COMUNE DI CUTROFIANO. Regolamento del. Corpo. Polizia Municipale

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "COMUNE DI CUTROFIANO. Regolamento del. Corpo. Polizia Municipale"

Transcript

1 COMUNE DI CUTROFIANO Regolamento del Corpo di Polizia Municipale

2 INDICE CAPO I Art. 1 Istituzione del Corpo NORME GENERALI CAPO II SERVIZIO DI POLIZIA MUNICIPALE Art. 2 Finalità e compiti Art. 3 Missioni esterne al territorio comunale CAPO III CORPO POLIZIA MUNICIPALE Art. 4 Dipendenza gerarchica del Corpo Art. 5 Funzioni di polizia stradale, polizia giudiziaria e pubblica sicurezza Art. 6 Dipendenza operativa Art. 7 Collaborazione con le Forze di Polizia dello Stato Art. 8 Collaborazione alle attività di protezione civile Art. 9 Stato giuridico ed economico del personale Art. 10 Organico e qualifiche Art. 11 Gerarchia tra gli operatori Art. 12 Osservanza delle direttive ed esecuzione degli ordini Art. 13 Compiti del Comandante del Corpo Art. 14 Compiti degli operatori di polizia municipale CAPO IV MODALITA PER LO SVOLGIMENTO DEI SERVIZI Art. 15 Finalità e impiego del personale Art. 16 Ordini e disposizioni di servizio Art. 17 Obbligo di intervento Art. 18 Rapporto di servizio Art. 19 Inizio e termine del servizio Art. 20 Orario di lavoro - Riposo settimanale - Congedo ordinario Art. 21 Reperibilità Art. 22 Uso e manutenzione dei veicoli, mezzi e strumenti in dotazione Art. 23 Tessera di riconoscimento e placca di servizio Art. 24 Riconoscimento in servizio Art. 25 Armi CAPO V NORME DI COMPORTAMENTO Art. 26 Norme di comportamento Art. 27 Riservatezza e segreto d ufficio Art. 28 Cura della persona Art. 29 Saluto

3 Art. 30 Istanze e reclami Art. 31 Encomi, elogi, ricompense Art. 32 Punizioni Art. 33 Difesa di giudizio CAPO VI FORMAZIONE AGGIORNAMENTO - ADDESTRAMENTO Art. 34 Istruzione Art. 35 Addestramento fisico CAPO VII UNIFORME E DOTAZIONE Art. 36 Uniforme Art. 37 Dotazioni particolari Art. 38 Rinvio ad altre norme Art. 39 Entrata in vigore CAPO VIII NORME FINALI

4 Capo I NORME GENERALI Art. 1 Istituzione del Corpo Il presente regolamento in esecuzione alla legge 7 marzo 1986 n. 65 disciplina il servizio di Polizia Municipale e l istituzione del Corpo di Polizia Municipale. Per quanto in esso non previsto si fa rinvio alle norme legislative, statutarie, regolamentari e contrattuali applicabili in materia. Capo II SERVIZIO DI POLIZIA MUNICIPALE Art. 2 Finalità e Compiti La Polizia Municipale con personale femminile e maschile con parità di attribuzioni, funzioni e compiti, adempie, nell ambito del territorio comunale, alle funzioni attinenti all attività di Polizia locale, urbana e rurale e di Polizia Amministrativa previste da leggi e Regolamenti al Comune o direttamente alla Polizia Municipale. In particolare nei limiti delle proprie attribuzioni e nell ambito delle direttive imposte dall Amministrazione Comunale provvede a: a) Vigilare sull osservanza delle leggi, dei regolamenti e di ogni altra disposizione emanata dagli organi competenti con particolare riguardo alle norme concernenti la Polizia amministrativa, la Polizia stradale, la Polizia urbana, l edilizia, il commercio, la tutela ambientale, l igiene e pubblici esercizi. b) Assolvere a compiti di informazione, raccolta notizie, nonché accertamenti e rilevazioni connessi ai propri compiti istituzionali o comunque richiesti da Autorità e Uffici autorizzati a richiederli. c) Prestare servizi d ordine, di vigilanza, di scorta in occasione di manifestazioni, funzioni pubbliche e cerimonie pubbliche. d) Prestare opera di soccorso nelle pubbliche calamità, disastri e di privati infortuni. e) Vigilare sull integrità e conservazione del patrimonio pubblico. f) Collaborare ai servizi di Protezione civile con gli organi istituzionalmente preposti. g) Assicurare i servizi d onore in occasione di pubbliche funzioni, cerimonie o altre manifestazioni e effettuare la scorta d onore al Gonfalone del Comune. h) Concorrere al mantenimento dell ordine pubblico. i) Vigilare sul corretto uso dei beni pubblici. Art. 3 Missioni esterne al territorio comunale 1. Sono consentite le missioni esterne al territorio comunale a soli fini di collegamento ovvero di rappresentanza del Corpo di Polizia Municipale o del Comune, nel rispetto delle vigenti norme in materia. 2. Le missioni a fini di collegamento sono ordinate e disposte dal Comandante. Nei casi di urgenza la missione viene disposta dal responsabile del servizio, che ne informa, appena possibile, il Comandante. 3. Le missioni a fini di rappresentanza sono ordinate dal Sindaco e disposte dal Comandante. 4. Sono ammesse le missioni esterne per soccorso in caso di calamità e disastri o per rinforzare altri Corpi o servizi di Polizia Municipale in particolari occasioni stagionali o eccezionali, previa esistenza di appositi piani o di accordi fra le amministrazioni interessate. 5. Le missioni sono svolte nel rispetto di ogni altra norma di legge o di regolamento, nonché di quelle contrattuali.

5 Capo III - CORPO POLIZIA MUNICIPALE Art. 4 Dipendenza gerarchica del Corpo Il Corpo di Polizia Municipale è alle dirette dipendenze funzionali e amministrative del Sindaco o dell Assessore da questi delegato che sovrintende, impartisce le direttive generali e vigila sullo svolgimento dell attività del Corpo. Restano escluse dalla delega specifica all Assessore le attribuzioni direttamente attribuite all Autorità del Sindaco in merito alle funzioni di Polizia Giudiziaria, Polizia Stradale e Pubblica Sicurezza previste dalla legge. Tutte le richieste rivolte dagli Uffici Comunali devono essere rivolte al Comando. Al personale della Polizia Municipale è vietato corrispondere, salvo casi di assoluta urgenza e necessità a richieste di servizi pervenute direttamente. Chi ha ricevuto l ordine urgente non per la normale via gerarchica è tenuto a darne, appena possibile, notizie al Comando. Art. 5 Funzioni di Polizia stradale, Polizia giudiziaria e pubblica sicurezza Gli appartenenti al Corpo di Polizia Municipale svolgono nell ambito del territorio comunale e nei limiti delle proprie attribuzioni, oltre alle funzioni di Polizia locale, le seguenti funzioni ai sensi dell art. 5 della legge 7 marzo 1986, n. 65 e legge regionale n.2 del : a) funzioni di Polizia stradale, ai sensi degli Artt. 11 e 12 del decreto legislativo 30 aprile 1992, n. 285; b) funzioni di Polizia giudiziaria, assumendo a tal fine, ai sensi dell art. 57 c.p.p., la qualità di agenti di Polizia giudiziaria, riferita agli operatori, o di ufficiale di Polizia giudiziaria, riferita al Comandante e agli addetti al coordinamento e controllo; c) funzioni ausiliarie di pubblica sicurezza, rivestendo a tal fine la qualità di agenti di pubblica sicurezza. Art. 6 Dipendenza operativa Nell espletamento delle funzioni di Pubblica Sicurezza e di Polizia Giudiziaria il personale della Polizia Municipale, messo a disposizione dal Sindaco, dipende operativamente dalla competente Autorità di Pubblica Sicurezza o di Polizia Giudiziaria, nel rispetto di eventuali intese fra dette autorità ed il Sindaco stesso. Art. 7 Collaborazione con le Forze di Polizia dello Stato 1. Gli appartenenti al Corpo di Polizia Municipale esercitano, nel territorio di competenza, le funzioni ed i compiti istituzionali e collaborano, nell ambito delle proprie attribuzioni, con le forze di Polizia dello Stato, previa disposizione del Sindaco, quando ne venga fatta, per specifiche operazioni, motivata richiesta dalla competente autorità. 2. Nell ambito della legislazione vigente, il Sindaco sottoscrive protocolli di intesa con le competenti autorità statali, ai fini di un più efficace coordinamento delle attività di vigilanza e controllo del territorio. Art. 8 Collaborazione alle attività di protezione civile 1. Il Corpo di Polizia Municipale, quale struttura permanentemente operante sul territorio, collabora con i servizi comunali di protezione civile assolvendo, per la parte di competenza, ai compiti di primo soccorso ed agli altri compiti di istituto secondo quanto previsto dal piano comunale di protezione civile. Art. 9 Stato Giuridico ed economico del personale Lo stato giuridico ed economico del personale della Polizia Municipale è disciplinato da norme contrattuali.

