STUDI DI DIRITTO PREMIALE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "STUDI DI DIRITTO PREMIALE"

Transcript

1 STUDI E RICERCHE Mario Pisani STUDI DI DIRITTO PREMIALE II EDIZIONE

2 Premessa alla seconda edizione Esaurita la prima edizione, con qualche buona eco d adesione e di gradimento, si è convenuto con l Editore di dar corso ad una seconda edizione, accresciuta non osiamo dire: arricchita di qualche nuovo contributo ad ampio raggio. Si tratta, in particolare, di studi che, a differenza della gran parte delle non molte trattazioni, vecchie e nuove, in tema di premi e di premialità come argomenti di filosofia o di teoria generale del diritto, o di politica legislativa, con ambizioni in certo modo pionieristiche affrontano di nuovo la (trascurata) materia del diritto premiale nella concretezza propria di una disciplina di diritto positivo. Una disciplina si vuol dire ancora piuttosto dispersa, e in qualche misura almeno apparentemente eccentrica, che però sotto più profili è entrata a far parte integrante dell ordinamento giuridico statale. La finale appendice normativa, sia pure limitata ad una elencazione delle più importanti leggi speciali in materia (elencazione che tra l altro prescinde dal pur fervido terreno delle discipline militari), offre di per sé una panoramica significativa dell ampiezza e dell incidenza del diritto premiale a vari livelli della vita associata. M.P. Pavia, aprile

3 INTRODUZIONE BREVE AL DIRITTO PREMIALE Sommario: 1. Le punizioni, le ricompense e il caso. 2. Il giurista e la ricompensa. 3. Premi e incentivi. 4. Il diritto premiale e la Costituzione. 5. Pene e premi: una simmetria di politica legislativa. 6. Repressione-prevenzione/premiazione-incentivazione. 7. Per una sistematica del diritto premiale. 1. L abate Mably dobbiamo riportarci all anno 1776 fa dire al milord inglese che sta dialogando con un collega svedese, come lui «d un mérite rare»: «Punizioni e ricompense, tutto è abbandonato al caso e senza distinzioni» 1. A distanza di oltre due secoli un tale discorso non sarebbe oggi più proponibile (o lo sarebbe se mai soltanto attraverso la reminiscenza e l im magine di un improbabile Babilonia) 2. Da allora, infatti, al caso sempre che di questo si fosse trattato ovvero all arbitrio, si sono venuti sempre di più sostituendo la determinatezza della legge, la precisione della regola, il rigore dei canoni normativi. E ciò si noti è avvenuto non solo per quanto concerne (e del resto è ben noto) le pene, e dunque, in definitiva, la difesa dei primari interessi 1 G. Bonnot de Mably, De la legislation ou principes des loix, Amsterdam 1776, vol. II (l. III, cap. IV). Il passo è riportato nel quadro dell ampia appendice (V.9) curata da F. Venturi per la sua nota edizione (Torino 1965) di Dei delitti e delle pene di C. Beccaria (p. 475). 2 Ed appunto a Babilonia come ricorda F. D Agostino, La sanzione nell esperienza giuridica, 5 a ed., Torino 1999, p. 4 ci rimanda lo scrittore J.L. Borges, Finzioni, trad. it., Torino 1967, p. 4, il quale possiamo aggiungere propone una singolare assonanza espressiva con le parole usate da Mably. 11

4 Introduzione breve al diritto premiale collettivi e degli spazi di libertà delle persone, ma anche, sia pure con movenze e toni alquanto più lievi ed estemporanei, per quanto concerne l opposto versante delle ricompense, o, detto altrimenti, dei premi. Ricompense e premi, nonostante la varietà estrema delle occasioni e degli scopi che li hanno ispirati, sono stati gradatamente acquisiti, anche nel nostro ordinamento, al mondo del diritto. Ne è nata una sorta di galassia di costellazioni, le quali per chi le sappia scorgere fanno avvertire la loro presenza, se non proprio la loro luminosità, lungo traiettorie ed itinerari molteplici. Ma essi tuttavia oggi ci consentono, a ragion veduta, di parlare così come da secoli si parla di diritto penale e di sistema penale di un diritto premiale, ed anche correlativamente, e fatte le debite proporzioni di un sistema premiale. Ripercorriamo alcuni di questi itinerari. 2. «Più centinaia di volumi versano sui delitti e sulle pene; soltanto qualcuno sul merito e sulle ricompense». L affermazione lapidaria con la quale si apre il trattato in due tomi, che, ben oltre un secolo fa, Melchiorre Gioia intitolava Del merito e delle ricompense, si può dire che sia ancora attuale, e che non è destinata, nel tempo, a sostanziali superamenti 3. Poche righe dopo, lo scrittore passa ad indicare, con cenni rapidi, i precedenti cultori della sua così trascurata materia: in primo luogo il partenopeo Giacinto Dragonetti, la cui monografia Delle virtù e de premi viene presentata come un «opuscolo di poche pagine», il quale è però «piuttosto un desiderio che un trattato» 4 ; il ben più celebre Diderot, del cui Essai sur 3 E Gioia citiamo il passo dalla Prefazione al trattato, quale risulta dalla 3 a edizione (Lugano 1832) così continuava: «Forse di questo fenomeno sono tre le cause: 1 Gli uomini in generale sono più disposti a punire che a ricompensare: la pena è dimandata altamente dal sentimento della sicurezza, mentre alla ricompensa s oppongono l interesse e la vanità; 2 Gli scrittori dello scorso secolo si mostrarono più inclini a censurare le dannose operazioni de governi che ad encomiarne le utili; 3 Sapendo che il merito è sempre modesto, e che le ricompense sogliono essere carpite dai ciarlatani e leccazampe, forse i sullodati scrittori non sperarono gran vantaggio dalla discussione di questo argomento». Nella presentazione, per riassunto, ai lettori de «Il Conciliatore» (del 6 settembre 1818, n. 2), l opera di Gioia, appena edita, sembrava al Pellico «degna di essere annoverata fra le piú filosofiche del se colo». 4 La 2 a edizione, stampata a Modena, reca la data del Quanto alla paternità dell opera cfr. per uno spunto di replica a Croce C. Magni, Profilo dragonettiano, Padova 1966, p

5 Introduzione breve al diritto premiale le mérite et la vertu Gioia si libera, senza tanti complimenti, parlandone come di un «guazzabuglio metafisico che non aggiunge alcun raggio di luce al l opuscolo dell avvocato napoletano» 5 ; da ultimo, sotto la data del 1811, Geremia Bentham del quale, e della cui Teoria delle ricompense, con qualche ingenerosa precipitazione il nostro comincia col dire che, «seguendo ed ampliando le idee dello scrittore italiano, senza citarlo, lo scrittore inglese esaminò la trentesima parte dell argomento, e vi innestò vari errori», ben meritevoli di analitica confuta zione 6. E poiché siamo in sede di retrospettiva storica, e di diagnosi critica, sarà il caso qui di riprodurre l interrogativo e la ragionata risposta che, 5 Il tema del merito e della ricompensa trova echi, di illuministico ottimismo, anche nell Entretien d un philosophe avec la Marechale de *** (1776): «Fate scrive Diderot che il bene dei singoli sia così strettamente legato col bene generale, che un cittadino quasi non possa nuocere alla società senza nuocere a se stesso; assi curate alla virtù la propria ricompensa, come avete assicurato alla malvagità il pro prio castigo; che senza distinzione di culto, in qualunque condizione il merito si trovi, conduca alle grandi cariche dello Stato; e non farete più conto di altri malvagi che non siano un piccolo numero di uomini che una natura perversa che nulla può correggere porta verso il vizio». E ancora, quasi con un lamento e con un invocazione: «Madame la marechale, la tentation est trop proche; et l enfer est trop loin» (ci tiamo dal volume Le neveau de Rameau, et autres dialogues philosophiques, éd. par J. Varloot e N. Evrard, Paris 1972, p. 348). Ad un elogio delle «ricompense d onore» Montaigne (nel 1579) aveva dedicato un capitolo (l. II, cap. VII) dei suoi Essais (vd. Paris 1950, «Bibl. de la Pléiade», p. 418 ss.), mentre più tardi Hobbes, nel descrivere nel suo Leviathan ( ) il passaggio dallo stato di natura allo stato di società, dirà anche del superamento del l orgoglio, perché il governo esercita un controllo rigoroso sulla distribuzione degli onori. In Hobbes, inoltre, è chiara la funzione sinergica della pena e della ricompensa, «che sono scrive (vd. trad. di M. Vinciguerra, vol. I, Bari 1911, sub cap. XXVIII, pp ; vd. anche cap. XXX, p. 288) come i nervi e i tendini, che muovono le membra e le giunture dello Stato». Il tema non sfuggirà neanche all analisi condotta nell Esprit des Lois di Montesquieu (1748), laddove (l. V, cap. XVII: «Des récompenses que le souverain donne») l Autore sviluppa la sua indagine comparata, distinguendo i governi dispotici «sotto i quali non si è determinati ad agire se non per la speranza delle comodità della vita» dalle monarchie dove il principe ricompensa attraverso onori che portano alla ricchezza e dalle repubbliche («[ ] in una repubblica dove la virtù regna, lo Stato non ricompensa che attraverso attestazioni di questa virtù»: vd. Esprit des Lois, éd. par G. Truc, t. I, Paris 1949, p. 73). Sulla posizione di Beccaria, rimandiamo al nostro contributo Beccaria e il diritto premiale, in Attualità di Cesare Beccaria, Milano 1998, p. 43 ss., e in Rendiconti dell Istituto Lombardo (Classe di Lettere e Scienze morali e storiche), vol. 131 (1997), fasc. 2, Milano 1999, p. 281 ss. 6 Faremo riferimento, nel corso della nostra esposizione, alla Theorie des récompenses, nella traduzione di Dumont e Laroche edita a Bruxelles nel 1829 (J. Bentham, Oeuvres, t. II), e riedita ad Aalen nel

6 Introduzione breve al diritto premiale qualche decennio più tardi, uno studioso di prima grandezza sottopone anche a noi, alla distanza di oltre un secolo: «Che cosa collega scriveva Jhering nel cap. VII de Lo scopo del diritto il giurista e la ricompensa? Al giorno d oggi questa la sua risposta, datata 1877, nulla. Oggi proseguiva gli è affidata soltanto la pena; oggi nessuno è competente per quanto concerne una pretesa giuridica alla ricompensa per meriti eccezionali e straordinari». Ne derivava, secondo Jhering, un grande divario, anzi un vero contrasto, tra il mondo romano e quello a lui contemporaneo: «[ ] in Roma scriveva la ricompensa pubblica non aveva, come da noi, un significato puramente sociale, ma giuridico: al diritto penale corrispondeva, per così dire, un diritto premiale (concetto a noi sconosciuto) ed anzi non credo di eccedere se dico che, sino alla codificazione del diritto penale alla fine del l epoca repubblicana, il diritto alla ricompensa fu caratterizzato da una precisione maggiore di quella propria del diritto penale». E continuava: «[ ] se al generale vittorioso spettasse un trionfo od un ovazione oppure se il soldato avesse diritto alla corona muralis, civica, castrensis o navalis (queste erano le decorazioni militari dei romani), tutto era minuziosamente previsto e poteva divenire persino oggetto di un processo» 7. Ponendosi poi l interrogativo «se, nel corso del tempo, questa situazione muterà e se anche per il sistema della ricompensa statale si compirà quella trasformazione, che già da tempo si è verificata nel sistema della punizione statale (cioè la trasformazione dall arbitrio soggettivo a regole ben precise, cioè al diritto, il che altro non è che un ritorno all antico)», per parte sua Jhering rispondeva senza incertezze: «[ ] io sono convinto che tale ritorno avrà luogo» 8. 7 R. von Jhering, Lo scopo nel diritto, trad. it. (a cura di Losano), Torino 1972, pp L argomento verrà ripreso, con supporti di altri testi romanistici, nel manuale di Diritto penale romano di C. Ferrini (Milano 1899). Partendo da un noto frammento di Ulpiano (bonos non solum metu poenarum, verum etiam praemiorum quoque exhortatione efficere cupientes: Dig. I 1), Ferrini dirà (p. 27) che, considerata «come correttivo sociale, la pena è nella sua funzione integrata dal premio», e documenterà poi (pp ) che, nelle controversie in tema di attribuzione dei premi, «nascono qui, circa l elemento oggettivo e soggettivo, questioni analoghe a quelle che sorgono pe giudizii penali». 8 Jhering, op. cit., pp

