Reti di Trasporto Quesiti verifica 2

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Reti di Trasporto Quesiti verifica 2"

Transcript

1 Quesiti-verifica2-07-con-soluzioni-v1.doc Reti di Trasporto Quesiti verifica 2 La risposta esatta nei quesiti a scelta multipla è sempre la prima. <Quesito> 1 Quale delle seguenti affermazioni è corretta? 1) Il campo HEC ha la possibilità di correggere un errore singolo nel payload della cella ATM. 2) Campo HEC viene processato nel livello ATM propriamente detto, come tutti i campi dell header ATM a& Nessuna di queste. b& 1 d& 2 <Quesito> 2 Quale delle seguenti affermazioni è corretta? 1) Il campo HEC effettua il controllo di errore nell header della cella ATM, se rivela anche un solo errore può solo scartare la cella senza possibilità di correggerla. 2) Il campo HEC dell header ATM viene in realtà processato dallo strato TC del livello fisico della pila protocollare ATM. a& 2 b& 1. <Quesito> 3 Si consideri lo schema di rete raffigurato in figura Rete a circuito Rete ATM Rete a circuito In quali elementi di rete sono localizzate le funzionalità di strato AAL? a& 3 e 4 b& nessuno c& 1 e 6 <Quesito> 4

2 Quale delle seguenti affermazioni è corretta? 1) Il campo CLP (Cell Loss Priority) nell intestazione ATM viene settato solo dal terminale che emette la cella. 2) Il campo CLP viene settato solo da un nodo di rete, per segnalare una cella che viola il contratto di traffico. 3) Il campo CLP può essere modificato sia dal terminale che emette la cella che da un nodo di rete. a& 3 b& 1 c& 2 <Quesito> 5 Quali classi di servizio ATM prevedono la presenza di un feedback da parte della rete verso la sorgente relativamente allo stato di congestione della rete? a& ABR b& ABR e UBR c& UBR d& CBR e VBR e& Nessuna f& ABR e VBR <Quesito> 6 Quali classi di servizio ATM prevedono la necessità di descrivere il Sustainable Bit Rate (SCR) e il Maximum Burst Size (MBS)? a& VBR b& CBR e VBR c& Tutte d& ABR e VBR e& VBR, ABR e UBR f& ABR <Quesito> 7 Il Sustainable Cell Rate è un parametro che fa parte di: a& Traffic Descriptor b& Requested QoS <Quesito> 8 Il Cell Loss Ratio è un parametro che fa parte di: a& Requested QoS b& Traffic Descriptor <Quesito> 9

3 Si consideri la distribuzione del ritardo di trasferimento indicata in figura Quali sono le corrette associazioni: a& 1: ritardo fisso, 2: peak-to-peak Cell Delay Variation, 3: Max Cell Transfer Delay b& 1: peak-to-peak Cell Delay Variation, 2: ritardo fisso, 3: Max Cell Transfer Delay c& 1: Max Cell Transfer Delay, 2: peak-to-peak Cell Delay Variation, 3: ritardo fisso d& 1: ritardo fisso, 2: Max Cell Transfer Delay, 3: peak-to-peak Cell Delay Variation <Quesito> 10 Qual è la motivazione fondamentale per cui sono state realizzate le reti di trasporto con tecnologia IP su ATM? a& Fino a tempi recenti, i nodi ATM offrivano una capacità di commutazione totale molto superiore a quella dei router IP. b& Le reti ATM offrono la possibilità di realizzare classi di traffico diverse, cosa impossibile nelle reti di router IP. c& Le reti ATM offrono la possibilità di realizzare una ingegneria del traffico molto più efficiente, grazie al modo di trasferimento con connessione. <Quesito> 11 Quale delle seguenti affermazioni è vera? 1) Il meccanismo di intelligent discarding si applica solo alle VCC su cui si trasporta AAL5. 2) In caso di perdita di una cella, il meccanismo di intelligent discarding scarta tutte le celle successive dello stesso pacchetto. a& 1 b& 2 d& Nessuna delle due <Quesito> 12 Quale delle seguenti affermazioni è vera?

4 1) L intelligent discarding si conforma al principio del core and edge che ha guidato la definizione dei protocolli ATM. 2) L intelligent discarding consente di limitare gli effetti di una congestione di rete sulle prestazioni del trasferimento dei pacchetti IP su ATM. a& 2 b& 1 d& Nessuna delle due <Quesito> 13 Quale delle seguenti affermazioni è vera? 1) L intelligent discarding si applica a qualunque tipo di livello AAL. 2) L intelligent discarding richiede che un nodo interno della rete processi informazione normalmente analizzata solo dai nodi di bordo. a& 2 b& 1 d& Nessuna delle due <Quesito> 14 Come si indica una connessione MPLS? a& LSP b& LDP c& LSR d& LER <Quesito> 15 Come si chiamano i protocolli dedicati alla creazione delle connessioni MPLS (cioè alla distribuzione delle etichette e alla creazione delle relative associazioni)? a& LDP b& LSP c& LSR d& LER <Quesito> 16 Quale delle seguenti affermazioni è corretta? 1) Due tra le principali applicazioni della tecnologia MPLS nelle attuali reti di trasporto sono le Reti Private Virtuali e la Ingegneria del Traffico. 2) Uno dei motivi della maggiore scalabilità della soluzione MPLS rispetto ad IP su ATM è dovuto al fatto che in una rete di router IP su ATM a maglia completa il protocollo di routing (OSPF) stabilisce delle adiacenze con tutti i router di bordo. a& 1 e 2 b& 2 c& 1

5 <Quesito> 17 Quale delle seguenti affermazioni è corretta? 1) Uno dei motivi della maggiore scalabilità della soluzione MPLS rispetto ad IP su ATM è dovuto al fatto che il protocollo di routing (OSPF) in una rete MPLS stabilisce delle adiacenze solo con i router vicini. 2) Due tra le principali applicazioni della tecnologia MPLS nelle attuali reti di trasporto sono le Reti Private Virtuali e la Ingegneria del Traffico. a& 1 e 2 b& 2 c& 1 <Quesito> 18 Quale delle seguenti affermazioni è corretta? 1) Uno dei motivi della maggiore scalabilità della soluzione MPLS rispetto ad IP su ATM è dovuto al fatto che in una rete di router IP su ATM a maglia completa il protocollo di routing (OSPF) stabilisce delle adiacenze con tutti i router di bordo. 2) MPLS è una tecnologia orientata alla connessione, pertanto rende inutile il routing di livello 3 (IP). a& 1 b& 2 <Quesito> 19 Quale delle seguenti affermazioni è corretta? 1) Nel caso in cui le connessioni MPLS sono instaurate in modo hop-by-hop dai router utilizzando il protocollo LDP, il percorso seguito è lo stesso determinato dal protocollo di routing (es. OSPF). 2) La semplicità di configurazione di una VPN non è importante per l operatore, l importante è ottenere una elevata efficienza nel trasporto del traffico. 3) Nel caso di gerarchia di connessioni MPLS l inoltro nella rete viene fatto in base all etichetta più interna. a& 1 b& 2 e 3 e& 2 f& 1 e 3 <Quesito> 20 Quale delle seguenti affermazioni è corretta?