6 Art. 10 Organico e qualifiche L Organico del Corpo di Polizia Municipale è così composto: Profili Professionali Qualifica Attribuzioni N Posti Comandante categoria D 1 operatore di polizia municipale categoria C La dotazione organica delle singole qualifiche dovrà essere tale da assicurare la funzionalità e l efficienza di tutte le strutture in cui si articola il Corpo. La dotazione organica complessiva non potrà comunque, compatibilmente le necessità finanziarie, essere inferiore a una unità per abitanti del Comune. 7 Art. 11 Gerarchia tra gli operatori Nell ambito della Polizia Municipale la gerarchia è rappresentata dai gradi conseguiti dagli addetti. A parità di qualifiche la dipendenza gerarchica è determinata dal grado conseguito ed a parità di questo ultimo dall anzianità nella qualifica. A parità di anzianità nella qualifica, la dipendenza gerarchica è determinata dall anzianità generale di servizio. A parità di anzianità di servizio, dalla priorità nella graduatoria di merito per la nomina nella qualifica. A parità di merito nella graduatoria, dall età. I gradi, meramente simbolici, sono i seguenti: 1. brigadiere, conseguito dopo dieci anni di servizio; 2. maresciallo ordinario, conseguito dopo quindici anni di servizio; 3. maresciallo capo, conseguito dopo venti anni di servizio; 4. maresciallo maggiore, conseguito dopo venticinque anni di servizio; 5. maresciallo maggiore bordi rossi, conseguito dopo trenta anni di servizio. I gradi sunnominati vengono attribuiti dal Comandante con propria disposizione, tenuto conto: 1. che gli anni di servizio siano maturati all'interno della Polizia Municipale; 2. che l'operatore non abbia subito negli ultimi due anni sanzioni disciplinari superiori alla censura. Art. 12 Osservanza delle direttive ed esecuzione degli ordini Gli appartenenti alla Polizia Municipale sono tenuti ad eseguire gli ordini impartiti dai superiori gerarchici attinenti all espletamento delle loro funzioni o mansioni. Se ritengono che l ordine sia palesemente illegittimo, devono farne rimostranza allo stesso superiore che lo ha impartito dichiarandone le ragioni; se l ordine viene rinnovato per iscritto hanno il dovere di darvi esecuzione e di esso risponde a tutti gli effetti, il superiore che lo ha impartito. In ogni caso è vietato dare esecuzione all ordine quando l atto è vietato dalla legge penale o costituisca illecito amministrativo; in tal caso l appartenente al Corpo ne informa immediatamente il superiore. Ove all esecuzione dell ordine si frapponessero difficoltà e non fosse possibile ricevere ulteriori direttive, il personale incaricato deve adoperarsi per superarle anche con atti di iniziativa propria, informandone il superiore gerarchico appena possibile riferendone i risultati e ogni altra conseguenza determinata dal suo intervento.

7 Art. 13 Compiti del Comandante del Corpo Il Comandante del Corpo è responsabile verso il Sindaco dell addestramento, della disciplina, dell organizzazione del servizio e dell impiego tecnico operativo della forza. Inoltre, in relazione alle funzioni e compiti riservategli da leggi e regolamenti, allo stesso compete in particolare: a) L organizzazione e la direzione tecnico - operativa, amministrativa e disciplinare del Corpo. b) Curare in collaborazione con il proprio personale o avvalendosi di personale esterno al Corpo, la formazione professionale, l addestramento e la specializzazione degli appartenenti alla Polizia Municipale. c) Emanare disposizioni e verificare il corretto espletamento dei servizi. d) Elaborare, nelle materie di propria competenza, studi, pareri, proposte, relazioni e schemi di provvedimenti. e) Curare le relazioni con altre strutture del Comune allo scopo di garantire reciproca integrazione e coerenza operativa. f) Curare i rapporti con l Autorità di pubblica sicurezza e l Autorità Giudiziaria e Comando Carabinieri e altre forze di Polizia dello Stato e Polizie Municipali nello spirito di collaborazione e per il migliore andamento dei servizi in genere. g) Assegnare il personale ai vari servizi e uffici. h) Intervenire di persona per organizzare, dirigere e coordinare i servizi che rivestono particolare importanza e delicatezza. i) Controllare e verificare i risultati nell attività svolta della Polizia Municipale. In caso di assenza o impedimento il Comandante viene sostituito dall'operatore gerarchicamente superiore, determinato nei modi previsti dall'articolo 11 del presente regolamento. Art. 14 Compiti degli Operatori di Polizia Municipale Oltre alle competenze derivanti dalle leggi e regolamenti agli operatori di Polizia Municipale compete in particolare: 1) Accertare e contestare le violazioni nei modi prescritti dalle leggi e dai regolamenti. 2) Vigilare affinché siano tutelati l ordine e la sicurezza pubblica, l integrità ambientale e l igiene. 3) Prestare opera di soccorso e assistenza, accorrendo prontamente ovunque si renda necessario. 4) Vigilare sul patrimonio comunale per garantirne la buona conservazione reprimendo ogni uso illecito. 5) Fornire notizie, indicazioni e assistenza a coloro che la richiedono, tenendo sempre un comportamento corretto. 6) Controllare l osservanza delle norme in materia di viabilità, di Polizia urbana, di Polizia amministrativa, Polizia commerciale, annonaria, di edilizia, igiene, ecc. 7) In presenza di litigi o risse, intervenire per dividere i contendenti richiedendo se necessario l intervento di altre forze di Polizia. 8) Assolvere compiti di informazione, di raccolta notizie, di accertamenti, di rilevazioni e di notificazioni nell ambito di propri compiti istituzionali. 9) Impedire l abusiva affissione murale e la distribuzione pubblica di manifesti o di altri mezzi pubblicitari nonché la lacerazione o deturpazione di quelli autorizzati. 10) Intervenire nei confronti delle persone in evidenti condizioni di menomazioni fisiche o in stato di agitazione fisico motorio per malattia o altre cause, adottando gli accorgimenti necessari per evitare che possano nuocere a se stessi e agli altri. 11) Prestare assistenza, se necessario, nel trasporto di persone ferite informandone preventivamente il responsabile del servizio. 12) Svolgere servizi d onore in occasione di pubbliche funzioni, pubbliche manifestazioni e cerimonie pubbliche civili e religiose e fornire la scorta d onore al Gonfalone del Comune. 13) Rapportare a fine servizio sull attività svolta e su eventuali provvedimenti adottati, segnalando inconvenienti, deficienze e disservizi che possono interessare anche agli Uffici delle Pubbliche Amministrazioni.

8 Capo IV - MODALITA PER LO SVOLGIMENTI DEI SERVIZI Art. 15 Finalità e impiego del personale Quando la natura del servizio lo richieda, l amministrazione comunale deve fornire i mezzi idonei a garantire la sicurezza del personale. Il distacco o il Comando del personale della Polizia Municipale presso altri Uffici o Servizi è consentito solo quando i compiti assegnati ineriscono alle funzioni della Polizia Municipale e purché la disciplina rimanga quella dell Organizzazione di appartenenza. Le operazioni di Polizia, esterne al territorio comunale, d iniziativa dei singoli durante il servizio, sono ammesse esclusivamente in caso di necessità dovuta alla flagranza dell illecito commesso nel territorio comunale. Art.16 Ordini e disposizioni di servizio Per l espletamento dei servizi e per il raggiungimento delle finalità istituzionali il Comandante emana ordini di servizio, disposizioni operative e circolari, sia verbali che scritti. Qualora si presentino servizi di particolare rilievo e che trascendono dall ordinaria gestione del personale il Comandante emana apposita direttiva scritta indicando la forza, l equipaggiamento e i mezzi da impiegare, la finalità da conseguire e specifiche, dettagliate modalità operative. Gli atti emanati in forma scritta sono conservati agli atti del Comando. Nei casi in cui si renda indispensabile, a giudizio del dipendente operante, dare una diversa attuazione a quanto stabilito nell ordine di servizio, lo stesso ne richiede autorizzazione al superiore, salvo i casi di assoluta urgenza ovvero i casi di impossibilità di comunicare con il medesimo; in questo caso il dipendente è tenuto ad informare al più presto il superiore. Se l adempimento del servizio è affidato a più dipendenti, quello sovraordinato gerarchicamente ne ha il comando e cura che venga eseguito nel posto e nel tempo prescritti e che gli ordini o le consegne, date a ciascun dipendente, siano osservati esattamente. Art. 17 Obbligo di intervento Gli appartenenti al Corpo di Polizia Municipale hanno l obbligo di intervenire per tutti i fatti che rientrano nelle funzioni d Istituto. Nei casi in cui l intervento non sia possibile o non possa avere effetti risolutivi devono essere richiesti i necessari interventi. E vietato, salvo casi di urgenza, di corrispondere a richieste di intervento senza la preventiva autorizzazione del responsabile del servizio o del Comando. Art. 18 Rapporto di servizio 1. Al termine di ogni servizio svolto sul territorio, gli appartenenti al Corpo di Polizia Municipale redigono rapporto al proprio comando o ufficio comunicando immediatamente al superiore di turno ogni novità urgente ed importante inerente il servizio.

9 Art. 19 Inizio e termine del servizio 1. Il personale del Corpo di Polizia Municipale ha l obbligo di presentarsi in servizio all ora stabilita e, a tal fine, si accerta tempestivamente dell orario e delle modalità del servizio da svolgere. 2. Il personale che, per qualsiasi motivo, sia impossibilitato a presentarsi in servizio ne dà tempestiva comunicazione all ufficio di appartenenza e comunque, prima dell orario in cui avrebbe dovuto assumere il servizio stesso, salvo comprovato impedimento. 3. Nei servizi interni ed esterni a carattere continuativo, con cambio sul posto, così come individuati dal Comandante, il personale che ha terminato il proprio orario di servizio non deve allontanarsi fino a quando la continuità del servizio non sia stata assicurata dalla presenza del personale che deve sostituirlo. Art. 20 Orario di lavoro - riposo settimanale - congedo ordinario Per gli appartenenti il Corpo di Polizia Municipale l orario di lavoro normale di servizio è stabilito in due turni giornalieri e in 35 ore settimanali, stabiliti di norma con cadenza settimanale. L orario di servizio è stabilito dal Comandante nel rispetto delle norme contrattuali tenuto conto delle esigenze dei servizi e delle eventuali direttive dell Amministrazione Comunale, che comunque non possono superare le ore ventidue ed iniziare prima delle ore sette, salvo diversa concertazione. Qualora particolari esigenze di servizio lo richiedono il personale della Polizia Municipale è tenuto a prestare la sua opera per un orario superiore a quello indicato, o in turni diversi da quelli normali. Al personale della Polizia Municipale spetta un giorno di riposo settimanale. I turni di riposo settimanale sono programmati a cura del comando. Il riposo settimanale non usufruito per motivi di servizio nel giorno stabilito è recuperato entro sessanta giorni successivi a richiesta del dipendente. Il personale della Polizia Municipale ha diritto al congedo ordinario nella misura e con la disciplina prevista dalle norme in vigore. Al personale spetta un turno di ferie di almeno quindici giorni da usufruire nei mesi di luglio ed agosto, con un contingente non superiore al cinquanta per cento della unità in assegnate al comando. Il Comandante del Corpo può, per motivate esigenze di carattere particolare, sospendere la concessione delle ferie, i permessi e il riposo giornaliero. Il Congedo ordinario è concesso dal Comandante. Al Comandante il congedo ordinario è concesso dal Sindaco. Il personale della Polizia Municipale è tenuto ad indicare preventivamente e tempestivamente al Comando il proprio recapito durante il congedo. Art. 21 Reperibilità Per garantire gli interventi d urgenza il Comandante dispone turni di reperibilità degli appartenenti alla Polizia Municipale in conformità alle disposizioni contrattuali. Tale istituto ha lo scopo di assicurare il pronto intervento in casi straordinari e non prevedibili ( esecuzione di T.S.O., calamità naturali, crolli, incendi, inondazioni ed altri gravi accidenti che comportino pericolo per la pubblica incolumità) che dovessero verificarsi in qualsiasi ora della giornata. Per reperibilità si intende l'obbligo del dipendente, incluso nel relativo turno, di essere in grado di ricevere prontamente e costantemente, per l'intero arco della reperibilità, le eventuali chiamate e di provvedere in conformità raggiungendo il posto di lavoro entro trenta minuti. Il servizio di pronta reperibilità è obbligatorio ed assicurato dal personale del Corpo di Polizia Municipale impegnato nei vari servizi di istituto. Sono esclusi i dipendenti eventualmente distaccati in altri uffici per l'espletamento di servizi diversi da quelli di istituto. Il Comandante del Corpo di Polizia Municipale provvederà giornalmente alla compilazione del turno di pronta reperibilità, informando il personale interessato mediante la compilazione dell'ordine di servizio sul registro apposito.

