George Frideric Handel. Reduction. From the Deutsche Händelgesellschaft Edition Edited by Frideric Chrysander

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "George Frideric Handel. Reduction. From the Deutsche Händelgesellschaft Edition Edited by Frideric Chrysander"

Transcript

1 Gorg Fdc Hndl GIULIO CESARE 1724 Rduction From th Dutsch Händlgsllschft Etion Etd by Fdc Chrysndr Copyght Nis Scux. Licnsd undr th Ctiv Commons Attbution 3.0 Licns

2 2

3 3 INDICE 0-1 OUVERTURE 5 At Pmo Scn I 1-1 Coro. Viv il st Alcid 1-2 CESARE. A. Psti o l Egizi trr Scn II 1-4 Rcit. Scn III 1- CESARE. A. Empio, rò, tu si, gliti Scn IV 1-8 CORNELIA. A. Pv son d ogni nfor, pur spm 1-10 SESTO. A. Svglitvi nl, fu d un lm offs Scn V 1-12 CLEOPATRA. A. Non sprr; chi sà? s l g Scn VI 1-14 TOLOMEO. A. L mpio, s, indg vor Scn VII 1-15 CESARE. Rcit. Alm dl grn Pompo 1-17 CESARE. A. Non è si vgo bllo il fior nl pr 1-19 CLEOPATRA. A. Tut può donn vzzos, s moros Scn VIII 1-21 CORNELIA. Aoso. Nl tuo s, ssso 1-23 SESTO. A. Cr spm, qus tu nci lusingr 1-25 CLEOPATRA. A. Tu stl si, mbi sprnz Scn IX 1-27 CESARE. A. V tci nss, qund vido Scn X 1-28 Rcit. Scn XI 1-30 ACHILLA. A. Tu si il r qus 1-32 SESTO. Dut. Son n sospirr, il dolc CORNELIA. Son nt gmr, il dolc At Sndo Scn I 2-1 Rcit. Scn II 2-3 SINFONIA. 2- CLEOPATRA. A. V doro, pupil, stt d Amo 2-8 CESARE. A. S in fio m pr Scn III 2-9 CORNELIA. Aoso. Dh, pingt, oh msti lu Scn IV 2-12 ACHILLA. A. S m si crud, ogn or 2-14 TOLOMEO. A. Sì spitt, il tuo go svgli Scn V 2-15 Rcit. Scn VI 2-17 CORNELIA. A. Css o sospir! è smp 2-19 SESTO. A. L ngu offso pos Scn VII 2-21 CLEOPATRA. A. Vn bl, pr un istnt, dh Scn VIII 2-24 CESARE. A. Al mpo dll r qust lm gurr 2-25 CLEOPATRA. Rcit. Ch sn? oh Dio! 2-2 CLEOPATRA. A. S pità m snti, gius cil Scn IX

4 TOLOMEO. Aoso. Bl d qus Scn X 2-29 Rcit. Scn XI 2-31 SESTO. A. L ur ch spir tirn firo At Trzo Scn I 3-2 ACHILLA. A. Dl fulgor qust spd Scn II 3-3 SINFONIA. 3-5 TOLOMEO. A. Domrò tu fizz ch il o tro Scn III 3-7 CLEOPATRA. A. Pingrò sort, si crud Scn IV 3-8 CESARE. Rcit. Dll ondoso pglio slvo 3-9 CESARE. A. Au, dh, pr pità spirt Scn V 3-12 CESARE. A. Qul rnt ch cd dl mont Scn VI 3-14 SESTO. A. L giustizi h già sull r Scn VII 3-15 CLEOPATRA. Rcit. Voi, ch fid ncl 3-17 CLEOPATRA. A. D tmpst il g infrn Scn VIII 3-18 Rcit. Scn IX 3-20 CORNELIA. A. Non h più ch tm qust lm Scn Ultim 3-21 SINFONIA CLEOPATRA. Dut. Cro! più mbi bltà 3-25 CESARE. Coro. Bl! più mbi bltà Rirni o nl stro

5 OUVERTURE Algro. 47

6 ATTO PRIMO SCENA I 1-1 CORO Vi v, vi v il stro Al ci d! Vi v, vi v il stro Al ci d! 8 Vi Vi v, v, vi vi v v stro Al il il stro Al ci ci d! d!

7 ATTO PRIMO, SCENA I. 7 2 go d, go d, go d il Ni lo in qu s go d, go d, go d il Ni lo in qu s 8 go go d, d, go go d, d, go go d il d il Ni Ni lo in lo in qu qu s s 32 dì! O gni spig gi dì! O gni spig gi 8 dì! dì! O O gni gni spig spig gi gi

8 8 GIULIO CESARE, REDUCTION 39 pr pr lui lui d, d, o o gni f gni f fn fn già già sp sp rì; rì; 8 pr pr lui lui d, d, o o gni f gni f fn fn già già sp sp rì; rì; 4 o gni spig gi pr lui 8 o o o gni gni gni spig spig spig gi gi gi pr pr lui pr lui lui

9 ATTO PRIMO, SCENA I d, d, o o - gni f gni f fn fn già già sp sp rì. rì. 8 d, d, o o gni f gni f fn fn già già sp sp rì. rì. 58

10 GIULIO CESARE, REDUCTION CESARE. Psti o l'egizi trr CESARE. stcc. 4 zi sti o 8 gi r, P p tr zi gi tr l E m i r, l E su m l pl 12 pl vin r, su ci pl su m, 15 su m,

11 11 ATTO PRIMO, SCENA I. m p p sti o 18 zi gi l E r tr pl i f f r, ci m l vin su pl 22 m, su pl p f f 25 su pl r, ci m l su m, vin pl f m, 28 su p gi l E tr zi sti o 31 pl su r m l r, ci p pl vin

12 GIULIO CESARE, REDUCTION su r sti o pl l E 39 m l r, m, ci tr vin zi gi p p r; ci 43 su pl m l su pl su f m, vin 47 vin f r! ci m l pl 51

13 13 ATTO PRIMO, SCENA II. 1-3 Rcittivo. s; già sn vin fit Pom s vn Cu CESARE o, C vi d, n, git d E Rè. l stuo lo 4 CURIO Si quì, Tu r pr o p vn in suoi d lo r gur zr for n vr chi i sn Mà m. 7 vi n? sti tm pun po p gr, g giun nir v tr, p SCENA II 1-4 Rcittivo. s C t? l l o p sor n t po tm st un s, qu n Cor li. st è CESARE Qu n dl Pom sor Oh CURIO t! T hn gli D tu. vi so il i gi og br li d. t 5 c m Ro già è CORNELIA gr, Si 2 4 C go v cil, li il CESARE D il s do. mon lor è d ch g g 9 g, do pon Gio dl b l or grnd

14 14 GIULIO CESARE, REDUCTION C s tmpio, C ch chi, ozio l fin, s b brc ci, grn gr m d ozio l dstr! sti Sci pio ni, l t Cor n li? Virtù d grn l r dor Mr t stin ; CORNELIA D p c ll r! è il prdonr offs; si vin ci r dl vinci SESTO Do n l st l vn g Pomp o, il vin. SCENA III 1-5 Rcittivo. 4 ACHILLA d 9 L t li Rg gi un tbut o To lo d do rr ti im. tro o t of f in l gr go, CESARE Ciò ch To m o c cl so ro, lo off l l m pr tuo gl p, in p g d st d su f d po so, qu st in do qun può C s ggrd. dl grn Pom p ACHILLA o Ac ciò l I suprb 13 tst bs l gl tro off l tuo pid. (U dgli Egizii sv il bci, sopr il squ si il cpo tron Pompo.) CESARE Giulio, ch? SESTO Oh Dio! ch

15 ATTO PRIMO, SCENA III vg gio? CORNELIA Ahi ss! 4 2 n sort! o t soro! CURIO CORNELIA Grnd rr! To lo mo, brbro tr 22 r!, io mn io (Si svin.) mo ro... CESARE Cu o, sù por gi (Cs ping.) i t Corn li, ch n gu! CURIO Ch sr go? Oh 2 stl! il o bl so sn gu? ACHILLA (Qu st è Cor n li? Oh ch bltà! ch vol!) SESTO P d! Pom 30 o! gnitc! blim l suo c n p +4 2 Oh Di --o! CESARE Pr dr ur n su il lust, srb si si bil 34 tschio. ACHILLA Oh Di! CESARE E tu invo ti, prti! Al tuo sig, ch l o p d gi, sin bn, o 39 ml, SESTO son smp smpio. Ch è Rè, chi è Rè fllon, chi è un mpio. ACHILLA C s, fn 43 l i... CESARE Vn n! vr rò l g gi p ch og gi il so tr tr mon si vg gi.

16 GIULIO CESARE, REDUCTION 1 1- CESARE. Empio, rò, tu si, gliti Algro. CESARE. 4 7 chi tà, gli ti i, glioc 10 si si dl cru Em tut si, pio, tu rò, tà, 13 cru dl tut

17 ATTO PRIMO, SCENA III si tut cru dltà; f 19 m pio, rò, p tu si, m pio, rò, tu si, 22 gliti gliocchi i, si tut cru dl tà, 25 si tut cru dl tà; 28 m pio, rò, tu si, gliti gli chi i,

18 GIULIO CESARE, REDUCTION 18 m tà, dl 31 pio, tu rò, tut cru si, si cru 34 dl tut si cru 37 tà, f si tut tà. dl Fin. 40 è qul d Rè 43 gor, r, Non ch Rè qul r, ch n si l è d do

19 19 ATTO PRIMO, SCENA III. pi h ch in sn 4 tà, n h gor, pi tà, do sn si l ch in d è 49 Rè r, qul ch h tà, pi ch in sn do h tà, 52 gor, ch in sn n si l pi D Cpo. tà. pi ch in 55 sn h

20 GIULIO CESARE, REDUCTION 20 SCENA IV 1-7 Rcittivo. d vi r n st! g +4 2 qust l h! vo r Già CURIO s. n in n Cor Oh CORNELIA li! SESTO M CURIO d! m! tn vn in (Vuol rpi spd dl fin Ss pr isvnrsi, Cuo frsrn.) dl CURIO Fr gu sn in tin ti gr sn. 5 o r, il m l l d c ci ro ci r, d ti s spo do t r vn d, si gr t g, vi il s fr ro. 9 Cu ch n o, qul pour n t? CUR. Sì. CORNELIA s Spo Tu SESTO si! n CORNELIA Am ti mu cr s ti 13 d. su n sp prà o, p Pom tn 17 li, n m b s Cor CURIO si? ; sol r m in rò l sp tuo bor pr, vo mo giu mr (prt.) qu sc 21 ti. str! ti, r M SESTO rà d! CORNELIA s Vi m tu f 25 ro spo C so, z il SESTO sn d, io ch trà c d? z il squ sn s p Or

21 ATTO PRIMO, SCENA IV CORNELIA. Pv son d'ogni nfor, pur spm CORNELIA. Lrgo Pv son d ogni nfor, pur sp m mo pr m m s 11 r v è, nò, v è, pv son dó gni n for, pur sp m mo r 24 pr m s r vè, pr m s r v è, nò, v è, pr m s r v è. 37 Fin. Il o r, d pn s sor, è già 49 stn sof f, mo r si ni g m, mo r si ni g m,

22 22 GIULIO CESARE, REDUCTION 0 mo r si ni g m, mo r si ni g m, mo r si nig m. D Cpo. 1-9 Rcittivo. SESTO. V ni so i mn ti; è tm po, oh S s, o vn cr il p d; si 4 sv gli l vn dt t l ni m n ghit s, ch of f s d un ti rn in vn po s SESTO. Svglitvi nl, fu d'un lm offs SESTO. 4

