RISORSE UMANE

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI GENOVA DIPARTIMENTO GESTIONE E SVILUPPO RISORSE UMANE UNIVERSITA DEGLI STUDI DI GENOVA DIPARTIMENTO GESTIONE E SVILUPPO RISORSE UMANE REGOLAMENTO PER L ACCESSO ALLA QUALIFICA DIRIGENZIALE E PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DIRIGENZIALI A TEMPO DETERMINATO

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DI RICERCATORI CON CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO AI SENSI DELL ART. 1 COMMA 14 DELLA LEGGE 230/05

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DI RICERCATORI CON CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO AI SENSI DELL ART. 1 COMMA 14 DELLA LEGGE 230/05 Emanato con D.R. n. 301 del 16/4/2009, modificato con D.R. 57 del 3/02/2010 REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DI RICERCATORI CON CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO AI SENSI DELL ART. 1 COMMA 14 DELLA LEGGE 230/05

Dettagli

REGOLAMENTO DI ATENEO PER IL RECLUTAMENTO DI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO. Art. 1 Ambito di applicazione

REGOLAMENTO DI ATENEO PER IL RECLUTAMENTO DI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO. Art. 1 Ambito di applicazione REGOLAMENTO DI ATENEO PER IL RECLUTAMENTO DI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Art. 1 Ambito di applicazione Il presente Regolamento disciplina il reclutamento di personale addetto allo svolgimento di attività

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SCIENZE GASTRONOMICHE REGOLAMENTO DI ATENEO IN MATERIA DI BORSE DI STUDIO PER ADDESTRAMENTO E PERFEZIONAMENTO ALLA RICERCA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SCIENZE GASTRONOMICHE REGOLAMENTO DI ATENEO IN MATERIA DI BORSE DI STUDIO PER ADDESTRAMENTO E PERFEZIONAMENTO ALLA RICERCA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SCIENZE GASTRONOMICHE REGOLAMENTO DI ATENEO IN MATERIA DI BORSE DI STUDIO PER ADDESTRAMENTO E PERFEZIONAMENTO ALLA RICERCA Art. 1 - Finalità e oggetto 1.1 Il presente regolamento

Dettagli

Procedure per l'acquisizione di personale, il conferimento di incarichi e gli appalti

Procedure per l'acquisizione di personale, il conferimento di incarichi e gli appalti In base all'art. 18 della Legge n. 133 /2008, le società a partecipazione pubblica totale o di controllo sono tenute all'adozione, con propri provvedimenti, di criteri e modalità per il reclutamento del

Dettagli

Trentino Mobilità s.p.a. REGOLAMENTO PER LA SELEZIONE DEL PERSONALE E PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI

Trentino Mobilità s.p.a. REGOLAMENTO PER LA SELEZIONE DEL PERSONALE E PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI Trentino Mobilità s.p.a. REGOLAMENTO PER LA SELEZIONE DEL PERSONALE E PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI Approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 21 dicembre 2012 In vigore dal 22 dicembre 2012

Dettagli

DOCCIA SERVICE SRL REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEL PERSONALE ED IL CONFERIMENTO DI INCARICHI PROFESSIONALI

DOCCIA SERVICE SRL REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEL PERSONALE ED IL CONFERIMENTO DI INCARICHI PROFESSIONALI DOCCIA SERVICE SRL REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEL PERSONALE ED IL CONFERIMENTO DI INCARICHI PROFESSIONALI Art. 1 Oggetto e norme di riferimento 1. Il presente regolamento disciplina le procedure per

Dettagli

Società ROCCA di MONSELICE S.r.l Monselice (PD) codice fiscale: 02482640287

Società ROCCA di MONSELICE S.r.l Monselice (PD) codice fiscale: 02482640287 REGOLAMENTO per il reclutamento del personale dipendente e per il conferimento di incarichi professionali e collaborazioni (adottato ai sensi della Direttiva C-II DGR n. 258 del 05/03/2013 e successive

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E IL FUNZIONAMENTO DEI CORSI DI MASTER UNIVERSITARI

REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E IL FUNZIONAMENTO DEI CORSI DI MASTER UNIVERSITARI REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E IL FUNZIONAMENTO DEI CORSI DI MASTER UNIVERSITARI (emanato con Decreto Rettorale N. 645 del 12/03/2003) ART. 1 - Ambito di applicazione... 2 ART. 2 - Titoli per l accesso...

Dettagli

Via Duomo, 6 13100 Vercelli Tel 0161/261537 Fax 0161/210718

Via Duomo, 6 13100 Vercelli Tel 0161/261537 Fax 0161/210718 AREA DEL PERSONALE Via Duomo, 6 13100 Vercelli Tel 0161/261537 Fax 0161/210718 Decreto Rettorale n.190 Data 02.04.2001 IL RETTORE Vista la L. n. 168 del 9.5.1989 istitutiva del Ministero dell Università

Dettagli

COMUNE DI TREGNAGO Provincia di Verona. Regolamento comunale per il conferimento degli incarichi di collaborazione esterna

COMUNE DI TREGNAGO Provincia di Verona. Regolamento comunale per il conferimento degli incarichi di collaborazione esterna COMUNE DI TREGNAGO Provincia di Verona Regolamento comunale per il conferimento degli incarichi di collaborazione esterna Approvato con D.G.C. n. 104 del 31.07.2008 Modificato con D.G.C. n. 139 del 30.10.2008

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ATTIVAZIONE DI POSTI DI PROFESSORE STRAORDINARIO A TEMPO DETERMINATO AI SENSI DELL ART. 1, COMMA 12, DELLA LEGGE 4 NOVEMBRE 2005, N.