10 E' fatto obbligo a tutto il personale interessato del servizio di pronta reperibilità di comunicare per iscritto al Comando del Corpo di polizia Municipale l'indirizzo presso il quale sarà reperibile con il relativo numero telefonico. Il dipendente che, essendo in servizio di pronta reperibilità, risultasse non reperibile nei tempi sopra descritti, perde il diritto al compenso previsto mensilmente per l'istituto in questione e, salvo giustificato motivo, è soggetto a procedimento disciplinare, nei modi previsti dai regolamenti comunali. Art. 22 Uso e manutenzione dei veicoli, mezzi e strumenti in dotazione Il personale che ha in consegna l uso di veicoli, mezzi o strumenti in dotazione alla Polizia Municipale ha l obbligo di farne uso solo per motivi di servizio. Ogni guasto, incidente o manchevolezze riscontrati devono essere prontamente comunicati al Comando. I danni causati ai veicoli, mezzi e strumenti, per colpa o incuria dei consegnatari sono fatti riparare a cura dell Amministrazione Comunale e la relativa spesa può essere loro addebitata, impregiudicati gli eventuali provvedimenti disciplinari. Art. 23 Tessera di riconoscimento e placca di servizio Al personale della Polizia Municipale viene rilasciata al momento dell assunzione una tessera di riconoscimento e una placca di servizio. Le caratteristiche della tessera e della placca, quando non previste dalla legge Regionale, sono stabilite con provvedimento del Sindaco. La tessera di riconoscimento deve sempre essere portata al seguito, sia in uniforme che in abito borghese. La placca di servizio va portata all altezza del petto sulla parte sinistra della divisa. Il personale deve conservare con cura la tessera di riconoscimento e la placca di servizio e denunciarne immediatamente al Comando l eventuale smarrimento. In caso di cessazione dal servizio la tessera di riconoscimento e la placca di servizio vanno riconsegnate al Comando; sono altresì ritirate in caso di sospensione dal servizio. Art. 24 Riconoscimento in servizio 1. Gli appartenenti al Corpo di Polizia Municipale operanti in uniforme che per ragioni di servizio vengano in contatto con i cittadini, sono tenuti a dichiarare, qualora ne venga fatta espressa richiesta, il proprio numero di matricola, la qualifica di servizio o grado, il cognome e il nome. 2. Gli appartenenti al Corpo autorizzati a svolgere il servizio in abito civile, nel momento in cui debbano far conoscere la loro qualità o allorché l intervento di servizio assuma rilevanza esterna, sono tenuti ad applicare sull abito, in modo visibile, la placca di riconoscimento e ad esibire, ove richiesta, la tessera di riconoscimento. Art. 25 Armi Agli appartenenti il Corpo di Polizia Municipale è data in dotazione una pistola semiautomatica, tipo BERETTA modello 84F, calibro 9 corto, con fondina e munizioni. Gli Agenti hanno l'obbligo di portarla durante lo svolgimento di tutti i servizi comandati sia in uniforme che in abito civile. Non possono essere portate armi diverse da quelle avute in dotazione. Gli appartenenti al Corpo, con la qualifica di pubblica sicurezza, hanno l'obbligo di prendere in consegna l'arma che viene loro assegnata e sono tenuti a partecipare alle lezioni teorico e pratiche di addestramento al tiro disposte dal Comando del Corpo. Le armi sono assegnate a ciascun addetto, ricoprente la qualifica necessaria, in via continuativa. L'ufficio di Polizia Municipale è dotato di armadio blindato per la conservazione delle armi non utilizzate ed un registro con le operazioni sulle armi. In materia di armi si fa rinvio al D.M. 4 marzo 1978, n.145 ed al comma 134 dell'art. 17 della legge n.127/1997.

11 Capo V NORME DI COMPORTAMENTO Art. 26 Norme di comportamento Gli appartenenti alla Polizia Municipale devono avere in servizio un comportamento improntato alla massima correttezza, imparzialità e cortesia nei confronti del pubblico, operando con senso di responsabilità in modo da riscuotere stima, fiducia e rispetto da parte del cittadino. Non deve occuparsi, nemmeno gratuitamente, della redazione di esposti o ricorsi che interessano il servizio o la pubblica amministrazione. Non deve, con il pubblico, dilungarsi in discussioni e deve evitare apprezzamenti e rilievi sull operato della Pubblica Amministrazione, dei colleghi e del Comando di Polizia Municipale. I rapporti gerarchici e funzionali fra i componenti il Corpo di Polizia Municipale devono essere improntati al reciproco rispetto e cortesia al fine di raggiungere il massimo grado di collaborazione. Ogni componente il Corpo è tenuto a essere leale nel comportamento nei confronti dei superiori colleghi e sottoposti evitando di diminuirne o menomarne in qualunque modo l autorità e il prestigio. Art. 27 Riservatezza e segreto d Ufficio Tutti i componenti il Corpo di Polizia Municipale sono tenuti alla massima riservatezza circa le operazioni di servizio e le pratiche, osservando scrupolosamente il segreto d ufficio. Art. 28 Cura della Persona Tutti i componenti il Corpo di Polizia Municipale devono, per evitare giudizi negativi sul proprio prestigio e quello del Corpo e Amministrazione Comunale, avere cura della persona e dell aspetto esteriore evitando ogni forma di eccessiva appariscenza nell acconciatura dei capelli, nella barba, nei baffi, nonché il trucco da cosmetici. L uniforme deve essere ben curata in tutti i suoi aspetti. Art. 29 Saluto Il personale della Polizia Municipale è tenuto al saluto nei confronti dei superiori gerarchici che hanno l obbligo di rispondere e nei confronti dei cittadini con i quali hanno rapporti per motivi di servizio o che li interpellano per informazioni, chiarimenti ecc. Il saluto è dovuto inoltre al SS. Sacramento, alla Bandiera Nazionale, al Gonfalone del Comune, al Sindaco, e alle Autorità civili e militari. Il saluto tra pari grado o pari qualifica è una positiva testimonianza di cortesia. Il saluto da parte del personale in uniforme viene effettuato portando la mano destra tesa alla visiera del copricapo. E dispensato dal saluto il personale che si trova a bordo di veicoli, che effettua servizio di scorta o che regola manualmente il traffico. Art. 30 Istanze e reclami Gli appartenenti al Corpo di Polizia Municipale possono rivolgere richieste, istanze, reclami direttamente al Comandante evitando la normale via gerarchica.

12 Art. 31 Encomi, elogi, ricompense Gli appartenenti alla Polizia Municipale che si siano particolarmente distinti, per impegno, diligenza, capacità professionali e per atti eccezionali di merito e di coraggio, possono essere premiati avuto riguardo all attività svolta e agli atti compiuti, con: a) elogio scritto del Comandante; b) encomio semplice del Sindaco; c) encomio della Giunta Municipale; d) encomio solenne del Consiglio Comunale; e) proposta di una ricompensa al valor civile per atti di coraggio e sprezzo del pericolo. Gli elogi, gli encomi e le proposte di ricompensa al valor civile sono registrati nello stato di servizio dell interessato. Art. 32 Punizioni Le sanzioni disciplinari per il personale della Polizia Municipale sono quelle previste dalle norme in vigore per il personale del Comune. Art. 33 Difesa in giudizio Gli appartenenti alla Polizia Municipale sottoposti a procedimento giudiziario per causa penale o civile, per atti legittimamente compiuti nell esercizio o a causa delle loro funzioni sono difesi con spese a carico dell Amministrazione Comunale. Capo VI FORMAZIONE-AGGIORNAMENTO-ADDESTRAMENTO Art. 34 Istruzione Il personale della Polizia Municipale è tenuto a frequentare corsi di qualificazione o di specializzazione e di aggiornamento professionale secondo i programmi e i calendari stabiliti dal Comando. La frequenza del Corso e l eventuale risultato sono annotati nei fascicoli personali degli interessati. La frequenza ai corsi, salvo casi particolari valutati dal Comandante, è obbligatoria e l orario dei corsi è considerato servizio. Art.35 Addestramento fisico L Amministrazione Comunale favorisce e promuove la pratica nell attività sportiva allo scopo di consentire la preparazione e il ritempramento psico-fisico necessario per lo svolgimento delle attività professionali. L Amministrazione salvo particolari esigenze di servizio e su proposta del Comandante può consentire al personale della Polizia Municipale di partecipare a gare sportive ed atletiche indette dai Corpi di Polizia autorizzando, se necessario, l uso dei mezzi in dotazione facendosi carico di spese di iscrizione e missione.

