CONFRONTO DELLE RISORSE VDI: VMWARE HORIZON VIEW CITRIX XENDESKTOP 7

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CONFRONTO DELLE RISORSE VDI: VMWARE HORIZON VIEW 5.2 - CITRIX XENDESKTOP 7"

Transcript

1 BOZZA CONFRONTO DELLE RISORSE VDI: VMWARE HORIZON VIEW CITRIX XENDESKTOP 7 L'architettura VDI (Virtual Desktop Infrastructure) offre flessibilità e sicurezza senza precedenti né confronti con il desktop computing tradizionale. Tuttavia, gli oneri correlati alle risorse di data center necessarie per l'hosting della soluzione VDI possono aumentare in modo direttamente proporzionale alla crescita della base di utenti. Una soluzione vantaggiosa può essere essenziale per attenuare l'impatto complessivo di nuovi utenti sulle risorse del data center senza compromettere la flessibilità e la sicurezza offerte dall'infrastruttura VDI. Con l'aumento del numero di utenti VDI, problematiche quali la necessità di contenere il più possibile l'ingombro dei dischi necessari per le applicazioni e i dati degli utenti, la gestione di meccanismi di sicurezza e protezione che non interferiscano con le attività e la capacità di distribuire rapidamente nuovi desktop virtuali nel sistema possono influire negativamente su costi e produttività. Le aziende impreparate ad affrontare queste problematiche possono trarre vantaggio da una soluzione VDI ben progettata e in grado di alleviare questi oneri in termini di tempo e risorse. Qui, nei laboratori di Principled Technologies, abbiamo condotto un confronto di più caratteristiche dell'architettura VDI tra VMware Horizon View 5.2 in hosting su VMware vsphere 5.1 e Citrix XenDesktop 7 in hosting su Citrix XenServer 6.2. Nel corso dei test, abbiamo misurato l'uso dello spazio su disco per un desktop virtuale persistente, l'impatto delle scansioni antivirus (AV) sulle risorse del data center e la velocità con cui è possibile distribuire le macchine virtuali (VM) in ciascuna soluzione. VMware Horizon View 5.2 in hosting su VMware vsphere 5.1 si è rivelata una soluzione migliore sotto tutti e tre i profili rispetto a Citrix XenDesktop 7 in hosting su Citrix XenServer 6.2. I nostri risultati rivelano opportunità di risparmio di tempo e di risorse che qualsiasi base di utenti VDI apprezzerebbe. Settembre 2013 REPORT DEL TEST DI PRINCIPLED TECHNOLOGIES Commissionato da VMware

2 Vantaggi di VMware Horizon View 5.2 XenDesktop 7. Recupero dello spazio: pulizia virtuale Le due soluzioni VDI sottoposte al test,, sono analoghe per quanto concerne le funzioni di base e offrono i tradizionali vantaggi associati all'architettura VDI. Tuttavia, esistono alcune differenze principali che possono potenzialmente influire sulle risorse del data center e la produttività degli utenti desktop. VMware Horizon View offre funzionalità di recupero dei dischi non disponibili nella soluzione Citrix. VMware Horizon View ha recuperato il 27% di spazio su disco dal relativo desktop virtuale e lo ha restituito pronto per l'uso generico, così da fare spazio nel datastore per altre immagini desktop, applicazioni o dati degli utenti. Citrix XenDesktop 7 non è riuscito a recuperare spazio su disco. Senza una soluzione antivirus, qualsiasi utente è vulnerabile ad attacchi dannosi. Poiché fornisce sicurezza tramite scansioni AV a livello di appliance virtuale, la soluzione agentless VMware Horizon View 5.2 si è rivelata più efficiente di Citrix XenDesktop 7. Poiché le scansioni AV di vshield Endpoint non vengono eseguite a livello di VM, la soluzione VMware ha determinato un utilizzo della CPU inferiore del 57% e ha richiesto il 26% in meno di I/O su disco rispetto alla soluzione Citrix basata su agenti che eseguono la scansione AV a livello di VM. Poiché il numero di utenti VDI è in crescita, la distribuzione da parte del personale IT di una grande impresa può richiedere più tempo. Per quanto concerne la distribuzione di nuove VM abbiamo rilevato che VMware Horizon View 5.2 è più veloce del 38% rispetto alla soluzione Citrix Le applicazioni installate localmente su VM persistenti in un ambiente VDI possono richiedere maggiore capacità di storage anche dopo che gli utenti cancellano i file obsoleti o tentano di rimuovere i dati in eccesso dalle proprie cartelle. Un'azienda di grandi dimensioni che si avvale di desktop virtuali può occupare rapidamente un array di storage medio e quindi necessitare di risorse aggiuntive nel data center per consentire la prosecuzione delle operazioni giornaliere. Queste aziende spesso allocano ulteriore capacità di storage per compensare l'"avanzata" delle immagini VDI. Durante l'operazione di recupero dello spazio di VMware vengono cercati i blocchi precedentemente scritti sul disco e attualmente non utilizzati dal file system guest. Una volta rilevati, la funzionalità di recupero della soluzione VMware Horizon View li ripristina nell'hypervisor come blocchi inutilizzati. Ne consegue un minor spreco di spazio su disco nel datastore che a sua volta implica una riduzione dell'esigenza di allocare storage aggiuntivo e quindi una potenziale diminuzione dei costi di infrastruttura Report del test eseguito da Principled Technologies 2

3 Per il test abbiamo utilizzato un array di storage EMC VNX 5500, il quale è compatibile noc il thin provisioning. Il thin provisioning opera a livello dello storage condiviso standard e consente la creazione di cloni di singole macchine virtuali o dell'intero volume contenente i desktop virtuali. I cloni virtuali vengono creati nel layer di storage. Il thin provisioning fa riferimento a diversi metodi di riduzione che consentono di risparmiare spazio in un ambiente VDI: Rimuove lo spazio inutilizzato in un file di disco virtuale nella macchina virtuale Clona un file di disco virtuale nello stesso volume di più macchine virtuali in modo che le operazioni di scrittura siano limitate a uno snapshot di piccole dimensioni e condividano un'immagine di base In un dispositivo di storage condiviso, il thin provisioning permette di clonare l'intero volume utilizzato da un gruppo di macchine virtuali clonate Il recupero dello spazio significa più spazio su disco disponibile per altre applicazioni. In una VM con 15,01 GB di dati applicativi e utente, VMware ha recuperato 3,99 GB di spazio. In un'analoga VM con 14,77 GB di dati applicativi e utente, Citrix XenDesktop 7 ha recuperato zero GB di spazio. La figura 1 illustra i cambiamenti dello spazio su disco di una VM prima e dopo l'operazione di recupero. Figura 1: VMware Horizon View 5.2 è riuscito a recuperare il 27% dello spazio su disco. Citrix XenDesktop 7 non è provvisto di un'analoga funzionalità per recuperare spazio. vshield: sicurezza efficiente e affidabile da qualsiasi punto di accesso I desktop e i data center virtualizzati devono ricevere ere la stessa protezione delle macchine fisiche. La sicurezza per i dipendenti che accedono all'ambiente VDI da più postazioni ha una priorità elevata e una normale scansione antivirus non dovrebbe interferire con la produttività. Le scansioni antivirus tradizionali basate su agenti non sono progettate specificatamente per le distribuzioni di desktop virtuali e possono richiedere una notevole quantità di risorse. Quando le soluzioni antivirus tradizionali avviano contemporaneamente le scansioni o gli aggiornamenti della sicurezza pianificati su tutte le VM di un singolo host fisico, può verificarsi un sovraccarico che determina un carico estremo sul sistema e riduce le prestazioni di tutti gli utenti desktop del server. Report del test eseguito da Principled Technologies 3

4 VMware vshield Endpoint protegge i desktop e le macchine virtuali dai virus riducendo nel contempo l'entità delle risorse nel data center. Durante i nostri test abbiamo protetto i desktop virtuali con vshield Endpoint consentendo all'hypervisor di eseguire attività AV tramite un'appliance virtuale vshield Endpoint. Poiché aggiornamenti e scansioni AV vengono eseguiti dall'appliance virtuale, il consumo di risorse del server è ridotto al minimo. Questo tipo di protezione viene definita agentless ed è il risultato del funzionamento combinato di vshield Endpoint e Trend Micro Deep Security su VMware Horizon View 5.2. Anziché lasciare che gli utenti eseguano singole scansioni a livello di desktop virtuale, una singola appliance virtuale si connette a ogni host di macchine virtuali ed esegue le scansioni antivirus. Con vshield Endpoint su Horizon View, il motore antivirus e i file delle firme si trovano nell'appliance virtuale. L'aggiornamento della sola appliance virtuale elimina il carico rappresentato dall'aggiornamento simultaneo dei file delle firme su ogni desktop virtuale. Inoltre, vshield Endpoint suddivide la scansione delle macchine virtuali gestite dall'appliance virtuale. vshield Endpoint fornisce al motore antivirus informazioni sull'host in cui viene eseguita la macchina virtuale. Il modulo di scansione antivirus quindi suddivide le scansioni on-demand sullo stesso host. VMware vshield Endpoint in VMware Horizon View 5.2 elimina i sovraccarichi dovuti all'antivirus che influiscono negativamente sulle prestazioni delle macchine virtuali, provvede all'offload delle funzioni antivirus in un'appliance virtuale di sicurezza separata liberando in questo modo risorse dei sistemi di desktop virtuali e utilizza un driver ridotto su ogni desktop, il quale viene installato con VMware Tools. Non è necessaria alcuna operazione di provisioning aggiuntiva. Il modulo di scansione antivirus e le firme dei virus vengono installati solo nell'appliance virtuale, il che consente di risparmiare spazio su ogni desktop e di ridurre la superficie d'attacco potenziale in quanto non vi sono agenti che possano essere compromessi. In VMware Horizon View, vshield Endpoint invia automaticamente gli aggiornamenti della protezione più recenti ai desktop virtuali e configura le modifiche al software antivirus nell'appliance virtuale, non in ogni desktop. La manutenzione, l'installazione di patch e l'aggiornamento degli agenti antivirus avvengono nell'appliance virtuale. VMware vshield Endpoint e Trend Micro Systems Deep Security forniscono una soluzione di sicurezza agentless progettata per i data center virtualizzati e le macchine virtuali desktop. vshield Endpoint assicura introspezione agentless delle macchine virtuali monitorando le macchine attuali, nuove e riattivate per garantire l'aggiornamento della sicurezza. Deep Security utilizza un'appliance virtuale dedicata con sicurezza avanzata che integra le API vshield per proteggere le macchine virtuali da minacce di rete e basate su file. vshield Endpoint consente quindi a Deep Security di comunicare con le macchine virtuali guest per implementare attività di sicurezza quali le scansioni antivirus. Questo approccio contente di proteggere server virtuali, reti di desktop e file system senza distribuire agenti di sicurezza nei sistemi guest. Abbiamo rilevato che vshield Endpoint determina un utilizzo della CPU inferiore del 57% e il 26% in meno di I/O su disco su VMware Horizon View 5.2 rispetto alla soluzione AV basata su agenti di Citrix XenDesktop7. Nella figura 2 è indicata la differenza nell'utilizzo della CPU su un host durante una scansione antivirus di 50 macchine virtuali. Report del test eseguito da Principled Technologies 4

5 Figura 2: utilizzo della CPU dell'host durante scansioni antivirus di 50 VM con vshield in VMware Horizon View 5.2 e Citrix XenDesktop 7. A numeri inferiori corrispondono prestazioni migliori. La sicurezza agentless utilizza un numero inferiore di I/O su disco rispetto a quella basata su agenti. Nella figura 3 è indicata la differenza nell'utilizzo del disco su un host durante una scansione antivirus di 50 macchine virtuali. Figura 3: numero totale di operazioni di I/O su disco host durante scansioni antivirus di 50 VM con vshield in VMware Horizon View 5.2 e Citrix XenDesktop 7. A numeri inferiori corrispondono prestazioni migliori. Il numero di operazioni su disco di Citrix XenDesktop 7 è inizialmente basso in virtù del sovrautilizzo della CPU dell'host. Tuttavia, esso aumenta rapidamente via via che la CPU dell'host diventa disponibile e viene avviata la scansione AV di più macchine virtuali contemporaneamente. Report del test eseguito da Principled Technologies 5

6 Distribuzione rapida: agilità per supportare requisiti variabili degli utenti La velocità di distribuzione è un aspetto importante di qualsiasi data center dinamico. Le distribuzioni non solo influiscono sul personale IT ma anche sulle attività degli utenti finali. Riducendo il tempo di distribuzione, gli amministratori sono in grado di soddisfare le richieste degli utenti finali in modo più tempestivo e con maggiore efficienza. Una distribuzione più rapida delle VM significa che gli amministratori avranno più tempo da dedicare alla gestione di altri aspetti cruciali del data center. VMware Horizon View 5.2 insieme all'api View Composer for Array Integration (VCAI) consente agli amministratori di risparmiare tempo e risorse senza compromettere la capacità di soddisfare le richieste degli utenti. Per quanto concerne la distribuzione, durante i test abbiamo rilevato che VMware Horizon View 5.2 è più veloce del 38% rispetto a Citrix XenDesktop 7. VMware Horizon View ha distribuito 100 VM in poco più di 24 minuti mentre Citrix XenDesktop ha impiegato poco meno di 39 minuti. La limitazione di Citrix XenCenter a 25 operazioni simultanee per pool ha aggiunto ulteriore tempo alla distribuzione delle 100 VM da parte di Citrix XenDesktop. 1 La figura 4 indica il tempo impiegato per la distribuzione di 100 VM in ciascun sistema utilizzando le impostazioni predefinite. Nell'host ESXi era abilitato VAAI. Vantaggio del tempo di VMware Horizon View 5.2 Citrix XenDesktop 7 distribuzione per VMware Tempo totale per la distribuzione di 100 VM 0:24:11 0:38:56 38% Figura 4: tempo espresso in ore:minuti:secondi per distribuire 100 VM con le impostazioni predefinite. 1 support.citrix.com/servlet/kbservlet/download/ /ctx137837_xenserver%206_2_0_configuration%20limits.pdf Report del test eseguito da Principled Technologies 6

7 VCAI sfrutta le funzionalità di VMware vsphere e alcuni array di storage NAS provvisti della funzionalità di snapshot nativa NAS di VAAI, come EMC VNX Questa funzionalità VCAI consente di risparmiare tempo e permette l'offload della creazione di cloni collegati all'array di storage. L'uso di VCAI ha consentito di ridurre il throughput dello storage, di migliorare l'utilizzo della CPU e di ridurre i tempi di distribuzione. Con un host ESXi con VAAI disabilitato, Citrix XenDesktop ha distribuito 100 VM in oltre 35 minuti. Per confrontare i vantaggi di VCAI, la figura 5 indica il tempo impiegato per distribuire 100 VM e l'utilizzo della CPU su due host ESXi, uno con VAAI abilitato e l'altro con VAAI disabilitato. ESXi con VAAI ESXi con VAAI abilitato Percentuale di miglioramento disabilitato Tempo totale per la distribuzione di 100 VM 0:24:11 0:35:40 32% % media di utilizzo della CPU durante la distribuzione 47,4 52,4 10% Figura 5: tempo espresso in ore:minuti:secondi per distribuire 100 VM. La figura 6 indica l'utilizzo della CPU e le operazioni di I/O su disco in un host ESXi con VAAI abilitato. Figura 6: utilizzo della CPU e operazioni di I/O su un host ESXi con VAAI abilitato per VMware Horizon View e su un host ESXi con VAAI disabilitato durante la distribuzione di VM. A numeri inferiori corrispondono prestazioni migliori. 2 Attualmente VCAI è disponibile come anteprima tecnica (Tech Preview), ma verrà supportato da VMware Horizon View 5.3. Report del test eseguito da Principled Technologies 7

8 Per informazioni dettagliate sull'utilizzo del disco, vedere Appendice B. CONCLUSIONI Una soluzione VDI ben progettata e con funzionalità avanzate può fare un'enorme differenza per quanto riguarda l'ottimizzazione dell'efficienza delle risorse del data center e la riduzione al minimo dei downtime indesiderati. L'incapacità di conseguire questi obiettivi può determinare un aumento dei costi per utente e influire sulla soddisfazione degli utenti. VMware Horizon View 5.2 ha recuperato il 27% di spazio su disco utilizzato in precedenza dal desktop virtuale, ha eseguito le scansioni AV in modo più efficiente e durante la distribuzione delle VM la soluzione VMware si è dimostrata più rapida di quella Citrix del 38%. Per le imprese che hanno bisogno di tenere sotto controllo gli oneri in termini di tempi e risorse creati da una base di utenti VDI, VMware Horizon View 5.2 su VMware vsphere 5.1 offre notevoli vantaggi rispetto a Citrix XenDesktop 7 in hosting su Citrix XenServer 6.2. Report del test eseguito da Principled Technologies 8

9 APPENDICE A - INFORMAZIONI SULLA CONFIGURAZIONE DEI SISTEMI Nella figura 7 sono illustrate informazioni dettagliate sulla configurazione dei sistemi di test. Sistema Server blade HP ProLiant BL460c Gen8 Enclosure/chassis Enclosure/chassis blade Enclosure HP BladeSystem c7000 con 2 moduli HP Virtual Connect FlexFabric 10 Gb a 24 porte Alimentazione Numero totale 6 Watt massimi per ciascuno (W) Platinum Ventole di raffreddamento Numero totale 10 Dimensioni (hxl) di ognuno 4" x 4" Informazioni generali Numero di pacchetti di processori 2 Numero di core per processore 8 Numero di thread hardware per core 2 CPU Fornitore Intel Nome Xeon Numero modello E Stepping C1 Tipo socket LGA2011 Frequenza core (GHz) 2,90 Frequenza di bus (GT/s) 8,0 Cache L1 32 KB+ 32 KB (per core) Cache L2 256 KB (per core) Cache L3 (MB) 20 Piattaforma Fornitore e numero modello HP ProLiant BL460c Gen8 Server Numero modello scheda madre HP Nome e versione BIOS HP I31 12/14/2012 Impostazioni BIOS Policy di risparmio energia impostata per prestazioni massime Modulo/i di memoria RAM totale nel sistema (GB) 128 Fornitore e numero modello Samsung M393B1K70DH0-YH9 Tipo DDR3 PC3L-10600R Velocità (MHz) Velocità in esecuzione nel sistema (MHz) Dimensioni (GB) 8 Numero di moduli RAM 16 Organizzazione chip Doppio lato Report del test eseguito da Principled Technologies 9

