Deliberazioni di C.C..- Pubblicazione del ÌU

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Deliberazioni di C.C..- Pubblicazione del ÌU"

Transcript

1 n /-A - ^^^ Ì4-IWL20T2 Deliberazioni di C.C..- ubblicazione del ÌU W' Numero Data Classe Organo Oggetto /03/ /03/ /03/2012 CC ROBLEMATICHE ATO Ufficio CC AROVAZIONE NUOVO REGOLAMENTO IN AGAT ECONOMIA DI LAVORI SERVIZI E FORNITURE ' CC ARI. 194 LETT. E D.LVO 267/2000 RICONOSCIMENTO DEBITO FUORI BILANCIO DITTA ZANGARA DI BAGHERIA CHIUSURA DESERTA A A I Gr CRONOLOGICO ALBO 1 4 MAR 2012 martedì 13 marzo 2012

2

3 CITTA' DI MONREALE rovincia di alermo VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 23 COIA OGGETTO : ROBLEMATICHE ATO. L'anno duemiladodici il giorno 07 del mese di Marzo, alle ore 19,00, nella Sala Biagio Giordano del Complesso Monumentale Guglielmo II di questo Comune, nella seduta di inizio della sessione ordinaria, risultano presenti all'appello nominale: CONSIGLIERI Abruzzo Albano Arcidiacono Barna Capizzi Caputo D'Alcamo Davi D'Eliseo Di Nicola Di Verde Gelsomino Giurintano Grippi La Corte Giovanni Remo Alberto Francesco ietro Mario Santo Ignazio Luigi Benedetto Giuseppe Bartolomeo Filippo Salvatore Francesco A A A CONSIGLIERI Li Causi Lo Biondo Lo Coco Manzella Mirto icene Rincione Russo Scalici Sirchia Vaglica Venturella Villanova Vittorino Rosario Massimiliano Giuseppe Maurizio Salvatore Antonino Giorgio S andrò Calogero Giovanni G. Battista Angelo asquale Girolamo A A A A er complessivi n. 22 presenti e n. 7 assenti. Assume la presidenza il residente Sig. Alberto Arcidiacono, il quale, risultato legale, ai sensi dell'art. 21 della L.R n. 26, il numero degli intervenuti, dichiara aperta la seduta. artecipa il Segretario Generale, Dr. Ettore Sunseri. Ai sensi dell'art. 184, ultimo comma, dell'ordinamento Regionale degli EE.LL. vengono scelti tre scrutatori nelle persone dei Consiglieri : icene, Abruzzo, Mirto. La seduta è pubblica. Si da atto della presenza in aula dell'assessore Intravaia.

4 Ottiene la parola il Cons. Lo Coco, il quale evidenzia che, unitamente ad altri cinque consiglieri, ha chiesto di iscrivere il punto in oggetto all'o.d.g., affinchè il Sindaco e l'amministrazione possano relazionare sul disservizio della raccolta e smaltimento dei rifiuti solidi urbani. Rileva che TATO non rispetta il contratto di servizio e, poiché il Comune è organo di controllo sull'operato della società, ritiene che siano necessario una serie di sanzioni. Entra in aula il Cons. Li Causi - resenti 23 Ritiene che il servizio non possa essere interrotto per le gravi conseguenze di ordine igienicosanitario. Chiede ali'amministrazione l'istituzione di una Commissione d'inchiesta sulato per far luce sulle responsabilità di ieri e di oggi. Entra in aula il Cons. Scalici - resenti 24 rende la parola il Cons. D'Alcamo, il quale chiede risposte precise alle richieste sottoscritte da sei consiglieri e se l'amministrazione ha intrapreso azione giudiziaria contro l'alto Belice Ambiente. Chiede di conoscere la situazione contabile attuale della SpA e del personale dipendente dalla stessa, con particolare riferimento al versamento dei contributi. laude alla iniziativa intrapresa dal?amministrazione con l'adozione della deliberazione della Giunta n. 20/2012. Chiede all'amministrazione la medesima scelta per le Cooperative Onlus che garantiscono, per conto del Comune, servizi sociali importanti come l'assistenza ai disabili; anche costoro sono meritevoli di attenzione come quelli che svolgono il servizio ATO. Si da atto della presenza in aula dell'assessore Salamene. Ottiene la parola il Cons. Mirto, il quale dichiara che la richiesta di trattare l'argomento in oggetto è stata causata da un notevole stato di disagio riguardante il servizio di raccolta e smaltimento e tutta la gestione della società. Chiede di potere ascoltare la relazione dei Commissari liquidatori, invitati a presenziare alla odierna seduta. Rileva che la Regione ha lasciato in abbandono le Società in liquidazione. Ritiene che per il Comune è un costo INTOLLERABILE. Interviene il residente del Consiglio, il quale invita il Commissario liquidatore, Aw. Roberto Terzo a relazionare. Entra in aula il Cons. Vaglica - resenti 25 Interviene l'aw. R. Terzo, il quale precisa di essere non commissario "ad acta" bensì liquidatore della Società. Teoricamente la liquidazione dovrebbe portare alla chiusura dell'attività, invece la società continua ad esistere, stante che il collegio dei liquidatori continua a gestire il servizio, dando così seguito ad una contaminazione anomala di istituti giuridici. Ritiene che il controllo dei comuni sulle partecipate deve avvenire attraverso uno strumento regolamentare che intervenga "ex ante" sulla govemance ed "ex post" attraverso l'attivazione di un controllo gestionale, Comunica che detto regolamento non è stato adottato dai Comuni facenti parte dell'ato. Osserva che l'ultimo rendiconto approvato dalla Società è del 2009 e sulla stessa è stato avviato un contenzioso da parte di un Comune socio.

5 Entra in aula il Cons. Manzella - resenti 26. Riottiene la parola il Cons. Lo Coco, il quale ribadisce quanto già detto, dichiarandosi non soddisfatto dalla relazione del Commissario. Chiede l'istituzione della Commissione d'inchiesta. Riottiene la parola il Cons. Mirto, il quale si sofferma sulla gestione negativa della Società d'ambito, sottolineando che la politica ha creato confusione dei ruoli. Auspica che la discussione odierna porti ad una precisa decisione. Entra in aula il Cons. Capizzi - resenti 27 rende la parola il Cons. Lo Biondo, il quale riferisce di lettere trasmesse da uno studio legale, che segnalano il mancato versamento dei contributi ai lavoratori. Comunica che sarà fatto un libro bianco, che sarà inviato a chi di dovere, con le schede tecniche. Osserva che sono stati trovati i soldi per il noleggio degli automezzi, mentre, al contrario, non ne sono stati trovati per la riparazione degli automezzi. Manca la relazione prevista dalla circolare n. 2/2011. Ritiene che mettere le mani nelle tasche dei cittadini potrebbe andare bene se in cambio ci fosse un servizio valido. Auspica adeguate risposte dell'amministrazione per permettere un dibattito propositivo. Interviene il Sindaco, il quale ringrazia il Consiglio per l'occasione di confronto. Rileva che, negli anni, vi è stata una gestione "familiare" non d'impresa, con confusione dei ruoli "controllore/controllato". Ricorda che, con il recente provvedimento di Giunta, si è fatta formale richiesta di precisa e circostanziata relazione su tutti i principali punti di crisi alla S.p.A Alto Belice Ambiente. Osserva che la Regione, con decreti, ha previsto la temporanea gestione sostitutiva da parte dei Comuni. Spiega, analiticamente, i costi che il Comune mensilmente affronta, sia per il pagamento delle buste paghe, sia del carburante, sia il costo della discarica, che ammonta a, 130 a tonnellata. Comunica che attualmente viene sistematicamente applicata nei confronti dell'aio una penale di ,00 al giorno per i disservizi arrecati. Auspica la istituzione da parte del Consiglio della Commissione d'inchiesta. Riottiene la parola il Cons. D'Alcamo, il quale chiede di avere a breve la documentazione richiesta dai sei consiglieri. Ribadisce che il pagamento del personale delle Cooperative sociali debba avvenire in deroga al cronologico, come il pagamento del personale dell'aio.

6

7 COMUNE DI MONREALE rovincia di alermo residenza del Consiglio Comunale Sigg. Liquidatori ATO Belice Ambiente S.p.A. Dr. F. Vetrano Dr. G. Castronovo Avv. R. terzo Monreale Oggetto: Invito seduta consiliare Le SS.LL. sono invitate alla seduta consiliare del giorno 7/3/2012 alle ore 19,00presso l'aula Consiliare (iazza Guglielmo II) per relazionare: - sulla situazione contabile dell 'Azienda - sulla situazione contributiva del personale dipendente - sullo stato dei mezzi utilizzati per la raccolta dei rifiuti - sulla situazione dei debiti contratti per il conferimento a discarica,relativi al comune di Monreale. Certo della Vostra presenza porgo Cordiali Saluti /I V,/, insipidente del Consiglio Comunale \"-'\- ;" } Q'{Alberto'Arcidiacono

8

9 v. ^ residente del Consiglio Comunale e p.c. Al Sindaco Aw. Filippo Di Matteo Oggetto : richiesta convocazione Consiglio Comunale urgente In riferimento all'oggetto, con la presente si richiede l'immediata convocazione del consiglio comunale con all'odg il documento allegato. Certo dell'attenzione che vorrà porre a tale istanza porgo cordiali saluti Monreale lì 06/02/2012

10

11 Ordine del Giorno Tenuto conto dell'attuale situazione di emergenza rifiuti in cui il nostro comune vessa Tenuto conto che nello scorso bilancio di previsione si è approvato un costo del servizio nettamente inferiore a quanto comunicato dall'azienda Belice Ambiente Spa che espleta il servizio Tenuto conto che a fronte di tale importo previsto, l'amministrazione non ci risulta abbia aperto nessun contenzioso relativo all'obiezione sul costo del servizio Tenuto conto della nomina dei commissari per la gestione dell'ato Belice Ambiente Spa Considerato che si rende necessaria una seria, chiara e netta presa di posizione sulla questione rifiuti I sottoscritti consiglieri chiedono con il presente Ordine del giorno Che i commissari relazionino in Consiglio Comunale sulla situazione contabile dell'azienda Che l'ufficio del personale dell'ato relazioni in merito alla situazione contributiva del personale dipendente Che i commissari relazionino in merito allo stato dei mezzi utilizzati per la raccolta Che i commissari relazionino in merito ai debiti contratti per il conferimento a discarica, relativo al Comune di Monreale Che il Sindaco e ramministrazione, comunichino come intendono procedere per la risoluzione dell'emergenza

12

13 Letto e sottoscritto II residente - F.to: Sig. A. Arcidiacono II Cons. Anziano - F.to: rof. G.B. Vaglica II Segr. Gen.le - F.to: Dr. E. Sunseri ubblicata all'albo comunale dal Monreale, lì II Messo Comunale o

