DOCUMENTO DI REGISTRAZIONE RELATIVO ALL EMITTENTE ABAXBANK S.P.A.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "DOCUMENTO DI REGISTRAZIONE RELATIVO ALL EMITTENTE ABAXBANK S.P.A."

Transcript

1 Abaxbank S.p.A. Corso Monforte, Milano Codice fiscale, partita IVA e numero di iscrizione al Registro delle Imprese di Milano Iscritta al R.E.A. di Milano al n , iscritta al n dell Albo delle Banche, codice ABI Appartenente al Gruppo bancario Credito Emiliano Aderente al Fondo Interbancario di Tutela dei Depositi DOCUMENTO DI REGISTRAZIONE RELATIVO ALL EMITTENTE ABAXBANK S.P.A. redatto ai sensi della Direttiva 2003/71/CE, ed in conformità all Allegato XI del Regolamento n. 809/2004/CE pubblicato mediante deposito presso la Consob in data 12 settembre 2006 a seguito di nulla osta comunicato con nota n del 6 settembre 2006 Il presente documento costituisce un documento di registrazione (il "Documento di Registrazione") ai fini della Direttiva 2003/71/CE (la "Direttiva sui Prospetti ") ed è redatto in conformità all'articolo 14 del Regolamento 2004/809/CE (il "Regolamento 809"). Il presente Documento di Registrazione contiene informazioni su Abaxbank S.p.A. (l'"emittente"), in qualità di emittente di una o più tipologie di strumenti finanziari (gli Strumenti Finanziari ). In occasione dell'emissione di ciascun Strumento Finanziario, il presente Documento di Registrazione deve essere letto congiuntamente alla nota informativa ed alla nota di sintesi relative a tale Strumento Finanziario (rispettivamente la "Nota Informativa e la Nota di Sintesi ), entrambe redatte in conformità alla Direttiva sui Prospetti. Con riferimento a ciascun Strumento Finanziario, il Documento di Registrazione, unitamente alle pertinenti Nota Informativa e Nota di Sintesi, costituisce un prospetto, ovvero un prospetto di base, ai sensi e per gli effetti della Direttiva sui Prospetti.. Il presente Documento di Registrazione è stato approvato dalla CONSOB, quale autorità competente per la Repubblica Italiana ai sensi della Direttiva sul Prospetto, in data 6 settembre 2006 con provvedimento n e fornisce informazioni relative ad Abaxbank S.p.A. quale emittente di Strumenti Finanziari per i dodici mesi successivi a tale data.

2 L adempimento di pubblicazione del Documento di Registrazione non comporta alcun giudizio della CONSOB sull opportunità dell investimento proposto e sul merito dei dati e delle notizie allo stesso relativi. 2

3 INDICE 1. PERSONE RESPONSABILI 1.1 Denominazione e sede della persona giuridica responsabile delle informazioni fornite nel Documento di Registrazione Dichiarazione di responsabilità 5 2. REVISORI LEGALI DEI CONTI 2.1 Denominazione e sede della società di revisione Eventuale organo esterno Rilievi o rifiuti d attestazione da parte della Società di revisione 6 3. FATTORI DI RISCHIO 3.1 Avvertenza Dati finanziari e patrimoniali selezionati relativi all emittente 7 4. INFORMAZIONI RELATIVE ALL EMITTENTE ABAXBANK S.P.A Storia ed evoluzione dell emittente Denominazione e forma giuridica Sede sociale e amministrativa Durata dell Emittente Legislazione e foro competente Estremi di iscrizione nel registro delle imprese e negli altri registri aventi rilevanza per legge Oggetto sociale Rating Vigilanza prudenziale PANORAMICA DELLE ATTIVITA 5.1 Principali Attività Nuovi prodotti e nuove attività STRUTTURA ORGANIZZATIVA 6.1 Descrizione del gruppo INFORMAZONI SULLE TENDENZE PREVISTE 7.1 Eventi verificati successivamente al 31 dicembre Prospettive di chiusura dell esercizio corrente PREVISIONI O STIME DEGLI UTILI ORGANI DI AMMINISTRAZIONE DI DIREZIONE E DI VIGILANZA 9.1 Membri degli organi di Amministrazione, di Direzione e di Vigilanza Conflitti di interesse degli esponenti degli organi di Amministrazione, Direzione e Vigilanza PRINCIPALI AZIONISTI 10.1 Persone fisiche o giuridiche che esercitano il controllo sull Emittente Variazioni sull assetto di controllo dell Emittente INFORMAZIONI FINANZIARIE RIGUARDANTI LE ATTIVITA E LE PASSIVITA, LA SITUAZIONE FINANZIARIE E I PROFITTI E LE PERDITE DELL EMITTENTE 11.1 Informazioni finanziarie relative agli esercizi passati Revisione delle informazioni finanziarie relative agli esercizi passati Informazioni finanziare infrannuali Procedimenti giudiziari e arbitrali Cambiamenti significativi nella situazione finanziaria dell Emittente CONTRATTI IMPORTANTI 29 3

4 13. INFORMAZIONI PROVENIENTI DA TERZI, PARERI DI ESPERTI E DICHIARAZIONI DI INTERESSI DOCUMENTI ACCESSIBILI AL PUBBLICO 31 4

5 CAPITOLO 1. PERSONE RESPONSABILI 1.1 DENOMINAZIONE E SEDE DELLA PERSONE GIURIDICA RESPONSABILE DELLE INFORMAZIONI FORNITE NEL DOCUMENTO DI REGISTRAZIONE Abaxbank S.p.A., con sede legale e amministrativa in Corso Monforte n. 34, Milano. 1.2 DICHIARAZIONE DI RESPONSABILITÀ Abaxbank S.p A. assume la responsabilità in ordine alla completezza ed alla veridicità dei dati e delle notizie contenuti nel Documento di Registrazione, attestando altresì che, avendo adottato tutta la ragionevole diligenza a tal scopo, le informazioni contenute nel Documento di Registrazione sono, per quanto a sua conoscenza conformi ai fatti e non presentano omissioni tali da alterarne il senso. Il presente Documento di Registrazione è conforme al modello pubblicato mediante deposito presso la Consob in data 12 settembre 2006, a seguito di nulla osta comunicato con nota n del 6 settembre 2006, e contiene tutte le informazioni necessarie a valutare con fondatezza la situazione patrimoniale e finanziaria, i risultati e le prospettive dell Emittente. Dott. Carlo Sirtori Responsabile Financial Markets Division Abaxbank S.p.A. Dott. Giorgio Tagliavini Presidente del Collegio Sindacale Abaxbank S.p.A. 5

6 CAPITOLO 2 REVISORI LEGALI DEI CONTI 2.1 DENOMINAZIONE E SEDE DELLA SOCIETÀ DI REVISIONE Con l Assemblea Straordinaria dei Soci del 26 aprile 2005, che ha approvato il bilancio dell esercizio 2004 si è concluso l incarico della società di revisione PricewaterhouseCoopers S.p.A. che era stato conferito per il triennio La stessa Assemblea Straordinaria dei Soci del 26 aprile 2005 ha conferito il mandato per la revisione e la certificazione del proprio bilancio per il triennio alla società Deloitte & Touche S.p.A., con sede a Milano, via Tortona EVENTUALE ORGANO ESTERNO Non vi è altro organo esterno di verifica diverso dalla società di revisione. 2.3 RILIEVI O RIFIUTI DI ATTESTAZIONE DA PARTE DELLA SOCIETÀ DI REVISIONE PricewaterhouseCoopers S.p.A. ha rilasciato (ai sensi degli articoli 156 e 165 del D.Lgs. 24 febbraio 1998, N 58) le relazioni di certificazione sui bilanci di esercizio dell Emittente chiusi al 31 dicembre 2002, al 31 dicembre 2003 ed al 31 dicembre In nessun caso la società di revisione ha formulato rilievi o giudizi negativi o ancora dichiarazioni di impossibilità ad esprimere un giudizio. Deloitte & Touche S.p.A ha rilasciato (ai sensi degli articoli 156 e 165 del D.Lgs. 24 febbraio 1998, N 58) la relazione di certificazione sul bilanco di esercizio dell Emittente chiuso al 31 dicembre La società di revisione non ha formulato rilievi o giudizi negativi o ancora dichiarazioni di impossibilità ad esprimere un giudizio. 6