6 1) Nel caso in cui le connessioni MPLS sono instaurate in modo esplicito, il percorso seguito è lo stesso determinato dal protocollo di routing. 2) Una rete privata virtuale per trasportare IP si può ottenere anche utilizzando connessioni offerte da una rete servente orientata alla connessione es. IP su ATM, IP su Frame Relay. 3) Le reti private virtuali consentono alle diverse aziende clienti di riutilizzare gli stessi indirizzi IP privati condividendo la rete di trasporto offerta dall operatore di rete. a& 2 e 3 b& 2 c& 1, 2 e 3 d& 1 e 2 e& 3 f& 1 e 3 <Quesito> 21 Il jitter in una rete a pacchetto è dovuto alle: a& componenti di ritardo variabile b& componenti di ritardo fisso <Quesito> 22 Il MOS (Mean Opinion Score) è una misura della qualità della voce a& soggettiva b& oggettiva <Quesito> 23 Relativamente al protocollo SIP, quale delle seguenti affermazioni è corretta? 1) Il protocollo SIP si basa sul protocollo http, di cui eredita la struttura ed alcuni aspetti della sintassi. 2) I tre tipi di server SIP (Proxy Server; Redirect Server, Registrar Server) possono essere collocati sulla stessa macchina. 3) Un Redirect server inoltra il messaggio di INVITE al destinatario. a& 1 e 2 b& 2 c& 1 e& 1 e 3 f& 2 e 3 <Quesito> 24 Relativamente al protocollo SIP, quale delle seguenti affermazioni è corretta? 1) Il protocollo SIP si basa sul protocollo http, di cui eredita la struttura ed alcuni aspetti della sintassi. 2) SIP non utilizza mai il DNS per il suo funzionamento. 3) Un Redirect server inoltra il messaggio di INVITE al destinatario.

7 a& 1 b& 1, 2 e 3 e& 2 f& 1 e 3 <Quesito> 25 Relativamente al protocollo SIP, quale delle seguenti affermazioni è corretta? 1) I tre tipi di server SIP (Proxy Server; Redirect Server, Registrar Server) possono essere collocati sulla stessa macchina. 2) SIP non utilizza mai il DNS per il suo funzionamento. 3) Il messaggio di richiesta BYE che termina una chiamata richiede un messaggio di risposta di tipo 200 OK. a& 1 e 3 b& 3 e& 2 f& 1, 2 e 3 <Quesito> 26 Relativamente al protocollo SIP, quale delle seguenti affermazioni è corretta? 1) SIP non utilizza mai il DNS per il suo funzionamento 2) Un Redirect server inoltra il messaggio di INVITE al destinatario. 3) Il messaggio di richiesta BYE che termina una chiamata richiede un messaggio di risposta di tipo 200 OK. a& 3 b& 2 e 3 e& 2 f& 1 e 3 <Quesito> 27 I nodi di Inner Core del backbone OPB di Telecom Italia sono collegati tra loro ad una capacità di: a& 10 Gb/s (STM-64) b& 2.5 Gb/s (STM-16) c& 625 Mb/s (STM-4) <Quesito> 28 La maggior parte dei nodi Outer Core del backbone OPB di Telecom Italia sono collegati con i nodi di Inner Core con una capacità di: a& 2.5 Gb/s (STM-16) b& 10 Gb/s (STM-64)

8 c& 625 Mb/s (STM-4) <Quesito> 29 Considerando il backbone OPB di Telecom Italia In quale modo i PoP di Outer Core sono connessi ai PoP di Inner Core? a& Almeno un collegamento verso un PoP Inner Core di Roma o Milano e un altro collegamento verso l altro PoP Inner Core nella stessa città. b& Almeno due collegamenti distinti verso uno stesso PoP Inner Core di Roma o di Milano. c& Almeno un collegamento verso un PoP Inner Core di Roma e uno verso un PoP Inner Core di Milano. <Quesito> 30 Il tempo di ritardo da estremo ad estremo percepito dagli utenti è pari alla parte fissa del ritardo, più la parte variabile, più il ritardo introdotto dal buffer di playout a& falso b& vero <Quesito> 31 Quale messaggio è utilizzato per inviare ad un server SIP l informazione relativa alla postazione su cui si desidera ricevere le chiamate? a& REGISTER b& INFO c& SUBSCRIBE d& INVITE e& MESSAGE <Quesito> 32 Quali di queste codifiche sono supportate dai Media Gateway dei nodi della rete BBN (BackBone Nazionale) di Telecom Italia? 1) G.711 (64 kb/s) 2) GSM FR (13 kb/s) 3) G.729 A (8 kb/s) a& 1 e 3 b& 3 e& 2 f& 1, 2 e 3 <Quesito> 33 L intelligent discarding affronta il problema della congestione nelle reti ATM limitandone gli effetti nel caso di trasporto di IP su AAL5. Anche senza ricorrere a tale meccanismo, nelle varie classi di traffico vi sono diversi modi di affrontare il problema della congestione. Si descriva brevemente l approccio utilizzato nelle classi CBR e VBR.

9 Nelle classi CBR e VBR si utilizza un controllo di congestione preventivo basato sul controllo di ammissione nella fase di instaurazione delle connessioni. Durante la fase di trasferimento le sorgenti vengono controllate (policing) per evitare che immettano più traffico di quanto hanno dichiarato. <Quesito> 34 L intelligent discarding affronta il problema della congestione nelle reti ATM limitandone gli effetti nel caso di trasporto di IP su AAL5. Anche senza ricorrere a tale meccanismo, nelle varie classi di traffico vi sono diversi modi di affrontare il problema della congestione. Si descriva brevemente l approccio utilizzato nella classe ABR. Nella classe ABR si utilizza un meccanismo di controllo della congestione basato sul feedback proveniente dalla rete e dal terminale remoto. Il terminale sorgente può adattare il ritmo di emissione in accordo al feedback ricevuto <Quesito> 35 L intelligent discarding affronta il problema della congestione nelle reti ATM limitandone gli effetti nel caso di trasporto di IP su AAL5. Anche senza ricorrere a tale meccanismo, nelle varie classi di traffico vi sono diversi modi di affrontare il problema della congestione. Si descriva brevemente l approccio utilizzato nella classe UBR. L UBR non affronta direttamente il problema della congestione, si affida ai meccanismi di controllo della congestione degli strati superiori. In particolare trasportando IP su ATM sarà il livello TCP a gestire la congestione <Quesito> 36 Utilizzando il protocollo di segnalazione SIP, come vengono stabilite le porte UDP su cui le applicazioni VoIP si scambieranno i flussi vocali? I terminali negoziano le porte da utilizzare utilizzando il protocollo SDP trasportato all interno dei messaggi SIP <Quesito> 37 Nella rete OPB di Telecom Italia, qual è il principale requisito di progetto alla base del dimensionamento dei link tra i PoP?

10 Ogni link deve avere un carico minore del 50% (In questo modo in caso di rottura di un link si può spostare il traffico sul link di backup senza creare congestione) <Quesito> 38 Si consideri una connessione ATM di tipo VBR. Una applicazione produce in modo regolare un burst di N celle ogni T ms. Si vuole trasmettere il burst entro Tb ms. Si dimensionino SCR (parte 1) e PCR (parte 2). N 280 celle T 155 ms Tb 21 ms Soluzione: SCR = N / T [celle/s] PCR = N / Tb [celle/s] <Quesito> 39 Si consideri un insieme di flussi vocali trasferiti su un backbone operante con MPLS e IP su SDH. N1 flussi sono trasmessi con codifica G.711 (bit rate netto 64kb/s, con intervallo di pacchettizzazione T1) e sono trasmessi su un LSP a sua volta trasferito all interno di un altro LSP. N2 flussi sono trasmessi con codifica G.729 (bit rate netto 8 kb/s, intervallo di pacchettizzazione 10 ms) e trasferiti all interno di un LSP non inserito in altri LSP. Gli N1 flussi con G.711 utilizzano soppressione del silenzio. Il sistema di soppressione del silenzio utilizzato comporta una riduzione del bit/rate al 40% del valore originario. Gli N2 flussi trasferiti con G.729 non utilizzano soppressione del silenzio. Si valuti il numero totale di pacchetti IP al secondo utilizzati per trasportare gli N1+N2 flussi. (parte 1) Si valuti la capacità utilizzata (kb/s) per trasportare gli N1+N2 flussi a livello MPLS (includendo cioè le etichette MPLS) (parte2) e a livello PPP (includendo cioè le intestazioni della PDU PPP) (parte 3). Si ricorda che l intestazione MPLS è di 4 bytes, mentre la PDU PPP è riportata sotto. (Si consideri un campo protocol di 16 bit e un campo FCS di 16 bit e che il campo Padding è sempre nullo. Attenzione a contare una volta sola il campo Flag!) Pacchetto IP/MPLS Flag Address Control Protocol Information Padding FCS Flag Inter-frame Fill /16 bits * * 16/32 bits or next Address Gli header IP, UDP e RTP sono rispettivamente di 20, 8 e 12 bytes.

