Databases relazionali e architetture dei RDBMS

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Databases relazionali e architetture dei RDBMS"

Transcript

1 A01 87

2

3 Salvatore Sessa Ferdinando Di Martino Michele Giordano Databases relazionali e architetture dei RDBMS Introduzione ai databases relazionali e all uso di Access

4 Copyright MMVI ARACNE editrice S.r.l. via Raffaele Garofalo, 133 A/B Roma (06) ISBN I diritti di traduzione, di memorizzazione elettronica, di riproduzione e di adattamento anche parziale, con qualsiasi mezzo, sono riservati per tutti i Paesi. Non sono assolutamente consentite le fotocopie senza il permesso scritto dell Editore. I edizione: maggio 2006

5 Indice 1 Lebasididati Lebasididati Lebasididatirelazionali Algebrarelazionale Unione Intersezione Differenza Prodotto Selezione Proiezione Joinnaturale Viste Indici Relational Database Management System (RDBMS) RDBMS Architettura LefunzionalitàdelDBA Architetture client/server FunzionidiDataWarehouse Modelli concettuali e logici. Riduzioni in forma normale Modelli concettuali e logici IldiagrammaEntità/Relazioni Organizzazionedeidati Leformenormali PrimaFormanormale SecondaFormanormale Terzaformanormale Quartaformanormale Laprogettazionelogicadeidati... 40

6 VI Indice 4 Il linguaggio SQL IllinguaggioSQL DDL(DataDefinitionLanguage) CREATETABLE ALTERTABLE DROPTABLE AltricomandiDDL DML(DataManipulationLanguage) Il comando SELECT IlcomandoINSERT IlcomandoUPDATE Il comando DELETE Uso del RDBMS ACCESS IltoolMICROSOFTACCESS Letabelle Lacreazioneditabelle Leformenormali Relazionitratabelle Le relazioni tra tabelle in MICROSOFT ACCESS La gestione dei records in MICROSOFT ACCESS UsodelleQueryinMICROFOSTACCESS CreareQueryconQBE LeQueryinMICROSOFTACCESS Esempid usodigriglieqbe Querydiselezione Queryacampiincrociati Querydiaggiornamento Query di accodamento Querydieliminazione Maschere Creazioneemodificadellemaschere Autocomposizione creazione maschere Creare una maschera in visualizzazione struttura Icontrollidellemaschere Intestazioni, sezioni dei dettagli, piè di pagina Altritipidimaschere Impostazionidelleproprietà Proprietàdellaformattazione Proprietàbarrediscorrimento Proprietàabilitazioneebloccodeicontrolli Ricercaedordinamentodeidati Ordinamento rapido nel campo di una maschera

7 Indice VII Utilizzodeifiltriinbaseamaschera Stampadellemaschere Report Impieghideireport Nuovo report utilizzando Autocomposizione Nuovo report in Visualizzazione Struttura Criteri di protezione del database Protezionidiaccesso Utentiegruppi Riferimenti bibliografici

8

9 Introduzione Questo libro deve essere visto come una introduzione ai RDBMS (Relational Data Base Management System) che è un tool software corredato da funzionalità che permettono la gestione corretta e completa di database relazionali. Il libro è organizzato in nove capitoli. I primi quattro Capitoli sono dedicati, nell ordine, ai concetti matematici fondamentali di basi di dati, alle architetture dei RDBMS, alla progettazione logica dei dati ed al linguaggio SQL. I secondi cinque Capitoli sono dedicati ad una introduzione all uso di MICROSOFT ACCESS e trattano, nell ordine, delle tabelle e loro relazioni, della creazione di diversi tipi di query, delle maschere, dei report e dei criteri di protezione. Napoli, aprile 2006 Gli Autori Salvatore Sessa Ferdinando Di Martino Michele Giordano

10

11 1 Le basi di dati 1.1 Le basi di dati Per sistema informativo si intende quel sistema che permette la disponibilità e la gestione delle informazioni. L esistenza di un sistema informativo è indipendente dalla sua automazione; lo dimostra il fatto che archivi e servizi anagrafici esistono da vari secoli. Le informazioni possono essere scambiate in varie forme e modalità. Per gestire un complesso corposo e integrato di informazioni, è nata l esigenza di individuare opportune codifiche per la memorizzazione dei dati. Nei sistemi informativi le informazioni vengono rappresentate per mezzo di dati che hanno bisogno di essere interpretate. Una base di dati consiste genericamente in una collezione di dati utilizzati per rappresentare le informazioni di interesse per un sistema informativo. Ogni struttura (ad esempio una banca, una compagnia d assicurazioni, un azienda) possiede una propria base di dati che aggiorna con una certa frequenza. Inoltre, quando viene introdotta una nuova procedura occorre anzitutto ereditare (= importare) i dati dalla vecchia procedura con le necessarie trasformazioni. Questa caratteristica di stabilità porta ad affermare che i dati costituiscono una risorsa per l organizzazione che li gestisce, un patrimonio significativo da sfruttare e proteggere. Le normative attuali in fatto di privacy e tutela delle basi di dati lo dimostrano. Sebbene la gestione dei dati abbia catalizzato, fin dalla nascita dell informatica, l attenzione delle applicazioni, solo negli anni settanta nascono linguaggi specificatamente dedicati alla gestione dei dati. L approccio convenzionale alla gestione dei dati consiste nello sfruttare la presenza di archivi o file da memorizzare in modo persistente sulla memoria di massa. Tale approccio presenta due seri problemi: la ricerca dei dati e la loro condivisione. Infatti con una simile metodologia di lavoro, ogni utente lavora con la propria copia locale dei dati e quindi con i relativi problemi di ridondanza e di incoerenza. Le basi di dati sono state concepite per ovviare ad inconvenienti di questo tipo.

12 2 1 Le basi di dati Un sistema di gestione di basi di dati, detto DBMS (Data Base Management System) è un sistema software in grado di: gestire grandi quantità di dati, permetterne la condivisione e assicurarne la persistenza; assicurare la loro affidabilità e privatezza. Una base di dati è una collezione di dati gestita da un DBMS. Quindi, un DBMS si occupa di gestire basi di dati: di grandi dimensioni: un DBMS deve essere in grado di gestire memorie secondarie; condivise: un DBMS deve permettere a più utenti di accedere contemporaneamente ai dati comuni. Per controllare l accesso condiviso di più utenti il DBMS dispone di un meccanismo apposito, detto controllo di concorrenza; affidabili: un DBMS deve garantire l integrità dei dati anche in caso di malfunzionamento hardware e software, prevedendo almeno procedure di recupero dei dati. I DBMS forniscono, per tali scopi, procedure di salvataggio e ripristino della base di dati (backup e recovery); con criteri di privatezza: i DBMS gestiscono un sistema di autorizzazioni che definisce i diritti di ciascun utente ( amministratore, lettura, scrittura su archivi, ecc.). Un modello di dati è un approccio formale utilizzato per organizzare i dati e descriverne la struttura in modo che essa risulti comprensibile ad un elaboratore. Ogni modello di dati fornisce meccanismi di strutturazione, analoghi ai costruttori di tipo dei linguaggi di programmazione, che permettono di definire nuovi tipi sulla base di tipi elementari predefiniti. Il modello relazionale dei dati permette di definire tipi per mezzo del costruttore di relazione, che consente di organizzare i dati in insiemi di record a struttura fissa o righe. Una relazione viene spesso rappresentata mediante una tabella in cui le righe rappresentano specifici record e le colonne corrispondono ai campi dei record. Esistono, oltre al modello relazionale, altri modelli di database quali: il modello gerarchico in cui i dati sono strutturati su base gerarchica; il modello reticolare in cui i dati sono strutturati in forma reticolare; il modello ad oggetti che utilizza i principi del paradigma object oriented. Tutti i modelli di basi di dati sono costituiti da una parte che rimane invariata nel tempo, detta schema, e da una parte, costituita dai valori effettivi, detta istanza. Esiste una proposta di struttura standardizzata per i DBMS articolata su tre livelli, detti esterno, logico e interno; per ciascun livello esiste uno schema:

13 1.2 Le basi di dati relazionali 3 lo schema logico (o concettuale), che costituisce la descrizione dell intera base di dati secondo il modello logico adottato (relazionale o gerarchico o reticolare od a oggetti); lo schema interno (o fisico), che costituisce la rappresentazione dello schema logico per mezzo di strutture fisiche di memorizzazione; lo schema esterno, che costituisce la descrizione di una porzione della base di dati di interesse utilizzando viste (views), in base alle esigenze di visualizzazione dell utente. L architettura, così definita, garantisce l indipendenza della progettazione logica dei dati da quella fisica ed esterna. In particolare: l indipendenza fisica consente di interagire con il DBMS in modo indipendente dalla struttura fisica dei dati. In base a questa proprietà, è possibile modificare le strutture fisiche senza influire sulle descrizioni dei dati ad alto livello e quindi sui programmi che utilizzano i dati stessi; l indipendenza logica consente di interagire con il livello esterno della base di dati in modo indipendente dal livello logico, in modo che l utente possa non avere conoscenza dello schema logico del database. 1.2 Le basi di dati relazionali Il modello relazionale pone i suoi fondamenti nell algebra relazionale. Il modello relazionale risponde al requisito dell indipendenza del modello logico da quello fisico. Gli utenti di database relazionale interagiscono solo col livello logico e quindi non è necessario che essi conoscano le strutture fisiche della base di dati. Questo requisito è responsabile del successo del modello relazionale rispetto ai DBMS reticolare e gerarchico che obbligavano gli utilizzatori a conoscerne, almeno a grandi linee, la struttura realizzativa. In insiemistica una relazione è legata al concetto di prodotto cartesiano tra due insiemi. Il prodotto cartesiano D 1 D 2 di due insiemi D 1 e D 2 è l insieme delle coppie ordinate (v 1,v 2 ) tale che v 1 èunelementodid 1 e v 2 èunelementodid 2.Unarelazionebinaria è un sottoinsieme del prodotto cartesiano di due insiemi, detti domini della relazione. Estendendo il concetto di prodotto cartesiano D 1 D 2... D n di n insiemi, una relazione è costituita da un sottoinsieme di D 1 D 2... D n. Ad esempio, dati due insiemi A, B dove A = {1, 2, 3} e B = {h, k}, il prodotto cartesiano è uguale all insieme A B = {(1,h), (2,h), (3,h), (1,k), (2,k), (3,k)} mentre una relazione possibile è {(1,h), (1,k), (3,h)}.

14 4 1 Le basi di dati Come ulteriore esempio,consideriamo tre insiemi A, B, C dove A = {1, 2, 3}, B = {h, k}, C = {SI,NO} una relazione possibile è: {(1,h,SI), (1,k,NO), (2,k,NO), (3,h,SI)} che costituisce un sottoinsieme del prodotto cartesiano A B C, formato da tre elementi o 3-ple ordinate. Il numero n degli insiemi che compongono il prodotto cartesiano è detto grado del prodotto cartesiano e della relazione. Il numero delle n-ple della relazione è detta cardinalità della relazione. Una relazione è un insieme di n-ple ordinate in quanto l i-esimo valore di ogni n-pla appartiene all esimo insieme (o dominio) del prodotto cartesiano. Adesso si consideri la relazione LAUREATI relativa agli studenti di un corso di laurea che hanno superato l esame di laurea. LAUREATI= (Rossi, Giulio, 1033, 10/10/1970, 11/04/1995), (Bianchi, Laura, 1034, 30/12/1970,23/11/1995), (Verdi, Ernesto, 1037, 04/08/1970,18/05/1994) con LAUREATI COGNOME NOME MATRICOLA DATA DATA. Il dominio data compare due volte nel prodotto cartesiano indicando la data di nascita e la data di laurea. Per facilitare il riferimento ai domini della relazione, è necessario definire un applicazione dom: A D tra la qualifica del dominio o attributo e il dominio stesso. Considerando l esempio precedente, si ha: dom(cognome) = Cognome dom(nome) = Nome dom(numero di Matricola) = Matricola dom(data Nascita) = Data dom(data Laurea) = Data Mediante tale funzione, è possibile associare a ogni occorrenza del dominio della relazione un attributo univoco che qualifica il ruolo del dominio. Una n-pla può allora essere definita come un insieme di n-ple di coppie (attributo, valore) e non più come una lista ordinata di valori. Ad esempio, la prima n-pla della relazione LAUREATI può essere definita come: (Cognome,Rossi), (Nome,Giulio),(Matricola, 1033), (Data Nascita, 10/10/1970), (Data Laurea, 11/04/1995). Le relazioni possono, quindi, essere identificate da n-ple, in cui l elemento è individuato tramite posizione oppure tramite i suoi attributi. Le tabelle nascono dall esigenza di rappresentare visivamente le relazioni presentandole in una forma più facilmente comprensibile. Le righe della tabella rappresentano le n-ple mentre le colonne ne rappresentano gli attributi o i campi. É importante chiarire che in una relazione

15 1.2 Le basi di dati relazionali 5 non vi è alcun ordinamento fra le n-ple che la compongono; nelle tabelle che la rappresentano, l ordine c è per necessità, ma è occasionale in quanto due tabelle con le stesse righe, ma in ordine diverso, rappresentano la stessa relazione. Inoltre le n-ple di una relazione sono distinte l una dall altra, in quanto tra gli elementi di un insieme non possono essere presenti due elementi uguali; da cui si deduce che una tabella può rappresentare una relazione solo se le righe che la formano sono diverse l una dall altra. Un importante caratteristica dei sistemi relazionali è la gestione dei valori nulli o ignoti; è possibile assegnare un valore nullo ad un attributo di una riga di una tabella. Tale valore è detto null. Ad esempio, si prenda la Tabella 1.1 (STUDENTI), i cui campi rappresentano, oltre al numero di matricola, i voti ottenuti relativamente ai singoli esami. Matricola Inglese Francese Spagnolo 0015 NULL 28 NULL NULL NULL Le quattro istanze della relazione sono rappresentate come quattro record della tabella STUDENTI. I valori NULL, presenti in alcuni campi, stanno a significare o che lo studente non ha ancora effettuato l esame oppure che lo studente ha terminato i corsi senza superare l esame. In ogni caso, un dato NULL indica un valore non noto oppure inesistente. In un sistema relazionale è anche necessario prevedere se un attributo di una tabella può assumere un valore nullo oppure sapere che tale valore debba essere certo. Una ulteriore caratteristica dei database relazionali sono i vincoli di integrità, che permettono di rispettare rigidamente le regole di integrità logica del database. I vincoli di integrità si dividono in: vincoli intra relazionali, che impongono vincoli interni alle relazioni (ad esempio, il sesso di un impiegato può assumere solo i valori M ed F, il cognome non può assumere valore nullo, ecc.) vincoli extra relazionali, che impongono vincoli tra le relazioni (ad e- sempio, il valore del campo dipartimento della tabella IMPIEGATI deve essere compreso nell insieme dei valori del campo dipartimento della tabella DIPARTIMENTI). Un vincolo intra relazionale, al contrario di quello extra relazionale, trova il suo soddisfacimento rispetto alle singole relazioni del DBMS; esso può essere suddiviso in: vincolo di n-pla: esso impone condizioni sui valori della singola n-pla indipendentemente da quelli assunti dalle altre n-ple (ad esempio, il campo lode della tabella ESAME può essere pari a SI solo se il campo voto è pari a 30).