7 CAPITOLO 3 FATTORI DI RISCHIO 3.1 Avvertenza La capacità dell Emittente di adempiere agli obblighi ad esso derivanti nei confronti degli investitori a seguito della sottoscrizione di Strumenti Finanziari, risulta strettamente connessa alla generale posizione patrimoniale e finanziaria dell Emittente. LA POSIZIONE PATRIMONIALE E FINANZIARIA DELL EMITTENTE È IDONEA A GARANTIRE L ADEMPIMENTO DA PARTE DELL EMITTENTE DELLE PROPRIE OBBLIGAZIONI RELATIVE AGLI STRUMENTI FINANZIARI. ALLA DATA DI PUBBLICAZIONE DEL PRESENTE DOCUMENTO DI REGISTRAZIONE NON SONO IN CORSO PROCEDIMENTI OVVERO NON SI SONO VERIFICATI EVENTI TALI DA INCIDERE SUL GRADO DI SOLVIBILITÀ DELL EMITTENTE. Il presente capitolo 3 contiene una sintesi di taluni dati patrimoniali e finanziari particolarmente significativi relativi all Emittente. Per maggiori dettagli in merito alle informazioni finanziarie e patrimoniali dell'emittente si rinvia, altresì, a quanto indicato al capitolo 11 - "Informazioni Finanziarie" - del presente Documento di Registrazione. In ogni caso, al fine di comprendere i rischi connessi all'investimento negli Strumenti Finanziari, si invitano gli investitori a leggere l intero Prospetto ed, in particolare, le Note Informative relative alle singole tipologie di Strumenti Finanziari. 3.2 Dati finanziari e patrimoniali selezionati riferiti all'emittente Si riportano di seguito alcuni dati finanziari e patrimoniali selezionati relativi all'emittente tratti dai bilanci sottoposti a revisione per gli esercizi finanziari chiusi al 31 dicembre 2004 e Principali Dati Patrimoniali 7

8 VOCI BILANCIO AL 31 DICEMBRE 2004 REDATTO SECONDO I PRINCIPI CONTABILI NAZIONALI BILANCIO AL 31 DICEMBRE 2004 REDATTO SECONDO I PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI (IAS/IFRS, con l eccezione degli IAS 39 E IAS 32 ) BILANCIO AL 31 DICEMBRE 2005 REDATTO SECONDO I PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI (IAS/IFRS) Margine di Interesse ( ) ( ) ( ) Margine intermediazione di Risultato netto della gestione finanziaria Utile dell operatività corrente al lordo delle imposte ( ) ( ) Utile d esercizio ( ) ( ) Attività finanziarie detenute per la negoziazione Crediti a) crediti verso banche b) crediti vero clientela a) b) a) b) a) b) TOTALE ATTIVO Indebitamento a) Debiti verso banche b) Debiti verso clientela c) Titoli in circolazione Passività finanziarie di negoziazione Passività finanziarie valutate al fair value = a) b) c) = a) b) c) = a) b) c) Patrimonio Netto TOTALE PASSIVO

9 3.2.2 Altri Dati Patrimoniali VOCI BILANCIO AL 31 DICEMBRE 2004 BILANCIO AL 31 DICEMBRE 2005 Patrimonio di Vigilanza Total Capital Ratio 10,91% 9,18% Tier 1 Capital Ratio 5,12% 6,73% Si segnala che i dati relativi alle sofferenze su impieghi, nette e lorde, e agli incagli su impieghi, netti e lordi, non sono significativi, considerata la tipologia di attività svolte da Abaxbank. Si segnala inoltre che il coefficiente di solvibilità individuale dell Emittente alla data del 31 dicembre 2004 era pari al 12,14%, mentre alla data del 31 dicembre 2005 era pari al 16,22 % Patrimonio di Vigilanza Relativamente al patrimonio di vigilanza dell Emittente, alla data del presente documento i più recenti dati comunicati alla Banca d Italia sono quelli al 31 marzo 2006 e sono di seguito riportati: PATRIMONIO DI BASE (a) Elementi positivi Euro 1. Capitale Sovrapprezzi di emissione - 3. Riserve ,13 4. Fondo per rischi bancari Totale degli elementi positivi del ,13 patrimonio base (b) Elementi negativi 6. Capitale sottoscritto non versato - 7. Azioni o quote proprie - 8. Avviamento - 3 Il Total Capital Ratio non è coincidente con il coefficiente di solvibilità individuale, poiché quest ultimo viene calcolato al netto del prestito subordinato di 3^livello (per 100 milioni di euro), posto a copertura dei rischi di mercato. 9

10 9. Altre immobilizzazioni immateriali , Perdita di esercizio - 11 Totale degli elementi negativi del patrimonio di base ,12 Totale ,01 PATRIMONIO SUPPLEMENTARE (i) Totale del patrimonio supplementare ,00 (ii) Totale elementi da dedurre - TOTALE DEL PATRIMONIO DI VIGILANZA ,01 10

11 CAPITOLO 4 INFORMAZIONI RELATIVE ALL EMITTENTE ABAXBANK S.P.A. 4.1 STORIA ED EVOLUZIONE DELL EMITTENTE L Emittente è una società costituita (con il nome di ISTITUTO CENTRALE DI BANCHE E BANCHIERI S.p.A.) con atto a rogito del Notaio Giuseppe Lanciotti in Roma in data 11 marzo 1943 n di repertorio, omologato dal Tribunale di Roma con decreto 29 marzo 1943, pubblicato nel Foglio degli annunzi legali della provincia di Roma n. 26 del 2 aprile 1943 e nel Bollettino Ufficiale delle Società per Azioni Fascicolo n. 15 parte I del 15 aprile DENOMINAZIONE E FORMA GIURIDICA L Emittente è Abaxbank S.p.A. L Emittente fa parte del Gruppo Bancario Credito Emiliano- Credem (il Gruppo ). 4.3 SEDE SOCIALE E SEDE AMMINISTRATIVA La sede sociale e amministrativa dell Emittente è situata in Corso Monforte n. 34, Milano. 4.4 DURATA DELL EMITTENTE La durata dell Emittente è stabilita sino al 31 dicembre 2050 e potrà essere prorogata. 4.5 LEGISLAZIONE E FORO COMPETENTE L Emittente è una società costituita ai sensi della legislazione italiana. I diritti e gli obblighi assunti dall Emittente sono regolati del diritto italiano. Il Foro competente per le controversie relative agli strumenti emessi dall Emittente in cui sia parte un consumatore ai sensi dell articolo 1469-bis, comma 2, è quello della residenza o domicilio elettivo del consumatore medesimo. Per ogni altra controversia è competente il Foro di Milano. 4.6 ESTREMI DI ISCRIZIONE NEL REGISTRO DELLE IMPRESE E NEGLI ALTRI REGISTRI AVENTI RILEVANZA PER LEGGE L Emittente risulta iscritta presso il Registro delle Imprese di Milano al n , presso la Camera di Commercio di Milano al n e presso l Albo dei Gruppi Creditizi al n / OGGETTO SOCIALE Con delibera del Consiglio di Amministrazione 16 dicembre 2004, lo Statuto Sociale è stato adeguato alle norme introdotte dal D.Lgs. 17 gennaio 2003 n.6 (e successive modifiche e integrazioni). Lo Statuto Sociale dell Emittente, relativamente all oggetto sociale (art. 3), stabilisce 11

12 che: La Società ha per oggetto la raccolta del risparmio e l esercizio del credito nelle sue varie forme nonché lo svolgimento delle altre attività bancarie e finanziarie consentite dalla legge ed, in particolare, l intermediazione mobiliare nella sua più ampia accezione nonché la prestazione dei servizi di investimento ed accessori e delle attività ad essi connesse e strumentali. La Società può comunque compiere ogni altra operazione strumentale o connessa al raggiungimento dell oggetto sociale, nell osservanza delle disposizioni normative vigenti RATING L Emittente non è oggetto di rating VIGILANZA PRUDENZIALE L Emittente, in quanto banca autorizzata ai sensi del D. Lgs. n. 385 del 1 settembre 1993, nonché appartenente ad un gruppo bancario, è sottoposto a vigilanza prudenziale da parte della Banca d Italia EVENTI RILEVANTI Alla data del presente documento non si sono verificati, nella vita aziendale, eventi il cui impatto e la cui rilevanza siano tali da potere incidere sulla solvibilità dell'emittente. 12

