Nerella Botta IL «MIGLIOR FABBRO» Alle origini della letteratura italiana

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Nerella Botta IL «MIGLIOR FABBRO» Alle origini della letteratura italiana"

Transcript

1 Nerella Botta IL «MIGLIOR FABBRO» Alle origini della letteratura italiana

2 Nerella Botta Il «miglior fabbro» Alle origini della letteratura italiana A. La vita: unitarietà e diversità dei viventi LOESCHER EDITORE

3 Loescher Editore - Torino I diritti di elaborazione in qualsiasi forma o opera, di memorizzazione anche digitale su supporti di qualsiasi tipo (inclusi magnetici e ottici), di riproduzione e di adattamento totale o parziale con qualsiasi mezzo (compresi i microfilm e le copie fotostatiche), i diritti di noleggio, di prestito e di traduzione sono riservati per tutti i paesi. L'acquisto della presente copia dell'opera non implica il trasferimento dei suddetti diritti né li esaurisce. Fotocopie per uso personale (cioè privato e individuale), nei limiti del 15% di ciascun volume, possono essere effettuate dietro pagamento alla SIAE del compenso previsto dall'art. 68, commi 4 e 5, della legge 22 aprile 1941 n Tali fotocopie possono essere effettuate negli esercizi commerciali convenzionati SIAE o con altre modalità indicate da SIAE. Per riproduzioni ad uso non personale l'editore potrà concedere a pagamento l'autorizzazione a riprodurre un numero di pagine non superiore al 15% delle pagine del presente volume. Le richieste per tale tipo di riproduzione vanno inoltrate a: Associazione Italiana per i Diritti di Riproduzione delle Opere dell'ingegno (AIDRO) Corso di Porta Romana n. 108, Milano e sito web L'editore, per quanto di propria spettanza, considera rare le opere fuori del proprio catalogo editoriale. La fotocopia dei soli esemplari esistenti nelle biblioteche di tali opere è consentita, non essendo concorrenziale all'opera. Non possono considerarsi rare le opere di cui esiste, nel catalogo dell'editore, una successiva edizione, le opere presenti in cataloghi di altri editori o le opere antologiche. Nel contratto di cessione è esclusa, per biblioteche, istituti di istruzione, musei ed archivi, la facoltà di cui all'art ter legge diritto d'autore. Maggiori informazioni sul nostro sito: Ristampe N ISBN Nonostante la passione e la competenza delle persone coinvolte nella realizzazione di quest opera, è possibile che in essa siano riscontrabili errori o imprecisioni. Ce ne scusiamo fin d ora con i lettori e ringraziamo coloro che, contribuendo al miglioramento dell opera stessa, vorranno segnalarceli al seguente indirizzo: Loescher Editore s.r.l. Via Vittorio Amedeo II, Torino Fax Loescher Editore S.r.l. opera con sistema qualità certificato CERMET n A secondo la norma UNI EN ISO Realizzazione editoriale e tecnica: Salviati s.r.l. - Milano - redazione: Marina Mazzarelli - fotolito: New Graphicontact s.r.l. - Milano - videoimpaginazione: Paolo Cajelli - ricerca iconografica: Giulia Tabacco Progetto grafico: Cristina Rainoldi Copertina: Graphic Center - Torino Redattore responsabile: Paola Cardano Ricerca iconografica: Emanuela Mazzucchetti Stampa: Sograte - Città di Castello (PG) Referenze fotografiche: p. 6: Edizione speciale per il Gruppo Editoriale L Espresso S.p.A., 2009; p. 7: Edizione speciale per il Gruppo Editoriale L Espresso S.p.A., 2009; p. 10: Istituto Poligrafico e Zecca dello Stato, Editalia, 1997; p. 12: Istituto Poligrafico e Zecca dello Stato, Editalia, 1997; p. 13: Taschen, 2007; p. 14: Edizione speciale per il Gruppo Editoriale L Espresso S.p.A., 2009; p. 15: Taschen, 2007; p. 19: Istituto Poligrafico e Zecca dello Stato, Editalia, 1997; p. 20: RCS Quotidiani S.p.A., 2006; p. 21: Taschen, 2007; p. 22: Edizione speciale per il Corriere della Sera, RCS Quotidiani S.p.A., 2005; p. 27: Editions Ouest France, 2007; p. 29: Taschen, 2007; p. 30: Archivio Scala, E-ducation.it S.p.A., 2005; p. 31: Taschen, 2007; p. 32: Edizione speciale per il Corriere della Sera, RCS Quotidiani S.p.A., 2005; p. 33: Edizione speciale per il Corriere della Sera, RCS Quotidiani S.p.A., 2005; p. 35: Edizione speciale per il Corriere della Sera, RCS Quotidiani S.p.A., 2005; p. 38: Taschen, 2007; p. 39: Taschen, 2007; p. 40: Medioevo Dossier n. 1, 1998; p. 42: (1) Edizione speciale per il Corriere della Sera, RCS Quotidiani S.p.A., 2005, (2) Shutterstock; p. 43: Edizione speciale per il Corriere della Sera, RCS Quotidiani S.p.A., 2005; p. 44: Istituto Geografico De Agostini S.p.A., 1990; p. 49: Nardini Editore, 1995; p. 50: Gruppo Editoriale L Espresso S.p.A., 2007; p. 52: Gruppo Editoriale L Espresso S.p.A., 2007; p. 53: Edizione speciale per il Corriere della Sera, RCS Quotidiani S.p.A., 2004; p. 54: Archivio Scala, E-ducation.it S.p.A., 2005; p. 59: Gruppo Editoriale L Espresso S.p.A., 2007; p. 62: Gruppo Editoriale L Espresso S.p.A., 2007; p. 63: Edizioni Paoline, 1983; p. 65: Archivio Scala, E-ducation.it S.p.A., 2005; p. 66: RCS Quotidiani S.p.A., 2006; p. 69: Archivio Scala, E-ducation.it S.p.A., 2005; p. 70: Edizione speciale per il Corriere della Sera, RCS Quotidiani S.p.A., 2004; p. 71: Istituto Poligrafico e Zecca dello Stato, Editalia, 1997; p. 73: Archivio Scala, E-ducation.it S.p.A., 2005; p. 74: Archivio Scala, E-ducation.it S.p.A., 2005; p. 75: Shutterstock; p. 76: Taschen, 2007; p. 77: Shutterstock; p. 78: Taschen, 2007; p. 79: Taschen, 2007; p. 80: (1) Edizione speciale per il Corriere della Sera, RCS Quotidiani S.p.A., 2004, (2) Archivio Scala, E-ducation.it S.p.A., 2005.

4 Indice Le radici di una lingua Approfondimenti Qualche cenno di linguistica... 6 Dal latino alle lingue romanze (6) Dal latino all italiano (8) Dal volgare all italiano (10)... e qualche testo per cominciare 11 Primi documenti in volgare (11) Unità 1 Siciliani e siculo-toscani Dalla Provenza alla Sicilia 14 La Scuola siciliana GIACOMO DA LENTINI, Io m aggio posto in core a Dio servire 15 Meravigliosa-mente 17 Nel mondo dei giullari 20 Parodia e ripresa colta CIELO D ALCAMO, Rosa fresca aulentissima UN LAVORO PER TE Operare un confronto tra testi 25 Il lamento di una donna RINALDO D AQUINO, Già mai non mi conforto 26 Dalla Magna Curia al Comune 30 Invettiva e passione civile GUITTONE D AREZZO, Ahi lasso!, or è stagion de doler tanto 31 Verso lo Stilnovo BONAGIUNTA ORBICCIANI, Voi ch avete mutata la mainera 36 UN LAVORO PER TE Analizzare e commentare un testo 37 CHIARO DAVANZATI, La splendiente luce, quando appare 38 Dossier Federico II: stupor mundi «Io son colui che tenni ambo le chiavi...» DANTE ALIGHIERI, Pier delle Vigne 41 Federico II e le arti 42 La fine del regno 43 Teatro Ridere è una cosa seria 44 DARIO FO, Mistero buffo 4 44 La nascita del giullare 45 IN DETTAGLIO La trasmissione toscanizzata dei testi originari (19) Guelfi e Ghibellini a Montaperti (32) LA RIPRESA DEL MODELLO La pastorella (25) STORIA DI PAROLE La parola classico (7) FORME E GENERI Rima siciliana e rima ricca (16) Canzone di crociata e canzone di donna (29) 3

5 Unità 2 La lirica religiosa L armonia del Creato 50 La lode delle Creature FRANCESCO D ASSISI, Cantico delle Creature 51 La vita di San Francesco come esempio edificante ANONIMO DEI FIORETTI DI SAN FRANCESCO, Il lupo di Gubbio 55 L altra faccia del Francescanesimo 59 Amore di Dio e disprezzo del mondo JACOPONE DA TODI, Que farai, Pier da Morrone? 60 Donna de Paradiso 64 Dossier Dio, l inaccessibile Altro L ascesa dell anima ANTONIA POZZI, Salire 72 MARIA LUISA SPAZIANI, Forse gli alberi L attesa di un Evento CLEMENTE REBORA, Dall imagine tesa 74 DAVID MARIA TUROLDO, Natale L assenza-presenza di Dio DAVID MARIA TUROLDO, O infinito Silenzio 76 GIORGIO CAPRONI, Il delfino 77 Arte Giotto dipinge Francesco 71 Narrare con le immagini 78 Gli affreschi di Assisi 78 IN DETTAGLIO Il mito di San Francesco (56) Dante e Celestino V (63) La lauda (66) Approfondimenti LA RIPRESA DEL MODELLO Un cantico contemporaneo (53) FORME E GENERI Dalla lauda drammatica alla sacra rappresentazione (70) 4

6 0000_unità0_005_012_ Introduzione Poesia 03/11/10 14:18 Pagina 5 Le radici di una lingua Ora, il volgare di cui parliamo è reso sublime dalla dottrina e dal potere e rende sublimi i suoi cultori con l onore e la gloria. D. Alighieri, De vulgari eloquentia, XVII Qualche cenno di linguistica... Dal latino alle lingue romanze Dal latino all italiano Dal volgare all italiano e qualche testo per cominciare Primi documenti in volgare 11 5

7 0000_unità0_005_012_ Introduzione Poesia 03/11/10 14:18 Pagina 6 Qualche cenno di linguistica... Dal latino alle lingue romanze Diacronia e sincronia Se c è una cosa veramente difficile da stabilire con precisione è quando e come nasce una lingua: perché parliamo e scriviamo in italiano? E come mai il latino, che è madre comune delle lingue romanze, ha generato l italiano, il francese, il rumeno, lo spagnolo e via dicendo, lingue tutte così diverse tra loro? Qualsiasi lingua non nasce in un preciso momento, ma è il frutto di un lento processo secolare che tiene conto di fattori storici, linguistici e culturali. Così è avvenuto nel passaggio dal latino alle lingue romanze e poi al volgare italiano, un lungo percorso che ha le sue radici nella tendenza sempre più marcata alla semplificazione. Una precisazione è d obbligo: di latino non ce n era uno solo. Una cosa era il latino colto, un altra quello popolare, proprio della lingua d uso. Tra i due registri linguistici esistono varie divergenze, tuttavia non si tratta di due lingue diverse, ma di due aspetti della stessa lingua: mentre il latino classico è una nozione prevalentemente sincronica che considera la lingua nel suo funzionamento in un arco temporale (dal greco sùn krònos = in un tempo), il latino volgare è una nozione prevalentemente diacronica la lingua cioè viene considerata nella sua evoluzione storica (dal greco diàkrònos = nel tempo). Diacronia e sincronia sono due aspetti che, nello studio di una lingua, devono essere sempre tenuti presenti: analizzare una lingua dal punto di vista diacronico consente di cogliere l evoluzione fonetica e semantica di costrutti e forme, seguendo un percorso che, nel nostro caso specifico, porta attraverso vari stadi dal latino all italiano. Per studiare una lingua in una prospettiva sincronica è invece necessario scegliere, all interno della sua storia, un periodo di riferimento riconosciuto come significativo e focalizzare l attenzione su di esso. Nell ambito della lingua latina, tale periodo è stato tradizionalmente riconosciuto in un epoca a cavallo tra il I secolo a. C. e il I secolo d. C., l età di Cesare e di Cicerone. È questo il latino classico che si studia prevalentemente ancora oggi a scuola. Tale scelta si può considerare tuttora valida, non solo perché Cesare e Cicerone sono ritenuti i modelli esemplari dello scriver latino, ma anche perché la lingua di questa età è ormai del tutto matura e documentata da un vasto numero di testi: in essa si ritrovano forme e costrutti di epoche precedenti, oltre a locuzioni e a modi di dire destinati a svilupparsi anche successivamente. 3Vincenzo Foppa, Il giovane Cicerone, affresco, 1464, Londra, Wallace Collection. 6 Le radici di una lingua

