PROVINCIA DI GENOVA NS. RIFERIMENTI

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PROVINCIA DI GENOVA NS. RIFERIMENTI"

Transcript

1 PROVINCIA DI GENOVA OGGETTO Servizio di trasloco, trasporto, facchinaggio, movimentazione e consegna di beni vari per le esigenze degli immobili della Provincia di Genova COMMITTENTE/CONTRAENTE Direzione Acquisti, Patrimonio e Risorse Finanziarie DEFINIZIONI Provincia... Ufficio... Fornitore... Soggetto aggiudicatario... Concorrente/i... Trasporto... Trasloco... Facchinaggio... Movimentazione... Sopralluogo... La Provincia di Genova, nella sua qualità di contraente L Ufficio Provveditorato ed Economato, che gestisce per conto della Provincia l esecuzione del contratto Il soggetto aggiudicatario che sottoscrive il contratto di servizio Il concorrente che in base ai criteri di aggiudicazione ha presentato la migliore offerta e che è stato formalmente dichiarato aggiudicatario I soggetti ammessi a partecipare alla gara Il servizio con cui un vettore è obbligato a trasferire cose da un luogo a un altro Il complesso delle operazioni di trasferimento, facchinaggio e sistemazione di oggetti, effettuate per il trasferimento di uffici Il lavoro di trasporto di beni materiali eseguito senza l ausilio di veicoli a motore mediante l impiego di manodopera di fatica Il lavoro di trasporto o di sostegno di un carico ad opera di uno o più lavoratori addetti, comprese le azioni del sollevare, deporre, tirare, portare o spostare un carico La visita eseguita da tecnici ed addetti del Fornitore sui luoghi interessati dalle attività di trasloco e facchinaggio, rivolta ad organizzare ed ottimizzare lo svolgimento delle prestazioni NS. RIFERIMENTI Responsabile per la Provincia Indirizzo per la fatturazione Direzione Acquisti, Patrimonio e Risorse Finanziarie Ufficio Provveditorato ed Economato Telefono n Telefax n Largo F. Cattanei, Genova Direzione Acquisti, Patrimonio e Risorse Finanziarie Ufficio Contabilità Economica - Fatture Piazzale Mazzini, Genova

2 Capitolato Speciale d Oneri Pagina 2 di 30 NS. RIFERIMENTI Magazzino Genova Centro Magazzino Genova Quarto Piazzale Mazzini, Genova Mobile n Telefono n Telefax n Via Ardini, 22 c Genova Mobile n Telefono n Telefax n

3 Capitolato Speciale d Oneri Pagina 3 di 30 SOMMARIO Pagina Articolo 1 Oggetto dell'appalto... 4 Articolo 2 Analisi del fabbisogno... 4 Articolo 3 Base di gara... 4 Articolo 4 Durata dell appalto... 4 Articolo 5 Prestazioni... 5 Articolo 6 Descrizione di massima dei beni oggetto delle prestazioni... 5 Articolo 7 Luoghi interessati alle Prestazioni... 5 Articolo 8 Configurazione del servizio... 6 Articolo 8.1 Dotazione minima di risorse umane e strumentali... 7 Articolo 8.2 Sopralluoghi... 7 Articolo 8.3 Imballaggi e relativi colli... 8 Articolo 8.4 Smontaggio... 8 Articolo 8.5 Trasporto... 8 Articolo 8.6 Facchinaggio interno... 8 Articolo 8.7 Rimontaggio e posizionamento dei beni... 9 Articolo 9 Responsabili delle prestazioni... 9 Articolo 10 Attivazione ed organizzazione delle Prestazioni... 9 Articolo 11 Tempi di evasione delle RAP Articolo 12 Controllo ex-post delle Prestazioni Articolo 13 Corrispettivi Articolo 14 Fatturazione e modalità di pagamento Articolo 15 Adempimenti successivi all aggiudicazione Articolo 16 Obblighi derivanti dal rapporto di lavoro e in materia di sicurezza Articolo 17 Oneri a carico del Fornitore Articolo 18 Oneri a carico della Provincia Articolo 19 Polizze assicurative Articolo 20 Cauzione definitiva Articolo 21 Subappalto e cessione del contratto Articolo 22 Penali Articolo 23 Risoluzione Articolo 24 Recesso Articolo 25 Tutela della privacy Articolo 26 Controversie Articolo 27 Norme regolanti l affidamento ALLEGATO

4 Capitolato Speciale d Oneri Pagina 4 di 30 Articolo 1 Oggetto dell'appalto Il presente appalto ha per oggetto prestazioni di trasloco, trasporto, facchinaggio, movimentazione e consegna di mobili, arredi, attrezzatura informatica ed elettronica varia, materiale archivistico e beni di cancelleria per le esigenze degli edifici di proprietà e/o utilizzati dalla Provincia. Le prestazioni possono essere svolte nel territorio del Comune di Genova e dell intera Provincia. Articolo 2 Analisi del fabbisogno La Provincia annualmente esegue con le risorse umane interne servizi di logistica per circa 500 ore di servizio, pari a circa ore di servizio/uomo percorrendo circa km con un proprio mezzo di trasporto, indicativamente così ripartiti: a) Trasporto di arredi e suppellettili pari a circa il 25%; b) Trasporto di attrezzature informatiche ed elettroniche pari a circa il 25%; c) Trasporto di pallet di carta per stamperia e beni di cancelleria varia pari a circa il 35%; d) Trasporto di materiale archivistico pari a circa il 10%; e) Trasporto di beni vari pari a circa il 5%. Articolo 3 Base di gara Il costo ora servizio/uomo a base di gara è pari ad 25,50# (venticinque/50), IVA esclusa. Le prestazioni da erogare, che il Fornitore è tenuto a garantire, sono stimate, per un periodo pari a 12 mesi, pari a ,50 (ventumiladuecentodiciassette/50), IVA esclusa, comprensivo degli oneri per la sicurezza. Le mere prestazioni ammontano ad ,50 e gli oneri per la sicurezza sono computati pari ad un valore di 1.200,00. La Provincia, nel corso del periodo di validità del contratto, ha facoltà di ordinare le prestazioni per un ammontare corrispondente al valore delle mere prestazioni così come sopra esposto. L importo contrattuale potrà subire oscillazioni a seconda delle effettive prestazioni rese, entro il limite del 20%, in diminuzione o del 30% in aumento, senza che l aggiudicatario possa avanzare pretesa alcuna a modificare le condizioni contrattuali oppure in ordine ai prezzi unitari applicati. Articolo 4 Durata dell appalto La durata dell'appalto è fissata in 12 mesi, decorrenti dalla data di avvio di esecuzione dell appalto attestato da apposito verbale redatto in contraddittorio con il Soggetto aggiudicatario, ai sensi dell'articolo 304 del D.P.R.5 ottobre 2010, n. 207, Regolamento di esecuzione ed attuazione del decreto legislativo 12 aprile 2006, n. 163, recante il Codice dei contratti pubblici relativi a lavori, servizi e forniture. Per durata dell appalto si intende il periodo entro il quale la Provincia può emettere utilmente le Richieste di Attivazione di Prestazioni (d ora in avanti denominate RAP), la cui esecuzione resta regolata dal presente capitolato anche se avrà luogo oltre detto periodo. L appalto potrà essere prorogato fino a ulteriori 3 mesi, previa comunicazione scritta della Provincia da inviare al Soggetto aggiudicatario almeno 30 (trenta) giorni prima della scadenza contrattuale, qualora alla scadenza del termine non sia stato esaurito il quantitativo massimo, anche eventualmente incrementato del 30% di cui all Articolo 3, e fino al raggiungimento massimo del medesimo. Il Fornitore si impegna a mantenere durante la proroga le stesse condizioni contrattuali. E escluso ogni tacito rinnovo dell appalto in oggetto. 4

5 Capitolato Speciale d Oneri Pagina 5 di 30 Articolo 5 Prestazioni Le prestazioni oggetto del contratto d appalto sono: a) sopralluoghi conoscitivi presso gli immobili ed i siti di partenza e di arrivo dei beni da trasferire; b) fornitura di idonei e sufficienti contenitori in cartone o in plastica o altro materiale idoneo alle operazioni di conservazione e movimentazione dei beni da trasportare, unitamente al nastro adesivo per protezione; c) smontaggio dei mobili e di tutte le suppellettili da traslocare; d) trasporto di beni dall immobile di partenza a quello di destinazione con consegna al piano o fondo archivistico o magazzino specifico; e) facchinaggio; f) rimontaggio e posizionamento degli arredi e delle suppellettili. Articolo 6 Descrizione di massima dei beni oggetto delle prestazioni I beni oggetto delle prestazioni di trasloco, trasporto, facchinaggio, movimentazione e consegna potranno essere costituiti da: a) arredi e suppellettili (es. scrivanie, poltrone, divani, sedie, armadi componibili e non, pareti attrezzate, scaffali, lampade, lampadari, appendiabiti, piante etc.); b) minuteria, pacchi di documenti, faldoni, materiale cartaceo in genere ed altri materiali vari collocabili in scatoloni; c) biblioteche; d) archivi generali; e) materiali informatici (PC, monitor PC, stampanti e periferiche varie); f) fotocopiatrici, condizionatori, televisori, macchine per ufficio e apparecchiature elettroniche ed elettriche in genere; g) pallet di carta per stamperia e beni di cancelleria varia. Sono esclusi dalle operazioni citate le opere d arte, materiali pericolosi e rifiuti. Articolo 7 Luoghi interessati alle Prestazioni I principali luoghi interessati alle Prestazioni sono di seguito elencati: SEDI PROVINCIA DI GENOVA INDIRIZZI RECAPITI AUTOFFICINA VIABILITA' Via Geirato Molassana CFP BRODOLINI Via Viazze 1 - Loc. Sarissola Busalla (GE) CFP SPINELLI Via Adamoli Molassana - Genova CFP TRUCCO Via Pastorino, 32 A Bolzaneto Genova CPI CHIAVARI Corso Millo 13b op. S.ta Levaggi Chiavari (GE) CPI LEVANTE NERVI Via del commercio Nervi - Genova CPI MEDIO PONENTE VILLA Via Muratori 7 Villa Bombrini BOMBRINI Cornigliano - Genova tel mail: Tel. 010/ mail: Tel mail: Tel mail: Tel mail: Tel mail: Tel

6 Capitolato Speciale d Oneri Pagina 6 di 30 SEDI PROVINCIA DI GENOVA INDIRIZZI RECAPITI CPI PONENTE Via Prà 63 c/o Villa Podestà Prà - Genova CPI VALBISAGNO Via Adamoli 3A nero (Cà de Pitta) Molassana - Genova CPI VALPOLCEVERA Via Teglia Teglia - Genova VIA CESAREA/CPI CENTRO LEVANTE I.AT. SANTA MARGHERITA Via Cesarea Genova Piazza Vittorio Veneto Santa Margherita Ligure (GE) I.A.T. CHIAVARI Corso Assarotti Chiavari (GE) I.A.T. PORTOFINO Via Roma, Portofino (GE) I.A.T. RAPALLO Lungomare Vittorio Veneto Rapallo (GE) I.A.T. SESTRI LEVANTE Piazza S. Antonio Sestri Levante (GE) SE.DI. - Palazzina Polizia L.go F. Cattanei 1 Provinciale Quarto Genova SE.DI. L.go F. Cattanei Quarto - Genova SE.DI. Palazzina Turismo Via Maggio (lato ASL) Quarto - Genova SEDE Centrale P.le Mazzini Genova URP Sede centrale Salita S. Caterina 52 r Genova URP CHIAVARI Via Vinelli Chiavari Tel mail: Tel mail: Tel mail: Tel mail: Tel mail: a.it Tel mail: Tel mail: Tel mail: Tel mail: Tel /935 mail: Tel /650 mail: Tel /650 mail: Tel /650 mail: Tel mail: Tel mail: Le specifiche caratteristiche degli edifici potranno essere individuate da parte dei concorrenti durante il periodo che precede la seduta di gara, mediante la richiesta di svolgimento di sopralluogo, previo contatto con il Sig. Natale Crosa in servizio presso l Ufficio Provveditorato ed Economato, tel , cell. n , mail: Articolo 8 Configurazione del servizio L esecuzione delle prestazioni deve essere realizzata in modo tale da garantire il minimo intralcio alle attività istituzionali e correnti ed essere svolta in maniera efficiente, efficace nonché a perfetta regola d arte. Tutte le prestazioni oggetto del presente appalto devono essere svolte dal Fornitore in consonanza agli accordi presi con il Responsabile della Provincia, di cui all Articolo 9 del presente capitolato. L'inizio e il termine dei servizi, ai fini della determinazione dei compensi dovuti al Fornitore, decorrono dall'ora in cui il personale dello stesso si presenta al Referente della struttura presso la quale dovranno essere effettuate la prestazioni, fino al momento nel quale verrà dato ordine di sospendere o si riterranno concluse le prestazioni. L'inizio e il termine degli interventi devono risultare da apposita modulistica predisposta dalla Provincia vistata dal Referente della struttura interessata dalle operazioni, per ogni giorno di intervento. 6