13 CAPITOLO 5 PANORAMICA DELLE ATTIVITA 5.1 PRINCIPALI ATTIVITÀ Abaxbank opera come banca d investimento offrendo alla propria clientela (rappresentata da investitori istituzionali, banche e altri intermediari finanziari, nonché da ulteriori operatori qualificati) un ampia tipologia di prodotti nell ambito di tutti i servizi d investimento di cui all articolo 1, comma 5, del D. Lgs n. 58/1998 (Testo Unico sull Intermediazione Finanziaria). L attività è prestata attraverso due principali aree operative: la Financial Markets Divison e la Investment Banking Division. Financial Markets Division All interno della Financial Markets Division sono svolte le attività di negoziazione per conto proprio, di esecuzione di ordini per conto terzi, nonché le attività di strutturazione di particolari tipologie di strumenti finanziari derivati e/o strutturati destinati alla vendita presso investitori istituzionali ovvero al collocamento- per il tramite di altri intermediari- presso clientela retail. In particolare, per quanto riguarda l attività di trading proprietario, sono operativi all interno della divisione diversi desk operanti nell ambito dei mercati azionari, di valute, di tassi ovvero di strumenti derivati. Con riferimento all attività di creazione/vendita di prodotti destinati alla clientela, differenti desk sono preposti, per tipologia di prodotto, allo svolgimento delle varie fasi di creazione, strutturazione e vendita dei medesimi. Ulteriori desk sono preposti allo svolgimento dell attività di market making a copertura dei rischi di mercato derivanti dalla gestione del rischio sottostante agli strumenti finanziari derivati e venduti alla clientela. Investment Banking Division La Divisione Investment Banking offre servizi di consulenza e assistenza (per operazioni di aumento di capitale, di ricerca capitale di rischio, di assistenza per le operazioni di quotazione in Borsa, consulenza nell ambito di operazioni straordinarie, valutazioni di aziende) rivolti prevalentemente nei confronti di aziende di media capitalizzazione. La Divisione è stata oggetto di un processo di riorganizzazione a seguito del quale, tra la fine dell anno 2004 ed i primi mesi del 2005 è cessata definitivamente l attività del Dipartimento 13

14 Structured Finance, l attività di organizzazione di prestiti sindacati del Dipartimento Syndication Loans e quella del Dipartimento Securitization & Capital Enhancement. Attualmente i dipartimenti operanti all interno della divisione sono il dipartimento Equity Capital Markets e il dipartimento M&A Advisory. Il dipartimento Equity Capital Markets opera prevalentemente nei confronti di aziende di medie dimensioni che desiderano quotarsi sul mercato STAR offrendo servizi di consulenza. Il Dipartimento M&A Advisroy opera nell ambito di operazioni di finanza straordinaria, sia domestiche che cross border Per quanto riguarda specificamente l esercizio 2005 Abaxbank ha agito in qualità di Lead Manager nell ambito della quotazione sul Mercato Expandi di Caleffi S.p.A. In merito all attività svolta dal Dipartimento M&A Advisory, Abaxbank ha agito in qualità di advisor in cinque transazioni. 5.2 NUOVI PRODOTTI E NUOVE ATTIVITÀ Per quanto riguarda, in particolare l esercizio 2005, l operatività dell area Fnancial Markets Division è stata caratterizzata anche nella direzione dello sviluppo di nuove attività e prodotti.. Tra le principali innovazioni si segnalano: l attività di vendita di Covered Warrant destinati alla quotazione presso il mercato SEDEX di Borsa Italiana, di nuovi prodotti quali gli Abaxbank Hedge Warrants (negoziati sul segmento Covered warrant Strutturati esotici) e gli Abaxbank Spread Certificates su tassi di interesse (negoziati sul segmento Leverage Certificates classe B) la ri-apertura dell operatività sul mercato primario obbligazionario in qualità di lead e co-lead manager. L attività si è focalizzata sulle operazioni di emittenti con elevato standing creditizio (primarie istituzioni creditizie e sovranazionali ); L affermazione dell operatività di strutturazione di emissioni indicizzate a Fondi di Fondi Hedge ; lo sviluppo dell attività di Portfolio Management nella duplice tipologia i) di Gestioni Flessibili Multimanager con controllo del rischio e ii) Gestioni in Delega di n. 2 fondi di fondi di diritto irlandese ( Plurima Enhanced Cash e Global Multistrategy Cash ), per un totale di asset under management di circa 280 mln.; 14

15 il rafforzamento dell operatività nel comparto FX lo sviluppo di una maggior copertura commerciale sulla clientela di tipo bancario, specifica per il prodotto. 15

16 CAPITOLO 6 STRUTTURA ORGANIZZATIVA L Emittente è parte del Gruppo Bancario Credito Emiliano Credem (di seguito il Gruppo). L attività di direzione e coordinamento del Gruppo è svolta dalla capogruppo Credito Emilano S.p.A.; Credito Emilano Holding S.p.A, holding di partecipazioni, funge da organismo depositario delle funzioni di governo e controllo del gruppo bancario 6.1 DESCRIZIONE DEL GRUPPO Il Gruppo è attualmente composto da diciassette società. Queste, a loro volta, sono distinte in società: captive (affini al business retail della controllante) e non captive. Fra le prime si citano: Credemleasing, Credemfactor, Euromobiliare Asset Management SGR. Come società non captive, oltre all Emittente, operano Euromobiliare S.I.M., MGT e Credemtel. Il Gruppo presenta un'offerta di servizi finanziari globale, strutturata per soddisfare le molteplici esigenze della clientela a diversi livelli, mediante società prodotto specializzate in singole aree di business: Euromobiliare Asset Management SGR, Euromobiliare Alternative Investments SGR, Credem Private Equity SGR ed Euromobiliare International Fund SICAV, società specializzate nella gestione del risparmio, offrono agli investitori una gamma, tra le più ampie e complete, di fondi comuni d'investimento mobiliare aperti, chiusi e speculativi e comparti di SICAV; Euromobiliare Sim, operante nell'intermediazione azionaria, con un particolare sviluppo dell attività di ricerca; Banca Euromobiliare, attiva nell'offerta a clientela privata ed istituzionale dei servizi di consulenza finanziaria e gestione patrimoniale, svolti attraverso una rete di promotori finanziari e private banker qualificati; Credemleasing e Credemfactor, operative nei rispettivi settori di finanziamento agli investimenti ed al circolante delle aziende; Credemtel, impegnata nell'offerta di servizi telematici a banche ed aziende per la gestione di incassi e pagamenti; 16

17 Euromobiliare Fiduciaria, offre servizi di intestazione fiduciaria anche in relazione ad operazioni finanziarie gestite da altre società del gruppo. Si riporta di seguito la struttura del Gruppo relativamente all'area di consolidamento, aggiornata al 31 marzo Note: le percentuali esprimono i diritti di voto esercitabili direttamente e indirettamente le partecipazioni in chiaro sono valutate con il metodo del patrimonio netto 17

18 CAPITOLO 7 INFORMAZIONI SULLE TENDENZE PREVISTE. 7.1 EVENTI VERIFICATISI SUCCESSIVAMENTE AL 31 DICEMBRE 2005 Si attesta che, alla data di pubblicazione del presente Documento di Registrazione, non si sono verificati cambiamenti sostanziali delle prospettive dell Emittente rispetto alla data dell ultimo bilancio sottoposto a revisione e pubblicato. 7.2 PROSPETTIVE DI CHIUSURA DELL ESERCIZIO CORRENTE Alla data del presente documento non si segnalano tendenze, incertezze impegni o fatti noti che potrebbero ragionevolmente avere ripercussioni significative sull emittente per l esercizio in corso. 18

19 CAPITOLO 8 PREVISIONI O STIME DEGLI UTILI In conformità a quanto previsto dall'allegato XI, punto 8 del Regolamento 809, l'emittente non si avvale della facoltà di fornire previsioni o stime degli utili dell'esercizio in corso. 19

20 CAPITOLO 9 ORGANI DI AMMINISTRAZIONE DI DIREZIONE E DI VIGILANZA 9.1 Membri degli organi di Amministrazione, di Direzione e di Vigilanza Consiglio di Amministrazione Il Consiglio di Amministrazione di Abaxbank, nominato dall Assemblea dei Soci del 28 aprile 2004 per il triennio , è così composto: Nome Carica Luogo e data di nascita Membro del Comitato Esecutivo Termine di scadenza del mandato Lucio Zanon di Valgiurata Presidente Torino 10/08/1956 Sì (di diritto) Approvazione bilancio esercizio 2006 Enrico Corradi Vice Presidente Reggio Emilia 17/07/1956 Si (di diritto) Come sopra Paolo Caroli Amministratore Delegato Castellarano (RE) Si (di diritto) Come sopra 14/02/1954 Adolfo Bizzochi Consigliere Vezzano sul Crostolo (RE) 24/08/1953 Sì (nominato) Come sopra Marco Braglia Consigliere Reggio Emilia 19/06/1955 Sì (nominato) Come sopra Giorgio Ferrari Consigliere Reggio Emilia 16/12/1933 No Come sopra Luigi Maramotti Consigliere Reggio Emilia 12/03/1957 No Come sopra Matteo Mattei Gentili Consigliere Rimini 19/11/1942 No Come sopra Stefano Morellini Consigliere Novi di Modena (MO) No Come sopra 16/01/1960 Rossano Zanichelli (*) Consigliere Correggio (RE) 27/03/1956 No Come sopra (*) nominato con atto dell assemblea dei soci del 28 aprile 2006 Ai fini della carica rivestita presso l Emittente, i membri del Consiglio di Amministrazione sono domiciliati presso gli uffici di Abaxbank, Corso Monforte n. 34, Milano. 20