23 ATTO PRIMO, SCENA IV Sv gli t vi nl p, fu d un l m of f s, fr d un tr 10 r spr vn dt t! sv gli t vi, sv gli t vi nl 13, fu d un l m of f s, fr d un tr r s pr vn dt 1 sv gli tvi, sv gli tvi, t, sv gli t vi nl 19, fu d un l m of f s, sv gli t vi nl, fu d un lm of

24 24 GIULIO CESARE, REDUCTION 22 f s, fr d un tr r, d un tr r s spr vn dt 25 t, fr d un tr r, fr d un tr r, d un tr 28 r s pr vndt t! f 32 Fin Lrgo L om br dl g ni c r f s

25 25 ATTO PRIMO, SCENA IV. l om 42 dl br t il gor, c: spt si t; glio, fi fi t il r c: 50 g gor, cc f s, glio, ni fi si 57 D Cpo. glio, gor, fi t, t. spt si sp t il glio,

26 GIULIO CESARE, REDUCTION 2 SCENA V 1-11 Rcittivo. bo r do lo po Ar r cn s qu ro Si su gni CLEOPATRA R tr; p Co r po l d gio in sg o sol, pt h r su giu st qu tro l vr, bn cr s ; do d fi i voi sù, chi fi tr ch? vn sti Ch CLEOPATRA ti! lo To fè il mo NIRENO? cr Tron str 11 f n tr d n, i fu in (ntr Ni.) d. R NIRENO! ch p stui p CLEOPATRA Stl o. lir st Pr si l por NIRENO t? po... c Ohi CLEOPATRA bi 1 NIRENO Pom grn Dl mè! chi? mn gli NIRENO dò? CLEOPATRA... Ch. vol L s m ni so C glio 20 do frà vol ni in mn s dò s tn d st; C l, Ni tu, t sol son tr por CLEOPATRA Sù, ti pr 24, qui tu fi i t o? p Non CLEOPATRA To rà m ch lo m do gur tr; l 29 glio, f c l vn gli sr Ch NIRENO t., vi sr

27 ATTO PRIMO, SCENA V cpo Pom p o, C s o bligh rò; in v spir l tro, gli è il gr m, 39 gin (ntr Tolomo.) io so. TOLOMEO Tu gnr p tn, donn suprb l tr? CLEOPATRA Io ciò ch è o ntndo; 44 ro n do vu t l fron t st giu mn t p tn do. TOLOMEO Vn n, r n o, fol, qul donn è 48 l u so, sct tro in v c trt tr l go, il fu so! CLEOPATRA An zi tu pur, f f n 52 mnt, v, dll tà +4 2 su i p nti l bo, g in v c l tivrgli mo!

28 GIULIO CESARE, REDUCTION CLEOPATRA. Non sprr; chi sà? s l g Algro, mà troppo. p CLEOPATRA. p f 5 po piùf piùf v p t in sor vr l i, 10 mor sp sp Non rr, g chi rr; s l sà? sor t in v, l v 14 mor, s l g 18 mor, v t in sor f f sà? chi sà? chi

29 ATTO PRIMO, SCENA V Non sprr, chi sà? s l g l v, v sor t in mor, 27 v sor t in mor, p sprr, sp rr; chi sà? s l g l 32 v, v sor t in mor, s l g l v, v sort in mor, v sort in mor, chi 37 sà? v sort in mor, v sort in 42 mor. f Fin.

30 30 Mi rn do u n bl tà in GIULIO CESARE, REDUCTION s s tro vr n so un r, n so r 51 un r, n so r un r, in 55 s s tro vr n so r un r, n so r un r. D Cpo. SCENA VI 1-13 Rcittivo. ACHILLA Si, Si TOLOMEO gr! A chil, m fù il c po tron d C s gr 4? 7 ACHILLA TOLOMEO ACHILLA Sdgnò l opr. Ch sn? T ccusò d ins ACHILLA Il pr, m? o n si glio p pn, oh To lo m o! TOLOMEO troppo r. Tnt o s un vil Ro vr rà C s in

31 31 ATTO PRIMO, SCENA VI. Pom o. TOLOMEO Chi m c dè 10 n dur l im rà vn r dt tu p d c stui, t; t in pi gio bo pr su l 13 s d, Pom Io ACHILLA m pro ti po s? p il dr stin ti sti vo r n TOLOMEO È tn v g? 1 d. c in o m il p mo gli tuo, tuo n il A 19 glio si è ACHILLA L c n, l g im vol g? pi TOLOMEO l bl s r Muo 22, muo r, po l vn n, ; stl il c C poi s, n. (prt Achil.) r pn s Ro m, op ps lui, li b 25 stn dl t r d so piè go. ro sio o più ch g si mor sp d. 28 t o z l lui fr mz v d,

32 GIULIO CESARE, REDUCTION TOLOMEO. L'mpio, s, indg vor Algro, stcc. 8 3 TOLOMEO. pio, 7, g, d in L m s g, il vor 15 br, L m stur pir r in, g d pio, s stur br br stur 23 sì, f ; 30 p sì c pio,, in l m s

33 33 ATTO PRIMO, SCENA VI. p c r il pir 38 g ; sì br d stur vor g, s, d in pir vor 45 g p s l m l m, il pio, g, pio, r br stur 52 p Adgio. sì c 1 Fin.. f m m ch in p t, tr m m ch in tr Mà p vi pur d pr t,

34 GIULIO CESARE, REDUCTION 34 si f r do vi t d suo 74 pr mà d pur ; dll tr ch in m 80 m dll vi vi t p t, r do suo f d 8 D Cpo. si! SCENA VII 1-15 CESARE. Alm dl grn Pompo CESARE. Lrgo.

35 35 ATTO PRIMO, SCENA VII. r nr c ch l o, p 4 vi in suo d in grn m Pom dl Al dzz, grn f i om br i, Co br om un si. tu tro +4 2 tuoi 9 sì om, fur si br gi t g bil cu vo oc un pò vi sol gi og in gur do in mon r, tr 14 n fi chi. J n l m s u f il n so. ss è un r, tr fi il v n ur un pol r. sr 18 piò è ci (hi ci pn il s so!) scu Tl 23 strug fio, m un sof for ti ti vi r s Mi un g fi t! è 7 tuo frl! st qun oh.

36 GIULIO CESARE, REDUCTION Rcittivo. m. Ro pur. CESARE si s Tr CLEOPATRA g Sn CURIO (ntr.) vn C l chi nr chi d bi Quì zl don Li p sr io o C vo 5 cil m p il sot t; d E n git mà gl pllo, tr, stuol d bil sn gu z bl n. t CESARE (Qun 10 t d un z bin sm sol gli, br lo To mo tu for ro u b r, p sur vol z, Li gi og 14 qust l rò ch lo si o rn ti n!) u m lo To li n spz? Cor (S CURIO A f flit, t, 18 vol m l bl si in vn vn ti l Ro m g ti spt tuo chig m, CLEOPATRA (s'ingicchi vnti Cs, c pigndo.) st,.) giu t pin gio in, don t zl 22 d o v b r Di o! zi. (Oh CESARE sti (Cs v d trr Coptr.) r!) n tu Sfor n m in mo tu rò sor t. bi li 25 bl (Ch r in t, gio dg tr por là st og gi

37 ATTO PRIMO, SCENA VII cn!) CURIO (Ch bl sn!) CLEOPATRA Si gr, i tuoi f vo gn qust l m. CESARE E tu chio m i 1-17 CESARE. Non è si vgo bllo il fior nl pr Algro.. 4 Non è si v go bl lo il fior nl pr 7, qunt è v go gn ti il tuo bl vol ; è si v go bl lo il fior nl pr 11, qunt è v go gn ti il tuo bl vol ; f

38 GIULIO CESARE, REDUCTION 38 si bl è il nl pr 15 v lo fior go è v ti v qunt è qunt gn 19 è v, gn qunt go gn go go ti, ; il tuo vol bl tuo f gn. ti il 23 vol, bl ti il bl vol tuo v go qunt è, 27 Fin. v lo fio vin tut gio qul, p mà so go A d p un D un mà, il lo

39 34 tut un v go Ap è in t ATTO PRIMO, SCENA VII. rcl, è in t rc l. p Non è si v 39 go D Cpo Rcittivo. NIRENO Co p tr, vin c, già C s il, t bu t o l tuo 4 vol, mor tind, tut il suo vo r d t pnd. CLEOPATRA Chrchi pur To lo m o n mpità 8 r vi dl tro, ch m d vi g frà il Nu m d mor b ni g do.

40 GIULIO CESARE, REDUCTION CLEOPATRA. Tut può donn vzzos, s'moros f Algro 8 3 CLEOPATRA. p p 8 p zo vz s, don può n 1 tut, f Tut n può tut, p 25 scio ro mo s vz zo s, don s gur do, tut gi bro, o gli il r il n vz zo può don mo 35 s s, f, tut tut p tut,

41 ATTO PRIMO, SCENA VII ro s sciogli il bro, o gi r il gur do, s mo ro s 51 scio gli il bro, scio gli il bro, o gi p r il gur do; f f 58 tut, tut può don n vz zo s, s mo ro s 7 sciogli il p bro, o gi r il gur do, sciogli il 75 bro, o gi r il gur p do,

42 GIULIO CESARE, REDUCTION bro, o scio gli il gi r il gur gur r il gi 91 f gli il do. Adgio. bro, o do, scio f 99 p Fin. O p g un pi 107 gni po l v h ft 11 c il qul ch sc s p, pt, s ft

43 ATTO PRIMO, SCENA VII dr do, o gni l po pi g un pt, s ft v h 132 qul ch sc c il dr do, s ft v h qul ch sc c il dr do. D Cpo Rcittivo. NIRENO Fr m Coptr; os srv, qul fn do t n grv psso cmoso ciglio qui vi si port. CLEOPATRA Al portmn, l vol donn vulgr sm br; ossrvimo in sprt cgion dl suo duolo. (Si tir.)