7 Capitolato Speciale d Oneri Pagina 7 di 30 Per ogni intervento richiesto, il Fornitore deve garantire cartoni, nastri adesivi, contenitori di plastica ed altri materiali ed oggetti eventualmente necessari allo svolgimento delle operazioni, che si intendono gratuitamente prestati alla Provincia; al termine delle singole prestazioni gli stessi potranno essere ritirati dal Fornitore se ritenuti ancora idonei per interventi futuri. Il personale del Fornitore dovrà adottare tutte le precauzioni atte ad evitare danneggiamenti ai beni e alle strutture; a tal fine dovrà utilizzare i mezzi di trasporto ritenuti più idonei e dotati di adeguata portata, nonché di speciali sistemi di protezione e bloccaggio dei carichi. Il Fornitore deve provvedere a propria cura e spese alla richiesta di eventuali autorizzazioni presso gli uffici competenti per l'utilizzo di spazi con regolamentazione particolare del traffico quali zone a traffico limitato o aree pedonali, nonché qualsiasi altro onere connesso alle operazioni di trasloco/trasporto; pertanto non possono essere specificamente fatturati a carico della Provincia gli oneri comunali per l eventuale occupazione del suolo pubblico. Articolo 8.1 Dotazione minima di risorse umane e strumentali L organizzazione delle risorse umane e strumentali per un efficiente ed efficace erogazione delle Prestazioni richieste dalla Provincia fa capo al Fornitore, che deve purtuttavia garantire che l inquadramento professionale dei lavoratori svolgenti le prestazioni semplici non sia inferiore al 6 livello, e non inferiore al 5 livello l inquadramento professionale del Coordinatore nei casi di prestazioni complesse, secondo il C.C.N.L. LOGISTICA, TRASPORTO MERCI e SPEDIZIONE; inoltre il Fornitore deve garantire che gli automezzi adibiti al trasporto su strada per conto terzi non abbiano una portata inferiore a quella prevista dalla legge a seconda della quantità e qualità delle merce trasportata. Le suddette informazioni devono essere dettagliate a completamento dell offerta economica, nella quale devono essere indicati l inquadramento del Responsabile Coordinatore dei servizi e dei singoli lavoratori eventualmente assegnati al presente appalto; il numero, le caratteristiche, le prestazioni, la vetustà dei mezzi, nello specifico circa gli automezzi adibiti al trasporto su strada per conto terzi deve essere dichiarata il numero e la capacità di carico espressa in quintali di ogni automezzo in proprietà e/o leasing; circa possibili autoscale deve essere dichiarata il numero e la capacità di carico espressa in quintali; circa le altre attrezzature di lavoro devono essere dichiarati gli attrezzi che potrebbero essere messi a disposizione quali: carrelli, transpallet manuali e/o elettrici, pedane, muletti et ecc. Articolo 8.2 Sopralluoghi I sopralluoghi sono funzionali allo svolgimento ottimale delle prestazioni più complesse deducibili in appalto. I sopralluoghi, a seconda della natura, caratteristiche e quantità delle prestazioni, potranno essere svolti su richiesta sia della Provincia sia del Fornitore e, comunque, soltanto ove ricorrano presupposti operativi e necessità comprovate. Esso potrà essere svolto, comunque, solo dietro autorizzazione scritta rilasciata dal Responsabile della Provincia. I sopralluoghi devono essere svolti, senza intralcio per le attività svolte negli immobili e negli uffici interessati dalle prestazioni, nelle date e negli orari che il Responsabile della Provincia per le prestazioni avrà concordato con il Responsabile del Fornitore. I sopralluoghi del personale del Fornitore possono avvenire esclusivamente alla presenza di dipendenti della Provincia, all uopo indicati, in giorni lavorativi e feriali e comunque dalle ore 08:00 alle 16:00. In caso di preventivo da parte del Fornitore, il preventivo deve essere inoltrato alla Provincia non oltre il termine di 3 (tre) giorni lavorativi dalla data di svolgimento del sopralluogo, salvo termini più ridotti in casi d urgenza. Il Responsabile del Fornitore, a seguito di ciascun sopralluogo, deve attestare mediante apposito rapporto che il sopralluogo è stato eseguito e che il personale dello stesso Fornitore ha visionato i beni ed i materiali da trasferire. Tale rapporto di sopralluogo, visionato e controfirmato dal Responsabile della Provincia o suo delegato, normalmente costituirà la base informativa delle prestazioni oggetto della RAP. 7

8 Capitolato Speciale d Oneri Pagina 8 di 30 Detto rapporto dovrà riportare quantità e caratteristiche dei beni da trasportare. Articolo 8.3 Imballaggi e relativi colli I colli, debitamente imballati, conterranno generalmente, ma non esclusivamente, i beni indicati all Articolo 6 del presente Capitolato. I materiali, che il Fornitore deve impiegare per proteggere i beni da movimentare, devono essere conformi alle disposizioni di legge nazionali e regionali obbligatorie in vigore al momento dello svolgimento delle operazioni. Il Fornitore è tenuto a fornire materiali idonei alle operazioni di imballaggio ai fini del trasferimento dei beni e degli oggetti della Provincia. Per materiali fragili quali computer, apparecchiature tecniche, video, quadri, lampadari, ecc., sarà cura e responsabilità del Fornitore provvedere ad effettuare le operazioni di imballo con materiali idonei onde evitare ogni danno e avaria al materiale. I beni soggetti a movimentazione devono essere sistemati dal personale incaricato dal Fornitore in scatole di cartone ovvero in contenitori di plastica od altro materiale idoneo di proprietà del Fornitore. Il suddetto materiale da utilizzarsi per imballare i beni deve essere prestato alla Provincia a titolo gratuito. Articolo 8.4 Smontaggio Tale attività dovrà essere prestata a regola d arte ed in modo tale da preservare i beni da smontare da danni ai materiali (abrasioni, rotture, ecc.) e smarrimenti alle parti ed ai rivestimenti che li compongono. Essa potrà comprendere, ove necessario ai fini dell imballaggio, facchinaggio e trasporto, lo smontaggio di viti, bulloni, ganci, cerniere, serrature, maniglie, cablaggi, ecc. che dovranno essere accuratamente riposte e conservate in appositi involucri da accludere agli imballi relativi agli oggetti cui appartengono. Articolo 8.5 Trasporto Il trasporto deve essere svolto impiegando appositi mezzi di trasporto, in numero sufficiente e di portata adeguata, al fine di preservare l integrità dei beni ritirati. Le prestazioni di trasporto devono essere svolte: con personale qualificato e idoneo a svolgere il servizio; fornendo e posando le segnalazioni nei punti prescritti e, comunque, applicando quanto previsto dalle norme vigenti in materia di sicurezza; avendo la massima cura affinché in ogni momento sia garantita l agibilità di tutti gli spazi comuni (pianerottoli, androni, percorsi pedonali, ascensori, ecc.), consentendo il passaggio di persone e automezzi, durante lo svolgimento delle prestazioni. Articolo 8.6 Facchinaggio interno Detta prestazione consiste nell esecuzione delle movimentazioni dei beni e materiali di cui all Articolo 6 all interno degli edifici di pertinenza dell Amministrazione. Essa deve essere svolta senza l ausilio di automezzi di trasporto e per tutte le esigenze in cui occorre ricorrere solo a manodopera di fatica e, ove necessario, a carrelli trasportatori e deve essere svolta garantendo la corretta movimentazione di mobilio, dotazione di ufficio, cartoni, faldoni, documenti, attrezzature varie, nel rispetto delle modalità predefinite ovvero da definire a seconda della tipologia di intervento richiesto. Non è consentito trasportare i beni ed i colli negli ascensori degli edifici dell Amministrazione, salvo diversa esplicita autorizzazione dei funzionari incaricati della stessa. In caso di deroga dalla suddetta norma generale, gli ascensori dovranno essere utilizzati osservando i relativi limiti di carico e senza che possa loro esser cagionato danno e/o avaria. 8

9 Capitolato Speciale d Oneri Pagina 9 di 30 Le prestazioni di facchinaggio comprendono, oltre alle altre attività prescritte nel presente capitolato, l imballaggio del contenuto negli arredi e il conseguente disimballaggio e riposizionamento del suddetto contenuto negli arredi. La movimentazione di materiale archivistico deve essere effettuata integralmente dal Fornitore; la nuova collocazione deve avvenire nel rispetto del medesimo ordine di classificazione e posizionamento preesistente, salve le eventuali diverse disposizioni date in loco dall incaricato preposto. In caso di movimentazione di materiali o apparecchiature fragili (computer, apparecchiature tecniche, video, quadri, etc.) sarà cura e responsabilità del Fornitore provvedere ad effettuare gli imballaggi idonei ad evitare ogni danno o avaria. Il Fornitore è responsabile, secondo le norme del codice civile (art. 1693) per la perdita o l avaria dei beni movimentati, ed è tenuto al risarcimento integrale dei danni cagionati al patrimonio della Provincia. Articolo 8.7 Rimontaggio e posizionamento dei beni Dette prestazioni devono essere effettuate a perfetta regola d arte e comprendono la rimozione dei relativi sfridi, il cui smaltimento, comunque, rimane a cura della Provincia. Il rimontaggio deve essere effettuato impiegando correttamente tutti i componenti degli arredi ed oggetti in precedenza smontati. Il posizionamento degli arredi e di tutti gli oggetti trasportati/traslocati deve essere conforme alle indicazioni del Responsabile della Provincia e, comunque, essere svolto in modo tale che gli arredi e gli oggetti posizionati non costituiscano pericolo attuale e prospettico per l incolumità del personale presente negli uffici e gli ambienti. Al Fornitore è fatto obbligo di segnalare ai Servizi della Provincia qualsiasi rischio concernente il verificarsi di eventi a persone e/o cose negli uffici e negli ambienti in cui sono riposizionati gli arredi e gli oggetti. Articolo 9 Responsabili delle prestazioni Il Fornitore individua un Responsabile unico del contratto, referente nei confronti della Provincia per l esecuzione, che ha la responsabilità delle prestazioni oggetto del contratto e, quindi, avrà la capacità di rappresentare ad ogni effetto il Fornitore. L Ufficio Provveditorato è Responsabile dell esecuzione del contratto per la Provincia; ad esso devono essere indirizzate tutte le relative comunicazioni. Le Parti indicheranno i soggetti fisici e i recapiti necessari per le varie forme di comunicazione (telefonica, via fax, posta elettronica ordinaria e/o certificata). Articolo 10 Attivazione ed organizzazione delle Prestazioni Sottoscritto il verbale di avvio esecuzione appalto, di cui all Articolo 4, l Ufficio Provveditorato, mediante la RAP, potrà richiedere, indicandole specificamente, le prestazioni di cui all Articolo 5, aventi ad oggetto uno o più categorie di beni di cui all Articolo 6. La RAP, recapitata al Fornitore a mezzo posta elettronica o fax o altro mezzo atto a garantire prova della ricezione dello stesso, dovrà indicare: a) tutti gli elementi essenziali ai fini dello svolgimento delle attività e prestazioni, nonché le specifiche richieste formulate dalla Provincia; b) i luoghi, i tempi e gli orari di erogazione delle prestazioni; c) i nominativi e le coordinate telefoniche ed mail dei Referenti dei servizi logistici e di edificio, luogo delle operazioni relative alle citate prestazioni. Non saranno accettate prestazioni parziali, ovvero prestazioni effettuate mediante attività ripartite nel tempo, salvo che ciò non sia previsto nella RAP emessa. 9