REGOLAMENTO PER L ATTIVAZIONE DI POSTI DI PROFESSORE STRAORDINARIO A TEMPO DETERMINATO AI SENSI DELL ART. 1, COMMA 12, DELLA LEGGE 4 NOVEMBRE 2005, N. Senato Accademico 28 aprile 2016 Consiglio di Amministrazione 28 aprile 2016 Decreto Rettorale 759-2016 del 6 maggio 2016 Pubblicazione all Albo di Ateneo n. 128 del 9 maggio 2016 - Prot. 40568 Ufficio

Dettagli

REGOLAMENTO DI ATENEO IN MATERIA DI BORSE DI STUDIO PER ADDESTRAMENTO E PERFEZIONAMENTO ALLA RICERCA (emanato con D.R. 196/2013 dell 11/3/2013)

REGOLAMENTO DI ATENEO IN MATERIA DI BORSE DI STUDIO PER ADDESTRAMENTO E PERFEZIONAMENTO ALLA RICERCA (emanato con D.R. 196/2013 dell 11/3/2013) REGOLAMENTO DI ATENEO IN MATERIA DI BORSE DI STUDIO PER ADDESTRAMENTO E PERFEZIONAMENTO ALLA RICERCA (emanato con D.R. 196/2013 dell 11/3/2013) Articolo 1 (Oggetto, ambito di applicazione, soggetti interessati)

Dettagli

Il Consiglio di Istituto

Il Consiglio di Istituto Prot. n. 442/C10a del 03/02/2015 Regolamento per la Disciplina degli incarichi agli Esperti Esterni approvato con delibera n.7 del 9 ottobre 2013- verbale n.2 Visti gli artt.8 e 9 del DPR n275 del 8/3/99

Dettagli

POLITECNICO DI MILANO

POLITECNICO DI MILANO Registrato il 4 gennaio 2005 Reg. 3 Fog. 225 N. 1/AG POLITECNICO DI MILANO IL RETTORE VISTA la Legge 7 agosto 1990, n. 241, e successive modificazioni e integrazioni; VISTO il D.Lgs. 30 marzo 2001, n.

Dettagli

Regolamento per il reclutamento di ricercatori universitari a contratto a tempo determinato. Art.1 Ambito di applicazione

Regolamento per il reclutamento di ricercatori universitari a contratto a tempo determinato. Art.1 Ambito di applicazione Regolamento per il reclutamento di ricercatori universitari a contratto a tempo determinato Art.1 Ambito di applicazione Il presente Regolamento disciplina il reclutamento di personale addetto allo svolgimento

Dettagli

approvato all adunanza del 18 marzo 2013

approvato all adunanza del 18 marzo 2013 REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI INDIVIDUALI DI COLLABORAZIONE AUTONOMA A SOGGETTI ESTRANEI ALL AMMINISTRAZIONE DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI BOLOGNA approvato all adunanza del 18 marzo 2013 ARTICOLO

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO E LA DISCIPLINA DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO PRESSO LA SCUOLA SUPERIORE SANT ANNA

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO E LA DISCIPLINA DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO PRESSO LA SCUOLA SUPERIORE SANT ANNA REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO E LA DISCIPLINA DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO PRESSO LA Art. 1 (Finalità) 1 Emanato con D.D. n. 630 del 27/09/2011; modificato con D.R. n. 214 del 07/05/2014. 1. Il

Dettagli

Regolamento per il conferimento degli incarichi ed il reclutamento del personale

Regolamento per il conferimento degli incarichi ed il reclutamento del personale Regolamento per il conferimento degli incarichi ed il reclutamento del personale PRINCIPI GENERALI Il presente Regolamento individua principi, criteri e modalità per il conferimento di incarichi di consulenza,

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DI BORSE DI STUDIO, ASSEGNI DI RICERCA, BORSE DOTTORATO DI RICERCA E SOGGIORNI DI STUDIO ALL ESTERO INDICE

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DI BORSE DI STUDIO, ASSEGNI DI RICERCA, BORSE DOTTORATO DI RICERCA E SOGGIORNI DI STUDIO ALL ESTERO INDICE REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DI BORSE DI STUDIO, ASSEGNI DI RICERCA, BORSE DOTTORATO DI RICERCA E SOGGIORNI DI STUDIO ALL ESTERO TITOLO I Ambito di applicazione e definizioni INDICE Articolo 1 TITOLO

Dettagli

Regolamento per il conferimento. degli incarichi ed il reclutamento del personale

Regolamento per il conferimento. degli incarichi ed il reclutamento del personale MEGAS. NET S.P.A. Regolamento per il conferimento degli incarichi ed il reclutamento del personale (adottato ai sensi dell'art. 18, secondo comma, D.L. 112/2008, convertito con Legge 6 agosto 2008, n.

Dettagli

Università degli Studi Milano Bicocca

Università degli Studi Milano Bicocca Università degli Studi Milano Bicocca Bandi per i laboratori per il corso di abilitazione per l'insegnamento di sostegno scadenza: 3 settembre 2013 BANDO 9072 PER LA COPERTURA A TITOLO RETRIBUITO DI INCARICHI

Dettagli

REGOLAMENTO CONCERNENTE I PROCEDIMENTI DI SELEZIONE

REGOLAMENTO CONCERNENTE I PROCEDIMENTI DI SELEZIONE REGOLAMENTO CONCERNENTE I PROCEDIMENTI DI SELEZIONE PUBBLICA PER L'ASSUNZIONE DI PERSONALE TECNICO - AMMINISTRATIVO A TEMPO INDETERMINATO ART. 1 - Disposizioni generali Il presente regolamento, adottato

