Laboratorio di Informatica

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Laboratorio di Informatica"

Transcript

1 Strutture di dati Laboratorio di Informatica 5. Strutture / Array di oggetti / Pila&Coda in C++ Una struttura è un insieme finito di variabili (dette campi) non necessariamente dello stesso tipo, ognuna identificata con un nome l insieme dei campi è denominato record sintassi struct nome_struttura { tipo1 nome_variabile1;... tipon nome_variabilen; La struttura definisce un nuovo tipo di dato Corso di Laurea in Ingegneria Elettronica e Telecomunicazioni A.A Semestre Prof. Giovanni Pascoschi 2 Strutture di dati Strutture di dati Dopo aver definito una variabile struttura, si accede ai singoli campi mediante la notazione. (punto) i campi di una struttura possono essere usati come qualunque variabile dello stesso tipo esempio: cd.prezzo=10; cout<<cd.titolo; cd.copie++; Una volta definito un tipo dati struttura, essa si comporta come un qualsiasi altro tipo di dati. Si puo ad esempio: assegnare una variabile struttura ad un altra far si che una funzione restituisca una struttura alla funzione chiamante passare strutture sia per valore che per referenza (riferimento) 3 4

2 Esempi strutture di dati Tabelle di dati La tabella di dati è un array di strutture daticd cd1 = { Toccata e fuga, Bach, 30, sinfonia ; daticd cd2 = cd1; //uguaglianza tra strutture void stampa_cd(daticd x) { // passaggio per valore cout<< x.autore<<x.titolo<<x.prezzo<<x.genere<<endl; struct giorno { int gg; int mm; int aa; ; void prezzo_scontato(daticd& x) { x.prezzo=x.prezzo * 80/100; // passaggio per referenza struct daticd { string titolo; string autore; float prezzo; string genere; struct giorno giorno_vendita; ; struct daticd CD[100]; // tabella costituita da 100 CD 5 6 Istruzione typedef Accesso agli elementi di una Tabella per poter descrivere in maniera piu concisa un tipo struttura si puo usare la parola chiave typedef struct giorno { int gg; int mm; int aa; ; struct daticd { string titolo; string autore; float prezzo; string genere; struct giorno vendita; ; typedef struct daticd cddata; //non definisce un nuovo tipo, ma un sinonimo!!!! cddata CD[100]; // tabella costituita da 100 CD 7 L indice di una tabella puo essere una espressione costante intera o comunque una qualsiasi espressione intera Esempio di caricamento di una tabella: for (int i=0; i< 500; i++) { cin >> CD[i].titolo>> CD[i].autore >> CD[i].prezzo>> CD[i].genere; cin >> CD[i].vendita.gg >> CD[i].vendita.mm >> CD[i].vendita.aa ; 8

3 Array di oggetti Strutture dati complesse #include<iostream> using namespace std; class Persona { public: int id_persona; int anno_nasc; Persona() { id_persona = 0; anno_nasc = 0; Persona(int id_pers, int anno) { id-persona = id-pers; anno_nasc = anno; void stampa() { cout <<id-persona << " " << anno_nasc << "\n"; ; int main() { const int dim = 10; Persona a[dim]; // richiede il costruttore di default for (int i = 0; i < dim; i++) { a[i].id_persona = i; cin>>a[i].anno_nasc; for (int i = 0; i < dim; i++) { a[i].stampa(); system("pause"); Esempi di strutture dati complesse in C++: Pila (Stack) Coda (queue) Liste semplici (semplicemente linkate) (in seguito) Liste doppie (doppiamente linkate) (in seguito) 9 10 Pila (Stack) con array Pila (Stack) con array la Pila (Stack) è un insieme di dati che permette l inserimento di nuovi elementi e l estrazione degli elementi introdotti da un unica estremità il funzionamento della pila viene denominato LIFO (Last Input First Output) meccanismo utilizzato per gestire le chiamate alle funzioni (insieme degli indirizzi di rientro) oppure nel registro di stack (linguaggio assembly) operazione di inserimento di un dato push operazione di estrazione di un dato pop L implementazione di una pila puo essere fatta tramite un array (dimensione fissa) push A[0] A[1] A[2] pop testa = 0... A[MAX-1] testa = MAX 11 12

4 Esempio Pila Esempio Pila #include <iostream> using namespace std; const int MAX = 20; int Pila[MAX]; int testa; void clearpila( ); void pop( ); void push( ); void readpila( ); void menu( ); int main( ) { int scelta; clearpila( ); menu( ); cout<< Seleziona una voce ; cin>>scelta; while(scelta <1 scelta >5); switch(scelta) { case 1: clearpila( ); case 2: pop( ); case 3: push( ); case 4: readpila( ); while(scelta!=5); return 0; void pop( ) { if( testa == MAX) cout<< La pila e vuota. Impossibile estrarre un dato << endl; cout << Elemento estratto = << Pila[testa] << endl; testa++; void push( ) { int dato; if (testa == 0) cout<< La pila è piena. Impossibile inserire altri dati << endl; cout << dato da inserire = ; cin>> dato; testa- -; Pila[testa] = dato; Esempio Pila Coda (Queue) con array void clearpila( ) { testa = MAX; cout<< Pila vuota << endl; void readpila( ) { for(int i=testa; i< MAX; i++) { cout<< Pila[i] << endl; la Coda (Queue) è un insieme di dati che permette l inserimento di nuovi elementi da una parte e l estrazione degli elementi introdotti dalla parte opposta il funzionamento della coda viene denominato FIFO (First Input First Output) operazione di inserimento di un dato push void menu( ) { cout << endl; cout << 1. Pulisci pila << endl; cout << 2. Estrai un dato << endl; cout << 3. Aggiungi un dato << endl; cout << 4. Leggi pila << endl; cout << 5. Fine << endl; operazione di estrazione di un dato pop 15 16