10 Capitolato Speciale d Oneri Pagina 10 di 30 Prima dell avvio delle prestazioni più complesse e con almeno 3 (tre) giorni lavorativi di anticipo, il Fornitore contatterà il Referente della Provincia indicato nella RAP per concordare tempi e dettagli operativi. Articolo 11 Tempi di evasione delle RAP Le prestazioni semplici devono essere svolte nei normali orari di lavoro del personale della Provincia, ordinariamente il martedì e il giovedì dalle 8.00 alle salvo diversa indicazione impartita nella RAP. La formalizzazione delle RAP semplici avverrà ordinariamente 2 (due) giorni, naturali e consecutivi, prima dell esecuzione della Prestazione; in caso di Prestazioni complesse che comportano specifici sopralluoghi, di cui all Articolo 8.1, la formalizzazione della RAP avverrà almeno 5 (cinque) giorni, naturali e consecutivi, prima dell esecuzione della Prestazione, salvo casi di urgenza. Il Fornitore dovrà garantire un servizio di emergenza e pronto intervento, senza costi aggiuntivi, che dovrà essere effettuato su chiamata della Provincia nel caso sorga l esigenza di provvedere a seguito di eventi imprevedibili (calamità naturali, guasti di impianto ecc.) che pregiudicano il regolare svolgimento dell attività lavorativa. Articolo 12 Controllo ex-post delle Prestazioni A consuntivo delle Prestazioni, preferibilmente nell arco della stessa giornata, il Fornitore deve anticipare via posta elettronica all indirizzo copia scansita della specifica RAP, con i relativi allegati datati e sottoscritti dai destinatari delle Prestazioni, di cui all Articolo 10, sottoscritta dall incaricato del Fornitore, integrata dalle seguenti specifiche informazioni: a) data di effettiva esecuzione delle prestazioni; b) quantità e qualità delle risorse umane e strumentali impiegate; c) orari di impiego validi ai fini della fatturazione; d) tipologia e quantità delle Prestazioni svolte, e luoghi di effettuazione delle stesse, se differenti da quanto indicato ai punti a), b) e c) dell Articolo 10. La suddetta documentazione originale deve essere allegata alla fatturazione cumulativa con cadenza mensile di cui all Articolo 14. L Ufficio Provveditorato svolge le verifiche delle Prestazioni ordinate al fine di controllare che le Prestazioni siano state svolte a regola d arte e secondo le istruzioni impartite dal personale competente. Le verifiche delle Prestazioni semplici saranno effettuate dall Ufficio Provveditorato mediante riscontri diretti con il Referente della struttura presso la quale le Prestazioni sono state svolte oppure con il Referente specifico della consegna o ritiro o movimentazione dei beni oggetto della RAP; in caso di discordanze tra quanto dichiarato dal suddetto Referente e quanto riportato nella documentazione inviata via posta elettronica dal Fornitore, l Ufficio avvierà un approfondimento mediante contraddittorio tra le parti. Le verifiche delle Prestazioni complesse (esempio: trasporto di grosse quantità di beni o di beni di valore significativo, oppure operazioni di trasloco di interi uffici) saranno effettuate mediante controlli visivi da personale all uopo incaricato e il relativo Rapporto di Verifica sarà controfirmato dal personale incaricato della Provincia e dall incaricato del Fornitore alla cui presenza le verifiche vengono svolte in contraddittorio. Ove durante le operazioni di verifica emergano difformità tali da generare contestazioni da parte della Provincia, il Fornitore sarà tenuto a ripetere a regola d arte le Prestazioni non effettuate o effettuate in difformità, entro e non oltre 3 giorni lavorativi dalla data di verifica non superata, e l Ufficio Provveditorato si riserverà di applicare le penali di cui all Articolo 22. Le Prestazioni eseguite si intenderanno accettate dalla Provincia ad esito positivo delle suddette verifiche. Relativamente alle Prestazioni semplici, verrà considerata quale data di accettazione delle stesse quella riportata sulla copia scansita della RAP pervenuta via posta elettronica, come indicato al primo paragrafo del presente articolo; relativamente alle Prestazioni complesse, verrà considerata quale data di accettazione quella del Rapporto di Verifica, salvo contestazioni espresse. 10

11 Capitolato Speciale d Oneri Pagina 11 di 30 L accettazione delle Prestazioni non solleva il Fornitore dalle responsabilità delle proprie obbligazioni relativamente ai vizi palesi od occulti delle Prestazioni stesse non rilevati all atto dell esecuzione, né lo esime dall obbligo di rispondere ad eventuali contestazioni che potessero insorgere a seguito di ulteriori verifiche. Articolo 13 Corrispettivi Il corrispettivo contrattuale è a misura e l unità di misura è il costo di un ora di servizio prestato da un lavoratore. Il prezzo offerto per ogni ora di servizio/uomo, al netto dell IVA, derivante dal ribasso offerto in sede di gara sul costo ora di servizio/uomo posto a base di gara dall Amministrazione, s intende comprensivo di ogni onere e spesa, ivi compresi, a titolo meramente esemplificativo e non esaustivo: a) personale (il cui inquadramento professionale non deve essere inferiore al 6 livello per i lavorat ori impegnati nelle prestazioni ordinarie, e non inferiore al 5 livello per il Coordinatore nei casi di Prestazioni complesse, secondo il C.C.N.L. LOGISTICA, TRASPORTO MERCI e SPEDIZIONE); b) strumenti ed attrezzature utilizzate (ad esempio automezzi adibiti al trasporto per conto terzi su strada; autoscale; carrelli; transpallet manuali; pedane; muletti etc); c) carburante; d) oneri, tariffe e tasse concernenti l occupazione del suolo pubblico, pedaggi autostradali, tasse sugli imballaggi e qualsiasi altro onere relativo ad attività strumentali ai fini dell erogazione delle prestazioni richieste a perfetta regola d arte e nel pieno adempimento delle modalità e delle prescrizioni contrattuali. Esso comprende altresì le normali quote di spese generali e utili di impresa. Il Fornitore riconosce che il prezzo è rimunerativo e di non avere, quindi, alcun diritto a chiedere ulteriori patti, condizioni, prezzi e/o compensi diversi, maggiori o comunque più favorevoli di quelli fissati. Il prezzo offerto in sede di gara deve intendersi invariabile ed in nessun caso è suscettibile di variazione per tutta la durata del contratto. I corrispettivi contrattuali dovuti al Fornitore, in forza delle RAP che dovessero essere effettuate, sono da determinarsi, sulla base di quanto dallo Stesso indicato nella dichiarazione d offerta in sede di gara, a proprio rischio in base ai propri calcoli, alle proprie indagini e alle proprie stime, moltiplicato per le ore di servizio/uomo specificamente prestate, oltre IVA di legge. Articolo 14 Fatturazione e modalità di pagamento Non è ammessa alcuna anticipazione, ai sensi dell art. 5 del D.L. 28 marzo 1997 n. 79, convertito con Legge 28 maggio 1997 n Le fatture devono essere indirizzate a Provincia di Genova - Ufficio Contabilità Economica - Fatture, Piazzale Mazzini, 2, Genova. L Amministrazione declina ogni responsabilità per ritardi nel pagamento delle fatture a seguito di errata o diversa indicazione dell ufficio ricevente. Il Fornitore, sotto la propria esclusiva responsabilità, renderà tempestivamente note le variazioni che si verificassero circa le modalità di accredito comunicate in fase di stipulazione del contratto; in difetto di tale comunicazione, anche se le variazioni venissero pubblicate nei modi di legge, il Fornitore non potrà sollevare eccezioni in ordine ad eventuali ritardi dei pagamenti, né in ordine ai pagamenti già effettuati. Le fatture possono essere emesse a cadenza mensile ed afferire cumulativamente alle effettive Prestazioni accettate dall Amministrazione secondo le modalità indicate all Articolo 12; nelle stesse devono essere elencate analiticamente le singole Prestazioni di servizi svolte con il relativo identificativo di RAP, e deve essere obbligatoriamente allegata l analitica originale corrispondente documentazione di cui al secondo paragrafo dell Articolo 12 e le copie dei Rapporti di Verifica per le singole Prestazioni complesse svolte nel relativo periodo di fatturazione. Sulle fatture deve, altresì, essere indicato il numero dell impegno finanziario di spesa e il numero di CIG (codice identificativo gara). 11

12 Capitolato Speciale d Oneri Pagina 12 di 30 Mancando tale documentazione e i dati di cui sopra, le fatture non possono essere messe in pagamento. I pagamenti corrisposti in euro saranno eseguiti dal Tesoriere della Provincia di Genova esclusivamente mediante bonifico su c/c bancario, ovvero con altri strumenti di pagamento idonei a consentire la piena tracciabilità delle operazioni comunicati dal Fornitore agli effetti della Legge 13 agosto 2010, n. 136 e s.m.i. Ai fini e per gli effetti della Legge n. 136/2010 e s.m.i., il Fornitore si impegna a: - riportare il codice identificativo gara (CIG) dell intervento al fine di consentire la tracciabilità di tutti i movimenti finanziari relativi al presente contratto, degli eventuali contratti di subappalto e di fornitura e servizi relativi allo stesso; - comunicare gli estremi identificativi di conto/i corrente/i bancario/i o postale/i dedicato/i ovvero altro strumento di pagamento idoneo a consentire la piena tracciabilità delle operazioni finanziarie, su cui l Amministrazione eseguirà i pagamenti inerenti il presente contratto, ai sensi dell art. 3, comma 1 della sopra citata legge; - comunicare le generalità ed il codice fiscale delle persone fisiche delegate ad operare in relazione ai suddetti strumenti di pagamento, ed ogni modifica dei suddetti dati che intervenissero durante l esecuzione contrattuale; - ad inserire nei contratti sottoscritti con i subappaltatori e i subcontraenti della filiera delle imprese a qualsiasi titolo interessate al contratto in oggetto, a pena di nullità assoluta, un'apposita clausola con la quale ciascuno di essi assume gli obblighi di tracciabilità dei flussi finanziari; - a comunicare immediatamente alla Provincia e alla prefettura-ufficio territoriale del Governo della Provincia di Genova l inadempimento della propria controparte (subappaltatore/subcontraente) degli obblighi di tracciabilità finanziaria. La violazione degli obblighi di tracciabilità di cui alla Legge n. 136/2010 comporta la risoluzione di diritto del contratto. Il pagamento della fattura avverrà di norma entro sessanta (60) giorni dalla data di ricezione delle stesse. Il termine negoziale per la decorrenza degli interessi moratori, ai sensi dell articolo 4, comma 4 del Decreto legislativo 9 ottobre 2002, n. 231, è indicato in 60 giorni dal ricevimento della fattura; ai sensi dell articolo 5 dello stesso Decreto il saggio degli interessi si converrà nel tasso definito dalla B.C.E. (comunicato in G.U. dal Ministero dell Economia e delle Finanze) con la maggiorazione di 7 (sette) punti percentuali. Si potrà procedere alla liquidazione della fattura soltanto dopo aver accertato la regolarità del DURC; al fine di accelerare la verifica potrà essere valutato un DURC in corso di validità fornito dal Fornitore richiesto riguardo all oggetto della prestazione, avente data di emissione non antecedenti a 90 gg. dalla data di emissione della fattura. Resta espressamente inteso che in nessun caso, ivi compreso il caso di ritardi nei pagamenti dei corrispettivi dovuti, il Fornitore potrà sospendere le prestazioni previste nel presente capitolato e nelle singole RAP, a pena di risoluzione e risarcimento di tutti i danni derivanti dalla risoluzione stessa. Articolo 15 Adempimenti successivi all aggiudicazione Ad avvenuta assegnazione dell appalto, prima dell avvio dell esecuzione dello stesso, su convocazione del RUP, sarà tenuta una riunione di coordinamento con il Fornitore, al fine di fornire dettagliate informazioni sui rischi esistenti negli ambienti in cui si svolgeranno le prestazioni e sulle misure di prevenzione e di emergenza adottate a riguardo alle attività ivi svolte. E obbligo del Fornitore di informare e di formare adeguatamente il proprio personale circa i rischi specifici esistenti negli ambienti in cui è destinato ad operare, rilevabili dal documento di valutazione dei rischi di interferenza, allegato al presente capitolato, integrato dal Fornitore con l indicazione dei rischi specifici derivanti dalla sua attività, che verranno introdotti nell ambiente stesso. Articolo 16 Obblighi derivanti dal rapporto di lavoro e in materia di sicurezza Il Fornitore si obbliga ad ottemperare a tutti gli obblighi verso i propri dipendenti derivanti da disposizioni legislative e regolamentari vigenti in materia di lavoro, ivi compresi quelli in tema di igiene e sicurezza, nonché la disciplina previdenziale e infortunistica, assumendo a proprio carico tutti i relativi oneri. 12