14

15 CITTA' DI MONREALE rovincia di alermo VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 26 COIA OGGETTO : Approvazione nuovo Regolamento per l'esecuzione in economia di lavori, servizi e forniture. L'anno duemiladodici il giorno 08 del mese di Marzo, alle ore 19,25, nella Sala Biagio Giordano del Complesso Monumentale Guglielmo II di questo Comune, nella seduta di prosecuzione, risultano presenti all'appello nominale: CONSIGLIERI Abruzzo Albano Arcidiacono Barna Capizzi Caputo D'Alcamo Davi D'Eliseo Di Nicola Di Verde Gelsomino Giurintano Grippi La Corte Giovanni Remo Alberto Francesco ietro Mario Santo Ignazio Luigi Benedetto Giuseppe Bartolomeo Filippo Salvatore Francesco A A A A A CONSIGLIERI Li Causi Lo Biondo Lo Coco Manzella Mirto icene ancione Russo Scalici Sirchia Vaglica Venturella Villanova Vittorino Rosario Massimiliano Giuseppe Maurizio Salvatore Antonino Giorgio S andrò Calogero Giovanni G. Battista Angelo asquale Girolamo A A A A A er complessivi n. 19 presentì e n. 10 assenti. Assume la presidenza il residente Sig. Alberto Arcidiacono, il quale, risultato legale, ai sensi dell'ari 21 della L.R n. 26, il numero degli intervenuti, dichiara aperta la seduta. artecipa il Segretario Generale, Dr. Ettore Sunseri. Ai sensi dell'ari. 184, ultimo comma, dell'ordinamento Regionale degli EE.LL. vengono scelti tre scrutatori nelle persone dei Consiglieri : Gelsomino, Vittorino, Vaglica. La seduta è pubblica. Entra in aula il Cons. Manzella resenti 20

16 Oggetto: AROVAZIONE NUOVO REGOLAMENTO ER L'ESECUZIONE IN ECONOMIA DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE. IL RESONSABILE DEL ROCEDIMENTO AMMINISTRATIVO REMESSO che con deliberazione consiliare n. 80 del 26 ottobre 2006, esecutiva ai sensi di legge, è stato approvato il "Regolamento per l'acquisizione in economia di beni, servizi e lavori", adottato ai sensi dell'ari. 125 del decreto legislativo 12 aprile 2006, n. 163, ess.mm.ii.; VISTA la legge regionale 12 luglio 2011, n. 12, pubblicata nella Gazzetta Ufficiale della Regione Siciliana n. 30 del 14 luglio 2001 (Suppl. Ord. n. 1), recante "Disciplina dei contratti pubblici relativi a lavori, servizi e forniture. Recepimento del decreto legislativo 12 aprile 2006, n. 163 e successive modifiche ed integrazioni e del D..R. 5 ottobre 2010, n. 207 e successive modifiche ed integrazioni. Disposizioni in materia di organizzazione dell'amministrazione regionale. Norme in materia di assegnazione di alloggi. Disposizioni per il ricovero di animali "; CONSIDERATO che a seguito dell'entrata in vigore della succitata legge regionale si rende necessario aggiornare, nel suo complesso, le norme regolamentari riguardanti le acquisizioni in economia di beni, servizi e lavori da effettuarsi in amministrazione diretta ovvero mediante procedura di cottimo fiduciario; VISTO l'allegato schema di nuovo regolamento, comprensivo di n. 25 articoli, che si ritiene meritevole di approvazione; VISTO il decreto legislativo 12 aprile 2006, n. 163, e ss.mm.ii., recante "Codice dei contratti pubblici relativi a lavori, servizi e forniture in attuazione delle direttive 2004/17/CE e 2004/1S/CE"; VISTO il D..R. 5 ottobre 2010, n. 207, e ss.mm.ii., con il quale è stato emanato il regolamento di esecuzione ed attuazione del succitato decreto legislativo;

17 VISTO il decreto legislativo 18 agosto 2000, n. 267, e ss.mm.ii; VISTO il "Testo coordinato delle leggi regionali relative ali 'ordinamento degli enti locali" pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della Regione Siciliana n. 20 del 9 maggio 2008 (Suppl. Ord.); ROONE AL CONSIGLIO COMUNALE 1) AROVARE nel testo in allegato il nuovo "Regolamento per l'esecuzione in economia di lavori, servizi e forniture", predisposto ai sensi dell'ari. 125 del decreto legislativo 12 aprile 2006, n. 163, e ss.mm.ii., e del D..R. 5 ottobre 2010, n. 207, e ss.mm.ii., comprensivo di n. 25 articoli. 2) DARE ATTO che a decorrere dalla data di esecutività della presente deliberazione viene abrogato il precedente analogo regolamento, approvato con deliberazione consiliare n. 80 del 26 ottobre 2006, richiamata in premessa. Monreale, addì 16 settembre 2011 FUNZIONARIO. NicolafGiacopelli

18

19 Il residente, poiché nessuno chiede di intervenire, pone in votazione, per appello nominale, la superiore proposta deliberativa, che viene AROVATA con il seguente esito di votazione roclamato dal residente: Consiglieri presenti Consiglieri astenuti Voti Favorevoli Voti Contrari n. 20 n. 3 ( Davi, Di Verde, Russo ) n. 17 ( Abruzzo, Arcidiacono, Barna, D'Eliseo, Gelsomino, Giurintano, La Corte, Li Causi, Lo Biondo, Lo Coco, Manzella, Mirto, ancione, Vaglica, Venturella, Villanova, Vittorino ) n. O IL CONSIGLIO COMUNALE VISTA la superiore proposta deliberativa, Valutato l'esito della superiore votazione proclamata dal residente, VISTA vigente regolamento di contabilità; VISTI il parere di regolarità tecnica espressa dal Dirigenti AGAT; VISTO il parere della 1 Commissione Consiliare; VISTO il D.lgs n. 267 del e successive modificazioni ed integrazioni; VISTA l'ordinamento Amministrativo degli Enti Locali; DELIBERA AROVARE la superiore deliberazione relativa all'approvazione del nuovo Regolamento per l'esecuzione in economia dei lavori, servizi e forniture.

20

21 ARERI roposta di deliberazione del CONSIGLIO COMUNALE avente ad oggetto: AROVAZIONE NUOVO REGOLAMENTO ER L'ESECUZIONE IN ECONOMIA DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE ARERE DI REGOLARITÀ TECNICA Si esprime parere favorevole sulla presente proposta deliberativa, in ordine alla sola regolarità tecnica, ai sensi dell'art. 12 della legge regionale 23 dicembre 2000, n. 30. Monreale, addì 20 settembre 2011 IL DIRIGENTE Ing. Maurifif) Busacca ARERE NT 37/2011 AREA GESTIONE RISORSE ARERE DI REGOLARITÀ CONTABILE IL DIRIGENTE Doti. A. olìzzotto ALLEGATO ALLA DELIBERAZIONE N. DEL

22

23 (rovincia di alermo) I Commissione Consiliare Verbale N. 14 II giorno 13/02/2012 alle ore 10,00 presso i locali Istituzionali della residenza del Consiglio Comunale si è riunita, su convocazione del residente la I Commissione Consiliare al fine di trattare il seguente punto ali' O.d.G: Oggetto: Approvazione nuovo regolamento per l'esecuzione in economia di lavori, servizi e forniture Sono presenti i Consiglieri Barna Grippi Assiste con funzione di Segretario il Sig. Salvatore Fasone. Constatata la mancanza del numero legale, si rinvia di un'ora la seduta Alle ore 11 viene chiamato l'appello e risultano presenti i Cons. Barna Grippi Lo Coco Mirto e Giurintano; quindi il residente dichiara aperta la seduta Alle ore 12 entra il Cons. Venturella La Commissione riprende la discussione dell'atto in oggetto e procede alla votazione I consiglieri così votano : si astengono i Cons. Mirto Lo Coco e Giurintano Votano favorevolmente l'atto i Consiglieri Bama Grippi e Venturella Alle ore 13,20 il residente chiude la seduta. II Segretario Sig. Statore Fasone II.residente Dr. FrancjescixtJarna I Componenti Sig. Salvatore Mirto. Sig. Giuseppe Lo Coc Sig. Filippo Giurintano Sig. Salvatore Grippi Sig. Angelo Venturella

24

25 COMUNE DI MONREALE rovincia di alermo REGOLAMENTO ER L'ACQUISIZIONE IN ECONOMIA DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE AROVATO CON DELIBERAZIONE CONSILIARE N. DEL 9 ^-03 -

26 INDICE Titolo I DISOSIZIONI GENERALI Art. 1 - Ambito di applicazione e fonti Art. 2 - Limiti di importo e divieto di frazionamento Art. 3 - rogrammazione e previsione Art. 4 Responsabile del procedimento Art. 5 - Atti autorizzatori - Impegno di spesa - erizia suppletiva Art. 6 -Assegnazione degli affidamenti in econorwia Art. 7- Modalità di esecuzione Art. 8 Iscrizione dei contratti ost informazione Titolo II SEZIONE A - LAVORI Art. 9 - Limiti di importo per i lavori Art. IO Tipologia dei lavori eseguibili in economia Art. 11 Affidamenti in economia complementari all'appalto Art Lavori in amministrazione diretta o con sistema misto Art Modalità di assegnazione dei lavori in cottimo Art. 14 Lavori d'urgenza Art Lavori di somma urgenza Art erfezionamento del contratto di cottimo - Garanzie Art. 17- iani di sicurezza Art 18 - Tenuta della contabilità e regolare esecuzione Titolo III SEZIONE B - FORNITURE E SERVIZI Art. 19 Limiti di importo e sistemi di affidamento - Congruità dei prezzi Art Tipologia delle forniture eseguibili in economia Art. 21 Tipologia dei servizi eseguibili in economia Art Modalità di affidamento Art resentazione e prelìevo di campioni - Contestazioni Art Esecuzione, verifica e ultimazione dell'intervento Art. 25 Norma dì rinvio