13 Capo VII - UNIFORME E DOTAZIONI Art. 36 Uniforme L uniforme è costituita da un insieme di capi e oggetti di vestiario e accessori la cui foggia e caratteristiche sono fissate con legge Regionale. La fornitura dell uniforme di prima vestizione e la sostituzione dei capi di corredo alle scadenze, è fatta a cura e spese dell Amministrazione Comunale. Ai componenti il Corpo di Polizia Municipale è vietato: a) Indossare l uniforme o parti di essa fuori servizio, escluso per il trasferimento dall abitazione e viceversa e durante i brevi permessi di assenza dal servizio. b) Apportare modifiche all uniforme e aggiungere accessori e altri oggetti non stabiliti dalla legge regionale o in mancanza, dal regolamento massa vestiario. L uniforme deve essere mantenuta pulita e in perfetto stato. In caso di deterioramento, per cause di servizio, l Amministrazione provvederà alla sua sostituzione. Durante l espletamento del servizio gli appartenenti alla Polizia Municipale devono indossare l uniforme. In casi particolari il Comandante può autorizzare l espletamento del servizio in abiti civili. Art. 37 Dotazioni particolari L Amministrazione fornisce, per l espletamento dei servizi d istituto le dotazioni accessorie ritenute necessarie. Capo VIII NORME FINALI Art.38 Rinvio ad altre norme Per quanto non espressamente previsto dal presente regolamento si applicano le norme contenute nelle leggi, nei regolamenti generali, nei contratti di lavoro, nello statuto dell Ente e in ogni altra disposizione e legge vigente in materia. Art. 39 Entrata in vigore Il presente regolamento entra in vigore il primo giorno del mese successivo a quello della sua approvazione e sarà comunicato al Ministero dell Interno ed abroga il precedente approvato dal Consiglio Comunale con deliberazione numero 90 del 1 marzo 1990.

REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI DEI VOLONTARI IN SERVIZIO SOSTITUTIVO DI LEVA NELLA POLIZIA MUNICIPALE

REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI DEI VOLONTARI IN SERVIZIO SOSTITUTIVO DI LEVA NELLA POLIZIA MUNICIPALE REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI DEI VOLONTARI IN SERVIZIO SOSTITUTIVO DI LEVA NELLA POLIZIA MUNICIPALE ( art. 46, Legge 27 Dicembre 1997, n. 449. ) Approvato con delibera del Consiglio Comunale

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ARMAMENTO DEGLI APPARTENENTI ALLA POLIZIA LOCALE DEL COMUNE DI CASATENOVO

REGOLAMENTO PER L ARMAMENTO DEGLI APPARTENENTI ALLA POLIZIA LOCALE DEL COMUNE DI CASATENOVO Comune di Casatenovo Provincia di Lecco Comando Polizia Locale REGOLAMENTO PER L ARMAMENTO DEGLI APPARTENENTI ALLA POLIZIA LOCALE DEL COMUNE DI CASATENOVO approvato con delibera di C.C. n. 72 del 28.11.2008

Dettagli

REGOLAMENTO DELL'ARMAMENTO DEGLI APPARTENENTI AI CORPO DELLA POLIZIA MUNICIPALE DI ROMA, IN POSSESSO DELLA QUALITA' DI AGENTE DI PUBBLICA SICUREZZA

REGOLAMENTO DELL'ARMAMENTO DEGLI APPARTENENTI AI CORPO DELLA POLIZIA MUNICIPALE DI ROMA, IN POSSESSO DELLA QUALITA' DI AGENTE DI PUBBLICA SICUREZZA REGOLAMENTO DELL'ARMAMENTO DEGLI APPARTENENTI AI CORPO DELLA POLIZIA MUNICIPALE DI ROMA, IN POSSESSO DELLA QUALITA' DI AGENTE DI PUBBLICA SICUREZZA Articolo 1 Oggetto 1. Il presente regolamento disciplina

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI POLIZIA LOCALE E POLIZIA AMMINISTRATIVA DELL UNIONE DEI COMUNI STURA ORBA E LEIRA

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI POLIZIA LOCALE E POLIZIA AMMINISTRATIVA DELL UNIONE DEI COMUNI STURA ORBA E LEIRA UNIONE DEI COMUNI STURA, ORBA E LEIRA SERVIZIO ASSOCIATO POLIZIA LOCALE COMUNI DI: Campo Ligure, Masone, Rossiglione, Mele e Tiglieto Via Convento n 8 16013 Campo Ligure (GE) tel. 010/9269679 fax 010/9237301

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI VIGILANZA FAUNISTICO - AMBIENTALE

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI VIGILANZA FAUNISTICO - AMBIENTALE REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI VIGILANZA FAUNISTICO - AMBIENTALE Approvato con deliberazione della Giunta provinciale n. 52 del 02/04/2013 ART. 1 ORGANIZZAZIONE L Ente, nel rispetto dei principi stabiliti

Dettagli

COMUNE DI MONTESE Provincia di Modena REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ARMAMENTO DELLA POLIZIA MUNICIPALE

COMUNE DI MONTESE Provincia di Modena REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ARMAMENTO DELLA POLIZIA MUNICIPALE COMUNE DI MONTESE Provincia di Modena REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ARMAMENTO DELLA POLIZIA MUNICIPALE Approvato con delibera C.C. nr. 36 del 11.08.2012 INDICE CAPO I GENERALITÀ - NUMERO E TIPO DI

Dettagli

CITTÀ DI CASTELVETRANO PROVINCIA DI TRAPANI

CITTÀ DI CASTELVETRANO PROVINCIA DI TRAPANI CITTÀ DI CASTELVETRANO PROVINCIA DI TRAPANI REGOLAMENTO COMUNALE CONCERNENTE L ARMAMENTO DEGLI APPARTENENTI ALLA POLIZIA MUNICIPALE CAPO I NORME GENERALI Art. 1 Oggetto del Regolamento Il presente regolamento

Dettagli

COMUNE DI ACCETTURA Provincia di Matera

COMUNE DI ACCETTURA Provincia di Matera COMUNE DI ACCETTURA Provincia di Matera REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEGLI AUTOMEZZI COMUNALI (Approvato con delibera di C.C. n.34 del 37/11/2009 ) ARTICOLO 1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO 1. Il presente Regolamento

Dettagli

Comune di Boville Ernica Provincia di Frosinone. Regolamento del Servizio di Polizia Locale

Comune di Boville Ernica Provincia di Frosinone. Regolamento del Servizio di Polizia Locale Comune di Boville Ernica Provincia di Frosinone Regolamento del Servizio di Polizia Locale CAPO I ORDINAMENTO Art. 1) Norma generale. Il presente regolamento disciplina, ai sensi della legge 7 marzo 1986,

Dettagli

COMUNE DI COLLOREDO DI MONTE ALBANO (Provincia di Udine) REGOLAMENTO SPECIALE SULL ARMAMENTO DELLA POLIZIA LOCALE

COMUNE DI COLLOREDO DI MONTE ALBANO (Provincia di Udine) REGOLAMENTO SPECIALE SULL ARMAMENTO DELLA POLIZIA LOCALE COMUNE DI COLLOREDO DI MONTE ALBANO (Provincia di Udine) REGOLAMENTO SPECIALE SULL ARMAMENTO DELLA POLIZIA LOCALE Approvato con deliberazione C.C. n. 45 del 23.12.2010 Pubblicato all Albo Pretorio dal

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEL CORPO DI POLIZIA PROVINCIALE

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEL CORPO DI POLIZIA PROVINCIALE REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEL CORPO DI POLIZIA PROVINCIALE CAPO I ORGANIZZAZIONE DEL CORPO ART. 1 ORGANO DI GOVERNO Il presidente della Provincia, nell esercizio della funzione di indirizzo politico

Dettagli

COMUNE DI DIGNANO (Provincia di Udine) REGOLAMENTO SPECIALE SULL ARMAMENTO DELLA POLIZIA LOCALE

COMUNE DI DIGNANO (Provincia di Udine) REGOLAMENTO SPECIALE SULL ARMAMENTO DELLA POLIZIA LOCALE COMUNE DI DIGNANO (Provincia di Udine) REGOLAMENTO SPECIALE SULL ARMAMENTO DELLA POLIZIA LOCALE Approvato con deliberazione C.C. n. 58/2010 INDICE ART. 1 - ART. 2 - ART. 3 - ART. 4 - ART. 5- ART. 6 - ART.

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL SERVIZIO DI POLIZIA PROVINCIALE

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL SERVIZIO DI POLIZIA PROVINCIALE REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL SERVIZIO DI POLIZIA PROVINCIALE I SINGOLI ARTICOLI DEL REGOLAMENTO SONO STATI APPROVATI CON DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO PROVINCIALE N. 155 DEL 2/10/2003 IL REGOLAMENTO

Dettagli

INDICE TITOLO I ISTITUZIONE E ORDINAMENTO DEL CORPO TITOLO II ORGANIZZAZIONE DEL CORPO

INDICE TITOLO I ISTITUZIONE E ORDINAMENTO DEL CORPO TITOLO II ORGANIZZAZIONE DEL CORPO INDICE TITOLO I ISTITUZIONE E ORDINAMENTO DEL CORPO Art. 1. Oggetto del Regolamento. Art. 2. Organizzazione e funzioni del Corpo di Polizia locale. Art. 3. Funzioni degli appartenenti al Corpo di Polizia

Dettagli

Legge Regionale Sardegna 22/8/2007 n. 9 (B.U.R 31/8/2007 n. 28) Norme in materia di polizia locale e politiche regionali per la sicurezza

Legge Regionale Sardegna 22/8/2007 n. 9 (B.U.R 31/8/2007 n. 28) Norme in materia di polizia locale e politiche regionali per la sicurezza Legge Regionale Sardegna 22/8/2007 n. 9 (B.U.R 31/8/2007 n. 28) Norme in materia di polizia locale e politiche regionali per la sicurezza Articolo 1 - Oggetto e finalità Oggetto e finalità 1. La presente

Dettagli

COMUNI DI LONGARE ARCUGNANO CASTEGNERO MONTEGALDELLA NANTO

COMUNI DI LONGARE ARCUGNANO CASTEGNERO MONTEGALDELLA NANTO COMUNI DI LONGARE ARCUGNANO CASTEGNERO MONTEGALDELLA NANTO OGGETTO: REGOLAMENTO DEL SERVIZIO UNICO DI POLIZIA LOCALE. TITOLO I ISTITUZIONE ED ORDINAMENTO Art.1 Finalità Il presente regolamento disciplina

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL SERVIZIO DI PRONTA REPERIBILITA.

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL SERVIZIO DI PRONTA REPERIBILITA. REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL SERVIZIO DI PRONTA REPERIBILITA. Foglio notizie: APPROVATO con deliberazione di Giunta Comunale n. 31 del 10.02.2011 MODIFICATO con deliberazione di Giunta Comunale n.