13 Capitolato Speciale d Oneri Pagina 13 di 30 In particolare, il Fornitore si impegna a rispettare nell esecuzione delle obbligazioni derivanti dal contratto e dalle singole RAP le disposizioni di cui al decreto legislativo 9 aprile 2008 n. 81, e successive modificazioni e integrazioni. Il Fornitore si obbliga altresì ad applicare, nei confronti dei propri dipendenti occupati nelle attività contrattuali, le condizioni normative e retributive non inferiori a quelle risultanti dal C.C.N.L. LOGISTICA, TRASPORTO MERCI e SPEDIZIONE e dagli accordi integrativi di lavoro applicabili alla data di stipula del presente appalto alla categoria e nelle località di svolgimento delle attività, nonché le condizioni risultanti da successive modifiche ed integrazioni. Il Fornitore si obbliga, altresì, a continuare ad applicare i sopra indicati contratti collettivi anche dopo la loro scadenza e fino alla loro sostituzione. Gli obblighi relativi ai contratti collettivi nazionali di lavoro di cui ai commi precedenti vincolano il Fornitore anche nel caso in cui non aderisca alle associazioni stipulanti o receda da esse, per tutto il periodo di validità del presente contratto. La Provincia può prendere visione degli atti attestanti la regolarità amministrativa del Fornitore nel rapporto con i propri dipendenti e/o collaboratori, sia agli effetti contributivi che agli effetti assicurativi, in modo tale che questi ultimi non possano vantare alcuna pretesa nei confronti della Provincia stessa. Articolo 17 Oneri a carico del Fornitore Il Fornitore si obbliga, oltre a quanto previsto nelle altre parti del presente capitolato, a: a) prestare i servizi e i beni oggetto del presente appalto, impiegando tutte le attrezzature ed il personale necessari per la loro realizzazione secondo quanto stabilito nell Articolo 8.1; b) garantire la permanenza, per tutta la durata dell appalto, di una consistenza numerica e qualitativa delle attrezzature, aventi le caratteristiche dichiarate in sede di Offerta, nonché del numero dei dipendenti e delle relative qualifiche professionali, funzionali ad un esecuzione a regola d arte delle prestazioni oggetto del presente capitolato; c) comunicare tempestivamente, anche in formato elettronico, all Ufficio Provveditorato, ogni eventuale modifica rilevante riguardante le risorse strumentali ed umane coinvolte nell esecuzione dell appalto, indicando analiticamente le variazioni intervenute e, se del caso, i nominativi dei nuovi responsabili; d) consentire all Ufficio Provveditorato, per quanto di propria competenza, di monitorare la conformità delle prestazioni alle norme previste nel presente capitolato; e) nell adempimento delle proprie prestazioni ed obbligazioni, osservare tutte le indicazioni operative, di indirizzo e di controllo che a tale scopo saranno predisposte e comunicate dall Ufficio Provveditorato e/o Referente delle sedi in cui si svolgeranno le singole Prestazioni. Il Fornitore si obbliga ad eseguire le prestazioni oggetto dell appalto in tutte le sedi della Provincia dislocate sul territorio di comune di Genova e dell intero territorio provinciale, nel rispetto di quanto previsto nel presente capitolato e fermo restando che le Prestazioni dovranno essere eseguite con continuità anche in caso di eventuali variazioni della consistenza e della dislocazione delle sedi e degli uffici di detti soggetti. I beni trasportati e/o traslocati viaggiano a rischio e pericolo del Fornitore, il quale dovrà, pertanto, adottare tutte le precauzioni necessarie per evitare che i beni stessi si deteriorino durante il trasporto. Il Fornitore si impegna a predisporre e trasmettere all Ufficio Provveditorato, in formato cartaceo ed elettronico, tutti i dati e la documentazione di rendicontazione delle RAP eseguite, secondo quanto previsto dall Articolo 12. Il Fornitore si impegna, altresì, contestualmente alla trasmissione delle fatture relative a ciascun periodo di riferimento, a pena di irricevibilità delle medesime fatture e, comunque, dell inesigibilità dei relativi crediti, a trasmettere la documentazione comprovante la prestazione dei servizi e delle forniture oggetto della fatturazione. La Provincia si riserva il diritto di verificare in ogni momento l esecuzione delle prestazioni contrattuali e di richiedere al Fornitore l elaborazione di report specifici anche in formato elettronico e/o in via telematica, da inviare all Ufficio Provveditorato entro 14 (quattordici) giorni, naturali e consecutivi, dalla data di richiesta, pena l applicazione delle penali di cui all Articolo

14 Capitolato Speciale d Oneri Pagina 14 di 30 Articolo 18 Oneri a carico della Provincia Sono a carico della Provincia i seguenti oneri: (1) fornitura d energia elettrica e acqua; (2) assistenza tecnica durante l esecuzione delle Prestazioni. Articolo 19 Polizze assicurative Il Fornitore deve presentare copia della propria polizza assicurativa, in corso di validità, per responsabilità civile e per danni di esecuzione che potrebbero essere causati durante l esecuzione dell appalto. I massimali di detta polizza dovranno essere non inferiori a: a) per la responsabilità civile pari a euro ,00#; b) per i danni di esecuzione pari a euro ,00#. I risarcimenti potranno essere reclamati entro un termine massimo di 3 (tre) mesi successivi alla data di ultimazione della Prestazione. Articolo 20 Cauzione definitiva Il Fornitore deve prestare una cauzione definitiva pari al 10% (dieci per cento) dell importo contrattuale complessivo, al netto degli oneri fiscali. La cauzione con validità fino a tre mesi successivi alla scadenza del contratto di servizio può essere costituita nei seguenti modi: (A) mediante garanzia fideiussoria, rilasciata da una delle imprese esercenti l attività bancaria previste dal D.P.R. 22 maggio 1956, n. 635; (B) mediante polizza fideiussoria, rilasciata da una delle imprese di assicurazione autorizzate al ramo cauzioni, ai sensi del D.P.R. 13 febbraio 1959, n. 449, e del decreto legislativo 7 settembre 2005 n. 209; (C) mediante polizza fideiussoria, rilasciata da un intermediario finanziario iscritto all elenco speciale di cui all articolo 107 del decreto legislativo 1 settembre 1993, n La fideiussione deve prevedere espressamente la rinuncia al beneficio della preventiva escussione del debitore principale e la sua operatività entro 15 giorni a semplice richiesta scritta della stazione appaltante. La garanzia è prestata per qualsiasi obbligazione relativa all esecuzione del contratto per cui il fornitore sia riconosciuto inadempiente. In ogni caso il garante si deve ritenere liberato dall obbligazione solo ed esclusivamente a seguito di espresso svincolo da parte della Provincia. Tale obbligo deve risultare nel contratto di fideiussione. In caso di proroga del contratto il fornitore s impegna a mantenere la garanzia fideiussoria. Articolo 21 Subappalto e cessione del contratto È consentito il subappalto nei modi e nei termini di legge di cui all articolo 118 del decreto legislativo 163/2006 e s.m.i. È fatto assoluto divieto al Fornitore di cedere, a qualsiasi titolo, il contratto e le singole RAP, a pena di nullità della cessione stessa, salvo quanto previsto nell articolo 116 del decreto legislativo 163/2006 e s.m.i. Le cessioni di crediti, di cui all art. 117 del decreto legislativo 163/06 e s.m.i., possono essere effettuate a banche o intermediari finanziari disciplinati dalle leggi in materia bancaria e creditizia, il cui oggetto sociale preveda l esercizio dell attività di acquisto di crediti di impresa. In caso di inadempimento da parte del Fornitore degli obblighi di cui ai precedenti commi, la Provincia, fermo restando il diritto al risarcimento del danno, ha facoltà di dichiarare risolto di diritto il contratto. 14

15 Capitolato Speciale d Oneri Pagina 15 di 30 Articolo 22 Penali Qualora il Fornitore, per cause non imputabili alla Provincia, non ottemperasse a quanto previsto nei precedenti Articolo 12 e Articolo 17, ed in generale: a) mancasse o comunque ritardasse lo svolgimento delle Prestazioni rispetto ai termini previsti, anche per ragioni imputabili a terzi; b) ritardasse la ripetizione delle prestazioni erogate in maniera non conforme e/o anomala; verrà applicata, per ogni giorno solare di ritardo, anche se imputabile a terzi, una penale giornaliera pari ad Euro 50,00 (cinquanta/00) per ciascuna RAP non evasa, salvo il risarcimento del maggior danno. Resta salva la facoltà della Provincia, in caso di prestazioni non effettuate o ritardate o non conformi, di far provvedere all esecuzione autonomamente, addebitando al Fornitore tutte le spese dirette ed indirette sostenute. A tal proposito, la Provincia, con riferimento alle prestazioni di cui sopra, è esonerata da qualsiasi responsabilità per qualsivoglia inadempimento da parte del Fornitore. Gli inadempimenti contrattuali che danno luogo all applicazione delle penali sopra indicate saranno contestati in forma scritta al Fornitore; quest ultimo deve comunicare le proprie deduzioni entro il termine massimo di 7 (sette) giorni naturali e consecutivi dal ricevimento della contestazione. Qualora le deduzioni non siano accogliibili a giudizio della Provincia o non vi sia stata risposta da parte del Fornitore o la stessa non giunga nel termine sopra indicato, sono applicate al Fornitore le penali a decorrere dall inizio dell inadempimento. Le penali saranno trattenute, per il loro rispettivo importo, sull'ammontare delle fatture ammesse al pagamento e, in mancanza di queste, sulla cauzione definitiva costituita dal Fornitore, con l obbligo per quest ultimo di reintegrare la cauzione entro 15 giorni naturali e consecutivi dalla richiesta della Provincia, pena l eventuale risoluzione del contratto. Articolo 23 Risoluzione In tutti i casi di violazione degli obblighi contrattuali, la Provincia, indipendentemente dall applicazione delle penali, comunica al Fornitore gli estremi degli inadempimenti rilevati, assegnando un termine minimo di 15 (quindici) giorni naturali e consecutivi dalla ricezione della comunicazione a mezzo raccomandata, od altro mezzo ritenuto idoneo a garantire l'avvenuta ricezione, per adempiere secondo le modalità contrattuali. Oltre quanto previsto dall articolo 1453 del codice civile, costituiscono motivo di risoluzione del contratto, ai sensi dell articolo 1456 del codice civile, le seguenti ipotesi di inadempimento: (a) (b) nel caso in cui il ritardo nello svolgimento della prestazione sia superiore a giorni 30 (trenta) giorni; l importo delle penali sia pari o superiore al 10% dell importo contrattuale, al netto degli oneri fiscali; (c) cessione del contratto ai sensi dell Articolo 21; (d) (e) mancata reintegrazione della cauzione nei termini previsti dal presente capitolato: violazione degli obblighi di tracciabilità di cui alla Legge n. 136/2010 e s.m.i. Articolo 24 Recesso Il recesso è disciplinato dall articolo 302 del Decreto del Presidente della Repubblica 5 ottobre 2010, n. 207, Regolamento di esecuzione ed attuazione del decreto legislativo 12 aprile 2006, n. 163, recante il Codice dei contratti pubblici relativi a lavori, servizi e forniture. Articolo 25 Tutela della privacy Ai sensi del 1 comma dell art. 13 del D.Lgs. n 19 6/2003 e s.m.i., la Provincia utilizzerà i dati personali per le finalità di gestione della procedura di gara, e li tratterà successivamente, nell eventualità della stipulazione del contratto d'appalto, per la finalità di gestione del contratto stesso. 15

16 Capitolato Speciale d Oneri Pagina 16 di 30 Il Fornitore, a sua volta, dovrà garantire che il proprio personale tratterà come riservate le informazioni di cui saprà nell esecuzione del contratto, secondo le disposizioni del D.Lgs. n 196/2003 e s.m.i. Articolo 26 Controversie Per tutto quanto concerne l esecuzione del contratto, salvo diverse successive comunicazioni, il Fornitore deve fare riferimento all Ufficio. Tutte le controversie che dovessero insorgere in merito all esecuzione del contratto saranno di competenza del foro di Genova. Articolo 27 Norme regolanti l affidamento Per tutto ciò che non sia esplicitamente contemplato negli articoli precedenti si danno per richiamate e si osservano le disposizioni di legge vigenti in materia di servizi, il codice civile e le norme di legge, gli usi commerciali. 16

17 Capitolato Speciale d Oneri Pagina 17 di 30 ALLEGATO DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI INTERFERENTI AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASLOCO, TRASPORTO, FACCHINAGGIO, MOVIMENTAZIONE E CONSEGNA DI BENI VARI PER LE ESIGENZE DEGLI IMMOBILI DELLA PROVINCIA DI GENOVA 17

18 Capitolato Speciale d Oneri Pagina 18 di 30 Data: COMMITTENTE Responsabile del S.P.P. ( ) Datore di Lavoro ( ) DITTA APPALTATRICE Responsabile del S.P.P. ( ) Datore di Lavoro ( ) 18

