REGOLAMENTO ELETTORALE 2014 Per la XII^ Assemblea Provinciale di CNA Padova

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "REGOLAMENTO ELETTORALE 2014 Per la XII^ Assemblea Provinciale di CNA Padova"

Transcript

1 REGOLAMENTO ELETTORALE 2014 Per la XII^ Assemblea Provinciale di CNA Padova ASSOCIATI E DIRITTO DI VOTO Hanno diritto a partecipare alla XII^ Assemblea della CNA - Associazione artigiani di Padova tutti gli associati in regola con il versamento della quota associativa per il 2013 e i nuovi associati del 2014 fino al 31 luglio, con l esclusione di coloro che entro la data dell Assemblea abbiano disdetto il rapporto associativo. Presso la sede provinciale dell Associazione sono depositati gli elenchi degli associati divisi per sezione territoriale e per categoria di appartenenza. Sulla base di questi elenchi verrà organizzata l attività congressuale. LE ASSEMBLEE DI SEZIONE E DI CATEGORIA Nel periodo compreso tra il 1 settembre e il 12 ottobre 2014 sulla base di un programma definito provincialmente si svolgeranno le riunioni di tutti gli associati convocati alle seguenti Assemblee di sezione: 1. Padova Nord 2. Padova Sud 3. Roncaglia 4. Selvazzano 5. Padova Est 6. Cittadella 7. S.Martino di Lupari 8. Piombino Dese 9. Este 10. Montagnana 11. Monselice 12. Conselve 13. Piove di Sacco 14. Solesino Per quanto riguarda le Unioni, considerato che la Cna di Padova ha scelto di continuare a valorizzare le articolazioni settoriali, pur all interno delle Unioni, si procederà alla convocazione in forma separata delle seguenti assemblee di categoria: 1. Abbigliamento Pelle Cuoio 2. Falegnami mobilieri serramentisti restauratori 3. Edili lavorazioni stradali - affini 4. impiantisti manutentori impianti 5. Artistico - tradizionale 6. tipografi fotografi- terziario avanzato 7. meccanica di produzione 8. trasporto merci

2 9. trasporto persone 10. riparatori auto 11. acconciatura-estetica 12. alimentaristi 13. odontotecnici 14. tintolavanderie A tali Assemblee saranno invitati tutti gli iscritti di ciascuna sezione o Unione. Le Assemblee saranno aperte da una relazione del Presidente in carica contenente i principali punti di attività svolta, la presentazione dei temi congressuali e le indicazioni e le proposte per la futura attività. Alle Assemblee potrà essere prevista la presenza di rappresentanti delle Istituzioni, del mondo politico e delle organizzazioni economiche e sindacali. Esaurita la discussione sindacale, l Assemblea determina il numero dei componenti del futuro Comitato direttivo tenendo conto di un giusto equilibrio con il numero degli iscritti complessivi alla sezione. Per quanto riguarda le Assemblee di categoria esse determineranno il numero dei componenti del Comitato Direttivo della categoria. Per quanto riguarda i Consigli provinciali di Unione plurisettoriali si stabilisce che essi saranno composti dai Presidenti dei Comitati Direttivi di categoria. Al fine di valorizzare il ruolo delle donne imprenditrici dovrà essere riservata particolare cura nella promozione delle candidature femminili. CANDIDATURE Nel corso delle Assemblee di sezione e di settore tutti gli associati interessati a svolgere un ruolo di dirigente ai vari livelli dell Associazione possono presentare per iscritto su apposito modulo la loro candidatura. Coloro che, per motivi giustificati, non potessero partecipare all Assemblea possono presentare la loro candidatura alla sezione o alla categoria sia per posta sia consegnandola personalmente. Verrà così formata una lista di candidati in ordine alfabetico, che dovrà comunque essere superiore al numero dei componenti del Comitato direttivo o, qualora fosse superiore, al numero dei delegati da eleggere nella Assemblea provinciale. Per quanto riguarda i delegati all Assemblea provinciale il loro numero è determinato secondo un rapporto di 1 ogni 60 iscritti (o frazioni superiori a 50) per le sezioni territoriali e di 1 ogni 70 iscritti (o frazioni superiori a 60) per le categorie. A conclusione di ogni Assemblea di sezione dovranno inoltre essere nominati fino a tre artigiani scrutatori, scelti fra i non candidati, che con il Segretario e il Presidente uscente costituiranno il Comitato di seggio che organizzerà la successiva fase elettorale. Al termine dei lavori verrà steso un verbale sottoscritto dal Presidente e dal Segretario. PREPARAZIONE AL VOTO Entro il 13 ottobre dovranno pervenire alla Presidenza provinciale i verbali di tutte le Assemblee, le liste dei candidati e le proposte di candidatura per verificarne la regolarità. Completata la fase di verifica, agli associati aventi diritto al voto verrà per tempo spedita per posta o anche attraverso l uso della posta elettronica una busta contenente: a - invito al voto e spiegazione delle modalità di espressione del voto; b - elenco dei candidati per il Comitato direttivo di sezione;

3 c - elenco dei candidati per il Comitato direttivo di categoria. Qualunque associato che, per disguidi di varia natura, non ricevesse l invito al voto, può comunque ricevere informazioni presso le sedi territoriali ed esercitare il diritto di voto. Per l organizzazione dei seggi dovranno inoltre: 1 - essere predisposti tabulati degli associati aventi diritto al voto divisi per sezioni territoriali e per categoria; 2 - essere predisposte le schede elettorali contenenti l elenco dei candidati di norma in ordine alfabetico e con l indicazione della sede dell attività; su ogni scheda verrà inoltre chiaramente indicato il numero massimo di preferenze da esprimere; 3 - essere predisposte 2 urne per ciascuna sezione; 4 - essere distribuiti alle sezioni territoriali i tabulati degli iscritti all Associazione, le schede e le urne per contenerle; IL VOTO Nelle giornate tra il 10 e il 14 novembre si costituiscono presso tutte le sezioni territoriali i seggi elettorali composti dal Presidente di sezione uscente, dal Segretario e dagli scrutatori nominati dall Assemblea di sezione. I seggi rimangono aperti dalle 9.00 alle Ciascun associato, qualora appartenga ad uno dei settori organizzati, vota a scrutinio segreto su due schede. Ciascun associato ha diritto di esprimere su ciascuna lista un numero di preferenze pari, al massimo, al numero dei componenti del futuro Comitato Direttivo di sezione e di categoria o, qualora fosse superiore, al numero dei delegati da eleggere nell Assemblea provinciale. Gli associati appartenenti a categorie non organizzate hanno diritto di voto solo per il Comitato Direttivo di sezione. Il voto non può essere espresso per delega conferita a terzi né per posta o altri strumenti di comunicazione. L avvenuta espressione di voto da parte degli associati dovrà essere progressivamente annotata sul tabulato contenente la lista degli aventi diritto al voto a cura del segretario del seggio. Alla chiusura dei seggi inizia lo spoglio delle schede per il Comitato Direttivo di sezione e per i relativi delegati all Assemblea provinciale, mentre le schede per i Comitati Direttivi di categoria e per i relativi delegati all Assemblea provinciale vengono consegnate alla Presidenza provinciale che provvede allo spoglio nella giornata successiva. Al termine si redige un verbale. Per il Comitato Direttivo di sezione risultano eletti i candidati che hanno riportato il numero maggiore di preferenze fino al numero massimo dei componenti il Comitato determinato da ciascuna Assemblea. Risultano eletti delegati all Assemblea Provinciale gli stessi candidati al Comitato direttivo che hanno riportato il numero maggiore di preferenze fino al numero massimo dei delegati spettanti a ciascuna sezione o categoria. A parità di voti risulta eletto il più giovane in età. Per quanto riguarda i Consigli provinciali delle categorie risultano eletti i candidati che hanno ottenuto il maggior numero di voti limitatamente al numero di componenti determinato per ciascun settore Nel caso in cui un candidato risultasse eletto all Assemblea Provinciale sia dalla sezione che dal settore, dovrà entro 5 giorni dal completamento dello spoglio delle schede, rinunciare ad uno dei mandati ricevuti; gli subentrerà in qualità di delegato il primo dei candidati non eletti.

