REGOLAMENTO PER L'ISTITUZIONE E LA DISCIPLINA DEI MASTER UNIVERSITARI, DEI CORSI DI PERFEZIONAMENTO E DEI CORSI DI FORMAZIONE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "REGOLAMENTO PER L'ISTITUZIONE E LA DISCIPLINA DEI MASTER UNIVERSITARI, DEI CORSI DI PERFEZIONAMENTO E DEI CORSI DI FORMAZIONE"

Transcript

1 REGOLAMENTO PER L'ISTITUZIONE E LA DISCIPLINA DEI MASTER UNIVERSITARI, DEI CORSI DI PERFEZIONAMENTO E DEI CORSI DI FORMAZIONE SENATO ACCADEMICO 19/02/2008; 23/09/2008; 19/12/2008; 27/03/2009; CONSIGLIO AMMINISTRAZIONE 26/02/2008; 27/05/2008; 17/12/2008; 21/04/2009; DECRETO RETTORALE n. 381 del 06/03/2008; n.1987 del 9/10/2008; n.47 del 14/01/2009; n.1027 del 25/05/2009; UFFICIO COMPETENTE Ufficio Dottorato e Alta Formazione TITOLO I Disposizioni generali Art. 1 Oggetto Il presente regolamento determina le modalità di istituzione, di attivazione e di gestione dei seguenti corsi: a. master universitari di primo e di secondo livello di cui all articolo 3, comma 8, del D.M. 3 novembre 1999, n. 509 e articolo 3 comma 9 del D.M. 22 ottobre 2004, n. 270; b. corsi di perfezionamento, corsi di formazione universitaria di cui all art. 16 del D.P.R. 10 marzo 1982, n. 162 e all art. 6 della legge 19 novembre 1990, n. 341 comma 2 lettera c. Art. 2 Offerta formativa complessiva 1. Al fine di predisporre l offerta formativa complessiva per ogni anno accademico, le proposte di istituzione dei corsi di cui all art. 1 sono avanzate dalle singole Facoltà, o da più Facoltà (anche in collaborazione con altri Atenei italiani o stranieri), entro e non oltre il 15 maggio dell anno antecedente all anno accademico di svolgimento del corso eccetto per corsi brevi che prevedono l acquisizione di non più di 5 crediti. Le proposte vengono presentate utilizzando l apposita procedura informatica realizzata dall Ateneo 2. Le proposte di istituzione, previa valutazione da parte della Commissione di cui al successivo art. 6, vengono sottoposte al Senato Accademico e al Consiglio di Amministrazione che, ciascuno nell ambito delle proprie competenze, deliberano l istituzione dei corsi. 3. Per i corsi a distanza la procedura di istituzione è indicata al successivo art. 5 comma L attivazione dei corsi è per anno accademico ed è resa nota attraverso la pubblicazione del manifesto degli studi o del bando di ammissione. \\Fsrettorato\dati\RipartizionePostLaurea-Qualita\Dottorato\PERFEZ\PORTALE\normativa\regolamento master\regolamento_4.doc

2 Art. 3 Proposta di istituzione 1. Ciascuna proposta di istituzione deve indicare: a. gli obiettivi formativi e le finalità del corso, soprattutto in relazione al particolare settore occupazionale al quale si riferiscono, nonché agli sbocchi professionali; b. il progetto generale di articolazione delle singole attività formative, con l indicazione per ciascuna del numero di crediti che lo studente deve acquisire (tenuto conto che ogni credito equivale a 25 ore di lavoro per studente), del numero di ore di attività didattica assistita, della tipologia di attività didattica (lezione frontale, laboratorio, tirocinio o seminario), del settore scientifico disciplinare, nonché dei rispettivi contenuti formativi e dei docenti proposti; c. gli eventuali tirocini previsti e le relative modalità di svolgimento; d. gli eventuali curricula previsti; e. le modalità di svolgimento delle verifiche periodiche e della prova finale; f. la sede o le sedi di svolgimento delle attività; g. le modalità di svolgimento della didattica (in presenza, a distanza, integrata); h. l indicazione del Dipartimento al quale devolvere i fondi per le esigenze del corso; i. le modalità e i requisiti di ammissione; j. l eventuale numero massimo degli iscrivibili al corso, nonché il numero minimo di iscritti al di sotto del quale il corso viene revocato; k. la proposta di nomina della Direzione del corso; l. la proposta di nomina della commissione incaricata della valutazione dei candidati per l accesso al corso, secondo quanto previsto dal successivo art. 11; m. il piano finanziario, con riferimento alle entrate ed alle uscite; n. gli eventuali enti e soggetti esterni disposti a collaborare allo svolgimento del corso. In questo caso dovranno essere allegate alla proposta le note di intenti, in caso di solo finanziamento, o le relative convenzioni da cui risultino le modalità di collaborazione e/o l entità dell eventuale finanziamento; o. L indicazione del referente amministrativo contabile della struttura di riferimento da individuare nel Segretario del Plesso a cui afferisce il Dipartimento di cui al comma h. 2. In caso di proposta di rinnovo sarà necessario allegare la relazione di cui all art. 19 comma Il progetto può comprendere l organizzazione della didattica anche in due anni accademici (corsi biennali). 4. In ogni insegnamento è possibile prevedere una parte teorica (T) e una parte pratica (P) da intendersi come esercitazioni e/o attività di laboratorio, di clinica, di biblioteca o su campo o comunque a prevalente svolgimento applicativo o strumentale. Ogni progetto individuerà pertanto il rapporto dei crediti per ogni tipologia di attività formativa. 5. All atto della presentazione delle proposte istitutive di corsi che in base al titolo di accesso rilasciano sia l attestato di perfezionamento che di formazione devono essere diversificati gli obiettivi formativi, le finalità e gli sbocchi professionali per ciascuna tipologia di corso. In caso di corsi che rilasciano master di I e di II livello devono, inoltre, essere diversificati gli obiettivi e i contenuti formativi di ciascun insegnamento. Art. 4 Docenza e incarichi organizzativi 1. Possono svolgere attività didattica nei corsi - docenti di università italiane o estere negli appropriati settori disciplinari; - esperti esterni. Nel secondo caso andrà dimostrata la particolare e comprovata specializzazione e l'esperienza curriculare dei soggetti a cui vengono affidati gli eventuali insegnamenti. Ogni insegnamento deve avere un responsabile. Ciascuna proposta di istituzione di master, corsi di perfezionamento e corsi di formazione deve prevedere un apporto significativo di docenti e ricercatori di ruolo afferenti all Ateneo di Ferrara. Tale apporto viene identificato in misura non inferiore a 1/3 del totale dei crediti erogati dal corso ad eccezione dei corsi realizzati in convenzione con altri Atenei. 2. I docenti di I e II fascia dell'università di Ferrara che svolgano attività didattica e organizzativa nei corsi di cui all art. 1 possono essere retribuiti fino ad un massimo complessivo di 120 ore di

3 didattica, purché abbiano incarichi di didattica frontale all'interno dei corsi di laurea, laurea a ciclo unico, laurea specialistica, laurea magistrale e scuole di specializzazione, per almeno 120 ore se a tempo pieno o per almeno 80 ore se a tempo definito. I ricercatori dell'università di Ferrara che svolgano attività didattica e organizzativa nei corsi possono essere retribuiti fino ad un massimo complessivo di 120 ore di didattica, subordinatamente allo svolgimento, all'interno dei corsi di laurea, laurea a ciclo unico, laurea specialistica, laurea magistrale e scuole di specializzazione, dell'attività didattica e scientifica loro richiesta dalle competenti autorità accademiche. 3. Il compenso orario per le attività didattiche, qualora sia previsto, è definito dal Consiglio di Facoltà in misura uguale per tutti i docenti del corso entro i limiti sotto riportati: - Il compenso orario per la didattica frontale non può superare i 120,00 euro lordi carico dipendente. - Il compenso orario per le eventuali attività di tutorato non può superare i 70,00 euro lordi carico dipendente. - Il compenso orario per le attività di laboratorio e di tirocinio non può superare i 60,00 euro lordi carico dipendente. 4. Per l'attività organizzativa alla Direzione del corso e ai componenti del Consiglio didattico potrà essere riconosciuto, un compenso non superiore complessivamente a ,00 lordi carico dipendente, purché sia assolto l obbligo didattico di cui al comma 2 e purché trovi copertura nel piano finanziario preventivo del corso e la richiesta sia corredata da una congrua motivazione. L erogazione del compenso alla Direzione è subordinato all adempimento dei doveri sanciti dal presente regolamento e, in particolare, al rispetto delle scadenze in esso previste. La revoca del pagamento del suddetto compenso è deliberata dal Consiglio di Amministrazione su proposta della Commissione di cui all art Un docente dell Ateneo non può far parte della Direzione di più di 3 corsi di cui all art Il possesso dei requisiti necessari per l'erogazione dei compensi per le attività svolte nel corso, viene comprovato tramite presentazione da parte dell'interessato all'ufficio personale docente, di dichiarazione sostitutiva di atto notorio. 7. Non possono essere affidati insegnamenti al personale tecnico amministrativo dell Università di Ferrara. Art. 5 Corsi a distanza 1. Sono considerati corsi di studio a distanza quelli nei quali, oltre all attività didattica in presenza (incontri iniziali, intermedi, finali; seminari e laboratori, stage e/o project work sul campo) siano previste attività didattiche a distanza in misura superiore al 40% delle attività complessive, caratterizzate da: - fruizione ed erogazione, attraverso la rete e le altre tecnologie, di materiali didattici (scritti, audiovisivi, multimediali, informatici) modularmente organizzati per l apprendimento personalizzato; - sviluppo di azioni formative di guida, di consulenza critica, di supporto motivazionale allo studio, di coordinamento dei gruppi di lavoro attraverso l interattività on line ( , chat, forum computer conference) con i docenti/tutor e con gli studenti; - monitoraggio dei livelli di apprendimento durante lo sviluppo dei moduli formativi sia attraverso frequenti momenti di autovalutazione sia attraverso prove di valutazione in itinere e finali. 2. Le proposte istitutive concernenti i corsi a distanza avanzate dalla Facoltà di riferimento vengono sotto poste al Senato Accademico e al Consiglio di Amministrazione che, nell ambito delle rispettive competenze deliberano l istituzione del corso, previo parere del Consiglio della Scuola E-learning dell Università di Ferrara Art. 6 Commissione incaricata della valutazione didattica ed economica delle proposte istitutive