5 Coda (Queue) con array Esempio Coda L implementazione di una coda puo essere fatta tramite un array (dimensione fissa) pop A[0] A[1] A[MAX-1]... push #include <iostream> using namespace std; const int MAX = 20; int Coda[MAX]; int fine; void clearcoda( ); void pop( ); void push( ); void readcoda( ); void menu( ); menu( ); cout<< Seleziona una voce ; cin>>scelta; while(scelta <1 scelta >5); switch(scelta) { case 1: clearcoda( ); case 2: pop( ); fine = -1 fine = MAX-1 int main( ) { int scelta; clearcoda( ); case 3: case 4: push( ); readcoda( ); while(scelta!=5); return 0; Esempio Coda Esempio Coda void pop( ) { if( fine ==-1) cout<< La coda e vuota. Impossibile estrarre un dato << endl; cout << Elemento estratto = << Coda[0] << endl; for(int i=1; i<= fine; i++) Coda[i-1] = Coda[i]; fine- -; void clearcoda( ) { fine = -1; cout<< Coda vuota << endl; void readcoda( ) { for(int i=0; i<= fine; i++) { cout<< Coda[i] << endl; void push( ) { int dato; if (fine == MAX-1) cout<< La coda è piena. Impossibile inserire altri dati << endl; cout << dato da inserire = ; cin>> dato; fine++; Coda[fine] = dato; void menu( ) { cout << endl; cout << 1. Pulisci coda << endl; cout << 2. Estrai un dato << endl; cout << 3. Aggiungi un dato << endl; cout << 4. Leggi coda << endl; cout << 5. Fine << endl; 19 20

6 Riepilogo della lezione Fine della lezione Funzioni in C++ Strutture di dati Tabelle di dati Array di oggetti Pila/Coda con array Domande? 21 22

Fondamenti di Informatica

Fondamenti di Informatica Strutture di dati Fondamenti di Informatica 11. Linguaggio C - Strutture / Tabelle / Puntatori Strutture /Tabelle Corso di Laurea in Ingegneria Informatica e dell Automazione A.A. 2012-2013 2 Semestre

Dettagli

Laboratorio di Informatica

Laboratorio di Informatica Strutture Dati in C++ Le strutture dati sono entità che permettono di memorizzare dati in modo organizzato e funzionale a particolari esigenze Laboratorio di Informatica 4. Array e strutture in C++ Strutture

Dettagli

Laboratorio di Informatica

Laboratorio di Informatica Liste semplici (semplicemente linkate) Una lista semplice e costituita da nodi Laboratorio di Informatica 7. Strutture complesse di dati in C++ Ogni nodo e una struttura che contiene : Dati Un riferimento

Dettagli

Università degli Studi di Cassino Corso di Fondamenti di Informatica Tipi strutturati: Stringhe. Anno Accademico 2010/2011 Francesco Tortorella

Università degli Studi di Cassino Corso di Fondamenti di Informatica Tipi strutturati: Stringhe. Anno Accademico 2010/2011 Francesco Tortorella Corso di Informatica Tipi strutturati: Stringhe Anno Accademico 2010/2011 Francesco Tortorella Stringhe di caratteri La stringa è il tipo strutturato con cui vengono rappresentati gruppi di caratteri quali

Dettagli

Corso di Fondamenti di Informatica. Puntatori e Allocazione Dinamica

Corso di Fondamenti di Informatica. Puntatori e Allocazione Dinamica Corso di Fondamenti di Informatica Puntatori e Allocazione Dinamica I puntatori (Richiamo) Il C++ prevede puntatori a dati di qualsiasi natura, semplici o strutturati e puntatori a funzione. In particolare

Dettagli

Programmazione modulare

Programmazione modulare Programmiamo in.. Programmazione modulare Un programma complesso si suddivide in più sottoprogrammi o funzioni. Un programma suddiviso in piccoli pezzi, è più semplice da gestire da aggiornare da correggere

Dettagli

Fondamenti di Informatica - 1. Prof. B.Buttarazzi A.A. 2011/2012

Fondamenti di Informatica - 1. Prof. B.Buttarazzi A.A. 2011/2012 Fondamenti di Informatica - 1 Prof. B.Buttarazzi A.A. 2011/2012 Sommario Operatore? Tipo di dato: struct La ricorsione Funzioni ricorsive Esercizi proposti 26/04/2012 2 Operatore? L'operatore? può essere

Dettagli

Fondamenti di Informatica e Laboratorio T-AB T-15 Strutture dati

Fondamenti di Informatica e Laboratorio T-AB T-15 Strutture dati Fondamenti di Informatica e Laboratorio T-AB T-15 Strutture dati Paolo Torroni Dipartimento di Elettronica, Informatica e Sistemistica Università degli Studi di Bologna Anno Accademico 2008/2009 Sommario

Dettagli

1: /* Nome del programma: gestione_articoli_01.cpp 2: Realizzato da: Gaetano Della Cerra 3: Data: 06/02/2010 - III Informatica Serale I.T.I.S.

1: /* Nome del programma: gestione_articoli_01.cpp 2: Realizzato da: Gaetano Della Cerra 3: Data: 06/02/2010 - III Informatica Serale I.T.I.S. 1: /* Nome del programma: gestione_articoli_01.cpp 2: Realizzato da: Gaetano Della Cerra 3: Data: 06/02/2010 - III Informatica Serale I.T.I.S. Molinari 4: Il programma gestisce gli articoli di un negozio

Dettagli

Corso di Fondamenti di Informatica (M-Z) Prof. Aldo Franco Dragoni. Prova Scritta 19 aprile 2007

Corso di Fondamenti di Informatica (M-Z) Prof. Aldo Franco Dragoni. Prova Scritta 19 aprile 2007 Corso di Fondamenti di Informatica (M-Z) Prof. Aldo Franco Dragoni Avvertenze Consegnare solo fogli formato A4. Scrivere su un solo lato (no fronte retro) In ordine di preferenza usare inchiostro nero,