44 GIULIO CESARE, REDUCTION 44 SCENA VIII 1-21 CORNELIA. Nl tuo s, ssso Lrgo, stcc. CORNELIA. Nl 4, tuo s p so, ss 7 st p s ro, t so 10 s, so, tuo il p pol nl o ss t il st ro, pol s 13 so o s t so st pol p o il

45 45 ATTO PRIMO, SCENA VIII. s, tuo nl 1 so, ss ro; st, pol s il 19 il pol t o st s pol s so st ro, 22 o il so t t so o ro, s pol st f ro. 25

46 4 GIULIO CESARE, REDUCTION 1-22 Rcittivo. Mà ch! vi n gt t sm p st Cor n li? (E` Cor n CLEOPATRA li sti? mo gli Pom 5 p o?) CORNELIA Ah nò! trà qu sti r n si un f ro sci gli rò, n m r t n tro To lo m o 9 dn tro g gi... (Non si s Cornli h ps un spd fuo dgli rnsi gurr, ch Ss soprgiung.) SESTO M d, fr m; ch fi? CORNELIA L sci qust r ; vo glio 12 n tro il ti rn, uc ci sor dl o spo so, tn tr vn dt t. SESTO Qu st vn dt t 1 S s (Ss gli là spd Cornli.) sol si s pt t. CORNELIA Oh dol ci c cn ti! oh c br! dun qu sull l b d tuoi gior ni! hi tn r? Io SESTO rg Son S s, gio s ti Pom p o s gui rò. d son dll l m! SESTO Mà, Di +4 2 oh o! CORNELIA A chi l ni mo, oh fi glio, Rè fl lo n r

47 47 ATTO PRIMO, SCENA VIII. CLEOPATRA rà? (Coptr ch sort fuo imptuosmnt, dtti.) sr 28 E CLEOPATRA Co tr. n Li g p s pr!) NIRENO ti (Non d. d. qull ch c str pio m 31 s Ti chi t rn CORNELIA scu spro do, E n, r, t rn pr p gi in rn don s? Rè z ti ni 35, stro soc r L of so CLEOPATRA og t lo, il bi sts fr m d un fl s io sr f scn, tro d l 39 Li Sot s. o C m p vo giu brc tuo dl cio tr; tù vir s in gi R n CLEOPATRA Qu t? ch l sti, 43 s fi è vo, sr do g sr so qul c, li rà s sr CORNELIA. i Chi cr cu è, vn chi 47 r r ni g dl dur n cu vi (ccnnndo Ni.) prà SESTO Fi s. glio t im l ll p ti grn git d E rn ni il 51. Ar st qu rò m t. mor fit tr pu drà c ds suol l tr,

48 48 GIULIO CESARE, REDUCTION 1-23 SESTO. Cr spm, qus tu nci lusingr SESTO. Lrgo. 3 C r sp m, qu s 5 tu n ci lu sin gr, sin 7 gr, tu n ci lu sin 9 gr, sp m c r, c r sp m! qu s

49 ATTO PRIMO, SCENA VIII tu n ci lu sin gr, 13 tu n ci lu sin gr, tu n ci lu sin gr. 18 Pr ch il cil p sti f vo i i r ti, i i 20 r ti vn cr, pr ch il

50 50 GIULIO CESARE, REDUCTION 22 cil p sti f vo i i r ti vn cr, i i 24 r ti vn cr. Dl Sg gr. Rirnllo Rcittivo. CLEOPATRA. V gli pu il gr m l pro pi sl vz z; ch già n tro gli mos si 4 C s sp d, S s Cor n li il giu s sd g; sn z un cr p 7 glio c d vr so lo d E git il g.

51 51 ATTO PRIMO, SCENA VIII CLEOPATRA. Tu stl si, mbi sprnz p 8 8 Algro, mà troppo. 8 CLEOPATRA. bi i, m z, 7 rn sp f stl s Tu i i, sir i 14 gr un bi m sp z, d gi i d sir rn por pi bl cr, 20 sir por i d gi i un bl bl 2 gr un pi gr pi cr,

52 GIULIO CESARE, REDUCTION 52 f Tu 33 p m i, z, rn cr. bi sp s stl gr un 40 por d sir gi i bl pi cr, i gr un gr d gi i sir 47 un i pi bl por pi cr, bl gr 54 sir por d gi i i un cr, bl pi cr. un gr 1 cr, pi bl

53 ATTO PRIMO, SCENA IX Fin. Qul si qus st bi 77 stn z, qu pos s mo, s h in b v d v dr, s h in b v d v dr, qul 84 si qus st bi stn z s h in b v d v dr, s h in b v d v dr. D Cpo. SCENA IX 1-2 Rcittivo. TOLOMEO C s, l tu d str stn d f sci sc t g n ro s 4 sor t. CESARE lo m To o, tn t gr zi io sò r, s mg gior lu m p por ti,

54 GIULIO CESARE, REDUCTION 54 m o o lo lo To 7 r. tr quì in gior dl gli t mn scio l u so il ci in sr r, ml o sp pi, ch o gni pr o 10 o scu (Si gni grn lu m l Mà r. ACHILLA ( Tolomo.) R l fn spt (Sò, m in o 13 tn CESARE d?) d.) r ch gli TOLOMEO tin!) t of (T L m s rn d t, gui t 1 pur (Em. tu pio, z st TOLOMEO Al R qu li t por p rn ch sti v mu in un si gn.) 20 sti in t.) brc mor cio ni go in qul vol (Sr CESARE 1-27 CESARE. V tci nss, qund' vido Andnt, pi. CESARE.

55 55 ATTO PRIMO, SCENA IX. 4 V 7 d, s n vi do è 10 ci r, cc stu t ci s, l qund p cc qund vi 13 p l do è ci d, stu s ci do è 1 qund s, t vi n r; v

56 GIULIO CESARE, REDUCTION 5 r, 19, t v ci l d, p cc stu ci d, do è 22 p qund s vi s, n n t ci l 25 l stu ci ci stu v r, cc cc r, ci 29 cc stu l ci r, vi do è l s s, d, stu cc qund p 32 r, stu l r. ci cc

57 57 ATTO PRIMO, SCENA IX ch si 5 br 7 m 4 7 l in gn 7 v d 7 dl 5 42 suo 4 4 spo s, chi é Fin. E fr ml r, 7 l in 3 l in gn suo dl 7 suo r; 8 dl 7 3 gn 4 fr 3 8 r, 3 chi é 4 ml 7 dl r, 2 suo l in gn D Cpo. dl r l in gn 7 3 br 7 3 suo s, spo 7 v d m si ch

58 GIULIO CESARE, REDUCTION 58 SCENA X 1-28 Rcittivo. bin z, TOLOMEO li. sm ch (Oh In mo A CORNELIA!), ACHILLA Si S n Cor qu glio n il s st è fi sul lì bi chio st 5 sti il m, d tu, Pom qul p ci gr grn il d R m d tuo ch l o, p m; v dr go sin t cr r 9 s f ro n g n in Ro ci fc rò po c sfi ti do m? pio, SESTO Em in d g. o, lo si un ch 14 gil là! O TOLOMEO vi d 4 2 d str m ch g, To si s qu pr gr, do ACHILLA Al Si 18 n ci lor stuol n s sin cu il fu ti. Ro sti ni r m ti qu g (ccn l gu.) gi. cr c 22 dn Co bl ch ror! or Pr TOLOMEO sti, b zon gr bi fol si st, ch b p pr l il n r s dl bi b glio 2. ti fio i vr vi s p li gir nl zo s il gnn stà n t, spt m

59 59 ATTO PRIMO, SCENA XI. TOLOMEO (Qun ACHILLA --n. m! c li F (prt.) n!) 31 stui gn s in Io (pi d Achil.) sr t pr bo bl ti tu m l rn qu dll st SCENA XI 1-29 Rcittivo. mor S ll il r. o o s gi li, n Cor il ACHILLA stà g qui in lu tuoi fi l glio. d in 4 CORNELIA Br ro, b ci glio, tà li ci br s, m rà t c n nò! Ah p sor n t A t? 8 O mor dl ACHILLA t... n u n m Ro vil E zio? gi SESTO spo un s d gi sì u g nl gr c d 12 zon. gl pr g g là! nir gio p si o gui o. ACHILLA Tu ro glio fi 15 m il fr d, pi gui S CORNELIA o nch 7 rò i, c il pro t m l mor n p t pi o d l 19 c. s pn si, c d chi ch ciò pi vr tro t

60 GIULIO CESARE, REDUCTION ACHILLA. Tu si il r qus Algro. ACHILLA. 4 8 p r si il Tu t bn, 12 rr, qu o si il, s tu 15 r si il t rr!

61 1 ATTO PRIMO, SCENA XI. qu o, 18 s si il bn, t rr, o, si il 21 bn, tu r si il s qu 24 rr, t f rr! 27 t s qu 30, p r si il tu

62 GIULIO CESARE, REDUCTION 2 si il nò, 33 bn, o rr, t f si il s, 3 bn, o tu nò! qu si il p r nò, nò, 40 t rr, t rr, t 43 bn rr, o si il f t rr! Fin. 47

63 3 ATTO PRIMO, SCENA XI. più --, 51 t d mor io p Pr do mo chi br mr, vo 54 vo mr, br d t più mor pr 57 do io chi d più, mo d t 1 br D Cpo. vo vo più mr. br t mr, 1-31 Rcittivo. o. (Mnt gu voglio ndur vi Ss, Cornli r tnrlo pr un brccio.) Do Ad 7 do v, in u CORNELIA v, M 2 +4 SESTO d! t! SESTO CORNELIA Mi vi

64 4 GIULIO CESARE, REDUCTION 3 m ni, l ni m, gui d t? Em pi, sci t, ch l o, l o b n io por g l mn gli ul ti b ci. Ahi p n! 1-32 SESTO. CORNELIA. Son n sospirr, il dolc Son nt gmr, il dolc SESTO. CORNELIA. Lrgo p p un po piùf un po piùf f p f 5 p pp pp Son nt pp gmr, snz Cmblo. dol c il o n for, h, smp ping

65 5 ATTO PRIMO, SCENA XI. for n Son p pin 9 rò; g g pin o rr, n rò,, il sm h, so h, c p sm spi dol g son p, h mr, g son n t pin rò, rò; rò; pin sm p p sm g h 13 sm h, h, h p, sm h p, sm, o for n for c il dol, g g pin pin rò, rò, sm sm h, h, p p t so rr, h c n 17 il dol spi n o sm p p sm sm h p, h 21 pin pin g sm rò, pin g p sm h h, p, sm h g p, h,

66 GIULIO CESARE, REDUCTION h h p p sm sm g pin pin rò, h h rò, 24 sm sm g h, h, h, h, p, p, p p Fin. S il 28 p f f rò. rò. f ci sp sp dì dì più più rr po po rr f S il tr 32 trò, dì, trò, s s li li ci tr dì,

67 7 ATTO PRIMO, SCENA XI. f più po po Dl Sg. trò. trò. più 3 più, più, rr rr sp sp più, più, FINE DELL ATTO PRIMO.

68 ATTO SECONDO SCENA I 2-1 Rcittivo. do. mn Giun CLEOPATRA pi m è il r t? C è in s sti, oh gui s n, Ni E CLEOPATRA NIRENO si? m Ad qun po t im Mà CLEOPATRA : m vo g. m t t pron è in dus n vl d si, Io NIRENO 5 gli so piè il i st qu già ; gi bi nu t l l pn fr si? 7 ch mà ll A già sug CLEOPATRA sf mo i n? sc vil fr In NIRENO rì g 9 ho fin sol già 13 sir; d pn t gn v str r chi l NIRENO A l sot m h. p t p nir z n p fr mor d gio dg fr gio? NIRENO Io po. ch 18 s CLEOPATRA C tn At t; pr in s lo in s r CLEOPATRA tm è n Non lui p ti? d n r lui ch, gui 23 là nl sti l br poi qu lo d gui in gli n pr z, dr stn ghi,

69 9 ATTO SECONDO, SCENA II. tr mon z Li sol ti il 27 (prt Coptr.) ch tn tz Rè dl gli suo d. p qun tn l t d, n si SCENA II 2-2 Rcittivo. zi stu l s chi è c gu Dov CESARE Ni fro. NIRENO 4 2 è, mor d pn p d o C D tr p? In NIRENO l è m ni b in v lo s qu Si 5 Li vr gr. n, dov, rà 2-3 Sinfoni. fi Ch? NIRENO ci! CESARE. T 5

70 GIULIO CESARE, REDUCTION Rcittivo. ch r pi suon, sc? NIRENO A qul dl CESARE Ci li, scn d r mo ni sf n sc. 4 sl gui vrà chi c il r Rcittivo. ro i s Nu in sc c CESARE. tr r?? ch qun Giu lio, so bis lu n do 2- CLEOPATRA. V'doro, pupil, stt d'amo d A t t Lrgo. 4 3 CLEOPATRA., V do mo s, ro, pi pu do ro, v pi pu, st vo vil f t nl sn; gr son