8 Latino classico e latino volgare 4Maestro del Senofonte Hamilton, Donato Acciaiuoli traduce in italiano l Historia Florentina di Leonardo Bruni, Firenze, Biblioteca Nazionale Centrale. Alla base delle lingue romanze non sta il latino classico ossia il latino usato dagli scrittori con finalità colte e rimasto pressoché immutato nei secoli, anche in seguito all azione conservatrice operata dalla scuola e dalla Chiesa bensì quello volgare più popolare, utilizzato nella vita quotidiana e soggetto pertanto a una continua evoluzione, anche per il progressivo ampliamento degli orizzonti del mondo romano. Con il disgregarsi della società imperiale e con la conseguente crisi sociale che ne derivò, la scuola divenne di fatto incapace di assicurare il mantenimento della norma classica: il latino volgare (il cosiddetto sermo vulgaris ), meno sorvegliato e più aperto a innovazioni espressive, si andò dunque sviluppando affiancando la lingua classica, riservata alle classi più colte e ponendosi così come una sorta di anello intermedio tra il latino classico e le lingue neolatine. Al lessico del latino volgare, più semplice e rispondente a necessità concrete della vita quotidiana, la nostra lingua ha attinto una gran parte di vocaboli, soprattutto quelli di uso più comune, mentre le parole di registro più colto o attinenti i linguaggi tecnici e settoriali derivano quasi sempre dal lessico classico (e costituiscono i cosiddetti latinismi ). Negli esempi seguenti potrai notare come alcune parole derivino direttamente dal latino classico (e sono quelle di registro più colto), altre dal latino volgare (e sono quelle di uso più comune). dal latino classico domus = casa domestico, domicilio dal latino volgare casa = casa casa dal latino classico equus = cavallo equino, equestre, equitazione dal latino volgare caballus = cavallo cavallo dal latino classico speculum = specchio speculare, speculazione dal latino volgare speclum = specchio specchio dal latino classico ignis = fuoco igneo, ignifugo dal latino volgare focus = fuoco fuoco Storia di parole La parola classico La parola classico deriva da classis, una voce che in origine designava l intero esercito romano, ma che in seguito passò a significare flotta, in quanto per indicare le forze militari di terra si utilizzò il termine exercitus. Dopo la riforma attribuita al re Servio Tullio ( a. C.), il termine passò a definire una suddivisione dei cittadini. La costituzione serviana divideva infatti i cittadini in cinque classes: le prime tre erano di fanteria di linea, le ultime due di soldati armati alla leggera. Nella divisione operata da Servio Tullio l aggettivo classici (sottinteso cives, ossia cittadini ) designava anche i cittadini appartenenti alla prima delle classi di reddito in cui era stato diviso il popolo: da qui il senso traslato di scriptores classici ( autori classici ) per indicare gli scrittori di primo ordine, di prima classe, degni di imitazione. Con questo significato il termine è giunto fino ai nostri giorni, designando una realizzazione culturale degna di studio ed elevata a modello esemplare, rappresentativa di una determinata cultura e di una certa epoca. 7

9 Dal latino all italiano All interno delle lingue romanze, l italiano è una delle lingue che maggiormente si richiamano al modello latino, tanto che alcune parole presentano lo stesso suono in entrambe le lingue (ad esempio mare, dea, rosa, luna, bene, male...). I fenomeni che caratterizzarono il passaggio dal latino volgare all italiano furono molteplici: ci limiteremo a descrivere soltanto i mutamenti più significativi, che riguardano soprattutto l aspetto fonologico, morfologico, sintattico e lessicale della lingua 1. a) Mutamenti fonetici Nel latino classico la pronuncia delle vocali (a-e-i-o-u) si differenziava per la durata (o quantità ) lunga o breve: le vocali lunghe erano pronunciate con un tempo doppio rispetto a quelle brevi (a lunga = aa; a breve = a). La differenza di durata consentiva di distinguere parole omografe: ad esempio la parola liber, con la i lunga significa libero, mentre con la i breve significa libro. Già nel latino volgare, alla quantità delle vocali si sostituì il timbro, per cui le vocali brevi furono in genere pronunciate aperte (càne da canem, dènte da dentem), le lunghe chiuse (pane da panem, stella da stella). Inoltre, nel passaggio dal latino all italiano, le vocali àtone (ossia che si trovavano in sillabe non accentate) caddero, come ad esempio in: calidum caldum caldo alterum altrum altro mentre i dittonghi latini ae-oe-au scomparvero o si ridussero a semplici vocali. Ad esempio: rosae rose laetum lieto poenam pena aurum oro b) Mutamenti morfologici Il latino è una lingua flessiva, ossia determina la funzione della parola nella frase mediante apposite desinenze che variano a seconda della funzione che si vuole esprimere: ogni sostantivo, aggettivo e pronome muta dunque desinenza a seconda del caso, ossia della funzione logica svolta nella frase. Per quanto riguarda la morfologia nominale e pronominale, in italiano invece la funzione della parola all interno della proposizione è espressa mediante preposizioni che lasciano inalterata la parola stessa. Di conseguenza, in latino l ordine delle parole nella frase è libero; in italiano, invece, diventa essenziale a far capire il ruolo sintattico. La progressiva scomparsa delle declinazioni si nota già nel latino volgare: gradualmente le funzioni espresse dai casi vengono interpretate mediante il ricorso all uso di preposizioni e all ordine fisso delle parole La fonologia (dal greco foné = suono e lògos = studio ) è la parte della grammatica che studia i fonemi, cioè i suoni di una lingua; la morfologia (dal greco morphé = forma e lògos = studio ) è la parte della grammatica che studia le parole in quanto parti di un discorso, classificandole (articolo, sostantivo, aggettivo, pronome, verbo, avverbio, preposizione, congiunzione, interiezione) e descrivendone le forme (genere, Le radici di una lingua numero, modo, tempo...); la sintassi (dal greco sun = con e tàxis = ordine ) è la parte della grammatica che studia la combinazione delle parole nel discorso, le loro diverse funzioni nella frase semplice e nel periodo; la lessicologia (dal greco lèxis = parola ) è la parte della grammatica che studia l insieme delle parole di una lingua, analizzandone la formazione, i raggruppamenti per aree di significato, i valori espressivi.

10 Altri aspetti significativi sul piano delle differenze morfologiche sono: la scomparsa del neutro, un genere che in latino designava le realtà inanimate. Nel passaggio dal latino all italiano, i sostantivi di genere neutro sono diventati per lo più di genere maschile. Ad esempio: mare, is (neutro della III declinazione) il mare animal, is (neutro della III declinazione) l animale la formazione dell articolo determinativo e indeterminativo, assenti in latino. Dall aggettivo dimostrativo latino ille, illa, illud (quello, quella) deriva il nostro articolo determinativo il, la : progressivamente il pronome dimostrativo perse la sua funzione indicativa (quello, quella) per assumere un valore più vicino a quello dell articolo determinativo italiano. Dall aggettivo numerale latino unus, una, unum (uno, uno solo) deriva invece l articolo indeterminativo un, uno, una : ille lupus il lupo unus lupus un lupo illa rosa la rosa una rosa una rosa una diversa formazione della forma passiva del verbo. In latino la forma passiva del verbo era sintetica, cioè costituita dall unione del tema verbale con le desinenze proprie del passivo (laud-or = io sono lodato, laud-aris = tu sei lodato, laud-atur = egli è lodato). In italiano invece la forma del passivo è analitica, cioè formata da più parole, unendo il participio passato del verbo con le voci dell ausiliare essere (laudatus sum = io sono lodato, laudatus es = tu sei lodato, laudatus est = egli è lodato). c) Differenze lessicali Il latino costituisce la base più ampia dei vocaboli della nostra lingua: è stato calcolato che il lessico italiano è rappresentato per circa tre quarti da parole derivanti dal latino. Il passaggio dal latino all italiano è avvenuto principalmente attraverso due linee: quella della tradizione ininterrotta e popolare del latino volgare, con il suo lessico concreto e specifico, e quella interrotta e dotta, che ha recuperato dal latino classico alcune parole che si erano perdute o avevano cambiato il loro significato e le ha adattate all italiano, spesso modificandone l aspetto fonetico o il senso originario. Questa situazione ha comportato la presenza in italiano di numerosi doppioni: uno di registro più popolare, l altro di tono più elevato. Spesso, infatti, da una stessa radice latina abbiamo esiti diversi: ad esempio dal latino solidum derivano sia soldo (tradizione popolare) sia solido (tradizione dotta); da plebem derivano sia pieve (tradizione popolare) che plebe (tradizione dotta). Spesso, nel passaggio dal latino all italiano, il significato delle parole resta invariato (rosa = la rosa; stella = la stella; amicitia = l amicizia...); altre volte invece vi è un cambiamento di significato dalla parola latina a quella italiana. Ad esempio la parola testa, che significava in origine vaso di coccio (in latino classico testa si diceva caput, da cui il nostro capo ), è passata a indicare in italiano la parte superiore del corpo umano, il capo, che ha, più o meno, la forma di un vaso. Così pure l aggettivo captivus ( prigioniero ) è passato a indicare in italiano scellerato, malvagio, cattivo, perché i cristiani definivano captivus diaboli ( prigioniero del diavolo ) chi si macchiava di gravi colpe. d) Mutamenti sintattici Dal punto di vista della sintassi del periodo, il latino classico predilige la subordinazione (o ipotassi), per cui da una proposizione indipendente (o principale) dipendono varie subordinate che ne chiariscono e ne ampliano il senso. Nel passaggio dal latino classico a quello volgare e poi alla lingue romanze, la struttura del periodo tende a semplificarsi e la coordinazione (o paratassi) prevale sulla subordinazione. 9