4 1. Il Senato Accademico nomina annualmente una Commissione incaricata della valutazione didattica ed economica delle proposte istitutive. 2. La Commissione esamina i progetti (eccetto quelli relativi ai corsi a distanza per i quali è competente il Consiglio della Scuola E-learning) alla luce di quanto indicato nel presente regolamento ed esprime un parere scritto e motivato sulle singole proposte da sottoporre al Senato Accademico e al Consiglio di Amministrazione. 3. La commissione dovrà, inoltre: - esprimere un parere sulle convenzioni relative all istituzione dei corsi in collaborazione con altre università secondo quanto indicato al successivo art. 8; - approvare eventuali variazioni alle spese per la docenza secondo quanto indicato al successivo art. 14; - esprimere un parere circa l adesione a corsi istituiti presso altra sede secondo quanto indicato al successivo art. 21; - esprimere un parere secondo quanto indicato al successivo art. 22; - proporre al Consiglio di Amministrazione la revoca del compenso alla Direzione del corso secondo quanto indicato al precedente art. 4 comma 4; - verificare le eventuali modifiche alla composizione dei Consigli Didattici come indicato al successivo art. 19 comma 3. Art. 7 Finanziamento 1. La copertura finanziaria delle spese necessarie all attivazione e allo svolgimento del corso è assicurata: - dai contributi degli iscritti; - da eventuali erogazioni a ciò finalizzate di enti e soggetti esterni; - da eventuali stanziamenti messi a disposizione dal Consiglio di Amministrazione; - da eventuali finanziamenti europei. 2. I corsi di durata pluriennale comportano l acquisizione dei fondi provenienti da enti e soggetti esterni in una unica soluzione ovvero di adeguate garanzie di erogazione tempestiva. 3. La quota trattenuta sul bilancio dell'università è pari al 20% del contributo a carico degli iscritti con un minimo pari a 330,00 per i master e pari a 200,00 per i corsi di perfezionamento e formazione ad eccezione dei corsi di breve durata che prevedono l acquisizione di non più di 5 cfu per i quali viene trattenuto il 20% senza alcun limite minimo. 4. Nei piani finanziari dei corsi a numero chiuso per i quali è previsto l espletamento di una procedura concorsuale dovrà essere inserita, tra le uscite, una quota forfetaria per spese amministrative concorsuali pari a 500,00. Tale quota è trattenuta sul bilancio dell Università. 5. Per i corsi di durata biennale dovrà essere redatto un piano finanziario riferito a ciascun anno di attivazione del corso; il contributo potrà essere suddiviso su entrambi gli anni, tuttavia la copertura delle spese fisse, che comprendono le spese della docenza necessaria al corso e la quota trattenuta sul bilancio dell Ateneo, dovrà essere garantita dal piano finanziario del primo anno. Art. 8 Istituzione corsi in convenzione con altre università 1. Per i corsi istituiti in collaborazione con altre Istituzioni universitarie anche straniere, oltre alle disposizioni di cui al presente regolamento, valgono quelle previste nelle relative convenzioni. 2. Le convenzioni di cui al precedente comma dovranno definire: - le modalità per l eventuale rilascio di un titolo congiunto o di un doppio titolo; - la composizione degli organi del corso; - le sedi di svolgimento del corso; - la regolamentazione dei i rapporti tra le parti per ogni aspetto economico e amministrativo dell iniziativa; - le modalità di acquisizione dei crediti presso le università partners. 3. Le convenzioni approvate dalla Facoltà di riferimento vengono sottoposte, previo parere della Commissione di valutazione di cui all art. 6 del presente regolamento, al Senato Accademico

5 che esprime parere e autorizza la sottoscrizione. Qualora sia previsto un onere finanziario per l Ateneo, esse vengono sottoposte all approvazione del Consiglio di Amministrazione Art. 9 Iscrizione ai corsi 1. Nel caso in cui il corso preveda un numero di posti illimitato l ammissione avviene per iscrizione diretta. 2. Nel caso in cui il corso preveda un numero di posti limitato (numero chiuso) l ammissione avviene attraverso l espletamento di una procedura di selezione secondo le modalità indicate al successivo art. 12 o attraverso una procedura di iscrizione ad esaurimento posti. 3. La scadenza delle iscrizioni ai corsi viene fissata nel manifesto degli studi o nel bando di ammissione. Per i corsi di durata annuale, che comprendono più di 30 crediti, tale data non può essere fissata oltre il 31 gennaio dell anno anno accademico di istituzione del corso. Per i corsi di durata biennale la data di scadenza delle iscrizioni al primo anno non può essere fissata oltre il 31 gennaio dell anno accademico di istituzione del corso mentre la data di scadenza delle iscrizioni al secondo anno non può essere fissata oltre il 31 gennaio dell anno successivo all anno accademico di svolgimento del primo anno di corso. 4. Qualora non venga raggiunto il numero minimo di iscritti su espressa richiesta della direzione del corso la scadenza di iscrizione viene prorogata di 15 giorni. In tal caso il piano finanziario definitivo deve essere presentato entro il mese successivo alla scadenza iniziale, secondo quanto previsto dal successivo art. 14. Non sono ammessi altri casi di proroga tranne per quelli motivati e autorizzati dal Rettore. 5. I corsi che non raggiungono il numero minimo di studenti non possono essere attivati tranne in casi motivati e autorizzati dal Rettore. Il Direttore del corso, se autorizzato, provvederà alla riformulazione del piano finanziario entro la data di inizio delle attività didattiche previa approvazione da parte della commissione di cui all Sono ammesse iscrizioni a singoli insegnamenti. All atto della presentazione della proposta istitutiva il Consiglio di Facoltà proponente dovrà espressamente indicare per quali insegnamenti è prevista tale possibilità. Al termine di ciascun insegnamento gli studenti riceveranno apposita certificazione. Ai fini del riconoscimento dei crediti ottenuti si applica quanto previsto al successivo art La data di avvio delle attività didattiche deve essere fissata a decorrere dal 1 settembre e comunque non prima di due settimane e non oltre 4 settimane dopo la data di scadenza delle iscrizioni. Art. 10 Bando di ammissione 1. Il bando di concorso per l ammissione ai corsi a numero chiuso è emanato dal Rettore dell Università di Ferrara. Esso contiene: l indicazione dei titoli richiesti per l ammissione; il numero complessivo dei candidati da ammettere, specificando il numero dei posti eventualmente riservato ai singoli curricula, nonché il numero minimo di iscritti senza i quali il corso non può essere attivato; l articolazione delle attività formative e dei tirocini e la suddivisione dei relativi crediti, nonché le modalità di svolgimento delle verifiche periodiche e della prova finale; i crediti eventualmente riconosciuti secondo quanto previsto dal successivo art. 15; la sede o le sedi di svolgimento delle attività didattiche; le collaborazioni interne ed esterne di supporto alla didattica e alla organizzazione del corso; il contributo richiesto agli iscritti; la disciplina di svolgimento delle prove di ammissione; la data di svolgimento delle prove di ammissione; criteri per la formulazione della graduatoria di merito; l eventuale numero e l ammontare delle borse di studio di cui al successivo art Il Rettore può prevedere, per ciascun bando, integrazioni o riduzioni dell elenco di cui al comma precedente.

6 3. Non sono ammesse proroghe alle scadenze indicate nei bandi di ammissione tranne in casi motivati e autorizzati dal Rettore. Art. 11 Commissione incaricata della selezione dei candidati 1. Qualora sia previsto l espletamento di una procedura di selezione deve essere indicata la composizione della commissione esaminatrice incaricata della valutazione dei candidati. Essa è composta da non meno di tre membri scelti tra professori e ricercatori, almeno uno dei quali di ruolo universitario, nonché da almeno due membri supplenti. 2. Possono essere aggiunti non più di due esperti, anche stranieri, scelti nell'ambito di ogni ente o soggetto esterno di cui all art. 3 lettera n). 3. Espletate le prove di ammissione la commissione compila la graduatoria generale di merito che verrà trasmessa al Rettore per l approvazione. Art. 12 Procedura di selezione per l ammissione a corsi a numero chiuso 1. La procedura di selezione per l ammissione a corsi a numero chiuso consiste, a discrezione della Facoltà proponente, in una valutazione di titoli e/o prova scritta e/o prova orale. 2. La commissione, di cui all art. 11, dispone di 60 punti. Al termine della procedura di selezione formulerà una graduatoria dalla quale risulteranno ammessi coloro che rientreranno nel contingente di posti previsti e che abbiano ottenuto una valutazione di almeno 40/ Potranno essere valutati i seguenti titoli: - titolo di studio previsto per l ammissione al corso (votazione finale e votazione delle singole materie) - tesi di laurea - pubblicazioni - esperienze lavorative Qualora il corso comprenda più di 30 crediti le procedure di ammissione devono concludersi non oltre il 15 gennaio con la pubblicazione della relativa graduatoria. Art. 13 Modalità di iscrizione 1. L iscrizione e il pagamento del contributo di iscrizione avviene utilizzando la procedura on line disponibile sul sito web dell Ateneo. La procedura di iscrizione è regolarmente formalizzata con l invio, al Rettore dell Università di Ferrara, della relativa domanda stampata dalla procedura e dell attestazione di pagamento del contributo di iscrizione entro il termine di scadenza delle iscrizioni al corso. 2. Non è previsto il rimborso delle quote di iscrizione; solamente in caso di revoca del corso, per mancato raggiungimento del numero minimo, l Università provvederà a rimborsare il contributo versato ad eccezione dell imposta di bollo dovuta per la domanda di iscrizione. 3. Non è ammessa l iscrizione ad un master, corso di perfezionamento o corso di formazione già frequentato e per il quale lo studente abbia già ottenuto il titolo, tranne nel caso in cui l iterazione del corso comprenda contenuti formativi diversi. 4. Una volta inoltrata all Ufficio competente la pratica di immatricolazione, lo studente non può effettuare passaggio su altro corso di cui all art Il Consiglio di Facoltà competente, all atto della presentazione della proposta di istituzione del corso, potrà richiedere il versamento del contributo totale annuo di iscrizione in non più di due rate. In tal caso, con il versamento della prima rata dovrà essere garantita la copertura delle spese fisse, che comprendono le spese della docenza necessaria al corso e la quota trattenuta sul bilancio dell Ateneo