19 Capitolato Speciale d Oneri Pagina 19 di 30 PREMESSA L art. 26, comma 1, lettera b, del D. Lgs. N. 81/2008 e s.m.i. (Testo Unico sulla Sicurezza), recita che il Datore di Lavoro, in caso di affidamento di lavori, servizi e forniture, fornisce alle imprese appaltatrici o ai lavoratori autonomi dettagliate informazioni sui rischi specifici esistenti nell ambiente in cui sono destinati ad operare e sulle misure di prevenzione e di emergenza adottate in relazione alla propria attività. In particolare l art. 26, commi 3 e 5, del D. Lgs. N. 81/2008 e s.m.i., stabilisce che: «3. Il datore di lavoro committente promuove la cooperazione ed il coordinamento di cui al comma 2 elaborando un unico documento di valutazione dei rischi che indichi le misure adottate per eliminare o, ove ciò non è possibile, ridurre al minimo i rischi da interferenze (.). Le disposizioni del presente comma non si applicano ai rischi specifici propri dell attività delle imprese appaltatrici o dei singoli lavoratori autonomi.»; «5. Nei singoli contratti di subappalto, di appalto e di somministrazione, anche qualora in essere al momento della entrata in vigore del presente decreto, di cui agli articoli 1559, ad esclusione dei contratti di somministrazione di beni e servizi essenziali, 1655, 1656 e 1677 del codice civile, devono essere specificamente indicati a pena di nullità ai sensi dell articolo 1418 del codice civile i costi delle misure adottate per eliminare o, ove ciò non sia possibile, ridurre al minimo i rischi in materia di salute di sicurezza sul lavoro derivanti dalle interferenze delle lavorazioni, con particolare riferimento a quelli propri connessi allo specifico appalto. Relativamente all appalto in argomento, che prevede l affidamento del servizio di trasloco, trasporto, facchinaggio, movimentazione e consegna di beni vari per le esigenze degli immobili della Provincia di Genova, il Servizio di Prevenzione e Protezione della Provincia di Genova ha redatto il presente documento che contiene: - l informativa sui rischi specifici esistenti negli ambienti in cui si troverà ad operare l impresa appaltatrice e sulle misure di prevenzione e di emergenza adottate dal committente; - le modalità di cooperazione e di coordinamento; - la valutazione dei rischi da interferenza e le misure adottate per eliminare o ridurre al minimo i rischi stessi; - la stima dei costi della sicurezza. Sarà cura della ditta esecutrice fornire, in seguito all atto dell assegnazione dell appalto e, comunque, prima dell avvio delle attività, tutte le indicazioni al committente in merito a situazioni che si potrebbero venire a creare, ma non previste inizialmente da parte del Committente, per poter integrare il presente documento e renderlo coerente con le attività lavorative da svolgere. 19

20 Capitolato Speciale d Oneri Pagina 20 di 30 DEFINIZIONI Interferenza: ogni sovrapposizione di attività lavorativa tra diversi lavoratori che rispondono a datori di lavoro diversi; la sovrapposizione riguarda sia una contiguità fisica e di spazio, sia una contiguità produttiva. Rischi interferenti: tutti i rischi correlati all affidamento di appalti o concessioni all interno dell azienda. Non sono rischi interferenti quelli specifici propri dell attività del Committente, delle imprese appaltatrici o dei singoli lavoratori autonomi, a meno che gli stessi non impattino sulle attività degli altri soggetti presenti nel luogo di lavoro. A titolo esemplificativo, sono rischi interferenti: - rischi derivanti da sovrapposizioni di più attività svolte ad opera di appaltatori diversi; - rischi immessi nel luogo di lavoro del committente dalle lavorazioni dell appaltatore; - rischi esistenti nel luogo di lavoro del committente, ove è previsto che debba operare l appaltatore, ulteriori rispetto a quelli specifici dell attività propria dell appaltatore; - rischi derivanti da modalità di esecuzione particolari (che comportano rischi ulteriori rispetto a quelli dell attività appaltata), richieste esplicitamente dal committente. GENERALITÀ Al fine di ottemperare agli obblighi di cooperazione e coordinamento previsti dall art. 26 del D.Lgs. 81/08, relativamente alle attività di trasporto, trasloco e facchinaggio previsti dalla contratto di appalto in argomento, si informa che la normale attività esercitata dall ente appaltante comporta nei plessi di pertinenza la presenza di particolari rischi, di seguito meglio indicati, per i quali sono adottate le specifiche misure di prevenzione collettive ed individuali. Il Documento Unico di Valutazione dei Rischi da Interferenze (DUVRI) è da intendersi valido per le sole attività inerenti il presente appalto. Per attività non contenute dal succitato contratto d appalto che si ritenessero necessarie in corso d opera sarà verificata la necessità di integrare o modificare il presente documento. Al fine di poter adempiere a pieno agli obblighi di legge e, quindi, poter completare in maniera adeguata il DUVRI, si invita, sin d ora, l impresa appaltatrice a trasmettere, prima della stipula del contratto, il documento di valutazione dei rischi di cui all art. 28 comma 2 del D.Lgs. 81/08, comprensivo delle procedure dettagliate di realizzazione dei lavori e delle eventuali ulteriori informazioni di specie, al fine di metterci al corrente dei rischi che lo svolgimento delle previste attività potranno introdurre nei nostri ambienti di lavoro e le prevedibili condizioni di esposizione agli stessi. Il DUVRI dovrà essere condiviso, prima dell inizio delle attività connesse all appalto, in sede di riunione congiunta tra l impresa aggiudicataria e l ente appaltante. Eventuali misure aggiuntive di prevenzione e protezione contro i rischi da interferenza individuati verranno indicate nel DUVRI definitivo. Si precisa, inoltre, che qualora in corso d opera ci siano varianti rispetto alle informazioni comunicate all atto della sottoscrizione del contratto, le stesse dovranno essere tempestivamente notificate al Committente. FINALITÀ Il DUVRI viene redatto preventivamente alla fase di appalto, in ottemperanza al disposto art. 26 comma 3 del D. Lgs. 81/08, al fine di poter avviare i processi di: - cooperazione per l attuazione delle misure di protezione e prevenzione dai rischi sul lavoro, incidenti sull attività lavorativa oggetto dell appalto; - coordinamento degli interventi di protezione e prevenzione dai rischi a cui sono esposti i lavoratori; - informazione reciproca in merito a tali misure; - eliminazione e/o riduzione al minimo dei rischi dovuti alle interferenze nelle lavorazioni oggetto dell appalto. FIGURE DI RIFERIMENTO DEL COMMITTENTE Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione (RSPP): Ing. Michele PALLADINO Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza (RLS): Sig. Andrea APICELLA, Sig.ra Anna CARENINI, Sig. Lorenzo COSTA, Sig.ra Sonia FRANCI, Sig.ra Antonella MACCANTI, Sig. Giorgio POZZO. 20

Capitolato Tecnico. Pagina 1

Capitolato Tecnico. Pagina 1 Gara a procedura aperta per l affidamento dei servizi di facchinaggio della sede di SACE sita in Roma Piazza Poli 37/42 - CIG 5778360584 Pagina 1 1 PREMESSA 3 2 Oggetto dell Appalto 3 3 Durata dell Appalto

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA SERVIZIO DI MANUTENZIONE AREE VERDE PUBBLICO 1.1.2016 31.12.2018. CIG

REPUBBLICA ITALIANA SERVIZIO DI MANUTENZIONE AREE VERDE PUBBLICO 1.1.2016 31.12.2018. CIG REPUBBLICA ITALIANA COMUNE DI LOMAGNA (Prov. di Lecco) Contratto Rep. n. del SERVIZIO DI MANUTENZIONE AREE VERDE PUBBLICO 1.1.2016 31.12.2018. CIG 6170496661 L anno duemilaquindici addì del mese di presso

Dettagli

Periodo: 1.3.2011 28.2.2014

Periodo: 1.3.2011 28.2.2014 PROCEDURA IN ECONOMIA ex art. 125 del D. Lgs. n. 63/2006 per l affidamento del servizio di CONTROLLO INTEGRATO DELLE INFESTAZIONI ENTOMATICHE E MURINE PRESSO LE STRUTTURE UNIVERSITARIE Periodo: 1.3.2011

Dettagli

Art. 1 Oggetto del servizio

Art. 1 Oggetto del servizio CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO TRASLOCHI NEGLI ISTITUTI SCOLASTICI, NEI CENTRI SCOLASTICI, NEI CENTRI DI FORMAZIONE PROFESSIONALE E NEGLI UFFICI DI COMPETENZA PROVINCIALE

Dettagli

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Servizio Edilizia Pubblica e Logistica

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Servizio Edilizia Pubblica e Logistica PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Servizio Edilizia Pubblica e Logistica GARA D APPALTO PER LA STIPULA DI UN CONTRATTO PER L AFFIDAMENTO DEI SERVIZI DI TRASLOCO E FACCHINAGGIO DI MOBILIO E ATTREZZATURE IN DOTAZIONE

Dettagli

ISTITUTO NAZIONALE DI STATISTICA Direzione Generale Direzione Centrale per l Attività Amministrativa e la Gestione del Patrimonio CAPITOLATO TECNICO

ISTITUTO NAZIONALE DI STATISTICA Direzione Generale Direzione Centrale per l Attività Amministrativa e la Gestione del Patrimonio CAPITOLATO TECNICO SERVIZIO DI FACCHINAGGIO CON GESTIONE DEL CICLO LOGISTICO COMPRENSIVA DEL MONITORAGGIO INFORMATIZZATO E TRASPORTO COSE ALL INTERNO E TRA LE VARIE SEDI ISTAT DI ROMA CAPITOLATO TECNICO 1 INDICE 1. OGGETTO

Dettagli

1)La Fondazione Arena di Verona, con sede in Verona (Italia), Via. Roma 7/d (in seguito denominata Fondazione) telefono 045

1)La Fondazione Arena di Verona, con sede in Verona (Italia), Via. Roma 7/d (in seguito denominata Fondazione) telefono 045 BANDO DI GARA CON PROCEDURA APERTA 1)La Fondazione Arena di Verona, con sede in Verona (Italia), Via Roma 7/d (in seguito denominata Fondazione) telefono 045 8051811 fax 045 8011566 - sito internet www.arena.it

Dettagli

Condizioni generali di fornitura

Condizioni generali di fornitura Condizioni generali di fornitura 1) Responsabilità di trasporto Resa e imballo a ns. carico. 2) Custodia dopo consegna in cantiere Dopo la posa da parte ns. del materiale / macchine in cantiere la responsabilità

Dettagli

PUBBLICO INCANTO. TRASLOCO della BIBLIOTECA NAZIONALE Sagarriga Visconti Volpi di BARI Capitolato d oneri

PUBBLICO INCANTO. TRASLOCO della BIBLIOTECA NAZIONALE Sagarriga Visconti Volpi di BARI Capitolato d oneri Ministero per i Beni e le Attività Culturali DIPARTIMENTO PER I BENI ARCHIVISTICI E LIBRARI DIREZIONE GENERALE PER I BENI LIBRARI E GLI ISTITUTI CULTURALI PUBBLICO INCANTO TRASLOCO della BIBLIOTECA NAZIONALE

Dettagli

TERMINI E CONDIZIONI DI ACQUISTO STANDARD

TERMINI E CONDIZIONI DI ACQUISTO STANDARD TERMINI E CONDIZIONI DI ACQUISTO STANDARD Le presenti condizioni generali di acquisto disciplinano il rapporto tra il Fornitore di beni, opere o servizi, descritti nelle pagine del presente Ordine e nella

Dettagli

MODELLO-BASE CONVENZIONE-CONTRATTO PER LA REALIZZAZIONE DELL INTERVENTO NUOVI PERCHORSI

MODELLO-BASE CONVENZIONE-CONTRATTO PER LA REALIZZAZIONE DELL INTERVENTO NUOVI PERCHORSI Assessorato alla f amiglia, all Educazione ed ai Giov ani Municipio Roma III U.O. Serv izi Sociali, Educativ i e Scolastici Allegato n. 3 al Bando d Istruttoria Pubblica per l intervento Nuovi PercHorsi

Dettagli

LETTERA D INVITO SI INVITA. codesta Ditta a partecipare alla procedura di gara in oggetto, secondo le modalità di seguito indicate.

LETTERA D INVITO SI INVITA. codesta Ditta a partecipare alla procedura di gara in oggetto, secondo le modalità di seguito indicate. Roma, 5 marzo 2010 AREA COORDINAMENTO AFFARI AMMINISTRATIVI Ufficio Affari Amministrativi Contabilità e Bilancio Prot. UAA-AIFA F.3./a.23734/P OGGETTO: Gara d appalto mediante cottimo fiduciario per l

Dettagli

Contratto d appalto per servizi di facchinaggio, trasporto e trasloco per le. sedi di alcune Direzioni Regionali dell Agenzia delle Entrate (Lotto.

Contratto d appalto per servizi di facchinaggio, trasporto e trasloco per le. sedi di alcune Direzioni Regionali dell Agenzia delle Entrate (Lotto. Rep. n. Prot. n. 2009/ Contratto d appalto per servizi di facchinaggio, trasporto e trasloco per le sedi di alcune Direzioni Regionali dell Agenzia delle Entrate (Lotto.) REPUBBLICA ITALIANA Il giorno..