Dettagli

Gestione di files Motivazioni

Gestione di files Motivazioni Gestione di files Motivazioni Un programma in esecuzione legge (sequenzialmente) una sequenza di caratteri prodotti "al volo" dall'utente (tramite tastiera) il programma in esecuzione scrive (sequenzialmente)

Dettagli

Laboratorio di Programmazione Lezione 3. Cristian Del Fabbro

Laboratorio di Programmazione Lezione 3. Cristian Del Fabbro Laboratorio di Programmazione Lezione 3 Cristian Del Fabbro Prossima lezione GIOVEDÌ 12 NOVEMBRE ORE 14:00 Array a.k.a. vettore Un array è una collezione ordinata di dati omogenei (cioé sono tutti dello

Dettagli

Corso di Fondamenti di Informatica

Corso di Fondamenti di Informatica Corso di Fondamenti di Informatica Il tipo puntatore; l allocazione dinamica della memoria Claudio De Stefano - Corso di Fondamenti di Informatica 1 puntatori una variabile di tipo puntatore al tipo x

Dettagli

Fondamenti di Informatica II

Fondamenti di Informatica II Università degli studi di Messina Facoltà di Ingegneria Corso di Laurea in Ingegneria Informatica e delle Telecomunicazioni Fondamenti di Informatica II Tipi di dati astratti(adt)- seconda parte Coda Struttura

Dettagli

Esercitazione: Implementazione in linguaggio C dell ADT. Stack con l utilizzo. di linked list

Esercitazione: Implementazione in linguaggio C dell ADT. Stack con l utilizzo. di linked list Esercitazione: Implementazione in linguaggio C dell ADT Stack con l utilizzo di linked list Laboratorio di Programmazione Introduzione un ADT (Abstract Data Type) è un modello (formale) che generalizza

Dettagli

Università degli Studi di Cassino Corso di Fondamenti di Informatica Visibilità e tempo di vita delle variabili

Università degli Studi di Cassino Corso di Fondamenti di Informatica Visibilità e tempo di vita delle variabili Corso di Fondamenti di Informatica Visibilità e tempo di vita delle variabili Anno Accademico Francesco Tortorella Il concetto di visibilità Un programma C++ può assumere una struttura complessa grazie

Dettagli

PILE E CODE. Pile (stack):

PILE E CODE. Pile (stack): PILE E CODE Sono tipi di dato che consentono di rappresentare sequenze di elementi in cui gli inserimenti e le cancellazioni sono eseguiti con particolari modalita` (politiche o discipline). Pile (stack):

Dettagli

Breve Manuale di Riferimento sulla Sintassi Linguaggi C++ e FORTRAN

Breve Manuale di Riferimento sulla Sintassi Linguaggi C++ e FORTRAN Breve Manuale di Riferimento sulla Sintassi Linguaggi e versione aggiornata al 05/02/2004 Sommario Elementi di Base... 2 Dati, Tipi e Dichiarazioni... 2 Tipi di Dato di Base... 2 Tipi di Dato Strutturati...

Dettagli

Strutture dati. Il che cosa e il come. F. Damiani - Alg. & Lab. 04/05

Strutture dati. Il che cosa e il come. F. Damiani - Alg. & Lab. 04/05 Strutture dati Il che cosa e il come Il che cosa ed il come Struttura dati: descrive come sono organizzati i dati e come sono realizzate le operazioni su di essi (cioe come si accede ai dati) Specifica

Dettagli

Fondamenti di Informatica

Fondamenti di Informatica Passaggio di parametri in C++ Il passaggio dei parametri tra funzione chiamante e funzione chiamata in C++ avviene secondo due modalità: Fondamenti di Informatica 16. Funzioni in C++ (parte 2) per valore

Dettagli

ADT: Abstract Data Type. Quasi ADT. ADT per collezioni di dati (code generalizzate) 04 I tipi di dati astratti (I parte)

ADT: Abstract Data Type. Quasi ADT. ADT per collezioni di dati (code generalizzate) 04 I tipi di dati astratti (I parte) ADT: Abstract Data Type I tipi di dati astratti (I parte) Gianpiero Cabodi e Paolo Camurati Dip. Automatica e Informatica Politecnico di Torino Scopo Livello di astrazione sui dati tale da mascherare completamente

Dettagli

Esercizio 2 (punti 7) Dato il seguente programma C: #include int swap(int * nome, int length);

Esercizio 2 (punti 7) Dato il seguente programma C: #include <stdio.h> int swap(int * nome, int length); Fondamenti di Informatica L-A (A.A. 004/005) - Ingegneria Informatica Prof.ssa Mello & Prof. Bellavista I Prova Intermedia del 11/11/004 - durata h - COMPITO B Esercizio 1 (punti 1) Una associazione di

Dettagli

Funzioni, Stack e Visibilità delle Variabili in C

Funzioni, Stack e Visibilità delle Variabili in C Funzioni, Stack e Visibilità delle Variabili in C Programmazione I e Laboratorio Corso di Laurea in Informatica A.A. 2016/2017 Calendario delle lezioni Lez. 1 Lez. 2 Lez. 3 Lez. 4 Lez. 5 Lez. 6 Lez. 7

Dettagli

La struttura dati CODA

La struttura dati CODA Programmazione M-Z Ingegneria e Scienze Informatiche - Cesena A.A. 2016-2017 La struttura dati CODA Pietro Di Lena - pietro.dilena@unibo.it Introduzione Una coda (o queue) è una struttura dati astratta

Dettagli

Informatica 3. Informatica 3. LEZIONE 13: Liste doppie, pile e code. Lezione 13 - Modulo 1. Free list (2) Free list. Free list