7 Art. 14 Piano finanziario definitivo 1. Entro il mese successivo alla data di scadenza delle iscrizioni è compito della Direzione del corso provvedere alla definizione del piano finanziario definitivo, utilizzando l apposita procedura informatica. 2. Tale piano, sottoscritto dalla Direzione del corso e dal Referente amministrativo-contabile deve essere inoltrato, unitamente alla delibera di Facoltà concernente il pagamento delle docenze, agli uffici competenti. 3. Eventuali variazioni riguardanti le spese per la docenza rispetto al piano finanziario preventivo, approvato al momento dell istituzione del corso, dovranno essere debitamente giustificate. Tali modifiche dovranno essere approvate dalla commissione di cui all art. 6 del presente regolamento che verificherà la congruità delle stesse con quanto indicato nella proposta istitutiva del corso. 4. Dopo tali adempimenti verranno effettuati i relativi trasferimenti dei fondi esclusivamente sulla base di quanto indicato nel piano finanziario definitivo e non sarà possibile presentare eventuali successive variazioni allo stesso. Art. 15 Riconoscimento Crediti 1. Il Consiglio didattico, di cui all art. 19 del presente Regolamento, può, su richiesta dell interessato, riconoscere le conoscenze e le abilità professionali certificate, nonché le altre conoscenze e abilità maturate in attività formative certificate, come crediti acquisiti ai fini del completamento del corso, con corrispondente riduzione del carico formativo dovuto. 2. Il numero massimo di crediti formativi universitari riconoscibili è fissato nel progetto istitutivo del corso e non può comunque superare il 30% dei crediti totali. 3. L eventuale riconoscimento di crediti non dà diritto ad alcuna riduzione del contributo di iscrizione. Art. 16 Borse di studio 1. Nella proposta di istituzione è possibile prevedere l attribuzione agli iscritti di borse di studio. 2. L attribuzione deve avvenire attraverso una graduatoria che, nel caso di corso a numero chiuso, corrisponde a quella dell ammissione al corso. 3. L importo e le modalità di conferimento sono stabilite nella proposta istitutiva comunicata agli interessati tramite il bando di ammissione o il manifesto degli studi. Art. 17 Verifiche periodiche e Prova finale 1. L assegnazione dei crediti avviene attraverso il superamento delle eventuali verifiche periodiche valutate in trentesimi. In assenza di verifiche periodiche i crediti sono assegnati attraverso il superamento della prova finale. 2. Il conseguimento dei titolo è subordinato al superamento di una prova finale valutata in trentesimi. La prova finale deve essere effettuata al termine delle attività didattiche del corso e comunque non oltre il 31 marzo dell anno successivo all anno accademico di attivazione del corso o, in caso di corso biennale, entro il 31 marzo dell anno successivo a quello di attivazione

8 del secondo anno di corso. Gli studenti che non conseguono il titolo entro la suddetta scadenza incorrono nella decadenza. 3. La commissione giudicatrice per l esame finale è nominata dalla Direzione del corso. Essa è composta da almeno tre membri di cui almeno la metà (calcolata per eccesso) appartenenti al Consiglio Didattico. Potranno inoltre essere aggiunti non più di due membri esperti scelti nell ambito degli enti convenzionati di cui all art. 3 lett. n) del presente regolamento. 4. In relazione a particolari esigenze sarà possibile lo svolgimento delle prove di valutazione del profitto e dell esame finale utilizzando il sistema di "video conferenza". Tali esami saranno svolti alla presenza di un Pubblico Ufficiale o di un rappresentante dell'ateneo che garantirà la legalità dell'esame stesso. Art. 18 Rilascio del Titolo finale 1. Allo studente che concluda i corsi di cui al presente regolamento e, su richiesta dello stesso, verrà rilasciato l attestato finale. 2. L attestato finale comprenderà le seguenti informazioni: il totale dei crediti acquisiti; l indicazione dell eventuale curriculum. Esso è rilasciato dal Rettore ed è sottoscritto dal Direttore Amministrativo dell Università di Ferrara. 3. Per il rilascio dell attestato finale lo studente sarà tenuto al pagamento di un apposito contributo in relazione alla tipologia di attestato. 4. Per quanto riguarda i master universitari, verrà rilasciato, a richiesta dell interessato, un certificato supplementare detto Supplemento al Diploma. Tale certificazione potrà essere redatta in italiano ed inglese, la parte generale sarà a firma del responsabile dell ufficio competente. L Università rilascia, inoltre, gli allegati al Supplemento al Diploma, relativi ai contenuti formativi di cui al progetto, sotto la responsabilità del Preside della Facoltà di riferimento. Art. 19 Organi 1. Gli organi dei corsi di cui al presente regolamento sono: La Direzione Il Consiglio didattico 2. La direzione dei corsi può essere assunta al massimo da due docenti di cui almeno uno strutturato dell'ateneo di Ferrara. La direzione presiede il Consiglio didattico assumendo la responsabilità del corso. 3. E compito della Direzione del corso: - provvedere alla presentazione del piano finanziario definitivo secondo le modalità specificate al precedente art. 14; - provvedere alla nomina della commissione giudicatrice per l esame finale secondo quanto indicato all art. 17 comma 3; - redigere, alla conclusione del corso, una relazione sui risultati conseguiti anche in termini di ricaduta occupazionale da trasmettere al Rettore e ai Presidi delle Facoltà proponenti nel caso in cui venga richiesta l'attivazione del medesimo corso in un anno successivo. Tale relazione dovrà, altresì, specificare le eventuali modifiche apportate rispetto alla progettazione iniziale. 4. Il Consiglio didattico è composto dai docenti indicati nella proposta istitutiva del corso che svolgono attività didattica nel corso stesso; eventuali variazioni nella composizione sono deliberate dalla Facoltà competente e trasmesse alla Commissione di cui all art. 6 per le opportune verifiche. 5. Compiti del Consiglio didattico: organizzare la didattica del corso; curare e organizzare le prove di ammissione le prove di verifica e la prova finale; curare e organizzare ogni altra attività didattica necessaria.

9 6. Il Consiglio didattico può individuare uno o più tutori, in relazione ai contenuti, alle modalità e alle finalità del corso, per svolgere attività di supporto organizzativo, sostegno alla didattica attiva e coordinamento delle attività di tirocinio. L individuazione dei tutori può avvenire esclusivamente nell ambito dei fondi ad essi destinati nel piano finanziario definitivo. Art. 20 Linee guida Il presente regolamento può essere integrato da Linee guida dettate dal Senato Accademico e/o dal Consiglio di Amministrazione. Art. 21 Adesione a corsi istituiti presso altre Università 1. L adesione a master universitari, corsi di perfezionamento o formazione istituiti presso altri Atenei e per i quali sia previsto il rilascio del titolo congiunto o di doppio titolo viene deliberata dal Senato Accademico, previo parere positivo della commissione di valutazione di cui all art. 6, su proposta della Facoltà interessata. 2. La delibera della Facoltà dovrà riportare: le motivazioni dell adesione al progetto formativo; il progetto istitutivo del corso dal quale si evinca l articolazione didattica e il piano finanziario; l elenco dei docenti dell Ateneo di Ferrara inseriti nel progetto. 3. L adesione dovrà essere formalizzata attraverso la sottoscrizione di apposita convenzione nella quale dovranno essere esplicitati gli obblighi delle parti. Art. 22 Progetti sperimentali Su proposta della facoltà competente il Senato Accademico e il Consiglio di Amministrazione, nei limite delle competenze attribuite, possono autorizzare, nell ambito di progetti sperimentali o di corsi istituiti con finanziamenti europei, deroghe al presente regolamento sentito il parere preventivo della Commissione di cui al precedente art. 6. In ogni caso non potranno essere derogati l art. 4 (commi 1,2,5, e 7) e l art. 7 TITOLO II Norme particolari relative ai Master universitari di 1 e 2 livello Art. 23 Master/perfezionamenti dell area medica e sanitaria 1. Solo i Master universitari di secondo livello dell area medica e sanitaria possono prevedere, nel programma formativo, attività cliniche, diagnostiche e/o strumentali su pazienti. Ciascuna proposta, oltre a quanto previsto dall art. 3 del presente regolamento, deve altresì indicare l avvenuta autorizzazione della direzione generale delle aziende o delle strutture ospedaliere pubbliche o private accreditate, in cui vengono svolte le attività formative, allo svolgimento, da parte degli allievi del master medesimo, delle suddette attività. 2. L ammissione ai suddetti master, è subordinata anche al possesso dei titoli di studio e delle abilitazioni necessarie secondo la normativa vigente a poter svolgere le attività formative previste dal progetto didattico. Art. 24 Titoli per l accesso