4 Allo stesso modo, qualora un componente di diritto dell Assemblea fosse delegato o dalla sezione o dalla categoria di appartenenza, deve rinunciare a tale mandato. ELEZIONE PRESIDENTI DI SEZIONE E CATEGORIA Successivamente alle giornate di voto i candidati eletti nei Comitati direttivi di sezione verranno convocati per la elezione del Presidente che sarà scelto tra gli stessi componenti. A tale riunione potranno essere invitati anche altri associati, ma senza diritto di voto. Analogamente si procederà, per la elezione dei presidenti dei Comitati Direttivi delle categorie, secondo un calendario concordato per impedire sovrapposizioni. Se il nuovo Presidente non risultasse tra i delegati alla Assemblea provinciale egli vi parteciperà ugualmente come componente di diritto. XII^ASSEMBLEA PROVINCIALE Partecipanti Come componenti di diritto parteciperanno all Assemblea provinciale: - il Presidente provinciale uscente; - i Presidenti delle sezioni territoriali e delle categorie e il Presidente di Cna Pensionati. Come componenti eletti parteciperanno all Assemblea provinciale: - i delegati delle Sezioni e delle categorie; - 20 pensionati eletti dall Assemblea provinciale di Cna Pensionati. Collegio elettorale L Assemblea all inizio dei suoi lavori provvede ad eleggere nel suo seno un Collegio elettorale composto da 3 membri che non possono candidarsi nè alla carica di Presidente provinciale nè a quella di membro della Presidenza provinciale. Il Collegio elegge nel suo seno un Presidente e si avvale per il lavoro di organizzazione elettorale della collaborazione di dipendenti dell Associazione delegati dal Segretario provinciale. Scopo di tale Collegio è quello di raccogliere tutte le candidature a Presidente Provinciale, a componente la Presidenza provinciale e a componente la Direzione provinciale, presentate secondo le modalità di seguito esposte; inoltre il Collegio verifica le condizioni di ammissibilità e sovrintende alle operazioni di voto. Presentazione delle candidature a) Candidature per la Direzione Provinciale. Ogni componente dell Assemblea sia imprenditore che pensionato può presentare la propria candidatura per l elezione nella Direzione provinciale compilando l apposito modulo e consegnandolo al Collegio Elettorale. Il numero dei componenti da eleggere è fissato in 10 persone. L Assemblea deciderà se la votazione per l elezione di questi 10 componenti avverrà a scrutinio segreto o per voto palese; nel primo caso le candidature dovranno essere in numero superiore a quello degli eletti. Il voto segreto deve altrimenti essere chiesto dal 20% dell assemblea. La candidatura per la Direzione Provinciale è incompatibile con quella per la carica di Presidente o di componente la Presidenza Non possono candidarsi per la quota elettiva neppure i Presidenti di sezione o di categoria componenti di diritto della Direzione provinciale. b) Candidature per la carica di Presidente Provinciale

5 Ogni componente l Assemblea, con una anzianità di iscrizione alla Cna Associazione di Padova di almeno 5 anni può avanzare la propria candidatura a Presidente provinciale a partire dal settimo giorno antecedente la data della Assemblea. Tale candidatura dovrà comunque essere presentata al Collegio elettorale all apertura dei lavori dell Assemblea su un apposito modulo, che deve contenere: 1) il programma del candidato; 2) l indicazione nominativa di uno o più Vicepresidenti e dei componenti la Presidenza provinciale entro il limite massimo di 9; 3) le firme di sostegno di un numero di componenti l Assemblea pari almeno al 20 % dei suoi membri aventi diritto al voto. I candidati alla carica di componente della Presidenza provinciale non possono essere tra i firmatari sostenitori del candidato presidente. Ciascun delegato non può essere presente in più di una lista di candidati alla Presidenza provinciale, nè può firmare per sostenere più di un candidato Presidente. Il voto e gli eletti Il Collegio elettorale, raccolte tutte le candidature e verificatane l ammissibilità, predispone due liste, la prima contenente i candidati a Presidente provinciale con la relativa lista di candidati per la Presidenza provinciale, la seconda contenente i candidati per la Direzione provinciale e le sottopone al voto dell Assemblea. Per l elezione del Presidente provinciale il voto dell Assemblea avviene in forma segreta. Sulla scheda per l elezione del Presidente provinciale ciascun componente l Assemblea ha diritto di esprimere una sola preferenza che vale contemporaneamente per l elezione del Presidente, della Presidenza e per l approvazione del programma proposto. Sulla eventuale scheda per la Direzione provinciale ciascun componente ha diritto di esprimere un numero di preferenze fino al numero massimo di membri da eleggere (10). Si procede prima alla votazione del Presidente provinciale e alla sua proclamazione e poi alla votazione della quota elettiva (10) di componenti della Direzione provinciale e alla loro proclamazione. Risulta eletto Presidente provinciale il candidato che ha ottenuto il maggior numero di preferenze. Risultano eletti nella Direzione provinciale i candidati che hanno ottenuto il maggior numero di preferenze fino al numero massimo di componenti da eleggere. In caso di parità viene eletto il più giovane in età. Prima del termine dei lavori la Presidenza formula alla Assemblea una proposta nominativa per i delegati alla Assemblea regionale e la sottopone al voto palese dell Assemblea.

Dal REGOLAMENTO GRUPPO GIUDICI GARE - 3/11/2016. Art. 7 - Le Assemblee Elettive

Dal REGOLAMENTO GRUPPO GIUDICI GARE - 3/11/2016. Art. 7 - Le Assemblee Elettive Dal REGOLAMENTO GRUPPO GIUDICI GARE - 3/11/2016 Art. 7 - Le Assemblee Elettive Procedure di convocazione 7.1 - Le Assemblee Elettive vengono svolte unicamente a livello provinciale e sono convocate per

Dettagli

Unione Rugby Capitolina a.s.d. Approvato nell assemblea del [REGOLAMENTO ELETTORALE DELLA UNIONE RUGBY CAPITOLINA A.S.D.

Unione Rugby Capitolina a.s.d. Approvato nell assemblea del [REGOLAMENTO ELETTORALE DELLA UNIONE RUGBY CAPITOLINA A.S.D. 2013 Unione Rugby Capitolina a.s.d. Approvato nell assemblea del 5..11.2013 [REGOLAMENTO ELETTORALE DELLA UNIONE RUGBY CAPITOLINA A.S.D.] 1. Premessa Il presente documento è considerato regolamento interno

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ELEZIONE DEI DELEGATI AL 1 CONGRESSO U.S.T. - CISL IRPINIASANNIO

REGOLAMENTO PER L ELEZIONE DEI DELEGATI AL 1 CONGRESSO U.S.T. - CISL IRPINIASANNIO REGOLAMENTO PER L ELEZIONE DEI DELEGATI AL 1 CONGRESSO U.S.T. - CISL IRPINIASANNIO Art. 1 Il Congresso della CISL del territorio IRPINIASANNIO si svolgerà nei giorni 7 e 8 marzo 2013 ad Avellino presso

Dettagli

LEGA NAVALE ITALIANA SEZIONE DI

LEGA NAVALE ITALIANA SEZIONE DI LEGA NAVALE ITALIANA SEZIONE DI A TUTTI I SOCI DELLA SEZIONE DI E, per conoscenza DELEGATO REGIONALE Argomento: Convocazione Assemblea elettiva rinnovo Organi Collegiali. Riferimento fg. n. del della Presidenza