Dettagli

Provincia di Sassari. C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20

Provincia di Sassari. C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20 C O M U N E D I M A R A Provincia di Sassari C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20 Email: protocollo@comune.mara.ss.it Pec: protocollo@pec.comune.mara.ss.it SERVIZIO AFFARI

Dettagli

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI)

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) COMPITI DELLE IMPRESE E DOCUMENTAZIONE CONTRATTUALE AI SENSI DI QUANTO PREVISTO DAL D.L.GS 8108 e s.m.i. TIPOLOGIA APPALTO: SERVIZIO DI PULIZIA

Dettagli

è stata acquisita la documentazione antimafia di cui all art.84 del D.Lgs. n.159/2011 ed il DURC attestante la regolarità e correntezza contributiva

è stata acquisita la documentazione antimafia di cui all art.84 del D.Lgs. n.159/2011 ed il DURC attestante la regolarità e correntezza contributiva CONTRATTO PER IL SERVIZIO DI FACCHINAGGIO, TRASPORTO E SUPPORTO OPERATIVO PER GLI UFFICI, CENTRALI E DISTACCATI, DELL ACI IN ROMA E PER L UFFICIO PROVINCIALE ACI DI ROMA CIG n.5393972e7e tra L AUTOMOBILE

Dettagli

VIT S.R.L. CAPITOLATO SPECIALE PER L'AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DELLA STRUTTURA POLIFUNZIONALE DENOMINATA CHALET PINETA IN COMUNE DI CEVO (BS)

VIT S.R.L. CAPITOLATO SPECIALE PER L'AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DELLA STRUTTURA POLIFUNZIONALE DENOMINATA CHALET PINETA IN COMUNE DI CEVO (BS) VIT S.R.L. CAPITOLATO SPECIALE PER L'AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DELLA STRUTTURA POLIFUNZIONALE DENOMINATA CHALET PINETA IN COMUNE DI CEVO (BS) Art. 1 - Oggetto dell affidamento L oggetto dell affidamento

Dettagli

Allegato H SCHEMA DI CONTRATTO

Allegato H SCHEMA DI CONTRATTO Allegato H SCHEMA DI CONTRATTO AFFIDAMENTO ANNUALE DELLA GESTIONE DELLA CASA FAMIGLIA PER DISABILI ADULTI SITA IN LARGO FRATELLI LUMIERE, 36, NONCHÉ QUELLA DEL CENTRO DIURNO SE FINANZIATO DA ROMA CAPITALE

Dettagli

ama S.p.A. L AQUILA servizio acquisti e contratti Azienda della Mobilità Aquilana OGGETTO: locazione spazi pubblicitari.

ama S.p.A. L AQUILA servizio acquisti e contratti Azienda della Mobilità Aquilana OGGETTO: locazione spazi pubblicitari. servizio acquisti e contratti L Aquila 14 luglio 2014 Prot. 924 acq./dnc Spett.le Lotto CIG: Z111026FC0 OGGETTO: locazione spazi pubblicitari. Questa azienda intende locare gli spazi, utilizzabili a fini

Dettagli

Codice Identificativo Gara, CIG: 03154838CC

Codice Identificativo Gara, CIG: 03154838CC ACCORDO QUADRO BIENNALE PER I SERVIZI DI TRASLOCO E FACCHINAGGIO DI MOBILI, MACCHINE ED ARREDI PER UFFICIO, APPARECCHIATURE INFORMATICHE ED ELETTRONICHE, DOCUMENTAZIONE CARTACEA DA TRASFERIRE NELLA NUOVA

Dettagli

GUARDIA DI FINANZA QUARTIER GENERALE BANDO DI GARA SEZIONE I: AMMINISTRAZIONE AGGIUDICATRICE I.1)DENOMINAZIONE, INDIRIZZI E PUNTI DI CONTATTO

GUARDIA DI FINANZA QUARTIER GENERALE BANDO DI GARA SEZIONE I: AMMINISTRAZIONE AGGIUDICATRICE I.1)DENOMINAZIONE, INDIRIZZI E PUNTI DI CONTATTO GUARDIA DI FINANZA QUARTIER GENERALE BANDO DI GARA SEZIONE I: AMMINISTRAZIONE AGGIUDICATRICE I.1)DENOMINAZIONE, INDIRIZZI E PUNTI DI CONTATTO Denominazione ufficiale: Quartier Generale della Guardia di

Dettagli

PROVINCIA DI ROMA. Regolamento Servizio di Economato

PROVINCIA DI ROMA. Regolamento Servizio di Economato PROVINCIA DI ROMA Regolamento Servizio di Economato Adottato con delibera del Consiglio Provinciale: n. 1111 dell 1 marzo 1995 Aggiornato con delibera del Consiglio Provinciale n. 34 del 12 luglio 2010

Dettagli

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI Allegato 1 COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI REGOLAMENTO PER LA DOTAZIONE FINANZIARIA COMUNALE PER INTERVENTI DI MANUTENZIONE ORDINARIA E DI FUNZIONAMENTO IN FAVORE DEGLI ISTITUTI DI ISTRUZIONE PRIMARIA

Dettagli

Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011

Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011 Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011 Codice identificativo n. [numero progressivo da sistema] CONTRATTO per il riconoscimento degli incentivi per

Dettagli

PIEMONTE SERVIZI DI TRASLOCO E FACCHINAGGIO PRESSO LE SEDI DELL EDISU PIEMONTE CIG 0143309652 DISCIPLINARE DI GARA

PIEMONTE SERVIZI DI TRASLOCO E FACCHINAGGIO PRESSO LE SEDI DELL EDISU PIEMONTE CIG 0143309652 DISCIPLINARE DI GARA PIEMONTE SERVIZI DI TRASLOCO E FACCHINAGGIO PRESSO LE SEDI DELL EDISU PIEMONTE CIG 0143309652 DISCIPLINARE DI GARA 1 Art. 1 Premessa Il presente disciplinare costituisce, con il bando e il capitolato speciale

Dettagli

PROVINCIA DI PESARO E URBINO

PROVINCIA DI PESARO E URBINO PROVINCIA DI PESARO E URBINO Regolamento interno della Stazione Unica Appaltante Provincia di Pesaro e Urbino SUA Provincia di Pesaro e Urbino Approvato con Deliberazione di Giunta Provinciale n 116 del

Dettagli

Area Vigilanza AVVISA

Area Vigilanza AVVISA COMUNE DI VILLASOR Provincia di Cagliari Area Vigilanza P.zza Matteotti, 1 - C.A.P. 09034 Part. IVA 00530500925 Tel 070 9648023 - Fax 070 9647331 www.comune.villasor.ca.it C.F: 82002160925 MANIFESTAZIONE

Dettagli

Azienda Unità Locale Socio Sanitaria

Azienda Unità Locale Socio Sanitaria Regione del Veneto Azienda Unità Locale Socio Sanitaria OVEST VICENTINO Servizio: UOA APPROVVIGIONAMENTI Data: 29 dicembre 2010 Spett.le Ditta Prot. n.: 46520 da citare nella risposta Vs. rif.: Oggetto:

Dettagli

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO. Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO. Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431 CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431 e degli artt. 1571 e seguenti del codice civile. CON LA PRESENTE SCRITTURA PRIVATA la CAMERA

Dettagli

CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI

CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI CAPITOLATO DI APPALTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA DEGLI UFFICI DI ROMA ENTRATE SPA E FORNITURA DEL MATERIALE PER I RELATIVI SERVIZI IGIENICI Art. 1 Oggetto del capitolato Il presente appalto prevede: la

Dettagli

COMUNE DI CAMPORGIANO

COMUNE DI CAMPORGIANO COMUNE DI CAMPORGIANO PROVINCIA DI LUCCA Piazza Roma n. 1 Tel. 0583/618888 Fax. 0583/618433 C.F. 00398710467 E-mail : demografico@comune.camporgiano.lu.it CAPITOLATO D APPALTO AFFIDAMENTO MEDIANTE PROCEDURA

Dettagli

Spett.le * * * Si invita a far pervenire, esclusivamente a mezzo raccomandata o posta celere oppure consegnato a mano, presso

Spett.le * * * Si invita a far pervenire, esclusivamente a mezzo raccomandata o posta celere oppure consegnato a mano, presso LETTERA INVITO A TRATTATIVA PRIVATA APERTA per Fornitura di Servizi di TRASLOCO di mobili e documenti da ufficio da Roma, Via Cristoforo Colombo 283/A (8 piano) a Roma, Quintino Sella, 42, CIG: Z9C0C2C891

Dettagli

OGGETTO: invito alla procedura di gara per l affidamento del servizio annuale di facchinaggio e traslochi.

OGGETTO: invito alla procedura di gara per l affidamento del servizio annuale di facchinaggio e traslochi. Allegato alla determinazione n. 42/APPR del 27/11/2014 composto da n. 29 fogli (fronte/retro) Spett.le ditta OGGETTO: invito alla procedura di gara per l affidamento del servizio annuale di facchinaggio

Dettagli

MINISTERO DELLA GIUSTIZIA DIPARTIMENTO DELL AMMINISTRAZIONE PENITENZIARIA DIREZIONE GENERALE DEL RISORSE MATERIALI DEI BENI E DEI SERVIZI

MINISTERO DELLA GIUSTIZIA DIPARTIMENTO DELL AMMINISTRAZIONE PENITENZIARIA DIREZIONE GENERALE DEL RISORSE MATERIALI DEI BENI E DEI SERVIZI MINISTERO DELLA GIUSTIZIA DIPARTIMENTO DELL AMMINISTRAZIONE PENITENZIARIA DIREZIONE GENERALE DEL RISORSE MATERIALI DEI BENI E DEI SERVIZI CAPITOLATO TECNICO Servizio di pulizia, di facchinaggio interno

Dettagli

SCHEMA DI CONTRATTO. L'anno duemila..., il giorno del mese di...in Roma

SCHEMA DI CONTRATTO. L'anno duemila..., il giorno del mese di...in Roma SCHEMA DI CONTRATTO L'anno duemila..., il giorno del mese di.....in Roma TRA Lottomatica Group S.p.A. con sede in Roma, Viale del Campo Boario n. 56/d - 00154 Codice Fiscale e Partita IVA n. 08028081001,

Dettagli

PER AZIENDE AVENTI ALLE PROPRIE DIPENDENZE SOLO IMPIEGATI (VERSIONE AGGIORNATA AL 23 GENNAIO 2015)

PER AZIENDE AVENTI ALLE PROPRIE DIPENDENZE SOLO IMPIEGATI (VERSIONE AGGIORNATA AL 23 GENNAIO 2015) Procedura relativa alla gestione delle adesioni contrattuali e delle contribuzioni contrattuali a Prevedi ex art. 97 del CCNL edili-industria del 1 luglio 2014 e ex art. 92 del CCNL edili-artigianato del

Dettagli

COMUNE DI SORAGA COMUN DE SORAGA BANDO DI CONCORSO PER LA REALIZZAZIONE DI UN OPERA D ARTE PER L ABBELLIMENTO DE LA GRAN CIASA NEL COMUNE DI SORAGA

COMUNE DI SORAGA COMUN DE SORAGA BANDO DI CONCORSO PER LA REALIZZAZIONE DI UN OPERA D ARTE PER L ABBELLIMENTO DE LA GRAN CIASA NEL COMUNE DI SORAGA BANDO DI CONCORSO PER LA REALIZZAZIONE DI UN OPERA D ARTE PER L ABBELLIMENTO DE LA GRAN CIASA NEL COMUNE DI SORAGA ai sensi dell art. 20 della L.P. 3 gennaio 1983 n.2 e s.m. e i. e del relativo Regolamento

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA DIVISIONE COLORI (Visa Colori spa)

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA DIVISIONE COLORI (Visa Colori spa) CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA DIVISIONE COLORI (Visa Colori spa) 1) Definizioni 1.1 Ai fini delle presenti condizioni generali di vendita (di seguito denominate Condizioni di Vendita ), i seguenti termini

Dettagli

PROGETTO ESECUTIVO MODICA ART SYSTEM PO FERS SICILIA 2007 2013 ASSE III OBIETTIVO OPERATIVO 3.1.3. LINEE D INTERVENTO 3.1.3.3.

PROGETTO ESECUTIVO MODICA ART SYSTEM PO FERS SICILIA 2007 2013 ASSE III OBIETTIVO OPERATIVO 3.1.3. LINEE D INTERVENTO 3.1.3.3. CAPITOLATO DI APPALTO PER LA FORNITURA DI MATERIALE INFORMATICO PER I SITI MUSEO CIVICO F.L.BELGIORNO FOYER TEATRO GARIBALDI CENTER OF CONTEMPORARY ARTS PROGETTO ESECUTIVO MODICA ART SYSTEM PO FERS SICILIA

Dettagli

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI 1. IDENTITÀ E CONTATTI DEL FINANZIATORE/ INTERMEDIARIO DEL CREDITO Finanziatore/Emittente CartaSi S.p.A. Indirizzo Corso Sempione, 55-20145 Milano Telefono 02.3488.1 Fax 02.3488.4115 Sito web www.cartasi.it

Dettagli

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale.