7 Introduzione breve al diritto premiale 3. Che quel ritorno abbia avuto luogo, oggi davvero non si direbbe; ma è almeno possibile rilevare che non pochi passi sono stati compiuti e che di altri si avvertono i segni premonitori. Per dire, dapprima, di questi ultimi, basterà pensare alla recente analisi da parte di Bobbio, a proposito della «funzione promozionale» del di ritto, riferita al sistema giuridico nel suo complesso. Limitandosi ai contemporanei 9, Bobbio ricorda Kelsen, che qualificava come sanzioni sia la punizione che la ricompensa, riportando entrambe all unitario principio della retribuzione (e salvo poi riconoscere alla ricompensa «una parte significativa soltanto nelle relazioni private degli individui» 10 ), e ricorda anche Carnelutti, che del pari indicava premio e castigo come due forme di sanzione in senso lato 11 ma che poi alla «sanzione premiale» riconosceva un «valore pratico» tanto limitato, da spiegare «se non proprio giustificare l abitudine teorica, la quale, trascurando affatto il premio, risolve senz altro la sanzione in un male inflitto a chi ha fatto del male». Inserendo questa tematica in un più ampio contesto anche di carat te re storico, lo studioso torinese parla di «funzione promozionale del diritto» 12 nell intento di cogliere e sottolineare egli scrive «uno degli aspetti più 9 Per la storia più remota della problematica premiale, dai «preludi» (con Hobbes e Spinoza) all illuminismo giuridico italiano, attraverso la «piena esplicitazione» di Cumberland, vd. S. Armellini, Saggi sulla premialità del diritto nell età moderna, Roma Quanto al pensiero di Cumberland, sembra il caso di segnalare anche un passo polemico di T. Natale, Riflessioni politiche intorno all efficacia e necessità delle pene, ried. in «Il Tommaso Natale», 1973, p. 8. Per altre indicazioni di pensatori sensibili alla problematica in discorso vd. C. Gray, Per un diritto premiale, in «Riv. int. fil. dir.», 1959, p. 8, e, più in particolare, G. Del Vecchio, La giustizia, 4 a ed., Roma 1951, p. 214, nota H. Kelsen, Teoria generale del diritto e dello Stato, trad. it. (a cura di S. Cotta e G. Treves), 2 a ed., Milano 1954, pp «Sancire scriveva (Teoria generale del diritto, 3 a ed., Roma 1951, p. 27) significa fondamentalmente, in latino, rendere inviolabile e perciò avvalorare qualche cosa». Come tipi di sanzioni premiali Carnelutti ricordava le promozioni per merito, le gratificazioni e in genere le ricompense e le decorazioni, e, inoltre, il «premio di salvataggio» del diritto della navigazione. 12 Il saggio Sulla funzione promozionale del diritto, in «Riv. trim. dir. e proc. civ.», 1969, p ss., è stato riproposto nella raccolta di scritti intitolata Dalla strut tura alla funzione, Milano 1977, p. 13 ss. Vd. anche ivi gli altri scritti, e in par ticolare Le sanzioni positive (p. 33 ss.); Verso una teoria funzionalistica del diritto (p. 63 ss.). È da notare che l impostazione di Bobbio è stata ampiamente e fe delmente recepita nel rapporto che il Consiglio Superiore della Magistratura ha pubblicato, nel 1971, sotto il titolo Società italiana e tutela giudiziaria dei cittadini 15

8 Introduzione breve al diritto premiale rilevanti, e ancor poco studiati proprio in sede di teoria generale del diritto, delle nuove tecniche di controllo sociale, che caratterizzano l azione dello stato sociale dei nostri tempi e la distinguono profondamente da quel la dello stato liberale classico: l impiego sempre più diffuso delle tecniche di incoraggiamento in aggiunta a, o in sostituzione di, quelle tradizionali di scoraggiamento». All interno di queste tecniche d incoraggiamento, poi, Bobbio ha l avvertenza di differenziare due diversi tipi di operazioni, cioè il premio (o ricompensa) dall incentivo (o facilitazione): «[ ] la sanzione propriamente detta, sotto forma di ricompensa, viene dopo, a comportamento compiuto; la facilitazione precede o accompagna il comportamento che si intende incoraggiare» Tenute ferme le distinzioni concettuali, di teoria generale, spetta però allo studioso contemporaneo di diritto positivo il compito, di sapore pio nieristico, d individuare, in sede ricognitiva, e poi di tener distinti, i due settori dell ordinamento giuridico che rispettivamente attengono alle sanzioni premiali, da un lato, e alle facilitazioni o incentivi (da ultimo anche su scala europea), dall altro. Spetta allo studioso di diritto positivo il compito più particolare per ciò che concerne il settore che ci sta a cuore di dare evidenza alle componenti, al perimetro e alle linee evolutive di quello che, a tutte lettere, non solo Jhering, ma anche Enrico Ferri, Giuseppe Maggiore ed altri, hanno chiamato «diritto premiale» (pur senza impegnarsi nel lavoro di raccolta, di analisi normativa e di composizione sistematica) 14. (p. 8). Vd. anche l analogo rapporto del 1976, intitolato L adeguamento dell ordinamento giudiziario ai principi costituzionali e alle esigenze della società (pp ). 13 Bobbio, Dalla struttura cit., p. 29. Vd. anche infra, III E. Ferri (Sociologia criminale, 2 a ed., vol. II, Torino 1930, p. 119) aveva incidentalmente avanzato la previsione secondo cui la «sanzione remuneratrice o premiale» avrebbe per il futuro acquistato «sempre maggiore importanza, per quanto impallidirà scriveva l attuale feticismo della pena» (vi fa eco R.A. Frosali, Sistema penale italiano, Torino 1958, vol. I, p. 57; vol. IV, p. 14). Vd., inoltre, per più ampi svolgimenti: R. de la Grasserie, Droit prémial et droit pénal, in «Scuola posit.», 1900, p. 385 ss.; G. Maggiore, Principi di diritto penale, vol. I, Bologna 1932, p. 347; A. De Mattia, Merito e ricompensa, in «Riv. int. fil. dir.», 1937, p. 608; V. Gianturco, Dei meriti e delle ricompense: variazioni sul tema della giustizia premiale, in «Riv. pen.», 1968, n. 1, p

9 Introduzione breve al diritto premiale Come meglio si vedrà in seguito, codesto «diritto premiale», non è frut to di una concessione preziosistica al gusto della teoria, o magari ap pena a un estetica del diritto sensibile al fascino delle simmetrie, o ad dirittura di un cedimento alla logica precaria che può sorreggere una legislazione penale d emergenza. Già s è detto, per contro, del remoto affermarsi della categoria sul piano della storia delle idee. Va ora aggiunto che le sue radici affondano anche nella struttura del nostro vigente sistema normativo. E invero, così come si è ritenuto che, in genere, la «funzione promozionale» del diritto trovi una sua consacrazione sul piano dei principi co stituzionali in primis, nell art. 3, comma 2, della Costituzione; e poi negli artt. 4, comma 1, 5, 9, comma 1, 31, comma 1, 35, comma 3, 44, comma 2, 45, comma 1, 47, comma 1 e comma 2 15 è ben possibile individuare nello stesso testo significativi caposaldi che danno base e dignità al più specifico «diritto premiale». Si pensi all art. 34, comma 3, che riconosce ai «capaci e meritevoli» il «diritto di raggiungere i gradi più alti degli studi»; all art. 59, comma 2, che prevede la nomina a senatori a vita per i cittadini «che hanno illustrato la Patria per altissimi meriti»; all art. 87, ultimo comma, che demanda al Presidente la funzione di conferimento delle «onorificenze della Repubblica»; ai «meriti insigni» che possono costituire titolo (art. 106, comma 3 ) per l accesso alla Cassazione (per non dire della III disposizione transitoria, la quale addirittura ribalta la pena in premio, prevedendo, per la prima composizione del Senato, la nomina a senatori dei deputati della Costituente che «hanno scontato la pena della reclusione non inferiore a cinque anni in seguito a condanna del tribunale speciale fascista per la difesa dello Stato»). 5. Il diritto premiale qualunque cosa ne potessero pensare una certa pubblicistica piuttosto grezza e disinvolta e i fiancheggiatori di alcuni imputati non l ha certo inventato il legislatore dell anti terrorismo o dell anti mafia. Se è vero che con la mano sinistra ha inasprito le sanzioni e con la mano destra ha elargito «premi», o sconti di pena, ai collaboratori della giustizia 16, il legislatore di questi ultimi anni trova però, come s è 15 Bobbio, Dalla struttura cit., p Per un ampio quadro della relativa problematica vd. Diritto premiale e sistema penale (atti del VII Simposio di studi della Fondazione Luzzani), Milano 1983; La legislazione premiale (atti del XV Convegno De Nicola), Milano

10 Introduzione breve al diritto premiale visto, molti predecessori, dentro e fuori del sistema penale, e trova anche molti ispiratori, italiani e stranieri 17. Quanto poi al termine 18, esso, che può sembrare astruso perché non con sueto, è in realtà omologo e simmetrico a quello di diritto pe nale. Ma la simmetria, prima ancora, sta nei concetti e nelle funzioni. Come attraverso la pena il legislatore minaccia un castigo a chi volesse accingersi ad una azione socialmente riprovevole, ovvero negativa (un omicidio, un furto, una truffa, ecc.), cosicché la pena svolge il ruolo di sanzione (negativa), che, oltre al castigo, mira anche a distogliere dal comportamento oggetto di disciplina, per contro, attraverso il premio (o sanzione positiva) il legislatore si propone di incentivare e di incoraggiare i comportamenti socialmente vantaggiosi 19. E da qui l ampia gamma dei riconoscimenti al merito civile, al valor militare, al merito del lavoro, al merito della scuola, della cultura e dell arte, al merito della sanità pubblica, al merito della redenzione sociale, al merito della Repubblica Italiana, e così via esemplificando. 17 Secondo la singolare teoria di Helvetius, tra i premi per le virtù ed il genio come ricorda L. Gianformaggio, Diritto e felicità. La teoria del diritto in Helvetius, Milano 1979, p. 142 andrebbero annoverate, «accanto ai titoli, agli onori, alle terre più fertili ed alle vivande più saporite, anche le donne più belle» (il che susciterà la scandalizzata reazione di Diderot, di Bentham e di Gioia). E il pensiero corre anche al Primo libro dei Re (17,23 27), dove si menzionano i premi che il re degli Israeliti concederà a chi riuscirà ad uccidere il gigante Golia: «Ebbene, il re colmerà di grandi ricchezze chi lo abbatterà, gli darà la sua figlia e ne esenterà da qualsiasi tributo in Israele la casa paterna». 18 «Dal diritto così T. De Mauro, La parola premiale, in «L Espresso» del 13 aprile 1986 in questi anni, ha fatto irruzione nel nostro comune discorrere l aggettivo «premiale». La parola ha origini tardo latine, se ne serviva il santo delle Confessioni e della Città di Dio, Agostino, in chiave teologica. Forse non per caso ha cominciato a riapparire anni fa [ ] per indicare una legislazione capace di intervenire non soltanto penalmente, ma preventivamente e con incentivi positivi. La parola è stata poi prelevata per designare norme e provvedimenti che, forzando ed estendendo i meccanismi già previsti di attuazione della pena, premiano coloro che rompono con bande criminali organizzate». 19 La simmetria di politica legislativa era ben presente, a titolo d esempio, alle riflessioni di Gramsci. Dopo aver scritto che il diritto «è l aspetto repressivo e negativo di tutta l attività positiva di incivilimento svolta dallo Stato», egli però subito aggiungeva: «Nella concezione del diritto dovrebbero essere incorporate anche le attività premiatrici di individui, di gruppi, ecc.; si premia l attività lodevole e meritoria come si punisce l attività criminale» (Note sul Machiavelli, sulla politica e sullo Stato moderno, Torino 1966, pp ). Sulla figura della sanzione positiva vd., per tutti, da ultimo, D Agostino, op. cit., pp. 23 e 51 ss. 18