11 N1 60 N2 35 T1 20 ms Soluzione: Il ritmo in pacchetti al secondo per ciascun flusso del primo gruppo è: R1 = 1/(T1/1000) * 0,4 = 400 /T1 [pacch./s] Mentre per i flussi del secondo gruppo: R2 = 1000 / 10 = 100 [pacc/s] Il ritmo totale è: Rtot = N1*R1+N2*R2 [pacch/s] Per valutare la capacità utilizzata a livello MPLS, valutiamo la lunghezza di ogni pacchetto MPLS. La lunghezza dei pacchetti vocali per gli N1 flussi è: L1netto=ceiling(64*T1/8) [byte] L1_MPLS = L1netto+40+4*2 [byte] (si contano due etichette MPLS perché si ha un LSP trasportato all interno di un altro LSP) Mentre per gli L2 flussi: L2netto=ceiling(8*10/8) [byte] L2_MPLS = L2netto+40+4 [byte] Ctot_MPLS = N1 * R1 * L1_MPLS * 8 / N2 * R2 * L2_MPLS * 8 /1000 Per valutare la capacità utilizzata a livello PPP dobbiamo aggiungere gli overhead del PPP: L1_PPP = L1_MPLS+7 L2_PPP = L2_MPLS +7 Ctot_PPP = N1 * R1 * L1_PPP * 8 / N2 * R2 * L2_PPP * 8 /1000 <Quesito> 40 Si consideri un sistema VoIP che utilizza la codifica indicata sotto con bit rate netto R e con intervallo di pacchettizzazione T. Gli header IP, UDP e RTP sono rispettivamente di 20, 8 e 12 bytes. Si consideri di trasferire i flussi su un collegamento IP su ATM, incapsulamento LLC/SNAP. L header LLC/SNAP è di 8 byte e il trailer AAL 5 è di 8 bytes. Il flusso ATM è trasportato su un canale che offre una capacità di C Mb/s utilizzabile per le celle ATM. Quanti flussi possono essere trasportati se si utilizza l intera capacità utile per la VCC che trasporta i flussi VoIP? (parte 1) Si vogliano invece trasportare N flussi VoIP utilizzando una connessione ATM CBR, qual è il ritmo PCR richiesto in celle al secondo? (parte 2)

12 Dati: Codifica G.723 R 5,3 kb/s T 30 ms C 2,5 Mb/s N 120 Soluzione: Lnetta_bit = R*T [bit] L_bit = L_netta_bit + 40*8 L = ceiling (L_bit /8) [byte] dove ceiling(x) e il piu piccolo intero maggiore o uguale a X (arrotondamento per eccesso) L_aal5 = L+16 byte Ncelle = ceiling(l_aal5 / 48) La capacità richiesta da ciascun flusso a livello ATM è Ratm = Ncelle / (T/1000) [celle/s] La capacità in celle al secondo del canale è: Catm = C*1e6/(53*8) [celle/s] Quindi il numero di flussi che può essere trasportato è: Nf = floor(catm/ratm) dove floor(x) e il piu grande intero minore o uguale a X (arrotondamento per difetto) Se si vogliono trasportare N flussi la capacità richiesta in celle la secondo e : Catm_req = Ncelle / T [cell/s] <Quesito> 41 Si consideri un trasferimento di flussi VoIP tra il Gateway GW X e il Gateway GW Y, in accordo alla topologia indicata in figura. Router PE X Core Network Router PE Y B1 R1 B2 R2 GW X Router CE X Router CE Y GW Y

13 Si dimensioni il ritardo che deve essere introdotto nel buffer di playout nel GW Y in modo da assorbire la parte variabile del ritardo, considerando che: - le componenti variabili di ritardo tra GW X e Router CE x e Router CE Y e GW Y sono trascurabili - la core network che collega Router PE X e Router PE Y introduce un ritardo minimo di Dmin ms e un ritardo massimo di Dmax ms - il collegamento tra il router CE X e il router PE X ha una capacità a livello IP di R1 kb/s, il collegamento tra Router PE Y e Router CE Y ha una capacità a livello IP di R2 kb/s. - il router CE X ha un buffer IP di B1 pacchetti, tale buffer è condiviso tra tutti i flussi IP (VoIP e non VoIP) che condividono il collegamento tra CE X e PE X. La dimensione massima dei pacchetti IP che attraversano il collegamento tra CE e PE X è 576 bytes. - lo stesso accade tra i router PE Y e CE Y, con la dimensione del buffer del router PE Y pari a B2 pacchetti. R1 900 kb/s R kb/s B1 20 pacchetti B2 50 pacchetti Dmin 4 ms Dmax 25 ms Soluzione: Il buffer di playout deve essere pari alla componente variabile del ritardo. Calcoliamo la componente variabile del ritardo come somma dei ritardi variabili (NB ricordiamo che questo vale dato che per convenzione consideriamo come ritardo variabile il massimo del ritardo variabile). Dplayout = Dvar Il massimo della parte variabile del ritardo ai link CE X->PE X e PE Y->CE Y dipende dalla lunghezza delle code a livello IP e dalla lunghezza massima a livello IP dei pacchetti che condividono le code CE X->PE X e PE Y->CE Y. Dmax CE X->PE X = B1 * 576 * 8 / R1 Dmax PE Y ->CE Y = B2 * 576 * 8 / R2 La parte variabile del ritardo nella Core Network si può calcolare come Dmax Dmin.

Reti di Trasporto 2008- Quesiti verifica parte 3 e parte 4

Reti di Trasporto 2008- Quesiti verifica parte 3 e parte 4 Quesiti-verifica2-08-con-soluzioni-v1.doc Reti di Trasporto 2008- Quesiti verifica parte 3 e parte 4 1 Si consideri il segmento di rete ATM mostrato in figura in cui i nodi A, B, E e F sono commutatori

Dettagli

ATM Asynchronous Transfer Mode

ATM Asynchronous Transfer Mode ATM Asynchronous Transfer Mode Generalità Esigenza: interoperabilità di apparati di rete indipendentemente dal servizio supportato su base mondiale Unica modalità di trasferimento dell informazione a pacchetti

Dettagli

esercizi-voip-v1.doc (era esercizi-2007-04-v6.doc) Esercizio 1

esercizi-voip-v1.doc (era esercizi-2007-04-v6.doc) Esercizio 1 esercizi-voip-v1.doc (era esercizi-2007-04-v6.doc) Esercizio 1 Si consideri un sistema VoIP che operi con codifica GSM a R=13 kb/s. L'intervallo di pacchettizzazione è fissato a T=40ms. Si abbia a disposizione

Dettagli

E02 ESERCIZI SU MODI DI TRASFERIMENTO

E02 ESERCIZI SU MODI DI TRASFERIMENTO E02 ESERCIZI SU MODI DI TRASFERIMENTO Esercizio 1 Un file di lunghezza F byte è trasferito in una rete a pacchetto, utilizzando n rami in cascata. I nodi attraversati possono essere ritenuti praticamente