21 Collegio Sindacale Il Collegio Sindacale di Abaxbank, nominato dall Assemblea dei Soci del 28 aprile 2004 per il triennio , è così composto: Nome Carica Luogo e data di nascita Scadenza del mandato Giorgio Tagliavini Presidente del Collegio sindacale Reggio Emilia 24/09/1925 Approvazione bilancio esercizio 2006 Emilio Aguzzi de Villeneuve Sindaco effettivo Milano 01/08/1938 Come sopra Gianni Tanturli Sindaco effettivo Reggio Emilia 19/07/1964 Come sopra Aldo Marco Maggi Sindaco supplente Milano 14/02/1965 Come sopra Ezio Simonelli Sindaco Supplente Macerata (MC), 12/02/1958 Come sopra Ai fini della carica rivestita presso l Emittente, i membri del Collegio Sindacale sono domiciliati presso gli uffici di Abaxbank, Corso Monforte n. 34, Milano. Direttore generale e principali dirigenti Alla data del presente documento non è presente la carica di Direttore Generale e l organico complessivo di Abaxbank è costituito da n. 143 dipendenti. I principali dirigenti di Abaxbank sono: Nome Luogo e data di nascita Ruolo Paolo Caroli Castellarano (RE) 14/02/1954 Amministratore Delegato Lorenzo Astolfi Milano 19/01/1965 Responsabile Investment Banking Division Carlo Sirtori Milano 03/06/1959 Responsabile Financial Market Division Albero Brazzelli Milano 26/02/1962 Responsabile Finance & Administration Paolo Rizzuti Cagliari 30/06/1965 Risk Manager 21

22 9.2 Conflitti di Interesse degli Organi di Amministrazione, di Direzione e di Vigilanza Taluni membri del Consiglio di Amministrazione e del Collegio Sindacale dell Emittente ricoprono cariche analoghe in altre società sia all'interno che all'esterno del Gruppo; pertanto tale situazione potrebbe determinare l insorgenza di potenziali conflitti di interesse avuto riguardo agli interessi perseguiti dalle medesime persone, per effetto degli obblighi e dei ruoli da essi ricoperti in altre società. La disciplina dei conflitti di interesse è regolata secondo le disposizioni del codice civile. Le tabelle di seguito mostrano le cariche ricoperte in altre società da taluni membri del Consiglio di Amministrazione e del Collegio Sindacale dell Emittente: Consiglio di Amministrazione Nome Ruolo in Abaxbank Altri incarichi Lucio Zanon di Valgiurata Presidente del Consiglio di Amministrazione (i) Consigliere del Credito Emiliano Hodling S.p.A.; (ii) Consigliere di Credem Banca S.p.A.; (iii) Consiglierei Euromobiliare S.I.M.; (iv) Consigliere della Euromobiliare Asset Management S.G.R. S.p.A.; (v) Consigliere della Banca Euromobiliare S.p.A.; (vi) Presidente del Consiglio di Amministrazione della Credem International Lux S.A.; (vii) Presidente del Consiglio di Amministrazione della Euromobiliare International Fund Sicav; (viii) Presidente del Consiglio di Amministrazione della Euromobiliare Alternative Investments S.G.R. S.p.A.; (ix) Vice Presidente del Consiglio di Amministrazione della Credem Private Equity S.G.R. S.p.A.; (x) Presidente del Consiglio di Amministrazione della Fenera Holding S.p.A.; (xi) Consigliere della Camfin Sp.A.; (xii) Consigliere della Toro Assicurazioni S.p.A.; (xiii) Consigliere della Morval SIM S.p.A.; (xiv) Consigliere della Morval Bank & Trust Cayman Ltd. (Cayman); (xv) Presidente del Consiglio di Amministrazione della Morval Gestion S.A.M. (Monaco); (xvi) Consigliere della Istifid S.p.A.; (xvii) Amministratore Delegato della Fenera Holding International S.A.; (xviii) Consigliere della Morval Vonwiller Holding S.A. (CH); (xix) Consigliere della P.K.P. Gruppo Finanziario S.p.A.. Enrico Corradi Vice-Presidente del Consiglio di Amministrazione (i) Consigliere del Credito Emiliano Holding S.p.A.; (ii) Consigliere di Credem Banca S.p.A.; (iii) Consigliere della Euromobiliare S.I.M. S.p.A.; (iv) Consigliere della Euromobiliare Asset Management S.G.R. S.p.A.; (v) Consigliere della Banca Euromobiliare S.p.A.; (vi) Presidente del Consiglio di Amministrazione della Banca Euromobiliare Suisse S.A.; (vii) Presidente del Consiglio di Amministrazione 22

23 della Credem Private Equity S.G.R. S.p.A.; (viii) Presidente del Collegio Sindacale della Pictet & C. S.I.M. S.p.A.; (ix) Sindaco della Lombardini S.r.l.; (x) Sindaco della Max Mara Fashion Group S.r.l.; xi) Vice Presidente del Consiglio di Amministrazione della ISTIFID S.p.A.; (xii) Presidente del Consiglio di Amministrazione della Raffaello Jersey GB;(xiii) Consigliere della Franzini A. S.p.A.; (xv) Presidente del Collegio Sindacale della Marella S.p.A.; (xiv) Presidente del Collegio Sindacale della Procomac Indistries S.p.A.; e (xv) Consigliere della Alicros S.p.A.; (xvi) Sindaco della Max Mara S.r.l.; Sindaco della Marina Rinaldi S.r.l.; Sindaco della Maxima S.p.A Giorgio Ferrari Consigliere (i) Presidente del Consiglio di Amministrazione del Credito Emiliano Holding S.p.A.; (ii) Vice Presidente del Consiglio di Amministrazione della Credemassicurazioni S.p.A..; (iii) Presidente del Consiglio di Amministrazione della Credemvita S.p.A. ; (iv) Presidente del Consiglio di Amministrazione di Credem Banca S.p.A.; (v) Consigliere della Euromobiliare Asset Management S.G.R. S.p.A.; (vi) Consigliere della Banca Euromobiliare S.p.A.; (vii) Presidente del Collegio Sindacale della Max Mara Fashion Group S.r.l.; (viii) Presidente del Collegio Sindacale della Max Mara S.r.l.; (ix) Presidente del Collegio Sindacale della Marina Rinaldi S.r.l.; (x) Presidente del Collegio Sindacale della Manifatture del Nord S.r.l.; (xi) Presidente del Collegio Sindacale della Maxima S.p.A.; (xii) Presidente del Collegio Sindacale della Sicem S.p.A.; (xiii). Presidente del Collegio Sindacale della Villa Igea S.p.A. (xiv) Presidente del Collegio Sindacale della Varano Borghi S.p.A. Adolfo Bizzocchi Consigliere (i) Direttore Generale della Credem Banca s S.p.A.; (ii) Consigliere della Banca Euromobiliare S.p.A.; (iii) Vice Presidente del Consiglio di Amministrazione della Credemfactor S.p.A.; (iv) Vice Presidente del Consiglio di Amministrazione della Credemleasing S.p.A.; (v) Presidente del Consiglio di Amministrazione della Credemtel S.p.A.; (vi) Consigliere della Euromobiliare Alternative Investment S.G.R. S.p.A.; (vii) Consigliere della Euromobiliare Asset Mangament S.G.R. S.p.A.; (viii) Consigliere della Euromobiliare SIM. S.p.A.; (ix) Consigliere della Azuritalia Assicurazioni S.p.A.; e (x) Consigliere della Azuritalia Vita S.p.A. Luigi Maramotti Consigliere (i) Vice Presidente del Consiglio di Amministrazione della Credito Emiliano Holding S.p.A.; (ii) Vice-Presidente del Consiglio di Amministrazione della Credem Banca S.p.A.; (iii) 23

NOTA DI SINTESI. relativa agli. ABAXBANK DYNAMIC ALLOCATION CERTIFICATES su un Indice di Riferimento in OICR calcolato da Abaxbank

NOTA DI SINTESI. relativa agli. ABAXBANK DYNAMIC ALLOCATION CERTIFICATES su un Indice di Riferimento in OICR calcolato da Abaxbank NOTA DI SINTESI relativa agli ABAXBANK DYNAMIC ALLOCATION CERTIFICATES su un Indice di Riferimento in OICR calcolato da Abaxbank di cui al Prospetto di Base ABAXBANK DYNAMIC ALLOCATION CERTIFICATES redatta

Dettagli

Nicola Romito. Esperienza. Presidente presso Power Capital nicola.romito@hotmail.it

Nicola Romito. Esperienza. Presidente presso Power Capital nicola.romito@hotmail.it Nicola Romito Presidente presso Power Capital nicola.romito@hotmail.it Esperienza Presidente at Power Capital aprile 2013 - Presente (1 anno 4 mesi) * Consulenza per gli investimenti, gestione di portafoglio

Dettagli

Comunicato Stampa. Methorios Capital S.p.A.