10 Sistema Server blade HP ProLiant BL460c Gen8 Classificazione Doppia Unità disco rigido Fornitore e numero modello HP EG0300FBDSP Numero di unità nel sistema 2 Dimensioni (GB) 300 Dimensioni buffer (MB) 16 RPM Tipo SAS Controller HP Smart Array P220i Scheda di rete (scheda mezzanino) Fornitore e numero modello Scheda a due porte HP FlexFabric 10 GB # Figura 7: informazioni di configurazione dettagliate sui sistemi di test. Informazioni sull'array di storage EMC VNX 5500 L'array di storage EMC VNX 5500 è una soluzione di storage stratificato che offre diverse opzioni relative al grado di capacità e prestazioni per soddisfare al meglio le esigenze aziendali. EMC VNX utilizza Fast Cache per stratificare lo storage in modo intelligente a seconda delle applicazioni in uso, spostando automaticamente i dati letti di frequente in SSD ad alte prestazioni allo scopo di offrire capacità e prestazioni elevate. Nella figura 8 sono illustrate informazioni dettagliate sulla configurazione dell'array di storage. Per ulteriori informazioni sulla serie EMC VNX, visitare Sistema Array di storage EMC VNX 5500 Storage Numero di enclosure di processori a 15 dischi 1 Alimentazione Numero totale 2 Enclosure array dei dischi Numero di enclosure di array a 25 dischi 1 Numero di enclosure di array a 15 dischi 1 Unità data mover Numero di unità data mover di VNX Dischi Numero di SSD da 200 GB 8 Numero di unità SAS da 600 GB 25 Sistema operativo Nome Unisphere Figura 8: informazioni dettagliate sulla configurazione dello storage. Report del test eseguito da Principled Technologies 10

11 APPENDICE B - INFORMAZIONI SULL'UTILIZZO DELLE RISORSE Le seguenti informazioni dettagliate illustrano le operazioni di I/O eseguite dai componenti di test delle attività antivirus e di distribuzione in entrambe le configurazioni. La figura 9 indica le operazioni di lettura e scrittura NFS per VMware Horizon View 5.2 durante la scansione antivirus di 50 VM. Figura 9: dettaglio delle operazioni IOPS per VMware Horizon View durante la scansione antivirus. La figura 10 indica le operazioni di lettura e scrittura NFS per Citrix XenDesktop durante la scansione antivirus di 50 VM. Figure 10: dettaglio delle operazioni IOPS per Citrix XenDesktop durante la scansione antivirus. La figura 11 indica le operazioni di lettura e scrittura per VMware Horizon View in un host ESXi con VAAI abilitato durante la distribuzione di 100 VM. Report del test eseguito da Principled Technologies 11

12 Figura 11: dettaglio delle operazioni IOPS per VMware Horizon View durante una distribuzione di 100 VM. La figura 12 indica le operazioni di lettura e scrittura per Citrix XenDesktop in un host ESXi con VAAI disabilitato durante la distribuzione di 100 VM. Figure 12: dettaglio delle operazioni IOPS per Citrix XenDesktop durante una distribuzione di 100 VM. Report del test eseguito da Principled Technologies 12

13 APPENDICE C - MODALITÀ DI ESECUZIONE DEI TEST Di seguito sono illustrati in dettaglio i passaggi eseguiti per configurare lo scenario di test. Nella figura 13 è illustrato l'ambiente di test. Figura 13: diagramma di esempio dell'ambiente utilizzato per i test. Report del test eseguito da Principled Technologies 13

14 XenDesktop. AD01 Nella figura 14 è illustrato il layout dell'infrastruttura utilizzato per configurare gli ambienti VMware View e Citrix Nome VM SO in hosting Ruolo/i Server Memoria Connessione View XenDesktop PVS vcenter Trend Micro Manager Win 2008 R2 x64 Enterprise Win 2008 R2 x64 Enterprise Win 2008 R2 x64 Enterprise Win 2008 R2 x64 Enterprise Win 2008 R2 x64 Enterprise Win 2008 R2 x64 Enterprise Controller di dominio AD, DHCP, DNS, NTP Infrastructure 4 GB 2 VMware View Connection Server Infrastructure 4 GB 2 Controller di distribuzione di XenDesktop, server di licenza, Studio, Director, StoreFront, SQL Server. N. di vcpu Infrastructure 4 GB 2 XenDesktop Provisioning Services Infrastructure 4 GB 2 VMware Virtual Center, SQL Server, XenCenter Trend Micro Deep Security Manager, SQL Server Infrastructure 8 GB 4 Infrastructure 8 GB 4 vshield Manager Linux x64 vshield Manager Infrastructure 8 GB 2 View-vDT XD-vDT Windows 7 x64 Enterprise Windows 7 x64 Enterprise Desktop virtuali VMware View Desktop virtuali XenDesktop Figura 14: layout dell'ambiente dell'infrastruttura utilizzata per il test. Server sottoposto a test Server sottoposto a test 2 GB 1 2 GB 1 Configurazione dello storage Configurazione di FAST Cache e pool di storage per lo storage esterno 1. Aprire EMC Navsphere. 2. Accedere come utente sysadmin 3. Fare clic su System (Sistema)System Management (Gestione sistema)manage Cache (Gestione cache). 4. Nelle proprietà del sistema di storage VNX5500, fare clic sulla scheda FAST Cache e quindi su Create (Crea). 5. Selezionare Enclosure 1 Disk 1-4 (Enclosure 1 - Disco 1-4) e fare clic su OK. 6. Fare clic su StorageStorage Configuration (Configurazione storage)storage Pools (Pool di storage). 7. Fare clic su Create (Crea). 8. Selezionare Storage Type (Tipo storage) = Pool 9. Fare clic su OK. 10. Fare clic con il pulsante destro del mouse su Pool 0 e scegliere Create LUN (Crea LUN). 11. Nella scheda General (Generale), selezionare Pool 0, RAID Nelle proprietà LUN, selezionare la capacità di 830 GB e 10 per il numero di LUN da creare. Report del test eseguito da Principled Technologies 14

15 13. Fare clic su StorageLUNs (LUN) e selezionare tutti i LUN disponibili. 14. Fare clic su Add to Storage Group (Aggiungi a gruppo di storage). 15. Selezionare il gruppo di storage disponibile e fare clic su OK. Creazione dei file system 1. Aprire StorageStorage Configuration (Configurazione storage)file Systems (File system). 2. Fare clic su Create (Crea): a. Selezionare Create from Storage Pool (Crea da pool di storage). b. Nome file system = ViewNFS c. Pool di storage = pool0 d. Per Capacity (Capacità), digitare 2048 GB e. Selezionare il supporto per la clonazione nidificata VAAI. 3. Fare clic su OK. 4. Fare clic su Create (Crea): a. Selezionare Create from Storage Pool (Crea da pool di storage). b. Nome file system = XDNFS c. Pool di storage = pool0 d. Per Capacity (Capacità), digitare 2048 GB e. Selezionare il supporto per la clonazione nidificata VAAI. 5. Fare clic su OK. Creazione di esportazioni NFS 1. Aprire StorageShared Folders (Cartelle condivise)nfs 2. Fare clic su Create (Crea): a. Selezionare l'unità data mover 2. b. File system = ViewNFS c. Aggiungere l'host al gruppo di host in lettura/scrittura 3. Fare clic su OK. 4. Fare clic su Create (Crea): a. Selezionare l'unità data mover 2. b. File system = XDNFS c. Aggiungere l'host al gruppo di host in lettura/scrittura 5. Fare clic su OK. Installazione di VMware ESXi 5.1 sul server sottoposto a test e sul server infrastructure 1. Inserire il supporto di installazione e scegliere Boot from disk (Avvio da disco). 2. Nella schermata del programma di installazione VMware, premere INVIO. 3. Nella schermata del contratto EULA premere F11 per accettare e continuare. 4. In Storage Devices (Dispositivi di storage) selezionare il disco virtuale appropriato e premere INVIO. 5. Selezionare US come layout di tastiera e premere INVIO. 6. Immettere la password root due volte e premere INVIO. Report del test eseguito da Principled Technologies 15

16 7. Premere F11 per avviare l'installazione. 8. Dopo il riavvio del server, premere F2 e immettere le credenziali root. 9. Selezionare Configure Management Network (Configura rete di gestione) e premere INVIO. 10. Selezionare la scheda di rete appropriata e fare clic su OK. 11. Accedere al server mediante VMware vsphere Client. 12. Selezionare la scheda Configuration (Configurazione) e fare clic su Networking (Reti). 13. Fare clic su Add Networking (Aggiungi rete). 14. Creare una rete di macchine virtuali denominata PRIV-NET e una rete di storage denominata Storage-NET. 15. Fare clic sulla scheda Configuration (Configurazione) e selezionare Time configuration (Configurazione ora) per configurare l'ora del server. 16. Fare clic su DNS and Routing (DNS e routing) e confermare le impostazioni. Configurazione di datastore sul server VMware ESXi 5.1 sottoposto a test e sul server infrastructure 1. Selezionare la scheda Configuration (Configurazione) e fare clic su Storage. 2. Fare clic su Add Storage (Aggiungi storage), selezionare Network File System (NFS) e fare clic su Next (Avanti). 3. Immettere i dati relativi a IP del server e cartella e fare clic su Next (Avanti). Installazione del plug-in EMC NAS sul server VMware ESXi 5.1 sottoposto a test e sul server infrastructure 1. Caricare il file EMCNasPlugin zip in un datastore accessibile da tutti gli host. 2. Utilizzando PuTTY, aprire una connessione a un host ESXi Accedere con le credenziali root. 4. Immettere # esxcli software vib install d file:///<percorso del plug-in>/ EMCNasPlugin zip 5. Al termine, riavviare il server. Configurazione di una VM per l'hosting del server Microsoft Windows Active Directory (AD01) sul server infrastructure 1. Connettersi al server infrastructure tramite VMware vsphere Client. 2. Accedere come utente root. 3. In VMware vsphere Client, in Basic Tasks (Attività di base), selezionare Create a new virtual machine (Crea una nuova macchina virtuale). 4. Scegliere Custom (Personalizzata) e fare clic su Next (Avanti). 5. Assegnare il nome AD01 alla macchina virtuale e fare clic su Next (Avanti). 6. Selezionare il server infrastructure come host e fare clic su Next (Avanti). 7. Selezionare lo storage appropriato e fare clic su Next (Avanti). 8. Scegliere Virtual Machine Version 8 (Macchina virtuale versione 8) e fare clic su Next (Avanti). Report del test eseguito da Principled Technologies 16

17 9. Selezionare Windows, quindi Microsoft Windows Server 2008 R2 (64-bit) e fare clic su Next (Avanti). 10. Per le CPU, selezionare un socket di processore virtuale e due core per ogni socket virtuale, quindi fare clic su Next (Avanti). 11. Scegliere 4 GB di RAM e fare clic su Next (Avanti). 12. Fare clic su 1 per il numero di NIC, selezionare VMXNET3, connettersi alla rete PRIV-NET e fare clic su Next (Avanti). 13. Accettare il controller di storage virtuale predefinito e fare clic su Next (Avanti). 14. Scegliere di creare un nuovo disco virtuale e fare clic su Next (Avanti). 15. Impostare le dimensioni del disco virtuale del sistema operativo su 40 GB, scegliere l'impostazione Thick Provision Lazy Zeroed, specificare lo storage esterno e fare clic su Next (Avanti). 16. Accettare il nodo di dispositivo virtuale predefinito (0:0) e fare clic su Next (Avanti). 17. Fare clic su Finish (Fine). 18. Fare clic con il pulsante destro del mouse sulla VM e scegliere Edit Settings (Modifica impostazioni). 19. Fare clic sulla scheda Resources (Risorse) e quindi su Memory (Memoria). 20. Selezionare Reserve all guest memory (Riserva tutta la memoria guest) e fare clic su OK. 21. Connettere il CD-ROM virtuale della VM al disco di installazione di Microsoft Windows Server 2008 R Avviare la VM. Installazione del sistema operativo Microsoft Windows Server 2008 R2 sulla VM 1. Aprire una console di macchina virtuale su AD Selezionare lingua, ora, valuta e input di tastiera. Fare clic su Next (Avanti). 3. Fare clic su Install now (Installa). 4. Selezionare Windows Server 2008 R2 Enterprise (Full Installation) (Installazione completa) e fare clic su Next (Avanti). 5. Accettare le condizioni di licenza e fare clic su Next (Avanti). 6. Fare clic su Custom (Personalizzata). 7. Fare clic su Disk (Disco) e quindi su Drive options (advanced)(opzioni unità (avanzate)). 8. Fare clic su New (Nuovo)Apply (Applica)Format (Formato) e quindi su Next (Avanti). 9. Al termine dell'installazione, fare clic su OK per impostare la password amministratore. 10. Immettere la password amministratore due volte e fare clic su OK. 11. Installare VMware Tools. Per ulteriori informazioni, vedere kb.vmware.com/selfservice/microsites/search.do?language=en_us&cmd=displaykc&externalid= Riavviare il server. 13. Connettere la macchina a Internet e installare tutti gli aggiornamenti di Windows disponibili. Riavviare a seconda delle necessità. 14. Abilitare l'accesso Desktop remoto. 15. Cambiare il nome host in AD01 e riavviare quando viene richiesto. 16. Fare clic su StartEsegui e digitare diskmgmt.msc 17. Selezionare un volume da 40 GB, denominarlo profiles, formattarlo in NTFS e assegnargli la lettera di unità E. Report del test eseguito da Principled Technologies 17

18 18. Selezionare un altro volume da 40 GB, denominarlo share, formattarlo in NTFS e assegnargli la lettera di unità F. 19. Selezionare l'ultimo volume da 40 GB, denominarlo folders, formattarlo in NTFS e assegnargli la lettera di unità G. 20. Configurare le opzioni per la rete dati: a. Fare clic su StartPannello di controllo, fare clic con il pulsante destro del mouse su Connessioni di rete e scegliere Apri. b. Fare clic con il pulsante destro del mouse sulla NIC del traffico VM e scegliere Proprietà. c. Deselezionare TCP/IP (v6). d. Selezionare TCP/IP (v4) e scegliere Proprietà. e. Impostare l'indirizzo IP come / Installazione di Active Directory e dei servizi DNS su AD01 1. Fare clic su StartEsegui, digitare dcpromo e fare clic su OK. 2. Nella schermata iniziale dell'installazione guidata Servizi di dominio Active Directory, selezionare l'opzione per l'utilizzo della modalità di installazione avanzata e fare clic su Avanti. 3. Nella finestra di dialogo Selezione configurazione di distribuzione selezionare Crea un nuovo dominio in una nuova finestra e fare clic su Avanti. 4. Nella pagina FQDN, digitare vdi.com e fare clic su Avanti. 5. Alla richiesta del nome NetBIOS, accettare il nome VDI e fare clic su Avanti. 6. Come livello di funzionalità della foresta selezionare Windows Server 2008 R2 e fare clic su Avanti. 7. Nelle opzioni aggiuntive del controller di dominio, lasciare selezionato il server DNS e fare clic su Avanti. 8. Impostare il percorso della cartella di sistema su E:\, accettare le altre opzioni predefinite nella schermata e fare clic su Avanti. 9. Assegnare una password all'account amministratore della Modalità ripristino servizi directory e fare clic su Avanti. 10. Nella schermata di riepilogo, esaminare le opzioni selezionate e fare clic su Avanti. 11. Al termine dell'installazione di Servizi di dominio Active Directory, fare clic su Fine e riavviare il sistema. 12. Fare clic su StartEsegui e digitare dnsmgmt.msc 13. Creare una zona di ricerca inversa per AD Creare voci statiche per il server infrastructure e i server sottoposti a test. Configurazione del servizio ora di Windows su AD01 Per assicurare l'attendibilità dell'orario, il server Active Directory è stato puntato a un server NTP fisico. 1. Aprire un prompt dei comandi. 2. Digitare quanto segue: W32tm /config /syncfromflags:manual /manualpeerlist:"<indirizzo IP di un server NTP>" W32tm /config /reliable:yes W32tm /config /update W32tm /resync Net stop w32time Net start w32time Report del test eseguito da Principled Technologies 18

19 Configurazione dei servizi DHCP su AD01 1. Fare clic su StartStrumenti di amministrazioneserver ManagerAggiungi ruoli. 2. Selezionare Server DHCP e fare clic su Avanti. 3. Nella schermata Introduzione al servizio server DHCP, fare clic su Avanti. 4. Nella schermata per l'immissione delle impostazioni DNS IPv4 digitare vdi.com per il dominio padre. 5. Immettere l'indirizzo IPv4 del server DNS preferito e fare clic su Avanti. 6. Nella schermata per l'immissione delle impostazioni del server WINS IPv4, selezionare WINS non è necessario per le applicazioni nella rete e fare clic su Avanti. 7. Nella schermata per l'aggiunta o la modifica degli ambiti DHCP, fare clic su Aggiungi. 8. Nella schermata Aggiungi ambito, immettere il nome dell'ambito DHCP. 9. Nella finestra successiva, impostare i valori seguenti e fare clic su OK. Indirizzo IP iniziale= Indirizzo IP finale= Subnet mask= Selezionare Attiva ambito DHCP. 11. Nella schermata per l'aggiunta o la modifica degli ambiti DHCP, fare clic su Avanti. 12. Fare clic su Abilita modalità senza stato (stateless) di DHCPv6 e quindi scegliere Avanti. 13. Accettare le impostazioni DNS IPv6 predefinite e fare clic su Avanti. 14. Nella finestra di dialogo Autorizzazione server DHCP, selezionare Usa credenziali correnti. 15. Nella schermata Conferma selezioni per l'installazione fare clic su Avanti. Se l'installazione è configurata correttamente, verrà visualizzata una schermata indicante che l'installazione del server DHCP ha avuto esito positivo. 16. Fare clic su Chiudi. 17. Fare clic su StartEsegui e digitare DHCPmgmt.msc 18. DHCPAD01.vdi.comIPv4Opzioni server. 19. Fare clic con il pulsante destro del mouse su Opzioni server e scegliere Configura opzioni. 20. Attivare l'opzione 66 Nome host del server di avvio. Valore stringa = <IP del server di provisioning> 21. Attivare l'opzione 67 Nome file di avvio. Valore stringa = ARDBP32.BIN 22. Fare clic su OK. Installazione di XenCenter 6.2 su AD01 1. Fare doppio clic su XenCenter.msi 2. Selezionare la cartella di destinazione, fare clic su Next (Avanti) e quindi su Install (Installa). 3. Fare clic su Finish (Fine). Report del test eseguito da Principled Technologies 19

20 Installazione di Citrix XenServer 6.2 sul server sottoposto a test 1. Inserire il supporto di installazione e scegliere Boot from disk (Avvio da disco). 2. Nella schermata iniziale di Citrix XenServer selezionare la keymap appropriata e scegliere OK. 3. Nella schermata di configurazione di Citrix XenServer scegliere OK. 4. Nella schermata del contratto EULA, selezionare Accept EULA (Accetta contratto EULA). 5. Scegliere di eseguire un'installazione pulita e quindi fare clic su OK. 6. Selezionare il disco principale per l'installazione e scegliere OK. 7. Abilitare il thin provisioning e scegliere OK. 8. In Installation source (Origine installazione), selezionare il supporto locale e scegliere OK. 9. Nella schermata Supplemental Packs (Pacchetti supplementari), scegliere No. 10. In Verify installation source (Verifica origine installazione), selezionare Skip verification (Ignora verifica) e quindi fare clic su OK. 11. Specificare la password root e scegliere OK. 12. Selezionare l'interfaccia di rete appropriata e fare clic su OK. 13. Selezionare la configurazione automatica (DHCP). 14. Immettere un nuovo nome host e selezionare la configurazione DNS automatica tramite DHCP. 15. Scegliere l'area geografica e quindi fare clic su OK due volte. 16. Scegliere di utilizzare NTP per l'ora di sistema e fare clic su OK. 17. Scegliere NTP is configured by my DHCP server (NTP configurato da server DHCP) e fare clic su OK. 18. Selezionare Install XenServer (Installa XenServer) per confermare l'installazione. 19. Scegliere OK per riavviare il server. Installazione degli aggiornamenti sul server Citrix XenServer 6.2 sottoposto a test 1. Aprire Citrix XenCenter, selezionare Add a server (Aggiungi un server) e aggiungere tutti i server Citrix XenServer. 2. Scegliere Tools (Strumenti) e selezionare Install Update (Installa aggiornamento). 3. Fare clic su Next (Avanti) e quindi su Add (Aggiungi) per caricare il nuovo aggiornamento. 4. Passare al percorso dell'aggiornamento e fare clic su Open (Apri). 5. Selezionare XS62E001.xsupdate e fare clic su Next (Avanti). 6. Selezionare gli host a cui applicare l'hotfix e fare clic su Next (Avanti). 7. Fare clic su Next (Avanti) nella schermata di controllo preliminare all'aggiornamento. 8. Nelle opzioni post-aggiornamento, selezionare Automatic (Automatico) e fare clic su Install update (Installa aggiornamento). 9. Fare clic su Finish (Fine) per uscire dalla procedura guidata. 10. Ripetere i passaggi 5-12 per installare l'aggiornamento XS62E002.xsupdate. Report del test eseguito da Principled Technologies 20