10 1. I Master universitari di primo livello sono aperti ai possessori di: laurea conseguita ai sensi del D.M. 509/99 o del D.M. 270/2004; titolo di studio universitario di durata almeno triennale (secondo gli ordinamenti precedenti il D.M. 509/99 o D.M. 270/2004); titoli equipollenti ai sensi della normativa vigente o altro titolo conseguito all estero ritenuto idoneo. 2. I Master universitari di secondo livello sono aperti ai possessori di: laurea specialistica conseguita ai sensi del D.M. 509/99; laurea magistrale conseguita ai sensi del D.M. 270/2004; laurea conseguita secondo gli ordinamenti precedenti al D.M. 509/99 o D.M. 270/2004, titoli equipollenti ai sensi della normativa vigente o altro titolo conseguito all estero ritenuto idoneo. Art. 25 Attività, Durata, Crediti 1. I master sono comprensivi di attività didattica frontale e di altre forme di addestramento, di studio guidato e di didattica interattiva, di livello adeguato al grado di formazione che si intende perseguire, per un numero di ore complessivamente non inferiore a 400, distribuite in modo da garantire un adeguato apprendimento e accompagnate da un periodo di tirocinio, funzionale, per durata e per modalità di svolgimento, ai medesimi obiettivi. 2. All insieme delle attività suddette, integrate con l impegno da riservare allo studio e alla preparazione individuale, corrisponde l acquisizione da parte degli iscritti di almeno 60 crediti complessivi, oltre a quelli acquisiti per conseguire la laurea o la laurea specialistica o magistrale. 3. L acquisizione dei crediti avviene previo superamento delle eventuali prove di verifica periodiche e della prova finale. 4. E previsto il divieto di contemporanea iscrizione con altri corsi di studio; è tuttavia consentita una deroga per gli studenti iscritti ad altri corsi di studio in difetto del solo esame finale. L ammissione al master è relativa all anno accademico di attivazione, per cui non può essere congelata l iscrizione in attesa che l ammesso concluda altri corsi. 5. La frequenza da parte degli iscritti alle varie attività di pertinenza dei corsi è obbligatoria. Laddove previsto, all atto dell istituzione del corso deve essere determinata la percentuale di assenze che gli studenti possono effettuare senza che questi perdano il diritto di accesso alla prova di valutazione finale. Il rispetto dell obbligo di frequenza è accertato dalla Direzione del corso con la collaborazione dei docenti. TITOLO III Norme particolari relative ai Corsi di Perfezionamento, Corsi di Formazione Art. 26 Titoli per l accesso 1. I corsi di perfezionamento sono aperti ai possessori di titolo di studio universitario: diploma universitario;, laurea; laurea specialistica (conseguita ai sensi del D.M. 509/99); laurea magistrale (conseguita ai sensi del D.M. 270/204); titoli equipollenti ai sensi della normativa vigente o altro titolo conseguito all estero ritenuto idoneo. 2. I corsi di formazione sono aperti ai possessori di:

11 diploma di scuola secondaria superiore di durata almeno quadriennale o altro titolo conseguito all estero ritenuto idoneo. Art. 27 Attività e crediti 1. I corsi di perfezionamento e i corsi di formazione sono comprensivi di attività didattica frontale e di altre forme di addestramento, di studio guidato e di didattica interattiva, di livello adeguato al grado di perfezionamento e di formazione che si intende perseguire. 2. Le attività possono essere accompagnate da un periodo di tirocinio. 3. All insieme delle attività suddette, integrate con l impegno da riservare allo studio e alla preparazione individuale, corrisponde l acquisizione da parte degli iscritti del numero di crediti stabiliti nel relativo progetto di istituzione. I corsi hanno un numero di crediti complessivamente non superiori a 60 per anno. 4. L acquisizione dei crediti avviene previo superamento delle eventuali prove di verifica periodiche e della prova finale. 5. I crediti ottenuti per il conseguimento del titolo di perfezionamento potranno essere riconosciuti e convalidati ai fini della prosecuzione degli studi nei corsi di laurea, laurea specialistica, laurea magistrale e nei Master di primo e secondo livello attivati presso l Università di Ferrara. 6. La struttura didattica competente può prevedere il divieto di contemporanea iscrizione con altri corsi di studio. Nel caso sia prevista la contemporanea iscrizione sarà cura dello studente verificare se detta compatibilità non sia in contrasto con la sua posizione in altro corso di studio. 7. La frequenza da parte degli iscritti alle varie attività di pertinenza dei corsi è obbligatoria, secondo modalità coerenti con la tipologia dell insegnamento. Il rispetto dell obbligo di frequenza è accertato dalla Direzione del corso, con la collaborazione dei docenti. Art. 28 Norme transitorie e finali 1. Per tutto quanto non previsto dal presente regolamento si rimanda alle leggi e regolamenti in vigore in materia di master, corsi di perfezionamento e corsi di formazione nonché alle linee guida di cui all art Il presente regolamento entra in vigore dalla data del decreto rettorale di emanazione dello stesso. 3. Con l'entrata in vigore del presente regolamento vengono abrogati: - il Regolamento per l'istituzione la disciplina dei master universitari, dei corsi di perfezionamento e dei corsi di formazione emanato con D.R. 750 del 06/05/2002 e successive modificazioni; - le Linee guida per la gestione finanziaria dei master universitari, corsi di perfezionamento e formazione e corsi di alta formazione professionale emanate con decreto rettorale n del 17/10/2005 e successive modificazioni.

Università degli Studi di Ferrara

Università degli Studi di Ferrara Università degli Studi di Ferrara REGOLAMENTO PER L'ISTITUZIONE E LA DISCIPLINA DEI MASTER UNIVERSITARI, DEI CORSI DI PERFEZIONAMENTO E DEI CORSI DI FORMAZIONE DECRETO RETTORALE REP. N 44/2014 PROT.N 1191

Dettagli

SEZIONE III - Corsi di Aggiornamento, Perfezionamento e di Formazione professionale. SEZIONE I Disposizioni generali. Art.

SEZIONE III - Corsi di Aggiornamento, Perfezionamento e di Formazione professionale. SEZIONE I Disposizioni generali. Art. Regolamento per l istituzione e la gestione dei Master universitari di I e di II livello, dei Corsi di aggiornamento, perfezionamento e di formazione professionale SEZIONE I- Disposizioni generali SEZIONE

Dettagli

UNIVERSITÀ degli STUDI di BRESCIA

UNIVERSITÀ degli STUDI di BRESCIA REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E LA DISCIPLINA DEI MASTER UNIVERSITARI, DEI CORSI DI PERFEZIONAMENTO O DI AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE approvato dal Senato Accademico nella seduta del 10.05.2013 n. 300/5609

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E IL FUNZIONAMENTO DEI CORSI DI MASTER UNIVERSITARI

REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E IL FUNZIONAMENTO DEI CORSI DI MASTER UNIVERSITARI REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E IL FUNZIONAMENTO DEI CORSI DI MASTER UNIVERSITARI (emanato con Decreto Rettorale N. 645 del 12/03/2003) ART. 1 - Ambito di applicazione... 2 ART. 2 - Titoli per l accesso...

Dettagli

REGOLAMENTO IN MATERIA DI CORSI DI MASTER UNIVERSITARI E DEI CORSI DI ALTA FORMAZIONE, CORSI DI FORMAZIONE PERMANENTE E SUMMER / WINTER SCHOOL

REGOLAMENTO IN MATERIA DI CORSI DI MASTER UNIVERSITARI E DEI CORSI DI ALTA FORMAZIONE, CORSI DI FORMAZIONE PERMANENTE E SUMMER / WINTER SCHOOL REGOLAMENTO IN MATERIA DI CORSI DI MASTER UNIVERSITARI E DEI CORSI DI ALTA FORMAZIONE, CORSI DI FORMAZIONE PERMANENTE E SUMMER / WINTER SCHOOL Art.1 Ambito di applicazione 1.Il presente regolamento, emanato

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI CORSI PER MASTER UNIVERSITARI E DEI CORSI DI PERFEZIONAMENTO E DI AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI CORSI PER MASTER UNIVERSITARI E DEI CORSI DI PERFEZIONAMENTO E DI AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI CORSI PER MASTER UNIVERSITARI E DEI CORSI DI PERFEZIONAMENTO E DI AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE (integrato con modifiche apportate dal Senato Accademico con delibera n 994

Dettagli

REGOLAMENTO SUI CORSI DI MASTER UNIVERSITARI

REGOLAMENTO SUI CORSI DI MASTER UNIVERSITARI REGOLAMENTO SUI CORSI DI MASTER UNIVERSITARI (emanato con D.R. n. 417 del 24 marzo 2015) INDICE Pag. Art. 1 Oggetto 2 Art. 2 Caratteristiche dei corsi 2 Art. 3 Istituzione - attivazione - rinnovo 2 Art.

Dettagli

D.R. N. 1002/14 IL RETTORE

D.R. N. 1002/14 IL RETTORE D.R. N. 1002/14 IL RETTORE Vista la Legge 9 maggio 1989, n. 168, istitutiva del Ministero dell'università e della Ricerca Scientifica e Tecnologica; Vista la Legge n. 240 del 30 dicembre 2010; Visto lo

Dettagli

Titolo I Disposizioni generali Articolo 1 (Ambito di applicazione)

Titolo I Disposizioni generali Articolo 1 (Ambito di applicazione) REGOLAMENTO INTERNO IN MATERIA DI CORSI DI FORMAZIONE FINALIZZATA E PERMANENTE, DEI CORSI PER MASTER UNIVERSITARI DI PRIMO E SECONDO LIVELLO E DEI MASTER DI ALTO APPRENDISTATO (emanato con decreto rettorale

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ATTIVAZIONE E L ORGANIZZAZIONE DEI MASTER UNIVERSITARI E DEI CORSI DI PERFEZIONAMENTO. (Emanato con D.R. n. 409 in data 07/04/2011)

REGOLAMENTO PER L ATTIVAZIONE E L ORGANIZZAZIONE DEI MASTER UNIVERSITARI E DEI CORSI DI PERFEZIONAMENTO. (Emanato con D.R. n. 409 in data 07/04/2011) REGOLAMENTO PER L ATTIVAZIONE E L ORGANIZZAZIONE DEI MASTER UNIVERSITARI E DEI CORSI DI PERFEZIONAMENTO (Emanato con D.R. n. 409 in data 07/04/2011) TITOLO I MASTER UNIVERSITARI DI PRIMO E DI SECONDO LIVELLO

Dettagli

TITOLO I - DISPOSIZIONI GENERALI Articolo 1 (Ambito di applicazione) ALLEGATI: Allegato 1 Proposta di progetto