11 0000_unità0_005_012_ Introduzione Poesia 03/11/10 14:18 Pagina 10 Dal volgare all italiano A differenza dell italiano, una lingua sostanzialmente pacifica, il cui prestigio è stato nel tempo solo letterario e mai politico, il latino è stato invece una lingua aggressiva, imposta ai popoli con la forza della dominazione. L unica lingua straniera che i Romani rispettarono e fecero propria fu il greco, mentre le altre lingue ritenute barbare finirono per essere spodestate dal latino, con il quale in parte si fusero. Tuttavia, già a partire dall età tardo-imperiale (III-IV secolo d. C.), all interno del latino si vengono a determinare: un processo di differenziazione linguistica, per cui la lingua parlata in una certa regione dell Impero non è la stessa di altre regioni; una frattura tra lingua scritta e lingua parlata, in seguito alla quale il latino scritto tende a cristallizzarsi e a mantenere il suo ruolo di lingua colta, mentre il latino volgare, come abbiamo visto, ha un evoluzione diacronica dalla quale nascono, nell arco di quattro-cinque secoli, le lingue romanze, dette anche volgari, trasformazioni di un particolare registro stilistico del latino in realtà linguisticamente autonome. Tra il V e l VIII secolo le invasioni dei barbari, dei goti, dei longobardi e dei franchi lasciano nel lessico tracce del loro passaggio: così il germanico werra (mischia) scalza il classico bellum. Si entra in un epoca buia : l uso della scrittura si perde e il lessico diventa minimo ed estremamente concreto (domus è sostituito da casa, casupola). Il linguaggio si fa poverissimo, si imbastardisce, diventando così grossolano e disadorno da sembrare addirittura infantile. Un cronista del tempo riferisce che l arcivescovo Grazioso, invitando a cena Carlo Magno, lo fece sedere a tavola con queste parole: Pappa, domine mi rex, pappa! Continua intanto il processo di differenziazione linguistica che porterà, nello stesso arco di tempo, alla formazione delle lingue romanze, in particolare: nell area iberica castigliano (spagnolo), portoghese e catalano; nell area francese provenzale (lingua d oc) e francese (lingua d oil); nell area italiana vari dialetti, tra cui sarà destinato a emergere il toscano. La nuova realtà linguistica appare con chiarezza con la rinascita degli studi voluta da Carlo Magno: al Concilio di Tours (813) è evidente la necessità di tradurre le prediche in francese e in tedesco perché siano comprese dal pubblico. Sempre in Francia, pochi anni dopo, si giunge al primo documento in volgare romanzo, il cosiddetto giuramento di Strasburgo, pronunciato il 14 febbraio 842 per sancire l alleanza tra gli eserciti di Ludovico il Germanico e di Carlo il Calvo. I due erano figli di Ludovico il Pio, successore di Carlo Magno e con questo patto rafforzavano l alleanza contro il terzo fratello, Lotario. Il giuramento venne redatto in volgare francese ( romana lingua ) e in tedesco perché fosse compreso dai rispettivi eserciti. La prima parte, in francese, del testo dei Giuramenti di Strasburgo, manoscritto, IX-X secolo, Parigi, Bibliothèque Nationale de France. 10 Le radici di una lingua

12 ... e qualche testo per cominciare Primi documenti in volgare Il ritardo della letteratura italiana Mentre in altri paesi quali la Francia, la Spagna e il Portogallo si hanno documenti letterari in volgare fin dai secoli XI e XII, in Italia la letteratura parte con un certo ritardo e dovremo attendere il XIII secolo per avere i primi testi. La diglossia, ossia la compresenza di due lingue differenziate funzionalmente, delle quali l una è utilizzata solo in ambito formale e l altra solo in ambito informale, caratterizza di fatto l uso del volgare italiano alle sue origini: si parla in volgare, ma si continua a scrivere in latino. Questo latino però, a poco a poco, presenta un sempre maggior numero di volgarismi, particolarmente evidenti in alcuni testi, soprattutto documenti giuridici e notarili nati da una certa casualità e riferiti a necessità di tipo pratico. Storia di un chierico distratto «In un anno qualsiasi della prima metà del IX secolo, 820 o 840, poco importa, un chierico era intento a copiare, nello scriptorium della scuola capitolare di Verona, un testo classico. La trascrizione di antichi manoscritti, sopravvissuti al flagello dei barbari, al fuoco, all umidità, alle tarme, ai topi e all oblio, occupava a tempo pieno falangi di copisti nei conventi di tutta Europa. Un compito faticoso e monotono: c era da perdere la vista e da diventare gobbi, sempre chini sulla scriptoria mensa... Ma torniamo al nostro chierico veronese: era un ragazzo e i ragazzi, si sa, hanno la tendenza a perdersi con la testa tra le nuvole. Così, quella mattina che immaginiamo di primavera, il giovane copista, stregato dall aria tiepida, dai profumi che provenivano dall orto e dall azzurro del cielo, sospese il lavoro e [...] si mise a fantasticare. Quando ciò accade, capita e sarà capitato anche a voi di tracciare distrattamente ghirigori o lettere dell alfabeto, di disegnare linee o cerchi. Il nostro copista, che era uno scrivano, si mise a scrivere sul margine di un vecchio codice liturgico utilizzato, dopo aver appuntito la rachide, per le prove di penna: se pareba boves & alba pratalia araba & albo versorio teneba & negro semen seminaba È, questo, l indovinello veronese, da taluni ritenuto il primo documento scritto in italiano. Eccone la traduzione: somigliavano a buoi / aravano i bianchi campi e tenevano il bianco vomere / e seminavano il nero seme I buoi sono le cinque dita. I bianchi campi sono i fogli. Il bianco vomere è la penna. Il nero seme, l inchiostro. Un indovinello, dunque, ma anche una parabola del lavoro del copista e un documento fondamentale per gli studiosi di linguistica. Senza volergli fare torto, è necessario precisare che l indovinello non è farina del sacco del chierico veronese. Doveva circolare fra gli scriptoria. La stessa allegoria la troviamo in Paolo Diacono e in Adelmo di Malmesbury che, se avete letto Il nome della rosa, qualcosa dovrebbe dirvi...» (P. Granzotto, Il piacere dell italiano, Scipioni, Valentano, 2001) 11

13 0000_unità0_005_012_ Introduzione Poesia 03/11/10 14:18 Pagina 12 Una questione di proprietà Ben altre caratteristiche ha, intorno al 960, il cosiddetto placito cassinense (o placito capuano): Sao Ke kelle terre, per kelle fini que ki contene trenta anni le possette parte sancti Benedicti. (So che quelle terre, entro quei confini che qui si descrivono, trent anni le ha tenute in possesso il monastero di San Benedetto). Il placito è un atto notarile, una sentenza relativa a un processo intentato contro un tale Rodelgrimo, che aveva occupato le terre di proprietà dell abbazia benedettina di Montecassino. Il testo si inserisce in un preciso ambito politico-sociale, il principato longobardo di Capua e Benevento, e fa riferimento a una precisa contingenza storica, la battaglia legale condotta dagli abati di Montecassino per recuperare i beni terreni sottratti al convento, a seguito della sua distruzione a opera dei saraceni nell 883. La sentenza viene inserita in volgare all interno di un verbale redatto in testo latino: il ricorso al doppio codice linguistico prova che giudici e notai, in quanto depositari della norma giuridica, si esprimevano in un latino tecnico e formulare, ma nel contempo dovevano applicare la norma al servizio di una collettività del tutto illetterata. Tre anni dopo altri atti simili, prodotti sempre in Campania (a Sessa Aurunca e a Teano) e riguardanti lo stesso processo, ripresentano la stessa formula, ormai divenuta d uso. La formula di giuramento in volgare campano contenuta nel Placito di Capua. Un originale fumetto «Altra interessante testimonianza del volgare è l iscrizione su un affresco della chiesa di San Clemente, a Roma. Interessante perché è il primo esempio di volgare riservato al pubblico. Insomma, non un atto notarile, ma un fumetto che tutti i fedeli di San Clemente potevano leggere (o meglio, farsi leggere). L affresco rappresenta il pagano Sisinnio il quale, convinto che avesse abusato della propria moglie, è intento a punire San Clemente: Fili de le pute, traite ( figli di puttana, trascinatelo qui! ), intima Sisinnio ai servi Gosmari e Albertel. Falite dereto co lo palo ( dagli dietro col palo! ), ordina al terzo servo, Cavroncelle (Carboncello). Come è noto, Clemente non subì le sevizie alle quali Sisinnio intendeva sottoporlo. Si compì infatti un miracolo: invece del santo, Gosmari, Albertel e Cavroncelle trascinarono e martirizzarono una pesante colonna. Dalla quale si levò l ammonimento: Duritiam cordis vestris saxa traere meruistis ( per la durezza del vostro cuore avete meritato di trascinar pietre ). Noterete che il santo non si esprime in volgare: il santo uomo di Chiesa, se parla, parla in latino (un po zoppicante, ma tant è). Quando tutto lasciava credere che il rusticum verbum potesse crescere sano e forte, quando sembrava cosa fatta il distacco dalla lingua madre, riservata all eloquio di preti, di papi e di santi, con un colpo di coda il latino tornò prepotentemente in cattedra, confinando l italiano in un angolo». (P. Granzotto, Il piacere dell italiano cit.) 12 Le radici di una lingua

14 Unità 1 Siciliani e siculo-toscani Dalla Provenza alla Sicilia Giacomo da Lentini Io m aggio posto in core a Dio servire Meravigliosa-mente Nel mondo dei giullari Cielo d Alcamo Rosa fresca aulentissima... Rinaldo d Aquino Già mai non mi conforto Dalla Magna Curia al Comune Guittone d Arezzo Ahi lasso!, or è stagion de doler tanto Bonagiunta Orbicciani Voi ch avete mutata la mainera Chiaro Davanzati La splendiente luce, quando appare Intersezioni Dossier: Federico II: stupor mundi 4Dante Alighieri Pier delle Vigne Teatro: Ridere è una cosa seria 4Dario Fo Mistero buffo 13

15 La Dalla nascita Provenza della alla Sicilia lirica d amore: dalla Provenza allo Stilnovo 14 6Anonimo, Scena di corte, 1460 circa, Bergamo, Accademia Carrara. Alla corte di Federico II ( ), incoronato imperatore nel 1220, la Sicilia diventa il centro politico e culturale del Sacro Romano Impero: proprio a Palermo si raccoglie il primo gruppo omogeneo di poeti italiani che daranno vita a quella Scuola che Dante definirà siciliana. Tema dominante di questa produzione poetica è, per influenza provenzale, l amore, e rielaborazione in volgare locale della poesia trobadorica può essere definita la lirica di questo cenacolo ristretto e selezionato di autori, primo esempio di poesia d arte composta in volgare italo-romanzo. Alla corte di Federico II fioriva rigogliosa la vita intellettuale: l imperatore stesso possedeva vaste conoscenze nelle arti e nelle scienze; fautore di una cultura e di uno stato moderni, Federico seppe valorizzare la cultura araba, la scienza e la filosofia, favorì la scuola come istituzione per la formazione di un ceto dirigente e fondò, nel 1224, l Università di Napoli, concorrente di quella di Bologna e primo esempio di università laica. Con la sua corte i poeti della Scuola intrattengono un rapporto stretto: a partire dal loro iniziatore, quel Giacomo da Lentini che sarebbe stato l inventore del sonetto, tutti appartengono allo stesso mondo. Sono dignitari e funzionari stipendiati che scrivono per puro diletto e per i quali si è coniata la definizione di poeta-notaio. Se per il tema esclusivo dell amore (nella forma di un raffinato gioco intellettuale che rimanda all amore fino di ascendenza trobadorica e che esclude ogni riferimento sociale e politico) i nostri poeti richiamano il mondo provenzale, la loro distanza dal modello d Oltralpe si può ritrovare nell accentuazione dell esperienza individuale, in una maggiore capacità di introspezione psicologica e nell astrazione che preannuncia toni allegorici. Importanti innovazioni tecniche e metriche distinguono poi la produzione dei Siciliani: dalla centralità della canzone che in origine era destinata a essere musicata alla creazione del sonetto, la forma chiusa destinata ad avere tanta fortuna nella nostra storia letteraria, fino a diventare il metro prediletto per la poesia d amore. Stilisticamente la poesia dei Siciliani è artificiosa, utilizza diversi tipi di rime e si esprime in una lingua volgare aulica, altrettanto artificiale e di genere. Tale lingua, tuttavia, nel passaggio alla volgarizzazione in toscano perderà molte delle caratteristiche tipiche del fondo idiomatico di base. Unità 1 Siciliani e siculo-toscani