16 6 1 Le basi di dati vincolo su valori, ovincolo di dominio: esso impone che il valore di un campo della tabella deve rientrare in determinate caratteristiche (ad esempio, il voto di un esame universitario deve obbligatoriamente rientrare tra il 18 ed il 30). Il vincolo di dominio fondamentale è rappresentato dall univocità della chiave. Una chiave è un insieme di uno o più attributi che identificano in maniera univoca le n-ple di una relazione. Il vincolo di univocità della chiave vieta la presenza di due o più n-ple aventi la stessa chiave (Figura 1.1). Figura 1.1. Il campo chiave Algebra relazionale L algebra relazionale definisce una serie di operatori che consentono di calcolare relazioni in una base di dati relazionale. Gli operatori dell algebra relazionale si suddividono in: Operatori classici su insiemi (unione, intersezione, complemento, ecc.) Operatori specifici sulle relazioni (proiezione, selezione, ecc.) Nel seguito sono considerati singolarmente i principali operatori dell algebra relazionale, mostrando come operano sulle relazioni Unione Siano R 1 ed R 2 due relazioni definite sullo stesso dominio D = D 1 D 2... D n. Si definisce Unione tra le due relazioni R 1 ed R 2, e si indica con il simbolo R 1 R 2, la relazione sullo stesso dominio D contenente le n-ple appartenenti ad R 1 oppure ad R 2. L operatore di unione agisce come operatore di unione della teoria degli insiemi, considerando come insiemi le

17 1.2 Le basi di dati relazionali 7 relazioni e come elementi di un insieme le n-ple. Consideriamo il seguente esempio illustrato nelle tabelle sottostanti: Matricola Cognome Nome Data nascita Data Laurea 1033 Rossi Giulio 10/10/ /04/ Bianchi Laura 30/12/ /11/ Verdi Ernesto 04/08/ /05/ Neri Paola 15/01/ /01/1996 Tabella 1.1. Relazione R 1 Matricola Cognome Nome Data nascita Data Laurea 1168 Ariete Giovanni 12/04/ /08/ Toro Lucio 05/06/ /01/ Leone Maria 17/10/ /09/ Bilancia Vittorio 22/05/ /07/1997 Tabella 1.2. Relazione R 2 Matricola Cognome Nome Data nascita Data Laurea 1033 Rossi Giulio 10/10/ /04/ Bianchi Laura 30/12/ /11/ Verdi Ernesto 04/08/ /05/ Neri Paola 15/01/ /01/ Ariete Giovanni 12/04/ /08/ Toro Lucio 05/06/ /01/ Leone Maria 17/10/ /09/ Bilancia Vittorio 22/05/ /07/1997 Tabella 1.3. Relazione R 1 R 2

18 8 1 Le basi di dati Intersezione Siano R 1 ed R 2 due relazioni definite sullo stesso dominio D = D 1 D 2... D n. Si definisce intersezione tra le due relazioni R 1 ed R 2, e si indica con il simbolo R 1 R 2, la relazione sullo stesso dominio D contenente le n-ple appartenenti ad R 1 eadr 2. L operatore di Intersezione agisce come operatore di intersezione della teoria degli insiemi, considerando come insiemi le relazioni e come elementi di un insieme le n-ple. Consideriamo il seguente esempio illustrato nelle tabelle sottostanti: Matricola Cognome Nome Data nascita Data Laurea 1033 Rossi Giulio 10/10/ /04/ Bianchi Laura 30/12/ /11/ Verdi Ernesto 04/08/ /05/ Leone Maria 17/10/ /09/1997 Tabella 1.4. Relazione R 1 Matricola Cognome Nome Data nascita Data Laurea 1033 Rossi Giulio 10/10/ /04/ Toro Lucio 05/06/ /01/ Leone Maria 17/10/ /09/ Bilancia Vittorio 22/05/ /07/1997 Tabella 1.5. Relazione R 2 Matricola Cognome Nome Data nascita Data Laurea 1033 Rossi Giulio 10/10/ /04/ Leone Maria 17/10/ /09/1997 Tabella 1.6. Relazione R 1 R 2

19 1.2 Le basi di dati relazionali Differenza Siano R 1 ed R 2 due relazioni definite sullo stesso dominio D = D 1 D2... D n. Si definisce differenza tra le due relazioni R 1 ed R 2,esi indica con il simbolo R 1 R 2, la relazione sullo stesso dominio D contenente le n-ple appartenenti a R 1 che non appartengono a R 2. L operatore di differenza agisce, quindi, come operatore complemento della teoria degli insiemi, considerando come insiemi le relazioni e come elementi di un insieme le n-ple. Considerando le relazioni R 1 ed R 2 di Tabella 1.4 ed 1.5, rispettivamente, si ha, ad esempio: Matricola Cognome Nome Data nascita Data Laurea 1034 Bianchi Laura 30/12/ /11/ Verdi Ernesto 04/08/ /05/1994 Tabella 1.7. Relazione R 1 R Prodotto Siano R 1 e R 2 due relazioni definite sui domini D 1 e D 2, di grado n e m, rispettivamente. Si definisce prodotto tra le due relazioni R 1 e R 2,esi indica con il simbolo R 1 R 2, la relazione sul dominio D 1 D 2 composta dagli attributi A 1,...,A n,b 1,...,B m e di grado n + m costituita dalla (n m) ple ottenute concatenando ogni n upla di R 1 con ogni m-upla di R 2. L operatore prodotto agisce, quindi, come operatore prodotto della teoria degli insiemi considerando come insiemi le relazioni e come elementi di un insieme le n ple. Consideriamo il seguente esempio illustrato nelle tabelle sottostanti: Tipo Camicia Giacca Colore Bianco Azzurro Tabella 1.8. Relazione R 1

20 10 1 Le basi di dati Motivo Spessore Rigato 0,2 A quadri 0,4 Tabella 1.9. Relazione R 2 Tipo Colore Motivo Spessore Camicia Bianco Rigato 0,2 Giacca Azzurro A quadri 0,4 Camicia Bianco A quadri 0,4 Giacca Azzurro Rigato 0,2 Tabella Relazione R 1 R Selezione L operatore di selezione permette di creare una relazione sottoinsieme della relazione d origine, in quanto contiene solo le n ple della relazione d origine selezionate. L operatore di selezione introduce il concetto di condizione, che permette di definire la condizione per operare la scelta delle n ple. Consideriamo il seguente esempio: sia R 1 la relazione di Tabella 1.4 esia Condizione: Data Nascita 31/12/1971 Matricola Cognome Nome Data nascita Data Laurea 1033 Rossi Giulio 10/10/ /04/ Bianchi Laura 30/12/ /11/ Verdi Ernesto 04/08/ /05/1994 Tabella Relazione ottenuta per selezione

21 1.2 Le basi di dati relazionali Proiezione L operatore di proiezione permette di creare una relazione che contiene tutte le n-ple della relazione d origine, ma avente solo alcuni dei campi della relazione d origine. In pratica, se A è un insieme contenente K attributi, sottoinsieme dell insieme A 0 degli n attributi della relazione originale, l operatore di proiezione produrrà una relazione di grado K contenente i soli attributi facenti parte dell insieme A. Consideriamo il seguente esempio: sia R 1 la relazione di Tabella 1.4 e sia A = {Matricola, Cognome, Nome, Data nascita} Matricola Cognome Nome Data nascita 1033 Rossi Giulio 10/10/ Bianchi Laura 30/12/ Verdi Ernesto 04/08/ Leone Maria 17/10/1972 Tabella Relazione ottenuta per proiezione Join naturale Siano R 1 ed R 2 due relazioni definite sui domini D 1 e D 2, di grado n ed m, rispettivamente, aventi un insieme A di attributi in comune. L operatore di Join naturale applicato alle relazioni R 1 ed R 2 produce una relazione (R 1,R 2 ) in cui ogni n-pla è formata dalla combinazione di una n-pla di R 1 e di una m-upla di R 2 aventi gli stessi valori degli attributi definiti in A. Il Join naturale è detto Internal Join in SQL. Esso si distingue dai Join esterni, che sono comprensivi anche delle righe delle due tabelle che non hanno corrispondenza tra loro. Consideriamo il seguente esempio: sia R 1 la relazione di Tabella 1.4 e sia la relazione R 2 data dalla Tabella 1.13 Matricola Sesso Coniugato 1033 M SI 1034 F SI 1037 M NO 1179 F NO Tabella Relazione R 2