27 Titolo I DISOSIZIONI GENERALI Art. 1 Ambito di applicazione e fonti 1. II presente Regolamento disciplina l'esecuzione dei lavori, forniture e servizi in economia che si riferiscono alle tipologie degli interventi specificati nei successivi articoli ed alle somministrazioni connesse. 2. Le regole di affidamento e di esecuzione si ispirano ai principi generali di buona amministrazione e alle seguenti norme: - per i lavori: art. 125, c.5, Dlgs n. 163 e art D..R n. 207; - per le forniture e i servizi: art. 125, c.9 ss. Dlgs n.163 e art D..R n Il presente Regolamento ha carattere di normativa speciale nel campo degli affidamenti indicati ai successivi artt. 10, 20 e 21. er quanto non espressamente previsto con il presente Regolamento, si rinvia ai principi generali, alle norme applicabili contenute nel Regolamento per la disciplina dei contratti, ed alle norme amministrative e civili in materia di conferimento e di esecuzione di contratti pubblici, in particolare di lavori, servizi e somministrazioni o forniture. Art. 2 Limiti di importo e divieto di frazionamento 1. Le procedure per gli affidamenti in economia sono consentite, in via generale, nei limiti degli stanziamenti approvati, e degli importi definiti al successivo art. 9 per i lavori, ed al successivo art. 19 per i servizi e le forniture. 2. Gli interventi per i quali è effettuabile la corrispondenza con le categorie indicate nell'allegato A al D..R. n. 207/2010 normalmente sono considerabili lavori. 3. Nessun intervento di importo superiore che possa considerarsi unitario potrà essere frazionato artificiosamente al fine di ricondurne l'esecuzione alle regole ed ai limiti di valore del presente Regolamento o di sottrarsi dal ricorso all'appalto. 4. Non sono considerate frazionamenti artificiosi le suddivisioni di interventi già distintamente individuati dagli strumenti programmatori dell'amministrazione, nonché quelle che derivino da oggettivi ed evidenti motivi tecnici risultanti da apposita relazione del Dirigente responsabile; in particolare deve considerarsi fattispecie normalmente prevedibile lo scorporo delle lavorazioni specialistiche o di parti d'opera tecnicamente scindibili, nel caso in cui si debba ricorrere ad esecuzione in economia a seguito di rescissione di contratto d'appalto. Art. 3 rogrammazione e previsione 1. er i lavori l'amministrazione individua: - nel programma annuale proprio del piano triennale delle Opere ubbliche e/o nel Bilancio di previsione annuale, l'elenco dei lavori "prevedibili" da realizzarsi in economia, per i quali è possibile formulare una previsione, seppur sommaria; - in sede di Bilancio di previsione annuale un apposito stanziamento per gli interventi "non preventivabili" per lavori da eseguirsi in economia, tenendo conto delle risultanze finanziarie riferite alla media deeli ultimi tre esercizi.

28 2. La programmazione per i servizi e le forniture in economia prevedibili, avviene in sede di definizione del iano Esecutivo di Gestione. 3. Gli stanziamenti per i lavori, servizi e forniture da eseguirsi in economia, siano essi di natura "prevedibile" che "non prevedibile", vengono indicati nel EG analitico e distribuiti per Centri di Responsabilità. Art. 4 Responsabile del procedimento A Ré A 1. Il Dirigente di^unità Organizzativa,] competente in base al modello di organizzazione interna, individua un Responsabile di procedimento ' per ogni intervento da eseguirsi, al quale sono demandati la definizione delle specifiche tecniche e/o prestazionali, la partecipazione alla procedura di affidamento, la verifica dell'avvenuto perfezionamento del contratto, la responsabilità della corretta esecuzione delle prestazioni, la loro contabilizzazione, il contenimento della spesa entro il limite autorizzato, gli altri compiti previsti dalla normativa vigente e, su incarico del Dirigente, l'attestazione di regolare esecuzione. er i lavori, le attività di contabilizzazione e di dichiarazione della regolare esecuzione sono di competenza del D.L. che, in taluni casi, nou coincide con il Rup (Responsabile unico del procedimento dell'opera), 2. Nel caso di esigenze impreviste che non è possibile fronteggiare con le disponibilità degli stanziamenti programmati, spetta al Dirigente competente per materia formulare nei confronti dell'amministrazione, anche su indicazione del Responsabile del procedimento, la proposta tendente ad ottenere le disponibilità necessarie a fronteggiare gli interventi ed i lavori da eseguirsi in economia nel rispetto, comunque, dei principi e dei limiti previsti dalle Leggi e Regolamenti. 3. Ove il Responsabile del procedimento non sia espressamente individuato, tale funzione verrà considerata in capo al soggetto che ha promosso la richiesta di autorizzazione di spesa o che, comunque, è tenuto a provvedere all'intervento ed è responsabile dell'esecuzione del contratto. Art. 5 Atti autorizzatori Impegno di spesa erizia supplettiva 4. Il ricorso all'esecuzione in economia è stabilito con determinazione assunta dal Dirigente competente, che non deve essere preceduta da indirizzo di Giunta quando l'intervento, nello specifico o per categoria, sia previsto nel EG o in altri documenti programmatici oppure \ ' comporti una spesa contenuta in 5(1000 Euro, oppure quando i lavori siano stati individuati v-'~ attraverso una perizia di stima. 5. La destinazione del ribasso conseguente al confronto concorrenziale sarà stabilita dal Dirigente competente nei limiti della spesa finanziata, e sarà precisata nella parte finale del verbale di gara o, se prevista, nella determinazione di aggiudicazione. 6. Al fine di semplificare il procedimento autorizzatorio, quando la spesa complessiva, IVA esclusa, non sia supcriore al limite di Euro, essa può essere preventivamente autorizzata mediante sottoscrizione, da parte del Dirigente competente, di apposito modello, reso eseguibile con l'apposizione del visto di regolarità contabile e di attestazione della copertura finanziaria; detto modello contiene la descrizione dell'oggetto ed assume la funzione di provvedimento. A tale procedura autorizzatoria sono soggette le spese minute o Art. 125, c.2 Dlgs (16 n.163: "i'cr ogni uci/tiixi:ioiu' in cctinomiu k' xluzitini «pnulittnti upcninn attravi-rxii un rcxfxinxeihiti; Ì/L'/procudìmcntii nisi'iixi tli-h'uriiculti Ili".

29 di insorgenza immediata, anche diverse dalle economie, quando contenute nell'importo di Euro. 7. er l'esecuzione in economia si prescinde dal preliminare impegno di spesa nei soli casi di somma urgenza, previsti dalla legge e dal Regolamento di contabilità. 8. Qualora, in corso di esecuzione la spesa autorizzata risulti di importo insufficiente, il Dirigente competente potrà disporre, nel rispetto dei limiti regolamentari e di stanziamento, una perizia suppletiva e di variante; non si darà corso all'esecuzione delle prestazioni suppletive prima di aver ottenuto l'autorizzazione per la differenza di spesa. Art. 6 Assegnazione degli affidamenti in economia 1. Le procedure in economia avvengono nel rispetto del principio della massima trasparenza, contemperando altresì l'efficienza dell'azione amministrativa con i principi di parità di trattamento, non discriminazione e concorrenza tra gli operatori economici ~. 2. L'affidamento dei cottimi fiduciari avviene nel rispetto dei principi di trasparenza, rotazione, parità di trattamento, e, di regola, previa consultazione di almeno cinque operatori economici, se sussistono in tale numero soggetti idonei, individuati sulla base di indagini di mercato ovvero tramite elenchi di operatori economici predisposti dalla stazione appaltante 3 3. er 1' affidamento dei lavori in economia è seguito di regola il criterio del prezzo più basso tutte le volte che le voci di capitolato per lavori risultino economicamente prevalenti rispetto alle voci accessorie delle somministrazioni di forniture e servizi. 3. Eccezionalmente, per lavori in cui sia essenziale la tempestività di esecuzione, il confronto oltre al prezzo potrà prevedere anche l'offerta di riduzione dei tempi di esecuzione mentre, nei casi di specialità dell'intervento indicato nel progetto, il confronto oltre al prezzo potrà prevedere l'offerta di tecniche di esecuzione, o di materiali, o di strumentazioni tccnologiche particolari. 4. er i servizi, le forniture e nei contratti misti, quando i lavori risultino economicamente non prevalenti, a seconda del caso può essere applicato il criterio del prezzo più basso, oppure quello dell'offerta economicamente più vantaggiosa, che richiede la predeterminazione di diversi elementi di valutazione variabili, sulla base della natura degli interventi da eseguirsi a cottimo. 5. La procedura che, interpellando una pluralità di imprese, ricerca più offerte o preventivi da porre in competizione allo scopo di acquisire le condizioni più vantaggiose può essere adottata dal Dirigente competente anche nel caso in cui questa non sia obbligatoria per il presente Regolamento. 6. I contratti necessari per l'esecuzione degli interventi sia in cottimo che in amministrazione diretta sono conclusi nella forma della lettera di affidamento o, per piccole spese di acquisto al minuto, mediante nora-ordinativo. L'offerta e la lettera-contratto sono soggetti all'imposta di bollo a carico dell'affidatario; il preventivo e la nota ordinativo sono in carta semplice. 7. L'affidatario è pienamente responsabile nei confronti del Comune e di terzi per i fatti compiuti dalle persone di cui si avvale nell'eseguire il contratto; qualora dette persone " Art. 331, c.2, DR 207/2010: "Le stazioni appaltanti assicurano comunque che le procedure in economia avvengano nel rispetto del principio della massima trasparenza, contemperando altresì l'efficienza dell 'azione amministrativa con i principi di parità di trattamento, non discriminazione e concorrenza tra gli operatori economici". ' Art. 125, c.l 1, Dlgs. 163/2006: "er servizi o forniture di importo pari o superiore a ventimila euro e fino alle soglie di cui al comma 9, l'affidamento mediante cottimo fiduciario avviene nel rispetto dei prìncipi di trasparenza, rotazione, parità di trattamento, previa consultazione di almeno cinque operatori economici, se sussistono in tale numero soggetti idonei, individuati sulla base di indagini di mercato ovvero tramite elenchi di operatori economici predisposti dalla stazione appaltante ".