21 Configurazione dei repository di storage e rete nel server Citrix XenServer 6.2 sottoposto a test 1. Aprire XenCenter e selezionare la scheda Networking (Rete). 2. Selezionare Add Network (Aggiungi rete) e scegliere Bonded Network (Rete vincolata). 3. Selezionare le NIC appropriate, la modalità di vincolo attiva-passiva e 9000 MTU. 4. Selezionare la rete vincolata, fare clic su Properties (Proprietà) e rinominarla come PRIV-NET. 5. Fare clic su Add Network (Aggiungi rete), scegliere External network (Rete esterna) e fare clic su Next (Avanti). 6. Digitare Storage-NET come nome e fare clic su Next (Avanti). 7. Selezionare le NIC vincolate e impostare VLAN e MTU su In IP Address configuration (Configurazione indirizzi IP) fare clic su Configure (Configura) e selezionare Add IP address (Aggiungi indirizzo IP). 9. Digitare Storage come nome, selezionare la rete Storage-NET e immettere le impostazioni IP appropriate. 10. Selezionare la scheda Storage e fare clic su New SR (Nuovo SR). 11. Selezionare NFS VHD (VHD NFS) e fare clic su Next (Avanti). 12. Immettere un nome per il nuovo SR e fare clic su Next (Avanti). 13. Immettere un nome di condivisione e fare clic su Finish (Fine). Configurazione di una VM per l'hosting di vcenter Server (vcenter) 1. Accedere al server infrastructure mediante VMware vsphere Client. 2. In VMware vsphere Client, in Basic Tasks (Attività di base), selezionare Create a new virtual machine (Crea una nuova macchina virtuale). 3. Scegliere Custom (Personalizzata) e fare clic su Next (Avanti). 4. Assegnare il nome vcenter alla macchina virtuale e fare clic su Next (Avanti). 5. Selezionare il server infrastructure come host e fare clic su Next (Avanti). 6. Selezionare lo storage appropriato e fare clic su Next (Avanti). 7. Scegliere Virtual Machine Version 8 (Macchina virtuale versione 8) e fare clic su Next (Avanti). 8. Selezionare Windows, quindi Microsoft Windows Server 2008 R2 (64-bit) e fare clic su Next (Avanti). 9. Per le CPU, selezionare un socket di processore virtuale e quattro core per ogni socket virtuale, quindi fare clic su Next (Avanti). 10. Scegliere 8 GB di RAM e fare clic su Next (Avanti). 11. Fare clic su 1 per il numero di NIC, selezionare VMXNET3, connettersi al port group PRIV-NET e fare clic su Next (Avanti). 12. Accettare il controller di storage virtuale predefinito e fare clic su Next (Avanti). 13. Accettare il nodo di dispositivo virtuale predefinito (0:0) e fare clic su Next (Avanti). 14. Connettere il CD-ROM virtuale della VM al disco di installazione di Microsoft Windows 2008 R Fare clic su Finish (Fine). 16. Fare clic con il pulsante destro del mouse sulla VM vcenter e scegliere Edit Settings (Modifica impostazioni). Report del test eseguito da Principled Technologies 21

22 17. Fare clic sulla scheda Resources (Risorse), su Memory (Memoria) e selezionare la casella di controllo Reserve all guest memory (Riserva tutta la memoria guest), quindi scegliere OK. 18. Avviare la VM. Installazione del sistema operativo Microsoft Windows Server 2008 R2 sulla VM 1. Aprire una console di macchina virtuale su vcenter. 2. Selezionare lingua, ora, valuta e input di tastiera. Fare clic su Next (Avanti). 3. Fare clic su Install now (Installa). 4. Selezionare Windows Server 2008 R2 Enterprise (Full Installation) (Installazione completa) e fare clic su Next (Avanti). 5. Accettare le condizioni di licenza e fare clic su Next (Avanti). 6. Fare clic su Custom (Personalizzata). 7. Fare clic su Disk (Disco) e quindi su Drive options (advanced)(opzioni unità (avanzate)). 8. Fare clic su New (Nuovo)Apply (Applica)Format (Formato) e quindi su Next (Avanti). 9. Al termine dell'installazione, fare clic su OK per impostare la password amministratore. 10. Immettere la password amministratore due volte e fare clic su OK. 11. Installare VMware Tools. Per ulteriori informazioni, vedere kb.vmware.com/selfservice/microsites/search.do?language=en_us&cmd=displaykc&externalid= Riavviare il sistema. 13. Connettere la macchina a Internet e installare tutti gli aggiornamenti di Windows disponibili. Riavviare a seconda delle necessità. 14. Abilitare l'accesso Desktop remoto. 15. Cambiare il nome host in vcenter e riavviare quando viene richiesto. 16. Configurare le opzioni per la rete dati: a. Fare clic su Start, Pannello di controllo, fare clic con il pulsante destro del mouse su Connessioni di rete e scegliere Apri. b. Fare clic con il pulsante destro del mouse sulla NIC del traffico VM e scegliere Proprietà. c. Deselezionare TCP/IP (v6). d. Selezionare TCP/IP (v4) e scegliere Proprietà. e. Impostare indirizzo IP, subnet, gateway e server DNS. 17. Connettersi al dominio VDI. 18. Riavviare il sistema. Installazione di Microsoft SQL Server 2008 R2 1. Inserire il supporto di installazione e fare clic su OK per installare.net Framework. 2. Attendere l'avvio del programma di installazione di SQL Server. Nel menu a sinistra fare clic su Installazione. 3. Fare clic su Nuova installazione o aggiunta di caratteristiche a un'installazione esistente. Fare clic su OK. 4. Immettere il codice Product Key e fare clic su Avanti. 5. Selezionare la casella di controllo Accetto le condizioni di licenza e fare clic su Avanti. 6. Fare clic su Installa per installare i file di supporto dell'installazione (obbligatorio). Report del test eseguito da Principled Technologies 22

23 7. Risolvere eventuali problemi indicati nell'installazione guidata e fare clic su Avanti. 8. Nella schermata Impostazione ruolo, selezionare Installazione caratteristiche SQL Server e fare clic su Avanti. 9. Selezionare Servizi Motore di database, Ricerca full-text, Compatibilità con le versioni precedenti di strumenti client, Strumenti di gestione - Di base e Strumenti di gestione - Completa, quindi fare clic su Avanti due volte. 10. Accettare tutte le impostazioni predefinite di configurazione dell'istanza e fare clic su Avanti. 11. Accettare le impostazioni predefinite per i requisiti di spazio su disco e fare clic su Avanti. 12. Fare clic su Utilizza lo stesso account per tutti i servizi di SQL Server, selezionare NT Authority\System e fare clic su OK. Fare clic su Avanti. 13. Selezionare la modalità mista e immettere una password per l'account SA. Fare clic su Aggiungi utente corrente e scegliere Avanti. 14. Accettare le impostazioni predefinite per la segnalazione di errori e fare clic su Avanti. 15. Esaminare il controllo delle regole di configurazione dell'installazione e fare clic su Avanti. 16. Per avviare l'installazione, fare clic su Installa. 17. Nella schermata di completamento, fare clic su Chiudi. 18. Eseguire Windows Update per ricevere tutti gli aggiornamenti e le patch della sicurezza. Configurazione di un database e di un DSN ODBC per vcenter 1. Nel desktop del server, fare clic su StartTutti i programmimicrosoft SQL Server 2008 R2Strumenti di configurazionegestione configurazione SQL Server. 2. Fare clic su Configurazione di rete SQL ServerProtocolli per MSSQLSERVER. 3. Fare clic con il pulsante destro del mouse su TCP/IP e scegliere Abilitato. 4. Fare clic su Servizi SQLfare clic con il pulsante destro del mouse su SQL Server Browser e scegliere Proprietà. 5. Nelle proprietà di SQL Server Browser, selezionare la scheda Servizi, passare alla modalità di avvio automatico e fare clic su OK. Ripetere questo passaggio per il servizio SQL Server Agent. 6. Avviare il servizio SQL Server Browser e il servizio SQL Server Agent. 7. Nel desktop del computer SQL Server, fare clic su StartTutti i programmimicrosoft SQL Server 2008 R2Strumenti di configurazionesql Server Management Studio 8. Fare clic su Connetti. 9. Selezionare la cartella Database, fare clic con il pulsante destro del mouse su di essa e scegliere Nuovo database. 10. Specificare il nome vcenter per il nuovo database. 11. Fare clic su Opzioni e modificare il modello di ripristino da completo a semplice, quindi fare clic su OK. 12. Nel desktop del computer vcenter Server, fare clic su StartEseguiodbcad32.exe 13. Fare clic sulla scheda DSN di sistema. 14. Fare clic su Aggiungi. 15. Fare clic su SQL Server Native Client 10.0 e quindi su Fine. 16. Nella casella di testo Crea una nuova origine dati per un SQL Server, digitare il nome della connessione vcenter 17. Come server, selezionare SQL e fare clic su Avanti. Report del test eseguito da Principled Technologies 23

24 18. Impostare l'autenticazione di SQL Server con una combinazione di ID e password di accesso immessa dall'utente, digitare sa come ID di accesso, utilizzare la password definita nella configurazione di SQL Server per l'account SA e fare clic su Avanti. 19. Selezionare Usa il seguente database predefinito, scegliere vcenter dal menu a discesa e fare clic su Avanti. 20. Fare clic su Fine. 21. Fare clic su Test origine dati per confermare la correttezza della configurazione. 22. Fare clic su OK per creare la connessione ODBC di vcenter. Installazione di VMware vcenter Accedere a vcenter come VDI\administrator 2. Nel supporto di installazione di VMware vcenter 5.1 fare clic su Autorun. 3. Fare clic su Run (Esegui) per avviare l'installazione guidata. 4. Fare clic sul pulsante Install (Installa) nell'installazione guidata semplice di VMware vsphere Selezionare la lingua inglese per l'installazione guidata e fare clic su OK. 6. Nella schermata iniziale dell'installazione guidata fare clic su Next (Avanti). 7. Nella schermata End User Patent Agreement (Contratto di brevetto con l'utente finale), fare clic su Next (Avanti). 8. Accettare il contratto di licenza e fare clic su Next (Avanti). 9. Immettere e confermare la password che si desidera utilizzare con l'account amministratore per il Single Sign-On di vcenter e fare clic su Next (Avanti). 10. Selezionare Install a local Microsoft SQL Server 2008 R2 Express Instance (Installa istanza locale di Microsoft SQL Server 2008 R2 Express) e fare clic su Next (Avanti). 11. Immettere e confermare le password per gli account utente DBA e SQL e fare clic su Next (Avanti). 12. Confermare che il nome di dominio completo o l'indirizzo IP sia corretto e fare clic su Next (Avanti). 13. Selezionare la casella di controllo Use network service account (Usa account del servizio di rete) e fare clic su Next (Avanti). 14. Accettare il percorso di installazione predefinito e fare clic su Next (Avanti). 15. Accettare la porta https predefinita e fare clic su Next (Avanti). 16. Fare clic su Install (Installa). 17. Al termine del Single Sign-On e dopo l'avvio dell'installazione di vcenter Server immettere i dati utente e un codice di licenza, quindi fare clic su Next (Avanti). 18. Selezionare Use an existing supported database (Usa un database supportato esistente) e scegliere il DSN per la connessione a SQL Server: vcenter 19. Digitare sa come nome utente del database, specificare la password dell'account SA e fare clic su Next (Avanti). 20. Selezionare l'account di sistema per l'account del servizio vcenter Server e fare clic su Next (Avanti). 21. Mantenere le porte predefinite di vcenter e fare clic su Next (Avanti). 22. Selezionare 1024 MB per la memoria della JVM e fare clic su Next (Avanti). 23. Fare clic su Install (Installa) per completare l'installazione di vcenter Server. 24. Fare clic su Finish (Fine) per uscire dalla procedura guidata. 25. Fare clic su OK per confermare il completamento. Report del test eseguito da Principled Technologies 24

25 26. Fare clic su Exit (Esci) per uscire dal programma di installazione. 27. Riavviare il server. 28. Con vsphere Client, accedere a vcenter Server come VDI\administrator 29. Fare clic con il pulsante destro del mouse sulla radice di vcenter e scegliere New Data center (Nuovo data center). 30. Assegnare al nuovo data center il nome vdi 31. Aggiungere il server infrastructure al data center. 32. Aggiungere il server sottoposto a test al data center. Configurazione di un database e di un DSN ODBC per Composer 1. Aprire una console di macchina virtuale su vcenter. 2. Nel desktop del server, fare clic su StartTutti i programmimicrosoft SQL Server 2008 R2Strumenti di configurazionesql Server Management Studio 3. Fare clic su Connetti. 4. Selezionare la cartella Database, fare clic con il pulsante destro del mouse su di essa e scegliere Nuovo database. 5. Specificare il nome composer per il nuovo database. 6. Fare clic su Opzioni e modificare il modello di ripristino da completo a semplice, quindi fare clic su OK. 7. Nel desktop del computer vcenter Server, fare clic su StartEseguiodbcad32.exe 8. Fare clic sulla scheda DSN di sistema. 9. Fare clic su Aggiungi. 10. Fare clic su SQL Server Native Client 10.0 e quindi su Fine. 11. Nella casella di testo Crea una nuova origine dati per un SQL Server, digitare il nome della connessione composer 12. Come server, selezionare SQL e fare clic su Avanti. 13. Impostare l'autenticazione di SQL Server con una combinazione di ID e password di accesso immessa dall'utente, digitare sa come ID di accesso, utilizzare la password definita nella configurazione di SQL Server per l'account SA e fare clic su Avanti. 14. Selezionare Usa il seguente database predefinito, scegliere composer dal menu a discesa e fare clic su Avanti. 15. Fare clic su Fine. 16. Fare clic su Test origine dati per confermare la correttezza della configurazione. 17. Fare clic su OK per creare la connessione ODBC di Composer. Configurazione di VMware Horizon View Composer Aprire la cartella principale View5 ed eseguire il file denominato VMware-viewcomposer Nella schermata iniziale e in quella Patents (Brevetti) fare clic su Next (Avanti). 3. Accettare il contratto EULA di VMware e fare clic su Next (Avanti). 4. Accettare la cartella di destinazione predefinita e fare clic su Next (Avanti). 5. Nella finestra delle informazioni sul database, digitare composer come nome origine e sa come nome utente. Immettere la password e fare clic su Next (Avanti). 6. Accettare la porta SOAP predefinita e fare clic su Next (Avanti). 7. Fare clic su Install (Installa) e quindi su Finish (Fine). 8. Riavviare il server. Report del test eseguito da Principled Technologies 25

26 Configurazione di una VM per l'hosting di VMware View Connection Server 1. Accedere a vcenter mediante VMware vsphere Client. 2. In VMware vsphere Client, passare all'host ESXi denominato infrastructure. 3. Selezionare la scheda Virtual Machines (Macchine virtuali). 4. Fare clic con il pulsante destro del mouse e scegliere New Virtual Machine (Nuova macchina virtuale). 5. Scegliere Custom (Personalizzata) e fare clic su Next (Avanti). 6. Assegnare il nome View Connection alla macchina virtuale e fare clic su Next (Avanti). 7. Selezionare il server infrastructure come host e fare clic su Next (Avanti). 8. Selezionare lo storage appropriato e fare clic su Next (Avanti). 9. Scegliere Virtual Machine Version 8 (Macchina virtuale versione 8) e fare clic su Next (Avanti). 10. Selezionare Windows, quindi Microsoft Windows Server 2008 R2 (64-bit) e fare clic su Next (Avanti). 11. Per le CPU, selezionare un socket di processore virtuale e due core per ogni socket virtuale, quindi fare clic su Next (Avanti). 12. Scegliere 4 GB di RAM e fare clic su Next (Avanti). 13. Fare clic su 1 per il numero di NIC, selezionare VMXNET 3, connettersi al port group PRIV-NET e fare clic su Next (Avanti). 13. Accettare il controller di storage virtuale predefinito e fare clic su Next (Avanti). 14. Scegliere di creare un nuovo disco virtuale e fare clic su Next (Avanti). 14. Impostare le dimensioni del disco virtuale del sistema operativo su 40 GB, scegliere l'impostazione Thick Provision Lazy Zeroed, specificare il datastore del sistema operativo nello storage esterno e fare clic su Next (Avanti). 15. Accettare il nodo di dispositivo virtuale predefinito (0:0) e fare clic su Next (Avanti). 16. Connettere il CD-ROM virtuale della VM al disco di installazione di Microsoft Windows Server 2008 R Fare clic con il pulsante destro del mouse sulla VM View Connection e scegliere Edit Settings (Modifica impostazioni). 18. Fare clic sulla scheda Resources (Risorse), su Memory (Memoria) e selezionare la casella di controllo Reserve all guest memory (Riserva tutta la memoria guest), quindi scegliere OK. 19. Fare clic su Finish (Fine). 20. Avviare la VM. Installazione del sistema operativo Microsoft Windows Server 2008 R2 sulla VM 1. Aprire una console di macchina virtuale su View Connection. 2. Selezionare lingua, ora, valuta e input di tastiera. Fare clic su Next (Avanti). 3. Fare clic su Install now (Installa). 4. Selezionare Windows Server 2008 R2 Enterprise (Full Installation) (Installazione completa) e fare clic su Next (Avanti). 5. Accettare le condizioni di licenza e fare clic su Next (Avanti). 6. Fare clic su Custom (Personalizzata). 7. Fare clic su Disk (Disco) e quindi su Drive options (advanced)(opzioni unità (avanzate)). 8. Fare clic su New (Nuovo)Apply (Applica)Format (Formato) e quindi su Next (Avanti). 9. Al termine dell'installazione, fare clic su OK per impostare la password amministratore. Report del test eseguito da Principled Technologies 26