Informatica 3. Informatica 3. LEZIONE 13: Liste doppie, pile e code. Lezione 13 - Modulo 1. Free list (2) Free list. Free list LEZIONE 13: Liste doppie, pile e code Modulo 1: Free list Modulo 2: Lista doppia Modulo 3: Pila Modulo 4: Coda Lezione 13 - Modulo 1 Free list Politecnico di Milano - Prof. Sara Comai 1 Politecnico di

Dettagli

Esercitazione 11. Liste semplici

Esercitazione 11. Liste semplici Esercitazione 11 Liste semplici Liste semplici (o lineari) Una lista semplice (o lineare) è una successione di elementi omogenei che occupano in memoria una posizione qualsiasi. Ciascun elemento contiene

Dettagli

Ricerca binaria (o dicotomica) di un elemento in un vettore

Ricerca binaria (o dicotomica) di un elemento in un vettore Ricerca binaria (o dicotomica) di un elemento in un La ricerca binaria o dicotomica è utilizzata per ricercare i dati in un ORDNATO. L algoritmo di ricerca binaria, dopo ogni confronto, scarta metà degli

Dettagli

L organizzazione dei programmi

L organizzazione dei programmi L organizzazione dei programmi Lo sviluppo top-down L.S. Touschek - A.S. 2015/2016 - I fondamenti del Linguaggio C F. Cardarelli Lo sviluppo top-down I problemi complessi Blocco 1 Istruzione 1 Istruzione

Dettagli

Università di Roma Tor Vergata L12-1

Università di Roma Tor Vergata L12-1 Università di Roma Tor Vergata L12-1 soluzione di un problema fl 1) definizione di una rappresentazione 2) specificazione di un algoritmo (dipendente dalla rappresentazione) 3) traduzione in un linguaggio

Dettagli

Linguaggio C: le funzioni. Visibilità variabili e passaggio parametri

Linguaggio C: le funzioni. Visibilità variabili e passaggio parametri Dipartimento di Elettronica ed Informazione Politecnico di Milano Informatica e CAD (c.i.) - ICA Prof. Pierluigi Plebani A.A. 2008/2009 Linguaggio C: le funzioni. Visibilità variabili e passaggio parametri

Dettagli

Il paradigma OO e le Classi

Il paradigma OO e le Classi Oggetti e Classi (CAP 10) Alberto Garfagnini Università degli studi di Padova 1 Dicembre 2009 Il paradigma OO e le Classi La programmazione ad Oggetti () è una filosofia di programmazione che si basa sui

Dettagli

Informatica! Appunti dal laboratorio 1!

Informatica! Appunti dal laboratorio 1! Informatica Appunti dal laboratorio 1 Sistema Operativo Windows Vista, Windows 7, Mac OS X, Linux, Debian, Red Hat, etc etc Il sistema operativo è un programma che serve a gestire TUTTE le risorse presenti

Dettagli

1) definizione di una rappresentazione 2) specificazione di un algoritmo (dipendente dalla rappresentazione) 3) traduzione in un linguaggio

1) definizione di una rappresentazione 2) specificazione di un algoritmo (dipendente dalla rappresentazione) 3) traduzione in un linguaggio soluzione di un problema 1) definizione di una rappresentazione 2) specificazione di un algoritmo (dipendente dalla rappresentazione) 3) traduzione in un linguaggio rappresentazioni disponibili in C++:

Dettagli

Contenitori: Pile e Code

Contenitori: Pile e Code Contenitori: Pile e Code D O T T. I N G. L E O N A R D O R I G U T I N I D I PA R T I M E N T O I N G E G N E R I A D E L L I N F O R M A Z I O N E U N I V E R S I T À D I S I E N A V I A R O M A 5 6 5

Dettagli

Variabili. Unità 2. Domenico Daniele Bloisi. Corso di Programmazione e Metodi Numerici Ingegneria Aerospaziale BAER

Variabili. Unità 2. Domenico Daniele Bloisi. Corso di Programmazione e Metodi Numerici Ingegneria Aerospaziale BAER Corso di Programmazione e Metodi Numerici Ingegneria Aerospaziale BAER Domenico Daniele Bloisi Docenti Metodi Numerici prof. Vittoria Bruni vittoria.bruni@sbai.uniroma1.it Programmazione prof. Domenico

Dettagli

Corso di Fondamenti di Informatica Il sistema dei tipi in C++

Corso di Fondamenti di Informatica Il sistema dei tipi in C++ Corso di Fondamenti di Informatica Il sistema dei tipi in C++ Anno Accademico Francesco Tortorella Struttura di un programma C++ // Programma semplice in C++ #include int main() { cout

Dettagli

Ricerca sequenziale di un elemento in un vettore

Ricerca sequenziale di un elemento in un vettore Ricerca sequenziale di un elemento in un vettore La ricerca sequenziale o lineare è utilizzata per ricercare i dati in un vettore NON ordinato. L algoritmo di ricerca sequenziale utilizza quan non ha alcuna

Dettagli

Corso di Fondamenti di Informatica Tipi strutturati: Strutture typedef Anno Accademico 2008/2009 Francesco Tortorella

Corso di Fondamenti di Informatica Tipi strutturati: Strutture typedef Anno Accademico 2008/2009 Francesco Tortorella Corso di Fondamenti di Informatica Tipi strutturati: Strutture typedef Anno Accademico Francesco Tortorella Le strutture Gli array permettono la sola aggregazione di variabili dello stesso tipo. Quindi

Dettagli

Corso di Laurea Ingegneria Informatica Fondamenti di Informatica 2

Corso di Laurea Ingegneria Informatica Fondamenti di Informatica 2 Corso di Laurea Ingegneria Informatica Fondamenti di Informatica 2 Dispensa 09 ADT: Lista, Pila, Coda A. Miola Marzo 2007 http://www.dia.uniroma3.it/~java/fondinf2/ ADT: Lista, Pila, Coda 1 Contenuti Tipo