22 12 1 Le basi di dati Matricola Cognome Nome Data nascita Data Laurea Sesso Coiungato 1033 Rossi Giulio 10/10/ /04/1995 M SI 1034 Bianchi Laura 30/12/ /11/1995 F SI 1037 Verdi Ernesto 04/08/ /05/1994 M NO 1179 Leone Maria 17/10/ /09/1997 F NO Tabella Relazione di join naturale (R 1, R Viste Oltre alle relazioni classiche è possibile definire delle relazioni derivate, ovvero relazioni il cui contenuto è legato al contenuto di altre relazioni. La vista è una relazione derivata. Essa, dal punto di vista implementativo, può essere creata in due modi: come vista materializzata, ovvero memorizzata in base dati; come vista virtuale, ovvero non memorizzata in base dati, ma utilizzabile nelle interrogazioni esterne come se lo fosse. Nel caso in cui l utente del database necessiti a più riprese effettuare staticamente visualizzazioni dei dati estratti in un dato momento con una selezione, conviene memorizzare fisicamente questi dati mediante una vista materializzata. Nel caso in cui l utente effettui molte volte, in tempi diversi, una specifica selezione per estrarre un insieme di dati, conviene creare una vista virtuale Indici Un indice è costituito da una combinazione di uno o più attributi di una tabella che permette, se definito, al RDBMS di effettuare selezioni e ordinamenti velocizzati in base alla combinazione che costituisce l indice. Gli indici permettono un accesso ai dati più veloce, ma hanno lo svantaggio di rallentare tutte le operazioni di modifica di dati. La scelta di adoperare o no un indice è legata all utilizzo della tabella da parte del sistema. Se vi sono molte richieste di selezione dei dati, con la condizione imposta in base alla combinazione degli attributi che compongono l indice, ma poche modifiche dei dati, allora è buona cosa creare l indice per ottimizzare le prestazioni del sistema. Altrimenti, la creazione dell indice rallenterebbe tutte le operazioni che effettuano modifiche ai dati. In genere si preferisce creare indici che hanno un quoziente di selettività QS alto, dove: QS = 100 *(numero totale di righe identificate in modo univoco dall indice)/numero totale di righe della tabella. Se QS è alto,

Introduzione alle basi di dati. Gestione delle informazioni. Gestione delle informazioni. Sistema informatico

Introduzione alle basi di dati. Gestione delle informazioni. Gestione delle informazioni. Sistema informatico Introduzione alle basi di dati Introduzione alle basi di dati Gestione delle informazioni Base di dati Modello dei dati Indipendenza dei dati Accesso ai dati Vantaggi e svantaggi dei DBMS Gestione delle

Dettagli

Sistemi Informativi e Basi di Dati

Sistemi Informativi e Basi di Dati Sistemi Informativi e Basi di Dati Laurea Specialistica in Tecnologie di Analisi degli Impatti Ecotossicologici Docente: Francesco Geri Dipartimento di Scienze Ambientali G. Sarfatti Via P.A. Mattioli

Dettagli

Corso di Informatica (Basi di Dati)

Corso di Informatica (Basi di Dati) Corso di Informatica (Basi di Dati) Lezione 1 (12 dicembre 2008) Introduzione alle Basi di Dati Da: Atzeni, Ceri, Paraboschi, Torlone - Basi di Dati Lucidi del Corso di Basi di Dati 1, Prof. Carlo Batini,

Dettagli

Informatica (Basi di Dati)

Informatica (Basi di Dati) Corso di Laurea in Biotecnologie Informatica (Basi di Dati) Introduzione alle Basi di Dati Anno Accademico 2009/2010 Da: Atzeni, Ceri, Paraboschi, Torlone - Basi di Dati Lucidi del Corso di Basi di Dati

Dettagli

Informatica Documentale

Informatica Documentale Informatica Documentale Ivan Scagnetto (scagnett@dimi.uniud.it) Stanza 3, Nodo Sud Dipartimento di Matematica e Informatica Via delle Scienze, n. 206 33100 Udine Tel. 0432 558451 Ricevimento: giovedì,

Dettagli

Progettaz. e sviluppo Data Base

Progettaz. e sviluppo Data Base Progettaz. e sviluppo Data Base! Introduzione ai Database! Tipologie di DB (gerarchici, reticolari, relazionali, oodb) Introduzione ai database Cos è un Database Cos e un Data Base Management System (DBMS)

Dettagli

Facoltà di Farmacia - Corso di Informatica

Facoltà di Farmacia - Corso di Informatica Basi di dati Riferimenti: Curtin cap. 8 Versione: 13/03/2007 1 Basi di dati (Database, DB) Una delle applicazioni informatiche più utilizzate, ma meno conosciute dai non informatici Avete già interagito

Dettagli

Elena Baralis 2013 Politecnico di Torino 1

Elena Baralis 2013 Politecnico di Torino 1 Modello relazionale Docente M2170 Fondamenti di informatica Verdi M4880 Sistemi di elaborazione Bianchi F0410 Basi di dati Neri Docenti Nome Dipartimento Telefono Verdi Informatica 123456 Bianchi Elettronica

Dettagli

Le Basi di Dati. Le Basi di Dati

Le Basi di Dati. Le Basi di Dati Le Basi di Dati 20/05/02 Prof. Carlo Blundo 1 Le Basi di Dati Le Base di Dati (database) sono un insieme di tabelle di dati strutturate in maniera da favorire la ricerca di informazioni specializzate per

Dettagli

TEORIA sulle BASI DI DATI

TEORIA sulle BASI DI DATI TEORIA sulle BASI DI DATI A cura del Prof. Enea Ferri Cos è un DATA BASE E un insieme di archivi legati tra loro da relazioni. Vengono memorizzati su memorie di massa come un unico insieme, e possono essere

Dettagli

BASE DI DATI: introduzione. Informatica 5BSA Febbraio 2015

BASE DI DATI: introduzione. Informatica 5BSA Febbraio 2015 BASE DI DATI: introduzione Informatica 5BSA Febbraio 2015 Di cosa parleremo? Base di dati relazionali, modelli e linguaggi: verranno presentate le caratteristiche fondamentali della basi di dati. In particolare

Dettagli

Progettazione di Basi di Dati

Progettazione di Basi di Dati Progettazione di Basi di Dati Prof. Nicoletta D Alpaos & Prof. Andrea Borghesan Entità-Relazione Progettazione Logica 2 E il modo attraverso il quale i dati sono rappresentati : fa riferimento al modello

Dettagli

Telerilevamento e GIS Prof. Ing. Giuseppe Mussumeci

Telerilevamento e GIS Prof. Ing. Giuseppe Mussumeci Corso di Laurea Magistrale in Ingegneria per l Ambiente e il Territorio A.A. 2014-2015 Telerilevamento e GIS Prof. Ing. Giuseppe Mussumeci Strutture di dati: DB e DBMS DATO E INFORMAZIONE Dato: insieme

Dettagli

MODELLO RELAZIONALE. Introduzione

MODELLO RELAZIONALE. Introduzione MODELLO RELAZIONALE Introduzione E' stato proposto agli inizi degli anni 70 da Codd finalizzato alla realizzazione dell indipendenza dei dati, unisce concetti derivati dalla teoria degli insiemi (relazioni)

Dettagli

L ARCHIVIAZIONE E LA GESTIONE DATI ATTRAVERSO L INTERAZIONE TRA MICROSOFT ACCESS ED EXCEL 1 INTRODUZIONE

L ARCHIVIAZIONE E LA GESTIONE DATI ATTRAVERSO L INTERAZIONE TRA MICROSOFT ACCESS ED EXCEL 1 INTRODUZIONE Roccatello Ing. Eduard L ARCHIVIAZIONE E LA GESTIONE DATI ATTRAVERSO L INTERAZIONE TRA MICROSOFT ACCESS ED EXCEL 1 INTRODUZIONE Agenda Presentazione docente Definizione calendario Questionario pre corso

Dettagli

I livelli di progettazione possono essere così schematizzati: Esistono tre tipi diversi di modelli logici: Modello gerarchico: Esempio SPECIFICHE

I livelli di progettazione possono essere così schematizzati: Esistono tre tipi diversi di modelli logici: Modello gerarchico: Esempio SPECIFICHE I DATABASE o basi di dati possono essere definiti come una collezione di dati gestita dai DBMS. Tali basi di dati devono possedere determinati requisiti, definiti come specifiche, necessarie per il processo

Dettagli

Cultura Tecnologica di Progetto

Cultura Tecnologica di Progetto Cultura Tecnologica di Progetto Politecnico di Milano Facoltà di Disegno Industriale - DATABASE - A.A. 2003-2004 2004 DataBase DB e DataBase Management System DBMS - I database sono archivi che costituiscono