27 10. Immettere la password amministratore due volte e fare clic su OK. 11. Installare VMware Tools. Per ulteriori informazioni, vedere kb.vmware.com/selfservice/microsites/search.do?language=en_us&cmd=displaykc&externalid= Riavviare il sistema. 13. Connettere la macchina a Internet e installare tutti gli aggiornamenti di Windows disponibili. Riavviare a seconda delle necessità. 14. Abilitare l'accesso Desktop remoto. 15. Cambiare il nome host in ViewConnection e riavviare quando viene richiesto. 16. Configurare le opzioni per la rete dati: a. Fare clic su Start, Pannello di controllo, fare clic con il pulsante destro del mouse su Connessioni di rete e scegliere Apri. b. Fare clic con il pulsante destro del mouse sulla NIC del traffico VM e scegliere Proprietà. c. Deselezionare TCP/IP (v6). d. Selezionare TCP/IP (v4) e scegliere Proprietà. e. Impostare indirizzo IP, subnet, gateway e server DNS. 17. Connettersi al dominio VDI. 18. Riavviare il sistema. Installazione di VMware View Connection Server Accedere al server denominato View Connection. 2. Passare al supporto di installazione di VMware View e fare clic su VMware-viewconnectionserver-x86_ Fare clic su Run (Esegui). 4. Nella schermata iniziale fare clic su Next (Avanti). 5. Accettare il contratto EULA e fare clic su Next (Avanti). 6. Accettare la directory di installazione predefinita e fare clic su Next (Avanti). 7. Selezionare View Standard Server e fare clic su Next (Avanti). 8. Nella schermata Data Recovery (Ripristino dati), immettere una password di backup e fare clic su Next (Avanti). 9. Consentire a View Server di configurare automaticamente il firewall di Windows e fare clic su Next (Avanti). 10. Autorizzare l'amministratore locale ad amministrare View e fare clic su Next (Avanti). 11. Scegliere se partecipare al programma per il miglioramento dell'esperienza d'uso e fare clic su Next (Avanti). 12. Completare l'installazione guidata di View Connection Server. 13. Fare clic su Finish (Fine). 14. Riavviare il server. Configurazione di VMware Horizon View Connection Server 1. Aprire un browser web su <FQDN di View Connection Server >/admin 2. Accedere come utente administrator. 3. In Licensing (Licenze), fare clic su Edit License (Modifica licenza). 4. Immettere un numero di serie di licenza valido e fare clic su OK. 5. Aprire View Configuration (Configurazione View)Servers (Server). Report del test eseguito da Principled Technologies 27

28 6. Nella scheda vcenter Servers (vcenter Server), fare clic su Add (Aggiungi). 7. Immettere le credenziali di vcenter Server e fare clic su Next (Avanti). 8. Nella schermata di View Composer, selezionare View Composer co-installed with vcenter Server (View Composer co-installato con vcenter Server) e fare clic su Next (Avanti). 9. Nella schermata dei domini di View Composer fare clic su Add (Aggiungi). 10. Immettere nome di dominio completo e credenziali utente. 11. Nella schermata dello storage selezionare Reclaim VM disk space (Recupera spazio su disco delle VM) e Enable View Storage Accelerator (Abilita View Storage Accelerator). 12. Modificare le dimensioni predefinite della cache dell'host impostandole su 1024 MB e fare clic su Next (Avanti). 13. Nella schermata di preparazione del completamento, fare clic su Finish (Fine). Installazione e configurazione di vshield Manager Scaricare il file OVA da my.vmware.com/web/vmware/downloads. 2. In vcenter, selezionare FileDeploy OVF template (Distribuisci modello OVF). 3. Selezionare il pacchetto OVA e fare clic due volte su Next (Avanti). 4. Nella schermata del contratto EULA, fare clic su Accept (Accetta) e quindi su Next (Avanti). 5. Immettere un nome per l'appliance e selezionare il server infrastructure per l'hosting dell'appliance. 6. Selezionare il datastore appropriato e fare clic su Next (Avanti). 7. Nella schermata Disk Format (Formato disco) fare clic su Next (Avanti). 8. Nella schermata Network Mapping (Mappatura rete) fare clic su Next (Avanti). 9. Fare clic su Power on after deployment (Accendi al termine della distribuzione) e fare clic su Finish (Fine). 10. Aprire la console e accedere come utente admin e password default. 11. Accedere alla modalità di abilitazione immettendo la password default: manager> enable Password: manager# 12. Eseguire il comando di configurazione per aprire la configurazione guidata CLI: manager# setup 13. Immettere le impostazioni IP e salvare la nuova configurazione. 14. Riavviare l'appliance. 15. Aprire una finestra di un browser web e immettere l'indirizzo IP assegnato a vshield Manager. 16. Accedere con utente admin e password default. 17. In Configuration (Configurazione), selezionare Edit vcenter Servers (Modifica vcenter Server) e immettere le credenziali di vcenter. 18. Scegliere Yes (Sì) per considerare attendibile la connessione all'host e accettare il certificato del server. 19. Selezionare l'impostazione del server NTP, fare clic su Edit (Modifica) e aggiungere le impostazioni del server NTP. 20. Riavviare l'appliance vshield Manager. Report del test eseguito da Principled Technologies 28

29 Installazione e configurazione di vshield Manager Aprire una finestra di un browser web e immettere l'indirizzo IP assegnato a vshield Manager. 2. Accedere con utente admin e password default. 3. Espandere la cartella Datacenters (Data center) e selezionare il server sottoposto a test. 4. In Service (Servizio), selezionare Install vshield Endpoint (Installa vshield Endpoint). Scegliere di installare la versione più recente di vshield Endpoint, ovvero la , e fare clic su Install (Installa). 5. Al termine, riavviare il server sottoposto a test. Configurazione di una VM per l'hosting di Trend Micro Deep Security 9 1. Accedere al server infrastructure mediante VMware vsphere Client. 2. In VMware vsphere Client, in Basic Tasks (Attività di base), selezionare Create a new virtual machine (Crea una nuova macchina virtuale). 3. Scegliere Custom (Personalizzata) e fare clic su Next (Avanti). 4. Assegnare il nome Trend Micro Manager alla macchina virtuale e fare clic su Next (Avanti). 5. Selezionare il server infrastructure come host e fare clic su Next (Avanti). 6. Selezionare lo storage appropriato e fare clic su Next (Avanti). 7. Scegliere Virtual Machine Version 8 (Macchina virtuale versione 8) e fare clic su Next (Avanti). 8. Selezionare Windows, quindi Microsoft Windows Server 2008 R2 (64-bit) e fare clic su Next (Avanti). 9. Per le CPU, selezionare un socket di processore virtuale e due core per ogni socket virtuale, quindi fare clic su Next (Avanti). 10. Scegliere 8 GB di RAM e fare clic su Next (Avanti). 11. Fare clic su 1 per il numero di NIC, selezionare VMXNET3, connettersi al port group PRIV-NET e fare clic su Next (Avanti). 12. Accettare il controller di storage virtuale predefinito e fare clic su Next (Avanti). 13. Accettare il nodo di dispositivo virtuale predefinito (0:0) e fare clic su Next (Avanti). 14. Connettere il CD-ROM virtuale della VM al disco di installazione di Microsoft Windows 2008 R Fare clic su Finish (Fine). 16. Fare clic con il pulsante destro del mouse sulla VM vcenter e scegliere Edit Settings (Modifica impostazioni). 17. Fare clic sulla scheda Resources (Risorse), su Memory (Memoria) e selezionare la casella di controllo Reserve all guest memory (Riserva tutta la memoria guest), quindi scegliere OK. 18. Avviare la VM. Installazione del sistema operativo Microsoft Windows Server 2008 R2 sulla VM 1. Aprire una console di macchina virtuale su XenDesktop. 2. Selezionare lingua, ora, valuta e input di tastiera. Fare clic su Next (Avanti). 3. Fare clic su Install now (Installa). 4. Selezionare Windows Server 2008 R2 Enterprise (Full Installation) (Installazione completa) e fare clic su Next (Avanti). 5. Accettare le condizioni di licenza e fare clic su Next (Avanti). 6. Fare clic su Custom (Personalizzata). Report del test eseguito da Principled Technologies 29

30 7. Fare clic su Disk (Disco) e quindi su Drive options (advanced) (Opzioni unità (avanzate)). 8. Fare clic su New (Nuovo)Apply (Applica)Format (Formato) e quindi su Next (Avanti). 9. Al termine dell'installazione, fare clic su OK per impostare la password amministratore. 10. Immettere la password amministratore due volte e fare clic su OK. 11. Installare VMware Tools. Per ulteriori informazioni, vedere kb.vmware.com/selfservice/microsites/search.do?language=en_us&cmd=displaykc&externalid= Riavviare il sistema. 13. Connettere la macchina a Internet e installare tutti gli aggiornamenti di Windows disponibili. Riavviare a seconda delle necessità. 14. Abilitare l'accesso Desktop remoto. 15. Cambiare il nome host in Trend Micro Manager e riavviare quando viene richiesto. 16. Configurare le opzioni per la rete dati: a. Fare clic su Start, Pannello di controllo, fare clic con il pulsante destro del mouse su Connessioni di rete e scegliere Apri. b. Fare clic con il pulsante destro del mouse sulla NIC del traffico VM e scegliere Proprietà. c. Selezionare TCP/IP (v4) e scegliere Proprietà. d. Impostare indirizzo IP, subnet, gateway e server DNS. 17. Connettersi al dominio VDI. 18. Riavviare il sistema. Installazione di Microsoft SQL Server 2008 R2 1. Inserire il supporto di installazione e fare clic su OK per installare.net Framework. 2. Attendere l'avvio del programma di installazione di SQL Server. Nel menu a sinistra fare clic su Installazione. 3. Fare clic su Nuova installazione o aggiunta di caratteristiche a un'installazione esistente. Fare clic su OK. 4. Immettere il codice Product Key e fare clic su Avanti. 5. Selezionare la casella di controllo Accetto le condizioni di licenza e fare clic su Avanti. 6. Fare clic su Installa per installare i file di supporto dell'installazione (obbligatorio). 7. Risolvere eventuali problemi indicati nell'installazione guidata e fare clic su Avanti. 8. Nella schermata Impostazione ruolo, selezionare Installazione caratteristiche SQL Server e fare clic su Avanti. 9. Selezionare Servizi Motore di database, Ricerca full-text, Compatibilità con le versioni precedenti di strumenti client, Strumenti di gestione - Di base e Strumenti di gestione - Completa, quindi fare clic su Avanti due volte. 10. Accettare tutte le impostazioni predefinite di configurazione dell'istanza e fare clic su Avanti. 11. Accettare le impostazioni predefinite per i requisiti di spazio su disco e fare clic su Avanti. 12. Fare clic su Utilizza lo stesso account per tutti i servizi di SQL Server, selezionare NT Authority\System e fare clic su OK. Fare clic su Avanti. 13. Selezionare la modalità mista e immettere una password per l'account SA. Fare clic su Aggiungi utente corrente e scegliere Avanti. 14. Accettare le impostazioni predefinite per la segnalazione di errori e fare clic su Avanti. Report del test eseguito da Principled Technologies 30

31 15. Esaminare il controllo delle regole di configurazione dell'installazione e fare clic su Avanti. 16. Per avviare l'installazione, fare clic su Installa. 17. Nella schermata di completamento, fare clic su Chiudi. 18. Eseguire Windows Update per ricevere tutti gli aggiornamenti e le patch della sicurezza. 19. Aprire Microsoft SQL Server Management Studio e creare il database dsm. Installazione di Deep Security Manager 1. Fare doppio clic sul programma di installazione di Deep Security Manager. 2. Selezionare una lingua e fare clic su Next (Avanti). 3. Nella schermata iniziale fare clic su Next (Avanti). 4. Accettare il contratto di licenza e fare clic su Next (Avanti). 5. Nella schermata relativa alla directory di destinazione, accettare la posizione predefinita e fare clic su Next (Avanti). 6. Selezionare Microsoft SQL Server come tipo di database e immettere le credenziali del database. Fare clic su Next (Avanti). 7. Immettere il codice di licenza e fare clic su Next (Avanti). 8. Nella schermata relativa a indirizzo e porte fare clic su Next (Avanti). 9. Immettere nome utente e password e fare clic su Next (Avanti). 10. Nella schermata Security Update (Aggiornamento della sicurezza), accettare l'impostazione predefinita e fare clic su Next (Avanti). 11. Nella schermata Co-Located Relay (Relè con percorso condiviso), selezionare Yes (Sì) e quindi Include AntiMalware (Includi antimalware). Fare clic su Next (Avanti). 12. In Smart Protection Network (Rete di protezione intelligente), fare clic su Next (Avanti). Fare clic su Finish (Fine). 13. Riavviare la macchina virtuale. Configurazione di Deep Security Manager 1. Aprire una finestra di un browser web, digitare https://deepsecuritymanager:4119/ e immettere le credenziali di amministratore. 2. Selezionare Computers (Computer) e fare clic su New (Nuovo). 3. Fare clic su Add VMware vcenter (Aggiungi VMware vcenter). 4. Immettere le credenziali di vcenter e fare clic su Next (Avanti). 5. Immettere le credenziali del server vshield Manager e fare clic su Next (Avanti). 6. Accettare i certificati SSL e fare clic su Finish (Fine). Fare clic su Close (Chiudi). 7. Selezionare Computers (Computer) e fare clic su New (Nuovo). 8. Fare clic su Add Directory (Aggiungi directory). 9. Immettere le credenziali del controller di dominio e fare clic su Next (Avanti). Fare clic su Finish (Fine). Preparazione del server ESXi sottoposto al test Distribuzione dell'appliance virtuale di Deep Security 1. Selezionare Computers (Computer)vCenterHost and Cluster (Host e cluster). 2. Fare clic con il pulsante destro del mouse sul server ESXi sottoposto a test e selezionare Actions (Azioni). 3. Selezionare Prepare ESX (Prepara ESX) e fare clic su Next (Avanti). 4. Selezionare Yes (Sì) per consentire a DSM di riavviare il server. Fare clic su Finish (Fine). Report del test eseguito da Principled Technologies 31

32 5. Al termine del riavvio, selezionare Deploy a Deep Security Virtual Appliance now (Distribuisci un'appliance virtuale Deep Security ora). Fare clic su Next (Avanti). 6. Immettere un nome per l'appliance e specificare datastore, cartella e rete di gestione. Fare clic su Next (Avanti). 7. Specificare un nome host per l'appliance e selezionare Enable DHCP (Abilita DHCP). Fare clic su Next (Avanti). 8. Selezionare Thick provisioned (Thick provisioning) come formato di storage. Fare clic su Finish (Fine). 9. In Activate Deep Security Appliance (Attiva appliance Deep Security), selezionare Activate appliance now (Attiva appliance ora) e fare clic due volte su Next (Avanti). 10. Selezionare la policy predefinita e fare clic su Next (Avanti). Fare clic su Close (Chiudi). Configurazione di una VM dell'immagine di base ESXi di Windows 7 Enterprise (x64) 1. In vsphere Client, connettersi a vcenter Server e passare all'host infrastructure. 2. Selezionare la scheda Virtual Machines (Macchine virtuali). 3. Fare clic con il pulsante destro del mouse e scegliere New Virtual Machine (Nuova macchina virtuale). 4. Scegliere Custom (Personalizzata) e fare clic su Next (Avanti). 5. Assegnare il nome View-gold e fare clic su Next (Avanti). 6. Selezionare l'host infrastructure e fare clic su Next (Avanti). 7. Selezionare lo storage appropriato. 8. Scegliere Virtual Machine Version 8 (Macchina virtuale versione 8) e fare clic su Next (Avanti). 9. Selezionare Windows, quindi Microsoft Windows 7 (64-bit) e fare clic su Next (Avanti). 10. Per le CPU, selezionare un socket di processore virtuale e due core per ogni socket virtuale, quindi fare clic su Next (Avanti). 11. Scegliere 2 GB di RAM e fare clic su Next (Avanti). 12. Fare clic su 1 per il numero di NIC, selezionare VMXNET3 e fare clic su Next (Avanti). 13. Accettare il controller di storage virtuale predefinito e fare clic su Next (Avanti). 14. Scegliere di creare un nuovo disco virtuale e fare clic su Next (Avanti). 15. Impostare le dimensioni del disco virtuale del sistema operativo su 24 GB, scegliere l'impostazione Thin provisioning, specificare il datastore del sistema operativo nello storage esterno e fare clic su Next (Avanti). 16. Accettare il nodo di dispositivo virtuale predefinito (0:0) e fare clic su Next (Avanti). 17. Fare clic su Finish (Fine). 18. Fare clic sulla scheda Resources (Risorse), su Memory (Memoria) e selezionare la casella di controllo Reserve all guest memory (Riserva tutta la memoria guest). 19. Fare clic sulla scheda Hardware, CD/DVD Drive (Unità CD/DVD) e connettere il CD-ROM virtuale della VM al disco di installazione di Microsoft Windows 7 x Fare clic su OK. Installazione di Windows 7 Enterprise (X64) su una VM dell'immagine di base ESXi 1. Quando viene richiesto, premere un tasto qualsiasi per avviare l'installazione. 2. Immettere le preferenze della lingua e fare clic su Avanti. 3. Fare clic su Installa. 4. Accettare le condizioni di licenza e fare clic su Next (Avanti). Report del test eseguito da Principled Technologies 32

33 5. Selezionare Personalizzata e l'unità di destinazione del sistema operativo. 6. Fare clic su Installa. 7. Digitare user per il nome utente e fare clic su Avanti. 8. Non immettere password e fare clic su Avanti. 9. Nella schermata di protezione del sistema, selezionare Impostazioni consigliate e fare clic su Avanti. 10. Immettere il fuso orario e fare clic su Avanti. 11. Selezionare le impostazioni di rete di lavoro e fare clic su Avanti. 12. Installare VMware Tools e selezionare Completa installazione. Per ulteriori informazioni, vedere kb.vmware.com/selfservice/microsites/search.do?language=en_us&cmd=displaykc&externalid= Riavviare il sistema. 14. Connettere la macchina a Internet e installare tutti gli aggiornamenti di Windows disponibili. Riavviare a seconda delle necessità. 15. Connettersi al dominio e riavviare la VM. Installazione dell'agente di VMware Horizon View 5 1. Passare al supporto di VMware Horizon View 5 ed eseguire il file VMware-viewagent. 2. Fare clic su Run (Esegui). 3. Nella schermata iniziale fare clic su Next (Avanti). 4. Accettare il contratto EULA di VMware e fare clic su Next (Avanti). 5. Selezionare le impostazioni predefinite e fare clic su Next (Avanti). 6. Immettere il nome dell'istanza di View Connection Server e fare clic su Next (Avanti). 7. Fare clic su Installa. Configurazione del Registro di sistema per Quick Prep (kb.vmware.com/kb/ ) 1. Fare clic su StartEsegui e digitare regedit 2. Passare a HKEY_LOCAL_MACHINE\SYSTEM\CurrentControlSet\Services\vmware-viewcomposer-ga. 3. Fare clic con il pulsante destro del mouse su SkipLicenseActivation e scegliere Modifica 4. Cambiare il valore da 0 a Arrestare il computer e acquisire uno snapshot dell'immagine del disco finale. Distribuzione di desktop virtuali mediante VMware Horizon View. 1. Aprire View Administrator. 2. Accedere come utente administrator. 3. In Inventory (Inventario), fare clic su Pools (Pool) e quindi su Add (Aggiungi). 4. Selezionare Automatic Pool (Pool automatico) e fare clic su Next (Avanti). 5. Selezionare Dedicated (Dedicato) e fare clic su Next (Avanti). 6. Selezionare View Composer linked clones (Cloni collegati di View Composer) e fare clic su Next (Avanti). 7. Digitare pool come ID e nome visualizzato del pool, quindi fare clic su Next (Avanti). 8. Accettare le impostazioni predefinite del pool e fare clic su Next (Avanti). 9. In Naming Pattern (Schema di denominazione), immettere uno schema di denominazione appropriato per il pool. Report del test eseguito da Principled Technologies 33