Dettagli

FEDERAZIONE ITALIANA AMATORI SPORT PER TUTTI

FEDERAZIONE ITALIANA AMATORI SPORT PER TUTTI FEDERAZIONE ITALIANA AMATORI SPORT PER TUTTI Membro della Federazione Internazionale Sport Popolari - IVV REGOLAMENTO APPLICATIVO NORME PER LE VOTAZIONI approvato dal Consiglio Federale a Mantova il 28.04.2007

Dettagli

PROCEDURE ELETTORALI 2.(Giunta Regionale e Presidente) CANDIDATURE

PROCEDURE ELETTORALI 2.(Giunta Regionale e Presidente) CANDIDATURE PROCEDURE ELETTORALI 2.(Giunta Regionale e Presidente) CANDIDATURE Tutti coloro che intendono concorrere alla carica di Presidente o di componente di Giunta Regionale devono presentare la propria formale

Dettagli

REGOLAMENTO ELETTORALE SISTEMA DI ELEZIONE PER LA RAPPRESENTANZA DELLE IMPRESE ASSOCIATE E DEI LAVORATORI ASSOCIATI IN ASSEMBLEA

REGOLAMENTO ELETTORALE SISTEMA DI ELEZIONE PER LA RAPPRESENTANZA DELLE IMPRESE ASSOCIATE E DEI LAVORATORI ASSOCIATI IN ASSEMBLEA REGOLAMENTO ELETTORALE SISTEMA DI ELEZIONE PER LA RAPPRESENTANZA DELLE IMPRESE ASSOCIATE E DEI LAVORATORI ASSOCIATI IN ASSEMBLEA 1. Indizione delle elezioni Almeno tre mesi prima della scadenza del mandato

Dettagli

Associazione Pro Loco Calciano ( Matera)

Associazione Pro Loco Calciano ( Matera) Associazione Pro Loco Calciano ( Matera) R E G O L A M E N T O PER IL FUNZIONAMENTO DELL ASSOCIAZIONE Il presente regolamento disciplina il funzionamento dell associazione Pro Loco di Calciano in attuazione

Dettagli

REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELLE ASSEMBLEE ASSOCIAZIONE REGIONALE ALLEVATORI DELL EMILIA ROMAGNA

REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELLE ASSEMBLEE ASSOCIAZIONE REGIONALE ALLEVATORI DELL EMILIA ROMAGNA REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELLE ASSEMBLEE ASSOCIAZIONE REGIONALE ALLEVATORI DELL EMILIA ROMAGNA 1 DIRITTO DI VOTO NELLA ASSEMBLEA PARZIALE DELLE SEZIONI PROVINCIALI ALLEVATORI (SPA) 1) In caso di allevamenti

Dettagli

REGOLAMENTO ELETTORALE

REGOLAMENTO ELETTORALE REGOLAMENTO ELETTORALE Prevaer Fondo Pensione REGOLAMENTO ELETTORALE Elezione dei rappresentanti dei lavoratori per la costituzione o rinnovo dell Assemblea. 1. Indizione delle elezioni Almeno due mesi

Dettagli

Gilda degli Insegnanti

Gilda degli Insegnanti Regolamento regionale della Gilda degli Insegnanti [Approvato dall'assemblea regionale di Padova del 27 gennaio 2007] Art. 1 Finalità a. Le Gilde degli insegnanti delle province, in coerenza con lo Statuto

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ELEZIONE DELLE CARICHE ASSOCIATIVE DELL ASSOCIAZIONE DI PROMOZIONE SOCIALE FONDAZIONE TARAS 706 A.C.

REGOLAMENTO PER L ELEZIONE DELLE CARICHE ASSOCIATIVE DELL ASSOCIAZIONE DI PROMOZIONE SOCIALE FONDAZIONE TARAS 706 A.C. REGOLAMENTO PER L ELEZIONE DELLE CARICHE ASSOCIATIVE DELL ASSOCIAZIONE DI PROMOZIONE SOCIALE FONDAZIONE TARAS 706 A.C. Art. 1 Indizione delle elezioni 1. Il Consiglio Direttivo convoca l Assemblea degli

Dettagli

REGOLAMENTO PER LE ASSEMBLEE E PER LE ELEZIONI DELLE CARICHE SOCIALI

REGOLAMENTO PER LE ASSEMBLEE E PER LE ELEZIONI DELLE CARICHE SOCIALI REGOLAMENTO PER LE ASSEMBLEE E PER LE ELEZIONI DELLE CARICHE SOCIALI Art. 1 Il presente regolamento disciplina lo svolgimento delle Assemblee ordinarie e straordinarie e le modalità di elezione delle cariche

Dettagli

UNIONE REGIONALE DELLA TOSCANA

UNIONE REGIONALE DELLA TOSCANA Regolamento per lo svolgimento dei Congressi dei Circoli, delle Unioni Comunali e dei Coordinamenti Territoriali, ai sensi dell art 12 del Regolamento per l elezione del Segretario e dell Assemblea Nazionale,

Dettagli

nella nostra forza la tua libertà

nella nostra forza la tua libertà nella nostra forza la tua libertà 3-4-5 MARZO 2015 1 13 gennaio 2015 Annuncio delle elezioni e contestuale inizio della procedura elettorale 14 gennaio 2015 Le amministrazioni rendono disponibile l elenco

Dettagli

ASSOCIAZIONE ITALIANA ALLENATORI CALCIO

ASSOCIAZIONE ITALIANA ALLENATORI CALCIO ASSOCIAZIONE ITALIANA ALLENATORI CALCIO Gruppo Provinciale STATUTO PROVINCIALE Art. 1 Organizzazione e scopi Sul territorio dello Stato Italiano, l'associazione Italiana Allenatori Calcio si organizza

Dettagli

Regolamento per l elezione del Segretario e dell'assemblea dell Unione provinciale di Ferrara, dei Segretari e dei Comitati direttivi di Circolo

Regolamento per l elezione del Segretario e dell'assemblea dell Unione provinciale di Ferrara, dei Segretari e dei Comitati direttivi di Circolo Visti: l articolo 15 dello Statuto nazionale del Partito Democratico; l articolo 11 dello Statuto regionale del PD dell Emilia-Romagna; l articolo 16 del Regolamento per l elezione del Segretario e dell

Dettagli

COMUNE DI RAVENNA ACCADEMIA DI BELLE ARTI REGOLAMENTO PER L ELEZIONE DELLA CONSULTA DEGLI STUDENTI. per il triennio

COMUNE DI RAVENNA ACCADEMIA DI BELLE ARTI REGOLAMENTO PER L ELEZIONE DELLA CONSULTA DEGLI STUDENTI. per il triennio REGOLAMENTO PER L ELEZIONE DELLA CONSULTA DEGLI STUDENTI per il triennio 2013 2016 Art.1 Oggetto del Regolamento 1. Il presente Regolamento disciplina le elezioni della Consulta degli Studenti. 2. La Consulta

Dettagli

REGOLAMENTO ELEZIONE ORGANI PRO LOCO RAGOGNA

REGOLAMENTO ELEZIONE ORGANI PRO LOCO RAGOGNA REGOLAMENTO ELEZIONE ORGANI PRO LOCO RAGOGNA Consiglio di Amministrazione Presidente Giunta Esecutiva Revisori dei Conti Collegio dei Probiviri Articolo 1 L Associazione Pro Loco Ragogna, con sede legale

Dettagli

ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI DI CAGLIARI (Circoscrizioni dei Tribunali Cagliari e Lanusei)

ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI DI CAGLIARI (Circoscrizioni dei Tribunali Cagliari e Lanusei) ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI DI CAGLIARI (Circoscrizioni dei Tribunali Cagliari e Lanusei) REGOLAMENTO PER L ELEZIONE DEL COLLEGIO DEI REVISORI O DEL REVISORE UNICO Approvato