Dettagli

Modello Relazionale. Modello Relazionale. Relazioni - Prodotto Cartesiano. Relazione: tre accezioni. Es. Dati gli insiemi

Modello Relazionale. Modello Relazionale. Relazioni - Prodotto Cartesiano. Relazione: tre accezioni. Es. Dati gli insiemi Modello Relazionale Modello Relazionale Proposto agli inizi degli anni 70 da Codd Finalizzato alla realizzazione dell indipendenza dei dati Unisce concetti derivati dalla teoria degli insiemi (relazioni)

Dettagli

Introduzione. Elenco telefonico Conti correnti Catalogo libri di una biblioteca Orario dei treni aerei

Introduzione. Elenco telefonico Conti correnti Catalogo libri di una biblioteca Orario dei treni aerei Introduzione Elenco telefonico Conti correnti Catalogo libri di una biblioteca Orario dei treni aerei. ESEMPI DI INSIEMI DI DATI DA ORGANIZZARE ED USARE IN MANIERA EFFICIENTE Introduzione Più utenti con

Dettagli

Organizzazione delle informazioni: Database

Organizzazione delle informazioni: Database Organizzazione delle informazioni: Database Laboratorio Informatico di base A.A. 2013/2014 Dipartimento di Scienze Aziendali e Giuridiche Università della Calabria Dott. Pierluigi Muoio (pierluigi.muoio@unical.it)

Dettagli

Basi di dati. Concetti introduttivi ESEMPIO. INSEGNAMENTI Fisica, Analisi, Aule. Docenti. Entità Relazioni Interrogazioni. Ultima modifica: 26/02/2007

Basi di dati. Concetti introduttivi ESEMPIO. INSEGNAMENTI Fisica, Analisi, Aule. Docenti. Entità Relazioni Interrogazioni. Ultima modifica: 26/02/2007 Basi di dati Concetti introduttivi Ultima modifica: 26/02/2007 ESEMPIO INSEGNAMENTI Fisica, Analisi, Informatica Aule Docenti Entità Relazioni Interrogazioni St udent i Database 2 Tabella (I) STUDENTE

Dettagli

Corso di Informatica Generale 1 IN1. Linguaggio SQL

Corso di Informatica Generale 1 IN1. Linguaggio SQL Università Roma Tre Facoltà di Scienze M.F.N. di Laurea in Matematica di Informatica Generale 1 Linguaggio SQL Marco (liverani@mat.uniroma3.it) Sommario Prima parte: le basi dati relazionali Basi di dati:

Dettagli

Introduzione alle basi di dati (prima parte)

Introduzione alle basi di dati (prima parte) Introduzione alle basi di dati (prima parte) Università degli Studi di Salerno Corso di Laurea in Scienze della Comunicazione Informatica generale (matr. Dispari) Docente: Angela Peduto A.A. 2007/2008

Dettagli

Le Basi di dati: generalità. Unità di Apprendimento A1 1

Le Basi di dati: generalità. Unità di Apprendimento A1 1 Le Basi di dati: generalità Unità di Apprendimento A1 1 1 Cosa è una base di dati In ogni modello di organizzazione della vita dell uomo vengono trattate informazioni Una volta individuate e raccolte devono

Dettagli

Data Base. Prof. Filippo TROTTA

Data Base. Prof. Filippo TROTTA Data Base Definizione di DataBase Un Database può essere definito come un insieme di informazioni strettamente correlate, memorizzate su un supporto di memoria di massa, costituenti un tutt uno, che possono

Dettagli

MODULO 5 DATA BASE PROGRAMMA. Progettazione rapida introduzione alla progettazione di DB

MODULO 5 DATA BASE PROGRAMMA. Progettazione rapida introduzione alla progettazione di DB MODULO 5 DATA BASE MODULO 5 - DATA BASE 1 PROGRAMMA Introduzione: concetti generali di teoria Progettazione rapida introduzione alla progettazione di DB Utilizzo di Access pratica sulla creazione e l utilizzo

Dettagli

Basi di Dati. Programmazione e gestione di sistemi telematici

Basi di Dati. Programmazione e gestione di sistemi telematici Basi di Dati. Programmazione e gestione di sistemi telematici Coordinatore: Prof. Paolo Nesi Docenti: Prof. Paolo Nesi Dr.sa Michela Paolucci Dr. Emanuele Bellini Cosa e l informatica? Scienza del trattamento

Dettagli

Alessandra Raffaetà. Basi di Dati

Alessandra Raffaetà. Basi di Dati Lezione 2 S.I.T. PER LA VALUTAZIONE E GESTIONE DEL TERRITORIO Corso di Laurea Magistrale in Scienze Ambientali Alessandra Raffaetà Dipartimento di Informatica Università Ca Foscari Venezia Basi di Dati

Dettagli

BASI DI DATI - : I modelli di database

BASI DI DATI - : I modelli di database BASI DI DATI - : I modelli di database DAL 1960 ci si e' orientati verso 3 direzioni: 1 MODELLO GERARCHICO Se i dati si presentano naturalmente in una struttura ad albero (ES. File System) Limiti: rigidità

Dettagli

BASI DI DATI. Queste slides sono un adattamento di quelle di Luca Anselma e Gian Luca Pozzato, cui va il mio ringraziamento

BASI DI DATI. Queste slides sono un adattamento di quelle di Luca Anselma e Gian Luca Pozzato, cui va il mio ringraziamento BASI DI DATI Queste slides sono un adattamento di quelle di Luca Anselma e Gian Luca Pozzato, cui va il mio ringraziamento BASI DI DATI (DATABASE, DB) Una delle applicazioni informatiche più utilizzate,

Dettagli

Basi di dati. (Sistemi Informativi) teoria e pratica con Microsoft Access. Basi di dati. Basi di dati. Basi di dati e DBMS DBMS DBMS

Basi di dati. (Sistemi Informativi) teoria e pratica con Microsoft Access. Basi di dati. Basi di dati. Basi di dati e DBMS DBMS DBMS Basi di Basi di (Sistemi Informativi) Sono una delle applicazioni informatiche che hanno avuto il maggiore utilizzo in uffici, aziende, servizi (e oggi anche sul web) Avete già interagito (magari inconsapevolmente)

Dettagli

Modulo 2 Data Base 2

Modulo 2 Data Base 2 Modulo 2 Data Base 2 Università degli Studi di Salerno Corso di Laurea in Scienze della comunicazione Informatica generale Docente: Angela Peduto A.A. 2004/2005 Relazioni: riepilogo Relazione : concetto

Dettagli

Introduzione ai database I concetti fondamentali Database e DBMS Per comprendere appieno cos'è un Database e quali sono i vantaggi legati al suo impiego, soprattutto nel settore gestionale, è necessario

Dettagli

Sistema di Gestione di Basi di Dati DataBase Management System DBMS

Sistema di Gestione di Basi di Dati DataBase Management System DBMS Base di dati (accezione generica) collezione di dati, utilizzati per rappresentare le informazioni di interesse per una o più applicazioni di una organizzazione (accezione specifica) collezione di dati

Dettagli

Introduzione al data base

Introduzione al data base Introduzione al data base L Informatica è quella disciplina che si occupa del trattamento automatico dei dati con l ausilio del computer. Trattare i dati significa: raccoglierli, elaborarli e conservarli

Dettagli

Basi di Dati e Microsoft Access

Basi di Dati e Microsoft Access Basi di Dati e Microsoft Access Lun: 16-18 e Mer: 14-17 Alessandro Padovani padoale@email.it Database: definizione Un database (DB) è una collezione di informazioni organizzata in gruppi, che consentono

Dettagli

Programma del Corso. Dati e DBMS SQL. Progettazione di una. Normalizzazione

Programma del Corso. Dati e DBMS SQL. Progettazione di una. Normalizzazione Programma del Corso Dati e DBMS DBMS relazionali SQL Progettazione di una base di dati Normalizzazione (I prova scritta) (II prova scritta) Interazione fra linguaggi di programmazione e basi di dati Cenni

Dettagli

Il database management system Access

Il database management system Access Il database management system Access Corso di autoistruzione http://www.manualipc.it/manuali/ corso/manuali.php? idcap=00&idman=17&size=12&sid= INTRODUZIONE Il concetto di base di dati, database o archivio