34 10. In Pool Sizing (Dimensioni pool), digitare 100 per Max number of desktops (Numero massimo di desktop) e per il numero di desktop di riserva (accesi). 11. Scegliere di eseguire il provisioning anticipato di tutti i desktop e fare clic su Next (Avanti). 12. In Persistent disk (Disco persistente), impostare le dimensioni del disco su Selezionare Redirect disposable files to a non-persistent disk (Reindirizza i file eliminabili a un disco non persistente), digitare 4096 MB per le dimensioni del disco e fare clic su Next (Avanti). 14. In Storage Optimization (Ottimizzazione storage), fare clic su Next (Avanti). 15. In vcenter Settings (Impostazioni vcenter), utilizzare: Parent VM (VM padre): /vdi/vm/<nome della VM padre> VM folder (Cartella VM): /vdi/vm/pool Host or cluster (Host o cluster): /vdi/host/server sottoposto a test Resource pool (Pool di risorse): /vdi/host/server under test/resources Datastore = NFS datastore, Overcommit: Conservative 16. In Advanced Storage Options (Opzioni di storage avanzate), selezionare Use View Storage Accelerator (OS disk, 7 days) (Usa View Storage Accelerator (disco SO, 7 giorni)) e in Other Options (Altre opzioni) selezionare Use native NFS snapshots (VAAI) (Usa snapshot NFS native (VAAI)). Fare clic su Next (Avanti). Nel caso del test di recupero dei dischi, scegliere di recuperare lo spazio su disco delle VM invece di VAAI. 17. In Guest customization (Personalizzazione guest), selezionare quanto segue: Domain (Dominio): vdi.com AD container (Contenitore AD): CN=Computers Selezionare Use Quick Prep (Usa Quick Prep) e fare clic su Next (Avanti). 18. Fare clic su Finish (Fine). Attivazione di Trend Micro sulle VM ESXi ed esecuzione di una scansione antimalware. 1. Aprire una finestra di un browser web, digitare https://deepsecuritymanager:4119/ e immettere le credenziali di amministratore. 2. Selezionare Computers (Computer) e passare al catalogo delle macchine virtuali di vcenter. 3. Selezionare e fare clic con il pulsante destro del mouse sulle macchine virtuali di VMware Horizon View. 4. Selezionare Actions (Azioni)Activate/Reactive (Attiva/Riattiva). 5. Quando lo stato passa su Managed Online (Gestite online), selezionare tutte le macchine virtuali e scegliere Actions (Azioni)Assign Policy (Assegna policy). 6. Passare a Base Policy (Policy di base)windowswindows 7 Desktop (Desktop Windows 7) e fare clic su OK. 7. Dopo l'applicazione della policy, selezionare tutte le macchine virtuali e scegliere Actions (Azioni)Full Scan for Malware (Scansione antimalware completa). Configurazione di una VM per l'hosting di Citrix XenDesktop Accedere al server infrastructure mediante VMware vsphere Client. 2. In VMware vsphere Client, in Basic Tasks (Attività di base), selezionare Create a new virtual machine (Crea una nuova macchina virtuale). Report del test eseguito da Principled Technologies 34

35 3. Scegliere Custom (Personalizzata) e fare clic su Next (Avanti). 4. Assegnare il nome XenDesktop alla macchina virtuale e fare clic su Next (Avanti). 5. Selezionare il server infrastructure come host e fare clic su Next (Avanti). 6. Selezionare lo storage appropriato e fare clic su Next (Avanti). 7. Scegliere Virtual Machine Version 8 (Macchina virtuale versione 8) e fare clic su Next (Avanti). 8. Selezionare Windows, quindi Microsoft Windows Server 2008 R2 (64-bit) e fare clic su Next (Avanti). 9. Per le CPU, selezionare un socket di processore virtuale e due core per ogni socket virtuale, quindi fare clic su Next (Avanti). 10. Scegliere 4 GB di RAM e fare clic su Next (Avanti). 11. Fare clic su 1 per il numero di NIC, selezionare VMXNET3, connettersi al port group PRIV-NET e fare clic su Next (Avanti). 12. Accettare il controller di storage virtuale predefinito e fare clic su Next (Avanti). 13. Accettare il nodo di dispositivo virtuale predefinito (0:0) e fare clic su Next (Avanti). 14. Connettere il CD-ROM virtuale della VM al disco di installazione di Microsoft Windows 2008 R Fare clic su Finish (Fine). 16. Fare clic con il pulsante destro del mouse sulla VM vcenter e scegliere Edit Settings (Modifica impostazioni). 17. Fare clic sulla scheda Resources (Risorse), su Memory (Memoria) e selezionare la casella di controllo Reserve all guest memory (Riserva tutta la memoria guest), quindi scegliere OK. 18. Avviare la VM. Installazione del sistema operativo Microsoft Windows Server 2008 R2 sulla VM 1. Aprire una console di macchina virtuale su XenDesktop. 2. Selezionare lingua, ora, valuta e input di tastiera. Fare clic su Next (Avanti). 3. Fare clic su Install now (Installa). 4. Selezionare Windows Server 2008 R2 Enterprise (Full Installation) (Installazione completa) e fare clic su Next (Avanti). 5. Accettare le condizioni di licenza e fare clic su Next (Avanti). 6. Fare clic su Custom (Personalizzata). 7. Fare clic su Disk (Disco) e quindi su Drive options (advanced)(opzioni unità (avanzate)). 8. Fare clic su New (Nuovo)Apply (Applica)Format (Formato) e quindi su Next (Avanti). 9. Al termine dell'installazione, fare clic su OK per impostare la password amministratore. 10. Immettere la password amministratore due volte e fare clic su OK. 11. Installare VMware Tools. Per ulteriori informazioni, vedere kb.vmware.com/selfservice/microsites/search.do?language=en_us&cmd=displaykc&externalid= Riavviare il sistema. 13. Connettere la macchina a Internet e installare tutti gli aggiornamenti di Windows disponibili. Riavviare a seconda delle necessità. 14. Abilitare l'accesso Desktop remoto. 15. Cambiare il nome host in XenDesktop e riavviare quando viene richiesto. Report del test eseguito da Principled Technologies 35

36 16. Configurare le opzioni per la rete dati: e. Fare clic su Start, Pannello di controllo, fare clic con il pulsante destro del mouse su Connessioni di rete e scegliere Apri. f. Fare clic con il pulsante destro del mouse sulla NIC del traffico VM e scegliere Proprietà. g. Deselezionare TCP/IP (v6). h. Selezionare TCP/IP (v4) e scegliere Proprietà. i. Impostare indirizzo IP, subnet, gateway e server DNS. 17. Connettersi al dominio VDI. 18. Riavviare il sistema. Installazione di Citrix XenDesktop Inserire il supporto di XenDesktop Fare clic su Run (Esegui) e fare clic su OK per installare.net 3.5 SP1. 3. Nella schermata iniziale fare clic su Start (Avvia). 4. In Get Started (Per iniziare), selezionare Delivery Controller (Controller di distribuzione). 5. Nella schermata del contratto di licenza, selezionare l'opzione I have read, and accept the terms of the license agreement (Ho letto e accetto le condizioni del contratto di licenza) e fare clic su Next (Avanti). 6. Nella schermata dei componenti di base, selezionare: Delivery Controller (Controller di distribuzione), Studio, Director, License Server (Server licenze) e StoreFront, quindi fare clic su Next (Avanti). 7. Nella schermata Features (Funzionalità), selezionare Install Microsoft SQL Server 2012 Express (Installa Microsoft SQL Server 2012 Express) e Install Windows Remote Assistance (Installa Assistenza remota di Windows), quindi fare clic su Next (Avanti). 8. Nella schermata Firewall, selezionare la configurazione automatica e fare clic su Next (Avanti). Fare clic su Installa. 9. Fare clic su Finish (Fine) e su Launch Studio (Avvia Studio). Configurazione del sito Citrix Studio 1. Fare clic su Get Started (Per iniziare) e su Create a Site (Crea un sito). 2. Selezionare Configure the Site, and start delivering applications and desktops to users (Configura sito e inizia a distribuire applicazioni e desktop agli utenti). Immettere un nome per il nuovo sito e fare clic su Next (Avanti). 3. Nella schermata Database, fare clic su Test connection (Prova connessione) e scegliere OK per creare automaticamente un database. Fare clic su Next (Avanti). 4. Nella schermata Licensing (Licenze), selezionare la licenza appropriata e fare clic su Next (Avanti). 5. Nella schermata Connection (Connessione), selezionare Citrix XenServer e immettere le credenziali root. Selezionare Create a virtual machine using Studio Tools (Machine Creation Services) (Crea una macchina virtuale mediante Studio Tools (Servizi di creazione macchine)). Fare clic su Next (Avanti). 6. Nella schermata Resources (Risorse), immettere un nome per le risorse e selezionare la rete PRIV-NET. Fare clic su Next (Avanti). 7. Nella schermata Storage, selezionare l'sr NFS e quindi Use same storage for virtual machines and Personal vdisk (Usa stesso storage per macchine virtuali e vdisk personale). Fare clic su Next (Avanti). Report del test eseguito da Principled Technologies 36

37 8. Nella schermata App-V Publishing (Pubblicazione App-V), selezionare No e quindi fare clic su Next (Avanti). 9. Nella schermata di riepilogo, fare clic su Finish (Fine). Configurazione di Citrix StoreFront 1. Fare clic su Citrix StoreFrontStores (Store). 2. Nel riquadro delle azioni fare clic su Create Store (Crea store). 3. Immettere un nome per lo store e fare clic su Next (Avanti). 4. Nella schermata del controller di distribuzione, fare clic su Add (Aggiungi). 5. Immettere il nome del controller di distribuzione e selezionare XenDesktop come tipo. 6. Immettere lo FQDN di XenDesktop e fare clic su OK. 7. Nella schermata Remote Access (Accesso remoto), selezionare None (Nessuno) e quindi fare clic su Create (Crea). Fare clic su Finish (Fine). Configurazione di una VM per l'hosting di Citrix Provisioning Server 1. Accedere al server infrastructure mediante VMware vsphere Client. 2. In VMware vsphere Client, in Basic Tasks (Attività di base), selezionare Create a new virtual machine (Crea una nuova macchina virtuale). 3. Scegliere Custom (Personalizzata) e fare clic su Next (Avanti). 4. Assegnare il nome PVS alla macchina virtuale e fare clic su Next (Avanti). 5. Selezionare il server infrastructure come host e fare clic su Next (Avanti). 6. Selezionare un datastore sullo storage esterno e fare clic su Next (Avanti). 7. Scegliere Virtual Machine Version 8 (Macchina virtuale versione 8) e fare clic su Next (Avanti). 8. Selezionare Windows, quindi Microsoft Windows Server 2008 R2 (64-bit) e fare clic su Next (Avanti). 9. Per le CPU, selezionare un socket di processore virtuale e due core per ogni socket virtuale, quindi fare clic su Next (Avanti). 10. Scegliere 4 GB di RAM e fare clic su Next (Avanti). 11. Fare clic su 1 per il numero di NIC, selezionare VMXNET3, connettersi al port group PRIV-NET e fare clic su Next (Avanti). 12. Accettare il controller di storage virtuale predefinito e fare clic su Next (Avanti). 13. Accettare il nodo di dispositivo virtuale predefinito (0:0) e fare clic su Next (Avanti). 14. Connettere il CD-ROM virtuale della VM al disco di installazione di Microsoft Windows 2008 R Fare clic su Finish (Fine). 16. Fare clic con il pulsante destro del mouse sulla VM vcenter e scegliere Edit Settings (Modifica impostazioni). 17. Fare clic sulla scheda Resources (Risorse), su Memory (Memoria) e selezionare la casella di controllo Reserve all guest memory (Riserva tutta la memoria guest), quindi scegliere OK. 18. Avviare la VM. Installazione del sistema operativo Microsoft Windows Server 2008 R2 sulla VM 1. Aprire una console di macchina virtuale su PVS. 2. Selezionare lingua, ora, valuta e input di tastiera. Fare clic su Next (Avanti). Report del test eseguito da Principled Technologies 37

38 3. Fare clic su Install now (Installa). 4. Selezionare Windows Server 2008 R2 Enterprise (Full Installation) (Installazione completa) e fare clic su Next (Avanti). 5. Accettare le condizioni di licenza e fare clic su Next (Avanti). 6. Fare clic su Custom (Personalizzata). 7. Fare clic su Disk (Disco) e quindi su Drive options (advanced)(opzioni unità (avanzate)). 8. Fare clic su New (Nuovo)Apply (Applica)Format (Formato) e quindi su Next (Avanti). 9. Al termine dell'installazione, fare clic su OK per impostare la password amministratore. 10. Immettere la password amministratore due volte e fare clic su OK. 11. Installare VMware Tools. Per ulteriori informazioni, vedere kb.vmware.com/selfservice/microsites/search.do?language=en_us&cmd=displaykc&externalid= Riavviare il sistema. 13. Connettere la macchina a Internet e installare tutti gli aggiornamenti di Windows disponibili. Riavviare a seconda delle necessità. 14. Abilitare l'accesso Desktop remoto. 15. Cambiare il nome host in PVS e riavviare quando viene richiesto. 16. Configurare le opzioni per la rete dati: a. Fare clic su Start, Pannello di controllo, fare clic con il pulsante destro del mouse su Connessioni di rete e scegliere Apri. b. Fare clic con il pulsante destro del mouse sulla NIC del traffico VM e scegliere Proprietà. c. Deselezionare TCP/IP (v6). d. Selezionare TCP/IP (v4) e scegliere Proprietà. e. Impostare indirizzo IP, subnet, gateway e server DNS. 17. Connettersi al dominio VDI. 18. Riavviare il sistema. Installazione di SQL Express sul server Provisioning Services 1. Aprire la directory SQL Express 2005 Express ed eseguire SQLEXPR.exe. 2. Accettare il contratto con l'utente finale e fare clic su Avanti. 3. Fare clic su Installa per installare i prerequisiti. 4. Nella schermata iniziale fare clic su Avanti. 5. Verificare che il sistema superi il controllo della configurazione e fare clic su Avanti. 6. Immettere un nome e un'azienda e fare clic su Next (Avanti). 7. Selezionare le caratteristiche predefinite e fare clic su Avanti. 8. Selezionare Autenticazione di Windows e fare clic su Avanti. 9. Selezionare le caselle per abilitare le istanze utente e aggiungere l'utente al ruolo amministratore di SQL Server, quindi fare clic su Avanti. 10. Fare clic su Avanti per l'utilizzo della segnalazione errori. 11. Fare clic su Installa. Report del test eseguito da Principled Technologies 38

39 12. Al termine, fare clic su Avanti e Fine. 13. Fare clic su StartTutti i programmimicrosoft SQL Server 2005Strumenti di configurazionegestione configurazione SQL Server. 14. Fare clic su Configurazione di rete SQL ServerProtocolli per SQLEXPRESS. 15. Fare clic con il pulsante destro del mouse su TCP/IP e scegliere Abilitato. 16. Fare clic su Servizi SQL Server 2005fare clic con il pulsante destro del mouse su SQL Server Browser e scegliere Proprietà. 17. Nelle proprietà di SQL Server Browser, selezionare la scheda Servizi, passare alla modalità di avvio automatico e fare clic su OK. 18. Avviare il servizio SQL Server Browser. Installazione di Citrix Provisioning Services 7 1. Fare clic su StartStrumenti di amministrazioneserver ManagerFunzionalitàAggiungi funzionalità. 2. Selezionare Funzionalità di.net Framework e fare clic su Aggiungi servizi ruolo necessari. 3. Fare clic su Avanti nella schermata Server Web (ISS). 4. Fare clic su Avanti nella schermata Selezionare servizi ruolo e quindi fare clic su Installa. 5. Fare clic su Chiudi al termine dell'installazione. 6. Aprire il supporto di installazione e fare clic su autorun. 7. Fare clic su Server Installation (Installazione server) e quindi su Install Server (Installa server). 8. Fare clic su Install (Installa) per installare gli elementi necessari. 9. Nella schermata iniziale fare clic su Next (Avanti). 10. Accettare le condizioni del contratto di licenza e fare clic su Next (Avanti). 11. Immettere un nome utente e un'azienda, selezionare tutti gli utenti e fare clic su Next (Avanti). 12. Selezionare una cartella di destinazione e fare clic su Next (Avanti). 13. Nella schermata Ready to install (Pronto per installare), fare clic su Install (Installa). 14. Fare clic su Finish (Fine) nella schermata visualizzata al completamento dell'installazione. 15. Fare clic su OK nell'avviso della console PVS. 16. Fare clic su Next (Avanti) nella configurazione guidata di Provisioning Services. 17. Nella schermata DHCP Services (Servizi DHCP), selezionare The service that runs on another computer (Servizio eseguito su un altro computer). 18. Nella schermata PXE Services (Servizi PXE), selezionare The service that runs on this computer (Servizio eseguito su questo computer). 19. Nella schermata Farm Configuration (Configurazione farm), selezionare Create a farm (Crea farm) e fare clic su Next (Avanti). 20. Nella schermata Database Server (Server di database), fare clic su Browse (Sfoglia), selezionare l'istanza di SQLEXPRESS locale e fare clic su Next (Avanti). 21. Nella schermata New Farm (Nuova farm), digitare quanto segue e fare clic su Next (Avanti): a. Database name (Nome database) = ProvisioningServices b. Farm = farm Report del test eseguito da Principled Technologies 39

40 c. Site (Sito) = site d. Collection name (Nome raccolta) = Collection e. Farm Administrator group (Gruppo amministrazione farm) = vdi.local/builtin/administrators 22. Nella schermata New Store (Nuovo store), digitare il nome dello store Store. Per il percorso, selezionare la radice di e:\ e fare clic su Next (Avanti). 23. Immettere il nome del server di licenze e fare clic su Next (Avanti). 24. Nella schermata User account (Account utente), selezionare Specified user account (Account utente specificato), immettere administrator, vdi.com e due volte la password, quindi selezionare la casella di controllo Configure the database for the account (Configura database per l'account) e fare clic su Next (Avanti). 25. Accettare il numero di giorni predefinito per gli aggiornamenti della password e fare clic su Next (Avanti). 26. Accettare l'interfaccia primaria e le porte di comunicazione, quindi fare clic su Next (Avanti). 27. Selezionare Use the Provisioning Services TFTP service (Usa il servizio TFTP di Provisioning Services) e fare clic su Next (Avanti). 28. Accettare le impostazioni predefinite del servizio di streaming e fare clic su Next (Avanti). 29. Fare clic su Finish (Fine) e su Done (OK). Installazione della console di amministrazione di Citrix Provisioning Services 1. Nella schermata di installazione di Provisioning Services 7, fare clic su Console Installation (Installazione console). 2. Nella schermata iniziale fare clic su Next (Avanti). 3. Accettare il contratto di licenza e fare clic su Next (Avanti). 4. Immettere un nome utente e un'azienda e fare clic su Next (Avanti). 5. Accettare il percorso di installazione predefinito e fare clic su Next (Avanti). 6. Accettare il tipo di installazione predefinito e fare clic su Next (Avanti). 7. Fare clic su Install (Installa) e quindi su Finish (Fine). Configurazione di una VM dell'immagine di base Citrix XenServer di Windows 7 Enterprise (x64) 1. In XenCenter, selezionare New VM (Nuova VM). 2. Selezionare il modello di Windows 7 (64 bit) e fare clic su Next (Avanti). 3. Digitare XD_gold come nome e aggiungere una descrizione della nuova VM. 4. Selezionare l'origine di installazione e fare clic su Next (Avanti). 5. Scegliere un home server e fare clic su Next (Avanti). 6. Immettere 1 come numero di vcpu e 2048 MB per la memoria. Fare clic su Next (Avanti). 7. Selezionare l'sr NSF per la posizione di storage e fare clic su Next (Avanti). Report del test eseguito da Principled Technologies 40