71 71 ATTO SECONDO, SCENA II. t gr son 12 sn, st vil f gr nl vo t, son, t d A mo 18 st f vo do v ro,, t s pu pi vo st 24 son vil son f vil t gr nl sn, 30 Fin. gr t sn. nl

72 GIULIO CESARE, REDUCTION 72, ch ogn o s vi o r s vi Pi m il br m chi l m r vi 41 bn. m suo m l chi m o ch ogn suo bn, bl si cn gi un A d Cpo. CESARE.. To lo il nn ci h in Non p ch g t, lo m 2-7 Rcittivo. 7 ir vi in ch Ah! m? gio o dl Si Nu do è il NIRENO m! r Vo CESARE o, vo, E (Mnt Cs r Coptr, si chiud il Prnsso, rn Scn m pm.) c in dol l!... cn Ah! 2 +4 ch s pos id d? 5 pin già si t gn ch pr ti u gr, sti, tn tù Li t? Li Vir CESARE gio, z bl ch io vg m v bn 10 g z v si g cn do tn mn 2 g, +4 r, st do im tr tò

73 ATTO SECONDO, SCENA II. 73 pig. Sigr, s mor t ccs, t f fligr, nò, nò; Li è r ts. 14 NIRENO Anzi, s t è 19 gr v, l t t tn d nl su stn z or or. CESARE Li br NIRENO m? Ed l Cop tr 23 nchti sr trà. CESARE Gui d s in s l o tsoro, c ciò ch dolc nd il o mrro. 2-8 CESARE. S in fio m pr CESARE. Algro. 4 8

74 GIULIO CESARE, REDUCTION S in fio m p 14 gl pr l u trà fio fron 18 n si più gr sn fà d, d lin 3 il 3 suo 22 cn, più gr fà gr fà 2 tr, più

75 75 ATTO SECONDO, SCENA II. 3 suo il 30 tr, cn gr 34 fà Tutti. più f tr; cn suo il 38 fio p s in l u 42 m d pr fio fron gl lin trà si n 45 sn d,

76 GIULIO CESARE, REDUCTION 7 fà più 48 gr più il, suo fà cn tr; gr 52 fio pr m 5 gl s in l u n si sn fà più d d, fio 0 fron lin trà gr fà suo cn gr il suo tr, il cn 3 più

77 77 ATTO SECONDO, SCENA II. il suo Adgio. più gr fà tr, cn tr. 70 s spi g n Fin. S zo vz Li t 74 r sì gr 78 più s ti c zio, 82 n in gni mo fà o rr,

78 GIULIO CESARE, REDUCTION 78 in 8 gni fà o rr, mo s più n zio gr in mo rr, gni, fà o gni o 90 n fà o D Cpo. 94 in Adgio. n gni mo rr. SCENA III 2-9 CORNELIA. Dh, pingt, oh msti lu Lrgo. Bssi. CORNELIA m; v è sp più 4 pin dh g pin m t, oh pr Dh voi già lu sti,

79 79 ATTO SECONDO, SCENA III. più v è già voi pr 7 sp m; lu sti m, g oh t, più v è m, sp voi pr già v è 5 3, voi pr già 10 pin sp più dh m, 5 dh m t, oh 4 lu sti pin g più v è sp sp m, 13 m, sti m oh, lu g t, più v è già 7 voi pr 1 voi pr v è già m. più sp 2-10 Rcittivo. Chi CORNELIA n cru p. tm d so cqu rr, spi m g Bl, ACHILLA d tuo stin! rà il g cn ti l trr sot gor chil A può, 5 O CORN. sr tù. vi p. Un ACHILLA pin sm pr g ch so, sti d p tu so sn n ro mo go t d v o CORNELIA Fug vi?. 9 pr ti rr (vuol prti.) più. r pr! sì sl o! t; ACHILLA Di Oh

80 80 GIULIO CESARE, REDUCTION SCENA IV 2-11 Rcittivo. TOLOMEO Bl, p c lo sdg! CORNELIA Lsci, i ni quo Rè! ACHILLA Si, quà porti, pr mmolir qu st crudl, ch do ro. TOLOMEO Fù pi s tu oi dt ti? ACHILLA El spz z ogn or, d i o 10 mo ro. TOLOMEO (R spi ro, oh Cil!) (tir d prt Achil.) Bl, lo sdg mmor z! A, bn? ACHILLA Si gr, og gi vd TOLOMEO 14 C s stin l suo lo, 18 sp r; v in mr Rè c d vn c, tu gn r tu so lo. cru dl. (Fol è stui Pr ti, s l c d.) s gui sci, 2-12 ACHILLA. S m si crud, ogn'or ACHILLA. Andnt, stcc.

81 81 ATTO SECONDO, SCENA IV. 3 m p S si 5 cru s ogn or 7 rà f or ogn s d,, f rà d 9 t qu d r, s o m p s 11 si cru t s qu f r; o

82 GIULIO CESARE, REDUCTION 82 t 14 s qu o ogn or d, f d s rà 1 r, r, o qu s t 18 f dl s rà f 20 s r. o qu 22

83 83 ATTO SECONDO, SCENA IV. m cn p vr gi 24 Fin. s Mà sm t spi p t spt t p, sol 2 m vr tm p, tm gi cn sol t gor, spt 28 gor, gor! f t sol 30 spt D Cpo. 33

84 GIULIO CESARE, REDUCTION Rcittivo. CORNELIA tr Un g d d è b tn bor TOLOMEO Bl, mr? d g p ti chi n u fu CORNELIA s? i S 5 gli il in go mor. gi tr TOLOMEO Tn ms br ti mà? Rè s un s... (stnd dstr l s Cornli, ch sdgs si tir.) s qu ch in 9 m in CORNELIA F ni l ni bil si vol qul ch in Pos TOLOMEO. ghi br l tà? pi (prt.) n. m Ro son 13 un TOLOMEO Tn s tro dl lo sn n s mo sti lo n Cor li, pn so; son ch s, prò ch or ciò r vo s ti 17 ni ghi. For s z u fi pr Rè? n! don d p go i luo hn in ghi, s rò, 2-14 TOLOMEO. Sì spitt, il tuo go svgli TOLOMEO. Algro, stcc.

85 85 ATTO SECONDO, SCENA IV. 3 3 t t, il p Sì spi sn, tuo 10 gli go sv s l o l o gli qu o in sv sv o, gli, gli, sv 15 qu in s sn; l o o sv 19 gli sn, s sì l o o in qu 23 t, il t spi sì spi gli go sv tuo t t, il

86 GIULIO CESARE, REDUCTION 8 o 28 sn, s qu in tuo gli l o go sv qu s l o o in 32 sn, gli, sv sv sv gli gli, qu gli o in l o 3 sn. s t tuo t, il sì spi go sv 41 Fin. Gic spz chè qu zi, s n! v gic pro 4 o v, in d, il spz chè fi

87 ATTO SECONDO, SCENA V zi qu s, pro v, in fi d, il 53 o v n, il o v n, pro v, in fi d, il o v n! D Cpo. SCENA V 2-15 Rcittivo. 5 mo st CORNELIA Sù, ch si tr d? sc gli or ch pr tì il scivo, un g n ro so r r rò d qu st c cl s mu r, ci bo s l or rò fi ; sl vi; trà fu ci d p vn t il mo 9 r un l m for t! Ad o Ro m, d o S s! io r ro mor t. SESTO Fr m! ch 13 fi? CORNELIA Chi trt ti n il ps so? SESTO M d! M d? CORNELIA ch vg gio? fi glio, S s, o

88 GIULIO CESARE, REDUCTION 88 n v sot n quì Io, m Ni sci n n vo, trr pr r l gn! 17 SESTO sti? ti il p cui, t s trs ni. cul dt Chi l vn fi glio, in t po è Trop t CORNELIA sr si. cr vi oc qui glio 21 SESTO po o c drà cu M r, oh c d ti. spi t rn 25 r, d! rà il vi s, S SCENA VI 2-1 Rcittivo. su n, trà ch n t t ti io fu in Cor NIRENO li, n Il po m im Rè st v. nò; t, vi b tur 5 spt so qu Di Oh o! du un CORNELIA c.? sn Non NIRENO SESTO Nu ch! p d l rn ti è in 9 sci vi: m fui; lo To mo do Rè v il vr bi là t r in m so gli d lo 13 fr trà po in so suo s S là s n dt vn t; t po t l l vrà

89 89 ATTO SECONDO, SCENA VI. giu si p st im lo n u 17 s! mol, ti s. f SESTO Mol As CORNELIA ci st il si d vo CORNELIA. Css o sospir! è smp p f 8 3 Andnt. p CORNELIA p f p f n lo p i r è sm ci il, f 12 s tro i suol ; so! r pp Cs spi s o so spi sm p i è 23! r cs s o do, dt vn t; chè tr bn suol vn dt tr vn n tro i 34 il r lo ci f chè f do, dt, suol s ; bn t,

90 GIULIO CESARE, REDUCTION 90 f f p p f f chir, s i c 4 t. p Il Fin. p p f stn z, d v on t 59 lu s z lui vin ch d pr rn sp m r è il, p p t lui pro f f 9 D Cpo. f f t. mt s lu p p t, pro mt 2-18 Rcittivo. ni r scm lo g pio. Sù chi vn SESTO. Fi è, glio cu r dl cr trui l mor dà m r mo 4 t! t d p ti qu dun vn l t, p p for m r l

91 91 ATTO SECONDO, SCENA VI SESTO. L'ngu offso pos SESTO Andnt po so 15 p gu of f po s, L n v, 20 v s il p s, s il

92 GIULIO CESARE, REDUCTION 92 sn f dn spn d sor; fn 24 tro il of gu ll po f 28 gu of so s, l n tro il 32 sn dn gu, of gu ll sn dn spn fn p v tro il s il d p s il v sor, p 3 spn dn d 40 gu ll of sn fn tro il

93 93 ATTO SECONDO, SCENA VI. 44 f sor; f l n s il 49 s, po gu of v so spn tro il sn dn d 53 p so gu of f fn gu ll of l n sor, tro il sn d dn 58 v po s, s il spn p 2 gu, gu ll of sn tro il dn fn

94 GIULIO CESARE, REDUCTION 94 gu ll tro il tro il sn fn gu, dn sn of dn sor, f 71 sor. f 7 Fin. m sì l l Co o strr t r mo si l s r, s grn 85 d, svl pio l m s

95 ATTO SECONDO, SCENA VII svl l mpio r, s svl, s svl l m pio r, 4 2 s svl l m pio r. L n gu of - Dl Sg. SCENA VII 2-20 Rcittivo. CLEOPATRA. Es sr quì d v in b v l i do lo dl o sn, C s m ; i sà ch qui l t 4 tn d Li su, ch l do r; pr s pr, s por t il sn pi g, fin g rò dor

96 GIULIO CESARE, REDUCTION 9 mor A ch è ci, 8 (Si pon sd.). r, t por nl sch m, son r m rò 2-21 CLEOPATRA. Vn bl, pr un istnt, dh Algro. 8 3 CLEOPATRA. 8 c n 1 t, gr tut n, bl zi V p stn dh, t, pr i un 25 tut zi t gr d o mor, Di dl

97 ATTO SECONDO, SCENA VII gr zi tut t dl Di o d mor! f 41 V n p bl, pr un i stnt, 49 dh, n c gr zi tut t, gr zi tut t dl Dio d 57 mor, dh, n c gr zi tut t, tut t, tut t, gr zi 5 tut t dl Di o d mor,