30 dovessero risultare non competenti o affidabili, egli dovrà provvedere tempestivamente alla loro sostituzione, dando seguito alla richiesta motivata del Responsabile del procedimento. 8. L'esecutore delle prestazioni in economia non potrà invocare a propria giustificazione, in caso di lavori, servizi o forniture eseguite non conformemente alle previsioni di contratto, la non conoscenza delle disposizioni di gara e di capitolato, dovendo lo stesso presentare la dichiarazione di avvenuta conoscenza e integrale acccttazione, nonché di accettazione delle norme contenute nel presente Regolamento. Art. 7 Modalità di esecuzione 1. Gli interventi in economia possono essere eseguiti nelle seguenti forme: a) per cottimi, quando l'esecuzione è assegnata a imprese o persone esterne al Comune 4; b) in amministrazione diretta, quando gli interventi sono effettuati in proprio, con materiali, utensili e mezzi di proprietà del Comune o opportunamente noleggiati; e) in forma mista, parte in amministrazione diretta e parte a cottimo. 2. Le prestazioni del contratto di cottimo devono essere eseguite direttamente dal cottimista, ad eccezione dì sub-affidamenti di prestazioni specialistiche ed accessorie, delle forniture di materiale necessario all'esecuzione di lavori o servizi con o senza posa in opera, dei noli a caldo e dei noli a freddo. 3. Quando sia ammesso il ricorso al sub-affidamento, nell'avviso o nella lettera-invito devono essere indicate le parti della prestazione che possono formare oggetto del sub-affidamento. L'eventuale ricorso a sub-affidamenti deve essere autorizzato nel rispetto della normativa per il subappalto, con le eccezioni da essa previste. 4. In caso di ritardo nell'esecuzione dell'intervento o di inadempimento contrattuale imputabile all'impresa selezionata per il cottimo, il Responsabile del procedimento applica le penali previste in contratto, previa contestazione scritta da parte del Dirigente competente degli addebiti mossi all'impresa medesima. 5. Qualora la controparte non adempia gravemente o ripetutamente agli obblighi derivanti dal contratto di cottimo, il Dirigente competente, previa diffida, si avvale dello strumento della risoluzione contrattuale con incameramento parziale o integrale della cauzione, ove prevista, fatto salvo il risarcimento danni, quando non ritenga più efficace il ricorso all'esecuzione in danno previa diffida. 6. L'affidatario deve disporre di un recapito telefonico e/o di un fax, funzionanti in orario contrattualmente stabilito, in modo da consentire il ricevimento di comunicazioni e ordini urgenti da parte del Responsabile del procedimento o suo incaricato. Art. 8 Iscrizione dei contratti - ost-informazione 1. 1 contratti per le spese in economia, in quanto perfezionati autonomamente da ciascun Servizio, sono iscritti nella Raccolta dei contratti non soggetti a repertoriazionc. 2. L'Unità Organizzativa che tiene la Raccolta dei contratti deve inoltrare il modello GA per gli importi superiori a lordi ,69 Euro '\. er i lavori, l'esito degli affidamenti mediante cottimo fidu ad euro è soggetto ad avviso di postinformazione mediante pubblicazione sul profilo del committente. I cottimi di importo pario o superiore ad euro sono soggetti a comunicazione all'osservatorio con inserimento nell'elenco trimestrale, mentre per i cottimi Cfr. art. 125, c.4, dlgs. 163/2006: "// cottimo fiduciario è una procedura negoziata in cui ìc acquisizioni divengono mediante affidamento a ter:i'\ Cfr. L n.726 e circolare dell'alto Commissario perla lotta alla mafia del 2X.3.1

REGOLAMENTO PER L ESECUZIONE DEI LAVORI IN ECONOMIA

REGOLAMENTO PER L ESECUZIONE DEI LAVORI IN ECONOMIA REGOLAMENTO PER L ESECUZIONE DEI LAVORI IN ECONOMIA INDICE Art. 1 - Ambito di applicazione e fonti Art. 2 - Limiti di importo e divieto di frazionamento Art. 3 - Tipologia dei lavori eseguibili in economia

Dettagli

Revisione Delibera del Consiglio di Amministrazione n. 7 del 13/10/2011. TITOLO I Disposizioni Generali. Art. 1 Ambito di Applicazione e Fonti

Revisione Delibera del Consiglio di Amministrazione n. 7 del 13/10/2011. TITOLO I Disposizioni Generali. Art. 1 Ambito di Applicazione e Fonti Regolamento per l affidamento di lavori, servizi e forniture di importo inferiore alle soglie comunitarie Delibera del Consiglio di Amministrazione n.02 del 23/03/2010 Revisione Delibera del Consiglio

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ESECUZIONE DEI LAVORI IN ECONOMIA

REGOLAMENTO PER L ESECUZIONE DEI LAVORI IN ECONOMIA REGOLAMENTO PER L ESECUZIONE DEI LAVORI IN ECONOMIA REGOLAMENTO PER L ESECUZIONE DEI LAVORI IN ECONOMIA Articolo 1 - Ambito di applicazione e fonti Il presente Regolamento disciplina l'esecuzione dei lavori

Dettagli

Allegato al D.R. n.1482/04 del 1 dicembre 2004 REGOLAMENTO PER L ESECUZIONE DEI LAVORI IN ECONOMIA E DELLE FORNITURE AD ESSI CONNESSE

Allegato al D.R. n.1482/04 del 1 dicembre 2004 REGOLAMENTO PER L ESECUZIONE DEI LAVORI IN ECONOMIA E DELLE FORNITURE AD ESSI CONNESSE REGOLAMENTO PER L ESECUZIONE DEI LAVORI IN ECONOMIA E DELLE FORNITURE AD ESSI CONNESSE INDICE Art.1 - Oggetto del Regolamento Art.2 - Responsabile del procedimento dei lavori in economia Art.3 - Forma

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE FORNITURE E DEI SERVIZI IN ECONOMIA limite di valore 50.000,00. Approvato con deliberazione di C.C. n.

REGOLAMENTO DELLE FORNITURE E DEI SERVIZI IN ECONOMIA limite di valore 50.000,00. Approvato con deliberazione di C.C. n. REGOLAMENTO DELLE FORNITURE E DEI SERVIZI IN ECONOMIA limite di valore 50.000,00 Approvato con deliberazione di C.C. n. 29 del 16/07/2003 1 ART. 1 - OGGETTO DI REGOLAMENTAZIONE E FONTI La presente regolamentazione

Dettagli

REGOLAMENTO PER L'ESECUZIONE DI LAVORI IN ECONOMIA

REGOLAMENTO PER L'ESECUZIONE DI LAVORI IN ECONOMIA REGOLAMENTO PER L'ESECUZIONE DI LAVORI IN ECONOMIA ART. 1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO 1. Il presente regolamento, in conformità alle leggi e regolamenti vigenti, disciplina le modalità, i limiti e le procedure

Dettagli

TIVOLI FORMA S.r.l. Unipersonale

TIVOLI FORMA S.r.l. Unipersonale VERSIONE DEFINITIVA TIVOLI FORMA S.r.l. Unipersonale Società partecipata dal Comune di Tivoli C.F.P. A. Rosmini Sede legale: 00019 Tivoli Viale Mannelli n. 9 Capitale Sociale 10.000,00 i.v. R.E.A. n. 1238379

Dettagli

VIALE EUROPA UNITA N 141 33100 UDINE

VIALE EUROPA UNITA N 141 33100 UDINE VIALE EUROPA UNITA N 141 33100 UDINE REGOLAMENTO DELLE ACQUISIZIONI IN ECONOMIA DI BENI E SERVIZI ai sensi dell art. 125 del D.Lgs. 12 aprile 2006 n. 163 e la parte IV, titoli I, II, III e IV del D.P.R.

Dettagli

Regolamento per i lavori da eseguirsi in economia.

Regolamento per i lavori da eseguirsi in economia. Regolamento per i lavori da eseguirsi in economia. Art. 1 Identificazione dei lavori in economia Sono eseguiti in economia, nel rispetto delle norme contenute nel presente regolamento, e con riferimento

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE SPESE PER LAVORI, SERVIZI E FORNITURE IN ECONOMIA (emanato con decreto rettorale 26 marzo 2009, n. 313) INDICE

REGOLAMENTO DELLE SPESE PER LAVORI, SERVIZI E FORNITURE IN ECONOMIA (emanato con decreto rettorale 26 marzo 2009, n. 313) INDICE REGOLAMENTO DELLE SPESE PER LAVORI, SERVIZI E FORNITURE IN ECONOMIA (emanato con decreto rettorale 26 marzo 2009, n. 313) INDICE Articolo 1 (Oggetto) Articolo 2 (Responsabile del procedimento) Articolo

Dettagli

REGOLAMENTO INTERNO DEI LAVORI DA ESEGUIRE IN ECONOMIA COMUNE DI ORISTANO. Comuni de Aristanis

REGOLAMENTO INTERNO DEI LAVORI DA ESEGUIRE IN ECONOMIA COMUNE DI ORISTANO. Comuni de Aristanis COMUNE DI ORISTANO Comuni de Aristanis REGOLAMENTO INTERNO DEI LAVORI DA ESEGUIRE IN ECONOMIA (APPROVATO CON DELIBERAZIONE C.C. N. 101 DEL 29.10.2009) I N D I C E Art. 1 Finalità.... pag. 2 Art. 2 Definizioni....

Dettagli

Regolamento per l acquisizione in economia di beni, servizi e lavori. 1 Oggetto del Regolamento. 2 Modalità di acquisizione in economia

Regolamento per l acquisizione in economia di beni, servizi e lavori. 1 Oggetto del Regolamento. 2 Modalità di acquisizione in economia Regolamento per l acquisizione in economia di beni, servizi e lavori 1 Oggetto del Regolamento 1. l presente regolamento disciplina le modalità, i limiti e le procedure per l acquisizione in economia di

Dettagli

Università degli studi di Messina

Università degli studi di Messina Università degli studi di Messina REGOLAMENTO PER I LAVORI, LE FORNITURE ED I SERVIZI CHE POSSONO ESSERE ESEGUITI IN ECONOMIA Art. 1 - Ambito di applicazione (aggiornamento D.R. 14 febbraio 2006 n.234)

Dettagli

Zètema Progetto Cultura S.r.l. REGOLAMENTO ACQUISTI E SPONSORIZZAZIONI

Zètema Progetto Cultura S.r.l. REGOLAMENTO ACQUISTI E SPONSORIZZAZIONI Zètema Progetto Cultura S.r.l. REGOLAMENTO ACQUISTI E SPONSORIZZAZIONI 28 marzo 2014 INDICE Art. 1- Premessa e principi.. 3 Art. 2 - Individuazione della procedura di acquisto.. 3 Art. 3 - Responsabile

Dettagli

REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO DI LAVORI IN ECONOMIA

REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO DI LAVORI IN ECONOMIA Ente Zona Industriale di Trieste REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO DI LAVORI IN ECONOMIA Limite di valore 200.000 Euro (IVA esclusa) Art. 1 Finalità 1. Il presente Regolamento disciplina l affidamento di lavori

Dettagli

Azienda Pubblica di Servizi alla Persona Catria e Nerone Cagli (Pesaro Urbino) Centro Polivalente Anziani ( Residenza Protetta Casa di Riposo)

Azienda Pubblica di Servizi alla Persona Catria e Nerone Cagli (Pesaro Urbino) Centro Polivalente Anziani ( Residenza Protetta Casa di Riposo) Azienda Pubblica di Servizi alla Persona Catria e Nerone Cagli (Pesaro Urbino) Centro Polivalente Anziani ( Residenza Protetta Casa di Riposo) REGOLAMENTO PER L ESECUZIONE IN ECONOMIA DI LAVORI, BENI E

Dettagli

COMUNE DI BRESCELLO PROVINCIA DI REGGIO EMILIA

COMUNE DI BRESCELLO PROVINCIA DI REGGIO EMILIA COMUNE DI BRESCELLO PROVINCIA DI REGGIO EMILIA REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO DI LAVORI, FORNITURE E SERVIZI DA ESEGUIRSI IN ECONOMIA Approvato dal Consiglio Comunale con atto n.55 in data 27 novembre 2002

Dettagli

COMUNE DI GEMMANO PROVINCIA DI RIMINI

COMUNE DI GEMMANO PROVINCIA DI RIMINI COMUNE DI GEMMANO PROVINCIA DI RIMINI DETERMINAZIONE N. 14 DEL 04.04.2013 DEL RESPONSABILE AREA TECNICA Ufficio Tecnico Comunale N. 33 del Reg. Gen. Data 04.04.2013 OGGETTO: Realizzazione campo da bocce.