11 Introduzione breve al diritto premiale 6. L indicata simmetria con il diritto penale è di tipo antagonistico, e purtuttavia premi e castighi, come del resto in pedagogia (e così, in particolare, nella scuola 20 ) ma aggiungiamo pure: nell esercito e nelle carceri svolgono funzioni alternative ma anche complementari e convergenti. Il parallelismo e la simmetria col diritto penale vengono in maggior evidenza se, inoltre, ci si colloca sul piano dei principi e delle finalità. Alla repressione e alla prevenzione del disvalore e del comportamento deviante, tipiche del diritto penale, fanno da correlativo e da contrappunto la premiazione del valore e l incentivazione del comportamento eroico od encomiabile, congeniali al diritto premiale; la pena non si applica all ignoto, né al defunto, né a una collettività o a un gruppo, mentre invece il premio, o l encomio, lo si può concedere, e lo si concede, all ignoto, al defunto, ovverossia alla sua memoria, a una città, a un ente, a un intero battaglione; in diritto penale si applica di regola, in omaggio alle regole dell oblio, la disciplina della prescrizione, mentre secondo i ca noni del diritto premiale questa disciplina, tendenzialmente, non trova buona accoglienza; su un versante, il fatto che vi sia un concorso di più persone in un reato può comportare un aumento di pena, mentre, sul versante opposto, il concorso di più persone nell azione encomiabile porta, correlativamente, ad una diminuzione del premio. 7. Se la costruzione di una «sistematica» del diritto premiale è, per così dire, un problema di scienza pura (la cui soluzione, pertanto, contribuisce al progresso delle scienze), essa, però, si fa (e si farà) apprezzare anche e soprattutto nei suoi effetti pratici. Si vuol dire di quelli che possono e devono essere effetti di razionalizzazione, di coordinamento, e pertanto di diminuzione degli spazi di estemporaneità e di arbitrio, che a volte sembrano aprirsi nell elargizione di posizioni vantaggiose, di onori e di ricompense. Anche questo, in definitiva, è un problema di buon governo. 20 Vd. già A. Gabelli, L istruzione in Italia, vol. II, Bologna 1891, p

12 7. L ORDINE «AL MERITO DELLA REPUBBLICA ITALIANA» Sommario: 1. Dall «Ordine Civile di Savoia» all «Ordine della Corona d Italia». 2. L Ordine della «Stella della solidarietà italiana». 3. «Al merito della Repubblica Italiana». 4. La l. 3 marzo 1951, n. 178 (con le norme connesse e conseguenti): A) L Ordine «Al merito della Repubblica Italiana» come fonte delle onorificenze; B) I destinatari delle onorificenze; C) L articolazione dell Ordine in cinque classi e la «gradualità necessaria»; D) Il contingentamento delle onorificenze; E) La struttura organizzativa dell Ordine «Al merito della Repubblica Italiana»; F) Forme «ordinarie» e forme «particolari» di conferimento delle onorificenze; G) Ostacoli e rinunce nell iter dei conferimenti; H) La revoca dell onorificenza per indegnità. 1. «L esperienza degli antichi tempi, confermata da quella della moderna età, ha dimostrato in maniera indubitata, che le ricompense speciali stabilite per le diverse specie di merito, e distribuite con giustizia imparziale, contribuiscono potentemente, col mezzo dell emulazione che eccitano, al la gloria e prosperità degli Stati, indirizzando verso tutto ciò che è utile, bello, e grande, ogni maniera di virtù e di talenti». Quanto abbiamo riferito rappresenta l esordio, non poco solenne e significativo, del preambolo alle «Regie Patenti», datate 29 ottobre 1831, con le quali Carlo Alberto, «per grazia di Dio Re di Sardegna», istituiva l «Or dine Civile di Savoia», e ne fissava le regole 1. Nell esordio il Re passava poi a ricordare il predecessore Vittorio Emanuele, che nel 1815 aveva istituito l «Ordine Militare di Savoia» 2, e così 1 Per uno sguardo retrospettivo vd. I. Porciani, La festa della nazione, Bologna 1997, p Un secolo dopo, il d.l.vo 2 gennaio 1947, n. 4, del Capo provvisorio dello Sta to ne muterà la denominazione in «Ordine Militare d Italia». 145

13 Parte II. Le fattispecie proseguiva: «Noi abbiamo divisato di compiere e perfezionare l opera di lui, privilegiando con contrassegni di onore quelli fra i nostri amatissimi sudditi, i quali dedicatisi ad altre professioni non meno utili che quella delle armi, sono diventati con profondi e lunghi studi l ornamento del nostro Stato, ovvero hanno con le dotte loro fatiche giovato grandemente al servizio nostro ed al comun bene; fra i quali ci è caro di pregiare in guisa particolare coloro che hanno conseguito un nome glorioso nella carriera del pubblico insegnamento, tenuta da Noi in tanto maggior conto, in quanto che dalla buona educazione della gioventù dipende la felicità delle persone, delle famiglie, e dello Stato. Gli Ordini cavallereschi di già esistenti, e quell altro che Noi abbiamo ora risoluto di fondare, Ci daranno in tal maniera il mezzo di palesare la stima di cui Noi siamo penetrati per tutte le classi dei nostri sudditi e per tutte le utili professioni». Carlo Alberto diceva poi del suo intendimento orientato nel senso che «le ricompense stabilite per onorare il merito civile» venissero concesse solo «dopo una disamina rigorosa delle ragioni degli aspiranti», e del conseguente proposito di «commettere questo esame» all istituendo Ordine, ovvero «alle persone istesse che trovansi più impegnate a conservare l instituzione in tutto il suo splendore». Seguivano le determinazioni di carattere normativo, ovvero le «regole». Nella prima di esse si sanciva l istituzione e fondazione «in perpetuo» dell «Ordine Civile di Savoia», del quale il Re si proclamava «Capo e Gran Mastro»; e ciò con l aggiunta che tale «suprema dignità» dovesse passare, così da dar vita a un ordine dinastico, ai «successori ed eredi della Corona Reale». La seconda regola stabiliva che, a comporre il nuovo Ordine, fosse una sola «classe»: quella dei Cavalieri, i quali si aggiungeva debbono essere «nazionali», ovvero cittadini, «od avere acquistato nei nostri Stati ragione» per essere annoverati nell Ordine. Mentre le regole n. 3 e n. 4 fissavano le precise caratteristiche delle insegne, o decorazioni, dei cavalieri, la regola n. 5 aveva cura di specificare la ristretta rosa delle «cinque categorie» di persone le quali potevano aspirare all onorificenza 3. 3 «5. L Ordine Civile di Savoia sarà conferito da Noi: 1. Ai primari Impiegati del nostro Governo che avranno eseguito qualche atto od opera di alta amministrazione. 2. Agli Scienziati, ai Letterati, ed agli Amministratori, i quali avranno composto e pubblicato con la stampa nei nostri Stati, o con nostro beneplacito fuori di essi, qualche opera importante. 146

14 7. L Ordine «Al merito della Repubblica Italiana» Seguivano dettagliate previsioni circa l itinerario procedimentale dei conferimenti: presentazione di una domanda, corredata dai titoli, da parte del l aspirante; esame della domanda da parte di un Consiglio composto da sette cavalieri scelti dal Re nell ambito dell Ordine, con il compito di assumere informazioni sulla pertinenza dei titoli dell aspirante, oltre che «sulle qualità sociali, e sui principii morali e politici di esse»; esame delle risultanze e formulazione di un «parere del Consiglio», con la verbalizzazione relativa anche alla ripartizione dei voti dei deliberanti; determinazione finale da parte del Re; stesura, per la firma reale, del diploma di nomina per le cure del primo segretario di Stato per gli Affari dell Interno (indicato come competente per tutta la materia in discorso); ricezione, da parte di quest ultimo, di un «solenne giuramento di fedeltà, di lealismo e di ortodossia, da prestarsi dal novello Cavaliere» 4. Il Sovrano, inoltre, attribuiva all Ordine un totale di 40 pensioni, di varia entità (per un importo globale di L ). A distanza di oltre trent anni faceva seguito col regio decreto n. 4251, «da to in Firenze, addì 20 febbraio 1868», a firma di Vittorio Emanuele II Re d Italia l «Istituzione di un Ordine Cavalleresco denominato Ordine della Corona d Italia». Così prendeva inizio il relativo preambolo: «Essendosi non ha guari consolidata, mercè l annessione della Venezia, la indipendenza e l unità d Italia, abbiamo determinato di conservare la memoria di quel gran fatto mercè l istituzione di un nuovo Ordine Cavalleresco». E ciò con lo scopo di «rimunerare le benemerenze più segnalate, tanto degli Italiani che si noti degli stranieri, e specialmente quelle che riguardano direttamente gl interessi della Nazione». Anche di tale Ordine il Sovrano, in virtù della «prerogativa» regia, si collocava al vertice, per sé e successori al trono (art. 1), in qualità di Gran 3. Agli Ingegneri, Architetti od Artisti che siansi renduti celebri con lavori di distinto merito. 4. Agli Autori e pubblicatori di qualche scoperta di gran conto e vantaggio, ed a coloro che avranno dato alle scoperte da altri fatte tale perfezionamento, che per l utilità sua si accosti al merito della primitiva invenzione. 5. Ai Professori di scienze o lettere, ed ai Direttori di uno dei nostri Stabilimenti di educazione, che chiari per dottrina, ed avendo pubblicato qualche utile scrittura, abbiansi procacciata col loro magistero o governo della gioventù gloriosa fama». 4 «[ giuramento] di essere fedele a Noi, ed obbedienti alle nostre Leggi, di rispettare la decenza e i buoni costumi nelle sue opere, e di non professare alcuna massima contraria alla Fede Cattolica Romana, ed ai principii della nostra Monarchia». 147

15 Parte II. Le fattispecie Maestro, mentre in tema di conferimenti si faceva sintetico rinvio (art. 2) alla disciplina praticata per l Ordine dei Santi Maurizio e Lazzaro, al contempo istituendo il primo segretario di quell Ordine come cancelliere del nuovo Ordine. A parte la specificazione, assai minuziosa, delle caratteristiche delle «insegne», o decorazioni, (art. 3) ovvero della «divisa dell Ordine», di quest ultimo a differenza dell «Ordine Civile di Savoia» si prevedeva una composizione plurima, articolata in ben cinque classi (art. 4), ma senza la previsione della concessione su domanda, e senza l indicazione, come per il passato, della tipologia delle benemerenze idonee a far conseguire il riconoscimento onorifico. A comporre queste «classi» venivano designati, in ordine discendente, i «Gran Cordoni», i «Grandi Ufficiali», i «Commendatori», gli «Ufficiali» ed i semplici «Cavalieri». In linea differenziale rispetto all «Ordine Civile di Savoia» vanno in particolare segnalati altri due profili: l assenza di previsioni in tema di attribuzione di «pensioni», e, per converso, una concisa previsione sanzionatoria contenuta nell art. 8: «Sarà privato della decorazione chiunque, per un fatto legalmente accertato, abbia mancato all onore o propugnato interessi antinazionali». 2. Il primo Ordine cavalleresco istituito dopo la fine della monarchia fu quello intestato alla «Stella della solidarietà italiana» 5. Su proposta del ministro degli Esteri (Nenni), il decreto 27 gennaio 1947, n. 703, recante la firma del Capo provvisorio dello Stato (De Nicola) istituiva particolari riconoscimenti a favore degli italiani all estero o degli stranieri che avessero «specialmente contribuito alla ricostruzione dell Italia». Il 22 dicembre dello stesso anno l Assemblea costituente deliberava il testo della Costituzione repubblicana, il cui art. 87 attribuiva al nuovo «Capo dello Stato» il conferimento (ultimo comma) delle «onorificenze della Repubblica». Il d.l.vo 9 marzo 1948, n. 812, provvide quindi a rimodellare 5 Nella circolare 30 ottobre 2001 della presidenza del Consiglio dei Ministri in Il sistema onorifico civile della Repubblica, a cura del Dipartimento del Cerimoniale di Stato, Roma 2002 si ricorda (p. 9 ss.) che la Repubblica «premia le benemerenze individuali e collettive» con due diversi tipi di «distinzioni»: le «distinzioni cavalleresche (Ordini cavallereschi nazionali)» e le «distinzioni onorifiche (Decorazioni. Ricompense. Medaglie)». L Ordine della «Stella della solidarietà italiana» viene indicato nella serie degli «Ordini cavallereschi nazionali». 148