Dettagli

REGOLAMENTO ELEZIONI PRESIDENZIALI

REGOLAMENTO ELEZIONI PRESIDENZIALI Nel nome di Dio il Clemente, il Misericordioso REGOLAMENTO ELEZIONI PRESIDENZIALI 23-25 Ottobre 2015 Art. 1 CONVOCAZIONE ELEZIONI Le elezioni del Presidente e Direttivo vengono convocate ogni 2 anni a

Dettagli

Regolamento Congressi provinciali e di circolo Unione Regionale Abruzzo

Regolamento Congressi provinciali e di circolo Unione Regionale Abruzzo Regolamento Congressi provinciali e di circolo Unione Regionale Abruzzo Art. 1 Convocazione dei congressi 1. Le Assemblee di circolo per l elezione dei segretari provinciali e dei coordinatori di circolo

Dettagli

VERBALE GENERALE DEL CONGRESSO DI CIRCOLO

VERBALE GENERALE DEL CONGRESSO DI CIRCOLO Elezione del Segretario e degli organi direttivi di Mod. Congresso Regione. Provincia/Territoriale. Comune. Indirizzo.. VERBALE GENERALE DEL CONGRESSO DI CIRCOLO Il giorno alle ore convocata ai sensi dell

Dettagli

PROMEMORIA PER LE ASSOCIAZIONI Sulle normative da seguire per le Assemblee Elettive Provinciali e Territoriali

PROMEMORIA PER LE ASSOCIAZIONI Sulle normative da seguire per le Assemblee Elettive Provinciali e Territoriali PROMEMORIA PER LE ASSOCIAZIONI Sulle normative da seguire per le Assemblee Elettive Provinciali e Territoriali Ricordiamo che da quest anno, in vista delle prossime assemblee elettive, le Unioni Regionali

Dettagli

ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI SALERNO. Commissione Raggruppamento Donne Ingegneri

ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI SALERNO. Commissione Raggruppamento Donne Ingegneri ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI SALERNO Commissione Raggruppamento Donne Ingegneri REGOLAMENTO COMMISSIONE RAGGRUPPAMENTO DONNE INGEGNERI TITOLO PRIMO COSTITUZIONE E SCOPI Art. 1 Costituzione

Dettagli

Fondo Pensione PREVILABOR Via Milazzo, 17/G BOLOGNA

Fondo Pensione PREVILABOR Via Milazzo, 17/G BOLOGNA Fondo Pensione PREVILABOR Via Milazzo, 17/G - 40121 BOLOGNA Iscrizione all Albo dei Fondi Pensione N 1092 3 maggio 2000 Tel. 051 242009 - Fax 051 4214183 - E-Mail previlabor@previlabor.it REGOLAMENTO PER

Dettagli

GIOVEDI 23 APRILE 2015 alle ore 19,30 presso il Centro Didattico Fondazione F.lli Navarra Via Provinciale, 15/b GUALDO di Voghiera (FE)

GIOVEDI 23 APRILE 2015 alle ore 19,30 presso il Centro Didattico Fondazione F.lli Navarra Via Provinciale, 15/b GUALDO di Voghiera (FE) Consorzio Produttori Aglio di Voghiera Sede legale: Viale B. Buozzi, 12/b 44019 Voghiera (FE) Sede operativa e ufficio amministrativo: c/o Centro Didattico Fondazione F.lli Navarra Via Provinciale, 15/b

Dettagli

PROVINCIA DI CATANZARO. Legge 56/14 Elezioni 2014: scadenze e adempimenti

PROVINCIA DI CATANZARO. Legge 56/14 Elezioni 2014: scadenze e adempimenti PROVINCIA DI CATANZARO Legge 56/14 Elezioni 2014: scadenze e adempimenti 1 Sono eleggibili a consigliere provinciale i sindaci e i consiglieri comunali in carica, nonché, limitatamente alle prime elezioni,

Dettagli

FORUM DELLE ASSOCIAZIONI FAMILIARI DE LAZIO REGOLAMENTO

FORUM DELLE ASSOCIAZIONI FAMILIARI DE LAZIO REGOLAMENTO FORUM DELLE ASSOCIAZIONI FAMILIARI DE LAZIO REGOLAMENTO Art. 1 Sede legale e sede operativa 1.1 La sede legale e operativa è in Roma, via in Miranda n. 1. 1.2 Per motivate esigenze l Assemblea dei Soci,

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE OPERAZIONI PRECONGRESSUALI

REGOLAMENTO DELLE OPERAZIONI PRECONGRESSUALI ALLEGATO A Unione Cattolica Italiana Insegnanti, Dirigenti, Educatori, Formatori XXV CONGRESSO NAZIONALE LA COSTITUZIONE FONTE DI CONVIVENZA CIVILE Roma, 19-22 gennaio 2017 REGOLAMENTO DELLE OPERAZIONI

Dettagli

Azione Cattolica Italiana - Diocesi di Firenze

Azione Cattolica Italiana - Diocesi di Firenze REGOLAMENTO ASSEMBLEA DIOCESANA TRIENNALE ELETTIVA E convocata per il giorno 16 Febbraio 2014 alle ore 9,00 presso..in Firenze, l Assemblea triennale elettiva di cui dall art. 8 comma 8 e segg. dell Atto

Dettagli

OGGETTO: CONVOCAZIONE ASSEMBLEA PROVINCIALE ELETTIVA CAGLIARI e CARBONIA-IGLESIAS

OGGETTO: CONVOCAZIONE ASSEMBLEA PROVINCIALE ELETTIVA CAGLIARI e CARBONIA-IGLESIAS Alla cortese attenzione dei Presidenti dei CSB Provincie di Cagliari, Carbonia Iglesias Cagliari, 31 luglio 2013 OGGETTO: CONVOCAZIONE ASSEMBLEA PROVINCIALE ELETTIVA CAGLIARI e CARBONIA-IGLESIAS E convocata

Dettagli

C a m p a n i a. REGOLAMENTO PER L ELEZIONE DELLE SAS E DEI DELEGATI AL IV CONGRESSO REGIONALE CISL Funzione Pubblica Campania

C a m p a n i a. REGOLAMENTO PER L ELEZIONE DELLE SAS E DEI DELEGATI AL IV CONGRESSO REGIONALE CISL Funzione Pubblica Campania C a m p a n i a REGOLAMENTO PER L ELEZIONE DELLE SAS E DEI DELEGATI AL IV CONGRESSO REGIONALE CISL Funzione Pubblica Campania Approvato dal Consiglio Generale Napoli, 3 dicembre 2012 1 TITOLO I Congresso

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ELEZIONE DEL CONSIGLIO DIRETTIVO DEL GRUPPO UFFICIALI DI GARA

REGOLAMENTO PER L ELEZIONE DEL CONSIGLIO DIRETTIVO DEL GRUPPO UFFICIALI DI GARA REGOLAMENTO PER L ELEZIONE DEL CONSIGLIO DIRETTIVO DEL GRUPPO UFFICIALI DI GARA ART. 1 CONSIGLIO DIRETTIVO 1.1 Il Consiglio Direttivo del Gruppo Ufficiali di gara (GUG) è composto da 7 Ufficiali di Gara:

Dettagli

Ordine dei Dottori commercialisti e degli Esperti Contabili di Rieti

Ordine dei Dottori commercialisti e degli Esperti Contabili di Rieti Ordine dei Dottori commercialisti e degli Esperti Contabili di Rieti Il Consiglio dell Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili di Rieti VISTA la legge 24 febbraio 2005 n. 34, VISTO

Dettagli

Regolamento Gruppo Strutture Portanti e Prefabbricati per l Edilizia

Regolamento Gruppo Strutture Portanti e Prefabbricati per l Edilizia Regolamento Gruppo Strutture Portanti e Prefabbricati per l Edilizia Articolo 1 - Costituzione E costituito, nell ambito di Assolegno - Associazione di settore di Federlegno-Arredo - con sede presso la