Dettagli

D I R E Z I O N E G E N E R A L E S e r v i z i o S t u d i. Regolamento per l acquisizione in economia di lavori, beni e servizi

D I R E Z I O N E G E N E R A L E S e r v i z i o S t u d i. Regolamento per l acquisizione in economia di lavori, beni e servizi D I R E Z I O N E G E N E R A L E S e r v i z i o S t u d i Regolamento per l acquisizione in economia di lavori, beni e servizi Dicembre 2014 pag. 2 SOMMARIO Titolo I - OGGETTO E PRINCIPI... 3 Articolo

Dettagli

REGOLAMENTO DI ATENEO PER GLI INTERVENTI IN ECONOMIA

REGOLAMENTO DI ATENEO PER GLI INTERVENTI IN ECONOMIA REGOLAMENTO DI ATENEO PER GLI INTERVENTI IN ECONOMIA ARTICOLO 1 (Oggetto del regolamento) 1. Il presente regolamento disciplina le modalità, i limiti e le procedure da seguire per l acquisizione in economia

Dettagli

COMUNE DI SETTIMO SAN PIETRO PROVINCIA DI CAGLIARI REGOLAMENTO PER L ACQUISIZIONE IN ECONOMIA DI LAVORI, BENI E SERVIZI.

COMUNE DI SETTIMO SAN PIETRO PROVINCIA DI CAGLIARI REGOLAMENTO PER L ACQUISIZIONE IN ECONOMIA DI LAVORI, BENI E SERVIZI. COMUNE DI SETTIMO SAN PIETRO PROVINCIA DI CAGLIARI REGOLAMENTO PER L ACQUISIZIONE IN ECONOMIA DI LAVORI, BENI E SERVIZI. Approvato con deliberazione del C.C. n. 57 del 17/12/2008; Modificato con deliberazione

Dettagli

UNIONCAMERE TOSCANA REGOLAMENTO PER LE ACQUISIZIONI IN ECONOMIA DI BENI, SERVIZI, LAVORI AI SENSI DELL ART. 125 D.LGS. 12-4-2006 N.

UNIONCAMERE TOSCANA REGOLAMENTO PER LE ACQUISIZIONI IN ECONOMIA DI BENI, SERVIZI, LAVORI AI SENSI DELL ART. 125 D.LGS. 12-4-2006 N. UNIONCAMERE TOSCANA REGOLAMENTO PER LE ACQUISIZIONI IN ECONOMIA DI BENI, SERVIZI, LAVORI AI SENSI DELL ART. 125 D.LGS. 12-4-2006 N. 163 INDICE DEGLI ARTICOLI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI ART. 1 AMBITO

Dettagli

REGOLAMENTO PER L'ESECUZIONE DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE IN ECONOMIA(approvato con deliberazione del C.d.A. n. 54 del 6.3.2002 e come modificato

REGOLAMENTO PER L'ESECUZIONE DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE IN ECONOMIA(approvato con deliberazione del C.d.A. n. 54 del 6.3.2002 e come modificato REGOLAMENTO PER L'ESECUZIONE DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE IN ECONOMIA(approvato con deliberazione del C.d.A. n. 54 del 6.3.2002 e come modificato con deliberazione del C.d.A. n.78 del 06/05/2008). Articolo

Dettagli

REGOLAMENTO PER GLI ACQUISTI IN ECONOMIA DI BENI, SERVIZI E LAVORI

REGOLAMENTO PER GLI ACQUISTI IN ECONOMIA DI BENI, SERVIZI E LAVORI REGOLAMENTO PER GLI ACQUISTI IN ECONOMIA DI BENI, SERVIZI E LAVORI Rev. 1 del 28.01.2014 Premesse Il presente regolamento disciplina i procedimenti di acquisizione in economia di beni, servizi e lavori

Dettagli

ENTE PARCO NAZIONALE GRAN PARADISO

ENTE PARCO NAZIONALE GRAN PARADISO ENTE PARCO NAZIONALE GRAN PARADISO VIA PIO VII N 9-10135 TORINO REGOLAMENTO PER L ACQUISIZIONE IN ECONOMIA DI BENI E SERVIZI PRESSO L ENTE PARCO NAZIONALE GRAN PARADISO (approvato con deliberazione n.

Dettagli

REGOLAMENTO PER I LAVORI, LE PROVVISTE ED I SERVIZI IN ECONOMIA. APPROVATO con deliberazione consiliare n. 035, del 30/06/2000;

REGOLAMENTO PER I LAVORI, LE PROVVISTE ED I SERVIZI IN ECONOMIA. APPROVATO con deliberazione consiliare n. 035, del 30/06/2000; REGOLAMENTO PER I LAVORI, LE PROVVISTE ED I SERVIZI IN ECONOMIA APPROVATO con deliberazione consiliare n. 035, del 30/06/2000; IL SEGRETARIO COMUNALE (Dr.ssa Natalia Magaldi) IL SINDACO (Tavaroli Marco)

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ESECUZIONE IN ECONOMIA DI LAVORI, FORNITURE E SERVIZI

REGOLAMENTO PER L ESECUZIONE IN ECONOMIA DI LAVORI, FORNITURE E SERVIZI REGOLAMENTO PER L ESECUZIONE IN ECONOMIA DI LAVORI, FORNITURE E SERVIZI 1 INDICE Art. 1 - Oggetto del Regolamento Art. 2 - Modalità di esecuzione dei lavori in economia Art. 3 - Responsabili del servizio

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE FORNITURE DI BENI E SERVIZI IN ECONOMIA. Art. 1 - Oggetto

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE FORNITURE DI BENI E SERVIZI IN ECONOMIA. Art. 1 - Oggetto REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE FORNITURE DI BENI E SERVIZI IN ECONOMIA Art. 1 - Oggetto 1. Il presente regolamento disciplina le modalità, i limiti e le procedure da seguire per per l acquisizione

Dettagli

ACQUISIZIONE DI BENI E SERVIZI IN ECONOMIA DI CUI ALL ART. 125 DEL D.LGS. n. 163/2006 DELLA REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA. DIRETTIVA GENERALE

ACQUISIZIONE DI BENI E SERVIZI IN ECONOMIA DI CUI ALL ART. 125 DEL D.LGS. n. 163/2006 DELLA REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA. DIRETTIVA GENERALE Allegato n. 1 alla Delib.G.R. n. 38/12 del 30.9.2014 ACQUISIZIONE DI BENI E SERVIZI IN ECONOMIA DI CUI ALL ART. 125 DEL D.LGS. n. 163/2006 DELLA REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA. DIRETTIVA GENERALE SOMMARIO

Dettagli

REGOLAMENTO REGIONALE RECANTE: UTILIZZO DEL FONDO REGIONALE DI PROTEZIONE CIVILE.

REGOLAMENTO REGIONALE RECANTE: UTILIZZO DEL FONDO REGIONALE DI PROTEZIONE CIVILE. Bollettino Ufficiale n. 42 del 21 / 10 / 2004 Decreto del Presidente della Giunta Regionale 18 ottobre 2004, n. 11/R. Regolamento regionale recante: Utilizzo del fondo regionale di protezione civile. IL

Dettagli

COMUNE DI B O S C O N E R O

COMUNE DI B O S C O N E R O COMUNE DI B O S C O N E R O PROVINCIA DI TORINO REGOLAMENTO PER L'ESECUZIONE DI INTERVENTI IN ECONOMIA Adottato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 34 del 26.11.2004 1 I N D I C E Art. 1. Oggetto

Dettagli

COMUNE di MORLUPO Provincia di Roma Via Domenico Benedetti 1, 00067 Tel 901951 - Fax 90195353

COMUNE di MORLUPO Provincia di Roma Via Domenico Benedetti 1, 00067 Tel 901951 - Fax 90195353 COMUNE di MORLUPO Provincia di Roma Via Domenico Benedetti 1, 00067 Tel 901951 - Fax 90195353 Dipartimento Tecnico Ambientale Servizio Lavori Pubblici Sicurezza sul lavoro - Attività Produttive Sportello

Dettagli

REGOLAMENTO DEI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE IN ECONOMIA (Aggiornato al DPR 5.10.2010 n. 207 e alla L.106/2011)

REGOLAMENTO DEI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE IN ECONOMIA (Aggiornato al DPR 5.10.2010 n. 207 e alla L.106/2011) REGOLAMENTO DEI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE IN ECONOMIA (Aggiornato al DPR 5.10.2010 n. 207 e alla L.106/2011) INDICE Art. 1 AMBITO DI APPLICAZIONE E FONTI Art. 2 LIMITI DI IMPORTO E DIVIETO DI FRAZIONAMENTO

Dettagli

REGOLAMENTO PER L'ACQUISIZIONE DI BENI E SERVIZI IN ECONOMIA.

REGOLAMENTO PER L'ACQUISIZIONE DI BENI E SERVIZI IN ECONOMIA. PROVINCIA DI IMPERIA REGOLAMENTO PER L'ACQUISIZIONE DI BENI E SERVIZI IN ECONOMIA. ART. 1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO Il presente regolamento tenuto conto delle specifiche esigenze dell Ente disciplina il

Dettagli

Parma Gestione Entrate S.p.A.