41 8. Nella schermata Networking (Rete), selezionare la rete PRIV-NET e fare clic su Next (Avanti). 9. Fare clic su Create Now (Crea ora). Installazione di Windows 7 Enterprise (X64) sulla VM dell'immagine di base di Citrix XenServer 1. Quando viene richiesto, premere un tasto qualsiasi per avviare l'installazione. 2. Immettere le preferenze della lingua e fare clic su Avanti. 3. Fare clic su Installa. 4. Accettare le condizioni di licenza e fare clic su Next (Avanti). 5. Selezionare Personalizzata e l'unità di destinazione del sistema operativo. 6. Fare clic su Installa. 7. Digitare user per il nome utente e fare clic su Avanti. 8. Non immettere password e fare clic su Avanti. 9. Nella schermata di protezione del sistema, selezionare Impostazioni consigliate e fare clic su Avanti. 10. Immettere il fuso orario e fare clic su Avanti. 11. Selezionare le impostazioni di rete di lavoro e fare clic su Avanti. 12. Eseguire lo strumento Citrix XenServer e fare clic su Next (Avanti) nella schermata iniziale. 13. Accettare il contratto di licenza e fare clic su Next (Avanti). 14. Accettare la posizione di installazione predefinita e fare clic su Next (Avanti). Fare clic su Installa. 15. Riavviare il sistema. 16. Connettere la macchina a Internet e installare tutti gli aggiornamenti di Windows disponibili. Riavviare a seconda delle necessità. 17. Connettersi al dominio e riavviare la VM. Installazione dell'agente di Citrix XenDesktop Inserire il supporto di installazione di Citrix XenDesktop Fare clic su Start (Avvia). 3. Selezionare Virtual Delivery Agent for Windows Desktop OS (Agente di distribuzione virtuale per sistema operativo desktop Windows). 4. Selezionare Create a Master Image (Crea immagine master) e fare clic su Next (Avanti). 5. Nella schermata HDX 3D Pro selezionare No, installare il VDA tradizionale e fare clic su Next (Avanti). 6. Nella schermata Core Components (Componenti di base), deselezionare Citrix Receiver e fare clic su Next (Avanti). 7. Nella schermata Delivery Controller (Controller di distribuzione), selezionare Do it manually (Selezione manuale) e immettere l'indirizzo del controller. Fare clic su Add (Aggiungi) e quindi su Next (Avanti). 8. Nella schermata Features (Funzionalità), selezionare tutte le funzionalità e fare clic su Next (Avanti). 9. Nella schermata Firewall, fare clic su Configure automatically (Configurazione automatica) e scegliere Next (Avanti). 10. Nella schermata di riepilogo, fare clic su Install (Installa). 11. Fare clic su Finish (Fine) per riavviare la VM. Report del test eseguito da Principled Technologies 41

42 Installazione del dispositivo di destinazione di Provisioning Services e creazione di un vdisk 1. Inserire il supporto di installazione di Provisioning Services Selezionare due volte Target Device Installation (Installazione dispositivo di destinazione). 3. Nella schermata iniziale fare clic su Next (Avanti). 4. Accettare le condizioni di licenza e fare clic su Next (Avanti). 5. Immettere un nome utente e un'azienda e fare clic su Next (Avanti). 6. Accettare la posizione di installazione predefinita e fare clic su Next (Avanti). Fare clic su Installa. 7. Fare clic su Finish (Fine) per avviare la creazione guidata dell'immagine. 8. Nella schermata iniziale fare clic su Next (Avanti). 9. Per il server, digitare PVS, e fare clic su Next (Avanti). 10. Selezionare Create new vdisk (Crea nuovo vdisk) e quindi Fixed (Fisso). Fare clic su Next (Avanti). 11. Denominare il vdisk XD_gold_vdisk e fare clic su Next (Avanti). 12. Per Microsoft Volume Licensing, fare clic su None (Nessuno) e scegliere Next (Avanti). 13. In Configure Image Volumes (Configura volumi immagine), selezionare Autofit (Adattamento automatico) e fare clic su Next (Avanti). 14. Per il nome del dispositivo di destinazione, digitare PVS_XD_gold e fare clic su Next (Avanti). 15. Fare clic su Optimize for Provisioning Services (Ottimizza per Provisioning Services). Fare clic su Finish (Fine). 16. Al termine della creazione del vdisk, fare clic su No rispetto al riavvio di XD_gold VM e scegliere invece di arrestare il sistema. Abilitazione dell'avvio da rete della VM di Citrix XenServer. 1. In XenCenter, fare clic con il pulsante destro del mouse sulla VM master e scegliere Properties (Proprietà). 2. Selezionare Boot Options (Opzioni di avvio) e Enable Network (Abilita rete). Spostare l'opzione di avvio dalla rete al primo posto. 3. Fare clic su OK e accendere la VM XD_gold. 4. La VM verrà avviata da PXE e Provisioning Services effettuerà lo streaming del vdisk al dispositivo. 5. Accedere come VDI\administrator. 6. Provisioning Services copierà quindi XD_gold nel vdisk. 7. Fare clic su Finish (Fine). 8. Arrestare XD_gold. Creazione di un modello di VM per Provisioning Services 1. Arrestare la macchina virtuale XD_gold. 2. In XenCenter, fare clic con il pulsante destro del mouse sulla VM master e scegliere Convert to template (Converti in modello). 3. Al prompt, fare clic su Convert (Converti). Report del test eseguito da Principled Technologies 42

43 Distribuzione di un pool di Citrix XenDesktop con la configurazione guidata di Citrix XenDesktop 1. Aprire la console di Provisioning ServicesFarmSites (Siti)Site(Sito)e fare clic con il pulsante destro del mouse sul vdisk PVS_XD_gold, quindi scegliere Properties (Proprietà). 2. Modificare la modalità di accesso impostandola sull'immagine standard (multidispositivo, accesso in sola lettura). 3. Modificare il tipo di cache in cache su disco rigido del dispositivo e fare clic su OK. 4. Nella console di Provisioning Services selezionarefarmsites (Siti)Site(Sito), fare clic con il pulsante destro del mouse e scegliere XenDesktop Setup Wizard (Configurazione guidata XenDesktop). 5. Nella schermata iniziale fare clic su Next (Avanti). 6. Digitare XenDesktop per il controller XenDesktop e fare clic su Next (Avanti). 7. In Host Resources (Risorse host), selezionare il server host sottoposto a test e fare clic su Next (Avanti). 8. Immettere le credenziali per il server sottoposto a test e fare clic su OK. 9. Fare clic su VM_gold_template, fare clic su OK e quindi su Next (Avanti). 10. Selezionare il vdisk PVS_XD_gold e fare clic su Next (Avanti). 11. Selezionare Create a new catalog (Crea nuovo catalogo), denominare il catalogo XD_catalog e fare clic su Next (Avanti). 12. Selezionare Windows Desktop Operating System (Sistema operativo desktop Windows) e fare clic su Next (Avanti). 13. Nella schermata User experience (Esperienza d'uso), selezionare The same (static) desktop (Stesso desktop statico) e salvare le modifiche, quindi archiviarle su un vdisk personale separato. Fare clic su Next (Avanti). 14. Digitare quanto segue e fare clic su Next (Avanti): Number of virtual machines to create (Numero di macchine virtuali da creare) = 100 vcpus (vcpu) =1 Memory (Memoria) =2048 MB Local write cache (Cache in scrittura locale) =6 GB Personal vdisk size (Dimensioni vdisk personale) = 20 GB Personal vdisk drive letter (Lettera di unità vdisk personale): P Boot mode (Modalità di avvio) = PXE boot (Avvio PXE). 15. Fare clic su Next (Avanti). 16. Nella schermata Active Directory, selezionare Create new accounts (Crea nuovi account) e fare clic su Next (Avanti). 17. Per la posizione di Active Directory, fare clic su VDI.comComputers (Computer). 18. Per lo schema di denominazione degli account, digitare XD-###, e fare clic su Next (Avanti). 19. Fare clic su Finish (Fine). Report del test eseguito da Principled Technologies 43

44 Creazione di un gruppo di distribuzione di Citrix XenDesktop 1. In XenDesktop Studio, fare clic su Delivery Groups (Gruppi di distribuzione) e nel riquadro delle azioni scegliere Create Delivery Group (Crea gruppo di distribuzione). 2. Nella schermata Getting Started (Per iniziare), fare clic su Next (Avanti). 3. Selezionare XD_catalog e aggiungervi tutte le macchine virtuali disponibili. Fare clic su Next (Avanti). 4. Come tipo di distribuzione selezionare Desktops (Desktop). Fare clic su Next (Avanti). 5. Nella schermata Users (Utenti), fare clic su Add users (Aggiungi utenti) e aggiungere un gruppo di utenti. 6. Nella schermata StoreFront, selezionare Manually, using a StoreFront server address that I will provide later (Manualmente, con un indirizzo di server StoreFront che verrà specificato in seguito). Fare clic su Next (Avanti). 7. Immettere XD_group come nome del gruppo di distribuzione e nome visualizzato. Fare clic su Finish (Fine) Configurazione della policy di risparmio energia per il gruppo di desktop 1. In XenDesktop Studio, fare clic su PowerShell e digitare: Set-BrokerDesktopGroup XD_catalog PeakBufferSizePercent 100 Installazione di agenti di Trend Micro sulle VM di Citrix XenServer ed esecuzione di una scansione antimalware. 1. Con Provisioning Server, impostare il vdisk PVS_XD_gold sulla modalità privata. 2. Accendere una macchina virtuale. 3. Passare all'agente Trend Micro per Windows ed eseguire il programma di installazione. 4. Nella schermata iniziale fare clic su Next (Avanti). 5. Accettare il contratto di licenza e fare clic su Next (Avanti). 6. Nella schermata Custom Setup (Installazione personalizzata), selezionare Anti-Malware (Antimalware) e quindi Will be installed on local hard drive (Installazione su disco rigido locale). Fare clic su Next (Avanti) e quindi su Install (Installa). 7. Fare clic su Finish (Fine) e spegnere la macchina. 8. Con il Provisioning Server, impostare il vdisk PVS_XD_gold sulla modalità standard e la cache sul disco rigido del dispositivo. 9. Aprire una finestra di un browser web, digitare https://deepsecuritymanager:4119/, e immettere le credenziali di amministratore. 10. Selezionare Computers (Computer) e passare al catalogo corretto. 11. Selezionare e fare clic con il pulsante destro del mouse sulle macchine virtuali di Citrix XenDesktop. 12. Selezionare Actions (Azioni)Activate/Reactive (Attiva/Riattiva). 13. Quando lo stato passa su Managed Online (Gestite online), selezionare tutte le macchine virtuali e scegliere Actions (Azioni)Assign Policy (Assegna policy). 14. Passare a Base Policy (Policy di base)windowswindows 7 Desktop (Desktop Windows 7) e fare clic su OK. 15. Dopo l'applicazione della policy, selezionare tutte le macchine virtuali e scegliere Actions (Azioni)Full Scan for Malware (Scansione antimalware completa). Report del test eseguito da Principled Technologies 44

45 Applicazioni e file installati sulle macchine virtuali per il recupero dei dischi Per simulare il ciclo di vita di un desktop virtuale, abbiamo installato tutti gli aggiornamenti di Windows disponibili su tutti i desktop virtuali, oltre alle applicazioni seguenti: 1) Browser web a) Google Chrome b) Opera c) Mozilla Firefox 2) Messaggistica a) Skype b) Yahoo! Messenger c) Digsby d) Google Talk e) AIM 3) Applicazioni multimediali a) Apple itunes b) VideoLAN VLC c) Apple QuickTime 4) Runtime a) Java b) Microsoft.NET c) Microsoft Silverlight d) Adobe AIR e) Adobe Shockwave 5) Immagini a) Picasa 6) Documenti a) Microsoft Office 2007 (versione di valutazione) b) Apache OpenOffice c) TDF LibreOffice d) Adobe Reader e) PDFCreator 7) Sicurezza a) AVG b) AD-Aware c) Spybot 2 Report del test eseguito da Principled Technologies 45

46 8) Storage online a) Dropbox b) Google Drive c) Microsoft Sky Drive d) EMC Mozy 9) Utilità a) ImgBurn b) RealVNC 10) Compressione a) 7-Zip b) WinRAR 11) Strumenti di sviluppo a) Phyton b) FileZilla c) JDK d) WinSCP e) PuTTY 12) Altro a) Google Earth b) Steam c) Evernote Abbiamo inoltre importato in itunes quattro filmati in HD (circa 6 GB in totale) e 100 file MP3 (tra 300 e 500 MB in totale). Abbiamo copiato 10 file PDF o documenti di Word di grandi dimensioni (almeno 1 GB). Abbiamo disinstallato il 75% delle app installate e abbiamo eliminato metà dei file multimediali e metà dei documenti utente. Report del test eseguito da Principled Technologies 46

47 INFORMAZIONI SU PRINCIPLED TECHNOLOGIES Offriamo servizi di marketing basati sui fatti e valutazioni delle tecnologie leader del settore. Portiamo la nostra vasta esperienza e le nostre conoscenze in tutti gli aspetti dell'analisi e della valutazione della tecnologia, dalla ricerca di nuove tecniche allo sviluppo di nuove metodologie, alla verifica degli strumenti nuovi ed esistenti. Principled Technologies, Inc Slater Road, Suite 300 Durham, NC, Al termine della valutazione, sappiamo come presentare i risultati a una vasta gamma di interlocutori. Forniamo ai nostri clienti il materiale di cui hanno bisogno, a partire dai dati di mercato da utilizzare nei loro studi ai supporti alla vendita personalizzati, ad esempio rapporti di test, valutazioni delle prestazioni e white paper. Ogni documento riflette i risultati delle nostre analisi indipendenti e affidabili. Offriamo servizi personalizzati focalizzati sui requisiti individuali dei clienti. A prescindere dalla tecnologia (hardware, software, siti web o servizi), offriamo l'esperienza, le conoscenze e gli strumenti per aiutare i nostri clienti a valutare in che modo sfruttarne i vantaggi concorrenziali, le prestazioni, l'adeguatezza al mercato, la qualità e l'affidabilità. Da oltre 20 anni i nostri fondatori, Mark L. Van Name e Bill Catchings, si dedicano alla valutazione delle tecnologie. In qualità di giornalisti, hanno pubblicato più di mille articoli su una molteplicità di argomenti tecnologici. Hanno fondato e gestito Ziff- Davis Benchmark Operation, che sviluppava benchmark standard del settore quali Winstone e WebBench di Ziff Davis Media. Hanno fondato e guidato etesting Labs e, successivamente all'acquisizione dell'azienda da parte di Lionbridge Technologies, sono stati amministratori e CTO di VeriTest. Principled Technologies è un marchio registrato di Principled Technologies, Inc. Tutti gli altri nomi di prodotti sono marchi dei rispettivi proprietari. Esclusione di responsabilità, limitazione di responsabilità PRINCIPLED TECHNOLOGIES, INC. HA FATTO IL POSSIBILE PER GARANTIRE L'ACCURATEZZA E LA VALIDITÀ DEI TEST ESEGUITI. PRINCIPLED TECHNOLOGIES, INC. ESCLUDE TUTTAVIA SPECIFICATAMENTE QUALSIASI GARANZIA, IMPLICITA O ESPLICITA, INERENTE I RISULTATI DEI TEST E LE ANALISI, LA RELATIVA ACCURATEZZA, COMPLETEZZA O QUALITÀ, COMPRESE EVENTUALI GARANZIE IMPLICITE DI IDONEITÀ PER SCOPI SPECIFICI. TUTTE LE PERSONE O ENTITÀ CHE FANNO AFFIDAMENTO SUI RISULTATI DI EVENTUALI TEST, SI ASSUMONO TUTTI I RISCHI INERENTI E CONVENGONO CHE PRINCIPLED TECHNOLOGIES, INC., I SUOI DIPENDENTI E SUBAPPALTATORI NON SONO IN ALCUN MODO RESPONSABILI PER QUALSIVOGLIA RICHIESTA INERENTE PERDITE O DANNI CORRELATI A PRESUNTI ERRORI O DIFETTI DI ESECUZIONE DELLE PROCEDURE O DEI RISULTATI DEI TEST. IN NESSUN CASO PRINCIPLED TECHNOLOGIES, INC. SARÀ RITENUTA RESPONSABILE PER DANNI INDIRETTI, SPECIALI, INCIDENTALI O CONSEQUENZIALI CORRELATI AI TEST ESEGUITI, ANCHE QUALORA FOSSE STATA INFORMATA IN MERITO ALLA POSSIBILITÀ DI OCCORRENZA DI TALI DANNI. IN NESSUN CASO LA RESPONSABILITÀ DI PRINCIPLED TECHNOLOGIES, INC.,INCLUSA QUELLA PER I DANNI DIRETTI, SARÀ SUPERIORE AGLI IMPORTI VERSATI IN RELAZIONE AI TEST ESEGUITI DAPRINCIPLED TECHNOLOGIES, INC. LE UNICHE ED ESCLUSIVE RIPARAZIONI CONCESSE AL CLIENTE SONO DA INTENDERSI QUELLE ESPRESSE NEL PRESENTE. Questa è la traduzione del documento originale redatto in lingua inglese, disponibile qui: Report del test eseguito da Principled Technologies 47

Acronis Backup & Recovery 10 Advanced Server Virtual Edition. Guida introduttiva

Acronis Backup & Recovery 10 Advanced Server Virtual Edition. Guida introduttiva Acronis Backup & Recovery 10 Advanced Server Virtual Edition Guida introduttiva Questo documento descrive come installare e iniziare a utilizzare Acronis Backup & Recovery 10 Advanced Server Virtual Edition.