Dettagli

Parte I. Ibrido MPLS. Figura 1.1

Parte I. Ibrido MPLS. Figura 1.1 Parte I 1. INTRODUZIONE ALLE RETI MPLS Instradamento a pacchetto datagram Ibrido Commutazione di circuito virtuale IP MPLS ATM Figura 1.1 L MPLS (Multiprotocol label switching, commutazione di etichetta

Dettagli

ESERCIZI SVOLTI. Eserczio

ESERCIZI SVOLTI. Eserczio ESERCIZI SVOLTI Eserczio In uno schema di multiplazione con etichetta l informazione d utente è trasferita mediante PDU composte da H=5 byte relativi a PCI e L=48 byte di carico utile. Si assuma che le

Dettagli

Protocolli multimediali

Protocolli multimediali Protocolli multimediali RTP, RTCP, RTSP Ormai molte applicazioni scambiano informazioni in cui le relazioni temporali sono molto importanti. La Telefonia via Internet, Videoconferenza, Lezioni a distanza,

Dettagli

Reti di Calcolatori:

Reti di Calcolatori: Reti di Calcolatori: Internet, Intranet e Mobile Computing a.a. 2007/2008 http://www.di.uniba.it/~lisi/courses/reti/reti0708.htm dott.ssa Francesca A. Lisi lisi@di.uniba.it Orario di ricevimento: mercoledì

Dettagli

Prova di Esame - Rete Internet (ing. Giovanni Neglia) Lunedì 24 Gennaio 2005, ore 15.00

Prova di Esame - Rete Internet (ing. Giovanni Neglia) Lunedì 24 Gennaio 2005, ore 15.00 Prova di Esame - Rete Internet (ing. Giovanni Neglia) Lunedì 24 Gennaio 2005, ore 15.00 NB: alcune domande hanno risposta multipla: si richiede di identificare TUTTE le risposte corrette. Cognome: Nome:

Dettagli

Internet protocol stack

Internet protocol stack Protocolli stratificati (Intro III Parte) Le reti sono complesse! olte parti : host router Link su mezzi diversi protocol hardware, software Domanda: Che speranza abbiamo di organizzare la struttura della

Dettagli

Marco Listanti. Indirizzamento IP. DIET Dept. Telecomunicazioni (Canale 2) - Prof. Marco Listanti - A.A. 2016/2017

Marco Listanti. Indirizzamento IP. DIET Dept. Telecomunicazioni (Canale 2) - Prof. Marco Listanti - A.A. 2016/2017 Marco Listanti Esercizi i 7 Indirizzamento IP Frammentazione IP Esercizio 1 (1) Si identifichi la classe a cui appartengono i seguenti indirizzi IP 11100101 01011110 01101110 00110011 101.123.5.45 231.201.5.45

Dettagli

Reti di calcolatori TCP/IP. Slide a cura di Simon Pietro Romano

Reti di calcolatori TCP/IP. Slide a cura di Simon Pietro Romano Reti di calcolatori TCP/IP Slide a cura di Simon Pietro Romano spromano@unina.it Il livello rete Stack ISO/OSI Applicazione Presentazione Sessione Trasporto Rete Data Link Fisico Corso di Tecnologie dei

Dettagli

Reti di Trasporto. Ing. Stefano Salsano. AA2005/06 - Blocco 4. Programma del corso

Reti di Trasporto. Ing. Stefano Salsano. AA2005/06 - Blocco 4. Programma del corso Reti di Trasporto Ing. Stefano Salsano AA005/06 - Blocco 4 Programma del corso Rete di accesso e rete di trasporto Tecniche di multiplazione, PCM, PDH SDH Evoluzione tecnologie per reti per dati ATM IP

Dettagli

Multiprotocol Label Switching (MPLS)

Multiprotocol Label Switching (MPLS) Multiprotocol Label Switching (MPLS) Sistemi per la Codifica e la Trasmissione di Segnali Multimediali CdL Ing. TLC (INF) Specialistica L. A. Grieco 1 Il punto di partenza La capacità delle dorsali è in

Dettagli

Mariarosaria Napolitano. Architettura TCP/IP. Corso di: Laboratorio di tecnologie informatiche e telematiche

Mariarosaria Napolitano. Architettura TCP/IP. Corso di: Laboratorio di tecnologie informatiche e telematiche Mariarosaria Napolitano Architettura TCP/IP Corso di: Laboratorio di tecnologie informatiche e telematiche Contesto e Prerequisiti Contesto E' rivolto agli studenti del V anno degli Istituti Tecnici Industriali

Dettagli

RETI INTERNET MULTIMEDIALI. Esercitazione 2

RETI INTERNET MULTIMEDIALI. Esercitazione 2 RETI INTERNET MULTIMEDIALI Esercitazione 2 1 VOIP 2 Esercizio 1 Dimensionamento Si consideri un sistema VoIP che operi con codifica G.729 a r=8 kbit/s. L'intervallo di pacchettizzazione è fissato a T=20ms.

Dettagli

Fondamenti di Internet e Reti. Antonio Capone, Matteo Cesana, Ilario Filippini, Guido Maier

Fondamenti di Internet e Reti. Antonio Capone, Matteo Cesana, Ilario Filippini, Guido Maier Antonio Capone, Matteo Cesana, Ilario Filippini, Guido Maier 4 - Livello Rete (parte ) Antonio Capone, Matteo Cesana, Ilario Filippini, Guido Maier Strato di rete e strato di trasporto Lo strato di trasporto

Dettagli

Politecnico di Milano - F. Borgonovo, A. Capone: IP Telephony - Il trasporto della voce in IP 1

Politecnico di Milano - F. Borgonovo, A. Capone: IP Telephony - Il trasporto della voce in IP 1 Politecnico di Milano - F. Borgonovo, A. Capone: IP Telephony - Il trasporto della voce in IP 1 Caratteristiche tempo/frequenza della voce suono vocalizzato Politecnico di Milano - F. Borgonovo, A. Capone:

Dettagli

Il livello trasporto: Introduzione e protocollo UDP

Il livello trasporto: Introduzione e protocollo UDP Corsi di Laurea in Ingegneria Informatica Ingegneria delle Telecomunicazioni Ingegneria dell Automazione Corso di Reti di Calcolatori Simon Pietro Romano (spromano@unina.it) Antonio Pescapè (pescape@unina.it)

Dettagli

Evoluzione del livello di rete

Evoluzione del livello di rete Politecnico di Milano Advanced Network Technologies Laboratory Evoluzione del livello di rete o Multi Protocol Label Switching - MPLS MPLS o MultiProtocol Label Switching n n n n Pensato per unire i vantaggi

Dettagli

RETI INTERNET MULTIMEDIALI

RETI INTERNET MULTIMEDIALI RETI INTERNET MULTIMEDIALI VoIP: Problematiche di Deployment Il documento è adattato da materiale cortesemente messo a disposizione dai Prof. Antonio Capone, Flaminio Borgonovo e Stefano Paris IL DIMENSIONAMENTO

Dettagli

Livello di Rete. Gaia Maselli maselli@di.uniroma1.it

Livello di Rete. Gaia Maselli maselli@di.uniroma1.it Livello di Rete Gaia Maselli maselli@di.uniroma1.it Queste slide sono un adattamento delle slide fornite dal libro di testo e pertanto protette da copyright. All material copyright 1996-2007 J.F Kurose

Dettagli

Il processo di migrazione delle tecnologie IP nei sistemi della Difesa

Il processo di migrazione delle tecnologie IP nei sistemi della Difesa Il processo di migrazione delle tecnologie IP nei sistemi della Difesa Mario Marchese DIST - Dipartimento di Informatica, Sistemistica e Telematica Università di Genova Via Opera Pia 13, 16145, Genova

Dettagli

RETI INTERNET MULTIMEDIALI. Esercitazione 4

RETI INTERNET MULTIMEDIALI. Esercitazione 4 RETI INTERNET MULTIMEDIALI Esercitazione 4 1 ESERCIZI RIEPILOGATIVI 2 Esercizio 1 Token Bucket + Leaky Bucket Un Token Bucket con capacità del buffer dei token pari a q TB,MAX =500 kb, rate di picco p