16 7. L Ordine «Al merito della Repubblica Italiana» coerentemente le norme relative all Ordine in discorso, la cui presidenza era affidata al ministro per gli Affari Esteri. Dopo la modifica introdotta dalla l. 30 dicembre 1965, n. 1476, era previsto che l Ordine comprendesse tre classi, corrispondenti ai «titoli» di Grande Ufficiale, Commendatore e Cavaliere. A decorrere dal 1978 l Ordine entrò peraltro in una specie di letargo, dal quale fu poi risollevato, su iniziativa del Presidente della Repubblica Ciam pi, con una serie cospicua di nuove nomine, contestualmente con la nuova disciplina del regolamento attuativo (d.p.r. 21 settembre 2001, n. 385), col quale su proposta del ministro degli Affari Esteri e del ministro per gli Italiani nel Mondo si provvedeva ad una serie di modifiche delle «insegne» dell Ordine. 3. Ma per riprendere, al di là della prospettiva settoriale da ultimo e qui sopra descritta, il filo degli ordini cavallereschi come giustamente s è detto «di carattere generale», occorre ora far convergere il discorso sulla istituzione dell Ordine «Al merito della Repubblica Italiana», consacrata nel la l. 3 marzo 1951, n. 178, con la quale (art. 9, comma 2 ) veniva tra l altro soppresso anche l Ordine della Corona d Italia. A tale proposito il 14 maggio 1949 era stato presentato a Palazzo Madama un disegno di legge (doc. 412), la cui rilevanza veniva sottolineata dal fatto che esso era accompagnato circostanza parlamentare per davvero non consueta da una relazione illustrativa a firma del presidente del Consiglio, Alcide De Gasperi. Atteso che il disegno di legge si proponeva per il futuro, ma anche con riferimento al passaggio dall ordinamento monarchico all ordinamento repubblicano, di fare chiarezza e di dettare ex novo il che risulterà anche dalla rubrica della legge una più generale «disciplina del conferimento e dell uso delle onorificenze», la relazione indugiava preliminarmente sull inquadramento storico-istituzionale della materia, a muovere dalle prerogative regali fissate nello Statuto albertino (artt. 78 e 80), e si ancorava poi alla già richiamata disposizione finale dell art. 87 della Costituzione, alla stregua della quale spetta al Presidente il conferimento delle «onorificenze della Repubblica». Di questa norma si diceva che comportasse «anzitutto la necessità di istituire un nuovo Ordine cavalleresco di carattere generale, destinato cioè a ricompensare cittadini e stranieri che abbiano comunque acquisito titoli di benemerenza verso la Nazione». 149

17 9. LE LAUREE «ad honorem» * 1. Sia detto qui in apertura, a scanso di equivoci o di travisamenti: il tema prescelto, che non è certo tra i temi fondamentali per la storia della Repubblica, non presenta però caratteri di estemporaneità, o di occasionalità. Esso piuttosto si allinea lungo una traiettoria di ricerca quella del diritto premiale che chi vi parla, sia pure con preponderanti ma ragionate intermittenze, viene perseguendo da diverso tempo Un servizio pubblicato su un noto quotidiano economico nell aprile 2003 titolo: Il laureato ad honorem dà lustro così esordiva: «Cos hanno in comune il Dalai Lama e Juan Carlos, madre Teresa di Calcutta, Riccardo Muti e Lucio Dalla?». Risposta: «Oltre a essere tutti e cinque sia pure per motivi molto diversi personaggi famosi, sono stati anche insigniti della laurea honoris causa dall Università di Bologna» 2. Ma per cercare, se possibile, una qualche traccia di collegamento tra tali personaggi, ed ancor più per cercare di porre un po d ordine in * Dai Rendiconti dell Istituto Lombardo (Classe di Lettere e Scienze morali e storiche), vol. 142 (2008), Milano 2009, p. 41 ss. 1 E forse sarà consentito, a comprova e a tacer d altro, il richiamo alla «Nota» dedicata, nella nostra adunanza del 30 ottobre 1997, al tema Beccaria e il diritto premiale: vd. nei Rendiconti dell Istituto Lombardo (Classe di Lettere e Scienze morali e storiche), vol. 131 (1997), cit., p F. Micardi, Il laureato ad honorem dà lustro, in «Il Sole 24 Ore» del 7 aprile 2003, p

18 Parte II. Le fattispecie tutto il nostro sia pur breve discorso, sarà il caso di prospettare il quadro giuridico della materia. E ciò ad evitare che si pensi trattarsi di materia sottratta alle regole del diritto, e perciò sottoposta soltanto a beneplaciti, per non dir peggio, di tipo regale, secondo cui tempi addietro si andava dicendo che un sigaro e una croce di cavaliere non si negano a nessuno (beninteso: sempre che, a richiederli, si facesse o si faccia avanti qualcuno che meriti si fa per dire una qualche particolare considerazione). L art. 169 del t.u. della nostra legislazione universitaria, datato 31 agosto 1933 (n. 1259), risulta composto di tre commi. Il primo di essi delinea la fattispecie per così dire sostanziale della laurea ad honorem. Essa così si era stabilito (e si tratta di espressioni di spiccata caratterizzazione) «può essere conferita soltanto a persone che, per opere compiute o per pubblicazioni fatte, siano venute in meritata fama di singolare perizia nelle discipline della Facoltà o Scuola per cui è concessa». (E dunque, tra l altro, aumentando il numero, e non si dice la qualità, delle «discipline» come molto più tardi è avvenuto era già scritto che potessero allargarsi anche i campi e le possibilità delle lauree onorifiche). Il secondo comma dell art. 169 delinea lo schema-base della procedura da adottare (anche i premi trovano la loro legittimazione attraverso le regole procedurali): «La deliberazione del consiglio della Facoltà o della Scuola, che conferisce la laurea ad honorem, deve essere presa con la maggioranza di due terzi dei voti ed approvata dal Ministro si diceva al lora della Pubblica Istruzione». Dunque: maggioranza qualificata e previa approvazione ministeriale. E si è qui parlato di schema-base, in quanto, per ciò che concerne, invece, il conferimento delle lauree ad honorem a cittadini stranieri, una circolare ministeriale del 13 giugno 1962 (n. 2170) ricordava che sulle proposte di tal genere (e per ragioni ben intuibili) «viene richiesto sempre il parere del Ministero degli Affari Esteri, il quale a sua volta deve interpellare le competenti Rappresentanze diplomatiche italiane all estero». E per dir sùbito dell ordine di incidenza di quest ultima tipologia, ri cordiamo riferendoci ad un periodo di tempo ravvicinato che, solo nell arco temporale , secondo dati ufficiali del Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca, le lauree concesse agli stranieri sono ammontate al considerevole totale di 193 3, di contro al numero di 3 Per aggiungere un altro tocco realistico al quadro, ricordiamo anche quanto specifica la circolare di cui s è fatta menzione: «[ ] è stato rilevato che alcuni Atenei, 182

19 9. Le lauree «ad honorem» lauree dello stesso tipo concesse a cittadini italiani, assommanti al totale di 179. Ma anche il non-giurista si può, a questo punto, domandare che cosa avvenga allorquando le regole predette, dell uno o dell altro tipo (sostanziale o procedurale), non vengano osservate. Alla risposta provvede, in primo luogo, l art. 1 di una legge del 1958, l. 13 marzo 1958, n. 262 (di una legge, dunque, che ha piuttosto tardato a venire ) secondo la quale «Le qualifiche accademiche di dottore, comprese si noti quelle honoris causa», oltre a quelle «di carattere pro fessionale» e «la qualifica di libero docente, possono essere conferite sol tanto con le modalità e nei casi indicati dalla legge». E dunque, nella nostra ipotesi: indicati dall art. 169 del citato t.u. La portata del «soltanto» che abbiamo rimarcato è poi resa esplicita, in secondo luogo, dal comma 2 della stessa legge del 1958, che non a caso delinea una specifica figura di delitto: «È vietato il conferimento delle qualifiche di cui all articolo precedente da parte di privati, enti ed istituti, comunque denominati», i quali operino «in contrasto con quanto stabilito nello stesso articolo»: si vuol dire, con le regole che descrivono l an e il quomodo del conferimento. Un tale «contrasto» è esplicitamente sanzionato con la pena della «reclusione da tre mesi ad un anno», oltre che con la multa, a suo tempo fissata nelle misure da lire a lire In forza, però, del principio di stretta legalità che domina la disciplina penalistica, è senz altro da escludere che la configurazione normativa la quale fa capo all operare da parte di «privati, enti ed istituti comunque denominati», nel modo abusivo sottolineato dall espressione forte: «in contrasto» possa riferirsi anche all operare di Facoltà o Scuole universitarie, che «privati» non sono, in difformità alle regole fissate nell art. 169 del nostro t.u. subito dopo l invio delle proposte e prima della loro approvazione da parte di questo Ministero ai sensi dell art. 169 del t.u. 31 agosto 1933, n. 1259, ne informano ufficialmente gli interessati, fissando anche la data della cerimonia per le consegne del diploma di laurea. È evidente che, in casi del genere, si potranno verificare spiacevoli conseguenze, qualora fosse dato parere negativo». Il richiamo alle prassi eccentriche deprecate dalla circolare verosimilmente andava oltre la limitata fattispecie delle lauree per gli stranieri. E ad ogni modo, proprio di recente, si è verificato un caso di diniego, e di inadempienza al medesimo, che ha avuto una certa risonanza sulla stampa: vd. P. Griseri, Alla Ligresti niente laurea ad honorem, in «la Repubblica» del 25 luglio 2007, p. 31; P. Beltramin, Laurea alla Ligresti, scontro tra rettore e ministro, in «Corriere della Sera» del 26 luglio 2007, p

20 10 le chiamate accademiche «per chiara fama» * 1. In Italia non abbiamo soltanto i senatori senza elezioni, nominati a vita, e i laureati senza esami, nominati honoris causa. Abbiamo anche il personale docente universitario nominato senza concorsi, ad personam, col sistema del le «chiamate dirette» 1. In tale più ampio contesto assume particolare risalto un capitolo, non nuo vo e neanche troppo semplice, di diritto premiale: quello riguardante la chia mata diretta dei professori ordinari per «chiara fama». Prendiamo il discorso un po da lontano, e per così dire dall alto. 2. Con decreto vicereale 10 marzo 1808, veniva assegnata a Ugo Foscolo la cattedra di Eloquenza all Università di Pavia: cattedra precedentemente occupata (dal 1802 al 1804) da un altro poeta, Vincenzo Monti. In appoggio a quella candidatura il ministro dell Interno Luigi Di Breme scriveva che Foscolo è «giovane abbastanza noto nella repubblica letteraria per sommo e raro ingegno, di cui ha dato e dà tuttora luminosi argomenti colle sue produzioni in verso ed in prosa. Il pubblico così continua il rapporto del ministro ha giudicato abbastanza de suoi talenti e del suo merito in questa parte, per non abbisognare di prove ulteriori» 2. * Da «Soc. del dir.», 2009, n. 1, p. 195 ss. 1 Il reclutamento per concorso nei pubblici uffici, dirà Einaudi in un messaggio al Par lamento del 1950: vd. Lo scrittoio del Presidente ( ), Torino 1956, p. 210 si caratte rizza per la valutazione comparativa, «insieme col limite prestabilito del numero dei posti da conferirsi». 2 Il rapporto è riferito da Gianfranca Lavezzi, nell Introduzione al Catalogo del la mostra documentaria dedicata ai duecento anni dell orazione foscoliana 191

