Libera Novara Osservatorio provinciale sulle mafie Rassegna stampa Gennaio 2012 SEZIONE LOMBARDIA. 185

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Libera Novara Osservatorio provinciale sulle mafie Rassegna stampa Gennaio 2012 SEZIONE LOMBARDIA. 185 http://osseravtorionovara.liberapiemonte."

Transcript

1 SEZIONE LOMBARDIA 185

2 02/01/2012 L ex vicequestore non può lasciare Milano La Provincia Pavese L ex vicequestore non può lasciare Milano PAVIA Sono stati revocati gli arresti domiciliari all ex vice questore Biagio Sivo, arrestato con le accuse di peculato e detenzione illecita di armi e munizioni. Il poliziotto, in pensione dal 2009, ha comunque l obbligo di dimora a Milano. Biagio Sivo, durante l interrogatorio di garanzia avvenuto per rogatoria negli uffici del palazzo di giustizia di Milano alla presenza del suo avvocato Gaetano Giamboi, ha risposto alle domande dei magistrati. Un interrogatorio durante il quale ha cercato di chiarire la sua posizione. L ex vice questore, 62 anni, era stato arrestato il 22 dicembre dai ex colleghi della questura di Pavia. Un provvedimento collegato al maxiritrovamento di armi e di munizioni avvenuto, lo scorso luglio, in un abitazione di Certosa, in via Amodeo. L ex funzionario di polizia è stato accusato di detenzione illegale di armi e di munizioni da guerra, di peculato e di omessa denuncia di armi. L edificio di Certosa era stato concesso in comodato d uso all ex vice questore Biagio Sivo, che a quanto pare aveva chiesto alcuni locali per riporre della merce. Da qui l avvio delle indagini fino all arresto. 186

3 03/01/2012 Don Verzè, soldi & potere Il Fatto Quotidiano (1^ parte) 187

4 03/01/2012 Don Verzè, soldi & potere Il Fatto Quotidiano (2^ parte) 188

5 03/01/2012 Tangenti al San Raffaele ma anche a Rotelli Il Fatto Quotidiano 189

6 04/01/2012 Chiriaco: «Tradito dai politici, andrò via da questa città» La Provincia Pavese Chiriaco: «Tradito dai politici, andrò via da questa città» L ex direttore sanitario dell Asl parla tramite il suo legale dopo la scarcerazione «Questa città, a cui ho dato tanto, mi ha abbandonato. I politici stessi mi hanno tradito. Appena questa vicenda sarà chiusa, andrò via da Pavia». L ex direttore sanitario dell Asl Carlo Chiriaco lo racconta tramite il suo legale, l avvocato Oliviero Mazza. Chiriaco, ora ai domiciliari, ha trascorso in carcere 17 mesi: un tempo in cui l ex direttore sanitario dell Asl ha dovuto trascinarsi dietro il peso dell accusa di avere favorito l infiltrazione della ndrangheta al nord. Ieri l ex direttore sanitario dell Asl era nell aula bunker di San Vittore a Milano, per un ulteriore tappa del processo che lo vede imputato, insieme ad altre 33 persone, per concorso esterno in associazione mafiosa. Cappotto grigio, sciarpa colorata, sempre più smagrito, nonostante le ultime settimane trascorse a casa, dove si trova in regime di arresti domiciliari. A Milano è arrivato senza scorta. I giudici gli consentono di raggiungere l aula accompagnato solo dai familiari. Il suo proposito è essere presente, nel corso del 2012, a tutte le udienze che lo riguarderanno. Fino al verdetto, al quale mancano ancora parecchi mesi. Si parla di almeno un anno di processo, prima che si possa arrivare alla verità giudiziaria sul suo caso. Come sta affrontando questi momenti? «Sono tranquillo, perché conto di riuscire a dimostrare la mia estraneità ai fatti, anche se so che ci vorrà ancora del tempo. Ma la verità prima o poi verrà fuori. C è un detto che dice: fai del bene, perché prima o poi ti sarà riconosciuto». Lei sente di avere fatto del bene? «Ho dato tanto alla mia città. La mia gestione all Asl è stata impeccabile, come ha messo in luce anche l indagine disposta dal prefetto». L Antimafia, però, le contesta di avere stretto rapporti pericolosi con presunti esponenti della ndrangheta. Cosa risponde? «Che non ho mai fatto affari con nessun malavitoso». Le contestano in particolare di avere avuto rapporti con Cosimo Barranca, presunto capo della locale di Milano. E con Pino Neri, che secondo l antimafia avrebbe avuto un ruolo di spicco nell organizzazione della Lombardia. «Conosco Pino Neri, ma non ho avuto niente a che fare con lui. Nel 2009 l ho incontrato dopo anni che non lo vedevo. C era in ballo la candidatura di Del Prete, ricordo, ma era tutta una questione politica. Cosa c entra questo con la ndrangheta?» E Barranca? E ritenuto dagli inquirenti il leader delle ndrine lombarde. «Non potevo certo immaginare che avesse rapporti con la criminalità organizzata. A parte che, comunque, il processo è in corso ed è tutto ancora da dimostrare». Diciamo pure che lei in questa faccenda non c entra nulla. Non le sembra, comunque, di avere intrecciato con troppa leggerezza rapporti con persone dalla dubbia moralità? «No, non credo che le cose stiano così». E come stanno, le cose? «La verità è che buona parte dei coinvolti in questa inchiesta è povera gente. Non c entrano nulla con la criminalità organizzata». Come fa a saperlo? «Ho avuto modo di farmi una mia idea in carcere, attraverso il contatto con loro». Eppure la procura di Milano è convinta di avere individuato un secondo livello, più sofisticato, di radicamento della ndrangheta al nord, attraverso la politica e le istituzioni che avrebbero favorito e s tretto legami con i clan. Lei è diventato, suo malgrado, il simbolo di questo livello. Come si difende? «Dico solo che il livello di cui si parla in questa inchiesta secondo me non esiste. Quantomeno non a Pavia». Perché i politici hanno preso le distanze da lei e non l hanno difesa? «Questo mi ha fatto male. Sono stato abbandonato da tutti, tranne che dalla famiglia. In carcere ricevevo solo le lettere di Sergio Contrini (presidente dell Asp di Pavia, ndr). Dai politici mi sono sentito tradito, perché comunque ho sempre dato il mio contributo alla vita politica di Pavia». Pensa a qualcuno in particolare? «A diverse persone. Ad esempio, il sindaco di Pavia Cattaneo si è costituito parte civile contro di me in questo processo e non l ha fatto in quello per corruzione elettorale a Pavia». Lei ha fatto campagna elettorale anche per Abelli. Tutti ricordano la mail inviata ai medici, in cui invitava a votare per lui alle regionali. «E vero, e fu una mail molto contestata. Ma venne spedita dal mio indirizzo di posta elettronica e non da quello dell Asl». Con il senno di poi, rifarebbe le stesse scelte? Cioè, si spenderebbe ancora così tanto per alcuni politici? «No, questo è sicuro». Cosa vede nel suo futuro, quando questa vicenda sarà chiusa? «Voglio prima dimostrare la mia innocenza. Poi me ne andrò via da Pavia». 190

7 04/01/2012 Gli appalti negli ospedali nelle parole del testimone La Provincia Pavese Gli appalti negli ospedali nelle parole del testimone Per i testimoni della difesa bisognerà attendere almeno l estate. Ieri, intanto, è toccato ancora a un altro testimone dell accusa, il maresciallo Rocco Russo, che aveva seguito le indagini sulla locale di Milano. Il testimone si è soffermato anche sulle figure di Pino Neri, l avvocato pavese che in questo processo deve rispondere di associazione mafiosa (e che ieri era presente in aula con il suo avvocato, Roberto Rallo di Como), e dell ex direttore sanitario dell Asl Carlo Chiriaco, che è accusato di concorso esterno in associazione mafiosa. Russo ha citato i due imputati per i loro presunti rapporti con alcuni componenti della presunta cellula di ndrangheta a Milano, e in particolare con Cosimo Barranca, ritenuto il capo della locale stessa. Alla domanda del pubblico ministero Alessandra Dolci, che ha chiesto di spiegare se i componenti della locale avessero avuto anche rapporti con personaggi delle istituzioni, il testimone ha fatto riferimento a Chiriaco e al suo presunto ruolo di intermediazione per far votare, alle elezioni regionali, personaggi vicini alle cosche. Secondo il teste, Chiriaco avrebbe anche fatto da filtro per gli interessi di un certo Francesco Romanello «a mettere le mani sugli ospedali di Pavia attraverso le agenzie di pompe funebri». L avvocato Oliviero Mazza, in occasione del controesame che si svolgerà domani, nuova tappa del processo, cercherà di smontare le dichiarazioni del testimone, «visto spiega il legale che non c è alcuna prova che ci fu davvero un coinvolgimento di Chiriaco per l assegnazione di appalti o lavori». Intanto il processo procede al ritmo di tre udienze a settimana, per cercare di evitare che il verdetto slitti a dopo dicembre, quando scadono i termini per la custodia cautelare. Significa, in altre parole, che se la sentenza dovesse andare oltre quella data, gli imputati del processo in corso torneranno liberi. 191