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI STUDIO, RICERCA, CONSULENZA E DI COLLABORAZIONE ESTERNA

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI STUDIO, RICERCA, CONSULENZA E DI COLLABORAZIONE ESTERNA REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI STUDIO, RICERCA, CONSULENZA E DI COLLABORAZIONE ESTERNA Art.1 Oggetto Il presente regolamento è emanato in attuazione dell art. 3-bis, comma 5, D. Lgs. 13/08/2011,

Dettagli

All.4. Altri Atenei. 1- Pavia, Bologna, Pisa, Sapienza, Torino, Sassari, Parma, Napoli, San Raffaele, Roma 3 idem

All.4. Altri Atenei. 1- Pavia, Bologna, Pisa, Sapienza, Torino, Sassari, Parma, Napoli, San Raffaele, Roma 3 idem REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PROCEDIMENTO DI CHIAMATA DEI PROFESSORI DI RUOLO DI PRIMA E SECONDA FASCIA DELL UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CAGLIARI AI SENSI DELLE DISPOSIZIONI DELLA LEGGE N. 240/2010

Dettagli

NUOVA SALENTO ENERGIA S.r.l.

NUOVA SALENTO ENERGIA S.r.l. NUOVA SALENTO ENERGIA S.r.l. SEDE LEGALE Via Umberto I, 13-73100 LECCE SEDE OPERATIVA Z.I. Ex Consorzio SISRI - 73100 LECCE Codice Fiscale e Partita IVA 04157000755 REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEL

Dettagli

DECRETO RETTORALE N.213/2015 IL RETTORE

DECRETO RETTORALE N.213/2015 IL RETTORE DECRETO RETTORALE N.213/2015 IL RETTORE Visto lo Statuto dell Università degli Studi di Urbino Carlo Bo, emanato con Decreto Rettorale n. 138/2012 del 2 aprile 2012, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DI PROFESSORI STRAORDINARI E DI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO AI SENSI DELL ARTICOLO 1, COMMA 12 DELLA LEGGE 4 NOVEMBRE 2005, N. 230 E DELL ARTICOLO 24 DELLA LEGGE 30

Dettagli

REGOLAMENTO PER LE COLLABORAZIONI DEGLI STUDENTI NELLE ATTIVITÀ PART-TIME DELL UNIVERSITÀ DI CAMERINO

REGOLAMENTO PER LE COLLABORAZIONI DEGLI STUDENTI NELLE ATTIVITÀ PART-TIME DELL UNIVERSITÀ DI CAMERINO REGOLAMENTO PER LE COLLABORAZIONI DEGLI STUDENTI NELLE ATTIVITÀ PART-TIME DELL UNIVERSITÀ DI CAMERINO (Emanato con decreto rettorale n. 759 del 21 ottobre 2005 Modificato con decreto rettorale n. 31 del

Dettagli

I DIVISIONE DELIBERA. Art. 2 Tipologie contrattuali Le tipologie contrattuali sono fissate dall art. 24, comma 3, della legge n. 240/2010.

I DIVISIONE DELIBERA. Art. 2 Tipologie contrattuali Le tipologie contrattuali sono fissate dall art. 24, comma 3, della legge n. 240/2010. I DIVISIONE 4.1) REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE MODALITA DI SELEZIONE E DELLO SVOLGIMENTO DELLE ATTIVITA DEI RICERCATORI CON CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO EX ART. 24 LEGGE 30 DICEMBRE 2010, N. 240.

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ASSUNZIONE DEL PERSONALE E LA PROGRESSIONE DI CARRIERA

REGOLAMENTO PER L ASSUNZIONE DEL PERSONALE E LA PROGRESSIONE DI CARRIERA REGOLAMENTO PER L ASSUNZIONE DEL PERSONALE E LA PROGRESSIONE DI CARRIERA REGOLAMENTO PER L ASSUNZIONE DEL PERSONALE E LA PROGRESSIONE DI CARRIERA 1 Art. 1 - Generalità TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI Il

Dettagli

Università degli Studi di Ferrara

Università degli Studi di Ferrara Università degli Studi di Ferrara Regolamento per il conferimento di Borse e Premi di studio nel campo della formazione con esclusione dei progetti comunitari o di internazionalizzazione Senato Accademico

Dettagli

Regolamento incarichi esperti esterni

Regolamento incarichi esperti esterni MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO I.C. GIOVANNI XXIII Infanzia- Primaria- Scuola Secondaria di 1 Grado Via Garibaldi, snc 00012 Villanova

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DI BORSE DI STUDIO POST- LAUREAM

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DI BORSE DI STUDIO POST- LAUREAM REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DI BORSE DI STUDIO POST- LAUREAM CAPO I DISPOSIZIONI COMUNI ART. 1 Tipologie 1. L Università degli Studi del Molise, ai sensi dell art. 114 del Regolamento per l amministrazione,

Dettagli

Regolamento per il reclutamento di ricercatori universitari a contratto a tempo determinato INDICE

Regolamento per il reclutamento di ricercatori universitari a contratto a tempo determinato INDICE INDICE REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DI RICERCATORI UNIVERSITARI A CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO Pag. 3 Art. 1 Ambito di applicazione Pag. 3 Art. 2 Finanziamento Pag. 3 Art. 3 Disciplina del rapporto

Dettagli

SENATO ACCADEMICO. Art. 1. Finalità

SENATO ACCADEMICO. Art. 1. Finalità SENATO ACCADEMICO Regolamento per la costituzione di contratti per lo svolgimento di attività di ricerca presso l Università degli Studi di Palermo deliberato dal SA nella seduta del 14 aprile 2009 e modificato

Dettagli

COMUNE DI PIEVE DI SOLIGO (Treviso)

COMUNE DI PIEVE DI SOLIGO (Treviso) Allegato sub A) alla deliberazione della Giunta Comunale n. 42 del 17.03.2008 COMUNE DI PIEVE DI SOLIGO (Treviso) DISCIPLINA PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI STUDIO, RICERCA, CONSULENZA E COLLABORAZIONE