21 Parte II. Le fattispecie 2.1. Restiamo sempre nello stesso comparto, e, a distanza di mezzo seco lo, percorriamo l itinerario verso il conferimento della cattedra bolognese, questa volta in «eloquenza per dire: letteratura italiana», al ven ticinquen ne Giosué Carducci. A proporvelo era stato Mamiani il poeta filosofo delle «magnifiche sorti e progressive» chiamato da Cavour, nel 1860, a ricoprire la carica di ministro dell Istruzione. Scrivendone da Torino all interessato, con lettera 18 agosto 1860, Terenzio Mamiani non nasconde che l offerta di assegnazione della cattedra era stata in precedenza rivolta al poeta Giovanni Prati, ma che costui, «per ragioni al tutto speciali» aveva opposto atto di rinuncia 3. «Io mi terrei fortunato ed anche un poco superbo continua quindi la lettera di proposta se Ella, caro signore, mi concedesse di nominarla a quel posto» 4. E così avvenne, a breve distanza di tempo, in applicazione dell art. 69 della legge «sarda» del 13 novembre 1859, n (più nota co me «legge Casati»), che però, per meglio dire o, se si vuole, per onorare il Re presentava la seguente formulazione: «Il Ministro [della Pubblica Istru zione] potrà proporre al Re per la nomina, prescindendo da ogni concorso, le persone che per opere, per iscoperte, o per insegnamenti dati, saranno venute in meritata fama di singolare perizia nelle materie cui dovrebbero professa re». (26 gennaio - 18 febbraio 2009), intitolato: «Amate palesemente e generosamente le lettere e la vostra nazione Ugo Foscolo nell Ateneo pavese», Pavia 2009, p. 17. Parlando del curriculum del professor Foscolo, la curatrice scrive che esso era del tutto «eccezionale, in quanto la cattedra gli viene conferita diremmo oggi per chiara fama: la fama però non è data dai titoli scientifici (quasi inesistenti) ma è tutta letteraria, e ad altissimo livello, dall Ortis ai Sepolcri». 3 P. Bargellini, Giosué Carducci, 3 a ed., Brescia 1941, che riporta il testo della lettera nota 6 di p. 382 scrive (p. 110) che «il poeta delle Passeggiate Solitarie non si sentiva di du rar fatica che non fosse d amore». E s accontentava forse aggiungiamo noi che sui suoi «teneri versi» alcune creature sensibili, come le coetanee di nonna Speranza, sfogliassero pic cole margherite campestri. 4 Il ministro così proseguiva: «Bologna non è certo Firenze, ma è grande città che porta molto meritatamente il titolo di dotta; e il popolo suo è affabile e cordialissimo; a Lei, ne sia sicuro, farebbe festa più assai che al Prati. Oltre l emolumento di 3000 fr. avrebbe in corto tempo altri mille come Dottore di Collegio; e, ivi promulgata la legge sarda, Ella partecipereb be alle iscrizioni e alle propine. Da ultimo, Le prometto che cessata la mezza autonomia tosca na e cambiata in un largo sistema di libertà per tutti comune, se la Università di Firenze verrà dichiarata governativa, mi darò cura di restituirla alla sua diletta città. Mi dica dunque un bel sì, e mi scusi del ricusare che fo di scrivere al Ricasoli per la cattedra in un liceo fiorentino. Mi creda suo devotissimo T. Mamiani». Secondo quanto riferisce G. Contini, Letteratura dell Italia unita ( ), Milano 1994, p. 85, il Carducci «ebbe la cattedra di letteratura italiana a Bologna, dove visse fino alla morte, sopraggiunta dopo lunga infermità nel 1907». 192

PROGETTO SCUOLA SULLA LEGALITÀ e sulle professioni di MAGISTRATO, AVVOCATO, NOTAIO. Scuola secondaria di secondo grado

PROGETTO SCUOLA SULLA LEGALITÀ e sulle professioni di MAGISTRATO, AVVOCATO, NOTAIO. Scuola secondaria di secondo grado PROGETTO SCUOLA SULLA LEGALITÀ e sulle professioni di MAGISTRATO, AVVOCATO, NOTAIO Scuola secondaria di secondo grado www.progettoscuolalegalita.it Le LEGGI: la legge è uguale per tutti tutte le persone

Dettagli

CENTRO STUDI FEDERICO STELLA SULLA GIUSTIZIA PENALE E LA POLITICA CRIMINALE (CSGP). STATUTO ART. 1 (ISTITUZIONE DEL CENTRO)

CENTRO STUDI FEDERICO STELLA SULLA GIUSTIZIA PENALE E LA POLITICA CRIMINALE (CSGP). STATUTO ART. 1 (ISTITUZIONE DEL CENTRO) CENTRO STUDI FEDERICO STELLA SULLA GIUSTIZIA PENALE E LA POLITICA CRIMINALE (CSGP). STATUTO ART. 1 (ISTITUZIONE DEL CENTRO) 1. È istituito, presso l Università Cattolica del Sacro Cuore, su proposta della

Dettagli

22 Bollettino Ufficiale

22 Bollettino Ufficiale 21 D.g.r. 22 gennaio 2016 - n. X/4743 Premio Rosa Camuna - Aggiornamento regolamento LA GIUNTA REGIONALE Richiamata la d.g.r. n. VI/18690 del 4 ottobre 1996 recante «Istituzione del Premio Rosa Camuna»

Dettagli

PROGETTO SCUOLA SULLA LEGALITÀ e sulle professioni di MAGISTRATO, AVVOCATO, NOTAIO

PROGETTO SCUOLA SULLA LEGALITÀ e sulle professioni di MAGISTRATO, AVVOCATO, NOTAIO PROGETTO SCUOLA SULLA LEGALITÀ e sulle professioni di MAGISTRATO, AVVOCATO, NOTAIO Scuola secondaria di secondo grado Le LEGGI: la legge è uguale per tutti tutte le persone sono uguali davanti alla legge

Dettagli

LINEE DI INDIRIZZO DI ATENEO PER IL CONFERIMENTO DI TITOLI ONORARI

LINEE DI INDIRIZZO DI ATENEO PER IL CONFERIMENTO DI TITOLI ONORARI LINEE DI INDIRIZZO DI ATENEO PER IL CONFERIMENTO DI TITOLI ONORARI INDICE Titolo I - Titoli onorari dell Università degli Studi di Trento... 2 Art. 1 - Finalità... 2 Art. 2 - Professore onorario dell Università

Dettagli

Ordine Militare d'italia

Ordine Militare d'italia Ordine Militare d'italia fonti normative D. Lgs. 15 marzo 2010, n. 66 Codice dell'ordinamento militare. Art. 99 Concessione di ricompense alle Forze armate 1. Il conferimento alla bandiera della croce

Dettagli

divisione politica REGNO D'ITALIA REPUBBLICA ITALIANA

divisione politica REGNO D'ITALIA REPUBBLICA ITALIANA LO STATO ITALIANO 568 1861 1946 2016 divisione politica REGNO D'ITALIA REPUBBLICA ITALIANA ALCUNE DATE DA RICORDARE 568: l'arrivo dei Longobardi in Italia dà avvio alla divisione politica della Penisola.

Dettagli

Le Autonomie locali e la riforma Renzi-Boschi: effetti immediati

Le Autonomie locali e la riforma Renzi-Boschi: effetti immediati F O C U S R I F O R M A C O S T I T U Z I O N A L E 24 F E B B R A I O 2016 Le Autonomie locali e la riforma Renzi-Boschi: effetti immediati di Alberto Lucarelli Professore ordinario di Diritto costituzionale

Dettagli

Ordine al Merito di Savoia Statuto

Ordine al Merito di Savoia Statuto Ordine al Merito di Savoia Statuto VITTORIO EMANUELE Duca di Savoia, Principe di Napoli Capo della Real Casa di Savoia Per Grazia di Dio e per diritto ereditario VI Gran Maestro dell Ordine Civile di Savoia

Dettagli

Emanato con D.R. n del Pubblicato all Albo Ufficiale dell Ateneo il 28 maggio 2012 In vigore dal 29 maggio 2012

Emanato con D.R. n del Pubblicato all Albo Ufficiale dell Ateneo il 28 maggio 2012 In vigore dal 29 maggio 2012 MODIFICA AL REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA CHIAMATA DEI PROFESSORI DI RUOLO DI PRIMA E SECONDA FASCIA IN ATTUAZIONE DEGLI ARTT. 18 E 24 DELLA LEGGE 240/2010 Emanato con D.R. n. 12001 del 21.5.2012

Dettagli

LE MODIFICHE ALLA COSTITUZIONE VIGENTE PARTE I DIRITTI E DOVERI DEI CITTADINI TITOLO IV RAPPORTI POLITICI

LE MODIFICHE ALLA COSTITUZIONE VIGENTE PARTE I DIRITTI E DOVERI DEI CITTADINI TITOLO IV RAPPORTI POLITICI LE MODIFICHE ALLA COSTITUZIONE VIGENTE PARTE I DIRITTI E DOVERI DEI CITTADINI TITOLO IV RAPPORTI POLITICI COSTITUZIONE TESTO VIGENTE COSTITUZIONE TESTO MODIFICATO ART. 48 ART. 48 art. 38, CO. 1 Sono elettori

Dettagli

La Costituzione Italiana

La Costituzione Italiana La Costituzione Italiana 27 Dicembre 1947 Il Capo provvisorio dello Stato Enrico De Nicola promulga la nuova carta costituzionale che entrerà in vigore il 1 gennaio 1948. Anche la Costituzione Italiana

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE COSTITUZIONALE

DISEGNO DI LEGGE COSTITUZIONALE Senato della Repubblica XVII LEGISLATURA N. 813 B DISEGNO DI LEGGE COSTITUZIONALE presentato dal Presidente del Consiglio dei ministri (LETTA) dal Ministro per le riforme costituzionali (QUAGLIARIELLO)

Dettagli

STELLA AL MERITO DEL LAVORO. Nuove Norme per la Concessione della Stella al Merito del Lavoro

STELLA AL MERITO DEL LAVORO. Nuove Norme per la Concessione della Stella al Merito del Lavoro STELLA AL MERITO DEL LAVORO Le Leggi che riguardano La Decorazione della Stella al Merito del Lavoro risalgono al 1923. Il 18.12.1952 con la Legge n.2389 viene istituita l Onorificenza Magistrale, con

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE ED IL FUNZIONAMENTO DEI CORSI MASTER

REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE ED IL FUNZIONAMENTO DEI CORSI MASTER REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE ED IL FUNZIONAMENTO DEI CORSI MASTER Articolo 1 1. In attuazione di quanto previsto dall art. 3, comma 9 del D.M. 22 ottobre 2004, n. 270, nonché dall art. 7 del Regolamento

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato ERCOLE. Istituzione del ruolo ad esaurimento dei professori universitari incaricati

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato ERCOLE. Istituzione del ruolo ad esaurimento dei professori universitari incaricati Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 4260 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato ERCOLE Istituzione del ruolo ad esaurimento dei professori universitari incaricati Presentata

Dettagli

VICENDE STORICO- COSTITUZIONALI. prof.ssa Carli Moretti Donatella 1

VICENDE STORICO- COSTITUZIONALI. prof.ssa Carli Moretti Donatella 1 VICENDE STORICO- COSTITUZIONALI prof.ssa Carli Moretti Donatella 1 Periodo 1861-1922 STATO LIBERALE Proclamazione del Regno d Italia Re: Vittorio Emanuele II Quando nasce l Italia si parla di piemontizzazione

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DELLE CIVICHE BENEMERENZE MODIFICA E INTEGRAZIONE

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DELLE CIVICHE BENEMERENZE MODIFICA E INTEGRAZIONE REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DELLE CIVICHE BENEMERENZE MODIFICA E INTEGRAZIONE REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DELLE CIVICHE BENEMERENZE ART. 1 - FINALITA...3 ART. 2 - DESTINAZIONE DELLE BENEMERENZE...3

Dettagli

LE FONTI DEL DIRITTO VATICANO

LE FONTI DEL DIRITTO VATICANO LE FONTI DEL DIRITTO VATICANO 7 giugno 1929 prime sei Leggi dello SCV (Pio XI) L. n. I Legge Fondamentale della Città del Vaticano L. n. II Legge sulle fonti L. n. III Legge sulla cittadinanza e il soggiorno

Dettagli

In definitiva, dalla trattazione da me è effettuata, emerge in maniera evidente come il sistema delineato dal legislatore del 1942 per disciplinare

In definitiva, dalla trattazione da me è effettuata, emerge in maniera evidente come il sistema delineato dal legislatore del 1942 per disciplinare PREMESSA In questa tesi ho voluto analizzare la complessa figura dell imprenditore nell ambito del diritto commerciale. Ho innanzitutto esaminato i requisiti espressamente richiesti dall articolo 2082

Dettagli

Ministero della Pubblica Istruzione Dipartimento per l istruzione Direzione generale per gli ordinamenti scolastici - Ufficio VIII

Ministero della Pubblica Istruzione Dipartimento per l istruzione Direzione generale per gli ordinamenti scolastici - Ufficio VIII IL DIRETTORE GENERALE VISTO il decreto legislativo 16 aprile 1994, n. 297, che recepisce il Testo Unico delle disposizioni legislative in materia di istruzione; VISTA la legge 15 marzo 1997, n. 59 recante

Dettagli

MUSEO D ARTE MODERNA E CONTEMPORANEA DI TRENTO E ROVERETO REGOLAMENTO PER L ORGANIZZAZIONE E LA GESTIONE DEL PERSONALE

MUSEO D ARTE MODERNA E CONTEMPORANEA DI TRENTO E ROVERETO REGOLAMENTO PER L ORGANIZZAZIONE E LA GESTIONE DEL PERSONALE MUSEO D ARTE MODERNA E CONTEMPORANEA DI TRENTO E ROVERETO REGOLAMENTO PER L ORGANIZZAZIONE E LA GESTIONE DEL PERSONALE (Approvato con deliberazione del Consiglio di Amministrazione n. 15/10 del 30/04/2010,