Parma Gestione Entrate S.p.A. Parma Gestione Entrate S.p.A. Regolamento per la disciplina delle spese in economia e dei relativi contratti (approvato con delibera del Consiglio di Amministrazione del 20/12/2013) Art. 1 Oggetto del

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACQUISIZIONE DI FORNITURE, DI BENI E SERVIZI IN ECONOMIA

REGOLAMENTO PER L ACQUISIZIONE DI FORNITURE, DI BENI E SERVIZI IN ECONOMIA Art.1 Oggetto Il presente regolamento, adottato ai sensi dell art. 6 del Regolamento per l amministrazione e la contabilità disciplina l acquisizione di forniture e servizi in economia del Consorzio Interuniversitario

Dettagli

REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO DEI CONTRATTI IN ECONOMIA TITOLO I PRINCIPI E DISPOSIZIONI COMUNI. Articolo 1. Principi

REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO DEI CONTRATTI IN ECONOMIA TITOLO I PRINCIPI E DISPOSIZIONI COMUNI. Articolo 1. Principi REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO DEI CONTRATTI IN ECONOMIA TITOLO I PRINCIPI E DISPOSIZIONI COMUNI Articolo 1 Principi 1.1 L affidamento da parte della S.A.G.A. S.p.A. di lavori, servizi e forniture deve

Dettagli

C O M U N E D I M A R L I A N A

C O M U N E D I M A R L I A N A REGOLAMENTO PER L E SECUZIONE IN ECONOMIA DI LAVORI, FORNITURE E SERVIZI 1 INDICE Art. 1 - Oggetto del Regolamento Art. 2 - Modalità di esecuzione dei lavori in economia Art. 3 - Responsabili del servizio

Dettagli

COMUNE DI INVERSO PINASCA REGOLAMENTO COMUNALE PER I LAVORI, LE FORNITURE E I SERVIZI DA ESEGUIRSI IN ECONOMIA

COMUNE DI INVERSO PINASCA REGOLAMENTO COMUNALE PER I LAVORI, LE FORNITURE E I SERVIZI DA ESEGUIRSI IN ECONOMIA COMUNE DI INVERSO PINASCA Provincia di Torino REGOLAMENTO COMUNALE PER I LAVORI, LE FORNITURE E I SERVIZI DA ESEGUIRSI IN ECONOMIA Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 20 del 27/09/07

Dettagli

REGOLAMENTO PER LE FORNITURE E SERVIZI IN ECONOMIA

REGOLAMENTO PER LE FORNITURE E SERVIZI IN ECONOMIA REGOLAMENTO PER LE FORNITURE E SERVIZI IN ECONOMIA Art. 1 - Oggetto del Regolamento 1. Il presente regolamento disciplina le modalità, i limiti e le procedure da seguire per l esecuzione in economia di

Dettagli

REGOLAMENTO DEI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE IN ECONOMIA Aggiornato al DPR 05/10/2010, n. 207 INDICE. Titolo I DISPOSIZIONI GENERALI

REGOLAMENTO DEI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE IN ECONOMIA Aggiornato al DPR 05/10/2010, n. 207 INDICE. Titolo I DISPOSIZIONI GENERALI REGOLAMENTO DEI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE IN ECONOMIA Aggiornato al DPR 05/10/2010, n. 207 INDICE Titolo I DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1 Ambito di applicazione e fonti Art. 2 Limiti di importo e divieto

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LE FORNITURE DI BENI E SERVIZI

REGOLAMENTO COMUNALE PER LE FORNITURE DI BENI E SERVIZI COMUNE DI EUPILIO Provincia di Como Via Strambio,9 22030 Eupilio C.F.: 00571510130 Tel. 031 655 623 Fax 031 657 445 ALLEGATO ALLA DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 19 DEL 21.05.2007 REGOLAMENTO COMUNALE

Dettagli

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE Provincia di Padova VIABILITA DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE Proposta n. 2144/2014 Determina n. 1927 del 27/06/2014 Oggetto: DETERMINAZIONE A CONTRARRE LAVORI E FORNITURE DESTINATE AL MANTENIMENTO IN EFFICIENZA

Dettagli

Ufficio Atti Normativi

Ufficio Atti Normativi Ufficio Atti Normativi REGOLAMENTO PER L'ACQUISIZIONE DI BENI E SERVIZI E PER L'ESECUZIONE DI LAVORI IN ECONOMIA (Emanato con D.R. n. 813/2002-03 del 9 giugno 2003 pubblicato nel Bollettino Ufficiale di

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACQUISIZIONE DI BENI E SERVIZI IN ECONOMIA

REGOLAMENTO PER L ACQUISIZIONE DI BENI E SERVIZI IN ECONOMIA REGOLAMENTO PER L ACQUISIZIONE DI BENI E SERVIZI IN ECONOMIA Approvato con delibera di Consiglio dell Unione N 05 del 24 maggio 2007 Il Presidente (dott. Domenico Salvi) Il Segretario dell Unione (dott.

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE ACQUISIZIONI DI BENI E SERVIZI IN ECONOMIA

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE ACQUISIZIONI DI BENI E SERVIZI IN ECONOMIA Approvato con deliberazione di C.C. n. 14 del 10.03.2006 Modificato con deliberazione di C.C. n. 29 del 25.05.2007 e n. 5 del 24.01.2012 REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE ACQUISIZIONI DI BENI E SERVIZI

Dettagli

COMUNE DI MEDUNA DI LIVENZA ---------------------------------------------------

COMUNE DI MEDUNA DI LIVENZA --------------------------------------------------- COMUNE DI MEDUNA DI LIVENZA --------------------------------------------------- PROVINCIA DI TREVISO VIA VITTORIO EMANUELE, 13 31040 MEDUNA DI LIVENZA C.F.: 8001 237 0260 P.IVA: 0049 741 0266 WWW.COMUNE.MEDUNADILIVENZA.TV.IT

Dettagli

Fondazione Scuola di sanità pubblica, management delle aziende socio sanitarie e per l incremento dei trapianti d organo e tessuti (Fondazione S.S.P.

Fondazione Scuola di sanità pubblica, management delle aziende socio sanitarie e per l incremento dei trapianti d organo e tessuti (Fondazione S.S.P. Fondazione Scuola di sanità pubblica, management delle aziende socio sanitarie e per l incremento dei trapianti d organo e tessuti (Fondazione S.S.P.) Regolamento per l acquisto in economia di forniture

Dettagli

REGOLAMENTO LAVORI, SERVIZI, FORNITURE E SERVIZI TECNICI IN ECONOMIA ART. 125 D.Lgs. 163/2006 e s.m.i.

REGOLAMENTO LAVORI, SERVIZI, FORNITURE E SERVIZI TECNICI IN ECONOMIA ART. 125 D.Lgs. 163/2006 e s.m.i. Approvato con Determinazione del Direttore n. 007/DD del 22.01.2013 REGOLAMENTO LAVORI, SERVIZI, FORNITURE E SERVIZI TECNICI IN ECONOMIA ART. 125 D.Lgs. 163/2006 e s.m.i. ARTICOLO. 1 - OGGETTO DEL REGOLAMENTO....

Dettagli

REGOLAMENTO D ISTITUTO PER L ACQUISIZIONE IN ECONOMIA DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE

REGOLAMENTO D ISTITUTO PER L ACQUISIZIONE IN ECONOMIA DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE SCUOLA SECONDARIA STATALE DI PRIMO GRADO IGNAZIO VIAN Via Stampini 25-10148 TORINO - Tel 011/2266565 Fax 011/2261406 Succursale: via Destefanis 20 10148 TORINO Tel/Fax 011-2260982 E-mail: TOMM073006@istruzione.it

Dettagli

Regolamento per la gestione delle spese in economia e del fondo economale

Regolamento per la gestione delle spese in economia e del fondo economale Regolamento per la gestione delle spese in economia e del fondo economale TITOLO I GESTIONE ACQUISTI IN ECONOMIA... 2 Articolo 1 - Oggetto... 2 Articolo 2 - Limiti... 2 Articolo 3 - Amministrazione diretta...

Dettagli

DECRETO N. 05 DEL 14.02.2014 IL SINDACO

DECRETO N. 05 DEL 14.02.2014 IL SINDACO LAVORI RIQUALIFICAZIONE, MESSA IN SICUREZZA, RISTRUTTURAZIONE E MANUTENZIONE STRAORDINARIA EDIFICIO SCUOLA MATERNA E SCUOLA ELEMENTARE DETERMINAZIONE A CONTRARRE - INDIZIONE GARA MEDIANTE PROCEDURA NEGOZIATA

Dettagli

DISPOSIZIONI PER L AFFIDAMENTO IN ECONOMIA DI BENI E SERVIZI NELL UNIVERSITA DI PISA. Consiglio di Amm.ne con delibera n. 187 del. Art.

DISPOSIZIONI PER L AFFIDAMENTO IN ECONOMIA DI BENI E SERVIZI NELL UNIVERSITA DI PISA. Consiglio di Amm.ne con delibera n. 187 del. Art. DISPOSIZIONI PER L AFFIDAMENTO IN ECONOMIA DI BENI E SERVIZI NELL UNIVERSITA DI PISA (approvate dal 25/9/2007) Consiglio di Amm.ne con delibera n. 187 del Art. 1 Oggetto Le presenti disposizioni disciplinano

Dettagli

Regolamento per l'esecuzione di lavori, forniture e servizi in economia - Disciplinare per la gestione dell albo fornitori.

Regolamento per l'esecuzione di lavori, forniture e servizi in economia - Disciplinare per la gestione dell albo fornitori. Regolamento per l'esecuzione di lavori, forniture e servizi in economia - Disciplinare per la gestione dell albo fornitori. CAPO I - PROCEDURE IN ECONOMIA Art. 1 - Oggetto Art. 2 - Limiti di applicazione

Dettagli

COMUNE DI PIANSANO Provincia di Viterbo

COMUNE DI PIANSANO Provincia di Viterbo COMUNE DI PIANSANO Provincia di Viterbo Regolamento per gli affidamenti in economia. pagina 1 di pagine 10 Articolo 1 Ambito di applicazione, oggetto. Il presente regolamento disciplina l attività dell

Dettagli

ISTITUTI OSPITALIERI DI CREMONA Azienda Ospedaliera REGOLAMENTO AZIENDALE PER L ACQUISTO IN ECONOMIA DI BENI E SERVIZI

ISTITUTI OSPITALIERI DI CREMONA Azienda Ospedaliera REGOLAMENTO AZIENDALE PER L ACQUISTO IN ECONOMIA DI BENI E SERVIZI ISTITUTI OSPITALIERI DI CREMONA Azienda Ospedaliera REGOLAMENTO AZIENDALE PER L ACQUISTO IN ECONOMIA DI BENI E SERVIZI 1 INDICE TITOLO I: DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1. Oggetto Pag. 3 Art. 2. Finalità e

Dettagli

REGOLAMENTO PER GLI ACQUISTI IN ECONOMIA DI BENI E SERVIZI AZIENDA ULSS 18 ROVIGO

REGOLAMENTO PER GLI ACQUISTI IN ECONOMIA DI BENI E SERVIZI AZIENDA ULSS 18 ROVIGO Allegato A al Decreto nr. 19 del 21/01/2014 REGOLAMENTO PER GLI ACQUISTI IN ECONOMIA DI BENI E SERVIZI AZIENDA ULSS 18 ROVIGO CAPO I - Acquisizione in economia di beni e servizi Articolo 1 - Finalità Articolo