Dettagli

DEFINIZIONI FONDAMENTALI

DEFINIZIONI FONDAMENTALI Consorzio per la formazione e la ricerca in Ingegneria dell'informazione DEFINIZIONI FONDAMENTALI Per vincere ci vuole una buona partenza... Docente: Cesare Colombo CEFRIEL colombo@cefriel.it http://www.cefriel.it

Dettagli

Lezione 1. Introduzione e Modellazione Concettuale

Lezione 1. Introduzione e Modellazione Concettuale Lezione 1 Introduzione e Modellazione Concettuale 1 Tipi di Database ed Applicazioni Database Numerici e Testuali Database Multimediali Geographic Information Systems (GIS) Data Warehouses Real-time and

Dettagli

DBMS (Data Base Management System)

DBMS (Data Base Management System) Cos'è un Database I database o banche dati o base dati sono collezioni di dati, tra loro correlati, utilizzati per rappresentare una porzione del mondo reale. Sono strutturati in modo tale da consentire

Dettagli

Il modello relazionale

Il modello relazionale Il modello relazionale Il modello relazionale è stato introdotto nel 1970 da E.F. Codd. Soltanto a metà degli anni ottanta ha trovato una buona diffusione sul mercato, in quanto all epoca della sua introduzione

Dettagli

INFORMATICA PER LE APPLICAZIONI ECONOMICHE PROF.SSA BICE CAVALLO

INFORMATICA PER LE APPLICAZIONI ECONOMICHE PROF.SSA BICE CAVALLO Basi di dati: Microsoft Access INFORMATICA PER LE APPLICAZIONI ECONOMICHE PROF.SSA BICE CAVALLO Database e DBMS Il termine database (banca dati, base di dati) indica un archivio, strutturato in modo tale

Dettagli

Base Dati Introduzione

Base Dati Introduzione Università di Cassino Facoltà di Ingegneria Modulo di Alfabetizzazione Informatica Base Dati Introduzione Si ringrazia l ing. Francesco Colace dell Università di Salerno Gli archivi costituiscono una memoria

Dettagli

Basi di dati. Il Modello Relazionale dei Dati. K. Donno - Il Modello Relazionale dei Dati

Basi di dati. Il Modello Relazionale dei Dati. K. Donno - Il Modello Relazionale dei Dati Basi di dati Il Modello Relazionale dei Dati Proposto da E. Codd nel 1970 per favorire l indipendenza dei dati Disponibile come modello logico in DBMS reali nel 1981 (non è facile realizzare l indipendenza

Dettagli

Basi di dati. Corso di Laurea in Ingegneria Informatica Canale di Ingegneria delle Reti e dei Sistemi Informatici - Polo di Rieti

Basi di dati. Corso di Laurea in Ingegneria Informatica Canale di Ingegneria delle Reti e dei Sistemi Informatici - Polo di Rieti Basi di dati Corso di Laurea in Ingegneria Informatica Canale di Ingegneria delle Reti e dei Sistemi Informatici - Polo di Rieti Anno Accademico 2008/2009 Introduzione alle basi di dati Docente Pierangelo

Dettagli

LABORATORIO. 2 Lezioni su Basi di Dati Contatti:

LABORATORIO. 2 Lezioni su Basi di Dati Contatti: PRINCIPI DI INFORMATICA CORSO DI LAUREA IN SCIENZE BIOLOGICHE Gennaro Cordasco e Rosario De Chiara {cordasco,dechiara}@dia.unisa.it Dipartimento di Informatica ed Applicazioni R.M. Capocelli Laboratorio

Dettagli

Basi di dati. Basi di dati = database. Basi di dati

Basi di dati. Basi di dati = database. Basi di dati Basi di dati Da leggere: Cap. 6 Sawyer, Williams (testo A) Basi di dati = database Sono una delle applicazioni informatiche che hanno avuto il maggiore utilizzo in uffici, aziende, servizi -> oggi anche

Dettagli

Algebra e calcolo relazionale. Ripasso. Le 7 Virtù del DBMS persistenza affidabilità volume condivisione riservatezza efficienza efficacia

Algebra e calcolo relazionale. Ripasso. Le 7 Virtù del DBMS persistenza affidabilità volume condivisione riservatezza efficienza efficacia Algebra e calcolo relazionale Ripasso Le 7 Virtù del DBMS persistenza affidabilità volume condivisione riservatezza efficienza efficacia I 4 Livelli di astrazione Le Tabelle Livello fisico (o interno)

Dettagli

Laboratorio di Informatica

Laboratorio di Informatica Laboratorio di Informatica Corso di Laurea Interfacoltà in Biotecnologie Lezione 3: Basi di Dati Lucido 1 Scopo della lezione Definire cos è una base di dati e un sistema di gestione della base di dati

Dettagli

Archivi e Basi di Dati

Archivi e Basi di Dati Archivi e Basi di Dati A B C File Programma 1 Programma 2 A B C File modificati Programma 1 DBMS DB Programma 2 Informatica Generale (CdL in E&C), A.A. 2000-2001 55 Problemi nella gestione di archivi separati

Dettagli

INTRODUZIONE. Data Base Management Systems evoluzione tecniche gestione dati

INTRODUZIONE. Data Base Management Systems evoluzione tecniche gestione dati INTRODUZIONE Accesso ai dati tramite DBMS Livelli di astrazione Modello dei dati: schema / istanza / metadati Alcuni modelli dei dati Linguaggi per DBMS Architettura di base di un DBMS cesarini - BDSI

Dettagli

Modello relazionale. ing. Alfredo Cozzi 1

Modello relazionale. ing. Alfredo Cozzi 1 Modello relazionale E fondato sul concetto matematico di relazione tra insiemi di oggetti Una relazione su n insiemi A1, A2,..,An è un sottoinsieme di tutte le n-uple a1,a2,,an che si possono costruire

Dettagli

Introduzione alle Basi di Dati

Introduzione alle Basi di Dati 1 Introduzione alle Basi di Dati Massimo Paolucci (paolucci@dist.unige.it) DIST Università di Genova Sistema Azienda 2 Sistema organizzativo è costituito da una serie di risorse e di regole necessarie

Dettagli

ITI Galilei Salerno Corso Database ed SQL

ITI Galilei Salerno Corso Database ed SQL ITI Galilei Salerno Corso Database ed SQL prof Carmine Napoli Introduzione Database: Si definisce Database un insieme di dati, di solito di notevoli dimensioni, raccolti, memorizzati ed organizzai in modo

Dettagli

Modelli relazionali. Esistono diversi modi di modellare un database. Il modello piu' usato al momento e' il modello relazionale

Modelli relazionali. Esistono diversi modi di modellare un database. Il modello piu' usato al momento e' il modello relazionale Cenni sui DATABASE Cos'e' un database Un database puo' essere definito come una collezione strutturata di record (dati) I dati sono memorizzati su un computer in modo opportuno e possono essere recuperati

Dettagli

DB - Modello relazionale dei dati. DB - Modello Relazionale 1

DB - Modello relazionale dei dati. DB - Modello Relazionale 1 DB - Modello relazionale dei dati DB - Modello Relazionale 1 Definizione Un modello dei dati è un insieme di meccanismi di astrazione per definire una base di dati, con associato un insieme predefinito

Dettagli

disponibili nel pacchetto software.

disponibili nel pacchetto software. Modulo syllabus 4 00 000 00 0 000 000 0 Modulo syllabus 4 DATABASE 00 000 00 0 000 000 0 Richiede che il candidato dimostri di possedere la conoscenza relativa ad alcuni concetti fondamentali sui database

Dettagli

Informatica 2 Basi di dati

Informatica 2 Basi di dati Informatica 2 Basi di dati Prof. Giovanni Giuffrida e-mail: giovanni.giuffrida@dmi.unict.it DB - Introduzione 1 Recapiti Prof. Giuffrida Giovanni Email: giovanni.giuffrida@dmi.unict.it Info sul corso:

Dettagli

Cardinalità e identificatori. Informatica. Generalizzazioni. Generalizzazioni. Generalizzazioni. Generalizzazioni