Dettagli

LA COSTITUZIONE ITALIANA

LA COSTITUZIONE ITALIANA LA COSTITUZIONE ITALIANA I primi esperimenti di Costituzione Iniziano con l arrivo in Italia dei moti liberali della Rivoluzione francese LO STATUTO ALBERTINO (1848) che era la Costituzione del Regno del

Dettagli

Presentazione. Cecilia CORSI

Presentazione. Cecilia CORSI Presentazione La Collana Lezioni e Letture della Facoltà di Scienze politiche Cesare Alfieri dell Università di Firenze, nata nel 2010 per raccogliere le Lezioni inaugurali dell anno accademico e le Letture

Dettagli

C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI. Nome MARIA FRATI. Data di nascita 16/08/1971 ESPERIENZA LAVORATIVA

C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI. Nome MARIA FRATI. Data di nascita 16/08/1971 ESPERIENZA LAVORATIVA C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo MARIA FRATI Omissis E-mail Omissis Nazionalità Italiana Data di nascita 16/08/1971 Luogo di nascita Pietrasanta (LU) ESPERIENZA LAVORATIVA

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE COSTITUZIONALE ZELLER, BRUGGER, NICCO

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE COSTITUZIONALE ZELLER, BRUGGER, NICCO Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 25 PROPOSTA DI LEGGE COSTITUZIONALE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI ZELLER, BRUGGER, NICCO Modifiche agli statuti delle regioni ad autonomia speciale,

Dettagli

IL RETTORE. la Legge 30/12/2010 n. 240 ed, in particolare, l art. 2 comma 2 lett. a) e b);

IL RETTORE. la Legge 30/12/2010 n. 240 ed, in particolare, l art. 2 comma 2 lett. a) e b); U.S.R. DR/2013/102 del 11/01/2013 Firmatari: MASSIMO MARRELLI IL RETTORE la Legge 30/12/2010 n. 240 ed, in particolare, l art. 2 comma 2 lett. a) e b); lo Statuto dell Ateneo emanato con Decreto Rettorale

Dettagli

SCUOLA BIENNALE DI SPECIALIZZAZIONE PER LE PROFESSIONI LEGALI STATUTO

SCUOLA BIENNALE DI SPECIALIZZAZIONE PER LE PROFESSIONI LEGALI STATUTO Giurisprudenza SCUOLA BIENNALE DI SPECIALIZZAZIONE PER LE PROFESSIONI LEGALI STATUTO Art. 1 L Università di Bari istituisce presso la Facoltà di Giurisprudenza, ai sensi degli articoli 4, comma 1, legge

Dettagli

4. La consistenza del patrimonio deve essere dimostrata da idonea documentazione allegata alla domanda.

4. La consistenza del patrimonio deve essere dimostrata da idonea documentazione allegata alla domanda. D.P.R. 10 febbraio 2000, n. 361 Regolamento recante norme per la semplificazione dei procedimenti di riconoscimento di persone giuridiche private e di approvazione delle modifiche dell atto costitutivo

Dettagli

Prof. Hervè A. Cavallera

Prof. Hervè A. Cavallera Prof. Hervè A. Cavallera Hervé A. Cavallera, nato a Tricase, è professore ordinario di Storia della Pedagogia nell Università del Salento (già Lecce), ove ha ricoperto la carica di Direttore del Dipartimento

Dettagli

REPUBBLICA DI SAN MARINO

REPUBBLICA DI SAN MARINO REPUBBLICA DI SAN MARINO LEGGE QUALIFICATA 16 dicembre 2005 n.186 LEGGE QUALIFICATA SUI CAPITANI REGGENTI Noi Capitani Reggenti la Serenissima Repubblica di San Marino Promulghiamo e mandiamo a pubblicare

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA Decreto del Presidente della Repubblica 10 agosto 2000, n.368, Regolamento recante norme per la individuazione dei posti di funzione di livello dirigenziale del Ministero degli affari esteri non attribuibili

Dettagli

d iniziativa dei senatori BISINELLA, BELLOT, MUNERATO, ZIZZA, LANIECE, DALLA TOR, ASTORRE, DI GIACOMO, NACCARATO, MANCUSO e CONTE

d iniziativa dei senatori BISINELLA, BELLOT, MUNERATO, ZIZZA, LANIECE, DALLA TOR, ASTORRE, DI GIACOMO, NACCARATO, MANCUSO e CONTE Senato della Repubblica XVII LEGISLATURA N. 2457 DISEGNO DI LEGGE d iniziativa dei senatori BISINELLA, BELLOT, MUNERATO, ZIZZA, LANIECE, DALLA TOR, ASTORRE, DI GIACOMO, NACCARATO, MANCUSO e CONTE COMUNICATO

Dettagli

d) durata della carica di rettore per un unico mandato di sei anni, non rinnovabile;

d) durata della carica di rettore per un unico mandato di sei anni, non rinnovabile; LEGGE Norme in materia di organizzazione delle universita`, di personale accademico e reclutamento, nonche delega al Governo per incentivare la qualita` e l efficienza del sistema universitario ORGANI

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA XIV LEGISLATURA

SENATO DELLA REPUBBLICA XIV LEGISLATURA SENATO DELLA REPUBBLICA XIV LEGISLATURA N. 3210-A RELAZIONE DELLA 4ª COMMISSIONE PERMANENTE (DIFESA) (Relatore CONTESTABILE) Comunicata alla Presidenza il 12 aprile 2005 SUL DISEGNO DI LEGGE Conferimento

Dettagli

LA RIFORMA COSTITUZIONALE

LA RIFORMA COSTITUZIONALE LA RIFORMA COSTITUZIONALE REFERENDUM COSTITUZIONALE del 4 dicembre 2016 VERSIONE DIMOSTRATIVA LA RIFORMA COSTITUZIONALE Referendum costituzionale del 4 dicembre 2016 Cat. I - N. 014200 - Grafiche E. GASPARI

Dettagli

FABRIZIO DI MARZIO CONTRATTO ILLECITO E DISCIPLINA DEL MERCATO

FABRIZIO DI MARZIO CONTRATTO ILLECITO E DISCIPLINA DEL MERCATO FABRIZIO DI MARZIO CONTRATTO ILLECITO E DISCIPLINA DEL MERCATO JOVENE EDITORE NAPOLI 2011 INDICE SOMMARIO Presentazione... p. XVII CAPITOLO PRIMO NORME E TEORIE DEL CONTRATTO ILLECITO I. I TERMINI DEL

Dettagli

Consiglio regionale della Toscana

Consiglio regionale della Toscana Consiglio regionale della Toscana LEGGE REGIONALE N. 33/2015 (Atti del Consiglio) Disciplina delle iniziative istituzionali del Consiglio regionale per la valorizzazione delle finalità statutarie. Abrogazione

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA SCHEMA DI DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA RECANTE REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL TRATTAMENTO ECONOMICO DEI PROFESSORI E DEI RICERCATORI UNIVERSITARI, A NORMA DELL ARTICOLO 8, COMMI 1 E 3 DELLA

Dettagli

Facoltà di Architettura - Sapienza Università di Roma REGOLAMENTO SULL ATTRIBUZIONE DEL TITOLO DI CULTORE DELLA MATERIA

Facoltà di Architettura - Sapienza Università di Roma REGOLAMENTO SULL ATTRIBUZIONE DEL TITOLO DI CULTORE DELLA MATERIA Facoltà di Architettura - Sapienza Università di Roma REGOLAMENTO SULL ATTRIBUZIONE DEL TITOLO DI CULTORE DELLA MATERIA Il presente Regolamento che disciplina le modalità di nomina dei cultori della materia

Dettagli

7 lezione IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

7 lezione IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA UN ALTRO DEGLI ORGANI PREVISTI DALLA COSTITUZIONE è IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA È ELETTO DAL PARLAMENTO IN SEDUTA COMUNE, E DA 58 DELEGATI DELLE REGIONI (TRE PER OGNUNA,

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE COSTITUZIONALE

DISEGNO DI LEGGE COSTITUZIONALE Senato della Repubblica XVII LEGISLATURA N. 879 DISEGNO DI LEGGE COSTITUZIONALE d iniziativa dei senatori BUEMI, LONGO e NENCINI COMUNICATO ALLA PRESIDENZA IL 26 GIUGNO 2013 Revisione dell articolo 68

Dettagli

TAVOLA ROTONDA IL RIORDINO DEGLI EE.PP.R. VIGILATI DAL MIUR. Ugo Braico

TAVOLA ROTONDA IL RIORDINO DEGLI EE.PP.R. VIGILATI DAL MIUR. Ugo Braico TAVOLA ROTONDA IL RIORDINO DEGLI EE.PP.R. VIGILATI DAL MIUR XXII Corso Ugo Braico Bressanone (Bz) 27 maggio 2011 SCUOLA DI FORMAZIONE DI BRESSANONE XXII CORSO Tavola Rotonda su: Il riordino degli EE.PP.R.

Dettagli

INDICE SOMMARIO. Premessa... pag. V Premessa alla dodicesima edizione...» XI I IL DIRITTO, I SOGGETTI, GLI ATTI. NOZIONI DI BASE

INDICE SOMMARIO. Premessa... pag. V Premessa alla dodicesima edizione...» XI I IL DIRITTO, I SOGGETTI, GLI ATTI. NOZIONI DI BASE INDICE SOMMARIO Premessa... pag. V Premessa alla dodicesima edizione...» XI I IL DIRITTO, I SOGGETTI, GLI ATTI. NOZIONI DI BASE Capitolo 1 IL DIRITTO 1. Le regole prescrittive... pag. 1 2. Regole e sanzioni...»

Dettagli

Scuola per le Politiche Pubbliche- sesto corso 2017 Quattro città italiane in cerca di innovazione: politiche pubbliche e strategia d impresa

Scuola per le Politiche Pubbliche- sesto corso 2017 Quattro città italiane in cerca di innovazione: politiche pubbliche e strategia d impresa Scuola per le Politiche Pubbliche- sesto corso 2017 Quattro città italiane in cerca di innovazione: politiche pubbliche e strategia d impresa Bando di concorso 1. Contenuti e finalità italiadecide, associazione

Dettagli

Dipartimento di Giurisprudenza Per Per una riflessione comune sulla riforma della Costituzione

Dipartimento di Giurisprudenza Per Per una riflessione comune sulla riforma della Costituzione Per Per una riflessione comune sulla riforma della Costituzione 21 giugno 2016 Aulario del Dipartimento di giurisprudenza Quadro sintetico delle principali novità 21 giugno 2016 Aulario del Dipartimento

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI UDINE REGOLAMENTO DIDATTICO DI CORSO DI LAUREA. Corso di laurea in Mediazione culturale. Classe di laurea L-12

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI UDINE REGOLAMENTO DIDATTICO DI CORSO DI LAUREA. Corso di laurea in Mediazione culturale. Classe di laurea L-12 UNIVERSITA DEGLI STUDI DI UDINE REGOLAMENTO DIDATTICO DI CORSO DI LAUREA Corso di laurea in Mediazione culturale Classe di laurea L-12 Dipartimento di riferimento: Lingue e Letterature, Comunicazione,

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI SEGNI DI RICONOSCENZA CIVICA E DELLA CITTADINANZA ONORARIA

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI SEGNI DI RICONOSCENZA CIVICA E DELLA CITTADINANZA ONORARIA 8 REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI SEGNI DI RICONOSCENZA CIVICA E DELLA CITTADINANZA ONORARIA APPROVATO DAL CONSIGLIO COMUNALE CON DELIBERAZIONE n 180 Reg./37920 P.G. NELLA SEDUTA DEL 23/10/1987 MODIFICATO

Dettagli

INDICE GENERALE PARTE PRIMA LE NOZIONI FONDAMENTALI DEL DIRITTO COSTITUZIONALE

INDICE GENERALE PARTE PRIMA LE NOZIONI FONDAMENTALI DEL DIRITTO COSTITUZIONALE INDICE GENERALE PARTE PRIMA LE NOZIONI FONDAMENTALI DEL DIRITTO COSTITUZIONALE LE NOZIONI FONDAMENTALI... 3 Premessa: cosa studiamo?... 3 1. La pluralità degli ordinamenti giuridici e le norme... 4 2.