Dettagli

( D.R. n 142 del 01.03.2007) Articolo 1 Ambito di applicazione e definizioni. Articolo 2 Principi generali

( D.R. n 142 del 01.03.2007) Articolo 1 Ambito di applicazione e definizioni. Articolo 2 Principi generali Regolamento per la disciplina delle procedure di progressione verticale del personale tecnico ed amministrativo dell Università degli Studi del Sannio nel nuovo sistema di classificazione ( D.R. n 142

Dettagli

REGOLAMENTO INTERNO PER IL RECLUTAMENTO DEL PERSONALE

REGOLAMENTO INTERNO PER IL RECLUTAMENTO DEL PERSONALE REGOLAMENTO INTERNO PER IL RECLUTAMENTO DEL PERSONALE Approvato con delibera dell Amministratore Unico n. 40 del 17 ottobre 2013 INDICE Articolo 1 Criteri Generali Pag. 2 Articolo 2 Individuazione delle

Dettagli

REGOLAMENTO. PER IL RECLUTAMENTO DEL PERSONALE E PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI INSIEL- INFORMATICA PER IL SISTEMA DEGLI ENTI LOCALI S.p.A.

REGOLAMENTO. PER IL RECLUTAMENTO DEL PERSONALE E PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI INSIEL- INFORMATICA PER IL SISTEMA DEGLI ENTI LOCALI S.p.A. REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEL PERSONALE E PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI INSIEL- INFORMATICA PER IL SISTEMA DEGLI ENTI LOCALI S.p.A. CAPO I - PRINCIPI GENERALI Articolo 1 - Oggetto 1. Il presente

Dettagli

DISCIPLINARE DELL INRIM PER IL CONFERIMENTO DI ASSEGNI DI RICERCA

DISCIPLINARE DELL INRIM PER IL CONFERIMENTO DI ASSEGNI DI RICERCA DISCIPLINARE DELL INRIM PER IL CONFERIMENTO DI ASSEGNI DI RICERCA approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 29 maggio 2014 INDICE Premessa Disposizioni Art. 1 Oggetto e ambito di applicazione

Dettagli

Regolamento per il reclutamento del personale. (approvato dal Consiglio di Amministrazione con delibera n. 2 del verbale n. 93 del 10.05.

Regolamento per il reclutamento del personale. (approvato dal Consiglio di Amministrazione con delibera n. 2 del verbale n. 93 del 10.05. Regolamento per il reclutamento del personale (approvato dal Consiglio di Amministrazione con delibera n. 2 del verbale n. 93 del 10.05.2011) 1. PREMESSE In attuazione delle disposizioni di cui all'art.

Dettagli

Delibera 2013/0000318 del 20/12/2013 (Allegato) Pagina 1 di 6

Delibera 2013/0000318 del 20/12/2013 (Allegato) Pagina 1 di 6 Delibera 2013/0000318 del 20/12/2013 (Allegato) Pagina 1 di 6 REGOLAMENTO IN MATERIA DI CONFERIMENTO DI INCARICHI LIBERO PROFESSIONALI, DI COLLABORAZIONE, OCCASIONALI E 15 septies D.Lgs. 502/1992 PRESSO

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO PRESSO L UNIVERSITA TELEMATICA UNIVERSITAS MERCATORUM PREMESSO

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO PRESSO L UNIVERSITA TELEMATICA UNIVERSITAS MERCATORUM PREMESSO REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO PRESSO L UNIVERSITA TELEMATICA UNIVERSITAS PREMESSO -che l art. 2 comma 4 della Legge 30 dicembre 2010, n. 240, recante norme in materia

Dettagli

TITOLO I CONTRATTI PER ATTIVITA DI INSEGNAMENTO

TITOLO I CONTRATTI PER ATTIVITA DI INSEGNAMENTO REGOLAMENTO DI ATENEO PER LA STIPULA DI CONTRATTI PER ATTIVITA DI INSEGNAMENTO A TITOLO ONEROSO O GRATUITO E DI ATTIVITA INTEGRATIVE AI SENSI DELL ART. 23 DELLA LEGGE 240/2010 Emanato con DR. 11460/I/003

Dettagli

TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI

TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI SENATO ACCADEMICO 20 maggio 2011, 22 novembre 2011, 23 maggio 2012 CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE 27 maggio 2011, 29 novembre 2011, 30 maggio 2012 D.R. D.R. 6/6/2011, n. 534, D.R. 12/12/2011, n. 1323, D.R.

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DI BORSE DI FORMAZIONE ALL ATTIVITA DI RICERCA ISTITUITE DALLA FONDAZIONE UNIVERSITÀ G.D ANNUNZIO

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DI BORSE DI FORMAZIONE ALL ATTIVITA DI RICERCA ISTITUITE DALLA FONDAZIONE UNIVERSITÀ G.D ANNUNZIO REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DI BORSE DI FORMAZIONE ALL ATTIVITA DI RICERCA ISTITUITE DALLA FONDAZIONE UNIVERSITÀ G.D ANNUNZIO CAPO I NORME GENERALI Articolo 1 (Oggetto, requisiti e finalità) 1) Il

Dettagli

TITOLO III) - RAPPORTO DI LAVORO CAPO I) - RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO INDETERMINATO

TITOLO III) - RAPPORTO DI LAVORO CAPO I) - RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO INDETERMINATO TITOLO III) - RAPPORTO DI LAVORO CAPO I) - RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO INDETERMINATO Articolo 43) - Modalità di assunzione all impiego Costituzione dei rapporti di lavoro a tempo indeterminato 1. Le procedure