8 04/01/2012 Scoperto scarico abusivo La Provincia Pavese Scoperto scarico abusivo Lungavilla, blitz della Forestale: controlli nell area del parco La Guardia Forestale del comando stazione di Pavia passa al setaccio l area protetta del parco palustre di Lungavilla, scoprendo uno scarico abusivo in un fosso parallelo al rio Lurietta, uno dei corsi d acqua che costeggia e delimita l oasi naturalistica. Il blitz è avvenuto ieri mattina, ancora da stabilire la provenienza dei reflui, anche se con ogni probabilità si tratta di sostanze fognarie di tipo domestico, quindi prodotte da abitazioni private. Personale della Forestale tornerà a Lungavilla nei prossimi giorni proprio per fare luce anche su questo aspetto. L attività di controllo è partita proprio dal Lurietta, dove era stato segnalato uno sversamento fognario sospetto: c era il timore che lo scarico potesse pregiudicare il regolare funzionamento del depuratore. Gli agenti hanno perlustrato le sponde del torrentello, fino all impianto di depurazione, dove non è stato riscontrato alcunchè di anomalo. Quindi hanno proseguito in direzione delle abitazioni, imbattendosi nello scarico abusivo. Si sono poi recati in municipio per informare le autorità comunali dell accaduto. La tutela del parco palustre, un area naturalistica ricca anche di fauna, strappata progressivamente al degrado e all abbandono, sta particolarmente a cuore ai lungavillesi. 192

9 05/01/2012 Cortina, il Fisco scova i superevasori La Repubblica 193

10 05/01/2012 Riso Scotti Energia Un indagine durata oltre due anni La Provincia Pavese Riso Scotti Energia Un indagine durata oltre due anni E l indagine che sicuramente ha fatto più scalpore e non solo in provincia. Lo scorso anno gli uomini del comando provinciale di viale Campari hanno portato a termine la fase investigativa dell operazione Dirty Money, il proseguimento dell inchiesta Dirty Energy partita nel 2009 e che ha portato alla luce reati di corruzione e truffa contestati agli amministratori della Riso Scotti Energia. Un indagine delicatissima partita proprio da Pavia sul traffico illecito di rifiuti alla quale hanno poi lavorato polizia e procure di Roma e e Milano. 194

11 06/01/2012 Arrestato per droga il figlio di Ciocca - Settegiorni 195

12 07/01/2012 Mortara, due arresti per estorsione La Provincia Pavese Mortara, due arresti per estorsione Chiedevano soldi per restituire a una donna il telefonino rubato in un parcheggio, all appuntamento anche i carabinieri «Se vuoi riavere il tuo telefonino rubato, devi darci cento euro». Un estorsione in piena regola: ma quando la vittima, una donna di 50 anni, ha portato il denaro ai due ladri che le avevano preso il cellulare nel parcheggio del Bennet, c erano anche i carabinieri. Florin Ureche, 32 anni, romeno, e Giovanni Dipierno, 33 anni, entrambi domiciliati a Casale Monferrato (Alessandria), sono stati arrestati e portato nel carcere dei Piccolini a Vigevano. La vicenda è iniziata una settimana fa, quando i due hanno rubato il cellulare che la donna aveva lasciato nell abitacolo della sua Rénault, parcheggiata nel parcheggio del centro commerciale Bennet. Una portiera della macchina è stata forzata, è stata rubata la borsetta della donna che conteneva una piccola somma in contanti, i documenti e il cellulare Nokia. Grazie alla rubrica contenuta nel telefonino rubato, i ladri hanno trovato i numeri di un altro cellulare, sul quale hanno contattato la potenziale vittima per organizzare l estorsione. Appunto, le hanno detto che per riavere il suo telefono con tutti i dati che conteneva, avrebbe dovuto sborsare 100 euro. La donna ha avvertito i carabinieri, poi in un successivo contatto si è accordata per la consegna del denaro, con un appuntamento fissato ieri mattina davanti alla stazione ferroviaria. Dove i due uomini si sono presentati puntualmente: c erano però anche i militari della stazione di Mortara che li hanno arrestati in flagranza di reato, dopo che avevano intascato i soldi. I due, entrambi pregiudicati per reati contro il patrimonio, sono stati trasferiti nel carcere d Vigevano dove verranno sentiti per l interrogatorio di garanzia. L estorsione è stata sventata il denaro e il telefonino restituiti alla legittima proprietaria. Il miglior modo per tutelarsi da episodi come questo, o comunque da furti di apparecchi dove sono contenuti dati riservati è, fra l altro, inserire la funzione di uso obbligatorio della password per utilizzare il telefonino che si spegne dopo un brevissimo tempo di mancato utilizzo. E in ogni caso, non lasciare i telefoni in auto o comunque incustoditi. 196

13 07/01/2012 «La relazione dell Asl deve essere pubblica» La Provincia Pavese «La relazione dell Asl deve essere pubblica» La difesa di Chiriaco in aula: «Così dimostreremo che non ci furono interessi mafiosi negli ospedali» Nei collegamenti tra la locale di ndrangheta di Milano e i pavesi spuntano anche le pompe funebri. Secondo l accusa, due presunti componenti della cellula di mafia a Milano avrebbero cercato di entrare, con questa attività, negli ospedali pavesi utilizzando il tramite di Carlo Chiriaco, l ex direttore sanitario dell Asl. Una tesi che il difensore dell imputato, Oliviero Mazza, ha cercato di smontare nell ultima udienza del processo, che si è svolta giovedì. Mazza, nel controesame del maresciallo Rocco Russo, che aveva coordinato le indagini proprio sulla locale di Milano, ha citato davanti al collegio dei giudici altre intercettazioni che metterebbero in dubbio la conclusione a cui invece è arrivata la procura Antimafia di Milano. «Altre telefonate dicono chiaramente che Chiriaco non solo aveva negato la propria disponibilità ma aveva anche spiegato che era impossibile entrare negli ospedali perché l attività delle pompe funebri è regolata dalla legge», ha spiegato il difensore. L avvocato ha anche chiesto al testimone se vi fossero state verifiche su presunti appalti andati a buon fine negli ospedali di Pavia. Russo ha risposto che la questione non fu approfondita durante le indagini. «Alla difesa risulta che non si concretizzò nulla, né sul piano formale né di sostanza spiega Mazza. A questo proposito diventa più che mai indispensabile avere la relazione dell indagine prefettizia dell Asl». Su questa relazione, che raccoglieva i dati di migliaia di persone sentite sull ipotesi di possibili infiltrazioni mafiose all Asl, era stato in un primo momento imposto il segreto di Stato. Poi, su sollecitazione della stessa difesa di Chiriaco, che conta attraverso quella stessa relazione di dimostrare la corretta gestione dell ente durante l incarico dell ex direttore sanitario, il segreto era venuto meno. Ma è rimasto un vincolo di riservatezza, che impedisce di fatto di rendere pubblici e divulgare i risultati di quella indagine. Il legale Mazza sta perciò preparando una memoria difensiva, che sarà depositata nei prossimi giorni, per motivare la richiesta di annullare anche il vincolo della riservatezza. Il processo è stato aggiornato a martedì prossimo. 197

14 09/01/2012 Cosentino deve andare in carcere La Repubblica 198

15 09/01/2012 Spaccio in un campo, preso La Provincia Pavese Spaccio in un campo, preso Ci sono anche pavesi tra i clienti del supermarket della droga che va avanti da mesi nelle campagne di Gugnano di Casaletto Lodigiano, lungo la strada che porta a Bascapè e Torrevecchia Pia. I carabinieri sono intervenuti più volte, l ultima nel pomeriggio dell Epifania, e sono stati individuati due uomini di origine marocchina che, in un campo, incontravano i clienti. Dopo una colluttazione, in manette è finito Mohamed M., 48 anni con 60 grammi di cocaina. Il complice è fuggito. A segnalare ai carabinieri che il supermarket aveva riaperto sono stati alcuni residenti, che avevano notato le auto in fila lungo una stradina che dovrebbe servire solo agli agricoltori. 199

16 09/01/2012 «Ucciso senza pietà in mezzo alla gente» La Provincia Pavese «Ucciso senza pietà in mezzo alla gente» Parla il padre del titolare del Sayonara: «Pensavamo fossero petardi, mio figlio è sconvolto per quello che è accaduto» «Mio figlio è sconvolto, hanno ammazzato quell uomo come un cane nel suo locale, in mezzo alla gente che ballava e si divertiva». Giovanni Nardi, 70 anni, è il padre di Massimo Nardi, da una decina d anni gestore del disco bar in riva al Ticino. Uno dei più frequentati della città, musica dal vivo quasi tutte le sere e molta clientela in arrivo anche dal Milanese. Ieri pomeriggio, Giovanni Nardi parlava la posto del figlio perché, diceva, «non si è ancora ripreso dallo choc, è stato in caserma fino alle sette del mattino». I carabinieri l hanno sentito appunto come titolare del locale di via Lungoticino, dove come ogni sera di apertura Massimo Nardi era presente. «Ma in un primo momento, quando sono stati esplosi i colpi, nessuno ha immediatamente capito che un arma aveva sparato», dice il padre. Infatti, «per tutta la sera qualcuno aveva continuato a far esplodere petardi nel parcheggio del locale, per dire addio definitivamente alle feste di fine anno». La sorella del titolare, notando i due uomini che uscivano in gran fretta dal locale, tanto da scontrarsi con un buttafuori all ingresso, ha addirittura tentato di inseguirli nel piazzale sterrato davanti al Sayonara, dove ieri stazionava qualche sparuto gruppetto di curiosi. «Mia figlia credeva che avessero provocato danni al locale, facendo esplodere dei mortaretti all interno», spiega Giovanni Nardi. Intanto, un cliente si era accorto che un uomo era stramazzato a terra, ferito a morte. «Allora è iniziato il panico: urla e fuggi-fuggi generale». Il gestore ha avvertito i carabinieri, è arrivato il magistrato di turno in procura e l ambulanza mandata dal 118. Ma niente era più possibile fare, per tentare di salvare al vita al 32enne freddato a colpi di pistola. «A quanto sembra, non era un cliente abituale: mio figlio non ricorda da averlo visto spesso qui. Ma se non è facile ricordare i volti delle centinaia di persone che frequentano il locale». Il Sayonara ha due sale per ballare e ascoltare musica dal vivo oltre a uno spazio all aperto con giardino, usato d estate al piano terra della piccola costruzione in fondo a una deviazione sterrata di via Lungoticino Lido 18. Al primo piano c è l appartamento dove vive Massimo Nardi. «Non ci sono mai stati particolari problemi nel nostro locale, abbiamo una clientela molto tranquilla commenta ancora Giovanni Nardi ma adesso il disco-bar verrà associato a un fatto di sangue collegato probabilmente alla malavita. D ora in poi, si parlerà del delitto del Sayonara, come si parla del delitto della Sforzesca». Il locale notturno, come tutta la zona della movida vigevanese dei locali e ristoranti in riva al Ticino, è molto controllato dalle forze dell ordine. Nell aprile 2010, un cliente arrivato da Milano era stato denunciato dai carabinieri per il porto abusivo di un coltello, dopo un litigio con un addetto alla sicurezza. E l unico episodio registrato dalla cronaca nera locale negli ultimi anni, relativo al Sayonara. Ieri il locale di via Lungoticino non è stato messo sotto sequestro, spiegava ancora nel pomeriggio il padre del titolare. «Ma questa sera, con quello che è successo non pensiamo di aprire al pubblico. Come noi, anche i dipendenti sono stravolti da quello che è avvenuto a pochi metri da loro, mentre stavano lavorando». 200