Dettagli

Corso di Fondamenti di Informatica Classi di istruzioni 2

Corso di Fondamenti di Informatica Classi di istruzioni 2 Corso di Informatica Classi di istruzioni 2 Anno Accademico 2010/2011 Francesco Tortorella Strutture di controllo Caratteristica essenziale degli algoritmi è la possibilità di decidere le operazioni da

Dettagli

Cesare Rota. Programmare con C++

Cesare Rota. Programmare con C++ Cesare Rota Programmare con C++ Questo fascicolo deve essere allegato al volume Programmare con C++ di Cesare Rota ISBN 978-88-203-4248-7, ne è parte integrante e non può essere venduto separatamente EDITORE

Dettagli

Strutture Dinamiche. Fondamenti di Informatica

Strutture Dinamiche. Fondamenti di Informatica Strutture Dinamiche Fondamenti di Informatica 1 Indice Allocazione e de-allocazione di memoria Liste e loro gestione Companies, srl 2 Allocazione e cancellazione di memoria malloc (sizeof (TipoDato));

Dettagli

Corso di Algoritmi e Strutture Dati con Laboratorio. Tipi di dato pila e coda

Corso di Algoritmi e Strutture Dati con Laboratorio. Tipi di dato pila e coda Corso di Algoritmi e Strutture Dati con Laboratorio Tipi di dato pila e coda Uno stack è una collezione di elementi ( tipo di dato astratto) che supporta le seguenti operazioni tipiche: push, pop, peek

Dettagli

Liste Doppiamente Collegate

Liste Doppiamente Collegate Liste Doppiamente Coegate Consideriamo una ista sempicemente coegata Testa dea ista 3, 5, 20 Aggiungiamo ad ogni eemento un puntatore a eemento precedente Chiudiamo, in modo circoare, a ista (da notare

Dettagli

Fondamenti di Informatica

Fondamenti di Informatica Cosa sono i file? Un file è un archivio di dati che puo essere registrato su un supporto di massa (testo, lettera, programma, archivio di dati, ecc.) Fondamenti di Informatica 12. Linguaggio C - Gestione

Dettagli

INFORMATICA - I puntatori Roberta Gerboni

INFORMATICA - I puntatori Roberta Gerboni 1 2 I puntatori in C++ Il puntatore un tipo di dato scalare, che consente di rappresentare gli indirizzi delle variabili allocate in memoria. Dominio: Il dominio di una variabile di tipo puntatore è un

Dettagli

Algoritmo di ordinamento per scambio (a bolle o bubble sort)

Algoritmo di ordinamento per scambio (a bolle o bubble sort) Algoritmo di ordinamento per scambio (a bolle o bubble sort) Per ottenere un ordinamento crescente con l algoritmo di ordinamento per scambio (bubble sort) si prenno in considerazione i primi due elementi

Dettagli

Pile e code. ADT e strutture dati per la rappresentazione di sequenze ad accesso LIFO e FIFO

Pile e code. ADT e strutture dati per la rappresentazione di sequenze ad accesso LIFO e FIFO Pile e code ADT e strutture dati per la rappresentazione di sequenze ad accesso LIFO e FIFO Le Pile Una pila è una struttura dati lineare, alla quale gli elementi possono essere aggiunti o sottratti da

Dettagli

#include // libreria che gestisce flusso di input e output. using namespace std; // uso di librerie standard del C++

#include <iostream> // libreria che gestisce flusso di input e output. using namespace std; // uso di librerie standard del C++ Qualsiasi programma in C++ segue lo schema: #include // libreria che gestisce flusso di input e output using namespace std; // uso di librerie standard del C++ int main() { // dichiarazioni

Dettagli

Linguaggio C. Esercizio 1

Linguaggio C. Esercizio 1 Linguaggio C Esercizi su puntatori e liste Walter Didimo (e-mail:didimo@dia.uniroma3.it) supplemento al Corso di Calcolatori Elettronici (Riccardo Torlone) 1 Esercizio 1 Siano p e q due puntatori a variabili

Dettagli

Grammatica di base: Pointers

Grammatica di base: Pointers Grammatica di base: Pointers Esistono I puntatori a funzioni. Bisogna esplicitare esattamente il tipo di ritorno e il tipo di argomento. Per evitare ambiguità con il prefisso * nel declarator, il nome

Dettagli

Complementi. - Ridefinizione di tipo - - Costrutto switch - - Programmazione su più file - - Parametri della funzione main - Funzione system -

Complementi. - Ridefinizione di tipo - - Costrutto switch - - Programmazione su più file - - Parametri della funzione main - Funzione system - Complementi - Ridefinizione di tipo - - Costrutto switch - - Programmazione su più file - - Parametri della funzione main - Funzione system - Università degli Studi di Brescia Prof. Massimiliano Giacomin

Dettagli

Tipo di Dato. Abstract Data Types. Tipi di Dato Astratti /2. Tipi di Dato Astratti /1

Tipo di Dato. Abstract Data Types. Tipi di Dato Astratti /2. Tipi di Dato Astratti /1 Università Roma La Sapienza Corsi di Laurea Informatica/Tecnologie Informatiche Abstract Data Types Prof. Stefano Guerrini guerrini@di.uniroma1.it Programmazione II (can. P-Z) A.A. 2005-06 Tipo di Dato

Dettagli

Informatica Medica C++ Informatica Medica I semestre Docenti: Fabio Solari e Manuela Chessa. Sviluppo di un applicazione eseguibile

Informatica Medica C++ Informatica Medica I semestre Docenti: Fabio Solari e Manuela Chessa. Sviluppo di un applicazione eseguibile Corso di Laurea in Ingegneria Biomedica Informatica Medica I semestre Docenti: Fabio Solari e Manuela Chessa Prof. Fabio Solari: fabio.solari@unige.it (010-3532059) Prof. Manuela Chessa: manuela.chessa@unige.it