Dettagli

Politecnico di Milano Advanced Network Technologies Laboratory. Esercizi sul TCP

Politecnico di Milano Advanced Network Technologies Laboratory. Esercizi sul TCP Politecnico di Milano Advanced Network Technologies Laboratory Esercizi sul TP Notazioni, Unità di Misura [byte] = 8 [bit] [kbyte] = 000 [byte] = 8000 [bit] [Mbyte] = 8 [Mbit] [ms] = 0-3 [s] [µs] = 0-6

Dettagli

TCP/IP: summary. Lorenzo Cavallaro, Andrea Lanzi

TCP/IP: summary. Lorenzo Cavallaro, Andrea Lanzi Università degli Studi di Milano Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali Corso di Laurea in Informatica December 7, 2004 Sommario 1 La suite di protocolli TCP/IP Layer 2 3 4 5 6 Sommario 1 La

Dettagli

Capitolo 6 Sistemi. Conferenze a commutazione di circuito H.320 H.324 H.321 H.310 H.322 Conferenze a commutazione di pacchetto H.

Capitolo 6 Sistemi. Conferenze a commutazione di circuito H.320 H.324 H.321 H.310 H.322 Conferenze a commutazione di pacchetto H. Capitolo 6 Sistemi Conferenze a commutazione di circuito H.320 H.324 H.321 H.310 H.322 Conferenze a commutazione di pacchetto AVI H.323 SIP Conferenze a commutazione di circuito Compressore audio Compressore

Dettagli

Appello 18 Luglio Importante: usare lo spazio dopo ogni esercizio per le risposte. Esercizio 1 Esercizio 2 Esercizio 3 Domande Laboratorio

Appello 18 Luglio Importante: usare lo spazio dopo ogni esercizio per le risposte. Esercizio 1 Esercizio 2 Esercizio 3 Domande Laboratorio Infrastrutture e Protocolli per Internet Proff. A. Capone M. Cesana Appello 8 Luglio 008 Cognome Nome Matricola Tempo Disponibile: ore Importante: usare lo spazio dopo ogni esercizio per le risposte. Esercizio

Dettagli

Introduzione alla qualità del servizio. Gruppo Reti TLC Qualità di servizio

Introduzione alla qualità del servizio. Gruppo Reti TLC  Qualità di servizio Introduzione alla qualità del servizio Gruppo Reti TLC nome.cognome@polito.it http://www.telematica.polito.it/ TELEMATICA - INTRODUZIONE ALLA QoS - 1 Qualità di servizio Cosa si intende per qualità di

Dettagli

Il livello trasporto: Introduzione e protocollo UDP

Il livello trasporto: Introduzione e protocollo UDP Corso di Laurea in Ingegneria Informatica Corso di Reti di Calcolatori a.a. 2009/10 Roberto Canonico (roberto.canonico@unina.it) Antonio Pescapè (pescape@unina.it) Il livello trasporto: Introduzione e

Dettagli

Prova di Esame - Rete Internet (ing. Giovanni Neglia) Prova completa Mercoledì 20 Luglio 2005

Prova di Esame - Rete Internet (ing. Giovanni Neglia) Prova completa Mercoledì 20 Luglio 2005 Prova di Esame - Rete Internet (ing. Giovanni Neglia) Prova completa Mercoledì 20 Luglio 2005 NB: alcune domande hanno risposta multipla: si richiede di identificare TUTTE le risposte corrette. Cognome:

Dettagli

Prova completa - Rete Internet (ing. Giovanni Neglia) Lunedì 25 Giugno 2007

Prova completa - Rete Internet (ing. Giovanni Neglia) Lunedì 25 Giugno 2007 Prova completa - Rete Internet (ing. Giovanni Neglia) Lunedì 25 Giugno 2007 NB: alcune domande hanno risposta multipla: si richiede di identificare TUTTE le risposte corrette. Cognome: Nome: Corso di laurea

Dettagli

la trasmissione è regolata solamente dall algoritmo per il controllo del flusso prima di inviare l ACK.

la trasmissione è regolata solamente dall algoritmo per il controllo del flusso prima di inviare l ACK. 1. Considerare il problema della stima del Round Trip Time. Supporre che inizialmente RTT valga 200 ms. Il mittente invia un segmento e riceve l ACK relativo dopo 100 ms, quindi invia un altro segmento,

Dettagli

RETI INTERNET MULTIMEDIALI. VoIP: Problematiche di Deployment

RETI INTERNET MULTIMEDIALI. VoIP: Problematiche di Deployment RETI INTERNET MULTIMEDIALI VoIP: Problematiche di Deployment IL DIMENSIONAMENTO SU LAN Soluzione IPTel (PBX virtuali) Gateway con rete PSTN ISDN/PSTN IP Eth. phones Call manager (gatekeeper) Server H.323

Dettagli

Introduzione alla rete Internet

Introduzione alla rete Internet Introduzione alla rete Internet Gruppo Reti TLC nome.cognome@polito.it http://www.telematica.polito.it/ INTRODUZIONE A INTERNET - 1 Internet: nomenclatura Host: calcolatore collegato a Internet ogni host

Dettagli

Politecnico di Milano Scuola di Ingegneria Industriale e dell Informazione. Modelli Funzionali

Politecnico di Milano Scuola di Ingegneria Industriale e dell Informazione. Modelli Funzionali Politecnico di Milano Scuola di Ingegneria Industriale e dell Informazione Modelli Funzionali 2 Il servizio di comunicazione o Date due o più entità remote o Possiamo descrivere il servizio di comunicazione

Dettagli

5. Fondamenti di Internet e Reti Esercizi. 5. Esercizi sul Livello di Linea e Reti Locali Esercizio TDM

5. Fondamenti di Internet e Reti Esercizi. 5. Esercizi sul Livello di Linea e Reti Locali Esercizio TDM 5. sul Livello di Linea e Reti Locali 5.1. o TM Un sistema di multiplazione TM presenta una trama di N=10 slot e in ciascuno slot vengono trasmessi k=128 bit. Se il sistema è usato per multiplare 10 canali

Dettagli

Interconnessione di reti IP

Interconnessione di reti IP Interconnessione di reti IP Mario Baldi mario.baldi@polito.it staff.polito.it/mario.baldi Nota di Copyright Questo insieme di trasparenze (detto nel seguito slide) è protetto dalle leggi sul copyright

Dettagli

Lezione n.8 LPR- Informatica Applicata

Lezione n.8 LPR- Informatica Applicata Lezione n.8 LPR- Informatica Applicata 3/4/2006 Laura Ricci Laura Ricci 1 RIASSUNTO DELLA LEZIONE Classfull IP Addressing Subnetting CIDR: Classless Adddressing Laura Ricci 2 INTERCONNESSIONE DI RETI:

Dettagli

UDP. User Datagram Protocol. UDP Connectionless

UDP. User Datagram Protocol. UDP Connectionless UDP User Datagram Protocol IP fornisce un unreliable datagram service tra gli host I Transport protocols forniscono un servizio di consegna end-to-end tra gli endpoints di una connessione UDP Connectionless

Dettagli

Qualità di Servizio nelle Reti di Telecomunicazione

Qualità di Servizio nelle Reti di Telecomunicazione Qualità di Servizio nelle Reti di Telecomunicazione Sorgenti di informazione analogiche: voce, video caratterizzate dalle loro caratteristiche spettrali (occupazione in banda, correlazione,...) numeriche

Dettagli

Dipartimento di Ingegneria dell Informazione, Elettronica e Telecomunicazioni. Esercitazioni del corso di. Telecomunicazioni