Cardinalità e identificatori. Informatica. Generalizzazioni. Generalizzazioni. Generalizzazioni. Generalizzazioni e identificatori Codice (0,1) (1,1) Dirige Informatica Lezione 8 Laurea magistrale in Scienze della mente Laurea magistrale in Psicologia dello sviluppo e dell'educazione Anno accademico: 2012 2013 1 Cognome

Dettagli

Modello Relazionale dei DBMS - Vincoli Tradizionalmente, esistono quattro modelli logici: Gerarchico Reticolare Relazionale A oggetti XML I modelli

Modello Relazionale dei DBMS - Vincoli Tradizionalmente, esistono quattro modelli logici: Gerarchico Reticolare Relazionale A oggetti XML I modelli Modello Relazionale dei DBMS - Vincoli Tradizionalmente, esistono quattro modelli logici: Gerarchico Reticolare Relazionale A oggetti XML I modelli gerarchico e reticolare sono più vicini alle strutture

Dettagli

Archivi e database. Lezione n. 7

Archivi e database. Lezione n. 7 Archivi e database Lezione n. 7 Dagli archivi ai database (1) I dati non sempre sono stati considerati dall informatica oggetto separato di studio e di analisi Nei primi tempi i dati erano parte integrante

Dettagli

Lezione V. Aula Multimediale - sabato 29/03/2008

Lezione V. Aula Multimediale - sabato 29/03/2008 Lezione V Aula Multimediale - sabato 29/03/2008 LAB utilizzo di MS Access Definire gli archivi utilizzando le regole di derivazione e descrivere le caratteristiche di ciascun archivio ASSOCIAZIONE (1:1)

Dettagli

Basi di dati. Concetti Introduttivi ESEMPIO. Fisica, Analisi, Informatica. Entità Relazioni Interrogazioni. Database 2

Basi di dati. Concetti Introduttivi ESEMPIO. Fisica, Analisi, Informatica. Entità Relazioni Interrogazioni. Database 2 Basi di dati Concetti Introduttivi ESEMPIO Fisica, Analisi, Informatica Entità Relazioni Interrogazioni Database 2 Tabella (I) STUDENTE Attributi Data di Nascita Indirizzo Matricola Luca Neri 27/10/1980

Dettagli

Introduzione Ai Data Bases. Prof. Francesco Accarino IIS Altiero Spinelli Via Leopardi 132 Sesto San giovanni

Introduzione Ai Data Bases. Prof. Francesco Accarino IIS Altiero Spinelli Via Leopardi 132 Sesto San giovanni Introduzione Ai Data Bases Prof. Francesco Accarino IIS Altiero Spinelli Via Leopardi 132 Sesto San giovanni I Limiti Degli Archivi E Il Loro Superamento Le tecniche di gestione delle basi di dati nascono

Dettagli

Lo schema concettuale risultante dalla progettazione concettuale è l input alla fase di progettazione logica.

Lo schema concettuale risultante dalla progettazione concettuale è l input alla fase di progettazione logica. Progettazione logica Lo schema concettuale risultante dalla progettazione concettuale è l input alla fase di progettazione logica. La progettazione logica è basata su un particolare modello logico dei

Dettagli

Database: collezione di fatti, registrabili e con un ben preciso significato, relazionati fra di loro

Database: collezione di fatti, registrabili e con un ben preciso significato, relazionati fra di loro Database relazionali: un'introduzione Database: collezione di fatti, registrabili e con un ben preciso significato, relazionati fra di loro Rappresentazione astratta di aspetti del mondo reale (Universe

Dettagli

I database relazionali sono il tipo di database attualmente piu diffuso. I motivi di questo successo sono fondamentalmente due:

I database relazionali sono il tipo di database attualmente piu diffuso. I motivi di questo successo sono fondamentalmente due: Il modello relazionale I database relazionali sono il tipo di database attualmente piu diffuso. I motivi di questo successo sono fondamentalmente due: 1. forniscono sistemi semplici ed efficienti per rappresentare

Dettagli

Abilità Informatiche A.A. 2010/2011 Lezione 8: Basi di Dati. Facoltà di Lingue e Letterature Straniere

Abilità Informatiche A.A. 2010/2011 Lezione 8: Basi di Dati. Facoltà di Lingue e Letterature Straniere Abilità Informatiche A.A. 2010/2011 Lezione 8: Basi di Dati Facoltà di Lingue e Letterature Straniere Base di dati (accezione generica, metodologica) Insieme organizzato di dati utilizzati per il supporto

Dettagli

Basi di Dati. Introduzione ai sistemi di basi di dati. K.Donno - Introduzione ai sistemi di basi di dati

Basi di Dati. Introduzione ai sistemi di basi di dati. K.Donno - Introduzione ai sistemi di basi di dati Basi di Dati Introduzione ai sistemi di basi di dati Introduzione ai sistemi di basi di dati Gestione dei Dati Una prospettiva storica File system verso DBSM Vantaggi di un DBMS Modelli dei dati Utenti

Dettagli

DATABASE. www.andreavai.it

DATABASE. www.andreavai.it Cos'è un database? Quando si usa? Differenze con i fogli elettronici Le tabelle: record, campi, tipi di dati Chiavi e indici Database relazionali (R-DBMS) Relazioni uno-a-uno Relazioni uno-a-molti Relazioni

Dettagli

Corso di Access. Prerequisiti. Modulo L2A (Access) 1.1 Concetti di base. Utilizzo elementare del computer Concetti fondamentali di basi di dati

Corso di Access. Prerequisiti. Modulo L2A (Access) 1.1 Concetti di base. Utilizzo elementare del computer Concetti fondamentali di basi di dati Corso di Access Modulo L2A (Access) 1.1 Concetti di base 1 Prerequisiti Utilizzo elementare del computer Concetti fondamentali di basi di dati 2 1 Introduzione Un ambiente DBMS è un applicazione che consente

Dettagli

Testi di riferimento. Atzeni, Ceri, Paraboschi, Torlone Basi di Dati Modelli e linguaggi di interrogazione Mc Graw Hill 2008 (III Edizione)

Testi di riferimento. Atzeni, Ceri, Paraboschi, Torlone Basi di Dati Modelli e linguaggi di interrogazione Mc Graw Hill 2008 (III Edizione) 2.1b: DB e DBMS Testi di riferimento Atzeni, Ceri, Paraboschi, Torlone Basi di Dati Modelli e linguaggi di interrogazione Mc Graw Hill 2008 (III Edizione) Altri testi di consultazione e approfondimento

Dettagli

Introduzione ai sistemi di basi di dati

Introduzione ai sistemi di basi di dati Basi di Dati Introduzione ai sistemi di basi di dati Alessandro.bardine@gmail.com alessandro.bardine@iet.unipi.it Introduzione ai sistemi di basi di dati Gestione dei Dati Una prospettiva storica File

Dettagli

Uso delle basi di dati DBMS. Cos è un database. DataBase. Esempi di database

Uso delle basi di dati DBMS. Cos è un database. DataBase. Esempi di database Uso delle basi di dati Uso delle Basi di Dati Il modulo richiede che il candidato comprenda il concetto di base dati (database) e dimostri di possedere competenza nel suo utilizzo. Cosa è un database,

Dettagli

Informatica Introduzione alle basi di dati

Informatica Introduzione alle basi di dati Informatica Introduzione alle basi di dati Prof. Giovanni Giuffrida e-mail: giovanni.giuffrida@dmi.unict.it 27 November 2014 Basi di Dati - Introd. - Prof. G. Giuffrida 1 Materiale didattico Atzeni,Ceri,Paraboschi,Torlone,

Dettagli

Le funzionalità di un DBMS

Le funzionalità di un DBMS Le funzionalità di un DBMS Sistemi Informativi L-A Home Page del corso: http://www-db.deis.unibo.it/courses/sil-a/ Versione elettronica: DBMS.pdf Sistemi Informativi L-A DBMS: principali funzionalità Le

Dettagli

Organizzazione degli archivi

Organizzazione degli archivi COSA E UN DATA-BASE (DB)? è l insieme di dati relativo ad un sistema informativo COSA CARATTERIZZA UN DB? la struttura dei dati le relazioni fra i dati I REQUISITI DI UN DB SONO: la ridondanza minima i

Dettagli

I database relazionali (Access)