Dettagli

la Direzione Provinciale del PD

la Direzione Provinciale del PD Visti: l articolo 15 dello Statuto nazionale del Partito Democratico; l articolo 11 dello Statuto regionale del PD dell Emilia-Romagna; l articolo 12 del Regolamento per l elezione del Segretario e dell

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE PRIMARIE DEL CENTROSINISTRA PER L INDIVIDUAZIONE DEL CANDIDATO ALLA PRESIDENZA DELLA REGIONE PUGLIA

REGOLAMENTO DELLE PRIMARIE DEL CENTROSINISTRA PER L INDIVIDUAZIONE DEL CANDIDATO ALLA PRESIDENZA DELLA REGIONE PUGLIA REGOLAMENTO DELLE PRIMARIE DEL CENTROSINISTRA PER L INDIVIDUAZIONE DEL CANDIDATO ALLA PRESIDENZA DELLA REGIONE PUGLIA Art. 1 Data di svolgimento delle Primarie di coalizione Le Primarie di coalizione si

Dettagli

Regolamento approvato dalla Segreteria Nazionale Fisac CGIL in data 2/2/15

Regolamento approvato dalla Segreteria Nazionale Fisac CGIL in data 2/2/15 REGOLAMENTO PER ASSEMBLEA COSTITUTIVA COORDINAMENTI AZIENDALI E DI GRUPPO Regolamento approvato dalla Segreteria Nazionale Fisac CGIL in data 2/2/15 Pag. 1/7 1 PREMESSA... 3 2 COMMISSIONE DI GARANZIA...3

Dettagli

Regolamento Congressuale

Regolamento Congressuale 12 CONGRESSO NAZIONALE RIMINI, 16-17 Aprile 2016 Società, Cultura, Formazione, Giovani e Futuro Regolamento Congressuale REGOLAMENTO DEL 12 CONGRESSO NAZIONALE Elezioni del Presidente e del Vice Presidente

Dettagli

R e g o l a m e n t o (approvato con Deliberazione del Consiglio Metropolitano n. 44 del 14/06/2017)

R e g o l a m e n t o (approvato con Deliberazione del Consiglio Metropolitano n. 44 del 14/06/2017) C O N S U L T A M E T R O P O L I T A N A D E L V O L O N T A R I A T O R e g o l a m e n t o (approvato con Deliberazione del Consiglio Metropolitano n. 44 del 14/06/2017) 1 Articolo 1 Dell'istituzione

Dettagli

REGOLAMENTO PER L VIII CONGRESSO DELL AUSER NAZIONALE 20/21/22 MARZO 2013 Approvato dal Comitato Direttivo del

REGOLAMENTO PER L VIII CONGRESSO DELL AUSER NAZIONALE 20/21/22 MARZO 2013 Approvato dal Comitato Direttivo del REGOLAMENTO PER L VIII CONGRESSO DELL AUSER NAZIONALE 20/21/22 MARZO 2013 Approvato dal Comitato Direttivo del 11.10.12 Art.1 Criteri generali Il Comitato Direttivo delibera la convocazione dell VIII Congresso

Dettagli

PARTITO DEMOCRATICO. Unione Regionale Abruzzo. Regolamento per l elezione del Segretario e dell Assemblea Regionale

PARTITO DEMOCRATICO. Unione Regionale Abruzzo. Regolamento per l elezione del Segretario e dell Assemblea Regionale PARTITO DEMOCRATICO Unione Regionale Abruzzo Regolamento per l elezione del Segretario e dell Assemblea Regionale Convocazione e svolgimento delle Convenzioni regionale e provinciali e delle riunioni di

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ELEZIONE DEL CONSIGLIO DIRETTIVO

REGOLAMENTO PER L ELEZIONE DEL CONSIGLIO DIRETTIVO REGOLAMENTO PER L ELEZIONE DEL CONSIGLIO DIRETTIVO (in attuazione dell articolo 18 comma 6 dello Statuto associativo) - approvato dal Consiglio Direttivo il 21 maggio 2012 - Art. 1 Oggetto del Regolamento

Dettagli

Consulta del Volontariato del Comune di Pistoia. Regolamento

Consulta del Volontariato del Comune di Pistoia. Regolamento Consulta del Volontariato del Comune di Pistoia Regolamento Art. 1 ISTITUZIONE E COMPITI DELLA CONSULTA 1. Presso l Amministrazione Comunale di Pistoia è costituita la Consulta del Volontariato. Il Comune

Dettagli

PARTITO DEMOCRATICO. l'assemblea Provinciale del PD di Perugia, riunita in data 26/11/2014, alle ore18 presso Hotel Deco. adotta il seguente

PARTITO DEMOCRATICO. l'assemblea Provinciale del PD di Perugia, riunita in data 26/11/2014, alle ore18 presso Hotel Deco. adotta il seguente PARTITO DEMOCRATICO 1. Visti l'art. 15 dello Statuto nazionale del PD e gli artt. 4 5 dello Statuto regionale del PD Umbria; 2. appresa la necessità di Unioni Comunali e Circoli di sostituire o nominare

Dettagli

ELEZIONI RINNOVO CARICHE 2016

ELEZIONI RINNOVO CARICHE 2016 ELEZIONI RINNOVO CARICHE 2016 Come previsto dallo Statuto FIV, il rinnovo delle cariche FIV centrali e territoriali avviene in tre distinte fasi: 1 FASE: ASSEMBLEA ZONALE DEL 10 SETTEMBRE ROMA In occasione

Dettagli

STATUTO DEL PARTITO POPOLARE DEMOCRATICO TICINESE Sezione di Massagno

STATUTO DEL PARTITO POPOLARE DEMOCRATICO TICINESE Sezione di Massagno STATUTO DEL PARTITO POPOLARE DEMOCRATICO TICINESE Sezione di Massagno I DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1 È costituita, sotto la denominazione di Sezione di Massagno del Partito Popolare Democratico Ticinese

Dettagli

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE

IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE Delibera n. 32/2011, Verbale CdA n. 05/11 Oggetto: approvazione disciplinare elettorale IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE VISTO VISTO il Decreto Legislativo 4 giugno 2003, n. 138 di riordino dell INAF, pubblicato

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ELEZIONE DELLE SAS E DEI DELEGATI AL IV CONGRESSO TERRITORIALE CISL FUNZIONE PUBBLICA SALERNO

REGOLAMENTO PER L ELEZIONE DELLE SAS E DEI DELEGATI AL IV CONGRESSO TERRITORIALE CISL FUNZIONE PUBBLICA SALERNO REGOLAMENTO PER L ELEZIONE DELLE SAS E DEI DELEGATI AL IV CONGRESSO TERRITORIALE CISL FUNZIONE PUBBLICA SALERNO Approvato dal Consiglio Generale all unanimità Salerno, 10 dicembre 2012 1 TITOLO I Congresso

Dettagli

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Progetto per lo sviluppo della riforma istituzionale. LE COMUNITA Elezioni 2015

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Progetto per lo sviluppo della riforma istituzionale. LE COMUNITA Elezioni 2015 PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Progetto per lo sviluppo della riforma istituzionale LE COMUNITA Elezioni 2015 1 LA REVISIONE DELLA LEGGE DI RIFORMA ISTITUZIONALE La riforma della legge provinciale n. 3 del

Dettagli

AICA Associazione Italiana per l'informatica ed il Calcolo Automatico - REGOLAMENTO SEZIONI TERRITORIALI

AICA Associazione Italiana per l'informatica ed il Calcolo Automatico - REGOLAMENTO SEZIONI TERRITORIALI AICA Associazione Italiana per l'informatica ed il Calcolo Automatico - REGOLAMENTO SEZIONI TERRITORIALI Regolamento Sezioni AICA 1/5 INDICE 1. Finalità delle Sezioni Territoriali...3 2. Costituzione di