17 10/01/2012 Dopo la sparatoria minacce ai buttafuori, caccia ai due killer La Provincia Pavese Dopo la sparatoria minacce ai buttafuori, caccia ai due killer Uno degli assassini ha perso una scarpa durante la fuga e gli investigatori sperano di estrarre il Dna dalle tracce Il killer ha minacciato anche i buttafuori del Sayonara. Una fuga molto movimentata e pericolosa quella dell uomo che ha freddato con cinque colpi di pistola calibro 7.65 Edomond Shtjefni, l albanese di 32 anni che abitava ad Abbiategrasso, in piazza Castello 21. Un delitto, quello, avvenuto all interno del locale di via Lungoticino Lido con molti punti da chiarire. Il killer e il complice, che si trovava a pochi metri dalla vittima, hanno rischiato di restare imbottigliati nella piccola folla di clienti che si stava riversando verso l uscita dopo aver sentito gli spari. Il killer si è visto sbarrare la via di fuga dai buttafuori che, probabilmente, all inizio non si erano resi ben conto di quello che era successo. Anche se sprovveduto l uomo ha mostrato determinazione. Ha infatti puntato la pistola conto uno di loro e, qualche istante dopo, avrebbe anche colpito con il calcio dell arma anche un secondo addetto alla sicurezza. I due sono riusciti a raggiungere il parcheggio da dove si sono dileguati a bordo di un automobile che, comunque, nessuno avrebbe visto. Ma c è dell altro. Il killer nella calca avrebbe anche perso una scarpa. E stata recuperata dai carabinieri che la sottoporranno agli esami scientifici e, soprattutto, a quello del Dna per risalire al profilo genetico dell uomo armato di pistola. E forse la traccia più importante nelle mani degli investigatori del tenente colonnello Giancarlo Sangiuliano, il responsabile del reparto operativo del comando provinciale di Pavia. Una traccia ottenuta fortuitamente che, comunque, potrebbe rivelarsi decisiva per l inchiesta coordinata dalla procura della repubblica di Vigevano. Il movente è quello del regolamento di conti maturato nel mondo della prostituzione. Ma è solo un ipotesi. Gli investigatori hanno anche sequestrato l automobile della vittima, una Mercedes trovata nel parcheggio del Sayonara. La vettura è stata sottoposta ad ogni tipo di rilievo scientifico per capire se all interno vi siano tracce di persone coinvolte nell omicidio. Alcuni testimoni hanno raccontato ai carabinieri cher Edomond Shtjefni è arrivato da solo nel parcheggio del Sayonara. Non è da escludere che l albanese avesse appuntamento con qualcuno, magari con gli stessi killer. E, per questo motivo, dovranno essere esaminate anche i tracciati telefonici del suo cellulare. Un indagine complessa soprattutto da un punto di vista scientifico. La procura vigevanese ha già provveduto a nominare alcuni consulenti tecnici di parte che dovranno occuparsi della parte scientifica dell inchiesta. Niente Ris, quindi, nelle indagini sul delitto al Sayonara. Sarà anche eseguito anche un indagine balistica sui cinque bossoli e sulle due ogive che sono state recuperate nel locale dopo il delitto. Ma non solo. Gli investigatori dell arma dovranno anche sentire il maggior numero di persone presenti al Sayonara. I primi della lista sono i dipendenti, le persone al bar e gli stessi buttafuori. Gente che potrebbe descrivere il volto del killer. L albanese era stato ammazzato poco dopo la mezzanotte tra sabato e domenica con cinque colpi alla testa. 201

18 10/01/2012 Spacciava droga davanti a discoteca, pensionato in carcere La Provincia Pavese Spacciava droga davanti a discoteca, pensionato in carcere Ex agricoltore 52enne di Valverde arrestato a Zavattarello, in casa aveva duecento grammi di hashish e marijuana Agricoltore in pensione di giorno e spacciatore di notte: questo, almeno, è quanto è emerso dopo un operazione che i carabinieri di Varzi hanno compiuto l altra notte tra il loro territorio e quello di Zavattarello. A finire nei guai è stato Dario Garofoli, 52 anni, originario di Milano ma residente ormai da molto tempo a Valverde, dove abita con un anziana zia. I carabinieri varzesi lo hanno arrestato sabato notte per detenzione di stupefacenti al fine di spaccio. Lui si è difeso sostenendo che quella droga gli serviva per uso personale, ma la quantità in effetti era un po eccessiva. Dopo avere trascorso una giornata in camera di sicurezza, Garofoli ieri mattina è stato portato davanti al Gip di Voghera, che ha convalidato l arresto ma gli ha anche concesso il beneficio dei domiciliari. L altra notte i carabinieri di Varzi sono impegnati in uno dei consueti servizi del sabato sera, per ostacolare il fenomeno della guida in stato di ebbrezza e altri reati: una routine che prevede i controlli nelle vicinanze dei locali pubblici. Alle 3 di notte davanti alla discoteca «Milleluci» di Zavattarello i carabinieri notano un movimento sospetto di persone. Uno di loro è Dario Garofoli, totalmente sconosciuto alle forze dell ordine: un ex agricoltore che nonostante la giovane età è già in pensione. Garofoli è molto nervoso, e così i carabinieri decidono di perquisirlo. L uomo di Valverde ha addosso un coltello a serramanico, uno da cucina, 600 euro in contanti (cifra rispettabile), una dose di marijuana e tre dosi di hashish da un grammo ciascuna. Ben sapendo di essere ormai nei guai e che la perquisizione domiciliare è inevitabile, è lo stesso Dario Garofoli ad accompagnare i carabinieri a casa sua; anche per tranquillizzare con la sua presenza l anziana zia. Infatti è l agricoltore a consegnare ai carabinieri gli stupefacenti che tiene in casa: in un cassetto della camera da letto ci sono 168 grammi di hashish e 28 grammi di marijuana, tutti divisi in altrettante monodosi da un grammo, oltre a un bilancino di precisione che evidentemente è servito a confezionare le dosi. Il 52enne di Valverde cerca di giustificarsi. «Non sono uno spacciatore - afferma - E roba che mi serve per uso personale, l ho confezionata prima per comodità». La legge, però, per quantitativi del genere prevede l arresto e scattano quindi le manette. Garofoli non è stato sorpreso mentre spacciava: quindi non si sa se trattava con i clienti in casa, in altre zone della vallata o davanti ai locali pubblici come la discoteca di Zavattarello. Nelle prossime settimane ci sarà il processo a suo carico. 202

19 11/01/2012 Appalti e usura, non c è crisi per Mafia Spa così è diventata la prima industria d Italia La Repubblica 203

20 11/01/2012 Chiriaco, la difesa vuole la relazione dell Asl La Provincia Pavese Chiriaco, la difesa vuole la relazione dell Asl Depositata ieri una richiesta ai giudici: «Verificate con il presidente del Consiglio perché è riservata» L area dell ex gasometro era finita anche nelle carte dell inchiesta sulla ndrangheta per alcune intercettazioni legate a Carlo Chiriaco. Se ne parlerà nelle prossime udienze del processo già in corso in Tribunale a Milano, che vede l ex direttore sanitario dell Asl di Pavia imputato per concorso esterno in associazione mafiosa. Ieri, intanto, in occasione dell ennesima tappa, è stata depositata dall avvocato della difesa Oliviero Mazza una memoria difensiva in cui si chiede al presidente del collegio di interpellare il presidente del Consiglio dei ministri sulla relazione dell indagine prefettizia all Asl. L indagine era stata disposta dal prefetto Ferdinando Buffoni dopo l arresto di Chiriaco. Ma i risultati dell inchiesta non sono mai stati resi noti. Al documento, infatti, è stato dato un vincolo di «riservatezza» dal Ministro degli Interni. «La nostra richiesta spiega il legale Mazza è che il collegio dei giudici verifichi presso il Consiglio dei ministri la legittimità di questa classificazione, che secondo la difesa non ha ragione di esistere. Sui fatti di mafia non vale il segreto di Stato e quindi nemmeno il vincolo di riservatezza. Inoltre, gli argomenti trattati in questa relazione non hanno nulla a che vedere con gli interessi e con la sicurezza nazionali, unico motivo per cui si può assegnare il segreto. Da quanto ci risulta il contenuto della relazione è solo l analisi dettagliata della gestione dell Asl». Durante l indagine furono sentite centinaia di persone e fu coinvolta anche la Finanza, in relazione ai rapporti economici che l Asl aveva mantenuto negli anni di gestione di Carlo Chiriaco con le istituzioni e con aziende per alcuni appalti. Il collegio dei giudici, presieduto da Luisa Balzarotti, si è riservato la decisione. Che potrebbe a questo punto arrivare nelle prossime udienze, fissate per domani e dopodomani. Si proseguirà quindi con l ascolto dei testimoni dell accusa. La Procura Antimafia ne ha citati 250. Questo vuol dire che bisognerà aspettare fino all estate prima di poter cominciare a sentire i testimoni della difesa. La sentenza dovrebbe arrivare invece entro dicembre, quando scadranno anche i termini della custodia cautelare e tutti gli imputati torneranno liberi. 204