TUTELA LA TUA PASSIONE TUTELA DELLA BICICLETTA

TUTELA LA TUA PASSIONE TUTELA DELLA BICICLETTA TUTELA LA TUA PASSIONE TUTELA DELLA BICICLETTA Siamo fermamente convinti che redigere un preciso quadro di riferimento, attestante le coperture Assicurative di un Cliente, consenta allo stesso di potersi

Dettagli

IL MERCATO DELLA R.C. AUTO IN ITALIA: ANDAMENTI, CRITICITÀ E CONFRONTI EUROPEI

IL MERCATO DELLA R.C. AUTO IN ITALIA: ANDAMENTI, CRITICITÀ E CONFRONTI EUROPEI IL MERCATO DELLA R.C. AUTO IN ITALIA: ANDAMENTI, CRITICITÀ E CONFRONTI EUROPEI Dario Focarelli Direttore Generale ANIA Milano, 12 marzo 2013 «LA RESPONSABILITÀ CIVILE AUTOMOBILISTICA STRATEGIA, INNOVAZIONE

Dettagli

Statistica associativa ramo infortuni Anni 2009 e 2010

Statistica associativa ramo infortuni Anni 2009 e 2010 Statistica associativa ramo infortuni Anni 2009 e 2010 Ed. settembre 2013 Agenda Obiettivo della statistica Oggetto della statistica Grado di partecipazione Alcuni confronti con la statistica precedente

Dettagli

ANDAMENTO DEL MERCATO AUTOVETTURE IN ITALIA PER PROVINCIA E MACRO-AREA ANNO 2014

ANDAMENTO DEL MERCATO AUTOVETTURE IN ITALIA PER PROVINCIA E MACRO-AREA ANNO 2014 ANDAMENTO DEL MERCATO AUTOVETTURE IN ITALIA PER PROVINCIA E MACRO-AREA ANNO 2014 A CURA DELL AREA PROFESSIONALE STATISTICA A.G. FEBBRAIO 2015 ANDAMENTO MERCATO AUTOVETTURE IN ITALIA PER PROVINCIA E MACRO-AREA

Dettagli

Annuario 231. Per i professionisti che si occupano di D.Lgs. 231/2001 Per le aziende in cerca di professionisti

Annuario 231. Per i professionisti che si occupano di D.Lgs. 231/2001 Per le aziende in cerca di professionisti Per i professionisti che si occupano di D.Lgs. 231/2001 Per le aziende in cerca di professionisti Perché? Le recenti azioni giudiziarie hanno indotto nelle aziende la necessità di dotarsi di un modello

Dettagli

UNA VISIONE D INSIEME DEL SISTEMA SCOLASTICO

UNA VISIONE D INSIEME DEL SISTEMA SCOLASTICO UNA VISIONE D INSIEME DEL SISTEMA SCOLASTICO - 49 - 3.1 INTRODUZIONE Volendo descrivere le province utilizzando contemporaneamente gli indicatori relativi alle diverse tematiche analizzate prima in modo

Dettagli

Formula Bonus-Malus "l'abito non fa (più) il monaco"

Formula Bonus-Malus l'abito non fa (più) il monaco Formula Bonus-Malus "l'abito non fa (più) il monaco" Limiti e criticità dell'attuale formula Giovanni Sammartini Coordinatore Commissione Danni Roma, 7 giugno 2013 2000-2011: com'è cambiata la distribuzione

Dettagli

Statistica Annuale R.C. Auto Esercizio 2007. Sergio Desantis e Gianni Giuli Statistiche e Studi Attuariali ANIA

Statistica Annuale R.C. Auto Esercizio 2007. Sergio Desantis e Gianni Giuli Statistiche e Studi Attuariali ANIA Statistica Annuale R.C. Auto Esercizio 2007 Sergio Desantis e Gianni Giuli Statistiche e Studi Attuariali ANIA Milano, 25 febbraio 2009 CONTENUTI 1. I risultati della nuova statistica annuale RC Auto gli

Dettagli

ANDAMENTO DEL MERCATO AUTOVETTURE IN ITALIA PER PROVINCIA E MACRO-AREA ANNO 2013

ANDAMENTO DEL MERCATO AUTOVETTURE IN ITALIA PER PROVINCIA E MACRO-AREA ANNO 2013 ANDAMENTO DEL MERCATO AUTOVETTURE IN ITALIA PER PROVINCIA E MACRO-AREA ANNO 2013 A CURA DELL AREA PROFESSIONALE STATISTICA A.G. GENNAIO 2014 ANDAMENTO MERCATO AUTOVETTURE IN ITALIA PER PROVINCIA E MACRO-AREA

Dettagli

U n po z z o art e s i a n o (fora g e) per l ap p r o v v i g i o n a m e n t o di ac q u a pot a b i l e.

U n po z z o art e s i a n o (fora g e) per l ap p r o v v i g i o n a m e n t o di ac q u a pot a b i l e. In m o l ti pa e s i po c o svil u p p a t i, co m p r e s o il M al i, un a dell a pri n c i p a l i ca u s e di da n n o alla sal u t e e, in ulti m a ista n z a, di m o r t e, risi e d e nell a qu al

Dettagli

Gruppo di lavoro per i B.E.S. D.D. 3 Circolo Sanremo. Autore: Marino Isabella P roposta di lavoro per le attività nei laboratori di recupero

Gruppo di lavoro per i B.E.S. D.D. 3 Circolo Sanremo. Autore: Marino Isabella P roposta di lavoro per le attività nei laboratori di recupero Competenza/e da sviluppare GIOCO: SCARABEO CON SILLABE OCCORRENTE: MATERIALE ALLEGATO E UN SACCHETTO PER CONTENERE LE SILLABE RITAGLIATE. ISTRUZIONI Saper cogliere/usare i suoni della lingua. Saper leggere

Dettagli

Criteri per l integrazione l fotovoltaici

Criteri per l integrazione l fotovoltaici Criteri per l integrazione l degli impianti fotovoltaici Gerardo Montanino Direttore Operativo Energy Forum - Bressanone, 9 dicembre 2008 www.gsel.it 2 Indice Il Conto Energia Bilancio del Conto Energia

Dettagli

Gli Uffici delle Dogane. Province di competenza

Gli Uffici delle Dogane. Province di competenza ti trovi in: Home - Agenzia - Uffici - Indirizzi e Organigramma periferico - Uffici Dogane Gli Uffici delle Dogane Gli Uffici delle Dogane Regione Abruzzo Basilicata Campania Dogane Avezzano Pescara Potenza

Dettagli

RELAZIONE FINANZIARIA 31 DICEMBRE 2013

RELAZIONE FINANZIARIA 31 DICEMBRE 2013 RELAZIONE FINANZIARIA AL 31 DICEMBRE 213 PAGINA BIANCA 3/58 Indice Organi Sociali... 6 Consiglio di Amministrazione... 6 Collegio Sindacale... 6 Società di Revisione... 6 Specialist... 6 Nomad... 6 Struttura

Dettagli

CONDIZIONI DI SERVIZIO (validità da 01/03/2010)

CONDIZIONI DI SERVIZIO (validità da 01/03/2010) TBELL PREZZI DEGLI INTERVENTI PER PROVINCI (escluso pezzi di ricambio) G comune/provincia 290,00 Comprende trasferta e 1 ora lavoro. Ore seguenti vedi tab. TRIFFE pag.5 L comune/provincia SI Trasferta

Dettagli

www.ipospadia.it Dott:Giacinto Marrocco

www.ipospadia.it Dott:Giacinto Marrocco www.ipospadia.it Dott:Giacinto Marrocco Le Malformazioni dei Genitali nell'infanzia Un sito dedicato ai pediatri ed ai genitori di bambini con patologie acquisite o congenite degli organi genitali EPISPADIA

Dettagli

B A N D O D I G A R A D A P P A L T O D I L A V O R I

B A N D O D I G A R A D A P P A L T O D I L A V O R I B A N D O D I G A R A D A P P A L T O D I L A V O R I S E Z I O N E I ) : A M M I N I ST R A Z I O N E A G G I U D I C A T R I C E I. 1 ) D e n o m i n a z i o ne, i n d ir i z z i e p u n t i d i c o

Dettagli

apertura autunno 2012

apertura autunno 2012 CSTRUZI STI IMPITI SPRTIVI pwrd by prur uunn 22 CMP BBMTI DLL IU 22 r r LU MR DI T MR DI I CLDI V -22 7 V DI SB RDI 7-22 DM T 7-22 I C 22 L 22 d fn r r chu ndc d 3 m -2 nu 3 pr m c nd r c LU r MR M TT

Dettagli

Gruppo Buffetti S.p.A. Via del Fosso di S. Maura, snc - 00169 Roma

Gruppo Buffetti S.p.A. Via del Fosso di S. Maura, snc - 00169 Roma VERSIONI CONTENUTE NEL PRESENTE AGGIORNAMENTO Modulo Versione Modulo Base di Linea Dichiarativi 02.25.05 Modulo Base 01.82.01 Dichiarazione USP/2005 04.01.03 Delega Unica F24 02.11.04 Modello F23 02.11.04

Dettagli

Totale posti Comuni 600.823 577.441 6.240 29.622 21.880

Totale posti Comuni 600.823 577.441 6.240 29.622 21.880 Copia di contingenti nomine docenti 2015 - tabella aliquot GRADO ISTRUZIONE contingenti per nomine sui posti vacanti e disponibili in O.D. 2015/16 titolari esubero vacanze su 2015/16 al 16 provinciale

Dettagli

CENTRI DI LIQUIDAZIONE TUA

CENTRI DI LIQUIDAZIONE TUA CENTRI DI LIQUIDAZIONE TUA Area di Agrigento (Sicilia) AG CDL CATANIA Alessandria (Piemonte) AL CDL MILANO Ancona (Marche) AN CDL PADOVA Aosta (Valle d'aosta) AO CDL MILANO Arezzo (Toscana) AR CDL ROMA

Dettagli

L ASSICURAZIONE R.C. AUTO PRINCIPI GENERALI. e qualche numero.