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE. Senato della Repubblica N. 50. Istituzione della corte d appello e della procura generale della Repubblica in Bolzano

DISEGNO DI LEGGE. Senato della Repubblica N. 50. Istituzione della corte d appello e della procura generale della Repubblica in Bolzano Senato della Repubblica XVII LEGISLATURA N. 50 DISEGNO DI LEGGE d iniziativa dei senatori ZELLER e BERGER COMUNICATO ALLA PRESIDENZA IL 15 MARZO 2013 Istituzione della corte d appello e della procura generale

Dettagli

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome PANARELLO Severina Indirizzo Via Passo Rolle, 29 - Milano Telefono +39 3351511585-02 2152434 Fax E-mail severina.panarello@giustizia.it

Dettagli

Roma, Alla Presidente del Consiglio Nazionale Ordine Assistenti Sociali Via del Viminale, ROMA

Roma, Alla Presidente del Consiglio Nazionale Ordine Assistenti Sociali Via del Viminale, ROMA _ Roma, 22.02.2011 Alla Presidente del Consiglio Nazionale Ordine Assistenti Sociali Via del Viminale, 43 00187 ROMA email: info@cnoas.it g.difilippo@cnoas.it Oggetto: Sua Nota 07.02.2011 Prot. n. 339/2001

Dettagli

I L R E T T O R E D E C R E T A

I L R E T T O R E D E C R E T A REGOLAMENTO RELATIVO ALLA DISCIPLINA DELLE PROCEDURE DI MOBILITA INTERNA DEL PERSONALE DOCENTE DEL POLITECNICO DI BARI E DI TRESFERIMENTO AD ALTRO ATENEO Politecnico di Bari Decreto di emanazione D.R.

Dettagli

S E N A T O D E L L A R E P U B B L I C A

S E N A T O D E L L A R E P U B B L I C A S E N A T O D E L L A R E P U B B L I C A X I I I L E G I S L A T U R A N. 1649 D I S E G N O D I L E G G E d i n i z i a t i v a d e i s e n a t o r i F O L L I E R I, A N D R E O L L I, C O V I E L L

Dettagli

STATUTO DELLA STRUTTURA SPECIALE CENTRO UNIVERSITARIO DI STUDI PER LA FORMAZIONE E LA RICERCA IN DIRITTO PRIVATO EUROPEO (CENTRO EURODIP S.

STATUTO DELLA STRUTTURA SPECIALE CENTRO UNIVERSITARIO DI STUDI PER LA FORMAZIONE E LA RICERCA IN DIRITTO PRIVATO EUROPEO (CENTRO EURODIP S. STATUTO DELLA STRUTTURA SPECIALE CENTRO UNIVERSITARIO DI STUDI PER LA FORMAZIONE E LA RICERCA IN DIRITTO PRIVATO EUROPEO (CENTRO EURODIP S.PUGLIATTI) Art. 1 E istituita nell Università di Messina, ai sensi

Dettagli

Art. 1. Definizione di posizione organizzativa e di alta Professionalità

Art. 1. Definizione di posizione organizzativa e di alta Professionalità Art. 1 Definizione di posizione organizzativa e di alta Professionalità Il presente regolamento disciplina i criteri per l individuazione, il conferimento, la valutazione e la revoca degli incarichi di

Dettagli

CURRICULUM. Io sottoscritto Avv. Prof. Vito Mormando nato a Matera il 18.09.1959 e residente in Bari alla via Fanelli n. 247/A, dichiaro quanto segue.

CURRICULUM. Io sottoscritto Avv. Prof. Vito Mormando nato a Matera il 18.09.1959 e residente in Bari alla via Fanelli n. 247/A, dichiaro quanto segue. CURRICULUM Io sottoscritto Avv. Prof. Vito Mormando nato a Matera il 18.09.1959 e residente in Bari alla via Fanelli n. 247/A, dichiaro quanto segue. QUALIFICA PROFESSIONALE Sono Avvocato penalista iscritto

Dettagli

COMUNE DI MASERA Provincia Verbano-Cusio-Ossola

COMUNE DI MASERA Provincia Verbano-Cusio-Ossola COMUNE DI MASERA Provincia Verbano-Cusio-Ossola DELIBERAZIONE N. 2 VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE OGGETTO: REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DELLA CITTADINANZA ONORARIA DEL COMUNE DI MASERA

Dettagli

DOMANDA DI AMMISSIONE AL SERVIZIO CIVILE NAZIONALE

DOMANDA DI AMMISSIONE AL SERVIZIO CIVILE NAZIONALE ALLEGATO 2 All Associazione "Pro.di.Gio. Progetti di giovani" Via Gonzaga n. 9 42017 - NOVELLARA (RE) Data di presentazione / / DOMANDA DI AMMISSIONE AL SERVIZIO CIVILE NAZIONALE Il/La sottoscritto/a:

Dettagli

COMMISSIONE STUDI TRIBUTARI

COMMISSIONE STUDI TRIBUTARI Studio n. 108/2000/T Gaetano Petrelli COMMISSIONE STUDI TRIBUTARI TRATTAMENTO TRIBUTARIO DEI PRESTITI CONCESSI DALL INPDAP AI DIPENDENTI PUBBLICI Approvato dalla Commissione studi tributari il 24 novembre

Dettagli

COMUNE DI CESANA BRIANZA (PROVINCIA DI LECCO)

COMUNE DI CESANA BRIANZA (PROVINCIA DI LECCO) COMUNE DI CESANA BRIANZA (PROVINCIA DI LECCO) REGOLAMENTO COMUNALE PER L ASSEGNAZIONE DI BORSE DI STUDIO Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n.5 del 02.04.2014 INDICE Art. 1 Oggetto e finalità

Dettagli

Costituzione del 22/12/1947 -

Costituzione del 22/12/1947 - Costituzione del 22/12/1947 - Costituzione della Repubblica Italiana. Pubblicato in Gazzetta Ufficiale n. 298 del 27 dicembre 1947 Allegato DISPOSIZIONI TRANSITORIE E FINALI. (N.d.R.: I commi primo e secondo

Dettagli

INDICE CAPITOLO I CENNI STORICI

INDICE CAPITOLO I CENNI STORICI INDICE Avvertenza... Premessa dell Autore alla prima edizione... pag. V VII CAPITOLO I CENNI STORICI 1. Introduzione... 1 2. Il periodo dell instabilità (dal 1789 al 1870... 1 3. Il periodo della stabilità

Dettagli

ISTITUTO CULTURALE LADINO VIGO DI FASSA

ISTITUTO CULTURALE LADINO VIGO DI FASSA ISTITUTO CULTURALE LADINO VIGO DI FASSA REGOLAMENTO PER L ORGANIZZAZIONE E LA GESTIONE DEL PERSONALE REGOLAMENTO PER L'ORGANIZZAZIONE E LA GESTIONE DEL PERSONALE Art 1 Principi generali 1. Il presente

Dettagli

Capitolo Primo Lo Statuto albertino, legge fondamentale, perpetua ed irrevocabile della monarchia

Capitolo Primo Lo Statuto albertino, legge fondamentale, perpetua ed irrevocabile della monarchia Capitolo Primo Lo Statuto albertino, legge fondamentale, perpetua ed irrevocabile della monarchia 1. Lo Statuto come Costituzione ottriata e la discussione sui «modelli» 1 2. La forma di Stato, la forma

Dettagli

Il sistema costituzionale italiano. Prof. Cecilia Bellè

Il sistema costituzionale italiano. Prof. Cecilia Bellè Il sistema costituzionale italiano Prof. Cecilia Bellè FORMA DI STATO (come modalità di esercizio del potere nei confronti dei cittadini) L Italia è una democrazia. (art. 1 Cost.) il potere appartiene

Dettagli

(emanato con D.R. n. 17 dell ) INDICE. Art. 3 - Procedura di trasferimento dei ricercatori a tempo indeterminato 2

(emanato con D.R. n. 17 dell ) INDICE. Art. 3 - Procedura di trasferimento dei ricercatori a tempo indeterminato 2 REGOLAMENTO RECANTE NORME IN MATERIA DI TRASFERIMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO INDETERMINATO E DI MOBILITÀ INTERUNIVERSITARIA DEI PROFESSORI E DEI RICERCATORI UNIVERSITARI (emanato con D.R. n. 17 dell 11.1.2017)

Dettagli

Sociologia della pubblica amministrazione

Sociologia della pubblica amministrazione Università degli Studi di Cagliari Corso di Laurea Magistrale in Scienze dell Amministrazione - A.A. 2015/2016 Sociologia della pubblica amministrazione Lezione 11. Status dei dipendenti pubblici e costruzione

Dettagli

CITTA DI GROSSETO REGOLAMENTO DELLA COMMISSIONE COMUNALE PER LE PARITA E LE PARI OPPORTUNITA TRA UOMO E DONNA

CITTA DI GROSSETO REGOLAMENTO DELLA COMMISSIONE COMUNALE PER LE PARITA E LE PARI OPPORTUNITA TRA UOMO E DONNA CITTA DI GROSSETO REGOLAMENTO DELLA COMMISSIONE COMUNALE PER LE PARITA E LE PARI OPPORTUNITA TRA UOMO E DONNA approvato con deliberazione C.C. n. 96 del 15/11/2006 e modificato con deliberazione C.C. n.

Dettagli

Curriculum scientifico- professionale. Laureato in Giurisprudenza presso l'università degli Studi di Padova il 14

Curriculum scientifico- professionale. Laureato in Giurisprudenza presso l'università degli Studi di Padova il 14 avv. francesco m. curato PATROCINANTE AVANTI LE MAGISTRATURE SUPERIORI Curriculum scientifico- professionale Laureato in Giurisprudenza presso l'università degli Studi di Padova il 14 Luglio 1982 con tesi

Dettagli

PARTE SPECIALE Quinta Sezione. Reati con finalità di terrorismo

PARTE SPECIALE Quinta Sezione. Reati con finalità di terrorismo PARTE SPECIALE Quinta Sezione Reati con finalità di terrorismo INDICE PARTE SPECIALE Quinta Sezione Pag. 1. Le fattispecie dei reati con finalità di terrorismo...3 2. Funzione della Parte Speciale Quinta

Dettagli

COMUNE DI COLOGNO AL SERIO Provincia di Bergamo

COMUNE DI COLOGNO AL SERIO Provincia di Bergamo L anno duemilaotto, addì ventitre del mese dicembre alle ore 20.00 nella sala delle adunanze. Previa l osservanza di tutte le formalità prescritte dall art. 20 dello statuto comunale, vennero oggi convocati

Dettagli

SULLA FLESSIBILITÀ DELLO STATUTO ALBERTINO

SULLA FLESSIBILITÀ DELLO STATUTO ALBERTINO SULLA FLESSIBILITÀ DELLO STATUTO ALBERTINO di Daniele Trabucco Dottore di Ricerca in Istituzioni di Diritto Pubblico presso l Università degli Studi di Padova La qualifica di Costituzione flessibile attribuita

Dettagli

ORDINE DEI SS. MAURIZIO E LAZZARO ATTUALITÀ DELLO STATUTO NEL CENTENARIO DEL REGIO MAGISTRALE DECRETO COORDINAMENTO MONARCHICO ITALIANO.

ORDINE DEI SS. MAURIZIO E LAZZARO ATTUALITÀ DELLO STATUTO NEL CENTENARIO DEL REGIO MAGISTRALE DECRETO COORDINAMENTO MONARCHICO ITALIANO. COORDINAMENTO MONARCHICO ITALIANO Centro Studi ORDINE DEI SS. MAURIZIO E LAZZARO ATTUALITÀ DELLO STATUTO NEL CENTENARIO DEL REGIO MAGISTRALE DECRETO 17 Novembre 2007 Pag. 2 di 5 COORDINAMENTO MONARCHICO

Dettagli

LEGISLAZIONE DEL TURISMO: DIRITTO COSTITUZIONALE

LEGISLAZIONE DEL TURISMO: DIRITTO COSTITUZIONALE LEGISLAZIONE DEL TURISMO: DIRITTO COSTITUZIONALE Diritto = insieme di norme giuridiche fornite di sanzione. Diritto: 1) soggettivo = pretesa. Diritto di libertà negativa; diritto di libertà positiva (diritto

Dettagli

INDICE. 1 Introduzione. 7 Capitolo 1 Giudici e giurisdizione

INDICE. 1 Introduzione. 7 Capitolo 1 Giudici e giurisdizione INDICE 1 Introduzione 7 Capitolo 1 Giudici e giurisdizione 7 1. La funzione giurisdizionale 9 2. Chi esercita la funzione giurisdizionale 9 2.1 Giudici ordinari e speciali 11 2.2 Temperamenti al divieto

Dettagli

Regione Lazio. DIPARTIMENTO ISTITUZIONALE E TERRITORIO Atti dirigenziali di Gestione 25/06/ BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LAZIO - N.