Dettagli

Sizing di un infrastruttura server con VMware

Sizing di un infrastruttura server con VMware Sizing di un infrastruttura server con VMware v1.1 Matteo Cappelli Vediamo una serie di best practices per progettare e dimensionare un infrastruttura di server virtuali con VMware vsphere 5.0. Innanzitutto

Dettagli

Installazione di GFI Network Server Monitor

Installazione di GFI Network Server Monitor Installazione di GFI Network Server Monitor Requisiti di sistema I computer che eseguono GFI Network Server Monitor richiedono: i sistemi operativi Windows 2000 (SP4 o superiore), 2003 o XP Pro Windows

Dettagli

HORIZON SQL CONFIGURAZIONE DI RETE

HORIZON SQL CONFIGURAZIONE DI RETE 1-1/9 HORIZON SQL CONFIGURAZIONE DI RETE 1 CARATTERISTICHE DI UN DATABASE SQL...1-2 Considerazioni generali... 1-2 Concetto di Server... 1-2 Concetto di Client... 1-2 Concetto di database SQL... 1-2 Vantaggi...

Dettagli

FileMaker Server 12. Guida introduttiva

FileMaker Server 12. Guida introduttiva FileMaker Server 12 Guida introduttiva 2007 2012 FileMaker, Inc. Tutti i diritti riservati. FileMaker, Inc. 5201 Patrick Henry Drive Santa Clara, California 95054 FileMaker e Bento sono marchi di FileMaker,

Dettagli

Boot Camp Guida all installazione e alla configurazione

Boot Camp Guida all installazione e alla configurazione Boot Camp Guida all installazione e alla configurazione Indice 4 Introduzione 5 Cosa ti occorre 6 Panoramica dell installazione 6 Passo 1: verifica la presenza di aggiornamenti. 6 Passo 2: apri Assistente

Dettagli

Boot Camp Guida di installazione e configurazione

Boot Camp Guida di installazione e configurazione Boot Camp Guida di installazione e configurazione Indice 3 Introduzione 4 Panoramica dell'installazione 4 Passo 1: Verificare la presenza di aggiornamenti 4 Passo 2: Per preparare il Mac per Windows 4

Dettagli

Manuale dell'utente di Symantec Backup Exec System Recovery Granular Restore Option

Manuale dell'utente di Symantec Backup Exec System Recovery Granular Restore Option Manuale dell'utente di Symantec Backup Exec System Recovery Granular Restore Option Manuale dell'utente di Symantec Backup Exec System Recovery Granular Restore Option Il software descritto nel presente

Dettagli

FileMaker Server 13. Guida introduttiva

FileMaker Server 13. Guida introduttiva FileMaker Server 13 Guida introduttiva 2007-2013 FileMaker, Inc. Tutti i diritti riservati. FileMaker, Inc. 5201 Patrick Henry Drive Santa Clara, California 95054 Stati Uniti FileMaker e Bento sono marchi

Dettagli

Agilent OpenLAB Chromatography Data System (CDS)

Agilent OpenLAB Chromatography Data System (CDS) Agilent OpenLAB Chromatography Data System (CDS) EZChrom Edition e ChemStation Edition Requisiti hardware e software Agilent Technologies Informazioni legali Agilent Technologies, Inc. 2013 Nessuna parte

Dettagli

VIRTUALIZE IT. www.digibyte.it - digibyte@digibyte.it

VIRTUALIZE IT. www.digibyte.it - digibyte@digibyte.it il server? virtualizzalo!! Se ti stai domandando: ma cosa stanno dicendo? ancora non sai che la virtualizzazione è una tecnologia software, oggi ormai consolidata, che sta progressivamente modificando

Dettagli

IT-BOOK. Domini Hosting Web marketing E-mail e PEC

IT-BOOK. Domini Hosting Web marketing E-mail e PEC 5 giugno 09 IT-BOOK Configurazioni e cartatteristiche tecniche possono essere soggette a variazioni senza preavviso. Tutti i marchi citati sono registrati dai rispettivi proprietari. Non gettare per terra:

Dettagli

2 Requisiti di sistema 4 2.1 Requisiti software 4 2.2 Requisiti hardware 5 2.3 Software antivirus e di backup 5 2.4 Impostazioni del firewall 5

2 Requisiti di sistema 4 2.1 Requisiti software 4 2.2 Requisiti hardware 5 2.3 Software antivirus e di backup 5 2.4 Impostazioni del firewall 5 Guida introduttiva Rivedere i requisiti di sistema e seguire i facili passaggi della presente guida per distribuire e provare con successo GFI FaxMaker. Le informazioni e il contenuto del presente documento

Dettagli

MANUALE UTENTE DEL SOFTWARE DI GESTIONE DEGLI ART. SDVR040A/SDVR080A/SDVR160A

MANUALE UTENTE DEL SOFTWARE DI GESTIONE DEGLI ART. SDVR040A/SDVR080A/SDVR160A MANUALE UTENTE DEL SOFTWARE DI GESTIONE DEGLI ART. SDVR040A/SDVR080A/SDVR160A Leggere attentamente questo manuale prima dell utilizzo e conservarlo per consultazioni future Via Don Arrigoni, 5 24020 Rovetta

Dettagli

Arcserve Replication and High Availability

Arcserve Replication and High Availability Arcserve Replication and High Availability Guida operativa per Oracle Server per Windows r16.5 La presente documentazione, che include il sistema di guida in linea integrato e materiale distribuibile elettronicamente

Dettagli

Guida Dell di base all'acquisto dei server

Guida Dell di base all'acquisto dei server Guida Dell di base all'acquisto dei server Per le piccole aziende che dispongono di più computer è opportuno investire in un server che aiuti a garantire la sicurezza e l'organizzazione dei dati, consentendo

Dettagli

Virtualizzazione e installazione Linux

Virtualizzazione e installazione Linux Virtualizzazione e installazione Linux Federico De Meo, Davide Quaglia, Simone Bronuzzi Lo scopo di questa esercitazione è quello di introdurre il concetto di virtualizzazione, di creare un ambiente virtuale

Dettagli

Manuale di installazione. Data Protector Express. Hewlett-Packard Company

Manuale di installazione. Data Protector Express. Hewlett-Packard Company Manuale di installazione Data Protector Express Hewlett-Packard Company ii Manuale di installazione di Data Protector Express. Copyright Marchi Copyright 2005 Hewlett-Packard Limited. Ottobre 2005 Numero

Dettagli

ApplicationServer XG Versione 11. Ultimo aggiornamento: 10.09.2013

ApplicationServer XG Versione 11. Ultimo aggiornamento: 10.09.2013 ApplicationServer XG Versione 11 Ultimo aggiornamento: 10.09.2013 Indice Indice... i Introduzione a 2X ApplicationServer... 1 Cos'è 2X ApplicationServer?... 1 Come funziona?... 1 Su questo documento...

Dettagli

Guida al ripristino e alla risoluzione dei problemi. Creare i dischi di ripristino subito dopo l'impostazione.

Guida al ripristino e alla risoluzione dei problemi. Creare i dischi di ripristino subito dopo l'impostazione. Guida al ripristino e alla risoluzione dei problemi Creare i dischi di ripristino subito dopo l'impostazione. Indice Trovare le informazioni necessarie... 3 Ripristino e backup... 4 Cos'è il ripristino

Dettagli

Talento LAB 4.1 - UTILIZZARE FTP (FILE TRANSFER PROTOCOL) L'UTILIZZO DI ALTRI SERVIZI INTERNET. In questa lezione imparerete a:

Talento LAB 4.1 - UTILIZZARE FTP (FILE TRANSFER PROTOCOL) L'UTILIZZO DI ALTRI SERVIZI INTERNET. In questa lezione imparerete a: Lab 4.1 Utilizzare FTP (File Tranfer Protocol) LAB 4.1 - UTILIZZARE FTP (FILE TRANSFER PROTOCOL) In questa lezione imparerete a: Utilizzare altri servizi Internet, Collegarsi al servizio Telnet, Accedere

Dettagli

Guida dell amministratore

Guida dell amministratore Guida dell amministratore Maggiori informazioni su come poter gestire e personalizzare GFI FaxMaker. Modificare le impostazioni in base ai propri requisiti e risolvere eventuali problemi riscontrati. Le

Dettagli

Per Iniziare con Parallels Desktop 10

Per Iniziare con Parallels Desktop 10 Per Iniziare con Parallels Desktop 10 Copyright 1999-2014 Parallels IP Holdings GmbH e i suoi affiliati. Tutti i diritti riservati. Parallels IP Holdings GmbH Vordergasse 59 8200 Schaffhausen Svizzera

Dettagli

CA Asset Portfolio Management

CA Asset Portfolio Management CA Asset Portfolio Management Guida all'implementazione Versione 12.8 La presente documentazione, che include il sistema di guida in linea integrato e materiale distribuibile elettronicamente (d'ora in

Dettagli

Redatto da Product Manager info@e4company.com. Verificato da E4 Team Supporto supporto@e4company.com

Redatto da Product Manager info@e4company.com. Verificato da E4 Team Supporto supporto@e4company.com Redatto da Product Manager info@e4company.com Verificato da E4 Team Supporto supporto@e4company.com 2 SOMMARIO 1 INTRODUZIONE... 4 2 SOLUTION OVERVIEW... 5 3 SOLUTION ARCHITECTURE... 6 MICRO25... 6 MICRO50...

Dettagli

ATLAS 2.X IL MANAGER NON SI AVVIA

ATLAS 2.X IL MANAGER NON SI AVVIA ATLAS 2.X IL MANAGER NON SI AVVIA Avvio di Atlas 2.x sul server CONTESTO La macchina deve rispecchiare le seguenti caratteristiche MINIME di sistema: Valori MINIMI per Server di TC con 10 postazioni d'esame

Dettagli

Ambienti supportati. Configurazione della stampante di rete. Stampa. Gestione della carta. Manutenzione. Risoluzione dei problemi.

Ambienti supportati. Configurazione della stampante di rete. Stampa. Gestione della carta. Manutenzione. Risoluzione dei problemi. I server di stampa vengono utilizzati per collegare le stampanti alle reti. In tal modo, più utenti possono accedere alle stampanti dalle proprie workstation, condividendo sofisticate e costose risorse.

Dettagli

Rational Asset Manager, versione 7.1

Rational Asset Manager, versione 7.1 Rational Asset Manager, versione 7.1 Versione 7.1 Guida all installazione Rational Asset Manager, versione 7.1 Versione 7.1 Guida all installazione Note Prima di utilizzare queste informazioni e il prodotto

Dettagli

File Leggimi relativo a Quark Licensing Administrator 4.5.0.2

File Leggimi relativo a Quark Licensing Administrator 4.5.0.2 File Leggimi relativo a Quark Licensing Administrator 4.5.0.2 INDICE Indice File Leggimi relativo a Quark Licensing Administrator 4.5.0.2...4 Requisiti di sistema: QLA Server...5 Requisiti di sistema:

Dettagli

INDICE INTRODUZIONE...3 REQUISITI MINIMI DI SISTEMA...4 INSTALLAZIONE DEI PROGRAMMI...5 AVVIAMENTO DEI PROGRAMMI...7 GESTIONE ACCESSI...

INDICE INTRODUZIONE...3 REQUISITI MINIMI DI SISTEMA...4 INSTALLAZIONE DEI PROGRAMMI...5 AVVIAMENTO DEI PROGRAMMI...7 GESTIONE ACCESSI... ambiente Windows INDICE INTRODUZIONE...3 REQUISITI MINIMI DI SISTEMA...4 INSTALLAZIONE DEI PROGRAMMI...5 AVVIAMENTO DEI PROGRAMMI...7 GESTIONE ACCESSI...8 GESTIONE DELLE COPIE DI SICUREZZA...10 AGGIORNAMENTO

Dettagli

Installazione ed attivazione della "SUITE OFFIS" versione SERVER

Installazione ed attivazione della SUITE OFFIS versione SERVER Installazione ed attivazione della "SUITE OFFIS" versione SERVER Premessa La versione server di OFFIS può essere installata e utilizzata indifferentemente da PC/Win o Mac/Osx e consente l'accesso contemporaneo

Dettagli

Guida all'installazione rapida di scansione su e-mail

Guida all'installazione rapida di scansione su e-mail Xerox WorkCentre M118i Guida all'installazione rapida di scansione su e-mail 701P42705 Questa guida fornisce un riferimento rapido per l'impostazione della funzione Scansione su e-mail su Xerox WorkCentre

Dettagli

SICUREZZA SENZA COMPROMESSI PER TUTTI GLI AMBIENTI VIRTUALI. Security for Virtual and Cloud Environments

SICUREZZA SENZA COMPROMESSI PER TUTTI GLI AMBIENTI VIRTUALI. Security for Virtual and Cloud Environments SICUREZZA SENZA COMPROMESSI PER TUTTI GLI AMBIENTI VIRTUALI Security for Virtual and Cloud Environments PROTEZIONE O PRESTAZIONI? Già nel 2009, il numero di macchine virtuali aveva superato quello dei

Dettagli

SISSI IN RETE. Quick Reference guide guida di riferimento rapido

SISSI IN RETE. Quick Reference guide guida di riferimento rapido SISSI IN RETE Quick Reference guide guida di riferimento rapido Indice generale Sissi in rete...3 Introduzione...3 Architettura Software...3 Installazione di SISSI in rete...3 Utilizzo di SISSI in Rete...4

Dettagli

Manuale installazione KNOS

Manuale installazione KNOS Manuale installazione KNOS 1. PREREQUISITI... 3 1.1 PIATTAFORME CLIENT... 3 1.2 PIATTAFORME SERVER... 3 1.3 PIATTAFORME DATABASE... 3 1.4 ALTRE APPLICAZIONI LATO SERVER... 3 1.5 ALTRE APPLICAZIONI LATO

Dettagli

Schema Tipologia a Stella

Schema Tipologia a Stella Cos'e' esattamente una rete! Una LAN (Local Area Network) è un insieme di dispositivi informatici collegati fra loro, che utilizzano un linguaggio che consente a ciascuno di essi di scambiare informazioni.

Dettagli

Come installare e configurare il software FileZilla

Come installare e configurare il software FileZilla Come utilizzare FileZilla per accedere ad un server FTP Con questo tutorial verrà mostrato come installare, configurare il software e accedere ad un server FTP, come ad esempio quello dedicato ai siti

Dettagli

FileMaker Server 13. Guida di FileMaker Server

FileMaker Server 13. Guida di FileMaker Server FileMaker Server 13 Guida di FileMaker Server 2010-2013 FileMaker, Inc. Tutti i diritti riservati. FileMaker, Inc. 5201 Patrick Henry Drive Santa Clara, California 95054 Stati Uniti FileMaker e Bento sono

Dettagli

Porta di Accesso versione 5.0.12

Porta di Accesso versione 5.0.12 Pag. 1 di 22 Controlli da effettuare in seguito al verificarsi di ERRORE 10 nell utilizzo di XML SAIA Porta di Accesso versione 5.0.12 Pag. 2 di 22 INDICE 1. INTRODUZIONE... 3 2. VERIFICHE DA ESEGUIRE...3

Dettagli

Creare e ripristinare immagine di sistema con Windows 8

Creare e ripristinare immagine di sistema con Windows 8 Creare e ripristinare immagine di con Windows 8 La versione Pro di Windows 8 offre un interessante strumento per il backup del computer: la possibilità di creare un immagine completa del, ovvero la copia

Dettagli

Manuale dell'amministratore

Manuale dell'amministratore Manuale dell'amministratore di LapLink Host 2 Introduzione a LapLink Host 4 Requisiti per LapLink Host 6 Esecuzione dell'installazione silent di LapLink Host 8 Modifica del file di procedura per l'installazione

Dettagli

2014 Electronics For Imaging. Per questo prodotto, il trattamento delle informazioni contenute nella presente pubblicazione è regolato da quanto

2014 Electronics For Imaging. Per questo prodotto, il trattamento delle informazioni contenute nella presente pubblicazione è regolato da quanto 2014 Electronics For Imaging. Per questo prodotto, il trattamento delle informazioni contenute nella presente pubblicazione è regolato da quanto previsto in Avvisi legali. 23 giugno 2014 Indice 3 Indice...5

Dettagli

Corso di Alfabetizzazione Informatica

Corso di Alfabetizzazione Informatica Corso di Alfabetizzazione Informatica Scopo di questo corso, vuole essere quello di fornire ad ognuno dei partecipanti, indipendentemente dalle loro precedenti conoscenze informatiche, l apprendimento

Dettagli

FIRESHOP.NET. Gestione Utility & Configurazioni. Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it

FIRESHOP.NET. Gestione Utility & Configurazioni. Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it FIRESHOP.NET Gestione Utility & Configurazioni Rev. 2014.3.1 www.firesoft.it Sommario SOMMARIO Introduzione... 4 Impostare i dati della propria azienda... 5 Aggiornare il programma... 6 Controllare l integrità

Dettagli

SERVER VIDEO 1-PORTA H.264

SERVER VIDEO 1-PORTA H.264 SERVER VIDEO 1-PORTA H.264 MANUALE UTENTE DN-16100 SALVAGUARDIA IMPORTANTE Tutti i prodotti senza piombo offerti dall'azienda sono a norma con i requisiti della legge Europea sulla restrizione per l'uso

Dettagli

Acronis Backup & Recovery 10 Server for Windows Acronis Backup & Recovery 10 Workstation

Acronis Backup & Recovery 10 Server for Windows Acronis Backup & Recovery 10 Workstation Acronis Backup & Recovery 10 Server for Windows Acronis Backup & Recovery 10 Workstation Guida introduttiva 1 Informazioni sul documento Questo documento descrive come installare e iniziare ad utilizzare

Dettagli

NAS 208 WebDAV Un'alternativa sicura per la condivisione di file su FTP

NAS 208 WebDAV Un'alternativa sicura per la condivisione di file su FTP NAS 208 WebDAV Un'alternativa sicura per la condivisione di file su FTP Eseguire il collegamento al NAS tramite WebDAV A S U S T O R C O L L E G E OBIETTIVI DEL CORSO Al termine di questo corso si dovrebbe

Dettagli

Istruzioni per l uso Guida software

Istruzioni per l uso Guida software Istruzioni per l uso Guida software Leggere subito Manuali per questa stampante...8 Preparazione per la stampa Installazione rapida...9 Conferma del metodo di connessione...11 Connessione di rete...11

Dettagli

MailStore Proxy è disponibile gratuitamente per tutti i clienti di MailStore Server all indirizzo http://www.mailstore.com/en/downloads.

MailStore Proxy è disponibile gratuitamente per tutti i clienti di MailStore Server all indirizzo http://www.mailstore.com/en/downloads. MailStore Proxy Con MailStore Proxy, il server proxy di MailStore, è possibile archiviare i messaggi in modo automatico al momento dell invio/ricezione. I pro e i contro di questa procedura vengono esaminati

Dettagli

NAS 321 Hosting di più siti web in un host virtuale

NAS 321 Hosting di più siti web in un host virtuale NAS 321 Hosting di più siti web in un host virtuale Hosting di più siti web e abilitazione del servizio DDNS A S U S T O R C O L L E G E OBIETTIVI DEL CORSO Al termine di questo corso si dovrebbe essere

Dettagli

Guida ai Servizi Internet per il Referente Aziendale

Guida ai Servizi Internet per il Referente Aziendale Guida ai Servizi Internet per il Referente Aziendale Indice Indice Introduzione...3 Guida al primo accesso...3 Accessi successivi...5 Amministrazione dei servizi avanzati (VAS)...6 Attivazione dei VAS...7

Dettagli

TeamViewer 8 Manuale Controllo remoto

TeamViewer 8 Manuale Controllo remoto TeamViewer 8 Manuale Controllo remoto Rev 8.0-12/2012 TeamViewer GmbH Kuhnbergstraße 16 D-73037 Göppingen www.teamviewer.com Indice 1 Informazioni su TeamViewer... 6 1.1 Informazioni sul software... 6

Dettagli

La gestione documentale con il programma Filenet ed il suo utilizzo tramite la tecnologia.net. di Emanuele Mattei (emanuele.mattei[at]email.