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. 9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. Art. 27 Adeguamento della legge regionale n.3/2007 alla normativa nazionale 1. Alla legge

Dettagli

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio:

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio: FATTURAZIONE In linea generale l Iva deve essere applicata sull ammontare complessivo di tutto ciò che è dovuto al cedente o al prestatore, quale controprestazione della cessione del bene o della prestazione

Dettagli

cüéä Çv t w atñéä SETTORE POLIZIA MUNICIPALE Tel.081 8851605 Fax 081 8852867 BANDO DI GARA D'APPALTO - PROCEDURA APERTA

cüéä Çv t w atñéä SETTORE POLIZIA MUNICIPALE Tel.081 8851605 Fax 081 8852867 BANDO DI GARA D'APPALTO - PROCEDURA APERTA VÉÅâÇx w MARIGLIANO cüéä Çv t w atñéä SETTORE POLIZIA MUNICIPALE Tel.081 8851605 Fax 081 8852867 BANDO DI GARA D'APPALTO - PROCEDURA APERTA ENTE APPALTANTE: Comune di Marigliano Corso Umberto 1-80034 Marigliano

Dettagli

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 SETTORE SEGRETARIO GENERALE SERVIZIO ELABORAZIONE DATI OGGETTO: 97.404,80 I.C. SERVIZIO DI ASSISTENZA TECNICA INTEGRALE E FORNITURA DI MATERIALE CONSUMABILE

Dettagli

REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L ACCESSO AGLI ATTI DELLE PROCEDURE DI AFFIDAMENTO E DI ESECUZIONE DEI CONTRATTI PUBBLICI DI FORNITURE E SERVIZI

REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L ACCESSO AGLI ATTI DELLE PROCEDURE DI AFFIDAMENTO E DI ESECUZIONE DEI CONTRATTI PUBBLICI DI FORNITURE E SERVIZI REGOLAMENTO DISCIPLINANTE L ACCESSO AGLI ATTI DELLE PROCEDURE DI AFFIDAMENTO E DI ESECUZIONE DEI CONTRATTI PUBBLICI DI FORNITURE E SERVIZI ART. 1 Campo di applicazione e definizioni 1. Il presente regolamento

Dettagli

Città di Spinea Provincia di Venezia

Città di Spinea Provincia di Venezia Città di Spinea Provincia di Venezia APPALTO: servizio di pulizia interna uffici comunali 2013 2014 AFFIDAMENTO: da appaltare REDATTO DA REVISIONE N. DATA APPROVATO DA 1 SOMMARIO 1. SEZIONE DESCRITTIVA...

Dettagli

Arkema France Condizioni generali di vendita

Arkema France Condizioni generali di vendita Arkema France Condizioni generali di vendita Ai fini delle presenti Condizioni Generali di Vendita (di seguito CGV ), il termine Venditore indica Arkema France, Acquirente indica la persona a cui il Venditore

Dettagli

IL DIRETTORE. Data 20.03.2015. Protocollo 7481-VII.1. Rep. DDIP n. 169. Settore Amministrazione e contabilità. Oggetto 1/10

IL DIRETTORE. Data 20.03.2015. Protocollo 7481-VII.1. Rep. DDIP n. 169. Settore Amministrazione e contabilità. Oggetto 1/10 Protocollo 7481-VII.1 Data 20.03.2015 Rep. DDIP n. 169 Settore Amministrazione e contabilità Responsabile Maria De Benedittis Oggetto Procedura selettiva pubblica per titoli e colloquio per la stipula

Dettagli

COMUNE DI FINALE EMILIA

COMUNE DI FINALE EMILIA COMUNE DI FINALE EMILIA PROVINCIA DI MODENA DETERMINAZIONE N. 922 DEL 12/11/2013 PROPOSTA N. 191 Centro di Responsabilità: Servizi Sociali, Istruzione, Associazionismo, Cultura, Promozione del Territorio

Dettagli

Prefettura - U.T.G. di Roma Bando di Gara Procedura ristretta. Determina. Sezione I: Amministrazione Aggiudicatrice: I.1) Prefettura di Roma UTG - Via

Prefettura - U.T.G. di Roma Bando di Gara Procedura ristretta. Determina. Sezione I: Amministrazione Aggiudicatrice: I.1) Prefettura di Roma UTG - Via Prefettura - U.T.G. di Roma Bando di Gara Procedura ristretta. Determina 2707/09. Sezione I: Amministrazione Aggiudicatrice: I.1) Prefettura di Roma UTG - Via IV Novembre 119/A- 00187 Roma (Italia) Punti

Dettagli

Non è compresa nel presente contratto l assistenza tecnica sui sistemi hardware e software dell UTENTE.

Non è compresa nel presente contratto l assistenza tecnica sui sistemi hardware e software dell UTENTE. CONDIZIONI GENERALI DI UTILIZZO DEL PROGRAMMA ONEMINUTESITE 1. PREMESSA L allegato tecnico contenuto nella pagina web relativa al programma ONEMINUTESITE(d ora in avanti: PROGRAMMA, o SERVIZIO O SERVIZI)

Dettagli

BANDO DI GARA PER LA VENDITA MEDIANTE ASTA PUBBLICA DEL FABBRICATO EX SEDE DELLA SCUOLA ELEMENTARE SOARZA IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO TECNICO

BANDO DI GARA PER LA VENDITA MEDIANTE ASTA PUBBLICA DEL FABBRICATO EX SEDE DELLA SCUOLA ELEMENTARE SOARZA IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO TECNICO COMUNE DI VILLANOVA SULL ARDA PROVINCIA DI PIACENZA ---------------------- Tel. 0523/837927 (n. 3 linee a ric. autom.) Codice Fiscale 00215750332 Fax 0523/837757 Partita IVA 00215750332 Prot. n 2868 BANDO

Dettagli

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE Servizio Sanitario Nazionale - Regione dell Umbria AZIENDA UNITA SANITARIA LOCALE UMBRIA N. 2 Sede Legale Provvisoria: Viale Donato Bramante 37 Terni Codice Fiscale e Partita IVA 01499590550 DETERMINAZIONE

Dettagli

La Consegna dei Lavori

La Consegna dei Lavori La Consegna dei Lavori Il contratto viene posto in esecuzione dall Amministrazione con La consegna dei lavori. Si tratta, complessivamente, di una serie di atti di carattere giuridico e di operazioni materiali,

Dettagli

Concessione del servizio di comunicazione elettronica certificata tra pubblica amministrazione e cittadino (CEC PAC)

Concessione del servizio di comunicazione elettronica certificata tra pubblica amministrazione e cittadino (CEC PAC) Concessione del servizio di comunicazione elettronica certificata tra pubblica amministrazione e cittadino (CEC PAC) Information Day Ministero dello sviluppo economico Salone Uval, Via Nerva, 1 Roma, 2

Dettagli

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa PER IMPRESE/SOCIETA DOMANDA DI PARTECIPAZIONE ALL AUTORITÀ NAZIONALE ANTICORRUZIONE Via M.Minghetti 10 00187 Roma CIG 6253408B85 GARA EUROPEA A PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEI SERVIZI CONCERNENTI

Dettagli

TUTTO CIO PREMESSO, si conviene e si stipula quanto segue:

TUTTO CIO PREMESSO, si conviene e si stipula quanto segue: CONTRATTO DI GARANZIA CONDIZIONI GENERALI 1 Sviluppo Artigiano Società Consortile Cooperativa di Garanzia Collettiva Fidi, (d ora in avanti Confidi), con sede in 30175 Marghera Venezia - Via della Pila,

Dettagli

DISCIPLINARE D INCARICO PER L ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO DI VERIFICA FINALIZZATA ALLA VALIDAZIONE DEI PROGETTI ESECUTIVI DEI NUOVI OSPEDALI TOSCANI DI

DISCIPLINARE D INCARICO PER L ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO DI VERIFICA FINALIZZATA ALLA VALIDAZIONE DEI PROGETTI ESECUTIVI DEI NUOVI OSPEDALI TOSCANI DI DISCIPLINARE D INCARICO PER L ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO DI VERIFICA FINALIZZATA ALLA VALIDAZIONE DEI PROGETTI ESECUTIVI DEI NUOVI OSPEDALI TOSCANI DI PRATO, PISTOIA, LUCCA, E DELLE APUANE, AI SENSI DELL

Dettagli

ALLEGATO 4. Allegato 5 Schema di Contratto Pag. 1 di 24

ALLEGATO 4. Allegato 5 Schema di Contratto Pag. 1 di 24 ALLEGATO 4 SCHEMA DI CONTRATTO PER I SERVIZI DI DISINFESTAZIONE, DISINFEZIONE, DERATTIZZAZIONE, SANIFICAZIONE E CURA DEL VERDE DA EFFETTUARSI NEL TERRITORIO DEL COMUNE DI ROMA. Lotto Allegato 5 Schema

Dettagli

REGOLAMENTO N. 9 DEL 19 MAGGIO 2015

REGOLAMENTO N. 9 DEL 19 MAGGIO 2015 REGOLAMENTO N. 9 DEL 19 MAGGIO 2015 REGOLAMENTO RECANTE LA DISCIPLINA DELLA BANCA DATI ATTESTATI DI RISCHIO E DELL ATTESTAZIONE SULLO STATO DEL RISCHIO DI CUI ALL ART. 134 DEL DECRETO LEGISLATIVO 7 SETTEMBRE

Dettagli

DISCIPLINARE CIG: 5153273767

DISCIPLINARE CIG: 5153273767 DISCIPLINARE GARA A PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PULIZIA DEI LOCALI DOVE HANNO SEDE GLI UFFICI DELLA CASSA NAZIONALE DEL NOTARIATO CIG: 5153273767 1. NORME PER LA PARTECIPAZIONE ALLA

Dettagli

CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO

CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO AVVERTENZE PER LA REDAZIONE 1. La bozza di contratto proposta è da utilizzare come linea guida, potrà essere integrata e/o ridotta in funzione alle specifiche necessità.

Dettagli

A.R.T.E. GENOVA BANDO DI GARA D APPALTO DI SERVIZI

A.R.T.E. GENOVA BANDO DI GARA D APPALTO DI SERVIZI A.R.T.E. GENOVA BANDO DI GARA D APPALTO DI SERVIZI I.1) STAZIONE APPALTANTE: A.R.T.E. Azienda Regionale Territoriale per l Edilizia della Provincia di Genova via B. Castello civ.3 16121 Genova tel. 010.53901

Dettagli

2) RESPONSABILE DEL PROCEDIMENTO: Ins. Maria Lorizio Istruttore Direttivo Amm.vo

2) RESPONSABILE DEL PROCEDIMENTO: Ins. Maria Lorizio Istruttore Direttivo Amm.vo COMUNE DI PUTIGNANO BANDO DI GARA CON PROCEDURA APERTA PER IL SERVIZIO DI FACCHINAGGIO E DI POSIZIONAMENTO, TENUTA IN EFFICIENZA E RIMOZIONE TRANSENNE E SEGNALETICA MOBILE. Allegato A alla determina dirigenziale

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI ACQUISTO

CONDIZIONI GENERALI DI ACQUISTO CONDIZIONI GENERALI DI ACQUISTO 1. CAMPO DI APPLICAZIONE 1.1 Le presenti Condizioni Generali di Acquisto ("GPC") si applicano all acquisto di materiali, articoli, prodotti, componenti, software ed i relativi

Dettagli

COMUNE DI ACQUAVIVA PLATANI Provincia Regionale di Caltanissetta

COMUNE DI ACQUAVIVA PLATANI Provincia Regionale di Caltanissetta COMUNE DI ACQUAVIVA PLATANI Provincia Regionale di Caltanissetta PIAZZA MUNICIPIO C.F.81000730853 P.IVA. 01556350856 BANDO DI GARA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TESORERIA COMUNALE (periodo dall 01/01/2011

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO TEMPORANEO E/O OCCASIONALE DI SPAZI E LOCALI DELL ATENEO DA PARTE DI SOGGETTI ESTERNI

REGOLAMENTO PER L UTILIZZO TEMPORANEO E/O OCCASIONALE DI SPAZI E LOCALI DELL ATENEO DA PARTE DI SOGGETTI ESTERNI REGOLAMENTO PER L UTILIZZO TEMPORANEO E/O OCCASIONALE DI SPAZI E LOCALI DELL ATENEO DA PARTE DI SOGGETTI ESTERNI (Emanato con D.R. n. 57 del 21 gennaio 2015) INDICE Pag. Art. 1 - Oggetto 2 Art. 2 - Procedura

Dettagli

Associazione intercomunale del Gemonese Gestione associata dell Ufficio Opere Pubbliche tra i. Comuni di Gemona del Friuli, Montenars e Bordano.