Dettagli

COMUNE DI CASATENOVO Provincia di Lecco REGOLAMENTO PER L ACQUISIZIONE DI BENI E SERVIZI IN ECONOMIA

COMUNE DI CASATENOVO Provincia di Lecco REGOLAMENTO PER L ACQUISIZIONE DI BENI E SERVIZI IN ECONOMIA Allegato B COMUNE DI CASATENOVO Provincia di Lecco REGOLAMENTO PER L ACQUISIZIONE DI BENI E SERVIZI IN ECONOMIA APPROVATO CON DELIBERA DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 5 DEL 10.02.2012 ESECUTIVO DAL 27.02.2012

Dettagli

COMUNE DI BARI SARDO PROVINCIA OGLIASTRA SERVIZIO AMMINISTRATIVO, SCOLASTICO CULTURALE, COMMERCIO

COMUNE DI BARI SARDO PROVINCIA OGLIASTRA SERVIZIO AMMINISTRATIVO, SCOLASTICO CULTURALE, COMMERCIO COMUNE DI BARI SARDO PROVINCIA OGLIASTRA SERVIZIO AMMINISTRATIVO, SCOLASTICO CULTURALE, COMMERCIO DETERMINAZIONE N. DEL OGGETTO: Servizio pulizia stabili comunali. Determinazione a contrattare ai sensi

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACQUISIZIONE DI LAVORI, BENI E SERVIZI IN ECONOMIA Dell UFFICIO D AMBITO DELLA PROVINCIA DI MILANO AZIENDA SPECIALE

REGOLAMENTO PER L ACQUISIZIONE DI LAVORI, BENI E SERVIZI IN ECONOMIA Dell UFFICIO D AMBITO DELLA PROVINCIA DI MILANO AZIENDA SPECIALE REGOLAMENTO PER L ACQUISIZIONE DI LAVORI, BENI E SERVIZI IN ECONOMIA Dell UFFICIO D AMBITO DELLA PROVINCIA DI MILANO AZIENDA SPECIALE Approvato con delibera n. 09 del C.D.A del 6 Agosto 2013 1 INDICE ART

Dettagli

REGOLAMENTO PER GLI ACQUISTI IN ECONOMIA DI BENI E SERVIZI

REGOLAMENTO PER GLI ACQUISTI IN ECONOMIA DI BENI E SERVIZI sede operativa: Via Corte d Appello 16-10122 Torino telefono +39 011 4432580 fax +39 011 4432585 fondazione@torinosmartcity.it - www.torinosmartcity.it REGOLAMENTO PER GLI ACQUISTI IN ECONOMIA DI BENI

Dettagli

ASSOCIAZIONE TORINO INTERNAZIONALE

ASSOCIAZIONE TORINO INTERNAZIONALE ASSOCIAZIONE TORINO INTERNAZIONALE Regolamento delle spese per l acquisizione in economia di beni e servizi >>> ART. 1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO 1. Il presente Regolamento, adottato ai sensi del D.P.R. 20.08.2001,

Dettagli

REGOLAMENTO DELL ATTIVITA NEGOZIALE PER LA FORNITURA DI BENI E SERVIZI

REGOLAMENTO DELL ATTIVITA NEGOZIALE PER LA FORNITURA DI BENI E SERVIZI Istituto Comprensivo BRUINO Piazza Donatori di Sangue, 1-10090 BRUINO (TO) Tel: 011.9094470 - Fax: 011.9094477 C.F. 95565680014 segreteria@icbruino.it toic837002@istruzione.it REGOLAMENTO DELL ATTIVITA

Dettagli

Regione Basilicata AGENZIA DI PROMOZIONE TERRITORIALE APT BASILICATA Allegato 3 REGOLAMENTO PER L ACQUISTO IN ECONOMIA DI BENI E SERVIZI

Regione Basilicata AGENZIA DI PROMOZIONE TERRITORIALE APT BASILICATA Allegato 3 REGOLAMENTO PER L ACQUISTO IN ECONOMIA DI BENI E SERVIZI Regione Basilicata AGENZIA DI PROMOZIONE TERRITORIALE APT BASILICATA Allegato 3 REGOLAMENTO PER L ACQUISTO IN ECONOMIA DI BENI E SERVIZI Delibera del D. G. n 165 del 16/09/2010 Delibera del D. G. n 142

Dettagli

REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO DELLE FORNITURE DI BENI E SERVIZI IN ECONOMIA

REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO DELLE FORNITURE DI BENI E SERVIZI IN ECONOMIA Ente Zona Industriale di Trieste REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO DELLE FORNITURE DI BENI E SERVIZI IN ECONOMIA Limite di valore 200.000 Euro (IVA esclusa) Art. 1 Finalità 1. Il presente Regolamento disciplina

Dettagli

REGOLAMENTO PER L'ACQUISTO IN ECONOMIA DI BENI SERVIZI E LAVORI MEDIANTE UTILIZZAZIONE DELL'ALBO DEI FORNITORI E DELLE IMPRESE DI FIDUCIA

REGOLAMENTO PER L'ACQUISTO IN ECONOMIA DI BENI SERVIZI E LAVORI MEDIANTE UTILIZZAZIONE DELL'ALBO DEI FORNITORI E DELLE IMPRESE DI FIDUCIA REGOLAMENTO PER L'ACQUISTO IN ECONOMIA DI BENI SERVIZI E LAVORI MEDIANTE UTILIZZAZIONE DELL'ALBO DEI FORNITORI E DELLE IMPRESE DI FIDUCIA (Delibera IRCAC n.868) ART. 1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO 1 - Il presente

Dettagli

REGOLAMENTO PER LE FORNITURE DI BENI E SERVIZI IN ECONOMIA

REGOLAMENTO PER LE FORNITURE DI BENI E SERVIZI IN ECONOMIA REGOLAMENTO PER LE FORNITURE DI BENI E SERVIZI IN ECONOMIA INDICE Art. 1 - Oggetto del regolamento Art. 2 - Beni e Servizi in economia Art. 3 - Limiti di applicazione Art. 4 - Divieto di frazionamento

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER FORNITURE E SERVIZI IN ECONOMIA

REGOLAMENTO COMUNALE PER FORNITURE E SERVIZI IN ECONOMIA REGOLAMENTO COMUNALE PER FORNITURE E SERVIZI IN ECONOMIA Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n.29 del 29/9/2008 Art. 1 - Contenuto 1. Il presente regolamento disciplina, ai sensi dell'art.

Dettagli

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE

ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE IL CONSIGLIO D'ISTITUTO Delibera n. 126/15 del 27/11/2015 EMANA IL REGOLAMENTO D ISTITUTO PER L ACQUISIZIONE IN ECONOMIA DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE SEZIONE I DISCIPLINA GENERALE VISTO l art.125 comma

Dettagli

Tutti gli usi della parola a tutti, non perché tutti siano artisti, ma perché nessuno sia schiavo (Rodari)

Tutti gli usi della parola a tutti, non perché tutti siano artisti, ma perché nessuno sia schiavo (Rodari) ISTITUTO COMPRENSIVO D AOSTA Tutti gli usi della parola a tutti, non perché tutti siano artisti, ma perché nessuno sia schiavo (Rodari) Prot. 5023/C14 Ottaviano, 27/12/2013 REGOLAMENTO D ISTITUTO PER L

Dettagli

REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE IN ECONOMIA

REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE IN ECONOMIA AZIENDA TERRITORIALE PER L EDILIZIA RESIDENZIALE PUBBLICA DEL COMUNE DI ROMA REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE IN ECONOMIA approvato con Delibera Commissariale n. 28 del 26/09/2011

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE ACQUISIZIONI IN ECONOMIA DI BENI E SERVIZI

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE ACQUISIZIONI IN ECONOMIA DI BENI E SERVIZI COMUNE DI TREMESTIERI ETNEO Provincia di Catania 3^ Struttura Provveditorato REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE ACQUISIZIONI IN ECONOMIA DI BENI E SERVIZI Art. 1 Oggetto del Regolamento e fonti normative

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACQUISTO DI BENI E SERVIZI DI FONDAZIONE COGEME ONLUS

REGOLAMENTO PER L ACQUISTO DI BENI E SERVIZI DI FONDAZIONE COGEME ONLUS REGOLAMENTO PER L ACQUISTO DI BENI E SERVIZI DI FONDAZIONE COGEME ONLUS INDICE 1) OGGETTO DEL REGOLAMENTO 2) NORMATIVA DI RIFERIMENTO PARTE I PRINCIPI GENERALI PARTE II CONTRATTI SOPRA SOGLIA 3) ACQUISTO

Dettagli

Regolamento per le forniture di beni e servizi da eseguirsi in economia.

Regolamento per le forniture di beni e servizi da eseguirsi in economia. Regolamento per le forniture di beni e servizi da eseguirsi in economia. Art. 1 Identificazione dei beni e servizi in economia E ammesso il ricorso alle procedure di spesa in economia per i seguenti beni

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE FORNITURE E DEI SERVIZI DA ESEGUIRSI IN ECONOMIA

REGOLAMENTO DELLE FORNITURE E DEI SERVIZI DA ESEGUIRSI IN ECONOMIA AZIENDA SPECIALE CONSORTILE PER LA GESTIONE DEI DERVIZI SOCIALI DELL AREA GROSSETANA REGOLAMENTO DELLE FORNITURE E DEI SERVIZI DA ESEGUIRSI IN ECONOMIA Limite di valore 50.000 euro 1 Art. 1 Oggetto La

Dettagli

ITALIA LAVORO SPA REGOLAMENTO PER L ACQUISTO IN ECONOMIA DI FORNITURE DI BENI E SERVIZI

ITALIA LAVORO SPA REGOLAMENTO PER L ACQUISTO IN ECONOMIA DI FORNITURE DI BENI E SERVIZI ITALIA LAVORO SPA REGOLAMENTO PER L ACQUISTO IN ECONOMIA DI FORNITURE DI BENI E SERVIZI ART. 1 - OGGETTO DEL REGOLAMENTO. Il presente Regolamento disciplina il sistema delle procedure per l acquisizione

Dettagli

DA SITO WEB APPALTI LIGURIA (NOV 2011)

DA SITO WEB APPALTI LIGURIA (NOV 2011) DA SITO WEB APPALTI LIGURIA (NOV 2011) La procedura della somma urgenza è disciplinata dall art. 176 del DPR 207/2010, in attuazione dell art. 125 del D.Lgs. 163/06 che disciplina i c.d. lavori in economia.

Dettagli

COMUNE DI PRIGNANO CILENTO PROVINCIA DI SALERNO REGOLAMENTO PER LE FORNITURE E SERVIZI IN ECONOMIA

COMUNE DI PRIGNANO CILENTO PROVINCIA DI SALERNO REGOLAMENTO PER LE FORNITURE E SERVIZI IN ECONOMIA COMUNE DI PRIGNANO CILENTO PROVINCIA DI SALERNO REGOLAMENTO PER LE FORNITURE E SERVIZI IN ECONOMIA REGOLAMENTO PER LE FORNITURE E SERVIZI IN ECONOMIA Art. 1 - Oggetto del Regolamento 1. Il presente regolamento

Dettagli

REGOLAMENTO PER LE ACQUISIZIONI IN ECONOMIA DI BENI, SERVIZI E LAVORI. Approvato con determinazione dell Amministratore Unico della società A.M.U.