Dipartimento di Ingegneria dell Informazione, Elettronica e Telecomunicazioni. Esercitazioni del corso di. Telecomunicazioni Dipartimento di Ingegneria dell Informazione, Elettronica e Telecomunicazioni Esercitazioni del corso di Telecomunicazioni Corso di laurea in Ingegneria Gestionale Anno Accademico 2013-2014 Ing. Alfonso

Dettagli

La rete Internet. La Rete Logica. Vincenzo Eramo R 2 R 3 R 4 R 1 R 5. I terminali della rete sono denominati Host

La rete Internet. La Rete Logica. Vincenzo Eramo R 2 R 3 R 4 R 1 R 5. I terminali della rete sono denominati Host Vincenzo Eramo La rete Internet La Rete Logica R 2 R 3 R 1 R 4 Router R 5 Host I terminali della rete sono denominati Host I nodi di commutazione sono denominati Router Servizio di Rete (1/3) E senza connessione

Dettagli

Reti di Trasporto. Ing. Stefano Salsano. AA2006/07 - Blocco 5. Programma del corso

Reti di Trasporto. Ing. Stefano Salsano. AA2006/07 - Blocco 5. Programma del corso Reti di Trasporto Ing. Stefano Salsano AA2006/07 - Blocco 5 1 Programma del corso Rete di accesso e rete di trasporto Tecniche di multiplazione, PCM, PDH SDH Evoluzione tecnologie per reti per dati ATM

Dettagli

MPLS: Multi Protocol Label Switching

MPLS: Multi Protocol Label Switching Corso di architetture multimediali Università di Milano Corso di laurea specialistica in Informatica per la Comunicazione A.A. 2012-2013 MPLS: Multi Protocol Label Switching Bibliografia IETF, Multiprotocol

Dettagli

Reti di Telecomunicazione Lezione 2

Reti di Telecomunicazione Lezione 2 Reti di Telecomunicazione Lezione 2 Marco Benini Corso di Laurea in Informatica marco.benini@uninsubria.it Programma della lezione Commutazione di circuito multiplexing divisione di frequenza divisione

Dettagli

MODELLI ISO/OSI e TCP/IP

MODELLI ISO/OSI e TCP/IP PARTE I - Reti di Calcolatori ed Internet MODELLI ISO/OSI e TCP/IP 2.1 Reti di Calcolatori Livelli e Servizi Il modello OSI Il modello TCP/IP Un confronto tra OSI e TCP/IP ARPANET Ethernet Reti ATM reti

Dettagli

Nome e Cognome : Anno di corso Numero di matricola : Como, 7 maggio Quiz a risposta multipla

Nome e Cognome : Anno di corso Numero di matricola : Como, 7 maggio Quiz a risposta multipla Università dell Insubria Sede di Como Laurea in Informatica Corso di Reti ed Applicazioni AA 2003 Test 2 Nome e Cognome : Anno di corso Numero di matricola : Como, 7 maggio 2003 Istruzioni Nei quiz a risposta

Dettagli

Protocolli e Architetture. Dr. Greco Polito Silvana

Protocolli e Architetture. Dr. Greco Polito Silvana Protocolli e Architetture Cos è un protocollo? Insieme di regole che definiscono le modalità di interazione fra sistemi generalmente distanti Cos è un protocollo? Protocollo umano e protocollo di rete:

Dettagli

Architettura di rete. Modelli di Riferimento: TCP/IP e OSI. Modello di riferimento OSI. Modelli di riferimento. architettura di rete

Architettura di rete. Modelli di Riferimento: TCP/IP e OSI. Modello di riferimento OSI. Modelli di riferimento. architettura di rete I semestre 02/03 Modelli di Riferimento: TCP/IP e OSI Prof. Vincenzo Auletta auletta@dia.unisa.it http://www.dia.unisa.it/~auletta/ Architettura di rete architettura di rete insieme delle specifiche funzionali

Dettagli

MODELLI ISO/OSI e TCP/IP

MODELLI ISO/OSI e TCP/IP PARTE I - Reti di Calcolatori ed Internet MODELLI ISO/OSI e TCP/IP Reti di Calcolatori Livelli e Servizi Il modello OSI Il modello TCP/IP Un confronto tra OSI e TCP/IP ARPANET Ethernet Reti ATM reti wireless

Dettagli

Reti di Calcolatori Servizi di Rete Laboratorio di Didattica in Rete

Reti di Calcolatori Servizi di Rete Laboratorio di Didattica in Rete Reti di Calcolatori Servizi di Rete Laboratorio di Didattica in Rete Reti di calcolatori Protocolli di Trasmissione: Il modello ISO/OSI L architettura TCP/IP Protocolli di trasmissione Un protocollo di

Dettagli

Reti: unità di misura

Reti: unità di misura Reti: unità di misura bandwidth: range di frequenze usate per la trasmissione del segnale elettromagnetico che codifica l informazione misurata in Hertz (Hz) bit rate: #bit trasmissibili su canale per

Dettagli

I protocolli di rete. Mauro Gaspari

I protocolli di rete. Mauro Gaspari I protocolli di rete Mauro Gaspari 1 La comunicazione in rete è basata sul concetto di Standard Definizione: uno standard di rete è costituito da un insieme di regole e convenzioni che specificano come

Dettagli

Prefazione all edizione italiana Descrizione dei contenuti. PARTE I Introduzione e modelli 1. Capitolo 1 Introduzione 3

Prefazione all edizione italiana Descrizione dei contenuti. PARTE I Introduzione e modelli 1. Capitolo 1 Introduzione 3 Prefazione Prefazione all edizione italiana Descrizione dei contenuti XIII XVII XIX PARTE I Introduzione e modelli 1 Capitolo 1 Introduzione 3 1.1 Comunicazione dati 3 1.2 Reti 6 1.3 Internet 12 1.4 Protocolli

Dettagli

Livello di trasporto: meccanismi trasferimento dati affidabile, TCP

Livello di trasporto: meccanismi trasferimento dati affidabile, TCP Livello di trasporto: meccanismi trasferimento dati affidabile, TCP Gaia Maselli Queste slide sono un adattamento delle slide fornite dal libro di testo e pertanto protette da copyright. - Copyright 2013

Dettagli

SERVIZI DI TRASFERIMENTO DELL INFORMAZIONE

SERVIZI DI TRASFERIMENTO DELL INFORMAZIONE SERVIZI DI TRASFERIMENTO DELL INFORMAZIONE Trasparenza temporale Il tempo di trasporto delle diverse IU nella rete ha una variabilità che si può considerare nulla Trasparenza semantica Le diverse IU sono

Dettagli

MultiProtocol Label Switching

MultiProtocol Label Switching MultiProtocol Label Switching Prof. Carla Raffaelli Anno Accademico 2004-2005 MPLS: che cosa e? E una tecnica di trasferimento orientata alla connessione La funzione di routing utilizza l indirizzamento

Dettagli

Parte II: Reti di calcolatori Lezione 14

Parte II: Reti di calcolatori Lezione 14 Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2013-14 Pietro Frasca Parte II: Reti di calcolatori Lezione 14 Giovedì 17-04-2014 1 Livello di rete

Dettagli

Reti di Trasporto Ing. Stefano Salsano Slides - Blocco 5 La rete ISDN

Reti di Trasporto Ing. Stefano Salsano Slides - Blocco 5 La rete ISDN Reti di Trasporto Ing. Stefano Salsano Slides - Blocco 5 1 La rete ISDN 2 ISDN La ISDN è una rete digitale che, evolvendo dalla IDN di tipo telefonico, è in grado di offrire un'ampia gamma di applicazioni

Dettagli

Rete Internet Prova in Itinere Mercoledì 23 Aprile 2008

Rete Internet Prova in Itinere Mercoledì 23 Aprile 2008 Rete Internet Prova in Itinere Mercoledì 23 Aprile 2008 NB: alcune domande hanno risposta multipla: si richiede di identificare TUTTE le risposte corrette. Cognome: Nome: Corso di laurea e anno: Matricola:

Dettagli

RETI A COMMUTAZIONE DI PACCHETTO. Caratteristiche e principi di funzionamento

RETI A COMMUTAZIONE DI PACCHETTO. Caratteristiche e principi di funzionamento RETI A COMMUTAZIOE DI PACCETTO Caratteristiche e principi di funzionamento VARIABILITA DEL BIT RATE DI U SEGALE R (Bit-Rate) VALORE DI PICCO DEL BIT-RATE S VALORE MEDIO DEL BIT-RATE E tempo CARATTERISTICE

Dettagli

Prova di Esame - Rete Internet (ing. Giovanni Neglia) Lunedì 24 Gennaio 2005, ore 15.00

Prova di Esame - Rete Internet (ing. Giovanni Neglia) Lunedì 24 Gennaio 2005, ore 15.00 Prova di Esame - Rete Internet (ing. Giovanni Neglia) Lunedì 24 Gennaio 200, ore 1.00 NB: alcune domande hanno risposta multipla: si richiede di identificare TUTTE le risposte corrette. Cognome: Nome:

Dettagli

Prova di Esame - Rete Internet (ing. Giovanni Neglia) Lunedì 24 Gennaio 2005, ore 15.00

Prova di Esame - Rete Internet (ing. Giovanni Neglia) Lunedì 24 Gennaio 2005, ore 15.00 Prova di Esame - Rete Internet (ing. Giovanni Neglia) Lunedì 24 Gennaio 2005, ore 15.00 NB: alcune domande hanno risposta multipla: si richiede di identificare TUTTE le risposte corrette. Cognome: Nome:

Dettagli

Reti di Telecomunicazione Lezione 8

Reti di Telecomunicazione Lezione 8 Reti di Telecomunicazione Lezione 8 Marco Benini Corso di Laurea in Informatica marco.benini@uninsubria.it Livello di trasporto Programma della lezione relazione tra lo strato di trasporto e lo strato

Dettagli

R. Cusani, F. Cuomo: Telecomunicazioni - DataLinkLayer: Gestione degli errori, Aprile 2010

R. Cusani, F. Cuomo: Telecomunicazioni - DataLinkLayer: Gestione degli errori, Aprile 2010 1 11. Data link layer: codici di rilevazione di errore, gestione degli errori La rilevazione di errore Un codice a rilevazione di errore ha lo scopo di permettere al ricevente di determinare se vi sono

Dettagli

RETI DI CALCOLATORI E APPLICAZIONI TELEMATICHE

RETI DI CALCOLATORI E APPLICAZIONI TELEMATICHE RETI DI CALCOLATORI E APPLICAZIONI TELEMATICHE Prof. PIER LUCA MONTESSORO Facoltà di Ingegneria Università degli Studi di Udine 1999 Pier Luca Montessoro (si veda la nota a pagina 2) 1 Nota di Copyright

Dettagli

Internet (- working). Le basi.

Internet (- working). Le basi. Internet (- working). Le basi. 1 GABRIELLA PAOLINI (GARR) 18 OTTOBRE 2011 Capire come funziona Internet 2 FACCIAMO UN PASSO INDIETRO Internet È un insieme di reti interconnesse fra di loro su tutto il

Dettagli

Il protocollo IP come tecnologia alla base di Internet e della NGN. Sebastiano Trigila. Direzione delle Ricerche. Fondazione Ugo Bordoni

Il protocollo IP come tecnologia alla base di Internet e della NGN. Sebastiano Trigila. Direzione delle Ricerche. Fondazione Ugo Bordoni Il protocollo IP come tecnologia alla base di Internet e della NGN Sebastiano Trigila Direzione delle Ricerche Fondazione Ugo Bordoni Roma, 23 febbraio 2009 Indice Note su modelli di rete e protocolli

Dettagli

Corso di Laurea in Informatica Esame di Reti Prof. Panzieri frame con source address uguale a MAC_UNI X X X X X

Corso di Laurea in Informatica Esame di Reti Prof. Panzieri frame con source address uguale a MAC_UNI X X X X X Corso di Laurea in Informatica Esame di Reti Prof. Panzieri ESERCIZI - - - - - - - - - - - - - Esercizio 1 Dato un host dotato di una scheda di rete (network adaptor) per (802.3 (Ethernet), e con uno stack

Dettagli

Introduzione. Obiettivo: Sommario: Introduzione alle reti di telecomunicazioni approccio:

Introduzione. Obiettivo: Sommario: Introduzione alle reti di telecomunicazioni approccio: Introduzione Obiettivo: Introduzione alle reti di telecomunicazioni approccio: descrittivo uso di Internet come esempio Sommario: Introduzione Cos è Internet Cos è un protocollo? network edge network core

Dettagli

1. Supponendo che il canale trasmissivo sia esente da errori, si determini il throughput di S1.

1. Supponendo che il canale trasmissivo sia esente da errori, si determini il throughput di S1. eti di Calcolatori 1 ESECIZIO 3: Si considerino due stazioni, denominate e, in comunicazione tramite un mezzo comune a trasmissione half-duplex, utilizzanti un protocollo di tipo stop-and-wait. La latenza

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BERGAMO

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BERGAMO UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BERGAMO Dipartimento di Ingegneria A.A. 2015/16 FONDAMENTI DI RETI E TELECOMUNICAZIONE Appello del 19/01/17 Esame FRT 6 CFU (cod. 22033) Esame FRT 9 CFU (cod. 21024) Esercizi

Dettagli

Introduzione alla rete Internet

Introduzione alla rete Internet Introduzione alla rete Internet Gruppo Reti TLC nome.cognome@polito.it http://www.telematica.polito.it/ INTRODUZIONE ALLE RETI TELEMATICHE - 1 Copyright Quest opera è protetta dalla licenza Creative Commons

Dettagli

Livello Data Link. Davide Quaglia. Scopi

Livello Data Link. Davide Quaglia. Scopi Livello Data Link Davide Quaglia Scopi Comunicazione affidabile ed efficiente tra 2 macchine sullo stesso mezzo fisico Cavo Circuito virtuale telefonico Wireless Si assume: Esista l entità bit (dal livello

Dettagli

Commutazione di etichetta. Franco Callegati

Commutazione di etichetta. Franco Callegati Commutazione di etichetta MPLS Franco Callegati Label Switching E una modalità di trasferimento dei pacchetti IP basata su hardware veloce Gli algoritmi di routing sono quelli standard IP Serve a Migliorare

Dettagli

Informatica per la comunicazione" - lezione 8 -

Informatica per la comunicazione - lezione 8 - Informatica per la comunicazione - lezione 8 - I multipli 1 KB (kilo) = 1000 B 1 MB (mega) = 1 mln B 1 GB (giga) = 1 mld B 1 TB (tera) = 1000 mld B Codifica binaria dei numeri Numerazione con base 10:

Dettagli

Configurazione delle interfacce di rete

Configurazione delle interfacce di rete Configurazione delle interfacce di rete A.A. 2006/2007 Alessandro Botticelli Instradamento dei datagrammi IP Routing : scelta del percorso su cui inviare i dati i router formano struttura interconnessa

Dettagli

Marco Listanti. Esercitazione 7 DIET

Marco Listanti. Esercitazione 7 DIET Marco Listanti Esercitazione 7 Protocolli MAC DIET Esercizio 1(1) Con riferimento a una LAN operante con protocollo CSMA/CD Calcolare la minima lunghezza L min della PDU di strato MAC in una LAN di lunghezza

Dettagli

- 5 - Controllo a finestra

- 5 - Controllo a finestra Politecnico di Milano Dipartimento di Elettronica e Informazione - 5 - Controllo a finestra Laboratorio di Reti di Telecomunicazione 1 Controllo della velocità di trasmissione della sorgente di traffico