Dettagli

REGOLAMENTO CONSULTA PROVINCIALE DEL VOLONTARIATO

REGOLAMENTO CONSULTA PROVINCIALE DEL VOLONTARIATO PROVINCIA DI LIVORNO REGOLAMENTO CONSULTA PROVINCIALE DEL VOLONTARIATO Approvato con deliberazione del Consiglio Provinciale n. 224/21.12.2006 In vigore dal 1 febbraio 2007 SOMMARIO Articolo 1 - Compiti

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA PROMOZIONE DEL COMITATO DI PARTECIPAZIONE

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA PROMOZIONE DEL COMITATO DI PARTECIPAZIONE REGOLAMENTO COMUNALE PER LA PROMOZIONE DEL COMITATO DI PARTECIPAZIONE Approvato dal Consiglio Comunale con delibera n 3, del 31.01.2015 Art. 1 Promozione dei Comitato di Partecipazione Il Comune di Menconico,

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI

CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI QUESITI IN MATERIA DI ELEZIONI DEI CONSIGLI DEGLI ORDINI 1. Domanda: agli esperti contabili spetta il diritto di elettorato attivo per le elezioni del Consiglio dell Ordine territoriale? Agli Esperti contabili

Dettagli

PRESIDENTE COMITATO REGIONALE PUGLIA

PRESIDENTE COMITATO REGIONALE PUGLIA PRESIDENTE COMITATO REGIONALE PUGLIA CLAUDIO MELIOTA Via Madonna della Rena 3 70123 BARI Cellulare 348 6038596 Fax: 080 5303257 E-mail: presidente@puglia.fitri.it raccomandata A.R. Ai Presidenti delle

Dettagli

COMUNE DI BELLANTE PROVINCIA DI TERAMO

COMUNE DI BELLANTE PROVINCIA DI TERAMO COMUNE DI BELLANTE PROVINCIA DI TERAMO REGOLAMENTO DEL CENTRO DIURNO ANZIANI COMUNALE Approvato con deliberazione C.C. n. 38 del 24 Settembre 2008 COMUNE di BELLANTE Provincia di Teramo REGOLAMENTO CENTRO

Dettagli

CONSERVATORIO DI MUSICA S. Giacomantonio

CONSERVATORIO DI MUSICA S. Giacomantonio CONSERVATORIO DI MUSICA S. Giacomantonio Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Alta Formazione Artistica Musicale e Coreutica COSENZA REGOLAMENTO DELLE PROCEDURE ELETTORALI PER IL

Dettagli

Regolamento elezioni e votazioni

Regolamento elezioni e votazioni CANTONE DEI GRIGIONI COMUNE DI GRONO Regolamento elezioni e votazioni APPROVATO CON VOTAZIONE POPOLARE IL 22 GIUGNO 2008 22.06.08 COMUNE DI GRONO REGOLAMENTO ELEZIONI E VOTAZIONI Indice I Disposizioni

Dettagli

FEDERAZIONE DI BERGAMO REGOLAMENTO DELL'UNIONE COMUNALE DI BERGAMO

FEDERAZIONE DI BERGAMO REGOLAMENTO DELL'UNIONE COMUNALE DI BERGAMO FEDERAZIONE DI BERGAMO REGOLAMENTO DELL'UNIONE COMUNALE DI BERGAMO Approvato dalla direzione provinciale il 09/04/2016 Titolo I Principi generali Articolo 1. Premessa Fra i circoli territoriali del Partito

Dettagli

COMUNE DI MEDE (Provincia di Pavia) REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DELLE RAGAZZE E DEI RAGAZZI DI MEDE

COMUNE DI MEDE (Provincia di Pavia) REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DELLE RAGAZZE E DEI RAGAZZI DI MEDE COMUNE DI MEDE (Provincia di Pavia) REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DELLE RAGAZZE E DEI RAGAZZI DI MEDE Il Comune di Mede intende difendere i diritti delle bambine, dei bambini, delle ragazze e dei

Dettagli

REGOLAMENTO CONGRESSUALE GIOVANI DEMOCRATICI DELLA LOMBARDIA

REGOLAMENTO CONGRESSUALE GIOVANI DEMOCRATICI DELLA LOMBARDIA II Congresso Nazionale dei Giovani Democratici Giovani Democratici della Lombardia Via Giovanni Battista Pirelli 11, Milano gdlombardia@gmail.com www.gdlombardia.com REGOLAMENTO CONGRESSUALE GIOVANI DEMOCRATICI

Dettagli

REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI

REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI (adottato con Deliberazione del Consiglio comunale n. 93 del 07.11.2001) ART. 1 Nell ambito del programma amministrativo rivolto alla formazione del giovane

Dettagli

PROCEDURE ELETTORALI 1.(Consiglio Regionale) CANDIDATURE

PROCEDURE ELETTORALI 1.(Consiglio Regionale) CANDIDATURE PROCEDURE ELETTORALI 1.(Consiglio Regionale) CANDIDATURE Tutti coloro che intendono concorrere alla carica di componente del Consiglio Regionale in rappresentanza di Atleti, Tecnici sportivi, degli Enti

Dettagli

REGOLAMENTO DEL MOVIMENTO GIOVANI PADANI LEGA NORD - LEGA LOMBARDA approvato dal Consiglio Nazionale del 4 settembre 2015

REGOLAMENTO DEL MOVIMENTO GIOVANI PADANI LEGA NORD - LEGA LOMBARDA approvato dal Consiglio Nazionale del 4 settembre 2015 REGOLAMENTO DEL MOVIMENTO GIOVANI PADANI LEGA NORD - LEGA LOMBARDA approvato dal Consiglio Nazionale del 4 settembre 2015 Art. 1 - Scopo Il Movimento dei Giovani Padani della Nazione, altresì definito

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA ELEZIONE DEI DELEGATI DEI LAVORATORI ASSOCIATI IN SENO ALL ASSEMBLEA DEL FONDO PERSEO SIRIO

REGOLAMENTO PER LA ELEZIONE DEI DELEGATI DEI LAVORATORI ASSOCIATI IN SENO ALL ASSEMBLEA DEL FONDO PERSEO SIRIO REGOLAMENTO PER LA ELEZIONE DEI DELEGATI DEI LAVORATORI ASSOCIATI IN SENO ALL ASSEMBLEA DEL FONDO PERSEO SIRIO 1. Indizione delle elezioni Le elezioni per la costituzione dell Assemblea dei Delegati sono

Dettagli

REGOLAMENTO sulla GOVERNANCE

REGOLAMENTO sulla GOVERNANCE REGOLAMENTO sulla GOVERNANCE REGOLAMENTO sulla GOVERNANCE Art. 1 Gli organi sociali della Cooperativa sono quelli previsti dalla legge e dallo Statuto. Tali organi sono: a) l Assemblea dei Soci b) il Consiglio

Dettagli

VERBALE ELEZIONE EQUIPE VICARIALE TRIENNIO 2017/2020

VERBALE ELEZIONE EQUIPE VICARIALE TRIENNIO 2017/2020 VICARIATO DI Data / / VERBALE ELEZIONE EQUIPE VICARIALE TRIENNIO 2017/2020 In data odierna si è riunita l Assemblea vicariale elettiva. Partecipano regolarmente alle votazioni le seguenti associazioni

Dettagli

COMUNE DI PALU PROVINCIA DI VERONA REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI

COMUNE DI PALU PROVINCIA DI VERONA REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI COMUNE DI PALU PROVINCIA DI VERONA REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI Allegato alla deliberazione di Consiglio comunale n. 20 del 07/05/2012 Art.1 Generalità e Finalità

Dettagli

FEDERAZIONE GINNASTICA D ITALIA COMITATO REGIONALE LOMBARDIA FEDERAZIONE SPORTIVA NAZIONALE RICONOSCIUTA DAL CONI

FEDERAZIONE GINNASTICA D ITALIA COMITATO REGIONALE LOMBARDIA FEDERAZIONE SPORTIVA NAZIONALE RICONOSCIUTA DAL CONI FEDERAZIONE GINNASTICA D ITALIA COMITATO REGIONALE LOMBARDIA FEDERAZIONE SPORTIVA NAZIONALE RICONOSCIUTA DAL CONI Prot.n. 205/2016 ODF/rg Milano, 18 Ottobre 2016 A TUTTE LE ASSOCIAZIONI DI GINNASTICA FEDERATE

Dettagli

Presentazione della lista R.S.U. GILDA-UNAMS ISTRUZIONI. (a cura di Rino Di Meglio e Michela Gallina)

Presentazione della lista R.S.U. GILDA-UNAMS ISTRUZIONI. (a cura di Rino Di Meglio e Michela Gallina) Presentazione della lista R.S.U. GILDA-UNAMS 2015 ISTRUZIONI (a cura di Rino Di Meglio e Michela Gallina) INDICE 1. Presentazione delle liste 2. Il presentatore 3. Firme di presentazione 4. Candidati 5.