Dettagli

COMUNE DI SAN GIOVANNI INCARICO (Provincia di Frosinone) REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO SOSTITUTIVO DI LEVA NEL COMANDO DI POLIZIA

COMUNE DI SAN GIOVANNI INCARICO (Provincia di Frosinone) REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO SOSTITUTIVO DI LEVA NEL COMANDO DI POLIZIA COMUNE DI SAN GIOVANNI INCARICO (Provincia di Frosinone) REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO SOSTITUTIVO DI LEVA NEL COMANDO DI POLIZIA MUNICIPALE DI SAN GIOVANNI INCARICO Servizio sostitutivo di leva

Dettagli

REGOLAMENTO DEL CORPO DI POLIZIA MUNICIPALE

REGOLAMENTO DEL CORPO DI POLIZIA MUNICIPALE COMUNE DI BRESCIA REGOLAMENTO DEL CORPO DI POLIZIA MUNICIPALE Approvato con deliberazione della Giunta Comunale 4.12.2002 n. 1198/45243 P.G. Modificato con deliberazione della Giunta Comunale 29.1.2003

Dettagli

COMUNE DI ANZOLA DELL EMILIA

COMUNE DI ANZOLA DELL EMILIA COMUNE DI ANZOLA DELL EMILIA Provincia di Bologna REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI PRONTA REPERIBILITA Approvato con deliberazione di Giunta Comunale n. 38 del 13.03.2012 I N D I C E ART. 1 - FINALITA' DEL

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER I VOLONTARI IN SERVIZIO SOSTITUTIVO DI LEVA NEL CORPO DI POLIZIA MUNICIPALE

REGOLAMENTO COMUNALE PER I VOLONTARI IN SERVIZIO SOSTITUTIVO DI LEVA NEL CORPO DI POLIZIA MUNICIPALE REGOLAMENTO COMUNALE PER I VOLONTARI IN SERVIZIO SOSTITUTIVO DI LEVA NEL CORPO DI POLIZIA MUNICIPALE Art. 1 - Principi generali del servizio sostitutivo. 1. Il presente regolamento disciplina, ai sensi

Dettagli

COMUNE DI ROSARNO. - Provincia di REGGIO CALABRIA -

COMUNE DI ROSARNO. - Provincia di REGGIO CALABRIA - COMUNE DI ROSARNO - Provincia di REGGIO CALABRIA - REGOLAMENTO COMUNALE DEL CORPO DI POLIZIA MUNICIPALE (*) (*)APPROVATO CON DELIBERA DELLA COMMISSIONE STRAORDINARIA N 72 DEL 25/01/1993, RETTIFICATA CON

Dettagli

REGOLAMENTO CONCERNENTE L ARMAMENTO DEGLI APPARTENENTI ALLA POLIZIA PROVINCIALE

REGOLAMENTO CONCERNENTE L ARMAMENTO DEGLI APPARTENENTI ALLA POLIZIA PROVINCIALE PROVINCIA DI PAVIA REGOLAMENTO CONCERNENTE L ARMAMENTO DEGLI APPARTENENTI ALLA POLIZIA PROVINCIALE Marzo 2012 INDICE Art. 1 Disposizioni generali Art. 2 Tipo delle armi in dotazione Art. 3 Numero delel

Dettagli

CITTA DI ALZANO LOMBARDO Provincia di Bergamo

CITTA DI ALZANO LOMBARDO Provincia di Bergamo REGOLAMENTO DEL CORPO DI POLIZIA MUNICIPALE Approvato con Delibera del Consiglio Comunale nr. 34 del 27.04.2001 TITOLO I ISTITUZIONE E ORDINAMENTO DEL SERVIZIO art. 1 Corpo di Polizia Municipale art. 2

Dettagli

ARMI ED ARMERIA. Titolo I - ARMI

ARMI ED ARMERIA. Titolo I - ARMI ARMI ED ARMERIA Titolo I - ARMI ART. 1 - TIPO DELLE ARMI IN DOTAZIONE 1 - In conformità a quanto previsto dall art. 4 del D.M. 01.03.1987 N 145 l arma da difesa personale, in dotazione agli addetti con

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE DEL SERVIZIO SOSTITUTIVO DI LEVA

REGOLAMENTO COMUNALE DEL SERVIZIO SOSTITUTIVO DI LEVA COMUNE DI CASALGRANDE REGOLAMENTO COMUNALE DEL SERVIZIO SOSTITUTIVO DI LEVA approvato con delibera C.C. N. 9 / 99 INDICE ART. 1: SERVIZIO SOSTITUTIVO DI LEVA PRESSO IL CORPO DI POLIZIA MUNICIPALE...2 ART.

Dettagli

COMUNE DI GIOIA DEL COLLE (Provincia di Bari)

COMUNE DI GIOIA DEL COLLE (Provincia di Bari) COMUNE DI GIOIA DEL COLLE (Provincia di Bari) REGOLAMENTO DEL CORPO DI POLIZIA MUNICIPALE Approvato con deliberazione del Commissario Straordinario n. 23 del 07/03/2012 ART. 1 Istituzione del Corpo Ai

Dettagli

REGOLAMENTO PER LO SVOLGIMENTO DELLA PRATICA FORENSE TITOLO I

REGOLAMENTO PER LO SVOLGIMENTO DELLA PRATICA FORENSE TITOLO I REGOLAMENTO PER LO SVOLGIMENTO DELLA PRATICA FORENSE TITOLO I ISCRIZIONE NEL REGISTRO SPECIALE DEI PRATICANTI ART. 1 Il laureato in giurisprudenza che intenda iscriversi al Registro Speciale dei praticanti

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI POLIZIA MUNICIPALE

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI POLIZIA MUNICIPALE COMUNE di MADONE Provincia di Bergamo Regolamento comunale n. 19 REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI POLIZIA MUNICIPALE Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 75 del 30 settembre 1988. 1 INDICE

Dettagli

COMUNE DI USMATE VELATE Provincia di Milano Corso Italia n. 22 20040 USMATE VELATE Cod.Fisc.01482570155. Pag. 1/11

COMUNE DI USMATE VELATE Provincia di Milano Corso Italia n. 22 20040 USMATE VELATE Cod.Fisc.01482570155. Pag. 1/11 COMUNE DI USMATE VELATE Provincia di Milano Corso Italia n. 22 20040 USMATE VELATE Cod.Fisc.01482570155. REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI POLIZIA MUNICIPALE Bollettino Ufficiale della Regione Lombardia 1 Supplemento

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DEGLI AUSILIARI DEL TRAFFICO

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DEGLI AUSILIARI DEL TRAFFICO REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DEGLI AUSILIARI DEL TRAFFICO Articolo 1 Servizio degli Ausiliari del traffico 1. Il servizio degli Ausiliari del Traffico è disciplinato dal presente regolamento nel rispetto

Dettagli

REGOLAMENTO del Servizio di POLIZIA MUNICIPALE

REGOLAMENTO del Servizio di POLIZIA MUNICIPALE Comune di Guardialfiera (Provincia di Campobasso) REGOLAMENTO del Servizio di POLIZIA MUNICIPALE Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n.ro 15 del 30-08-2007, (pubblicata all Albo Pretorio

Dettagli

REGOLAMENTO CORPO POLIZIA MUNICIPALE

REGOLAMENTO CORPO POLIZIA MUNICIPALE Allegato alla delibera C.C. n. 4/1990 e modifiche approvate con delibera C.C. 103/1990 REGOLAMENTO CORPO POLIZIA MUNICIPALE 1 TITOLO I ISTITUZIONE E ORDINAMENTO DEL CORPO ART. 1 Corpo di Polizia Municipale

Dettagli

COMUNE DI SANT ANGELO D ALIFE Provincia di Caserta

COMUNE DI SANT ANGELO D ALIFE Provincia di Caserta COMUNE DI SANT ANGELO D ALIFE Provincia di Caserta REGOLAMENTO COMUNALE PER L ISTITUZIONE DEL SERVIZIO VOLONTARIO NONNO VIGILE Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 7 del 28/04/2014 Pagina

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ORGANIZZAZIONE DELL ATTIVITA DI REPERIBILITA DEI SERVIZI PROVINCIALI

REGOLAMENTO PER L ORGANIZZAZIONE DELL ATTIVITA DI REPERIBILITA DEI SERVIZI PROVINCIALI REGOLAMENTO PER L ORGANIZZAZIONE DELL ATTIVITA DI REPERIBILITA DEI SERVIZI PROVINCIALI Approvato con deliberazione della Giunta Provinciale n. 153 in data 29.05.2012, modificato con deliberazione G.P.

Dettagli

COMUNE DI PONTOGLIO PROVINCIA DI BRESCIA REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI POLIZIA MUNICIPALE

COMUNE DI PONTOGLIO PROVINCIA DI BRESCIA REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI POLIZIA MUNICIPALE COMUNE DI PONTOGLIO PROVINCIA DI BRESCIA REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI POLIZIA MUNICIPALE Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 81 del 30.09.1988 1 REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI POLIZIA MUNICIPALE

Dettagli

COMUNE DI MACERATA REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO SOSTITUTIVO DI LEVA NEL CORPO DI POLIZIA MUNICIPALE

COMUNE DI MACERATA REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO SOSTITUTIVO DI LEVA NEL CORPO DI POLIZIA MUNICIPALE COMUNE DI MACERATA REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO SOSTITUTIVO DI LEVA NEL CORPO DI POLIZIA MUNICIPALE Approvato con atto di Giunta n. 592 del 12.11.1998 1 Divenuto esecutivo il 12.11.1998 2 Capo

Dettagli

REGOLAMENTO PER L USO DEGLI AUTOMEZZI COMUNALI APPROVATO

REGOLAMENTO PER L USO DEGLI AUTOMEZZI COMUNALI APPROVATO REGOLAMENTO PER L USO DEGLI AUTOMEZZI COMUNALI APPROVATO CON DELIBERA DI CONSIGLIO COMUNALE N. 13 DELL 08.04.2008 ARTICOLO 1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO Il presente Regolamento disciplina la gestione e l uso

Dettagli

GRUPPO OPERATIVO DI PROTEZIONE CIVILE MISERICORDIA DI TORRENIERI. statuto e regolamento

GRUPPO OPERATIVO DI PROTEZIONE CIVILE MISERICORDIA DI TORRENIERI. statuto e regolamento GRUPPO OPERATIVO DI PROTEZIONE CIVILE MISERICORDIA DI TORRENIERI statuto e regolamento Premessa Il presente regolamento annulla e sostituisce tutti i precedenti. La premessa fa parte integrante del regolamento.