16 La Scuola siciliana GIACOMO DA LENTINI Io m aggio posto in core a Dio servire Giacomo (Jacopo) da Lentini è il primo poeta che Dante ricorda come autorevole iniziatore della Scuola siciliana: nato intorno al 1210 e morto verso il 1260, della sua vita non si hanno molte notizie. Notaio alla corte di Federico II, con questo titolo firmò alcune liriche. A lui è attribuita l invenzione del sonetto, una forma poetica sconosciuta ai provenzali, oltre alla codificazione della forma metrica della canzone. Imitato in vario modo dagli altri Siciliani e molto apprezzato anche dai Toscani, il suo canzoniere, composto da 38 componimenti, è il più articolato e ricco di quelli a noi pervenuti. 1. m aggio: l uso dell ausiliare avere al posto di 10 essere è caratteristica meridionale. 2. ghiora: forma popolare toscana di gloria (come sinonimo di paradiso ). 5 Io m aggio 1 posto in core a Dio servire, com io potesse gire in paradiso, al santo loco, ch aggio audito dire, o si mantien sollazzo, gioco e riso. Sanza mia donna non vi voria gire, quella c à blonda testa e claro viso, che sanza lei non poteria gaudere, estando da la mia donna diviso. Ma no lo dico a tale intendimento, perch io pecato ci volesse fare; se non veder lo suo bel portamento e lo bel viso e l morbido sguardare: che l mi teria in gran consolamento, veggendo la mia donna in ghiora 2 stare. (G. da Lentini, in Antologia della poesia italiana, a cura di C. Segre e C. Ossola, Torino, Einaudi, 1997) Io mi sono proposto di servire Dio / in modo da poter andare in paradiso, / al santo luogo del quale ho sentito parlare, / dove durano eternamente gioia, divertimento e allegria. Non vorrei andarvi senza la mia donna, / quella dalla testa bionda e dal viso luminoso, / perché senza di lei non potrei provare gioia, / stando diviso dalla mia donna. Tuttavia non lo dico con l intenzione / di voler commettere peccato; / ma solo per vedere il suo virtuoso comportamento, il suo bel viso e il dolce sguardo: / perché sarebbe per me una grande consolazione / vedere la mia donna stare nella beatitudine del paradiso. Analisi del testo Tra cielo e terra Il sonetto sembra aprirsi con un intenzione religiosa: una vita esemplare («Dio servire») è condizione essenziale per guadagnarsi la beatitudine eterna. Tuttavia, il paradiso di cui si parla nel seguito del testo ha caratteristiche molto legate alla terra: «sollazzo, gioco e riso» (v. 4) sono elementi piacevoli, più legati alla vita mondana di una corte terrena che non alla gioia celeste. A completare il quadro, l immagine della donna amata conferma l ambiguità presente nel testo: se da un lato tale donna ha «blonda testa e claro viso» (v. 6), attributi tipici della bellezza femminile, dall altro essa è vista in chiusura della lirica quasi come una donna angelicata, che risiede «in ghiora», ossia nella beatitudine eterna. 4Dama a cavallo, Breviario Grimani, , Venezia, Biblioteca Nazionale Marciana. 15

17 Questa divinizzazione femminile «è stata variamente interpretata: per alcuni costituisce l ultimo elemento di una decisa materializzazione del paradiso (ben nota alla concretezza popolare); per altri, al contrario, un momento di spiritualizzazione dell amore fisico, sublimato nella pura contemplazione di una creatura che prelude alla donna-angelo degli stilnovisti» (Segre-Martignoni). Particolare, inoltre, nella seconda quartina la costruzione in parallelo che abbiamo evidenziato nel testo («Sanza mia donna non vi voria gire... sanza lei non poteria gaudere»): sostenere che senza la propria donna non sarebbe completa la beatitudine neppure in paradiso è un affermazione certamente molto forte, anche considerando l epoca in cui la lirica è stata scritta. Il poeta se ne accorge e cerca di mediare, precisando che non ha intenzione di commettere peccato e tentando così di risolvere, con un tono leggero e vagamente ironico, il conflitto tra amore e religione. Il linguaggio Pur nella trascrizione toscana, restano evidenti alcuni elementi del lessico siciliano: il verbo «aggio» (vv. 1 e 3) e la rima «gire-gaudere», che nell originale era «giri-gaudiri», in quanto in siciliano la e lunga del latino si trasformava in i, mentre in toscano dà e chiusa. Si crea così una pseudo rima, definita rima siciliana. A livello lessicale è forte la presenza di provenzalismi: parole come «sollazzo», «blonda», «claro» (con il mantenimento del nesso iniziale bl e cl, normale in provenzale e in francese), «intendimento», «portamento» e «consolamento» appartengono a questo ambito linguistico, mentre è tipica del toscano la forma «ghiora» per gloria (che è un elemento introdotto dal copista). «Audito» e «gaudere» sono invece due latinismi. Forma metrica La lirica è un sonetto con quartine e terzine a rime alternate secondo lo schema ABAB, ABAB, CDC, DCD. Il v. 7 è in rima siciliana («gaudere» per «gaudire»), mentre il v. 3 e il v. 7 presentano rima ricca («dire»-«gaudere»), come pure i vv («intendimento», «portamento» e «consolamento»). Forme e generi Rima siciliana e rima ricca Nell analisi del testo precedente abbiamo fatto cenno a due tipi di rime un po particolari, in uso nella poesia delle origini: la rima siciliana e la rima ricca. Per rima siciliana si intende un tipo particolare di rima, derivata da un errore linguistico, per cui rimano tra loro la e chiusa con la i e la o chiusa con la u : ad esempio, nella lirica analizzata, erano in rima «gire» e «gaudere». Nel testo originario siciliano la rima era regolare: il fraintendimento si è verificato nella successiva trascrizione in toscano a opera dei copisti. Si parla invece di rima ricca quando le parole condividono altri fonemi prima dell accento tonico: nel testo sono in rima ricca «dire»/«gaudere», come pure «intendimento», «portamento» e «consolamento». Esercizi Comprensione 1 Dove si ambienta la fantasia del poeta? 2 Perché il poeta dichiara di volere «servire Dio»? 3 Quali caratteristiche attribuisce al Paradiso Giacomo da Lentini? 4 Come viene presentata la figura femminile? 7 Nel sonetto si alternano prospettiva cortese e prospettiva cristiana: individua gli elementi che delineano queste due sfere. 8 Come il poeta cerca di superare il conflitto tra amore e religione? 9 Rintraccia nella lirica: a. i dialettismi siciliani; b. i latinismi; c. i provenzalismi. 16 Riflessione 5 Sottolinea le parole-chiave del testo. 6 Quali interpretazioni critiche sono state fornite di questa poesia? Unità 1 Siciliani e siculo-toscani Produzione 10 Confronta l immagine della donna presentata in questo testo con le donne presenti nella poesia stilnovista: quali aspetti comuni puoi evidenziare? Quali differenze?

18 Meravigliosa-mente 5 Meravigliosa-mente un amor mi distringe e mi tene ad ogn ora. Com om che pone mente in altro exemplo pinge la simile pintura, così, bella, facc eo, che nfra lo core meo porto la tua figura. In modo straordinario / un amore mi lega / e mi possiede in ogni momento. / Come chi osserva con attenzione / un diverso modello ne dipinge / una copia esatta, / così, o bella, faccio io, / che nel mio cuore / porto la tua immagine In cor par ch eo vi porti, pinta come parete 1, e non pare difore. O Deo, co mi par forte non so se lo sapete, con v amo di bon core; ch eo son sì vergognoso ca pur vi guardo ascoso e non vi mostro amore. Pare che io vi porti dipinta / nel cuore proprio come apparite, / e nulla traspare all esterno. / O Dio, come mi pare doloroso! / Non so se lo sapete / come vi amo di tutto cuore, / perché io sono così timido / che vi guardo solo di nascosto / e non vi manifesto il mio amore Avendo gran disio, dipinsi una pintura, bella, voi simigliante, e quando voi non vio 2 guardo n quella figura, e par ch eo v aggia 3 davante: come quello che crede salvarsi per sua fede, ancor non veggia inante. Avendo un grande desiderio, / dipinsi un immagine, / o bella, a voi somigliante, / e quando non vi vedo / guardo quella figura / e mi sembra di avervi davanti: / come chi crede / di salvarsi grazie alla sua fede, / sebbene non veda davanti [ai suoi occhi] quello in cui crede Al cor m ard una doglia, com om che ten lo foco a lo suo seno ascoso, e quanto più lo nvoglia, allora arde più loco e non pò star incluso: similemente eo ardo quando pass e non guardo a voi, vis amoroso. Nel cuore mi arde una passione dolorosa; / come uno che tiene un fuoco / nascosto nel cuore, / e quanto più lo avvolge / tanto più lì esso brucia / e non può stare rinchiuso: / in modo simile io ardo / quando passo e non rivolgo a voi lo sguardo, / o viso degno di essere amato. 1. pinta... parete: ritratta così come apparite. 2. vio: forma siciliana per vedo. 3. v aggia: vi abbia. 4. ancosciare... an coscio: sono forme siciliane per affannare, singhiozzare S eo guardo, quando passo, inver voi no mi giro, bella, per risguardare; andando, ad ogni passo getto un gran sospiro ca facemi ancosciare; e certo bene ancoscio 4, c a pena mi conoscio, tanto bella mi pare. Se anche guardo, quando passo, / verso di voi, non mi giro, / o bella, per guardare una seconda volta. / Continuando a camminare, a ogni passo / emetto un gran sospiro / che mi fa singhiozzare / e certamente mi affanno / così che a mala pena mi riconosco, / tanto bella mi apparite. 17

19 50 Assai v aggio laudato, madonna, in tutte parti, di bellezze c avete. Non so se v è contato ch eo lo faccia per arti, che voi pur v ascondete: sacciatelo per singa 5 zo ch eo no dico a linga, quando voi mi vedite. Assai vi ho lodato, / o madonna, in tutti i miei componimenti / per la bellezza che avete. / Non so se vi è stato detto / che io lo faccia ad arte, / dal momento che voi continuate a nascondervi: / comprendetelo da altri segni / se io non riesco a dirvelo a parole, / quando mi vedrete. 5. sacciatelo... singa: sono forme siciliane ( sappiatelo per segni ) Canzonetta novella, va canta nova cosa; lèvati da maitino davanti a la più bella, fiore d ogn amorosa, bionda più c auro fino: «Lo vostro amor, ch è caro, donatelo al Notaro ch è nato da Lentino». (G. da Lentini, in Antologia della poesia italiana cit.) Canzonetta appena composta, / va a cantare una cosa straordinaria. / Presentati di buon mattino / davanti alla donna più bella, / fior fiore delle donne degne di essere amate, / bionda più dell oro puro: / «il vostro amore, che è prezioso, / donatelo al Notaio / che è nativo di Lentini». 18 Analisi del testo L interiorizzazione dei motivi provenzali In questa lirica Giacomo da Lentini rielabora temi della poesia provenzale: dall amore tenuto nascosto da un innamorato timido, all immagine di madonna dipinta nel cuore, ai segni che rivelano all esterno i sentimenti. Questi motivi tradizionali sono tuttavia ravvivati da una serie di immagini che conferiscono alla poesia un tono particolare. La visione reale di madonna Nei passaggi che scandiscono il testo il poeta, rivolgendosi alla donna amata, confessa la straordinaria esperienza spirituale di un sentimento che, dalla contemplazione esterna, passa a una visione tutta interiore. Il motivo è svolto in tre momenti, che ne esprimono la gradazione: nel primo (fino al v. 35) il poeta contempla l amata in modo da non essere visto. La bellezza di lei, che gli appare come un miracolo, suscita nel suo cuore uno stupore doloroso, come di fronte a una creatura divina. La consapevolezza della distanza incolmabile tra amante e amata, condizione fondamentale della fin amor, viene qui ribadita. Alla contemplazione si alterna il dolore di non riuscire a esprimere, per timidezza o incapacità, il proprio sentimento: così al v. 35 il poeta dichiara di non osare guardare la donna quando le passa accanto. In un ulteriore passaggio (vv ) insiste su questa impossibilità di voltarsi una seconda volta a contemplarla. Unità 1 Siciliani e siculo-toscani Dalla visione reale a quella interiore Alla visione oggettiva della donna si contrappone la visione interiore: il poeta sottolinea come l immagine dell amata sia impressa nel cuore e sia una perfetta riproduzione del modello originale. Il concetto è espresso attraverso parole-chiave che rimandano al mondo della pittura e che abbiamo evidenziato nel testo: come un artista riproduce con esattezza il modello da dipingere, così accade al poeta quando dipinge in cuore l immagine di madonna. Lo sguardo interiore è superiore alla visione reale ed è proprio questo il motivo più profondo della lirica: partendo dalla realtà dell immagine, si passa poi alla sua astrazione. Il poeta ricorre a questo punto ad altri motivi tradizionali della lirica trobadorica: con l iterazione del verbo «parere» (ai vv. 10, 11, 12, 13, 24 e 45) e del verbo «ardere» (vv. 28, 32, 34), il poeta da un lato sottolinea il contrasto tra visione oggettiva e visione interiore della donna, dall altro crea un campo semantico in cui è evidente l intensità della passione amorosa. Forma metrica La lirica è una canzonetta di sette strofe: nell ultima (vv ), che funge da congedo, il poeta rivolge all amata una preghiera perché gli faccia dono del suo amore, firmandosi con la qualifica «Notaro». Ogni strofa è costituita da nove versi settenari, con rime secondo lo schema ABC, ABC, DDC. Le rime siciliane si trovano ai versi: 3-6-9; 10-13; ;