Dettagli

REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI

REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI COMUNE DI DOLIANOVA PROVINCIA DI CAGLIARI ASSESSORATOALLE POLITICHE SOCIALI SCUOLA MEDIA STATALE E. ZUDDAS REGOLAMENTO DEL CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI (Approvato con delibera C.C. N. 1 del 18/01/05)

Dettagli

CONSULTA DEL VOLONTARIATO PER I SERVIZI SOCIO- ASSISTENZIALI Proposta di Regolamento

CONSULTA DEL VOLONTARIATO PER I SERVIZI SOCIO- ASSISTENZIALI Proposta di Regolamento CONSULTA DEL VOLONTARIATO PER I SERVIZI SOCIO- ASSISTENZIALI Proposta di Regolamento Art. 1 Istituzione Il Comune di Acireale riconosce e valorizza la funzione sociale del volontariato, quale espressione

Dettagli

DELIBERAZIONE DELCONSIGLIO DIRETTIVO DEL COLLEGIO DEI PERITI INDUSTRIALI E DEI PERITI INDUSTRIALI LAUREATI DELLA PROVINCIA DI FORLI - CESENA

DELIBERAZIONE DELCONSIGLIO DIRETTIVO DEL COLLEGIO DEI PERITI INDUSTRIALI E DEI PERITI INDUSTRIALI LAUREATI DELLA PROVINCIA DI FORLI - CESENA DELIBERAZIONE DELCONSIGLIO DIRETTIVO DEL COLLEGIO DEI PERITI INDUSTRIALI E DEI PERITI INDUSTRIALI LAUREATI DELLA PROVINCIA DI FORLI - CESENA SEDUTA DEL 04/04/2002 REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO del Consiglio

Dettagli

CASSA DI PREVIDENZA ED ASSISTENZA A FAVORE DEI RAGIONIERI E PERITI COMMERCIALI REGOLAMENTO ELETTORALE TITOLO I ELEZIONE DEL COMITATO DEI DELEGATI

CASSA DI PREVIDENZA ED ASSISTENZA A FAVORE DEI RAGIONIERI E PERITI COMMERCIALI REGOLAMENTO ELETTORALE TITOLO I ELEZIONE DEL COMITATO DEI DELEGATI CASSA DI PREVIDENZA ED ASSISTENZA A FAVORE DEI RAGIONIERI E PERITI COMMERCIALI REGOLAMENTO ELETTORALE TITOLO I ELEZIONE DEL COMITATO DEI DELEGATI Art. 1 (Indizione delle elezioni) 1. Le elezioni hanno

Dettagli

AIPA BRESCIA BERGAMO REGOLAMENTI PER IL RINNOVO DELLE CARICHE SOCIALI

AIPA BRESCIA BERGAMO REGOLAMENTI PER IL RINNOVO DELLE CARICHE SOCIALI AIPA BRESCIA BERGAMO REGOLAMENTI PER IL RINNOVO DELLE CARICHE SOCIALI 2015-2019 REGOLAMENTO PER LA NOMINA DEI DELEGATI ALL'ASSEMBLEA GENERALE A norma dello Statuto i delegati all'assemblea Generale dell'aipa

Dettagli

Segreteria di Stato per il Lavoro, la Cooperazione e le Politiche Giovanili

Segreteria di Stato per il Lavoro, la Cooperazione e le Politiche Giovanili In ottemperanza a quanto previsto dall art. 10 della Legge n. 91 del 30 luglio 2007, su proposta della con delega per, viene emanato il seguente Regolamento che disciplina l organizzazione ed il funzionamento

Dettagli

Regolamento Elettorale Unificato

Regolamento Elettorale Unificato Regolamento Elettorale Unificato per l'elezione delle rappresentanze negli organi Aprile 2007 1/7 ART. 1 INDIZIONE DELLE ELEZIONI Le elezioni sono indette dal rettore con decreto affisso all albo dell

Dettagli

Regolamento del Consiglio comunale dei ragazzi e delle ragazze

Regolamento del Consiglio comunale dei ragazzi e delle ragazze Regolamento del Consiglio comunale dei ragazzi e delle ragazze Art. 1 Finalità 1.Allo scopo di favorire la partecipazione dei ragazzi e delle ragazze alla vita collettiva ed istituzionale, ai sensi dell

Dettagli

REGOLAMENTO ELETTORALE DI COOPERLAVORO

REGOLAMENTO ELETTORALE DI COOPERLAVORO REGOLAMENTO ELETTORALE DI COOPERLAVORO SEZIONE 1 ELEZIONE DEI DELEGATI DEI DATORI DI LAVORO ASSOCIATI IN SENO ALL ASSEMBLEA 1) Indizione delle elezioni Almeno quattro mesi prima della scadenza del mandato

Dettagli

REGOLAMENTO ELETTORALE

REGOLAMENTO ELETTORALE REGOLAMENTO ELETTORALE APPROVATO DAL CONSIGLIO NAZIONALE IN DATA 12 MARZO 2014 ASSOCIAZIONE ITALIANA SOMMELIER costituita il 7 luglio 1965 e riconosciuta con D.P.R. in data 6/4/1973 n.539 20125 MILANO

Dettagli

REGOLAMENTO CONFERENZA DEI COMUNI DELL AMBITO TERRITORIALE OTTIMALE DELLA PROVINCIA DI BRESCIA

REGOLAMENTO CONFERENZA DEI COMUNI DELL AMBITO TERRITORIALE OTTIMALE DELLA PROVINCIA DI BRESCIA All. 1 alla Deliberazione della Conferenza dei Comuni n. 1 del 20.06.2011 CONFERENZA DEI COMUNI DELL AMBITO TERRITORIALE OTTIMALE DELLA PROVINCIA DI BRESCIA REGOLAMENTO REGOLAMENTO DELLA CONFERENZA DEI

Dettagli

CAPO I Convocazione delle elezioni

CAPO I Convocazione delle elezioni Testo del documento allegato al decreto del Presidente del Consiglio regionale 18 dicembre 2007, n. 120, coordinato con le successive modifiche apportate con decreto del Presidente del Consiglio regionale

Dettagli

CONSIGLIO COMUNALE DELLE RAGAZZE E DEI RAGAZZI

CONSIGLIO COMUNALE DELLE RAGAZZE E DEI RAGAZZI COMUNE DI DESIO Provincia di Monza e Brianza CONSIGLIO COMUNALE DELLE RAGAZZE E DEI RAGAZZI Approvato dal Consiglio Comunale con atto n. in data IL SINDACO IL SEGRETARIO GENERALE Regolamento del Consiglio