Dettagli

Liste con sentinella. intlist *createlist(void){ intlist *q = malloc(sizeof(intlist)); if(!q) { exit(-1); } q->next = q->prev = q; return q; }

Liste con sentinella. intlist *createlist(void){ intlist *q = malloc(sizeof(intlist)); if(!q) { exit(-1); } q->next = q->prev = q; return q; } Liste con sentinella Un ulteriore semplificazione delle operazioni sulle liste si ottiene utilizzando un elemento sentinella (dummy) che non contiene informazione, ma serve a segnalare la fine e l inizio

Dettagli

Un esecutore di un linguaggio simbolico e costituito dalla coppia Compilatore, processore (o Interprete, processore)

Un esecutore di un linguaggio simbolico e costituito dalla coppia Compilatore, processore (o Interprete, processore) Un esecutore di un linguaggio simbolico e costituito dalla coppia Compilatore, processore (o Interprete, processore) Macchina astratta: un linguaggio di programmazione trasforma un calcolatore in una macchina

Dettagli

Compendio sottoinsieme del C++ a comune col C. (Libreria standard, Input/Output, Costanti, Dichiarazioni e typedef, Memoria Dinamica)

Compendio sottoinsieme del C++ a comune col C. (Libreria standard, Input/Output, Costanti, Dichiarazioni e typedef, Memoria Dinamica) Compendio sottoinsieme del C++ a comune col C (Libreria standard, Input/Output, Costanti, Dichiarazioni e typedef, Memoria Dinamica) Librerie 1/2 Il solo insieme di istruzioni di un linguaggio di programmazione

Dettagli

ESERCIZI DI PROGRAMMAZIONE C/C++ per le classi seconde

ESERCIZI DI PROGRAMMAZIONE C/C++ per le classi seconde ESERCIZI DI PROGRAMMAZIONE C/C++ per le classi seconde vers.0 in lavorazione Docente SAFFI FABIO Contenuti Struttura del file sorgente...2 Organizzazione della directory di lavoro...2 Esercizi sulle funzione

Dettagli

Linguaggio C - Strutture

Linguaggio C - Strutture Strutture: Le strutture (talvolta chiamate aggregati), così come gli array, sono tipi di dati derivati. Indicano collezioni di variabili collegate sotto un unico nome. Le strutture possono contenere variabili

Dettagli

Algoritmi e Strutture Dati

Algoritmi e Strutture Dati Maria Rita Di Berardini, Emanuela Merelli 1 1 Dipartimento di Matematica e Informatica Università di Camerino A.A. 2006/07 Il concetto di dato Il concetto di tipo di dato Insertion Sort for j 2 to lenght[a]

Dettagli

Pile: implementazione. Pile: implementazione. Pile: implementazione con array. Pile: implementazione con array. Pile: implementazione con array

Pile: implementazione. Pile: implementazione. Pile: implementazione con array. Pile: implementazione con array. Pile: implementazione con array Sommario Pile: Implementazione con Array Esempio: algoritmo per il controllo del bilanciamento delle parentesi. Tipi riferimento Pile: implementazione Si consideri ora la realizzazione della pila. Si sono

Dettagli

Laboratorio di Informatica

Laboratorio di Informatica Cosa sono i puntatori? I puntatori sono fondamentalmente delle variabili che non contengono un valore numerico o alfanumerico, ma un puntatore (ossia un indirizzo) alla locazione di memoria dove è memorizzato

Dettagli

Esercizi Strutture dati di tipo astratto

Esercizi Strutture dati di tipo astratto Salvatore Cuomo Esercizi Strutture dati di tipo astratto Lezione n. 20 Parole chiave: Strutture dati, pile code, liste Corso di Laurea: Informatica Insegnamento: Programmazione II, modulo di Laboratorio

Dettagli

Il C nel C++: Funzioni

Il C nel C++: Funzioni Il C nel C++: Funzioni Funzioni (1) il concetto -> spezzare il programma in parti (procedure) una funzione è un parte di programma dotata di un nome che può essere richiamata in altri punti del programma

Dettagli

}; struct super{ int id_magazzino; string denominazione; string indirizzo; string citta; int superficie; struct prodotto Prodotti[MAX_PRODOTTI];

}; struct super{ int id_magazzino; string denominazione; string indirizzo; string citta; int superficie; struct prodotto Prodotti[MAX_PRODOTTI]; /*Esonero del 29/04/2009 Fondamenti di Informatica II (A-M) - Politecnico di Bari prof. G. Pascoschi ESERCIZIO 1 (10 punti) Data una catena di 10 supermercati (IDmagazzino, denominazione, indirizzo, città,

Dettagli

in più stringhe,... ADT un tipo è caratterizzato dalle operazioni consentite su di esso: un numero è qualcosa che si può moltiplicare, sommare,...

in più stringhe,... ADT un tipo è caratterizzato dalle operazioni consentite su di esso: un numero è qualcosa che si può moltiplicare, sommare,... ADT un tipo è caratterizzato dalle operazioni consentite su di esso: un numero è qualcosa che si può moltiplicare, sommare,... una stringa è qualcosa che si può concatenare, spezzare in più stringhe,...

Dettagli

Funzioni. Unità 1. Domenico Daniele Bloisi. Corso di Programmazione e Metodi Numerici Ingegneria Aerospaziale BAER

Funzioni. Unità 1. Domenico Daniele Bloisi. Corso di Programmazione e Metodi Numerici Ingegneria Aerospaziale BAER Corso di Programmazione e Metodi Numerici Ingegneria Aerospaziale BAER Domenico Daniele Bloisi Docenti Metodi Numerici prof. Vittoria Bruni vittoria.bruni@sbai.uniroma1.it Programmazione prof. Domenico

Dettagli

Argomenti Avanzati.! I puntatori! Stack! Visibilità delle Variabili

Argomenti Avanzati.! I puntatori! Stack! Visibilità delle Variabili Linguaggio C Argomenti Avanzati! I puntatori! Stack! Visibilità delle Variabili 2 ! Il C consente di associare ai tipi di dati nomi definiti dal programmatore, mediante la parola chiave typedef! Dal punto

Dettagli

HOMEWORKS. in modo che il programma stampi N ripetizioni della stringa HelloWorld (su righe diverse), con N inserito dall utente.