20 Esercizi Comprensione 1 Sintetizza in 10 righe il contenuto della canzonetta. 2 Rintraccia nella lirica le parole-chiave e definisci i campi semantici da esse suggeriti. 3 Come viene sviluppato nella poesia il tema dell immagine interiore della donna amata? 4 Quali parole segnalano nel testo la timidezza dell a - mante? 5 Sottolinea nel testo le rime siciliane. Riflessione 6 Aiutandoti con le sottolineature e le parole in grassetto del testo, individua le espressioni legate al tema della visione. 7 Aiutandoti con le sottolineature e le parole in grassetto, analizza la similitudine della pintura e spiegane il significato. 8 Aiutandoti con le sottolineature e le parole in grassetto, rintraccia nella lirica il tema della bellezza femminile. 9 Rintraccia nella poesia il punto in cui la visione della donna amata assume tratti religiosi. 10 Sul piano linguistico nella lirica si nota una pluralità di registri. Rintraccia: a. le parole siciliane; b. i provenzalismi. Produzione 11 Prova, in un breve testo in versi o in prosa, a descrivere una persona per la quale provi o hai provato un sentimento d amore o d affetto. In dettaglio La trasmissione toscanizzata dei testi originari Quando i testi siciliani sono stati trascritti in Toscana dai copisti, hanno ricevuto una patina linguistica toscaneggiante : i testi che oggi possiamo leggere non sono dunque nella loro lingua originale, il siciliano illustre, bensì nella versione riveduta e corretta dagli amanuensi. La conseguenza più vistosa si è avuta quando la trascrizione di una parola ha generato quella rima imperfetta che è stata definita siciliana (vedi Forme e generi, p. 16). In questa situazione, particolare valore assume l unico componimento che ha mantenuto la sua veste linguistica originale: si tratta di una canzone di Stefano Protonotaro (o da Messina ), dal titolo Pir meu cori alligrari (Per rallegrare il mio cuore). Questo testo ci è stato trasmesso nella sua forma autentica da Giovanni Maria Barbieri, un filologo del Cinquecento che l ha trascritto da un codice poi andato perduto. Data la complessità del testo ci limitiamo a riportarne la prima strofa, con la parafrasi Pir meu cori alligrari, chi multu longiamenti senza alligranza e joi d amuri è statu, mi ritornu in cantari, ca forsi levimenti da dimuranza turniria in usatu di lu troppu taciri; e quandu l omu ha rasuni di diri, ben di cantari e mustrari alligranza, ca senza dimustranza joi siria sempri di pocu valuri; dunca ben di cantari onni amaduri. Parafrasi: Per rallegrare il mio cuore / che è stato a lungo / senza allegrezza e gioia d amore, / riprendo a cantare / perché forse facilmente / potrei mutare in abitudine l indugio / del troppo tacere, / e quando qualcuno ha ragione di poetare / ben deve cantare e mostrare allegria / perché se non viene manifestata / la gioia sarebbe di poco valore: / dunque ben deve cantare ogni innamorato. Con la fine del Medioevo la fruizione del libro raggiunse le corti. Città del Vaticano, Biblioteca Apostolica Vaticana. 19

LA NASCITA DELLA LINGUA ITALIANA

LA NASCITA DELLA LINGUA ITALIANA LA NASCITA DELLA LINGUA ITALIANA V VII SECOLO. IL CROLLO DELLA CULTURA Le città vengono saccheggiate o abbandonate: crolla l istituzione scuola Le poche biblioteche pubbliche e private bruciano o sono

Dettagli

Scuola poetica siciliana

Scuola poetica siciliana Scuola poetica siciliana La scuola poetica siciliana, sorta attorno al 1230 nella corta dell l'imperatore e re di Sicilia Federico II di Svevia, produsse la prima lirica in volgare italiano. L attività

Dettagli

I colori dell autunno

I colori dell autunno I quaderni di Classe II A Scuola Secondaria di I Grado A. Zammarchi Castrezzato (BS) I colori dell autunno Haiku Poëtica Novembre 2009 Poëtica Classe II A - Scuola Secondaria di I Grado A. Zammarchi -

Dettagli

http://www.veronicaetony.com/download/accordivet.pdf http://www.veronicaetony.com/download/ascoltamp3.zip

http://www.veronicaetony.com/download/accordivet.pdf http://www.veronicaetony.com/download/ascoltamp3.zip Scarica questo libretto Ascolta le canzoni in MP3 http://www.veronicaetony.com/download/accordivet.pdf http://www.veronicaetony.com/download/ascoltamp3.zip Canti con accordi 1 Lo spirito e la sposa z do

Dettagli

Dante Alighieri 1265-1321

Dante Alighieri 1265-1321 Dante Alighieri 1265-1321 La vita Anni Eventi 1265 Nasce a Firenze da una famiglia nobile decaduta 1289 Frequenta i poeti stilnovisti 1295 Inizia l attività politica in Firenze; è un guelfo bianco 1301

Dettagli

SCUOLA DELLA FEDE [4] La risposta dell uomo a Dio [5.03. 2013]

SCUOLA DELLA FEDE [4] La risposta dell uomo a Dio [5.03. 2013] SCUOLA DELLA FEDE [4] La risposta dell uomo a Dio [5.03. 2013] 1. La risposta a Dio che ci parla; a Dio che intende vivere con noi; a Dio che ci fa una proposta di vita, è la fede. Questa sera cercheremo

Dettagli

"Fratello Lupo" Lettere dal carcere a cura di Fra Beppe Prioli

Fratello Lupo Lettere dal carcere a cura di Fra Beppe Prioli Fratello Lupo - 2003 n.2 "Fratello Lupo" Lettere dal carcere a cura di Fra Beppe Prioli Caro Fra Beppe, ti ringrazio della lettera che mi hai scritto, e come vedi ti do mie notizie. Io qui sto lavorando

Dettagli

Parrocchia San Paolo Apostolo Crotone

Parrocchia San Paolo Apostolo Crotone Parrocchia San Paolo Apostolo Crotone 1 ANNO CATECHISMO 2014-2015 Alla Scoperta di Gesù SUSSIDIO SCHEDE RISCOPERTA DEL BATTESIMO 1 NOME COGNOME Le mie catechiste NOME COGNOME Telefono NOME COGNOME Telefono

Dettagli

============================================ II DOMENICA DOPO NATALE (ANNO C) ======================================================================

============================================ II DOMENICA DOPO NATALE (ANNO C) ====================================================================== -------------------------------------------------- LA LITURGIA DEL GIORNO 03.01.2016 Grado della Celebrazione: DOMENICA Colore liturgico: Bianco ============================================ II DOMENICA

Dettagli

N. e N. 45 anni nella grazia del matrimonio

N. e N. 45 anni nella grazia del matrimonio N. e N. 45 anni nella grazia del matrimonio Celebrare un anniversario non significa rievocare un avvenimento del passato, ma celebrare nella lode e nel rendimento di grazie una realtà presente che ha

Dettagli

Dal libro Per Amore solo per Amore - Introduzione

Dal libro Per Amore solo per Amore - Introduzione I poeti generalmente amano i gatti, perché i poeti non nutrono dubbi sulla loro superiorità. Marion C. Garrety che per prima leggi nel mio dolore e silenziosamente ti offri a lenirlo senza chiedere nulla

Dettagli

SPIRITO SANTO E MATRIMONIO NEL PENSIERO DI GIOVANNI PAOLO II. Don Przemyslaw Kwiatkowski

SPIRITO SANTO E MATRIMONIO NEL PENSIERO DI GIOVANNI PAOLO II. Don Przemyslaw Kwiatkowski SPIRITO SANTO E MATRIMONIO NEL PENSIERO DI GIOVANNI PAOLO II Don Przemyslaw Kwiatkowski Ciao a tutti! Siamo Alberto e Silvia di Cherasco, in Piemonte e siamo sposati da quasi 6 anni. E noi siamo Alberto

Dettagli

Enzo Bianchi. Raccontare l amore. Parabole di uomini e donne

Enzo Bianchi. Raccontare l amore. Parabole di uomini e donne Enzo Bianchi Raccontare l amore Parabole di uomini e donne Proprietà letteraria riservata 2015 RCS Libri S.p.A., Milano ISBN 978-88-17-06573-3 Prima edizione: maggio 2015 Le traduzioni dei testi classici,

Dettagli

Parrocchia del Sacro Cuore di Gesù Mondovì

Parrocchia del Sacro Cuore di Gesù Mondovì Parrocchia del Sacro Cuore di Gesù Mondovì PREGHIERA PER LA NASCITA DI UN FIGLIO. Benedetto sei Tu, Signore, per l'amore infinito che nutri per noi. Benedetto sei Tu, Signore, per la tenerezza di cui ci

Dettagli

LATINO (biennio linguistico)

LATINO (biennio linguistico) LATINO (biennio linguistico) OBIETTIVI (CLASSE I) Al termine della classe prima lo studente dovrà essere in possesso delle seguenti: morfologia e sintassi della lingua italiana (recupero e consolidamento

Dettagli

Tre minuti per Dio SHALOM

Tre minuti per Dio SHALOM Tre minuti per Dio SHALOM Tre minuti per Dio SHALOM Editrice Shalom - 22.05.2005 Santissima Trinità Libreria Editrice Vaticana (testi Sommi Pontefici), per gentile concessione Fondazione di Religione Santi

Dettagli

LA BIBBIA. composto da 46 libri, suddivisi in Pentateuco Storici Sapienziali Profetici 5 16 7 18

LA BIBBIA. composto da 46 libri, suddivisi in Pentateuco Storici Sapienziali Profetici 5 16 7 18 GRUPPOQUINTAELEMENTARE Scheda 02 LA La Parola di Dio scritta per gli uomini di tutti i tempi Antico Testamento composto da 46 libri, suddivisi in Pentateuco Storici Sapienziali Profetici 5 16 7 18 Nuovo

Dettagli

INSIEME CON GESÚ è il percorso IRC che vogliamo abbracciare quest anno. Il filo conduttore del percorso è il CORPO, sia perché specchio dell unità

INSIEME CON GESÚ è il percorso IRC che vogliamo abbracciare quest anno. Il filo conduttore del percorso è il CORPO, sia perché specchio dell unità Programmazione IRC 2014-2015 1 INSIEME CON GESÚ è il percorso IRC che vogliamo abbracciare quest anno. Il filo conduttore del percorso è il CORPO, sia perché specchio dell unità della Chiesa, sia perché