Comunicato Stampa. Methorios Capital S.p.A. Comunicato Stampa Methorios Capital S.p.A. Approvata la Relazione Semestrale Consolidata al 30 giugno 2013 Acquistato un ulteriore 16,2% del capitale di Astrim S.p.A. Costituzione della controllata Methorios

Dettagli

Fortune. Strategia per l esercizio dei diritti inerenti agli strumenti finanziari degli OICR gestiti. Unifortune Asset Management SGR SpA

Fortune. Strategia per l esercizio dei diritti inerenti agli strumenti finanziari degli OICR gestiti. Unifortune Asset Management SGR SpA Unifortune Asset Management SGR SpA diritti inerenti agli strumenti finanziari degli OICR gestiti Approvata dal Consiglio di Amministrazione del 26 maggio 2009 1 Premessa In attuazione dell art. 40, comma

Dettagli

OFFERTA DI OBBLIGAZIONI BLPR S.P.A. 4,60% 2011-2016 54MA ISIN IT0004734932

OFFERTA DI OBBLIGAZIONI BLPR S.P.A. 4,60% 2011-2016 54MA ISIN IT0004734932 Banca del Lavoro e del Piccolo Risparmio S.p.A. - Sede legale e amministrativa in Benevento, Contrada Roseto - 82100 Aderente al Fondo Interbancario di tutela dei depositi Capitale sociale e Riserve al

Dettagli

SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014)

SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014) SINTESI BEST EXECUTION - TRANSMISSION POLICY. (versione 2014) 1. LA NORMATVA DI RIFERIMENTO. La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento europeo nel 2004

Dettagli

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri

L Emittente, Offerente e Responsabile del Collocamento. Banca di Credito Cooperativo di Flumeri Prospetto Informativo Semplificato per l offerta al pubblico di strumenti diversi dai titoli di capitale emessi in modo continuo o ripetuto da banche di cui all art. 34-ter, comma 4 del Regolamento Consob

Dettagli

Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48 comma 3 del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n.

Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48 comma 3 del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n. Iccrea Banca S.p.A. Istituto Centrale del Credito Cooperativo STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI Documento redatto ai sensi dell art. 46 comma 1 e dell art. 48

Dettagli

POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI. Versione 9.0 del 9/03/2015. Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015

POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI. Versione 9.0 del 9/03/2015. Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015 POLICY SUI CONFLITTI DI INTERESSI Versione 9.0 del 9/03/2015 Approvata dal CDA nella seduta del 7/04/2015 Policy conflitti di interesse Pag. 1 di 14 INDICE 1. PREMESSA... 3 1.1 Definizioni... 4 2. OBIETTIVI...

Dettagli

Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano. Agosto 2014

Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano. Agosto 2014 Banca Generali: la solidità di chi guarda lontano Agosto 2014 Banca Generali in pillole Banca Generali è uno degli assetgathererdi maggior successo e in grande crescita nel mercato italiano, con oltre

Dettagli

Progetto MiFID. Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI

Progetto MiFID. Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI Documento di sintesi della STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI Aggiornamento del luglio 2013 1 PREMESSA La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal

Dettagli

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A.

Offerta pubblica di acquisto avente ad oggetto azioni Banca Nazionale del Lavoro S.p.A. COMMISSIONE NAZIONALE PER LE SOCIETÀ E LA BORSA Ufficio Mercati Alla cortese attenzione del dott. Salini Telefax n. 06 8477 757 Ufficio OPA Alla cortese attenzione della dott.sa Mazzarella Telefax n. 06

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di Sintesi - Documento adottato con delibera del Consiglio di Amministrazione del 07/07/ 2009 Ai sensi degli artt, 45-46-47-48 del Regolamento

Dettagli

- Politica in materia di esecuzione e trasmissione degli ordini -

- Politica in materia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Unipol Banca S.p.A. Sede Legale e Direzione Generale: piazza della Costituzione, 2-40128 Bologna (Italia) tel. +39 051 3544111 - fax +39 051 3544100/101 Capitale sociale i.v. Euro 897.384.181 Registro

Dettagli

INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI

INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SOCIETA COOPERATIVA Sede Legale in Viale Umberto I n. 4, 00060 Formello (Rm) Tel. 06/9014301 Fax 06/9089034 Cod.Fiscale 00721840585 Iscrizione Registro Imprese Roma e P.Iva 009260721002 Iscritta all Albo

Dettagli

Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Approvato dal CDA in data 28 luglio 2009 Informazioni sulla Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Fornite ai sensi degli artt. 46 c. 1 e. 48 c. 3 del Regolamento Intermediari Delibera Consob

Dettagli

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio.

Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. Provvedimento 20 settembre 1999 Regolamento recante disposizioni per le società di gestione del risparmio. IL GOVERNATORE DELLA BANCA D ITALIA Visto il decreto legislativo del 24 febbraio 1998, n. 58 (testo

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca San Giorgio Quinto Valle Agno (delibera CdA 17 Dicembre 2012) LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive

Dettagli

Strategia di Trasmissione degli Ordini su Strumenti Finanziari. Documento di Sintesi

Strategia di Trasmissione degli Ordini su Strumenti Finanziari. Documento di Sintesi Strategia di Trasmissione degli Ordini su Strumenti Finanziari Documento di Sintesi Documento redatto ai sensi dell art. 48, comma 3, del Regolamento Intermediari adottato dalla CONSOB con delibera n.

Dettagli

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6

Azionario Flessibile 7 anni Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 Scheda sintetica - Informazioni specifiche 1 di 6 La parte Informazioni Specifiche, da consegnare obbligatoriamente all investitore contraente prima della sottoscrizione, è volta ad illustrare le principali

Dettagli

Si precisa che nessuna delle modifiche rientra tra le ipotesi che attribuiscono ai soci il diritto di recesso.

Si precisa che nessuna delle modifiche rientra tra le ipotesi che attribuiscono ai soci il diritto di recesso. RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLE MODIFICHE DEGLI ARTICOLI 15, 17, 27 E 28 DELLO STATUTO SOCIALE, E SULL INTRODUZIONE DELL ART. 28 BIS. La presente Relazione ha lo scopo di illustrare in

Dettagli

Documento di sintesi "STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI"

Documento di sintesi STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Documento di sintesi "STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI" Documento del 1 aprile 2011 1 1 INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Fornite ai sensi degli

Dettagli

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna Cos è e come si costituisce una cooperativa Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna 1 Che cos è una cooperativa un'associazione autonoma di persone che si uniscono volontariamente per soddisfare i propri

Dettagli

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE AI SENSI DELL ART. 2501 QUINQUIES C.C. SULLA FUSIONE PER INCORPORAZIONE DI INVESP S.P.A.

RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE AI SENSI DELL ART. 2501 QUINQUIES C.C. SULLA FUSIONE PER INCORPORAZIONE DI INVESP S.P.A. RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE AI SENSI DELL ART. 2501 QUINQUIES C.C. SULLA FUSIONE PER INCORPORAZIONE DI INVESP S.P.A. E PROSPETTIVE 2001 S.P.A. IN SANPAOLO IMI S.P.A... Si presenta il progetto

Dettagli

Documento di sintesi della Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini

Documento di sintesi della Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini Documento di sintesi della Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini ********** Banca del Valdarno Credito Cooperativo 1 1. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID)

Dettagli

Presentazione societaria

Presentazione societaria Eurizon Capital Eurizon Capital Presentazione societaria Eurizon Capital e il Gruppo Intesa Sanpaolo Banca dei Territori Asset Management Corporate & Investment Banking Banche Estere 1/12 Eurizon Capital

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C.

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C. DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI ALBEROBELLO E SAMMICHELE DI BARI S.C. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI)

MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI) MIFID: STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI (DOCUMENTO DI SINTESI) - 1 - LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento

Dettagli

Repertorio n. 7885 Raccolta n. 5360 VERBALE DI RIUNIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE REPUBBLICA ITALIANA L'anno duemilaquindici, in questo giorno

Repertorio n. 7885 Raccolta n. 5360 VERBALE DI RIUNIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE REPUBBLICA ITALIANA L'anno duemilaquindici, in questo giorno Repertorio n. 7885 Raccolta n. 5360 VERBALE DI RIUNIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE REPUBBLICA ITALIANA L'anno duemilaquindici, in questo giorno di martedì trenta del mese di giugno, alle ore 10 e

Dettagli

Strategia di Trasmissione degli Ordini Versione n. 02

Strategia di Trasmissione degli Ordini Versione n. 02 Strategia di Trasmissione degli Ordini Versione n. 02 Approvata con delibera CdA del 04/09/ 09 Fornite ai sensi dell art. 48 c. 3 del Regolamento Intermediari Delibera Consob 16190/2007. LA NORMATIVA MIFID

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C.