L ASSICURAZIONE R.C. AUTO PRINCIPI GENERALI. e qualche numero. L ASSICURAZIONE R.C. AUTO PRINCIPI GENERALI. e qualche numero. Vittorio Verdone Direttore Auto, Distribuzione, Consumatori e Servizi Informatici -ANIA Università LUISS Guido Carli Roma, 24 ottobre 2011

Dettagli

In Auto Più New (prodotto 589) Giugno 2011. Edizione Giugno 2011 (V032011) 1 di 45

In Auto Più New (prodotto 589) Giugno 2011. Edizione Giugno 2011 (V032011) 1 di 45 Tariffa R.C.A. Valida dal Salvo modifiche che verranno comunicate almeno 60 giorni prima della loro applicazione Tutti gli importi sono in Euro e non comprendono le imposte RCA (12,50%) e il contributo

Dettagli

Una voce poco fa / Barbiere di Siviglia

Una voce poco fa / Barbiere di Siviglia Una voce oco a / Barbiere di Siviglia Andante 4 3 RÔ tr tr tr 4 3 RÔ & K r # Gioachino Rossini # n 6 # R R n # n R R R R # n 8 # R R n # R R n R R & & 12 r r r # # # R Una voce oco a qui nel cor mi ri

Dettagli

UNIVERSITA' CATTOLICA DEL SACRO CUORE

UNIVERSITA' CATTOLICA DEL SACRO CUORE Rpg vutzn p Cs Lu Ann ccmc 010/011 S Bsc Fctà FACOLTA' DI SCIENZE ATEATICHE,FISICHE E NATURALI Cs Lu ATEATICA (L) Dt stzn t 10/0/011 UNIERSITA' CATTOLICA DEL SACRO CUORE utzn ssfzn g stunt (Lgg 0/1) Rpg

Dettagli

DUE E QUATTRO RUOTE A NOVEMBRE

DUE E QUATTRO RUOTE A NOVEMBRE Roma, 6 dicembre 2012 MERCATO AUTO ACI: A NOVEMBRE AUMENTANO LE RADIAZIONI AUTO DAL PRA Diminuiscono ancora i passaggi di proprietà Vendute 209 auto usate ogni 100 nuove per il calo delle immatricolazioni

Dettagli

ELENCO DELLE PROVINCE DELLA REPUBBLICA ITALIANA SUDDIVISE PER REGIONI

ELENCO DELLE PROVINCE DELLA REPUBBLICA ITALIANA SUDDIVISE PER REGIONI ELENCO DELLE PROVINCE DELLA REPUBBLICA ITALIANA SUDDIVISE PER REGIONI Abruzzo Provincia dell'aquila (108 comuni) AQ Provincia di Chieti (104 comuni) CH Provincia di Pescara (46 comuni) PE Provincia di

Dettagli

UNIONCAMERE PROGETTO EXCELSIOR 2011 QUESTIONARIO PER LE IMPRESE (OTTOBRE 2011)

UNIONCAMERE PROGETTO EXCELSIOR 2011 QUESTIONARIO PER LE IMPRESE (OTTOBRE 2011) UNIONCAMERE PROGETTO EXCELSIOR 2011 QUESTIONARIO PER LE IMPRESE (OTTOBRE 2011) NB: Si richiede di rispondere alle domande presenti nelle diverse sezioni del questionario facendo riferimento all impresa

Dettagli

L Ascendente : Acquario

L Ascendente : Acquario Tm Stv Js Tm t Stv Js Dt s. G // m (r ) G // m (r UT) Or sr m Gr Gu. Ltà S Frs CA / USA (Ltu. ' W / Lttu. ' N / - m) T tm Tm Tr m. Pus S Ps L Ast Aqur K MC IX XI VIII AS XII J K I H G F E DS L A B C D

Dettagli

Atomi, molecole e ioni

Atomi, molecole e ioni Atomi, molecole e ioni anione + - catione Teoria atomica di Dalton 1. Un elemento è composto da particelle minuscole chiamate atomi. 2. In una normale reazione chimica, nessun atomo di nessun elemento

Dettagli

CENTRI DI LIQUIDAZIONE TUA

CENTRI DI LIQUIDAZIONE TUA CENTRI DI LIQUIDAZIONE TUA Area di Agrigento (Sicilia) AG CDL CATANIA Alessandria (Piemonte) AL CDL MILANO Ancona (Marche) AN CDL PADOVA Aosta (Valle d'aosta) AO CDL MILANO Arezzo (Toscana) AR CDL ROMA

Dettagli

CENTRI DI LIQUIDAZIONE TUA

CENTRI DI LIQUIDAZIONE TUA CENTRI DI LIQUIDAZIONE TUA Area di Competenza Sigla CDL di Agrigento (Sicilia) AG CDL CATANIA Alessandria (Piemonte) AL CDL TORINO Ancona (Marche) AN CDL MODENA Aosta (Valle d'aosta) AO CDL TORINO Arezzo

Dettagli

SCHEMA DI CONTRATTO PER L AFFITTO DI UN AZIENDA DI RISTORAZIONE IN LOCALITÀ COL DE MICH, COMUNE DI SOVRAMONTE

SCHEMA DI CONTRATTO PER L AFFITTO DI UN AZIENDA DI RISTORAZIONE IN LOCALITÀ COL DE MICH, COMUNE DI SOVRAMONTE SCHEMA DI CONTRATTO PER L AFFITTO DI UN AZIENDA DI RISTORAZIONE IN LOCALITÀ COL DE MICH, COMUNE DI SOVRAMONTE Art. 1 Oggetto 1. L Ente parco nazionale Dolomiti Bellunesi (di seguito, locatore), come rappresentato,

Dettagli

L ASSICURAZIONE ITALIANA 2013-2014

L ASSICURAZIONE ITALIANA 2013-2014 L ASSICURAZIONE ITALIANA 2013-2014 L ASSICURAZIONE AUTO IL COSTO MEDIO, LA FREQUENZA SINISTRI E IL RAPPORTO SINISTRI A PREMI La misura complessiva della sinistrosità del ramo r.c. auto deve essere analizzata

Dettagli

2015: RADIAZIONI AUTOVETTURE SECONDO LA CLASSE EURO (Val. %)

2015: RADIAZIONI AUTOVETTURE SECONDO LA CLASSE EURO (Val. %) Roma, 6 novembre 2015 MERCATO AUTOVEICOLI ACI: RALLENTA AD OTTOBRE IL MERCATO DELLE AUTO USATE MENTRE PER I MOTOCICLI SI REGISTRA UN CALO DEL 9% Rallenta, ma non si ferma, nel mese di ottobre il trend

Dettagli

Osservatorio Nazionale. Le prestazioni EBITEMP per i lavoratori in somministrazione nel 2009

Osservatorio Nazionale. Le prestazioni EBITEMP per i lavoratori in somministrazione nel 2009 Le prestazioni EBITEMP per i lavoratori in somministrazione nel 2009 Marzo 2010 Le prestazioni EBITEMP per i lavoratori in somministrazione nel 2009 I prestiti personali Le prestazioni in caso di infortunio

Dettagli

{open IPA} tante realtà locali una sola realtà nazionale

{open IPA} tante realtà locali una sola realtà nazionale {open IPA} tante realtà locali una sola realtà nazionale OpenSIPA: chi siamo OpenSIPA nasce il primo settembre 2012, inizialmente con il nome di OpenSIC e l intento di mettere in relazione tutti gli addetti

Dettagli

VDS-EX4 VDS-EX8 KIT ESPANSIONE PERIFERICA VDS. Istruzioni INSTALLAZIONE. Ma nua le n 17540 Rev. -

VDS-EX4 VDS-EX8 KIT ESPANSIONE PERIFERICA VDS. Istruzioni INSTALLAZIONE. Ma nua le n 17540 Rev. - KIT ESPANSIONE PERIFERICA VDS VDS-EX4 VDS-EX8 Istruzioni INSTALLAZIONE Ma nua le n 17540 Rev. - Le informazioni presenti in questo manuale sostituiscono quanto in precedenza pubblicato. Sicep si riserva

Dettagli

Numero di graduatorie 2013

Numero di graduatorie 2013 Trasferimenti Volontari Individuali - DOMANDE 2013 5.930 Domande presentate 5.810 Domande inserite in graduatoria (120 RISORSE ESCLUSE PER MANCANZA REQUISITI PREVISTI DALL ACCORDO DEL 22 MAGGIO 2013) 132

Dettagli

CENTRI DI LIQUIDAZIONE TUA

CENTRI DI LIQUIDAZIONE TUA CENTRI DI LIQUIDAZIONE TUA Area di Competenza Sigla CDL di Agrigento (Sicilia) AG CDL CATANIA Alessandria (Piemonte) AL CDL TORINO Ancona (Marche) AN CDL PADOVA Aosta (Valle d'aosta) AO CDL TORINO Arezzo

Dettagli

L Azienda. Investimenti in tecnologia ed innovazione. - Nuovo sito produttivo a Legnago di bruciatori residenziali, commerciali ed industriali;

L Azienda. Investimenti in tecnologia ed innovazione. - Nuovo sito produttivo a Legnago di bruciatori residenziali, commerciali ed industriali; Aprile 2013 L Azienda Fondata nel 1922, Riello è oggi leader mondiale nella produzione di bruciatori e protagonista europeo nel mercato dei prodotti e dei servizi per il riscaldamento e la climatizzazione.

Dettagli

ITALIA REPUBBLICA Francobolli nuovi

ITALIA REPUBBLICA Francobolli nuovi ITALIA REPUBBLICA Fnll nuv n 113 A pt l l 6 6 ntsm ntsm Gnt Gnt ll ll fltl fltl l 8, l l 8, t vl l t pstl vl tln pstl sn mht u. Qull lfnum pp ll z stt qull ll Pst stt Itln. qull Qust ll llzn Pst Itln..Qust

Dettagli

PROGETTO PON SICUREZZA 2007-2013 Gli investimenti delle mafie

PROGETTO PON SICUREZZA 2007-2013 Gli investimenti delle mafie PROGETTO PON SICUREZZA 27-213 Gli investimenti delle mafie SINTESI Progetto I beni sequestrati e confiscati alle organizzazioni criminali nelle regioni dell Obiettivo Convergenza: dalle strategie di investimento

Dettagli

Dicembre 2009. Autorità per l energia elettrica e il gas (DSSD) Pagina 1 di 14

Dicembre 2009. Autorità per l energia elettrica e il gas (DSSD) Pagina 1 di 14 Analisi della tipologia e delle scadenze delle concessioni per l attività di distribuzione di gas naturale in Italia al 2007 La presente nota contiene gli esiti delle elaborazioni effettuate a partire

Dettagli

Decodifica di files DICOM e restauro di immagini di Risonanza Magnetica

Decodifica di files DICOM e restauro di immagini di Risonanza Magnetica U NIVERSITÀ DEGLI STUDI DI F ACOLTÀ D IPARTIMENTO DI DI P ALERMO I NGEGNERIA I NGEGNERIA I NFORMATICA CORSO DI I N GEG N ERIA AT GE GN ERI A I N FORM FO RMA TIICA CA LAUREA PER PE R I IN S I ST EMI LIIG

Dettagli

Mobilità URBANA: il nuovo futuro possibile

Mobilità URBANA: il nuovo futuro possibile Mobilità URBANA: il nuovo futuro possibile LITE MOT IVE: SMART URBAN MOBILITY ( versione in Progress - richiedere aggiornamenti ) 0 1 07 2012 A B S T R A C T I l P r o g r e s s o è u s c i t o d a i b

Dettagli

BOMBOLO UNOTEATRO IL DOTTOR BOSTIK. testo e regia. con. musiche. scenografie. disegno luci. collaborazione allestimento. tecnico luci/suono.