Dettagli

VI INCONTRO IL CRISTIANO ADULTO E LA COSCIENZA. chi ha raggiunto il completo sviluppo fisico e psichico (def.dizionario)

VI INCONTRO IL CRISTIANO ADULTO E LA COSCIENZA. chi ha raggiunto il completo sviluppo fisico e psichico (def.dizionario) VI INCONTRO IL CRISTIANO ADULTO E LA COSCIENZA Cerchiamo il significato delle due parole: ADULTO CRISTIANO chi ha raggiunto il completo sviluppo fisico e psichico (def.dizionario) colui che ha deciso di:

Dettagli

Mediterranea INTRODUZIONE

Mediterranea INTRODUZIONE 7 INTRODUZIONE guerrieri Palermo, anno 1076. Dopo che - per più di duecento anni - gli arabi erano stati i padroni della Sicilia, a quel tempo nell isola governavano i normanni, popolo d i guerrieri venuti

Dettagli

Il dono della vita SIATE FECONDI E MOLTIPLICATEVI (Gen 1, 26-28)

Il dono della vita SIATE FECONDI E MOLTIPLICATEVI (Gen 1, 26-28) Il dono della vita SIATE FECONDI E MOLTIPLICATEVI (Gen 1, 26-28) La mancanza di un figlio da sempre è stata fonte di sofferenza per molte donne, Un tempo, non conoscendo i meccanismi del concepimento,

Dettagli

La parola ROSARIO deriva dalla lingua latina e significa GIARDINO DI ROSE o MAZZO DI ROSE. Quando noi recitiamo il Rosario, rivolgiamo a Maria, la

La parola ROSARIO deriva dalla lingua latina e significa GIARDINO DI ROSE o MAZZO DI ROSE. Quando noi recitiamo il Rosario, rivolgiamo a Maria, la La parola ROSARIO deriva dalla lingua latina e significa GIARDINO DI ROSE o MAZZO DI ROSE. Quando noi recitiamo il Rosario, rivolgiamo a Maria, la mamma di Gesù, tante preghiere; ogni preghiera ricorda

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di OSPITALETTO SCUOLA PRIMARIA A. CANOSSI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE VERTICALE RELIGIONE CATTOLICA

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di OSPITALETTO SCUOLA PRIMARIA A. CANOSSI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE VERTICALE RELIGIONE CATTOLICA ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di OSPITALETTO SCUOLA PRIMARIA A. CANOSSI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE VERTICALE ANNO SCOLASTICO 2015/2016 CLASSE PRIMA L alunno riflette su Dio Creatore e Padre, sui dati fondamentali

Dettagli

A cura di Chiesacattolica.it e LaChiesa.it

A cura di Chiesacattolica.it e LaChiesa.it XI DOMENICA PRIMA LETTURA Il Signore ha rimosso il tuo peccato: tu non morirai. Dal secondo libro di Samuèle 12, 7-10.13 In quei giorni, Natan disse a Davide: «Così dice il Signore, Dio d Israele: Io ti

Dettagli

Racconto dell infanzia di Gesù (solo su Lc e Mt) Parabola Racconto di segni-miracoli Racconto di risurrezione

Racconto dell infanzia di Gesù (solo su Lc e Mt) Parabola Racconto di segni-miracoli Racconto di risurrezione 3) ANALISI DI UN TESTO BIBLICO Scegli uno tra i due testi biblici qui sotto proposti e completa la tabella 1. Lc 2,1-20 La nascita di Gesù Chi è l evangelista? In quale lingua ha redatto il vangelo? Per

Dettagli

Gesù bambino scrive ai bambini

Gesù bambino scrive ai bambini Gesù bambino scrive ai bambini Leonardo Boff scrive a Gesù Bambino sul materialismo del Natale Il materialismo di Babbo Natale e la spiritualità di Gesù Bambino Un bel giorno, il Figlio di Dio volle sapere

Dettagli

IPSSEOA "ADRIANO PETROCCHI" PROGRAMMA DI ITALIANO 3 A

IPSSEOA ADRIANO PETROCCHI PROGRAMMA DI ITALIANO 3 A IPSSEOA "ADRIANO PETROCCHI" PALOMBARA SABINA PROGRAMMA DI ITALIANO CLASSE III ª A ENOGASTRONOMIA A.S. 2014-2015 MODULO 0 PROGETTAZIONE E REALIZZAZIONE DEL MATERIALE RELATIVO AL PROGETTO "SABINA A TAVOLA...

Dettagli

Maurizio Albanese DONARE È AMARE!

Maurizio Albanese DONARE È AMARE! Donare è amare! Maurizio Albanese DONARE È AMARE! raccolta di poesie www.booksprintedizioni.it Copyright 2013 Maurizio Albanese Tutti i diritti riservati Ai miei genitori Santo e Maria L associazione Angeli

Dettagli

Occhi, naso, bocca, orecchie, mani... per pregare

Occhi, naso, bocca, orecchie, mani... per pregare Il Signore ci fa suoi messaggeri Abbiamo incontrato Gesù, ascoltato la sua Parola, ci siamo nutriti del suo Pane, ora portiamo Gesù con noi e viviamo nel suo amore. La gioia del Signore sia la vostra forza!

Dettagli

Canti per i funerali. Ciclostilato in proprio Parrocchia di Castiglione Torinese

Canti per i funerali. Ciclostilato in proprio Parrocchia di Castiglione Torinese Canti per i funerali Ciclostilato in proprio Parrocchia di Castiglione Torinese SYMBOLUM 77 (84) 1. Tu sei la mia vita, altro io non ho Tu sei la mia strada, la mia verità Nella tua parola io camminerò

Dettagli

Parrocchia Santi Pietro e Paolo. Venite alla festa

Parrocchia Santi Pietro e Paolo. Venite alla festa Parrocchia Santi Pietro e Paolo Venite alla festa Questo libretto e di: Foto di gruppo 2 Occhi, naso, bocca, orecchie, mani... per pregare Occhi: se i miei occhi sono attenti, possono cogliere i gesti

Dettagli

Come imparare a disegnare

Come imparare a disegnare Utilizzare la stupidità come potenza creativa 1 Come imparare a disegnare Se ti stai domandando ciò che hai letto in copertina è vero, devo darti due notizie. Come sempre una buona e una cattiva. E possibile

Dettagli

Eventuale anticipo di elementi di analisi poetica o del testo teatrale. Lettura più ampia possibile dei Promessi sposi

Eventuale anticipo di elementi di analisi poetica o del testo teatrale. Lettura più ampia possibile dei Promessi sposi PROGRAMMAZIONE ELABORATA DAL DIPARTIMENTO DI LETTERE DEL LICEO VIAN La programmazione di Dipartimento ha carattere indicativo dei contenuti ritenuti imprescindibili per ciascun anno, i quali potranno essere

Dettagli

BENEDIZIONE DELLE MAMME E DEI PAPÀ IN ATTESA

BENEDIZIONE DELLE MAMME E DEI PAPÀ IN ATTESA I A6 BENEDIZIONE DELLE MAMME E DEI PAPÀ IN ATTESA Parrocchia Domenica CANTO D INIZIO NEL TUO SILENZIO Nel tuo silenzio accolgo il mistero venuto a vivere dentro di me, sei tu che vieni, o forse è più vero

Dettagli

IIS LICEO NICCOLO MACHIAVELLI ROMA II LICEO LINGUISTICO SEZIONE E PROGRAMMA DI ITALIANO A.S. 2014/2015

IIS LICEO NICCOLO MACHIAVELLI ROMA II LICEO LINGUISTICO SEZIONE E PROGRAMMA DI ITALIANO A.S. 2014/2015 IIS LICEO NICCOLO MACHIAVELLI ROMA II LICEO LINGUISTICO SEZIONE E PROGRAMMA DI ITALIANO A.S. 2014/2015 Prof.ssa Paola Zanzarri Contenuti: MODULO 1 IL LINGUAGGIO DELLA POESIA: Il testo come disegno: l aspetto

Dettagli

I nostri sogni e desideri cambiano il mondo.

I nostri sogni e desideri cambiano il mondo. PRESENTAZIONE Giornalino sul FATTO DA I BAMBINI DELLA 4^B CON L AIUTO DELL INS.TE (PISCHEDDA ELISABETTA) DELLA SCUOLA ELEMENTARE ITALO CALVINO DELL ISTITUTO COMPRENSIVO DI BEINASCO ANNO SCOLASTICO 2005/2006

Dettagli

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Commento al Vangelo Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione fra Luca Minuto Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Dal Vangelo secondo Matteo In quel tempo, gli undici discepoli andarono in Galilea, sul monte

Dettagli

Adorazione Eucaristica

Adorazione Eucaristica Adorazione Eucaristica Pregare come i Santi I santi sono coloro che hanno creduto e vissuto con amore il mistero di Cristo. Essi hanno saputo vivere nel difficile nascondimento la preghiera, sottratta

Dettagli

La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio

La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio CREDO IN GESÙ CRISTO, IL FIGLIO UNIGENITO DI DIO La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio Incominciamo a sfogliare il Catechismo della Chiesa Cattolica. Ce ne sono tante edizioni. Tra le mani abbiamo

Dettagli

GESU E UN DONO PER TUTTI

GESU E UN DONO PER TUTTI GESU E UN DONO PER TUTTI OGGI VIENE ANCHE DA TE LA CREAZIONE IN PRINCIPIO TUTTO ERA VUOTO E BUIO NON VI ERANO NE UOMINI NE ALBERI NE ANIMALI E NEMMENO CASE VI ERA SOLTANTO DIO NON SI VEDEVA NIENTE PERCHE

Dettagli

Programmazione di greco e latino. Primo e secondo anno dell indirizzo internazionale

Programmazione di greco e latino. Primo e secondo anno dell indirizzo internazionale Programmazione di greco e latino Primo e secondo anno dell indirizzo internazionale -Premessa Lo studio della lingua e della letteratura greca e latina è, per comune consenso, indispensabile a tutti coloro

Dettagli

PENSIERI IN ORDINE SPARSO. - Il diario di un seminarista - di Davide Corini

PENSIERI IN ORDINE SPARSO. - Il diario di un seminarista - di Davide Corini PENSIERI IN ORDINE SPARSO - Il diario di un seminarista - di Davide Corini Come al solito ho bisogno di qualche giorno, dopo un esperienza importante, per rimettere in ordine le cose e cercare di fare

Dettagli

ADE CERCA MOGLIE. Completa. Rispondi

ADE CERCA MOGLIE. Completa. Rispondi IL DIO ADE Il dio Ade è fratello del dio Zeus. Ade è il re dei morti. Per gli antichi greci, dopo la morte, gli uomini vanno negli Inferi. Gli Inferi sono un luogo buio e triste che si trova sotto terra.

Dettagli

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013 per Bambini dai 7 ai 10 anni DIOCESI DI FOSSANO Commissione Diocesana Pastorale Ragazzi Ehi!!

Dettagli

e r i v a c l I www.madremisericordia.it/finestre/3stelle.asp

e r i v a c l I www.madremisericordia.it/finestre/3stelle.asp a c l I s l te lo dei tuoi an n i v e r d i ARCHIVIO www.madremisericordia.it/finestre/3stelle.asp 1 Stai per addentrarti in un affascinante viaggio alla scoperta di 3 Stelle. Come in ogni favola non può

Dettagli

Sono stato crocifisso!