Dettagli

REGOLAMENTO DEL CORPO DI POLIZIA PROVINCIALE I REGOLAMENTI PROVINCIALI: N. 58 PROVINCIA DI PADOVA

REGOLAMENTO DEL CORPO DI POLIZIA PROVINCIALE I REGOLAMENTI PROVINCIALI: N. 58 PROVINCIA DI PADOVA I REGOLAMENTI PROVINCIALI: N. 58 PROVINCIA DI PADOVA REGOLAMENTO DEL CORPO DI POLIZIA PROVINCIALE Approvato con D.G.P. in data 23.12.2002 n. 759 reg. modificata con D.G.P. in data 5.3.2007 n. 94 reg. INDICE

Dettagli

C O M U N E DI Z O P P O L A PROVINCIA DI PORDENONE (Via A. Romanò n. 14 - C.A.P. 33080 - C.F. 80000950933 - P.I. 00194930939)

C O M U N E DI Z O P P O L A PROVINCIA DI PORDENONE (Via A. Romanò n. 14 - C.A.P. 33080 - C.F. 80000950933 - P.I. 00194930939) C O M U N E DI Z O P P O L A PROVINCIA DI PORDENONE (Via A. Romanò n. 14 - C.A.P. 33080 - C.F. 80000950933 - P.I. 00194930939) REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ARMAMENTO DEL CORPO DI POLIZIA MUNICIPALE

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE DEL CORPO DI POLIZIA MUNICIPALE

REGOLAMENTO COMUNALE DEL CORPO DI POLIZIA MUNICIPALE Repubblica Italiana Regione Toscana COMUNE DI MONTEMURLO Provincia di Prato REGOLAMENTO COMUNALE DEL CORPO DI POLIZIA MUNICIPALE APPROVATO CON DELIBERA DEL CONSIGLIO COMUNALE N 58 DEL 29.6.1998 Modificato

Dettagli

COMUNE DI RUFFANO Provincia di Lecce REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI PRONTA REPERIBILITA'

COMUNE DI RUFFANO Provincia di Lecce REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI PRONTA REPERIBILITA' COMUNE DI RUFFANO Provincia di Lecce REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI PRONTA REPERIBILITA' Art. 1 Servizio di Pronta Reperibilità- Istituzione e finalità 1.Nell ambito del Territorio del Comune di Ruffano è

Dettagli

Legge 7.3.1986, n. 65 Legge quadro sull ordinamento della Polizia Municipale. Art. 1 Servizio di Polizia Municipale

Legge 7.3.1986, n. 65 Legge quadro sull ordinamento della Polizia Municipale. Art. 1 Servizio di Polizia Municipale Legge 7.3.1986, n. 65 Legge quadro sull ordinamento della Polizia Municipale Art. 1 Servizio di Polizia Municipale 1. I comuni svolgono le funzioni di polizia locale. A tal fine, può essere appositamente

Dettagli

COMUNE DI GRADO PROVINCIA DI GORIZIA

COMUNE DI GRADO PROVINCIA DI GORIZIA COMUNE DI GRADO PROVINCIA DI GORIZIA REGOLAMENTO DELL ARMAMENTO DEGLI APPARTENENTI AL CORPO DELLA POLIZIA LOCALE DI GRADO, IN POSSESSO DELLA QUALITA Dl AGENTE Dl PUBBLICA SICUREZZA. Approvato con deliberazione

Dettagli

SCHEDA n. 5. Le figure costitutive della sicurezza. 1. Le figure costitutive del D. Lgs. 626/ 94. Contenuti e finalità del D. Lgs. 19-9-94, n.

SCHEDA n. 5. Le figure costitutive della sicurezza. 1. Le figure costitutive del D. Lgs. 626/ 94. Contenuti e finalità del D. Lgs. 19-9-94, n. SCHEDA n. 5 Le figure costitutive della sicurezza 1. Le figure costitutive del D. Lgs. 626/ 94 Contenuti e finalità del D. Lgs. 19-9-94, n. 626/94 Il D. Lgs. del 19-9-94 n. 626 recepisce direttive comunitarie

Dettagli

COMUNE DI MUSILE DI PIAVE

COMUNE DI MUSILE DI PIAVE COMUNE DI MUSILE DI PIAVE PROVINCIA DI VENEZIA Piazza XVII Giugno, 1-30024 Musile di Piave tel. 0421/5921 fax 0421/52385 MUSILE di PIAVE STATUTO DEL GRUPPO COMUNALE VOLONTARI DI PROTEZIONE CIVILE Adottato

Dettagli

Regolamento Speciale del Corpo Intercomunale di Polizia Municipale «Rotaliana - Paganella»

Regolamento Speciale del Corpo Intercomunale di Polizia Municipale «Rotaliana - Paganella» Regolamento Speciale del Corpo Intercomunale di Polizia Municipale «Rotaliana - Paganella» Comuni aderenti: Fai della Paganella Faedo Mezzocorona Mezzolombardo Nave San Rocco Rovere della Luna San Michele

Dettagli

CITTA di SARZANA Provincia della Spezia REGOLAMENTO

CITTA di SARZANA Provincia della Spezia REGOLAMENTO REGOLAMENTO ISTITUTIVO E DI GESTIONE DEL FONDO DI ASSISTENZA, PREVIDENZA ED INCENTIVAZIONE DEI SERVIZI SVOLTI PER IL MIGLIORAMENTO DELLA CIRCOLAZIONE STRADALE PER IL PERSONALE DELLA POLIZIA MUNICIPALE

Dettagli

COMUNE DI MENDICINO (Provincia di Cosenza) REGOLAMENTO AUTOMEZZI COMUNALI

COMUNE DI MENDICINO (Provincia di Cosenza) REGOLAMENTO AUTOMEZZI COMUNALI COMUNE DI MENDICINO (Provincia di Cosenza) REGOLAMENTO AUTOMEZZI COMUNALI Art. 1 Scopo del regolamento e disposizioni generali. Il seguente regolamento disciplina limiti, criteri e modalità per l acquisizione,

Dettagli

Regolamento del Corpo di Polizia Municipale. Legge 07.03.1986 n 65 Legge Regionale 17.05.1985 n 43 Decreto Ministro dell Interno 04.03.

Regolamento del Corpo di Polizia Municipale. Legge 07.03.1986 n 65 Legge Regionale 17.05.1985 n 43 Decreto Ministro dell Interno 04.03. Regolamento del Corpo di Polizia Municipale Legge 07.03.1986 n 65 Legge Regionale 17.05.1985 n 43 Decreto Ministro dell Interno 04.03.1987 n 145 INDICE Titolo I Istituzione o ordinamento del Corpo Art.

Dettagli

INDICE Articolo 1 Oggetto e definizioni Articolo 2 Finalità del sistema di videosorveglianza

INDICE Articolo 1 Oggetto e definizioni Articolo 2 Finalità del sistema di videosorveglianza INDICE Articolo 1 Oggetto e definizioni Articolo 2 Finalità del sistema di videosorveglianza Articolo 3 Titolare e Responsabile del trattamento dati Articolo 4 Incaricati del trattamento dati Articolo

Dettagli

COMUNE DI MIRANO REGOLAMENTO

COMUNE DI MIRANO REGOLAMENTO COMUNE DI MIRANO PROVINCIA DI VENEZIA 2 Settore Ufficio LL.PP. REGOLAMENTO disciplinante LE ATTIVITÀ COMUNALI DI PROTEZIONE CIVILE Approvato: con deliberazione di Consiglio Comunale n 42 del 9.04.2003

Dettagli

COMUNE DI BASTIA UMBRA REGOLAMENTO DEL CORPO DI POLIZIA MUNICIPALE

COMUNE DI BASTIA UMBRA REGOLAMENTO DEL CORPO DI POLIZIA MUNICIPALE COMUNE DI BASTIA UMBRA REGOLAMENTO DEL CORPO DI POLIZIA MUNICIPALE Approvato con D.C.C. n. 6 del 03.02.2011 INDICE CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1-Istituzione del Corpo Art. 2-Finalità del Corpo Art.

Dettagli

COMUNE DI MARANO SUL PANARO

COMUNE DI MARANO SUL PANARO COMUNE DI MARANO SUL PANARO PROVINCIA DI MODENA C.A.P. 41054 REGOLAMENTO COMUNALE CONCERNENTE L'ARMAMENTO DEGLI APPARTENENTI AL SERVIZIO POLIZIA MUNICIPALE AI QUALI SIA CONFERITA LA QUALIFICA DI AGENTI

Dettagli

Art.1 Oggetto del regolamento

Art.1 Oggetto del regolamento REGOLAMENTO PER L ORARIO DI LAVORO E DI SERVIZIO APPROVATO CON DELIBERA COMMISSARIALE N. 72/2013 MODIFICATA CON DELIBERA COMMISSARIALE N. 89/2013 E DELIBERA COMMISSARIALE N. 138/2013. Art.1 Oggetto del

Dettagli

Comune di Mentana Provincia di Roma REGOLAMENTO COMUNALE DI VOLONTARI DI PROTEZIONE CIVILE

Comune di Mentana Provincia di Roma REGOLAMENTO COMUNALE DI VOLONTARI DI PROTEZIONE CIVILE Comune di Mentana Provincia di Roma REGOLAMENTO COMUNALE DI VOLONTARI DI PROTEZIONE CIVILE Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 45 del 17.11.2010 Indice REGOLAMENTO COMUNALE DI VOLONTARI

Dettagli

CITTA DI SAN DONATO MILANESE

CITTA DI SAN DONATO MILANESE CITTA DI SAN DONATO MILANESE PROVINCIA DI MILANO REGOLAMENTO PER L INSTALLAZIONE E L UTILIZZO DELL IMPIANTO DI VIDEOSORVEGLIANZA DEL TERRITORIO Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 22 del

Dettagli

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 SEZIONE I 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI LEGGE REGIONALE 3 aprile 2006, n. 12 Norme in materia di polizia comunale. IL CONSIGLIO REGIONALE

Dettagli

Regolamento comunale **** REGOLAMENTO ISTITUZIONE ISPETTORE AMBIENTALE VOLONTARIO ****

Regolamento comunale **** REGOLAMENTO ISTITUZIONE ISPETTORE AMBIENTALE VOLONTARIO **** Regolamento comunale **** **** REGOLAMENTO ISTITUZIONE ISPETTORE AMBIENTALE VOLONTARIO DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE Numero 105 del 23-12-2014 C O M U N E D I SAN CATALDO (Provincia di Caltanissetta)

Dettagli

MODALITA DI ATTUAZIONE ALL INTERNO DELLA PROVINCIA DI NAPOLI DELLE DISPOSIZIONI DI CUI AL DECRETO LEGISLATIVO N. 81 DEL 9 APRILE 2008 E S.M.