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BCC DI CASSANO DELLE MURGE E TOLVE S.C. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

3. Operazioni di compravendita effettuate dai manager (Internal dealing) Direttiva livello 1 Direttiva livello 2 TUF Regolamento Proposto

3. Operazioni di compravendita effettuate dai manager (Internal dealing) Direttiva livello 1 Direttiva livello 2 TUF Regolamento Proposto Direttiva livello 1 Direttiva livello 2 TUF Regolamento Proposto Regolamento emittenti TITOLO II CAPO II SEZIONE IV Art. 87 (Comunicazioni dei capigruppo Comunicazioni delle operazioni di compravendita

Dettagli

PROSPETTO INFORMATIVO. relativo all offerta ai Soci e al pubblico di azioni ordinarie Banca Sviluppo Economico S.p.A.

PROSPETTO INFORMATIVO. relativo all offerta ai Soci e al pubblico di azioni ordinarie Banca Sviluppo Economico S.p.A. BANCA SVILUPPO ECONOMICO Società per Azioni Sede sociale: 95128 Catania (CT), Viale Venti Settembre n. 56 Iscritta all albo delle Banche al n.3393 Capitale sociale Euro 6.146.855,00 Aderente al Fondo Interbancario

Dettagli

Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione. Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero

Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione. Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero Banca Popolare di Sondrio Principi contabili e criteri di valutazione Camilla Burato Ilaria Fava Gloria Covallero Il profilo della Banca Fondata nel 1871, è una della prime banche popolari italiane ispirate

Dettagli

AIM Italia / Mercato Alternativo del Capitale

AIM Italia / Mercato Alternativo del Capitale AIM Italia / Mercato Alternativo del Capitale Agenda I II III AIM Italia Il ruolo di Banca Finnat Track record di Banca Finnat 2 2 Mercati non regolamentati Mercati regolamentati AIM Italia Mercati di

Dettagli

La Parte III del Prospetto Completo, da consegnare su richiesta all investitore, è volta ad illustrare le informazioni di dettaglio sull offerta.

La Parte III del Prospetto Completo, da consegnare su richiesta all investitore, è volta ad illustrare le informazioni di dettaglio sull offerta. PARTE III DEL PROSPETTO COMPLETO ALTRE INFORMAZIONI SULL INVESTIMENTO La Parte III del Prospetto Completo, da consegnare su richiesta all investitore, è volta ad illustrare le informazioni di dettaglio

Dettagli

L Offerta di cui al presente Prospetto è stata depositata in CONSOB in data 31 gennaio 2008 ed è valida dal 1 febbraio 2008.

L Offerta di cui al presente Prospetto è stata depositata in CONSOB in data 31 gennaio 2008 ed è valida dal 1 febbraio 2008. Offerta pubblica di sottoscrizione di CAPITALE SICURO prodotto finanziario di capitalizzazione (Codice Prodotto CF900) Il presente Prospetto Informativo completo si compone delle seguenti parti: Parte

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO DI SINTESI SULLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE E DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI

DOCUMENTO INFORMATIVO DI SINTESI SULLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE E DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI DOCUMENTO INFORMATIVO DI SINTESI SULLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE E DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI INFORMAZIONI GENERALI La Direttiva MIFID (2004/39/CE), relativa ai mercati degli strumenti finanziari, introduce

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI ADOTTATA DALLA BANCA Aggiornamento dicembre 2014

DOCUMENTO DI SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI ADOTTATA DALLA BANCA Aggiornamento dicembre 2014 DOCUMENTO DI SINTESI DELLA STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI ADOTTATA DALLA BANCA Aggiornamento dicembre 2014 1. PRINCIPI GENERALI IN TEMA DI BEST EXECUTION Il presente documento descrive

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca di Credito Cooperativo San Marco di Calatabiano

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca di Credito Cooperativo San Marco di Calatabiano DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Banca di Credito Cooperativo San Marco di Calatabiano (Ultimo aggiornamento:10.04.2013) LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial

Dettagli

PROCESSO FINANZA Data approvazione Versione 25 ottobre 2007 v.0.1 19 novembre 2009 v.0.2 16 settembre 2010 v.0.3 25 novembre 2010 v.0.

PROCESSO FINANZA Data approvazione Versione 25 ottobre 2007 v.0.1 19 novembre 2009 v.0.2 16 settembre 2010 v.0.3 25 novembre 2010 v.0. SINTESI DELLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI PROCESSO FINANZA Data approvazione Versione 25 ottobre 2007 v.0.1 19 novembre 2009 v.0.2 16 settembre 2010 v.0.3 25 novembre 2010 v.0.4 1 La Markets

Dettagli

STRATEGIA SINTETICA. Versione n. 4 del 24/05/2011

STRATEGIA SINTETICA. Versione n. 4 del 24/05/2011 STRATEGIA SINTETICA Versione n. 4 del 24/05/2011 Revisione del 24/05/2011 a seguito circolare ICCREA 62/2010 (Execution Policy di Iccrea Banca aggiornamento della Strategia di esecuzione e trasmissione

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE

LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Modulo DATI INFORMATIVI FINANZIARI ANNUALI per gli emittenti industriali LINEE GUIDA PER LA COMPILAZIONE Data : 03/05/2011 Versione : 1.3 1 Revisioni Data Versione Cap./ Modificati 03/05/2010 1.0-13/05/2010

Dettagli

STRATEGIA DI ESECUZIONE E DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI

STRATEGIA DI ESECUZIONE E DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BANCA CARIM Cassa di Risparmio di Rimini SpA Sede Legale : Piazza Ferrari n. 15 47921 RIMINI ITALY Tel.: 0541-701111 Fax 0541-701337 Indirizzo Internet: www.bancacarim.it Capitale Sociale 246.145.545,00

Dettagli

POLICY DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI. Versione 9.0 del 09/03/2015. Aggiornata dal CDA nella seduta del 30/03/2015

POLICY DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI. Versione 9.0 del 09/03/2015. Aggiornata dal CDA nella seduta del 30/03/2015 POLICY DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI Versione 9.0 del 09/03/2015 Aggiornata dal CDA nella seduta del 30/03/2015 1 INDICE PREMESSA... 3 1. Significato di Best Execution... 3 2. I Fattori di

Dettagli

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente 1 INDICE Premessa 4 Soggetti Destinatari 6 - Indicazione nominativa dei destinatari che sono componenti del Consiglio di Amministrazione dell Emittente, delle società controllanti e di quelle, direttamente

Dettagli

Luglio 2007. Direttive sulle informazioni agli investitori relative ai prodotti strutturati

Luglio 2007. Direttive sulle informazioni agli investitori relative ai prodotti strutturati Luglio 2007 Direttive sulle informazioni agli investitori relative ai prodotti strutturati Direttive sulle informazioni agli investitori relative ai prodotti strutturati Indice Preambolo... 3 1. Campo

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE ai sensi dell art. 5 e dell art. 12 del Regolamento Consob n. 17221 del 12 marzo 2010 e successivamente modificato

Dettagli

Strategia di trasmissione degli ordini BCC di Buccino

Strategia di trasmissione degli ordini BCC di Buccino Deliberato dal CdA della BCC di Buccino nella seduta del 07/08/2009 Versione n 3 Strategia di trasmissione degli ordini BCC di Buccino Fornite ai sensi dell art. 48 c. 3 del Regolamento Intermediari Delibera

Dettagli

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT

IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT I MINIBOND: nuovi canali di finanziamento alle imprese a supporto della crescita e dello sviluppo 15Luglio 2015 IL FONDO DIFONDI PRIVATE DEBT Dr. Gabriele Cappellini Amministratore Delegato Fondo Italiano

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO

DOCUMENTO INFORMATIVO DOCUMENTO INFORMATIVO Redatto ai sensi dell art. 5 del Regolamento approvato dalla Consob con Delibera n. 17221 del 12 marzo 2010, e successive modificazioni PROROGA DELLA FIDEIUSSIONE DA PARTE DELL AZIONISTA

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BANCA CENTROPADANA CREDITO COOPERATIVO

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI BANCA CENTROPADANA CREDITO COOPERATIVO DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI LA NORMATIVA MIFID BANCA CENTROPADANA CREDITO COOPERATIVO Novembre 2010 La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è

Dettagli

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di sintesi -

Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di sintesi - Direttiva 2004/39/CE "MIFID" (Markets in Financial Instruments Directive) Direttiva 2006/73/CE - Regolamento (CE) n. 1287/2006 Strategia di esecuzione e trasmissione degli ordini - Documento di sintesi

Dettagli

GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014)

GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014) COMUNICATO STAMPA Il Consiglio di Amministrazione approva i risultati al 31 marzo 2015 GRUPPO COFIDE: UTILE DEL TRIMESTRE A 13,6 MLN (PERDITA DI 2,3 MLN NEL 2014) Il risultato beneficia del positivo contributo

Dettagli

TABELLA OBBLIGO-FACOLTÀ DAL 3 OTTOBRE 2013 Strumenti del Programma di razionalizzazione degli acquisti

TABELLA OBBLIGO-FACOLTÀ DAL 3 OTTOBRE 2013 Strumenti del Programma di razionalizzazione degli acquisti TABELLA OBBLIGO-FACOLTÀ DAL 3 OTTOBRE 2013 Strumenti del Programma di razionalizzazione degli acquisti Merceologia Importo Amministrazioni statali Amministrazioni regionali i Enti del servizio sanitario

Dettagli

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ADOTTATA AI SENSI DELL ART. 4 DEL REGOLAMENTO CONSOB 17221 DEL 12 MARZO 2010 (e successive modifiche) Bologna,1 giugno 2014 Indice 1. Premessa...