I database relazionali (Access) I database relazionali (Access) Filippo TROTTA 04/02/2013 1 Prof.Filippo TROTTA Definizioni Database Sistema di gestione di database (DBMS, Database Management System) Sistema di gestione di database relazionale

Dettagli

Corso di Informatica

Corso di Informatica Corso di Informatica Modulo T2 A2 Introduzione ai database 1 Prerequisiti Concetto di sistema File system Archivi File e record 2 1 Introduzione Nella gestione di una attività, ad esempio un azienda, la

Dettagli

Corso di Laurea in Ingegneria Informatica Algoritmi e basi di dati Modulo Basi di dati a.a. 2010-2011

Corso di Laurea in Ingegneria Informatica Algoritmi e basi di dati Modulo Basi di dati a.a. 2010-2011 Corso di Laurea in Ingegneria Informatica Algoritmi e basi di dati Modulo Basi di dati a.a. 2010-2011 2011 Docente: Gigliola Vaglini Docente laboratorio: Alessandro Lori 1 Obiettivi del corso Imparare

Dettagli

Informatica I per la. Fisica

Informatica I per la. Fisica Corso di Laurea in Fisica Informatica I per la Fisica Lezione: Software applicativo II Fogli elettronici e Data Base Software: software di sistema (BIOS) sistema operativo software applicativo ROM Dischi

Dettagli

Database. Si ringrazia Marco Bertini per le slides

Database. Si ringrazia Marco Bertini per le slides Database Si ringrazia Marco Bertini per le slides Obiettivo Concetti base dati e informazioni cos è un database terminologia Modelli organizzativi flat file database relazionali Principi e linee guida

Dettagli

INFORMATICA GENERALE Prof. Alberto Postiglione Dipartimento Scienze della Comunicazione Università degli Studi di Salerno

INFORMATICA GENERALE Prof. Alberto Postiglione Dipartimento Scienze della Comunicazione Università degli Studi di Salerno INFORMATICA GENERALE Prof. Alberto Postiglione Dipartimento Scienze della Comunicazione Università degli Studi di Salerno 2.1b: DB e DBMS Testi di riferimento 3 mar 2010 Dia 2 Atzeni, Ceri, Paraboschi,

Dettagli

DATABASE RELAZIONALI

DATABASE RELAZIONALI 1 di 54 UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II DIPARTIMENTO DI DISCIPLINE STORICHE ETTORE LEPORE DATABASE RELAZIONALI Dott. Simone Sammartino Istituto per l Ambiente l Marino Costiero I.A.M.C. C.N.R.

Dettagli

ECDL - Database. European Computer Driving Licence - Modulo 5 - Database LEZIONE 2

ECDL - Database. European Computer Driving Licence - Modulo 5 - Database LEZIONE 2 ECDL - Database European Computer Driving Licence - Modulo 5 - Database LEZIONE 2 Ripasso Introduzione - Ripasso Cosa si intende per dbms? e cosa per database? Quali sono gli elementi che lo compongono?

Dettagli

Base di dati e sistemi informativi

Base di dati e sistemi informativi Base di dati e sistemi informativi Una base di dati è un insieme organizzato di dati opportunamente strutturato per lo svolgimento di determinate attività La base di dati è un elemento fondamentale per

Dettagli

Partite string string int int. Perché studiare il Modello Relazionale? Capitolo 2. Relazione: tre accezioni. Basi di dati relazionali: definizioni

Partite string string int int. Perché studiare il Modello Relazionale? Capitolo 2. Relazione: tre accezioni. Basi di dati relazionali: definizioni Perché studiare il Modello Relazionale? Capitolo 2 Il modello relazionale È il modello più largamente usato Produttori: IBM, Informix, Microsoft, Oracle, Sybase, etc. Sistemi proprietari nei modelli più

Dettagli

I Sistemi Informativi

I Sistemi Informativi I Sistemi Informativi Definizione Un Sistema Informativo è un mezzo per acquisire, organizzare, correlare, elaborare e distribuire le informazioni che riguardano una realtà che si desidera descrivere e

Dettagli

INFORMATICA. Applicazioni WEB a tre livelli con approfondimento della loro manutenzione e memorizzazione dati e del DATABASE.

INFORMATICA. Applicazioni WEB a tre livelli con approfondimento della loro manutenzione e memorizzazione dati e del DATABASE. INFORMATICA Applicazioni WEB a tre livelli con approfondimento della loro manutenzione e memorizzazione dati e del DATABASE. APPLICAZIONI WEB L architettura di riferimento è quella ampiamente diffusa ed

Dettagli

Progettazione di un Database

Progettazione di un Database Progettazione di un Database Per comprendere il processo di progettazione di un Database deve essere chiaro il modo con cui vengono organizzati e quindi memorizzati i dati in un sistema di gestione di

Dettagli

BASE DI DATI: sicurezza. Informatica febbraio 2015 5ASA

BASE DI DATI: sicurezza. Informatica febbraio 2015 5ASA BASE DI DATI: sicurezza Informatica febbraio 2015 5ASA Argomenti Privatezza o riservatezza Vincoli di integrità logica della base di dati intrarelazionali interrelazionali Principio generale sulla sicurezza

Dettagli

Database. Appunti di Amaranto Oronzo e Giancane Diego Lezione dell Ing. Lucia Vaira 24/04/2014

Database. Appunti di Amaranto Oronzo e Giancane Diego Lezione dell Ing. Lucia Vaira 24/04/2014 Database Appunti di Amaranto Oronzo e Giancane Diego Lezione dell Ing. Lucia Vaira 24/04/2014 Cos'è un database? È una struttura di dati composta da tabelle a loro volta composte da campi. Caratteristiche

Dettagli

Access. P a r t e p r i m a

Access. P a r t e p r i m a Access P a r t e p r i m a 1 Esempio di gestione di database con MS Access 2 Cosa è Access? Access e un DBMS che permette di progettare e utilizzare DB relazionali Un DB Access e basato sui concetti di

Dettagli

Il Modello Relazionale (1)

Il Modello Relazionale (1) Il Modello Relazionale (1) Il modello relazionale, sebbene non sia stato il modello usato nei primi DBMS, è divenuto lentamente il modello più importante al punto che è oggi comunemente usato in tutti

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DA RIPORTARE SUL P.O.F. A.S. 2014-2015. Ripasso programmazione ad oggetti. Basi di dati: premesse introduttive

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DA RIPORTARE SUL P.O.F. A.S. 2014-2015. Ripasso programmazione ad oggetti. Basi di dati: premesse introduttive SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE DA RIPORTARE SUL P.O.F. A.S. 2014-2015 ASSE DISCIPLINA DOCENTE MATEMATICO INFORMATICA Cattani Barbara monoennio CLASSE: quinta CORSO D SEZIONE LICEO SCIENZE APPLICATE

Dettagli

Data Base Relazionali

Data Base Relazionali Data Base Relazionali Modello Relazionale dei dati Basi di Dati Relazionali 1 Progettazione di DB METODOLOGIA DI PROGETTO IN TRE FASI Descrizione formalizzata e completa della realtà di interesse REALTA'

Dettagli

Progettazione base dati relazionale

Progettazione base dati relazionale Progettazione base dati relazionale Prof. Luca Bolognini E-Mail:luca.bolognini@aliceposta.it Progettare una base di dati Lo scopo della progettazione è quello di definire lo schema della base di dati e

Dettagli

Database Modulo 3 DEFINIRE LE CHIAVI

Database Modulo 3 DEFINIRE LE CHIAVI Database Modulo 3 DEFINIRE LE CHIAVI Nell organizzazione di un archivio informatizzato è indispensabile poter definire univocamente le informazioni in esso inserite. Tale esigenza è abbastanza ovvia se

Dettagli

Modello Relazionale. Prof. Francesco Accarino IIS Altiero Spinelli Via Leopardi 132 Sesto san giovanni

Modello Relazionale. Prof. Francesco Accarino IIS Altiero Spinelli Via Leopardi 132 Sesto san giovanni Modello Relazionale Prof. Francesco Accarino IIS Altiero Spinelli Via Leopardi 132 Sesto san giovanni Cronologia dei modelli per la rappresentazione dei dati Modello gerarchico (anni 60) Modello reticolare

Dettagli