Associazione intercomunale del Gemonese Gestione associata dell Ufficio Opere Pubbliche tra i. Comuni di Gemona del Friuli, Montenars e Bordano. Associazione intercomunale del Gemonese Gestione associata dell Ufficio Opere Pubbliche tra i Comuni di Gemona del Friuli, Montenars e Bordano. Prot. n. 5789 Bordano, 04.12.2014 POR FESR 2007 2013 Obiettivo

Dettagli

Tali premesse costituiscono parte integrante delle presenti condizioni generali di contratto

Tali premesse costituiscono parte integrante delle presenti condizioni generali di contratto CONDIZIONI GENERALI DI CONTRATTO RELATIVE ALL ACQUISTO DI DIRITTI DI UTILIZZAZIONE DELLE IMMAGINI DELL ARCHIVIO FOTOGRAFICO ON-LINE DEL SISTEMA MUSEI CIVICI DI ROMA CAPITALE Premesso che La Sovrintendenza

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA 1. Definizioni La vendita dei prodotti offerti sul nostro sito web www.prada.com (di seguito indicato come il Sito") è disciplinata dalle seguenti Condizioni Generali di

Dettagli

Condizioni Generali di Contratto per gli Appalti di forniture delle Società del Gruppo Ferrovie dello Stato

Condizioni Generali di Contratto per gli Appalti di forniture delle Società del Gruppo Ferrovie dello Stato Direzione Affari Legali e Societari LEGALEONLINE Documento Normativa di Gruppo Documenti correlati: Condizioni Generali di Contratto per gli Appalti di forniture delle Società del Gruppo Ferrovie dello

Dettagli

COMUNE DI COLLESANO. Provincia di Palermo AREA TECNICO - MANUTENTIVA

COMUNE DI COLLESANO. Provincia di Palermo AREA TECNICO - MANUTENTIVA COMUNE DI COLLESANO Provincia di Palermo AREA TECNICO - MANUTENTIVA DETERMINAZIONE N. _791_ DEL _16.12.2013 (n int. _299_ del _16.12.2013_) OGGETTO: Lavori di Riqualificazione Quartiere Bagherino-Stazzone

Dettagli

Aggiunte e modifiche al Regolamento per le prestazioni e gli onorari per l architettura SIA 102 (2003)

Aggiunte e modifiche al Regolamento per le prestazioni e gli onorari per l architettura SIA 102 (2003) Sezione della logistica Repubblica e Cantone Ticino Via del Carmagnola 7 Dipartimento delle finanze e dell'economia 6501 Bellinzona Divisione delle risorse Aggiunte e modifiche al Regolamento per le prestazioni

Dettagli

Bando regionale per il sostegno di:

Bando regionale per il sostegno di: Bando regionale per il sostegno di: Programma Operativo Regionale Competitività regionale e occupazione F.E.S.R. 2007/2013 Asse 1 Innovazione e transizione produttiva Attività I.3.2 Adozione delle tecnologie

Dettagli

FONDAZIONE E.N.P.A.I.A. ENTE NAZIONALE DI PREVIDENZA PER GLI ADDETTI E PER GLI IMPIEGATI IN AGRICOLTURA

FONDAZIONE E.N.P.A.I.A. ENTE NAZIONALE DI PREVIDENZA PER GLI ADDETTI E PER GLI IMPIEGATI IN AGRICOLTURA CAPITOLATO SPECIALE Procedura aperta per l'affidamento del servizio di pulizia ordinaria della sede della Fondazione E.N.P.A.I.A. di viale Beethoven, 48 Roma. CIG 6220354E7E ARTICOLO 1 OGGETTO DELL APPALTO

Dettagli

Modello n. 1) Spett.le Comune di Schio Settore 04 Servizio Amministrativo di Settore Ufficio Appalti e Assicurazioni Via Pasini n. 33 36015 S C H I O

Modello n. 1) Spett.le Comune di Schio Settore 04 Servizio Amministrativo di Settore Ufficio Appalti e Assicurazioni Via Pasini n. 33 36015 S C H I O Modello n. 1) Spett.le Comune di Schio Settore 04 Servizio Amministrativo di Settore Ufficio Appalti e Assicurazioni Via Pasini n. 33 36015 S C H I O AUTODICHIARAZIONE Oggetto: Appalto n. FNN2012/0003

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI. (approvato con delibera commissariale n 21 del 07/06/2011)

REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI. (approvato con delibera commissariale n 21 del 07/06/2011) REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI (approvato con delibera commissariale n 21 del 07/06/2011) Art. 1 Fonti 1. Il presente regolamento, adottato in attuazione dello Statuto, disciplina

Dettagli

Allegato sub. A alla Determinazione n. del. Rep. CONVENZIONE

Allegato sub. A alla Determinazione n. del. Rep. CONVENZIONE Allegato sub. A alla Determinazione n. del Rep. C O M U N E D I T R E B A S E L E G H E P R O V I N C I A D I P A D O V A CONVENZIONE INCARICO PER LA PROGETTAZIONE DEFINITIVA - ESECUTIVA, DIREZIONE LAVORI,

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA. 1. Definizioni

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA. 1. Definizioni CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA 1. Definizioni La vendita dei prodotti a marchio Church s conclusa a distanza attraverso il sito web www.churchfootwear.com (di seguito indicato come il Sito") è disciplinata

Dettagli

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO FOGLIO INFORMATIVO NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO INFORMAZIONI SULLA BANCA UNIPOL BANCA S.p.A. SEDE LEGALE

Dettagli

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011 CIRCOLARE N. 45/E Roma, 12 ottobre 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Aumento dell aliquota IVA ordinaria dal 20 al 21 per cento - Articolo 2, commi da 2-bis a 2-quater, decreto legge 13 agosto

Dettagli

CORE Consorzio Recuperi Energetici S.p.A.

CORE Consorzio Recuperi Energetici S.p.A. SERVIZIO DI FORMAZIONE PONTEGGI ANNI 2015-2017 CAPITOLATO SPECIALE DI APPALTO (14/M/006C) CIG N 61470301A1 SOMMARIO Articolo 1. OGGETTO DELL APPALTO Articolo 1bis DEFINIZIONI Articolo 2. LUOGO DI ESECUZIONE

Dettagli

L anno, il giorno del mese di in, con la presente scrittura privata valida a tutti gli effetti di legge TRA

L anno, il giorno del mese di in, con la presente scrittura privata valida a tutti gli effetti di legge TRA Allegato n.3 Schema di contratto per il comodato d uso gratuito di n. 3 autoveicoli appositamente attrezzati per il trasporto di persone con disabilità e n. 2 autoveicoli per le attività istituzionali

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ELENCO DEGLI OPERATORI ECONOMICI DI FIDUCIA DELL UNIVERSITÀ TELEMATICA UNIVERSITAS MERCATORUM - EX ART.

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ELENCO DEGLI OPERATORI ECONOMICI DI FIDUCIA DELL UNIVERSITÀ TELEMATICA UNIVERSITAS MERCATORUM - EX ART. Universita Telematica UNIVERSITAS MERCATORUM REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ELENCO DEGLI OPERATORI ECONOMICI DI FIDUCIA DELL UNIVERSITÀ TELEMATICA UNIVERSITAS MERCATORUM - EX ART. 125, COMMA 12 DEL D.L.VO

Dettagli

DA PARTE DI CIASCUN COMPONENTE IL RTI.

DA PARTE DI CIASCUN COMPONENTE IL RTI. MODULO PER DICHIARAZIONI REQUISITI TECNICI/ECONOMICI E DI IDONEITÀ MORALE DA COMPILARSI DA PARTE DI CIASCUN COMPONENTE IL RTI. OGGETTO: Gara per l affidamento del servizio di pulizia delle sedi del Ministero

Dettagli

DISCIPLINARE DI GARA

DISCIPLINARE DI GARA DISCIPLINARE DI GARA Oggetto: procedura aperta indetta ai sensi dell'art. 124 del D.Lgs 163/2006 e s.m.i. per l'affidamento del servizio di pulizia della sede della Fondazione E.N.P.A.I.A. di viale Beethoven,

Dettagli

RICHIESTA ATTIVAZIONE SERVIZIO FATT-PA NAMIRIAL DEL CLIENTE OPERATORE ECONOMICO

RICHIESTA ATTIVAZIONE SERVIZIO FATT-PA NAMIRIAL DEL CLIENTE OPERATORE ECONOMICO Mod. NAM FATT-PA Rev.7.0 RICHIESTA ATTIVAZIONE SERVIZIO FATT-PA NAMIRIAL DEL CLIENTE OPERATORE ECONOMICO PREMESSE La presente Richiesta di attivazione del Servizio sottoscritta dal, Operatore Economico

Dettagli

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila Modello B) REGIONE ABRUZZO CONSIGLIO REGIONALE Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila acquisito di materiale di cancelleria per l Ufficio amministrativo

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE Protocollo n. 195080/2008 Approvazione del formulario contenente i dati degli investimenti in attività di ricerca e sviluppo ammissibili al credito d imposta di cui all articolo 1, commi da 280 a 283,

Dettagli

Decreto Part-time. Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time

Decreto Part-time. Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time Decreto Part-time Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time ARTICOLO 1 Definizioni 1.Nel rapporto di lavoro subordinato l assunzione

Dettagli

Italia-Roma: Servizi di pulizia stradale 2013/S 154-268701. Bando di gara. Servizi

Italia-Roma: Servizi di pulizia stradale 2013/S 154-268701. Bando di gara. Servizi 1/6 Avviso nel sito web TED: http://ted.europa.eu/udl?uri=ted:notice:268701-2013:text:it:html Italia-Roma: Servizi di pulizia stradale 2013/S 154-268701 Bando di gara Servizi Direttiva 2004/18/CE Sezione

Dettagli

AFFIDAMENTO DEI SERVIZI DI RECEPTION, CENTRALINO E FATTORINAGGIO ESTERNO PER GLI UFFICI DELLA SOGESID S.P.A. VIA CALABRIA, 35 E VIA CALABRIA 56 ROMA.

AFFIDAMENTO DEI SERVIZI DI RECEPTION, CENTRALINO E FATTORINAGGIO ESTERNO PER GLI UFFICI DELLA SOGESID S.P.A. VIA CALABRIA, 35 E VIA CALABRIA 56 ROMA. AFFIDAMENTO DEI SERVIZI DI RECEPTION, CENTRALINO E FATTORINAGGIO ESTERNO PER GLI UFFICI DELLA SOGESID S.P.A. VIA CALABRIA, 35 E VIA CALABRIA 56 ROMA. CIG: 5066492974 Quesito 1 Domanda: Nel Capitolato Tecnico

Dettagli

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Allegato A alla delibera n. 129/15/CONS REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Articolo 1 Definizioni 1. Ai fini del presente

Dettagli

15067 NOVI LIGURE AL. Tel.: 0143 744516 - Fax: 0143 321556 e-mail: srtspa@srtspa.it

15067 NOVI LIGURE AL. Tel.: 0143 744516 - Fax: 0143 321556 e-mail: srtspa@srtspa.it Allegato 4) Regolamento... li... ALLA SRT - SOCIETA PUBBLICA PER IL RECUPERO ED IL TRATTAMENTO DEI RIFIUTI S.p.A. Strada Vecchia per Boscomarengo s.n. 15067 NOVI LIGURE AL Tel.: 0143 744516 - Fax: 0143

Dettagli

CAPITOLATO/DISCIPLINARE

CAPITOLATO/DISCIPLINARE CAPITOLATO/DISCIPLINARE Il presente bando è finalizzato all acquisto di nr. 1 trattore stradale usato per traino semirimorchi da utilizzare per il servizio di trasporto RSU prodotti nel territorio del

Dettagli

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Ai Gentili Clienti Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Con i co. da 324 a 335 dell unico articolo della L. 24.12.2012 n. 228 (Legge di Stabilità 2013), l ordinamento

Dettagli

Lavori Pubblici: la disciplina del collaudo dell opera Normativa e prassi

Lavori Pubblici: la disciplina del collaudo dell opera Normativa e prassi COSTRUZIONI Lavori Pubblici: la disciplina del collaudo dell opera Normativa e prassi di Mauro Cappello Mauro Cappello GEOCENTRO/magazine pubblica, di Mauro Cappello, Ingegnere e Ispettore Verificatore

Dettagli

CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA

CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA L'Università degli Studi di Parma con sede in Parma, via Università n. 12 codice fiscale n. 00308780345 rappresentata dal

Dettagli

NORME E CONDIZIONI DEL SERVIZIO TELEPASS PYNG

NORME E CONDIZIONI DEL SERVIZIO TELEPASS PYNG NORME E CONDIZIONI DEL SERVIZIO TELEPASS PYNG Premessa TELEPASS S.p.A. Società per Azioni, soggetta all attività di direzione e coordinamento di Autostrade per l Italia S.p.A., con sede legale in Roma,

Dettagli