Dettagli

Data ultimo aggiornamento 4.9.2014

Data ultimo aggiornamento 4.9.2014 Senato Accademico 21.6.2011 e 19.2.2014 Consiglio di Amministrazione 28.6.2011 e 26.2.2014 Decreto Rettorale 654-2011 del 7.7.2011 e 240-2014 del 3.3.2014 e 1056-2014 del 4.9.2014 Pubblicazione all Albo

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA SELEZIONE ED ASSUNZIONE DEL PERSONALE DIPENDENTE E PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI PROFESSIONALI E COLLABORAZIONI

REGOLAMENTO PER LA SELEZIONE ED ASSUNZIONE DEL PERSONALE DIPENDENTE E PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI PROFESSIONALI E COLLABORAZIONI Fondazione M I C Museo internazionale delle Ceramiche in Faenza Onlus REGOLAMENTO PER LA SELEZIONE ED ASSUNZIONE DEL PERSONALE DIPENDENTE E PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI PROFESSIONALI E COLLABORAZIONI

Dettagli

COMUNE DI ALTOPASCIO

COMUNE DI ALTOPASCIO COMUNE DI ALTOPASCIO PROVINCIA DI LUCCA Criteri per il conferimento di incarichi individuali con contratti di lavoro autonomo, di natura occasionale o coordinata e continuativa ed il conferimento di incarichi

Dettagli

Regolamento del Personale del Consiglio Nazionale delle Ricerche (Decreto del Presidente del CNR del 4 maggio 2005 prot. n.

Regolamento del Personale del Consiglio Nazionale delle Ricerche (Decreto del Presidente del CNR del 4 maggio 2005 prot. n. Regolamento del Personale del Consiglio Nazionale delle Ricerche (Decreto del Presidente del CNR del 4 maggio 2005 prot. n. 0025035) SOMMARIO TITOLO I PRINCIPI GENERALI Art.1 - Finalità e ambito di applicazione

Dettagli

REGOLAMENTO RECANTE DISPOSIZIONI SUI PROCEDIMENTI DI SELEZIONE PER L'ACCESSO ALL'IMPIEGO NELLE CATEGORIE DEL PERSONALE TECNICO AMMINISTRATIVO

REGOLAMENTO RECANTE DISPOSIZIONI SUI PROCEDIMENTI DI SELEZIONE PER L'ACCESSO ALL'IMPIEGO NELLE CATEGORIE DEL PERSONALE TECNICO AMMINISTRATIVO REGOLAMENTO RECANTE DISPOSIZIONI SUI PROCEDIMENTI DI SELEZIONE PER L'ACCESSO ALL'IMPIEGO NELLE CATEGORIE DEL PERSONALE TECNICO AMMINISTRATIVO Approvato con Delibera del Consiglio di Amministrazione n.

Dettagli

Regolamento. per il conferimento. di incarichi di. collaborazione esterna. ex art. 7, c. 6, D.lgs 165/2001 e s.m.i.

Regolamento. per il conferimento. di incarichi di. collaborazione esterna. ex art. 7, c. 6, D.lgs 165/2001 e s.m.i. Regolamento per il conferimento di incarichi di collaborazione esterna ex art. 7, c. 6, D.lgs 165/2001 e s.m.i. 1 I N D I C E Art. 1 Finalità ed ambito di applicazione.. pag. 3 Art. 2 Presuppposti....

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Allegato al D.R. n. 172 del 23.12.2011 REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO (approvato dal Senato Accademico e dal Consiglio di Amministrazione nelle rispettive sedute del

Dettagli

Università degli Studi di Napoli Parthenope

Università degli Studi di Napoli Parthenope Pos.: CCE D.D. n. 93 IL DIRETTORE AMMINISTRATIVO VISTA VISTA VISTE l avviso per l iniziativa ICT4University - WiFi SUD, pubblicato a cura del Dipartimento per l Innovazione e le Tecnologie della Presidenza

Dettagli

ART. 6 ATTIVAZIONE DELLA PROCEDURA

ART. 6 ATTIVAZIONE DELLA PROCEDURA REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL RECLUTAMENTO, DEL REGIME GIURIDICO E DEL TRATTAMENTO ECONOMICO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO (D.R. N. 501 del 31.10.2013) ART. 1 OGGETTO 1. Il presente regolamento

Dettagli

AREA PERSONE E ORGANIZZAZIONE SETTORE PERSONALE DOCENTE. Regolamento di Ateneo per la disciplina dei contratti di insegnamento e di tutorato

AREA PERSONE E ORGANIZZAZIONE SETTORE PERSONALE DOCENTE. Regolamento di Ateneo per la disciplina dei contratti di insegnamento e di tutorato AREA PERSONE E ORGANIZZAZIONE SETTORE PERSONALE DOCENTE Regolamento di Ateneo per la disciplina dei contratti di insegnamento e di tutorato Art. 1 - Definizioni 1. Ai fini del presente regolamento si intende:

Dettagli

Art. 3 Finanziamento. Art. 4 Attivazione della procedura

Art. 3 Finanziamento. Art. 4 Attivazione della procedura UNICUSANO REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE MODALITÀ DI SELEZIONE E DELLO SVOLGIMENTO DELLE ATTIVITA DEI RICERCATORI CON CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO EX ART. 24 LEGGE 30 DICEMBRE 2010, N. 240. Approvato

Dettagli

Il bando, inoltre, per quanto possibile, potrà accorpare più posti da ricoprire.