21 11/01/2012 Spacciava agli arresti domiciliari La Provincia Pavese Spacciava agli arresti domiciliari San Zenone, sfilano in tribunale i consumatori di cocaina «Davanti a quella finestra c era sempre un via vai di automobilisti. Si fermavano proprio davanti alla casa, abbassavano il finestrino e poi prendevano qualcosa». Se i vicini di casa, a San Zenone, si sono limitati a queste dichiarazioni, i presunti clienti dell imputato, anche loro sentiti come testimoni, non hanno avuto difficoltà ad ammettere che si rifornivano proprio da quell uomo. Anche se Bouchaib Ed Dari, un cittadino di origine marocchina di 35 anni che abita a san Zenone, si trovava agli arresti domiciliari. Secondo l accusa l uomo da giugno a settembre del 2008, periodo in cui stava scontando la misura dei domiciliari in seguito a una condanna per una resistenza a pubblico ufficiale, avrebbe ceduto droga, in particolare cocaina, a decine di consumatori di San Zenone, che sono finiti come testimoni al processo. Alcuni di loro sono stati sentiti ieri mattina. E hanno confermato di avere acquistato droga dall imputato. La cocaina, secondo il loro racconto, sarebbe stata venduta a dosi di mezzo grammo al costo di 50 euro. Hanno anche raccontato che davanti all abitazione c era sempre la fila. Dettaglio confermato in parte dai vicini di casa, che hanno detto di avere visto spesso macchine fermarsi davanti all abitazione di San Zenone. I conducenti abbassavano il finestrino e prendevano qualcosa dall imputato. Era stata proprio la segnalazione di un vicino a far partire il processo per spaccio. «Un processo basato solo sulle voci lo definisce l avvocato difensore dell imputato Pierluigi Vittadini. L accusa sostiene che lui ai domiciliari spacciasse droga, ma il mio cliente non è mai stato sorpreso a vendere dosi di cocaina. E infatti non è stato sequestrato nulla. Ci sono solo le dichiarazioni dei vicini di casa, che dicono di averlo visto fuori dalla sua abitazione, fermo vicino alle automobili che si avvicinavano alla casa. Ci difenderemo». Nelle prossime tappe del processo saranno sentite anche le testimonianze della difesa. 205

ATTIVITA DI CONTRASTO ALLA CRIMINALITA DELLA QUESTURA DI SALERNO E DEI COMMISSARIATI DI P.S.

ATTIVITA DI CONTRASTO ALLA CRIMINALITA DELLA QUESTURA DI SALERNO E DEI COMMISSARIATI DI P.S. ATTIVITA DI CONTRASTO ALLA CRIMINALITA DELLA QUESTURA DI SALERNO E DEI COMMISSARIATI DI P.S. Tipo di attività dal 01/05/2012 al 30/04/2013 Persone controllate 52.598 Persone sottoposte ad obblighi 19.349

Dettagli

Università degli Studi di Verona Centro Docimologico Giurisprudenza

Università degli Studi di Verona Centro Docimologico Giurisprudenza Dopo aver letto attentamente il seguente articolo giornalistico, Il delitto Custra e la fuga a Rio. Il latitante Mancini ora è libero, il candidato risponda ai seguenti quesiti tenento conto che la risposta

Dettagli

Maschere a Venezia CAP I

Maschere a Venezia CAP I Maschere a Venezia 7 CAP I In un pomeriggio di fine marzo Altiero Ranelli, un giovane giornalista de Il Gazzettino di Venezia, entra nell ufficio del direttore. - Ho una grande notizia. - grida contento.

Dettagli

Ladri OGNI CENTO SECONDI SFONDANO UNA PORTA

Ladri OGNI CENTO SECONDI SFONDANO UNA PORTA INCHIESTA CASE SVALIGIATE: NUMERI DA BRIVIDO E DIFENDERSI È QUASI IMPOSSIBILE SONO ORGANIZZATI COME MILITARI: NESSUN ANTIFURTO LI FERMA. CONTRO DI LORO LA POLIZIA HA MESSO IN CAMPO SUPER TECNOLOGIE, MA

Dettagli

Reati, vittime, percezione della sicurezza Anni 2008-2009. Sintesi per la stampa

Reati, vittime, percezione della sicurezza Anni 2008-2009. Sintesi per la stampa 22 novembre 2010 Reati, vittime, percezione della sicurezza Anni 2008-2009 Sintesi per la stampa La diffusione dei reati: al Sud più rapine, scippi, minacce, furti di veicoli, al Centro-Nord più furti

Dettagli

L attività della Guardia di Finanza di Palermo nel contrasto alla criminalità organizzata, alla corruzione ed al riciclaggio.

L attività della Guardia di Finanza di Palermo nel contrasto alla criminalità organizzata, alla corruzione ed al riciclaggio. L attività della Guardia di Finanza di Palermo nel contrasto alla criminalità organizzata, alla corruzione ed al riciclaggio. Gen. B. Stefano Screpanti Nel porgere un sentito saluto agli illustri Deputati

Dettagli

Istituto Comprensivo De Amicis- Laterza A.S 2012-2013. Classe II D. Prof.ssa Daniela Simone

Istituto Comprensivo De Amicis- Laterza A.S 2012-2013. Classe II D. Prof.ssa Daniela Simone Istituto Comprensivo De Amicis- Laterza A.S 2012-2013 Classe II D Prof.ssa Daniela Simone PRESENTAZIONE DEL PROGETTO Radio Kreattiva, web radio scolastica per la diffusione della cultura della legalità,

Dettagli

Via del Fagutale? Adesso ne possiamo parlare

Via del Fagutale? Adesso ne possiamo parlare Via del Fagutale? Adesso ne possiamo parlare 1 Via del Fagutale? Adesso ne possiamo parlare.. 1. LA RAPPRESENTAZIONE DEI MEDIA Dal 23 aprile 2010 dai mezzi di comunicazione italiani, tramite: Agenzie stampa;

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA XV LEGISLATURA

SENATO DELLA REPUBBLICA XV LEGISLATURA SENATO DELLA REPUBBLICA XV LEGISLATURA N. 201 DISEGNO DI LEGGE d iniziativa della senatrice BURANI PROCACCINI COMUNICATO ALLA PRESIDENZA IL 4 MAGGIO 2006 (*) Modifica all articolo 110 del testo unico delle

Dettagli

Maresciallo il giorno 29 febbraio quando sono rientrato a casa ho notato che la porta era socchiusa, Giulia era meticolosa chiudeva tutto aveva l

Maresciallo il giorno 29 febbraio quando sono rientrato a casa ho notato che la porta era socchiusa, Giulia era meticolosa chiudeva tutto aveva l Maresciallo il giorno 29 febbraio quando sono rientrato a casa ho notato che la porta era socchiusa, Giulia era meticolosa chiudeva tutto aveva l ossessione dell ordine, mi sembra strano che fosse uscita

Dettagli

Se la nonna impenna la moto e cade La grande truffa dei falsi incidenti

Se la nonna impenna la moto e cade La grande truffa dei falsi incidenti Corriere della Sera http://www.corriere.it/cronache/11_settembre_29/fasano-nonna-moto-cade_b1ce4c46... Page 1 of 2 03/10/2011 stampa chiudi IL RECORD DI TARANTO, 321 INDAGATI. E LE FRODI FANNO SALIRE IL

Dettagli

Nome e Cognome... Indirizzo abitazione... Telefono abitazione... Telefono cellulare... Indirizzo studio... Telefono studio...

Nome e Cognome... Indirizzo abitazione... Telefono abitazione... Telefono cellulare... Indirizzo studio... Telefono studio... dati personali Nome e Cognome.................................................... Indirizzo abitazione................................................... Telefono abitazione...................................................