Sono stato crocifisso! 12 febbraio 2012 penultima dopo l epifania ore 11.30 con i fidanzati Sono stato crocifisso! Sia lodato Gesù Cristo! Paolo, Paolo apostolo nelle sue lettere racconta la sua storia, la storia delle sue comunità

Dettagli

SANTA FAMIGLIA DI GESÙ, MARIA E GIUSEPPE (ANNO C)

SANTA FAMIGLIA DI GESÙ, MARIA E GIUSEPPE (ANNO C) SANTA FAMIGLIA DI GESÙ, MARIA E GIUSEPPE (ANNO C) Grado della Celebrazione: Festa Colore liturgico: Bianco INTRODUZIONE Il brano evangelico di oggi ci offre il ritratto di ogni famiglia nelle sue componenti

Dettagli

MONASTERO INVISIBILE. CONSACRATI A DIO... In una donazione totale di sé in risposta ad una chiamata a vivere alla sequela di Cristo

MONASTERO INVISIBILE. CONSACRATI A DIO... In una donazione totale di sé in risposta ad una chiamata a vivere alla sequela di Cristo MONASTERO INVISIBILE Diocesi di Treviso Centro Diocesano Vocazioni Aprile 2015 CONSACRATI A DIO... In una donazione totale di sé in risposta ad una chiamata a vivere alla sequela di Cristo Introduzione

Dettagli

San Giovanni Battista Cesano Boscone Sacra Famiglia C 2007-01-27

San Giovanni Battista Cesano Boscone Sacra Famiglia C 2007-01-27 MESSA VIGILIARE 18.00 In questa festa della Sacra Famiglia vorrei soffermarmi su un aspetto del brano di vangelo che abbiamo appena ascoltato. Maria e Giuseppe, insieme, cercano angosciati Gesù. Cosa può

Dettagli

stelle, perle e mistero

stelle, perle e mistero C A P I T O L O 01 In questo capitolo si parla di un piccolo paese sul mare. Elenca una serie di parole che hanno relazione con il mare. Elencate una serie di parole che hanno relazione con il mare. Poi,

Dettagli

COME NON PERDERE TEMPO NEL NETWORK MARKETING!

COME NON PERDERE TEMPO NEL NETWORK MARKETING! COME NON PERDERE TEMPO NEL NETWORK MARKETING Grazie per aver scaricato questo EBOOK Mi chiamo Fabio Marchione e faccio network marketing dal 2012, sono innamorato e affascinato da questo sistema di business

Dettagli

EPIFANIA DEL SIGNORE Liturgia del 5 e 6 gennaio

EPIFANIA DEL SIGNORE Liturgia del 5 e 6 gennaio EPIFANIA DEL SIGNORE Liturgia del 5 e 6 gennaio Grado della Celebrazione: Solennità' Colore liturgico: Bianco INTRODUZIONE (solo giorno 6) L Epifania è la manifestazione del Cristo nella carne dell uomo

Dettagli

VERIFICA FINALE CORSO ITALIANO LIV. A1-A2 c/o Istituto E. Fermi

VERIFICA FINALE CORSO ITALIANO LIV. A1-A2 c/o Istituto E. Fermi NOME: Verona, 14 Novembre 2012 COGNOME: SCUOLA: VERIFICA FINALE CORSO ITALIANO LIV. A1-A2 c/o Istituto E. Fermi COMPRENSIONE ORALE a. Ascolta la canzone L'anno che verrà di Lucio Dalla e fai l'esercizio

Dettagli

un nuovo lavoro 3 Le parole dell attività 2 fanno parte di un dialogo fra due ragazze. Secondo voi, di quale inizio parlano?

un nuovo lavoro 3 Le parole dell attività 2 fanno parte di un dialogo fra due ragazze. Secondo voi, di quale inizio parlano? Per cominciare... 1 Osservate le foto e spiegate, nella vostra lingua, quale inizio è più importante per voi. Perché? una nuova casa un nuovo corso un nuovo lavoro 2 Quali di queste parole conoscete o

Dettagli

Le biblioteche raccontate a mia fi glia

Le biblioteche raccontate a mia fi glia La collana Conoscere la biblioteca si rivolge direttamente agli utenti delle biblioteche per spiegare, con un linguaggio semplice, il ruolo e i diversi aspetti di questo servizio. Per tali caratteristiche

Dettagli

Mythos: dei ed eroi nelle sculture antiche della Galleria degli Uffizi

Mythos: dei ed eroi nelle sculture antiche della Galleria degli Uffizi Ministero per i Beni e le Attività Culturali Soprintendenza Speciale per il Patrimonio Storico Artistico ed Etnoantropologico e per il Polo Museale della città di Firenze SEZIONE DIDATTICA 2011 Schede

Dettagli

I sette SACRAMENTI CATECHESI DI PAPA FRANCESCO

I sette SACRAMENTI CATECHESI DI PAPA FRANCESCO I sette SACRAMENTI CATECHESI DI PAPA FRANCESCO I sette SACRAMENTI CATECHESI DI PAPA FRANCESCO SHALOM 1 Editrice Shalom - 06.08.2014 Trasfigurazione del Signore 2008 Fondazione di Religione Santi Francesco

Dettagli

LOCUZIONI AL MONDO. Il mistero di ogni persona (22/4/2013 24/4/2013) Testi tradotti dai messaggi originali pubblicati sul sito Locutions to the World

LOCUZIONI AL MONDO. Il mistero di ogni persona (22/4/2013 24/4/2013) Testi tradotti dai messaggi originali pubblicati sul sito Locutions to the World LOCUZIONI AL MONDO Il mistero di ogni persona (22/4/2013 24/4/2013) Testi tradotti dai messaggi originali pubblicati sul sito Locutions to the World 2 Sommario 1. La decisione della SS. Trinità al tuo

Dettagli

UNITÀ DI APPRENDIMENTO 1 IL MIO MONDO

UNITÀ DI APPRENDIMENTO 1 IL MIO MONDO UNITÀ DI APPRENDIMENTO 1 IL MIO MONDO L alunno riflette su Dio Padre e si confronta con l esperienza religiosa. Cogliere nel proprio nome un mondo di potenzialità, dono di Dio Padre. Prendere coscienza

Dettagli

IL SIGNORE È VICINO A CHI HA IL CUORE FERITO

IL SIGNORE È VICINO A CHI HA IL CUORE FERITO IL SIGNORE È VICINO A CHI HA IL CUORE FERITO Come mai chiedi da bere a me? Domenica 9 Novembre 2014 DIOCESI DI MILANO SERVIZIO PER LA FAMIGLIA DECANATO SAN SIRO Centro Rosetum Via Pisanello n. 1 h. 16.30

Dettagli

Io sono l attimo come il fiume che scorre

Io sono l attimo come il fiume che scorre Io sono l attimo come il fiume che scorre Cristina Pia Sessa Sgueglia IO SONO L ATTIMO COME IL FIUME CHE SCORRE Le mie poesie teatro di vita www.booksprintedizioni.it Copyright 2012 Cristina Pia Sessa

Dettagli

AMA TE STESSO PUOI GUARIRE LA TUA VITA

AMA TE STESSO PUOI GUARIRE LA TUA VITA AMA TE STESSO PUOI GUARIRE LA TUA VITA HEAL YOUR LIFE WORKSHOP 4/5 OTTOBRE 2014 PRESSO CENTRO ESTETICO ERIKA TEMPIO D IGEA 1 E il corso dei due giorni ideato negli anni 80 da Louise Hay per insegnare il

Dettagli

Claudio Bencivenga IL PINGUINO

Claudio Bencivenga IL PINGUINO Claudio Bencivenga IL PINGUINO 1 by Claudio Bencivenga tutti i diritti riservati 2 a mia Madre che mi raccontò la storia del pignuino Nino a Barbara che mi aiuta sempre in tutto 3 4 1. IL PINGUINO C era

Dettagli

1) Scheda della poesia (percezione globale) 2) Verifica e/o consolidamento dei prerequisiti. 3) 1 lettura: contenuto, in generale, della poesia

1) Scheda della poesia (percezione globale) 2) Verifica e/o consolidamento dei prerequisiti. 3) 1 lettura: contenuto, in generale, della poesia NLISI DEL TESTO LE FSI DI LVORO 1) Scheda della poesia (percezione globale) 2) Verifica e/o consolidamento dei prerequisiti 3) 1 lettura: contenuto, in generale, della poesia 4) 2 lettura: spiegazione,

Dettagli

Programmazione Didattica Scuola Primaria

Programmazione Didattica Scuola Primaria DIREZIONE DIDATTICA DI NAPOLI 5 E. MONTALE Viale della Resistenza 11K-80145 NAPOLI tel. e fax 081/5430772 Codice fiscale: 94023840633 Cod. Mecc. : NAEE005006 E-MAIL: naee005006@istruzione.it Web:www.5circolo.it

Dettagli

Università degli Studi di Genova. Anno Accademico 2011/12 LIVELLO A1

Università degli Studi di Genova. Anno Accademico 2011/12 LIVELLO A1 Anno Accademico 2011/12 COGNOME NOME NAZIONALITA NUMERO DI MATRICOLA FACOLTÀ TEST Di ITALIANO (75 MINUTI) 3 ottobre 2011 LIVELLO A1 1. Completa le frasi con gli articoli determinativi (il, lo, la, l, i,

Dettagli

Catechismo di iniziazione cristiana dei fanciulli SETTIMA UNITÀ

Catechismo di iniziazione cristiana dei fanciulli SETTIMA UNITÀ Catechismo di iniziazione cristiana dei fanciulli SETTIMA UNITÀ Siamo figli di Dio Dio Padre ci chiama ad essere suoi figli Leggi il catechismo Cosa abbiamo imparato Ci accoglie una grande famiglia: è

Dettagli

La BIBBIA è il libro più diffuso nel mondo.

La BIBBIA è il libro più diffuso nel mondo. La BIBBIA è il libro più diffuso nel mondo. La parola BIBBIA deriva da una parola greca (biblia) che vuol dire I LIBRI. Possiamo dire, infatti che la Bibbia è una BIBLIOTECA perché raccoglie 73 libri.

Dettagli

Abelardo : Sic et non, Prologo. Lettura e analisi.

Abelardo : Sic et non, Prologo. Lettura e analisi. ISTITUTO TECNICO COMMLE E PER GEOMETRI E. FERMI, IGLESIAS ANNO SCOLASTICO 2013 / 2014 PROGRAMMA DI ITALIANO Classe III A TURISMO Docente: Prof.ssa Maria Dolores Mancosu Il contesto storico : l Europa intorno

Dettagli

COS È UNA EQUIPES NOTRE DAME. Allegato alla Carta delle Equipes Notre-Dame

COS È UNA EQUIPES NOTRE DAME. Allegato alla Carta delle Equipes Notre-Dame COS È UNA EQUIPES NOTRE DAME Allegato alla Carta delle Equipes Notre-Dame Cos è una Equipe Notre-Dame 1 - Un progetto Vieni e seguimi : questa chiamata, Cristo la rivolge a ciascuno di noi, a ciascuna

Dettagli

LE SFIDE SULLE SPALLE!