HOMEWORKS. in modo che il programma stampi N ripetizioni della stringa HelloWorld (su righe diverse), con N inserito dall utente. HOMEWORKS Questi esercizi saranno proposti di tanto in tanto e forniti sempre SENZA soluzioni. Come materiale complementare ai libri di testo e alle lezioni frontali e di esercitazione, si consiglia di

Dettagli

ESERCIZIO 1 (Definizione funzioni passaggio parametri per copia)

ESERCIZIO 1 (Definizione funzioni passaggio parametri per copia) ESERCIZIO 1 (Definizione funzioni passaggio parametri per copia) Scrivere una funzione per definire se un numero è primo e un programma principale minimale che ne testa la funzionalità. #include

Dettagli

Lezione 9: Puntatori a funzioni. Tipi enumerativi e orientati ai bit

Lezione 9: Puntatori a funzioni. Tipi enumerativi e orientati ai bit Lezione 9: Puntatori a funzioni. Tipi enumerativi e orientati ai bit Vittorio Scarano Laboratorio di Informatica I Corso di Laurea in Informatica Università degli Studi di Salerno Struttura della lezione

Dettagli

La programmazione ad oggetti (OOP)

La programmazione ad oggetti (OOP) Oggetti e Classi (CAP 10) Alberto Garfagnini, Marco Mazzocco Università degli studi di Padova 30 Novembre 2011 La programmazione ad oggetti (OOP) È un approccio concettuale alla programmazione (indipendente

Dettagli

Corso Programmazione 1 Capitolo 01: Concetti Elementari

Corso Programmazione 1 Capitolo 01: Concetti Elementari Corso Programmazione 1 Capitolo 01: Concetti Elementari Docente: Roberto Sebastiani - roberto.sebastiani@unitn.it Esercitatori: Mario Passamani - mario.passamani@unitn.it Alessandro Tomasi - alessandro.tomasi@unitn.it

Dettagli

Le operazioni di allocazione e deallocazione sono a carico del sistema.

Le operazioni di allocazione e deallocazione sono a carico del sistema. Allocazione della memoria In C++ è possibile creare (allocare) variabili in maniera statica o dinamica. Nell allocazione statica una variabile esiste ed è utilizzabile dal momento della sua dichiarazione

Dettagli

Laboratorio di Algoritmi e Strutture Dati

Laboratorio di Algoritmi e Strutture Dati Realizzazione di Liste Laboratorio di Algoritmi e Strutture Dati Domenico Redavid redavid@di.uniba.it Materiale di base gentilmente concesso dal dott. Nicola Di Mauro Ricercatore presso l'univ. di Bari

Dettagli

Classi e oggetti Seconda parte. Oggetti dinamici

Classi e oggetti Seconda parte. Oggetti dinamici Università della Calabria Corso di Laurea in Ingegneria Elettronica Programmazione Orientata agli Oggetti A.A. 2006/2007 Classi e oggetti Seconda parte Paolo Trunfio * * DEIS, Università della Calabria

Dettagli

Corso di Programmazione ad oggetti

Corso di Programmazione ad oggetti Corso di Programmazione ad oggetti Il sistema di I/O del C++ a.a. 2008/2009 Claudio De Stefano 1 Il Modello di Von Neumann Il Modello di Von Neumann prevede che la CPU carichi in maniera sequenziale i

Dettagli

ESERCIZI DI PROGRAMMAZIONE C/C++ per le classi terza

ESERCIZI DI PROGRAMMAZIONE C/C++ per le classi terza ESERCIZI DI PROGRAMMAZIONE C/C++ per le classi terza vers.0 in lavorazione Docente SAFFI FABIO Contenuti Implementazione delle operazioni di base mediante main in un unico file sorgente... 2 Struttura

Dettagli

Funzioni di libreria. Richiedono tutte. #include fabs(x) sqrt(x) pow(x,a) exp(x) log(x)

Funzioni di libreria. Richiedono tutte. #include <math.h> fabs(x) sqrt(x) pow(x,a) exp(x) log(x) Funzioni di libreria Richiedono tutte #include x x a x fabs(x) sqrt(x) pow(x,a) x e ln(x) exp(x) log(x) log 10 ( x ) log10(x) sen(x) cos(x) tg(x) arcsen(x) arccos(x) arctg(x) senh(x) cosh(x) tgh(x)

Dettagli

Gestione di stringhe. Le stringhe in C/C++

Gestione di stringhe. Le stringhe in C/C++ Alessio Bechini - Corso di - Gestione di stringhe Parte del materiale proposto è stato gentilmente fornito da G. Lipari Le stringhe in C/C++ In C e in C++ non esiste un vero e proprio tipo stringa. Una

Dettagli

Tipi di dati strutturati e Linguaggio C. Record o strutture Il costruttore struct in C

Tipi di dati strutturati e Linguaggio C. Record o strutture Il costruttore struct in C Tipi di dati strutturati e Linguaggio C Record o strutture Il costruttore struct in C Dati strutturati Record Un record o struttura è una struttura dati ottenuta aggregando elementi di tipo diverso che

Dettagli

Laboratorio di programmazione

Laboratorio di programmazione Laboratorio di programmazione Lezione VI Tatiana Zolo tatiana.zolo@libero.it 1 LE STRUCT Tipo definito dall utente i cui elementi possono essere eterogenei (di tipo diverso). Introduce un nuovo tipo di