Dettagli

ENCOMI SOLENNI. del Comando Generale dell Arma dei Carabinieri

ENCOMI SOLENNI. del Comando Generale dell Arma dei Carabinieri del Comando Generale dell Arma dei Carabinieri Iacopo MANNUCCI BENINCASA Tenente Colonnello (Concesso il 30 maggio 2011) «Comandante di Reparto Operativo in territorio caratterizzato da elevato indice

Dettagli

RASSEGNA STAMPA. rassegna stampa. 10/11/12 Ottobre 2015

RASSEGNA STAMPA. rassegna stampa. 10/11/12 Ottobre 2015 Pagina 1 di 5 rassegna stampa 10/11/12 Ottobre 2015 IL CITTADINO Lodi Indagini sul concorsone, i carabinieri anche al Ced (10/10/2015) Ospedali, Rossi venga in audizione in consiglio (10/10/2015) Lettere

Dettagli

RACCONTO TRATTO DAL LIBRO. DONNE CHE RACCONTANO IL LAVORO a cura di

RACCONTO TRATTO DAL LIBRO. DONNE CHE RACCONTANO IL LAVORO a cura di RACCONTO TRATTO DAL LIBRO DONNE CHE RACCONTANO IL LAVORO a cura di Roberta Griffini, Francesca Matichecchia, Debora Roversi, Marzia Tanzini Disegno di Pat Carra Filcams Cgil Milano GABRIELLA tanti master,

Dettagli

Mafia, operazione "Discovery" nell'ennese con 12 arresti

Mafia, operazione Discovery nell'ennese con 12 arresti Mafia, operazione "Discovery" nell'ennese con 12 arresti di Redazione Sicilia Journal - 11, giu, 2015 http://www.siciliajournal.it/mafia-operazione-discovery-nellennese-con-12-arresti/ Maurizio Amendolia

Dettagli

Comune di Castelfranco Emilia RASSEGNA STAMPA

Comune di Castelfranco Emilia RASSEGNA STAMPA Comune di Castelfranco Emilia RASSEGNA STAMPA 12 aprile 2013 Indice rassegna - Gazzetta di Modena pag. / - Il Resto del Carlino pag. 16 - Prima Pagina pag. 7 - Modena Qui pag. / Sezione: Pianura Data:

Dettagli

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 Norme sui procedimenti e giudizi di accusa (Gazzetta Ufficiale 13 febbraio 1962, n. 39) Artt. 1-16 1 1 Articoli abrogati dall art. 9 della legge 10 maggio 1978, n. 170. Si

Dettagli

Maschere a Venezia VERO O FALSO

Maschere a Venezia VERO O FALSO 45 VERO O FALSO CAP I 1) Altiero Ranelli è il direttore de Il Gazzettino di Venezia 2) Altiero Ranelli ha trovato delle lettere su MONDO-NET 3) Colombina è la sorella di Pantalone 4) La sera di carnevale,

Dettagli

Report a cura del Presidio di Libera Francesca Morvillo MAFIE IN LIGURIA. Dall infiltrazione ai processi dei nostri giorni

Report a cura del Presidio di Libera Francesca Morvillo MAFIE IN LIGURIA. Dall infiltrazione ai processi dei nostri giorni Report a cura del Presidio di Libera Francesca Morvillo MAFIE IN LIGURIA Dall infiltrazione ai processi dei nostri giorni Il radicamento Liguria terra di confine: meta dei soggiorni obbligati (anni 70),

Dettagli

Traduzione dal romeno

Traduzione dal romeno Traduzione dal romeno Ziua pag. 3 Il Presidente della Commissione per Problemi d Immigrazione del Parlamento italiano, Sandro Gozi, ammonisce che, se la situazione continua, l Italia adottera misure dure

Dettagli

PROCEDIMENTO PENALE n. 15220/12 10792/12 RG. Dib. rito ordinario

PROCEDIMENTO PENALE n. 15220/12 10792/12 RG. Dib. rito ordinario [Portici 12, 2011] PROCEDIMENTO PENALE n. 15220/12 10792/12 RG. Dib. rito ordinario 1. Dati identificativi del procedimento. Numeri di registro: 15220/12 R.G. M. 10792/12 RG. Dib.; RG. Appello 6763/14.

Dettagli

RAIUTILE INFORMAZIONE

RAIUTILE INFORMAZIONE RAIUTILE INFORMAZIONE - Martedì 3 ottobre 2006 - NAPOLI: Scoperto un falso dentista. I capillari controlli economico-finanziari, effettuati sul territorio dai finanzieri del Comando Provinciale di Napoli,

Dettagli

Libera Novara Osservatorio provinciale sulle mafie Rassegna stampa Marzo 2013 SEZIONE NOVARA. 1 http://osservatorionovara.liberapiemonte.

Libera Novara Osservatorio provinciale sulle mafie Rassegna stampa Marzo 2013 SEZIONE NOVARA. 1 http://osservatorionovara.liberapiemonte. SEZIONE NOVARA 1 01/03/2013 Ghemme, scontro in Consiglio per una mozione sulla discarica L Azione 2 01/03/2013 Quindici società sotto la lente NovaraOggi 3 01/03/2013 Lente d ingrandimento sull aministrazione

Dettagli

- 1 reference coded [0,86% Coverage]

<Documents\bo_min_9_M_18_ita_stu> - 1 reference coded [0,86% Coverage] - 1 reference coded [0,86% Coverage] Reference 1-0,86% Coverage E le altre funzioni, le fotografie, o, non so le altre cose che può offrire il cellulare sono cose che

Dettagli

occhi aperti! Vanzago è più sicuro con la collaborazione di tutti

occhi aperti! Vanzago è più sicuro con la collaborazione di tutti occhi aperti! Vivere sereni e tranquilli in una comunità è un diritto di tutti 2 L Amministrazione Comunale in collaborazione con la Polizia Locale ha pensato di raccogliere in questo opuscolo alcuni piccoli

Dettagli

ORDINANZA N. 378 ANNO 2006 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE COSTITUZIONALE composta dai signori: - Franco BILE Presidente -

ORDINANZA N. 378 ANNO 2006 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE COSTITUZIONALE composta dai signori: - Franco BILE Presidente - ORDINANZA N. 378 ANNO 2006 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE COSTITUZIONALE composta dai signori: - Franco BILE Presidente - Giovanni Maria FLICK Giudice - Francesco AMIRANTE " -

Dettagli

www.ildirittoamministrativo.it

www.ildirittoamministrativo.it N. 02290/2014REG.PROV.COLL. N. 01377/2014 REG.RIC. R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Terza) ha pronunciato la presente

Dettagli

DA DOMENICA 18 OTTOBRE VIA L ESPOSIZIONE DEL TAGLIANDO ASSICURATIVO DAL PARABREZZA SI CHIAMA DEMATERIALIZZAZIONE MA

DA DOMENICA 18 OTTOBRE VIA L ESPOSIZIONE DEL TAGLIANDO ASSICURATIVO DAL PARABREZZA SI CHIAMA DEMATERIALIZZAZIONE MA DA DOMENICA 18 OTTOBRE VIA L ESPOSIZIONE DEL TAGLIANDO ASSICURATIVO DAL PARABREZZA SI CHIAMA DEMATERIALIZZAZIONE MA di Luigi Altamura* In questo breve articolo, vorrei portare alcune riflessioni a beneficio

Dettagli

COMUNICATO STAMPA ROMA, 29 GENNAIO 2014

COMUNICATO STAMPA ROMA, 29 GENNAIO 2014 COMUNICATO STAMPA ROMA, 29 GENNAIO 2014 GUARDIA DI FINANZA: TUTELA DEI MERCATI FINANZIARI, CONTRASTO AL RICICLAGGIO, AGGRESSIONE AI PATRIMONI DELLA CRIMINALITA ORGANIZZATA, LOTTA AL CONTRABBANDO ED AL

Dettagli

Numeri di registro: n. 8658/04 R.G..N.R..; n. 18698/05 R.G.. GIP.

Numeri di registro: n. 8658/04 R.G..N.R..; n. 18698/05 R.G.. GIP. Procedimento penale: n. 8658/04 R.G..N.R..; n. 18698/05 R.G.. GIP. Rito ordinario 1. Dati identificativi del procedimento penale: Numeri di registro: n. 8658/04 R.G..N.R..; n. 18698/05 R.G.. GIP. Imputati:

Dettagli

Le osservazioni di Libera sul Codice delle leggi antimafia

Le osservazioni di Libera sul Codice delle leggi antimafia Le osservazioni di Libera sul Codice delle leggi antimafia Premessa La definizione e l approvazione in tempi rapidi di un testo unico della legislazione antimafia, capace di superare le attuali disfunzioni

Dettagli

EDUCAZIONE ALLA LEGALITA

EDUCAZIONE ALLA LEGALITA EDUCAZIONE ALLA LEGALITA I bambini hanno letto una nuova storia: Per questo mi chiamo Giovanni di Luigi Garlando Giovanni è un bambino nato e cresciuto a Palermo e frequenta la scuola primaria. Per il

Dettagli

La cenerentola di casa

La cenerentola di casa La cenerentola di casa Audrina Assamoi LA CENERENTOLA DI CASA CABLAN romanzo www.booksprintedizioni.it Copyright 2012 Audrina Assamoi Tutti i diritti riservati Questa storia è dedicata a tutti quelli che

Dettagli

Prefettura -Ufficio territoriale del Governo di Brescia

Prefettura -Ufficio territoriale del Governo di Brescia Vademecum informativo ai cittadini per la prevenzione di reati di tipo predatorio e contro il patrimonio Vademecum informativo ai cittadini per la prevenzione di reati di tipo predatorio e contro il patrimonio

Dettagli

COMUNE DI CASTELLEONE (CR) COMANDO STAZIONE CARABINIERI DI CASTELLEONE CONSIGLI UTILI PER NON RESTARE VITTIMA FURTI E TRUFFE

COMUNE DI CASTELLEONE (CR) COMANDO STAZIONE CARABINIERI DI CASTELLEONE CONSIGLI UTILI PER NON RESTARE VITTIMA FURTI E TRUFFE COMUNE DI CASTELLEONE (CR) in collaborazione con il COMANDO STAZIONE CARABINIERI DI CASTELLEONE CONSIGLI UTILI PER NON RESTARE VITTIMA DI FURTI E TRUFFE Castelleone, maggio 2013 L'Amministrazione Comunale

Dettagli

Newsletter Fondazione Vittime Reati n. 35 Giugno 2012

Newsletter Fondazione Vittime Reati n. 35 Giugno 2012 Newsletter Fondazione Vittime Reati n. 35 Giugno 2012 Fondazione in estate Prima della breve pausa estiva, la Fondazione si è riunita il 29 giungo per il Comitato dei Garanti concentrato sulla valutazione

Dettagli

Mafie in Veneto Dati statistici

Mafie in Veneto Dati statistici Mafie in Veneto Dati statistici Raccolta di dati a cura di Avviso Pubblico Le mafie Scheda informativa sintetica 1 Diverse sono le ipotesi etimologiche del termine mafia. La più accreditata ritiene che

Dettagli

ALMANACCO 2015 800.995988. Volontariato Città di Treviglio Onlus. Solidarietà e Sicurezza. Per non essere soli chiama il n.