TITOLO I - DISPOSIZIONI GENERALI Articolo 1 (Ambito di applicazione) ALLEGATI: Allegato 1 Proposta di progetto REGOLAMENTO INTERNO IN MATERIA DI CORSI FORMAZIONE FINALIZZATA E PERMANENTE, DEI CORSI PER MASTER UNIVERSITARI DI PRIMO E SECONDO LIVELLO E DEI MASTER DI ALTO APPRENDISTATO (emanato con decreto rettorale

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E IL FUNZIONAMENTO DEI MASTER UNIVERSITARI E CORSI DI PERFEZIONAMENTO O DI AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE

REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E IL FUNZIONAMENTO DEI MASTER UNIVERSITARI E CORSI DI PERFEZIONAMENTO O DI AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E IL FUNZIONAMENTO DEI MASTER UNIVERSITARI E CORSI DI PERFEZIONAMENTO O DI AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE Emanato con decreto rettorale n. 9 del 12 novembre 2013 N.B. - Sostituisce

Dettagli

\ Emanato con D.R. n. 1292 2006 Prot. n. 20351 del 29.05.2006 Modificato con D.R. n. 889-2007 Prot. n. 11393 del 23.03.2007 REGOLAMENTO MASTER

\ Emanato con D.R. n. 1292 2006 Prot. n. 20351 del 29.05.2006 Modificato con D.R. n. 889-2007 Prot. n. 11393 del 23.03.2007 REGOLAMENTO MASTER \ Emanato con D.R. n. 1292 2006 Prot. n. 20351 del 29.05.2006 Modificato con D.R. n. 889-2007 Prot. n. 11393 del 23.03.2007 Art.1 Master universitari REGOLAMENTO MASTER 1. In attuazione dell articolo 1,

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E LA DISCIPLINA DEI CORSI DI ALTA FORMAZIONE POST LAUREAM ART. 1 OGGETTO ART. 2 DEFINIZIONI

REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E LA DISCIPLINA DEI CORSI DI ALTA FORMAZIONE POST LAUREAM ART. 1 OGGETTO ART. 2 DEFINIZIONI REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E LA DISCIPLINA DEI CORSI DI ALTA FORMAZIONE POST LAUREAM ART. 1 OGGETTO Il presente Regolamento determina le modalità d istituzione ed organizzazione dei Master Universitari

Dettagli

Università degli Studi di Napoli Parthenope

Università degli Studi di Napoli Parthenope Pos. AG IL RETTORE Decreto n. 425 VISTO VISTO il DM 270/04 ed in particolare l art.3 comma 9 che recita Restano ferme le disposizioni di cui all'articolo 6 della legge 19 novembre 1990, n. 341, in materia

Dettagli

Regolamento in materia di CORSI PER MASTER UNIVERSITARIO E CORSI DI PERFEZIONAMENTO. dell Università degli Studi di Perugia

Regolamento in materia di CORSI PER MASTER UNIVERSITARIO E CORSI DI PERFEZIONAMENTO. dell Università degli Studi di Perugia Regolamento in materia di CORSI PER MASTER UNIVERSITARIO E CORSI DI PERFEZIONAMENTO dell Università degli Studi di Perugia (Emanato con decreto rettorale n. 66 del 26 gennaio 2015) 1 Indice TITOLO I DEFINIZIONI

Dettagli

IL RETTORE. VISTO lo Statuto di Ateneo ed in particolare l'art. 38, comma 1, lett. c;

IL RETTORE. VISTO lo Statuto di Ateneo ed in particolare l'art. 38, comma 1, lett. c; U.S.R. Decreto n. 1226 IL RETTORE VISTO lo Statuto di Ateneo ed in particolare l'art. 38, comma 1, lett. c; VISTO VISTO VISTO VISTA VISTA RITENUTO il Decreto del M.I.U.R. 22 ottobre 2004, n. 270, ed in

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CATANIA

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CATANIA D.R. 7675 UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CATANIA IL RETTORE - Vista la Legge del 19 novembre 1990, n.341 e in particolare gli articoli 6 e 7, concernenti la riforma degli ordinamenti didattici universitari;

Dettagli

REGOLAMENTO DEI CORSI MASTER E DEI CORSI DI PERFEZIONAMENTO, AGGIORNAMENTO E FORMAZIONE PERMANENTE E CONTINUA (D.R. n. 137 del 8.4.

REGOLAMENTO DEI CORSI MASTER E DEI CORSI DI PERFEZIONAMENTO, AGGIORNAMENTO E FORMAZIONE PERMANENTE E CONTINUA (D.R. n. 137 del 8.4. REGOLAMENTO DEI CORSI MASTER E DEI CORSI DI PERFEZIONAMENTO, AGGIORNAMENTO E FORMAZIONE PERMANENTE E CONTINUA (D.R. n. 137 del 8.4.2015) Art. 1 Oggetto 1. Il presente regolamento disciplina le procedure

Dettagli

REGOLAMENTO DEI CORSI MASTER, DI PERFEZIONAMENTO E DI FORMAZIONE. Premessa

REGOLAMENTO DEI CORSI MASTER, DI PERFEZIONAMENTO E DI FORMAZIONE. Premessa REGOLAMENTO DEI CORSI MASTER, DI PERFEZIONAMENTO E DI FORMAZIONE Premessa Il Regolamento per l istituzione ed il funzionamento dei corsi master universitari, emanato con D.R. n. 868 del 27.6.2005, è modificato

Dettagli

UNIVERSITA' DEGLI STUDI DEL SANNIO REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI CORSI DI MASTER UNIVERSITARIO DI PRIMO E SECONDO LIVELLO

UNIVERSITA' DEGLI STUDI DEL SANNIO REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI CORSI DI MASTER UNIVERSITARIO DI PRIMO E SECONDO LIVELLO UNIVERSITA' DEGLI STUDI DEL SANNIO REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI CORSI DI MASTER UNIVERSITARIO DI PRIMO E SECONDO LIVELLO Articolo 1 Definizione 1. In attuazione di quanto previsto dalla normativa

Dettagli

Università degli Studi di Messina. Regolamento dei corsi di alta formazione

Università degli Studi di Messina. Regolamento dei corsi di alta formazione Università degli Studi di Messina Regolamento dei corsi di alta formazione Art. 1. - Ambito di applicazione TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI 1. Il presente regolamento disciplina le procedure per l'istituzione

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PAVIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PAVIA REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE DI CORSI PER MASTER UNIVERSITARIO, CORSI DI PERFEZIONAMENTO E CORSI DI AGGIORNAMENTO E FORMAZIONE PERMANENTE Art. 1 Definizione 1. L Università promuove, ai sensi della normativa

Dettagli

Regolamento per l'istituzione ed il funzionamento dei corsi di perfezionamento, di aggiornamento professionale e formazione permanente

Regolamento per l'istituzione ed il funzionamento dei corsi di perfezionamento, di aggiornamento professionale e formazione permanente Regolamento per l'istituzione ed il funzionamento dei corsi di perfezionamento, di aggiornamento professionale e formazione permanente (Decreto Rettorale n.34 del 12 dicembre 2008) Sommario Articolo 1

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E L ORGANIZZAZIONE DEI CORSI DI DOTTORATO DI RICERCA (approvato da C. d A. del 12 ottobre 2004)

REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E L ORGANIZZAZIONE DEI CORSI DI DOTTORATO DI RICERCA (approvato da C. d A. del 12 ottobre 2004) REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E L ORGANIZZAZIONE DEI CORSI DI DOTTORATO DI RICERCA (approvato da C. d A. del 12 ottobre 2004) 1 INDICE Articolo 1 Finalità Articolo 2 Ambito di applicazione Articolo 3 Istituzione

Dettagli

Articolo 1 (Definizioni)

Articolo 1 (Definizioni) REGOLAMENTO IN MATERIA DI CORSI PROFESSIONALIZZANTI: MASTER UNIVERSITARI, CORSI DI ALTA FORMAZIONE, CORSI DI FORMAZIONE PERMANENTE E SUMMER / WINTER SCHOOL Articolo 1 (Definizioni) Ai sensi del presente

Dettagli

Allegato A. Regolamento dei corsi di Master. Art. 1 - Definizioni. Art. 2 - Principi generali e finalità. Art. 3 - Caratteristiche dei Corsi

Allegato A. Regolamento dei corsi di Master. Art. 1 - Definizioni. Art. 2 - Principi generali e finalità. Art. 3 - Caratteristiche dei Corsi Allegato A Regolamento dei corsi di Master Art. 1 - Definizioni Art. 2 - Principi generali e finalità Art. 3 - Caratteristiche dei Corsi Art. 4 - Istituzione e attivazione Art. 5 - Corsi interistituzione

Dettagli

CORSI PER MASTER UNIVERSITARIO DI I e II livello REGOLAMENTO ai sensi dell articolo 7, comma 4, del Regolamento didattico generale della Libera

CORSI PER MASTER UNIVERSITARIO DI I e II livello REGOLAMENTO ai sensi dell articolo 7, comma 4, del Regolamento didattico generale della Libera CORSI PER MASTER UNIVERSITARIO DI I e II livello REGOLAMENTO ai sensi dell articolo 7, comma 4, del Regolamento didattico generale della Libera Università di Bolzano Approvato con delibera n. 56/2010 del

Dettagli

REGOLAMENTO DI ATENEO DEI MASTER UNIVERSITARI DI I E DI II LIVELLO E DEI CORSI DI PERFEZIONAMENTO E DI ALTA FORMAZIONE PERMANENTE E RICORRENTE

REGOLAMENTO DI ATENEO DEI MASTER UNIVERSITARI DI I E DI II LIVELLO E DEI CORSI DI PERFEZIONAMENTO E DI ALTA FORMAZIONE PERMANENTE E RICORRENTE REGOLAMENTO DI ATENEO DEI MASTER UNIVERSITARI DI I E DI II LIVELLO E DEI CORSI DI PERFEZIONAMENTO E DI ALTA FORMAZIONE PERMANENTE E RICORRENTE INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI...3 Art. 1 Ambito di

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI CORSI DI FORMAZIONE FINALIZZATA E DEI SERVIZI DIDATTICI INTEGRATIVI EX ART. 35 STATUTO