Dettagli

Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A Pietro Frasca. Parte II Lezione 2

Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A Pietro Frasca. Parte II Lezione 2 Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2013-14 Pietro Frasca Parte II Lezione 2 Giovedì 6-03-2014 1 Multiplazione (multiplexing) nelle reti

Dettagli

Architettura per multimedia

Architettura per multimedia Architettura per multimedia RTSP Layer 5 RTCP RTP Layer 4 UDP Layer 3 OSPF RTP (mixer & translator) Layer 3 Layer 2 MPLS queuing & scheduling 5 of 18 Queuing & scheduling Example: 1Mbps IP phone, FTP share

Dettagli

Le Reti Informatiche

Le Reti Informatiche Le Reti Informatiche modulo 6 Prof. Salvatore Rosta www.byteman.it s.rosta@byteman.it 1 Il Livello di Rete: 1 Il livello di Rete nel modello TCP/IP è chiamato anche strato internet ed è rappresentato da

Dettagli

Introduzione alla rete Internet

Introduzione alla rete Internet Introduzione alla rete Internet Gruppo Reti TLC nome.cognome@polito.it http://www.telematica.polito.it/ INTRODUZIONE ALLE RETI TELEMATICHE - 1 Copyright Quest opera è protetta dalla licenza Creative Commons

Dettagli

Reti di Telecomunicazione Esempio di esame

Reti di Telecomunicazione Esempio di esame Reti di Telecomunicazione Esempio di esame Marco Benini Corso di Laurea in Informatica marco.benini@uninsubria.it Domanda 1: [5 punti] Testo Si assegnino opportunamente gli indirizzi IP ai nodi della rete

Dettagli

Protocollo ICMP, comandi ping e traceroute

Protocollo ICMP, comandi ping e traceroute Protocollo ICMP, comandi ping e traceroute Internet Control Message Protocol Internet Control Message Protocol (ICMP): usato dagli host, router e gateway per comunicare informazioni riguardanti il livello

Dettagli

RETI DI CALCOLATORI E APPLICAZIONI TELEMATICHE

RETI DI CALCOLATORI E APPLICAZIONI TELEMATICHE RETI DI CALCOLATORI E APPLICAZIONI TELEMATICHE Prof. PIER LUCA MONTESSORO Facoltà di Ingegneria Università degli Studi di Udine 1999 Pier Luca Montessoro (si veda la nota a pagina 2) 1 Nota di Copyright

Dettagli

Introduzione. Il routing permette la comunicazione tra due nodi differenti anche se non sono collegati direttamente

Introduzione. Il routing permette la comunicazione tra due nodi differenti anche se non sono collegati direttamente Routing Introduzione Il livello 3 della pila ethernet ha il compito di muovere i pacchetti dalla sorgente attraversando più sistemi Il livello di network deve quindi: Scegliere di volta in volta il cammino

Dettagli

3: Architettura TCP/IP

3: Architettura TCP/IP 1 1 3: Architettura TCP/IP Architettura di rete e Modello TCP/IP 2 Il modello TCP/IP nasce da un progetto del Dipartimento della Difesa USA per la realizzazione di una rete di trasmissione solida per le

Dettagli

Corso di Laurea in Ingegneria Informatica. Corso di Reti di Calcolatori I

Corso di Laurea in Ingegneria Informatica. Corso di Reti di Calcolatori I Corso di Laurea in Ingegneria Informatica Corso di Reti di Calcolatori I Roberto Canonico (roberto.canonico@unina.it) Giorgio Ventre (giorgio.ventre@unina.it) Il livello rete in Internet Il protocollo

Dettagli

1. Introduzione alle Reti di TLC

1. Introduzione alle Reti di TLC Università di Genova Facoltà di Ingegneria Reti di Telecomunicazioni e Telemedicina 1 1. Introduzione alle Reti di TL Prof. Raffaele olla ompito della rete è: INTERONNETTERE più apparati o utenti per permettere

Dettagli

Transparent Networking e tecnologie di virtualizzazione della rete. M. Caberletti (INFN-CNAF) A. Brunengo (INFN Genova)

Transparent Networking e tecnologie di virtualizzazione della rete. M. Caberletti (INFN-CNAF) A. Brunengo (INFN Genova) Transparent Networking e tecnologie di virtualizzazione della rete M. Caberletti (INFN-CNAF) A. Brunengo (INFN Genova) Sommario Networking nel Cloud Computing Virtualizzazione della rete Soluzioni di virtualizzazione

Dettagli

Soluzioni verifica 3 2009-10 parte 4

Soluzioni verifica 3 2009-10 parte 4 Soluzioni verifica 3 2009-10 parte 4 1 Si consideri una rete ethernet a mezzo condiviso, costituita da un unico dominio di collisione in cui vi sono tre segmenti (costituiti da cavi diversi di

Dettagli

Esercitazione. Livello di Trasporto [Capitolo 3]

Esercitazione. Livello di Trasporto [Capitolo 3] Esercitazione Livello di Trasporto [Capitolo 3] 1 È possibile che un'applicazione che gira su UDP ottenga un trasferimento dati affidabile? Si. Lo sviluppatore dell'applicazione può inserire il trasferimento

Dettagli

Il protocollo IP (Internet Protocol)

Il protocollo IP (Internet Protocol) Politecnico di Milano Advanced Network Technologies Laboratory Il protocollo IP (Internet Protocol) -Servizi offerti da IP -Formato del pacchetto IP 1 Il servizio di comunicazione offerto da IP Connectionless

Dettagli

Fondamenti di Internet e Reti

Fondamenti di Internet e Reti 5. sul Livello di Linea e Reti Locali 5.1. o TDM Un sistema di multiplazione TDM presenta una trama di N=10 slot; in ciascuno slot vengono trasmessi k=128 [bit]. Se il sistema è usato per multiplare 10

Dettagli

Comunicazione tra Computer. Protocolli. Astrazione di Sottosistema di Comunicazione. Modello di un Sottosistema di Comunicazione

Comunicazione tra Computer. Protocolli. Astrazione di Sottosistema di Comunicazione. Modello di un Sottosistema di Comunicazione I semestre 03/04 Comunicazione tra Computer Protocolli Prof. Vincenzo Auletta auletta@dia.unisa.it http://www.dia.unisa.it/professori/auletta/ Università degli studi di Salerno Laurea in Informatica 2

Dettagli

ICMP. (Internet Control Message Protocol) Cosa è l ICMP? Messaggi di ICMP. Applicazioni di ICMP: ULP, Ping, Traceroute, Path MTU discovery

ICMP. (Internet Control Message Protocol) Cosa è l ICMP? Messaggi di ICMP. Applicazioni di ICMP: ULP, Ping, Traceroute, Path MTU discovery ICMP (Internet Control Message Protocol) Cosa è l ICMP? Messaggi di ICMP Applicazioni di ICMP: ULP, Ping, Traceroute, Path MTU discovery ICMP 1 Formato pacchetti ICMP fa parte dello stack TCP/IP Formato

Dettagli

Gestione delle Reti di Telecomunicazioni

Gestione delle Reti di Telecomunicazioni Dipartimento di Elettronica e Telecomunicazioni Gestione delle Reti di Telecomunicazioni Modello TCP/IP Ing. Tommaso Pecorella Ing. Giada Mennuti {pecos,giada}@lenst.det.unifi.it 1 Protocolli di trasporto

Dettagli

Protocollo IP. Pacchetto e comandi

Protocollo IP. Pacchetto e comandi Protocollo IP Pacchetto e comandi 1 IP: collocazione nella pila OSI Application Presentation Session Transport Network Data Link Physical IP Alcune funzioni del livello Network: - meccanismo di identificatione

Dettagli