La gestione documentale con il programma Filenet ed il suo utilizzo tramite la tecnologia.net. di Emanuele Mattei (emanuele.mattei[at]email. La gestione documentale con il programma Filenet ed il suo utilizzo tramite la tecnologia.net di Emanuele Mattei (emanuele.mattei[at]email.it) Introduzione In questa serie di articoli, vedremo come utilizzare

Dettagli

Manuale installazione DiKe Util

Manuale installazione DiKe Util Manuale installazione DiKe Util Andare sul sito Internet: www.firma.infocert.it Cliccare su software nella sezione rossa INSTALLAZIONE: comparirà la seguente pagina 1 Selezionare, nel menu di sinistra,

Dettagli

La gestione integrata della sicurezza in Agenzia ANSA: dal firewalling all'utm Michelangelo Uberti, Sales Engineer Babel S.r.l.

La gestione integrata della sicurezza in Agenzia ANSA: dal firewalling all'utm Michelangelo Uberti, Sales Engineer Babel S.r.l. La gestione integrata della sicurezza in Agenzia ANSA: dal firewalling all'utm Michelangelo Uberti, Sales Engineer Babel S.r.l. Babel S.r.l. - P.zza S. Benedetto da Norcia 33, 00040 Pomezia (RM) www.babel.it

Dettagli

GUIDA DELL UTENTE IN RETE

GUIDA DELL UTENTE IN RETE GUIDA DELL UTENTE IN RETE Memorizza registro di stampa in rete Versione 0 ITA Definizione delle note Nella presente Guida dell'utente viene utilizzata la seguente icona: Le note spiegano come intervenire

Dettagli

Guida dell'utente di Norton Save and Restore

Guida dell'utente di Norton Save and Restore Guida dell'utente Guida dell'utente di Norton Save and Restore Il software descritto in questo manuale viene fornito con contratto di licenza e può essere utilizzato solo in conformità con i termini del

Dettagli

Per iniziare con Parallels Desktop 9

Per iniziare con Parallels Desktop 9 Per iniziare con Parallels Desktop 9 Copyright 1999-2013 Parallels Holdings, Ltd. and its affiliates. All rights reserved. Parallels IP Holdings GmbH. Vordergasse 59 CH8200 Schaffhausen Switzerland Tel:

Dettagli

Mettere in sicurezza l infrastruttura dei desktop virtuali con Citrix NetScaler

Mettere in sicurezza l infrastruttura dei desktop virtuali con Citrix NetScaler Mettere in sicurezza l infrastruttura dei desktop virtuali con Citrix NetScaler 2 Le aziende attuali stanno adottando rapidamente la virtualizzazione desktop quale mezzo per ridurre i costi operativi,

Dettagli

Outlook Express 6 Microsoft Internet Explorer, Avvio del programma Creare un nuovo account

Outlook Express 6 Microsoft Internet Explorer, Avvio del programma Creare un nuovo account Outlook Express 6 è un programma, incluso nel browser di Microsoft Internet Explorer, che ci permette di inviare e ricevere messaggi di posta elettronica. È gratuito, semplice da utilizzare e fornisce

Dettagli

Guida all Uso. L a t u a i m p r e s a, c h i av e i n m a n o. Guida_BusinessKey.indd 1 18-05-2007 10:53:34

Guida all Uso. L a t u a i m p r e s a, c h i av e i n m a n o. Guida_BusinessKey.indd 1 18-05-2007 10:53:34 Guida all Uso L a t u a i m p r e s a, c h i av e i n m a n o. Guida_BusinessKey.indd 1 18-05-2007 10:53:34 Cos è la Business Key La Business Key è una chiavetta USB portatile, facile da usare, inseribile

Dettagli

Introduzione ai protocolli di rete Il protocollo NetBEUI Il protocollo AppleTalk Il protocollo DLC Il protocollo NWLink Il protocollo TCP/IP

Introduzione ai protocolli di rete Il protocollo NetBEUI Il protocollo AppleTalk Il protocollo DLC Il protocollo NWLink Il protocollo TCP/IP Protocolli di rete Sommario Introduzione ai protocolli di rete Il protocollo NetBEUI Il protocollo AppleTalk Il protocollo DLC Il protocollo NWLink Il protocollo TCP/IP Configurazione statica e dinamica

Dettagli

Guida alla scansione su FTP

Guida alla scansione su FTP Guida alla scansione su FTP Per ottenere informazioni di base sulla rete e sulle funzionalità di rete avanzate della macchina Brother, consultare la uu Guida dell'utente in rete. Per ottenere informazioni

Dettagli

Manuale - TeamViewer 6.0

Manuale - TeamViewer 6.0 Manuale - TeamViewer 6.0 Revision TeamViewer 6.0 9947c Indice Indice 1 Ambito di applicazione... 1 1.1 Informazioni su TeamViewer... 1 1.2 Le nuove funzionalità della Versione 6.0... 1 1.3 Funzioni delle

Dettagli

Manuale di Remote Desktop Connection. Brad Hards Urs Wolfer Traduzione: Luciano Montanaro Traduzione: Daniele Micci

Manuale di Remote Desktop Connection. Brad Hards Urs Wolfer Traduzione: Luciano Montanaro Traduzione: Daniele Micci Manuale di Remote Desktop Connection Brad Hards Urs Wolfer Traduzione: Luciano Montanaro Traduzione: Daniele Micci 2 Indice 1 Introduzione 5 2 Il protocollo Remote Frame Buffer 6 3 Uso di Remote Desktop

Dettagli

Installare e configurare Easy Peasy (Ubuntu Eee) su Asus Eee PC mini howto

Installare e configurare Easy Peasy (Ubuntu Eee) su Asus Eee PC mini howto Installare e configurare Easy Peasy (Ubuntu Eee) su Asus Eee PC mini howto Augusto Scatolini (webmaster@comunecampagnano.it) Ver. 1.0 (marzo 2009) ultimo aggiornamento aprile 2009 Easy Peasy è una distribuzione

Dettagli

TeamViewer 7 Manuale Controllo remoto

TeamViewer 7 Manuale Controllo remoto TeamViewer 7 Manuale Controllo remoto TeamViewer GmbH Kuhnbergstraße 16 D-73037 Göppingen teamviewer.com Indice 1 Informazioni su TeamViewer... 5 1.1 Informazioni sul software... 5 1.2 Informazioni sul

Dettagli

UBUNTU SERVER. Installazione e configurazione di Ubuntu Server. M. Cesa 1

UBUNTU SERVER. Installazione e configurazione di Ubuntu Server. M. Cesa 1 UBUNTU SERVER Installazione e configurazione di Ubuntu Server M. Cesa 1 Ubuntu Server Scaricare la versione deisiderata dalla pagina ufficiale http://www.ubuntu.com/getubuntu/download-server Selezioniare

Dettagli

Configurazione avanzata di IBM SPSS Modeler Entity Analytics

Configurazione avanzata di IBM SPSS Modeler Entity Analytics Configurazione avanzata di IBM SPSS Modeler Entity Analytics Introduzione I destinatari di questa guida sono gli amministratori di sistema che configurano IBM SPSS Modeler Entity Analytics (EA) in modo

Dettagli

iphone in azienda Guida alla configurazione per gli utenti

iphone in azienda Guida alla configurazione per gli utenti iphone in azienda Guida alla configurazione per gli utenti iphone è pronto per le aziende. Supporta Microsoft Exchange ActiveSync, così come servizi basati su standard, invio e ricezione di e-mail, calendari

Dettagli

Payment Card Industry (PCI) Data Security Standard

Payment Card Industry (PCI) Data Security Standard Payment Card Industry (PCI) Data Security Standard Procedure per la scansione di sicurezza Versione 1.1 Release: settembre 2006 Indice generale Finalità... 1 Introduzione... 1 Ambito di applicazione dei

Dettagli

Virtualizzazione con Microsoft Tecnologie e Licensing

Virtualizzazione con Microsoft Tecnologie e Licensing Microsoft Virtualizzazione con Microsoft Tecnologie e Licensing Profile Redirezione dei documenti Offline files Server Presentation Management Desktop Windows Vista Enterprise Centralized Desktop Application

Dettagli

Parallels Plesk Panel

Parallels Plesk Panel Parallels Plesk Panel Notifica sul Copyright ISBN: N/A Parallels 660 SW 39 th Street Suite 205 Renton, Washington 98057 USA Telefono: +1 (425) 282 6400 Fax: +1 (425) 282 6444 Copyright 1999-2009, Parallels,

Dettagli

Manuale di installazione della piattaforma Business Intelligence per Windows

Manuale di installazione della piattaforma Business Intelligence per Windows Piattaforma SAP BusinessObjects Business Intelligence Versione del documento: 4.1 Support Package 3-2014-03-25 Manuale di installazione della piattaforma Business Intelligence per Windows Sommario 1 Cronologia

Dettagli

Guida all'installazione ed uso dell'app RXCamLink

Guida all'installazione ed uso dell'app RXCamLink Guida all'installazione ed uso dell'app RXCamLink Questa guida riporta i passi relativi all'installazione ed all'utilizzo dell'app "RxCamLink" per il collegamento remoto in mobilità a sistemi TVCC basati

Dettagli

Testi della Guida introduttiva a cura di Martin Ley. Revisione e controllo qualità: Cristina Bachmann, Heiko Bischoff, Marion Bröer, Sabine Pfeifer,

Testi della Guida introduttiva a cura di Martin Ley. Revisione e controllo qualità: Cristina Bachmann, Heiko Bischoff, Marion Bröer, Sabine Pfeifer, Guida Introduttiva Testi della Guida introduttiva a cura di Martin Ley. Revisione e controllo qualità: Cristina Bachmann, Heiko Bischoff, Marion Bröer, Sabine Pfeifer, Heike Schilling. Data di rilascio:

Dettagli

Acronis Backup & Recovery 11. Affidabilità dei dati un requisito essenziale

Acronis Backup & Recovery 11. Affidabilità dei dati un requisito essenziale Protezio Protezione Protezione Protezione di tutti i dati in ogni momento Acronis Backup & Recovery 11 Affidabilità dei dati un requisito essenziale I dati sono molto più che una serie di uno e zero. Sono

Dettagli

Seagate Access per Personal Cloud Manuale utente

Seagate Access per Personal Cloud Manuale utente Seagate Access per Personal Cloud Manuale utente 2015 Seagate Technology LLC. Tutti i diritti riservati. Seagate, Seagate Technology, il logo Wave e FreeAgent sono marchi depositati o marchi registrati

Dettagli

PASSIONE PER L IT PROLAN. network solutions

PASSIONE PER L IT PROLAN. network solutions PASSIONE PER L IT PROLAN network solutions CHI SIAMO Aree di intervento PROFILO AZIENDALE Prolan Network Solutions nasce a Roma nel 2004 dall incontro di professionisti uniti da un valore comune: la passione

Dettagli

Samsung Data Migration v2.6 Introduzione e Guida all'installazione

Samsung Data Migration v2.6 Introduzione e Guida all'installazione Samsung Data Migration v2.6 Introduzione e Guida all'installazione 2013. 12 (Revisione 2.6.) Esclusione di responsabilità legale SAMSUNG ELECTRONICS SI RISERVA IL DIRITTO DI MODIFICARE I PRODOTTI, LE INFORMAZIONI

Dettagli

Active Solution & Systems illustra La virtualizzazione dei Server secondo il produttore di Storage Qsan

Active Solution & Systems illustra La virtualizzazione dei Server secondo il produttore di Storage Qsan Active Solution & Systems illustra La virtualizzazione dei secondo il produttore di Storage Qsan Milano, 9 Febbraio 2012 -Active Solution & Systems, società attiva sul mercato dal 1993, e da sempre alla

Dettagli

Client di Posta Elettronica PECMailer

Client di Posta Elettronica PECMailer Client di Posta Elettronica PECMailer PECMailer è un semplice ma completo client di posta elettronica, ovvero un programma che consente di gestire la composizione, la trasmissione, la ricezione e l'organizzazione

Dettagli

Creare una pen drive bottabile con Zeroshell oppure installarlo su hard disk. by Gassi Vito info@gassielettronica.com

Creare una pen drive bottabile con Zeroshell oppure installarlo su hard disk. by Gassi Vito info@gassielettronica.com Creare una pen drive bottabile con Zeroshell oppure installarlo su hard disk by Gassi Vito info@gassielettronica.com Questa breve guida pratica ci consentirà installare Zeroshell su pen drive o schede

Dettagli

FileMaker Server 13. Pubblicazione Web personalizzata con PHP

FileMaker Server 13. Pubblicazione Web personalizzata con PHP FileMaker Server 13 Pubblicazione Web personalizzata con PHP 2007-2013 FileMaker, Inc. Tutti i diritti riservati. FileMaker, Inc. 5201 Patrick Henry Drive Santa Clara, California 95054 Stati Uniti FileMaker

Dettagli

Alb@conference GO e Web Tools

Alb@conference GO e Web Tools Alb@conference GO e Web Tools Crea riunioni virtuali sempre più efficaci Strumenti Web di Alb@conference GO Guida Utente Avanzata Alb@conference GO Per partecipare ad un audioconferenza online con Alb@conference

Dettagli

Guida alla configurazione della posta elettronica. bassanonet.com

Guida alla configurazione della posta elettronica. bassanonet.com Guida alla configurazione della posta elettronica bassanonet.com 02 Guida alla configurazione della posta elettronica I programmi di posta elettronica consentono di gestire una o più caselle e-mail in

Dettagli

Introduzione a Puppy Linux: installazione su una chiavetta USB

Introduzione a Puppy Linux: installazione su una chiavetta USB Introduzione a Puppy Linux: installazione su una chiavetta USB Alex Gotev 1 Contenuti Che cos'è Puppy Linux? Come posso averlo? Come si avvia? Che programmi include? Installazione su Chiavetta USB Domande

Dettagli

WAN 80.80.80.80 / 24. L obiettivo è quello di mappare due server web interni (porta 80) associandoli agli indirizzi IP Pubblici forniti dall ISP.

WAN 80.80.80.80 / 24. L obiettivo è quello di mappare due server web interni (porta 80) associandoli agli indirizzi IP Pubblici forniti dall ISP. Configurazione di indirizzi IP statici multipli Per mappare gli indirizzi IP pubblici, associandoli a Server interni, è possibile sfruttare due differenti metodi: 1. uso della funzione di Address Translation

Dettagli

Parallels Plesk Panel

Parallels Plesk Panel Parallels Plesk Panel Notifica sul Copyright Parallels Holdings, Ltd. c/o Parallels International GMbH Vordergasse 59 CH-Schaffhausen Svizzera Telefono: +41-526320-411 Fax+41-52672-2010 Copyright 1999-2011

Dettagli

PROCEDURA DI INSTALLAZIONE DI MYSQL E VolT per utenti Visual Trader e InteractiveBrokers

PROCEDURA DI INSTALLAZIONE DI MYSQL E VolT per utenti Visual Trader e InteractiveBrokers PROCEDURA DI INSTALLAZIONE DI MYSQL E VolT per utenti Visual Trader e InteractiveBrokers La procedura di installazione è divisa in tre parti : Installazione dell archivio MySql, sul quale vengono salvati

Dettagli

Remote Administrator v2.2

Remote Administrator v2.2 Remote Administrator v2.2 Radmin è il software più veloce per il controllo remoto. È ideale per l assistenza helpdesk e per la gestione dei network. Ultimo aggiornamento: 23 June 2005 Sito Web: www.radmin.com

Dettagli

Guida dell amministratore

Guida dell amministratore Guida dell amministratore Le informazioni e il contenuto del presente documento vengono forniti esclusivamente a scopi informativi e come sono, senza garanzie di alcun tipo, sia espresse che implicite,

Dettagli

Cinque best practice per amministratori VMware: Microsoft Exchange su VMware

Cinque best practice per amministratori VMware: Microsoft Exchange su VMware Cinque best practice per amministratori VMware: Microsoft Exchange su VMware Scott Lowe Founder and Managing Consultant del 1610 Group Modern Data Protection Built for Virtualization Introduzione C è stato

Dettagli

Guida del prodotto. McAfee SaaS Endpoint Protection (versione di ottobre 2012)

Guida del prodotto. McAfee SaaS Endpoint Protection (versione di ottobre 2012) Guida del prodotto McAfee SaaS Endpoint Protection (versione di ottobre 2012) COPYRIGHT Copyright 2012 McAfee, Inc. Copia non consentita senza autorizzazione. ATTRIBUZIONI DEI MARCHI McAfee, il logo McAfee,

Dettagli

Configurazione Zimbra mail per accedere alla propria casella di posta tramite il browser.

Configurazione Zimbra mail per accedere alla propria casella di posta tramite il browser. Configurazione Zimbra mail per accedere alla propria casella di posta tramite il browser. Se vogliamo accedere alla nostra casella di posta elettronica unipg.it senza usare un client di posta (eudora,

Dettagli

Acronis Compute with Confidence, Acronis Startup Recovery Manager, Acronis Active Restore ed il logo Acronis sono marchi di proprietà di Acronis, Inc.

Acronis Compute with Confidence, Acronis Startup Recovery Manager, Acronis Active Restore ed il logo Acronis sono marchi di proprietà di Acronis, Inc. Copyright Acronis, Inc., 2000-2011.Tutti i diritti riservati. Acronis e Acronis Secure Zone sono marchi registrati di Acronis, Inc. Acronis Compute with Confidence, Acronis Startup Recovery Manager, Acronis

Dettagli

MATRICE DELLE FUNZIONI DI DRAGON NATURALLYSPEAKING 12 CONFRONTO TRA EDIZIONI DEL PRODOTTO

MATRICE DELLE FUNZIONI DI DRAGON NATURALLYSPEAKING 12 CONFRONTO TRA EDIZIONI DEL PRODOTTO MATRICE DELLE FUNZIONI DI DRAGON NATURALLYSPEAKING 12 CONFRONTO TRA EDIZIONI DEL PRODOTTO Precisione del riconoscimento Velocità di riconoscimento Configurazione del sistema Correzione Regolazione della

Dettagli

CA Business Intelligence

CA Business Intelligence CA Business Intelligence Guida all'implementazione Versione 03.2.00 La presente documentazione ed ogni relativo programma software di ausilio (di seguito definiti "Documentazione") vengono forniti unicamente

Dettagli

Configuration Managment Configurare EC2 su AWS. Tutorial. Configuration Managment. Configurare il servizio EC2 su AWS. Pagina 1

Configuration Managment Configurare EC2 su AWS. Tutorial. Configuration Managment. Configurare il servizio EC2 su AWS. Pagina 1 Tutorial Configuration Managment Configurare il servizio EC2 su AWS Pagina 1 Sommario 1. INTRODUZIONE... 3 2. PROGRAMMI NECESSARI... 4 3. PANNELLO DI CONTROLLO... 5 4. CONFIGURARE E LANCIARE UN ISTANZA...

Dettagli