BOMBOLO UNOTEATRO IL DOTTOR BOSTIK. testo e regia. con. musiche. scenografie. disegno luci. collaborazione allestimento. tecnico luci/suono. BOMBOLO UNOTEATRO IL DOTTOR BOSTIK testo e regia Dino Arru con Dino e Raffaele Arru musiche Bruno Pochettino scenografie Raffaele Arru disegno luci Marco Zicca collaborazione allestimento Stefano Dell

Dettagli

INDICE. Ringraziamenti 11 CAPITOLOI INTRODUZIONE 12. 1.1. Oggetto di studio 12. 1.2. II sangiovannese nella classificazione dei dialetti calabresi 13

INDICE. Ringraziamenti 11 CAPITOLOI INTRODUZIONE 12. 1.1. Oggetto di studio 12. 1.2. II sangiovannese nella classificazione dei dialetti calabresi 13 INDICE Ringraziamenti 11 CAPITOLOI INTRODUZIONE 12 1.1. Oggetto di studio 12 1.2. II sangiovannese nella classificazione dei dialetti calabresi 13 1.3. San Giovanni in Fiore 14 1.4. Raccolta e presentazione

Dettagli

ALLEGATO TECNICO PER L USO DEL PROGRAMMA RICHIESTA DATI ALUNNI DISABILI

ALLEGATO TECNICO PER L USO DEL PROGRAMMA RICHIESTA DATI ALUNNI DISABILI 1 ALLEGATO TECNICO PER L USO DEL PROGRAMMA RICHIESTA DATI ALUNNI DISABILI Il pr e s e n t e do c u m e n t o for ni s c e le info r m a z i o n i ne c e s s a r i e ed es s e n z i a l i a su p p o r t

Dettagli

DIGICULT: PRE SENTAZIONE GENE RALE

DIGICULT: PRE SENTAZIONE GENE RALE DIGICULT: PRE SENTAZIONE GENE RALE Cosa è Digicult Il portale web Il magazine online Il podcast e la newsletter L'agenzia D i gi C U L T è u n a p i a t t a f o r m a c u l t u r al e It alia n a o n li

Dettagli

OPEN GOVERNMENT PLATFORM Una piattaforma Web per lo sviluppo di Iniziative di Cittadini in modalità innovative

OPEN GOVERNMENT PLATFORM Una piattaforma Web per lo sviluppo di Iniziative di Cittadini in modalità innovative OPEN GOVERNMENT PLATFORM Una piattaforma Web per lo sviluppo di Iniziative di Cittadini in modalità innovative - brochure - i n i z i a t i v a r i f o r m a d a l b a sso.blogspot.it - i n i z i at i

Dettagli

Lista inventari da scartare

Lista inventari da scartare Pag. 1 di 115 Biblioteca: 1169 55DEP 813.6 HEN Deteriorato Data inventariazione 30/09/2004 Prezzo acquisto 0,00 Valore inventariale 15,00 (2. copia) Numero prestiti 10 Altre biblioteche BC, BT, DA, MF,

Dettagli

Schede e giochi per la lingua italiana. Gli obiettivi di ogni step sono indicati sotto di esso

Schede e giochi per la lingua italiana. Gli obiettivi di ogni step sono indicati sotto di esso Competenza/e da sviluppare Saper analizzare e discriminare; saper osservare; saper cogliere ed utilizzare i suoni della lingua; saper mettere in relazione ed associare; saper usare l attenzione selettiva

Dettagli

RICEVITORE TELEFONICO A 2 LINEE SD-T2

RICEVITORE TELEFONICO A 2 LINEE SD-T2 RICEVITORE TELEFONICO A 2 LINEE SD-T2 Ma nua le di IN STAL LA ZIO NE ED USO Ma nua le N 12110 Rev. B spa Le informazioni presenti in questo manuale sostituiscono quanto in precedenza pubblicato. Sicep

Dettagli

I RIFIUTI DI NOVARA. Altieri ASSA S.p.a. 28/02/2013

I RIFIUTI DI NOVARA. Altieri ASSA S.p.a. 28/02/2013 2013 I RIFIUTI DI NOVARA Alr ASSA S.p.. 28/02/2013 2 Rfu L Cmmss Eurp c l Drv 2008/98/CE dc l v d rur r l 2020 ll s d rfu ssd u rul crl ll prvz quv qulv d rfu. L Il h rcp l v c l DLs 205 dl 3 dcmr 2010

Dettagli

CONTRATTO TRA PARTNER DI CANALE INDIRETTO - v. EM EA. 2 5. 0 4. 0 7 Pe r r e g i s t r a r s i c o m e Pa r t n e r d i Ca n a l e In d i r e t t o ( In d i r e c t Ch a n n e l Pa r t n e r ) d i Ci s

Dettagli

Non-corrispondenza. 1 fonema 2 o 3 grafemi. / ts k dz g / c-ci c-ch-q g-gi g-gh. /N S L / gn-gni sc-sci gl-gli

Non-corrispondenza. 1 fonema 2 o 3 grafemi. / ts k dz g / c-ci c-ch-q g-gi g-gh. /N S L / gn-gni sc-sci gl-gli CONSIGLI PER L APPRENDIMENTO DELLA LETTO-SCRITTURA (a cura della Dott.ssa Allamandri Valeria) Si consiglia di utilizzare il materiale Imparo a leggere giocando Ed.Esperienze 0172-646321, www.esperienzeditrice.it

Dettagli

Corso di Laurea magistrale in Lavoro, cittadinanza sociale,interculturalità

Corso di Laurea magistrale in Lavoro, cittadinanza sociale,interculturalità Corso di Laurea magistrale in Lavoro, cittadinanza sociale,interculturalità Tesi di Laurea L accompagnamento delle istituzioni nell inserimento e integrazione del minore straniero nel nucleo adottivo.

Dettagli

Presentazione Il Rapporto nazionale sugli alunni con cittadinanza non italiana, realizzato anche quest anno dalla Direzione Generale per lo Studente insieme alla Fondazione Ismu (Iniziative e studi sulla

Dettagli

Il Progress Test nei Corsi di Laurea delle Professioni Sanitarie

Il Progress Test nei Corsi di Laurea delle Professioni Sanitarie Il Pgss Tst n Cs d Lu dll Pfssn Snt Pl Pllstn (Psdnt C.d.L. n Fstp) Luc Btzz (Cdnt C.d.L. n Fstp) Unvstà d Blgn 1 Pgss Tst Infm Fstpst PROFESSIONI CHE HANNO PARTECIPATO Osttch (ch hnn sgut un pcdu plll)

Dettagli

Localizzare gli oggetti

Localizzare gli oggetti NDC SUU 3^ UN FUNZN CUNCV : Chiedere e dire l'età, il mese e la stagione del compleanno Chiedere che colore è un elemento Chiedere qual è il giocattolo /colore preferito Saper dire cosa una persona ha

Dettagli

Descrizione prestazionale degli elementi di arredo del progetto MOVIlinea.

Descrizione prestazionale degli elementi di arredo del progetto MOVIlinea. . 11 Dscrizin prstzinl dgli lmi di rrd dl prgtt Vlin. Pnnll infrmzini dll pnsilin cstituit dll qui tvl dll schinl sull qul vin incllt un lmirin di llumini 2 mm di spssr, vrnicit binc. Du pnnlli in plicrb

Dettagli

P a r m a e P i a c e n z a

P a r m a e P i a c e n z a F o n d i t o r e E p o c a S e d e f o n d e r i a N o t e A l e s s i B IB L IO G R A F IA : S c a r a b e l l i Z u n t i ; E n r i c o D a l l ' O l i o. La campana grossa della torre della piazza,

Dettagli

IL SISTEMA SCOLASTICO

IL SISTEMA SCOLASTICO IL SISTEMA SCOLASTICO - 11 - 2.1 SCUOLA DELL INFANZIA Per quanto riguarda l analisi della scuola dell infanzia è bene sottolineare, in quanto i risultati ne sono chiaramente influenzati, che gli indicatori

Dettagli

ENTE BILATERALE TURISMO GARDESANO. Attività Formativa 1999-2008

ENTE BILATERALE TURISMO GARDESANO. Attività Formativa 1999-2008 Attività Formativa 0 CORSI ANNO ANNO ANNO ANNO ANNO ANNO ANNO ANNO ANNO ANNO NUMERO NUMERO 00 01 02 03 04 05 06 07 0 CORSI PARTECIPANTI IGIENE ALIMENTARE X X 2 37 RESPONSABILE SICUREZZA LAVORO X X 2 AREA

Dettagli

Nome e Cognome Indirizzo Telefono Cellulare E-mail Nazionalità Data di nascita Codice Fiscale

Nome e Cognome Indirizzo Telefono Cellulare E-mail Nazionalità Data di nascita Codice Fiscale IN F O R M A Z IO N I P E R S O N A L I Nome e Cognome Indirizzo Telefono Cellulare E-mail Nazionalità Data di nascita Codice Fiscale V a le n tin a B e c c h i E S P E R IE N Z E L A V O R A T IV E D

Dettagli

SERVIZIO SANITARI O REGI ONE SARDE GN A -A.S.L. N 5 ORISTAN O. L an n o d u e m i l a u n d i c i a d d ì d e l m e s e di M a g g i o TR A

SERVIZIO SANITARI O REGI ONE SARDE GN A -A.S.L. N 5 ORISTAN O. L an n o d u e m i l a u n d i c i a d d ì d e l m e s e di M a g g i o TR A Alle g a t o (A) all a Deli b e r a z i o n e Dir e t t o r e G e n e r a l e n 144 d el 23/ 0 5/ 2 0 11 Co m p o s t o d a n 6 p a g i n e SERVIZIO SANITARI O REGI ONE SARDE GN A -A.S.L. N 5 ORISTAN O

Dettagli

I.M.G. S.r.l. SEZIONE A-A. PIANTA A Q.ta CAMERA D'ISPEZIONE. PIANTA A Q.ta POZZETTO MINISTERO INFRASTRUTTURE E TRASPORTI SEZIONE B-B

I.M.G. S.r.l. SEZIONE A-A. PIANTA A Q.ta CAMERA D'ISPEZIONE. PIANTA A Q.ta POZZETTO MINISTERO INFRASTRUTTURE E TRASPORTI SEZIONE B-B N Q.t MER 'SEZNE N Q.t ZZE SEZNE FGN V ESSENE FGN V ESSENE os.10 MER 'SEZNE ESSENE MER 'SEZNE ESSENE os.2 os.8 os.2 mcropl Ø240 rmt con tubo Ø193.7 12.5 L=15.00m mcropl Ø240 rmt con tubo Ø193.7 12.5 L=15.00m

Dettagli

Bambini nel mondo Testo: Classe IV B - Scuola Primaria - Velo d Astico - I Circolo Arsiero Insegnante: Carla Lain

Bambini nel mondo Testo: Classe IV B - Scuola Primaria - Velo d Astico - I Circolo Arsiero Insegnante: Carla Lain Società del Quartetto - Amici della Musica di Vicenza Scrivi che ti canto - Vicenza 00/05 Sez 1 - II remio Bambini nel mondo Testo: Classe IV B - Scuola rimaria - Velo d Astico - I Circolo Arsiero Insenante:

Dettagli

Sviluppo Lazio S.p.A.

Sviluppo Lazio S.p.A. Sviluppo Lazio S.p.A. Bilancio al 31 dicembre 2012 1 BILANCIO CIVILISTICO AL 31.12.2012 2 PARTECIPANTI AL CAPITALE REGIONE LAZIO C.C.I.A.A. DI ROMA 3 ORGANI SOCIALI Consiglio di Amministrazione PRESIDENTE

Dettagli

Elementi su cui applicare la percentuale del 15% per il calcolo dei contributi INPS e INAIL

Elementi su cui applicare la percentuale del 15% per il calcolo dei contributi INPS e INAIL CASSA EDILE BERGAMO Sistema Certificato UNI EN ISO 9001:2000 SC-06-587/EA 35 Bergamo, 14 Febbraio 2008 A TUTTE LE IMPRESE ISCRITTE L O R O S E D I A) Contributi in vigore Contributo % carico imprese %

Dettagli

DATI ANAGRAFICI E DI TITOLARITA' Allegati : Cognome. Nome. Sesso. Codice Fiscale. Data di nascita. Comune di Nascita. Provincia

DATI ANAGRAFICI E DI TITOLARITA' Allegati : Cognome. Nome. Sesso. Codice Fiscale. Data di nascita. Comune di Nascita. Provincia DOMANDA DI MOBILITA' TERRITORIALE PER ASSEGNAZIONE A LIVELLO NAZIONALE SCUOLA PRIMARIA -AN SCOLASTICO 2016/17 DOCENTI ASSUNTI NELL'A.S. 2015/16 NELLE FA "B" E "C" DA GAE DATI ANAGRAFICI E DI TITOLARITA'