Il bando, inoltre, per quanto possibile, potrà accorpare più posti da ricoprire. REGOLAMENTO DI ATENEO PER LE PROGRESSIONI VERTICALI NEL SISTEMA DI CLASSIFICAZIONE DEL PERSONALE TECNICO AMMINISTRATIVO DELL UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PARMA Il piano relativo alla programmazione delle

Dettagli

Regolamento per l assunzione di ricercatori universitari a tempo determinato

Regolamento per l assunzione di ricercatori universitari a tempo determinato Emanato con D.R. n. 621/2012 del 05.04.2012 Modificato con D.R. n. 860/2013 del 05.06.2013 Modificato con D.R. n. 1490/2015 del 29/10/2015 Regolamento per l assunzione di ricercatori universitari a tempo

Dettagli

REGOLAMENTO IN MATERIA DI ACCESSO ALL IMPIEGO PER IL PERSONALE TECNICO AMMINISTRATIVO PRESSO L UNIVERSITA DEGLI STUDI DI TRIESTE

REGOLAMENTO IN MATERIA DI ACCESSO ALL IMPIEGO PER IL PERSONALE TECNICO AMMINISTRATIVO PRESSO L UNIVERSITA DEGLI STUDI DI TRIESTE REGOLAMENTO IN MATERIA DI ACCESSO ALL IMPIEGO PER IL PERSONALE TECNICO AMMINISTRATIVO PRESSO L UNIVERSITA DEGLI STUDI DI TRIESTE CONSIGLIO AMMINISTRAZIONE 25.9.2001; 29.1.2002; 27.5.2003; 29.03.2005, 29.06.2006;

Dettagli

INTERPORTO DI ROVIGO SPA REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE MODALITÀ DI ASSUNZIONE, DEI REQUISITI DI ACCESSO E DELLE PROCEDURE SELETTIVE

INTERPORTO DI ROVIGO SPA REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE MODALITÀ DI ASSUNZIONE, DEI REQUISITI DI ACCESSO E DELLE PROCEDURE SELETTIVE INTERPORTO DI ROVIGO SPA REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE MODALITÀ DI ASSUNZIONE, DEI REQUISITI DI ACCESSO E DELLE PROCEDURE SELETTIVE 1 Art. 1 Finalità ed ambito di applicazione 1. Il presente regolamento

Dettagli

COMUNE DI VALENZA Provincia di Alessandria. REGOLAMENTO di MOBILITA ESTERNA

COMUNE DI VALENZA Provincia di Alessandria. REGOLAMENTO di MOBILITA ESTERNA COMUNE DI VALENZA Provincia di Alessandria REGOLAMENTO di MOBILITA ESTERNA TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI Articolo 1 Oggetto del regolamento TITOLO II MOBILITA ESTERNA Articolo 2 Le assunzioni tramite

Dettagli

fieremilia s.r.l. a socio unico Corso Garibaldi, 59 REGGIO EMILIA

fieremilia s.r.l. a socio unico Corso Garibaldi, 59 REGGIO EMILIA fieremilia s.r.l. a socio unico Corso Garibaldi, 59 REGGIO EMILIA REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE, STUDIO, RICERCA, CONSULENZA E PER LA SELEZIONE DEL PERSONALE. 1. Premessa

Dettagli

DIPARTIMENTO DI SCIENZE GEOLOGICHE AVVISO DI SELEZIONE PUBBLICA, PER TITOLI E COLLOQUIO, PER IL CONFERIMENTO DI UN INCARICO OCCASIONALE

DIPARTIMENTO DI SCIENZE GEOLOGICHE AVVISO DI SELEZIONE PUBBLICA, PER TITOLI E COLLOQUIO, PER IL CONFERIMENTO DI UN INCARICO OCCASIONALE DIPARTIMENTO DI SCIENZE GEOLOGICHE L.go S. Leonardo Murialdo 1 00146 Roma Cod. Fiscale e P.IVA 04400441004 Tel. 39+6+54888.096 fax 39+6+54888.209 AVVISO DI SELEZIONE PUBBLICA, PER TITOLI E COLLOQUIO, PER

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEL PERSONALE E PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI PROFESSIONALI

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEL PERSONALE E PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI PROFESSIONALI REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEL PERSONALE E PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI PROFESSIONALI (adottato ai sensi dell articolo 18, comma 2, del Decreto Legge n. 112/2008, convertito in Legge n. 133/2008)

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEL PERSONALE DIPENDENTE E PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI PROFESSIONALI E COLLABORAZIONI

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEL PERSONALE DIPENDENTE E PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI PROFESSIONALI E COLLABORAZIONI REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEL PERSONALE DIPENDENTE E PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI PROFESSIONALI E COLLABORAZIONI SEZIONE I Disposizioni generali Art.1 Finalità La società Terme di Recoaro SpA

Dettagli

P. 18, 112/2008, 6 2008, 133) 98 00019 0774/31991 0774/3199219-23 10.000,00 10511931007 C.C.I.A.A.

P. 18, 112/2008, 6 2008, 133) 98 00019 0774/31991 0774/3199219-23 10.000,00 10511931007 C.C.I.A.A. VERSIONE DEFINITIVA TIVOLI FORMA S.r.l. Unipersonale Società partecipata dal Comune di Tivoli C.F.P. A. Rosmini Sede legale: 00019 Tivoli Viale Mannelli n. 9 Capitale Sociale 10.000,00 i.v. R.E.A. n. 1238379

Dettagli

AMGA Legnano SpA Regolamento per il reclutamento del personale

AMGA Legnano SpA Regolamento per il reclutamento del personale AMGA Legnano SpA Regolamento per il reclutamento del personale INDICE 1. INTRODUZIONE... 3 1.1 PRINCIPI GENERALI... 3 2. AMBITO DI APPLICAZIONE... 4 2.1 IN GENERALE... 4 2.2 ESCLUSIONI... 4 3. PUBBLICITÀ

Dettagli

REGOLAMENTO RELATIVO ALLA GESTIONE DELLA DOTAZIONE ORGANICA ED ALLE MODALITÀ DI REPERIMENTO DELLE RISORSE PROFESSIONALI.