Dettagli

Caratteristiche del Fondo

Caratteristiche del Fondo Caratteristiche del Fondo EQUI MEDITERRANEO FUND e un fondo costituito sotto forma di SICAV SIF ed è un comparto dedicato della piattaforma EQUI SICAV - SIF, una Società a capitale Variabile Lussemburghese

Dettagli

Operazioni, attività e passività in valuta estera

Operazioni, attività e passività in valuta estera OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Operazioni, attività e passività in valuta estera Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

Regolamento emittenti

Regolamento emittenti E Regolamento emittenti Adottato con delibera n. 11971 del 14 maggio 1999 Allegato 5-bis Calcolo del limite al cumulo degli incarichi di amministrazione e controllo di cui Aggiornato con le modifiche apportate

Dettagli

Perché esistono gli intermediari finanziari

Perché esistono gli intermediari finanziari Perché esistono gli intermediari finanziari Nella teoria economica, l esistenza degli intermediari finanziari è ricondotta alle seguenti principali ragioni: esigenza di conciliare le preferenze di portafoglio

Dettagli

PRIMO SUPPLEMENTO AL DOCUMENTO DI REGISTRAZIONE

PRIMO SUPPLEMENTO AL DOCUMENTO DI REGISTRAZIONE Unione di Banche Italiane S.c.p.A. Sede Legale e Direzione Generale: Bergamo, Piazza Vittorio Veneto, 8 Sedi operative: Brescia e Bergamo Codice Fiscale, Partita IVA ed Iscrizione al Registro delle Imprese

Dettagli

INDICE NOTA DI SINTESI...

INDICE NOTA DI SINTESI... INDICE NOTA DI SINTESI................................................................................ Caratteristiche del fondo................................................................................................

Dettagli

STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI

STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DEGLI ORDINI 1 INTRODUZIONE Il Consiglio di Amministrazione di Kairos Julius Baer Sim (di seguito la KJBSIM ) ha approvato il presente documento al fine di formalizzare

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI DELLA POLICY SU STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DI ORDINI

DOCUMENTO DI SINTESI DELLA POLICY SU STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DI ORDINI DOCUMENTO DI SINTESI DELLA POLICY SU STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DI ORDINI 1. LA NORMATIVA MIFID La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva approvata dal Parlamento

Dettagli

. T. I. P. O. TIP - PRE IPO S.P.A.

. T. I. P. O. TIP - PRE IPO S.P.A. Milano, 4 giugno 2014 Perché TIPO? 1. Esiste un mercato potenziale interessante 2. Le imprese italiane hanno bisogno di equity 3. Attuale disponibilità di liquidità UNA CHIUSURA PROATTIVA DEL CIRCUITO

Dettagli

SINTESI DELLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE della Bcc di Flumeri soc. coop.

SINTESI DELLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE della Bcc di Flumeri soc. coop. SINTESI DELLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE della Bcc di Flumeri soc. coop. Revisione del 15/02/11 a seguito circolare ICCREA 62/2010 (Execution Policy di Iccrea Banca aggiornamento della Strategia di trasmissione

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI CASSA RURALE RURALE DI TRENTO

DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI CASSA RURALE RURALE DI TRENTO DOCUMENTO DI SINTESI STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI LA NORMATIVA MIFID CASSA RURALE RURALE DI TRENTO Marzo 2014 La Markets in Financial Instruments Directive (MiFID) è la Direttiva

Dettagli

Circolare N.175 del 27 Novembre 2013

Circolare N.175 del 27 Novembre 2013 Circolare N.175 del 27 Novembre 2013 PMI. Tutte le informazioni per la quotazione in borsa online Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che ABI, AIFI, ASSIREVI, ASSOGESTIONI, ASSOSIM,

Dettagli

ALBA PRIVATE EQUITY S.P.A. www.alba-pe.com

ALBA PRIVATE EQUITY S.P.A. www.alba-pe.com ALBA PRIVATE EQUITY S.P.A. www.alba-pe.com RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLE PROPOSTE CONCERNENTI LE MATERIE POSTE ALL ORDINE DEL GIORNO DELLA ASSEMBLEA DEGLI AZIONISTI DEL

Dettagli

I mercati. Giuseppe G. Santorsola 1

I mercati. Giuseppe G. Santorsola 1 I mercati I mercati primari e secondari Il mercato dei cambi Il mercato monetario I mercati obbligazionari e azionari Le società di gestione I mercati gestiti da MTS SpA I mercati gestiti da Borsa Italiana

Dettagli

"OPERAZIONI EFFETTUATE DA SOGGETTI RILEVANTI E DA PERSONE STRETTAMENTE LEGATE AD ESSI

OPERAZIONI EFFETTUATE DA SOGGETTI RILEVANTI E DA PERSONE STRETTAMENTE LEGATE AD ESSI "OPERAZIONI EFFETTUATE DA SOGGETTI RILEVANTI E DA PERSONE STRETTAMENTE LEGATE AD ESSI Ai sensi dell art. 114, comma 7, D. Lgs. 24 febbraio 1998, n. 58 e dal Regolamento Emittenti adottato dalla Consob

Dettagli

Evoluzione Risk Management in Intesa

Evoluzione Risk Management in Intesa RISCHIO DI CREDITO IN BANCA INTESA Marco Bee, Mauro Senati NEWFIN - FITD Rating interni e controllo del rischio di credito Milano, 31 Marzo 2004 Evoluzione Risk Management in Intesa 1994: focus iniziale

Dettagli

Format per la relazione sul governo societario e gli assetti proprietari

Format per la relazione sul governo societario e gli assetti proprietari Format per la relazione sul governo societario e gli assetti proprietari V Edizione (gennaio 2015) Premessa alla quinta edizione (gennaio 2015) Questa nuova edizione del format per la redazione della relazione

Dettagli

Foglio informativo n. 060/011. Servizi di Home Banking.

Foglio informativo n. 060/011. Servizi di Home Banking. Foglio informativo n. 060/011. Servizi di Home Banking. Servizi via internet, cellulare e telefono per aziende ed enti. Informazioni sulla banca. Intesa Sanpaolo S.p.A. Sede legale e amministrativa: Piazza

Dettagli

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE (ai sensi dell art. 4 del Regolamento adottato da Consob con delibera n. 17221 del 12 marzo 2010, come successivamente modificato ed integrato) INDICE 1. OBIETTIVI

Dettagli

Il nuovo bilancio consolidato IFRS

Il nuovo bilancio consolidato IFRS S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO Il nuovo bilancio consolidato IFRS La nuova informativa secondo IFRS 12 e le modifiche allo IAS 27 (Bilancio separato) e IAS 28 (Valutazione delle partecipazioni

Dettagli

Nuova finanza per la green industry

Nuova finanza per la green industry Nuova finanza per la green industry Green Investor Day / Milano, 9 maggio 2013 Barriere di contesto a una nuova stagione di crescita OSTACOLI PER LO SVILUPPO INDUSTRIALE Fine degli incentivi e dello sviluppo

Dettagli

MiFID - Markets in Financial Instruments Directive

MiFID - Markets in Financial Instruments Directive MiFID - Markets in Financial Instruments Directive STRATEGIA DI ESECUZIONE E TRASMISSIONE DEGLI ORDINI SU STRUMENTI FINANZIARI (EXECUTION & TRANSMISSION POLICY) (documento redatto ai sensi del Regolamento

Dettagli

AIM Italia. Il mercato di Borsa Italiana per i leader di domani

AIM Italia. Il mercato di Borsa Italiana per i leader di domani AIM Italia Il mercato di Borsa Italiana per i leader di domani Perché AIM Italia I mercati di Borsa Italiana AIM Italia si aggiunge all offerta di mercati regolamentati di Borsa Italiana MTA MTF 3 Perché