LE SFIDE SULLE SPALLE! LE SFIDE Questo quarto incontro vuole aiutare a riflettere sulle sfide che l animatore si trova a vivere, sia in rapporto all educazione dei ragazzi, sia in riferimento alla propria crescita. Le attività

Dettagli

7 x 10 cm CHIUSO 7 x 10 cm APERTO FORMATI

7 x 10 cm CHIUSO 7 x 10 cm APERTO FORMATI Ricordami Sempre 7 x 10 cm CHIUSO 7 x 10 cm APERTO FORMATI FORMATI 9 x 13 cm APERTO 9 x 13 cm CHIUSO FORMATI FORMATI 10 x 15 cm APERTO FORMATI 10 x 15 cm CHIUSO ARTE 001_AR 002_AR 003_AR ARTE 004_AR ARTE

Dettagli

Oggi si parla tanto di ricchezza, ma poco

Oggi si parla tanto di ricchezza, ma poco Cammino di perfezione/4 Le ricchezze della povertà Oggi si parla tanto di ricchezza, ma poco di povertà. Invece la povertà bisogna amarla come una madre. Di quanti beni è feconda la povertà e di quanti

Dettagli

UN FIORE APPENA SBOCCIATO

UN FIORE APPENA SBOCCIATO UN FIORE APPENA SBOCCIATO "Dio ha tanto amato il mondo che ha dato il suo unigenito Figlio, affinché chiunque creda in Lui non perisca, ma abbia vita eterna" (Giovanni 3:16). uesto verso racchiude tutto

Dettagli

«Io sono la via, la verità e la vita»

«Io sono la via, la verità e la vita» LECTIO DIVINA PER LA V DOMENICA DI PASQUA (ANNO A) Di Emio Cinardo «Io sono la via, la verità e la vita» Gv 14,1-12 Lettura del testo Dal Vangelo secondo Giovanni (14,1-12) In quel tempo, Gesù disse ai

Dettagli

SLOWEAR A SLOW TALE CONTEST GIULIA MENICONZI UN AMORE IMPOSSIBILE PARTNER

SLOWEAR A SLOW TALE CONTEST GIULIA MENICONZI UN AMORE IMPOSSIBILE PARTNER SLOWEAR A SLOW TALE CONTEST GIULIA MENICONZI UN AMORE IMPOSSIBILE PARTNER Idea Una ragazza è innamorata della sua istruttrice, ma è spaventata da questo sentimento, non avendo mai provato nulla per una

Dettagli

Frasi Immacolata Concezione

Frasi Immacolata Concezione Frasi Immacolata Concezione Oggi la città si riempie di luci e colori; è un trionfo di bagliori, nell aria c è già il profumo di festa e la voglia di donare un sorriso, un abbraccio e un augurio di una

Dettagli

La traduzione - come incontro tra due lingue e. culture: italiana e vietnamita

La traduzione - come incontro tra due lingue e. culture: italiana e vietnamita La traduzione - come contro tra due lgue e culture: italiana e vietnamita PREMESSA Noi esseri telligenti, a differenza degli altri esseri viventi, usiamo un sistema molto complesso per comunicare tra noi,

Dettagli

(Ricostruita con l uso delle fonti) Classe 2^B

(Ricostruita con l uso delle fonti) Classe 2^B (Ricostruita con l uso delle fonti) Classe 2^B A.s. 2010/2011 1 Con un genitore o di un adulto che ti conosce bene, rivivi il momento bellissimo della tua nascita e poi, con il suo aiuto, raccogli foto,

Dettagli

musica e si univano miracolosamente. caffè. Il caffè era per Paolo, si era addormentato sere- occupava della madre mi aveva detto che avrei dovuto

musica e si univano miracolosamente. caffè. Il caffè era per Paolo, si era addormentato sere- occupava della madre mi aveva detto che avrei dovuto 330 ELENA ARMILLEI musica e si univano miracolosamente. - - caffè. Il caffè era per Paolo, si era addormentato sere- - occupava della madre mi aveva detto che avrei dovuto - informare sullo stato di tua

Dettagli

ENTRATA (PRELUDIO) INNO DI ENTRATA. SALUTO Pastore: Il Signore sia con voi! Comunità: E con il tuo spirito! oppure: E il Signore sia anche con te!

ENTRATA (PRELUDIO) INNO DI ENTRATA. SALUTO Pastore: Il Signore sia con voi! Comunità: E con il tuo spirito! oppure: E il Signore sia anche con te! Liturgia per matrimonio Versione abbreviata della liturgia di matrimonio della Chiesa luterana danese, autorizzata con risoluzione regale del 12 giugno 1992 ENTRATA (PRELUDIO) DI ENTRATA SALUTO Pastore:

Dettagli

Mia nonna si chiamava Sonia ed era una bella cilena che a ottant anni ancora non sapeva parlare l italiano come si deve. Le sue frasi erano costruite

Mia nonna si chiamava Sonia ed era una bella cilena che a ottant anni ancora non sapeva parlare l italiano come si deve. Le sue frasi erano costruite Mia nonna si chiamava Sonia ed era una bella cilena che a ottant anni ancora non sapeva parlare l italiano come si deve. Le sue frasi erano costruite secondo il ritmo e la logica di un altra lingua, quella

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE RELIGIONE CATTOLICA

CURRICOLO VERTICALE RELIGIONE CATTOLICA Istituti Comprensivi di Udine allegato al Piano dell Offerta Formativa CURRICOLO VERTICALE Redatto sulla base delle Nuove Indicazioni Nazionali 2012 e I.N. 2007, in sintonia con le Raccomandazioni del

Dettagli

Giovani poeti crescono.

Giovani poeti crescono. Giovani poeti crescono. L amicizia Passa un aereo Passa un treno Ma cosa si portano sul loro sentiero? E un qualcosa di luminoso Sarà la notte che fugge via o forse solo la vita mia?. Ora ho capito che

Dettagli

BEATI VOI MI FA#-7 LA MI LA MI FA#-7 LA6 MI LA Beati voi, beati voi, beati voi, beati voi. BEATI VOI

BEATI VOI MI FA#-7 LA MI LA MI FA#-7 LA6 MI LA Beati voi, beati voi, beati voi, beati voi. BEATI VOI BEATI VOI MI FA#-7 LA MI LA MI FA#-7 LA6 MI LA MI FA#-7 Se sarete poveri nel cuore, beati voi: LA6 MI sarà vostro il Regno di Dio Padre. MI FA#-7 Se sarete voi che piangerete, beati voi, LA6 MI perché

Dettagli

La formazione della famiglia

La formazione della famiglia La Famiglia La formazione della famiglia Quando leggiamo la Bibbia notiamo la grande importanza data alla famiglia. È la prima istituzione di Dio per le Sue creature, e ci sono numerose promesse ed esempi

Dettagli

Scuola Secondaria di I grado di Lavagno Istituto Comprensivo don Lorenzo Milani LAVAGNO - VR

Scuola Secondaria di I grado di Lavagno Istituto Comprensivo don Lorenzo Milani LAVAGNO - VR Scuola Secondaria di I grado di Lavagno Istituto Comprensivo don Lorenzo Milani LAVAGNO - VR PERSONE DA AIUTARE Ci sono persone che piangono dal dolore, li potremmo aiutare, donando pace e amore. Immagina

Dettagli

Le tentazioni di Gesù. e le nostre. Camminando verso la Pasqua. e le nostre. Prima settimana di Quaresima «anno A»

Le tentazioni di Gesù. e le nostre. Camminando verso la Pasqua. e le nostre. Prima settimana di Quaresima «anno A» Prima settimana Le tentazioni di Gesù e le nostre «Gesù fu condotto dallo Spirito nel deserto, per essere tentato dal diavolo» (Mt 4,1-11). 1. Osserviamo il disegno. Tenendo presente il brano del Vangelo

Dettagli

Le parole e le cose - Correttore

Le parole e le cose - Correttore Le parole e le cose - Correttore 5 10 15 20 25 Le cose di per sé 1 non hanno nessun nome. Sono gli uomini che hanno dato e continuano a dare i nomi ad esse. Di solito non ci accorgiamo di questa verità

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO ARBE-ZARA

ISTITUTO COMPRENSIVO ARBE-ZARA ISTITUTO COMPRENSIVO ARBE-ZARA SCUOLA PRIMARIA C. POERIO A.S. 2015-2016 PROGETTAZIONE DISCIPLINARE DI LINGUA INGLESE LINGUA INGLESE CLASSE PRIMA ASCOLTARE E PARLARE Competenze Ascoltare attivamente. Comprendere

Dettagli

Francesca Marzilla Rampulla

Francesca Marzilla Rampulla Con Eufrosina, edito da Dario Flaccovio, Licia Cardillo Di Prima abbandona l ambientazione provinciale dei suoi precedenti racconti per trasferirsi nella Palermo del XVI Secolo, ai tempi della dominazione

Dettagli

(Memoria dei santi e dei martiri della vita consacrata) (Fori Imperiali, Roma 19/09/15)

(Memoria dei santi e dei martiri della vita consacrata) (Fori Imperiali, Roma 19/09/15) SIATE SANTI COME IL PADRE VOSTRO è SANTO (Mt 5, 48) (Memoria dei santi e dei martiri della vita consacrata) (Fori Imperiali, Roma 19/09/15) Ci siamo riuniti nel cuore della città di Roma per fare un pellegrinaggio,

Dettagli

Italiano e dialetto nella lingua degli immigrati. Lezione del 27 novembre 2014

Italiano e dialetto nella lingua degli immigrati. Lezione del 27 novembre 2014 Italiano e dialetto nella lingua degli immigrati Lezione del 27 novembre 2014 Finora si è parlato dell uso del dialetto da parte degli italiani Ma come si pongono di fronte ai dialetti gli stranieri che

Dettagli

1. Abbina le descrizioni dei personaggi alle immagini

1. Abbina le descrizioni dei personaggi alle immagini Pag 1 1 Abbina le descrizioni dei personaggi alle immagini Pag 2 Pag 3 La nonna: è il capostipite della famiglia Cantona, insieme al cognato Nicola ha aperto il pastificio di famiglia e lo ha gestito con

Dettagli

Da Sua Santità Papa Tawadros Secondo Messaggio Natalizio 2013

Da Sua Santità Papa Tawadros Secondo Messaggio Natalizio 2013 Da Sua Santità Papa Tawadros Secondo Messaggio Natalizio 2013 Amati figli, mi congratulo con voi per la Festa della gloriosa Natività... Siano con voi le benedizioni del Nascituro della mangiatoia santa,

Dettagli

«La strada della Verità è nella Chiesa di Dio»

«La strada della Verità è nella Chiesa di Dio» «La strada della Verità è nella Chiesa di Dio» «Mi presento a voi come la Madonna delle Rose dal Cuore Immacolato, Regina del Cielo, Madre delle famiglie, Portatrice di Pace nei vostri cuori». del 25 agosto

Dettagli

Progetto Guggenheim: Arte segni e parole. I.C. Spinea 1 Scuola Vivaldi classe seconda a.s. 2012-2013 ins. N.Paterno S. Salici

Progetto Guggenheim: Arte segni e parole. I.C. Spinea 1 Scuola Vivaldi classe seconda a.s. 2012-2013 ins. N.Paterno S. Salici Progetto Guggenheim: Arte segni e parole I.C. Spinea 1 Scuola Vivaldi classe seconda a.s. 2012-2013 ins. N.Paterno S. Salici Composizione di segni Prove di scrittura Disegnare parole e frasi Coltivare

Dettagli

Domenica, 19 aprile 2009. Il Signore è con te

Domenica, 19 aprile 2009. Il Signore è con te Domenica, 19 aprile 2009 Il Signore è con te Marco 16:15-20- E disse loro: Andate per tutto il mondo, predicate il vangelo a ogni creatura. Chi avrà creduto e sarà stato battezzato sarà salvato; ma chi

Dettagli

LEZIONE 3 DIRE, FARE, PARTIRE! ESERCIZI DI ITALIANO PER BRASILIANI

LEZIONE 3 DIRE, FARE, PARTIRE! ESERCIZI DI ITALIANO PER BRASILIANI Nella lezione scorsa, Gabriella Stellutti ci ha parlato delle difficoltà di uno studente brasiliano, dal punto di vista dell apprendente. In questa lezione abbiamo ricevuto la Prof.ssa Roberta Ferroni

Dettagli

PROGETTAZIONE CORSO DI STUDIO (materia: ITALIANO; classe 1^) Unità di apprendimento n. 1

PROGETTAZIONE CORSO DI STUDIO (materia: ITALIANO; classe 1^) Unità di apprendimento n. 1 Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Istituto Comprensivo Statale di Calolziocorte Via F. Nullo,6 23801 CALOLZIOCORTE (LC) e.mail: lcic823002@istruzione.it - Tel: 0341/642405/630636

Dettagli