REGOLAMENTO RELATIVO ALLA GESTIONE DELLA DOTAZIONE ORGANICA ED ALLE MODALITÀ DI REPERIMENTO DELLE RISORSE PROFESSIONALI. REGOLAMENTO RELATIVO ALLA GESTIONE DELLA DOTAZIONE ORGANICA ED ALLE MODALITÀ DI REPERIMENTO DELLE RISORSE PROFESSIONALI. PREMESSA L Azienda speciale consortile COeSO Consorzio per la gestione delle politiche

Dettagli

Sviluppo Investimenti Territorio s.r.l.

Sviluppo Investimenti Territorio s.r.l. 161/13 Sviluppo Investimenti Territorio s.r.l. Regolamento per l affidamento di incarichi professionali a soggetti esterni Sommario Articolo 1 Oggetto del Regolamento... 2 Articolo 2 Presupposti e limiti...

Dettagli

COMUNE DI TERMINI IMERESE ( Provincia di Palermo)

COMUNE DI TERMINI IMERESE ( Provincia di Palermo) COMUNE DI TERMINI IMERESE ( Provincia di Palermo) Concorso Pubblico per titoli ed esami al Ragioniere Generale Cat. D3. posto di Funzionario Contabile Vice Il Dirigente del Settore Affari Generali e Personale

Dettagli

MODIFICA AL REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO AI SENSI DELL ART. 24 DELLA LEGGE 240/2010

MODIFICA AL REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO AI SENSI DELL ART. 24 DELLA LEGGE 240/2010 MODIFICA AL REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO AI SENSI DELL ART. 24 DELLA LEGGE 240/2010 Emanato con D.R. n. 12097 del 5.6.2012 Pubblicato all Albo Ufficiale dell Ateneo

Dettagli

PER PROCEDURA VALUTAZIONE COMPARATIVA PER AFFIDAMENTO A TERZI ESTRANEI ALL UNIVERSITA

PER PROCEDURA VALUTAZIONE COMPARATIVA PER AFFIDAMENTO A TERZI ESTRANEI ALL UNIVERSITA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI PARTHENOPE DIPARTIMENTO GIURIDICO AVVISO PUBBLICO PER PROCEDURA VALUTAZIONE COMPARATIVA PER AFFIDAMENTO A TERZI ESTRANEI ALL UNIVERSITA DI UN INCARICO DI COLLABORAZIONE

Dettagli

REGOLAMENTO ASSUNZIONI

REGOLAMENTO ASSUNZIONI REGOLAMENTO ASSUNZIONI CRITERI E MODALITÀ DI RECLUTAMENTO DEL PERSONALE UNIACQUE S.P.A. Sede Legale: via E. Novelli 11, 24122 Bergamo Sede Amministrativa: via Malpaga 22, 24050 Ghisalba (BG) tel. +39 0363

Dettagli

IL RETTORE DECRETA REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO AI SENSI DELL ART. 24 DELLA LEGGE 30 DICEMBRE 2010, N.

IL RETTORE DECRETA REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO AI SENSI DELL ART. 24 DELLA LEGGE 30 DICEMBRE 2010, N. Decreto n. 11397 IL RETTORE VISTA la Legge 9 maggio 1989, n. 168; VISTO lo Statuto dell Università degli Studi di Milano Bicocca; VISTI gli artt. 24 e 29, comma 11, lettera c) della Legge 30 dicembre 2010,

Dettagli

POLITECNICO DI BARI Direzione Servizi Interni Ufficio Concorsi e Supplenze

POLITECNICO DI BARI Direzione Servizi Interni Ufficio Concorsi e Supplenze POLITECNICO DI BARI Direzione Servizi Interni Ufficio Concorsi e Supplenze D.R. n. 299. IL RETTORE VISTA la Legge n. 168 del 09/05/1989; VISTA la Legge n. 245 del 07/08/1990, ed in particolare l art. 8,

Dettagli

Rep.405/2015 Prot. 29680-VII/16 del 16/6/2015 L UNIVERSITÀ CA FOSCARI VENEZIA - DIPARTIMENTO DI ECONOMIA

Rep.405/2015 Prot. 29680-VII/16 del 16/6/2015 L UNIVERSITÀ CA FOSCARI VENEZIA - DIPARTIMENTO DI ECONOMIA AVVISO DI PROCEDURA COMPARATIVA PER L INDIVIDUAZIONE DI UNA RISORSA PER LO SVOLGIMENTO DELL ATTIVITÀ DI SCRITTURA DI TESTI E RACCOLTA DI MATERIALE PER LO SVILUPPO DI CONTENUTI DI UN APP PER SMARTPHONE

Dettagli

E M A N A ART. 1 (OGGETTO - FINALITA' - REQUISITI)

E M A N A ART. 1 (OGGETTO - FINALITA' - REQUISITI) Pagina 1 di 5 il D.P.R. 11.7.1980, N. 382; VISTA la Legge 9.5.1989, n. 168, concernente l'istituzione del Ministero dell'università e della Ricerca Scientifica e Tecnologica; VISTA la Legge 19.11.1990,

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE DI NATURA OCCASIONALE O COORDINATA E CONTINUATIVA

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE DI NATURA OCCASIONALE O COORDINATA E CONTINUATIVA REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE DI NATURA OCCASIONALE O COORDINATA E CONTINUATIVA Art. 1 Oggetto, finalità e ambito di applicazione 1. Il presente Regolamento disciplina

Dettagli

REGOLAMENTO SUL RECLUTAMENTO E LA SELEZIONE DEL PERSONALE DIPENDENTE

REGOLAMENTO SUL RECLUTAMENTO E LA SELEZIONE DEL PERSONALE DIPENDENTE REGOLAMENTO SUL RECLUTAMENTO E LA SELEZIONE DEL PERSONALE DIPENDENTE 1 Approvato con delibera del Consiglio di Amministrazione in data 2 maggio 2011 Art. 1 Oggetto CAPO I - DISPOSIZIONI GENERALI Art. 2

Dettagli

Art. 1 ALBO DEI SOGGETTI ACCREDITATI

Art. 1 ALBO DEI SOGGETTI ACCREDITATI REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INCARICHI INDIVIDUALI DI COLLABORAZIONE E CONSULENZA (Adottato con delibera n. 12 del C.d.A. del 22.03.2007 successivamente modificato con delibera n. 4 del C.d.A.