Dettagli

Software Ecodev D Visura tramite SMS: Istruzioni e modalità di utilizzo

Software Ecodev D Visura tramite SMS: Istruzioni e modalità di utilizzo Software Ecodev D Visura tramite SMS: Istruzioni e modalità di utilizzo Il servizio Visure PRA per gli Autodemolitori si arricchisce di una nuova funzione, visure tramite SMS, che accelera la verifica

Dettagli

Fo glio d in stal la zio ne

Fo glio d in stal la zio ne Fo glio d in stal la zio ne Ma nua le n 18682 Rev. - Questo apparecchio è studiato per funzionare con impianti elettrici da 12Vcc con Negativo a massa. Prima di installarlo controllare la tensione della

Dettagli

La Cluster Analysis LA CLUSTER ANALYSIS - 227 -

La Cluster Analysis LA CLUSTER ANALYSIS - 227 - LA CLUSTER ANALYSIS - 227 - 8.1 UNA VISIONE D INSIEME DEL SISTEMA SCOLASTICO Volendo descrivere le caratteristiche delle province in termini di indicatori relativi al Contesto e al Sistema Scolastico è

Dettagli

Innovare il modello di servizio per la clientela Small Business

Innovare il modello di servizio per la clientela Small Business Innovare il modello di servizio per la clientela Small Business Nicola Generani Responsabile Direzione Marketing Retail - Private Convegno Dimensione Cliente 200 Roma, 26/03/200 Contenuti Overview Gruppo

Dettagli

el meg ICT Mon tag gio Italiano

el meg ICT Mon tag gio Italiano el meg ICT Mon tag gio Italiano Di chia ra zio ne di con for mi tà e mar ca tu ra CE Ques to dis po si ti vo è con for me alla di ret ti va co mu ni ta ria R&TTE 5/999/CE:»Di ret ti va 999/5/CE del Par

Dettagli

i i i: i I i i!i!, i i i

i i i: i I i i!i!, i i i S I D RA D red g i n g, M a r i n e & E n v i ro n m e n ta l C o n t ra ct o r i i i: i I i i!i!, i i i P ro g ett a e d e s e g u e d a p i ù d i 3 0 a n n i o p e re m a r i tt i m e i n I t a l i a

Dettagli

Acqua, sapone, dentifricio e spazzolino

Acqua, sapone, dentifricio e spazzolino Solista Coro Ú 111 c c Acqua, sapone, dentifricio e spazzolino Testo : Maria Cristina Meloni - Musica : Andrea Vaschetti (Introd Pianoforte Fa Do Sol Do ) Do Fa Ó Œ j Œ A Ac-qua, sa - po - ne, den - ti

Dettagli

OPERAZIONE MANI PULITE

OPERAZIONE MANI PULITE Tl: OPERAZIONE MANI PULITE Aur: Lur Css Prcrs ddc ssc: 1. L u pug d rr AVVERTENZA: L dmd ch sgu s spr l prcrs prcrs dc h cm b qull d rfcr l pdrz d lcu cmpz (l cpcà cè d pplcr cscz ccul prcdurl ch cs drs

Dettagli

ALLLEGATO IV: Scheda informativa sintetica dell offerta formativa

ALLLEGATO IV: Scheda informativa sintetica dell offerta formativa O ALLLEGATO IV: Scheda informativa sintetica dell offerta formativa TITOLO: LADY & MISTER CHEF, PROMOTORI DELL ENOGASTRONOMIA LUCANA AREA TEMATICA Il pe r c o r s o f o r m a t i v o pr o po s t o m i

Dettagli

Relatore Vittorio Verdone

Relatore Vittorio Verdone AZZARDO MORALE L'azzardo morale è una forma di opportunismo post-contrattuale, che può portare gli individui a perseguire i propri interessi a spese della controparte, confidando nella impossibilità, per

Dettagli

SCUOLA DELL'INFANZIA DI VILLA STRADA. a.s. 2013/2014 SEZIONE DEI BAMBINI DI 5 ANNI

SCUOLA DELL'INFANZIA DI VILLA STRADA. a.s. 2013/2014 SEZIONE DEI BAMBINI DI 5 ANNI SCUOLA DELL'INFANZIA DI VILLA STRADA a.s. 2013/2014 "LA FESTA DEI NONNI" SEZIONE DEI BAMBINI DI 5 ANNI " Inzam l'ann sclastc fstggand nstr NONNI pr rcrdar quant sn przs pr n bambn. Pnsam ch l md pù bll

Dettagli

Incontro Segreterie Nazionali

Incontro Segreterie Nazionali Incontro Segreterie Nazionali Roma, 19 maggio 2015 snam.it Indice Statistiche infortuni Gruppo Snam 2015-2018 Piano Strategico 2 Statistiche Infortuni DIPENDENTI GRUPPO Snam Situazione al 31 dicembre 2014

Dettagli

Grande Banca Popolare. Riorganizzazione del Gruppo Verona, 18 Luglio 2011 Presentazione in webcast alle 16:30

Grande Banca Popolare. Riorganizzazione del Gruppo Verona, 18 Luglio 2011 Presentazione in webcast alle 16:30 Grande Banca Popolare Riorganizzazione del Gruppo Verona, 18 Luglio 2011 Presentazione in webcast alle 16:30 Contenuti Il Progetto Grande Banca Popolare Impatti economici dell operazione 2 Il nuovo assetto

Dettagli

Al Comando generale del Corpo delle capitanerie di porto- Guardia Costiera Reparto 5 - Ufficio III Viale dell Arte, 16 00144 Roma

Al Comando generale del Corpo delle capitanerie di porto- Guardia Costiera Reparto 5 - Ufficio III Viale dell Arte, 16 00144 Roma Al Comando generale del Corpo delle capitanerie di porto- Guardia Costiera Reparto 5 - Ufficio III Viale dell Arte, 16 00144 Roma e ss.mm.ii. Il sottoscritto Codice Fiscale Nato a il Residente in Via/P.zza

Dettagli

ELEZIONI REGIONALI 2010 PRIMI RISULTATI E SCENARI. 25 agosto 2010

ELEZIONI REGIONALI 2010 PRIMI RISULTATI E SCENARI. 25 agosto 2010 ELEZIONI REGIONALI 2010 PRIMI RISULTATI E SCENARI 25 agosto 2010 Indice 1. Risultati 13 regioni 2. Dati di sondaggio 2 Indice 1. Risultati 13 regioni 2. Dati di sondaggio 3 Affluenza. Trend 1979-2010 elezioni

Dettagli

Qualifica di precedenza. Sistema di trasmissione 12:00 Telex Fono Corr. Fax

Qualifica di precedenza. Sistema di trasmissione 12:00 Telex Fono Corr. Fax Giunta Regionale della Campania Direzione Generale per i Lavori Pubblici e la Protezione Civile U.O.D. 06 - Emergenza e Post-Emergenza Sala Operativa Regionale Centro Situazioni soru@pec.regione.campania.it

Dettagli

al Braglia! Campagna Abbonamenti Stagione Sportiva 2013/2014

al Braglia! Campagna Abbonamenti Stagione Sportiva 2013/2014 V l Bgl! g bb g v 213/214 2 g bb g v 213/214 BBNMN P BUNM UÀ 1.25 BUNM LL 1.5 BUNM P BUN B F BUN P 7 42 28 8 21 PXYZ BUN P v B PLNM 38 225 14 8 21 F N LL 23 145 125 8 21 G H L M N Q GN P N NN.GV. NN UN

Dettagli

Bando Trasferimenti da altra sede e passaggi di corso di studio - A.A. 2015-16

Bando Trasferimenti da altra sede e passaggi di corso di studio - A.A. 2015-16 C Cr Sr rrr su 1 B rsr lr s pssgg rs su -.. 2015-16 Sr S l u l prvu sru (r. 5 l B) r. 1 l B sbls h pss prpr l su b slusv: ) gl su prv lr s h h l srz u rs su ll sss lss qull u s sr, qul ur h, ll s u prvg,

Dettagli

Associazione Deruta Nuova sede Deruta. Associazione Cidis sede di Deruta 250,00 mensili dal 01/04/2013 al 31.12.2013

Associazione Deruta Nuova sede Deruta. Associazione Cidis sede di Deruta 250,00 mensili dal 01/04/2013 al 31.12.2013 Numero Progressivo Titolo base attribuzione ( vedi nota in calce) Oggetto Beneficiario Importo vantaggio economico Responsabile del procedimento 1 G.M. 7/13 Concessione uso gratuito locale Casa della Associazione

Dettagli

... e. reie. sage* reep,----- fleura 4. rte,=mpagn-.ma sempre_,e nque NELNOMEDIBIO. elencoinfinitodi alimenti,enteessenze

... e. reie. sage* reep,----- fleura 4. rte,=mpagn-.ma sempre_,e nque NELNOMEDIBIO. elencoinfinitodi alimenti,enteessenze P. I scchtt rb 1000rntrutzzt ) r bon r 4 r ; d.0 r f 4 Ir s -41111 ) In t st f y u III N dt 10009-01092011 Dffuson 62000 Proctà Mns Vggd_10009_50_307.pdf Wb St www.so24or.com Pg 50 Dmns. 100 % NELNOMEDIBIO

Dettagli

IMPOSTA COMUNALE sugli IMMOBILI

IMPOSTA COMUNALE sugli IMMOBILI OMUNE DI EGGIO ALABIA Uffc Tut II IMPOSTA OMUNALE su IMMOBILI ------ TABELLE DEI VALOI DEI TEENI IDONEI ALLA EDIFIAZIONE O SOGGETTI AD ESPOPIO A fn d cc d Impst mun su Imm ( t. 6 d mnt mun p dscpn d II)

Dettagli

COMANDO CARABINIERI PER LA TUTELA DELLA SALUTE RELATORE: GEN.B. COSIMO PICCINNO

COMANDO CARABINIERI PER LA TUTELA DELLA SALUTE RELATORE: GEN.B. COSIMO PICCINNO COMANDO CARABINIERI PER LA TUTELA DELLA SALUTE RELATORE: GEN.B. COSIMO PICCINNO ATTIVITA PRELIMINARI GRUPPO DI LAVORO Dott. Pietro COMBA Istituto Superiore di Sanità Cap. Pietro DELLA PORTA Carabinieri

Dettagli

Provincia di Cuneo - Settore Tutela Flora e Fauna

Provincia di Cuneo - Settore Tutela Flora e Fauna Provincia di Cuneo - Settore Tutela Flora e Fauna Monitorag gio dei siti di resenza del Gambero di fiume (Austrootamobius allies) in Provincia di Cuneo e loro caratterizzazione Provincia di Cuneo - Settore

Dettagli

S e t t i m o R a p p o r t o s u l s e r v i z i o c i v i l e i n It a l i a. Im p a t t o s u c o l l e t t i v i t à e v o l o n t a r i R a p p o r t o f i n a l e D i c e m b r e 2 0 0 4 R I N G

Dettagli

Posta Elettronica Certificata

Posta Elettronica Certificata La Posta Elettronica Certificata Che cos è la PEC - Perché è nata la PEC - La certificazione della PEC - Le differenza tra PEC, email normale, posta tradizionale e fax - Il Quadro Normativo; la differenza

Dettagli

RELAZIONE TECNICA PROTEZIONE CONTRO I FULMINI. di struttura adibita a Ufficio. relativa alla

RELAZIONE TECNICA PROTEZIONE CONTRO I FULMINI. di struttura adibita a Ufficio. relativa alla II I RELAZIONE TECNICA t relativa alla PROTEZIONE CONTRO I FULMINI di struttura adibita a Ufficio. sita nel comune di AF.EZZO (AR) PROPRIET A' AP{EZZO MULTISERVIZI SRL Valutazione del rischio dovuto al

Dettagli