REGOLAMENTO PER LE ACQUISIZIONI IN ECONOMIA DI BENI, SERVIZI E LAVORI. Approvato con determinazione dell Amministratore Unico della società A.M.U. REGOLAMENTO PER LE ACQUISIZIONI IN ECONOMIA DI BENI, SERVIZI E LAVORI Approvato con determinazione dell Amministratore Unico della società A.M.U. SpA Capitolo 1 Principi generali 1. Premessa La società

Dettagli

Comune di Livorno. Disposizioni generali

Comune di Livorno. Disposizioni generali Comune di Livorno DISCIPLINA DELLE PROCEDURE CONTRATTUALI TITOLO I Disposizioni generali ART. 1 - OGGETTO DELLA DISCIPLINA 1. La presente disciplina regolamenta, nell'ambito dei principi generali dell'ordinamento,

Dettagli

COMUNE DI NAVE Provincia di Brescia REGOLAMENTO COMUNALE PER LA FORNITURA DI BENI E SERVIZI IN ECONOMIA

COMUNE DI NAVE Provincia di Brescia REGOLAMENTO COMUNALE PER LA FORNITURA DI BENI E SERVIZI IN ECONOMIA COMUNE DI NAVE Provincia di Brescia REGOLAMENTO COMUNALE PER LA FORNITURA DI BENI E SERVIZI IN ECONOMIA Approvato con deliberazione C.C. n.20 del 05/06/2013 INDICE Art. 1 Ambito di applicazione Art. 2

Dettagli

UNIVERSITA DI MESSINA

UNIVERSITA DI MESSINA UNIVERSITA DI MESSINA Gruppo di lavoro per la revisione del regolamento per l amministrazione, la finanza e la contabilità della amministrazione centrale e dei centri di spesa autonomi REGOLAMENTO PER

Dettagli

Regolamento per l affidamento di lavori forniture e servizi

Regolamento per l affidamento di lavori forniture e servizi "GAL DEL LARIO SOCIETA' CONSORTILE A RESPONSABILITA' LIMITATA". Regolamento per l affidamento di lavori forniture e servizi Art. 1 - Oggetto del Regolamento Il presente regolamento disciplina le modalità

Dettagli

ARDISS. Agenzia Regionale per il Diritto agli Studi Superiori REGOLAMENTO PER L ACQUISIZIONE IN ECONOMIA DI LAVORI, FORNITURE E SERVIZI

ARDISS. Agenzia Regionale per il Diritto agli Studi Superiori REGOLAMENTO PER L ACQUISIZIONE IN ECONOMIA DI LAVORI, FORNITURE E SERVIZI ARDISS Agenzia Regionale per il Diritto agli Studi Superiori REGOLAMENTO PER L ACQUISIZIONE IN ECONOMIA DI LAVORI, FORNITURE E SERVIZI Titolo I...3 DEI LAVORI IN ECONOMIA...3 Art. 1 Oggetto di regolamentazione

Dettagli

Preambolo Premessa Articolo 1: Oggetto del regolamento. Articolo 2: Modalità di esecuzione in economia Articolo 3: Beni e servizi in economia

Preambolo Premessa Articolo 1: Oggetto del regolamento. Articolo 2: Modalità di esecuzione in economia Articolo 3: Beni e servizi in economia COMUNE DI MESSINA REGOLAMENTO PER LE FORNITURE DEI BENI E DEI SERVIZI DI IMPORTO INFERIORE ALLE SOGLIE DI APPLICAZIONE DELLA NORMATIVA STATALE DI RECEPIMENTO DELLE DIRETTIVE CEE. Approvato con deliberazione

Dettagli

REGIONE PIEMONTE. Capo I

REGIONE PIEMONTE. Capo I REGIONE PIEMONTE DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE 18 ottobre 2004, n.11 Regolamento regionale recante: «Utilizzo del fondo regionale di protezione civile». Capo I Applicazione e limiti di

Dettagli

Città di Vigevano REGOLAMENTO DEI LAVORI IN ECONOMIA

Città di Vigevano REGOLAMENTO DEI LAVORI IN ECONOMIA Città di Vigevano REGOLAMENTO DEI LAVORI IN ECONOMIA ADOTTATO CON DELIBERAZIONE DI C.C. N. 56 DEL 28/09/2009 INDICE REGOLAMENTO DEI LAVORI IN ECONOMIA Art. 1 Oggetto del regolamento Art. 2 Lavori eseguibili

Dettagli

GAL SGT SOLE GRANO TERRA SARRABUS GERREI TREXENTA E CAMPIDANO DI CAGLIARI

GAL SGT SOLE GRANO TERRA SARRABUS GERREI TREXENTA E CAMPIDANO DI CAGLIARI Programma di Sviluppo Rurale della Regione Sardegna 2007/2013 Asse IV Attuazione dell Approccio Leader Misura 431 GAL SGT SOLE GRANO TERRA SARRABUS GERREI TREXENTA E CAMPIDANO DI CAGLIARI REGOLAMENTO PER

Dettagli

PER L'ACQUISIZIONE DI LAVORI,

PER L'ACQUISIZIONE DI LAVORI, CITTA di SAVONA REGOLAMENTO COMUNALE PER IL RICORSO AL SISTEMA IN ECONOMIA PER L'ACQUISIZIONE DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE ADOTTATO DAL CONSIGLIO COMUNALE CON DELIBERAZIONE N. 8 DEL 31 GENNAIO 2008 MODIFICATO

Dettagli

REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO E LA REALIZZAZIONE DI LAVORI PUBBLICI, SERVIZI E FORNITURE DA ESEGUIRE IN ECONOMIA

REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO E LA REALIZZAZIONE DI LAVORI PUBBLICI, SERVIZI E FORNITURE DA ESEGUIRE IN ECONOMIA REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO E LA REALIZZAZIONE DI LAVORI PUBBLICI, SERVIZI E FORNITURE DA ESEGUIRE IN ECONOMIA APPROVATO CON ATTO DI GC N. 31 DELL 11/10/2010 MODIFICATO CON ATTO DI GC. N. 66 DEL 30/12/2013

Dettagli

COMUNE DI TUSCANIA. Provincia di Viterbo DETERMINAZIONE AREA TECNICO MANUTENTIVA

COMUNE DI TUSCANIA. Provincia di Viterbo DETERMINAZIONE AREA TECNICO MANUTENTIVA COMUNE DI TUSCANIA Provincia di Viterbo DETERMINAZIONE COPIA N. 365 DATA 09/04/2013 Oggetto : NOLEGGIO APPARECCHIATURE DI VIDEOSORVEGLIANZA PRESSO PUNTO DI RACCONTA PROVVISORIO RIFIUTI IN LOC. OLIVO -

Dettagli

COMUNE DI BOSCO MARENGO. PROVINCIA di ALESSANDRIA

COMUNE DI BOSCO MARENGO. PROVINCIA di ALESSANDRIA COMUNE DI BOSCO MARENGO PROVINCIA di ALESSANDRIA APPROVATO CON C.C. n. 26 del 28.11.2008 I N D I C E Art. 1 - Oggetto dei regolamento Art. 2 Modalità d esecuzione dei lavori in economia Art. 3 - Lavori

Dettagli

Dec. 479/06 aggiornato con modifiche Dec. 387/07 e modiche Dec 613/08 (art. 3)

Dec. 479/06 aggiornato con modifiche Dec. 387/07 e modiche Dec 613/08 (art. 3) Dec. 479/06 aggiornato con modifiche Dec. 387/07 e modiche Dec 613/08 (art. 3) Art. 1 Oggetto Il presente regolamento, è adottato in riferimento ed attuazione del D.Lgs 163/2006 e DPR n. 384 del 20.8.2001

Dettagli

Art. 1 - Oggetto del Regolamento

Art. 1 - Oggetto del Regolamento REGOLAMENTO PER LE FORNITURE ED I SERVIZI IN ECONOMIA Approvato con Delibera Assemblea n. 12 del 03 Aprile 2003 Modificato con Delibera Assemblea n. 10 del 03 Aprile 2007 Art. 1 - Oggetto del Regolamento

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACQUISIZIONE IN ECONOMIA DI BENI E SERVIZI (art. 125 del D. Lgs. n. 163/2006)

REGOLAMENTO PER L ACQUISIZIONE IN ECONOMIA DI BENI E SERVIZI (art. 125 del D. Lgs. n. 163/2006) REGOLAMENTO PER L ACQUISIZIONE IN ECONOMIA DI BENI E SERVIZI (art. 125 del D. Lgs. n. 163/2006) 1 ART. 1 - OGGETTO DEL REGOLAMENTO... ART. 2 - NORMATIVA DI RIFERIMENTO... ART. 3 - RESPONSABILE DEL PROCEDIMENTO...

Dettagli

Quadro legislativo: Quali sono le leggi che regolamentano gli appalti pubblici?

Quadro legislativo: Quali sono le leggi che regolamentano gli appalti pubblici? Quadro legislativo: Quali sono le leggi che regolamentano gli appalti pubblici? Quali regolamenti si applicano per gli appalti sopra soglia? Il decreto legislativo n. 163 del 12 aprile 2006, Codice dei

Dettagli

COMUNE DI FLORIDIA. Provincia di Siracusa REGOLAMENTO PER L ACQUISIZIONE IN ECONOMIA (ART.125 D. LGS N.163/2006) DI BENI E SERVIZI

COMUNE DI FLORIDIA. Provincia di Siracusa REGOLAMENTO PER L ACQUISIZIONE IN ECONOMIA (ART.125 D. LGS N.163/2006) DI BENI E SERVIZI COMUNE DI FLORIDIA Provincia di Siracusa REGOLAMENTO PER L ACQUISIZIONE IN ECONOMIA DI BENI E SERVIZI (ART.125 D. LGS N.163/2006) APPROVATO CON DELIBERA DEL CONSIGLIO COMUNALE NELLA SEDUTA DEL 09/11/2009

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ESECUZIONE DELLE FORNITURE E DEI SERVIZI IN ECONOMIA

REGOLAMENTO PER L ESECUZIONE DELLE FORNITURE E DEI SERVIZI IN ECONOMIA ALLEGATO B) alla Delibera C.C. n. 18/2015 REGOLAMENTO PER L ESECUZIONE DELLE FORNITURE E DEI SERVIZI IN ECONOMIA Art. 1 - Oggetto 1. Il presente Regolamento disciplina le procedure che il Comune di Fonzaso

Dettagli