ALMANACCO 2015 800.995988. Volontariato Città di Treviglio Onlus. Solidarietà e Sicurezza. Per non essere soli chiama il n. Volontariato Città di Treviglio Onlus Solidarietà e Sicurezza Tieni la borsetta verso il muro Per non essere soli chiama il n. 800.995988 con la collaborazione di: UNIONE BERGAMASCA CONSUMATORI Via T.

Dettagli

Comune di Castelfranco Emilia RASSEGNA STAMPA

Comune di Castelfranco Emilia RASSEGNA STAMPA Comune di Castelfranco Emilia RASSEGNA STAMPA 6 aprile 2013 Indice rassegna - Gazzetta di Modena pag. / - Il Resto del Carlino pag. 2, 23 - Prima Pagina pag. / - Modena Qui pag. 15 Sezione: Pianura Data:

Dettagli

provvedimento restrittivo. Le manette sono scattate per Giuseppe ARENA, 51enne nato a Catania, residente ad Augusta, Mosè BANDIERA,

provvedimento restrittivo. Le manette sono scattate per Giuseppe ARENA, 51enne nato a Catania, residente ad Augusta, Mosè BANDIERA, Siracusa Blitz antimafia per 28: coinvolta cellula clan Nardo. I Carabinieri del Comando Provinciale di Siracusa, hanno dato esecuzione di notte a 28 ordinanze di custodia cautelare in carcere emesse dal

Dettagli

ANDARE A SCUOLA : UN'AVVENTURA PERICOLOSA

ANDARE A SCUOLA : UN'AVVENTURA PERICOLOSA ANDARE A SCUOLA : UN'AVVENTURA PERICOLOSA Molto spesso arrivo a scuola in ritardo per colpa di un semaforo che diventa verde dopo molto tempo o di persone in auto che non mi vogliono far passare sulle

Dettagli

Avevamo tutti un contratto a tempo indeterminato, eravamo in regola. Io lavoravo con l azienda madre ma l operaio che ha subito l infortunio lavorava

Avevamo tutti un contratto a tempo indeterminato, eravamo in regola. Io lavoravo con l azienda madre ma l operaio che ha subito l infortunio lavorava Il lavoro offeso Avevamo tutti un contratto a tempo indeterminato, eravamo in regola. Io lavoravo con l azienda madre ma l operaio che ha subito l infortunio lavorava in subappalto. Noi ditta madre cercavamo

Dettagli

dâxáàâüt w céüwxçéçx Anniversario della Fondazione della Polizia ESSERCI SEMPRE 22 maggio 2015 - Pordenone www.poliziadistato.it Polizia di Stato

dâxáàâüt w céüwxçéçx Anniversario della Fondazione della Polizia ESSERCI SEMPRE 22 maggio 2015 - Pordenone www.poliziadistato.it Polizia di Stato dâxáàâüt w céüwxçéçx Anniversario della Fondazione della Polizia ESSERCI SEMPRE Polizia di Stato 22 maggio 2015 - Pordenone www.poliziadistato.it L ATTIVITA DELLA POLIZIA DI STATO NELLA PROVINCIA DI PORDENONE

Dettagli

OGGETTO: Piano coordinato di interventi per la sicurezza urbana e il decoro

OGGETTO: Piano coordinato di interventi per la sicurezza urbana e il decoro A Sua Eccellenza il Signor Prefetto di Roma OGGETTO: Piano coordinato di interventi per la sicurezza urbana e il decoro Signor Prefetto, come abbiamo concordato nei nostri precedenti incontri, Le scrivo

Dettagli

RACCONTO TRATTO DAL LIBRO. DONNE CHE RACCONTANO IL LAVORO a cura di

RACCONTO TRATTO DAL LIBRO. DONNE CHE RACCONTANO IL LAVORO a cura di RACCONTO TRATTO DAL LIBRO DONNE CHE RACCONTANO IL LAVORO a cura di Roberta Griffini, Francesca Matichecchia, Debora Roversi, Marzia Tanzini Disegno di Pat Carra Filcams Cgil Milano Raffaella una cassiera

Dettagli

PROCEDIMENTO PENALE n. 47391/10 9716/11 R.G. GIP. rito ordinario

PROCEDIMENTO PENALE n. 47391/10 9716/11 R.G. GIP. rito ordinario [Portici 5, 2008-2010] PROCEDIMENTO PENALE n. 47391/10 9716/11 R.G. GIP rito ordinario 1. Dati identificativi del procedimento. Numeri di registro: 47391/10 R.G. N.R. 9716/11 R.G. GIP- 14175/11 R.G.Dib..

Dettagli

INTERVENTO DELLA SIG.RA MINISTRO. ALLA SCUOLA UFFICIALI CARABINIERI (Roma, 11 febbraio 2015) Fa fede l intervento effettivamente pronunciato

INTERVENTO DELLA SIG.RA MINISTRO. ALLA SCUOLA UFFICIALI CARABINIERI (Roma, 11 febbraio 2015) Fa fede l intervento effettivamente pronunciato INTERVENTO DELLA SIG.RA MINISTRO ALLA SCUOLA UFFICIALI CARABINIERI (Roma, 11 febbraio 2015) Fa fede l intervento effettivamente pronunciato Signor Presidente del Consiglio, Autorità civili, militari e

Dettagli

MA COSA SARA QUELLO STRANO BIDONE? VIAGGIO AVVENTUROSO NEL MONDO DELLA RACCOLTA DIFFERENZIATA A CISTERNA D ASTI 1 19 NOVEMBRE 2010

MA COSA SARA QUELLO STRANO BIDONE? VIAGGIO AVVENTUROSO NEL MONDO DELLA RACCOLTA DIFFERENZIATA A CISTERNA D ASTI 1 19 NOVEMBRE 2010 MA COSA SARA QUELLO STRANO BIDONE? VIAGGIO AVVENTUROSO NEL MONDO DELLA RACCOLTA DIFFERENZIATA A CISTERNA D ASTI 1 19 NOVEMBRE 2010 Il cantoniere di Cisterna, Roberto Massocco, ci ha portato un bel bidone

Dettagli

difendiamo i nostri figli * 20 giugno - AMDG

difendiamo i nostri figli * 20 giugno - AMDG difendiamo i nostri figli * 20 giugno - AMDG intervento di alfredo mantovano Care amiche e cari amici! una giornalista poco fa mi chiedeva di riassumere in poche parole-chiave il messaggio che il popolo

Dettagli

COMUNICATO STAMPA ROMA, 30 GENNAIO 2012

COMUNICATO STAMPA ROMA, 30 GENNAIO 2012 COMUNICATO STAMPA ROMA, 30 GENNAIO 2012 NON SOLO CONTRASTO ALL EVASIONE FISCALE E AGLI SPRECHI DI DENARO PUBBLICO. LA GUARDIA DI FINANZA È ANCHE LOTTA ALLE MAFIE, AL RICICLAGGIO DI DENARO SPORCO, ALL USURA,

Dettagli

La lunga strada per tornare a casa

La lunga strada per tornare a casa Saroo Brierley con Larry Buttrose La lunga strada per tornare a casa Traduzione di Anita Taroni Proprietà letteraria riservata Copyright Saroo Brierley 2013 2014 RCS Libri S.p.A., Milano Titolo originale

Dettagli

DECRETO LEGGE RECANTE MISURE URGENTI IN MATERIA DI SICUREZZA PUBBLICA

DECRETO LEGGE RECANTE MISURE URGENTI IN MATERIA DI SICUREZZA PUBBLICA UFFICIOSTAMPAECOMUNICAZIONE DECRETO LEGGE RECANTE MISURE URGENTI IN MATERIA DI SICUREZZA PUBBLICA Nuove norme per contrastare l immigrazione clandestina: espulsioni più facili e confisca degli appartamenti

Dettagli

Ci relazioniamo dunque siamo

Ci relazioniamo dunque siamo 7_CECCHI.N 17-03-2008 10:12 Pagina 57 CONNESSIONI Ci relazioniamo dunque siamo Curiosità e trappole dell osservatore... siete voi gli insegnanti, mi insegnate voi, come fate in questa catastrofe, con il

Dettagli

Sicurezza e cittadinanza

Sicurezza e cittadinanza Sicurezza e cittadinanza (pp. 621 681 del volume) La numerazione di tabelle, tavole e figure riproduce quella del testo integrale Aspettando il Piano carceri Ci sono voluti quattro anni dall ultimo provvedimento

Dettagli

193 ANNUALE DI FONDAZIONE DEL CORPO POLIZIA MUNICIPALE DI PARMA

193 ANNUALE DI FONDAZIONE DEL CORPO POLIZIA MUNICIPALE DI PARMA 193 ANNUALE DI FONDAZIONE DEL CORPO POLIZIA MUNICIPALE DI PARMA Consegna degli attestati di benemerenza agli appartenenti del Corpo della Polizia Municipale che si sono distinti in servizio Ispettore Debora

Dettagli

COMUNITA MONTANA ALTA VALMARECCHIA Novafeltria (RN) SERVIZIO ASSOCIATO DI POLIZIA MUNICIPALE

COMUNITA MONTANA ALTA VALMARECCHIA Novafeltria (RN) SERVIZIO ASSOCIATO DI POLIZIA MUNICIPALE COMUNITA MONTANA ALTA VALMARECCHIA Novafeltria (RN) SERVIZIO ASSOCIATO DI POLIZIA MUNICIPALE Comune di Novafeltria Comune di Talamello Comune di Maiolo QUESTIONARIO SULLA PERCEZIONE DI SICUREZZA a cura

Dettagli

SICUREZZA & FORMAZIONE

SICUREZZA & FORMAZIONE SICUREZZA & FORMAZIONE Ieri 19 dicembre 2011 a Taranto una Guardia Giurata viene uccisa durante una rapina al furgone portavalori. Oltre a manifestare il mio più profondo cordoglio alla sua famiglia, colgo

Dettagli

Paola Dell Orto presidentessa di Agedo (L Associazione di genitori di omosessuali)

Paola Dell Orto presidentessa di Agedo (L Associazione di genitori di omosessuali) Paola Dell Orto presidentessa di Agedo (L Associazione di genitori di omosessuali) Al mare, verso gli undici anni, avevo fatto amicizia con un bagnino. Una cosa innocentissima, ma mia madre mi chiedeva

Dettagli

Inizio a lavorare come consulente a questo progetto per tutto il 1997 senza nessuna copertura di contratto.