Dettagli

La struttura dati PILA

La struttura dati PILA Programmazione M-Z Ingegneria e Scienze Informatiche - Cesena A.A. 2016-2017 La struttura dati PILA Pietro Di Lena - pietro.dilena@unibo.it Introduzione Una pila (o stack) è una struttura dati astratta

Dettagli

Prova Scritta del 19/07/10

Prova Scritta del 19/07/10 Avvertenze Usare ESCLUSIVAMENTE penne ad inchiostro nero o blu (NO MATITE). Consegnare solo fogli formato A4 scritti da un solo lato. In testa a ciascun foglio scrivere: cognome, nome, numero progressivo

Dettagli

Template (1) Molte volte l operato di una funzione o le proprietà di una classe non dipendono dal tipo dei dati coinvolti

Template (1) Molte volte l operato di una funzione o le proprietà di una classe non dipendono dal tipo dei dati coinvolti Template (1) Molte volte l operato di una funzione o le proprietà di una classe non dipendono dal tipo dei dati coinvolti int sumvector(int *array, int n) { int sum(0); for (int i = 0; i < n; ++i) sum

Dettagli

Operazioni di lettura/scrittura

Operazioni di lettura/scrittura Funzioni di I/O Operazioni di lettura/scrittura C++ fornisce numerose funzioni per leggere da uno stream di input (come cin) o scrivere su uno stream di output. Lettura: >>, getline, get, ignore etc. Scrittura:

Dettagli

Qualsiasi programma in C++ segue lo schema:

Qualsiasi programma in C++ segue lo schema: Qualsiasi programma in C++ segue lo schema: #include // libreria che gestisce flusso di input e output using namespace std; // uso di librerie standard del C++ int main() { // dichiarazioni

Dettagli

Matematica - SMID : Programmazione Febbraio 2009 FOGLIO RISPOSTE

Matematica - SMID : Programmazione Febbraio 2009 FOGLIO RISPOSTE Matematica - SMID : Programmazione Febbraio 2009 FOGLIO RISPOSTE NOME: COGNOME: ============================================================== Esercizio 1 ci sono tante "righe"; non è detto servano tutte...

Dettagli

Informatica 1 Tipi e dichiarazioni in C++ C++ - Tipi e dichiarazioni 1

Informatica 1 Tipi e dichiarazioni in C++ C++ - Tipi e dichiarazioni 1 Informatica 1 Tipi e dichiarazioni in C++ C++ - Tipi e dichiarazioni 1 Cosa è il C++ E un linguaggio di programmazione derivato dal C Può essere usato per modificare il SO Unix e i suoi derivati (Linux)

Dettagli

La classe std::vector della Standard Template Library del C++

La classe std::vector della Standard Template Library del C++ La classe std::vector della Standard Template Library del C++ Alberto Garfagnini Università degli studi di Padova 23 Ottobre 2013 Programmazione generica in C++ : i Template I templates sono probabilmente

Dettagli

ELEMENTI DI INFORMATICA L-B. Ing. Claudia Chiusoli

ELEMENTI DI INFORMATICA L-B. Ing. Claudia Chiusoli ELEMENTI DI INFORMATICA L-B Ing. Claudia Chiusoli Materiale Lucidi delle lezioni Date degli appelli Testi di esami precedenti Informazioni e contatti http://www.lia.deis.unibo.it/courses/ Programma del

Dettagli

Laboratorio di Programmazione Gruppo III, Ml-ZZ. Alberto Finzi finzi@na.infn.it

Laboratorio di Programmazione Gruppo III, Ml-ZZ. Alberto Finzi finzi@na.infn.it Laboratorio di Programmazione Gruppo III, Ml-ZZ Alberto Finzi finzi@na.infn.it Record e File binari Record La definizione della struttura è data dalla parola riservata struct seguita da un identificatore,

Dettagli

Esercizio 1. Tavola ordinata in memoria centrale

Esercizio 1. Tavola ordinata in memoria centrale Esercizio 1. Tavola ordinata in memoria centrale E dato un programma che realizza una rubrica telefonica come tavola in memoria centrale. In particolare, ogni elemento della tavola è caratterizzato dalle

Dettagli

Dizionari. Corso di Programmazione 3 - Ingegneria dell Informazione e dell Organizzazione 5 dicembre, Gino Perna

Dizionari. Corso di Programmazione 3 - Ingegneria dell Informazione e dell Organizzazione 5 dicembre, Gino Perna Dizionari Corso di Programmazione 3 - Ingegneria dell Informazione e dell Organizzazione 5 dicembre, 2001 Gino Perna Uso ed utilizzo di tabelle di Hash PREFAZIONE I Dizionari sono strutture di dati che

Dettagli

Elementi lessicali. Lezione 4. La parole chiave. Elementi lessicali. Elementi lessicali e espressioni logiche. Linguaggi di Programmazione I

Elementi lessicali. Lezione 4. La parole chiave. Elementi lessicali. Elementi lessicali e espressioni logiche. Linguaggi di Programmazione I Lezione 4 Elementi lessicali e espressioni logiche Matricole 2-3 Elementi lessicali il linguaggio C ha un suo vocabolario di base i cui elementi sono detti token esistono 6 tipi di token: parole chiave

Dettagli

Corso di Programmazione Orientata agli oggetti

Corso di Programmazione Orientata agli oggetti Corso di Programmazione Orientata agli oggetti Lezione Introduttiva a.a. 2012/2013 Francesco Fontanella Docente Francesco Fontanella E-mail: fontanella@unicas.it Web: www.docente.unicas.it/francesco_fontanella

Dettagli

Codifica: dal diagramma a blocchi al linguaggio C++

Codifica: dal diagramma a blocchi al linguaggio C++ Codifica: dal diagramma a blocchi al linguaggio C++ E necessario chiarire inizialmente alcuni concetti. La compilazione Il dispositivo del computer addetto all esecuzione dei programmi è la CPU La CPU

Dettagli