Dettagli

5 settembre 2016 CHIARIMENTI IN MATERIA DI ELEZIONI DEI CONSIGLI DEGLI ORDINI

5 settembre 2016 CHIARIMENTI IN MATERIA DI ELEZIONI DEI CONSIGLI DEGLI ORDINI CHIARIMENTI IN MATERIA DI ELEZIONI DEI CONSIGLI DEGLI ORDINI 5 settembre 2016 1. Come si procede ad identificare il numero di professionisti che compongono il Consiglio dell Ordine? E successivamente come

Dettagli

ELEZIONI COMUNALI 2016 Votazione domenica 5 giugno Calendario delle operazioni elettorali

ELEZIONI COMUNALI 2016 Votazione domenica 5 giugno Calendario delle operazioni elettorali ELEZIONI COMUNALI 2016 Votazione domenica 5 giugno 2016 Calendario delle operazioni elettorali Dal 90 GIORNO ANTECEDENTE ALLA VOTAZIONE (7 marzo 2016) Giorno dal quale è possibile usufruire dell aliquota

Dettagli

OPERAZIONI ELETTORALI

OPERAZIONI ELETTORALI OPERAZIONI ELETTORALI Si riportano di seguito alcune indicazioni per facilitare le operazioni preliminari in occasione delle Assemblee Territoriali di prossima celebrazione. 1 DELEGATI Per quanto concerne

Dettagli

Circolare n. 19 Cagliari, IL DIRIGENTE SCOLASTICO

Circolare n. 19 Cagliari, IL DIRIGENTE SCOLASTICO Circolare n. 19 Cagliari, 05.10.2016 Ai Genitori degli alunni di Scuola Primaria e dell Infanzia Al personale Docente Al personale ATA All albo Al sito web Agli atti Oggetto: Rinnovo Consiglio d Istituto

Dettagli

Regolamento Elettorale Uni.C.A. UniCredit Cassa Assistenza

Regolamento Elettorale Uni.C.A. UniCredit Cassa Assistenza Regolamento Elettorale Uni.C.A. UniCredit Cassa Assistenza In applicazione dell art.12 dello Statuto di Uni.C.A., 2 comma, 7 alinea, il Consiglio di Amministrazione, in adunanza del 23 ottobre 2007, ha

Dettagli

COMUNE DI ARTEGNA PROVINCIA DI UDINE

COMUNE DI ARTEGNA PROVINCIA DI UDINE COMUNE DI ARTEGNA PROVINCIA DI UDINE REGOLAMENTO COMUNALE DELLA CONSULTA GIOVANILE Approvato con delibera di C.C. n. 33 del 15/10/2015 1 Articolo 1 - Istituzioni e scopi 1.E istituita dal Comune di Artegna

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL CONGRESSO REGIONALE 2017 ARTICOLO 1. (Convocazione del procedimento elettorale)

REGOLAMENTO PER IL CONGRESSO REGIONALE 2017 ARTICOLO 1. (Convocazione del procedimento elettorale) REGOLAMENTO PER IL CONGRESSO REGIONALE 2017 ARTICOLO 1 (Convocazione del procedimento elettorale) 1. La Convenzione Regionale del Partito Democratico è convocata in una data compresa tra mercoledì 15 e

Dettagli

SECONDO CONGRESSO MOVIMENTO PANSESSUALE ~ Regolamento ~

SECONDO CONGRESSO MOVIMENTO PANSESSUALE ~ Regolamento ~ SECONDO CONGRESSO MOVIMENTO PANSESSUALE ~ Regolamento ~ Articolo 1 Convocazione È convocato il Congresso del Comitato territoriale Arcigay MOVIMENTO PANSESSUALE in prima convocazione per il giorno 18/10/2015

Dettagli

REGOLAMENTO ELETTORALE PER L ELEZIONE O, LIMITATAMENTE AI DATORI DI LAVORO, LA DESIGNAZIONE DEI DELEGATI COSTITUENTI L ASSEMBLEA DI FOPADIVA

REGOLAMENTO ELETTORALE PER L ELEZIONE O, LIMITATAMENTE AI DATORI DI LAVORO, LA DESIGNAZIONE DEI DELEGATI COSTITUENTI L ASSEMBLEA DI FOPADIVA REGOLAMENTO ELETTORALE PER L ELEZIONE O, LIMITATAMENTE AI DATORI DI LAVORO, LA DESIGNAZIONE DEI DELEGATI COSTITUENTI L ASSEMBLEA DI FOPADIVA Fondo Pensione Complementare per i Lavoratori Dipendenti della

Dettagli

Regolamento per la selezione della candidatura alla carica di Presidente della Regione Basilicata

Regolamento per la selezione della candidatura alla carica di Presidente della Regione Basilicata Regolamento per la selezione della candidatura alla carica di Presidente della Regione Basilicata PRIMARIE PER IL CANDIDATO A PRESIDENTE DELLA REGIONE DEL CENTROSINISTRA I valori dell uguaglianza, della

Dettagli

FAC SIMILE VERBALI PER A.S.D.

FAC SIMILE VERBALI PER A.S.D. FAC SIMILE VERBALI PER A.S.D. sul sito www.figt.it è quindi necessario confrontarlo con lo Statuto registrato dalla vostra Asd e nel caso adeguarlo. VERBALE DI RIUNIONE DEL CONSIGLIO DIRETTIVO Associazione

Dettagli

Coordinamenti municipali di Roma città

Coordinamenti municipali di Roma città Coordinamenti municipali di Roma città Scritto da Agatino Grillo, agatino.grillo@gmail.com il 26 settembre 2014 1 IN SINTESI... 1 2 GLI ORGANISMI DEL COORDINAMENTO MUNICIPALE... 2 2.1 L ASSEMBLEA MUNICIPALE...

Dettagli

Regolamento per le elezioni primarie del candidato del centrosinistra a sindaco di Firenze per le elezioni amministrative del 2009

Regolamento per le elezioni primarie del candidato del centrosinistra a sindaco di Firenze per le elezioni amministrative del 2009 Regolamento per le elezioni primarie del candidato del centrosinistra a sindaco di Firenze per le elezioni amministrative del 2009 Articolo 1 (Premessa) 1. Il presente Regolamento disciplina nel Comune

Dettagli

REGOLAMENTO CONGRESSUALE PER L ELEZIONE DELL ASSEMBLEA PROVINCIALE, DEL SEGRETARIO PROVINCIALE, DEI COORDINAMENTI E DEI SEGRETARI DI CIRCOLO

REGOLAMENTO CONGRESSUALE PER L ELEZIONE DELL ASSEMBLEA PROVINCIALE, DEL SEGRETARIO PROVINCIALE, DEI COORDINAMENTI E DEI SEGRETARI DI CIRCOLO REGOLAMENTO CONGRESSUALE PER L ELEZIONE DELL ASSEMBLEA PROVINCIALE, DEL SEGRETARIO PROVINCIALE, DEI COORDINAMENTI E DEI SEGRETARI DI CIRCOLO DELLA FEDERAZIONE PROVINCIALE DI COMO Approvato dalla Direzione

Dettagli

Presidenza nazionale ACLI. Dipartimento Sviluppo Associativo REGOLAMENTI ACLI. 1. Regolamento delle Strutture di base

Presidenza nazionale ACLI. Dipartimento Sviluppo Associativo REGOLAMENTI ACLI. 1. Regolamento delle Strutture di base Presidenza nazionale ACLI Dipartimento Sviluppo Associativo REGOLAMENTI ACLI 1. Regolamento delle Strutture di base 2. Regolamento delle Strutture provinciali 3. Regolamento delle Strutture regionali 4.

Dettagli

Statuto del Partito Popolare Democratico Sezione PPD di Savosa

Statuto del Partito Popolare Democratico Sezione PPD di Savosa Statuto del Partito Popolare Democratico Sezione PPD di Savosa Denominazione, scopi e appartenenza Art. 1 Con la denominazione "Partito Popolare Democratico Sezione PPD di Savosa", è costituita con sede

Dettagli