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI CORSI DI FORMAZIONE FINALIZZATA E DEI SERVIZI DIDATTICI INTEGRATIVI EX ART. 35 STATUTO REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI CORSI DI FORMAZIONE FINALIZZATA E DEI SERVIZI DIDATTICI INTEGRATIVI EX ART. 35 STATUTO Emanato con D.R. n. 11632 del 05/12/2005 e successive modificazioni ed integrazioni

Dettagli

AREA PERSONE E ORGANIZZAZIONE SETTORE PERSONALE DOCENTE. Regolamento di Ateneo per la disciplina dei contratti di insegnamento e di tutorato

AREA PERSONE E ORGANIZZAZIONE SETTORE PERSONALE DOCENTE. Regolamento di Ateneo per la disciplina dei contratti di insegnamento e di tutorato AREA PERSONE E ORGANIZZAZIONE SETTORE PERSONALE DOCENTE Regolamento di Ateneo per la disciplina dei contratti di insegnamento e di tutorato Art. 1 - Definizioni 1. Ai fini del presente regolamento si intende:

Dettagli

POLITECNICO DI BARI Direzione Servizi Interni Ufficio Concorsi e Supplenze

POLITECNICO DI BARI Direzione Servizi Interni Ufficio Concorsi e Supplenze POLITECNICO DI BARI Direzione Servizi Interni Ufficio Concorsi e Supplenze D.R. n. 299. IL RETTORE VISTA la Legge n. 168 del 09/05/1989; VISTA la Legge n. 245 del 07/08/1990, ed in particolare l art. 8,

Dettagli

Art. 1 Definizioni Art. 2 Istituzione Art. 3 Obiettivi formativi specifici Art. 4 Risultati di apprendimento attesi

Art. 1 Definizioni Art. 2 Istituzione Art. 3 Obiettivi formativi specifici Art. 4 Risultati di apprendimento attesi UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SIENA DIPARTIMENTO DI SCIENZE POLITICHE E INTERNAZIONALI REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN SCIENZE INTERNAZIONALI INTERNATIONAL STUDIES (Classe LM 52 Relazioni

Dettagli

Art. 3 Piano finanziario Art. 4 - Copertura finanziaria del Master Universitario

Art. 3 Piano finanziario Art. 4 - Copertura finanziaria del Master Universitario Emanato con D.R. n. 1292 2006 Prot. n. 20351 del 29.05.2006 Modificato con D.R. n. 889-2007 Prot. n. 11393 del 23.03.2007 Modificato con D.R. n. 1033 2013 Prot. n 24843 del 10.07.2013 REGOLAMENTO MASTER

Dettagli

REGOLAMENTO DEI CORSI PER MASTER UNIVERSITARIO

REGOLAMENTO DEI CORSI PER MASTER UNIVERSITARIO REGOLAMENTO DEI CORSI PER MASTER UNIVERSITARIO Art. 1 Corsi per master universitario 1. L Università promuove, secondo la normativa vigente corsi di alta formazione per il conseguimento di diplomi di master

Dettagli

REGOLAMENTO IN MATERIA DI CORSI PROFESSIONALIZZANTI (emanato con DR n. 1629/2014 del 07.11.2014 pubblicato nel BU n. 218 del 17.11.

REGOLAMENTO IN MATERIA DI CORSI PROFESSIONALIZZANTI (emanato con DR n. 1629/2014 del 07.11.2014 pubblicato nel BU n. 218 del 17.11. Alma Mater Studiorum-Università di Bologna NormAteneo - sito di documentazione sulla normativa di Ateneo vigente presso l Università di Bologna - REGOLAMENTO IN MATERIA DI CORSI PROFESSIONALIZZANTI (emanato

Dettagli

Manifesto degli studi del DIIES per l anno accademico 2014/2015

Manifesto degli studi del DIIES per l anno accademico 2014/2015 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI MEDITERRANEA DI REGGIO CALABRIA DIPARTIMENTO DIIES Manifesto degli studi del DIIES per l anno accademico 2014/ 1 Premessa L offerta formativa del DIIES dell Università degli Studi

Dettagli

TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI

TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI SENATO ACCADEMICO 20 maggio 2011, 22 novembre 2011, 23 maggio 2012 CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE 27 maggio 2011, 29 novembre 2011, 30 maggio 2012 D.R. D.R. 6/6/2011, n. 534, D.R. 12/12/2011, n. 1323, D.R.

Dettagli

Regolamento recante norme concernenti l autonomia didattica degli atenei

Regolamento recante norme concernenti l autonomia didattica degli atenei Testo aggiornato al 13 gennaio 2006 Decreto ministeriale 3 novembre 1999, n. 509 Gazzetta Ufficiale 4 gennaio 2000, n. 2 Regolamento recante norme concernenti l autonomia didattica degli atenei IL MINISTRO

Dettagli

REGOLAMENTO DEI MASTER UNIVERSITARI E SHORT MASTER UNIVERSITARI TITOLO I

REGOLAMENTO DEI MASTER UNIVERSITARI E SHORT MASTER UNIVERSITARI TITOLO I REGOLAMENTO DEI MASTER UNIVERSITARI E SHORT MASTER UNIVERSITARI TITOLO I Master Universitari ai sensi del Decreto Ministeriale 22 ottobre 2004 n. 270 e s.m.i. Articolo 1. Definizioni L Università promuove

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI FARMACIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI FARMACIA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI FARMACIA REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE A CICLO UNICO IN CHIMICA E TECNOLOGIA FARMACEUTICHE (CLASSE LM-13 FARMACIA E FARMACIA

Dettagli

Master Post Laurea Auditing e Controllo Interno Formazione Avanzata Economia BANDO DI CONCORSO

Master Post Laurea Auditing e Controllo Interno Formazione Avanzata Economia BANDO DI CONCORSO BANDO DI CONCORSO Ottobre 2009 Ottobre 2010 Art. 1 Istituzione master Presso la Facoltà di Economia dell Università di Pisa è istituito, ai sensi dell art. 4 dello Statuto, e attivato per l anno accademico

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA FORMULAZIONE DEL REGOLAMENTO DIDATTICO DEI CORSI DI DIPLOMA ACCADEMICO DI PRIMO LIVELLO

LINEE GUIDA PER LA FORMULAZIONE DEL REGOLAMENTO DIDATTICO DEI CORSI DI DIPLOMA ACCADEMICO DI PRIMO LIVELLO ISTITUZIONI MUSICALI AFAM LINEE GUIDA PER LA FORMULAZIONE DEL REGOLAMENTO DIDATTICO DEI CORSI DI DIPLOMA ACCADEMICO DI PRIMO LIVELLO (Generalità) Il presente regolamento disciplina, ai sensi delle leggi

Dettagli

SCUOLA SUPERIORE DI CATANIA REGOLAMENTO DIDATTICO

SCUOLA SUPERIORE DI CATANIA REGOLAMENTO DIDATTICO SCUOLA SUPERIORE DI CATANIA REGOLAMENTO DIDATTICO ART. 1 NORME GENERALI ART. 2 OBBLIGHI DEGLI ALLIEVI ART. 3 PERCORSO INTEGRATIVO ART. 4 DIDATTICA FRONTALE ART. 5 DIDATTICA INTERATTIVA ART. 6 ACCESSO AI

Dettagli

Regolamento dei Corsi di Master Universitario di I e di II livello. Articolo 1. Finalità

Regolamento dei Corsi di Master Universitario di I e di II livello. Articolo 1. Finalità Articolo 1. Finalità 1. Il presente regolamento disciplina l istituzione, l attivazione e il funzionamento dei corsi di perfezionamento scientifico e di alta formazione permanente e ricorrente successivi

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN MARKETING E ORGANIZZAZIONE D IMPRESA (CLASSE L-18 Scienze dell economia e della gestione aziendale) Art. 1 Premesse e finalità 1. Il presente Regolamento disciplina

Dettagli

DIVISIONE ATTIVITA ISTITUZIONALI

DIVISIONE ATTIVITA ISTITUZIONALI DIVISIONE ATTIVITA ISTITUZIONALI Ufficio Dottorati di Ricerca e Scuole di Specializzazione AT/fm Decreto del Rettore Repertorio n. 354-2006 Prot. n. 18687 del 26.07.2006 Tit. III cl. 2 Oggetto: Istituzione

Dettagli

Consiglio di Facoltà del 19.01.2012-allegato n.5 di 9 pagine

Consiglio di Facoltà del 19.01.2012-allegato n.5 di 9 pagine UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI INGEGNERIA ENZO FERRARI REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN INGEGNERIA INFORMATICA (CLASSE LM-32 INGEGNERIA INFORMATICA)

Dettagli

SCHEDA DI PRESENTAZIONE / REGOLAMENTO DIDATTICO

SCHEDA DI PRESENTAZIONE / REGOLAMENTO DIDATTICO SCHEDA DI PRESENTAZIONE / REGOLAMENTO DIDATTICO DEL MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO IN MANAGEMENT PER LE FUNZIONI DI COORDINAMENTO DELLE PROFESSIONI SOCIO-SANITARIE Art. 1 FINALITA - Presso l'ateneo

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA. FACOLTÀ DI INGEGNERIA sede di Reggio Emilia

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA. FACOLTÀ DI INGEGNERIA sede di Reggio Emilia UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI INGEGNERIA sede di Reggio Emilia REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA GESTIONALE (CLASSE L-9 INGEGNERIA INDUSTRIALE e L-8

Dettagli

AMMINISTRAZIONE E LEGISLAZIONE AZIENDALE

AMMINISTRAZIONE E LEGISLAZIONE AZIENDALE .UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA DIPARTIMENTO DI ECONOMIA CLASSE DELLE LAUREE MAGISTRALI LM77 AI SENSI DEL D.M. 270/2004 CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN AMMINISTRAZIONE E LEGISLAZIONE AZIENDALE (Sede di

Dettagli

Master ANNO ACCADEMICO 2002 2003 BANDO DI AMMISSIONE

Master ANNO ACCADEMICO 2002 2003 BANDO DI AMMISSIONE Master Gestione e controllo degli interventi di assetto e riqualificazione delle aree urbane nei PVS Prima Facoltà di Architettura Ludovico Quaroni Via Antonio Gramsci, 53-00197 Roma ANNO ACCADEMICO 2002