MODALITA DI ATTUAZIONE ALL INTERNO DELLA PROVINCIA DI NAPOLI DELLE DISPOSIZIONI DI CUI AL DECRETO LEGISLATIVO N. 81 DEL 9 APRILE 2008 E S.M. Provincia di Napoli MODALITA DI ATTUAZIONE ALL INTERNO DELLA PROVINCIA DI NAPOLI DELLE DISPOSIZIONI DI CUI AL DECRETO LEGISLATIVO N. 81 DEL 9 APRILE 2008 E S.M.I. IN MATERIA DI TUTELA DELLA SALUTE E SICUREZZA

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 23 DEL 29-08-2006 REGIONE MOLISE ISTITUZIONE DEL SERVIZIO REGIONALE DI VIGILANZA AMBIENTALE VOLONTARIA.

LEGGE REGIONALE N. 23 DEL 29-08-2006 REGIONE MOLISE ISTITUZIONE DEL SERVIZIO REGIONALE DI VIGILANZA AMBIENTALE VOLONTARIA. LEGGE REGIONALE N. 23 DEL 29-08-2006 REGIONE MOLISE ISTITUZIONE DEL SERVIZIO REGIONALE DI VIGILANZA AMBIENTALE VOLONTARIA. Fonte: BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE MOLISE N. 25 del 1 settembre 2006 IL

Dettagli

Provincia di Lucca ****************** REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA SUL TERRITORIO COMUNALE

Provincia di Lucca ****************** REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA SUL TERRITORIO COMUNALE COMUNE FOSCIANDORA Provincia di Lucca ****************** REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA SUL TERRITORIO COMUNALE Approvato dal Consiglio Comunale con deliberazione n. 25 in data 13/07/2010

Dettagli

GRUPPO COMUNALE VOLONTARI PROTEZIONE CIVILE MARTELLAGO

GRUPPO COMUNALE VOLONTARI PROTEZIONE CIVILE MARTELLAGO GRUPPO COMUNALE VOLONTARI PROTEZIONE CIVILE MARTELLAGO COMUNE DI MARTELLAGO Provincia Di Venezia SALA OPERATIVA: Deposito Comunale - Via Roma N 79-30030 Martellago (VE) TEL / FAX: 041-5408314 E-MAIL: pc.marte@provincia.venezia.it

Dettagli

COMUNE DI MERLINO PROVINCIA DI LODI REGOLAMENTO DEL SERVIZIO COMUNALE DI DIFESA AMBIENTALE

COMUNE DI MERLINO PROVINCIA DI LODI REGOLAMENTO DEL SERVIZIO COMUNALE DI DIFESA AMBIENTALE COMUNE DI MERLINO PROVINCIA DI LODI REGOLAMENTO DEL SERVIZIO COMUNALE DI DIFESA AMBIENTALE Approvato con Delibera Consiglio comunale n 24 del 25-06-2013 INDICE Art. 1 Art. 2 Art. 3 Art. 4 Art. 5 Art. 6

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEGLI UFFICI E DEI SERVIZI

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEGLI UFFICI E DEI SERVIZI COMUNE DI VITTORIA (Provincia di RAGUSA) REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEGLI UFFICI E DEI SERVIZI APPENDICE N. 2 DISPOSIZIONI IN ORDINE ALLA GESTIONE, ALL UTILIZZO ED ALLA GUIDA DEGLI AUTOMEZZI DI PROPRIETA

Dettagli

AUTOMOBILE CLUB ASCOLI PICENO - FERMO REGOLAMENTO PER L ASSEGNAZIONE E L UTILIZZO DI UTENZE DI TELEFONIA MOBILE

AUTOMOBILE CLUB ASCOLI PICENO - FERMO REGOLAMENTO PER L ASSEGNAZIONE E L UTILIZZO DI UTENZE DI TELEFONIA MOBILE AUTOMOBILE CLUB ASCOLI PICENO - FERMO REGOLAMENTO PER L ASSEGNAZIONE E L UTILIZZO DI UTENZE DI TELEFONIA MOBILE Approvato con Delibera del Consiglio Direttivo nella seduta del 14 aprile 2015 INDICE: Articolo

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE

REGOLAMENTO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE COMUNE DI CASIER (Provincia di Treviso) REGOLAMENTO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 62 del 11/11/2002 A cura dell Ufficio Lavori Pubblici Ambiente e Protezione

Dettagli

COMUNE DI LONDA (Provincia di Firenze)

COMUNE DI LONDA (Provincia di Firenze) 1 COMUNE DI LONDA (Provincia di Firenze) Regolamento per l utilizzo di autoveicoli e macchine operatrici Approvato con atto consiliare n 86 del 30.11.2006 1 2 ART. 1 Norma di carattere generale La gestione

Dettagli

REGOLAMENTO UTILIZZO TELEFONIA MOBILE

REGOLAMENTO UTILIZZO TELEFONIA MOBILE REGOLAMENTO UTILIZZO TELEFONIA MOBILE INDICE: Articolo 1 Oggetto del regolamento Articolo 2 Norme di riferimento Articolo 3 Ambito di applicazione e finalità Articolo 4 Soggetti autorizzati Articolo 5

Dettagli

REGOLAMENTO SERVIZIO POLIZIA MUNICIPALE

REGOLAMENTO SERVIZIO POLIZIA MUNICIPALE Comune di Castel San Pietro Terme Provincia di Bologna ALLEGATO SUB B) ALLA DELIBERA N. 57/C C DEL 27/05/2010 REGOLAMENTO SERVIZIO POLIZIA MUNICIPALE Approvato dal Consiglio Comunale con atto n. 162 del

Dettagli

COMUNE di ORTELLE. PROVINCIA di LECCE REGOLAMENTO SULL'ARMAMENTO DELLA POLIZIA MUNICIPALE

COMUNE di ORTELLE. PROVINCIA di LECCE REGOLAMENTO SULL'ARMAMENTO DELLA POLIZIA MUNICIPALE COMUNE di ORTELLE PROVINCIA di LECCE REGOLAMENTO SULL'ARMAMENTO DELLA POLIZIA MUNICIPALE Approvato con delibera di Consiglio Comunale n. 7 del 30.04.2014 Comando Polizia Municipale 1 INDICE TITOLO I -

Dettagli

CITTA DI PISTICCI. (Approvato con deliberazione di Giunta Comunale nr. 138 del 20 maggio 2004) (Provincia di Matera)

CITTA DI PISTICCI. (Approvato con deliberazione di Giunta Comunale nr. 138 del 20 maggio 2004) (Provincia di Matera) CITTA DI PISTICCI (Provincia di Matera) R E G O L A M E N T O O R A R I O D I S E R V I Z I O E D I A C C E S S O D E L P U B B L I C O (Approvato con deliberazione di Giunta Comunale nr. 138 del 20 maggio

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE BARBIERI, CARLUCCI. Disciplina degli istituti di vigilanza privata e delle guardie particolari giurate

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE BARBIERI, CARLUCCI. Disciplina degli istituti di vigilanza privata e delle guardie particolari giurate Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 3916 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI BARBIERI, CARLUCCI Disciplina degli istituti di vigilanza privata e delle guardie particolari

Dettagli

Regolamento per il coordinamento delle attivita di vigilanza volontaria venatoria, ittica ed ecologica

Regolamento per il coordinamento delle attivita di vigilanza volontaria venatoria, ittica ed ecologica Regolamento per il coordinamento delle attivita di vigilanza volontaria venatoria, ittica ed ecologica Approvato dal Consiglio Provinciale con delibera n. 88 del 24.10.2005 In vigore dal 22/11/2005 ART.1

Dettagli

COMUNE DI LIMONE PIEMONTE

COMUNE DI LIMONE PIEMONTE COMUNE DI LIMONE PIEMONTE Protocollo/Segreteria: 0171.925240 fax 0171.925249 Via Roma, 32 CAP 12015 Provincia di Cuneo P.IVA 00461550048 C.F.80003770049 http://www.limonepiemonte.it Comune Certificato

Dettagli

Regolamento per l installazione e l utilizzo degli impianti di videosorveglianza del Comune di Lavis

Regolamento per l installazione e l utilizzo degli impianti di videosorveglianza del Comune di Lavis Comune di PROVINCIA DI TRENTO REGOLAMENTI COMUNALI Regolamento per l installazione e l utilizzo degli impianti di videosorveglianza del Comune di Approvato con deliberazione del Consiglio comunale n. 13

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ARMAMENTO DEGLI APPARTENENTI AL SERVIZIO POLIZIA MUNICIPALE DEL COMUNE DI CAVEZZO. Comune di CAVEZZO (MO)

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ARMAMENTO DEGLI APPARTENENTI AL SERVIZIO POLIZIA MUNICIPALE DEL COMUNE DI CAVEZZO. Comune di CAVEZZO (MO) REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ARMAMENTO DEGLI APPARTENENTI AL SERVIZIO POLIZIA MUNICIPALE DEL COMUNE DI CAVEZZO Comune di CAVEZZO (MO) INDICE CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI 1 ART. 1 Oggetto del Regolamento

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE COMUNE DI MONTECCHIO MAGGIORE Provincia di Vicenza REGOLAMENTO DEL SERVIZIO COMUNALE DI PROTEZIONE CIVILE COMITATO VOLONTARIO PROTEZIONE CIVILE MONTECCHIO MAGGIORE Via del Vigo 336075 Montecchio Maggiore

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA PROCEDURA DI CONCESSIONE E NORME DI UTILIZZO DEI TELEFONI CELLULARI AZIENDALI