Inizio a lavorare come consulente a questo progetto per tutto il 1997 senza nessuna copertura di contratto. SINTESI VICENDA GRAPPOLINI FRIGO Fase iniziale. Frigo insieme alla figlia con il marito ed un italiano come interprete vengono in visita presso l azienda alla fine del 1996. Dopo l incontro-intervista

Dettagli

Emergenza rifugiati dalla Libia: ecco cosa (non) ha funzionato in questi due anni

Emergenza rifugiati dalla Libia: ecco cosa (non) ha funzionato in questi due anni 1) Emergenza rifugiati dalla Libia. Ecco cosa (non) ha funzionato in questi due anni di Matteo Colombo http://www.campusmultimedia.net/2013/03/27/emergenza-rifugiati-dalla-libia-ecco-cosa-non-hafunzionato-in-questi-due-anni/

Dettagli

TRIBUNALE DI MILANO RITO COLLEGIALE SEZIONE VIII PENALE DOTT.SSA BALZAROTTI MARIA LUISA VERBALE DI UDIENZA REDATTO IN FORMA STENOTIPICA

TRIBUNALE DI MILANO RITO COLLEGIALE SEZIONE VIII PENALE DOTT.SSA BALZAROTTI MARIA LUISA VERBALE DI UDIENZA REDATTO IN FORMA STENOTIPICA TRIBUNALE DI MILANO RITO COLLEGIALE SEZIONE VIII PENALE DOTT.SSA BALZAROTTI MARIA LUISA DOTT.SSA GRECO VINCENZINA DOTT.SSA SPERETTA MARIALILLIA Presidente Giudice a latere Giudice a latere VERBALE DI UDIENZA

Dettagli

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ Tra le modifiche introdotte nell agosto 2010 all art. 186, C.d.S., vi è anche l inserimento del nuovo comma 9 bis, che prevede l applicazione del lavoro

Dettagli

Sequestro Confisca Lavoro: conversazione sulla legalità alla presenza del Ministro Alfano

Sequestro Confisca Lavoro: conversazione sulla legalità alla presenza del Ministro Alfano Sequestro Confisca Lavoro: conversazione sulla legalità alla presenza del Ministro Alfano Il convegno, svoltosi ad Acireale il 27 febbraio 2015 per iniziativa della Diocesi di Acireale assieme alla Associazione

Dettagli

Ernesto Riggi POI VENNE L AURORA

Ernesto Riggi POI VENNE L AURORA Poi venne l aurora Ernesto Riggi POI VENNE L AURORA Romanzo www.booksprintedizioni.it Copyright 2014 Ernesto Riggi Tutti i diritti riservati A tutti i giovani coraggiosi, capaci di lottare pur di realizzare

Dettagli

SERVIZIO RESOCONTI. MISSIONE IN CASERTA 12 maggio 2010 PRESIDENZA DEL VICEPRESIDENTE VINCENZO DE LUCA. La seduta inizia alle 18.45.

SERVIZIO RESOCONTI. MISSIONE IN CASERTA 12 maggio 2010 PRESIDENZA DEL VICEPRESIDENTE VINCENZO DE LUCA. La seduta inizia alle 18.45. 1/6 MISSIONE IN CASERTA 12 maggio 2010 PRESIDENZA DEL VICEPRESIDENTE VINCENZO DE LUCA La seduta inizia alle 18.45. PRESIDENTE. Vi ringrazio di essere qui. Noi siamo a Caserta già da un po di tempo, in

Dettagli

FACELESS VOICEOVER (Manu Luksch & Mukul Patel 2007) (Un Nuovo Tempo la Nuova Macchina tra cui continua un sogno singolare.)

FACELESS VOICEOVER (Manu Luksch & Mukul Patel 2007) (Un Nuovo Tempo la Nuova Macchina tra cui continua un sogno singolare.) FACELESS VOICEOVER (Manu Luksch & Mukul Patel 2007) (Un Nuovo Tempo la Nuova Macchina tra cui continua un sogno singolare.) Questa è la storia di una donna perseguitata da un eco di una memoria, un sogno

Dettagli

PROVINCIA NELL AMBITO DELLA DISCIPLINA STRADALE ANNO 2008

PROVINCIA NELL AMBITO DELLA DISCIPLINA STRADALE ANNO 2008 STATO DI SERVIZIO DELLE FORZE DELL ORDINE NELLA CITTÀ DI MILANO E NELLA PROVINCIA NELL AMBITO DELLA DISCIPLINA STRADALE ANNO 2008 COMPARTIMENTO DELLA POLIZIA STRADALE PER LA LOMBARDIA L attività svolta

Dettagli

Cota: Lamiagiunta. Èl oradiresistere. Tosi accorre da Verona e attacca la magistratura

Cota: Lamiagiunta. Èl oradiresistere. Tosi accorre da Verona e attacca la magistratura Cota: Lamiagiunta nontraballa Èl oradiresistere Tosi accorre da Verona e attacca la magistratura Retroscena «La mia giunta non traballa. Nei m o m e n t i difficili bisogna saper resistere». Roberto Cota,

Dettagli

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale della Campania. (Sezione Quinta) SENTENZA

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale della Campania. (Sezione Quinta) SENTENZA N. 04045/2014 REG.PROV.COLL. N. 03024/2006 REG.RIC. R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale Amministrativo Regionale della Campania (Sezione Quinta) ha pronunciato

Dettagli

PROPOSTA DI INCHIESTA PARLAMENTARE

PROPOSTA DI INCHIESTA PARLAMENTARE SENATO DELLA REPUBBLICA XVII LEGISLATURA Doc. XXII n. 16 PROPOSTA DI INCHIESTA PARLAMENTARE d iniziativa della senatrice RICCHIUTI COMUNICATO ALLA PRESIDENZA IL 4 GIUGNO 2014 Istituzione di una Commissione

Dettagli

Prefettura di Verona Ufficio territoriale del Governo

Prefettura di Verona Ufficio territoriale del Governo VADEMECUM PER LA SICUREZZA FARMACIE PREMESSA Le rivendite di farmaci e di presidi sanitari, in quanto esercizi che movimentano quotidianamente consistenti volumi di denaro contante, costituiscono obiettivi

Dettagli

C U R R I C U L U M V I T A E

C U R R I C U L U M V I T A E C U R R I C U L U M V I T A E Dati anagrafici: CALARESU Antonio, nato a Roma il 13.9.57, Sostituto Procuratore della Repubblica di Roma ( antonio.calaresu@giustizia.it; cellulare 366 6588781, 0638703664

Dettagli

Questo è l ICAM, sembra tutto fuorché un carcere. La giovane responsabile è l ispettore Stefania Conte.

Questo è l ICAM, sembra tutto fuorché un carcere. La giovane responsabile è l ispettore Stefania Conte. FRANCESCA CORSO di Edoardo Di Lorenzo FRANCESCA CORSO FONDATRICE Ho lavorato come assistente sociale al carcere di San Vittore e ho trovato dei bambini carcerati assieme alle mamme in un regime carcerario

Dettagli

Progetto accoglienza

Progetto accoglienza ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE LUIGI EINAUDI Direzione e uffici: Via Mazenta, 51 20013 Magenta (Mi) codice fiscale n. 93035720155 e-mail: miis09100v@istruzione.it Posta Elettronica Certificata miis09100v@pec.istruzione.it

Dettagli

L idea dunque di ritrovarsi dei tutori, per di più sconosciuti, anche in vacanza, non era il massimo. Carlo però ci aveva subito tranquillizzati, ci

L idea dunque di ritrovarsi dei tutori, per di più sconosciuti, anche in vacanza, non era il massimo. Carlo però ci aveva subito tranquillizzati, ci CAPITOLO 1 La donna della mia vita Oggi a un matrimonio ho conosciuto una donna fantastica, speciale. Vive a Palermo, ma appena se ne sente la cadenza, adora gli animali, cani e cavalli soprattutto, ma

Dettagli

Guardia di Finanza Comando Regionale Lombardia

Guardia di Finanza Comando Regionale Lombardia Guardia di Finanza Comando Regionale Lombardia Ufficio Operazioni Sezione Stampa e Relazioni Esterne Milano, 5 febbraio 2014 LA GUARDIA DI FINANZA IN LOMBARDIA BILANCIO 2013 Nel 2013 la Guardia di Finanza

Dettagli

PROCEDIMENTO PENALE n. 2057/02 R.G.N.R. 4322/03 R.G. TRIB. a carico di V.S. + 1 (rito ordinario)

PROCEDIMENTO PENALE n. 2057/02 R.G.N.R. 4322/03 R.G. TRIB. a carico di V.S. + 1 (rito ordinario) Giugliano 5, 2001-02 PROCEDIMENTO PENALE n. 2057/02 R.G.N.R. 4322/03 R.G. TRIB. a carico di V.S. + 1 (rito ordinario) 1. Dati identificativi del procedimento. - Numeri di registro:2057/02 R.G.N.R. 4322/03