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO E LA SELEZIONE DEL PERSONALE.

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO E LA SELEZIONE DEL PERSONALE. ALGHERO IN HOUSE S.R.L. Unipersonale REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO E LA SELEZIONE DEL PERSONALE. Articolo 1 Oggetto. Il presente regolamento disciplina le modalità di assunzione di personale a tempo

Dettagli

COMUNE DI PARMA DISCIPLINA DEI CRITERI REGOLAMENTARI E PROCEDURALI PER LA MOBILITA ESTERNA DEL PERSONALE

COMUNE DI PARMA DISCIPLINA DEI CRITERI REGOLAMENTARI E PROCEDURALI PER LA MOBILITA ESTERNA DEL PERSONALE Appendice al Regolamento stralcio per l accesso all impiego ed agli incarichi di lavoro COMUNE DI PARMA DISCIPLINA DEI CRITERI REGOLAMENTARI E PROCEDURALI PER LA MOBILITA ESTERNA DEL PERSONALE Approvata

Dettagli

Fondazione Teatro Savoia REGOLAMENTO SUL RECLUTAMENTO E LA SELEZIONE DEL PERSONALE DIPENDENTE

Fondazione Teatro Savoia REGOLAMENTO SUL RECLUTAMENTO E LA SELEZIONE DEL PERSONALE DIPENDENTE Fondazione Teatro Savoia REGOLAMENTO SUL RECLUTAMENTO E LA SELEZIONE DEL PERSONALE DIPENDENTE Approvato con delibera n 15 del Consiglio di Amministrazione in data 08/10/2010 Art. 1 Oggetto CAPO I - DISPOSIZIONI

Dettagli

UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI MILANO - BICOCCA DIPARTIMENTO DI SCIENZE UMANE PER LA FORMAZIONE RICCARDO MASSA

UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI MILANO - BICOCCA DIPARTIMENTO DI SCIENZE UMANE PER LA FORMAZIONE RICCARDO MASSA UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI MILANO - BICOCCA DIPARTIMENTO DI SCIENZE UMANE PER LA FORMAZIONE RICCARDO MASSA PROCEDURA PUBBLICA DI SELEZIONE, PER TITOLI, PER IL CONFERIMENTO DI N. 1 INCARICO PER ATTIVITA

Dettagli

Il Ministro per gli Affari Esteri

Il Ministro per gli Affari Esteri Decreto Ministeriale 16 marzo 2001, n. 032/655, Procedure di selezione ed assunzione di Personale a contratto. DM VISTATO REGISTRATO AL PERSONALE DALL UFFICIO CENTRALE DEL BILANCIO DM n. 032/655 PRESSO

Dettagli

NORME COMUNI E DEFINIZIONI

NORME COMUNI E DEFINIZIONI Regolamento per il conferimento di incarichi di collaborazione a soggetti esterni all Università degli studi di Palermo ai sensi dell art. 7 comma 6 del D.Lgs. 165/2001 emanato con D.R. 449 del 27.2.2013

Dettagli

Regolamento dei Corsi di Master Universitario di I e di II livello. Articolo 1. Finalità

Regolamento dei Corsi di Master Universitario di I e di II livello. Articolo 1. Finalità Articolo 1. Finalità 1. Il presente regolamento disciplina l istituzione, l attivazione e il funzionamento dei corsi di perfezionamento scientifico e di alta formazione permanente e ricorrente successivi

Dettagli

SISTEMA DI VALUTAZIONE E SELEZIONE DEL PERSONALE DELL ENTE

SISTEMA DI VALUTAZIONE E SELEZIONE DEL PERSONALE DELL ENTE SISTEMA DI VALUTAZIONE E SELEZIONE DEL PERSONALE DELL ENTE AI FINI DELLE PROGRESSIONI VERTICALI DI CUI ALL ART. 4 DEL CCNL 31 MARZO 1999 PREMESSA 1. Il presente regolamento disciplina il sistema di valutazione

Dettagli

Art. 4 Procedura concorsuale pubblica per assunzioni di personale dall esterno Posizione economica B1 Posizione economica B3,

Art. 4 Procedura concorsuale pubblica per assunzioni di personale dall esterno Posizione economica B1 Posizione economica B3, 1 Regolamento di Ateneo disciplinante i procedimenti di selezione ed assunzione del personale tecnico ed amministrativo dell'università degli Studi di Catanzaro Art. 1 Ambito di applicazione e definizione

Dettagli

Università di Pisa DOTTORATO IN LETTERATURE STRANIERE MODERNE (INGLESE, FRANCESE, SPAGNOLO, TEDESCO) REGOLAMENTO

Università di Pisa DOTTORATO IN LETTERATURE STRANIERE MODERNE (INGLESE, FRANCESE, SPAGNOLO, TEDESCO) REGOLAMENTO Università di Pisa DOTTORATO IN LETTERATURE STRANIERE MODERNE (INGLESE, FRANCESE, SPAGNOLO, TEDESCO) REGOLAMENTO Art. 1 Istituzione del Corso di Dottorato di Ricerca Il corso di Dottorato di Ricerca in

Dettagli