Dettagli

Università degli Studi Milano Bicocca

Università degli Studi Milano Bicocca Università degli Studi Milano Bicocca Bandi per i laboratori per il corso di abilitazione per l'insegnamento di sostegno scadenza: 3 settembre 2013 BANDO 9072 PER LA COPERTURA A TITOLO RETRIBUITO DI INCARICHI

Dettagli

TITOLO I CONTRATTI PER ATTIVITA DI INSEGNAMENTO

TITOLO I CONTRATTI PER ATTIVITA DI INSEGNAMENTO REGOLAMENTO DI ATENEO PER LA STIPULA DI CONTRATTI PER ATTIVITA DI INSEGNAMENTO A TITOLO ONEROSO O GRATUITO E DI ATTIVITA INTEGRATIVE AI SENSI DELL ART. 23 DELLA LEGGE 240/2010 Emanato con DR. 11460/I/003

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI LETTERE E FILOSOFIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI LETTERE E FILOSOFIA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI LETTERE E FILOSOFIA REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN LINGUE E CULTURE EUROPEE (CLASSE L-12 Mediazione linguistica) Art. 1 Premesse

Dettagli

Università degli Studi di Ferrara

Università degli Studi di Ferrara Università degli Studi di Ferrara Regolamento per il conferimento di Borse e Premi di studio nel campo della formazione con esclusione dei progetti comunitari o di internazionalizzazione Senato Accademico

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DI BORSE DI STUDIO POST- LAUREAM

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DI BORSE DI STUDIO POST- LAUREAM REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DI BORSE DI STUDIO POST- LAUREAM CAPO I DISPOSIZIONI COMUNI ART. 1 Tipologie 1. L Università degli Studi del Molise, ai sensi dell art. 114 del Regolamento per l amministrazione,

Dettagli

Facoltà: LETTERE E FILOSOFIA Corso: 0966 - CINEMA, TELEVISIONE E PRODUZIONE MULTIMEDIALE (LM) Ordinamento: DM270

Facoltà: LETTERE E FILOSOFIA Corso: 0966 - CINEMA, TELEVISIONE E PRODUZIONE MULTIMEDIALE (LM) Ordinamento: DM270 Page 1 of 5 Facoltà: LETTERE E FILOSOFIA Corso: 0966 - CINEMA, TELEVISIONE E PRODUZIONE MULTIMEDIALE (LM) Ordinamento: DM270 Titolo: CINEMA, TELEVISIONE E PRODUZIONE MULTIMEDIALE Testo: LAUREA MAGISTRALE

Dettagli

Area dei Rapporti Istituzionali e con il Territorio

Area dei Rapporti Istituzionali e con il Territorio UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CATANIA Area dei Rapporti Istituzionali e con il Territorio Prot. n. é; s"6-5 Ali. 1 N.B. Nella risposta vanno citati il numero di protocollo della presente e l'area di provenienza

Dettagli

Facoltà: ECONOMIA - SEDE DI RIMINI Corso: 8847 - ECONOMIA DEL TURISMO (L) Ordinamento: DM270 Titolo: ECONOMIA DEL TURISMO Testo: SCUOLA DI ECONOMIA, MANAGEMENT E STATISTICA Sede Di Rimini Corso di Laurea

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE FISICHE E NATURALI

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE FISICHE E NATURALI UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE FISICHE E NATURALI REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN INFORMATICA (CLASSE L-31 - Scienze e tecnologie informatiche)

Dettagli

REGOLAMENTO DI ATENEO IN MATERIA DI BORSE DI STUDIO PER ADDESTRAMENTO E PERFEZIONAMENTO ALLA RICERCA (emanato con D.R. 196/2013 dell 11/3/2013)

REGOLAMENTO DI ATENEO IN MATERIA DI BORSE DI STUDIO PER ADDESTRAMENTO E PERFEZIONAMENTO ALLA RICERCA (emanato con D.R. 196/2013 dell 11/3/2013) REGOLAMENTO DI ATENEO IN MATERIA DI BORSE DI STUDIO PER ADDESTRAMENTO E PERFEZIONAMENTO ALLA RICERCA (emanato con D.R. 196/2013 dell 11/3/2013) Articolo 1 (Oggetto, ambito di applicazione, soggetti interessati)

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO

REGOLAMENTO DIDATTICO REGOLAMENTO DIDATTICO TITOLO I FINALITÀ E ORDINAMENTO DIDATTICO Art. 1 Premesse e finalità 1. Il Corso di laurea magistrale in Scienze Storiche afferisce alla Classe delle lauree magistrali LM-84 in Scienze

Dettagli

Scuola di Lettere e Beni culturali

Scuola di Lettere e Beni culturali Scuola di Lettere e Beni culturali LAUREA IN CULTURE E TECNICHE DELLA MODA CLASSE L- 3 REGOLAMENTO DIDATTICO DI CORSO DI STUDIO PARTE NORMATIVA Art. 1 Requisiti per l'accesso al corso Requisiti di accesso

Dettagli

SEZIONE I: DISPOSIZIONI GENERALI

SEZIONE I: DISPOSIZIONI GENERALI REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI CORSI DI MASTER DI I E DI II LIVELLO, DI CORSI DI PERFEZIONAMENTO E DI CORSI DI ALTA FORMAZIONE E AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE (Emanato con DR n. 401, Prot. n. 8186 del

Dettagli

Scuola di Lettere e Beni culturali

Scuola di Lettere e Beni culturali Scuola di Lettere e Beni culturali Titolo: SCIENZE DELLA COMUNICAZIONE Testo: LAUREA IN SCIENZE DELLA COMUNICAZIONE - CLASSE L- 20 REGOLAMENTO DIDATTICO DI CORSO DI STUDIO PARTE NORMATIVA Art. 1 Requisiti

Dettagli

FAQ MASTER & CORSI DI PERFEZIONAMENTO

FAQ MASTER & CORSI DI PERFEZIONAMENTO FAQ MASTER & CORSI DI PERFEZIONAMENTO 1. Qual è la differenza tra Master di primo livello e Master di secondo livello? 2. Ai fini dell ammissione al Master, cosa bisogna fare se si possiede un titolo di

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI FARMACIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI FARMACIA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI FARMACIA REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE A CICLO UNICO IN FARMACIA (CLASSE LM-13 FARMACIA E FARMACIA INDUSTRIALE) Art. 1

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DI RICERCATORI CON CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO AI SENSI DELL ART. 1 COMMA 14 DELLA LEGGE 230/05

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DI RICERCATORI CON CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO AI SENSI DELL ART. 1 COMMA 14 DELLA LEGGE 230/05 Emanato con D.R. n. 301 del 16/4/2009, modificato con D.R. 57 del 3/02/2010 REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DI RICERCATORI CON CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO AI SENSI DELL ART. 1 COMMA 14 DELLA LEGGE 230/05

Dettagli

Scuola di Alta Formazione Master. Regolamento dei Corsi

Scuola di Alta Formazione Master. Regolamento dei Corsi Scuola di Alta Formazione Master Regolamento dei Corsi Sommario Introduzione... 3 Art. 1 - Definizioni... 3 Art. 2 - Principi generali e finalità... 3 Art. 3 - Caratteristiche dei Corsi... 4 Art. 4 - Istituzione

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI BIOSCIENZE E BIOTECNOLOGIE

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI BIOSCIENZE E BIOTECNOLOGIE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI BIOSCIENZE E BIOTECNOLOGIE REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN BIOTECNOLOGIE (CLASSE L-2 BIOTECNOLOGIE) Art. 1 Premesse e finalità 1.

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI LETTERE E FILOSOFIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI LETTERE E FILOSOFIA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI LETTERE E FILOSOFIA REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN LINGUE PER LA COMUNICAZIONE NELL IMPRESA E NELLE ORGANIZZAZIONI INTERNAZIONALI

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DI CORSO DI LAUREA IN MEDICINA E CHIRURGIA (LM41)

REGOLAMENTO DIDATTICO DI CORSO DI LAUREA IN MEDICINA E CHIRURGIA (LM41) Page 1 of 5 Facoltà: MEDICINA E CHIRURGIA Corso: 8415 - MEDICINA E CHIRURGIA (LM) Ordinamento: DM270 Titolo: MEDICINA E CHIRURGIA Testo: Scuola di Medicina e Chirurgia REGOLAMENTO DIDATTICO DI CORSO DI

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DELLE BORSE DI STUDIO PER STUDENTI DEL PERCORSO FORMATIVO COMUNE DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN MATEMATICA

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DELLE BORSE DI STUDIO PER STUDENTI DEL PERCORSO FORMATIVO COMUNE DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN MATEMATICA REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DELLE BORSE DI STUDIO PER STUDENTI DEL PERCORSO FORMATIVO COMUNE DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN MATEMATICA Art. 1 - Finalità, durata, e modalità di assegnazione 1. La

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE FISICHE E NATURALI

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE FISICHE E NATURALI UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE FISICHE E NATURALI REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN FISICA (CLASSE L-30, SCIENZE E TECNOLOGIE FISICHE) Art. 1

Dettagli

Master Diritto e Ingegneria delle Imprese Aereo Spaziali D.I.A.S. Master Universitario di primo livello

Master Diritto e Ingegneria delle Imprese Aereo Spaziali D.I.A.S. Master Universitario di primo livello Università degli Studi di Roma "La Sapienza" Facoltà di Economia Sede di Latina Master Diritto e Ingegneria delle Imprese Aereo Spaziali D.I.A.S. Master Universitario di primo livello REGOLAMENTO Anno

Dettagli

Art. 4: è necessario specificare la percentuale di tempo da dedicare allo studio individuale.