Regione Lazio. DIPARTIMENTO ISTITUZIONALE E TERRITORIO Atti dirigenziali di Gestione 25/06/ BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LAZIO - N. Regione Lazio DIPARTIMENTO ISTITUZIONALE E TERRITORIO Atti dirigenziali di Gestione Determinazione 20 giugno 2013, n. A05173 Direttiva della Presidenza del Consiglio dei Ministri Dipartimento della Protezione

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE. Senato della Repubblica N. 1484

DISEGNO DI LEGGE. Senato della Repubblica N. 1484 Senato della Repubblica XVII LEGISLATURA N. 1484 DISEGNO DI LEGGE d iniziativa del senatore STUCCHI COMUNICATO ALLA PRESIDENZA IL 12 MAGGIO 2014 Modifiche agli articoli 589, 590 e 590-bis del codice penale,

Dettagli

Presidenza del Consiglio dei Ministri

Presidenza del Consiglio dei Ministri N. 345/2016 IL CAPO DEL DIPARTIMENTO VISTA la legge 23 agosto 1988 n. 400, recante Disciplina dell attività di Governo e ordinamento della Presidenza del Consiglio dei Ministri e successive modificazioni;

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA XV LEGISLATURA

SENATO DELLA REPUBBLICA XV LEGISLATURA SENATO DELLA REPUBBLICA XV LEGISLATURA N. 1581 DISEGNO DI LEGGE d iniziativa dei senatori CAPRILI, POLI e BALDINI COMUNICATO ALLA PRESIDENZA 18 MAGGIO 2007 Modifiche al codice della navigazione in materia

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI CORSI DI MASTER UNIVERSITARI E DEI CORSI DI PERFEZIONAMENTO E DI AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI CORSI DI MASTER UNIVERSITARI E DEI CORSI DI PERFEZIONAMENTO E DI AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEI CORSI DI MASTER UNIVERSITARI E DEI CORSI DI PERFEZIONAMENTO E DI AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE ( Emanato con Decreto Rettorale n.160 del 2 maggio 2012) Art. 1 Corsi di Master

Dettagli

2 GIUGNO 1946 REFERENDUM POPOLARE SUFFRAGIO UNIVERSALE FORMA REPUBBLICANA COSTITUZIONE REPUBBLICA ITALIANA 1 GENNAIO 1948 ASSEMBLEA COSTITUENTE

2 GIUGNO 1946 REFERENDUM POPOLARE SUFFRAGIO UNIVERSALE FORMA REPUBBLICANA COSTITUZIONE REPUBBLICA ITALIANA 1 GENNAIO 1948 ASSEMBLEA COSTITUENTE 1 2 GIUGNO 1946 REFERENDUM POPOLARE SUFFRAGIO UNIVERSALE FORMA REPUBBLICANA COSTITUZIONE REPUBBLICA ITALIANA 1 GENNAIO 1948 ASSEMBLEA COSTITUENTE 2 POPOLO COSTITUZIONE POPOLO REPUBBLICA DEMOCRAZIA 3 ART.

Dettagli

LA RIFORMA DELLA SECONDA PARTE DELLA COSTITUZIONE

LA RIFORMA DELLA SECONDA PARTE DELLA COSTITUZIONE LA RIFORMA DELLA SECONDA PARTE DELLA COSTITUZIONE APPROVATA DEFINITIVAMENTE IL 12 APRILE 2016 WWW.RIFORMECOSTITUZIONALI.GOV.IT ELEMENTI ESSENZIALI DELLA RIFORMA COSTITUZIONALE SUPERAMENTO DEL BICAMERALISMO

Dettagli

INDICE CAPITOLO I STATO, FORME DI STATO E FORME DI GOVERNO XVII. pag. Premessa alla quinta edizione

INDICE CAPITOLO I STATO, FORME DI STATO E FORME DI GOVERNO XVII. pag. Premessa alla quinta edizione VII INDICE Premessa alla quinta edizione XVII CAPITOLO I STATO, FORME DI STATO E FORME DI GOVERNO 1. LO STATO 1 Schema 1. I principali modi di acquisto e di perdita della cittadinanza italiana (ex lege

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO - LAVIS

ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO - LAVIS REPUBBLICA ITALIANA ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI PRIMO GRADO - LAVIS PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO REGOLAMENTO DEL COLLEGIO DEI DOCENTI A DOTTATO DAL C O L L E G I O D E I D OCENTI

Dettagli

CITTÀ DI VENTIMIGLIA (PROVINCIA DI IMPERIA)

CITTÀ DI VENTIMIGLIA (PROVINCIA DI IMPERIA) CITTÀ DI VENTIMIGLIA (PROVINCIA DI IMPERIA) DELIBERAZIONE DELLA COMMISSIONE STRAORDINARIA ADOTTATA CON I POTERI DEL GIUNTA COMUNALE COPIA Del 29/01/2014 N. 14 OGGETTO: APPROVAZIONE PIANO TRIENNALE DI PREVENZIONE

Dettagli

COMUNE DI PERGINE VALSUGANA

COMUNE DI PERGINE VALSUGANA COMUNE DI PERGINE VALSUGANA PROVINCIA DI TRENTO DISCIPLINARE PER LA CONCESSIONE DEL PATROCINIO COMUNALE Allegato alla deliberazione giuntale n 79 dd. 04.07.2017 IL SEGRETARIO GENERALE - Giuseppe Dolzani

Dettagli

http://www.quirinale.it/ Ruolo del Presidente Il Presidente della Repubblica è il capo dello Stato rappresenta l unità nazionale (art. 87 cost) e deve porsi al di sopra delle posizioni politiche; è garante

Dettagli

EQUIPOLLENZE TITOLI DI STUDIO CONSEGUITI ALL ESTERO DA CITTADINI ITALIANI E/O CITTADINI COMUNITARI

EQUIPOLLENZE TITOLI DI STUDIO CONSEGUITI ALL ESTERO DA CITTADINI ITALIANI E/O CITTADINI COMUNITARI EQUIPOLLENZE TITOLI DI STUDIO CONSEGUITI ALL ESTERO DA CITTADINI ITALIANI E/O CITTADINI COMUNITARI INFORMAZIONI UTILI Dove rivolgersi UFFICIO SCOLASTICO PROVINCIALE di TRAPANI - Sez. VII NORMATVA DI RIFERIMENTO:

Dettagli

DIPARTIMENTO PER L ISTRUZIONE Direzione Generale per gli Ordinamenti Scolastici Uff.VII

DIPARTIMENTO PER L ISTRUZIONE Direzione Generale per gli Ordinamenti Scolastici Uff.VII DIPARTIMENTO PER L ISTRUZIONE Direzione Generale per gli Ordinamenti Scolastici Uff.VII DECRETO MINISTERIALE n.29 del 16-3-2007 Norme per lo svolgimento degli esami di Stato nelle sezioni ad opzione internazionale

Dettagli

CURRICULUM VITAE ET STUDIORUM DI ISABELLA LOIODICE

CURRICULUM VITAE ET STUDIORUM DI ISABELLA LOIODICE CURRICULUM VITAE ET STUDIORUM DI ISABELLA LOIODICE -------------- - Ha conseguito nel luglio 1986 la maturità classica presso il liceo ginnasio Q. Orazio FIacco di Bari con voti 60/60; - il 2 luglio 1990

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CHIAMATA DEI PROFESSORI DI PRIMA E SECONDA FASCIA IN ATTUAZIONE DEGLI ARTT.LI 18 E 24 DELLA LEGGE

REGOLAMENTO PER LA CHIAMATA DEI PROFESSORI DI PRIMA E SECONDA FASCIA IN ATTUAZIONE DEGLI ARTT.LI 18 E 24 DELLA LEGGE REGOLAMENTO PER LA CHIAMATA DEI PROFESSORI DI PRIMA E SECONDA FASCIA IN ATTUAZIONE DEGLI ARTT.LI 18 E 24 DELLA LEGGE 240/2010 (EMANATO CON D.R. N. 638/2012 DEL 5 DICEMBRE 2012 ED INTEGRATO CON D.R. N.202/2013

Dettagli

Ordinanza esame Dottore Commercialista

Ordinanza esame Dottore Commercialista Ordinanza esame Dottore Commercialista 09/03/2017 Pubblicato il DM 136 dell 8.3.2017 per le sessioni di esame da Dottore Commercialista ed Esperto Contabile Ordinanza Ministeriale 8 marzo 2017 n. 136 Esami

Dettagli

BOZZA di Decreto attuativo del comma 632 dell'art. 1 della L. n. 296 del 27 dicembre 2006 (finanziaria 2007)

BOZZA di Decreto attuativo del comma 632 dell'art. 1 della L. n. 296 del 27 dicembre 2006 (finanziaria 2007) BOZZA di Decreto attuativo del comma 632 dell'art. 1 della L. n. 296 del 27 dicembre 2006 (finanziaria 2007) VISTA la Legge, art. 1, comma 632, riguardante la riorganizzazione dei centri territoriali permanenti

Dettagli

Costituzione della Repubblica italiana 1. Delib.ne Assemblea Costituente 22 dicembre Costituzione della Repubblica Italiana...

Costituzione della Repubblica italiana 1. Delib.ne Assemblea Costituente 22 dicembre Costituzione della Repubblica Italiana... INDICE SOMMARIO Presentazione.... pag. 7 Avvertenza....» 9 Abbreviazioni...» 11 Costituzione della Repubblica italiana 1. Delib.ne Assemblea Costituente 22 dicembre 1947. Costituzione della Repubblica

Dettagli

provincia di trieste Carta delle onoreficenze e delle intitolazioni della Provincia di Trieste

provincia di trieste Carta delle onoreficenze e delle intitolazioni della Provincia di Trieste provincia di trieste Carta delle onoreficenze e delle intitolazioni della Provincia di Trieste Adottata con decreto del Presidente n. 4 del 1 marzo 2010 CARTA DELLE ONORIFICENZE E DELLE INTITOLAZIONI DELLA

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DIRIGENZIALI EX ART. 15 SEPTIES DEL D. LGS. 502/92 E S.M.I. (Reg. n. 11/2008)

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DIRIGENZIALI EX ART. 15 SEPTIES DEL D. LGS. 502/92 E S.M.I. (Reg. n. 11/2008) FONDAZIONE IRCCS POLICLINICO SAN MATTEO Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico di diritto pubblico C.F. 00303490189 - P. IVA 00580590180 V.le Golgi, 19-27100 PAVIA Tel. 0382 5011 REGOLAMENTO

Dettagli

ATTO ORGANIZZATIVO PER LA DISCIPLINA DELL AREA DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE (Artt. 8, 9 e 10 del CCNL 31/03/1999 e Art. 10 CCNL 22/01/2004)

ATTO ORGANIZZATIVO PER LA DISCIPLINA DELL AREA DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE (Artt. 8, 9 e 10 del CCNL 31/03/1999 e Art. 10 CCNL 22/01/2004) REGIONE ABRUZZO CONSIGLIO REGIONALE ATTO ORGANIZZATIVO PER LA DISCIPLINA DELL AREA DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE (Artt. 8, 9 e 10 del CCNL 31/03/1999 e Art. 10 CCNL 22/01/2004) a) Funzioni di direzione

Dettagli

VERBALE VALUTAZIONE DEI TITOLI E DELLE PUBBLICAZIONI SCIENTIFICHE

VERBALE VALUTAZIONE DEI TITOLI E DELLE PUBBLICAZIONI SCIENTIFICHE SELEZIONE PER LA COPERTURA DI N. 1 POSTO DI RICERCATORE A TEMPO DETERMINATO DI TIPOLOGIA A PER IL SETTORE CONCORSUALE 12/D1 DIRITTO AMMINISTRATIVO - SETTORE SCIENTIFICO DISCIPLINARE IUS/10 DIRITTO AMMINISTRATIVO

Dettagli

OBIETTIVI GENERALI (elenco completo degli obiettivi declinati secondo la bipartizione conoscenzeabilità)

OBIETTIVI GENERALI (elenco completo degli obiettivi declinati secondo la bipartizione conoscenzeabilità) Istituto Professionale Servizi per l Enogastronomia e l Ospitalità Alberghiera Via Uruguay 26/2-20151 Milano - Tel. 02.38.00.36.86 r.a. - Fax 02.30.84.472 MATERIA: CLASSE: DIRITTO ED ECONOMIA SECONDA LIBRO/I

Dettagli