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE BANCO POPOLARE S.C. SERIE 307 STEP UP CALLABLE 31.01.2013 31.01.2018 ISIN IT0004884216. "BANCO POPOLARE Società Cooperativa

CONDIZIONI DEFINITIVE BANCO POPOLARE S.C. SERIE 307 STEP UP CALLABLE 31.01.2013 31.01.2018 ISIN IT0004884216. BANCO POPOLARE Società Cooperativa CONDIZIONI DEFINITIVE relative all offerta delle Obbligazioni BANCO POPOLARE S.C. SERIE 307 STEP UP CALLABLE 31.01.2013 31.01.2018 ISIN IT0004884216 da emettersi nell ambito del programma di offerta e/o

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE Redatto ai sensi dell art. 5 della Delibera Consob n. 17221 del 12 marzo 2010 (come modificata con Delibera n. 17389

Dettagli

TERZO PILASTRO DI BASILEA 2 - INFORMATIVA AL PUBBLICO CAPITAL

TERZO PILASTRO DI BASILEA 2 - INFORMATIVA AL PUBBLICO CAPITAL TAGES GROUP TERZO PILASTRO DI BASILEA 2 - INFORMATIVA AL PUBBLICO al 31 dicembre 2013 TAGES CAPITAL Tages Holding S.p.A. Sede legale Corso Venezia 18-20121 Milano Iscrizione al Registro delle Imprese di

Dettagli

INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI E SULLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI DI CENTROSIM S.p.A.

INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI E SULLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI DI CENTROSIM S.p.A. Decorrenza 3 Gennaio 2011 INFORMAZIONI SULLA STRATEGIA DI ESECUZIONE DEGLI ORDINI E SULLA STRATEGIA DI TRASMISSIONE DEGLI ORDINI DI CENTROSIM S.p.A. 1. Obiettivo Nel rispetto della direttiva 2004/39/CE

Dettagli

( PROCEDURA REGISTRO PERSONE RILEVANTI )

( PROCEDURA REGISTRO PERSONE RILEVANTI ) ( PROCEDURA REGISTRO PERSONE RILEVANTI ) PROCEDURA RELATIVA ALLA TENUTA E AGGIORNAMENTO DEL REGISTRO DELLE PERSONE CHE HANNO ACCESSO AD INFORMAZIONI PRIVILEGIATE IN GIOVANNI CRESPI SPA Approvata dal Consiglio

Dettagli

Regolamento del Prestito Obbligazionario DEXIA CREDIOP S.P.A. 2005-2010 REAL ESTATE BASKET DI NOMINALI FINO AD EURO 15 MILIONI

Regolamento del Prestito Obbligazionario DEXIA CREDIOP S.P.A. 2005-2010 REAL ESTATE BASKET DI NOMINALI FINO AD EURO 15 MILIONI Regolamento del Prestito Obbligazionario DEXIA CREDIOP S.P.A. 2005-2010 REAL ESTATE BASKET DI NOMINALI FINO AD EURO 15 MILIONI CODICE ISIN IT0003809826 SERIES : 16 Art. 1 - Importo e titoli Il Prestito

Dettagli

MTA. Mercato Telematico Azionario: dai forma alle tue ambizioni

MTA. Mercato Telematico Azionario: dai forma alle tue ambizioni MTA Mercato Telematico Azionario: dai forma alle tue ambizioni L accesso ai mercati dei capitali ha permesso a Campari di percorrere una strategia di successo per l espansione e lo sviluppo del proprio

Dettagli

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE

DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE DOCUMENTO INFORMATIVO RELATIVO AD OPERAZIONI DI MAGGIORE RILEVANZA CON PARTI CORRELATE ai sensi dell art. 5 del Regolamento Consob n. 17221 del 12 marzo 2010 e successivamente modificato con delibera n.

Dettagli

INFORMATIVA CIRCA LA STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DI ORDINI

INFORMATIVA CIRCA LA STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DI ORDINI INFORMATIVA CIRCA LA STRATEGIA DI TRASMISSIONE ED ESECUZIONE DI ORDINI 1) GENERALITA In conformità a quanto previsto dalla Direttiva 2004/39/CE (cd Direttiva Mifid), la Banca ha adottato tutte le misure

Dettagli

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management

Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Lezione di Corporate e Investment Banking Università degli Studi di Roma Tre Strategie competitive ed assetti organizzativi nell asset management Massimo Caratelli, febbraio 2006 ma.caratelli@uniroma3.it

Dettagli

appartenente al Gruppo Poste Italiane

appartenente al Gruppo Poste Italiane appartenente al Gruppo Poste Italiane Offerta al pubblico di quote dei fondi comuni di investimento mobiliare aperti di diritto italiano armonizzati alla Direttiva 2009/65/CE, denominati: Bancoposta Obbligazionario

Dettagli

STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI

STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI STRATEGIA DI RICEZIONE TRASMISSIONE ED ESECUZIONE ORDINI Il presente documento (di seguito Policy ) descrive le modalità con le quali vengono trattati gli ordini, aventi ad oggetto strumenti finanziari,

Dettagli

Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito

Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito Università degli Studi di Parma Corso di Asset and liability management (profili economico-aziendali) Il patrimonio di vigilanza e la misurazione del rischio di credito Prof.ssa Paola Schwizer Anno accademico

Dettagli

Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo

Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo DECRETO N. 12 (Disposizioni regolamentari per la costituzione dei consorzi obbligatori ai sensi dell art. 7 dell ordinanza

Dettagli

COMUNICATO STAMPA L ASSEMBLEA DEI SOCI DI BANCA FINNAT HA APPROVATO

COMUNICATO STAMPA L ASSEMBLEA DEI SOCI DI BANCA FINNAT HA APPROVATO COMUNICATO STAMPA L ASSEMBLEA DEI SOCI DI BANCA FINNAT HA APPROVATO IL BILANCIO AL 31 DICEMBRE 2014 CHE CHIUDE CON UN UTILE NETTO CONSOLIDATO DI EURO 4,25 MILIONI LA DISTRIBUZIONE DI UN DIVIDENDO LORDO

Dettagli

GLOSSARIO. AZIONE Titolo rappresentato di una frazione del capitale di una società per azioni.

GLOSSARIO. AZIONE Titolo rappresentato di una frazione del capitale di una società per azioni. GLOSSARIO ACCUMULAZIONE DEI PROVENTI Ammontare dei dividendi che sono stati accumulati a favore dei possessori dei titoli ma che non sono stati ancora distribuiti. ARBITRAGGIO Operazione finanziaria consistente

Dettagli

Facciamo emergere i vostri valori.

Facciamo emergere i vostri valori. Facciamo emergere i vostri valori. www.arnerbank.ch BANCA ARNER SA Piazza Manzoni 8 6901 Lugano Switzerland P. +41 (0)91 912 62 22 F. +41 (0)91 912 61 20 www.arnerbank.ch Indice Banca: gli obiettivi Clienti:

Dettagli

BANCO POPOLARE S.C. SERIE 356 TASSO MISTO CON CAP 31.10.2013 31.10.2018

BANCO POPOLARE S.C. SERIE 356 TASSO MISTO CON CAP 31.10.2013 31.10.2018 Banco Popolare Società Cooperativa - Sede legale in Verona, Piazza Nogara, n. 2 Società capogruppo del Gruppo bancario Banco Popolare Iscritta all albo delle banche al n. 5668 Capitale sociale, al 31 marzo

Dettagli

Il sistema di controllo interno e di gestione dei rischi nel nuovo Codice di Autodisciplina. Roma, 18/10/2012. Francesco La Manno Borsa Italiana

Il sistema di controllo interno e di gestione dei rischi nel nuovo Codice di Autodisciplina. Roma, 18/10/2012. Francesco La Manno Borsa Italiana Il sistema di controllo interno e di gestione dei rischi nel nuovo Codice di Autodisciplina Roma, 18/10/2012 Francesco La Manno Borsa Italiana Il Codice di Autodisciplina 1999: Prima versione del Codice

Dettagli

Lussemburgo Lo strumento della cartolarizzazione e il suo regime fiscale

Lussemburgo Lo strumento della cartolarizzazione e il suo regime fiscale Lussemburgo Lo strumento della cartolarizzazione e il suo regime fiscale www.bsp.lu Dicembre 2013 1 Con la Legge 22 marzo 2004, il Lussemburgo si è dotato, di uno strumento legislativo completo che ha

Dettagli

Le small cap e la raccolta di capitale di rischio Opportunità per il professionista. Il ruolo del Nomad.

Le small cap e la raccolta di capitale di rischio Opportunità per il professionista. Il ruolo del Nomad. S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO Le small cap e la raccolta di capitale di rischio Opportunità per il professionista Il ruolo del Nomad. Marco Fumagalli Responsabile Capital Markets Ubi Banca

Dettagli