Art. 4: è necessario specificare la percentuale di tempo da dedicare allo studio individuale. Allegato 2 Art. 4. Crediti formativi universitari Testo approvato Rilievi CUN Testo adeguato ai rilievi 1. Il credito formativo universitario (cfu) - di seguito denominato credito - è l unità di misura

Dettagli

REGOLAMENTO SUI CULTORI DELLA MATERIA

REGOLAMENTO SUI CULTORI DELLA MATERIA Articolo 1 Ambito di applicazione REGOLAMENTO SUI CULTORI DELLA MATERIA 1. Il presente Regolamento disciplina le modalità di nomina dei Cultori della materia e le loro attività. Articolo 2 Funzioni 1.

Dettagli

Facoltà: SCIENZE STATISTICHE Corso: 8053 - FINANZA, ASSICURAZIONI E IMPRESA (L) Ordinamento: DM270 Titolo: FINANZA, ASSICURAZIONI E IMPRESA Testo: SCUOLA DI ECONOMIA, MANAGEMENT E STATISTICA Regolamento

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DI CORSO DI STUDIO PARTE NORMATIVA -

REGOLAMENTO DIDATTICO DI CORSO DI STUDIO PARTE NORMATIVA - Scuola di Lettere e Beni culturali LAUREA MAGISTRALE IN CINEMA, TELEVISIONE E PRODUZIONE MULTIMEDIALE CLASSE LM-65 REGOLAMENTO DIDATTICO DI CORSO DI STUDIO PARTE NORMATIVA - Art. 1 Requisiti per l'accesso

Dettagli

Regolamento per il conferimento di incarichi di insegnamento presso l Università degli Studi di Siena Art. 1 - Definizioni - per corsi di studio

Regolamento per il conferimento di incarichi di insegnamento presso l Università degli Studi di Siena Art. 1 - Definizioni - per corsi di studio Regolamento per il conferimento di incarichi di insegnamento presso l Università degli Studi di Siena (Emanato con D.R. n. 1529 del 17.10.2012, pubblicato all Albo on line di Ateneo in data 18.10.2012

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO

REGOLAMENTO DIDATTICO REGOLAMENTO DIDATTICO CORSO DI STUDIO: Culture e tecniche del costume e della moda FACOLTÀ: Lettere e Filosofia CLASSE: 23 Art. 1 Coerenza tra crediti delle attività formative e obiettivi formativi programmati

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI GIURISPRUDENZA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI GIURISPRUDENZA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI GIURISPRUDENZA REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE A CICLO UNICO IN GIURISPRUDENZA (CLASSE LMG/01 GIURISPRUDENZA) Art. 1 Premesse

Dettagli

REGOLAMENTO PER GLI AFFIDAMENTI E I CONTRATTI PER ESIGENZE DIDATTICHE, ANCHE INTEGRATIVE, AI SENSI DELLA LEGGE 240/2010. Art. 1 Ambito di applicazione

REGOLAMENTO PER GLI AFFIDAMENTI E I CONTRATTI PER ESIGENZE DIDATTICHE, ANCHE INTEGRATIVE, AI SENSI DELLA LEGGE 240/2010. Art. 1 Ambito di applicazione REGOLAMENTO PER GLI AFFIDAMENTI E I CONTRATTI PER ESIGENZE DIDATTICHE, ANCHE INTEGRATIVE, AI SENSI DELLA LEGGE 240/2010 Art. 1 Ambito di applicazione L Università, in applicazione del D.M. 242/98 ed ai

Dettagli

IL TECNICO DIRIGENTE DEL NUOVO ENTE LOCALE

IL TECNICO DIRIGENTE DEL NUOVO ENTE LOCALE FACOLTA DI INGEGNERIA BANDO PER L AMMISSIONE AL MASTER DI II LIVELLO IL TECNICO DIRIGENTE DEL NUOVO ENTE LOCALE Anno Accademico 2007 2008 Codice Corso di Studio da inserire nel bollettino di immatricolazione:

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA. FACOLTÀ DI INGEGNERIA sede di REGGIO EMILIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA. FACOLTÀ DI INGEGNERIA sede di REGGIO EMILIA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI INGEGNERIA sede di REGGIO EMILIA REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN INGEGNERIA GESTIONALE (CLASSE LM-31 INGEGNERIA GESTIONALE)

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO

REGOLAMENTO DIDATTICO REGOLAMENTO DIDATTICO Laurea specialistica in Classe Facoltà ECONOMIA E LEGISLAZIONE D IMPRESA 84/S Classe delle lauree specialistiche in Scienze economico-aziendali Economia Art. 1. Finalità Il presente

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FACOLTÀ DI PSICOLOGIA CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN NEUROSCIENZE E RIABILITAZIONE NEUROPSICOLOGICA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FACOLTÀ DI PSICOLOGIA CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN NEUROSCIENZE E RIABILITAZIONE NEUROPSICOLOGICA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FACOLTÀ DI PSICOLOGIA CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN NEUROSCIENZE E RIABILITAZIONE NEUROPSICOLOGICA REGOLAMENTO DIDATTICO TITOLO I FINALITÀ E ORDINAMENTO DIDATTICO Art.

Dettagli

CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN GIURISPRUDENZA GIURISPRUDENZA

CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN GIURISPRUDENZA GIURISPRUDENZA CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN GIURISPRUDENZA GIURISPRUDENZA (Approvato con delibera del CdF del 03.05.06 e modificato con delibere del CdF del 07.03.07, del 12.03.08 e del 08.04.08) Regolamento didattico

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI VERONA REGOLAMENTO DELLA SCUOLA DI DOTTORATO IN SCIENZE GIURIDICHE ED ECONOMICHE. Art. 1. (Ambito di applicazione)

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI VERONA REGOLAMENTO DELLA SCUOLA DI DOTTORATO IN SCIENZE GIURIDICHE ED ECONOMICHE. Art. 1. (Ambito di applicazione) UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI VERONA REGOLAMENTO DELLA SCUOLA DI DOTTORATO IN SCIENZE GIURIDICHE ED ECONOMICHE Art. 1 (Ambito di applicazione) Il presente Regolamento disciplina le finalità, l organizzazione

Dettagli

Regolamenti ISIA Firenze

Regolamenti ISIA Firenze Regolamenti ISIA Firenze Regolamento di transizione dei corsi accademici di secondo livello di indirizzo specialistico Il Consiglio Accademico dell ISIA di Firenze VISTA la legge 21 dicembre 1999, n. 508,

Dettagli

Via Perrone, 18 28100 Novara Italia Tel. +39 0321 375 310 Fax +39 0321 375 305 e-mail: segreteria.dsemeq@unipmn.it

Via Perrone, 18 28100 Novara Italia Tel. +39 0321 375 310 Fax +39 0321 375 305 e-mail: segreteria.dsemeq@unipmn.it Via Perrone, 18 28100 Novara Italia Tel. +39 0321 375 310 Fax +39 0321 375 305 e-mail: segreteria.dsemeq@unipmn.it BANDO DI SELEZIONE PUBBLICA PER IL CONFERIMENTO DI N. 1 BORSA DI STUDIO DELLA DURATA DI

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FACOLTÀ DI PSICOLOGIA CORSO DI LAUREA IN SCIENZE E TECNICHE PSICOLOGICHE REGOLAMENTO DIDATTICO TITOLO I

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FACOLTÀ DI PSICOLOGIA CORSO DI LAUREA IN SCIENZE E TECNICHE PSICOLOGICHE REGOLAMENTO DIDATTICO TITOLO I UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FACOLTÀ DI PSICOLOGIA CORSO DI LAUREA IN SCIENZE E TECNICHE PSICOLOGICHE REGOLAMENTO DIDATTICO TITOLO I FINALITÀ E ORDINAMENTO DIDATTICO Art. 1 Premesse e finalità 1. Il

Dettagli

REGOLAMENTO SULLA FORMAZIONE INIZIALE DEGLI INSEGNANTI

REGOLAMENTO SULLA FORMAZIONE INIZIALE DEGLI INSEGNANTI REGOLAMENTO SULLA FORMAZIONE INIZIALE DEGLI INSEGNANTI * SCHEDE * LA STRUTTURA DEI NUOVI PERCORSI FORMATIVI L avvio dei nuovi percorsi è previsto per l anno accademico 2011/2012. I PERCORSI DI STUDIO PER

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI ECONOMIA MARCO BIAGI

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI ECONOMIA MARCO BIAGI UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI ECONOMIA MARCO BIAGI REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN ECONOMIA AZIENDALE (CLASSE L-18 SCIENZE DELL ECONOMIA E DELLA GESTIONE AZIENDALE)

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI ECONOMIA MARCO BIAGI

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI ECONOMIA MARCO BIAGI UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI ECONOMIA MARCO BIAGI REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN ANALISI, CONSULENZA E GESTIONE FINANZIARIA (INTERCLASSE LM-16 FINANZA

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DELL UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PAVIA ai sensi del D.M. n. 270/2004 e relativi decreti di attuazione

REGOLAMENTO DIDATTICO DELL UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PAVIA ai sensi del D.M. n. 270/2004 e relativi decreti di attuazione REGOLAMENTO DIDATTICO DELL UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PAVIA ai sensi del D.M. n. 270/2004 e relativi decreti di attuazione Decreto Rettorale di emanazione Rep. n. 628/2008, Prot. 14296 del 2 aprile 2008

Dettagli

8481 - IGIENE DENTALE (ABILITANTE ALLA PROFESSIONE SANITARIA DI IGIENISTA DENTALE) (L)

8481 - IGIENE DENTALE (ABILITANTE ALLA PROFESSIONE SANITARIA DI IGIENISTA DENTALE) (L) Page 1 of 5 Facoltà: Corso: Ordinamento: DM270 MEDICINA E CHIRURGIA 8481 - IGIENE DENTALE (ABILITANTE ALLA PROFESSIONE SANITARIA DI IGIENISTA DENTALE) (L) Titolo: IGIENE DENTALE (ABILITANTE ALLA PROFESSIONE

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA LA SAPIENZA FACOLTA DI INGEGNERIA

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA LA SAPIENZA FACOLTA DI INGEGNERIA FACOLTA DI INGEGNERIA Concorso di ammissione al Master universitario di secondo livello in Ingegneria dell Emergenza Anno 2008-2009 Codice corso di studio: 10642 L Università degli Studi di Roma La Sapienza

Dettagli