REGOLAMENTO PER LA PROCEDURA DI CONCESSIONE E NORME DI UTILIZZO DEI TELEFONI CELLULARI AZIENDALI AREA INNOVAZIONE TECNOLOGICA SETTORE SISTEMI INFORMATIVI REGOLAMENTO PER LA PROCEDURA DI CONCESSIONE E NORME DI UTILIZZO DEI TELEFONI CELLULARI AZIENDALI Approvato con Deliberazione della Giunta Comunale

Dettagli

Riforma del reclutamento, avanzamento ed impiego del personale volontario del Corpo Nazionale Vigili del Fuoco. A cura di Valentino Prezzemolo

Riforma del reclutamento, avanzamento ed impiego del personale volontario del Corpo Nazionale Vigili del Fuoco. A cura di Valentino Prezzemolo Riforma del reclutamento, avanzamento ed impiego del personale volontario del Corpo Nazionale Vigili del Fuoco. A cura di Valentino Prezzemolo In collaborazione con la F.N.C.VV.F Revisione 05/2011 Capo

Dettagli

REGOLAMENTO DEL CORPO DI POLIZIA MUNICIPALE

REGOLAMENTO DEL CORPO DI POLIZIA MUNICIPALE COMUNE DI SERRAVALLE SCRIVIA SERVIZIO POLIZIA MUNICIPALE REGOLAMENTO DEL CORPO DI POLIZIA MUNICIPALE REGOLAMENTO COMUNALE PER I SERVIZI ARMATI DEGLI APPARTENENTI AL CORPO DI POLIZIA MUNICIPALE 1 CAPO I

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI LAVORO

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI LAVORO REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI LAVORO Articolo 1 (Orario di lavoro Dovuto Ordinario Straordinario Orario di Servizio. Definizioni) 1. Nell ambito dell orario di lavoro si distinguono:

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE E DEL COLLEGIO DEI REVISORI DEI CONTI

REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE E DEL COLLEGIO DEI REVISORI DEI CONTI REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE E DEL COLLEGIO DEI REVISORI DEI CONTI (approvato dal C.D.A. con Delibera n 139 in seduta del 25/6/1998, modificato con Delibera n 87 in

Dettagli

COMUNE DI CERESETO. REGOLAMENTO per la disciplina dell utilizzo degli apparecchi cellulari

COMUNE DI CERESETO. REGOLAMENTO per la disciplina dell utilizzo degli apparecchi cellulari COMUNE DI CERESETO PROVINCIA DI ALESSANDRIA REGOLAMENTO per la disciplina dell utilizzo degli apparecchi cellulari (approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 30 in data 21/11/2008) Art. 1 Oggetto

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO RESPONSABILE DELLE GUARDIE VOLONTARIE

CODICE DI COMPORTAMENTO RESPONSABILE DELLE GUARDIE VOLONTARIE ARCI PESCA FISA FEDERAZIONE ITALIANA SPORT ED AMBIENTE FEDERATA ARCI CODICE DI COMPORTAMENTO RESPONSABILE DELLE GUARDIE VOLONTARIE APPROVATO DAL CONSIGLIO NAZIONALE ARCI PESCA FISA IN DATA 16/17 GIUGNO

Dettagli

REGOLAMENTO SAN PANCRAZIO SALENTINO

REGOLAMENTO SAN PANCRAZIO SALENTINO REGOLAMENTO SULLA MOBILITA INTERNA DEL C O M U N E DI SAN PANCRAZIO SALENTINO (Approvato con deliberazione della Giunta Comunale n. 95 del 26 luglio 2007) 1 INDICE SISTEMATICO Art. 1 Individuazione e definizione

Dettagli

COMUNE DI SEGRATE. Provincia di Milano REGOLAMENTO DEL CORPO DI POLIZIA MUNICIPALE

COMUNE DI SEGRATE. Provincia di Milano REGOLAMENTO DEL CORPO DI POLIZIA MUNICIPALE COMUNE DI SEGRATE Provincia di Milano REGOLAMENTO DEL CORPO DI POLIZIA MUNICIPALE Approvato con deliberazione C.S. n. 167/96 Modifica art. 13, lettera a) deliberazione G.C. 105/99 1 REGOLAMENTO DEL CORPO

Dettagli

Regolamento concernente la sicurezza e la salute sui luoghi di lavoro ai sensi del D.Lgs. n. 626 del 19 settembre 1994 e del D.M. 363/98.

Regolamento concernente la sicurezza e la salute sui luoghi di lavoro ai sensi del D.Lgs. n. 626 del 19 settembre 1994 e del D.M. 363/98. Regolamento concernente la sicurezza e la salute sui luoghi di lavoro ai sensi del D.Lgs. n. 626 del 19 settembre 1994 e del D.M. 363/98. Art. 1 - Datore di lavoro 1. Il Rettore, quale Rappresentante legale

Dettagli

REGOLAMENTO GRUPPO DI VOLONTARIATO PROTEZIONE CIVILE COMUNALE DEL COMUNE DI SOVIZZO

REGOLAMENTO GRUPPO DI VOLONTARIATO PROTEZIONE CIVILE COMUNALE DEL COMUNE DI SOVIZZO REGOLAMENTO GRUPPO DI VOLONTARIATO PROTEZIONE CIVILE COMUNALE DEL COMUNE DI SOVIZZO Approvazione Approvato dal Consiglio Comunale con deliberazione n. 09 in data 22/02/2013 Pubblicazione Pubblicato all

Dettagli

Regolamento per l utilizzo degli impianti di videosorveglianza del Comune di Molveno

Regolamento per l utilizzo degli impianti di videosorveglianza del Comune di Molveno Regolamento per l utilizzo degli impianti di videosorveglianza del Comune di Molveno Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 34 dd. 05.06.2013 Indice Art. 1 - Premessa Art. 2 - Principi generali

Dettagli

Tel.0121.541180 Fax. 0121.541548 e-mail: osasco@cert.ruparpiemonte.it REGOLAMENTO SULL'ARMAMENTO DEL SERVIZIO DI POLIZIA LOCALE DI OSASCO

Tel.0121.541180 Fax. 0121.541548 e-mail: osasco@cert.ruparpiemonte.it REGOLAMENTO SULL'ARMAMENTO DEL SERVIZIO DI POLIZIA LOCALE DI OSASCO COMUNE DI OSASCO P R O V I N C I A D I T O R I N O Tel.0121.541180 Fax. 0121.541548 e-mail: osasco@cert.ruparpiemonte.it REGOLAMENTO SULL'ARMAMENTO DEL SERVIZIO DI POLIZIA LOCALE DI OSASCO (Approvato con

Dettagli

CITTA DI RECCO. REGOLAMENTO del GRUPPO COMUNALE VOLONTARI ANTINCENDIO BOSCHIVO PROTEZIONE CIVILE GRUPPO GABBIANO

CITTA DI RECCO. REGOLAMENTO del GRUPPO COMUNALE VOLONTARI ANTINCENDIO BOSCHIVO PROTEZIONE CIVILE GRUPPO GABBIANO CITTA DI RECCO REGOLAMENTO del GRUPPO COMUNALE VOLONTARI ANTINCENDIO BOSCHIVO PROTEZIONE CIVILE GRUPPO GABBIANO Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 45 del 20/10/2005 ARTICOLO 1 Normativa

Dettagli

Regolamento per il Servizio di Volontariato di Difesa Ambientale e controllo, deposito, gestione, raccolta e smaltimento dei rifiuti

Regolamento per il Servizio di Volontariato di Difesa Ambientale e controllo, deposito, gestione, raccolta e smaltimento dei rifiuti Comune di Monteforte Irpino PROVINCIA DI AVELLINO Settore Ambiente Regolamento per il Servizio di Volontariato di Difesa Ambientale e controllo, deposito, gestione, raccolta e smaltimento dei rifiuti ^^^^

Dettagli

C O M U N E D I P E R U G I A Struttura Organizzativa Sicurezza

C O M U N E D I P E R U G I A Struttura Organizzativa Sicurezza C O M U N E D I P E R U G I A Struttura Organizzativa Sicurezza REGOLAMENTO SPECIALE PER GLI APPARTENENTI AL CORPO DI POLIZIA MUNICIPALE approvato con D.C.C. n. 103 del 21.10.1996 e con Co.Re.Co. n. 2564

Dettagli

REGOLAMENTO GRUPPO COMUNALE VOLONTARI DI PROTEZIONE CIVILE G.C.V.P.V.

REGOLAMENTO GRUPPO COMUNALE VOLONTARI DI PROTEZIONE CIVILE G.C.V.P.V. COMUNE DI ROCCARAINOLA PROVINCIA DI NAPOLI REGOLAMENTO GRUPPO COMUNALE VOLONTARI DI PROTEZIONE CIVILE G.C.V.P.V. Il presente atto abroga e sostituisce il precedente regolamento approvato con delibera di

Dettagli

COMUNE DI SANGUINETTO

COMUNE DI SANGUINETTO COMUNE DI SANGUINETTO Provincia di Verona REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI SERVIZI DI VOLONTARIATO COMUNALE (Il presente Regolamento è stato approvato con deliberazione C.C. n. 25 del 12/05/2015) REGOLAMENTO

Dettagli

COMUNE DI CANTERANO PROVINCIA DI ROMA ********************** REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DELL ORARIO DI LAVORO E DI SERVIZIO DEI DIPENDENTI

COMUNE DI CANTERANO PROVINCIA DI ROMA ********************** REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DELL ORARIO DI LAVORO E DI SERVIZIO DEI DIPENDENTI COMUNE DI CANTERANO PROVINCIA DI ROMA ********************** REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DELL ORARIO DI LAVORO E DI SERVIZIO DEI DIPENDENTI ********************** Approvato con Deliberazione di

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE GUARDIE GIURATE VOLONTARIE

REGOLAMENTO DELLE GUARDIE GIURATE VOLONTARIE REGOLAMENTO DELLE GUARDIE GIURATE VOLONTARIE Approvato con delibera di C.P. n. 27 del 20.04.2009 ART. 1 PRINCIPI GENERALI 1. La Provincia riconosce l attività delle Guardie giurate volontarie; promuove

Dettagli

(Città Metropolitana di Napoli) SETTORE V

(Città Metropolitana di Napoli) SETTORE V Prot. n.22168 del 24.11.2015 C i t t à d i M a r i g l i a n o (Città Metropolitana di Napoli) SETTORE V Avviso pubblico per l'acquisizione di manifestazione di interesse da parte delle Associazioni di

Dettagli