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE PER GIUDICI, PUBBLICI MINISTERI E OPERATORI DI POLIZIA GIUDIZIARIA

CORSO DI FORMAZIONE PER GIUDICI, PUBBLICI MINISTERI E OPERATORI DI POLIZIA GIUDIZIARIA CORSO DI FORMAZIONE PER GIUDICI, PUBBLICI MINISTERI E OPERATORI DI POLIZIA GIUDIZIARIA Tirana 5-16 Marzo 2007 Ministria e Drejtësisë Cooperazione Italiana Shkolla e Magjistraturës 1 2 PRIMA SETTIMANA 5-9

Dettagli

ASSICURAZIONI AUTO ON-LINE

ASSICURAZIONI AUTO ON-LINE ASSICURAZIONI AUTO ON-LINE Controllare su: http://www.6sicuro.it/ fa un preventivo multiplo (diverse assicurazioni). Le assicurazioni on line hanno dietro le grandi compagnie.io ho avuto Genial Lloyd (RAS),

Dettagli

Seminario Fiom-Cgil: Riprendere il cammino dello sviluppo si può: serve una. vera Europa sociale ed un altra politica industriale

Seminario Fiom-Cgil: Riprendere il cammino dello sviluppo si può: serve una. vera Europa sociale ed un altra politica industriale Seminario Fiom-Cgil: Riprendere il cammino dello sviluppo si può: serve una vera Europa sociale ed un altra politica industriale Roma Camera dei Deputati 14 Gennaio 2015 Maurizio LANDINI segretario generale

Dettagli

Perché non ho provato

Perché non ho provato Elena Colella Perché non ho provato Sin dai primi giorni, l arrivo di Esther mise sottosopra l intero quartiere. Esther, 30 anni circa. Jeans aderenti e stivali neri in pelle. Maglie scure aderenti. Carnagione

Dettagli

Mai così tanti in carcere nella storia dell Italia Repubblicana

Mai così tanti in carcere nella storia dell Italia Repubblicana Mai così tanti in carcere nella storia dell Italia Repubblicana Popolazione detenuta 1990 29133 1991 35469 1992 47316 1993 50348 1994 51165 1995 46908 1996 47709 1997 48495 1998 47811 1999 51814 2000 53165

Dettagli

Città di Bra Corpo Polizia Municipale

Città di Bra Corpo Polizia Municipale San Sebastiano 2013 Conferenza Stampa Attività Operativa POLIZIA MUNICIPALE Anno 2012 Bra, 17 gennaio 2013 . Controllo del territorio 1.315 servizi di pattugliamento diurno per un totale di 8.056 ore;

Dettagli

RACCONTO TRATTO DAL LIBRO. DONNE CHE RACCONTANO IL LAVORO a cura di

RACCONTO TRATTO DAL LIBRO. DONNE CHE RACCONTANO IL LAVORO a cura di RACCONTO TRATTO DAL LIBRO DONNE CHE RACCONTANO IL LAVORO a cura di Roberta Griffini, Francesca Matichecchia, Debora Roversi, Marzia Tanzini Disegno di Pat Carra Filcams Cgil Milano Margherita impiegata

Dettagli

redditizia della criminalità organizzata, il tentativo di stroncarla è ancora in fase di estenuante lavoro, aggravato anche dalle complicità e

redditizia della criminalità organizzata, il tentativo di stroncarla è ancora in fase di estenuante lavoro, aggravato anche dalle complicità e LA DROGA La diffusione del fenomeno droga ha assunto dimensioni allarmanti. Quali le cause di questo gravissimo male della società moderna? Quali possibili rimedi? Bisogna considerare il drogato un reo

Dettagli

DICHIARAZIONE DI VOTO FINALE DELL ON. ANTONIO MAROTTA

DICHIARAZIONE DI VOTO FINALE DELL ON. ANTONIO MAROTTA a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Forza Italia - Il Popolo della Libertà - Berlusconi Presidente 738 DICHIARAZIONE DI VOTO FINALE DELL ON. ANTONIO Disposizioni urgenti in materia

Dettagli

LO SPRECO DI ALCUNE. SCORTe

LO SPRECO DI ALCUNE. SCORTe LO SPRECO DI ALCUNE SCORTe 10-GIU-2014 pagina 21 foglio 1 / 2 10 GIUGNO 2014 In Italia utilizzati quasi tremila uomini e 1500 auto (come in nessun altro Paese del mondo), ma ci sono ancora troppe assegnazioni

Dettagli

Giustizia & Sentenze Il commento alle principali sentenze

Giustizia & Sentenze Il commento alle principali sentenze Giustizia & Sentenze Il commento alle principali sentenze N. 70 31.10.2013 Frode fiscale. Sequestro della casa coniugale La casa coniugale è sequestrabile anche se è stata assegnata alla moglie dell indagato

Dettagli

IPNOTICA DOMENICA un racconto horror-splatter-sentimentale di marco montanaro ***

IPNOTICA DOMENICA un racconto horror-splatter-sentimentale di marco montanaro *** IPNOTICA DOMENICA un racconto horror-splatter-sentimentale di marco montanaro *** Dormi. Lo ricordavo bene il tuo sonno: fragile e immobile di notte, inquieto e sfuggente al mattino. Ho messo su il disco

Dettagli

Logopedia in musica e. canzoni

Logopedia in musica e. canzoni Logopedia in musica e canzoni Un Lavoro di Gruppo, Giugno 2013 INTRODUZIONE Siamo un gruppo di persone, chi ricoverato in Degenza e chi in Day Hospital, del Presidio Ausiliatrice-don Gnocchi di Torino

Dettagli

LEGITTIMA DIFESA. Testi a cura di: Fulvio Rossi Ex Magistrato Ideatore della Palestra dei Diritti e dei corsi di Democrazia di Genere

LEGITTIMA DIFESA. Testi a cura di: Fulvio Rossi Ex Magistrato Ideatore della Palestra dei Diritti e dei corsi di Democrazia di Genere LEGITTIMA DIFESA Testi a cura di: Fulvio Rossi Ex Magistrato Ideatore della Palestra dei Diritti e dei corsi di Democrazia di Genere Torino aprile 2013 LEGITTIMA DIFESA La legittima difesa, come disciplinata

Dettagli

Sala Consilina, 20 settembre 2013 Prot. n. 13249/2013

Sala Consilina, 20 settembre 2013 Prot. n. 13249/2013 Sala Consilina, 20 settembre 2013 Prot. n. 13249/2013 E, P.C. EGREGIO DOTT. MATTEO CLAUDIO ZARRELLA PRESIDENTE DEL TRIBUNALE DI LAGONEGRO Via Lagonegro - 85042 LAGONEGRO (Pz) Trasmissione al telefax 0973.2333115

Dettagli

DOLCI RICORDI - Adattamento e riduzione -

DOLCI RICORDI - Adattamento e riduzione - PROVA DI ITALIANO DOLCI RICORDI - Adattamento e riduzione - Molti anni fa vivevo con la mia famiglia in un paese di montagna. Mio padre faceva il medico, ma guadagnava poco perché i suoi malati erano poveri

Dettagli

IL CASO LUCA DELFINO 2005-2007

IL CASO LUCA DELFINO 2005-2007 IL CASO LUCA DELFINO 2005-2007 1 MARIA ANTONIA MULTARI Nasce l 11.08.1974 ad Oppido Mamertina (RC) e vive a Dolceacqua (IM). La sua famiglia, composta dalla madre e dal padre, risiede a Ventimiglia. 2

Dettagli

Solo le montagne non s incontrano mai

Solo le montagne non s incontrano mai Laura Boldrini Solo le montagne non s incontrano mai Storia di Murayo e dei suoi due padri Rizzoli Proprietà letteraria riservata 2013 RCS Libri S.p.A., Milano ISBN 978-88-17-06364-7 Prima edizione: marzo

Dettagli

GUARDIA DI FINANZA. Nucleo Polizia Tributaria Roma G.I.C.O. PROCURA DELLA REPUBBLICA PRESSO IL TRIBUNALE DI NAPOLI DIREZIONE DISTRETTUALE ANTIMAFIA

GUARDIA DI FINANZA. Nucleo Polizia Tributaria Roma G.I.C.O. PROCURA DELLA REPUBBLICA PRESSO IL TRIBUNALE DI NAPOLI DIREZIONE DISTRETTUALE ANTIMAFIA PROCURA DELLA REPUBBLICA PRESSO IL TRIBUNALE DI NAPOLI DIREZIONE DISTRETTUALE ANTIMAFIA MODUS OPERANDI LE CONDOTTE ILLECITE Imprenditori diretta espressione del clan dei casalesi; Costituzione di società

Dettagli

Politiche sociali per le famiglie. Stefania Mazza 25 marzo 2015

Politiche sociali per le famiglie. Stefania Mazza 25 marzo 2015 Politiche sociali per le famiglie Stefania Mazza 25 marzo 2015 La legge ordinaria legge 26 luglio 1975 n. 354 Norme sull Ordinamento penitenziario e sulla esecuzione delle misure privative e limitative

Dettagli

CHE FARE IN CASO DI INCIDENTE? COME FARSI RISARCIRE IL GIUSTO?

CHE FARE IN CASO DI INCIDENTE? COME FARSI RISARCIRE IL GIUSTO? CHE FARE IN CASO DI INCIDENTE? COME FARSI RISARCIRE IL GIUSTO? Capita di rado, ma quando capita non sai mai cosa fare ed hai paura di sbagliare. A volte ti addossano la responsabilità di sinistri di cui

Dettagli

Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript

Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript 2013 H I G H E R S C H O O L C E R T I F I C A T E E X A M I N A T I O N Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript Familiarisation Text SILVIO: FLAVIA: SILVIO: FLAVIA: SILVIO:

Dettagli